Napoleone Al Cinema

napoleonaigle

Napoleone Al Cinema

Si è talmente immedesimato nel suo personaggio che alla fine dei suoi

giorni crede di essere veramente Napoleone, e si riferisce al collega

attore Emile Drain, suo concorrente, chiamandolo l’usurpatore. Albert

Dieudonné rappresenterà per sempre nella immaginazione popolare il

generale Bonaparte all’inizio della sua straordinaria avventura. Prima di

lasciare l’eroico periodo del cinema muto non è possibile ignorare un

altro importante film.

1928 - Napoléon à

Saint-Hélène. (Fig. 8)

Dopo il successo di

Napoléon, Abel Gance

scrive il soggetto per un

film sull’ultimo periodo

della vita di Napoleone

nell’isola di Sant’Elena.

Non si trovano però

finanziatori disponibili in

Francia, e la sceneggiatura

viene ceduta a una casa di

produzione tedesca che ne

affida la regia al rumeno

Lupu Pick (1886-1931),

esponente dell’espressionismo

tedesco. A interpretare

Napoleone viene chiamato

Werner Krauss, il più noto

attore tedesco del periodo

che ha già riscosso un

notevole successo con Das

Kabinett des Dr. Caligari.

La sua interpretazione,

venata da una profonda

malinconia, coglie in pieno

i sentimenti di un uomo abituato a dominare, ed ora protagonista di una

vita meschina che lo porterà presto alla morte all’età di 52 anni, soggetto

alle vessazioni di un gretto governatore inglese. Il film è importante

perché anello di congiunzione tra il cinema muto e il cinema sonoro

13

Similar magazines