Data e orario dell'incontro Presenti (ruolo) Altri documenti di ...

microbiologia.unige.it

Data e orario dell'incontro Presenti (ruolo) Altri documenti di ...

PROGETTO DI CERTIFICAZIONE ISO 9001 DEL CORSO DI LAUREA IN MEDICINA E CHIRURGIA DELL'UNIVERSITÀ DI GENOVA

SCREENING INIZIALE

PROGETTAZIONE E SVOLGIMENTO DEI CORSI INTEGRATI

CORSO INTEGRATO GINECOLOGIA ED OSTETRICIA

Data e orario dell’incontro

Presenti (ruolo)

Altri documenti di riferimento

Sintesi delle modalità di gestione del Corso Integrato:

Caratteristiche salienti del C.I.

Il Corso prevede una forte integrazione trasversale tra la ginecologia e l’ostetricia in quanto dimensioni cliniche e

l’anatomia patologica del rispettivo ambito, per realizzare un superamento delle barriere disciplinari in una

prospettiva di complessità. L’offerta formativa del Corso è fortemente pensata e proposta privilegiando la relazione

tra docenti e studenti, la individuazione di problemi prioritari di salute della donna prospettati in chiave

“generalistica” e l’integrazione tra attività di piccolo gruppo tutoriale sulle unità didattiche e attività

professionalizzanti.

Corso Integrato

CFU TOTALI

GINECOLOGIA E OSTETRICIA 8

Settori scientifico-disciplinari

MED/40 Ginecologia e ostetricia 7,5

MED/08 Anatomia patologica 0.5

CFU

Coordinatore del Corso Integrato:

C. Maganza

Obiettivi generali del Corso Integrato: Alla fine del corso lo studente dovrà avere acquisito la conoscenza delle problematiche fisiopatologiche, cliniche e

psicorelazionali riguardanti la fertilità e la salute riproduttiva femminile, la gravidanza e la sua evoluzione, l’evento nascita nella sua complessità. Dovrà

inoltre avere acquisito la capacità di riconoscere i quadri più comuni di patologia ostetrico – ginecologica, orientandosi nelle misure preventive e terapeutiche

fondamentali ed individuando le condizioni che necessitano dell’apporto professionale dello specialista.

Ambito culturale Tema generale Unità Didattica Elementare F LC TC A TD

Ginecologia e La relazione in ginecologia e Sviluppare capacità relazionali nella raccolta di una anamnesi

Ostetricia

ostetricia

orientata ai problemi della sfera sessuale e riproduttiva

E 1 1 2 T

Ginecologia e La relazione in Ginecologia e Esercitare abilità empatiche e comunicative nei confronti della

Ostetricia

Ostetricia

donna al momento della nascita

E 1 1 2 T

Ginecologia e

Descrivere il modello riproduttivo nella specie umana dal punto di

L’arco della vita riproduttiva

Ostetricia

vista biologico e fisiopatologico

C 2 0 0 L

Ginecologia e

Ostetricia

L’arco della vita riproduttiva Identificare i fattori di infertilità di coppia C 1 1 0 P

Ginecologia e

Riconoscere le principali cause di infertilità di coppia e orientarsi

L’arco della vita riproduttiva

Ostetricia

nelle scelte terapeutiche in collaborazione con lo specialista

C 1 1 0 P

Ginecologia e

Orientarsi nell’inquadramento diagnostico e nel trattamento

L’arco della vita riproduttiva

Ostetricia

dell’anovulazione cronica

C 1 1 0 P

Ginecologia e

Inquadrare le principali procedure di riproduzione medicalmente

L’arco della vita riproduttiva

Ostetricia

assistita

C 1 0 0 L

Ginecologia e

Ostetricia

L’arco della vita riproduttiva Indirizzare verso la scelta e l’impiego di metodi contraccettivi C 2 2 0 P

Ginecologia e

Ostetricia

L’arco della vita riproduttiva Valutare rischi e benefici della contraccezione estro - progestinica C 1 1 0 L


PROGETTO DI CERTIFICAZIONE ISO 9001 DEL CORSO DI LAUREA IN MEDICINA E CHIRURGIA DELL'UNIVERSITÀ DI GENOVA

SCREENING INIZIALE

Ginecologia e

Ostetricia

Ginecologia e

Ostetricia

Ginecologia e

Ostetricia

Ginecologia e

Ostetricia

Ginecologia e

Ostetricia

Ginecologia e

Ostetricia

Ginecologia e

Ostetricia

Ginecologia e

Ostetricia

Ginecologia e

Ostetricia

Ginecologia e

Ostetricia

Ginecologia e

Ostetricia

Ginecologia e

Ostetricia

Ginecologia e

Ostetricia

Ginecologia e

Ostetricia

Ginecologia e

Ostetricia

Ginecologia e

Ostetricia

Ginecologia e

Ostetricia

Ginecologia e

Ostetricia

Ginecologia e

Ostetricia

Ginecologia e

Ostetricia

Ginecologia e

Ostetricia

Ginecologia e

Ostetricia

Ginecologia e

Ostetricia

Ginecologia e

Ostetricia

Ginecologia e

Ostetricia

Ginecologia e

Ostetricia

Ginecologia e

Ostetricia

Ginecologia e

Ostetricia

L’arco della vita riproduttiva Orientarsi di fronte alle principali problematiche sessuologiche C 1 1 0 P

L’arco della vita riproduttiva

L’arco della vita riproduttiva

La gravidanza

La gravidanza

Inquadrare gli aspetti fisiopatologici della menopausa e le eventuali

problematiche cliniche ad essa correlate

Valutare rischi e benefici di eventuali opzioni di trattamento in

menopausa

Descrivere le basi morfo – funzionali dello scambio materno –

fetale e le sue alterazioni

Riconoscere lo stato di gravidanza e le specifiche modificazioni che

esso comporta

C 1 1 0 L

C 2 1 0 L

C 1 0 0 L

C 1 1 1 P/T

La gravidanza Illustrare le modalità di sorveglianza della gravidanza fisiologica C 1 1 0 P/L

La gravidanza

La gravidanza

La gravidanza

La gravidanza

La nascita

Inquadrare le procedure di diagnostica prenatale e le problematiche

relative

Illustrare e riconoscere le problematiche che configurano una

gravidanza a maggior rischio (ipertensione, diabete, infezioni

materno – fetali, iposviluppo fetale, parto pre-termine)

Riconoscere le principali cause di fallimento riproduttivo nel primo

trimestre di gravidanza (aborto, gravidanza ectopica)

Definire i quadri clinici responsabili di sanguinamento nel terzo

trimestre di gravidanza (placenta previa, distacco di placenta,

C.I.D.)

Inquadrare la fenomenologia del parto, i suoi fattori e la sua

evoluzione clinica

C 1 1 0 L

C 1 1 0 P

C 1 1 0 P/L

C 1 1 0 P/L

C 1 1 0 P

La nascita Riconoscere la condizione di travaglio di parto CF 1 1 1 T

La nascita

Descrivere i parametri di sorveglianza del benessere materno –

fetale in travaglio di parto

C 1 1 0 P

La nascita Assistere ad un parto fisiologico C 1 1 1 T

La nascita

La nascita

La nascita

La nascita

Salute della donna e problematiche

in ginecologia clinica

Salute della donna e problematiche

in ginecologia clinica

Salute della donna e problematiche

in ginecologia clinica

Salute della donna e problematiche

in ginecologia clinica

Salute della donna e problematiche

in ginecologia clinica

Salute della donna e problematiche

in ginecologia clinica

Salute della donna e problematiche

in ginecologia clinica

Salute della donna e problematiche

in ginecologia clinica

Salute della donna e problematiche

in ginecologia clinica

Salute della donna e problematiche

in ginecologia clinica

Definire i quadri di deviazione dalla normalità del travaglio di

parto

Inquadrare le indicazioni al taglio cesareo ed all’impiego delle

procedure di operatività vaginale

Inquadrare le principali cause di patologia del secondamento e del

post partum

Illustrare le condizioni di patologia puerperale ed il relativo

trattamento

Inquadrare dal punto di vista clinico epidemiologico e della

prevenzione le principali malattie a trasmissione sessuale

Descrivere e riconoscere i principali quadri clinici di dolore

pelvico

Illustrare i presupposti fisiopatologici della malattia

endometriosica e le sue manifestazioni cliniche

Inquadrare le problematiche clinico – diagnostiche del fibroma

uterino e le relative opzioni di trattamento

Orientarsi nella diagnosi differenziale tra i sanguinamenti genitali

anomali nelle varie età della vita

Indicare il significato ed interpretare i risultati dello screening del

carcinoma della cervice uterina

C 1 1 0 P

C 1 1 0 P/L

C 1 1 0 P

C 1 1 0 P

C 1 2 0 P

C 2 1 0 P/L

C 1 1 0 L

C 1 1 0 P

C 1 1 0 P

C 1 1 0 P/T

Effettuare un prelievo citologico cervicale F 1 1 1 T

Fornire adeguate indicazioni per la diagnosi precoce delle

principali neoplasie genitali

C 1 1 0 P

Effettuare correttamente l’esame clinico della mammella F 1 1 2 T

Inquadrare le alterazioni anatomo – funzionali del pavimento

pelvico e le relative implicazioni di salute

C 1 1 0 P/L

Ginecologia e

Ostetricia

Ginecologia e

Ostetricia

Salute della donna e problematiche

in ginecologia clinica

I tumori della sfera genitale

femminile

Definire le principali tipologie di interventi chirurgici in

ginecologia e le relative indicazioni

Inquadrare i tumori ginecologici dal punto di vista anatomopatologico,

clinico e delle principali problematiche evolutive

C 1 1 0 L

C 1 1 0 L

Tipo di esame

M

Docenti

G. Bentivoglio, S. Costantini, E. Fulcheri, G. Giorgi, C. Maganza, S. Morano, N. Ragni, M. Valenzano Menada, P.L.

Venturini, E. Boccardo, V. Remorgida.

Indicazioni bibliografiche Pescetto, De Cecco, Pecorari, Ragni: Ginecologia e Ostetricia SEU 2001


PROGETTO DI CERTIFICAZIONE ISO 9001 DEL CORSO DI LAUREA IN MEDICINA E CHIRURGIA DELL'UNIVERSITÀ DI GENOVA

SCREENING INIZIALE

Distribuzione dei carichi didattici tra i docenti

Otto docenti svolgono funzione tutoriale di piccolo gruppo su temi/obiettivi del corso, e tutorship clinica in

diverse stazioni professionalizzanti (impegno è dell’intera mattina).

Due docenti svolgono soltanto attività d’aula (orario pomeridiano).

Calendarizzazione del corso

Il corso si sviluppa come modulo compatto (2 mesi circa) nel II semestre del 5° anno.

Modalità di svolgimento delle attività didattiche

E’ prevista una parte di attività teorica in piccolo gruppo (8 gruppi totali) relativa agli obiettivi formativi del

corso delineati come problemi prioritari di salute. In ognuna delle giornate del percorso è previsto un unico

momento d’aula, dove vengono sviluppate e approfondite alcune unità didattiche meritevoli di uno spazio

frontale. In ogni giornata è previsto uno spazio di tutorship clinica per l’attività professionalizzante che ogni

gruppo di studenti realizza in diverse stazioni (reparti, ambulatori).

Modalità di controllo delle presenze

A cura dei docenti/tutor dei singoli gruppi di lavoro.

Verifiche di apprendimento

Esame orale a partire da problemi clinici, coerentemente con il percorso per obiettivi e per problemi.

Livello di coordinamento tra i docenti

Il coordinatore del corso realizza una regia e una supervisione di tutto il progetto, che ogni anno viene ridiscusso

e ridefinito. Sono previsti periodici incontri tra i docenti coinvolti.

Nomina del Coordinatore (o Referente unico)

L’attuale coordinatore è stato nominato nel 2003 su indicazione dei docenti del corso e da allora confermato.

Modalità di comunicazione con gli studenti e gestione dei reclami

Esiste una regia forte da parte del coordinatore del C.I. che si interfaccia costantemente con gli studenti, durante

lo svolgimento del corso ma anche nel divenire dell’a.a..

Strumenti di autovalutazione e di customer satisfaction

Strumento informatico attivo per il CL, valutazioni in itinere durante il percorso formativo.

Necessità di modifiche all’attuale gestione del Corso Integrato per assicurare la conformità a requisiti di

legge e/o di Ateneo/Facoltà

No

Altri suggerimenti e osservazioni per il miglioramento del Corso Integrato

Auspicabile, in vista della 270, uno sforzo per maggiori integrazioni verticali (l’attenzione alla “gender medicine” e

alla “women-health” merita di essere articolata sui 6 anni) e una maggiore espansione della formazione

professionalizzante in chiave generalistica. Per quanto riguarda il modello di insegnamento/apprendimento, ci sono

le premesse per un’ulteriore evoluzione della fisionomia tutoriale del corso, attraverso un maggior impiego della

metodologia del problem-based-learning e del problem-solving.


PROGETTO DI CERTIFICAZIONE ISO 9001 DEL CORSO DI LAUREA IN MEDICINA E CHIRURGIA DELL'UNIVERSITÀ DI GENOVA

SCREENING INIZIALE

More magazines by this user
Similar magazines