Views
3 years ago

H32704-v02 Manuale Installazione Aurora IN 20-25 - Rhoss

H32704-v02 Manuale Installazione Aurora IN 20-25 - Rhoss

egolazioni e sicurezze 4

egolazioni e sicurezze 4 5 6 1 2 3 1. Spia blocco fiamma 2. Spia caldaia sotto tensione 3. Spia presenza fiamma 4. Selettore spento / estate / inverno / sblocco 5. Regolazione temperatura riscaldamento 6. Regolazione temperatura sanitario 7. Termometro 8. Idrometro LD2 caldaia blocco fiamma: “LED” ad intermittenza lenta (condizione flusso acqua insufficiente nel circuito primario) “LED” ad intermittenza veloce (blocco caldaia per mancanza acqua) LD3 caldaia sotto tensione: LD1 presenza fiamma: “LED” ad intermittenza lenta (sovratemperatura circuito primario) “LED” ad intermittenza veloce (avaria sonde controllo temperatura sanitario / riscaldamento) + LD1 + LD2 “2 LED” accesi ad intermittenza: indicano un blocco per intervento termostato di sicurezza o del termostato fumi Regolazioni ● Trimmer di regolazione temperatura acqua calda sanitaria n. 6 (fig. 18). Con questo dispositivo si regola la temperatura in mandata dell’acqua calda sanitaria. Il campo di regolazione è da un minimo di 35°C ad un max. di 60°C, ruotare la manopola in senso orario per aumentare ed in senso antiorario per diminuire la temperatura. La massima portata d’acqua per avere 60°C in mandata è di 8 l/minuto con temperatura di ingresso di 10°C. ● La condizione migliore per l’utilizzo della caldaia è quella con temperatura acqua di mandata di 40°C ÷ 42°C con una portata di 11,6 l/minuto (IN 20) e 13,8 l/minuto (IN 25); questa condizione si ottiene posizionando la manopola n. 3 con l’indice ad ore 12 ( ). ● Trimmer di regolazione temperatura acqua di riscaldamento n. 5 (fig. 18). Con questo dispositivo si regola la temperatura in mandata dell’acqua all’impianto di riscaldamento. Il campo di regolazione è da un minimo di 30°C ad un massimo di 80°C, ruotare la manopola in senso orario per aumentare ed antiorario per diminuire la temperatura. Con l’indice della manopola ad ore 12 ( ) si ottengono circa 50°C, mentre con indice ad ore 3 ( ) si ottengono circa 65°C. Modulazione di fiamma Il controllo elettronico della caldaia regola in continuo la pressione del gas al bruciatore e quindi la potenza in funzione della temperatura impostata, sia dell’acqua sanitaria che del riscaldamento, e delle reali condizioni di scambio termico. 60 40 80 20 100 0 120 °C 1 0 2 bar 3 4 Sicurezze Accensione e controllo di fiamma a ionizzazione (accensione spia n. 3). La caldaia è dotata di una centralina elettronica che provvede alla accensione del bruciatore per mezzo di una scarica elettrica che avviene tra il bruciatore e l’elettrodo di accensione posto al centro del bruciatore stesso; e provvede al controllo della avvenuta accensione attraverso l’elettrodo di ionizzazione posto sulla destra del bruciatore. Per un corretto posizionamento degli elettrodi vedere capitolo a pagina 8. Termostato sicurezza fumi La caldaia è provvista di un dispositivo antiriflusso contro l’immissione in ambiente dei prodotti della combustione che agisce sul sistema di controllo mandandolo in blocco. Prima di ripristinare manualmente il dispositivo, verificare il motivo dell’intervento ed il corretto tiraggio del camino. Nel caso di interventi ripetuti del dispositivo si consiglia l’intervento di un tecnico specializzato. Questa anomalia viene segnalata attraverso le spie “LED” n. 1 e n. 3, lampeggianti contemporaneamente ad intermittenza (fig. 18). Termostato di sicurezza per sovratemperatura Questo componente posizionato sul tubo di mandata riscaldamento, interrompe il flusso del gas al bruciatore principale nel caso si verifichi una temperatura eccessiva. Al verificarsi di tale inconveniente la caldaia va in blocco e si accendono contemporaneamente le spie “LED” n. 1 e n. 3 ad intermittenza (fig. 18). Sonde per il rilievo temperatura Le sonde sono di tipo NTC e posizionate nel gruppo idraulico, un eventuale loro guasto è segnalato attraverso la spia “LED” n. 1 lampeggiante ad intermittenza lenta (fig. 18). Nel caso di guasto della sonda sanitario la caldaia può funzionare solo per il riscaldamento, nel caso di guasto della sonda del riscaldamento la caldaia non è funzionante. Pressostato differenziale idraulico Questo componente, posizionato nel gruppo idraulico, sovraintende che nel circuito idraulico della caldaia ci sia una sufficiente circolazione d’acqua per salvaguardare lo scambiatore acqua-fumi. L’intervento di questo componente per scarsa circolazione d’acqua è segnalato attraverso la spia “LED” n. 1 lampeggiante ad intermittenza lenta (fig. 18). Postcircolazione pompa Nella funzione riscaldamento, il controllo elettronico della caldaia, mantiene in funzione la pompa per 3 minuti dopo l’intervento del termostato ambiente. 7 8 fig. 18 Antiblocco pompa La caldaia è dotata di una funzione antiblocco pompa, il controllo elettronico prevede l’avvio della pompa di circolazione per 3 minuti ogni 24 ore anche senza richiesta di funzionamento da parte del termostato ambiente o di prelievo acqua calda sanitaria. La funzione è attiva se la caldaia è alimentata elettricamente e non è in blocco. Dispositivo antigelo Il controllo elettronico della caldaia è provvisto di una funzione “antigelo” in riscaldamento che con temperatura di mandata inferiore ai 6°C, accende la caldaia fino al raggiungimento della temperatura di mandata di 20°C. Questa funzione è attiva indipendentemente dal termostato ambiente e se sono soddisfatte le seguenti condizioni: ● La caldaia è alimentata elettricamente. ● C’è presenza di gas. ● La caldaia non è in blocco o non sono presenti altre condizioni di blocco. Sovratemperatura scambiatore La segnalazione viene attivata se i valori di temperatura nel circuito di riscaldamento superano i valori normali consentiti. La spia “LED” n. 3 è lampeggiante ad intermittenza lenta (fig. 18). La caldaia non si ferma e la spia rimane lampeggiante. Tale condizione si può verificare nel funzionamento sanitario se lo scambiatore acqua-acqua ha un deposito eccessivo di calcare, oppure nel funzionamento impianto di riscaldamento se lo scambiatore acqua-fumi non è più efficiente. Valvola di sicurezza idraulica Questo componente, posto nel circuito di riscaldamento, interviene scaricando un po’ d’acqua, se la pressione del circuito supera i 3 bar di taratura della valvola. Si consiglia di collegare la caldaia ad uno scarico sifonato. Vaso di espansione Questo componente, posto nel circuito idraulico, assorbe l’aumento di volume dell’acqua quando viene riscaldata. Filtro acqua sanitaria È un filtro a maglia inox, posto all’ingresso dell’acqua sanitaria sul gruppo idraulico, che impedisce a corpi estranei, sassolini ecc., di entrare in caldaia. Regolatore di portata acqua sanitaria “optional” È un dispositivo, posto all’ingresso dell’acqua sanitaria sul gruppo idraulico, che impedisce un prelievo eccessivo di acqua calda sanitaria. 10

il gruppo idraulico, smontaggio e pulizia scambiatore sanitario La caldaia è provvista di un gruppo idraulico che racchiude in se varie funzioni garantendo una elevata affidabilità. 2 1 9 8 4 12 11 3 13 10 6 1. Valvola 3 vie idraulica di tipo pressostatico 2. Pressostato di precedenza sanitario (interviene con portata di 2,5 l/minuto e 0,3 bar di pressione) 3. Pressostato differenziale circuito riscaldamento 4. By-pass automatico circuito di riscaldamento 5. Scambiatore sanitario a piastre in acciaio inox 6. Filtro acqua sanitario (con regolatore e sensore di portata optional) 7. Rubinetto di carico impianto 5 7 13 14 16 15 fig. 19 8. Tubi sensori di portata acqua calda sanitaria 9. Sonda temperatura mandata riscaldamento 10. Sonda temperatura mandata acqua calda sanitaria 11. Microinterruttore pressostato differenziale circuito riscaldamento 12. Microinterruttore precedenza acqua calda sanitaria 13. Viti fissaggio scambiatore acqua calda sanitaria 14. Valvola di sicurezza 15. Attacco vaso di espansione 16. Attacco manometro Smontaggio e pulizia scambiatore acqua calda sanitaria Lo scambiatore acqua calda sanitaria del tipo a piastre in acciaio inox è facilmente smontabile con un cacciavite seguendo le operazioni sotto descritte: ● Togliere l’alimentazione elettrica alla caldaia. ● Togliere le 2 viti di fissaggio del pannello frontale della caldaia e smontare il pannello (fig. 12 pag. 7). ● Abbassare il pannello comando (fig. 12 pag. 7). ● Svuotare l’impianto di riscaldamento, scollegando il tubo che parte dal gruppo di mandata riscaldamento al muro. ● Chiudere l’alimentazione dell’acqua sanitaria e svuotare l’acqua del circuito attraverso un rubinetto dell’acqua calda sanitaria. ● Togliere le 2 viti n. 13 (fig. 19) di fissaggio dello scambiatore al gruppo idraulico. ● Spostare verso la parte posteriore lo scambiatore ed estrarlo attraverso lo spazio sopra la valvola gas. ● Per la pulizia dello scambiatore utilizzare CILLIT FFW-AL. Non utilizzare prodotti che possono danneggiare la saldatura delle piastre a base di rame. ● Rimontare lo scambiatore eseguendo le operazioni inverse sopra descritte avendo provveduto a sostituire le 4 guarnizioni OR di tenuta. ● La necessità di pulizia dello scambiatore è un evento remoto nel tempo, se questo si verifica nel breve/medio periodo, sotto i 4 anni di vita della caldaia, può significare che le caratteristiche di durezza dell’acqua superano il valore di 27°F (1°F corrisponde a 10 mg di carbonato di calcio per litro d’acqua), si consiglia in questo caso l’installazione di un sistema di trattamento dell’acqua di tipo a polifosfati, magnetico o elettronico, comunque in regola con le normative vigenti. ● Nella eventualità di dover procedere alla pulizia dello scambiatore acqua calda sanitaria, si consiglia di provvedere anche alla pulizia della sonda sanitario n. 10 (fig. 19), smontandola dal gruppo idraulico. Pulizia filtro e regolatore acqua calda sanitaria La caldaia è dotata di un dispositivo monoblocco n. 6 (fig. 19), posto nel gruppo idraulico all’ingresso dell’acqua sanitaria, che assolve le funzioni di filtro, regolatore di portata e sensore di portata acqua sanitaria. Per eseguire la pulizia di tale dispositivo, smontarlo dalla sua sede, pulirlo, avendo cura che nel suo rimontaggio sia posizionato fino in battuta della filettatura altrimenti si possono verificare inconvenienti nel corretto rilievo della portata acqua sanitaria. Porta filtro Filtro a maglia inox Regolatore di flusso "OPTIONAL" Sensore di portata fig. 20 Smontaggio scambiatore acqua-fumi Lo scambiatore acqua-fumi è un componente facilmente smontabile. Togliere l’alimentazione elettrica della caldaia prima di eseguire le operazioni sotto descritte. ● Togliere le 2 viti di fissaggio del pannello frontale e smontare il pannello (fig. 12 pag. 7). ● Scollegare i cavi elettrici del termostato fumi (fig. 21). ● Togliere le 4 viti di fissaggio frontale camera di combustione (fig. 21). ● Estrarre l’antivento dalla parte anteriore alzandolo prima leggermente. ● Svuotare l’acqua dell’impianto di riscaldamento, meglio se della sola caldaia, attraverso il tubo riscaldamento collegamento impianto. ● Togliere le due molle di fissaggio dello scambiatore ai tubi di mandata e ritorno riscaldamento (utilizzare una normale pinza). ● Alzare leggermente lo scambiatore acquafumi n. 18 (fig. 22 pag. 12), estrarlo dalla sua sede e toglierlo dalla parte anteriore. ● Rimontare il tutto eseguendo le operazioni inverse sopra descritte avendo cura di sostituire le guarnizioni di tenuta OR sugli attacchi dello scambiatore. In questa operazione provvedere ad ingrassare la nuova guarnizione OR con grasso siliconico (tipo “SYLAN”). fig. 21 11

H33249-v01 Manuale Installazione Aurora IS 20-25-20S-25S - Rhoss
H51214-v07 Manuale Istr. per l'uso Aurora MISI 20S-25S ... - Rhoss
H32786-v01 Manuale Installazione Aurora MB-SE 20-25 - Rhoss
H50336-vA KGPL Cambio tipo GAS Aurora IN-IS - Rhoss
H50254-vA KGPL Cambio tipo GAS Aurora MB-E-SE - Rhoss
H51213-v07 Manuale Istr. per l'uso Aurora MBSI 20-25 ... - Rhoss
Frequenti pendolazioni Aurora MB - Rhoss
H51217-v07 Manuale Istr. per l'uso Astra MISE 27 3STELLE - Rhoss
H51211-v07 Manuale Istr. per l'uso Astra TISE 27-31 ... - Rhoss
H50446-v02 Manuale Uso e Manut. Artemio New Inverter ... - Rhoss
H51212-v07 Manuale Istr. per l'uso TB/SI 31 3STELLE - Rhoss
H32930-v01 Manuale Installazione TB/SI 31 - Rhoss
VTNC 25÷85 - Rhoss
H50131-v03 Manuale Installazione Artemio 209-212 Dual - Rhoss
H51216-v07 Manuale Istr. per l'uso Astra Inbox MISE 27 ... - Rhoss
H50439-vB Manuale Istruz. TCAE-THAE 14-26 - Rhoss
H50429-v01 Manuale Istr. TCAE_S-THAE_S 230-4160 - Rhoss
H50242-v1 Manuale Istruzioni Combiclima - Rhoss
Manuale pCoOEM per QPACK - Rhoss
H50329-v0 Manuale Istruz. CWA-CWR/E 03-09 KAS ed.2001 - Rhoss
H50894-v0B Manuale Istruzioni YardyEV - Rhoss
Manuale d'uso e installazione - Rinnai
H51469-ed10 Manuale Istr. TGAETY-TGAESY-TFAETY ... - Rhoss
H50384-v01 Manuale Istr. CWA-CWR 29-153 - Rhoss
H50872-v00 Manuale Istruz. eXergy TXAE 475-4150 - Rhoss
N28310076-v01 Manuale Istr. CWA-CWR_C 12-34 - Rhoss
H50153-v05 Manuale Istruzioni UTC - Rhoss
H50791-v0B Manuale Istruzioni BrioEv - Rhoss
H50711-v01 Manuale Istruzioni Portatile CP12 - Rhoss
pompa di calore per acqua calda sanitaria manuale di installazione ...