Views
3 years ago

Strumenti per la formazione 10 - Trentino Salute

Strumenti per la formazione 10 - Trentino Salute

Capitolo 15 In un testo

Capitolo 15 In un testo dello studioso americano Rudolph Bell si parla del digiuno delle sante vissute nel medioevo, che morivano di fame in seguito a dure astinenze. Nella sua analisi Bell ripercorre la biografia di S. Chiara, fondatrice dell’Ordine delle Clarisse, morta nel 1253 per denutrizione, dopo essersi alimentata per 12 anni solo dell’ostia consacrata e aver rinunciato, negli ultimi anni della sua breve vita, anche all’acqua. Verso la fine dell’800 il rifiuto del cibo comincia ad entrare nel linguaggio psichiatrico, quando un medico parigino, Philippe Pinel, descrive il caso di una ragazza di 17 anni che si provocava il vomito, presentava totale rifiuto del cibo, frequenza cardiaca molto bassa, cute secca e pallida, assenza delle mestruazioni e bassa temperatura corporea. Da allora seguirono altre segnalazioni, via via sempre più frequenti. Nella nostra epoca le dimensioni del problema sono divenute preoccupanti, tanto che dagli anni novanta i DCA sono stati inseriti come insegnamento universitario per gli studenti di medicina. 15.2. Come vengono classificati i DCA? I DCA sono suddivisi in maggiori e minori: i primi sono l’Anoressia Nervosa (AN) e la Bulimia Nervosa (BN); i secondi comprendono un vasto gruppo di comportamenti, generalmente meno gravi, definiti “Disturbi dell’Alimentazione Atipici”. Alla base dell’AN e della BN ci sono alcune caratteristiche comuni, ad esempio l’eccessiva preoccupazione per il peso e per le forme del proprio corpo, causate da una percezione distorta della propria immagine corporea che si sviluppa durante l’adolescenza, il periodo in cui siamo più sensibili alle mode e ai modelli culturali che la società ci impone. I DCA sono malattie che richiedono un supporto psichiatrico anche se la loro gestione avviene raramente nei reparti di psichiatria o nei Centri di Salute Mentale. L’approccio è multidisciplinare e coinvolge più specialisti, psicoterapeuti e psichiatri in primis, ma anche medico dietologo e dietista, per le importanti ripercussioni sullo stato nutrizionale che queste malattie comportano. 15.3. Quando sospettare l’Anoressia Nervosa? La causa esatta dell’AN non è conosciuta e neppure i fattori di rischio sono specifici, ma gli atteggiamenti sociali nei confronti dei fattori di apparenza e dello sviluppo del corpo svolgono un ruolo importante. Il costume sociale non ha modificato solo i canoni estetici, ma ha anche tolto molto del tempo che un genitore aveva a disposizione per conoscere e stare insieme con i propri figli. L’incipit avviene talvolta con una dieta dimagrante senza controllo medico, oppure con una inappetenza legata a un evento critico doloroso e angosciante 164

Capitolo 15 (una delusione, un lutto, un abuso, un fallimento…). Nella decisione di digiunare o di mettersi a dieta, la ragazza può essere influenzata da spot pubblicitari, ove per essere accettati bisogna avere un corpo esile e dall’idea di volere un corpo sottile e asciutto come modelle: dietro a ciò si nascondono il desiderio di vuoto, la rigida esclusione di qualsiasi rapporto relazionale, l’incapacità di pensare e di vedere il mondo, di fare delle ipotesi, di dialogare, di essere vivi e di vivere e sentire il tempo che scorre, elementi fortemente radicati nel disturbo del comportamento alimentare. Fra le possibili definizioni, possiamo considerare l’AN una vera e propria lotta tra il bisogno naturale di nutrirsi ed il desiderio di espulsione dei conflitti interiori, appagato attraverso il digiuno, per vincere ed affermare se stessi. Nascono in tal modo nuove sensazioni dalle quali si diventa totalmente dipendenti; in particolar modo durante l’adolescenza, il corpo assume un ruolo centrale in sostituzione della mente, incapace di integrarsi con la realtà. Fig. 8. Come si forma un disturbo dell'immagine corporea (tratta da R. Ostuzzi, Merano 2008, modificata). comportamenti caratteristiche fisiche emozioni immagine corporea dinamiche interpersonali elaborazione dell'apparire aspetti culturali modelli estetici dialogo interiore evento scatenante Nei casi estremi, malgrado le coste e le ossa del bacino siano sporgenti, chi è affetto da AN non si vede affatto magro. Spesso quest’ultimo diventa tale perché si mette a dieta in quanto grasso, ma continua la dieta anche una volta raggiunto il suo peso normale. In alcuni casi perdere anche pochi chili lo portano ad essere più attraente; non solo si vede più bello, ma viene incoraggiato sia dalla famiglia che dai coetanei e dall’ambiente (rinforzo sociale). Poco per volta, la ragazza avvia la sua identificazione di bellezza con l’essere magra, autoconvincendosi che, più magra è, più è bella vivendo un sentimento di onnipotenza; ad un certo punto la dieta si trasforma in un disturbo dell’alimentazione. 165

Risultati di salute intermedi - Trentino Salute
PROSPETTIVE DEL TERMALISMO - Trentino Salute
scommettiamo sui giovani.pdf - Trentino Salute
Il recupero del parco - Trentino Salute
Trento Sud - Mattarello - Trentino Salute
IL SOSTEGNO PSICOSOCIALE IN ETà EVOLUTIVA - Trentino Salute
Cenni di geologia e termalismo nella provincia di ... - Trentino Salute
L'attività fisica in provincia di Trento - Trentino Salute
parole e immagini sull'arte di invecchiare - Trentino Salute
Mezzolombardo - Mezzocorona Percorso 5 - Trentino Salute
Strumenti di ricerca per gli archivi fra editoria ... - Trentino Cultura
alimenti e salute - Avis
terapia termale nelle malattie reumatiche: mito o ... - Trentino Salute
Alimentazione, attività fisica e salute cardiovascolare - Centro ...
Strumenti per la formazione 4 - Trentino Salute
Strumenti per la formazione 8 - Trentino Salute
L'intervento normativo come strumento di ... - Trentino Salute
Formazione manageriale dei dirigenti sanitari - Trentino Salute
Il consumo di alcolin Trentino - Trentino Salute
Documenti per la Salute 13 - Trentino Salute
Documenti per la Salute 19 - Trentino Salute
Documenti per la Salute 2 - Trentino Salute