25.09.2014 Views

ADESSO Italia slow - Dort, wo die Gelassenheit spannend wird (Vorschau)

You also want an ePaper? Increase the reach of your titles

YUMPU automatically turns print PDFs into web optimized ePapers that Google loves.

Die schönsten Seiten auf Italienisch<br />

Deutschland € 7,50<br />

CH sfr 13,50 · A · I · F · BeNeLux: € 8,50<br />

10<br />

Oktober<br />

2014<br />

10<br />

<strong>Italia</strong> <strong>slow</strong><br />

4 191 345 107502<br />

<strong>Dort</strong>, <strong>wo</strong> <strong>die</strong> <strong>Gelassenheit</strong> <strong>spannend</strong> <strong>wird</strong><br />

Trasimeno Dal pesce all’ottimo tartufo, un lago ricco di sapori<br />

SOCIETÀ: I COGNOMI D‘ITALIA? BUFFI, STRANI, BIZZARRI, SPESSO FANTASIOSI<br />

PAVIA, LA CITTÀ DELLA LOMBARDIA DOVE CULTURA FA RIMA CON PIACERE


Besser mit<br />

Sprachen!<br />

Die Welt entdecken, Sprachen lernen<br />

und Kulturen verstehen. Jeden Monat neu.<br />

28%<br />

Einsteiger-<br />

Rabatt*<br />

Bestellen Sie jetzt Ihr Abo!<br />

www.spotlight-verlag.de/28 +49 (0)89/8 56 81-16<br />

*auf alle Neubestellungen im Aktionszeitraum 13.08. – 31.10.2014


EDITORIALE<br />

Cari lettori,<br />

benvenuti a bordo!<br />

Questo mese seguiteci in un viaggio<br />

molto particolare nell’<strong>Italia</strong> più autentica,<br />

ma per favore, senza fretta!<br />

Su treni a bassa velocità attraverseremo<br />

quattro magnifiche regioni: dalla<br />

Toscana, passando per l’Umbria e il<br />

Lazio, fino in Abruzzo (vedi pag.12).<br />

Un viaggio dove la meta è il viaggio<br />

stesso; dove il treno, le persone<br />

che incontrerete e i luoghi che visiterete<br />

diventeranno un’esperienza<br />

indimenticabile. Cosimo Carniani e<br />

Filippo Cirri, che sono partiti in avanscoperta<br />

per voi, sono tornati entusiasti<br />

delle bellezze di paesini come<br />

Pacentro e di cittadine come Rieti,<br />

Città di Castello o Sulmona: cinque<br />

giorni e 310,5 chilometri di inaspettate<br />

meraviglie, dove la lentezza e la<br />

calma diventano avvincenti!<br />

Interpreti<br />

Cosimo Carniani<br />

Filippo Cirri<br />

Regia<br />

Rossella Dimola<br />

Se questo viaggio fosse un film?<br />

Ecco come ci siamo immaginati<br />

la locandina con i protagonisti,<br />

Cosimo e Filippo (in alto). Location<br />

e scenografia: i treni regionali e le<br />

stazioni come quella di Pierantonio,<br />

fra Città di Castello e Perugia.<br />

Nella foto a sinistra i protagonisti<br />

a Rieti.<br />

Rossella Dimola<br />

Caporedattrice<br />

Erweitern Sie<br />

Ihren Italienisch-<br />

Wortschatz!<br />

Die <strong>ADESSO</strong>-App:<br />

Pro Pro Tag ein ein italienischer Begriff<br />

mit mit Audio-Datei für für das<br />

Aussprache-Training<br />

mit mit Erklärung und Beispielsatz<br />

auf auf Italienisch<br />

Übersetzung ins ins Deutsche<br />

la fretta<br />

il treno a bassa<br />

velocità<br />

attraversare<br />

la meta<br />

indimenticabile<br />

l’avanscoperta<br />

inaspettato<br />

la calma<br />

Eile<br />

Bummelbahn<br />

durchqueren<br />

Ziel<br />

unvergesslich<br />

Erkundung<br />

unerwartet<br />

Ruhe<br />

GRATIS!<br />

Über iTunes Store oder Android Market<br />

adesso-online.de/apps<br />

<strong>ADESSO</strong> OTTOBRE 2014


SOMMARIO<br />

SERVIZI<br />

12 VIAGGI: ITALIA SLOW<br />

Eine Reise mit Abenteuercharakter: mit dem<br />

Bummelzug entlang dem Apennin von der Toskana<br />

durch Umbrien und Latium bis in <strong>die</strong> Abruzzen.<br />

22 Intervista: David Rocco<br />

In seinen beliebten TV-Shows bringt der italo-kanadische<br />

Starkoch Menschen und Kulturen zusammen.<br />

32 <strong>Italia</strong> a tavola: Lago Trasimeno.<br />

Für Fischer ist der See <strong>die</strong> Zukunft, für<br />

Gourmets Quell vorzüglicher und abwechslungsreicher<br />

Fischgerichte.<br />

54 Fine settimana: Pavia<br />

Kultur und italienischer Charme: beste<br />

Voraussetzungen für einen gelungenen Städtetrip<br />

in <strong>die</strong> Lombardei.<br />

LINGUA<br />

40 Giocando s’impara<br />

Wortspiele: Spielerisch Italienisch lernen<br />

41 Pagine facili<br />

Italienisch leicht gemacht.<br />

45 Le schede di <strong>ADESSO</strong><br />

Sammelkarten, u.a. mit Übersetzungen,Übungen,<br />

Alltagsitalienisch<br />

48 L’italiano per espresso<br />

<br />

B2<br />

Verbessern Sie Ihr Italienisch!<br />

I vostri dubbi: der figurative Sprachgebrauch<br />

Una parola tira l’altra: il cane.<br />

52 Lingua viva<br />

Der italienische Konjunktiv, <strong>die</strong> Verbform mit dem<br />

großen Angstpotenzial... auch für Italiener.<br />

Seguici su<br />

facebook.com/adesso.magazin<br />

OPINIONI<br />

20 <strong>Italia</strong> in diretta<br />

Nachwuchsprobleme auf italienischen Reisfeldern,<br />

von Valeria Palumbo<br />

29 Passaparola<br />

Die Versuchungen im WWW, von Renata Beltrami<br />

64 Tra le righe<br />

Alba Rohrwacher, von Stefano Vastano<br />

RUBRICHE<br />

03 Editoriale<br />

Von Rossella Dimola<br />

06 Posta prioritaria<br />

Leserbriefe<br />

07 Notizie dall’<strong>Italia</strong><br />

Neues aus Italien<br />

25 Scherzi a parte<br />

Lachen mit Lucrezia<br />

26 Botta e risposta<br />

Ein Thema – zwei Ant<strong>wo</strong>rten:<br />

Tippen oder handschriftlich – verändert es unser Denken?<br />

30 I misteri dell’arte: San Cassiano<br />

Eine kleine, frühmittelalterliche Kirche in der Toskana<br />

mit einer Symbolik, <strong>die</strong> auf Antike, Alchemie und<br />

Okkultismus hindeutet.<br />

38 Praticamente parlando<br />

Kuriose Familiennamen, <strong>die</strong> es auf der italienischen<br />

Halbinsel tatsächlich gibt!<br />

47<br />

Das leichte Heft im Heft - Sardinien<br />

59 Approfondimento<br />

Was nicht im Wörterbuch steht.<br />

62 Grandangolo<br />

Yle, das Elfenmädchen aus den Bergen des Apennin.<br />

66 Libri e letteratura<br />

Büchertipps und Leseprobe<br />

Autor des Monats: Tiziano Terzani<br />

IN COPERTINA<br />

Il complesso della Santissima<br />

Annunziata a Sulmona.<br />

© F. CIRRI<br />

ZEICHENERKLÄRUNG UND LESER-SERVICE<br />

Feder<br />

leicht zu lesen<br />

Krone<br />

anspruchsvoll<br />

Hörtext<br />

Tel. (0049) 89-85681-286<br />

<strong>ADESSO</strong> audio<br />

Texte zum Anhören<br />

<strong>ADESSO</strong> plus<br />

Thematische Sprachübungen<br />

<strong>ADESSO</strong>audio<br />

Ausgewählte Artikel, Kurz-Interviews,<br />

italienische Musik, Übungen zu<br />

Grammatik und Aussprache: CD<br />

mit Begleit heft.<br />

<strong>ADESSO</strong>plus<br />

Nützlich und unterhaltsam:<br />

Das Begleitheft zu <strong>ADESSO</strong><br />

mit Zusatzübungen. Info unter<br />

Tel.: (0049) 89-85681 -16; Fax: -159.<br />

<strong>ADESSO</strong>in classe<br />

Ideen und Konzepte: Kostenloser<br />

Service für Abonnenten in Lehrberufen.<br />

Info unter Tel.: (0049) 89-85681 -152;<br />

Fax: -159; Mail: schulme<strong>die</strong>n@<br />

spotlight-verlag.de.<br />

www.adesso-online.de<br />

Unsere Homepage: Aktuelle Meldungen,<br />

Übungen, Rezensionen… Mit<br />

<strong>ADESSO</strong> Premium freier Zugang<br />

zum Nachrichten- und Übungsarchiv.<br />

ABONNENTEN-SERVICE: tel. (0049) 89-85681-16; fax (0049) 89-85681-159; e-mail: abo@spotlight-verlag.de


AGOSTO 2014<br />

32<br />

52<br />

12<br />

54 62


Non perdetevi il prossimo numero di <strong>ADESSO</strong>!<br />

A novembre la rivista festeggia [ festeggiare: feiern ] i suoi 20 anni e, per ringraziarvi<br />

della fedeltà [ Treue ], vi stiamo preparando una sorpresa che farà piacere<br />

[ fare piacere: Freude bereiten ] a voi, ma soprattutto ai vostri amici. Curiosi?<br />

Dal 29 ottobre <strong>ADESSO</strong> di novembre è in edicola [ Kiosk ].<br />

LA VOCE DEI LETTORI Testo: Isa Dietrich<br />

IN BARCA A VELA NEL MARE DI SARDEGNA<br />

6<br />

Vorrei raccontare un’esperienza indimenticabile della<br />

scorsa estate. Sapevo già da anni della possibilità di imparare<br />

l’italiano in barca a vela in Sardegna, una possibilità<br />

che offre ogni anno la mia insegnante Francesca. L’estate<br />

passata finalmente mi sono decisa, l’ho fatto, ed è stata<br />

un’esperienza meravigliosa. Mi mancano le parole per descrivere<br />

quella settimana.<br />

Era luglio e il tempo era bellissimo, in Sardegna. È stato<br />

meraviglioso, dopo il brutto tempo che c’era stato in<br />

Germania a maggio e giugno. Eravamo solo in sette sulla<br />

barca: gli skipper Gigi ed Enrica, Francesca, l’insegnante,<br />

e quattro passeggeri, ma solo tre di noi hanno fatto il corso<br />

di italiano. Così è stato un corso intensivo e abbiamo<br />

imparato moltissimo. Dopo la lezione (circa due-tre ore al<br />

giorno), abbiamo esercitato la lingua parlando con Gigi,<br />

Enrica e Francesca, che erano molto pazienti, nonostante<br />

le nostre difficoltà. Abbiamo anche imparato un po’ a<br />

navigare, perché potevamo aiutare gli skipper a issare le<br />

vele, “cazzare” o “mollare” le scotte o “timonare” la barca.<br />

Quindi ora conosco anche le parole corrette per le diverse<br />

attività marinare. Ciaika III, così si chiama la barca, è una<br />

barca a vela lunga 13 metri, vecchia, ma bellissima.<br />

I viaggi tra le isole a nord della Sardegna sono stati meravigliosi:<br />

la barca andava nel vento, lottava contro e con le<br />

onde. Ci siamo sentiti liberi e felici con il vento nei capelli<br />

e il sole sulla pelle. Il paesaggio nella Sardegna del Nord<br />

è molto interessante: ci sono rocce di innumerevoli forme<br />

e colori, una festa per la fantasia. Abbiamo navigato ogni<br />

giorno, dopo la lezione, e gettato l’ancora sempre in una<br />

baia diversa, spesso solitaria, sempre meravigliosa. Abbiamo<br />

anche mangiato e bevuto eccellentemente. Gigi ed Enrica<br />

cucinavano per noi ogni giorno. A pranzo c’era per lo<br />

Chi vuole raccontare un’esperienza italiana può scrivere* a:<br />

Spotlight Verlag, Redaktion <strong>ADESSO</strong>, Postfach 1565, D-82144 Planegg,<br />

fax +49 89 85681-360, e-mail: adesso@spotlight-verlag.de.<br />

* Der Verlag übernimmt keine Haftung für eingesandte Texte sowie Bildmaterial. Diese<br />

werden nur im Fall einer Veröffentlichung auf Wunsch an den Absender zurückgesandt.<br />

L’arrivo in barca all’isola della Maddalena.<br />

più pasta, semplici piatti tipici della Sardegna, sempre molto<br />

gustosi. A cena c’erano piatti più sostanziosi, con carne<br />

o pesce e verdura, accompagnati da vini sardi bianchi o<br />

rossi. Abbiamo vissuto proprio “da Dio”, come dite voi in<br />

<strong>Italia</strong>. Sento ancora la nostalgia del profumo del mare e delle<br />

erbe sulle isole, del canto dei grilli di notte e delle cicale<br />

di giorno, dello sciabordio delle onde e del verso gabbiani e<br />

ho specialmente nostalgia del dondolio della barca di notte,<br />

un dondolio dolce e leggero, che mi ha cullato nel sonno.<br />

Quando penso a quella settimana, mi sembra di sognare.<br />

la barca a vela<br />

l’esperienza<br />

scorso<br />

la possibilità<br />

decidersi<br />

mancare<br />

meraviglioso<br />

il brutto tempo<br />

essere in sette<br />

moltissimo<br />

paziente<br />

la difficoltà<br />

navigare<br />

issare le vele<br />

cazzare<br />

mollare<br />

la scotta<br />

Segelschiff<br />

Erlebnis<br />

vergangen<br />

Möglichkeit<br />

sich<br />

entschließen<br />

fehlen<br />

wunderbar<br />

Schlechtwetter<br />

zu siebt sein<br />

sehr viel<br />

geduldig<br />

Schwierigkeit<br />

segeln, fahren<br />

Segel hissen<br />

dichtholen<br />

fieren<br />

Schot<br />

timonare<br />

lottare<br />

l’onda<br />

la roccia<br />

innumerevole<br />

gettare<br />

l’ancora<br />

cucinare<br />

gustoso<br />

accompagnato<br />

l’erba<br />

il canto<br />

lo sciabordio<br />

il verso dei<br />

gabbiani<br />

il dondolio<br />

cullare<br />

steuern<br />

kämpfen<br />

Welle<br />

Felsen<br />

unzählig<br />

den Anker<br />

werfen<br />

kochen<br />

schmackhaft<br />

begleitet<br />

Kraut<br />

Gesang<br />

Plätschern<br />

Möwenschreie<br />

Geschaukel<br />

wiegen<br />

ERRATA CORRIGE: L’estensione [Ausdehnung, hier: Größe] della Riserva naturale di Monte Arcosu è di 36.000 ettari, non di 3.600 ettari, come scritto nell’articolo L’oasi Wwf di Monte Arcosu<br />

(<strong>ADESSO</strong>, 06/14, pag. 18). – Il Brunello di Montalcino, prodotto esclusivamente con uva [Traube] Sangiovese seguendo un disciplinare [Bestimmungen] molto dettagliato, non rientra nella<br />

categoria dei vini Super Tuscan, come indicato in 09/14, pag. 4. Ci scusiamo con i lettori.


prima pagina<br />

il carattere<br />

il comunicato<br />

stampa<br />

i social pl.<br />

ambiguo<br />

fare scuola<br />

entrare<br />

il linguaggio<br />

comune<br />

hier: Zeichen<br />

Pressemitteilung<br />

Social Media<br />

zweideutig<br />

Schule<br />

machen<br />

eingehen<br />

allgemeiner<br />

Sprachgebrauch<br />

Verschrottung<br />

Wechsel<br />

Verwaltung<br />

la rottamazione<br />

il ricambio<br />

l’amministrazione<br />

f.<br />

scommettere<br />

tutto su<br />

metterci la<br />

faccia<br />

il discorso di<br />

apertura<br />

la speranza<br />

cambiare<br />

verso<br />

<strong>Italia</strong><br />

riparte<br />

la volta<br />

buona<br />

la svolta<br />

buona<br />

sblocca<br />

<strong>Italia</strong><br />

il tentativo<br />

alles auf etw.<br />

setzen<br />

für etw.<br />

einstehen<br />

Eröffnungsrede<br />

Hoffnung<br />

Richtung<br />

ändern<br />

Italien startet<br />

durch<br />

der richtige<br />

Augenblick<br />

<strong>die</strong> richtige<br />

Wende<br />

Italien<br />

freigeben<br />

Versuch<br />

NOTIZIE<br />

DALL’ITALIA<br />

di redazione<br />

POLITICA<br />

RENZI A TUTTO SLOGAN<br />

IL RENZISMO<br />

Da rottamazione a sblocca<br />

<strong>Italia</strong>. Gli slogan a effetto<br />

del premier Matteo<br />

Renzi sono entrati ormai<br />

nel linguaggio comune<br />

dei media e dei cittadini.<br />

Parole semplici e<br />

dirette, spesso lanciate<br />

sui profili dei social.<br />

Matteo Renzi usa frasi semplici, chiare e brevi come i<br />

messaggi di Twitter: 140 caratteri al massimo. Già durante<br />

il suo primo giorno a Palazzo Chigi lo hanno capito<br />

tutti: il premier non ama i comunicati stampa; preferisce<br />

twittare e rispondere direttamente sui social. Soprattutto,<br />

non usa il linguaggio complicato e ambiguo della politica,<br />

ma frasi brevi che tutti possono capire. Il suo modo di parlare<br />

– chiamato con ironia<br />

renzismo – ha fatto scuola<br />

e alcune parole sono ormai<br />

entrate nel linguaggio comune.<br />

Qualche esempio: la<br />

rottamazione è il necessario<br />

ricambio generazionale<br />

nella classe politica e nella<br />

pubblica amministrazione;<br />

per dire che scommette<br />

tutto sulle riforme, Renzi<br />

dice ci metto la faccia; i<br />

giovani (lui compreso) sono<br />

la Generazione Erasmus,<br />

citata nel discorso di apertura<br />

nel semestre europeo per dire che l’Europa è ancora<br />

un luogo di speranza. Sono tanti anche gli hashtag lanciati<br />

nel suo attivissimo profilo Twitter: #cambiaverso #italiariparte<br />

#lavoltabuona #lasvoltabuona #sbloccaitalia. Un<br />

difetto dei suoi discorsi? Forse l’inglese non perfetto. In<br />

Internet sono molte le paro<strong>die</strong> sui suoi tentativi di parlare<br />

come un perfetto anglosassone. Giudicate voi.<br />

Online ansehen!<br />

Guarda il video della conferenza<br />

in inglese di Matteo Renzi<br />

www.adesso-online.de/<br />

renzismo<br />

© ANSA<br />

7<br />

<strong>ADESSO</strong> OTTOBRE 2014


NOTIZIE<br />

DALL’ITALIA<br />

scienza e natura<br />

8<br />

IL BUS CHE SI GUIDA DA SOLO<br />

L’autobus del futuro? Elettrico e senza conducente!<br />

Non è fantascienza. Il primo esperimento in Europa è<br />

stato fatto in Sardegna: il minibus a 12 posti percorre un<br />

tragitto di circa un chilometro e mezzo sul lungomare<br />

di Torregrande, a Oristano. La velocità massima è di 15<br />

km orari. L’autobus “intelligente” è puntuale, non salta<br />

le fermate e si blocca davanti agli ostacoli. Tutto grazie<br />

a un dispositivo Gps molto tecnologico. Questo sistema<br />

di mobilità urbana fa parte del progetto City Mobil 2. La<br />

Commissione europea lo finanzia in parte e questo autunno,<br />

dopo Oristano, altre città europee – tra cui León,<br />

in Spagna, e La Rochelle, in Francia – proveranno a usare<br />

il minibus senza guidatore. Superata la fase di sperimentazione,<br />

gli autobus elettrici e senza una persona al<br />

volante saranno impiegati all’Expo 2015 di Milano.<br />

UN LATTE DA MILLE<br />

E UNA NOTTE<br />

Dopo il caviale di lumaca (vedi <strong>ADESSO</strong> 07/14), ecco in<br />

<strong>Italia</strong> un’altra novità alimentare dalle proprietà favolose.<br />

Ai piedi dell’Etna, in Sicilia, nella contrada Ronzini, località<br />

Trecastagni, è nata la fattoria Gjmàla, il primo allevamento<br />

di dromedari in <strong>Italia</strong> e il secondo in Europa. Santo Fragalà,<br />

veterinario siciliano, insegna fisiologia equina a Messina ed<br />

è il “papà” di Carmen, Jasmine e Mustafà, le tre femmine<br />

di dromedario dell’allevamento. Il latte di questi animali<br />

è molto prezioso. Lo bevono i bambini intolleranti al latte<br />

vaccino, è cinque volte più ricco di calcio, tre volte più ricco<br />

di vitamina C, povero di caseina e ricco di grassi buoni<br />

polinsaturi. Inoltre viene prodotto in quantità maggiori di<br />

quello di asina, che ha proprietà simili. In media un dromedario<br />

femmina produce 10 litri di latte al giorno, un’asina<br />

produce solo un litro scarso. Il latte di dromedaria costa la<br />

metà. Oltre al latte e ai formaggi, vengono prodotti anche<br />

cosmetici, come bagnoschiuma, shampoo e creme.<br />

Il veterinario Santo Fragalà<br />

e i suoi dromedari.<br />

IL BUS<br />

il conducente Fahrer<br />

la<br />

fantascienza<br />

Science<br />

Fiction<br />

l’esperimento Versuch<br />

il tragitto Strecke<br />

il lungomare Strandpromenade<br />

puntuale pünktlich<br />

saltare hier: auslassen<br />

la fermata Haltestelle<br />

l’ostacolo Hindernis<br />

il dispositivo<br />

Gps<br />

GPS-<br />

Vorrichtung<br />

superato nach<br />

Abschluss<br />

il volante Steuer<br />

impiegare einsetzen<br />

LATTE DI DROMEDARIA<br />

il caviale di<br />

lumaca<br />

Schneckenkaviar<br />

alimentare Lebensmittelfavoloso<br />

fabelhaft<br />

la contrada Gegend<br />

la località Ortschaft<br />

l’allevamento Zucht, Farm<br />

la fisiologia<br />

equina<br />

Pferdephysiologie<br />

prezioso wertvoll<br />

(essere)<br />

intollerante<br />

eine Unverträglichkeit<br />

haben<br />

il latte Kuhmilch<br />

vaccino<br />

polinsaturo vielfach<br />

ungesättigt<br />

l’asina Eselin<br />

in media im Schnitt<br />

scarso hier: knapp<br />

il bagnoschiuma<br />

Schaumbad<br />

LADRI DI BICICLETTE<br />

il ladro Dieb<br />

rubare stehlen<br />

l’antifurto Diebstahlsicherung<br />

il trucco Trick<br />

il telaio Rahmen<br />

ad arco bogenförmig<br />

la ruota Hinterrad<br />

posteriore<br />

la fune di Stahlseil<br />

acciaio<br />

il lucchetto Schloss<br />

tagliare durchschneiden<br />

rovinare kaputt<br />

machen<br />

l’assicura- Versicherung<br />

zione f.<br />

il numero Kennnummer<br />

identificativo<br />

a sei cifre sechsstellig<br />

riscuotere erhalten<br />

il proprietario Eigentümer<br />

LADRI DI BICICLETTE ADDIO!<br />

Tempi duri per chi vuole rubare una bicicletta! È arrivata<br />

sul mercato Frameblock, la prima bici con l’antifurto<br />

integrato. Ci ha pensato un italiano, Matteo Diego Caldiroli,<br />

di Milano Bike. Il trucco è semplice. Caldiroli spiega:<br />

“L’antifurto si trova nel telaio ad arco che parte dal centro<br />

della ruota posteriore e arriva fino a quella davanti: dentro<br />

ci sono una fune di acciaio e un lucchetto. Per rubare la<br />

bici, il ladro deve tagliare anche il telaio e rovinare la bici”.<br />

Una bici rovinata non si può più vendere, quindi perché<br />

rubarla? La Frameblock ha anche l’assicurazione compresa<br />

nel prezzo e un lucchetto che si apre solo con un<br />

numero identificativo a sei cifre. Per riscuotere l’assicurazione<br />

o riparare la bici bisogna conoscere il codice e<br />

quindi solo il vero proprietario può farlo.<br />

<strong>ADESSO</strong> OTTOBRE 2014


costume e società<br />

VENDESI CASE A 1 EURO<br />

A Gangi, in Sicilia, uno dei borghi più belli d’<strong>Italia</strong>, si regalano case.<br />

Non è uno scherzo, ma un’idea per combattere lo spopolamento. Come<br />

funziona? Semplice: sono state messe in vendita una ventina di case<br />

diroccate al prezzo simbolico di 1 euro. Chi compra deve dimostrare di<br />

57<br />

avere i soldi per un restauro completo<br />

dell’immobile, cioè circa 35.000<br />

euro. L’unica clausola del contratto<br />

è che il restauro deve<br />

avvenire entro cinque<br />

anni. Su 23 case sono<br />

chilometri è lungo il<br />

tunnel ferroviario più lungo<br />

e profondo del mondo. La roccia<br />

sopra la galleria arriva a 2.300<br />

metri. Si tratta della Galleria del Gottardo,<br />

che in futuro collegherà Milano<br />

e Zurigo in 2 ore e 40. I lavori sono<br />

in corso. Secondo gli ingegneri<br />

svizzeri della Siemens, forse<br />

la galleria sarà inaugurata<br />

già nel 2016.<br />

mettere in<br />

vendita<br />

diroccato<br />

il restauro<br />

la clausola<br />

del<br />

contratto<br />

avvenire<br />

l’elenco<br />

scaricabile<br />

erfolgen<br />

Liste<br />

herunterladbar<br />

entmutigt<br />

scoraggiato<br />

CASE A 1 EURO<br />

vendesi zu verkaufen<br />

il borgo Dorf<br />

regalare schenken<br />

combattere bekämpfen<br />

lo spopolamentrungsab-<br />

Bevölkewanderung<br />

zum<br />

Verkauf<br />

anbieten<br />

verfallen<br />

Renovierung<br />

Vertragsklausel<br />

57<br />

il tunnel Eisenbahn-<br />

ferroviario<br />

tunnel<br />

la roccia Felsen<br />

essere in im Gang<br />

corso sein<br />

inaugurare<br />

eröffnen<br />

IL PERCHÉ<br />

comparire auftauchen<br />

l’ospitalità<br />

adverbiale<br />

Wendung<br />

auf Kosten<br />

anderer<br />

Bezug<br />

la<br />

locuzione<br />

avverbiale<br />

a spese<br />

altrui<br />

il riferimento<br />

impiegare<br />

beschäftigen<br />

Gastfreundschaft<br />

ancora 14 quelle disponibili.<br />

L’elenco è<br />

scaricabile dal sito<br />

www.comune.gangi.<br />

pa.it, nella sezione<br />

Iniziativa casa gratis.<br />

Lo spopolamento<br />

dei paesini in <strong>Italia</strong><br />

è un problema serio.<br />

Sono molti i piccoli<br />

centri in cui i giovani,<br />

sempre più scoraggiati,<br />

non trovano lavoro e<br />

sono costretti a emigrare.<br />

il carro<br />

la fabbrica<br />

zu tun<br />

haben<br />

Flugobjekt<br />

derivare<br />

il tentativo<br />

di spiegazione<br />

in<br />

questione<br />

c’entrare<br />

ableiten<br />

Erklärungsversuch<br />

fraglich<br />

l’oggetto<br />

volante<br />

onomatopeico<br />

sazio<br />

utilizzare<br />

lautmalerisch<br />

satt<br />

verwenden<br />

Wagen<br />

hier: Dombauhütte<br />

Zollgebühr<br />

Richter<br />

la tassa<br />

doganale<br />

il magistrato<br />

il governo<br />

verosimile<br />

Regierung<br />

wahrscheinlich<br />

IL PERCHÉ<br />

MANGIARE A UFO<br />

<br />

Perché si dice “mangiare a ufo”?<br />

Diedrich Krause<br />

Risponde Anna Bordoni, collaboratrice<br />

dell’Istituto dell’Enciclopedia <strong>Italia</strong>na.<br />

Il termine ufo compare esclusivamente nella<br />

locuzione avverbiale a ufo, e significa “senza<br />

pagare, a spese altrui”, con particolare riferimento<br />

al mangiare e al bere. L’espressione<br />

mangiare a ufo è spesso usata come sostantivo:<br />

è un mangia a ufo, sono dei mangia a<br />

ufo (si può trovare anche la grafia unita, mangiaufo).<br />

Tra le citazioni famose ricordiamo<br />

Alessandro Manzoni, Promessi Sposi, cap.<br />

30: “Agnese e Perpetua, per non mangiare il<br />

pane a ufo, avevan voluto essere impiegate<br />

ne’ servizi che richiedeva una così grande<br />

ospitalità”. Da dove deriva questa espressione?<br />

Non si sa con certezza. Le ipotesi, però,<br />

sono molte. Riferiamo qui alcuni tentativi di<br />

spiegazione. Sicuramente l’ufo in questione<br />

non c’entra con l’acronimo Ufo, dall’inglese<br />

Unidentified flying object, “oggetto volante<br />

non identificato”. È probabile l’origine onomatopeica:<br />

per esempio esisteva l’esclamazione<br />

uf! per dire “sono sazio”. Un’altra ipotesi, parla<br />

della sigla Auf (Ad usum fabricae, cioè destinato<br />

“a essere utilizzato nella fabbrica”). La<br />

sigla si trovava sui carri che trasportavano il<br />

materiale per la fabbrica di San Pietro e serviva<br />

per segnalare che su quel materiale non si<br />

dovevano pagare le tasse doganali. Un’altra<br />

versione molto originale collega a ufo (“senza<br />

spesa”) alla scritta ex officio (abbreviato in ex<br />

uffo) che si trovava sulle lettere che nel 1400<br />

i magistrati di Firenze inviavano al governo.<br />

La scritta indicava che non si doveva pagare<br />

la spedizione. Tra le ipotesi ancora meno<br />

verosimili c’è quella che si collega all’ebraico<br />

efes, che significa “gratuitamente”.<br />

Inviate i vostri perché a:<br />

adesso@spotlight-verlag.de<br />

9<br />

<strong>ADESSO</strong> OTTOBRE 2014


NOTIZIE<br />

DALL’ITALIA<br />

cultura e spettacolo<br />

10<br />

LA GRANDE GUERRA IN MOSTRA<br />

La prima guerra mondiale è scoppiata 100 anni fa<br />

(vedi <strong>ADESSO</strong>, 07/14) e il Mart invita a riflettere sulla<br />

guerra con due mostre. La guerra che verrà non è la<br />

prima inizia il 4 ottobre e resta aperta fino al settembre<br />

2015. La Grande Guerra è il punto di partenza per parlare<br />

più in generale dei conflitti di ieri e di oggi. Il percorso<br />

si snoda in uno spazio espositivo di oltre 3000 m 2 e mette<br />

in mostra accostamenti originali e materiali di natura<br />

e di periodi diversi, come vecchie armi e opere d’arte<br />

sperimentale. Obiettivo dell’iniziativa è far capire che<br />

ogni guerra in fondo è sempre la stessa tragedia. L’esposizione<br />

comprende capolavori delle collezioni Mart<br />

e di musei di tutto il mondo. A partire dall’11 ottobre si<br />

svolge alla Casa D’Arte Depero Calpestare la guerra, una<br />

mostra dedicata all’Afghanistan, dove chi vive la guerra<br />

dal 1979 la racconta con l’aiuto di tappeti e “fazzoletti<br />

di pace”. Una full-immersion, perché il centenario della<br />

Grande Guerra non è una data da commemorare,<br />

spiega il neodirettore del Mart Cristiana Collu, ma “uno<br />

scenario con il quale fare i conti’’, più attuale che mai.<br />

Informazioni: www.mart.trento.it/guerra<br />

LA GRANDE GUERRA<br />

scoppiare ausbrechen<br />

riflettere nachdenken<br />

la mostra Ausstellung<br />

il punto di<br />

partenza<br />

Ausgangspunkt<br />

il percorso Verlauf<br />

snodarsi hier: sich<br />

erstrecken<br />

lo spazio<br />

espositivo<br />

Ausstellungsfläche<br />

l’accostamento<br />

Zusammenstellung<br />

l’arma Waffe<br />

l’opera d’arte Kunstwerk<br />

in fondo im Grunde<br />

il capolavoro Meisterwerk<br />

dedicato gewidmet<br />

il fazzoletto Friedenstuch<br />

di pace<br />

la fullimmersion<br />

vollständiges<br />

Eintauchen<br />

commemorare<br />

gedenken<br />

spiegare erklären<br />

La guerra (1916) del<br />

pittore Giacomo Balla.<br />

fare i conti sich auseinandersetzen<br />

FABRIANO, CITTÀ CREATIVA<br />

comprendere umfassen<br />

l’artigianato Handwerk<br />

le arti (pl.) Brauchtum<br />

popolari<br />

la produzione<br />

della carta<br />

Papierherstellung<br />

l’elettrodomestico<br />

Haushaltsgerät<br />

il riconoscimento<br />

Anerkennung<br />

il legame Bindung<br />

promuovere fördern<br />

edificare errichten<br />

IL CD DEL MESE<br />

l’artista m./f. Künstler, -in<br />

riempire füllen<br />

il sorcino Mäuschen<br />

con affetto herzlich,<br />

liebevoll<br />

il cantautore Liedermacher<br />

la raccolta Sammlung<br />

inedito neu<br />

Tel. +49 89 85681-286<br />

FABRIANO, CITTÀ CREATIVA DELL’UNESCO<br />

La città di Fabriano, nelle Marche, è entrata nella lista<br />

delle Città Creative dell’Unesco. La lista comprende in<br />

tutto il mondo 38 città e in <strong>Italia</strong>, oltre a Fabriano, c’è solo<br />

Bologna. La categoria di Fabriano è Artigianato e arti popolari,<br />

grazie alla produzione della carta fatta a mano e degli<br />

elettrodomestici (per esempio Merloni, Indesit, Ariston<br />

e Faber). Questo riconoscimento è importante perché aiuta<br />

il turismo e crea un legame tra città capaci di far crescere<br />

la creatività culturale e l’attività economica del territorio.<br />

Francesca Merloni, che ha promosso e coordinato il progetto,<br />

ha detto: ”Edifichiamo il nostro presente e il nostro<br />

futuro attraverso il passato e l’esperienza dei nostri padri”.<br />

IL CD DEL MESE<br />

AMO,<br />

CAPITOLO II<br />

RENATO ZERO<br />

Renato Zero è tra gli artisti italiani che hanno venduto più<br />

dischi. Oggi, a 63 anni, riempie ancora gli stadi di tutta <strong>Italia</strong>.<br />

Renato Zero per i suoi sorcini – lui stesso chiama così,<br />

con affetto, i suoi fan – non è solo un cantautore, ma un<br />

vero e proprio idolo. Romano, molto eccentrico e con un<br />

grande talento per il canto, Renato Fiacchini – questo è il<br />

suo vero nome – dopo tanti successi ha deciso di produrre<br />

una trilogia. Amo, capitolo I conteneva i successi più famosi:<br />

Amo, capitolo II, uscito nel 2013, è una raccolta di 15 brani<br />

inediti, come Nessuno tocchi l’amore. L’album conferma lo stile<br />

fresco, stravagante e poetico del leggendario cantautore.<br />

VINCI IL CD DEL MESE<br />

Partecipa all’estrazione [Verlosung] dei CD in palio. Entro il 28 ottobre<br />

vai alla pagina www.adesso-online.de/gewinnspiel oppure spedisci<br />

una cartolina al seguente indirizzo: Spotlight Verlag, <strong>ADESSO</strong>, CD<br />

del mese – Amo, capitolo II, Fraunhoferstr. 22, D-82152 Planegg. Per<br />

chi non vince, il CD è in vendita, insieme a tanti altri capolavori della<br />

musica italiana, da: MUSIC PARADISE,<br />

Rebgasse 49, CH-4058 Basel, tel.<br />

(0041) 61 68192407, fax (0041) 61<br />

6812127. E-mail<br />

imp@musicparadise.ch;<br />

www.musicparadise.ch;<br />

Facebook Music Paradise


NOTIZIE<br />

DALL’ITALIA<br />

economia e politica<br />

Betrieb<br />

gründen<br />

Werkstatt<br />

Wettkampf,<br />

Rennen<br />

ganz gut<br />

Dreizack<br />

Maler<br />

Brunnen<br />

Rennstrecke<br />

verbinden<br />

Leidenschaft<br />

Sportsgeist<br />

Team<br />

Wettrennen<br />

Wirtschafts-<br />

Freud und<br />

Leid<br />

zurückkehren<br />

Ausstellung<br />

Werk<br />

economico<br />

le gioie e i<br />

dolori<br />

tornare<br />

la mostra<br />

lo<br />

stabilimento<br />

significativo<br />

Un modello vintage<br />

della Maserati.<br />

l’azienda<br />

fondare<br />

l’officina<br />

la competizione<br />

discreto<br />

il tridente<br />

il pittore<br />

la fontana<br />

la pista<br />

unire<br />

la passione<br />

l’animo<br />

sportivo<br />

la squadra<br />

la gara<br />

wesentlich<br />

<strong>ADESSO</strong>audio<br />

Ascolta se gli italiani<br />

preferiscono le automobili<br />

italiane o quelle straniere.<br />

ALTRI 100<br />

DI QUESTI ANNI!<br />

La Maserati compie 100 anni. Auguri! La storia comincia nel<br />

1914 a Bologna. Alfieri Maserati, meccanico e pilota dell’azienda<br />

Isotta Fraschini, fonda con i fratelli le officine Maserati. All’inizio<br />

lavorano per altre case automobilistiche; nel 1926 creano la prima<br />

auto completa, la Tipo26, un modello da competizione che<br />

ottiene discreti successi. In quell’anno nasce anche il simbolo<br />

della casa automobilistica, il tridente del pittore Mario Maserati.<br />

Il modello è forse la fontana del Nettuno, a Bologna. Le Maserati,<br />

da pista o da strada, diventano presto un simbolo della capacità<br />

di unire passione e tecnica, eleganza e animo sportivo. La<br />

storia non è, però, solo piena di successi: la squadra si ritira dalle<br />

gare; poi, nel 1968, Citroën compra la Maserati. Segue una lunga<br />

crisi economica e la Maserati diventa il simbolo delle gioie e<br />

dei dolori dell’automobilismo italiano. Oggi la Maserati è di Fiat<br />

Chrysler Automobiles ed è in ottima salute. Dal 2004 è tornata a<br />

correre in pista e modelli da strada come Ghibli e Quattroporte<br />

hanno grande successo. Per festeggiare i 100 anni, fino a gennaio<br />

è aperta la mostra Maserati 100 – A Century of Pure <strong>Italia</strong>n Luxury<br />

Sports Cars. È ospitata nel Museo Enzo Ferrari a Modena, molto<br />

vicino allo stabilimento Maserati, e racconta la storia della Casa<br />

del Tridente attraverso i momenti più significativi.<br />

www.maserati100.it, www.museocasaenzoferrari.it<br />

Übung macht<br />

den Meister!<br />

Das Übungsheft zu Ihrem Sprachmagazin:<br />

Die Extra-Dosis Sprachtraining – flexibel & e≤zient.<br />

Neu:<br />

Mit Hörtraining!<br />

Bestellen Sie jetzt!<br />

<strong>ADESSO</strong> OTTOBRE 2014<br />

+49 (0)89/8 56 81-16 www.adesso-online.de/plus-gratis


VIAGGI – ITALIA SLOW<br />

Benvenuti a bordo!<br />

ITALIA SLOW<br />

Abenteuerreise auf Schienen durch Mittelitalien: von Piero della Francesca<br />

in der Toskana zu Umbriens handgefertigten Keramiken und den<br />

sprudelnden Quellen für Roms Trinkwasser in den Abruzzen.<br />

Testo: Cosimo Carniani Foto: Filippo Cirri<br />

12<br />

IL VENTO PROFUMATO DI TI-<br />

GLIO MI ACCAREZZA IL VOL-<br />

TO, MENTRE MI SPORGO DAL<br />

FINESTRINO DEL TRENO. Tre ragazze<br />

cantano allegre e la campagna<br />

risplende al sole di giugno. Siamo<br />

in viaggio lungo la dorsale appenninica,<br />

fra Toscana, Umbria, Lazio e<br />

Abruzzo, a ritmo lento e alla ricerca<br />

dell’<strong>Italia</strong> più autentica. Io e Filippo,<br />

il fotografo, siamo partiti per<br />

scoprire luoghi poco frequentati dal<br />

turismo, convinti che la loro bellezza<br />

si conceda tanto più pura proprio<br />

per questo. Come mezzi di trasporto<br />

non potevamo che scegliere treni a<br />

bassa velocità, dove la realtà più vera<br />

dei luoghi ti viene incontro e il fluire<br />

del tempo acquista una particolare<br />

dimensione che dispone l'animo alla<br />

contemplazione del paesaggio.<br />

26 GIUGNO<br />

MÜNCHEN HBF<br />

AREZZO<br />

La partenza da Monaco di Baviera, con un quarto d’ora<br />

di ritardo, ben si adatta alla filosofia del nostro viaggio. Le<br />

cuccette non sono comode, ma dormiamo profondamente<br />

fino ad Arezzo.<br />

27 GIUGNO<br />

AREZZO<br />

DERUTA<br />

Alla stazione di Arezzo prendiamo la corriera e i pochi<br />

chilometri che ci separano da Sansepolcro sembrano<br />

durare un’eternità. C’è una nebbia fitta e intorno non<br />

vediamo quasi nulla. A tenerci compagnia, le chiacchiere<br />

tra l’autista e una passeggera. La corriera si arrampica<br />

per strade ripide e a un certo punto, si rivelano paesaggi<br />

degni di un pittore fiammingo. Poco dopo raggiungiamo<br />

la nostra prima tappa, nell’estremo lembo orientale della<br />

Toscana. Ci avventuriamo senza meta per le vie di Sansepolcro<br />

ancora immersa nella nebbia. Sentiamo un canto<br />

celestiale provenire dalla vicina chiesa di Santa Maria dei<br />

Servi. Sono le prove del coro ed entriamo ad ascoltarle.<br />

Quando torniamo sulla strada, la nebbia si è dissolta e gli<br />

il tiglio<br />

accarezzare<br />

la dorsale<br />

appenninica<br />

concedersi<br />

acquistare<br />

l’animo<br />

il paesaggio<br />

il ritardo<br />

la cuccetta<br />

la corriera<br />

Linde<br />

streicheln<br />

Apenninische<br />

Gebirgskette<br />

hier: sich<br />

zeigen<br />

annehmen<br />

Gemüt<br />

Landschaft<br />

Verspätung<br />

Liegewagenplatz<br />

Regionalbus<br />

l’eternità<br />

fitto<br />

l’autista m./f.<br />

ripido<br />

fiammingo<br />

il lembo<br />

orientale<br />

avventurarsi<br />

la meta<br />

immerso<br />

celestiale<br />

dissolversi<br />

Ewigkeit<br />

dicht<br />

Fahrer-, in<br />

steil<br />

flämisch<br />

Zipfel<br />

östlich<br />

sich wagen<br />

Ziel<br />

eingetaucht<br />

himmlisch<br />

sich<br />

auflösen


edifici rinascimentali o tardo-me<strong>die</strong>vali<br />

concentrati intorno a Piazza Torre<br />

di Berta si mostrano in tutto il loro<br />

splendore. Hanno un aspetto severo<br />

e maestoso, che ben testimonia le<br />

travagliate vicende della città, sempre<br />

contesa dalle signorie vicine. La<br />

memoria di quei tempi si perpetua<br />

ogni anno, la seconda domenica di<br />

SÌ, VIAGGIARE!<br />

Qui, dal basso:<br />

Piazza Vittorio<br />

Emanuele II a Rieti;<br />

il capotreno alla<br />

stazione dell’Aquila;<br />

Pacentro, in Abruzzo.<br />

Nell’altra pagina:<br />

Cosimo, il nostro<br />

inviato.<br />

settembre, nel Palio della balestra. La gara<br />

si svolge dal XV secolo e ricorda il tempo<br />

in cui i cittadini partecipavano a esercitazioni<br />

per essere sempre pronti a difendere<br />

la città, in caso di pericolo. Fra i balestrieri<br />

c’era anche il più illustre figlio di Sansepolcro,<br />

Piero della Francesca, di cui si possono<br />

ammirare La Resurrezione e altri capolavori<br />

nel Museo civico. In città sono conservate<br />

anche opere di altri celebri pittori, come la Deposizione di<br />

Rosso Fiorentino, nella chiesa di San Lorenzo, o la Pala di<br />

Sansepolcro del Perugino,<br />

in San Giovanni Evangelista,<br />

nella quale è raffigurata<br />

l’ascensione di Cristo.<br />

Proprio sotto i portici di<br />

questa basilica ci fermiamo<br />

ad ascoltare la gente.<br />

La parlata è ancora sostanzialmente<br />

toscana, ma<br />

si intuisce la vicinanza con<br />

l’Umbria, che raggiungeremo<br />

presto.<br />

Eccoci alla stazione di Sansepolcro,<br />

capolinea della<br />

Ferrovia Centrale Umbra,<br />

l’unica linea che tocca la<br />

città. Non c’è nessuno, a<br />

parte un controllore cui<br />

chiediamo conferma della<br />

validità degli orari… non<br />

si sa mai! Tutto regolare:<br />

all’ora prevista arriva il<br />

l’edificio Gebäude<br />

lo splendore Pracht<br />

testimoniare bezeugen<br />

travagliato leidvoll<br />

la vicenda Geschichte<br />

conteso umkämpft<br />

la signoria: Regierung eines<br />

ital. Stadtstaates<br />

la memoria Erinnerung<br />

perpetuarsi fortleben<br />

il Palio della<br />

balestra<br />

Wettkampf<br />

der Armbrustschützen<br />

la gara Wettbewerb<br />

la resurrezione<br />

Auferstehung<br />

il museo Stadtmuseum<br />

civico<br />

la deposizione<br />

Kreuzabnahme<br />

la pala Altarbild<br />

raffigurare darstellen<br />

l’ascensione f. Himmelfahrt<br />

i portici pl. Arkaden<br />

la parlata Dialekt<br />

intuire erahnen<br />

il capolinea Endstation<br />

la validità Gültigkeit<br />

13<br />

<strong>ADESSO</strong> OTTOBRE 2014


treno, minuscolo e coperto<br />

di graffiti. Siamo<br />

quasi gli unici passeggeri,<br />

così il capotreno<br />

ci concede di fare qualche<br />

foto nella cabina<br />

di guida. Le dolci colline<br />

della Val Tiberina,<br />

costellate di cipressi e<br />

ulivi, ci scorrono lente<br />

ai lati. La nostra attenzione<br />

è però attratta<br />

da un gran numero<br />

di piante basse, dalle belle foglie<br />

larghe. È tabacco, una coltura molto<br />

importante per queste zone. Poco<br />

lontano si trova infatti Cospaia, minuscola<br />

frazione del comune di San<br />

Giustino, che del tabacco fu per secoli<br />

la “capitale” italiana (vedi box sotto).<br />

Siamo ormai giunti in Umbria e<br />

alla seconda tappa, Città di Castello.<br />

Insieme alla nostra gentilissima gui-<br />

TAPPE FRA<br />

ARTE,<br />

TRADIZIONI E<br />

GASTRONOMIA<br />

Qui da sinistra: un<br />

piatto in ceramica<br />

realizzato a Deruta<br />

nel laboratorio di<br />

Alvaro Binaglia; il<br />

Palazzo del Podestà<br />

a Città di Castello.<br />

Nell’altra pagina,<br />

da sinistra in senso<br />

orario: una scena<br />

di vita quotidiana<br />

a bordo del treno; i<br />

ricami nel laboratorio<br />

della tela umbra<br />

a Città di Castello;<br />

Pierantonio, una<br />

delle tante stazioni<br />

nella tratta tra<br />

Città di Castello e<br />

Perugia.<br />

14<br />

La Repubblica di Cospaia<br />

La storia di Cospaia è a dir poco singolare. Qui,<br />

nel 1441, la Repubblica di Firenze e lo Stato della<br />

Chiesa stabilirono il loro confine lungo un fiumiciattolo<br />

chiamato Rio. Il problema è che i fossi con quel nome<br />

erano due! I Fiorentini segnarono il confine su quello<br />

a nord del paese, lo Stato pontificio su quello a sud.<br />

Cospaia rimase così fuori dai confini di entrambi e si<br />

dichiarò immediatamente indipendente. La minuscola<br />

Repubblica mantenne la propria indipendenza fino al<br />

1826, quando fu incorporata nello Stato pontificio.<br />

Proprio grazie all’esenzione<br />

da tasse e dazi<br />

singolare einzigartig<br />

il confine Grenze<br />

doganali, Cospaia divenne<br />

il principale centro di<br />

il fiumiciattolo/<br />

il fosso<br />

Flüsschen<br />

immediatamente<br />

umgehend smercio e produzione del<br />

tabacco, la cui coltivazione<br />

era del resto comincia-<br />

incorporare eingemeinden<br />

l’esenzione<br />

f.<br />

Befreiung ta proprio qui, nel 1574,<br />

grazie al vescovo Niccolò<br />

la tassa Abgabe<br />

il dazio Zollgebühr Tornabuoni.<br />

doganale<br />

Per approfondire:<br />

lo smercio hier: Handel<br />

Museo del Tabacco<br />

la coltivazione<br />

a San Giustino<br />

Anbau<br />

il vescovo Bischof www.museotabacco.org.<br />

da Fabio Mambrini, andiamo alla Pinacoteca comunale.<br />

Mentre osserviamo i bei dipinti veniamo a sapere che il<br />

palazzo in cui ci troviamo ha un particolare legame con<br />

l’amore. Fu edificato per le nozze di Angelo Vitelli con<br />

Angela Paola dei Rossi di San Secondo Parmense ed è<br />

decorato con affreschi che inneggiano all’amore. La storia<br />

della coppia è però segnata da cupe ombre. C’è una<br />

finestra alla quale la sposa, così la leggenda, in assenza<br />

del marito si affacciava per attirare gli uomini che passavano<br />

per la via. Trascorreva con loro qualche ora felice,<br />

poi li conduceva in una stanza e… li spingeva giù<br />

nel pozzo! Lasciamo il palazzo sentendo, per una volta,<br />

di non essere sfortunati con le donne e, dopo un buon<br />

caffè nella bella piazza centrale, facciamo visita al Laboratorio<br />

della tela umbra. Questa istituzione, dove ancora<br />

oggi si producono eccezionali tessuti secondo la migliore<br />

il capotreno<br />

concedere<br />

la cabina di<br />

guida<br />

costellato di<br />

minuscolo<br />

la frazione<br />

giungere<br />

il legame<br />

edificare<br />

le nozze pl.<br />

inneggiare<br />

Zugführer<br />

erlauben<br />

Führerstand<br />

übersät mit<br />

klein<br />

Ortsteil<br />

ankommen<br />

Bindung<br />

bauen<br />

Hochzeit<br />

lobpreisen<br />

cupo<br />

la sposa<br />

l’assenza<br />

affacciarsi<br />

condurre<br />

il pozzo<br />

essere<br />

sfortunato<br />

la tela<br />

il tessuto<br />

düster<br />

Braut<br />

Abwesenheit<br />

hier: sich am<br />

Fenster zeigen<br />

führen<br />

Brunnen<br />

Pech haben<br />

Tuch<br />

Stoff


Sansepolcro<br />

Città di Castello<br />

Perugia<br />

Deruta<br />

Toscana<br />

Lazio<br />

Umbria<br />

Abruzzo<br />

Acquasparta<br />

San Gemini<br />

Terni Castel Sant'<br />

Angelo<br />

Rieti<br />

Cittaducale<br />

Lago di Paterno<br />

Qui sopra i luoghi visitati dagli<br />

autori lungo la linea ferroviaria a<br />

bassa velocità.<br />

L’Aquila<br />

Raiano<br />

Sulmona<br />

Pacentro<br />

tradizione artigianale, è legata a due<br />

figure straordinarie, Alice Hallgarten-Franchetti<br />

e Maria Montessori.<br />

La prima, nel 1908, fonda con il marito<br />

il laboratorio. Intende salvare la<br />

tessitura artigianale, minacciata dai<br />

telai meccanici, ma soprattutto migliorare<br />

la condizione delle donne<br />

della zona, dando un’opportunità di<br />

guadagno alla loro abilità nella tessitura.<br />

Non è la sua prima impresa<br />

filantropica: qualche anno prima ha<br />

fondato le scuole della Montesca e<br />

di Rovigliano, sperimentando metodi<br />

pedagogici innovativi. L’interesse<br />

per la pedagogia la porta a conoscere<br />

la Montessori ed è proprio<br />

con l’incoraggiamento e il sostegno<br />

finanziario dei Franchetti che la<br />

grande pedagogista pubblica la sua<br />

<strong>ADESSO</strong><br />

plus<br />

Fai un esercizio sulla<br />

tratta ferroviaria<br />

Terni-L’Aquila nella<br />

rubrica Grammatica.<br />

www.adesso-online/<br />

intreno<br />

opera capitale, Il metodo della pedagogia scientifica applicato<br />

all’educazione infantile nelle Case dei bambini.<br />

Lasciata Città di Castello partiamo per Deruta, la nostra<br />

terza tappa, un piccolo paese celebre per le sue ceramiche.<br />

Alla minuscola stazione ci aspetta un amico di Filippo,<br />

che ci accompagna a fare un giro nella splendida<br />

campagna e poi nel grazioso paese. Abbiamo anche la<br />

fortuna di visitare il laboratorio di un famoso ceramista,<br />

Alvaro Binaglia. Osserviamo affascinati la maestria con<br />

cui decora un grande piatto, proseguendo la secolare tradizione<br />

che ha dato fama<br />

mondiale alle ceramiche fondare gründen<br />

del posto. Oggi, purtroppo,<br />

molte botteghe hanno la tessitura Weben<br />

intendere beabsichtigen<br />

salvare retten<br />

chiuso, complici la crisi e artigianale handwerklich<br />

minacciato bedroht<br />

gli sciagurati tentativi di<br />

il telaio Webmaschine<br />

industrializzare una produzione<br />

dalla chiara vo-<br />

il guadagno Ver<strong>die</strong>nst<br />

meccanico<br />

l’abilità Fähigkeit<br />

cazione artigianale, ma<br />

l’impresa Unternehmen<br />

quelle che resistono producono<br />

oggetti straordi-<br />

l’incoraggia-<br />

Ermutigung<br />

sperimentare erproben<br />

mento<br />

nari. È davvero un peccato<br />

non poterne comprare applicato angewandt<br />

il sostegno Unterstützung<br />

nessuno, per paura che si infantile kindlich<br />

celebre bekannt<br />

rompa durante il viaggio. fare un giro eine Tour<br />

Ci consoliamo con un aperitivo<br />

al bar, forse l’uni-<br />

machen<br />

il laboratorio Werkstatt<br />

la maestria Geschicklichkeit,<br />

Können<br />

co del paese, discutendo<br />

con i simpatici proprietari secolare jahrhundertealt<br />

dell’argomento preferito dare fama etw. berühmt<br />

dagli italiani che si rispettino,<br />

la politica. È uno di la bottega Laden<br />

a qc. machen<br />

sciagurato unselig<br />

quei discorsi che potrebbero<br />

andare avanti per la vocazione Ausrichtung,<br />

il tentativo Versuch<br />

Neigung<br />

ore, ma noi dobbiamo ripartire.<br />

Non prima di aver peccato<br />

essere un schade sein<br />

mangiato qualcosa, però. il proprietario Eigentümer<br />

15<br />

<strong>ADESSO</strong> OTTOBRE 2014


VIAGGI – ITALIA SLOW<br />

Ci dirigiamo verso una piccola rosticceria,<br />

dove concludiamo la nostra<br />

conversazione fra supplì di riso<br />

e faraona arrosto, per poi raggiungere<br />

la stazione, che è praticamente<br />

deserta. Nulla si muove, nella quiete<br />

pomeridiana, sconfinata e quasi<br />

surreale. Sarà per il vino bevuto a<br />

pranzo, ma ci sembra di essere in un<br />

luogo di sogno, tanto perfetto è il silenzio<br />

che neppure le cicale riescono<br />

a rompere.<br />

28 GIUGNO<br />

DERUTA<br />

RIETI<br />

16<br />

Più o meno la stessa sensazione ci<br />

coglie il giorno dopo ad Acquasparta,<br />

la nostra quarta tappa. Qui il tempo<br />

sembra davvero essersi fermato.<br />

Da Lallo, per esempio, il parrucchiere<br />

da cui entra Filippo, a caccia di<br />

impressioni come si conviene a un<br />

vero fotografo. Lallo ha un bel locale<br />

d’altri tempi e sarebbe bello farsi tagliare<br />

i capelli… se i pochi che ci restano<br />

non fossero già sin troppo corti!<br />

La visita ad Acquasparta è breve,<br />

ma molto piacevole. Oltre al cinquecentesco<br />

Palazzo Cesi (spesso chiuso),<br />

dove fu fondata con il contributo<br />

di Galileo la più antica accademia<br />

scientifica del mondo, quella dei<br />

Lincei, non ci sono molti altri punti<br />

di interesse per il turista tradizionale,<br />

ma il paese è perfetto per chi cerca<br />

luoghi particolarmente autentici.<br />

Risaliamo in treno e avanziamo lentamente<br />

fra montagne sempre più<br />

alte. Scattiamo così tante fotografie<br />

da suscitare la curiosità di un gruppo<br />

di ragazze. È l’occasione, dopo<br />

aver illustrato il nostro progetto, per<br />

farci consigliare un buon ristorante a<br />

Rieti, la quinta tappa del nostro itinerario.<br />

Con nostra sorpresa, ci consigliano<br />

posti dove mangiare dell’ottimo<br />

pesce di mare. Ma come, pesce<br />

nell’alto Lazio, in mezzo ai monti?<br />

Eppure hanno ragione. Nel locale<br />

che ci hanno suggerito, semplice e<br />

illuminato da una luce troppo forte,<br />

come accade in tanti ristoranti italia-<br />

RIETI IN FESTA<br />

La processione<br />

dei ceri si svolge a<br />

giugno ed è dedicata<br />

a Sant’Antonio.<br />

Durante l’anno<br />

statua del santo è<br />

custodita all’interno<br />

della chiesa di San<br />

Francesco.<br />

ni, mangiamo antipasti eccellenti, fra cui un’insalata di<br />

mare degna delle più rinomate località balneari. Rieti ci<br />

sorprende in generale, per la sua vitalità, allegria ed eleganza.<br />

Al nostro arrivo, c’è tanta gente che passeggia per<br />

le vie, siede nei bei caffè, entra in eleganti negozi, inclusa<br />

una libreria dentro a una chiesa sconsacrata. È lo struscio<br />

del fine settimana, oggi particolarmente intenso perché<br />

è la vigilia della processione dei ceri. L’atmosfera, elettrizzante,<br />

ci ricorda località marittime del Sud in festa. È<br />

strano ritrovarla in mezzo alle montagne del Lazio. Sarà<br />

la rosticceria: typ. ital. Grillrestaurant<br />

mit Speisen zum<br />

Mitnehmen<br />

il supplì di riso: frittierte Reiskrokette<br />

mit Hackfleisch und<br />

Mozzarella<br />

la faraona gebratenes<br />

arrosto Perlhuhn<br />

deserto verlassen<br />

sconfinato grenzenlos<br />

la cicala Zikade<br />

cogliere erfassen<br />

a caccia di auf der Suche<br />

nach<br />

convenirsi sich gehören<br />

d’altri tempi aus alten<br />

Zeiten<br />

cinquecentesco<br />

aus dem 16.<br />

Jahrhundert<br />

il contributo<br />

risalire<br />

avanzare<br />

suscitare la<br />

curiosità<br />

illustrare<br />

l’itinerario<br />

suggerire<br />

illuminato<br />

degno<br />

la località<br />

balneare<br />

l’allegria<br />

sconsacrato<br />

lo struscio<br />

la vigilia<br />

il cero<br />

Beitrag<br />

wieder einsteigen<br />

weiterfahren<br />

Neugier erwecken<br />

erläutern<br />

Route<br />

empfehlen<br />

beleuchtet<br />

würdig<br />

Badeort<br />

Fröhlichkeit<br />

säkularisiert<br />

Flanieren<br />

Vorabend<br />

hier: Prozessionskerze<br />

<strong>ADESSO</strong> OTTOBRE 2014


VIAGGI – ITALIA SLOW<br />

perché qui si incontra, in un certo<br />

senso, un po’ tutta l’<strong>Italia</strong>, di cui siamo<br />

nel preciso centro geografico. Il<br />

punto, l’umbelicus <strong>Italia</strong>e, è segnalato<br />

da un monumento che assomiglia a<br />

una forma di formaggio e che in città<br />

chiamano, appunto, “la caciotta”.<br />

Rimandiamo la visita al giorno dopo<br />

per goderci la città in festa.<br />

29 GIUGNO<br />

RIETI<br />

L’AQUILA<br />

Al mattino apriamo le finestre su<br />

una giornata meravigliosa: il cielo<br />

è terso, l’aria ancora fresca. Abbracciamo<br />

con lo sguardo il paesaggio<br />

e raggiungiamo il treno per Cittaducale,<br />

sesta tappa del nostro viaggio,<br />

dove ci attendono altre sorprese.<br />

Si incomincia con la splendida<br />

piazza centrale e i suoi bei palazzi.<br />

Tanta maestosità si deve a Margherita<br />

d’Austria, figlia naturale di Carlo<br />

V, che qui dimorò a lungo. Dietro la<br />

piazza, Cittaducale riacquista i tratti<br />

di un tipico paesino di provincia. È<br />

la mattina presto di una domenica e<br />

in giro non c’è molta gente. Qualche<br />

gatto ci osserva sbadigliando e nelle<br />

vie si avverte un intenso profumo<br />

di sugo… evidentemente già si cucina!<br />

Anche noi, affamati, ci fermiamo<br />

a mangiare un panino sotto i porti-<br />

L’OMBELICO<br />

D’ITALIA<br />

Qui dall’alto: il<br />

ponte romano sul<br />

fiume Velino, nel<br />

centro di Rieti; il<br />

centro del paesino<br />

di San Gemini;<br />

sulle rive del lago di<br />

Paterno. Nell’altra<br />

pagina, da sinistra:<br />

Piazza del Popolo a<br />

Cittaducale; la campagna<br />

intorno a Todi;<br />

il parrucchiere Lallo<br />

ad Acquasparta.<br />

il monumento Denkmal<br />

assomigliare ähneln<br />

la caciotta: ital. Weichkäse<br />

rimandare al<br />

giorno dopo<br />

auf den<br />

nächsten Tag<br />

verschieben<br />

terso klar<br />

attendere erwarten<br />

dovere a qcn. jdm. verdanken<br />

la figlia naturale<br />

uneheliche<br />

Tochter<br />

dimorare sich aufhalten<br />

riaquistare wieder<br />

annehmen<br />

i tratti pl. Züge<br />

sbadigliare gähnen<br />

avvertire merken<br />

affamato hungrig<br />

il crocchio Gruppe<br />

sprofondato versunken<br />

sinistro unheimlich<br />

il fuoriprogramma<br />

außerplanmäßiger<br />

Ausflug<br />

improvvisarsi spielen<br />

ci della piazza. Mentre osserviamo<br />

la sorgente Quelle<br />

provenire (her)kommen<br />

crocchi di per-<br />

limpido klar<br />

la trota Forelle<br />

sone uscire dalla chiesa pescare fischen<br />

(ecco dov’erano finiti tutti!)<br />

costruire errichten<br />

ascoltiamo alcuni gio-<br />

vani parlare. Veniamo così<br />

sgorgare sprudeln<br />

a sapere dell’esistenza di una misteriosa chiesa sprofondata<br />

e di un lago dalla fama sinistra. Li scegliamo subito<br />

per un fuoriprogramma e ci incamminiamo senza avere<br />

ben capito dove andare, sperando di trovare qualcuno<br />

che ci spieghi meglio la strada. Fermiamo la prima macchina<br />

che passa e abbiamo la fortuna di conoscere Claudio,<br />

che non solo ci dà un passaggio, ma si improvvisa<br />

guida turistica. Ci accompagna alle sorgenti del Peschiera,<br />

da cui proviene direttamente l’acqua di Roma. La limpida<br />

acqua del fiume scorre veloce e Claudio ci racconta<br />

delle trote che qui, da giovane, pescava in abbondanza.<br />

Tutta la zona è ricchissima di acqua e non a caso ben<br />

due imperatori romani, Tito e Vespasiano, vi costruirono<br />

impianti termali, di cui sono ben visibili i resti. È comunque<br />

un’incredibile sorpresa vedere sgorgare una sorgen-<br />

17<br />

<strong>ADESSO</strong> OTTOBRE 2014


VIAGGI – ITALIA SLOW<br />

18<br />

te dalla porta di una chiesa in mezzo<br />

alla campagna, ormai quasi coperta<br />

dalla vegetazione. È San Vittorino,<br />

sprofondata di vari metri per l’erosione<br />

del suolo provocata dalla sorgente.<br />

Lo spettacolo all’interno è<br />

straordinario: per terra, fra piante<br />

e resti marmorei del tetto crollato,<br />

scorre cristallina l’acqua e l’atmosfera<br />

ha qualcosa di magico. Poco lontano,<br />

a Paterno, si trova un lago vulcanico<br />

assai particolare, largo solo 190<br />

metri e profondo circa 150! La fama<br />

è sinistra perché ogni tanto qualcuno<br />

ci affoga, ma la cosa non sembra<br />

preoccupare i bagnanti, che si godono<br />

il refrigerio. Beati loro! Noi, invece,<br />

dobbiamo sopportare la calura e<br />

risalire sul treno, alla volta dell’Abruzzo.<br />

Intorno a noi il paesaggio si<br />

fa più aspro. Noi, distratti dalla sua<br />

bellezza, nemmeno ci accorgiamo<br />

che L’Aquila, la nostra settima tappa,<br />

è vicina. Le impressioni suscitate<br />

da questa città sono tra le più forti<br />

di tutto il nostro viaggio. Le ferite<br />

del terremoto del 2010 sono ancora<br />

aperte e molti palazzi sono in ricostruzione<br />

o sorretti da impalcature.<br />

Sofia, la nostra guida, ci racconta<br />

storie di solidarietà e tenacia, in una<br />

città che non si rassegna al destino<br />

avverso, ma lo fronteggia fieramente.<br />

È una lotta che appare chiara anche<br />

a chi, come noi, la visita solo per<br />

poche ore. Ci sono luoghi del centro<br />

dove la natura prende il sopravvento,<br />

coprendo di verde la secolare<br />

opera del lavoro umano, altri dove<br />

L’ITALIA PIÙ<br />

AUTENTICA<br />

Qui dall’alto: l’eremo<br />

di San Celestino,<br />

nelle vicinanze di<br />

Sulmona; la Madonna<br />

con bambino di<br />

Giorgio di Andrea di<br />

Bartolo (1412) nella<br />

Pinacoteca di<br />

Città di Castello; due<br />

giovani venditrici di<br />

noccioline durante<br />

il mercato della<br />

domenica all’Aquila.<br />

Nell’altra pagina:<br />

il complesso della<br />

Santissima Annunziata<br />

a Sulmona;<br />

la Fontana delle 99<br />

Cannelle all’Aquila.<br />

il suolo<br />

il tetto<br />

crollato<br />

assai<br />

largo<br />

profondo<br />

affogare<br />

godersi<br />

il refrigerio<br />

sopportare<br />

la calura<br />

farsi più aspro<br />

distratto<br />

la ferita<br />

il terremoto<br />

sorreggere<br />

l’impalcatura<br />

la tenacia<br />

rassegnarsi<br />

a qc.<br />

il destino<br />

Boden<br />

Dach<br />

eingestürzt<br />

sehr<br />

breit<br />

tief<br />

ertrinken<br />

genießen<br />

Abkühlung<br />

ertragen<br />

Hitze<br />

rauer werden<br />

abgelenkt<br />

Wunde<br />

Erdbeben<br />

stützen<br />

Gerüst<br />

Durchhaltevermögen<br />

sich mit etw.<br />

abfinden<br />

Schicksal<br />

avverso<br />

fronteggiare<br />

la lotta<br />

prendere il<br />

sopravvento<br />

riconquistare<br />

la cannella<br />

il ricordo<br />

il merito<br />

la lungimiranza<br />

la tassa<br />

abbandonare<br />

per disastrato<br />

che fosse<br />

memorabile<br />

la consolazione<br />

la decadenza<br />

far fronte<br />

widrig<br />

sich<br />

stellen<br />

Kampf<br />

<strong>die</strong> Oberhand<br />

gewinnen<br />

zurückerobern<br />

Röhrchen<br />

Erinnerung<br />

Ver<strong>die</strong>nst<br />

Weitsicht<br />

Gebühr<br />

verlassen<br />

so zerstört es<br />

auch war<br />

unvergesslich<br />

Trost<br />

Verfall<br />

ins Auge<br />

schauen<br />

l’uomo riconquista il suo spazio. È il caso della Fontana<br />

delle 99 cannelle, restaurata perfettamente, o di vie da<br />

poco riaperte, dove il terremoto sembra solo un vago ricordo.<br />

Il merito è, per esempio, della lungimiranza con<br />

cui l’Università ha ridotto le tasse attirando migliaia di<br />

studenti e anche di chi ha avuto il coraggio di non abbandonare<br />

la città e di tornare alla propria casa, per disastrata<br />

che fosse. Sofia ci racconta di memorabili grigliate,<br />

nelle quali la gente trovava consolazione e coraggio, e il<br />

nostro spirito commosso va a Benedetto Croce, convinto<br />

che a scrivere la storia non siano decadenza e morte,<br />

ma la generosa attività umana che vi fa fronte. Visitare<br />

L’Aquila, farà bene agli aquilani e certamente anche al<br />

vostro spirito.<br />

<strong>ADESSO</strong> OTTOBRE 2014


addolcire<br />

arroccato<br />

l’altura<br />

la torma<br />

affollare<br />

benevolo<br />

consono<br />

scorgere<br />

il falco pellegrino<br />

nidificare<br />

la roccia<br />

il gestore<br />

cimentarsi<br />

in qc.<br />

l’eremo<br />

incastrato<br />

lieblicher<br />

werden<br />

verschanzt,<br />

hier: thronend<br />

Hochebene<br />

Schar<br />

bevölkern<br />

<strong>wo</strong>hl<strong>wo</strong>llend<br />

hier: passend<br />

erblicken<br />

Wanderfalke<br />

nisten<br />

Fels<br />

Betreiber<br />

sich an etw.<br />

versuchen<br />

Einsiedelei<br />

eingeklemmt<br />

la litoterapia<br />

strusciarsi<br />

trarre beneficio<br />

da qc.<br />

essere<br />

d’obbligo<br />

la Divina<br />

Commedia<br />

per viltate<br />

(ant.: per viltà)<br />

il rifiuto<br />

spaziare<br />

il polmone<br />

le gioie e i<br />

dolori<br />

ennesimo<br />

la conferma<br />

sperduto<br />

Steinheilkunde<br />

sich reiben<br />

von etw. profitieren<br />

Pflicht sein<br />

Göttliche<br />

Komö<strong>die</strong><br />

aus Feigheit<br />

Verweigerung<br />

schweifen<br />

Lunge<br />

Freuden und<br />

Leiden<br />

x-ter<br />

Bestätigung<br />

abgelegen<br />

30 GIUGNO<br />

L’AQUILA<br />

SULMONA<br />

L’ottava e ultima tappa del nostro<br />

viaggio ci conduce a Sulmona. Il<br />

paesaggio si addolcisce e regala immagini<br />

bucoliche di piccoli paesi arroccati<br />

sulle alture. Per esempio Pacentro,<br />

bello e sorprendentemente<br />

vivace. Torme di allegri ragazzini<br />

affollano la piazza centrale sotto lo<br />

sguardo benevolo dei nonni; noi ci<br />

godiamo l’aria della sera e parliamo<br />

di Madonna, la rockstar, la cui famiglia<br />

è originaria di qui. A pochi chilometri<br />

c’è Sulmona una cittadina famosa<br />

per la sua bellezza, dove non<br />

possiamo fare a meno di fermarci.<br />

Ma solo per una breve sosta, perché<br />

preferiamo concentrarci su temi<br />

più consoni alla filosofia del nostro<br />

viaggio, come le vicine Gole di Raiano.<br />

Raggiungibili dall’omonima stazione,<br />

sono profondi canyon, dove<br />

scorgiamo strani uccelli che ci dicono<br />

essere falchi pellegrini. Nidificano<br />

sulle rocce inaccessibili e, qualche<br />

giorno prima del nostro arrivo, i gestori<br />

del parco hanno salvato un piccolo che si era cimentato<br />

nel volo senza esserne ancora capace. Nella riserva<br />

c’è l’eremo di San Venanzio, una costruzione incastrata<br />

fra le rocce e ancora oggi visitata per la litoterapia legata<br />

al culto del santo: in pratica la gente viene qui a strusciarsi<br />

sulle pietre per trarne beneficio. Si sa che l’Abruzzo è<br />

terra di grande spiritualità, per cui è d’obbligo una visita<br />

all’eremo di San Celestino, dove dimorò il famoso papa<br />

che, come dice Dante nella Divina Commedia, “fece per viltate<br />

il gran rifiuto” (Inferno, canto III). È un luogo di grande<br />

interesse non solo storico, ma anche paesaggistico, dal<br />

quale lo sguardo spazia su tutta la Valle Peligna. Salutiamo<br />

Danilo, la nostra guida, e ci riempiamo i polmoni dei<br />

profumi di macchia mediterranea… Poi arriva il momento<br />

di tornare a gioie e dolori della città. Saliamo sull’ultimo<br />

treno stanchi, ma felici. Ne abbiamo avuto l’ennesima<br />

conferma: l’<strong>Italia</strong>, anche nei suoi angoli più sperduti, è<br />

un paese meraviglioso!<br />

IL CUORE D’ITALIA<br />

INFORMAZIONI<br />

LE LINEE<br />

FERROVIARIE<br />

Sansepolcro-Terni,<br />

Ferrovia Centrale Umbra<br />

(147 km, 127 min.).<br />

Terni - Sulmona<br />

(163,5 km, 195 min.).<br />

DORMIRE<br />

RESIDENZA<br />

ANTICA<br />

CANONICA<br />

Via San Florido 23,<br />

Città di Castello<br />

+39 075 852 3298.<br />

Atmosfera magica, in<br />

un palazzo cinquecentesco,<br />

a due passi<br />

dalla cattedrale.<br />

HOTEL FORTUNA<br />

Via Luigi Bonazzi 19,<br />

Perugia<br />

+39 075 572 2845.<br />

In pieno centro, è<br />

dotato di tutti i confort.<br />

HOTEL MIRAMONTI<br />

Piazza Guglielmo<br />

Oberdan 5, Rieti<br />

+ 39 0746 201333.<br />

Centrale e vicino alla<br />

stazione, ha ambienti<br />

molto accoglienti e<br />

arredati con gusto.<br />

19<br />

<strong>ADESSO</strong> OTTOBRE 2014


L’ITALIA IN DIRETTA<br />

DI VALERIA PALUMBO<br />

RISO AMARO<br />

L’<strong>Italia</strong> è il maggior produttore<br />

europeo di riso. Tuttavia la concorrenza<br />

asiatica è sempre più<br />

forte e cresce la protesta per<br />

salvare il riso italiano (vedi foto<br />

a fianco). I tempi delle mondine<br />

“alla Riso amaro” (nella penultima<br />

foto a destra, la protagonista<br />

Silvana Mangano) sono lontani.<br />

L’Ente nazionale risi fatica a<br />

trovare mondine italiane in<br />

grado di affrontare il duro lavoro<br />

in risaia. Una mano potrebbe<br />

arrivare proprio dall’Asia.<br />

20<br />

La battaglia del riso<br />

Italien ist als Europas führender Reisproduzent von der asiatischen<br />

Konkurrenz stark bedrängt, <strong>wo</strong>bei eines der Probleme der fehlende Nachwuchs<br />

bei den Reispflückerinnen ist. Hilfe kommt vielleicht aus Asien…<br />

© D. Fracchia<br />

A FARE SCANDALO, NELL’ITALIA DEL 1949, FU-<br />

RONO I PANTALONCINI DI SILVANA MANGANO.<br />

Più che per la denuncia delle condizioni delle mondine<br />

– le ragazze che mondavano, cioè pulivano le risaie dalle<br />

erbacce – Riso amaro di Giuseppe De Santis viene ricordato<br />

ancora oggi per la sensualità della protagonista, allora<br />

diciannovenne. Il film, un classico del Neorealismo,<br />

fu girato nelle campagne vicino a Vercelli, in Piemonte.<br />

Un film duro e di grande impatto, che raccontava di<br />

donne fortissime e disperate.<br />

la battaglia<br />

i pantaloncini<br />

pl.<br />

la denuncia<br />

mondare<br />

Schlacht<br />

kurze Hose<br />

la risaia<br />

l’erbaccia<br />

la sensualità<br />

il/la protagonista<br />

girare<br />

di grande<br />

impatto<br />

disperato<br />

l’associazione<br />

f.<br />

öffentliche<br />

Anklage<br />

Unkraut<br />

jäten<br />

Reisfeld<br />

Unkraut<br />

Sinnlichkeit<br />

Hauptdarsteller,<br />

-in<br />

drehen<br />

mit großer<br />

Wirkung<br />

verzweifelt<br />

Verband<br />

il coltivatore<br />

l’accordo<br />

azzerare<br />

il dazio<br />

favorire<br />

l’azienda<br />

fare incetta di<br />

avanzato<br />

vietato<br />

il proprietario<br />

scendere in<br />

piazza<br />

dismettere<br />

la varietà<br />

crollare<br />

il trimestre<br />

Erzeuger,<br />

Bauer<br />

Übereinkommen<br />

streichen<br />

Zollgebühr<br />

bevorzugen<br />

Unternehmen<br />

hier: aufkaufen<br />

fortschrittlich<br />

verboten<br />

Eigentümer<br />

hier: demonstrieren<br />

aufgeben<br />

Sorte<br />

einbrechen<br />

Quartal<br />

Oggi si torna a parlare di risaie e di mondine. E si torna a<br />

far rumore. Lo scenario, però, è completamente diverso.<br />

In pericolo è lo stesso riso italiano. Secondo la Coldiretti,<br />

l’associazione che riunisce i coltivatori italiani, l’accordo<br />

europeo Everything But Arms (Tutto tranne le armi),<br />

che azzera i dazi, ha favorito le multinazionali. Le grandi<br />

aziende internazionali che si occupano di agricoltura<br />

avrebbero fatto incetta di terreni nei paesi meno avanzati<br />

e farebbero ora coltivare il riso senza proteggere i<br />

lavoratori e usando prodotti chimici vietati da decenni<br />

nelle campagne italiane ed europee. Certo, il problema<br />

non si limita al riso. Tuttavia sono stati proprio i proprietari<br />

e i lavoratori delle risaie di mezza <strong>Italia</strong>, dal Piemonte<br />

alla Lombardia, dal Veneto all’Emilia-Romagna e alla<br />

Sardegna, a scendere in piazza a metà luglio, in particolare<br />

contro la concorrenza asiatica. Denunciano che nel<br />

2014, in <strong>Italia</strong>, hanno dovuto dismettere 15.000 ettari, in<br />

passato riservati alla coltivazione del riso. La produzione<br />

della varietà Indica, la stessa che viene importata dalla<br />

Cambogia, è crollata del 22%. Le importazioni cambogiane,<br />

invece, sono cresciute del 360% solo nel primo<br />

trimestre del 2014. Il motivo? Il riso Indica cambogiano<br />

arriva a un prezzo inferiore ai 200 euro a tonnellata,<br />

circa la metà di quanto costa produrlo in <strong>Italia</strong>. Eppure<br />

l’<strong>Italia</strong> resta il primo produttore europeo di riso. Lo si<br />

<strong>ADESSO</strong> OTTOBRE 2014


L’ITALIA IN DIRETTA<br />

coltiva in 216.000 ettari di terreno pianeggiante: chi viaggia<br />

tra il Basso Piemonte e la Bassa Lombardia sa quale<br />

spettacolo unico offrano le risaie, soprattutto nel periodo<br />

dell’allagamento, in primavera (da non mancare al tramonto),<br />

e quale habitat ideale siano per gli uccelli acquatici.<br />

Perfino una metropoli come Milano ha dedicato una<br />

parte dei suoi scampoli di verde a un Parco delle Risaie<br />

(www.parcodellerisaie.it).<br />

Per secoli il riso ha dato lavoro ai braccianti, in particolare<br />

alle donne, anche se le condizioni sono sempre state<br />

durissime. Oggi la Coldiretti denuncia che la concorrenza<br />

cambogiana minaccia oltre 10.000 famiglie, tra dipendenti<br />

e imprenditori. Eppure, sempre in questi mesi, il<br />

problema più urgente è stato l’opposto: trovare le mondine.<br />

A maggio l’Ente nazionale risi, l’istituto pubblico<br />

che si occupa di ricerca e tutela del riso, ha lanciato un<br />

bando per trovare le “eredi” di Silvana Mangano. Come<br />

requisito ha preteso il diploma, meglio se di perito agrario,<br />

o almeno una comprovata esperienza sul campo.<br />

Banditi macchinari e diserbanti, l’Ente vuole che il riso<br />

venga ripulito dalle erbacce a mano. Non è un capriccio:<br />

il Centro ricerche, che funziona come una banca delle<br />

sementi e custodisce circa 2.000 delle qualità esistenti<br />

in <strong>Italia</strong>, ha bisogno di personale esperto. “Fino all’anno<br />

scorso collaboravano con noi donne di lunga esperienza,<br />

– ha raccontato alla stampa il presidente –, ma ora non<br />

riescono più a stare con i piedi in acqua tutto il giorno”.<br />

Al contrario dei lavoratori che arrivano dalla Cina. E così<br />

il paradosso potrebbe essere che, per salvare il riso italiano<br />

da quello asiatico, l’unica speranza siano… i lavoratori<br />

asiatici. D’altro canto, per immaginare quanto sia faticoso<br />

quel lavoro basta leggere In risaia, il romanzo scritto<br />

nel 1878 dalla marchesa Colombi, ossia da Maria Antonietta<br />

Torriani, cofondatrice misconosciuta del quotidiano<br />

Corriere della Sera: “Alle quattro, quando [Nanna, la<br />

il terreno pianeggiante<br />

l’allagamento<br />

mancare<br />

l’uccello<br />

acquatico<br />

lo scampolo<br />

di verde<br />

il bracciante<br />

minacciare<br />

il/la dipendente<br />

l’imprenditore<br />

m.<br />

urgente<br />

l’ente m.<br />

la ricerca<br />

la tutela<br />

lanciare un<br />

bando<br />

l’erede m./f.<br />

il requisito<br />

pretendere<br />

il perito<br />

agrario<br />

Flachland<br />

Überflutung<br />

fehlen, hier:<br />

verpassen<br />

Wasservogel<br />

kleines Stück<br />

Grünfläche<br />

Tagelöhner<br />

bedrohen<br />

Beschäftigter,<br />

Beschäftigte<br />

Unternehmer<br />

dringend<br />

Körperschaft,<br />

Anstalt<br />

Forschung<br />

Schutz<br />

eine Ausschreibung<br />

veranstalten<br />

hier: Nachfolger,<br />

-in<br />

Anforderung<br />

verlangen<br />

Landwirt<br />

comprovato<br />

il campo<br />

bandito<br />

il diserbante<br />

il capriccio<br />

la banca delle<br />

sementi<br />

custodire<br />

la qualità<br />

collaborare<br />

la stampa<br />

provare<br />

al contrario di<br />

nachgewiesen<br />

hier: Bereich<br />

verbannt<br />

Pflanzengift<br />

Laune<br />

Samenbank<br />

salvare<br />

d’altro canto<br />

faticoso<br />

la cofondatrice<br />

misconosciuto<br />

la fatica<br />

reggere a qc.<br />

abbagliante<br />

dardeggiare<br />

lucente<br />

spossare<br />

volgere<br />

fluttuare<br />

verwahren<br />

Sorte<br />

mitarbeiten<br />

Presse<br />

versuchen<br />

im Gegensatz<br />

zu<br />

retten<br />

andererseits<br />

mühsam<br />

Mitbegründerin<br />

verkannt<br />

Mühe<br />

etw. aushalten<br />

blendend<br />

blitzen<br />

blank<br />

erschöpfen<br />

wenden<br />

schweben<br />

protagonista] uscì dall’acqua dopo tante ore di quella fatica,<br />

non poteva reggere al riflesso abbagliante del grande<br />

piano bianco dardeggiato dal sole. Al lungo guardare<br />

nell’acqua, lucente come uno specchio, gli occhi erano<br />

spossati e non resistevano più alla luce; dovunque li volgesse<br />

vedeva una palla azzurra fluttuarle dinanzi. Oh Signor<br />

Iddio! – pensava – come potrò resistere?”<br />

Valeria Palumbo: Chefredakteurin der Monatszeitschrift<br />

L’Europeo, Mitglied in den italienischen Gesellschaften<br />

der Historikerinnen und der Literatinnen.<br />

Autorin zahlreicher Bücher in erster Linie über Frauen.<br />

Gebürtige Römerin, lebt und arbeitet in Mailand.<br />

21<br />

<strong>ADESSO</strong> OTTOBRE 2014


INTERVISTA – DAVID ROCCO<br />

Te la cucino io<br />

L’ITALIA<br />

Der italo-kanadische Starkoch David Rocco weiß, wem er seinen Erfolg<br />

zu verdanken hat: seinen italienischen Genen. In seinem Showkonzept<br />

verbindet er das Kochen mit Reisen und anderen Kulturen.<br />

Testo: Salvatore Viola<br />

22<br />

È NATO A TORONTO, IN CANADA, 44 ANNI FA, EP-<br />

PURE DI SÉ DICE DI ESSERE “A TUTTI GLI EFFETTI<br />

ITALIANO! Padre di Pozzuoli (Napoli) e madre di Foggia”.<br />

David Rocco è un cuoco televisivo, una vera celebrità<br />

in Canada e negli Stati Uniti. I suoi cooking shows<br />

– intitolati Dolce India, Amalfi Getaway e Dolce Vita – sono<br />

trasmessi in 150 paesi, Germania compresa. Dopo Dolce<br />

India a giugno, dal 29 settembre in prima serata sull’emittente<br />

del National Geographic, Nat Geo People, ci sono<br />

Amalfi Getaway e Dolce Vita. Un altro che cucina? direte<br />

voi. Come se non ci fossero già abbastanza cuochi e trasmissioni<br />

a spiegarci come mettere insieme un pranzo<br />

per sei persone con gli avanzi del giorno prima o come<br />

in jeder<br />

Hinsicht<br />

Fernseh-Koch<br />

mit dem Titel<br />

Sender<br />

Sendung<br />

a tutti gli<br />

effetti<br />

il cuoco<br />

televisivo<br />

intitolato<br />

l’emittente f.<br />

la trasmissione<br />

mettere<br />

insieme<br />

l’avanzo<br />

il bastoncino<br />

di pesce<br />

surgelato<br />

il piatto<br />

rivolgere a<br />

il responsabile<br />

zusammenstellen<br />

Rest<br />

Fischstäbchen<br />

tiefgefroren<br />

Gericht, Teller<br />

richten an<br />

Leiter, Verant<strong>wo</strong>rtlicher<br />

Online ansehen!<br />

Guarda il trailer della serie<br />

Amalfi Getaway.<br />

www.adesso-online.de/<br />

davidrocco<br />

lo chef<br />

stellato<br />

anzi<br />

duettare<br />

deliziare<br />

il palato<br />

il manicaretto<br />

irriverente<br />

i modi (pl.)<br />

sicuri<br />

la stretta di<br />

mano<br />

contagiare<br />

il buon umore<br />

lo spettatore<br />

la puntata<br />

intendere<br />

avercelo nel<br />

sangue<br />

il rapporto<br />

fare parte di<br />

diverso<br />

l’influenza<br />

Sterne-Koch<br />

vielmehr<br />

im Duett<br />

singen, hier:<br />

gemeinsam<br />

kochen<br />

beglücken<br />

Gaumen<br />

Leckerbissen<br />

respektlos<br />

sicheres Auftreten<br />

Händedruck<br />

anstecken<br />

gute Laune<br />

Zuschauer<br />

Folge<br />

meinen<br />

es im Blut<br />

haben<br />

Verhältnis<br />

Teil sein von<br />

anders<br />

Einfluss<br />

trasformare dei comuni bastoncini di pesce surgelato<br />

in un piatto di alta gastronomia. È la prima domanda<br />

che rivolgo ai responsabili di Nat Geo People, durante la<br />

presentazione dello show a Monaco, all’EssZimmer dello<br />

chef stellato Bobby Bräuer, dove siamo ospiti per un<br />

evento speciale; anzi, specialissimo. David e Bobby hanno<br />

duettato, in cucina, per deliziare i nostri palati con<br />

veri manicaretti. La risposta alla mia domanda forse un<br />

po’ irriverente non si è fatta attendere: “Aspetti di vedere<br />

la trasmissione, ma soprattutto di conoscere David”.<br />

Pochi minuti dopo, David è al nostro tavolo. Modi sicuri,<br />

sorriso aperto, stretta di mano decisa. Difficile non lasciarsi<br />

contagiare dalla sua vitalità, dal suo buon umore,<br />

dalla sua energia; in una parola, dalla sua italianità.<br />

“La cucina, il mangiare, sono un modo per far stare insieme<br />

le persone. Molti spettatori mi hanno detto che,<br />

dopo aver visto una puntata del mio show, hanno sentito<br />

il bisogno di invitare la loro famiglia o gli amici a mangiare<br />

da loro. È eccezionale! È proprio quello che voglio<br />

trasmettere”.<br />

Dici spesso: “Io non sono uno chef, sono italiano”. Che<br />

cosa intendi di preciso? Il cibo è nel mio Dna, ce l’ho<br />

nel sangue. Amo cucinare e, attraverso il cibo, mettere<br />

insieme le persone. È una qualità nella quale si possono<br />

identificare molti italiani. Non è una cosa che si impara,<br />

ma uno stile di vita.<br />

Che rapporto hai con l’italiano che è in te? Ottimo! Fa<br />

parte di me e di ciò che sono e non sempre è stato facile<br />

“essere diverso”, in un quartiere molto anglosassone<br />

come quello dove sono cresciuto.<br />

Chi ti ha insegnato a cucinare? Mia madre e mia nonna<br />

mi hanno insegnato tutto quello che so e hanno avuto<br />

una grande influenza sulla mia filosofia a tavola: non si<br />

<strong>ADESSO</strong> OTTOBRE 2014


LA DOLCE VITA AMALFITANA<br />

Tre momenti della trasmissione Amalfi Getaway, in onda in Germania su<br />

Nat Geo People dal 29 settembre. Tra ricette tipiche, la raccolta dei limoni<br />

e giri in Vespa, David Rocco racconta le tradizioni della “cucina povera”<br />

tipica della Costiera amalfitana. Amalfi è una delle sue città italiane<br />

preferite e qui passa anche le vacanze estive.


INTERVISTA – DAVID ROCCO<br />

Mi piace<br />

cucinare<br />

mangiare<br />

viaggiare<br />

Non mi piace<br />

i biglietti dei parcheggi a pagamento<br />

[Parkscheine]<br />

i pomodori acerbi [unreif]<br />

la fila [Warteschlange ] nei negozi<br />

24<br />

nutrirsi<br />

condividere<br />

sposato<br />

folle<br />

l’impegno<br />

coinvolgere<br />

la scelta<br />

l’attore m.<br />

la laurea<br />

la passione<br />

rispetto a<br />

affollare<br />

innanzitutto<br />

a volte<br />

incredibile<br />

la mente<br />

arricchire<br />

lo scambio<br />

un dare e un<br />

ricevere<br />

sich ernähren<br />

teilen<br />

verheiratet<br />

verrückt<br />

Verpflichtung<br />

miteinbeziehen<br />

Wahl<br />

Schauspieler<br />

Uniabschluss<br />

Leidenschaft<br />

im Vergleich<br />

zu<br />

füllen<br />

vor allem<br />

manchmal<br />

unglaublich<br />

Geist<br />

bereichern<br />

Austausch<br />

ein Geben und<br />

ein Nehmen<br />

il ragù<br />

il manzo<br />

il trito di carne<br />

insaporito<br />

la miscela di<br />

spezie<br />

in genere<br />

al di là di<br />

laggiù<br />

fondamentale<br />

la varietà<br />

fare la<br />

differenza<br />

un filo di<br />

la melanzana<br />

maturo<br />

Fleischsoße<br />

Rind<br />

Hackfleisch<br />

gewürzt<br />

Gewürzmischung<br />

im Allgemeinen<br />

abgesehen<br />

von<br />

dort unten/<br />

drüben<br />

wesentlich<br />

Vielfalt<br />

den<br />

Unterschied<br />

ausmachen<br />

ein paar<br />

Tropfen<br />

Aubergine<br />

reif<br />

mangia solo per nutrirsi! Mangiando, si festeggia la vita<br />

e lo stare insieme in famiglia e con gli amici. Il cibo diventa<br />

così un’esperienza da condividere.<br />

Sei sposato e hai tre figli. A casa cucini tu? La mia settimana<br />

è folle e ho tantissimi impegni di lavoro, ma cerco<br />

sempre di trovare il tempo, soprattutto nel fine settimana,<br />

di cucinare coinvolgendo anche i miei figli. Prepariamo<br />

insieme molti piatti italiani, ma non esclusivamente.<br />

Dietro a un grande uomo c’è spesso una grande donna.<br />

Che ruolo ha avuto tua moglie nella scelta del tuo lavoro?<br />

Be’, in realtà io volevo fare il cinema e per un periodo,<br />

durante l’università, ho fatto l’attore e il modello.<br />

Dopo la laurea in Economia, non avevo le idee chiare.<br />

Sapevo di voler lavorare nel cinema e in televisione e di<br />

avere una vera passione per la cucina. L’idea di mettere<br />

insieme le due cose è stata di Nina, mia moglie. Fino a<br />

quel momento nessuno aveva ancora avuto l’idea di uno<br />

show che combinasse il viaggio con la cucina.<br />

Cos’ha di diverso il tuo show rispetto ai tanti che affollano<br />

le TV di mezzo mondo? Quello che propongo io è<br />

innanzitutto un viaggio, un’esperienza nella quale, grazie<br />

alla cucina, è possibile entrare in contatto e conoscere<br />

persone e culture a volte lontane, come in Dolce India. Si<br />

può imparare tutto da tutti. L’India è stata un’esperienza<br />

incredibile in questo senso, ha aperto la mia mente e ha<br />

arricchito anche il mio modo di cucinare. Con le persone<br />

che ho incontrato c’è stato uno scambio, un dare e un<br />

ricevere…<br />

Un esempio di questo scambio? La Bolognese Garam Masala,<br />

una variante del famoso ragù, in cui al posto del<br />

manzo si usa un trito di carne di agnello o di capra e il<br />

tutto è insaporito dal Garam Masala, una miscela di spezie<br />

con cui in genere si condiscono piatti di carne. Ma<br />

al di là delle ricette, è interessante il fatto che anche laggiù<br />

la cucina gioca un ruolo fondamentale nella cultura<br />

e nella società, un po’ come in <strong>Italia</strong>.<br />

Qual è per te il segreto di una grande cucina? Semplicità<br />

e ingre<strong>die</strong>nti di altissima qualità. È la giusta combinazione<br />

di questi due elementi, non la complessità a fare<br />

grande una cucina…<br />

Come quella italiana, per esempio... Certo! La cucina<br />

italiana ha in più una varietà di piatti e di ingre<strong>die</strong>nti incredibile.<br />

Gli ingre<strong>die</strong>nti, come dicevo, sono fondamentali.<br />

Il mio preferito è l’olio. Un buon olio di oliva può<br />

fare la differenza. Prendi una ricetta semplicissima come<br />

la caprese. Pomodori, mozzarella di bufala, qualche foglia<br />

di basilico fresco, un filo di ottimo olio d’oliva ed<br />

ecco un piatto facile e fantastico.<br />

La tua ricetta per salvare il mondo? Le melanzane alla<br />

parmigiana! (Ridiamo). Pomodori maturi, mozzarella,<br />

melanzane fritte. Pesante? Forse, ma è buonissima.<br />

David Rocco è nato a Toronto nel 1970 da genitori italiani.<br />

È un cuoco televisivo molto conosciuto in Canada e<br />

CHI È<br />

negli Stati Uniti grazie ai suoi programmi di cucina Dolce Vita,<br />

Amalfi Getaway e Dolce India. Le sue ricette sono contenute<br />

anche in diversi libri di cucina, come David Rocco’s Dolce Vita e<br />

Made in Italy. Vive tra Toronto e Firenze e va in vacanza ad<br />

Amalfi. È sposato e ha tre figli: Emma, Giorgia e Dante.<br />

<strong>ADESSO</strong> OTTOBRE 2014


SCHERZI A PARTE<br />

DI SILVIA ZICHE<br />

25<br />

il fidanzato<br />

mettere alla prova<br />

Verlobter<br />

auf <strong>die</strong> Probe<br />

stellen<br />

<strong>ADESSO</strong> OTTOBRE 2014


BOTTA E RISPOSTA<br />

DI MARINA COLLACI<br />

È TEMPO DI TABLET, TOUCH-<br />

SCREEN E SMARTPHONE. Le nostre<br />

dita corrono velocissime sui tasti<br />

e scrivono ogni giorno, con tocchi<br />

leggeri e poca fatica, fiumi di parole.<br />

Abbiamo raggiunto il nirvana tecnologico.<br />

Eppure sbaglia chi ritiene<br />

che la vecchia scrittura a mano sia<br />

una reliquia del passato. Nuovi studi<br />

dimostrano che la gestualità della<br />

scrittura stimola aree del cervello<br />

diverse da quelle che si attivano<br />

quando le dita volano su una tastiera.<br />

Testa e testo si fondono e scrivere<br />

a mano aiuta a concentrarsi meglio<br />

sui contenuti, stimola la creatività e<br />

l’apprendimento. E poiché a mano<br />

scriviamo poco e male, a sorpresa<br />

stanno nascendo ovunque scuole e<br />

corsi di bella calligrafia.<br />

Ormai la tecnologia è la strada scelta<br />

anche per l’apprendimento nelle<br />

scuole europee. Nell’80% delle<br />

classi inglesi, per esempio, ci sono<br />

strumenti informatici. In <strong>Italia</strong> sono<br />

stati investiti per la scuola digitale<br />

il tocco<br />

la fatica<br />

sbagliare<br />

la gestualità<br />

il cervello<br />

fondersi<br />

l’apprendimento<br />

la bella calligrafia<br />

il risultato<br />

adeguato<br />

solo 30 milioni di euro (5 euro a studente).<br />

Risultato? Solo il 14% delle<br />

scuole ha strumenti didattici digitali<br />

adeguati.<br />

L’arte di scrivere<br />

Lassen sich unsere Gedanken ebenso in <strong>die</strong> Tastatur klopfen wie<br />

mit dem Füller auf Papier bringen?<br />

Anschlag<br />

Mühe<br />

sich täuschen<br />

Gestik<br />

Gehirn<br />

verschmelzen<br />

Lernen<br />

Schönschreiben<br />

Ergebnis<br />

geeignet<br />

26<br />

Preferisce scrivere a penna<br />

o con la tastiera?<br />

A dire la verità, più che con<br />

la penna o con la tastiera io<br />

preferisco scrivere con la<br />

matita. La mia matita preferita<br />

è quella Hb scura. Qualcuno<br />

dice che è un segno di insicurezza,<br />

ma sinceramente non<br />

sono d’accordo.<br />

Alcuni neurofisiologi affermano<br />

che i pensieri si sviluppano<br />

in maniera diversa se si scrive<br />

a mano o al computer. Ha mai<br />

vissuto questa esperienza?<br />

Sì, in effetti, io davanti al computer<br />

non mi trovo molto bene perché ho difficoltà a<br />

pensare. Infatti scrivo sempre prima a mano i concetti<br />

e dopo li trascrivo velocemente al computer.<br />

Quali problemi genera la scrittura al computer?<br />

Lo schermo illuminato mi distrae.<br />

Si è perso, con il computer, l’amore per la bella calligrafia?<br />

Più che la bella calligrafia, oggi sono i contenuti che si<br />

sono persi!!<br />

la penna<br />

la matita<br />

affermare<br />

svilupparsi<br />

trascrivere<br />

illuminato<br />

il contenuto<br />

Füller<br />

Bleistift<br />

behaupten<br />

sich entwickeln<br />

übertragen<br />

beleuchtet<br />

Inhalt<br />

Preferisce scrivere a penna o<br />

con la tastiera?<br />

Ormai sono abituata a usare<br />

sempre la tastiera.<br />

Alcuni neurofisiologi affermano<br />

che i pensieri si sviluppano<br />

in maniera diversa se si scrive<br />

a mano o al computer. Ha mai<br />

vissuto questa esperienza?<br />

In effetti, per alcune cose preferisco<br />

la penna, per esempio<br />

quando devo prendere velocemente<br />

appunti durante una<br />

conferenza e schematizzare<br />

a modo mio. Per tutto il resto,<br />

uso il computer. Anche in privato:<br />

se devo scrivere una lettera<br />

Paola Travascio, di Pozzuoli, 42 anni, docente (a sinistra) e<br />

Silvia Galdoni, di Saronno, 46 anni, impiegata [Angestellte ].<br />

Guarda il video<br />

su una scuola<br />

italiana digitale.<br />

www.adesso-online.de/scuoladigitale<br />

a un amico, mando una mail.<br />

Quali problemi genera la scrittura<br />

al computer?<br />

Si tende ad abbreviare le frasi,<br />

a tralasciare la punteggiatura,<br />

a non far caso ai caratteri e ciò<br />

comporta equivoci. Una volta<br />

una collega ci ha scritto una<br />

mail tutta in maiuscolo e noi<br />

pensavano fosse arrabbiata,<br />

invece aveva solo dimenticato<br />

di schiacciare un tasto!<br />

Si è perso, con il computer,<br />

l’amore per la bella calligrafia?<br />

La calligrafia è cambiata in<br />

peggio; quando scriviamo a<br />

mano non capiamo nemmeno<br />

noi cosa abbiamo scritto!<br />

essere abituato<br />

a qc.<br />

prendere<br />

appunti<br />

in maiuscolo<br />

arrabbiato<br />

schiacciare<br />

cambiare in<br />

peggio<br />

tendere a qc.<br />

tralasciare<br />

la punteggiatura<br />

far caso a<br />

l’equivoco<br />

an etw. gewöhnt<br />

sein<br />

mitschreiben,<br />

sich Notizen<br />

machen<br />

zu etw. neigen<br />

auslassen<br />

Zeichensetzung<br />

aufpassen auf<br />

Missverständnis<br />

in Großbuchstaben<br />

wütend<br />

drücken,<br />

betätigen<br />

sich verschlechtern<br />

<strong>ADESSO</strong> OTTOBRE 2014


Nie wieder<br />

sprachlos im<br />

Unterricht!<br />

Jetzt Klassensatz bestellen<br />

und bis zu 42 %* sparen<br />

*gegenüber dem Einzelverkaufspreis, Angebot gültig bis 31.10.2014<br />

Ideal<br />

für Kurse<br />

und<br />

Klassen!<br />

Bestellmöglichkeiten:<br />

Bestellschein und Details auf der Rückseite<br />

+49.(0)89.8 56 81-150 schule@spotlight-verlag.de


Bestellschein Klassensatz<br />

Angebot gültig bis 31.10.2014<br />

Anzahl:<br />

3 Monate<br />

6 Monate<br />

12 Monate<br />

Ideal<br />

für Kurse<br />

und<br />

Klassen!<br />

Anzahl Preisvorteil Preis pro Ausgabe<br />

1 - 4 Exemplare pro Ausgabe 25% € 4,65 / SFR 6,98<br />

5 - 20 Exemplare pro Ausgabe 30% € 4,34 / SFR 6,51<br />

ab 21 Exemplare pro Ausgabe 35% € 4,03 / SFR 6,05<br />

Preisstand: 07/2014<br />

Erscheinungsweise: Monatlich<br />

Versandkosten: Die Versandkosten für Deutschland sind in den angegebenen Preisen enthalten. Pro Lieferung nach Österreich fällt eine Versandkostenpauschale<br />

in Höhe von € 3,50 an, in <strong>die</strong> Schweiz SFR 5,25. Für das restliche Ausland werden <strong>die</strong> Porto-Mehrkosten auf Anfrage berechnet.<br />

Kündigungsbedingungen: Die Abos laufen nach der angegebenen Bezugszeit automatisch aus und müssen nicht gekündigt werden.<br />

Widerrufsrecht: Ihnen steht ein 14-tägiges Widerrufsrecht zu. Die weiteren Einzelheiten fi nden Sie unter www.spotlight-verlag.de/agb.<br />

Liefer- und Rechnungsadresse:<br />

Name der Schule<br />

Familienname, Vorname<br />

Straße / Hausnummer PLZ / Ort Land<br />

E-Mail Datum, Unterschrift 809.G32A<br />

Ich bin damit einverstanden, dass der Spotlight Verlag mir per E-Mail oder Post Angebote unterbreitet. Dieses Einverständnis kann ich jederzeit widerrufen.<br />

Bestellmöglichkeiten:<br />

Per Telefon: +49.(0)89.8 56 81-150 Per Fax: +49.(0)89.8 56 81-119<br />

Per E-Mail: schule@spotlight-verlag.de<br />

Per Post: Spotlight Verlag GmbH, Marketing B2B, Fraunhoferstr. 22,<br />

82152 Planegg, Deutschland


PASSAPAROLA<br />

DI RENATA BELTRAMI<br />

I nuovi persuasori occulti<br />

Werbung, <strong>die</strong> stille Verführerin des<br />

surfenden Konsumenten? Aber hat<br />

sie nicht schon lange vor dem Internet<br />

<strong>die</strong> allzu menschliche Anfälligkeit<br />

für Manipulationen und Versuchungen<br />

ausgenutzt?<br />

SEMBRA DI ESSERE TORNA-<br />

TI INDIETRO DI 50 ANNI,<br />

quando espressioni come<br />

boom dei consumi suonavano<br />

confortanti, Carosello era<br />

un programma per famiglie<br />

e la pubblicità era “l’anima<br />

del commercio”. C’era<br />

chi scagliava anatemi contro<br />

i “persuasori occulti”, che influenzavano<br />

le nostre scelte, ma nello<br />

stesso tempo si considerava la “grafica<br />

pubblicitaria” un’espressione di arte moderna.<br />

Oggi i nuovi moralisti si scatenano contro colossi come<br />

Google o Facebook, incolpandoli di manipolare i sentimenti<br />

e le emozioni degli utenti in maniera subdola per influenzare<br />

i loro desideri e, di conseguenza, i loro acquisti.<br />

Setacciare i profili per intercettare gusti e interessi è<br />

il persuasore<br />

occulto<br />

geheimer<br />

Verführer<br />

l’espressione<br />

Ausdruck<br />

f.<br />

confortante tröstlich<br />

Carosello vedi pag. 67<br />

la pubblicità Werbung<br />

scagliare<br />

anatemi<br />

hier: verfluchen<br />

scatenarsi sich auflehnen<br />

incolpare beschuldigen<br />

l’utente m./f. Nutzer, -in<br />

subdolo hinterlistig<br />

l’acquisto Einkauf<br />

setacciare sieben, durchkämmen<br />

intercettare abhören,<br />

abfragen<br />

la violazione Verletzung<br />

la privacy Privatsphäre<br />

la relazione Beziehung<br />

modificare verändern<br />

osservare feststellen<br />

la pulsione Trieb<br />

profondo hier: tiefsitzend<br />

far sì che erreichen,<br />

dass<br />

il secolo<br />

l’invenzione f.<br />

la scienza<br />

l’arma<br />

potente<br />

disporre<br />

il discorso<br />

l’eloquenza<br />

coinvolgere<br />

l’interlocutore<br />

m.<br />

l’incanto<br />

la commozione<br />

il corteggiamento<br />

la seduzione<br />

convincere<br />

l’indignato<br />

rozzo<br />

caricaturale<br />

minacciato<br />

la vittima<br />

a misura di<br />

qc.<br />

Jahrhundert<br />

Erfindung<br />

Wissenschaft<br />

Waffe<br />

mächtig<br />

hier: aufbauen<br />

Rede<br />

Redekunst<br />

miteinbeziehen<br />

Gesprächspartner<br />

Zauber<br />

Ergriffenheit<br />

Umwerben<br />

Verführung<br />

überzeugen<br />

Empörter<br />

derb, hier:<br />

rudimentär<br />

karikaturistisch<br />

bedroht<br />

Opfer<br />

an etw. angepasst<br />

una violazione della privacy, affermano in molti.<br />

Viene da chiedersi: la privacy di chi? Di quelli che la postano<br />

quotidianamente su Facebook con tanto di foto, di<br />

collegamenti e tag? E poi, si tratta veramente di manipolazione<br />

emotiva, o è piuttosto un modo come un altro di<br />

orientare i desideri, tipico di ogni relazione umana?<br />

“Anche la scrittura e la lettura, l’arte e la visione sono<br />

attività che modificano la psicologia degli<br />

esseri umani”, osserva Pierluigi Battista<br />

in un interessante articolo sul<br />

Corriere della Sera. “Ne orientano<br />

i desideri, danno voce alle loro<br />

pulsioni più profonde”, fino a<br />

far sì che si desiderino le cose<br />

che desiderano gli altri e l’imitazione<br />

culturale diventa una<br />

seconda natura.<br />

Già molti secoli prima dell’invenzione<br />

degli algoritmi usati dai<br />

giganti del web, la scienza della retorica<br />

aveva definito la persuasione come l’arma<br />

più potente della comunicazione umana, grazie all’ordine<br />

in cui disporre il discorso, all’uso di figure retoriche<br />

e all’eloquenza, molto più importante del contenuto per<br />

coinvolgere l’interlocutore. Il meccanismo non è lo stesso<br />

a teatro o al cinema? L’incanto e la commozione non<br />

sono forme di manipolazione? Il corteggiamento, la seduzione,<br />

la retorica politica non hanno lo stesso obiettivo:<br />

convincere qualcuno a pensarla in un certo modo?<br />

Forse i nuovi indignati esagerano un po’? Secondo Battista<br />

sì. “L’idea di un grande complotto di multinazionali<br />

che vogliono influenzare la nostra psicologia non solo è<br />

ideologicamente rozza, ma anche fondata su un’antropologia<br />

elementare e quasi caricaturale”, un po’ come se<br />

l’individuo fosse una creatura semplice, minacciato da<br />

un mostro che lo vampirizza come una povera vittima.<br />

Forse il gioco incrociato delle influenze non è poi così<br />

occulto, il “lava più bianco” non ci convince più e siamo<br />

proprio noi a volere che qualcuno selezioni per noi acquisti<br />

a misura del nostro profilo. O no? La pubblicità è<br />

l’anima del commercio o il commercio dell’anima? Chissà<br />

se Mark Zuckerberg ha mai sentito questi slogan obsoleti.<br />

A voi la parola.<br />

Renata Beltrami: Buchautorin und unermüdliche<br />

Beobachterin von Trends im Alltagsleben, liefert<br />

Denkanstöße und Kurioses, Neues und<br />

Wissenswertes, aktuell recherchiert.<br />

Ihre Meinung ist gefragt adesso@spotlight-verlag.de<br />

29<br />

<strong>ADESSO</strong> OTTOBRE 2014


DIE GEHEIMNISSE DER KUNST<br />

Jeden Monat: Die großen Geheimnisse und<br />

Rätsel der italienischen Kunstgeschichte.<br />

I MISTERI DELL’ARTE<br />

DI DANIELA MANGIONE<br />

UNA PIEVE<br />

30<br />

SAN CASSIANO<br />

È un santo e martire<br />

vissuto nel III secolo d.C.,<br />

patrono degli educatori.<br />

Secondo la tradizione, il<br />

giudice lo condanna per<br />

non aver rinunciato alla<br />

fede cristiana. Martirizzato<br />

dai suoi stessi studenti,<br />

i quali lo colpiscono<br />

a morte con gli stiletti<br />

che all’epoca si usavano<br />

per incidere le tavole di<br />

cera, gli stessi con i quali<br />

avevano probabilmente<br />

preso appunti mentre<br />

Cassiano insegnava la sua<br />

ars notaria, una specie di<br />

stenogafia. Nella pieve di<br />

San Cassiano il santo è<br />

rappresentato a cavallo.<br />

L’immagine di cavaliere a<br />

protezione del suo popolo<br />

richiama gli ideali della<br />

cavalleria e conferma l’importanza<br />

dei Templari.<br />

il secolo<br />

l’educatore<br />

m.<br />

il giudice<br />

condannare<br />

martirizzare<br />

colpire a<br />

morte<br />

lo stiletto<br />

incidere<br />

la tavola di<br />

cera<br />

prendere<br />

appunti<br />

la pieve<br />

i (cavalieri)<br />

Templari<br />

Jahrhundert<br />

Erzieher<br />

Richter<br />

verurteilen<br />

martern<br />

hier: erstechen<br />

Griffel<br />

einritzen<br />

Wachstafel<br />

mitschreiben<br />

Pfarrei<br />

Tempelritter<br />

4<br />

Es braucht schon einen aufmerksamen Blick, um<br />

<strong>die</strong> Symbolik der Figuren und Ornamente in der<br />

kleinen, dem Hl. Kassian geweihten Steinkirche im<br />

toskanischen Apennin zu erkennen und zu deuten.<br />

sorgere hier: stehen È PROPRIO PICCOLA, LA PIEVE DI SAN<br />

la cornice hier: Winkel CASSIANO DI CONTRONE , UN PAESE<br />

serbare bewahren<br />

la traccia Spur DELLA VAL DI LIMA, IN TOSCANA. Datata<br />

772, sorge in una posizione e in una corni-<br />

disseminato verstreut<br />

solitario verlassen ce paesaggistica di straordinaria bellezza e armonia,<br />

eppure le sue pietre serbano traccia di<br />

lo studioso Gelehrter<br />

accadere passieren<br />

la facciata Fassade strani misteri. Sui segni disseminati in questa<br />

la pietra Stein<br />

solitaria pieve continuano a interrogarsi studiosi<br />

di storia me<strong>die</strong>vale e di storia dell’arte.<br />

scorgere bemerken<br />

la lunetta Bogenfeld<br />

enigmatico rätselhaft Questa chiesa, infatti, sembra “parlare” a chi<br />

l’orante m./f. Beter<br />

sia disposto a riservarle la giusta attenzione.<br />

il paganesimo Heidentum<br />

la rupe Felsen La struttura, come ogni tanto accade in Toscana,<br />

è formata da una facciata in pietra bianca<br />

il perimetro Umfang, hier:<br />

Außenseite<br />

la lastra Platte e da un campanile in pietra scura. Sulla facciata,<br />

il pavimento Boden<br />

il visitatore scorge una lunetta con tre<br />

figure enigmatiche: tre figure antropomorfe,<br />

con le braccia alzate e con grandi mani . Si tratta di oranti, figure molto<br />

più legate al paganesimo che al cristianesimo; di oranti si parla anche per<br />

le rupi preistoriche. Gli oranti si ripetono anche lungo il perimetro e in una<br />

lastra collocata nel pavimento dell’abside. Si tratta di sciamani? Sono figure<br />

1<br />

3


34 a PUNTATA<br />

ESOTERICA<br />

propiziatorie? È possibile che<br />

la ripresa di tale simbologia<br />

propiziatorio gnädig<br />

stimmend,<br />

versöhnend<br />

stia a indicare il “Come in cielo<br />

così in terra” del Padre Nonahme<br />

la ripresa Wiederaufstro.<br />

Gli studiosi ritengono più il riferimento Bezug<br />

la Tavola Tabula<br />

probabile, però, il riferimento<br />

smeraldina Smaragdina<br />

al motto della Tavola smeraldina<br />

il fiore dell’apocalisse: Evangelistensymbol<br />

di Ermete Trismegisto: “Ciò<br />

che è in basso è come ciò che è in Form eines<br />

Knotenornaments<br />

il semicerchio Halbkreis<br />

in alto”.<br />

intersecarsi sich<br />

All’interno i mosaici pavimentali<br />

schneiden<br />

sono bianchi, neri e rossi,<br />

legare verbinden<br />

la clessidra Sanduhr<br />

i colori dell’alchimia. È presente<br />

un fiore dell’apocalisse<br />

la lotta Kampf<br />

la scacchiera Schachbrett<br />

, ovvero un simbolo formato una sorta di eine Art von<br />

il ricono- Anerkennung<br />

da quattro semicerchi che si intersecano<br />

e che rappresentano<br />

scimento<br />

i quattro elementi del mondo.<br />

Nella religione cristiana esso è legato anche ai quattro evangelisti,<br />

ma qui richiama la formula alchemica dell’armonia.<br />

Una clessidra e due scacchiere ricordano che il tempo<br />

fugge ed è determinato dalla lotta fra il bene e il male. A chi<br />

sa ascoltare, anche questi simboli parlano dei potentissimi<br />

Templari, molto presenti in Toscana. La scacchiera era infatti<br />

il loro marchio, una sorta di segno di riconoscimento chiaramente<br />

visibile in questa pieve.<br />

2<br />

SIMBOLI PARTICOLARI<br />

LA STELLA<br />

A SEI PUNTE<br />

A dimostrare che la pieve non contiene solo<br />

simbologie cristiane c’è anche una stella a<br />

sei punte, che troneggia fra le immagini scolpite<br />

sulla facciata. La stella a sei punte, infatti,<br />

era collegata alla tradizione cabalistica, dove<br />

rappresentava l’armonia dell’universo attraverso<br />

l’intersezione dei due triangoli, orientati l’uno<br />

verso il basso e l’altro verso l’alto, a simboleggiare<br />

i principi positivi e negativi dell’universo.<br />

Era anche simbolo<br />

troneggiare thronen alchemico di unione<br />

l’intersezione<br />

f. dung<br />

Überschnei-<br />

di fuoco e acqua,<br />

il triangolo Dreieck<br />

quindi ancora di armonia,<br />

questa volta<br />

verso il nach unten<br />

basso<br />

ottenuta attraverso<br />

l’unione f. Verbindung gli elementi.<br />

La facciata della<br />

pieve di San Cassiano<br />

di Controne con il suo<br />

alto campanile<br />

in pietra scura.<br />

31<br />

<strong>ADESSO</strong> OTTOBRE 2014


L’ITALIA A TAVOLA<br />

SAPORI<br />

VISTA LAGO<br />

Neben Hecht, Aal und Barsch sind Karpfen und Schleie Hauptzutaten für<br />

<strong>die</strong> regionalen Fischspezialitäten. Besondere Leckerbissen sind außerdem<br />

<strong>die</strong> typischen Trasimener Bohnen und Käsesorten wie der Crudolone.<br />

Testo: Marina Collaci<br />

32<br />

“LA MIGLIOR VITA È QUELLA DEL PESCATORE.<br />

D’inverno è un po’ dura, ma d’estate facciamo i signori!”<br />

Marcello Zeppittelli, segretario della Cooperativa dei<br />

pescatori di San Feliciano, quest’anno è molto contento:<br />

il livello del lago Trasimeno è più alto di ben due metri a<br />

causa delle piogge e la pesca del persico reale, della tinca,<br />

dell’anguilla, del luccio e della carpa è stata migliore<br />

del previsto. “Quando l’acqua è bassa, il pesce si muove<br />

poco ed è più difficile pescarlo”, spiega. Il lago Trasimeno,<br />

il quarto lago più grande d’<strong>Italia</strong>, è poco profondo. Lo<br />

alimenta soprattutto l’acqua di origine piovana che scende<br />

dalle colline. Di solito, il lago supera di poco i quattro<br />

metri, ma quest’anno è<br />

arrivato a oltre sei metri<br />

di profondità. Marcello<br />

appartiene a una<br />

famiglia di pescatori<br />

e si muove senza difficoltà<br />

da una piccola<br />

barca all’altra. Passa<br />

fra i molti pali di legno<br />

conficcati nel fango del<br />

fondale. Sono disposti<br />

in perpendicolare<br />

rispetto alla riva e sostengono<br />

una rete conica<br />

fissa chiamata tofo,<br />

che serve a catturare<br />

le anguille. “I pescatori<br />

di mare usano reti<br />

più belle delle nostre, –<br />

commenta con un sorriso,<br />

– ma noi lavoriamo solo mezza giornata e abbiamo il<br />

pomeriggio a disposizione per fare quello che vogliamo!”<br />

Il piccolo paese di San Feliciano è famoso per i vicoli antichi,<br />

stretti e ripidi, il bel lungolago e il verde profumato<br />

della campagna che lo circonda. I pescatori che vivono e<br />

lavorano qui sono ben 45. Da qualche anno, infatti, molti<br />

ragazzi hanno deciso di fare questo mestiere e ben 15 pescatori<br />

hanno poco più di 20 anni. “Forse è l’effetto della<br />

crisi”, riflette il pescatore Marcello, che ha circa 50 anni.<br />

Il lavoro c’è perché i pescatori della Cooperativa di San<br />

Feliciano non solo pescano il pesce, ma lo lavorano, lo<br />

sfilettano, lo congelano, lo vendono al minuto e lo spediscono<br />

ai ristoranti, anche a quelli del lontano Lago di<br />

Garda. Da un po’ di tempo, poi, lo affumicano anche.<br />

vista lago<br />

il pescatore<br />

d’inverno<br />

la cooperativa<br />

il livello<br />

alto<br />

il persico<br />

reale<br />

la tinca<br />

l’anguilla<br />

il luccio<br />

la carpa<br />

basso<br />

profondo<br />

alimentare<br />

l’acqua di origine<br />

piovana<br />

la profondità<br />

la difficoltà<br />

Seeblick<br />

Fischer<br />

im Winter<br />

Genossenschaft<br />

hier:<br />

Wasserspiegel<br />

hoch<br />

Flussbarsch<br />

Schleie<br />

Aal<br />

Hecht<br />

Karpfen<br />

niedrig<br />

tief<br />

speisen<br />

Regenwasser<br />

Tiefe<br />

Schwierigkeit<br />

il palo di<br />

legno<br />

conficcato<br />

il fango<br />

il fondale<br />

perpendicolare<br />

sostenere<br />

la rete<br />

catturare<br />

a disposizione<br />

stretto<br />

ripido<br />

il lungolago<br />

circondare<br />

riflettere<br />

congelare<br />

vendere al<br />

minuto<br />

affumicare<br />

Holzpfosten<br />

hineingesteckt<br />

Schlamm<br />

Seegrund<br />

senkrecht<br />

stützen, halten<br />

Netz<br />

fangen<br />

zur Verfügung<br />

eng<br />

steil<br />

Uferpromenade<br />

umgeben<br />

überlegen<br />

einfrieren<br />

im Einzelhandel<br />

verkaufen<br />

räuchern<br />

© F. COGOLI (11), StockFood<br />

<strong>ADESSO</strong> OTTOBRE 2014


UN LAGO DI TRADIZIONI<br />

Qui, da sinistra: veduta di Passignano<br />

sul Trasimeno; crocchette<br />

di pesce; pâté di tinca affumicata<br />

con olio, prezzemolo e aglio.<br />

Nell’altra pagina: gli Orsini,<br />

produttori di legumi fagiolina del<br />

Trasimeno.<br />

condire<br />

spalmare<br />

croccante<br />

abbrustolito<br />

la prelibatezza<br />

poroso<br />

il magazzino<br />

il camioncino<br />

la friggitoria<br />

a base di<br />

valere la pena<br />

assaggiare<br />

il pesce<br />

latterino<br />

il cartoccio<br />

la carta paglia<br />

soffriggere<br />

bollire<br />

la salvia<br />

il tramonto<br />

la meta<br />

hier: anrichten<br />

streichen<br />

knusprig<br />

geröstet<br />

Delikatesse<br />

grobporig<br />

Lager<br />

Kleinlaster<br />

Frittenbude<br />

aus<br />

sich lohnen<br />

probieren<br />

Kleiner Ährenfisch<br />

Tüte<br />

Strohpapier<br />

anbraten<br />

kochen<br />

Salbei<br />

Sonnenuntergang<br />

Ziel<br />

33<br />

In particolare, con la tinca affumicata preparano un pâté<br />

che si condisce con olio, prezzemolo, aglio e limone e si<br />

spalma su fette croccanti di pane abbrustolito. Una delle<br />

prelibatezze è il caviale del Trasimeno, che i pescatori preparano<br />

con uova di carpa e di tinca. È ottimo quando viene<br />

aggiunto al sugo di pomodoro per condire i pici, che<br />

sono spaghetti porosi, fatti a mano e tipici della zona. Vicino<br />

al magazzino i pescatori della cooperativa tengono<br />

un camioncino che hanno<br />

trasformato in friggitoria,<br />

dove si possono mangiare<br />

snack a base di pesce. Vale<br />

davvero la pena di assaggiarli:<br />

le crocchette di pesce<br />

latterino sono servite<br />

nel classico cartoccio di<br />

carta paglia; l’anguilla viene<br />

prima soffritta nell’olio<br />

aromatizzato con aglio e rosmarino, poi marinata per 48<br />

ore in una mistura che si ottiene facendo bollire aceto,<br />

vino bianco, cipolla, carote, salvia e zucchero.<br />

D’estate, poi, i pescatori organizzano attività di “pescaturismo”<br />

e accompagnano i visitatori a scoprire le meraviglie<br />

del lago a bordo delle loro barchette. Si parte<br />

la mattina presto, oppure al tramonto, per raggiungere<br />

tre mete: l’isola Maggiore, un villaggio di pescatori del<br />

<strong>ADESSO</strong> OTTOBRE 2014


L’ITALIA A TAVOLA<br />

1 Per il ripieno [Füllung ] tagliate a cubetti<br />

[Würfel ] il lardo o la pancetta.<br />

2 Lavate e sminuzzate [sminuzzare:<br />

zerkleinern ] le foglie di rosmarino, l’aglio<br />

e una parte di finocchio. Frullate [frullare:<br />

verrühren ] il tutto con il lardo. Potete<br />

utilizzare anche un mixer.<br />

CARPA REGINA<br />

IN PORCHETTA<br />

Ristorante “L’Acquario”<br />

Ingre<strong>die</strong>nti per 4 persone:<br />

1 carpa di 2 kg<br />

2 ciuffetti di finocchio selvatico [wilder Fenchel]<br />

o una manciata di semi di finocchio<br />

1 bicchiere di vino bianco secco<br />

3 cucchiai di aceto di vino bianco<br />

½ bicchiere di olio extravergine di oliva<br />

200 g di lardo [Rückenspeck vom Schwein] di<br />

maiale o pancetta [Bauchspeck]<br />

1 spicchio d’aglio<br />

un rametto di rosmarino<br />

un limone<br />

sale e pepe quanto basta<br />

34<br />

3 Pulite il pesce, squamatelo<br />

[squamare: entschuppen ], evisceratelo<br />

[eviscerare: ausnehmen ], togliete l’interno<br />

delle branchie [Kieme ]. Lavate bene e<br />

asciugate con carta da cucina. Fate due<br />

tagli [Schnitt ] profondi per il ripieno in<br />

senso opposto alla lunghezza.<br />

4 Salate e pepate l’esterno e l’interno<br />

del pesce, anche nelle incisioni<br />

[Einschnitt ]. Riempite la carpa, anche<br />

nei tagli, con i rametti di finocchio, le fette<br />

di limone e il composto [Mischung ] di<br />

lardo e aromi, che spalmerete [spalmare:<br />

verstreichen ] anche all’esterno della carpa.<br />

5 Disponete la carpa su una teglia [Form,<br />

Blech ] e irrorate [irrorare: benetzen ] di olio<br />

e vino bianco. Mettete nel forno preriscaldato<br />

[vorgeheizt ] (180-200 gradi) e fate<br />

cuocere per almeno un’ora.<br />

6 A fine cottura, sfilettate la carpa, disponete<br />

i filetti su un piatto di portata da<br />

forno [feuerfeste Anrichteplatte ] e spruzzate<br />

[spruzzare: bespritzen ] con aceto bianco.<br />

Riscaldate in forno prima di servire.<br />

<strong>ADESSO</strong> OTTOBRE 2014


L’ITALIA A TAVOLA<br />

Quattrocento, con soli 20 abitanti; l’isola Minore, un piccolo<br />

bosco romantico che sembra galleggiare sull’acqua<br />

e, infine, l’isola Polvese, dove ci sono un monastero e un<br />

castello e che è utilizzata per ricerche scientifiche e attività<br />

didattiche. Qui si fermano per cucinare tutti insieme<br />

il pesce appena pescato. Dalla riva si osservano i cigni<br />

selvatici e il falco pellegrino, gli aironi rossi e cenerini<br />

che fanno il nido fra i canneti; si ammira il panorama dei<br />

borghi me<strong>die</strong>vali che si affacciano sulle rive. Il borgo più<br />

grande è Castiglione del Lago, che si trova su una penisola<br />

calcarea alta 200 metri. La sua fortezza me<strong>die</strong>vale, voluta<br />

da Federico II di Svevia, ha una forma pentagonale,<br />

con cinque torri e tre porte, che si ispira alla costellazione<br />

del Leone. Un altro dei suoi gioielli è Palazzo della Corgna,<br />

una piccola reggia cinquecentesca con gli affreschi<br />

del celebre pittore manierista Niccolò Circignani, detto<br />

il Pomarancio. Da queste parti<br />

in cucina le sorprese non<br />

mancano. Il piatto più celebre<br />

del paese è il tegamaccio, una<br />

zuppa di pesce a base di anguilla,<br />

luccio e pesce persico<br />

che viene cotta in una pentola<br />

di coccio, il tegamaccio, appunto.<br />

La zuppa è insaporita<br />

con un soffritto di verdure,<br />

vino bianco e pomodorini. Bisogna<br />

cuocerla a lungo e, per<br />

non far attaccare il pesce alla<br />

pentola, guai girare il contenuto<br />

con un cucchiaio: si<br />

deve muovere l’intero tegame!<br />

Al ristorante L’Acquario si<br />

può assaggiare un’altra specialità<br />

della zona, la carpa regina<br />

in porchetta, che è una carpa<br />

farcita molto grossa. Il ripieno<br />

è fatto con un battuto di lardo<br />

e prosciutto condito con<br />

sale, pepe, finocchio selvatico,<br />

aglio e rosmarino tritati e<br />

un goccio di aceto (vedi ricetta<br />

a sinistra). Fra le specialità del<br />

La chef Anna<br />

Sagaria e Viola<br />

Chiucchiurlotto<br />

(a destra) del<br />

ristorante<br />

L’Acquario<br />

servono la<br />

specialità<br />

della zona: la<br />

carpa regina in<br />

porchetta.<br />

lago ci sono anche i gamberi,<br />

che si servono aromatizzati<br />

con porri e mandorle, e i filetti<br />

di luccio arrotolati o profumati<br />

con il mirto. Tutti i piatti<br />

vengono accompagnati con<br />

un buon vino Trebbiano della<br />

zona, un Grechetto o un Gamay<br />

perugino. Se dopo averli<br />

assaggiati, volete comprarne<br />

Lo sapevate che…<br />

La Cooperativa di pescatori di San Feliciano nasce nel<br />

1928, durante il fascismo, un’epoca [Zeit] in cui le cooperative<br />

fra lavoratori [Arbeiter] non erano ben viste dalle autorità<br />

[Behörden]. I pescatori, che fino a pochi anni prima erano<br />

molto poveri anche a causa dei prezzi imposti [auferlegt] dai<br />

commercianti [Händler], si uniscono e decidono [decidere:<br />

beschließen] un prezzo unico che il mercato deve accettare.<br />

Diventano più autonomi e padroni di se stessi [Herren ihrer<br />

selbst] e riescono a raggiungere un maggiore benessere<br />

economico [wirtschaftlicher Wohlstand].<br />

il Quattrocento<br />

l’abitante<br />

m./f.<br />

galleggiare<br />

il monastero<br />

il castello<br />

la ricerca<br />

scientifica<br />

il cigno selvatico<br />

il falco pellegrino<br />

l’airone (m.)<br />

rosso<br />

l’airone (m.)<br />

cenerino<br />

il nido<br />

il canneto<br />

me<strong>die</strong>vale<br />

calcareo<br />

la fortezza<br />

Federico II di<br />

Svevia<br />

mancare<br />

la zuppa di<br />

pesce<br />

15. Jahrhundert<br />

Be<strong>wo</strong>hner, -in<br />

schwimmen<br />

Kloster<br />

Burg, Schloss<br />

wissenschaftliche<br />

Forschung<br />

Singschwan<br />

Wanderfalke<br />

Purpurreiher<br />

Graureiher<br />

Nest<br />

Schilf<br />

mittelalterlich<br />

kalkhaltig<br />

Festung<br />

Friedrich II.<br />

von Hohenstaufen<br />

Turm<br />

Sternbild<br />

la torre<br />

la costellazione<br />

la reggia<br />

Königspalast<br />

mangeln,<br />

fehlen<br />

Fischsuppe<br />

la pentola di Tontopf<br />

coccio<br />

appunto eben<br />

insaporire würzen<br />

il soffritto: aromat. Mischung<br />

aus angeröstetem gehacktem<br />

Gemüse<br />

attaccare anlegen<br />

guai wehe<br />

intero ganz<br />

la regina in „Königin im<br />

porchetta Speck“, gefüllter<br />

Karpfen<br />

farcito gefüllt<br />

il ripieno Füllung<br />

il battuto: Emulsion aus kleingeh.<br />

Speck und aromatischem<br />

Gemüse<br />

il lardo Rückenspeck<br />

vom Schwein<br />

il finocchio wilder Fenchel<br />

selvatico<br />

tritato feingehackt<br />

il gambero Krebs<br />

la mandorla Mandel<br />

assaggiare probieren<br />

<strong>ADESSO</strong>plus<br />

Fai un esercizio sulle<br />

specialità gastronomiche del<br />

lago Trasimeno nella rubrica<br />

Grammatica.<br />

© Huber/Sime<br />

35<br />

<strong>ADESSO</strong> OTTOBRE 2014


L’ITALIA A TAVOLA<br />

Da sinistra: Antonio e Marco Meloni del<br />

caseificio Fontemanna a Panicale; la fortezza di<br />

Castiglione del Lago.<br />

36<br />

qualche bottiglia, vale la pena di visitare la Cantina del<br />

Trasimeno: qui sono raccolte le uve di 270 soci che coltivano<br />

sui colli del Trasimeno. Lo shopping può continuare a<br />

Piegaro, un piccolo paese in campagna, poco lontano dal<br />

lago. Qui Riccardo e Clelia Cini hanno creato un’azienda<br />

di vini e oli biologici di altissima qualità.<br />

L’Umbria è celebre in tutta <strong>Italia</strong> anche per i suoi particolarissimi<br />

legumi. Sul Trasimeno esiste un fagiolo così<br />

piccolo che sembra un chicco di riso: si chiama la fagiolina<br />

del Trasimeno, ha un sapore delicato e la buccia sottilissima,<br />

che lo rende molto digeribile. È così buono che basta<br />

bollirlo e condirlo con un filo d’olio per ottenere un piatto<br />

d’alta cucina. Coltivarlo, però, è un lavoro lungo e faticoso.<br />

Nel dopoguerra, infatti, la fagiolina era sparita dalle<br />

tavole umbre. Oggi la ritroviamo per fortuna a Passignano,<br />

un incantevole borgo me<strong>die</strong>vale che si affaccia sul<br />

lago, celebre per la sua rocca longobarda. Flavio Orsini,<br />

uno dei nuovi contadini colti che hanno riscoperto questi<br />

legumi antichi, lo coltiva e lo vende nella sua fattoria<br />

del Seicento. Grazie a lui è tornato sulle tavole anche un<br />

piccolo cecio di colore nero che un tempo non veniva<br />

usato, ma oggi è un vanto di Slow Food.<br />

LAGO TRASIMENO<br />

INDIRIZZI<br />

SAN FELICIANO<br />

Cooperativa dei<br />

pescatori<br />

+39 075 8476005.<br />

info@pescatorideltrasimeno.com<br />

CASTIGLIONE DEL<br />

LAGO<br />

RISTORANTE L’AC-<br />

QUARIO<br />

Corso Vittorio Emanuele<br />

69<br />

+39 075 9652432.<br />

info@ristorantelacquario.it<br />

LA CANTINA DEL<br />

TRASIMENO<br />

Via Roma 236<br />

Castiglione del Lago<br />

+39 075 9652493.<br />

Qui si comprano ottimi<br />

vini come il Trebbiano.<br />

PANICALE<br />

CASEIFICIO FONTE-<br />

MANNA<br />

Via Colombo 30<br />

Colle San Paolo,<br />

Panicale (PG)<br />

+39 075 4656364.<br />

Caseificio in cui acquistare<br />

il Crudolone.<br />

PASSIGNANO<br />

AZIENDA FLAVIO<br />

ORSINI<br />

Località San Donato 34<br />

Passignano<br />

+39 0758 829255;<br />

+39 339 8243379.<br />

flavio.orsini@alice.it<br />

Azienda che produce il<br />

legume fagiolina.<br />

PIEGARO<br />

LA CASA DEI CINI<br />

Voc. Petroso 68,<br />

Pietrafitta (PG)<br />

+39 349 2594845/6.<br />

Azienda di vini e oli.<br />

la cantina<br />

raccogliere<br />

il socio<br />

coltivare<br />

l’azienda<br />

il legume<br />

il fagiolo<br />

il chicco di<br />

riso<br />

la buccia<br />

sottilissimo<br />

digeribile<br />

il filo d’olio<br />

faticoso<br />

il dopoguerra<br />

sparire<br />

incantevole<br />

la rocca<br />

colto<br />

riscoprire<br />

la fattoria<br />

il cecio<br />

Weinkellerei<br />

sammeln<br />

Mitglied<br />

anbauen<br />

Betrieb<br />

Hülsenfrucht<br />

Bohne<br />

Reiskorn<br />

il vanto<br />

immerso<br />

la storia<br />

dell’arte<br />

l’affresco<br />

l’opera<br />

la sarta<br />

ricamare<br />

il tulle<br />

il vestito da<br />

sposa<br />

mettere in<br />

mostra<br />

il merletto<br />

capitare<br />

il lunedì di<br />

Pasquetta<br />

curioso<br />

sfidarsi in una<br />

gara<br />

il casaro<br />

condurre<br />

il latte crudo<br />

Schale<br />

sehr dünn<br />

gut verdaulich<br />

ein paar Tropfen<br />

Öl<br />

mühsam<br />

Nachkriegszeit<br />

verschwinden<br />

entzückend<br />

Burg<br />

gebildet<br />

wiederentdecken<br />

Bauernhof<br />

Kichererbse<br />

Stolz<br />

eingetaucht<br />

Kunstgeschichte<br />

Fresko<br />

Werk<br />

Schneiderin<br />

besticken<br />

Tüll<br />

Brautkleid<br />

ausstellen<br />

Spitze<br />

kommen<br />

Ostermontag<br />

seltsam<br />

sich zum<br />

Wettkampf<br />

herausfordern<br />

Käser<br />

hier: betreiben<br />

Rohmilch<br />

Panicale si trova a pochi chilometri dal lago, immerso nei<br />

boschi e nella campagna. È famoso per le sue torri antiche<br />

e le chiese, che conservano tesori di storia dell’arte.<br />

Nell’ex monastero di clausura di San Sebastiano, per<br />

esempio, si trova un affresco del 1505 che raffigura San<br />

Sebastiano, opera del Perugino. Nel Seicento il paese era<br />

molto conosciuto per le sue sarte, bravissime a ricamare<br />

il tulle per i vestiti da sposa; a loro è dedicato il Museo<br />

del Tulle, che mette in mostra i macchinari e illustra le<br />

tecniche dei merletti. È divertente capitare a Panicale il<br />

lunedì di Pasquetta, perché nel centro della cittadina si<br />

svolge un gioco molto curioso: il ruzzolone o gioco del formaggio.<br />

I contadini si riuniscono in gruppi di quattro o<br />

cinque persone e si sfidano in una gara che consiste nel<br />

far rotolare grandi forme di formaggio lungo le stradine<br />

labirintiche. Vince chi riesce a far rotolare il formaggio<br />

più a lungo. I più grandi casari della zona – sorpresa! –<br />

non sono umbri, bensì sardi! È il caso della famiglia Meloni,<br />

che ormai da generazioni conduce l’azienda Fontemanna.<br />

La loro specialità è il Crudolone, un formaggio<br />

fatto con latte crudo e a bassa temperatura.<br />

<strong>ADESSO</strong> OTTOBRE 2014


Mehr Sprache können Sie<br />

nirgend<strong>wo</strong> shoppen.<br />

Kompetent. Persönlich. Individuell.<br />

Alles, was Sie wirklich brauchen, um eine Sprache zu lernen:<br />

Bücher und DVDs in Originalsprache, Lernsoftware und vieles mehr.<br />

Klicken und Produktvielfalt entdecken:<br />

www.sprachenshop.de


SOCIETÀ<br />

PRATICAMENTE PARLANDO<br />

Il tuo cognome dice tutto<br />

Kurios anmutende Familiennamen sind in Italien keine Seltenheit.<br />

Häufig beziehen sie sich auf Berufe, Herkunft, Stand oder persönliche<br />

Merkmale und manchmal sind sie auch noch melodiös wie Cantalamessa.<br />

Testo: Marina Collaci<br />

38<br />

COME SI CHIAMAVA IL CAPO DELLA POLIZIA?<br />

MANGANELLI! NO, NON È UNA BARZELLETTA.<br />

Dal 2007 fino al momento della sua morte, nel 2013, Antonio<br />

Manganelli è stato il capo della Polizia italiana. Padre<br />

Raniero Cantalamessa, del resto, è un famoso prelato<br />

e predicatore ancora oggi in attività. È proprio vero che<br />

in svariati casi nomen est omen, come dicevano i latini, il<br />

nome è un presagio. È il caso, per esempio, dell’angiologo<br />

dottor Venosi, dello specialista in liposuzione dottor<br />

Grassi, dell’estetista Occhipinti. Provate un po’ a indovinare:<br />

cosa fa il signor Erotico? Gestisce un sex shop!<br />

Ci sono anche specialisti con cognomi che ti fanno passare<br />

la voglia di andarci, come il dentista dottor Straziosi.<br />

Certo, il cognome non si sceglie e non si può far molto<br />

per liberarsene, ma a volte – anzi, fin troppo spesso – a<br />

un cognome strampalato si abbina un nome in grado di<br />

potenziarne la comicità, forse per gusto sadico dei genitori<br />

o semplicemente per distrazione. Celebre il caso del<br />

signor Felice Mastronzo, che dopo lunghe e complicate<br />

pratiche burocratiche è riuscito a cambiare il cognome in<br />

Mastranzo. Che dire della famiglia Porcelli, che decide<br />

di chiamare il figlio proprio Lino, o della famiglia Culino,<br />

che chiama la figlia Rosa? Abbiamo poi una Lasagna<br />

Emiliana, una Pizza Margherita e i signori Manno Assunta<br />

e Russo Felice. Certo, di cognomi irriverenti, che<br />

sottolineano i difetti, ce ne sono tantissimi, in <strong>Italia</strong>. Negli<br />

anni Settanta c’erano anche quattro deputati dal cognome<br />

poco onorevole: Piccoli, Brutti, Storti e Malfatti.<br />

I cognomi italiani sono oltre 300.000. Il sistema oggi in<br />

uso è diverso da quello degli antichi Romani, basato su<br />

tre elementi. Prendiamo il caso di Cicerone: il suo praenomen<br />

era Marcus; il suo nomen era Tullius, si riferiva alla<br />

famiglia gentilizia – in questo caso la gens Tullia – e si tramandava<br />

ai figli. Infine c’era il cognomen, che è simile al<br />

nostro soprannome: Cicero (Cicerone) era chiamato così<br />

per via del cece, del porro che aveva sul naso e che era<br />

una caratteristica solo sua. Nei primi anni del Medioevo<br />

c’era un unico nome, per esempio Marco, e ciò valeva<br />

anche per i Germani che si insediarono in <strong>Italia</strong>. Con il<br />

il capo<br />

Manganelli,<br />

da<br />

manganello<br />

la barzelletta<br />

Cantalamessa,<br />

da cantare<br />

la messa<br />

il predicatore<br />

svariato<br />

il presagio<br />

Venosi, da<br />

venoso<br />

Grassi, da<br />

grasso<br />

Occhipinti, da<br />

occhi pinti<br />

indovinare<br />

gestire<br />

il dentista<br />

Straziosi, da<br />

strazio<br />

strampalato<br />

abbinare<br />

in grado di<br />

la distrazione<br />

komisch<br />

koppeln<br />

fähig zu<br />

hier: Unaufmerksamkeit<br />

aber<br />

Arschloch<br />

Mastronzo,<br />

da ma<br />

stronzo<br />

Porcelli Lino,<br />

da porcellino<br />

Culino Rosa,<br />

da culino rosa<br />

Manno<br />

Assunta, da<br />

M’hanno<br />

assunta<br />

Chef<br />

Schlagstock<br />

Witz<br />

<strong>die</strong> Messe<br />

singen<br />

Prediger<br />

verschieden<br />

Zeichen, Omen<br />

venös<br />

fett<br />

bemalte<br />

Augen<br />

raten<br />

hier: leiten<br />

Zahnarzt<br />

Pein<br />

Ferkel,<br />

Schmutzfink<br />

rosa Popo<br />

sie haben<br />

mich<br />

angestellt<br />

schlecht<br />

gemacht<br />

in Verwendung<br />

Adels-<br />

überliefern<br />

Spitzname<br />

wegen<br />

Warze,<br />

Wucherung<br />

Merkmal<br />

Russo, da<br />

russare<br />

irriverente<br />

il difetto<br />

il deputato<br />

onorevole<br />

Storti, da<br />

storto<br />

Malfatti, da<br />

malfatto<br />

in uso<br />

gentilizio<br />

tramandare<br />

il soprannome<br />

per via di<br />

il cece, il<br />

porro<br />

la<br />

caratteristica<br />

insediarsi<br />

ampliarsi<br />

la necessità<br />

gestire<br />

l’eredità<br />

distinguere<br />

nobile<br />

l’esigenza<br />

la terra<br />

il denaro<br />

il litigio<br />

la querela<br />

il titolo<br />

nobiliare<br />

il conte<br />

il vescovo<br />

discendere<br />

appartenere<br />

il feudo<br />

schnarchen<br />

pietätlos<br />

Fehler<br />

Abgeordneter<br />

ehrenhaft<br />

krumm, schief<br />

sich ansiedeln<br />

ausbreiten<br />

Notwendigkeit<br />

hier: verwalten<br />

Erbe<br />

unterscheiden<br />

adelig<br />

Bedürfnis<br />

Boden, Land<br />

Geld<br />

Streit<br />

Klage<br />

Adelstitel<br />

Graf<br />

Bischof<br />

abstammen<br />

zugehören<br />

Lehen<br />

tempo, l’ampliarsi dei commerci e la necessità di gestire<br />

meglio le eredità diventò indispensabile distinguere con<br />

certezza una persona dall’altra. Le famiglie nobili furono<br />

le prime a sentire l’esigenza di avere un cognome da abbinare<br />

al nome, per avere la sicurezza che terre e denari<br />

andassero alla persona giusta, senza litigi e querele.<br />

Chi porta come cognome titoli nobiliari quali Barone,<br />

Conte, Marchese, Principe o Vescovo non è detto che discenda<br />

da una famiglia di nobili. Spesso si chiamavano<br />

così contadini o soldati che appartenevano al feudo di un<br />

<strong>ADESSO</strong> OTTOBRE 2014


L’<strong>Italia</strong> è uno dei paesi con la maggior varietà di cognomi. Casadei<br />

(casa di Dio) è un cognome tipico romagnolo dato ai trovatelli.<br />

marchese o di un barone, oppure personaggi che assomigliavano<br />

a un nobile, o che venivano presi in giro perché<br />

ricchi, o poveri in canna.<br />

In alcuni paesini del Sud <strong>Italia</strong>, fino a pochi anni fa, il<br />

cognome era usato per gli atti ufficiali, ma non tra amici:<br />

Enzo D’Anna, per esempio, veniva chiamato così perché<br />

era figlio della signora Anna e per distinguerlo da<br />

Enzo Di Nuccia, figlio della signora Nuccia, mentre il<br />

suo cognome veniva completamente ignorato dai paesani.<br />

Infatti i cognomi più frequenti in <strong>Italia</strong>, ancora oggi,<br />

sono quelli che derivano da nomi personali: abbiamo i<br />

De Luca, i D’Angelo, i Giordano. A volte terminano con<br />

l’ablativo plurale latino, come nel caso dei De Bellis, “che<br />

appartiene ai Bellis”. Molto diffusi sono anche i luoghi<br />

di provenienza, come Napoli, Palermo, Salerno e così<br />

via. Erano dati spesso a emigranti o a persone che fuggivano<br />

e non di rado appartengono a famiglie di origini<br />

ebraiche: è il caso dei Piperno, provenienti da Priverno.<br />

Molti sono anche i nomi di popoli: Romano, Calabrese,<br />

Puglisi, ma anche Lo Turco, Lo Sardo.<br />

Poi, naturalmente, ci sono gli appellativi come il cognome<br />

Rossi, il più diffuso in <strong>Italia</strong>. Certo, avere i capelli rossi<br />

doveva rappresentare un’anomalia ed essere quindi<br />

un tratto che si notava subito. Perché, però, questo cognome<br />

si è diffuso così tanto? Le ragioni per cui si porta<br />

lo stesso cognome non sono sempre uguali: può darsi<br />

che un avo avesse i capelli rossi o che indossasse spesso<br />

abiti di quel colore. Anche appellativi che sembrano scabrosi<br />

non sono stati dati sempre con cattive intenzioni:<br />

la signora Sesso viene dal paese omonimo in Romagna e<br />

Fallo è un comune dell’Abruzzo.<br />

Naturalmente moltissimi sono anche i cognomi con i<br />

mestieri, come Fabbro, Molinari, Calzolari. Alcuni sono<br />

di origini germaniche, come Castaldi, Maniscalchi, Siniscalchi;<br />

altri di origini arabe, come Camilleri, il cammelliere,<br />

e Bucceri, il macellaio; o ebraiche, come Bolaffi, il<br />

farmacista.<br />

Un discorso diverso meritano i cognomi che indicavano<br />

la condizione di trovatello. Dal cognome che rimanda al<br />

nome dell’ospedale, della chiesa o dell’istituto di suore<br />

in cui furono lasciati, si può ricostruire la città di origine.<br />

Proietti è un cognome romano; Esposito, che indica la<br />

ruota degli esposti – un meccanismo girevole spesso di<br />

legno in cui i genitori che non avevano la possibilità di<br />

crescere un figlio deponevano il neonato perché altri se<br />

ne occupassero – è un cognome napoletano; Innocenti,<br />

dall’Istituto degli Innocenti e Nocentini sono fiorentini;<br />

Colombo è milanese, perché nell’emblema del brefotrofio<br />

di quella città era scolpito un colombo; i Degli Esposti<br />

sono di Bologna, i Vacondio e i Casadei romagnoli. C’è<br />

poi una sfilza di nomi per indicare l’origine ignota, da<br />

Diolosa a Parentignoti, da D’Incertopadre, e Diotallevi.<br />

Il cognome Eco, come quello dello scrittore, è l’acronimo<br />

di ex coelis oblatus, “donato dal cielo”. Insomma, per ogni<br />

cognome ci sono mille storie da raccontare. Per saperne<br />

di più www.museodelcognome.it.<br />

prendere in<br />

giro<br />

povero in<br />

canna<br />

l’atto ufficiale<br />

ignorare<br />

il paesano<br />

frequente<br />

terminare<br />

molto diffuso<br />

fuggire<br />

di rado<br />

l’appellativo<br />

l’anomalia<br />

il tratto<br />

l’avo<br />

scabroso<br />

con cattive<br />

intenzioni<br />

omonimo<br />

il comune<br />

il mestiere<br />

Fabbro, da<br />

fabbro<br />

Molinari, da<br />

mugnaio<br />

Calzolari, da<br />

calzolaio<br />

Castaldi, da<br />

castaldo<br />

Maniscalchi,<br />

da maniscalco<br />

auf den Arm<br />

nehmen<br />

bettelarm<br />

Urkunde<br />

nicht kennen<br />

Dorfbe<strong>wo</strong>hner<br />

häufig<br />

enden<br />

weit verbreitet<br />

fliehen<br />

selten<br />

Beiname<br />

Abweichung<br />

Zug, Merkmal<br />

Vorfahr<br />

heikel<br />

mit bösen<br />

Absichten<br />

gleichnamig<br />

Gemeinde<br />

Beruf<br />

Schmied<br />

Müller<br />

Schuster<br />

Schlossvogt<br />

Hufschmied<br />

Kameltreiber<br />

Metzger<br />

Apotheker<br />

Findelkind<br />

verweisen<br />

hier: ablegen<br />

Drehlade,<br />

Babyklappe<br />

Drehmechanismus<br />

vedi pag. 59<br />

Siniscalchi,<br />

da siniscalco<br />

il cammelliere<br />

il macellaio<br />

il farmacista<br />

il trovatello<br />

rimandare<br />

lasciare<br />

la ruota degli<br />

esposti<br />

il meccanismo<br />

girevole<br />

Istituto degli<br />

Innocenti<br />

il brefotrofio<br />

il colombo<br />

Vacondio, da<br />

va’ con Dio<br />

Casadei, da<br />

casa di Dio<br />

la sfilza<br />

ignoto<br />

Diolosa, da<br />

Dio lo sa<br />

Parentignoti,<br />

da parenti<br />

ignoti<br />

D’Incertopadre,<br />

da di<br />

incerto padre<br />

Diotallevi, da<br />

Dio ti allevi<br />

donato<br />

Seneschall<br />

Findelhaus<br />

Taube<br />

geh mit Gott<br />

Gotteshaus<br />

Reihe<br />

unbekannt<br />

weiß Gott<br />

unbekannte<br />

Eltern<br />

von<br />

ungewissem<br />

Vater<br />

Gott ziehe<br />

dich groß<br />

geschenkt<br />

39<br />

<strong>ADESSO</strong> OTTOBRE 2014


GIOCANDO S’IMPARA...<br />

DI GIOVANNA IACONO<br />

...DAL VINO ALLA MUSICA!<br />

MEDIO 1 TI INTENDI DI<br />

VINO?*<br />

Trova i vini rossi italiani e unisci<br />

[unire: verbinden] i numeri corrispondenti.<br />

Comparirà il disegno di un<br />

oggetto. Quale?<br />

1. Soave 2. Sangiovese 3. Cannonau<br />

4. Moscato 5. Pigato 6. Barbera<br />

7. Nebbiolo 8. Amarone<br />

9. Fiano d’Avellino 10. Vermentino<br />

11. Nero d’Avola 12. Primitivo 13. Chianti<br />

14. Trebbiano 15. Verdicchio<br />

16. Brunello di Montalcino<br />

2<br />

5<br />

15<br />

4<br />

MEDIO 3 INCONTRI MUSICALI*<br />

Scrivi i nomi degli strumenti musicali. Le lettere<br />

sottolineate in verde formano il titolo di una famosa<br />

opera lirica di Giacomo Puccini.<br />

1) __ __ __ __ __ __ __ __<br />

2) __ __ __ __ __ __ __<br />

3) __ __ __ __ __ __<br />

C<br />

A<br />

O<br />

R<br />

B<br />

O<br />

40<br />

14<br />

3 16<br />

4) __ __ __ __<br />

P<br />

A<br />

10<br />

9<br />

6<br />

Il nome<br />

dell’oggetto è:<br />

8 11<br />

__ __ __ __ __ __<br />

7<br />

12<br />

13<br />

DIFFICILE 2 PAROLE<br />

CHE UNISCONO*<br />

Trova le due parole mancanti [fehlend].<br />

Ogni parola deve essere in relazione<br />

con quella che la precede e con quella<br />

che la segue.<br />

anello<br />

indice<br />

pagina<br />

1<br />

5) __ __ __ __ __ __ __ __ __<br />

M<br />

6) __ __ __ __ __ __ __ __ __<br />

7) __ __ L __ U__ __ __<br />

8) __ __ __ __ __ __ __ __ __ __<br />

Opera di Puccini: __ __ __ __ __ __ __ __<br />

MEHR WORTSCHATZSPIELE FINDEN SIE IN <strong>ADESSO</strong>plus 10.2014<br />

A<br />

A<br />

F<br />

F<br />

L<br />

* SOLUZIONI A PAGINA 47<br />

<strong>ADESSO</strong> OTTOBRE 2014


PAGINE FACILI<br />

QUANTE STRADE!<br />

il viale<br />

il segnale di<br />

divieto di fermata<br />

la piazza<br />

il centro abitato<br />

il segnale di<br />

divieto di accesso<br />

il vicolo<br />

la zona<br />

industriale<br />

il ponte<br />

la galleria<br />

segnale di strada<br />

senza uscita<br />

la strada<br />

sterrata<br />

la strada provinciale<br />

il casello<br />

autostradale<br />

l’autostrada<br />

la rotonda<br />

il segnale di divieto<br />

di sosta<br />

41<br />

© Illustration: Georg Lechner, BfGuK<br />

QUESTA VOLTA PARLIAMO DELLE STRADE E DEI<br />

LORO NOMI. La vecchia parola latina via esiste ancora<br />

oggi, in italiano, e può avere sia il significato di “strada”<br />

che quello di “mezzo o strumento per ottenere un fine”.<br />

Tutti sappiamo che le strade delle città normalmente portano<br />

il nome di “via” (Via Garibaldi, Via Giuseppe Verdi).<br />

Ma nell’italiano di oggi, con la complessità dei trasporti e<br />

della circolazione stradale, le strade possono avere molti<br />

nomi. Vediamone alcuni.<br />

Cominciamo dalle strade all’interno di una città. Una<br />

strada larga e con molti alberi si chiama normalmente<br />

viale. Una stradina stretta tra le case, normalmente in un<br />

vecchio quartiere storico o in una zona tradizionale, si<br />

il mezzo<br />

ottenere<br />

il fine<br />

la circolazione<br />

stradale<br />

all’interno di<br />

il viale<br />

il vicolo<br />

collegare<br />

la circonvallazione<br />

il centro abitato<br />

Mittel<br />

erreichen<br />

Ziel<br />

Straßenverkehr<br />

innerhalb von<br />

Allee<br />

Gasse<br />

verbinden<br />

Verbindungstraße<br />

Ort<br />

la cartina<br />

veloce<br />

la carreggiata<br />

l’autostrada<br />

il casello<br />

il pedaggio<br />

la superstrada<br />

la strada<br />

sterrata<br />

il bosco<br />

il sentiero<br />

Plan<br />

schnell<br />

Fahrbahn<br />

Autobahn<br />

Mautstelle<br />

Maut<br />

Schnellstraße<br />

Landstraße<br />

Wald<br />

Pfad<br />

chiama vicolo. Le grandi strade che servono a collegare<br />

diversi quartieri di una città o a uscire dalla città prendono<br />

a volte il nome di circonvallazioni o anche di tangenziali.<br />

Ma i nomi delle vie di circolazione in una città sono<br />

moltissimi.<br />

E fuori delle città? Le strade che mettono in collegamento<br />

diversi centri abitati sono amministrate di solito dalla<br />

provincia o dallo stato e per questo prendono il nome di<br />

strade provinciali e statali (indicate sulle cartine dalle abbreviazioni<br />

SP e SS). Alcune delle strade statali più importanti<br />

in <strong>Italia</strong> hanno nomi romani: Via Appia, Flaminia,<br />

Salaria. Le strade veloci, con due carreggiate, sono<br />

autostrade quando vi sono caselli per il pagamento del<br />

pedaggio, superstrade negli altri casi.<br />

Una strada non asfaltata si chiama in italiano strada sterrata.<br />

Nelle campagne italiane se ne trovano ancora molte.<br />

E le piccole strade nei boschi e sulle montagne, quelle<br />

dove si può camminare solo a piedi, sono i sentieri.<br />

Marco Montemarano: Dozent für Italienisch,<br />

Übersetzer, Sprecher, lebt in Deutschland<br />

(München) seit über 20 Jahren.<br />

Seit 1996 schreibt er <strong>die</strong> Pagine facili.<br />

<strong>ADESSO</strong> OTTOBRE 2014


PAGINE FACILI<br />

DIALOGO<br />

ERIKA E RUGGERO<br />

CERCANO UNA STRADA<br />

noleggiare<br />

la mania<br />

la connessione<br />

il quartiere<br />

mieten<br />

Wahn<br />

Verbindung<br />

Stadtviertel<br />

ERIKA: Ma perché non abbiamo<br />

noleggiato una macchina con<br />

navigatore?<br />

RUGGERO: Perché costava troppo.<br />

Così abbiamo risparmiato 25 euro.<br />

ERIKA: Sempre la tua mania di<br />

risparmiare. Anche lo scorso anno,<br />

in Puglia. Ogni volta perdiamo ore<br />

per trovare i posti in cui vogliamo<br />

andare.<br />

RUGGERO: Veramente sei stata<br />

tu a dire di prendere la macchina<br />

senza navigatore.<br />

ERIKA: Io?<br />

RUGGERO: Sì, hai detto che tanto<br />

hai lo smartphone.<br />

ERIKA: È vero, ma non funziona.<br />

La connessione qui è lentissima.<br />

Non troveremo mai Via D’Azeglio.<br />

RUGGERO: Magari proviamo a<br />

chiedere a un passante. Non deve<br />

essere lontana.<br />

ERIKA: No, guarda, sto cercando<br />

di capire dove siamo dalla cartina.<br />

Ecco, quella a destra deve essere<br />

Via Garibaldi. Da lì poi dobbiamo<br />

prendere la terza a sinistra…<br />

RUGGERO: Ma quella non è Via<br />

Garibaldi: è Via Cavour.<br />

ERIKA: Via Cavour? Ma allora siamo<br />

nel quartiere sbagliato. Fermati,<br />

torna in<strong>die</strong>tro.<br />

RUGGERO: Aspetta, fammi vedere…<br />

ma stai guardando la cartina<br />

di Vicenza!<br />

ERIKA: E allora? Che c’è?<br />

RUGGERO: C’è che siamo a Padova,<br />

amore mio!<br />

42<br />

Esercizio 1*:<br />

1. Erika sta guardando la cartina di ____________.<br />

2. Erika e Ruggero sono a ____________.<br />

3. Erika e Ruggero cercano Via ____________.<br />

4. Lo scorso anno sono stati in vacanza in ___________.<br />

5. La ____________ è lentissima.<br />

Esercizio 2*:<br />

1. La macchina ha un navigatore?<br />

2. Quanto hanno risparmiato Erika e Ruggero?<br />

3. La macchina è di loro proprietà?<br />

4. Chi ha suggerito la macchina senza navigatore?<br />

5. A chi vuole chiedere indicazioni Ruggero?<br />

LA PARTE E IL TUTTO<br />

Molti oggetti che conosciamo sono<br />

formati da piccole parti e ciascuna ha un<br />

nome. Nell’esercizio 3, a scelta multipla,<br />

vi diamo tre opzioni. A voi scegliere quella<br />

corretta, che indica una parte dell’oggetto<br />

principale. Prima di guardare le nostre<br />

soluzioni, provate a chiedere a un amico<br />

italiano! Buon lavoro.<br />

* SOLUZIONI A PAGINA 44<br />

<strong>ADESSO</strong> OTTOBRE 2014


PAGINE FACILI<br />

CRUCIVERBA<br />

Tutte le parole di questo cruciverba sono contenute nelle<br />

Pagine facili. Leggetele attentamente prima di iniziare!<br />

Buon divertimento!<br />

1 2<br />

3<br />

Orizzontali:<br />

1. Una strada da percorrere a<br />

piedi in montagna è un …<br />

5. Una … è una parte della<br />

casa.<br />

7. Una strada veloce, a due<br />

carreggiate separate e con<br />

pedaggio è un’ …<br />

9. Un comò è formato da …<br />

10. L’uccisione di una persona<br />

si chiama …<br />

11. Una strada molto stretta in<br />

una città è un …<br />

4<br />

7<br />

5<br />

8<br />

6<br />

Verticali:<br />

2. Una strada che aggira in<br />

parte un centro abitato è<br />

una …<br />

3. Il sostantivo che indica<br />

l’atto di rubare è “…”.<br />

4. Sull’autostrada in <strong>Italia</strong> si<br />

deve pagare il …<br />

6. Un … è una parte del<br />

muro.<br />

8. Uno … è una parte della<br />

scala.<br />

43<br />

9<br />

10<br />

11<br />

SOLUZIONI 09.2014<br />

Esercizio 3*:<br />

1. Il comò<br />

a. il cassetto<br />

b. il cornetto<br />

c. lo scaffale<br />

2. La scala<br />

a. lo scaffale<br />

b. lo scalino<br />

c. lo scaligero<br />

3. La libreria<br />

a. il cassetto<br />

b. lo scaffale<br />

c. la coppetta<br />

4. La casa<br />

a. il fiume<br />

b. la stalla<br />

c. la stanza<br />

5. Il pavimento<br />

a. la mattonella<br />

b. la caffettiera<br />

c. il mattone<br />

6. Il muro<br />

a. la caffettiera<br />

b. il mattone<br />

c. la mattonella<br />

1<br />

2<br />

3<br />

T A L<br />

4<br />

5<br />

E T E S T A T A<br />

L C S V<br />

E I P A<br />

6<br />

V P U I T<br />

I U G R R<br />

S G A A I<br />

O I C P C<br />

7<br />

F R U L L A T O R E<br />

E A P L<br />

T E V<br />

8<br />

P U G N O L E<br />

L R<br />

9<br />

F R I G O R I F E R O<br />

<strong>ADESSO</strong> OTTOBRE 2014


chiedi?<br />

GM_Ade so-Rom_A rivalkarten_70x100_VS_RZ.indd 1 12.08.2010 16:28:35 Uhr<br />

Spielend Rom<br />

entdecken und<br />

Italienisch lernen!<br />

Il grafico interattivo<br />

che mostra la<br />

percentuale dei<br />

furti nelle diverse<br />

città italiane.<br />

Questo mese:<br />

ESERCIZIO<br />

SUL PLURALE<br />

C<br />

DOMANDA<br />

D<br />

DOMANDA<br />

Hai chiesto indicazioni stradali (Wegbeschreibung)<br />

raggiungere (erreichen)<br />

i Musei Capitolini, ma il passante (Fußgänger<br />

) ha parlato troppo velocemente<br />

DOMANDApe<br />

(schne l ) e non hai capito. Che cosa gli<br />

a) Può ripetere, grazie?<br />

b) Può ripetere, per favore?<br />

c) Può ripetere, prego?<br />

Il tuo albergatore (Hotelier ) parla del<br />

turismo “mordi e fuggi”. Che cosa<br />

intende (intendere: meinen)?<br />

a) turismo di tipo enogastronomico<br />

b) turismo religioso<br />

c) turismo di massimo tre giorni<br />

ne le ci tà d’arte<br />

Hai chiesto indicazioni stradali (Wegbeschreibung)<br />

pe raggiungere (e reichen)<br />

i Musei Capitolini, ma il passante (Fußgänger<br />

) ha parlato troppo velocemente<br />

(schnell) e non hai capito. Che cosa gli<br />

chiedi?<br />

a) Può ripetere, grazie?<br />

b) Può ripetere, per favore?<br />

c) Può ripetere, prego?<br />

Il tuo albergatore (Hotelier) parla del<br />

turismo “mordi e fuggi”. Che cosa<br />

intende (intendere: meinen)?<br />

a) turismo di tipo enogastronomico<br />

b) turismo religioso<br />

c) turismo di massimo tre giorni<br />

ne le ci tà d’arte<br />

DOMANDA<br />

Hai chiesto indicazioni stradali schreibung) per raggiungere (erreichen)<br />

reichen)<br />

i Musei Capitolini, ma il passante (Fuß-<br />

(Wegbegänger<br />

) ha parlato troppo velocemente<br />

(schnell) e non hai capito. Che cosa gli<br />

chiedi?<br />

a) Può ripetere, grazie?<br />

b) Può ripetere, per favore?<br />

c) Può ripetere, prego?<br />

Il tuo albergatore (Hotelier ) parla del<br />

turismo “mordi e fuggi”. Che cosa<br />

intende (intendere: meinen)?<br />

a) turismo di tipo enogastronomico<br />

b) turismo religioso<br />

c) turismo di massimo tre giorni<br />

ne le ci tà d’arte<br />

E<br />

RISPOSTA<br />

b) Può ripetere, per favore?<br />

“Per favore”, abbreviato p.f., si usa<br />

quando vuoi chiedere qualcosa in modo<br />

gentile (freundlich). “Prego” si usa<br />

come risposta a chi ringrazia o si scusa:<br />

“Grazie!” “Prego”. “Mi scusi per il<br />

ritardo”. “Prego, non si preoccupi”.<br />

c) turismo di massimo tre giorni<br />

(Kurzurlaub) ne le ci tà d’arte<br />

“Mordi e fuggi” (wörtlich: beiß und<br />

flüchte) indica un’azione compiuta<br />

(vo lzogen) con estrema fre ta<br />

(in größter Eile): Mi ha fa to una visita<br />

mordi e fuggi.<br />

F<br />

G<br />

H<br />

I<br />

J<br />

K L M<br />

1<br />

2<br />

3<br />

4<br />

5<br />

CRIMINALITÀ<br />

VERA E PERCEPITA<br />

5<br />

6<br />

7<br />

8<br />

9<br />

A B<br />

C<br />

D<br />

© 2010 Gru be Media GmbH<br />

© 2010 Gru be Media GmbH<br />

Altare della Patria<br />

Fu eretto (erigere: erbauen) per<br />

celebrare re Vittorio Emanuele I<br />

(1820-1878) e l‘Unità d‘<strong>Italia</strong>. Si<br />

trova in Piazza Venezia. Iniziato<br />

nel 1885, fu inaugurato (inaugurare:<br />

einweihen) nel 1911. Nel<br />

1921 venne co locata ne la cripta,<br />

situata nel nucleo centrale, la salma<br />

(Leichnam) del Milite Ignoto<br />

(Unbekannter Soldat)<br />

Soldat), , un soldato<br />

sconosciuto caduto (gefa len)<br />

durante la prima guerra mondiale.<br />

I romani lo chiamano “macchina<br />

da scrivere” (Schreibmaschine),<br />

perché ne ricorda la forma. Da la<br />

sua terrazza si ha una splendida<br />

visuale (Aussicht)<br />

su Roma.<br />

G<br />

5<br />

F<br />

3<br />

2 | Altare<br />

de la Patria<br />

GM_Ade so-Rom_Bildkarten_70x100_VS_RZ.indd 2 16.09.2010 13:21:37 Uhr<br />

Ebenfalls lieferbar:<br />

Atterri a l’aeroporto di<br />

Ciampino e prendi un taxi<br />

per il tuo albergo.<br />

Punto di partenza:<br />

Hotel de Russie.<br />

E F<br />

G<br />

H<br />

I<br />

F<br />

2<br />

Das Spiel zur Stadt – für Italienischlerner<br />

und Rom-Fans!<br />

Verbessern Sie Ihre Sprachkenntnisse in einer<br />

kurzweiligen Spielerunde! Grundkenntnisse in<br />

Italienisch reichen schon aus, um mitmachen<br />

zu können.<br />

Für 2-5 Spieler ab 14 Jahren. Mit 50 Bildkarten<br />

zu den Sehenswürdigkeiten, 590 Fragen in<br />

Italienisch und einem Stadtplan als Spielfeld.<br />

In Zusammenarbeit mit:<br />

Mehr Informationen auf<br />

www.grubbemedia.de<br />

JETZT BESTELLEN!<br />

www.sprachenshop.de/spiele<br />

oder im Buch- und Spielwarenhandel<br />

3 29,95 (UVP)<br />

A R R I V O<br />

I<br />

J<br />

K<br />

L<br />

6<br />

7<br />

8<br />

M<br />

9<br />

LA CATEGORIA DELLA “PERCEZIONE” HA RISCOSSO SUCCESSO,<br />

NEGLI ULTIMI ANNI. Questa categoria è applicabile anche ai crimini che<br />

avvengono nelle città italiane. Facciamo un esempio: i telegiornali ci danno<br />

ogni giorno notizie di omicidi, di stragi, di massacri all’interno della famiglia<br />

e fuori. Ma in <strong>Italia</strong>, nel 2012 (dato Istat) ci sono stati 0,9 omicidi ogni 100.000<br />

abitanti, quattro volte meno rispetto all’inizio degli anni Novanta. E l’<strong>Italia</strong><br />

è sotto la media europea, che è di 1,2 omicidi<br />

ogni 100.000 abitanti. Anche parlando di altri<br />

reati, quelli contro il patrimonio, le cose sono<br />

diverse da come ce le aspettiamo. Secondo un<br />

grafico interattivo del settimanale l’Espresso,<br />

sempre basato sui dati Istat 2012, la provincia<br />

con meno denunce per furto è Agrigento,<br />

in Sicilia. Qui sono stati denunciati “solo” 229<br />

furti ogni 100.000 abitanti, contro gli 8.100 di<br />

Milano, dove nel 2012, in pratica, un cittadino<br />

su 12 ha subito e denunciato un furto.<br />

Esercizio 4*:<br />

Volgete al plurale le seguenti espressioni del testo.<br />

1. la categoria_____________________<br />

2. ha fatto________________________<br />

3. temperatura reale e percepita___<br />

__________________________________<br />

4. la strage e l’omicidio____________<br />

__________________________________<br />

5. l’altro programma televisivo_____<br />

percepito<br />

la percezione<br />

applicabile<br />

l’omicidio<br />

la strage<br />

la media<br />

europea<br />

il patrimonio<br />

la denuncia<br />

il furto<br />

subire<br />

„gefühlt“<br />

Wahrnehmung,<br />

hier<br />

auch: „Gefühl“<br />

anwendbar<br />

Mord<br />

Massenmord<br />

europäischer<br />

Durchschnitt<br />

Vermögen<br />

Anzeige<br />

Diebstahl<br />

erleiden<br />

__________________________________<br />

6. la cosa è diversa________________<br />

__________________________________<br />

7. il grafico interattivo_____________<br />

__________________________________<br />

8. il telegiornale___________________<br />

__________________________________<br />

SOLUZIONI: ESERCIZIO 1: 1. Vicenza; 2. Padova; 3. D’Azeglio; 4. Puglia; 5. connessione.<br />

Esercizio 2: 1. no; 2. 25 euro; 3. no; 4. Erika; 5. a un passante. Esercizio 3: 1. a; 2. b; 3. b; 4. c;<br />

5. a; 6. b. Esercizio 4: 1. le categorie; 2. hanno fatto; 3. temperature reali e percepite; 4. le stragi<br />

e gli omicidi; 5. gli altri programmi televisivi; 6. le cose sono diverse; 7. i grafici interattivi;<br />

8. i telegiornali.<br />

<strong>ADESSO</strong> OTTOBRE 2014


IL PROVERBIO DEL MESE<br />

TRADUZIONE<br />

LE SCHEDE DI <strong>ADESSO</strong><br />

Cane non mangia cane<br />

LE FOTOPAROLE<br />

Ein deutsches Wort hat im Italienischen<br />

mehrere Bedeutungen.<br />

1. Bei Alarm Knopf drücken.<br />

2. Sie hat mir nur <strong>die</strong> Hand gedrückt.<br />

3. Er drückte mich gegen <strong>die</strong> Wand.<br />

VOCABOLARIO<br />

Gli attrezzi per il fai da te<br />

1. il martello<br />

2. le pinze<br />

3. il cacciavite<br />

4. la vite<br />

5. il chiodo<br />

6. il bullone<br />

7. il trapano<br />

8. il metro<br />

9. la brugola<br />

10. la chiave inglese<br />

1) _________________<br />

2) _________________<br />

VERBI CON PREPOSIZIONE<br />

ITALIANO COLLOQUIALE<br />

Inserisci la preposizione corretta.<br />

Devo abituarmi _____ fare colazione alle 8.<br />

Manco per sogno!<br />

Mi ha chiesto di prestargli più di 3.000 euro.<br />

Manco per sogno!<br />

espressione confidenziale<br />

45 <strong>ADESSO</strong> 10.2014<br />

ESERCIZIO<br />

Scegli la forma opportuna del verbo.<br />

1) Nonostante ero/fossi stanco, sono uscito.<br />

2) Anche se pioveva/piovesse siamo usciti.<br />

3) Siccome fa/faccia troppo caldo, Angela accende<br />

l’aria condizionata.<br />

4) Ve la presto a patto che me la restituite/restituiate<br />

appena possibile.<br />

5) Arriverò puntuale a meno che l’aereo non fa/<br />

faccia ritardo.<br />

ATTENTI ALLE DOPPIE!<br />

rene/renne<br />

Babbo Natale arriva con le _______________<br />

per portare i regali ai bambini.


ÜBERSETZUNG<br />

SPRICHWORT DES MONATS<br />

1. In caso di allarme premere il tasto.<br />

2. Mi ha stretto la mano.<br />

3. Mi ha schiacciato contro il muro.<br />

Pack schlägt sich,<br />

Pack verträgt sich<br />

SAMMELKARTEN<br />

WORTSCHATZ<br />

BILDWÖRTER<br />

Werkzeuge für Heimwerker<br />

1. Hammer<br />

2. Zange<br />

3. Schraubendreher<br />

4. Schraube<br />

5. Nagel<br />

6. Mutter<br />

7. Bohrer<br />

8. Metermaß<br />

9. Inbusschlüssel<br />

10. Schraubenschlüssel<br />

l’orecchio/<br />

l’orecchia<br />

gli orecchi/<br />

le orecchie<br />

la fontana<br />

le fontane<br />

ALLTAGSITALIENISCH<br />

VERBEN MIT PRÄPOSITION<br />

Nicht im Traum!<br />

Er hat mich gebeten, ihm über 3.000 Euro<br />

zu borgen. Nicht im Traum!<br />

abituarsi a:<br />

Devo abituarmi a fare colazione alle 8.<br />

ACHTUNG DOPPELKONSONANTEN!<br />

il rene<br />

le renne<br />

Babbo Natale arriva con le renne per portare<br />

i regali [Geschenke] ai bambini.<br />

ÜBUNG<br />

Soluzioni: 1) fossi; 2) pioveva; 3) fa;<br />

4) restituiate; 5) faccia.<br />

Le congiunzioni nonostante (benché, sebbene,<br />

malgrado), a patto che, a meno che (eccetto che,<br />

salvo che), affinché vogliono il congiuntivo. Invece<br />

anche se e siccome (poiché, giacché, dato che,<br />

visto che) vogliono l’indicativo.<br />

46 <strong>ADESSO</strong> 10.2014


LE REGIONI<br />

D’ITALIA<br />

LOMBARDIA 09.2013<br />

EMILIA-ROMAGNA 10.2013<br />

MARCHE 11.2013<br />

PIEMONTE 12.2013<br />

SICILIA 01.2014<br />

FRIULI-VENEZIA GIULIA 02.2014<br />

LAZIO 03.2014<br />

BASILICATA 04.2014<br />

VALLE D’AOSTA 05.2014<br />

CAMPANIA 06.2014<br />

MOLISE 07.2014<br />

TRENTINO-ALTO ADIGE 08.2014<br />

TOSCANA 09.2014<br />

SARDEGNA 10.2014<br />

Umbria 11.2014<br />

Liguria 12.2014<br />

Calabria 01.2015<br />

Veneto 02.2015<br />

Abruzzo 03.2015<br />

Puglia 04.2015<br />

ITALIENISCH<br />

LEICHT GEMACHT<br />

JEDEN<br />

MONAT<br />

IM HEFT<br />

47<br />

Zusätzliche sowie zurückliegende<br />

Ausgaben von können<br />

Sie zusammen mit dem Sprachmagazin<br />

<strong>ADESSO</strong> nachbestellen:<br />

Tel. +49(o)89/85681-16;<br />

E-Mail: abo@spotlight-verlag.de<br />

4<br />

15<br />

2<br />

5<br />

14<br />

3 16<br />

1<br />

* SOLUZIONI DELLA RUBRICA “GIOCANDO S’IMPARA” (PAG. 40):<br />

1 Vini rossi: 2. Sangiovese 3. Cannonau 6. Barbera 7. Nebbiolo 8. Amarone 11.<br />

Nero d’Avola 12. Primitivo 13. Chianti 16. Brunello di Montalcino<br />

L’oggetto misterioso: un fiasco (vedi disegno a lato)<br />

2 anello - dito - indice - libro - pagina<br />

3 1. chitarra; 2. tamburo [Trommel ]; 3. tromba [Trompete]; 4. arpa [Harfe];<br />

5. sassofono; 6. mandolino; 7. flauto; 8. pianoforte<br />

L’opera lirica: Turandot<br />

10<br />

9<br />

6<br />

13<br />

1<br />

7<br />

12<br />

8 11<br />

<strong>ADESSO</strong> OTTOBRE 2014


L’ITALIANO PER ESPRESSO<br />

DI ANNA MANDELLI<br />

Anna Mandelli: Lehrerin für Italienisch als<br />

Fremdsprache, Lehrbuchautorin, didaktische<br />

Beraterin, Lehrerfortbildnerin und CELI-Prüferin<br />

beant<strong>wo</strong>rtet Ihre Fragen und klärt Zweifelsfälle der<br />

Grammatik und Linguistik.<br />

B2<br />

I VOSTRI DUBBI<br />

VERBI IN SENSO<br />

FIGURATO<br />

B2 selbstständige Sprachverwendung<br />

PIOVERE E L’USO FIGURATO DELLE PAROLE<br />

Ich bin ein begeisterter Leser und Lerner. Zu den Sammelkarten<br />

Verbi irregolari – piovere (<strong>ADESSO</strong>, 09/13, Seite 37) musste ich<br />

jedoch etwas schmunzeln, wenn ich mir <strong>die</strong> einzelnen Personen<br />

vorstelle, wie sie „regnen“.<br />

Ist das so ge<strong>wo</strong>llt oder macht der Computer da was er will?<br />

H. J. Sikor, Willstaett<br />

48<br />

Il verbo piovere è un verbo impersonale e viene coniugato alla<br />

terza persona singolare: piove, pioveva, pioverà, ecc.<br />

Tuttavia, quando piovere viene usato in senso figurato, può<br />

essere coniugato nelle altre persone: Quel giorno sulla città<br />

piovvero bombe. Da lassù<br />

piovemmo in terra.<br />

tuttavia jedoch<br />

Per completezza di informazioni in senso figurato<br />

Sinn<br />

im übertragenen<br />

si è scelto di presentarlo in tutte<br />

le sue forme.<br />

la completezza Vollständigkeit<br />

MEDIO<br />

ESERCIZIO A<br />

Il verbo è usato in senso figurato oppure no?<br />

Metti una crocetta.<br />

REGOLA GENERALE<br />

I verbi che indicano fenomeni meteorologici<br />

(= piovere, diluviare, nevicare, grandinare, tuonare,<br />

lampeggiare, ecc.) hanno sia l’ausiliare essere sia<br />

avere nei tempi composti ormai in ogni livello della<br />

lingua e senza sfumature di significato:<br />

è/ha piovuto, è/ha nevicato, è/ha tuonato.<br />

APPROFONDIMENTO<br />

Il verbo piovere al passato remoto ha forme<br />

irregolari: piovvi, piovesti, piovve, piovemmo,<br />

pioveste, piovvero.<br />

TIPP LESSICALE<br />

Molte metafore sono così frequenti nell’italiano<br />

corrente che le usiamo senza quasi rendercene<br />

conto; per esempio: collo della bottiglia<br />

[Flaschenhals], colpo di telefono [kurzer Anruf],<br />

filo del discorso, [Gesprächsfaden], gamba del<br />

tavolo [Tischbein], salto di qualità [Qualitätssprung],<br />

economia sommersa [Schattenwirtschaft], avere le<br />

mani bucate [das Geld durch <strong>die</strong> Finger rinnen lassen],<br />

essere uno straccio [elend aussehen], battere<br />

un avversario [einen Gegner schlagen], legarsela<br />

al dito [es sich hinter <strong>die</strong> Ohren schreiben].<br />

SÌ NO<br />

1) Le critiche piovevano da ogni parte.<br />

2) Ha piovuto tutto l’inverno.<br />

3) La grandine [Hagel] ha devastato [devastare: verwüsten]<br />

le campagne.<br />

4) Gravi lutti [Trauerfälle] hanno devastato la nostra vita.<br />

5) I continui litigi [Streitigkeiten] hanno avvelenato [avvelenare:<br />

vergiften] il loro matrimonio.<br />

6) L’assassino [Mörder] ha avvelenato la vittima [Opfer].<br />

7) Ci imbarchiamo [imbarcarsi: sich einschiffen] a Venezia<br />

per una crociera [Kreuzfahrt] di una settimana.<br />

8) Perché ti sei imbarcato in questa impresa [Unterfangen]<br />

così difficile?<br />

9) Durante la discussione lo hanno demolito.<br />

10) Hanno demolito il ponte.<br />

11) La sua fama [Ruhm] sta tramontando.<br />

12) Il sole è già tramontato.<br />

13) Ieri ho colto [cogliere: pflücken] queste fragole dell’orto.<br />

14) Ora possiamo cogliere il frutto delle nostre fatiche!<br />

15) Devo estirpare [jäten] le erbacce [Unkraut] dell’orto.<br />

16) Dobbiamo riuscire a estirpare il rancore [Groll] dal suo<br />

animo.<br />

<strong>ADESSO</strong> OTTOBRE 2014


L’ITALIANO PER ESPRESSO<br />

FACILE<br />

ESERCIZIO B<br />

Anche i sostantivi possono essere usati in senso figurato.<br />

Indica in quali frasi.<br />

DILUVIO [strömender Regen,<br />

Schwall]<br />

a ) Il diluvio ha allagato<br />

[allagare: überschwemmen] il<br />

nostro giardino e ha rovinato<br />

tutti i fiori.<br />

b ) Quella chiacchierona<br />

[Klatschbase] mi ha assalito<br />

[assalire: überfallen] con un<br />

diluvio di parole.<br />

FARO [Leuchtturm, leuchtendes<br />

Vorbild]<br />

c ) La Grecia antica è stata<br />

un faro di civiltà.<br />

d) È un faro alto 30 metri.<br />

FAME<br />

e) La fame di denaro può<br />

rovinare le amicizie.<br />

f ) Il problema della fame<br />

nel mondo non è ancora<br />

risolto [risolvere: lösen].<br />

CODA [Schwanz, Warteschlange]<br />

g) Che coda oggi alla posta!<br />

h) Non pestare [treten auf]<br />

la coda al cane!<br />

CALORE<br />

i ) Al mio ritorno dalla<br />

malattia i colleghi mi hanno<br />

accolto con calore.<br />

l ) Oggi il sole ha un calore<br />

eccessivo [übermäßig].<br />

NAUSEA [Übelkeit, Ekel]<br />

m ) Quando ero incinta<br />

[schwanger] avevo spesso la<br />

nausea.<br />

n ) I film porno mi danno<br />

la nausea.<br />

MAREA [Flut]<br />

o) Oggi la marea sale alle 6.<br />

p) Che marea di gente in<br />

spiaggia ad agosto!<br />

VULCANO<br />

q) È un vulcano di idee.<br />

r) L’Etna è un vulcano.<br />

PIUMA [Feder]<br />

s ) Questo è un materasso<br />

di piume?<br />

t ) La valigia non pesa, è<br />

una piuma.<br />

FIORE [Blume, Blüte]<br />

u ) Il girasole [Sonnenblume]<br />

è il suo fiore preferito.<br />

v ) Beato te che sei ancora<br />

nel fiore degli anni.<br />

FACILE<br />

ESERCIZIO C<br />

Completa le frasi inserendo le parole elencate qui di seguito:<br />

salto di qualità • sono uno straccio • colpo di telefono • gamba<br />

del tavolo • le mani bucate • il filo del discorso<br />

1) Prima di passare da me, dammi un ______________________.<br />

2) Ho perso ______________________.<br />

3) Non ho chiuso occhio stanotte e ora ______________________.<br />

4) Ha sposato un tipo con ______________________.<br />

5) Si è rotta la ______________________.<br />

6) Con l’arrivo del nuovo insegnante è evidente un _______________<br />

nel rendimento [Leistung] degli studenti.<br />

_______________________________<br />

___________________________________<br />

___________________________________<br />

___________________________________<br />

___________________________________<br />

___________________________________<br />

___________________________________<br />

___________________________________<br />

___________________________________<br />

___________________________________<br />

___________________________________<br />

___________________________________<br />

___________________________________<br />

___________________________________<br />

___________________________________<br />

___________________________________<br />

___________________________________<br />

___________________________________<br />

___________________________________<br />

___________________________________<br />

___________________________________<br />

___________________________________<br />

___________________________________<br />

___________________________________<br />

___________________________________<br />

___________________________________<br />

SOLUZIONI:<br />

ESERCIZIO A:<br />

SÌ: 1, 4, 5, 8, 9, 11, 14, 16.<br />

NO: 2, 3, 6, 7, 10, 12, 13, 15.<br />

ESERCIZIO B: Sostantivi usati in senso figurato:<br />

b, c, e, g, i, n, p, q, t, v.<br />

ESERCIZIO C: 1) colpo di telefono 2) il filo del<br />

discorso 3) sono uno straccio 4) le mani bucate<br />

5) gamba del tavolo 6) salto di qualità.<br />

ESERCIZIO 1A: 1. b; 2. c; 3. e; 4. g; 5. h; 6. a;<br />

7. d; 8. f; 9. k; 10. j; 11. i; 12. l; 13. n; 14. m.<br />

1B: 1) trattarmi come un cane; 2) come cane e<br />

gatto; 3) un cane bastonato; 4) fatto da cani.<br />

ESERCIZIO 2: 1. c; 2. f; 3. a; 4. m; 5. i; 6. b;<br />

7. h; 8. d; 9. e.<br />

ESERCIZIO 3: Il cane abbaia [bellt], ringhia<br />

[knurrt], latra [kläfft], uggiola [winselt], guaisce<br />

[jault], scodinzola [wedelt].<br />

Gli altri significati: muggire [muhen]; galoppare<br />

[galoppieren]; nitrire [wiehern]; ruggire<br />

[brüllen]; belare [blöken]; frinire [zirpen];<br />

starnazzare [mit den Flügeln Staub auf wirbeln];<br />

grugnire [grunzen]; pigolare [piepen]; trottare<br />

[traben]; miagolare [miauen].<br />

49<br />

<strong>ADESSO</strong> OTTOBRE 2014


ESPRESSIONI E PROVERBI<br />

UNA PAROLA TIRA L’ALTRA<br />

• attenti al ... [Vorsicht, bissiger Hund]<br />

• morire come un ... [einsam und<br />

verlassen sterben]<br />

• cantare come un ... [unmusikalisch<br />

sein]<br />

• un ... bastonato [geprügelter Hund]<br />

• fare qualcosa da ... [etw. hundsmiserabel<br />

machen]<br />

• essere come ... e gatto [wie<br />

Hund und Katze sein]<br />

• trattare qualcuno come un ...<br />

[jdn. wie ein Stück Vieh behandeln]<br />

• non c'è un ... [es ist kein<br />

Schwein/Mensch da]<br />

• vita da ... [Hundeleben]<br />

• essere solo come un ... [mutterseelenallein<br />

sein]<br />

• ... che abbaia non morde [bellende<br />

Hunde beißen nicht]<br />

• non svegliare il ... che dorme<br />

[keine schlafenden Hunde wecken]<br />

• menare il ... per l’aia [sich winden<br />

wie ein Aal]<br />

• voler raddrizzare le gambe ai ...<br />

[ein Ding der Unmöglichkeit <strong>wo</strong>llen]<br />

TIPOLOGIA<br />

•... da caccia [Jagd-]<br />

• ... da guardia [Wach-]<br />

• ... da difesa [Schutz-]<br />

• ... da tartufo [Trüffel-]<br />

• ... da slitta [Schlitten-]<br />

• ... da valanga [Lawinensuch-]<br />

• ... da pastore [Schäfer-]<br />

• ... a pelo raso [kurzhaarig]<br />

• ... a pelo lungo<br />

• ... di piccola taglia [klein]<br />

• ... di grossa taglia [groß]<br />

• ... di razza [Rasse-]<br />

• ... bastardo [nicht reinrassig]<br />

• ... randagio [streunend]<br />

• ... poliziotto [Polizei-]<br />

• ... addestrato [abgerichtet]<br />

• ... guida (per i ciechi) [Blinden-]<br />

VERBI<br />

• portare fuori il ...<br />

• tenere il ... al guinzaglio<br />

[an der Leine führen]<br />

• aizzare il ... [hetzen auf]<br />

• sguinzagliare il ... [loslassen auf]<br />

PAROLE DERIVATE<br />

50<br />

PAROLE COMPOSTE<br />

• pescecane [Haifisch]<br />

• accalappiacani [Hundefänger]<br />

• acchiappacani [Hundefänger]<br />

CANE<br />

• canile [Tierheim]<br />

• canino [Eckzahn]<br />

• canicola [Hundstage]<br />

• cagnara [Radau]<br />

• cagnaccio [Köter]<br />

• cagnolino [Hündchen]<br />

• cagnetto [Hündchen]<br />

• cagnone [großer Hund]<br />

MEDIO ESERCIZIO 1A*<br />

Qual è il significato delle espressioni e dei proverbi?<br />

1) come cane e gatto significa…<br />

2) solo come un cane significa…<br />

3) cantare come un cane significa…<br />

4) trattare qualcuno come un cane significa…<br />

5) come un cane bastonato significa…<br />

6) fatto da cani significa…<br />

7) morire come un cane significa…<br />

8) vita da cani significa…<br />

9) non c’è un cane significa…<br />

10) can che abbaia non morde significa…<br />

11) voler raddrizzare le gambe ai cani significa…<br />

12) menare il can per l’aia significa…<br />

13) non svegliare il can che dorme significa…<br />

14) cane non mangia cane significa…<br />

a) mal fatto<br />

b) non andare d’accordo<br />

c) non avere amici<br />

d) senza conforto [Trost]<br />

e) essere stonato<br />

f) dura<br />

g) in modo scortese [unhöflich]<br />

h) avvilito [entmutigt], umiliato [erniedrigt]<br />

i) volere l’impossibile<br />

j) chi minaccia [drohen] tanto a parole, poi non fa niente<br />

k) non c’è nessuno<br />

l) fare giri di parole [Umschreibungen], tirarla in lungo<br />

m) i potenti [Mächtige] sono alleati e complici<br />

n) non stuzzicare [reizen] chi o cosa non dà fastidio.<br />

* SOLUZIONI A PAGINA 49<br />

<strong>ADESSO</strong> OTTOBRE 2014


UNA PAROLA TIRA L’ALTRA<br />

MEDIO ESERCIZIO 1B*<br />

Ora inserisci le espressioni al posto giusto:<br />

è morto come un cane • come cane e gatto<br />

trattarmi come un cane • non c’è un cane.<br />

1. Non ti permetterò [permettere: zulassen] più di _______.<br />

2. Basta litigare [streiten], ragazzi! Siete ________________.<br />

3. Dopo questa delusione mi sento come ______________.<br />

4. Questo lavoro è da rifare: è _________________________.<br />

FACILE<br />

ESERCIZIO 2*<br />

Le razze dei cani: collega il termine italiano alla parola<br />

tedesca corrispondente.<br />

1) barboncino a) Deutscher Schäferhund<br />

2) volpino b) Bracke<br />

3) pastore tedesco c) Pudel<br />

4) cocker d) Wolfshund<br />

5) sanbernardo e) Dogge<br />

6) bracco f) Spitz<br />

7) mastino g) Dackel<br />

8) cane lupo h) Mastiff<br />

9) alano i) Bernhardiner<br />

51<br />

SUL NOSTRO SITO<br />

www.adesso-online.de<br />

ESERCIZI<br />

Ogni settimana sul nostro sito trovi un<br />

nuovo esercizio. Questo mese: esercizi sui<br />

pronomi, modi di dire con la parola gioco,<br />

i verbi ausiliari e i falsi amici.<br />

CULTURA<br />

• Due volte al mese il quiz culturale<br />

• Una volta al mese il gioco<br />

Indovina il monumento.<br />

<strong>ADESSO</strong> MAGAZIN<br />

È ANCHE SU FACEBOOK<br />

Diventa fan della nostra pagina Facebook!<br />

www.facebook.com/adesso.magazin.<br />

Ogni giorno puoi esercitare il tuo italiano,<br />

ricevere notizie sull’<strong>Italia</strong> e restare sempre<br />

aggiornato sui contenuti dei nostri prodotti.<br />

DIFFICILE ESERCIZIO 3*<br />

Cerca i sei verbi che si riferiscono al cane.<br />

SONDAGGIO<br />

SEMESTRE ITALIANO DI PRE-<br />

SIDENZA UE. LA PRIORITÀ È…?<br />

Risultati del sondaggio pubblicato su<br />

<strong>ADESSO</strong>-online dal 21/ 07 al 20/08 / 2014<br />

ABBAIA<br />

RINGHIA<br />

MUGGISCE<br />

LATRA<br />

UGGIOLA<br />

GALOPPA<br />

NITRISCE<br />

RUGGISCE<br />

BELA<br />

FRINISCE<br />

GUAISCE<br />

STARNAZZA<br />

GRUGNISCE<br />

PIGOLA<br />

SCODINZOLA<br />

TROTTA<br />

MIAGOLA<br />

Impedire le stragi<br />

dei migranti<br />

29%<br />

Accelerare<br />

l'integrazione<br />

politica<br />

18%<br />

CURIOSITÀ<br />

• Le persone hanno le gambe e gli animali hanno le zampe.<br />

• Brutto cane! Cane maledetto! Figlio d’un cane! sono insulti.<br />

Regolamentare<br />

il mercato<br />

finanziario<br />

29%<br />

Rivedere il patto<br />

di stabilità<br />

24%<br />

<strong>ADESSO</strong> OTTOBRE 2014


LINGUA VIVA<br />

DI DANIELA MANGIONE<br />

Le sorti del congiuntivo<br />

Ähnlich dem deutschen Genitiv ist der italienische Konjunktiv, untrügliches<br />

Zeichen gehobener Ausdrucksweise, oft Opfer sprachlicher Misshandlung.<br />

Mittlerweile gibt es zu seiner Rettung umfangreiche Literatur.<br />

52<br />

la sorte<br />

la decina<br />

la quinta<br />

elementare<br />

il conduttore<br />

il giornalista<br />

la libertà<br />

gli anni (pl.)<br />

Ottanta<br />

l’attenzione f.<br />

tanto per<br />

cominciare<br />

la spia<br />

Schicksal<br />

etwa zehn<br />

Fünfte Klasse<br />

(Grundschule)<br />

Moderator<br />

Journalist<br />

Freiheit<br />

Achtziger<br />

Jahre<br />

Aufmerksamkeit<br />

um einen<br />

Anfang zu<br />

machen<br />

Indikator,<br />

Anzeichen<br />

il linguaggio<br />

Sprache, Ausdrucksweise<br />

Mühe<br />

vermeiden<br />

Gesetz<br />

aufzeigen<br />

(be)urteilen<br />

öffentlich<br />

zum rechten<br />

Maß zurückführen<br />

Furcht<br />

Verschwinden<br />

Schande<br />

falsch<br />

il fastidio<br />

evitare<br />

la legge<br />

additare<br />

giudicare<br />

pubblico<br />

ridimensionare<br />

il timore<br />

la scomparsa<br />

la vergogna<br />

sbagliato<br />

Una scritta su un muro che attesta l’erroneo uso dell’indicativo<br />

al posto del congiuntivo. La frase corretta è: Vorrei che aprissi gli<br />

occhi, come io per te!<br />

POCO PIÙ DI UNA DECINA DI ANNI FA, UNA<br />

QUINTA ELEMENTARE DI TREVISO SCRISSE UNA<br />

LETTERA APERTA AI CONDUTTORI E AI GIOR-<br />

NALISTI TELEVISIVI PERCHÉ RISPETTASSERO DI<br />

PIÙ LE REGOLE DEL CONGIUNTIVO (vedi <strong>ADESSO</strong>,<br />

03/03). La discussione è continuata e, dopo le libertà degli<br />

anni Ottanta e Novanta, a questo modo verbale è stata<br />

effettivamente riservata maggiore attenzione. Tanto<br />

per cominciare, il congiuntivo è stato dichiarato spia del<br />

linguaggio di registro medio-alto. È vero, nei talk show<br />

e in parlamento i politici sembrano talvolta considerare<br />

il congiuntivo un fastidio da evitare – come il rispetto<br />

delle leggi, d’altronde – ma quanto meno, ora vengono<br />

additati e giudicati sempre più spesso dai media. Tanto<br />

che, davanti a questo pubblico tribunale, qualcuno ha<br />

iniziato a manifestare qualche forma di intolleranza, per<br />

esempio scrivendo pamphlet contro “l’ossessione del<br />

congiuntivo”, forse per ridimensionare i timori di una<br />

sua scomparsa (Salvatore Claudio Sgroi, Dove va il congiuntivo?<br />

Ovvero il congiuntivo da nove punti di vista, Utet,<br />

2013). La vergogna del congiuntivo sbagliato è entrata<br />

L’ANGOLO DELL’ETIMOLOGIA<br />

NOVITÀ<br />

SCAPOLO<br />

L’origine [Herkunft] della parola scapolo mostra quanto il matrimonio sia considerato<br />

in <strong>Italia</strong> un legame [Bindung]… non sempre dilettevole. Troviamo il termine<br />

nella Venezia del Duecento [13. Jahrhundert], dove designava il marinaio<br />

[Matrose] che aveva finito il periodo di arruolamento [Wehr<strong>die</strong>nst]: poiché il<br />

capulus era il cappio [Schlinge], una volta diventato ex-capulus, ovvero libero<br />

dal cappio della disciplina militare, era pronto per sposarsi [heiraten]. Il cappio<br />

al quale erano scampati [scampare: entkommen] i marinai è stato identificato<br />

con quello che sarebbe venuto dopo: il matrimonio. Ex-capulus, “colui che è<br />

ancora libero dal cappio”, è diventato scapolo, l’uomo non ancora sposato.<br />

<strong>ADESSO</strong> OTTOBRE 2014


LINGUA VIVA<br />

NOVITÀ<br />

NOVITÀ<br />

<strong>ADESSO</strong>audio<br />

Ascolta un brano radiofonico<br />

sull’uso del congiuntivo.<br />

Bewusstsein<br />

Augenkrankheit<br />

Fluch<br />

Selbststudium<br />

la coscienza<br />

la malattia<br />

degli occhi<br />

la bestemmia<br />

l’autoapprendimento<br />

comprendere<br />

l’incertezza<br />

suddividere<br />

d’opinione<br />

esortativo<br />

l’uso<br />

la fonte<br />

magari<br />

graduato<br />

in rapporto a<br />

gettonato<br />

collaudato<br />

il cenno<br />

la sfumatura<br />

indispensabile<br />

l’abuso<br />

celebre<br />

gradire<br />

la versione<br />

cartacea<br />

andare a ruba<br />

einschließen<br />

Unsicherheit<br />

aufteilen<br />

hier: der<br />

Meinungsäußerung<br />

auffordernd<br />

Anwendung<br />

Quelle<br />

schön wär’s<br />

gestaffelt<br />

im Verhältnis<br />

zu<br />

beliebt, gefragt<br />

bewährt<br />

Hinweis<br />

Nuance<br />

unerlässlich<br />

Missbrauch,<br />

falsche Verwendung<br />

berühmt<br />

mögen<br />

Papierausgabe<br />

reißenden<br />

Absatz finden<br />

PER APPROFONDIRE:*<br />

S. C. Sgroi, Dove va il congiuntivo? Ovvero il congiuntivo<br />

da nove punti di vista, Utet Università, € 21.<br />

L. Chiappini, N. De Filippo, Congiuntivo, che<br />

passione! Teoria e pratica per capire e usare il congiuntivo<br />

in italiano, Bonacci, € 19,90.<br />

D. Mancini, T. Marani, Il congiuntivo, youcanprint, € 15.<br />

V. Della Valle, G. Patota, Viva il congiuntivo! Come e<br />

quando usarlo senza sbagliare, Sperling & Kupfer,<br />

€ 17,95.<br />

SCELTI PER VOI:*<br />

NOVITÀ Edilingua ha inaugurato [inaugurare: eröffnen,<br />

hier: herausgeben] una nuova collana [Verlagsreihe] per<br />

imparare l’italiano attraverso quanto di più leggero e<br />

ameno [unterhaltsam] vi sia tra i vari generi di lettura: i<br />

fumetti [Comic]. Per ora sono usciti “Imparare l’italiano<br />

con” L’alba dei morti viventi [Untoter] e Jack lo squartatore<br />

[Jack the Ripper], di Dylan Dog: € 9 ciascuno.<br />

NOVITÀ È uscita una nuova Grammatica italiana per<br />

l’editore Alpha Test: comprende tutti i settori grammaticali,<br />

dall’ortografia alla fonetica, dall’analisi logica a<br />

quella del periodo. È adatta dunque anche a studenti<br />

che si devono preparare per scuole o università italiane:<br />

€ 9,60.<br />

però nella coscienza comune, tanto che, accanto a racconti<br />

sugli errori dei politici, sono nati gruppi Facebook<br />

come Aspettando il giorno in cui il congiuntivo tornerà di<br />

moda o Il congiuntivo non è una malattia degli occhi. Dentro,<br />

si possono leggere post come: “No, il congiuntivo trapassato<br />

non è una bestemmia”.<br />

Nel frattempo, si sono moltiplicati i libri dedicati al congiuntivo.<br />

Tra i più recenti, segnaliamo Congiuntivo, che<br />

passione!, uscito per Bonacci, un testo completo, adatto<br />

sia all’autoapprendimento che allo studio in classe. È stato<br />

pensato per un pubblico<br />

ampio, che comprende<br />

gli stranieri, ma anche gli<br />

italiani che hanno incertezze<br />

sull’uso di questo<br />

importante modo verbale.<br />

È suddiviso in brevi capitoli,<br />

ognuno dedicato a un<br />

particolare uso del congiuntivo:<br />

con i verbi d’opinione,<br />

nelle frasi esortative<br />

o desiderative, nel<br />

periodo ipotetico o nelle<br />

frasi relative, per fare solo<br />

qualche esempio.<br />

Di tutti gli usi sono forniti<br />

esempi testuali tratti da<br />

fonti diverse: pubblicità,<br />

quotidiani, canzoni, testi<br />

letterari e casi particolari<br />

della lingua parlata.<br />

È molto più frequente di<br />

quanto non si pensi, infatti,<br />

sentirsi dire o dover<br />

usare espressioni come<br />

senta…, magari…, Prego,<br />

faccia pure... o Che resti fra<br />

di noi. Adatto a un livello<br />

compreso tra il B1 e il C2,<br />

il manuale è “fortemente<br />

orientato alla pratica” e<br />

presenta esercizi ben graduati<br />

in rapporto al livello dello studente. Unisce esercizi<br />

e spiegazioni d’uso anche Il congiuntivo, del piccolo<br />

editore youcanprint. Uno dei testi più gettonati, con ristampe<br />

e diverse edizioni in <strong>Italia</strong>, è il collaudato Viva il<br />

congiuntivo! Come e quando usarlo senza sbagliare. Gli autori,<br />

i linguisti Valeria Della Valle e Giuseppe Patota, illustrano<br />

attraverso cenni alla storia della lingua italiana<br />

le origini di questo modo verbale, in grado di esprimere<br />

le sfumature più sottili e per questo indispensabile anche<br />

nella vita quotidiana. Non mancano esempi di uso<br />

e abuso del congiuntivo, molti tratti dalla cinematografia:<br />

da Fantozzi, con il suo celebre “Facci pure!”, a Fellini,<br />

che <strong>die</strong>de alla celebre figura femminile di Amarcord il<br />

nome di Gradisca, derivato dal congiuntivo esortativo<br />

del verbo gradire, da lei usato per offrirsi. Dopo aver fornito<br />

le regole essenziali, il libro propone un test di verifica.<br />

La versione cartacea in <strong>Italia</strong> è andata a ruba. Oggi<br />

è disponibile anche in e-book.<br />

* I prezzi sono indicativi<br />

53<br />

<strong>ADESSO</strong> OTTOBRE 2014


FINE SETTIMANA<br />

La città del sapere<br />

PAVIA<br />

Seit den Viscontis gilt Pavia als Zentrum für Kunst und Wissenschaft.<br />

Neben kulturellen Highlights wie dem Castello oder der Kartause<br />

kommen aber auch profane Genüsse nicht zu kurz.<br />

Testo: Francesco De Tomaso<br />

54<br />

Per le stradette sassose di Pavia camminavo a lungo<br />

davanti a balconi di ferro battuto, davanti a colonne<br />

incorporate nel muro, archi smozzicati d’antiche porte,<br />

e s’aprivano impreviste, intorno a un misero pino<br />

storto, piazzette dove pareva che gli ultimi secoli fossero<br />

passati invano…<br />

È il taccuino di viaggio di Alberto Arbasino, uno dei più<br />

grandi scrittori italiani: sembra la descrizione di un mondo<br />

remoto e incantato, eppure Arbasino era di Voghera,<br />

a pochi chilometri da Pavia. Questo per dire che, se la<br />

città lombarda è un gioiello anche per chi vive poco fuori<br />

dalle sue mura, figuriamoci per chi arriva da lontano.<br />

Del resto, Pavia è sempre stata un polo d’attrazione per<br />

tutta Europa: la sua università è una delle più antiche e<br />

famose del Vecchio Continente. Ecco perché, in passato,<br />

per quelle stesse “stradette sassose”, si trovarono a passeggiare<br />

con i libri sottobraccio personaggi del calibro di<br />

sassoso<br />

il ferro battuto<br />

la colonna<br />

incorporato<br />

smozzicato<br />

imprevisto<br />

misero<br />

storto<br />

il secolo<br />

passare<br />

invano<br />

il taccuino<br />

remoto<br />

le mura pl.<br />

figuriamoci<br />

il polo d’attrazione<br />

passeggiare<br />

sottobraccio<br />

steinig<br />

Schmiedeeisen<br />

Säule<br />

eingebettet<br />

hier: brüchig<br />

plötzlich<br />

kümmerlich<br />

schief<br />

Jahrhundert<br />

hier: spurlos<br />

vorübergehen<br />

Notizbuch<br />

fern<br />

Stadtmauer<br />

hier: dann erst<br />

recht<br />

Anziehungspunkt<br />

spazieren<br />

unterm Arm<br />

per eccellenza<br />

scendere dalla<br />

cattedra<br />

trascorrere<br />

lo svago<br />

privilegiato<br />

l’itinerario<br />

di ogni sorta<br />

vegliare<br />

la mole<br />

il console<br />

comunale<br />

fare da contraltare<br />

a qc.<br />

suggestivo<br />

affidare<br />

il consulente<br />

andare per le<br />

lunghe<br />

schlechthin<br />

vom Ross<br />

herabsteigen<br />

verbringen<br />

Abwechslung<br />

bevorzugt<br />

Route<br />

jeder Art<br />

wachen<br />

enormes<br />

Ausmaß<br />

Gemeinderat<br />

der Gegensatz<br />

von etw. sein<br />

beeindruckend<br />

übertragen<br />

Berater<br />

sich hinziehen<br />

Alessandro Volta, Ugo Foscolo, Vincenzo Monti e tanti<br />

altri “grandi” che avrebbero fatto la storia d’<strong>Italia</strong>.<br />

Considerata “la città del sapere” per eccellenza, Pavia sa<br />

anche scendere dalla cattedra e far trascorrere al visitatore<br />

un fine settimana di delizioso svago. Indossate scarpe<br />

comode, quindi, e raggiungete il punto di partenza privilegiato<br />

per un itinerario pavese: Piazza della Vittoria,<br />

ovvero il centro nevralgico di Pavia. Ora guardatevi intorno:<br />

su quella che un tempo si chiamava Piazza Grande,<br />

sotto i portici, si affacciano locali e botteghe tipiche di<br />

ogni sorta. A vegliarli, con la sua notevole mole, è il Palazzo<br />

del Broletto, antica sede dei consoli comunali, cui<br />

fanno da contraltare due tra le più suggestive chiese pavesi:<br />

la romanica Santa Maria Gualtieri, dell’XI secolo, e<br />

il Duomo, voluto nel 1488 da Ascanio Sforza. Il progetto<br />

fu affidato al Bramante e suo consulente fu Leonardo Da<br />

Vinci. I lavori andarono tuttavia per le lunghe, al punto<br />

© Catherine Stuckhard/laif, Huber/Sime, LOOK<br />

<strong>ADESSO</strong> OTTOBRE 2014


FINE SETTIMANA<br />

55<br />

PICCOLO TESORO<br />

LOMBARDO<br />

Qui dall’alto: il Ponte<br />

Coperto sul Ticino e il<br />

Duomo di Pavia sullo<br />

sfondo; la statua<br />

equestre del Regisole<br />

davanti al Duomo di<br />

Pavia. Nell’altra pagina:<br />

acciottolato in Piazza<br />

della Vittoria.<br />

<strong>ADESSO</strong> OTTOBRE 2014


LA CHIESA SANTA MARIA<br />

DELLE GRAZIE<br />

La struttura della chiesa è in stile tardo<br />

gotico [spätgotisch]; la facciata e le<br />

decorazioni sono rinascimentali.<br />

LA PARTE SUPERIORE<br />

La parte superiore della facciata è<br />

composta da lunette, bifore,<br />

edicole [Ädikulen] a pinnacolo<br />

[Zinne] e una fascia di logge.<br />

L’INTERNO<br />

L’interno della chiesa è<br />

in stile gotico ed è diviso<br />

in tre navate [Schiffe] da<br />

grandi pilastri [Säulen]<br />

che sostengono le volte a<br />

crociera [Kreuzgewölbe].<br />

IL CANCELLO<br />

Nella navata<br />

centrale si trova una<br />

cancellata in bronzo<br />

e ferro battuto<br />

[Schmiedeeisen].<br />

Risale al 1660 e<br />

separa il transetto<br />

[Querschiff] dal resto<br />

della chiesa.<br />

56<br />

SPOGLIE [sterbliche<br />

Überreste] REALI<br />

Qui si trova il<br />

monumento funebre di<br />

Gian Galeazzo Visconti,<br />

del 1492.<br />

LA FACCIATA<br />

La parte inferiore è quella più antica<br />

ed è stata realizzata, tra gli<br />

altri, da Giovanni Solari, Giovanni<br />

Antonio Amadeo e Gian Giacomo<br />

Dolcebuono.<br />

La Certosa di Pavia<br />

Andare a Pavia senza visitare la celebre Certosa, a<br />

pochi chilometri dal centro, è quasi un delitto. Un<br />

grande viale alberato porta al monastero, sorto per volere<br />

di Gian Galeazzo Visconti, duca di Milano, a partire<br />

dal 1396 e ora gestito dai frati cistercensi. Un progetto<br />

nato da un voto della moglie Caterina e subito concepito<br />

dal duca di Milano come grandiosa celebrazione della<br />

dinastia viscontea. La visita comincia in una piazzetta<br />

con aiuole curatissime, attraverso la quale si arriva alla<br />

chiesa Santa Maria delle Grazie, cuore pulsante del<br />

complesso, con la facciata in stile gotico. Nel transetto<br />

si trova il celebre cenotafio di Ludovico Sforza, detto “il<br />

Moro”, con la sposa bambina Beatrice d’Este, fidanzata<br />

alla tenera età di cinque anni. L’interno della Certosa si<br />

può visitare in parte da soli, poi si arriva a un cancelletto,<br />

dove un monaco è sempre pronto a dare il benvenuto<br />

nel monastero. Si possono così ammirare gli ambienti in<br />

cui vivevano e vivono i frati, dal refettorio alle celle usate<br />

nei secoli passati, chiamate villette. Si trattava infatti di<br />

minuscoli “monolocali” con letto, servizi, dispensa, studio<br />

e un piccolo giardino. In quasi due secoli impiegati<br />

per la costruzione del complesso, si sono avvicendati<br />

i migliori architetti, pittori e scultori, come Bernardo da<br />

Venezia, progettista del Duomo di Milano, il Mantegazza<br />

e il Bergognone.<br />

la Certosa<br />

il delitto<br />

il viale<br />

alberato<br />

il monastero<br />

il duca<br />

gestito<br />

il frate<br />

cistercense<br />

il voto<br />

concepito<br />

l’aiuola<br />

il transetto<br />

il cenotafio<br />

IL CHIOSTRO LATERALE<br />

Il chiostro [Kreuzgang] piccolo contiene<br />

decorazioni in terracotta. Qui si svolgeva la vita<br />

comunitaria dei padri che vivevano nella<br />

Certosa. Le stanze dei monaci [Mönche] si<br />

affacciavano [affacciare: hinausgehen], invece,<br />

sul chiostro grande.<br />

Kartause<br />

hier: Sünde<br />

Allee<br />

Kloster<br />

Herzog<br />

geleitet<br />

Zisterziensermönch<br />

Gelübde<br />

auffassen<br />

Blumenbeet<br />

Querschiff<br />

Gedächtnismonument<br />

la sposa<br />

bambina<br />

il cancelletto<br />

l’ambiente m.<br />

il refettorio<br />

i servizi pl.<br />

la dispensa<br />

avvicendarsi<br />

il pittore<br />

lo scultore<br />

il progettista<br />

Kindsbraut<br />

kleines Tor<br />

Raum<br />

Speisesaal,<br />

Refektorium<br />

hier: Waschraum<br />

Speisekammer<br />

sich<br />

abwechseln<br />

Maler<br />

Bildhauer<br />

Planer<br />

<strong>ADESSO</strong> OTTOBRE 2014


FINE SETTIMANA<br />

che la cupola venne costruita nell’Ottocento. Ne è valsa<br />

la pena visto che, con i suoi 92 metri e la struttura ottagonale,<br />

è la terza in <strong>Italia</strong> per dimensioni. Dopo la visita al<br />

Duomo, chi conosce bene Pavia suggerisce di imboccare<br />

l’elegante Via XX settembre e percorrere le poche decine<br />

di metri che portano fino alla bellissima chiesa di Santa<br />

Maria del Carmine: biglietto da visita, le sette guglie<br />

e il grande rosone che la rendono inconfondibile. Poco<br />

oltre, ecco materializzarsi uno degli edifici caratteristici<br />

della Pavia storica, cioè il Castello Visconteo, risalente<br />

al 1360. Costruito per volere di Galeazzo Sforza, un tempo<br />

era collegato tramite un vasto e lussureggiante parco<br />

alla Certosa (vedi pagina 56): l’intera area era in parte destinata<br />

alla caccia e in parte ai terreni agricoli. Una volta<br />

l’interno del Castello era un susseguirsi di appartamenti<br />

con mobilio di gran pregio, poi l’armata francese distrusse<br />

ogni cosa, nel 1527. Adesso, quel che un tempo appartenne<br />

ai Visconti è… di tutti, nel senso che l’edifico ospita<br />

il Museo civico. Poi, finalmente, dopo avere imboccato<br />

Corso Carlo Alberto si giunge al fiore all’occhiello di Pavia:<br />

l’Università. La zona universitaria è un po’ una città<br />

nella città, visto il brulicare di studenti che affollano i<br />

vicoli e i locali. Come dicevamo, l’ateneo ebbe tra le sue<br />

L’ELEGANZA<br />

DELLA CERTOSA<br />

Qui, dal basso: il sarcofago di<br />

Ludovico il Moro e Beatrice d’Este<br />

all’interno della chiesa di<br />

Santa Maria delle Grazie, nella<br />

Certosa di Pavia; la facciata della<br />

Certosa di Pavia.<br />

costruire<br />

valere la pena<br />

suggerire<br />

imboccare<br />

la guglia<br />

il rosone<br />

inconfondibile<br />

l’edificio<br />

lussureggiante<br />

destinato a<br />

susseguirsi<br />

matricole personaggi famosi, compreso un certo Cristoforo<br />

Colombo: non per niente un pizzico delle sue ceneri<br />

è custodito proprio qui, nella biblioteca. Biblioteca che fu<br />

frequentata da Alessandro Volta per documentazione e<br />

poi per i suoi esperimenti. L’inventore della pila girava<br />

per i laboratori dell’edificio centrale dell’ateneo, costruito<br />

da Ludovico il Moro nel 1492, proprio mentre l’ex allievo<br />

Colombo scopriva l’America. Vale la pena di citare,<br />

prima di lasciare l’Università, il Collegio Borromeo e il<br />

Collegio Ghisleri, fondati per gli studenti poveri e gestiti<br />

da religiosi, e le tre torri me<strong>die</strong>vali, ultime superstiti delle<br />

oltre 150 che un tempo erano in città.<br />

Il paradiso<br />

in una torta<br />

di gran<br />

pregio<br />

l’armata<br />

ospitare<br />

il fiore<br />

all’occhiello<br />

brulicare<br />

affollare<br />

il pizzico<br />

le ceneri pl.<br />

custodire<br />

l’inventore m.<br />

la pila<br />

hochwertig<br />

errichten<br />

sich lohnen<br />

empfehlen<br />

einschlagen<br />

Fiale<br />

Rosette<br />

unverwechselbar<br />

Gebäude<br />

üppig<br />

bestimmt für<br />

aufeinanderfolgen<br />

Heer<br />

beherbergen<br />

Aushängeschild<br />

wimmeln<br />

füllen<br />

Prise<br />

Asche<br />

aufbewahren<br />

Erfinder<br />

Batterie<br />

A Pavia, in Corso Strada<br />

Nuova 110, proprio di<br />

fronte agli edifici dell’università,<br />

si trova dal 1878<br />

l’antica Pasticceria Vigoni.<br />

In questo affascinante<br />

caffè storico si rivivono ancora oggi atmosfere Liberty,<br />

tra ottoni, specchi e motivi floreali. Vide la luce<br />

qui, verso la fine dell’Ottocento, il dolce simbolo di<br />

Pavia, la torta Paradiso, nata dalla creatività di Enrico<br />

Vigoni. Il marchese Cusani Visconti si era rivolto al<br />

giovane pasticciere<br />

l’edificio Gebäude con la richiesta di un<br />

rivivere wieder<br />

erleben dolce molto particolare.<br />

Enrico si mise su-<br />

il Liberty Jugendstil<br />

l’ottone m. hier: Messinggegenstanbito<br />

all’opera nel suo<br />

vedere la luce das Licht der laboratorio e riuscì a<br />

Welt erblicken creare una torta squisita,<br />

soffice come una<br />

il pasticciere Konditor<br />

la richiesta Anfrage, hier:<br />

Bestellung nuvola. La leggenda<br />

mettersi sich ans Werk dice che una nobildonna,<br />

tra i primi ad<br />

all’opera machen<br />

soffice locker,<br />

fluffig assaggiarla, esclamò<br />

la nobildonna Edelfrau entusiasta: “Questa<br />

assaggiare probieren torta è un paradiso!”<br />

© Illustrazione: F. Corni. Foto: Huber/Sime, LOOK<br />

57<br />

<strong>ADESSO</strong> OTTOBRE 2014


Qui: le tre torri me<strong>die</strong>vali<br />

della città. Sotto: le<br />

decorazioni sulla facciata della<br />

basilica di San Michele.<br />

58<br />

Altri tesori di Pavia si trovano nei pressi dell’Università<br />

e sono visitabili nell’ordine che volete, visto che parliamo<br />

di una cittadina dove ogni itinerario si può cambiare<br />

all’ultimo momento. Cominciando dagli edifici religiosi,<br />

San Pietro in Ciel d’Oro, che si trova nell’omonima<br />

piazza, risale al VI secolo ed è famosa perché ospita le<br />

spoglie di Agostino, morto in Algeria, che furono qui<br />

traslate nell’VIII secolo dal re longobardo Liutprando. Si<br />

trovano nella cosiddetta Arca di sant’Agostino, in marmo,<br />

ornata da circa 150 statue e bassorilievi. Guardandosi<br />

intorno si possono poi ammirare altri tesori, tra affreschi<br />

e arredi religiosi, nonché un’altra tomba, quella del<br />

re longobardo Liutprando, cioè proprio colui che aveva<br />

fatto portare qui le spoglie del santo.<br />

La basilica di San Michele, in stile romanico e in pietra<br />

arenaria, è forse il monumento me<strong>die</strong>vale più importante<br />

della città: risale al 1090, anche se l’impianto, così come<br />

lo vediamo oggi, è del 1155. I pavesi lo ricordano come il<br />

luogo in cui fu incoronato Federico I Barbarossa. Appena<br />

usciti dalla chiesa, si può raggiungere l’ultima meraviglia<br />

Lo sapevate che…<br />

Pavia è stata capitale [Hauptstadt]! Fondata [gegründet] dai<br />

Romani con il nome di Ticinum, perchè adagiata [liegend]<br />

sul Ticino, nel 600 d.C. fu capitale del regno dei Longobardi<br />

con il nome di Papia.<br />

storica che offre Pavia: il Ponte Coperto, simbolo della città.<br />

Quello attuale, in realtà, è l’ultimo nato di una “famiglia”<br />

di ponti. La prima versione risale all’antica Roma,<br />

poi il passaggio sul Ticino fu completamente rifatto nel<br />

Trecento e, successivamente, si dovette ancora metterci<br />

mano dopo gli sconquassi della seconda guerra mondiale.<br />

Al di là del Ponte Coperto, ecco il pittoresco quartiere<br />

di Borgo Ticino, ricco di osterie tipiche. La sosta è doverosa<br />

e meritata. Pavia, la colta città del sapere universitario,<br />

sa educare come si deve anche il palato: gustate la<br />

zuppa con uova e crostini o il risotto alla certosina e rane<br />

fritte, ve ne andrete laureati e felici. <br />

© Huber/Sime, Catherine Stuckhard/laif<br />

omonimo<br />

risalire a<br />

le spoglie pl.<br />

traslare<br />

ornato<br />

a ridosso di<br />

l’arredo<br />

colui<br />

la pietra<br />

arenaria<br />

l’impianto<br />

incoronare<br />

in realtà<br />

rifare<br />

mettere mano<br />

a qc.<br />

gleichnamig<br />

zurückgehen<br />

auf<br />

sterbliche<br />

Überreste<br />

überführen<br />

geschmückt<br />

hinter<br />

Gerät<br />

derjenige<br />

Sandstein<br />

Anlage<br />

krönen<br />

in Wirklichkeit<br />

neu machen<br />

an etw. Hand<br />

anlegen<br />

lo sconquasso Zerstörung<br />

doveroso geboten<br />

meritato ver<strong>die</strong>nt<br />

come si deve wie es sich<br />

gehört<br />

alla certosina: mit Erbsen, Pilzen,<br />

Garnelen, Knoblauch und<br />

Olivenöl<br />

la rana Frosch<br />

laureato diplomiert<br />

<strong>ADESSO</strong>plus<br />

Fai un esercizio su questa<br />

città nella rubrica Grammatica.<br />

<strong>ADESSO</strong> OTTOBRE 2014


APPROFONDIMENTO<br />

DI MARCO MONTEMARANO<br />

La facciata dell’Istituto<br />

degli Innocenti a Firenze.<br />

DA PRATICAMENTE PARLANDO (PAG. 38)<br />

ISTITUTO DEGLI<br />

INNOCENTI A FIRENZE<br />

POCHE ORGANIZZAZIONI POSSONO VANTA-<br />

RE UNA STORIA COSÌ LUNGA. L’Istituto degli Innocenti<br />

di Firenze, dedicato all’infanzia e alla famiglia,<br />

esiste e opera da circa 600 anni. Nel 1421 il progetto<br />

per la realizzazione del complesso che ospiterà l’Istituto<br />

viene affidato a Filippo Brunelleschi. Le decorazioni<br />

azzurre con i putti bianchi in terracotta sono di<br />

Andrea della Robbia. Già nel 1445 vengono ospitati i<br />

primi bambini. Oggi l’Istituto ha lo status di “azienda<br />

pubblica di servizi alla<br />

l’Istituto degli<br />

Innocenti<br />

vantare<br />

dedicato<br />

l’infanzia<br />

operare<br />

la realizzazione<br />

ospitare<br />

affidare<br />

l’azienda<br />

il servizio<br />

gestire<br />

accogliere<br />

il tribunale<br />

l’accoglienza<br />

Institut der<br />

Unschuldigen<br />

Kinder<br />

sich rühmen<br />

gewidmet<br />

Kindheit<br />

tätig sein<br />

Verwirklichung<br />

beherbergen<br />

übertragen<br />

Betrieb<br />

Dienst<br />

leiten<br />

aufnehmen<br />

Gericht<br />

Aufnahme<br />

persona” ed è gestito<br />

dalla Regione Toscana<br />

con la Provincia e il Comune<br />

di Firenze. Anno<br />

per anno vengono accolti<br />

all’Istituto degli Innocenti<br />

bambini e madri<br />

in difficoltà, soprattutto<br />

su indicazione dei tribunali<br />

e dei servizi sociali.<br />

L’Istituto è attivo in molti<br />

progetti di cooperazione<br />

e accoglienza.<br />

DA VIAGGI (PAG. 12)<br />

BENEDETTO CROCE<br />

È considerato il più importante filosofo italiano, ma Benedetto<br />

Croce è stato molto più di questo, nella storia della<br />

cultura italiana a cavallo tra Ottocento e Novecento. Le<br />

sue opere spaziano dalla letteratura alla storia, dal costume<br />

alla politica. Nato a Pescasseroli, in provincia dell’Aquila<br />

(Abruzzo) nel 1866, diventa il principale rappresentante<br />

dell’idealismo filosofico italiano con Giovanni Gentile. A<br />

differenza di quest’ultimo, Croce si distanzia quasi subito<br />

dal fascismo e diventa<br />

uno dei principali ideologi<br />

dell’antifascismo liberale.<br />

(Giovanni Gentile, ministro<br />

di Mussolini e responsabile<br />

della riforma fascista<br />

della scuola, viene ucciso<br />

nel 1944 a Firenze da un<br />

gruppo di partigiani). Nel<br />

1925 Croce firma il Manifesto<br />

degli intellettuali antifascisti<br />

e subito dopo la<br />

seconda guerra mondiale,<br />

ormai anziano, ricopre alcuni<br />

incarichi politici. Critico<br />

anche il suo rapporto<br />

con la Chiesa e con il<br />

mondo cattolico. Croce<br />

muore nel 1952 a Napoli,<br />

seduto nella poltrona della<br />

sua biblioteca.<br />

DA PASSAPAROLA (PAG. 29)<br />

CAROSELLO<br />

“Bambini, dopo Carosello si va a letto!”<br />

Tutti gli italiani che oggi hanno<br />

più di 40 anni ricordano questa frase<br />

della mamma. Carosello, l’intervallo<br />

pubblicitario televisivo fra il telegiornale<br />

della sera e il programma serale della Rai, segnava<br />

il limite tra il mondo dei bambini e quello degli adulti. Andato<br />

in onda per 20 anni,<br />

tra il 1957 e il 1977, era un<br />

contenitore di messaggi<br />

pubblicitari. Gli spot erano<br />

molto diversi da quelli che<br />

conosciamo oggi: erano<br />

lunghi, divertenti e raccontavano<br />

storie. Tra i registi<br />

dei messaggi pubblicitari<br />

di Carosello c’erano Pier<br />

Paolo Pasolini, Ermanno<br />

Olmi e Federico Fellini. Tra<br />

gli attori Vittorio Gassman,<br />

Alberto Sordi ed Eduardo<br />

De Filippo. Carosello è<br />

stato un grande pezzo di<br />

cultura italiana.<br />

essere considerato<br />

a cavallo tra<br />

l’opera<br />

spaziare<br />

il costume<br />

il/la rappresentante<br />

a differenza di<br />

responsabile<br />

uccidere<br />

firmare<br />

ormai<br />

ricoprire<br />

l’incarico<br />

il rapporto<br />

con<br />

la poltrona<br />

ricordare<br />

l’intervallo<br />

pubblicitario<br />

il telegiornale<br />

il programma<br />

serale<br />

andare in<br />

onda<br />

il contenitore<br />

il messaggio<br />

pubblicitario<br />

l’attore m.<br />

un grande<br />

pezzo<br />

gelten<br />

an der Wende<br />

zwischen,<br />

zwischen<br />

Werk<br />

reichen<br />

Brauchtum<br />

Vertreter, -in<br />

im Unterschied<br />

zu<br />

verant<strong>wo</strong>rtlich<br />

umbringen<br />

unterzeichnen<br />

bereits<br />

bekleiden<br />

Amt<br />

das Verhältnis<br />

zu<br />

Sessel<br />

erinnern<br />

Werbepause<br />

Nachrichtensendung<br />

Abendprogramm<br />

gesendet<br />

werden<br />

Behälter, hier:<br />

Rahmensendung<br />

Werbebotschaft<br />

Schauspieler<br />

hier: ein wichtiges<br />

Stück<br />

59<br />

<strong>ADESSO</strong> OTTOBRE 2014


Mehr Sprache können Sie<br />

nirgend<strong>wo</strong> shoppen.<br />

Die besten Sprachprodukte für Ihr Italienisch, ausgewählt und empfohlen<br />

von Ihrem SprachenShop-Team aus dem Spotlight Verlag.<br />

LANDESKUNDE<br />

x SPRACHKURS<br />

KURZGESCHICHTEN<br />

QUA E LÀ PER L‘ITALIA<br />

Der Lerner „reist“ durch <strong>die</strong> verschiedenen<br />

Regionen Italiens. Dadurch lernt er <strong>die</strong><br />

Vielfalt des Landes kennen: Gesellschaft,<br />

Küche und Traditionen. Die 20 Kapitel sind<br />

jeweils einer Region Italiens gewidmet und<br />

nach Schwierigkeitsgrad angeordnet. Qua<br />

e là per l’<strong>Italia</strong> vermittelt viel Wissenswertes<br />

und zahlreiche unbekannte oder kaum<br />

bekannte Aspekte des Landes. Im Anhang<br />

finden sich <strong>die</strong> Lösungen der Übungen.<br />

Buch (192 Seiten) mit Audio-CD<br />

Artikel-Nr. 45369. € 24,49 (D)/€ 25,20 (A)<br />

ITALIANO IN CINQUE MINUTI<br />

Diese Reihe schneller und motivierender<br />

Übungen ermöglicht es, sich in der<br />

italienischen Grammatik zurechtzufinden<br />

und am Wortschatz zu feilen. Redewendungen,<br />

Ausdrücke des Alltags,<br />

idiomatische Wendungen sind ein paar<br />

Beispielthemen. Das Besondere an der<br />

Aufmachung ist, dass Sie in wenigen<br />

Minuten einige intensive Übungen abschließen<br />

können.<br />

Niveau A1/A2. Artikel-Nr. 45404<br />

Niveau B1/B2. Artikel-Nr. 45428<br />

Jeweils € 16,99 (D)/€ 17,50 (A)<br />

ITALIEN IN KLEINEN GESCHICHTEN<br />

Carrellata sull‘ <strong>Italia</strong> ist eine ‚Sightseeing-Tour‘<br />

durch <strong>Italia</strong>n und das von<br />

Nord nach Süd. Unterwegs trifft der Leser<br />

auf typisch, italienische Dinge, nach<br />

denen deutsche Italienfreunde sich sehnen.<br />

Immer wieder <strong>wird</strong> <strong>die</strong> Fahrt unterbrochen<br />

und eine kleine Geschichte<br />

in einfachem Italienisch erzählt. Das ist<br />

perfekte Verbindung von Sprache, Kultur<br />

und Landeskunde!<br />

Buch mit 128 Seiten. Italienisch<br />

Artikel-Nr. 45544<br />

€ 8,99 (D)/€ 9,20 (A)<br />

BESTSELLER<br />

SCHNELLKURS<br />

SPRACHKURSE CONGIUNTIVO, CHE PASSIONE!<br />

Endlich <strong>wird</strong> dem Konjunktiv im Italienschen <strong>die</strong> Aufmerksamkeit geschenkt,<br />

<strong>die</strong> er ver<strong>die</strong>nt hat! Dieses Buch behandelt <strong>die</strong> Niveaustufen<br />

B1-C2 und zeigt Ihnen deutlich, wie Sie den Konjunktiv richtig anwenden,<br />

egal ob im Bezug auf Substantive oder Verben.<br />

Buch mit 160 Seiten. Italienisch. Niveau B1-C2.<br />

Artikel-Nr. 45549. € 19,90 (D)/€ 20,60 (A)<br />

TUTTO COMINCIÒ CON UNA TELEFONATA<br />

Das Buch kann wie ein Roman gelesen werden. Eine junge Studentin, <strong>die</strong><br />

sich auf ihren Stu<strong>die</strong>nabschluss vorbereitet, bekommt eines Tages einen<br />

Anruf, der ihr komplettes Leben verändert. Schwierige Wörter sind tabellarisch<br />

auf jeder Seite erklärt und am Ende jedes der 26 Kapitel gibt es<br />

Übungen zu Sprachverständnis, Wortschatz und Grammatik.<br />

Buch mit 140 Seiten. Italienisch. Niveau B1.<br />

Artikel-Nr. 45541. € 17,90 (D)/€ 18,50 (A)<br />

ITALIENISCH IN 30 TAGEN<br />

Der beliebte Sprachkurs enthält alltagsnahe<br />

Dialoge und abwechslungsreiche-<br />

Übungen. Zwischentests geben dem<br />

Lerner hilfreiches Feedback. Praktische<br />

Tipps zur Kultur sind ebenso dabei.<br />

Buch + 2 Audio-CDs.Italienisch. Niveau A1-A2<br />

Artikel-Nr. 45550. € 17,95 (D)/€ 18,50 (A)<br />

Bei uns finden Sie Lese- und Hörproben zu den ausgewählten Produkten. Für aktuelle Informationen und


Kompetent. Persönlich. Individuell.<br />

LERNCOMICS<br />

LANDESKUNDE<br />

LERNKRIMI<br />

L‘ITALIANO CON I FUMETTI<br />

Die zwei Comics der beliebten Reihe<br />

„L‘<strong>Italia</strong>no con i fumetti“ sind für Lerner<br />

der Niveaustufe A2 bzw. B1 gedacht. Die<br />

Comics sind auch im Fremdsprachenunterricht<br />

ein beliebtes Hilfsmittel. In Rigoletti<br />

(Niveau B1) geht es um Leidenschaft, Verrat<br />

und Rache, ein Hofnarr – inspiriert durch<br />

<strong>die</strong> berühmte Verdi-Oper. Il mistero di Casanova<br />

(Niveau A2) ist ein Krimi, der auf<br />

dem berühmten Karneval in Venedig spielt.<br />

Il mistero di Casanova. Art.Nr. 45551<br />

Rigoletto. Art.Nr. 45552<br />

jeweils € 10,49 (D)/€ 10,80 (A)<br />

ARTE & CUCINA<br />

In zehn Kapiteln werden zehn Gemälde<br />

bekannter europäischer Maler im Zusammenhang<br />

mit dem Thema Küche dargestellt<br />

– eine Verbindung zweier anregender<br />

Themen, <strong>die</strong> viele Informationen und<br />

Sprechmöglichkeiten außerhalb der alltäglichen<br />

Situationen bieten. Im Anhang gibt<br />

es italienische Vokabeln und Lösungen zu<br />

den schriftlichen Aufgaben. Sehr gut geeignet<br />

für den Fremdsprachenunterricht.<br />

Buch mit 80 Seiten. Italienisch<br />

Niveau A2-B1. Artikel-Nr. 45446.<br />

€ 21,99 (D)/ € 22,70 (A)<br />

IL PRIMO MORTO<br />

Diese drei Kurzkrimis bieten <strong>spannend</strong>es<br />

Lesevergnügen und machen das Italienischtraining<br />

unterhaltsam und effektiv.<br />

Der Schwerpunkt liegt auf dem gezielten<br />

Training des Grund<strong>wo</strong>rtschatzes für<br />

Anfänger. Durch eingestreute Übungen<br />

wie Übersetzungsaufgaben, Multiple<br />

Choice, Lückentexte, etc. <strong>wird</strong> zudem<br />

das Textverständnis geschult. Angaben<br />

zu den Vokabeln finden Sie auf jeder Seite.<br />

Können Sie den Fall lösen?<br />

Buch mit 128 Seiten. Italienisch. Niveau A1<br />

Artikel-Nr. 45553. € 7,99 (D)/€ 8,30 (A)<br />

SPRACHSPIEL<br />

WIE BESTELLE ICH DIESE PRODUKTE?<br />

Einfach auf www.sprachenshop.de gehen.<br />

von den Machern<br />

von <strong>ADESSO</strong>!<br />

UN FINE SETTIMANA A ROMA<br />

Das Sprachspiel der <strong>ADESSO</strong>-Redaktion<br />

führt Sie spielerisch durch Italiens Hauptstadt.<br />

Das Spiel verbindet Spielspaß und<br />

Sprachenlernen miteinander! Es gibt zwei<br />

Schwierigkeitsstufen (A2/B1 & B1/B2).<br />

Nach Artikel-Nummer oder Produktnamen suchen.<br />

Bestellen.<br />

Gerne können Sie auch telefonisch, per E-Mail oder Post bestellen. Bei einer schriftlichen<br />

oder telefonischen Bestellung geben Sie bitte <strong>die</strong> Artikelnummer, <strong>die</strong> Menge<br />

sowie Ihre Anschrift an.<br />

E-Mail: bestellung@sprachenshop.de<br />

Telefon: +49 (0) 711 / 72 52-245<br />

Fax: +49 (0) 711 / 72 52-366<br />

Post: Postfach 81 06 80<br />

70523 Stuttgart<br />

Deutschland<br />

Brettspiel mit 2 Niveaustufen. Italienisch<br />

Artikel-Nr. 48108. € 29,95 (D)/€ 30,85 (A)<br />

Sonderangebote bestellen Sie einfach unseren kostenlosen Newsletter. Alles auf www.sprachenshop.de


GRANDANGOLO<br />

EIN BLICK AUF BESONDERE ITALIENER<br />

62<br />

VIVERE TRA GLI ELFI<br />

Zwischen Toskana und<br />

Emilia, in den apenninischen<br />

Bergen, lebt abgeschieden<br />

<strong>die</strong> Gemeinschaft<br />

der Elfen. Yile, ein<br />

junges Mädchen, ist eine<br />

von ihnen.<br />

Testo: I. Mancusi<br />

Foto: S.Pampallona/ LUZ Photo<br />

Toscana, Pistoia.<br />

Yile Vianello appartiene alla<br />

Comunità degli Elfi insieme a<br />

poco più di 200 persone. I suoi<br />

primi 15 anni li ha trascorsi<br />

nelle montagne dell’Appennino<br />

tosco-emiliano, in una casetta<br />

di legno con la mamma e il fratellino.<br />

Animati dall’amore per<br />

la natura, gli Elfi costruiscono<br />

da soli le proprie case, vivono<br />

di agricoltura e di allevamento<br />

e praticano il baratto. Attingono<br />

l’acqua da sorgenti e pozzi,<br />

si riscaldano e cucinano con<br />

il fuoco a legna e usano le<br />

candele o i pannelli solari per<br />

l’illuminazione, ma anche per i<br />

cellulari e i computer, che sono<br />

l’unica concessione alla vita<br />

moderna, oltre a qualche auto.<br />

I bambini vengono istruiti in famiglia<br />

fino alla quinta elementare,<br />

dalle me<strong>die</strong> in poi frequentano<br />

le scuole nei comuni vicini.<br />

È questo il momento in cui, per<br />

molte famiglie, l’idillio finisce<br />

e si decide di scendere dalle<br />

montagne e di prendere casa in<br />

paese. È stato così anche per<br />

Yile, che poi ha conosciuto la<br />

regista Alice Rohrwacher e nel<br />

2011 è stata scelta come protagonista<br />

del film Corpo Celeste.<br />

la comunità<br />

costruire<br />

l’agricoltura<br />

l’allevamento<br />

praticare il<br />

baratto<br />

attingere<br />

la sorgente<br />

il pozzo<br />

l’illuminazione<br />

f.<br />

il cellulare<br />

la quinta elementare<br />

le me<strong>die</strong><br />

frequentare<br />

decidere<br />

Gemeinschaft<br />

errichten<br />

Landwirtschaft<br />

Viehzucht<br />

Tauschhandel<br />

betreiben<br />

schöpfen<br />

Quelle<br />

Brunnen<br />

Beleuchtung<br />

Mobiltelefon<br />

5. Grundschulklasse<br />

Mittelschule<br />

besuchen<br />

beschließen<br />

<strong>ADESSO</strong> OTTOBRE 2014


GRANDANGOLO<br />

Qui: Yile Vianello (15), la<br />

ragazza cresciuta nella<br />

Comunità degli Elfi, tra i<br />

boschi dell’Appennino toscoemiliano.<br />

Nell’altra pagina:<br />

la casa di Yile; l’orario delle<br />

attività scolastiche;<br />

Yile con la sua famiglia.<br />

63<br />

<strong>ADESSO</strong> OTTOBRE 2014


TRA LE RIGHE<br />

DI STEFANO VASTANO<br />

Alba<br />

ROHRWACHER<br />

LUOGO E DATA DI NASCITA: Firenze, 27 febbraio 1979. STATO CIVILE: è fidanzata con Saverio Costanzo, regista. SEGNI<br />

PARTICOLARI: da ragazza ha iniziato con il teatro e studiato Medicina per tre anni, prima di debuttare, nel 2004, al cinema; occhi<br />

da gatta, voce rauca, alta 1,67, ha spuntato il primo David di Donatello nel 2008 e il secondo nel 2009; a 35 anni ha all’attivo 35<br />

film. L’ultimo, Le meraviglie, diretto dalla sorella Alice, ha vinto il CineVision Award al Film Fest di Monaco di Baviera.<br />

64<br />

Ein fast unscheinbares Wesen macht<br />

in starken Charakterrollen als neuer<br />

Star des italienischen Films Furore:<br />

Alba Rohrwacher. Eine Art Anti-Diva,<br />

<strong>die</strong> derzeit <strong>die</strong> renommiertesten Preise<br />

der italienischen Filmwelt einsammelt.<br />

PER CAPIRE IL PERSONAGGIO, PARTIAMO DA<br />

UNA FOTO RECENTE. L’ha scattata un paparazzo<br />

all’ultimo Festival di Cannes e ritrae due attrici che più<br />

diverse non potrebbero essere. Monica Bellucci, fasciata<br />

fidanzato verlobt<br />

la voce Stimme<br />

spuntare hier: einheimsen<br />

il David di Donatello: bedeutendster<br />

ital. Filmpreis<br />

la meraviglia Wunder<br />

scattare schießen<br />

ritrarre abbilden<br />

l’attrice f. Schauspielerin<br />

a pois gepunktet<br />

esaltare betonen<br />

esile schmächtig<br />

un filo di eine<br />

Spur von<br />

il trucco Schminke<br />

pallido blass<br />

la damigella Edelfräulein<br />

rinascimentale<br />

Renaissancegettonato<br />

meistgefragt<br />

nei panni di in der Rolle<br />

von<br />

diretto da unter der<br />

Regie von<br />

sì zwar<br />

rivelare verraten<br />

ferreo eisern<br />

cogliere wahrnehmen<br />

animare beseelen<br />

la sfilza Reihe<br />

il Nastro d’Argento: Preis der<br />

Berufsvereinigung italienischer<br />

Filmjournalisten<br />

il Ciak d’Oro: Preis der ital.<br />

Kinozeitschrift Ciak<br />

disdegnare verschmähen<br />

il cortometraggio<br />

Kurzfilm<br />

la pellicola Film<br />

il numero Primzahl<br />

primo<br />

impegnato anspruchsvoll<br />

la Bella addormentata<br />

Dornröschen<br />

ribattezzare (um-)taufen<br />

il casale Bauernhof<br />

allevare züchten<br />

l’ape f. Biene<br />

la verità Wahrheit<br />

l’estraneità Fremdheit<br />

la vanagloria Ruhmsucht<br />

il vizietto kleines<br />

Laster<br />

la parte Rolle<br />

alle spalle hinter sich<br />

da un vestitino a pois che ne esalta le forme, fissa il fotografo<br />

(e il pubblico) con uno sguardo da diva. Accanto<br />

a lei, c’è una ragazzina dal fisico esile, senza un filo di<br />

trucco sul volto pallido, che ricorda una damigella rinascimentale.<br />

È Alba Rohrwacher, l’attrice più gettonata e presente<br />

nel cinema made in Italy degli ultimi 10 anni. L’abbiamo<br />

vista nei panni di Alice, Lucia, Liz, Violetta ed Elisabetta<br />

in film diretti da Silvio Soldini o Antonello Grimaldi,<br />

Luca Guadagnino o Saverio Costanzo. A 35 anni, Alba ricorda<br />

sì una fogliolina leggera trasportata dal vento, “ma<br />

in realtà dentro sono forte”, rivela a chi ancora non conoscesse<br />

la sua ferrea disciplina e non avesse colto “tutto<br />

l’amore per il cinema” che la anima.<br />

Alba è una grande attrice. Ha già collezionato una sfilza<br />

impressionante di David di Donatello, Nastri d’Argento<br />

e Ciak d’Oro; eppure lei non disdegna ruoli anche in<br />

cortometraggi. Ha girato pellicole che hanno riscosso un<br />

grande successo di pubblico, come La solitudine dei numeri<br />

primi (2010), con Saverio Costanzo, ma anche storie<br />

più complesse e impegnate, come Sorelle mai (2010) e Bella<br />

addormentata (2012), con Marco Bellocchio, l’ultimo dei<br />

Maestri del cinema italiano.<br />

C’è chi già l’ha ribattezzata “l’anti-diva” e chi è giunto<br />

a definirla “non un’attrice, ma un’artista” (Saverio Costanzo).<br />

Sicuro è che lei e la sorella Alice sono cresciute<br />

nelle campagne di Poggio del Miglio, in un casale presso<br />

Orvieto. La mamma è un’insegnante di filosofia e il<br />

papà, che si chiama Reinhard, tedesco di Amburgo, è arrivato<br />

in <strong>Italia</strong> negli anni Settanta per allevare le api. Sì,<br />

una dose di cultura tedesca – “l’impegno nel lavoro, l’amore<br />

per la verità” – Alba se la sente dentro, accanto a<br />

“una sorta di estraneità” per la vanagloria e altri vizietti<br />

italiani. La lingua di Goethe non la parla bene, ma è riuscita<br />

in ogni caso a sostenere la parte di una prostituta di<br />

Berlino Est con traumi alle spalle in Glück (2012) di Doris<br />

<strong>ADESSO</strong> OTTOBRE 2014


L’articolo…<br />

FACILE E IN BREVE<br />

Alba Rohrwacher<br />

(35).<br />

Alba Rohrwacher, nata<br />

a Firenze nel 1979 da<br />

padre tedesco e madre italiana, è un’attrice. Passa<br />

l’infanzia nella campagna umbra, vicino a Orvieto,<br />

dove il padre lavora come apicoltore. Alba mostra<br />

sin da giovanissima un grande interesse per il mondo<br />

del teatro e poi del cinema. Debutta nel 2004 e<br />

interpreta diversi ruoli secondari. Poi recita in film di<br />

grande successo come La solitudine dei numeri primi,<br />

Sorelle mai, Bella addormentata, solo per citarne<br />

alcuni. La sua bravura sul grande schermo e il<br />

suo talento vengono<br />

l’attrice f. Schauspielerin<br />

l’infanzia Kindheit<br />

umbro umbrisch<br />

l’apicoltore m. Bienenzüchter<br />

mostrare zeigen<br />

giova- sehr jung<br />

nissimo<br />

il ruolo Nebenrolle<br />

secondario<br />

La solitudine dei numeri<br />

primi: Die Einsamkeit der<br />

Primzahlen<br />

mai niemals<br />

la Bella addormentata<br />

Dornröschen<br />

il grande Leinwand<br />

schermo<br />

il riconoscimento<br />

Anerkennung,<br />

Preis<br />

diretto unter der<br />

Regie<br />

fragile zerbrechlich<br />

appariscente auffällig<br />

presto premiati con<br />

riconoscimenti prestigiosi<br />

come il<br />

David di Donatello, il<br />

Nastro d’Argento e,<br />

naturalmente, il<br />

Grand Prix Speciale<br />

della Giuria, che Alba<br />

ha vinto al Festival di<br />

Cannes 2014 con il<br />

film Le meraviglie,<br />

scritto e diretto dalla<br />

sorella Alice. Nonostante<br />

l’aspetto<br />

fragile, delicato e<br />

poco appariscente,<br />

Alba ha un carattere<br />

forte, determinato e<br />

ama le cose semplici<br />

e autentiche.<br />

, 12 maggio 2014<br />

Alba Rohrwacher:<br />

primo ciak in <strong>Italia</strong> per<br />

Vergine giurata, nuovo film<br />

da protagonista<br />

la vergine: Jungfrau; il/la protagonista: Hauptdarsteller, -in<br />

, 18 giugno 2014<br />

LA TERRA DELLE<br />

MERAVIGLIE DI ALICE<br />

(E ALBA) ROHRWACHER.<br />

Dörrie, non proprio un capolavoro. Con Le meraviglie, il<br />

secondo film diretto dalla sorella Alice, ha conquistato<br />

prima il Grand Prix speciale della giuria a Cannes, poi<br />

il CineVision Award al Film Fest di Monaco di Baviera.<br />

Ci sarebbe da montarsi la testa, con tanti riconoscimenti<br />

internazionali. Invece Alba Rohrwacher è rimasta<br />

con tutti e due i piedi ben piantati per terra e la testa<br />

sul collo. “Ho avuto la fortuna – spiega – di fare i film<br />

che avrei voluto vedere da spettatrice”. Non c’è dubbio:<br />

dopo Mio fratello è figlio unico, film del 2007 di Daniele<br />

Lucchetti, Alba è diventata la nuova regina del cinema<br />

italiano. Una regina, però, che “ama le cose semplici” e<br />

a cui piace, tra un film e l’altro, “tornare nella campagna<br />

umbra dove sono cresciuta”. E che riesce a imparare da<br />

attrici più esperte e mature: da Tilda Swinton, per esempio,<br />

con cui Alba ha girato Io sono l’amore (2009).<br />

Nella foto scattata a Cannes, quella di cui parlavamo<br />

all’inizio e dove compare accanto alla Bellucci, sapete<br />

come si è fatta immortalare Alba? In T-shirt bianca di<br />

cotone e con lo sguardo rivolto non al fotografo, ma al<br />

bel viso della Bellucci. Lei,<br />

Alba, sa bene che il suo è<br />

un viso, come si dice, “particolare”,<br />

di una bellezza<br />

interiore, delicata, persino<br />

fragile. “La bellezza, – dice<br />

lei, – è una condizione<br />

dell’anima, uno sguardo,<br />

un modo di muoversi. Importante<br />

è trovare la propria<br />

e non uniformarsi a<br />

un modello unico”. Speriamo<br />

di vedere ancora<br />

tanti e tanti altri film con<br />

la piccola, grande Alba.<br />

il capolavoro<br />

montarsi la<br />

testa (per qc.)<br />

il riconoscimento<br />

ben piantato<br />

per terra<br />

la spettatrice<br />

il dubbio<br />

umbro<br />

esperto<br />

maturo<br />

immortalare<br />

il cotone<br />

delicato<br />

persino<br />

la condizione<br />

Meisterwerk<br />

sich etw. zu<br />

Kopf steigen<br />

lassen<br />

Anerkennung<br />

fest am Boden<br />

Zuschauerin<br />

Zweifel<br />

umbrisch<br />

erfahren<br />

reif<br />

verewigen<br />

Baum<strong>wo</strong>lle<br />

zart<br />

sogar<br />

Zustand<br />

Stefano Vastano: Deutschlandkorrespondent der<br />

Wochenzeitschrift l’Espresso, kommentiert aktuelle<br />

Themen aus der italienischen Presse.<br />

65<br />

<strong>ADESSO</strong> OTTOBRE 2014


LIBRI E LETTERATURA<br />

DI LUCA VITALI<br />

66<br />

UNA LEZIONE<br />

PER TUTTI<br />

Un paese dell’Appennino è uno di<br />

quei luoghi in cui la crisi risulta più<br />

dura. Con la scomparsa della cultura<br />

contadina, i valori tradizionali<br />

si sono smarriti. L’ignoranza, l’egoismo<br />

e il sospetto nei confronti<br />

del prossimo sembrano il denominatore<br />

comune. Le donne sono più<br />

deboli, più sfortunate e, come in passato, continuano a essere<br />

le vittime predestinate di una società in cui l’oppressione<br />

non è mai terminata. I mariti sfruttano il proprio vantaggio<br />

sulle mogli, le madri sui figli, i prepotenti sfogano<br />

la propria frustrazione sui<br />

deboli. Anna è una giovane<br />

insegnante arrivata dal<br />

Sud, piena di speranze e<br />

voglia di fare. Ha creduto<br />

di poter trovare nel paese<br />

accoglienza e amore, ma<br />

viene ostacolata e svilita.<br />

Prima di andarsene, trova<br />

il modo di lasciare un segno<br />

diverso, una lezione<br />

per tutti, alunni e genitori<br />

che non hanno voluto<br />

ascoltarla.<br />

Lingua: abbastanza<br />

facile. Genere: romanzo<br />

psicologico. Giulia Fazzi,<br />

Per il bene di tutti, il<br />

Saggiatore, 150 pagine.<br />

la scomparsa<br />

il valore<br />

smarrirsi<br />

nei confronti<br />

di<br />

il denominatore<br />

comune<br />

predestinato<br />

l’oppressione<br />

f.<br />

sfruttare<br />

il vantaggio<br />

sfogare<br />

l’accoglienza<br />

ostacolare<br />

svilire<br />

Verschwinden<br />

Wert<br />

sich verlieren<br />

gegenüber<br />

gemeinsamer<br />

Nenner<br />

vorherbestimmt,<br />

hier:<br />

auserwählt<br />

Unterdrückung<br />

ausnützen<br />

Vorteil<br />

aus-, ablassen<br />

freundlicher<br />

Empfang<br />

behindern<br />

erniedrigen<br />

SE TORNA LA<br />

PREISTORIA<br />

La civiltà è fallita, ma la catastrofe<br />

per l’uomo non è ancora finita e<br />

si chiama fame. Nel Cerchio sono<br />

rimasti solo poche famiglie di sopravvissuti,<br />

inselvatichiti che si<br />

nutrono degli animali che riescono<br />

a cacciare con le ultime munizioni<br />

disponibili. Non ci sono più leggi,<br />

conta solo la volontà del più forte. Il peggio trionfa e le<br />

donne sono fattrici da inseminare per proseguire la stirpe,<br />

ridotte in schiavitù, mentre riemerge la memoria atavica<br />

dell’uomo animale tra<br />

gli animali. Alla ricerca di<br />

la civiltà Zivilisation<br />

nuove leggi tribali, i sopravvissuti<br />

devono tentare<br />

fallire scheitern<br />

inselvatichito verwildert<br />

di uscire dal Cerchio. Un<br />

nutrirsi sich ernähren<br />

romanzo originale e interessante,<br />

maturo e scritto disponibile vorhanden<br />

cacciare jagen<br />

con le idee molto chiare. la legge Gesetz<br />

La lettura all’inizio è difficoltosa,<br />

non per la lingua, inseminare besamen<br />

la fattrice Zuchtstute<br />

ma per l’ombra che avvolge<br />

ogni cosa e costringe il<br />

la stirpe Stamm, Geschlecht<br />

riemergere wieder auftauchen<br />

lettore a fare i conti con le<br />

previsioni più nere sul futuro<br />

che ci attende.<br />

tribale<br />

la memoria Erinnerung<br />

Stammes-<br />

Lingua: abbastanza<br />

facile. Genere: fantascienza.<br />

Carlo D’Amicis,<br />

Quando eravamo prede,<br />

minimum fax, 187 pagine.<br />

l’ombra<br />

avvolgere<br />

fare i conti<br />

con<br />

Schatten,<br />

Dunkel<br />

umhüllen<br />

sich auseinandersetzen<br />

mit<br />

IL QUARTO LIBRO<br />

HAMBURGER<br />

E FANTASIA<br />

Chi l’ha detto che il protagonista del cibo<br />

“mordi e fuggi” è solo americano? Hamburger<br />

all’italiana è un piccolo ma prezioso libro che<br />

raccoglie infinite ricette per chi vuole preparare<br />

un hamburger perfetto e gustoso. Riporta i consigli<br />

su come scegliere il miglior taglio di carne a<br />

seconda della ricetta e svela i segreti per una cottura<br />

a puntino, sia della carne che del pane. Pratiche<br />

e divertenti, le ricette si sviluppano su doppia<br />

pagina: a sinistra i passaggi scritti, a destra la foto di profilo<br />

del panino aperto, con tutti gli ingre<strong>die</strong>nti sospesi nella pagina,<br />

in modo che siano chiari sia il procedimento di preparazione<br />

sia la sequenza. Non aspettatevi ricette noiose: troverete per<br />

esempio l’hamburger Santa Maria Novella, con le cipolle caramellate<br />

e la carne chianina, o quello agrodolce, con il ketchup<br />

alle mele. Insomma, i modi di cucinare il famoso hamburger<br />

sono tanti e divertenti. Nessuno rimarrà deluso, neanche i vegetariani<br />

o gli amanti del pesce.<br />

Fabrizia Memo<br />

Hamburger all’italiana, EDT, 112 pagine, € 9,90.<br />

il cibo “mordi<br />

e fuggi”<br />

raccogliere<br />

gustoso<br />

il taglio di<br />

carne<br />

svelare<br />

a puntino<br />

svilupparsi<br />

Fastfood<br />

sammeln<br />

schmackhaft<br />

Fleischstück<br />

verraten<br />

auf den Punkt<br />

sich entwickeln,<br />

hier: angeordnet<br />

sein<br />

sospeso<br />

la sequenza<br />

noioso<br />

la cipolla<br />

caramellato<br />

chianino<br />

agrodolce<br />

deluso<br />

(in der Luft)<br />

schwebend<br />

Reihenfolge<br />

langweilig<br />

Zwiebel<br />

karamellisiert<br />

vom<br />

Chiana-Rind<br />

süßsauer<br />

enttäuscht<br />

<strong>ADESSO</strong> OTTOBRE 2014


LIBRI E LETTERATURA<br />

Tiziano Terzani<br />

(1938-2004).<br />

© Cottinelli<br />

L’AUTORE DEL MESE<br />

TIZIANO<br />

TERZANI<br />

Figlio di un meccanico e una cappellaia fiorentini, è inarrestabile<br />

già da ragazzo. Vince un concorso per studiare<br />

giurisprudenza alla Normale di Pisa, poi trova all’Olivetti<br />

un lavoro che lo porta in giro per il mondo. Scopre così<br />

la vocazione per il giornalismo. Si sposa, si licenzia e,<br />

con una borsa di studio, va a New York a imparare il<br />

cinese. Nel 1972 apre a Singapore il primo ufficio di corrispondenza<br />

in Asia di Der Spiegel. Segue la guerra del<br />

Vietnam e, nel 1980, è il primo giornalista occidentale a<br />

entrare nella Pechino del “dopo Mao”. Nel 1990, quando<br />

crolla l’Urss, decide di<br />

raggiungere Mosca via<br />

terra, dalla Cina. Il suo<br />

libro Buonanotte signor<br />

Lenin diventa uno dei<br />

reportage sull’implosione<br />

del comunismo più letti<br />

nel mondo. Dal 1994 vive<br />

in India e nel 1997, quando<br />

gli viene diagnosticato<br />

il cancro, si isola per<br />

dedicarsi alla meditazione<br />

e alla scrittura. Dopo<br />

l’11 settembre torna in<br />

campo per intervenire<br />

contro i proclami di<br />

guerra. Fino alla fine dei<br />

suoi giorni porta ovunque<br />

il suo messaggio di pace,<br />

tolleranza e rispetto per<br />

le altre culture.<br />

la cappellaia Hutmacherin<br />

inarrestabile unaufhaltsam<br />

il concorso Wettbewerb<br />

la giurisprudenza<br />

Rechtswissenschaften<br />

la Normale, Scuola Normale Superiore<br />

di Pisa: Elitehochschule in Pisa<br />

la vocazione Berufung<br />

licenziarsi kündigen<br />

la borsa di Stipendium<br />

studio<br />

il dopo Mao Post-Mao-Ära<br />

crollare hier: auseinanderfallen<br />

decidere beschließen<br />

il cancro Krebs<br />

dedicarsi sich widmen<br />

tornare in<br />

campo<br />

hier: in <strong>die</strong><br />

Öffentlichkeit<br />

zurückkehren<br />

il proclama Aufruf<br />

ovunque überall(hin)<br />

<strong>ADESSO</strong>audio<br />

Online anhören! Ascolta uno<br />

stralcio del reportage sul pensiero<br />

e la storia di Tiziano Terzani.<br />

www.adesso-online.de/terzani<br />

IL LIBRO DELL’AUTORE<br />

UN’IDEA DI DESTINO<br />

A 10 anni dalla scomparsa del reporter che meglio ha raccontato<br />

il crollo del comunismo orientale, esce una selezione<br />

dei suoi ricchi diari, destinata a diventare un long<br />

seller, come tutti i suoi libri. Sono pagine di appunti privati,<br />

buttati giù tra uno spostamento<br />

e l’altro, piccole<br />

riflessioni che svelano<br />

le incertezze, i dubbi e le<br />

difficoltà di chi ha vissuto<br />

tra guerre e grandi trasformazioni.<br />

Oltre ai periodi<br />

caldi in Estremo Oriente ci<br />

sono gli affetti familiari, il<br />

dialogo con i figli e con la<br />

moglie, compagna di mille<br />

avventure, le riflessioni sul<br />

senso della vita e, infine,<br />

sulla morte sempre più<br />

prossima.<br />

Lingua: facile<br />

Genere: diari.<br />

DAL LIBRO:<br />

21 novembre 1993, Bangkok. Tre giorni di meditazione,<br />

di cibo vegetariano, due di silenzio. L’età contribuisce<br />

alla tolleranza. Ancora alcuni anni fa sarei ripartito il<br />

primo giorno. L’aver resistito m’ha insegnato qualcosa.<br />

Sembra un mondo per i marginali. (...)<br />

In tutto questo c’è qualcosa di terribilmente attraente. Per<br />

questo fra i cinquanta meditatori, la stragrande maggioranza<br />

è fatta di giovani occidentali. Il nostro mondo è in<br />

crisi, non offre soluzioni, non dà speranza e questi vengono<br />

qui a sentire lezioni che ormai non sentono più dal loro<br />

parroco, per giunta hanno il gusto dell’esotico, dell’altro,<br />

e si inginocchiano con soddisfazione davanti a un idolo, a<br />

un dio che con la loro vita non ha molto a che vedere, ma<br />

che proprio per questo lo rende loro accettabile.<br />

“In piedi, in piedi, in piedi…”<br />

una forma di rincoglionimento<br />

da meditatori.<br />

Giorni senza pensare, anzi,<br />

a eliminare il pensiero<br />

concentrandosi sul banale,<br />

il movimento di un piede,<br />

quello dell’ombelico.<br />

Che strana religione:<br />

tutta protesa a dimenticarsi,<br />

senza pensieri, senza<br />

dottrina, senza ispirazione.<br />

(...) Finirò per tornare<br />

cristiano. Vedo nei canti e<br />

nell’inginocchiamento un<br />

senso di assuefazione. Ai<br />

giovani piace la ritualità.<br />

il destino<br />

la scomparsa<br />

il crollo<br />

la selezione<br />

il diario<br />

l’appunto<br />

buttare giù<br />

la riflessione<br />

svelare<br />

l’affetto<br />

l’avventura<br />

prossimo<br />

il silenzio<br />

contribuire<br />

resistere<br />

il marginale<br />

stragrande<br />

offrire<br />

il parroco<br />

per giunta<br />

inginocchiarsi<br />

la soddisfazione<br />

rendere<br />

il rincoglionimento<br />

anzi<br />

l’ombelico<br />

proteso a<br />

l’assuefazione<br />

f.<br />

Schicksal<br />

Ableben<br />

Zusammenbruch<br />

Auswahl<br />

Tagebuch<br />

Notiz, Aufzeichnung<br />

zu Papier<br />

bringen<br />

Gedanke,<br />

Überlegung<br />

offenbaren<br />

Gefühl, Liebe<br />

Abenteuer<br />

nah, bevorstehend<br />

Schweigen<br />

beitragen<br />

durchhalten<br />

Außenseiter<br />

überwältigend<br />

bieten<br />

Pfarrer<br />

obendrein<br />

sich hinknien<br />

Zufriedenheit<br />

machen<br />

Verblödung<br />

mehr noch<br />

Nabel<br />

hier: ausgerichtet<br />

auf<br />

Abhängigkeit<br />

67<br />

<strong>ADESSO</strong> OTTOBRE 2014


SprachkurSe und Sprachferien<br />

Sprachkurse, Prüfungszentrum<br />

Sprachreisen, Sprachberufe<br />

Tel. 06221 8994-2943, sprachen@fuu.de<br />

www.fuu-languages.com<br />

Italienisch an der Riviera<br />

Individueller Unterricht mit Meerblick<br />

in familiärer Atmosphäre<br />

m. Olivenernte im Okt/Nov.<br />

Unterbringung in Hotel od. Appartm.<br />

Elke Hils,17024 Finale Ligure,<br />

www.elkehils.de<br />

Tel/Fax +390196988408<br />

Mola di Bari – Apulien<br />

Abseits vom Massen-Tourismus<br />

Italienisch lernen und erleben<br />

Tel: 0049 8161 78 95 28<br />

oder 0039 34 94 62 65 41<br />

http://www.sprachferien-italien.de<br />

Italienische Sprachschule in Genua<br />

In der Nähe von Portofino und Cinque Terre<br />

Sprachferien<br />

Bildungsurlaub<br />

Via Caffaro 4/7<br />

16124 Genua<br />

Tel. +39 010 2465870<br />

Fax +39 010 2542240<br />

info@adoortoitaly.com<br />

www.adoortoitaly.com<br />

www.adesso-online.de<br />

Sizilien – Meer und Kultur<br />

Italienisch-Sprachkurs und klassische Kochschule mit<br />

einer erfahrenen Muttersprachlehrerin. Unterkunft<br />

und Verpflegung in der familiären Atmosphäre der<br />

Lehrerin, in einem kleinen Dorf direkt an der Küste.<br />

Studitalia<br />

Sardinien<br />

Italienisch lernen<br />

Sprachferien in Olbia<br />

www.studitalia.com<br />

Tel: +39-091-8787146,<br />

e-mail: rb.sicilia@hotmail.com (0039) 333 2133760 infotiscali@studitalia.com<br />

VerSchiedeneS<br />

<br />

<br />

Sprachprodukte<br />

haben Sie fragen zu anzeigenschaltungen?<br />

Tel. +49 (0)89/8 56 81-131 · Fax +49 (0)89/8 56 81-139<br />

E-Mail: anzeige@spotlight-verlag.de<br />

Mehr Sprache<br />

können Sie<br />

nirgend<strong>wo</strong><br />

shoppen.<br />

Kompetent. Persönlich. Individuell.<br />

Alles, was Sie wirklich brauchen,<br />

um eine Sprache zu lernen:<br />

Bücher und DVDs in Originalsprache,<br />

Lernsoftware und<br />

vieles mehr.<br />

Klicken und Produktvielfalt<br />

entdecken:<br />

Themenvorschau<br />

Ihre Anzeige im<br />

Sprach- und Reisemarkt AdeSSo<br />

Print & E-Paper<br />

ausgabe 11/14:<br />

• Rom<br />

Anzeigenschluss: 24.09.14, Erstverkaufstag: 29.10.14<br />

ausgabe 12/14:<br />

• Comer See<br />

Anzeigenschluss: 22.10.14, Erstverkaufstag: 26.11.14<br />

ausgabe 01/15:<br />

• Toskana<br />

Anzeigenschluss: 12.11.14, Erstverkaufstag: 17.12.14<br />

Änderungen vorbehalten.<br />

Rabatte<br />

ab 3 Anzeigen 3 % Rabatt<br />

ab 6 Anzeigen 6 % Rabatt<br />

ab 9 Anzeigen 10 % Rabatt<br />

ab 12 Anzeigen 15 % Rabatt<br />

Beispiel 1<br />

1-spaltig / 20 mm hoch<br />

e 86,– (schwarz/weiß)<br />

e 111,– (farbig)<br />

Beispiel 3<br />

2-spaltig / 30 mm hoch<br />

e 258,– (schwarz/weiß)<br />

e 333,– (farbig)<br />

Beispiel 2<br />

1-spaltig / 40 mm hoch<br />

e 172,– (schwarz/weiß)<br />

e 222,– (farbig)<br />

Weitere Formate möglich.<br />

Alle Preise zuzüglich MwSt.<br />

aDesso ottobre 2014


SprachkurSe und Sprachferien<br />

SARDINIEN: <strong>die</strong> ganz besondere Insel<br />

und dazu der außergewöhnliche Italienischkurs!<br />

mit PDL: Italienisch erleben und genießen<br />

• auch auf dem Segelboot •<br />

Francesca Di Stefano, Tel.: 06402-512085<br />

www.pdl-sprachkurse.de<br />

Rein ins Land.<br />

Raus mit der Spache.<br />

Sprachreisen & Sprachkurse weltweit<br />

DIALOG-SPRACHREISEN<br />

T. 0761 286470 • www.dialog.de<br />

Scuola Leonardo da Vinci®<br />

Italienisch in Florenz – Mailand – Rom – Siena<br />

www.scuolaleonardo.com<br />

Trieste<br />

Tropea<br />

ITALIENISCH IN FLORENZ<br />

SPEZIALANGEBOT<br />

Sprachkurse für Erwachsene<br />

in kleiner Gruppe 4 Std/Tag<br />

inkl. Aktivitäten, inkl. Einzelzimmer<br />

2 Wochen = € 529,–<br />

(2 Wo. Kunstgeschichte € 739,–)<br />

+39 040 304020 | Als Bildungsurlaub anerkannt | +39 0963 603284<br />

www.piccolauniversitaitaliana.com<br />

Scuola Toscana<br />

Via de’Benci, 23 · 50122 Firenze<br />

Tel/Fax 0039 055 244583<br />

www.scuola-toscana.com<br />

auf allen redaktionellen Sites von<br />

www.adesso-online.de in Rotation<br />

Kontakt:<br />

Tel. +49-(0)89-85681-131<br />

anzeige@spotlight-verlag.de<br />

BerufSauSBildung, fortBildung<br />

www.welthandelskorrespondent.com<br />

staatl. anerk. Berufsfachschule:Europasekretär/in, Korrespondent/in, 062218994-2943<br />

www.europasekretaerin.de<br />

staatl. anerkannt, kleine Klassen, mit Uni.-Abschluss, BBS, ☎ (07221) 22661<br />

<br />

<br />

Nächster Anzeigentermin: 22. oktober<br />

für <strong>die</strong> Dezember-Ausgabe<br />

Sant‘anna InStItute<br />

Italienische Sprache und Kultur<br />

in Sorrent<br />

20% Rabatt auf Italienisch-Kurse<br />

bei Einschreibung für <strong>die</strong> Monate November,<br />

Dezember, Januar, Februar 2014/2015<br />

www.sorrentolingue.com · info@sorrentolingue.com<br />

Tel. +39 081 807 55 99 · Fax +39 081 532 41 40<br />

ferienhÄuSer und -Wohnungen<br />

SARDINIEN – LANUSEI<br />

Komf. Stadthaus (2 - 4 Pers.),<br />

wandern, baden (ab € 50,–/Tag).<br />

Info 0177/8389174<br />

E-mail: klausguddas@aol.com<br />

<br />

<br />

<br />

<br />

<br />

VENEDIG Rialto Nähe<br />

Ein ganzes Fischerhaus mit kleiner<br />

Terrasse nur für Sie. Für 2-4 Personen.<br />

Weekend-Miete all inclusive e 450.-<br />

Details und Fotos:<br />

www.cortediavolo.com<br />

oder 0043/13693165 (Fr. Kaut)<br />

ROM + SARDINIEN + SÜDIT.<br />

Gün. priv. Strandhs + fam. Hotels, teils Pool!<br />

Rom: priv. Stadtwhgn in bester Lage!<br />

Alle Termine! Tel. 0981-3656<br />

info@casaclub.de; www.casaclub.de<br />

Nördl. Toscana: Gepflegte, allein stehende Ferien-Landhäuser mit Privat-Pool.<br />

Ferien<strong>wo</strong>hnungen in ruhig gelegenen Privathäusern mit Pool.<br />

Bezaubernde Panorama-Lage. Persönlich ausgewählt und getestet.<br />

mobil 0049 (0) 177 7464025, www.residenzetoscane.com<br />

aDesso ottobre 2014


NEL PROSSIMO NUMERO<br />

ABO:<br />

Spotlight Verlag GmbH<br />

Kundenbetreuung<br />

Postfach 1565, 82144 Planegg<br />

Internet: www.spotlight-verlag.de<br />

Montag bis Donnerstag: 9 bis 18 Uhr<br />

Freitag: 9 bis 16 Uhr<br />

Kundenbetreuung Privatkunden<br />

und Buchhandlungen<br />

Tel. +49 (0)89/8 56 81-16<br />

Fax +49 (0)89/8 56 81-159<br />

E-Mail: abo@spotlight-verlag.de<br />

Kundenbetreuung Lehrer,<br />

Trainer und Firmen<br />

Tel. +49 (0)89/8 56 81-150<br />

Fax +49 (0)89/8 56 81-119<br />

E-Mail: lehrer@spotlight-verlag.de<br />

Einzelverkaufspreis Deutschland:<br />

€ 7,50<br />

Bestellung Einzelhefte/<br />

ältere Ausgaben:<br />

leserservice@spotlight-verlag.de<br />

<strong>ADESSO</strong> <strong>wird</strong> besonders<br />

umweltfreundlich auf chlorfrei<br />

gebleichtem Papier gedruckt.<br />

KUNDENSERVICE<br />

BEZUGSKONDITIONEN JAHRESABO<br />

Deutschland:<br />

€ 80,40 inkl. MwSt. und Versandkosten<br />

Österreich:<br />

80,40 inkl. MwSt. und zzgl. € 10,20<br />

Versandkosten<br />

Schweiz:<br />

sfr 121,20 zzgl. sfr 18 Versandkosten<br />

übriges Ausland:<br />

€ 80,40 zzgl. Versandkosten<br />

Studentenermäßigung gegen Nachweis.<br />

Die Belieferung kann nach<br />

Ablauf des ersten Bezugsjahres jederzeit<br />

beendet werden - mit Geld-zurück-Garantie<br />

für bezahlte, aber noch<br />

nicht gelieferte Ausgaben.<br />

WEITERE SERVICENUMMERN<br />

Leserbriefe:<br />

adesso@spotlight-verlag.de<br />

Anzeigen:<br />

anzeige@spotlight-verlag.de<br />

Sprachenshop:<br />

www.SprachenShop.de<br />

E-Mail: Bestellung@SprachenShop.de<br />

Tel. +49 (0)711/72 52-245<br />

Fax +49 (0)711/72 52-366<br />

<strong>ADESSO</strong> www.adesso-online.de Gegründet 1994<br />

ROMA<br />

Quattro itinerari inediti nella Città eterna. Dalla Roma<br />

di Augusto a La grande bellezza, i posti da non<br />

perdere per diventare “romani veri” in 48 ore.<br />

HERAUSGEBER UND<br />

VERLAGSLEITER<br />

Dr. Wolfgang Stock<br />

CHEFREDAKTEURIN<br />

Rossella Dimola<br />

CHEF VOM DIENST<br />

Salvatore Viola<br />

BILDREDAKTION<br />

Isadora Mancusi<br />

REDAKTION<br />

Cosimo Carniani, Giovanna<br />

Iacono, Isadora Mancusi,<br />

Fabrizia Memo, Salvatore Viola<br />

AUTOREN IN DIESEM HEFT<br />

Renata Beltrami, Anna Bordoni,<br />

Francesco De Tomaso, Marina<br />

Collaci, Anna Mandelli, Daniela<br />

Mangione, Marco Montemarano,<br />

Valeria Palumbo, Stefano Vastano,<br />

Luca Vitali, Silvia Ziche<br />

MITARBEITER<br />

IM REDAKTIONSBEREICH<br />

Andrea Balzer, Monica Guerra,<br />

Friederike Ott,<br />

Dorothea Schmuck<br />

AUTORIN <strong>ADESSO</strong>in classe<br />

Claudia Driol<br />

KONZEPT UND GESTALTUNG<br />

www.prodigo.de<br />

Filippo Cirri<br />

PRODUKTIONSLEITUNG<br />

Ingrid Sturm<br />

LITHO<br />

Mohn Media Mohndruck GmbH,<br />

33311 Gütersloh<br />

DRUCK<br />

Vogel Druck und Me<strong>die</strong>nservice<br />

GmbH, 97204 Höchberg<br />

© 2014 Spotlight Verlag, auch für<br />

alle genannten Autoren, Fotografen<br />

und Mitarbeiter<br />

Der Inhalt der Artikel gibt <strong>die</strong> Meinung<br />

der Autoren, nicht <strong>die</strong> der<br />

Redaktion wieder.<br />

Im Spotlight Verlag erscheinen:<br />

Spotlight, Business Spotlight,<br />

Écoute, ECOS, <strong>ADESSO</strong>,<br />

Deutsch perfekt<br />

VERLAG UND REDAKTION<br />

Spotlight Verlag GmbH<br />

Postanschrift:<br />

Postfach 1565, 82144 Planegg<br />

Hausanschrift:<br />

Fraunhoferstr. 22, 82152 Planegg<br />

Telefon 0 89/8 56 81-0<br />

Telefax 0 89/8 56 81-105<br />

Redaktion:<br />

adesso@spotlight-verlag.de<br />

GESCHÄFTSFÜHRUNG<br />

Dr. Wolfgang Stock,<br />

Markus Schunk<br />

VERTRIEBSLEITUNG<br />

Monika Wohlgemuth<br />

MARKETINGLEITUNG<br />

Holger Hofmann<br />

LESERSERVICE<br />

Birgit Hess<br />

LEITUNG MARKETING B2C & PR<br />

Heidi Kral<br />

LEITUNG MARKETING B2B &<br />

KOOPERATIONEN<br />

Susanne Mürbeth<br />

VERTRIEB HANDEL<br />

MZV, Ohmstraße 1,<br />

85716 Unterschleißheim<br />

BANKVERBINDUNGEN<br />

USt-IdNr. DE 265 973 410<br />

Commerzbank AG Düsseldorf<br />

IBAN DE46300800000212865200<br />

SWIFT (BIC) DRESDEFF300<br />

Für zahlungen aus der Schweiz<br />

Credit Suisse AG, 8070 Zürich<br />

IBAN CH1204835055483341000<br />

SWIFT (BIC) CRESCHZZ80C<br />

ERSCHEINUNGSWEISE: monatlich<br />

ISSN-NUMMER: 0947-2096<br />

L’ITALIA A TAVOLA<br />

Viaggio alla scoperta della<br />

pasticceria italiana. Prima<br />

tappa: i dolci del Centro-Nord.<br />

GRANDANGOLO<br />

Mistero della fede. Nei vicoli di<br />

Napoli c’è una sedia “miracolosa”<br />

per le aspiranti mamme.<br />

<strong>ADESSO</strong> 11/14 IN VENDITA DAL 29 OTTOBRE<br />

GESAMT-ANZEIGENLEITUNG<br />

Axel Zettler<br />

Tel. +49 (0)89/8 56 81-130<br />

Fax +49 (0)89/8 56 81-139<br />

E-Mail: anzeige@spotlight-verlag.de<br />

SPRACH- & REISEMARKT<br />

CROSSMEDIA<br />

Eva-Maria Markus<br />

Tel. +49 (0)89/8 56 81-131<br />

Fax +49 (0)89/8 56 81-139<br />

E-Mail: e.markus@spotlight- verlag.de<br />

E-Mail: anzeige@spotlight-verlag.de<br />

MEDIA CONSULTANT<br />

Martina Konrad<br />

Tel. +49 (0)89/85 68 1-132<br />

Fax +49 (0)89/85 68 1-139<br />

E-Mail: m.konrad@spotlight-verlag.de<br />

E-Mail: anzeige@spotlight-verlag.de<br />

ANZEIGENPREISLISTE:<br />

Es gilt <strong>die</strong> Anzeigenpreisliste Nr. 22 ab<br />

Ausgabe 1/14<br />

Im Spotlight Verlag erscheinen:<br />

Spotlight, Business Spotlight,<br />

Écoute, ECOS, <strong>ADESSO</strong>,<br />

Deutsch perfekt<br />

Repräsentanz-Empfehlungsanzeigen<br />

iq media marketing gmbh<br />

Patrick Priesmann, Leiter Marketing,<br />

Kasernenstraße 67, 40213 Düsseldorf,<br />

Tel. 0211/887-2315, Fax 0211/887-97-<br />

2315, E-Mail: patrick.priesmann@iqm.de<br />

Nielsen 1,5,6,7<br />

iq media marketing gmbh, Brandstwiete 1<br />

(Neuer Duvenhof), 20457 Hamburg,<br />

Tel. 040/30183-210, Fax 040/30183-283,<br />

E-Mail: matthias.meissner@iqm.de<br />

Nielsen 2<br />

iq media marketing gmbh, Kasernenstraße<br />

67, 40213 Düsseldorf, Tel. 0211/887-<br />

2056, Fax 0211/887-97-2056, E-Mail:<br />

klaus.barth@iqm.de<br />

Nielsen 3a<br />

iq media marketing gmbh, Eschersheimer<br />

Landstraße 50, 60322 Frankfurt,<br />

Tel. 069/2424-4500, Fax 069/2424-59-<br />

4500, E-Mail: thomas.<strong>wo</strong>lter@iqm.de<br />

Nielsen 3b+4<br />

iq media marketing gmbh, Nymphenburger<br />

Straße 14, 80335 München, Tel.<br />

089/545907-18, Fax 089/545907-24,<br />

E-Mail: joerg.boensch@iqm.de<br />

Sales Lifestyle<br />

iq media marketing gmbh, Kasernenstraße<br />

67, 40213 Düsseldorf, Tel. 0211/887-<br />

3582, Fax 0211/887-97-3582,<br />

E-Mail: christian.gericke@iqm.de<br />

BeNeLux, Skandinavien<br />

iq media marketing gmbh, Kasernenstraße<br />

67, D-40213 Düsseldorf,<br />

Tel. +49/211/887-1332,<br />

Fax +49/211/887-97-1332,<br />

E-Mail: neil.frankland@iqm.de<br />

Österreich<br />

Service proxymedia e.U., Wiesengasse 3,<br />

2801 Katzelsdorf, Tel. +43/2662/36755,<br />

Fax +43/125-330-333-989, E-Mail:<br />

michael.schachinger@proxymedia.at<br />

Schweiz<br />

TTop Media Sales GmbH, Chamerstrasse<br />

56, 6300 Zug, Tel. 041/7105701, Fax<br />

041/7105703, E-Mail: walter.vonsiebenthal@topmediasales.ch<br />

Großbritannien, Irland<br />

Advance International Media, Peter<br />

Mason, First Floor, 30 St John’s Lane,<br />

EC1M 4NB London,<br />

Tel. +44/207/2530888,<br />

Fax: +44/207/2050761,<br />

E-Mail: peter@advance.uk.com


Schon gehört?<br />

Der Audio-Trainer mit Hörverständnis-Übungen<br />

in Ihrer Lieblingssprache. Als CD oder Download.<br />

4<br />

zum Preis<br />

von 3!*<br />

Bestellen Sie jetzt!<br />

+49 (0)89/8 56 81-16<br />

www.spotlight-verlag.de/audio-angebot<br />

* Kennenlern-Angebot für Neu-Abonnenten: 4 Ausgaben eines Audio-Trainers Ihrer Wahl zum Preis von 3.<br />

Audio-CD: € 35,10 / SFR 52,65 – Business Spotlight € 52,80 / SFR 79,20<br />

Audio-Download: € 29,70 / SFR 44,55 – Business Spotlight € 44,70 / SFR 67,05


Sprachen lernen<br />

und erleben.<br />

Ihre Sprachreise von zu Hause aus: Online-Training<br />

mit Videos und Übungen. Jederzeit verfügbar.<br />

50%<br />

Rabatt<br />

Bestellen Sie jetzt!<br />

+49 (0)89/8 56 81-16<br />

www.dalango.de/50rabatt<br />

Sonderpreis für Erstlaufzeit 6 Monate: EUR 9,97 pro Monat statt regulär EUR 19,95.<br />

Danach kann <strong>die</strong> Mitgliedschaft jederzeit gekündigt werden - E-Mail an info@dalango.de genügt.


ITALIENISCH LEICHT GEMACHT 10/2014 ALLE TEXTE AUF<br />

GIRO D’ITALIA<br />

SARDINIEN<br />

Wie gut kennen Sie den „Stiefel“?<br />

Eine Reise durch Landeskunde,<br />

Kultur und Traditionen<br />

der italienischen Regionen.


Sardegna<br />

SARDEGNA<br />

IN BREVE<br />

La Sardegna è la seconda isola del Mediterraneo<br />

per dimensioni, dopo la Sicilia. Dal 1948 è una<br />

regione autonoma a statuto speciale. La sua storia<br />

molto antica inizia con la civiltà dei nuraghi.<br />

I nuraghi sono costruzioni in pietra di forma<br />

tronco-conica che è facile vedere ancora oggi:<br />

sono 7.000, circa uno ogni 3 chilometri quadrati.<br />

Tra il X e VIII secolo a.C., nell’isola arrivano i<br />

Fenici, poi i Cartaginesi, i Romani, i Bizantini, gli<br />

Aragonesi e infine, nel 1720, i Savoia.<br />

Anche se le dominazioni sono molte, i sardi<br />

restano legati alle loro tradizioni. Fino alla prima<br />

metà del secolo scorso la popolazione viveva soprattutto<br />

nell’entroterra, praticava la pastorizia<br />

e l’estrazione dei minerali. A partire dagli anni<br />

Sessanta con la “scoperta” della Costa Smeralda,<br />

le attività si spostano sulla costa, grazie allo<br />

sviluppo del turismo. La sua natura intatta e incontaminata<br />

e le sue meravigliose spiagge (vedi<br />

pag. 5), hanno reso la Sardegna famosa<br />

in tutto il mondo.<br />

POPOLAZIONE<br />

1.640.379 abitanti<br />

LAVORO<br />

Tasso di occupazione:<br />

48,4%<br />

Tasso di disoccupazione:<br />

17,7%<br />

DENSITÀ<br />

ABITATIVA<br />

69,04 abitanti<br />

per km 2<br />

PIL<br />

33.025 milioni<br />

di euro<br />

2,8% agricoltura<br />

12,8% industria<br />

74,6% servizi<br />

CLIMA<br />

17,7° temperatura<br />

media annua<br />

SUPERFICIE<br />

24.100,02 km²<br />

PAESAGGIO<br />

13,6% montagna<br />

18,4% pianura<br />

67,9% collina<br />

AREE PROTETTE<br />

32, per esempio il<br />

Parco dell’Asinara,<br />

l’area marina<br />

protetta di Capo<br />

Carbonara-Villasimius,<br />

l’arcipelago<br />

della Maddalena.<br />

1<br />

sito Unesco<br />

Il nuraghe<br />

Su Nuraxi, all’interno<br />

del villaggio nuragico<br />

di Barumini<br />

Asinara<br />

MARE DI<br />

SARDEGNA<br />

San Pietro<br />

Sant’Antioco<br />

Sassari<br />

1. Il liquore tipico<br />

dell’isola.<br />

a) il limoncello<br />

b) la grappa<br />

c) il mirto<br />

27<br />

tra isole minori e isolotti.<br />

4000<br />

anni: l’età dell’oleastro di<br />

Luras, in Gallura.<br />

Olbia-<br />

Tempio<br />

Nuoro<br />

Lago<br />

Omodeo<br />

MONTI DEL<br />

Oristano GENNARGENTU<br />

Iglesias<br />

Carbonia<br />

Lago del<br />

Coghinas<br />

Medio<br />

Campidano<br />

CAGLIARI<br />

MAR<br />

MEDITERRANEO<br />

La Maddalena<br />

Caprera<br />

Ogliastra<br />

Costa<br />

Smeralda<br />

MAR<br />

TIRRENO<br />

2<br />

10/2014 - eine Beilage von <strong>ADESSO</strong>


Sardegna<br />

CAGLIARI<br />

Il capoluogo della Sardegna è Cagliari. La montagna chiamata Sella del Diavolo<br />

protegge la città. I Fenici utilizzano Karalis come porto commerciale.<br />

Fino all’inizio del Novecento la città è detta anche Casteddu, ovvero Castello.<br />

Proprio nel quartiere di Castello, il più alto della città, si vedono tracce<br />

della Cagliari me<strong>die</strong>vale, quando Pisa dominava la città. Qui ci sono la torre<br />

dell’Elefante, la torre di San Pancrazio e, tra vicoli molto ripidi, la cittadella<br />

dei musei. Nella Cagliari moderna da visitare sono la basilica di Bonaria, Via<br />

Manno e Via Garibaldi, le vie dello shopping, e Via Roma, con il suo porticciolo<br />

turistico. Il Poetto, la lunga spiaggia sul Golfo degli Angeli, è parallelo<br />

all’area protetta delle saline, dove vivono molti fenicotteri rosa.<br />

PERSONAGGI<br />

FAMOSI<br />

Molti sono i politici italiani nati in Sardegna:<br />

Antonio Gramsci (1891-1937)<br />

fondatore del Partito comunista italiano<br />

e autore delle Lettere dal carcere e<br />

dei Quaderni del carcere. Gli ex presidenti<br />

della Repubblica Antonio Segni<br />

(1891-1972), in carica dal 1962 al 1964,<br />

e Francesco Cossiga (1928-2010), dal<br />

1985 al 1992. Enrico Berlinguer (1922-<br />

1984), segretario del Pci dal 1972 fino<br />

alla morte, parente di Francesco Cossiga<br />

e di Antonio Segni. Ricordiamo inoltre<br />

Grazia Deledda (1871-1936), Premio<br />

Nobel per la Letteratura nel 1926 e<br />

autrice di numerosi romanzi e novelle.<br />

Di Sanluri, nella provincia del Medio<br />

Campidano, è Renato Soru (1957), imprenditore,<br />

politico e manager, fondatore<br />

di Tiscali, un’importante azienda<br />

di telecomunicazioni, ed ex presidente<br />

della Regione Sardegna. È<br />

sardo il compositore e trombettista<br />

Paolo Fresu (1961). Di Sassari<br />

è Mario Sironi (1885-1961), uno<br />

dei più importanti pittori futuristi<br />

europei. È nata a Sassari anche la<br />

showgirl Elisabetta Canalis (nella<br />

foto), ex fidanzata di George Clooney.<br />

IL CONSIGLIO<br />

DI VITO<br />

Passate una notte nell’isola<br />

dell’Asinara, dove gli unici abitanti<br />

sono gli asinelli bianchi da<br />

cui l’isola prende il nome. Intorno<br />

a voi avrete solo la natura incontaminata<br />

e il mare trasparente. Al<br />

SognAsinara, un piccolo ostello<br />

e l’unico posto per dormire sull’isola,<br />

si può vivere un’esperienza<br />

unica. Di notte, se guardate il cielo,<br />

vi sembrerà di toccare le stelle<br />

con un dito.<br />

2. La costa frequentata<br />

da personaggi famosi.<br />

a) Costa Azzurra<br />

b) Costa Smeralda<br />

c) Costa Brava<br />

SARDEGNA IN BREVE<br />

per dimensioni<br />

nach<br />

der Größe<br />

a statuto mit Sonderstatus<br />

speciale<br />

iniziare beginnen<br />

tronco- stumpfkegelig<br />

conico<br />

a.C. (avanti v. Chr. (vor<br />

Cristo) Christus)<br />

restare verbunden<br />

legato bleiben<br />

il secolo Jahrhundert<br />

l’entroterra Binnenland<br />

la pastorizia Schafzucht<br />

l’estrazione<br />

f.<br />

Gewinnung<br />

la scoperta Entdeckung<br />

lo sviluppo Entwicklung<br />

il tasso di Erwerbstätigenquote<br />

occupazione<br />

la densità Bevölkerungsdichte<br />

abitativa<br />

il Pil, il<br />

Prodotto<br />

interno<br />

lordo<br />

il sito<br />

l’oleastro<br />

BIP, Bruttoinlandsprodukt<br />

Stätte<br />

Wilder Olivenbaum<br />

CAGLIARI<br />

proteggere schützen<br />

utilizzare nutzen<br />

il porto Handelshafen<br />

commerciale<br />

ripido<br />

il porticciolo<br />

il fenicottero<br />

steil<br />

kleiner<br />

Hafen<br />

Flamingo<br />

PERSONAGGI<br />

il fondatore Gründer<br />

Lettere dal dt. Titel:<br />

carcere Gefängnisbriefe<br />

Quaderni<br />

del carcere<br />

dt. Titel:<br />

Gefängnishefte<br />

Amt<br />

Parteichef<br />

Verlobte<br />

la carica<br />

il segretario<br />

la fidanzata<br />

IL CONSIGLIO DI...<br />

l’asinello Eselchen<br />

l’esperienza Erfahrung<br />

incontaminato<br />

unberührt<br />

toccare le<br />

stelle con<br />

un dito<br />

<strong>die</strong> Sterne<br />

mit dem<br />

Finger<br />

berühren<br />

10/2014 - eine Beilage von <strong>ADESSO</strong> 3


PRIMATO<br />

La gola di Gorroppu, nel Parco del Gennargentu,<br />

è larga pochi metri e in alcuni<br />

punti è profonda 500 metri. È la gola<br />

più profonda d’<strong>Italia</strong>. Visitarla mentre<br />

si risale il fiume che l’ha scavata è uno<br />

spettacolo.<br />

A TAVOLA<br />

Tra i piatti tipici della Sardegna troviamo i culurgiones, ravioli<br />

ripieni di patate e menta. Nell’entroterra ci sono piatti a base<br />

di carne, come il porceddu o maialetto al mirto e i malloreddus<br />

alla campidanese, con sugo di salsiccia e pecorino. Ottimi anche<br />

il miele e il pane carasau, il pane finissimo e croccante chiamato<br />

carta musica nelle altre regioni d’<strong>Italia</strong>. Un altro tipo di pane è<br />

la spianatina di Ozieri. Il pane carasau condito con un po’ d’olio<br />

è chiamato pane guttiau (nella foto). La Sardegna ha anche<br />

molti formaggi tipici, come il delicato dolce sardo. Tra i dolci, le<br />

sebadas o seadas sono grandi ravioli fritti e croccanti, ripieni di<br />

pecorino e ricoperti di miele; il torrone di Tonara è il tipico dolce<br />

natalizio, le pabassinas sono biscotti con uva passa. Molti anche<br />

i vini: il rosso Cannonau e il bianco Vermentino. Il liquore dell’isola<br />

è il mirto, a base di bacche di mirto. Inoltre, a Carloforte,<br />

nell’isola di San Pietro, sono tipiche le trofie al pesto, in ricordo<br />

della passata dominazione genovese.<br />

Leggenda<br />

Le domus de janas sono<br />

tombe scavate nella pietra<br />

del periodo prenuragico,<br />

datate al 2.500 a.C. Sono<br />

circa 2.000 e, nell’immaginario<br />

sardo, sono diventate<br />

case delle janas. Queste<br />

creature in alcune zone sono<br />

immaginate come fate<br />

bellissime con una voce incantevole; in altre zone<br />

invece sono streghe che escono dai nascondigli<br />

solo di notte.<br />

La pastorizia<br />

Da sempre la pastorizia è un’attività<br />

molto importante per la Sardegna,<br />

dove i terreni adatti all’agricoltura sono pochi. Oltre<br />

metà della superficie dell’isola è utilizzata per<br />

l’allevamento di quasi 4 milioni di ovini, circa il<br />

50% del totale nazionale. A tavola sono squisiti i<br />

formaggi, come il Fiore sardo, il saporito Pecorino<br />

sardo e quello romano, in gran parte prodotto in<br />

Sardegna, nonostante il nome!<br />

3. Tipiche<br />

costruzioni<br />

dell’isola.<br />

a) nuraghi<br />

b) tophet<br />

c) castra<br />

ICONA<br />

• I costumi sardi tradizionali sono<br />

fatti con tessuti colorati, con coralli,<br />

pietre preziose e ricami dorati. Ogni<br />

comune dell’isola ha il suo vestito tradizionale.<br />

• Il territorio sardo è ricco di querce<br />

da sughero. La corteccia si estrae in<br />

estate. In <strong>Italia</strong> si producono 15.000<br />

tonnellate di sughero all’anno, 12.000<br />

solo in Sardegna.<br />

DA FARE<br />

• Un’esperienza unica è attraversare<br />

alcune aree della Sardegna a bordo<br />

dei trenini verdi. Sono trenini turistici<br />

che percorrono antiche strade ferrate<br />

tra paesaggi meravigliosi,<br />

spesso inaccessibili in<br />

auto. Una delle tratte<br />

più suggestive è quella<br />

tra Alghero e Palau.<br />

www.treninoverde.com<br />

• Al confine del Parco del Gennargentu<br />

c’è Su Gologone, una sorgente di<br />

acqua gelida che ha modellato la<br />

roccia calcarea.<br />

4


Sardegna<br />

SAPORE DI MARE<br />

La Sardegna è un paradiso. A rendere l’isola speciale sono le<br />

numerose spiagge bianche e le calette che si affacciano<br />

sull’acqua limpida, con sfumature dal turchese al verde<br />

smeraldo. Ecco alcune delle più belle e meno conosciute.<br />

1 Isola di Caprera: dal 1982 riserva<br />

naturale. L’intera parte orientale è di<br />

granito rosa. Qui c’è Cala Coticcio<br />

(vedi foto sotto).<br />

2 Isola di Tavolara: ha spiagge bellissime<br />

nella striscia di Spalmatore di<br />

Terra. Vicino ci sono le meravigliose<br />

Piscine dell’isola di Molara.<br />

3 Cala Luna: spiaggia alla foce di un<br />

torrente. L’erosione dell’acqua marina<br />

ha formato alcune grotte. Si raggiunge<br />

solo a piedi o via mare.<br />

4 Cala Goloritzè: piccola spiaggia che<br />

si raggiunge solo a piedi o in barca.<br />

5 Cale di Feraxi: calette isolate nella<br />

bellissima Costa Rei.<br />

6 Serpentara: isola con rocce granitiche<br />

e fondali cristallini. È disabitata e<br />

si raggiunge solo in barca.<br />

7 Isola dei Cavoli: è piccola e disabitata;<br />

qui ci sono fondali azzurri dove<br />

vivono molti pesci, tra cui i barracuda.<br />

8 Chia: spiaggia con dune; intorno<br />

ci sono i boschi di Is Cannoneris (vedi<br />

foto sopra).<br />

9 Cala Zafferano:<br />

spiaggia con<br />

sabbia finissima<br />

che si raggiunge<br />

solo via mare.<br />

10 Cala Lunga:<br />

nell’isola di<br />

4. I simboli della ban<strong>die</strong>ra<br />

[Flagge] sarda.<br />

a) Quattro mori<br />

b) Quattro gigli [Lilie]<br />

c) Quattro chiavi<br />

Cumpoltittu 14<br />

Mal di Ventre 12<br />

La Maddalena<br />

17<br />

Capo Testa 16 1 Caprera<br />

15 Porto Ferro<br />

13 Punta Is<br />

Arutas<br />

2 Tavolara<br />

3 Cala Luna<br />

4 Cala <br />

Goloritzè<br />

Cala Domestica 11<br />

Cale di Feraxi 5<br />

6 Serpentara<br />

Cala Lunga 10 Cavoli 7<br />

Cala Zafferano 9 8 Chia<br />

Sant’Antioco, spiaggia di sabbia grossa<br />

con coralli. Si trova vicino a Cala<br />

dei Tuffi, un’autentica piscina naturale.<br />

11 Cala Domestica: spiaggia di sabbia<br />

ideale per la pesca subacquea. Intorno<br />

le dune sono coperte di macchia<br />

mediterranea.<br />

12 Mal di Ventre: in sardo Malu Entu,<br />

“cattivo vento”, piccola isola con fondali<br />

ricchi di pesci e ricci.<br />

Sulla spiaggia di Cala Valdaro<br />

c’è un nuraghe.<br />

13 Punta Is Arutas: spiaggia<br />

di quarzi colorati. Ha un<br />

fondale profondo ed è frequentata<br />

per il surf.<br />

14 Cumpoltittu: spiaggia a<br />

forma di semiluna con rocce<br />

tutto intorno.<br />

15 Porto Ferro: qui la sabbia<br />

è color giallo-rossastro<br />

(da qui il nome); intorno ci<br />

sono montagne in trachite<br />

rossa.<br />

16 Capo Testa: piccola penisola con<br />

intorno il mare cristallino; le rocce<br />

sono levigate dal vento.<br />

A TAVOLA<br />

ripieno di gefüllt mit<br />

la salsiccia: grobe Bratwurst<br />

il miele Honig<br />

la spianatina: typ. sard.<br />

Brotfladen<br />

delicato mild<br />

natalizio Weihnachtsl’uva<br />

Rosine<br />

passa<br />

la bacca di Myrtenbeere<br />

mirto<br />

la dominazione<br />

Herrschaft<br />

LEGGENDA<br />

la tomba Grab<br />

scavato gegraben<br />

l’immaginario<br />

Vorstellungswelt<br />

la fata Fee<br />

incantevole<br />

bezaubernd<br />

la strega Hexe<br />

il nascon- Versteck<br />

diglio<br />

PASTORIZIA<br />

la Schafzucht<br />

pastorizia<br />

l’allevamento<br />

Zucht<br />

l’ovino Schaf<br />

saporito würzig<br />

PRIMATO<br />

la gola Schlucht<br />

largo breit<br />

profondo tief<br />

ICONE<br />

il tessuto Stoff<br />

il ricamo Stickerei<br />

la quercia Korkeiche<br />

da sughero<br />

la corteccia Rinde<br />

estrarre hier: schälen<br />

DA FARE<br />

la strada Bahnstrecke<br />

ferrata<br />

inaccessibile<br />

unzugänglich<br />

il confine Grenze<br />

la sorgente Quelle<br />

LE SPIAGGE<br />

la caletta kleine Bucht<br />

affacciarsi hinausgehen<br />

la foce di un<br />

torrente<br />

Flussmündung<br />

disabitato unbe<strong>wo</strong>hnt<br />

la pesca<br />

subacquea<br />

Unterwasserjagd<br />

il riccio Seeigel<br />

rossastro rötlich<br />

10/2014 - eine Beilage von <strong>ADESSO</strong><br />

5


Sardegna<br />

COSE DA<br />

VEDERE<br />

Lingua<br />

In Sardegna c’è una grande<br />

varietà linguistica. La lingua<br />

ufficiale è l’italiano,<br />

ma molti parlano il<br />

sardo, dal 1997 seconda<br />

lingua ufficiale dell’isola.<br />

Si tratta di una lingua<br />

neolatina rimasta<br />

fedele al latino perché<br />

il territorio sardo è<br />

molto isolato. Inoltre<br />

nella città di Alghero<br />

— detta anche Barceloneta,<br />

la “piccola<br />

Barcellona” — si parla<br />

ancora il catalano, ultima<br />

traccia della dominazione<br />

catalano-aragonese. A<br />

Carloforte e a Calasetta resiste<br />

il tabarchino, un dialetto<br />

di origine ligure.<br />

CASTELSARDO<br />

È un borgo<br />

me<strong>die</strong>vale su un<br />

promontorio vulcanico<br />

sopra il Golfo<br />

dell’Asinara. Da<br />

visitare la Rocca di<br />

Bellavista e la chiesa<br />

di Santa Maria<br />

delle Grazie.<br />

ALGHERO<br />

È il capoluogo della<br />

Riviera del Corallo,<br />

con antichi palazzi<br />

in stile catalanoaragonese.<br />

Sono<br />

a pochi chilometri<br />

la riserva naturale<br />

di Capo Caccia e le<br />

Grotte di Nettuno.<br />

È sarda la famiglia più longeva<br />

del pianeta. La famiglia Melis<br />

vive a Perdasdefogu, un paesino<br />

della Sardegna sud-orientale,<br />

nella provincia dell’Ogliastra. Nel<br />

2014 i Melis sono entrati per la<br />

terza volta consecutiva nel Guinness<br />

World Record: nove fratelli<br />

e sorelle, con una media di 93<br />

anni ciascuno, arrivano a ben<br />

837 anni e 10 giorni.<br />

BOSA<br />

Borgo di origine fenicia.<br />

Qui c’è il castello<br />

di Serravalle,<br />

del 1112. Dentro si<br />

trova la chiesa di<br />

Nostra Signora de<br />

Sos Regnos Altos,<br />

famosa per i suoi<br />

affreschi.<br />

Feste e sagre<br />

• La Sartiglia è una giostra equestre me<strong>die</strong>vale.<br />

Si svolge a Oristano l’ultima domenica e il<br />

martedì di Carnevale: 120 cavalieri mascherati,<br />

guidati da Su componidori, il signore della festa,<br />

infilzano al galoppo una stella attaccata a un filo.<br />

GENNARGENTU<br />

È un’ampia zona<br />

montuosa, in gran<br />

parte incontaminata<br />

e selvaggia.<br />

Nelle gole e nei<br />

canyon vivono<br />

mufloni, cervi sardi,<br />

daini e aquile<br />

reali.<br />

Souvenir<br />

La fede sarda è un anello<br />

nuziale fatto a mano<br />

secondo antiche tradizioni,<br />

lavorato in filigrana<br />

d’oro a nido d’ape.<br />

Un CD dei Tenores di<br />

Bitti, che eseguono<br />

a più voci il tipico<br />

canto a tenore sardo,<br />

senza musica.<br />

• La Corsa degli scalzi si tiene a Cabras tra fine agosto e<br />

inizio settembre. Il sabato all’alba la statua di San Salvatore<br />

è portata a piedi nudi da Cabras al borgo di San Salvatore. Il<br />

giorno dopo, al tramonto, è riportata in paese.<br />

5. Quale lingua si<br />

parla ad Alghero,<br />

oltre all’italiano?<br />

a) il castigliano<br />

b) il catalano<br />

c) il basco<br />

LO SAPEVATE CHE...<br />

Vicino a Sassari c’è un’area archeologica unica in Europa, il complesso di Monte<br />

Accodi. Fra i resti, anche del V millennio a.C., il più impressionante è un grande<br />

altare simile alle ziqqurath mesopotamiche. La sua scoperta, nel 1947, è stata<br />

sensazionale, e ancora oggi gli studiosi non sanno molto su questo altare.<br />

6<br />

10/2014 - eine Beilage von <strong>ADESSO</strong>


Sardegna<br />

TOMBE DEI GIGAN-<br />

TI DI ARZACHENA<br />

Complesso di monumenti<br />

funerari con<br />

corridoi coperti da<br />

lastre di granito e stele,<br />

che rappresentano<br />

la porta verso l’aldilà.<br />

La stele più alta<br />

raggiunge i 4 metri.<br />

I NURAGHI<br />

I monumenti più caratteristici della<br />

Sardegna sono i nuraghi, testimonianza<br />

della civiltà nuragica, che<br />

viveva nell’isola fra la metà del II<br />

e il I millennio a.C. Si tratta di torri<br />

di forma tronco-conica che servivano<br />

forse come abitazioni, luoghi<br />

di culto o per la difesa. Alcuni nuraghi,<br />

collegati da mura, formano<br />

“villaggi”, altri sono isolati e più<br />

complessi, con gallerie, camere<br />

sovrapposte e scale a spirale. In<br />

Sardegna ci sono circa 7.000 nuraghi.<br />

Alcuni sono molto ben conservati<br />

e hanno un ruolo importante:<br />

testimoniano la singolarità dell’isola<br />

e sono un elemento della sua identità.<br />

Da non perdere il villaggio nuragico<br />

di Barumini il più importante<br />

sito archeologico della Sardegna<br />

dove si trova anche Su Nuraxi, nuraghe<br />

patrimonio Unesco. Qui sotto<br />

il nuraghe Capo Testa.<br />

CARLOFORTE<br />

Borgo marinaro<br />

nell’isola di San<br />

Pietro. Le case colorate<br />

ricordano le tipiche<br />

piazzette liguri. Qui si<br />

trova una delle poche<br />

tonnare fisse ancora<br />

attive in <strong>Italia</strong>.<br />

BASILICA DI<br />

SACCARGIA<br />

La basilica romanico-pisana<br />

in provincia<br />

di Sassari è stata costruita<br />

nel XII secolo.<br />

L’interno ha un’unica<br />

navata e finisce con<br />

un’abside, famosa per<br />

i suoi affreschi.<br />

6. Il nome Asinara<br />

deriva da…<br />

a) asini bianchi<br />

b) miniere di carbone<br />

[Kohlenbergwerk]<br />

c) abitanti dell’isola<br />

IL FATTO STORICO<br />

CARTA DE LOGU<br />

Alla fine della dominazione bizantina<br />

nell’isola ci sono quattro giudicati<br />

indipendenti: il giudicato di Cagliari,<br />

di Torres o del Logudoro, di<br />

Gallura e d’Arborea. Nel 1297 papa<br />

Bonifacio VIII assegna l’isola agli<br />

Aragonesi. La giudicessa Eleonora<br />

d’Arborea contrasta gli Aragonesi e<br />

riesce a unire nel 1395 sotto il suo<br />

governo l’isola sino al 1404. Aggiorna<br />

anche la Carta de Logu, il codice<br />

di leggi di Mariano IV, suo padre. Si<br />

tratta di leggi civili e penali in lingua<br />

sarda, in vigore sino al 1827. La Carta<br />

de Logu è una delle carte più interessanti<br />

del Trecento anche per la<br />

sua modernità: affronta infatti temi<br />

come l’usura e i diritti delle donne.<br />

7 COSE DA VEDERE<br />

il borgo Dorf<br />

il promontorisprung<br />

Küstenvor-<br />

incontaminato<br />

unberührt<br />

la gola Schlucht<br />

il daino Damhirsch<br />

l’aquila Königsadler<br />

reale<br />

il monumento<br />

Grabmal<br />

funerario<br />

la lastra Platte<br />

l’aldilà Jenseits<br />

la tonnara: tradition. Thunfisch-Fanganlage<br />

la navata Kirchenschiff<br />

LINGUA<br />

fedele getreu, treu<br />

la traccia Spur<br />

resistere überdauern<br />

CURIOSITÀ<br />

longevo langlebig<br />

consecutivo hier: in<br />

Folge<br />

ciascuno jeder<br />

SOUVENIR<br />

la fede Ehering<br />

a nido wabenförmig<br />

d’ape<br />

eseguire ausführen<br />

FESTE E SAGRE<br />

la giostra Reiterspiel<br />

equestre<br />

il cavaliere Reiter<br />

infilzare aufspießen<br />

scalzo barfuß<br />

l’alba Morgendämmerung<br />

LO SAPEVATE CHE…<br />

la scoperta Entdeckung<br />

I NURAGHI<br />

la testimonianza<br />

Zeugnis<br />

sovrappostderliegend<br />

übereinan-<br />

la scala a Wendeltreppe<br />

spirale<br />

conservato erhalten<br />

FATTO STORICO<br />

assegnare zuteilen<br />

contrastare entgegentreten<br />

unire vereinen<br />

aggiornare überarbeiten<br />

in vigore in Kraft<br />

affrontare anpacken<br />

l’usura Wucher<br />

10/2014 - eine Beilage von <strong>ADESSO</strong> 7


SUPER QUIZ<br />

Hai letto tutto l’ ? Adesso mettiti alla prova!<br />

Sardegna<br />

1. Una famosa scrittrice sarda.<br />

a. Oriana Fallaci<br />

b. Grazia Deledda<br />

c. Elsa Morante<br />

2. La spiaggia di Cagliari.<br />

a. Golfo degli Aranci<br />

b. Stintino<br />

c. Poetto<br />

3. Dove si trovano le tombe dei<br />

giganti?<br />

a. ad Arzachena<br />

b. a Tiscali<br />

c. a Bosa<br />

4. Come si chiamano i ravioli sardi?<br />

a. culurgiones<br />

b. trofie<br />

c. pabassinas<br />

5. La famosa giostra equestre sarda.<br />

a. Mamoiada<br />

b. Sartiglia<br />

c. Saracino<br />

6. Dove si trova la sorgente<br />

Su Gologone?<br />

a. sulla Sella del Diavolo<br />

b. nel Gennargentu<br />

c. a La Maddalena<br />

7. Quanti nuraghi ci sono in<br />

Sardegna?<br />

a. 7.000<br />

b. 5.000<br />

c. 9.000<br />

8. Le case delle fate.<br />

a. domus de Maria<br />

b. domus de janas<br />

c. nuraghi<br />

9. L’autore di Lettere dal carcere.<br />

a. Enrico Berlinguer<br />

b. Antonio Gramsci<br />

c. Francesco Cossiga<br />

10. Il nome di un’isola che in sardo<br />

significa “cattivo vento”.<br />

a. Mal di Ventre<br />

b. Compultittu<br />

c. La Maddalena<br />

11. Codice me<strong>die</strong>vale di leggi scritto<br />

in sardo.<br />

a. la Magna Charta<br />

b. il Corpus iuris civilis<br />

c. la Carta de Logu<br />

12. L’isola dove si trova Carloforte.<br />

a. San Pietro<br />

b. Asinara<br />

c. Tavolara<br />

SOLUZIONI SUPER QUIZ: 1. b; 2. c; 3. a; 4. a; 5. b; 6. b; 7. a; 8. b; 9. b; 10. a; 11. c; 12. a.<br />

1. c Il mirto è un liquore molto popolare in Sardegna e si prepara con le bacche e le foglie del mirto<br />

rosso. 2. b In Costa Smeralda (Gallura), fino all’inizio degli anni Sessanta vivevano solo pastori.<br />

Nel 1961 il consorzio Costa Smeralda, con a capo il principe Karim Aga Kahn, compra queste<br />

terre e costruisce strutture turistiche di lusso che i divi e i ricchi di tutto il mondo frequentano<br />

soprattutto in estate. 3. a I nuraghi sono costruzioni di forma tronco-conica in pietra che<br />

si trovano nell’isola dal II millennio a.C. Sulla loro funzione studiosi e archeologi discutono:<br />

forse erano edifici di culto, forse abitazioni o tombe monumentali, forse servivano per la difesa.<br />

4. a I quattro mori, bendati o meno, sono il simbolo della ban<strong>die</strong>ra sarda dal XIII secolo.<br />

L’origine di questo simbolo è incerta e ancora molto discussa. 5. b il dialetto di Alghero è una<br />

variante del catalano ed è un residuo della dominazione degli Aragonesi, arrivati in città nel XIV<br />

secolo. 6. a Gli asinelli bianchi sono gli unici abitanti dell’isola dell’Asinara e vivono liberi.<br />

IMPRESSUM: Herausgeber und Verlagsleiter: Dr. Wolfgang Stock Chefredakteurin: Rossella Dimola Chef vom Dienst: Salvatore<br />

Viola Autoren und Redaktion: A. Balzer, C. Carniani, M. Guerra, G. Iacono, I. Mancusi, F. Memo, S. Viola Gestaltung: www.prodigo.de<br />

Druck: Me<strong>die</strong>nhaus Ortmeier GmbH, 48369 Saerbeck Gesamt-Anzeigenleitung: Axel Zettler, Tel. +49 (0)89/8 56 81-130<br />

Verlag und Redaktion Spotlight Verlag GmbH, Fraunhoferstr. 22, 82152 Planegg Tel: +49 (0)89 8 56 81-0, www.evviva-online.de;<br />

www.adesso-online.de. © 2014 Spotlight Verlag, auch für alle genannten Autoren, Fotografen und Mitarbeiter.<br />

8<br />

10/2014 - eine Beilage von <strong>ADESSO</strong>

Hooray! Your file is uploaded and ready to be published.

Saved successfully!

Ooh no, something went wrong!