31.07.2014 Views

ADESSO Sicilia (Vorschau)

You also want an ePaper? Increase the reach of your titles

YUMPU automatically turns print PDFs into web optimized ePapers that Google loves.

Die schönsten Seiten auf Italienisch<br />

Deutschland € 6,90<br />

CH sfr 12,40 · A · I · F · BeNeLux: € 7,50<br />

08<br />

August<br />

2014<br />

<strong>Sicilia</strong><br />

Eine Erlebnisreise durch Wälder,<br />

stille Dörfer bis zum Ätna<br />

VIAGGI PAESTUM, VELIA, POMPEI, ERCOLANO, I TESORI DELLA CAMPANIA<br />

Società Un’estate al mare. C’era una volta la villeggiatura. E oggi?<br />

INTERVISTA A GABRIELE DEL GRANDE, TRAFFICANTE DI LIBERTÀ<br />

A TAVOLA: BUFALA, FIORDILATTE, BURRATA...CHE BUONA LA MOZZARELLA!


Besser mit<br />

Sprachen!<br />

Land und Leute verstehen – und<br />

nebenbei die Sprache trainieren.<br />

Jeden Monat neu.<br />

Jederzeit<br />

kündbar!<br />

Bestellen Sie jetzt Ihr Lieblingsmagazin!<br />

www.spotlight-verlag.de/flex +49 (0)89/8 56 81-16<br />

Sprachmagazin, Audio-Trainer und dalango in flexibler Laufzeit schon ab € 5,30 / SFR. 7,95. Änderungen vorbehalten.


EDITORIALE<br />

Erweitern Sie<br />

Ihren Italienisch-<br />

Wortschatz!<br />

coraggioso mutig<br />

la reclusione Freiheitsstrafe<br />

il favoreggiamento<br />

Begünstigung<br />

clandestino illegal<br />

il sopruso Übergriff<br />

l’estorsione f. Erpressung<br />

la camorra: mafiöse Organisation<br />

in der Region Kampanien<br />

la vicenda Geschichte<br />

l’impegno Engagement<br />

la vittima Opfer<br />

la burrasca Sturm<br />

la legge Gesetz<br />

disobbedire nicht gehorchen<br />

il trafficante Schlepper<br />

la fuga Flucht<br />

la fortezza Festung<br />

agire handeln<br />

accollarsi qc. etw. auf sich<br />

nehmen<br />

la galera Gefängnis<br />

incrociare Daumen<br />

le dita drücken<br />

il divieto Verbot<br />

la località<br />

balneare Badeort<br />

la meta Ziel<br />

Cari lettori,<br />

Gabriele e Rosario sono giovani e coraggiosi e per questo rischiano<br />

grosso. L’uno 15 anni di reclusione per favoreggiamento dell’immigrazione<br />

clandestina, l’altro i soprusi e l’estorsione della camorra. Le loro<br />

storie (vedi pagg. 24 e 30) sono vicende di impegno sociale e umano che<br />

ci devono far riflettere.<br />

“20.000 morti nel Mediterraneo sono abbastanza per dire basta”,<br />

dichiara Gabriele del Grande. “Non sono vittime del fato o della burrasca,<br />

ma di leggi alle quali è arrivato il momento di disobbedire. Per<br />

questo motivo ci siamo improvvisati trafficanti per una settimana e<br />

abbiamo aiutato cinque siriani in fuga dalla guerra a proseguire il loro<br />

viaggio clandestino dentro la Fortezza Europa”. Gabriele parla al plurale<br />

perché non ha agito da solo: con lui<br />

c’erano il regista Antonio Augugliaro e il<br />

poeta scrittore Khaled Soliman Al Nassiry.<br />

La loro storia incredibilmente vera<br />

è diventata un film in presa diretta, Io sto<br />

con la sposa, un atto di disobbedienza civile<br />

perché il Mar Mediterraneo “torni a<br />

essere il mare che ci unisce. È il mondo<br />

che vogliamo e per il quale ci siamo accollati<br />

il rischio di finire in galera”. Come<br />

andrà a finire? Noi incrociamo le dita.<br />

Passiamo ora a un argomento più<br />

leggero: le vacanze degli italiani. Cosa<br />

è cambiato negli ultimi 40 anni? Si parte<br />

ancora solo ad agosto? Quali sono i<br />

divieti nelle località balneari? E le mete<br />

preferite? A pagina 46 troverete un articolo<br />

su questo argomento, accompagnato<br />

dal reportage di <strong>ADESSO</strong> audio. Per<br />

conoscere le nuove tendenze dell’estate<br />

in fatto di aperitivi, leggete la notizia a<br />

pagina 8. Potrà tornarvi molto utile!<br />

Rossella Dimola<br />

Caporedattrice<br />

1979. Vacanze italiane<br />

a Cirò, in Calabria. La più<br />

piccola è Isadora, oggi<br />

fotoredattrice della vostra<br />

e nostra rivista, a 5 anni.<br />

3<br />

Die <strong>ADESSO</strong>-App:<br />

Pro Tag ein italienischer Begriff<br />

mit Audio-Datei für das<br />

Aussprache-Training<br />

mit Erklärung und Beispielsatz<br />

auf Italienisch<br />

Übersetzung ins Deutsche<br />

GRATIS!<br />

Über iTunes Store oder Android Market<br />

adesso-online.de/apps<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2014


SOMMARIO<br />

SERVIZI<br />

RUBRICHE<br />

12 VIAGGI: SICILIA A CAVALLO<br />

03 Editoriale<br />

Neue Langsamkeit: Zu Pferd durch die üppig<br />

Von Rossella Dimola<br />

grünen, gebirgigen Naturparks der Sonneninsel<br />

06 Posta prioritaria<br />

24 Intervista: Gabriele Del Grande<br />

Leserbriefe<br />

Dokumentation eines politischen Aktes: Ziviler<br />

07 Notizie dall’Italia<br />

Widerstand zur Rettung illegaler Zuwanderer<br />

Neues aus Italien<br />

50 Italia a tavola: La mozzarella di bufala & Co.<br />

27 Scherzi a parte<br />

Mediterraner Gaumenschmaus aus Büffelmilch:<br />

wunderbar zartschmelzend und herb auf der Zunge<br />

Lachen mit Lucrezia<br />

62 Fine settimana: La Campania archeologica 28 I misteri dell’arte: Palazzo contro la noia<br />

Geschichte mal anders: Rund um den feurigen<br />

Ein Palast wider die Langeweile – mit einem 600 Jahre<br />

Vesuv erwacht die Vergangenheit zum Leben<br />

alten Geheimnis<br />

30 Grandangolo<br />

LINGUA<br />

Mit Kultur gegen die Macht der Mafia.<br />

33 Pagine facili<br />

46 Praticamente parlando<br />

Italienisch leicht gemacht.<br />

Adieu Sommerfrische – so machen Italiener<br />

37 Le schede di <strong>ADESSO</strong><br />

heute Urlaub!<br />

Sammelkarten, u.a. mit Übersetzungen, Übungen, 49 Botta e risposta<br />

Alltagsitalienisch<br />

Ein Thema – zwei Antworten:<br />

39 Giocando s’impara<br />

Dürfen Ärzte Frauen die Abtreibung verweigern?<br />

Wortspiele: Spielerisch Italienisch lernen<br />

55<br />

40 L’italiano per espresso<br />

Das leichte Heft im Heft<br />

Verbessern Sie Ihr Italienisch!<br />

58 Libri e letteratura<br />

A2 I vostri dubbi: Doppelte Verneinung<br />

Büchertipps und Leseprobe<br />

Una parola tira l’altra: Matrimonio.<br />

Autor des Monats: Massimo Carlotto<br />

44 Lingua viva<br />

67 Approfondimento<br />

Junges Lernen – für junge Leute<br />

Was nicht im Wörterbuch steht.<br />

70 Anteprima di <strong>ADESSO</strong> 09/14<br />

OPINIONI<br />

<strong>Vorschau</strong> auf die September-Ausgabe<br />

22 Italia in diretta<br />

Italiens verbaute Vorstädte,<br />

von Valeria Palumbo<br />

32 Passaparola<br />

Ein Schläfchen in Ehren…, von Renata Beltrami<br />

56 Tra le righe<br />

Claudio Scajola, von Stefano Vastano Seguici su<br />

facebook.com/adesso.magazin<br />

IN COPERTINA<br />

Il Castello dei Ventimiglia<br />

a Castelbuono.<br />

Gent. conc. F. Barbagallo.<br />

ZEICHENERKLÄRUNG UND LESER-SERVICE<br />

Feder<br />

leicht zu lesen<br />

Krone<br />

anspruchsvoll<br />

Hörtext<br />

Tel. (0049) 89-85681-286<br />

<strong>ADESSO</strong> audio<br />

Texte zum Anhören<br />

<strong>ADESSO</strong> plus<br />

Thematische Sprachübungen<br />

<strong>ADESSO</strong>audio<br />

Ausgewählte Artikel, Kurz-Interviews,<br />

italienische Musik, Übungen zu<br />

Grammatik und Aussprache: CD<br />

mit Begleit heft.<br />

<strong>ADESSO</strong>plus<br />

Nützlich und unterhaltsam:<br />

Das Begleitheft zu <strong>ADESSO</strong><br />

mit Zusatzübungen. Info unter<br />

Tel.: (0049) 89-85681 -16; Fax: -159.<br />

<strong>ADESSO</strong>in classe<br />

Ideen und Konzepte: Kostenloser<br />

Service für Abonnenten in Lehrberufen.<br />

Info unter Tel.: (0049) 89-85681 -152;<br />

Fax: -159; Mail: schulmedien@<br />

spotlight-verlag.de.<br />

www.adesso-online.de<br />

Unsere Homepage: Aktuelle Meldungen,<br />

Übungen, Rezensionen… Mit<br />

<strong>ADESSO</strong> Premium freier Zugang<br />

zum Nachrichten- und Übungsarchiv.<br />

ABONNENTEN-SERVICE: tel. (0049) 89-85681-16; fax (0049) 89-85681-159; e-mail: abo@spotlight-verlag.de


AGOSTO 2014<br />

50<br />

24<br />

12<br />

62<br />

46


48-49Chiara Vigo_02.07_25 VoceLettori.qxd 31.01.14 10:40 Seite 48<br />

48<br />

Testo: Marina Collaci Foto: Roberto Rossi<br />

“SONO UN MAESTRO DI TELE, UNA FIGURA SCOM- Ogni anno, fra maggio e giugno, si immerge nel mare.<br />

Scende a 15 metri di profondità e cerca la Pinna nobi-<br />

PARSA NEL MEDITERRANEO DA 300 ANNI!” Si presenta<br />

così Chiara Vigo, una signora di 58 anni che può fregiarsi<br />

del titolo di Maestro di bisso marino. È considerata, fuori e madreperlacea dentro. Con un coltellino taglia i<br />

lis, che è una cozza alta fino a un metro e dieci, ruvida<br />

infatti, l’unica al mondo a conoscere l’arte del bisso, il preziosissimo<br />

tessuto che viene dal mare. Per trovare testimo-<br />

una bava che si è solidificata. L’operazione non è facile,<br />

filamenti che la cozza secerne per abbarbicarsi al terreno:<br />

nianze sulla sua tecnica bisogna addirittura aprire la Bibbia, anche perché Chiara non vuole danneggiare l’animale,<br />

che descrive il bisso come una stoffa pregiata, riservata a re ma solo tagliarne i filamenti e dopo riporlo al suo posto.<br />

e sacerdoti. I libri antichi citano diversi manufatti realizzati<br />

con il bisso, dalle vesti di re Salomone fino ai bracciali di Nefertari<br />

o al copricapo di Cheope.<br />

fregiarsi di qc. sich etw.<br />

chino gebeugt<br />

la tela Gewebe<br />

l’arazzo Wandteppich<br />

scomparso verschwunden ricamato bestickt<br />

La casa di Chiara Vigo è aperta a tutti e si trova nell’incantevole<br />

Sant’Antioco, un isolotto collegato alla Sardegna<br />

il bisso Byssus, Steck-<br />

brandire schwenken,<br />

rühmen<br />

il fuso Spindel<br />

marino muschelwolle<br />

halten<br />

da un ponte fenicio. Un paradiso in miniatura popolato di il tessuto Stoff<br />

la bacchetta<br />

fenicotteri rosa, ricco di spiagge selvagge che si affacciano la testimonianza<br />

Zeugnis<br />

ammaliare bezaubern<br />

magica Zauberstab<br />

su un mare color smeraldo. La campagna profuma di mirto<br />

e rosmarino. Per visitare il laboratorio, stipato di telai del il manufatto handgefertigtes<br />

l’infuso Aufguss<br />

riservato vorbehalten l’alambicco Destillierkolben<br />

Seicento, grandi tavoli in ginepro, teche di vetro che custodiscono<br />

piccoli arazzi ricamati, basta spingere il portone del la veste Gewand<br />

pescare fischen, finden<br />

Erzeugnis<br />

il filo Faden<br />

il bracciale Armband<br />

immergersi eintauchen<br />

palazzo ottocentesco che si trova accanto alla piccola basilica<br />

bizantina. Chiara Vigo accoglie gli ospiti con un sorriso.<br />

bedeckung<br />

la Pinna Edle<br />

il copricapo Kopf-<br />

la profondità Tiefe<br />

fenicio phönizisch<br />

nobilis Steckmuschel<br />

China sul suo telaio, con un fuso in mano che brandisce<br />

popolato di bevölkert mit<br />

la cozza Muschel<br />

come una bacchetta magica, Chiara ammalia i visitatori cantando<br />

litanie antiche in lingue sconosciute. Vicino a sé tie-<br />

selvaggio wild<br />

madreperlaceo perlmuttern<br />

il fenicottero Flamingo<br />

ruvido rau<br />

il mirto Myrte<br />

il filamento Faser<br />

ne piccoli alambicchi<br />

il laboratorio Atelier<br />

secernere absondern<br />

colmi di infusi di alghe<br />

e limone, nei<br />

il telaio Webstuhl,<br />

la bava Schleim,<br />

stipato überfüllt<br />

abbarbicarsi sich festsetzen<br />

<strong>ADESSO</strong>plus<br />

Fai su questo tema l’esercizio<br />

Rahmen<br />

hier: Sekret<br />

che trovi nella rubrica Grammatica. quali immerge il filo<br />

il ginepro Wacholder<br />

solidificarsi erhärten<br />

www.adesso-online.de/vigoex che viene dal mare. la teca di vetro Glasschrank l’operazione f. Vorgang<br />

Lo pesca lei stessa.<br />

custodire verwahren danneggiare beschädigen<br />

<strong>ADESSO</strong> MARZO 2014<br />

48-49Chiara Vigo_02.07_25 VoceLettori.qxd 05.02.14 14:59 Seite 49<br />

TRADIZIONI<br />

lo scirocco: heißer, trockener<br />

vetrificare Sand zu<br />

Chiara Vigo mentre lavora il bisso<br />

Mittelmeerwind aus Süd/Südost la sabbia Glas machen<br />

grezzo nel suo laboratorio.<br />

la salinità Salzgehalt<br />

tingere färben<br />

scompattarsi locker werden<br />

l’erba Kraut, Gras<br />

la conchiglia Muschel<br />

la radice Wurzel<br />

tessere weben, flechten<br />

comune gewöhnlich<br />

ereditato geerbt<br />

incolto ungepflegt la bisnonna Uroma<br />

pettinare kämmen<br />

il patrimonio Bestand, Gut<br />

il cardo a spillo Kardennadel<br />

la favola Märchen<br />

la pietruzza Steinchen<br />

la tomba Grab<br />

la formula Rezeptur<br />

malvisto da unbeliebt bei<br />

la soluzione Lösung<br />

esiliare verbannen<br />

la ricetta<br />

segreta Geheimrezept l’antenata Ahnin<br />

bruttarello ziemlich<br />

la sacerdotessa<br />

Priesterin<br />

hässlich<br />

indistruttibile unverwüstlich l’iniziazione f. Einweihung<br />

il pregio Vorzug<br />

la seta<br />

verde gräulichgrigiastro<br />

grün<br />

del mare Muschelseide<br />

prestare einen<br />

tramandare überliefern<br />

riguardare sich beziehen un giuramento Eid leisten<br />

auf<br />

l’arricchimento Bereicherung<br />

la tessitura Webarbeit<br />

donare verschenken<br />

avverte alcun peso. “Eppure questo filo più sottile di un<br />

capello è indistruttibile”, mi spiega. “Ha il pregio di non essere<br />

attaccato dagli insetti, si conserva intatto negli anni”.<br />

Alla luce del sole quel filo, che appena pescato era di un<br />

verde grigiastro, ora risplende del colore dell’oro.<br />

“L’arte del bisso si tramanda a casa mia da 24 generazioni”,<br />

comincia a raccontare Chiara Vigo. “Io l’ho imparata<br />

da mia nonna, che l’ha imparata da sua nonna, che<br />

l’ha imparata da sua nonna!” Una sapienza che non riguarda<br />

solo la tessitura: “Ho dovuto anche imparare a vetrificare<br />

la sabbia, a tingere il bisso con erbe naturali e sabbia<br />

e ho dovuto imparare a recitare le antiche formule in<br />

Guarda il video in cui Chiara Vigo racconta il suo<br />

ebraico, sanscrito e aramaico”, afferma Chiara con un moto<br />

di orgoglio. La sua famiglia, infatti, ha radici ebraiche,<br />

lungo e paziente lavoro per realizzare il bisso.<br />

www.adesso-online.de/vigo<br />

come testimonia il fuso tipico, ereditato dalla bisnonna<br />

assieme alle stoffe ricamate con simboli religiosi e a un vasto<br />

patrimonio orale di favole e canti legati a Mosè.<br />

La Pinna nobilis, infatti, è in via di estinzione ed è specie<br />

protetta dal 1992. “Tra maggio e giugno cambia il vento, “Le nostre radici ebraiche risalgono probabilmente alla<br />

principessa Berenice, della quale è stata ritrovata la<br />

arriva lo scirocco, scalda l’acqua, la salinità aumenta, la<br />

temperatura passa da 23 a 26 gradi, il fango che tiene ferma<br />

la Pinna si scompatta come il burro e posso muovere peratore Tito, ma malvista dai Romani perché di religio-<br />

tomba nella nostra basilica. Berenice era amata dall’im-<br />

la conchiglia senza disturbarla”, racconta guardandoti da ne ebraica. Intorno all’80 d.C. venne esiliata qui, nell’antica<br />

Solki”. Secondo la leggenda fu lei a insegnare l’arte<br />

sopra gli occhiali senza smettere di tessere.<br />

A vederli, quei fili appena pescati, identici a quelli delle<br />

cozze comuni, sembrano una barba incolta. Chiara Vigo esoteriche. Chiara Vigo si ritiene infatti una sorta di sa-<br />

del bisso alle antenate di Chiara. Un’arte legata a sfere<br />

li pettina con un cardo a spillo e li ripulisce dalle pietruzze<br />

e dalle conchiglie di mare. Poi li tiene a bagno per 25 guire un percorso di iniziazione e, prima di conoscere i<br />

cerdotessa del mare. Per diventare Maestro ha dovuto se-<br />

giorni in una formula a base di acqua dolce, avendo cura segreti della seta del mare, ha prestato un giuramento:<br />

di cambiare l’acqua ogni tre ore, sia di giorno che di notte. non può venderla, né usarla per arricchimento personale;<br />

solo riceverla e donarla. Il bisso deve rimanere “bene<br />

Infine li immerge in una soluzione di alghe dalla ricetta segreta.<br />

Miracolo! Quel filo, bruttarello in natura, si trasforma<br />

in una seta leggerissima. “Chiudi gli occhi e metti la mazo.<br />

Per ottenere 200-300 grammi di bisso, Chiara deve ta-<br />

di tutti”, come il mare. D’altro canto, la stoffa non ha prezno<br />

qui”, mi dice. Ed è sorprendente, perché la mano non gliare la barba a 1.000 esemplari di Pinna nobilis.<br />

<strong>ADESSO</strong> MARZO 2014<br />

49<br />

LA VOCE DEI LETTORI Testo: Werner Rübsam<br />

LA SARDEGNA E IL BISSO MARINO<br />

6<br />

Da sempre volevo vedere la Sardegna e quest’anno<br />

ho deciso di farlo. In <strong>ADESSO</strong> di marzo ho letto l’articolo<br />

Unica al mondo, dove si descrive la tecnica usata da Chiara<br />

Vigo per la produzione del bisso marino (vedi <strong>ADESSO</strong><br />

03/14, pag. 48). È stato molto interessante per me. Quindi<br />

ho organizzato un viaggio in Sardegna, con il desiderio di<br />

andare a trovare la signora Vigo.<br />

Per caso ho trovato un’agenzia di viaggi per arte e cultura,<br />

che offriva anche un giro da Olbia a Cagliari, passando per<br />

l’isola di Sant’Antioco. Io, mia moglie e un gruppo di 12<br />

persone siamo quindi partiti all’inizio di maggio.<br />

L’isoletta di Sant’Antioco è un paradiso in miniatura, ci<br />

sono belle case e giardini con fiori<br />

dappertutto. Appena arrivati sull’isola,<br />

non vedevamo l’ora di trovare<br />

il museo del bisso. Dopo una breve<br />

passeggiata, abbiamo raggiunto il<br />

museo, ma purtroppo era chiuso.<br />

Abbiamo bussato comunque alla<br />

porta e una donna è venuta e ci ha<br />

detto : “È chiuso!”<br />

Io però le ho mostrato una copia<br />

di <strong>ADESSO</strong> con l’articolo sul bisso<br />

marino. Lei è andata a chiedere alla<br />

signora Vigo, mentre noi siamo rimasti<br />

ad aspettare e a sperare. Su un cartello alla porta<br />

c’era scritto: “La fretta non abita qui”. Ma abbiamo avuto<br />

successo e, dopo qualche minuto, la signora Chiara Vigo<br />

è arrivata e ci ha invitati tutti a entrare. La signora Chiara<br />

è stata molto gentile e noi abbiamo visitato il museo, con<br />

piccoli arazzi ricamati, e il suo laboratorio. Lei ci ha mostrato<br />

il suo lavoro e come è possibile trasformare un filo grigio<br />

che viene dal mare in un filo d’oro. Tutto è misterioso e<br />

bisogna avere un po’ di fede. Benché io non conosca bene<br />

la lingua italiana, ho chiacchierato con la signora Chiara<br />

senza problemi. Mi ha fatto molto piacere e sono riuscito a<br />

capire tutto. Alla fine mia moglie ha scattato una foto della<br />

signora Chiara con me. Prima di salutarmi, Chiara mi ha<br />

fatto un regalo: una busta con un po’ di bisso e un piccolo<br />

disegno con una “W” dedicato a me e firmato Chiara Vigo.<br />

Siamo poi andati via per continuare il nostro giro a Cagliari.<br />

La Sardegna è davvero un sogno! Abbiamo visto molte località,<br />

tra Olbia e Cagliari: tra l’altro Pula, Nuoro, Orgosolo,<br />

Santa Maria Navarrese e la Costa Smeralda. L’anno prossimo<br />

vogliamo andarci di nuovo.<br />

Chi vuole raccontare un’esperienza italiana può scrivere* a:<br />

Spotlight Verlag, Redaktion <strong>ADESSO</strong>, Postfach 1565, D-82144 Planegg,<br />

fax +49 89 85681-360, e-mail: adesso@spotlight-verlag.de.<br />

* Der Verlag übernimmt keine Haftung für eingesandte Texte sowie Bildmaterial. Diese<br />

werden nur im Fall einer Veröffentlichung auf Wunsch an den Absender zurückgesandt.<br />

SETA MARINA<br />

Da sinistra: Chiara<br />

Vigo mostra una sua<br />

creazione con il bisso;<br />

il signor Rübsam<br />

insieme a Chiara<br />

Vigo davanti al suo<br />

laboratorio.<br />

il bisso marino<br />

descrivere<br />

il viaggio<br />

il desiderio<br />

l’arte m.<br />

offrire<br />

il giro<br />

passando per<br />

l’isoletta<br />

il giardino<br />

il fiore<br />

non vedere<br />

l’ora<br />

la passeggiata<br />

raggiungere<br />

bussare<br />

comunque<br />

mostrare<br />

sperare<br />

il cartello<br />

la fretta<br />

abitare<br />

il successo<br />

Muschelseide<br />

beschreiben<br />

Reise<br />

Wunsch<br />

Kunst<br />

anbieten<br />

Ausflug<br />

über<br />

Inselchen<br />

Garten<br />

Blume<br />

sich freuen<br />

Spaziergang<br />

erreichen<br />

anklopfen<br />

trotzdem<br />

zeigen<br />

hoffen<br />

Schild<br />

Eile<br />

wohnen<br />

Erfolg<br />

UNICA AL MONDO<br />

Muschelseide: einer der kostbarsten Stoffe, mühevoll gewonnen aus<br />

den goldschimmernden Wollfasern der Steckmuschel. Chiara Vigo auf<br />

Sardinien ist die letzte Meisterin dieser antiken Handwerkskunst.<br />

invitare<br />

gentile<br />

visitare<br />

l’arazzo<br />

ricamato<br />

trasformare<br />

il filo<br />

grigio<br />

d’oro<br />

la fede<br />

benché<br />

chiacchierare<br />

il piacere<br />

riuscire<br />

scattare<br />

salutare<br />

il regalo<br />

la busta<br />

il disegno<br />

dedicato<br />

firmato<br />

il sogno<br />

la località<br />

einladen<br />

freundlich<br />

besichtigen<br />

Wandteppich<br />

bestickt<br />

verwandeln<br />

Faden<br />

grau<br />

golden<br />

Glaube<br />

obwohl<br />

plaudern<br />

Freude<br />

gelingen<br />

schießen<br />

verabschieden<br />

Geschenk<br />

Tütchen<br />

Zeichnung<br />

gewidmet<br />

unterzeichnet<br />

Traum<br />

Ortschaft<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2014


Marco è nato nel 1985 alla periferia di Milano. Da bambino<br />

sapeva già cosa fare da grande: pasticciare con<br />

i colori e i pennelli. Un giorno, all’uscita dalla scuola, ha<br />

visto i graffitari usare le bombolette per disegnare i ponti<br />

del Giambellino. Ha preso in mano una bomboletta e ha<br />

provato a usarla anche lui. Oggi Marco ha 29 anni ed è<br />

diventato il graffitaro Marco Il Prosa. È molto bravo e conosce<br />

non solo la tecnica della bomboletta e del pennello, ma<br />

anche quella dell’aerografo. Con la sua squadra, i TMH, ha<br />

organizzato nel tempo libero e con l’aiuto del Comune il<br />

Meeting of Styles, il primo raduno internazionale milanese<br />

di writers. Si è svolto a Cesano Boscone, alla periferia di<br />

Milano, e c’erano 2 chilometri di muri a disposizione di 180<br />

artisti di 20 nazionalità diverse. “Lo scopo è riqualificare<br />

una zona popolare a forte rischio degrado”, afferma Marco.<br />

I graffiti sono considerati ormai una forma di arte pubblica.<br />

Artisti veri, come in passato Keith Haring, fondono “metropoli<br />

e museo” in una galleria d’arte a cielo aperto. In Italia i<br />

graffitari sono sempre più riconosciuti, rispettati e valorizprima<br />

pagina<br />

NOTIZIE<br />

DALL’ITALIA<br />

di redazione<br />

COSTUME E SOCIETÀ<br />

GRAFFITARI ITALIANI<br />

il graffitaro Graffitisprayer<br />

pasticciare schmieren,<br />

klecksen<br />

il pennello Pinsel<br />

la bomboletta Spraydose<br />

il Giambellino: Viertel von Mailand<br />

l’aerografo Airbrush<br />

la squadra Team<br />

il raduno Treffen<br />

a disposizione<br />

f. zur Verfügung<br />

l’artista m./f. Künstler, -in<br />

a forte rischio stark vom<br />

degrado Verfall bedroht<br />

affermare erklären<br />

fondere verschmelzen<br />

rispettare<br />

valorizzare<br />

la mostra<br />

lo scarabocchio<br />

concedere<br />

commissionare<br />

l’opera<br />

respektieren<br />

wertschätzen<br />

Ausstellung<br />

Schmiererei<br />

gewähren<br />

in Auftrag<br />

geben<br />

Werk<br />

<strong>ADESSO</strong>audio<br />

Ascolta l’inchiesta sul<br />

tema: i graffiti urbani per voi<br />

sono arte o deturpano la città?<br />

zati. I festival e le mostre di graffiti sono moltissime. Non si<br />

tratta di scarabocchi e scritte vandaliche. Spesso i Comuni<br />

delle città italiane concedono i muri e commissionano a<br />

questi ragazzi vere e proprie opere pubbliche.<br />

Il graffitaro Marco Il<br />

Prosa, organizzatore<br />

del raduno Meeting<br />

of Styles a Milano.<br />

7<br />

© Marco il Prosa<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2014


8<br />

NOTIZIE<br />

DALL’ITALIA<br />

costume e società<br />

UN COCKTAIL<br />

PER L’ESTATE<br />

Lo abbiamo già scritto mille volte: in Italia<br />

l’aperitivo è un rito. D’estate, poi, ci si ritrova<br />

dopo cena con gli amici al bar, se possibile<br />

all’aperto, per bere un cocktail fresco e buono,<br />

ma non per forza superalcolico. Quali saranno i<br />

cocktail di tendenza quest’estate in Italia?<br />

MILANO<br />

Al Bamboo Bar dell’Armani Hotel di Milano, dove<br />

la vista sulla città è mozzafiato, scommettono sullo<br />

Smoked Fizz: gin, succo di lime, sciroppo di<br />

zucchero, salmone affumicato e acqua tonica. Ingredienti<br />

insoliti per un cocktail fresco ed estivo.<br />

ROMA<br />

Matteo “Zed” Zamberlan, del Settembrini di<br />

Roma – secondo il Gambero Rosso tra i migliori<br />

barman italiani – è sicuro: “I cocktail per l’estate<br />

ricorderanno lo Smash, una bevanda nata<br />

intorno al 1862“. Si prepara con molta frutta di<br />

stagione e ghiaccio (vedi ricetta). Poi ci sarà un<br />

classico come la Caipirinha, magari alla siciliana,<br />

la <strong>Sicilia</strong>n Caipirinha (vedi ricetta).<br />

VENEZIA<br />

Al Florian di Venezia storia e tradizione sono di<br />

casa, anche nel bere, ma sempre con creatività<br />

e classe. I barman Maurizio Fabbio e Daniele<br />

Prevato si ispirano ai grandi dell’arte e della<br />

musica e propongono il Tiepolo, il Tintoretto<br />

e il Puccini. Gli ingredienti sono diversi, ma c’è<br />

sempre la frutta di stagione.<br />

RICETTE<br />

American Sage Smash<br />

È un drink che esalta i profumi e i sapori del Bourbon,<br />

fusi con l’aroma della salvia. È fresco e profumatissimo.<br />

Anche chi non beve mai whiskey lo apprezza molto.<br />

50 ml Bourbon whiskey aromatizzato con albicocche<br />

essiccate, 30 ml di purea di pesca fresca, 40 ml di<br />

succo di lime, 6 foglie di salvia, 30 ml di sciroppo di<br />

granturco, una spruzzata di seltz.<br />

Servire in un bicchiere Collins e decorare con la<br />

salvia e le albicocche essiccate.<br />

<strong>Sicilia</strong>n Caipirinha<br />

Si tratta di una Caipirinha con il gusto delle arance<br />

rosse di <strong>Sicilia</strong> e del mandarino. È un cocktail dissetante,<br />

ideale per il periodo estivo.<br />

40 ml di Cachaça, 1 lime intero tagliato in 4/6 spicchi,<br />

20 ml di liquore alle arance rosse di <strong>Sicilia</strong>, 20 ml di<br />

sciroppo di mandarino.<br />

Per la decorazione: una fettina di arancia rossa essiccata<br />

e foglie di dragoncello.<br />

Servire in un bicchiere Old fashioned con cubetti di<br />

ghiaccio. Completare con un po’ di ghiaccio tritato.<br />

UN COCKTAIL PER L’ESTATE<br />

il rito Ritual<br />

all’aperto im Freien<br />

per forza auf jeden Fall,<br />

immer<br />

la vista Blick<br />

mozzafiato atemberaubend<br />

scommettere<br />

su qc. auf etw. setzen<br />

lo sciroppo Sirup<br />

il salmone<br />

affumicato Räucherlachs<br />

insolito ungewöhnlich<br />

estivo sommerlich<br />

il Gambero Rosso: ital. Verlag,<br />

der bedeutende Wein- und Gastronomieführer<br />

veröffentlicht<br />

la bevanda Getränk<br />

la stagione Saison<br />

il ghiaccio Eis<br />

proporre anbieten<br />

esaltare hervorheben<br />

fuso vereint<br />

la salvia Salbei<br />

apprezzare schätzen<br />

l’albicocca Aprikose<br />

essiccato getrocknet<br />

la purea Pürree<br />

la pesca Pfirsich<br />

il granturco Mais<br />

la spruzzata Spritzer<br />

trattarsi sich handeln<br />

dissetante durstlöschend<br />

lo spicchio Stück<br />

la fettina Scheibchen<br />

il dragoncello Estragon<br />

il cubetto<br />

di ghiaccio Eiswürfel<br />

il ghiaccio<br />

tritato Crushed Ice<br />

BONAZZA<br />

indicare bezeichnen<br />

confidenziale vertraulich<br />

colpire beeindrucken<br />

il tema Aufsatz<br />

per forza unbedingt<br />

trattarsi sich handeln<br />

colloquiale umgangssprachlich<br />

LA PAROLA DEL MESE<br />

BONAZZA<br />

Bonazza è un termine usato per indicare, in modo molto<br />

confidenziale, una donna che colpisce per la sua bellezza.<br />

Nel 2014 è entrato nel vocabolario di italiano Devoto-Oli. È<br />

una parola frequente nel linguaggio di tutti i giorni e si sente<br />

molto spesso soprattutto nelle conversazioni tra giovani.<br />

Ora si trova anche sul vocabolario e gli studenti la possono<br />

scrivere nei temi senza essere per forza corretti. Devono<br />

sempre ricordare, però, che si tratta di un termine colloquiale,<br />

da usare nel giusto contesto.<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2014


cultura e spettacolo<br />

IL CD DEL MESE<br />

NOMADI 50+1<br />

Uno dei gruppi musicali italiani più<br />

rappresentativi raccoglie in un CD più<br />

di 50 anni di storia della musica. I Nomadi<br />

sono nati nel 1963 e hanno avuto<br />

un successo immediato. All’inizio erano<br />

in due, Beppe Carletti e Augusto Daolio.<br />

Dopo la morte di Daolio e l’arrivo, nel 1993, della nuova voce<br />

Danilo Sacco, il successo non è diminuito. Ancora oggi i loro concerti<br />

registrano il tutto esaurito. Per celebrare i 51 anni di carriera è<br />

uscito Nomadi 50+1, l’album che raccoglie 32 successi e due inediti,<br />

nell’interpretazione della nuova e bella voce di Cristiano Turato, il<br />

cantante che ha sostituito Sacco nel 2013.<br />

VINCI IL CD DEL MESE<br />

Partecipa all’estrazione [Verlosung] dei CD in palio. Entro il 26 agosto vai alla<br />

pagina www.adesso-online.de/gewinnspiel oppure spedisci una cartolina al seguente<br />

indirizzo: Spotlight Verlag, <strong>ADESSO</strong>, CD del mese – Nomadi 50+1,<br />

Fraunhoferstr. 22, D-82152 Planegg. Per chi non vince, il CD è in vendita,<br />

insieme a tanti altri capolavori della musica italiana, da: MUSIC PARADISE,<br />

Rebgasse 49, CH-4058 Basel, tel. (0041) 61 68192407,<br />

fax (0041) 61 6812127. E-mail imp@musicparadise.ch;<br />

www.musicparadise.ch; Facebook Music Paradise<br />

IN FESTA PER PUCCINI<br />

Il Festival Puccini compie 60 anni. Ogni estate gli appassionati si incontrano<br />

a Torre del Lago, in Versilia, dove il compositore toscano ha<br />

passato la maggior parte della sua vita. Il cartellone è sempre di grande<br />

qualità e nel 2014 si festeggiano ben due compleanni: i 110 anni dalla<br />

prima di Madama Butterfly, con il nuovo allestimento di Renzo Giaccheri,<br />

ex sovrintendente dell’Arena di Verona, e i 50 anni di attività del<br />

regista Ettore Scola, che propone una nuova lettura de La Bohème.<br />

Grandi firme, ma anche spazio ai giovani: la Turandot, una delle opere<br />

più note di Puccini, è affidata all’esordiente Angelo Bertini. Quest’estate<br />

se ne vedranno delle belle, sotto le stelle di Torre del Lago.<br />

Informazioni: www.puccinifestival.it<br />

IL PERCHÉ<br />

MENARE IL CAN<br />

PER L’AIA<br />

Perché si dice “menare il can per l’aia”?<br />

<br />

Diedrich Krause<br />

Risponde Anna Bordoni, collaboratrice<br />

dell’Istituto dell’Enciclopedia Italiana.<br />

Menare il can per l’aia significa “tirare per<br />

le lunghe, non concludere un discorso, non<br />

arrivare mai al punto”. È un’espressione utilizzata<br />

spesso oggi, ma ha un’origine antica,<br />

come testimoniano due termini ormai scomparsi<br />

dall’italiano: menare, un tempo usato<br />

nel senso di “far passare” (menare il giorno,<br />

diceva Leopardi) e aia, che indicava il cortile<br />

della casa di campagna. La frase è citata<br />

per la prima volta nell’Ercolano di Benedetto<br />

Varchi, il più importante libro di linguistica del<br />

XVI secolo. Compare poi (“Com’anche è uso<br />

de’ procuratori, che in corso van menando il<br />

can per l’aia”) nel testo teatrale la Fiera (1618)<br />

di Michelangelo Buonarroti il Giovane, nipote<br />

del famoso pittore e scultore. Poi si trova<br />

nel Malmantile racquistato (“Mentre costui a<br />

ogni cosa appella, E co’ suoi punti mena il<br />

can per l’aia”), poema eroicomico di Lorenzo<br />

Lippi (1688). Secondo alcuni, il cane in questione<br />

è quello da caccia, abituato a grandi<br />

spazi. Quindi portarlo in un luogo piccolo<br />

come l’aia è una perdita di tempo. Secondo<br />

altri, il cane che gira per l’aia senza trovare<br />

quello che cerca è come la lingua di chi parla<br />

molto e non arriva mai al punto. Secondo<br />

un’ultima interpretazione, chi mena il can per<br />

l’aia crea confusione e distrae l’attenzione di<br />

chi ascolta dalle cose sgradite.<br />

Inviate i vostri perché a:<br />

adesso@spotlight-verlag.de<br />

9<br />

CD DEL MESE<br />

raccogliere sammeln, zusammenfassen<br />

il successo Erfolg<br />

diminuire abnehmen<br />

esaurito ausverkauft<br />

l’inedito unveröffentlichtes<br />

Werk<br />

il/la cantante Sänger, -in<br />

sostituire ersetzen<br />

IN FESTA PER PUCCINI<br />

il compositore Komponist<br />

il cartellone<br />

festeggiare<br />

ben<br />

la prima<br />

l’allestimento<br />

il/la regista<br />

la firma<br />

noto<br />

affidare<br />

l’esordiente m.<br />

la stella<br />

Spielplan<br />

feiern<br />

ganze<br />

Premiere<br />

Inszenierung<br />

Regisseur, -in<br />

Unterschrift,<br />

hier: Name<br />

bekannt<br />

anvertrauen<br />

Debütant<br />

Stern<br />

IL PERCHÉ<br />

menare il can etw. auf die<br />

per l’aia lange Bank<br />

schieben<br />

tirare per etw.<br />

le lunghe hinauszögern<br />

concludere abschließen<br />

il discorso Thema<br />

testimoniare bezeugen<br />

il termine Begriff<br />

scomparso verschwunden<br />

far passare verbringen,<br />

vertreiben<br />

indicare<br />

il cortile<br />

comparire<br />

il procuratore<br />

il testo teatrale<br />

il pittore<br />

lo scultore<br />

costui<br />

il poema<br />

eroicomico<br />

la caccia<br />

distrarre<br />

sgradito<br />

bezeichnen<br />

Hof<br />

vorkommen<br />

Staatsanwalt<br />

Theaterstück<br />

Maler<br />

Bildhauer<br />

dieser<br />

komisches<br />

Heldenepos<br />

Jagd<br />

ablenken<br />

unangenehm<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2014


NOTIZIE<br />

DALL’ITALIA<br />

economia e politica<br />

10<br />

Flavio Cattaneo, Terna<br />

2,4 milioni<br />

Fulvio Conti, Enel<br />

7 milioni<br />

LE MAXI LIQUIDAZIONI<br />

DEI MANAGER PUBBLICI<br />

Paolo Scaroni, Eni<br />

8 milioni<br />

Alessandro Pansa,<br />

Finmeccanica, 5,45 milioni<br />

Hanno l’età media più alta d’Europa e stipendi altissimi.<br />

Secondo un recente studio del Forum Pubblica Amministrazione,<br />

i dirigenti pubblici italiani guadagnano 12 volte<br />

in più del dipendente italiano medio (in Francia la differenza<br />

è di 5 volte e in Germania solo di 4). Vuol dire che un<br />

dirigente incassa in un mese quello che un normale dipendente<br />

guadagna in un anno. La forbice si allarga quando<br />

si parla di aziende partecipate dallo stato (cioè quando<br />

una quota dell’azienda è proprietà dello stato), soprattutto<br />

se quotate in borsa. Il governo ha proposto di mettere<br />

un tetto agli stipendi dei manager statali, ma al momento<br />

non è previsto per le liquidazioni. Lo scorso aprile sono<br />

stati rinnovati i consigli di amministrazione delle maggiori<br />

aziende partecipate dallo stato e quotate in borsa, come<br />

Eni, Enel e Finmeccanica. Gli amministratori delegati che<br />

hanno lasciato la poltrona hanno incassato complessivamente<br />

23 milioni di liquidazione. Qualche esempio: 5,45<br />

milioni di euro per Alessandro Pansa, ex amministratore<br />

delegato di Finmeccanica; 8 milioni di euro per Paolo Scaroni,<br />

alla guida dell’Eni dal 2005; 7 milioni per Fulvio Conti,<br />

ex amministratore delegato di Enel; 2,4 milioni di euro per<br />

Flavio Cattaneo, prima capo di Terna energia. Sono tempi<br />

di crisi economica e i normali cittadini fanno molti sacrifici.<br />

Ecco perché, molti italiani, quando sentono parlare di queste<br />

cifre, si sentono presi in giro.<br />

UNA “PIETRA NERA” SU<br />

PIAZZA AFFARI<br />

Alcuni commentatori lo hanno già definito “il nuovo padrone<br />

d’Italia”, per altri è semplicemente “l’americano<br />

di Piazza Affari”. Il suo nome ha qualcosa di sinistro. Si<br />

chiama Black Rock ed è il più grande fondo di investimenti<br />

del mondo. Gestisce 4.300 miliardi di dollari, praticamente<br />

il doppio del debito pubblico italiano. Una cifra enorme!<br />

In Italia ha già investito più di 50 miliardi di euro in<br />

più di 20 società quotate in borsa. Ha comprato azioni in<br />

tutti i settori, dal lusso al petrolio, dalle autostrade alle<br />

assicurazioni, compresi quelli strategici come le comunicazioni<br />

(ha il 10% di Telecom), l’energia (Eni ed Enel) e<br />

le banche. È diventato azionista delle principali banche<br />

italiane, come Unicredit, Monte dei Paschi di Siena, Intesa<br />

San Paolo, con quote tra il 4% e il 6%. Se il colosso<br />

americano “fa shopping” vuol dire che l’Italia è capace di<br />

attrarre capitali stranieri, pensano alcuni. È un segnale<br />

di ripresa! Tra gli ottimisti c’è il presidente del Consiglio<br />

Matteo Renzi, che di recente ha incontrato il numero uno<br />

di Black Rock, Larry Fink. Altri, invece, sono molto preoccupati.<br />

Un fondo “straniero” potente come Black Rock può<br />

avere grande influenza sulle decisioni che si prendono in<br />

Italia e di conseguenza ridurre la sua autonomia.<br />

MAXI LIQUIDAZIONI<br />

la liquidazione Abfindung<br />

medio Durchschnittslo<br />

stipendio Gehalt<br />

il dirigente Führungskraft<br />

guadagnare verdienen<br />

il dipendente Angestellter<br />

incassare kassieren<br />

allargarsi auseinander<br />

gehen<br />

l’azienda Firma<br />

partecipato mit staatlicher<br />

dallo stato Beteiligung<br />

la quota Anteil<br />

la proprietà Eigentum<br />

quotato<br />

in borsa börsennotiert<br />

il governo<br />

il tetto<br />

statale<br />

rinnovare<br />

il consiglio di<br />

amministrazione<br />

l’amministratore<br />

delegato<br />

la poltrona<br />

complessivamente<br />

la guida<br />

il capo<br />

il cittadino<br />

il sacrificio<br />

preso in giro<br />

Regierung<br />

Obergrenze<br />

staatlich<br />

neu wählen<br />

Verwaltungsrat<br />

Geschäftsführer<br />

Posten<br />

insgesamt<br />

Leitung<br />

Chef<br />

Bürger<br />

Opfer<br />

auf den Arm<br />

genommen<br />

PIETRA NERA<br />

la pietra Stein, Fels<br />

Piazza Affari: Mailänder Börse<br />

il padrone Eigentümer<br />

sinistro unheimlich<br />

il fondo di Investmentinvestimenti<br />

fonds<br />

gestire verwalten<br />

il debito Staatspubblico<br />

verschuldung<br />

la società Gesellschaft<br />

quotato<br />

in borsa börsennotiert<br />

l’azione f. Aktie<br />

il settore Branche<br />

il lusso Luxus<br />

il petrolio Erdöl<br />

l’assicurazione<br />

f. Versicherung<br />

l’azionista<br />

m./f. Aktionär, -in<br />

principale wichtigster<br />

capace in der Lage<br />

attrarre anziehen, hier:<br />

ins Land holen<br />

straniero ausländisch<br />

la ripresa Aufschwung<br />

il presidente del Consiglio: ital.<br />

Regierungschef<br />

potente mächtig<br />

l’influenza Einfluss<br />

ridurre einschränken<br />

© ANSA<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2014


NOTIZIE<br />

DALL’ITALIA<br />

scienza e natura<br />

Übung<br />

macht den<br />

Meister!<br />

DA MONACO A MODENA<br />

A ZERO EMISSIONI!<br />

Un viaggio dalle Alpi agli Appennini a zero emissioni? Per i mezzi di trasporto<br />

con impianto a idrogeno presto sarà possibile. Da Monaco di Baviera<br />

a Modena, su un percorso di 650 chilometri, sono previste ben sette stazioni<br />

di rifornimento. Il sogno di trasformare l’autostrada che collega la capitale<br />

della Baviera all’Emilia in una Hydrogen Highway, sul modello della norvegese<br />

Oslo-Stavenger, sta per diventare realtà. Sul tratto italiano – la A 22, l’Autostrada<br />

del Brennero – il futuro è cominciato già il 7 giugno 2014. Quel giorno ha<br />

aperto il Centro H2 Alto Adige, il primo impianto di produzione e distribuzione<br />

di idrogeno in Italia. Si trova vicino all’uscita autostradale di Bolzano Sud<br />

e deve produrre 1,5 milioni di metri<br />

cubi di idrogeno all’anno, una<br />

quantità sufficiente per sostituire<br />

525.000 litri di benzina<br />

1.200.000<br />

ettari, pari a 12.000 chilometri<br />

quadrati, sono usati<br />

per coltivare alberi di ulivo in Italia.<br />

Questi terreni si trovano soprattutto<br />

in Toscana, Liguria, Umbria e<br />

Abruzzo. Si tratta di una superficie<br />

circa 10 volte più grande<br />

della città di Roma e pari<br />

alla superficie di foresta<br />

amazzonica brasiliana<br />

distrutta negli ultimi<br />

sette anni.<br />

o 440.000 litri di gasolio. Si<br />

evita così anche l’emissione<br />

di oltre 1.000 tonnellate di<br />

Co 2<br />

. Walter Huber, presidente<br />

dell’Istituto per le innovazioni<br />

tecnologiche di Bolzano,<br />

ci crede. L’Unione europea<br />

prevede 16 milioni<br />

di auto a idrogeno in<br />

Europa entro il 2030.<br />

Il futuro è verde e<br />

l’Italia vuole farsi<br />

trovare pronta.<br />

Ihr<br />

Magazin-<br />

Upgrade<br />

11<br />

EMISSIONI ZERO<br />

il mezzo di trasporto Verkehrsmittel<br />

l’impianto a idrogeno Wasserstoffantrieb<br />

il percorso Strecke<br />

la stazione di<br />

rifornimento Tankstelle<br />

il sogno Traum<br />

collegare verbinden<br />

la capitale Hauptstadt<br />

il tratto Streckenabschnitt<br />

l’impianto<br />

di distribuzione Tankstelle<br />

sostituire ersetzen<br />

il gasolio Diesel<br />

evitare verhindern<br />

la tonnellata Tonne<br />

prevedere vorsehen<br />

1.200.000<br />

l’ettaro Hektar<br />

coltivare anbauen<br />

il terreno Grundstück<br />

la superficie Fläche<br />

pari gleich (groß)<br />

distrutto zerstört<br />

Bestellen Sie jetzt!<br />

+49 (0)89/8 56 81-16<br />

abo@spotlight-verlag.de<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2014


VIAGGI<br />

La <strong>Sicilia</strong><br />

A CAVALLO<br />

Das Glück der Erde liegt auf dem Rücken der Pferde: Eine wildromantische<br />

Entdeckungsreise tief in das Innerste Siziliens, wo die Erde sich<br />

temperamentvoll auftürmt und auftut und uns die Schönheit des<br />

Ursprünglichen neu entdecken lässt.<br />

Testo e foto: Franco Barbagallo<br />

12<br />

Distese di prati<br />

fioriti nella campagna<br />

intorno a Gangi,<br />

tra il Parco delle<br />

Madonie e il Parco<br />

dei Nebrodi.<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2014


VIAGGI<br />

SONO LE QUATTRO DEL MATTINO E CI TROVIA-<br />

MO A CAPIZZI, UN PICCOLO PAESE SUI MONTI<br />

NEBRODI. QUI, A QUEST’ORA INSOLITA ANCHE<br />

PER NOI, INCONTRIAMO CALOGERO, UN ALLE-<br />

VATORE DI VACCHE. A piedi nudi, con le redini in<br />

mano, conduce il suo cavallo verso la chiesa di Sant’Antonio<br />

da Padova, a cui è dedicata la Festa del santo (vedi<br />

box a pag. 18). Va a pregare, ci dice, prima di iniziare, scalzo,<br />

il pellegrinaggio per raggiungere il Piano della Cannella<br />

e assistere alla messa. Monterà a cavallo solo sulla<br />

via di ritorno, con i piedi sanguinanti. Tempo fa aveva<br />

chiesto al Santo di guarire il figlio da una pericolosa malattia<br />

che lo stava consumando. Il giovane si è salvato e<br />

lui ora va a onorare il suo voto.<br />

Attraversare la <strong>Sicilia</strong> a cavallo è anche questo: l’emozione<br />

di un incontro con la vita anche a un’ora in cui,<br />

normalmente, tutta la vita che conosciamo se ne sta sotto<br />

le coperte e sogna, chissà, forse proprio di trovarsi al centro<br />

di quest’isola e vivere una piccola avventura.<br />

l’allevatore<br />

(m.) di vacche<br />

la redine<br />

condurre<br />

pregare<br />

scalzo<br />

assistere<br />

montare<br />

sanguinante<br />

guarire<br />

consumare<br />

salvarsi<br />

onorare<br />

Kuhzüchter<br />

Zügel<br />

führen<br />

beten<br />

barfuß<br />

beiwohnen<br />

aufsteigen<br />

blutend<br />

heilen<br />

verzehren<br />

bewahrt<br />

werden<br />

einhalten<br />

il voto<br />

immergersi<br />

la sorgente<br />

perenne<br />

la collina<br />

il daino<br />

l’aquila<br />

il falco<br />

pellegrino<br />

il cinghiale<br />

la volpe<br />

il grifone<br />

selvatico<br />

straordinario<br />

Gelübde<br />

eintauchen<br />

Quelle<br />

immerwährend<br />

Hügel<br />

Damhirsch<br />

Adler<br />

Wanderfalke<br />

Wildschwein<br />

Fuchs<br />

Gänsegeier<br />

wild<br />

außergewöhnlich<br />

Il cavallo è l’ideale per immergersi nella natura, nelle<br />

tradizioni, nella storia di una terra, la <strong>Sicilia</strong>, che poi scopri<br />

non essere come ti aspetti. Foreste, laghi di montagna,<br />

sorgenti di acque perenni, colline e monti, verdi in<br />

primavera e bianchi in inverno, dove vivono daini, aquile,<br />

falchi pellegrini, cinghiali, volpi, grifoni e gatti selvatici.<br />

È questo il volto nascosto di un’isola straordinaria,<br />

13<br />

© S. Pons/F. Barbagallo<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2014


PALERMO<br />

Parco dei<br />

Nebrodi<br />

Parco delle<br />

Madonie<br />

SICILIA<br />

Etna<br />

14<br />

L’ENTROTERRA AUTENTICO E SCONOSCIUTO<br />

Qui, in senso orario: Peppe, pastore di Castellana Sicula, mostra le provole<br />

fatte in casa; sulla cima del Monte Carbonara, nel Parco delle Madonie;<br />

il castello dei Ventimiglia a Castelbuono; vista sull’Etna dal Parco<br />

dei Nebrodi. Nell’altra pagina: l’entrata del castello dei Ventimiglia.<br />

© Huber/Sime<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2014


VIAGGI<br />

Al passo, al trotto,<br />

al galoppo,<br />

attraversando foreste<br />

e paesini silenziosi.<br />

protetto<br />

l’angolo<br />

del posto<br />

addestrare<br />

maggiore<br />

l’itinerario<br />

a fondo<br />

partecipare<br />

il pellegrinaggio<br />

tornare<br />

in mente<br />

vasto<br />

la pianta<br />

il paesaggio<br />

il pastore<br />

dedicarsi<br />

la capanna<br />

il tronco<br />

le frasche pl.<br />

bruciare<br />

mostrare<br />

magistralmente<br />

geschützt<br />

Winkel<br />

einheimisch<br />

zureiten<br />

größter<br />

Route<br />

eingehend<br />

teilnehmen<br />

Wallfahrt<br />

als Erinnerung<br />

bleiben<br />

ausgedehnt<br />

Pflanze<br />

Landschaft<br />

Hirt<br />

sich<br />

widmen<br />

Hütte<br />

Stamm<br />

Laub<br />

abbrennen<br />

zeigen<br />

meisterhaft<br />

il caciocavallo: birnenförmiger<br />

Hartkäse<br />

confessare gestehen<br />

la comodità Bequemlichkeit<br />

il legno Holz<br />

scomparire verschwinden<br />

l’anima Seele<br />

lo scalpiccio Klappern<br />

lo zoccolo Huf<br />

medievale mittelalterlich<br />

suggestivo bezaubernd<br />

sontuoso hier: üppig<br />

l’agriturismo Ferienbauernhof<br />

la stagione Jahreszeit<br />

la melanzana Aubergine<br />

il carciofo Artischocke<br />

il fungo Pilz<br />

il peperone Paprika<br />

la zucca Kürbis<br />

l’asparago Spargel<br />

a chilometro aus der<br />

zero Region<br />

trionfale hier: großartig<br />

protetta per il 12% da parchi e riserve naturali. Un territorio<br />

tutto da scoprire, fino negli angoli più belli e nascosti<br />

e, credetemi, farlo a cavallo è un’esperienza unica.<br />

Lo deve aver pensato anche Paolo Cricchio quando<br />

ha cominciato la sua attività, proprio con l’idea di condividere<br />

la sua passione per il nobile quadrupede e per la<br />

sua <strong>Sicilia</strong>. Paolo è un giovane del posto che ha imparato<br />

negli Stati Uniti come addestrare i cavalli con metodi naturali.<br />

Oggi organizza viaggi di una settimana a cavallo<br />

nei tre maggiori parchi siciliani.<br />

C’è un itinerario che permette di visitare a fondo<br />

le “Dolomiti di <strong>Sicilia</strong>”, le Madonie. Un altro, la “Tran-<br />

<strong>Sicilia</strong>na”, parte dal Parco delle Madonie e raggiunge il<br />

Parco dell’Etna attraversando il Parco dei Nebrodi. Un<br />

terzo porta sino al paesino di montagna di Capizzi, sui<br />

Monti Nebrodi, per partecipare a uno dei più antichi e<br />

frequentati pellegrinaggi a cavallo d’Europa, la Festa di<br />

Sant’Antonio da Padova.<br />

Le immagini che tornano in mente, dopo aver partecipato<br />

a uno di questi viaggi, sono tante: vaste foreste,<br />

tante specie di animali selvatici e di piante, paesaggi<br />

grandiosi e incontri con pastori locali, come lo zio<br />

Peppe (’U zù Peppe), un anziano pastore che produce<br />

con metodi tradizionali eccezionali formaggi tipici delle<br />

Madonie. Ha uno stile di vita arcaico e si dedica notte<br />

e giorno ai suoi animali. Fino allo scorso anno abitava<br />

in una capanna di pietre, tronchi e frasche, non molto<br />

diversa dalle più tipiche abitazioni di pastori utilizzate<br />

sin dal Neolitico. Durante l’ultimo inverno è bruciata ed<br />

è stata ricostruita più grande e confortevole, con un tetto<br />

normale, un bagno e la doccia, come ha voluto suo figlio,<br />

che lavora con lui. ’U zù Peppe ci ha mostrato come realizza<br />

magistralmente a mano il suo caciocavallo e ci ha<br />

confessato, rigorosamente in dialetto, che, nonostante le<br />

comodità della nuova dimora, “con quelle pietre e legni<br />

antichi della vecchia capanna, è scomparsa anche parte<br />

della mia anima”.<br />

Al passo, al trotto e, quando possibile, al galoppo, in<br />

un viaggio senza tempo, attraversando paesaggi e ricordi,<br />

con ancora nelle orecchie lo scalpiccio degli zoccoli<br />

che risuona nei vicoli di villaggi medievali. Le soste<br />

idilliache in qualche angolo suggestivo per un picnic e,<br />

dopo una lunga giornata, la cena sontuosa in agriturismo,<br />

per godere della cucina siciliana, così ricca di sapori<br />

e odori unici, che cambiano a seconda delle stagioni. Melanzane,<br />

zucchine, carciofi, funghi e verdure selvatiche,<br />

pomodori, peperoni, zucche, broccoli, asparagi e tanti<br />

altri prodotti locali a “chilometro zero” permettono di<br />

creare un’infinità di antipasti ricchi e inattesi, paste fuori<br />

del comune e trionfali piatti di carne.<br />

15<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2014


16<br />

CAVALLI E CULTURA<br />

EQUESTRE IN SICILIA<br />

Forse non tutti lo sanno,<br />

ma i Greci sono i primi a<br />

importare in <strong>Sicilia</strong> cavalli<br />

di alta qualità. Si tratta di cavalli<br />

orientali, provenienti dalla<br />

Mesopotamia. Questi cavalli<br />

trovano in <strong>Sicilia</strong> un ambiente<br />

simile a quello cui erano<br />

abituati, ma con suolo e foraggio<br />

migliori. Possono così<br />

fortificare le ossa e diventare<br />

più alti, robusti e, soprattutto<br />

veloci, tanto che ai Giochi<br />

Olimpici dell’antichità, le gare<br />

equestri sono spesso vinte<br />

dai cavalli di Siracusa. I Romani<br />

poi, importano e allevano<br />

sull’isola migliaia di cavalli<br />

della razza Equus Italicus,<br />

che incrociano con gli orientali<br />

locali per ottenere un cavallo<br />

più veloce e resistente.<br />

Con l’invasione araba arrivano<br />

in <strong>Sicilia</strong> oltre 10.000 cavalli<br />

arabi e berberi. Durante il<br />

dominio normanno, arrivano<br />

cavalli da battaglia di grossa<br />

taglia. Altri cavalli vengono<br />

portati dai Celti provenienti<br />

dall’attuale Lombardia, che<br />

colonizzano i Monti Nebrodi.<br />

Sono i creatori della razza di<br />

cavalli Sanfratellani, forti e<br />

neri, che ancora oggi vivono<br />

allo stato brado nelle montagne.<br />

La presenza di cavalli favorisce,<br />

in <strong>Sicilia</strong>, lo sviluppo di<br />

una raffinata cultura equestre.<br />

Nel Castello di Castelbuono,<br />

sulle Madonie, il principe Giovanni<br />

III Ventimiglia, istituisce<br />

nel 1595 l’Accademia della<br />

Stella, la prima della storia<br />

moderna.<br />

Nel XIX secolo, Ferdinando<br />

I delle Due Sicilie che, come<br />

si dice, amava davvero solo<br />

le donne e i cavalli, crea un<br />

grande allevamento sui Monti<br />

Sicani, vicino al paesino di<br />

Ficuzza, dove fa incrociare<br />

fattrici di cavalli siciliani selezionati<br />

con stalloni andalusi<br />

per creare un “nuovo” cavallo<br />

da battaglia per la cavalleria<br />

leggera, più veloce, agile, resistente<br />

e anche molto bello,<br />

per stupire in parata.<br />

Purtroppo Ferdinando II delle<br />

Due Sicilie, re dal 1830, non<br />

ha alcun interesse per i cavalli.<br />

Fa così vendere tutti gli animali<br />

e chiudere gli allevamenti.<br />

Un patrimonio genetico di<br />

estrema rilevanza stava per<br />

DESTRIERI ANTICHI<br />

La scultura greca di un cavallo al<br />

galoppo ricorda quanto sia antico<br />

il rapporto tra l’uomo e questo<br />

straordinario animale.<br />

equestre Pferdeil<br />

foraggio Futter<br />

fortificare stärken<br />

l’osso Knochen<br />

la gara Rennen<br />

vincere gewinnen<br />

incrociare kreuzen<br />

ottenere erhalten<br />

resistente widerstandsfähig<br />

la battaglia Schlacht<br />

la taglia Größe<br />

favorire fördern<br />

lo sviluppo Entwicklung<br />

istituire einrichten<br />

le Due Sicilie: hier, Königreich<br />

beider Sizilien (1816-1861)<br />

la fattrice Zuchtstute<br />

lo stallone Hengst<br />

andare perduto. Per fortuna,<br />

alcune nobili famiglie siciliane<br />

acquistano un certo numero<br />

di stalloni e fattrici. Tra queste,<br />

la famiglia dei Salamone,<br />

baroni di Tusa, che ancora<br />

oggi alleva i migliori esemplari<br />

di Indigeno siciliano.<br />

La terza razza siciliana è<br />

quella del Purosangue<br />

agile wendig<br />

stupire beeindrucken<br />

la parata Parade<br />

il patrimonio Erbe<br />

nobile adelig<br />

acquistare erwerben<br />

l’anagrafe equina: Pferderegister<br />

autoctono einheimisch<br />

in via di vom Aussterestinzione<br />

ben bedroht<br />

comparare vergleichen<br />

la raffigurazione Darstellung<br />

notare feststellen<br />

l’aplotipo Haplotyp<br />

deleterio schädlich<br />

mirare abzielen<br />

arcuato bogenförmig<br />

orientale siciliano (Pso),<br />

nata ufficialmente nel 1875,<br />

data in cui viene istituito lo<br />

Stud Book, ovvero l’anagrafe<br />

equina, di questi cavalli. Importati<br />

dal Libano e dalla Siria<br />

per il “Regio Deposito Stalloni”<br />

di Catania, vengono utilizzati<br />

per migliorare i cavalli<br />

militari e per essere allevati<br />

in purezza. Dopo tante generazioni<br />

la razza è diventata<br />

autoctona. Oggi ne esistono<br />

solo 190 esemplari, sotto<br />

la protezione dell’Unesco<br />

come specie<br />

in via di estinzione. Se<br />

si comparano con i cavalli<br />

orientali importati dai<br />

greci che conosciamo dalle<br />

raffigurazioni su vasi e monete<br />

notiamo che la forma della<br />

testa e le proporzioni sono<br />

molto simili. Studi genetici dimostrano<br />

che il Dna del Purosangue<br />

orientale siciliano<br />

proviene da un solo aplotipo<br />

e non presenta il mix di sangue<br />

tipico dei cavalli arabi di<br />

oggi, “costruiti” per seguire la<br />

deleteria moda attuale, che<br />

mira a ottenere “nasi all’insù<br />

e colli sempre più arcuati”.<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2014


VIAGGI<br />

A cavallo sui sentieri<br />

lungo il fiume Flascio,<br />

diretti all’Etna.<br />

Il riposo e poi di nuovo in sella a questi animali che<br />

non sono cavalli qualunque. La loro storia è antica e complessa,<br />

come quella dei siciliani. Nel Paleolitico, quando<br />

la <strong>Sicilia</strong> era ancora unita al continente, arrivano genti dal<br />

Nord, poi navigatori dall’Africa (i Siculi), seguiti da popolazioni<br />

dell’Italia centrale (i Sicani). Giungono poi i Fenici<br />

e i Greci, i Romani, i Bizantini, gli Arabi, i Normanni, i Tedeschi,<br />

i Francesi, gli Spagnoli e, per pochi anni, persino<br />

gli Inglesi e gli Austriaci. Tutti questi conquistatori hanno<br />

lasciato il loro Dna nel dialetto locale, negli occhi spesso<br />

azzurri dei siciliani, nei capelli neri, ma anche biondi o<br />

rossi, nella pelle, molto chiara o molto scura. Le loro diverse<br />

culture si ritrovano in castelli, monasteri, moschee,<br />

chiese e case che si raggiungono su<br />

strade lastricate di pietra e antichi<br />

sentieri. Anche nel Dna dei cavalli<br />

siciliani si ritrovano tracce degli<br />

antenati orientali, arabi, berberi, andalusi,<br />

normanni, lombardi, portati<br />

in <strong>Sicilia</strong> dal conquistatore di turno<br />

(vedi box a pag.16).<br />

Sulle Madonie attraversiamo<br />

al passo i centri storici medievali<br />

di Castelbuono e Gratteri, per poi<br />

arrampicarci sulle cime dei Monti<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2014<br />

unito a<br />

la gente<br />

giungere<br />

il Fenicio<br />

il conquistatore<br />

il castello<br />

il monastero<br />

Kleine Gruppen<br />

Italienischkurse auf einem Segelboot<br />

Kochkurse<br />

Freizeitaktivitäten<br />

Unterkunft<br />

Bildungsurlaub<br />

vereint mit<br />

Volk<br />

(an)kommen<br />

Phönizier<br />

Eroberer<br />

Burg<br />

Kloster<br />

lastricato<br />

di pietra<br />

il sentiero<br />

la traccia<br />

l’antenato<br />

di turno<br />

la cima<br />

godere<br />

la mandria<br />

mit Steinpflaster<br />

Pfad<br />

Spur<br />

Vorfahr<br />

jeweilig<br />

Gipfel<br />

genießen<br />

Rudel<br />

Carbonara e San Salvatore, dalle quali si godono panorami<br />

mozzafiato. Qui possiamo ammirare lo spettacolo<br />

della natura, con le mandrie di daini al pascolo nelle<br />

ITALIENISCH LERNEN, SIZILIEN ERLEBEN!<br />

address:<br />

via Ryolo, 20 Milazzo<br />

phone:<br />

+39 090 928 32 14<br />

web:<br />

www.laboling.com<br />

email:<br />

info@laboling.com


VIAGGI<br />

18<br />

La festa a cavallo più<br />

grande d’Europa<br />

Il 1° e il 2 settembre di ogni anno, nel paesino di<br />

Capizzi, sui Monti Nebrodi, si festeggia la Festa<br />

di Sant’Antonio da Padova. Le sue origini risalgono<br />

al XIII secolo e oggi è fra le feste religiose a cavallo<br />

con più partecipanti in Europa. Si festeggia Sant’Antonio<br />

da Padova che, durante il suo lungo viaggio in<br />

<strong>Sicilia</strong>, dorme una notte in un vasto pianoro boscoso<br />

sui Monti Nebrodi, chiamato Piano della Cannella.<br />

La sera del 1° settembre, i cavalieri si riuniscono nella<br />

piazza della chiesetta di Sant’Antonio. Gridano<br />

“Viva Dio e Sant’Antonino” e spostano la statua del<br />

Santo dall’altare maggiore al fercolo di legno posizionato<br />

al centro della chiesa. Poi si festeggia il Santo<br />

con le musiche della banda e pane di Sant’Antonio,<br />

vino, formaggi e salumi distribuiti gratis. La mattina<br />

dopo, quando è ancora buio, quelli che hanno deciso<br />

di fare il voto di raggiungere il Piano della Cannella<br />

a piedi, alcuni addirittura scalzi, visitano la chiesa per<br />

recitare una preghiera prima di incamminarsi lungo il<br />

sentiero che porta in montagna. Subito dopo, arrivano<br />

quelli che partecipano al pellegrinaggio a cavallo.<br />

Raggiungono la chiesetta in sella, recitano una preghiera<br />

e partono anche loro per la montagna. A cavallo<br />

ci vogliono circa tre ore per arrivare al pianoro.<br />

Lassù, tutti partecipano<br />

festeggiare feiern alla messa. Poi il sacro lascia<br />

posto al profano. Chi<br />

risalire a qc. auf etw.<br />

zurückgehen<br />

il pianoro Hochebene è venuto in automobile tira<br />

riunirsi sich ver- fuori dal bagagliaio quarti<br />

sammeln di pecora e di maiale, salsicce,<br />

prosciutti, formaggi,<br />

spostare bringen<br />

il fercolo: Baldachin<br />

il salume Wurst(ware) pasta al forno e altre specialità<br />

tipiche della gastro-<br />

distribuito verteilt<br />

la preghiera Gebet<br />

la sella Sattel nomia locale. Si mangia e<br />

il bagagliaio Kofferraum si beve all’ombra degli<br />

la pecora Schaf alberi. Dopo una pennichella,<br />

si torna in paese,<br />

l’ombra Schatten<br />

il maiale Schwein<br />

la penni-<br />

dove cavalli e cavalieri<br />

chella Schläfchen sfilano per le strade del<br />

sfilare ziehen<br />

centro fra due ali di folla<br />

l’ala Flügel<br />

la folla Menge che applaude.<br />

radure, i voli di aquile imperiali<br />

la radura Lichtung<br />

e falchi pellegrini,<br />

le fioriture di tante piante<br />

l’aquila<br />

imperiale Kaiseradler<br />

spontaneo natürlich<br />

endemiche e di orchidee<br />

wachsend<br />

spontanee, la morfologia il calcare Sandstein<br />

unica di queste montagne carbonatico Karbonatla<br />

di bianco calcare carbonatico,<br />

dolina Karsttrichter<br />

con doline, anfrat-<br />

l’anfratto Felsspalte<br />

la quercia Eiche<br />

ti e grotte. E sempre qui l’agrifoglio Stechpalme<br />

troviamo la più antica e<br />

il suolo Erdboden<br />

grande quercia d’Europa sciogliersi schmelzen<br />

lo sfondo Hintere<br />

il bosco di agrifogli più<br />

grund<br />

vasto e antico del mondo, pascolare weiden<br />

con piante da 300 a 800 allo stato<br />

anni d’età.<br />

brado wild (lebend)<br />

Quando si passa dalle il branco Herde<br />

Madonie ai Nebrodi, tutto<br />

cambia. Il suolo si fa morbido<br />

il suino Schwein<br />

e le foreste sono quasi ininterrotte. S’incontrano centi-<br />

naia di margi, piccoli laghetti che si formano in primavera<br />

quando si scioglie la neve, e, uno dopo l’altro, tanti laghi<br />

naturali perenni come il Maulazzo, il Biviere, il Cartolari<br />

o il Tre Arie. In questo paesaggio, con l’Etna sullo sfondo,<br />

pascolano allo stato brado branchi di cavalli Sanfratellani<br />

o di suini neri dei Nebrodi.<br />

Qui: i sentieri fra le distese<br />

di lava dell’Etna.<br />

Sopra: la festa di<br />

Sant’Antonio da Padova.<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2014


Klassisch<br />

Italienisch!<br />

Die schönsten Seiten auf Italienisch: Lebensart<br />

und Sprachtraining in einem. Jeden Monat neu.<br />

Jederzeit<br />

kündbar!<br />

Bestellen Sie jetzt!<br />

www.spotlight-verlag.de/flex<br />

+49 (0)89/8 56 81-16<br />

Sprachmagazin, Audio-Trainer und dalango in flexibler Laufzeit schon ab € 5,30 / SFR. 7,95. Änderungen vorbehalten.


Sprachen lernen und erleben<br />

Keine Mindestlaufzeit<br />

Schon ab € 5,30 im Monat<br />

Mit Geld-zurück-Garantie für<br />

noch nicht gelieferte Ausgaben<br />

Flexibel &<br />

jederzeit<br />

kündbar!<br />

Sprachmagazin – print oder E-Paper (PDF-Format)<br />

Unterhaltsame Lektüre und Sprachtraining in einem<br />

Spotlight<br />

Einfach Englisch!<br />

Écoute<br />

Typisch Französisch!<br />

Business Spotlight<br />

Englisch für den Beruf.<br />

ECOS<br />

Die Welt auf Spanisch.<br />

<strong>ADESSO</strong><br />

Die schönsten Seiten<br />

auf Italienisch.<br />

Deutsch perfekt<br />

Einfach Deutsch lernen.<br />

Begleitend dazu:<br />

Hörtraining –<br />

CD oder MP3-Download<br />

Ideal zum Lernen in der Freizeit<br />

oder auf dem Weg zur Arbeit<br />

dalango –<br />

Video-Sprachtraining online<br />

Mit abwechslungsreichen Übungen<br />

und authentischen Trainingssituationen<br />

Bestellen Sie jetzt!<br />

www.spotlight-verlag.de/flex<br />

+49 (0)89/8 56 81-16<br />

Sprachmagazin, Audio-Trainer und dalango in flexibler Laufzeit schon ab € 5,30 / SFR. 7,95. Änderungen vorbehalten.


Da sinistra: il paesino di<br />

Alcara Li Fusi, nel Parco<br />

dei Nebrodi; sulla spiaggia<br />

di Sant’Ambrogio a Cefalù.<br />

L’Etna, poi, ci regala un’emozione particolare. Un altro<br />

scenario: il suolo diventa quello nero o rossiccio delle<br />

distese di sabbia vulcanica, delle colate laviche recenti,<br />

ancora calde, o già colonizzate da specie vegetali. Procedendo<br />

a cavallo si possono osservare tutti gli stadi principali<br />

del lunghissimo processo di colonizzazione che,<br />

in circa sette secoli, ha riportato il bosco a crescere sulla<br />

colata lavica. Prima ci sono muschi e licheni, seguono<br />

festuche e graminacee, quindi astragali, seneci, romici<br />

e altre specie endemiche. Poi ecco la ginestra dell’Etna,<br />

una pianta capace di sgretolare la lava più dura e di creare<br />

le condizioni che permettono a betulle, pini, faggi e<br />

querce di insediarsi. È impressionante attraversare lo<br />

stretto sentiero fra i crateri dell’eruzione del 1991, che ha<br />

quasi investito la sottostante cittadina medievale di Randazzo.<br />

All’ultimo momento, la colata ha deviato il suo<br />

corso e si è fermata definitivamente a ridosso del fiume<br />

Alcantara. Eppure l’Etna non è un vulcano pericoloso. È<br />

sempre attivo ed è quindi come una bottiglia di champagne<br />

senza tappo: la pressione interna trova sfogo nei<br />

quattro crateri sommitali. Se e quando il magma scende<br />

lungo le pendici del vulcano, c’è sempre tutto il tempo<br />

di allontanarsi. Le centinaia di eruzioni che si sono verificate<br />

finora non hanno, infatti, mai provocato vittime. Il<br />

vulcano più grande d’Europa è soprattutto un ambiente<br />

naturale straordinario e vario e per questo è stato incluso<br />

nel Patrimonio mondiale dell’Unesco.<br />

Un viaggio indimenticabile, in una terra di struggente<br />

bellezza.<br />

SICILIA<br />

21<br />

rossiccio<br />

la distesa<br />

la sabbia<br />

la colata lavica<br />

procedere<br />

osservare<br />

lo stadio<br />

principale<br />

il muschio<br />

il lichene<br />

la festuca<br />

la graminacea<br />

l’astragalo<br />

il senecio<br />

il romice<br />

la ginestra<br />

rötlich<br />

Fläche<br />

Sand<br />

Lavastrom<br />

fortfahren, hier:<br />

weiterreiten<br />

beobachten<br />

Stadium<br />

wichtigster<br />

Moos<br />

Flechte<br />

Schwingel<br />

Süßgras<br />

Tragant<br />

Greiskraut<br />

Ampfer<br />

Ginster<br />

<strong>ADESSO</strong>plus<br />

Trovi un esercizio su<br />

questo tema nella rubrica<br />

Grammatica.<br />

sgretolare<br />

la betulla<br />

il faggio<br />

insediarsi<br />

impressionante<br />

investire<br />

sottostante<br />

deviare<br />

a ridosso<br />

di qc.<br />

pericoloso<br />

il tappo<br />

lo sfogo<br />

sommitale<br />

la pendice<br />

verificarsi<br />

la vittima<br />

vario<br />

il Patrimonio<br />

mondiale<br />

dell’Unesco<br />

struggente<br />

zerbröckeln<br />

Birke<br />

Buche<br />

sich ansiedeln<br />

beeindruckend<br />

treffen<br />

darunter<br />

liegend<br />

umlenken<br />

dicht<br />

bei etw.<br />

gefährlich<br />

Korken<br />

Ausbruch<br />

am Gipfel<br />

Hang<br />

stattfinden<br />

Opfer<br />

vielfältig<br />

Weltkulturerbe<br />

atemberaubend<br />

INFORMAZIONI<br />

SICILIA A<br />

CAVALLO<br />

Chi vuole scoprire la <strong>Sicilia</strong> in sella<br />

può rivolgersi a Sicily on Horseback,<br />

che da marzo a novembre organizza<br />

viaggi a cavallo.<br />

www.sicilyonhorseback.com<br />

tel. +39 340 6883596/<br />

+39 3478125470.<br />

MANGIARE<br />

RISTORANTE<br />

NANGALARRUNI<br />

Via delle Confraternite 10 Castelbuono<br />

(PA) tel. +390921 671428.<br />

www.hostarianangalarruni.it<br />

Gli ingredienti dei piatti provengono<br />

tutti dal Parco delle Madonie. Da<br />

provare il maialino nero al cartoccio<br />

in salsa di funghi.<br />

ROMITAGGIO DI SAN GUGLIELMO<br />

C.da San Guglielmo,<br />

Castelbuono (PA)<br />

tel. +39 0921 671323.<br />

www.romitaggio.it<br />

Il ristorante, che si trova all’interno<br />

di una suggestiva abbazia ristrutturata,<br />

propone piatti a base di<br />

ingredienti a chilometro zero, tra<br />

cui il cinghiale alle castagne.<br />

TRATTORIA SAN GIORGIO<br />

E IL DRAGO<br />

Piazza San Giorgio 28<br />

Randazzo (CT)<br />

tel. +39 0959 23972.<br />

A ridosso del Parco dei Nebrodi, la<br />

trattoria offre ottimi primi, come le<br />

mezzelune ripiene di melanzane e<br />

ricotta salata.<br />

© Huber/Sime<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2014


L’ITALIA IN DIRETTA<br />

DI VALERIA PALUMBO<br />

PERIFERIE ITALIANE<br />

Il dipinto La città che sale<br />

(1910-1911) di Umberto Boccioni;<br />

il quartiere Giambellino, alla<br />

periferia sud-ovest di Milano,<br />

che prende il nome da una delle<br />

sue due vie principali. Nell’altra<br />

pagina: il quartiere Bovisa,<br />

l’ex zona industriale a nord di<br />

Milano; il sito Internet di G124,<br />

il progetto di “rammendo” delle<br />

periferie voluto dall’architetto<br />

Renzo Piano; il quartiere popolare<br />

Zen (Zona espansione nord)<br />

a Palermo.<br />

22<br />

La periferia di nuovo al centro<br />

Städtische Betonwüsten fressen die Landschaften des Belpaese immer<br />

weiter auf. Doch wer hat die richtigen Ideen, um die Bausünden zu<br />

heilen: Berühmte Architekten oder kleine Bürgerinitiativen?<br />

in principio<br />

il dipinto<br />

lo sforzo<br />

l’erba<br />

la campagna<br />

legato<br />

il contadino<br />

proveniente da<br />

il suolo<br />

vasto<br />

turbato<br />

il danno<br />

arrecare<br />

l’alluvione f.<br />

l’esigenza<br />

porre rimedio<br />

il guasto<br />

am Anfang<br />

Gemälde<br />

Bemühung<br />

Gras<br />

hier: Umland<br />

verbunden<br />

Bauer<br />

aus<br />

Boden<br />

ausgedehnt<br />

beunruhigt<br />

Schaden<br />

zufügen<br />

Überschwemmung<br />

Erfordernis<br />

Abhilfe schaffen<br />

Schaden<br />

l’edilizia Bauwesen<br />

dissennato aberwitzig<br />

l’assessore (m.) für etw. zua<br />

qc. ständiger<br />

Stadtrat<br />

il sindaco Bürgermeister<br />

condannato verurteilt<br />

firmare unterzeichnen<br />

il sacco hier:<br />

Plünderung<br />

la colpa Schuld<br />

attribuire zuschreiben<br />

il/la geometra: Beruf, welcher u.a.<br />

die Vermessung und Bewertung<br />

von Liegenschaften sowie die Führung<br />

von Bauaufsichten umfasst<br />

puntare su setzen auf<br />

il risparmio Sparen<br />

IN PRINCIPIO FU LA CITTÀ CHE SALE, DIPINTO<br />

FUTURISTA DI UMBERTO BOCCIONI (1882-1916).<br />

Il quadro rappresenta lo sforzo titanico di trasformare<br />

Milano in una grande metropoli moderna. Lo sforzo è<br />

riuscito, ma a un costo altissimo. Là dove c’era l’erba ora c’è<br />

una città / e quella casa in mezzo al verde ormai dove sarà?...<br />

si chiedeva 50 anni dopo il cantante Adriano Celentano<br />

ne Il ragazzo della Via Gluck. Per crescere, infatti, Milano<br />

ha mangiato la sua campagna molto di più delle altre<br />

metropoli europee. Il motivo è legato alla grande migrazione<br />

interna tra il 1951 e il 1967, quando la popolazione<br />

milanese è cresciuta di ben 400.000 persone, in gran<br />

parte ex contadini provenienti sia dal Nord che dal Sud<br />

Italia. E così nel resto del paese: l’Italia è passata da poco<br />

più di 8.000 chilometri quadrati di suolo consumato nel<br />

1956 a oltre 20.000 nel 2010. Viene costruita ogni anno<br />

un’area vasta quanto Milano e Firenze messe insieme.<br />

L’opinione pubblica non è mai sembrata molto turbata<br />

dal fenomeno, nonostante i danni che arreca perfino al<br />

turismo e gli effetti disastrosi dell’erosione dei suoli dimostrati<br />

dalle frequenti alluvioni. Eppure è ormai evidente<br />

l’esigenza, estetica, ma soprattutto economica e<br />

sociale, di porre rimedio ai guasti di 70 anni di edilizia<br />

e urbanistica dissennate, spesso condizionati da pesanti<br />

interessi mafiosi e criminali. In una sola notte, ricorda il<br />

sito antimafiaduemila.com, l’allora assessore ai lavori pubblici<br />

di Palermo, Vito Ciancimino, poi sindaco e infine<br />

condannato per mafia, firmò 2.500 licenze edilizie. Ed è<br />

solo un episodio del cosiddetto “sacco di Palermo”.<br />

Per anni la colpa della<br />

crescita disordinata delle<br />

periferie è stata attribuita<br />

ai “geometri”, ovvero alla<br />

tendenza degli italiani<br />

a puntare sul risparmio.<br />

<strong>ADESSO</strong>audio<br />

Ascolta un brano<br />

radiofonico con un’intervista a<br />

Renzo Piano.<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2014


L’ITALIA IN DIRETTA<br />

© Carlo Rotondo<br />

© Carlo Rotondo<br />

clamoroso<br />

ideato<br />

il contraltare<br />

il serpentone<br />

celebre<br />

fallito<br />

l’equilibrio<br />

la colata<br />

il recupero<br />

il rammendo<br />

il contratto<br />

lo stipendio<br />

il bando<br />

la fondazione<br />

fornire indicazioni<br />

f. pl.<br />

eklatant<br />

entworfen<br />

hier: Gegenstück<br />

Riesenschlange<br />

berühmt<br />

gescheitert<br />

Gleichgewicht<br />

Guss<br />

Sanierung<br />

Flickerei<br />

Vertrag<br />

Gehalt<br />

Ausschreibung<br />

Stiftung<br />

Angaben<br />

machen<br />

la voce<br />

la riunione<br />

il luogo di<br />

aggregazione<br />

tangibile<br />

degradato<br />

avviato<br />

a rischio<br />

lacerato<br />

l’orto<br />

l’eredità<br />

riaccendere<br />

Menüpunkt<br />

Sitzung<br />

Versammlungsort<br />

greifbar<br />

verfallen<br />

auf den Weg<br />

gebracht<br />

gefährdet<br />

zerrissen<br />

Gemüsegarten<br />

Hinterlassenschaft<br />

wieder zum<br />

Leuchten<br />

bringen<br />

In realtà i guasti maggiori sono firmati dai grandi nomi<br />

dell’architettura. Uno dei casi più clamorosi è il quartiere<br />

popolare Zen di Palermo, ideato alla fine degli anni Sessanta<br />

da Vittorio Gregotti per circa 16.000 persone. Nella<br />

capitale gli fa da contraltare il Corviale, chiamato dai<br />

romani Serpentone: due palazzoni lunghi un chilometro,<br />

progettati nel 1972 da un team di architetti guidato da<br />

Mario Fiorentino. Altrettanto celebri le Vele di Scampia<br />

(Napoli): le ideò Franz Di Salvo nel 1962. In sintesi, si<br />

tratta di progetti di edilizia sociale falliti, ispirati alle utopie<br />

di cemento di Le Corbusier. Perfino in un luogo unico<br />

al mondo, Urbino, in perfetto equilibro tra arte e paesaggio,<br />

l’architetto Giancarlo De Carlo è riuscito a inserire<br />

la colata di cemento del quartiere La Pineta (1967-1969).<br />

Fa dunque un certo effetto, riguardo al recupero<br />

delle periferie, sentir parlare di “rammendo”, se a farlo<br />

è un grande architetto, oggi senatore a vita, come Renzo<br />

Piano. L’archistar ha costituito un gruppo di lavoro<br />

chiamato G124 (www.renzopianog124.com). Nel gruppo<br />

“lavorano con contratto annuale sei giovani architetti<br />

(tre donne e tre uomini) pagati con lo stipendio da parlamentare<br />

di Renzo Piano… Ogni anno i sei architetti<br />

verranno sostituiti da altri sei, selezionati attraverso un<br />

bando”. Questo e poco altro è quanto ci ha scritto la<br />

Fondazione Piano, che non ha voluto fornire altre indicazioni.<br />

Sul sito, la voce “progetti” è vuota. C’è il video<br />

della prima riunione, il 19 dicembre 2013, e ci sono<br />

vari articoli che parlano del progetto. Le linee guida del<br />

progetto G124 sono indicate alla pagina Venti punti per<br />

la riqualificazione. In sostanza, si tratta di operare piccoli<br />

interventi di miglioramento che riguardano “l’adeguamento<br />

energetico, il consolidamento e il restauro degli<br />

edifici pubblici, i luoghi d’aggregazione, la funzione del<br />

verde, il trasporto pubblico e i processi partecipativi per<br />

coinvolgere gli abitanti nella riqualificazione del quartiere<br />

dove vivono”. Le intenzioni certo sono buone, ma, al<br />

momento, di concreto non c’è niente.<br />

Nell’attesa, appare più tangibile ciò che è stato fatto a<br />

Torino con Rigenerazione urbana (www.comune.torino.it/<br />

rigenerazioneurbana/recuperourbano/intro.htm) un programma<br />

di progetti, molti dei quali già conclusi, per la riqualificazione<br />

dei quartieri degradati con il coinvolgimento<br />

di soggetti pubblici e privati e finanziati in parte da fondi<br />

europei, ministeriali e regionali, in parte dalla città.<br />

Sempre più vivaci sono le attività avviate dagli abitanti<br />

dei quartieri più a rischio, soprattutto a Milano, a cominciare<br />

dalla Bovisa, una zona lacerata tra palazzoni e orti<br />

urbani. Dopo le utopie edilizie e sociali degli anni Settanta<br />

e la loro eredità di cemento e solitudine, sembra essere<br />

partita, dal basso, la voglia di riaccendere i colori.<br />

Valeria Palumbo: Chefredakteurin der Monatszeitschrift<br />

L’Europeo, Mitglied in den italienischen Gesellschaften<br />

der Historikerinnen und der Literatinnen.<br />

Autorin zahlreicher Bücher in erster Linie über Frauen.<br />

Gebürtige Römerin, lebt und arbeitet in Mailand.<br />

23<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2014


INTERVISTA - GABRIELE DEL GRANDE<br />

IL TRAFFICANTE<br />

DI LIBERTÀ<br />

Testo: Marina Collaci<br />

Menschliche Schicksale treiben ihn um: Der Journalist und Gründer der Beobachtungsstelle<br />

„Fortress Europe“ Gabriele Del Grande hat sich zwischen<br />

Afrika, Europa und dem Nahen Osten auf die Spuren der Verfolgten gemacht.<br />

In seinem kürzlich gedrehten Film macht er sich sogar für sie strafbar.<br />

24<br />

È STATO IL PRIMO, IN ITALIA, A REAGIRE ALLE<br />

TRAGEDIE CHE SI CONSUMANO OGNI GIORNO<br />

NEL MAR MEDITERRANEO. Lo indignava la freddezza<br />

con cui i giornali registravano i morti affogati e voleva<br />

dare un nome e un volto ai tanti ragazzi partiti dall’Africa<br />

nella speranza di una vita migliore e morti in mare a<br />

20 anni, o ancor prima durante la traversata del deserto.<br />

Gabriele Del Grande aveva 24 anni nel 2006 quando, da<br />

solo, ha creato un blog per contare i morti accertati, che<br />

dal 1988 sono almeno 19.720. Si chiama Fortress Europe,<br />

“Fortezza Europa”, ed è diventato un punto di riferimento<br />

per chi si occupa di immigrazione, con una media<br />

di 2.000 visite al giorno. Nel 2006 Gabriele è partito per il<br />

suo primo viaggio, da Roma verso l’Africa, per ripercorrere<br />

a ritroso le rotte dell’immigrazione. Ha attraversato<br />

il Marocco, la Mauritania, il Senegal e il Mali, ha camminato<br />

nel deserto del Sahara verso la frontiera algerina,<br />

è stato in Turchia, in Grecia e in Tunisia, da dove è stato<br />

espulso per le sue indagini. Ha ascoltato i racconti dei<br />

sopravvissuti ed è andato a trovare le famiglie di chi ha<br />

perso la vita, nello sforzo di custodire i nomi e la memoria<br />

di un’intera generazione.<br />

Il tuo ultimo progetto è un film che è anche un’autodenuncia.<br />

Di che cosa si tratta? Io sto con la sposa è<br />

tante cose: è un documentario, un film e un’azione<br />

politica. Io vivo a Milano, sono andato in Siria durante<br />

consumarsi<br />

indignare<br />

il morto<br />

affogato<br />

il volto<br />

la traversata<br />

il deserto<br />

creare<br />

accertato<br />

il punto di<br />

riferimento<br />

occuparsi<br />

la media<br />

ripercorrere<br />

a ritroso<br />

la rotta<br />

la frontiera<br />

espellere<br />

l’indagine f.<br />

sich abspielen<br />

empören<br />

Ertrunkener<br />

Gesicht<br />

Durchquerung<br />

Wüste<br />

erschaffen<br />

gesichert<br />

Bezugspunkt,<br />

Anlaufstelle<br />

sich befassen<br />

Durchschnitt<br />

entlangfahren<br />

rückwärts<br />

Weg, Route<br />

Grenze<br />

ausweisen<br />

Nachforschung<br />

il sopravvissuto<br />

lo sforzo<br />

custodire<br />

intero<br />

l’autodenuncia<br />

trattarsi<br />

la sposa<br />

affezionarsi a<br />

qc.<br />

la terra<br />

scappato<br />

sbarcare<br />

la Svezia<br />

ospitare<br />

la disobbedienza<br />

il favoreggiamento<br />

clandestino<br />

Überlebender<br />

Bemühung<br />

hüten<br />

ganz<br />

Selbstanzeige<br />

sich handeln<br />

Braut<br />

etw. ins Herz<br />

schließen<br />

Land, Region<br />

geflohen<br />

an Land gehen<br />

Schweden<br />

aufnehmen<br />

Ungehorsam<br />

Förderung<br />

illegal<br />

la guerra e mi sono affezionato a quella terra, a quella<br />

gente. Insieme a un amico palestinese ho incontrato siriani<br />

e palestinesi scappati dalla guerra. Erano sbarcati<br />

a Lampedusa e arrivavano tutti a Milano per pagare un<br />

contrabbandiere e continuare il viaggio verso la Svezia,<br />

perché per loro l’Italia è solo un paese di transito. Diventiamo<br />

amici di alcuni di loro, nel senso che li ospitiamo<br />

a casa e decidiamo di dargli una mano: di portarli noi in<br />

Svezia e di fare così un’azione di disobbedienza civile, di<br />

favoreggiamento dell‘immigrazione clandestina. Quindi<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2014


INTERVISTA<br />

Gabriele Del Grande è nato a<br />

CHI È<br />

Lucca nel 1982 e si è laureato in<br />

Studi orientali a Bologna. Nel 2006 ha<br />

fondato [fondare: gründen] un osservatorio<br />

[Beobachtungsstelle] sulle vittime della<br />

frontiera chiamato Fortress Europe. È<br />

autore di diversi libri-reportage, alcuni dei<br />

quali tradotti anche in tedesco: Mamadou<br />

va a morire (Infinito edizioni, 2007;<br />

Mamadous Fahrt in den Tod, Loeper, 2008);<br />

Roma senza fissa dimora [fester Wohnsitz]<br />

(Infinito edizioni, 2009), il racconto di tre<br />

settimane vissute per le strade di Roma<br />

con i senza tetto [Obdachloser], e Il Mare di<br />

mezzo (Infinito edizioni, 2010; Das Meer<br />

zwischen uns, Loeper, 2011). Con il<br />

videoartista Antonio Augugliaro e il poeta<br />

palestinese-siriano Khaled Soliman Al<br />

Nassiry, è autore del film documentario Io<br />

sto con la sposa, in cui si autodenuncia per<br />

favoreggiamento dell’immigrazione<br />

clandestina.<br />

ci improvvisiamo trafficanti per una settimana, ovviamente<br />

senza scopo di lucro, perché crediamo che tutti<br />

abbiano il diritto di viaggiare. E poiché abbiamo paura,<br />

se ci fermano alla frontiera, che ci arrestino, decidiamo<br />

di inventarci una strategia: ci travestiamo da invitati a<br />

un matrimonio che non c’è. Quindi portiamo cinque<br />

persone dal parrucchiere, andiamo a comprarci giacca<br />

e cravatta, l’abito bianco della sposa. Chiamiamo una<br />

trentina di amici nostri che fanno gli invitati al matrimonio,<br />

mettiamo i fiocchi bianchi del matrimonio sulle macchine<br />

e partiamo per questa avventura, un viaggio che<br />

attraversa l’Europa e ci porta in Svezia. Su tutto questo<br />

abbiamo fatto un film di autodenuncia, perché ci autodenunciamo.<br />

Questa “fortezza” Europa è davvero barricata dietro<br />

un muro invalicabile? In Europa non ci sono frontiere.<br />

Noi abbiamo passato quattro o cinque frontiere e non ci<br />

ha mai fermato nessuno. Però ci sono le pattuglie di frontiera<br />

che fermano le persone e le arrestano, magari su un<br />

treno, per cui i confini ci sono, eccome! Ma sono fermate<br />

solo le persone sospette, gli stranieri e i poveri. Per questo<br />

noi ci siamo travestiti da gente benestante e felice.<br />

improvvisarsi<br />

senza scopo<br />

di lucro<br />

arrestare<br />

inventarsi qc.<br />

travestirsi<br />

il matrimonio<br />

la trentina<br />

il fiocco<br />

l’avventura<br />

la fortezza<br />

invalicabile<br />

la pattuglia<br />

jdn. spielen<br />

ohne Gewinnabsicht<br />

festnehmen<br />

etw. erfinden<br />

sich verkleiden<br />

Hochzeit<br />

dreißig<br />

Schleife<br />

Abenteuer<br />

Festung<br />

unüberwindlich<br />

Patrouille<br />

etw. können<br />

Haupt-<br />

Möglichkeit<br />

Botschaft<br />

Unterlagen<br />

bekommen<br />

il confine<br />

sospetto<br />

lo straniero<br />

benestante<br />

la responsabilità<br />

il visto<br />

essere in grado<br />

di fare qc.<br />

principale<br />

il modo<br />

l’ambasciata<br />

fare le carte<br />

Grenze<br />

verdächtig<br />

Ausländer<br />

wohlhabend<br />

Verantwortung<br />

Visum<br />

Quali dirette responsabilità hanno l’Italia e la Germania<br />

nella tragedia dei morti nel mare? La prima<br />

responsabilità è la politica dei visti. Se ogni anno circa<br />

40.000 persone prendono il mare è perché non hanno<br />

avuto il visto. Non parliamo di cifre in grado di mettere<br />

in crisi le politiche migratorie, ma parliamo di 40.000<br />

persone, che per un continente sono una cifra piccola.<br />

La principale responsabilità politica dell’Europa è questa:<br />

non semplificare le procedure sui visti e non dare<br />

modo a quelle persone di salire su un aereo. Finché le<br />

porte dell’ambasciata rimarranno chiuse, le persone si<br />

metteranno in mare. Io ho<br />

TRA FINZIONE E REALTÀ<br />

L’impegno del giornalista<br />

Gabriele Del Grande per i rifugiati,<br />

lo ha spinto a girare un film<br />

documentario per cui rischia di<br />

essere punito dalla legge.<br />

Qui accanto alcune scene del<br />

film Io sto con la sposa, la homepage<br />

dell’osservatorio Fortress<br />

Europe e un gruppo di profughi<br />

nel campo di Ras Jdir in Tunisia.<br />

un amico giornalista siriano<br />

che in questo momento<br />

sta ad Aleppo. Abbiamo<br />

provato a fare le carte<br />

con l’ambasciata siriana a<br />

Istanbul ed è praticamente<br />

impossibile avere un<br />

visto per la moglie e i tre<br />

25


INTERVISTA<br />

Gabriele Del<br />

Grande (32) e<br />

Antonio Augugliaro,<br />

coregista<br />

del film.<br />

Mi piace<br />

viaggiare<br />

cucinare<br />

ho una bimba [kleines Mädchen ] di un anno,<br />

quindi direi che mi piacciono i bambini.<br />

Non mi piace<br />

la gente che si prende troppo sul serio<br />

il freddo<br />

la guerra<br />

26<br />

© Foto gentile concessione G. Del Grande<br />

figli, e parliamo di una famiglia di condizione medio-alta,<br />

benestante, capace di mantenersi, una volta arrivata.<br />

L’Europa vive ancora con questa sindrome dell’invasore;<br />

un errore che, secondo me, più che politico è narrativo:<br />

è un’Europa che ancora si racconta di poter controllare<br />

l’immigrazione. La musica invece è un’altra. Gli sbarchi<br />

sono la conseguenza e non la causa dei divieti sui visti.<br />

Se non riesci a passare la dogana, ci passi accanto, con o<br />

senza il timbro; dipende da quanto si è disposti a pagare.<br />

Le notizie dei morti in mare arrivano ogni giorno<br />

e occupano un piccolo spazio in fondo alla pagina del<br />

giornale. Ritieni che esistano cittadini di serie A e cittadini<br />

di serie B? Certo, 300 siriani morti ogni giorno da<br />

tre anni a questa parte, quindi più di 300.000 morti, non<br />

fanno notizia, ma un giornalista italiano sequestrato in<br />

Siria prende la prima pagina dei giornali per giorni e<br />

giorni. L’Italia vive un forte provincialismo e si ritiene<br />

l’ombelico del mondo. Il motto è: tutto ciò che succede<br />

fuori dell’Italia non c’interessa. Se avessimo un giornalismo<br />

radicato nella contemporaneità dovremmo aprire<br />

di condizione<br />

medio-alta<br />

mantenersi<br />

l’invasore m.<br />

narrativo<br />

il divieto<br />

la dogana<br />

il timbro<br />

disposto<br />

di serie A<br />

da qc. a questa<br />

parte<br />

sequestrato<br />

l’ombelico del<br />

mondo<br />

radicato<br />

la cattiveria<br />

essere tenuto<br />

in cattività<br />

il naufragio<br />

l’inviato<br />

hier: aus der<br />

gehobenen<br />

Mittelschicht<br />

für seinen<br />

Unterhalt<br />

aufkommen<br />

Eindringling<br />

hier: in der<br />

Darstellung<br />

Verbot<br />

Zoll<br />

Stempel<br />

bereit<br />

hier: 1. Klasse<br />

seit etw.<br />

entführt<br />

Nabel der Welt<br />

verwurzelt<br />

böse Absicht<br />

in Gefangenschaft<br />

gehalten<br />

werden<br />

Schiffbruch<br />

Korrespondent<br />

commovente<br />

la scrivania<br />

trasferirsi<br />

licenziarsi<br />

fare la gavetta<br />

proporre<br />

il contratto a<br />

tempo<br />

indeterminato<br />

l’interprete m./f.<br />

l’autista m./f.<br />

la scorta<br />

fare di necessità<br />

virtù<br />

il vantaggio<br />

notevole<br />

aspettarsi qc.<br />

la fonte<br />

il cadavere<br />

l’atrocità<br />

venire a galla<br />

tenersi più<br />

stretti a qc.<br />

bewegend<br />

Schreibtisch<br />

umziehen<br />

kündigen<br />

von der Pike<br />

auf lernen<br />

anbieten<br />

unbefristeter<br />

Vertrag<br />

Dolmetscher, -in<br />

Fahrer, -in<br />

Begleitschutz<br />

aus der Not<br />

eine Tugend<br />

machen<br />

Vorteil<br />

erheblich<br />

etw. erwarten<br />

Quelle<br />

Leiche<br />

Grausamkeit<br />

herauskommen<br />

sich enger an<br />

etw. festhalten<br />

il giornale e vedere cosa succede ogni giorno in Cina, in<br />

Africa. Ma non è cattiveria: i giornalisti sono capaci di<br />

fare il loro lavoro, ma sono tenuti in cattività dalle redazioni.<br />

Quando ci fu il naufragio del 3 ottobre, ad esempio,<br />

con più di 200 morti a pochi metri dalle spiagge di<br />

Lampedusa, fu una cosa talmente grande che quasi tutti<br />

i giornali mandarono un inviato. In quei giorni leggemmo<br />

racconti commoventi e reportage bellissimi. Ma il<br />

giornalismo italiano oggi si fa seduti alla scrivania, con<br />

le agenzie di Internet.<br />

Parti senza soldi, comunichi via Internet con i ragazzi<br />

tunisini o siriani e ti trasferisci a casa loro quando fai<br />

un reportage. Pensi sia cambiato il modo di fare giornalismo,<br />

al tempo di Facebook e Skype?<br />

Io mi sono licenziato per fare questo lavoro. Prima lavoravo<br />

per il Redattore sociale, che è un’agenzia stampa di<br />

Roma (vedi <strong>ADESSO</strong> 01/14). Ho fatto un anno di gavetta e,<br />

dopo lo stage, mi avevano proposto un contratto a tempo<br />

indeterminato. Ma io volevo raccontare storie, incontrare<br />

la gente. Certo, il giornalista di solito arriva in Siria con<br />

interprete, autista e scorta, e spende 1.000 dollari al giorno.<br />

Io non me lo potevo permettere perché non mi mandava<br />

nessuno, ma ho fatto di necessità virtù e, facendo<br />

l’autostop, ho imparato l’arabo, un vantaggio notevole…<br />

Ti sei sentito solo, in questi tuoi viaggi e con il tuo<br />

interesse per la vita privata dei ragazzi immigrati? Sì e<br />

no. Ho imparato a non aspettarmi niente dalla stampa<br />

italiana, che infatti non mi ha mai chiamato. Vendo i miei<br />

reportage solo alla stampa estera. Sono riuscito da solo<br />

a crearmi un pubblico tramite Facebook e ho centinaia di<br />

migliaia di lettori. Il paradosso è che i giornali italiani non<br />

mi chiamano, ma usano il mio blog come fonte di dati.<br />

Hai visto i cadaveri dei ragazzi nel deserto, le deportazioni,<br />

la guerra in Siria. Atrocità che ti sono rimaste<br />

dentro? Sì tante, ma il paradosso che viene a galla, soprattutto<br />

quando sei in zona di guerra, è che nei posti<br />

in cui c’è tanta morte, c’è anche tanta gioia di vivere. È<br />

come se ci si tenesse un po’ più stretti alla vita. Per ogni<br />

brutto ricordo c’è stato un momento bello. E alla fine mi<br />

porto a casa questo.<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2014


SCHERZI A PARTE<br />

DI SILVIA ZICHE<br />

27<br />

il guasto<br />

l’orologio<br />

crescere<br />

Defekt<br />

Uhr<br />

erwachsen werden<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2014


DIE GEHEIMNISSE DER KUNST<br />

Jeden Monat: Die großen Geheimnisse und<br />

Rätsel der italienischen Kunstgeschichte.<br />

I MISTERI DELL’ARTE<br />

DI DANIELA MANGIONE<br />

ASTRONOMIA<br />

28<br />

UN LAVORO DI SQUADRA<br />

Fu la famosa Officina<br />

ferrarese a realizzare<br />

gli affreschi di Palazzo<br />

Schifanoia. I dipinti sono<br />

di Francesco del Cossa,<br />

Ercole de Roberti e del<br />

famosissimo Cosmè Tura,<br />

che a partire dagli anni<br />

Sessanta del Quattrocento<br />

era tra i pittori prediletti<br />

della casata d’Este. Alla<br />

creazione dei cicli di affreschi<br />

del palazzo partecipò,<br />

in qualità di guida generale,<br />

Pellegrino Prisciani, una<br />

figura complessa e molto<br />

particolare. Era infatti uno<br />

straordinario studioso di<br />

astronomia e di arte, ma<br />

fu anche ambasciatore,<br />

bibliotecario, storico e<br />

intellettuale. Nessuna meraviglia,<br />

dunque, se sotto<br />

la guida di un personaggio<br />

che dominava le principali<br />

discipline del tempo è nato<br />

un palazzo che raduna in<br />

sé scienza, arte e astronomia<br />

in un unico sapere.<br />

il lavoro<br />

di squadra<br />

l’officina<br />

l’affresco<br />

il dipinto<br />

il Quattrocento<br />

il pittore<br />

prediletto<br />

la casata<br />

d’Este<br />

il ciclo<br />

la guida<br />

straordinario<br />

Botschafter<br />

Wunder<br />

Haupt-<br />

in sich<br />

vereinen<br />

Wissenschaft<br />

lo studioso<br />

l’ambasciatore<br />

la meraviglia<br />

principale<br />

radunare<br />

in sé<br />

la scienza<br />

Teamwork<br />

Werkstatt<br />

Fresko<br />

Gemälde<br />

15. Jahrhundert<br />

Maler<br />

bevorzugt<br />

Geschlecht<br />

der Este<br />

Zyklus<br />

Leiter<br />

außergewöhnlich<br />

Gelehrter<br />

Vor über 600 Jahren beauftragten die Este Ferraras<br />

berühmteste Künstler mit der Gestaltung eines<br />

Astronomie-Saales. Sein Geheimnis konnte nur<br />

moderne Technik lüften.<br />

la tranquillità Ruhe PALAZZO SCHIFANOIA SI TROVA A FERa<br />

dispetto zum Trotz RARA, IN UNO SCENARIO DA CITTÀ DI<br />

evocare heraufbeschwören<br />

PROVINCIA IN CUI DOMINANO LA CALil<br />

1300 14. Jahrhundert MA E LA TRANQUILLITÀ. A dispetto del<br />

la delizia Freude, Wonne proprio nome, che sembra evocare la noia,<br />

l’intento Absicht<br />

schivare meiden l’affascinante costruzione venne concepita alla<br />

indecifrabile unergründlich fine del 1300 come luogo di delizie e divertimento:<br />

il nome si riferirebbe infatti all’inten-<br />

susseguirsi aufeinander<br />

folgen<br />

la fascia Streifen, Band to di “schivare la noia”. Gli interni, affrescati<br />

legato a verbunden mit dall’Officina ferrarese, hanno sempre costituito<br />

un mistero per gli storici dell’arte, a causa<br />

la corte Hof<br />

estense derer von Este<br />

l’enigma Rätsel del numero di immagini e dei simboli indecifrabili<br />

che si susseguono sulle pareti.<br />

il Novecento 20. Jahrhundert<br />

la divinità<br />

protettrice Schutzgottheit Particolarmente misteriosa è la Sala delle<br />

il segno Tierkreis- Costellazioni, che presenta tre fasce piene di<br />

zodiacale zeichen simboli 1 , astrologici e non, legati alla corte<br />

narrare erzählen<br />

regnare herrschen estense, ma anche a figure mitologiche, ai decani<br />

2 , o addirittura ispirate all’antico Egitto.<br />

la raffigurazione<br />

Darstellung<br />

Decine di studiosi e interpreti si sono esercitati<br />

posto gesetzt<br />

agricolo landwirt- a risolvere gli enigmi di questa sala. A partire<br />

schaftlich dagli inizi del Novecento, si era creduto che le<br />

distribuito verteilt<br />

la regolarità Ebenmäßigkeit tre fasce corrispondessero rispettivamente alle<br />

ripartito aufgeteilt divinità protettrici di ciascun mese, poi ai rispettivi<br />

segni zodiacali, ai quali erano associati,<br />

assai sehr<br />

nella fascia inferiore, scene della vita di corte.<br />

La tradizione narra che Ferrara era, più che altrove in Italia, il luogo in<br />

cui si esercitava “all’estremo” il culto dell’astrologia. Lionello d’Este 3 , che<br />

regnò fino al 1450, non era semplicemente un appassionato di astrologia,<br />

era letteralmente ossessionato dagli oroscopi. Solo di recente, dunque, grazie<br />

a software astronomici e di computer grafica, si è compreso qualcosa di<br />

più preciso – e quanto preciso! – su queste raffigurazioni che avevano, oltre<br />

al resto, anche altre particolari e misteriose caratteristiche. I simboli astrologici<br />

erano posti in modo inspiegabilmente asimmetrico rispetto alle quattro<br />

pareti e le rappresentazioni di attività agricole, di solito distribuite con grande<br />

regolarità, erano ripartite sui muri della stanza in modo assai irregolare.<br />

Si è scoperto che la linea mediana di affreschi può essere vista come una<br />

vera e propria “fotografia” del cielo a una data precisa, il 18 maggio 1452 4 .<br />

2 3


Sole<br />

Mercurio<br />

Toro<br />

Venere<br />

Orione<br />

32 a PUNTATA<br />

4<br />

Urano<br />

Eridano<br />

A PALAZZO<br />

1<br />

IL DESTINO DEL PALAZZO<br />

DALLA ROVINA<br />

ALLA RINASCITA<br />

Lo splendido Palazzo Schifanoia è andato<br />

incontro, negli anni, a singolari e sfortunati<br />

riutilizzi, responsabili dei danni agli affreschi.<br />

Tra il XVIII e il XIX<br />

il destino Schicksal secolo, infatti, il palazzo<br />

è stato utiliz-<br />

splendido wunderschön<br />

andare entgegenzato<br />

come sede di<br />

incontro gehen, hier:<br />

erleben una manifattura di<br />

singolare eigenartig tabacchi e in seguito<br />

le pareti vennero<br />

respon- verantwortsabile<br />

lich<br />

completamente imbiancate<br />

per adibirlo<br />

la manifattura<br />

Fabrik<br />

a granaio. Infine, fu<br />

imbiancare tünchen<br />

adibire etw. als etw. anche danneggiato,<br />

qc. a qc. benutzen nel 1945, da un incendio<br />

doloso. Oggi<br />

il granaio Kornspeicher<br />

danneggiare beschädigen è stato riqualificato<br />

l’incendio Branded<br />

è diventato un<br />

doloso stiftung<br />

museo. Quelli all’interno<br />

della Sala del-<br />

il terremoto Erdbeben<br />

le Costellazioni sono<br />

considerati gli affreschi parietali di argomento<br />

profano più importanti del Quattrocento. A causa<br />

del terribile terremoto del 2012, attualmente<br />

sono visitabili solo la Sala delle Costellazioni e<br />

la Sala delle Virtù.<br />

29<br />

Affresco raffigurante il segno zodiacale dell’Ariete. A fianco (dall’alto): la Sala<br />

delle Costellazioni; la facciata di Palazzo Schifanoia.<br />

Quel giorno il sole si trovava nella costellazione del Toro e<br />

Borso d’Este veniva insignito dall’imperatore Federico III del<br />

titolo di duca di Modena e Reggio Emilia, nonché di conte di<br />

Rovigo. La striscia mediana della Sala delle Costellazioni costituirebbe<br />

la rappresentazione<br />

esatta di un sistema sferico, la<br />

il toro Stier<br />

insignire auszeichnen<br />

volta celeste, trasferito su una<br />

l’imperatore m. Kaiser<br />

superficie piana. Non è dunque<br />

il duca Herzog<br />

una semplice celebrazio-<br />

il conte Graf<br />

la striscia Streifen<br />

ne per mezzo di simboli, nella<br />

sferico kugelförmig<br />

Ferrara del Quattrocento, ma<br />

la volta Himmelsuna<br />

straordinaria rappresentazione<br />

della volta celeste in un<br />

celeste<br />

la superficie<br />

gewölbe<br />

Fläche<br />

piano eben<br />

giorno ben determinato, realizzata<br />

con precisione scientifica e ben deter- genau<br />

per mezzo di mittels<br />

“fotografica“.<br />

minato bestimmt<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2014


GRANDANGOLO<br />

EIN BLICK AUF BESONDERE ITALIENER<br />

30<br />

UN EROE NORMALE<br />

Mitten in einer ihrer Hochburgen<br />

bekämpft ein junger Mann die Mafia<br />

mit der friedlichsten aller Waffen:<br />

Mit der Pflege der Kultur.<br />

Testo: F. Memo/ S. Viola<br />

Foto: Roberto Salomone<br />

Napoli, Campania.<br />

La lotta alla mafia non è condotta solo da “eroi”,<br />

ma anche, e forse soprattutto, da persone semplici.<br />

Una di queste è Rosario Esposito La Rossa.<br />

Non ha ancora compiuto 26 anni, ma ha deciso<br />

di non rassegnarsi all’idea di vedere abbandonato<br />

al degrado e alla violenza il quartiere in cui<br />

è nato e cresciuto: Scampia, diventato simbolo<br />

della criminalità organizzata napoletana. Rosario<br />

ne è convinto: il riscatto di una popolazione<br />

lasciata in balia della camorra passa per la cultura<br />

e il coraggio dei giovani capaci di dire di no alla<br />

malavita. Per questo ha scritto un libro, nel quale<br />

ha raccolto le storie della sua Scampia, e ha<br />

aperto una libreria dove non se ne vedevano da 40<br />

anni. La Marotta&Cafiero Store è la prima libreria<br />

privata ospitata in una scuola pubblica, l’istituto<br />

alberghiero “Vittorio Veneto”. L’inizio dell’impegno<br />

di Rosario ha una data precisa, il 6 novembre<br />

2004, quando suo cugino Antonio viene ucciso<br />

per sbaglio in una sparatoria tra camorristi. Quel<br />

giorno Rosario decide di riscattare la memoria del<br />

cugino con l’unica arma che conosce: la cultura.<br />

A 18 anni pubblica Al di là della neve. I suoi editori<br />

sono Tommaso Marotta e Anna Cafiero, che con il<br />

tempo diventano per Rosario come genitori putativi.<br />

Così, quando decidono di trasferirsi a Parigi, gli<br />

lasciano in dono la casa editrice. Rosario trasferisce<br />

gli uffici nella sua Scampia, con l’idea di fare<br />

“editoria popolare” e, soprattutto, ecologica. I libri<br />

sono stampati su carta riciclata e il loro prezzo<br />

non supera mai i 10 euro. Ma il suo impegno non<br />

finisce qui. Fonda la compagnia teatrale “Vocidi-<br />

Sca”, ovvero Voci di Scampia, e organizza eventi<br />

per i bambini e i ragazzi del quartiere. È “l’antimafia<br />

dell’incontro”, come la chiama lui, perché<br />

l’arma più efficace contro la mafia è la normalità.<br />

la lotta Kampf<br />

condurre führen<br />

l’eroe m. Held<br />

compiere vollenden<br />

rassegnarsi sich mit etw.<br />

a qc. abfinden<br />

abbandonare<br />

dem Verfall<br />

al degrado preisgeben<br />

la violenza Gewalt<br />

convinto überzeugt<br />

il riscatto Befreiung<br />

in balia jdm. ausgedi<br />

qcn. liefert sein<br />

la camorra: mafiöse Familienclans<br />

in Neapel und<br />

Kampanien<br />

il coraggio Mut<br />

capace<br />

la malavita<br />

ospitato<br />

l’impegno<br />

uccidere<br />

la sparatoria<br />

l’arma<br />

l’editore m.<br />

i genitori<br />

putativi pl.<br />

trasferirsi<br />

in dono<br />

stampare<br />

superare<br />

fondare<br />

efficace<br />

in der Lage<br />

Unterwelt<br />

untergebracht<br />

Engagement<br />

töten<br />

Schießerei<br />

Waffe<br />

Verleger<br />

Ersatzeltern<br />

umziehen<br />

als<br />

Geschenk<br />

drucken<br />

übersteigen<br />

gründen<br />

wirksam<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2014


GRANDANGOLO<br />

31<br />

Qui: Rosario Esposito La Rossa davanti<br />

alla sua libreria, la Marotta&Cafiero Store.<br />

Nell’altra pagina: l’interno delle Vele di<br />

Scampia, a Napoli; Rosario Esposito con la<br />

fidanzata nella sua libreria; i bambini del<br />

quartiere giocano con un’arma giocattolo.<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2014


PASSAPAROLA<br />

DI RENATA BELTRAMI<br />

Insonni o arroganti?<br />

32<br />

Eine Mütze voll Schlaf: Nur etwas<br />

für Faule? Manch einer scheint das so zu<br />

sehen – doch Wissenschaftler haben<br />

etwas ganz anderes herausgefunden.<br />

“CHI DORME NON PIGLIA<br />

PESCI”, DICEVA SEMPRE MIA<br />

NONNA. “E CHI LI VUOLE, I<br />

PESCI...”, pensavo già da ragazza,<br />

quando indugiare a letto al mattino<br />

significava “vacanza, fine della<br />

scuola, libertà”. Oggi va di moda<br />

sfoggiare citazioni più o meno colte,<br />

tipo “Ci sarà tempo di dormire<br />

nella tomba” (Thomas Jefferson),<br />

oppure “Dormire è da buoni a<br />

nulla” (Margaret Thatcher). Per<br />

non parlare di quelli che, citando<br />

Napoleone, pensano che agli uomini<br />

bastino quattro ore di sonno,<br />

alle donne cinque, agli imbecilli<br />

sei. Sono quelli che, in genere, mentre le persone normali<br />

fanno colazione prima di andare a scuola o al lavoro,<br />

sono già stati in palestra, ovviamente di corsa, hanno già<br />

pigliare<br />

E chi li vuole…<br />

indugiare<br />

la libertà<br />

sfoggiare qc.<br />

colto<br />

la tomba<br />

il buono a nulla<br />

l’imbecille m.<br />

la palestra<br />

di corsa<br />

reintegrare<br />

i liquidi<br />

il beverone<br />

guardarsi<br />

il mammifero<br />

lo svezzamento<br />

superbamente<br />

stando a qc.<br />

la ricerca<br />

tenere conto<br />

risultare<br />

erfassen, hier:<br />

fangen<br />

Wer will die<br />

schon…<br />

bleiben<br />

Freiheit<br />

mit etw. protzen<br />

kultiviert<br />

Grab<br />

Taugenichts<br />

Dummkopf<br />

Fitnessstudio<br />

eilig, hier:<br />

joggend<br />

Flüssigkeitshaushalt<br />

wieder<br />

herstellen<br />

Gesöff<br />

sich hüten<br />

Säugetier<br />

Abstillen<br />

prächtig<br />

nach etw. zu<br />

urteilen<br />

Untersuchung<br />

berücksichtigen<br />

erscheinen<br />

provare<br />

vantarsi<br />

l’insonne<br />

eroico<br />

fiero<br />

la scienza<br />

la carenza<br />

la salute<br />

l’incidente m.<br />

il danno<br />

scarso<br />

aumentare<br />

il rischio<br />

diminuire<br />

sviluppare<br />

il colon<br />

sforzarsi<br />

ristoratore<br />

lucido<br />

involontario<br />

ben noto<br />

concedersi<br />

impegnativo<br />

soporifero<br />

calare<br />

la palpebra<br />

empfinden<br />

angeben<br />

Schlafloser<br />

heldenhaft<br />

stolz<br />

Wissenschaft<br />

Mangel<br />

Gesundheit<br />

Unfall<br />

Schaden<br />

gering<br />

steigen<br />

Risiko<br />

sinken<br />

entwickeln<br />

Grimmdarm<br />

sich bemühen<br />

erholsam<br />

klar<br />

unfreiwillig<br />

bestens<br />

bekannt<br />

sich gönnen<br />

anspruchsvoll<br />

einschläfernd<br />

sich senken<br />

Augenlid<br />

reintegrato i liquidi con qualche beverone energetico e si<br />

guardano bene dal bere un caffè oppure – orrore! – un<br />

cappuccino. Siamo o non siamo l’unica specie di mammiferi<br />

che beve il latte dopo lo svezzamento?<br />

Certo siamo anche la specie più superbamente arrogante<br />

di tutte, almeno stando ai risultati di una ricerca sul<br />

sonno pubblicata dalla BBC e ripresa<br />

da radio e quotidiani italiani.<br />

Pensiamo di poter ignorare quattro<br />

miliardi di anni di evoluzione e di<br />

non dover tener conto del fatto che<br />

da sempre seguiamo l’alternanza<br />

del giorno e della notte.<br />

Per fortuna non siamo tutti così,<br />

ma come fanno a risultare simpatici<br />

quelli che ti dicono: “Stanotte ho<br />

dormito tre ore e sto benissimo”?<br />

Alcuni, poi, sembrano provare piacere<br />

nel vantarsi proprio con gli<br />

insonni veri, quelli che vorrebbero<br />

dormire ma non ci riescono, come<br />

se stare svegli fosse un’azione eroica<br />

di cui andare fieri.<br />

Peggio per loro, perché la scienza parla chiaro. Ci<br />

sono dati che dimostrano come la carenza di sonno porti<br />

a gravi problemi di salute; oltre, naturalmente agli inevitabili<br />

incidenti di chi va in giro come uno zombie. I<br />

danni provocati dalla scarsa qualità e quantità di sonno<br />

si fanno sentire soprattutto sul cervello. La capacità di<br />

memorizzazione si riduce del 15%, aumentano i rischi<br />

di malattie degenerative e diminuisce la capacità di apprendimento.<br />

I rischi di infarto si moltiplicano del 400%<br />

e perfino le possibilità di sviluppare un tumore al seno o<br />

al colon aumentano del 50%.<br />

Sforziamoci tutti, allora, di dormire a sufficienza, di<br />

quel bel sonno profondo e ristoratore che al risveglio ci<br />

fa vedere le cose in maniera lucida e positiva, pronti per<br />

affrontare la giornata con la giusta energia. Ma come,<br />

diranno gli insonni involontari? Oltre a tutti i ben noti<br />

consigli degli esperti, un sistema efficace è stare lontani<br />

da computer e tablet la sera e concedersi qualche lettura<br />

poco impegnativa, o addirittura soporifera… Come? Vi<br />

cala già la palpebra?<br />

Renata Beltrami: Buchautorin und unermüdliche<br />

Beobachterin von Trends im Alltagsleben, liefert<br />

Denkanstöße und Kurioses, Neues und<br />

Wissenswertes, aktuell recherchiert.<br />

Ihre Meinung ist gefragt adesso@spotlight-verlag.de<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2014


MARE,<br />

FIUMI,<br />

LAGHI<br />

E…<br />

il fiume (Tevere)<br />

le Alpi<br />

la Riviera ligure<br />

PAGINE FACILI<br />

DI MARCO MONTEMARANO<br />

il ghiacciaio<br />

il lago<br />

la laguna<br />

(di Venezia)<br />

la foce<br />

del fiume<br />

il Mar Adriatico<br />

l’isola<br />

la pioggia<br />

la costa<br />

(tirrenica)<br />

il canale<br />

(d’Otranto)<br />

il Mar Tirreno<br />

il Mar Ionio<br />

33<br />

lo stretto<br />

(di Messina)<br />

il golfo<br />

(di Taranto)<br />

L’ACQUA HA I SUOI NOMI. Il più importante è mare.<br />

L’Italia è circondata da diversi mari (Adriatico, Ionio, Tirreno,<br />

Ligure, Mediterraneo) e alcune delle sue belle città<br />

sono proprio sul mare.<br />

I mari più grandi, in italiano, prendono il nome di<br />

oceani: Oceano Atlantico, Pacifico, Indiano. Quando una<br />

parte di mare è racchiusa tra parti di terra si parla a volte<br />

di golfo (un esempio è il Golfo di Napoli) e a volte di baia.<br />

Le baie normalmente sono più piccole dei golfi, ma non<br />

è una regola. Un passaggio marino che separa due terre<br />

vicine può chiamarsi stretto (esempio: lo Stretto di Messina)<br />

o canale (il Canale d’Otranto in Italia è l’esempio più<br />

importante).<br />

Passiamo dall’acqua salata all’acqua dolce. L’Italia,<br />

il fiume<br />

il lago<br />

circondato<br />

racchiuso<br />

il golfo<br />

la baia<br />

il passaggio<br />

separare<br />

lo stretto<br />

Fluss<br />

(der) See<br />

umgeben<br />

umschlossen<br />

Golf<br />

Bucht<br />

Durchgang<br />

trennen<br />

Meeresenge<br />

fondare<br />

l’agricoltura<br />

il Reno<br />

il Danubio<br />

il Tamigi<br />

il ruscello<br />

la montagna<br />

il torrente<br />

il ghiacciaio<br />

la pioggia<br />

gründen<br />

Landwirtschaft<br />

Rhein<br />

Donau<br />

Themse<br />

Bach<br />

Gebirge<br />

Sturzbach<br />

Gletscher<br />

Regen<br />

come sappiamo, è piena di laghi. Il loro nome a volte è<br />

anticipato dalla preposizione di (Lago di Como, Lago di<br />

Garda), altre volte no (Lago Maggiore, Lago Trasimeno).<br />

E i fiumi? Da sempre hanno un’importanza molto<br />

grande nelle comunicazioni (per questo molte città importanti<br />

sono state fondate vicino ai fiumi) e anche per<br />

l’agricoltura. La maggior parte dei fiumi in italiano ha<br />

un nome maschile: il Tevere, il Nilo, il Reno. Anche fiumi<br />

che in altre lingue hanno un nome femminile possono<br />

essere maschili in italiano: si dice ad esempio “il” Danubio<br />

e “il” Tamigi. Solo alcuni fiumi, soprattutto francesi,<br />

hanno una forma femminile: il fiume di Parigi è la Senna.<br />

Un esempio di fiume italiano al femminile è la Dora<br />

Riparia, secondo fiume di Torino dopo il Po.<br />

Altri corsi d’acqua più piccoli prendono il nome di<br />

ruscelli. In montagna esistono i torrenti, che hanno molta<br />

più acqua in inverno e in primavera che in estate, perché<br />

sono alimentati soprattutto dai ghiacciai e dalle piogge.<br />

Marco Montemarano: Dozent für Italienisch,<br />

Übersetzer, Sprecher, lebt in Deutschland<br />

(München) seit über 20 Jahren.<br />

Seit 1996 schreibt er die Pagine facili.<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2014


PAGINE FACILI<br />

DIALOGO<br />

ARIANNA E SUO FIGLIO<br />

FABRIZIO AL MARE<br />

l’onda<br />

il secchiello e<br />

la paletta<br />

il castello<br />

essere capace<br />

Welle<br />

Eimer und Schaufel<br />

Burg<br />

können<br />

FABRIZIO: Mamma, oggi il mare è<br />

molto arrabbiato!<br />

ARIANNA: In questo caso si dice<br />

che il mare è mosso.<br />

FABRIZIO: Ah, già, mosso perché<br />

si muove. E il contrario qual è?<br />

ARIANNA: Il mare è calmo.<br />

FABRIZIO: Ma qui a Rimini le onde<br />

sono sempre così alte?<br />

ARIANNA: No, normalmente no. Gli<br />

altri anni il mare era sempre calmo.<br />

FABRIZIO: Ma da quanti anni<br />

veniamo qui?<br />

ARIANNA: La prima volta avevi<br />

meno di un anno, eri piccolissimo.<br />

FABRIZIO: Adesso ho quattro anni<br />

e sono grande!<br />

ARIANNA: Sì, ma le onde sono più<br />

alte di te, stai attento.<br />

FABRIZIO: Oh, ma io mica voglio<br />

fare il bagno. Voglio giocare con il<br />

secchiello e la paletta.<br />

ARIANNA: E vuoi fare un castello?<br />

FABRIZIO: Sì, ma mi devi aiutare tu<br />

che sai fare le torri più belle.<br />

ARIANNA: Non è vero, io non sono<br />

capace. Papà invece sì.<br />

FABRIZIO: Ma dov’è papà, oggi?<br />

ARIANNA: È rimasto a dormire in<br />

albergo. Stanotte si è sentito poco<br />

bene.<br />

FABRIZIO: Perché?<br />

ARIANNA: Non lo so, deve essere il<br />

pesce che ha mangiato ieri.<br />

FABRIZIO: Anch’io ho mangiato il<br />

pesce?<br />

ARIANNA: Certo, non ti ricordi?<br />

FABRIZIO: Ma io sto bene!<br />

34<br />

Esercizio 1*:<br />

1. Arianna e Fabrizio sono in vacanza a ____________.<br />

2. Le onde sono molto _______________.<br />

3. Il mare è ________________.<br />

4. La mamma è più brava a fare le ____________.<br />

5. Fabrizio vuole costruire un _______________.<br />

Esercizio 2*:<br />

1. Quanti anni ha Fabrizio?<br />

2. Che cosa ha mangiato ieri sera il papà di Fabrizio?<br />

3. Dov’è il papà di Fabrizio?<br />

4. Qual è il contrario di mare mosso?<br />

5. Con che cosa vuole giocare Fabrizio?<br />

ARCHITETTURA!<br />

Molti di noi amano l’Italia anche e soprattutto<br />

per le sue bellezze architettoniche.<br />

L’esercizio 3 è proprio dedicato ad<br />

alcuni nomi celebri dell’architettura italiana.<br />

Aggiungete alle frasi la parola mancante.<br />

Prima di consultare le nostre soluzioni<br />

provate a chiedere a un amico italiano!<br />

Buon lavoro.<br />

dedicato<br />

celebre<br />

gewidmet<br />

berühmt<br />

* SOLUZIONI A PAGINA 36<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2014


PAGINE FACILI<br />

CRUCIVERBA<br />

Tutte le parole di questo cruciverba sono contenute nelle<br />

Pagine facili. Leggetele attentamente prima di iniziare!<br />

Buon divertimento!<br />

7<br />

5<br />

11<br />

8<br />

1<br />

6<br />

12<br />

3 4<br />

9 10<br />

2<br />

Orizzontali:<br />

6. Un corso d’acqua che si<br />

alimenta con i ghiacciai e<br />

le piogge è un …<br />

7. Il Po è il più lungo …<br />

d’Italia.<br />

9. Nel primo testo si parla del<br />

… di Napoli.<br />

11. Un piccolo fiume è un …<br />

Verticali:<br />

1. A Venezia c’è il … di Rialto.<br />

2. La Calabria e la <strong>Sicilia</strong><br />

sono separate dallo … di<br />

Messina.<br />

3. Il … Adriatico è a est<br />

dell’Italia.<br />

4. L’ … Atlantico si trova tra<br />

l’Europa e l’America.<br />

5. Una piccola parte di<br />

mare racchiusa dalla terra<br />

è una …<br />

8. Il simbolo di Torino è la …<br />

Antonelliana.<br />

10. Molti tedeschi amano il …<br />

di Garda.<br />

12. A est della Puglia c’è il …<br />

d’Otranto.<br />

35<br />

Esercizio 3*:<br />

1. Abbiamo visitato la ____________ di San Pietro a Roma.<br />

2. E poi abbiamo visto il ____________ di Milano, con la<br />

Madonnina in cima.<br />

3. A Pisa ovviamente abbiamo visto la ____________ pendente.<br />

4. A Napoli ci siamo fermati in ____________ del Plebiscito.<br />

5. A Venezia ci siamo fatti fotografare sul ____________ di Rialto.<br />

6. Ah, e poi bellissimo il simbolo di Torino: la ____________<br />

Antonelliana.<br />

7. Firenze per me è soprattutto la ____________ del Brunelleschi.<br />

SOLUZIONI 07.2014<br />

1<br />

F<br />

2<br />

3<br />

A S S E G N O C<br />

4<br />

A R A<br />

5<br />

S P I L O R C I O R<br />

P O T<br />

I<br />

A<br />

6<br />

R B D<br />

A A I<br />

7<br />

S P A Z Z O L I N O C<br />

O C R<br />

L O E<br />

8<br />

V A L U T A N D<br />

9<br />

E<br />

S O L D I<br />

R T T<br />

10<br />

E M A R T E L L O<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2014


chiedi?<br />

GM_Ade so-Rom_A rivalkarten_70x100_VS_RZ.indd 1 12.08.2010 16:28:35 Uhr<br />

Spielend Rom<br />

entdecken und<br />

Italienisch lernen!<br />

Questo mese:<br />

ESERCIZIO<br />

SULL’INFINITO<br />

PRESENTE<br />

5<br />

6<br />

7<br />

C<br />

8<br />

9<br />

DOMANDA<br />

Hai chiesto indicazioni stradali (Wegbeschreibung)<br />

pe raggiungere (e reichen)<br />

i Musei Capitolini, ma il passante (Fußgänger<br />

) ha parlato troppo velocemente<br />

(schne l ) e non hai capito. Che cosa gli<br />

chiedi?<br />

a) Può ripetere, grazie?<br />

b) Può ripetere, per favore?<br />

c) Può ripetere, prego?<br />

D<br />

Il tuo albergatore (Hotelier) parla del<br />

turismo “mordi e fuggi”. Che cosa<br />

intende (intendere: meinen)?<br />

a) turismo di tipo enogastronomico<br />

b) turismo religioso<br />

c) turismo di massimo tre giorni<br />

ne le ci tà d’arte<br />

E<br />

A B<br />

C<br />

D<br />

© 2010 Gru be Media GmbH<br />

© 2010 Gru be Media GmbH<br />

DOMANDA<br />

Hai chiesto indicazioni stradali (Wegbeschreibung)<br />

pe raggiungere (erreichen)<br />

i Musei Capitolini, ma il passante (Fußgänger<br />

) ha parlato troppo velocemente<br />

DOMANDAper<br />

(schne l ) e non hai capito. Che cosa gli<br />

a) Può ripetere, grazie?<br />

b) Può ripetere, per favore?<br />

c) Può ripetere, prego?<br />

DOMANDA<br />

Hai chiesto indicazioni stradali schreibung) per raggiungere (erreichen)<br />

reichen)<br />

i Musei Capitolini, ma il passante (Fuß-<br />

(Wegbegänger<br />

) ha parlato troppo velocemente<br />

(schnell) e non hai capito. Che cosa gli<br />

chiedi?<br />

a) Può ripetere, grazie?<br />

b) Può ripetere, per favore?<br />

c) Può ripetere, prego?<br />

Il tuo albergatore (Hotelier ) parla del<br />

turismo “mordi e fuggi”. Che cosa<br />

intende (intendere: meinen)?<br />

a) turismo di tipo enogastronomico<br />

b) turismo religioso<br />

c) turismo di massimo tre giorni<br />

ne le ci tà d’arte<br />

Il tuo albergatore (Hotelier ) parla del<br />

turismo “mordi e fuggi”. Che cosa<br />

intende (intendere: meinen)?<br />

a) turismo di tipo enogastronomico<br />

b) turismo religioso<br />

c) turismo di massimo tre giorni<br />

ne le ci tà d’arte<br />

RISPOSTA<br />

b) Può ripetere, per favore?<br />

“Per favore”, abbreviato p.f., si usa<br />

quando vuoi chiedere qualcosa in modo<br />

gentile (freundlich). “Prego” si usa<br />

come risposta a chi ringrazia o si scusa:<br />

“Grazie!” “Prego”. “Mi scusi per il<br />

ritardo”. “Prego, non si preoccupi”.<br />

c) turismo di massimo tre giorni<br />

(Kurzurlaub) ne le ci tà d’arte<br />

“Mordi e fuggi” (wörtlich: beiß und<br />

flüchte) indica un’azione compiuta<br />

(vo lzogen) con estrema fre ta<br />

(in größter Eile): Mi ha fa to una visita<br />

mordi e fuggi.<br />

Altare della Patria<br />

Fu eretto (erigere: erbauen) per<br />

celebrare re Vittorio Emanuele I<br />

(1820-1878) e l‘Unità d‘Italia. Si<br />

trova in Piazza Venezia. Iniziato<br />

nel 1885, fu inaugurato (inaugurare:<br />

einweihen) nel 1911. Nel<br />

1921 venne co locata ne la cripta,<br />

situata nel nucleo centrale, la salma<br />

(Leichnam) del Milite Ignoto<br />

(Unbekannter Soldat)<br />

Soldat), , un soldato<br />

sconosciuto caduto (gefa len)<br />

durante la prima guerra mondiale.<br />

I romani lo chiamano “macchina<br />

da scrivere” (Schreibmaschine),<br />

perché ne ricorda la forma. Da la<br />

sua terrazza si ha una splendida<br />

visuale (Aussicht)<br />

su Roma.<br />

G<br />

5<br />

F<br />

3<br />

2 | Altare<br />

de la Patria<br />

F<br />

GM_Adesso-Rom_Bildkarten_70x100_VS_RZ.indd 2 16.09.2010 13:21:37 Uhr<br />

G<br />

H<br />

I<br />

J<br />

Atterri all’aeroporto di<br />

Ciampino e prendi un taxi<br />

per il tuo albergo.<br />

Punto di partenza:<br />

Hotel de Russie.<br />

K L M<br />

E F<br />

G<br />

H<br />

I<br />

F<br />

2<br />

Das Spiel zur Stadt – für Italienischlerner<br />

und Rom-Fans!<br />

Verbessern Sie Ihre Sprachkenntnisse in einer<br />

kurzweiligen Spielerunde! Grundkenntnisse in<br />

Italienisch reichen schon aus, um mitmachen<br />

zu können.<br />

Für 2-5 Spieler ab 14 Jahren. Mit 50 Bildkarten<br />

zu den Sehenswürdigkeiten, 590 Fragen in<br />

Italienisch und einem Stadtplan als Spielfeld.<br />

A R R I V O<br />

I<br />

J<br />

1<br />

2<br />

K<br />

3<br />

4<br />

5<br />

L<br />

6<br />

7<br />

8<br />

M<br />

9<br />

Tel. +49 89 85681-286<br />

MA CHI EMIGRA<br />

VERAMENTE?<br />

SAPETE QUANTI ITALIANI HANNO LA-<br />

SCIATO L’ITALIA NEL 2013? Quasi 100.000.<br />

Più della popolazione di una città medio-grande<br />

come Lecce. Questo dato è stato diffuso<br />

dall’Anagrafe degli italiani residenti all’estero<br />

Emigrazione degli italiani nel 2013<br />

Totale<br />

100.000<br />

Gran Bretagna 13.000<br />

Germania 11.000<br />

Svizzera 10.000<br />

Francia 8.000<br />

diffondere<br />

l’anagrafe f.<br />

sparso<br />

dettato<br />

la punta<br />

dell’iceberg<br />

il rapporto<br />

a quanto pare<br />

la fuga<br />

dei cervelli<br />

verbreiten<br />

Meldeamt<br />

verstreut<br />

bedingt<br />

Spitze des<br />

Eisbergs<br />

Verhältnis<br />

wie es scheint<br />

Brain-Drain<br />

(Aire). Di questi, circa 13.000 sono andati a stare in Gran Bretagna. Gli altri<br />

si sono sparsi tra altre destinazioni, soprattutto Germania (11.000 nuovi<br />

arrivati), Svizzera (10.000) e Francia (8.000). Ma quello che c’è di nuovo, in<br />

questa nuova emigrazione dettata dalla crisi economica, è che si tratta di una<br />

emigrazione molto diversa da quella del passato. Non emigrano gli italiani<br />

del Sud, ma soprattutto quelli del Centro e del Nord: lombardi e veneti. Non<br />

emigrano solo i giovani, ma soprattutto persone al di sopra dei 40 anni (gli<br />

ultraquarantenni sono il 52% dei nuovi emigrati). È la punta dell’iceberg:<br />

non tutti gli italiani che sono andati a vivere all’estero si sono iscritti all’Aire.<br />

Il rapporto, a quanto pare, è di uno a due; quindi gli italiani emigrati nel 2013<br />

possono essere anche 200.000. E poi c’è il solito problema degli ultimi decenni:<br />

spesso emigrano persone molto qualificate, e così la fuga dei cervelli è<br />

continuata anche lo scorso anno.<br />

Esercizio 4*:<br />

Nel testo che avete appena letto ci sono diversi participi passati. Noi ve li<br />

elenchiamo; a voi trovare la forma dell’infinito presente e scriverla<br />

accanto al participio.<br />

In Zusammenarbeit mit:<br />

Mehr Informationen auf<br />

www.grubbemedia.de<br />

JETZT BESTELLEN!<br />

www.sprachenshop.de/spiele<br />

oder im Buch- und Spielwarenhandel<br />

3 29,95 (UVP)<br />

Ebenfalls lieferbar:<br />

1. lasciato_ ______________________<br />

2. diffuso_ _______________________<br />

3. andati_________________________<br />

4. sparsi_________________________<br />

5. arrivati_ _______________________<br />

6. dettata________________________<br />

7. iscritti_________________________<br />

8. emigrati_______________________<br />

9. continuata____________________<br />

SOLUZIONI: ESERCIZIO 1: 1. Rimini; 2. alte; 3. mosso; 4. torri; 5. castello.<br />

ESERCIZIO 2: 1. quattro; 2. il pesce; 3. in albergo; 4. mare calmo; 5. con il secchiello e la paletta.<br />

ESERCIZIO 3: 1. basilica; 2. Duomo; 3. Torre; 4. Piazza; 5. Ponte; 6. Mole; 7. cupola.<br />

ESERCIZIO 4: 1. lasciare; 2. diffondere; 3. andare; 4. spargere; 5. arrivare; 6. dettare; 7. iscrivere;<br />

8. emigrare; 9. continuare.<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2014


IL PROVERBIO DEL MESE<br />

TRADUZIONE<br />

LE SCHEDE DI <strong>ADESSO</strong><br />

Chi non stima un quattrino<br />

non lo vale<br />

LE FOTOPAROLE<br />

Ein deutsches Wort hat im Italienischen<br />

mehrere Bedeutungen.<br />

1. Der Heilige Franz von Assisi lebte<br />

im 12. Jahrhundert.<br />

2. Es ist wie die Suche<br />

nach dem Heiligen Gral!<br />

VOCABOLARIO<br />

1) _________________ 2) _________________<br />

1. la macchina<br />

fotografica digitale<br />

2. la macchina<br />

fotografica analogica<br />

3. la macchina usa<br />

e getta<br />

Fotografia<br />

4. il rullino<br />

5. il cavalletto<br />

6. lo zoom<br />

7. l’obiettivo<br />

8. lo sviluppo<br />

9. il formato<br />

VERBI CON PREPOSIZIONE<br />

ITALIANO COLLOQUIALE<br />

Inserisci la preposizione corretta.<br />

Luigi si è messo _____ studiare seriamente.<br />

Che sfiga!<br />

Appena sono uscito di casa ha iniziato a piovere.<br />

Che sfiga!<br />

espressione confidenziale<br />

37 <strong>ADESSO</strong> 08.2014<br />

ESERCIZIO<br />

Osserva la posizione e la grafia dei pronomi in<br />

presenza dell’imperativo e poi traduci in tedesco.<br />

1) Si alzi!_ ____________________________________<br />

2) Compralo!_________________________________<br />

3) Guardatemi!________________________________<br />

4) Andiamoci!_________________________________<br />

5) Facciamolo!________________________________<br />

6) Dimmi la verità!_____________________________<br />

7) Dagli i soldi!________________________________<br />

ATTENTI ALLE DOPPIE!<br />

cane/canne<br />

Sono andato a passeggio con il mio ________.


ÜBERSETZUNG<br />

1. San Francesco d’Assisi visse<br />

nel XII secolo.<br />

2. È come la ricerca del Sacro Graal.<br />

SPRICHWORT DES MONATS<br />

Wer den Pfennig nicht ehrt,<br />

ist des Talers nicht wert<br />

SAMMELKARTEN<br />

WORTSCHATZ<br />

BILDWÖRTER<br />

1. Digitalkamera<br />

2. Analogkamera<br />

3. Wegwerfkamera<br />

4. Film(rolle)<br />

5. Stativ<br />

Fotografie<br />

6. Zoom<br />

7. Objektiv<br />

8. Entwicklung<br />

9. Format<br />

il medico<br />

i medici<br />

la fragola<br />

le fragole<br />

ALLTAGSITALIENISCH<br />

VERBEN MIT PRÄPOSITION<br />

So ein Mist!<br />

Kaum habe ich das Haus verlassen,<br />

hat es angefangen zu regnen. So ein Mist!<br />

mettersi a<br />

Luigi si è messo a studiare seriamente.<br />

ACHTUNG DOPPELKONSONANTEN!<br />

le canne<br />

il cane<br />

Sono andato a passeggio [andare a passeggio:<br />

spazieren gehen] con il mio cane.<br />

ÜBUNG<br />

Soluzioni: 1) Stehen Sie auf! 2) Kauf es!<br />

3) Schaut mich an! 4) Lass uns da hingehen!<br />

5) Lass uns das machen!<br />

6) Sag mir die Wahrheit! 7) Gib ihm das Geld!<br />

Alla terza persona singolare e plurale<br />

dell’imperativo i pronomi si collocano prima<br />

del verbo, negli altri casi dopo il verbo. Con la<br />

seconda persona singolare di fare, dire, dare,<br />

stare, andare i pronomi, ci e ne raddoppiano la<br />

consonante iniziale (la g non raddoppia!).<br />

38 <strong>ADESSO</strong> 08.2014


Die schönsten Seiten auf Italienisch<br />

Eine Erlebnisreise durch Wälder,<br />

sti le Dörfer bis zum Ätna<br />

Deutschland € 6,90<br />

CH sfr 12,40 · A · I · F · BeNeLux: € 7,50<br />

08<br />

August<br />

2014<br />

VIA GI PAESTUM, VELIA, POMPEI, ERCOLANO, I TESORI DE LA CAMPANIA<br />

Società Un’estate al mare. C’era una volta la villeggiatura. E o gi?<br />

INTERVIST A GABRIELE DEL GRANDE, TRA FICANTE DI LIBERTÀ<br />

A TAVOLA: BUFALA, FIORDILA TE, BU RATA .CHE BUONA LA MO ZARE LA!<br />

08.14_01 CoverOK7.in d 1 08.07.14 13:57<br />

August<br />

2014<br />

GIOCANDO S’IMPARA...<br />

DI GIOVANNA IACONO<br />

... DALLE RIME AI VERSI!<br />

MEDIO 1 RIME BACIATE<br />

[PAARREIM]*<br />

Cancella [cancellare: durchstreichen] gli<br />

oggetti i cui nomi fanno rima con<br />

fragola. Le lettere iniziali degli<br />

oggetti restanti, lette di seguito,<br />

formano il nome di un’isola italiana.<br />

L’isola è:<br />

__ __ __ __ __ __<br />

MEDIO 3 LE QUATTRO<br />

STAGIONI*<br />

Utilizza le sillabe [Silben] per costruire<br />

i nomi delle quattro stagioni<br />

dell’anno. Le sillabe non utilizzate<br />

formano il cognome di un famoso<br />

compositore [Komponist].<br />

PRI VER VI VE<br />

E AU NO VAL<br />

TUN MA STA NO<br />

IN DI RA TE<br />

1. ____________<br />

2. ____________<br />

3. ____________<br />

4. ____________<br />

5. ____________<br />

6. ____________<br />

12. ____________<br />

11. ____________<br />

10. __________<br />

9. ____________<br />

8. ____________<br />

7. ____________<br />

FACILE 2 CHE VERSO [LAUT, RUF] FANNO?*<br />

Collega i versi agli animali e cerchia [cerchiare: einen<br />

Kreis um etw. zeichnen] la lettera che si trova all’incrocio<br />

[wo sich etw. kreuzt]. Le lettere cerchiate, lette a partire<br />

dalla colonna [Spalte] di sinistra, completano il titolo di<br />

un famoso romanzo di Italo Calvino.<br />

belare cinguettare miagolare abbaiare muggire<br />

39<br />

C E G M P<br />

S I L N G<br />

_ _ _ _ _ _ _ _ _<br />

_ _ _ _ _ _<br />

R N A H S<br />

A A U V F<br />

_ _ _ _ _ _ _<br />

_ _ _ _ _ _ _<br />

Il compositore è:<br />

Antonio __________________________<br />

Die schönsten Seiten auf Italienisch<br />

FINE SE TIMANA: ARCHEOLOGIA IN CAMPANIA • SICILIA • INTERVISTA: GABRIELE DEL GRANDE • GRA MATICA: LA DOPPIA NEGAZIONE • A TUALITÀ: LE PERIFERIE ITALIANE <strong>ADESSO</strong> 08.2014<br />

<strong>Sicilia</strong><br />

€ 3,80 (D) • € 4,10 (A) • sfr 6,85 (CH)<br />

Wortspiele: Meerestiere S. 9<br />

Wortschatz: Verkehrsmi tel S. 10<br />

Redewendungen: Non fare storie! S. 19<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2014<br />

08<br />

GRAMMATIK IM GRIFF<br />

08.14 01 COVER.in d 1 09.07.14 10:29<br />

T G R A O<br />

Il titolo del romanzo è:<br />

Il sentiero dei nidi di __ __ __ __ __<br />

MEHR WORTSCHATZSPIELE FINDEN SIE IN <strong>ADESSO</strong>plus 08.2014<br />

* SOLUZIONI A PAGINA 55


L’ITALIANO PER ESPRESSO<br />

DI ANNA MANDELLI<br />

40<br />

Anna Mandelli: Lehrerin für Italienisch als<br />

Fremdsprache, Lehrbuchautorin, didaktische<br />

Beraterin, Lehrerfortbildnerin und CELI-Prüferin<br />

beantwortet Ihre Fragen und klärt Zweifelsfälle der<br />

Grammatik und Linguistik.<br />

REGOLA GENERALE<br />

No si usa sempre da solo:<br />

Vuoi una birra? No, grazie.<br />

Non sta sempre davanti al verbo o al pronome<br />

atono: Non ho visto. Non vedo. Non lo vedo.<br />

APPROFONDIMENTO<br />

Esiste, soprattutto nell’italiano letterario, un non<br />

senza valore negativo e non obbligatorio: 1) dopo<br />

un comparativo: È più scrupoloso di quanto non<br />

sia sua sorella. 2) con finché/fino a quando [bis], a<br />

meno che [es sei denn, dass], eccetto che [außer],<br />

è mancato poco che/poco mancò che [beinahe],<br />

per poco/per un pelo/per un soffio [um ein Haar],<br />

non appena [sobald]: Per un pelo non è caduto.<br />

Non appena ci videro, ci parlarono. Ci provo fino a<br />

quando non ci riesco. A meno che non sia Mario a<br />

dirmelo, non ci credo!<br />

TIPP LESSICALE<br />

Una tendenza dell’italiano moderno è creare parole<br />

di senso negativo composte con non (con grafia<br />

unita [zusammen geschrieben]) o precedute da non<br />

(due parole staccate). nonsenso [Unsinn],<br />

punto di non ritorno [Point of no Return], patto di<br />

non intervento [Nichteinmischungspakt], non<br />

violenza [Gewaltlosigkeit], non credente<br />

[Ungläubiger], non fumatori [Nichtraucher].<br />

PER SAPERNE DI PIÙ<br />

vedi anche <strong>ADESSO</strong> 06/09.<br />

A2<br />

I VOSTRI DUBBI<br />

LA DOPPIA<br />

NEGAZIONE<br />

A2 elementare Sprachverwendung<br />

LA DOPPIA NEGAZIONE<br />

Gibt es entgegen dem Deutschen im Italienischen eine doppelte<br />

Verneinung?<br />

E. Glatt, via e-mail<br />

Sì, in italiano con niente/nulla, nessuno, nemmeno/neppure/<br />

neanche, né, mai si usa non Alla riunione non è venuto nessuno.<br />

Non chiederà mai scusa.<br />

Tuttavia se niente/nulla,nessuno,<br />

nemmeno/neppure/neanche,<br />

né, mai precedono il verbo, nemmeno auch nicht,<br />

nicht einmal<br />

non non si mette<br />

la riunione Sitzung<br />

Nessuno è venuto alla riunione.<br />

Mai chiederà scusa.<br />

precedere stehen<br />

tuttavia jedoch<br />

vor<br />

COSA VUOL DIRE “MICA”?<br />

Ho sentito dire: “Non sono mica stanco”. Che cosa significa “mica”?<br />

R. Möller, via e-mail<br />

Mica, posposto al verbo, si usa nel linguaggio parlato come rafforzativo<br />

di una negazione e significa “affatto”, “per nulla”, “per<br />

niente”, “minimamente”: Non sono mica arrabbiato. Non<br />

voleva mica seguirmi.<br />

Usato senza altra negazione ha valore negativo: Mica sono<br />

stupido! Sono cose vere, mica bugie!<br />

Mica tanto significa “poco”,<br />

“non tanto”: “Gli piace il<br />

posposto nachgestellt<br />

il rafforzativo Verstärkung<br />

pesce?” “Mica tanto”.<br />

affatto gar nicht<br />

MEDIO<br />

ESERCIZIO A<br />

Metti le frasi alla forma negativa.<br />

1) Sento tutto.______________________________________________<br />

2) Conosce tutti.____________________________________________<br />

3) Hanno detto tutto.________________________________________<br />

4) Tutti ascoltano.___________________________________________<br />

5) Lo amo._ ________________________________________________<br />

6) Va sempre a trovare la nonna._ ____________________________<br />

7) Mi piace dipingere [malen].________________________________<br />

8) Ha sempre paura._ _______________________________________<br />

9) Mangi qualcosa?_________________________________________<br />

10) Sia lei sia lui vengono alla festa.___________________________<br />

11) Hai già finito?_ ___________________________________________<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2014


L’ITALIANO PER ESPRESSO<br />

MEDIO<br />

ESERCIZIO B<br />

Come si dice in tedesco? Abbina le espressioni con non alle<br />

rispettive traduzioni.<br />

1) non c’è di che<br />

2) un certo non so che<br />

3) non male<br />

4) se non che<br />

5) non indifferente<br />

6) non di meno<br />

7) non … affatto<br />

8) non posso non<br />

9) in men che non si dica<br />

10) non ultimo<br />

11) non ti pare?<br />

12) non è vero?<br />

a) nicht schlecht<br />

b) aber<br />

c) dennoch<br />

d) ich muss<br />

e) nicht wahr?<br />

f) nicht unwichtig<br />

g) nichts zu danken<br />

h) meinst du auch nicht?<br />

i) beachtlich<br />

l) gar nicht<br />

m) ein gewisses Etwas<br />

n) in null Komma nichts<br />

_______________________________<br />

___________________________________<br />

___________________________________<br />

___________________________________<br />

___________________________________<br />

___________________________________<br />

___________________________________<br />

___________________________________<br />

___________________________________<br />

___________________________________<br />

___________________________________<br />

___________________________________<br />

___________________________________<br />

___________________________________<br />

___________________________________<br />

___________________________________<br />

___________________________________<br />

___________________________________<br />

FACILE<br />

ESERCIZIO C<br />

Dove è obbligatorio e dove è facoltativo non? Metti una crocetta.<br />

1) Non può andarci nessuno._______________________________O F<br />

2) Per poco l’anziana signora non cadeva._______________O F<br />

3) L’hai aspettata finché non è arrivata.__________________O F<br />

4) Non appena siamo arrivati vi ho telefonato.____________O F<br />

5) Non è affatto vero._________________________________O F<br />

6) Non ci ascolta nemmeno!_ __________________________O F<br />

7) Sono più cattivi di quanto tu non creda._______________O F<br />

8) Non è più venuta a trovarci né ci ha scritto.____________O F<br />

9) Non ho mai detto questo._ __________________________O F<br />

10) Verremo sicuramente a meno che non piova._ _________O F<br />

11) È più intelligente di quanto non sembri._ ______________O F<br />

FACILE<br />

ESERCIZIO D<br />

Sottolinea le negazioni e i rafforzativi delle negazioni nelle frasi<br />

seguenti.<br />

1) Non mi ha nemmeno salutato.<br />

2) Non è minimamente sorpreso.<br />

3) Non volevano mica ascoltarmi.<br />

4) Non ci è piaciuto per niente.<br />

5) Non ci penso per nulla a fare quello che vuoi tu.<br />

6) Non ho affatto sonno.<br />

SOLUZIONI:<br />

ESERCIZIO A: 1) Non sento niente/nulla. 2) Non<br />

conosce nessuno. 3) Non hanno detto niente/<br />

nulla. 4) Nessuno ascolta. 5) Non lo amo.<br />

6) Non va mai a trovare la nonna. 7) Non mi<br />

piace dipingere. 8) Non ha mai paura. 9) Non<br />

mangi niente/nulla? 10) Né lei né lui vengono<br />

alla festa. 11) Non hai ancora finito?<br />

ESERCIZIO B: 1) g; 2) m; 3) a; 4) b; 5) i; 6) c;<br />

7) l; 8) d; 9) n; 10) f; 11) h; 12) e.<br />

ESERCIZIO C: Obbligatorio: 1), 5), 6), 8), 9).<br />

Facoltativo: 2), 3), 4), 7), 10), 11).<br />

ESERCIZIO D: 1) Non mi ha nemmeno salutato.<br />

2) Non è minimamente sorpreso. 3) Non volevano<br />

mica ascoltarmi. 4) Non ci è piaciuto per<br />

niente. 5) Non ci penso per nulla a fare quello<br />

che vuoi tu. 6) Non ho affatto sonno.<br />

ESERCIZIO 1: a); h); b); e); c); f); d); g).<br />

ESERCIZIO 2: I due sinonimi sono: nozze e<br />

sposalizio. Fede [Ehering], bomboniera<br />

[hübsch verpackter Zuckermandelkonfekt für<br />

Hochzeitsgäste], testimone [Trauzeuge], sposa<br />

[Braut], confetti [Zuckermandeln für<br />

Hochzeiten], riso [Reis], velo [Schleier],<br />

bouquet [Brautstrauß], damigella [Brautjungfer],<br />

paggetto [Kind, dass die Ringe bringt], luna di<br />

miele [Flitterwochen], ricevimento [Empfang],<br />

rinfresco [Empfang], addobbi [Dekoration],<br />

chiesa [Kirche].<br />

ESERCIZIO 3: Non possono essere<br />

matrimoniali: volpe [Fuchs], gomito<br />

[Ellenbogen], soprammobile [Nippesfigur].<br />

ESERCIZIO 4: 1) preparativi; 2) annullamento;<br />

3) d’interesse; 4) civile; 5) fallito.<br />

41<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2014


UNA PAROLA TIRA L’ALTRA<br />

TIPOLOGIA<br />

ESPRESSIONI<br />

42<br />

•... felice<br />

•... fallito [gescheitert]<br />

•... civile [standesamtlich]<br />

•... religioso<br />

•... semplice<br />

•... sfarzoso [prunkvoll]<br />

•... solenne [feierlich]<br />

•... riparatore [Muss-]<br />

•... misto<br />

•... combinato [arrangiert]<br />

•... d’amore<br />

•... di convenienza [Vernunft-]<br />

•... d’interesse [Geld-]<br />

•... per procura [per Stellvertreter]<br />

MATRIMONIO<br />

• sacramento del ...<br />

• sacro vincolo del ...<br />

[heiliges Band]<br />

• annullamento del ...<br />

[Eheaufhebung]<br />

• certificato di ... [Heiratsurkunde]<br />

• promessa di ... [Eheversprechen]<br />

• pubblicazione di ... [Aufgebot]<br />

• partecipazione di ...<br />

[Heiratsanzeige]<br />

• anniversario di ... [Hochzeitstag]<br />

• impedimento al ... [Eheverbot]<br />

• preparativi per il ...<br />

[Hochzeitsvorbereitungen]<br />

VERBI<br />

• consumare il ... [vollziehen]<br />

• fare un buon ... [reich heiraten]<br />

• celebrare un ... [feiern]<br />

• partecipare a un ...<br />

[auf eine Hochzeit gehen]<br />

• contrarre ... [die Ehe schließen]<br />

• unire in ... [ehelich vereinen]<br />

• unirsi in ... [in den Stand der<br />

Ehe eintreten]<br />

• sciogliere il ... [auflösen]<br />

• annullare il ... [annullieren]<br />

PAROLE DERIVATE<br />

• matrimoniale [Ehe-]<br />

• prematrimoniale [vorehelich]<br />

• matrimonialista [Eherechtler]<br />

MEDIO<br />

ESERCIZIO 1*<br />

Metti in ordine il dialogo tra due amici.<br />

a) Paolo: Allora Franco, a quando i fiori d’arancio [wann ist Hochzeit]?<br />

b) Paolo: Ma come: tu e Ada siete insieme da tanti anni e siete ancora così innamorati [verliebt] e felici! Di<br />

che cosa hai paura?<br />

c) Paolo: Oh, ma come sei pessimista! Io ricordo con grande emozione le nostre nozze, i preparativi, la<br />

lista di nozze, gli addobbi in chiesa, il ricevimento sfarzoso, il viaggio di nozze [Hochzeitsreise]…<br />

d) Paolo: Sì, proprio così. Dai, prendi esempio da noi. Ti organizzerei un’indimenticabile [unvergesslich]<br />

festa di addio al celibato [Junggesellenabschied]!<br />

e) Franco: Per me il matrimonio è la tomba [Grab] dell’amore. E anche mio nonno diceva sempre che “il<br />

matrimonio è un giorno d’allegria [Fröhlichkeit] e cent’anni di guai [Ärger]”. E poi non vedi quanti matrimoni<br />

falliti o di convenienza ci sono nella nostra cerchia di amici [Freundeskreis]?<br />

f) Franco: Tu e Silvana siete un’eccezione [Ausnahme]. Tra poco festeggerete le nozze d’argento<br />

[Silberhochzeit], vero?<br />

g) Franco: Questa sì che è una proposta allettante [verlockender Vorschlag]!<br />

h) Franco: Quando mi sposo? Mai! Preferisco convivere [zusammenleben ohne Trauschein].<br />

* SOLUZIONI A PAGINA 41<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2014


UNA PAROLA TIRA L’ALTRA<br />

MEDIO<br />

ESERCIZIO 2*<br />

Quali sono i due sinonimi di matrimonio?<br />

fede, bomboniera, testimone, sposa, confetti,<br />

riso, nozze, velo, bouquet, damigella,<br />

paggetto, luna di miele, ricevimento, sposalizio,<br />

rinfresco, addobbi, chiesa.<br />

FACILE<br />

ESERCIZIO 3*<br />

Tre cose non possono essere matrimoniali: quali?<br />

vita, volpe, camera, agenzia, crisi,<br />

letto, diritto, cerimonia, lenzuolo,<br />

materasso, gomito, anello, rapporto,<br />

banchetto, coperta, soprammobile<br />

FACILE<br />

ESERCIZIO 4*<br />

Completa le frasi inserendo le parole elencate qui<br />

di seguito:<br />

43<br />

SUL NOSTRO SITO<br />

www.adesso-online.de<br />

ESERCIZI<br />

Ogni settimana sul nostro sito trovi un<br />

nuovo esercizio. Questo mese: esercizi sul<br />

lessico del mare, l’imperativo e i modi di<br />

dire con il tempo.<br />

CULTURA<br />

• Due volte al mese il quiz culturale<br />

• Una volta al mese il gioco Indovina il<br />

monumento.<br />

<strong>ADESSO</strong> MAGAZIN<br />

È ANCHE SU FACEBOOK<br />

Diventa fan della nostra pagina Facebook!<br />

www.facebook.com/adesso.magazin.<br />

Ogni giorno puoi esercitare il tuo italiano,<br />

ricevere notizie sull’Italia e restare sempre<br />

aggiornato sui contenuti dei nostri prodotti.<br />

preparativi • civile • fallito<br />

d’interesse • annullamento<br />

1) Ciao Mariella, come vanno i ____________________ per<br />

il matrimonio?<br />

2) Mi posso risposare in chiesa! Ho finalmente ottenuto<br />

[erhalten] l’____________________ del mio matrimonio<br />

precedente [vorherig].<br />

3) Si vede che il loro è un matrimonio<br />

____________________: non si amano.<br />

4) Un matrimonio celebrato in comune è un matrimonio<br />

____________________.<br />

5) Il nostro matrimonio è ___________________, di<br />

conseguenza [daher] ci siamo separati [sich trennen].<br />

SONDAGGIO<br />

TI CURI CON LA MEDICINA<br />

ALTERNATIVA?<br />

Risultati del sondaggio pubblicato su<br />

<strong>ADESSO</strong>-online dal 13/ 05 al 17/06 / 2014<br />

Sì, anche se credo<br />

funzioni solo grazie<br />

all’effetto placebo<br />

19%<br />

Sì, soprattutto<br />

con l’omeopatia<br />

23%<br />

CURIOSITÀ<br />

• In senso figurato matrimonio significa “unione, associazione<br />

di due elementi, strutture, organizzazioni” matrimonio tra i<br />

partiti di centro e di destra.<br />

• Sinonimi di unirsi in matrimonio sono sposarsi e maritarsi.<br />

No, non funziona<br />

e può essere<br />

pericolosa<br />

19%<br />

No, ma non<br />

sono contrario<br />

39%<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2014


LINGUA VIVA<br />

DI DANIELA MANGIONE<br />

L’italiano per adolescenti<br />

Früher waren Sprachlernbücher ganz auf Erwachsene zugeschnitten –<br />

doch das hat sich geändert: Immer mehr Lehrmittel bieten Themen und<br />

Erlebnisse, die Jugendliche spannend finden.<br />

44<br />

DA QUANDO ESISTONO LE CERTIFICAZIONI PLI-<br />

DA JUNIORES E CILS, DEDICATE SPECIFICAMEN-<br />

TE AGLI ADOLESCENTI, I SUSSIDI PENSATI PER<br />

QUESTA ETÀ HANNO COMINCIATO A MOLTIPLI-<br />

CARSI. La fascia fra i 13 e i 18 anni, infatti, ha esigenze<br />

particolari. Non è sensibile ai temi caratteristici della socialità<br />

adulta, legati all’ambiente di lavoro e alle incombenze<br />

della vita quotidiana; inoltre ha modalità relazionali<br />

molto diverse da quelle dei maggiorenni.<br />

Tra le più recenti uscite segnaliamo Pro e contro junior.<br />

Materiali per lo sviluppo della capacità di argomentazione<br />

orale per adolescenti, rivolto a coloro che hanno raggiunto<br />

almeno un livello di competenza della lingua compreso<br />

tra il B1 e il B2. La struttura è accattivante, organizzata<br />

l’adolescente<br />

m./f.<br />

dedicato<br />

il sussidio<br />

la fascia<br />

l’esigenza<br />

la socialità<br />

adulto<br />

legato<br />

l’incombenza<br />

quotidiano<br />

Jugendlicher,<br />

Jugendliche<br />

gewidmet<br />

Hilfsmittel<br />

Altersgruppe<br />

Bedürfnis<br />

Gemeinschaftsleben<br />

erwachsen<br />

gebunden<br />

Aufgabe,<br />

Besorgung<br />

alltäglich<br />

le modalità<br />

relazionali pl.<br />

maggiorenne<br />

segnalare qc.<br />

lo sviluppo<br />

rivolto<br />

compreso tra<br />

accattivante<br />

adatto<br />

l’argomento<br />

valere la pena<br />

sincero<br />

abolire<br />

Umgang mit<br />

anderen<br />

volljährig<br />

auf etw.<br />

hinweisen<br />

Entwicklung<br />

gerichtet<br />

zwischen<br />

ansprechend<br />

passend<br />

Thema<br />

sich lohnen<br />

ehrlich<br />

abschaffen<br />

attorno a 10 temi adatti agli adolescenti, tutti presentati<br />

attraverso una domanda-guida. Gli argomenti di discussione<br />

sono scelti attentamente: “Vale la pena di essere<br />

sinceri?”; “È possibile il vero amore?”; “Chi non è su Facebook<br />

è out?”; “I fast-food dovrebbero essere aboliti?”;<br />

L’ANGOLO DELL’ETIMOLOGIA<br />

NOVITÀ<br />

GENUINO<br />

Oggi usiamo questo aggettivo per descrivere le caratteristiche del cibo [Essen]<br />

che tendiamo a preferire sulla nostra tavola. La sua origine, però, è molto<br />

antica e non ha nulla a che vedere [nichts zu tun] con la gastronomia, ma con<br />

i più profondi valori [Werte] familiari dei nostri progenitori [Vorfahren] latini.<br />

Nell’antica Roma, il padre riconosceva [riconoscere: anerkennen] il neonato<br />

[Neugeborenes] (maschio) compiendo [compiere: machen] un gesto molto preciso:<br />

lo sollevava [sollevare: hochheben] da terra e se lo poneva [porre: setzen]<br />

sulle ginocchia (genu, “ginocchio”, in latino). Così il bambino diventava “legittimo”.<br />

Da qui il significato di “vero, schietto [offen], non alterato” [verändert].<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2014


LINGUA VIVA<br />

NOVITÀ<br />

NOVITÀ<br />

“Una vita senza telefonino è ancora possibile?” A ciascun<br />

argomento sono dedicate sei pagine, che contengono testi<br />

a sostegno di tesi opposte, esercizi di comprensione,<br />

sintesi dei pro e dei contro e proposte per la conversazione:<br />

si può essere, per esempio, giornalisti televisivi,<br />

creare e interpretare un copione, scrivere lettere a un<br />

giornale.<br />

Parla con me di Alma edizioni è invece un intero corso<br />

pensato per adolescenti e diviso in tre livelli, A1, A2<br />

e B1. È il risultato della collaborazione tra Alma e la Società<br />

Dante Alighieri. Ogni livello comprende un libro,<br />

un eserciziario e un CD audio. Le attività – giochi di<br />

gruppo e in coppia, box e sintesi – e le situazioni sono<br />

orientate a motivare l’apprendimento per la fascia d’età<br />

alla quale il corso è dedicato:<br />

al centro delle unità<br />

il telefonino Handy<br />

contenere enthalten<br />

il sostegno Stützung ci sono il look, la musica,<br />

la sintesi Übersicht la Rete, i nuovi amici, il<br />

il copione Drehbuch calcio e le star dello spettacolo.<br />

Al corso sono le-<br />

intero ganz<br />

l’unità Einheit<br />

la Rete Internet gati materiali integrativi<br />

il calcio Fußball su web, all’indirizzo www.<br />

disponibile verfügbar<br />

il/la princi-<br />

almaedizioni.it/it/minisiti/<br />

piante Anfänger, -in parla-con-me.<br />

ampio umfassend<br />

Anche Progetto italiano<br />

Junior (edilingua) è un<br />

l’editore m. Verleger<br />

il percorso Weg, hier: Kurs<br />

inserire einfügen corso per adolescenti, per<br />

il fumetto Comic<br />

ora disponibile solo per il<br />

allargato erweitert<br />

il gioco di ruolo Rollenspiel livello principianti, A1. In<br />

il cruciverba Kreuzworträtsel realtà è pensato per una<br />

previsto vorgesehen<br />

fascia più ampia, dagli<br />

offrirsi angeboten<br />

werden 11 ai 17 anni. L’editore ha<br />

prediligere vorziehen scelto di sviluppare i percorsi<br />

seguendo le storie<br />

l’approccio Ansatz<br />

fruire nutzen<br />

nell’ambito bei etw, di cinque ragazzi italiani<br />

di qc. in etw. e inserendo in ogni unità<br />

l’apprendente Lernender,<br />

una storia a fumetti. Per la<br />

m./f. Lernende<br />

il pubblico di<br />

stessa allargata fascia d’età<br />

riferimento Zielpublikum è stato pensato Rete junior<br />

approssima-<br />

(Guerra), che propone 16<br />

tivamente etwa<br />

appositamente eigens percorsi per studenti dagli<br />

la terza età Seniorenalter 11 ai 18 anni, anche se la<br />

PER APPROFONDIRE:*<br />

Pro e contro junior. Materiali per lo sviluppo della<br />

capacità di argomentazione orale per adolescenti,<br />

Bonacci, € 17,90.<br />

Parla con me, Alma edizioni: libro 1 con CD audio,<br />

€ 20,99; libro 2 con CD audio, € 21,99; libro 3 con CD<br />

audio, € 20,50; guide per l’insegnante, € 12,99.<br />

Progetto italiano Junior, edilingua: con DVD video, € 15;<br />

quaderno [Heft] degli esercizi, € 4,90.<br />

Rete junior, Guerra: libro di classe, € 18,50; CD audio,<br />

€ 12; guida per l’insegnante, € 10.<br />

Bellissimo, ELI, livelli 1-3 (A1, A2, B1): libro con eserciziario<br />

+ CD audio, € 20,97; guida per l’insegnante + CD<br />

audio, € 15,87.<br />

SCELTI PER VOI:*<br />

NOVITÀ Sono usciti ascolti supplementari<br />

[zusätzlich] per Chiaro!, corso di italiano di Alma<br />

edizioni: dialoghi autentici per sviluppare e perfezionare<br />

la comprensione orale, anche adatti<br />

all’autoapprendimento [Selbststudium], per i livelli<br />

A1-B1: libro con CD audio, € 13,90.<br />

NOVITÀ A passo, che spasso! è un nuovo testo per le<br />

edizioni Farinelli: eccettuata [ausgenommen] la breve<br />

introduzione, il testo è in lingua italiana e propone testi<br />

di autori italiani attraverso i quali avvicinarsi a sei città<br />

d’Italia: $ 38,95; con soluzioni $ 46,95.<br />

grafica lo rende più adatto fino ai 15 anni. I percorsi sono<br />

ricchi di giochi di ruolo, cruciverba, grafica a fumetti.<br />

Alla fine di ogni percorso è previsto un test. Nel complesso,<br />

il corso si offre come “multimediale”, predilige<br />

cioè diversi approcci, legati ai media visivi di cui fruiamo<br />

ogni giorno.<br />

In generale, nell’ambito dell’insegnamento dell’italiano<br />

si è intensificata, negli ultimi anni, la tendenza a differenziare<br />

libri, corsi e strumenti di apprendimento per<br />

le diverse tipologie di apprendenti. ELI propone, per<br />

esempio, Bellissimo, un corso di lingua italiana definito<br />

per “giovani adulti”. Il pubblico di riferimento è quello<br />

di età compresa, approssimativamente, fra i 18 e i 25<br />

anni. Ancora non sono presenti sul mercato corsi di italiano<br />

appositamente pensati e organizzati per la “terza<br />

età”, ma forse è solo questione di tempo...<br />

* I prezzi sono indicativi<br />

45<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2014


SOCIETÀ<br />

PRATICAMENTE PARLANDO<br />

Un’estate al mare<br />

Auch der Sommerurlaub spiegelt gesellschaftliche Veränderungen<br />

wider. Früher zwei Monate Urlaub pur, heute unbezahlbar. Aber die Italiener<br />

verzichten keinesfalls auf ihr Sonnenbad. So geht Urlaub heute.<br />

Testo: Marina Collaci<br />

46<br />

C’ERA UNA VOLTA LA VILLEGGIATURA. ERA-<br />

NO GLI ANNI DEL BOOM ECONOMICO, TRA LA<br />

FINE DEGLI ANNI CINQUANTA E L’INIZIO DEGLI<br />

ANNI SESSANTA, E LE FAMIGLIE ITALIANE SI<br />

TRASFERIVANO, ARMI E BAGAGLI, IN UNA LO-<br />

CALITÀ DI MARE. Alcuni partivano per un mese, altri<br />

addirittura per due o tre. Non era un viaggio, era un<br />

trasloco! Le piccole utilitarie venivano stipate fino all’inverosimile<br />

con valigie, ombrelloni, sdraio, maschere e<br />

pinne. A volte si impacchettavano addirittura biciclette<br />

o motorini e si spedivano a parte con il treno. Poi si<br />

la villeggiatura Sommerfrische<br />

il boom<br />

economico vedi pag. 67<br />

trasferirsi umziehen<br />

armi e bagagli mit Sack<br />

und Pack<br />

l’utilitaria Kleinwagen<br />

stipare vollstopfen<br />

fino all’inverosimile<br />

la sdraio<br />

la maschera<br />

la pinna<br />

impacchettare<br />

affollarsi<br />

la cittadina<br />

unglaublich<br />

Liegestuhl<br />

Taucherbrille<br />

Flosse<br />

einpacken<br />

sich füllen<br />

Städtchen<br />

partiva tutti insieme, genitori, figli, nonni, zii e nipoti.<br />

A luglio e agosto le autostrade si affollavano e le città si<br />

svuotavano. Roma sembrava una cittadina del Far West,<br />

LE VACANZE DEGLI ITALIANI*<br />

• SPESA MEDIA A PERSONA 961** euro<br />

• TOTALE VIAGGI 63.154.000 (2013)<br />

• DURATA MEDIA 6,6 notti<br />

Al mare 48%<br />

In montagna o collina<br />

23,3%<br />

In Italia 78,8%<br />

• Puglia 12,9%<br />

• Toscana 10,2%<br />

• Emilia-Romagna 9,3%<br />

• <strong>Sicilia</strong> 8,6%<br />

• Sardegna 7,8%<br />

• Trentino Alto Adige 7,7%<br />

All’estero 20,2%<br />

• Europa 84,8%<br />

Per vacanze lunghe:<br />

• Spagna 13,1%<br />

• Francia 11,2%<br />

• Regno Unito 6,5%<br />

Per vacanze brevi:<br />

• Francia 16,4%<br />

• Germania 13%<br />

Per affari:<br />

• Germania 24,4%<br />

• In auto<br />

61,4%.<br />

In Italia<br />

• Alloggi privati,<br />

tra cui B&B 52,7%.<br />

• In albergo 47,3%.<br />

All’estero<br />

• In albergo 70,7%.<br />

• Alloggi privati,<br />

tra cui B&B 29,3%.<br />

*(Dati Istat 2013); **(Dati Confesercenti 2013)


QUARANT’ANNI FA<br />

In questi anni le abitudini degli<br />

italiani in vacanza sono molto<br />

cambiate. Sino agli anni Settanta<br />

si partiva con tutta la famiglia per<br />

almeno due mesi, caricando la<br />

macchina di valigie, come per un<br />

trasloco. Oggi gli italiani partono<br />

per un breve periodo, ma non<br />

solo a causa della crisi.<br />

Guarda il video sulle<br />

vacanze negli anni Sessanta<br />

www.adesso-online.de/vacanzeitaliane<br />

© ANSA, I. Mancusi<br />

glühend<br />

verdammen<br />

vorgegeben<br />

Ritual<br />

üppig<br />

Nachmittagsschläfchen<br />

Flanieren<br />

Gasse<br />

Miet-<br />

Ohrwurm<br />

unauslöschlich<br />

faul<br />

Luxus<br />

rovente<br />

condannare<br />

scandito<br />

il rito<br />

lauto<br />

il sonnellino<br />

pomeridiano<br />

lo struscio<br />

il vicolo<br />

in affitto<br />

il tormentone<br />

indelebile<br />

pigro<br />

il lusso<br />

la maggioranza<br />

fare la spola<br />

la casalinga<br />

rassettare<br />

la cuffia<br />

adorno<br />

nuotare<br />

a rana<br />

Mehrheit<br />

pendeln<br />

Hausfrau<br />

aufräumen<br />

Badehaube<br />

geschmückt<br />

brustschwimmen<br />

rovinarsi qc.<br />

la piega<br />

per ripiego<br />

disoccupato<br />

squattrinato<br />

scarseggiare<br />

liberarsi di qcn.<br />

mandare<br />

avanti<br />

accudire<br />

prestare<br />

lo stipendio<br />

il pargolo<br />

a carico<br />

cancellare<br />

il lessico<br />

essere considerato<br />

qc.<br />

mordi e fuggi<br />

incrollabile<br />

svanire<br />

sich etw.<br />

ruinieren<br />

Frisur<br />

aus der Not<br />

heraus<br />

arbeitslos<br />

abgebrannt<br />

knapp sein<br />

jdn. loswerden<br />

durchbringen<br />

hüten<br />

leihen<br />

Gehalt<br />

Kind<br />

zu versorgen<br />

löschen<br />

Wortschatz<br />

als etw. gelten<br />

auf die Schnelle<br />

unerschütterlich<br />

vergehen<br />

con l’asfalto rovente, i negozi chiusi e le strade deserte.<br />

Trovare un panino, un negozio di alimentari aperto ad<br />

agosto era veramente difficile e chi rimaneva in città era<br />

condannato alla noia e alla solitudine.<br />

Ben altra e più piacevole noia era riservata alle famiglie<br />

in villeggiatura, che seguivano un ritmo lento, scandito<br />

da pochi piacevoli riti: sveglia tardi, spiaggia e mare fino<br />

alle due, lauto pranzo a base di verdure colorate, sonnellino<br />

pomeridiano, una doccia veloce e poi lo “struscio”,<br />

la passeggiata per i vicoli del paesino, tutti ben vestiti e<br />

pettinati. Non ci si faceva mancare l’aperitivo al bar, una<br />

cenetta con gli amici e la discoteca serale. Si trovava una<br />

casa in affitto, si andava dai parenti rimasti nel paese d’origine<br />

e c’era chi prenotava addirittura un albergo con<br />

pensione completa per periodi lunghissimi. Per ascoltare<br />

le canzoni tormentone dell’estate, che avrebbero reso indelebili<br />

i ricordi di<br />

quei momenti magici<br />

e pigri, bastava<br />

introdurre una<br />

monetina nel jukebox.<br />

Oggi una vacanza<br />

di due mesi è inimmaginabile, un lusso riservato<br />

a pochi fortunati. E pensare che, nella maggioranza dei<br />

casi, in famiglia lavorava una persona sola, il babbo, che<br />

faceva la spola fra il mare e la città. La mamma, casalinga,<br />

cucinava, rassettava, si metteva in testa orribili cuffie<br />

di plastica, adorne di fiori colorati, e nuotava a rana, con<br />

la testa fuori dall’acqua per non rovinarsi la piega.<br />

Oggi la famiglia italiana è cambiata radicalmente: a lavorare<br />

si è in due, le casalinghe non esistono quasi più,<br />

o lo sono per ripiego, perché disoccupate e squattrinate.<br />

I figli sono sempre meno, uno e mezzo a coppia, dicono<br />

le statistiche in maniera un po’ schematica. Eppure i soldi<br />

scarseggiano e non si riesce ad arrivare alla fine del<br />

mese. I nonni sono felici di partire da soli e di liberarsi<br />

un po’ dei figli, almeno d’estate. Sono loro, infatti, che<br />

mandano avanti le famiglie, accudendo gratis i nipotini<br />

quando la mamma lavora, e sono sempre loro a fare la<br />

spesa o a prestare qualche soldo quando ce n’è bisogno.<br />

Malgrado due stipendi, meno pargoli e niente nonni a<br />

carico, non si parte più e la parola villeggiatura è stata<br />

cancellata dal lessico, ormai considerata fuori moda.<br />

Viviamo nell’epoca della vacanza “mordi e fuggi”. Le incrollabili<br />

certezze di<br />

un tempo, quando la<br />

casa veniva affittata<br />

da un anno all’altro,<br />

sono svanite: il 42%<br />

degli italiani decide<br />

<strong>ADESSO</strong>audio<br />

Ascolta uno stralcio del<br />

reportage che trovi nel CD<br />

www.adesso-online.de/vacanze<br />

47<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2014


PRATICAMENTE PARLANDO<br />

48<br />

LOCALITÀ CHE VAI<br />

DIVIETO CHE TROVI<br />

Sanremo<br />

Vietato [verboten]<br />

sedersi ai bordi [Ränder]<br />

delle aiuole [Beete] se si<br />

hanno dai 13 ai 59 anni.<br />

Isole Egadi<br />

Vietato cantare mentre si<br />

aspetta il traghetto [Fähre].<br />

Positano<br />

Vietato indossare gli<br />

zoccoli [Absätze].<br />

Eraclea (Venezia)<br />

Vietato raccogliere<br />

[sammeln] conchiglie<br />

[Muscheln] e fare castelli di<br />

sabbia [Sandburgen].<br />

destinazione e durata della vacanza all’ultimo momento:<br />

un fine settimana a prezzi scontati, un’offerta rimediata<br />

all’ultimo minuto. Tuttavia alla piccola vacanza rinunciano<br />

in pochi. Un italiano su tre parte per trascorrere almeno<br />

una notte fuori casa. Il 70% di chi parte, quest’anno<br />

va al mare. Tanti hanno scelto la Grecia, dove si spende<br />

la metà che in Italia, mentre le regioni italiane più gettonate<br />

sono la Puglia, la Toscana e l’Emilia-Romagna, seguono<br />

poi la Sardegna, la <strong>Sicilia</strong> e il Trentino Alto-Adige.<br />

In buona posizione la Spagna,<br />

la destinazione Ziel<br />

la Francia, la Croazia l’offerta Angebot<br />

rimediato besorgt<br />

e la Turchia.<br />

rinunciare verzichten<br />

È anche cambiato il tipo di trascorrere verbringen<br />

vacanza. La formula più spendere ausgeben<br />

amata è il soggiorno in gettonato gefragt<br />

il soggiorno Aufenthalt<br />

agriturismo, con soluzioni<br />

molto diverse. Ci sono<br />

bauernhof<br />

l’agriturismo Ferienagriturismi<br />

di lusso, alcuni l’azienda landwirtschaftagricola<br />

licher Betrieb<br />

molto cari, ma anche tante<br />

aziende agricole che,<br />

zione f. zur Verfügung<br />

a disposiper<br />

pochi soldi, mettono immerso inmitten<br />

in qc. von etw.<br />

a disposizione una stanza<br />

l’ospitalità Gastfreundimmersa<br />

nel verde e garantiscono<br />

schaft<br />

un’ospitalità sopperire wettmachen<br />

amichevole e ottimi piatti.<br />

restio widerwillig<br />

Per sopperire alla man-<br />

accogliere aufnehmen<br />

ospitare beherbergen<br />

canza di denaro ci si sta l’approccio Ansatz<br />

comunque organizzando lo sviluppo Entwicklung<br />

devolvere zuwenden<br />

e le iniziative non mancano.<br />

Sono aumentati gli lo sostegno Unterstützung<br />

la quota Beitrag<br />

scambi di casa e se un tempo<br />

sfruttare ausbeuten<br />

gli italiani erano restii a l’adolescente Jugendlicher,<br />

m./f. Jugendliche<br />

mettere a disposizione di<br />

sconosciuti il proprio appartamento,<br />

oggi accolgono con allegria l’idea di essere<br />

ospiti e di ospitare, di improvvisare un’amicizia con persone<br />

di paesi diversi. Cambia anche l’approccio turistico<br />

e alcune agenzie offrono modi alternativi di fare vacanza<br />

in paesi lontani: partecipando, ad esempio, a progetti di<br />

sviluppo, devolvendo una parte della quota a sostegno<br />

di iniziative che aiutino la gente del luogo e non la sfruttino.<br />

Gli adolescenti scelgono sempre più spesso la “vacanza<br />

lavoro”. Sono loro, oggi, a trasferirsi armi e bagagli<br />

per un mese, o anche due o tre, in un piccolo paese...<br />

magari dall’altra parte dell’oceano!<br />

Lo sapevate che…<br />

Il primo stabilimento balneare italiano è nato a Viareggio, in Toscana, nel maggio 1827,<br />

su proposta del gonfaloniere del Ducato di Lucca. Si trattava di due palafitte di legno<br />

sul mare. La prima, destinata agli uomini, si chiamava Il Nereo, quella per le donne Il<br />

Dori. Queste strutture a palafitta erano dette anche bagni e servivano a proteggere<br />

dalla vista altrui uomini e donne che facevano il bagno in mare. Per la copertura erano<br />

utilizzati teli che correvano intorno alla struttura quadrata. I bagni aprivano a luglio e<br />

lo stabilimento<br />

balneare Strandbad<br />

il gonfaloniere: einflussreiches Amt<br />

in italienischen Gemeinden (hist.)<br />

la palafitta<br />

di legno Holzpfahlbau<br />

destinato bestimmt<br />

proteggere schützen<br />

la vista altrui<br />

la copertura<br />

il telo<br />

correre<br />

accessibile<br />

il tramonto<br />

fremde Blicke<br />

Pl.<br />

Abdeckung<br />

Tuch<br />

verlaufen<br />

zugänglich<br />

Sonnenuntergang<br />

chiudevano a settembre.<br />

Erano accessibili al<br />

mattino dalle 8 alle 13 e al<br />

pomeriggio dalle 15 fino<br />

a un quarto d’ora prima<br />

dell’Ave Maria, ovvero<br />

un quarto d’ora dopo il<br />

tramonto.<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2014


BOTTA E RISPOSTA<br />

DI MARINA COLLACI<br />

LA STORIA DI VALENTINA, AFFET-<br />

TA DA UNA MALATTIA GENETICA<br />

E COSTRETTA AD ABORTIRE DA<br />

SOLA NEL BAGNO DI UN GRAN-<br />

DE OSPEDALE ROMANO, È SOLO<br />

UNO DEI TANTI DRAMMI CHE SI<br />

CONSUMANO OGNI GIORNO IN<br />

ITALIA. Dal 1978 una legge, la 194,<br />

dovrebbe garantire il diritto della<br />

donna ad abortire. Tuttavia, oggi,<br />

oltre l’80% dei ginecologi si dichiara<br />

obiettore di coscienza, con punte che,<br />

in alcune regioni, arrivano al 100%.<br />

“A causa dell’elevato e crescente numero<br />

di medici obiettori di coscienza,<br />

l’Italia viola i diritti delle donne che<br />

l’aborto<br />

affetto<br />

costretto<br />

abortire<br />

il bagno<br />

consumarsi<br />

la legge<br />

il diritto<br />

l’obiettore di<br />

coscienza<br />

la punta<br />

Abtreibung<br />

leidend<br />

gezwungen<br />

abtreiben<br />

Toilette<br />

sich abspielen<br />

Gesetz<br />

Recht<br />

hier: Arzt, der aus<br />

Gewissensgründen<br />

keine Abtreibungen<br />

durchführt<br />

Spitzenwert<br />

intendono interrompere la gravidanza”.<br />

Con queste gravi parole, il Ceds<br />

(Comitato europeo dei diritti sociali)<br />

del Consiglio d’Europa ha ripreso<br />

l’Italia. Ed è scoppiata una polemica<br />

elevato<br />

violare<br />

intendere<br />

la gravidanza<br />

il Consiglio d’Europa<br />

riprendere<br />

scoppiare<br />

accusare<br />

negare<br />

il cittadino<br />

tacciare<br />

comportare<br />

minore<br />

hoch<br />

verletzen<br />

hier: beabsichtigen<br />

Schwangerschaft<br />

Europarat<br />

rügen<br />

losbrechen<br />

beschuldigen<br />

verweigern<br />

Bürger<br />

beschuldigen<br />

mit sich bringen<br />

weniger<br />

molto dura. Gli ospedali sono accusati<br />

di negare ai cittadini un servizio<br />

pubblico e i medici vengono tacciati<br />

di opportunismo, poiché la loro scelta<br />

comporta minore lavoro.<br />

L’aborto in Italia<br />

Obwohl Frauen in Italien seit Jahrzehnten ungewollte Schwangerschaften abbrechen<br />

dürfen, verweigern zahllose Ärzte den Eingriff aus Gewissensgründen<br />

auch in Notlagen. Doch wessen Recht hat Vorrang?<br />

49<br />

tutelare<br />

mettersi nei<br />

panni di qcn.<br />

mettere a<br />

rischio<br />

la salute<br />

rimanere<br />

incinta<br />

il servizio<br />

di leva<br />

uccidere<br />

l’operaio<br />

il proiettile<br />

lo stipendio<br />

schützen<br />

sich in jdn.<br />

hineinversetzen<br />

gefährden<br />

Gesundheit<br />

schwanger<br />

werden<br />

Wehrdienst<br />

töten<br />

Arbeiter<br />

Geschoss<br />

Gehalt<br />

Maria Letizia Lupi, 50 anni, di Cura di Vetralla (VT), impiegata<br />

[Angestellte] Telecom (a sinistra) e Gabriella Patorane, 36<br />

anni, di Andria, interprete [Dolmetscher, -in] e traduttrice.<br />

La donna ha diritto di abortire<br />

e il medico di fare obiezione di<br />

coscienza. Fra due diritti che si<br />

scontrano, quale va tutelato?<br />

Non riesco a mettermi nei panni<br />

del medico; io mi metto nei panni<br />

della donna che va in un ospedale<br />

perché ha deciso di abortire e<br />

ha il diritto di farlo.<br />

L’obiezione di coscienza mette<br />

a rischio la salute delle donne?<br />

Sì, e il messaggio alle donne è:<br />

sei rimasta incinta e sono problemi<br />

tuoi!<br />

Fino ad alcuni anni fa, era un<br />

“obiettore di coscienza” chi rifiutava di fare il servizio di leva.<br />

Oggi è il medico che rifiuta l’aborto.<br />

Esprimono entrambi il rifiuto<br />

di uccidere?<br />

È un’espressione sbagliata, perché<br />

mette sullo stesso piano un<br />

feto e un essere umano e per me<br />

non è così. E poi mi chiedo: ma<br />

un operaio che fabbrica pistole<br />

e proiettili può rifiutarsi di farlo e<br />

prendere lo stipendio?<br />

Cosa dovrebbe cambiare?<br />

Le strutture pubbliche devono<br />

garantire sempre un medico<br />

non obiettore.<br />

scontrarsi<br />

il padrone<br />

creare<br />

togliere<br />

il pericolo<br />

intervenire<br />

abolire<br />

aufeinanderprallen<br />

Herr<br />

erschaffen<br />

nehmen<br />

Gefahr<br />

eingreifen<br />

abschaffen<br />

<strong>ADESSO</strong>plus<br />

Fai l’esercizio sulla legge<br />

194 all’interno della rubrica<br />

Grammatica<br />

La donna ha diritto di abortire<br />

e il medico di fare obiezione di<br />

coscienza. Fra due diritti che si<br />

scontrano, quale va tutelato?<br />

Il diritto alla vita. Sono cattolica<br />

e penso che non siamo noi i padroni.<br />

Solo chi crea la vita può<br />

toglierla; noi siamo un mezzo<br />

per crearla.<br />

L’obiezione di coscienza mette<br />

a rischio la salute delle donne?<br />

Se c’è una situazione estrema di<br />

pericolo per la vita stessa della<br />

madre, il medico è obbligato a<br />

intervenire.<br />

Fino ad alcuni anni fa,<br />

era un “obiettore di coscienza”<br />

chi rifiutava di<br />

fare il servizio di leva.<br />

Oggi è il medico che rifiuta<br />

l’aborto. Esprimono<br />

entrambi il rifiuto di uccidere?<br />

Entrambi esprimono rispetto<br />

per la vita.<br />

Cosa dovrebbe cambiare?<br />

Dovrebbero abolire<br />

la legge 194, che legalizza<br />

l’aborto.<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2014


L’ITALIA A TAVOLA<br />

MOZZARELLA<br />

BIANCA DELIZIA<br />

Der Süden Italiens ist nicht nur als sonniges Urlaubsziel bekannt:<br />

Hier entsteht der wunderbar säuerlich-zarte Büffelmozzarella, den<br />

Feinschmecker in aller Welt sich gerne auf der Zunge zergehen lassen!<br />

Testo: Marina Collaci<br />

50<br />

SI VA IN CAMPANIA PER VISI-<br />

TARE LE MERAVIGLIE DI POM-<br />

PEI, L’INCANTO DELLA COSTIE-<br />

RA AMALFITANA, LA BELLEZZA<br />

DEI TEMPLI DI PAESTUM (VEDI<br />

PAG. 62) E DELLE SUE SPIAG-<br />

GE SABBIOSE E SUCCEDE CHE<br />

CI SI IMBATTE IN UN PAESAG-<br />

GIO DEL TUTTO INASPETTA-<br />

TO: grandi bufale dal manto scuro<br />

e con le corna piatte e rugose sostano<br />

e si rinfrescano in larghe pozze<br />

d’acqua. A Goethe, nel Settecento,<br />

sembrarono ippopotami e in verità<br />

ancora oggi infondono all’ambiente<br />

un’atmosfera africana. La costa fra<br />

Roma e Napoli era una zona malsana e paludosa fino ai<br />

tempi di Mussolini, quando fu bonificata. Prima, però,<br />

era poco adatta all’allevamento delle mucche, così le bufale<br />

furono una vera benedizione. Prive di ghiandole sudoripare,<br />

hanno bisogno di immergersi nell’acqua più<br />

Una bufala della tenuta Vannulo (SA) si<br />

rinfresca in acqua.<br />

volte al giorno per sfuggire al caldo<br />

e in quei terreni acquitrinosi si<br />

trovarono benissimo. Nessuno sa<br />

dire chi portò in Italia questi animali<br />

preziosi e mansueti: c’è chi dice<br />

che ci arrivarono in epoca preistorica,<br />

chi attribuisce la loro introduzione<br />

ai longobardi, chi agli arabi. Di<br />

certo sono stati un grande regalo,<br />

perché la mozzarella che si ricava<br />

dal latte di bufala è un capolavoro<br />

di bontà. Affondare i denti in quella<br />

delizia morbida e soda che lascia<br />

colare rivoli di latte, acida e dolce<br />

a un tempo, dal sapore di panna<br />

e muschio, è un piacere sensoriale<br />

che arriva dritto al cervello. Già nel XII secolo i monaci<br />

del monastero di San Lorenzo, a Capua, usavano offrirla<br />

in omaggio al loro arcivescovo e ancora oggi, a Napoli e<br />

in tutta la Costiera, rappresenta il pasto più apprezzato.<br />

Va gustata appena fatta, tiepida – mai fredda! – e senza<br />

la meraviglia<br />

l’incanto<br />

la spiaggia<br />

sabbiosa<br />

imbattersi<br />

in qc.<br />

il paesaggio<br />

la bufala<br />

il manto<br />

il corno<br />

rugoso<br />

sostare<br />

Wunder, Pracht<br />

Zauber<br />

Sandstrand<br />

auf etw.<br />

stoßen<br />

Landschaft<br />

Büffelkuh<br />

Fell<br />

Horn<br />

zerfurcht<br />

rasten<br />

la pozza<br />

d’acqua<br />

il Settecento<br />

l’ippopotamo<br />

infondere<br />

malsano<br />

paludoso<br />

bonificare<br />

adatto<br />

l’allevamento<br />

la benedizione<br />

la ghiandola<br />

sudoripara<br />

Wasserpfütze<br />

18. Jahrhundert<br />

Flusspferd<br />

verleihen<br />

ungesund<br />

sumpfig<br />

urbar machen<br />

geeignet<br />

Zucht<br />

Segen<br />

Schweißdrüse<br />

immergersi<br />

sfuggire<br />

il terreno<br />

acquitrinoso<br />

prezioso<br />

mansueto<br />

attribuire<br />

ricavare<br />

il capolavoro<br />

la bontà<br />

affondare<br />

eintauchen<br />

entkommen<br />

Boden<br />

sumpfig<br />

wertvoll<br />

zahm<br />

zuschreiben<br />

gewinnen<br />

Meisterwerk<br />

Wohlgeschmack<br />

versenken<br />

la delizia<br />

sodo<br />

colare<br />

il rivolo<br />

la panna<br />

il muschio<br />

sensoriale<br />

il monaco<br />

il monastero<br />

in omaggio<br />

l’arcivescovo<br />

apprezzato<br />

tiepido<br />

Köstlichkeit<br />

fest<br />

tröpfeln<br />

Rinnsal<br />

Sahne<br />

Moschus<br />

für die Sinne<br />

Mönch<br />

Kloster<br />

als Gabe<br />

Erzbischof<br />

beliebt<br />

lauwarm<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2014


L’ITALIA A TAVOLA<br />

Affondare i denti<br />

in questa delizia<br />

morbida e soda è un<br />

piacere sensoriale.<br />

51<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2014


NON SOLO<br />

MOZZARELLA<br />

La mozzarella è un formaggio fresco a pasta filata e<br />

viene prodotta:<br />

– con latte di bufala nel Lazio Meridionale e in Campania<br />

– con latte di mucca (e si definisce mozzarella fior di latte)<br />

in Basilicata, Calabria, Puglia, Abruzzo e Molise.<br />

– con latte di pecora in Sardegna<br />

A seconda della forma si parla di:<br />

• ciliegino (di latte di bufala o vaccino)<br />

• mozzarella con la testa<br />

• bocconcino (di latte vaccino)<br />

• treccia<br />

• nodino (di latte vaccino)<br />

Preparazioni particolari:<br />

• bocconcini alla panna: bocconcini ricoperti di panna e<br />

confezionati in recipienti di terracotta.<br />

• mozzarella nella mortella: mozzarella avvolta in foglie<br />

di mirto tipica del Cilento. Ha un sapore leggermente più<br />

acido di quella tradizionale.<br />

• provola affumicata: il procedimento è identico a quello<br />

della mozzarella fior di latte, ma la fase di filatura è più<br />

lunga. Poi la provola è messa a contatto con i fumi della<br />

paglia bruciata e conservata nel latticello per tre giorni.<br />

Ha un colore bruno.<br />

• provola affumicata di bufala: mozzarella fresca di latte<br />

di bufala legata con fili di rafia e, come la provola affumicata,<br />

viene messa a contatto con i fumi prodotti dalla<br />

combustione della paglia. Il sapore è aromatico e delicato.<br />

Squisita consumata tiepida con gocce di limone.<br />

• stracciatella (di bufala o vaccina): mozzarella ridotta a<br />

straccetti e mescolata con la panna.<br />

• burrata (di bufala o vaccina): tipica della Puglia e prodotta<br />

come la mozzarella, a eccezione della fase di filatura<br />

e farcitura. Si modella un foglio di pasta filata a forma<br />

di sacchetto e lo si riempie di pasta sfilacciata amalgamata<br />

a crema di siero. Ha un sapore dolce e burroso.<br />

• scamorza: preparazione simile alla mozzarella, ma poi<br />

viene sottoposta a salatura. Ha forma sferoidale e una<br />

sottile buccia.<br />

Knetkäse<br />

Schaf<br />

kleine Kirsche<br />

Kuh-<br />

Häppchen<br />

Zopf<br />

Knötchen<br />

bedeckt<br />

Gefäß<br />

il formaggio<br />

a pasta filata<br />

la pecora<br />

il ciliegino<br />

vaccino<br />

il bocconcino<br />

la treccia<br />

il nodino<br />

ricoperto<br />

il recipiente<br />

la mortella/<br />

il mirto<br />

avvolto<br />

affumicato<br />

bruciato<br />

il latticello<br />

bruno<br />

legato<br />

Myrte<br />

eingewickelt<br />

geräuchert<br />

verbrannt<br />

Buttermilch<br />

bräunlich<br />

gebunden<br />

il filo di rafia<br />

il fumo<br />

la combustione<br />

la paglia<br />

squisito<br />

la goccia<br />

ridotto<br />

a straccetti<br />

la filatura<br />

la farcitura<br />

il sacchetto<br />

riempire<br />

sfilacciato<br />

amalgamato<br />

il siero<br />

sottoporre<br />

sferoidale<br />

la buccia<br />

Bastfaden<br />

Rauch<br />

Verbrennung<br />

Stroh<br />

köstlich<br />

Tropfen<br />

in Streifen<br />

geschnitten<br />

Kneten<br />

Füllen<br />

Säckchen<br />

füllen<br />

ausgefranst<br />

vermengt<br />

Molke<br />

unterziehen<br />

kugelig<br />

Rinde<br />

Burrata<br />

Scamorza Fiordilatte Bocconcino<br />

Stracciatella<br />

Mozzarella<br />

nella mortella<br />

Mozzarella di bufala<br />

Nodino<br />

Provola affumicata<br />

di bufala<br />

Provola<br />

affumicata<br />

Bocconcino<br />

alla panna<br />

Treccia<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2014


L’ITALIA A TAVOLA<br />

A rendere la mozzarella così speciale<br />

è l’intelligenza delle bufale, che sono<br />

curiose, attente e non amano lo stress.<br />

© Stockfood, Cubo Images (2)<br />

alcun condimento; oppure trasformata in insalata, secondo<br />

l’uso di Capri, tagliata a fettine e mescolata a rondelle<br />

di pomodoro, con qualche foglia profumata di basilico,<br />

un filo di olio extravergine e, volendo, un pizzico<br />

di origano e qualche oliva rigorosamente nera. È anche<br />

un ottimo condimento per la pasta al dente.<br />

Può sembrare strano, ma a rendere la mozzarella così<br />

speciale è l’intelligenza delle bufale, che sono animali<br />

assai particolari: curiose e attente, non amano lo stress.<br />

Visitare un allevamento è uno spettacolo al quale vale la<br />

pena di assistere, tanto più che le fattorie più belle si trovano<br />

a pochi chilometri dal mare e dai siti archeologici.<br />

Fino a pochi anni fa, le bufale non avevano un nome proprio,<br />

ma rispondevano a una precisa frase musicale che<br />

andava modulata in una certa maniera. Chillo che faaai è<br />

tutto perduuuuto (Quello che fai è tutto inutile), cantava il<br />

massaro, indugiando sulle vocali, ed ecco che un’arzilla<br />

bufala si staccava dal gruppo e lo raggiungeva al trotto.<br />

Ogni bufala aveva la sua<br />

il condimento Gewürz, Sauce litania personale e reagiva<br />

la fettina dünne Scheibe<br />

solo a quella, snobbando<br />

mescolato gemischt<br />

il filo di olio Hauch Öl il numero e il codice che<br />

il pizzico Prise le erano stati affibbiati dalle<br />

norme europee. “Senza<br />

ottimo sehr gut<br />

valere la pena sich lohnen<br />

assistere beiwohnen cantilena non obbediscono”,<br />

mi raccontava il<br />

la fattoria Bauernhof<br />

il sito Stätte<br />

il massaro Landwirt mandriano Gaetano della<br />

indugiare verweilen Taverna Penta, una azienda<br />

di Pontecagnano che<br />

arzillo munter<br />

staccarsi sich lösen<br />

snobbare die kalte ho visitato qualche anno<br />

Schulter zeigen fa, e intanto cantilenava<br />

il codice Code<br />

’A chiu bella tiene a roogna<br />

affibbiato verpasst<br />

la cantilena Singsang, Leier (La più bella ha la rogna).<br />

obbedire gehorchen Neanche a dirlo, ecco<br />

il mandriano Viehhüter<br />

un’altra bufala dai grandi<br />

occhi avanzare decisa<br />

la rogna Räude<br />

avanzare nach vorne<br />

laufen e, attraverso un percorso<br />

il percorso Weg<br />

adibito a für<br />

obbligato, entrare negli<br />

la mungitura Melken spazi adibiti alla mungitura<br />

meccanica. Impossibile<br />

il capezzolo Zitze<br />

attaccato hängend<br />

il vitellino Kälbchen mungerla, se a un capezzolo<br />

non aveva attaccato<br />

il nutrimento Nahrung<br />

il divorzio Scheidung<br />

il suo vitellino, perché la<br />

di stucco verblüfft<br />

l’auto- Selbst- bufala doveva essere certa<br />

gestione f. verwaltung che il suo piccolo avesse il<br />

nutrimento di cui aveva bisogno, altrimenti non si faceva<br />

toccare. Oggi la situazione è cambiata. Alla Tenuta<br />

Vannulo di Paestum il massaro non canta più e le bufale<br />

hanno nomi brevi, come ’O primmo amore (il primo<br />

amore), oppure ’O divorzio (Il divorzio). Inoltre, durante<br />

la mungitura, i vitelli vengono separati dalle mamme.<br />

Come mai? Che cosa è successo? La risposta può lasciare<br />

davvero di stucco: “Qui pratichiamo l’autogestione“,<br />

Qui: la lavorazione<br />

dell’impasto per la<br />

mozzarella di bufala.<br />

Sopra: insalata di<br />

mozzarella di bufala,<br />

pomodori e cipolle.<br />

53


L’ITALIA A TAVOLA<br />

MOZZARELLA<br />

IN CARROZZA<br />

Ingredienti per 4 persone:<br />

8 fette [Scheibe] di pancarrè [Toastbrot]<br />

1 mozzarella di bufala<br />

3 uova<br />

farina [Mehl] (quanto basta)<br />

100 ml di latte<br />

sale e pepe a piacere<br />

olio di oliva o di semi [Keimöl] per frittura (quanto basta)<br />

54<br />

Preparazione:<br />

Eliminate i bordi [Ränder] dalle fette di pancarrè. Tagliate<br />

la mozzarella a fettine di 1 cm di spessore [Höhe],<br />

adagiatele [adagiare: platzieren] su quattro fette di pane<br />

e richiudete con le altre quattro fette. Premete [premere:<br />

drücken] bene e fate attenzione che la mozzarella<br />

non esca dai bordi. In una ciotola [Schüssel] sbattete<br />

[sbattere: schlagen] le uova con il latte, il sale e il pepe<br />

ottenendo [ottenere: erhalten] un composto [Mischung]<br />

omogeneo [gleichmäßig]. Passate [passare: tunken]<br />

entrambi i lati esterni delle fette di pancarrè prima nella<br />

farina e poi nel composto. Fate attenzione che anche<br />

i bordi laterali siano ben inzuppati [getränkt]. Friggete<br />

[friggere: frittieren] in olio bollente [kochend]. Quando i<br />

“tramezzini” saranno ben dorati [goldbraun] su entrambi<br />

i lati, lasciateli asciugare [abtrocken] su carta da cucina e<br />

serviteli ben caldi. Una gustosa [schmackhaft] variante è<br />

mettere all’interno qualche filetto di alice [Sardellenfilet].<br />

serafico<br />

la proprietaria<br />

la tenuta<br />

individuare<br />

rassicurare<br />

la fila<br />

il materassino<br />

rilassarsi<br />

la spazzola<br />

il capo<br />

prelevare<br />

il caglio<br />

lo stomaco<br />

il getto<br />

seelenruhig<br />

Eigentümerin<br />

Landgut<br />

bestimmen<br />

versichern<br />

Schlange<br />

Matte<br />

sich entspannen<br />

Bürste<br />

Chef, Führer<br />

entnehmen<br />

Lab<br />

Magen<br />

Strahl<br />

Una variante estiva è la<br />

mozzarella di bufala condita con<br />

scorze di limone, sale e pepe.<br />

bollente<br />

manipolare<br />

l’impasto<br />

il termine<br />

derivare<br />

gettare<br />

di scarto<br />

kochend<br />

kneten<br />

Teigmasse<br />

Begriff<br />

stammen<br />

werfen<br />

übrig geblieben<br />

<strong>ADESSO</strong>plus<br />

Fai l’esercizio sulla<br />

vera mozzarella di bufala nella<br />

rubrica Grammatica.<br />

risponde serafica Teresa, proprietaria della tenuta,<br />

e spiega che ora le bufale decidono da sole quando<br />

hanno voglia di farsi mungere e, autonomamente,<br />

trotterellano verso la stalla. Qui vengono riconosciute<br />

da un robot che individua l’esatta posizione del<br />

capezzolo e le munge. Inoltre, rassicura Teresa, se si<br />

forma una fila, visto che solo sette mucche alla volta<br />

possono essere munte, “per evitare lo stress c’è una<br />

piccola sala d’attesa che noi chiamiamo area relax,<br />

con materassini di gomma sui quali le bufale si rilassano,<br />

con spazzole massaggianti e docce con acqua nebulizzata<br />

che le tengono fresche”. Le bufale hanno però<br />

un forte senso della gerarchia, quindi se la bufala riconosciuta<br />

come capo si mette in fila, viene fatta passare!<br />

Il latte è prelevato alle quattro di notte, poi viene filtrato,<br />

portato a 37 gradi e lasciato fermentare alcune ore con<br />

il caglio naturale – un liquido che si ricava dallo stomaco<br />

del vitello – e poi cotto con getti di acqua bollente. Tre uomini,<br />

con movimenti velocissimi, manipolano l’impasto e<br />

lo dividono per dargli forme diverse; quindi lo “mozzano”,<br />

ovvero lo tagliano. Il termine mozzarella deriva proprio<br />

da questo gesto. I vari formati vengono poi gettati in<br />

acqua fredda e successivamente nell’acqua di scarto della<br />

mozzarella, alla quale viene aggiunto del sale, per conservarla.<br />

Alle 11 di mattina le mozzarelle sono pronte.<br />

INDIRIZZI UTILI<br />

Azienda Taverna Penta: www.caseificiotavernapenta.it<br />

Tenuta Vannulo: www.vannulo.it<br />

© S. Scatà<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2014


LE REGIONI<br />

D’ITALIA<br />

LOMBARDIA 09.2013<br />

EMILIA-ROMAGNA 10.2013<br />

MARCHE 11.2013<br />

PIEMONTE 12.2013<br />

SICILIA 01.2014<br />

FRIULI-VENEZIA GIULIA 02.2014<br />

LAZIO 03.2014<br />

BASILICATA 04.2014<br />

VALLE D’AOSTA 05.2014<br />

CAMPANIA 06.2014<br />

MOLISE 07.2014<br />

TRENTINO-ALTO ADIGE 08.2014<br />

Toscana 09.2014<br />

Sardegna 10.2014<br />

Umbria 11.2014<br />

Liguria 12.2014<br />

Calabria 01.2015<br />

Veneto 02.2015<br />

Abruzzo 03.2015<br />

Puglia 04.2015<br />

ITALIENISCH<br />

LEICHT GEMACHT<br />

ITALIENISCH LEICHT GEMACHT 08/2014 ALLE TEXTE AUF<br />

GIRO D’ITALIA<br />

TRENTINO-SÜDTIROL<br />

Wie gut kennen Sie den „Stiefel“?<br />

Eine Reise durch Landeskunde,<br />

Kultur und Traditionen<br />

der italienischen Regionen.<br />

JEDEN<br />

MONAT<br />

IM HEFT<br />

55<br />

Zusätzliche sowie zurückliegende<br />

Ausgaben von können<br />

Sie zusammen mit dem Sprachmagazin<br />

<strong>ADESSO</strong> nachbestellen:<br />

Tel. +49(o)89/85681-16;<br />

E-Mail: abo@spotlight-verlag.de<br />

08.14 EVVIVA!_CoverOK2.indd 1 03.07.14 12:27<br />

2<br />

belare cinguettare miagolare abbaiare muggire<br />

* SOLUZIONI DELLA RUBRICA “GIOCANDO S’IMPARA” (PAG. 39):<br />

1 Fanno rima: 1. nuvola; 2. pentola 5. rucola; 7. gondola; 8. bambola; 12. scatola.<br />

Non fanno rima: 3. limone; 4. imbuto; 6. pizza; 7. aereo; 10. ruota; 11. ippopotamo.<br />

L’isola: Lipari.<br />

2 (Vedi schema a lato).<br />

1. belare-pecora (R); 2. cinguettare-uccello (A); 3. miagolare-gatto (G);<br />

4. abbaiare- cane (N); 5. muggire-mucca (O). Il romanzo: Il sentiero dei nidi di ragno.<br />

3 (Vedi schema a lato).<br />

1. primavera; 2. estate; 3. autunno; 4. inverno. Il compositore: Antonio Vivaldi.<br />

3<br />

C E G M P<br />

S I L N G<br />

R N A H S<br />

A A U V F<br />

T G R A O<br />

PRI VER VI VE<br />

E AU NO VAL<br />

TUN MA STA NO<br />

IN DI RA TE<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2014


TRA LE RIGHE<br />

DI STEFANO VASTANO<br />

Claudio<br />

SCAJOLA<br />

LUOGO E DATA DI NASCITA: Imperia, 15 gennaio 1948. STATO CIVILE: è sposato con Maria Teresa ed è padre di Pier Carlo e Lucia.<br />

SEGNI PARTICOLARI: entrato giovanissimo in politica, a 34 anni è già sindaco di Imperia e a 35 subisce il primo processo; aderisce<br />

presto a Forza Italia, il partito di Berlusconi, e passerà alla storia come il ministro che ha comprato una casa “a sua insaputa”.<br />

56<br />

Wie konnte es mit Italien so weit<br />

kommen? Eine Frage, die man oft<br />

hört. Der Versuch einer Antwort –<br />

am Beispiel eines Berlusconi-Getreuen,<br />

der dem Land viel genommen und<br />

nichts gegeben hat.<br />

NEGLI ULTIMI ANNI, UNA DELLE DOMANDE<br />

CHE PIÙ SPESSO GLI AMICI TEDESCHI MI HAN-<br />

NO RIVOLTO SUONA COSÌ: “Ma come fa (o ha fatto)<br />

un popolo così scaltro a fidarsi di uno con tanti guai giudiziari<br />

come Silvio Berlusconi?” Ammetterete che non<br />

il sindaco<br />

subire qc.<br />

aderire<br />

a sua insaputa<br />

rivolgere<br />

il popolo<br />

scaltro<br />

fidarsi di qcn.<br />

il guaio<br />

giudiziario<br />

ammettere<br />

il miracolo<br />

onesto<br />

il principe<br />

combinarne<br />

tante<br />

narrare<br />

la puntata<br />

dedicato<br />

l’impresa<br />

immergersi<br />

la disperazione<br />

allo sfascio<br />

la fiducia<br />

per bene<br />

Bürgermeister<br />

etw. unterzogen<br />

werden<br />

beitreten<br />

ohne sein<br />

Wissen<br />

richten, wenden<br />

Volk<br />

listig<br />

jdm. vertrauen<br />

Schwierigkeit<br />

hier: mit der<br />

Justiz<br />

zugeben<br />

Wunder<br />

ehrlich<br />

Prinz, Fürst<br />

viel anstellen<br />

erzählen<br />

Folge, Teil<br />

gewidmet<br />

Unterfangen<br />

eintauchen<br />

Verzweiflung<br />

verfallen<br />

Vertrauen<br />

anständig<br />

arrestare festnehmen<br />

la tangente Schmiergeld<br />

l’appalto öffentliche<br />

Ausschreibung<br />

truccato manipuliert<br />

l’attestato di Verdienstbenemerenza<br />

urkunde<br />

la sfida Herausforderung<br />

promuovere befördern<br />

il ministro<br />

degli Interni Innenminister<br />

il/la mani- Demonstrant,<br />

festante -in<br />

le dimissioni pl. Rücktritt<br />

la rotta Strecke<br />

collegare verbinden<br />

la cittadina Städtchen<br />

l’assassinio Mord<br />

il diritto<br />

del lavoro Arbeitsrecht<br />

ucciso ermordet<br />

Nuove Brigate vedi pag. 67<br />

rosse<br />

negare verweigern<br />

la scorta Begleitschutz<br />

definire qc. jdn. bezeichnen<br />

il rompicoglioni ätzende<br />

[volg.] Nervensäge<br />

è facile rispondere a domande come queste. Ci provo<br />

raccontandovi “vita e miracoli” di due famosi, ma poco<br />

onesti protagonisti del Belpaese: ligure il primo, Claudio<br />

Scajola; siciliano il secondo, Marcello Dell’Utri.<br />

Si tratta di due principi della politica made in Italy<br />

degli ultimi due decenni, entrambi strettissimi collaboratori<br />

dell’ex premier Berlusconi. Ne hanno combinate<br />

tante, ma così tante che, per narrarvi le loro “gesta”, una<br />

puntata non basta: questa rubrica è dedicata all’ex ministro<br />

Scajola, la prossima a Dell’Utri. Seguire le imprese di<br />

questa coppia è come immergersi in un film, una specie<br />

di western all’italiana dal finale tragico: la rovina del paese.<br />

Anche per questo tanti italiani giunti alla disperazione<br />

– senza lavoro, con servizi, scuole e ospedali allo sfascio<br />

– hanno perso fiducia nei politici e nelle istituzioni.<br />

Claudio Scajola nasce in una famiglia per bene. Il padre<br />

Ferdinando è tra i fondatori della Democrazia cristiana<br />

ed è il sindaco di Imperia. Non a caso nel 1982<br />

Claudio, a 34 anni, è già sindaco di Imperia anche lui.<br />

Ci mette solo un anno per essere arrestato, nel dicembre<br />

del 1983, per tangenti e appalti truccati al casinò di<br />

Sanremo. Come se in Italia subire un processo fosse un<br />

attestato di benemerenza, eccolo di nuovo sindaco dal<br />

1990 al 1995, questa volta di Genova. Ha fatto esperienza<br />

ed è pronto a nuove sfide: nel 1995 entra in Forza Italia,<br />

il partito fondato da Silvio Berlusconi, che lo promuove<br />

prima coordinatore nazionale e, nel 2001, ministro degli<br />

Interni. In quel periodo si tiene a Genova il G8 nel quale<br />

perde la vita il giovane manifestante Carlo Giuliani. Non<br />

è però questa tragedia a portare Scajola alle dimissioni,<br />

né la rotta Alitalia Roma-Albenga, che ha voluto a tutti<br />

i costi per collegare la Capitale a una cittadina che si<br />

trova a 33 chilometri da Imperia. Le dimissioni arrivano<br />

a causa dell’assassinio del docente di Diritto del lavoro<br />

Marco Biagi, ucciso a Bologna nel 2002 dalle Nuove Brigate<br />

rosse. Poco prima Scajola gli aveva negato la scorta,<br />

definendolo “un rompicoglioni”.<br />

© ANSA<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2014


Claudio Scajola (66),<br />

in prigione dal 7<br />

maggio al 15 giugno<br />

scorso, ora agli<br />

arresti domiciliari.<br />

, 21 maggio 2014<br />

ROMA INDAGA SULLE<br />

CARTE DI SCAJOLA, DAL<br />

G8 A BIAGI”<br />

le carte pl.: Unterlagen<br />

L’articolo…<br />

FACILE E IN BREVE<br />

Claudio Scajola, nato<br />

a Imperia nel 1948, è<br />

un politico italiano. Inizia la carriera nel 1982 come<br />

sindaco della sua città, Imperia. Nel 1995 entra in<br />

Forza Italia, il partito di Silvio Berlusconi. Nei governi<br />

di Berlusconi, diventa ministro degli Interni e ministro<br />

dello Sviluppo economico. Sono molti gli episodi<br />

poco chiari e le accuse di corruzione e concussione<br />

che lo hanno riguardato in questi anni. Da<br />

ministro degli Interni non ha preso sul serio la richiesta<br />

di protezione del docente Marco Biagi, poi<br />

ucciso dalle Nuove Brigate rosse. Famosa è anche<br />

il sindaco<br />

il governo<br />

lo sviluppo<br />

l’accusa<br />

la concussione<br />

la protezione<br />

ucciso<br />

la vicenda<br />

la vista<br />

a sua insaputa<br />

arrestare<br />

condannato<br />

la latitanza<br />

Bürgermeister<br />

Regierung<br />

Entwicklung<br />

Vorwurf<br />

Amtsmissbrauch<br />

Schutz<br />

ermordet<br />

Angelegenheit<br />

Aussicht<br />

ohne sein<br />

Wissen<br />

festnehmen<br />

verurteilt<br />

Untertauchen<br />

la vicenda dell’appartamento<br />

romano<br />

con vista sul Colosseo,<br />

che qualcuno<br />

ha pagato “a sua insaputa”.<br />

Nel maggio<br />

2014, Scajola è stato<br />

arrestato per aver<br />

aiutato Amedeo Matacena,<br />

ex parlamentare<br />

di Forza Italia<br />

condannato per<br />

mafia, a organizzare<br />

la sua latitanza.<br />

Eppure non basta a fermare Scajola. Nel 2004, Berlusconi<br />

lo nomina presidente del Comitato nazionale<br />

del suo partito e, nel maggio del 2008, ministro dello<br />

Sviluppo economico del suo terzo governo. Chissà dove<br />

sarebbe arrivato oggi, se la Guardia di Finanza non avesse<br />

seguito la pista di certi assegni del valore di 900.000<br />

euro che partivano dal gruppo edile di Diego Anemone<br />

e servivano a pagare un appartamento da sogno, 180<br />

metri quadrati di fronte al Colosseo. L’alloggio non era<br />

, 8 maggio 2014<br />

Arrestato l’ex ministro Claudio<br />

Scajola:
 ha favorito la latitanza dell’ex<br />

deputato Pdl Amedeo Matacena.<br />

favorire: begünstigen<br />

il ministro dello<br />

Sviluppo<br />

economico<br />

la Guardia<br />

di Finanza:<br />

Minister für<br />

wirtschaftliche<br />

Entwicklung<br />

Polizeikorps<br />

für Zoll und<br />

Steuern<br />

Weg<br />

Scheck<br />

Wert<br />

Baukonzern<br />

Traum-<br />

Quartier<br />

eingetragen<br />

Richter bzw.<br />

Staatsanwalt<br />

Frechheit<br />

Landgericht<br />

freisprechen<br />

üble Geschichte<br />

kleine Partei<br />

Handschellen<br />

mehrfacher<br />

Minister<br />

Gefängnis<br />

Abgeordneter<br />

verurteilt<br />

Verbrecherring<br />

Untergetauchter/e<br />

sich wundern<br />

vor die Hunde<br />

gehen<br />

la pista<br />

l’assegno<br />

il valore<br />

il gruppo edile<br />

da sogno<br />

l’alloggio<br />

intestato<br />

il magistrato<br />

la faccia tosta<br />

il tribunale<br />

prosciogliere<br />

il fattaccio<br />

il partitello<br />

le manette pl.<br />

il pluriministro<br />

la prigione<br />

il deputato<br />

condannato<br />

il racket<br />

il/la latitante<br />

stupirsi<br />

andare a rotoli<br />

intestato a Jep Gambardella,<br />

il protagonista del film<br />

La grande bellezza, ma alla<br />

figlia di Scajola. Il padre,<br />

alle domande dei magistrati,<br />

ha avuto la faccia<br />

tosta di dire che la casa era<br />

stata pagata “a sua insaputa”.<br />

Che ci crediate o no, il<br />

tribunale di Roma lo ha<br />

prosciolto per il fattaccio<br />

del Colosseo. Lui sarebbe<br />

tornato in politica, si dice,<br />

“con un partitello tutto<br />

suo”, se gli uomini della<br />

Dia, la Direzione investigativa<br />

antimafia, non gli<br />

avessero messo le manette<br />

ai polsi il 7 maggio scorso.<br />

L’ex pluriministro è<br />

stato in prigione ed è ora<br />

agli arresti domiciliari per<br />

aver aiutato Amedeo Matacena<br />

– altro ex deputato<br />

di Forza Italia condannato<br />

per affari con la ’ndrangheta, il racket dei calabresi,<br />

latitante a Dubai – a ottenere asilo in Libano. Come ha<br />

reagito Berlusconi all’arresto di Scajola? “Con dolore”...<br />

Vi stupite se in Italia le cose vanno a rotoli e la gente non<br />

crede più agli “onorevoli” politici?<br />

Stefano Vastano: Deutschlandkorrespondent der<br />

Wochenzeitschrift l’Espresso, kommentiert aktuelle<br />

Themen aus der italienischen Presse.<br />

57<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2014


LIBRI E LETTERATURA<br />

DI LUCA VITALI<br />

58<br />

TEMPI<br />

DIFFICILI<br />

L’autore continua il percorso a ritroso<br />

nella storia della sua terra, la Pianura<br />

Padana, e ci racconta un’epoca<br />

dimenticata, quella dell’invasione<br />

dei Cimbri. Il popolo germanico,<br />

proveniente dall’attuale Danimarca,<br />

giunse nella Gallia Cisalpina nel 101<br />

a.C. Erano i tempi delle conquista<br />

romana dell’Italia. Oltre a presentarci le figure storiche dei<br />

condottieri Boiorige, Mario, Silla e Catulo, l’autore assume<br />

il punto di vista degli abitanti di quelle terre, in cui i Romani<br />

erano invasori quanto i<br />

Cimbri. Con la consueta<br />

il percorso Weg<br />

ironia, lo scrittore non ha<br />

a ritroso rückwärts<br />

nemmeno bisogno di accennare<br />

a un parallelo tra Padana Poebene<br />

la Pianura<br />

gli oscuri tempi di oggi e i Cimbri pl. Kimbern<br />

l’incertezza della vita selvaggia<br />

di allora, quando i<br />

singoli e la collettività erano<br />

esposti a mille pericoli.<br />

giungere<br />

cisalpino<br />

la conquista<br />

gelangen<br />

diesseits<br />

der Alpen<br />

Eroberung<br />

Nemmeno il paesaggio naturale<br />

dominato da boschi<br />

il condottiero Feldherr<br />

assumere einnehmen<br />

consueto gewohnt<br />

e paludi (ora risaie), pare<br />

accennare andeuten<br />

più lo stesso.<br />

oscuro dunkel<br />

Lingua: facile.<br />

selvaggio wild<br />

Genere: romanzo storico.<br />

esposto ausgesetzt<br />

Sebastiano Vassalli,<br />

Terre selvagge, Rizzoli,<br />

297 pagine.<br />

il pericolo<br />

il paesaggio<br />

la palude<br />

Gefahr<br />

Landschaft<br />

Sumpf<br />

la risaia Reisfeld<br />

UNA MILANO<br />

“PERBENE”<br />

Prima opera di un giornalista di lunga<br />

esperienza, mostra una Milano<br />

vera e viva, anche se sconvolta da<br />

una serie di omicidi. Il filo rosso che<br />

lega i diversi episodi attraversa l’intero<br />

tessuto sociale, dai campi rom<br />

delle periferie al nuovo centro degli<br />

affari, e coinvolge personaggi molto<br />

diversi. La vicenda nasce da una tragedia passionale e,<br />

tra corse in automobile e omicidi, va a terminare proprio<br />

dove si annidano i più malvagi.<br />

Anche se politicamente<br />

corretta, una storia sconvolto erschüttert<br />

l’opera Werk<br />

in cui zingari e diseredati l’omicidio Mord<br />

sono eroi positivi, mentre<br />

i cattivi stanno all’estrema<br />

destra, insieme a violenti,<br />

stupidi e spacciatori, può<br />

sembrare semplicistica. È<br />

innegabile però che il ritratto<br />

il filo rosso<br />

il tessuto<br />

sociale<br />

il campo<br />

i rom pl.<br />

coinvolgere<br />

roter Faden<br />

Gesellschaft<br />

Lager<br />

Sinti und Roma<br />

betreffen<br />

della Milano di Ro-<br />

la vicenda Geschichte<br />

la corsa Rennen<br />

becchi va al di là della banalità<br />

del tempo presente<br />

terminare enden<br />

annidarsi sich verbergen<br />

e coglie realtà culturali che il malvagio Bösewicht<br />

sono il motore della storia. lo zingaro Zigeuner<br />

Lingua: abbastanza<br />

il diseredato Enterbter<br />

difficile. Genere: thriller.<br />

Alessandro Robecchi,<br />

Questa non è una<br />

canzone d’amore,<br />

Sellerio, 420 pagine.<br />

l’eroe m.<br />

lo spacciatore<br />

innegabile<br />

il ritratto<br />

cogliere<br />

Held<br />

Dealer<br />

unbestreitbar<br />

Porträt<br />

erfassen<br />

dei Templi ad Agrigento, Villa Fogazzaro Roi a Como e<br />

il castello della Manta a Cuneo. Altri beni sono in fase di<br />

restauro. Nel libro, in italiano e in inglese, è raccontata<br />

la storia dell’associazione attraverso le vicende di questo<br />

immenso patrimonio, sparso per la Penisola. Accanto<br />

a 350 meravigliose foto, alcune delle quali antiche, che<br />

testimoniano la situazione prima e dopo i restauri, troviamo<br />

dettagliati resoconti storici e descrizioni architettoniche.<br />

In ogni capitolo è raccontata la storia di un bene<br />

protetto dal Fai e quella degli uomini che l’hanno abitato<br />

o visitato nel corso degli anni.<br />

Fabrizia Memo<br />

Il libro del Fai, Skira editore, 328 pagine, € 45.<br />

IL QUARTO LIBRO<br />

IL PATRIMONIO DEL FAI<br />

Quella del Fai, il Fondo ambiente italiano, è una storia iniziata nel 1975,<br />

quando la società venne fondata sul modello del National Trust inglese,<br />

con l’obiettivo di acquisire in Italia beni privati o statali in abbandono<br />

o in condizioni degradate per ristrutturarli e portarli a nuova vita.<br />

Da allora sono 50 i beni che sono stati donati al Fai, 30 dei quali aperti al<br />

pubblico. Tra questi ci sono l’abbazia di San Fruttuoso a Camogli, il bosco<br />

di San Francesco ad Assisi, il giardino della Kolymbethra nella Valle<br />

il Fai (il fondo<br />

ambiente)<br />

la società<br />

fondare<br />

l’obiettivo<br />

acquisire<br />

il bene<br />

statale<br />

in abbandono<br />

in condizioni<br />

degradate<br />

donare<br />

l’abbazia<br />

Umweltfonds<br />

Gesellschaft<br />

gründen<br />

Ziel<br />

erwerben<br />

Gut<br />

staatlich<br />

verlassen<br />

verfallen<br />

spenden,<br />

schenken<br />

Abtei<br />

il castello<br />

l’associazione<br />

f.<br />

la vicenda<br />

il patrimonio<br />

sparso<br />

Burg<br />

Verband<br />

Geschichte<br />

Vermögen,<br />

hier: Erbe<br />

verstreut<br />

la Penisola: Italien<br />

meraviglioso wunderschön<br />

testimoniare bezeugen<br />

il resoconto Bericht<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2014


LIBRI E LETTERATURA<br />

© D. Zedda<br />

Massimo Carlotto (58).<br />

L’AUTORE DEL MESE<br />

MASSIMO<br />

CARLOTTO<br />

Nato a Padova nel 1956, milita in una formazione di estrema<br />

sinistra quando, a 19 anni, viene accusato dell’omicidio<br />

di una giovane vicina di casa della sorella, una ragazza<br />

di 24 anni che aveva trovato in fin di vita e cercato di<br />

soccorrere. Sono gli anni Settanta e, assolto per insufficienza<br />

di prove in primo grado, è condannato in Appello a<br />

18 anni e sconta parte della pena, sperando che la<br />

Cassazione riconosca la sua innocenza. Dopo la conferma<br />

della condanna in Cassazione, Carlotto riesce a<br />

fuggire in Messico. Grazie a una campagna internazionale<br />

di cui si fa promotore anche<br />

Jorge Amado, il suo<br />

militare aktiv sein<br />

processo viene riaperto<br />

accusato angeklagt<br />

e, nel 1993, Carlotto viene<br />

finalmente graziato dal in fin di vita sterbend<br />

l’omicidio Mord<br />

presidente della Repubblica.<br />

soccorrere helfen<br />

Ritornato in Italia,<br />

il suo romanzo autobiografico<br />

Il fuggitivo gli apre<br />

una bella carriera di scrittore.<br />

Subito apprezzato<br />

da pubblico e critica, diventa<br />

assolto<br />

la prova<br />

il primo grado<br />

condannare<br />

l’appello<br />

scontare<br />

freigesprochen<br />

Beweis<br />

erste Instanz<br />

verurteilen<br />

Berufung<br />

Strafe<br />

autore di una serie una pena absitzen<br />

la Cassazione Revision<br />

di romanzi gialli dedicati<br />

l’innocenza Unschuld<br />

agli ambienti marginali<br />

confermare bestätigen<br />

della società, tra cui, da<br />

fuggire flüchten<br />

ultimo, un ciclo di quattro graziare begnadigen<br />

romanzi che raccontano apprezzato geschätzt<br />

la vita di altrettante donne il romanzo<br />

immigrate. Autore teatrale<br />

e sceneggiatore, collabora<br />

con quotidiani e riviste<br />

e i suoi libri sono tradotti<br />

in diverse lingue.<br />

giallo<br />

dedicato<br />

marginale<br />

lo sceneggiatore<br />

Kriminalroman<br />

gewidmet<br />

am Rande<br />

Drehbuchautor<br />

IL MONDO NON MI<br />

DEVE NULLA<br />

In una Rimini fuori stagione e notturna, l’autore sviluppa<br />

una storia paradossale: un ladro trova una finestra aperta,<br />

ma durante la sua incursione viene sorpreso dalla padrona<br />

di casa. Si tratta di un’affascinante straniera che, dopo una<br />

vita trascorsa come croupier sulle navi da crociera, ha deciso<br />

di chiudere i conti con una vita piena di delusioni. Le<br />

loro posizioni non potrebbero<br />

essere più opposte:<br />

la stagione Saison<br />

lei è padrona di sé e calcolatrice,<br />

mentre lui è do-<br />

il ladro Dieb<br />

sviluppare entwickeln<br />

minato dalla moglie, che l’incursione f. Einbruch<br />

lo comanda. Nell’incontro, la padrona<br />

troveranno tutti e due la<br />

chiave della liberazione.<br />

Lingua: Colloquiale. Genere:<br />

racconto. Massimo<br />

Carlotto, Il mondo non mi<br />

deve nulla, e/o edizioni,<br />

106 pagine.<br />

di casa<br />

la nave<br />

da crociera<br />

chiudere i conti<br />

la delusione<br />

calcolatore<br />

la liberazione<br />

Hausherrin<br />

Kreuzfahrtschiff<br />

abschließen<br />

Enttäuschung<br />

berechnend<br />

Befreiung<br />

MASSIMO<br />

CARLOTTO<br />

IL MONDO<br />

NON MI DEVE<br />

NULLA<br />

DAL LIBRO<br />

“... Faccia come se non ci fossi”.<br />

“Sarebbe a dire?”<br />

La donna indicò il salotto con un<br />

gesto ampio del braccio. “Rubi pure<br />

quello che vuole, io me ne sto qui<br />

buona buona”, disse togliendosi<br />

orecchini e collana. “Ecco, inizi a<br />

prendere questi. Valgono un sacco di soldi”.<br />

Il ladro glieli strappò di mano con un gesto inutilmente<br />

violento. “Ma non è lo stesso. Dovrei legarti e imbavagliarti,<br />

una cosa così. Tecnicamente il furto diventa rapina,<br />

capisci? E io non sono più un semplice ladro”.<br />

“Mi sembra che lei stia esagerando. Io non sto opponendo<br />

nessuna resistenza”.<br />

“Ma non è normale che<br />

mentre ti svuoto la casa tu<br />

te ne stai lì distesa sul divano<br />

a guardarmi”.<br />

La donna si coprì il volto<br />

con le mani. Un gesto<br />

plateale e irriverente.<br />

“Vuol dire che terrò gli<br />

occhi chiusi”.<br />

L’uomo ritrovò all’improvviso<br />

la freddezza. Mise le<br />

mani sui fianchi, chinò la<br />

testa di lato e solo quando<br />

fu certo di avere tutta la<br />

sua attenzione si decise ad<br />

aprire la bocca: “Tu mi stai<br />

prendendo per il culo”.<br />

il gesto ampio<br />

rubare<br />

valere<br />

violento<br />

legare<br />

imbavagliare<br />

il furto<br />

la rapina<br />

opporre<br />

resistenza<br />

coprirsi<br />

il volto<br />

plateale<br />

irriverente<br />

il fianco<br />

chinare<br />

prendere per<br />

il culo (vol.)<br />

ausladende<br />

Geste<br />

stehlen<br />

wert sein<br />

heftig<br />

fesseln<br />

knebeln<br />

Diebstahl<br />

Raub<br />

Widerstand<br />

leisten<br />

sein Gesicht<br />

verbergen<br />

demonstrativ<br />

respektlos<br />

Hüfte<br />

beugen<br />

verarschen<br />

59<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2014


Mehr Sprache können Sie<br />

nirgendwo shoppen.<br />

Die besten Sprachprodukte für Ihr Italienisch, ausgewählt und empfohlen<br />

von Ihrem SprachenShop-Team aus dem Spotlight Verlag.<br />

<strong>ADESSO</strong><br />

ÜBUNGS-ROMAN<br />

N<br />

TYPISCHE FEHLER<br />

<strong>ADESSO</strong> JAH<br />

RGANG 2013<br />

Nutzen Sie die<br />

Gelegenheit, alle zwölf<br />

Ausgaben des J ahres 2013 jetzt zu bestel-<br />

len – um Wissenswertes zu erfahren und<br />

Versäumtes nachzuholen.<br />

Der Magazin- ,<br />

der Übungsheft- wie auch der Audio-CDm<br />

20% vergünstigt.<br />

J ahrgang sind u<br />

Magazin-Jahrgang 2013<br />

Artikel-Nr. 942013. € 59,90 (D)/€ 61,20 (A)<br />

Übungsheft<br />

plus-Jahrgang 2013<br />

Artikel-Nr. 941352. € 32,65 (D)/€ 33,60 (A)<br />

Audio-CD-Jahrgang 2013<br />

Artikel-Nr. 941300. € 103,70 (D)/€ 103,70 (A)<br />

TUTTO COMINCIÒ CON<br />

UNA TELEFONATA<br />

Das Buch kann wie ein Roman gelesen<br />

werden. Eine junge Studentin, die sich<br />

auf ihren Studienabschluss vorbereitet,<br />

bekommt eines Tages einen Anruf, der ihr<br />

komplettes Leben verändert. Schwierige<br />

Wörter sind tabellarisch auf jeder Seite<br />

erklärt und am Ende jedes der 26 Kapitel<br />

gibt es Übungen zu Sprachverständnis,<br />

Wortschatz und Grammatik.<br />

Buch mit 140 Seiten. Italienisch<br />

Niveau B1. Artikel-Nr. 45541<br />

€ 17,90 (D)/€ 18,50 (A)<br />

HO CAPITO!<br />

Typische<br />

Italienisch-Fehler<br />

sicher ver-<br />

meiden, dafü<br />

r sorgt Ho<br />

capito! . Die<br />

wichtigsten St<br />

olpersteine in den Berei-<br />

chen Grammatik, Wortschatz, Recht-<br />

schreibung und Aussprache werden<br />

übersichtlich und anschaulich erklärt.<br />

Abwechslungssreiche<br />

Übungen und Rät-<br />

sel, einprägsa<br />

me Lerntipps und unter-<br />

haltsame Illus<br />

trationen verstärken den<br />

Lerneffekt.<br />

Buch mit 128 Seiten.<br />

Italienisch<br />

Artikel-Nr. 45544<br />

€ 8,99 (D)/€ 9,20 (A)<br />

GRAMMATIK<br />

MAT<br />

SPRACHKURSE<br />

CONGIUNTIVO, CHE PASSIONE!<br />

ÜBUNGEN<br />

Endlich wird dem Konjunk<br />

tiv im Italienschen die Aufmerksammkeit<br />

ge-<br />

schenkt, die er verdient hat! Dieses Buch behandelt die Niveaustufen<br />

B1-C2 und zeigt Ihnen deutlich, wie Sie den Konjunktiv richtig anwen-<br />

den, egal ob im Bezug auf Substantive oder Verben.<br />

Congiuntivo,<br />

che Passione<br />

! arbeitet dazu mit authentischen<br />

kurzen<br />

Texten<br />

aus dem italienischen<br />

Alltag. Das können Zeitungsartitikel,<br />

Wer-<br />

beplakate, Radiospots oder italienische Lieder sein.<br />

Die Kapitel sind klar stukturiert und mit einer breiten Palette von<br />

Übungsaufgaben versehen.<br />

Die Lösungen können online k ostenlos<br />

un d ohne Anmeldung herun<br />

tergeladen werden.<br />

Buch mit 160 Seiten. Italienisch.<br />

Niveau B1-C2. Artikel-Nr. 45549<br />

€ 19,90 (D)/€ 20,60 (A)<br />

250 GRAMMATIK-ÜBUNGEN<br />

Alle wichtigen<br />

Grammatikthemen finden<br />

Sie zusammengefasst in diesem Buch. Sie<br />

bekommen zahlreiche nützliche Tipps, für<br />

unbekannte e Wörter gibt es ein Glossar.<br />

Buch mit 176 Seiten.Italienisch.<br />

Niveau A1-B2<br />

Artikel-Nr. 45545 . € 9,99 (D)/€ 10,30 (A)<br />

Bei uns finden Sie Lese- und Hörproben zu den ausgewählten Produkten. Für aktuelle Informationen und


Kompetent. Persönlich. Individuell.<br />

LERNEN<br />

N MIT<br />

MUSIK<br />

TYPISCH ITALIEN REISEFÜHRER<br />

R<br />

NUOVO CAN<br />

TA<br />

ACHE TI PA<br />

ASSA<br />

Die aktualisierte Ausgabe von Canta che<br />

ti passa bietet 14 authentische italieni-<br />

sche Lieder von Künstlern wie Gino Paoli,<br />

Tiziano Ferro und Jovanotti. Pro Lied gibt<br />

es eine Unterrichtseinheit<br />

mit vielfälti-<br />

gen Aktivitäten,<br />

Spielen sowie Übungen<br />

zur Grammatik und Vorschlägen, wie die<br />

Lieder im Italienischunterricht<br />

eingebaut<br />

werden können.<br />

Perfekt im Unterricht<br />

oder zum Selbststudium.<br />

Mit Lösungen.<br />

Buch (61 Seiten)<br />

+ Audio-CD. Italienisch<br />

Niveau A1-C1. Artikel-Nr. 45548<br />

€ 35,99 (D)/€ 37,00 (A)<br />

ÜBERLEBEN IN ITA<br />

ALIEN<br />

Der Autor Severgnini möchte, dass wir<br />

Italien nicht nur lieben, sondern<br />

auch<br />

verstehen können. Deshalb schreibt er<br />

in diesem Buch über das Leben und<br />

die Art der Italiener und erzählt<br />

über<br />

die unwiderstehlichen Macken<br />

seiner<br />

Landsleute. Es werden interessa<br />

nte Fra-<br />

gen beantwortet. Das Buch gibt es auf<br />

D eutsch und im italienischen Original.<br />

Überleben in Italien. Art.-Nr. 45546<br />

€ 8,99 (D)/ € 9,30 (A)<br />

La testa degli italiani. Art.-Nr. 45300<br />

€ 16,60 (D)/ €17,10 (A)<br />

111 ORTE IN ROM, DIE MAN<br />

GESEHEN HABEN MUSS<br />

Millionen Touristen sind jährlich in Rom<br />

und bewunderern das Kolosseum, den Pe-<br />

tersdom und vieles mehr. Aber die Stadt<br />

bietet noch um<br />

einiges mehr. Warum<br />

gibt es zum Beispiel einen Leuchtturm,<br />

obwohl Rom nicht am Meer liegt? Und<br />

wo ist das Grab<br />

der Päpstin Johanna?<br />

Annett Klingner beantwortet in diesem<br />

Buch alles, was man über Rom wissen<br />

sollte.<br />

Reiseführer (230<br />

Seiten). Deutsch<br />

Artikel-Nr. 45547. € 14,95 (D)/€ 15,40 (A)<br />

SPRACHSPIEL<br />

WIE BESTELLE ICH DIESE PRODUKTE?<br />

von den Machern<br />

von <strong>ADESSO</strong>!<br />

Einfach auf www.<br />

sprachenshop.de gehen.<br />

Nach Artikel-Nummer<br />

oder Produktnamen suchen.<br />

Bestellen.<br />

UN FINE SETTIMANA A ROMA<br />

Das Sprachspiel<br />

der <strong>ADESSO</strong>-Redaktion<br />

führt Sie spiele<br />

risch durch Italiens Haupt-<br />

stadt. Das Spiel<br />

verbindet Spielspaß und<br />

Sprachenlerne<br />

n miteinander! Es gibt zwei<br />

Schwierigkeitsstufen (A2/B1 & B1/B2).<br />

Gerne können Sie auch telefonisch, per E-Mail oder Post bestellen<br />

. Bei einer schrift-<br />

lichen oder telefonischen Bestee<br />

llung geben Sie bitte die Artikelnum<br />

mer, die Menge<br />

sowie Ihre Anschrift an.<br />

E-Mail:<br />

Telefon:<br />

Fax:<br />

Post:<br />

bestellung@sprachenshop.de<br />

+49 (0) 711 /72 52-245<br />

+49 (0) 711 /72 52-3666<br />

Postfach 81 06 80<br />

70523 Stuttgart<br />

Deutschland<br />

Brettspiel mit 2 Niveaustufen. Italienisch<br />

Artikel-Nr. 48108. € 29,95 (D)/€ 30,85 (A)<br />

Sonderangebote<br />

e bestellen Sie<br />

einfach unseren kostenlosen Newsletter. . Alles auf www.sprachenshop.de<br />

w<br />

w.sprachenshop.de


FINE SETTIMANA<br />

A spasso nella storia<br />

Warum in staubigen Geschichtsbüchern blättern – wenn man das Erbe<br />

unserer Vorfahren unter der wunderbaren Sonne Kampaniens mit eigenen<br />

Augen sehen und mit den Händen berühren kann?<br />

Testo: Francesco De Tomaso<br />

62<br />

C’È UN LIBRO DI STORIA CHE, A<br />

DIFFERENZA DEI CLASSICI LIBRI<br />

DI STORIA, È VIVO E PALPABI-<br />

LE. Le sue pagine le respiri, anziché NAPOLI<br />

leggerle. Sfogliarlo equivale a fare un Pompei<br />

tuffo nel passato e ritrovarsi nell’epoca<br />

gloriosa in cui Roma era signora del<br />

mondo. Eppure qui, in terra campana, si trovava a<br />

fare i conti con un capriccioso rivale che, all’occorrenza,<br />

decretava il destino dei popoli. Sua Maestà il Vesuvio,<br />

un giorno dell’anno 79 d.C., s’infuriò a tal punto da non<br />

dare scampo a chi gli viveva letteralmente addosso, come<br />

gli abitanti di Pompei ed Ercolano, ma al tempo stesso si<br />

premurò di conservare edifici e suppellettili fino ai giorni<br />

nostri, grazie alla sua coltre di lapilli e cenere. Al nostro<br />

“libro di storia viva e da vivere” vale la pena di dedicare<br />

uno e più fine settimana. Sfogliamone qualche pagina.<br />

C A M P A N I A<br />

questo gioiello che tutto il mondo ci invidia e<br />

di cui <strong>ADESSO</strong> ha parlato in molte altre occasioni,<br />

c’è però molto altro da scoprire.<br />

Guardando il cratere del Vesuvio dall’alto<br />

e puntando il dito a caso nei dintorni,<br />

è difficile non imbattersi in qualcosa di<br />

archeologicamente interessante. Boscoreale,<br />

per esempio. In quello che un tempo<br />

era un sobborgo agreste di Pompei,<br />

ecco apparire una serie di ville nelle quali si<br />

concentravano le attività di pastorizia e viticoltura della<br />

zona. Villa Regina è ben conservata e visitabile. Non è<br />

molto grande, ma ben affrescata e impreziosita da alcune<br />

statuette in marmo dedicate a Bacco, quasi a ribadire<br />

come l’economia, da queste parti, girasse tutta intorno al<br />

vino. Di sicuro il vino rallegrava le sfrenate feste patrizie<br />

che si tenevano poco lontano, nella zona dell’odierna<br />

Castellammare di Stabia, nelle lussuose ville sepolte,<br />

La regina di queste meraviglie è Pompei. Guai a levarle<br />

lo scettro, nonostante le cronache si siano occupate negli<br />

ultimi tempi più dei suoi crolli che dei suoi fasti. Oltre a<br />

palpabile<br />

respirare<br />

equivalere<br />

il tuffo<br />

fare i conti<br />

con qc.<br />

capriccioso<br />

all’occorrenza<br />

decretare<br />

il destino<br />

d.C.<br />

(dopo Cristo)<br />

infuriarsi<br />

lo scampo<br />

premurarsi<br />

la suppellettile<br />

la coltre<br />

il lapillo<br />

la cenere<br />

la meraviglia<br />

Guai!<br />

zum Anfassen<br />

(ein)atmen<br />

gleichkommen<br />

Sprung<br />

sich mit etw.<br />

auseinandersetzen<br />

launenhaft<br />

wenn nötig<br />

bestimmen<br />

Schicksal<br />

n.Chr. (nach<br />

Christus)<br />

zornig werden<br />

Entkommen<br />

sich beeilen<br />

Einrichtungsgegenstand<br />

hier: Schicht<br />

Lavastein<br />

Asche<br />

Wunder<br />

Wehe!<br />

levare lo<br />

scettro a qcn.<br />

la cronaca<br />

il crollo<br />

il fasto<br />

il gioiello<br />

invidiare<br />

imbattersi<br />

in qc.<br />

il sobborgo<br />

agreste<br />

la pastorizia<br />

la viticoltura<br />

affrescato<br />

impreziosito<br />

ribadire qc.<br />

sfrenato<br />

odierno<br />

sepolto<br />

hier: jdm den<br />

Spitzenplatz<br />

streitig<br />

machen<br />

Nachrichten Pl.<br />

Zusammenbruch<br />

Pracht<br />

Schmuckstück<br />

beneiden<br />

auf etw.<br />

stoßen<br />

Vorort<br />

ländlich<br />

Schafzucht<br />

Weinbau<br />

mit Fresken<br />

verziert<br />

geschmückt<br />

an etw. erinnern<br />

wild<br />

heutig<br />

begraben<br />

© R. Harding


Qui: il tempio dorico<br />

di Atena, nell’area<br />

archeologica di<br />

Paestum.<br />

Nell’altra pagina:<br />

gli affeschi della<br />

Villa dei Misteri, a<br />

Pompei.<br />

isola<br />

d’Ischia<br />

Cuma<br />

Campi<br />

Flegrei<br />

NAPOLI<br />

FINE SETTIMANA<br />

Ercolano Boscoreale<br />

Pompei<br />

Castellammare<br />

di Stabia<br />

Paestum<br />

Elia-Velia<br />

63<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2014


FINE SETTIMANA<br />

64<br />

Vedi Napoli<br />

da sotto<br />

Archeologia campana in città:<br />

armiamoci di scala e immergiamoci<br />

nel ventre di Napoli!<br />

Questo è quello che propongono<br />

gruppi specializzati come l’Associazione<br />

Napoli Sotterranea. Una<br />

“gita” sotto Piazza San Gaetano vuol dire scoprire le grandi<br />

cavità realizzate dai Greci per recuperare materiale tufaceo<br />

da destinare alla costruzione di mura e templi. Tra queste<br />

c’è l’antro circa 40 metri sotto il cimitero di Santa Maria del<br />

Pianto, da dove fu ricavato il materiale tufaceo per fortificare<br />

la Neapolis del IV secolo a.C. Va segnalata la cosiddetta<br />

Piscina Mirabilis, che si trova a Miseno. Si tratta della più<br />

grande cisterna romana di acqua potabile mai realizzata.<br />

Interamente scavata nel tufo, è alta 15 metri, lunga 72 metri<br />

e può contenere circa 12.000 metri cubi d’acqua. Gli<br />

uomini della più importante flotta dell’Impero Romano, la<br />

classis Misensis, ormeggiata nel porto di Miseno, potevano<br />

così contare su un costante approvvigionamento di acqua.<br />

armarsi<br />

Verein<br />

Hohlraum<br />

herausholen<br />

Tuffstein-<br />

bestimmen<br />

Friedhof<br />

la scala<br />

immergersi<br />

l’associazione<br />

f.<br />

la cavità<br />

recuperare<br />

tufaceo<br />

destinare<br />

il cimitero<br />

sich<br />

bewaffnen<br />

Leiter<br />

eintauchen<br />

ricavare<br />

fortificare<br />

segnalare<br />

qc.<br />

l’acqua<br />

potabile<br />

scavato<br />

ormeggiato<br />

l’approvvigionamento<br />

gewinnen<br />

befestigen<br />

auf etw.<br />

hinweisen<br />

Trinkwasser<br />

gegraben<br />

vertäut<br />

Versorgung<br />

come Pompei, dall’eruzione del 79 d.C. e, come Pompei,<br />

riportate alla luce nel 1700 grazie agli scavi promossi dai<br />

Borbone. Si tratta di costruzioni di impareggiabile bellezza,<br />

probabilmente i luoghi di villeggiatura più gettonati<br />

dell’epoca, stracolmi di statue e suppellettili di enorme<br />

valore. Alcuni edifici sono ancora del tutto o parzialmente<br />

sotterrati, altri invece visitabili: per esempio Villa San<br />

Marco, che con i suoi 11.000 metri quadrati è una delle<br />

residenze più grandi dell’intera costa campana, o Villa<br />

Arianna, considerata la più antica di tutto il sito e chiamata<br />

così per la grande pittura a soggetto mitologico trovata<br />

nella parete di fondo della sala del triclinio.<br />

lo scavo<br />

promosso<br />

i Borbone<br />

impareggiabile<br />

la villeggiatura<br />

gettonato<br />

stracolmo<br />

il valore<br />

sotterrato<br />

il sito<br />

la pittura<br />

l’imperatore m.<br />

il confine<br />

compunto<br />

il ricercatore<br />

il contributo<br />

paziente<br />

il capolavoro<br />

sfarzoso<br />

il colonnato<br />

Ausgrabung<br />

vorangetrieben<br />

Bourbonen<br />

unvergleichlich<br />

Sommerfrische<br />

gefragt<br />

überfüllt<br />

Wert<br />

vergraben<br />

Stätte<br />

Malerei<br />

Kaiser<br />

Grenze<br />

zerknirscht<br />

Forscher<br />

Beitrag<br />

geduldig<br />

Meisterwerk<br />

prunkvoll<br />

Säulengang<br />

la nicchia<br />

il coccio pesto<br />

l’impasto<br />

la malta<br />

il mattone<br />

tritato<br />

il satiro<br />

la gita<br />

fondato<br />

gli Osci<br />

a.C.<br />

(avanti Cristo)<br />

il dominio<br />

ameno<br />

dotato<br />

attorniato<br />

fertile<br />

l’ortaggio<br />

Nische<br />

zerstoßenes<br />

Steingut<br />

Masse<br />

Mörtel<br />

Ziegelstein<br />

zerkleinert<br />

Satyr<br />

Ausflug<br />

gegründet<br />

Osker<br />

v.Chr.<br />

(vor Christus)<br />

Herrschaft<br />

reizvoll<br />

ausgestattet<br />

umgeben<br />

fruchtbar<br />

Gemüse<br />

lavoro degli archeologi ha permesso di scoprire capolavori<br />

come uno sfarzoso colonnato, due pareti decorate<br />

con nicchie e uno straordinario pavimento a mosaico in<br />

parte realizzato con la caratteristica tecnica del “coccio<br />

pesto”, ossia un impasto a base di malta e mattoni tritati.<br />

Nelle immediate vicinanze della villa sono stati ritrovati<br />

il torso di un satiro in marmo e una terrazza decorata.<br />

Non sono che “assaggi”. Una gita archeologica in Campania<br />

non può non toccare i luoghi che più hanno reso<br />

queste terre celebri in tutto il mondo. Ercolano, per esempio,<br />

fondata secondo la leggenda da Eracle di ritorno<br />

dalla Spagna e per la storia dagli Osci nel VII secolo a.C.<br />

Poi passò, nell’ordine, sotto il dominio degli Etruschi, dei<br />

Greci, dei Sanniti e infine dei Romani, nel IV secolo a.C.<br />

Ben presto diventò un’amena località di vacanza, dotata<br />

di ogni comodità e attorniata da fertili terre ricche di ortaggi,<br />

frutta e fiori. Durante l’età augustea furono costruiti<br />

La ricostruzione del ninfeo<br />

imperiale di Punta Epitaffio<br />

al Museo archeologico dei<br />

Campi Flegrei.<br />

Poco distante, nei confini territoriali di Somma Vesuviana,<br />

potreste imbattervi in compunti signori giapponesi,<br />

che però non sono turisti. Sono i ricercatori dell’Università<br />

di Tokyo che, da una decina d’anni a questa parte,<br />

danno un importante contributo per riportare alla luce<br />

un’imponente villa che, con ogni probabilità, è la residenza<br />

in cui morì l’imperatore Augusto. Qui il paziente


VILLE ANTICHE VISTA MARE<br />

Da sinistra, in senso orario: il<br />

Tuffatore, dipinto rinvenuto nella<br />

cosiddetta Tomba del Tuffatore a<br />

Paestum; l’area archeologica di<br />

Cuma; un colonnato nell’area archeologica<br />

di Ercolano; la statua di<br />

Ulisse rinvenuta nel ninfeo della casa<br />

dell’imperatore Claudio a Baia, oggi<br />

conservata nel Museo archeologico<br />

dei Campi Flegrei; veduta di Paestum.<br />

65<br />

© Huber/Sime (2), Ag. Sintesi (2), Ciro De Luca, Cubo Images<br />

la fontana Brunnen o restaurati vari edifici, tra<br />

clemente gnädig cui il teatro, l’acquedotto,<br />

i posteri pl. Nachwelt<br />

la fiumana Strom le fontane pubbliche, le<br />

preservare konservieren terme suburbane e le terme<br />

centrali. L’eruzione del<br />

il tessuto Stoff, Gewebe<br />

assumere annehmen<br />

prevalere sich durch- 79 d.C. è stata qui, in un<br />

setzen certo senso, più clemente<br />

l’antro Höhle che a Pompei nei confronti<br />

dei posteri: la fiumana di<br />

degno di nota erwähnenswert<br />

estendersi sich erstrecken<br />

la gemma Juwel fango piroclastico alta circa<br />

20 metri ha infatti<br />

prezioso wertvoll<br />

il pozzo Brunnen-<br />

(schacht) preservato meglio<br />

sommerso versunken i materiali organici,<br />

cioè vegetali<br />

e tessuti. Per dovere di cronaca, va detto che<br />

quando la cittadina fu ricostruita, dopo il disastro,<br />

assunse il nome di Resina, ma prevalse<br />

una sorta di rispetto della storia e così, nel<br />

1969, si tornò al glorioso nome di Ercolano.<br />

Degni di nota sono poi i Campi Flegrei, che si<br />

estendono dalla zona a nord di Napoli al Monte<br />

di Procida e sono Parco regionale dal 2003.<br />

Oltre alla zona archeologica di Baia, presso<br />

Bacoli, con le sue ville patrizie e impianti termali,<br />

qui la gemma più preziosa<br />

è Cuma, fondata nella seconda<br />

metà dell’VIII secolo a.C.<br />

Da non perdere il celebre antro<br />

della Sibilla, l’acropoli greca e<br />

gli edifici del periodo romano,<br />

tra cui quelli costruiti intorno ai<br />

pozzi d’acqua termale, il macellum,<br />

il tempio di Apollo, l’anfiteatro<br />

e il porto. In zona vi sono anche<br />

il parco archeologico sommerso e il<br />

Museo archeologico dei Campi Flegrei.


FINE SETTIMANA<br />

66<br />

maggiore<br />

(a.C.)<br />

avanti Cristo<br />

il porto<br />

il crocevia<br />

lo scavo<br />

il reperto<br />

celebre<br />

la coppa<br />

risalire a qc.<br />

il valore<br />

l’iscrizione f.<br />

graffito<br />

l’Iliade<br />

Omero<br />

la superficie<br />

größter<br />

(v.Chr.)<br />

vor Christus<br />

Hafen<br />

Kreuzung<br />

Ausgrabung<br />

Fund<br />

berühmt<br />

Kelch<br />

auf etw.<br />

zurückgehen<br />

Wert<br />

Inschrift<br />

eingeritzt<br />

dt. Titel: Ilias<br />

Homer<br />

Oberfläche<br />

Lo sapevate che…<br />

Ischia, la maggiore delle isole del Golfo di Napoli, fu la<br />

prima colonia della Magna Grecia in Occidente. I Greci<br />

provenienti dall’Eubea arrivarono qui intorno al 770 a.C.<br />

e scelsero di colonizzarla per la sua posizione strategica<br />

al centro del Mar Tirreno. Ischia diventò un porto<br />

fiorente e crocevia di traffici commerciali. Lo confermano<br />

i numerosi oggetti in ceramica e in metallo ritrovati<br />

durante gli scavi effettuati negli anni Cinquanta dall’archeologo<br />

Giorgio Buchner. I reperti sono oggi conservati<br />

nel Museo archeologico<br />

di Pithecusae, situato nella<br />

Villa Arbusto di Lacco<br />

Ameno, accanto a un altro<br />

importante e celebre documento,<br />

la Coppa di Nestore.<br />

La tazza, che risale<br />

alla seconda metà dell’VIII<br />

secolo a.C., ha un grande<br />

valore storico e archeologico.<br />

L’iscrizione graffita<br />

con tre versi dell’Iliade di<br />

Omero che si legge sulla<br />

sua superficie è uno dei<br />

primissimi esempi di scrittura<br />

alfabetica greca.<br />

IL MODERNO CONVIVE CON L’ANTICO<br />

Da sinistra, in senso orario: la Coppa di Nestore; vista di Ercolano<br />

dall’alto; la torre angioina di Velia, costruita sopra un tempio greco.<br />

© Cubo Images, S. Viola<br />

Paestum, che i Greci chiamavano Poseidonia, è un altro<br />

imperdibile gioiello della Campania archeologica: fondata<br />

agli inizi del VII secolo a.C. da coloni greci provenienti<br />

da Sibari, in seguito conquistata dai Lucani, passò<br />

sotto Roma nel 273 a.C. Oggi è possibile godere della sua<br />

atmosfera incantata, quasi sospesa nel tempo, visitando<br />

sia l’area “sacra” sia quella profana. Della prima fanno<br />

parte due santuari, uno settentrionale dedicato ad Atena,<br />

che contiene il tempio di Atena (oggi famoso soprattutto<br />

come tempio di Cerere, divinità romana della fertilità<br />

e dell’agricoltura molto venerata), e uno meridionale,<br />

dedicato a Poseidone, con i templi di Era e di Nettuno.<br />

Quelli di Paestum sono tra i templi di ordine dorico più<br />

monumentali e meglio conservati che esistano. Nell’area<br />

dedicata alla vita pubblica si possono ammirare il foro, il<br />

tempio italico, l’anfiteatro e interi quartieri di abitazioni.<br />

Imponenti mura con quattro porte in corrispondenza<br />

dei punti cardinali completano l’abitato di Paestum: la<br />

Porta Aurea a nord, la Porta Giustizia a sud, la Porta Sirena<br />

a est e la Porta Marina a ovest. Poco distante da qui si<br />

trova anche il Parco archeologico di Elea-Veia, città fondata<br />

dai Greci nel 540 a.C. e sede della scuola filosofica<br />

eleatica di Parmenide e Zenone.<br />

Si potrebbe andare avanti all’infinito a sfogliare il libro<br />

di storia della Campania archeologica. Qui vi abbiamo<br />

presentato solo l’introduzione: sta a voi perdervi negli<br />

infiniti meandri di questo racconto meraviglioso.<br />

il colono<br />

conquistato<br />

incantato<br />

sospeso<br />

profano<br />

il santuario<br />

settentrionale<br />

contenere<br />

Siedler<br />

erobert<br />

verzaubert<br />

schwebend<br />

weltlich<br />

Wallfahrtskirche<br />

nördlich<br />

enthalten<br />

la divinità<br />

l’agricoltura<br />

venerato<br />

meridionale<br />

ammirare<br />

cardinale<br />

il meandro<br />

Gottheit<br />

Landwirtschaft<br />

verehrt<br />

südlich<br />

bewundern<br />

Haupt-, hier:<br />

wichtigster<br />

Labyrinth<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2014


APPROFONDIMENTO<br />

DI MARCO MONTEMARANO<br />

DA PRATICAMENTE PARLANDO (PAG. 46)<br />

IL BOOM ECONOMICO<br />

DEGLI ANNI SESSANTA<br />

OGGI, CON LA CRISI, SEMBRA INCREDIBILE,<br />

MA 50 ANNI FA IN ITALIA C’È STATO UN BOOM<br />

DELL’ECONOMIA, CHIAMATO ANCHE MIRACO-<br />

LO ECONOMICO. È vero che si partiva da una condizione<br />

di povertà. Dopo la guerra, l’Italia era stata<br />

faticosamente ricostruita. Al Nord l’industria dava<br />

lavoro, spesso per pochi soldi, a giovani emigrati dal<br />

Sud. Forse proprio la presenza di manodopera a basso<br />

prezzo è la chiave del boom: le imprese producono a<br />

basso costo, il mercato assorbe facilmente i prodotti, gli<br />

operai si organizzano nei sindacati, i loro salari crescono.<br />

Diventano consumatori e il benessere si diffonde.<br />

Questo breve periodo,<br />

il miracolo<br />

la condizione<br />

la povertà<br />

la guerra<br />

faticoso<br />

la manodopera<br />

l’impresa<br />

assorbire<br />

l’operaio<br />

il sindacato<br />

il salario<br />

crescere<br />

il benessere<br />

diffondersi<br />

l’elettrodomestico<br />

l’italiano<br />

Wunder<br />

Zustand<br />

Armut<br />

Krieg<br />

mühsam<br />

Arbeitskräfte Pl.<br />

Unternehmen<br />

aufnehmen<br />

Arbeiter<br />

Gewerkschaft<br />

Gehalt<br />

wachsen<br />

Wohlstand<br />

sich verbreiten<br />

Haushaltsgerät<br />

italienische<br />

Hochsprache<br />

Una famiglia italiana<br />

in vacanza negli anni<br />

Sessanta.<br />

che va dal 1958 al 1963,<br />

è il periodo della Fiat 600<br />

e, in generale, della motorizzazione,<br />

degli elettrodomestici,<br />

delle vacanze<br />

e della TV in tutte<br />

le case. Proprio la TV, più<br />

della scuola, diffonde la<br />

conoscenza dell’italiano.<br />

Prima si parlava soprattutto<br />

in dialetto. Nel giro<br />

di pochi anni, gli italiani<br />

diventano simili a come<br />

li conosciamo oggi.<br />

DA TRA LE RIGHE (PAG. 56)<br />

LE NUOVE<br />

BRIGATE ROSSE<br />

Le Nuove Brigate rosse sono un gruppo terroristico che si<br />

ispira alle Br storiche, responsabili nel 1978 dell’uccisione<br />

del politico Aldo Moro. La lotta delle storiche Br contro lo<br />

stato finisce negli anni Ottanta. Quasi 20 anni dopo, nel<br />

1999, le “Nuove Brigate rosse” uccidono Massimo D’Antona,<br />

consulente del ministero del Lavoro. Tre anni dopo,<br />

nel 2002, viene ucciso a Bologna Marco Biagi, anche lui<br />

consulente del ministero.<br />

Per questi omicidi viene<br />

arrestata nel 2003 Nadia<br />

Desdemona Lioce, poi<br />

condannata all’ergastolo.<br />

Durante l’arresto perde la<br />

vita un poliziotto. La storia<br />

delle Nuove Br non è<br />

finita: nel 2006 un attentato<br />

a una caserma di paracadutisti,<br />

la Vannucci di<br />

Livorno, viene rivendicato<br />

dallo stesso gruppo. E<br />

ancora nel 2009, durante<br />

alcune perquisizioni<br />

dei Carabinieri, vengono<br />

ritrovati documenti contenenti<br />

il “programma” del<br />

gruppo terroristico che si<br />

fa chiamare “Nuove Br”.<br />

DA NOTIZIE (PAG. 10)<br />

L’ENI<br />

C’è stato un periodo della storia italiana<br />

in cui l’Italia poteva diventare<br />

una potenza industriale. Per produrre<br />

serviva molto petrolio! Nel 1953<br />

viene creato da Enrico Mattei l’Ente<br />

nazionale idrocarburi (Eni), con lo scopo di favorire l’approvvigionamento<br />

di petrolio e gas. Negli anni Cinquanta<br />

l’Eni riesce a ottenere petrolio a condizioni molto favorevoli<br />

per l’Italia da diversi paesi africani e del Medio<br />

Oriente. Questo fatto irrita il “cartello” internazionale del<br />

petrolio. Dopo la morte di Mattei, avvenuta nel 1962 in<br />

circostanze poco chiare,<br />

l’Eni, come molti altri<br />

enti pubblici, diventa terreno<br />

di divisione del potere.<br />

I vertici dell’ente sono<br />

politicizzati e occupati da<br />

esponenti della Democrazia<br />

cristiana, partito di governo.<br />

L’Eni, che controlla<br />

molte imprese attive nel<br />

settore dell’energia, viene<br />

trasformato in società<br />

per azioni e privatizzato a<br />

partire dal 1992. Oggi dà<br />

lavoro a 78.000 persone,<br />

quasi tutte in Italia.<br />

responsabile<br />

l’uccisione f.<br />

la lotta<br />

lo stato<br />

il consulente<br />

l’omicidio<br />

arrestare<br />

condannato<br />

l’ergastolo<br />

il/la paracadutista<br />

rivendicare<br />

qc.<br />

la perquisizione<br />

contenente<br />

verantwortlich<br />

Ermordung<br />

Kampf<br />

Staat<br />

Berater<br />

Mord<br />

verhaften<br />

verurteilt<br />

lebenslange<br />

Freiheitsstrafe<br />

Fallschirmjäger,<br />

-in<br />

sich zu etw.<br />

bekennen<br />

Durchsuchung<br />

mit<br />

la potenza Macht<br />

il petrolio Erdöl<br />

l’Ente nazionale idrocarburi: Nationale<br />

Gesellschaft für mineralische<br />

Brennstoffe<br />

favorire begünstigen<br />

l’approvvigionamento<br />

Versorgung<br />

ottenere bekommen<br />

il vertice Gipfel<br />

occupato besetzt<br />

il partito Partei<br />

il governo Regierung<br />

l’impresa Unternehmen<br />

la società Aktienper<br />

azioni gesellschaft<br />

67<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2014


SprachkurSe und Sprachferien<br />

Sprachkurse, Prüfungszentrum<br />

Sprachreisen, Sprachberufe<br />

Tel. 06221 8994-2943, sprachen@fuu.de<br />

www.fuu-languages.com<br />

Sizilien – Meer und Kultur<br />

Italienisch-Sprachkurs und klassische Kochschule mit<br />

einer erfahrenen Muttersprachlehrerin. Unterkunft<br />

und Verpflegung in der familiären Atmosphäre der<br />

Lehrerin, in einem kleinen Dorf direkt an der Küste.<br />

Tel: +39-091-8787146,<br />

e-mail: rb.sicilia@hotmail.com<br />

Italienische Sprachschule in Genua<br />

In der Nähe von Portofino und Cinque Terre<br />

Sprachferien<br />

Bildungsurlaub<br />

Via Caffaro 4/7<br />

16124 Genua<br />

Tel. +39 010 2465870<br />

Fax +39 010 2542240<br />

info@adoortoitaly.com<br />

www.adoortoitaly.com<br />

Mola di Bari – Apulien<br />

Abseits vom Massen-Tourismus<br />

Italienisch lernen und erleben<br />

Tel: 0049 8161 78 95 28<br />

oder 0039 34 94 62 65 41<br />

http://www.sprachferien-italien.de<br />

AlfaSprachReisen<br />

Die schönsten Ziele und die besten<br />

Programme für Ferien, Freizeit und<br />

Beruf. Informationen und Beratung:<br />

www.alfa-sprachreisen.de<br />

Telefon 0711-61 55 300<br />

Italienisch an der Riviera<br />

Individueller Unterricht mit Meerblick<br />

in familiärer Atmosphäre<br />

m. Olivenernte im Okt/Nov.<br />

Unterbringung in Hotel od. Appartm.<br />

Elke Hils,17024 Finale Ligure,<br />

www.elkehils.de<br />

Tel/Fax +390196988408<br />

Italienisch in Sizilien<br />

Scuola Galatea, Aci Castello bei Catania<br />

Sprachurlaub auch in Kombination<br />

mit einem Kochkurs<br />

oder Konversation und Unterricht Online<br />

www.scuolagalatea.it, info@scuolagalatea.it<br />

Sant‘anna InStItute<br />

Italienische Sprache und Kultur<br />

in Sorrent<br />

50+ Programm<br />

mit 15% Rabatt für <strong>ADESSO</strong>-Leser<br />

www.sorrentolingue.com · info@sorrentolingue.com<br />

Tel. +39 081 807 55 99 · Fax +39 081 532 41 40<br />

Sprachprodukte<br />

VerSchiedeneS<br />

Mehr Sprache<br />

können Sie<br />

nirgendwo shoppen.<br />

Klicken und Produktvielfalt<br />

entdecken:<br />

Zu Hause die Welt entdecken<br />

Als Gastfamilie einen von 550 Austauschschülern<br />

aus aller Welt aufnehmen.<br />

Themenvorschau<br />

ausgabe 10/14:<br />

• evviva! – Sardinien<br />

• Italien mit dem Zug entdecken<br />

(Umbrien, Abruzzen, Latium)<br />

Anzeigenschluss: 20.08.14, Erstverkaufstag: 24.09.14<br />

ausgabe 11/14:<br />

• Rom<br />

Anzeigenschluss: 24.09.14, Erstverkaufstag: 29.10.14<br />

ausgabe 12/14:<br />

• Comer See<br />

Anzeigenschluss: 22.10.14, Erstverkaufstag: 26.11.14<br />

Änderungen vorbehalten.<br />

www.yfu.de/gastfamilie • Tel.: 040 227002-0<br />

Ihre Anzeige im<br />

Sprach- und Reisemarkt AdeSSo<br />

Print & E-Paper<br />

Rabatte<br />

ab 3 Anzeigen 3 % Rabatt<br />

ab 6 Anzeigen 6 % Rabatt<br />

ab 9 Anzeigen 10 % Rabatt<br />

ab 12 Anzeigen 15 % Rabatt<br />

Beispiel 1<br />

1-spaltig / 20 mm hoch<br />

e 86,– (schwarz/weiß)<br />

e 111,– (farbig)<br />

Beispiel 3<br />

2-spaltig / 30 mm hoch<br />

e 258,– (schwarz/weiß)<br />

e 333,– (farbig)<br />

Beispiel 2<br />

1-spaltig / 40 mm hoch<br />

e 172,– (schwarz/weiß)<br />

e 222,– (farbig)<br />

Weitere Formate möglich.<br />

Alle Preise zuzüglich MwSt.<br />

aDesso Agosto 2014


SprachkurSe und Sprachferien<br />

Scuola Leonardo da Vinci®<br />

Italienisch in Florenz – Mailand – Rom – Siena<br />

www.scuolaleonardo.com<br />

Trieste<br />

Tropea<br />

Wohnen und lernen in Padua<br />

Italienisch-Sprachkurs 1-4Wochen mit einer<br />

erfahrenen Italienisch-Deutsch Lehrerin. Unterkunft<br />

in einer kleinen, eleganten zentral gelegenen Wohnung<br />

für 1max. 2Personen. Abendessen bei der Familie<br />

der Lehrerin.<br />

Website: www.imparareitalianoapadova.com<br />

Tel.: 0039-049-8750468<br />

Studitalia Sardinien<br />

Italienisch lernen<br />

Sprachferien in Olbia<br />

www.studitalia.com<br />

(0039) 333 2133760 infotiscali@studitalia.com<br />

+39 040 304020 | Als Bildungsurlaub anerkannt | +39 0963 603284<br />

www.piccolauniversitaitaliana.com<br />

auf allen redaktionellen Sites von<br />

www.adesso-online.de in Rotation<br />

Kontakt:<br />

Tel. +49-(0)89-85681-131<br />

anzeige@spotlight-verlag.de<br />

ITALIENISCH IN FLORENZ<br />

SPEZIALANGEBOT<br />

Sprachkurse für Erwachsene<br />

in kleiner Gruppe 4 Std/Tag<br />

inkl. Aktivitäten, inkl. Einzelzimmer<br />

2 Wochen = € 529,–<br />

(2 Wo. Kunstgeschichte € 739,–)<br />

Scuola Toscana<br />

Via de’Benci, 23 · 50122 Firenze<br />

Tel/Fax 0039 055 244583<br />

www.scuola-toscana.com<br />

ferienhÄuSer und -Wohnungen<br />

Unesco-Welterbe Cilento<br />

Meer, Berge, griechische Tempel...<br />

Villen, Fewos+Hotels am Meer<br />

Wandern auf Italienisch<br />

Erlebnissprachkurs<br />

0941 /567 6460, www.cilento-ferien.de<br />

www.adesso-online.de<br />

<br />

<br />

<br />

<br />

<br />

VENEDIG<br />

Stilvolle Appartements in antikem Palast<br />

zwischen Rialto-Brücke und Markusplatz,<br />

mit antiken Möbeln, für 2–6 Personen,<br />

Mindestmiete 1Woche, in NS auch kürzer.<br />

Tel. 0039-041-720620, Fax -721677<br />

(A. Lorenzon)<br />

Nördl. Toscana: Gepflegte, allein stehende Ferien-Landhäuser mit Privat-Pool.<br />

Ferienwohnungen in ruhig gelegenen Privathäusern mit Pool.<br />

Bezaubernde Panorama-Lage. Persönlich ausgewählt und getestet.<br />

mobil 0049 (0) 177 7464025, www.residenzetoscane.com<br />

<br />

<br />

BerufSauSBildung, fortBildung<br />

www.welthandelskorrespondent.com<br />

staatl. anerk. Berufsfachschule:Europasekretär/in, Korrespondent/in, 062218994-2943<br />

www.europasekretaerin.de<br />

staatl. anerkannt, kleine Klassen, mit Uni.-Abschluss, BBS, ☎ (07221) 22661<br />

<br />

<br />

Nächster Anzeigentermin: 20. August für die Oktober-Ausgabe<br />

aDesso Agosto 2014


NEL PROSSIMO NUMERO<br />

ABO:<br />

Spotlight Verlag GmbH<br />

Kundenbetreuung<br />

Postfach 1565, 82144 Planegg<br />

Internet: www.spotlight-verlag.de<br />

Montag bis Donnerstag: 9 bis 18 Uhr<br />

Freitag: 9 bis 16 Uhr<br />

Kundenbetreuung Privatkunden<br />

und Buchhandlungen<br />

Tel. +49 (0)89/8 56 81-16<br />

Fax +49 (0)89/8 56 81-159<br />

E-Mail: abo@spotlight-verlag.de<br />

Kundenbetreuung Lehrer,<br />

Trainer und Firmen<br />

Tel. +49 (0)89/8 56 81-150<br />

Fax +49 (0)89/8 56 81-119<br />

E-Mail: lehrer@spotlight-verlag.de<br />

Einzelverkaufspreis Deutschland:<br />

€ 6,90<br />

Bestellung Einzelhefte/<br />

ältere Ausgaben:<br />

leserservice@spotlight-verlag.de<br />

<strong>ADESSO</strong> wird besonders<br />

umweltfreundlich auf chlorfrei<br />

gebleichtem Papier gedruckt.<br />

KUNDENSERVICE<br />

BEZUGSKONDITIONEN JAHRESABO<br />

Deutschland:<br />

€ 74,40 inkl. MwSt. und inkl. Versandkosten<br />

Österreich:<br />

€ 74,40 inkl. MwSt. und zzgl. € 10,20<br />

Versandkosten<br />

Schweiz:<br />

sfr 111,60 zzgl. sfr 15 Versandkosten<br />

übriges Ausland:<br />

€ 74,40 zzgl. Versandkosten<br />

Studentenermäßigung gegen Nachweis.<br />

Die Belieferung kann nach<br />

Ablauf des ersten Bezugsjahres jederzeit<br />

beendet werden - mit Geld-zurück-Garantie<br />

für bezahlte, aber noch<br />

nicht gelieferte Ausgaben.<br />

WEITERE SERVICENUMMERN<br />

Leserbriefe:<br />

adesso@spotlight-verlag.de<br />

Anzeigen:<br />

anzeige@spotlight-verlag.de<br />

Sprachenshop:<br />

www.SprachenShop.de<br />

E-Mail: Bestellung@SprachenShop.de<br />

Tel. +49 (0)711/72 52-245<br />

Fax +49 (0)711/72 52-366<br />

<strong>ADESSO</strong> www.adesso-online.de Gegründet 1994<br />

L’ALTRA<br />

VENEZIA<br />

Tra ville liberty e chiese rinascimentali, in bicicletta<br />

alla scoperta del Lido dei divi.<br />

HERAUSGEBER UND<br />

VERLAGSLEITER<br />

Dr. Wolfgang Stock<br />

CHEFREDAKTEURIN<br />

Rossella Dimola<br />

CHEF VOM DIENST<br />

Salvatore Viola<br />

BILDREDAKTION<br />

Isadora Mancusi<br />

REDAKTION<br />

Cosimo Carniani, Giovanna<br />

Iacono, Isadora Mancusi,<br />

Fabrizia Memo, Salvatore Viola<br />

AUTOREN IN DIESEM HEFT<br />

Renata Beltrami, Anna Bordoni,<br />

Marina Collaci, Franco Barbagallo,<br />

Francesco De Tomaso, Anna<br />

Mandelli, Daniela Mangione,<br />

Marco Montemarano, Valeria Palumbo,<br />

Stefano Vastano,<br />

Luca Vitali, Silvia Ziche<br />

MITARBEITER<br />

IM REDAKTIONSBEREICH<br />

Julia Grahner, Monica Guerra,<br />

Friederike Ott,<br />

Dorothea Schmuck<br />

AUTORIN <strong>ADESSO</strong>in classe<br />

Claudia Driol<br />

KONZEPT UND GESTALTUNG<br />

www.prodigo.de<br />

Filippo Cirri<br />

PRODUKTIONSLEITUNG<br />

Ingrid Sturm<br />

LITHO<br />

Mohn Media Mohndruck GmbH,<br />

33311 Gütersloh<br />

DRUCK<br />

Vogel Druck und Medienservice<br />

GmbH, 97204 Höchberg<br />

© 2014 Spotlight Verlag, auch für<br />

alle genannten Autoren, Fotografen<br />

und Mitarbeiter<br />

Der Inhalt der Artikel gibt die Meinung<br />

der Autoren, nicht die der<br />

Redaktion wieder.<br />

Im Spotlight Verlag erscheinen:<br />

Spotlight, Business Spotlight,<br />

Écoute, ECOS, <strong>ADESSO</strong>,<br />

Deutsch perfekt<br />

VERLAG UND REDAKTION<br />

Spotlight Verlag GmbH<br />

Postanschrift:<br />

Postfach 1565, 82144 Planegg<br />

Hausanschrift:<br />

Fraunhoferstr. 22, 82152 Planegg<br />

Telefon 0 89/8 56 81-0<br />

Telefax 0 89/8 56 81-105<br />

Redaktion:<br />

adesso@spotlight-verlag.de<br />

GESCHÄFTSFÜHRUNG<br />

Dr. Wolfgang Stock,<br />

Markus Schunk<br />

VERTRIEBSLEITUNG<br />

Monika Wohlgemuth<br />

MARKETINGLEITUNG<br />

Holger Hofmann<br />

LESERSERVICE<br />

Birgit Hess<br />

LEITUNG MARKETING B2C & PR<br />

Heidi Kral<br />

LEITUNG MARKETING B2B &<br />

KOOPERATIONEN<br />

Susanne Mürbeth<br />

VERTRIEB HANDEL<br />

MZV, Ohmstraße 1,<br />

85716 Unterschleißheim<br />

BANKVERBINDUNGEN<br />

USt-IdNr. DE 265 973 410<br />

Commerzbank AG Düsseldorf<br />

IBAN DE46300800000212865200<br />

SWIFT (BIC) DRESDEFF300<br />

Für Zahlungen aus der Schweiz<br />

Credit Suisse AG, 8070 Zürich<br />

IBAN CH1204835055483341000<br />

SWIFT (BIC) CRESCHZZ80C<br />

ERSCHEINUNGSWEISE: monatlich<br />

ISSN-NUMMER: 0947-2096<br />

© D. Cruciani<br />

INTERVISTA<br />

I registi Francesca Comencini e<br />

Stefano Sollima ci raccontano il<br />

successo della serie Gomorra.<br />

A TAVOLA<br />

Vino? Spumante? Bollicine?<br />

Semplicemente Franciacorta,<br />

basta la parola!<br />

<strong>ADESSO</strong> 09/14 IN VENDITA DAL 27 AGOSTO<br />

GESAMT-ANZEIGENLEITUNG<br />

Axel Zettler<br />

Tel. +49 (0)89/8 56 81-130<br />

Fax +49 (0)89/8 56 81-139<br />

E-Mail: anzeige@spotlight-verlag.de<br />

SPRACH- & REISEMARKT<br />

CROSSMEDIA<br />

Eva-Maria Markus<br />

Tel. +49 (0)89/8 56 81-131<br />

Fax +49 (0)89/8 56 81-139<br />

E-Mail: e.markus@spotlight- verlag.de<br />

E-Mail: anzeige@spotlight-verlag.de<br />

MEDIA CONSULTANT<br />

Martina Konrad<br />

Tel. +49 (0)89/85 68 1-132<br />

Fax +49 (0)89/85 68 1-139<br />

E-Mail: m.konrad@spotlight-verlag.de<br />

E-Mail: anzeige@spotlight-verlag.de<br />

ANZEIGENPREISLISTE:<br />

Es gilt die Anzeigenpreisliste Nr. 22 ab<br />

Ausgabe 1/14<br />

Im Spotlight Verlag erscheinen:<br />

Spotlight, Business Spotlight,<br />

Écoute, ECOS, <strong>ADESSO</strong>,<br />

Deutsch perfekt<br />

Repräsentanz-Empfehlungsanzeigen<br />

iq media marketing gmbh<br />

Patrick Priesmann, Leiter Marketing,<br />

Kasernenstraße 67, 40213 Düsseldorf,<br />

Tel. 0211/887-2315, Fax 0211/887-97-<br />

2315, E-Mail: patrick.priesmann@iqm.de<br />

Nielsen 1,5,6,7<br />

iq media marketing gmbh, Brandstwiete 1<br />

(Neuer Duvenhof), 20457 Hamburg,<br />

Tel. 040/30183-210, Fax 040/30183-283,<br />

E-Mail: matthias.meissner@iqm.de<br />

Nielsen 2<br />

iq media marketing gmbh, Kasernenstraße<br />

67, 40213 Düsseldorf, Tel. 0211/887-<br />

2056, Fax 0211/887-97-2056, E-Mail:<br />

klaus.barth@iqm.de<br />

Nielsen 3a<br />

iq media marketing gmbh, Eschersheimer<br />

Landstraße 50, 60322 Frankfurt,<br />

Tel. 069/2424-4500, Fax 069/2424-59-<br />

4500, E-Mail: thomas.wolter@iqm.de<br />

Nielsen 3b+4<br />

iq media marketing gmbh, Nymphenburger<br />

Straße 14, 80335 München, Tel.<br />

089/545907-18, Fax 089/545907-24,<br />

E-Mail: joerg.boensch@iqm.de<br />

Sales Lifestyle<br />

iq media marketing gmbh, Kasernenstraße<br />

67, 40213 Düsseldorf, Tel. 0211/887-<br />

3582, Fax 0211/887-97-3582,<br />

E-Mail: christian.gericke@iqm.de<br />

BeNeLux, Skandinavien<br />

iq media marketing gmbh, Kasernenstraße<br />

67, D-40213 Düsseldorf,<br />

Tel. +49/211/887-1332,<br />

Fax +49/211/887-97-1332,<br />

E-Mail: neil.frankland@iqm.de<br />

Österreich<br />

Service proxymedia e.U., Wiesengasse 3,<br />

2801 Katzelsdorf, Tel. +43/2662/36755,<br />

Fax +43/125-330-333-989, E-Mail:<br />

michael.schachinger@proxymedia.at<br />

Schweiz<br />

TTop Media Sales GmbH, Chamerstrasse<br />

56, 6300 Zug, Tel. 041/7105701, Fax<br />

041/7105703, E-Mail: walter.vonsiebenthal@topmediasales.ch<br />

Großbritannien, Irland<br />

Advance International Media, Peter<br />

Mason, First Floor, 30 St John’s Lane,<br />

EC1M 4NB London,<br />

Tel. +44/207/2530888,<br />

Fax: +44/207/2050761,<br />

E-Mail: peter@advance.uk.com


Mehr Sprache können Sie<br />

nirgendwo shoppen.<br />

Kompetent. Persönlich. Individuell.<br />

Alles, was Sie wirklich brauchen, um eine Sprache zu lernen:<br />

Bücher und DVDs in Originalsprache, Lernsoftware und vieles mehr.<br />

Klicken und Produktvielfalt entdecken:<br />

www.sprachenshop.de


Schon gehört?<br />

Der Audio-Trainer mit Hörverständnis-Übungen<br />

in Ihrer Lieblingssprache. Als CD oder Download.<br />

4<br />

zum Preis<br />

von 3!*<br />

Bestellen Sie jetzt!<br />

+49 (0)89/8 56 81-16<br />

www.spotlight-verlag.de/audio-angebot<br />

* Kennenlern-Angebot für Neu-Abonnenten: 4 Ausgaben eines Audio-Trainers Ihrer Wahl zum Preis von 3.<br />

Audio-CD: € 32,40 / SFR 48,60 – Business Spotlight € 48,60 / SFR 72,90<br />

Audio-Download: € 27,60 / SFR 41,40 – Business Spotlight € 41,40 / SFR 62,10


ITALIENISCH LEICHT GEMACHT 08/2014 ALLE TEXTE AUF<br />

GIRO D’ITALIA<br />

TRENTINO-SÜDTIROL<br />

Wie gut kennen Sie den „Stiefel“?<br />

Eine Reise durch Landeskunde,<br />

Kultur und Traditionen<br />

der italienischen Regionen.


Trentino-Alto Adige<br />

TRENTINO-ALTO ADIGE<br />

IN BREVE SVIZZERA ALPI<br />

Il Trentino-Alto Adige è una regione autonoma<br />

a statuto speciale. È divisa in due<br />

ATESINE<br />

province, il Trentino a sud e l’Alto Adige<br />

a nord. Il capoluogo del Trentino è Trento<br />

(Trient), quello dell’Alto Adige (Südtirol) è ALPI<br />

Bolzano (Bozen). Qui vive la maggior parte VENOSTE<br />

degli abitanti di madrelingua tedesca (vedi<br />

Bolzano/Bozen<br />

box Lingua a pag. 4), che sono un terzo<br />

della popolazione totale. La regione fa parte<br />

dell’Italia dal 1919 ed è autonoma dal 1946.<br />

fiume<br />

Adige<br />

Nel 1972 l’Alto Adige ha ottenuto anche<br />

DOLOMITI<br />

l’autonomia dal Trentino e oggi le due<br />

province sono indipendenti. Il paesaggio<br />

è interamente montuoso e i massicci più<br />

importanti sono l’Adamello, le Alpi Atesine,<br />

il Catinaccio, il Latemar, la Marmolada<br />

e le Dolomiti, dette anche Monti Pallidi.<br />

Dal 2009 Patrimonio Unesco, le Dolomiti<br />

prendono il nome da Déodat de Dolomieu,<br />

che per primo ha studiato la roccia che le<br />

compone. L’economia è basata sul turismo<br />

e l’agricoltura, in particolare per i vigneti e<br />

la coltivazione delle mele (vedi pag. 5).<br />

POPOLAZIONE<br />

1.040,54 abitanti<br />

CLIMA<br />

8,8° temperatura<br />

media annua<br />

LOMBARDIA<br />

Riva del Garda<br />

Lago<br />

di Garda<br />

TRENTO<br />

10<br />

parchi naturali tra cui<br />

l’Adamello Brenta e le<br />

tre cime di Lavaredo.<br />

AUSTRIA<br />

ALPI<br />

AURINE<br />

ALPI<br />

PUSTERESI<br />

VENETO<br />

1. Qual è la vetta<br />

[Gipfel] più alta della<br />

regione?<br />

a) il Monte Ortles<br />

b) il Monte Cevedale<br />

c) il Cimon del Latemar<br />

2<br />

PAESAGGIO<br />

100% montagna<br />

PIL<br />

34.952,23 milioni<br />

di euro<br />

Provincia di<br />

Trento<br />

14.747,29<br />

agricoltura: 3,45%<br />

servizi: 80%<br />

industria: 16,55%<br />

Provincia di<br />

Bolzano<br />

19.161,9<br />

agricoltura: 4,35%<br />

servizi: 75,1%<br />

industria: 20,4%<br />

SUPERFICIE<br />

13.607,31 km²<br />

LAVORO<br />

Provincia di<br />

Trento<br />

Occupazione 43%<br />

Disoccupazione 7%<br />

Provincia di<br />

Bolzano<br />

Occupazione 71%<br />

Disoccupazione 4%<br />

5<br />

km 2 , ovvero 8.000<br />

campi di calcio: l’area<br />

delle Alpi di Siusi<br />

2<br />

siti Unesco: le Dolomiti e<br />

i siti palafitticoli preistorici<br />

delle Alpi


TRENTO<br />

Popolazioni celtiche fondano la città, poi i Romani la conquistano nel I secolo<br />

a.C. e la chiamano Tridentum. Nel Medioevo, Trento diventa sede di un<br />

importante principato vescovile, che comprende anche parte dell’Alto Adige.<br />

La sua storia dura otto secoli, sino al 1801. Nel 1867 si costruisce la Ferrovia<br />

del Brennero, per collegare Venezia e Vienna. Trento in quest’epoca fa parte<br />

dell’Impero Asburgico. La città passa al Regno d’Italia nel 1919. I monumenti<br />

e i musei da non perdere sono tanti: il Castello del Buonconsiglio, il Forte Belvedere,<br />

la cattedrale di San Vigilio, Palazzo Pretorio e la Fontana di Nettuno.<br />

PERSONAGGI<br />

FAMOSI<br />

Il personaggio famoso più antico<br />

è Ötzi, mummia ritrovata nel 1991<br />

nelle Alpi Venoste. Si tratta di un<br />

uomo vissuto più di 5.000 anni fa.<br />

Ricordiamo poi il poeta Andrea<br />

Maffei (1798-1855); l’ingegnere<br />

progettista del Canale di Suez<br />

Luigi Negrelli (1799-1858); Cesare<br />

Battisti (1875-1916), patriota ed<br />

eroe dell’indipendenza trentina; Alcide<br />

De Gasperi (1881-1954),<br />

l’ultimo presidente del Consiglio<br />

del Regno d’Italia nel<br />

1945 e il primo della Repubblica<br />

Italiana. Tra gli sportivi,<br />

l’alpinista Reinhold Messner<br />

(1944), il primo uomo a scalare<br />

l’Everest senza ossigeno, nel<br />

1978; Gustav Thöni (1951), quattro<br />

volte campione del mondo di<br />

sci negli anni Settanta; Isolde Kostner<br />

(1975), campionessa di sci<br />

alpino; Carolina Kostner (1987),<br />

campionessa di pattinaggio sul<br />

ghiaccio. Inoltre la giornalista Lilli<br />

Gruber (1957), una delle prime inviate<br />

di guerra; il designer Matteo<br />

Thun (1952); l’imprenditore Karl<br />

Zuegg (1914-2005), figlio del fondatore<br />

dell’azienda omonima di marmellate,<br />

nata nel 1890.<br />

IL CONSIGLIO<br />

DI MARKUS<br />

Per gli appassionati di mountain<br />

bike, ecco un affascinante itinerario<br />

intorno al massiccio delle Dolomiti<br />

di Brenta, nel Trentino occidentale.<br />

Il percorso è un anello di 171 chilometri,<br />

da fare a tappe, da giugno a<br />

ottobre. Attraversa località turistiche<br />

come Madonna di Campiglio, l’altopiano<br />

della Paganella, la Val di Non e<br />

la Val di Sole. I più allenati possono<br />

scegliere il tour Dolomiti di Brenta<br />

Bike Expert, che porta fino a 2.000<br />

metri. Chi vuole pedalare tranquillamente<br />

può scegliere il facile tour<br />

Dolomiti di Brenta Bike Country.<br />

2. Qual è il nome<br />

italiano di<br />

Franzenfeste?<br />

a) Francia<br />

b) Fortezza<br />

c) Bressanone<br />

TRENTINO-ALTO ADIGE<br />

IN BREVE<br />

il capoluogo Hauptstadt<br />

ottenere erhalten<br />

indipendente unabhängig<br />

interamente vollständig<br />

montuoso bergig<br />

il vigneto Weinberg<br />

la coltivazione<br />

Anbau<br />

la popolazione<br />

Bevölkerung<br />

la montagna Gebirge<br />

il Pil (Pro- Bruttodotto<br />

interno inlandslordo)<br />

produkt<br />

l’agricoltura Landwirtschaft<br />

medio durchschnittlich<br />

la superficie Fläche<br />

l’occupa- Beschäftizione<br />

f. gung<br />

il campo<br />

di calcio Fußballfeld<br />

il sito pala- Pfahlbaufitticolo<br />

stätte<br />

TRENTO<br />

conquistare erobern<br />

il secolo Jahrhundert<br />

a.C. v. Chr.<br />

(avanti Cristo) (vor Christus)<br />

la sede Sitz<br />

il principato<br />

vescovile Fürstbistum<br />

la ferrovia Bahn<br />

PERSONAGGI FAMOSI<br />

l’eroe Held<br />

il presidente del Consiglio:<br />

ital. Regierungschef<br />

il Regno d’Italia: Königreich<br />

Italien (1861-1946)<br />

scalare besteigen<br />

l’ossigeno Sauerstoff<br />

il campione<br />

del mondo Weltmeister<br />

il pattinaggio<br />

sul ghiaccio Eislaufen<br />

l’inviata Kriegsberichtdi<br />

guerra erstatterin<br />

l’impren- Unterditore<br />

m. nehmer<br />

il fondatore Gründer<br />

l’azienda Firma<br />

omonimo gleichnamig<br />

IL CONSIGLIO DI...<br />

allenato trainiert<br />

tranquillamente<br />

in Ruhe<br />

08/2014 - eine Beilage von <strong>ADESSO</strong> 3


Trentino-Alto Adige<br />

Sapete chi ha disegnato<br />

la bottiglia del Campari<br />

Soda nel 1932? Fortunato<br />

Depero, nato a Fondo<br />

(TN) nel 1892. Depero è<br />

stato anche un pubblicitario,<br />

pittore e scultore<br />

futurista. Le sue<br />

opere sono esposte<br />

in diversi musei, tra<br />

cui la Casa d’arte futurista<br />

Depero, oggi<br />

parte del Mart (vedi<br />

box Arte e scienza).<br />

Lingua<br />

Un terzo degli abitanti è di madrelingua<br />

tedesca, ma la lingua<br />

predominante è l’italiano.<br />

Il 4,5% della popolazione parla<br />

ancora oggi il ladino, un’antica<br />

lingua retoromanza.<br />

3. Il fiume più<br />

importante.<br />

a) l’Adige<br />

b) il Po<br />

c) il rio Funes<br />

IL FATTO STORICOI<br />

IL CONCILIO DI TRENTO<br />

La storia del Concilio di Trento<br />

è complicata. L’imperatore Carlo<br />

V ha un progetto: la monarchia<br />

universale. Per realizzarlo deve<br />

superare lo scisma della Chiesa<br />

e trovare un accordo con i protestanti<br />

luterani. Per questo chiede<br />

di fare un Concilio. La Chiesa<br />

cattolica all’inizio non vuole,<br />

perché pensa di non poterlo<br />

controllare. Poi, nel 1545, papa<br />

Paolo III apre il Concilio, che<br />

si interrompe più volte per motivi<br />

diversi. Papa Pio IV lo chiude<br />

nel 1563. L’obiettivo di riportare<br />

la Chiesa all’unità non viene<br />

raggiunto e la conseguenza del<br />

Concilio di Trento è quella che<br />

viene chiamata Controriforma.<br />

Pistaaa!<br />

Il Trentino-Alto Adige è il paradiso dello sci. Il comprensorio sciistico Dolomiti<br />

Superski supera i 1.200 chilometri di piste. Molte sono anche le piste<br />

nere ad alta pendenza, amate dagli sciatori più esperti, come la Croda Rossa,<br />

con una pendenza del 71%. Durante l’estate è anche possibile sciare a 2.585<br />

metri sul ghiacciaio Presena. Qui sotto alcune delle piste più belle:<br />

1<br />

TRAMETSCH<br />

Con i suoi 9<br />

chilometri è la<br />

pista più lunga<br />

dell’Alto Adige.<br />

4. C’è stata la<br />

principessa<br />

Sissi in<br />

vacanza...<br />

a) Canazei<br />

b) Madonna di<br />

Campiglio<br />

c) Ortisei<br />

2<br />

GRAN RISA<br />

È una pista spettacolare<br />

che si<br />

snoda tra i boschi<br />

dell’Alta Badia.<br />

5<br />

LA PISTA DEI CONTRABBANDIERI<br />

La pista si trova in Val Senales e parte<br />

da un ghiacciaio a 3.250 metri.<br />

6<br />

LAGO NERO<br />

Una pista nel<br />

Corno del Renon<br />

sempre soleggiata.<br />

7<br />

SASLONG<br />

È considerata la<br />

pista più bella<br />

d’Italia.<br />

3<br />

PISTA TOMBA<br />

Qui, in Val di<br />

Fassa, si allenava<br />

il campione di sci<br />

Alberto Tomba.<br />

4<br />

HERNEGG<br />

È una pista con<br />

una pendenza del<br />

68% e vista panoramica<br />

su Brunico.<br />

Arte e scienza<br />

•Il Mart, il Museo di Arte moderna e contemporanea<br />

di Trento e Rovereto, ospita molte mostre e ha<br />

in collezione permanente capolavori di Balla, De Chirico,<br />

Manzoni e molte altre opere dall’Ottocento alle<br />

avanguardie novecentesche. www.mart.trento.it<br />

•Il MuSe (vedi <strong>ADESSO</strong> 11/2013) il Museo delle<br />

Scienze di Trento, progettato da Renzo Piano, permette<br />

al visitatore di fare un viaggio nelle scienze<br />

naturali. Si parte dal volo virtuale sulle cime alpine,<br />

si impara come nascono le montagne e si attraversa<br />

la foresta pluviale. www.muse.it<br />

A TAVOLA<br />

In Alto Adige gli ingredienti tradizionali<br />

sono lo speck, i latticini, le<br />

mele Igp e il miele. Molto buoni<br />

lo Schüttelbrot, il pane croccante,<br />

e il formaggio Stelvio Dop. Sono<br />

famosi i canederli, grandi gnocchi<br />

rotondi, preparati con un impasto<br />

di pane, speck, formaggio e latte.<br />

C’è poi lo strudel, il dolce con le<br />

mele, uvetta e pinoli. Sono ricette<br />

e prodotti diffusi anche in Trentino,<br />

dove ci sono inoltre la polenta<br />

carbonera e gli strangolapreti, piccoli gnocchetti preparati con un impasto<br />

di pane e spinaci. Tipico del Trentino è lo Zentel, il pane dolce di Natale,<br />

con frutta secca e farina di segale. Nei vigneti, che occupano 5.300 ettari<br />

dell’Alto Adige, sono prodotti il Gewürztraminer, il Pinot grigio e lo Chardonnay.<br />

Da bere ci sono gli Obstler, distillati di frutta di mele o pere.<br />

08/2014 - eine Beilage von <strong>ADESSO</strong>


POMI D’ORO<br />

L’Italia è il primo produttore europeo di mele e più del 70% di<br />

queste mele proviene dal Trentino-Alto Adige, dove la produzione<br />

nel 2013 ha superato un milione e 400 mila tonnellate e ha coinvolto<br />

circa 15.000 aziende locali. In Alto Adige sono 13 le varietà<br />

di mele con il marchio Igp (vedi foto sotto). In Trentino i consorzi<br />

più importanti sono La Melinda e La Trentina.<br />

BRENNERO<br />

BOLZANO<br />

08/2014 - eine Beilage von <strong>ADESSO</strong><br />

Golden Delicious<br />

è la mela più prodotta in Trentino-Alto Adige. La produzione<br />

di questa varietà di mele, in Alto Adige, è di circa 400<br />

mila tonnellate all’anno. Messe in fila coprono la distanza<br />

in chilometri (1031) dal Brennero a Bari.<br />

BARI<br />

In Alto-Adige<br />

18.000 ettari di coltivazione, l’area più estesa d’Europa.<br />

8.000 aziende produttrici<br />

75,3% della superficie coltivabile è a meleti<br />

9.900 quintali è il raccolto nel 2013.<br />

In Trentino<br />

9.700 ettari di coltivazione.<br />

7.800 aziende produttrici<br />

71% della superficie coltivabile è a meleti<br />

4.100 quintali è il raccolto nel 2013.<br />

Gala Red Delicious Braeburn Fuji<br />

Granny Smith Jonagold Morgenduft Winesap<br />

Idared Elstar Gloster Jonathan<br />

LO SAPEVATE CHE...<br />

...i torsoli di mela riciclati sono usati per produrre la carta?<br />

Frumat, un’azienda di Bolzano, realizza carta assorbente<br />

e igienica, quaderni e sacchetti con il materiale di scarto<br />

delle mele. Anche l’ecopelle chiamata pellemela è ricavata<br />

dai materiali di scarto della mela.<br />

CURIOSITÀ<br />

disegnare entwerfen<br />

il pubblicitario<br />

Werber<br />

lo scultore Bildhauer<br />

l’opera Werk<br />

esporre ausstellen<br />

PISTAAA!<br />

pista! Bahn frei!<br />

il comprensorio<br />

sciistico Skigebiet<br />

la pendenza Gefälle<br />

il ghiacciaio Gletscher<br />

il contrabbandiere<br />

Schmuggler<br />

soleggiato sonnig<br />

ARTE E SCIENZA<br />

ospitare beherbergen<br />

la mostra Ausstellung<br />

la collezione Dauerauspermanente<br />

stellung<br />

il capolavoro Meisterwerk<br />

nove- aus dem 20.<br />

centesco Jahrhundert<br />

la scienza Wissenschaft<br />

il volo Flug<br />

la cima Gipfel<br />

la foresta<br />

pluviale Regenwald<br />

FATTO STORICO<br />

superare überwinden<br />

interrompere unterbrechen<br />

l’obiettivo Ziel<br />

l’unità Einheit<br />

A TAVOLA<br />

l’ingrediente<br />

m. Zutat<br />

il latticino Milchprodukt<br />

il miele Honig<br />

croccante knusprig<br />

Dop: g.U. (mit geschützter<br />

Ursprungsbezeichnung)<br />

il canederlo Knödel<br />

l’impasto Teig<br />

l’uvetta Rosinen Pl.<br />

il pinolo Pinienkern<br />

diffuso verbreitet<br />

la polenta carbonera: Maisgrießfladen<br />

mit Almkäse<br />

gli strangolapreti: Teigklößchen<br />

mit Spinat und Brot<br />

la farina<br />

di segale Roggenmehl<br />

occupare einnehmen<br />

POMI D’ORO<br />

il pomo hier: Apfel<br />

il marchio Kennzeichnung<br />

Igp: g.g.A. (geschützte geografische<br />

Angabe)<br />

il meleto Apfelhain<br />

il raccolto Ernte<br />

il torsolo Kerngehäuse<br />

il materiale Abfalldi<br />

scarto material<br />

l’ecopelle f. Kunstleder<br />

5


Trentino-Alto Adige<br />

COSE DA<br />

VEDERE<br />

LAGO DI RESIA<br />

È un lago alpino<br />

artificiale a 1.498<br />

metri, nato nel<br />

1949 dopo la<br />

costruzione di una<br />

diga. Qui si vede<br />

spuntare il campanile<br />

romanico di un<br />

paesino sommerso.<br />

I GIARDINI DI<br />

MERANO<br />

Il castello medievale<br />

di Trauttmansdorff<br />

ha 12 ettari<br />

di giardini. Sissi, la<br />

moglie dell’imperatore<br />

d’Austria, ha<br />

trascorso qui tutto<br />

l’inverno del 1870.<br />

CASTEL COIRA<br />

Il castello è tra i<br />

meglio conservati<br />

della Val Venosta.<br />

Ha un porticato<br />

dipinto e una volta<br />

rinascimentale in<br />

marmo. Ancora<br />

intatta la sala delle<br />

armature.<br />

LAGO DI<br />

MOLVENO<br />

È un lago alpino<br />

nell’altopiano della<br />

Paganella. D’estate,<br />

si può nuotare<br />

o praticare vela,<br />

canoa e windsurf<br />

nelle sue acque<br />

chiarissime.<br />

DA FARE<br />

I bagni di fieno<br />

A Fiè allo Sciliar [vedi ADES-<br />

SO 07/14] provate i benefici<br />

dei bagni di fieno, un’antica<br />

tradizione dei contadini.<br />

Il Sentiero della pace<br />

È un percorso che attraversa<br />

i luoghi più significativi della<br />

prima guerra mondiale.<br />

L’itinerario va dal Passo del<br />

Tonale al Pasubio in 35 tappe,<br />

segnalate con il simbolo<br />

della colomba bianca.<br />

L’Hugo è un aperitivo a<br />

base di Prosecco, menta,<br />

soda e sciroppo di<br />

fiori di sambuco (o melissa).<br />

Lo ha inventato<br />

Roland Grube, barman<br />

di Naturno (BZ), nel<br />

2005. Voleva chiamarlo<br />

Otto, poi ha cambiato idea.<br />

L’aperitivo Hugo ha<br />

avuto molto successo,<br />

l’aperitivo<br />

Otto chissà...<br />

LEGGENDA<br />

Il lago Carezza è sempre di colore<br />

diverso. Una leggenda dice che<br />

uno stregone, innamorato della<br />

bella Ondina, vuole rapirla. Una<br />

strega gli consiglia di fare un arcobaleno,<br />

di vestirsi da mercante<br />

e, quando lei esce per ammirare<br />

l’arcobaleno, di darle dei gioielli.<br />

Il trucco funziona e Ondina esce<br />

dal lago, ma il mago ha dimenticato<br />

di travestirsi e Ondina lo<br />

riconosce. Lui per rabbia rompe<br />

l’arcobaleno, che cade nell’acqua<br />

e la fa diventare di tutti i colori.<br />

LO SAPEVATE CHE...<br />

6<br />

5. È una delle<br />

principali località<br />

turistiche<br />

della regione.<br />

a) Selva di Val<br />

Gardena<br />

b) Courmayeur<br />

c) Auronzo di<br />

Cadore<br />

Giorgio Moroder , nato a Ortisei, in Alto Adige, nel 1940,<br />

è autore di colonne sonore e brani di film famosi, per<br />

esempio Midnight Express, Take My Breath Away (Top<br />

Gun) e Flashdance... What a Feeling (Flashdance) per<br />

nominare solo quelli premiati con l’Oscar. Moroder ha<br />

scritto anche gli inni di tre olimpiadi (Los Angeles 1984,<br />

Seoul 1988 e Pechino 2008), ha collaborato con artisti<br />

come David Bowie, Cher e Donna Summer ed è considerato<br />

un pioniere della musica elettronica.<br />

Gustav Mahler dal 1908 al 1910 trascorre le estati a<br />

Dobbiaco, in Val Pusteria, dove compone la nona sinfonia,<br />

la decima (incompiuta) e Das Lied von der Erde.<br />

Tutti gli anni, nel periodo estivo, la cittadina gli rende<br />

omaggio con un interessante festival: le Settimane musicali<br />

Gustav Mahler.<br />

08/2014 - eine Beilage von <strong>ADESSO</strong>


SELVA DI VAL<br />

GARDENA<br />

È una famosa località<br />

turistica, estiva e<br />

invernale. Si trova a<br />

1.563 metri nel cuore<br />

delle Dolomiti. Da qui<br />

si può ammirare la<br />

Marmolada con i suoi<br />

3.343 metri.<br />

PARCO DELLO<br />

STELVIO<br />

È stato istituito nel<br />

1935 ed è, con i suoi<br />

130.700 ettari, il più<br />

grande parco storico<br />

italiano. Sul suo territorio<br />

ci sono ghiacciai,<br />

foreste, torrenti, cervi,<br />

caprioli e stambecchi.<br />

Feste e sagre<br />

A Dobbiaco il 7 dicembre di ogni anno si ritrovano<br />

i KRAMPUS, creature pelose metà uomo<br />

e metà animale, che indossano maschere di<br />

legno. Secondo la leggenda, si vestivano così<br />

i contadini per spaventare i bambini cattivi. Per<br />

ricordare questo evento oggi i Krampus sfilano<br />

per la città e fanno doni ai bambini.<br />

PRIMATI<br />

CHIUSA<br />

Si trova sulla sponda<br />

del fiume Isarco ed è<br />

uno dei borghi medievali<br />

più belli d’Italia.<br />

Intorno si estendono<br />

vigneti e boschi di<br />

castagni. Vicino si<br />

trova il monastero di<br />

Sabiona.<br />

LAGO DI CALDARO il lago balneabile più<br />

caldo delle Alpi.<br />

6. Quante lingue<br />

si parlano nella<br />

regione?<br />

a) una<br />

b) due<br />

c) tre<br />

ABBAZIA BENEDETTINA DI MARIENBERG<br />

la più alta d’Europa (1.335 metri).<br />

AZIENDA LEITNER leader mondiale nella costruzione<br />

di funivie, con sede a Vipiteno (Sterzing).<br />

AZIENDA ARUNDA VIVALDI la cantina spumantificio<br />

più alta d’Europa (1.200 metri).<br />

DOLOMITI SUPERSKI l’impianto sciistico più<br />

grande del mondo (1.220 chilometri di piste).<br />

PASSO DELLO STELVIO (2.757 metri) è<br />

il valico automobilistico più alto d’Italia.<br />

ÖTZI la mummia umida meglio conservata,<br />

con più di 5.000 anni (datata tra il<br />

3.350 e il 3.100 a.C.).<br />

MINIERA DI MONTENEVE IN VAL PASSIRIA la<br />

miniera più alta d’Europa (2.000-2.500 metri).<br />

7 COSE DA VEDERE<br />

artificiale künstlich<br />

la diga Damm<br />

il campanile Glockenturm<br />

spuntare herausragen<br />

sommerso überschwemmt<br />

il castello Schloss<br />

trascorrere verbringen<br />

il porticato Bogengang<br />

dipinto bemalt<br />

la volta Gewölbe<br />

l’armatura Rüstung<br />

l’altopiano Hochebene<br />

nuotare schwimmen<br />

la vela Segeln<br />

ammirare bewundern<br />

istituire einrichten<br />

il ghiacciaio Gletscher<br />

il torrente Wildbach<br />

il borgo Dorf<br />

estendersi sich<br />

erstrecken<br />

il monastero Kloster<br />

DA FARE<br />

il bagno<br />

di fieno Strohbad<br />

il beneficio Wohltat<br />

il percorso Weg<br />

l’itinerario Route<br />

segnalato ausgeschildert<br />

la colomba<br />

bianca weiße Taube<br />

CURIOSITÀ<br />

la menta Minze<br />

lo sciroppo Holunderdi<br />

fiori di blütensambuco<br />

sirup<br />

LEGGENDA<br />

lo stregone Hexenmeister<br />

rapire entführen<br />

l’arcobaleno Regenbogen<br />

il mercante Kaufmann<br />

ammirare bewundern<br />

il mago Hexenmeister<br />

la rabbia Wut<br />

LO SAPEVATE CHE<br />

la colonna<br />

sonora Filmmusik<br />

il brano Stück<br />

essere con- als etw.<br />

siderato qc. gelten<br />

incompiuto unvollendet<br />

rendere Ehre<br />

omaggio erweisen<br />

FESTE E SAGRE<br />

peloso behaart<br />

PRIMATI<br />

l’abbazia Abtei<br />

la funivia Seilbahn<br />

l’impianto<br />

sciistico Skigebiet<br />

il valico Pass<br />

la miniera Bergwerk<br />

08/2014 - eine Beilage von <strong>ADESSO</strong> 7


SUPER QUIZ<br />

Hai letto tutto l’ ? Adesso mettiti alla prova!<br />

Trentino-Alto Adige<br />

1. Come si chiama il lago con un<br />

campanile al centro?<br />

a) lago Carezza<br />

b) lago di Resia<br />

c) lago Caldaro<br />

2. Come si chiama il compositore<br />

[Komponist] della colonna sonora<br />

[Soundtrack] del film Flashdance?<br />

a) Giorgio Moroder<br />

b) Gustav Mahler<br />

c) Ennio Morricone<br />

3. È l’abbazia benedettina più alta<br />

d’Europa.<br />

a) Sabiona<br />

b) Marienberg<br />

c) San Vigilio<br />

4. È la pista da sci più lunga<br />

dell’Alto Adige.<br />

a) Hernegg<br />

b) Lago Nero<br />

c) Trametsch<br />

5. Chi è Fortunato Depero?<br />

a) un designer<br />

b) uno scrittore<br />

c) un alpinista<br />

6. Quando è stato istituito il Parco<br />

dello Stelvio?<br />

a) nel 1928<br />

b) nel 1940<br />

c) nel 1935<br />

7. È il castello dove soggiornava<br />

l’imperatrice Sissi.<br />

a) Castel Trauttmansdorff<br />

b) Castel Coira<br />

c) Castello di Buonconsiglio<br />

8. Cosa sono i canederli?<br />

a) un tipo di formaggio<br />

b) gnocchi di speck e patate<br />

c) distillati di frutta fresca<br />

9. Quando è stata realizzata la<br />

Ferrovia del Brennero?<br />

a) nel 1918<br />

b) nel 1867<br />

c) nel 1972<br />

10. Quando è iniziato il Concilio<br />

di Trento?<br />

a) nel 1545<br />

b) nel 1363<br />

c) nel 1400<br />

11. Quante varietà di mele hanno il<br />

marchio Igp in Alto Adige?<br />

a) 13<br />

b) 20<br />

c) 18<br />

12. Da chi è stato progettato<br />

il MuSe?<br />

a) da Renzo Piano<br />

b) da Massimiliano Fuksas<br />

c) da Herzog & de Meuron<br />

SOLUZIONI SUPER QUIZ: 1. b; 2. a; 3. b; 4. c; 5. a; 6. c; 7. a; 8. b; 9. b; 10. a; 11. a; 12. a.<br />

1. a. La cima più alta è il Monte Ortles, 3.905 metri, nel Gruppo Ortles-Cevedale. 2. b. Fortezza è un<br />

piccolo comune italiano nella Valle dell’Isarco e qui passa la linea ferroviaria del Brennero. La<br />

traduzione letterale dal tedesco sarebbe “La fortezza di Francesco”, il forte che l’allora imperatore<br />

austo-ungarico fece costruire. 3. a. L’Adige nasce nella Val Venosta, è lungo 410 chilometri,<br />

attraversa Trento e arriva a Verona. 4. b. Madonna di Campiglio era meta dell’aristocrazia<br />

europea sin dall’Ottocento e per due volte la principessa Elisabetta di Baviera, detta Sissi, ha<br />

soggiornato qui nel 1889 e nel 1894. Dal 1930 è una nota località sciistica. 5. a. Selva di Val Gardena<br />

è una delle mete turistiche più apprezzate [beliebt] 6. c. Le lingue parlate nella regione sono<br />

tre: il tedesco in Alto Adige, l’italiano in Trentino e il ladino nella Val di Non, in Trentino.<br />

IMPRESSUM: Herausgeber und Verlagsleiter: Dr. Wolfgang Stock Chefredakteurin: Rossella Dimola Chef vom Dienst: Salvatore<br />

Viola Autoren und Redaktion: C. Carniani, J. Grahner, M. Guerra, G. Iacono, I. Mancusi, F. Memo, S. Viola Gestaltung: www.prodigo.de<br />

Druck: Medienhaus Ortmeier GmbH, 48369 Saerbeck Gesamt-Anzeigenleitung: Axel Zettler, Tel. +49 (0)89/8 56 81-130<br />

Verlag und Redaktion Spotlight Verlag GmbH, Fraunhoferstr. 22, 82152 Planegg Tel: +49 (0)89 8 56 81-0, www.evviva-online.de;<br />

www.adesso-online.de. © 2014 Spotlight Verlag, auch für alle genannten Autoren, Fotografen und Mitarbeiter.<br />

8<br />

08/2014 - eine Beilage von <strong>ADESSO</strong>

Hooray! Your file is uploaded and ready to be published.

Saved successfully!

Ooh no, something went wrong!