06.01.2015 Views

Presentazione di PowerPoint - Forum PA

Presentazione di PowerPoint - Forum PA

Presentazione di PowerPoint - Forum PA

SHOW MORE
SHOW LESS

You also want an ePaper? Increase the reach of your titles

YUMPU automatically turns print PDFs into web optimized ePapers that Google loves.

<strong>Forum</strong> P.A.<br />

24 Maggio 2007<br />

Prof. Luisa Bartorelli<br />

Docente Psicogeriatria - Università Cattolica<br />

Presidente Alzheimer Uniti Onlus


Per una alimentazione corretta …<br />

• Proteine = 1g / Kg / <strong>di</strong>e<br />

• Carboidrati: a seconda dell’attività<br />

• Lipi<strong>di</strong>: grassi animali olio <strong>di</strong> oliva extraverg.<br />

• Vitamine: E - D - A<br />

• Liqui<strong>di</strong>: 1,5 l 2 l nella canicola<br />

* Dentatura e protesi in or<strong>di</strong>ne!


Quadro clinico<br />

• Alterazioni delle<br />

funzioni cognitive<br />

• Disturbi del<br />

comportamento<br />

• Compromissione<br />

funzionale<br />

• Comorbilità


DISTURBI COGNITIVI<br />

Deficit mnesici<br />

Disorientamento temporale e spaziale<br />

Aprassia<br />

Afasia, alessia, agrafia<br />

Acalculia<br />

Agnosia<br />

Deficit <strong>di</strong> ragionamento astratto,<br />

<strong>di</strong> logica, <strong>di</strong> giu<strong>di</strong>zio<br />

Deficit visuospaziali


DISTURBI PSICO-COMPORTAMENTALI<br />

Ansia – Depressione<br />

Agitazione psicomotoria<br />

Aggressività verbale o fisica<br />

Vocalizzazione persistente<br />

Vagabondaggio<br />

Affaccendamento incongruo<br />

Perseverazione -Acatisia<br />

In<strong>di</strong>fferenza – Apatia/abulia<br />

Disinibizione – Irritabilità<br />

Disturbi del comportamento alimentare<br />

Disturbi del comportamento sessuale<br />

Disturbi dei ritmi circa<strong>di</strong>ani<br />

Deliri - Allucinazioni


SISTEMA SENSORIALE<br />

per<strong>di</strong>ta frequente<br />

<strong>di</strong>fficoltà verso<br />

le fonti sonore<br />

OLFATTO<br />

permane<br />

più a lungo<br />

UDITO<br />

TATTO<br />

5<br />

<strong>di</strong>fficoltà <strong>di</strong> visus<br />

VISTA<br />

GUSTO<br />

incapacità <strong>di</strong><br />

cogliere<br />

alcuni sapori<br />

abbagliamento<br />

L’Alzheimer compromette sensibilmente in <strong>di</strong>verse<br />

maniere e a vari livelli la capacità <strong>di</strong> acquisire dati.


Malattia <strong>di</strong> Alzheimer: sintomi clinici<br />

Deficit sensoriali<br />

Disturbi<br />

cognitivi<br />

Disturbi<br />

comportamentali<br />

Stato<br />

funzionale


• La malnutrizione è più<br />

frequente e pericolosa<br />

• La <strong>di</strong>sidratazione provoca<br />

confusione mentale<br />

• L’alimentazione è<br />

elemento <strong>di</strong> compenso e<br />

<strong>di</strong> stimolo<br />

• Si intensifica il significato<br />

affettivo del cibo:<br />

gli alimenti “magici”.<br />

• La gestione della<br />

nutrizione è<br />

un’importante frontiera


Un modello<br />

positivo<br />

Spazio<br />

Persone<br />

Attività


L’approccio protesico


Il miglior livello funzionale<br />

percepito soggettivamente<br />

in assenza <strong>di</strong> stress.


Gerarchia<br />

delle<br />

attività


Nutrizione per l’Alzheimer<br />

L’ATTO DEL MANGIARE<br />

• Ambiente dei pasti<br />

• Posizione fisica del paziente e del<br />

caregiver<br />

• <strong>Presentazione</strong> dei cibi<br />

• Strategie <strong>di</strong> stimolazione<br />

•Tempi


Nutrizione per l’Alzheimer<br />

L’ATTO DEL MANGIARE<br />

• Ambiente dei pasti<br />

• Posizione fisica del paziente e del<br />

caregiver<br />

• <strong>Presentazione</strong> dei cibi<br />

• Strategie <strong>di</strong> stimolazione<br />

•Tempi


6<br />

8<br />

L’OROLOGIO NUTRIZIONALE<br />

4<br />

6<br />

12 mezzanotte<br />

10 2<br />

Sonno: stimolo<br />

nutrizionale del<br />

nottambulo<br />

8<br />

stimolo nutrizionale<br />

all’ora <strong>di</strong> coricarsi<br />

Cena<br />

stimolo nutrizionale<br />

al risveglio<br />

Prima colazione<br />

stimolo nutrizionale<br />

a metà mattina<br />

Tè o caffè<br />

Pranzo<br />

4<br />

2<br />

10<br />

12 mezzogiorno


Ciclo della qualità per la nutrizione geriatrica<br />

1.<br />

Profilo della persona<br />

6.<br />

Follow up<br />

Geriatra 2.<br />

Valutazione<br />

nutrizionale<br />

Famiglie<br />

Personale<br />

5.<br />

Verifica<br />

3.<br />

Fattori ambientali<br />

4.<br />

Piano nutrizionale


Nutrizione per l’Alzheimer<br />

Sta<strong>di</strong>azione <strong>di</strong> malattia<br />

• Fase dell’esor<strong>di</strong>o (lieve)<br />

• Fase centrale (moderata)<br />

• Fase grave (severa)<br />

• Fase terminale


Nutrizione per l’Alzheimer<br />

FASE LIEVE<br />

• Disturbi della memoria: <strong>di</strong>fficoltà<br />

nella preparazione dei cibi<br />

• Depressione malnutrizione<br />

• Solitu<strong>di</strong>ne malnutrizione


La voce dei pazienti e dei caregiver<br />

• Paziente: “Le buone ricette che ho imparato<br />

da mia madre non mi riescono più come<br />

una volta…..”<br />

• Caregiver: “Una volta lo spezzatino era la<br />

tua specialità. Come mai non sei più buona<br />

Non ti applichi abbastanza!”<br />

La paziente scoppia a piangere<br />

convulsamente.


Nutrizione per l’Alzheimer<br />

FASE MODERATA<br />

• Difficoltà nelle ADL<br />

• Situazioni <strong>di</strong> rischio<br />

• Necessità <strong>di</strong> vigilanza continua<br />

• Alterazioni della fame della sete e della<br />

sazietà


La voce dei pazienti e dei caregiver<br />

• Paziente: chiede <strong>di</strong> mangiare con ripetitività.<br />

• Caregiver: “Porto mio padre in cucina e poi<br />

preparo il pranzo. Non posso metterlo subito<br />

seduto a tavola, se no inizia a mangiare il<br />

pane da solo, rapidamente. Il cibo è per lui<br />

qualcosa da inglobare: non lo assapora, si<br />

ingozza, gli va <strong>di</strong> traverso, tossisce. E’ una<br />

scommessa quoti<strong>di</strong>ana contro il<br />

soffocamento.”<br />

Il Caregiver è esausto.


Nutrizione per l’Alzheimer<br />

FASE SEVERA<br />

• Voracità / rifiuto del cibo<br />

• Necessità <strong>di</strong> offerta adeguata<br />

• Aprassia<br />

• Pazienza: virtù terapeutica


La voce dei pazienti e dei caregiver<br />

Paziente: se le si chiede cosa preferisce,<br />

risponde che è lo stesso.<br />

Caregiver: “Per far mangiare mia madre<br />

bisogna starle vicino e guardarla negli occhi<br />

mostrandole tenerezza, se no smette . E’<br />

sottopeso e tende a <strong>di</strong>magrire. Non è vero che<br />

tutti i cibi per lei sono uguali; noto che ama<br />

dolci e gelati più <strong>di</strong> altro”.<br />

Il Caregiver sa interpretare il linguaggio non verbale.


Nutrizione per l’Alzheimer<br />

FASE TERMINALE<br />

• Totale non autosufficienza<br />

• Alimentazione forzata<br />

• Son<strong>di</strong>no nasogastrico<br />

• PEG<br />

!!! Problemi etici !!!


La voce dei pazienti e dei caregiver<br />

• Paziente terminale.<br />

• Caregiver: “Sei mesi prima della morte <strong>di</strong> mio padre<br />

ho combattuto una nuova battaglia: ho imparato<br />

tutti i trucchi per stimolarlo, incluso il fatto <strong>di</strong><br />

togliergli la protesi per fargli sentire meglio i sapori<br />

che gli erano gra<strong>di</strong>ti: gelati, bu<strong>di</strong>ni e dolci da<br />

inzuppare nel latte. Sapevo che un giorno avrebbe<br />

smesso <strong>di</strong> mangiare. Alla fine mi pronunciai contro<br />

un’alimentazione forzata: ero decisa a farlo morire<br />

con tutta la sua <strong>di</strong>gnità e l’amore che potevo<br />

offrirgli”.<br />

Pensiamo che ci sia riuscita


LA GESTIONE DELLA COMPLESSITA’<br />

Tecnologico<br />

Psicosociale<br />

Approccio<br />

Umanistico<br />

Filosofico


“ E’ il buon cibo e non le belle parole a mantenermi in vita.”<br />

Molière

Hooray! Your file is uploaded and ready to be published.

Saved successfully!

Ooh no, something went wrong!