Views
3 years ago

Pubblicazione n.14

Pubblicazione n.14

72 Capitolo XVI

72 Capitolo XVI VOTAZIONE DEI DETENUTI AVENTI DIRITTO AL VOTO § 73. - Votazione dei detenuti. L’art. 8 della legge 23 aprile 1976, n. 136, applicabile alle elezioni provinciali e comunali per effetto delle disposizioni contenute nell’art. 1, lettera d), del decreto-legge n. 161/1976, convertito nella legge n. 240/1976, ha riconosciuto, ai detenuti che non siano incorsi nella perdita della capacità elettorale, il diritto di prendere parte alle votazioni per le elezioni comunali e provinciali, sempreché gli stessi siano iscritti nelle liste elettorali, rispettivamente, di una sezione del Comune o di una sezione di un altro Comune della provincia. L’anzidetta categoria di elettori, per poter esercitare il diritto di voto, con le modalità che saranno illustrate nel paragrafo seguente, deve esibire, oltre alla tessera elettorale (art. 1, comma 2, del D.P.R. n. 299/2000), l’attestazione di cui al terzo comma, lettera b), dell’anzidetto art. 8 della legge n. 136/1976. Tale attestazione deve essere allegata dal presidente del seggio speciale al registro contenente i numeri delle tessere elettorali dei votanti (art. 13 del D.P.R. 8 settembre 2000, n. 299). § 74. - Operazioni di votazione nei luoghi di detenzione e di custodia preventiva. - Raccolta del voto degli elettori ivi presenti da parte del seggio speciale, a norma degli articoli 8 e 9, primo comma, della legge 23 aprile 1976, n. 136. Come già accennato, il voto dei detenuti aventi diritto viene raccolto nel luogo di detenzione e di custodia preventiva, durante le ore in cui è aperta la votazione, dal seggio speciale previsto dall’art. 9 della legge n. 136/1976. A tale scopo, il presidente del seggio speciale, nelle ore già preventivamente stabilite con la direzione del luogo di detenzione, si recherà presso il luogo di detenzione stesso, accompagnato dallo scrutatore e dal segretario del seggio speciale, nonché dai rappresentanti delle liste e/o dei gruppi di candidati che abbiano chiesto di assistere alle relative operazioni. Le schede autenticate per la votazione - in numero pari a quello dei detenuti aventi diritto al voto ivi esistenti maggiorato del 10% - saranno recate nella Busta D/1/P, per l’elezione del consiglio provinciale, e/o nella Busta D/1/C, per l’elezione del consiglio comunale. Dopo l’espressione del voto, le schede stesse saranno invece immesse, debitamente piegate, in due altre buste (Busta D/2/P, per l’elezione provinciale, e Busta D/2/C, per l’elezione comunale) per essere riportate alla sezione elettorale ed immesse nelle rispettive urne previo riscontro del loro numero con quello degli elettori detenuti che hanno votato.

Elezione diretta del presidente della provincia e del consiglio provinciale - Elezione diretta del sindaco e del consiglio comunale VOTAZIONE DEI DETENUTI AVENTI DIRITTO AL VOTO 73 Nel caso che alla sezione sia stato assegnato più di un luogo di detenzione, il presidente del seggio speciale dovrà provvedere a porre le schede autenticate e votate in buste separate per ogni luogo di detenzione. Il presidente del seggio speciale, oltre alle schede, recherà con sé gli elenchi dei detenuti ammessi al voto nonché l’altro materiale occorrente per la votazione (matite copiative, verbali, liste elettorali aggiunte, ecc.). Al presidente verrà consegnato anche un timbro, che dovrà essere utilizzato esclusivamente per l’apposizione, sulla tessera elettorale dei votanti, del bollo all’interno di uno degli spazi per la certificazione del voto. Per quanto riguarda gli elenchi dei detenuti ammessi al voto e le attestazioni di cui al terzo comma, lett. b), dell’art. 8 della legge n. 136/1976, si richiama il paragrafo 69 per le sezioni ospedaliere. Le schede deteriorate e quelle eventualmente ritirate ad elettori esclusi dalla votazione dovranno essere conservate in un apposito plico (per il quale potrà essere usata una delle buste contenute nel pacco di cancelleria consegnato al seggio) per essere poi unite alle analoghe schede esistenti nella sezione. Il presidente del seggio speciale deve prendere nota dell’elettore che vota nella apposita lista elettorale aggiunta [mod. n. 259 (A.R.)/m e mod. n. 259 (A.R.)/f] indicando l’elezione per la quale il voto è stato espresso. Lo scrutatore annota, nell’apposito registro, il numero delle tessere elettorali dei votanti. Nel caso che alla sezione sia stato assegnato più di un luogo di detenzione, per la registrazione degli elettori che hanno votato dovrà essere usata una unica lista aggiunta. Per l’attestazione delle operazioni svolte in più luoghi di detenzione assegnati alla medesima sezione, saranno, invece, compilati, in duplice copia, distinti verbali. A norma dell’art. 9, settimo comma, della legge n. 136/1976, i compiti del seggio speciale sono limitati esclusivamente alla raccolta del voto dei detenuti aventi diritto al voto nel predetto luogo di detenzione e cessano non appena le schede votate saranno portate nella sede della sezione elettorale per essere immediatamente introdotte nelle urne destinate alla votazione, dopo che sia stato riscontrato il loro numero con quello degli elettori che sono stati iscritti nell’apposita lista. Nessuna altra funzione, pertanto, dovrà essere espletata dal seggio speciale al rientro nella sezione. Nei verbali della sezione dovrà essere dato atto che i compiti affidati dalla legge al seggio speciale sono esauriti con l’espletamento delle anzidette operazioni.

Scarica la pubblicazione - Provincia di Milano
Pubblicazione anno 2008 - UIL
La pubblicazione del Tiro a Segno - Ravenna & Dintorni
Il Benessere n.9 Settembre 2012 - Il Benessere - pubblicazione ...
Il Benessere n.11-12 Nov-Dic 2012 - Il Benessere - pubblicazione ...
dicembre 2011 - Pubblicazioni Ufficiali dello Stato - Istituto ...
N. 15 del 14 aprile 2001 - Ancl
N. 39 del 14 ottobre 2000 - Ancl
Pubblicazione periodica anno LXIII Novembre/Dicembre ... - Unuci
Anno n°14 31-07-2010 - teleIBS
N. 24 del 14 giugno 2003 430 il consulente 1081 - Ancl
N. 47 del 14 dicembre 2002 842 il consulente 1081 - Ancl
Decreto n - degli studi per l'innovazione e le organizzazioni-luspio
Dialoghi n. 2005/3-4 (luglio-dicembre 2005)
potestà elettorale siciliana e requisiti per l'accesso alla carica di ...
Notiziario n.1 - Consiglio di Presidenza della Giustizia Tributaria
Istruzioni per le operazioni degli uffici elettorali di sezione
Istruzioni per le operazioni degli uffici elettorali di sezione
Istruzioni per le operazioni degli uffici elettorali di sezione
Istruzioni per le operazioni degli uffici elettorali di sezione - Elezione ...
In materia elettorale. Corte costituzionale, 14 gennaio 2010, n. 4 ...
estratto istruzioni per le operazioni degli uffici elettorali di sezione
2014_05_05_Istruzioni_seggi_comunali_2014