Napoleone Al Cinema

napoleonaigle

Napoleone Al Cinema

1992 - A cena col diavolo (Le

Souper) . (Fig. 50) Il regista Eduard

Molinaro (1928-2013) ricorre a due

mostri sacri del teatro francese, Claude

Brasseur (1936; Fouché) e Claude Rich

(1929; Talleyrand) per realizzare questo

bel film tratto da un lavoro teatrale di

Jean-Claude Brisville (1922).

Dopo la disfatta di Waterloo la

Francia è occupata da inglesi, russi e

prussiani; Luigi XVIII aspetta a Saint-

Denis di rientrare a Parigi dove il vento

rivoluzionario soffia ancora; Napoleone

in fuga è arrivato nel porto di Rochefort

sull’Oceano Atlantico, e può ancora

rappresentare una minaccia alla restaurazione

della monarchia.

Per fare fronte a questa situazione

difficile da controllare, la notte del 6

luglio 1815 Charles Maurice Talleyrand principe di Benevento ha

invitato a cena Joseph Fouché duca d’Otranto e Ministro di Polizia, nella

sua residenza di Parigi al n. 2 di rue Saint-Florentin. Non si tratta solo di

gustare le pietanze cucinate dal famoso cuoco Antonin Carême, ma di

decidere il futuro della Francia e soprattutto il loro destino.

Talleyrand ha bisogno del sostegno di Fouché, referente del partito

repubblicano, per fare accettare ai suoi esponenti la restaurazione della

monarchia. Fouché da parte sua, vuole garanzie da Talleyrand perché

Luigi XVIII dimentichi la condanna a morte di suo fratello Luigi XVI da

lui votata ventidue anni prima. (Fig. 51). In un raro esempio di felice

trasposizione sullo schermo di un’opera teatrale, il film vive sul duello di

parole che si ingaggia tra due personaggi chiave della storia francese ed

europea interpretati da due grandi attori. La drammaticità del momento è

sottolineata in ogni istante dalle parole, dagli scatti d’ira, dai mille

sottintesi, dalle insinuazioni sui crimini che ognuno dei due deve far

dimenticare. È un duello tra due contendenti dotati in modo eccezionale

47

Similar magazines