Untitled - Il Portale Regionale della Cultura

cultura.marche.it

Untitled - Il Portale Regionale della Cultura

IL TEATRO NELLE MARCHE

PREMESSA

La ricchezza di teatri della regione Marche, oltre documentare il livello culturale

di questa terra, dà modo di percepire la concentrazione d’arte che questi

spazi possiedono. Difficile resta delineare sinteticamente una storia dei teatri

delle Marche, poiché ciò implicherebbe un’analisi interdisciplinare che ricomponga

i diversi linguaggi artistici in unica linea di evoluzione. Questa breve nota

si limita, q u i n d i , a tra c c i a re una storia rap p o rt ata più all’evoluzione dello

spazio ed alla tipologia di spettacolo ad esso legata.

In questa regione le testimonianze più remote di spazi per gli spettacoli risalgono

all’antica Roma. Molti dei complessi edilizi destinati allo scopo sono

giunti a noi provati dal tempo e dall’uomo, come ad Ascoli Piceno, Fermo, Villa

Potenza, Jesi, Ostra, Acqualagna ed Urbino. Solo le strutture del teatro ed

anfiteatro di Falerone ed Urbisaglia possono oggi documentare, anche se parz

i a l m e n t e, le pro p rie carat t e ri s t i che spaziali legate alla cultura romana dello

spettacolo e dei giochi circensi.

A l l ’ epoca il teat ro , s i t u ato all’incrocio cardo - decumano del centro urbano,

con una capienza ipotizzabile tra le 600 e le 3.500 persone doveva rappresentare

un elemento rilevante nel tessuto edilizio della città antica, un ruolo da relaz

i o n a re all’interesse che tale stru t t u ra poteva ave re nei momenti di maggi o r

flusso di forestieri presente nelle città nei giorni di fiera e mercato.

Alla caduta dell’impero Romano d’Occidente si perde anche il senso della parola

teatro, indicando con il termine scena e theatrum semplicemente “luogo

dove la gente sta insieme”. Sopravvive lo spettacolo sacro allestito nelle chiese

e successivamente sui sagrati, o le improvvisazioni di scene musicali nei mo-

More magazines by this user
Similar magazines