Views
3 years ago

Strumenti per la formazione 10 - Trentino Salute

Strumenti per la formazione 10 - Trentino Salute

Capitolo

Capitolo 10 - Insulinoma, feocromocitoma, carcinoide - Leucemie, disturbi autoimmuni e tumori pancreatici - Tamoxifene, raloxifene (terapia ormonale del tumore alla mammella) Gli integratori proposti per le vampate sono numerosi; di seguito sono riportati quelli di cui non è dimostrato il beneficio: - Fitoestrogeni - Cimicifuga Racemosa (vietata) - Angelica Sinensis (Dong quai) - Oenotera Biennis (Olio di enagra) - Panax Ginseng (Ginseng e altri Panax) - Glycyrrhiza Glabra (Liquirizia) - Tocoferolo (Vitamina E) - Dioscorea Villosa (Igname selvatico) 10.2. Fabbisogno calorico e nutrizionale in menopausa Lo stile alimentare è in grado di modulare e mitigare i disturbi legati alla menopausa. In particolare è utile considerare alcuni punti chiave: 1. Il cambiamento del profilo ormonale della donna necessita di una riduzione dei cibi più ricchi di grassi e calorie e di un potenziamento dell’assunzione di quelli più ricchi di calcio e vitamina D 2. Il controllo del peso si traduce in un minor rischio, come si è detto, di ammalare di tumore e di malattie trombotiche 3. Per una donna che in maniera del tutto naturale attraversa il periodo della menopausa senza una grossa sintomatologia, valgono le stesse raccomandazioni dietetiche suggerite ad una donna adulta sana, di cui si è già parlato nei capitoli precedenti (cereali in particolare integrali, pesce e carne magra, frutta e ortaggi freschi che forniscono poco sodio e molto potassio e migliorano la conservazione del calcio osseo; preferire l’olio extravergine di oliva come condimento, mantenere una quota moderata ma costante di latticini, in particolare di latte parzialmente scremato, non oltre due bicchieri di vino al giorno) 4. Mantenere ogni giorno un’attività fisica leggera e costante Per prevenire la maggior parte dei disturbi legati al periodo menopausale e postmenopausale è necessario “presentarsi all’appuntamento” in buone condizioni di salute: nella donna che si avvicina ai cinquant’anni, attività fisica regolare, assenza di fumo ed alcool, dieta contenente almeno 1 grammo di calcio al giorno, controllo della pressione arteriosa e del peso corporeo sono gli elementi più importanti per ridurre al minimo i rischi legati alla fisiologica scomparsa delle caratteristiche ormonali dell’età fertile. 118

Capitolo 11 L’alimentazione nell’anziano R. Moratelli, D. Beltramolli Qualcuno afferma che si invecchia perché alla Natura non importa nulla di quello che ci accade dopo l’età riproduttiva: la forma migliore deve manifestarsi al momento della riproduzione; dal punto di vista evolutivo solo chi lascia discendenti è rilevante e chi ne lascia di più è considerato vincente; quello che accade dopo ha meno importanza. L’allungamento della vita media non è dovuto alle grandi scoperte della genetica di questi ultimi trent’anni, ma ai progressi in campo igienico, alla scoperta degli antibiotici, ad una migliore nutrizione e alla lotta alle malattie infettive in particolare nei bambini: raggiungere i 120 anni non sembra più un’utopia. Con il passare del tempo tutte le componenti del nostro corpo si logorano, ma questo non basta da solo a spiegare l’invecchiamento. Nell’uomo infatti esistono meccanismi che controllano la vita e la morte delle nostre cellule e il numero dei loro cicli proliferativi. C’è qualcosa che conta il numero delle divisioni cellulari e ad un certo momento dice basta. Certamente, la longevità di un individuo non dipende esclusivamente dal suo corredo genetico. La sua alimentazione, l’ambiente in cui è vissuto ed il suo stile di vita possono modificare anche pesantemente i tempi dell’invecchiamento e della morte. Tab. 26. Composizione per sesso della popolazione anziana in Italia (numero di maschi ogni 100 femmine). Tratto da: The Merck Manual of Geriatrics, ed. Italiana, 2002 (modificato). Età Anni 1960 1980 2000 65-74 74 78 80 75-84 73 59 62 >84 66 43 43 Un aspetto sembra molto interessante: in molte specie, ed è probabile anche nella nostra, chi mangia in maniera più moderata ha una longevità superiore. Ad esempio, una cellula madre di lievito può dividersi per cinquanta volte, dopo di 119

Risultati di salute intermedi - Trentino Salute
Il recupero del parco - Trentino Salute
Trento Sud - Mattarello - Trentino Salute
scommettiamo sui giovani.pdf - Trentino Salute
PROSPETTIVE DEL TERMALISMO - Trentino Salute
IL SOSTEGNO PSICOSOCIALE IN ETà EVOLUTIVA - Trentino Salute
parole e immagini sull'arte di invecchiare - Trentino Salute
Mezzolombardo - Mezzocorona Percorso 5 - Trentino Salute
Cenni di geologia e termalismo nella provincia di ... - Trentino Salute
L'attività fisica in provincia di Trento - Trentino Salute
Strumenti di ricerca per gli archivi fra editoria ... - Trentino Cultura
alimenti e salute - Avis
Alimentazione, attività fisica e salute cardiovascolare - Centro ...
terapia termale nelle malattie reumatiche: mito o ... - Trentino Salute
Strumenti per la formazione 4 - Trentino Salute
Strumenti per la formazione 8 - Trentino Salute
L'intervento normativo come strumento di ... - Trentino Salute
Formazione manageriale dei dirigenti sanitari - Trentino Salute
Il consumo di alcolin Trentino - Trentino Salute
Documenti per la Salute 13 - Trentino Salute
Documenti per la Salute 26 - Trentino Salute
Documenti per la Salute 2 - Trentino Salute