Bilancio sociale Trexenta 2007- 2009 - Sociale - Provincia di Cagliari

sociale.provincia.cagliari.it

Bilancio sociale Trexenta 2007- 2009 - Sociale - Provincia di Cagliari

AMBITO TREXENTA

BILANCIO SOCIALE

TRIENNIO 2007-2009

AMBITO TREXENTA - Bilancio Sociale Triennio 2007-2009 1


BILANCIO SOCIALE

TRIENNIO 2007-2009

STATO DI ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI

A seguito delle disposizioni contenute nella L.R. 23/2005, nel 2006 nell’Ambito Trexenta si è costituito il GTP

– Gruppo tecnico di Piano - con il compito di stendere il primo atto programmatico.

Il primo documento è stato elaborato con grande difficoltà, a causa del pochissimo tempo disponibile e della

poca chiarezza di ruoli affidati agli operatori dai singoli comuni in sede di prima programmazione.

Solo in occasione del primo aggiornamento e attraverso il fondi resi disponibili dalla RAS per il

funzionamento degli Uffici di Piano, è stato possibile organizzare un ufficio apposito e procedere in modo più

razionale all’assolvimento delle incombenze richieste dalla Regione in materia di programmazione associata.

L’UPGA, programmato nel mese di dicembre 2007 in occasione del primo aggiornamento PLUS 2007.2009,

è stato istituito nel periodo gennaio-febbraio 2008, e ha avviato il proprio lavoro nel mese di marzo 2008,

assicurando a far data da allora, una presenza costante presso la sede assegnata per due/tre volte alla

settimana. È stato comunicato a tutti gli Enti l’orario di servizio, e le relative variazioni.

L’ufficio è attualmente composto da:

- 1 responsabile-coordinatore per circa 12 ore/settimana

- 2 assistenti sociali comunali per circa 10 ore settimanali cadauna

- 1 operatore della Provincia per circa 6 ore settimanali cadauna (due fino al 31.12.2008)

- 1 operatore ASL assegnato nel mese di settembre 2008 per circa 4 ore settimanali

In fase di avvio l’UPGA ha incontrato gli amministratori locali e il Gruppo Tecnico di Piano, composto da tutti

gli operatori sociali dei Comuni, per definire le priorità da perseguire.

Le priorità sono state definite dai Comuni secondo il seguente ordine:

1. attivazione Centro Diurno disabili

2. realizzazione PUA;

3. attivazione inserimenti lavorativi

4. attivazione Servizi Educativi

Ulteriori indicazioni di priorità – determinate dai termini di scadenza imposti dalla stessa Regione - sono

derivate dalle disposizioni regionali in materia di:

1. registro assistenti familiari

2. formazione assistenti familiari – “GRAF”

3. programma di contrasto alle povertà estreme – “Ne’ di fame ne’ di freddo”

4. bando regionale “Nella vita e nella casa”

5. progetto LR 20/97 – “Inclusione sociale” e “Laboratorio socio-educativo””

6. progetto potenziamento rete dei consultori – “Prendersi cura di sé per avere cura degli altri”

In conseguenza di quanto sopra, l’UPGA ha posto in essere le azioni che seguono:

A) AREA DELLE DISABILITA’:

1) Apertura Centro Diurno Disabili presso Mandas,

A seguito di regolare procedura di gara ad evidenza pubblica il servizio è appaltato ad ATI composta da 2

cooperative sociali in possesso dei requisiti richiesti. Le procedure di gara sono state svolte dal mese di

maggio al mese di agosto 2008. Il servizio ha avuto decorrenza in data 04.11.2008 e si svolge regolarmente.

Attualmente sono inseriti presso il Centro circa 15 giovani portatori di handicap grave. Il servizio prevede

l’accompagnamento a/r dall’abitazione al centro, attività di laboratorio, attività di escursione, attività di

animazione, sostegno alle famiglie, sostegno individualizzato degli iscritti.

Il centro è aperto all’inserimento di giovani, non previsti dalla programmazione PLUS, inseriti per il tramite

dei piani personalizzati di intervento ai sensi della Legge 162/98.

L’appalto è stato prorogato dal mese di novembre 2009 al mese di novembre 2010 e proseguirà senza

soluzione di continuità a parità di costi.

AMBITO TREXENTA - Bilancio Sociale Triennio 2007-2009 2


Il costo individuale del servizio è di € 5.684,00/anno per una frequenza di circa 10 ore settimanali, in orario

antimeridiano e/o pomeridiano.

Il centro è dotato di personale qualificato in misura adeguata alle necessità.

Sono presenti: 1 coordinatore, 1 pedagogista, 1 psicologo, 3 educatori, 1 autista, 1 assistente di base.

La spesa sostenuta al 31.12.2009 è di € 86.205,00. Il residuo 2008 garantisce lo svolgimento del servizio

fino al mese di novembre 2010.

Si riporta appresso LA TABELLA DI RESOCONTO suddivisa per comuni e annualità.

2) Servizio Informativo in favore delle persone con handicap

Nel contesto dell’area delle disabilità, la Provincia di Cagliari, ha garantito la prosecuzione e il regolare

funzionamento del “Centro Informazioni sulle risorse per le persone con disabilità”, servizio polivalente

presso il quale è possibile ricevere informazioni e consulenza, in grado di rispondere a svariati bisogni

informativi relativi alla disabilità espressi nel territorio dai cittadini con disabilità, dalle loro famiglie, dagli

insegnanti, dagli operatori dei servizi sociali e sanitari e da coloro che sono interessati per ragioni di lavoro e

di studio.

Il servizio garantisce l’apertura mensile dello sportello presso i locali del Poliambulatorio A.S.L. 8 Senorbì.

L’operatore assegnato, presente stabilmente presso l’UPGA è stato di fondamentale supporto nella

definizione dei progetti legati al programma regionale Domotica, provvedendo a individuare, limitatamente

alla linea B di progetto, le soluzioni più idonee per la risoluzione di problemi rappresentati delle persone

richiedenti.

La spesa relativa al Centro Informazioni, pari a € 2.500,00 annuali, è a totale carico della Provincia di

Cagliari che gestisce l’apertura di sportelli in tutto il territorio di propria competenza.

AMBITO TREXENTA - Bilancio Sociale Triennio 2007-2009 3


3) Inserimenti Lavorativi

Una gran parte del lavoro dell’UPGA si è concentrato sulla realizzazione e sull’avvio del complesso progetto

di inclusione sociale attraverso l’inserimento lavorativo di persone con disabilità e soggetti svantaggiati.

La definizione delle procedure di realizzazione dell’intervento sono state particolarmente laboriose e

complesse.

Escludendo l’ipotesi di procedere ad affidamento diretto in considerazione degli elevati importi da gestire, e

al contempo escludendo l’ipotesi di procedure d’appalto ad evidenza pubblica in quanto il progetto implica la

presenza di numerose variabili legate alla conoscenza diretta dei Comuni di attuazione degli interventi e

delle persone da inserire, non compatibili con le predette procedure d’appalto, è stato attivato un percorso

alternativo di coinvolgimento dei soggetti presenti nel territorio, abilitati alla realizzazione di inserimenti

lavorativi di soggetti svantaggiati quale tramite per la realizzazione di programmi di inclusione sociale.

A tal fine è stato svolto un capillare lavoro di informazione e sensibilizzazione in favore delle Cooperative di

tipo B presenti e operanti nel territorio della Trexenta, regolarmene iscritte ai registri regionali di legge, in

presenza delle organizzazioni sindacali, del CSL, dei Cesil zonali, al fine di avviare un dialogo che

consentisse la reciproca conoscenza e la definizione di percorsi perseguibili ai fini di una corretta e adeguata

definizione delle azioni progettuali. Sono stati svolti diversi incontri durante i quali è stato presentato il

progetto di massima ed è stato chiesto alle Cooperative di presentarsi in qualità di impresa e di presentare i

servizi svolti presso il territorio.

Parallelamente si è provveduto a operare il riparto proporzionale delle quote di inserimenti da assegnare a

ciascun comune in relazione agli importi stanziati nel PLUS.

È stato infine delineato il percorso, completo di atti e procedure, per la definizione di un Accordo Quadro tra

Unione dei Comuni, in quanto ente gestore PLUS e Cooperative interessate, che ha consentito di attivare gli

interventi di inserimento lavorativo in modo individualizzato, nel contesto di programmi globali di inclusione

sociale.

I soggetti firmatari dell’Accordo Quadro sono stati quindi invitati a formulare proposte sulla base di un

capitolato predisposto e sulla base di costi prestabiliti.

Hanno partecipato alla selezione 4 Cooperative che hanno condotto pertanto la prima fase della

sperimentazione.

Alle Cooperative è stato chiesto di provvedere alla realizzazione di programmi che comprendessero:

inserimento lavorativo con assunzioni a tempo determinato regolate dal CCNL Cooperative Sociali, servizio

di tutoring e monitoraggio costante delle persone inserite, affiancamento educativo e sostegno individuale

attraverso personale idoneo in possesso dei requisiti necessari.

Nell’anno 2009 sono stati realizzati complessivamente n. 41 Progetti individuali di inclusione sociale

suddivisi 13 Comuni aderenti, per una spesa totale di € 219.210,43, a valere sullo stanziamento 2007. I fondi

residui saranno utilizzati per il completamento del programma nel corso dell’anno.

Attualmente, a seguito del rinnovo dell’Accordo Quadro, che vede l’ingresso di nuove Cooperative del

territorio, si procederà alla ripresa delle attività attraverso la richiesta di presentazione di nuovi e più articolati

progetti per una prosecuzione del servizio che concluda la programmazione 2008 e 2009.

Si riporta di seguito LA TABELLA DI RESOCONTO suddivisa per comuni e annualità.

AMBITO TREXENTA - Bilancio Sociale Triennio 2007-2009 4


AMBITO TREXENTA - Bilancio Sociale Triennio 2007-2009 5


AMBITO TREXENTA - Bilancio Sociale Triennio 2007-2009 6


I fondi previsti per il reperimento del coordinatore, indicati in apposita colonna nelle tabelle, non sono stati

utilizzati a causa dei vincoli normativi all’assunzione di nuovo personale. E’ allo studio un sistema di

reperimento che consenta all’UPGA di dotarsi di adeguata figura professionale.

B) AREA MINORI E FAMIGLIA

1) attivazione servizio educativo territoriale di base.

Nell’anno 2008 sono state svolte tutte le procedure per l’attivazione del servizio educativo territoriale di base.

L’intervento, programmato nell’annualità 2008, è stato realizzato attingendo ai fondi 2007 destinati al servizio

“educativa di strada” in virtù dell’urgenza espressa e convenuta dai servizi sociali dei Comuni aderenti.

Il Servizio “Educativa di strada” verrà realizzato con i fondi 2008-2009 nel corso dell’anno 2010

Il servizio prevede la realizzazione di interventi educativi compositi che, secondo le problematiche, si

sostanziano in azioni di recupero, supporto e prevenzione a favore di minori esposti a situazioni di disagio,

rischio e varia problematicità sia sotto l’aspetto individuale che familiare e sociale.

L’intervento individuale è concertato tra il personale esperto della cooperativa aggiudicataria, il servizio

sociale del comune di riferimento, la famiglia del minore, eventualmente i servizi sanitari e scolastici

interessati al minore e all’intervento da condurre.

Durante l’anno, rispetto agli enti inizialmente coinvolti nell’attivazione del servizio, si sono aggiunti n.2

Comuni, per un totale di 6 Comuni aderenti e risorse aggiuntive rispetto alla programmazione 2008 pari a €

47.000,00 a carico degli Enti.

Il servizio è attivo dal mese di aprile 2009 e conta complessivamente:

▪ n. 6 Comuni

▪ n. 11 piani di intervento a favore di altrettanti minori e famiglie seguiti a domicilio.

Si riporta di seguito LA TABELLA DI RESOCONTO suddivisa per comuni e annualità.

AMBITO TREXENTA - Bilancio Sociale Triennio 2007-2009 7


AMBITO TREXENTA - Bilancio Sociale Triennio 2007-2009 8


2) attivazione del servizio di assistenza educativa scolastica specialistica in favore di minori con

handicap e/o disagio.

Oltre al servizio educativo territoriale di base (SET) si è verificata l’urgenza di provvedere all’attivazione del

servizio educativo scolastico specialistico in favore di alunni con handicap o con grave disagio, a

conclusione di un importante lavoro di concertazione con l’istituzione scolastica che ha dato luogo ad accordi

formali – veri e propri protocolli procedurali - di realizzazione degli interventi.

L’intervento, programmato nell’annualità 2009, è stato realizzato attingendo ai fondi 2008 destinati al servizio

“educativo territoriale” in virtù dell’urgenza espressa e convenuta dai servizi sociali dei Comuni aderenti.

Durante l’anno hanno richiesto l’attivazione del servizio n. 7 Comuni per complessive risorse aggiuntive

rispetto a quanto previsto nel PLUS, pari a € 10.000,00.

Il servizio è attivo dal mese di aprile 2009 e conta complessivamente:

▪ n. 7 Comuni

▪ n. 5 piani di intervento a favore di altrettanti minori seguiti a scuola.

I servizi educativi sono affidati in appalto alla Cooperativa Passaparola di Cagliari che ha garantito, oltre alle

attività oggetto d’appalto, la realizzazione dei seguenti interventi integrativi:

- servizio di mediazione dei conflitti

- servizio di consulenza in favore di famiglie con minori adolescenti.

Il servizio di mediazione ha avuto inizio nel mese di ottobre 2009 e attualmente si svolge per una mattina alla

settimana a Senorbì e per un pomeriggio alla settimana a Samatzai.

Il personale impiegato nello svolgimento dei servizi educativi è il seguente:

• pedagogista coordinatore

• psicologo

• educatori professionali

• mediatore .

Si riporta appresso LA TABELLA DI RESOCONTO suddivisa per comuni e per anni:

AMBITO TREXENTA - Bilancio Sociale Triennio 2007-2009 9


L’intervento, programmato nell’annualità 2008, è stato realizzato attingendo ai fondi 2007 destinati al servizio

“educativa di strada” in virtù dell’urgenza espressa e convenuta dai servizi sociali dei Comuni aderenti.

Il Servizio “Educativa di strada” verrà realizzato con i fondi 2008-2009 nel corso dell’anno 2010

3) attivazione del servizio Centro Territoriale per la Famiglia

Rispetto agli interventi programmati nell’annualità 2007, sono state inoltre espletate le procedure per

l’affidamento in appalto del servizio Centro territoriale per la Famiglia.

Attualmente si è in fase di stipula del Contratto d’Appalto e in attesa dell’individuazione definitiva dei locali da

utilizzare per l’avvio del servizio.

Il servizio è aggiudicato alla Cooperativa Sociale Alfa Beta di Guspini e comporta un impegno di spesa di

60.000,00.

C) AREA DELLA TRASVERSALITA’

Nell’ambito degli interventi trasversali, sono stati attuati i seguenti interventi:

1) Elaborazione, pubblicazione e aggiornamento del Registro Distrettuale Assistenti Familiari

Nel mese di aprile 2008 sono state attivate le procedure per la presentazione delle richieste di iscrizione al

registro distrettuale degli assistenti familiari, sulla base delle prescrizioni e delle indicazioni regionali.

Definiti i requisiti e stabilito di procedere alla formazione di due elenchi, di cui uno composto dalle persone in

possesso dei requisiti e uno composto dalle persone da avviare a formazione, ciascun Comune ha accolto le

richieste da parte delle persone interessate residenti.

Le domande sono state trasferite all’UPGA dove, attraverso l’apporto del personale della Provincia sono stati

definiti gli elenchi. Il Registro delle persone in possesso dei requisiti indicati dalla normativa è stato inviato

alla Regione e ai comuni e agli enti interessati per la pubblicazione.

Nei mesi di aprile e maggio 2009 si è provveduto all’aggiornamento dell’elenco attraverso l’accoglimento di

ulteriori richieste e l’adeguamento dei profili pervenuti in fase di prima domanda.

Sebbene l’elenco aggiornato sia stato inviato alla RAS, il lavoro di aggiornamento è continuo e necessita di

ulteriore perfezionamento, prevedendo l’attivazione di un sistema di raccordo continuo con le persone

richiedenti e attivando le azioni collaterali connesse alla tenuta del registro, ovvero:

• l’attivazione di azioni formative in favore delle assistenti familiari

• il raccordo domanda-offerta attraverso la realizzazione del progetto GRAF.

Si riporta appresso LA TABELLA DI RESOCONTO dei residui da utilizzare per la realizzazione delle

suddette azioni.

Registro Distrettuale Assistenti Familiari

Attività

Fondi Assegnati

Tempi di conclusione

intervento

Aggiornamento Assistenti familiari € 12.509,00 Settembre 2010

Gestione Incontro Domanda-Offerta

Progetto GRAF

€ 29.952,00 Settembre 2010

TOTALE € 42.461,00

2) predisposizione atti di accordo per la realizzazione del Punto Unico di Accesso

Considerevole impegno è stato dedicato nella prima parte dell’anno 2008 alla definizione degli atti tendenti

all’attivazione della Rete PUA e all’avvio del Punto Unico di Accesso, al quale progetto sono correlati gli

Interventi di Presa in carico globale della persona e Assistenza Domiciliare Integrata.

Non si è potuto dare corso all’iniziativa nei tempi previsti a causa del mancato trasferimento dei fondi

regionali.

AMBITO TREXENTA - Bilancio Sociale Triennio 2007-2009 10


Nel 2009 sono pervenuti i finanziamenti relativi alla parte “comunale” della realizzazione del PUA, mentre, a

seguito di ulteriori successivi accordi con la dirigenza ASL, l’azienda sanitaria ha stabilito di trasferire le

proprie assegnazioni all’Ente Gestore PLUS.

A oggi lo stato dei lavori è il seguente:

approvazione in Conferenza dei Servizi del Protocollo tra Enti per la realizzazione dell’intervento



disponibilità della somma di € 24.079,77 per il reperimento di personale di competenza comunale;

attesa del trasferimento della somma di € 42.698,00 da parte della ASL per il reperimento di

personale di competenza sanitaria

Non appena disponibile l’intero finanziamento si procederà a ricostituire il tavolo di lavoro per la definizione

delle modalità di avvio del servizio e il suo raccordo con la rete dei comuni, servizi sanitari, ente gestore e

relativi strumenti

AMBITO TREXENTA - Bilancio Sociale Triennio 2007-2009 11


D) ULTERIORI AZIONI DELEGATE all’UPGA DALLA RAS

1) PROGRAMMA DOMOTICA

Nello scorso mese di aprile 2009 la Regione Sardegna ha varato il Programma denominato “Nella vita e

nella Casa” abitualmente identificato come progetto DOMOTICA affidando direttamente ed espressamente

agli Uffici di Piano la competenza organizzativa, progettuale e gestionale.

In sede di Conferenza dei Servizi nel mese di giugno 2009 sono state delineate le linee di indirizzo per la

realizzazione del programma che ha comportato un imprevisto e molto consistente impegno degli operatori e

dei servizi collegati alla sua realizzazione.

Il programma prevede scadenze quadrimestrali, la prima delle quali era stabilita per il mese di settembre

2009, la seconda per il mese di dicembre 2009. In entrambi i casi, non rispettare la scadenza avrebbe

significato precludere all’utenza interessata, l’accesso ai considerevoli benefici previsti.

Come atto iniziale si è reso necessario concordare modi e tempi di realizzazione con la ASL che, attraverso

l’UVT, per espressa disposizione regionale, è stata coinvolta nella valutazione di ciascun progetto

individuale.

L’Ufficio, conformemente a quanto accolto dalla Conferenza dei servizi ha peraltro previsto che l’utenza

potesse fare richiesta diretta di progettazione allo stesso ufficio di piano che, attraverso l’apporto dell’esperto

presente all’intero dello stesso ufficio, ha assunto anche il gravoso compito della progettazione

individualizzata degli interventi.

Oltre alla progettazione, alla verifica formale dei progetti elaborati da progettisti di fiducia degli utenti, alla

definizione degli accordi di metodo e di organizzazione sia con la ASL che con tutti i Comuni del distretto,

alla preparazione di tutte le copie degli atti pervenuti, alla presenza costante in UVT per la valutazione,

l’ufficio di piano ha dovuto verificare in sede di invio tutte le valutazioni per definire l’elenco dei progetti

ammessi e i relativi costi, l’elenco dei progetti esclusi, l’elenco dei progetti carenti o da completare.

In sede di prima scadenza sono pervenute n. 41 istanze di cui

▪ n. 15 valutate e ammesse con punteggio superiore a 60

▪ n. 9 valutate e ammesse con punteggio inferiore a 60

▪ n. 17 rinviate perché incomplete o prive dei requisiti.

Alla Regione Sardegna sono state inviate le copie di tutti i progetti valutati e ammessi (n. 24).

In sede di seconda scadenza sono pervenute n. 38 istanze di cui

▪ n. 30 valutate e ammesse con punteggio superiore a 60

▪ n. 8 valutate e ammesse con punteggio inferiore a 60.

Alla Regione Sardegna sono state inviate le copie di tutti i progetti valutati e ammessi (n. 38).

Nel mese di novembre 2009 la Regione ha reso noto che i fondi per il finanziamento dei progetti sono

esauriti.

Dal mese di novembre alla data odierna sono giacenti presso l’UPGA n. 49 domande da valutare.

Si considera in conclusione, che il procedimento si è rivelato estremamente complesso e delicato e che

necessita di una unità operativa appositamente dedicata che coadiuvi l’Ufficio di Piano nel suo svolgimento.

E) AREA LEGGI DI SETTORE – L.R. 20/97 – PROGETTO SOFFERENTI MENTALI

Nell’anno 2009, su richiesta del Dipartimento di Salute Mentale del Distretto e in risposta al bando regionale,

l’intero gruppo tecnico di Piano è stato coinvolto nella definizione di un progetto da proporre al

finanziamento, finalizzato all’integrazione sociale e lavorativa dei sofferenti mentali in carico al servizio

psichiatrico territoriale.

Il progetto è stato elaborato nel marzo 2009 e finanziato nel mese di dicembre 2009 per € 102.000,00,

erroneamente versati dalla RAS al Comune di Senorbì che provvederà quanto prima a trasferirli all’Ente

gestore .

AMBITO TREXENTA - Bilancio Sociale Triennio 2007-2009 12


F) Area dell’integrazione socio-sanitaria – progetto di potenziamento rete dei consultori

Tra le disposizioni regionali dell’ultimo anno, l’UPGA è stato invitato a presentare congiuntamente alla ASL

di Distretto – Servizio del Consultorio familiare – la candidatura ai finanziamenti finalizzati al potenziamento

della rete dei Consultori familiari.

A tal fine è stato predisposto apposito progetto, elaborato congiuntamente dall’Ufficio di Piano e dal

Consultorio Familiare di Senorbì.

Il progetto è stato presentato entro al scadenza e si attendono gli esiti relativi al finanziamento.

SERVIZI DA ATTIVARE

Rispetto alla programmazione 2007-2009 restano da attivare i seguenti servizi:

1 Servizi educativi destinati agli adolescenti

Il progetto è ridefinito nell’aggiornamento PLUS anno 2009, pertanto si procederà entro il mese di

aprile 2010 ad espletare le procedure di gara per l’affidamento in appalto dei servizi, prevedendo

l’avvio delle attività entro il mese di luglio 2010.

Si riporta appresso LA TABELLA DI RESOCONTO dei fondi disponibili per la realizzazione delle suddette

azioni.

AMBITO TREXENTA - Bilancio Sociale Triennio 2007-2009 13


2 Bus navetta per anziani e disabili

definiti gli atti organizzativi e di accordo tra volontariato del soccorso ed Ente Gestore, si procederà

ad avvio del servizio entro il mese di luglio 2010.

CONCLUSIONI

L’intera programmazione 2009 segue quanto stabilito per il 2007 e il 2008, con relativi aggiornamenti,

pertanto consisterà nella prosecuzione e nel miglioramento dei servizi attivati.

Si potrà provvedere a tutti i rinnovi d’appalto non appena disponibile il finanziamento PLUS 2009, non

ancora pervenuto.

Si conclude il presente consuntivo con la tabella delle spese sostenute per il funzionamento

dell’UPGA

Si riporta appresso LA TABELLA DI RESOCONTO UPGA

AMBITO TREXENTA - Bilancio Sociale Triennio 2007-2009 14


Costo servizi attivati nel 2009 + prosecuzione servizi attivati nel 2008 con fondi residui

dell'annualità 2007 + fondi 2008

SERVIZI

Centro Diurno Disabili

Inserimenti lavorativi

Servizio Educativa di strada

Servizio Educativo Territoriale

Servizio Educativo

Specialistico

Bus Navetta

TOTALI

FONDI PLUS INTEGRAZIONI

RESIDUI

TOTALE IMPORTI SPESI

2008 ENTI 2008

COMPLESSIVI

€ 84.937,88 € 0,00 € 84.937,88 € 0,00 € 84.937,88

€ 297.256,22 € 29.672,00 € 326.928,22 € 0,00 € 326.928,22

€ 87.583,90 € 0,00 € 87.583,90 € 0,00 € 87.583,90

€ 80.253,00 € 0,00 € 80.253,00

€ 43.253,00 € 37.000,00

€ 10.000,00 € 0,00 € 10.000,00 € 0,00 € 10.000,00

€ 24.010,00 € 0,00 € 24.010,00 € 0,00 € 24.010,00

€ 547.041,00 € 66.672,00 € 613.713,00 € 0,00 € 613.713,00

SPESE SOSTENUTE PER FUNZIONAMENTO UPGA

Spese previste Spese sostenute

2007

2008

2008

residui

Personale // € 51.000,00 € 35.560,63 € 15.439,37

Attrezzature e

Spese generali

€ 19.500,00 € 3.751,20 € 15.748,80

TOTALE € 70.500,00 € 39.311,83 € 31.188,17

AMBITO TREXENTA - Bilancio Sociale Triennio 2007-2009 15

More magazines by this user
Similar magazines