Views
3 years ago

Fisica I anno: Appunti - STOQ

Fisica I anno: Appunti - STOQ

64 CHAPTER 7.

64 CHAPTER 7. L’ELETTROMAGNETISMO: LE FORZE ELETTRICHE Figure 7.1: Il campo magnetico del filo esercita una forza sul magnete Se poi abbiamo due fili paralleli percorsi da corrente, quando le correnti hanno la stessa direzione i fili si attraggono, viceversa si respingono. In breve tanto le correnti elettriche che i magneti producono campi magnetici. Basta sostituire al magnete permanente una bobina e far passare la corrente ed avremo lo stesso risultato. Questo effetto ci dice che campi elettrici variabili producono effetti magnetici e fu scoperto teoricamente da Maxwell. La più notevole delle conseguenze è che le equazioni descritte contengono la spiegazione dell’irradiazione degli effetti elettromagnetici a grande distanza. Infatti, supponiamo di avere in qualche punto un campo magnetico che sta aumentando a causa della corrente immessa nel filo. Allora ci deve essere una circolazione di un campo elettrico. Ma mentre il campo elettrico cresce per dare la sua circolazione si produrrà una circolazione magnetica che produrrà una nuova circolazione elettrica e così via.

65 Figure 7.2: Due fili che portano corrente esercitano forze l’uno sull’altro In questo modo i campi riescono a propagarsi attraverso lo spazio senza bisogno di cariche o correnti, tranne alla loro sorgente. Tutto questo è contenuto nelle equazioni elettromagnetiche. Le linee di campo attraverso le quali riusciamo a descrivere questa propagazione sono un modo grossolano di descrivere il campo ed è molto difficile dare delle linee quantitative per mezzo di esse. Inoltre, l’idea della linea di campo non permette di usare il principio di sovrapposizione, cosa che può essere invece agevolmente fatta mediante il punto di vista matematico, mentre le linee di campo ci permettono di dare una rappresentazione grafica. La via migliore è quella di usare l’idea del campo astratto. L’approccio di rappresentare il campo elettrico come movimento di qualcosa, ad esempio una ruota dentata, oppure linee oppure tensioni in qualche sorta di materiale sono costate ai fisici più sforzi di quelli che ci sarebbero voluti per ottenere le risposte corrette. Difatti le equazioni corrette della luce nei cristalli furono elaborate da McCullogh nel 1843, ma per parecchio tempo furono negate sulla base che siccome la luce è una oscillazione che deve avere luogo in qualcosa, non poteva essere fondata su equazioni astratte.

Programma di incentivazione delle Lauree Scientifiche - Fisica
Fisica degli Sport Lezione 2: - Docente.unicas.it
Fisica I anno: Appunti - STOQ
Fisica I anno: Appunti - STOQ
Fisica II anno: Appunti - STOQ
Fisica II anno: Appunti - STOQ
Appunti di Elettromagnetismo - Dipartimento di Fisica
Introduzione alla Fisica Generale I - STOQ
Introduzione alla Cosmologia Fisica Lezione 14 - STOQ
Introduzione alla Cosmologia Fisica Lezione 6 - STOQ
Introduzione alla Cosmologia Fisica Lezione 18 - STOQ
Introduzione alla Cosmologia Fisica Lezione 16 - STOQ
appunti del corso di Istituzioni di Fisica Nucleare e Subnucleare
Introduzione alla Cosmologia Fisica Lezione 9 - STOQ
appunti del corso di Istituzioni di Fisica Nucleare e Subnucleare
Appunti di Fisica - Liceo Scientifico Statale Carlo Cafiero
Introduzione alla Cosmologia Fisica Lezione 19 - STOQ
Introduzione alla Cosmologia Fisica Lezione 7 - STOQ
Introduzione alla Fisica Generale I - STOQ
Introduzione alla Cosmologia Fisica Lezione 5 - STOQ
Appunti di Fluidi - Dipartimento di Fisica
Appunti di Fisica bII (Elettrodinamica) - Guido Cioni
Appunti di Fisica Teorica - INFN