CENNI STORICI DELLE PARROCCHIE DI SANTERAMO IN COLLE ...

diocesidialtamura.it

CENNI STORICI DELLE PARROCCHIE DI SANTERAMO IN COLLE ...

CENNI STORICI DELLE PARROCCHIE DI SANTERAMO IN COLLE

Chiesa Madre

La Chiesa Matrice di Santeramo è dedicata al santo patrono della città, Sant’Erasmo, che dà il nome

anche alla parrocchia. Fu costruita nel 1729 su una antica cappella preesistente dedicata a Santa

Maria della Lama. La Chiesa ha una struttura architettonica semplice, costituita da tre navate (la

navata centrale termina con altare e presbiterio) con grandi pilastri trattati a stucco lucido imitazione

marmo (1860). Le navate laterali contengono altari ricchi di marmi policromi. Il campanile è stato

ultimato solo in epoca più recente (1923). La chiesa che conserva uno stile prevalentemente

barocco, conserva al suo interno lavori d rilevante valore artistico come il bassorilievo del Laurana

della Madonna col bambino che adorna un altare della navata destra e altri dipinti dell’artista

Paradiso che adornano l’abside della chiesa. In questi ultimi anni sì sta portando avanti una forte

azione di recupero e valorizzazione del patrimonio artistico con interventi di restauro su diverse

statue e tele ivi conservate.

SS. Crocifisso

La chiesa sorge all’incrocio di via Altamura, via Matera e corso Tripoli, sul sito più elevato del

paese. Le prime testimonianze dell’esistenza di un edificio di culto sul sito dove oggi sorge la

parrocchia sono precedenti al 1548; si tratta di una piccola cappella dedicata a San Rocco. Nel

1672, nella stessa area, vennero edificati un convento per frati minori e una chiesa, donazione del

marchese Caracciolo e dedicati a San Rocco. La facciata della chiesa è in stile neoclassico con

l’emblema francescano, sul portale centrale. All’interno la chiesa è composta da una navata

principale coperta da volte a botte e cinque cappelle monastiche sul lato destro. Sul lato sinistro

della navata sono presenti quattro altari in pietra. Sopra l’altare maggiore costruito nel 1748 c’è il

Crocifisso - opera in legno intagliato, di frate Angelo da Pietrafitta (CS) del 1698. Il 1° maggio

1931 col decreto dell’arcivescovo di Bari e di Canosa Augusto Curi viene eretta la parrocchia del

SS. Crocifisso.


Sacro Cuore

La chiesa fu costruita nel 1891 da Vito Calabrese con il titolo dell’Addolorata e venne dallo stesso

donata il 1 Settembre 1893, insieme al suolo e ai locali annessi, ai missionari del P. P. mo Sangue

che ne fecero una casa per esercizi spirituali. Il 24 Giugno 1940 l’arcivescovo Marcello Mimmi vi

eresse la parrocchia sotto il titolo di Sacro Cuore affidandola agli stessi missionari. I primi lavori di

restauro furono eseguiti nel 1949 dal parroco Giovanni Tanzi che fece aprire un lucernario

sull’altare Maggiore. Altri lavori di rinnovamento furono eseguiti dai parroci successivi, quali la

nuova pavimentazione e il rivestimento di marmo verde del basamento delle colonne nel 1959 da

Don Domenico Ventola; l’artistico altare in marmo rivolto verso il popolo con ampliamento del

presbitero nel 1968m da Don Eliseo Pace; il nuovo fonte battesimale ed il ciborio nel 1974 da Don

Michele Sorino: la varia suppellettile della Chiesa nel 1978 da Don Mario Contento. Nel 1976 il

parroco Don Michele Sorino fece una nuova facciata con antistante sagrato dalla parte opposta alla

vecchia, le cui aperture vennero murate. Nel 2002 il parroco Michele Masi fece chiudere parte

dell’arcate realizzando due cappelle e la nuova realizzazione dell’Altare Maggiore in marmo

bianco e ingrandendo l’interno della Chiesa occupando parte della vecchia sacrestia e di un locale

adiacente.

More magazines by this user
Similar magazines