Views
3 years ago

Pubblicazione n.14

Pubblicazione n.14

54 Elezione diretta del

54 Elezione diretta del presidente della provincia e del consiglio provinciale - Elezione diretta del sindaco e del consiglio comunale ISTRUZIONI PER le operazioni degli uffici ELETTORALI DI SEZIONE § 51. - Consegna delle schede e della matita all’elettore ed invito a non sovrapporre le schede. Dopo che uno degli scrutatori ha apposto sulla tessera elettorale la data della votazione ed il timbro della sezione ed ha annotato il numero della tessera stessa sull’apposito registro, il presidente consegna all’elettore, dopo averne letto ad alta voce il nome ed il numero di iscrizione nella lista di sezione, la matita copiativa per la espressione del voto e le schede. Le schede stesse sono una sola o due a seconda che si voti per una sola consultazione o per entrambe le consultazioni amministrative (comunali e provinciali). Nel caso in cui l’elettore, dopo la sua identificazione e registrazione, rifiuti di ritirare la scheda o le schede, non potrà essere considerato come votante e non dovrà quindi essere conteggiato tra i votanti della sezione all’atto delle operazioni di cui al successivo paragrafo 86. Nel caso, invece, che l’elettore, dopo avere ritirato la scheda, senza entrare in cabina, la restituisca al presidente, si configura l’ipotesi ex art. 50 del testo unico n. 570 del 1960, di cui al successivo paragrafo 54, con l’effetto di conteggiare l’elettore come votante ma di dichiarare la nullità della scheda. Il presidente del seggio avrà cura di far constatare all’elettore stesso l’avvenuta autenticazione delle schede con la firma di uno scrutatore ed il bollo della sezione (art. 49, primo comma, del testo unico n. 570/1960). Sarà altresì opportuno che il presidente stesso consegni le schede spiegate agli elettori, in modo da poter verificare che all’interno non contengano tracce di scrittura od altri segni che possono invalidarle, e specifichi la elezione cui ciascuna scheda si riferisce. In caso di contemporaneo svolgimento di più consultazioni, venendo quindi consegnate più schede all’elettore, sarà raccomandato a quest’ultimo di non sovrapporle una sull’altra al momento della espressione del voto, al fine di evitare che il segno di voto tracciato su una scheda si riverberi per pressione su quella sottostante. § 52. – Elettori ammessi al voto in sezione diversa da quella di iscrizione: avvertenze. I presidenti degli uffici elettorali di sezione vorranno ricordare agli elettori cui la legge consente l’esercizio del diritto di voto presso uffici di sezioni diversi da quelli di rispettiva iscrizione: - che i loro nominativi verranno annotati in calce alla lista degli elettori della sezione (o in liste aggiunte) e di essi sarà presa nota nel verbale delle operazioni del seggio; - che l’art. 93, primo comma, del testo unico n. 570/1960 prevede la reclusione fino a due anni e la multa fino a euro 2.065 per coloro che esprimono il proprio voto in “più sezioni elettorali”. Le sanzioni penali anzidette sono peraltro tra quelle richiamate nel manifesto affisso all’interno della sala della votazione.

Elezione diretta del presidente della provincia e del consiglio provinciale - Elezione diretta del sindaco e del consiglio comunale OPERAZIONI DI VOTAZIONE 55 § 53. – Divieto di introdurre all’interno delle cabine elettorali telefoni cellulari o altre apparecchiature in grado di fotografare o registrare immagini. Per assicurare il regolare svolgimento delle operazioni elettorali e, in particolare, la libertà e segretezza della espressione del voto, il decreto-legge 1° aprile 2008, n. 49, convertito, senza modificazioni, dalla legge 30 maggio 2008, n. 96, all’art. 1, comma 1, ha fatto divieto di introdurre all’interno delle cabine elettorali “telefoni cellulari o altre apparecchiature in grado di fotografare o registrare immagini”. Ai sensi del decreto-legge citato (art. 1, commi 2 e 3), il presidente dell’ufficio di sezione dovrà invitare l’elettore, all’atto della presentazione da parte di quest’ultimo del documento di identificazione e della tessera elettorale, a depositare le anzidette apparecchiature delle quali sia in possesso; tali apparecchiature saranno prese in consegna dal presidente medesimo per essere restituite all’elettore, unitamente al documento di identificazione e alla tessera elettorale, dopo l’espressione del voto; della presa in consegna e della restituzione verrà fatta annotazione in appositi registri, uno per gli elettori di sesso maschile e l’altro per quelli di sesso femminile. Tali registri vengono predisposti e forniti unitamente al restante materiale elettorale. Per gli eventuali contravventori al divieto è prevista la sanzione dell’arresto da tre a sei mesi e dell’ammenda da 300 a 1.000 euro (art. 1, comma 4, D.L. citato). Per quanto concerne i provvedimenti da adottarsi nel caso in cui l’elettore venga colto nell’atto di fotografare o registrare immagini della espressione del proprio voto, relativi all’annullamento della scheda e alla esclusione dal voto dell’elettore stesso, si fa rinvio, più avanti, al paragrafo 64. § 54. - Espressione del voto da parte dell’elettore all’interno della cabina e riconsegna delle schede e della matita al presidente del seggio. L’elettore, ricevute le schede e la matita, si deve recare nella cabina dove, dopo aver espresso il voto, ripiega le schede stesse, secondo le linee lasciate dalla precedente piegatura e le restituisce contemporaneamente al presidente del seggio (art. 49, secondo comma, del testo unico n. 570/1960, e art. 26, primo comma, n. 1, della legge 8 marzo 1951, n. 122). Qualora una scheda non fosse piegata, il presidente invita l’elettore a piegarla, facendolo rientrare nella cabina. Se l’espressione del voto non è compiuta nella cabina, il presidente deve rifiutare la scheda o le schede presentategli e invitare l’elettore a recarsi nella cabina stessa. Qualora l’elettore non vi si rechi, il presidente deve ritirare e annullare le schede ed escludere l’elettore medesimo dal voto, prendendone nota nel verbale (art. 50 del testo unico n. 570/1960). Inoltre, come già richiamato al precedente paragrafo 51, nel caso in cui l’elettore, dopo la sua identificazione e registrazione e dopo avere ritirato la scheda o le schede, prima ancora di entrare in cabina, la riconsegni o le riconsegni al presidente senza alcuna espressione di voto, si configura l’ipotesi ex art. 50 del testo unico n. 570 del 1960, con l’effetto di dichiarare la nullità della scheda o

Scarica la pubblicazione - Provincia di Milano
Pubblicazione anno 2008 - UIL
Pubblicazione periodica anno LXIII Novembre/Dicembre ... - Unuci
Anno n°14 31-07-2010 - teleIBS
La pubblicazione del Tiro a Segno - Ravenna & Dintorni
Il Benessere n.9 Settembre 2012 - Il Benessere - pubblicazione ...
potestà elettorale siciliana e requisiti per l'accesso alla carica di ...
dicembre 2011 - Pubblicazioni Ufficiali dello Stato - Istituto ...
Notiziario n.1 - Consiglio di Presidenza della Giustizia Tributaria
Il Benessere n.11-12 Nov-Dic 2012 - Il Benessere - pubblicazione ...
N. 15 del 14 aprile 2001 - Ancl
N. 39 del 14 ottobre 2000 - Ancl
N. 24 del 14 giugno 2003 430 il consulente 1081 - Ancl
N. 47 del 14 dicembre 2002 842 il consulente 1081 - Ancl
Decreto n - degli studi per l'innovazione e le organizzazioni-luspio
Dialoghi n. 2005/3-4 (luglio-dicembre 2005)
Istruzioni per le operazioni degli uffici elettorali di sezione
Istruzioni per le operazioni degli uffici elettorali di sezione
Istruzioni per le operazioni degli uffici elettorali di sezione
Istruzioni per le operazioni degli uffici elettorali di sezione - Elezione ...
In materia elettorale. Corte costituzionale, 14 gennaio 2010, n. 4 ...
Pubb_14_Amministrative_Ed.2016
estratto istruzioni per le operazioni degli uffici elettorali di sezione