Giugno - Ilmese.it

ilmese.it

Giugno - Ilmese.it

il mese

Piacenza

n.6

07.09

m a g a z i n e

Poste italiane. Spedizione in Abb. Postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n.46) Art. 1, comma 1, DCB Parma

di

€ 0,50

elezioni

Il centro destra

conquista l’ente di via

Garibaldi con Massimo

Trespidi. “Vogliamo

governare insieme

al territorio”

in provincia

SI CAMBIA

A8350509

Società

Allarme ambiente per i

cambiamenti climatici

Economia

Un terzo dei cantieri

edili non è a norma

Provincia

A Fiorenzuola la

raccolta porta a porta


I corsi di studio anno accademico 09/10

www.unipr.it

AGRARIA

Corsi di Laurea:

Scienze e tecnologie alimentari

Scienze gastronomiche

Corsi di Laurea Magistrale:

Scienze e tecnologie alimentari

Scienze gastronomiche

ARCHITETTURA

Corsi di Laurea:

Scienze dell’architettura*

Tecniche dell’edilizia*

Corso di Laurea Magistrale:

Architettura

ECONOMIA

Corso di Laurea:

Economia e management

Corsi di Laurea Magistrale:

Amministrazione e direzione aziendale

Economia e gestione dello sviluppo

Economia e international business

Finanza e risk management

Trade marketing e strategie commerciali

FARMACIA

Corso di Laurea:

Scienze farmaceutiche applicate

Corsi di Laurea Magistrale a ciclo unico:

Chimica e tecnologia farmaceutiche

Farmacia

GIURISPRUDENZA

Corso di Laurea:

Servizio sociale

Corsi di Laurea Magistrale a ciclo unico:

Giurisprudenza

Corso di Laurea Magistrale:

Programmazione e gestione dei servizi

sociali

INGEGNERIA

Corsi di Laurea:

Ingegneria civile e ambientale

Ingegneria elettronica e delle comunicazioni

Ingegneria gestionale

Ingegneria informatica

Ingegneria meccanica

Corsi di Laurea Magistrale:

Ingegneria civile

Ingegneria delle telecomunicazioni

Ingegneria elettronica

Ingegneria gestionale

Ingegneria informatica

Ingegneria meccanica

Ingegneria meccanica dell’industria

alimentare

Ingegneria per l’ambiente e il territorio

LETTERE E FILOSOFIA

Corsi di Laurea:

Beni artistici e dello spettacolo

Civiltà e lingue straniere moderne

Lettere

Lingua e cultura italiana per stranieri

Scienze dell’educazione e dei

processi formativi

Scienze dell’informazione scritta e

ipertestuale

Studi filosofici

Corsi di Laurea Magistrale:

Arti letterarie e musicali dal medioevo

all’età contemporanea

Civiltà antiche e archeologia

Filosofia

Giornalismo e cultura editoriale

Lingue e letterature moderne

europee e americane

Ricerca pedagogica e organizzazione

dei servizi educativi

Storia, critica e organizzazione delle

arti e dello spettacolo

MEDICINA E CHIRURGIA

Corso di Laurea:

Scienze motorie, sport e salute*

Corsi di Laurea Magistrale a ciclo unico:

Medicina e chirurgia*

Odontoiatria e protesi dentaria*

Corso di Laurea Magistrale:

Scienze e tecniche delle attività motorie

preventive e adattate

Corsi di Laurea delle professioni

sanitarie:

Infermieristica*

Ostetricia*

Fisioterapia*

Logopedia*

Ortottica ed assistenza oftalmologica*

Tecniche audiometriche*

Tecniche audioprotesiche*

Tecniche di laboratorio biomedico*

Tecniche di radiologia medica, per

immagini e radioterapia*

Tecniche della prevenzione nell’ambiente

e nei luoghi di lavoro

Corso di Laurea Specialistica delle

professioni sanitarie:

Scienze infermieristiche e ostetriche*

MEDICINA VETERINARIA

Corso di Laurea:

Scienze zootecniche e tecnologie delle

produzioni animali

Corso di Laurea Magistrale a ciclo unico:

Medicina veterinaria*

PSICOLOGIA

Corso di Laurea:

Scienze e tecniche psicologiche*

Corso di Laurea Magistrale:

Psicologia*

SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE

E NATURALI

Corsi di Laurea:

Biologia

Biotecnologie

Chimica

Chimica industriale e tecnologie del

packaging

Fisica

Informatica

Matematica

Scienze della natura e dell’ambiente

Scienze geologiche

Corsi di Laurea Magistrale:

Biologia e applicazioni biomediche

Biologia molecolare

Biotecnologie industriali

Chimica

Chimica industriale

Conservazione della natura

Ecologia

Fisica

Matematica

Scienza e tecnologia dei materiali innovativi

Scienze e tecnologie geologiche

Scienze e tecnologie per l’ambiente e le

risorse

Scienze per la conservazione e il restauro

SCIENZE POLITICHE

Corso di Laurea:

Scienze politiche e delle relazioni

internazionali

Corso di Laurea Magistrale:

Relazioni internazionali ed europee

INTERFACOLTÀ

Corso di Laurea Magistrale a ciclo unico:

Biotecnologie mediche, veterinarie e

farmaceutiche

* Corsi a numero programmato

Il mondo che ti aspetta

Nell’a.a. 09/10 immatricolazioni esclusivamente on-line.

Informazioni sul sito www.unipr.it


A8350509

m

il mese

n.6

M A G A Z I N E

€ 0,50

07.09

P i a c e n z a

IN PROVINCIA

SI CAMBIA

Società



Economia



Copertina: foto Del Papa

ISSN: 2036 - 2536

Aut. tribunale di Parma N.2

del 5.2.2009

di

n.6

07.09

è

ElEzioni







Provincia



SOMMARIO

Cantieri fuori legge: anche

da noi un triste primato

affidata ad un comunicato

stampa dell’Ausl la

notizia più importante di

questo mese: grazie ad alcuni

controlli svolti su 253

cantieri edili tra Piacenza e

Modena, è emerso che più di

un terzo non sono in regola con la

legislazione sulla sicurezza. Un dato

preoccupante in una regione che vanta

il primato della propria economia

rispetto al resto del Paese. Il costo

del lavoro è in questi anni materia

del contendere tra imprese e Stato,

ma il fatto che questo braccio di ferro

abbia coinvolto anche le politiche

per la sicurezza la dice lunga sulla

nostra capacità di essere una società

avanzata. E infatti l’Italia vanta un

Di Simone Simonazzi

primato tutto negativo rispetto

all’Europa: nel nostro paese

il numero dei morti sul

lavoro, seppure in calo rispetto

agli anni scorsi, è infatti

diminuito meno che nel

resto d’Europa. Negli ultimi dieci

anni, nel periodo compreso tra il 1995

e il 2004, da noi il calo registrato è

stato pari al 25,49 per cento mentre

nella media europea la flessione è

stata pari al 29,41 per cento. Il che

si traduce, uscendo dalle fredde statistiche,

in circa un milione di incidenti

sul lavoro all’anno e più di mille morti.

Piacerebbe leggere nei programmi

elettorali, di destra e sinistra, qualche

provvedimento per mettere un freno

a questo fenomeno.

Editore Edicta p.s.c.r.l.

via Torrente Termina, 3/b

PARMA

N° iscrizione al ROC: 9980

Redazione

via Torrente Termina 3/b – PARMA

Tel. 0521251848 – Fax 0521907857

e-mail: ilmese@edicta.net

Direttore responsabile

Simone Simonazzi

simonazzi@edicta.net

Art director

Pietro Spagnulo

spagnulo@edicta.net

impaginazione

Manuela Rinieri

rinieri@edicta.net

Coordinamento editoriale

Massimo Capuccini

capuccini@edicta.net

Redazione

Massimo Capuccini, Erika Varesi

Hanno collaborato

Eleonora Bellomi, Matteo Caffarelli,

Francesca Costi, Diego Dalla Casta,

Francesca di Marco, Eugenio Fedolfi,

Alessia Fermi, Letizia Foti, Luca Rossi,

Alessandro Trentadue

Per la pubblicità

Elena Benedini, Lina Carollo,

Cristina Cattani, Gianluca Gala,

Maria Lombardi, Maria Carla Magni

0521258210

Tiratura 8.000 copie

i servizi del mese

Presidente con il 52% 6

Intervista a Massimo trespidi

Di Massimo Capuccini

Nuovi volti nei comuni 8

Parlano i neo Sindaci della provincia

Di Alessandro Trentadue

Focus su

I Cinque anni

dell’Ospedale di Vaio 10

Un primo bilancio per la struttura

che confina con Piacenza

Di Vincenzo Pirillo

CITTà CHE CAMBIA

Una rotatoria in via Veneto 12

Partiti i lavori per agevolare la viabilità

Di Matteo Caffarelli

SOCIETà

Maltempo, i rischi per il territorio 14

Il Consorzio di Bonifica mette in guardia

sui possibili danni

Di Massimo Capuccini

riparte il Discobus 16

L’iniziativa è promossa

da Tempi Agenzia

Di Luca Rossi

Riprende la lotta

alla zanzara tigre 18

Comune di Piacenza ed Enìa mettono a

punto un programma

Il Servizio civile apre agli stranieri 19

Pronto un bando a livello provinciale

per 4 giovani

Di Matteo Caffarelli

ECONOMIA

Un terzo dei cantieri edili

è irregolare 20

Un rapporto dell’Ausl dipinge un quadro

preoccupante per la sicurezza

Di Alessandro Trentadue

Fondi per brevetti e innovazione 22

La Camera di Commercio ha messo

a punto due bandi di gara

Di Diego Dalla Costa

PROVINCIA

Obiettivo quota 60% 24

Ha preso il via a Fiorenzuola la raccolta

differenziata porta a porta

Di Massimo Capuccini

Viabilità, si interviene 26

Presentati due progetti per le strade

di Lugagnano e Ponte dell’Olio

Di Matteo Caffarelli

Tempo Libero

Il Connubio tra natura e teatro 28

A Vezzaloca parte la nuova edizione del

Festival Teatro Natura

Di Diego Dalla Costa


m

in breve

Entro il 16 luglio la domanda

per il bando anticrisi

Sono già ottanta le famiglie che

al momento hanno chiesto di

accedere al bando anticrisi istituito

dal Comune di Piacenza assieme ai

sindacati confederali. Si tratta di un

sostegno a fondo perduto che va

da 700 a 1.000 euro destinato alle

famiglie coinvolte in processi di crisi

occupazionale. La prima scadenza

per la domanda è fissata al 16 luglio:

a disposizione della famiglie ci sono

a cura di alessandro trentadue

100mila euro. A settembre il secondo

bando con altri 150mila euro. Beneficiari

dell’intervento sono i lavoratori

residenti nel Comune di Piacenza

e con un valore I.S.E.E. del nucleo

familiare per l’anno 2008 non superiore

a 25mila euro. Altro requisito è

che abbiano perso l’occupazione o

vogliano sospendere il rapporto di

lavoro per circostanze riconducibili

all’attuale crisi economica.

Il trionfo

dei vini piacentini

A giugno si è svolta la serata finale

del “Touring del gusto 2008/2009”,

nel corso della quale sono stati

consegnati premi per i giornalisti e

gli chef di dieci ristoranti del piacentino

che hanno saputo con le

loro iniziative valorizzare i vini locali.

La serata evento si è articolata

nei mesi scorsi in diverse tappe

organizzate in ristoranti di molte

province tra cui Piacenza: in ogni

occasione sono stati sperimentati

abbinamenti di piatti tipici territoriali

con vini piacentini della Cantina

Montessissa, organizzatrice

dell’evento. Una giuria di ospiti dei

ristoranti e di giornalisti specializzati

ha valutato volta per volta i

piatti, che sono stati poi messi in

classifica e, alla fine, premiati nella

serata conclusiva.

Un libro sull’energia

nel piacentino

“Piacenza capitale dell’energia”:

500 pagine di fotografie

e documenti realizzati

con il contributo di persone

che negli ultimi 40 anni hanno

partecipato allo sviluppo

dell’industria energetica.

Creare e innovare

con l’Europa

due concorsi Ue rivolti a

fotografi (domanda su www.

imagine2009.eu) e giornalisti

della carta stampata e

del web (journalistaward.

stop-discrimination.info).

Scadenza il 31 agosto.

Defibrillatore e auto

di soccorso

La collaborazione tra il

circolo “Il Rifugio” e la Circoscrizione

n. 3 ha portato

a due importanti risultati:

l’acquisto di un defibrillatore

e di una vettura per il

trasporto dei disabili.

il mese

magazine

P i a c e n z a

Buono acquisto per una copia di

lo trovi

In tutte le edicole di Piacenza e

provincia, e distribuito gratuitamente

in città:

Fondazione di Piacenza e Vigevano,

Biblioteca Passerini Landi,

Comune di Piacenza - Urp, IAT

di Piacenza, Galleria Ricci Oddi,

Palazzo Farnese, Provincia di

Piacenza, Camera di Commercio,

Valido fino al 31 dicembre 2009

PER L’EDICOLANTE: DA RESTITUIRE ALL’AZIENDA DI DISTRIBUZIONE GIORNALI

www.ilmese.it

Azienda Usl, Alphaville, Libreria

Fahrenheit, Libreria Feltrinelli,

Piacenza Turismi, Milestone,

Caffè letterario Baciccia. Temple

Bar, Museum tavern Pub, Bar

www.edicta.net

birreria Christiania, Birreria “Via

Veneto 82”, Dna Friendly caffè,

Aris caffè, Caffè Ranuccio, Caffetteria

dei Mercanti, Osvaldo bar e

ristorante.

4 - luglio 2009 IL MESE PIACENZA


m

in breve

punti di vista

Sul nuovo ponte c’è

accordo tra Piacenza e Lodi

Un numero verde per

gli anziani soli in cit

Gli anziani spesso sono costretti

ad affrontare dure realtà come

l’abbandono e durante l’estate il caldo

soffocante che mette a dura prova

la loro salute. Per questo il Comune

di Piacenza ha ideato un servizio a

completa disposizione della popolazione

più anziana. In collaborazione

con le Cooperative Sociali Coopselios,

il progetto, totalmente gratuito, permette

attraverso una semplice telefonata

al numero verde 800.286.678

di richiedere accompagnamenti, commissioni,

spesa a domicilio e altri servizi

che compiranno gli operatori di

quartiere. Il servizio è rivolto a tutti

gli anziani residenti nel Comune di

Piacenza e che non usufruiscono già

Nuova legge per

gli ammortizzatori sociali

Il convegno “Crisi economica e ammortizzatori

sociali”, svoltosi nella sede cittadina

dell’Università Cattolica e organizzata anche

dalla Cna, ha svelato i punti di forza e

le molte criticità della Legge 2/2009 sugli

ammortizzatori sociali in deroga. Tante le

voci intervenute all’iniziativa che hanno

spiegato come la legge tocchi da vicino

il sistema piacentino perché interesserà

circa 20mila imprese in tutta la provincia

e arriverà a sanare un buco di assistenza

che, fino ad ora, lasciava scoperti i lavoratori

di quelle aziende con numero di

dipendenti inferiore alle 15 unità.

dei Servizi di Assistenza Comunale.

Le persone che desiderano usufruire

di questa opportunità di sostegno

devono effettuare una richiesta telefonica

al numero 0523 492731 dell’Informasociale

dal lunedì al sabato (9

- 12.30) e al pomeriggio dalle 15 alle

18 il lunedì e il giovedì. L’anziano potrà

richiedere la spesa a domicilio;

chiedere l’accompagnamento nelle

strutture socio-sanitarie, alle visite

mediche e per il ritiro delle pensioni.

Gli operatori saranno disponibili

per pagare bollettini postali, ritirare

e consegnare farmaci a domicilio e

anche per compagnia. Per ulteriori informazioni

o per segnalare difficoltà

rivolgersi sempre al numero verde.

Un’altra difficoltà

per i pendolari

Ancora tartassati pendolari

e viaggiatori col

nuovo orario ferroviario

entrato in vigore lo scorso

14 giugno. Le Ferrovie

si sono concentrate

sull’aumento delle tariffe

di IC, ICnotte e anche dei treni Espresso

che fino al 13 giugno potevano essere

utilizzati con i normali biglietti regionali.

Ora per tutti i viaggiatori che per alcuni

mesi non usano l’abbonamento, il servizio

sarà penalizzato a meno di non essere

disposti a pagare un sovrapprezzo.

Buone notizie per i residenti di Piacenza

e Lodi. I presidenti delle rispettive

provincie hanno espresso

una totale identità di vedute sulla

questione “ponte”. Il Presidente della

Provincia di Piacenza, Massimo Trespidi,

e il Presidente della Provincia

di Lodi, Pietro Foroni, entrambi neoeletti,

hanno infatti avuto un incontro

sui temi che interessano le due comunità,

e in particolare sul problema

della realizzazione di un nuovo ponte

sul Po, in sostituzione di quello crollato,

tra sponda piacentina e sponda

lodigiana. Questa pressoché totale

condivisione di indirizzi è emersa forte

oggi, nella conversazione telefonica

che i due Presidenti hanno avuto

al fine di definire una linea comune

nella conferenza dei servizi programmata

per il 1 luglio 2009, a cui farà

seguito un incontro a quattr’occhi,

fissato per il prossimo 3 luglio, per

esaminare più a fondo i problemi sul

tappeto. Diversi gli argomenti presi

in considerazione nel corso del colloquio.

Sul problema dei collegamenti

tra le due sponde, Trespidi e Foroni

si sono espressi a favore della proposta

di realizzazione di un novo

ponte sul Po così come previsto dal

progetto ANAS, di recente modificato

e migliorato. Nel colloquio, i due

Presidenti hanno anche condiviso la

necessità di migliorare i collegamenti

tra sponda piacentina e sponda lodigiana

a servizio dell’utenza scolastica

che, da oltre Po, viene a Piacenza

per frequentare le scuole superiori.

5 - luglio 2009 IL MESE PIACENZA


I SERVIZI DEL MESE

Tra i progetti nel cassetto una metropolitana di superficie che colleghi Milano

Presidente al 52%

Intervista a Massimo Trespidi, per la prima volta alla guida della Provincia di Piacenza

con una coalizione di centro destra. “Voglio recuperare il legame con il territorio”

Massimo Trespidi è il nuovo

Presidente della Provincia. Nel

corso della prima tornata elettorale

ha raccolto, sorprendendo più di

un commentatore politico, il 52,80% dei

voti, consegnando per la prima volta

l’ente di via Garibaldi al centro destra.

Trespidi si è presentato infatti alla guida

di una coalizione composta dal Polo

delle Libertà. dall’Unione di Centro, dai

Pensionati emiliani, da Lega Nord e da

Alleanza sociale.

Il neo presidente ha 49 anni, è sposato

con due figli, insegna Filosofia, Psicologia,

Sociologia e Pedagogia al Liceo

Statale “Colombini” di Piacenza ed è

stato in precedenza assessore alla Cultura,

alla Pubblica Istruzione, ai Servizi

Sociali e vice Sindaco del Comune di

Castel San Giovanni. Nel 1975 ha aderito

a Comunione e Liberazione, è socio del

Centro Culturale di Milano, membro del

Consiglio di Amministrazione dell’Ente

per il Restauro di Palazzo Farnese e

Socio onorario della “Famiglia piasinteina”.

Partecipa all’esperienza di AVSI

(Associazione Volontari per il Servizio

Internazionale) ed è componente del

Direttivo della Compagnia delle Opere

di Piacenza. Ha partecipato all’attività

dell’Associazione “La Ricerca” Ceis per

le problematiche del disagio giovanile.

Lo abbiamo incontrato nel suo nuovo

ufficio all’indomani del suo insediamento.

Presidente Trespidi quali obiettivi si

pone a breve termine?

“Innanzitutto voglio recuperare un ruolo

di coordinamento e legame con il territorio

e per questo motivo a luglio incontrerò

i 48 sindaci della provincia. Ho in

programma poi di fare periodicamente

riunioni della giunta provinciale sul territorio,

in modo da favorire il lavoro di

contatto con le amministrazioni locali.

Insomma, voglio per prima cosa attuare

quello che è stato uno dei miei slogan

elettorali: il mio ufficio è il territorio”.

Da un punto di vista della programmazione

sul territorio cosa si propone

invece?

“Interverremo sul PTCP che è entrato

nella fase del recepimento delle osservazioni

e che ritengo sia stato imposta-

6 - luglio 2009 IL MESE PIACENZA


Siamo al governo della Provincia per

la prima volta e ci arriviamo sull’onda di un

voto che ha scelto per il cambiamento

to nella maniera sbagliata. Conto

di estendere questa fase fino

al 31 agosto, il Piano Territoriale

di Coordinamento è un

strumento di pianificazione

molto importante per il futuro

del nostro territorio, rispetto

al quale è opportuno che i cittadini,

le Associazioni, le istituzioni a cominciare

dai Comuni, possano esprimersi

in modo ampio ed esteso ed abbiano

quindi la possibilità di formulare osservazioni

e proposte senza limiti temporali

troppo ridotti”.

Per quanto riguarda invece l’organizzazione

dell’ente cosa si propone?

“Il terzo passaggio è riorganizzare la

struttura in modo che l’ente possa funzionare

al meglio e che possa essere

messo al servizio del territorio”.

Cosa può dirci dell’emergenza viabilità

legata al crollo del ponte sul Po?

“Si tratta effettivamente di un’emergenza

da affrontare e risolvere nel

più breve tempo possibile.

Pur non avendo competenze

specifiche da esercitare, vogliamo

avere un ruolo attivo

nel sollecitare gli enti deputati

alla ricostruzione del ponte”.

Una vittoria così netta al primo turno

probabilmente ha lasciato sorpreso anche

lei. A cosa ritiene sia dovuta?

“L’esito delle urne è stato netto e deciso.

Siamo al governo della Provincia di

Piacenza per la prima volta e ci arriviamo

sull’onda di una volontà popolare

che ha scelto il cambiamento. Si è trattato

di un clima diffuso che ho avvertito

durante la campagna elettorale e che è

stato incarnato dal progetto che abbiamo

proposto”.

In cosa consiste?

“Il nostro progetto che si basa su una

forte volontà di rilancio del nostro territorio

che esca dalla logica dei provvedimenti

tampone. Nel pieno

rispetto del principio di sussidiarietà

vogliamo dare un

nuovo impulso all’economia e

investire nel turismo; mettere

in rete tutte le eccellenze lanciandoci

in una dimensione più

m

ampia. In questo senso guardiamo con

attenzione all’expo 2015, evento centrale

e di rilancio per un’area ben più vasta

della sola Lombardia”.

Rispetto all’attuale difficile congiuntura

economica quale pensa possa essere il

ruolo della Provincia di Piacenza?

“Penso debba essere un motore di

grandi progetti nei quali sia chiamata a

svolgere un ruolo di regia. Rispetto alla

crisi il tessuto imprenditoriale provinciale

regge bene mostrando capacità di

fare innovazione tecnologica. Dobbiamo

avere attenzione per le piccole imprese

e per il settore agroalimentare che è un

traino per la nostra economia. Dobbiamo

far crescere il turismo e dobbiamo

impostare una politica di miglioramento

dei collegamenti infrastrutturali con altri

territori”.

Ha già qualche progetto nel cassetto?

“In questo contesto non vedrei male

la realizzazione di una metropolitana

di superficie che colleghi Piacenza con

Milano. In questo modo il nostro territorio

potrebbe essere visto come scelta

appetibile per chi non voglia abitare a

Milano e diventare così fortemente attrattivo”.

Massimo Capuccini

La squadra otto gli assessori nominati, una sola donna

Nuova Giunta: ecco tutti i nomi e le deleghe

Al Presidente rimangono

le competenze per Sanità,

Personale, Rapporti con

i Sindaci, Osservatorio

Giovani ed Expò 2015

Il Presidente della Provincia

Massimo Trespidi ha riunito

il primo consiglio provinciale

del suo mandato lunedì 29

giugno scorso. In quell’occasione

ha ufficializzato i

nomi degli otto assessori

che compongono la giunta

provinciale.

Maurizio Parma è il vicepresidente

con delega al Turismo,

Marketing e Comunicazione,

Attività Sportive e Ricreative,

Cultura e Identità popolare.

Davide Allegri è assessore

con delega all’Ambiente,

Protezione Civile, Governo

Attività Estrattiva e Materia

Energetica. Patrizia Barbieri

assume le deleghe alla

Programmazione e Sviluppo

del Territorio, Urbanistica e

Sviluppo Montagna. Sergio

Bursi è alle Infrastrutture,

Viabilità, Edifici Scolastici

e altri edifici dell’Ente.

Pierpaolo Gallini è assessore

al Welfare, Sussidiarietà e

Politiche Sociali.

Andrea Paparo al

Sistema Scolastico,

Sistema Formazione

Professionale,

Politiche del Lavoro,

Artigianato e Commercio,

Innovazione

Tecnologica e Sportello

Europa. Paolo

Passoni assume le deleghe

al Bilancio, Società Partecipate,

Patrimonio, Politiche

Abitative e dei Trasporti.

Filippo Pozzi si occuperà

dell’Agricoltura, Tutela Faunistica

Ittico Venatoria, Vigilanza.

In capo al Presidente

rimangono le deleghe al

Personale, Affari Istituzionali,

Sanità, Università e Ricerca,

Agenzia per le politiche della

famiglia, Osservatorio Giovani,

Expo 2015, Rapporti con i

Sindaci e enti locali e con le

associazioni dei Pendolari.

7 - luglio 2009 IL MESE PIACENZA


I SERVIZI DEL MESE

Eletti su 35 amministrazioni al voto 17 cambiano sindaco

Sindaci, nuovi

volti nei comuni

Parlano i nove primi cittadini che hanno vinto le elezioni in provincia

sovvertendo la maggiornza che ha governato nei cinque anni precedenti

Il vento del cambiamento ha soffiato

parecchio sul piacentino

quest’anno. Nelle elezioni amministrative

del 6 e 7 giugno ha determinato

infatti un cambio di maggioranza

in molti dei trentacinque

Comuni della provincia che hanno

visto svolgersi le elezioni: diciotto

hanno riconfermato i sindaci uscenti

per il secondo mandato, otto hanno

cambiato sindaco ma non la maggioranza,

mentre nove hanno cambiato

primo cittadino e orientamento politico.

Volti nuovi dunque in quasi la

metà dei casi, e di questi molti sono

i neo sindaci di centrodestra, un risultato

che rispecchia a livello locale

il clima e i risultati elettorali delle

concomitanti elezioni provinciali ed

europee.

Dei nove Comuni che hanno cambiato

la maggioranza, sette sono infatti

passati dal centrosinistra al centrodestra,

mentre solo due hanno fatto

il percorso inverso. A cominciare da

Ziano, dove la lista “Per Ziano” (Pdl,

Lega e Unione di centro) capeggiata

da Manuel Ghilardelli si è imposta

sulla civica del sindaco uscente Enrico

Franchini. In Valtidone, a Sarmato

la lotta tra le due candidate donne

si è conclusa con la vittoria per 12

voti di Anna Tanzi con la lista “Rinascere

con Sarmato” sostenuta da

Pdl, Lega e Indipendenti, mentre a

San Giorgio è stato eletto Giancarlo

Tagliaferro, capolista di “Vivere San

Giorgio”, che ha superato la lista civica

del suo predecessore Claudio

Consiglieri collocabile nella fascia

d’influenza del centrosinistra. In Valdarda,

Lugagnano ha fatto vincere

Jonathan Papamarenghi, venticinque

anni, il più giovane sindaco del piacentino

– e tra i più giovani d’Italia

– che con la sua lista sostenuta da

Pdl, Lega Nord e Udc ha ottenuto il

50% dei voti, mentre a Morfasso il

neosindaco Enrico Croci ha trionfato

con il 71% dei voti. A San Pietro

in Cerro, nella Bassa, compare

la seconda donna di questa lista di

neosindaci eletti: a rappresentare

il cambiamento è infatti Irina Ciammaichella.

Castell’Arquato, infine, ha

eletto per la prima volta come primo

Massimo Poggi,

neo sindaco di Coli

Cinquant’anni,

geometra, con

la sua lista

“Perino Coli”

ha vinto con

soli 44 voti di

differenza sconfiggendo

Luigi Bertuzzi, componente

della maggioranza da circa 33

anni.

“I cittadini hanno dimostrato il

fortissimo desiderio di cambiare:

il loro sostegno ci darà energia e

forza per inaugurare questa nuova

amministrazione. L’intero organico

ha lavorato con impegno per un

obiettivo comune, che porteremo

avanti con passione e serietà”.

cittadino Ivano Rocchetta, vincitore

con una lista civica sostenuta dalla

Lega Nord che ha ottenuto il 38%

dei consensi.

Dove invece si sono imposte liste

del centrosinistra (orientamento riconfermato

in altri undici Comuni)

sono le due restanti amministrazioni:

a Coli, Massimo Poggi è diventato

sindaco con la lista “Perino Coli”

superando di 44 voti Luigi Bertuzzi,

componente della maggioranza da

circa 33 anni, mentre a Vigolzone il

neoeletto Francesco Rolleri ha vinto

contro il candidato per il centrodestra

Werner Argellati, che passa ora

all’opposizione.

[Alessandro Trentadue]

A Vigolzone

passa Francesco Rolleri

Francesco Rolleri

ha vinto con

1.571 voti contro

i 1107 il candidato

per il centrodestra

Werner

Argellati che passa

ora all’opposizione.

“Dopo dieci anni di amministrazione

di centrodestra, adesso comincia

un’altra storia. Ho avuto fiducia in

questo cambiamento fin dall’inizio.

Dopo un anno di lavoro sulla nostra

lista civica ‘Vigolzone Insieme’ ce

l’abbiamo fatta. Mi auguro di avere

un rapporto franco con l’opposizione

a cui chiederò la collaborazione all’interno

del consiglio comunale”.

8 - luglio 2009 IL MESE PIACENZA


Una donna alla guida

di Sarmato

m

Anna Tanzi è il nuovo sindaco di

Sarmato. La sua lista “Rinascere con

Sarmato”, sostenuta da Pdl, Lega e

Indipendenti, si è imposta per soli dodici

voti sull’amministrazione uscente guidata da Sabrina

Gallinari.

“La vittoria è stata determinata da una grande voglia di

cambiamento che si avvertiva in paese: noi l’abbiamo recepita

e convogliata in un successo storico. Per prima cosa,

occorrerà risanare il bilancio comunale in grande sofferenza

dopo gli anni di governo della precedente giunta”.

Ziano cambia colore

per 133 voti

Manuel Ghilardelli conquista il Comune

di Ziano con 851 preferenze.

La lista di centrodestra “Per Ziano”

supera così di 133 voti il gruppo capitanato

dal rivale Enrico Franchini di “Unione Democratica

Ziano”.

“Ringrazio coloro che mi hanno votato e il loro grande

appoggio: ci servirà per amministrare seriamente il Comune.

Dobbiamo rimboccarci le maniche e metterci subito al

lavoro per il bene dei nostri compaesani, mantenendo gli

impegni presi durante la campagna elettorale”.

Tagliaferri vince a San Giorgio

con il 60%

Giancarlo Tagliaferri, quarantotto anni

e titolare di una concessionaria d’auto,

è il primo cittadino di San Giorgio. La

sua lista “Vivere San Giorgio” ha ottenuto

il consenso di 2.217 cittadini (circa il 60%), superando la

coalizione civica del sindaco uscente Claudio Consiglieri.

“È una vittoria importante per i sangiorgini: sarò il sindaco

di tutti, a disposizione di chiunque. Non ce l’avrei fatta senza

l’incredibile apporto della mia squadra, valorizzerò ognuno di

loro. Dopo aver analizzato la situazione attuale del comune,

affronteremo subito le emergenze”.

A Lugagnano un Sindaco

di 25 anni

Il giovane Jonathan Papamarenghi,

venticinque anni, ha conquistato Lugagnano

con 1.418 voti ottenuti dalla

sua lista di centrodestra sostenuta

da Pdl, Lega Nord e Udc.

“Un sentito ringraziamento va agli elettori che hanno

avuto fiducia nei progetti e nel programma annunciato.

Daremo priorità alla scuola materna, al mondo dei giovani,

e alle tematiche del commercio e del turismo per

le quali verranno nominati amministratori con specifici

incarichi”.

Morfasso Insieme prende

620 voti

Enrico Croci è stato eletto sindaco di

Morfasso con la lista civica “Morfasso

Insieme” che ha sconfitto con un risultato

quasi plebiscitario (il 71% dei consensi)

Maurizio Bosoni di “Rinnovamento e Continuità per Morfasso”.

“È una vittoria storica che comporta una responsabilità ancora

più grande perché la gente ha voluto dare un taglio col passato.

Lavoreremo uniti insieme al nostro solido gruppo, come abbiamo

fatto finora. Per prima cosa ci occuperemo dei servizi sociali:

occorre dare una sede all’Avis e una alla Pubblica Assistenza

Croce Verde”.

A San Pietro in Cerro sbanca

la Ciammaichella

Irina Ciammaichella guiderà il Comune

di San Pietro in Cerro. Con i suoi

342 voti ha superato il sindaco uscente

Giorgio Chiusa, ripresentatosi agli elettori

con la “Lista di San Pietro e Polignano”.

“La soddisfazione è ancora più grande perché nell’80% dei

casi il sindaco uscente viene riconfermato: il paese ha dimostrato

di essere aperto alla novità e di sentire il bisogno di

cambiamento. Sono convinta che adesso sia necessario un

nuovo modo di pensare e fare politica: e una persona giovane

è perfetta per proporlo”

Castell’Arquato punta

su Ivano Rocchetta

Ivano Rocchetta ha vinto con 1.181

voti guidando la lista “Rinascere a

Castell’Arquato”. Quattro gli sfidanti

che hanno perso nel confronto con il

nuovo sindaco nel comune con più candidati di tutta la

provincia di Piacenza.

“Sono davvero soddisfatto per questa vittoria. Se ho vinto

lo devo alla mia storia, alla mia faccia e alla mia onestà.

E poi io stesso mi sento espressione del territorio

arquatese: questo i concittadini elettori l’hanno sicuramente

sentito”.

9 - luglio 2009 IL MESE PIACENZA


focus su

progetti in programma l’ampliamento del pronto soccorso

Vaio, cinque anni

di ospedale

Maria Rosa Salati e Gianluca Giovanardi tracciano un bilancio. Dal 2004

ad oggi risultati positivi per la struttura al confine con la nostra provincia

DI Vincenzo Pirillo

S

ono passati cinque anni da

quando l’Ospedale di Fidenza,

nella sua nuova sede a Vaio,

è entrato in funzione. L’inaugurazione

è stata il 5 maggio del 2004 e da

allora sono stati fatti molti passi in

avanti, ma altri ancora ne verranno

compiuti in futuro. “La grande innovazione

della struttura di Vaio è stata

senza dubbio l’integrazione riuscita

tra il Presidio Ospedaliero e il territorio,

che ha portato ad inglobare in

un unico complesso i servizi ospedalieri

e quelli territoriali”, spiega Maria

Rosa Salati, direttore del Distretto di

Fidenza dell’Azienda Usl di Parma.

Una vera “Cittadella sanitaria”, al cui

interno i pazienti riescono a muoversi

con facilità. “In un unico grande

spazio ci sono i reparti ospedalieri,

gli ambulatori, la farmacia, l’Hospice

e gli uffici per prenotare le visite ambulatoriali

– continua Maria Rosa Salati

– una modalità organizzativa che

punta al lavoro in sinergia e che evita

agli utenti la dispersione dei servizi”.

“Il nostro obiettivo era portare un

cambiamento netto rispetto al passato,

per fare ciò abbiamo puntato su

quattro direttrici principali, che sono

le nostre parole chiave - afferma Gianluca

Giovanardi, direttore del Presidio

Ospedaliero -. Innanzitutto, la modernizzazione

non solo tecnologica ma

anche organizzativa, poi l’integrazione

con il territorio, l’accoglienza e la

specializzazione professionale”.

Per quanto riguarda l’accoglienza,

nella struttura è stato ricreato un ambiente

che avesse il meno possibile

l’aspetto sanitario, con un arredamento

interno colorato e studiato seguendo

l’idea dell’accoglienza alberghiera.

Sono state poi acquisite nuove tecnologie

per dare risposte diagnostiche

all’avanguardia, con ecografie diversificate,

risonanza magnetica e tac.

La modernizzazione ha poi riguardato

anche l’organizzazione

professionale.

“La sfida più grande

è stata quella di

favorire il cambiamento

della cultura

assistenziale degli

Statistiche

I dati del presidio

Nell’Ospedale di Vaio lavorano

attualmente più di 600 persone, 132

dirigenti e 479 dipendenti. I posti

letto sono 213, distribuiti tra ricoveri

ordinari e day hospital, collocati in

camere doppie con televisione e

bagno. A questi bisogna aggiungere

i 40 posti letto disponibili nella

struttura di San Secondo dedicati

alla lungodegenza. Ogni anno in

media ci sono 12.000 ricoveri, con

incremento del 30% rispetto alla

vecchia struttura. E’ in corso d’opera

l’acquisizione di fondi per un nuovo

progetto di ampliamento. Sicura-

operatori – testimonia Giovanardi -.

Abbiamo cercato di far collaborare

maggiormente i reparti e di creare

specializzazioni particolari nell’ambito

di singole discipline”. All’interno di

Ostetricia-ginecologia si è sviluppato

per esempio un filone di ricerca sullo

studio e il trattamento dell’infertilità

di coppia, mentre nel campo della

chirurgia è stata data un’attenzione

Presto arriverà la nuova Tac 64 strati, in

grado di fornire, con tecnica non invasiva,

informazioni sull’apparato cardiovascolare

mente subiranno una riorganizzazione

il Pronto Soccorso, che necessita

di nuovi locali, e la radiologia. La

prospettiva è di costruire una nuova

ala all’interno della quale troverebbero

spazio anche i servizi psichiatrici come

il Centro di salute mentale e la consulenza

psicologica.

10 - luglio 2009 IL MESE PIACENZA


Sotto l’ingresso dell’ospedale di Vaio a Fidenza (PR)

in basso l’entrata del Pronto Soccorso

particolare al settore addominale.

Nel corso degli anni sono quindi state

queste le direttrici maggiormente sviluppate,

che continueranno ad essere

perseguite anche in futuro. Tra pochi

mesi arriverà la nuova Tac 64 strati,

l’unica in grado di fornire, con tecnica

non invasiva, informazioni sull’apparato

cardiovascolare con precisione

di dettagli finora mai conseguiti. Poi

diventerà sempre più stretto il rapporto

con i medici di famiglia attraverso

le nuove tecnologie informatiche,

che attraverso la digitalizzazione

permetteranno di condividere più

velocemente referti medici ed esami

eseguiti dai pazienti con risposte dirette

ai reparti. A questo si aggiunge

la scommessa della gestione informatizzata

del farmaco che consente

maggiore sicurezza, con un percorso

monitorato che va dalla prescrizione

alla somministrazione.

Attenzione anche è stata riservata ai

processi di umanizzazione per migliorare

il rapporto con la famiglia, aumentare

i servizi alla persona e l’integrazione

col tessuto sociale.

“L’Ospedale di Vaio riesce attualmente

a coprire le richieste dei tredici comuni

del Distretto, ma è motivo di

attrazione per altre zone della provincia

di Parma e per comuni delle

vicine province di Piacenza e Cremona

– aggiunge Maria Rosa Salati -. E’

migliorata notevolmente la capacità

attrattiva soprattutto per quanto riguarda

le branche chirurgiche, l’au-

Quando la sanità

fa rima con eccellenza

La struttura di Vaio sorge in

un’area che occupa 148.000 mq,

in un contesto urbanistico estremamente

ampio come la piana di

Vaio, distante circa 2 Km dal centro

urbano di Fidenza e circa 5 km

da quello di Salsomaggiore Terme.

La posizione periferica garantisce

una migliore accessibilità rispetto

al vecchio Ospedale, che si trovava

adiacente al centro storico di

Fidenza.

Costruito in meno di quattro anni,

in anticipo rispetto alle previsioni,

l’Ospedale ha iniziato la propria attività

il 6 luglio 2004. Il costo totale

è stato di 47.658.400 euro, pari

a 881,00 euro per metro quadrato.

All’interno dell’Ospedale ci sono

attualmente tre dipartimenti, nove

unità operative di degenza e due di

supporto diagnostico. A Vaio è presente

l’unica camera iperbarica pubblica

esistente in Emilia Romagna.

Sono presenti le specialità di base

e funzioni specialistiche di notevole

richiamo (chirurgia, endoscopia

digestiva, neurologia nei suoi diversi

indirizzi specialistici, urologia,

ortopedia, cardiologia, ostetricia e

ginecologia, terapia iperbarica, rianimazione,

pronto soccorso, astanteria

e medicina d’urgenza, oltre ai

servizi di laboratorio, radiologia e

otorinolaringoiatria).

Nell’ambito della medicina interna

sono stati sviluppati vari orientamenti

specialistici, tra cui l’epatologia,

la pneumologia, lo studio

delle malattie tromboemolitiche, la

mento del numero dei parti rispetto

al vecchio ospedale testimonia che i

cittadini non fuggono più verso altre

strutture limitrofe”.

“Il bilancio di questi cinque anni è

positivo – conclude Giovanardi -, pur

senza nascondere alcune criticità. Il

Pronto Soccorso, per esempio, da un

m

L’ospedale ospita l’unica

camera iperbarica

pubblica presente in tutta

la regione. Da luglio è

operativa l’auto medica

24 ore su 24

diabetologia, la nefrologia etc.

Nel 2006 si è sviluppata la funzione

pediatrica, che è stata completata

nel marzo del 2009 con la garanzia

di assistenza pediatrica di 24

ore e l’istituzione di 2 posti letto

di osservazione pediatrica presso il

Pronto Soccorso.

Nel 2004, contestualmente all’avvio

del nuovo Ospedale, è stato inaugurato

l’Hospice territoriale. Con 15

posti letto.

Dal primo luglio è infine attiva l’auto

medica del Pronto Soccorso su

tutte le 24 ore.

Il 12 aprile scorso è stata inaugurata

la nuova stazione ferroviaria di

Vaio sulla linea Salso-Fidenza.

lato fa registrare 30.000 passaggi

all’anno, un afflusso che ha superato

di molto le aspettative iniziali,

dall’altro lato però gli attuali locali

non sono più sufficienti e dovranno

sicuramente essere riorganizzati,

ma è già in previsione un progetto

di ampliamento”.

11 - luglio 2009 IL MESE PIACENZA


CITTà CHE CAMBIA

A destra Piazza Cavalli in centro a Piacenza

In basso una veduta dall’alto dell’area Daturi

Costi l’intervento è di 200mila euro e durerà per 124 giorni

Una rotatoria

in via Veneto

Hanno preso il via a fine giugno

i lavori per la realizzazione di

una nuova rotatoria all’intersezione

fra via Veneto, via Bianchi,

via Cella e via Gadolini.

Il progetto prevede la realizzazione

di una aiuola centrale di 16 metri di

diametro e di una corona giratoria

a unica corsia della larghezza di 9

metri, il tutto per un diametro complessivo

di 34 metri.

Sarà inoltre realizzata una leggera

deviazione degli assi stradali i via

Cella e via Bianchi per consentire

un’adeguata immissione del traffico

nel sistema a rotatoria.

Lo scopo principale del progetto, che

mira a riqualificare tutta l’area interessata

dall’intersezione, è quello di

fluidificare e rendere più scorrevole

Il progetto prevede la

realizzazione di una

aiuola centrale di 16

metri di diametro attorno

alla quale scorrerà il

traffico cittadino

il traffico veicolare ed in particolare

quello costituito dai mezzi pubblici

di trasporto, garantendo comunque

la sicurezza di pedoni e ciclisti.

L’intersezione costituisce infatti un

importante snodo viabilistico tra due

intense correnti di traffico: la prima

è quella che si snoda lungo via Veneto

e che è costituito dall’asse di

penetrazione alla città per chi proviene

dalla provincia, la seconda è

costituita dall’asse via Bianchi/Cella

(ed in parte Cella/Gadolini) che consente

il collegamento tra la zona sud

e la zona nord-ovest della città.

Attualmente la regolazione delle correnti

di traffico avviene mediante un

impianto semaforico che si intende

sostituire con un sistema a rotatoria

al fine, come già accennato, di rendere

più scorrevole il traffico veicolare

contribuendo in modo significativo

al miglioramento della viabilità

urbana.

I lavori che avranno un costo complessivo

di 200mila euro, sono programmati

per 124 giorni lavoriativi e

durante lo svolgimento degli stessi

saranno possibili temporanee modifiche

alla viabilità, che verranno

prontamente comunicate dall’amministrazione

comunale.

Lavori Le nuove tribune potranno ospitare fino a 7mila persone

Riaperto parco Daturi

Piacenza può contare su un nuovo

polmone verde che vive nel

cuore della città. Erano i primi giorni

di giugno quando, il sindaco Roberto

Reggi, l’assessore alle Opere Pubbliche

Ignazio Brambati e l’assessore

alla Cultura Paolo Dosi hanno ufficialmente

riaperto alla cittadinanza

l’area del Parco Daturi, interessata

da tempo ad ampi lavori di riqualificazione.

A giugno è stata ufficialmente

presentata al pubblico la

nuova struttura interamente

riqualificata per un costo

complessivo di 338mila euro

A seguito di questi interventi la

struttura, che è sede dell’associazione

degli alpini - che ne sono anche i

custodi - potrà ospitare attività sportive

diurne, prevalentemente a servizio

delle scuole, eventi culturali,

spettacoli e manifestazioni sportive.

I lavori hanno interessato in particolare

l’adeguamento delle uscite di

sicurezza, la sistemazione delle tribune,

che possono ospitare fino a

7mila spettatori, l’attivazione di servizi

igienici, il rifacimento delle scale

con accessibilità per diversamente

abili ed infine l’impianto di illuminazione.

L’importo complessivo di lavori, gra-

zie alla gara al ribasso ha raggiunto

la cifra di 338.469 euro, a fronte dei

450mila stanziati in precedenza. Le

risorse risparmiate hanno permesso

di realizzare le nuove tribune (bianche)

per un totale di 500 posti.

12 - luglio 2009 IL MESE PIACENZA


m

IN BREVE

Unicem, la giunta

dimezza il commerciale

Sarà di 1.500 metri quadrati la superficie

del futuro palazzo degli uffici

comunali destinata ad attività commerciale.

Queste le nuove misure

della variante urbanistica licenziata a

giugno dalla Giunta comunale. Prima

lo spazio pensato quantificava 3.200

i metri di area commerciale al piano

terreno dell’edificio destinato a

ospitare la sede unificata degli uffici

comunali.

Interventi di potenziamento

della luce pubblica

Eventi In programma cinque serate tra musica, moda e commercio

Cambia la viabilità per

i Venerdì Piacentini

luglio saranno ancora cinque le

A serate di programmazione dei

“Venerdì Piacentini”. La manifestazione,

promossa dal Comune di Piacenza,

è una vera e propria kermesse

che unisce divertimento, cultura

e commercio. Quindi tutti pronti a

scendere per le strade del centro ricordando

che per consentire lo svolgimento

degli eventi nelle date in cui

è in programma l’iniziativa la viabilità

cittadina subirà alcune modifiche.

Soprattutto piazza Cavalli diventerà

un vero e proprio salotto estivo in

città. Le vie e le piazze interessate

dalla manifestazione saranno: Piazza

Cavalli, Piazza Duomo, Piazza S.

Antonino, Piazza Borgo, P.le Pebliscito,

P.zza Baciocchi, C.so Vittorio

Emanuele, Via Cavour, Via Calzolai,

Via Sopramuro, Via San Donnino, Via

XX Settembre, Via Garibaldi, Largo

Battisti, Via Poggiali, Via Nova, Via

Pace, Via Sant’Antonino,Via Verdi,

Viale Pubblico Passeggio, Via Felice

Frasi, Via Savini, Via Santa Franca,

Via Carducci, Via San Francesco, Via

Piazza Cavalli e tante

altre vie e piazze

del centro storico

diventeranno un vero e

properio salotto estivo nei

cinque venerdì di luglio

Mazzini, Via Cittadella, Via Roma, Via

Scalabrini, Giardini Merluzzo, Giardini

Margherita, Via Tibini, Via Alberoni,

Piazzetta Santa Maria, Via Colombo.

Si ricorda inoltre che per ogni singola

serata l’organizzazione in collaborazione

con l’Agenzia Tempi, metterà a

disposizione un bus navetta gratuito

dal parcheggio dello Stadio che arriverà

nelle immediate vicinanze del

centro storico. Sarà altresì disponibile

a pagamento il servizio autobus

linea 2 da Piazzale Marconi al centro

fino alle ore 23:00.

Sul sito del Comune di Piacenza

(www.comune.piacenza.it) è possibile

scaricare il piano completo delle

modifiche alla viabilità cittadina.

A Borgotrebbia due gli interventi portati

a temine: potenziato l’impianto

nell’area verde vicino alle scuole comunali,

con 13 centri luminosi da 100 watt

a luce gialla; installati poi tre centri luminosi

da 150 watt dello stesso tipo

in via Telamoni. Gli impianti sono stati

realizzati da Enel Sole e sono costati al

Comune 9.200 euro.

Senso unico alternato

sulla provinciale 462 R

Fino al 20 luglio, dalle 8 alle 18 di ogni

giornata, è vigore il senso unico alternato

lungo la strada provinciale 462 R

di Val d’Arda, nel tratto tra Cortemaggiore

e Fiorenzuola, dal km. 17 + 100

al km 18 + 900 al fine di consentire

l’effettuazione in sicurezza dei lavori

di adeguamento dell’arteria. Nel tratto

indicato è istituito anche il limite di velocità

di 30 km/h.

Gli studenti del Politecnico

ripensano Fiorenzuola

Come reinterpretare il tunnel di piazzale

Taverna, il raccordo tra i palazzi

Scapuzzi e le attuali scuole elementari

del plesso San Giovanni Bosco. Questi

gli obiettivi che si sono posti un

gruppo di studenti universitari – futuri

architetti – del Politecnico di Milano.

Per tutto l’anno accademico i ragazzi

hanno lavorato sulla città di Fiorenzuola,

ripensandone l’area urbana con

i loro progetti didattici.

13 - luglio 2009 IL MESE PIACENZA


SOCIETà

In basso: il Po in piena nel corso delle piogge a fine aprile

Nell’altra pagina: fiume in piena nel cagliaritano a fine 2008

i numeri in 90 anni abbiamo avuto 5mila alluvioni con circa 7 morti al mese

Maltempo, i rischi

per il territorio

I presidenti del Consorzio di bonifica Bacini Tidone Trebbia e dell’ANBI sono intervenuti

per sottolineare i danni idrogeologici legati ai cambiamenti climatici in atto nel Paese

Si sa, parlare del tempo è sinonimo

di conversazione un po’ inutile e

piena di banalità. Ma quando a

farlo sono il Presidente del Consorzio

di bonifica Bacini Tidone Trebbia, Fausto

Zermani unitamente al presidente

dell’ANBI (Associazione Nazionale Bonifiche

e Irrigazioni) Massimo Gargano

allora vale forse la pena di prestare attenzione

a quanto hanno da dire.

I due presidenti hanno infatti preso carta

e penna per ammonire sui rischi legati ai

cambiamenti climatici.

Negli ultimi 90 anni, in Italia, si sono

registrate oltre 5.000 grandi alluvioni e

migliaia di frane: in media, un episodio

ogni giorno e mezzo. In soli 50 anni, i

fenomeni naturali hanno provocato circa

3.500 morti, vale a dire mediamente 7

morti al mese. Da questo punto di vista

l’Italia è uno dei Paesi europei maggiormente

caratterizzato da fenomeni di dissesto

territoriale: ad esserne interessati

sono circa 23 milioni di residenti, che

abitano in 6.600 comuni, pari all’81,9%

della realtà amministrativa. In questo

quadro già fragile si inserisce l’incremento

di eventi meteorologici estremi,

rappresentati da piogge che, calate del

20% in termini quantitativi, raddoppieranno

o triplicheranno di intensità: se

ancora oggi è considerata eccezionale

Piacenza

Consumi energetici, tre premi promossi dal Comune

Consumi poco e in maniera

intelligente? Il Comune di

Piacenza ti premia! La novità

dell’anno 2009 in materia di

energia e fonti di energia rinnovabile

è un bando per la

concessione di premi inerenti

l’uso intelligente dell’energia

indetto dal Comune di Piacenza.

Si tratta di tre premi

Un bando assegna 2mila

euro per un uso dell’energia

efficace, efficiente e

einnovabile. Domande

entro il 31 dicembre 2009

di 2mila euro ciascuno,

per altrettante categorie di

interventi, due delle quali

riservate all’ambito residenziale,

e la terza rivolta alle

piccole e medie imprese.

Il Premio energia valuterà la

maggior efficacia e i progetti

più innovativi attivati sul

nostro territorio a livello edilizio

ed energetico, realizzati

dal 1 gennaio 2008 fino al 31

dicembre 2009. La proclamazione

dei tre vincitori

è prevista per la prossima

primavera.

I premi sono divisi in tre

categorie, di pari valore, e

riguardano la maggiore efficacia

energetica, la maggior

efficacia energetica e il maggior

apporto rinnovabile.

Le richieste di partecipazione

devono essere redatte unicamente

tramite compilazione

del modulo scaricabile dal

sito del Comune di Piacenza

(www.comune.piacenza.it).

Le domande devono essere

inviate o consegnate a mano

a partire dal giorno successivo

alla pubblicazione

del bando all’albo Pretorio

del Comune di Piacenza e

devono pervenire inderogabilmente,

a pena d’inammissibilità,

entro le ore 12 del

31 dicembre 2009 al Servizio

Ambiente del Comune di

Piacenza, Via Beverora, 57 –

29100 Piacenza.

14 - luglio 2009 IL MESE PIACENZA


m

19 giovani piacentini partecipano

al progetto Kamlalaf

una pioggia fra i 20 ed i 30 millimetri

all’ora, entro pochi decenni tale soglia

dovrà essere collocata fra i 50 ed i 60

millimetri orari.

Per quanto attiene al comprensorio del

Consorzio Bacini Tidone Trebbia – e

quindi alla nostra provincia - il dissesto

idrogeologico si sta intensificando, sempre

con maggiore frequenza e con gravi

conseguenze e, pertanto, è necessario

potenziare le opere di bonifica adeguando,

in particolare, quelle esistenti e realizzarne

di nuove.

La manutenzione idrogeologica del suolo

è esigenza primaria non solo dei 23

milioni di italiani, che più direttamente

subiscono le conseguenze dei dissesti

idrogeologici, ma è un interesse di tutti:

infatti, senza sicurezza dalle acque come

pure senza disponibilità d’acqua, non

può esserci sviluppo. La difesa idraulica

del territorio e il razionale utilizzo delle

acque a fini irrigui costituiscono inoltre

un importante occasione di rilancio occupazionale,

contribuendo alla ripresa

economica del Paese. Il dissesto idrogeologico

dunque, è un valore anche economico,

che dovrebbe suggerire il varo

di interventi strutturali. Sempre in valore

economico è importante ricordare che

l’assenza di una rete di invasi, fa confluire

annualmente in mare, inutilizzati, 8

miliardi di metri cubi d’acqua piovana.

Presentato in Comune nei primi giorni

di giugno il progetto Kamlalaf. I

giovani piacentini potranno andare alla

scoperta del mondo viaggiando per 15-

20 giorni a contatto con le popolazioni

più povere e bisognose dell’Africa e del

Sudamerica. L’iniziativa è promossa da

numerose associazioni quali Africa Mission,

Gruppo Kamenge, ProgettoMondo

Mlal e Piccolo mondo, con il sostegno

di Comune e Provincia di Piacenza, Svep

e una serie di sponsor (Enìa, Ato, Cna,

Mori legnami, Coop Valdarda e Cps). Il

primo scaglione sarà costituito da 19

ragazzi, tutti giovanissimi, che nelle

scorse settimane hanno preso parte a

un percorso di formazione mirato sui

temi della cooperazione internazionale

e sull’educazione ai diritti umani e che

presto partiranno per Uganda, Burundi,

Kenya e Brasile. In Uganda con Africa

Mission dal 20 luglio al 10 agosto andranno

tre di loro, che potranno incontrare

e aiutare le realtà locali (scuole,

orfanotrofi, centri missionari) sostenute

ormai da tanti anni dall’associazione,

Tra luglio e agosto

saranno impegnati a

conoscere le realtà più

povere e bisognose di

Africa e Sud America

con particolare attenzione alla perforazione

di pozzi d’acqua potabile. Dal 16

luglio al 10 agosto, invece, saranno in

quattro a partire per il Burundi con il

Gruppo Kamenge per partecipare a un

campo di lavoro con i giovani africani.

Dall’8 al 23 agosto altri quattro voleranno

in Kenya con l’associazione Koinonia

e si occuperanno dei progetti di

recupero dei ragazzi di strada, provando

a recuperarli a un percorso scolastico

o professionale. I rimanenti, infine,

faranno parte del ProgettoMondo Mlal

in Brasile dal 17 luglio al 7 agosto, dividendosi

tra Rio de Janeiro e Recife e

aiutando i ragazzi impegnati contro il

degrado e a favore della prevenzione

della prostituzione infantile e del diritto

allo studio e alla casa.

Il Presidente del Consorzio ha evidenziato

come ulteriori emergenze stiano

penalizzando il già fragile equilibrio

morfologico italiano, nonché locale: l’abbassamento

dei principali corsi d’acqua,

il proliferare di animali estranei ai nostri

habitat (nutrie) che minano la sicurezza

statica degli argini, la siccità estiva che

arreca danni alle colture.

Il Presidente Zermani ha quindi concluso

rivolgendo un invito alle più alte

cariche istituzionali del nostro Paese,

volto a concretizzare programmi per

la salvaguardia idrogeologica dell’intero

territorio nazionale, per promuovere,

sostenere ed attuare interventi

diretti principalmente alla prevenzione

del rischio idrogeologico ed alla

manutenzione del territorio.

[Massimo Capuccini]

15 - luglio 2009 IL MESE PIACENZA


SOCIETà

iniziative un progetto di provincia, tempi agenzia, 23 comuni, lila, silb, copresc

In discoteca ci vado

in sicurezza...

...con il Bus della Notte, il servizio di trasporto gratuito che porterà per tutta l’estate i

giovani piacentini nei locali notturni del territorio. Quattro linee, nove corse andata - ritorno

La scorsa stagione estiva il Bus della

Notte ha trasportato verso i luoghi di

divertimento quasi 5500 giovani

Estate: la stagione preferita dai

ragazzi! Le scuole sono finite

e finalmente il divertimento diventa

protagonista: giornate con gli

amici, pomeriggi in piscina, serate in

discoteca. Sì, la discoteca amata dai

ragazzi temuta dai genitori, uno tra i

motivi di maggiore preoccupazione dei

week end estivi. Si torna a casa tardi

e la strada può sempre essere un pericolo...

A tranquillizzare le famiglie e a rendere

soprattutto più sicure le notti dei giovani

piacentini, da qualche anno, però

ci pensa il Bus della Notte, un progetto

promosso dalla Provincia di Piacenza e

realizzato insieme a numerosi Comuni

del territorio, con la collaborazione di

Tempi Agenzia. Un autobus “speciale”

che ogni sabato sera porta oltre 400

ragazzi nelle discoteche “Mesa verde”,

“El Siglo de la Reina” e “Sonnambula”.

L’iniziativa, partita sabato 13 giugno,

proseguirà per tutto il mese di luglio

e agosto e visto il successo e l’importanza

che ricopre, già

si pensa di estenderla

anche nel periodo autunnale

in occasione

delle feste organizzate

al locale Avila per gli

studenti (la festa di

16 - luglio 2009 IL MESE PIACENZA


settembre di inizio anno scolastico,

Natale e Halloween), e per la serata

del concorso di Libertà “Miss e mister

Piscina”. Con l’obiettivo di trasformare

il Bus della Notte in un servizio permanente

in funzione in occasione delle

feste, sagre e festival che coinvolgono

sempre più il territorio. Insomma, per

tutti gli eventi speciali che coinvolgono

molti giovani piacentini.

Un bus che unisce utilità, comodità e

informazione. Anche quest’anno, infatti,

a fianco del servizio di trasporto

sono già state programmate azioni

di sensibilizzazione finalizzate a promuovere

una maggior consapevolezza

nei giovani rispetto ai rischi derivati

dall’abuso di sostanze legali ed illegali

correlati, in particolare, alla guida di

auto-motoveicoli, realizzate in collaborazione

con l’Associazione L.I.L.A.

Onlus (Lega Italiana Lotta all’AIDS)

che è parte del progetto insieme alla

Provincia, ai Comuni aderenti, al Sindacato

Gestori Locali da Ballo (Silb), e

al Co.Pr.E.S.C. (Coordinamento Provinciale

Enti di Servizio Civile).

Per sapere tutto sul Bus della Notte

informazioni sul sito web www.tempiagenzia.it,

numero verde 800211173.

In apertura la locandina del Bus della Notte.

In basso a sinistra gli orari del servizio

m

Sentieri curiosi: un concorso

per tutte le età

Per chi vuole cimentarsi con la fantasia

e produrre un elaborato originale

e fortemente evocativo Tempi Agenzia

torna a bandire il concorso letterario

“Sentieri curiosi”, aperto ai creativi di

tutte le età. Due le categorie: Adulti (dai

21 anni in su) e Giovani (dai 6 ai 20 anni).

Il regolamento impone che i componimenti

siano inediti e in lingua italiana;

per i cittadini di lingua straniera, a fianco

del testo in lingua originale dovrà essere

presentata la traduzione in italiano. Gli

elaborati dovranno avere una lunghezza

massima non superiore a 5300 battute,

spazi inclusi, ed ogni partecipante potrà

inviare un solo racconto.

Quest’anno saranno premiate due sezioni

differenti: solo racconto e racconto

più foto, rigorosamente digitale, che

rappresenti il racconto. Il tema prescelto

riguarda un immaginario viaggio nella

storia, nei sentimenti, nelle culture, nella

natura. Gli elaborati dovranno pervenire

entro e non oltre il 25 settembre 2009

all’indirizzo: info@tempiagenzia.it - sentiericuriosi@tempiagenzia.it

Solo otto saranno i vincitori - primo e

secondo per ciascuna categoria: Adulti

racconto, Giovani racconto, Adulti racconto

più foto, Giovani racconto più foto. Ai

primi classificati andrà un abbonamento

annuale a percorrenza illimitata sui mezzi

Quattro le sezioni, due

le categorie, giovani e

adulti. Da Tempi Agenzia

il nuovo bando dedicato

alla creatività. Tema di

quest’anno il viaggio: nella

storia, nelle culture, nei

sentimenti, nella natura

urbani ed extraurbani, in alternativa un

kit da campeggio (tenda, due sacco

a pelo, due materassini, una torcia) o

una macchina fotografica digitale o una

stampante per foto digitali. I secondi

classificati potranno scegliere tra un

abbonamento semestrale a percorrenza

illimitata sui mezzi urbani ed extraurbani

di Tempi, uno zaino e una bussola o un

buono acquisto per libri.

Il concorso in pillole

Titolo: Sentieri curiosi

Genere: racconto inedito

Lunghezza elaborato: 5300 battute

Sezioni: quattro

Premiati: otto

Scadenza: 25 settembre 2009

Premiazione: ottobre 2009

La partecipazione al concorso è

gratuita. Per informazioni: www.tempiagenzia.it

17 - luglio 2009 IL MESE PIACENZA


SOCIETà

Enìa trattati con larvicidi i circa 23mila tombini di Piacenza

Zanzara tigre,

riprende la lotta

Torna l’estate e con lei torna purtroppo

l’incubo della Zanzara Tigre. Per

questo motivo, con qualche anticipo sul

previsto dovuto alle particolari condizioni

meteorologiche registratesi nel corso

dell’anno, diventa di stringente attualità

il problema della prevenzione. La Regione

Emilia Romagna, per combattere la

diffusione di questo fastidioso insetto e

ridurre il potenziale rischio sanitario che

rappresenta, ha dato il via a un piano

di lotta che vede impegnati il Servizio

Sanitario Regionale, le Province, i Comuni

e, attraverso questi enti, coinvolge

tutti i cittadini. Il Comune di Piacenza,

secondo il ruolo che gli assegna il Piano

regionale, si è attivato diversi modi.

“Innanzitutto - ha spiegato l’assessore

Il Comune si è attivato

già a partire da maggio,

ma anche i cittadini sono

chiamati ad impegnarsi

all’Ambiente Pierangelo Carbone - l’Amministrazione

ha affidato a Enìa il compito

di effettuare il trattamento larvicida

dei circa 23.000 tombini presenti in aree

pubbliche, secondo un calendario, concordato

con i competenti Uffici dell’Ausl,

che prevede l’esecuzione di trattamenti

con cadenza mensile: la prima tornata si

è svolta nel periodo dal 6 al 21 maggio,

la successiva ha avuto inizio a partire

dell’8 giugno, e così di seguito fino a

quando le condizioni meteo lo richiederanno”.

L’efficacia degli interventi larvicidi sarà

monitorata tramite tre cicli di prelievi a

campione dell’acqua dei tombini, con

successiva analisi a cura di un istituto

specializzato. Il monitoraggio della diffusione

della zanzara tigre sarà effettuato

con la collaborazione del personale Ausl

che curerà, per conto del Comune, le 52

ovitrappole dislocate sul territorio urbano,

che fanno parte del sistema predisposto

dal Servizio Sanitario Regionale,

i cui dati saranno disponibili sul sito

www.zanzaratigreonline.it.

Al fine di valutare la possibilità di contenere

l’infestazione presso siti particolarmente

sensibili, sono state posizionate

quattro trappole per insetti adulti presso

due asili nido. Inoltre, poiché il trattamento

delle tombinature pubbliche sarebbe

del tutto inefficace se nelle aree

private adiacenti non si agisse in modo

analogo, il sindaco Reggi ha emesso

un’Ordinanza (la n. 219 del 01/04/2009),

che impone a tutti i cittadini di eliminare

le raccolte d’acqua e di trattare con

larvicidi quelle non eliminabili nelle aree

di loro proprietà.

Serviranno per la costruzione della nuova sede del 118 a l’aquila

Sisma, donate 487 ore lavorative

Il comandate del Polo di Mantenimento

Pesante Nord di viale

Malta, Francesco Castrataro, ha

consegnato al sindaco Reggi,

in occasione della ricorrenza

della Festa della Repubblica, la

raccolta di fondi che i lavoratori

hanno voluto destinare

La raccolta fondi è stata

fatta dai lavoratori del

Polo di Mantenimento Pesante

Nord e consegnata

in occasione della Festa

della Repubblica

alla popolazione colpita dal

terremoto che, il 6 aprile scorso,

ha devastato L’Aquila: 487 ore

di stipendio del personale in

servizio presso lo stabilimento

militare piacentino.

Il sindaco Reggi, che è anche

responsabile della Protezione

Civile all’interno dell’Anci,

l’Associazione Nazionale dei

Comuni Italiani, nel sottolineare

l’impegno di tutti i dipendenti

per la sensibilità e l’attenzione

dimostrate, ha annunciato che

questi fondi, come gli altri che

cittadini, enti o associazioni

vorranno destinare all’aiuto alle

popolazioni terremotate, avranno

una finalità ben precisa: la

costruzione della nuova sede

del 118, situata a L’Aquila e a

servizio dell’intero territorio interessato

dal sisma, nonché la realizzazione

del sistema di ambulatori

di Medicina Generale per

Villa Sant’Angelo e Sant’Eusanio

Forconese. “Sono infatti questi

i due progetti di cui il Comune

di Piacenza seguirà la concreta

realizzazione – ha affermato il

sindaco Reggi – nell’ambito del

gemellaggio con L’Aquila e Villa

Sant’Angelo. Ciò in accordo con

la Regione Emilia-Romagna,

dopo l’individuazione, con la

Regione Abruzzo, della priorità

affidata alla collaborazione del

territorio della nostra regione, e

cioè quella sanitaria. Il costo stimato

dell’intera operazione è di

4 milioni di euro, di cui 3 milioni

e mezzo saranno necessari per

la nuova sede del 118 e 500mila

per i poliambulatori territoriali”.

18 - luglio 2009 IL MESE PIACENZA


m

IN BREVE

Pattuglie ecologiche

nelle aree verdi

Compenso per un servizio settimanale di 20-25 ore sarà tra i 288 e 360 euro

Il servizio civile volontario

apre anche agli stranieri

Con l’estate prendono avvio specifici

servizi della Polizia Municipale nei

giardini, nei parchi e nelle piazze della

città. I controlli hanno l’obiettivo

di presidiare le aree verdi al fine di

prevenire episodi di inciviltà e garantire

il corretto uso delle strutture. Gli

agenti saranno muniti di ciclomotori

elettrici e velocipedi a pedalata assistita,

mezzi ecologici che consentono

spostamenti agevoli.

Q

uattro giovani stranieri potranno

da oggi partecipare all’esperienza

del Servizio Civile. Il Coordinamento

Provinciale degli Enti di protezione civile

(COPRESC) di Piacenza ha pubblicato

dal 19 giugno l’avviso di selezione

rivolto a cittadini stranieri e comunitari

per la partecipazione a progetti di servizio

civile regionale.

La selezione è indetta dagli enti promotori

di progetti di servizio civile volontario

ed è resa possibile dalla legge

regionale n. 20/2003, che garantisce

l’accesso al servizio civile regionale a

tutte le persone senza distinzione di

sesso o di appartenenza culturale o

religiosa, di ceto, di residenza o di cittadinanza

(Art. 3, comma 2,).

Saranno in tutto 4 i giovani da impiegare

su un totale di due progetti. Il primo

si chiama “A 360 gradi”, ed è proposto

dalla Caritas di Piacenza e Bobbio. Vi è

un posto disponibile e la sede di svolgimento

delle attività è Piacenza.

Il secondo prende il nome di “Adolescenti,

Immigrati e Minori Stranieri non

accompagnati: l’integrazione possibile”,

e vede come soggetto proponente

il Comune di Piacenza. I posti disponibili

sono tre.

Possono partecipare alla selezione i

cittadini stranieri e comunitari, senza

distinzione di sesso, che alla data di

presentazione della domanda abbiano

compiuto il diciottesimo e non superato

il ventottesimo anno di età (27 anni

e 364 giorni). Deveno essere inoltre in

Predisposto un bando per

4 giovani di età compresa

tra i 18 e i 27 anni.

Parteciperanno a progetti

di Caritas e Comune di

Piacenza

possesso di requisiti quali: il non essere

stati condannati con sentenza di primo

grado per delitti non colposi; essere

in possesso di idoneità fisica; essere

in regola con la vigente normativa per

il soggiorno degli stranieri in Italia.

Le ore settimanali di servizio civile sono

minimo 20 e massimo 25, a seconda

del progetto, con il riconoscimento di

un assegno di servizio civile regionale

pari, rispettivamente, a euro 288 lordi

(servizio 20 ore) o euro 360 lordi (servizio

25 ore).

La domanda di partecipazione è disponibile

presso gli Enti titolari del progetto

(Caritas via Giordani 21 PC – Comune

di Piacenza v.le Beverora 57 PC – CO-

PRESC in intestazione – informagiovani).

Le domande di partecipazione vanno

indirizzate agli enti indicati nella tabella

e dovranno essere ricevute entro e

non oltre il 20 luglio 2009.

Per ogni ulteriore informazione si può

contattare il COPRESC di Piacenza ai

seguenti recapiti: 0523 795509, e.mail

copresc@provincia.pc.it

Informazioni anche sul sito del servizio

civile: www.serviziocivile.piacenza.it

Chirurghi piacentini

protagonisti a Olbia

Il dipartimento di Chirurgia generale

dell’Ausl di Piacenza è stato protagonista

del congresso nazionale

dell’Associazione chirurghi ospedalieri

italiani (Acoi). L’incontro annuale

dell’organizzazione scientifica più rappresentativa

dei chirurghi, che conta

in Italia circa 5mila soci, si è tenuta a

Olbia e ha visto la partecipazione di

numerosi professionisti di Piacenza.

Si rinnova il centro

di raccolta vestiti usati

A Carpaneto “Il punto amico”, progetto

di scambio, ritiro e raccolta degli

indumenti usati e in buono stato

di conservazione, ha ora una nuova

sede che dispone di diversi locali.

Ora si trova al numero 5 di via Trieste,

e i suoi orari sono: lunedì dalle

11 alle 12; martedì dalle 21 alle 22;

giovedì dalle 11 alle 12 e dalle 15 alle

16; venerdì dalle 21 alle 22.

Nuovo mezzo per disabili

a Podenzano

Il Comune di Podenzano si è dotato di

un automezzo per il trasporto di persone

disabili: un Fiat Doblò attrezzato

con pedana mobile per sollevare una

sedia a rotelle. L’acquisto è stato reso

possibile grazie alla sponsorizzazione

di 17 aziende del territorio che, in

cambio del contributo, hanno avuto di

diritto uno spazio pubblicitario sulla

vettura.

19 - luglio 2009 IL MESE PIACENZA


ECONOMIA

I dati: su 253 ispezioni rilevate 85 situazioni di mancato rispetto delle normative

Un terzo dei cantieri

edili è irregolare

L’Ausl di Piacenza pubblica i risultati di una campagna di controllo effettuata a fine

maggio sulla macro area che comprende anche Parma, Reggio Emilia e Modena

Serio il quadro presentato dall’Ausl

di Piacenza riguardo alla sicurezza

sul lavoro nei cantieri edili.

Nella campagna intensiva di controllo

delle condizioni di sicurezza, svoltasi

dal 25 al 30 maggio, si sono compiute

253 ispezioni in una macroarea che

comprende le province di Piacenza, Parma,

Reggio Emilia e Modena. I controlli

sono stati condotti dal Servizio di prevenzione

e sicurezza degli ambienti di

lavoro e dalle Unità operative impiantistiche

antinfortunistiche delle Ausl delle

quattro province emiliane. L’iniziativa

rappresenta un blitz concentrato in un

breve periodo di tempo, che si inserisce

tuttavia nella normale sorveglianza dei

cantieri edili nell’arco di tutto l’anno.

I cantieri ispezionati sono stati 253:

441 le imprese che vi operano e 1.327

gli addetti complessivi, di cui 409 lavoratori

autonomi (31% degli impiegati).

85 cantieri controllati – più di un terzo

del totale – sono risultati irregolari,

ovvero non idonei agli standard di

I controlli si sono concentrati soprattutto

sui rischi di caduta dall’alto, di sprofondamento

e di seppellimento negli scavi

sicurezza obbligatori. L’attenzione degli

ispettori si è concentrata soprattutto

sui rischi di caduta dall’alto, di sprofondamento

e di seppellimento negli scavi,

e sulla sicurezza degli impianti elettrici

e delle macchine da cantiere, che notoriamente

sono le principali cause di

infortuni gravi e spesso mortali. Nel

dettaglio, quasi il 20% dei ponteggi ha

presentato irregolarità

di diversa natura, così

come le postazioni di

lavorazione sui tetti.

Secondo le stime, le

carenze erano tali da

comportare pericolo

Piacenza

Tre bandi per contrastare la crisi economica

La crisi continua a far sentire i

propri effetti sulle imprese del

territorio e, di conseguenza,

sull’occupazione. Per sostenere

la cittadinanza, che sta

fronteggiando una congiuntura

economico-finanziaria particolarmente

difficile, il Comune di

Piacenza ha messo in campo

una serie di provvedimenti

Il Comune interviene

attraverso il sostegno alle

famiglie colpite dalla crisi

occupazionale e con un

contributo per gli affiti

mirati a sostenere il reddito dei

singoli e delle famiglie.

L’amministrazione comunale

ha infatti istituito per il 2009

tre bandi, uno a sostegno

delle famiglie colpite dalla crisi

occupazionale, uno per il bonus

energia, e uno per il sostegno

al canone d’affitto. Il primo è costituito

da un fondo di 250mila

euro e si rivolge ai lavoratori

subordinati o parasubordinati,

che hanno perso l’occupazione

o sono interessati da procedure

di sospensione del rapporto di

lavoro, per circostanze univocamente

riconducibili all’ attuale

congiuntura economica.

Attivato anche il Bonus energia

elettrica, un’agevolazione che

ha l’obiettivo di sostenere la

spesa energetica delle famiglie

in condizioni di disagio fisico o

economico. I destinatari sono

i cittadini intestatari di una

fornitura elettrica nell’abitazione

di residenza, in condizioni di

disagio economico con valore

ISEE fino a 7.500,00 euro e le

famiglie con uno dei componenti

in gravi condizioni di salute

tali da richiedere l’utilizzo delle

apparecchiature elettromedicali

necessarie per la loro esistenza

in vita.

Previsti infine contributi per il

pagamento del canone di affitto

da assegnare tramite l’annuale

bando pubblico. Si tratta di

somme erogate a integrazione

del pagamento di un canone di

locazione. I bandi sono aperti

fino al 16 luglio 2009.

20 - luglio 2009 IL MESE PIACENZA


per i lavoratori nel 34% dei cantieri.

Sono stati rilasciati 113 verbali di contravvenzione,

l’82% nei confronti delle

imprese e il 18% nei confronti di altre

figure responsabili, soprattutto coordinatori

per la sicurezza e, in alcuni casi,

anche committenti dei lavori. Complessivamente,

le violazioni accertate sono

state 140 e le sanzioni imposte ammontano

a 805mila euro.

Dati preoccupanti anche riguardo ai lavoratori

impiegati nei cantieri edili, e al

tipo di contratto che li lega. Il numero

medio di dipendenti delle 441 imprese

presenti nei cantieri è di soli due lavoratori:

una conferma dell’elevato processo

di destrutturazione delle imprese

– fattore che influenza negativamente le

capacità organizzative e tecniche delle

stesse ad attuare le misure di sicurezza

– e dello stretto legame tra sicurezza e

regolarità del rapporto di lavoro: dove

c’è lavoro irregolare, infatti, non può

esserci sicurezza.

Per quanto questa campagna di vigilanza

confermi la percentuale dei cantieri

irregolari rispetto alla precedente indagine

effettuata nell’autunno scorso (dal

36% al 34%), i risultati indicano una

lieve tendenza al miglioramento delle

condizioni di sicurezza nei cantieri. Uno

spiraglio all’interno di uno scenario fatto

di gravi e ripetute violazioni.

Alessandro Trentadue

m

“Occorre una nuova cultura

d’impresa nel settore”

Intervista a Paolo Chiappa,

segretario generale della

Fillea CGIL di Piacenza.

“Nell’edilizia da anni gli

infortuni non calano né per

numero né per gravità”

dati relativi alla sicurezza nei cantieri

edili di Piacenza sono tutt’altro

I

che tranquillizzanti. Molte percentuali

negative e poche soluzioni proposte.

Abbiamo sentito Paolo Chiappa, segretario

generale della Fillea di Piacenza,

che conosce bene il settore e sa

individuare l’origine dei problemi.

Come commenta i dati divulgati

dall’Ausl?

“Non vedo nulla di nuovo.

Siamo abituati ad affrontare

i problemi legati all’edilizia,

per questo la conosciamo

bene: si tratta di un settore in cui

i fenomeni infortunistici non calano né

per numero né per gravità degli eventi.

Come si sa, gli infortuni nei cantieri

edili hanno un impatto altissimo sulla

salute e, in molti casi, anche sulla vita

delle persone: basta pensare alle cadute

dall’alto, il fenomeno che si verifica

più di frequente”.

Qual è il problema all’origine della

mancata diminuzione dei fenomeni

infortunistici?

“Innanzitutto la mancanza nel settore

edile di una qualificazione delle imprese

in base alle norme di sicurezza che

queste devono garantire. Nei cantieri

edili del nostro territorio moltissimi

lavoratori dipendenti sono in realtà,

in grande misura, lavoratori autonomi

fittizi camuffati da lavoratori dipendenti.

La cosa più grave è che molti di

loro decidono poi di aprire un’attività

individuale senza alcun titolo né certificazione

che dimostri la conoscenza

delle norme di sicurezza”.

I dati comunicati dall’Ausl si riferiscono

a una campagna intensiva

di una settimana. Non è

troppo poco per tracciare un

quadro complessivo?

“Non direi proprio. Queste

campagne mirate dipingono

la dimensione reale del fenomeno.

Si tratta di dati che rispecchiano

la situazione ordinaria, perché anche

se sono raccolti in poco tempo il fenomeno

è uguale tutto l’anno e non

aumenta certo nella settimana d’indagini.

Se si organizzasse una campagna

che controllasse a tappeto tutti i cantieri

edili sarebbe la stessa cosa. Per

questo sono dati preoccupanti”.

In che modo si può combattere questo

fenomeno?

“Devono esistere due aspetti complementari:

la repressione e la qualificazione

delle imprese. Da una parte,

infatti, è importante fare ispezioni

continue nei cantieri e assegnare sanzioni

pesanti che ne penalizzino la

gestione irregolare. Dall’altra bisogna

diffondere il più possibile la cultura

dell’impresa: le nuove ditte che aprono

devono dimostrare prima di avere

una professionalità acquisita con anni

di lavoro nel settore, oltre che possedere

la conoscenza teorica delle norme

sulla sicurezza”. [A. T.]

21 - luglio 2009 IL MESE PIACENZA


ECONOMIA

bandi la domanda va consegnata in cCIAA entro il 31 dicembre

Fondi per brevetti

e innovazione

Brevetti e innovazione tecnologica

sono l’oggetto di due bandi promossi

dalla Camera di Commercio di Piacenza,

e attivi fino alla fine dell’anno.

Il sostegno ai processi di brevettazione

è finalizzato all’ottenimento di Brevetti,

italiani, europei o internazionali, da parte

delle imprese della provincia di Piacenza.

L’agevolazione concedibile per ciascuna

domanda consiste in un contributo in

conto capitale, corrisposto nella misura

massima del 50% delle spese ammesse

(al netto di IVA).

Il contributo massimo concesso per ciascuna

domanda non potrà superare la

somma di 2000 euro nel caso di brevetti

nazionali o registrazione nazionale di

modelli o disegni, e di 3000 euro negli

altri casi previsti dal bando. Il medesimo

soggetto non potrà presentare più

di una domanda per ciascuna annualità.

Il bando per l’assegnazione di contributi

per progetti aziendali finalizzati all’innovazione

è cofinanziato dalla Fondazione

di Piacenza e Vigevano e dalla Camera di

Commercio di Piacenza. I due enti mettono

a disposizione un fondo, per l’anno

2009, pari a Euro 150.000,00, destinato

a sostenere processi di innovazione

effettuati da imprese aventi sede legale

ed operativa, o solamente operativa, in

provincia di Piacenza e appartenenti a

tutti i settori.

Il contributo concorre a sostenere il costo

per attività di progetto, per la rilevazione

e/o il soddisfacimento dei fabbisogni di

innovazione tecnologica, organizzativa,

gestionale, commerciale da spendere

per collaborazioni presso i Centri di ricerca

inseriti nella rete Alta Tecnologia

della Regione Emilia Romagna e i Centri

accreditati dalle Regioni Lombardia o

Piemonte, qualora le specificità richieste

non possano essere soddisfatte presso

le strutture di cui al punto precedente.

Le domande per entrambi i bandi devono

essere consegnate entro il 31 dicembre

2009 ed essere rigorosamente conformi

alla modulistica reperibile presso

la Camera di commercio di Piacenza e

sul sito internet www.pc.camcom.it.

La camera di commercio offre questa opportunità a chi ne farà uso entro il 20 luglio

Sconti del 50% sulla conciliazione

In caso di controversie civili e commerciali

di natura economica, in

particolare quelle che insorgono tra

imprese o tra imprese e consumatori,

scegliere la conciliazione vuol dire

cercare una strada più vantaggiosa ed

economicamente più conveniente che

da un conflitto può portare ad un accordo

soddisfacente per tutti.

La Camera di Commercio di Piacenza,

al fine di promuovere il proprio servizio

di conciliazione e di favorirne l’utilizzo

da parte di un numero sempre maggiore

di operatori del mercato, fino al

20 luglio 2009 riduce del 50% le tariffe

del servizio stesso.

La scelta conciliativa risponde alle effettive

esigenze delle imprese, che per

essere competitive devono poter ridurre

le aree di conflittualità e trarre da

soluzioni rapide, riservate ed economiche

motivo di ulteriore business ed

offre ai consumatori la giusta tutela,

evitando loro di dover affrontare antieconomiche

azioni giudiziarie.

Com’è noto, il ricorso alla conciliazione

è un percorso necessario ed obbligato

in caso di controversie con i fornitori

di servizi di telefonia, di accesso a internet

o di televisione a pagamento,

prima di rivolgersi alla giustizia ordinaria.

La Camera di Commercio invita le imprese

piacentine, cui sarà distribuito

un inserto promozionale sul servizio

di conciliazione in allegato alla lette-

ra informativa sull’esazione del diritto

annuale 2009, a valutare le opportunità

ed i vantaggi offerti dal servizio di

conciliazione.

Per saperne di più, contatta la Camera di

Conciliazione della Camera di Commercio

di Piacenza ai numeri 0523/386230

- 386218 o tramite e-mail: conciliazione.arbitrato@pc.camcom.it

22 - luglio 2009 IL MESE PIACENZA


Dati si tratta della performance peggiore dal secondo dopoguerra ad oggi

Emilia Romagna, la crisi

segna cali a due cifre

Si approfondisce nei primi mesi

dell’anno la crisi economica che

sta facendo sentire i suoi effetti in

modo pesante anche in Emilia-Romagna,

con un’intensità mai riscontrata

dal secondo dopoguerra. Pur se in

misura meno accentuata rispetto a

quanto sta avvenendo in altre zone

d’Italia, il primo trimestre del 2009

presenta un insieme di indici congiunturali

decisamente negativi, in

linea con quanto sta accadendo a

livello internazionale.

La conferma arriva dal calo della

produzione dell’industria in senso

stretto, diminuita del 14,9 per cento

rispetto al primo trimestre 2008: è la

prima volta negli ultimi 10 anni che si

registra un decremento percentuale

a due cifre. Stessa indicazione per il

fatturato, diminuito tendenzialmente

in valore del 13,3 per cento.

Sono queste alcune indicazioni che

emergono dall’indagine congiunturale

relativa al primo trimestre 2009

sull’industria manifatturiera dell’Emilia-Romagna,

realizzata in collaborazione

tra Unioncamere Emilia-Romagna,

Confindustria Emilia-Romagna e

Carisbo.

Il ridimensionamento produttivo ha

interessato la maggioranza dei settori,

con flessioni più marcate per

l’industria dei metalli (-25,6 per cento),

fino al sistema moda (-9,7 per

I dati relativi alla congiuntura

per il primo trimestre 2009

parlano di una decrescita

della produzione industriale

del 14,9% rispetto al 2008

cento). La meccanica ha invertito la

tendenza positiva degli ultimi anni,

accusando una diminuzione del 15,2

per cento. Il momento di difficoltà

è comune ad ogni classe dimensionale,

a differenza di quanto accadeva

in passato, quando di fronte alle

difficoltà delle piccole vi era una

sostanziale tenuta delle imprese medio-grandi.

In questo contesto, molto significativo

è il dato relativo alla Cassa integrazione

guadagni ordinaria: si è

passati dalle 669mila ore autorizzate

di Cig nei primi quattro mesi del

2008, agli oltre 6 milioni di ore dello

stesso periodo del 2009.

Il 2009 sarà un anno difficile fino in

fondo: secondo le stime del Centro

Studi di Unioncamere regionale in

collaborazione con Prometeia, il Pil

dell’Emilia-Romagna dovrebbe diminuire

del 3,7 per cento. Segnali di

ripresa sono attesi per il 2010, con

una crescita del Pil dello 0,8 per cento,

che si irrobustirà nel 2011, fino

a toccare un aumento dell’ 1,5 per

cento.

m

IN BREVE

Servizi postali meno

costosi per l’impresa

Siglato un accordo fra Confindustria

Piacenza e la filiale locale di Poste Italiane

per alcune tipologie di spedizioni

che vengono più frequentemente utilizzate

nel settore business. Tra le agevolazioni,

i nuovi servizi telematici di firma

digitale, posta certificata, raccomandata

on line, e altri servizi per la promozione

e il marketing aziendale, come Postatarget.

Dubbi sugli ammortizzatori

in deroga

Confindustria Piacenza non ha sottoscritto

l’accordo tra le parti sociali

precedente alla delibera del 18

maggio 2009 della Regione per gestire

gli “ammortizzatori in deroga”

perché, pur condividendo la necessità

di salvaguardare l’occupazione

durante la crisi, ha ritenuto che

l’impianto del provvedimento fosse

caratterizzato da una filosofia dirigistica

che condiziona la legittima

autonomia delle scelte aziendali.

A maggio s’impenna

la cassa integrazione

Un trend tutt’altro che positivo quello

del ricorso alla cassa integrazione

delle aziende piacentine nei

mesi di gennaio, marzo e maggio:

nei primi cinque mesi dell’anno, infatti,

sono 679mila le ore di cassa

integrazione ordinaria autorizzate

e 137mila quelle di straordinaria.

Contributi per commercio

e turismo

Arrivano i contributi europei per le

imprese turistiche, commerciali e

di servizi della provincia di Piacenza.

La scadenza per presentare alla

Provincia le domande è fissata per

il 20 luglio 2009. I contributi sono

a sostegno della qualificazione dei

servizi che vogliono migliorare la

fruibilità del patrimonio culturale ed

ambientale. Per informazioni contattare

il numero 0523-795322.

23 - luglio 2009 IL MESE PIACENZA


PROVINCIA

AMBIENTE nel 2008 prodotte 189mila tonnellate di rifiuti

L’obiettivo

è quota 60%

A Fiorenzuola è partita la raccolta porta a porta della differenziata.

Previsti incentivi per chi consegna alla Stazione Ecologica

DI Massimo Capuccini

Fiorenzuola dal 15 giugno scorso

è entrata a far parte del novero,

in verità ancora un po’ ristretto,

dei comuni italiani che praticano la

raccolta differenziata dei rifiuti con il

sistema del “porta a porta”.

Il nuovo sistema è stato messo a

punto grazie ad un accordo firmato

con Enìa, che si incaricherà della gestione

del servizio.

L’iniziativa si inserisce nel contesto

di una normativa che prevede entro

il 2009 il raggiungimento per tutti i

Comuni di una quota di differenziata

pari ad almeno il 35% dei rifiuti

(in origine tale percentuale era da

raggiungere nel 2003); la nuova normativa

prevede poi l’obbligo di raggiungere

il 65% entro il 2010.

Fiorenzuola è comunque un comune

virtuoso da quersto punto di vista,

considerato che l’attuale sistema

consentiva già di differenziare il 42%

dei rifiuti. “Con questo intervento –

spiega il sindaco Giovanni Compiani

– puntiamo al raggiungimento di

quota 60%, superando di un buon

10% quanto definito

dai piani d’ambito”.

Del resto che Piacenza

si stia muovendo

su un piano di eccellenza

su questo

tema è testimoniato

dal fatto che i dati sulla raccolta differenziata

a livello provinciale dicono

che nei primi tre mesi del 2009

si è raggiunto l’obiettivo del 50% di

smaltimento rifiuti tramite raccolta

differenziata, vale a dire ben 21.982

delle 44 mila tonnellate prodotte.

E se si va a guardare la performance

del 2008 la quota “differenziata” si è

attestata al 46% (86 mila tonnellate

Alla raccolta di carta e cartone,

si aggiunge quella dei rifiuti organici

e dei rifiuti non differenziati

Carpaneto

Nei primi tre mesi del 2009 la differenziata raddoppia

Anche il comune di Carpaneto

Piacentino si è aggiunto

al numero di quelle

amministrazioni che nella

nostra provincia hanno

promosso la raccolta porta

a porta della differenziata.

Iniziativa caratterizzata

da un successo più che

discreto visto che nei primi

L’introduzione del servizio

di raccolta ha portato al

60,80% la quota di rifiuti

selezionati rispetto allo

scorso anno

tre mesi del 2009 la quota

di differenziata è passata

dal 33,87% del 2008 a un

ottimo 60,80%. Cifra che

sale a circa il 70% decurtando

i valori di raccolta

del “servizio cassonetto

verde”. “Quello dei rifiuti

– spiega il sindaco di

Carpaneto Gianni Zanrei -

è un problema sempre più

presente e che i comuni

della provincia stanno

affrontando grazie anche

alla collaborazione con

Enìa che si è attivata con

grande impegno per affrontare

questo problema.

Basti pensare che

solo a Carpaneto si

producono 644 chili

di rifuti per abitante

all’anno, un

quantitativo non

più gestibile con

i metodi adottati

tradizionalmente”.

Naturalmente il Comune

ha affiancato

al servizio una capillare

attività di informazione e

sensibilizzazione che ha

l’obiettivo di portare la

cittadinanza a differenziare

con sempre più convinzione

i propri rifiuti. In

questo senso dal sito del

Comune (www.comune.

carpaneto.pc.it) è possibile

scaricare un’ampia e dettaglata

guida alla cultura

del riciclo realizzata da

Enìa spa.

24 - luglio 2009 IL MESE PIACENZA


m

Finanziamenti la regione emilia romagna ha stanziato 2,5 milioni

Provincia, varato il Piano

d’azione ambientale

su 189 mila prodotte). Un bel salto

in avanti, dal 2004, quando questo

genere di raccolta riguardava solo

il 33% del totale dei rifiuti (56 mila

tonnellate su 168 mila prodotte).

Ma, tornando a Fiorenzuola, l’obiettivo

del’iniziativa è quello di rendere

sempre più capillare il servizio di

raccolta domiciliare ed intercettare

così sempre più materiale che, attraverso

i corretti processi di riciclo,

può essere trasformato e riutilizzato.

Per questo motivo alla raccolta porta

a porta di carta e cartone, già attivata

nel settembre 2007, si aggiunge

la raccolta dei rifiuti organici e dei

rifiuti indifferenziati.

“Abbiamo inoltre pensato di introdurre

– prosegue il sindaco Compiani

– un sistema di incentivazione

economica che crediamo che sia utile

e ponga su di un piano di grande

correttezza il rapporto tra cittadini e

pubblica amministrazione”.

Le famiglie hanno infatti ricevuto un

badge elettronico che consentirà di

consegnare la differenziata direttamente

alla Stazione ecologica di Fiorenzuola,

ottenendo in cambio uno

sconto massimo del 20% sulla tariffa

rifiuti.

“Per fare un esempio – spiega il

Sindaco – una famiglia che vive in

un appartamento di 100 mq paga

oggi 115 euro all’anno, ma in questo

modo potrà arrivare a risparmiare

circa 23 euro”.

xxx

4,9 milioni di euro per

27 progetti che vanno

dalla gestione dei rifiuti,

alla conservazione della

biodiversità

Nuove iniziative, volte alla tutela

dell’ambiente, sono state prese grazie

a un accordo tra Provincia e Regione.

Il Piano di azione ambientale metterà a

disposizione, per il primo anno, una cifra

pari a 4,9 milioni di euro che finanzierà i

27 interventi previsti sul territorio. Metà

del finanziamento proverrà dalla Regione,

mentre la quota di spesa non coperta

dal contributo regionale sarà disposto

dalla Provincia, dal Comune e da Enìa.

Il piano consentirà la realizzazione delle

seguenti misure: “riduzione dei rifiuti ed

ottimizzazione della gestione”, “conservazione

della biodiversità” e “Specificità

territoriali” ossia interventi per la qualità

dell’aria.

Per quanto riguarda la riduzione dei rifiuti

e l’ottimizzazione della loro gestione,

Enìa si occuperà di organizzare dei

centri di raccolta per i cosiddetti CDR,

ovvero i residui secchi non combustibili

destinati al riciclaggio, invece per quelli

già presenti sul territorio sono previsti

adeguamenti. A Rottofreno, Monticelli,

Caorso e Castelvetro, i centri di raccolta

verranno informatizzati, vale a dire che

tutte le procedure d’ufficio saranno automatizzate

attraverso l’uso di computer

e appositi programmi (software) per

agevolare il lavoro. Nel comune di Pianello

Val Tidone si potenzierà la raccolta

differenziata facendo ricorso a centri

satelliti; agli abitanti di Piacenza, Alseno,

Fiorenzuola, Cadeo e Pontenure saranno

distribuiti i famosi bidoncini per la raccolta

porta a porta (PAP). Questo metodo

permetterà una misurazione puntuale

del conferimento dei rifiuti , utile sia per

ricavare statistiche sulla quantità di spazzatura

differenziata sia per incentivare le

persone a farla. Il comune di Vernasca realizzerà

una stazione ecologica attrezzata,

mentre nei comuni dove esistono già

saranno effettuati lavori di sistemazione,

manutenzione e adeguamento. La misura

che invece prevede la conservazione

della biodiversità mira a preservare tutte

le diverse forme di vita che popolano il

nostro territorio, in particolar modo la

Riserva Naturale Geologica del Piacenziano,

di grande rilevanza stratigrafica e

paleontologica. Il fiume Trebbia sarà oggetto

di lavori che promettono aree verdi

attrezzate, percorsi e in aggiunta la riqualificazione

e la rinaturazione della conoide

(forma convessa che si apre a ventaglio

allo sbocco dei corsi d’acqua, tipica

delle pianure). I progetti che riguardano

il Parco del Trebbia sono importanti se

si considera che sono stati destinati 180

mila euro in più rispetto agli stanziamenti

iniziali, a dimostrazione sia della bontà

degli interventi proposti sia del fatto

che le aree protette portano risorse sul

territorio. Infine per migliorare la qualità

dell’aria, il Piano prende in considerazione

l’idea di dotare le due scuole medie

di Piacenza, la “Carducci” e la “Calvino”,

di nuovi impianti per perfezionare l’efficienza

energetica.

Di Francesca Di Marco

25 - luglio 2009 IL MESE PIACENZA


PROVINCIA

Sotto il panorama della val Nure

Nell’altra pagina una suggestiva veduta di Ponte dell’Olio

Progetto saranno interessate arterie comunali e provinciali

Due interventi

sulla viabilità

Verranno realizzati lavori nei comuni di Lugagnano

e Ponte dell’Olio per migliorare la sicurezza delle strade

Firmati due protocolli d’intesa

tra Provincia e due Comuni

piacentini, Lugagnano e Ponte

dell’Olio, per migliorare la viabilità

di interesse comune nel territorio dei

due enti locali.

L’accordo con il Comune di Lugagnano,

sottoscritto giovedì 4 giugno,

prevede la realizzazione di interventi

volti a tutelare la sicurezza delle

utenze deboli su alcune arterie, provinciali

e comunali, nel comune di Val

d’Arda. Le strade provinciali interessate

sono la n. 4 di Bardi e la n. 47 di

Antognano, la comunale è via Cavalieri

di Vittorio Veneto, nell’abitato di

Lugagnano. Per la messa in sicurezza

delle tre arterie è stato definito un

progetto complessivo che prevede la

realizzazione delle seguenti opere:

un marciapiede sul lato sinistro della

strada di Bardi, tra il cimitero di Lugagnano

e l’incrocio con via Fermi,

per una lunghezza di circa 870 metri;

una diversa articolazione degli incroci

tra la suddetta viabilità e via Matteotti

e la provinciale di Antognano;

una diversa articolazione degli incroci

tra provinciale di Antognano e via

Cavalieri di Vittorio Veneto e Viale

Madonna del Piano; un marciapiede

lungo la provinciale di Antognano tra

viale Madonna del Piano e via Ugo

La Malfa.

L’intesa con il Comune di Ponte

dell’Olio prevede invece la realizzazione

di una variante alla strada

provinciale n. 36 di Godi all’interno

dell’abitato di Ponte dell’Olio, che

consenta di rendere più sicura l’intersezione

tra la stessa provinciale

e la strada provinciale n. 654 di Val

Nure, all’altezza della chiesa del paese,

subito a monte del ponte sul

Nure.

L’ipotesi di progetto prevede la realizzazione

di una nuova arteria nella

porzione est del paese, per alleggeri-

castel san giovanni

Ospedale, avviati i lavori al Pronto Soccorso

Sono iniziati a fine giugno,

all’ospedale di Castel San

Giovanni, i lavori per la

realizzazione dei locali di

accesso delle ambulanze al

Pronto soccorso. L’intervento

consiste nella realizzazione

di una “camera calda”,

un locale collegato con il

“Pronto Soccorso – Medicina

d’Urgenza”, in cui arrivano

L’intervento consiste nella

realizzazione di una “camera

calda” nella quale

avverà il passaggio di

consegne del paziente

i mezzi di soccorso e in

cui avviene il passaggio di

consegne del paziente: dagli

operatori del 118 viene preso

in carico dagli operatori del

Pronto Soccorso. Dopodichè

l’ambulanza riparte e si reca

presso il punto di partenza

dei mezzi di soccorso,

situato in un’altra area del

sedime ospedaliero. Per

consentire lo svolgimento

dell’intervento, sono state

modificate alcune entrate

veicolari alla struttura. In

particolare le ambulanze che

conducono pazienti al Pronto

soccorso continueranno a

utilizzare l’ingresso abituale

e dedicato. I mezzi di

soccorso destinati al

trasporto di persone ad

altri reparti dell’ospedale

devono avvalersi invece

dell’accesso dal centro

dialisi.

Infine, i pazienti non autosufficienti

che arrivano

all’ospedale con veicoli

propri devono utilizzare

l’accesso attraverso il

piazzale dell’ex cucina.

In loco è stata predisposta

apposita segnaletica per

favorire il corretto ingresso

dei mezzi.

Per informazioni, i cittadini

possono rivolgersi

all’ufficio relazioni con il

pubblico (0523/880131) o

al centralino dell’ospedale

stesso (0523/880111), il cui

personale risponde anche ai

citofoni posti in prossimità

degli accessi.

26 - luglio 2009 IL MESE PIACENZA


Multe Previste per i trasgressori sanzioni da 25 a 500 euro

Castelvetro raziona

l’acqua fino al 31 agosto

acqua è un bene primario non

L’ inesauribile. Da tempo esperti

e climatologi ci avvertono sui rischi

di un consumo sconsiderato di

questa risorsa, e ora il Comune di

Castelvetro Piacentino fa un passo

concreto: con l’approssimarsi della

stagione estiva è stato infatti deciso

il rigoroso contenimento del consumo

dell’acqua potabile.

Nell’ordinanza del sindaco Francesco

Marcotti si legge che a tutti gli utenti

è chiesto di limitare il consumo di

questo bene prezioso agli stretti bisogni

domestici ed igienici, vietando

di fatto l’impiego dell’acqua da essi

attinta per usi diversi come ad esempio

l’innaffiamento di piazzali, orti,

giardini e il di lavaggio auto.

L’ordinanza è entrata in vigore a partire

dal 22 giugno e vi resterà fino

al 31 agosto. L’obiettivo è limitare

il consumo di acqua all’interno di

due fasce orarie: dalle ore 7,00 alle

ore 9,00 e dalle ore 18,00 alle ore

22,00.

I contravventori dovranno anche

stare attenti alle sanzioni che sono

state previste nell’ordinanza del sindaco.

In rispetto e con le modalità

previste dalla legge 689/81, si potrà

essere multati con una somma che

va da euro 25,00 ad euro 500,00 in

conformità a quanto previsto dall’art.

25 del regolamento comunale per la

concessione ed erogazione dell’acqua

del civico acquedotto.

Matteo Caffarelli

m

IN BREVE

Apre l’asilo

nido a Travo

Travo ha un nuovo asilo. Si chiama

“I ciottoli del Trebbia” è accoglie fino

a vent’otto bambini da 0 a 3 anni. Il

nuovo asilo, che rappresenta un importante

servizio per l’intera comunità,

è stato finanziato dalla Provincia

(350mila euro), dal Comune di Travo

(150mila euro) e dalla Fondazione di

Piacenza e Vigevano (300mila euro).

Nuova pista ciclopedonale

a Rivergaro

In base al protocollo d’intesa firmato

dal Comune di Rivergaro e l’Amministrazione

provinciale verrà messa in

sicurezza la strada che va dal sagrato

della chiesa di Pieve Dugliara fino al

Rio Moscolano. La strada verrà allargata

di tre metri per ricavare uno spazio

ciclo pedonale La pista, che sarà lunga

circa 250 metri, è costata 400mila

euro.

Fiorenzuola, contributi

per il commercio

re la provinciale di Val Nure del traffico

che si muove sulla tratta Bettola

Carpaneto, riducendo il numero di

automezzi che attualmente percorrono

la provinciale di Godi da via Acerbi

alla intersezione con la provinciale

di Val Nure. Si tratta di un intervento

strategico ai fini del miglioramento e

della messa in sicurezza della viabilità

locale, voluto e richiesto con particolare

insistenza sia dal sindaco di

Ponte dell’Olio Roberto Spinola, sia

dal Consigliere Provinciale di zona

Andrea Cunico.

Ammonta a 550 mila euro il contributo

richiesto da 25 negozianti di Fiorenzuola

tratto dai fondi per il commercio

messi a disposizione dalla legge

266/1997. La Provincia ha riaperto un

bando che prevede che il Comune presenti

un proprio progetto legato al centro

storico in cui compaiano interventi

di miglioria alle attività del commercio.

L’importo complessivo verrà rimborsato

se Fiorenzuola otterrà un buon punteggio

al bando.

Si rinnova il parco giochi

di Pecorara

Un nuovo spazio per i giovani di Pecorara.

Da ieri anche i più piccoli abitanti

del Comune hanno a disposizione un

nuovo parco giochi. L’area verde destinata

al divertimento dei bambini è

stata rinnovata nelle attrezzature e ammodernata

con nuovi giochi a norma.

Gli interventi per il nuovo parco giochi

sono stati possibili grazie a un contributo

di 18mila euro.

27 - luglio 2009 IL MESE PIACENZA


TEMPO LIBERO

Spettacoli e camminate per imparare a rispettare l’ambiente

Il connubio di

Natura e Teatro

DI diego dalla costa

Spettacoli teatrali, una mostra fotografica di

Sebastiao Salgado, visite guidate tra scenari

“incantati”. Questo è il Festival Internazionale di

Teatro Natura, una manifestazione che giunge

quast’anno alla settima edizione

Con il teatro alla scoperta

dell’ambiente. è quel che

promette anche quest’anno

il Festival internazionale Teatro Natura,

una manifestazione davvero

unica nel suo genere, che promuove

e incentiva l’idea di teatro come

strumento di educazione ambientale,

attraverso l’uso di nuovi linguaggi

espressivi rivolti soprattutto ai più

giovani.

Oltre a proporre rappresentazioni,

spettacoli e una mostra fotografica

di Sebastiao Salgado dal titolo “Clima:

le ragioni di uno sviluppo sostenibile”,

il festival è un’occasione

per conoscere quella che è, anche in

questa settima edizione, la sua tradizionale

location, ossia il piccolo borgo

di Vezzolacca, una delle più belle

frazioni del comune di Vernasca,

sull’Appennino piacentino, affacciata

sulla media Val d’Arda, a 13 km da

Piacenza e a 11 da Lugagnano.

In luglio tre visite guidate nei dintorni

del paese porteranno a scoprire

un territorio che da offrire ha tanto.

Domenica 5 luglio si andrà “alla

scoperta di un luogo incantato”, ad

esplorare i meandri dell’antico borgo

medievale, risalente al XIII secolo,

tra case di sasso con il tetto in

“ciappe”, cappellette votive e prodotti

gastronomici. Ci si avventurerà

anche nei freschi dintorni del paese,

imparando ad apprezzare le meraviglie

naturalistiche della zona, su un

percorso di livello turistico (dislivello

di 200 metri).

Un’altra visita guidata domenica 12

luglio. Il percorso - livello trekking

medio, dislivello di 130 metri - con-

28 - luglio 2009 IL MESE PIACENZA


a castello

Grano, astronomia e

uva a Gropparello

m

durrà fino ad un punto panoramico,

dal quale si potrà godere una bellissima

vista sulla diga di Mignano. Durante

la sosta verrà offerta anche una

piccola merenda a base di prodotti

tipici della zona. Tra i tanti, la patata

è senza dubbio la regina assoluta

delle tavole del borgo. Già dall’Ottocento

Vezzolacca poteva vantarsi di

essere il miglior villaggio di tutta la

valle per la fertilità del suolo.

La predisposizione naturale del terreno

e la favorevole posizione geo-

Tanti gli appuntamenti legati alle tradizioni

antiche al castello di Gropparello

nei mesi estivi.

Si inizia il 5 luglio con la Festa del

Grano, un’occasione per recuperare

vecchie abilità inerenti la lavorazione

della farina. Il mese di agosto è invece

occupato dagli eventi per la ricorrenza

dell’Anno Mondiale dell’Astronomia,

con escursioni naturalistiche nelle

Gole del Vezzeno, banchetti e visite

guidate notturne al castello.

Il 6 settembre, per finire, si celebrerà

la festa dell’uva, che i bambini potranno

pigiare nei tini, portando a casa

il mosto e le vinacce frutto del loro

lavoro.

Info: 0521.829055-823221

grafica hanno permesso

il diffondersi della sua

coltivazione, con eccellenti

risultati. Poi le castagne,

altra eccellenza

del territorio: lo dimostrano i secolari

castagneti che si estendono sui

monti attorno al paese, dalle pendici

sino alle vette (800-900 m).

Infine, due passi per conoscere il

bosco domenica 18 luglio, in un percorso

ad anello - di livello turistico,

e con un dislivello di 100 metri - che

L’escursione

Sabato 18 al lago Moo XX edizione

per la manifestazione popolare

Torna l’appuntamento con la manifestazione popolare

Festa in Quota, che quest’anno festeggia la XX edizione,

organizzata nell’anfiteatro naturale del lago Moo, in località

Ferriere, raggiungibile a piedi, in bicicletta o a cavallo.

Sul posto è possibile degustare piatti tipici piacentini e

percorrere vari itinerari per raggiungere a piedi il lago. Il

programma prevede, sabato 18, un semplice bivacco in

riva allo specchio d’acqua, davanti al fuoco. Domenica

19, dopo la Santa Messa al campo, ristoro con specialità

e prodotti tipici e vari intrattenimenti con gruppi folkloristici

del Festival dei Giovani. Per ottenere il permesso

di campeggio presso il lago, è necessario contattare il

Comune di Ferriere.

Info: 339-6383948 / 0523-868112

porterà a scoprirne i tanti misteri.

Camminando, si impareranno a conoscere

i segni e le tracce degli abitanti

del bosco, ammirando le fioriture

estive di quello che è da considerare

un autentico angolo di paradiso.

Le tre visite guidate - di un’ora e

mezza di cammino ciascuna - partiranno

davanti alla chiesa del borgo

di Vezzolacca, alle 17.

E’ consigliato portare con sé l’acqua

dato che lungo i percorsi non ci sono

fontane dalle quali rinfrescarsi.

una visita a...

Vigoleno

Arte/Natura: da Max Ernst all’arte nel borgo

fino al 5 luglio

info: 02 860290

Clima: Le ragioni di uno sviluppo sostenibile

Mostra fotografica di Sebastiao salgado

Caffè Letterario Trieste 34 – Piacenza (Via Trieste 34)

Dal 5 al 27 settembre

info: 329.8521350

29 - luglio 2009 IL MESE PIACENZA


TEMPO LIBERO

IN BREVE

Estate in cit

per gli over 60

Il Comune di Piacenza ha organizzato

un ricco calendario di iniziative

per soddisfare tutti gli interessi e

gli hobby dei piacentini over 60. Il

programma “E..state in città” dura

per i tre mesi estivi e comprende

numerose attività tra cui idrogym,

cinema, gite fuori porta, balli, canti,

spettacoli e pasti a prezzi agevolati.

Creatività e divertimento ai

Giardini di Padre Gherardo

Inizia la creatività estiva ai Giardini

di Padre Gherardo. Fino al 17 luglio,

otto appuntamenti per i giovanissimi:

venerdì 10 laboratorio

artistico di costruzione del libro

tattile; lunedì 13 lettura animata

e giochi d’acqua con le “Fiabe

bagnate in giardino”; venerdì 17

“Sassi di moda”, laboratorio creativo

per imparare a utilizzare con

fantasia i colori, le forme e gli elementi

naturali.

Passare l’estate

a Carpaneto Piacentino

Il Comune di Carpaneto ripropone

quest’anno ai più piccoli due Centri

estivi. Il primo, dal nome “Un’estate

senza fili”, coinvolgerà fino al 24 luglio

i bambini e i ragazzi compresi dalla seconda

elementare alla seconda media

in attività di gioco e laboratori creativi.

Per i più piccini, dai quattro ai sei anni,

ci sarà invece il Centro estivo Junior

fino al 31 luglio.

Orari estivi per la

biblioteca di Castelvetro

Fino al 15 settembre la biblioteca

comunale di Castelvetro rispetterà

l’orario estivo. Il martedì la biblioteca

sarà aperta dalle ore 8.30 alle

14.00; il mercoledì e il giovedì dalle

ore 8.30 alle 13.00 e dalle 14.00

alle 18.30; il sabato dalle ore 9.00

alle 13.30. Lunedì e venerdì invece

la biblioteca resterà chiusa al pubblico.

Nel corso della due giorni si potrà partecipare al ballo storico

A Lugagnano arriva

l’esercito napoleonico

Provate ad immaginare

di ritrovarvi in mezzo a

migliaia di soldati in divisa

sgargiante e dai diversi colori,

di sentire il trombettiere

che suona la carica o il rombo

assordante del cannone.

Un incubo? Non necessariamente,

se si partecipa ad

una rievocazione storica di

una battaglia napoleonica.

La storia, si sa, è una passione

che talvolta può sfociare

in una vera e propria mania.

Ne sanno qualcosa le migliaia

di appassionati di guerre

napoleoniche che da tutta

Europa ogni anno vanno sui

campi di battaglia storici a

rievocare, con divise, lustrini

ed armamenti perfetti, gli

scontri che hanno fatto da

contrappunto ad una delle

epopee più interessanti ed

affascinanti.

Non sfugge a questa insolita

passione anche la nostra

provincia, ed in particolare

il comune di Lugagnano Val d’Arda,

dove il 19 giugno del 1799 si svolse

la battaglia della Trebbia.

Il fatto d’armi non vide partecipare

sul campo l’allora generale Bonaparte,

ma quello che in seguito diventerà

uno dei suoi marescialli: il

generale Macdonald. Ad affrontarlo

niente meno che un russo, il generale

Suvorov, alla guida di truppe

austro russe, all’epoca alleate nella

Seconda Coalizione antifrancese.

Lo scontro fu aspro, con circa 6000

morti e feriti per parte e vide prevalere

alla fine della giornata Suvorov,

che rimase padrone del campo.

L’11 e 12 luglio si svolge la

rievocazione della battaglia

della Trebbia che vide

affrontarsi l’esercito francese

contro quello austro-russo

Sabato 11 e domenica 12 luglio in località

Rustigazzo si svolgerà il fitto

programma rievocativo. Nella mattinata

di sabato si potrà assistere

all’arrivo delle truppe e all’allestimento

del campo storico. Dalle 15

alle 19 verrà aperto al pubblico, mentre

dalle 21.30, al campo sportivo, si

potrà partecipare al ballo storico con

il corpo di Ballo degli Estensi.

Il giorno dopo il campo verà aperto

al pubblico dalle 9 alle 12, mentre a

partire dalle 16 avrà luogo la rievocazione

della battaglia vera e propria

con fuochi, effetti pirotecnici, cariche

di cavalleria e furiosi corpo a corpo.

30 - luglio 2009 IL MESE PIACENZA


Cercali in EDICOLA!

Gli eventi, i progetti, le opportunità

Insieme Il MesePiacenza Magazine Attualità e il MesePiacenza CULTURA E SPETTACOLO

Tutto quello che devi sapere sulla tua cit

Ritaglia e consegna il coupon in edicola per avere le due riviste gratuitamente


n.4

05.09

il mese

M A G A Z I N E


€ 0,50

€ 0,50

di

M A G A Z I N E

P i a c e n z a

il mese

06.09

n.5

MUSICA

IN VAL

TIDONE

Al via il Festival 2009.

Fino all’autunno una carrellata

dieventi musicali e concorsi.

Tra gli ospiti: Ayami Ikeba,

Rebecca Capova, Paolo

Di Sabatino

P i a c e n z a

C’È DA RICOSTRUIRE

UN PONTE

€ 0,50

di







il mese

M A G A Z I N E

€ 0,50

n.6

07.09


di

P i a c e n z a

Poste italiane. Spedizione in Abb. Postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n.46) Art. 1, comma 1, DCB Parma - suppl. a il mese di Piacenza n° 5/2009



A7940409

CINEMA

Dal’13 al 19

giugno Location

Piacenza 2009

“cinge d’assedio”

la cit

MUSICA

Maurizio Roi,

Presidente della

Fondazione

Toscanini, parla del

Teatro Municipale

A8350509

ARTE








A Castell’Arquato,

fino al 14 giugno,

le opere di Debora

Romei ed Erich

Turroni




A7680309

PIACENZA

VOGLIA DI SICUREZZA








IN PROVINCIA














SI CAMBIA

A8350509










Buono acquisto per una copia di

Ritaglia il coupon,

consegnalo alla tua

edicola e ritira la

tua copia gratuita

Valido fino al 31 dicembre 2009

PER L’EDICOLANTE: DA RESTITUIRE ALL’AZIENDA DI DISTRIBUZIONE GIORNALI

www.ilmese.it

www.edicta.net


IL BENESSERE TERMALE...

CHE ACCENDE LE TUE EMOZIONI!

TERME DI SALSOMAGGIORE E DI TABIANO

salute, benessere, bellezza

Trattamenti personalizzati e suggestivi rituali di benessere in ambienti eleganti

e confortevoli alla ricerca dell’equilibrio interiore. Massaggi, idromassaggi,

maschere, trattamenti orientali, percorsi acquatici e detossinanti, remise en

forme: il vero benessere ti aspetta!

le terme del respiro

TERME DI SALSOMAGGIORE E DI TABIANO S.P.A.

Via Roma, 9 - 43039 Salsomaggiore Terme (PR) - Tel 0524 582.611 - Fax 0524 576.987

www.termedisalsomaggiore.it - info@termedisalsomaggiore.it

More magazines by this user
Similar magazines