acta ordinis fratrum minorum - OFM

ofm.org

acta ordinis fratrum minorum - OFM

ACTA ORDINIS

FRATRUM MINORUM

VEL AD ORDINEM QUOQUO MODO PERTINENTIA

IUSSU ET AUCTORITATE

Fr. JOSÉ RODRÍGUEZ CARBALLO

TOTIUS ORD. FR. MIN. MINISTRI GENERALIS

IN COMMODUM PRAESERTIM RELIGIOSORUM SIBI SUBDITORUM

IN LUCEM AEDITA

Veritatem facientes in caritate (Eph. 4,15).

Peculiari prorsus laude dignum putavimus,

dilecte Fili, consilium quo horum Actorum

collectio atque editio suscepta est.

(Ex Epist. LEONIS PP. XIII ad Min. Gen.)

ROMA

CURIA GENERALIS ORDINIS


Arti Grafiche Antica Porziuncola – Cannara (Perugia) – 2004


SUMMARIUM FASCICULI

(An. CXXIII, MAII - AUGUSTI 2004 – Fasc. II)

Ex Actis Ministri Generalis

1. Relazione nell’incontro con i Presidenti delle

Conferenze ....................................................... 187

2. Messaggio in occasione della Veglia di preghiera

per la pace alla Verna........................................ 191

3. Discorso in occasione dell’erezione della

nuova Provincia “San Michele Arcangelo” in

Ucraina ............................................................. 192

4. Intervento al Capitolo della Custodia di

Terra Santa........................................................ 194

5. Omelia in occasione della Festa della

Porziuncola....................................................... 199

6. Messaggio in occasione della XXIV Marcia

Francescana a piedi verso Assisi ..................... 201

7. Carta del en el día de Santa Clara de Asís ........ 203

8. Lettera della Conferenza della Famiglia francescana

(CFF) .................................................. 216

9. Veglia di preghiera ed Eucaristia per la conclusione

del 750° della morte di santa Chiara .. 218

10. Omelia in occasione Festa di santa Chiara ....... 220

11. Carta en el día de Santa Beatriz de Silva.......... 223

E Secretaria Generali

1. Capitulum Provinciae Annuntiationis BVM in

Albania ............................................................. 229

2. Extra Capitulum Prov. Ss. Francisci et Iacobi in

Mexico electiones ............................................ 229

3. Capitulum Prov. Ss. Martyrum Marochiensium

in Portugallia ................................................... 229

4. Capitulum Foederationis in Marochio.............. 230

5. Capitulum Prov. Immaculatae Conceptionis BVM

in S.F.A.S.......................................................... 230

6. Capitulum Prov. S. Antonii Patavini in Germania 230

7. Capitulum Prov. Ss. Trium Regum in Germania 231

8. Capitulum Prov. S. Bernardini Senensis in

Italia.................................................................. 231

9. Capitulum Prov. Thuringiae S. Elisabeth in

Germania .......................................................... 231

10. Custodis Terrae Sanctae electio........................ 231

11. Capitulum Prov. S. Crucis in Slovenia ............. 232

12. Cust. Ss. Nominis Iesu in Peruvia electiones ... 232

13. Capitulum Prov. Venetae S. Antonii Patavini in

Italia.................................................................. 233

14. Capitulum Prov. Valentiae et Aragoniae S.

Ioseph in Hispania ........................................... 233

15. Capitulum Fund. Franciscanae in Guinea Bissau 233

16. Capitulum Vic.-Prov. S. Familiae in Aegypto .. 234

17. Capitulum Prov. Salernitano-Lucana Immacultae

Conceptionis BMV in Italia ................... 234

18. Capitulum Prov. Immaculatae Conceptionis

BMV in S.F.A.S................................................ 234

19. Consilii Cust. “The Holy Family” in S.F.A.S. et

Canada electio .................................................. 234

20. Capitulum Vic.-Prov. S. Felipe de Jesú in Mexico 235

21. Consilii Cust. “The Good Shepherd” in Zimbawe

electio ..................................................... 235

22. Capitulum Prov. Ss. Salvatoris in Slovachia .... 235

23. Capitulum Cust. Terrae Sanctae in Israel ........ 235

24. Capitulum Prov. S. Iacobi de Compostela in

Hispania ........................................................... 236

25. Capitulum Intermedium Prov. “Assumptionis

BVM in Bosna-Herzegovina............................ 236

26. Capitulum Intermedium Prov. Neapolitanæ Ss.

Cordis Iesu in Italia .......................................... 236

27. Capitulum Intermedium Prov. Ss. Septem Martyrum

in Italia ................................................... 236

28. Visitatores generales......................................... 237

29. Domus suppressae............................................ 237

30. Notitiae particulares ......................................... 238

1. Formulæ Prossionis approbatio.................... 238

2. Statutorum Generalium OFM promulgatio .. 238

3. Approvazione delle modifiche alle Costituzioni

generali OFM .......................................... 239

4. Approvazione della Formula della Professione

religiosa secondo il testo latino............... 239

5. Immutationes Costitutionum Generalium

OFM promulgantur ......................................... 240

E Secretariatu pro Formatione et Studiis

* Colloquio sul rinnovamento del PAA............... 241

1. Cronaca......................................................... 241

1. Discorso del Ministro generale..................... 242

Copertina:

1 a Priorità: Spirito di orazione e devozione.

(Cappella Suore Scolastiche Francescane - Roma, progetto di A. Bonuso)

❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈

Directio Commentarii

«ACTA ORDINIS FRATRUM MINORUM»

CURIA GENERALIS O.F.M.

Via S. Maria Mediatrie, 25

00165 ROMA (Italia)

Fax +39.06.68.491.364 / e-mail: acta@ofm.org

DISTRIBUTIO GRATUITA – DISTRIBUZIONE GRATUITA FUORI COMMERCIO


E Secretariato pro

Evangelizzazione et Missione

* Convegno dei Segretari per l’Evangelizzazione e la

Missione e per la Formazione e gli Studi dell’Africa

Subsahariana....................................... 247

1. Convegno ..................................................... 247

Proposte finali ............................................ 248

E Postulatione generali

1. Venerabili Servae Dei Mariae Dominicae Mantovani

Beatorum caelitum honores tribuuntur.. 251

2. Decretum super virtutibus SD Francisci M.

Greco ................................................................ 252

3. Validitas iuridica Inquisitionis super miro in

Causa Ven. SD Francisci M. Greco declaratur . 255

4. Facultas Transumptum Inquisitionis dioec.

super vita et virtutibus SD M. Franciscae a Iesu

infante aperiendi............................................... 256

5. Validitas iuridica Processus inf. et Inquisitionis

dioec. in Causa SD A. Kosiba declaratur ......... 256

6. Nuntium Secretariae Status de beatificatione Ven.

SD Iosephae Suriano ........................................ 257

7. Notitiae particulares ......................................... 257

Ex Officio OFS

1. Documenti della Gioventù Francescana (GiFra) 259

2. Gioventù Francescana/Gifra: cammino di vocazione

francescana.......................................... 259

3. Programma di formazione per la GiFra............ 265

4. Notitiae particulares ......................................... 267

Ad Chronicam Ordinis

1. De itineribus Ministri Generalis....................... 269

1.1. Visit to the Province of St. Barbara, California

.............................................................. 269

1.2. Visita a la Provincia del Beato Fray Junípero

Serra en México ....................................... 270

1.3. Partecipazione all’Assemblea dei Ministri

provinciali e Formatori della Conferenza West-

Slavica .............................................................. 272

1.4. El Ministro general participa en el Capítolo

de la Prov. de Valencia, Aragón y Baleares .... 272

1.5. Incontro del Definitorio generale con i Presidenti

delle Conferenze ................................... 273

1.6. Visita del Ministro general a Venezuela .... 274

1.7. Visite alle Province francescane di Spalato

e di Sarajevo ..................................................... 276

1.8. Nuova Provincia francescana in Ucraina .. 277

1.9. Visita del Ministro generale alla tre Province

di lingua ungherese................................. 277

1.10. Il Ministro generale partecipa al Capitolo

delle Stuoie delle Province di Francia/Belgio .. 279

1.11. El Ministro general participa en el Capítulo

dela Custodia de Tierra Santa........................... 280

1.12. Visita del Ministro generale a Montecalvo

Irpino ................................................................ 281

1.13. Partecipazione alla XXIV marcia francescana

verso Assisi ......................................... 281

1.14. XVIII Assembléia da UCLAF (União das

Conferências Latino-Americanas Franciscanas) 282

1.15. Visita del Ministro General a la Provincia

de San Antonio, en Brasil ................................. 286

1.16. Encuentro con los formadores de la Conferencia

OFM del Brasil................................... 287

2. Incontro dei Definitori del Nord e Centro Italia 288

3. “Franciscan” Cardinal Rodriguez..................... 288

4. Notitiae particulares ......................................... 289

Bibliografia

1. Libri .................................................................... 291

2. Extracta............................................................... 292

Necrologia

1. Nicolini Fr. Evangelista ...................................... 293

2. Anno 2004 mortui sunt ....................................... 294


EX ACTIS MINISTRI GENERALIS

1. Relazione nell’incontro con i Presidenti

delle Conferenze

Roma, Curia generale, 24.05.2004

TORNARE ALL’ESSENZIALE:

LA RIFONDAZIONE DELLA VITA

FRANCESCANA

La vita consacrata non è morta e nemmeno

malata, talvolta è addormentata. La

primavera è ormai inoltrata, è ora di uscire

dal nostro letargo. Il giorno è spuntato, è il

momento di svegliarsi. I tempi nuovi sono

già cominciati, è l’occasione opportuna per

ritrovare la vitalità e la carica che mai abbiamo

perso, ma che talvolta, ai nostri tempi,

non si manifesta in tutta la sua forza. Sì,

è il momento propizio per guardare al passato

con gratitudine e al futuro con speranza,

vivendo il presente con passione (cf

NMI 1).

La passione per Dio e la passione per

l’uomo è ciò che definisce Francesco e ciò

che dà senso alla sua vita. Passione per Dio

e passione per l’uomo è ciò che talvolta ci

manca oggi, è ciò che, certamente, i nostri

fratelli e le nostre sorelle si aspettano da

noi. Come recuperarla o potenziarla?

Chiamati a vivere una vita evangelica con

radicalità e in cammino

Sono personalmente convinto che la passione

sia possibile quando si vivono con radicalità

quei valori che catalizzano tutte le

forze e le energie intorno alla vocazione e

alla missione. La radicalità è importante

perché accadano alcune cose e si facciano

passi importanti. La nostra vita di orazione,

la nostra vita fraterna, la nostra missione,

senza radicalità non saranno significative

“all’esterno”, né appassionanti “all’interno”.

Non esiste passione o significatività

senza il radicalismo che viene dal lasciarsi

catturare completamente dai valori del Regno.

A sua volta, però, la radicalità evangelica

ha bisogno di concentrarsi per superare

la dispersione; esige autenticità per superare

la superficialità; esige il discernimento

per abbandonare ciò che è secondario; necessita

di fare un cammino in profondità,

verso le fondamenta, per raggiungere il centro

e, senza perdere di vista l’orizzonte, dare

risposte nuove e valide alle nuove e difficili

sfide che si presentano oggi alla vita religiosa

e francescana.

La vita consacrata e la vita francescana

si caratterizzano sempre per la ricerca costante

di risposte adeguate alle provocazioni

che le giungono dalle istanze più diverse.

Le varie riforme nella nostra famiglia sono

lì a dimostrarlo. D’altra parte questa è una

delle esigenze della lettura e dell’interpretazione

dei segni dei tempi alla luce del Vangelo,

per coloro che sono chiamati alla vita

cristiana e consacrata (cf Lc 12,56). Sicuri

che nella sequela di Gesù non vi è nulla di

definitivo, come uomini consacrati dobbiamo

sentirci chiamati ad ascoltare la voce del

Signore negli eventi della storia e a scoprire

in essi la presenza sempre viva di Colui

che non smette di “far nuove tutte le cose”.

Questa ricerca costante di risposte adeguate

a situazioni che mutano e questo sforzo

di lettura e interpretazione cristiana dei

segni dei tempi, è ciò che permetterà alla vita

consacrata e francescana di conservare e

perfino di sviluppare il suo grande dinamismo

profetico e, in questo modo, di essere

visibile e significativa sempre e dappertutto.

Tempi duri, tempi di rifondazione

Si dice che i nostri tempi siano “tempi

duri” che hanno bisogno di solidità. Tempi

«delicati e faticosi» (VC 13) che devono essere

coronati da un rinnovato impulso.


188 AN. CXXIII – MAII-AUGUSTI 2004 – FASC. II

D’altra parte la situazione che stiamo attraversando

esige da noi «di non addomesticare

le parole profetiche del Vangelo per adattarle

ad un comodo stile di vita; anzi vogliamo

accogliere lo Spirito, sentire

l’intima urgenza evangelica del “nascere di

nuovo” a livello personale ed istituzionale»

(Sdp 2).

È per noi scoccata l’ora «di tornare all’essenziale

della nostra esperienza di fede

e della nostra spiritualità per nutrire, mediante

l’offerta liberatrice del Vangelo, il

nostro mondo diviso, disuguale, affamato di

senso, così come fecero nel loro tempo

Francesco e Chiara d’Assisi» (Sdp 2). È arrivato

il momento, e non possiamo lasciarlo

per “domani”, di centrarci sull’unica cosa

necessaria, di concentrarci sugli elementi

essenziali della nostra “forma vitae” e di

uscire, di decentrarci, per andare incontro

agli uomini e testimoniare loro la Buona

Notizia del Vangelo.

Centrarsi, concentrarsi e decentrarsi sono

i tre grandi movimenti di una sola intuizione:

rifondare la vita consacrata e, nel

nostro caso, quella francescana; «portare il

fuoco sulla terra» (Lc 12,49); avere il coraggio

di vendere tutto ciò che si possiede

per comprare la perla di gran valore (cf Mt

13,45s). Coraggio e creatività, come le ebbero

Francesco e Chiara. Questo è ciò che

ci sta chiedendo il mondo e la stessa Chiesa.

Coraggio e creatività che partano da un

discernimento sereno e, insieme, evangelicamente

audace, che ci porti non solo a

contemplare la nostra storia, per grandiosa

che sia, ma a costruirla (cf VC 110). Coraggio

e creatività che suppongono uno sforzo

costante da parte nostra non solo per concentrarsi

sulla chiarificazione teologica

della nostra identità (ortodossia), ma che

sfoci in nuove forme, in nuove strutture

(ortoprassi).

Che cos’è la rifondazione?

In questo tempo di “letargo” della vita

consacrata e francescana, di stanchezza e di

poca passione, la rifondazione dovrebbe

produrre l’effetto sveglia, chiamandoci ad

iniziare una nuova giornata, a inaugurare

una nuova primavera. Allo stesso tempo,

con “forza e dolcezza” insieme, è per noi

urgente camminare senza scosse, ma senza

pause. In questo senso possiamo dire che la

rifondazione è:

• Fedeltà creativa, cioè fedeltà che non

guardi solo al passato, ma che tenga conto

del presente e anticipi il futuro.

• Rilettura e “re-incarnazione” del carisma,

nella sua dimensione spirituale e

missionaria, nella realtà culturale di oggi.

• Chiamata alla radicalità, al ritorno alle

radici e alle fondamenta, per essere più

significativi, e a recuperare una certa visibilità

della nostra vita/missione, che

parta dalla qualità della vita.

• Revisione delle strutture, sia mentali che

materiali, in modo che siano al servizio

della vita e la vita animi le strutture.

Ciò a cui la rifondazione tende è, quindi,

di tornare alle fondamenta, all’essenziale

della nostra “forma vitae” – come direbbe il

nostro Capitolo generale –, per incarnarla

oggi in nuove forme e nuove strutture che,

tenendo conto dei segni dei tempi, rendano

più visibili i valori evangelici del nostro carisma

e, con esso, più significativa la nostra

vita e missione. Dobbiamo avere il coraggio

di tornare all’essenziale, se vogliamo

veramente costruire una grande storia. Non

basta più parlare di rinnovamento, rivitalizzazione,

rilancio, ristrutturazione…, è necessaria

una vera rifondazione, o fedeltà

creativa, che dia alla nostra vita una nuova

fisionomia. Non bastano più i rimedi o le

pezze, è necessario mettere il buon vino

della nostra “forma vitae” in otri nuovi. Per

saziare la nostra sete, non possiamo più

continuare a usare cisterne screpolate, che

non possono contenere l’acqua (cf Ger

12,13). È necessario “essere pellegrini” alla

«Sorgente di acqua viva» (Ger 12,13) che

sazia definitivamente quella sete (cf Gv

4,10ss), che tante volte ci tormenta, di valori

che danno senso alla nostra vita di Frati

Minori.

Con la rifondazione si pretende di costruire

la casa – la nostra vita e missione –

sulla roccia (cf Mt 7,21-27) e di non limi-


EX ACTIS MINISTRI GENERALIS

189

tarsi a riparare o a decorare la facciata.

Rifondare significa centrarsi su ciò che è essenziale

e non su ciò che è secondario e che

è di moda, come dice anche un proverbio:

“Chi si sposa con la moda, resta subito vedovo”.

Rifondare è tornare alle radici, senza

dimenticare ciò che sta all’orizzonte.

Rifondare non significa fondare una nuova

“forma vitae” francescana, ma creare nuovi

modi di viverla oggi perché sia più radicale,

vitale e feconda. La rifondazione tende a rivitalizzare

la vita e missione, dandole strutture

adeguate che non sfigurino la vita e non

rendano sterile la missione. In sintesi, si

tratta di fare noi oggi, ciò che farebbe Francesco

in situazioni simili.

D’altra parte la rifondazione è l’antidoto

alla stanchezza, all’apatia, alla routine e alla

ripetitività. La rifondazione mette in moto

la testa, i piedi e il cuore. È poi strettamente

legata alla formazione permanente e,

quindi, ad opzioni che si concretizzano in

strutture sempre leggere (niente può essere

pensato come definitivo) e a strategie che

abbiano implicazioni molto concrete a partire

dalla cura pastorale delle vocazioni fino

alla formazione, all’evangelizzazione, alla

vita fraterna, alle forme di governo e alla

spiritualità stessa. Per noi, Frati Minori, la

rifondazione ha molto a che fare con l’“itineranza”,

con il sentirsi in cammino, in ricerca,

senza fissa dimora, come “pellegrini”

e “forestieri”, consapevoli che la patria è altrove.

La rifondazione ci farà ritrovare la fiducia

e la forza evangelica della nostra vita

se l’abbiamo persa, o la potenzierà se si è

indebolita (cf VC 63).

Da questa profonda convinzione invito

tutti i Frati a entrare in questo processo, senza

la pretesa di vedere subito i risultati, perché,

come dice un ritornello: “nessun seme

arriva a vedere il proprio fiore”, ma anche

senza soste che paralizzino un processo che

risulta ineludibile, se desideriamo un futuro

per la nostra “forma vitae”, ricordando

quanto dice il Talmud: “Non siete tenuti a

terminare la vostra opera, ma non siete liberi

di non incominciarla”. È questa una responsabilità

che dobbiamo assumere con

coraggio e creatività, sentendoci come

“sentinelle del mattino” e lavorando per co-

struire un futuro pieno di speranza, avendo

gli occhi sempre fissi nel Signore.

Perché la rifondazione è necessaria?

La vita consacrata è un dono dello Spirito

Santo al mondo (cf VC 62). Lo Spirito è

sempre attivo e dinamico e la sua azione rivitalizza

tanto la Chiesa che il mondo, poiché

lo ricapitola tutto in Cristo (cf VC 1-2).

Questa rivitalizzazione coinvolge anche la

vita e missione dei religiosi (cf VC 13; 39;

68). Per questo motivo i carismi sono sempre

storici: nascono e si incarnano in situazioni

concrete.

Anche il carisma francescano è un dono

dello Spirito alla Chiesa e al mondo, nacque

e si incarna in situazioni storiche ben precise.

È una realtà storica e dinamica. Per questo

motivo è necessario rileggerlo e reinterpretarlo

alla luce dei segni dei tempi: «Sono

gli avvenimenti della vita a segnare una determinata

epoca della storia; attraverso questi

avvenimenti il cristiano si sente interpellato

da Dio e chiamato a dare un risposta

evangelica … lampi di luce nella notte

oscura dei popoli … lampi generatori di

speranza» (Sdp 6).

Senza questo sforzo di rilettura e di reinterpretazione,

finiremo per fissarci, per ripeterci,

per annullare i sogni più profondi,

per perdere, poco per volta la gioia contagiosa

della fede (cf Sdp 6). Il Signore ci parla

attraverso gli avvenimenti della storia. A

noi spetta di ascoltarlo in questi avvenimenti

e cogliere la sua presenza sempre all’opera,

per essere segni di vita leggibili in

un mondo assetato di un cielo nuovo e di

una terra nuova (cf Sdp 6-7). «Non possiamo

accontentarci di magnificare le opere

dei nostri antenati; piuttosto, dobbiamo

ispirarci ad esse per adempiere il compito

che ci è affidato nel nostro frammento di

storia» (Sdp 3). È il momento «di riproporre

con coraggio l’intraprendenza, l’inventiva

e la santità» (cf Sdp 8) di Francesco. Non

possiamo farne a meno, perché la Chiesa e

l’Ordine ce lo chiedono (cf VC 37; Sdp 2).

Servendoci della parabola del “vino nuovo

in otri nuovi” (Mc 2,22) e applicandola

alla nostra vita, credo che a ragione si possa


190 AN. CXXIII – MAII-AUGUSTI 2004 – FASC. II

dire che noi, Frati Minori, abbiamo del

buon vino. Il vino della fedeltà di tanti fratelli

che, come lampada posta nel lucerniere,

illumina tutti coloro che sono nella casa

e tanti uomini e donne che si accostano a loro.

Il vino della generosità di giovani, adulti

e anziani che, nelle più diverse attività, si

impegnano senza calcoli egoistici per la costruzione

del Regno. Il vino della gioia di

tanti fratelli che, con la loro vita, manifestano

la bellezza della sequela di Cristo. Sì,

nelle nostre “cantine” c’è vino buono. In

molti fratelli c’è buona volontà e fanno

sforzi generosi alla ricerca di nuove risposte

ai nuovi interrogativi che ci pone il mondo

di oggi. In molti fratelli c’è la volontà

ferma di vivere le priorità della nostra vita

per renderla più visibile e significativa.

Se il vino è buono, tuttavia qualcosa

manca, qualcosa non funziona. Penso che

con troppa frequenza ci manca l’audacia

evangelica per passare all’altra riva, per

lanciare il giavellotto più in là, per prendere

il largo (cf Lc 5,4). Penso che ci manchi il

coraggio per non limitarsi ad essere memoria

del passato e per convertirsi in profezia

del futuro (cf NMI 3). Penso che ci manchi

la fede nella forza evangelica della nostra

forma di vita (cf VC 63). Mentre manca tutto

questo c’è invece un eccesso di realismo,

timore e apatia. Abbiamo bisogno di più intensità

nel vivere ciò che già stiamo vivendo,

ma con una certa svogliatezza. Dobbiamo

accettare come sfida veramente urgente

la conversione a livello individuale e a livello

istituzionale; dobbiamo accettare che

non basta più rinnovare lo spirito (vino), ma

che è necessario creare strutture adeguate

che lo contengano (otri). Fratelli, è l’ora

della creatività, è l’ora della rifondazione.

Movimenti essenziali della rifondazione

La rifondazione è un processo dinamico

che, come è già stato anticipato, comporta

tre movimenti essenziali: centrarsi, concentrarsi,

decentrarsi.

Centrarsi in ciò che per noi deve essere

tutto: «Il bene, tutto il bene, il sommo bene»

(LodAl 4). Per questo motivo «avere il cuore

rivolto al Signore» (Rnb 22,19) deve essere

la priorità delle priorità di ogni Frate

Minore. Abbandonare «ogni impedimento»

o mettere da parte «ogni preoccupazione»

per poter «servire, amare, adorare il Signore

Iddio, con cuore puro e con mente pura»

(Rnb 22,26). Ecco la grande sfida di tutti i

seguaci di Gesù sul modello di Francesco.

Concentrarsi sull’essenziale per evitare

la frammentazione e la dispersione. Per noi

l’essenziale è contenuto e formulato nelle

Priorità, che ci collocano come “fraternità

in missione” che vive questi cinque valori,

non come se fossero opzioni secondarie, ma

come conseguenze ed esigenze di una vita

radicalmente evangelica. In questo senso

non si tratta di valori opzionali, ma sono i

pilastri della nostra fedeltà al Vangelo.

Decentrarsi per uscire verso il mondo, il

nostro chiostro, e per testimoniare e proclamare

che solo Lui è l’onnipotente (cf LOrd

9), coscienti di non essere chiamati a vivere

per noi stessi, ma per gli altri, che le nostre

Fraternità non sono per se stesse, ma per far

conoscere il Regno di Dio.

Centrarsi, concentrarsi, decentrarsi: tre

movimenti essenziali per una vera rifondazione

della vita francescana. Centrarsi, concentrarsi,

decentrarsi: tre movimenti inseparabili.

Centrarsi, concentrarsi, decentrarsi:

tre movimenti che interrogano la nostra

vita e missione e che ci chiamano a tornare

all’essenziale, senza dimenticare le chiamate

che ci vengono dalla storia.

La vita religiosa e francescana più che

essere una parabola del venerdì santo è

chiamata a collocarsi nel tempo del sabato

santo, nel tempo della speranza, del già e

non ancora, tra la croce e la risurrezione.

Un tempo di parto e, pertanto, difficile, ma

intensamente fecondo. Un tempo decisivo

dal quale usciranno rafforzati nella loro opzione

fondamentale solo coloro che sono

disposti a perdere per guadagnare, a morire

per vivere, a iniziare questo processo di

rifondazione.

FR. JOSÉ RODRÍGUEZ CARBALLO, OFM

Ministro generale


EX ACTIS MINISTRI GENERALIS

191

2. Messaggio in occasione della Veglia di

preghiera per la pace alla Verna

Roma, 24.05.2004

CAMMINIAMO INSIEME

Carissimi fratelli e carissime sorelle,

il Signore vi doni la sua pace!

Non mi è purtroppo possibile essere presente

alla vostra veglia, ma io e tutti i Frati,

che con me vivono nella Curia generale a

Roma, ci sentiamo in profonda comunione

con voi e, uniti nella preghiera, supplichiamo

Dio, Creatore e Signore di tutti gli uomini,

perché doni al mondo il grande dono

della pace e perché il suo Spirito rinnovi i

nostri cuori.

Le atrocità che sconvolgono in questi

giorni il nostro pianeta scuotono profondamente

i nostri animi e le immagini delle

guerre in corso ci ricordano quanto dolore e

quanta sofferenza siamo in grado di arrecare

ai nostri simili. Come credenti vogliamo

riaffermare di fronte al mondo che non è

questo ciò a cui l’uomo è chiamato e che

non esistono ragioni che giustifichino azioni

simili.

Professando ciascuno la propria fede, invece,

proclamiamo con forza il nostro essere

fratelli in un’unica famiglia, oltre e al di

là di qualsiasi differenza di razza, cultura,

religione.

È proprio nella fede che impariamo, infatti,

ad accogliere l’altro, colui che è diverso

da noi, con lo stesso amore con cui noi

siamo stati accolti come figli da Dio, padre

e fonte di ogni bene. Noi siamo certi che

nessun essere umano è escluso da questo

amore, o può esserne privato, e lo vogliamo

testimoniare con la nostra vita, partendo da

coloro che quotidianamente vivono con noi,

accanto a noi, in famiglia, sui posti di lavoro,

nelle scuole, in ogni ambito della vita

pubblica e privata.

Più camminiamo su questa strada e più

cresce il desiderio di chiedere perdono a

Dio e a tutti i fratelli e le sorelle che in qualche

modo, volontariamente o involontariamente,

abbiamo fatto soffrire, non ricono-

scendo in loro l’immagine di quel Padre che

ci ha creati tutti uguali. Chiediamo perdono

delle nostre piccole violenze quotidiane, dei

nostri soprusi e dei nostri meschini egoismi.

Chiediamo perdono dei nostri silenzi, delle

nostre assenze, della nostra complicità di

fronte al dolore e alla violenza inflitta ai nostri

fratelli e alle nostre sorelle. Ma, così come

chiediamo perdono per poter ricominciare

una nuova vita, rinnovata nell’amore,

allo stesso modo, animati da questo stesso

amore, imploriamo da Dio la forza di perdonare

tutti coloro che ci hanno offeso, ci

hanno umiliato, ci hanno fatto soffrire, perché

vogliamo tornare a vedere nel loro volto

il volto di Dio. Chiediamo il dono di occhi

nuovi per guardare i fratelli e le sorelle

come amici da accogliere con gioia e a cui

offrire la nostra amicizia, perché il Signore

stesso ha detto a noi: «non vi chiamo più

servi, ma amici» (cf Gv 15,15). Chiediamo

che Dio santifichi ancora il suo santo nome,

che noi continuiamo a profanare, e ci tolga

il cuore di pietra per darci un cuore di carne

(cf Ez 36,23-26), disposto, se necessario,

anche a sacrificare il proprio interesse, la

propria vita, per i fratelli, perché «nessuno

ha un amore più grande di questo: dare la

vita per i propri amici» (Gv 15,13).

Ancora una volta, come Francesco, vogliamo

andare incontro a coloro che tutti

considerano come il nemico, siano essi i

briganti di Montecasale, il lupo di Gubbio,

o il Sultano Melek el-Kêmel, e vedere in loro

ciò che ci accomuna e ci fa fratelli e non

ciò che può dividerci. Desideriamo metterci

al loro fianco e camminare con loro, vedere

il mondo anche con i loro occhi e parlare

con loro, ascoltare ciò che hanno da dirci

e tendere loro la nostra mano. Vogliamo

portare con noi olio e vino per fasciare le loro

ferite e prenderci cura di loro (cf Lc

10,33-35), perché ci sentiamo responsabili

delle loro sofferenze, anche se non li conosciamo.

Come diceva alcuni giorni fa il Card.

Carlo Maria Martini, in un’intervista a proposito

della scelta della Verna come luogo

per questo incontro, qui «le piaghe del Crocifisso

sono entrate nelle carne di Francesco

e questo segno risponde bene alla situazio-


192 AN. CXXIII – MAII-AUGUSTI 2004 – FASC. II

ne attuale dell’umanità, che quelle piaghe le

ha così vistosamente impresse nelle sue carni».

Chiediamo, a nome di questa umanità

stigmatizzata, il dono di poter trasfigurare

tutto il dolore in amore, tutta l’amarezza in

gioia e di poter giungere un giorno anche

noi a vivere un’autentica situazione di riconciliazione

e di pace, che ci permetta di

cantare il nostro Cantico delle Creature, innalzando

con le nostre diverse voci un unico

canto di lode e di ringraziamento al Signore

dell’universo.

Salutando ciascuno con il bacio della pace,

invoco su tutti la benedizione del Signore!

FR. JOSÉ RODRÍGUEZ CARBALLO, OFM

Ministro generale

3. Discorso in occasione dell’erezione

della nuova Provincia “San Michele

Arcangelo” in Ucraina

17 giugno 2004

«PASSIAMO ALL’ALTRA RIVA»

Ministro provinciale, Definitori provinciali

e Fratelli della nuova Provincia di

San Michele Arcangelo in Ucraina

Ministri provinciali della Conferenza

West Slavica

Visitatore generale e Presidente del Capitolo:

Il Signore vi dia pace.

Gioia e gratitudine

È con grande gioia e immensa gratitudine

che oggi erigiamo questa nuova Provincia

in Ucraina, fino ad ora Custodia dipendente

della Provincia dell’Immacolata Concezione

della BVM in Polonia, fondata il 1º

giugno 1993.

Gioia, perché il nostro Ordine continua a

crescere e in questo modo i valori francescani

e evangelici continuano a espandersi da

oriente a occidente, da nord a sud. Gioia,

perché la vitalità dell’Ordine francescano è

tuttora presente in questo terzo millennio e in

questa vecchia Europa, così bisognosa di

Vangelo e di persone che, seguendo le orme

di Cristo sull’esempio di Francesco, continuino

a incarnarlo nella loro vita quotidiana.

Gratitudine, prima di tutto, «al nostro

Donatore, il Padre delle misericordie»

(TestsC 2), per quanto abbiamo da lui ricevuto

ed ogni giorno riceviamo, particolarmente

per il dono dei Frati di questa amata

Provincia di San Michele Arcangelo in

Ucraina. Il Signore è stato grande con noi, e

per questo oggi e sempre canteremo la sua

lode. Il Signore è stato buono con la sua famiglia

e per questo oggi apriamo il nostro

cuore e intoniamo il nostro “magnificat”

perché essendo pochi la sua grazia ci ha

moltiplicato. Gratitudine alla Provincia

dell’Immacolata Concezione della Beata

Vergine Maria di Krakowia, perché con generosità,

sacrificio e molta fiducia ha seminato

nel solco dell’Ucraina il seme evangelico

e francescano che oggi vediamo maturo

e pieno di frutti. Gratitudine alle altre

Province polacche e a quella della Slovacchia

che hanno inviato Frati a questa Entità

e, in questo modo, hanno collaborato alla

nascita della nuova Provincia. Gratitudine

a voi, cari Fratelli dell’Ucraina, che con la

vostra risposta alla chiamata del Signore

avete reso possibile la realizzazione di un

sogno: l’implantatio Ordinis in Ucraina.

«Passiamo all’altra riva» (Mc 4, 35)

Sono ben cosciente che il cammino iniziato

11 anni fa, anche se breve nel tempo, è

stato piuttosto faticoso. Oggi, grazie alla

bontà del Signore e alla laboriosità dei Fratelli,

siamo arrivati a una tappa importante

del francescanesimo in queste terre. Non

siamo, però, arrivati alla meta: oggi inizia

un’altra tappa più difficile, forse, di quella

finora realizzata. Infatti, dall’implatatio

Ordinis, siamo passati alla tappa del consolidamento.

Sento, cari Fratelli, che è il momento di

passare ad ”altre rive”: passaggio da un attivismo

esagerato ad una azione feconda e

piena di spirito e vita; passaggio dalla ricostruzione

delle Case alla costruzione di una

vera Fraternità edificata sulle priorità dell’Ordine:

spirito di orazione e devozione,


EX ACTIS MINISTRI GENERALIS

193

minorità, povertà e solidarietà, evangelizzazione

come fraternità e formazione, sopratutto

permanente; e sempre, passaggio dall’uomo

vecchio, che resta sempre in agguato,

all’uomo nuovo.

La vostra è una Entità molto giovane,

per la storia che ha e per l’età dei suoi membri.

Ma questo non vuol dire che non abbiamo

bisogno di metterci in cammino e di fare

dei passaggi interiori. In ogni età della vita

e durante qualsiasi servizio o ministero

c’è sempre qualche passaggio da compiere.

Ciascuno di noi ha bisogno di passare sempre

a nuovi orizzonti e a livelli sempre più

alti o più profondi di vita. Come Francesco,

anche noi, dobbiamo tendere sempre a «ricominciare

da capo», a «compiere opere

ancora più grandi» (1Cel 103). Il cammino

è già iniziato e molti passi, soprattutto nella

formazione iniziale e nella ricostruzione

delle strutture, sono stati compiuti. Ora

dobbiamo portare a compimento ciò che abbiamo

intrapreso.

È quello che ci chiede il Capitolo generale

quando parla del bisogno di tornare all’esenziale

e di “nascere di nuovo”: «Vediamo

la necessità, sopratutto di non addomesticare

le parole profetiche del Vangelo per adattarle

ad un comodo stile di vita; anzi vogliamo

accogliere lo Spirito, sentire l’intima urgenza

evangelica del ‘nascere di nuovo’, a livello

personale ed istituzionale» (Sdp 2).

Cari Fratelli, all’inizio di questa tappa di

consolidamento vi chiedo questo atteggiamento

profondo di conversione. Vi chiedo

di ravvivare e riaccendere il dono della vocazione

che è in voi (cf 2Tim 1,6) perché sia

come il fuoco che riscalda e corrobora, perché

si sviluppi, cresca e dia frutti abbondanti.

E ricordate che molte volte la “traversata”

implica una purificazione, una

tempesta (cf Mc 4, 37-39), per questo può

essere intrapresa solo in compagnia e dietro

la guida di Gesù, che peraltro continua a rivolgere

ad ognuno l’invito a passare ad

un’altra riva.

Centrarsi, concentrarsi e decentrarsi

Centrarsi, concentrarsi e decentrarsi sono

i tre grandi movimenti di una sola intui-

zione: rifondare la vita consacrata e, nel nostro

caso, quella francescana; «portare il

fuoco sulla terra» (Lc 12,49); avere il coraggio

di vendere tutto ciò che si possiede

per comprare la perla di gran valore (cf Mt

13,45s). Coraggio e creatività, come le ebbero

Francesco e Chiara. Questo è ciò che

ci sta chiedendo il mondo e la stessa Chiesa.

Coraggio e creatività che partano da un discernimento

sereno e, insieme, evangelicamente

audace, che ci porti non solo a contemplare

la nostra storia, per grandiosa che

sia, ma a costruirla (cf VC 110). Coraggio e

creatività che suppongono uno sforzo costante

da parte nostra non solo per concentrarsi

sulla chiarificazione teologica della

nostra identità (ortodossia), ma per sfociare

in nuove forme, in nuove strutture (ortoprassi).

La rifondazione è un processo dinamico

che, come è già stato anticipato, comporta

tre movimenti essenziali: centrarsi, concentrarsi,

decentrarsi.

Centrarsi in ciò che per noi deve essere

tutto: «Il bene, tutto il bene, il sommo bene»

(LodAl 4). Per questo motivo «avere il cuore

rivolto al Signore» (Rnb 22,19) deve essere

la priorità delle priorità di ogni Frate

Minore. Abbandonare «ogni impedimento»

o mettere da parte «ogni preoccupazione»

per poter «servire, amare, adorare il Signore

Iddio, con cuore puro e con mente pura»

(Rnb 22,26). Ecco la grande sfida di tutti i

seguaci di Gesù sul modello di Francesco.

Concentrarsi sull’essenziale per evitare

la frammentazione e la dispersione. Per noi

l’essenziale è contenuto e formulato nelle

Priorità, che ci collocano come “Fraternità

in missione” che vive questi cinque valori,

non come se fossero opzioni secondarie, ma

come conseguenze ed esigenze di una vita

radicalmente evangelica. In questo senso

non si tratta di valori opzionali, ma sono i

pilastri della nostra fedeltà al Vangelo.

Decentrarsi per uscire verso il mondo, il

nostro chiostro, per testimoniare e proclamare

che solo Lui è l’onnipotente (cf LOrd

9), coscienti di non essere chiamati a vivere

per noi stessi ma per gli altri, che le nostre

fraternità non sono per se stesse ma a servizio

del Regno di Dio.


194 AN. CXXIII – MAII-AUGUSTI 2004 – FASC. II

Centrarsi, concentrarsi, decentrarsi: tre

movimenti essenziali per una vera rifondazione

della vita francescana. Centrarsi, concentrarsi,

decentrarsi: tre movimenti inseparabili.

Centrarsi, concentrarsi, decentrarsi:

tre movimenti che interrogano la nostra

vita e missione e che ci invitano a tornare

all’essenziale, senza dimenticare le chiamate

che ci vengono dalla storia.

Carissimi Fratelli, congratulazioni per

quanto è stato già realizzato; auguri per continuare

a rinnovare continuamente la “forma

di vita”, che è vivere il Vangelo «secondo la

forma osservata e proposta da San Francesco»

(CCGG 1,1). In questo momento storico

che stiamo vivendo, siamo chiamati a rinnovare

il vigore evangelico, a lasciarci prendere

di nuovo da Cristo, a “innamorarsi”

ancora di Gesù e di Francesco, ad essere posseduti

dallo Spirito che opera in ognuno. Come

scriveva Santa Chiara ad Agnese, anche

noi dobbiamo ricordare il nostro proposito:

«memore del tuo proposito, tieni sempre davanti

agli occhi il punto di partenza. I risultati

raggiunti, conservali; ciò che fai, fallo bene;

non arrestarti» (2LAg 11).

FR. JOSÉ RODRÍGUEZ CARBALLO, OFM

MINISTRO GENERALE

4. Intervento al Capitolo

della Custodia di Terra Santa

Prot. 094647

ANDARE OLTRE

1. Saluto e ringraziamento

Amman, 17 luglio 2004

Saluto fraternamente tutti voi, cari Fratelli

capitolari, e in voi tutti i Frati della Custodia

di Terra Santa che lavorano nei 12

paesi dove è presente “la perla delle missioni”.

Il mio fraterno saluto, del tutto particolare,

al nuovo Custode di Terra Santa,

al quale faccio i migliori auguri per il suo

servizio di animazione ai confratelli di questa

amata Custodia. Saluto poi il mio Delegato

per la Visita Canonica e Presidenza

del Capitolo, il Visitatore generale Fr. Stefano

Ottenbreit, e il suo Assistente, Fr.

Noel. Saluto e ringrazio di cuore per il suo

servizio in questi sei anni Fr. Giovanni Batistelli,

ex Custode. A tutti : ”Il Signore vi

dia pace”.

Sono contento di essere con voi per manifestare

l’amore che, sia il Ministro sia il

Definitorio generale, abbiamo per questa

Missione. E in questa occasione desidero

iniziare questo mio intervento ringraziando

ogni Frate della Custodia per la sua presenza

e per il suo servizio nell’intero territorio

della Custodia. Grazie a chi lavora nei santuari

e nell’accoglienza dei pellegrini, grazie

a chi lavora nelle parrocchie e nelle

scuole, grazie a chi lavora nell’animazione

e formazione dei Frati, grazie agli studiosi e

ai fratelli semplici, grazie a quanti, con la

loro vita e la loro parola sono strumenti di

pace e riconciliazione in queste terre così

affascinanti.

2. La sfida del dialogo

Vi trovate in un contesto sociale e politico

in cui vivere e testimoniare il Vangelo di

Cristo non è facile. Eppure, fin dall’inizio e

ininterrottamente lungo i secoli, la presenza

francescana in questi Paesi, e soprattutto in

Terra Santa, ha sempre svolto un ruolo essenziale

ed è stata accettata proprio per la

ferma volontà dei Frati di annunciare che

Dio, incarnandosi nel seno della Vergine

Maria, si fa incontro ad ogni uomo, abbatte

ogni muro di separazione e supera ogni

umana inimicizia per donare a tutti la pace

(cf Ef 2,14). Questo è l’annuncio che anche

voi oggi continuate a portare a nome della

Chiesa e di tutto l’Ordine. Un annuncio

quanto mai profetico che, in una società

continuamente in cerca di pretesti di lotta e

di odio, si fa dialogo nella concretezza della

vita di tutti i giorni.

Oggi parliamo forse troppo spesso di

dialogo e, come sempre accade in questi casi,

si corre il rischio che questo concetto

perda la sua consistenza, il suo contatto con

la realtà, per rimanere solo un ideale tanto

suggestivo quanto innocuo. Rileggendo le


EX ACTIS MINISTRI GENERALIS

195

logia che è, quando meno, pericolosa. Come

ci ricorda giustamente la nostra Ratio

Formationis, la formazione francescana,

oltre ad essere integrale e abbracciare tutto

l’arco della vita (cf RFF 45-46), deve essere

esperienziale, cioè, “attenta alla vita e ai

doni di ogni persona”, e deve, anche, “favorire

l’esperienza concreta delle stile proprio

e dei valori francescani nel quotidiano sia

della Fraternità che del singolo” (RFF 47).

In questo contesto voglio anzitutto e brevemente

richiamare alle loro responsabilità

tutti i Frati, perché ciascuno, sotto la guida

dello Spirito Santo, è il primo responsabile

della propria formazione (cf CCGG 137,1;

RFF 40). Dobbiamo crescere, Fratelli, in

questa consapevolezza e farla diventare la

principale preoccupazione della nostra vita.

Solo vivendo in continuo cammino, disposti

a cambiare le nostre abitudini e a lasciare

continuamente la nostra terra, saremo dei

veri penitenti, uomini cioè costantemente

disponibili alla conversione, attenti, come

Maria, a rispondere a quella Parola che ogni

giorno ci interpella (cf RFF 41). La formazione

permanente deve dunque essere assunta

e intesa, prima ancora che come una

serie di incontri organizzati ad hoc, come

un processo di crescita che ciascuno si

preoccupa di attuare come Frate e in Fraternità.

Se faremo veramente della nostra vita

di tutti i giorni l’oggetto primario della formazione,

la Fraternità diventerà il luogo naturale

in cui tale formazione si realizza (cf

CCGG 137,2). Preoccupazione di ogni

Guardiano, responsabile principale della

formazione della propria Fraternità (cf RFF

120), dovrà allora essere, prima ancora dell’organizzazione

delle molteplici attività

dei Frati e dei lavori della Casa, quella di

qualificare i momenti quotidiani della vita

comune, dalla preghiera alla ricreazione, e i

Capitoli locali perché, insieme alle giornate

di ritiro per la Fraternità, possano diventare

occasioni di crescita e di condivisione delle

diverse esperienze di fede.

Tutto l’Ordine si è da tempo impegnato

per questo motivo a mettere in atto un rinnovamento

che ha nelle Priorità il punto di

partenza comune. Lo spirito di orazione e

devozione, la comunione fraterna, la minopagine

del Documento finale del nostro Capitolo

generale, in cui si parla di questo tema

(cf Il Signore ti dia pace 28-32), e riflettendo

sulla nostra vita quotidiana, credo che

per noi, Frati Minori, il dialogo continui invece

a rimanere un’autentica e drammatica

sfida. È, infatti, la nostra stessa vita che

ogni giorno ci richiama all’esigenza di un

dialogo continuo con il fratello.

La vostra realtà custodiale, poi, fatta soprattutto

di Fraternità internazionali, è certamente

un’ottima scuola dove imparare a

dialogare con l’altro: con un fratello che è

tale per la comune vocazione, ma che per

cultura e tradizioni è così diverso. Saper accogliere,

imparare ad accogliere, queste differenze

con pazienza e amore, fa delle vostre

Fraternità concrete il primo luogo in cui

siete chiamati a vivere da uomini in dialogo.

Un dialogo che ha inizio nel “lavare i

piedi”, come voleva il nostro padre S. Francesco

(cf Rnb 6,3), e che si realizza nella disponibilità

ai servizi concreti che l’obbedienza

ogni giorno chiede. Voglio qui dire,

a questo proposito, un grazie particolare a

quei Frati che, nonostante il peso dell’età,

danno la loro testimonianza di autentica vita

francescana, continuando a fare con amore

quanto viene loro richiesto dal Custode o

dal Guardiano.

3. La sfida della formazione

Se da un lato, perciò, proprio la caratteristica

dell’internazionalità costituisce una

vostra ricchezza e una peculiarità, che deve

essere custodita gelosamente perché è parte

della vostra stessa identità, dall’altro la

complessità delle realtà fraterne in cui vivete

deve spronarvi ad un costante cammino

di formazione, ovviamente non solo teorica

e accademica, che coinvolga il singolo Frate,

le singole Fraternità e tutta la Custodia.

Per questo credo che la formazione, permanente

e iniziale, debba costituire il punto di

forza attorno a cui le scelte di questo vostro

Capitolo dovranno concentrarsi.

La nostra formazione pecca di essere

troppo teorica e poco esistenziale. Questo

poi porta ad una separazione, a volte scandalosa,

tra vita e principi, porta a una ideo-


196 AN. CXXIII – MAII-AUGUSTI 2004 – FASC. II

rità, la povertà e la solidarietà, l’evangelizzazione

e la missione, la stessa formazione,

come sono vissute dai Frati Minori della

Custodia di Terra Santa? Ciascuno deve interrogarsi

seriamente ed è chiamato a dare

risposte concrete come singolo e come Fraternità.

Eludere questo compito significherebbe

riconoscere che la Regola che abbiamo

professato non interpella più la nostra

vita. Assumerlo significa invece accettare la

sfida del Vangelo, che sempre ci provoca a

rinascere come uomini nuovi e ci fa continuare

ad essere significativi nel complesso

mondo in cui viviamo.

Entrare in questa dinamica può costare

fatica, ma è la possibilità per formare veramente

alla vita francescana anche le vocazioni

che il Signore ci affida. La prima formazione

è la testimonianza di vita di ciascun

Frate, sia che viva nelle Case di

formazione, sia che viva in una qualunque

altra Casa della Custodia. Come la formazione

personale, così la responsabilità formativa

non è delegabile. Ogni Frate si deve

sentire responsabile della formazione del

proprio fratello. Nelle Case di formazione

poi si deve prestare particolare attenzione,

oltre alla testimonianza di vita della Fraternità,

ai programmi e agli obiettivi formativi

di ciascuna tappa della formazione, così come

sono indicati nella Ratio Formationis

dell’Ordine. Il cammino che proponiamo ai

nostri giovani deve infatti, fin dal Postulato,

offrire un progetto di formazione serio e

coerente nel suo sviluppo. Mi rendo conto

che proprio il carattere internazionale della

Custodia può creare maggiori difficoltà che

altrove, ma questo non deve comunque esimere

dalla responsabilità nei confronti di

coloro che si rivolgono a voi per intraprendere

la nostra vita e verso quei Frati che le

altre Province vi affidano, perché siano formati

nel tempo degli studi. Mi auguro quindi

che questo Capitolo cerchi delle risposte

alle molte domande che soprattutto la formazione

iniziale ancora presenta: da una

maggiore coordinazione e collaborazione

tra le diverse tappe della formazione iniziale,

ai problemi formativi legati all’internazionalità

dei candidati, alle problematiche

legate al fatto che le Case di studio si trovino

a Betlemme e a Gerusalemme, alla proposta

formativa per i Fratelli non orientati al

sacerdozio, alla domanda di una formazione

che sia francescana, tanto nella teoria

che nella prassi, e fondata sull’accompagnamento

personalizzato e sul dialogo fraterno.

4. La sfida dell’animazione

Questo cammino di ri-fondazione della

nostra forma di vita comporta ovviamente

anche una rinnovata visione delle strutture

e delle istituzioni di cui ci serviamo. In un

mondo pervaso da uno sfrenato egocentrismo,

troppo spesso mascherato da un falso

rispetto per i diritti dell’individuo, l’intuizione

che san Francesco e la prima Fraternità

ci hanno lasciato in eredità è ancora oggi

una delle più profetiche: l’autorità va vissuta

come servizio e responsabilità, nella

collaborazione e nella condivisione, e le

strutture devono essere funzionali al vivere

e testimoniare la nostra forma di vita. Questo

deve essere valido a tutti i livelli della

nostra organizzazione: quello custodiale e

quello delle Fraternità, quello amministrativo

e quello economico.

Se perciò il primo servizio che il Custode

è chiamato ad offrire alla sua Fraternità

è proprio quello di promuovere la ri-fondazione

della forma di vita dei Fratelli che gli

sono stati affidati, è altrettanto vero che, a

causa dei molteplici incarichi istituzionali

che egli deve assolvere, sarà indispensabile

che il Discretorio custodiale gli offra la sua

piena collaborazione e sia disponibile a una

piena condivisione delle responsabilità, soprattutto

per quanto riguarda la formazione

e l’accompagnamento dei Guardiani nell’opera

di animazione delle singole Fraternità.

Questa corresponsabilità deve essere

sempre più assunta come stile di vita ordinario

a tutti i livelli e deve portare alla formulazione

di un progetto di vita comune, in

cui tutti si possano riconoscere. Ogni Fraternità,

infatti, come l’intera Custodia, è

chiamata a formulare un progetto unitario,

a cui tutti i Frati sono chiamati a collaborare,

dove definire gli obiettivi da raggiungere

nella vita fraterna e nell’opera di evange-


EX ACTIS MINISTRI GENERALIS

197

lizzazione. Altrettanto importante è però

stabilire, fin dall’inizio, anche dei momenti

nei quali verificare il cammino che si sta facendo

e se ciò che si era insieme deciso sia

stato o meno attuato. Questo vale tanto per

il Discretorio custodiale, rispetto alle decisioni

capitolari, quanto per i Capitoli locali

di ciascuna Fraternità rispetto al progetto di

vita della Fraternità stessa.

È indispensabile entrare sempre più in

questa prospettiva che considera questi incontri

più che come riunioni del consiglio di

amministrazione di una fabbrica, come luoghi

di ascolto del Fratello in cui, «valutare,

soprattutto attraverso il dialogo, e scegliere,

con criterio comune, le iniziative da programmare;

stimolare la concordia e l’attiva

responsabile cooperazione di tutti, esaminare

e valutare gli impegni assunti dalla

Fraternità e dai frati, e trattare gli affari di

maggiore importanza». (CCGG 241; cf

112,2).

I Capitoli devono davvero diventare il

centro propulsore di ogni attività della Fraternità

e dei singoli e quindi devono avere la

priorità su ogni altra attività. Perché ciò avvenga

è, però, necessario fissare per tempo

un calendario di incontri, che deve essere rispettato

da tutti, e preparare ogni Capitolo,

perché sia un vero incontro di Fratelli, curando

anche l’ambiente e dandogli un tempo

adeguato.

L’opera di animazione delle Fraternità

aiuterà a far crescere lo spirito di appartenenza

e di fraternità, che prima di ogni altra

cosa esige da parte di ciascuno una costante

cura «dell’educazione, dell’amabilità,

della sincerità e della confidenza mutua, del

controllo di sé, della delicatezza, della cortesia,

del senso di umorismo, dello spirito di

condivisione, del perdono, dell’accettazione

reciproca, della capacità di dialogo e della

comunicazione, e dell’“adesione sincera

a una benefica disciplina comunitaria”»

(Seguaci di Cristo per un mondo fraterno p.

17). La Fraternità, e non la nostra stanza o il

piccolo angolo che ci siamo ritagliati in

convento, deve sempre più diventare il luogo

in cui ci sentiamo a casa, nella quale ci

riconosciamo e dove accogliamo i fratelli e

le sorelle che il Signore pone sulle nostre

strade. Ciascuno deve sentirsi parte viva

della propria Fraternità, così come dovete

sentirvi parte della Custodia e dell’Ordine.

In buona parte questo dipende dal nostro

impegno, dall’amore che siamo disposti a

donare, lì dove viviamo, negli incontri che

quotidianamente facciamo, ma dipende soprattutto

dal riconoscersi chiamati ad annunciare

insieme lo stesso Vangelo a cui

ciascuno ha promesso obbedienza. Abbiamo

questo sguardo di fede? Ci sentiamo

parte di questo progetto di Dio su di noi? O

preferiamo piuttosto camminare secondo

un nostro progetto personale? Quando è stata

l’ultima volta che insieme, da Fratelli, ci

siamo confrontati su come viviamo la Regola

che abbiamo professato?

Qui, poi, dove il legame con le strutture

è certamente più forte e vincolante che altrove,

è ancora più importante mantenersi

vigili perché lo status quo, l’impegno richiesto

nel garantire la presenza nei luoghi

che ci sono stati affidati dalla Chiesa, la difficoltà

ad avere spazi per nuove presenze,

non uccida anche ogni possibilità di rinnovamento

e di cambiamento della vita. So

che la vostra presenza, pur nelle ricchezze

che il Signore ogni giorno concede, richiede

spesso molti sacrifici, soprattutto quando

per continuare a testimoniare la propria

fede e ad accogliere i pellegrini, si è costretti

a vivere in situazioni che richiedono,

oltre ad una solida vita di fede, anche una

buona condizione fisica. Ma il Frate Minore,

per la forza ricevuta dall’ascolto della

Parola, deve saper dare nuova vita ai gesti

di sempre. Questo è possibile proprio perché

non riceviamo il senso della nostra esistenza

dalle strutture in cui viviamo, ma,

come il padre Francesco ci insegna, il Signore

è la nostra vera “struttura”: «non era

tanto un uomo che prega, quanto piuttosto

egli stesso tutto trasformato in preghiera vivente»

(2Cel 95).

Il coraggio e la creatività, che furono di

san Francesco e di santa Chiara, devono

perciò essere anche vostri, perché troviate il

senso che oggi ha essere francescani nei

Paesi in cui vivete, per infondere nuova linfa

alle strutture in cui vivete e per cercare

nuove modalità per annunciare il Vangelo


198 AN. CXXIII – MAII-AUGUSTI 2004 – FASC. II

di Cristo, avendo il coraggio di lasciare

quelle presenze che avessero perso il loro

significato. Come ci ha detto il Capitolo, si

tratta di incarnare nell’oggi la grande ricchezza

evangelica contenuta nel nostro carisma,

per rendere sempre più significativa

la nostra vita e missione.

5. La sfida dell’evangelizzazione

Questo impegnativo cammino di conversione

deve essere alla base di ogni forma

di evangelizzazione. Vorrei qui anzitutto ricordare

la vostra grande tradizione di accoglienza

dei pellegrini, che giungono da ogni

parte del mondo per cercare, nei luoghi dove

Cristo ha gettato il seme della Parola, le

radici della propria fede. Vi dico grazie per

la cura che avete per loro, per la disponibilità

a farvi loro compagni di viaggio in questo

cammino che è soprattutto dell’anima.

In questo senso la Custodia continua a rimanere

il primo progetto missionario dell’Ordine,

o, come si dice generalmente, la

“perla delle Missioni”, perché voi qui siete

«in modo particolare i testimoni del Vangelo

di Gesù Cristo e del suo Regno di pace»

(CCGG 122). Vi assicuro che tutto il Governo

dell’Ordine vi è particolarmente vicino

e la mia presenza oggi tra voi vuole essere

un segno di questa speciale attenzione.

D’altra parte siamo tutti coscienti che la vocazione

missionaria oggi non può essere

improvvisata, ma richiede un serio cammino

di preparazione e sono convinto che questo

valga a maggior ragione per la Terra

Santa a causa della delicata situazione in cui

i Frati devono vivere. Anche in questo caso,

come per l’animazione vocazionale, dobbiamo

aver a cuore più la qualità della vita

che la presenza numerica.

Non solo l’accoglienza dei pellegrini,

però, ma tutto il lavoro pastorale da voi

svolto si deve caratterizzare proprio per

questa attenzione e cura del fratello. Questo

soprattutto ai nostri giorni in cui si fa sempre

più urgente accogliere i nostri fratelli

che vivono in queste terre: in Israele, in Palestina,

in Giordania, in Siria, in Libano.

Qui, dove i cattolici vivono una condizione

di minoranza che, in diversi casi, diventa

vera e propria discriminazione, l’essere loro

vicini nelle parrocchie e nelle scuole e

dare loro l’opportunità di incontrarsi e formarsi,

diventa un “allargare lo spazio della

propria tenda”, un estendere la fraternità,

che per la nostra forma di vita siamo chiamati

a vivere, a coloro che condividono la

nostra stessa fede. In particolare il lavoro

che svolgete in questo settore con i giovani

manifesta il desiderio di trasmettere e comunicare

ciò che anche noi abbiamo ricevuto

dalla risurrezione di Cristo: la speranza

in un futuro di pace.

Sostenuti da questa speranza diventa allora

possibile l’impegnativo lavoro ecumenico

e inter-religioso svolto quotidianamente

attraverso i rapporti personali e grazie a

quelle opere che maggiormente promuovono

questo incontro tra fratelli, come, ad

esempio, i vostri collegi, dove giovani di

confessioni religiose diverse imparano a vivere

assieme, ad accogliersi reciprocamente

e a riconoscersi tutti come figli dell’unico

Padre.

6. Lo Studium Biblicum Franciscanum

Una parola a parte merita, infine, lo Studium

Biblicum Franciscanum. Con la creazione

da parte della Santa Sede della “Facoltà

di Scienze Bibliche e Archeologia” lo

Studio ha avuto il pieno riconoscimento del

grande impegno nell’approfondire la conoscenza

e nel continuare ad «amministrare –

come diceva san Francesco e vi ha ricordato

il Santo Padre – le fragranti parole del Signore

nostro Gesù Cristo, che sono Spirito e

vita». A tutti i Frati della Custodia, per il sostegno

che hanno dato e danno a questa Istituzione

che tutti ci onora, va il nostro doveroso

grazie e l’augurio perché possa continuare

tra voi la collaborazione in un dialogo

sereno e fecondo.

7. Conclusione

Ecco cari Fratelli quanto era mio desiderio

esprimervi in occasione di questo Capitolo

custodiale. Vi assicuro un mio particolare

ricordo nella preghiera in questi giorni,

perché le scelte che farete possano essere


EX ACTIS MINISTRI GENERALIS

199

guidate dalla luce dello Spirito e perché esse

portino ad una rinnovata crescita di tutta

la vostra Fraternità nella consapevolezza

della grande e affascinante missione a cui

siamo chiamati.

“Il Signore vi benedica e custodisca”.

FR. JOSÉ RODRÍGUEZ CARBALLO, OFM

Ministro generale

5. Omelia in occasione della Festa della

Porziuncola

Santa Maria degli Angeli, 2 agosto 2004

GUSTATE E VEDETE

QUANTO BUONO È IL SIGNORE

Il Signore vi dia pace!

Anche quest’anno siamo giunti davanti

alla Porziuncola che, come dice Tommaso

da Celano, è il luogo che Francesco «amò

più di tutti gli altri» (2Cel 18). Il motivo

dell’affetto di Francesco è che qui ha incontrato

l’amore e ha capito cosa significasse

amare. Qui infatti ha ascoltato quella Parola

del Vangelo che ha cambiato per sempre

la sua esistenza: «Gesù disse loro: Non

prendete nulla per il viaggio, né bastone, né

bisaccia, né pane, né denaro, né due tuniche

per ciascuno. In qualunque casa entriate, là

rimanete e di là poi riprendete il cammino»

(Lc 3-4). Francesco ha amato questa Parola,

ascoltata in questa chiesa, al punto da plasmare

tutta l’esistenza su di essa, perché ha

capito che in essa la sua vita poteva trovare

un senso.

Francesco, per dare un senso alla sua vita,

aveva già provato a mettersi in viaggio

prima di allora, quando era andato a far

guerra con i suoi concittadini contro Perugia,

quando era partito per andare in Puglia

a combattere tra i soldati di Gualtiero di

Brienne. Ma aveva sempre dovuto provvedere

lui a tutto il necessario e aveva sempre

fallito. In questo posto, invece, una parola

nuova e sconcertante gli venne rivolta: chi

segue Cristo, chi si mette in viaggio per annunciare

il Regno di Dio, non deve preoc-

cuparsi di nulla, perché il Signore stesso

provvederà a tutto. «Questo voglio, questo

chiedo, questo bramo di fare con tutto il

cuore!» (1Cel 22), fu la risposta pronta ed

entusiasta di Francesco, secondo il biografo,

e da quel momento mise in pratica

senza indugi quanto aveva ascoltato.

La consapevolezza della costante presenza

di Dio che si occupa di noi con amore,

che ci dà con generosità tutto ciò di cui

potremmo aver bisogno lungo il viaggio, è

ciò che fa nascere in Francesco l’urgenza di

passare subito dalla parola ascoltata alla vita.

Francesco sente in quelle parole tutta la

passione di Dio per l’uomo. Nell’ascolto

del Vangelo Francesco impara a conoscere

Gesù e il suo amore per l’umanità. Francesco

si sente avvolto dall’amore di Dio, un

amore che gli viene continuamente comunicato

quando ascolta il Vangelo e celebra i

sacramenti, «perché dell’altissimo Figlio di

Dio nient’altro io vedo corporalmente, in

questo mondo, se non il santissimo corpo e

il sangue suo» (Test 12). La Porziuncola è

perciò il luogo dove Francesco ha fatto la

più grande scoperta che ogni uomo o donna

può fare: l’incontro con Gesù Risorto può

cambiare il senso della nostra esistenza e

aprirci orizzonti nuovi. La sua Parola, il suo

corpo e il suo sangue offerti per noi trasformano

la nostra umanità vecchia e stanca in

umanità nuova. Soprattutto, per quanto si

possa essere lontani da Dio, ci liberano dalla

paura, perché Dio si è avvicinato e ci

guarda con amore, preoccupandosi di darci

tutto ciò di cui abbiamo bisogno per percorrere

la strada che ci sta dinanzi. È questa la

fiducia di Francesco, questa è la sua forza.

Da quel momento Francesco non avrà più

paura di affrontare la vita e tutto ciò che essa

chiede, perché sa di non essere più solo.

Qui il Padre delle misericordie, come amava

chiamarlo santa Chiara, si è chinato sul

suo servo Francesco, gli si è fatto vicino, lo

ha preso per mano. Scoprire l’amore di Dio

ha significato, allora, per Francesco scoprire

anche la sua infinita misericordia.

Ma la Porziuncola non è solamente il

luogo in cui Francesco scopre l’amore misericordioso

di Dio, è anche il luogo in cui

vive le prime esperienze di vita fraterna.


200 AN. CXXIII – MAII-AUGUSTI 2004 – FASC. II

Qui Francesco accoglie coloro che volevano

condividere con lui la vita che aveva intrapreso,

qui riceve all’obbedienza la giovane

Chiara degli Offreducci. Da qui partono

le prime missioni di Francesco e dei suoi

compagni per la terra umbra, quando la

gente, non conoscendoli ancora, li scambiava

per malviventi e li ricopriva di insulti,

ma poi, «vedendo i frati sereni nelle tribolazioni,

alacri e devoti nella preghiera, non

avere né ricevere denaro, coltivare tra loro

amore fraterno», riconoscevano in loro dei

veri discepoli del Signore e, se prima li avevano

coperti di ingiurie, poi «domandavano

scusa delle offese fatte», mentre i frati, da

parte loro, li «perdonavano di cuore, dicendo:

“Il Signore vi perdoni!”» (3Comp 41).

La vita di fraternità, vissuta dai primi frati,

era fatta di gesti molto concreti che si manifestavano

in un’offerta di perdono per tutti.

Non esiste amore fraterno che non sia anche

amore di perdono. Quello stesso amore che

Francesco aveva conosciuto nel Vangelo,

quell’amore di un Dio di misericordia, era

l’amore che lui e i suoi fratelli si sforzavano

di vivere tra loro ed era lo stesso che i frati

donavano alla gente: “Il Signore vi perdoni!”.

Sembra di sentir risuonare la strofa del

Cantico: “Laudato si, mi Signore, per quelli

che perdonano per lo tuo amore et sostengo

infirmitate et tribulazione” (Cant 10). Di

fronte a quello spettacolo, dice la Legenda

dei tre Compagni da cui è tratto questo episodio,

«certuni li pregavano di essere ricevuti

nel loro gruppo … così presero con sé

alcuni aspiranti alla vita religiosa e in loro

compagnia fecero ritorno tutti, nel tempo

stabilito, a Santa Maria della Porziuncola»

(3Comp 41).

Questa piccola chiesa fin dall’inizio è

stata per Francesco il posto in cui l’amore di

Gesù e l’amore dei fratelli è stato vissuto

come offerta di misericordia. Non è perciò

strano che l’ultimo desiderio di Francesco

prima di morire fosse proprio quello di tornare

qua, a quello che lui considerava il

centro della sua esperienza spirituale, dove

«per la prima volta aveva conosciuto chiaramente

la via della verità» (1Cel 108). Qui,

dove le ultime parole di Francesco, secondo

il biografo, sono state ancora una volta

un’offerta di perdono a tutti i suoi frati (cf

1Cel 109).

Innamorato di Cristo, Francesco ci insegna

dalla Porziuncola ad amare come Cristo

ha amato, cioè a farci vicino ad ogni uomo

e ad ogni donna trasformando la nostra vita

in un’offerta di perdono. Solo l’amore che

si offre e sa perdonare il male subito può,

infatti, essere chiamato amore vero e solo

chi si è lasciato coinvolgere da questo amore,

chi ha accolto questo perdono, può donarlo

agli altri. Accogliamo l’amore di Dio,

che Gesù ci offre morendo per noi sulla croce,

accogliamo il suo perdono e doniamolo

ai nostri fratelli. Questo è ciò che oggi ciascuno

deve annunciare al mondo. Questa è

la predicazione dell’avvento del Regno di

Dio a cui tutti siamo chiamati. Accogliamo

il perdono di Dio, accogliamo la sua misericordia

che dona un senso alla nostra vita.

Viviamo nella gioia da uomini e donne nuovi

che hanno trovato un significato autentico

per la propria esistenza. Allora, come i

primi frati che qui vivevano con Francesco,

potremo anche noi aver la forza per continuare

ad essere sereni nelle tribolazioni della

vita, ferventi nella preghiera, a non curarci

del denaro, a guardare ai fratelli e alle sorelle

con amore.

Noi, che abbiamo ricevuto la grazia di

incontrare la misericordia di Dio, non possiamo

tenerla per noi, perché la sua misericordia

ci supera, è sovrabbondante e traboccante.

In fondo non ci è chiesto altro se

non questo: lasciar scorrere il dono di cui

siamo stati ricolmati, perché già questo è

essere testimoni di Cristo in un mondo che,

oggi come ieri, sembra non conoscere questo

dono. Ogni giorno sembra, infatti, che la

società in cui viviamo, invece di incamminarsi

su vie di unità e di riconciliazione,

preferisca la divisione e la vendetta. La cura

dell’immagine e di ciò che di noi appare

è diventata così importante, e a volte così

angosciante, da non permettere più di vedere

la vera bellezza di ogni creatura che sta

nel suo essere uscita direttamente dalle mani

di Dio. Ogni giorno assistiamo purtroppo

ad episodi in cui, per cercare di affermare la

propria debole identità, non ci si fa scrupolo

di eliminare l’identità di chi ci sta di fron-


EX ACTIS MINISTRI GENERALIS

201

«Amare come...», è proposta, vocazione

e progetto. Invitati ad amare, non partiamo

da zero. Colui che ci fa la proposta, il Signore

nostro Gesù Cristo, si presenta anche

come modello: «vi do un comandamento

nuovo: che vi amiate gli uni gli altri; come

io vi ho amato, così amatevi anche voi gli

uni gli altri» (Gv 13, 34). Tenendo presente

questo modello possiamo dire che:

• Il nostro amore, come l’amore di Gesù,

deve farsi compassione: «Gesù allora

quando la vide piangere…, si commosse

profondamente… e scoppiò in pianto.

Dissero allora i Giudei: “Vedi come lo

amava”» (Gv 11,31-36; cf Mt 14, 14).

L’amore, se vero, non è mai insensibile

di fronte alla sofferenza altrui, ma è

compassionevole. Se è vero che senza

amore non si vive, è vero anche che senza

dolore non si ama. Come direbbe Teresa

di Calcutta: «se l’amore non ci fa

male, non è amore». Il “compatire”, il

soffrire con l’altro e per l’altro, è uno dete,

invece di aprirsi, seppur con fatica, ad un

dialogo che arricchisca. L’unica parola che

può restituire un senso a queste situazioni è

il perdono, così come ci insegna l’esperienza

di Francesco.

Il mio augurio, quindi, è questo: che il

nostro pellegrinaggio a questo luogo santo,

alla Porziuncola, sia un momento forte

d’incontro con l’amore di Dio per noi in

modo tale che confessando con umiltà il nostro

peccato (cfr. Sal 32, 5), per intercessione

di Colei che non ha conosciuto il peccato,

Santa Maria degli Angeli, possiamo accedere

alla misericordia del Dio amore, e

liberati «da tutte le nostre angosce» (Sal 33,

5. 7) e perdonati i nostri peccati (cf Sal 32),

possiamo confessare con gioia: «Gustate e

vedete quanto è buono il Signore» (Sal 9).

FR. JOSÉ RODRÍGUEZ CARBALLO, OFM

Ministro generale

6. Messaggio in occasione della

XXIV Marcia Francescana

a piedi verso Assisi

Santa Maria degli Angeli, 2 agosto 2004

«AMARE COME…»

Carissimi giovani! Mentre a nome di

San Francesco e di tutti i Frati Minori vi accolgo

con le braccia aperte e il cuore spalancato

in questo luogo santo della Porziuncola

tanto caro al “Poverello” d’Assisi, vi

saluto con le parole che il Signore rivelò a

Francesco: «Il Signore vi dia Pace».

Ancora una volta, ed è il 24° anno, avete

compiuto la “Marcia Francescana a piedi

verso Assisi”. Lo avete fatto, come tutti noi,

per incontrarvi con il Signore, seguendo i

passi di Francesco. Lo avete fatto per accogliere,

in questo luogo santo, in questo

“Santuario della misericordia”, la riconciliazione

e il perdono che ci vengono dal Signore,

“nostra speranza”, “nostra riconciliazione”;

lo avete fatto per incontrarvi con

Colui che essendo l’amore, ci invita ad accogliere

il suo amore per poter «amare co-

me...». È questo il motto della Marcia Francescana

di quest’anno, ma è anche proposta,

vocazione, progetto di vita.

Cari giovani: siamo nati dall’amore e

siamo nati per amare. L’amore è la nostra

origine, la nostra vocazione, la nostra missione.

È l’alfa e l’omega. Senza l’amore

nulla nella nostra esistenza ha senso e la nostra

vita finirebbe per trasformarsi in una

grande frustrazione senza la linfa dell’amore.

Infatti, chi non si sente amato, sarà un

povero disgraziato; chi non si sente chiamato

ad amare, diverrà un terribile egoista; chi

non ama smarrirà la sua vera ragione di essere...

Invece chi si sente amato, troverà la

forza per tirarsi fuori anche da situazioni

umanamente assurde; chi si sente chiamato

ad amare, troverà la forza per amare come il

Signore ci ama; chi ama, avrà la gioia di vedere

e trovare vita dove prima c’era morte,

speranza dove prima c’era disperazione,

gioia dove prima c’era tristezza, futuro dove

prima tutte le strade sembravano chiuse…

Sì, veramente, come dice San Paolo,

«l’amore è la cosa più grande» (cf 1Cor 13,

13), perché è l’unico compagno di viaggio

per tutta l’eternità.


202 AN. CXXIII – MAII-AUGUSTI 2004 – FASC. II

gli indicatori della veracità del nostro

amore. «Vedi come lo amava», dicono i

Giudei quando videro Gesù commuoversi

nel vedere le lacrime di Maria, sorella

di Lazzaro. Proprio perché l’amore

di Gesù è autentico, di fronte alla morte

piange, e di fronte ai bisogni della folla

sente compassione.

• Il nostro amore, come l’amore di Gesù,

deve manifestarsi nel servizio e nel dono

di sé stesso per gli altri (cf Mc 10, 45).

L’amore del cristiano è certamente soprannaturale,

ma questo non vuol dire

che sia un sentimento astratto, freddo,

distante. L’amore è palpabile. A volte diciamo:

«amo molto quella persona, anche

se lei non se ne accorge». Stiamo

sbagliando. È la persona interessata che

deve sentire, in modo molto concreto,

che è amata da noi. L’amore è fatto di gesti

concreti. Apriamo il Vangelo e vediamo

che amare è dare un bicchiere di acqua

a chi ha sete, dare da mangiare a chi

ha fame, consolare chi è triste… (cf Mt

25, 31ss); amare è versare olio e vino

sulle ferite di chi è mezzo morto sulla

strada (cf Lc 10, 25); amare è “sporcarsi

le mani” e mettersi in gioco in prima persona

per venire incontro a delle situazioni

“complicate” (cf Gv 9, 1-11). Ogni uomo

è tuo fratello, ma forse lui non lo sa.

Sei tu allora che devi informarlo. Sei tu

che glielo devi far capire con gesti concreti.

Dare senso alla vita è fare le cose

più piccole con il massimo d’amore.

Questo è amare.

• Il nostro amore, come l’amore di Gesù, è

una proposta, mai un’imposizione. Vedendo

il giovane ricco, Gesù disse: «Se

vuoi…». Chi ama veramente è libero e

lascia libera la persona amata. Chi domina

e impone non ama l’altro, ma se stesso.

Chi ama genera libertà nella persona

amata, ma anche in se stesso.

• Il nostro amore, come l’amore di Gesù,

si manifesta anche nel perdono: «Padre

perdona loro perché non sanno quello

che fanno» (Lc 23,34). Chi ha sperimentato

la grazia di essere amato, sente il bisogno

di amare fino al perdono. Se l’amore

è creativo, il perdono fa miracoli…

L’amore è creativo. È per questo che la

fantasia è l’anima dell’amore, ed è anche

per questo che nel vocabolario dell’amore

la parola “impossibile” non esiste. “L’amore

vince tutto”, anche l’ingratitudine, l’indifferenza

da parte dell’altro. L’amore fa

che tutto diventi possibile. Un amore senza

“fantasia” rischia di trasformarsi in un fatto

“funzionale”, impersonale, burocratico. Solo

l’amore animato dalla fantasia e dalla

creatività rimane eternamente giovane. «La

fantasia è l’immagine di Dio creatore nell’uomo»

(H. Cox). La fantasia ci avvicina al

Dio che crea, e la creazione è opera d’amore.

Per questo la fantasia deve essere al servizio

dell’amore. Solo l’amore va oltre,

proprio perché è animato dalla fantasia, dalla

creatività.

L’amore è senza limiti. «Li amò sino alla

fine», si dice di Gesù (Gv 13,1). L’amore

non conosce limiti: si ama sempre e sempre

di più. Chi ama non dice mai: “basta”. Il

giorno in cui non amiamo, è il giorno più

inutile nella nostra vita. Chi ama sa molto

bene che l’amore è come la luna: o cresce o

diminuisce; che nel regno dell’amore non ci

sono pianure: o si sale o si scende. Chi ama

sa che «nella misura in cui l’amore cresce,

cresce la sua bellezza, poiché l’amore è la

bellezza» (S. Agostino). Chi ha scoperto la

gioia dell’amore non porrà mai limiti all’amore.

E si ama tutti, “buoni” e “cattivi”, come

il Padre celeste che fa sorgere il sole sui

cattivi come sui buoni e fa piovere sui giusti

come sugli empi (cf Mt 5,45), sapendo

che l’amore nobilita chi ama, che l’amore è

l’unica forza che può trasformare un nemico

in amico, l’unica forza che può distruggere

le montagne dell’odio. Sapendo anche

che non siamo amati perché siamo buoni,

ma siamo buoni perché amati; che non

amiamo gli altri perché sono buoni, ma li

amiamo perché diventino buoni. Chi ama sa

molto bene che l’amore genera vita, e per

questo ama tutti, senza distinzione, ma soprattutto

ama chi non ricambia. L’amore è

cammino senza ritorno, è dono, è regalo,

non emette fattura: «Ama molto chi ti contraddice

e non ti vuole bene, poiché in questo

modo si genera amore nel cuore dove

non esiste» (S. Giovanni della Croce).


EX ACTIS MINISTRI GENERALIS

203

Cari giovani! «Amare come...», è un domanda:

nel Signore avete la risposta. «Amare

come...», è un invito: ascoltatelo. «Amare

come...», è una proposta: accoglietela.

«Amare come...», è un progetto: fate che diventi

il vostro progetto. E la vostra vita

cambierà, come cambierà la vita di chi vi

starà accanto.

Cari giovani! Francesco gridava e grida

ancora: «L’amore non è amato…», «l’amore

non è amato…». È il grido di un innamorato

che ha sperimentato nella sua vita l’amore

di Dio, e per questo vuole che tutti lo

amino. È il grido di un uomo appassionato

che, vedendo l’amore senza limiti di Dio

per l’umanità, vuole che tutti lo amino senza

alcun limite.

Cari giovani, fratelli e sorelle, apriamoci

all’amore di Dio manifestato in Gesù.

Apriamoci alle esigenze radicali dell’amore

verso Dio e verso gli uomini. Francesco

qui, alla Porziuncula, ascoltò un Vangelo

molto esigente, apparentemente assurdo.

Ma con prontezza rispose: «questo cerco,

questo voglio…». Giovani, andate e fate lo

stesso: l’amore sarà un po’ più amato.

Che il Signore vi benedica e protegga

sempre.

FR. JOSÉ RODRÍGUEZ CARBALLO, OFM

Ministro generale

7. Carta en el día de

Santa Clara de Asís

CLARA DE ASÍS Y DE HOY

UN CORAZÓN SEDUCIDO Y

CONQUISTADO POR EL SEÑOR

En el 750 aniversario de la muerte

de Santa Clara y de la aprobación

de su Regla

Queridas Hermanas Pobres

de Santa Clara,

queridos Hermanos Menores:

os deseo abundancia de salud y paz

en el Señor (cf 5CtaCl 1).

Acción de gracias

Con Santa Clara, “doy gracias al que con

esplendidez da la gracia, os ha adornado

con tantos títulos de virtudes y os ha hecho

brillar con los signos de tanta perfección”

(2CtaCl 3); y “desbordo de gozo y salto de

júbilo en el Señor” (Hab 3,18) por “la honrosísima

fama de vuestra vida religiosa”

(1CtaCl 3.4).

Doy gracias al Señor por la fidelidad de

tantas hermanas y hermanos que, cual lámpara

puesta sobre el candelero, alumbra a

todos los de la casa y a cuantos se acercan a

ellos y a ellas. Doy gracias al Señor por la

generosidad de tantas hermanas y hermanos,

que, desde el silencio y la clausura o en

el claustro del mundo, se entregan sin cálculos

egoístas a la construcción del Reino.

Doy gracias al Señor por tantas hermanas y

hermanos que, aun en medio de tantas dificultades,

testimonian con gozo la belleza

del seguimiento de Jesucristo pobre y crucificado.

Doy gracias a Aquel, “de quien

procede todo beneficio y todo don perfecto”

(Sant 1,17), por las hermanas y por los hermanos

que caminan decididamente por las

sendas de la virtud (cf 5CtaCl 3).

Ocasión de la carta

Hoy, cuando la Iglesia hace memoria

del tránsito de la Hermana Clara, clausuramos

las celebraciones jubilares que, con

motivo del 750 aniversario de su muerte y

de la aprobación de su Regla, se han venido

celebrando allí donde estamos presentes

los Hermanos Menores y las Hermanas

Pobres.

Con este motivo, deseo vivamente manifestaros

el amor que interiormente me anima

(cf TestCl 59) hacia vosotras, todas y cada

una de las Hermanas Pobres, extendidas

de oriente a occidente. Os escribo, de hecho,

movido por el gran amor que os profeso,

como a Hermanas amadísimas en Cristo

–que para nosotros “se ha hecho camino”

(TestCl 5)– y en Francisco, nuestro “bienaventurado

padre” (cf TestCl 48). Os escribo,

también, movido por la responsabilidad que

me viene de la promesa de Francisco (cf


204 AN. CXXIII – MAII-AUGUSTI 2004 – FASC. II

FVCl 2; TestCl 29) y de la voluntad expresa

de Clara (cf TestCl 50).

Al mismo tiempo que escribo a las hermanas,

os escribo también a vosotros, mis

queridos hermanos. Siendo Clara la más

fiel discípula y seguidora de Francisco, su

heredera espiritual, su mejor y más fiel intérprete,

y habiendo vivido plenamente la

vocación franciscana, la “plantita de Francisco”

nos resulta imprescindible, también

a nosotros, Hermanos Menores, para conocer

a Francisco, para releer y entender en toda

su hondura el mensaje y la obra del “Poverello”.

Entre vosotras, Hermanas Pobres de

Santa Clara, y nosotros, Hermanos Menores,

existe una profunda e indisoluble comunión

carismática, una real y hermosa

complementariedad. Por esta razón, la feliz

ocasión que nos ofrece la celebración del

doble jubileo clariano, no es sólo motivo de

gozo y un tiempo de gracia para profundizar

en el conocimiento de Clara para vosotras,

amadas hermanas, sino también para

todos cuantos hemos hecho nuestro el propósito

de Clara de seguir a Jesucristo por la

vía que nos trazó el Padre Francisco.

Las reflexiones que siguen, basadas

principalmente en los escritos de Clara y

Francisco, tienen la única finalidad de recordarnos

nuestro “propósito” (2CtaCl 11),

a fin de que, “con andar apresurado” y “con

paso ligero” (2CtaCl 12), sin que nos dejemos

envolver “por tiniebla alguna ni amargura”

(3CtaCl 11), podamos “avanzar con

mayor seguridad en el camino de los mandatos

del Señor” (2CtaCl 15).

Clara, “plantita” de Francisco (TestCl 37)

El Espíritu del Señor suscitó, junto a

Francisco, a Clara. Desde entonces, como

afirmó Juan Pablo II, ya no es posible separar

estos “dos fenómenos”, estas “dos leyendas”,

estos “dos nombres”.

Francisco es para Clara y sus hermanas:

precursor que muestra el camino, “fundador,

plantador y ayuda” (TestCl 48), solícito

en cultivarlas, de palabra y con obras, como

su pequeña planta (cf TestCl 49); “columna,

único consuelo después de Dios y

apoyo” (TestCl 38). Es muy significativo

que, al hablar de su vocación en el Testamento,

Clara remite constantemente a Francisco.

Clara, a su vez, es para Francisco: consejera

y luz para discernir la voluntad del

Señor en los momentos de duda (cf LM

12,2), y siempre “una ayuda semejante a él”

(Gén 2,20). Es también significativo que,

en las horas de desaliento y de tinieblas,

Francisco regresa a San Damián para buscar,

junto a Clara, el consuelo que necesita.

De Francisco, Clara recibe a Dios, recibe

el afecto y el empuje para lanzarse a vivir a

fondo el Evangelio con decisión irrevocable

(cf TestCl 5). De Clara, Francisco recibe

la iluminación del Señor. Clara es reflejo de

Francisco, en quien se ve como en un espejo

(cf Proc 3,29). El rostro de Francisco, a

su vez, es iluminado por la pureza y la pobreza

de Clara. Clara amaba tiernamente a

Francisco. Es más, Clara se ganó a Francisco,

hasta el punto de convertirse para él en

imagen de María, por su radicalidad, por su

confianza incondicional en Dios, por su fragilidad

no exenta de fortaleza, por su lealtad

y por su fidelidad.

En Clara arde un único deseo: Vivir el

Evangelio a ejemplo de Francisco. Por ello,

se alimenta de la misma sabia y respira la

misma frescura evangélica que el Poverello.

Habiendo descubierto en Francisco un

“verdadero amante e imitador” del Hijo de

Dios (TestCl 5), Clara lo amó, se confió y se

unió a él para vivir su misma experiencia

evangélica. Por ello, una misma es la Regla:

“Observar el santo evangelio de nuestro Señor

Jesucristo” (2R 1,1; RCl 1,3) y una misma

es la misión: Restaurar la Iglesia (cf

2Cel 10.204).

De este modo, Clara y Francisco han realizado

una de las síntesis más geniales en

la historia de la Iglesia: la síntesis entre el

silencio que escucha y la palabra que anuncia,

entre la soledad que adora en la clausura

y la presencia que anuncia en la itinerancia.

Desde que “el altísimo Padre celestial”

iluminó el corazón de Clara (TestCl 24) y

Francisco les mostró a ella y a sus hermanas

el camino (cf TestCl 5), y desde que “la dama

pobre” le prometió obediencia (cf RCl


EX ACTIS MINISTRI GENERALIS

205

1,4-5; 6,1), la única inspiración franciscana

se articula así en dos dimensiones complementarias:

la contemplativa, de apertura a la

Palabra; la activa, de testimonio de la Palabra.

Son las dos dimensiones del amor, que

es, a la vez, contemplativo y activo.

Y para que esta unión, profundamente

humana y carismática al mismo tiempo, llena

de familiaridad y de respeto a la vez, no

viniese a menos con el tiempo, conscientes

de que “un mismo Espíritu había sacado de

este siglo a los hermanos y a las damas pobres”

(2Cel 204), Francisco promete a Clara

y a sus hermanas “dispensarles siempre

un amoroso cuidado y una especial solicitud”

(FVCl 2), “por sí mismo y por su Religión”

(TestCl 29); por su parte, Clara promete,

por sí misma y por sus hermanas,

obediencia a Francisco y a sus sucesores (cf

RCl 1,4).

A la luz de lo dicho, es necesario que,

tanto los hermanos como las hermanas, nos

preguntemos: ¿Cómo vivimos nuestra complementariedad

carismática? ¿Cómo respondemos

los hermanos al compromiso hecho

por Francisco de acompañar espiritualmente

a las hermanas? ¿Cómo viven las

hermanas cuanto Clara quería expresar con

la obediencia a Francisco y a sus sucesores?

¿Qué consecuencias, incluso de tipo jurídico,

tendríamos que extraer? ¿No será que el

Señor nos está pidiendo algunos cambios

significativos que nos lleven a vivir una mayor

comunión, no sólo afectiva, sino también

efectiva?

Hermanas, mi profunda convicción es

ésta: Nos necesitamos recíprocamente. Se

mutilaría el carisma, si caminásemos separadamente.

Y de esto seríamos todos responsables.

No queremos, porque no podemos,

recorrer caminos paralelos. En el caminar

unidos, respetando nuestras

diferencias, nos jugamos todo: la fidelidad

a Francisco y a Clara; la eficacia evangélica

de nuestra misión en la Iglesia y en el mundo;

la credibilidad ante quienes, hoy como

ayer, están convencidos de que Francisco y

Clara son dos almas gemelas e inseparables.

Mientras “suplico” a los hermanos y las

hermanas, “en cuanto puedo, con humildes

ruegos, por las entrañas de Cristo” (1CtaCl

31), que permanezcan fieles a la herencia

que hemos recibido, animo, a unos y a otras,

a tener la valentía de revisar nuestras relaciones,

potenciarlas y hacerlas evangélicas

y franciscanamente más significativas, a la

luz de las relaciones entre Francisco y Clara

y a la luz de cuanto ellos nos han encomendado.

Conoced vuestra vocación (cf TestCl 4),

avivad el fuego de la gracia de Dios en vosotras

y vosotros (cf 2Tim 1,6)

Conocer nuestra vocación para mejor

responder a ella, es el gran desafío con el

que nos enfrentamos constantemente. Es

una tarea nunca acabada y que no podemos

delegar. En ello nos jugamos nuestra fidelidad.

Tanto para Clara como para Francisco,

nuestra vocación, que es también nuestra

misión, es vivir el santo Evangelio (RCl 1,2;

2R 1,1). Viviendo el Evangelio, glorificaremos

“al Padre celestial en toda su santa

Iglesia” (TestCl 14), y le bendeciremos y

alabaremos (TestCl 22) en todo tiempo y lugar,

a través de nuestra “famosa y santa vida

religiosa” (TestCl 14). De este modo,

formaremos “un cuerpo de piedras vivas

pulimentadas” (2Cel 204) y seremos “ejemplo

y espejo” los unos para los otros y todos

para los demás (cf TestCl 19).

¡Grande y hermosa es nuestra vida y misión,

queridas hermanas y hermanos! Consideremos,

pues, los múltiples dones que

del “Padre de las misericordias” hemos recibido

y diariamente recibimos, especialmente

el de nuestra vocación (cf TestCl 2).

Consideremos la copiosa benignidad de

Dios para con nosotros (cf TestCl 15). ¡Mucho

es lo que el Señor nos ha regalado! Restituyamos

multiplicado el talento recibido y

guardemos los mandatos de Dios y del bienaventurado

padre Francisco (cf TestCl 18).

Entreguémonos totalmente a aquel que todo

entero se ha entregado por nosotros (cf

CtaO 29). Entreguémonos, sin reserva alguna,

al “más bello de los hijos de los hombres”

(2CtaCl 20). Alegrémonos siempre en


206 AN. CXXIII – MAII-AUGUSTI 2004 – FASC. II

Él y no dejemos que nos envuelva la tiniebla

de la mediocridad, ni la amargura y tristeza

que produce “el fango del mundo”

(5CtaCl 2). Antes bien, mantengámonos

fieles a Aquel a quien nos hemos entregado

en amor eterno (cf 5CtaCl 3-4; 1CtaCl 5).

La gracia de esta fecha jubilar de la aprobación

de la Regla, que Clara tan ansiosamente

esperó ver confirmada, es una “ocasión

propicia” que debemos aprovechar para

“confirmar” nuestro “propósito” de

servir al Señor y ser fieles a quien nos hemos

prometido hasta la muerte (cf 5CtaCl

4), llevando a término con empeño la obra

que tan bien hemos comenzado (cf 5CtaCl

14), “progresando de bien en mejor, de virtud

en virtud” (1CtaCl 32), sin estorbos en

los pies, para que ni siquiera nuestros pasos

recojan el polvo, sino que, seguros, gozosos

y dispuestos, recorramos con cautela la senda

de la bienaventuranza (cf 2CtaCl 12-13).

Clara, engendrada dentro de la Iglesia

por la fecundidad profética de Francisco,

confesará en su Testamento: “El Hijo de

Dios se ha hecho para nosotras camino”

(TestCl 5). Esta confesión de Clara, que

bien podríamos llamar “oración del corazón”

de la madre a sus hijas, es la síntesis

del Evangelio indicado por Francisco, es la

convicción sencilla y fuerte de la “dama pobre”,

capaz de sostener el sentido y la búsqueda

de toda una vida: ¡Conocer el camino

para alcanzar la visión de la belleza del

Rostro de Dios manifestado en Jesucristo!

Este Camino ha tomado forma en la vida de

Clara, creando un espacio abierto a la “operación

del Espíritu del Señor”, dando origen

a la “forma de vida” de las Hermanas Pobres,

que ella misma delinea en la Regla

confirmada por el Papa Inocencio IV el 9 de

agosto de 1253.

Se ha dicho que Clara tiene el privilegio

de centrar lo franciscano en lo esencial. Por

ello, en estos momentos en los que se hace

necesario el concentrarnos en los elementos

esenciales de nuestro carisma, quisiera destacar

tres “prioridades”, que me parecen

fundamentales en la vida de toda Hermana

Pobre, así como en la vida de todo Hermano

Menor: La dimensión contemplativa, la

pobreza y la fraternidad. Vivir estas “prioridades”

hará más visible y significativa

nuestra vida y transformará nuestra existencia

en “profecía de futuro” (NMI 3).

Dimensión contemplativa: “Transfórmate

toda entera [todo entero], por la contemplación,

en imagen de su divinidad”

(3CtaCl 13)

Hacer del Evangelio la única regla de vida,

como en el caso de Francisco y Clara,

implica haber descubierto el primado de

Dios y de su Palabra en la vida de cada día.

Dicho primado no es un principio general,

sino el núcleo central de nuestra común vocación.

Por este motivo, la dimensión contemplativa

ha de ser considerada como la

primera y fundamental expresión de nuestro

seguimiento de Cristo.

Dicha dimensión contemplativa, que, en

expresión de Clara, consiste esencialmente

en el abrazo amoroso con Cristo para identificarse

con Él, tanto en Clara como en

Francisco arranca de una mirada atenta y

llena de estupor y gratitud al misterio de la

encarnación. Aquel, “al que no podían contener

los cielos”, se abajó hasta hacerse morada

“en el pequeño claustro” del “vientre

sagrado” de la doncella de Nazaret (cf

3CtaCl 18-19). El “Señor de los señores”

(2CtaCl 1), “tan digno, tan santo y glorioso”,

al recibir “la carne verdadera de nuestra

humanidad y fragilidad” (2CtaF 4),

“quiso aparecer en el mundo como un hombre

despreciado, indigente y pobre”

(1CtaCl 19); “y, siendo sobremanera rico

(2Cor 8,9), quiso escoger la pobreza en este

mundo, junto con la bienaventurada Virgen,

su Madre” (2CtaF 5).

En Clara, esta mirada es la mirada de esposa

a Esposo. En Francisco y Clara esta

mirada es la de un corazón enamorado que

contempla la encarnación del Verbo del Padre

a la luz del amor. Es la mirada atenta y

permanente –“diariamente..., constantemente”

(4CtaCl 15)–, que lleva a descubrir

la belleza de Jesucristo, el “Esposo del más

noble linaje” (1CtaCl 7), con el aspecto

“más hermoso” (1CtaCl 9), “cuya belleza

admiran sin cesar todos los bienaventurados

ejércitos celestiales”, y “cuya visión


EX ACTIS MINISTRI GENERALIS

207

gloriosa hará dichosos a todos los ciudadanos

de la Jerusalén celestial” (4CtaCl

10.13).

Ante la maravilla de que el Hijo de Dios

se haya abajado tanto por nuestra salvación,

Clara no puede menos de exclamar, llena de

estupor: “¡Oh admirable humildad, oh

asombrosa pobreza! El Rey de los ángeles,

el Señor del cielo y de la tierra (cf Mt

11,25), es colocado en un pesebre” (4CtaCl

20-21). Y no puede menos, tampoco, de invitar

a la contemplación de semejante misterio:

“Mira atentamente…, considera...,

contempla” (4CtaCl 19. 22. 28).

Pero, si la pobreza y humildad de Belén

encienden el estupor interior de Francisco y

de Clara y los conquistan para Dios, será el

Calvario el lugar privilegiado del amor esponsal

de la virgen Clara y del amor transformante

de Francisco. De hecho, es en la

pasión y muerte del Señor donde se revela

plenamente, hasta las últimas consecuencias,

el amor de Dios hacia el género humano,

su “inefable caridad” (4CtaCl 23). Por

lo cual, ante el escándalo de la cruz, la mirada

de Francisco se torna seguimiento:

“dejándonos ejemplo para que sigamos sus

huellas” (1Pe 2,21; 2CtaF 13), y la de Clara

se vuelve penetrante, apasionada y llena

de compasión: “Abrázate a Cristo pobre como

virgen pobre. Míralo hecho despreciable

por ti, y síguelo, hecha tú despreciable

por Él en este mundo... Mira atentamente,

considera, contempla, con el anhelo de imitarle,

a tu Esposo…, hecho para tu salvación

el más vil de los varones, despreciado,

golpeado, y azotado de mil formas en todo

su cuerpo, y muriendo entre las angustias de

la cruz” (2CtaCl 18-20).

Tanto en Clara como en Francisco, la

contemplación no se reduce a una mera

consideración intelectual, sino que es envolvente

y global y, como consecuencia,

implica a toda la persona en todas sus dimensiones:

espiritual, intelectual, afectiva y

sensible. “Su amor enamora” (4CtaCl 11),

es totalizante. Por eso, mente, alma y corazón

(cf 3CtaCl 12-13) están constantemente

vueltos hacia el Señor (cf 1R 22,19;

4CtaCl 15) para conducir a una progresiva

identificación esponsal con el Amado, de

tal modo que ya ni siquiera “las paredes de

la carne” han de ser obstáculo, sino que deben

transparentar a Cristo más todavía:

“Pon tu mente en el espejo de la eternidad...

y transfórmate toda entera, por la contemplación,

en imagen de su divinidad”

(3CtaCl 12.13).

Como Francisco, por amor, se transformó

en viva imagen del Amado (cf LM

13,5), así Clara, encendida en amor hacia el

Esposo, es la amada en el Amado transformada.

Y eso mismo sucederá a todo aquel

que fije su mirada y su corazón en Dios.

La contemplación franciscano-clariana,

lejos de ser un pietismo piadoso, es camino

de identificación con el Señor. Quien asume

una actitud contemplativa en su vida, se

transforma en “criatura nueva” (Gál 6,15) y

puede decir en verdad: “Para mí la vida es

Cristo” (Fil 1,21). Tanto para Clara como

para Francisco, lo mismo para las hermanas

que para los hermanos, contemplar es dejarse

habitar por Cristo para convertirse en

su morada permanente (cf Jn 14,23); es

“mirar”, “observar” y “adornarse” de las

virtudes del Señor: la bienaventurada pobreza,

la santa humildad y la inefable caridad

(4CtaCl 15.16.18); es mirar atentamente

a Cristo y abrazarse a Él con el anhelo de

imitarlo (cf 2CtaCl 18-20).

Es la lógica del amor que lleva, por su

misma naturaleza, a la transformación y a la

acción. De este modo, la contemplación es

seguimiento, y el seguimiento lleva de nuevo

a la contemplación. En otras palabras, la

contemplación es vida, y la vida es contemplación.

Pienso que se puede afirmar con

toda razón que, tanto para Santa Clara como

para San Francisco, seguimiento y contemplación

coinciden, hasta el punto de que la

contemplación les lleva a identificarse con

Jesús pobre, casto y obediente por amor.

Del mismo modo, la forma de vida evangélico-contemplativa,

abrazada por Clara y

sus hermanas, siguiendo el ejemplo de

Francisco, es la respuesta lógica a la locura

del amor de Dios, revelado en la encarnación,

pasión y muerte de Jesús.

Santa Clara, como había hecho antes San

Francisco, ha recorrido este camino hasta el

final. Ha observado y contemplado a Cristo


208 AN. CXXIII – MAII-AUGUSTI 2004 – FASC. II

con todo el amor de que es capaz una mujer

iluminada por el Espíritu del Señor, y, unificando

mente, corazón y voluntad, ha recorrido,

con paso decidido y ligero, los mismos

pasos del Hijo de Dios que “pobre fue

colocado en un pesebre, pobre vivió en este

mundo y desnudo permaneció en el patíbulo”

(TestCl 45).

Contemplando continuamente el rostro

de Cristo, Clara lo refleja como en un “espejo”

y comunica la fuerza que le viene de

nutrir y custodiar, en el corazón y en la vida,

una fuerte pasión por Cristo, su Esposo, y

una tierna compasión por el hombre y la

mujer de todo tiempo. De este modo, Clara,

“amante apasionada de Cristo crucificado y

pobre” (Juan Pablo II), y Francisco, “verdadero

amante e imitador” de Jesucristo pobre

y crucificado (cf TestCl 5), se transforman

en testimonio del amor de Dios por la humanidad.

Como es propio de una persona profundamente

enamorada, Clara y Francisco se

identifican con Jesús, se reflejan en Él, se

revisten de Él y se transforman en Él. Sus

corazones han sido seducidos por el Esposo,

conquistados por el Señor. Ambos se dejaron

envolver por la luz que destella el “espejo”

del Padre. Esta es la experiencia fundamental.

La admiración, el silencio

habitado y la clausura, sobre todo, del corazón,

serán las consecuencias inmediatas

tanto para el Poverello como para la Hermana

Clara.

A la luz del ejemplo de Clara y de Francisco,

podemos preguntarnos: ¿Qué lugar

ocupa Dios en nuestras vidas? ¿Como vivimos

la dimensión contemplativa que caracteriza

el carisma franciscano-clariano?

¿Cuáles son los obstáculos que encontramos

en nuestra vida de contemplación y cómo

podemos removerlos? En nuestro caso

concreto, ¿seguimiento y contemplación

coinciden? ¿Cómo se vive en nuestras fraternidades

la “clausura del corazón”?

Queridas hermanas y hermanos, el mundo

de hoy nos está pidiendo a gritos que le

mostremos a Jesús. Esto exige una vida de

contemplación, una vida en la que, fijando

nuestra mente y nuestro corazón en el “espejo”,

que es Cristo, y “removido todo impedimento

y pospuesta toda preocupación”,

podamos servir, amar, honrar y adorar al

Señor Dios “con limpio corazón y mente

pura” (1R 22,26). Nuestros hermanos, los

hombres y mujeres de nuestro tiempo, nos

están pidiendo que amenos totalmente a

quien totalmente se entregó por nosotros,

de tal forma que, como Francisco y Clara,

nos transformemos de tal manera en el icono

del Amado, en imagen viva de Jesucristo

(cf Rm 8,29), que en nuestra vida se trasparente

su misma vida (cf 2Cor 4,10).

La contemplación hizo de Francisco un

“hombre nuevo”, y de Clara, “una fuente de

luz”. En este inicio del siglo XXI, Clara y

Francisco nos invitan a “saborear la dulzura

escondida que el mismo Dios ha reservado

para los que le aman” (3CtaCl 14). Con

su mirada y su corazón vueltos hacia el Señor,

Clara y Francisco nos invitan a no dejarnos

arrollar por las prisas, el activismo, el

ruido y la superficialidad. Las hermanas y

los hermanos ¿tendremos la valentía de

acoger dicha invitación? También nosotros

estamos obligados a “bendecir y alabar a

Dios” (TestCl 22), a poner en Jesucristo

nuestra mente, alma y corazón, para transformarnos

en Él (cf 3CtaCl 12-13). De ello

dependerán, sin duda, el sentido y la hondura

de nuestra propia vida, la significatividad

y el futuro de nuestras fraternidades.

Este es el gran reto que tenemos por delante,

de tal modo que, si nuestras fraternidades

no se transforman en “escuelas” de

búsqueda de Dios, en “mesas” donde cotidianamente

se comparte el pan de la Palabra,

en “lugares protegidos” de espiritualidad,

de oración, de adoración y de contemplación;

si nosotros no somos hombres y

mujeres en los que el primado de Dios y la

dimensión contemplativa se vuelcan en mediaciones

adecuadas y concretas (cf NMI

3), no seremos un referente para el mundo.

“Vivir sin nada propio”: Abrázate pobre a

Cristo pobre (cf 2CtaCl 18)

La pobreza es una de las notas características

de franciscanismo, particularmente

de la forma de vida de las Hermanas Pobres.

El “vivir sin nada propio” (2R 1,1; RCl


EX ACTIS MINISTRI GENERALIS

209

1,2) bien se puede decir que es la nota dominante

y distintiva de nuestro “hacer penitencia”

(cf RCl 6,1). “Vivir sin nada propio”

es algo innegociable para Francisco y Clara,

dos verdaderos “anawin” o “pobres de

Yahvéh”.

Clara y Francisco, refiriéndose a quien

desee abrazar esta vida, piden que se le

anuncie la palabra del Evangelio (cf Mt

19,21): “que vaya y venda todas sus cosas y

se esfuerce por distribuirlas entre los pobres”

(RCl 2,8; 2R 2,5). Esta palabra evangélica

está en la base de la vida de Francisco

y de Clara; es la palabra carismática por

excelencia, el marco referencial de su experiencia

evangélica, la opción de fondo, que

inspira la decisión de vivir según “la perfección

del santo Evangelio” (FVCl 1; cf

RCl 6,3), orienta el camino e ilumina los pasos

sucesivos.

La “predilección” que muestran Francisco

y Clara por la pobreza radical, expresada

en el “vivir sin nada propio”, no se inspira

en las modas de la época, sino en el amor a

Cristo, el Pobre por excelencia (cf TestCl

45). De Él aprendieron el despojo, el abajamiento

más radical y absoluto.

La contemplación de Cristo pobre y crucificado

está en el centro de la experiencia

espiritual de Francisco y Clara, da sentido y

explica sus opciones concretas de vida, sobre

todo las referidas a la pobreza. El camino

seguido por Francisco y Clara es el camino

señalado por Cristo Jesús con su actitud

y sus sentimientos: “Él, a pesar de su

condición divina, no hizo alarde de su categoría

de Dios; al contrario, se despojó de su

rango y tomó la condición de esclavo, pasando

por uno de tantos. Y así, actuando como

un hombre cualquiera, se rebajó hasta

someterse incluso a la muerte, y una muerte

de cruz” (Fil 2,6-8).

La fe permitió a Clara y Francisco descubrir

que, para la salvación de los pecadores

y redención de los esclavos, no escogió

el Señor el camino de la riqueza y del poder,

sino el de la pobreza, la humildad y el servicio;

desde la fe, “el Pobre de Asís” y “la

Dama pobre” intuyeron que la salvación y

la redención sólo se podían acoger en la medida

en que, por la pobreza, la humildad y

el servicio, entraban en el camino de Cristo

y seguían sus huellas (cf 1Pe 2,21). Tanto

para Clara como para Francisco, la “santísima

pobreza” no es simplemente una virtud,

ni tan sólo una renuncia a las cosas; es, sobre

todo, un nombre y un rostro: el rostro de

Jesucristo Pobre y Crucificado (cf 2CtaCl

19).

Desnudo nació entre nosotros el que es

la Palabra de Dios, y fue envuelto en pañales

y en ternura por el amor de su Madre el

que es luz y vida de todo lo que existe. Despojado

de sus vestiduras, murió por nosotros

el Hijo de Dios; despojado de toda belleza,

se entregó por nosotros el que es la

gracia del universo (cf TestCl 45). Ése fue el

camino que, movidos por la gracia de Dios,

quisieron recorrer el bienaventurado Francisco

y la bienaventurada Clara.

Contemplando los misterios de la encarnación

y de la pasión, muerte y resurrección,

el hermano Francisco y la hermana

Clara grabaron en lo más íntimo de sus corazones

la memoria de la humillación del

Señor y comprendieron que se dirigían a

ellos particularmente las palabras del Evangelio:

El que quiera venirse conmigo, que

se niegue a sí mismo, que cargue con su

cruz y me siga (Mt 16,24). A partir de esta

experiencia, “se revistieron del espíritu de

pobreza, del sentimiento de la humildad y

del afecto de una tierna compasión” (LM

1,6), que les condujo a la imitación de Cristo,

Hijo de Dios bendito y glorioso, siguiendo

sus huellas por el camino de la humildad

y la pobreza (cf 1R 9,1; 3CtaCl

4.25) y abrazándolo en los más pobres, en

los leprosos (cf LM 1,5-6).

Para Francisco y Clara, la contemplación

de Cristo pobre no se reduce a una hermosa

teoría mística del desasimiento, sino

que toma carne en una pobreza real, concreta,

esencial. Siendo Él modelo de toda

perfección, sólo queda reproducir su imagen:

“Míralo hecho despreciable por ti, y síguelo,

hecha tú despreciable por Él en este

mundo” (2CtaCl 19; cf Adm 6). En Francisco

y Clara, la pobreza radical, el “vivir sin

nada propio”, es la respuesta a la kénosis de

Jesús, el intento de revivir su abajamiento,

su misterio de expropiación y de total aban-


210 AN. CXXIII – MAII-AUGUSTI 2004 – FASC. II

dono de la propia vida y dignidad en las manos

del Padre.

Como su Señor Jesucristo, también el

hermano Francisco y la hermana Clara entraron

desnudos en el camino de la conversión,

“vencidas ya las seducciones de la vida

mortal” (2Cel 214), libres de todo cuidado

de sí mismos y de todo impedimento,

dispuestos al combate espiritual (cf 1CtaCl

29). Y, como fieles imitadores de Cristo, llegada

la hora de su tránsito desde la luz temporal

a la luz perpetua, se durmieron en el

Señor tal como habían vivido: “sin nada

propio”. El hermano Francisco, habiéndose

transformado en su vida en verdadero imitador

de Cristo pobre y crucificado, poco

antes de morir quiso que lo pusieran desnudo

sobre la desnuda tierra, y así, despojado

de la túnica de saco, volvió, según la costumbre,

el rostro al cielo, y dijo a los hermanos:

“He concluido mi tarea; Cristo os

enseñe la vuestra” (cf 2Cel 214). Por su parte,

Clara, cuya vocación y vida se condensan

en “observar perpetuamente la pobreza

y la humildad de nuestro Señor Jesucristo”

(RCl 12,13), podrá decir al final de sus días:

“Así como yo fui siempre celosa y solícita

en observar y hacer observar a las demás la

santa pobreza..., así también las que me sucedan

en este oficio están obligadas a observar

y a hacer observar a las demás, con la

ayuda de Dios, la santa pobreza” (TestCl

40-41; cf Test 34-35).

El “privilegio de la pobreza”, el “vivir

sin nada propio”, “sin posesiones ni propiedades

en común (cf RCl 6,12) que den seguridad

material y nos priven de hacer la

experiencia concreta de Dios como “gran limosnero”

y “Padre de las misericordias” (cf

2CtaCl 3; TestCl 2), es la traducción en clave

clariana de la intuición de Francisco.

Una opción, si se quiere, todavía más radical,

pues la clausura os hace, queridas hermanas,

más indefensas frente a la vida, en

comparación con la itinerancia y mendicidad

de los hermanos, y os coloca frente a la

determinación de hacer experiencia de

vuestra total dependencia de Dios y de los

hermanos.

Siguiendo el ejemplo de Francisco y

Clara, el “vivir sin nada propio”, que abarca

todas las dimensiones del vivir cotidiano,

es para nosotros, franciscanos y clarisas, la

prueba de nuestra fe, que consiste en experimentar

hasta qué punto somos amados y

custodiados por un Padre espléndido y misericordioso

(cf TestCl 58), como el hijo pequeño

lo es por su propia madre (cf Proc

XI,3). Es una forma de amar a quien nos

amó primero; una forma de confianza radical

en Dios, en su fidelidad, en su amor; una

forma total de despojamiento que nos lleva

a no tener nada para ser colmados enteramente

de la riqueza del amor de Dios, y a

orar con el bienaventurado Francisco: “Tú

eres, Señor, toda nuestra riqueza a satisfacción”

(AlD 4).

De este modo, la dimensión de la pobreza

material –dimensión importante, que

nunca se debe dejar de lado– se inspira y, a

la vez, conduce a la dimensión más interior

y más radical de la expropiación en todas

sus formas, la que alcanza al corazón mismo

de la persona: los hermanos y las hermanas

no deben apropiarse de nada (cf 2R

6,1; RCl 8,1; Adm 2,3; 7,4; 8,3). Dicho de

otra manera, para Clara y Francisco, no hay

pobreza sin humildad, no hay pobreza sin

minoridad, no hay pobreza sin asumir la humillación

que nos puede venir de otros (cf

Proc II,1; Adm 14,4).

A la luz de lo dicho, es necesario que nos

preguntemos: ¿Cómo expresamos concretamente

el “vivir sin nada propio”? ¿Qué

formas de pobreza y minoridad estamos llamados

a ‘inventar’ o ‘recuperar’, para que

nuestro compromiso de “vivir sin nada propio”

sea realmente un testimonio visible y

creíble, significativo y significante? ¿Cuál

es el verdadero fundamento de nuestra pobreza?

¿Estamos convencidos de que la ‘itinerancia’,

entendida sobre todo como desapropiación

y libertad de espíritu, es una característica

de la vocación franciscana y

clariana, y una exigencia de nuestro “vivir

sin nada propio”? ¿Cuál es nuestra actitud y

disponibilidad frente a los cambios que por

necesidad hemos de realizar?

Cristo ha consumado pobre su obra.

Francisco y Clara han concluido pobres su

tarea. Ahora nos toca a nosotros asumir, como

actitud existencial, el vivir siempre en


EX ACTIS MINISTRI GENERALIS

211

actitud de conversión (cf 2R 2,17), denunciando,

de este modo, los falsos valores de

nuestro tiempo. Porque en esto consiste la

pobreza: en “vivir sin nada propio”, tal como

lo hemos prometido; en ser libres y desapegarnos

de lugares, personas y cosas,

“cual peregrinos y extranjeros en este mundo”

(2R 6,2; RCl 8,2); en poner las estructuras

al servicio de la vida y no ésta al servicio

de aquellas; en trabajar “fiel y devotamente”

como primera manifestación de

nuestra condición de pobres, “desechando

la ociosidad, enemiga del alma” (2R 5,1-2;

RCl 7,1-2); en restituir al Señor, con la palabra

y el ejemplo, todos los dones que de

Él hemos recibido (cf 1R 17,17; Adm

18,2).

Y, puesto que todos los bienes sólo al altísimo

Dios pertenecen (cf Adm 7,4; 2CtaCl

3), nos sentimos movidos a compartirlos

fraternalmente con los que tienen menos

que nosotros; con todos queremos ser “apacibles,

pacíficos y mesurados, mansos y humildes”

(2R 3,11), anunciadores de paz y de

justicia, sin juzgar a nadie ni enojarnos o

turbarnos por cosa alguna, ni siquiera por el

pecado del hermano (cf Adm 11; RCl 9,5); y

tratamos de adoptar la vida y condición de

los pequeños de la sociedad, comportándonos

entre ellos como menores, no apartándonos,

por nuestro tenor de vida, de los que

menos recursos tienen, y “aceptando de

buen grado ser tenidos por viles, simples y

despreciables” (cf Adm 19).

No olvidemos nunca, hermanos y hermanas,

que ésta es la voluntad de Francisco

y de Clara, y esto es lo que prometimos:

“Seguir la doctrina y las huellas de nuestro

Señor Jesucristo” (1R 1,1; cf 3CtaCl 4) y

amar siempre “a nuestra señora la santa pobreza”

y observarla fielmente hasta el fin

(cf TestS 4; RCl 12,13; TestCl 39-43).

Comunión de vida en fraternidad: El Señor

me dio hermanos y hermanas (cf Test

14; TestCl 25)

Clara, siguiendo fielmente la opción

evangélica de Francisco, vive el seguimiento

de Cristo pobre en la comunión de

la vida fraterna. Desde que el Altísimo re-

veló a Francisco que debía “vivir según la

forma del santo Evangelio” (Test 14), y a

Clara le iluminó el corazón (cf TestCl 24),

ni uno ni otra se comprendieron a sí mismos,

sino en comunión profunda con sus

hermanos y hermanas. Y, desde que el Señor

les regaló hermanos y hermanas (cf

Test 14; TestCl 25), tampoco pensaron otra

forma de vida que no fuese la vida fraterna

en comunidad.

Tanto para Clara como para Francisco, la

fraternidad es el lugar en el que el Evangelio

es vivido en lo cotidiano, el ámbito privilegiado

en el que se da testimonio de un

Dios que es comunión en la diversidad y diversidad

en la comunión. Por eso, la fraternidad

será un elemento irrenunciable del

proyecto evangélico franciscano-clariano.

Llamados a seguir más de cerca el Evangelio

y las huellas de nuestro Señor Jesucristo,

los Hermanos Menores y las Hermanas

Pobres somos constituidos en fraternidad

y como fraternidad. Si la vida

consagrada es “signum fraternitatis” (cf VC

c. II), la vida en fraternidad es nuestro rostro,

nuestra vocación y misión, nuestro modo

de vivir el Evangelio y de testimoniar a

Cristo (cf Jn 13,35).

La fraternidad es, sin lugar a duda, uno

de los ejes, junto con la contemplación y la

pobreza-minoridad, sobre los cuales Francisco

y Clara han hecho girar toda su forma

de vida. En este sentido, el nombre que llevamos,

Hermanos Menores y Hermanas

Pobres, es bien significativo y sintetiza

nuestra vocación y misión, tal como se lo

consignó Francisco a Clara.

La fraternidad, como exigencia de la vocación

franciscana y clariana, parte de una

experiencia de fe, gracias a la cual, primero

Francisco y luego Clara, pueden reconocer

que los otros son verdaderos regalos del Señor:

“Cuando el Señor me dio hermanos”,

reconocerá Francisco, lleno de estupor (Test

14), y otro tanto confesará Clara: “… junto

con las pocas hermanas que el Señor me había

dado a raíz de mi conversión” (TestCl

25). Dios dio hermanas a Clara, como había

dado hermanos a Francisco. Ellos y ellas

son don y regalo del “Padre de las misericordias”.


212 AN. CXXIII – MAII-AUGUSTI 2004 – FASC. II

Y lo que nace de una experiencia de fe,

se alimenta y nutre de la contemplación del

misterio trinitario, modelo y origen de toda

comunión fraterna (cf VFC 8.9), y se manifiesta

en gestos llenos de afecto que rezuman

una caridad genuina y muestran una

relación transparente, sin doblez, basada en

la sencillez, en la familiaridad y en el reconocimiento

de los dones del Señor en cada

uno de los hermanos y hermanas. Sólo la

mirada del que ama y tiene un corazón sencillo,

como en el caso de Francisco y Clara,

es capaz de descubrir, con admiración y respeto,

la obra del Espíritu en los demás (cf

EP 85).

Nada tiene de extraño el que tanto San

Damián como la Porciúncula se conviertan

bien pronto en lugares donde el ideal de la

primitiva comunidad cristiana (cf Hch 2,44-

47; 3,34-35) se hace vida en lo cotidiano, y

tal experiencia se vuelve visible en gestos

bien concretos, a través de los cuales unos

nutren a otros (cf 2R 6,7-8; RCl 8,15-16), y

todos obedecen incondicionalmente a Dios

y se obedecen caritativamente entre sí.

Pero, si la fraternidad es don que se acoge

con fe y con gratitud, es también tarea y,

como tal, ha de ser construida y custodiada.

Por un lado, la edificamos en base a unas relaciones

humanas profundas, mediante el

cultivo de las cualidades requeridas en toda

relación humana (cf VFC 27). Por otro lado,

siendo como es la fraternidad un “tesoro que

llevamos en vasijas de barro” (2Cor 4,7), es

necesario custodiarla atentamente. En este

contexto, no es de maravillarse el que Clara,

haciendo suyas las exhortaciones de Francisco

a los hermanos (cf 2R 10,7; Adm 24 y

25), exhorte a sus hermanas a “guardarse de

toda soberbia, vanagloria, envidia, avaricia,

difamación y murmuración, disensión y división”

(RCl 10,6). Ambos eran conscientes

de los peligros que corre este tesoro y, por lo

tanto, de la necesidad de una cooperación

activa entre el don de Dios y el compromiso

personal (cf VFC 23).

Pero la fraternidad, para ser propuesta de

vida evangélica, debe ser verdadera, concreta

e íntima. Por este motivo, Clara, al

mismo tiempo que pide a sus hermanas que

“manifieste confiadamente la una a la otra

su necesidad” (RCl 8,15; cf 2R 6,8), les exhorta

a manifestar, a través de las obras, el

amor que se profesan: “Amándoos mutuamente

por la caridad de Cristo, mostrad exteriormente

con las obras el amor que interiormente

os tenéis, para que, estimuladas

las hermanas con este ejemplo, crezcan

siempre en el amor de Dios y en la caridad

mutua” (TestCl 59-60). Y, si entre ellas se

hiciese presente cualquier desavenencia o

escándalo, las hermanas no deben dejarse

llevar de la ira o la turbación, sino mantener

la paz del corazón y adelantarse a ofrecer el

perdón recíproco para sanar las heridas (cf

RCl 9,5ss; Adm 11), conscientes siempre de

que “la unidad del amor mutuo es el vínculo

de la perfección” (RCl 10,7) y que la fraternidad

se construye al precio de la reconciliación

y el perdón (cf VFC 26).

Si la fraternidad cualifica y da autenticidad

a nuestra consagración y misión, entonces

nuestras comunidades deben ser verdaderas

fraternidades y hacerse visibles como

tales. Para ello, debemos construirlas y reconstruirlas

día a día, obedeciendo todos a

la palabra del Evangelio que resuena en el

corazón e inspira el tierno afecto y la autenticidad

de los gestos cotidianos, a través de

los cuales se plasma el amor a los demás.

Cualquier gesto fraterno, hasta el más elemental,

el más humilde y el más simple, lleno

de bondad, discreción y delicadeza, puede

convertirse en una “piedra pulimentada”

(2Cel 204) en la construcción de la fraternidad.

Todo en la vida de las Hermanas Pobres

y de los Hermanos Menores debe conducir

a la unidad, al amor recíproco, a la comunión

fraterna. Así, la contemplación del

amor de Dios, manifestado en los misterios

de la encarnación y de la pasión y muerte de

Jesús, encuentra en la vida fraterna el terreno

privilegiado. En ella, Dios amor se da a

probar, a tocar. De igual manera, la expropiación

de la altísima pobreza no sólo une a

Cristo pobre, sino que une entre sí tanto a

los hermanos como a las hermanas, abriendo

un espacio en los corazones a la santa

operación del Espíritu que es caridad. De

este modo, el otro es un don que se ofrece a

nuestra libertad de amar.


EX ACTIS MINISTRI GENERALIS

213

En la construcción de la fraternidad franciscana,

el servicio de la autoridad es una

pieza clave. La autoridad, tanto para Clara

como para Francisco, es, ante todo, seguimiento

de Cristo siervo, el Hijo del hombre

que vino a servir y no a ser servido (cf Mt

20,28; Adm 4). Este servicio se expresa

siendo artífice de comunión (cf RCl 4,11-

12; CtaM 1-12), en la admonición y en la

corrección de los hermanos y hermanas

(RCl 10,1; 9,1; 2R 10,1), en la fiel custodia

del carisma recibido del Señor (cf RCl 6,11)

y de los hermanos y hermanas que les han

sido confiados (RCl 4,9; 1R 4,6), promoviendo

la corresponsabilidad y la colaboración

(cf RCl 2,1-2; 4,15-19.22-24).

Dado que la fraternidad implica apertura

y reconocimiento de los otros, construir fraternidad

significa trabajar para que la colaboración

con otras fraternidades sea una

hermosa realidad. Esto exige renunciar a la

autosuficiencia, cualesquiera que sean los

medios de que una fraternidad disponga. Lo

cual significa además tener un gran sentido

de realismo. Porque ¿cómo puede un hermano

creerse tan “rico” que llegue a pensar

que no necesita de los demás? El orgullo y

la soberbia, que pueden provenir del número

de Hermanos y Hermanas o, incluso, de

una buena preparación intelectual, son frutos

de la carne, nunca del Espíritu. La comunión

que abre las puertas a la colaboración

es el mejor antídoto contra el cansancio

y la falta de esperanza que a veces ronda

en nuestros corazones.

La tentación, para los Hermanos Menores,

puede significar el “provincialismo”,

mientras que, para las Hermanas Pobres,

puede ser la “autonomía” de que gozan los

monasterios, si ésta es pensada y practicada

como un cerrarse sobre sí mismas, como

una “defensa” frente a “peligros” externos

que amenazan ciertas falsas seguridades.

A la luz de lo dicho, cabe preguntarse:

¿Qué imagen de sí mismas ofrecen nuestras

fraternidades? ¿Qué significa para nosotros

pertenecer a una Orden? ¿Qué sentido de

pertenencia a ella tenemos? ¿Qué medios

utilizamos para construir fraternidad y para

superar los conflictos que surgen en nuestras

fraternidades? ¿Cómo vivimos las cua-

lidades requeridas en toda relación humana?

¿Qué ejemplos de perdón y reconciliación

podemos ofrecer al mundo de hoy, tan

violento y dividido? ¿Qué cambios se nos

están pidiendo para lograr una verdadera

colaboración entre Provincias y entre monasterios?

Personalmente estoy convencido de que,

si mucho es el camino que hemos recorrido

en el “terreno”, no siempre fácil, de la fraternidad,

mucho es el que todavía nos queda

por recorrer para alcanzar unas fraternidades

que puedan ofrecer a nuestra sociedad

el singular testimonio de ser “lugares

privilegiados de encuentro con Dios”

(CCGG 40) y “hogares” en los que se puede

alcanzar “la plena madurez humana,

cristiana y religiosa” (CCGG 39).

Uno de los grandes retos, que tenemos

por delante, es el de pasar de una vida en común

a una comunión de vida en fraternidad.

Para ello, no es suficiente, ni mucho menos,

vivir bajo un mismo techo. Tampoco, realizar

un mismo trabajo, ni siquiera ser buenos

amigos. No somos ni una comuna, ni una

empresa, ni un simple grupo de amigos. Somos

hermanos y hermanas, formamos “una

familia unida en Cristo” (ES II 25), en la

que se deberían dar unas relaciones interpersonales

verdaderas y armónicas, cordiales

y fraternas, animadas por la fe en el Padre

en quien todos somos hijos, en el Espíritu

que nos une en el respeto a la

diversidad, y en el Hijo en el cual somos

hermanos. Una fe que nos lleve a amar a todos

sin distinción, incluidos los que sufren

y, tal vez por ello, hacen sufrir. Una fe que

nos anime a esperar en los otros y en la posibilidad

de su conversión y crecimiento.

Una fe que nos mueva a trabajar sin descanso

en la construcción de la fraternidad, aunque

ello signifique morir a uno mismo (cf

LG 46).

Francisco es considerado el “hermano

universal” y Clara ha sido definida como

“fuego de caridad, miel de bondad, lazo de

paz y comunión de fraternidad” (BC 10).

Ellos han hecho su tarea. Ha sonado la hora

de realizar la nuestra. En otras palabras, es

hora de aplicarnos a realizar nuestra misión,

que consiste en ser parábola viva de una hu-


214 AN. CXXIII – MAII-AUGUSTI 2004 – FASC. II

manidad fraterna y reconciliada y en promover

una “espiritualidad de comunión”

(NMI 42), ante todo, al interior de nuestras

propias fraternidades (cf VC 51), para luego

extenderla a nuestras Provincias y Federaciones,

a nuestras respectivas Órdenes, a

la Familia Franciscana, a toda la humanidad.

“Partiendo el pan de la fraternidad” es

como seremos signo, sobre todo con el testimonio

de vida, de la nueva humanidad

reunida en torno a Jesús resucitado por la

potencia del Espíritu.

Formarnos para formar y vivir en fidelidad

creativa (cf VC 37)

Cuanto hemos compartido hasta ahora,

supone una gran ductilidad y disponibilidad

para dejarse formar y transformar la mente

y el corazón a través de un serio y sólido camino

formativo que “se inicia con la llamada

de Dios y la decisión de cada uno [una]

de seguir con San Francisco [y Santa Clara]

las huellas de Cristo pobre y crucificado”

(RFF 1), un camino que no acaba nunca (cf

VC 65).

Tanto en los Hermanos Menores como

en las Hermanas Pobres, la formación ha de

ser un proceso dinámico de crecimiento

armónico de toda la persona (cf VC 65) que,

bajo la acción del Espíritu Santo, abre su

corazón al Evangelio y se compromete a

mantener constantemente una actitud de

conversión. De este modo, daremos pasos

concretos hacia “la progresiva asimilación

de los sentimientos de Cristo hacia el Padre”

(VC 65).

Entre las muchas características que

podríamos señalar de la formación – permanente

e inicial – del Hermano Menor y

de la Hermana Pobre, quisiera subrayar las

siguientes:

• Ha de ser experiencial. Para ello, la formación

debe ahondar sus raíces en la vida

de la fraternidad, generar vida y tender

a transformar en obras lo que se

aprende (cf Adm 21)

• Ha de tener una mirada positiva y, a la

vez, propositiva sobre el momento presente.

La formación debe asumir los desafíos

que le presentan el mundo y la historia,

leyendo e interpretando, a la luz

de Evangelio, los signos de los tiempos

(cf Sdp 6), y armonizando la memoria

con la profecía, para transitar un camino

fecundo y creativo, inserto en el presente

y proféticamente abierto al futuro.

• Ha de ser una formación de calidad. La

calidad de nuestro futuro depende, sin

duda alguna, de la calidad que tenga

nuestra formación. Si queremos garantizar

una cierta estabilidad, tanto en los

momentos más difíciles como en los más

ordinarios y cotidianos (cf VC 65.71),

hemos de apostar por una formación de

calidad, capaz de hacer arraigar en el corazón

de los hermanos y de las hermanas

los valores humanos, espirituales y carismáticos

necesarios” (CdC 18). Lo cual,

“en una época acelerada como la nuestra”,

exige tiempo; sobre todo, “tiempo,

perseverancia y espera paciente…, porque

en realidad la persona se va forjando

muy lentamente” (CdC 18). En nuestro

caso, la formación de calidad exige, también,

privilegiar la experiencia de fe, la

comunión de vida en fraternidad y la

afectividad.

• Ha de ser una formación personalizada.

Dado que el sujeto en formación es el

primer y principal responsable de su propia

formación, y puesto que cada persona

es una iniciativa irrepetible de Dios,

la formación ha de ser personalizada,

con el fin de que cada uno asuma responsablemente

la dinámica de su crecimiento

vocacional. Se impone, por tanto,

un proceso formativo personalizado y

que ayude a personalizar, atento a lo peculiar

de cada persona, aceptando y estimulando

su ritmo de crecimiento, acompañando

y ayudando a cada hermano y

hermana a descubrir y a hacer fructificar

cada vez más el don de Dios en su vida.

Formar constituye hoy un desafío que

debemos asumir en la alegría y en la esperanza

de quien se sabe llamado a continuar

la misión de Jesús, el único Maestro. Formarnos,

vivir en estado de formación permanente

o de conversión, es el gran desafío

que nos viene de la fidelidad creativa a nuestra

vocación y misión.


EX ACTIS MINISTRI GENERALIS

215

Conclusión

Queridos hermanos y hermanas, con

sencillez os he hecho partícipes de algunas

reflexiones sobre los elementos que, desde

una lectura atenta de los Escritos de Clara y

de Francisco, pienso que son esenciales al

carisma franciscano y clariano. No he pretendido

ser exhaustivo en esta exposición,

ni tan siquiera en la enumeración de dichos

elementos. Simplemente he pretendido

dejar hablar a Clara y Francisco a través de

sus escritos –razón por la cual abundan las

citas– y poner de manifiesto que realmente

se trata de “dos almas gemelas”.

Al término de la carta, haciendo mías las

palabras de Clara a la hermana Inés de Praga,

os ruego, queridos hermanos y hermanas,

que acojáis “benigna y devotamente”

“lo que imperfectamente os he escrito”,

“viendo en ello, al menos, el afecto [fraterno]

que con caridad ardiente siento a diario”

por vosotros, queridos hermanos, y por vosotras,

amadas en el Señor (4CtaCl 36-37).

Con Clara, os invito a orar: “Doblo mis

rodillas ante el Padre de nuestro Señor Jesucristo

(Ef 3,14) para que, por los méritos

de la gloriosa Virgen santa María, su Madre,

de nuestro beatísimo padre Francisco,

[de nuestra amadísima hermana y madre

Clara] y de todos los santos, el mismo

Señor que inició en nosotros la obra buena,

nos dé también el incremento (cf 1Cor 3,6-

7) y la perseverancia final. Amén” (TestCl

77-78).

Oración a Santa Clara

Clara, corazón derramado,

pon en pie la alegría.

Clara, loca de amor,

ordena la ternura en su sitio.

Clara, de nombre y de vida,

guíanos en la noche.

Clara, vendaval del Espíritu,

disipa nuestros miedos.

Clara, candil sobre la mesa,

únenos en familia.

Clara, la de los ojos limpios,

limpia el polvo de nuestros párpados.

Clara, madre y hermana,

ruega por nosotros.

Ruega por estas manos

que a veces se equivocan.

Ruega por estos ojos que

a veces se cierran.

Ruega por este corazón

que no ama como debiera.

Clara, madre y hermana,

ruega por la paz que nos falta,

por la esperanza que no tenemos,

por la alegría que se apaga.

Clara, madre y hermana,

ruega al Señor para que nos conceda

el don de la fidelidad

y el don de nuevos

hermanos y nuevas hermanas.

Roma, en la Curia General OFM

11 de agosto de 2004

FR. JOSÉ RODRÍGUEZ CARBALLO OFM

Ministro general

Prot. 094688

Siglas y abreviaturas

Sagrada Escritura

1 Pe Primera carta de San Pedro.

2 Cor Segunda carta a los Corintios.

2 Tim Segunda carta a Timoteo

Ef Carta a los Efesios.

Fil Carta a los Filipenses.

Gál Carta a los Gálatas.

Gén Libro del Génesis.

Hab Libro del Profeta Habacuc.

Hch Libro de los Hechos de los Apóstoles.

Jn Evangelio según San Juan.

Mt Evangelio según San Mateo.

Rom Carta a los Romanos.

Sant Carta del Apóstol Santiago.


216 AN. CXXIII – MAII-AUGUSTI 2004 – FASC. II

Escritos de Santa Clara

1CtaCl Primera carta a Inés de Praga.

2CtaCl Segunda carta a Inés de Praga.

3CtaCl Tercera carta a Inés de Praga.

4CtaCl Cuarta carta a Inés de Praga.

5CtaCl Carta a Ermentrudis de Brujas.

RCl Regla de Santa Clara.

TestCl Testamento de Santa Clara.

Escritos de San Francisco

2CtaF Segunda carta a los fieles.

1R Primera Regla de San Francisco.

2R Segunda Regla de San Francisco.

Adm Admoniciones.

AlD Alabanzas al Dios Altísimo.

CtaM Carta a un Ministro.

CtaO Carta a la Orden.

FVCl Forma de vida para Clara y sus hermanas.

Test Testamento de San Francisco.

TestS Testamento de Siena.

Otras siglas

2Cel Vida segunda de San Francisco, de

Tomás de Celano

BC Bula de canonización de Santa Clara.

CCGG Constituciones generales OFM.

CdC Caminar desde Cristo.

EP Espejo de perfección.

ES Ecclesiae Sanctae.

LG Lumen gentium.

LM Leyenda mayor, de San Buenaventura.

NMI Novo millennio ineunte.

Proc Proceso de canonización de Santa

Clara.

RFF Ratio Formationis Franciscanae

OFM.

Sdp El Señor os dé la paz (Documento del

Capítulo general OFM, 2003).

VC Vita consecrata.

VFC Vida fraterna en comunidad.

8. Lettera della Conferenza della Famiglia

francescana (CFF)

IL SUO RICORDO BRILLA DOLCE

NELLA MEMORIA

Alle Sorelle Povere

dell’Ordine di Santa Chiara

per la chiusura del 750 Anniversario

del transito di Chiara d’Assisi

Amate Sorelle,

è ormai prossima la festa che corona la

celebrazione del 750 anniversario del transito

della nostra madre e sorella Chiara

d’Assisi. In questa circostanza vi salutiamo

tutte con le parole di Francesco: il Signore

vi dia pace!

Quell’11 agosto 1253 Chiara esalava

l’ultimo respiro. Le sorelle di San Damiano,

dopo aver chiuso gli occhi alla loro felice

Madre, sentirono il dovere di comunicare

l’accaduto alle sorelle «sparse in tutto il

mondo» (Notizia della morte). Era la prima

lettera circolare. Annunciava la pasqua della

Povera Dama, la «Madre di tutto l’Ordine»

(Proc 4,18).

Commosso l’animo, acceso lo spirito e

con il pianto negli occhi, quelle sorelle della

prima ora trasmisero la notizia: si è addormentato

nel Signore «lo specchio della

Stella mattutina, nel cui splendore ammiravamo

il riflesso della luce vera» (Notizia

della morte). Era il primo momento, quando

escono dalle labbra le parole giuste che

conservano i tratti essenziali della persona

amata. Non potevano dire cosa più bella,

profonda e migliore per presentare il transito

della sorella Cristiana in chiave pasquale.

Chiara specchio dello splendore del Risorto,

di Colui che disse di sé nella rivelazione:

«Io sono … la stella radiosa del

mattino» (Ap 22,16b).

Coloro che parlano così hanno visto

Chiara con occhi sacramentali. Coloro che

così scrivono vivono nella fede della risurrezione.

Sottoscrivono la loro carta di identità,

dichiarano la ragione più forte e sicura

che avevano per considerarsi sue figlie e discepole,

realizzano la promozione vocazionale

più veritiera: «Ho visto il Signore e mi

ha detto queste parole» (cf Gv 20,18).

La Parola di Dio convoca e illumina il

cammino. Mentre le sante donne cercavano

il crocifisso al sepolcro, il loro spirito era

turbato. La voce dell’Angelo le rassicurò:

«Non è qui. È risorto come aveva detto»

(Mt 28,6). «Non è qui … Ricordatevi … Ed


EX ACTIS MINISTRI GENERALIS

217

esse si ricordarono delle sue parole» (Lc

24,6.8). Quando si aprirono i loro occhi videro

Gesù: «Presto, andate a dire ai suoi discepoli:

È risuscitato dai morti ... Ecco, io

ve l’ho detto» (Mt 28,7). Tutto era stato detto.

Le donne ascoltarono, ricordarono e annunciarono.

Chiara è colei che ha cercato, colei che

ha provato il turbamento in mezzo al vuoto

che oscura il mondo, colei che si è rallegrata

riconoscendo le orme del Figlio di Dio

nella «parola e l’esempio» del suo «vero

amante e imitatore» (TestsC 5), Frate Francesco.

Lei è colei che ha trovato il Signore

della Vita e il giardino le si è riempito di fiori

e di frutti saporiti. Dio mi diede delle sorelle!

Chiara è colei che ascolta, ricorda e annuncia

la Parola del Risorto. Conosce la voce

della «Verità» (3Ag 23). Non sottrasse

mai la sua anima alla ferita della spada a

doppio taglio. Nella sua mente la conserva,

con la sua parola la serve, nel suo volere le

obbedisce, nelle sue azioni la rispecchia.

«Infatti, proprio il Signore ha collocato noi

come modello, esempio e specchio» per annunciare

la forza della Risurrezione alle nostre

sorelle e «a tutti coloro che vivono nel

mondo» (TestsC 19-20).

La dinamica della sororità, mossa dalla

condivisione obbedienziale alla Parola di

Dio, dà il frutto della santa unità, che è il

vincolo della pace, identità cristiana e clariano-francescana.

«Avevano un cuore solo

e un’anima sola … ogni cosa era fra loro comune,

si riunivano per la frazione del pane

e le preghiere ... rendevano testimonianza

della risurrezione del Signore Gesù» (At

4,32ss).

Il Signore Gesù è presente e attivo nella

Chiesa. Grazie alla forza trasformatrice del

Risorto, «il più bello tra i figli degli uomini»

(2Ag 20; Sal 44), tutte le cose si rinnovano

incessantemente. Rinnovate, Sorelle,

la vostra identità cristiana e francescanoclariana

nella forma dell’Altissima Povertà

e della Santa Unità.

Lo splendore della risurrezione che trasfigura

Chiara è la migliore raccomandazione

per accogliere il suo insegnamento,

per amarla e lasciare scorrere l’olio del re-

ciproco amore che vivifica la sororità. «E

amandovi a vicenda nell’amore di Cristo,

quell’amore che avete nel cuore, dimostratelo

al di fuori con le opere, affinché le sorelle,

provocate da questo esempio, crescano

sempre nell’amore di Dio e nella mutua

carità» (TestsC 59-60).

È l’ecclesiologia di comunione che lo

Spirito suscita di nuovo come un segno per

i nostri tempi. Questa è la missione profetica

di testimonianza che la Chiesa di oggi

chiede con urgenza alle Sorelle Povere. Oltre

le differenze, figlie di così grande Madre,

lavate i vostri occhi nel sangue dell’Agnello

Immacolato, per scoprire l’immagine

e somiglianza divina e amare di cuore

ogni persona. Così quelli che si turbano, timorosi

di non trovare un senso certo per la

vita, si rallegreranno e diranno: «il Signore

è risorto ed è apparso nella sororità».

«Il suo ricordo brilla dolce nella memoria»

(4Ag 12), il suo ricordo, la sua presenza

nell’anima e nel mezzo della sororità. Tu,

amatissima Sorella, che hai visto l’Agnello

immacolato, tu che sei rimasta ai piedi del

Cristo di San Damiano come la tua Madre

Chiara, rispecchia la gloria del Risorto. Tu

che hai lo spazio e il tempo per espandere la

tua anima nella contemplazione, hai goduto

della dolcezza dei suoi occhi e del bacio di

pace che fluisce dalle sue labbra. Tu puoi

comprendere, sperimentare e annunciare al

mondo che ogni persona è rispettabile e degna

di essere accolta, amata e riverita per

ciò che ha di unico: l’immagine e somiglianza

divina scolpita nel più profondo del

suo essere.

Da te, Sorella carissima, che respiri lo

spirito della Povera Dama, desideriamo ricevere

sempre la testimonianza di povertà e

santa unità che riconforta. Tu annunci la Pace.

Bene agognato nel nostro tempo, la Pace.

Dono che crea la presenza del Signore

Risorto: «Pace a voi!» (Gv 20,19.26; cf

14,27). Dono che la Chiesa ricrea quando ci

dice: «scambiatevi fraternamente la pace».

Dono moltiplicato dal saluto francescano.

Tu quando annunci nella vita lo splendore

de «La Verità» illumini i dottori, gli evangelisti,

i maestri, i semplici, tutti quelli che

hanno occhi per vedere la gloria di Dio.


218 AN. CXXIII – MAII-AUGUSTI 2004 – FASC. II

La luce del Risorto trasfigurò la vita della

sorella Chiara. Grazie a questa luce ci rallegriamo

nel contemplare il suo transito,

mentre si concludono queste celebrazioni.

Quando san Francesco, ormai cieco, volgeva

al termine della sua vita terrena, cantò

il Signore nelle sue creature. Diceva Sora

Angeluccia: «Che quando essa santissima

madre mandava le Sore servitrici de fora del

monasterio. Le ammoniva che, quando vedessero

li arbori, fioriti e fronduti, laudassero

Iddio; e similmente quando vedessero li

omini e le altre creature, sempre de tutte e in

tutte le cose laudassero Iddio» (Proc

XIV,9).

Ancora di più Chiara personalizzava la

lode. Quante volte riconobbe l’opera di Dio

nelle sorelle e nei fratelli, che conosceva

con il loro proprio nome! Ora, al sopraggiungere

della fine, rende grazie per la sua

vita: «Tu, Signore, sii benedetto che mi hai

creata». Grazie al Creatore. Non ha nulla di

cui lamentarsi per i dieci lustri della sua storia,

anche le cose più amare si sono perse

come la sabbia nel mare della dolcezza.

Grazie anche per la nuova creazione pasquale

«e dopo che mi creasti, hai posto in

me lo Spirito Santo» (cf Proc 3,20). La vita

e la morte in chiave pasquale. Per la forza

dello stesso Spirito poteva andare festante

incontro al Risorto che «siede glorioso su

un trono di stelle» (2Ag 5).

La morte nel bacio della Madre del Signore.

Transito in chiave mariale, come assunzione

dell’anima. E le sorelle scrissero:

«Mentre danzi di gioia tra le milizie del celeste

esercito, marcia Chiara incontro alle

anime beate» (Notizia della morte).

Rallegrati Sorella, canta inebriata di giubilo

al ricordo di quel giorno felice in cui la

Povera Dama passò da questo mondo. In lei

si ammirano, come in uno specchio, quelle

donne coraggiose, audaci e libere che si

unirono alla sua esperienza pasquale. In lei

si sono ammirate tante sorelle chiare lungo

i secoli. In lei guardati anche tu, Sorella carissima,

per continuare ad attualizzare lo

Specchio che tutti desideriamo contemplare

in quest’ora. Specchio dello splendore del

Cristo risorto e specchio della Madre dolcissima.

È veramente cosa buona e giusta rendere

grazie al Figlio dell’Altissimo Padre, che ha

eletto fino ad oggi donne di ogni razza, paese

e condizione per perpetuare una venerabile

tradizione e “lasciare un nobile esempio”:

la santità, la sororità e con esso l’annuncio di

chi riflette la gloria del Risorto.

Oh santa madre e sorella Chiara! La tua

vita è davvero uno specchio della Parola

creduta, meditata, contemplata e amata

nella fede della Chiesa. Invochiamo la tua

chiarezza su tutta la famiglia francescana e

particolarmente sulle sorelle chiare del

mondo intero, sulle quali anche noi invochiamo

copiose benedizioni. Che continuino

ad essere per noi specchio e annuncio

della trasfigurazione che la presenza del

Risorto opera nella Chiesa. Amen!

Roma, 11 agosto 2004

Festa di S. Chiara

FR. ILIJA ZIVKOVIC

Ministro generale TOR

Presidente di Turno

FR. JOSÉ RODRÍGUEZ CARBALLO

Ministro generale OFM

FR. JOACHIM GIERMEK

Ministro generale OFMConv

FR. JOHN CORRIVEAU

Ministro generale OFMCapp

SR. CAROLA THOMANN

Presidente CIF-TOR

ENCARNACIÓN DEL POZO

Ministra generale OFS

9. Veglia di preghiera ed Eucaristia per la

conclusione del 750° della morte di

santa Chiara

San Damiano, 10.08.2004

SEDOTTA DALL’AMORE DI CRISTO

Cari fratelli e sorelle in Francesco e

Chiara, il Signore vi dia pace!

In questo giorno, in cui la Chiesa celebra

la memoria liturgica della “pianticella” di


EX ACTIS MINISTRI GENERALIS

219

Francesco (RsC 1,3; TestsC 37) e nel quale

concludiamo la celebrazione del 750 anniversario

del beato transito di Sorella Chiara

e dell’approvazione della sua Regola, germoglia

nel nostro cuore e sulle nostre labbra

un canto di benedizione e di lode all’altissimo

onnipotente bon Signore per il dono

fatto alla Chiesa e al mondo di Chiara di Assisi,

sorella cristiana e donna nuova.

Nasce anche un canto di lode per aver

chiamato tante sorelle a far parte della fraternità

delle Povere Dame di San Damiano,

che, nei secoli, con fermo proposito, si sono

impegnate ad osservare il santo Vangelo

e a seguire e imitare la vita dell’altissimo

Signore nostro Gesù Cristo e di sua Madre,

vivendo in castità, senza nulla di proprio, in

obbedienza e in clausura, consegnandosi

con tutto il cuore alla fraternità (cf Formula

di professione).

Sì, cari fratelli e sorelle, facciamo festa,

cantiamo al Signore e diamogli grazie, perché

in Chiara e Francesco – due nomi, due

fenomeni, due leggende impossibili da separare

– ci offre un modello e un esempio

per seguire il Signore e osservare il suo

Vangelo con la purezza di chi ascolta con

cuore limpido, con l’immediatezza del

bambino a cui sono rivelati i misteri del Regno,

con la fiducia del povero, che spera di

vedere saziata la sua sete e fame della Parola

che esce dalla bocca di Dio.

Questa è Chiara: una donna pura di cuore,

che per questo vide Dio; una donna umile

e semplice, a cui il Signore mostrò il suo

volto; una donna povera che saziò la sua fame

e sete alla mensa della Parola e nel silenzio

della contemplazione.

«La attirerò a me, la condurrò nel deserto

e parlerò al suo cuore … Ti farò mia sposa

per sempre» (Os 2,16.21), leggiamo nella

Santa Scrittura. «Attirami a te! … Correrò

e non verrò meno, finché tu mi

introduca nella cella del vino, finché la tua

sinistra sia sotto il mio capo e la tua destra

felicemente mi abbracci» (4LAg 30.31ss),

scrive Chiara a santa Agnese di Praga. Questo

è il linguaggio degli innamorati.

E Chiara è prima di tutto questo: una donna

innamorata dell’Amore stesso, che non

desidera più vivere per se stessa ma per Cri-

sto e lasciare che Egli abiti in lei. «E non sono

più io che vivo, ma Cristo vive in me»

(Gal 2,20), potrebbe ben dire Chiara, facendo

sue le parole di Paolo. Chiara è una donna

che non desidera altro che unirsi a Cristo

povero e crocifisso: «abbraccia, vergine povera,

Cristo povero» (2LAg 18), potrà dire ad

Agnese, perché prima ha realizzato nella sua

vita questo desiderio. Chiara è una donna innamorata

di colui «il cui affetto appassiona,

la cui contemplazione ristora, la cui benignità

sazia»; «il cui ricordo risplende soavemente,

al cui profumo i morti torneranno in

vita e la cui visione gloriosa renderà beati

tutti i cittadini della celeste Gerusalemme»

(4LAg 12-13). Chiara è una donna profondamente

innamorata di Gesù Cristo, suo sposo.

Chiara non si lascia affascinare dallo splendore

del mondo, che passa come un’ombra,

né si lascia ingannare dalle sue false apparenze.

Sedotta dalla bellezza della beata povertà

di Cristo, per la sua santa umiltà e per la

sua ineffabile carità (cf 4Ag 18), Chiara fa di

Gesù Cristo il motivo quotidiano della sua

contemplazione e, fissando la mente e il cuore

nello “specchio”, che è Cristo, ama totalmente

colui al quale totalmente si è consegnata

per amore, fino a trasformarsi interamente

nell’immagine di Cristo (cf 3LAg 13),

«il più bello tra i figli degli uomini, divenuto

il più vile degli uomini» (2LAg 19). Sedotta

dall’amore di Gesù Cristo, lo ama appassionatamente

e si consegna incondizionatamente

a colui che dà e si dà senza misura: «ama

totalmente colui che tutto si è donato per

amore» (cf 3LAg 15). In questo modo Chiara

si trasforma nell’amato, così che la vita di

questo si manifesti nel suo corpo (cf 2Cor

4,10). Gesù entra nella vita di Chiara e la trasforma

nell’immagine della sua divinità.

Cari fratelli e sorelle, in un mondo come

il nostro in cui la fedeltà non è certamente

una virtù di moda, Chiara, sorella Chiara, ci

si presenta come la donna fedele, capace di

darsi senza riserve di nessun tipo e di consegnarsi

con cuore indiviso all’unico amore

della sua vita: Cristo. In un mondo come il

nostro, dove l’amore in molti casi dura

quanto la rugiada del mattino, Chiara ci si

presenta come la donna fedele, che niente e

nessuno può separare dall’amore che dà


220 AN. CXXIII – MAII-AUGUSTI 2004 – FASC. II

senso alla sua vita: l’amore a Cristo povero.

In un mondo come il nostro, ansioso di incontrare

la felicità, ma che molte volte la

cerca dove certamente non la si può incontrare

– il potere per dominare, l’apparire per

essere considerati e il piacere per il piacere –,

Chiara ci si presenta come la donna che,

«con corsa veloce e passo leggero», senza

che i suoi piedi inciampino o che le si attacchi

la polvere del cammino, «sicura, nel

gaudio e alacre avanza cautamente sul sentiero

della beatitudine» (2LAg 13), ricolma

di gioia e di felicità. Correrò e non verrò

meno… L’amore la libera da se stessa e la

rende leggera. L’identificazione con Cristo

povero, preferendo il disprezzo del mondo

agli onori, la povertà alle ricchezze temporali

e seguendo colui la cui potenza è più

forte, la nobiltà più elevata, l’aspetto più

bello, l’amore più soave e ogni favore più

fine (cf 2LAg 9), è il segreto della sua fedeltà

e felicità.

Chiara è una donna felice … Il suo segreto,

come il segreto di ogni felicità, è la

fedeltà. Chiara ci insegna che non è possibile

la felicità se non amando con cuore indiviso

colui che, con le parole di Francesco,

è l’amore, la bellezza, la gioia, il nostro

gaudio e la nostra letizia, tutta la nostra dolcezza

(cf LodAl). Non può esserci felicità se

non “rimanendo” uniti a colui che è vita e

che dà vita; a colui che è gioia e che è fonte

di ogni felicità. “Rimanere” è una parola

che viene ripetuta nel Vangelo di oggi per

dieci volte (cf Gv 15,4-10) e che è per noi

così difficile da capire nel nostro vissuto

quotidiano, dove spesso prevale la leggerezza

e la superficialità. Chiara ci invita a

passare dall’apparire all’essere, dalla superficie

alla profondità, da ciò che è secondario

all’unica “sola cosa necessaria”.

Proprio in questo consiste la vita mistica,

di cui Chiara è una vera maestra. La vita mistica,

come la santità, non consiste in fenomeni

o cose straordinarie ed eccezionali, ma

in una vita di fede riempita d’amore. La vita

mistica, la santità, è una passione partecipata.

Le nostre lentezze e i nostri insuccessi, così

come i nostri vagabondaggi, non sono ostacoli

per incontrarci con l’Amato. Se nella vita

di tutti i giorni ascoltiamo il desiderio di

Dio che invade il nostro cuore e rispondiamo

ad esso con la semplicità della fede, scopriamo

poco a poco la felicità dei poveri, che Egli

ricolma di ricchezze.

Ma Chiara ci insegna anche che Cristo non

lo incontriamo mai da solo. Unirsi a Cristo è

percorrere il cammino che ci porta verso il Padre

e verso gli altri. Per Chiara comunicare

con l’Amato è comunicare con quelli e quelle

che popolano il suo cuore e la sua vita con lo

stesso ardente amore. Come il piccolo giardino

di san Damiano si apre sulla vasta pianura

di Assisi, il cuore di Chiara si estende alle ampiezze

infinite del cuore di Dio. In uno stesso

amore amiamo l’Uno e gli altri. Dio è relazione.

Non c’è felicità che non si offra, si accolga

e si partecipi. L’albero buono della contemplazione

porta in se stesso il frutto saporito

dell’amicizia e della fraternità. In questo

modo, lo stesso Gesù viene a dispiegare la nostra

capacità di amare e la vita di relazione si

converte in terreno privilegiato dove il Dio

Amore si lascia raggiungere, si lascia toccare.

Care sorelle e fratelli, durante quest’anno

abbiamo cercato di avvicinarci a Chiara,

la migliore discepola di Francesco, madre,

sorella e maestra per tutti noi. La conclusione

del 750 anniversario della morte e dell’approvazione

della Regola di santa Chiara,

che celebriamo in questa chiesa di San

Damiano, dove Chiara visse e morì, ci porti

a imitare il suo esempio di fedeltà nel

cammino di sequela di Gesù Cristo, che il

beato padre Francesco, «vero amante e imitatore»

del Signore, le mostrò con la vita e

le parole (cf TestsC 5).

FR. JOSÉ R. CARBALLO, OFM

Ministro generale

10. Omelia in occasione Festa di santa

Chiara

Assisi, Basilica S. Chiara, 11 agosto 2004

«BRILLÒ COME UN RAGGIO

IRRADIÒ COME UN SOLE»

L’11 agosto 1253 concludeva il suo pellegrinaggio

terreno santa Chiara d’Assisi,


EX ACTIS MINISTRI GENERALIS

221

discepola di san Francesco e fondatrice dell’Ordine

delle Sorelle Povere o Clarisse,

stringendo tra le mani due documenti importanti:

il Privilegio della Povertà e la Bolla

pontificia che confermava la sua forma di vita.

L’11 agosto 2003 si aprivano solennemente

la celebrazioni giubilari in memoria

del 750° anniversario di questi eventi.

Oggi, Festa della Sorella e Madre Chiara,

concludiamo questo significativo anno

clariano. È stato un anno di grazia: abbiamo

avuto la possibilità di ripercorrere i grandi

temi della sua vita e del suo ideale, di ravvivare

la memoria di questa «donna nuova

della valle spoletana», di riproporre la sua

spiritualità e di riscoprire l’attualità del suo

messaggio. Nonostante siano passati 750

anni quegli eventi, infatti, sono ancora vivi

tra noi.

Lo sono per le Sorelle Povere. Hanno visto

realizzata la parabola con la quale Alessandro

VI illustrò il carisma di santa Chiara:

un «albero alto, proteso verso il cielo, dai

rami dilatati, che nel campo della Chiesa

produsse soavi frutti e alla cui ombra piacevole

e amena, molte seguaci accorsero da

ogni parte, e tuttora accorrono per gustarne

i frutti» (Bolla di canonizzazione, 11). Soprattutto

perché a 750 anni dalla conferma

pontificia, la Regola di santa Chiara conserva

tutto il suo fascino spirituale e la sua ricchezza

teologica: «la perfetta consonanza

di valori umani e cristiani – scriveva Giovanni

Paolo II alle Clarisse il 9 agosto 2003

–, la sapiente armonia di ardore contemplativo

e di rigore evangelico la confermano

per voi, care Clarisse del terzo millennio,

come una via maestra da seguire».

Sono vivi per tutti quelli e quelle che modellano

la propria sequela di Cristo sul carisma

donato dallo Spirito a Francesco di

Assisi. Difatti, non si può – come disse Giovanni

Paolo II nel discorso alle Clarisse del

12 marzo 1982 – «disgiungere questi due

nomi: Francesco e Chiara. Questi due fenomeni:

Francesco e Chiara. Queste due leggende:

Francesco e Chiara». Entrambi hanno

espresso il primitivo ideale francescano,

nella complementarietà fra l’andare di

Francesco e dei suoi Frati e lo stare di Chiara

e delle sue Sorelle.

Hanno un’eco viva tra gli uomini di oggi.

Ondeggianti tra vittorie e sconfitte, tra disperazione

e speranza, essi cercano la via dell’autenticità

e dell’essenzialità. Per tutti

Chiara è l’icona del radicalismo evangelico;

è la donna capace di dire fino alla fine: «l’Evangelo

e nient’altro»; è un «libro di vita»

(Bolla..., 14), che interpella tutti, mettendo in

discussione il proprio “sistema” di vita.

Sono vivi per tutta la Chiesa, sollecitata,

agli inizi del nuovo millennio, a lasciarsi

«pervadere dall’ardore della predicazione

apostolica seguita alla Pentecoste» (NMI

40) Sì, proprio in questo momento storico

«è importante ripetere la scoperta di Santa

Chiara, perché è importante per la vita della

Chiesa. Non sapete – diceva il Papa alle

Sorelle Povere – quanto voi nascoste e sconosciute,

siate importanti nella vita della

Chiesa, quanti problemi, quante cose dipendono

da voi. È necessaria la riscoperta di

quel carisma, di quella vocazione» (Discorso

alle Clarisse…).

Di fronte a questa coinvolgente attualità

del messaggio di Chiara, sorge spontanea la

domanda: perché tutti possono sostare ammirati

davanti al carisma di questa donna

evangelica? Il segreto del fascino sta nei

due “documenti” che Chiara morente consegna

alle sue Sorelle. In essi, infatti, sono

sintetizzati e realizzati i desideri, i “sogni”

e le visioni che hanno sostenuto i suoi quarantadue

anni di vita in un monastero di

clausura. Questi hanno i seguenti “nomi”:

Vangelo, Sequela, Fraternità, Povertà.

Chiara, fuggita da casa la notte del 18

marzo 1212 e scoperta la via indicatagli dal

beato Francesco, focalizza così la forma di

vita delle Sorelle Povere: «osservare il Santo

Vangelo del Signore nostro Gesù Cristo»

(RsC 1,2). Una frase breve, che fissa l’orientamento

della sua vocazione e ne spiega

il fascino della vita. E proprio “questo

essenziale” svela il segreto della “giovinezza”

di Chiara e la sua capacità di essere

punto di riferimento per la Chiesa e per il

mondo di oggi.

Una vita radicalmente evangelica è possibile

se si desidera «sopra ogni cosa lo Spirito

del Signore e la sua santa operazione»

(RsC 10, 9). Con tutta se stessa, si pone alla


222 AN. CXXIII – MAII-AUGUSTI 2004 – FASC. II

sequela di Cristo guardandolo come in uno

specchio per diventare una cosa sola con

lui, riflettendone la luce di luogo in luogo

(cf. 3LAg 12-13; 4LAg 19). Ecco realizzata

una nuova incarnazione: «mentre, infatti, i

cieli con tutte le altre cose create non possono

contenere il Creatore, l’anima fedele

invece... è sua dimora e soggiorno» (3LAg

22); ecco svelato il segreto della visione di

Francesco mentre riparava la chiesetta di

San Damiano: «per la fama e la santità della

loro vita si renderà gloria al Padre celeste

in tutta la Chiesa» (TestsC 14).

La specificità della nuova forma di vita,

sorta per ispirazione del «Padre delle misericordie»,

viene subito precisata da Chiara con

il nome dato al suo Ordine: Sorelle Povere. È

una testimonianza originale quella di Chiara:

la fraternità come principio ispiratore di ogni

scelta, come modalità organizzatrice della

vita della comunità e come caratteristica relazione

con gli altri e con le cose create. Una

testimonianza profetica ed originale anche

oggi: visibilizza la Chiesa come sacramento

dell’unione degli uomini con Dio e degli uomini

tra di loro; rende credibile il messaggio

evangelico annunciato; trasforma in felice

possibilità l’homo homini frater.

La “nuova” famiglia di sorelle, generata

dal Padre nella Chiesa per mezzo di Francesco,

sceglie di «seguire l’umiltà e la povertà

del suo Figlio diletto e della gloriosa Vergine

Madre» (TestsC 46). Per Chiara, dunque, c’è

un legame indissolubile fra povertà e sequela

di Cristo, tanto da identificare la forma di

vita con la «professione della forma della nostra

povertà» (RsC 4). Allora, la povertà è segno

concreto della volontà di seguire Colui

che si è fatto povero fino a perdere i connotati

della sua divinità (cf TestsC 35.44-47;

2LAg 17-20); è sigillo dell’essersi stabiliti

sulla via dei mandati del Signore; è rivelazione

che tuttora è in atto la misericordiosa

volontà salvifica dell’Onnipotente; è solidarietà

con i poveri e i “minori”; è libertà per

accogliere gli altri come “dono” e per contemplare

con stupore «li albori belli, fioriti e

fronduti... e le altre creature» (Proc 9,9).

Desideri, sogni, visioni e nomi sono tuttora

«per il mondo un chiaro specchio di

esempio»: Chiara, infatti, «brillò come raggio

nella sua casa paterna, ma nel chiostro

irradiò come un sole» (Bolla..., 7.9). E ciò

vale per tutti, non solo per le Sorelle Povere

o per il carisma della vita contemplativa.

Chiara stessa ebbe coscienza della dimensione

ecclesiale ed universale della sua vocazione

nel sentirsi posta dal Signore «come

specchio e modello»; nell’essere «collaboratrice

di Dio stesso» e «sostegno delle

membra vacillanti del suo ineffabile Corpo»;

nel vedersi, attraverso la fedeltà alla

propria vocazione, diventata “Chiesa”: vergine

e madre di una moltitudine di figli; nella

partecipazione alle vicende e alle angosce

del tempo, sanando i bambini malati,

proteggendo la sua città; nel suo grande

cuore che abbraccia ogni creatura, anche la

più umile e dimenticata, perché segnata dalla

benevolenza del Creatore (TestsC 19-20;

3LAg 8; Proc 20,7).

L’esemplarità di Chiara, pertanto, e la testimonianza

di coloro che coltivano a tempo

pieno «lo spirito di orazione» riguardano

la sequela di Cristo, l’andare per annunciare

il Vangelo e il farsi buon samaritano

per lenire e guarire le ferite dell’uomo. Tutti,

allora, possiamo accorrere all’ombra piacevole

e amena di quell’albero e per gustarne

i frutti (cf. Bolla..., 11): i frutti dell’autenticità

e dell’essenzialità se vogliamo

essere “semi di novità” nel mondo contemporaneo

che sembra aver smarrito la propria

identità, perso com’è tra insoddisfazione e

superficialità.

E come essere autentici? Che cosa è oggi

per noi l’essenziale? La vicenda di Chiara è

ancora esemplare. In un tempo in cui era

proibito redigere nuove Regole, Chiara difende

la sua vocazione specifica prima, osservando

una Regola d’ispirazione cistercense,

ma animandola con la forma di vita ricevuta

da Francesco sin dagli inizi; poi,

ottenendo il Privilegio della povertà; infine,

per assicurare a sé e a «quelle che sarebbero

venute in seguito» un fondamento peculiare

alla sequela di Cristo, scrivendo lei stessa

una Regola. La scrisse ed attese con ansia di

poter «avere la Regola dell’Ordine bollata,

pure che uno dì potesse ponere essa bolla alla

bocca sua e poi de l’altro dì morire: e come

desiderava, così addivenne» (Proc 3,32).


EX ACTIS MINISTRI GENERALIS

223

Una esperienza che ci rimanda con forza Y tal vez sea en esa certeza humilde, nacida

de la contemplación del Hermano

a ciò che è veramente «necessario»: essere e

operare nella Vigna del Signore e nella Francisco, donde hemos de buscar el origen

“città” dell’uomo con il nostro “volto”, ponendo

a disposizione di tutti i valori della lia Franciscana propuso durante siglos a la

de la firmeza y del afecto con que la Fami-

propria spiritualità per contribuire efficacemente

alla costruzione della civiltà dell’a-

universitarias y proclamó en la predicación

piedad de los fieles, defendió en las aulas

more.

la Inmaculada Concepción de la Virgen

Che «il Signore sia con voi sempre, e ora María, pues del todo razonable les parecía

voi siate sempre con lui. Amen» (BensC 16). afirmar que así de hermoso quiso Dios su

palacio, así de agraciado su tabernáculo,

FR. JOSÉ R. CARBALLO, OFM así de limpia su casa, así de adornado su

Ministro generale vestido, así de humilde a su sierva, así de

maravillosa a su Madre.

La bienaventurada Beatriz de Silva bebió

desde niña en esta fuente carismática un

11. Carta en el día de

Santa Beatriz de Silva

amor entrañable a la Madre de Dios, y,

«después de vivir con el Señor unos 30 años

TOTA PULCHRA ES MARIA como seglar en el monasterio de Santo Domingo

de Toledo, decidió fundar un nuevo

En el 150º Anniversario de la definición dogmática

monasterio o la Orden de la Inmaculada

de la Inmaculada Concepción de la Virgen María

Concepción para alabar el misterio de la

Inmaculada Concepción y propagar su culto»5

A las muy queridas Hermanas

.

de la Orden de la

Podemos, pues, decir con razón que los

Inmaculada Concepción,

Frailes Menores y las Concepcionistas

Franciscanas vivimos «en María Inmaculada

una admirable comunión»6

Paz y bien!

.

Ahora, en este año que nos trae a la mente

con resonancias de jubileo la definición

Introducción

dogmática de la Inmaculada Concepción de

La Familia Franciscana siente unidos al María, en el día en que celebramos la fiesta

propio ser con lazos indisolubles el amor a de la madre Santa Beatriz, también yo he

la bienaventurada Virgen María, de quien el querido compartir con vosotras el gozo de

Hijo de Dios recibió «la carne verdadera de esa «admirable comunión en María Inmaculada»,

que a los franciscanos nos permite

nuestra humanidad y fragilidad»1 , la imitación

de la altísima pobreza, que el Verbo encarnado,

junto con la bienaventurada Virgen a las concepcionistas os permite que os pro-

confesarnos y sentirnos concepcionistas, y

María, su Madre, practicó mientras vivió feséis y os llaméis franciscanas7 .

en este siglo2 y la proclamación encendida

y devota de las maravillas que Dios obró en 1. Unidos en esta «admirable comunión»

la que es «su sierva y su Madre»3 . carismática, contemplamos el misterio de

Francisco ha legado a sus hijos esta humilde

certeza: Es la Santísima Trinidad

la Inmaculada Concepción

quien levanta con infinito amor esa iglesia Cuando hablamos de nuestra madre de la

que es la Virgen María, y la consagra para tierra, las palabras se las sugiere a la mente

que sea «palacio, tabernáculo y casa de el corazón. Para hablar de la Inmaculada

Dios»; es la Santísima Trinidad quien teje Virgen María, nuestra Madre del cielo, será

ese «vestido» precioso de Dios; es la Santísima

Trinidad quien hace a María de Naza-

fe y de nuestra caridad, que pidamos pala-

necesario, reconocida la pobreza de nuestra

ret «sierva de Dios y Madre de Dios»4 . bras de luz y de amor al Espíritu Santo de


224 AN. CXXIII – MAII-AUGUSTI 2004 – FASC. II

Dios. Él nos permite acercarnos al misterio

de María, la «doncella de Nazaret», y hace

posible que nuestra fe la contemple como la

ve el mismo cielo, como «llena de gracia y

morada del Altísimo»8 .

En la salutación del ángel Gabriel a nuestra

Señora, el creyente siente resonar ecos de

palabras proféticas que la fidelidad de Dios,

interpelando la fe de María de Nazaret, está

mudando en palabras de evangelio.

«Alégrate, hija de Sión; lanza gritos de

júbilo, Israel; festéjalo exultante, hija de

Jerusalén… el Señor dentro de ti es rey de

Israel. No temerás ya ningún mal. Aquel día

se dirá a Jerusalén: No tengas miedo, Sión,

no desmayen tus manos. El Señor tu Dios

está en medio de ti como poderoso salvador»9

.

«No temas, suelo, alégrate, haz fiesta,

porque el Señor ha hecho proezas»10 .

«Exulta sin mesura, hija de Sión, lanza

gritos de gozo, hija de Jerusalén. He aquí

que viene a ti tu rey, justo y victorioso»11 .

Así proclamaba la profecía que llevaba

esperanza al corazón de los humildes y sencillos

mediante el futuro de gracia que Dios

se comprometía a darles.

Que se alegre Sión, porque Dios es fiel.

Que se alegre Israel, porque el Señor mantiene

su alianza. Que se alegre Jerusalén,

porque su rey cumplirá su promesa. Que los

pobres abran ya de par en par las puertas del

corazón a la alegría, aunque el Señor no haya

desplegado todavía el poder de su brazo

para dar a su pueblo un nombre nuevo, para

cambiar el nombre del lugar de su morada.

«Alégrate, llena de gracia, el Señor está

contigo»

Así proclama el mensajero de buenas

noticias, que saluda a la Virgen María y le

anuncia cumplidas las promesas del Señor.

Que se alegre el corazón de la doncella

de Nazaret, porque el Señor ha desplegado

el poder de su brazo y le ha dado un nombre

nuevo: La-que-Dios-ha-hecho-llena-degracia.

Que se alegre la doncella de Nazaret,

pues el Señor ha mirado la humillación

de su esclava y ha realizado en ella las maravillas

de su poder y de su misericordia: El

Señor está contigo. Que se alegre el corazón

de todo creyente, que salten de alegría

todos los que se nutren de Dios en el seno

de la fe, y que todos proclamen el nombre

de la amada: La-que-Dios-ha-bendecidoentre-todas-las-mujeres12

.

«Llena de gracia», la llamó el ángel.

«Inmaculada», la proclamó la fe de la Iglesia.

«Purísima», la llamamos con devoto

afecto todos los fieles.

Allí donde el mensajero del cielo dice:

«Alégrate, llena de gracia», la fe humilde y

sencilla de los fieles dice: «Ave, María purísima».

Y vuestra mirada de contemplativas intuye

que allí, en la Inmaculada Virgen María,

ya se habían hecho verdad, antes de ser

pronunciadas, las bienaventuranzas evangélicas:

Dichosa ella, la Madre bendita de

Jesús, humilde y pobre13 , que en su pobreza

tiene a Dios por rey. Dichosa ella, la Madre

llamada a participar en el misterio de la pasión

de su Hijo14 , que en su dolor recibe de

Dios el consuelo. Dichosa ella, la Madre

dulcísima del Redentor, llena de humildad

y mansedumbre15 , que recibiendo a Cristo,

recibe de Dios la tierra de las promesas. Dichosa

ella, hambrienta y sedienta de justicia,

pues el Señor ha mirado la humillación

de su esclava y la ha colmado de gracia y

bendición. Dichosa ella, modelo singular en

la nueva familia del Reino, que con amor

maternal cuida de los hermanos de su Hijo16

, la mujer que vino en nuestra ayuda con

su fe y su entrega, pues ella experimentó la

misericordia de Dios, que llega a sus fieles

de generación en generación. Dichosa ella,

consagrada en su integridad virginal por su

Hijo primogénito17 . Dichosa ella, la mujer

de corazón siempre limpio, Purísima desde

su concepción, Inmaculada en el alma y en

el cuerpo, en quien el Señor quiso habitar y

de quien el Verbo de Dios quiso ser Hijo.

Dichosa ella, madre de la paz, porque Dios

quiso llamarla hija suya. Dichosa ella, herida

por su fidelidad, pues Dios ha sido siempre

rey en su corazón.

En verdad, Madre de nuestro Señor, también

nosotros, impulsados por el Espíritu

Santo, contemplando las maravillas que el

amor de Dios ha realizado en su humilde esclava,

decimos con tu prima Isabel: «Dichosa

tú, que has creído, porque lo que te


EX ACTIS MINISTRI GENERALIS

225

ha dicho el Señor se cumplirá»18 , y nos unimos

al clamor de todas las generaciones para

«proclamarte dichosa»19 .

2. Unidos en esta «admirable comunión»

carismática, contemplamos el misterio de

la Iglesia, esposa de Cristo

Vuestra razón de ser en la Iglesia, queridas

Hermanas Concepcionistas, además de

la contemplación del misterio de la Inmaculada

Concepción, es el empeño en imitar y

reproducir sus virtudes20 .

Habéis vestido el hábito de vuestra Regla

para desposaros con Jesucristo nuestro

Redentor y honrar con vuestra forma de vida

la Inmaculada Concepción de su Madre21

.

Habéis hecho vuestra profesión religiosa

por amor y en servicio de nuestro Señor y

de la Inmaculada Concepción de su Madre22

.

Vuestro hábito y vuestra profesión, así

como la imagen de nuestra Señora que

lleváis en el manto y en el escapulario, son

para vosotras, y también para nosotros que

conocemos y admiramos vuestra vida, una

memoria perpetua de que lleváis en el corazón

a la Madre de Dios como ejemplo de

vida, y que ya no deseáis otra cosa sino imitar

su conducta inocentísima, seguir su humildad,

y alcanzar con su ayuda la necesaria

libertad para la obediencia de la fe y la

entrega del amor23 .

Para Santa Beatriz, como para vosotras y

para nosotros, la pobreza profesada, abrazada,

amada y vivida, aquella misma pobreza

que «para sí escogieron nuestro Redentor y

su santísima Madre»24 , es la mayor riqueza

que podemos soñar, el adorno más precioso

de nuestra forma de vida25 . En esta pobreza

y en todo lo que las Hermanas dicen o hacen,

se han de manifestar, como en un sacramento,

la humildad y mansedumbre de

nuestro Señor Jesucristo y de su santísima

Madre26 .

Vuestro camino, el que el Espíritu Santo

inspiró a Santa Beatriz, es el de la humildad

y pobreza de nuestro Señor Jesucristo y de

su Madre bendita27 . A esto os ha llamado el

Señor con vocación sublime; y esto es lo

que buscáis con entrega generosa. Y mientras,

apoyadas en la fidelidad de Dios, recorréis

ese camino, el Padre del cielo realiza

en vosotras sus maravillas, pues os transforma

por amor en lo que contempláis con

amor, y hace vuestro por su divino poder lo

que imitáis con la fuerza de su gracia.

Y vi bajar del cielo, enviada por Dios, a

la ciudad santa, la nueva Jerusalén, ataviada

como una novia que se adorna para su

esposo. Y oí una voz potente que decía desde

el trono: Ésta es la morada de Dios con

los hombres; él habitará con ellos y ellos

serán su pueblo. Dios en persona estará

con ellos y será su Dios28 .

Se acercó uno de los siete ángeles… y

me habló así: «Ven acá, voy a mostrarte a

la novia, a la esposa del Cordero». En visión

profética me transportó a la cima de

una montaña grande y alta y me mostró la

ciudad santa, Jerusalén, que bajaba del

cielo, enviada por Dios, radiante con la

gloria de Dios. Brillaba como una piedra

preciosísima parecida a jaspe claro como

cristal29 .

Lo que vosotras, Hermanas Concepcionistas,

contempláis en el misterio de la Inmaculada

Concepción y lo que con vuestra

forma de vida tratáis de imitar con generoso

empeño, siguiendo las huellas de la bienaventurada

Beatriz, eso mismo realiza con

su amor y su gracia el Padre del cielo en la

comunidad de sus fieles, en la nueva Jerusalén,

en la ciudad santa cuyo templo es el

Señor Dios y el Cordero, en la Iglesia cuya

luz es la gloria de Dios y cuya lámpara es el

Cordero30 .

Lo que en la Virgen María admiramos

realizado desde el principio de forma eminente

y singular, eso mismo esperamos ver

realizado en toda la Iglesia, cuando, desaparecidos

el primer cielo y la primera tierra,

llegada a su término la Historia de la Salvación,

Dios lo sea todo en todos.

María es la primicia del nuevo pueblo de

Dios, la mujer nueva, la primera discípula

de la nueva ley31 .

El alma se nos llena de esperanza y el corazón

desborda de gozo, porque el Señor ha

visitado y redimido a su pueblo32 - a la Virgen

María, a la virgen Iglesia -, ha mirado la


226 AN. CXXIII – MAII-AUGUSTI 2004 – FASC. II

humillación de su esclava33 , y ha llenado de

gloria su casa34 .

Dichosa eres, María, que, al recibir el

anuncio del ángel, te has hecho Madre del

Verbo de Dios. Dichosa tú, que, meditando

en silencio las palabras del cielo, te has convertido

en discípula del Señor35 . Dichosos

contigo, Virgen María, todos los que escuchan

la palabra de Dios y la cumplen36 .

De María y de la Iglesia oímos decir:

Ésta es la morada de Dios con los hombres;

acampará entre ellos. Ellos serán su pueblo,

y Dios estará con ellos y será su Dios37 .

María y la Iglesia, con la divina Sabiduría,

nos invitan: Venid a comer de mi pan y a beber

el vino que he mezclado; seguid el camino

de la prudencia38 .

En verdad, Hermanas Concepcionistas,

en la Inmaculada Virgen María, espejo sin

mancha, contempláis ya ahora la purísima

imagen de vuestra gloria futura39 .

3. Unidos en esta «admirable comunión»

carismática, contemplamos el misterio de

Cristo, el mediador de toda gracia

Ese prodigio de gracia que resplandece

de manera singular y única en la Inmaculada

Concepción de la Virgen María y que resplandecerá

también un día en todo el cuerpo

de la Iglesia, tiene su origen en Cristo Jesús,

la Palabra encarnada por quien nos

han llegado la gracia y la verdad40 ; recibe

su luz de Cristo Jesús, la Palabra en quien

estaba la vida que era luz de los hombres y

que brilla en las tinieblas41 ; y encuentra en

la belleza única de Cristo resucitado la

razón de ser de la limpia hermosura con que

María y la Iglesia han sido adornadas.

Si nosotros, porque reconocemos que en

la Iglesia el amor del Padre está realizando

las maravillas que realizó en la Virgen

María, podemos hacer nuestras con verdad

las palabras de su cántico y proclamar con

ella la grandeza del Señor, también ella hace

suyas con verdad las palabras de la Iglesia

y bendice con todos los fieles al Autor de

nuestra salvación: Bendito sea el Dios y Padre

de nuestro Señor Jesucristo, que nos ha

bendecido con toda clase de bendiciones

espirituales, en los cielos, en Cristo42 .

Si miramos a Cristo, imagen de Dios invisible43

, nos acercamos al abismo del amor

misericordioso del Padre: Dios, rico en misericordia,

por el grande amor con que nos

amó, estando muertos a causa de nuestros

delitos, nos vivificó juntamente con Cristo -

por gracia habéis sido salvados - y con él

nos resucitó y nos hizo sentar en los cielos

en Cristo Jesús44 .

Cuando miramos a Cristo, nos acercamos

al abismo de su amor por la Iglesia y a

la fuente de donde ésta recibe gracia, hermosura

y santidad, pues Cristo se entregó a

sí mismo por ella, para santificarla, purificándola

mediante el baño del agua, en

virtud de la palabra, y para colocarla ante

sí gloriosa, sin que tenga mancha ni arruga,

ni cosa semejante, sino que sea santa e

inmaculada45 .

Si miramos a Cristo, admiramos en la

gloria del Esposo la belleza de su Esposa. Si

miramos a la Esposa, vemos reflejada en su

belleza la gloria del Cordero inmaculado:

Han llegado las bodas del Cordero, y su

Esposa se ha engalanado y se le ha concedido

vestirse de lino deslumbrante de blancura46

.

Miramos a Cristo, y nos acercamos al

misterio de la Sabiduría de Dios, que quiso

desposarse con la humanidad en alianza

eterna de amor.

Miramos a Cristo, y contemplamos al

Hijo de Dios que, haciéndose hombre, viviendo

para nosotros y muriendo por nosotros,

se hizo enteramente nuestro, y que se

nos muestra ahora entregado en el sacramento

de la Eucaristía, como en otro tiempo

se nos reveló entregado en el misterio de

la Encarnación.

Vosotras, queridas Hermanas, que, inspiradas

y llamadas por Dios, os consagráis totalmente

a Dios, desposándoos con Jesucristo,

nuestro Redentor47 , por la profesión

ofrecéis vuestra vida a quien antes en alianza

eterna os ha ofrecido la suya, os entregáis

a quien antes enteramente se os ha entregado48

, servís a quien antes ha bajado del cielo

para hacerse vuestro servidor49 , elegís a

quien antes con amor de predilección os ha

elegido, amáis a quien antes con infinita ternura

os ha amado.


EX ACTIS MINISTRI GENERALIS

227

Es éste un inefable misterio de misericordia.

Si hoy es posible para nosotros que,

movidos por divina inspiración, deseemos

tener el Espíritu del Señor y su santa operación50

, es porque antes ha querido el Señor

hacerse para todos fuente del Espíritu, y ha

querido llamarnos a todos a apagar en él

nuestra sed51 . Si es posible que nosotros deseemos

hacernos un solo espíritu con Cristo

mediante el amor52 , es porque antes Cristo,

por amor, ha querido hacerse una misma

carne con nosotros53 . Si hoy nos es posible,

por la profesión religiosa, seguir más de

cerca a Cristo54 , el pastor de nuestras almas,

es porque antes él ha seguido como buen

Pastor el rastro de la oveja perdida55 y ha defendido,

hasta dar su vida por ellas, todas

las ovejas de su rebaño56 . Si un día cada

Hermana de la Orden de la Concepción ha

sentido nacer en el propio corazón el deseo

de entrar por el camino de la humildad y pobreza

de nuestro Señor Jesucristo y de su

Madre bendita, camino inspirado por el

Espíritu Santo a Santa Beatriz57 , es porque

ese camino lo ha recorrido antes el altísimo

Hijo de Dios, que, siendo rico, por nosotros

se hizo pobre a fin de enriquecernos con su

pobreza58 .

Conclusión

Queridas Hermanas Concepcionistas,

éstos son los lazos misteriosos y sublimes

que unen en «admirable comunión» carismática

vuestra vida y nuestra vida: Vosotras

y nosotros reconocemos, honramos, contemplamos

y admiramos la plenitud de los

dones de Dios en la Inmaculada Virgen María;

contemplamos y admiramos la gracia

de Dios en la belleza y santidad de la Iglesia;

vemos aquella plenitud de María y esta

gracia de la Iglesia, que fluyen, como un

río, de la obediencia y del amor filial de

Cristo el Señor, obediencia y amor expresados

en el anonadamiento extremo de su

muerte en la cruz, y puestos continuamente

ante nuestros ojos en la divina Eucaristía,

sacramento que «contiene todo el bien espiritual

de la Iglesia, es decir, Cristo mismo,

nuestra Pascua y Pan de Vida, que da la vi-

da a los hombres por medio del Espíritu

Santo»59 .

El corazón se estremece ante la memoria

que de la bienaventurada Beatriz de Silva

suscribe su compañera Juana de San Miguel,

memoria consignada en una brevísima

Noticia biográfica, que las Hermanas de la

Concepción, con ocasión del traslado de los

restos «de la primera fundadora de la Orden

de la Santísima Concepción de nuestra

Señora la Madre de Dios»60 , colocaron en

la urna que guardaba sus reliquias. Allí leemos:

«Esta dicha señora (la esclarecida y

muy magnífica señora doña Beatriz de Silva)

fue muy devota de la Santísima Concepción,

y pudo tanto que alcanzó del Santo

Padre Regla y hábito y breviario de la Santa

Concepción…

Al tiempo de su muerte fueron vistas dos

cosas maravillosas. La una, que, como le

quitaron del rostro el velo para [darle la

unción] fue tanto el brillo que de su rostro

salió, que todos fueron espantados. La otra

fue que en mitad de la frente le vieron una

estrella, la cual estuvo allí puesta hasta que

expiró… De lo cual fueron testigos seis religiosos

de la Orden de nuestro Padre San

Francisco…

Esta señora… era muy devota de la

santísima Pasión y de la santísima Concepción…»61

.

Vuestra vida de Concepcionistas y la

nuestra de Franciscanos están unidas por el

amor y la devoción a la santísima Pasión de

nuestro Señor Jesucristo, el amor a la Eucaristía,

el amor a la Inmaculada Concepción

de la Virgen María, Madre de Dios, y el

amor a la Iglesia, cuerpo místico de Cristo

y morada del Espíritu Santo.

En esta admirable comunión y con este

mensaje, he querido asociar el gozo de la

Orden de Frailes Menores a vuestro gozo en

la fiesta de Santa Beatriz, y la piedad mariana

de los Hermanos a vuestra piedad en

el 150º aniversario de la definición dogmática

del misterio de la Inmaculada Concepción

de la Virgen María.

Para las Presidentas de las Federaciones,

para todas las Abadesas, para todas las Hermanas

de la Orden de la Inmaculada Con-


228 AN. CXXIII – MAII-AUGUSTI 2004 – FASC. II

cepción, pido la bendición del Señor y el

amparo de la Bienaventurada Virgen María.

Roma, en la Curia General OFM

17 de agosto de 2004

FR. JOSÉ RODRÍGUEZ CARBALLO OFM

Ministro general

1 SAN FRANCISCO, Carta a todos fieles (2ª redacción) 4.

2 Cf. Constituciones Generales de la Orden de la Inmaculada

Concepción (= CG) 41.

3 SAN FRANCISCO, Saludo a la bienaventurada Virgen

María 5.

4 Saludo a la bienaventurada Virgen María 4-5.

5 Cita tomada del Sumario sobre la vida, las virtudes y

la fama de santidad de la Beata Beatriz de Silva, sacado

de los documentos publicados en Sancta Beatriz de

Silva. Positio super vita et virtutibus (Toledo 2001)

14.

6 Cf. FR. JUAN VAUGHN, Carta a las Hermanas de la Orden

de la Inmaculada Concepción en el V Centenario

de su Fundación, en ACTAOFM, 108(1989)25-31.

7 CG 1.

8 Cf. Lc 1,28.

9 Sof 3,14.15-16.

10 Jl 2,21.

11 Zac 9,9.

12 Cf. Lc 1,42.

13 Regla de la Orden de la Inmaculada Concepción (=

ROIC) 8.18.

14 CG 93.

15 ROIC 44.

16 CG 98.

17 CG 50.

18 Lc 1,45.

19 Cf. Lc 1,48.

20 Cf. Decreto de aprobación de las Constituciones Generales

de la Orden de la Inmaculada Concepción, dado

en Roma el 22 de febrero de 1993, por la Congregación

para los Institutos de Vida Consagrada y las

Sociedades de Vida Apostólica.

21 ROIC 1.

22 Cf. ROIC 5.

23 Cf. ROIC 7.

24 CG 42.

25 Cf. ROIC 8.18.41.

26 Cf. ROIC 44.

27 Cf. CG 3.

28 Ap 21,2-3.

29 Cf. Ap 21,9-11.

30 Cf. Ap 21,22-23.

31 Prefacio de la Misa de Santa María, la mujer nueva.

32 Cf. Lc 1,68.

33 Cf. Lc 1,47-48.

34 Cf. Ag 2,7.

35 Antífona de entrada de la Misa de Santa María, discípula

del Señor.

36 Antífona de comunión de la Misa de Santa María, discípula

del Señor.

37 Ap 21,3.

38 Pr 9,5.6b.

39 En María, espejo sin mancha, la Iglesia contempla ya

ahora la purísima imagen de su gloria futura: Antífona

de entrada de la Misa de la Virgen María, imagen y

madre de la Iglesia (III).

40 Cf. Jn 1,17.

41 Cf. Jn 1,4-5.

42 Ef 1,3.

43 Cf. Col 1,15.

44 Ef 2,4-6.

45 Cf. Ef 5,25-27.

46 Ap 19, 7b-8. La blancura del vestido de las Hermanas,

que ha de dar testimonio de la pureza del alma y del

cuerpo (ROIC 6), evoca la memoria del vestido deslumbrante

de blancura de la Esposa del Apocalipsis,

símbolo de su pureza triunfante.

47 Cf. ROIC 1; CG 2.

48 Cf. ROIC 2.

49 Cf. ROIC 5.

50 Cf. ROIC 30; CG 69.

51 Cf. Jn 7,37-39.

52 Cf. ROIC 30.

53 Cf. Ef 5,31-32.

54 Cf. CG 1.

55 Cf. Lc 15,4-7.

56 Cf. Jn 10,11.

57 Cf. CG 3; ROIC 8.

58 Cf. 2Cor 8,9.

59 JUAN PABLO II, Encíclica Ecclesia de Eucharistia 1.

60 Sancta Beatriz de Silva. Positio super vita et virttutibus

(Toledo 2001) 41.

61 Sancta Beatriz de Silva. Positio super vita et virttutibus

(Toledo 2001) 41-42.


E SECRETARIA GENERALI

1. Capitulum Provinciae Annuntiationis

BVM in Albania

In Domo Curiae generalis S. Mariae Mediatricis,

Romae, die 16 mensis Martii anni

2004, Definitorium Generale legittime congregatum,

Preside RODRÍGUEZ CARBALLO

FR. JOSÉ, Ministro Generali, ad normam art.

151 §2 SS.GG. elegit “ad instar Gubernii

regularis”, Ministrum provincialem, Vicarium

provincialem atque Definitores provinciales

in numero quattor, nostrae Provinciae

Annuntiationis B.V.M. in Albania.

Praefatae Provinciae Gubernium ad instar,

ad triennium, ita componitur:

Minister Provincialis:

GASHI FR. NDUE

Vicarius Provincialis:

MODENESI FR ALMIRO

Definitores Provinciales:

PEPUSHAJ FR. SOKOL

MAMALA FR. WOLDZIMIERZ

PECAJ FR. BEC

GAZZEA FR. SERGIO.

Praesentis Decreti vigore, praedictas

electiones confirmo, conferens singulis

electis omnia iura omnesque facultates ad

instar, quae eiusmodi officio secundum

Constitutiones et Statuta Generalia Ordinis

adnexa sunt.

Hoc Decretum vim habebit a die proclamationis

in Capitulo Provinciae.

Datum Romae, ex Aedibus Curiae Generalis

Ordinis, die 16 Mensis Martii anni

2004.

FR. JOSÉ RODRÍGUEZ CARBALLO, ofm,

Minister Generalis

FR. SANDRO OVEREND RIGILLO, OFM

Secretarius Generalis

Prot. 094161/122

2. Extra Capitulum Prov. Ss. Francisci

et Iacobi in Mexico electiones

El día 19 de marzo del 2004 en la sesión

extraordinaria del Definitorio Provincial de

Nuestra Provincia de San Francisco y Santiago

en Mexico celebrado regularmente según

las disposiciones del Derecho en la Curia

Provincial, en Zapopán, Jalisco (México)

bajo la presidencia de FRANCO FR.

SAMUEL, Vicario Provincial, resultaron elegidos:

para el Oficio de Ministro provincial, vacante

a causa del deceso del antecesor:

FRANCO FR. SAMUEL

para el Oficio de Vicario provincial, vacante

por la elección de su antecesor como

Ministro Provincial:

MADRIGAL ARELLANO FR. EGIDIO

para el Oficio de Definidor de la Provincia,

vacante por la elección de su antecesor como

Vicario Provincial:

GONZÁLEZ PORRES FR. ANTONIO.

El Definitorio general, en la Sesión ordinaria

celebrada el 20 de Marzo 2004, tras un

minucioso examen de las Actas aprobó dicha

Elección.

Prot. 094219

3. Capitulum Prov. Ss. Martyrum Marochiensium

in Portugallia

El día 23 de febrero del 2004 en el Capítulo

Provincial de Nuestra Provincia de los

Santos Mártires Marroquíes, en Portugal,

celebrado regularmente según las disposiciones

del Derecho en el “Convento de São

Boaventura” en Montariol, bajo la presidencia

de DOMÍNGUEZ FR. JOAQUÍN, Visitador

General, miembro de la Provincia Béti-


230 AN. CXXIII – MAII-AUGUSTI 2004 – FASC. II

ca, en España, resultaron elegidos:

para el Oficio de Ministro provincial:

PEREIRA LAMELAS FR. ISIDRO

para el Oficio de Vicario provincial:

FERREIRA MARQUES FR. JORGE MANUEL

y para el Oficio de Definidores de la Provincia:

CARREIRA ROSÁRIO FR. FILIPE

LOPES SAMEDO FR. MOISÉS

PEREIRA DA SILVA FR. MARIO DE JESUS

DO CARMO RIBEIRO FR. FERNANDO

GONÇALVES ARAÚJO FR. HERMINIO.

El Definitorio general, en la Sesión ordinaria

celebrada el 15 de abril del 2004, tras

un minucioso examen de las Actas aprobó

dicha Elección.

Prot. 093879/038

4. Capitulum Foederationis in Marochio

Durante los días 28 al 31 de marzo de

2004 en el Capitulo electivo de Nuestra Federación

de Marruecos celebrado regularmente

de acuerdo con las disposiciones del

Derecho, en la Casa de Espiritualidad, de

Rabat, en Marruecos, bajo la presidencia de

AGUIRRE GARCÍA FR. JESÚS, Presidente de la

Federación, fueron elegidos regularmente

como

Presidente:

AGUIRRE GARCÍA FR. JESÚS

Vice-presidente:

CORULLÓN FR. MANUEL

Consejeros de la Federación:

LAZARO DE SOUZA FR. JORGE

PAVLOVIC FR. IVICA

VELÁZQUEZ RODRÍGUEZ FR. MANUEL.

El Definitorio general, en la Sesión definitorial

del 19 de mayo de 2004, ha examinado

atentamente las Actas y aprobado esta

Elección.

Prot. 094283/046

5. Capitulum Prov. Immaculatae Conceptionis

BVM in S.F.A.S.

In the Chapter of our Province of the Immaculate

Conception BVM in the U.S.A.,

canonically celebrated at the Provincial Curia,

New York, under the presidency of

BOLFETA BR RONALD, General Visitator, a

member of the Province of “St. John the

Baptist”, in the U.S.A., the following candidate

was elected on the 26th April 2004:

Minister Provincial (per Postulationem):

CAMPAGNA BR. ROBERT.

The General Definitorium, in its session

of the 27th April 2004, carefully examined

the ACTS of the above mentioned election

and approved it for a six-year term.

Prot. 094339/191

6. Capitulum Prov. S. Antonii Patavini

in Germania

Nel Capitolo della nostra Provincia di S.

Antonio di Padova, in Germania, celebrato

regolarmente secondo le disposizioni del Diritto

nella Casa di Altstadt- Hammelburg, sotto

la presidenza del Visitatore Generale KO-

CH FR. HADRIAN, nei giorni 12-17 del mese di

aprile dell’anno 2004. sono stati eletti:

Ministro provinciale:

WAGNER FR. MAX

Vicario provinciale:

THUM FR. JOHANNES

Definitori provinciali:

SCHEIFELE FR. CLAUS

HAAS FR. KONRAD

ABRELL FR. TOMAS

HEIMLER FR. SAMUEL

HAUSNER FR. NATHANAEL.

Il Definitorio generale ha ratificato le

elezioni il 19 maggio 2004.

Prot. 094329 /184


E SECRETARIA GENERALI

231

7. Capitulum Prov. Ss. Trium Regum in

Germania

Nel Capitolo della nostra Provincia Ss.

Trium Regum (Köln), in Germania, celebrato

regolarmente secondo le disposizioni

del Diritto nella Casa di Vossenack, sotto la

presidenza del Visitatore Generale GROß

FR. CLAUDIUS, nel giorno 14 del mese di

aprile dell’anno 2004 sono stati eletti:

Ministro provinciale:

BARDEN FR. FRANZ LEO

Vicario provinciale:

SCHORR FR. PETER

Definitori provinciali:

SCHNEIDER FR. HERBERT

SCHUMACHER FR. ALFONS

NEITZERT FR. JÜRGEN

MAURITZ FR. WOLFGANG

DERMUND FR. RAFAEL FRANZISKUS.

Il Definitorio generale ha ratificate le

elezioni il 19 maggio 2004.

Prot. 094300 /174

8. Capitulum Prov. S. Bernardini Senensis

in Italia

Nel Capitolo della nostra Provincia di

Abruzzo S. Bernardino da Siena, in Italia,

celebrato regolarmente secondo le disposizioni

del Diritto nella Casa di Santa Maria

del Paradiso, in Tocco Casauria (Pescara),

sotto la presidenza del Visitatore Generale

PICHIERRI FR. DANIELE, nel giorno 20 del

mese di aprile dell’anno 2004, sono stati

eletti:

Ministro provinciale:

DI VIRGILIO FR. VIRGILIO

Vicario provinciale:

FEDERICI FR. MARCO

Definitori provinciali:

D’ORSONA FR. CAMILLO

D’EUGENIO FR. SETTIMIO

SERPETTI FR. CARMINE

SIMONETTI FR. NANDO.

Il Definitorio generale ha ratificato le

elezioni il 19 maggio 2004.

Prot. 094320 /181

9. Capitulum Prov. Thuringiae S. Elisabeth

in Gemania

Nel Capitolo della nostra Provincia Thuringiae

S. Elisabeth, in Germania, celebrato

regolarmente secondo le disposizioni del

Diritto nella Casa di Hofheim, sotto la presidenza

del Visitatore Generale SCHORR FR.

PETER, il giorno 21 del mese di aprile dell’anno

2004, sono stati eletti:

Ministro provinciale:

SCHIEGEL FR. HELMUT

Vicario provinciale:

KOCH FR. HADRIAN

Definitori provinciali:

BOHL FR. CORNELIUS

MAYER FR. WOLFGANG

HEINZE FR. MARKUS

BLASEK FR. MICHAEL

LALBACH FR. MARKUS.

Il Definitorio generale ha ratificato le lezioni

il 19 maggio 2004.

Prot. 094319/180

10. Custodis Terrae Sanctae electio

Dilecto Nobis

PIZZABALLA FR. PIERBATTISTA, OFM.

Hisce meis Litteris te certiorem facio

Definitorium Generale, in Congressu diei

26 mensis Martii anni 2004 legitimo celebrato,

omnibus rite de iure peractis, te in

Custodem Terrae Sanctae seu Guardianum

Montis Sion, elegisse, ad normam Constitutionum

Generalium Ordinis (art. 123 §2).

Confirmatione Sacrae Congregationis

pro Ecclesiis Orientalibus per Litteras diei

15 mensis Maii anni 2004 obtenta, TE, de

cuius idoneitate, religionis zelo, doctrina atque

rerum gerendarum dexteritate pluri-


232 AN. CXXIII – MAII-AUGUSTI 2004 – FASC. II

mum in Domino confidimus, harum Litterarum

vigore,

TOTIUS TERRAE SANCTAE CUSTODEM

SEU GUARDIANUM MONTIS SION

instituimus, nominanus et declaramus,

sicque institutum, nominatum et declaratum

ab omnibus haberi volumus et mandamus.

Simulque te in possessionem ad

normam Constitutionum et Statutorum Generalium

necnon Statutorum peculiarium,

legitime immissum declaro, servatis de iure

servandis, mandans praeterea omnibus et

singulis qui Terrae Sanctae loca vel alias

Orientis partes tuae iurisdictioni quomolibet

subiectas incolunt vel ad eas pervenerint,

ut te tamquam legitimum Custodem

seu Guardianum humane recipiant et recognoscant

tibique oboediant in omnibus,

quae non sint contra animam propriam et

Regulam nostram, praecipue iuxta mandata

Sedis Apostolicae.

Datum Romae, ex Aedibus Curiae Generalis

Ordinis, die 27 mensis Maii anni 2004.

FR. JOSÉ RODRÍGUEZ CARBALLO OFM

Minister Generalis

FR. SANDRO OVEREND RIGILLO OFM

Secretarius Generalis

Prot. 094504

11. Capitulum Prov. S. Crucis in Slovenia

In Capitulo Minoriticae nostrae Provinciae

S. Crucis in Slovenia, in Domo Annuntiationis

BVM civitatis v.d. Ljubljana, rite

et canonice celebrato, praesidente in eo

STULIC FR. ANSELMO, Visitatore Generali,

Provinciae Dalmatiae S. Hieronymi in

Croatia alumno, diebus 26-28 mensis Aprilis

anni 2004 electi sunt:

Ministrum Provinciae:

PAPEZ FR. VICTOR

Vicarium Provinciae:

CUDEN FR. MARJAN

Definitores Provinciae:

JAKOP FR. ZDRAVKO

ZVOKELJ FR. NIKO

JAKOP FR. PAVLE

ZORE FR. STAME

OSREDKAR FR. MARI.

Hae electiones ratifcatae sunt a Definitorio

generali die 27 mensis Maii anni 2004.

Prot. 094380/218

12. Cust. Ss. Nominis Iesu in Peruvia electiones

En la sesión definitorial de nuestra Provincia

de los XII Apóstoles del Perú, celebrada

en el convento S. Francisco de Jesús

en Lima, el día 11 de Octubre del 2003, bajo

la presidencia de RODRÍGUEZ FR. ANSELMO,

Ministro provincial, fueron elegidos regularmente

para la Custodia del Santo Nombre

de Jesús en Perú:

para el oficio de Custodio

PUSNA GUERRERO FR. SALOMÓN

para el oficio de consejeros de la Custodia:

BUSCEMI FR. ESTEBAN

OJEDA FR. NICOLÁS

CASTILLO FR. SANTIAGO

CHINCHAY FR. ISIDRO.

El Definitorio General en su sesión del

30 de marzo del 2004, ha examinado atentamente

las Actas, y ha reelegido a los candidatos,

debido a que la comunicación de

tal elección fue enviada más allá del tiempo

límite prescrito por los Estatutos Generales

de la Orden.

Nosotros, por tanto, en virtud del presente

Documento, declaramos válida esta

elección y la confirmamos como efectiva

conforme a lo prescrito en los Estatutos Generales

de la Orden en el art. 175.

Curia General de la Orden de Hermanos Menores,

Roma, 15 de junio del 2004


E SECRETARIA GENERALI

233

FR. JOSÉ RODRÍGUEZ CARBALLO, ofm

Ministro general

FR. SANDRO OVEREND RIGILLO, OFM

Secretario general

Prot. 094164/121

13. Capitulum Prov. Venetae S. Antonii

Patavini in Italia

Nel Capitolo della nostra Provincia Veneta

S. Antonii Patavini, in Italia, celebrato

regolarmente nei giorni 14, 15 e 16 del mese

di aprile dell’anno 2004, nella Casa “Madonna

di Barbana”, a Grado (GO), secondo

le disposizioni del Diritto sotto la presidenza

di PATTON FR. FRANCESCO, Visitatore generale,

membro della Provincia Tridentina

di “S. Vigilio”, in Italia, sono stati eletti:

Ministro provinciale:

MIELE FR. BRUNO

Vicario provinciale:

BELLÈ FR. VITTORIO

Definitori della Provincia:

GIRALDO FR. ROBERTO

VENARUZZO FR. LORIS

CAVALLI FR. GIAMPAOLO

RANIERO FR. LORENZO

SCABIO FR. ANTONIO.

Il Definitorio generale ha ratificato le

elezioni il 15 giugno 2004.

Prot. 094493 /244

14. Capitulum Prov. Valentiae et Aragoniae

S. Ioseph in Hispania

El día 14 del mes de Mayo del año 2004

en el Capítulo Provincial de nuestra Provincia

de San José Esposo de la BMV de Valencia

, Aragón y Baleares en España, celebrado

regularmente según las disposiciones

del Derecho en Monasterio “de Santo Espíritu

del monte” a Gilet in España, bajo la

presidencia de MARTÍNEZ FRESNEDA FR.

FRANCISCO, Visitador General, miembro de

la Provincia Franciscana de Cartagena, en

España, resultaron elegidos:

para el Oficio de Ministro provincial:

JORDÁ TOMÁS FR. JOSÉ ANTONIO

para el Oficio de Vicario provincial:

COLL STEVE FR. JOSÉ LUIS

y para el Oficio de Definidores de la Provincia:

HUESO IRANZO FR. FERNANDO

LAVILLA MARTÍN FR. MIGUEL ÁNGEL

DOMÍNGUEZ FERRER FR. RAIMUNDO

PELLICER MARCO FR. JAIME

LÓPEZ TALAVERA FR. SEBASTIÁN .

El Definitorio general, en la Sesión ordinaria

celebrada el 15 de junio 2004, tras un

minucioso examen de las Actas aprobó dicha

Elección.

Prot. 094472/241

15. Capitulum Fund. Franciscanae in

Guinea Bissau

El día 10 de junio de 2004 en el Capitulo

electivo de Nuestra Fundación Misionera

Franciscana Portuguesa de Guinea Bissau,

celebrado regularmente de acuerdo con

las disposiciones del Derecho, en la Casa de

Bissau, bajo la presidencia de PEREIRA LA-

MELAS FR. ISIDRO, Ministro Provincial de la

Provincia de los Santos Mártires Marroquíes

de Portugal, fueron elegidos regularmente

como:

Presidente:

DIAS VICENTE FR. JOÃO

Consejeros de la Federación:

DUARTE RODRÍGUEZ FR. PAULO MAUIRICIO

CARREIRA MARCELINO DAS NEVES FR.

ARTUR

El Definitorio General, en la Sesión definitorial

del 12 de julio de 2004, ha examinado

atentamente las Actas y aprobado esta

Elección.

Prot. 094598/021


234 AN. CXXIII – MAII-AUGUSTI 2004 – FASC. II

16. Capitulum Vic.-Prov. S. Familiae in

Aegypto

Nel Capitolo della Nostra Vice-Provincia

“S. Familiae”, in Egitto celebrato regolarmente

il 5 giugno 2004, secondo le disposizioni

del Diritto, nella Casa “S. Stefano”,

in Maadi-Cairo, sotto la presidenza di

MARINI FR. GIOVANNI, Visitatore Generale,

membro della Provincia Serafica “S. Francisci

Assis.”, in Italia, sono stati eletti:

per l’Ufficio di Ministro provinciale:

AMIN FR. JOSEPH

per l’Ufficio di Vicario provinciale:

WILLIAMFR. KAMAL

per l’Ufficio di Definitori della Provincia:

SHEHATA FR. YACOUB

MALITH FR. JAL

LABIB FR. KAMAL

GIODAH FR. BISHARA

Il Definitorio generale ha ratificato queste

elezioni il 12 luglio 2004.

Prot. 094619/103

17. Capitulum Prov. Salernitano-Lucana

Immacultae Conceptionis BMV in

Italia

Nel Capitolo della nostra Provincia Salernitano-Lucana

della “Immac. Conc.

BVM”, in Italia, celebrato regolarmente nei

giorni 23, 26 , 28 e 29 del mese di giugno

dell’anno 2004, secondo le disposizioni del

Diritto, nella Casa “SS. Trinità”, in Baronissi,

sotto la presidenza di TRUPIA FR. FER-

NANDO, Visitatore Generale, membro della

Provincia “SS. Nominis Iesu”, in Italia, sono

stati eletti:

per l’Ufficio di Ministro provinciale:

DI FRANCO FR. MANLIO

per l’Ufficio di Vicario provinciale:

D’ANGELO FR. GIACINTO

per l’Ufficio di Definitori della Provincia:

STANZIONE FR. CIRO

DEL PEZZO FR. PASQUALE

BOCHICCHIO FR. EMANUELE

IANDIORIO FR. GIUSEPPE

BUFANO FR. RAFFAELE NICOLA.

Il Definitorio generale ha ratificato tali

elezioni il 12 luglio 2004.

Prot. 094630/295

18. Capitulum Prov. Immaculatae Conceptionis

BMV in S.F.A.S.

In the Provincial Chapter of the Province

of “the Immaculate Conception” in the

USA, canonically celebrated at Tuck Inn

Friary, Catskill -New York-, under the presidency

of the General Visitator, BOLFETA

BR. RONALD, on the 24th June 2004 the following

friars were elected:

Vicar Provincial:

BOYLE FR. PATRICK

Definitors of the Province:

GINGERICH FR. CHARLES

LORENZO FR. JOSEPH

PAONESSA FR. RALPH

GOODE FR. JAMES

NARDOIANNI FR. ANTONIO.

The General Definitorium in its session

of the 22nd July 2004 attentively examined

these elections and approved them.

Prot. 094714/332

19. Consilii Cust. “The Holy Family” in

S.F.A.S. et Canada electio

In the Definitorial congress of the Province

of “the Assumptions BVM” in Herzegovina,

canonically celebrated at the Sts.

Peter and Paul Friary in Mostar, under the

presidency of the Provincial Minister, SOL-

DO BR. SLAVKO, on the 4th May 2004 the following

friars were elected for “the Holy Family”

Custody in the United States and Canada

:

Custos:

PULYIC FR. MARCO


E SECRETARIA GENERALI

235

Councillors:

GRBES FR. JOZO

PASALIC FR. NIKOLA

GALIC FR. JOSEPH

RUYECHAN FR. MATTHEW.

The General Definitorium in its session

of the 6th July 2004 attentively examined

these elections and approved them.

Prot. 094563/263

20. Capitulum Vic.-Prov. S. Felipe de Jesú

in Mexico

El día 17 del mes de junio del año 2004

en el Capítulo Provincial de Nuestra Viceprovincia

de “san Felipe de Jesús” en

México, celebrado regularmente según las

disposiciones del Derecho en la Fraternidad

de “San Pedro y San Pablo” en Cancún -

Quintana Roo- México, bajo la presidencia

de SOLÍS RODRÍGUEZ FR. DOMINGO, Visitador

General, miembro de la Provincia N.S.

de Guadalupe, en Centro América y Panamá,

resultaron elegidos:

para el Oficio de Ministro provincial:

VALDIVIA COVARRUBIAS FR. LORENZO

para el Oficio de Vicario provincial

BERNAL FERNÁNDEZ FR. ISRAEL

y para el Oficio de Definidores de la Provincia

MENESES LÓPEZ FR. ISMAEL

TRUJILLO NORIEGA FR. DANIEL

RAMÍREZ OLIVER FR. GONZALO FIDEL

HERNÁNDEZ URRUTIA FR. SERGIO

ÁVILA LUNA FR. JUAN.

El Definitorio General, en la Sesión ordinaria

celebrada el 22 de julio de 2004, tras

un minucioso examen de las Actas aprobó

dicha Elección.

Prot. 094690/318

21. Consilii Cust. “The Good Shepherd”

in Zimbawe electio

In the Custodial Chapter of the Custody

of “the Good Shepherd” in Zimbabwe, ca-

nonically celebrated at Zimbawe, under the

presidency of the Minister Provincial, TROY

BR. ULIC, on the 2nd June 2004 the following

friars were elected:

Custos:

MC CARTHY FR. LIAM

Councillors:

BARRET FR. EUGENE

O’KANE FR. STEPHEN

AYE FR. MAXWELL

POZDZIK FR. OSCAR.

The General Definitorium in its session

of the 22nd July 2004 attentively examined

these elections and approved them.

Prot. 094671

22. Capitulum Prov. Ss. Salvatoris in Slovachia

Nel Capitolo della nostra Provincia

“Sanctissimi Salvatoris” in Slovacchia, celebrato

regolarmente nei giorni 24-28 maggio

2004, secondo le disposizioni del Diritto,

nella Casa di Trnava, sotto la presidenza

di SIEKIERKA FR. ERNEST, Visitatore generale,

sono stati eletti:

per l’Ufficio di Ministro provinciale:

MIHÁLY FR. JURAJ

per l’Ufficio di Vicario provinciale:

ZÁN FR. PETER

per l’Ufficio di Definitori della Provincia:

OLBERT FR. FRANTISEK XAVERSK?

BANKOVIC FR. STEFAN

VANCO FR. GRACIÁN

RACEK FR. MATÚS

Il Definitorio generale ha ratificato queste

elezioni il 22 luglio 2004.

Prot. 094696/322

23. Capitulum Cust. Terrae Sanctae in Israel

Nel Congresso Capitolare della nostra

Minoritica Custodia di Terra Santa, celebra-


236 AN. CXXIII – MAII-AUGUSTI 2004 – FASC. II

to regolarmente secondo le disposizioni del

Diritto il 21 luglio 2004, e avendo ottenuto

dal Definitorio generale la dispensa dell’Art.

192§2 degli SS.GG. dell’Ordine, nella Casa

“Beit az-Ziyârah”, in Fuheis (Amman), sotto

la presidenza di OTTENBREIT FR. STEFANO,

Visitatore generale, sono stati eletti:

come Vicario custodiale:

VÍTORES FR. ARTEMIO

come Discreti:

SIMON FR. JOANNES

MACORA FR. ATHANASIUS

VASATURO FR. ARTURO

MISTRIH FR. RASHID

KRAJ FR. JERZY

MARQUEZ FR. NICOLÁS.

Prot. 094740

24. Capitulum Prov. S. Iacobi de Compostela

in Hispania

El día 8 del mes de julio del año 2004 en

el Capítulo Provincial de Nuestra Provincia

franciscana de “Santiago de Compostela”

en España, celebrado regularmente según

las disposiciones del Derecho en la Fraternidad

de “San Francisco” de Santiago, bajo

la presidencia de NÚÑEZ AZPILICUETA FR.

ONOFRE, Visitador General, miembro de la

Provincia de N.S. de Regla, en España, resultaron

elegidos:

para el Oficio de Ministro provincial:

GONZÁLEZ GONZÁLEZ FR. AMADO

para el Oficio de Vicario provincial:

GONZÁLEZ TUBÍO FR. ELADIO

y para el Oficio de Definidores de la Provincia:

PÉREZ VALDIVIESO FR. MIGUEL

FREIRE HERNANDO FR. ROBERTO

BUJÁN GARCÍA FR. JUAN

AMIGO VALLE FR. FRANCISCO.

El Definitorio General, en la Sesión ordinaria

celebrada el 22 de julio de 2004, tras

un minucioso examen de las Actas aprobó

dicha Elección.

Prot. 094727/364

25. Capitulum Intermedium Prov. “Assumptionis

BVM” in Bosna-Herzegovina

Nel Capitolo Intermedio della nostra

Provincia Minoritica “Assumptionis BVM”

in Bosnia- Erzegovina, celebrato regolarmente

il 16 giugno 2004, secondo le disposizioni

del diritto, nella Casa di Humac, in

Humac, sotto la presidenza di SOLDO FR.

SLAVKO, Ministro Provinciale, sono stati

eletti,

come Definitori della Provincia

MUSA FR. BRANIMIR

LONCAR FR. MILAN

STEKO FR. MILJENKO

VUKSIC FR. MLADEN

VUKOJA FR. VALENTIN.

Il Definitorio generale ha ratificate queste

elezioni il 12 luglio 2004.

Prot. 094657/307

26. Capitulum Intermedium Prov. Neapolitanae

Ss. Cordis Iesu in Italia

Nel Capitolo Intermedio della nostra

Provincia Minoritica napoletana del “Ss.

Cuore di Gesù” in Italia, celebrato regolarmente

il 23 giugno 2004, secondo le disposizioni

del diritto, nella Casa di S. Maria

Immacolata “La Palma”, a Napoli, sotto la

presidenza di ORTAGLIO FR. LUIGI, Ministro

Provinciale, sono stati eletti:

come Definitori della Provincia:

ASCIONE FR. GIORGIO

PAGNOZZI FR. TARCISIO

AMMIRATI FR. NUNZIO

REALE FR. GIUSEPPE.

Il Definitorio generale ha ratificato queste

elezioni il 12 luglio 2004.

Prot. 094632/301

27. Capitulum Intermedium Prov. Ss.

Septem Martyrum in Italia

Nel Capitolo Intermedio della nostra Minoritica

Provincia dei “Ss. Septem Martyrum”

in Italia, celebrato regolarmente il 24

giugno 2004, secondo le disposizioni del


E SECRETARIA GENERALI

237

diritto, nella Casa di “S. Maria delle Grazie”,

a Mesoraca, sotto la presidenza di

Martella Fr. Antonio, Ministro Provinciale,

sono stati eletti:

come Definitori della Provincia:

CLEMENZA FR. EUGENIO

SCANDINARO FR. GIUSEPPE

RIZZO FR. ANTONIO NILO M.

SACCO FR. ANTONIO.

Il Definitorio generale ha ratificato queste

elezioni il 12 luglio 2004.

Prot. 094622/290

28. Visitatores generales

– MARTÍNEZ FRESNEDA FR. FRANCISCO,

Prov. Carthaginensis, Spagna, pro Prov.

Valentiae et Aragoniae S. Ioseph, Spagna:

16.03.2004 ; prot. n. 094175/123.

– BRAVI FR. FRANCESCO, Definitor generalis,

pro Frat. Collegii Internationalis S.

Antonii Patavini, Roma/Italia, dep. a Ministro

generali: 21.05.2004; prot. n.

094455/228.

– FRANJIC FR. ANTONIO, Vicarius generalis,

pro Frat. Collegii Poenitentiarii Basilicae

S. Ioannis in Laterano, Città del Vaticano,

dep. a Ministro Generali: 21.05.2004;

prot. 094457/230.

– NGUYEN VAN SI FR. AMBROGIO, Definitor

Generalis, pro Frat. Collegii Internationalis

S. Bonaventurae, Grottaferrata/Italia,

dep. a Ministro Generali: 21.05.2004;

prot. n. 094456/229.

– CARVAJAL FR. RODRIGO, Prov. S. Fidei,

Colombia, pro Prov. S. Pauli Apostoli, Colombia:

22.05.2004; prot. 094223/141.

– FAVRETTO FR. MARIO, Prov. Veneta S. Antonii

Patavini, Italia, pro Prov. Seraphica

S. Francisci Assisiensis, Italia:

24.05.2004; prot. n. 094249/134.

– MAIOLO FR. GIUSEPPE, Prov. Ss. Septem

Martyrum, Italia, pro Prov. Assumptionis

BMV, Italia: 24.05,2004; prot. n.

094056/074.

– FUSARELLI FR. MASSIMO, Secretarius Generalis

pro Formationis et Studiis, pro

Frat. Collegii Internationalis “Ven. Gabriele

Allegra”, Roma/Italia: 30.05.2004;

prot. n. 094503.

– MALATESTA FR. LORENZO, Prov. Neapolitanae

Ss. Cordis Iesu, Italia, pro Prov. Siciliae

Ss. Nominis Iesu, Italia: 09.07.2004;

prot. n. 094343/196.

– KUROWSKI FR. BLAZEJ, Prov. S. Hedvigis,

Polonia, pro Prov. S. Mariae Angelorum,

Polonia, 12.07.2004; prot. n. 094260/138.

– KUNGYS FR. ASTIJUS, Vic.-Prov. S. Casimiri,

Lituania, pro Fund. S. Francisci,

Russia/Kazakistan: 12.07.2004; prot.

094375/068.

– MIHÁL FR. BÖJTE, Prov. Transilvaniae S.

Stefani Regis, Romania, pro Prov. S. Mariae,

Ungheria: 12.07.2004; prot. n.

094629/294.

– ZEGLIN FR. DYMITIR, Prov. Assumptionis

BMV, Polonia, pro Immaculatae Conceptionis

BMV, Polonia: 12.07.2004; prot.

094160/117.

– GÓMEZ FR. EULALIO, Prov. Ss. Petri et

Pauli, Messico, pro Prov. Ss. Francisci et

Iacobi Jalisco, Messico: 18.07.2004; prot.

n. 094336/188.

– VÍTORES FR. ARTEMIO, Cust. Terrae Sanctae,

pro Pontificio Athenaeo “Antonianum”,

Roma/Italia: 18.07.2004; prot. n.

094509172/172.

– VASILJ FR. JOZO, Prov. Assimptionis

BMV, Bosnia/Erezegovina, pro Prov. Ss.

Cyrilli et Methodii, Croazia: 19.07.2004;

prot. n. 094553/275.

– PEREIRA DAS NEVES Fr. Jose, Prov. ss.

Martyrum Marochiensium, Portogallo,

pro Frat. Curiae Generalis: 25.07.2004;

prot. 094772/350.

29. Domus suppressae

– “St. Anthony’s Seminary”, Santa Barbara,

California, USA: 09.07.2004; prot. n.

094555/267.


238 AN. CXXIII – MAII-AUGUSTI 2004 – FASC. II

– “Old Mission St. Antonio Friary”m Jolon,

California, USA: 09.07.2004; prot. n.

094555/267.

– “St. Anthony’s Friary, San Francisco, California,

USA; 09.07.2004; prot. n.

094555/267.

– “Gameinschaft der Franziskaner”, Buschkampstraße

32, Herne, Germania:

27.’7.2004; prot. n. 094735/346.

– “Our Lady of Monut Carmel Friary”, East

Boston, Massachusetts, USA:

27.07.2004; prot. n. 094712/334.

– “St. Ann’s Friary”, Malboro, Massachusetts,

USA: 27.07.2004; prot. n.

094712/334.

– Kolleg Leopoldinum/Schülerhort, Hall in

Tirol, Austria: 30.07.2004; prot.

094720/327.

30. Notitiae particulares

1. Formulae Professionis approbatio

CONGREGATIO DE CULTU DIVINO

ET DISCIPLINA SACRAMENTORUM

Prot. n. 1010/99/L

FAMILIARUM FRANCISCALIUM

(OFM, OFMConv., OFMCap., TOR)

Instantibus Reverendissimis Patribus

Ioanne Corriveau, Ministro Generali OFM-

Cap., Iacobo Bini, Ministro Generali OFM,

Augustino Gardin, Ministro Generali OFM-

Conv., Bonaventura Midili, Ministro Generali

TOR, litteris die 16 aprilis 1999 datis, vigore

facultatum huic Congregationi a Summo

Pontifice Ioanne Paulo II tributarum, textum

italicum Proprii Ordinis Romani-Seraphici

Professionis Religiosae pro Familiis Franciscalibus,

prout exstat in exemplari ad nos

misso, correctis tamen corrigendis in adiectis

foliis definitis, perlibenter probamus seu

confìrmamus.

In textu imprimendo mentio fiat de approbatione

seu confirmatione ab Apostolica Sede

concessa.

Eiusdem insuper textus impressi duo

exemplaria ad hanc Congregationem transmittantur.

Contrariis quibuslibet minime obstantibus.

Ex asdibus Congregationis de Cultu Divino et

Disciplina Sacramentorum, die 29 martii 2000.

+ GEORGIUS A. CARD. MEDINA ESTÉVEZ

Praefectus

+ FRANCISCUS PIUS TAMBURRINO

Archiepiscopus

a Secretis

[in Rito Romano-serafico della Professione religiosa,

Editrici Francescane, 2001, p. 5]

2. Statutorum Generalium OFM promulgatio

CURIA GENERALIS

ORDINIS FRATRUM MINORUM

DECRETUM

Legislatio Ordinis, quin verbum faciamus

de Regula bullata, quatenus eiusdem

fundamentum, actu iam duas collectiones

iuridicas distinctas prae se fert (cf CIC

587), nempe Constitutiones generales, quae

una cum Regula codicem fundamentalem

nostrae legislationis constituunt, et Statuta

generalia, quae ceteras normas colligunt,

uti ipsarum Constitutionum generalium

complementum.

Equidem Statuta generalia, a Capitulo

generali an. 2003 Assisii celebrato, haud

paucis emendationibus et addictionibus introductis,

rite approbata fuerunt.

Necessaria revisione peracta, deque consensu

Definitorii generalis, facultatibus nobis

ex officio competentibus utentes, praesentis

decreti vigore

STATUTA GENERALIA

promulgamus et promulgata declaramus

Edicimus vero ac iubemus ut praescripta

universa, quae in his Statutis continentur,


E SECRETARIA GENERALI

239

vim legis pro toto Ordine sortiantur a die 8

Decembris 2004.

Maria, Mater misericordiae atque pauperum

advocata, quae Portiunculae pro famulo

suo atque Patre nostro Francisco impetravit

“ut ipse spiritum veritatis evangelicae

conciperet ac pareret” (S.Bonav., Legenda

Maior, III, 1), renovatam voluntatem Ordinis

fideliter in eodem spiritu perseverandi

corroboret, nosque adiuvet ut in observatione

Sancti Evangelii proficiamus atque mundo,

Ecclesiae ac Regno ministremus.

Datum Romae, ex Aedibus Curiae generalis

Ordinis, die 8 Dececembris 2003.

FR. IOSEPH RODRÍGUEZ CARBALLO

Minister generalis

FR. ALEXANDER OVEREND RIGILLO

Secretarius generalis

Prot. N. 093968

3. Approvazione delle modifiche alle Costituzioni

generali OFM

CONGREGAZIONE

PER GLI ISTITUTI DI VITA CONSACRATA

E LE SOCIETÀ DI VITA APOSTOLICA

Prot. n. 61-1/2003

DECRETO

Vaticano, 31 ottobre 2003

Reverendo Padre,

è pervenuta la Sua del 9 ottobre u.s.

(Prot. n. 093694) con la quale ha sottoposto

all’approvazione di questo Dicastero la richiesta

di modifica degli artt. nn. 1 §2; 168;

169 §1; 170 §2; 171 §1-2; 173; 174; 175 §2

delle Costituzioni Generali del Suo Ordine,

secondo il testo allegato.

Non avendo rinvenuto nella suddetta petizione

alcuna irregolarità e incompatibilità

con il diritto universale della Chiesa, questa

Congregazione per gli Istituti di vita consacrata

e le Società di vita apostolica, approva

e conferma le modifiche dei suddetti articoli

delle Costituzioni Generali.

Con l’occasione, mi è gradito salutarLa

cordialmente nel Signore.

EDUARDO CARD. MARTÍNEZ SOMALO

Prefetto

P. JESÚS TORRES, C.M.F.

Sottosegretario

4. Approvazione della Formula della Professione

religiosa secondo il testo latino

PER GLI ISTITUTI

DI VITA CONSACRATA

ELESOCIETÀ

DI VITA APOSTOLICA

Prot. n. M 64-1/97

DECRETO

Reverendo Padre,

Vaticano, 22 maggio 2004

è pervenuta la Sua del 25 u.s. (Prot. n.

094326) con la quale ha sottoposto all’approvazione

di questo Dicastero la richiesta

di modifica dell’art. 5 §2 delle Costituzioni

Generali del Suo Ordine secondo il testo latino

allegato.

Non avendo rinvenuto nella suddetta petizione

alcuna irregolarità e incompatibilità

con il diritto universale della Chiesa, questa

Congregazione per gli Istituti di vita consacrata

e le Società di vita apostolica approva

e conferma la modifica del suddetto articolo

delle Costituzioni Generali.

Nel contempo si prende atto delle traduzioni

in italiano, spagnolo e inglese del testo

della nuova Formula di professione di

cui al citato art. 5 §2.

Con l’occasione, mi è gradito salutarLa

cordialmente nel Signore.

+ FRANC RODÉ, C.M.

Prefetto

+ PIERGIORGIO SILVANO NESTI, C.P.

Segretario


240 AN. CXXIII – MAII-AUGUSTI 2004 – FASC. II

5. Immutationes Costitutionum Generalium

OFM promulgantur

CURIA GENERALIS

ORDINIS FRATRUM MINORUM

Prot. N. 094742

DECRETUM

Capitulum generale O.F.M., quod Assisii

anno 2003 celebratum est, aliquas immutationes

Constitutionibus generalibus attulit,

videlicet Articulis: 1 §2; 168; 169 §1;

170 §2; 171 §§1-2; 173; 174; 175 §2.

Congregatio pro Institutis vitae consecratae

et Societatibus vitae apostolicae, Litteris

diei 31 Octobris an. 2003, dictas approbavit

immutationes (Prot. n. 61-1/2003)

et, ad petitionem Ministri generalis, de consensu

sui Definitorii, novis Litteris diei 22

Maii anni 2004, approbavit etiam Art. 5 §2

(Prot. n. M 64-1/97), in quo invenitur Formula

professionis in lingua latina, ad verbum

translata ex lingua italica, a Congregationis

pro Cultu Divino et Disciplina Sacramentorum

approbata inde a die 29 Martii

anni 2000 (Prot. n. 1010/99/L).

Nos, itaque, obtento voto Definitorii generalis

in Congressu diei 5 mensis Iulii anni

2004, facultatibus nobis ex officio competentibus,

praesentis Decreti vigore, promulgamus

et promulgatos declaramus

sequentes emendatos Articulos Constitutionum

generalium, id est: 1 §2; 5 §2; 168; 169

§1; 170 §2; 171 §§1-2; 173; 174; 175 §2 et

iubemus ut praescripta eorumdem articulorum

vim obligandi sortiantur a die 8 Decembris

anni 2004.

IOSEPH RODRÍGUEZ CARBALLO

Minister generalis

ALEXANDER OVEREND RIGILLO

a Secretis Ordinis

Romae, die 15 Iulii 2004.

in Festo S. Bonaventurae.


E SECRETARIATU

PRO FORMATIONE ET STUDIIS

* Colloquio sul rinnovamento del PAA

1. Cronaca

Roma, PAA, 26-28.052004

Un Centro di studi universitari

e francescani oggi

Il Pontificio Ateneo Antonianum, Centro

di studi dell’Ordine dei Frati Minori, da diversi

anni è attivamente impegnato in un

processo di revisione delle proprie strutture

e di autovalutazione della vita accademica.

Lungo questo percorso è diventata più chiara

e accolta l’urgenza di ricercare e fissare

un progetto globale, che illumini l’identità

accademica, pontificia e francescana dell’Ateneo

e tracci le linee operative per una

presenza e un’azione più incisiva, rispondendo

alle attese della società e della Chiesa

in questo tempo di cambiamento.

Il Colloquio, tenutosi dal 26 al 28 maggio

2004 al PAA, è stato il punto di partenza

per l’elaborazione di questo progetto

globale. I tre giorni di studio hanno coinvolto

la Comunità accademica e il Governo

generale dell’Ordine, al quale il Capitolo

generale di Assisi 2003 ha espressamente

richiesto che «prosegua nell’impegno del

Governo precedente di migliorare la qualità

e l’amministrazione del PAA, offrendo per

questo gli aiuti necessari» (cfr. Il Signore ti

dia pace, Proposta n. 25).

L’apertura e il saluto sono stati affidati al

Ministro generale e Gran Cancelliere del

PAA, Fr. José Rodríguez Carballo e al Rettore

Magnifico del PAA Fr. Marco Nobile,

ofm. Nella prima giornata, che aveva per tema

L’istituzione universitaria oggi di fronte

alla società e alla Chiesa, sono state presentate

le seguente relazioni: «La Chiesa

che cosa chiede oggi ad un Centro pontificio

di studi universitari?» (Mons. Michael

Miller CSB, Segretario della Congregazione

dell’Educazione Cattolica); «Quale pro-

getto di Università Pontificia a Roma oggi»

(Don Michele Pellerey s.d.b., già Rettore

Magnifico nell’Università Pontificia Salesiana

in Roma); «L’educazione superiore

cattolica a Roma» (Prof. Marcel Chappin,

membro della FIUC); «Forme contemporanee

di governo e di amministrazione universitaria»

(Prof. Miguel A. Scotet, membro

del Foro UNESCO per l’Educazione

Superiore). In questa primo giorno la riflessione

ha permesso ai partecipanti di ascoltare

le grandi coordinate di un progetto accademico

in un Centro pontificio, tra tradizione

e necessario rinnovamento in un

tempo segnato da profonde trasformazioni.

La seconda giornata ha affrontato la tematica

L’Ordine dei Frati Minori e il suo

Centro di studi. Nel corso dei lavori sono

state esposte le seguenti relazioni: «L’Ordine

e il PAA: quali attese e quali speranze»

(Fr. José Rodríguez Carballo, Ministro generale

OFM e Gran Cancelliere del PAA);

«Essere Frati Minori e fare un lavoro intellettuale

oggi: quali vie possibili?» (Prof. P.

Jean Marie Sevrin, ofm, Professore di Teologia

presso l’Università Cattolica di Louvain-la-Neuve,

Belgio);«Un Centro di studi

francescani in dialogo con la società oggi»

(Prof. Francisco Martinez Fresneda, ofm,

Professore di Teologia presso l’Istituto Teologico

di Murcia, Spagna); «Il PAA chiamato

a contribuire all’unità di pensiero e di

spiritualità dell’Ordine (RS 122): quali prospettive

in un tempo di cambiamento» (Fr.

Massimo Fusarelli, ofm, Segretario generale

per la Formazione e gli Studi). In questo

giorno l’Ordine ha guardato al suo Centro

di studi, approfondendone la vocazione originaria,

il necessario collegamento con gli

Studi affiliati e con gli altri Centri di Studio

dell’Ordine, all’interno dell’integrale vocazione

dei Frati Minori.

Nell’ultima giornata il colloquio ha centrato

la sua attenzione sulla tematica Il PAA


242 AN. CXXIII – MAII-AUGUSTI 2004 – FASC. II

si interroga nella prospettiva del suo futuro

attraverso i seguenti apporti: «Il PAA nella

storia dell’Ordine: da dove viene? Quale

dialogo tra gli obiettivi originari e l’oggi?»

(Prof. P. Giuseppe Buffon, ofm, Professore

di Storia della Chiesa presso il PAA); «Lavoro

svolto dalla commissione per la ricerca

e prospettive per la interdisciplinarietà al

PAA» (Prof. P. Johannes B. Freyer, ofm,

Professore di Teologia presso il PAA);

«L’educazione superiore nel contesto della

globalizzazione e la società della conoscenza»

(Prof. Francisco Lopez Segrera, membro

del Foro UNESCO per l’Educazione

Superiore). In questo ultimo giorno si sono

messi a fuoco e l’origine del PAA nel suo

sviluppo storico, e gli ultimi apporti, oltre al

grande panorama dell’attuale cambio epocale

che esige un salto di qualità da ogni

Centro accademico di ricerca.

Nell’insieme il Colloquio ha ricevuto

una buona accoglienza e ha aiutato il Governo

generale dell’Ordine e la Comunità

accademica del P.A.A. a fissare i punti essenziali

per continuare nella qualificazione

del Centro di Studi dell’Ordine.

FR. MASSIMO FUSARELLI, OFM

2. Discorso del Ministro generale

Pontificio Ateneo Antonianum, 27 maggio 2004

L’ORDINE DEI FRATI MINORI

E IL PAA: ATTESE E SPERANZE

Cari Fratelli, Rettore Magnifico,

Decani, Professori, Studenti,

stimati Invitati e Partecipanti:

Il Signore vi dia pace!

Inizio il mio intervento con lo sguardo

rivolto al futuro, nello spirito con cui è stato

preparato questo colloquio. Abbiamo ricordato

i passi fatti per giungere a queste

giornate, passando attraverso il processo di

autovalutazione, ma sempre guardando in

avanti. Innanzitutto mi preme affermare

con convinzione che il PAA vuole diventare

ancora più capace di progettualità, cioè di

proiectum, di slancio in avanti, di futuro. Lo

volete voi, cari membri della comunità accademica,

lo vogliamo noi, membri del Governo

generale, lo vuole l’Ordine. Se riusciremo

a unire queste volontà sono sicuro che

raggiungeremo il nostro comune obbiettivo:

“Un Centro di studi universitari e francescani

oggi”.

Questo movimento verso il futuro richiede

libertà e motivazioni forti. Esige sapienza,

per saper discernere; sguardo profetico,

per “leggere” il presente così da aprirlo

al futuro. In questo senso vorrei

appropriarmi delle parole di Giovanni Paolo

II per invitare tutti, a partire da me stesso,

a vivere questo momento, che sento di grazia,

«non solo come memoria del passato,

ma come profezia dell’avvenire» (NMI 3).

Mi sembra che un’istituzione culturale e

universitaria, come quella del nostro Antonianum,

può attingere libertà e motivazioni

dalle sorgenti stesse dello spirito, capace di

autoriflessione. È da questa fonte che si offre

la possibilità dello studio, che non è solo

un’attività tesa ad aumentare le nostre conoscenze,

né una ripetizione passiva di ciò

che è già acquisito. A questa visione razionalista

opponiamo il senso profondo della

mens e dello spiritus: lo studio è uno spazio

complesso e profondo, nel quale la persona,

dotata di volontà e di libertà, accoglie, conosce

e incontra la realtà del mondo e dei

suoi simili nella sua continua trasformazione.

Illuminati dalla Rivelazione, riconosciamo

questo spazio profondo della persona

come la stessa «dimora permanente» di Dio

(cfr. Rnb XXI, 27). Per questi motivi, «lo

studio come “espressione del mai appagato

desiderio di conoscere sempre più a fondo

Dio, abisso di luce e fonte di ogni umana

verità” (VC 98), è fondamentale…» (Ratio

Studiorum, 3). È alla luce della fede e della

ragione che riconosciamo la dimensione di

libertà e di creatività dello studio, per questo

capace di futuro. Se coltivato assiduamente

e con la forza dell’amore e del pensiero,

esso non permette di ripiegarsi su di

sé e su piccoli interessi. Promuove la grandezza

propria dell’uomo, chiamato a coltivare

e custodire il giardino del mondo, per

realizzare le sue immense possibilità.


E SECRETARIATU PRO FORMATIONE ET STUDIIS

243

La prima attesa e speranza:

diventare capaci di futuro

Mi aspetto che il PAA – come gli altri

Centri di Studio del nostro Ordine – ci aiuti

a diventare sempre più creativamente capaci

di futuro. Ciò avverrà se coltiveremo lo

studio come capacità di elaborare la nostra

grande tradizione a contatto con il cambiamento

di epoca in cui siamo immersi, per

scrivere pagine nuove della nostra visione

del mondo, dell’uomo, di Dio, del creato. È

ancora la Ratio Studiorum a suggerirci: «La

tradizione francescana ha cercato sempre il

dialogo tra fede e ragione, tra santità e dottrina.

Ponendosi in continuità con essa, il

frate minore cerca di elaborare, mediante lo

studio, metodi e modelli per un dialogo critico

con la cultura odierna e per proporre

una risposta umana, cristiana e francescana

alle sfide che ci vengono da detta cultura»

(RS 16).

Ritengo urgente che il PAA, mediante

un’intensa attività di ricerca, di docenza e di

pubblicazione, accompagni il cammino dell’Ordine

ad assumere «progressivamente

l’habitus intellettuale e sapienziale che,

grazie all’assimilazione delle conoscenze,

crea la capacità di saper ordinare la propria

vita attorno ai valori del carisma francescano»

(RS 99; cfr. 100). Inserito in una viva

relazione con la società e il mondo, l’Ordine

ha grande necessità di ritrovare la capacità

di concentrarsi sull’essenziale, capacità

che potrà sicuramente essere promossa e

alimentata dallo studio, anche con il contributo

del Pontificio Ateneo Antonianum.

Siamo senz’altro chiamati a centrarci

sull’essenziale, per rivitalizzare la nostra

vocazione e missione. Il recente Capitolo

generale ci ha ricordato che la vocazione

evangelizzatrice definisce la nostra stessa

identità. Credo fortemente che la missione

di un’istituzione accademica pontificia sia

di evangelizzazione, soprattutto «per mezzo

dell’intelligenza della Rivelazione. In tal

modo si può continuare a perseguire quella

“sintesi vitale” delle verità rivelate e dei valori

umani che è costitutiva della “sapienza

cristiana” (Cost. ap. Sapientia christiana,

Proemio I). Di essa oggi il mondo ha tanto

bisogno, come ha recentemente affermato

Giovanni Paolo II nel corso dell’Udienza

concessa ai membri della Congregazione

per l’Educazione Cattolica.

Di questa missione fa parte l’attenzione

ai “segni dei tempi”, come ci ha detto ancora

il Capitolo generale 2003. Soprattutto a

quei segni a cui l’uomo contemporaneo è

molto attento: la tutela della dignità della

persona, la difesa dei deboli e degli emarginati,

il rispetto della natura, il rifiuto della

violenza, la solidarietà mondiale, la giustizia

e la pace ecc. Alla luce di Sapientia

christiana, e nel nostro caso alla luce dei

valori francescani, le Istituzioni accademiche

della Chiesa, il nostro PAA, sono chiamate

a coltivare questa sensibilità e ad aprire

così prospettive nuove sul futuro dell’uomo

e del mondo. Un’istituzione come il

PAA non può quindi chiudersi in se stessa,

ma deve cercare collegamenti e scambi con

tutto ciò che è umano, coltivando per questo

l’«audacia della ragione», illuminata

dalla fede e riscaldata dall’amore. In particolare

credo che siamo chiamati a dare un

contributo decisivo di pensiero e di ricerca

nel campo della promozione di una cultura

di pace, in conformità con la nostra originaria

vocazione di essere profeti di riconciliazione

e di pace.

La seconda attesa e speranza:

la ricerca della Verità

Per un percorso tanto complesso abbiamo

bisogno in primo luogo di riappropriarci

della passione per la verità, nella tipica

prospettiva francescana della sapienza, che

conduce a lasciarsi possedere dalla Verità,

conoscendola attraverso l’amore e la pratica

del bene (cfr. RS 13,15). Mi chiedo se la

fatica che oggi l’Ordine conosce – nel contesto

più ampio della cultura odierna e del

panorama ecclesiale e della Vita consacrata

– non sia anche la conseguenza dell’affievolimento

di questa passione e di questa ricerca

della Verità. Ci accontentiamo di piccoli

traguardi, sembriamo incapaci di uno

slancio più coraggioso, ci rassegniamo al

relativismo che tutto appiattisce e svuota. Il

male di vivere si trasforma nella rinuncia a


244 AN. CXXIII – MAII-AUGUSTI 2004 – FASC. II

vivere pienamente, o nella ricerca a tutti i

costi di appagamenti immediati. L’Ordine

deve ricuperare la passione per la verità, la

passione per lo studio inteso come «itinerario

e via per essere illuminati da Dio nella

mente e nel cuore e per poter essere così testimoni,

annunciatori e servitori della Verità

e del Bene con grande umiltà» (RS 13).

Questo chiedo a tutti i frati. Questo chiedo

anche a voi, membri della comunità accademica

del PAA.

Ma di quale ricerca della Verità parliamo?

Secondo il pensiero del B. Giovanni

Duns Scoto «nel cammino del genere umano

la conoscenza della verità è sempre in

crescita» (RS 101). Questa ricerca ci abilita

ad un pensiero interrogante, critico, colmo

di riverente rispetto e interesse per la complessità

del reale, aperto al campo dello sviluppo

tecnologico e scientifico, da sostenere

con l’anima dello spirito umano. Ci rinnoveremo?

Troveremo cioè le vie per

rendere credibile il nostro carisma e capace

di incidere nell’oggi? Possiamo fermarci a

richiamare i cardini e i luoghi tipici della

nostra tradizione spirituale e culturale senza

la passione di incrociarla con la cultura e le

domande di oggi?

Questa ricerca mai appagata della Verità

comporta per un’istituzione accademica,

qual è la nostra, la necessità di chiarire la visione

dell’uomo e del creato alla quale si

ispira, in dialogo e nel confronto con l’attuale

frammentazione di saperi e di conoscenze.

Secondo la tradizione francescana

ci interessa l’uomo concreto, nelle sue possibilità

e risorse, con i suoi limiti e ombre.

Per questo l’attenzione alla visione dell’uomo

deve tradursi in sapiente progetto pedagogico,

che accompagni la vita e lo studio

di quanti si formano tra queste mura. Certamente

il progetto accademico, che andremo

ad elaborare insieme, deve tener conto di

questa basilare esigenza di formare secondo

una visione complessiva dell’uomo.

Questa ricerca della verità si esprime per

noi in modo particolare nello studio attento

e aperto della nostra tradizione francescana,

rivisitata nelle sue diverse espressioni (storica,

filosofica, teologica, spirituale, artistica…)

(cfr. RS 121a). Studio critico e fondato,

basato sulla capacità affinata di leggere,

interpretare e attualizzare le fonti della nostra

tradizione, coltivando le lingue antiche

e la capacità filologica. Solo da una lettura

critica di questa complessa e variegata tradizione

troveremo energie nuove per scriverne

pagine nuove. All’interno del PAA le

istituzioni che curano in modo specifico gli

studi francescani e di spiritualità vanno

dunque potenziati, non dimenticando il legame

vitale con la Commissione Scontista

e con il Collegio S. Bonaventura di Quaracchi.

In queste sedi collaboriamo con i laici,

e questo legame va continuato e approfondito

con gli altri membri della Famiglia

francescana particolarmente con i Frati

Cappuccini: ci aspettiamo tutti che cresca la

capacità di lavorare insieme, non smarrendo

l’utopia di vedere nel futuro un centro

accademico comune alla Famiglia francescana,

nel rispetto delle nostre diversità e

nella convinzione dell’unità del nostro carisma.

In questo contesto mi sembra importante

promuovere e alimentare la collaborazione

fattiva tra il PAA e l’Ordine attraverso la

Curia generale, in vista di un sostegno per

l’approfondimento di temi più attuali per la

nostra vita francescana in questo tempo. In

particolare rientra in questa aspettativa la

creazione presso il PAA della sezione psicopedagogica

inserita nella Facoltà di Filosofia

per la Formazione dei Formatori, secondo

l’esplicita richiesta del nostro ultimo Capitolo

generale di Assisi 2003 e approvata

recentemente dal Senato Accademico.

La terza attesa e speranza:

interscambio con i Centri affiliati

Ritengo essenziale favorire la crescita

del rapporto di scambio reciproco con i

Centri di Studio OFM e della Famiglia francescana.

Qui mi sembra che si debba riflettere

sulla politica delle affiliazioni, da non

ridurre ad adempimenti burocratici ma da

sviluppare nella direzione di uno scambio

di docenti, di studenti e di ricerca. Alcuni di

questi scambi sono già una realtà: è necessario

che si approfondiscano ed esprimano

una più alta capacità di collaborazione nel-


E SECRETARIATU PRO FORMATIONE ET STUDIIS

245

la ricerca e nella docenza, nell’uso delle

nuove tecnologie della comunicazione, come

già si è lodevolmente iniziato a fare, nell’attenzione

ai nuovi ambiti di ricerca che la

storia di oggi in profonda trasformazione

apre davanti a noi (cfr. RS 122-123).

Un posto particolare, in questo rapporto

di collaborazione, è riservato a quello che

non è un Centro affiliato, ma la IV Facoltà

del PAA: lo Studio Biblico Francescano

della Flagellazione a Gerusalemme. Ci

aspettiamo che la Facoltà gerosolimitana

cresca e si consolidi, per diventare sempre

di più un punto di riferimento per tutto l’Ordine,

a servizio della Chiesa e del mondo.

Perché tutto questo possa attuarsi nel

tempo che è davanti a noi, esprimo un’altra

attesa e speranza, da parte mia e dell’Ordine:

che il PAA diventi Centro di studi, di ricerca

e di docenza anche in quanto formato

da una comunità accademica stabile di Frati

Minori. Sono pienamente convinto che è

necessario e vitale per il futuro mostrare,

proprio nell’essere Frati Minori che si riconoscono

nel vivere il Vangelo, l’impegno

per la vocazione culturale e la missione di

cercare la Verità. L’Ordine ha grande bisogno

della testimonianza di una Fraternità in

cui si cerchi insieme la Verità, restandone

perennemente affascinati. Questa Fraternità

la pensiamo aperta alla collaborazione con

l’Ordine e con tutte le sue Entità e istituzioni,

divenendo così esempio per gli studenti,

per la Fraternità, per le Entità dell’Ordine,

per la Famiglia francescana e per i laici.

Conclusione

Non potevo né volevo dire tutto! Ho desiderato

e cercato di manifestarvi alcune attese

e speranze, mie e dell’Ordine, e che

riassumo in alcuni sogni che vorrei vedere

convertiti in realtà al più presto possibile.

1. Sogno un PAA che in futuro cresca

quantitativamente, soprattutto in qualità

nella ricerca, nell’insegnamento e nell’accompagnamento

degli studenti.

2. Sogno un PAA formato da una vera e

reale comunione/fraternità tra professori

e tra questi e gli studenti, tutti uniti dalla

stessa passione per la ricerca e la trasmissione

della sapienza e della grande

tradizione francescana.

3. Sogno un PAA, Università francescana,

aperta alla collaborazione “ad intra”, tra

le Facoltà e Istituti che lo compongono, e

tra il PAA e gli Istituti affiliati. Sotto

questo aspetto sogno un PAA che abbia

un progetto comune, sia educativo che di

ricerca; una amministrazione agile e una

legislazione flessibile, che non soltanto

non impedisca un continuo rinnovamento,

ma che lo esiga.

4. Sogno un PAA, Università francescana,

aperta alla collaborazione “ad extra”,

prima di tutto con gli altri Centri di Studio,

Università e Facoltà O.F.M., e poi

con altri Centri della Famiglia francescana

e Università romane.

5. Sogno un PAA, Università francescana,

in dialogo costante con la storia in modo

tale che «dal grande deposito della teologia

e della sapienza francescana possano

essere tratte risposte adeguate anche

ai drammatici interrogativi dell’umanità,

in questo inizio del terzo millennio cristiano»

(Giovanni Paolo II, Messaggio

al Congresso delle Università e Centri di

ricerca OFM, 19 settembre 2001).

6. Sogno un PAA, Università francescana,

nel quale, «seguendo l’esempio di san

Francesco e la grande tradizione culturale

dell’Ordine Francescano” riusciremo

a “porre il Vangelo nel cuore della cultura

e della storia contemporanea» (Giovanni

Paolo II, ib).

7. Sogno un PAA, Università francescana,

in cui quanti formano la comunità accademica,

unendo vita e proposta, dottrina

e santità di vita – in doctrina et sanctitate

–, siano uno dei motori principali della

rifondazione dell’Ordine che oggi, come

ieri, deve avere come pilastri la

scienza e la santità di vita.

8. Sogno un PAA, Università francescana,

che metta al centro l’uomo, «assetato di

risposte radicate nei valori evangelici»

(Giovanni Paolo II, ib.).


246

AN. CXXIII – MAII-AUGUSTI 2004 – FASC. II

Confido che, ricchi di senso del futuro e

di spinta progettuale, da questo nostro Colloquio

possiamo continuare nel processo di

rinnovamento del PAA, per chiarificarne e

consolidarne l’identità e la qualità accademica.

Auguro veramente di cuore al PAA di

continuare a scrivere pagine nuove, degne

della sua storia più che secolare e capaci di

osare il futuro che è già tra noi nel presente

che viviamo.

FR. JOSÉ RODRÍGUEZ CARBALLO, OFM

Ministro Generale

Gran Cancelliere del PAA


E SECRETARIATU PRO

EVANGELIZZAZIONE ET MISSIONE

* Convegno dei Segretari per l’Evangelizzazione

e la Missione e per la Formazione

e gli Studi dell’Africa Subsahariana.

1. Convegno

Lusaka (Zambia), 03-09.08.2004

Dal 3 al 9 agosto 2004 si è tenuto a Lusaka

(Zambia) nel “St. Bonaventure College”,

il Convegno dei Segretari per l’Evangelizzazione

e la Missione e di quelli per la

Formazione e gli Studi dell’Africa Subsahariana.

L’iniziativa è nata attraverso il

dialogo tra il Definitore generale per l’Africa

e il Medio Oriente e i Segretariati generali

per l’Evangelizzazione e per la Formazione

e gli Studi, con i rispettivi Segretari

delle Entità africane. Presenti dunque Fr.

Amaral Bernardo, Fr. Nestor Schwerz, Fr.

Vincenzo Brocanelli e Fr. Massimo Fusarelli

per la Curia Generale.

Con il resto dei partecipanti si è arrivati

al numero complessivo di ventiquattro.

Quasi tutte le Entità sono state rappresentate.

Se i Segretari per la Formazione e gli

Studi non si incontravano da diversi anni a

causa delle difficoltà di vario genere presenti

nel territorio continentale, per il settore

dell’Evangelizzazione si è trattato di un

inizio del tutto nuovo.

Le giornate hanno avuto un momento di

ascolto e di riflessione comune il giorno 6

agosto, dopo l’accoglienza e l’inizio con

l’Eucaristia comunitaria.

Mons. Adriano Langa, ofm. Vescovo

ausiliare di Maputo e Fr. Ghislain Ndongi,

Ministro provinciale della Vice Provincia

“S. Benedetto l’Africano” della

Repubblica Democratica del Congo, hanno

tenuto le relazioni di base. Mons. Langa

ha presentato l’evangelizzazione nel

contesto africano odierno e Fr. Ghislain la

situazione e le prospettive della Vita religiosa

in Africa, soprattutto riguardo alla

formazione.

I Frati hanno lavorato in gruppi su questi

temi, cercando di attualizzarli per la nostra

situazione di Frati Minori. In particolare il

tema dell’inculturazione della vocazione e

della missione ha preso molte energie di riflessione

e di scambio, rivelandosi veramente

importante.

Il resto dei lavori è proseguito nei due

Segretariati separatamente. Il Segretariato

per l’Evangelizzazione e la Missione ha

avuto un momento di formazione e di presa

di coscienza di quanto i nuovi Statuti generali

chiederanno ad ogni Provincia e Custodia

al riguardo. In tal modo si è potuto dare

corpo alla struttura del Segretariato per la

Conferenza.

Il Segretariato per la Formazione e gli

Studi si è soffermato sulle nuove parti della

Ratio Formationis Franciscanae e ne ha

approfondito alcuni aspetti legati al contesto

africano. In particolare ci si è fermati

sull’accompagnamento formativo e sugli

studi nel momento di transizione che attraversano

le nostre Entità nel Continente.

Entrambi i Segretariati hanno accolto i Segretari

della Conferenza già confermati dai

Ministri e Custodi della Conferenza, affiancando

loro una piccola équipe di consiglio e

di aiuto concreto. In seduta congiunta si è fissato

un calendario di incontri per continuare

nell’animazione della Conferenza.

Nel corso dei lavori si è avuto un incontro

con le Sorelle Clarisse di Lusaka e la visita

al Centro di Studi che ha ospitato il

gruppo.

Giorni intensi di fraternità e di lavoro, di

ascolto di una realtà tanto complessa e segnata

da violenza, ingiustizia, guerre, fame

e la fatica ad intravedere segni concreti di

speranza. Dai Fratelli delle diverse Entità si

è potuto raccogliere il grido di dolore e di


248 AN. CXXIII – MAII-AUGUSTI 2004 – FASC. II

speranza del Continente e le indicazioni per

una formazione ed evangelizzazione fedeli

al carisma e attente ai segni dei tempi di

quella terra.

In particolare due i punti emersi:

– la maggior parte delle nostre Entità in

Africa attraversano una delicata fase di

transizione dalla cura per l’implantatio

Ecclesiae a quella per l’implantatio Ordinis.

Si tratta allora di curare la vita e la

testimonianza fraterna come la prima

evangelizzazione che ci è chiesta. Questo

assume un valore ancora più alto nel

contesto di divisione che caratterizza

l’Africa.

– Occorre continuare ad approfondire il tema

dell’inculturazione della fede e della

nostra vita e missione nel contesto africano.

È necessario una maggiore creatività

e audacia nel legare il Vangelo e la

nostra Regola alla cultura e viceversa.

Il Convegno ha aperto strade e aiutato i

Frati presenti a interrogarsi insieme e a decidere

di continuare a farlo, anche se convenire

costa molto nella realtà africana. Si è

compreso bene che è una sfida importante

da non lasciar cadere.

Squisita l’accoglienza della Fraternità di

Lusaka, che si è prodigata per rendere il migliore

possibile il nostro soggiorno, allietandolo

con la cura per ciascuno, organizzando

momenti di preghiera e incontri fraterni,

particolarmente festosi.

“L’Africa ci chiama”, disse all’Ordine

oltre venti anni or sono Fr. John Vaughn!

Abbiamo sentito di nuovo questo invito alzarsi

dai fratelli africani, per origine e per

presenza. A noi raccogliere questo invito.

2. Proposte finali

* Convegno-corso di formazione dei formatori,

a livello di Conferenza:

– 2 settimane

– TEMA: Pedagogia francescana dell’accompagnamento

– DATA: novembre/2006 oppure febbraio-marzo/2007

– LUOGO: Africa del Sud

– DESTINATARI: 3 formatori per Entità.

Osservazione: il corso dovrà essere più

pratico che teorico, tenendo presente la caratteristica

africana.

* Collaborazione

a. Stimolare nelle Entità lo studio delle

lingue. Ogni Entità si disponga ad accogliere

i Frati che vengono per imparare

la lingua.

b. Collaborazione tra le Entità riguardo

le Case di formazione e Centri di Studio.

Nell’aprire una nuova Casa oppure

un nuovo Centro, è necessario

dialogare con le altre Entità per trovare

delle possibilità di collaborazione.

Lo stesso dicasi riguardo ai professori.

Alle volte, c’è la tendenza di aprirsi

di più ad altre Congregazioni che

non alle nostre Entità.

* Sia scelto un Frate per aiutare il Segretario

della Conferenza per Formazione e

Studi nel servizio in favore delle Entità.

* Istituire il Segretariato per l’Evangelizzazione

e Missione a livello della Conferenza,

con la coordinazione di un Segretario

ed un Ausiliare. Il Segretariato

è composto dai Segretari di Evangelizzazione

e Missione delle Entità. I suoi

compiti sono previsti nei nuovi Statuti

generali dell’Ordine. Per il sostentamento

economico dello svolgimento

delle attività del Segretariato, i Ministri

della Conferenza, insieme con i due

Coordinatori, elaborino un progetto indirizzato

al Found Raising dell’Ordine.

* Il mandato del Segretario e del suo Ausiliare

abbia la durata di tre (3) anni, in

vista della continuità e della possibilità

di partecipare almeno due volte al Consiglio

Internazionale di Evangelizzazione

il quale si realizza ogni due anni.

* Siano elaborati nella Conferenza gli

Statuti Peculiari per il Segretariato Interprovinciale

di Evangelizzazione e

Missione.


E SECRETARIATU PRO EVANGELIZZAZIONE ET MISSIONE

249

* In vista di un coordinamento e di un’animazione

più effettiva e efficace dei due

Segretariati della Conferenza, si propone

un’organizzazione per aree. Per definire

tali aree, si suggeriscono alcuni criteri:

a. riduzione dei costi e delle spese;

b. favorire la comunicazione, la comunione

e la collaborazione;

c. favorire l’integrazione nello svolgimento

dei compiti dei due Segretariati,

cioè quello della Formazione e

Studi e quello dell’Evangelizzazione

e Missione;

d. la vicinanza geografica e linguistica.

Una possibilità da proporre:

AREA EST: Africa del Sud, Zimbabwe,

Mozambico, Angola, V. Provincia S. Francesco.

AREA OVEST: Guinea Bissau, RDCongo,

Congo Brazzaville, V. Provincia Verbo

Incarnato.

* Riunioni/Incontri

a. Il Segretariato per la Formazione e

Studi della Conferenza propone una

riunione annuale per aree ed un in-

contro ogni tre anni a livello di Conferenza.

b. Il Segretariato per l’Evangelizzazione

e Missione della Conferenza propone

una riunione nel 2005 per aree e

poi ogni area definirà il suo ritmo e il

suo calendario.

c. Si propone un incontro di Conferenza

con la presenza dei due Segretariati,

del Servizio di Giustizia e Pace e dei

Ministri nel 2007 oppure nel 2008 a

Nairobi.

NB. Nel caso in cui sia difficile per tutti

i Ministri di partecipare, che vengano almeno

due di loro.

* Riscrivere il Progetto Africa, non più

dal punto di vista dell’Ordine, ma a partire

dalla presenza vissuta, dalla storia

già fatta in Africa, dal momento attuale

e nella prospettiva futura, con le diverse

sfide e le diverse possibilità, con l’interazione

tra il carisma e la cultura, la

Chiesa, la realtà locale… La cosa più

importante non sarebbe tanto lo scritto,

quanto il processo di riflessione, di memoria

e di proiezione verso il futuro con

il coinvolgimento di tutti, missionari e

nativi.


E POSTULATIONE GENERALI

1. Venerabili Servae Dei Mariae Dominicae

Mantovani Beatorum caelitum

honores tribuuntur

IOANNES PAULUS PP. II

AD PERPETUAM REI MEMORIAM

“Qui maior est vestrum, erit minister vester”

(Mt 23, 11).

Exemplum secuta Domini Iesu, qui in

mundum venit non ut ministraretur sed ut

ministraret (cfr Mc 10, 45), Venerabilis Serva

Dei Maria Dominica Mantovani iuvenili

inde ab aetate spiritualia et materialia misericordiae

opera simpliciter ac ferventer ad

effectum adduxit, et Beato Iosepho Nascimbeni,

conditori Congregationis Parvarum

Sororum a Sancta Familia, adiutricem

operam humiliter ac fideliter praestitit. Eius

spiritum constanter imitans in operibus vitae

suae, omnibus omnia facta est (cfr 1Cor

9,22) Ecclesiae et populo cotidie serviens.

Haec Christi testis die XII mensis Novembris

anno MDCCCLXII in pago vulgo Castelletto

di Brenzone rusticis nata est parentibus,

a quibus validam didicit christianam

disciplinam. Mense Octobri anno MDCC-

CLXX sacro Chrismate est uncta et breve post

tempus ad primum sacrum convivium accedere

potuit. Ad pietatis vitam propensa,

sacrificium eucharisticum cotidie frequentare

perrexit, sacro cibo se reficiens. Deinde

nomen suum dedit Piae Unioni Filiarum

Mariae et, cum aliis puellis, Marialem devotionem

excoluit.

Cum illa adhuc adulescens esset, in pagum

Castelletto advenit presbyter Iosephus

Nascimbeni, uti magister et cooperator; hic

enim spiritale assumpsit moderamen Mariae

Dominicae et diligenter prospexit christianae

iuvenum mulierum formationi, quas

ad actuosam participationem paroecialem

hortabatur. Serva Dei in sanctitatis via progrediebatur

et sollicitam se praebebat de catechesi

pueris tradenda, de pauperibus et in-

firmis curandis. Die VIII mensis Decembris

anno MDCCCLXXXVI virginitatis votum emisit.

Cum eius spiritalis magister, parochus

ibidem constitutus, ab ea petiverit ut sociam

praestaret operam ad condendum Institutum

educationi iuventutis et curae infirmorum

dicatum, ipsa, ferventer cupiens se totam

Domino vovere, alacri promptoque animo

inceptui annuit. Ita confundatrix facta

est Congregationis Parvarum Sororum a

Sancta Familia. Die IV mensis Novembris

anno MDCCCXCII, simul cum aliis mulieribus

sociis, Veronae religiosum induit habitum

et nomen Mariam sumpsit. Sequenti die,

nova communitas religiosa in pagum quem

diximus se contulit, ubi a laetantibus incolis

excepta est. Sancta Familia tam eius consecrationem

Christo hominibusque factam

quam iter novi Instituti religiosi illustravit.

Singulari sollicitudine, ad mentem conditoris,

Serva Dei, in communione et in cooperatione

cum Ecclesia, munus suscepit curandi

pauperes et parvulos, orphanos et omnes

prope se degentes, et tandem omnes qui

solvendas quaeraebant graves cotidianae

vitae difficultates.

Institutum celeriter per varias Italicas ac

postea per exteras regiones est diffusum.

Anno MCMIII approbationem dioecesanam

et anno MCMX “Decretum laudis” obtinuit.

Post obitum fundatoris, qui evenit anno

MCMXXII, Serva Dei sola permansit Congregationem

regens tamquam Suprema Moderatrix.

Fortitudine munita et ad futurum

conversa suum implevit officium. Domini

manibus fidenter se commendans, virtutem

in Eo invenit ad adeo onerosum munus

obeundum.

Firma profundaque eius fides et operosa

caritas moverunt eam inde a iuventute ad

divina consilia sine retractatione sequenda.

Ad Christi Regnum exstruendum docile instrumentum

facta est in manibus Dei et

Beati Iosephi Nascimbeni. Viam virtutum

suscepit per constantem precationem, pieta-


252 AN. CXXIII – MAII-AUGUSTI 2004 – FASC. II

tem eucharisticam, cultum erga Beatam

Mariam Virginem et Sanctum Ioseph, atque

per observantiam consiliorum evangelicorum

et exercitium paenitentiae. Christianae

spei lumine illustrata, vitam suam convertit

ad aeternam beatitudinem, a terrenis abhorrens

opibus. Vestigia sequens Matris Domini,

quae in pago Nazarethano ancillam sese

appellaverat et Annuntiationis Verbum cum

fede exaudiverat, sereno fortique fuit animo;

apud filias spirituales et apud omnes

quos per viam inveniebat gaudium seminavit.

Artam cum Domino nutrivit communionem

et, Nazarethanam Familiam intuens

nec non necessitatibus pauperum usque intenta,

Domino plene dono se dedit, singulos

dies extraordinario degens amore. Spiritus

Sanctus, a quo duci sivit, alacritatem tribuit

ei et virtutem ostendendi fratribus misericordem

Patris vultum. Dulcedinem exhibuit

et maternam sollicitudinem erga filias spirituales,

quas fortiter suaviterque rexit ad religiosae

consecrationi et spiritui conditoris

fidelitatem servandam.

Mense Ianuario anno MCMXXXIV pituitatis

febri correpta est. Aliquot post dies eius

valetudo in peius est mutata. Die II sequentis

mensis Februarii in Christi pace piissime

requievit.

Attenta diffusa sanctitatis fama, Episcopus

Veronensis Causam iniit beatificationis

et canonizationis. Omnibus servatis de iure

servandis, Nobis coram de virtutibus heroico

gradu exercitis decretum prodiit die XXIV

mensis Aprilis anno MMI; atque die V mensis

Iulii anno MMII approbatum est decretum

super miraculo. Deinde statuimus ut ritus

beatificationis Romae perageretur die XXVII

mensis Aprilis sequentis anni.

Hodie igitur in foro Petrianam Basilicam

prospiciente, intra Missarum sollemnia,

hanc protulimus formulam:

Nos, vota Fratrum Nostrorum Camilli

Cardinalis Ruini, Vicarii Nostri pro Romana

Dioecesi, Christophori Cardinalis

Schönborn, Archiepiscopi Vindobonensis,

Michaelis Cardinalis Giordano, Archiepiscopi

Neapolitani, Tarcisii Bertone,

Archiepiscopi Ianuensis, et Flavii

Roberti Carraro, Episcopi Veronensis,

necnon plurimorum aliorum Fratrum in

Episcopatu multorumque christifidelium

explentes, de Congregatiomnis de Causis

Sanctorum consulto, Auctoritate Nostra

Apostolica facultatem facimus ut

Venerabiles Servi Dei Iacobus Alberione,

Marcus ab Aviano, Maria Christina

Brando, Eugenia Ravasco, Maria Dominica

Mantovani et Iulia Salzano Beatorum

nomine in posterum appellentur, eorumque

festum: Iacobi Alberione die vicesima

sexta Novembris, Marci ab

Aviano die decima tertia Augusti, Mariae

Christinae Brando die vicesima Ianuarii,

Eugeniae Ravasco die vicesima

quarta Octobris, Mariae Dominicae

Mantovani die tertia Februarii et Iuliae

Salzano die decima septima Maii in locis

et modis iure statutis quotannis celebrari

possit. In nomine Patris et Filii et Spiritus

Sancti.

Quae autem decrevimus volumus et

nunc et in perpetuum tempus vim sortiri,

contrariis rebus minime quibuslibet obstantibus.

Datum Romae, apud Sanctum Petrum,

sub anulo Piscatoris, die XXVII mensis Aprilis,

anno Domini MMIII, Pontificatus Nostri

vicesimo quinto.

De mandato Summi Pontificis

ANGELUS CARD SODANO

Secretarius Status

2. Decretum super virtutibus SD Francisci

M. Greco

CONGREGATIO

DE CAUSIS SANCTORUM

COSENTINA-BISINIANENSIS. Beatificationis

et Canonizationis Servi Dei Francisci

Mariae Greco, Sacerdotis Dioecesani,

Fundatoris Congregationis Sororum Parvarum

Operariarum a SS. Cordibus (1857-

1931)

DECRETUM SUPER VIRTUTIBUS

«Vitae meae ratio ad haec tria reducitur,

hoc est orationem, studium, opera ministerii».


E POSTULATIONE GENERALI

253

Quae quidem munera, primo sacerdotii

suscepta diluculo, Servus Dei Franciscus

Maria Greco per totum vitae suae curriculum

fideliter conservavit. Nam, dum Bono

Pastori imitando (cf. Io 10,11), aeternis rebus

meditandis animisque operam navando

exigit aetatem, per intimam cum Christo

unionem perque exercitium ministerii Spiritus

et iustitiae cotidie in sanctitate profecit

donec ad perfectum virum progressus est

(cf. CONC. OEC. VAT. II, Decretum de presbyterorum

ministerio et vita Presbyterorum

Ordinis, 12).

Qui sedulus Ecclesiae minister, maximus

filius Raphaelis Greco pharmacopolae

et Conceptae Pancaro, natus est die 26 mensis

Iulii anno 1857 in loco montano qui dicitur

Acri, tunc intra fines Dioecesis Sancti

Marci et Bisinianensis. Liberaliter ad humana

christianaque praecepta domi educatus

est, auctoribus parentibus avunculoque

quodam presbytero, qui eum ad Eucharistiae

Confìrmationisque sacramenta praeparavit

eumque, cum nullum ibi scholasticum

institutum exsisteret, puerili doctrina

erudiendum curavit. Ipse vero studiorum

curriculum perrexit Neapoli, ubi quidem

sensit se ad sacerdotium vocari. Cum autem

Sacram Pompeianam Aedem, quae in honorem

Beatae Mariae Virginis a Rosario tunc

temporis exstruebatur, inviseret, gratiam

petivit ut fìeret «sacerdos ad ministerium

bene adimplendum instructus». Qui postmodum,

patre expugnato, vestem talarem

sumpsit seque, pietati theologiaeque studendae

operam impendens, ad ordinationem

presbyteralem praeparavit, quam die

17 mensis Decembris anno 1881 in vico

Acri recepit. Studia autem sacerdotalemque

formationem perfecit Neapoli, ubi, cum sacrae

theologiae lauream meruisset, ministerii

quoque pastoralis, ductore D.no Aloisio

Marigliano, periculum fecit.

Ab anno 1888 usque ad mortem archipresbyter-parochus

exstitit Ecclesiae Sancti

Nicolai in vico Acri. Sacratissimis Cordibus

Iesu et Mariae, quibus ipse iam pridem

peculiarem devotionem adhibebat, praelucentibus,

impensam fructuosamque pastoralem

navitatem exercuit. Principium vero a

christianae doctrinae institutione, quam

pueris cuiusque classis diligenter assidueque

tradebat. Cuius rei gratia, adiutrice Maria

Teresia Greco sorore (1865-1892), eademque

ipsius pastoralis sollicitudinis participe,

Associationem Filiarum a Sacratissimo

Corde fundavit, quae virgines pleniorem

christianam vitam appetentes, easque

apostolatui se tradere studentes, congregaret.

Presbyterorum quoque cooperationem

promovit, ad quos ipse anno 1892:

«Filii tenebrarum – scribebat – quippe qui

fìliis lucis prudentiores exsistant, opportunas

ad suum propositum adsequendum artes

adhibere solent: primum vero mutuum

inter se auxilium, quia in concordia vis;

deinde puerorum puellarumque a Deo amotio;

quin etiam aptiores artes exquiruntur

quibus in summo divinarum rerum contemptu

generado crescat. Quapropter hoc

opus, cum gravioris puerili aetati ponderis

exstet, idemque Domino gratissimum, summo

studio omnibusque opibus nobis esset

sacerdotibus promovendum». Qui quidem

hisce subscriberet: «Omnia e sacerdote

pendere: ipsum enim esse iubar praelucens,

solem refoventem, caritatis denique ardorem

omnia moventem».

Qui porro, ut fidem in totum gregem

suum diffunderet, catechesim etiam ad adulescentes

puberesque convertit, oratoriumque

pro diebus festis aperuit, Sancti Ioannis

Bosco secutus exemplum: quae prospera

incepta brevi plures paroeciae sociarunt.

Ipse autem Dei verbum christianamque

doctrinam in singulis templis vici Acri finitimorumque

locorum simplici animo annuntiavit.

Ad sacras conciones habendas

genibus pro augustissimo Sacramento nixus

se parare solebat. “Apostolatum Orationis”

plebi suae intulit devotionemque erga Sacratissima

Corda fovit et auxit. Longum

tempus ad sacramentales confessiones excipiendas

impendebat. Vocationibus denique

ad sacerdotium adque vitam consecratam

favit.

Pro religioso vici subsidio, postquam a

plurimis frustra religiosis institutis auxilium

petivit, anno 1883 Congregationem

Sororum Parvarum Operariarum a SS. Cordibus

fundavit. Serva Dei Raphaela De Vincenti,

cui religionis nomen Soror Maria Te-


254 AN. CXXIII – MAII-AUGUSTI 2004 – FASC. II

resia (1872-1936), valida coadiutrice utens.

Novo quidem Instituto, «tum in caritate vitaeque

interioris exercitio tum in humilitate

Dominique Nostri Iesu Christi dilectione

praecipue consistenti», Fundator mandavit

ut «per curam puerorum in hospitiis, puellarum

denique in laboratoriis, infirmorum

postremo in valetudinariis» Regno Dei interesset

augendo. Quod opus, a Domino benedictum

sapienterque ab ipso Servo Dei et

Sorore Maria Teresia, prima moderatrice

generali, directum, plurimis vocationibus

nonnullisque domibus est ditatum. Intra

Congregationem autem pro eius loci incolis

albaniensibus ramus quoque Sororum italoalbaniensium

ritus byzantini institutus est.

Sacerdotali semper in proximum sollicitudine

flagrans, Servus Dei hospitalem, cui

“Caritas” nomen, aperuit suisque Sororibus

commisit. Suae quoque Dioecesis progressui

operam dedit seseque petentibus Episcopis,

qui eum magni existimarunt, vacantem

exhibuit. Ipse nempe fuit visitator dioecesanus,

promotor fiscalis, examinator

pro-synodalis, canonicus denique honorarius.

Apud Seminarium Bisinianensem,

cuius tres annos rector exstiterat, theologiam

dogmaticam Sacrasque Scripturas docuit,

cum simul parochi munus exsequeretur.

Quem Summus Pontifex Pius XI suum

cubicularium honorarium creavit. Vicarii

foranei munere fungens mutuum auxilium

sanctitatemque inter presbyteros fovit, quocirca

tum consolationibus tum molestiis est

adfectus.

Pro multiplicis sui apostolatus fundamento

Servus Dei posuit graviorem vitam

spiritalem necnon adsiduum studium Christi

imitandi sacerdotaliumque virtutum

exercendarum. Ipse ante omnia fidem, caritatem,

spem, intimam cum Domino unionem

eiusdemque voluntatis obsequium excoluit.

Firmiter divinam revelationem veram

esse credidit nec navitatem suam

intermisit ut fidem verbo, operibus suaeque

erga Evangelium et Ecclesiae magisterium

fìdelitatis propagaret exemplo. Qui quidem,

ut Domino gratus evaderet plebemque aedificaret,

Missam, sacramenta, Liturgiam Horarum

ceteraque sacra celebrabat egregie.

Singulis diebus ad Sanctissimam Eucharistiam

adorandam diu morabatur. Passioni

quoque Dominicae, Sacratissimis Cordibus

Iesu et Mariae Beataeque Virgini Perdolenti

devotionem adhibuit. Cuius ipsa apostolatus

opera rationem eminentem praebuerunt

qua ille in dilectione Domini et sanctitate

sacerdotali progressum faceret. Talenta,

quae Dominus illi concesserat, sapienter

negotiatus est totaque in regnum Christi augendum

impendit.

Omnibus ipse sibi occurrentibus caritatem

adhibuit, qui tamen pusillos, pauperes

infirmosque praeter ceteros diligeret. Paterno

animo et firmo suas Sorores efformandas

curavit, pro quibus haud exigua incommoda

est perpessus. Pro christiano suae plebis

incremento peccatorumque conversione

oravit et laboravit, omnibusque illis, qui

eum laesissent vel apostolicae eius navitati

obfuissent, ignovit. Qui haec in quodam suo

memoriali libello: «Quandocumque aliquid

tibi taedii vel maeroris, quin etiam offensionis,

fiet – scribebat – haec tecum ipse voluta:

Quae Cor lesu mihi, ut Ipsi coniungar,

mittit, accipiam; animique tranquillitatem,

quae supra omnes thesauros valet, praecipue

servandam curabo». Ille quidem,

quamvis vividi ingenii exsisteret, semetipsum

cohibuit, plerumque prudenti, aequo

et patienti animo agens. Constans in adversis,

in inceptis perseverans, veritatem, concordiam

iuraque Dei et Ecclesiae strenue

vindicavit: nam contra societatis damna pugnavit

iustitiamque docuit. Temperantiam,

paupertatem castitatemque excoluit propriisque

oboedivit Episcopis, etiam cum incommoda

subire iuberetur vel postulantes

in Institutum, quod ipse fundaverat, aliquamdiu

prohiberetur admittere.

Quo longius in via perfectionis progrederetur,

statuit ut ipsi suarum Sororum moderatrici,

eidemque aetate florenti, pareret.

Humilis ipse coram Deo fuit et hominibus,

quippe qui: «Humilitatem tantum – scriberet

– genuinos discipulos efficere Illius qui

semetipsum exinanivit nostraeque humanitatis

particeps fìeri dignatus est». Christiana

praelucente spe continenter ambulavit,

divinae Providentiae auxilio confìsus aeternumque

praemium appetens, qui per supremam

aegrotationem haec ad suum Episco-


E POSTULATIONE GENERALI

255

pum: «Licet dulci Salvatori meo obviam

eundi desiderio flagrem – scriberet – multa

mihi insuper patienda priusquam in caelum

evolare queam. Ego autem tranquillus exsisto,

cum meipsum patientem Christi passionibus

communicari sentiam; meumque dolorem

nunc pro Clero, eundemque vel pro

misero Instituto meo, libet offerre». Quem

Dominus ad Se vocavit die 13 mensis lanuarii

anno 1931.

Labentibus annis fama sanctitatis, quae

Servum Dei cum viventem tum post mortem

prosequebatur, aucta est atque confìrmata,

quapropter Episcopus Sancti Marci et

Bisinianensis Causae beatifìcationis et canonizationis

initium fecit per Processum

Ordinarium Informativum annis 1960-1977

celebratum, Processu Rogatoriali Albanensi

comitante. Quorum et singulorum vis iuridica

rata est a Congregatione de Causis

Sanctorum per decretum die 16 mensis Februarii

anno 1990 latum. Positione confecta,

disceptatum est, secundum normas,

utrum Servus Dei virtutes gradu heroico

exercuerit. Die 2 mensis Decembris anno

2003 habitus est, positivo cum exitu, Congressus

Peculiaris Consultorum Theologorum.

Patres Cardinales et Episcopi, in Sessione

Ordinaria die 9 mensis Martii huius

anni congregata, Exc.mo D.no Lino Fumagalli,

Episcopo Sabinensi-Mandelensi,

Causae Ponente, agnoverunt Franciscum

Mariam Greco presbyterum virtutes theologales

et cardinales iisque adnexas in gradu

heroico exercuisse.

Facta demum de bisce omnibus rebus

Summo Pontifìci Ioanni Paulo II per subscriptum

Cardinalem Praefectum accurata

relatione, Sanctitas Sua vota Congregationis

de Causis Sanctorum excipiens rataque

habens, mandavit ut super heroicis Servi

Dei virtutibus decretum conscriberetur.

Quod cum rite esset factum, accitis ad Se

hodierno die infrascripto Cardinali Praefecto

necnon Causae Ponente meque Antistite

a Secretis Congregationis ceterisque de more

convocandis, eisque astantibus, Beatissimus

Pater sollemniter declaravit: Constare

de virtutibus theologalibus Fide, Spe et Caritate

tum in Deum tum in proximum, necnon

de cardinalibus Prudentia, Iustitia,

Temperantia et Fortitudine, eisque adnexis,

in gradu heroico, Servi Dei Francisci Mariae

Greco, Sacerdotis dioecesani, Fundatoris

Congregationis Sororum Parvarum

Operariarum a SS. Cordibus, in casu et ad

effectum de quo agitur.

Hoc autem decretum publici iuris fieri et

in acta Congregationis de Causis Sanctorum

Summus Pontifex referri mandavit.

Datum Romae, die 19 mensis Aprilis A.

D. 2004.

IOSEPHUS CARD. SARAIVA MARTINS

Praefectus

+ EDUARDUS NOWAK

Archiep. tit. Lunensis

a Secretis

3. Validitas iuridica Inquisitionis super

miro in Causa Ven. SD Francisci M.

Greco declaratur

CONGREGATIO

DE CAUSIS SANCTORUM

Prot. N. 1325-14/03

COSENTINA-BISINIANEN. Beatificationis

et Canonizationis Servi DEI FRANCI-

SCI MARIAE GRECO Sacerdotis Dioecesani

Fundatoris Congregationis Sororum Parvarum

Operariarum a Sacris Cordibus.

In Ordinario Congressu, die 27 mensis

Februarii huius anni 2004 celebrato, haec

Congregatio de Causis Sanctorum sequens

dubium disceptavit, nimirum: “An constet

de validitate Inquisitionis Dioecesanae,

apud Curiam ecclesiasticam Cosentinam-

Bisinianensem peractae, super adserta mira

sanatione Reverendae Sororis Deliciae Spataro,

intercessioni Servi Dei Francisci Mariae

Greco, Sacerdotis Dioecesani et Fundatoris

Congregationis Sororum Parvarum

Operariarum a Sacris Cordibus, tributa: testes

sint rite recteque examinati et iura producta

legitime compulsata in casu et ad effectum

de quo agitur”.


256 AN. CXXIII – MAII-AUGUSTI 2004 – FASC. II

Haec Congregatio, attento voto ex officio

redacto reque diligenter perpensa, rescripsit:

AFFIRMATIVE, seu constare de

validitate eiusdem Inquisitionis Dioecesanae

in casu et ad effectum de quo agitur, sanatis

de iure sanandis. Contrariis non obstantibus

quibuslibet.

Datum Romae, ex aedibus eiusdem Congregationis,

die 27 mensis Februarii A.D.

2004.

IOSEPHUS CARD. SARAIVA MARTINS

Praefectus

+ Eduardus Nowak

Archiep. tit. Lunensis

a Secretis

4. Facultas Transumptum Inquisitionis

dioec. super vita et virtutibus SD M.

Franciscae a Iesu Infante aperiendi

CONGREGATIO

DE CAUSIS SANCTORUM

Prot. N. 2466-2/04

SALMANTINA. Beatificationis et Canonizationis

Servae Dei MARIAE FRANCISCAE

A IESU INFANTE (In saeculo: Mariae a Nativitate

Sanchez Viloria) Monialis professae

ex Ordine Sanctae Clarae.

Rev.mus P. Lucas De Rosa, Postulator

Generalis Ordinis Fratrum Minorum, ab

hac Congregatione de Causis Sanctorum

petit ut Transumptum Inquisitionis Dioecesanae,

apud Curiam ecclesiasticam Salmantinam

peractae, super vita et virtutibus necnon

fama sanctitatis Servae Dei Mariae

Franciscae a Iesu Infante (in saeculo: Mariae

a Nativitate Sanchez Viloria), Monialis

professae ex Ordine Sanctae Clarae, clausum

sigillisque munitum in actis eiusdem

Congregationis asservatum, aperiri possit.

Haec Congregatio, attentis expositis, pro

gratia iuxta preces benigne annuit: servatis

de cetero omnibus de iure servandis. Contrariis

non obstantibus quibuslibet.

Datum Romae, ex aedibus eiusdem Congregationis,

die 4 mensis Maii A.D. 2004.

IOSEPHUS CARD. SARAIVA MARTINS

Praefectus

+ EDUARDUS NOWAK

Archiep. tit. Lunensis

a Secretis

5. Validitas iuridica Processus inf. et Inquisitionis

dioec. in Causa SD A. Kosiba

declaratur

CONGREGATIO

DE CAUSIS SANCTORUM

Prot. N. 1101-14/04

CRACOVIEN. Beatificationis et Canonizationis

Servi Dei ALOISII (In saeculo:

Petri Kosiba) Laici professi Ordinis Fratrum

Minorum.

In Ordinario Congressu, die 4 mensis Iunii

huius anni 2004 celebrato, haec Congregatio

de Causis Sanctorum sequens dubium

disceptavit, nimirum: “An constet de validitate

Processus Informativi et Inquisitionis

Dioecesanae, apud Curiam ecclesiasticam

Cracoviensem peractorum, super vita et virtutibus

necnon fama sanctitatis Servi Dei

Aloisii (in saeculo: Petri Kosiba), Laici professi

Ordinis Fratrum Minorum: testes sint

rite recteque examinati et iura producta legitime

compulsata in casu et ad effectum de

quo agitur”.

Haec Congregatio, attento voto ex officio

redacto reque diligenter perpensa, rescripsit:

AFFIRMATIVE, seu constare de

validitate earundem Inquisitionum Dioecesanarum,

in casu et ad effectum de quo agitur,

sanatis de iure sanandis. Contrariis non

obstantibus quibuslibet.

Datum Romae, ex aedibus eiusdem Congregationis,

die 4 mensis Iunii A.D. 2004.

IOSEPHUS CARD. SARAIVA MARTINS

Praefectus

+ EDUARDUS NOWAK

Archiep. tit. Lunensis

a Secretis


E POSTULATIONE GENERALI

257

6. Nuntium Secretariae Status de beatificatione

Ven. SD Iosephae Suriano

SEGRETERIA DI STATO

PRIMA SEZIONE - AFFARI GENERALI

N. 559.521

Dal Vaticano, 22 giugno 2004

Reverendo Padre, sono lieto di signifìcarLe

che il Sommo Pontefice ha disposto

che la Cerimonia di Beatificazione della

Serva di Dio Pina Suriano, Giovane Laica

(+ 1950), abbia luogo Domenica 5 settembre

a Loreto, unitamente ai Servi di Dio Alberto

Marvelli, Giovane Laico (+ 1946), e

Pedro Tarres y Claret, Sacerdote Diocesano

(+1939).

Nel comunicare quanto sopra, sono a

pregarLa di voler prendere, al momento opportuno,

direttamente contatto con gli Uffici

della Prefettura della Casa Pontifìcia e

delle Cerimonie Pontifìcie.

Profìtto della circostanza per confermarmi

con sensi di religiosa stima

della Paternità Vostra Reverenda dev.mo

__________________________

Reverendo Padre

P. Luca De Rosa, OFM

Via S. Maria Mediatrice,25

00165 ROMA

7. Notitiae particulares

1. Promulgatio Decretorum

+ LEONARDO SANDRI

Sost.

Il 22 Giugno 2004 in Vaticano, alla presenza

del Santo Padre, furono promulgati

quattro Decreti relativi ad alcune Cause curate

dalla nostra Postulazione: due Decreti

attestavano l’autenticità dei miracoli attribuiti

alla intercessione delle Venerabili Serve

di Dio Eurosia Fabris vedova Barban

(1866-1932), Madre di famiglia e membro

dell’Ordine Francescano Secolare, e Pina

Suriano (1915-1950), laica e membro del-

l’Azione Cattolica, riconosciuti validi ai fini

della beatificazione delle suddette Venerabili

Serve di Dio; gli altri due Decreti confermano

l’eroicità delle virtù praticate dai

Servi di Dio Sr. Serafina degli Angeli Gregoris

(1873-1935), religiosa professa delle

Suore Francescane di Cristo Re di Venezia,

e Agostino Thevarparampil (1891-1973),

sacerdote diocesano di Palai in India ed

apostolo dei poveri.

2. Congregatio Ordinaria super miraculo

Conclusosi felicemente il Congresso Peculiare

dei Consultori Teologi, il 1 giugno

2004 la Congregazione Ordinaria dei Padri

Cardinali e Vescovi giudicò con esito favorevole

il miracolo attribuito all’intercessione

della Venerabile Serva di Dio Pina Suriano,

Laica, membro dell’Azione Cattolica

Italiana, nata a Partinico (Palermo) nel 1915

e morta nella stessa città nel 1950.

3. Congregatio Ordinaria super virtutibus

Il 18 Maggio 2004, i Padri Cardinali e

Vescovi membri della Congregazione delle

Cause dei Santi, adunati in Congregazione

Ordinaria, ascoltata la Relazione del Ponente

della Causa S. E. Mons. Ottorino Pietro

Alberti, Arcivescovo emerito di Cagliari,

giudicarono con unanime voto favorevole

l’eroicità delle virtù della Serva di Dio

Serafina degli Angeli Gregoris, religiosa

professa dell’Istituto delle Suore Francescane

di Cristo Re, nata a Fiume Veneto

(Pordenone) in Italia nel 1873 e morta a Venezia

nel 1935.

4. Congressus Medicorum super adserto

miraculo

II 3 giugno 2004 la Consulta Medica della

Congregazione delle Cause dei Santi giudicò

con unanime voto favorevole (5/5)

scientificamente inspiegabile la guarigione

del Signor Gilson Varghese, attribuita alla

intercessione del Venerabile Servo di Dio

Agostino Thevarparampil, sacerdote diocesano,

nato nel 1891 a Ramapuram in India e

morto a Palai nel 1973.


258 AN. CXXIII – MAII-AUGUSTI 2004 – FASC. II

5. Novissimae positiones

In quest’ultimo periodo sono state consegnate

ufficialmente al Protocollo della

Congregazione delle Cause dei Santi le seguenti

“Positiones”:

– CORDUBEN. in ARGENTINA - Beatificationis

et Canonizationis Servi Dei

Mamerti Esquiú, Episcopi Cordubensis

in Argentina, ex Ordine Fratrum Minorum

(1826-1883) - Positio super virtutibus

- Roma 2004.

– ASSISIEN. - Beatificationis et Canonizationis

Servae Dei Mariae Iosephae a

Iesu Infante (in saeculo: Barbarae Micarelli),

Fundatricis Instituti Sororum

Franciscalium Missionariarum a Iesu Infante

(1845-1909) - Positio super vita,

virtutibus et fama sanctitatis - 2 Voll.,

Roma 2004.

– PALAIEN. - Beatificationis et Canonizationis

Venerabilis Servi Dei Augustini

Thevarparampil (v. d. Kunjachan), Sacerdotis

dioecesani (1891-1973) - Postitio

super miraculo - Romae 2004.

FR. LUCA M. DE ROSA, OFM


EX OFFICIO OFS

1. Documenti della Gioventù Francescana

(GiFra)

1. Lettera di presentazione

Circ. 16/02-08

Roma, 25 luglio 2004

Festa di S. Giacomo Apostolo

Ai Consigli nazionali dell’OFS

Ai Consigli nazionali della GiFra

Cari fratelli:

il Signore vi dia la Sua pace!

In adempimento del mandato del Capitolo

generale 2002, la Commissione per la

GiFra ha lavorato per aggiornare i Documenti

per responsabili, animatori e assistenti

spirituali della Gioventù Francescana:

– La GiFra, cammino di vocazione

francescana

– Programma di formazione per la Gi-

Fra

– Modello di Statuto per una Fraternità

nazionale di GiFra.

Tali documenti sono stati approvati nella

riunione della Presidenza svoltasi dal 24

aprile al 1° maggio 2004. Ora ve li offriamo,

dopo la loro traduzione nelle lingue ufficiali

del CIOFS.

Nella loro revisione, la Commissione e

la Presidenza hanno tenuto conto dei criteri

e delle indicazioni del Capitolo generale per

tutte le Fraternità di giovani francescani esistenti

o che stanno sorgendo nelle varie nazioni

del mondo, così come di quelle che

dobbiamo stimolare e suscitare. Come diceva

la precedente Ministra generale nell’inviare

i primi documenti, “questi non pretendono

di esaurire il tema della GiFra”, il

suo modo di svilupparsi e i metodi di formazione

adeguati, poichè dobbiamo lascia-

re spazio agli aggiustamenti necessari per

rispondere alla realtà concreta di ciascuna

Fraternità nazionale, in relazione alla molteplicità

e varietà di situazioni ambientali,

socio culturali, economiche, ecclesiali, nelle

quali vivono l’OFS e la GiFra. Per esempio,

questo criterio di flessibilità è stato tenuto

ben presente nel momento di fissare

l’età massima di appartenenza alla GiFra,

dato che i costumi di emancipazione e di

maturità in Africa non sono gli stessi che in

Europa o in Nord America.

Ci auguriamo che l’aggiornamento di

questi sussidi, fatto con amore e senso di responsabilità

dalla parte più giovane della

nostra Famiglia francescana secolare, sia

accolto con fiducia e possa esser utile a tutti,

giovani e adulti, secolari e religiosi, per

offrire, con gioiosa e rinnovata speranza, la

spiritualità di Francesco d’Assisi anche al

mondo giovanile.

Oggi, nelle celebrazione della festa di

San Giacomo Apostolo, l’impetuoso e giovane

“amico del Signore”, invoco la sua

mediazione per essere capaci di promuovere,

con convinzione e impeto, la vitalità e la

diffusione della Gioventù francescana.

Vostra sorella e ministra,

ENCARNACIÓN DEL POZO

2. Gioventù Francescana/GiFra: cammino

di vocazione francescana

1. INTRODUZIONE

Roma, 2004

Destinatari del documento

1. Il presente documento è destinato a

tutti i responsabili delle fraternità GiFra:

Consiglio della Fraternità GiFra, Responsabile

per la formazione, Animatore fraterno

OFS e Assistente spirituale.


260 AN. CXXIII – MAII-AUGUSTI 2004 – FASC. II

Scopo del documento

2. Vogliamo chiarire in linee generali l’identità

della GiFra; dare piste orientative e

suggerimenti per l’animazione e la formazione

della GiFra; unificare i criteri per il lavoro

di animazione della GiFra.

Cosa non vuole essere il documento

3. Intanto, non vogliamo dare delle norme

nuove, al contrario, vogliamo solo sottolineare

quanto è già contenuto nelle Costituzioni

Generali dell’OFS negli articoli

96 e 97 e nelle Conclusioni dei Capitoli Generali,

in modo particolare quello del Messico

nel 1993 e quello di Roma nel 2002.

Così pure non vogliamo uniformare tutti i

gruppi GiFra, ma far crescere l’unità dentro

la diversità.

2. NOTE SPECIFICHE DELLA

GIOVENTÙ FRANCESCANA

4. Nel campo della pastorale giovanile

troviamo giovani attratti da San Francesco

che vogliono approfondire la loro vocazione

cristiana e francescana. A questi giovani

dobbiamo proporre le opzioni della forma

di vita della Gioventù Francescana e dell’OFS,

nel rispetto delle esigenze del mondo

giovanile con le sue crisi, problemi e

questioni.

5. Alcuni elementi essenziali del loro

cammino vocazionale sono:

– un sentirsi chiamati dallo Spirito Santo

per fare in fraternità l’esperienza della

vita cristiana;

– la scoperta progressiva di San Francesco,

del suo progetto di vita e dei suoi valori;

– una presenza ecclesiale e sociale, come

condizione per realizzare esperienze

concrete di apostolato.

6. La Gioventù Francescana, nel senso

delle Costituzioni generali dell’OFS, si distingue

dagli altri gruppi di giovani francescani

per:

– l’accettazione della Regola dell’OFS come

documento di ispirazione;

– l’impegno personale e formale, preso

davanti a Dio e alla Fraternità, di vivere

tale ispirazione;

– l’appartenenza alla Famiglia Francescana

come parte integrante dell’OFS;

– l’accompagnamento e animazione da

parte dei Francescani Secolari;

– una struttura organizzativa e metodi di

formazione specifici per un cammino

vocazionale che normalmente, ma non

necessariamente, conduca all’OFS;

– gli Statuti nazionali propri, approvati

dal rispettivo Consiglio nazionale dell’OFS

o, in sua mancanza, dalla Presidenza

del CIOFS, che regolano le condizioni

di appartenenza alla Gioventù

Francescana.

3. COSA È LA GIFRA?

a. Note spirituali

7. La Gioventù Francescana (GiFra)... è

formata da quei giovani... (Cost. 96,2).

La GiFra è formata da giovani, vale a dire

che si tratta di una tappa temporanea nella

vita, limitata alla gioventù, che inizia al

momento di entrare nell’adolescenza e termina

al momento di raggiungere la maturità

personale.

8. ... che si sentono chiamati dallo Spirito

Santo... approfondendo la propria vocazione...

(Cost. 96,2).

La GiFra è un cammino vocazionale, il

che presuppone una chiamata iniziale che si

sviluppa verso una opzione di vita. La chiamata

sollecita da parte del giovane una risposta

individuale, che si conferma con un

impegno personale dinanzi a Dio e in presenza

dei fratelli.

9. ... a fare in Fraternità l’esperienza della

vita cristiana... (Cost. 96,2).

La GiFra è una esperienza di Fraternità,

cioè una comunità di giovani credenti, figli

dell’unico Padre, che condividono la loro

fede sulla base dell’amore. Questa Fraternità

si situa nel seno della comunità ecclesiale

nella quale vive e opera.

10. ... alla luce del messaggio di San

Francesco d’Assisi, approfondendo la propria

vocazione nell’ambito dell’Ordine

Francescano Secolare (Cost. 96,2).

La GiFra cammina alla luce del messag-


EX OFFICIO OFS

261

gio di San Francesco d’Assisi, cioè scopre e

assume progressivamente questo progetto

di vita ed i suoi valori. Appartiene alla Famiglia

Francescana come parte integrante

dell’OFS e considera la Regola dell’OFS

come documento di ispirazione. Chiede ai

Superiori religiosi competenti l’assistenza

spirituale ed ai responsabili secolari animazione

fraterna.

b. Note organizzative

11. La GiFra ha una specifica organizzazione...

(Cost. 96,5).

La GiFra è organizzata secondo i propri

criteri, che possono essere determinati

nei propri Statuti. Ha le sue Fraternità, i

suoi responsabili ai vari livelli, una animazione

fraterna particolare e l’assistenza

spirituale.

12. ... e metodi di formazione e pedagogici

adeguati ai bisogni del mondo giovanile...

(Cost. 96, 5).

La GiFra si adatta alle necessità del

mondo giovanile nei suoi metodi e nel contenuto

della formazione. Questa formazione

è impostata in modo che il giovane matura

le sue scelte vocazionali e entra pienamente

nel mondo in cui vive.

13. ... secondo le realtà esistenti nei diversi

Paesi (Cost. 96,5).

La GiFra è presente in molti paesi e costituisce

una realtà molto variegata che non

si può uniformare. La situazione socio-culturale

definisce la realtà dell’essere giovani,

le responsabilità che i giovani possono

assumere e le proprie possibilità di formazione

e di azione.

c. Relazione GIFRA - OFS

14. La Gioventù Francescana (GiFra),

per la quale l’OFS si considera particolarmente

responsabile... (Cost. 96,2).

La GiFra costituisce un impegno speciale

dell’OFS come parte della sua propria pastorale

giovanile e promozione vocazionale.

Per questa ragione deve accompagnare il

giovane, e aiutarlo nella maturazione della

sua vocazione e nella sua introduzione nella

vita della Fraternità.

15. I membri della GiFra considerano la

Regola dell’OFS come documento di ispirazione...

(Cost. 96,3).

La GiFra accetta la Regola dell’OFS come

documento di ispirazione per la crescita

della propria vocazione cristiana e francescana,

sia singolarmente che in gruppo. Le

relazioni tra la GiFra e l’OFS devono essere

impregnate dallo spirito di comunione vitale

reciproca. Per questo il cammino vocazionale

della GiFra conduce normalmente,

anche se non necessariamente, all’OFS.

16. La GiFra, come componente della

Famiglia Francescana... (Cost. 96,6).

La GiFra appartiene alla Famiglia Francescana

come parte integrante dell’OFS, e

di conseguenza sarà accompagnata e animata

dai francescani secolari. In più i suoi

responsabili al livello internazionale, e almeno

due membri del Consiglio nazionale

siano giovani francescani secolari professi

(cf. Cost. 97,3).

17. Un rappresentante della GiFra… fa

parte del Consiglio dell’OFS (Cost. 97,4).

A tutti i livelli della fraternità dell’OFS,

ci sia un membro della GiFra designato dal

proprio Consiglio, che farà parte del Consiglio

dell’OFS. Il rappresentante della GiFra

ha voto nel Consiglio dell’OFS solo se è

francescano secolare professo. Cosi anche

un membro dell’OFS designato dal proprio

Consiglio, fa parte del Consiglio GiFra di

pari livello.

18. I rappresentanti della GiFra nel Consiglio

internazionale dell’OFS vengono

eletti a norma dello Statuto internazionale

(Cost. 97,5).

Lo Statuto Internazionale dell’OFS stabilisce

il numero dei rappresentanti della GiFra

al Consiglio Internazionale, le Fraternità da

rappresentare e le loro competenze.

4. CAMMINO VOCAZIONALE

19. I giovani nella GiFra approfondiscono

la propria vocazione alla luce del messaggio

di San Francesco mediante un itinerario

di formazione progressiva. Il discernimento

vocazionale sarà il punto focale

durante tutto questo cammino.

Il cammino vocazionale normalmente si

articola nei seguenti momenti:


262 AN. CXXIII – MAII-AUGUSTI 2004 – FASC. II

a. Iniziazione

20. È il periodo di ricerca, di presa di

contatto, di avvicinamento, di accoglienza,

che finisce con la decisione di cominciare la

formazione per la promessa nella GiFra.

Per il giovane è il primo momento nella

GiFra, dove si chiede cosa significa la Fraternità

per lui e cosa può portare lui al gruppo.

Da parte sua, la GiFra informa il giovane

sugli ideali e le esigenze, sul metodo e lo

stile che caratterizza la GiFra.

La durata dipenderà dalla situazione personale

di ciascun candidato e dalla Fraternità

GiFra. Se si ritiene opportuno, gli Statuti

nazionali della GiFra possono determinare

la durata di questo periodo (p.e. fra tre

e sei mesi), tenendo conto della situazione

di quei giovani che provengono da altri

gruppi francescani (pre-GiFra…).

L’età minima per accostarsi alla GiFra

dipenderà dallo sviluppo personale del giovane

e dalla sua situazione culturale. Bisogna

però tener presente che la GiFra è per

giovani e non per bambini. Se si ritiene opportuno,

gli Statuti nazionali della GiFra

possono determinare l’età minima per entrare

nella GiFra (p.e. tra 14 e 17 anni).

b. Formazione per la promessa nella

GIFRA

21. È il periodo di formazione e piena integrazione

dei candidati nella vita della Fraternità.

Alla fine di questo periodo, confermano

questa opzione con la promessa personale

dinanzi a Dio e in presenza dei

fratelli.

Per il giovane è il momento di conoscere

e di vivere il vangelo secondo l’esempio

di San Francesco nel seno della propria Fraternità.

Sempre occorre volontà e fedeltà

per confrontare la propria vita con il Vangelo,

per acquisire progressivamente i valori

francescani, vissuti in uno spirito di dedizione

e di servizio verso gli altri. Da parte

sua, la Fraternità GiFra accompagna il giovane

nel cammino di ricerca e di crescita

spirituale.

Gli Statuti nazionali della GiFra possono

stabilire la durata minima di questo periodo,

che non può essere inferiore ad un anno (né

più di 2 anni). Se si crede opportuno, si può

anche fissare la durata massima della formazione

per la promessa nella GiFra.

Sarà competenza del Consiglio locale

della GiFra ammettere i candidati alla promessa,

secondo le modalità stabilite negli

Statuti nazionali.

c. Approfondimento della propria chiamata

22. È il periodo di verifica della chiamata

nel quale il giovane afferra e approfondisce

i valori che compongono la spiritualità

francescana secolare e la sua missione nella

Chiesa e nella società. Per il giovane è il

momento di scoprire e di tradurre nella vita

quotidiana l’ispirazione della Regola dell’OFS,

per verificare la sua vera vocazione

di vita e la sua risposta alla chiamata di Dio.

Porta con sé esperienze vissute di comunione

e di partecipazione con i fratelli nell’ambito

della Famiglia Francescana ed esperienze

di missione e di servizio nella Chiesa

e nella società. Da parte sua la Fraternità

aiuta il giovane a chiarire e discernere quale

vocazione meglio risponde alle sue capacità

e ai suoi desideri.

Questo periodo è temporaneo e non potrà

protrarsi indefinitamente per il semplice

fatto che il periodo delle scelte, la fase del

discernimento, non è che una tappa nella vita

di ciascuno. Gli Statuti nazionali della

GiFra determineranno il fine di questa tappa,

secondo la situazione culturale e sociale

del suo paese, e che in nessun caso può superare

l’età di 30 anni.

5. RELAZIONI GIFRA - OFS

a. Passaggio all’OFS

23. I membri della GiFra che desiderano

emettere la professione nell’OFS si attengano

a quanto previsto nella Regola, nelle Costituzioni

e nel Rituale dell’OFS (Cost.

96,4).

Il cammino vocazionale della GiFra conduce

normalmente, ma non necessariamente,

all’OFS. Perciò la formazione francescana

ricevuta nella GiFra da un giovane che

vuol passare all’OFS, si può considerare


EX OFFICIO OFS

263

valido quale periodo di iniziazione nell’OFS.

Il periodo di formazione iniziale nell’OFS

si deve svolgere sotto la responsabilità

del Consiglio della Fraternità locale dell’OFS

a cui il giovane vuole accedere, in

conformità con quanto stabilito nella Regola

e nelle Costituzioni dell’OFS. In caso che

ci sia un gruppo di giovani della GiFra che

desidera mettersi insieme nella formazione

iniziale, possono formare un gruppo proprio

a discrezione e sotto la guida del Consiglio

della Fraternità locale dell’OFS a cui

vogliono accedere.

b. Appartenenza simultanea GIFRA-

OFS

24. Per la continuità del cammino vocazionale

della GiFra verso l’OFS, la professione

nell’OFS non esclude necessariamente

il giovane dalla sua fraternità GiFra. Il

giovane, che mediante la professione nell’OFS,

assume la Regola come suo progetto

di vita, può continuare il cammino insieme

con i fratelli della GiFra che si ispirano

alla stessa Regola.

Varie ragioni possono raccomandare che

il giovane sia simultaneamente membro attivo

delle due Fraternità: la sua Fraternità

GiFra e la sua Fraternità OFS. Può darsi che

la Fraternità GiFra abbia bisogno del contributo

del giovane professo per l’animazione

degli altri giovani, sia come responsabile

nella Fraternità GiFra sia come semplice

membro attivo della Fraternità.

In ogni caso è importante che il giovane

professo partecipa attivamente nelle due

Fraternità, anche se le sue attività, d’accordo

con il Consiglio OFS, si riferiscono preferenzialmente

alla GiFra.

c. Animazione fraterna della GIFRA

25. L’OFS cercherà i mezzi più opportuni

per promuovere la vitalità e la diffusione

della GiFra; sarà vicino ai giovani per incoraggiarli

e procurare i mezzi che possono

aiutarli a progredire nel loro cammino di

crescita umana e spirituale (Cost 97,1).

26. Questi mezzi varieranno secondo le

situazioni, però uno dei mezzi più importanti

sarà sempre il contatto vivo con la

Fraternità dell’OFS. Per questo, le Fraternità

locali devono creare degli spazi di accoglienza

dei giovani, nella dinamica delle

riunioni e nel conferire ai giovani dei

compiti specifici nella Fraternità. È ugualmente

importante che le riunioni della

Fraternità OFS siano flessibili nella sua

organizzazione, mediante un uso creativo

delle possibilità di formare dei gruppi speciali

sotto la guida del Consiglio della fraternità.

27. Un altro mezzo indispensabile è

l’accompagnamento diretto dei giovani da

parte di membri idonei dell’OFS. Le Costituzioni

dell’OFS prevedono l’animazione

fraterna alla GiFra e la presenza di

un rappresentante dell’OFS nei Consigli

della GiFra a tutti i livelli. Normalmente,

anche se non necessariamente, questo rappresentante

dell’OFS nel Consiglio della

GiFra sarà anche l’animatore fraterno della

GiFra.

6. ASSISTENZA SPIRITUALE

28. Ugualmente indispensabile è l’assistenza

spirituale della GiFra da parte del

Primo Ordine e del TOR (cf. Cost. 96,6). La

GiFra, come componente della Famiglia

Francescana, ha bisogno dell’assistenza

spirituale per garantire la sua fedeltà al carisma

francescano, la comunione con la

Chiesa e la sua unione con la Famiglia

Francescana (Cost. 85,2). La nomina degli

Assistenti spirituali compete ai Superiori

Maggiori francescani competenti, in analogia

a quanto stabilito nello Statuto per l’Assistenza

spirituale e pastorale all’OFS (cf.

Stat. Assist. 5, 2; 11, 2). Per quanto possibile

il servizio dell’ assistenza alla GiFra e all’OFS

sia svolto dalla stessa persona.

29. A volte i giovani preferiscono certi

Assistenti, perché sintonizzano meglio

l’onda dei loro problemi. Però, questa facilità

naturale di un Assistente può costituire

anche una tentazione molto sottile di “comando”,

di appropriarsi del potere per se

stesso e di dominare i giovani. Per questo

Francesco esorta spesso all’espropriazione

di tutto per essere “soggetti ad ogni creatura

umana per amore di Dio”. Tutto il bene


264 AN. CXXIII – MAII-AUGUSTI 2004 – FASC. II

che il Signore opera mediante i fratelli Assistenti

non deve essere ritenuto, ma posto

all’umile servizio dei giovani.

7. FORMA E CONTENUTO

DELLA FORMAZIONE

30. La GiFra ha... metodi di formazione

e pedagogici adeguati ai bisogni del mondo

giovanile... (Cost. 96,5).

Per essere adeguati ai bisogni del mondo

giovanile, i metodi di formazione devono

essere flessibili nella loro forma e nel loro

contenuto. L’onda giovanile in tutti i paesi

cambia continuamente e si sviluppa in modo

rapido. Dall’altra parte è necessario conservare

la propria identità e non lasciarsi

trascinare dai capricci della moda.

31. ... secondo le realtà esistenti nei diversi

Paesi (Cost. 96,5).

Le realtà esistenti nei diversi Paesi presentano

anche un fattore di diversità nelle

forme e nei contenuti della formazione. Dall’altra

parte, questa diversità non deve annullare

l’unità di base dei criteri di formazione.

Per poter raggiungere i suoi obbiettivi, la

formazione dovrà dedicarsi alle dimensioni

umana, cristiana e francescana.

8. ORGANIZZAZIONE DELLA GI-

FRA

a. Fraternità locale

32. La Fraternità locale è la cellula costitutiva

della GiFra e l’ambito in cui i giovani

si trovano per fare la loro esperienza di

vita cristiana, alla luce del messaggio di S.

Francesco d’Assisi. La Fraternità si riunisce

frequentemente (p.e. ogni settimana), per

vivere insieme la sua relazione con Dio e

con i fratelli. È importante che le riunioni

integrino momenti di orazione e di formazione

con elementi di azione e di ricreazione.

Le riunioni si organizzino in modo tale

da favorire l’inserimento della Fraternità

GiFra nella Famiglia Francescana e nella

Chiesa locale.

33. Al riconoscimento della Fraternità

locale GiFra provvede il Consiglio GiFra di

livello superiore in collaborazione col Consiglio

locale OFS, cioè i due Consigli con i

quali la nuova Fraternità GiFra sarà in relazione.

In assenza di strutture della GiFra

provvedono i Consigli interessati dell’OFS.

Ne sia informato il Superiore religioso

competente al quale si dovrà chiedere l’assistenza

spirituale.

34. La Fraternità locale è animata e guidata

da un Consiglio di almeno tre membri,

eletti, per un tempo determinato, tra e dai

membri della stessa Fraternità che hanno

fatto la loro promessa nella GiFra. Inoltre

sono membri del Consiglio il Rappresentante

del Consiglio locale dell’OFS e l’Assistente

spirituale. Spetta al Consiglio locale

GiFra ammettere i candidati alla formazione

per la promessa nella GiFra e,

terminata la formazione, alla Promessa

stessa.

b. Fraternità regionale

35. Se si crede opportuno, gli Statuti nazionali

della GiFra possono determinare

l’esistenza di Fraternità regionali della Gi-

Fra nel paese e come si stabiliscono. Nel caso,

gli stessi Statuti determinano anche la

composizione e le competenze dell’Assemblea

e del Consiglio regionale.

c. Fraternità nazionale

36. La Fraternità nazionale della GiFra è

l’unione di tutte le Fraternità locali GiFra

esistenti nell’ambito della corrispondente

Fraternità nazionale dell’OFS. Il riconoscimento

ufficiale di nuove Fraternità nazionali

della GiFra spetta al Consiglio nazionale

dell’OFS o, in sua mancanza, alla Presidenza

del CIOFS. La Fraternità nazionale

della GiFra può darsi propri Statuti, che devono

essere approvati dal Consiglio nazionale

dell’OFS o, in sua mancanza, dalla

Presidenza del CIOFS (Cost. 96, 5).

9. ALTRI GRUPPI GIOVANILI

FRANCESCANI

d. Gruppi di fanciulli e adolescenti

37. Già da molto tempo esistono, nell’ambito

della Famiglia Francescana, i


EX OFFICIO OFS

265

gruppi di bambini o di adolescenti, che sono

chiamati Araldini, Araldi, Cordigeri, Ragazzi

Francescani, Fioretti, Giocolieri, Micro-GiFra,

Mini-GiFra, Pre-GiFra, ecc.

Molti di questi gruppi sono animati da giovani

della GiFra, da Francescani secolari e

religiosi. Alle volte risulta più facile iniziare

e animare gruppi di bambini, in maggioranza

figli di francescani secolari, che gruppi

di adolescenti o di giovani.

38. La vita di questi gruppi sarà molto legata

alla Fraternità locale della GiFra e dell’OFS

e il suo sviluppo dipenderà molto

dalla presenza di animatori idonei. In ogni

caso è importante che i Consigli nazionali

dell’OFS e della GiFra in collaborazione

con religiosi e religiose interessati coordinino

questo servizio di animazione e preparino

materiale didattico a supporto di questi

gruppi (cf. Cost. 25).

3. Programma di formazione per la GiFra

(Il seguente programma di formazione ha unicamente

un valore indicativo)

A. INIZIAZIONE

Obiettivo:

• Aiutare il giovane ad ascoltare la chiamata

di Dio nel suo cuore e scoprire la

Fraternità GiFra come ambito adeguato

per iniziare un cammino vocazionale serio.

Metodi:

• Partecipazione alle riunioni della Fraternità

GiFra.

• Scambio di esperienze in gruppi piccoli

o a coppie.

• Partecipazione alla preghiera della Fraternità

GiFra.

• Partecipazione ad alcune attività ecclesiali

della GiFra.

• Sforzo di interiorizzazione personale,

supportato dal gruppo.

• Discussioni tematiche in gruppi o lezioni

brevi.

Contenuto:

umano:

• Modi di vedere e di ascoltare: gli altri, la

natura, se stessi, Dio.

• Analisi e valutazione della realtà: prima

positivamente, e solo dopo negativamente.

• Prendere coscienza della sua vita personale

in relazione alla realtà sociale, politica

e ecclesiale.

cristiano:

• L’ideale cristiano come alternativa valida

di vita.

• Il Vangelo, buona novella per lui.

• Il valore della vita, dal suo concepimento

fino al suo termine naturale.

• La Chiesa concreta, comunità di santi e

peccatori.

francescano:

• Chi sono Francesco, Chiara, Elisabetta

di Ungheria?

• Cosa è la Famiglia Francescana? (Religiosi,

religiose, secolari).

• Cosa è la GiFra?

B. FORMAZIONE PER LA PROMESSA NELLA

GIFRA

Obiettivo:

• Integrare il giovane pienamente nella

Fraternità giovanile, come parte integrante

dell’OFS, nella Famiglia Francescana.

Metodi:

• Partecipazione alle riunioni della Fraternità

GiFra.

• Partecipazione alla preghiera della Fraternità

GiFra.

• Partecipazione alle attività ecclesiali della

GiFra.

• Sforzo di interiorizzazione personale,

supportato dal gruppo.

• Partecipazione agli incontri speciali per

candidati.

• Accompagnamento personale del Consiglio

della Fraternità della GiFra, anima-


266 AN. CXXIII – MAII-AUGUSTI 2004 – FASC. II

tore fraterno dell’OFS e dell’Assistente

spirituale.

Contenuto:

umano:

• Tecniche di conoscenza di sé. Crescita

personale, capacità di stabilire e di mantenere

relazioni umane, di dare, di ricevere

e di condividere.

• Conoscere possibilità di azione e di servizio

agli altri.

cristiano:

• Forme ed elementi di orazione personale

e in gruppo.

• Cristo, uomo nuovo, vicino e amico.

• Conversione come rinnovamento e riorientamento

di vita.

• La celebrazione eucaristica.

• Vivere i tempi liturgici forti (avvento,

natale, quaresima, pasqua).

francescano:

• Biografia di Francesco, Chiara, Elisabetta

d’Ungheria.

• Valori francescani: Fraternità, Minorità,

• Giustizia e Pace, Rispetto per la natura.

• La Regola dell’OFS, documento di ispirazione.

• La Promessa GiFra, contenuto e ragione.

C. PROMESSA E APPROFONDIMENTO DELLA

PROPRIA CHIAMATA

Obiettivo:

• Aiutare il giovane ad approfondire la

propria chiamata e a fare un cammino

vocazionale nella prospettiva di una opzione

di vita definitiva.

Metodi:

• Partecipazione a tutte le attività della

Fraternità GiFra.

• Sforzo di interiorizzazione personale,

supportato dal gruppo.

• Partecipazione a campi scuola e riunioni

regionali e nazionali.

• Partecipazione ad incontri e celebrazioni

con l’OFS e con altri rami della Famiglia

Francescana.

• Esercizi di discernimento e opzione.

Accompagnamento personale del Consiglio

della Fraternità GiFra, Animatore

fraterno dell’OFS e dell’Assistente spirituale.

Contenuto:

umano:

• Metodi per conoscere e accettare se stessi.

• Come vivere con equilibrio affettivo.

Responsabilità e creatività nel servizio

agli altri.

• Come chiarificare motivazioni (superficiali,

profonde).

• L’amore (amore e simpatia; diverse

espressioni di amore).

• Metodi di dinamica di gruppo (p.e. Intuire

- Valutare - Agire).

• Come pianificare azioni comuni di gruppo.

cristiano:

• Vocazioni nella Bibbia.

• Varietà di vocazioni nel mondo.

• Discernimento vocazionale.

• Opzioni fondamentali di Gesù.

• Le Beatitudini ed i consigli evangelici.

• La missione del laico nella Chiesa.

• I sacramenti e come viverli.

• Come analizzare la realtà alla luce del

Vangelo.

• Contributi cristiani alla vita sociale e politica.

francescano:

• Attualità di Francesco, Chiara e Elisabetta

di Ungheria.

• Le fonti della spiritualità francescana.

• Scritti di Francesco e Chiara.

• La storia della Famiglia Francescana.

• La situazione attuale della Famiglia

Francescana.

• La Regola e le Costituzioni Generali dell’OFS.

• Concetto Francescano della personalità.

Secolarità e impegno francescano

secolare.

• Contributi francescani alla pace, giustizia

e ecologia.


EX OFFICIO OFS

267

4. Notitiae particulares

1. Spagna: Corso per gli Assistenti dell’OFS-GiFra

Dal 13 al 15 maggio 2004 si è svolto a

Madrid il Corso formativo per gli Assistenti

dell’OFS-GiFra di tutta la Spagna. Organizzato

dal Consiglio Nazionale dell’OFS

di Spagna, il corso ha avuto come relatori

principali Fr. José R. Carballo, Ministro generale

OFM, Encarnación del Pozo, Ministra

generale dell’OFS e Fr. Ivan Matic,

OFM, Assistente generale dell’OFS.

Al corso erano presenti circa 35 Assistenti,

rappresentanti delle quattro famiglie

francescane della Spagna: OFM, OFM-

Conv, OFMCap e TOR. Alla presentazione

è seguito un dialogo fraterno con i relatori

ed è stato specialmente interessante e prezioso

il lavoro dei gruppi, seguito con grande

interesse da parte degli Assistenti. Il Corso

è stato sicuramente molto significativo

non solo per gli Assistenti, ma per tutto

l’OFS di Spagna, che ha bisogno di un rinnovato

slancio e di Assistenti preparati che

possano aiutare i francescani secolari nel

loro cammino di fede e nella loro testimonianza

nella Chiesa e nella società.

2. Repubblica Dominicana: Capitolo Nazionale

OFS

Nei giorni 19 - 20 giugno 2004 si è svolto

il Capitolo Nazionale elettivo dell’OFS

della Repubblica Dominicana. Vi hanno

partecipato i rappresentanti delle 14 fraternità

regionali del Paese (circa 8000 membri)

con il loro Consiglio nazionale e i rappresentanti

del CIOFS, Consuelo Núñez,

Consigliera della Presidenza del CIOFS, e

Fr. Ivan Matic, Assistente generale dell’OFS.

Il Capitolo, al quale erano presenti

anche i due Assistenti nazionali Fr. David

Vasque OFMCap e Fr. Fernando Samaniego

OFM, si è svolto nella casa San Pablo a

Santo Domingo. Nel clima molto fraterno

che ha caratterizzato i lavori, prima della

sessione elettiva, i Capitolari si sono concentrati

sulle priorità per il prossimo triennio,

che il nuovo Consiglio nazionale dovrà

assumere per promuovere l’animazione e

guidare tutta la Fraternità nazionale nella

sua missione nella Chiesa e nella società.

Sorella Altagracia Rodríguez è stata rieletta

come Ministra Nazionale.

3. Italia: Conclusione del 25° anniversario

della Regola

Più di 2000 rappresentanti dell’OFS e

della GiFra italiana erano presenti a Roma

nei giorni 26 - 27 giugno, per la celebrazione

della conclusione del 25° anniversario

della Regola Paolina. Due giorni pieni di

gioia e di comunione. All’incontro erano

presenti, a nome della Presidenza del

CIOFS, Benedetto Lino, Consigliere della

Presidenza, e i due Assistenti generali Fr.

Samy Irudaya e Fr. Ivan Matic. Il primo

giorno, nella Basilica di S. Giovani al Laterano,

dopo l’accoglienza fraterna e la preghiera

del rosario, si è celebrata una solenne

Eucaristia, presieduta da S. E. il Cardinale

Camillo Ruini, nella quale tutti i

francescani secolari hanno rinnovato la loro

professione della Regola. Nella serata, poi,

presso la chiesa di S. Pietro e Paolo all’Eur,

c’è stata la festa della Fraternità. Domenica

27 giugno i francescani secolari con i loro

Assistenti si sono ritrovati in Piazza S. Pietro,

al Vaticano, per partecipare all’Angelus

del Santo Padre, Giovani Paolo II. In quella

occasione il santo Padre ha salutato in modo

particolare i francescani secolari presenti

in Piazza.

4. Bolivia: Capitolo Nazionale dell’OFS

Si è svolto a Cochabamba, presso la casa

“Rosa Gattorno” nei giorni 28 - 30 giugno

2004, l’ottavo Capitolo Nazionale dell’OFS

boliviano. Al Capitolo, presieduto da

Rosalvo Motta, Vice Ministro Generale dell’OFS,

era presente anche Fr. Ivan Matic,

Assistente generale OFS. Il Capitolo, cominciato

con una presentazione dei partecipanti

e delle loro Fraternità, è proseguito la

mattina del giorno 29 con un momento di

formazione, durante il quale Fr. Orlando

Cabrera OFM, Assistente nazionale, e Fr.

Ivan Matic, hanno tenuto una riflessione sul


268 AN. CXXIII – MAII-AUGUSTI 2004 – FASC. II

tema della vocazione e della missione dei

francescani secolari. A questo momento

formativo ha fatto seguito il lavoro nei

gruppi e la condivisione in Assemblea. Il

pomeriggio è stato riservato alle varie relazioni.

Il 30 giugno si è tenuta la sessione

elettiva, nella quale è stato rieletto Ministro

Nazionale Enrique Vidaurre. Nell’ultima

parte della sessione elettiva era presente anche

Fr. Rene Vargas OFM, Ministro Provinciale,

che ha presieduto l’Eucaristia conclusiva

del Capitolo.


AD CHRONICAM ORDINIS

1. De itineribus Ministri Generalis

1.1. Visit to the Province of St. Barbara,

California

Berkeley, USA, 28.04-01.05.2004

The Minister General, José R. Carballo,

OFM, Juan Ignacio Muro A., OFM, Def.

Gen., and I arrived in San Francisco in the

evening of April 28th and were met by Mel

Jurisich, OFM, the Minister Provincial of

St. Barbara Province. We spent that evening

visiting with the friars of Arch Street, in

Berkeley, CA.

Early the next morning, the 29th of April,

the General had a private tour of the Graduate

School of Theology Library. Ms. Bonnie

Hardwick, of the GTU Library, showed

him around the library and set out a fine exhibit

of the rare books which form part of

the Franciscana collection on loan to the library

from the Academy of Franciscan History.

After the tour, the General attended

Mass with the faculty and students of the

Franciscan School of Theology, one of the

three Catholic universities in the consortium

of the nine schools of the Graduate

Theological Union of Berkeley, CA; the

Minister addressed the members of the

board, the students and the faculty of FST

after Mass. He spoke on the importance of

higher studies. The talk was quite well received.

Immediately he went to meet with a

designated group of students, board members,

Bill Cieslak, OFM Cap., the President

of the Franciscan School of Theology,

Mario Di Cicco, the President-elect, the

faculty of FST and the dean of GTU, Dr.

Arthur Holder. Kenan Osborne, OFM, presented

the history of the Franciscan School.

There was a fine discussion on the role and

goals of the Franciscan school and FST as

one of the study centers of the Order. After

the meeting, the students hosted the Gene-

ral to a very festive, multicultural lunch on

the roof of the Franciscan School; he then

met with the friar-staff – facilitated by the

dean of FST, Joe Chinnici, OFM, at Arch

Street.

That afternoon and evening, the General

went to St. Elizabeth’s friary in Oakland to

meet with the Provincial Curia staff and to

speak with Tom West, OFM, Vicar of the

Province and Secretary of Formation and

his team of formators. Later in the afternoon

the General celebrated Mass and

spoke with all the formandi of the province.

We had dinner that evening with the community

of St. Elizabeth’s friary.

April 30th, Friday, the General toured St.

Anthony’s Foundation in the city of San

Francisco. John Hardin, OFM, Executive

Director, explained to us its history and

goals and we visited the dining room, the

clinic, the Madonna Residence and the new

building for drug and alcoholic addiction

therapy. St. Anthony’s Foundation is, indeed,

very well known and respected in the

City of San Francisco for its caring attitude

and its serious concern for the poor of the

City of St. Francis.

John Vaughn, OFM, ex-Min. General,

Louis Vitale, OFM, pastor, and Bob Brady,

OFM, Guardian of St. Boniface Friary in

San Francisco, invited the General and the

General Definitors to a fine lunch. It was

great to see both Jose R. Carballo and John

D. Vaughn, laughing and talking together

about things Ministers General usually talk

about.

Later in the afternoon, the General had a

discussion with the Provincial, Mel Jurisich,

OFM, and the members of the Definitorium

of St. Barbara Province. Toward

evening at the Immaculate Conception

Church in the Mission District of San Francisco,

during a Vespers ceremony, the General

addressed the friars of Northern California;

afterwards, the Pastor of Immacu-


270 AN. CXXIII – MAII-AUGUSTI 2004 – FASC. II

late Conception, Guglielmo Lauriola,

OFM, and his parish staff and some wonderful

parishioners hosted the General and

friars of the Bay Area to an Italian dinner in

the parish hall. The General again addressed

the friars of the province and

thanked them for their generous hospitality.

It was a fun night with good songs and good

conversation.

Early the next morning, the first of May,

Mel Jurisich, OFM drove the General, Ignacio

and Finian to Mission San Carlos in

Monterey ( the tenth of the California Missions)

to pray at the tomb of Beato Junipero

Serra, OFM. Sir Richard Joseph Menn, the

Curator, gave us a private tour of the Mission

and the museum. The Minister General

placed a wreath at the tomb and all of us

prayed there for a while. It was a very moving

visit – the Minister General of the Order

– with former provincials of both Alta and

Baja California and the present provincial

of Santa Barbara!

On our way to Old Mission Santa Barbara

we stopped to visit with the Guardian

of San Miguel Mission, Bill Short, OFM,

and the friars of the novitiate. The General

had a chance to see the devastating results

of the recent earthquake.

We arrived at Old Mission Santa Barbara

and were warmly welcomed by Alberic

Smith, OFM, the Guardian. We ate dinner

with the friars from Southern California; after

dinner the General spoke with the friars

who had come to see him and with the friars

of the infirmary. He spoke on the importance

of the senior friar in the Order. Tim

Arthur, OFM, the archivist of the province,

gave us a very comprehensive tour (1.) of

the Old Mission Archive Library which

holds the documents of the Old Missions of

California and (2.) of the archives of the

province. The General was impressed with

the generous use of space for the many rare

documents and books.

Early Sunday morning, the second of

May, the General, the provincial, the

guardian and the two General Definitors

concelebrated Mass for the Poor Clares of

Santa Barbara in their monastery just a

short walk from the Old Mission. After

Mass, Mother Mary Clare, PCC, invited the

General to address the sisters. He spoke on

the qualities of Religious life and tied them

in with St. Clare and the 750th anniversary

of her death. He also spoke of the 800th anniversary

of the founding of the Order to be

celebrated in the years 2008-2009.

After a quick breakfast, Mel Jurisich,

OFM took us to the airport for the flight to

San Diego and the beginning of a visit to the

neighboring province of Beato Junipero

Serra en Mexico, in another country, in another

culture - in another language!

FINIAN MCGINN, OFM

1.2. Visita a la Provincia del Beato Fray

Junípero Serra en México

Tijuana, México, 02-05.05.2004

Del 2 al 5 de mayo, la Provincia Junípero

Serra en México recibió la visita de animación

del Ministro general, Fr. José Rodríguez

Carballo, acompañado por los Definidores

generales Fr. Finian McGinn y Fr.

Juan Ignacio Muro.

Dada la gran extensión territorial de la

provincia (cerca de 1500 Kms de longitud,

abarcando los Estados de Sinaloa, Sonora,

Baja California y Baja California Sur), la visita

se organizó de manera que en dos ciudades,

el Ministro General se pudiera encontrar

con los hermanos de toda la Entidad.

El Ministro general y sus acompañantes

llegaron a Tijuana el domingo 2 de mayo

por la tarde. El Defintorio de la provincia

había decidido que esa noche el Ministro

general descansara, por lo que solo compartió

la cena con los hermanos de la Fraternidad

de Tijuana.

El lunes 3 de mayo, fiesta de la Santa

Cruz según el calendario litúrgico de México,

el Ministro general, los Definidores generales

y el Ministro provincial, Fray Javier

Gómez, se trasladaron a la ciudad y puerto

de Ensenada. Ahí fue recibido en la Escuela

que dirige la Provincia, el “Colegio Fray

Junípero Serra”, por todo el alumnado con

un acto cívico. Fue saludado por las autori-


AD CHRONICAM ORDINIS

271

dades del Colegio, y el Ministro general

respondió a su vez con un saludo y un breve

discurso a toda la comunidad educativa

ahí presente.

Enseguida pasó al Convento de Nuestra

Señora de Guadalupe, donde a las 11:30, tuvo

un encuentro y diálogo con los hermanos

en formación: Novicios, Profesos temporales

y postulantes. Al final de su mensaje, el

Ministro general respondió a las dudas e inquietudes

que los hermanos le presentaron.

Luego de una comida fraterna con todos

los hermanos que se habían reunido para la

ocasión, a las 16:00, el Ministro general tuvo

un encuentro con los formadores de la

provincia. En dicho encuentro aprovechó la

ocasión para animar a los hermanos formadores

en su delicada misión. Les exhortó a

invertir tiempo y recursos en la formación,

a no descuidar el acompañamiento personalizado,

a no dudar en establecer criterios

claros y exigentes para el discernimiento de

las vocaciones, y sobre todo, recordó a los

formadores que esa labor tendrá más éxito

cuando las palabras sean acompañadas del

testimonio de vida.

Luego, a las 17:30, el Ministro general se

reunió con algunos miembros de la Familia

franciscana de la región. Enseguida, a las

19hrs. Presidió la Eucaristía y finalmente, a

las 20:00, participó de la cena-convivencia

con los hermanos reunidos y con los miembros

de la Familia franciscana presentes.

El martes 4 de mayo, por la mañana, del

convento de Ensenada se trasladó al Monasterio

“La Sagrada Familia” de las Hermanas

Clarisas, en el poblado de “Maneadero”.

A las 8:00 presidió la Eucaristía, y

luego del abundante almuerzo ofrecido por

las hermanas, tuvo un encuentro con ellas.

Para el encuentro con el sucesor de N.P. San

Francisco, se encotraban ahí reunidas, además

de las monjas de casa, las Clarisas fundadoras

del nuevo monasterio de Mexicali,

y las Clarisas Capuchinas del monasterio de

Tijuana. Toda esa mañana transcurrió en un

clima fraterno de alegría, acogida y escucha

por parte de las hermanas. Junto con el Ministro

general, estuvieron presentes los dos

Definidores generales, el Ministro provincial,

el Vicario provincial, el Guardián de

Ensenada, el Secretario provincial y los hermanos

novicios de la provincia.

Hacia las 12:00 el Ministro general se

despidió de las Hermanas, y fue llevado, junto

con sus acompañantes, a una comida que

el Definitorio provincial tenía preparada en

una bella casa junto al mar. Unos bienhechores

de los hermanos pusieron su casa a disposición

del Ministro provincial para recibir

al Ministro general. El banquete, en el que

participó el Definitorio provincial y algunos

otros hermanos, fue preparado por tres hermanos

de la provincia. Allí descansó el Ministro

general un poco, y más tarde fue trasladado

a la ciudad de Tijuana.

El Miércoles 5 de mayo fue una jornada

intensa. A las 9:30hrs el Ministro general

tuvo el encuentro con el Definitorio provincial.

Enseguida, a las 11:30, el encuentro

con los hermanos de la provincia. Hacia las

13:00hrs., acompañado del Ministro provincial

y los Definidores generales, se trasladó

al obispado para saludar y dialogar

brevemente con el Obispo de la diócesis,

Don Rafael Romo. Y a las 14:00, en el patio

de la curia provincial, compartió la comida

con todos los hermanos de la provincia y algunos

bienhechores.

Por la tarde, a las 17:30, en la Iglesia de

San Francisco casi llena, tuvo el encuentro

con la Familia franciscana de la zona: diversas

congregaciones de Hermanas pertenecientes

a la Familia franciscana (Misioneras

Franciscanas de la Paz, Hermanas

Franciscanas de la Inmaculada Concepción,

Religiosas de Nuestra Señora del Refugio),

y hermanos de la OFS de las diferentes regiones

de la Provincia: representantes de la

OFS de Sonora (Guaymas y San Luis Rio

Colorado), de Mexicali, de Vicente Guerrero,

de Ensenada y las dos fraternidades de

Tijuana. También participaron en el encuentro

el grupo de “Amigos de San Francisco”

y otros bienhechores y amigos de

nuestra Orden.

El encuentro concluyó con la concelebración

de la Eucaristía a las 20:00.

Finalmente, a las 21:00 concluyó la jornada

con una cena-convivencia con todos

los participantes en el encuentro. Al terminar

la fiesta, se despidió de la Provincia,


272 AN. CXXIII – MAII-AUGUSTI 2004 – FASC. II

pues esa noche fue trasladado a San Diego,

donde pernoctó. El 6 de mayo muy temprano,

junto con Fr. Finian tomó el avión para

regresar a Roma.

FR. IGNACIO MURO, OFM

1.3. Partecipazione all’Assemblea dei Ministri

provinciali e Formatori della Conferenza

West-Slavica

Varsavia, 10-12.05.2004

Dal 10 al 12 maggio 2004 si è radunata

l’Assemblea dei Ministri provinciali e dei

Formatori della Conferenza West-Slavica,

nel Centro Francescano per l’Europa dell’Est

e Asia del Nord in Varsavia. Organizzato

dal Segretario per la Formazione e gli

Studi della Conferenza, Fr. Hernest

Sikierka, e dai suoi collaboratori, l’incontro

ha visto la partecipazione del Ministro generale

e del Definitore generale di Zona, Fr.

Sime Samac, di Fr. Massimo Fusarelli e di

Fr. Alojsy Warot della Segretaria generale

per la Formazione e gli Studi.

Nei primi due giorni l’attenzione e la ricerca

comune dei Ministri e dei Formatori si

sono concentrati su alcuni temi portanti della

nuova Ratio Formationis Franiscanae,

anche con il contributo della Relazione di Fr.

Massimo Fusarelli, che si è soffermato sulle

caratteristiche della pedagogia francescana e

sull’accompagnamento formativo personale,

e di quella di Fr. Alojsy Warot, che ha sottolineato

l’importanza dello studio, posto tra

la contemplazione e la cultura, secondo le

prospettive della Ratio Studiorum.

È stata l’occasione per approfondire soprattutto

la centralità della persona del candidato

e del Frate Minore, chiamato a percorrere

il cammino formativo in modo attivo

e responsabile, attento a lasciarsi accompagnare.

La tipica visione francescana dell’uomo

e dell’azione di Dio ritrova in queste

coordinate dei passaggi molto importanti.

Lo studio è stato visto come integralmente

inserito nella nostra vocazione e missione

di Frati Minori, permettendo soprattutto

di acquisire e di affinare quel senso critico

che rende l’uomo capace di cercare la verità

come pellegrino.

Il Ministro generale il giorno 12 ha presentato

a grandi linee la realtà della formazione,

mettendone in evidenza soprattutto

le caratteristiche di gradualità, come un itinerario

che coinvolge l’integralità della

persona. I partecipanti hanno lavorato attivamente

in piccoli gruppi, potendo tradurre

gli stimoli ricevuti nelle diverse tappe della

formazione e intrattenendo un dialogo aperto

e completo con i relatori.

L’Assemblea si è chiusa il 12 sera con

una Concelebrazione eucaristica presieduta

dal Ministro generale, alla quale si è unita la

Famiglia Francescana di Varsavia e moltissimi

fedeli della Parrocchia francescana

unita al Centro. È stata l’occasione per celebrare

in questa grande città il Centenario

della morte di S. Chiara.

L’Assemblea ha confermato l’importanza

dell’incontro, dello scambio e della formazione

dei formatori, anche a livello di Conferenza.

Inoltre ha evidenziato la necessità di

continuare ad approfondire l’area della pedagogia

francescana e dell’accompagnamento

personale, che chiedono una conversione di

stili e di scelte formative, e la continua autoformazione

dei medesimi formatori.

FR. MASSIMO FUSARELLI

1.4. El Ministro general participa en el Capítolo

de la Prov. de Valencia, Aragón y Baleares

Monasterio de Santo Espíritu, de Gilet,

14-15.05.2004

Fr. José Antonio Jordá Tomás, natural de

la localidad alicantina de Beniarrés, de 60

años, ha sido elegido nuevo Provincial de la

Provincia Franciscana de Valencia, Aragón

y Baleares, en sustitución de Juan Oliver,

nombrado recientemente por el papa Juan

Pablo II Obispo coadjutor del Vicariato

Apostólico de Requena, en Perú.

La elección ha tenido lugar en el transcurso

del Capítulo provincial de los Fanciscanos

celebrado el día 14 de mayo de 2004,


AD CHRONICAM ORDINIS

273

en el monasterio de Santo Espíritu, de Gilet,

donde ha acudido el Ministro general de la

Orden, Fr. José Rodríguez Carballo. [....]

Durante su estancia en Santo Espíritu,

Fr. José, manifestó su satisfacción por la

elección de Juan Oliver como Obispo-coadjutor

de Requena (Perú), calificando la decisión

de muy acertada por la humildad y

misticismo del elegido, lo que, en su opinión,

le permitirá desarrollar una gran labor

en esa zona de selva y misión.

En cuanto a las vocaciones, reconoció

que a pesar de los momentos difíciles que se

están atravesando «esto no es el fin». «Después

de 700 años, las reglas “paz y bien” establecidas

por San Francisco siguen funcionando

muy bien, como lo demuestra que en

la actualidad sean más de 17.000 los franciscanos

que ejercen su labor por todo el

mundo», añadió.

Así, Rodríguez Carballo destacó que Polonia

es el país europeo donde más vocaciones

franciscanas están surgiendo, con más de

50 ordenaciones en este último año, y que los

franciscanos son la única Orden que está

«bien vista» y tiene libertad de actuación en

Rusia. Igualmente manifestó su satisfacción

por el aumento de las vocaciones nativas en

África. «Lo importante es que la gente sienta

la entrega auténtica al pueblo, al pobre, al indigente,

al más humilde», añadió.

Por último, antes de despedirse de Valencia,

Rodríguez Carballo invitó a rezar

para alcanzar una solución al problema entre

Israel y Palestina que permita llevar la

paz definitiva a Tierra Santa.

[HERMANO FRANCISCO, 131(2004)8-9]

1.5. Incontro del Definitorio generale con i

Presidenti delle Conferenze

Roma, Curia generale, 24-25.05.2004

Convocati dal Ministro generale, secondo

quanto stabiliscono gli SSGG, i Presidenti

delle 15 Conferenze dei Ministri provinciali

dell’Ordine si sono incontrati con il

Definitorio, presso la Curia generale, dal 24

al 25 maggio 2004.

Partecipanti

Definitorio generale

Fr. José Rodríguez Carballo, Ministro

generale; Fr. Antonio Franjic, Vicario e

Procuratore generale; Fr. Amaral Bernardo

Amaral, Definitore generale; Fr. Francesco

Bravi, Definitore generale; Fr. Luis Gerardo

Cabrera Herrera, Definitore generale;

Fr. Finian McGinn, Definitore generale; Fr.

Juan Ignacio Muro Aréchiga, Definitore generale;

Fr. Sime Samac, Definitore generale;

Fr. Ambrogio Van Si Nguyen, Definitore

generale; Fr. Miguel J. Vallecillo Martín,

Definitore generale; Fr. Jakab Várnai, Definitore

generale; Fr. Sandro Overend Rigillo,

Segretario generale.

Presidenti

Daquilanea Fr. Arturo (Prov. S. Petri

Baptistae, Filippine): EAC; Skunca Fr. Bernardin

(Prov. S. Hieronymi, Croazia): SUD

SLAVICA; Fayez Fr. Samuele (Vice Prov. S.

Familiae, Egitto): COMONA; Peixoto De Castro

Fr. Fernando Inacio (Vic.-Prov. Ss. Nominis

Iesu, Brasile): BRASILIANA; Geraedts

Fr. Henk (Prov. Ss. Martyrum Gorcomiensium,

Olanda): MEFRA ; Arregui Guridi Fr.

José Maria (Prov. Franciscana de Arantzazu

(Spagna): CONFRES; Dunham Fr. Larry

(Prov. N.D. de Guadalupe, U.S.A.): AN-

GLOFONA; Ortaglio Fr. Luigi (Prov. Ss. Cordis

Iesu, Italia): COMPI; Wach Fr. Marek

(Prov. S. Mariae Angelorum, Polonia): WE-

ST SLAVICA; Vumile Fr. Nogemane (Prov.

N.D. Reginae Pacis, Sud Africa): AFRICA

SUB-SAHARIANA; De La Serna Fr. Ramiro

(Vic.-Prov. S. Francisci Solano, Argentina):

CONO SUR; Marchal Fr. Roger (Prov. Trium

Sociorum, Francia): COPEF; Franco Fr. Samuel

(Prov. S. Maria de Guadalupe, Messico):

CENTRO AMERICA; Bliss Fr. Stephen

(Prov. Sancti Spiritus, Australia): SAOO;

Heras Fr. Walter (Prov. S. Francisci de Quito,

Ecuador): BOLIVARIANA.

Agenda

L’Assemblea dei Presidenti è durata solo

due giorni, ma l’OdG è risultato ugualmente

denso ed impegnativo per il “materiale”


274 AN. CXXIII – MAII-AUGUSTI 2004 – FASC. II

messo a disposizione dei partecipanti e per

il susseguirsi incalzante degli incontri sia in

Assemblea che in gruppi linguistici.

Il ritmo e il contenuto della prima giornata

sono stati dettati dal Ministro generale

con la sua provocante relazione su «Tornare

all’essenziale: la rifondazione della vita

francescana». Dopo un breve dialogo con il

Relatore, i Presidenti si sono divisi in tre

gruppi di lavoro, secondo le lingue, per approfondire

ulteriormente il senso e le conseguenze

della rifondazione della nostra forma

vitae oggi.

Nella prima parte del secondo giorno,

l’attenzione è stata tutta rivolta al ruolo dei

Presidenti delle Conferenze e delle stesse

Conferenze nell’animazione dell’Ordine,

tenendo anche presente quanto prescrivono

gli SSGG riguardo alle Conferenze, alla ristrutturazione

delle Conferenze e delle Entità.

I partecipanti sono stati aiutati nella riflessione

dalle relazioni di Fr. A. Franjic e

da Fr. F. Bravi.

Nella seconda parte della giornata sono

state presentate ai Presidenti se e come vengono

attuate le indicazioni del Capitolo generale

riguardo ai seguenti aspetti della vita

dell’Ordine: Potenziamento del PAA (Fr.

M. Fusarelli); Collegio S. Bonaventura di

Grottaferrata (Fr. A. Nguyen); Casa di

Istanbul (Fr. M. Vallecillo); Ristrutturazione

della Casa della Curia generale (Fr. L.

Cabrera); Divisone per fasce per i contributi

annuali (Fr. J. Várnai); Progetti missionari

dell’Ordine (Fr. V. Brocanelli); Commissione

per le linee guida sugli abusi sessuali

(Fr. F. McGinn).

Su questi e su altri aspetti, evidentemente,

i lavori sono sempre in corso!

FR. LUIGI PERUGINI

1.6. Visita del Ministro general a Venezuela

Caracas, 29.5-02.06.2004

Con ocasión de la celebración de los 50

años de la segunda llegada de los Franciscanos

a Venezuela, Fr. José Rodríguez Carballo,

Ministro general, del 29 de mayo al

02 de junio, visitó a los hermanos de la Custodia

de la Inmaculada Concepción. Históricamente,

los primeros franciscanos llegaron

a Venezuela en torno al año 1575, fecha

en la que se fundó el Convento de San Francisco

de Caracas. Muy pronto se establecieron

en otros lugares, tales como: Isla de Cugagua,

Isla de Margarita, Cumaná, Trujillo,

El Tocuyo, Barquisimeto, Maracaibo, Coro,

Valencia, San Sebastián de los Reyes, La

Grita , Misiones de Píritu, Misiones del Orinoco

y de Guaya y Trinidad. En 1837 fueron

abolidos todos los conventos de Venezuela

y los Frailes se dispersaron. El último

murió en 1882. Actualmente, la Custodia

franciscana de la Inmaculada Concepción

cuenta con presencias en: Caracas (3), El

Tigre, Ciudad Bolívar, Cagua, San Francisco,

Agua Blanca, Biscucuy y Chabasquén;

y cuenta con 23 hermanos profesos solemnes,

6 profesos temporales y 14 aspirantes y

postulantes.

Siguiendo un cronograma de actividades,

oportunamente elaborado por la Custodia,

el Ministro general participó en varios

encuentros fraternos y celebraciones litúrgicas.

En cada uno de ellos dejó su mensaje,

el cual fue bien acogido y valorado.

Domingo 20 de mayo. Después de la

concelebración de la primera Misa del Neosacerdote,

Fr. Antonio Reyes, en la Iglesia

Parroquial San Pedro Claver, y del almuerzo

respectivo, se realizó, en la Casa Cristo

Rey, el encuentro con los hermanos profesos

temporales. En esta oportunidad, los

hermanos formandos manifestaron su profundo

deseo de continuar con la obra dejada

por los hermanos en estos últimos 50 años

de presencia, siguiendo las orientaciones

del Capítulo general del 2003. También se

mostraron muy optimistas por el futuro de

la Custodia no obstante la situación política

y social muy delicada y compleja que vive

el país.

Lunes 31 de mayo. A las 10hs., en la Iglesia

de San Francisco, antiguo convento de

los hermanos menores, tuvo lugar la solemne

Eucaristía, presidida por el Ministro general,

como acción de gracias por los 50

años de la segunda llegada de los hermanos.

Pues, un día como hoy, en 1954, vinieron a


AD CHRONICAM ORDINIS

275

Venezuela los Hermanos Celestino García

(ya difunto), Enrique Costa y Andrés Hermida

(que trabajan desde entonces hasta el

día de hoy en la Custodia), todos ellos provenientes

de la Provincia franciscana de

Santiago de Compostela (España). El Ministro

general, por su parte, recordó, en su

homilía, la generosidad y el valor que tuvieron

los hermanos para abandonar su patria,

Galicia, y entregarse totalmente y de

una manera definitiva a la nueva misión encomendada.

Terminó su intervención invitando

a los jóvenes a asumir los nuevos retos

para que el mensaje franciscano siga iluminando

el presente y el futuro de muchas

personas que tengan la oportunidad de conocerles.

También participaron, en esta celebración,

muchas hermanas y hermanos de

la Familia franciscana, como los capuchinos

y los conventuales, y de otras comunidades

religiosas, tanto masculinas como femeninas;

cabe destacar la buena voluntad y

disponibilidad de los Jesuitas que hicieron

posible la celebración de la Eucaristía en esta

Iglesia, ahora encomendada a su dirección

y administración.

Por la tarde, a las 17hs., en la Casa Dr.

José Gregorio Hernández, el Ministro general

se reunió con los hermanos Aspirantes y

Postulantes. Después de la presentación

personal y de compartir la motivación por la

que habían llegado los hermanos, entre

otros puntos, se puso de relieve la importancia

de prepararse de la mejor manera,

tanto teórica como práctica, en las diferentes

dimensiones de la vida religiosa, especialmente

en el encuentro diario y profundo

con Cristo y en el uso adecuado de los nuevos

medios de información y comunicación

con los que contamos; también se hizo

mención a los proyectos misioneros y fraternos

que la Orden tiene en Africa y en

otros continentes y la responsabilidad de todos

los hermanos para su sostenimiento y

desarrollo.

Martes 01 de junio. A las 8,30hs., tuvo

lugar el encuentro con los hermanos Guardianes;

fue una oportunidad para reflexionar

sobre su misión principal de animar y

acompañar a los hermanos, usando como

mediaciones el diálogo personal y los Capí-

tulos locales, en los que no solo deben tratarse

asuntos administrativos, sino sobre todo

las motivaciones y los medios para la

formación permanente. A las 10,30hs., con

el Secretariado para la formación y estudios,

se profundizó en la necesidad de un

discernimiento sereno y lo más objetivo posible

que garantice la calidad de los candidatos;

asimismo, se hizo hincapié en la importancia

de una formación sólida tanto espiritual

como intelectual, desde las

dimensiones fraternas y misioneras de

nuestro carisma, como lo indica el último

subsidio sobre las prioridades.

Por la tarde, a las 17hs., en la Iglesia de

San Francisco, en Aragua, se realizó la celebración

eucarística por las Bodas de Oro

sacerdotales de los Hermanos Eliseo Díaz y

Juan Antoñón. Fueron momentos fraternos

muy emotivos en los que recordaron cómo

ellos descubrieron la presencia y la bondad

de Dios en sus vidas y de dónde sacaron toda

la fuerza y la sabiduría para anunciar el

evangelio a lo largo de sus vidas, especialmente,

en los distintos lugares en los que la

obediencia les había puesto. La comunidad

cristiana del lugar, con su Pastor, también se

hizo presente con un homenaje de gratitud

a los hermanos homenajeados e hizo un derroche

de generosidad ofreciéndoles, entre

otras expresiones, una cena.

Miércoles 02 de junio. A las 8hs., el Ministro

general se encontró con el Consejo de

la Custodia. En esta ocasión, se subrayó la

necesidad de un diálogo abierto y continuo

entre sus miembros tanto para la animación

como para el Gobierno de la Custodia. Como

modelo de animación, se propuso la

imagen del buen pastor que conduce las

ovejas hacia pastos abundantes mientras

busca a la perdida, cura a las heridas y se

alegra con todas. También se recalcó en la

importancia de asegurar la vida espiritual y

fraterna en todas las casas sin dejarse presionar

y arrastrar por los compromisos pastorales,

como lo señalan las prioridades de

la Orden y el documento final del Capitulo

general del 2003.

A las 10,30hs., el Ministro general visitó

a los Docentes y Estudiantes del Colegio

San Luis. En esta oportunidad, felicitó al


276 AN. CXXIII – MAII-AUGUSTI 2004 – FASC. II

Director, Fr. Tarsicio Rodríguez, por todo el

esfuerzo desplegado en la pastoral educativa;

e invitó a los estudiantes a soñar y a

comprometerse en un futuro mejor para Venezuela,

mediante un trabajo disciplinado y

lleno de generosidad. La Visita del Ministro

general a los hermanos de la Custodia de la

Inmaculada Concepción concluyó con el almuerzo,

a las 13h30.

Cabe destacar, en todos los encuentros y

celebraciones de este jubileo, la presencia

de Fr. José Gonzáles, Ministro provincial de

Santiago de Compostela, de la cual depende

jurídicamente la Custodia de la Inmaculada

Concepción. Gracias a todos los hermanos

por su acogida fraterna, especialmente, a Fr.

Alex Arias, Custodio, y a su Consejo. Que el

Señor les bendiga siempre.

FR. LUIS CABRERA, OFM

1.7. Visite alle Province francescane di

Spalato e di Sarajevo

04-11.06.2004

Dal 4 all’11 giugno il Ministro generale,

Fr. José R. Carballo, accompagnato dal Definitore

generale Fr. Sime Samac, ha visitato

due Province della Conferenza Sud-Slavica:

la Provincia del Ss. Redentore di Split

(Croazia ) e la Provincia S.Croce di Sarajevo

(Bosnia). Accolti all’aeroporto dai Ministri

provinciali della Conferenza Sud-Slavica,

Fr. José e Fr. Sime sono stati salutati ufficialmente

nella chiesa della Madonna

della Salute di Split (Curia provinciale).

Dal 4 al 7 giugno 2004 il Ministro generale

ha visitato la Provincia del Ss.mo Redentore,

che conta 284 Frati, 4 Novizi, 8 Postulanti,

14 Case, 85 Parrocchie in Croazia

e 32 all’estero. Secondo il programma, la

Visita ha avuto vari momenti. Il più importante,

senza dubbio, è stato l’incontro con i

Frati: con tutti i Frati, con i Guardiani, con i

Formandi e i Formatori e con il Definitorio

provinciale. Gli incontri sono avvenuti a

Split, a Sinj e a Visovac, si sono svolti in un

clima fraterno ed hanno toccato tematiche

inerenti alla vocazione e alla missione dei

Frati Minori oggi.

La Visita, inoltre, è stata l’occasione per

incontrare i Vescovi di Split, Mons. Marin

Barisc e Mons. Ante Juric, il Vescovo di Sibenik,

Mons. Ante Ivas, e le Clarisse di

Split. Anche per “arricchire” la mente e “ritemprare”

lo spirito. Infatti, è stato realizzato

un “atto accademico” in onore del Ministro

generale, al quale hanno partecipato,

oltre ai Frati, i Vescovi di Split, uomini della

cultura e della politica della città; è stata

infine riservata una giornata di “sosta” nell’Isola

di Visovac, Casa di Noviziato, dove

regnano sovrani il silenzio e la bellezza della

natura.

Lasciata la Casa di Noviziato di Visovac,

Fr. José e Fr. Sime sono partiti per Sarajevo,

sede della Provincia della S. Croce. Lungo

il percorso ci sono state varie soste: a Knin,

dove i Frati si prendono cura di circa 10.000

fedeli, in maggioranza provenienti dalla

Bosnia; a Livno, Casa di Noviziato della

Provincia di Sarajevo, per salutare i Frati e

il vescovo di Banjaluka, Mons. Franjo Komarica;

a Bila per una breve visita alle Suore

spagnole che si occupano degli anziani; a

Brestovsko per un fraterno incontro con le

Clarisse. Alla sera dell’8 giugno il Ministro

e il Definitore sono giunti alla Curia provinciale

di Sarajevo per iniziare la Visita fraterna

alla Provincia di S. Croce, che conta 315

Frati Professi solenni, 42 Professi temporanei,

8 Novizi, 15 Case, 72 Parrocchie e 3

Santuari.

Il 9 giugno, a Sarajevo, c’è stato l’incontro

con tutti i Frati e nel primo pomeriggio

la visita ad un Centro polivalente gestito dai

Francescani, in cui si concentrano diverse

attività caritative e culturali: “pane di S. Antonio”,

mensa dei poveri, redazione della rivista

“Svjetlo rijeci” (Luce della parola) e

terapie per la riabilitazione. La giornata si è

conclusa a Visoko con l’incontro con i

Guardiani.

Il 10 giugno è stata una giornata particolarmente

intensa: incontro con i Formatori e

i Formandi; visita di cortesia al Card. Vinko

Puljic e al Vescovo Ausiliare Mons. Pero

Sudar; riunione del Ministro con il Definitorio

provinciale; “atto accademico” in

onore del Ministro generale a cui hanno partecipato,

tra gli altri, il Vescovo Ausiliare di


AD CHRONICAM ORDINIS

277

Sarajevo, il Segretario del Nunzio Apostolico,

i Sindaci della Città, l’Ambasciatore degli

USA, i Rappresentanti dell’OESCE ed

alcuni Ministri ed uomini di cultura (croati,

musulmani, serbi).

L’11 luglio il Ministro e il Definitore generale

hanno lasciato Sarajevo per raggiungere

l’aeroporto di Split, con due soste lungo

il percorso: a Rama per un saluto ai Frati

del luogo e al Convento di Duvno, appartenente

alla Provincia di Mostar.

L’intera visita è stata seguita anche dalle

TV e dai Giornali della Croazia e della Bosnia.

FR. SIME SAMAC, OFM

1.8. Nuova Provincia francescana in

Ucraina

Zytomir, Ucraina, 17.06.2004

Il 1° giugno 1993 venne fondata la Custodia

di S. Michele Arcangelo in Ucraina,

dipendente dalla Provincia dell’Immacolata

Concezione della BVM di Cracovia, Polonia.

Undici anni dopo, vedendo la crescita

numerica e qualitativa della Custodia, il

Ministro generale, con il suo Definitorio,

nominava il Visitatore generale, Fr. Nikodem

Gdyk, allo scopo di verificare la possibilità

del passaggio da Custodia a Provincia.

Visto il parere favorevole del Visitatore

generale e il consenso della maggioranza

dei Frati, il Ministro e il Definitorio generale

hanno deciso la erezione della nuova Provincia

ed hanno nominato, secondo quanto

prevede la legislazione dell’Ordine, il nuovo

“Governo” della Provincia S. Michele

Arcangelo con sede a Zytomir.

All’atto costitutivo della Provincia hanno

preso parte il Ministro generale, Fr. J. R.

Carballo, il Definiotre generale, Fr. Sime

Samac, i Ministri provinciali della Conferenza

West-slavica, quattro Vescovi e numerosi

fedeli. Previsto il 17 giugno alle ore

9, l’atto è iniziato alle ore 16.30, poiché il

Ministro, per problemi di visto, è rimasto

bloccato per 16 ore all’aeroporto. Ma tutti

(Frati, Vescovi, Coro e fedeli) hanno aspet-

tato con pazienza ed hanno conservato

l’entusiasmo e la gioia per un evento così

importante per il francescanesimo in

Ucraina.

Dopo il saluto del Guardiano ai presenti,

la presentazione della storia della Custodia

da parte del Custode, Fr. Herkulan, e gli auguri

per il nuovo cammino di Fr. Romuald

Kosla, Ministro provinciale della Provincia

madre di Cracovia, il Ministro generale ha

letto il Decreto di erezione della Provincia e

Fr. Sime Samac ha proclamato il 1° Governo,

eletto dal Definitorio generale: Fr.

Herkulan Malchuk (Ministro provinciale);

Fr. Radoslaw Chodanicki (Vicario provinciale);

Fr. Dobroslaw Kopysterynski, Fr.

Roger Mularczyk, Fr. Kazimierz Zuchowski,

Fr. Szymon Szyrokoradiuk (Definitori

provinciali).

Dopo la solenne proclamazione e lo

scambio di auguri e di felicitazioni, c’è stata

la celebrazione dell’Eucaristia, presieduta

dal Ministro generale.

La nuova Entità dell’Ordine ha 59 Frati

professi solenni, 16 Professi temporanei, 5

novizi, 4 postulanti, 17 Case ed è presente in

sei diocesi di rito latino. Ha il noviziato e il

postulandato in Ucraina, a Baranowka e a

Szepetówka, mentre la formazione del postnoviziato

avviene con i giovani Frati della

Provincia dell’Immacolata a Kalwaria/Cracovia,

in Polonia.

L’Ordine dei Frati Minori è presente in

Ucraina anche con un’altra Entità di rito bizantino,

la Fondazione dipendente dalla

Provincia francescana di Katowice (Polonia).

FR. SIME SAMAC

1.9. Visita del Ministro generale alla tre

Province di lingua ungherese

20-29 giugno 2004

A mezzogiorno del 20 giugno 2004, il

Ministro generale, accompagnato dai Definitori

generali F. Jakab Várnai e Fr. Miguel

Vallecillo, è stato accolto all’aeroporto di

Budapest dai Ministri provinciali delle due


278 AN. CXXIII – MAII-AUGUSTI 2004 – FASC. II

Province che sono in Ungheria: Fr. Bánk

Kovács (S. Maria) e Fr. Gergely Magyar (S.

Giovanni da Capestrano).

Alloggiati presso la Curia della Provincia

di S. Giovanni da Capestrano, a Buda, il

Ministro e i Definitori generali hanno dedicato

i primi giorni alla visita della Provincia

di S. Maria. Questa Provincia paga oggi le

gravi conseguenze della sua soppressione

durante il periodo del regime comunista, dal

1950 al 1989, durante il quale non ha potuto

accogliere nuove vocazioni. A partire dal

1989, cioè dalla data della sua restaurazione,

questa possibilità si è di nuovo aperta e

da allora la formazione dei giovani candidati

è stata affidata alla Provincia di S. Giovanni

da Capestrano, ma i nuovi ingressi

non sono stati finora numerosi come ci si sarebbe

aspettati. Proprio per questo motivo

un sereno discernimento sul futuro della

Provincia è iniziato, in occasione della visita

del Ministro generale, da parte del Governo

della Provincia.

Il 21 giugno il Ministro Generale ha poi

visitato il Cardinale Péter Erdo, Arcivescovo

di Esztergom-Budapest, che ha elogiato

il lavoro pastorale dei Frati nell’Arcidiocesi

e ha invitato a riflettere sulla possibilità di

una cooperazione più stretta tra l’Istituto

Teologico “Sapientia” dei Francescani e la

Facoltà di Teologia dell’Università Cattolica

“Péter Pázmány” di Budapest.

Il 22 giugno ci si è recati al convento di

Szécsény, Casa di noviziato delle tre Province

di lingua ungherese, dove il Ministro ha

avuto un incontro con i Novizi e i Formatori,

durante il quale ha ricordato le caratteristiche

proprie dell’anno di noviziato e ha risposto

alle numerose domande dei Frati. Tra gli altri

argomenti trattati, è stata in particolare

sottolineata l’importanza dello studio della

storia dell’Ordine per la crescita del senso di

appartenenza all’Ordine stesso. La celebrazione

dell’Eucaristia con la Fraternità è stata

l’occasione per il Ministro di approfondire il

tema dell’importanza dell’incontro personale

con Gesù nella vita del Frate Minore e dei

mezzi che possono favorirlo.

Nel pomeriggio c’è poi stata l’opportunità

di fare una visita al monastero-eremo

delle clarisse collettine di Szécsény, una

fondazione del 1995 del monastero di Rameau

de Sion, nei pressi di Nancy e oggi ormai

pronta per iniziare ad avere un proprio

noviziato in Ungheria.

Il Ministro è quindi ritornato a Budapest

per incontrare la Famiglia francescana: erano

presenti all’incontro Francescani secolari

da tutta l’Ungheria, Suore FMM e rappresentanti

di varie Congregazioni di diritto

diocesano. Il Ministro ha qui annunciato il

programma di massima per le celebrazioni

in preparazione all’ottavo centenario della

fondazione dell’Ordine e ha incoraggiato le

diverse componenti della grande Famiglia

francescana a portare ciascuno il proprio

specifico contributo nelle iniziative locali

per questo avvenimento.

La giornata del 23 giugno è stata riservata

all’incontro con i tutti Frati della Provincia di

S. Maria, con il Definitorio della Provincia di

S. Giovanni da Capestrano e con i definitori

delle due Province, in cui si è sottolineata la

comune responsabilità nei confronti della

presenza francescana in Ungheria e la relativa

indispensabile collaborazione.

Il giorno successivo ci si è recati in visita

a due licei della Provincia di S. Giovanni

da Capestrano. Nel primo, a Szentendre, un

liceo classico di 500 allievi, il Ministro generale

ha celebrato l’Eucaristia con gli insegnanti

della scuola e ha poi rivolto un saluto

in occasione della giornata di chiusura

dell’anno scolastico. Nel secondo, a Esztergom,

un liceo con un internato di 300 ragazzi,

c’è stato anche un momento per il dialogo

con i professori della scuola. Il Ministro

generale li ha incoraggiati a promuovere

sempre lo sviluppo integrale degli studenti

e a svolgere il loro servizio ispirandosi ai

valori francescani. In questi licei il corpo

docente è costituito per il 20% da Frati.

A conclusione dell’intensa giornata il

Ministro ha visitato il Cardinale László Paskai

OFM, Arcivescovo emerito di Esztergom-Budapest,

che vive attualmente a Esztergom

nella casa dei preti in pensione e segue

sempre con interesse e amore la vita

francescana in Ungheria.

Il 25 giugno ci si è spostati nella Provincia

di S. Stefano Re in Transilvania (Romania),

dove i Frati della Provincia sono di na-


AD CHRONICAM ORDINIS

279

Le Province del “B. Pacifico” (Francia) e

dei “Tre Compagni” (Francia/Belgio) hanno

celebrato, dal 2 al 6 luglio 2004, il Capitolo

delle Stuoie. Al Capitolo, che si è tenuto

presso le Suore della Carità di Nevers,

dove si conserva la salma di Santa Bernadette

di Lourdes, hanno partecipato oltre

130 Frati, tra i quali alcuni Frati africani e

canadesi di lingua francese.

Accompagnato dal Definitore generale

Fr. Jakab Várnai e da Fr. Philippe Schillings,

il Ministro generale è giunto il pomezionalità

ungherese. Dopo un primo incontro

a Déva ci si è trasferiti a Sebes, dove la

Provincia sta ristrutturando un convento

perché possa diventare Casa di post-noviziato.

Se prima i Frati di professione temporanea

della Provincia rimanevano in Ungheria

anche dopo il noviziato, per frequentare

gli studi di teologia a Szeged insieme

con le altre due Province ungheresi, ora è

parso più opportuno continuare la formazione

degli anni di post-noviziato in Transilvania,

per facilitare l’inserimento dei giovani

Frati in una realtà ecclesiale e sociale

molto diversa da quella ungherese. La presenza

di un nutrito gruppo di Frati non

orientati al sacerdozio fa poi sentire l’urgenza

di garantire una formazione professionale

sul posto.

La visita all’arcivescovo di Gyulafehérvár

(Alba Iulia), Gyorgy Jakubinyi, ha

concluso la giornata ed è stata l’occasione

per una breve visita alla scuola diocesana di

teologia, dove i Frati studieranno dal prossimo

anno accademico.

Il 26 giugno il Ministro l’ha trascorso incontrando

tutti i Frati della Provincia. La riflessione

si è incentrata sul senso che la

“rifondazione” ha per la situazione concreta

di questa giovane Provincia, che ha già

vissuto una sorta di rifondazione dopo la caduta

del regime comunista e dove i Frati vivono

la realtà dell’essere minori sia a livello

etnico, come minoranza ungherese in Romania,

sia religioso, come minoranza cattolica

in un Paese ortodosso, toccando con

mano ogni giorno come l’essere in dialogo

non sia sempre facile. Qui i Frati sono particolarmente

vicini alla gente che soffre ancora

le conseguenze, soprattutto sul piano

umano, del durissimo regime marxista, e

gestiscono un orfanotrofio per 400 bambini

e giovani, che, in questa difficile realtà, si

pone come un vero segno profetico per tutta

la società e, in particolare, per le autorità

del Paese.

Il 27 giugno il Ministro generale è poi

tornato in Ungheria per visitare il convento

di Szeged, Casa di formazione del post-noviziato

delle Province ungheresi, e nell’incontro

con i Frati in formazione è emersa

l’importanza degli studi per una adeguata

evangelizzazione. Il Ministro ha anche invitato

i Frati ad essere aperti ai bisogni dell’Ordine

e, soprattutto, disponibili per la

missione “ad gentes”.

Nella mattinata del 28 giugno si è svolto

l’incontro con tutti i Formatori delle tre Province

di lingua ungherese, a cui hanno partecipato

anche i rispettivi Ministri provinciali,

ai quali il Ministro ha ricordato la responsabilità

di un serio discernimento vocazionale

che non sia mai condizionato da

preoccupazioni di tipo numerico. Nel pomeriggio

il Ministro ha incontrato il vescovo

diocesano Endre Gyulay e visitato la

Scuola Superiore di Teologia in cui studiano

i Frati.

Il 29 giugno, di nuovo a Budapest, c’è

stato infine l’incontro con tutti i Frati della

Provincia di S. Giovanni da Capestrano che

lavorano nella pastorale parrocchiale. Dopo

una riflessione sul concetto di evangelizzazione,

il Ministro ha sottolineato l’importanza

di mantenere nelle nostre parrocchie

un carattere specificamente francescano del

lavoro pastorale.

Prima della partenza i Frati hanno ringraziato

il Ministro generale per la costante

attenzione con cui segue la vita di queste tre

Province.

FR. JAKAB VÁRNAI

1.10. Il Ministro generale partecipa al Capitolo

delle Stuoie delle Province di Francia/Belgio

Nevers, Francia, 2-4.07.2004


280 AN. CXXIII – MAII-AUGUSTI 2004 – FASC. II

riggio del 2 luglio, per l’apertura del Capitolo.

La mattinata del 3 luglio è iniziata con

la Relazione di Fr. José R. Carballo, che, ricordato

l’invito del Capitolo generale alla

radicalità evangelica, si è soffermato sulla

necessità della “rifondazione” dell’Ordine,

anche per dare un contenuto “visibile” all’-

VIII centenario della Fondazione del nostro

Ordine. All’intervento del Ministro è seguito

un tempo di dialogo, dove si è parlato di

come poter vivere tale orientamento nella

realtà della Chiesa e dell’Ordine in Francia

e in Belgio. La mattina si è conclusa con la

celebrazione dell’Eucaristia presieduta da

Mons. Deniau, Vescovo di Nevers.

Nel pomeriggio il discorso del Ministro

generale è stato approfondito in piccoli

gruppi per cercare di dare concretezza al

concetto di rifondazione. Poi, la Fraternità

dell’OFS di Dijon ha presentato un progetto

di formazione e azione su alcuni aspetti

della giustizia, pace e integrità del creato.

Prima di partire per Roma, per il tempo forte

del Definitorio generale, la domenica 4

luglio, alle ore 10.00, Fr. José ha celebrato

l’Eucaristia, presenti i Frati “capitolari” e i

fedeli, nella chiesa che custodisce la tomba

di Santa Bernadette.

Dopo la partenza del Ministro e del Definitore

generale, il Capitolo delle Stuoie è

continuato secondo il programma previsto:

visita di Nevers, incontro interreligioso,

missione dei Frati nei luoghi di frattura, itineranza.

FR. JAKAB VÁRNAI

1.11. El Ministro general participa en el

Capítulo de la Custodia de Tierra Santa

Amán, Jordania, 16.18.07.2004

El 16 de julio el Ministro general, Fr. José

Rodríguez Carballo, llegaba a Amán para

encontrarse con los Hermanos Capitulares

de la Custodia de Tierra Santa. En el aeropuerto

le esperaban Fr. Estaban Ottenbreit,

Visitador general, Fr. Pierbbatista Pizzaballa,

Custodio de Tierra Santa, Fr. Jerzy

Kraj, Director del Colegio de Amán y el que

suscribe, Fr. Enrique Bermejo. Ya en la sede

del Capítulo el Ministro fue saludado por

todos los capitulares.

El día 17 por la mañana el Ministro general

presidió la Eucaristía que, según el calendario

propio de la Custodia, era de San Buenaventura.

En su homilía hizo un comentario

bíblico/exégético de las lecturas propias de la

fiesta. Terminada la celebración tuvo su alocución

a la asamblea capitular y luego se dirigió

a la asamblea. En su discurso Fr. José,

después de subrayar la importancia que para

la Orden tiene la misión de Tierra Santa, pasó

a señalar cuatro grandes retos: el reto del

diálogo, el reto de la formación, el reto de la

animación y el reto de la evangelización. Finalmente

habló de la importancia de la Facultad

de Ciencias Bíblicas y de Arqueología

de Jerusalén. A la exposición siguió un largo

y animado diálogo de los Capitulares con el

Ministro general.

Por la tarde el Ministro con todos los Capitulares

se trasladaron al Monte Nebo donde

Fr. José, después de visitar las excavaciones

realizadas en el Memorial de Moisés,

presidió un sencillo y emotivo rito de

“acción de gracias” a los que terminaban su

servicio y lavó los pies a 12 hermanos. En

este rito participaron los embajadores de

Italia y España en Amán y obispo griego ortodoxo

de Mádaba. Y después de contemplar

la Tierra Prometida, como Moisés, desde

este mirador único que es el Monte Nebo,

todos los presentes participamos en una

cena al aire libre, al final de la cual el Ministro

general fue obsequiado con la reproducción

de un hermoso mosaico que le entregó

Fr. Michelle Piccirillo.

Al día siguiente el Ministro dejaba Jordania

para volver a Roma. Una corta pero

significativa visita del Ministro general. Era

la tercera vez que desde su elección Fr. José

Rodríguez Carballo visitaba parte de la

Custodia, pero que recuerden los que pueden

hacer memoria era la primera vez que

un Ministro general participaba en un Capítulo

de la Custodia. Una vez más el amor de

este Ministro por Tierra Santa quedó bien

patente.

FR. ENRIQUE BERMEJO, OFM


AD CHRONICAM ORDINIS

281

1.12. Visita del Ministro generale a Montecalvo

Irpino

Montecalvo Irpino (AV),

Oasi “Maria Immacolata”, 23.07.2004

Dal 1952 ad oggi, l’Oasi “Maria Immacolata”

di Montecalvo Irpino (AV), centro

di cultura e di spiritualità della Provincia

francescana di Benevento, è considerata

uno dei punti di riferimento della vita culturale

e spirituale delle popolazioni Sannito-

Irpine e del mezzogiorno d’Italia. Fondata

da Fr. Marciano Ciccarelli nel 1952, ricostruita,

ampliata ed abbellita da Fr. Filippo

Lucarelli dopo il terremoto del 1962, situata

su un’altura dell’Appennino Irpino, a 650

metri sul mare, l’Oasi è un complesso che

si sviluppa attorno a due caratteristici chiostri

protetti da ampie vetrate, e si allunga

verso il bosco dominante l’intera vallata.

Accoglie convegni, corsi di formazione

umana, cristiana, francescana. Ospita anche

disabili e persone che vogliono trascorrere

un periodo di sereno soggiorno; promuove

esercizi e ritiri spirituali.

Il 23 luglio 2004, presso l’Oasi, si è concluso,

con la partecipazione del Ministro

generale, un convegno di studi, organizzato

dalla Provincia, per ricordare due figure significative

di francescani beneventani: Fr.

Marciano Ciccarelli e Fr. Ermenegildo Frascadore

Ministri provinciali, appassionati

studiosi e grandi animatori culturali e spirituali.

Il Ministro era accompagnato dal Definitore

generale Fr. Francesco Bravi e dal

Postulatore generale Fr. Luca De Rosa.

I diversi relatori (tra cui i Ministri provinciali

di Napoli e di Salerno) che si sono

alternati nei giorni del convegno, hanno non

solo ricordato l’opera e la figura di Fr. Marciano

e di Fr. Ermenegildo, ma hanno anche

cercato di attualizzare il loro insegnamento

per l’oggi evidenziando gli sviluppi che,

dalla loro operosità, sono scaturiti per il

francescanesimo nella regione e in Italia.

Dopo il saluto del Ministro provinciale,

Fr. Franco Pepe, il Ministro generale, nella

sua relazione, partendo dalla testimonianza

francescana offerta dai due confratelli, ha

ricordato ai numerosi presenti, frati, terzia-

ri, consacrate secolari, concittadini dei due

frati ed autorità, il cammino che l’Ordine sta

compiendo a partire dall’ultimo Capitolo

generale e in vista della celebrazione dell’ottavo

centenario della sua fondazione.

Tra gli attenti ascoltatori anche il Cardinale

di Palermo, sua Em.za Rev.ma Mons. Salvatore

De Giorgi che ha conosciuto l’opera

di Fr. Marciano e Fr. Ermenegildo e ha frequentato

l’Oasi in diverse occasioni.

Nella chiesa del convento, dedicata a S.

Antonio, il cardinale di Palermo ha poi presieduto

la solenne eucaristia di chiusura del

convegno. Con il Ministro generale e il Ministro

provinciale, numerosi i concelebranti

tra cui il Vicario generale della diocesi di Benevento;

buona la partecipazione attenta e

devota degli abitanti di Montecalvo Irpino.

FR. FRANCESCO BRAVI

1.13. Partecipazione alla XXIV marcia

francescana verso Assisi

S. Maria degli Angeli, 02.08.2004

Dal 25 luglio al 4 agosto 2004 si è svolta

la XXIV marcia francescana a piedi verso

Assisi, organizzata dagli Animatori per la

cura pastorale delle vocazioni della COM-

PI. Il tema di quest’anno “Amare come” voleva

aiutare i giovani a fare un’esperienza

forte di discepolato per poter impostare un

progetto di vita evangelico, nel quale far

propri i sentimenti, i pensieri, le azioni e le

scelte di Gesù per amare con la sua fedeltà,

sostenuti dal suo continuo aiuto.

I 1500 giovani che hanno partecipato alla

marcia, dopo aver camminato per sei

giorni nelle varie regioni d’Italia, si sono ritrovati

tutti alla Porziuncola il 2 agosto, per

celebrare insieme la festa del “perdono

d’Assisi”. Oltre ai giovani italiani, hanno

preso parte a questa iniziativa un gruppo di

giovani di lingua tedesca, uno di lingua

croata, uno di giovani sloveni e una decina

di giovani giapponesi che avevano marciato

assieme ai giovani del Veneto. All’arrivo

sulla piazza antistante la Basilica, i gruppi

venivano accolti dai marciatori dell’Um-


282 AN. CXXIII – MAII-AUGUSTI 2004 – FASC. II

bria, con canti di lode e con brevi esortazioni

tratte dagli scritti di san Francesco e santa

Chiara. Il Ministro generale, Fr. José R.

Carballo, ha poi incoraggiato tutti i giovani

convenuti a imparare da Gesù stesso il modo

autentico di amare (cfr. Ex Actis Ministri

generalis). Compiuti gli adempimenti per

l’indulgenza plenaria i giovani sono entrati

nella Basilica di S. Maria degli Angeli e, in

clima di preghiera, hanno attraversato la

Porziuncola.

La sera del 3 agosto è stato il momento

dell’incontro con una testimonianza di vita:

all’interno della veglia di preghiera i giovani

hanno potuto ascoltare la testimonianza

di Maria Urbani, la mamma di Carlo Urbani,

il medico che per primo ha isolato il virus

della SARS ed è morto per svolgere il

proprio servizio a favore degli ammalati.

Il 4 agosto, alla Messa conclusiva in S.

Maria degli Angeli, erano presenti circa

3.000 giovani, molti dei quali ex-marciatori

delle precedenti edizioni. Nella celebrazione

Eucaristica, il Coordinatore nazionale

degli animatori vocazionali della COM-

PI, Fr. Francesco Patton, ha esortato i

giovani a non aver paura di fare scelte di vita

impegnative, per trovare la gioia nel donare

se stessi, in quella vocazione concreta

alla quale il Signore chiama.

FR. FRANCESCO PATTON

1.14. XVIII Assembléia da UCLAF (União

das Conferências Latino-Americanas Franciscanas)

1. Crônica

Salvador, Bahia, Brasil, 22-28.08.2004

De 22 a 28 de agosto de 2004, na cidade

de Salvador, Bahia, Brasil, estiveram em assembléia

os Ministros das Entidades dos

Frades Menores da América Latina. O tema

tratou sobre “O Lugar do Carisma Franciscano

na Igreja da América Latina”.

No primeiro dia, além da celebração e

sessão de abertura, foi feita uma partilha a

partir da experiência vivida pelas Províncias

e diversas Entidades quanto ao lugar

que historicamente coube aos Frades Menores

na realidade e na Igreja local, que mudanças

aconteceram ultimamente e quais as

perspectivas atuais e futuras. Na plenária,

foram destacados muitos aspectos interessantes,

a começar pelas várias fases ao longo

da história dos 500 anos de presença

franciscana no Continente. Houve mudança

no modo de conceber a missão, a evangelização,

bem como seus métodos e suas mediações.

A primeira fase caracterizou-se

mais pela missão através de Colégios, de itinerância,

de presença entre os povos nativos,

com ações de defesa dos índios, de

“doutrina”, de formação integral, de implantação

da Igreja. Houve o período da crise,

de política nefasta à presença dos religiosos,

com decretos de supressão. Houve a

fase da retomada com nova onda de missionários,

que assumiram novas mediações de

missão e evangelização. Finalmente, temos

a época pós-conciliar e atual, com grandes

desafios, novas compreensões, novas realidades

e movimento a novos lugares e formas

de presença.

No dia 24, tivemos a presença do dominicano

Frei Beto o qual ajudou a caracterizar

o contexto sócio-cultural-econômico

atual da América Latina. Estamos não apenas

em época de grandes mudanças, mas em

mudança de época, o que significa crise de

paradigmas. Os paradigmas da modernidade

estão em crise e a busca de novos é processo

lento. Referiu-se aos avanços e às

conquistas da modernidade, mas ela fracassou

na qualidade de vida humana e no social.

Explicitou os pontos de crise: radical

mercantilização, comunicação em tempo

real, passagem da era literária para a era

imagética. Descreveu os fenômenos atuais

da América Latina que são desafio e os que

significam resistência ao modelo predominante

da globalização neoliberal: resistência

econômica às decisões do Império,

construção democrática mais voltada ao social,

Igreja católica com práticas pastorais

inadequadas. Deteve-se mais longamente

nos desafios e nas possibilidades no campo

espiritual, religioso, de evangelização, de

contribuição do carisma franciscano.


AD CHRONICAM ORDINIS

283

Seguiu-se contribuição do Cardeal franciscano

D. Aloísio Lorscheider, o qual não

pode estar presente devido a problemas de

saúde, mas enviou seu texto de reflexão sobre

o contexto religioso-eclesial da América

Latina. Foi lido em plenária e estudado

em grupos. O acento caiu sobre o pluralismo

religioso e cultural. Fez descrição e análise

do pentecostalismo e de tantos grupos

religiosos que ultimamente surgiram e se

expandiram no continente. Analisou os limites

e as potencialidades da religiosidade

popular. Caracterizou o pluralismo cultural.

Propôs atitudes e iniciativas pastorais de

cunho franciscano.

O dia 25 ficou todo reservado para o Ministro

Geral, que se fez presente por dois

dias, e para os Definidores Frei Luís Cabrera,

Frei João Inácio Muro, Frei Amaral B.

Amaral, para os Servidores de Justiça e Paz

Frei Rodrigo de Castro, de Evangelização e

Missão Frei Nestor Inácio Schwerz. O Ministro

Geral centrou sua reflexão sobre aspectos

centrais da nossa Vida de Frades Menores.

Vivemos a partir da fé e a fé. Ali está

a fonte. Apartir daí vivemos os votos da castidade,

do sine próprio, da obediência. Cabe-nos

viver centrados no Senhor, na sua

Palavra e a partir da Palavra, para movernos

da contemplação à missão. Entre os modelos

de Vida Religiosa, não queremos mover-nos

naquele da uniformidade, nem naquele

do pluralismo e da mera conciliação

entre os vários dons, mas naquele que faz a

vinculação com a experiência de Deus, da

Fraternidade e da pobreza e exige contínuo

discernimento. Dois grandes desafios nos

interpelam atualmente: o da refundação ou

revitalização e o da viabilização. Em relação

ao primeiro, trata-se de colocar Deus

no centro, cuidar da vida em fraternidade e

da comunhão de vida, prezar a pobreza

evangélica como chave de renovação da Vida

Religiosa, manter viva a consciência da

formação e conversão contínuas. Considerou

a presença dos Ministros e indicou pistas

de animação e governo: ajudar o Irmão a

colocar Deus no centro, criar clima de diálogo

e esperança, olhar para a frente em vista

de novos horizontes, cuidar da execução

das decisões, considerar que o melhor pa-

trimônio são os irmãos, qualificar a busca

de Deus, ajudar as fraternidades a ter qualidade

evangélica, dar atenção aos mais fracos,

assumir a cruz da decisão e do risco de

praticá-la. Os Definidores apresentaram sua

proposta de animação, especialmente em

relação às Entidades da América Latina,

com diferentes meios e recursos, com possibilidades

várias e com algumas dificuldades.

Apresentaram também uma avaliação

do primeiro ano de Governo e serviço. Recordaram

os pontos de compromisso assumidos

conjuntamente no último Capítulo

Geral. Apresentaram o projeto de celebração

do oitavo centenário das origens da

Ordem. Explicaram o projeto de reestruturação

física da Cúria Geral. Pediram sugestões

sobre o melhor modo de exercer seu

serviço de animação. Fizeram uma reflexão

sobre os projetos missionários da Ordem,

em particular da África, agradecendo pelo

já feito e fazendo forte apelo a que as Entidades

da América Latina participem generosamente.

Por parte do Escritório de Justiça

e Paz, foi partilhado o que já se fez e o

que está em previsão, em perspectiva pela

frente. O Secretário de Evangelização apresentou

a forma como se concretizou a decisão

do Capítulo Geral de reestruturar o

Secretariado e os projetos em andamento e

em previsão. Frei Estevão Ottenbreit, atual

presidente da Central de Animação missionária

das Províncias da Europa Central, partilhou

o histórico dessa Entidade, sua contribuição

no Brasil e na América Latina, seu

momento atual de avaliação, com simpósio

no Rio de Janeiro, e as formas de continuidade

no seu serviço de solidariedade, de

animação e de ajudas também financeiras.

Houve uma manhã de reflexão sobre o

tema específico da Assembléia, coordenada

por Frei Nestor Inácio Schwerz. Fez-se um

momento de memória do CPO-Bahia de

1983, com a ajuda de Frei Edgar Santos. O

acento caiu na enorme atualidade que continua

tendo o conteúdo de reflexão e de propostas

daquele Conselho Plenário, embora

não tivesse tido a acolhida e os efeitos esperados.

A constatação e a consciência é de

que o carisma franciscano tem lugar e muita

contribuição a dar à Igreja e ao povo lati-


284 AN. CXXIII – MAII-AUGUSTI 2004 – FASC. II

noamericano: precisa recuperar seu dinamismo

missionário, sua força de testemunho

em relação aos valores franciscanos vividos

em fraternidade; deve manter e reforçar

sua proximidade com os pobres e excluídos,

em especial dos povos indígenas,

dos negros, dos jovens, das periferias; somos

desafiados a sermos instrumentos de

paz e pacificação num continente de tanta

violência; da mesma forma temos contribuição

a dar no campo da ecologia, da integridade

da criação; as grandes concentrações

urbanas interpelam nossa capacidade

de mobilidade, de presença evangélica e

espiritual, de solidariedade concreta; o

fenômeno do pluralismo cultural e religioso

nos desafia a resgatar o testemunho de Francisco

como homem de diálogo e reconciliação.

Isto não deve reforçar nosso ativismo,

mas fazer rever o modo e a qualidade de

nossas presenças.

Foi reservado o espaço de uma tarde e

noite para contato com a cidade de Salvador,

com suas expressões culturais e religiosas,

de confraternização com os confrades

de um Convento histórico e passeio.

Finalmente dedicamos um bom tempo

para elaborar propostas em consonância

com as reflexões e em continuidade ao caminho

de integração, animação e comunhão

em âmbito das quatro Conferências da

América Latina. Foi igualmente elaborada

uma mensagem para os Irmãos das nossas

Entidades. Foi lembrado o Vigário Geral,

com preces e mensagem de solidariedade. A

celebração de encerramento contou com a

presidência de D. Geraldo Magela, primaz

do Brasil e presidente da Conferência Episcopal

do Brasil (CNBB).

FR. NESTOR INÁCIO SCHWERZ OFM

2. Propostas finais

I. Secretariado a nível de UCLAF

– Criar um Secretariado a nível de

UCLAF, em forma de Comitê Executivo,

que facilite a comunicação e intercâmbio

entre as Conferências e Entidades

na América Latina e Caribe, que

ajude na animação das Conferências e

promova processos de memória e de

execução das propostas de uma Assembleia

à outra da UCLAF.

– Composição: Presidentes das Conferências

mais Secretário da Conferência anfitriã

podendo ser convidados os dois

Definidores gerais para AL.

II. CPO-Bahia 1983

Cada Entidade faça uma releitura do documento

CPO-Bahia, com a ajuda de um

subsidio da Conferência, no contexto da celebração

do 8° Centenário, ligando com o

Doc. “A Ordem dos Irmãos Menores: ontem

e hoje” e as CCGG.

Na UCLAF de 2006 se dê espaço para

partilha.

III. Centros de Estudos na AL

– Promova-se um encontro entre os Centros

de Estudos da AL através dos seus

Diretores para ver formas de intercâmbio,

cursos a serem reforçados conjuntamente

ou outras iniciativas. Se houver

encontro semelhante a nível de Ordem,

aproveite-se a ocasião para reunião dos

representantes da AL.

– Frei Augusto König, da Província Imaculada

de S. Paulo, Brasil, juntamente

com o Diretor do ITF de Petrópolis fica

encarregado de fazer acontecer tal encontro.

IV. Congresso Missionário/Evangelizador

na AL e Caribe

– Realize-se dentro do sexênio um Congresso

em âmbito de AL e Caribe em torno

da nossa vocação missionária/evangelizadora.

– Por ocasião da Assembléia da UCLAF

em 2008.

– Observações: 1. Só OFM. 2. Quem fará

parte da Comissão Organizadora? Comitê

Central com os Secretários de

Evangelização das Conferências e do

Secretariado Geral de Evangelização e

Missão da Ordem.

V. Projeto África e Haiti

UCLAF e Entidades vejam apoios concretos

ao projeto África e Haiti, garantindo


AD CHRONICAM ORDINIS

285

apreço e comunhão com esta presença franciscana.

VI. Animação e Administração por parte

dos Definidores pela AL

– Façam uma animação real, com escuta e

com tempo, encontrando-se com Definitórios,

Formadores...

– Que eles façam uma proposta de agenda

para as Entidades.

VII. Outras

Cada Conferência elabore sua programação

de celebração do 8º Centenário.

3. Mensaje a los Hermanos de América

Latina y el Caribe

San Salvador, Bahía, 28 de agosto de 2004

A los hermanos Menores: “El Señor les

de la Paz”.

Reunidos los hermanos Provinciales y

Custodios de la Unión de Conferencias de

América Latina y el Caribe (UCLAF), en la

casa de retiro de la Provincia Franciscana de

San Antonio de San Salvador de Bahía; nos

hemos encontrado para compartir nuestro

caminar en el servicio evangelizador a la

Iglesia y al pueblo latinoamericano.

Convocados en esta 18° UCLAF para redescubrir

“El lugar del carisma franciscano

en la realidad de América Latina y el Caribe”,

reconocemos que se ha debilitado la

fuerza profética que animó el espíritu y las

propuestas del Consejo Plenario de Bahía

de 1983.

Asimismo, constatamos que vivimos un

tiempo de perplejidad y de desánimo que

nos lleva a vivir situaciones de acomodamiento

al tiempo presente (Cf. Doc. Final,

Cap. Gral. 2003, n. 2), y de un progresivo

alejamiento de los desposeídos y de los menores

de nuestras sociedades.

El Espíritu del Señor y su santa operación

nos ha permitido experimentar la gracia

de la comunión entre los hermanos de

diferentes culturas. Hemos sido provocados

por los signos del tiempo dentro de “un nuevo

cambio de época” de nuestras sociedades

caracterizados por el pluralismo cultural y

religioso. El discernimiento fraterno nos

ayudó a descubrir las exigencias de nuestra

vocación a la fraternidad minorítica y a testimoniar

un rostro profético de nuestra presencia

y misión en nuestros pueblos empobrecidos.

Animados por el Mensaje del Capítulo

General, las Prioridades de la Orden y por la

exhortación del Ministro General; en el espíritu

del Documento de Bahía; creemos

que hoy el Espíritu nos convoca:

– Ante lo inhumano del sistema neoliberal

que genera en nosotros un consumismo

innecesario y escandaloso; a recuperar la

libertad de la pobreza evangélica y a

compartir nuestra vida con los excluidos

en “los lugares de fractura”.

– Ante el progresivo neo-tradicionalismo

religioso; a mantener la alternativa evangélica

y profética en la Iglesia católica.

– Ante la tentación de la instalación y la resistencia

a los cambios de nuestras estructuras

personales, locales y provinciales;

a asumir el desafío de la itinerancia

como estilo de vida y a compartir en

una corresponsabilidad interprovincial

una mayor solidaridad misionera.

– Ante la vivencia de una espiritualidad

superficial, desencarnada y autoreferencial;

a profundizar un proceso radical de

conversión, centrado en la Palabra, que

nos posibilite testimoniar al Dios de la

vida y al Cristo pobre y crucificado.

A los hermanos jóvenes en formación

queremos ofrecerles nuestro compromiso

de revitalizar nuestra “fraternidad en misión”

y alentarlos a confiar en el “don de la

vocación” que el Espíritu sigue suscitando

en nuestra fraternidad universal.

Invitamos a todos los hermanos jóvenes

y no tan jóvenes a sentir y experimentar la

realidad concreta de nuestros pueblos crucificados

con los “ojos de Jesús y de Francisco”.

Los convocamos a vivir este tiempo del

Espíritu en la búsqueda de un nuevo rostro

para nuestras fraternidades.

Que la Virgen Peregrina y Madre de los

pobres, honrada en Guadalupe como Patrona

de nuestros pueblos, haga de nuestras

fraternidades “casas de comunión” y “casas

de los pobres”. Que el Espíritu les conceda


286 AN. CXXIII – MAII-AUGUSTI 2004 – FASC. II

el don del discernimiento para vivir en “fidelidad

creativa”.

Fraternalmente, los Hermanos Ministros

y siervos de la Fraternidad que peregrina en

América Latina y el Caribe.

1.15. Visita del Ministro General a la Provincia

de San Antonio, en Brasil

Del 26 al 29 de agosto, El Ministro General,

Fr. José Rodríguez Carballo, acompañado

de Fr. Juan Ignacio Muro, Definidor general,

visitó la Provincia de San Antonio, en el noreste

del Brasil. Cabe señalar que esta provincia

es la más antigua del Brasil. Se considera a

esta como la provincia “madre” del Brasil. La

Provincia fue fundada, en sus orígenes, por

frailes portugueses en el siglo XVI.

La visita comenzó el día 26 de agosto en

el convento de San Francisco, de Salvador

Bahia. Allí se reunió el Ministro General

con unos 26 hermanos que viven y trabajan

en la zona de Salvador, inlcuyendo algunos

hermanos mayores y otros enfermos que habitan

en el convento que nos recibió.

Después del saludo y bienvendia del Ministro

provincial, Fr. Aloísio Fragoso, el

Ministro General dió una conferencia a los

hermanos, la cual fue seguida de un buen espacio

para el diálogo y para responder a las

inquietudes y preguntas de los presentes. La

mañana concluyó con el almuerzo fraterno.

Por la tarde, Fr. Hugo Fragoso, hermano

historiador de la provincia, guió al Ministro

y definidor generales en una visita por el

histórico convento de San Francisco, cuya

construcción se inició en 1587. Luego, a las

14:30, en la antigua sala definitorial, el Ministro

General con Fr. Juan Ignacio se reunieron

con el Definitorio provincial. Allí el

Ministro general dialogó largamente con

los hermanos del gobierno de la provincia.

Después de este encuentro, el Ministro general

y el Definidor general, acompañados por

el Ministro provincial y el guardián de la fraternidad

de Fortaleza, Fr. Zezinho, se trasladaron

al aeropuerto para viajar a la ciudad de

Fortaleza. El convento de Nuestra Señora de

los Dolores, casa de formación y parroquia,

sería el lugar de reunión para el día siguiente.

El día 27, el Ministro general celebró la

Sta. Misa en el monasterio de las Concepcionistas

de Fortaleza a las 6:30 de la mañana.

Luego de la Eucaristía tuvo un momento

de encuentro con las hermanas, seguido

por el desayuno en el mismo monasterio.

De vuelta en convento de Ntra. Señora

de los Dolores, a las 8:40 horas se realizó el

encuentro del Ministro General y el Definidor

general con los hermanos de la región

de Fortaleza. Eran 35 hermanos, incluidos

los profesos temporales que moran en la fraternidad

que nos recibió. Luego de un receso,

a las 11:30 horas se realizó la reunión

con los hermanos profesos temporales y los

formadores. En este momento estuvieron

reunidos 22 hermanos. En ambas reuniones,

luego de compartir diversos temas de

animación a una vida franciscana más coherente

y alegre, hubo espacio para el diálogo

abierto con el Ministro General.

Por la tarde, junto con Fr. Aloisio Fragoso,

Ministro provincial, el Ministro General

y el Definidor general viajaron a la ciudad

de Recife, al convento de San Francisco, sede

del gobierno provincial.

El 28 de agosto, a las 8:45 dió inicio el

encuentro del Ministro General con los hermanos

de la región. Estuvieron presentes 48

hermanos, incluidos 3 novicios y un grupo

de hermanos estudiantes de teología, algunos

de los cuales son profesos temporales.

Fue una reunión muy participativa. Los hermanos

hicieron muchas preguntas al Ministro

General. Luego del encuentro, se tuvo la

comida en el mismo convento.

Con esta reunión terminó, prácticamente

la visita del Ministro general a la provincia.

Por la tarde, sin embargo, visitó la

vecina ciudad de Olinda, donde se encuentra

el primer convento fundado en Brasil

por nuestra Orden (Convento e Iglesia de

S. Francisco, 1585). Actualmente es sede

del Instituto de Teología de la provincia y

casa de formación.

Finalemente, el domingo 29 de agosto

por la mañana, el Ministro General y el Definidor

general partieron de Recife rumbo a

Belo Horizonte.

FR. IGNACIO MURO


AD CHRONICAM ORDINIS

287

1.16. Encuentro con los formadores de la

Conferencia OFM del Brasil

Belo Horizonte, 31.08.2004

Aunque no estaba programada una visita

“oficial” del Ministro General a la Provincia

de la Santa Cruz, con sede en Belo Horizonte,

su presencia en esta Provincia fue

muy apreciada por los hermanos, quienes

recibieron al Ministro general con muchas

muestras de afecto y cercania fraterna. Desde

su llegada fue recibido por el Ministro

provincial, Fr. Luciano Brod, y el guardián

de la fraternidad de la curia provincial, Fr.

Fabio L’Amour. El Ministro General por su

parte, aprovechó la ocasión para encontrarse

con los hermanos, dialogar con ellos y

conocer algunos de los apostolados de la

provincia. De este modo, el mismo día 29 de

agosto, el Ministro General presidió la Eucaristía

a las 19:00 horas en nuestra Iglesia

de San Francsico Estigmatizado. Era una

Eucaristía dominical, por lo que la liturgia

fue muy alegre y participativa, con la asistencia

de muchos fieles. Al final, las personas

se acercaron a saludar afectuosamente

al Ministro General. Por la noche hubo un

momento de recreación fraterna, con la presencia

del Ministro General.

El día 30 de agosto, a las 7:00 de la mañana,

celebró la Eucaristía en la casa provincial

de las Clarisas Franciscanas Misioneras

del Santísimo Sacramento. En esta casa

viven muchas hermanas ancianas y enfermas.

El Ministro General aprovechó para

saludarles, y las hermanas ofrecieron el

desayuno al Ministro General y a sus acompañantes.

Después, a las 9:15 se reunió con el Definotorio

provincial, les animó en su trabajo,

escuchó sus inquietudes y respondió a

sus preguntas. La reunión transcurrió en un

clima de diálogo abierto y fraterno.

Más tarde, a la hora de la comida, estuvieron

presentes todos los hermanos que viven

en la ciudad de Belo Horizonte. Fueron

invitados por el guardián de la curia provincial,

para que tuvieran la oportunidad de saludar

y compartir los alimentos con el Ministro

General.

Por la tarde, acompañados por Fr. Luciando

Brod, Ministro provincial y por Fr.

Jacir de Freitas, secretario de la provincia,

el Ministro General y el Definidor general

visitaron el monasterio de Clarisas. Las hermanas

organizaron un momento de oración

a modo de recibimiento del Ministro General

y sus acompañantes. Luego del momento

de oración, ofrecieron una merienda en su

refectorio. El Ministro General aprovecho

la ocasión para dialogar con ellas y animarlas

en su vocación.

Enseguida el Ministro General y sus

acompañantes visitaron el Colegio San Antonio,

institución educativa de la Provincia,

que goza de gran prestigio académico en

Brasil. También visitaron una obra social

que dirige dicho Colegio. Se trata del

“CIDS”, Centro de Inclusión Digital y Social.

Es una escuela de computo de primer

nivel, con profesores especializados y voluntarios,

que ofrece gratuitamente clases

de informática y desarrollo personal a personas

de escasos recursos o minusválidos.

El 31 de agosto, como estaba programado

de antemano, el Ministro General participó

en la reunión de los formadores de la

Conferencia Brasileña. La reunión se llevó

a cabo en la casa de retiro de la provincia en

la ciudad de Betim, no lejos de Belo Horizonte.

En dicha reunión participaron: el

“Consejo de Animación y Dinamización” -

equipo que anima y coordina el Secretariado

de formación de la Conferencia-, los Secretarios

provinciales para la formación y

los estudios, los moderadores para la formación

permanente, los maestros de formación

de profesos temporales, y un grupo de

hermanos de profesión temporal de la provincia

anfitriona.

Fue un día de trabajo intenso para el Ministro

General. El tuvo a su cargo tres conferencias,

y a las 16:00 horas tuvo además

un encuentro con los formadores solamente.

A las 19:00 presidió la Eucaristía en la

iglesia parroquial. En ella concelebraron la

mayoría de los formadores presentes además

del Ministo provincial, y contó con

gran participación de fieles. Luego de la Eucaristía

hubo un momento de convivencia

fraterna. Finalmente, hacia las 21:30 horas,


288 AN. CXXIII – MAII-AUGUSTI 2004 – FASC. II

el Ministro general dejó Betim para ir a descansar

a Belo Horizonte.

El día 1 de septiembre el Ministro General

inició su viaje de regreso a Roma. Antes

de partir, sin embargo, acompañado por el

hermano Guardián y el Definidor general,

el Ministro General visitó y bendijo a cada

uno de los hermanos ancianos y enfermos,

puesto que la fraternidad de la curia provincial

cuenta también con una zona del convento

dedicada a enfermería provincial.

FR. IGNACIO MURO

2. Incontro dei Definitori del Nord e

Centro Italia

Rispettivamente nei giorni 1-3 giugno

2004 ad Assisi, presso la sede della COMPI,

e 7-9 giugno 2004, presso L’Oasi S. Maria

dei Monti in Grottammare, si sono tenuti gli

incontri dei Definitori delle Province del

Nord Italia ( Genova, Torino, Milano, Trento,

Bologna, Venezia ) e delle Province del

Centro Italia ( Assisi, Cagliari, Jesi, L’Aquila,

Roma, Firenze ) nel contesto della collaborazione

tra Province della stessa zona che

la Conferenza sostiene e incoraggia.

Per le Province del Nord Italia era questo

il terzo incontro; per quelle del Centro il

secondo appuntamento. In tutte e due le assemblee

i lavori sono stati iniziati del Definitore

generale fr. Francesco Bravi che ha

presentato il tema della collaborazione interprovinciale

alla luce delle indicazioni del

Capitolo generale e del cammino dell’Ordine,

delle indicazioni del progetto COMPI

2003-2006, e del cammino che le Province

hanno compiuto in questi anni di collaborazione.

Le giornate di intenso lavoro hanno visto

tutti i Definitori incontrarsi sia per gruppi

misti (definitori di diverse Province) sia come

Definitori provinciali, nell’intento di individuare

proposte concrete per continuare

la collaborazione. La decisione unanime dei

due gruppi di far diventare annuali questi

incontri, è il risultato non solo del buon clima

che si è creato, ma soprattutto della scelta

condivisa di intensificare questa collaborazione

ad ogni livello possibile, verificando

puntualmente le diverse iniziative e crescendo

nella mutua conoscenza creando anche

momenti forti di formazione. I Ministri

provinciali si sono impegnati a continuare o

ad iniziare incontri regolari tra di loro.

Le Province del Centro Italia si sono

concordemente impegnate, oltre all’incontro

annuale dei definitori, ad organizzare un

corso interprovinciale di esercizi spirituali

nella forma itinerante; a programmare un

incontro annuale dei guardiani e a convocare

un incontro dei responsabili provinciali

dei santuari francescani.

Le Province del Nord Italia, oltre a continuare

e a rafforzare la collaborazione per

la casa interprovinciale del noviziato, si sono

impegnate ad avviare uno studio su una

possibile Ratio Formationis comune; a studiare

proposte concrete di collaborazione

più avanzata per il postulato e per il post-noviziato,

compreso il problema dello studio

teologico; a continuare l’incontro annuale

per i guardiani; ad avviare una maggiore

collaborazione tra i diversi settori di animazione

e di evangelizzazione; a creare un

coordinamento tra le diverse esperienze

nuove delle diverse Province.

Tutti auspicano che questi incontri portino

frutti e facciano davvero crescere la

mentalità di ogni frate delle Province coinvolte

in questo cammino, nella linea che il

Capitolo generale ha indicato: «La collaborazione

interprovinciale – nella formazione

e negli studi, nella missione “ad gentes” e

nelle missioni al popolo, nelle situazioni di

frattura e nei progetti comuni – è il futuro

dell’Ordine. Le Entità, pertanto, si aprano

alla dimensione interprovinciale, non tanto

perché obbligate dai limiti locali, ma per ricreare

uno spirito universale nell’Ordine»

(Proposta 16).

3. “Franciscan” Cardinal Rodríguez

Since 1944, the USAProvince of the Immaculate

Conception has assisted the local

church in Honduras, Guatemala and El Salvador.

Seven friars (five members of the

Province, a long-time guest, and another


AD CHRONICAM ORDINIS

289

who originally belonged to the IC Province

and later joined the Central American

Province) have served/or are serving as

bishops in those countries.

These friar-bishops were/are: Bernardino

Mazzarella +1979 (Comayagua, Honduras),

Gerald Scarpone (Comayagua,

Honduras who retired in July 2004),

Nicholas D’Antonio (bishop emeritus of

Olancho, Honduras), Maurus Muldoon

(presently bishop of Olancho, Honduras),

Roberto Camilleri (of the Maltese Province

and a guest in the IC Province, recently auxiliary-bishop

in Tegucigalpa, Honduras and

in July appointed bishop of Comayagua,

Honduras), Lawrence Graziano +1990

(bishop emeritus of San Miguel, El Salvador),

and Virgilio Lopez +2004 (a member

of the 1C Province who then joined the

CA Province, bishop of Trujillo).

Throughout these 60 years the Province

has been the beneficiary of the advice, support

and encouragement of the local hierarchy.

This has been especially true of the

Province’s relationship with the present

Cardinal-Archbishop of Tegucigalpa, Honduras,

Oscar Andres Rodriguez Maradiaga,

a Salesian. Cardinal Rodriguez, the principal

advocate of justice for his continent and

a powerful critic of globalization, has been

close to the friars, has addressed the

Province’s Chapter of Mats, is a frequent

visitor at its New York City Provincial Curia

and also has had Friar-Bishop Roberto

Camilleri as his auxiliary.

Thus, at the suggestion of the Provincial

Minister Robert Campagna – and with the

gracious consent of the General Minister –

Cardinal Rodriguez was affiliated to the Order

and vested with our habit during the

Provincial Chapter, on June 21st 2004.

The ceremony took place at the conclusion

of the Chapter’s Opening Eucharist –

the Votive Mass of the Holy Spirit – whose

principal celebrant was Cardinal Rodriguez.

In his remarks Fr. Robert Campagna

stated: “this afternoon... 34 years after

your priestly ordination (the anniversary

of your ordination is, in fact, a few days

from today as you were ordained on June

28th 1970... 26 years after your ordination

to the episcopacy... and 3 years after your elevation

to the cardinalate... you a son of Don

Bosco (that educator and organizer, that

prudent and imprudent man, that lover of St.

Francis and of the Franciscan ideal, are

yourself affiliated to the Franciscan Order

and to that portion of the Order which is the

USA Immaculate Conception Province”.

The Provincial explained: “the reason

for this affiliation, a custom going back to

St. Francis himself and a custom ratified by

the Holy See, is to acknowledge all the

Christian-Franciscan qualities so evident in

your life and ministry. It is also to acknowledge

all your care and concern for the friars

of this Franciscan Province and for our efforts

in/for the Church of Latin America...

particularly, Honduras”.

Rather than simply “receive” the habit.

Cardinal Rodriguez asked to be vested with

it and happily wore it throughout the day,

saying that it was a “holy privilege and a

great honor to wear the Franciscan habit and

be affiliated to the Franciscan Order”.

4. Notitiae particulares

– PIZZABALLA FR. PIERBATTISTA è il nuovo

Custode di Terra Santa. È stato nominato

dal Definitorio Generale dei Frati Minori

ed approvato dalla S. Sede a norma

degli Statuti Pontifici che reggono questa

Entità dell’Ordine dei Frati Minori.

(L’Osservatore Romano, 16 maggio 2004)

BREVE NOTA BIOGRAFICA

Nato a Cologno al Serio (Bergamo) il 21

aprile 1965, Fr. Pierbattista Pizzaballa è tra

i più giovani eletti alla guida della Custodia

di Terra Santa dell’Ordine dei Frati Minori.

Fr. Pierbattista Pizzaballa ha conosciuto i

Frati Minori della Provincia di Cristo Re in

Emilia Romagna. Dopo le scuole superiori,

nel 1984 è entrato nel noviziato della

Verna (Arezzo). Ha emesso la Professione

solenne dei voti il 14 ottobre 1989. Il 15

settembre 1990 ha ricevuto l’ordinazione

presbiterale.


290 AN. CXXIII – MAII-AUGUSTI 2004 – FASC. II

Ha frequentato gli studi teologici conseguendo

presso il “Pontificio Ateneo Antonianum”

di Roma il Baccalaureato in Teologia

(1990) e a Gerusalemme (1993) la Licenza

in teologia con specializzazione biblica

presso lo “Studium Biblicum Franciscanum”.

Ha studiato ebraico moderno

(1993-1994) e ha frequentato i corsi di specializzazione

in lingue semitiche presso la

“Hebrew University” di Gerusalemme

(1995-1999). Ha in corso il Dottorato in Sacra

Scrittura presso lo “Studium Biblicum

Franciscanum” di Gerusalemme. Dal 1998

è professore assistente di Ebraico biblico e

Giudaismo presso lo “Studium Biblicum

Franciscanum” e lo “Studium Theologicum

Hierosolymitanum”.

Ha pubblicato nel 1995, con Fr. Massimo

Pazzini ofm, il rito della messa in lingua

ebraica (Seder seudat ha adon. Ordo Missae

hebraice) ed ha tradotto vari testi liturgici in

ebraico per le comunità cattoliche di lingua

ebraica.

Fr. Pizzaballa è stato Vicario parrocchiale

per la comunità cattolica di lingua ebraica

a Gerusalemme e Assistente generale

dell’Ausiliare del Patriarca Latino di Gerusalemme,

Mons. Jean-Baptiste Gourion,

per la cura pastorale dei cattolici di espressione

ebraica in Israele. Dal 2001 era Guardiano

del Convento dei Santi Simeone e Anna

a Gerusalemme. Nella Custodia di Terra

Santa è Presidente della Commissione per

l’Evangelizzazione missionaria e Membro

della Commissione per l’Ebraismo e l’Islam.

– MONS. ROBERTO CAMILLERI AZZOPARDI,

OFM, finora Vescovo titolare di Vagada

ed Ausiliare di Tegucigalpa, è stato nominato

da Giovanni Paolo II Vescovo di

Comayagua (Honduras).

(L’Osservatore Romano, 21-22 maggio 2004)

– MONS. DARIO CAMPOS, OFM, finora Vescovo

di Araçuaí, è stato nominato da

Giovanni Paolo II Vescovo di Leopoldina

(Brasile).

(L’Osservatore Romano, 24 giugno 2004)

– FR. JOSÉ RODRÍGUEZ CARBALLO, Ministro

generale dell’Ordine dei Frati Minori,

è stato nominato da Giovanni Paolo II

Membro della Congregazione per l’Evangelizzazione

dei Popoli.

(L’Osservatore Romano, 08 agosto 2004)


BIBLIOGRAFIA

1. Libri

CENTRO FRANCESCANO PER L’EUROPA DEL-

L’EST E L’ASIA DEL NORD (a cura di),

Ekumeniczne powolanie franciszkanina.

Materialy pomocnicze, Warszawa-Rzym

2002, ss. 210 [Traduzione dall’italiano:

La vocazione ecumenica del francescano,

a cura del “Servizio per il dialogo”,

Roma 2001].

CENTRO FRANCESCANO PER L’EUROPA DEL-

L’EST E L’ASIA DEL NORD (a cura di), Zycie

jako dialogo za przykladem sw.

Franciszka z Asyzu, Warszawa-Rzym

2003, ss. 189 [Traduzione dall’italiano:

La vita come dialogo sulla scia di S.

Francesco, a cura del “Servizio per il

dialogo”, Roma 2003].

CENTRO FRANCESCANO PER L’EUROPA DEL-

L’EST E L’ASIA DEL NORD (a cura di),

Swieci rosyjskiej Cerkwi prawoslawnej i

swieci franciszkanscy, Warszawa-Rzym

2004, ss. 200 [Traduzione dall’italiano: I

santi della Chiesa ortodossa e i santi

francescani].

CORONA RAIMONDO, Adorazione eucaristica

per le vocazioni. Chi ha orecchi

ascolti ciò che lo Spirito dice alle Chiese.

Tre schemi ispirati ai capitoli primo,

secondo e terzo del Libro dell’Apocalisse,

Chieti 2001, pagg. 44.

CORONA RAIMONDO, Adorazione eucaristica

per le vocazioni, Edizioni “Squilla”,

Tocco Da Casauria 2004, pagg. 135.

DE OSUNA FRANCISCO, Primer Abecedario

Espiritual, Misticos Franciscanos Españoles,

III, Edición patrocinada por la

Conferencia de Ministros provinciales

OFM de España (CONFRES), Editorial

Cisneros, Madrid 2004, 650 pp.

FERRARIO PAOLO, La Madre di Dio del Roveto

Ardente. Incontro al Fuoco di Dio

con Maria, Madre della preghiera, Edizioni

Biblioteca Francescana, Milano

2004, pagg. 122.

GIMMICH OTHO – PETER FRANK, Franziskaner

in Düsseldorf. 150 Jahre «Klösterchen»

(1853-2003), Provinzialat der Franziskaner,

Düsseldorf 2003, pagg 203.

LOCHE GIOVANNI, La Conca Reatina. I primi

insediamenti francescani, Edizioni

Porziuncola, S. Maria degli Angeli-Assisi,

2004, pagg. 91+LIV.

MONTEVECCHI ORSOLINA (a cura di), Sete

d’infinito. Quasi un’autobiografia di

Maria Sticco, Edizioni Biblioteca Francescana,

Milano 2002, pagg. 843.

MORES FRANCESCO, Alle origini dell’immagine

di Francesco di Assisi, Editrici

Francescane, Padova 2004, pagg. 417.

RODRÍGUEZ CARBALLO JOSÉ, Clara de Asís

y de Hoy. Un corazón seducido y conquistado

por el Señor, Carta del Ministro

general de la Orden de los Hermanos

Menores en el 750 aniversario de la

muerte de Santa Clara y de la aprobación

de su Regla, 11 de agosto de 2004, Roma

2004, pagg.

RODRÍGUEZ CARBALLO JOSÉ, Tota pulchra

es Maria. En el 150° aniversario de la

definición dogmática de la Inmaculada

Concepción de la Virgen María, Carta

del Ministro general en el día de Santa

Beatriz de Silva, Curia generale dei Frati

Minori, Roma 2004, pagg. 16.

ROSSI BERARDO, San Francesco e il suo

tempo, Edizioni San Paolo, Cinisello

Balsamo (Milano) 2003, pagg. 222.


292 AN. CXXIII – MAII-AUGUSTI 2004 – FASC. II

TORELLI GIORGIO, Padre Lino fortemente

indiziato di santità, Ed. Ancora 2004,

pagg. 127.

SCHNEIDER HERBERT – STUCCHI MARIA

CHIARA (a cura di), Un fascio di luce gettato

sul tempo, Monastero Santa Chiara,

Cortona 2004, pagg. 56.

SPELIC MIRAN, La povertà negli apoftegmi

dei Padri, Excerpta ex dissertatione ad

Doctoratum in Theologia et Scientiis Patristicis,

Pontificia Universitas Lateranensis,

Insititutum Patristicum Augustinianum,

Brat Francisek, Ljubljana-Roma

2003, pagg 124.

SUOR MARIA DELLA TRINITÀ, Colloquio interiore.

Appunti Autobriografia e altri

scritti, Nona Edizione, Franciscan Printing

Press, Jerusalem 2004, pagg. 464.

SWIECI FRANCISZEK I KLARA Z ASYZU, Pisma,

widane lacinsko-polskie, Wydawnictwo

M, Kraków-Warszawa 2004, ss.

570 [2ª Edizione degli Scritti di S. FRAN-

CESCO EDIS. CHIARA in latino-polacco,

curata da Michalczyk Waclaw, Kowalski

Aleksander, Maryjka Rufin, Stys Zenon

e Wojas Jadwiga, e promossa dal Centro

Francescano per l’Europa dell’Est e l’Asia

del Nord].

TRECCIA FRANCESCO, La vita comune del

Clero secolare nel Concilio Ecumenico

Vaticano II. Genesi del n. 8 del Decreto

conciliare Presbyterorum Ordinis, Arti

Grafiche Antica Porziuncola, Perugia

2004, pagg. 64.

2. Extracta

PAOLAZZI CARLO, I Frati Minori e i Libri:

per l’esegesi di «ad implendum eorum

officium» (Rnbu III,7) e «nescientes litteras»

(Rnbu III,9; Rebu X,7), Extractum

ex Peridodico “Archivium Franciscanum

Hstoricum”, An. 97(2004),

pagg. 59.


NECROLOGIA

1. Nicolini Fr. Evangelista

S. Angelo di Celle (PG), 05.01.1920 – Assisi,

18.06.2004

Fr. Evangelista (Alessandro) ci ha lasciato

il 18 giugno 2004, solennità del Sacro

Cuore di Gesù, all’Ospedale di Assisi

dove era ricoverato. Aveva 84 anni, 60 di

sacerdozio e 68 di professione religiosa. Era

nato a S. Angelo di Celle (PG), presso Deruta,

il 5 gennaio 1920.

Fr. Evangelista all’età di 10 anni entra

nel Collegio serafico di Celleno (VI), poi in

quello di Montesanto presso Todi (1931-

1933). Nel 1933 inizia gli studi ginnasiali

nel convento della Spineta (Fratta Todina).

Veste il saio francescano a Monteluco di

Spoleto il 6 gennaio 1935 ed entra così nell’Ordine

dei Frati Minori all’età di 15 anni.

Sempre a Monteluco, l’8 gennaio 1936,

emette la prima professione dei voti religiosi.

Frequenta il Liceo a Trevi e la Teologia a

S. Damiano, dove il 6 gennaio 1941 (esattamente

a 21 anni) professa per sempre la Regola

di S. Francesco. Verrà ordinato sacerdote

2 anni più tardi (il 4 luglio 1943), a S.

Damiano, dal Vescovo di Assisi Mons. Placido

Nicolini.

Dopo l’ordinazione sacerdotale è a Todi

per 3 anni (1945-1947), poi a Trevi per 2 anni

(1947-1948). Nel 1948 è alla Chiesa Nuova

con l’incarico di cappellano a S. Chiara,

fino al 1951. Dall’ottobre 1951 al giugno

1958, studia canto gregoriano – presso l’Istituto

Pontificio di Musica Sacra di Roma –

con Don Raffaele Baratta, Don Eugenio Cardine

e apprende composizione sacra con il

Maestro Domenico Bartolucci, risiedendo

presso il Convento di S. Francesco a Ripa in

Trastevere. Conseguirà i Diplomi di Magistero

in canto gregoriano nel 1954 e di Magistero

in composizione sacra nel 1958, ottenendo

l’equipollenza del titolo – a livello statale

– come Direttore di coro.

Nel 1958 è alla Chiesa Nuova di Assisi,

dove resterà per 45 anni. Lì inizia la sua attività

di formazione musicale, coinvolgendo

i cantori delle corali di S. Francesco e di

S. Rufino, e le brigate del Calendimaggio.

Nasce così il primo gruppo di quello che diverrà,

nel 1960, il Coro dei Cantori di Assisi,

che dal Cantico delle Creature di S. Francesco

prenderà il suo momento simbolico e

il suo ideale. Il 2 aprile 1964 il Coro si costituisce

in Associazione ed inizia un’attività

intesissima di formazione e concertistica,

di alto livello e prestigio, che vanta qualcosa

come 1.200 concerti, numerosi

concorsi nazionali e internazionali, molteplici

riprese radiofoniche e televisive, incisioni

discografiche in Italia e all’estero. Il

Coro, con la vocalità, la musicalità e l’inconfondibile

tratto stilistico, che gli vengono

riconosciuti, ha itinerato in molte parti

del mondo per portare la voce di Assisi in

Italia, in Europa e negli altri continenti, fino

all’estremo oriente (Tokyo, Hiroschima),

gli Stati Uniti (da New York a S. Francisco),

l’Africa (in una tournèe che ha raggiunto il

Kenya) e l’Australia (Melbourne, Adelaide

e Penth).

Ad Assisi, la Corale più volte si è distinta,

nelle Basiliche e nei Santuari, in occasione

di momenti importanti come per la

storica giornata del 27 ottobre 1986, quando

cantò in S. Rufino. Nel 1960 a Chiesa

Nuova fr. Evangelista, maestro compositore

e maestro di canto gregoriano, ha anche

l’incarico di Guardiano e delegato provinciale

per la Musica sacra. Nella sua attività

più che quarantennale, insegnerà musica a

generazioni di studenti francescani (Spineta,

Trevi, S. Damiano), alle Clarisse dei monasteri

dell’Umbria e alle religiose dei conventi

di Assisi. È stato anche docente nelle

Scuole medie di Assisi, Cantalupo, Bastia e

Spello e alla Scuola serale di musica corale.

Il 25 gennaio 2003 viene accolto, con alternanza

alla Chiesa Nuova, nella nostra In-


294 AN. CXXIII – MAII-AUGUSTI 2004 – FASC. II

fermeria provinciale, dove rimane fino al

suo ingresso in ospedale.

Fr. Evangelista era un grande amante

della vita, dell’arte e della bellezza, del canto

e della musica. Nobile d’animo, cortese

nei tratti, raffinato nel gusto, pronto e disponibile

sempre alla volontà di Dio. Innamorato

della vocazione francescana, ha desiderato

trasmettere al mondo il messaggio

di Pace e Bene di S. Francesco.

FR. MASSIMO RESCHIGLIAN

Ministro provinciale

2. Anno 2004 mortui sunt

* 2 gennaio 2004: VILLÁNYI FR. QUIRIN,

BÉLA, nato a Nagymajtény, della Prov. S.

Ioannis a Capistrano, Ungheria. È morto all’età

di anni 91, di vita francescana 71 e di

sacerdozio 65.

* 3 gennaio 2004: NOWICKI FR. LUDWIK,

ANTONI, nato a Pszczólczyn, della Prov. Assumptionis

BMV, Polonia. È morto all’età

di anni 73, di vita francescana 53 e di sacerdozio

47.

* 13 gennaio 2004: NGUYEN VAN AM FR.

JOSEPH, nato a Nam Dinh, della Prov. S.

Francisci, Vietnam. È morto all’età di anni

88, oblato dal 1975.

* 31 gennaio 2004: PIUNTI FR. ALESSIO,

nato a S. Benedetto del Tronto, della Prov.

Picena S. Iacobi de Marchia, Italia. Affascinato

dall’ideale missionario, ha speso le sue

energie migliori in terra cinese e in terra argentina.

In Provincia ha svolto l’ordinario

ministero nelle varie Fraternità. È morto

nell’Infermeria provinciale di Sassoferrato

all’età di anni 94, di vita francescana 79 e di

sacerdozio 71.

* 1 febbraio 2004: NGUYEN SI THU FR.

ANGE, nato a Nghe An, della Prov. S. Francisci,

Vietnam. È morto all’età di anni 88 e

di vita francescana 65.

* 2 marzo 2004: BOSCAINO FR. CELESTI-

NO, nato a Foglianise, della Prov. Samnito-

Hirpina S. Mariae Gratiarum, Italia. Rese

con generosa disponibilità molti servizi

conventuali e pastorali; visse in alcune Case

della Provincia, specialmente ad Atripalda,

ove fu Parroco per un ventennio. È morto

ad Atripalda all’età di anni 77, di vita

francescana 60 e 52 di sacerdozio.

* 8 marzo 2004: GREALISH FR. ALPHON-

SUS, MARTIN, nato a Galway, della Prov. Hiberniae,

Irlanda. In varie Fraternità ha svolto

il servizio di cuoco, di economo e di ortolano-giardiniere:

splendide le sue decorazioni

floreali in chiesa. Uomo di preghiera, silenzioso

e cortese, è morto a Ballinasloe all’età

di anni 79 e di vita francescana.

* 12 aprile 2004: RISKY FR. BERNARD,

DRAHOSLAV, nato a Praga, della Prov. Bohemiae

et Moraviae S. Venceslai, Rep. Ceca.

Ritornato in Patria, dopo gli studi in Belgio,

nel 1950 fu messo in prigione per 8 anni.

Scarcerato ha lavorato in fabbrica. Durante

la “primavera di Praga”, 1968, ottenne il permesso

di lavorare nella pastorale a Vysoka,

dove fu parroco per 34 anni. Dal 1970-89, insieme

ad altri Frati, ha lavorato attivamente

per la ricostruzione della Provincia attraverso

studi e strutture “clandestine”. Dopo la caduta

del comunismo, ha dato il suo contributo

per il rinnovamento della Provincia, specialmente

nel campo della formazione. È

morto a Vysoká all’età di anni 78, di vita

francescana 61 e di sacerdozio 56.

* 17 aprile 2004: TOMANEK FR. SZANI-

SZLÓ, DEZSO, nato a Pécs, della Prov. S.

Ioannis a Capistrano, Ungheria. È morto all’età

di anni 92 e di vita francescana 66.

* 23 aprile 2004: NGUYEN VAN LUY FR.

PASCAL, della Prov. S. Francisci, Vietnam. È

morto all’età di anni 90 e di vita francescana

67.

* 1 maggio 2004: MEIER FR. HERMANO,

ALFRED, nato a Münster, Germania, della

Prov. S. Antonii Patavini, Brasile. Giunse in

Brasile nel 1934, dove fece gli studi di Filosofia

e Teologia. Dopo l’Ordinazione per 12

anni ha svolto attività pastorale e di inse-


NECROLOGIA

295

gnamento. Cordiale e molto attento alle necessità

dei Fratelli, aveva un profondo senso

dell’humour. Nel 1951 è ritornato in Germania.

È morto nella Casa di Bardel, Germania,

all’età di anni 90, di vita francescana

72 e di sacerdozio 66.

* 4 maggio 2004: BIASIOL FR. VIRGILIO,

REMIGIO, nato a Trieste, Italia, della Prov. S.

Barbarae, USA. È morto a Santa Barbara,

California, all’età di anni 85, di vita francescana

69 e di sacerdozio 61.

* 4 maggio 2004: MACÍAS GONZÁLEZ FR.

GERMÁN, ALFONSO, nato a Lagos de Moreno,

Jalisco, della Prov. Ss. Francisci et Iacobi

Jalisco, Messico. In diverse Fraternità

della Provincia ricoprì vari mansioni (sagrestano,

cuoco...). È morto a Guadalajara

all’età di anni 64 e di vita francescana 39.

* 4 maggio 2004: MIKLASZEWSKI FR. AL-

BIN, STANISLAUS, nato a South Milwaukee,

della Prov. Assumptionis BMV, USA. Ha dedicato

la sua vita all’insegnamento: per 20

anni presso la scuola S. Antonio di Padova,

Watkins Glen (NY), e per 23 anni presso la

scuola St. Bonaventure di Sturtvant (WI).

Dopo la chiusura delle due Istituzioni, si è dedicato

al ministero pastorale presso alcune

Parrocchie delle Diocesi di Green Bay e di

Milwaukee. È morto a St. Anne Home,

Milwaukee, all’età di anni 89, di vita francescana

66 e di sacerdozio 58.

* 6 maggio 2004: CULLEN FR. BRENDAN,

PATRICK, nato a Montmagny, Québec, della

Prov. S. Ioseph Sponsi BMV, Canada. Dedicò

gran parte del suo ministero a servizio

dell’OFS. È morto presso l’Ospedale Notre-Dame,

Montréal, all’età di anni 91, di

vita francescana 65 e di sacerdozio 57.

* 7 maggio 2004: SCARPACI FR. FERDI-

NANDO, nato a Catania, della Prov. Siciliae

Ss, Nominis Iesu, Italia. È morto a Barcellona

(ME) all’età di anni 83, di vita francescana

67 e di sacerdozio 58.

* 7 maggio 2004: ZAVARELLA FR. PAOLI-

NO, MARIO, nato a Pratola Peligna (AQ),

della Prov. Romana Ss. Petri et Pauli, Italia.

È morto presso la Clinica Nunziatella, Roma,

all’età di anni 83, di vita francescana 68

e di sacerdozio 59.

* 7 maggio 2004: HEPPNER FR. SYLVE-

STER, DONALD, nato a Oldenburg, Indiana,

della Prov. S. Ioannis Baptistae, USA. È

morto presso Mercy Franciscan Terrace,

Cincinnati, all’età di anni 72, di vita francescana

52 e di sacerdozio 44.

* 11 maggio 2004: PUNSMANN FR. HER-

MANN, nato a Altschermbeck, della Prov.

Saxoniae S. Crucis, Germania. In Provincia

ha insegnato sociologia e si è dedicato alla

pastorale, particolarmente degli studenti e

degli ammalati. Dal 1995 fino alla morte ha

insegnato al PAA in Roma. È morto ad

Hann all’età di anni 61, di vita francescana

40 e di sacerdozio 33.

* 14 maggio 2004: TRAN VAN MAN FR.

BONAVENTURA, della Prov. S. Francisci,

Vietnam. È morto all’età di anni 88, di vita

francescana 64 e di sacerdozio 59.

* 16 maggio 2004: SANJUÁN NAVARRO

FR. JESÚS, nato ad Oliva, della Prov. Valentiae

et Aragoniae S. Ioseph, Spagna. Infaticabile

ed entusiasta nei vari compiti che

svolse: formazione dei giovani, missione in

Argentina e Terra Santa, e Vice-postulatore.

Visse con grande fiducia e letizia nel Signore.

È morto nel Convento La Sagrada Familia

(Pego) all’età di anni 89, di vita francescana

72 e di sacerdozio 63.

* 19 maggio 2004: HOULIHAN FR. DECLAN,

PATRICK, nato a Clonmel, della Prov. Hiberniae,

Irlanda. Ha svolto con fedeltà e dedizione

vari servizi: cuoco, sagrestano e promotore

locale delle missioni. Uomo di preghiera,

simpatico e gioioso, è morto a Dublino all’età

di anni 83 e di vita francescana 63.

* 1 giugno 2004: DELATRE FR. PAUL-RO-

BERT, ROBERT, nato a La Bassée, della Prov.

B. Pacifici/Gallia occidentale, Francia. È

morto a Rueil Malmaison all’età di anni 80,