27.08.2014 Views

ADESSO Lebendiges Italienisch (Vorschau)

You also want an ePaper? Increase the reach of your titles

YUMPU automatically turns print PDFs into web optimized ePapers that Google loves.

Die schönsten Seiten auf <strong>Italienisch</strong><br />

Deutschland € 7,50<br />

CH sfr 13,50 · A · I · F · BeNeLux: € 8,50<br />

09<br />

September<br />

2014<br />

09<br />

Venezia<br />

Faszination Lido: Eine Radtour<br />

jenseits der Lagune.<br />

4 191 345 107502<br />

Toscana<br />

Ursprüngliches Casentino:<br />

Fabelwelt im Herzen Italiens.<br />

INTERVISTA AI REGISTI DI GOMORRA, LA SERIE TV CHE FA DISCUTERE L‘ITALIA<br />

ATTUALITÀ: MARMO DI CARRARA. È POLEMICA SUL FUTURO DELLE CAVE


Besser mit<br />

Sprachen!<br />

Die Welt entdecken, Sprachen lernen<br />

und Kulturen verstehen. Jeden Monat neu.<br />

28%<br />

Einsteiger-<br />

Rabatt*<br />

Bestellen Sie jetzt Ihr Abo!<br />

www.spotlight-verlag.de/28 +49 (0)89/8 56 81-16<br />

*auf alle Neubestellungen im Aktionszeitraum 13.08. – 31.10.2014


EDITORIALE<br />

Cari lettori,<br />

Gianni Rodari ha scritto in una delle sue poesie più belle, Una scuola<br />

grande come il mondo: “Di imparare non si finisce mai / e quel che non<br />

si sa / è sempre più importante / di quel che si sa già”. Se fossi in voi,<br />

comincerei proprio dallo Speciale lingua di questo mese (vedi pag. 32).<br />

Non per sottovalutarvi, ma ci sono alcune parole dell’italiano parlato<br />

di cui è probabile che non conosciate tutti gli usi o il vero e proprio<br />

significato. Possono sembrare termini<br />

sottovalutare<br />

probabile<br />

superfluo<br />

strettamente<br />

unterschätzen<br />

wahrschein-<br />

lich<br />

überflüssig<br />

unbedingt<br />

superflui, oppure non strettamente necessari,<br />

ma se utilizzati al posto e al momento<br />

giusto vi faranno di sicuro brillare<br />

in una conversazione. Guardate<br />

intanto come li usano i nostri autori nel<br />

presentarvi i loro reportage di viaggi…<br />

DER KOMPLETT<br />

NEU ENTWICKELTE<br />

SPRACHKURS<br />

IM MAGAZIN-STIL<br />

Salvatore Viola<br />

Eh s ,<br />

ogni viaggio è davvero una storia a sé e l’Italia<br />

non finisce mai di sorprendermi. Franciacorta,<br />

basta la parola! Un nome solo per una terra<br />

affascinante e un vino semplicemente<br />

eccezionale (vedi pag. 56 ).<br />

Jetzt gratis ausprobieren: www.langenscheidt.de/premium<br />

ISBN 978-3-468-80123-5 • € 39,99 (D)<br />

Langenscheidt<br />

3<br />

Valentina Pinton<br />

Ecco...<br />

per vivere davvero un posto bisogna<br />

lasciarsi guidare dai racconti dei<br />

suoi abitanti. È quanto mi è successo<br />

durante la mia avventura nella meravigliosa<br />

valle del Casentino, uno dei<br />

rari luoghi ancora autentici.<br />

(vedi pag. 48 ).<br />

Ma dai,<br />

davvero non conoscete il Lido? È l’isola vicino a<br />

Venezia famosa per il Festival del Cinema: un luogo<br />

incantato e pieno di fascino! Il modo migliore<br />

per visitarla? In bici, naturalmente (vedi pag. 12 ).<br />

Fabrizia Memo<br />

„Sprache<br />

und Kultur<br />

erleben.“<br />

Ideal für Anfänger und Wiedereinsteiger!<br />

Das umfangreiche Kurspaket besteht aus:<br />

2 exklusiven Lehrbüchern<br />

6 Audio-CDs inkl. MP3-Download<br />

24 Online-Tests mit detailliertem Feedback<br />

Langenscheidt Sprachenzertifikat<br />

Rossella Dimola<br />

Caporedattrice<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2014


09.14_01 CoverOK2_Pfad.indd 1 01.08.14 15:20<br />

SOMMARIO<br />

32<br />

RUBRICHE<br />

SERVIZI<br />

Marcello dell’Utri, von Stefano Vastano<br />

12 VIAGGI: IL LIDO DI VENEZIA<br />

03 Editoriale<br />

Wir treten in die Pedale und entdecken das<br />

Von Rossella Dimola<br />

„andere“ Venedig zwischen Strandleben und<br />

06 Posta prioritaria<br />

mondäner Vergangenheit<br />

Leserbriefe<br />

22 Intervista: Sollima e Comencini<br />

07 Notizie dall’Italia<br />

Schonungslos: Gomorra zeigt die ganze Härte der<br />

Neues aus Italien<br />

Mafia – im Fernsehen. Die Regisseure im Gespräch<br />

mit <strong>ADESSO</strong>.<br />

26 Scherzi a parte<br />

48 Fine settimana: La valle del Casentino<br />

In einem Tal im Herzen der Toskana scheinen die<br />

Uhren anders zu gehen: Zeit, seine Bewohner kennen<br />

zu lernen<br />

56 A tavola: Franciacorta<br />

Er ist nicht wie die anderen. Er ist einfach nur er<br />

Lachen mit Lucrezia<br />

selbst: der Franciacorta. Und basta.<br />

54 Grandangolo<br />

<br />

LINGUA<br />

Gemälde zum Leben<br />

<br />

41 Pagine Facili<br />

67 Botta e risposta<br />

<br />

<strong>Italienisch</strong> leicht gemacht<br />

45 Le schede di <strong>ADESSO</strong><br />

Sammelkarten, u.a. mit Übersetzungen,Übungen,<br />

Alltagsitalienisch<br />

OPINIONI<br />

20 Italia in diretta<br />

Carraras Marmorbrüche: Jobmotor oder<br />

Umweltkiller?, von Valeria Palumbo<br />

29 Passaparola<br />

Die „Nerds“ kommen!, von Renata Beltrami<br />

62 Tra le righe<br />

30 I misteri dell’arte: Una porta magica a Roma<br />

Seit Jahrhunderten hütet eine Tür die mystischen<br />

Geheimnisse ihres Herrn<br />

47<br />

Das leichte Heft im Heft – Toskana<br />

IN EIGENER SACHE<br />

Liebe Leserinnen, liebe Leser,<br />

die allgemeine Entwicklung der Kosten in den letzten zwei Jahren ist auch an<br />

den Verlagen nicht vorübergegangen. Einen Teil dieser Mehrkosten müssen<br />

wir an unsere Leser weitergeben. Der Preis von <strong>ADESSO</strong> steigt ab der Ausgabe<br />

9/2014 um 60 Cent, der Preis für das Jahresabonnement um 50 Cent<br />

pro Heft (Preise für das Ausland, unser digitales Angebot sowie unseren<br />

Sprachtrainer finden Sie unter www.spotlight-verlag.de/faq/konditionen). Für<br />

bestehende Abonnements ändert sich zunächst nichts. Der neue Preis wird<br />

erst ab der nächsten Rechnungsstellung fällig. Diese moderate Erhöhung<br />

ermöglicht es uns, Ihnen Ihr Sprachprodukt auch in Zukunft in der bekannten<br />

Qualität zu liefern. Vielen Dank für Ihr Verständnis.<br />

Ihr Spotlight Verlag<br />

Marta Cucchias Webkunst erweckt historische<br />

64 Libri e letteratura<br />

Büchertipps und Leseprobe<br />

Autor des Monats: Wu Ming<br />

Ein Thema – zwei Antworten:<br />

Rundfunkgebühren: Hinausgeworfenes Geld<br />

oder Bildungsbeitrag für alle?<br />

Die schönsten Seiten auf <strong>Italienisch</strong><br />

Venezia<br />

Faszination Lido: Eine Radtour<br />

jenseits der Lagune.<br />

Toscana<br />

Ursprüngliches Casentino:<br />

Fabelwelt im Herzen Italiens.<br />

INTERVISTA AI REGISTI DI GOMORRA, LA SERIE TV CHE FA DISCUTERE L‘ITALIA<br />

ATTUALITÀ: MARMO DI CARRARA. È POLEMICA SUL FUTURO DELLE CAVE<br />

09<br />

September<br />

2014<br />

© N. Miana<br />

ZEICHENERKLÄRUNG UND LESER-SERVICE<br />

Feder<br />

leicht zu lesen<br />

Krone<br />

anspruchsvoll<br />

Hörtext<br />

Tel. (0049) 89-85681-286<br />

<strong>ADESSO</strong> audio<br />

Texte zum Anhören<br />

<strong>ADESSO</strong> plus<br />

Thematische Sprachübungen<br />

<strong>ADESSO</strong>audio<br />

Ausgewählte Artikel, Kurz-Interviews,<br />

italienische Musik, Übungen zu<br />

Grammatik und Aussprache: CD<br />

mit Begleit heft.<br />

<strong>ADESSO</strong>plus<br />

Nützlich und unterhaltsam:<br />

Das Begleitheft zu <strong>ADESSO</strong><br />

mit Zusatzübungen. Info unter<br />

Tel.: (0049) 89-85681 -16; Fax: -159.<br />

<strong>ADESSO</strong>in classe<br />

Ideen und Konzepte: Kostenloser<br />

Service für Abonnenten in Lehrberufen.<br />

Info unter Tel.: (0049) 89-85681 -152;<br />

Fax: -159; Mail: schulmedien@<br />

spotlight-verlag.de.<br />

www.adesso-online.de<br />

Unsere Homepage: Aktuelle Meldungen,<br />

Übungen, Rezensionen… Mit<br />

<strong>ADESSO</strong> Premium freier Zugang<br />

zum Nachrichten- und Übungsarchiv.<br />

ABONNENTEN-SERVICE: tel. (0049) 89-85681-16; fax (0049) 89-85681-159; e-mail: abo@spotlight-verlag.de


SETTEMBRE 2014<br />

54<br />

48<br />

12<br />

56 Speciale<br />

lingua<br />

32<br />

<strong>Lebendiges</strong><br />

<strong>Italienisch</strong>:<br />

wie Sie im<br />

Gesprach glanzen.


CONGRATULAZIONI!<br />

Tutta la redazione di<br />

<strong>ADESSO</strong> si complimenta<br />

con Marina Collaci, che<br />

è arrivata terza al festival<br />

“L’anello debole” di Capodarco<br />

con il reportage<br />

La Candelora, dedicato ai<br />

femminielli napoletani e<br />

uscito sul CD di <strong>ADESSO</strong><br />

nel maggio 2014. Il reportage<br />

è collegato all’articolo<br />

Diritto alla fede,<br />

pubblicato nel numero di<br />

<strong>ADESSO</strong> 05/14, all’interno<br />

della rubrica Grandangolo.<br />

Siamo contenti e orgogliosi<br />

per questo importante<br />

riconoscimento, ottenuto<br />

da una collaboratrice<br />

storica di <strong>ADESSO</strong>. Marina<br />

Collaci cura ogni mese la<br />

rubrica Botta e Risposta.<br />

Tanti auguri da tutti noi!<br />

dedicato gewidmet<br />

il femminiello (dial.): wie Frauen<br />

auftretende Männer, seit<br />

langem Teil der neapolitanischen<br />

Volkskultur<br />

collegato verbunden<br />

orgoglioso stolz<br />

il riconoscimento<br />

Auszeichnung<br />

ottenuto erhalten<br />

curare betreuen<br />

LA VOCE DEI LETTORI Testo: Christa Gottwald<br />

INCONTRO A SORPRESA<br />

6<br />

Chi vuole raccontare un’esperienza italiana può scrivere* a:<br />

Spotlight Verlag, Redaktion <strong>ADESSO</strong>, Postfach 1565, D-82144 Planegg,<br />

fax +49 89 85681-360, e-mail: adesso@spotlight-verlag.de.<br />

* Der Verlag übernimmt keine Haftung für eingesandte Texte sowie Bildmaterial. Diese<br />

werden nur im Fall einer Veröffentlichung auf Wunsch an den Absender zurückgesandt.<br />

Gentile redazione, sono<br />

un’entusiasta lettrice della<br />

vostra rivista <strong>ADESSO</strong> da<br />

molti anni.
Nell’edizione di<br />

giugno, alla prima occhiata<br />

ho visto che nella rubrica<br />

L’autore del mese c’era Fabio<br />

Volo.
A questo proposito,<br />

vorrei raccontarvi la mia<br />

esperienza.
Poco dopo la festa<br />

di Ognissanti, nel novembre<br />

scorso, sono stata con<br />

mio marito a Bologna, che è<br />

la nostra città italiana preferita.<br />

Già da tanto tempo ci abbiamo<br />

lasciato il cuore per la sua ricchezza d’arte, architettura,<br />

musica, cucina. Nelle viuzze del centro medievale ci sono<br />

tanti mercati con i piaceri della tavola, ma c’è anche una libreria<br />

particolare, che si chiama Ambasciatori e che visitiamo<br />

sempre. La libreria si trova all’interno di un edificio vecchio,<br />

ma dentro è costruita in modo moderno, con vetro e<br />

acciaio. A noi piace la sua grande offerta di libri e anche<br />

la presenza di Eataly, con cibi e vini biologici. Ci andiamo<br />

sempre per goderci l’ambiente, gustare un buon piatto di<br />

pasta e comprare libri da leggere nelle sere d’inverno.<br />

Una volta entrati in libreria, ho notato una fila di gente, soprattutto<br />

ragazze. Tutti tenevano in mano lo stesso libro,<br />

dal titolo La strada verso casa. Davanti alla coda ho visto<br />

improvvisamente lo scrittore del romanzo, Fabio Volo, che<br />

ha un grande talento, a mio parere. Lui stava presentando e<br />

autografando la sua nuova opera. Sui tavoli erano impilate<br />

tantissime copie. Ne ho comprata una, poi mi sono messa<br />

in fila, mentre il cuore batteva sempre più forte. Finalmente<br />

sono arrivata davanti a lui!<br />

Era l’occasione giusta per<br />

fare una chiacchieratina con<br />

il simpatico scrittore e ricevere<br />

un autografo con dedica:<br />

“Christa, baci a te. Fabio<br />

Volo”, mi ha scritto. Mi ha<br />

detto di essere lieto di conoscermi<br />

e contento di essere<br />

letto anche in Germania.<br />

Che avventura, fare personalmente<br />

la conoscenza di<br />

Fabio Volo! È un uomo gentile<br />

e aperto, senza atteggiamenti<br />

snob da star! Ho letto<br />

il nuovo romanzo subito dopo il ritorno a casa e ci sono<br />

volute solo poche sere. Già prima avevo letto due libri di<br />

Fabio Volo. II suo stile semplice, moderno e diretto mi piace<br />

molto.
In La strada verso casa mi e piaciuta particolarmente<br />

la descrizione della situazione in famiglia, ovvero<br />

dell’incapacità di comunicare.<br />

Distinti saluti da una vostra fedele lettrice.<br />

l’occhiata<br />

l’esperienza<br />

Ognissanti<br />

lasciare<br />

il cuore in qc.<br />

la viuzza<br />

medievale<br />

la libreria<br />

l’edificio<br />

il vetro<br />

l’acciaio<br />

l’offerta<br />

il cibo<br />

godersi qc.<br />

gustare<br />

notare<br />

la fila<br />

improvvisamente<br />

lo scrittore<br />

Blick<br />

Erlebnis<br />

Allerheiligen<br />

sein Herz an<br />

etw. hängen<br />

Gässchen<br />

mittelalterlich<br />

Buchhandlung<br />

Gebäude<br />

Glas<br />

Stahl<br />

Angebot<br />

Speise<br />

etw. genießen<br />

kosten<br />

bemerken<br />

Schlange<br />

plötzlich<br />

Schriftsteller<br />

a mio parere<br />

autografare<br />

l’opera<br />

impilato<br />

battere<br />

l’occasione f.<br />

la chiacchieratina<br />

la dedica<br />

lieto<br />

l’avventura<br />

gentile<br />

l’atteggiamento<br />

da star<br />

la descrizione<br />

l’incapacità<br />

fedele<br />

meiner Meinung<br />

nach<br />

signieren<br />

Werk<br />

(auf)gestapelt<br />

schlagen<br />

Gelegenheit<br />

Pläuschchen<br />

Widmung<br />

erfreut<br />

Abenteuer<br />

liebenswürdig<br />

Starallüren Pl.<br />

Beschreibung<br />

Unfähigkeit<br />

treu<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2014


prima pagina<br />

Circa 100 indagati e 35 arresti.<br />

Fanno impressione i numeri<br />

dell’inchiesta sul Mose, il sistema<br />

di dighe mobili per proteggere<br />

Venezia dall’acqua alta. Secondo<br />

la magistratura, la corruzione è<br />

arrivata quasi ai vertici dello stato.<br />

Marco Milanese, sottosegretario<br />

al ministero dell’Economia,<br />

ha preso 500.000 euro – sembra<br />

– per dare 400 milioni di finanziamenti<br />

pubblici al Mose. Il generale<br />

della Guardia di Finanza Emilio<br />

Speziante ha preso mezzo milione<br />

per dare informazioni su alcune inchieste della Finanza:<br />

in particolare quelle sul Consorzio Venezia Nuova, che<br />

assegna gli appalti di costruzione del Mose e delle opere<br />

per la salvaguardia di Venezia. Il suo amministratore delegato,<br />

Giovanni Mazzacurati, ha usato la corruzione per<br />

ottenere consenso, favori e denaro. I suoi riferimenti erano<br />

Piergiorgio Baita, amministratore delegato della Mantovani<br />

Costruzioni – la società che ha vinto più appalti per il Mose<br />

– e Roberto Meneguzzi, amministratore delegato della Holding<br />

di finanziamento Palladio Finanziaria. Coinvolti anche<br />

il sindaco di Venezia Giorgio Orsoni, del Pd, e il senatore<br />

di Forza Italia Giancarlo Galan, da 15 anni governatore del<br />

Veneto. Fra tangenti e fatture gonfiate, 40 milioni di fondi<br />

neri sono stati accumulati a danno della collettività.<br />

NOTIZIE<br />

DALL’ITALIA<br />

di redazione<br />

COSTUME E SOCIETÀ<br />

VENEZIA NELLA BUFERA<br />

la bufera Sturm<br />

l’indagato Beschuldigter<br />

l’arresto Festnahme<br />

fare erschreckend<br />

impressione sein<br />

l’inchiesta Ermittlung<br />

la diga Deich<br />

proteggere schützen<br />

la magistratura Justiz<br />

il vertice Spitze<br />

lo stato Staat<br />

il sottosegretario<br />

Staatssekretär<br />

pubblico öffentlich<br />

la Guardia di Finanza: polizeiliche<br />

Spezialeinheit, die dem Wirtschafts-<br />

und Finanzministerium<br />

untersteht<br />

assegnare vergeben<br />

l’appalto öffentlicher<br />

Auftrag<br />

l’opera Bauwerk<br />

la salvaguardia Schutz<br />

l’amministratore<br />

Geschäftsdelegato<br />

führer<br />

ottenere erhalten<br />

il favore Gefälligkeit<br />

il denaro Geld<br />

la società Gesellschaft<br />

vincere gewinnen<br />

coinvolto verwickelt<br />

il sindaco Bürgermeister<br />

il Pd (Partito democratico): Mitte-Links-Partei<br />

Forza Italia: von Silvio Berlusconi<br />

gegründete Mitte-Rechts-Partei<br />

il governatore: Präsident der Region<br />

il Veneto Venezien<br />

la tangente Schmiergeld<br />

la fattura Rechnung<br />

gonfiato hier: überhöht<br />

i fondi neri pl. Schwarzgeld<br />

a danno di auf Kosten<br />

von<br />

<strong>ADESSO</strong>audio<br />

Ascolta l’inchiesta sul tema: cosa pensate dello scandalo del<br />

Mose e di altri scandali simili?<br />

7<br />

Emilio Speziante<br />

Guardia di Finanza<br />

Giovanni Mazzacurati<br />

C. Venezia Nuova<br />

Giancarlo Galan (Fi)<br />

ex governatore del Veneto<br />

Alcuni indagati nell’inchiesta<br />

Mose. Nel luglio<br />

scorso la camera dei<br />

deputati ha votato sì<br />

all’arresto di Giancarlo<br />

Galan, ex governatore del<br />

Veneto.<br />

Marco Milanese<br />

ministero Economia<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2014


NOTIZIE<br />

DALL’ITALIA<br />

economia e politica<br />

LEGHISTI A CATANIA<br />

Nell’Italia dei paradossi può succedere anche questo:<br />

il paese più leghista di tutti è nel profondo Sud. A Maletto,<br />

in provincia di Catania, alle scorse elezioni europee ha<br />

vinto un giovane candidato della Lega Nord, Antonio Mazzeo,<br />

25 anni, nato e cresciuto in questo paesino siciliano di<br />

4.000 abitanti, ma candidato per il Carroccio. Mazzeo ha<br />

ottenuto infatti il 32,6% dei voti. Maletto è diventata così<br />

la località con la più alta percentuale di voti per la Lega<br />

Nord, un partito che considera i cittadini del Sud “terroni<br />

che non fanno nulla” e vuole l’indipendenza del ricco Nord<br />

Italia. Il segreto che ha portato alla vittoria questo giovane<br />

siciliano del Nord è una campagna elettorale porta a porta,<br />

con un programma che ha convinto i suoi concittadini. Ha<br />

promesso infatti l’uscita dall’euro e di lottare contro l’immigrazione<br />

clandestina e le quote per la produzione<br />

di arance imposte da Bruxelles.<br />

Antonio Mazzeo (a destra)<br />

con il segretario della Lega<br />

Nord Matteo Salvini.<br />

SE POTESSI AVERE...<br />

80 EURO AL MESE<br />

L’aveva promesso e l’ha fatto! Lo scorso maggio i lavoratori<br />

dipendenti che guadagnano tra gli 8.000 e i<br />

24.000 euro lordi all’anno – circa 10 milioni di cittadini<br />

– hanno trovato nella loro busta paga 80 euro in più.<br />

È il famoso bonus mensile promesso dal presidente del<br />

Consiglio Matteo Renzi, diventato realtà con l’approvazione<br />

in parlamento del decreto Irpef, lo scorso aprile.<br />

È una somma che non cambia la vita, ma può offrire un<br />

piccolo sostegno alle famiglie e aiutarle a consumare di<br />

più. Naturalmente non mancano le critiche. Alcuni dicono<br />

che le coperture non ci sono e che l’operazione ha<br />

causato un buco da 9 miliardi di euro; per altri il bonus<br />

è stata solo una trovata elettorale per le elezioni europee<br />

(25 maggio 2014), che per il Partito democratico di<br />

Matteo Renzi sono state un trionfo. Certo è che, per garantire<br />

gli 80 euro in busta paga, Matteo Renzi non può<br />

contare molto sulla vendita all’asta delle auto blu (vedi<br />

<strong>ADESSO</strong> 07/14, pag. 9). Il premier pensava di ricavare<br />

400.000 euro. Purtroppo, finora l’operazione è stata un<br />

insuccesso: 52 auto sono state messe all’asta su eBay a<br />

partire dallo scorso aprile, ma solo sette sono state vendute.<br />

L’incasso è di soli 50.000 euro circa.<br />

8 Il premier Matteo Renzi.<br />

LEGHISTI A CATANIA<br />

leghista: der Partei Lega Nord<br />

anhängend<br />

le elezioni pl. Wahl<br />

vincere gewinnen<br />

il Carroccio: Bezeichnung für<br />

die Partei Lega Nord, die für eine<br />

starke Föderalisierung Italiens<br />

eintritt<br />

ottenere erhalten<br />

il voto Stimme<br />

il terrone: „Bauerntölpel”, wird<br />

abschätzig für Süditaliener verwendet<br />

l’indipendenza Unabhängigkeit<br />

la vittoria Sieg<br />

la campagna<br />

elettorale Wahlkampf<br />

porta a porta von Tür zu Tür<br />

promettere versprechen<br />

lottare kämpfen<br />

clandestino illegal<br />

imposto auferlegt<br />

80 EURO AL MESE<br />

promettere versprechen<br />

il lavoratore Angestellter<br />

dipendente<br />

guadagnare verdienen<br />

lordo brutto<br />

la busta paga Lohntüte<br />

il presidente del Consiglio: ital.<br />

Regierungschef<br />

l’approvazione<br />

f. Zustimmung<br />

l’Irpef (l’Imposta sul reddito<br />

delle persone fisiche): Einkommenssteuer<br />

offrire bieten<br />

il sostegno Unterstützung<br />

la copertura (finanzielle)<br />

Abdeckung<br />

causare verursachen<br />

il buco (Haushalts)loch<br />

la trovata Gag<br />

elettorale Wahlkampfla<br />

vendita<br />

all’asta Versteigerung<br />

ricavare herausholen<br />

l’insuccesso Misserfolg<br />

RIGORE E FLESSIBILITÀ<br />

il rigore Strenge<br />

la trasgressione Verstoß<br />

la spesa Staatspubblica<br />

ausgaben Pl.<br />

superare überschreiten<br />

Pil (il Prodotto interno lordo):<br />

Bruttoinlandsprodukt (BIP)<br />

mantenere aufrechterhalten<br />

il debito Staatspubblico<br />

schulden<br />

la ripresa Aufschwung<br />

LA PAROLA DEL MESE<br />

RIGORE E FLESSIBILITÀ<br />

Rigore è la parola preferita di Jens Weidmann. Il<br />

presidente della Banca centrale tedesca non accetta<br />

trasgressioni alle regole di Maastricht. Secondo il cosiddetto<br />

patto di stabilità, il deficit della spesa pubblica<br />

italiana non può superare il 3% rispetto al Pil. L’Italia<br />

deve rispettarlo e quindi mantenere il rigore e non aumentare<br />

il debito pubblico, che è già gigantesco. Flessibilità,<br />

invece, è la parola preferita del premier italiano<br />

Matteo Renzi. Per aiutare la ripresa economica di un’Italia<br />

in crisi, è necessaria, secondo lui, un po’ di flessibilità.<br />

L’Italia deve poter investire in infrastrutture e riforme.<br />

© ANSA (5), Ferrovie dello Stato Italiane<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2014


costume e società<br />

SANTA ROSALIA SUPERSTAR<br />

L’ultima della lista a registrare il proprio marchio religioso è Santa Rosalia, a<br />

Palermo. Sui souvenir ufficiali adesso c’è un logo: tre rose stilizzate con la scritta<br />

Santa Rosalia. The Experience. È facile fare soldi con l’immagine dei santi più<br />

venerati. Il giro d’affari del turismo religioso fattura ogni anno, solo in Italia, 5<br />

miliardi di euro. Qualche esempio: Padre Pio da Pietrelcina fattura 100 milioni<br />

di euro l’anno tra immaginette votive, vere e proprie statue e soggiorni dei devoti.<br />

La canonizzazione di Giovanni<br />

Paolo II ha attirato a Roma, lo scorso<br />

27 aprile, un milione di pellegrini. Si<br />

tratta ovviamente di vere e proprie<br />

star della fede, con tanto di marchio<br />

registrato. Il primo “divo” è San<br />

Francesco, patrono d’Italia dal 1939.<br />

BINARI SENZA TEMPO<br />

<strong>ADESSO</strong>audio<br />

Online anhören! Ascolta<br />

uno stralcio del reportage sul<br />

business dei santi www.adesso-online.de/merchandising<br />

Si chiama Binari senza tempo ed è un’iniziativa<br />

della Fondazione FS (“Ferrovie<br />

dello Stato”). Quattro linee ferroviarie storiche<br />

non più usate per il trasporto pubblico<br />

locale sono state riaperte durante l’estate.<br />

Sono quattro itinerari ferroviari insoliti. In<br />

Lombardia c’è la Ferrovia del Lago, che percorre<br />

il Parco dell’Oglio e arriva alle sponde del Lago d’Iseo. La Ferrovia della<br />

Val d’Orcia, in Toscana, va da Asciano a Monte Antico. In Abruzzo, la Ferrovia<br />

del Parco va da Sulmona a Castel di Sangro e passa per Roccaraso e i boschi<br />

della Majella. In Sicilia, la Ferrovia dei Templi parte da Agrigento Bassa e arriva<br />

fino a Porto Empedocle. Gli amanti del turismo ferroviario possono godersi dal<br />

finestrino la vista di paesaggi unici a bordo di carrozze del Novecento.<br />

IL PERCHÉ<br />

TAGLIARE<br />

LA TESTA AL<br />

TORO<br />

Perché si dice “tagliare la testa al<br />

toro”?<br />

Sandra Köhler<br />

Risponde Anna Bordoni, collaboratrice<br />

dell’Istituto dell’Enciclopedia<br />

Italiana.<br />

Molte espressioni linguistiche che<br />

indicano forza fisica fanno riferimento<br />

a questo animale: essere<br />

forte come un toro, parere un toro,<br />

sentirsi un toro (anche con allusione<br />

alla virilità). Altre espressioni sono<br />

legate alla tauromachia. Tra le più<br />

note ricordiamo prendere il toro per<br />

le corna e tagliare la testa al toro.<br />

Qual è modo migliore per non essere<br />

trafitti da un toro? Afferrarlo per le<br />

corna, per bloccargli la testa! Prendere<br />

il toro per le corna, quindi, vuol<br />

dire affrontare direttamente una difficoltà.<br />

Tagliare la testa al toro, invece,<br />

fa riferimento alla decapitazione<br />

dell’animale, ultimo atto della caccia<br />

al toro, un tempo molto diffusa. Si<br />

usa quando si prende una decisione<br />

drastica, oppure quando si hanno<br />

opinioni diverse e si sceglie una soluzione<br />

in modo categorico. Questa<br />

espressione compare in italiano per<br />

la prima volta nel 1869, ma già esisteva<br />

in alcuni dialetti settentrionali.<br />

Per quanto riguarda l’origine, secondo<br />

un bel racconto popolare, un<br />

giorno un toro infila la testa in una<br />

giara e non riesce più a tirarla fuori. Il<br />

proprietario del toro non vuole rompere<br />

la giara per liberare l’animale.<br />

Chiede allora consiglio a un amico.<br />

La soluzione è semplice: salvare la<br />

giara e tagliare la testa al toro!<br />

Inviate i vostri perché a:<br />

adesso@spotlight-verlag.de<br />

9<br />

SANTA ROSALIA<br />

il marchio Marke<br />

il santo Heiliger<br />

venerato verehrt<br />

il giro d’affari Umsatz<br />

fatturare hier:<br />

sich belaufen<br />

il soggiorno Aufenthalt<br />

il devoto Gläubige<br />

la cano- Heilignizzazione<br />

sprechung<br />

attirare anziehen<br />

il pellegrino Pilger<br />

la fede Glaube<br />

con tanto di mit(samt)<br />

il patrono Schutzheiliger<br />

BINARI SENZA TEMPO<br />

il binario Gleis<br />

la fondazione Stiftung<br />

Ferrovie staatliche<br />

dello Stato Eisenbahngesellschaft<br />

l’itinerario Route<br />

il paesaggio Landschaft<br />

percorrere durchfahren<br />

la sponda Ufer<br />

l’amante m./f. Liebhaber, -in<br />

godersi qc. etw. genießen<br />

la vista Aussicht<br />

il Novecento 20. Jahrhundert<br />

IL PERCHÉ<br />

il toro Stier<br />

indicare bezeichnen<br />

fisico körperlich<br />

parere scheinen<br />

l’allusione f. Andeutung<br />

la virilità Männlichkeit<br />

legato a verbunden mit<br />

la tauromachia Stierkampf<br />

noto bekannt<br />

il corno Horn<br />

trafiggere durchbohren<br />

afferrare<br />

la decapitazione<br />

l’atto<br />

la caccia<br />

al toro<br />

diffuso<br />

comparire<br />

settentrionale<br />

infilare<br />

la giara<br />

il proprietario<br />

salvare<br />

packen<br />

Enthauptung<br />

Handlung<br />

Stierkampf<br />

verbreitet<br />

auftauchen<br />

nördlich, hier:<br />

norditalienisch<br />

hineinstecken<br />

Krug<br />

Eigentümer<br />

retten<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2014


NOTIZIE<br />

DALL’ITALIA<br />

cultura e spettacolo<br />

NOVITÀ AL MUSEO<br />

Ci sono alcune interessanti novità nei musei statali italiani.<br />

Il ministro dei Beni culturali Dario Franceschini le ha<br />

annunciate lo scorso 1° luglio. Per chi ha più di 65 anni<br />

il biglietto non è più gratuito, come è stato finora. Hanno<br />

invece diritto all’ingresso gratuito i giovani fino a 18 anni e<br />

sono previsti sconti per i ragazzi fino a 25 anni. Tutti possono<br />

entrare gratis la prima domenica del mese, mentre<br />

le chiusure previste sono il primo, il secondo e il quarto<br />

mercoledì del mese. Si moltiplicano le notti bianche della<br />

cultura: due l’anno. I musei e i siti archeologici, in quelle<br />

occasioni, sono accessibili al costo di un euro.<br />

IL DVD DEL MESE<br />

STROMBOLI<br />

TERRA DI DIO<br />

Stromboli Terra di Dio è un capolavoro<br />

del Neorealismo italiano<br />

firmato “Roberto Rossellini”.<br />

Uscito nel 1950, è la storia<br />

di una donna coraggiosa e libera.<br />

La seconda guerra mondiale<br />

è finita da poco e Karin (Ingrid<br />

Bergman) va a vivere in questa piccola isola di pescatori.<br />

Osserva dall’esterno la vita quotidiana del posto, che è<br />

semplice e quasi selvaggia: alcune scene sono come un<br />

vero e proprio documentario. Girato con cura anche durante<br />

le scene epiche e difficili dell’eruzione del vulcano,<br />

il film ha fatto scoprire questa piccola isola siciliana<br />

al grande pubblico e ha visto nascere sul set l’amore tra<br />

il regista e la Bergman.<br />

10<br />

La scalinata<br />

all'interno dei<br />

Musei Vaticani.<br />

VINCI IL DVD DEL MESE<br />

Partecipa all’estrazione [Verlosung] dei DVD in palio. Entro il 23<br />

settembre vai alla pagina www.adesso-online.de/gewinnspiel<br />

oppure spedisci una cartolina al seguente indirizzo: Spotlight<br />

Verlag, <strong>ADESSO</strong>, DVD del mese – Stromboli Terra di Dio,<br />

Fraunhoferstr. 22, D-82152 Planegg. Per chi non vince, il DVD è in<br />

vendita, insieme a tanti altri capolavori del cinema italiano, da:<br />

MUSIC PARADISE, Rebgasse 49, CH-4058 Basel,<br />

tel. (0041) 61 68192407, fax (0041) 61 6812127.<br />

E-mail imp@musicparadise.ch; www.musicparadise.ch;<br />

Facebook Music Paradise<br />

NOVITÀ AL MUSEO<br />

la novità Neuigkeit<br />

statale staatlich<br />

il bene<br />

culturale Kulturgut<br />

annunciare ankündigen<br />

lo scorso am 1. Juli<br />

1° luglio (dieses Jahres)<br />

il diritto Anspruch<br />

previsto vorgesehen<br />

la notte bianca Lange Nacht<br />

il sito Stätte<br />

l’occasione f. Anlass<br />

accessibile zugänglich<br />

DVD DEL MESE<br />

il dio Gott<br />

il capolavoro Meisterwerk<br />

firmato unterzeichnet,<br />

hier: mit dem<br />

Namen von<br />

coraggioso mutig<br />

la guerra<br />

mondiale Weltkrieg<br />

il pescatore Fischer<br />

osservare beobachten<br />

selvaggio wild<br />

la cura Sorgfalt, Aufmerksamkeit<br />

l’eruzione f. Ausbruch<br />

scoprire entdecken<br />

il/la regista Regisseur, -in<br />

UNESCO<br />

il sito Stätte<br />

il patrimonio<br />

Unesco Weltkulturerbe<br />

meridionale südlich<br />

splendido wunderschön<br />

il paesaggio Landschaft<br />

Dopo le Ville Medicee nel 2013, nel 2014 un nuovo<br />

sito italiano entra nel Patrimonio Unesco. Sono<br />

sei territori del Piemonte meridionale, nelle Langhe, nel<br />

Roero e nel Monferrato, dove si produce vino di qualità.<br />

È il primo riconoscimento Unesco alla cultura del vino,<br />

che qui è antichissima e ha modellato gli splendidi paesaggi<br />

descritti da autori come Pavese. L’Italia è leader<br />

mondiale per numero di siti, che sono 50. Ma non c’è<br />

solo da festeggiare. Altri siti, come Villa Adriana a Tivoli,<br />

hanno rischiato di uscire dalla lista perché vicino sono<br />

stati approvati progetti edilizi discutibili. Non era mai<br />

80<br />

successo prima! Altri siti hanno<br />

urgente bisogno di interventi<br />

di manutenzione, come la<br />

Reggia di Caserta.<br />

sono le candeline che<br />

Sofia Loren spegne il 20<br />

settembre. La famosa attrice<br />

italiana ha deciso di celebrare<br />

questo compleanno speciale<br />

con la sua prima e unica autobiografia.<br />

Il titolo è quello del<br />

celebre film di Vittorio De<br />

Sica: Ieri, oggi, domani.<br />

mondiale weltweit<br />

festeggiare feiern<br />

rischiare Gefahr laufen<br />

approvare bewilligen<br />

edilizio Bauurgente<br />

dringend<br />

l’intervento di Wartungsmanutenzione<br />

arbeit<br />

80 ANNI<br />

la candelina Kerze<br />

spegnere auspusten<br />

l’attrice f. Schauspielerin<br />

celebre berühmt<br />

UNESCO: CHI ENTRA E CHI ESCE


NOTIZIE<br />

DALL’ITALIA<br />

scienza e natura<br />

CHE STALLA!<br />

L’innovazione paga. Lo sanno bene all’azienda agricola<br />

Palombini di Nepi, in provincia di Viterbo. Hanno investito<br />

sull’innovazione e ora raccolgono i frutti, mentre<br />

migliaia di aziende chiudono. La Palombini produce<br />

latte e ha scommesso sul benessere delle mucche e l’efficienza<br />

energetica. Le mucche hanno cuccette singole.<br />

D’inverno bevono acqua<br />

riscaldata. D’estate, la stalla<br />

è ventilata. Tutto si fa<br />

con risparmio di energia:<br />

gli scarti organici alimentano<br />

un impianto a biogas<br />

che dà elettricità a 6.000<br />

persone, oppure diventano<br />

concime, al posto dei<br />

fertilizzanti chimici.<br />

L’azienda ha vinto il<br />

premio “Il Monito del<br />

giardino” (ente Cassa di<br />

Risparmio di Firenze e<br />

Fondazione parchi monumentali<br />

Bardini e Peyron)<br />

come Best practice 2014 nel<br />

campo dell’energia.<br />

la stalla<br />

l’azienda<br />

agricolo<br />

raccogliere<br />

scommettere<br />

su qc.<br />

il benessere<br />

la cuccetta<br />

riscaldato<br />

il risparmio<br />

lo scarto<br />

alimentare<br />

l’impianto<br />

il concime/<br />

il fertilizzante<br />

vincere<br />

il premio<br />

il campo<br />

Stall, auch:<br />

Saustall<br />

Betrieb<br />

landwirtschaftlich<br />

ernten<br />

auf etw.<br />

setzen<br />

Wohlergehen<br />

Liegeplatz<br />

erwärmt<br />

Einsparung<br />

Abfall<br />

versorgen<br />

Anlage<br />

Dünger<br />

gewinnen<br />

Preis<br />

Bereich<br />

Uno strumento pratico e versatile per<br />

imparare l’italiano quando e dove volete.<br />

La sua struttura è stata ottimizzata per<br />

migliorane l’uso e da oggi, su <strong>ADESSO</strong>plus,<br />

l’italiano si può anche ascoltare!<br />

Con i nuovi esercizi di ascolto il vostro<br />

apprendimento sarà più completo ed<br />

efficace. Scoprite come con <strong>ADESSO</strong>plus.<br />

Fordern Sie jetzt Ihr kostenloses<br />

Probeexemplar an!<br />

+49 (0)89/8 56 81-16<br />

www.adesso-online.de/gratis-plus<br />

LA VOSTRA<br />

DOSE EXTRA<br />

DI ESERCIZIO!<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2014


VIAGGI - VENEZIA<br />

Al Lido in bici<br />

L’ALTRA VENEZIA<br />

12<br />

Vor dem leisen Murmeln Venedigs erhebt sich zwischen Lagune und Meer<br />

eine Landzunge eigenwilliger Form, deren Faszination bereits Goethe erlag:<br />

Auf dem Drahtesel erfahren wir den Lido – von seinen Sandstränden bis zu<br />

den architektonischen Spuren seiner inspirierenden Vergangenheit.<br />

Testo: Valentina Pinton<br />

Da sinistra: ragazzi sulla<br />

spiaggia del Lido di Venezia;<br />

un tratto della pista ciclabile al<br />

Lido; la chiesa di San Giorgio<br />

Maggiore e il Lido di Venezia<br />

sullo sfondo.


Stamattina sono andato in gondola, col mio angelo<br />

custode, fino al Lido, lingua di terra che chiude<br />

le lagune e le separa dal mare. Sbarcati, abbiamo attraversato<br />

tutto il Lido; ed ecco un violento mugghio: era il<br />

mare, che subito dopo ho veduto slanciarsi sulla spiaggia per<br />

poi ritirarsi. Era appunto mezzogiorno, l’ora del riflusso. Così<br />

ho visto, proprio con questi occhi, anche il mare, che ho seguito<br />

lungo la bella aia di sabbia che si lascia indietro quando si ritira.<br />

l’angelo<br />

custode<br />

sbarcare<br />

il mugghio<br />

slanciarsi<br />

ritirarsi<br />

il riflusso<br />

l’aia di sabbia<br />

l’approdo<br />

Schutzgeist<br />

aussteigen<br />

hier: Geräusch<br />

hochgehen<br />

sich zurückziehen<br />

Ebbe<br />

Tenne<br />

(aus Sand)<br />

Landung<br />

la conformazione<br />

la trama<br />

intessuto<br />

il filo<br />

dorato<br />

lambito<br />

il sussurro<br />

la sfumatura<br />

l’orma<br />

il predecessore<br />

Form<br />

Schussfaden<br />

verwoben<br />

Faden<br />

golden<br />

umspült<br />

Rauschen<br />

Nuance<br />

Spur<br />

Vorgänger<br />

Goethe racconta così il suo primo approdo al Lido, in<br />

gondola, nel 1796. Proprio per la sua conformazione – è<br />

lunga 12 km e larga, al suo massimo, appena uno – e per<br />

la posizione, questa “lingua di terra” fa pensare a una<br />

trama intessuta da tre fili: quel mare che tanto impressionò<br />

Goethe, la sua spiaggia dorata lambita dall’Adriatico<br />

e il sussurro della Laguna e di Venezia, una voce che<br />

parla di una lunga e ricca civiltà. Di questo equilibrio,<br />

che lo rende ricco di sfumature e fascinazioni, il Lido<br />

vive. Sono passati più di duecento anni da allora, ma<br />

sulle orme del nostro illustre predecessore proveremo,<br />

scoprendolo in bicicletta, la stessa impagabile sorpresa.<br />

13


VIAGGI - VENEZIA<br />

Approdiamo all’imbarcadero di Santa Maria Elisabetta<br />

in una mattina di settembre. Il cielo non è terso, ma<br />

tra nuvole e schiarite, il profilo del Lido si staglia ancora<br />

più chiaro e definito contro il cielo, con la cupola dell’imponente<br />

Tempio votivo, diventato oggi sacrario militare.<br />

È impossibile, anche a una prima occhiata, non notare<br />

l’eleganza delle tante ville, più di 200, in un eclettico stile<br />

Liberty e Art déco, che dai primi del Novecento gli regalano<br />

un carattere architettonico distintivo. In particolare<br />

furono la moda dei bagni di mare, la vicinanza di Venezia<br />

e la bellezza della spiaggia di sabbia finissima – dunque,<br />

di nuovo, i nostri “tre fili” – a dare l’impulso decisivo, a<br />

partire dalla metà dell’Ottocento, alla trasformazione del<br />

Lido in famosissima stazione balneare della Belle époque.<br />

Cominciarono a sorgere i primi stabilimenti, attorno a cui<br />

furono costruiti chalet, osterie e chioschi di ristoro, seguiti<br />

da ville e villini e dai primi alberghi. Il Grande Albergo Ausonia<br />

& Hungaria, che si affaccia sull’animatissimo Gran<br />

Viale Santa Maria Elisabetta, è senz’altro l’esempio più affascinante:<br />

i colori della sua facciata in maiolica lasciano<br />

l’imbarcadero<br />

terso<br />

schiarito<br />

stagliarsi<br />

il sacrario<br />

lo stile Liberty<br />

distintivo<br />

la stazione<br />

balneare<br />

sorgere<br />

lo stabilimento<br />

(balneare)<br />

il chiosco<br />

di ristoro<br />

affacciarsi<br />

su qc.<br />

animato<br />

il fiato<br />

proporre<br />

la fascia<br />

il ramo<br />

carico di<br />

cittadino<br />

costeggiare<br />

immerso<br />

incantevole<br />

l’area<br />

ospita…<br />

il cimitero<br />

Landungssteg<br />

wolkenlos<br />

Aufheiterung<br />

sich abheben<br />

Denkmal<br />

Jugendstil<br />

hervorstechend<br />

Badeort<br />

entstehen<br />

Strandbad<br />

Erfrischungsstand<br />

auf etw.<br />

hinausgehen<br />

belebt<br />

Atem<br />

bieten<br />

Streifen<br />

Zweig<br />

voller<br />

städtisch<br />

entlangführen<br />

inmitten<br />

bezaubernd<br />

in dem Gebiet<br />

liegt…<br />

Friedhof<br />

fondato<br />

custodire<br />

la tomba<br />

la stele<br />

funeraria<br />

la suggestione<br />

la sbirciatina<br />

il cancello<br />

di ferro<br />

restituire<br />

la pace<br />

proseguire<br />

giungere<br />

occidentale<br />

il forte<br />

la difesa<br />

legato<br />

sentito<br />

l’Ascensione f.<br />

lo sposalizio<br />

l’erede m./f.<br />

il sindaco<br />

percorrere<br />

il tragitto<br />

lanciare<br />

il corteo<br />

la barca<br />

gegründet<br />

bergen, behüten<br />

Grab<br />

Grabstele<br />

Reiz<br />

verstohlener<br />

Blick<br />

Eisentor<br />

hier: vermitteln<br />

Frieden<br />

weiterfahren<br />

gelangen<br />

westlich<br />

Befestigungsanlage<br />

Verteidigung<br />

verbunden<br />

intensiv gefeiert<br />

Himmelfahrt<br />

Vermählung<br />

Erbe, Erbin<br />

Bürgermeister<br />

zurücklegen<br />

Weg<br />

werfen<br />

Zug<br />

Boot<br />

14<br />

71 anni di Mostra del<br />

Cinema di Venezia<br />

L’Esposizione internazionale d’Arte cinematografica,<br />

il primo festival cinematografico di prestigio a livello<br />

internazionale, nacque nel 1932 da un’idea dell’allora<br />

[damalig] presidente della Biennale di Venezia, il conte<br />

[Graf] Giuseppe Volpi di Misurata. Proprio quell’anno,<br />

dal 6 al 21 agosto, la prima edizione della Mostra del<br />

Cinema di Venezia ebbe luogo [avere luogo: stattfinden]<br />

sulla terrazza dell’Hotel Excelsior e, dal 1937,<br />

nell’adiacente [angrenzend] Palazzo del Cinema e nel<br />

Casinò municipale [städtisch]. Nel 1947 la mostra istituì<br />

un gran premio [Preis] internazionale per il miglior film,<br />

che divenne dal 1950 il noto [bekannt] “Leone d’Oro di<br />

San Marco”. Da oltre 70 anni, tra la fine di agosto e i<br />

primi di settembre il Lido di Venezia diventa palcoscenico<br />

[Bühne] del miglior cinema mondiale, con personalità<br />

e divi che giungono da ogni parte del mondo.<br />

senza fiato. Si va dall’ocra al verde chiaro, all’azzurro, con<br />

bassorilievi che propongono motivi vegetali, interrotti da<br />

fasce colorate e vasi da cui escono rami carichi di frutti,<br />

tra putti e figure femminili.<br />

Lasciamo provvisoriamente l’arteria pulsante del<br />

traffico cittadino. Non va dimenticato, infatti, che questa<br />

è l’unica isola di Venezia dove è permessa la circolazione<br />

di autoveicoli. Pedaliamo lungo Riviera San Nicolò, che<br />

costeggia la laguna ed è immersa nella quiete. Incantevole<br />

non solo per la vista su Venezia, quest’area alberata,<br />

che si affaccia sullo specchio lagunare, ospita tra il verde<br />

dei cipressi l’Antico cimitero israelitico, uno dei più antichi<br />

al mondo, fondato nel 1389. Il giardino silenzioso,<br />

che custodisce tombe e stele funerarie dal secolo XIV al<br />

XVII, è un luogo di rara suggestione. Senza appuntamento<br />

non è possibile visitarlo, ma anche una sbirciatina<br />

attraverso il cancello di ferro restituisce parte del fascino<br />

di questo luogo di pace.<br />

Proseguendo lungo la Riviera, si giunge all’antica<br />

area militare all’estremità occidentale del Lido. I due forti<br />

di San Nicolò (Castel Vecio) e di Sant’Andrea (Castel<br />

Novo) non erano solo punti strategici per la difesa di Venezia,<br />

ma anche luoghi legati a una festa tradizionale,<br />

ancora oggi molto sentita, quella della Sensa (Ascensione),<br />

in cui si celebra il millenario sposalizio di Venezia<br />

con il mare. Ogni anno gli eredi dell’antico dogado, il<br />

sindaco e il patriarca di Venezia, percorrevano sul Bucintoro,<br />

l’imbarcazione dei Dogi, il tragitto da San Marco alla<br />

bocca di porto per lanciare l’anello cerimoniale in mare.<br />

Li accompagnava un corteo di barche storiche. Mentre<br />

© N. Miana (4), Huber/Sime (3), S. Viola<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2014


IL LIDO DEI DIVI<br />

Qui dall’alto, in senso orario: un piccolo approdo per le imbarcazioni;<br />

il quartiere di Malamocco; la spiaggia che si affaccia sulla laguna;<br />

l’approdo del Grand Hotel Excelsior, dove si è svolta la prima edizione<br />

del Festival del Cinema. Nell’altra pagina: l’entrata del Casinò<br />

municipale, dove si svolge ogni anno il Festival del Cinema.<br />

15


16<br />

L’ALTRA VENEZIA<br />

Dall’alto, in senso orario: il Palazzo del Podestà e il<br />

campanile della chiesa di Santa Maria Assunta;<br />

divertimento nelle acque del Lido; il cimitero<br />

ebraico; Rio Terà a Malamocco; il canale di Santa<br />

Maria Elisabetta; vista su Malamocco.<br />

© Huber/Sime (5), N. Miana (2), S. Viola (2), Look, Celentano/Laif


del forte di San Nicolò esistono soltanto poche rovine,<br />

l’imponente fortezza rinascimentale di Sant’Andrea, al<br />

di là del canale, è stata da poco riportata al suo antico<br />

splendore, ricreando un luogo denso di suggestioni, che<br />

conserva memorie gloriose di un passato lontano.<br />

La cerimonia dello Sposalizio del mare si concludeva<br />

nella vicina chiesa di San Nicolò, che risale all’ XI secolo,<br />

quando fu fondato il complesso benedettino e venne poi<br />

ricostruita nel XVII. Il custode ci racconta un aneddoto<br />

che non tutti conoscono, ovvero che nell’urna di marmo<br />

collocata sull’altar maggiore è conservata parte delle<br />

reliquie di San Nicola di Myra, il patrono dei naviganti<br />

e protettore della flotta veneziana. A lungo contese tra<br />

Venezia e Bari, furono alla fine spartite tra le due città<br />

e la parte più consistente si trova proprio nel capoluogo<br />

pugliese. Attiguo alla chiesa, si trova il chiostro rinascimentale<br />

del XVI secolo, con la sua vera da pozzo e il<br />

convento. Costeggiandolo, si raggiunge l’aeroporto Nicelli,<br />

esempio di architettura anni Trenta perfettamente<br />

conservato. Si tratta di uno dei primi aeroporti civili d’Italia,<br />

scalo di voli nazionali e internazionali già dopo la<br />

prima guerra mondiale. Recentemente è stato oggetto di<br />

un prezioso restauro conservativo e oggi, nelle sue sale,<br />

si può ancora sognare a occhi aperti, immaginando di<br />

vedere atterrare splendidi aeroplani di legno e tela.<br />

Poche pedalate ci separano dal litorale ed eccoci ad<br />

ammirare il mare e la lunghissima spiaggia che corre parallela<br />

al lungomare D’Annunzio. In questa stagione, è<br />

possibile vivere la spiaggia nella pace e nel relax che il<br />

Lido di Venezia e la sua atmosfera sospesa sanno garantire<br />

così bene. In questo lungo viale alberato ci fermiamo<br />

per una breve pausa in un locale che è un’istituzione<br />

per i giovani veneziani, e non solo: El pecador, detto<br />

confidenzialmente Peca. La sua peculiarità non è tanto il<br />

la fortezza Festung<br />

rinascimentale Renaissancelo<br />

splendore Pracht<br />

denso di voller<br />

concludersi enden<br />

risalire a qc. auf etw.<br />

zurückgehen<br />

il custode Aufseher<br />

collocato aufgestellt<br />

il protettore Schutzheiliger<br />

conteso umkämpft<br />

spartire aufteilen<br />

consistente umfangreich<br />

il capoluogo Hauptstadt<br />

attiguo angrenzend<br />

il chiostro Kreuzgang<br />

la vera da pozzo: typisch venezianische<br />

Brunneneinfassung<br />

lo scalo Flugplatz<br />

la guerra<br />

mondiale Weltkrieg<br />

prezioso hochwertig<br />

sognare träumen<br />

atterrare landen<br />

splendido<br />

il legno<br />

la tela<br />

il litorale<br />

ammirare<br />

il lungomare<br />

sospeso<br />

confidenzialmente<br />

la peculiarità<br />

il ciglio<br />

a dispetto<br />

di qc.<br />

spagnoleggiante<br />

ottimo<br />

la narrazione<br />

di volta<br />

in volta<br />

catturato<br />

l’intersezione f.<br />

condurre<br />

wunderbar<br />

Holz<br />

Leinen<br />

Küste<br />

bewundern<br />

Strandpromenade<br />

schwebend<br />

unter<br />

Freunden<br />

Besonderheit<br />

Rand<br />

etw. zum Trotz<br />

spanisch<br />

klingend<br />

sehr gut<br />

Erzählung<br />

von Zeit<br />

zu Zeit<br />

gefangen<br />

Kreuzung<br />

führen<br />

Il Lido tra echi letterari,<br />

artistici e glamour<br />

Già nel XVIII secolo, ai tempi in cui era ancora un<br />

luogo selvaggio, di solitudine e suggestione romantica,<br />

il Lido era frequentato da poeti, spiriti<br />

inquieti e nostalgici, che cantarono la sua magia<br />

nei loro componimenti. Tra questi non solo Goethe<br />

che, come abbiamo già ricordato, ne parlò nel suo<br />

Viaggio in Italia, ma anche Shelley, Alfred De Musset,<br />

Théophile Gautier e Lord Byron, che nei suoi tre anni<br />

di soggiorno veneziano (1816-1819) amava fare<br />

cavalcate al Lido ogni giorno. Anche pittori come<br />

Umberto Boccioni e Amedeo Modigliani lo visitarono<br />

e lo ritrassero nelle loro tele. A partire dal 1850, con<br />

la sempre maggior importanza acquisita dagli<br />

stabilimenti balneari e la costruzione di ville e<br />

grandi alberghi, il Lido<br />

l’eco Echo, diventò sinonimo di lusso<br />

Nachklang<br />

e mondanità. L’isola era<br />

selvaggio wild,<br />

ursprünglich frequentata dal bel mondo<br />

la solitudine Einsamkeit dell’epoca, come descritto<br />

da Thomas Mann nella<br />

il componimento<br />

Werk<br />

il soggiorno Aufenthalt Morte a Venezia, ambientato<br />

nel Grand Hotel Des<br />

la cavalcata Ausritt<br />

il pittore Maler<br />

Bains, e nella versione<br />

ritrarre porträtieren<br />

la tela Gemälde cinematografica di<br />

acquisito gewonnen Luchino Visconti.<br />

nome, quanto il fatto che si trova in un grosso bus inglese<br />

rosso, a due piani, parcheggiato sul ciglio della strada,<br />

giunto direttamente da Taunton, in Cornovaglia. Qui, a<br />

dispetto del nome spagnoleggiante, si possono gustare<br />

panini e hamburger di ogni tipo, con ottimi prodotti locali.<br />

Anche i nomi sono invitanti, per esempio Te spiego,<br />

un’espressione dialettale che chiude, generalmente, la<br />

narrazione di fatti sorprendenti o eccezionali.<br />

Proseguiamo il nostro giro, con lo sguardo di volta in<br />

volta catturato dall’azzurro del mare, alla nostra sinistra,<br />

e dalle belle facciate delle ville, alla nostra destra. Giunti<br />

all’intersezione con il Gran Viale Santa Maria Elisabetta,<br />

il lungomare cambia nome in Marconi, l’arteria che conduce<br />

al cuore più glamour dell’isola: la Città Giardino,<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2014


VIAGGI - VENEZIA<br />

18<br />

sich vorbeugen<br />

bevorzugen<br />

klettern<br />

verstreuen<br />

Kunstwerk<br />

Gemälde<br />

Fels<br />

gebraucht<br />

aufgespießt<br />

Stöckchen<br />

Strauß<br />

Schutzwall<br />

Wohn-<br />

protendersi<br />

prediligere<br />

arrampicarsi<br />

seminare<br />

l’opera d’arte<br />

il dipinto<br />

la roccia<br />

di recupero<br />

infilzato<br />

lo stecchino<br />

lo struzzo<br />

il baluardo<br />

residenziale<br />

la spiaggia<br />

attrezzata<br />

estendersi<br />

la pineta<br />

il giunco<br />

la canna<br />

la mostra/ Schau,<br />

la rassegna Ausstellung<br />

attirare anziehen<br />

le fattezze pl. Anmutung<br />

appariscente auffällig<br />

neomoresco: orientalisierender,<br />

an maurischen Palästen orientierter<br />

Baustil<br />

richiamare qc. an etw. erinnern<br />

la merlatura Zinnenbesatz<br />

la pista Fuß- und<br />

ciclopedonale Radweg<br />

la fortifi- Festungscazione<br />

anlage<br />

la pietra d’Istria: istrischer Kalkstein<br />

la Serenissima: Venedig<br />

la mareggiata Sturmflut<br />

la scogliera Klippe<br />

Strandbad<br />

sich erstrecken<br />

Pinienwald<br />

Binsengras<br />

Schilfrohr<br />

costruita all’inizio del Novecento in pieno stile Liberty<br />

e Art decò. Una volta oltrepassata l’imponente facciata<br />

dello storico Hotel Des Bains, purtroppo chiuso da anni,<br />

raggiungiamo l’area delle Quattro fontane, che ospita<br />

proprio a settembre, nei palazzi della Mostra del Cinema<br />

e del Casinò municipale, l’annuale rassegna cinematografica<br />

(vedi box). Ma la costruzione che attira immediatamente<br />

l’attenzione ha le fattezze appariscenti dell’architettura<br />

neomoresca, in cui tutto richiama l’Oriente,<br />

secondo la migliore tradizione veneziana, con camini,<br />

cupole, merlature, fontane, terrazze e sfingi: è il Grand<br />

Hotel Excelsior, con l’Hotel Des Bains simbolo, per decenni,<br />

della mondanità di inizio secolo.<br />

Poco lontano, lasciamo la strada per continuare il nostro<br />

giro sulla pista ciclopedonale dei Murazzi, fortificazione<br />

in pietra d’Istria realizzata dalla Serenissima a difesa<br />

del litorale e della laguna dalle mareggiate. A sinistra,<br />

ora, abbiamo solo il mare, non più separato dalla spiaggia,<br />

ma da scogliere di enormi pietroni che si protendono verso<br />

l’acqua. Proprio su queste pietre, d’estate, i veneziani<br />

che non prediligono la sabbia si arrampicano a prendere<br />

stoicamente il sole. Qualche visitatore con ambizioni artistiche<br />

ha seminato qua e là singolari opere d’arte: dipinti<br />

sulle rocce, totem in legno e sculture realizzate con materiali<br />

di recupero, come due vecchie boe nere che, infilzate<br />

in stecchini di legno, si trasformano in struzzi.<br />

Dopo 5 chilometri, il baluardo dei Murazzi lascia di<br />

nuovo posto alla spiaggia: eccoci giunti agli Alberoni,<br />

un piccolo centro turistico e residenziale. Qui, oltre alle<br />

spiagge attrezzate, si estende un’oasi naturale del Wwf<br />

tra pineta, giunchi, canne e dune alte fino a 9 metri.<br />

In bici alla scoperta<br />

delle isole di Venezia<br />

Gli amanti della bicicletta possono conoscere le isole<br />

di Venezia grazie a un affascinante percorso ciclabile<br />

[Fahrradroute], lungo 40 km tra andata e ritorno [hin<br />

und zurück]: la Ciclovia delle isole di Venezia, che dal<br />

capoluogo lagunare porta fino a Chioggia, passando<br />

per il Lido di Venezia e Pellestrina. Il percorso [Radweg]<br />

fa parte del progetto “Cicloturismo Veneto”, elaborato<br />

[erarbeitet] dalla Regione Veneto in collaborazione con<br />

la Provincia e l’Apt. Gli itinerari si possono scaricare in<br />

Pdf al sito www.turismovenezia.it nella sezione Itinerari<br />

cicloturistici della Provincia di Venezia.<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2014


ARIA DI VACANZA<br />

Qui, dall’alto in senso orario: lungomare del piccolo centro turistico e<br />

residenziale di Alberoni; la spiaggia privata del Gran Hotel Excelsior; il<br />

caratteristico locale El pecador, detto Peca, nel lungomare D’Annunzio.<br />

Nell’altra pagina: vista su Venezia dalle sponde del lido, al tramonto.<br />

Un piccolo paradiso per uccelli marini come fratini,<br />

garzette e gabbiani, ma anche per gli amanti dei luoghi<br />

incontaminati. Noi ci concediamo un po’ di riposo e ci<br />

godiamo il tiepido sole settembrino. Attorno a noi, solo<br />

dune e pace.<br />

Saliamo di nuovo in sella alla bici per costeggiare il<br />

vecchio forte militare degli Alberoni, oggi sede di un<br />

Golf Club, e avviarci verso Malamocco, il cuore antico<br />

il fratino Seeregenpfeifer<br />

la garzetta Seidenreiher<br />

il gabbiano Möwe<br />

incontaminato unberührt<br />

concedersi sich gönnen<br />

tiepido lau<br />

la sella Sattel<br />

la sede Sitz<br />

avviarsi losfahren<br />

l’insediamento Siedlung<br />

lo stupore Erstaunen<br />

il borgo Dorf<br />

minuscolo winzig<br />

la calletta: kleine venezianische<br />

Gasse<br />

<strong>ADESSO</strong>plus<br />

Nella rubrica Grammatica<br />

fai un esercizio di ortografia sul<br />

Lido di Venezia.<br />

il campiello: kleiner venezianischer<br />

Platz<br />

calpestare treten<br />

il selciato Pflaster<br />

la pavimentazione<br />

Bodenbelag<br />

il mattone Ziegelstein<br />

disposto a im Fischgrätspina<br />

di pesce muster (verlegt)<br />

il cataclisma Naturkatastrophe<br />

distruggere zerstören<br />

nei pressi in der Nähe<br />

di qc. von etw.<br />

il vescovado Bistum<br />

respirare einatmen<br />

ammaliato verzaubert<br />

rapito gefangen<br />

la riva Ufer<br />

il tramonto Sonnenuntergang<br />

il campanile Glockenturm<br />

non solo dell’isola, ma anche, dopo Torcello, dell’intera<br />

laguna. È infatti l’originario insediamento veneziano,<br />

più antico anche di Rialto. Lo stupore è grande, quando<br />

scopriamo che questo pittoresco borgo lagunare è in<br />

tutto e per tutto una minuscola Venezia che si sviluppa<br />

tra callette, case basse dai colori pastello, campielli e<br />

piccoli canali. Non calpestiamo più l’asfalto dei normali<br />

marciapiedi cittadini, ma le classiche pietre veneziane in<br />

selciato grigio e, in alcuni punti, come nella Calle della<br />

Madonna, una pavimentazione ancora più antica, in<br />

mattoni di cotto disposti a spina di pesce. Malamocco<br />

sorse nel XII secolo, dopo che un misterioso cataclisma,<br />

probabilmente una violenta mareggiata, aveva distrutto<br />

l’antica Metamaucus, forse situata nei pressi dell’isola di<br />

Poveglia e un tempo sede del dogado e del vescovado.<br />

In questo piccolo borgo gentile, fatto di quiete e silenzio,<br />

basta vagabondare per le calli e respirare la dolcezza<br />

dell’aria lagunare per rimanere ammaliati da un fascino<br />

senza tempo.<br />

Malamocco è l’ultima tappa del nostro breve viaggio<br />

alla scoperta del Lido di Venezia. Ancora rapiti dall’incanto,<br />

ritorniamo verso l’imbarcadero percorrendo la<br />

riva che guarda Venezia. È ormai il tramonto e il suo<br />

profilo, con il campanile di San Marco e la basilica della<br />

Salute, si staglia lontano all’orizzonte nel suo massimo<br />

splendore. <br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2014


L’ITALIA IN DIRETTA<br />

DI VALERIA PALUMBO<br />

CAVE STORICHE<br />

Gru e ruspe scavano per<br />

estrarre il marmo di Carrara;<br />

vista sul ponte di Vara<br />

all’interno delle cave<br />

Nell’altra pagina, da sinistra: la<br />

meravigliosa statua della Pietà<br />

conservata nei Musei Vaticani.<br />

La statua è stata realizzata da<br />

Michelangelo Buonarroti con<br />

il candido e prezioso marmo<br />

di Carrara; le venature rosate<br />

tipiche di questa pietra; uno<br />

scalpellino al lavoro.<br />

20<br />

Il futuro del marmo di Carrara<br />

Seit Jahrtausenden gewinnt der Mensch Marmor aus den Apuanischen<br />

Alpen – und hat dabei eine bizarre Landschaft geformt. Doch damit<br />

könnte es nun vorbei sein.<br />

«CONSUMÒ MICHELAGNOLO MOLTI ANNI IN<br />

CAVAR MARMI», SCRIVE L’ARTISTA E BIOGRAFO<br />

FIORENTINO GIORGIO VASARI NEL SUO LIBRO,<br />

Le vite de‘ più eccellenti pittori, scultori e architettori (1550).<br />

I marmi in questione erano quelli insuperabili di Carrara,<br />

estratti dalle Alpi Apuane, che sovrastano le coste tirreniche<br />

nel Nord della Toscana. Dopo millenni di scavi, quei<br />

monti oggi offrono una vista incomparabile: quando il<br />

sole tramonta sul mare, risplendono più che se fossero<br />

insuperabile<br />

estratto<br />

sovrastare<br />

lo scavo<br />

incomparabile<br />

tramontare<br />

risplendere<br />

coperto<br />

di ghiaccio<br />

il valore<br />

tutelato<br />

l’ente m.<br />

il bacino<br />

marmifero<br />

lo scontro<br />

essere<br />

stufo di qc.<br />

saccheggiare<br />

il cavatore<br />

unübertrefflich<br />

gewonnen<br />

überragen<br />

Abbau<br />

unvergleichlich<br />

untergehen<br />

glänzen<br />

eisbedeckt<br />

Wert<br />

geschützt<br />

Körperschaft<br />

Marmorgebiet<br />

Auseinandersetzung<br />

etw. satt<br />

haben<br />

plündern<br />

Abbauer<br />

l’assessore m. Referent<br />

il piano pae- Landschaftssaggistico<br />

plan<br />

prevedere vorsehen<br />

la cava Steinbruch<br />

circondato umgeben<br />

l’area protetta Schutzgebiet<br />

sospendere einstellen<br />

riunirsi sich versammeln<br />

l’impresa Grabsteinlapidea<br />

unternehmen<br />

impugnare anfechten<br />

la giunta regionale: Regierung<br />

einer Region<br />

le dimissioni pl. Rücktritt<br />

schierarsi Partei ergreifen<br />

il consigliere regionale: Regierungsmitglied<br />

einer Region<br />

l’ambientalista Umweltschützer<br />

coperti di ghiacci. È una zona ad alto valore paesaggistico,<br />

compresa nel Parco delle Alpi Apuane. Istituito nel 1985,<br />

tutelato da un ente nel 1996 e poi inserito tra i Geoparchi<br />

Unesco nel 2011, il parco si estende per 54.000 ettari in<br />

due province, Lucca e Massa-Carrara. Al suo interno ci<br />

sono zone di straordinario interesse naturalistico e molti<br />

bacini marmiferi. Questo panorama, frutto dell’insolita<br />

e non indolore combinazione con il lavoro dell’uomo,<br />

è oggi al centro di animatissimi scontri. Da una parte ci<br />

sono gli ecologisti, stufi di veder saccheggiare le montagne.<br />

Dall’altra i cavatori, ossia le cooperative e le imprese<br />

che estraggono il marmo. In mezzo, la regione Toscana.<br />

All’inizio del 2014 l’assessore regionale all’Urbanistica,<br />

Anna Marson, scrivendo il piano paesaggistico,<br />

aveva previsto che le cave circondate dall’area protetta<br />

dovessero sospendere l’attività. Su circa 60 cave attive,<br />

l’80% era a rischio chiusura. Gli industriali del marmo<br />

hanno alzato le barricate. Si sono riuniti nel Coordinamento<br />

delle imprese lapidee dell’Apuo-Versiliese, hanno<br />

impugnato la decisione della giunta regionale di fronte<br />

al Tar di Firenze, il tribunale amministrativo regionale,<br />

e hanno chiesto le dimissioni della Marson. Con loro si<br />

sono schierati alcuni consiglieri regionali della stessa coalizione<br />

dell’assessore e, a sorpresa, il presidente dell’Ente<br />

Parco Alpi Apuane (che non è un ambientalista).<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2014


L’ITALIA IN DIRETTA<br />

in previsione<br />

di qc.<br />

l’approvazione<br />

f.<br />

la serrata<br />

lo sciopero<br />

il proprietario<br />

stravolgere<br />

vietare<br />

danneggiare<br />

restituito<br />

il sentiero<br />

cauto<br />

scontentare<br />

in ballo<br />

la difesa<br />

dell’ambiente<br />

in Voraussicht<br />

auf etw.<br />

Verabschiedung<br />

Aussperrung<br />

Streik<br />

Eigentümer<br />

umkrempeln,<br />

abändern<br />

verbieten<br />

schädigen<br />

zurückgegeben<br />

Pfad<br />

vorsichtig<br />

unzufrieden<br />

machen<br />

auf dem Spiel<br />

Umweltschutz<br />

l’occupazione f.<br />

l’azienda<br />

sostenere<br />

il posto<br />

di lavoro<br />

l’associazione<br />

f.<br />

denunciare<br />

la violazione<br />

la risorsa<br />

idrica<br />

la direttiva<br />

europea<br />

il confine<br />

il circo glaciale<br />

la parete<br />

sorgere<br />

la partita<br />

godere<br />

Beschäftigung<br />

Firma<br />

behaupten<br />

Arbeitsplatz<br />

Verband<br />

anzeigen<br />

Verletzung<br />

Wasserressource<br />

europäische<br />

Richtlinie<br />

Grenze<br />

Kar<br />

Wand<br />

stehen<br />

Spiel<br />

genießen<br />

In Italia, si sa, nulla si decide senza scontri titanici<br />

e così il 30 giugno, in previsione dell’approvazione del<br />

piano, i cavatori hanno fatto una serrata (che è il contrario<br />

dello sciopero: sono i proprietari a chiudere le imprese).<br />

Ma questo non è bastato a fermare il primo “sì”<br />

al piano che è stato comunque rivisto, se non addirittura<br />

stravolto. Il 2 luglio scorso, la Regione Toscana ha<br />

approvato il cosiddetto “Piano cave”, che vieta l’apertura<br />

di nuove cave nell’area del parco naturale, a tutela delle<br />

montagne. In alcuni casi si potranno riaprire quelle<br />

chiuse da non più di 20 anni, ma l’estrazione del marmo<br />

non deve danneggiare aree intatte o restituite alla natura<br />

e non si possono toccare sentieri e i punti panoramici.<br />

Il piano è fin troppo cauto rispetto ai progetti iniziali e<br />

sembra scontentare tutti.<br />

Quali interessi sono davvero in ballo? Difesa dell’ambiente<br />

e occupazione: le aziende sostengono che il piano<br />

paesaggistico mette a rischio tra 1.500 e 5.000 posti di lavoro.<br />

Per questo il presidente della regione Toscana, Enrico<br />

Rossi, ha sostenuto che, entro il 2020, la lavorazione<br />

del marmo deve tornare a essere fatta localmente, mentre<br />

oggi gran parte del marmo estratto è subito portato via.<br />

Durante la serrata dei cavatori, gli ambientalisti – e<br />

in particolare l’associazione Italia Nostra – presentavano<br />

alla Commissione europea per l’ambiente un dossier in<br />

cui la Regione Toscana e il ministero dell’Ambiente venivano<br />

denunciati per violazione delle norme di tutela sia<br />

delle zone protette sia delle risorse idriche. Lo ha scritto<br />

la consigliera nazionale di Italia Nostra Franca Leverotti.<br />

Si tratta di 30 pagine in cui si mostra come, nel Parco<br />

delle Alpi Apuane, si continui a estrarre marmo anche in<br />

aree protette da una direttiva europea, Rete Natura 2000,<br />

che difende la biodiversità. Secondo il dossier, ciò è possibile<br />

perché le concessioni di scavo verrebbero date in<br />

base a carte geografiche che non rispecchiano i reali confini<br />

del parco. Secondo Italia Nostra, le attuali concessioni<br />

mettono a rischio 18 Sic (Siti di interesse comunitario)<br />

e una vasta Zps (Zona di protezione speciale) per gli uccelli.<br />

In più si continua, e si continuerà, a scavare in aree<br />

protette, come nell’Orto di Donna e nello straordinario<br />

Solco di Equi, in teoria protetto dal Codice italiano dei<br />

beni culturali e ambientali perché contiene un circo glaciale.<br />

Per non parlare del Pizzo d’Uccello, l’unica parete<br />

verticale della Toscana, lungo cui sorgono quattro cave<br />

minori. Nel frattempo, denunciano gli ambientalisti, non<br />

sono mai state bloccate le concessioni di nuove cave.<br />

La partita è dunque aperta e ancora una volta le ragioni<br />

dell’ambiente godono di minor fortuna rispetto a<br />

quelle dell’occupazione e del profitto.<br />

Valeria Palumbo: Chefredakteurin der Monatszeitschrift<br />

L’Europeo, Mitglied in den italienischen Gesellschaften<br />

der Historikerinnen und der Literatinnen.<br />

Autorin zahlreicher Bücher in erster Linie über Frauen.<br />

Gebürtige Römerin, lebt und arbeitet in Mailand.<br />

21<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2014


INTERVISTA<br />

Dentro la vera<br />

GOMORRA<br />

Nicht irgendeine TV-Serie, sondern ein hartes Mafia-Epos, das seine<br />

Zuschauer in Atem hält: Zwei der Regisseure von „Gomorra“ erzählen<br />

über ihre Beweggründe, Inspiration und die Menschen in Neapel.<br />

Testo: Marina Collaci<br />

22<br />

carbonizzato verkohlt<br />

il cero Altarkerze<br />

stretto hier: rein<br />

andarci giù schwere<br />

pesante Geschütze<br />

auffahren<br />

la puntata Folge<br />

tratto da nach<br />

l’inchiesta Untersuchung<br />

la camorra: mafiöse Organisation<br />

in der Region Kampanien<br />

la fiction Spielfilm<br />

il poliziesco Kriminalfilm<br />

dai ritmi serrati schnell<br />

il colpo Coup, Überradi<br />

scena schungseffekt<br />

povero arm<br />

l’edificio Gebäude<br />

lo spaccio Drogenhandel<br />

fatiscente baufällig<br />

occupato besetzt<br />

abusivamente<br />

discordante<br />

il capolavoro<br />

il sindaco<br />

destinare<br />

il guadagno<br />

degradato<br />

il cittadino<br />

denunciare<br />

il rischio<br />

ben<br />

in onda<br />

il/la regista<br />

curare<br />

famigerato<br />

la troupe<br />

gestire<br />

l’impatto<br />

visivo<br />

la verità<br />

Una scena tratta dalla prima puntata della<br />

serie, all’interno delle Vele a Scampia.<br />

illegal<br />

widersprüchlich<br />

Meisterwerk<br />

Bürgermeister<br />

vorsehen<br />

Gewinn<br />

verfallen<br />

Bürger<br />

öffentlich<br />

beklagen<br />

Risiko<br />

ganz<br />

auf Sendung<br />

Regisseur, -in<br />

betreuen<br />

berüchtigt<br />

Filmteam<br />

handhaben<br />

visueller<br />

Eindruck<br />

Wahrheit<br />

DIVANI LEOPARDATI E CADA-<br />

VERI CARBONIZZATI, CERI<br />

ACCESI ALLA MADONNA, KA-<br />

LASHNIKOV, DROGA E RAP IN<br />

NAPOLETANO STRETTO. Ci va<br />

giù pesante, la serie televisiva Gomorra,<br />

12 puntate tratte dal bestseller<br />

di Roberto Saviano. L’inchiesta<br />

sull’impero economico della<br />

camorra ha venduto nel mondo<br />

10 milioni di copie ed era già stata<br />

trasformata in fiction da Matteo<br />

Garrone, nel 2008. Stavolta, però,<br />

lo stile è completamente diverso. Per la TV è diventata<br />

un poliziesco dai ritmi serrati e continui colpi di scena.<br />

Ambientata a Scampia, quartiere povero di Napoli, negli<br />

edifici dello spaccio – le cosiddette “Vele”, enormi palazzi<br />

fatiscenti costruiti negli anni<br />

Sessanta (vedi <strong>ADESSO</strong> 08/14, pag.<br />

22) e oggi in parte occupati abusivamente<br />

da famiglie povere – racconta<br />

l’epopea di due famiglie camorriste<br />

napoletane, i Savastano e<br />

i Conte. La serie, in Italia, ha provocato<br />

reazioni discordanti: il Corriere<br />

della Sera e molti critici hanno<br />

gridato al capolavoro, il sindaco<br />

di Napoli ha chiesto di destinare<br />

i soldi dei guadagni al quartiere<br />

degradato, mentre alcuni cittadini<br />

hanno denunciato il rischio di una mistificazione della<br />

criminalità. Venduta in ben 40 paesi del mondo, la serie<br />

andrà in onda in Germania dal 10 ottobre su Sky. Abbiamo<br />

incontrato due dei tre registi che ne hanno curato<br />

la realizzazione: Stefano Sollima e Francesca Comencini.<br />

Avete girato la serie in uno dei più famigerati quartieri<br />

di Napoli, Scampia. È stato complicato?<br />

Sollima: Complicatissimo, perché eravamo una troupe<br />

molto grande, una presenza invasiva e tutti, nel quartiere,<br />

sapevano che stavamo girando Gomorra. Abbiamo parlato<br />

con molti abitanti di Scampia. Le comparse erano i ragazzi<br />

del quartiere e abbiamo usato le loro case. Una situazione<br />

molto difficile da gestire, ma questo è ciò che rende la<br />

serie televisiva diversa da qualsiasi altra. C’è un impatto<br />

visivo spettacolare, così come nelle grandi serie internazionali,<br />

ma allo stesso tempo un’attenzione fortissima<br />

per la verità. Io credo molto nella fusione di questi due<br />

elementi, il realismo sì, ma io non girerei mai un documentario;<br />

cioè, quello che abbiamo provato a fare con Gomorra<br />

è un gangster movie tipo Miami Vice, ma a Scampia!<br />

© D. Cruciani<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2014


INTERVISTA<br />

23<br />

Stefano Sollima (48) e<br />

Francesca Comencini (53),<br />

registi della serie televisiva<br />

Gomorra.


INTERVISTA<br />

Mi piace<br />

Roma<br />

Tutta l’arte italiana<br />

L’accoglienza [freundlicher Empfang] dei napoletani<br />

Non mi piace<br />

Chi parla tanto e fa poco<br />

Il passato glorioso che diventa come una<br />

zavorra [Ballast]<br />

L’incapacità di rappresentarci anche in modo<br />

positivo<br />

24<br />

Stefano Sollima. Figlio del regista Sergio Sollima,<br />

CHI È<br />

è nato a Roma nel 1966. Ha iniziato la sua carriera<br />

come cameraman di documentari girati in zone di guerra<br />

[Kriegsgebiete]. Ha riscosso grande successo [riscuotere<br />

successo: Erfolg haben] come regista televisivo della serie<br />

poliziesca La squadra e poi della serie TV Romanzo criminale,<br />

ispirata alle vicende [Geschichten] della Banda della Magliana.<br />

Per il cinema ha girato il film A.C.A.B.S. All Cops are Bastards.<br />

Francesca Comencini, regista di documentari e film<br />

di forte impegno sociale, con quale spirito hai girato un<br />

poliziesco?<br />

Comencini: Mi interessava analizzare il tipo di rapporto<br />

che si instaura fra alcuni personaggi e l’intreccio<br />

con la loro condizione sociale; non ho mai fatto film in<br />

costume, non ne sarei capace. Mi appassiona raccontare<br />

la contemporaneità, i sentimenti, ma anche i rapporti di<br />

forza all’interno delle classi sociali, dell’organizzazione<br />

del lavoro, in questo caso di un’organizzazione che ha<br />

molto a che vedere con l’economia, con il capitalismo,<br />

anche se nella sua perversione criminale.<br />

l’impegno<br />

lo spirito<br />

instaurarsi<br />

l’intreccio<br />

la condizione<br />

sociale<br />

capace<br />

la contemporaneità<br />

il rapporto<br />

di forza<br />

spietato<br />

apparire<br />

la preghiera<br />

la commozione<br />

la tenerezza<br />

il valore<br />

rovesciato<br />

la sospensione<br />

lo stato<br />

educare<br />

il tasso di alfabetizzazione<br />

Engagement<br />

Geist<br />

entstehen<br />

Verflechtung<br />

soziales<br />

Umfeld<br />

in der Lage<br />

Gegenwart<br />

Kräfteverhältnis<br />

gnadenlos<br />

erscheinen<br />

Gebet<br />

Rührung<br />

Zärtlichkeit<br />

Wert<br />

verkehrt<br />

Aufhebung<br />

Staat<br />

erziehen, bilden<br />

Alphabetisierungsgrad<br />

avvenire<br />

colto<br />

lo sfruttamento<br />

l’obiettivo<br />

la misura<br />

la sceneggiatura<br />

la violenza<br />

atroce<br />

lo stilema<br />

il cinema<br />

d’azione<br />

asciutto<br />

accadere<br />

riproporsi<br />

tradire<br />

verosimile<br />

intero<br />

la peculiarità<br />

in quanto<br />

il potere<br />

crudele<br />

il/la capomafia<br />

geschehen<br />

gebildet<br />

Ausnutzung<br />

Ziel<br />

Maß<br />

Drehbuch<br />

Gewalt<br />

grauenhaft<br />

Stilelement<br />

Actionkino<br />

nüchtern<br />

vorfallen<br />

sich vornehmen<br />

verraten<br />

glaubwürdig<br />

ganz<br />

Besonderheit<br />

als<br />

Macht<br />

grausam<br />

Mafiaboss<br />

Criminali spietati appaiono nella loro normalità,<br />

fatta di preghiere alla Madonna, baci ai figli, commozioni,<br />

tenerezze. La camorra ha un suo sistema di valori,<br />

anche se rovesciato?<br />

Sollima: Scampia è un posto molto vicino a noi. È a<br />

due ore di macchina da Roma, ma tu entri in un mondo<br />

completamente diverso. È come se ci fosse una sospensione<br />

dello stato democratico e, quindi, anche i<br />

riferimenti culturali cambiano. I giovani sono educati<br />

su questi modelli, hanno un tasso bassissimo di alfabetizzazione,<br />

lasciano presto la scuola e la camorra ha interesse<br />

che ciò avvenga, perché nel momento in cui tu<br />

non sei educato, non sei una persona colta, difficilmente<br />

ti emanciperai. Tutto si basa sullo sfruttamento della<br />

povertà, perché tu a una persona povera puoi chiedere<br />

tutto. Se uno comincia a viaggiare e a vedere il mondo,<br />

capisce che ha altri obiettivi ed è ovvio che non hai più il<br />

controllo sociale del territorio.<br />

In che misura lo scrittore Roberto Saviano ha partecipato<br />

alla sceneggiatura?<br />

Comencini: Le scene di violenza, la banalità; la mescolanza<br />

con la vita che continua, rende tutto così atroce ed<br />

elimina alcuni stilemi del cinema d’azione, semplificandoli<br />

e rendendoli più asciutti, in questo mi sono ispirata<br />

a Saviano.<br />

Sollima: Tutto ciò che raccontiamo è accaduto veramente,<br />

purtroppo, anche gli episodi più brutali. È la<br />

realtà raccontata da Roberto Saviano. Ci siamo riproposti<br />

di non tradirla mai. Non volevamo essere verosimili,<br />

ma realistici. Ci siamo confrontati continuamente con i<br />

fatti e abbiamo riscritto intere scene più volte, dopo aver<br />

parlato con la gente di Scampia.<br />

Ogni puntata viene raccontata in prima persona da<br />

uno dei personaggi protagonisti della serie. Francesca,<br />

hai curato la puntata di Imma, la moglie del boss. Una<br />

donna criminale ha alcune peculiarità in quanto donna?<br />

Comencini: Sí e no. Non è vero che il potere criminale,<br />

nelle mani di una donna, sia migliore. È crudele come gli<br />

altri. Imma ha un’evoluzione, diventa lei il capomafia, è<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2014


INTERVISTA<br />

Mi piace<br />

la bellezza commovente [rührend] di Napoli<br />

la dolcezza con cui i napoletani stanno al mondo<br />

l’abilità artigianale [handwerkliche Fertigkeit] degli<br />

italiani: la nostra troupe con “due pinze e una<br />

tenaglia” riusciva a fare cose meravigliose.<br />

Non mi piace<br />

l’ipocrisia [Heuchelei]<br />

la disonestà [Unehrlichkeit]<br />

il maschilismo [Chauvinismus]<br />

Francesca Comencini. Figlia del regista Luigi<br />

CHI È<br />

Comencini, è nata a Roma nel 1961. Ha debuttato<br />

nel 1984 con il film Pianoforte, che narra [narrare: erzählen] la<br />

storia di due ragazzi tossicodipendenti [drogenabhängige]. Un<br />

forte impegno sociale caratterizza tutte le sue produzioni. Fra<br />

i suoi film più famosi citiamo Mi piace lavorare, incentrato sul<br />

[incentrare su: etw. in den Mittelpunkt stellen] mobbing in ufficio.<br />

Ha girato anche documentari di denuncia [kritisch], come<br />

Carlo Giuliani, un ragazzo, basato sul tragico G8 di Genova.<br />

un’imprenditrice criminale abilissima, che sa far fruttare il<br />

denaro. Un personaggio micidiale, privo di umanità, ma<br />

non assimila modelli maschili. Pur essendo la moglie di<br />

un boss, fa di testa sua. Ma è vero che si parla poco delle<br />

donne di mafia; di solito si cita il loro ruolo di mogli e<br />

madri. Saviano ne parla nel suo ultimo libro, Zero zero zero.<br />

Si teme che i giovani possano sentirsi attratti dal<br />

mondo violentissimo che raccontate, come è accaduto<br />

per Romanzo criminale, la serie ispirata ai killer della<br />

Banda della Magliana. Non temete questo pericolo?<br />

Dal 10<br />

ottobre su<br />

SKY<br />

Deutschland<br />

Gennaro Savastano (l’attore Salvatore Esposito, a sinistra )<br />

e Ciro (Marco D’Amore) in una scena della serie.<br />

Sollima: In Romanzo criminale noi avevamo fatto una<br />

rappresentazione un po’ esaltante di quei ragazzini, che<br />

erano simpatici, belli e si divertivano. Qui abbiamo fatto<br />

un lavoro completamente diverso. Io racconto una cosa<br />

che c’è: la camorra, che esiste da secoli. Noi ci limitiamo<br />

a rappresentare questa realtà. Dovremo invece riflettere<br />

sul fatto che c’è un pezzo d‘Italia che è abbandonato a<br />

se stesso dallo stato. In ogni caso, nessuno può essere<br />

attratto dalle atrocità che raccontiamo. Non c’è nessuna<br />

ambiguità, anche per i ragazzi che vivono lì.<br />

Comencini: È una serie molto dura, che racconta un mistero.<br />

Com’è possibile che personaggi minuscoli abbiano<br />

un potere immenso? Di fatto è una riflessione sul potere<br />

in generale, che spesso viene incarnato da personaggi piccoli<br />

che però decidono della sorte di decine di migliaia di<br />

persone. Io, per esempio, racconto i meccanismi di una<br />

piazza di spaccio, e le piazze di spaccio sono ovunque,<br />

in quelle zone. In ognuna di queste piazze vivono 2.000,<br />

3.000, anche 5.000 persone che sono ostaggio di questo<br />

commercio, che è un supermercato continuo, aperto 24<br />

ore su 24. È un lavoro molto complesso, quello che abbiamo<br />

fatto, e non credo assolutamente che ci sia, come è<br />

stato evocato, rischio di enfasi e immedesimazione.<br />

l’impren- Unter-<br />

ditrice f. nehmerin<br />

abilissimo sehr geschickt<br />

fruttare Früchte tragen<br />

micidiale tödlich<br />

privo<br />

di umanità unmenschlich<br />

assimilare sich aneignen<br />

citare nennen<br />

temere fürchten<br />

attratto angezogen<br />

la Banda della Magliana: kriminelle<br />

Organisation, die ab den<br />

70er Jahren etwa 15 Jahre lang<br />

in Rom operierte<br />

il pericolo Gefahr<br />

la rappre-<br />

sentazione Darstellung<br />

esaltante verherrlichend<br />

riflettere nachdenken<br />

abbandonato<br />

a se stesso<br />

l’ambiguità<br />

minuscolo<br />

incarnato<br />

la sorte<br />

l’ostaggio<br />

evocare<br />

l’enfasi f.<br />

l’immedesimazione<br />

f.<br />

sich selbst<br />

überlassen<br />

Zweideutigkeit<br />

winzig<br />

verkörpern<br />

Schicksal<br />

Geisel<br />

heraufbeschwören<br />

Überhöhung<br />

Hinein-<br />

versetzen<br />

<strong>ADESSO</strong>plus<br />

Fai l’esercizio sull’uso<br />

della parola padrino nella<br />

rubrica Grammatica.<br />

25<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2014


SCHERZI A PARTE<br />

DI SILVIA ZICHE<br />

26<br />

il rimedio<br />

infallibile<br />

il tacco<br />

impegnato<br />

l’equilibrio<br />

la felicità<br />

Mittel<br />

unfehlbar<br />

Absatz<br />

beschäftigt<br />

Gleichgewicht<br />

Glück(seligkeit)<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2014


Nie wieder<br />

sprachlos im<br />

Unterricht!<br />

Jetzt Klassensatz bestellen<br />

und bis zu 42 %* sparen<br />

*gegenüber dem Einzelverkaufspreis, Angebot gültig bis 31.10.2014<br />

Ideal<br />

für Kurse<br />

und<br />

Klassen!<br />

Bestellmöglichkeiten:<br />

Bestellschein und Details auf der Rückseite<br />

+49.(0)89.8 56 81-150 schule@spotlight-verlag.de


Bestellschein Klassensatz<br />

Angebot gültig bis 31.10.2014<br />

Anzahl:<br />

3 Monate<br />

6 Monate<br />

12 Monate<br />

Ideal<br />

für Kurse<br />

und<br />

Klassen!<br />

Anzahl Preisvorteil Preis pro Ausgabe<br />

1 - 4 Exemplare pro Ausgabe 25% € 4,65 / SFR 6,98<br />

5 - 20 Exemplare pro Ausgabe 30% € 4,34 / SFR 6,51<br />

ab 21 Exemplare pro Ausgabe 35% € 4,03 / SFR 6,05<br />

Preisstand: 07/2014<br />

Erscheinungsweise: Monatlich<br />

Versandkosten: Die Versandkosten für Deutschland sind in den angegebenen Preisen enthalten. Pro Lieferung nach Österreich fällt eine Versandkostenpauschale<br />

in Höhe von € 3,50 an, in die Schweiz SFR 5,25. Für das restliche Ausland werden die Porto-Mehrkosten auf Anfrage berechnet.<br />

Kündigungsbedingungen: Die Abos laufen nach der angegebenen Bezugszeit automatisch aus und müssen nicht gekündigt werden.<br />

Widerrufsrecht: Ihnen steht ein 14-tägiges Widerrufsrecht zu. Die weiteren Einzelheiten fi nden Sie unter www.spotlight-verlag.de/agb.<br />

Liefer- und Rechnungsadresse:<br />

Name der Schule<br />

Familienname, Vorname<br />

Straße / Hausnummer PLZ / Ort Land<br />

E-Mail Datum, Unterschrift 809.G32A<br />

Ich bin damit einverstanden, dass der Spotlight Verlag mir per E-Mail oder Post Angebote unterbreitet. Dieses Einverständnis kann ich jederzeit widerrufen.<br />

Bestellmöglichkeiten:<br />

Per Telefon: +49.(0)89.8 56 81-150 Per Fax: +49.(0)89.8 56 81-119<br />

Per E-Mail: schule@spotlight-verlag.de<br />

Per Post: Spotlight Verlag GmbH, Marketing B2B, Fraunhoferstr. 22,<br />

82152 Planegg, Deutschland


PASSAPAROLA<br />

DI RENATA BELTRAMI<br />

La rivincita del nerd<br />

Werte sind im Wandel – Leistung<br />

ist nicht mehr langweilig. Gute<br />

Nachrichten für „Streber“: Die einst<br />

Verlachten gelten endlich als cool.<br />

IL TERMINE INGLESE NERD<br />

È ENTRATO A FAR PAR-<br />

TE DELLA LINGUA QUOTI-<br />

DIANA DI MOLTI PAESI E<br />

DEFINISCE LA VERSIONE<br />

PIÙ MODERNA E TECNO-<br />

LOGICA DELLO STORICO<br />

“SECCHIONE”, l’intellettuale<br />

primo della classe, scarsamente<br />

propenso a socializzare,<br />

una volta sempre curvo sui libri,<br />

oggi sempre davanti al computer.<br />

Lo stereotipo lo vuole<br />

magrolino, oppure obeso e con<br />

gli occhiali spessi, neri, rotti e riparati<br />

con il nastro adesivo. Vestito fuori moda, rigorosamente<br />

senza fidanzata, intelligentissimo ma socialmente<br />

goffo, è uno “sfigato” destinato a subire le angherie dei<br />

bulli. Anche se nel mondo del cinema si riscatta attraverso<br />

un’identità segreta (Clark Kent come alter ego di<br />

la rivincita<br />

il termine<br />

il secchione<br />

scarsamente<br />

propenso<br />

curvo<br />

magrolino<br />

obeso<br />

spesso<br />

rotto<br />

il nastro<br />

adesivo<br />

la fidanzata<br />

goffo<br />

lo sfigato<br />

subire<br />

l’angheria<br />

riscattarsi<br />

la redenzione<br />

trattare<br />

il genietto<br />

ammettere<br />

intravedere<br />

il valore<br />

la severità<br />

la pagella<br />

Revanche<br />

Begriff<br />

Streber<br />

wenig<br />

geneigt<br />

gebeugt<br />

schmal, mager<br />

fettleibig<br />

dick<br />

kaputt<br />

Klebeband<br />

Freundin<br />

unbeholfen<br />

Loser<br />

erleiden<br />

Schikane<br />

sich<br />

befreien<br />

Befreiung<br />

behandeln<br />

kleines Genie<br />

zugeben<br />

erkennen<br />

Wert<br />

Strenge<br />

Zeugnis<br />

il punteggio<br />

notoriamente<br />

per intero<br />

il pudore<br />

a disposizione<br />

la valutazione<br />

far notizia<br />

il traguardo<br />

la condanna<br />

l’appello<br />

la gogna<br />

assicurato<br />

l’allenamento<br />

fare<br />

volontariato<br />

la parrocchia<br />

il compito<br />

curioso<br />

suonare<br />

il trombone<br />

il figo (coll.)<br />

Lo studente del liceo classico Berchet, a Milano,<br />

che ha ottenuto tutti 10 in pagella.<br />

Punktzahl<br />

bekanntermaßen<br />

voll<br />

Anstand<br />

zur Verfügung<br />

Bewertung<br />

Schlagzeilen<br />

machen<br />

Ziel<br />

Urteil<br />

Berufung<br />

Pranger<br />

sicher<br />

Training<br />

ehrenamtlich<br />

arbeiten<br />

Kirchengemeinde<br />

Hausaufgabe<br />

neugierig<br />

klingen<br />

Posaune<br />

cooler Typ<br />

Superman o Peter Parker, alias Spider Man), nella realtà<br />

il nerd vive isolato e senza speranza di redenzione, soprattutto<br />

se insegnanti e genitori continuano a trattarlo<br />

come un fenomeno.<br />

Poco aiuta se personaggi famosi come Bill Gates o altri<br />

giovani genietti informatici, dall’alto dei milioni accumulati,<br />

ammettono di essere stati<br />

nerds. Sono lontani quanto Superman<br />

dalla maggior parte dei primi<br />

della classe di adesso! In compenso,<br />

si intravede qualche cambiamento<br />

di valori alla base, ovvero<br />

nelle scuole, e come molte tendenze<br />

che partono dal basso, forse arriveranno<br />

a modificare i cliché.<br />

Un esempio per tutti: a Milano,<br />

un ragazzo del Berchet, uno dei<br />

licei classici rinomati per la qualità<br />

dell’insegnamento e la severità dei<br />

docenti, è finito su tutti i giornali<br />

perché ha avuto una pagella da record,<br />

tutti 10! In una scuola dove il<br />

punteggio da 1 a 10 viene notoriamente usato per intero,<br />

un 3 rappresenta un miglioramento rispetto all’1 e un 8<br />

non è il massimo. A differenza della maggioranza delle<br />

scuole che, forse per una forma di pudore, pur avendo a<br />

disposizione lo stesso sistema di valutazione, non vanno<br />

mai sotto il 4 né sopra l’8.<br />

A far notizia non è stata l’eccellenza del campione,<br />

ma il modo in cui è stato vissuto un traguardo che,<br />

in passato, sarebbe stato una condanna sociale senza<br />

appello, una gogna assicurata almeno fino alla fine del<br />

corso di studi. Il “secchione” in questione è anche molto<br />

sportivo, ha la fidanzata, tanti amici e, tra un allenamento<br />

di basket e l’altro, trova il tempo per fare volontariato<br />

in parrocchia. Non passa la giornata sui libri, ma semplicemente<br />

si organizza bene, fa i compiti subito per non<br />

doverseli ritrovare alla sera e ammette di essere molto<br />

curioso e interessato alle materie che studia.<br />

Forse i bad boys sono davvero passati di moda e adesso<br />

piacciono quelli bravi.<br />

Lo so, rischio di suonare come un vecchio trombone,<br />

ma lo faccio volentieri. Evviva i nuovi “fighi”.<br />

Renata Beltrami: Buchautorin und unermüdliche<br />

Beobachterin von Trends im Alltagsleben, liefert<br />

Denkanstöße und Kurioses, Neues und<br />

Wissenswertes, aktuell recherchiert.<br />

Ihre Meinung ist gefragt adesso@spotlight-verlag.de<br />

29<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2014


DIE GEHEIMNISSE DER KUNST<br />

Jeden Monat: Die großen Geheimnisse und<br />

Rätsel der italienischen Kunstgeschichte.<br />

I MISTERI DELL’ARTE<br />

DI DANIELA MANGIONE<br />

1<br />

UNA PORTA DI<br />

In einer zauberhaften Gartenanlage inmitten der<br />

Kapitale findet sich eine jahrhundertealte Tür<br />

voller mystischer Inschriften und zieht bis heute<br />

(nicht nur) Esoteriker aus aller Welt magisch an.<br />

30<br />

IL CIRCOLO DEGLI<br />

ALCHIMISTI<br />

Massimiliano di Palombara<br />

nacque a Roma nel dicembre<br />

1614. Figlio di Oddo V,<br />

marchese di Pietraforte,<br />

e di Laura Ceul, fu un<br />

poeta manierista e grande<br />

appassionato di alchimia.<br />

Frequentò intellettuali,<br />

scienziati e studiosi, tra i<br />

quali l’astronomo Giovanni<br />

Domenico Cassini, il<br />

padre gesuita Athanasius<br />

Kircher e la regina Cristina<br />

di Svezia 1 , che dopo l’abdicazione<br />

si era rifugiata<br />

a Roma.<br />

La villa che si fece costruire<br />

a partire dal 1655<br />

diventò un importante luogo<br />

di ritrovo, discussione<br />

e condivisione di esperimenti<br />

alchemici, che pare<br />

venissero messi in atto dal<br />

marchese e dai suoi amici<br />

in una dépendance. Morì a<br />

Roma nel 1680. Gli scritti<br />

del marchese di Palombara<br />

sono stati pubblicati<br />

nel 1983 in edizione critica<br />

con il titolo La bugia.<br />

il marchese<br />

lo scienziato<br />

lo studioso<br />

la regina<br />

l’abdicazione<br />

rifugiarsi<br />

il luogo<br />

di ritrovo<br />

la condivisione<br />

mettere in<br />

atto<br />

Marquis<br />

Wissenschaftler<br />

Gelehrter<br />

Königin<br />

Abdankung<br />

flüchten<br />

Treffpunkt<br />

Teilen<br />

durchführen<br />

le fronde pl.<br />

nascosto<br />

risalire a qc.<br />

il Seicento<br />

enigmatico<br />

l’epigrafe f.<br />

il gradino<br />

il termine a sé<br />

l’acronimo<br />

rettificare<br />

la pietra<br />

ipotizzare<br />

il locale<br />

accedere a qc.<br />

destinato a<br />

ospitare<br />

eseguire<br />

Laub<br />

versteckt<br />

auf etw.<br />

zurückgehen<br />

17. Jahrhundert<br />

rätselhaft<br />

Inschrift<br />

Stufe<br />

eigener Begriff<br />

Abkürzung,<br />

Akronym<br />

begradigen<br />

Stein<br />

vermuten<br />

Raum<br />

etw. betreten<br />

für, um zu<br />

Raum bieten<br />

durchführen<br />

NEL CENTRO DI ROMA, TRA LE FRONDE<br />

DEI GIARDINI DI UNA DELLE PIAZZE PIÙ<br />

FREQUENTATE DELLA CAPITALE, PIAZ-<br />

ZA VITTORIO, È NASCOSTA UNA PORTA<br />

IN MARMO CHE RISALE ALLA SECONDA<br />

METÀ DEL SEICENTO. Non si tratta, però, di<br />

una porta “normale”. Tradizionalmente è chiamata<br />

Porta magica, o Porta alchemica, o Porta<br />

dei cieli. Ora è isolata, ma in realtà è l’unica<br />

rimasta delle cinque porte di marmo che appartenevano<br />

all’originaria villa del marchese<br />

Massimiliano di Palombara.<br />

Nel marmo di questa<br />

porta sono perfet-<br />

ritenere der Auffas- tamente visibili ancora<br />

sung sein<br />

oggi molti simboli misteriosi<br />

ed enigmati-<br />

la pietra Stein der<br />

filosofale Weisen<br />

lo stipite Pfosten che epigrafi 2 . Su un<br />

susseguirsi aufeinander<br />

folgen gradino di fronte alla<br />

il glifo Glyphe porta si legge VITRIOL,<br />

il piombo Blei<br />

che non va inteso come<br />

lo stagno Zinn<br />

il ferro Eisen termine a sé. Si tratta<br />

il rame Kupfer infatti di un acronimo<br />

l’argento Silber<br />

latino, che completato e<br />

tradotto significa “Visita<br />

l’interno della terra e rettificando troverai una pietra<br />

nascosta”. Alcuni ipotizzano che il riferimento sia<br />

a un locale segreto, a cui accedere passando per quella<br />

porta, probabilmente un locale destinato a ospitare gli<br />

esperimenti alchemici che il marchese di Palombara<br />

era solito eseguire insieme con un famoso medico esoterista<br />

dell’epoca, Francesco Borri. Altri, invece, ritengono<br />

che si tratti di un riferimento alla pietra filosofale.<br />

Lungo gli stipiti della porta 3 sono inscritti simboli<br />

alchemici che si riferiscono alla formula della trasmutazione<br />

della materia e si susseguono i glifi degli elementi<br />

chimici: piombo, stagno, ferro, rame, argento<br />

Qui: la Porta magica<br />

in Piazza Vittorio,<br />

a Roma. Sotto, da<br />

sinistra: particolare<br />

della porta; un pezzo<br />

di oro alchemico.<br />

Nell’altra pagina:<br />

un’allegoria della<br />

trasmutazione.


33 a PUNTATA<br />

PASSAGGIO<br />

2 3<br />

e mercurio. Sulla soglia, una<br />

delle epigrafi recita Si sedes non<br />

is, frase palindroma, ossia leggibile<br />

in entrambe le direzioni,<br />

che tradotta significa, da sinistra<br />

il mercurio<br />

la soglia<br />

recitare<br />

procedere<br />

spronare<br />

Quecksilber<br />

Schwelle<br />

lauten<br />

weiterkommen<br />

anspornen<br />

a destra, “Se ti siedi, non<br />

il coraggio Mut<br />

il tentativo Versuch<br />

procedi”, da destra a sinistra,<br />

l’inno Loblied<br />

“Se non ti siedi, procedi” 4 . È<br />

un motto che spronava all’azione<br />

e al coraggio di ricercare vie<br />

alternative, compresi, evidentemente,<br />

tentativi che andassero<br />

“oltre” la religione cristiana.<br />

ergersi<br />

la meta<br />

il pellegrinaggio<br />

il devoto<br />

aufragen<br />

Ziel<br />

Wallfahrt<br />

Gläubiger<br />

La Porta magica di Piazza Vittorio, inno al movimento e alla<br />

trasmutazione degli elementi vitali, ricorda una serie di misteri<br />

esoterici che continuano a far parte dell’immaginario collettivo:<br />

non a caso la Porta che si erge silenziosa nei giardini<br />

della piazza è ancora oggi meta di pellegrinaggio da parte di<br />

curiosi e devoti esoteristi alla ricerca della pietra filosofale.<br />

4<br />

LA LEGGENDA<br />

UN PELLEGRINO<br />

SCOMPARSO<br />

NEL NULLA<br />

Alla Porta magica è legata una leggenda<br />

che si è tramandata nei secoli: un pellegrino<br />

avrebbe chiesto di dimorare per una notte<br />

nel giardino della<br />

scomparso verschwunden<br />

villa del marchese<br />

di Palombara, alla<br />

tramandare überliefern<br />

ricerca della formula<br />

per trasformare<br />

dimorare wohnen<br />

l’oro Gold<br />

narrare erzählen<br />

la materia in oro. Si<br />

la scia Kielwasser, narra che, la mattina<br />

hier: Spur<br />

seguente, il pel-<br />

la pagliuzza Goldsplitter legrino fosse stato<br />

avvenuto erfolgt visto attraversare la<br />

incidere einschleifen Porta e scomparire,<br />

lasciandosi dietro<br />

una scia di pagliuzze d’oro – a dimostrare l’avvenuta<br />

trasmutazione – e numerose carte, il cui<br />

contenuto fu fatto incidere, appunto, dal marchese<br />

sugli stipiti in marmo della porta.<br />

31<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2014


32<br />

Speciale<br />

lingua<br />

Cari lettori,<br />

nell’italiano colloquiale ci sono tante<br />

paroline con sfumature di significato che<br />

spesso non hanno una traduzione unica e<br />

univoca e a volte rendono difficile la comprensione o<br />

complicato l’uso in un dialogo. Questo Speciale lingua<br />

vi presenta 31 “paroline magiche”, per farvi sentire<br />

sempre più a vostro agio nell’italiano parlato.<br />

Per iniziare… leggete che cosa è riuscito a creare il nostro<br />

lettore Dr. Ulrich Zimmerer: tanto di cappello!<br />

colloquiale: umgangssprachlich; la sfumatura: Nuance;<br />

univoco: eindeutig; la comprensione: Verständnis;<br />

sentirsi a proprio agio: sich wohl fühlen; tanto di cappello: Hut ab<br />

Quante volte "quanto"!<br />

A quanto pare e per quanto ne so io, usare la parola<br />

“quanto” in quanto tale è più difficile di quanto pensassi.<br />

Sono convinto che “quanto” ha una sua logica, per<br />

quanto bizzarra, no? Vorrei studiarne solo quanto<br />

necessario, quanto prima...<br />

a quanto pare: anscheinend; per quanto ne so io: so viel ich<br />

weiß; in quanto tale: als solche; di quanto: als;<br />

per quanto bizzarra: so bizarr sie auch sein mag;<br />

solo quanto necessario: so viel wie nötig;<br />

quanto prima: so bald wie möglich.<br />

Anna Mandelli<br />

Lehrerin für <strong>Italienisch</strong> als Fremdsprache,<br />

Lehrbuchautorin, didaktische<br />

Beraterin, Lehrerfortbildnerin und<br />

CELI-Prüferin beantwortet Ihre Fragen<br />

und klärt Zweifelsfälle der Grammatik<br />

und Linguistik.<br />

<strong>Lebendiges</strong><br />

<strong>Italienisch</strong>:<br />

wie Sie im<br />

Gesprach glanzen.<br />

A1<br />

Allora<br />

Uso:<br />

. con valore conclusivo [schlussfolgernd-]<br />

o, in una domanda [Frage-], per sollecitare [zu<br />

etw. auffordern] una conclusione:<br />

> Allora, se le cose stanno così, accetto.<br />

. per cominciare o riprendere [wieder aufnehmen]<br />

un discorso:<br />

> Allora, che cosa stavi dicendo?<br />

Frequenza: molto alta<br />

A2<br />

Più formali di allora sono: pertanto,<br />

di conseguenza, dunque, ebbene, cosicché.<br />

Ma dai<br />

Uso:<br />

. per esprimere sorpresa [Überraschung]:<br />

> “Lo sai che ho deciso di sposarmi?” “Ma dai!”<br />

Frequenza: alta<br />

Per esprimere sorpresa si possono usare anche:<br />

Ma pensa! Davvero!? Non posso crederci!<br />

Anzi<br />

Uso:<br />

. per precisare o correggere:<br />

> Non sei in ritardo, anzi sei in anticipo.<br />

. per dare enfasi [Na;hdruck] a quanto detto prima:<br />

> È andata bene, anzi benissimo.<br />

Frequenza: molto alta<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2014


Eh s<br />

Ecco<br />

Uso:<br />

. per esprimere accordo [Einverständnis], conferma<br />

[Bestätigung]:<br />

> “Che begli occhi ha Silvana!” ”Eh sì, è veramente<br />

una bella ragazza”.<br />

Frequenza: medio-alta<br />

Eh? è una richiesta di spiegazione, precisazione:<br />

“Riccardo, ti vogliono al telefono”. “Eh!? Che<br />

cosa hai detto? Non ho capito”.<br />

Giusto<br />

Uso:<br />

. per esprimere approvazione [Zustimmung]:<br />

> “Abbiamo deciso di fare pace”. “Giusto! Giustissimo!”<br />

. per richiedere accordo e/o conferma:<br />

> Il 60% dei lettori non è d’accordo, giusto?<br />

Frequenza: medio-bassa<br />

Come richiesta di accordo e/o di conferma si<br />

possono usare anche: No? Vero? Non è vero?<br />

Dico male? Neh? Non è cosí?<br />

Uso:<br />

. per mostrare qualcosa o qualcuno:<br />

> Ecco là la banca che cercavi.<br />

. per indicare qualcosa o qualcuno di inaspettato<br />

[unerwartet]:<br />

> Pensavamo di uscire, ma ecco che piove.<br />

. quando si dà qualcosa:<br />

> Ecco qui il tuo caffè.<br />

. per introdurre [präsentieren] o riassumere<br />

un fatto:<br />

> Ecco il nostro parere [Meinung].<br />

> Ecco come sono andate le cose.<br />

. per indicare esitazione:<br />

> Ecco, vedi, c’è stato un problema.<br />

. per indicare che l’azione del verbo è stata<br />

compiuta [ compiere, hier: beenden]:<br />

> Ecco fatto.<br />

> Eccoli partiti.<br />

Frequenza: molto alta<br />

Boh<br />

Uso:<br />

. esprime dubbio [Zweifel] e incertezza [Unsicherheit]:<br />

> “Come si intitola l’ultimo romanzo di Umberto<br />

Eco?” “Boh!”<br />

Frequenza: alta<br />

33<br />

Dai<br />

Uso:<br />

. per incitare [auffordern], incoraggiare [ermutigen],<br />

esortare [ermahnen]:<br />

> Dai, sbrigati!<br />

> Dai che ce la fai!<br />

Frequenza: alta<br />

Per esortare si possono usare anche:<br />

Su! Coraggio! Forza!<br />

Veramente<br />

Uso:<br />

. per esprimere meraviglia [Verwunderung],<br />

incredulità [Ungläubigkeit]:<br />

> “Questo abito firmato [Designer-] costa quasi<br />

2.000 euro”. “Veramente?”<br />

. per esprimere un’opposizione [Widerspruch]<br />

o una limitazione [Einschränkung]:<br />

> Io, veramente, non sono d’accordo.<br />

. per rafforzare [verstärken] un’affermazione:<br />

> È un film veramente bello.<br />

Frequenza: alta<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2014


Cioè<br />

Niente<br />

34<br />

Uso:<br />

. per spiegare [erklären] o specificare quanto<br />

appena detto o ripetere con altre parole o con<br />

esempi concreti:<br />

> Cosa pensi delle coppie di fatto, cioè delle<br />

coppie non sposate in chiesa o in comune?<br />

. per riassumere [zusammenfassen] a mo’ di [wie]<br />

conclusione:<br />

> Al Festival di Sanremo canteranno Laura<br />

Pausini, Eros Ramazzotti, Biagio Antonacci,<br />

cioè i migliori.<br />

. per rettificare [richtig stellen] una precedente<br />

affermazione [Aussage]:<br />

> Siamo arrivati sabato, cioè no, domenica.<br />

. per caratterizzare momenti di esitazione [Zögern]<br />

e incertezza:<br />

> Il tuo ragazzo, Renato, ecco… io e lui alla<br />

festa... cioè… hai capito, no?<br />

Frequenza: molto alta<br />

Più formali di cioè sono: ossia, ovvero.<br />

B1<br />

B2<br />

Uso:<br />

. per attenuare [mildern] o limitare ciò che segue:<br />

> “Che cosa c’è che non va?” “Niente, sono<br />

preoccupata per l’esame”.<br />

. come riempitivo [Füllwort] per guadagnare tempo<br />

[Zeit gewinnen]:<br />

> “Signorina, mi parli un po’ delle opere principali<br />

[Hauptwerke] di Dante Alighieri.” “Niente… le<br />

opere maggiori…”<br />

Frequenza: media<br />

Praticamente<br />

Uso:<br />

. sinonimo di “in pratica”, “in sostanza”, “in effetti”,<br />

“quasi”:<br />

> La tua risposta equivale [equivalere: entsprechen]<br />

praticamente a un rifiuto [Absage].<br />

> Il nostro lavoro è praticamente finito.<br />

. sinonimo di “in altre parole”:<br />

> Praticamente mi hai dato della superficiale<br />

[dare del superficiale: jdn. oberflächlich nennen]!<br />

Frequenza: medio-alta<br />

Infatti<br />

Uso:<br />

. per confermare quanto detto prima:<br />

> Si lamentava [lamentarsi: sich beklagen] da<br />

un po’ del marito e infatti dopo un anno lo ha<br />

lasciato.<br />

. nelle risposte come sinonimo di “esattamente”,<br />

“proprio così”:<br />

> “Mi sembri preoccupata [besorgt], c‘è qualcosa<br />

che non va?” “Infatti!”<br />

Frequenza: molto alta<br />

Un sinonimo di infatti è: difatti.<br />

Quindi<br />

Uso:<br />

. per concludere come sinonimo di “perciò”,<br />

“e così”:<br />

> Era molto in ritardo quindi ha preso il taxi.<br />

. per essere più precisi, aggiungendo [aggiungere:<br />

hinzufügen] altre informazioni:<br />

> Il mio vicino è africano, quindi extracomunitario<br />

[nicht der EU angehörend].<br />

. come sinonimo di “poi”, “in seguito”:<br />

> Percorri [percorrere: entlangfahren] la strada<br />

fino al semaforo, quindi gira a destra. Lì c’è<br />

un bar.<br />

Frequenza: molto alta<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2014


Addirittura<br />

Uso:<br />

. per focalizzare [präzisieren, hervorheben] un elemento<br />

o l’informazione nuova della frase:<br />

> Addirittura vorrebbe che io le chiedessi scusa!<br />

. per esprimere meraviglia e perplessità [Ratlosigkeit]<br />

di fronte a un’affermazione di altri:<br />

> “È venuto apposta [extra] da New York per<br />

conoscermi”. “Addirittura!”<br />

. sinonimo di “persino”, “nientemeno” [sogar]:<br />

> Conosce addirittura il presidente.<br />

. sinonimo di “direttamente”:<br />

> Vediamoci addirittura al binario [Gleis].<br />

Frequenza: alta<br />

Senti<br />

Uso:<br />

. per richiedere attenzione all’interlocutore:<br />

> Senti, sai che ho avuto molta paura?<br />

. per anticipare una domanda o una replica<br />

[Antwort]:<br />

> Senti, quando devi andare dal ginecologo<br />

[Frauenarzt]?<br />

. per anticipare un disaccordo:<br />

> Senti, secondo me stai diventando gelosa<br />

[eifersüchtig] in modo ossessivo [zwanghaft].<br />

Frequenza: alta<br />

Senta si usa quando ci si dà del Lei.<br />

Speciale<br />

lingua<br />

Appunto<br />

Uso:<br />

. per sottolineare [betonen] il punto centrale del<br />

discorso appena fatto:<br />

> “Io non ho paura” è appunto il racconto di un<br />

bambino e del suo modo di guardare il mondo.<br />

. per esprimere accordo:<br />

> “Allora Andrea De Carlo è uno scrittore contemporaneo?”<br />

“Appunto, è nato nel 1952”.<br />

. per affermare qualcosa in modo deciso [entschieden]:<br />

> “È questo che mi volevi dire?” “Appunto!”<br />

Frequenza: molto alta<br />

Ragazzi<br />

Uso:<br />

. con valore esortativo rivolgendosi [sich wenden]<br />

a persone adulte [Erwachsene]:<br />

> Ragazzi, è ora di andare.<br />

. per esprimere calorosa e affettuosa [liebevoll]<br />

confidenza [Vertrautheit]:<br />

> Forza, ragazzi!<br />

Frequenza: alta<br />

35<br />

Mi raccomando<br />

Uso:<br />

. per esortare [auffordern] vivamente qualcuno a<br />

fare qualcosa, per consigliare [raten] a qualcuno<br />

di fare qualcosa<br />

> Mi raccomando, preparati bene per l’esame!<br />

. per ammonire [ermahnen] o esprimere un comando<br />

> Mi raccomando, metti il casco [Helm]!<br />

Frequenza: medio-alta<br />

Mah<br />

Uso:<br />

. per esprimere incertezza o dubbio:<br />

> “Ce la faranno?” “Mah, chi lo sa”.<br />

. per esprimere rassegnazione [Resignation]<br />

o disapprovazione [Missbilligung]:<br />

> Mah, purtroppo non c’è via d’uscita [Ausweg].<br />

Frequenza: medio-alta<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2014


36<br />

Figurati<br />

Uso:<br />

. per richiamare l’attenzione dell’interlocutore<br />

[Gesprächspartner]:<br />

> Figuratevi che l’hanno sorpresa mentre era<br />

a letto con il suo amante.<br />

. in frasi di cortesia:<br />

> “Posso entrare?” “Certo, si figuri!”<br />

. come risposta negativa:<br />

> “Disturbo?” ”Ma no, figurati!”<br />

. per smentire [widersprechen] il contenuto [Inhalt]<br />

della frase:<br />

> Figurati se accetto la tua offerta [Angebot].<br />

Frequenza: medio-alta<br />

Comunque<br />

Uso:<br />

. per chiudere un discorso:<br />

> Comunque, ci pensiamo noi.<br />

. per introdurre un contrasto:<br />

> Ho molti dubbi, comunque decidi tu: mi fido.<br />

. come sinonimo di “in ogni caso”, “in ogni modo”:<br />

> Io passo comunque a salutarvi prima di partire.<br />

Frequenza: alta<br />

Diciamo (che)<br />

Uso:<br />

. per rafforzare o mitigare [abschwächen] un’affermazione,<br />

un’opinione, una richiesta, un rimprovero<br />

[Vorwurf]:<br />

> Diciamo che sei un po’ ingrassata [zunehmen]<br />

durante le vacanze e dovresti perdere qualche chilo.<br />

. per esemplificare [durch Beispiele erläutern]:<br />

> In alcune situazioni il dialetto può essere usato<br />

con la funzione di incode, diciamo come lingua<br />

che è comune a un gruppetto di persone.<br />

Frequenza: medio-alta<br />

Più formali di diciamo sono: come dire, per così<br />

dire, in qualche modo, in un certo senso.<br />

Speciale<br />

lingua<br />

Magari<br />

Uso:<br />

. per esprimere desiderio [Wunsch], speranza<br />

[Hoffnung]:<br />

> Magari uscisse il sole!<br />

. come sinonimo di “piuttosto”:<br />

> Magari aspetto qui un’ora, ma devo assolutamente<br />

parlargli.<br />

. come sinonimo di “forse”, “probabilmente”,<br />

“chissà”:<br />

> Stasera non vengo al cinema, magari un’altra<br />

volta.<br />

. come sinonimo di “addirittura”, “persino”:<br />

> È disposto [bereit] a venire magari di persona<br />

[persönlich].<br />

Frequenza: alta<br />

Insomma<br />

Uso:<br />

. per concludere, riassumere il senso del discorso:<br />

> Ho capito, insomma, che l’argomento non vi<br />

interessa.<br />

. per esprimere impazienza [Ungeduld], irritazione<br />

[Verärgerung]:<br />

> Insomma, sei pronta sì o no?<br />

. come sinonimo di “così così”:<br />

> “Come stai?” “Insomma”.<br />

Frequenza: molto alta<br />

Ma va'<br />

Uso:<br />

. per esprimere disaccordo [Ablehnung]:<br />

> Invitare anche i Bianchi? Ma va’, hanno sempre<br />

da criticare!<br />

. per esprimere sarcasmo e incredulità:<br />

> Tu iscritto [angemeldet] in palestra [Fitnesscenter]?<br />

Ma va’, se non hai mai fatto sport in vita tua!<br />

Frequenza: medio-alta<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2014


C1<br />

C2<br />

Accidenti<br />

Manco<br />

Uso:<br />

. come sinonimo di “nemmeno”, “neanche”, “neppure”:<br />

> Sono proprio sfortunata. Non ho vinto manco<br />

un euro.<br />

Frequenza: medio-bassa<br />

Si trova prevalentemente [vorwiegend] nell’italiano<br />

parlato in Meridione [Süditalien].<br />

Uso:<br />

. per esprimere stupore [Erstaunen], rabbia, ira,<br />

disappunto:<br />

> Accidenti, quanto costa questa pelliccia [Pelzmantel]!<br />

. per imprecare [schimpfen]:<br />

> Accidenti a lei!<br />

Frequenza: medio-bassa<br />

Per imprecare si può usare anche:<br />

Maledizione!<br />

Mica<br />

Beh<br />

Uso:<br />

. per rispondere a domande imbarazzanti [peinlich]:<br />

> “A che ora sei tornata ieri?” “Beh, un po’ tardino!”<br />

. per sottolineare la propria convinzione [Überzeu-<br />

gung]:<br />

> E beh! Ci vuole coraggio [Mut] a rischiare la vita<br />

per gli altri.<br />

. per sollecitare una risposta:<br />

> Beh, che cosa vuoi?<br />

Frequenza: alta<br />

Non è che...<br />

Uso:<br />

. per esprimere un dubbio:<br />

> Non sarà che hai l’influenza [Grippe]?<br />

. equivale a una negazione, ma ha un valore<br />

attenuato:<br />

> Non si vedono da tanto tempo, ma non è che<br />

abbiano litigato [litigare: streiten].<br />

Frequenza: medio-bassa;<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2014<br />

Uso:<br />

. come rafforzativo<br />

di una negazione<br />

e sinonimo<br />

di “per nulla”,<br />

“per niente”,<br />

“minimamente”,<br />

“affatto”:<br />

> Non è mica stata<br />

lei a rompere<br />

il vaso.<br />

Frequenza:<br />

medio-bassa<br />

Deriva dal latino<br />

mica, cioè “briciola di<br />

pane” [Krümel], “piccolissima<br />

parte”. Attraverso<br />

un ampio uso in<br />

frasi negative ha<br />

assunto il significato<br />

attuale. Si<br />

trova soprattutto nel parlato<br />

toscano e in molti<br />

dialetti.<br />

Indice<br />

alfabetico<br />

37<br />

Accidenti (C1-C2) pag. 37<br />

Addirittura (B1-B2) pag. 35<br />

Allora (A1-A2) pag. 32<br />

Anzi (A1-A2) pag. 32<br />

Appunto (B1-B2) pag. 35<br />

Beh (C1-C2) pag. 37<br />

Boh (A1-A2) pag. 33<br />

Cioè (A1-A2) pag. 34<br />

Comunque (B1-B2) pag. 36<br />

Dai (A1-A2) pag. 33<br />

Diciamo (che) (B1-B2) pag. 36<br />

Ecco (A1-A2) pag. 33<br />

Eh sì (A1-A2) pag. 33<br />

Figurati (B1-B2) pag. 36<br />

Giusto (A1-A2) pag. 33<br />

Infatti (B1-B2) pag. 34<br />

Insomma (B1-B2) pag. 36<br />

Ma dai (A1-A2) pag. 32<br />

Magari (B1-B2) pag. 36<br />

Mah (B1-B2) pag. 35<br />

Manco (C1-C2) pag. 37<br />

Ma va’ (B1-B2) pag. 36<br />

Mica (C1-C2) pag. 37<br />

Mi raccomando (B1-B2) pag. 35<br />

Niente (B1-B2) pag. 34<br />

Non è che (C1-C2) pag. 37<br />

Praticamente (B1-B2) pag. 34<br />

Quindi (B1-B2) pag. 34<br />

Ragazzi (B1-B2) pag. 35<br />

Senti (B1-B2) pag. 35<br />

Veramente (A1-A2) pag. 33


Esercizi<br />

Speciale<br />

lingua<br />

Esercizio 2<br />

38<br />

Esercizio 1<br />

MEDIO Completa i dialoghi con la forma adeguata.<br />

1) Domani devo partire per la Cina, ma c’è lo sciopero<br />

[Streik] dei controllori di volo [Fluglotsen].<br />

– ______ come pensi di fare?<br />

a) E allora b) Niente<br />

2) Ho parlato con Daniela. Ha detto che non se ne<br />

fa niente.<br />

– ______? Che significa?<br />

a) Eh sì b) E cioè<br />

3) Secondo te perché non me lo ha detto?<br />

– ______ per non ferirti [verletzen].<br />

a) Ragazzi b) Magari<br />

4) Quanti torni?<br />

– ______, forse la prossima settimana.<br />

a. Mah b. Ma dai<br />

5) Sono 5 euro e 50.<br />

– ______ a Lei.<br />

a) Ecco b) Non è che<br />

6) Ho perso le chiavi!<br />

– ______, e adesso come fai?<br />

a) Accidenti b) Praticamente<br />

7) Hai conosciuto il fidanzato di Chiara?<br />

– Sì, è ______ un tipo interessante.<br />

a) veramente b) insomma<br />

8) Secondo te Franco trova simpatica mia<br />

sorella?<br />

– Ma se non le ha parlato ______ per un minuto!<br />

a) mica b) manco<br />

9) Ma che cos’hai?<br />

– Non sono ______ arrabbiato con te, ma con<br />

tua moglie sì!<br />

a) manco b) mica<br />

<strong>ADESSO</strong>audio<br />

Cioè, mah, anzi! Lo speciale lingua di questo<br />

mese è dedicato al linguaggio parlato. Ascolta e fai<br />

l’esercizio. www.adesso-online.de/specialelingua<br />

MEDIO Scegli la forma adeguata fra le tre opzioni.<br />

1) Il viaggio di nozze [Hochzeitsreise] è costato<br />

anzi/addirittura/mah migliaia e migliaia di<br />

euro.<br />

2) Noi, veramente/giusto/ma dai, non ne sappiamo<br />

nulla.<br />

3) Ti telefonerò, infatti/niente/anzi passerò da te.<br />

4) Allora/Magari/Non è che dov’è il problema?<br />

5) “Venite stasera?” “Infatti/Dunque/Mah non<br />

sappiamo”.<br />

6) Insomma/Figurati/Manco se si è ricordato del<br />

nostro anniversario [Hochzeitstag].<br />

7) Senti/Praticamente/Magari avessi vinto!<br />

8) Ma dai/Dai/Addirittura che ce la fai.<br />

9) Bisogna mettere la giacca, l’estate è praticamente/accidenti/ecco<br />

finita.<br />

10) Non le ho potuto parlare insomma/manco/ragazzi<br />

per un minuto.<br />

11) Scendi dall’altalena [Schaukel], mica/dai/praticamente.<br />

Ora tocca agli altri bambini.<br />

12) Accidenti/Non è che/Addirittura, ho la febbre<br />

e non posso partire.<br />

13) Non è arrabbiata, anzi/cioè/ecco mi sembra di<br />

buon umore.<br />

14) Si assomigliano [sich ähneln] molto, beh/giusto/infatti<br />

sono gemelli [Zwillinge].<br />

15) No, non ho comprato il pane… beh/ma va’/<br />

quindi volevo farlo, ma poi me ne sono dimenticato.<br />

16) Sarai affamata [hungrig], appunto/niente/giusto?<br />

17) No, no, è ancora disoccupato [arbeitslos]; magari/insomma/non<br />

è che trovasse lavoro!<br />

18) Non ho capito: ma infatti/allora/diciamo tuo<br />

figlio va all’università o no?<br />

19) Ho visto la macchina dei vicini [Nachbarn] in<br />

garage, anzi/quindi/manco sono tornati dalle<br />

vacanze.<br />

20) Ora vorrei parlare dei casi [Fälle], diciamo/allora/ma<br />

dai, più complessi.<br />

21) Magari/Mi raccomando/Figurati, chiudi bene<br />

tutte le finestre prima di uscire.<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2014


Esercizio 3<br />

FACILE Scegli per ogni parola la categoria giusta:<br />

non è che • addirittura • mah • magari • ma dai<br />

ecco • ragazzi • dai • accidenti • boh<br />

veramente • cioè • beh • mi raccomando<br />

SORPRESA_____________________________________<br />

ESITAZIONE____________________________________<br />

ESORTAZIONE_ ________________________________<br />

DESIDERIO_____________________________________<br />

IMPRECAZIONE________________________________<br />

DUBBIO________________________________________<br />

Esercizio 4<br />

L'angolo dell'insegnante<br />

Spesso l’ascolto è l’abilità linguistica più<br />

difficile per chi impara una lingua.<br />

La velocità, l’intonazione, la pronuncia,<br />

l’intercalare del parlante rendono tutto più<br />

difficile. Di seguito un’attività didattica per<br />

arginare la difficoltà dell’incontro/scontro con la<br />

lingua autentica:<br />

- Fate una fotocopia della trascrizione di una conversazione<br />

e cancellate tutti i segnali discorsivi.<br />

- Fate ascoltare il dialogo più volte con lo scopo di<br />

completare le lacune, stando attenti anche agli elementi<br />

vocali comunicativi (risate, pause, sospiri…) e<br />

allo stato d’animo del parlante (com’è la persona<br />

che parla: felice, tranquilla, irritata…?).<br />

- Riflettete sull’utilità e sul significato di quelle<br />

parole in quel contesto.<br />

FACILE Ricostruisci i dialoghi unendo le frasi della colonna A con quelle della colonna B.<br />

A<br />

1) Ti va di andare al cinema stasera?<br />

2) Cosa prendi: un Campari o un Prosecco?<br />

3) Scusi, per andare alla stazione?<br />

4) Non trovo più il portafoglio [Geldbeutel]!<br />

5) Vieni in crociera [Kreuzfahrt] con noi?<br />

6) Sono quasi pronta.<br />

7) Com’è successo l’incidente [Unfall]?<br />

8) Ti sei divertito [sich amüsieren] alla festa<br />

di Maria?<br />

B<br />

a) Vada dritto fino al semaforo, poi giri a destra ed ecco, lì vede<br />

già la stazione.<br />

b) Accidenti, non te l’avranno rubato [stehlen]?<br />

c) Magari! Ma sono al verde [blank].<br />

d) No, sono stanca. Magari un altro giorno.<br />

e) Veramente non bevo mai alcolici a quest’ora.<br />

f) Non è che mi sia annoiato, ma sono andato a casa lo stesso<br />

presto.<br />

g) Dai che perdiamo [verpassen] il treno!<br />

h) Niente… pioveva e… ho perso il controllo dell’auto.<br />

39<br />

Esercizio 5<br />

MEDIO Completa i dialoghi con la forma adeguata.<br />

A<br />

1) Domenica vado a fare bungee jumping!<br />

2) Ma come: i pantaloni ti sono stretti [eng]?<br />

3) Andiamo a fare un giro in centro?<br />

4) Come vanno le cose fra te e tuo marito?<br />

5) Chissà perché Ugo non mi ha fatto gli<br />

auguri [Glückwünsche] di compleanno.<br />

6) Hai capito di che lavoro si tratta [sich<br />

handeln]?<br />

7) Forza, racconta, sono curiosa di sapere<br />

com’è stato rivedere il tuo ex.<br />

SEGNALE<br />

DISCORSIVO:<br />

Ragazzi…<br />

Praticamente...<br />

Insomma…<br />

Niente…<br />

Mah…<br />

Diciamo che…<br />

Ma va’…<br />

B<br />

a) andate voi. Io devo scappare [dover<br />

scappare: schnell los müssen] a casa.<br />

b) non proprio benissimo.<br />

c) devo vendere enciclopedie.<br />

d) è stato un po’ imbarazzante all’inizio,<br />

poi piano piano…<br />

e) lo sai com’è fatto.<br />

f) sei matta? È pericoloso [gefährlich].<br />

g) sono un po’ ingrassato nelle ultime<br />

settimane.<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2014


40<br />

Esercizio 6<br />

FACILE Ricostruisci le frasi riordinando gli elementi<br />

sottolineati.<br />

1) a) Andiamo in fiera [Messe]?<br />

b) Veramente voglia di / andarci / nessuna / io non ho.<br />

________________________________________________<br />

________________________________________________<br />

2) a) Dove vai in vacanza?<br />

b) Mah, forse / non so, / al mare / andrò.<br />

________________________________________________<br />

________________________________________________<br />

3) a) Dove ci incontriamo?<br />

b) Al solito / posto, / ci vediamo / cioè davanti al bar.<br />

________________________________________________<br />

________________________________________________<br />

4) a) Non so se accettare oppure no.<br />

b) Allora sapere, / fammelo / ti / quando / sarai<br />

deciso.<br />

________________________________________________<br />

________________________________________________<br />

5) a) Che cos’hai fatto ieri sera?<br />

b) Ero / ieri / stanco / molto /, infatti mi sono addormentato<br />

prestissimo.<br />

________________________________________________<br />

________________________________________________<br />

6) a) È stato bello il film?<br />

b) È / ha / e / una trama [Handlung] / troppo lungo<br />

/ noiosa, / insomma non vale la pena [sich lohnen]<br />

di vederlo.<br />

________________________________________________<br />

________________________________________________<br />

7) a) Come ti è andato l’esame?<br />

b) Praticamente di / passato / sono / averlo / sicuro /.<br />

________________________________________________<br />

________________________________________________<br />

8) a) Che cosa vuoi?<br />

b) Niente, parlarti / vorrei / permetti / un momento,<br />

/ se /.<br />

________________________________________________<br />

________________________________________________<br />

9) a) Guarda la tua camicia!<br />

b) Accidenti, sono / mi / di / caffè / macchiato /.<br />

________________________________________________<br />

________________________________________________<br />

Esercizio 7<br />

Speciale<br />

lingua<br />

MEDIO Ricostruisci le frasi riordinando gli elementi<br />

sottolineati.<br />

1) Che bello, oggi i musei sono gratuiti.<br />

a) Ecco, benissimo. Ci andiamo?<br />

b) Niente, benissimo. Ci andiamo?<br />

2) Mamma, che bel gattino! Lo compriamo?<br />

a) Ragazzi, compriamolo!<br />

b) Eh sì, compriamolo!<br />

3) Mi sono innamorata di Mario.<br />

a) Insomma, non avevi detto basta uomini per un<br />

po'?<br />

b) Quindi non avevi detto basta uomini per un<br />

po’?<br />

4) Mi sa che ho dimenticato di farti gli auguri.<br />

a) Allora ci sono abituata.<br />

b) Eh sì, ma ci sono abituata.<br />

5) Voglio ricontattare il mio ex.<br />

a) Ma va’, hai già scordato [vergessen] quanto ti<br />

ha fatto soffrire [leiden]?<br />

b) Anzi, hai già scordato quanto ti ha fatto<br />

soffrire?<br />

6) Convinciamo [überzeugen] Giovanna a venire<br />

con noi.<br />

a) Addirittura, se non vuole, non possiamo<br />

obbligarla [zwingen].<br />

b) Senti, se non vuole, non possiamo obbligarla.<br />

7) Sono le sette.<br />

a) Ma dai, è già così tardi?<br />

b) Appunto, è già così tardi?<br />

8) Lucia ha ereditato [erben] un milione di euro.<br />

a) Addirittura!<br />

b) Boh!<br />

9) Sai della separazione [Trennung] di Tiziana<br />

e Vito?<br />

a) Veramente io non ne so nulla.<br />

b) Infatti io non ne so nulla.<br />

Soluzioni: ESERCIZIO 1: 1) a; 2) b; 3) b; 4) a; 5) a; 6) a; 7) a; 8) b; 9) b. ESERCIZIO 2: 1) addirittura; 2) veramente; 3) anzi; 4) Allora; 5) Mah; 6) Figurati; 7) Magari;<br />

8) Dai; 9) praticamente; 10) manco; 11) dai; 12) Accidenti; 13) anzi; 14) infatti; 15) beh; 16) giusto; 17) magari; 18) allora; 19) quindi; 20) diciamo; 21) Mi raccomando.<br />

ESERCIZIO 3: SORPRESA: addirittura, ma dai, accidenti, veramente ESITAZIONE: ecco, cioè ESORTAZIONE: ragazzi, dai, beh, mi raccomando DESIDERIO: magari<br />

IMPRECAZIONE: accidenti DUBBIO: non è che, mah, boh. ESERCIZIO 4: 1) d; 2) e; 3) a; 4) b; 5) c; 6) g; 7) h; 8) f. ESERCIZIO 5: 1) Ma va’, f; 2) Diciamo che, g; 3) Ragazzi,<br />

a; 4) Insomma, b; 5) Mah, e; 6) Praticamente, c; 7) Niente, d. ESERCIZIO 6: 1) Veramente io non ho nessuna voglia di andarci. 2) Mah, non so, forse andrò al mare. 3) Ci<br />

vediamo al solito posto, cioè davanti al bar. 4) Allora fammelo sapere, quando ti sarai deciso. 5) Ieri ero molto stanco, infatti mi sono addormentato prestissimo. 6) È troppo<br />

lungo e ha una trama noiosa, insomma non vale la pena di vederlo. 7) Praticamente sono sicuro di averlo passato. 8) Niente, vorrei parlarti un momento, se permetti.<br />

9) Accidenti, mi sono macchiato di caffè. ESERCIZIO 7: 1) a; 2) b; 3) a; 4) <strong>ADESSO</strong> b; 5) a; 6) SETTEMBRE b; 7) a; 8) a; 2014 9) a.


PAGINE FACILI<br />

DI MARCO MONTEMARANO<br />

GLI ELETTRODOMESTICI<br />

il microonde<br />

il frullatore<br />

il trapano<br />

il frigorifero<br />

il congelatore<br />

la lavastoviglie<br />

la lavatrice<br />

il forno<br />

l’aspirapolvere<br />

la macchina<br />

del caffè<br />

41<br />

l’asciugatrice<br />

il rasoio<br />

elettrico<br />

il tostapane<br />

il fon<br />

la centrifuga<br />

IN CUCINA, IN BAGNO E, PIÙ IN GENERALE, NEL-<br />

LA NOSTRA CASA, CI SONO OGGETTI ELETTRICI<br />

INDISPENSABILI. Vengono chiamati elettrodomestici.<br />

Sapete perché? Domestici è la parola che si usava, nelle<br />

famiglie ricche italiane, per il personale di servizio. Gli<br />

elettrodomestici, dunque, non sono altro che “servitori<br />

elettrici”. I nomi degli strumenti tecnologici che ci aiutano<br />

nelle faccende di casa sono a volte nomi composti.<br />

Per lavare i piatti e le pentole c’è la lavastoviglie (stoviglie è<br />

il nome collettivo degli oggetti che servono per cucinare<br />

e mangiare). Per togliere la polvere dal pavimento si usa<br />

l’elettrodomestico<br />

indispensabile<br />

il domestico<br />

le faccende<br />

di casa<br />

la pentola<br />

la lavastoviglie<br />

le stoviglie<br />

la polvere<br />

l’aspirapolvere<br />

il capo di<br />

abbigliamento<br />

Haushalts<br />

gerät<br />

unentbehrlich<br />

Bediensteter<br />

Hausarbeit<br />

Kochtopf<br />

Geschirrspüler<br />

Geschirr<br />

Staub<br />

Staubsauger<br />

Kleidungsstück<br />

la lavatrice<br />

l’asciugatrice f.<br />

stirare<br />

il ferro da stiro<br />

impensabile<br />

l’asciugacapelli<br />

m.<br />

il frullatore<br />

il frigorifero<br />

i generi<br />

alimentari<br />

dotato<br />

il congelatore<br />

Waschmaschine<br />

Trockner<br />

bügeln<br />

Bügeleisen<br />

undenkbar<br />

Haartrockner<br />

Mixer<br />

Kühlschrank<br />

Lebensmittel<br />

ausgestattet<br />

Gefrierfach<br />

l’aspirapolvere. La macchina che lava le nostre camicie e<br />

gli altri capi di abbigliamento si chiama lavatrice. Quella<br />

che li asciuga ha semplicemente il nome di asciugatrice.<br />

Se le due funzioni sono combinate, si dice lavasciuga. I<br />

panni vengono poi stirati con un ferro da stiro che oggi,<br />

quasi sempre, è elettrico e ha una serie di funzioni che<br />

un tempo erano impensabili. Alcuni strumenti elettrici<br />

servono per la nostra igiene personale e si usano in bagno,<br />

per esempio il rasoio elettrico o l’asciugacapelli, che<br />

spesso è chiamato brevemente fon o anche fohn (la forma<br />

phone, molto diffusa, è sbagliata). Altri sono di uso comune<br />

in cucina: il frullatore per frutta e verdura, ma anche il<br />

frigorifero, che serve a tenere in fresco i generi alimentari<br />

e spesso è dotato di freezer o congelatore. Può essere considerato<br />

un elettrodomestico anche il televisore, chiamato<br />

anche la TV. In italiano spesso non si fa differenza tra il<br />

televisore, cioè l’apparecchio, e la televisione, che vuol dire<br />

Fernsehen ma spesso è usato come sinonimo di televisore.<br />

Marco Montemarano: Dozent für <strong>Italienisch</strong>,<br />

Übersetzer, Sprecher, lebt in Deutschland<br />

(München) seit über 20 Jahren.<br />

Seit 1996 schreibt er die Pagine facili.<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2014


PAGINE FACILI<br />

DIALOGO<br />

MILENA E ANTON USANO<br />

GLI ELETTRODOMESTICI<br />

il rumore<br />

sporcare<br />

il lavandino<br />

la cesta<br />

seccare<br />

il gelsomino<br />

la signora<br />

delle pulizie<br />

Lärm<br />

schmutzig machen<br />

Waschbecken<br />

Korb<br />

trocknen<br />

Jasmin<br />

Putzfrau<br />

MILENA: Anton, puoi dirmi che<br />

cos’è questo rumore?<br />

ANTON: Non preoccuparti, è solo il<br />

frullatore. Sto facendo un frullato di<br />

banane e fragole, ne vuoi anche tu<br />

un bicchiere?<br />

MILENA: Va bene, grazie. Ma non<br />

sporcare tutto come l’altroieri. E<br />

ricordati che devi mettere i piatti<br />

nella lavastoviglie.<br />

ANTON: Va bene. E tu che cosa<br />

stai facendo in questo momento?<br />

MILENA: Sto finendo di pulire il<br />

lavandino. Dopo voglio passare<br />

l’aspirapolvere in salotto. I tappeti<br />

sono sporchi. E poi anche in<br />

camera da letto.<br />

ANTON: Hai acceso la lavatrice?<br />

MILENA: No, aspettavo le tue<br />

camicie. Quando me le dai?<br />

ANTON: Ah, hai ragione. Sono<br />

nella cesta dei panni sporchi,<br />

puoi prenderle tu, per favore?<br />

MILENA: Certo. Anche quella<br />

hawaiana?<br />

ANTON: No, quella la lavo io a<br />

mano. Ah scusa... hai dato l’acqua<br />

alle piante del balcone?<br />

MILENA: No, di solito lo fai tu. Non<br />

farle seccare. E ricordati che il gelsomino<br />

ha bisogno di tanta acqua!<br />

ANTON: Va bene. Pulisco il<br />

frigorifero e poi ci penso io. Da<br />

quando non viene più la signora<br />

delle pulizie, nel fine settimana mi<br />

diverto di più.<br />

MILENA: E risparmiamo anche un<br />

po’di soldi…<br />

42<br />

Esercizio 1*:<br />

1. Anton sta facendo un frullato di banane e<br />

______________.<br />

2. Milena sta pulendo il _______________.<br />

3. I tappeti sono ______________.<br />

4. Milena vuole passare l’______________.<br />

5. La camicia hawaiana sarà lavata ______________.<br />

Esercizio 2*:<br />

1. Quando ha sporcato tutto Anton?<br />

2. Quale pianta ha bisogno di molta acqua?<br />

3. Che cosa vuol pulire Anton prima di dare acqua alle<br />

piante?<br />

4. Chi è che non viene più?<br />

5. Dove sono le camicie?<br />

COLPI<br />

Stavolta, per l’esercizio 3, trattiamo<br />

un argomento un po’… violento! Quali<br />

sostantivi si usano per indicare colpi dati<br />

con una parte del corpo o con un oggetto?<br />

Prima di guardare le soluzioni, provate a<br />

chiedere a un amico italiano!<br />

* SOLUZIONI A PAGINA 36<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2014


PAGINE FACILI<br />

CRUCIVERBA<br />

Tutte le parole di questo cruciverba sono contenute nelle<br />

Pagine facili. Leggetele attentamente prima di iniziare!<br />

Buon divertimento!<br />

1<br />

4<br />

6<br />

2<br />

5<br />

3<br />

Orizzontali:<br />

4. Un colpo dato con la testa<br />

è una …<br />

7. Per frullare le verdure in<br />

cucina uso il …<br />

8. Un colpo dato con la mano<br />

chiusa è un …<br />

9. Per tenere le cose al<br />

freddo in cucina uso il …<br />

Verticali:<br />

1. Mi hanno regalato un nuovo<br />

… al plasma.<br />

2. Mi asciugo i capelli con l’…<br />

3. Non lavo il bucato a mano<br />

ma in …<br />

5. Il pavimento è sporco, devi<br />

passare l’…<br />

6. Lo sport di Bundu in<br />

italiano si chiama …<br />

7<br />

43<br />

8<br />

9<br />

SOLUZIONI 08.2014<br />

Esercizio 3*:<br />

1. Un colpo dato a mano aperta è uno __________________.<br />

2. Se si usa la mano chiusa è un __________________.<br />

3. Il colpo dato con un piede è un __________________.<br />

4. Dato con la testa è una __________________.<br />

5. E se si usa il gomito si parla di ___________________.<br />

6. Chi usa un martello per colpire dà una __________________.<br />

1<br />

2<br />

P<br />

S<br />

O<br />

3<br />

M<br />

4<br />

O T<br />

5<br />

B N A C R<br />

6<br />

A T O R R E N T E<br />

7<br />

8<br />

F I U M E E A T<br />

A O N T<br />

9 10<br />

L<br />

G O L F O<br />

E<br />

A<br />

G<br />

11<br />

12<br />

R U S C E L L O<br />

A<br />

N<br />

A<br />

L<br />

E<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2014


chiedi?<br />

GM_Ade so-Rom_A rivalkarten_70x100_VS_RZ.indd 1 12.08.2010 16:28:35 Uhr<br />

Spielend Rom<br />

entdecken und<br />

<strong>Italienisch</strong> lernen!<br />

Questo mese:<br />

ESERCIZIO<br />

SUL PRESENTE<br />

PROGRESSIVO<br />

6<br />

7<br />

C<br />

8<br />

9<br />

DOMANDA<br />

Hai chiesto indicazioni stradali (Wegbeschreibung)<br />

per raggiungere (e reichen)<br />

i Musei Capitolini, ma il passante (Fußgänger<br />

) ha parlato troppo velocemente<br />

(schne l ) e non hai capito. Che cosa gli<br />

chiedi?<br />

a) Può ripetere, grazie?<br />

b) Può ripetere, per favore?<br />

c) Può ripetere, prego?<br />

D<br />

Il tuo albergatore (Hotelier) parla del<br />

turismo “mordi e fuggi”. Che cosa<br />

intende (intendere: meinen)?<br />

a) turismo di tipo enogastronomico<br />

b) turismo religioso<br />

c) turismo di massimo tre giorni<br />

ne le ci tà d’arte<br />

E<br />

A B<br />

C<br />

D<br />

© 2010 Gru be Media GmbH<br />

© 2010 Gru be Media GmbH<br />

DOMANDA<br />

Hai chiesto indicazioni stradali (Wegbeschreibung)<br />

per raggiungere (e reichen)<br />

i Musei Capitolini, ma il passante (Fußgänger<br />

) ha parlato troppo velocemente<br />

DOMANDApe<br />

(schne l ) e non hai capito. Che cosa gli<br />

a) Può ripetere, grazie?<br />

b) Può ripetere, per favore?<br />

c) Può ripetere, prego?<br />

DOMANDA<br />

Hai chiesto indicazioni stradali schreibung) pe raggiungere (erreichen) reichen)<br />

i Musei Capitolini, ma il passante (Fuß-<br />

(Wegbegänger<br />

) ha parlato troppo velocemente<br />

(schne l ) e non hai capito. Che cosa gli<br />

chiedi?<br />

a) Può ripetere, grazie?<br />

b) Può ripetere, per favore?<br />

c) Può ripetere, prego?<br />

Il tuo albergatore (Hotelier ) parla del<br />

turismo “mordi e fuggi”. Che cosa<br />

intende (intendere: meinen)?<br />

a) turismo di tipo enogastronomico<br />

b) turismo religioso<br />

c) turismo di massimo tre giorni<br />

ne le ci tà d’arte<br />

Il tuo albergatore (Hotelier ) parla del<br />

turismo “mordi e fuggi”. Che cosa<br />

intende (intendere: meinen)?<br />

a) turismo di tipo enogastronomico<br />

b) turismo religioso<br />

c) turismo di massimo tre giorni<br />

nelle ci tà d’arte<br />

RISPOSTA<br />

b) Può ripetere, per favore?<br />

“Per favore”, abbreviato p.f., si usa<br />

quando vuoi chiedere qualcosa in modo<br />

gentile (freundlich). “Prego” si usa<br />

come risposta a chi ringrazia o si scusa:<br />

“Grazie!” “Prego”. “Mi scusi per il<br />

ritardo”. “Prego, non si preoccupi”.<br />

c) turismo di massimo tre giorni<br />

(Kurzurlaub) ne le ci tà d’arte<br />

“Mordi e fuggi” (wörtlich: beiß und<br />

flüchte) indica un’azione compiuta<br />

(vo lzogen) con estrema fre ta<br />

(in größter Eile): Mi ha fatto una visita<br />

mordi e fuggi.<br />

Altare della Patria<br />

Fu eretto (erigere: erbauen) per<br />

celebrare re Vittorio Emanuele I<br />

(1820-1878) e l‘Unità d‘Italia. Si<br />

trova in Piazza Venezia. Iniziato<br />

nel 1885, fu inaugurato (inaugurare:<br />

einweihen) nel 1911. Nel<br />

1921 venne co locata ne la cripta,<br />

situata nel nucleo centrale, la salma<br />

(Leichnam) del Milite Ignoto<br />

(Unbekannter Soldat)<br />

Soldat), , un soldato<br />

sconosciuto caduto (gefa len)<br />

durante la prima guerra mondiale.<br />

I romani lo chiamano “macchina<br />

da scrivere” (Schreibmaschine),<br />

perché ne ricorda la forma. Da la<br />

sua terrazza si ha una splendida<br />

visuale (Aussicht)<br />

su Roma.<br />

G<br />

5<br />

F<br />

3<br />

2 | Altare<br />

della Patria<br />

F<br />

GM_Adesso-Rom_Bildkarten_70x100_VS_RZ.indd 2 16.09.2010 13:21:37 Uhr<br />

Ebenfalls lieferbar:<br />

G<br />

H<br />

I<br />

J<br />

Atterri a l’aeroporto di<br />

Ciampino e prendi un taxi<br />

per il tuo albergo.<br />

Punto di partenza:<br />

Hotel de Russie.<br />

K L M<br />

E F<br />

G<br />

H<br />

I<br />

F<br />

2<br />

Das Spiel zur Stadt – für <strong>Italienisch</strong>lerner<br />

und Rom-Fans!<br />

Verbessern Sie Ihre Sprachkenntnisse in einer<br />

kurzweiligen Spielerunde! Grundkenntnisse in<br />

<strong>Italienisch</strong> reichen schon aus, um mitmachen<br />

zu können.<br />

Für 2-5 Spieler ab 14 Jahren. Mit 50 Bildkarten<br />

zu den Sehenswürdigkeiten, 590 Fragen in<br />

<strong>Italienisch</strong> und einem Stadtplan als Spielfeld.<br />

In Zusammenarbeit mit:<br />

Mehr Informationen auf<br />

www.grubbemedia.de<br />

JETZT BESTELLEN!<br />

www.sprachenshop.de/spiele<br />

oder im Buch- und Spielwarenhandel<br />

3 29,95 (UVP)<br />

A R R I V O<br />

I<br />

J<br />

1<br />

2<br />

K<br />

3<br />

4<br />

5<br />

L<br />

6<br />

7<br />

8<br />

M<br />

9<br />

Tel. +49 89 85681-286<br />

BUNDU,<br />

VERO ITALIANO<br />

L’italiano Leonard<br />

Bundu è campione<br />

europeo di boxe<br />

nella caregoria “pesi<br />

welter”.<br />

il pugno<br />

il pugile<br />

la coscienza<br />

divertirsi<br />

benestante<br />

scoprire<br />

Faustschlag<br />

Boxer<br />

Gewissheit<br />

Spaß haben<br />

wohlhabend<br />

entdecken<br />

SI CHIAMA LEONARD BUNDU, È DI CO- il campione europäischer<br />

LORE E VIVE DANDO PUGNI. È italiano e europeo Meister<br />

a giugno, ad Amburgo, è stato premiato come<br />

“Miglior pugile europeo”. Leonard è un nome glorioso, nel pugilato. E Bundu<br />

ha finalmente la coscienza di essere uno dei migliori. È nato a Freetown,<br />

la capitale della Sierra Leone, ma oggi parla con un bell’accento fiorentino,<br />

preso da sua madre. Da ragazzo, in Africa, si divertiva a fare il gangster<br />

con altri ragazzi della sua età. Ha avuto problemi con la giustizia, anche se<br />

suo padre, architetto laureato in Italia, dove aveva conosciuto la madre di<br />

Leonard, era benestante e lavorava per il governo. Poi, in Italia, Leonard ha<br />

scoperto la boxe. Oggi non è più un ragazzino. Ha 40 anni, che nello sport<br />

sono tanti, ma ha il titolo di campione europeo nella categoria dei “pesi<br />

welter” (circa 67 chilogrammi). Leonard dice di aver avuto pochi problemi<br />

di razzismo, in Italia, a causa del colore della sua pelle. Oggi vive con la sua<br />

compagna a Guidonia e ha due figli, un maschio e una femmina.<br />

Esercizio 4*:<br />

Usando i verbi del testo, costruite il presente progressivo (formato dal<br />

verbo stare + gerundio), come nell’esempio.<br />

sto premiando<br />

io - premiare__________________<br />

1. noi - chiamare_________________<br />

2. loro - avere____________________<br />

3. tu - parlare____________________<br />

4. lei - prendere__________________<br />

5. loro - divertirsi_________________<br />

6. io - laurearsi___________________<br />

7. voi - lavorare__________________<br />

8. lui - dire_______________________<br />

SOLUZIONI: ESERCIZIO 1: 1. fragole; 2. lavandino; 3. sporchi; 4. aspirapolvere; 5. a mano.<br />

ESERCIZIO 2: 1. l’altroieri; 2. il gelsomino; 3. il frigorifero; 4. la signora delle pulizie; 5. nella<br />

cesta dei panni sporchi. ESERCIZIO 3: 1. schiaffo; 2. pugno; 3. calcio; 4. testata; 5. gomitata;<br />

6. martellata. ESERCIZIO 4: 1. stiamo chiamando; 2. stanno avendo; 3. stai parlando; 4. sta<br />

prendendo; 5. si stanno divertendo; 6. mi sto laureando; 7. state lavorando; 8. sta dicendo.<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2014


IL PROVERBIO DEL MESE<br />

TRADUZIONE<br />

LE SCHEDE DI <strong>ADESSO</strong><br />

Non si può avere la botte piena<br />

e la moglie ubriaca<br />

LE FOTOPAROLE<br />

Ein deutsches Wort hat im <strong>Italienisch</strong>en<br />

mehrere Bedeutungen.<br />

1. Sind die Nudeln bereits im Topf?<br />

2. Die Pflanze braucht einen neuen Topf.<br />

VOCABOLARIO<br />

1. il cameriere<br />

2. il barista<br />

3. il bancone<br />

4. l’ordinazione<br />

Al bar<br />

5. la consumazione<br />

al tavolo<br />

6. il conto<br />

7. lo scontrino<br />

1) _________________ 2) _________________<br />

VERBI CON PREPOSIZIONE<br />

ITALIANO COLLOQUIALE<br />

Inserisci la preposizione corretta.<br />

Enrico e Luisa hanno deciso _____ sposarsi.<br />

Pazzesco!<br />

Erano appena riusciti a pareggiare,<br />

ma dopo pochi secondi la squadra avversaria<br />

ha fatto un altro gol. Pazzesco!<br />

espressione colloquiale<br />

45 <strong>ADESSO</strong> 09.2014<br />

ESERCIZIO<br />

Acca sì o no? Scegli l’opzione giusta.<br />

1) La festa è finita ha/a mezzanotte.<br />

2) Mauro ha/a la play station.<br />

3) I ragazzi non hanno/anno voglia di studiare.<br />

4) Andrea è nato esattamente un hanno/anno fa.<br />

5) Oh/O che sorpresa!<br />

6) Oh/O la borsa oh/o la vita!<br />

ATTENTI ALLE DOPPIE!<br />

sera/serra<br />

Ho piantato diversi nuovi fiori nella<br />

_______________ che si trova in giardino.


ÜBERSETZUNG<br />

1. La pasta è già in pentola?<br />

2. La pianta ha bisogno di un nuovo vaso.<br />

SPRICHWORT DES MONATS<br />

Wasch mir den Pelz,<br />

aber mach mich nicht nass<br />

SAMMELKARTEN<br />

WORTSCHATZ<br />

BILDWÖRTER<br />

1. Kellner<br />

2. Barmann<br />

3. Theke<br />

4. Bestellung<br />

In der Bar<br />

5. Verzehr am Tisch<br />

6. Rechnung<br />

7. Bon<br />

il centesimo<br />

i centesimi<br />

la nave<br />

le navi<br />

ALLTAGSITALIENISCH<br />

VERBEN MIT PRÄPOSITION<br />

Wahnsinn!<br />

Sie hatten gerade erst den Ausgleich erzielt,<br />

da hat die gegnerische Mannschaft noch<br />

ein Tor geschossen. Wahnsinn!<br />

decidere di:<br />

Enrico e Luisa hanno deciso di sposarsi.<br />

ACHTUNG DOPPELKONSONANTEN!<br />

la serra<br />

la sera<br />

Ho piantato [piantare: pflanzen] diversi nuovi fiori<br />

nella serra che si trova in giardino.<br />

ÜBUNG<br />

Soluzioni: 1) a; 2) ha; 3) hanno;<br />

4) anno; 5) Oh; 6) O, o.<br />

Vogliono l’h le forme del verbo “avere” ho,<br />

hai, ha, hanno e le esclamazioni Ah! Ahi! Ahia!<br />

Ahimè! Ohimè! Oh! Uh! Ehi!<br />

46 <strong>ADESSO</strong> 09.2014


LE REGIONI<br />

D’ITALIA<br />

LOMBARDIA 09.2013<br />

EMILIA-ROMAGNA 10.2013<br />

MARCHE 11.2013<br />

PIEMONTE 12.2013<br />

SICILIA 01.2014<br />

FRIULI-VENEZIA GIULIA 02.2014<br />

LAZIO 03.2014<br />

BASILICATA 04.2014<br />

VALLE D’AOSTA 05.2014<br />

CAMPANIA 06.2014<br />

MOLISE 07.2014<br />

TRENTINO-ALTO ADIGE 08.2014<br />

TOSCANA 09.2014<br />

Sardegna 10.2014<br />

Umbria 11.2014<br />

Liguria 12.2014<br />

Calabria 01.2015<br />

Veneto 02.2015<br />

Abruzzo 03.2015<br />

Puglia 04.2015<br />

ITALIENISCH<br />

LEICHT GEMACHT<br />

ITALIENISCH LEICHT GEMACHT 09/2014 ALLE TEXTE AUF<br />

GIRO D’ITALIA<br />

TOSKANA<br />

Wie gut kennen Sie den „Stiefel“?<br />

Eine Reise durch Landeskunde,<br />

Kultur und Traditionen<br />

der italienischen Regionen.<br />

JEDEN<br />

MONAT<br />

IM HEFT<br />

47<br />

Zusätzliche sowie zurückliegende<br />

Ausgaben von können<br />

Sie zusammen mit dem Sprachmagazin<br />

<strong>ADESSO</strong> nachbestellen:<br />

Tel. +49(o)89/85681-16;<br />

E-Mail: abo@spotlight-verlag.de<br />

09.14 EVVIVA!_Cover.indd 1 30.07.14 12:07<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2014


FINE SETTIMANA<br />

Una valle<br />

INCANTATA<br />

Mitten in der Toskana findet der aufmerksame Reisende ein bezaubernd<br />

schönes, beinahe unbekanntes Tal, das einer anderen Zeit anzugehören<br />

scheint. Wer seinen stolzen Bewohnern Gehör schenkt, wird ihre Herzen<br />

erobern und für einen Augenblick Teil ihrer faszinierenden Welt…<br />

Testo: Fabrizia Memo<br />

48<br />

TOSCANA<br />

FIRENZE<br />

IMMAGINATE DI ESSERE CATA-<br />

PULTATI AL TEMPO IN CUI CAVA-<br />

LIERI E MAGHI ABITAVANO CASTEL-<br />

LI INCANTATI IMMERSI NEL VERDE,<br />

demoni e spiritelli infestavano fitte foreste,<br />

monaci e pellegrini percorrevano lunghi e<br />

tortuosi sentieri per raggiungere santuari<br />

arrampicati sulle rocce. In Toscana, nella<br />

provincia di Arezzo, esiste uno di questi<br />

luoghi magici: la valle del Casentino, protetta<br />

dalle montagne dell’Appennino tosco-romagnolo<br />

e dal massiccio del Prato Magno. Per capirla<br />

davvero, è necessario lasciarsi guidare dagli abitanti del<br />

luogo, che ne conoscono storie e leggende. Chi arriva<br />

qui non è un semplice turista, ma entra a far parte della<br />

comunità della valle, anche se per pochi giorni. Si intuisce<br />

subito dai sorrisi sinceri di persone dagli occhi sapienti,<br />

che cercano di raccontarti più di quanto lo sguardo<br />

del forestiero possa percepire da solo.<br />

Comincia così, il mio viaggio nel Casentino. Mi lascio<br />

guidare, o meglio raccontare da chi queste montagne le<br />

conosce bene, ne ha tracciato i sentieri, ha imparato a<br />

convivere con i passi, le foreste e, soprattutto, con la loro<br />

antica storia. La mia guida si chiama Scipione e, pur non<br />

essendo nato in questa valle, ha capito ben presto che qui<br />

avrebbe messo le sue radici, vicino a quelle ben radicate<br />

di faggi e abeti secolari. Capirò ben presto, dice, perché<br />

questo posto ti strega. La prima tappa è La Chiusa, la sua<br />

azienda agricola, poco distante dal paesino di Stia, nel<br />

cuore del Parco delle Foreste casentinesi, a 50 chilometri<br />

da Arezzo. Come ogni costruzione qui intorno, anche La<br />

Chiusa sorge sulle rovine di un edificio più antico. Basta<br />

osservare gli attrezzi agricoli tradizionali ritrovati intor-<br />

Casentino no alle sue mura e appesi alla parete della<br />

grande sala comune, in cui Scipione e la<br />

moglie Biggi servono deliziosi pasti a base<br />

di prodotti locali. L’imponente casa colonica<br />

in pietra toscana, ristrutturata e pronta a<br />

Arezzo<br />

ospitare i viaggiatori, è stata ricostruita partendo<br />

dal muro di un antico oratorio che,<br />

nell’XI secolo, apparteneva all’eremo di<br />

Camaldoli, poco distante da qui. Non lontano<br />

corrono sentieri che oggi sono meta<br />

degli appassionati di trekking e, nel Medioevo,<br />

erano percorsi da pellegrini diretti al monastero o<br />

all’eremo dei monaci camaldolesi, per poi proseguire<br />

in direzione del santuario francescano di La Verna, a 40<br />

chilometri da qui (vedi <strong>ADESSO</strong> 04/14, pag. 12).<br />

Impaziente di conoscere la valle, la sera stessa passeggio<br />

in giardino. Tutto intorno, pascoli silenziosi. Sopra<br />

di me, il cielo stellato. E se all’improvviso incontrasil<br />

cavaliere<br />

il mago<br />

il castello<br />

incantato<br />

immerso in<br />

lo spiritello<br />

infestare<br />

fitto<br />

percorrere<br />

tortuoso<br />

il sentiero<br />

il santuario<br />

arrampicato<br />

la roccia<br />

la valle<br />

protetto<br />

guidare<br />

sapiente<br />

il forestiero<br />

Ritter<br />

Zauberer<br />

Burg<br />

verzaubert<br />

inmitten von<br />

Kobold<br />

heimsuchen<br />

dicht<br />

entlanglaufen<br />

gewunden<br />

Pfad<br />

Wallfahrtskirche<br />

hier: hoch oben<br />

Fels<br />

Tal<br />

geschützt<br />

führen<br />

weise<br />

Fremder<br />

percepire<br />

tracciare<br />

convivere<br />

con qc.<br />

il passo<br />

la radice<br />

il faggio<br />

l’abete m.<br />

secolare<br />

l’azienda<br />

sorgere<br />

la rovina<br />

l’attrezzo<br />

appeso<br />

la pietra<br />

l’eremo<br />

la meta<br />

il Medioevo<br />

il monastero<br />

wahrnehmen<br />

abstecken<br />

mit etw. leben<br />

Pass<br />

Wurzel<br />

Buche<br />

Tanne<br />

jahrhundertealt<br />

Betrieb<br />

stehen<br />

Ruine<br />

Gerät<br />

aufgehängt<br />

Stein<br />

Einsiedelei<br />

Ziel<br />

Mittelalter<br />

Kloster<br />

© A. Nardi, Hoffmann/laif


FINE SETTIMANA<br />

49<br />

PIEVI, CASTELLI E BORGHI<br />

MEDIEVALI NEL VERDE<br />

Da sopra: il borgo di Poppi, circondato dalle Foreste<br />

casentinesi, emerge dalla nebbia del mattino; l’interno<br />

della Badia di San Fedele a Poppi.<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2014


FINE SETTIMANA<br />

50<br />

C’è ancora chi<br />

tira acqua<br />

al suo mulino...<br />

Andrea Grifoni aveva il destino già scritto nel Dna.<br />

È cresciuto, infatti, in un antico mulino ad acqua in<br />

località Pagliericcio, di proprietà della sua famiglia dal<br />

1696. Qui, mentre giocava da bambino, si sporcava di<br />

proposito per assomigliare al suo papà, che come tanti<br />

suoi antenati faceva il mugnaio. Le conoscenze del<br />

mestiere si sono tramandate di padre in figlio per molte<br />

generazioni, fino a costituire una vera e propria tradizione<br />

familiare. Saper macinare correttamente la farina, levigare<br />

la pietra delle macine, costruire e sostituire al momento<br />

giusto le pale di legno azionate dalla forza della corrente<br />

consente oggi ad Andrea di produrre farine genuine<br />

dal sapore sublime, che si<br />

tirare acqua seine Schäf- possono acquistare<br />

al proprio chen ins Tro- direttamente sul posto.<br />

mulino (prov.) ckene bringen Molino Grifoni, località<br />

di proposito absichtlich Pagliericcio 192, Castel<br />

la farina Mehl<br />

San Niccolò.<br />

levigare schleifen Tel. +39 0575 572873.<br />

si un pellegrino o un cavaliere medievale? L’odore del<br />

dolce che Biggi inforna tutte le sere per la colazione mi<br />

riporta alla realtà.<br />

La mattina dopo mi avvio con la mia guida verso l’eremo<br />

di Camaldoli, circondato da una foresta di abeti<br />

bianchi. Purtroppo il tempo è tiranno e non possiamo<br />

andare a piedi. Tuttavia, dopo aver visitato il mistico eremo<br />

e la sua chiesa barocca, dove ancora oggi vivono in<br />

ritiro i monaci, ci incamminiamo per uno dei sentieri che<br />

portano fino alla cima del Monte Penna. Non è difficile<br />

comprendere perché San Romualdo, fondatore dell’ordine<br />

dei camaldolesi, scelse questi luoghi per ricercare la<br />

contemplazione.<br />

Gli abeti bianchi e i faggi d’alto fusto che costeggiano<br />

i sentieri, l’odore del muschio e dei fiori, gli animali<br />

che scappano via al rumore dei passi, sorprendono ed<br />

emozionano anche i camminatori più esperti, che di foreste<br />

ne hanno viste tante, ma forse mai di così autentiche.<br />

Nel Parco delle Foreste casentinesi, infatti, l’intervento<br />

dell’uomo è minimo e spesso prevede solo la cura dei<br />

sentieri, senza alcuna interferenza con la fauna. Lo capiamo<br />

appena arrivati alla fine della nostra passeggiata,<br />

sulla cima del Monte Penna. Il nostro sguardo può raggiungere<br />

da qui le distese appenniniche della confinante<br />

Emilia-Romagna e scorgere, durante le giornate limpide,<br />

il luccichio del Mar Adriatico all’orizzonte. Il versante appenninico<br />

toscano, su cui ci troviamo, è di un verde lussureggiante.<br />

Si distingue anche il primo nucleo del parco,<br />

infornare<br />

avviarsi<br />

circondato<br />

in ritiro<br />

la cima<br />

il fondatore<br />

d’alto fusto<br />

costeggiare<br />

il muschio<br />

scappare via<br />

prevedere<br />

la cura<br />

la distesa<br />

confinante<br />

scorgere<br />

limpido<br />

il luccichio<br />

il versante<br />

lussureggiante<br />

distinguere<br />

in den Ofen<br />

schieben<br />

losgehen<br />

umgeben<br />

zurückgezogen<br />

Spitze<br />

Gründer<br />

hochstämmig<br />

entlang stehen<br />

Moos<br />

flüchten<br />

vorsehen<br />

Pflege<br />

Weite<br />

angrenzend<br />

bemerken<br />

klar<br />

Funkeln<br />

Seite<br />

üppig<br />

erkennen<br />

il nucleo<br />

l’estensione f.<br />

risalire a qc.<br />

il/la custode<br />

il frate<br />

svettare<br />

l’ascesa<br />

il divino<br />

la potenza<br />

ecclesiastico<br />

il conte<br />

la coltivazione<br />

il vigneto<br />

edificare<br />

la fattoria<br />

il torrente<br />

la cantina<br />

la sensazione<br />

collegato<br />

la botte<br />

testimoniare<br />

Kern<br />

Ausdehnung<br />

auf etw.<br />

zurückgehen<br />

Hüter, -in<br />

Mönch<br />

aufragen<br />

Aufstieg<br />

Göttliches<br />

Macht<br />

geistlich<br />

Graf<br />

Bewirtschaftung<br />

Weinberg<br />

bauen<br />

Bauernhof<br />

Wildbach<br />

Weinkeller<br />

Gefühl<br />

verbunden<br />

Fass<br />

bezeugen<br />

la Riserva naturale di Sasso Fratino, dove dal 1959 l’uomo<br />

non è più intervenuto. L’istituzione del parco vero e proprio,<br />

con l’attuale estensione, risale invece al 1993.<br />

Nel Medioevo i custodi della foresta erano i monaci<br />

camaldolesi e i frati francescani di La Verna. Intorno<br />

all’eremo, i camaldolesi hanno mantenuto solo gli abeti<br />

bianchi, che con i loro fusti svettano alti verso il cielo,<br />

metafora dell’ascesa al divino. I camaldolesi erano la potenza<br />

ecclesiastica del Casentino, accanto a quella laica<br />

dei conti Guidi. All’inizio del XIII secolo si dedicano alla<br />

coltivazione di vigneti ed edificano una fattoria chiamata<br />

La Mausolea, lungo il torrente Archiano. Questa fattoria<br />

esiste ancora oggi e ospita, nei sotterranei, la cantina storica<br />

dei monaci. È un ambiente buio, umido e molto simile<br />

a una grotta. Entrandovi si ha davvero la sensazione<br />

di essere stati catapultati in un’altra epoca. Enormi stanze<br />

collegate tra loro da piccole aperture, in contrasto con le<br />

alte mura, ospitano botti alte anche tre metri che risalgono<br />

fino alla metà del 1700, come testimoniano le date<br />

La scalinata in pietra<br />

che costeggia il muro<br />

degli stemmi nel Castello<br />

di Poppi.<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2014


Lo sapevate che…<br />

Dante Alighieri, durante il suo esilio [Exil] da Firenze, è stato<br />

ospitato nel Casentino dai conti Guidi. Ha soggiornato [soggiornare:<br />

sich aufhalten] nel castello di Romena e nel castello<br />

di Porciano, come ricordano i versi 64-66 del XXX canto<br />

dell’Inferno: Li ruscelletti che de’ verdi colli del Casentin<br />

discendon giuso in Arno, facendo i lor canali freddi e molli.<br />

UN TRIPUDIO DI NATURA E ARTE<br />

Da sopra, in senso orario: la raccolta delle castagne<br />

in autunno; il Parco delle Foreste casentinesi;<br />

un campo di papaveri in primavera; la<br />

chiesa barocca dell’eremo di Camaldoli.<br />

51<br />

impresse nel legno. Le immense botti vengono utilizzate<br />

ancora oggi ed è qui che il vino invecchia, secondo una<br />

tradizione secolare. Il risultato è il Borbotto, nelle varietà<br />

bianco, rosso e passito, che deve il suo nome al caratteristico<br />

sbuffo che fa il vino quando si usa il colmatore di<br />

vetro per riempire la botte fino all’orlo.<br />

Per entrare in contatto con l’anima laica del Casentino<br />

e con i suoi paesini nati come mercatali, ovvero come<br />

mercati medievali ai piedi di castelli arroccati sulle colline,<br />

bisogna scendere a valle, ai confini della foresta, dove<br />

la storia si intreccia con quella della Firenze medicea. Qui<br />

il nome che riecheggia per i vicoli dei borghi ci riporta<br />

© F. Memo (2), Hoffmann/laif, Marka<br />

impresso eingeprägt<br />

il (vino) passito Likörwein<br />

lo sbuffo hier: Gurgeln<br />

il colmatore: Einfüllvorrichtung<br />

mit schmalen Enden, welche zur<br />

Mitte hin breiter wird und den<br />

Wein so „gurgeln“ lässt<br />

l’orlo Rand<br />

l’anima Seele<br />

arroccato thronend<br />

il confine Grenze<br />

intrecciarsi sich verknüpfen<br />

riecheggiare wiederhallen<br />

il vicolo Gasse<br />

il borgo Dorf<br />

la fiaba Märchen<br />

acerrimo erbittert<br />

il nemico Feind<br />

il guelfo Welfe<br />

la supremazia Vorherrschaft<br />

intaccare beschädigen<br />

la battaglia Schlacht<br />

la piana Ebene<br />

il baluardo Bollwerk<br />

schierarsi Stellung<br />

beziehen<br />

in favore zu jdns.<br />

di qcn. Gunsten<br />

il ghibellino Waiblinger<br />

la sorte Schicksal<br />

vincitore siegreich<br />

distruggere zerstören<br />

stabilire aufstellen<br />

il podestà: im Mittelalter durch<br />

Herrscher in ital. Städten eingesetzte<br />

Gouverneure<br />

alla mente poesie e fiabe medievali. I signori indiscussi di<br />

queste terre erano i conti Guidi, acerrimi nemici dei guelfi<br />

fiorentini, la cui supremazia venne intaccata solo dopo<br />

la battaglia nella piana di Campaldino, tra Poppi e Pratovecchio,<br />

nel 1289. Proprio per difendere il suo baluardo,<br />

il castello di Poppi, Guido Novello dei Conti Guidi si<br />

schierò in favore dei ghibellini aretini, decretando così la<br />

propria sorte. I guelfi vincitori, infatti, distrussero quasi<br />

tutti i castelli dei conti Guidi, tranne Poppi, dove i Fiorentini<br />

stabilirono nel 1440 il loro podestà per controllare da<br />

qui l’intera valle. Da allora il castello, che secondo il Vasari<br />

è il prototipo di Palazzo Pitti a Firenze, è sopravvissuto<br />

come rara testimonianza dell’antica potenza dei Guidi.<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2014


FINE SETTIMANA<br />

52<br />

La torre del castello, che<br />

sorge autorevole su una collina<br />

panoramica, è protetta da<br />

una muratura ricca di merlature.<br />

L’accesso principale è al<br />

di là di questo perimetro e ci<br />

introduce in quello che una<br />

volta era il cortile interno<br />

all’aperto, su cui si affacciano<br />

le terrazze dei piani superiori,<br />

orlate da un portico ligneo e<br />

leggermente inclinate per permettere all’acqua piovana<br />

di defluire. Ai piani superiori si accede attraverso una<br />

grande scalinata in pietra che costeggia un muro decorato<br />

di stemmi, tra cui spicca quello con inciso il nome del<br />

poeta Guido Cavalcanti, che con Dante Alighieri prese<br />

parte alla cruenta battaglia di Campaldino. Oggi conduce<br />

a vivaci saloni affrescati, i cui colori stridono con le pietre<br />

grigie delle pareti portanti. Una di queste porte introduce<br />

addirittura a un’autentica sala del tesoro. Il castello custodisce,<br />

infatti, la Biblioteca Rilliana, un patrimonio librario<br />

che comprende 25.000 volumi, tra cui 700 incunabuli<br />

e 800 manoscritti. Il signor Alessandro Brezzi, che vigila<br />

su questo patrimonio inestimabile, ci apre a una a una le<br />

porte che conducono alle stanze della biblioteca, con gli<br />

antichi scaffali a muro alti sino al soffitto stipati di volumi<br />

antichi rilegati, atti e documenti che narrano le vicende<br />

della valle nel corso dei secoli, sino ad arrivare ad antichi<br />

codici miniati a partire dall’XI secolo. Mentre ci mostra i<br />

preziosi volumi, colgo l’orgoglio che rivedrò negli occhi<br />

di tanti altri personaggi di questa valle.<br />

Ad esempio Claudio Grisolini, che a Stia guida la Tessilnova,<br />

una delle poche aziende a lavorare la lana con<br />

strumenti e tecniche tradizionali, mi racconta con lo stesso<br />

orgoglio la lunga storia della lavorazione della lana in<br />

questa valle, in particolare del panno casentino. Si tratta<br />

del tessuto dai caratteristici colori sgargianti verde e arancio,<br />

resistente e infeltrito, che riparava i pastori e i boscaioli<br />

della valle durante i lunghi e rigidi inverni. Claudio è<br />

figlio d’arte. Suo padre Gabriele lavorava come tessitore<br />

all’interno del prestigioso Lanificio di Stia, che partecipò<br />

all’Esposizione Universale parigina nel 1867 e divenne<br />

fornitore ufficiale di Casa Savoia nel 1918. Quando cessò<br />

la sua attività, Gabriele mise a disposizione alcuni locali<br />

della sua azienda per ospitare il nucleo originario di<br />

quello che sarebbe in seguito divenuto un museo. Oggi<br />

i macchinari d’epoca e il patrimonio di conoscenze delle<br />

arti della cardatura, tessitura e filatura sono custoditi<br />

all’interno dello splendido Museo dell’Arte della lana.<br />

Negli spaziosi locali dove aveva sede l’antico lanificio è<br />

stato allestito un autentico viaggio sensoriale e didattico<br />

alla scoperta di un’arte che in questa valle è conosciuta e<br />

si è affinata sin dall’impero Romano. Il primo documento<br />

che testimonia l’attività di una laniera nel Casentino risale<br />

al 1349 e non è un caso che a Stia, nel cuore della valle,<br />

dal 1830 sino al 2000 il motore propulsivo dell’economia<br />

Qui: il monumento dedicato<br />

a Dante Alighieri a Poppi.<br />

Sopra: i sentieri del Parco<br />

delle Foreste casentinesi.<br />

© F. Memo (3), Anzenberger Agency<br />

autorevole<br />

la merlatura<br />

il perimetro<br />

affacciarsi<br />

su qc.<br />

orlato<br />

il portico<br />

inclinato<br />

defluire<br />

lo stemma<br />

spiccare<br />

inciso<br />

cruento<br />

condurre<br />

affrescato<br />

stridere<br />

il tesoro<br />

custodire<br />

il patrimonio<br />

l’incunabolo<br />

vigilare<br />

inestimabile<br />

stipato<br />

rilegato<br />

l’atto<br />

narrare<br />

la vicenda<br />

gebieterisch<br />

Zinnenbesatz<br />

Stadtgrenze<br />

auf etw.<br />

hinausgehen<br />

gesäumt<br />

Bogengang<br />

geneigt<br />

abfließen<br />

Wappen<br />

hervorstechen<br />

eingemeißelt<br />

blutig<br />

führen<br />

freskengeschmückt<br />

sich beißen<br />

Schatz<br />

hüten<br />

Erbe<br />

Wiegendruck<br />

wachen<br />

unschätzbar<br />

dicht gefüllt<br />

gebunden<br />

Urkunde<br />

erzählen<br />

Geschichte<br />

miniato mit Miniaturen<br />

verziert<br />

cogliere bemerken<br />

la lana Wolle<br />

il panno Tuch, hier: Stoff<br />

il tessuto Stoff<br />

sgargiante leuchtend<br />

il tessitore Weber<br />

l’Esposizione Welt-<br />

(f.) Universale ausstellung<br />

il fornitore Lieferant<br />

la Casa Savoia: ital. Königsfamilie<br />

(1861 bis 1946)<br />

cessare beenden<br />

a disposizione zur Verfügung<br />

la cardatura Kämmerei<br />

la filatura Spinnerei<br />

splendido wundervoll<br />

la sede Sitz<br />

allestire einrichten<br />

la laniera Wollfabrikation<br />

<strong>ADESSO</strong>audio<br />

Ascolta un brano<br />

radiofonico che parla delle<br />

specialità del Casentino.<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2014


l’apice m.<br />

il telaio<br />

il filatoio<br />

svelare<br />

brioso<br />

mettere su<br />

la racchetta<br />

la donazione<br />

l’attacco<br />

Gipfel<br />

Webstuhl<br />

Spinnrad<br />

enthüllen<br />

sprühend<br />

aufbauen<br />

Schneeschuh<br />

Schenkung<br />

Halterung<br />

fedelmente<br />

l’ammirazione<br />

f.<br />

alterare<br />

l’ingerenza<br />

concordare<br />

la cornice<br />

originalgetreu<br />

Bewunderung<br />

verfälschen<br />

Eingriff<br />

übereinstimmen<br />

Rahmen<br />

TRADIZIONE TESSILE E POETI<br />

Qui, da sinistra: il negozio della Tessilnova dove si possono<br />

acquistare prodotti in panno casentino; Alessandro Brezzi,<br />

custode della Biblioteca Rilliana nel castello di Poppi.<br />

fosse proprio il lanificio, che all’apice del suo prestigio<br />

dava lavoro a 500 persone, ospitava 136 telai e produceva<br />

oltre 700.000 metri di stoffa all’anno. I suoi antichi filatoi,<br />

le cardatrici e le ratinatrici, insieme con antichi telai industriali<br />

e artigianali esposti qui dal 2006, sono accompagnati<br />

dalla ricostruzione dei suoni caratteristici della tessitura<br />

e da spiegazioni dettagliate che ne svelano i segreti. Poco<br />

distante dal museo, nella sede della Tessilnova, si trova il<br />

colorato negozio che vende giacche, vestiti, borse e spille.<br />

A pochi passi da qui si nasconde un’altra sorpresa che<br />

non mi aspettavo di trovare tra queste valli. Federico e<br />

Lando sono due briosi e vivaci signori che hanno messo<br />

su, con straordinario entusiasmo, il primo e unico Museo<br />

dello Sci in Italia. In una lunga stanza sono raccolti<br />

più di 2.000 esemplari, tra sci e racchette, provenienti da<br />

tutto il mondo e frutto di donazioni o ricostruzioni dettagliate<br />

fatte dal signor Lando stesso. Il percorso conduce<br />

dai primi sci in legno, con attacchi rudimentali, utilizzati<br />

per spostamenti pratici sulla neve e non per sport, sino ai<br />

modelli professionali olimpionici, fedelmente ricostruiti.<br />

L’ammirazione che ho letto negli occhi degli abitanti<br />

per la loro terra, la sapienza con cui se ne prendono<br />

cura, mi hanno fatto capire perché il Casentino non è<br />

stato alterato da ingerenze esterne. Forse alla fine di questo<br />

racconto concorderete con me nel considerare questa<br />

una valle incantata, che non a caso fa da cornice a uno<br />

dei libri di fiabe più famosi del Novecento, Le novelle della<br />

nonna di Emma Perodi. Il mio consiglio di semplice viaggiatrice<br />

è di andare ad ascoltare personalmente quanto<br />

questa valle ha da raccontare…<br />

53<br />

CASENTINO<br />

DORMIRE E MANGIARE<br />

LA CHIUSA<br />

Agriturismo a conduzione<br />

[Leitung] familiare, in cui l’ospitalità<br />

e la genuinità [Naturreinheit]<br />

sono di casa. Le stanze, doppie e<br />

multiple, sono arredate con mobili<br />

antichi in legno. Per la colazione<br />

e la cena, solo prodotti biologici<br />

o con il presidio Slow Food della<br />

zona. Dall’agriturismo partono molti<br />

percorsi adatti al trekking a piedi.<br />

L’ospitalità di Biggi e Scipione è<br />

davvero eccezionale.<br />

www.agriturismolachiusa.com<br />

CASTELLO DI PORCIANO<br />

Per dormire in un posto suggestivo<br />

ci sono gli appartamenti del castello<br />

di Porciano (nella foto) e le case del<br />

piccolo borgo circostante. Il castello<br />

è stato ricostruito dalla famiglia<br />

Goretti de’ Flamini-Specht. Dalle<br />

stanze del castello si gode una vista<br />

eccezionale su tutta la vallata.<br />

www.castellodiporciano.com<br />

COMPRARE<br />

TESSILNOVA, azienda<br />

produttrice del panno<br />

casentino www.tessilnova.com<br />

LE SELVE DI VALLOLMO, azienda<br />

di allevamento di maiale grigio del<br />

Casentino che fornisce prodotti<br />

dell’arte norcina [Schweinemetzgerkunst].www.leselvedivallomo.it<br />

FONTE DEI SERRI, azienda agricola<br />

biologica di carne chianina Igp.<br />

www.carne-biologica.it<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2014


GRANDANGOLO<br />

EIN BLICK AUF BESONDERE ITALIENER<br />

54<br />

UNA TRAMA DA FAVOLA<br />

Der Stoff, aus dem Märchen<br />

sind: Marta Cucchia<br />

haucht den Tüchern<br />

der Gemälde Giottos,<br />

Ghirlandaios und Pintoricchios<br />

neues Leben ein<br />

– mit selbst restaurierten<br />

antiken Handwebstühlen.<br />

Testo: C. Carniani Foto: F. Cirri<br />

Perugia, Umbria.<br />

Sembra una favola: una donna<br />

tesse preziose stoffe in una<br />

chiesa sconsacrata, abitata<br />

da uno spettro che nasconde<br />

le forbici per dispetto. È tutto<br />

vero a parte lo spettro, forse,<br />

che non abbiamo visto con i<br />

nostri occhi. Siamo in una chiesa<br />

del 1212, San Francesco<br />

delle Donne. Qui da bambina<br />

Marta Cucchia giocava a tennis<br />

con il fratello e oggi ha il suo<br />

laboratorio tessile, dove porta<br />

avanti il lavoro della bisnonna<br />

Giuditta Brozzetti. Crea a mano<br />

tessuti rinascimentali come si<br />

faceva un tempo, grazie a telai<br />

originali con cui – forse unica<br />

in Italia – lavora. Con la sola<br />

forza della sua gamba preme<br />

un pedale e solleva 3.600 fili e<br />

altrettanti piombi, che insieme<br />

pesano 90 chili. Così, con i<br />

suoi telai a jacquard dell’Ottocento<br />

e altri anche più antichi,<br />

realizza stoffe uniche, come il<br />

“Pintoricchio”, riproduzione del<br />

tessuto che avvolge un Gesù<br />

bambino del celebre pittore, o<br />

la “fiamma di Perugia”, tessitura<br />

medievale di cui si era persa<br />

la memoria. Oggi il laboratorio-museo<br />

vive solo grazie alla<br />

tenacia di Marta.<br />

la trama<br />

la favola<br />

tessere<br />

prezioso<br />

sconsacrato<br />

lo spettro<br />

il dispetto<br />

il tessuto<br />

il telaio<br />

il filo<br />

il piombo<br />

avvolgere<br />

la tenacia<br />

Schussfaden,<br />

Handlung<br />

Märchen<br />

weben<br />

kostbar<br />

säkularisiert<br />

Gespenst<br />

Streich<br />

Stoff<br />

Webstuhl<br />

Faden<br />

(Gewicht aus)<br />

Blei<br />

einhüllen<br />

Beharrlichkeit<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2014


GRANDANGOLO<br />

Qui: Marta Cucchia (43) tesse a mano stoffe rinascimentali e lavora<br />

ancora con telai del 1700 e del 1800, talvolta anche restaurati<br />

personalmente. Il suo laboratorio si trova all’interno della chiesa di<br />

San Francesco delle Donne a Perugia, la più antica chiesa francescana<br />

della città. Nell’altra pagina, al centro: il tessuto in seta identico a<br />

quello del quadro Sacra Famiglia di Luca Signorelli.<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2014


L’ITALIA A TAVOLA<br />

BASTA LA PAROLA!<br />

Das ist ja ‘ne Marke! Er perlt edel – ist aber kein Schaumwein. Was<br />

dann? Einfach „der Franciacorta“, erzählen uns seine stolzen Erfinder,<br />

wahre Revolutionäre unter den lombardischen Weinbauern.<br />

Testo: Salvatore Viola<br />

56<br />

NO, SPUMANTE NO! BOLLICINE, POI, È APPENA<br />

SOPPORTABILE. Ecco che ci siamo giocati il titolo<br />

dell’articolo. Poco male. Bollicine d’Italia sarebbe suonato<br />

scontato, persino banale. E Champagne italiano, visto che<br />

si fa nello stesso modo? È escluso, oltre che pretenzioso,<br />

non sarebbe corretto, perché solo lo Champagne originale<br />

può chiamarsi così. E allora? Il Franciacorta è il Franciacorta,<br />

punto e basta. Eh sì, soprattutto in questo caso,<br />

i nomi sono importanti. Dal 2002, secondo una direttiva<br />

europea, “in deroga all’obbligo di indicare la menzione<br />

specifica tradizionale”, come per lo Champagne francese<br />

e il Cava spagnolo, anche per il Franciacorta basta la<br />

parola a indicare provenienza e qualità, senza bisogno<br />

di aggiungere altro. In Italia solo il Marsala e l’Asti (spumante)<br />

possono vantare lo stesso privilegio.<br />

Quella che si è svolta in questo piccolo angolo di Lombardia<br />

compreso tra i fiumi Oglio a est e Mella a ovest,<br />

affacciato a nord sul lago d’Iseo, è una vera e propria rivoluzione<br />

enologica, capace di trasformare completamente<br />

un territorio fino a quel momento a prevalente vocazione<br />

industriale: la provincia di Brescia. Le rivoluzioni, si sa, le<br />

fanno gli uomini, e questa non fa eccezione. Del resto il<br />

periodo è quello giusto, la fine degli anni Cinquanta. Sono<br />

gli anni del boom economico, che sembrano fatti apposta<br />

per uomini intraprendenti, con la testa piena di sogni e di<br />

idee, ma anche delle conoscenze per realizzarle.<br />

Guido Berlucchi, discendente dei conti Lana de Terzi,<br />

ha bisogno di un esperto, un tecnico in grado di migliorare<br />

il suo vino bianco. Nella sua sontuosa dimora si<br />

presenta il giovane Franco Ziliani, appena uscito dalla<br />

scuola enologica di Alba, in Piemonte, terra di grandi vini<br />

rossi. La vera passione di Ziliani, però, è lo Champagne,<br />

e il suo sogno è quello di realizzare in Italia un grande<br />

vino usando il “metodo classico” (vedi box), che allora si<br />

poteva ancora chiamare champenoise. Berlucchi gli offre<br />

questa possibilità e Ziliani non se la lascia sfuggire. Nel<br />

1961 vengono prodotte le prime 3.000 bottiglie di Pinot<br />

di Franciacorta. Il successo è immediato e si ripete a ogni<br />

vendemmia. Berlucchi diventa nel giro di pochi anni sinonimo<br />

di “spumante metodo classico”. Nei ricordi giovanili<br />

di tanti italiani c’è ancora l’espressione farsi un berlucchino,<br />

quando si voleva festeggiare qualcosa.<br />

basta la parola<br />

lo spumante<br />

la bollicina<br />

sopportabile<br />

poco male<br />

scontato<br />

pretenzioso<br />

la direttiva<br />

in deroga<br />

a qc.<br />

indicare<br />

la menzione<br />

la provenienza<br />

vantare<br />

svolgersi<br />

l’angolo<br />

compreso tra<br />

affacciato su<br />

enologico<br />

es spricht<br />

für sich<br />

Sekt<br />

Bläschen<br />

erträglich<br />

macht nichts<br />

vorhersehbar<br />

anmaßend<br />

Richtlinie<br />

in Abweichung<br />

von etw.<br />

angeben<br />

Nennung, hier:<br />

Bezeichnung<br />

Herkunft<br />

aufzuweisen<br />

haben<br />

sich abspielen<br />

Ecke<br />

zwischen<br />

an<br />

Weinbaucapace<br />

prevalente<br />

la vocazione<br />

sembrare fatto<br />

apposta per qc.<br />

intraprendente<br />

il sogno<br />

il/la discendente<br />

il conte<br />

in grado di<br />

sontuoso<br />

la dimora<br />

allora<br />

offrire<br />

lasciarsi<br />

sfuggire qc.<br />

il successo<br />

la vendemmia<br />

nel giro di<br />

festeggiare<br />

in der Lage<br />

vorherrschend<br />

hier: Nutzung<br />

wie gemacht<br />

für etw. sein<br />

unternehmungslustig<br />

Traum<br />

Nachfahr, -in<br />

Graf<br />

fähig<br />

prunkvoll<br />

Wohnsitz<br />

damals<br />

bieten<br />

sich etw. entgehen<br />

lassen<br />

Erfolg<br />

Lese<br />

innerhalb von<br />

feiern<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2014


Sotto, da sinistra: una<br />

fase della vendemmia<br />

del Franciacorta; le<br />

bottiglie in cantina; a<br />

cavallo tra le vigne.<br />

57<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2014


L’ITALIA A TAVOLA<br />

58<br />

Da quel momento saranno molti a seguire l’esempio di<br />

Berlucchi e Ziliani, dando vita a quella trasformazione<br />

che ha fatto della Franciacorta il piccolo paradiso enologico<br />

che è oggi. Una trasformazione resa possibile<br />

grazie allo spirito imprenditoriale che, in queste zone, i<br />

contadini hanno nel proprio Dna, come ha detto lo stesso<br />

Ziliani in un’intervista del 2011, quando il Franciacorta<br />

compiva 50 anni e il suo creatore ne festeggiava 80.<br />

Nel 1967 è stata riconosciuta alla Franciacorta la Denominazione<br />

di origine. È nato un consorzio che, da 11<br />

cantine iscritte all’albo dei produttori, ne associa oggi<br />

105, ovvero il 98% delle aziende presenti sul territorio.<br />

Nel 2000 è nata la Strada del vino Franciacorta, una delle<br />

prime in Italia. Le aziende vinicole e le imprese della<br />

zona, in perfetta sinergia, hanno creato le condizioni<br />

per fare della Franciacorta un luogo nel quale il vino<br />

diventa l’occasione per fare conoscenza con un territorio<br />

ricco di bellezze naturali, come il lago d’Iseo, al cui<br />

Questione di “metodo”<br />

Il Franciacorta è prodotto con uve Chardonnay, Pinot<br />

nero e Pinot Bianco. Dopo la raccolta e la spremitura, i<br />

vini base, ricavati dal mosto, vengono imbottigliati con i<br />

lieviti e gli zuccheri. Le bottiglie, accatastate in orizzontale,<br />

restano nella cantina per la<br />

fermentazione. Dopo è il<br />

la raccolta Ernte<br />

momento del remuage o la spremitura Pressen<br />

scuotitura. Le bottiglie, disposte<br />

su cavalletti, vengono<br />

imbottigliare abfüllen<br />

accatastato gestapelt<br />

la fermenfatte<br />

ruotare giornalmente di tazione Gärung<br />

un ottavo di giro e inclinate la scuotitura Rütteln<br />

per far depositare verso il collo<br />

disposto hier: gelagert<br />

della bottiglia i sedimenti, il cavalletto Ständer<br />

far ruotare drehen<br />

che poi sono eliminati nella<br />

inclinare schräg legen<br />

fase della sboccatura. Per depositare ablagern<br />

riportare il volume della bottiglia<br />

la sboccatura Degorgieren<br />

al livello iniziale si aggiun-<br />

lo sciroppo Versand-<br />

ge lo “sciroppo di dosaggio”. di dosaggio dosage<br />

ricco<br />

l’isola lacustre<br />

la riserva<br />

naturale<br />

il castello<br />

il borgo<br />

il convento /<br />

il monastero<br />

recente<br />

risalire a qc.<br />

il monaco<br />

giungere<br />

dissodare<br />

bonificare<br />

il terreno<br />

coltivabile<br />

riunito<br />

la corte<br />

esentato<br />

la tassa<br />

franca<br />

lo spirito im- Unternehmerprenditoriale<br />

geist<br />

il contadino Bauer<br />

compiere alt werden<br />

la denomina- Herkunftsbezione<br />

di origine zeichnung<br />

il consorzio: genossenschaftlicher<br />

Verband<br />

la cantina Weinkeller<br />

essere iscritto Mitglied sein<br />

l’albo Verband,<br />

Kammer<br />

associare aufnehmen,<br />

hier: vereinen<br />

ovvero das heißt<br />

l’azienda Betrieb<br />

vinicolo Weinbaul’impresa<br />

Unternehmen<br />

l’occasione f. Gelegenheit,<br />

Möglichkeit<br />

il luogo Ort<br />

fare cono- etw. kennen<br />

scenza con qc. lernen<br />

reich<br />

Binneninsel<br />

Naturschutzgebiet<br />

Burg<br />

Dorf<br />

Kloster<br />

jung<br />

auf etw.<br />

zurückgehen<br />

Mönch<br />

kommen<br />

roden<br />

urbar machen<br />

Boden<br />

anbaufähig<br />

vereinigt<br />

Hof<br />

befreit<br />

Steuer<br />

Frei-<br />

centro si trova Monte Isola, l’isola lacustre più grande<br />

d’Italia, o la riserva naturale delle Torbiere del Sebino.<br />

E poi ci sono i luoghi che raccontano la storia antica di<br />

questa terra, ricca di castelli, borghi e antichi conventi,<br />

come il monastero di San Pietro in Lamosa o il convento<br />

dell’Annunciata a Rovato.<br />

Se è vero che la storia “del” Franciacorta è recente, quella<br />

“della” Franciacorta è molto antica e risale al tempo in cui,<br />

intorno all’anno 1000, un gruppo di monaci benedettini,<br />

provenienti da Cluny, in Francia, giunsero in queste terre,<br />

all’epoca piuttosto desolate, e si misero a dissodarle e<br />

bonificarle, rendendo il terreno coltivabile. Queste comunità<br />

erano riunite in corti monastiche, molte delle quali<br />

esentate dal pagamento delle tasse, fatto che le rendeva<br />

“corti franche”, da cui pare derivi il nome Franciacorta.<br />

© F. Cattabiani (2), Huber /Sime, G. La Spada<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2014


INNATA PASSIONE PER IL VINO<br />

Da sinistra: le degustazioni; i vigneti tra le colline; l’enologo Stefano Capelli; una bottiglia di<br />

Berlucchi Cellarius Rose; il lago d’Iseo in Franciacorta; l’ingresso delle cantine Ca’ del Bosco.<br />

Dalla strada della storia ritorniamo a quella del vino, lungo<br />

la quale incontriamo personaggi come Ziliani e i suoi<br />

epigoni, piccoli e grandi. Dai loro racconti, dalle loro storie<br />

capiamo perché Franciacorta è sinonimo di alta qualità.<br />

Cura, competenza e soprattutto passione sono il vero<br />

ingrediente segreto che, insieme con un territorio dalla<br />

grande varietà morfologica e differenti tipi di insolazioni,<br />

che conferiscono al vino una notevole gamma di sapori e<br />

sfumature, fanno del Franciacorta un vino straordinario.<br />

Vale innanzitutto per i piccoli produttori dalla lunga<br />

tradizione, come i Vimercati dell’agriturismo Al Rocol,<br />

che con i prodotti e i piatti della tradizione – come i<br />

casonsei ripieni di carne o il manzo all’olio, cucinati magistralmente<br />

da Mamma Daniela – offrono il loro Franciacorta,<br />

una produzione limitata che vendono direttamente<br />

ai loro ospiti. Dopo l’assaggio, è difficile, infatti,<br />

non acquistare qualche bottiglia. Vale anche per produttori<br />

di un certo rilievo, come i Ricci Curbastro: Riccardo,<br />

discendente di una delle più nobili e antiche famiglie di<br />

Lugo di Romagna, parla di sé e dei suoi antenati come di<br />

“agricoltori” con tradizioni secolari. Tra le aziende agricole<br />

di famiglia c’è anche Il capriolo, che dal 1967 produce<br />

ottimo Franciacorta e lo fa in modo ecologico, a emissioni<br />

zero, tanto da essere una delle poche aziende vinicole<br />

al mondo ad avere ricevuto una certificazione Iso (Iso<br />

14064). Vale per chi, come Maurizio Zanella di Ca’ del<br />

Bosco, di mettersi a fare il vino non ci pensava proprio,<br />

finché un giorno, a metà degli anni Settanta, durante<br />

una gita di coltivatori in Francia, cui aveva partecipato<br />

suo malgrado, rimane affascinato dal modo di produrre<br />

il vino in Borgogna, soprattutto dalla lavorazione manuale.<br />

Decide così di produrre Franciacorta di alta qualità<br />

e chiama il solito Ziliani, per chiedergli di dargli una<br />

mano. Da allora sono passati tanti anni e i vini Ca’ del<br />

Bosco rappresentano un’eccellenza. Sono tra i pochi al<br />

mondo a essere prodotti con uva che, ci spiegano, segue<br />

una specie di “percorso benessere”. “Lavare l’uva” prima<br />

la cura Sorgfalt<br />

l’ingrediente m. Zutat<br />

la varietà Vielfältigkeit<br />

l’insolazione f. Sonneneinstrahlung<br />

conferire verleihen<br />

notevole bemerkenswert<br />

la gamma Spektrum<br />

la sfumatura Nuance<br />

straordinario großartig<br />

l’agriturismo Ferienbauernhof<br />

ripieno gefüllt<br />

il manzo Rindfleisch<br />

magistralmente meisterhaft<br />

l’ospite m./f. Gast m.<br />

l’assaggio Verkostung<br />

acquistare erwerben<br />

il rilievo<br />

l’antenato<br />

l’agricoltore<br />

secolare<br />

ottimo<br />

la gita<br />

il coltivatore<br />

partecipare<br />

suo malgrado<br />

la Borgogna<br />

l’uva<br />

il percorso<br />

benessere<br />

salubre<br />

la materia<br />

prima<br />

altrettanto<br />

Bedeutung<br />

Vorfahr<br />

Landwirt<br />

jahrhundertealt<br />

sehr gut<br />

Rundreise<br />

Weinbauer<br />

teilnehmen<br />

gegen seinen/<br />

ihren Willen<br />

Burgund<br />

Traube<br />

Wellness-<br />

Parcours<br />

bekömmlich<br />

Rohstoff<br />

ebenso<br />

di produrre il vino serve a rendere salubre il frutto e a ridurre<br />

la quantità di solfiti. Il risultato è un vino, pardon,<br />

un Franciacorta straordinario.<br />

Sono solo pochi esempi, ma servono a spiegare che,<br />

per fare un ottimo vino, la materia prima è importante,<br />

ma lo è altrettanto chi lo fa.<br />

SCOPRIRE LA FRANCIACORTA<br />

INFORMAZIONI<br />

STRADA DEL<br />

VINO<br />

Via G. Verdi 53<br />

Erbusco (BS).<br />

+39 030 7760870.<br />

www.stradadelfranciacorta.it<br />

www.franciacortando.it<br />

Ogni anno a giugno<br />

un tour per le cantine<br />

del Franciacorta con<br />

degustazioni ed eventi.<br />

MANGIARE<br />

AGRITURISMO<br />

AL ROCOL<br />

Via Provinciale 79<br />

Ome (BS)<br />

+39 030 6852542.<br />

www.alrocol.com<br />

Chiuso il lunedì.<br />

RISTORANTE CUCINA<br />

SAN FRANCESCO-<br />

Via dei Cappuccini 54<br />

Cologne (BS).<br />

+39 030 7157254.<br />

www.cappuccini.it<br />

DORMIRE<br />

RELAIS<br />

MIRABELLA<br />

Via Mirabella 34<br />

Iseo (BS).<br />

+39 030 9898051.<br />

www.relaismirabella.it<br />

L’ALBERETA RELAIS<br />

& CHATEAUX<br />

Via Vittorio Emanuele<br />

23<br />

Erbusco (BS).<br />

+39 030 7760550.<br />

www.albereta.it<br />

59<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2014


Mehr Sprache können Sie<br />

nirgendwo shoppen.<br />

Die besten Sprachprodukte für Ihr <strong>Italienisch</strong>, ausgewählt und empfohlen<br />

von Ihrem SprachenShop-Team aus dem Spotlight Verlag.<br />

<strong>ADESSO</strong><br />

ÜBUNGS-ROMAN<br />

N<br />

TYPISCHE FEHLER<br />

<strong>ADESSO</strong> JAH<br />

RGANG 2013<br />

Nutzen Sie die<br />

Gelegenheit, alle zwölf<br />

Ausgaben des J ahres 2013 jetzt zu bestel-<br />

len – um Wissenswertes zu erfahren und<br />

Versäumtes nachzuholen.<br />

Der Magazin- ,<br />

der Übungsheft- wie auch der Audio-CDm<br />

20% vergünstigt.<br />

J ahrgang sind u<br />

Magazin-Jahrgang 2013<br />

Artikel-Nr. 942013. € 59,90 (D)/€ 61,20 (A)<br />

Übungsheft<br />

plus-Jahrgang 2013<br />

Artikel-Nr. 941352. € 32,65 (D)/€ 33,60 (A)<br />

Audio-CD-Jahrgang 2013<br />

Artikel-Nr. 941300. € 103,70 (D)/€ 103,70 (A)<br />

TUTTO COMINCIÒ CON<br />

UNA TELEFONATA<br />

Das Buch kann wie ein Roman gelesen<br />

werden. Eine junge Studentin, die sich<br />

auf ihren Studienabschluss vorbereitet,<br />

bekommt eines Tages einen Anruf, der ihr<br />

komplettes Leben verändert. Schwierige<br />

Wörter sind tabellarisch auf jeder Seite<br />

erklärt und am Ende jedes der 26 Kapitel<br />

gibt es Übungen zu Sprachverständnis,<br />

Wortschatz und Grammatik.<br />

Buch mit 140 Seiten. <strong>Italienisch</strong><br />

Niveau B1. Artikel-Nr. 45541<br />

€ 17,90 (D)/€ 18,50 (A)<br />

HO CAPITO!<br />

Typische<br />

<strong>Italienisch</strong>-Fehler<br />

sicher ver-<br />

meiden, dafü<br />

r sorgt Ho<br />

capito! . Die<br />

wichtigsten St<br />

olpersteine in den Berei-<br />

chen Grammatik, Wortschatz, Recht-<br />

schreibung und Aussprache werden<br />

übersichtlich und anschaulich erklärt.<br />

Abwechslungssreiche<br />

Übungen und Rät-<br />

sel, einprägsa<br />

me Lerntipps und unter-<br />

haltsame Illus<br />

trationen verstärken den<br />

Lerneffekt.<br />

Buch mit 128 Seiten.<br />

<strong>Italienisch</strong><br />

Artikel-Nr. 45544<br />

€ 8,99 (D)/€ 9,20 (A)<br />

GRAMMATIK<br />

MAT<br />

SPRACHKURSE<br />

CONGIUNTIVO, CHE PASSIONE!<br />

ÜBUNGEN<br />

Endlich wird dem Konjunk<br />

tiv im Italienschen die Aufmerksammkeit<br />

ge-<br />

schenkt, die er verdient hat! Dieses Buch behandelt die Niveaustufen<br />

B1-C2 und zeigt Ihnen deutlich, wie Sie den Konjunktiv richtig anwen-<br />

den, egal ob im Bezug auf Substantive oder Verben.<br />

Congiuntivo,<br />

che Passione<br />

! arbeitet dazu mit authentischen<br />

kurzen<br />

Texten<br />

aus dem italienischen<br />

Alltag. Das können Zeitungsartitikel,<br />

Wer-<br />

beplakate, Radiospots oder italienische Lieder sein.<br />

Die Kapitel sind klar stukturiert und mit einer breiten Palette von<br />

Übungsaufgaben versehen.<br />

Die Lösungen können online k ostenlos<br />

un d ohne Anmeldung herun<br />

tergeladen werden.<br />

Buch mit 160 Seiten. <strong>Italienisch</strong>.<br />

Niveau B1-C2. Artikel-Nr. 45549<br />

€ 19,90 (D)/€ 20,60 (A)<br />

250 GRAMMATIK-ÜBUNGEN<br />

Alle wichtigen<br />

Grammatikthemen finden<br />

Sie zusammengefasst in diesem Buch. Sie<br />

bekommen zahlreiche nützliche Tipps, für<br />

unbekannte e Wörter gibt es ein Glossar.<br />

Buch mit 176 Seiten.<strong>Italienisch</strong>.<br />

Niveau A1-B2<br />

Artikel-Nr. 45545 . € 9,99 (D)/€ 10,30 (A)<br />

Bei uns finden Sie Lese- und Hörproben zu den ausgewählten Produkten. Für aktuelle Informationen und


Kompetent. Persönlich. Individuell.<br />

LERNEN<br />

N MIT<br />

MUSIK<br />

TYPISCH ITALIEN REISEFÜHRER<br />

R<br />

NUOVO CAN<br />

TA<br />

ACHE TI PA<br />

ASSA<br />

Die aktualisierte Ausgabe von Canta che<br />

ti passa bietet 14 authentische italieni-<br />

sche Lieder von Künstlern wie Gino Paoli,<br />

Tiziano Ferro und Jovanotti. Pro Lied gibt<br />

es eine Unterrichtseinheit<br />

mit vielfälti-<br />

gen Aktivitäten,<br />

Spielen sowie Übungen<br />

zur Grammatik und Vorschlägen, wie die<br />

Lieder im <strong>Italienisch</strong>unterricht<br />

eingebaut<br />

werden können.<br />

Perfekt im Unterricht<br />

oder zum Selbststudium.<br />

Mit Lösungen.<br />

Buch (61 Seiten)<br />

+ Audio-CD. <strong>Italienisch</strong><br />

Niveau A1-C1. Artikel-Nr. 45548<br />

€ 35,99 (D)/€ 37,00 (A)<br />

ÜBERLEBEN IN ITA<br />

ALIEN<br />

Der Autor Severgnini möchte, dass wir<br />

Italien nicht nur lieben, sondern<br />

auch<br />

verstehen können. Deshalb schreibt er<br />

in diesem Buch über das Leben und<br />

die Art der Italiener und erzählt<br />

über<br />

die unwiderstehlichen Macken<br />

seiner<br />

Landsleute. Es werden interessa<br />

nte Fra-<br />

gen beantwortet. Das Buch gibt es auf<br />

D eutsch und im italienischen Original.<br />

Überleben in Italien. Art.-Nr. 45546<br />

€ 8,99 (D)/ € 9,30 (A)<br />

La testa degli italiani. Art.-Nr. 45300<br />

€ 16,60 (D)/ €17,10 (A)<br />

111 ORTE IN ROM, DIE MAN<br />

GESEHEN HABEN MUSS<br />

Millionen Touristen sind jährlich in Rom<br />

und bewunderern das Kolosseum, den Pe-<br />

tersdom und vieles mehr. Aber die Stadt<br />

bietet noch um<br />

einiges mehr. Warum<br />

gibt es zum Beispiel einen Leuchtturm,<br />

obwohl Rom nicht am Meer liegt? Und<br />

wo ist das Grab<br />

der Päpstin Johanna?<br />

Annett Klingner beantwortet in diesem<br />

Buch alles, was man über Rom wissen<br />

sollte.<br />

Reiseführer (230<br />

Seiten). Deutsch<br />

Artikel-Nr. 45547. € 14,95 (D)/€ 15,40 (A)<br />

SPRACHSPIEL<br />

WIE BESTELLE ICH DIESE PRODUKTE?<br />

von den Machern<br />

von <strong>ADESSO</strong>!<br />

Einfach auf www.<br />

sprachenshop.de gehen.<br />

Nach Artikel-Nummer<br />

oder Produktnamen suchen.<br />

Bestellen.<br />

UN FINE SETTIMANA A ROMA<br />

Das Sprachspiel<br />

der <strong>ADESSO</strong>-Redaktion<br />

führt Sie spiele<br />

risch durch Italiens Haupt-<br />

stadt. Das Spiel<br />

verbindet Spielspaß und<br />

Sprachenlerne<br />

n miteinander! Es gibt zwei<br />

Schwierigkeitsstufen (A2/B1 & B1/B2).<br />

Gerne können Sie auch telefonisch, per E-Mail oder Post bestellen<br />

. Bei einer schrift-<br />

lichen oder telefonischen Bestee<br />

llung geben Sie bitte die Artikelnum<br />

mer, die Menge<br />

sowie Ihre Anschrift an.<br />

E-Mail:<br />

Telefon:<br />

Fax:<br />

Post:<br />

bestellung@sprachenshop.de<br />

+49 (0) 711 /72 52-245<br />

+49 (0) 711 /72 52-3666<br />

Postfach 81 06 80<br />

70523 Stuttgart<br />

Deutschland<br />

Brettspiel mit 2 Niveaustufen. <strong>Italienisch</strong><br />

Artikel-Nr. 48108. € 29,95 (D)/€ 30,85 (A)<br />

Sonderangebote<br />

e bestellen Sie<br />

einfach unseren kostenlosen Newsletter. . Alles auf www.sprachenshop.de<br />

w<br />

w.sprachenshop.de


TRA LE RIGHE<br />

DI STEFANO VASTANO<br />

Marcello<br />

DELL’UTRI<br />

LUOGO E DATA DI NASCITA: Palermo, 11 settembre 1941. STATO CIVILE: è sposato con Miranda Ratti ed è padre di Marco e<br />

Margherita. SEGNI PARTICOLARI: ex dirigente Mediaset, è stato eletto alla camera nel 1996 per Forza Italia, il partito che ha creato<br />

nel 1993 con Berlusconi, poi al senato nel 2001, 2006 e 2008. Non ha passione per la politica, ma un amore sfrenato per i libri. Ha<br />

pubblicato i diari di Mussolini; peccato che fossero falsi...<br />

62<br />

Ein vermeintlich kultivierter<br />

Mann – der für Berlusconi die<br />

Schmutzarbeit erledigte: Als sein<br />

„persönlicher Sekretär“ sorgte der<br />

Palermitaner für beste Verbindungen<br />

zur Mafia.<br />

IL MESE SCORSO (VEDI <strong>ADESSO</strong> 08/14, PAG. 56),<br />

RACCONTANDO LA VITA DI CLAUDIO SCAJOLA,<br />

ABBIAMO PROMESSO DI SEGUIRE LE VICENDE<br />

DI UN ALTRO NOTO POLITICO, IL PALERMITANO<br />

MARCELLO DELL’UTRI. Un tempo si diceva che l’eminenza<br />

grigia del Belpaese fosse Giulio Andreotti. Processato<br />

per contatti con la mafia, alla fine è stato assolto dal<br />

tribunale di Palermo. Non è andata nello stesso modo<br />

a Dell’Utri, amico di Berlusconi sin dagli anni Sessanta.<br />

Nel suo caso, i rapporti con la mafia sono stati certificati<br />

dalla Cassazione che, il 9 maggio scorso, ha condannato<br />

questo signore così distinto a sette anni di reclusione per<br />

“concorso esterno in associazione mafiosa”.<br />

Una vita che sembra un film, la sua. Nell’ultima scena<br />

a piede libero, il 13 giugno scorso, Dell’Utri è all’aeroporto<br />

di Fiumicino, scortato dall’Interpol. Gli ultimi due<br />

mesi li ha passati in un ospedale di Beirut. Come mai è<br />

finito in Libano? E di cosa lo accusa la giustizia? Dopo un<br />

processo durato 19 anni, per i giudici è assodato che l’ex<br />

senatore “è stato il garante dell’accordo tra Berlusconi e<br />

Cosa Nostra” per 18 anni di seguito, dal 1974 al 1992. “Vi<br />

è la prova, – si legge nella sentenza, – che Dell’Utri aveva<br />

promesso alla mafia precisi vantaggi in campo politico”.<br />

Certo, lui si vede come “prigioniero politico”, come vittima<br />

in un “romanzo criminale” inventato dalla giustizia.<br />

Ci vorrebbe davvero un regista, per narrare le incredibili<br />

avventure di Dell’Utri. Dopo la scena all’ospedale<br />

di Beirut dove era fuggito e il ritorno in Italia, dopo<br />

l’estradizione, un flash back ci riporta agli anni Sessanta,<br />

al primo incontro tra il ventenne Marcello e Silvio Berlusconi<br />

all’Università di Milano. Li unisce subito l’amore<br />

per il calcio e uno straordinario senso degli affari. Berlusconi<br />

sponsorizza il Torrescalla, la prima squadretta allenata<br />

da Dell’Utri. Poi l’inquadratura cambia e la scena si<br />

sposta ad Arcore, in una villa che un tempo era stata di<br />

proprietà dei Casati-Stampa e dal 1974 è la reggia di re<br />

Silvio. Il suo segretario personale è lui, il raffinato Marcello.<br />

E la mafia che c’entra? C’entra: è proprio il “segretario”<br />

a introdurre ad Arcore Vittorio Mangano. Marcello<br />

e Silvio ne parlano come dello “stalliere” della villa, ma<br />

il/la dirigente Führungskraft<br />

Mediaset: von Silvio Berlusconi<br />

gegründete TV-Sendergruppe<br />

eleggere wählen<br />

la camera (dei deputati): ital. Abgeordnetenkammer<br />

il partito Partei<br />

sfrenato ungezügelt<br />

il diario Tagebuch<br />

peccato hier: dumm nur<br />

la vicenda Geschichte<br />

noto bekannt<br />

il Belpaese: Italien<br />

assolvere freisprechen<br />

il rapporto Beziehung<br />

la (Corte di) Cassazione: ital.<br />

Revisionsgerichtshof<br />

condannare verurteilen<br />

distinto vornehm<br />

la reclusione Freiheitsstrafe<br />

il concorso Beteiligung<br />

l’associazione<br />

f. Vereinigung<br />

scortato unter Begleitschutz<br />

accusare anklagen<br />

il giudice Richter<br />

assodare bestätigen,<br />

feststellen<br />

Cosa Nostra: Mafia-Organisation<br />

in der Region Sizilien<br />

la prova Beweis<br />

la sentenza Urteil<br />

il vantaggio Vorteil<br />

il campo Bereich<br />

il prigioniero Gefangener<br />

la vittima Opfer<br />

inventato erfunden<br />

il/la regista Regisseur, -in<br />

narrare erzählen<br />

l’avventura Abenteuer<br />

ventenne zwanzigjährig<br />

unire verbinden<br />

il calcio Fußball<br />

straordinario außergewöhnlich<br />

il senso<br />

degli affari Geschäftssinn<br />

la squadretta kleine<br />

Mannschaft<br />

allenato trainiert<br />

l’inquadratura Bild<br />

(ausschnitt)<br />

la proprietà Eigentum<br />

i Casati-Stampa: Mailänder<br />

Adelsfamilie<br />

la reggia Palast<br />

lo stalliere Stallknecht<br />

© ANSA<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2014


, 13 giugno 2014<br />

“DELL’UTRI RIENTRATO<br />

IN ITALIA, IN CARCERE<br />

A PARMA”.<br />

rientrare: zurückkehren<br />

L’articolo…<br />

FACILE E IN BREVE<br />

Marcello<br />

Dell’Utri (73).<br />

Marcello Dell’Utri, nato<br />

a Palermo nel 1941, è<br />

un ex dirigente, un ex deputato, senatore e amico<br />

da molti anni di Silvio Berlusconi. I due si conoscono<br />

a Milano ai tempi dell’università e nel 1974<br />

Dell’Utri diventa segretario personale di Berlusconi.<br />

Dell’Utri è anche il cofondatore di Forza Italia, il partito<br />

di centrodestra con cui Berlusconi scende in politica<br />

nel 1994. Nel corso degli anni, Dell’Utri viene<br />

però accusato più volte di avere legami con la mafia.<br />

Nel maggio 2014<br />

il/la dirigente Führungskraft la Cassazione condanna<br />

Dell’Utri a set-<br />

il deputato Abgeordneter<br />

il cofondatore Mitbegründer<br />

accusare anklagen te anni di carcere per<br />

il legame Verbindung il reato di concorso<br />

la (Corte di) Cassazione: ital. esterno in associazione<br />

mafiosa. Poco<br />

Revisionsgerichtshof<br />

condannare verurteilen<br />

il carcere Gefängnis prima della sentenza<br />

il reato Straftat definitiva, Dell’Utri<br />

il concorso Beteiligung fugge all’estero, ma<br />

l’associaviene<br />

fermato a Beirut,<br />

in Libano, ed<br />

zione f. Vereinigung<br />

la sentenza Urteil<br />

fuggire fliehen estradato in Italia il<br />

estradare ausliefern 13 giugno.<br />

per il giudice Paolo Borsellino è il “referente di Cosa Nostra<br />

in Lombardia”. Uno stalliere che ad Arcore “aveva la<br />

funzione di protezione del suo datore di lavoro e familiari”,<br />

si legge nella sentenza. Mangano resta due anni ad<br />

Arcore. Sono 30 i pentiti che, nel corso del processo, durato<br />

quasi due decenni, accusano Dell’Utri di essere stato<br />

il tramite della mafia non solo a casa, ma anche nell’impero<br />

di Berlusconi, visto che nel 1982 Marcello diventa<br />

l’amministratore di Publitalia, la macchina pubblicitaria<br />

, 22 giugno 2014<br />

Dell’Utri in cella: “Più libri o<br />

faccio sciopero della fame”.<br />

la cella: Zelle<br />

il pentito Kronzeuge<br />

il tramite Mittelsmann<br />

visto che da<br />

pubblicitario Werbela<br />

Fininvest: Finanzholdinggesellschaft<br />

für Silvio Berlusconis<br />

Eigentum<br />

sull’orlo di am Rande von<br />

il crac Zusammenbruch<br />

fondare gründen<br />

la discesa in campo: Ausspruch<br />

Silvio Berlusconis, der seinen<br />

Gang in die Politik mit einem Einlaufen<br />

auf dem Spielfeld verglich<br />

il manifestino hübsches<br />

elettorale Wahlplakat<br />

fare la fortuna jds. Glück<br />

di qcn. sein<br />

per legittima<br />

difesa aus Notwehr<br />

brillare durch Abweper<br />

assenza senheit glänzen<br />

il legame Verbindung<br />

la galera Knast<br />

minacciare androhen<br />

lo sciopero<br />

della fame Hungerstreik<br />

il carcere Gefängnis<br />

essere inhaftiert<br />

detenuto sein<br />

della Fininvest. Come allenatore<br />

aveva dimostrato<br />

di avere talento e dopo il<br />

Torrescalla aveva allenato,<br />

a Palermo, l’Athletic Club<br />

Bacigalupo. Come manager,<br />

invece, non è il massimo,<br />

se nel 1993 Publitalia<br />

è sull’orlo del crac. Fonda<br />

con Berlusconi Forza Italia,<br />

il partito della “discesa in<br />

campo” nel 1994. Sono una<br />

sua idea i manifestini elettorali<br />

che fanno la fortuna<br />

di Berlusconi e i “circoli<br />

del buon governo” aperti<br />

in mezza Italia. Un amore<br />

puro per la politica? Niente<br />

affatto: in un’intervista<br />

ha detto che in politica lui<br />

ci è entrato “per legittima<br />

difesa”. Non sembra che a<br />

Bruxelles come eurodeputato<br />

abbia cambiato i destini<br />

del Vecchio Continente. Come senatore, ha brillato<br />

per assenza. 50 anni di fedeltà a Berlusconi e oltre 20 in<br />

politica non sono serviti a cancellare i suoi legami con la<br />

mafia, né a salvarlo dalla galera. Ora minaccia lo sciopero<br />

della fame se, nel carcere di Parma dove è detenuto, non<br />

gli daranno più libri.<br />

Stefano Vastano: Deutschlandkorrespondent der<br />

Wochenzeitschrift l’Espresso, kommentiert aktuelle<br />

Themen aus der italienischen Presse.<br />

63<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2014


LIBRI E LETTERATURA<br />

DI LUCA VITALI<br />

64<br />

UN AMORE<br />

SEGRETO<br />

In questo libro l’autrice si confronta<br />

con il delicato tema dell’omosessualità<br />

maschile vissuta in maniera clandestina.<br />

Guido e Costantino sono<br />

due bambini romani che vivono nello<br />

stesso palazzo: il primo, figlio di<br />

un medico, abita ai piani alti, mentre<br />

l’altro è il figlio del portiere. Tra loro,<br />

prima nel cortile e poi a scuola, si stabilisce una complicità<br />

che presto sfocia in una tormentata relazione sessuale<br />

che dura, sotterranea, nella vita adulta. Guido scappa a<br />

Londra, si integra e diventa docente di storia dell’arte; Costantino<br />

apre un ristorante.<br />

Entrambi si sposano e<br />

sul segreto del loro amore clandestino heimlich<br />

difficile costruiscono ciascuno<br />

una famiglia e una<br />

il cortile Hof<br />

la complicità Zusammenhalt<br />

sfociare münden<br />

vita “normale” e “felice”.<br />

tormentato quälend,<br />

Il racconto delle emozioni<br />

e dei sentimenti intimi<br />

schwierig<br />

sotterraneo unterirdisch,<br />

è trascinante e il romanzo<br />

non delude i suoi let-<br />

la vita adulta Erwachsenen-<br />

hier: heimlich<br />

tori. La rivelazione finale,<br />

leben<br />

che agisce come un colpo scappare fliehen<br />

di scena, pone in una luce<br />

diversa tutta la vicenda.<br />

trascinante<br />

deludere<br />

mitreißend<br />

enttäuschen<br />

Lingua: abbastanza la rivelazione Enthüllung<br />

facile. Genere: romanzo<br />

di sentimenti. Margaret<br />

agire<br />

il colpo<br />

wirken<br />

Coup,<br />

Mazzantini, Splendore, di scena Überraschung<br />

Mondadori, 309 pagine. la vicenda Geschichte<br />

ATTRAZIONE<br />

FATALE<br />

La terza fatica di questa giovane autrice,<br />

giunta alla ribalta con il self-publishing,<br />

vende centinaia di migliaia<br />

di copie e fa di lei una delle principali<br />

autrici del nuovo romanzo rosa<br />

italiano. La vicenda, ambientata a<br />

New York, scorre come in un set cinematografico.<br />

I protagonisti sono<br />

Amalia, una giovane avvocatessa che discende da una<br />

potente famiglia ebrea, e Ryan, procuratore e figlio di irlandesi,<br />

gestori di un pub nella<br />

Grande Mela. Bellissimi<br />

giunto ins Rampenlicht<br />

entrambi, sono nemici fin alla ribalta gekommen<br />

dai tempi del campus universitario.<br />

Ryan è arrivato la vicenda Geschichte<br />

il romanzo rosa Liebesroman<br />

in città fresco di nomina<br />

e i due si ritrovano ora a<br />

fronteggiarsi in tribunale,<br />

decisi ciascuno a demolire<br />

l’odiato avversario. L’attrazione<br />

l’avvocatessa<br />

discendere<br />

potente<br />

ebreo<br />

il procuratore<br />

Anwältin<br />

abstammen<br />

mächtig<br />

jüdisch<br />

Staatsanwalt<br />

dei loro corpi avrà<br />

il gestore Betreiber<br />

il nemico Feind<br />

la meglio e li costringerà,<br />

fresco di qc. kurz nach etw.<br />

dopo una serie di equivoci,<br />

ad accettare la recipro-<br />

l’avversario Gegner<br />

odiato verhasst<br />

ca passione, in un finale<br />

avere Oberhand<br />

annunciato.<br />

la meglio gewinnen<br />

Lingua: facile Genere:<br />

costringere zwingen<br />

romanzo rosa Anna<br />

Premoli, Finché amore<br />

non ci separi, Newton<br />

Compton, 284 pagine.<br />

l’equivoco<br />

reciproco<br />

annunciato<br />

Missverständnis<br />

gegenseitig<br />

angekündigt<br />

utenti del web. Una<br />

sorta di compendio<br />

cartaceo che seleziona<br />

le migliori proposte<br />

della versione online, da portare sempre con sé. Non<br />

solo i turisti, ma anche gli abitanti delle città elencate potranno<br />

trovare suggerimenti utili e intriganti. F. Memo<br />

Italia low cost. Guida anticrisi per viaggiare senza pensieri<br />

tra le meraviglie del Belpaese, BUR Rizzoli, 379 pagine.<br />

IL QUARTO LIBRO<br />

CONSIGLI UTILI DAL WEB<br />

State cercando una guida low cost certificata da turisti esperti e smaliziati? Chi poteva<br />

realizzarla se non TripAdvisor, la community web che raccoglie le recensioni<br />

di viaggiatori che hanno testato in prima persona alberghi, ristoranti e trattorie<br />

in giro per l’Italia? Il libro Italia low cost è una guida anticrisi, per “viaggiare senza<br />

pensieri tra le meraviglie del Belpaese”, come recita il sottotitolo. Segnalate in<br />

pagine di colori diversi, le protagoniste di ciascun capitolo sono le città italiane<br />

più amate, da Nord a Sud. In ogni città vengono indicati gli alloggi più confortevoli,<br />

le trattorie e i ristoranti più apprezzati, i monumenti e le attrazioni da non<br />

perdere. Com‘è ovvio, tutto è rigorosamente a basso costo, seguendo i precetti<br />

della filosofia degli<br />

la guida Reiseführer<br />

smaliziato erfahren,<br />

gewitzt<br />

l’albergo Hotel<br />

senza pensieri sorgenfrei<br />

la meraviglia Wunder, Pracht<br />

il Belpaese: Italien<br />

recitare lauten<br />

segnalato empfohlen<br />

indicare angeben<br />

l’alloggio Unterkunft<br />

apprezzato<br />

perdere<br />

il precetto<br />

l’utente m./f.<br />

cartaceo<br />

la proposta<br />

elencato<br />

il suggerimento<br />

intrigante<br />

geschätzt<br />

verpassen<br />

Gebot, Leitsatz<br />

Nutzer, -in<br />

in gedruckter<br />

Form<br />

Angebot<br />

aufgeführt<br />

Tipp<br />

spannend<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2014


LIBRI E LETTERATURA<br />

I cinque autori bolognesi del<br />

collettivo Wu Ming. Nelle foto<br />

sono ritratti sempre con il<br />

volto cancellato.<br />

L’ARMATA<br />

DEI SONNAMBULI<br />

Siamo in piena Rivoluzione francese, nel periodo del Terrore.<br />

Per le strade della capitale c’è il passaggio del corteo<br />

per la decapitazione di Luigi XVI. I grandi rivoluzionari idealisti<br />

sono già tutti morti e Parigi è in mano a bande di carnefici.<br />

La controrivoluzione<br />

avanza, ma a difendere<br />

il popolo si aggira, per i l’armata Armee<br />

tetti della capitale, una figura<br />

misteriosa, un eroe<br />

il sonnambulo Schlafwandler<br />

il passaggio Vorbeimarsch<br />

il corteo Zug<br />

che difende la rivoluzione.<br />

la deca-<br />

Il romanzo offre un quadro<br />

pitazione Enthauptung<br />

nuovo e sanguigno di uno il carnefice Scharfrichter<br />

dei periodi più interessanti avanzare vorrücken<br />

della storia moderna.<br />

difendere schützen<br />

Genere: romanzo aggirarsi sich herumstorico.<br />

Lingua: difficile.<br />

Wu Ming, L’armata dei<br />

sonnambuli, Einaudi, 808<br />

pagine.<br />

l’eroe m.<br />

il quadro<br />

sanguigno<br />

treiben<br />

Held<br />

Bild<br />

hier: lebendig<br />

L’AUTORE DEL MESE<br />

WU MING (2000)<br />

Nato nel gennaio 2000 da una costola del progetto<br />

“Luther Blisset”, con il nome Wu Ming si presenta in pubblico<br />

un collettivo di cinque autori dell’area bolognese.<br />

Roberto Bui, Giovanni Cattabriga, Luca Di Meo, Federico<br />

Guglielmi e Riccardo Pedrini hanno ciascuno una propria<br />

carriera letteraria, ma insieme, pur se con formazioni diverse,<br />

sono autori di numerosi romanzi di carattere epico-storico<br />

tradotti in diverse lingue. Caratteristica comune<br />

a tutti i loro libri è che evidenziano la dinamiche di dominio<br />

e oppressione sociale. Wu Ming è schierato contro il<br />

copyright (sul sito del gruppo è possibile scaricare i testi<br />

integrali) e il fenomeno del<br />

divismo letterario. I suoi<br />

componenti non si fanno<br />

ritrarre in fotografia né<br />

appaiono su altri media,<br />

come la televisione, perché<br />

non vogliono separare<br />

l’immagine dalla voce<br />

e dalle parole. Partecipano<br />

invece a incontri con<br />

il pubblico e sono spesso<br />

in tour, anche con una<br />

propria rock band, con la<br />

quale hanno pubblicato<br />

di recente un disco. Intervengono<br />

spesso anche<br />

sui giornali, prendendo<br />

posizione su questioni<br />

politiche e di rilevanza sociale.<br />

Gestiscono personalmente<br />

un blog, che si<br />

chiama Giap ed è molto<br />

seguito da lettori e fan.<br />

la costola<br />

la formazione<br />

f.<br />

comune<br />

evidenziare<br />

il dominio<br />

l’oppressione f.<br />

essere schierato<br />

contro qc.<br />

il sito<br />

scaricare<br />

integrale<br />

il divismo<br />

il componente<br />

ritrarre<br />

apparire<br />

di recente<br />

intervenire<br />

la questione<br />

gestire<br />

Rippe,<br />

hier: Zweig<br />

Zusammensetzung<br />

gemeinsam<br />

aufzeigen<br />

Herrschaft<br />

Unterdrückung<br />

gegen etw.<br />

eintreten<br />

Website<br />

herunterladen<br />

vollständig<br />

Starkult<br />

Mitglied<br />

porträtieren<br />

erscheinen<br />

kürzlich<br />

eingreifen,<br />

hier: sich zu<br />

Wort melden<br />

Frage<br />

betreiben<br />

DAL LIBRO<br />

“Non c’è nessuno, a parte quelli”,<br />

disse Nero indicando tre uomini<br />

nella folla, dall’altra parte della strada.<br />

Sotto i tricorni che portavano in<br />

capo, uno aveva capelli biondi, un<br />

altro grigi e il terzo, visibilmente<br />

più anziano, sembrava calvo.<br />

“Qualcosa è andato storto”.<br />

“Dobbiamo agire comunque”, disse l’altro.<br />

“In cinque?”<br />

“C’è nebbia, nella calca può ben darsi che altri…”<br />

“Può ben darsi è appiglio da poco, mio signore”.<br />

“È quello che abbiamo”.<br />

“Il piano è scoperto. Ci faremo ammazzare senza scopo”.<br />

“Lo scopo lo abbiamo. E se il popolo…”<br />

“Il popolo?” sibilò Nero,<br />

soffocando la rabbia.<br />

la folla Menge<br />

“Questa è plebaglia<br />

il tricorno Dreispitz<br />

anziano alt<br />

sanculotta. Non vedono<br />

calvo glatzköpfig<br />

l’ora di assistere al macello.<br />

Nell’ultimo anno siete la nebbia Nebel<br />

andare storto schief gehen<br />

la calca Gedränge<br />

stato lontano da Parigi.<br />

l’appiglio Halt, Stütze<br />

La città è uscita di senno”. il piano Plan<br />

“Ci sarà pure qualche<br />

ammazzare umbringen<br />

lo scopo Ziel<br />

suddito leale…”<br />

sibilare zischen<br />

“Forse. Ma disposto a suicidarsi<br />

per noi?”<br />

la plebaglia Pöbel<br />

soffocare unterdrücken<br />

“No, a rischiare la vita per<br />

il macello Gemetzel<br />

uscire den Verstand<br />

Sua Maestà!”<br />

di senno verlieren<br />

“Siamo troppo pochi”.<br />

il suddito Untertan<br />

“Che fareste, dunque?”<br />

leale loyal<br />

65<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2014


Sprachen lernen<br />

und erleben.<br />

Ihre Sprachreise von zu Hause aus: Online-Training<br />

mit Videos und Übungen. Jederzeit verfügbar.<br />

50%<br />

Rabatt<br />

Bestellen Sie jetzt!<br />

+49 (0)89/8 56 81-16<br />

www.dalango.de/50rabatt<br />

Sonderpreis für Erstlaufzeit 6 Monate: EUR 9,97 pro Monat statt regulär EUR 19,95.<br />

Danach kann die Mitgliedschaft jederzeit gekündigt werden - E-Mail an info@dalango.de genügt.


BOTTA E RISPOSTA<br />

DI MARINA COLLACI<br />

113 euro e 50 centesimi è la somma<br />

che gli italiani pagano, ogni anno,<br />

per il canone Rai. In tempi di crisi,<br />

è una spesa che pesa, tanto più<br />

che la maggior parte degli italiani<br />

la considera inutile per vari motivi.<br />

Innanzitutto la scelta dei canali gratuiti<br />

è vasta; poi, chi è interessato a<br />

una programmazione di qualità, che<br />

comprenda un’ampia gamma di film,<br />

documentari, serie, partite di calcio e<br />

concerti, è costretto ad abbonarsi a<br />

una TV pagamento. La Rai, inoltre,<br />

non offre più programmi culturali di<br />

alto livello e, come se non bastasse,<br />

spende i soldi in modi che molti cittadini<br />

non condividono: conduttori<br />

il canone Gebühr<br />

la Rai: öffentlich-rechtliche Rundfunkanstalt<br />

Italiens<br />

pesare belasten<br />

considerare betrachten<br />

vasto, ampio umfangreich<br />

la gamma Auswahl<br />

la partita di calcio Fußballspiel<br />

essere costretto gezwungen sein<br />

offrire bieten<br />

il cittadino Bürger<br />

condividere qc. mit etw. einverstanden<br />

sein<br />

il conduttore Moderator<br />

guadagnare verdienen<br />

sfiorare heranreichen<br />

convinto überzeugt<br />

sprecare verschwenden<br />

il denaro pubblico öffentliche Mittel Pl.<br />

lo stato Staat<br />

rinunciare verzichten<br />

l’abbassamento Senkung<br />

Irpef (l’imposta sul reddito delle persone<br />

fisiche): Lohn- bzw. Einkommenssteuer<br />

la tassa Steuer<br />

il baraccone Saftladen<br />

televisivi come Bruno Vespa o Fabio<br />

Fazio, per fare qualche esempio,<br />

guadagnano cifre astronomiche che<br />

sfiorano i due milioni di euro l’anno.<br />

L’attuale premier Matteo Renzi, convinto<br />

che la Rai sprechi denaro pubblico,<br />

ha chiesto alla televisione di<br />

stato di rinunciare a 150 milioni per<br />

finanziare un abbassamento dell’Irpef,<br />

le tasse dei cittadini. Si aprono<br />

spiragli per una rivoluzione nel cosiddetto<br />

“baraccone” Rai.<br />

Il canone della discordia<br />

Viele italienische Haushalte würden gerne die Rundfunkgebühren sparen – zumal die<br />

Öffentlich-Rechtlichen ihrem Bildungsauftrag kaum noch nachkommen und ihren<br />

Moderatoren astronomische Gehälter zahlen.<br />

67<br />

È ancora necessaria, in Italia,<br />

una televisione pubblica?<br />

Assolutamente no, perché ormai<br />

la televisione non è più un<br />

servizio pubblico. La televisione<br />

italiana offre gli stessi servizi<br />

di una televisione commerciale.<br />

Secondo Lei, si dovrebbe eliminare<br />

il canone?<br />

Sì, o per lo meno calcolarlo in<br />

base al reddito, come qualcuno<br />

ha proposto di fare.<br />

Trova scandalosi gli stipendi<br />

che la Rai offre ai conduttori<br />

televisivi?<br />

Sì, sono stipendi eccessivi.<br />

Una TV pubblica dovrebbe offrire programmi più educativi?<br />

Vorrei vedere più programmi culturali e non inutili talk show.<br />

Devo dire che la cosa è possibile anche senza una televisione<br />

di stato. Ci sono TV come il National Geographic che<br />

offrono ottimi programmi, di alto livello ed educativi, pur essendo<br />

commerciali. E costano meno!<br />

<strong>ADESSO</strong>plus<br />

Trovi un esercizio sul<br />

canone nella rubrica Grammatica.<br />

www.adesso-online.de/rai<br />

Sergio Alberini, di Milano, 48 anni, montatore video [Cutter]<br />

(a sinistra) e Silvio Valente, di Picerno (PZ), 53 anni,<br />

funzionario pubblico [Beamter].<br />

Einkommen<br />

vorschlagen<br />

Gehalt<br />

Bildungs-<br />

sehr gut<br />

il reddito<br />

proporre<br />

lo stipendio<br />

educativo<br />

ottimo<br />

È ancora necessaria, in Italia,<br />

una televisione pubblica?<br />

Sì, certamente. L’importante è<br />

che sia di qualità!<br />

Secondo Lei, si dovrebbe eliminare<br />

il canone?<br />

No, però sarebbe più semplice<br />

se si pagasse con le tasse<br />

normali, invece di far pagare<br />

una tassa in più. È finanza<br />

pubblica e se non la paghiamo<br />

in un modo, la paghiamo in un<br />

altro, o tassa separata o conteggiata<br />

nell’Irpef. Non vedo la<br />

differenza.<br />

Trova scandalosi gli stipendi<br />

che la Rai offre ai conduttori televisivi?<br />

Sì! Se la Rai spendesse meno, il canone sarebbe più basso.<br />

Gli stipendi altissimi sono uno scandalo, ma non l’unica fonte<br />

di sprechi. Volevano mandare 50 giornalisti ai Mondiali.<br />

Una follia! Mandatene uno e<br />

fateci vedere le partite!<br />

Una TV pubblica dovrebbe<br />

offrire programmi più educativi?<br />

Sì, è un settore in cui la TV<br />

pubblica dovrebbe investire<br />

di più.<br />

conteggiare<br />

la fonte<br />

il giornalista<br />

i Mondiali<br />

la follia<br />

il settore<br />

anrechnen<br />

Quelle<br />

Journalist<br />

Fußballweltmeisterschaft<br />

Wahnsinn<br />

Bereich<br />

<strong>ADESSO</strong> SETTEMBRE 2014


SprachkurSe und Sprachferien<br />

Sprachkurse, Prüfungszentrum<br />

Sprachreisen, Sprachberufe<br />

Tel. 06221 8994-2943, sprachen@fuu.de<br />

www.fuu-languages.com<br />

<strong>Italienisch</strong>e Sprachschule in Genua<br />

In der Nähe von Portofino und Cinque Terre<br />

Sprachferien<br />

Bildungsurlaub<br />

Via Caffaro 4/7<br />

16124 Genua<br />

Tel. +39 010 2465870<br />

Fax +39 010 2542240<br />

info@adoortoitaly.com<br />

www.adoortoitaly.com<br />

ITALIENISCH IN FLORENZ<br />

SPEZIALANGEBOT<br />

Sprachkurse für Erwachsene<br />

in kleiner Gruppe 4 Std/Tag<br />

inkl. Aktivitäten, inkl. Einzelzimmer<br />

2 Wochen = € 529,–<br />

(2 Wo. Kunstgeschichte € 739,–)<br />

Sizilien – Meer und Kultur<br />

<strong>Italienisch</strong>-Sprachkurs und klassische Kochschule mit<br />

einer erfahrenen Muttersprachlehrerin. Unterkunft<br />

und Verpflegung in der familiären Atmosphäre der<br />

Lehrerin, in einem kleinen Dorf direkt an der Küste.<br />

Tel: +39-091-8787146,<br />

e-mail: rb.sicilia@hotmail.com<br />

Mola di Bari – Apulien<br />

Abseits vom Massen-Tourismus<br />

<strong>Italienisch</strong> lernen und erleben<br />

Tel: 0049 8161 78 95 28<br />

oder 0039 34 94 62 65 41<br />

http://www.sprachferien-italien.de<br />

Studitalia Sardinien<br />

<strong>Italienisch</strong> lernen<br />

Sprachferien in Olbia<br />

www.studitalia.com<br />

(0039) 333 2133760 infotiscali@studitalia.com<br />

Scuola Toscana<br />

Via de’Benci, 23 · 50122 Firenze<br />

Tel/Fax 0039 055 244583<br />

www.scuola-toscana.com<br />

iMMoBiLien<br />

BekanntSchaften<br />

Sprachprodukte<br />

Apulien<br />

– gepflegtes Landhaus in ruhiger Lage<br />

Nähe Bari –<br />

in den Hügeln der apulischen Murge<br />

bei Corato nahe dem Castel del Monte:<br />

65 qm Wohnfläche, Wohn-Esszimmer,<br />

3 Schlafzimmer, Kochnische, Bad/WC,<br />

überdachte Terrasse, Dachterrasse.<br />

Eingebettet zwischen 85 Olivenbäumen<br />

und 30 anderen Obstbäumen liegt das<br />

Haus auf einem 3500 qm großen<br />

Grundstück. Preis: 90.000,00 €<br />

Weitere Infos unter:<br />

www.case-terreni-puglia.com/shop/<br />

artikel_main.php?prim=182//<br />

vitodichio@gmail.com<br />

Tel. 0039-333/9281657<br />

Themenvorschau<br />

ausgabe 11/14:<br />

• Rom<br />

Anzeigenschluss: 24.09.14, Erstverkaufstag: 29.10.14<br />

ausgabe 12/14:<br />

• Comer See<br />

Anzeigenschluss: 22.10.14, Erstverkaufstag: 26.11.14<br />

Änderungen vorbehalten.<br />

Gesellschafterin<br />

gesucht<br />

Famiglia perbene, che vive in Sicilia<br />

in una villa al mare, cerca dama di<br />

compagnia, 38-45 anni.<br />

Richiedesi: cultura, aspetto piacente,<br />

carattere, discreto italiano.<br />

Offresi: vitto, alloggio indipendente,<br />

stipendio. Massima serietà.<br />

gaetanoalesi@libero.it<br />

www.adesso-online.de<br />

Mehr Sprache<br />

können Sie<br />

nirgendwo shoppen.<br />

Ihre Anzeige im<br />

Sprach- und Reisemarkt AdeSSo<br />

Print & E-Paper<br />

Rabatte<br />

ab 3 Anzeigen 3 % Rabatt<br />

ab 6 Anzeigen 6 % Rabatt<br />

ab 9 Anzeigen 10 % Rabatt<br />

ab 12 Anzeigen 15 % Rabatt<br />

Beispiel 1<br />

1-spaltig / 20 mm hoch<br />

e 86,– (schwarz/weiß)<br />

e 111,– (farbig)<br />

Beispiel 3<br />

2-spaltig / 30 mm hoch<br />

e 258,– (schwarz/weiß)<br />

e 333,– (farbig)<br />

Klicken und Produktvielfalt<br />

entdecken:<br />

Beispiel 2<br />

1-spaltig / 40 mm hoch<br />

e 172,– (schwarz/weiß)<br />

e 222,– (farbig)<br />

Weitere Formate möglich.<br />

Alle Preise zuzüglich MwSt.<br />

aDesso settembre 2014


SprachkurSe und Sprachferien<br />

LAGO DI COMO<br />

Lingua italiana e passeggiate<br />

La casa delle rondini – in B&B<br />

Fr. Oro 23 - 23822 Bellano (Lc)<br />

Tel. 00 39 0341820586<br />

www.casarondini.it<br />

Rein ins Land.<br />

Raus mit der Spache.<br />

Sprachreisen & Sprachkurse weltweit<br />

DIALOG-SPRACHREISEN<br />

T. 0761 286470 • www.dialog.de<br />

Scuola Leonardo da Vinci®<br />

<strong>Italienisch</strong> in Florenz – Mailand – Rom – Siena<br />

www.scuolaleonardo.com<br />

Trieste<br />

Tropea<br />

+39 040 304020 | Als Bildungsurlaub anerkannt | +39 0963 603284<br />

www.piccolauniversitaitaliana.com<br />

Lernen Sie <strong>Italienisch</strong><br />

- vor Ort und hautnah -<br />

auf unserem Landgut<br />

IN DER MAREMMA !<br />

Einzel-, Paar-, Familien-, Senioren-,<br />

Kleingruppenkurse in familiärer Atmosphäre.<br />

Eigene FeWo’s! Tel. 0039 0564 507922<br />

www.podere-carbone.de (mit Video!)<br />

Wohnen und lernen in Padua<br />

<strong>Italienisch</strong>-Sprachkurs 1-4Wochen mit einer<br />

erfahrenen <strong>Italienisch</strong>-Deutsch Lehrerin. Unterkunft<br />

in einer kleinen, eleganten zentral gelegenen Wohnung<br />

für 1max. 2Personen. Abendessen bei der Familie<br />

der Lehrerin.<br />

Website: www.imparareitalianoapadova.com<br />

Tel.: 0039-049-8750468<br />

Verbringen Sie Ihren Urlaub<br />

in Ligurien und lernen Sie<br />

effektiv <strong>Italienisch</strong> am Meer.<br />

Professionell, kommunikationsgezielt<br />

in kleiner Gruppe mit kompetenten<br />

Muttersprachler-Dozenten.<br />

www.italian-italienisch.com<br />

corsiditaliano@online.de<br />

<strong>Italienisch</strong> in Köln<br />

und Sprachurlaub in Italien<br />

für Anfänger, Fortgeschrittene,<br />

Konversation<br />

www.alfabeto-italia.eu<br />

auf allen redaktionellen Sites von<br />

www.adesso-online.de in Rotation<br />

Kontakt:<br />

Tel. +49-(0)89-85681-131<br />

anzeige@spotlight-verlag.de<br />

<br />

<br />

Sant‘anna InStItute<br />

<strong>Italienisch</strong>e Sprache und Kultur in Sorrent<br />

www.sorrentolingue.com · info@sorrentolingue.com<br />

Tel. +39 081 807 55 99 · Fax +39 081 532 41 40<br />

ferienhÄuSer und -Wohnungen<br />

BerufSauSBiLdung, fortBiLdung<br />

<br />

<br />

<br />

<br />

<br />

ROM + SARDINIEN + SÜDIT.<br />

Gün. priv. Strandhs + fam. Hotels,<br />

teils Pool! Rom: priv. Stadtwhgn in<br />

guter Lage! Alle Termine: Tel. 0981-3656<br />

info@casaclub.de; www.casaclub.de<br />

www.welthandelskorrespondent.com<br />

staatl. anerk. Berufsfachschule:Europasekretär/in, Korrespondent/in, 062218994-2943<br />

www.europasekretaerin.de<br />

staatl. anerkannt, kleine Klassen, mit Uni.-Abschluss, BBS, ☎ (07221) 22661<br />

Nördl. Toscana: Gepflegte, allein stehende Ferien-Landhäuser mit Privat-Pool.<br />

Ferienwohnungen in ruhig gelegenen Privathäusern mit Pool.<br />

Bezaubernde Panorama-Lage. Persönlich ausgewählt und getestet.<br />

mobil 0049 (0) 177 7464025, www.residenzetoscane.com<br />

<br />

<br />

aDesso settembre 2014


NEL PROSSIMO NUMERO<br />

ABO:<br />

Spotlight Verlag GmbH<br />

Kundenbetreuung<br />

Postfach 1565, 82144 Planegg<br />

Internet: www.spotlight-verlag.de<br />

Montag bis Donnerstag: 9 bis 18 Uhr<br />

Freitag: 9 bis 16 Uhr<br />

Kundenbetreuung Privatkunden<br />

und Buchhandlungen<br />

Tel. +49 (0)89/8 56 81-16<br />

Fax +49 (0)89/8 56 81-159<br />

E-Mail: abo@spotlight-verlag.de<br />

Kundenbetreuung Lehrer,<br />

Trainer und Firmen<br />

Tel. +49 (0)89/8 56 81-150<br />

Fax +49 (0)89/8 56 81-119<br />

E-Mail: lehrer@spotlight-verlag.de<br />

Einzelverkaufspreis Deutschland:<br />

€ 7,50<br />

Bestellung Einzelhefte/<br />

ältere Ausgaben:<br />

leserservice@spotlight-verlag.de<br />

<strong>ADESSO</strong> wird besonders<br />

umweltfreundlich auf chlorfrei<br />

gebleichtem Papier gedruckt.<br />

KUNDENSERVICE<br />

BEZUGSKONDITIONEN JAHRESABO<br />

Deutschland:<br />

€ 80,40 inkl. MwSt. und Versandkosten<br />

Österreich:<br />

80,40 inkl. MwSt. und zzgl. € 10,20<br />

Versandkosten<br />

Schweiz:<br />

sfr 121,20 zzgl. sfr 18 Versandkosten<br />

übriges Ausland:<br />

€ 80,40 zzgl. Versandkosten<br />

Studentenermäßigung gegen Nachweis.<br />

Die Belieferung kann nach<br />

Ablauf des ersten Bezugsjahres jederzeit<br />

beendet werden - mit Geld-zurück-Garantie<br />

für bezahlte, aber noch<br />

nicht gelieferte Ausgaben.<br />

WEITERE SERVICENUMMERN<br />

Leserbriefe:<br />

adesso@spotlight-verlag.de<br />

Anzeigen:<br />

anzeige@spotlight-verlag.de<br />

Sprachenshop:<br />

www.SprachenShop.de<br />

E-Mail: Bestellung@SprachenShop.de<br />

Tel. +49 (0)711/72 52-245<br />

Fax +49 (0)711/72 52-366<br />

<strong>ADESSO</strong> www.adesso-online.de Gegründet 1994<br />

70<br />

ITALIA SLOW<br />

Prossima fermata... Acquasparta. 321 chilometri<br />

sui treni a bassa velocità: otto tappe dalla Toscana<br />

all’Abruzzo attraverso l’Italia più autentica.<br />

HERAUSGEBER UND<br />

VERLAGSLEITER<br />

Dr. Wolfgang Stock<br />

CHEFREDAKTEURIN<br />

Rossella Dimola<br />

CHEF VOM DIENST<br />

Salvatore Viola<br />

BILDREDAKTION<br />

Isadora Mancusi<br />

REDAKTION<br />

Cosimo Carniani, Giovanna<br />

Iacono, Isadora Mancusi,<br />

Fabrizia Memo, Salvatore Viola<br />

AUTOREN IN DIESEM HEFT<br />

Renata Beltrami, Anna Bordoni,<br />

Marina Collaci, Anna Mandelli,<br />

Daniela Mangione, Marco<br />

Montemarano, Valeria Palumbo,<br />

Valentina Pinton, Stefano Vastano,<br />

Luca Vitali, Silvia Ziche<br />

MITARBEITER<br />

IM REDAKTIONSBEREICH<br />

Julia Grahner, Monica Guerra,<br />

Friederike Ott,<br />

Dorothea Schmuck<br />

AUTORIN <strong>ADESSO</strong>in classe<br />

Claudia Driol<br />

KONZEPT UND GESTALTUNG<br />

www.prodigo.de<br />

Filippo Cirri<br />

PRODUKTIONSLEITUNG<br />

Ingrid Sturm<br />

LITHO<br />

Mohn Media Mohndruck GmbH,<br />

33311 Gütersloh<br />

DRUCK<br />

Vogel Druck und Medienservice<br />

GmbH, 97204 Höchberg<br />

© 2014 Spotlight Verlag, auch für<br />

alle genannten Autoren, Fotografen<br />

und Mitarbeiter<br />

Der Inhalt der Artikel gibt die Meinung<br />

der Autoren, nicht die der<br />

Redaktion wieder.<br />

Im Spotlight Verlag erscheinen:<br />

Spotlight, Business Spotlight,<br />

Écoute, ECOS, <strong>ADESSO</strong>,<br />

Deutsch perfekt<br />

VERLAG UND REDAKTION<br />

Spotlight Verlag GmbH<br />

Postanschrift:<br />

Postfach 1565, 82144 Planegg<br />

Hausanschrift:<br />

Fraunhoferstr. 22, 82152 Planegg<br />

Telefon 0 89/8 56 81-0<br />

Telefax 0 89/8 56 81-105<br />

Redaktion:<br />

adesso@spotlight-verlag.de<br />

GESCHÄFTSFÜHRUNG<br />

Dr. Wolfgang Stock,<br />

Markus Schunk<br />

VERTRIEBSLEITUNG<br />

Monika Wohlgemuth<br />

MARKETINGLEITUNG<br />

Holger Hofmann<br />

LESERSERVICE<br />

Birgit Hess<br />

LEITUNG MARKETING B2C & PR<br />

Heidi Kral<br />

LEITUNG MARKETING B2B &<br />

KOOPERATIONEN<br />

Susanne Mürbeth<br />

VERTRIEB HANDEL<br />

MZV, Ohmstraße 1,<br />

85716 Unterschleißheim<br />

BANKVERBINDUNGEN<br />

USt-IdNr. DE 265 973 410<br />

Commerzbank AG Düsseldorf<br />

IBAN DE46300800000212865200<br />

SWIFT (BIC) DRESDEFF300<br />

Für zahlungen aus der Schweiz<br />

Credit Suisse AG, 8070 Zürich<br />

IBAN CH1204835055483341000<br />

SWIFT (BIC) CRESCHZZ80C<br />

ERSCHEINUNGSWEISE: monatlich<br />

ISSN-NUMMER: 0947-2096<br />

FINE SETTIMANA<br />

Pavia, un piccolo gioiello<br />

medievale nel cuore della<br />

Lombardia.<br />

L’ITALIA A TAVOLA<br />

Tra formaggi, carpe e olio d’oliva,<br />

tutte le specialità del lago<br />

Trasimeno, in Umbria.<br />

<strong>ADESSO</strong> 10/14 IN VENDITA DAL 24 SETTEMBRE<br />

GESAMT-ANZEIGENLEITUNG<br />

Axel Zettler<br />

Tel. +49 (0)89/8 56 81-130<br />

Fax +49 (0)89/8 56 81-139<br />

E-Mail: anzeige@spotlight-verlag.de<br />

SPRACH- & REISEMARKT<br />

CROSSMEDIA<br />

Eva-Maria Markus<br />

Tel. +49 (0)89/8 56 81-131<br />

Fax +49 (0)89/8 56 81-139<br />

E-Mail: e.markus@spotlight- verlag.de<br />

E-Mail: anzeige@spotlight-verlag.de<br />

MEDIA CONSULTANT<br />

Martina Konrad<br />

Tel. +49 (0)89/85 68 1-132<br />

Fax +49 (0)89/85 68 1-139<br />

E-Mail: m.konrad@spotlight-verlag.de<br />

E-Mail: anzeige@spotlight-verlag.de<br />

ANZEIGENPREISLISTE:<br />

Es gilt die Anzeigenpreisliste Nr. 22 ab<br />

Ausgabe 1/14<br />

Im Spotlight Verlag erscheinen:<br />

Spotlight, Business Spotlight,<br />

Écoute, ECOS, <strong>ADESSO</strong>,<br />

Deutsch perfekt<br />

Repräsentanz-Empfehlungsanzeigen<br />

iq media marketing gmbh<br />

Patrick Priesmann, Leiter Marketing,<br />

Kasernenstraße 67, 40213 Düsseldorf,<br />

Tel. 0211/887-2315, Fax 0211/887-97-<br />

2315, E-Mail: patrick.priesmann@iqm.de<br />

Nielsen 1,5,6,7<br />

iq media marketing gmbh, Brandstwiete 1<br />

(Neuer Duvenhof), 20457 Hamburg,<br />

Tel. 040/30183-210, Fax 040/30183-283,<br />

E-Mail: matthias.meissner@iqm.de<br />

Nielsen 2<br />

iq media marketing gmbh, Kasernenstraße<br />

67, 40213 Düsseldorf, Tel. 0211/887-<br />

2056, Fax 0211/887-97-2056, E-Mail:<br />

klaus.barth@iqm.de<br />

Nielsen 3a<br />

iq media marketing gmbh, Eschersheimer<br />

Landstraße 50, 60322 Frankfurt,<br />

Tel. 069/2424-4500, Fax 069/2424-59-<br />

4500, E-Mail: thomas.wolter@iqm.de<br />

Nielsen 3b+4<br />

iq media marketing gmbh, Nymphenburger<br />

Straße 14, 80335 München, Tel.<br />

089/545907-18, Fax 089/545907-24,<br />

E-Mail: joerg.boensch@iqm.de<br />

Sales Lifestyle<br />

iq media marketing gmbh, Kasernenstraße<br />

67, 40213 Düsseldorf, Tel. 0211/887-<br />

3582, Fax 0211/887-97-3582,<br />

E-Mail: christian.gericke@iqm.de<br />

BeNeLux, Skandinavien<br />

iq media marketing gmbh, Kasernenstraße<br />

67, D-40213 Düsseldorf,<br />

Tel. +49/211/887-1332,<br />

Fax +49/211/887-97-1332,<br />

E-Mail: neil.frankland@iqm.de<br />

Österreich<br />

Service proxymedia e.U., Wiesengasse 3,<br />

2801 Katzelsdorf, Tel. +43/2662/36755,<br />

Fax +43/125-330-333-989, E-Mail:<br />

michael.schachinger@proxymedia.at<br />

Schweiz<br />

TTop Media Sales GmbH, Chamerstrasse<br />

56, 6300 Zug, Tel. 041/7105701, Fax<br />

041/7105703, E-Mail: walter.vonsiebenthal@topmediasales.ch<br />

Großbritannien, Irland<br />

Advance International Media, Peter<br />

Mason, First Floor, 30 St John’s Lane,<br />

EC1M 4NB London,<br />

Tel. +44/207/2530888,<br />

Fax: +44/207/2050761,<br />

E-Mail: peter@advance.uk.com


Schon gehört?<br />

Der Audio-Trainer mit Hörverständnis-Übungen<br />

in Ihrer Lieblingssprache. Als CD oder Download.<br />

4<br />

zum Preis<br />

von 3!*<br />

Bestellen Sie jetzt!<br />

+49 (0)89/8 56 81-16<br />

www.spotlight-verlag.de/audio-angebot<br />

* Kennenlern-Angebot für Neu-Abonnenten: 4 Ausgaben eines Audio-Trainers Ihrer Wahl zum Preis von 3.<br />

Audio-CD: € 35,10 / SFR 52,65 – Business Spotlight € 52,80 / SFR 79,20<br />

Audio-Download: € 29,70 / SFR 44,55 – Business Spotlight € 44,70 / SFR 67,05


Mehr Sprache können Sie<br />

nirgendwo shoppen.<br />

Kompetent. Persönlich. Individuell.<br />

Alles, was Sie wirklich brauchen, um eine Sprache zu lernen:<br />

Bücher und DVDs in Originalsprache, Lernsoftware und vieles mehr.<br />

Klicken und Produktvielfalt entdecken:<br />

www.sprachenshop.de


ITALIENISCH LEICHT GEMACHT 09/2014 ALLE TEXTE AUF<br />

GIRO D’ITALIA<br />

TOSKANA<br />

Wie gut kennen Sie den „Stiefel“?<br />

Eine Reise durch Landeskunde,<br />

Kultur und Traditionen<br />

der italienischen Regionen.


Toscana<br />

TOSCANA IN BREVE<br />

I Romani chiamavano Tuscia queste terre,<br />

abitate dagli Etruschi. Il territorio della<br />

Toscana è prevalentemente collinare.<br />

A nord e a est i principali rilievi sono gli<br />

LIGURIA<br />

Appennini e le Alpi Apuane, famose per<br />

l’estrazione del marmo. Il fiume<br />

principale, l’Arno, attraversa le città<br />

di Pisa e Firenze. A ovest, la Toscana è<br />

bagnata dal Mar Tirreno. Al largo della<br />

costa, tra la provincia di Livorno e quella<br />

di Grosseto, si trova l’Arcipelago toscano,<br />

formato da sette isole (la più grande è<br />

l’Elba) e da una quarantina di isolotti.<br />

In Toscana ci sono importanti università,<br />

come la Scuola Normale Superiore, la<br />

Scuola Superiore Sant’Anna (entrambe a<br />

Pisa) e l’Università per Stranieri di Siena.<br />

L’economia è basata sul turismo e sui<br />

servizi, sull’agricoltura e sull’industria.<br />

Per l’industria ricordiamo la Piaggio di<br />

Pontedera, dove si produce la Vespa, uno<br />

dei simboli dell’italianità in tutto il mondo.<br />

A Siena c’è un importante centro per le<br />

biotecnologie, il Siena Biotech.<br />

ALPI<br />

APUANE<br />

Carrara<br />

MAR<br />

LIGURE<br />

Capraia<br />

Pianosa<br />

Massa<br />

Livorno<br />

Isola<br />

d’Elba<br />

Lucca<br />

Pisa<br />

Montecristo<br />

MAR<br />

TIRRENO<br />

EMILIA-<br />

ROMAGNA<br />

APPENNINO<br />

TOSCO-EMILIANO<br />

fiume<br />

Arno<br />

Pistoia<br />

Siena<br />

COLLINE<br />

METALLIFERE<br />

Isola del<br />

Giglio<br />

Prato<br />

FIRENZE<br />

Grosseto<br />

1. Il luogo di<br />

estrazione di un<br />

pregiato marmo.<br />

a) Lucca<br />

b) Falterona<br />

c) Carrara<br />

fiume<br />

Ombrone<br />

monte<br />

Amiata<br />

fiume<br />

Tevere<br />

Arezzo<br />

LAZIO<br />

UMBRIA<br />

POPOLAZIONE<br />

3.692.828 abitanti<br />

2<br />

LAVORO<br />

Tasso di occupazione:<br />

63,8%<br />

Tasso di disoccupazione:<br />

8,7%<br />

DENSITÀ<br />

ABITATIVA<br />

162 abitanti<br />

per km 2<br />

PIL<br />

106.038,07 milioni<br />

di euro<br />

2% agricoltura<br />

21,9% industria<br />

76,1% servizi<br />

CLIMA<br />

15° temperatura<br />

media annua<br />

SUPERFICIE<br />

22.997 km²<br />

AREE PROTETTE<br />

230.000 ettari<br />

Parco delle Foreste<br />

casentinesi e Parco<br />

della Maremma<br />

PAESAGGIO<br />

25,1% montagna<br />

66,5% collina<br />

8,4% pianura<br />

1966<br />

anno dell’alluvione<br />

a Firenze.<br />

siti Unesco:<br />

Piazza dei Miracoli<br />

a Pisa; i centri storici<br />

di Firenze, Pienza, Siena,<br />

San Gimignano; la Val<br />

d’Orcia e le Ville Medicee.<br />

Giannutri<br />

1507<br />

L’America è disegnata nelle carte geografiche.<br />

Prende il nome dal fiorentino<br />

Amerigo Vespucci, il primo a capire che<br />

questa terra è un nuovo continente.


Toscana<br />

FIRENZE<br />

I Romani fondano la città nel 59 a.C. e la chiamano Florentia. Firenze raggiunge<br />

il massimo splendore fra il Trecento e il Cinquecento. Grazie alla famiglia Medici,<br />

diventa il più importante centro artistico e culturale del Rinascimento. Molti<br />

capolavori dell’architettura risalgono proprio a quel periodo: Palazzo Pitti, il<br />

Duomo con la cupola del Brunelleschi, la chiesa di Santa Maria Novella e il<br />

Palazzo degli Uffizi, dove ha sede uno dei musei più famosi al mondo. Firenze è<br />

stata anche la seconda capitale del neonato Regno d’Italia, tra il 1865 e il 1871.<br />

PERSONAGGI<br />

FAMOSI<br />

In questa regione sono nati Lorenzo<br />

de’ Medici, il Magnifico (1449-1492),<br />

Leonardo da Vinci (1452-1519) e il padre<br />

della lingua italiana e autore della Divina<br />

Commedia Dante Alighieri (1265-1321).<br />

I navigatori Amerigo Vespucci (1454-1512)<br />

e Giovanni da Verrazzano (1485-1528);<br />

Galileo Galilei (1564-1642) e l’inventore<br />

del telefono Antonio Meucci (1808-1889).<br />

Artisti come Cimabue (1240-1302), Giotto<br />

(1267-1337), Brunelleschi (1377-1446),<br />

Donatello (1386-1466), Sandro Botticelli<br />

(1445-1510), autore della Nascita di Venere<br />

e della Primavera, Michelangelo Buonarroti<br />

(1475-1564), famoso per la Cappella Sistina,<br />

la Pietà e il David. Giorgio Vasari (1511-<br />

1574), Amedeo Modigliani (1884-1920) e<br />

Giovanni Fattori (1825-1908). Scrittori come<br />

Francesco Petrarca (1304-1374), Giovanni<br />

Boccaccio (1313-1375), Niccolò Machiavelli<br />

(1469-1527) e Carlo Collodi (1826-1890),<br />

autore del romanzo Le avventure di Pinocchio.<br />

Tra i musicisti citiamo Giacomo Puccini<br />

(1858-1924), compositore della Tosca, di<br />

Turandot e della Madama Butterfly. Il regista<br />

Franco Zeffirelli (1923) e Roberto Benigni<br />

(1952) (nella foto), regista e attore del film<br />

La vita è bella, vincitore di tre premi Oscar.<br />

I cantanti Andrea Bocelli (1958) e Gianna<br />

Nannini (1954). Il ciclista Gino Bartali<br />

(1914-2000), lo scrittore e giornalista Tiziano<br />

Terzani (1938-2004) e la giornalista Oriana<br />

Fallaci (1929-2006).<br />

IL CONSIGLIO<br />

DI COSIMO<br />

A Monterchi, un piccolissimo<br />

paese in provincia<br />

di Arezzo, si può ammirare<br />

la Madonna del Parto,<br />

uno splendido affresco<br />

di Piero della Francesca.<br />

Il pittore ha realizzato il<br />

dipinto, che raffigura una<br />

Madonna in stato interessante,<br />

nel 1460. Perchè<br />

proprio qui? Perchè era il<br />

paese natale della madre.<br />

2. Come si chiama<br />

la torre in<br />

Piazza del Campo,<br />

a Siena?<br />

a) torre del Mangia<br />

b) torre di Pisa<br />

c) campanile di<br />

Giotto<br />

TOSCANA IN BREVE<br />

prevalentemente<br />

vorwiegend<br />

collinare hügelig<br />

il rilievo Erhebung<br />

l’estrazione f. Abbau<br />

al largo vor der<br />

della costa Küste<br />

formato da bestehend<br />

aus<br />

la quarantina etwa vierzig<br />

l’isolotto mittelgroße<br />

Insel<br />

il tasso di Beschäftioccupazione<br />

gungsquote<br />

la densità Einwohnerabitativa<br />

dichte<br />

il Pil Brutto-<br />

(Prodotto inlandsprointerno<br />

lordo) dukt (BIP)<br />

l’area Naturschutzprotetta<br />

gebiet<br />

l’alluvione f. Überschwemmung<br />

disegnare (ein)zeichnen<br />

FIRENZE<br />

fondare gründen<br />

lo splendore Pracht<br />

il Trecento 14. Jahrhundert<br />

il Cinque- 16. Jahrcento<br />

hundert<br />

artistico künstlerisch<br />

il capolavoro Meisterwerk<br />

risalire auf etw.<br />

a qc. zurückgehen<br />

la sede Sitz<br />

la capitale Hauptstadt<br />

neonato hier: neugegründet<br />

il Regno d’Italia: Königreich<br />

Italien<br />

PERSONAGGI FAMOSI<br />

il navigatore<br />

m. Seefahrer<br />

l’inventore m. Erfinder<br />

l’artista m./f. Künstler, -in<br />

citare nennen<br />

l’attore m. Schauspieler<br />

il vincitore Gewinner<br />

il ciclista Radrennfahrer<br />

IL CONSIGLIO DI...<br />

il paese Dorf<br />

ammirare bewundern<br />

splendido wunderschön<br />

raffigurare darstellen<br />

in stato inte- hier:<br />

ressante schwanger<br />

il paese<br />

natale Geburtsort<br />

09/2014 - eine Beilage von <strong>ADESSO</strong> 3


3. Era una<br />

Repubblica<br />

marinara.<br />

a) Pisa<br />

b) Livorno<br />

c) Siena<br />

ICONE<br />

1) Pinocchio è il burattino di<br />

legno più famoso al mondo. Lo<br />

inventa a Firenze Carlo Collodi,<br />

che nel 1881 scrive il romanzo<br />

Le avventure di Pinocchio. Storia<br />

di un burattino. A Pinocchio<br />

è dedicato il Parco di divertimenti<br />

nella città di Collodi.<br />

2) Il marmo di Carrara è uno<br />

dei marmi più pregiati al mondo.<br />

Si estrae nelle Alpi Apuane<br />

ed è stato la materia prima di<br />

opere bellissime, dai tempi degli<br />

antichi Romani a quelli di Michelangelo,<br />

Bernini e Canova, fino a<br />

oggi (vedi <strong>ADESSO</strong>, pag. 20).<br />

TIPICO TOSCANO!<br />

Patria degli Etruschi, culla del Rinascimento e della lingua<br />

italiana. In Toscana l’arte, l’architettura, la letteratura e la<br />

gastronomia hanno tradizioni antiche. Non c’è quindi un<br />

settore più importante degli altri. In questa vivace regione<br />

sono nati molti simboli dell’Italia famosi in tutto il mondo. E<br />

a voi cosa viene in mente quando pensate alla Toscana?<br />

Il David<br />

Tra il 1501 e il 1504 Michelangelo<br />

Buonarroti realizza questa statua<br />

di marmo, che rappresenta l’eroe<br />

biblico David in lotta contro Golia.<br />

In passato la statua si trovava<br />

in Piazza della Signoria, dove oggi<br />

si può vedere una copia. Dal 1873<br />

l’originale è conservato nella<br />

Galleria dell’Accademia.<br />

PRIMATI<br />

• A Firenze viene fondata la<br />

prima accademia d’arte del<br />

mondo, l’Accademia delle arti<br />

del disegno, nel 1563. Questa<br />

è anche la prima accademia<br />

che ammette una donna,<br />

Artemisia Gentileschi, nel 1616.<br />

• Il Granducato di Toscana è<br />

il primo stato del mondo ad<br />

abolire la pena di morte, nel<br />

1786, con la Riforma Leopoldina.<br />

Torre di Pisa<br />

L’unica torre<br />

pendente al<br />

mondo pesa<br />

più di 14.000<br />

tonnellate e ha<br />

una pendenza di<br />

4 gradi.<br />

Vino<br />

La Toscana<br />

produce ottimi<br />

vini: il Chianti,<br />

con il marchio<br />

del gallo nero, e<br />

i Super Tuscan,<br />

come il Brunello<br />

di Montalcino e<br />

il Sassicaia.<br />

Cipresso<br />

Il cipresso per<br />

gli Etruschi era<br />

un albero sacro.<br />

In passato<br />

ornava i viali<br />

che portano ai<br />

cimiteri. Oggi<br />

è un albero<br />

decorativo.<br />

Mucche<br />

In Toscana ci<br />

sono la chianina<br />

e la maremmana,<br />

da cui si<br />

ricavano carni<br />

molto tenere,<br />

pregiate e povere<br />

di grassi.<br />

• A Larderello si trova la prima<br />

centrale geotermica del mondo,<br />

dove si produce elettricità<br />

dal 1904.<br />

DA FARE<br />

Andate a Pisa la notte della vigilia<br />

della Festa di San Ranieri,<br />

patrono della città. Tra il 16 e il 17<br />

giugno, migliaia di lumini di cera<br />

disegnano i contorni dei palazzi e<br />

dei ponti. L’effetto è unico.<br />

Etruschi<br />

La Toscana<br />

era il cuore<br />

dell’antica<br />

Etruria, tra l’VIII<br />

e il V secolo<br />

a.C. Importanti<br />

siti archeologici<br />

sono Populonia<br />

e Volterra.<br />

Cupola<br />

Nel 1420 Brunelleschi<br />

inizia<br />

a costruire a<br />

Firenze la cupola<br />

del Duomo,<br />

la più grande<br />

cupola in muratura<br />

realizzata<br />

senza centine.<br />

Olive<br />

L’olio extravergine<br />

di oliva<br />

toscano Igp,<br />

grazie al sapore<br />

dolce, è tra i più<br />

apprezzati. Le<br />

olive provengono<br />

da più di 7<br />

milioni di alberi.<br />

Cavalli<br />

Oltre a essere<br />

i protagonisti<br />

del Palio di<br />

Siena, i cavalli<br />

in Maremma<br />

sono il mezzo<br />

di trasporto dei<br />

butteri, i “cowboy”<br />

italiani.<br />

09/2014 - eine Beilage von <strong>ADESSO</strong>


Toscana<br />

A TAVOLA<br />

Particolarità della cucina toscana è il pane sciapo, cioè senza sale, che mancava<br />

molto a Dante Alighieri durante il suo esilio in Romagna. Il pane non<br />

viene mai sprecato; quando è vecchio, viene usato per numerose ricette,<br />

come la pappa al pomodoro, la ribollita, con cavolo nero e fagioli, e la<br />

panzanella, l’insalata di pane condita con pomodoro e cipolla. Altri prodotti<br />

tipici sono il pecorino toscano, che Plinio il Vecchio già conosceva, la carne<br />

chianina o maremmana, l’olio extravergine d’oliva. Tra i piatti da provare ci<br />

sono i fagioli all’uccelletto, il caciucco, la zuppa di pesce tipica di Livorno, la<br />

bistecca alla fiorentina, i crostini di fegato. Tipico di Firenze è il panino con<br />

il lampredotto (vedi <strong>ADESSO</strong> 06/14). Tra i dolci ci sono il panforte, tipico<br />

dolce di Natale con mandorle, arance, spezie e zucchero vanigliato; i ricciarelli<br />

di Siena, con mandorle, zucchero e albume d’uovo; il castagnaccio,<br />

tipico delle zone di montagna e a base di castagne; i cantuccini, biscotti alle<br />

mandorle inventati a Prato nel 1858 che si gustano con il Vin Santo, un vino<br />

dolce fatto con uva di tipo Trebbiano e Malvasia.<br />

4. L’isola dove<br />

fu esiliato<br />

Napoleone.<br />

a) Giglio<br />

b) Elba<br />

c) Montecristo<br />

Il “dollaro” fiorentino<br />

A Budapest, se oggi bevete un Tocai, lo pagate in forint. Il nome deriva da fiorino,<br />

la moneta coniata a Firenze nel 1252. All’epoca anche altri stati usano il<br />

fiorino, sul modello di quello fiorentino. Alla fine del Medioevo e all’inizio del<br />

Rinascimento il fiorino è, infatti, la valuta di riferimento<br />

europea. Perché? Nel XIV secolo Firenze è ricchissima,<br />

soprattutto grazie al commercio di lana e seta. Famiglie<br />

fiorentine come i Bardi, i Peruzzi o i Medici fondano<br />

banche che divengono le più potenti d’Europa. Questo<br />

potere economico, insieme con il carattere della città<br />

e l’amore per la cultura, fanno di Firenze la culla del<br />

Rinascimento. Qui nascono, nella loro forma moderna,<br />

le arti figurative (Giotto, Donatello, Brunelleschi), il melodramma<br />

(Camerata de’ Bardi), la teoria politica (Machiavelli),<br />

la scienza (Galileo) e… il gelato (Buontalenti)!<br />

09/2014 - eine Beilage von <strong>ADESSO</strong><br />

Leggenda<br />

Sul lato del Duomo di Firenze<br />

che dà su Via dei Servi si vede<br />

una testa di toro in marmo. Secondo<br />

un divertente racconto,<br />

non si trova lì per caso. L’ha<br />

messa lì un carpentiere – si<br />

dice – per prendere in giro il marito cornuto della<br />

sua amante che aveva la bottega proprio lì di fronte.<br />

ICONE<br />

il burattino Marionette<br />

inventare erfinden<br />

dedicato gewidmet<br />

pregiato hochwertig<br />

estrarre gewinnen<br />

l’opera Werk<br />

PRIMATI<br />

ammettere zulassen<br />

il gran- Großducato<br />

herzogtum<br />

abolire abschaffen<br />

la pena Strafe<br />

la centrale Kraftwerk<br />

DA FARE<br />

la vigilia Vorabend<br />

il lumino<br />

di cera Kerze<br />

disegnare zeichnen<br />

il contorno Umriss<br />

TIPICO TOSCANO<br />

la culla Wiege<br />

la torre schiefer<br />

pendente Turm<br />

il gallo Hahn<br />

tenero zart<br />

la muratura Mauerwerk<br />

la centina Lehrgerüst<br />

il mezzo di Transporttrasporto<br />

mittel<br />

A TAVOLA<br />

sprecare vergeuden<br />

la ribollita: toskanische<br />

Gemüsesuppe aus Brot,<br />

Bohnen und Kohl<br />

il cavolo Schwarznero<br />

kohl<br />

il fagiolo Bohne<br />

i fagioli all’uccelletto: Bohnen<br />

in Tomatensauce mit<br />

Salbei und Knoblauch<br />

il crostino: geröstetes und<br />

belegtes Weißbrot<br />

il fegato Leber<br />

il lampredotto: Fleischspeise<br />

aus Rinderlabmagen<br />

la mandorla Mandel<br />

la spezia Gewürz<br />

l’albume m.<br />

d’uovo Eiweiß<br />

LEGGENDA<br />

il toro Stier<br />

il car- Zimmerpentiere<br />

mann<br />

prendere auf den Arm<br />

in giro nehmen<br />

cornuto gehörnt<br />

la bottega Laden<br />

IL DOLLARO FIORENTINO<br />

coniato geprägt<br />

la valuta Währung<br />

la seta Seide<br />

potente mächtig<br />

5


Toscana<br />

COSE DA<br />

VEDERE<br />

LUCCA<br />

È detta “ la città<br />

delle cento chiese”<br />

per i suoi tanti<br />

edifici religiosi. Le<br />

sue mura di epoca<br />

rinascimentale lunghe<br />

4 chilometri<br />

sono ancora intatte<br />

da 500 anni.<br />

GIANNUTRI<br />

L’isola di Giannutri<br />

è un paradiso per i<br />

suoi fondali marini<br />

e per le sue calette.<br />

A Cala Maestra<br />

ci sono i resti di<br />

una villa romana<br />

della prima metà<br />

del II secolo d.C.<br />

PARCO DELLA<br />

MAREMMA<br />

Istituito nel 1975,<br />

ha una superficie<br />

di circa 10.000<br />

ettari. Comprende<br />

aree palustri,<br />

spiagge, zone<br />

rocciose, pinete e<br />

pascoli.<br />

VOLTERRA<br />

È una città medievale<br />

di origini<br />

etrusche, in Val di<br />

Cecina. Da vedere<br />

Palazzo dei Priori,<br />

il Duomo e il<br />

Battistero. Celebre<br />

per la lavorazione<br />

dell’alabastro.<br />

5. Un famoso film ambientato<br />

in Toscana.<br />

a) Non ci resta che<br />

piangere<br />

b) Il postino<br />

c) La vita è bella<br />

6<br />

MODA<br />

La moda italiana nasce a<br />

Firenze il 12 febbraio 1951.<br />

Quel giorno, Giovanni<br />

Battista Giorgini organizza<br />

presso la sua residenza, villa<br />

Torrigiani, la prima sfilata di<br />

moda. C’era anche lo stilista<br />

emergente Emilio Pucci con<br />

le sue creazioni. Firenze è,<br />

inoltre, la patria di grandi<br />

marchi come Gucci, casa di<br />

moda nata nel 1921; Salvatore<br />

Ferragamo, che nel 1927<br />

apre il suo laboratorio fiorentino.<br />

Sono toscani anche<br />

gli stilisti Roberto Cavalli ed<br />

Enrico Coveri. Importante<br />

è anche il distretto tessile<br />

industriale di Prato, tra i più<br />

produttivi nel mondo.<br />

CURIOSITÀ<br />

Il Palio degli asinelli. Per molti il<br />

“palio” è solo quello di Siena e si<br />

corre a cavallo. Invece in molte<br />

cittadine toscane, il palio si corre<br />

sugli asini. Certo, l’asino non ha<br />

la grazia del cavallo, ma la festa<br />

è bella lo stesso. Anche la gara è<br />

emozionante. Tra i più belli c’è il<br />

Palio dei Micci a Querceta (Lucca)<br />

e quello di Carmignano (Prato).<br />

Feste e sagre<br />

Il Palio di Siena è forse la corsa di cavalli più famosa<br />

al mondo. Gareggiano i fantini di 10 contrade. Si<br />

svolge il 2 luglio e il 16 agosto.<br />

La giostra del Saracino (Arezzo) è un torneo<br />

in cui i fantini dei quattro antichi quartieri<br />

della città “combattono” contro il Saracino,<br />

un pupazzo con scudo e mazza, che i fantini<br />

devono schivare. A seconda di dove<br />

si colpisce lo scudo, si fa un punteggio<br />

diverso. Si svolge a giugno e a settembre.<br />

Il Calcio storico fiorentino è un misto di lotta,<br />

rugby e calcio in cui si sfidano i quartieri di Firenze.<br />

Si gioca a giugno in Piazza Santa Croce.<br />

Il Carnevale di Viareggio è famoso in tutto il mondo per i<br />

suoi carri allegorici e satirici di cartapesta.<br />

09/2014 - eine Beilage von <strong>ADESSO</strong><br />

Souvenir<br />

L’Officina di Santa Maria<br />

Novella è la farmacia<br />

più antica d’Europa. I<br />

suoi prodotti, profumi e<br />

saponi, sono fatti ancora<br />

come una volta.<br />

Tipici sono anche i sigari<br />

toscani e il panno del<br />

Casentino, un tessuto di<br />

lana impermeabile (vedi<br />

<strong>ADESSO</strong>, pag. 48).


Toscana<br />

LA VAL D’ORCIA<br />

È un territorio<br />

collinare Patrimonio<br />

dell’Umanità Unesco<br />

dal 2004, con panorami<br />

bellissimi e antichi<br />

borghi, tra cui Pienza,<br />

nota come la “città<br />

ideale del Rinascimento”<br />

per l’urbanistica.<br />

GALLERIA DEGLI<br />

UFFIZI A FIRENZE<br />

È tra i musei più famosi<br />

al mondo, con oltre<br />

1,5 milioni di visitatori<br />

all’anno. Nelle sue<br />

45 sale ci sono oltre<br />

2.200 opere, come i<br />

capolavori di Caravaggio<br />

e Botticelli.<br />

IL FATTO STORICO<br />

LA REPUBBLICA DI SAVONAROLA<br />

Gerolamo Savonarola (1452-1498) è il frate domenicano<br />

che con le prediche contro la corruzione<br />

dei costumi conquista il popolo. Nel 1494 i francesi<br />

cacciano dalla città i Medici e viene fondata la<br />

Seconda Repubblica Fiorentina. Savonarola, con il<br />

favore dei nuovi reggenti, può applicare<br />

i suoi ideali politici. Il papa nel 1497<br />

lo scomunica. Anche i fiorentini<br />

sono sempre più scontenti. Così<br />

nel 1498, Savonarola è condannato<br />

a morte. Il 23 maggio viene impiccato<br />

e il suo corpo bruciato in<br />

Piazza della Signoria.<br />

LO SAPEVATE<br />

CHE...<br />

Il pane a Firenze è senza sale.<br />

Perchè? Una delle ipotesi risale<br />

al 1100, quando Pisa e<br />

Firenze sono in guerra e i pisani<br />

bloccano i rifornimenti<br />

di sale. I fiorentini preferiscono<br />

rinunciare al sale<br />

piuttosto che arrendersi.<br />

PISTOIA<br />

Il cuore di Pistoia è<br />

Piazza Grande. Ci sono<br />

la Cattedrale, con una<br />

facciata in stile romanico,<br />

il campanile, il<br />

Battistero ottagonale<br />

del XIV secolo, Palazzo<br />

Pretorio.<br />

6. La fazione<br />

[Gruppe] politica<br />

a cui apparteneva<br />

[appartenere:<br />

angehören] Dante<br />

Alighieri.<br />

a) guelfi [Welfen]<br />

b) ghibellini<br />

[Waiblinger]<br />

c) Medici<br />

Lingua<br />

Il dialetto toscano, e<br />

in particolare fiorentino,<br />

è la base dell’italiano<br />

che è diventato<br />

lingua nazionale.<br />

Autori come Dante,<br />

Petrarca e Boccaccio<br />

si sono, infatti, affermati<br />

come modelli da<br />

imitare e hanno avuto<br />

molta influenza. Il<br />

dibattito — chiamato<br />

“questione della lingua”<br />

— sullo sviluppo<br />

dell’italiano è durato<br />

fino al XIX secolo.<br />

7 COSE DA VEDERE<br />

le mura pl. Stadtmauer<br />

il fondale Meeresmarino<br />

grund<br />

la caletta kleine Bucht<br />

l’area Sumpfpalustre<br />

gebiet<br />

roccioso felsig<br />

il pascolo Weide<br />

il campanile Glockenturm<br />

ottagonale achteckig<br />

MODA<br />

la sfilata Modenschau<br />

lo stilista Designer<br />

emergente aufstrebend<br />

CURIOSITÀ<br />

la cittadina Städtchen<br />

l’asino Esel<br />

la gara Rennen<br />

SOUVENIR<br />

la farmacia Apotheke<br />

il panno hier: Stoff<br />

il tessuto Stoff<br />

FESTE E SAGRE<br />

la corsa Pferdedi<br />

cavalli rennen<br />

gareggiare zum Rennen<br />

antreten<br />

il fantino Jockey<br />

la contrada Stadtviertel<br />

svolgersi stattfinden<br />

la giostra hier: Turnier<br />

combattere kämpfen<br />

lo scudo Schutzschild<br />

la mazza Keule<br />

schivare ausweichen<br />

colpire treffen<br />

il punteggio Punktzahl<br />

la lotta Ringkampf<br />

il calcio Fußball<br />

il carro Wagen<br />

IL FATTO STORICO<br />

il frate Mönch<br />

il costume Sitte<br />

conquistare erobern<br />

cacciare da verjagen aus<br />

fondare gründen<br />

il favore Gunst<br />

applicare anwenden<br />

condannare verurteilen<br />

impiccare erhängen<br />

bruciare verbrennen<br />

LO SAPEVATE CHE…<br />

la guerra Krieg<br />

il rifornimento<br />

Nachschub<br />

rinunciare verzichten<br />

arrendersi sich ergeben<br />

LINGUA<br />

affermarsi sich durchsetzen<br />

lo sviluppo Entwicklung<br />

7


Toscana<br />

SUPER QUIZ<br />

Hai letto tutto l’ ? Adesso mettiti alla prova!<br />

1. Lo stilista presente alla prima<br />

sfilata di moda italiana.<br />

a) Emilio Pucci<br />

b) Guccio Gucci<br />

c) Salvatore Ferragamo<br />

2. Era la moneta di Firenze.<br />

a) il fiorentino<br />

b) lo scellino<br />

c) il fiorino<br />

3. Quale tra questi personaggi non<br />

è un artista?<br />

a) Amerigo Vespucci<br />

b) Amedeo Modigliani<br />

c) Giovanni Fattori<br />

4. È detta “la città delle cento<br />

chiese”.<br />

a) Firenze<br />

b) Lucca<br />

c) Siena<br />

5. La città dove è nata la<br />

Vespa Piaggio.<br />

a) Prato<br />

b) Firenze<br />

c) Pontedera<br />

6. Chi è l’autore di Pinocchio?<br />

a) Carlo Collodi<br />

b) Niccolò Machiavelli<br />

c) Gianni Rodari<br />

7. Dov’è conservata la statua originale<br />

del David di Michelangelo?<br />

a) Piazza della Signoria<br />

b) Galleria dell’Accademia<br />

c) Palazzo Pitti<br />

8. Quale tra queste feste si svolge<br />

ad Arezzo?<br />

a) la Giostra del Saracino<br />

b) il Palio<br />

c) il calcio in costume<br />

9. È il piatto tipico di Livorno<br />

a) la ribollita<br />

b) il lampredotto<br />

c) il caciucco<br />

10. Quante sono le isole grandi<br />

dell’Arcipelago toscano?<br />

a) 7<br />

b) 40<br />

c) 20<br />

11. L’antico popolo che abitava<br />

in Toscana<br />

a) Greci<br />

b) Sabini<br />

c) Etruschi<br />

12. Quando è stata aperta<br />

l’Accademia delle arti di Firenze?<br />

a) nel 1563<br />

b) nel 1865<br />

c) nel 1494<br />

SOLUZIONI SUPER QUIZ: 1. a; 2. c; 3. a; 4. b; 5. c; 6. a; 7. b; 8. a; 9. c; 10. a; 11. c; 12. a.<br />

1) c. Il pregiato marmo di Carrara viene estratto nelle Alpi Apuane sin dai tempi degli antichi Romani,<br />

quando era noto come marmor lunensis. 2) a. È la torre del palazzo comunale di Siena. Si<br />

chiama così perché Mangia era il soprannome del primo campanaro [Glöckner], soprannominato<br />

“mangiaguadagni” perché sprecava molti soldi. 3) a. Pisa, grazie alla sua potente flotta,<br />

è stata una delle quattro Repubbliche marinare con Venezia, Genova e Amalfi. 4) b. Elba 5) a.<br />

Il film, scritto e interpretato da Roberto Benigni e Massimo Troisi, è ambientato a Frittole, un<br />

immaginario borgo nella Toscana rinascimentale. 6) a. Dante faceva parte dei guelfi bianchi,<br />

opposti alla fazione dei guelfi neri. A Firenze i guelfi si erano divisi dopo la cacciata dei ghibellini.<br />

Quando i guelfi neri prendono il potere, Dante è costretto [gezwungen] ad andare in esilio.<br />

IMPRESSUM: Herausgeber und Verlagsleiter: Dr. Wolfgang Stock Chefredakteurin: Rossella Dimola Chef vom Dienst: Salvatore<br />

Viola Autoren und Redaktion: C. Carniani, J. Grahner, M. Guerra, G. Iacono, I. Mancusi, F. Memo, S. Viola Gestaltung: www.prodigo.de<br />

Druck: Medienhaus Ortmeier GmbH, 48369 Saerbeck Gesamt-Anzeigenleitung: Axel Zettler, Tel. +49 (0)89/8 56 81-130<br />

Verlag und Redaktion Spotlight Verlag GmbH, Fraunhoferstr. 22, 82152 Planegg Tel: +49 (0)89 8 56 81-0, www.evviva-online.de;<br />

www.adesso-online.de. © 2014 Spotlight Verlag, auch für alle genannten Autoren, Fotografen und Mitarbeiter.<br />

8<br />

09/2014 - eine Beilage von <strong>ADESSO</strong>

Hooray! Your file is uploaded and ready to be published.

Saved successfully!

Ooh no, something went wrong!