02_febbraio - Porto & diporto

portoediporto.it

02_febbraio - Porto & diporto

la promozione al servizio

di un sistema portuale

6 della Legge 84/94 con

cui si istituirono le Autorità

L’art.

Portuali è chiaro: fra i compiti

primariamente assegnati a tali enti vi è

anche la promozione delle operazioni

portuali e delle altre attività commerciali

e industriali esercitate nei porti.

E perché allora, laddove possibile,

non esercitare tale funzione congiuntamente,

per una volta ‘facendo sistema’

davvero, per utilizzare un’espressione

oggi abusata, ma poco concretizzata?

“L’idea di promuovere congiuntamente

l’intero sistema dei porti liguri nacque,

su sollecitazione dell’allora assessore

regionale ai trasporti Graziano

Mazzarello, nel 1998, per rispondere

all’esigenza di far conoscere meglio

al mondo un network portuale unico

nel Mediterraneo, con tre scali in 140

chilometri capaci di offrire nell’insieme

una gamma amplissima di possibilità”

spiega Pietro Dante Oddone, direttore

del settore comunicazione e promozione

dell’Autorità Portuale di Genova e

responsabile per la stessa di Ligurian

Ports, l’associazione che raggruppa

anche le Autorità Portuali di Savona e

La Spezia al fine appunto di promuovere

il sistema portuale della regione nel

suo insieme.

“L’associazione, che assunse tale

forma giuridica nel settembre 2008 con

l’estensione di un apposito statuto, ‘debuttò’

nell’ottobre del 1998 con la partecipazione

a China Transport e da allora

ha preso parte ad innumerevoli eventi,

organizzato molte manifestazioni e

ricevuto svariate delegazioni da ogni

parte del mondo, relazionandosi di volta

in volta con le associazioni degli industriali,

con le Camere di Commercio

e con ogni soggetto, pubblico o privato,

interessato ad approfondire la propria

conoscenza della portualità ligure” prosegue

Oddone.

Anche l’agenda di questi primi mesi

del 2012 è ricca di appuntamenti per

Ligurian Ports: “Siamo appena rientrati

(l’intervista risale alla seconda settimana

di febbraio, ndr) da Interlaken, in

Svizzera, dove abbiamo partecipato a

Swiss Shippers’ Council, uno dei più

importanti meeting fra caricatori elvetici

e dell’Europa centrale, sbocco primario,

insieme alla Pianura Padana, per i

traffici dei porti liguri. A fine febbraio saremo

al SITL (Semaine Internationale

du Transport et de la Logistique) India,

a Mumbai, e a fine marzo al corrispettivo

europeo a Parigi (SITL Europa). Nel

frattempo, a inizio marzo, voleremo a

Miami per il Seatrade, forse il non plus

ultra degli appuntamenti dell’industria

crocieristica, mentre a metà aprile sarà

la volta della principale fiera logistica

Sudamerica, l’Intermodal South America

di São Paulo in Brasile”.

Densa anche l’attività ‘italiana’, costituita

anche da altri filoni: “Per partecipare

con profitto a questi eventi

curiamo un’ampia gamma di pubblicazioni,

che provvediamo a stampare, a

seconda dei casi, in più lingue, fra cui

anche, all’occorrenza, cinese o arabo.

Fra un’expo e l’altra poi abbiamo in

programma diversi incontri in Italia: nel

breve periodo stiamo definendo infatti

un meeting con gli imprenditori di Biella,

cui faremo una presentazione dei tre

porti liguri, e la visita di una delegazione

di industriali piacentini a Genova, La

Spezia e Savona” racconta il manager.

E proprio al rapporto fra i tre porti

e alle modalità di gestione della promozione

contemporanea di tre scali

spesso in concorrenza fra loro Oddone,

in Ligurian Ports fin dal 1998,

dedica la chiusura: “Il nostro scopo è

quello di creare le condizioni necessarie

affinché gli operatori nazionali, ma

soprattutto internazionali, conoscano e

si interessino al nostro sistema portuale.

Dopodiché sta ai singoli operatori

convincere questi interlocutori: a noi

interessa la parte promozionale, quella

commerciale è appannaggio di terminalisti,

spedizionieri e via dicendo”.

Andrea Moizo

febbraio 2012 - 19

More magazines by this user
Similar magazines