Views
3 years ago

Strumenti per la formazione 10 - Trentino Salute

Strumenti per la formazione 10 - Trentino Salute

Capitolo 19 19.2.

Capitolo 19 19.2. Modifiche genetiche: dalla selezione all’ingegneria genetica L’uomo modifica il patrimonio genetico di piante e animali già da millenni, quindi da molto prima dell’avvento dell’ingegneria genetica, attraverso le tradizionali tecniche di selezione e incrocio. Le varietà di piante che coltiviamo al giorno d’oggi e gli animali dei nostri allevamenti sono il risultato di millenni di trasformazioni genetiche, selezionate perché ritenute vantaggiose per l’uomo. Attraverso la selezione si incoraggia la crescita e la riproduzione degli individui di una specie che esprimono una caratteristica favorevole, insorta in seguito a mutazioni casuali o indotte dall’uomo (ad esempio attraverso l’esposizione dei semi a radiazioni o ad agenti chimici mutageni). Con l’incrocio, due organismi geneticamente diversi danno origine a una nuova specie: un fenomeno che avviene solamente tra specie sessualmente compatibili. Sono esempi di incrocio in agricoltura sia le nuove varietà di una specifica coltura (mele, uva, mais…) sia gli ibridi come il mapo o la pescocca. Lo sapevi che... L’antenato del frumento che coltiviamo oggi aveva chicchi che cadevano dalla spiga quando erano maturi: in seguito a mutazioni e incroci casuali, alcune spighe hanno iniziato a trattenere i chicchi maturi, che erano così più facili da raccogliere. L’uomo, prediligendo queste spighe sulle altre “tradizionali” ne ha incoraggiato lo sviluppo. La clementina è un agrume ibrido, ottenuto dall’incrocio tradizionale tra il mandarino e l’arancio. Prima di arrivare in Europa, la patata è stata coltivata per millenni dalle popolazioni del Sud America che l’hanno progressivamente migliorata per eliminare il gusto amaro e la tossicità caratteristici della varietà selvatica di questo tubero. Il Creso, una delle varietà di grano duro più utilizzate per la produzione di pasta, è un incrocio tra la linea messicana Cymmit e il mutante CpB144, ottenuto trattando la varietà Cappelli con raggi X. Dalla seconda metà del ventesimo secolo, con l’avvento dell’ingegneria genetica, sono state messe a punto tecniche che permettono anche di isolare un gene dal DNA di un organismo e trasferirlo nel codice genetico in un altro essere vivente, che assume così la stessa caratteristica. Ad esempio, il gene responsabile della luminescenza in alcune specie marine è stato inserito nel DNA sia di animali che di piante, che sono diventati luminescenti. Utilizzando queste conoscenze è stato possibile creare batteri, piante e animali con caratteristiche su misura – ad esempio piante resistenti agli erbicidi, batteri che producono sostanze 210

Capitolo 19 utili all’uomo (come il caglio utilizzato per fare il formaggio), riso arricchito di vitamina A e tanti altri. Le novità principali dell’ingegneria genetica rispetto alle tecniche tradizionali di miglioramento genetico sono la possibilità di progettare la modifica da effettuare, e il fatto di poter inserire nel DNA ospite anche geni provenienti da organismi di specie molto diverse, non sessualmente compatibili. Queste tecniche sono state applicate in diversi ambiti: numerosi prodotti sono già in commercio oppure vengono utilizzati nell’industria, mentre molti altri sono in fase di sperimentazione. Tuttavia, le varie applicazioni sono state accolte dall’opinione pubblica con reazioni differenti: le innovazioni apportate dalle moderne biotecnologie nel campo della salute sono state accettate di buon grado, mentre quelle introdotte nel settore agro-alimentare hanno suscitato molte perplessità. Alcuni OGM già in commercio: Escherichia coli, un batterio che è stato modificato per produrre insulina umana, utilizzata da persone diabetiche. Mais Bt, un tipo di mais in grado di produrre le tossine necessarie a combattere il parassita piralide. Soia Roundup Ready, soia tollerante all’erbicida Roundup Ready (sia la soia che l’erbicida sono prodotti dalla ditta Monsanto). Alcuni OGM in fase di sperimentazione: Batteri GM in grado di bonificare terreni o acque inquinate. I prodotti nutraceutici: alimenti (frutta o verdura) che contengono sostanze medicinali o vaccini. Piante resistenti a condizioni estreme, ad esempio a temperature elevate o alla scarsità d’acqua, da coltivare in ambienti aridi. 19.3. OGM in agricoltura La possibilità, fornita dall’ingegneria genetica, di isolare il gene di una caratteristica da un organismo e di inserirlo in un altro essere vivente anche molto diverso dal primo, ha stimolato l’immaginario collettivo producendo le chimere da fantascienza largamente offerte su Internet, come la leggendaria “fragolapesce”, la “banana-pannocchia”, il “pomodoro-embrione”. In realtà la maggior parte delle piante GM ad oggi in commercio sono molto più “sobrie”: oltre il 99% delle coltivazioni GM in tutto il mondo sono piantagioni di soia, mais, 211

Risultati di salute intermedi - Trentino Salute
Il recupero del parco - Trentino Salute
Trento Sud - Mattarello - Trentino Salute
PROSPETTIVE DEL TERMALISMO - Trentino Salute
scommettiamo sui giovani.pdf - Trentino Salute
parole e immagini sull'arte di invecchiare - Trentino Salute
IL SOSTEGNO PSICOSOCIALE IN ETà EVOLUTIVA - Trentino Salute
L'attività fisica in provincia di Trento - Trentino Salute
Cenni di geologia e termalismo nella provincia di ... - Trentino Salute
Strumenti di ricerca per gli archivi fra editoria ... - Trentino Cultura
Mezzolombardo - Mezzocorona Percorso 5 - Trentino Salute
alimenti e salute - Avis
Alimentazione, attività fisica e salute cardiovascolare - Centro ...
terapia termale nelle malattie reumatiche: mito o ... - Trentino Salute
Strumenti per la formazione 4 - Trentino Salute
Strumenti per la formazione 8 - Trentino Salute
L'intervento normativo come strumento di ... - Trentino Salute
Formazione manageriale dei dirigenti sanitari - Trentino Salute
Documenti per la Salute 13 - Trentino Salute
Il consumo di alcolin Trentino - Trentino Salute
Documenti per la Salute 2 - Trentino Salute
Documenti per la Salute 26 - Trentino Salute