Informilano gennaio-febbraio 2013 - Circolo Esperantista Milanese

esperanto.it

Informilano gennaio-febbraio 2013 - Circolo Esperantista Milanese

MILANO: ANCHE L'ESPERANTO ALLA MANIFESTAZIONE ALL'UMANITARIA

Lunedì 10 dicembre 2013, ricorrenza della Dichiarazione Universale

dei Diritti dell'Uomo, si è tenuta in Milano, nel Salone degli Affreschi

della Società Umanitaria, una manifestazione promossa dal preside del

Liceo Cremona, prof. Giorgio Bagnobianchi, con la partecipazione degli

studenti di alcuni licei milanesi e di un gruppo di esperantisti. Il tema

del convegno: “Gandhi-Einstein: un Dialogo Universale per i Diritti”, è

stato suggerito dalla presentazione del libro “Pace per Vivere. Gandhi

Einstein in Dialogo” (MC Editrice, 2009), che presenta, in forma teatrale

un dialogo immaginario tra Gandhi e Einstein sui temi della non

violenza e dei diritti umani.

Questo testo, che raccoglie brani tratti dai loro scritti, è stato tradotto in

Esperanto da Ida Bossi. La MC Editrice ci ha concesso di stamparne un

po' di copie da distribuire, oltre ad averci permesso di pubblicare la

traduzione in internet (vedi http://www.ueci.it/eldonoj/verkoj/GandhiEinstein.pdf)

e ci ha chiesto di presentare in questo convegno la figura di Zamenhof

con riferimento al tema della pace e dei diritti umani.

Dopo un saluto introduttivo del dr. Piero Amos Nannini presidente

della Società Umanitaria, alcuni studenti del Liceo Galvani hanno letto

gli articoli della “Dichiarazione dei diritti dell'Uomo”; alcuni di questi

sono stati riletti in Esperanto da Carla Sfardini.

Il tema è stato sviluppato dal prof. Morris L. Ghezzi presidente della

sezione Italiana della LIDU (Lega Internazionale dei Diritti Umani), dalla

dr.ssa Tiziana Gardini presidente della sezione milanese della LIDU e

dalla dr.ssa Michela Bianchi Editore di MC-Editrice. Giovanni Daminelli,

che nella locandina era indicato come presidente dell'IKUE, ha presentato

la biografia di L. L. Zamenhof con particolare riferimento alla sua opera di

pacificazione e di propugnatore dei diritti umani. Pierre Caliari presidente

della IEJ ha letto qualche passo delle opere di Zamenhof.

Tutti gli intervenuti hanno fatto riferimento alla funzione dell'Esperanto

come lingua universale per la comunanza e fratellanza umana.

In conclusione alcuni studenti del liceo Cremona hanno letto numerosi

brani tratti dal dialogo tra Gandhi ed Einstein; anche in questo caso le

frasi principali sono state rilette in Esperanto da Carla Sfardini.

La locandina presentava tra gli altri il logo della FEI. La traduzione del

Dialogo è stata pubblicata come FEI.

Erano presenti circa 150 persone tra studenti, insegnanti ed

esperantisti. Il discorso su Zamenhof e sull'esperanto è stato seguito

con particolare attenzione e interesse data l'originalità del tema.

Giovanni Daminelli

PARTECIPIAMO ALL'80° CONGRESSO ITALIANO DI ESPERANTO!

Quest'anno esso si svolgerà nella panoramica Castellaro, località

collinare a 9 km da Sanremo, in un lussuoso Centro per Vacanze.

Date: dal 3 al 10 agosto 2013

Tema congressuale: Comprendersi per rispettarsi.

Quote di iscrizione fino al 31 gennaio: € 60 l'ordinaria e € 30 la ridotta

(stranieri, familiari di iscritto con quota ordinaria, giovani nati dal 1°

gennaio 1983, disabili).

Gratuita per i bambini nati dal 1°- 01 - 2001 e per gli indispensabili

accompagnatori dei disabili.

Dal 1° febbraio al 31 maggio salgono rispettivamente a € 80 e € 40.

Dal 1° giugno a fine luglio diventano di € 100 e 50. Più alte in loco.

Sede del congresso: Castellaro Golf Resort – Strada per i Piani 1 –

18011 Castellaro. Albergo a 4 stelle in vasto parco. Tutti i confort.

Costo della pensione completa:

€ 85 in camera singola - € 65 in camera doppia - € 60 in tripla o più.

Chi rimane tutti i 7 giorni ne paga solo 6: il settimo è gratuito.

Appartamenti con possibilità di cucina sono disponibili a € 700 (per 3

persone) o € 900 (per 4 persone).

Informazioni dettagliate sul programma, i seminari, i corsi e gli esami,

le gite, ecc. appena che vengono definiti, sono reperibili su

www.esperanto.it

ESTRARKUNSIDO

La 9an de novembro okazis estrarkunsido de CEM. Post la legado kaj la

aprobo de la antaŭa kunsido oni debatis iom de la agado por la

venontjaro, precipe dum ĝia komenco.

La unua decido estis por la printempa gazebo, eble en strato Dante. Oni

elektis la daton de la 7a de aprilo, anstataŭ en la kutima marto, pro

kalendaraj kialoj.

Nia prezidanto tuj komencos zorgi pri la kutima burokrata itinero ĉe la

komunumaj aŭtoritatoj.

Ankaŭ la tradicia "Vespermanĝo de la Amikeco" ne okazos dum la

karnavala ĵaŭdo, kiel kutime, sed dum la marta, du tagojn antaŭe, por

eviti kalendaran koincidon.

Oni daŭrigos la eksperimenton ĉe la lingvaj aperitivejoj, esperante

atingi tiun sukceson, kiun oni ne havis ĉijare, eble pro ĝia malfrua

komenco. Kaj CEM estos preta profiti de la eventualaj eblecoj pri

senpagaj afiŝadoj en publikaj lokoj, pri kiuj la komunuma C.P.M.

5

More magazines by this user
Similar magazines