I C Manzoni Ornago anno scolastico 2010/2011 Gli anfibi Francesco ...

icornagoburago.it

I C Manzoni Ornago anno scolastico 2010/2011 Gli anfibi Francesco ...

I C Manzoni Ornago anno scolastico 2010/2011 Gli anfibi Francesco Colnaghi e Riccardo Mandelli


Cosa sono

Gli anfibi sono animali terrestri e acquatici. Vivono nella fase

larvale in acqua, perché hanno le branchie, mentre nella fase

adulta si sviluppano i polmoni che permettono la

respirazione sulla terraferma. Essi rappresentano uno stadio

intermedio tra pesci e rettili. Questi vertebrati ectotermi ( a

sangue freddo) si dividono in 3 gruppi:

tritoni e salamandre;

rane e rospi;

lumbriciformi cecilie.

Cecilia Salamandra Rana

I C Manzoni Ornago anno scolastico 2010/2011 Gli anfibi Francesco Colnaghi e Riccardo Mandelli


Evoluzione

I primi Anfibi (circa 370 milioni di anni fa) discendevano dai

pesci a pinne carnose.

Furono i primi animali ad avere le palpebre, un olfatto

sviluppato e una lingua.

Nei successivi 70 milioni di anni, essi furono soppiantati dai

rettili (che avevano la capacità di deporre le uova col guscio)

e per questo la maggior parte delle specie si estinse.

Diplocaulo

I C Manzoni Ornago anno scolastico 2010/2011 Gli anfibi Francesco Colnaghi e Riccardo Mandelli


Cicli vitali

Il ciclo si vita degli anfibi consiste in tre stadi: uovo---

larva---adulto.

Questa trasformazione si chiama “metamorfosi”.

Nelle rane e nei rospi la fecondazione è esterna, e lo

sperma penetra nelle uova.

Nelle salamandre e nei tritoni la fecondazione è interna,

cioè lo sperma entra nel corpo della femmina in piccole

capsule gelatinose chiamate “spermatofore”.

I girini (cioè le larve delle rane e dei rospi) sono erbivori,

mentre le larve delle salamandre e dei tritoni sono

carnivore.

I C Manzoni Ornago anno scolastico 2010/2011 Gli anfibi Francesco Colnaghi e Riccardo Mandelli


Ciclo vitale della rana

I C Manzoni Ornago anno scolastico 2010/2011 Gli anfibi Francesco Colnaghi e Riccardo Mandelli


Pelle

La pelle degli anfibi è

permeabile, dotata di

ghiandole mucose che

la mantengono umida.

La pelle serve anche

per assorbire ossigeno.

Curiosità!!!

Crescita e sviluppo

Le uova si schiudono circa in

6 giorni. Dopo 4 settimane le

branchie vengono riassorbite

dalla pelle. Tra la 6° e la 9°

settimana si sviluppano i

polmoni e gli arti posteriori,

non ancora ben funzionanti.

Nella 9° settimana compaiono

anche gli arti anteriori.

Alla 16°settimana la coda

viene riassorbita dal corpo e

la larva diventa adulta.

I C Manzoni Ornago anno scolastico 2010/2011 Gli anfibi Francesco Colnaghi e Riccardo Mandelli


Respirazione cutanea

Molti anfibi respirano

attraverso le cute,

immettendo

l'ossigeno

direttamente nella

circolazione

sanguigna ed

espellendo l'anidride

carbonica. Oltre ad

avere moltissimi vasi

sanguigni, la loro

pelle è molto sottile

ed è mantenuta

umida, favorendo così

il passaggio delle

sostanze gassose.

I C Manzoni Ornago anno scolastico 2010/2011 Gli anfibi Francesco Colnaghi e Riccardo Mandelli


I C Manzoni Ornago anno scolastico 2010/2011 Gli anfibi Francesco Colnaghi e Riccardo Mandelli


Chi sono

Questi animali vermiformi privi di arti sono i più piccoli

dei 3 principali gruppi di anfibi. E molto difficile

incontrarli perché vivono in tane sotterranee o

sott'acqua, in aree umide e tropicali.

Le cecilie si distinguono dai lombrichi grazie al loro

ciclo vitale.

I C Manzoni Ornago anno scolastico 2010/2011 Gli anfibi Francesco Colnaghi e Riccardo Mandelli


Cicli vitali

Le cecilie hanno cicli di vita variabili:

alcune specie depongono le uova (ovipari);

mentre altre le trattengono nel proprio corpo e le

nutrono con secrezioni prodotte dall'ovidotto fino alla

schiusa e all'emissione di un esemplare giovane

(vivipari).

I C Manzoni Ornago anno scolastico 2010/2011 Gli anfibi Francesco Colnaghi e Riccardo Mandelli


Anatomia

Le cecilie hanno un corpo lungo e sottile, nero, bruno o

rosa e privo di arti. Hanno occhi rudimentali e per la

ricerca del cibo e del partner si affidano all'odorato.

Alcune sembrano grandi lombrichi e si insinuano nel

terreno morbido o nel fango usando l'esile testa

puntuta come una vanga. Le cecilie acquatiche

assomigliano alle anguille; la coda ha una pinna che

permette loro di nuotare vigorosamente.

I C Manzoni Ornago anno scolastico 2010/2011 Gli anfibi Francesco Colnaghi e Riccardo Mandelli


I C Manzoni Ornago anno scolastico 2010/2011 Gli anfibi Francesco Colnaghi e Riccardo Mandelli

More magazines by this user
Similar magazines