'Società dell'Informazione. Analisi e indicazioni per la - Dps - MEF

dps.tesoro.it

'Società dell'Informazione. Analisi e indicazioni per la - Dps - MEF

SOCIETA’ DELL’INFORMAZIONE

Analisi e indicazioni per la riprogrammazione delle risorse

del Quadro Comunitario di Sostegno 2000-2006

A cura del Gruppo Tecnico di Valutazione 1

del Gruppo di lavoro per la Società dell’Informazione del QCS

Maggio 2004

1 Il Gruppo Tecnico di Valutazione è composto da Giovanna Sissa, Giovanni De Costanzo e Stefano Kluzer.

1


SOMMARIO

Premessa .............................................................................................................................................6

1 - Il nuovo quadro di policy per la Società dell'Informazione .....................................................8

1.1 - Il nuovo quadro di policy a livello comunitario ......................................................................8

1.1.1 - Da eEurope 2002 a eEurope 2005 ....................................................................................8

1.1.2 - Le nuove indicazioni per la Società dell'Informazione nei Fondi strutturali....................9

1.2 - Il nuovo quadro di policy a livello nazionale italiano ...........................................................11

1.2.1 - Le Linee guida per la Società dell’Informazione del Governo italiano..........................11

1.2.2 - Piano di e-government, visione condivisa e fase 2.........................................................13

1.2.3 - Delibera CIPE n.17/2003................................................................................................16

1.2.4 - I primi passi della strategia sulla banda larga per il Mezzogiorno .................................18

1.2.5 - Il Piano per l’Innovazione Digitale nelle Imprese..........................................................20

1.2.6 - Iniziative parallele per la formazione a distanza e l’e-learning......................................23

2 - Quadro di sintesi dei Programmi Operativi Regionali (POR) sulla Società

dell'Informazione ........................................................................................................................26

2.1 - Considerazioni introduttive e tabelle informative sulle misure Società dell'Informazione

nei Complementi di Programmazione (CdP).......................................................................26

2.2 - Approfondimenti sulle strategie regionali per la Società dell'Informazione .........................37

Basilicata........................................................................................................................................37

Coerenza del POR e CdP con la Strategia Regionale ................................................................37

Organismi e strumenti per l’attuazione......................................................................................37

Quadro schematico dello stato di attuazione..............................................................................38

Calabria ..........................................................................................................................................45

Coerenza del POR e CdP con la Strategia Regionale ................................................................45

Organismi e strumenti per l’attuazione......................................................................................45

Quadro schematico dello stato di attuazione..............................................................................46

Campania .......................................................................................................................................49

Coerenza del POR e CdP con la Strategia Regionale ................................................................49

Organismi e strumenti per l’attuazione......................................................................................49

Quadro schematico dello stato di attuazione..............................................................................50

Molise ............................................................................................................................................54

Coerenza del POR e CdP con la Strategia Regionale ................................................................54

Organismi e strumenti per l’attuazione......................................................................................54

Quadro schematico dello stato di attuazione..................................................................................54

Puglia .............................................................................................................................................58

Coerenza del POR e CdP con la Strategia Regionale ................................................................58

Organismi e strumenti per l’attuazione......................................................................................59

Quadro schematico dello stato di attuazione..............................................................................59

Sardegna.........................................................................................................................................64

Coerenza del POR e CdP con la Strategia Regionale ................................................................64

Organismi e strumenti per l’attuazione .......................................................................................64

Quadro schematico dello stato di attuazione..............................................................................65

Sicilia .............................................................................................................................................74

Coerenza del POR e CdP con la Strategia Regionale ................................................................74

Organismi e strumenti per l’attuazione......................................................................................74

Quadro schematico dello stato di attuazione..............................................................................75

3 - Quadro di sintesi dei Programmi Operativi Nazionali (PON) sulla Società

dell'Informazione ........................................................................................................................80

3.1 - PON Scuola per lo sviluppo ..................................................................................................88

3.1.1 - Strategicità del PON Scuola nel nuovo quadro di policy e di contesto ICT...................88

3


3.1.2 - Articolazione del tema Società dell'Informazione nelle misure e nelle azioni del PON

Scuola..............................................................................................................................88

3.1.3 - Suggerimenti per la riprogrammazione ..........................................................................91

3.2 - PON Ricerca scientifica, sviluppo tecnologico e alta formazione ........................................93

3.2.1 - Strategicità del PON Ricerca nel nuovo quadro di policy e di contesto ICT .................93

3.2.2 - Articolazione del tema Società dell'Informazione nelle misure PON Ricerca...............93

3.2.3 - Suggerimenti per la riprogrammazione ..........................................................................95

3.3 - PON Sviluppo imprenditoriale locale....................................................................................97

3.3.1 - La Società dell'Informazione nella programmazione del PON Sviluppo locale ............97

3.3.2 - La Società dell'Informazione nell’attuazione del PON Sviluppo locale ........................97

3.3.3 - Considerazioni e raccomandazioni.................................................................................98

3.4 - PON Sicurezza.....................................................................................................................100

3.4.1 - La Società dellInformazione nella programmazione del PON Sicurezza ....................100

3.4.2 - Articolazione del tema Società dell'Informazione nelle misure e nelle azioni del PON

Sicurezza ..................................................................................................................................100

3.4.3 - Suggerimenti per la riprogrammazione ........................................................................101

3.5 - PON Assistenza Tecnica e Azioni di Sistema (ATAS).......................................................103

3.5.1 - I temi Società dell'Informazione nel PON ATAS ........................................................103

3.5.2 - Considerazioni e raccomandazioni sulla Società dell'Informazione nel PON ATAS ..104

4 - Valutazioni e indicazioni per la riprogrammazione del Quadro Comunitario di Sostegno

per le Regioni Obiettivo 1 (2000-2006)..................................................................................106

4.1 - Premessa ..............................................................................................................................106

4.2 - Considerazioni introduttive e criticità generali....................................................................106

4.3 - Considerazioni generali su QCS Obiettivo 1 (2000-2006) e Società dell'Informazione.....107

4.3.1 - Considerazioni su e-business........................................................................................108

4.3.2 - Considerazioni su e-government ..................................................................................108

4.3.3 - Considerazioni su e-learning/ICT training/LLL...........................................................109

4.3.4 - Considerazioni sulla banda larga..................................................................................110

4.4 - Considerazioni sui PON ......................................................................................................112

4.5 - Considerazioni sui POR.......................................................................................................112

4.6 - Considerazioni sulle misure di accompagnamento..............................................................115

ALLEGATI ....................................................................................................................................117

Allegato 1 - Scheda per uso Fondi FESR sulla Banda Larga ......................................................119

Allegato 2 - Il Sistema pubblico di connettività (SPC) ...................................................................120

Allegato 3 - Tabella di autovalutazione .......................................................................................122

Allegato 4 - Integrazione informativa sul PON Scuola, a cura MIUR ........................................123

Elenco dei documenti di riferimento............................................................................................127

Acronimi 130

Glossario 131

Tabelle e figure

Tabella 1 – Totale risorse per la Società dell'Informazione nel QCS Obiettivo 1 (2000-2006)..........7

Tabella 2 - Valore interventi per la Società dell'Informazione nei sette assi del QCS Obiettivo 1

(2000-2006).......................................................................................................................7

Tabella 3 - Cofinanziamento MIT ai progetti 1° avviso di e-government.........................................14

Tabella 4 - Linee di intervento e risorse per l'e-government fase 2...................................................15

Tabella 5 - Finanziamenti CIPE delibera n. 17 2003 e successive ....................................................17

Tabella 6 - Regioni del Mezzogiorno - Fondi ripartiti per la Società dell'Informazione (delibera

CIPE n.17/2003)..............................................................................................................18

4


Tabella 7 - Quadro complessivo delle risorse per la Società dell'Informazione nelle Regioni

Obiettivo 1.......................................................................................................................27

Tabella 8 - Quadro delle risorse POR per temi prioritari Società dell'Informazione.........................28

Tabella 9 - Quadro delle risorse PON per la Società dell'Informazione............................................80

Tabella 10 - Quadro delle risorse per la Società dell'Informazione impegnate nei PON ..................80

Tabella 11 - Risorse PON per la Società dell'Informazione: destinazione per obiettivi....................80

Tabella 12 - Griglia di autovalutazione della strategia regionale sugli obiettivi di eEurope 2005..114

Figura 1 - Comitato Guida del Piano per l'innovazione digitale nelle imprese ................................. 22

5


Premessa

Il presente lavoro è basato su:

•un’analisi del contesto riferita ai documenti indicati in bibliografia, relativamente alle nuove

politiche comunitarie e nazionali per la Società dell’Informazione (SI) con possibili

ripercussioni sulla riprogrammazione del QCS Obiettivo 1 (2000-2006);

•un’analisi dello stato di attuazione dei programmi operativi nazionali e regionali basata sui

Complementi di Programmazione e sui Rapporti di Valutazione Intermedia, letti sulla base

della traccia fornita dalle Autorità di Gestione (AdG) mediante la compilazione della scheda

riassuntiva degli interventi inerenti la SI;

la sintesi, in base ai punti precedenti, relativa al QCS Obiettivo 1 (2000-2006)e alla strategia

al suo interno per la SI.

Obiettivo del documento è valutare le implicazioni del nuovo contesto e dei processi di attuazione

ad oggi a livello nazionale e regionale e tradurle in suggerimenti per la riprogrammazione. La

chiave di lettura è sintetizzabile come segue.

Nelle considerazioni del QCS Obiettivo 1 (2000-2006) sulla SI, vengono evidenziati i tre aspetti che

meritano un'attenzione particolare:

1. la sensibilizzazione di imprese, cittadini, associazioni e operatori pubblici alle possibilità

offerte dalle tecnologie informatiche, con particolare attenzione alla diffusione rapida

all'interno della società delle capacità di uso del computer e dei nuovi strumenti telematici

(Information and Communication Technologies, ICT);

2. l'ammodernamento della Pubblica Amministrazione (PA), con riferimento particolare a

quella regionale e locale, con un’enfasi sui servizi resi ai cittadini e alle imprese;

3. l'utilizzo delle ICT da parte delle piccole e medie imprese (PMI) ,che privilegerà i servizi ad

alto valore aggiunto per l'industria.

Tali temi chiave, alla luce di quanto descritto nel capitolo 1 e degli sviluppi maturati nel frattempo

nella realtà europea e nazionale evolvono rispettivamente:

•da “sensibilizzazione e alfabetizzazione” ad attuazione di strategie per e-learning, ICT

training, life-long learning (LLL) e sviluppo di servizi a supporto di tali processi 2 ;

•da “ammodernamento della Pubblica Amministrazione“ alla realizzazione di servizi di e-

government

•da “utilizzo dell’information technology da parte delle PMI” alla definizione di strategie di

e-business, ovvero alla definizione e realizzazione di servizi per le imprese ed alla

formazione di competenze ICT adeguate.

I Capitoli 2 e 3 analizzano i Programmi Operativi Regionali (POR) e Nazionali (PON) in tale

chiave.

Il Capitolo 4, infine, propone una serie di riflessioni trasversali e considerazioni conclusive.

L’ultima parte di questa pubblicazione contiene quattro allegati utili, l’elenco dei documenti di

riferimento, una lista di acronimi e il glossario dei termini tecnici.

Il quadro complessivo delle risorse dedicate alla SI nel QCS Obiettivo 1 (2000-2006) è illustrato

dalle seguenti due tabelle, che sono state compilate in base alle schede fornite dalle AdG dei PON e

POR all’AdG del QCS con la rilevazione effettuata nel mese di dicembre 2003 e gennaio 2004 3 .

2 Oltre al glossario, si rimanda a: http://www.elearningeuropa.info per la definizione dei termini usati.

6


Tabella 1 - Totale risorse per la SI nel QCS Obiettivo 1 2000-2006

(per linee di intervento e per Fondi)

Valore assoluto

(in meuro)

Composizione %

Incidenza %

su totale

QCS

Totale Società dell'Informazione 3.900,98 100% 8,36%

Distinto per linea di intervento:

Distinto per Fondo strutturale:

Alfabetizzazione 721,03 18,5% 1,55%

Imprese 1074,63 27,6% 2,30%

E-government 2095,83 53,7% 4,49%

FESR 3165,79 81% 6,79%

FSE 681,13 17% 1,46%

FEOGA 54,06 1% 0,12%

Fonte: elaborazioni Servizio per le Politiche dei Fondi strutturali comunitari, Dipartimento per le Politiche di

Sviluppo (MEF) su dati dei Complementi di Programmazione del QCS Obiettivo 1 (2000-2006), gennaio 2004.

Tabella 2 - Distribuzione risorse per la SI nei sette assi del QCS Obiettivo 1 2000-2006

Asse del QCS

Valore assoluto

(milioni €)

Incidenza % sul QCS

ripartita per asse

Asse 1 329,12 0,71%

Asse 2 283,17 0,61%

Asse 3 978,46 2,10%

Asse 4 684,03 1,47%

Asse 5 49,88 0,11%

Asse 6 1560,19 3,35%

Asse 7 16,14 0,03%

Totale 3.900,98 8,36%

Fonte: elaborazioni Servizio per le Politiche dei Fondi strutturali comunitari, Dipartimento per le Politiche di

Sviluppo (MEF) su dati dei Complementi di Programmazione del QCS Obiettivo 1 (2000-2006), gennaio 2004.

3 Si sottolinea il fatto che, in mancanza di indicazioni precise e comuni sui criteri di identificazione e classificazione

delle azioni che incidono sulla SI, eccetto per le misure esplicitamente riferite a tale obiettivo, l’inclusione o meno di

interventi per la rilevazione è stata lasciata alla valutazione delle singole AdG ed è quindi non omogenea. Analoga

considerazione vale per la quantificazione dei costi delle specifiche azioni identificate; laddove non è possibile

imputarli per intero alla SI, si è lasciato alle singole fonti di indicare la quota percentuale associabile al tema.

7


1 - Il nuovo quadro di policy per la Società dell’Informazione

1.1 - Il nuovo quadro di policy a livello comunitario

Tra gli obiettivi fondamentali del QCS Obiettivo 1 (2000-2006) compare quello di sostenere e

diffondere, nel quadro del Programma d’azione eEurope, le possibilità offerte dalla SI con

un'attenzione particolare ai settori dell'Amministrazione pubblica, dell'istruzione e dei sistemi

produttivi.

E’ previsto nel QCS, in particolare, che le linee d'intervento strutturali debbano concentrarsi su:

•azioni di sensibilizzazione e di promozione nei confronti dei cittadini, delle imprese e delle

associazioni, delle possibilità offerte dalle ICT ed in particolare dalla diffusione rapida di

queste tecnologie;

•attuazione di un processo di ammodernamento dell'Amministrazione pubblica con

un'attenzione particolare ai servizi resi ai cittadini ed alle imprese;

•promozione della domanda di servizi ai cittadini e alle imprese (in particolare nelle PMI) per

evitare l'esclusione (il digital divide) e contribuire allo sviluppo equilibrato delle attività

regionali.

Le azioni per raggiungere tali obiettivi devono essere identificate nell’ambito di un quadro

strategico definito a livello di ogni regione a seguito di un'analisi preliminare dell'offerta e della

domanda con un processo di forte implicazione del partenariato.

Il 2003, punto intermedio del percorso del QCS, prevede una azione di revisione che deve tenere in

conto molti fattori.

Dal 1999, la SI ha conosciuto infatti dei cambiamenti significativi, tanto in termini d'evoluzione

delle politiche, a livello sia comunitario sia nazionale, quanto in termini di cambiamento del quadro

giuridico (nuovo quadro regolamentare applicabile alle reti e ai servizi di comunicazioni

elettroniche).

Tali cambiamenti sono suscettibili di avere un'incidenza significativa sul sostegno offerto dai Fondi

strutturali alla diffusione della SI nelle Regioni svantaggiate.

A tal fine, vanno innanzitutto analizzate le nuove linee d'orientamento della Commissione europea

che hanno per finalità quella di mettere in atto gli obiettivi identificati nel piano d'azione eEurope

2005 4 e fissano criteri generali e modalità operative per aiutare le Regioni nella valutazione e nella

selezione dei progetti d'investimento in materia di comunicazioni elettroniche.

1.1.1 - Da eEurope 2002 a eEurope 2005

Per dare vita a un'economia basata sulla conoscenza, eEurope 2002 incentrava la propria azione

sull'aumento del numero di connessioni ad Internet in Europa.

Per poter generare una crescita positiva è tuttavia necessario che le connessioni ad Internet si

traducano in attività economiche: è su questo aspetto che si fonda eEurope 2005, ovvero stimolare i

servizi, le applicazioni e i contenuti in grado di creare nuovi mercati, garantire l’inclusione digitale

con la logica multi-piattaforma, ridurre i costi e possibilmente accrescere la produttività di tutti i

settori dell'economia. D’altra parte il finanziamento di servizi multimediali avanzati dipende dalla

4 COM (2002) 263

8


disponibilità di un’infrastruttura a banda larga che consenta di operare tali servizi, mentre il

finanziamento dell’infrastruttura a banda larga è tributario, a sua volta, dell’offerta di servizi in

grado di sfruttarla. È necessario quindi un intervento che stimoli lo sviluppo di servizi e

infrastrutture, al fine di creare una dinamica in cui la crescita di un fattore induca la crescita

dell’altro.

eEurope 2005 definisce pertanto una strategia che, da un lato, mira a dotare tutto il territorio

europeo di un'infrastruttura a banda larga in gran parte disponibile, per i cittadini come per le

imprese, a prezzi accessibili e, dall’altro, mira a sviluppare servizi e contenuti adeguati, mettendo in

particolare l'accento sulle amministrazioni pubbliche (governo elettronico o "e-government"), su un

ambiente elettronico dinamico per le attività imprenditoriali (e-business), su servizi di telemedicina

(e-health) e servizi di apprendimento elettronico (e-learning).

L'obiettivo per il 2005 è che la metà dei collegamenti Internet dell'Europa benefici di un accesso a

banda larga.

eEurope 2005 intende stimolare una interazione positiva fra l'aggiornamento dell’infrastruttura e lo

sviluppo dei servizi ed è basato sull'accelerazione dell’adozione delle misure legislative, sul riorientamento

di programmi esistenti, sulla definizione di obiettivi comuni e su un’analisi

comparativa dei risultati. A tale scopo prevede meccanismi di flessibilità interna e revisione

intermedia delle azioni.

eEurope 2005 vuole dunque interrompere il possibile circolo vizioso “carenza nella infrastruttura di

rete-mancanza di servizi on-line”, basandosi su due gruppi di azioni che si rinforzano

reciprocamente e sviluppano un circolo virtuoso:

•il primo gruppo ha come obiettivo lo sviluppo di servizi pubblici moderni on-line (di e-

government, e-learning, e-health – cfr. Glossario) e di servizi per favorire un ambiente

dinamico per l’e-business;

•il secondo gruppo è costituito da catalizzatori rappresentati da un’ampia disponibilità di

accesso a banda larga a prezzi concorrenziali e dall’esistenza di un'infrastruttura per la

sicurezza dell’informazione.

Le linee d’azione di e-Europe 2005 si articolano in:

•misure di politica generale, per adattare la normativa nazionale ed europea, con l’obiettivo di

rinforzare la concorrenza e l’interoperabilità;

•azioni per lo sviluppo, l’analisi, la disseminazione di esempi di buone prassi (best practices)

a livello comunitario, nazionale e regionale;

•azioni di riorientamento e coordinamento delle politiche che sono attualmente in corso (e-

TEN, e-learning, e-content, IDA, IST ecc. – cfr. Glossario) per ottimizzarne i loro effetti e

creare sinergie e coerenza.

1.1.2 - Le nuove indicazioni per la Società dell'Informazione nei Fondi strutturali

Le misure per la SI nei Fondi strutturali sono soggette alle Linee guida sull’implementazione della

SI nei Fondi strutturali (SEC (1999) 1217). Rispetto al momento della loro pubblicazione, sono

intervenuti cambiamenti importanti nel quadro economico, politico e regolamentare 5 , quali il nuovo

5 Directive (2002/21/EC) on a Common Regulatory Framework for electronic communications networks and services

Directive (2002/19/EC) on Access and Interconnection

Directive (2002/20/EC) on Authorisation

Directive (2002/22/EC) on Universal Service and Users rights

Directive (2002/58/EC) on Data Protection and Privacy

Directive (2002/77/EC) on Competition in the markets for electronic communications networks and services.

Regulation (EC) 2887/2000 for unbundled access to local loop

9


contesto economico del settore ICT, le nuove tecnologie e servizi legate alla banda larga, l'adozione

dell'iniziativa e piani d'azione eEurope 2005, l'implementazione del nuovo quadro normativo delle

comunicazioni, l’evidente copertura inadeguata delle zone rurali e remote.

Tali cambiamenti hanno comportato una revisione delle linee guida SI nei Fondi strutturali

contenuta nel documento Nuove linee guida del FESR sulle modalità di messa in opera dei Fondi in

favore delle comunicazioni elettroniche (SEC (2003) 895).

Esse riflettono le priorità di eEurope2005 e pongono l'accento sul supporto per infrastrutture e

servizi di banda larga per le aree meno sviluppate (in Obiettivo 1 e Obiettivo 2).

Il presupposto è che un’alta qualità delle infrastrutture sia la condizione necessaria per sfruttare le

nuove opportunità fornite dalla SI, ma le infrastrutture possono risultare insufficienti se c’è una

carenza di servizi, di applicazioni, di contenuti, se i costi sono alti, se è bassa la consapevolezza

delle opportunità o è carente la formazione ICT e le competenze professionali non sono aggiornate.

I principali cambiamenti nel settore delle comunicazioni elettroniche rendono necessario un

ripensamento del ruolo del finanziamento pubblico tenendo in considerazione la sua natura

strategica per lo sviluppo economico. Dopo anni di liberalizzazione di mercato emerge una

evidenza di inadeguata copertura geografica anche per tecnologie mature quali la rete GSM.

La policy generale prevede che gli interventi pubblici non distorcano la competizione e rispettino la

neutralità tecnologica.

Pertanto, i criteri principali delle nuove Linee guida sulla SI si possono riassumere in quattro punti.

1. Il supporto del Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale (FESR) deve essere visto

all’interno di una strategia regionale SI legata a obiettivi di crescita economica, di

competitività regionale e di distribuzione bilanciata delle attività economiche. Gli Enti

regionali e locali vanno incoraggiati ad impegnarsi in progetti che sostengano gli obiettivi di

e-Europe 2005 e che si integrino nelle strategie di sviluppo regionale esistenti. Riguardo alle

infrastrutture, i progetti isolati non devono ricevere aiuto, ma essere inseriti nel contesto

delle altre azioni che mirano a sviluppare nuovi servizi ed applicazioni.

2. Gli investimenti devono focalizzarsi su aree che presentino scarse attrattive commerciali per

il nomale intervento del mercato. Il focus principale è su aree rurali e remote dove il rischio

del divario digitale è maggiore. E’ fondamentale quindi tenere conto delle specificità

regionali e territoriali nella determinazione della localizzazione geografica degli interventi.

3. Va garantito un principio di "neutralità tecnologica" nella selezione dei progetti da

finanziare. Il supporto FESR non deve favorire a priori nessuna tecnologia, né limitare la

scelta di tecnologia delle Regioni. Quando un progetto prevede il finanziamento di una

tecnologia (nel caso della banda larga ad es. DSL, fibra ottica, satellite, wireless) o di una

infrastruttura dedicata, la scelta deve essere giustificata in base ad un’analisi costi-benefici,

prendendo in considerazione tutte le possibili alternative tecnologiche.

4. I progetti devono essere coerenti con il nuovo quadro normativo delle comunicazioni 6 e le

regole della concorrenza (aiuti di stato, anti-trust ecc.). La conformità con tali regole è una

condizione chiave di eligibilità per il supporto del FESR, che deve essere accompagnata da

una chiara condizione di accesso aperto a diversi concorrenti.

In linea di principio, il supporto FESR deve essere limitato a infrastrutture (ovvero impianti quali

cavidotti con fibra spenta, scavi, antenne, ecc.), aperte a tutti gli operatori e service provider. Le

6 Cfr. nota 1.

10


aree locali coinvolte devono essere soggette all’unbundling di accesso al local loop (cfr. Glossario).

Gli investimenti per nuove infrastrutture non devono rinforzare gli operatori dominanti. Va

promosso l'accesso alle reti in modo trasparente e tale da evitare distorsioni della concorrenza.

Qualora si preveda un futuro aggiornamento da apportare ai Programmi in Obiettivo1 (o Obiettivo

2), la Commissione deve essere informata del contenuto delle strategie. Le Autorità di gestione

devono informare la Commissione attraverso lo schema fornito in allegato alle stesse Linee guida

(SEC (2003) 895) e qui riportato in Allegato 1.

1.2 - Il nuovo quadro di policy a livello nazionale italiano

Rispetto all’epoca in cui è stata definita l’attuale programmazione dei Fondi strutturali, sono

maturati, a livello di policy nazionale italiana, il Piano di e-government 7 , avviato operativamente

nella primavera del 2002, e subito dopo le Linee guida per la Società dell’Informazione, pubblicate

dal Governo nel giugno 2002. Queste ultime comprendono la politica per l’e-government e la

inseriscono in un quadro più ampio di interventi che riguardano anche il sistema Italia nel suo

complesso (cfr. sezione 1.2.1 di seguito).

I progetti finanziati dalla prima fase del Piano di e-government sono oggi in fase di attuazione,

mentre è in avvio la seconda fase, basata sul documento L’e-government per un federalismo

efficiente. Una visione condivisa, una realizzazione cooperativa, approvato dalla Conferenza

Unificata a fine luglio 2003 (cfr. sezione 1.2.2 di seguito) e chiamato semplicemente Visione

condivisa. Un altro passo importante per l’attuazione della strategia complessiva del Governo è

costituito dalla Delibera CIPE n.17 del 9 maggio 2003, che per la prima volta ha riconosciuto

esplicitamente una priorità agli interventi per la SI, stanziando un volume significativo di risorse

(circa 700 M€) per il triennio 2003-2005 (cfr. sezione 1.2.3 di seguito). Queste risorse hanno

consentito in particolare l’avvio dei primi passi attuativi del Programma per lo sviluppo della

banda larga nel Mezzogiorno (cfr. sezione 1.2.4 di seguito). Si considererà, inoltre, il Piano per

l’innovazione digitale nelle imprese (cfr. sezione 1.2.5 di seguito), che rappresenta un ulteriore

tassello nell’attuazione delle Linee guida per la SI. Infine, si presenta una ricognizione delle

principali iniziative nazionali per la formazione a distanza e l’e-learning.

Gli strumenti di policy sopra indicati, il complesso di risorse attivate a livello nazionale in questo

campo (che si avvicina ai 1.000 M€), le direttive emanate dal Ministro per l’innovazione e le

tecnologie (MIT) su diverse tematiche e la realizzazione stessa dei progetti di innovazione –

soprattutto, al momento, quelli di e-government - configurano un quadro di riferimento nuovo,

anche a livello nazionale, da tenere in conto nella riprogrammazione di medio-termine dei Fondi

strutturali. Vediamo in estrema sintesi questi aspetti.

1.2.1 - Le Linee guida per la Società dell’Informazione del Governo italiano

A fronte del ritardo registrato dall’Italia nello sviluppo della SI, a confronto con i principali partner

internazionali, il Ministero per l’Innovazione e le Tecnologie (MIT) ha identificato tre linee di

azione su cui concentrare i propri interventi:

1. migliorare l’efficienza ed efficacia della Pubblica Amministrazione (PA) – e-government;

2. stimolare lo sviluppo del Paese diffondendo le nuove tecnologie - sistema Paese;

7 Il Piano di e-government, impostato inizialmente nel giugno 2000, è stato via via precisato in diversi passaggi anche di

concertazione con il sistema delle Autonomie locali ed è arrivato a maturazione con la Direttiva del Comitato dei

Ministri per la SI del 13 febbraio 2002 e successivamente con il 1° Avviso per i progetti di e-government delle Regioni

e degli Enti locali dell’aprile 2002.

11


3. conquistare un ruolo di primo livello nella elaborazione delle politiche europee e nella

cooperazione internazionale per la SI.

Per quanto riguarda l’ e-government, le Linee guida indicavano quattro terreni di lavoro:

• l’attuazione privilegiata di un modello di erogazione dei servizi pubblici fortemente

orientato al cittadino-impresa e comprendente 80 servizi prioritari;

• il piano di e-government nella PA Centrale, con obiettivi trasversali e obiettivi specifici “di

settore”;

• il piano di e-government nella PA Locale ;

• le infrastrutture 8 , riferite in gran parte ad aspetti ripresi poi nella citata Visione condivisa.

Come si vedrà più avanti, l’ambito dell’e-government ha già registrato sviluppi importanti sia a

livello attuativo (in particolare nel campo della PA locale e su alcuni interventi infrastrutturali), sia

in termini di indirizzo (direttive ministeriali su protocollo informatico, open source, posta

elettronica, e-learning).

Rispetto agli interventi sul sistema paese, l’obiettivo dichiarato nelle Linee Guida è quello di

portare l’Italia tra i 7 Paesi europei più avanzati in tema di SI. La strategia prevede lo sviluppo

accelerato di alcuni fattori abilitanti comuni a tutto il Paese (capitale umano, infrastrutture,

politiche finanziarie, quadro normativo) e alcuni interventi settoriali di politica industriale

finalizzati a “catalizzare” il processo di innovazione del sistema economico. In estrema sintesi, le

priorità/aree di azione indicate sono:

Il capitale umano

L’alfabetizzazione digitale

Il Sociale e le categorie deboli

L’eLearning

Le infrastrutture

La banda larga

La firma digitale

Le politiche industriali

La ricerca applicata e la politica industriale per l’ICT

Il commercio elettronico

La piccole medie imprese e i distretti industriali

Il telelavoro

La telemedicina

Il turismo

Il Sud e il QCS Obiettivo 1 (2000-2006)

Le politiche finanziarie a supporto dell’innovazione

Strumenti finanziari per la promozione dell’innovazione ICT

La leva fiscale per l’innovazione ICT

Il quadro normativo

Il Codice per la Società dell’Informazione

8 Come evidenzia il seguente elenco, si tratta soprattutto di servizi infrastrutturali necessari per supportare l’erogazione

dei servizi finali agli utenti: lancio del portale nazionale Italia.gov.it; diffusione della carta d’identità elettronica e della

carta nazionale dei servizi (CIE e CNS); utilizzo di un’infrastruttura integrata di pagamento elettronico; evoluzione del

sistema pubblico di connettività; valorizzazione del patrimonio informativo, con iniziative di bonifica dei dati e

segmentazione delle informazioni in base al profilo dell’utente; definizione del piano nazionale di sicurezza ICT.

12


Per quanto riguarda in specifico il Sud e il QCS Obiettivo 1 (2000-2006), le direttrici evidenziate

dalla strategia sono:

• alfabetizzazione ICT, soprattutto indirizzata ai giovani, tramite incentivazione alla

diffusione di PC e la costituzione di punti di accesso pubblici ad Internet (PIAP);

• promozione dello sviluppo economico locale attraverso l’incentivazione della

delocalizzazione (anche tramite il telelavoro) di attività produttive e di ricerca delle grandi

imprese italiane o straniere;

• ammodernamento della Pubblica Amministrazione per aumentare la trasparenza delle

informazioni e la rapidità dei tempi di autorizzazione, partendo dagli sportelli unici per le

imprese;

• incentivazione dei servizi a banda larga, puntando ad una elevata capillarità e favorendo

l’inclusione delle aree Obiettivo 1;

• altri interventi volti a promuovere le specificità locali, in particolare il turismo.

Sul tema della banda larga, le Linee guida prevedono anche esplicitamente di “sfruttare la

riprogrammazione del 2003 per riorientare parte dei fondi previsti per lo sviluppo della Società

dell’Informazione su progetti che prevedano la larga banda, in particolare nelle aree più sfavorite (a

minor sviluppo di mercato), secondo quanto previsto nel piano eEurope 2005”.

Nel frattempo, come si vedrà più avanti, è proprio sugli interventi per il sistema Paese che sono stati

indirizzati recentemente gran parte dei Fondi della delibera CIPE n.17/2003 dedicati alla SI.

1.2.2 - Piano di e-government, visione condivisa e fase 2

L’e-government è certamente le linea di azione su cui è andata più avanti l’attuazione della strategia

nazionale per la SI, grazie ad una immediata disponibilità di risorse (derivanti dai Fondi UMTS, per

circa 400M€) e con una modalità operativa molto pragmatica e partecipata dal sistema delle

Autonomie Locali.

Gli effetti di stimolo, indirizzo e apprendimento generati dal piano nazionale di e-government, in

particolare legati al 1° Avviso per i progetti di Regioni e Enti locali, sono chiaramente visibili a

molteplici livelli, compresa l’accelerazione delle iniziative attinenti all’innovazione della PA nelle

misure per la SI dei POR.

La prima fase del piano per l’e-government locale ha attivato 134 progetti in tutta Italia, con la

partecipazione di tutte le Amministrazione regionali, quasi tutte quelle provinciali (95), gran parte

delle Comunità Montane (218 su 270) e di oltre 3500 Comuni (su 8000 complessivi). Ciascuno

degli 80 servizi prioritari è stato incluso in almeno un progetto finanziato; il valore complessivo

degli investimenti è di circa 500 M€, a fronte di un co-finanziamento del MIT per 120 M€.

La distribuzione territoriale del co-finanziamento del MIT ai progetti, in base alla regione di

appartenenza dell’ente coordinatore è riassunta nella seguente tabella.

13


Tabella 3 - Cofinanziamento MIT ai progetti 1° avviso di e-government

(valori in euro)

Regione Cofinanziamento MIT 9 In %

Totale Centro-Nord 86.930.000 72,4

Abruzzo 3.440.000

Basilicata 840.000

Calabria 1.720.000

Campania 7.120.000

Molise 1.740.000

Puglia 5.790.000

Sardegna 4.130.000

Sicilia 8.290.000

Totale Mezzogiorno 33.070.000 27,6

Fonte: AIREL-CNIPA

Totale generale 120.000.000 100

Una tappa significativa nel passaggio tra la prima fase di attuazione del piano di e-government e la

seconda è stata l’approvazione, da parte della Conferenza Unificata nel mese di luglio 2003, del già

citato documento L’e-government per un federalismo efficiente. Una visione condivisa, una

realizzazione cooperativa.

Questo documento rappresenta il riferimento complessivo delle future azioni di collaborazione tra

Comunità montane, Comuni, Province, Regioni e Amministrazioni centrali e nel contempo

costituisce un elemento di sostegno alla riorganizzazione dello Stato in senso federale. E’ infatti

convinzione comune che nell’innovazione a livello di PA centrale e locale risieda la chiave per

garantire non solo la sostenibilità economica dell’attuazione del federalismo, ma anche la possibilità

di cogliere l’opportunità di migliorare l’efficienza e la qualità della Pubblica Amministrazione

stessa. Per questo motivo, e proprio perché l’autonomia decisionale e gestionale degli Enti locali è

uno dei presupposti del federalismo, è stata elaborata la Visione Condivisa che definisce il quadro di

riferimento comune, sia tecnico che organizzativo, in grado di garantire una attuazione coerente e

coordinata dei processi di e-government in tutto il territorio nazionale. Gli aspetti architetturali e

organizzativi oggetto dalla Visione condivisa hanno poi dato luogo ad approfondimenti da parte di

tre gruppi di lavoro, a partecipazione mista (PA centrali e locali, imprese ed altri soggetti),

appositamente costituiti e attualmente attivi.

Il rischio riconosciuto, in mancanza di regole, modelli e standard di riferimento condivisi e comuni

è la frammentazione delle reti, dei sistemi informativi e, in ultima istanza, dei servizi nuovi o

innovati che da essi dipendono. Le indicazioni già presenti nella Visione condivisa, e ancor più

quelle che emergeranno dai tre gruppi di lavoro, dovrebbero garantire, viceversa, che i progetti

avviati nella fase 1 e tutte le nuove iniziative approntate nella fase 2 convergano tendenzialmente

9 I valori indicati in questa colonna riguardano il co-finanziamento complessivo assegnato dal MIT ai progetti

coordinati dagli enti di ciascuna regione. Poiché molti progetti prevedono un partenariato multi-regionale, parte di tale

co-finanziamento è in effetti destinato ad enti-partner di altre Regioni e, viceversa, alcuni enti della regione in

questione, poichè partecipano a progetti con il coordinatore di un’altra regione, ricevono una parte dei fondi registrati

come destinati a quest’ultima. Poiché è risultata maggiore la partecipazione di enti delle Regioni del Sud a progetti con

coordinatore del Centro-Nord, piuttosto che il contrario, l’effetto netto è un valore di risorse destinate in principio agli

enti del Mezzogiorno più elevato di quello indicato in tabella, stimabile tra i 4-5 milioni di euro (fonte: CRC “Primo

Rapporto sull’innovazione nelle Regioni d’Italia - 2003”). I dati effettivi saranno noti solo a completamento dei

progetti.

14


verso un sistema di servizi pubblici digitali coerente, interoperabile, sicuro e accessibile in più modi

da tutti i cittadini.

I temi sui quali è stato definito un punto di vista generale comune tra i diversi livelli di governo e di

responsabilità amministrativa sono:

•l’interconnessione tra tutte le PA e tra le PA i cittadini e le imprese tramite il Sistema

Pubblico di Connettività, SPC (si veda l’Allegato 2)

•gli strumenti di accesso ai servizi erogati sul canale telematico

•le modalità di erogazione dei servizi sul canale telematico

•i requisiti per garantire la sicurezza

•le architetture che garantiscono l’interoperabilità dei servizi sul territorio nazionale

•i sistemi federati e il riuso delle soluzioni

•le strutture organizzative per l’attuazione dell’e-government.

Senza entrare qui nel merito dei singoli aspetti, il punto importante da sottolineare è che, almeno per

quanto riguarda l’e-government, esiste oggi in Italia un quadro di riferimento, pur incompleto e non

sufficientemente dettagliato su alcuni aspetti, ma ormai sufficiente ad orientare gli interventi sul

campo e a garantirne la coerenza complessiva e la sostenibilità. Una conferma e un impulso

ulteriore in questa direzione dovrebbe venire dall’attuazione della seconda fase del piano di e-

government, approvata dalla Conferenza Unificata del 27 novembre 2003.

Le cinque linee di intervento della fase 2 sono:

1. sviluppo dei servizi infrastrutturali locali (SPC)

2. diffusione territoriale dei servizi per cittadini e imprese

3. inclusione dei comuni piccoli nell’attuazione dell’e-government

4. sviluppo della cittadinanza digitale (e-democracy)

5. promozione dell’utilizzo dei nuovi servizi presso cittadini e imprese.

Come mostra la Tabella 4, le risorse finanziarie disponibili ammontano ad oltre 200 M€.

Linea di azione

Tabella 4 - Linee di azione e risorse per l'e-government fase 2

(valori in meuro)

Fonte di finanziamento

Modalità di

attuazione

1. Sviluppo SPC • Cofinanziamento

• APQ

2. Diffusione territoriale • Marketplace

servizi per cittadini e soluzioni di e-gov

imprese

• Catalogo

3. Inclusione comuni

piccoli (CST)

4. Cittadinanza digitale

(e-democracy)

5. Promozione utilizzo dei

nuovi servizi

• Anche APQ

• Cofinanziamento

• APQ

• Avviso nazionale

• Cofinanziamento

• Gara europea per

selezione fornitore

• APQ

Fondi

UMTS

Delibera

CIPE n. 17,

2003

Legge

Finanziaria

2003

Totale

35 26* - 61

60 26* - 86

- 26** 15 41

10 - - 10

9 - - 9

Totale 114 78 15 207

* Risorse sottoposte all’approvazione CIPE. Riguardano gli interventi per la banda larga

** Risorse assegnate dal CIPE al MIT per interventi in aree sottoutilizzate del Mezzogiorno

Fonte: AIREL-CNIPA

15


L’obiettivo principale del nuovo investimento è arrivare alla massima copertura territoriale e di

popolazione (almeno il 50% entro il 2005) con l’erogazione in rete di tutti gli 80 servizi prioritari.

L’idea è di estendere, completare, integrare quanto si è avviato nei progetti della fase 1,

promuovendo il trasferimento e riuso di soluzioni e servizi già pronti o in via di approntamento. In

questa direzione si muovono in particolare le prime tre linee di azione. L’inclusione dei piccoli

comuni tramite la creazione di Centri Servizi Territoriali (CST) contribuisce all’estensione/riuso,

perché rappresenta la modalità organizzativa con la quale si prevede di rendere concretamente

accessibili tutta una serie di servizi a questa categoria di enti.

Al di là della complessità tecnica dell’operazione “estensione-riuso”, le difficoltà maggiori

riguarderanno i meccanismi attuativi del processo stesso, relativi sia alla definizione delle “regole

del gioco”, sia alla partecipazione e adesione alle regole del gran numero di attori coinvolti, in

particolare, l’ampio mondo dei Comuni minori.

Date queste sfide, che rimandano e sollecitano una forte capacità di governo del territorio, è

significativo l’approccio attuativo scelto per la fase 2, basato in gran parte su Accordi di Programma

Quadro (APQ), da definire tramite la concertazione tra MIT, MEF e Regioni. La concertazione

dovrebbe garantire ex-ante l’organicità dei nuovi interventi che saranno finanziati con quanto già

esistente o in fase di sviluppo in un territorio, comprese le iniziative dei POR. Gli APQ, inoltre,

sono lo strumento che consente l’utilizzo degli ulteriori fondi messi a disposizione dal governo per

la SI tramite la delibera CIPE n.17/2003.

1.2.3 - Delibera CIPE n.17/2003

L’estensione su ampia scala degli strumenti di programmazione negoziata agli interventi per l’egovernment

e la SI costituisce la novità più importante della delibera CIPE n.17 del 9 maggio 2003

e una grossa sfida ai diversi livelli di governo coinvolti, chiamati a definire diversi aspetti di tipo

tecnico-amministrativo, organizzativo e politico.

Nella Tabella 5 è presentato un estratto della ripartizione dei fondi della delibera, nel quale sono

evidenziate in grigio le parti specifiche o che comprendono interventi per la SI.

Per quanto riguarda le risorse dell’accantonamento (riga B), la delibera n.17 del 13 novembre 2003

ha destinato 300 M€ ad interventi per la banda larga: 150 M€ per investimenti sulle infrastrutture e

150 M€ per progetti di stimolo della domanda e sviluppo di servizi che richiedano la larga banda (si

veda la sezione 1.2.4 per maggiori dettagli). Altri 126 M€ (riga E 1.1.2) fanno capo al MIT per i

progetti delle 9 linee di intervento del programma “Per il Sud e non solo”. Per gli altri 100 M€ della

“destinazione programmatica” (riga E 1.2.2), facenti sempre capo al MIT, è stato definito in

accordo con le Regioni il programma “ICT per l’eccellenza dei territori”, finalizzato allo sviluppo

di progettualità e azioni rivolte a favorire l’emergere di territori di eccellenza nelle singole realtà

regionali, attraverso la valorizzazione di aree a forte potenzialità, grazie all’utilizzo delle nuove

ICT 10 .

10 Nello specifico, si prevede per ogni regione la redazione di un documento, Piano per l’eccellenza del territorio

composto da quattro parti: 1) descrizione analitica dell’Idea di eccellenza, intesa come progetto (idea-forza) che esprime

e qualifica la posizione competitiva che vuol darsi il territorio in un’ottica di medio-lungo termine rispetto a specifiche

aree di specializzazione; 2) presentazione della coerenza del Piano con la strategia regionale per la SI; 3) esposizione

delle caratteristiche del territorio ai fini della sua eleggibilità; 4) descrizione delle azioni che si vogliono attivare per

qualificare il territorio prescelto. Si prevede che i Piani rappresentino una risorsa gestionale significativa anche per il

coordinamento e la coerenza delle altre linee di azione relative alla SI previste dalla delibera CIPE n.17/2003.

16


Tabella 5 - Finanziamenti CIPE delibera n. 17/2003 e successive

(valori in milioni di €)

A Totale da assegnare 5200 Programma Interventi/progetti specifici

B Accantonamento 900

Destinazione definita dalla

Banda Larga 300

successiva delibera CIPE

Infrastrutture 150,0

13.11.03 Servizi 22,7 telemedicina – oncologia

19,4 filiera agroalimentare

25,9 scuole

26,0 potenziamento Rupar/SPC

26,0 Sistemi Informativi Territoriali

integrati

C Monitoraggio 100

D Totale da ripartire 4200

E Programmi nazionali 840

E1 Risorse per programmi di

740

sviluppo nel Mezzogiorno (ricerca

e SI)

E1.1 Gestite da PA Centrali 500

E1.1.2 Gestite dal MIT

E1.2 Destinazione

programmatica

E1.2.2 Rafforzamento SI

240

E2 Risorse PAC per AT e sostegno 80

progetti

E3 Varie 20

F. Programmi regionali 3360

Società dell’

Informazione

“Per il Sud e non

solo”

“ICT per territori

eccellenti”

126

100

30,0 SAX (servizi avanzati connettività

sociale)

13,4 Centri di accesso pubblico a servizi

digitali avanzati

14,5 Servizi di telemedicina specializzata

25,6 Rete medici di medicina generale

9,2 Sistema vigilanza ambientale

10,5 Distretti digitali tessile- abbigl. nel

Mezzogiorno

12,1 Seggio Elettorale Elettronico

9,7 Numero unico delle emergenze

19,0 Centri Servizio Territoriali per

l’e-gov nei piccoli comuni

11,1 Centri Territoriali d’Acquisto degli

EELL nel Mezzogiorno

F1 Ricerca e formazione Centro 130

Nord

F1.3* Società Informazione 39 38,364

F2 Emergenza e calamità

F3** Regioni Centro Nord 470 2,24 Destinazione SI, solo Friuli-Venezia

Giulia

F4** Regioni Mezzogiorno 2665 108,085 Destinazione SI

TOTALE CIPE PER SI 674,689

* F1.3: quota specifica delle risorse regionali destinata ad obiettivi SI al Centro Nord.

** F3 e F4: risorse destinate ad interventi infrastrutturali materiali e immateriali da ricomprendere nelle Intese

Istituzionali di Programma (IIP) e relativi APQ.

Fonte: elaborazioni Gruppo tecnico di valutazione su dati AIREL-CNIPA

Va ricordato, come già evidenziato nella Tabella 4, che parte dei finanziamenti sulla banda larga

(26 M€ per il potenziamento Rupar/SPC e 26 M€ per l’estensione dei sistemi informativi territoriali

17


integrati) e parte di quelli del programma “Per il Sud e non solo” (19 M€ per i piccoli Comuni)

contribuiranno al finanziamento dei progetti della fase 2 del piano di e-government.

Per quanto riguarda le risorse destinate alle Regioni del Centro-Nord, la delibera CIPE ha stanziato

39 M€ per interventi specifici a favore della SI. Le Province autonome di Trento e Bolzano, in virtù

di un valore unitario inferiore a 500.000 €, hanno deciso di destinare la loro quota per altri usi.

Viceversa, la Regione Friuli Venezia-Giulia ha incrementato di poco la quota a disposizione per la

SI, nel riparto settoriale delle proprie risorse destinate ad investimenti materiali e immateriali (rigo

F3). Il valore complessivo delle risorse destinate alla SI al Centro-Nord è di 40.604.300 €.

Per le Regioni del Mezzogiorno, invece, la possibilità di indirizzare risorse sulla SI vigeva solo nel

riparto settoriale destinato agli investimenti materiali e immateriali; complessivamente, come

illustrato in maggiore dettaglio nella Tabella 6, sono stati destinati a tale fine 108 M€. Abruzzo,

Sardegna, Puglia, Molise e Basilicata sono le Regioni che hanno operato una scelta forte in tale

direzione.

Tabella 6 - Regioni del Mezzogiorno - Fondi ripartiti per la SI

(deibera CIPE n.17/2003)

Fondi ripartiti

(Milioni €)

Fondi per SI

(Milioni €)

SI/Fondi ripartiti

(%)

Abruzzo 103,38 16,25 15,7

Basilicata 157,18 11,5 7,3

Calabria 295,74 0 0,0

Campania 573,72 2 0,3

Molise 62,12 Quota indivisa -

Puglia 393,35 39,335 10,0

Sardegna 287,82 39 13,6

Sicilia 575,64 0 0,0

Totale 2398,50 108,085 4,5

Fonte: elaborazioni Gruppo tecnico di valutazione su dati AIREL-CNIPA

1.2.4 I primi passi della strategia sulla banda larga per il Mezzogiorno 11

Facendo seguito alla delibera n.17/2003 appena illustrata (Tabella 5), la delibera CIPE n.17 del 13

novembre 2003 ha destinato 300 M€ ad interventi per la banda larga (BL), così distribuiti:

1) 150 M€ per investimenti sulle infrastrutture nel Mezzogiorno – primo intervento

attuativo, a carico del Ministero delle Comunicazioni;

2) 150 M€ per progetti di stimolo della domanda e sviluppo di servizi che richiedano la

banda larga, a carico del Ministero per l’Innovazione e le Tecnologie (MIT).

L’iniziativa deriva dal Protocollo d’Intesa, della durata di 5 anni, fra MIT, Ministero

Comunicazioni e Ministero dell’Economia e delle Finanze (MEF) per il Programma per lo sviluppo

della banda larga nel Mezzogiorno, che prevede risorse pubbliche a sostegno della realizzazione di

infrastrutture pubbliche di rete e della domanda e produzione di servizi e contenuti su BL.

11 Le osservazioni riportate in questa sezione derivano dall’incontro avvenuto il 19 dicembre 2003 presso il MIT con

Paolo Vigevano, Consigliere del MIT per la banda larga, nonché Presidente della società Innovazione Italia, e

Francesco Chirichigno, Presidente e Amministratore Delegato della società Infratel. Erano presenti all’incontro Giulio

De Petra, Stefano Kluzer e Giovanna Sissa. Alcune informazioni integrative sono state raccolte nell’incontro

dell’Osservatorio Banda Larga, il 13 gennaio 2004.

18


Le infrastrutture per la banda larga

L’obiettivo principale in questo ambito è la copertura con MAN (Metropolitan Area Networwork -

cfr. Glossario) di circa 260 “distretti industriali” significativi e dei 67 centri urbani superiori ai

50.000 abitanti presenti nel Mezzogiorno (eccetto alcune metropoli principali). Il valore stimato

complessivo dell’investimento per questo obiettivo è nell’ordine di 2.000 M€ in 4 anni, dei quali la

metà (1 miliardo di euro) a carico dell’intervento pubblico centrale. E’ previsto che le opere e le

attività da realizzarsi possano essere cofinanziate con Fondi comunitari e di Enti locali, aziende exmunicipalizzate

e privati.

L’intervento punta a rimuovere gli ostacoli che impediscono l’affermarsi di condizioni di mercato

favorevoli nelle aree del Mezzogiorno, abbassando il costo dell’investimento richiesto ad operatori

privati di servizi avanzati di telecomunicazione, nelle zone “deboli” del Paese, grazie alla messa a

disposizione di infrastrutture passive a condizioni non discriminatorie.

La società Infratel, nata dalla convenzione tra il Ministero delle Comunicazioni e la società

Sviluppo Italia, sarà responsabile della realizzazione e poi della gestione (principalmente, affitto)

delle infrastrutture: opere civili, cavidotti ed eventualmente fibra spenta 12 . Secondo i programmi

attuali, dopo la fase di start-up, da concludere entro aprile 2004, sarà prima progettata “la rete”

(maggio/giugno), saranno poi realizzate le gare (luglio/agosto) e si avvierà infine l’esecuzione delle

opere a partire dall’autunno 2004. Si ricorda che la parte più consistente del finanziamento CIPE

sarà in effetti disponibile per l’anno 2005.

In particolare, saranno finanziati gli interventi che non modificano assetti futuri e che non alterano i

meccanismi della competizione fra fornitori e fra piattaforme tecnologiche (fibra ottica, satellite,

wireless).

Gli interventi previsti intendono svolgere il ruolo di facilitatore per lo sviluppo della BL e si

prefiggono di non creare duplicazioni con altri interventi pubblici o privati; per questo motivo, in

tutti i casi possibili si farà ricorso ad infrastrutture già esistenti e riutilizzabili di aziende exmunicipalizzate,

Enti locali, ecc.

La realizzazione della rete comprende tre settori di intervento:

la costruzione di backbone, cfr. Glossario, (in particolare, si prevede di completare l’anello

ottico per tutto il Mezzogiorno);

la realizzazione di MAN nei Comuni di almeno 50.000 abitanti e nei “distretti industriali”;

la predisposizione di LAN (linee di avvicinamento alle centrali) mediante tecnologie ad hoc

per le specifiche realtà (WLL, ULL - cfr. Glossario).

Sono in corso contatti con l’Antitrust e con l’Autorità garante per le telecomunicazioni per

verificare le aree effettivamente “scoperte”, per garantire la neutralità tecnologica e l’apertura delle

realizzazioni.

Sono quindi previsti contatti con i gestori al fine di analizzare le condizioni preliminari che possano

rendere le aree interessate attraenti per il mercato della BL e per gli investimenti da parte dei gestori

stessi 13 . Si è già verificato che in assenza di interventi come quello in esame, operatori quali

Telecom Italia, Wind e Fastweb non avessero intenzione di investire nelle aree interessate.

12 Il dettaglio dell’offerta Infratel sarà definito alla luce degli interessi manifestati dai clienti-operatori di servizi di

telecomunicazioni. E’ probabile una proposta mista, con polifore nei cavidotti recanti sia tubi vuoti che fibra spenta.

13 Allo stato attuale, Infratel prevede di avviare gli investimenti in una certa area solo a fronte della esplicita

manifestazione di interesse (si è parlato di “accordi pre-contrattuali”) da parte di qualche operatore a sviluppare

ulteriormente l’offerta. In questo modo, si intende evitare il rischio di costruire delle “cattedrali nel deserto”.

19


In parallelo, è previsto anche il confronto con le Regioni e gli Enti Locali, per verificare sia le

opportunità e i vincoli relativi ad infrastrutture esistenti nel territorio, sia i progetti a loro carico che

possano avere un impatto sullo sviluppo della domanda.

Saranno infine stabiliti contatti sistematici con la società Innovazione Italia, responsabile dello

sviluppo servizi, per concordare le priorità nell’esecuzione dei lavori, sulla base dei servizi da

implementare. Per garantire il massimo allineamento tra le operazioni delle due società è stato

costituito un Comitato Guida comune, con rappresentanti delle società stesse, di Sviluppo Italia e

dei Ministeri coinvolti.

I servizi per la banda larga

La realizzazione dei progetti di stimolo della domanda e sviluppo di servizi che richiedono la banda

larga è stata affidata alla società Innovazione Italia, creata anch’essa ah hoc, in questo caso da parte

del MIT insieme a Sviluppo Italia. L’obiettivo principale consiste nell’aggregazione di domanda in

aree svantaggiate e si articola nella realizzazione di Progetti pilota per lo sviluppo di servizi,

relativamente a:

• imprese, ovvero servizi di e-business;

• formazione scolastica, avanzata e life-long learning, con ricorso significativo all’e-learning;

• sanità, ovvero servizi di e-health.

E’ in corso di definizione una strategia su ciascuno di questi temi, partendo pragmaticamente da

verifiche effettuate proprio con i progetti pilota e tramite il confronto in appositi Tavoli di lavoro

con le altre Amministrazioni centrali interessate e con le Regioni. I primi elementi di strategia sono

attesi per fine gennaio 2004.

La necessità di una strategia e di un progetto di ampio respiro è evidente, in particolare per l’ebusiness,

se si considera che la maggioranza delle piccole e medie imprese (PMI) ancora non

conosce i vantaggi della banda larga e che queste imprese incontrano comunque serie difficoltà ad

attuare le innovazioni che le porterebbero ad utilizzare in modo proficuo i servizi a banda larga. Si

intende quindi studiare e stimolare lo sviluppo di servizi nuovi, pacchetti di business solutions per

la banda larga e, in parallelo, far crescere la sensibilità e conoscenza delle PMI su queste

opportunità.

Il ruolo di Innovazione Italia sarà quello di catalizzatore dei processi per portare idee nuove e

sperimentazioni di servizi verso la realizzazione e il mercato, preparando e aggiudicando gare per

l’assegnazione delle risorse destinate ai progetti, controllando i lavori, ecc. Queste funzioni saranno

svolte per i progetti a gestione diretta del MIT, ma potranno essere estese, su richiesta, anche ai

progetti a carico di Regioni ed Enti locali.

1.2.5 Il Piano per l’Innovazione Digitale nelle Imprese

Il "Piano per l’Innovazione Digitale nelle Imprese", approvato in luglio 2003, è frutto dell’accordo

tra il Ministro per l’Innovazione e le Tecnologie (MIT) e il Ministro per le Attività Produttive

(MAP). Esso punta al sostegno dell'economia dell'innovazione con una programmazione

pluriennale definita, dando centralità e forza allo sviluppo e utilizzo delle ICT.

Le finalità del Piano sono le seguenti:

• rafforzare l’innovazione nei settori del made in Italy tramite l’utilizzo delle ICT nei processi

cardine per la competitività;

• sostenere lo sviluppo di settori high-tech selezionati;

20


• migliorare l’attrattività dell’Italia come “ambiente” favorevole a ricerca, sviluppo

tecnologico e innovazione;

• favorire il trasferimento tecnologico dai centri di ricerca pubblici alle imprese.

Il Piano si articola in due fasi - a breve e a medio termine - e prevede misure economiche e

organizzative, regolamentari, di contesto (formazione e comunicazione), strutturali e di indirizzo e

gestione del Piano stesso.

Nella prima fase, sostanzialmente già avviata in diverse sue componenti, la leva principale è data da

misure economiche, con rifinanziamenti o rimodulazioni di leggi esistenti di incentivazione alle

imprese:

a) bando tematico per l’innovazione tecnico-organizzativa delle PMI attraverso l’uso

intensivo delle ICT, con rifinanziamento della L. 46/82 per 63 M€;

b) introduzione del meccanismo di premialità per investimenti in ICT nei contributi in conto

capitale alle imprese a valere sulla L. 488/92 la cui dotazione attuale è di 530 M €;

c) anticipazioni finanziarie per acquisizioni temporanee e di minoranza nel capitale di nuove

imprese, in particolare PMI operanti in settori ad alta tecnologia nelle aree svantaggiate, a

valere sulla L. 388/00 (venture capital) la cui attuale dotazione è di 227 M€;

d) sviluppo della rete dei distretti digitali nella filiera del tessile-abbigliamento 14 nelle

Regioni Obiettivo 1 e sostegno alla creazione di servizi innovativi e comuni basati sulle ICT

per i distretti digitali nel settore agroalimentare (entrambe le iniziative prevedono

investimenti per circa 19 M€, in parte finanziati con la delibera CIPE n.17/2003).

Altre misure della prima fase riguardano: il Testo unico sulla proprietà industriale, per fornire una

disciplina sul tema univoca, sistematica, organica e al passo con i tempi; l’istituzione di dodici

sezioni di tribunali e corti d’appello specializzate in materia di proprietà industriale; la

riorganizzazione dell’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi (UIBM); il progetto di deposito elettronico

dei marchi e dei brevetti, in collaborazione con il Dipartimento del Commercio degli USA.

Nella seconda fase del Piano sono previsti interventi che richiedono specifici provvedimenti

normativi o amministrativi per rimuovere i vincoli all’innovazione. Tra le iniziative di carattere

economico finanziario si prevedono: misure di carattere fiscale 15 ; nuovi strumenti per il

collegamento imprese-centri di ricerca e per la collaborazione tra centri di eccellenza italiani e

università di altri paesi.

Tra le misure strutturali, la seconda fase del Piano prevede 16 :

• un programma per valorizzare o creare Stazioni sperimentali/Centri di eccellenza per lo

sviluppo di ricerca e il trasferimento di tecnologie strategiche sul territorio, con l’uso

intensivo di ICT, di concerto con le associazioni imprenditoriali;

• il progetto RIDITT - “Rete italiana per la diffusione dell’innovazione e il trasferimento

tecnologico alle imprese”, con interventi a favore di soggetti intermediari, quali strutture di

14 Si ricorda che per lo sviluppo dell’e-commerce nelle imprese tessili, nel 2003, il MAP ha reso disponibili a livello

nazionale incentivi per 110 M€. La disponibilità dei fondi si è esaurita in un giorno con 13 mila imprese (il doppio del

precedente bando) che hanno presentato progetti per un valore complessivo di 743 M€.

15 Vanno in questa direzione le misure fiscali della “Tecno-Tremonti”: i costi sostenuti per stipendi dei ricercatori,

attività di ricerca e innovazione saranno deducibili del 10%. A questo importo si aggiunge il 30% dell’eventuale

aumento di investimenti in ricerca rispetto alla media degli ultimi tre periodi di imposta.

16 L’avvio di prime iniziative su queste misure dovrebbe avvenire con l’iniziativa congiunta MIT-MIUR, sostenuta con

una dotazione finanziaria di 25 M€ nell'art. 56 della Finanziaria 2003, a favore della ricerca applicata nelle ICT.

21


icerca, Parchi Scientifici e Tecnologici, poli tecnologici e università, ubicati nelle aree

depresse del Paese.

Le azioni cosiddette di contesto prevedono: una campagna istituzionale per la promozione dell’ebusiness,

da avviare nel 2004; un programma di sensibilizzazione, informazione e formazione per la

diffusione della cultura dell’innovazione indirizzato in specifico alle PMI.

Infine, il Piano indica alcune misure di carattere organizzativo-gestionale necessarie per l’indirizzo

e attuazione del piano stesso, in collaborazione con tre categorie di interlocutori:

• coordinamento stabile tra Ministri, a partire dal Protocollo d’intesa con il MAP, per l’avvio

di interventi normativi e finanziari congiunti;

• coordinamento con Regioni ed Enti Locali, per garantire la coerenza generale in termini di

strategie e interventi delle politiche a livello nazionale, regionale e locale;

• Comitato e-business, costituito dalle principali associazioni di categoria e dei consumatori e

articolato in 4 sottogruppi (certificazione, sicurezza pagamenti, logistica, informazione e

promozione).

La Figura 1 illustra la struttura del Comitato Guida complessivo del Piano.

Come vedremo più avanti, il Piano per l’innovazione digitale nelle imprese trova numerosi punti di

convergenza e complementarietà, e solleva quindi esigenze di adeguato coordinamento, con il PON

Sviluppo imprenditoriale locale – sostanzialmente centrato sulla L.488/92 - e con le misure dei POR

indirizzate alle sfide che le imprese affrontano verso la Società dell’Informazione.

Figura 1 - Comitato Guida del Piano per l'innovazione digitale nelle imprese

Comitato

interministeriale

MIT – MAP

+ un rappresentante

delle Regioni

Segreteria

tecnica

Comitato

d’attuazione

MIT – MAP + Regioni

Comitato

scientifico di

indirizzo

Tavolo con

associazioni e imprese

Comitato e-business

Tavolo con

autonomie locali

22


1.2.6 Iniziative parallele per la formazione a distanza e l’e-learning

A completamento della ricognizione effettuata sulle politiche nazionali relative ai grandi ambiti

applicativi della SI di pertinenza del QCS Obiettivo 1 (2000-2006), è opportuno evidenziare la

situazione ancora aperta esistente nel campo delle strategie per la formazione a distanza e in senso

più lato per l’e-learning. Sono presenti infatti tre grandi linee di intervento in ambito pubblico – nel

mondo della scuola, della formazione professionale e della Pubblica Amministrazione - che fanno

riferimento a tre diversi Ministeri (rispettivamente Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della

Ricerca Scientifica (MIUR), Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e Dipartimento della

Funzione Pubblica in collaborazione con il MIT) e che al momento stanno procedendo con approcci

e con la realizzazione di infrastrutture e servizi di supporto sostanzialmente “paralleli”.

Il piano per la formazione degli insegnanti alle TIC 17

Per quanto riguarda il mondo della scuola, è in fase di attuazione dall’anno scolastico 2002-2003 il

Piano nazionale di formazione degli insegnanti alle TIC (FOR-TIC), nato in parallelo al piano di e-

government e finanziato anch’esso con una parte dei fondi UMTS per 75M€. Il piano è orientato

alla alfabetizzazione informatica dei docenti (percorso A, obiettivo patente europea ECDL, 160.000

destinatari), alla utilizzazione delle ICT nella didattica (percorso B, 1-2 docenti per ogni scuola che

possano fare da consulenti sul tema ai loro colleghi) e a dare competenze per la gestione delle reti

(percorso C, circa 5000 destinatari). La formazione a distanza costituisce una componente

importante del piano e ha coinvolto oltre 160.000 docenti su tutto il territorio nazionale (il target

complessivo del piano, 180.000 docenti, equivale a circa il 20% del totale degli insegnanti di ruolo).

Come viene precisato più avanti nella sezione 3.1 e nell’allegato 4, il PON Scuola prevede

interventi che vanno anche in direzione dell’uso della formazione a distanza nella didattica. Si fa

riferimento all’iniziativa per rafforzare le competenze del personale della scuola sulla progettazione,

gestione, monitoraggio e valutazione dei processi d’istruzione con modalità di formazione a

distanza integrata con formazione in presenza (Circ. 55/2002 del MIUR). L’intervento, la cui

realizzazione è prevista fino al 2007, interesserà circa 2000 istituti del Mezzogiorno

(prevalentemente d’istruzione secondaria superiore, ma anche Centri Territoriali Permanenti, cioè

scuole primarie con attività formativa per adulti), coinvolgendo 7.500 fra Dirigenti scolastici,

Dirigenti dei servizi amministrativi e docenti.

Da FaDol al Sistema Permanente di Formazione

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, dal canto suo, ha completato il 31 dicembre 2003 il

Progetto FaDol, che ha costruito nel corso di diversi anni 18 il primo sistema nazionale di formazione

continua e a distanza per le risorse umane che operano nel sistema della Formazione Professionale.

L’iniziativa è stata articolata in due fasi distinte: la Fase 1 di sperimentazione, da luglio 1999 a

dicembre 2001, e la Fase 2 di prosecuzione e messa a regime, da gennaio 2002 a dicembre 2003.

Oggi il Ministero ha messo in cantiere un nuovo progetto più ampio, il Sistema Permanente di

Formazione con un finanziamento di oltre 70 M€, in gran parte a valere sui Fondi del PON FSE

Obiettivo 3, del quale è titolare il Ministero stesso.

Il primo obiettivo di FaDol era di realizzare un sistema di formazione continua e a distanza,

indirizzato alla popolazione di circa 17.000 addetti del sistema della formazione professionale

17 In italiano, tecnologie dell’informazione e comunicazione; equivalente dell’inglese ICT.

18 Il progetto FaDol è nato nell’ambito della Programmazione FSE 1994-1999 ed è stato realizzato dal Ministero del

Lavoro – UCOFPL, con l’assistenza tecnica dell’ISFOL.

23


pubblico 19 . A fine settembre 2003, in effetti, risultavano quasi 11.000 contratti formativi individuali

stipulati su circa 15.500 iscrizioni al sistema di formazione a distanza tra i soggetti abilitati.

Il secondo obiettivo di FaDol era di creare una infrastruttura telematica pubblica, ramificata su tutto

il territorio italiano, attraverso la quale interconnettere i principali soggetti del sistema di

Formazione Professionale (Ministero del Lavoro, Regioni e Province Autonome, Centri di

Formazione). Oggi, da oltre 1200 postazioni di accesso, dislocate dalle Regioni presso Agenzie e

Centri di Formazione pubblici e convenzionati, l’utenza ha accesso ad un ambiente didattico

strutturato, con servizi di orientamento (test diagnostici, guida all’offerta formativa, composta da

circa 150 moduli per oltre 1000 ore di autoformazione, ecc.) e servizi di formazione individuale:

prenotazione di sessioni di formazione, fruizione moduli programmati, accesso a biblioteca virtuale

e strumenti di comunicazione (audio/video conferenza, e-mail, forum, Internet, ecc.).

Il nuovo Sistema Permanente di Formazione ha invece i seguenti obiettivi strategici: l’estensione

dell’ambito del servizio; l’innovazione dei modelli metodologici e delle pratiche formative;

l’apertura del sistema con la relativa transizione verso l’e-learning.

L’estensione del bacino d’utenza riguarda le figure professionali che operano nei ruoli chiave del

nuovo mercato del lavoro: accreditamento e certificazione; apprendistato; formazione continua

permanente, post diploma e superiore; obbligo formativo; servizi per l’impiego. Questo

ampliamento comporta il passaggio da un’utenza attuale di 17.000 persone ad una potenziale di

circa 500.000.

Sul piano tecnologico, il nuovo Sistema sarà basato su Internet per favorire il massimo accesso ai

suoi servizi, anche se con opportune misure di sicurezza e privacy. Sul piano didattico, il Sistema

promuoverà un ruolo attivo degli utenti attraverso lo sviluppo integrato dell’autoapprendimento

assistito e, sempre di più, dell’apprendimento collaborativo, tramite azioni basate su conoscenza,

aula virtuale, videoconference, forum, ecc., orientate ad un modello più vicino all’e-learning.

Questo, assieme al recupero della formazione in presenza, da affiancare o inserire in percorsi di

formazione a distanza (Blended Learning), caratterizza oggi il passaggio a sistemi di formazione più

evoluti.

L’architettura progettuale del Sistema Permanente di Formazione prevede: un Gruppo di

Coordinamento e Controllo, costituito dal Ministero del Lavoro– UCOFPL e da Italia Lavoro; il

Comitato di indirizzo strategico composto, con funzione di indirizzo del progetto, da rappresentanti

del Ministero del Lavoro, delle Regioni e Province Autonome, di Italia Lavoro, del MIUR, delle

Parti Sociali; un Servizio centrale, affidato ad Italia Lavoro, al quale è demandato il coordinamento

gestionale del progetto, la comunicazione, il monitoraggio fisico, l’infrastruttura tecnologica e

l’assistenza di secondo livello sull’uso della piattaforma; diversi altri Servizi con funzioni di

sviluppo di standard e modelli dei contenuti formativi, monitoraggio formativo, laboratorio

multimediale, assistenza all’apprendimento, ecc.

L’e-learning nella Pubblica Amministrazione

L’e-learning nella Pubblica Amministrazione italiana è ancora poco utilizzato ed è visto come uno

strumento prevalentemente per la formazione sulle tecnologie. Due dei dieci obiettivi di legislatura

fissati dalle Linee Guida per la SI del Governo per l’innovazione della PA riguardano proprio

l’alfabetizzazione certificata di tutti i dipendenti pubblici eleggibili e il raggiungimento di un terzo

della formazione erogata in e-learning.

In questa prospettiva, sfruttando l’attività pluriennale del CNIPA nel campo della formazione a

distanza con l’uso delle tecnologie per la formazione dei pubblici dipendenti, il MIT sta elaborando

19 Si tratta di personale docente e non docente inserito in centri pubblici regionali, provinciali o comunali, nonché ai

formatori inseriti nei Centri di Formazione Professionale degli Enti Convenzionati ex legge 40/87.

24


in coordinamento con il Dipartimento per la Funzione Pubblica, una apposita Direttiva sull’elearning,

delle linee guida e un vademecum sulla gestione di progetti di e-learning di qualità nelle

pubbliche amministrazioni. Grazie alle risorse UMTS per l’e-government destinate alla formazione,

sono previste anche azioni operative quali la costruzione di un “catalogo on line” dei materiali

didattici per la formazione a distanza a disposizione della Pubblica Amministrazione, probabilmente

un avviso per co-finanziare progetti degli Enti locali in questo campo, il sostegno a corsi di master

sull’e-government indirizzati a funzionari pubblici, basati sia su formazione in presenza che a

distanza.

Le iniziative previste dovrebbero portare, per il momento, ad un forte impulso al ricorso all’elearning

nella PA e ad una relativa standardizzazione negli approcci di “produzione” e fruizione di

contenuti formativi per i dipendenti pubblici da erogare con questa modalità.

25


2. Quadro di sintesi dei Programmi Operativi Regionali (POR) sulla Società dell'Informazione

2.1 Considerazioni introduttive e tabelle informative sulle misure Società dell’Informazione

nei Complementi di Programmazione (CdP )

In questo capitolo vengono presentate inizialmente alcune informazioni di sintesi sulle risorse

disponibili nelle Regioni Obiettivo 1 per la Società dell’Informazione, legate alle misure dei POR

che incidono in questo campo, nonché l’elenco di tali misure per ciascuna regione, con una serie di

informazioni collegate.

In particolare, la Tabella 7 rappresenta il tentativo di sommare il valore delle risorse destinate alla

SI nelle diverse Regioni Obiettivo 1, prendendo in considerazione i Fondi dei POR e quelli delle

principali misure di policy nazionale citate nel capitolo precedente. Il quadro non è certamente

esaustivo e, come si vede dalle ultime quattro colonne della tabella, è ancora prematuro poter

allocare con precisione diverse risorse tra le Regioni. I valori complessivi forniscono comunque una

ragionevole indicazione di quanto è stato stanziato al momento per queste tematiche, come

finanziamenti destinati soprattutto ad interventi della Pubblica Amministrazione.

La Tabella 8 presenta in maggiore dettaglio i valori complessivi delle misure e delle azioni dei POR

relative alla Società dell’Informazione, divise rispetto ai tre obiettivi prioritari identificati dal QCS.

Nelle pagine successive, sono presentate le tabelle con l’elenco delle misure e delle azioni che sono

state identificate dalle Autorità di Gestione come correlate alla SI, i valori economici connessi, i

Fondi strutturali di riferimento e gli obiettivi prioritari ai quali contribuiscono. I dati di queste

tabelle sono quelli forniti per l’elaborazione del presente documento al Ministero dell’Economia e

delle Finanze dalle Autorità di Gestione dei POR nei mesi di dicembre 2003 e gennaio 2004. Viste

le considerazioni metodologiche già esplicitate all’inizio del documento (si veda la nota 3), è

importante ricordare che i dati non sono omogenei e quindi i raffronti, in particolare sui valori

economici, vanno effettuati con grande cautela.

Nelle sezioni successive, vengono approfonditi individualmente i singoli POR. Per ciascuno di essi

vengono forniti: una valutazione generale della coerenza del POR stesso e del Complemento di

programmazione con la Strategia per la SI che ciascuna Regione ha predisposto, secondo quanto

richiesto nel QCS Obiettivo 1 (2000-2006); l’illustrazione degli organismi e strumenti impegnati a

livello regionale nell’attuazione delle strategie; un quadro schematico dello stato di attuazione delle

strategie stesse. Le informazioni utilizzate in questa analisi sono state reperite dalle fonti messe a

disposizione del Gruppo tecnico di valutazione, rappresentate dai risultati sintetici

dell’autovalutazione di maggio 2003, dal consuntivo economico di settembre 2003, dai rapporti di

valutazione intermedia consegnati tra novembre e dicembre 2003 dai valutatori indipendenti e dalle

versioni più recenti dei Complementi di programmazione. Sono state integrati anche i feedback

ricevuti dalle Autorità di gestione o Responsabili di misura rispetto a precedenti versioni di questo

rapporto.

Oltre ai limiti derivanti dal basarsi quasi interamente su fonti documentali e dagli inevitabili ritardi

di aggiornamento di queste ultime rispetto alla realtà, un’ulteriore cautela generale sui risultati

dell’analisi qui esposta riguarda il fatto che la conoscenza dei processi di attuazione delle strategie è

parziale, non essendosi potuto indagare su tutte le iniziative intraprese, o pianificate, al di là dei

Fondi strutturali.

26


Tabella 7 - Quadro complessivo delle risorse per la SI nelle Regioni obiettivo 1*

(migliaia di euro)

Regioni Ob.1

Totale

generale

POR

QCS ob.1

2000-2006

Sud e

non solo

Fondi SI delibera CIPE 17/03

Quota

regionale

Territori

eccellenti

Banda Larga

infrastrutture

e-gov

1° avviso

Basilicata 167.413 150.955 4.118 11.500 - - 840 -

e-gov

fase 2

Calabria 223.338 210.209 11.409 - - - 1.720 -

Campania 626.600 595.972 21.508 2.000 - - 7.120 -

Molise 44.902 38.934 4.228 - - - 1.740 -

Puglia 433.040 373.330 14.570 39.350 - - 5.790 -

Sardegna 251.215 196.981 11.104 39.000 - - 4.130 -

Sicilia 1.002.628 972.730 21.608 - - - 8.290 -

Risorse non

suddivise*** 425.235 - 11.695 - 95.690 143.535 - 30.780

Totali generali 3.174.370 2.539.110 100.240 91.850 95.690 143.535 29.630 30.780

* L’attribuzione delle risorse non comprende i PON del QCS Obiettivo 1 2000-2006 che intervengono anch’essi nelle realtà regionali indicate.

** I valori fanno riferimento al costo pubblico delle misure e delle azioni dedicate alla SI.

*** I valori della riga “Risorse non suddivise” rappresentano stime e dati non definitivi.

27


Tabella 8 - Quadro delle risorse POR per linee di intervento SI

(dati disponibili al 12.01.04)

Regioni Ob.1

Linee di intervento

Costo pubblico

(milioni €)

Basilicata alfabetizzazione 54,72

imprese -

egov 96,23

tot 150,96

Calabria alfabetizzazione 46,93

imprese 82,17

egov 81,11

tot 210,21

Campania alfabetizzazione 88,89

imprese 197,57

egov 309,51

tot 595,97

Molise alfabetizzazione 14,26

imprese 0,52

egov 24,16

tot 38,93

Puglia alfabetizzazione 12,97

imprese -

egov 360,36

tot 373,33

Sardegna alfabetizzazione 53,69

imprese 0,00

egov 143,29

tot 196,98

Sicilia alfabetizzazione 91,12

imprese 422,40

egov 459,21

tot 972,73

Totali generali 2539,11

Fonte: elaborazioni Servizio per le Politiche dei Fondi strutturali comunitari, Dipartimento per le

Politiche di Sviluppo (MEF) su dati forniti dalle Autorità di Gestione dei POR, gennaio 2004.

28


Rilevazione delle azioni e delle misure del QCS destinate alla Società dell'Informazione (gennaio 2004)

Asse

Numero e descrizione della misura e delle eventuali articolazioni in relative

azioni

Costo

pubblico

previsto

(Meuro)

Costo previsto

per la

S.I.(Meuro) *

di cui contributo

comunitario

Importo

(Meuro)

Fondo

Linea di

intervento

I.5 Monitoraggio ambientale e territoriale 7 7 3,85 FESR E

II.1 Tutela e valorizzazione delle risorse storico-culturali (f) 50 16,67 9,03 FESR E

III.1.A.1 Organizzazione dei servizi per l'impiego (a) 10,9 2,73 1,36 FSE E

III.1.A.2

Inserimento e reinserimento nel mercato del lavoro di giovani e adulti nella logica

dell'approccio preventivo(b) 89,5 14,92 7,46 FSE A

III.1.A.3

Inserimento e reinserimento nel mercato del lavoro di uomini e donne fuori dal mercato del

lavoro da più di 6 mesi o 12 mesi(b) 33,4 5,57 2,78 FSE A

III.1.C.1 Adeguamento del sistema della formazione professionale e della istruzione(c) 13,9 4,63 2,32 FSE A

III.1.C.3 Formazione permanente(a) 5,5 1,38 0,69 FSE A

III.1.D.1

Sviluppo della formazione continua, della flessibilità del mercato del lavoro e della

competitività, delle imprese pubbliche e private con priorità alla P.M.I.(b) 15,3 2,55 1,28 FSE E

III.1.D.2 Azioni di cui al progetto integrato Basitel2, (Formazione informatica per il personale della

P.A.; Sperimentazione di forme di tele-lavoro nella P.A.) 2,7 2,22 2,22 FSE E

III.1.D.3 Sviluppo e consolidamento della imprenditorialità ed emersione del lavoro irregolare(b) 13,9 2,32 1,16 FSE A

Fonte: Regione Basilicata (gennaio 2004). Elaborazioni Servizio per le Politiche dei Fondi strutturali comunitari, Dipartimento per le Politiche di Sviluppo (MEF).

* Gli importi sono riportati esclusivamente in corrispondenza delle misure per le quali era presente la specifica previsione finanziaria.

(a) L'importo indicato, pari ad 1/4 di quanto indicato nel piano finanziario del CdP, è frutto di una interpretazione della scheda tecnica.

(b) L'importo indicato, pari ad 1/6 di quanto indicato nel piano finanziario del CdP, è frutto di una interpretazione della scheda tecnica.

(c) L'importo indicato, pari ad 1/3 di quanto indicato nel piano finanziario del CdP, è frutto di una interpretazione della scheda tecnica.

(d) L'importo indicato, pari ad 1/6 di quanto indicato nel piano finanziario del CdP, è frutto di una interpretazione della scheda tecnica.

(e) L'importo indicato, pari ad 1/5 di quanto indicato nel piano finanziario del CdP, è frutto di una interpretazione della scheda tecnica.

(f) L'importo indicato, pari ad 1/3 di quanto indicato nel piano finanziario del CdP, è frutto di una interpretazione della scheda tecnica.

L'asse IV non è stato preso in considerazione in quanto difficilmente stimabile.

29

POR Basilicata

III.1.D.4 Miglioramento delle risorse umane nel settore della ricerca e sviluppo tecnologico(a) 5,5 1,38 0,69 FSE A

III.1.E.1 Promozione della partewcipazione femminile al mercato del lavoro(b) 27,9 4,65 2,33 FSE A

III.1.T.1

Azioni di cui al progetto integrato Basitel2 (formazione finalizzata a sviluppo competenze

informatiche per occupati, disoccupati e imprenditori; azioni per lo sviluppo di servizi di

tele-formazione) 29,3 19,89 16,55 FSE A

III.2

Azione C - Sistema regionale per la ricerca e l'innovazione a P.M.I.

11,5 2,00 1 FESR E

Cablaggio strutture scolastiche e dotazione infrastrutture multimediali

III.3

22,2 8,94 4,47 FESR E

VI.2 Azione A- sviluppo società dell'Informazione 56,5 54,13 26,38 FESR A,E,I

TOTALI GENERALI 395 150,96 83,55


Rilevazione delle azioni e delle misure del QCS destinate alla Società dell'Informazione (tabella non inviata formalmente)

Asse

Numero e descrizione della misura e delle eventuali articolazioni in relative azioni

1

Costo totale

previsto (Meuro)

di cui contributo comunitario

Importo

(Meuro)

Fondo

Linea di

intervento 2

III 3.1.a Dispositivi e strumenti informatici per i servizi per l'impiego 23,37 16,36 FSE A

III

3.5.a Dispositivi e strumenti a supporto della qualificazione del sistema dell’offerta di

formazione - Potenziamento strutture dei soggetti attuatori (a)

3,65 2,42 FSE A

III 3.9.a - Formazione per occupati (formazione continua) (a) 7,88 4,85 FSE A

III

3.15.b Adeguamento e potenziamento delle dotazioni tecnologiche ed informatiche

5,23 2,61 FESR A

VI 6.3.b Promozione della Società dell'Informazione 6,80 3,40 FESR A

III 3.16.b - Strutture dedicate al trasferimento tecnologico a favore di specializzazioni

produttive locali 11,85 5,92 FESR I

IV 4.1.c Crescita e Competitività delle imprese - Commercio (a) 11,46 3,51 FESR I

POR Calabria

IV 4.3 -Promozione e Fruizione dell'Offerta Turistica (a) 13,52 6,76 FESR I

VI 6.3.d Diffusione della Società dell’Informazione nei sistemi produttivi 45,35 13,61 FESR I

I 1.9.a - monitoraggio del sistema ambientale 31,78 15,89 FESR E

II

2.2.a Servizi pubblici per l’accesso e la fruizione del patrimonio culturale regionale

14,52 7,26 FESR E

VI 6.3.a Pianificazione Strategica della Società dell'Informazione 6,80 3,40 FESR E

VI 6.3.c Diffusione della Società dell’Informazione nel settore pubblico 27,21 13,61 FESR E

VII 7.1.e azioni innovative per sviluppo società dell'informazione (a) 0,80 0,40 FESR E

TOTALI GENERALI 210,21 99,99

Fonte ed elaborazioni Servizio per le Politiche dei Fondi strutturali comunitari, Dipartimento per le Politiche di Sviluppo (MEF), gennaio 2004.

(a) l'importo indicato, pari ad una parte di quanto indicato nella relativa misura del piano finanziario del CdP, è frutto di una interpretazione della scheda tecnica

30


Asse

I

I

II

III

III

III

III

Numero e descrizione della misura e delle eventuali articolazioni in relative azioni

1.1 Sistema regionale di monitoraggio ambientale (azione b, realizzazione sistema

monitoraggio)

1.6 Centro di monitoraggio per prevenzione del rischio idrogeologico (azione b e azione c)

*Nota: l'importo indicato, pari a 1/2 delle risorse pubbliche assegnate alla misura, è frutto di

una stima.

2.1 Promozione e valorizzazione integrata del sistema dei beni culturali (azione b, sviluppo e

realizzazione servizi multimediali)

*Nota: l'importo indicato, pari al 20% delle risorse pubbliche assegnate alla misura, è frutto di

una stima.

3.1 Organizzazione dei centri per l'impiego (azione b adeguamento delle dotazioni; e azione

d. attivazione, aggiornamento e sviluppo del sistema informativo)

*Nota: l'importo indicato è frutto di una stima.

3.8 Istruzione e formazione permanente (azione a alfabetizzazione innovativa tecnologie

informative)

*Nota: l'importo indicato, pari a 1/3 delle risorse pubbliche programmate per le azioni a, b,e c,

è frutto di una stima.

3.15 Adeguamento infrastrutturale dei centri per l'impiego

*Nota: l'importo indicato -pari al 7,5% delle risorse pubbliche della misura, è frutto di una

stima.

3.13 Miglioramento risorse umane nel settore della ricerca e dello sviluppo tecnologico

*Nota: l'importo indicato -1/20 delle risorse pubbliche della misura- è frutto di una stima.

Costo totale

previsto

(Meuro)

di cui contributo

comunitario

Importo

(Meuro)

Fondo

Linea di

intervento

32,50 16,25 FESR E

77,50 38,75 FESR E

23,70 11,85 FESR E

0,50 0,35 FSE E

4,00 2,80 FSE A

7,50 3,75 FESR E

3,20 2,46 FSE A

POR Campania

III

IV

IV

IV

IV

3.16 Promozione, ricerca e trasferimento tecnologico nei settori connessi a crescita e sviluppo

sostenibile in Campania (azione a).

*Nota: l'importo indicato -1/20 delle risorse pubbliche della misura- è frutto di una stima.

4.4 Rafforzamento dello sviluppo umano finalizzato allo sviluppo locale (e-learning e

mercato del lavoro virtuale) )

*Nota: l'importo indicato, pari a 1/10 del costo della misura, è frutto di una stima.

4.7 Promozione e marketing turistico (azione b, connessione offerta regionale a sistemi

prenotazione e distribuzione info-telematici).

*Nota: l'importo indicato, pari a 1/10 del costo della misura, è frutto di una stima.

4.11 Servizi essenziali per l'economia e la popolazione rurale (realizzazione piattaforma e-

government).

*Nota: l'importo indicato, pari a 1/3 delle risorse pubbliche assegnate alla misura, è frutto di

una stima.

4.19 Commercializzazione di prodotti di qualità (realizzazione programmi informatici per le

imprese)

Nota: l'importo indicato, pari al 1/10 delle risorse pubbliche assegnate alla misura, è frutto di

una stima.

25,20 12,60 FESR E

2,90 2,18 FSE A

24,50 12,25 FESR I

9,50 6,50 FEOGA E

0,40 0,28 FEOGA I

VI Mis.6.2 Sviluppo della Società dell'Informazione 129,51 64,75 FESR E

VI Mis.6.3 Sostegno allo sviluppo della SI nel tessuto produttivo 172,67 43,17 FESR I

Mis. 6.4 Promozione sviluppo della SI attraverso rafforzamento potenziale umano, sviluppo

imprenditorialità e miglioramento competitività delle imprese. Promozione

78,79 55,16 FSE A

VI internazionalizazione

VII

7.1 Assistenza tecnica (azioni a, c, h)

*Nota: l'importo indicato, pari a 1/10 delle risorse pubbliche assegnate alla misura, è frutto di 3,6 1,8 FESR E

una stima.

TOTALI GENERALI 595,97 274,89 -

Fonte: Regione Campania (gennaio 2004), elaborazioni Servizio per le Politiche dei Fondi strutturali comunitari,

Dipartimento per le Politiche di Sviluppo (MEF).

31


32

Rilevazione delle azioni e delle misure del QCS destinate alla Società dell'Informazione

Asse

Numero e descrizione della misura e delle

eventuali articolazioni in relative azioni

Costo totale

previsto

(Meuro)

di cui contributo comunitario

Importo

(Meuro)

Fondo

Linea di

intervento

I 1.4 Monitoraggio ambientale 2,17 0,93 FESR E

III 3.1 Organizzazione dei servizi per l'impiego 14,26 6,11 FSE A

IV

POR Molise

IV

4.3 Aggiornamento e potenziamento sito web su

offerta localizzativa (a)

4.7 Promozione del turismo e del "prodotto"Molise

mediante sistemi telematici (b)

0,52 0,22 FESR I

0,39 0,17 FESR E

VI 6.3 Società dell'Informazione 21,61 9,27 FESR E

TOTALI GENERALI 38,93 16,70 -

Fonte ed elaborazioni Servizio per le Politiche dei Fondi strutturali comunitari, Dipartimento per le Politiche di Sviluppo (MEF), (gennaio 2004).

(a) l'importo indicato, pari a 1/3 di quanto indicato nel Piano finanziario del CdP, è frutto di un interpretazione della scheda tecnica

(b) l'importo indicato, pari a 1/4 di quanto indicato nel Piano finanziario del CdP, è frutto di un interpretazione della scheda tecnica


Rilevazione delle azioni e delle misure del QCS destinate alla Società dell'Informazione (dicembre 2003 +

integrazione gennaio 2004)

Asse

Numero e descrizione della misura e

delle eventuali articolazioni in

relative azioni

Costo

pubblico

previsto

(Meuro)

di cui contributo comunitario

Importo (Meuro) Fondo

Linea di

intervento

1.3 - area az. 4 - Miglioramento

conoscenze attraverso realizzazione o

potenziamento sistemi monitoraggio

I (suolo-acqua) 10,91 5,46 FESR E

1.4 - az. C - Investimenti materiali e

immateriali per l'ampliamento della

I Rete agrometeorologica. 5,16

3,87 FEOGA E

I 1.5 - Sistema informativo ambientale 16

8 FESR E

I 1.6 - Sistema informativo territoriale 1,6

0,8 FESR E

POR Puglia

2.1 az. E - Collegamento tra il Sistema

II Bibliotecario Regionale e Nazionale 7,6

3,8 FESR E

2.1 az. G - Rete regionale per la

II manutenzione dei beni culturali 5,7

2,85 FESR E

3.1 az. A1 - Progettazione e

implementazione del Sistema

III informativo del lavoro della Puglia 12,97 8,43

FSE A

3.5 az. B2 - Sistemi informativi e di

rete per l'adeguamento del sistema

III della formazione professionale -

- FSE A

3.10 az. C - Azioni sperimentali per il

III telelavoro nella P.A. 1,94

0,97 FSE E

VI 6.2 - Società dell'informazione 161,6 80,8 FESR E - I

6.3 - Realizzazione della RUPA

VI regionale 96

48

FESR E

6.4 - Risorse umane e società

VI dell'informazione

TOTALI GENERALI

53,85

373,33

35

197,98

FSE E

Fonte: Regione Puglia (gennaio 2004). Elaborazioni Servizio per le Politiche dei Fondi strutturali comunitari,

Dipartimento per le Politiche di Sviluppo (MEF)

33


34

Rilevazione delle azioni e delle misure del QCS destinate alla Società dell'Informazione (dicembre 2003)

Asse

Numero e descrizione della misura e delle eventuali

articolazioni in relative azioni

Costo totale

previsto

(Meuro)

di cui contributo

comunitario

Importo

(Meuro)

Fondo

Linea di

intervento

II.1 Archeologia, percorsi religiosi e museali, recupero di

centri storici attraverso tecnologie multimediali (b) 24,17 12,09 FESR E

II.2 Archeologica industriale attraverso tecnologie

multimediali (b) 14,21 7,11 FESR E

II.4

III.1

Formazione nelle competenze multimediali per il

personale impiegato nelle attività culturali sviluppate

nell'Asse (b) 6,94 3,47 FSE A

Organizzazione dei servizi per l'impiego attraverso la

diffusione dell'informazione.

- Sistema Informativo del Lavoro (c) 7,37 3,68 FSE E

POR Sardegna

III.7 Formazione superiore e universitaria

- Corsi in area informatica e telematica (a) 5,12 2,56 FSE A

V.2 La qualità della vita nelle città

- Rete di telemedicina 2,88 1,44 FESR E

VI.3 Società dell'informazione 94,66 47,33 FESR E

VI.4 Formazione per la società dell'informazione 41,63 20,82 FSE A

TOTALI GENERALI 196,98 98,49

Fonte: Regione Sardegna (dicembre 2003) elaborazioni Servizio per le Politiche dei Fondi strutturali comunitari, Dipartimento per le Politiche di Sviluppo (MEF).

a) l'importo indicato, pari ad 25% di quanto indicato nel piano finanziario del CdP, è frutto di una interpretazione del trend degli interventi.

b) l'importo indicato, pari ad 1/6 di quanto indicato nel piano finanziario del CdP, è frutto di una interpretazione della scheda tecnica.

c) l'importo indicato è ricavato dal bando per la realizzazione del S.I.L.


Rilevazione delle azioni e delle misure del QCS destinate alla Società dell'Informazione (gennaio 2004)

Asse

Numero e descrizione della misura e delle eventuali articolazioni

in relative azioni

Costo totale

previsto

(Meuro)

di cui contributo

comunitario

Importo

(Meuro)

Fondo

Linea di

intervento

2.04

Azioni di formazione rivolte a giovani ed adulti non occupati - Formazione

connessa con lo sviluppo di tecnologie informatiche e di rete in relazione

alla valorizzazione dei beni e delle attività culturali

6,25 4,2 FSE I

3.01 az. C

Organizzazione dei nuovi servizi per l’impiego - Creazione di sistemi

informativi, banche dati, anagrafiche individuali e loro aggiornamento

12,6 8,4 FSE A

3.04 az.E

Inserimento lavorativo e reinserimento

di gruppi svantaggiati-Sostegno alle imprese per l'adattamento delle

tecnologie finalizzate all'inserimento lavorativo dei gruppi svantaggiati

11,1 7,5 FSE I

3.05 az. B

Adeguamento del sistema della formazione professionale e dell’istruzione -

Predisposizione ed aggiornamento di un sistema informativo nelle sedi

accreditate

3,3 2,2 FSE A

3.08 az.B

3.09 az.A

3.10 az.A

Promozione dell'istruzione e della formazione permanente-Formazione nei

settori dell’informazione, della comunicazione e delle lingue straniere

Sviluppo della competitività delle imprese con priorità alle PMI-

Formazione continua

Percorsi formativi e di consul. Integrati mirati all'accrescim. delle

competenze professionali e alle esigenze operative

5,82 4,08 FSE A

28,1 13,9 FSE A

9,6 6,4 FSE E

Sicilia

I° parte

3.12 az.D

3.12 az.E

4.05 az.C

Promozione della partecipazione femminile

al mercato del lavoro-Azioni di supporto alla formazione e al telelavoro

Promozione della partecipazione femminile

al mercato del lavoro-Definizione e attuazione di modalità più flessibili,

grazie alle nuove tecnologie

11,6 7,4 FSE I

11,6 7,4 FSE I

Formazione e apprendistato per i sistemi locali di sviluppo-Interventi di

formazione per funzionari pubblici

41,3 23,3 FSE A

TOTALI 141,27 84,78

Fonte: Regione Sicilia (gennaio 2004) elaborazioni Servizio per le Politiche dei Fondi strutturali comunitari, Dipartimento

per le Politiche di Sviluppo (MEF).

35


1.01 Realizzazione, completamento ed adeguamento reti di monitoraggio 18 8,1 FESR E

1.03 b az. C

Sistema informativo e di monitoraggio acque e servizi idrici -

Realizzazione del Sistema Informativo Regionale inerente il ciclo

idrologico dell’acqua.

4,2 1,9 FESR E

1.03 a az.E

Sistema informativo e di monitoraggio acque e servizi idrici -

Realizzazione sistema telerilevamento. Sulle acque marino-costiere di

determinate aree soggette a rilevante impatto antropico verrà realizzato un

sistema integrato di monitoraggio e di telerilevamento

2,5 1,1 FESR E

1.11 az. 1

Sistemi territoriali integrati ad alta naturalità - Carta della Natura e

Sistema Informativo Territoriale (SIT) delle aree naturali protette.

48,4 21,7 FESR E

1.15 Riduzione della compromissione ambientale - sistemi di monitoraggio - 35,2 14,4 FESR E

2.01 az A1

2.01 az D1

Circuiti museali - Recupero e fruizione del patrimonio culturale ed

ambientale - Interventi per la creazione di un sistema informativo nelle

sedi museali

Sistema delle biblioteche e degli archivi- Reti informatiche e telematiche

per la valorizzazione del patrimonio archivio- bibliotecario di pregio

storico–artistico ivi comprese le postazioni per l’accesso alle informazioni

36,5 16,4 FESR E

12,91 7,5 FESR E

2.02 Sistematizzazione e divulgazione delle conoscenze 114 51,3 FESR E

3.15 Reti per lo sviluppo della ricerca scientifica 8,3 3,4 FESR I

4.03 Nuova imprenditorialità giovanile, femminile e del tezo settore 58,85 13,25 FESR I

Sicilia

II° parte

4.04a

Servizi innovativi di rete e strumenti di sviluppo territoriale-Servizi

innovativi di rete

22,4 5,8 FESR I

4.19 b

Potenziamento riqualificazione dell'offerta turistica-Azioni a sostegno

della commercializzazione (teleprenotazione) e della nautica da diporto

289,5 65,1 FESR I

5.05 Reti finalizzate al miglioramento dell’offerta di città 47 21,1 FESR E

6.05 Reti e servizi per la Società dell’Informazione 83 37,3 FESR E

6.06a Internazionalizzazione dell’economia siciliana 10,8 4 FESR E

7.01 az. C

Assistenza Tecnica - Ampliamento e potenziamento del sistema di

monitoraggio

0,9 0,4 FESR E

TOTALI 792,46 272,75

1.09 az.D

Mantenimento dell'originario uso del suolo - Investimenti rivolti alla

costituzione del sistema informativo territoriale (S.I.T.) finalizzato alla

prevenzione dei disastri naturali e degli incendi per la salvaguardia del

suolo e del patrimonio silvicolo in ambiti forestali

36,2 20,6 FEOGA E

4.13 a az.A

Commercializzazione dei prodotti agricoli di qualità - Sostegno alla

commercializzazione di prodotti regionali di qualità - Realizzazione di un

portale per la produzione agro-alimentare regionale/Potenziamento

dell’Osservatorio Vitivinicolo

2,8 1,4 FEOGA I

TOTALI 39 22

Totale Generale 972,73 379,53

Fonte: Regione Sicilia (gennaio 2004) elaborazioni Servizio per le Politiche dei Fondi strutturali comunitari,

Dipartimento per le Politiche di Sviluppo (MEF).

36


2.2 Approfondimenti sulle strategie regionali per la Società dell’Informazione

Basilicata

Coerenza del POR e CdP con la Strategia Regionale

La strategia regionale per lo sviluppo della SI, di cui al documento Piano BasiTel - Lo Sviluppo

della Società dell’Informazione e della Comunicazione e dei Servizi di Rete della Pubblica

Amministrazione in Basilicata (novembre 1998), trova diretto e immediato riscontro nel Progetto

Integrato Basitel 2 del Complemento di Programmazione della Regione che opera un’azione di

coordinamento e monitoraggio sulle azioni del Piano BasiTel previste in attuazione nelle seguenti

misure: III.1.D2, III.T, V.1 20 e VI.2

Per quanto sopra risulta agevole l’effettuazione di una verifica/misura dello stato di attuazione del

Piano rispetto alle azioni poste in essere nell’ambito dell’attuazione delle misure del POR.

Si segnala infine che la Giunta Regionale ha approvato nel mese di luglio 2003 il Piano Basitel+

Strategie e Piano di Azione per lo Sviluppo della Società dell’informazione in Basilicata che

costituisce revisione ed estensione del piano Basitel. Il piano Basitel + è stato elaborato per la

realizzazione di interventi da attuarsi preminentemente nel quinquennio che chiude il corrente

Programma Operativo Regionale e pertanto costituisce riferimento, in materia di sviluppo della SI,

nell’attuale fase di riprogrammazione del POR Basilicata.

Organismi e strumenti per l’attuazione

Il quadro di sintesi degli attori della policy regionale in materia di sviluppo della SI è riportato nella

seguente tabella 21 :

Responsabilità politica

nell’Amministrazione regionale

Presidenza della Giunta Regionale

Struttura operativa dell’Amministrazione

regionale per i sistemi informativi

Ufficio Società dell’informazione e coordinamento Sistemi Informativi del Dip.

Presidenza della Giunta. Istituito nell’aprile 2002, garantisce il supporto ai

processi di innovazione di processi organizzativi e decisionali; il

coordinamento delle attività di progettazione e realizzazione delle infrastrutture

informative; l’attuazione del Piano Basitel; la gestione il monitoraggio e il

controllo tecnico tramite il CTR della RUPAR; il raccordo con le PA centrali.

Ufficio Sistemi Informativi Regionali (SIR) del Dip. Presidenza della Giunta.

Istituito nell’aprile 2002, si occupa principalmente della gestione dei Sistemi

Informativi interni dell’Ente Regione.

Struttura regionale di “supporto” interno

(supervisione, coordinamento,

monitoraggio ecc… )

Rapporti con Enti Locali

Organismo Tecnico Regionale (OTR). Svolge funzioni di supervisione e

coordinamento tecnico e si avvale degli uffici SI e SIR. Attualmente l’OTR è

attestato all’ufficio S.I.

Conferenza Permanente delle Autonomie Locali.

La conferenza è composta da una rappresentanza degli amministratori degli

Enti locali con lo scopo di coinvolgere gli Enti stessi nella definizione delle

politiche regionali di sviluppo.

Il quadro evidenzia come la struttura di governo della policy regionale per lo sviluppo della SI sia

ben identificata e strutturata e presenti tutte le condizioni amministrative, normative e istituzionali

necessarie per garantire l’attuazione piena della strategia.

20 Le azioni sulla SI previste in tale misura sono state successivamente trasferite nella misure VI.2. Le relative risorse

finanziarie sono invece in via di trasferimento alla misura VI.2 (cfr. pag. 36 del CdP Regione Basilicata del 19-2-2003)

21 Fonte: I° Rapporto sull’innovazione nelle Regioni d’Italia – CRC 2003.

37


Quadro schematico dello stato di attuazione

Lo sviluppo della SI in Basilicata trova essenzialmente attuazione nella misure VI.2 del POR. Le

risorse finanziarie attribuite alla misura, il quadro economico risultante dal consuntivo a settembre

2003 e il risultato sintetico dell’autovalutazione di maggio 2003 sono riportati nella tabella

seguente.

Tabella RBA 1 - Basilicata: indicatori di attuazione delle misure per la SI

Misura

Misura 6.2

Reti

Immateriali

Numero

azioni

Fondo

COSTO MISURA

(valori in Euro)

a carico

Totale

Pubblico

% su costo pubblico

Impegnato

Spesa

Autovalutazione

(5-03) 22

Giudizi

Categoria

sintetici

2 FESR 56.555.158 51.646.171 100 85,34 (++++) 1°

Dall’esame della tabella si rileva una sostanziale coerenza tra i dati di monitoraggio economico e la

categoria assegnata in autovalutazione alla misura, che mette in evidenza la mancanza di particolari

difficoltà operative nell’attuazione della stessa.

La tabella RBA2, riportata nella pagina seguente, mette in corrispondenza gli interventi effettuati e

le azioni indicate nella Strategia della Regione Basilicata sulla SI mentre la tabella RBA 3 riporta le

linee di intervento e le azioni previste nel nuovo piano Basitel+.

22 Vedi allegato 3 per interpretazione segni e categorie

38


Tabella RBA 2 - Basilicata: Quadro schematico dello stato di attuazione

e della coerenza delle azioni con la strategia

Linee di intervento / azioni Interventi realizzati MISURA

1 – INFRATEL : Infrastrutture e servizi di base della rete della Pubblica Amministrazione Regionale

1. RUPAR – Realizzazione della Rete Unitaria della Prosecuzione dei servizi erogati nell'ambito dei progetti "RUPAR - RAD - SISIA -

Pubblica Amministrazione Regionale.

C.T.R.R." 23 VI.2

2. SISIA – Realizzazione del sottosistema di

intermediazione tecnica e integrazione dei servizi

e intermediazione degli accessi.

3. RAD – Sviluppo ed adeguamento delle reti

periferiche per l’accesso diretto degli Enti alla

rete regionale.

Prosecuzione dei servizi erogati nell'ambito dei progetti "RUPAR - RAD - SISIA -

C.T.R.R."

Avvio progetto I° avviso nazionale e-gov INTEROP: Servizi infrastrutturali

regionali per l’interoperabilità e la cooperazione applicativa.

Avvio progetto I° avviso nazionale e-gov Protocollo-Bas - Interoperabilità dei

Protocolli Informatici.

Prosecuzione dei servizi erogati nell'ambito dei progetti "RUPAR - RAD - SISIA -

C.T.R.R."

Progetto entiloc@linrete in corso di attuazione.

4. ADA – Realizzazione delle strutture di accesso

esterne assistite e decentrate.

Progetto entiloc@linrete in corso di attuazione. VI.2

5. PAP – Realizzazione di postazioni di accesso

periferico per il pubblico.

VI.2

6. C.T.R.R. – Realizzazione del Centro Tecnico Prosecuzione dei servizi erogati nell'ambito dei progetti "RUPAR - RAD - SISIA -

Regionale della Rete.

C.T.R.R."

VI.2

2 – PASERV : Servizi in rete delle Pubbliche Amministrazioni

VI.2

VI.2

1. ANAG – Sviluppo di servizi anagrafici a livello

regionale.

Avvio progetto BAS-ANAG - Indice regionale delle anagrafi e sistema di

interscambio delle informazioni anagrafiche.

2. INFOTER - Integrazione dei sistemi informativi

territoriali.

23 I progetti RUPAR, RAD e SISIA sono stati completati nel 2000 con i fondi della precedente programmazione POR 94-99. Nella presente programmazione sono stati realizzati

interventi a carattere evolutivo ed estensivo.

39


40

3. SANIT - Integrazione e evoluzione dei servizi

sanitari.

4. ASSINT - Realizzazione sperimentale di servizi

telematici per l’assistenza integrata a persone non

autosufficienti.

5. INFOAMB - Integrazione e fruizione telamatica

dell’informazione ambientale.

6. LABOR -Realizzazione del sistema informativo

regionale per il lavoro.

7. FIRM-CARD - Impiego della carta elettronica e

della firma elettronica per l’accesso ai servizi.

8. CIVINET - Sviluppo integrato di reti civiche.

9. BASITUR - Realizzazione di servizi e prodotti

informativi basati su sistemi di

telecomunicazioni, informatici e telematici per

l’accoglienza dei turisti in Basilicata.

10. UNIMP - Realizzazione dello sportello unico

della Pubblica Amministrazione per i servizi alle

imprese.

3 – RISUPA : Risorse umane della Pubblica Amministrazione

1. REING: Sviluppo di modelli per la

reingegnerizzazione dei servizi interni della P. A.

sul territorio regionale.

2. PA-FORM: Formazione del personale delle

Pubbliche Amministrazioni.

3. FORUM: Attivazione del Forum Telematico

Regionale della Pubblica Amministrazione.

4. PA-TELAB: Sperimentazione di forme di

telelavoro nella Pubblica Amministrazione

regionale.

5. PA-STAGE: Attivazione di stage, presso la P. A.

regionale, per giovani in formazione in campo

telematico.

Avvio progetto I° avviso nazionale e-gov Bas-Refer : invio delle refertazioni di

laboratorio ai medici di base per via informatica protetta.

Basilicatanet: servizi per i medici di base, scelta e revoca del medico di base,

prenotazione telematica prestazioni sanitarie (CUP Regionale).

Progetto “Un computer in ogni casa”: servizi previsti a carico del soggetto

attuatore selezionato tramite gara “realizzazione di accessi residenziali dei

cittadini della Basilicata alla rete telematica”.

Attuazione progetto entilc@linrete.

Avvio progetto I° avviso nazionale e-gov E-Bas-Polizia-Locale: Portale dei

servizi degli uffici di Polizia Municipale.

Avvio progetto I° avviso nazionale e-gov Tri-Bas: Tributi on-line, portale del

contribuente (Quadro con tributario del cittadino, servizi di pagamento on line).

Accordo con APT Regionale, nell’ambito del progetto “Presidi turistici”, per la

connessione alla RUPAR di tutte le PRO-LOCO ed per l’erogazione di relativi

servizi telematici.

Gara in corso per la realizzazione della SRAP “Sportello Regionale delle Attività

Produttive”.

VI.2

VI.2

VI.2

VI.2

VI.2

VI.2

VI.2

VI.2

III.I.D2

Attivazione del Tele-lavoro in Regione Basilicata. VI.2

Convenzione tra Regione Basilicata e Università della Basilicata per l’attivazione

di Stage presso la PA Regionale.

VI.2

III.T


6. PROMOPA: Promozione interna dello sviluppo

operativo dei servizi in rete della PA regionale.

7. O.T.R.: Attivazione dell’Organismo Tecnico

Regionale.

4 – INFOSOC: Sviluppo della Società dell’Informazione e della Comunicazione

1. GIOVANI: Diffusione della dotazione

strumentale e della connessa capacità

professionale dei giovani senza lavoro

2. FORCON-IMP: Formazione continua di

imprenditori e manager per la diffusione delle

applicazioni telematiche nelle PMI

3. FORCON-LAV: Formazione continua di

lavoratori per la diffusione delle applicazioni

telematiche nelle PMI

4. LINGUA: Promozione e attivazione di servizi

linguistici in rete

5. E-COMM: Promozione e attivazione di servizi di

commercio elettronico per le PMI

6. CREIMP: Assistenza alla creazione di imprese

nei settori della telematica e della multimedialità

7. B-TELE-LAB: Assistenza tecnica e normativa e

per la promozione di sperimentazioni e per lo

sviluppo del telelavoro

8. B-TELE-FORM: Sviluppo sistematico dei servizi

di teleformazione

Progetto “Un computer in ogni casa”: servizi previsti a carico del soggetto

attuatore selezionato tramite gara “Realizzazione di accessi residenziali dei

cittadini della Basilicata alla rete telematica”.

Azioni di supporto e assistenza nell’ambito di apposite convenzione stipulate con

l’Università di Basilicata e con DET di Firenze.

Basilicatanet: sviluppo di servizi di commercio elettronico e diffusione del loro

uso da parte delle PMI presenti sul territorio regionale.

Commercio elettronico per artigianato artistico su Basilicatanet.

Portale Basilicatanet: percorso formativo per l’alfabetizzazione informatica,

l’utilizzo di Internet, dei servizi di e-commerce e della firma elettronica.

9. PC-CASA: Progetto “Un computer in ogni casa” Progetto “Un computer in ogni casa” avviso ai cittadini. VI.2

10. PROMO: Promozione del presente piano VI.2

11. DIR-TEC: Direzione tecnica del sottoprogramma

integato INFOSOC

VI.2

VI.2

III.T

III.T

III.T

VI.2

VI.2

VI.2

III.I.D2

III.T

VI.2

41


42

Tabella RBA 3 - Basilicata: linee e azioni previste nel nuovo Piano Strategico BASITEL+

Linee di intervento / azioni

1 – INFRASTRUTTURE E SERVIZI DI BASE CENTRALI DELLA RETE

1. Evoluzione del nucleo centrale della rete unitaria della Pubblica Amministrazione regionale.

2. Evoluzione del sottosistema di intermediazione tecnica per l’interoperabilità in rete-integrazione dei servizi e intermediazione degli accessi.

3. Consolidamento dei servizi di sicurezza sulla rete.

4. Evoluzione dei servizi di base per l’interoperabilità e la cooperazione applicativa.

5. Interoperabilità dei protocolli informatici degli Enti in rete.

6. Evoluzione dei servizi di front-office centrale on-line:

- evoluzione del portale regionale

- evoluzione dei servizi del Call Center regionale.

2 – DIFFUSIONE DELLA DOTAZIONE STRUMENTALE PER L’ACCESSO PERIFERICO ALLA RETE

1. Estensione delle connessioni periferiche degli enti alla rete regionale.

2. Realizzazione di strutture decentrate di accesso esterno e condiviso.

3. Realizzazione di postazioni di accesso self-service per il pubblico.

4. Prima diffusione di dotazioni personale di terminali in rete presso le famiglie.

5. Diffusione e lo sviluppo dell’ICT nel sistema scolastico regionale.

6. Cittadinanza elettronica: diffusione della dotazione di terminali di accesso alla rete tra i soggetti della società regionale:

- estensione delle dotazioni personali di terminali presso le famiglie

- estensione delle dotazioni personali di terminali presso le PMI.

3 – INNOVAZIONE DELL’ORGANIZZAZIONE E DEI SERVIZI DI BACK-OFFICE DELLA PA REGIONALE

1. Applicazione di modelli per la reingegnerizzazione dei processi interni della Pubblica Amministrazione regionale:

- applicazione di modelli di reingegnerizzazione nell’Amministrazione Regionale

- applicazione di modelli di reingegnerizzazione negli Enti locali.

2. Sviluppo dei processi di comunicazione in rete dell’Amministrazione regionale.

3. Formazione del personale della pubblica Amministrazione regionale:

- formazione del personale dell’Amministrazione Regionale

- formazione del personale degli Enti locali.

4. Diffusione del telelavoro nella pubblica Amministrazione regionale.

5. Attivazione di servizi di e-procurement nella pubblica Amministrazione regionale.

6. Attivazione di stage presso l’Amministrazione pubblica regionale di giovani in formazione in campo informatico e telematico.

7. Diffusione della carta elettronica di servizio dell’operatore della PA regionale.

8. Citizen relationship management della PA regionale.


4 – FORMAZIONE PROFESSIONALE E CONTINUA DEI DIVERSI SOGGETTI DELLA SOCIETÀ REGIONALE

1. Sviluppo sistematico di servizi di teleformazione regionali

2. Diffusione della capacità professionale dei giovani senza lavoro nel campo delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione

3. Formazione per la diffusione delle applicazioni telematiche nelle PMI:

- formazione continua di imprenditori e manager delle PMI

- formazione continua di lavoratori delle PMI.

4. Formazione continua di insegnanti della scuola sulle applicazioni telematiche.

5. Sviluppo di corsi professionalizzanti per studenti universitari nel campo delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione:

- supporto allo sviluppo di corsi professionalizzanti dell’Università della Basilicata

- corsi e-learning dell’Università.

5 – SERVIZI AL CITTADINO

1. Integrazione dei servizi anagrafici a livello regionale.

2. Evoluzione ed integrazione dei servizi sanitari.

3. Servizi per l’integrazione sociale delle persone svantaggiate o non autosufficienti.

4. Evoluzione del sistema informativo per il lavoro e relativo portale tematico regionale.

5. Produzione multimediale e portale tematico regionale sui beni culturali ed ambientali.

6. Sistema informativo integrato in rete del territorio e dell’ambiente regionale:

- sistema per l’interoperabilità in rete dei sistemi informativi territoriali ed ambientali

- portale regionale per la conoscenza del territorio regionale

- portale regionale per la conoscenza dell’ambiente regionale.

7. Portale tematico regionale per le norme in rete.

8. Sistemi informativi di gestione e portale tematico regionale dei trasporti:

- gestione dei sistemi di trasporto

- portale tematico integrato dei trasporti.

9. Attivazione di strutture e servizi telematici minimali presso i comuni province e comunità montane.

10. Finanziamento regionale a sportello per la realizzazione di servizi telematici innovativi degli enti locali per il cittadino:

- Finanziamento di progetti per nuovi servizi finali basati sulla cooperazione applicativa delle Pubbliche Amministrazioni

- Finanziamento di progetti di servizi finali innovativi propri degli Enti locali.

11. Tributi on-line. portale del contribuente.

12. Portale dei servizi degli uffici di polizia locale.

6 – SERVIZI PER LE IMPRESE

1. Servizi in rete della pubblica Amministrazione regionale alle imprese:

- sportello unico della Pubblica Amministrazione regionale per i servizi in rete alle imprese

- albo regionale in rete delle imprese e integrazione con servizi delle Camere di Commercio

- portale tematico degli appalti pubblici.

43


44

2. Servizi cooperativi e comuni in rete delle imprese per la loro promozione ed il marketing territoriale e settoriale:

- sistemi informativi di controllo e portale tematico delle reti idriche ed energetiche

- servizi informativi di filiera produttiva e portale tematico per la promozione dei prodotti agroalimentari, zootecnici e ittici

- portale tematico per la promozione turistica

- portale tematico per il marketing territoriale e per il supporto a nuove iniziative imprenditoriali

- promozione della cooperazione e internazionalizzazione delle PMI attraverso la rete.

3. Promozione del ruolo attivo delle PMI quali soggetti in rete nella e-economy:

- promozione di sistemi ERP in rete nelle PMI

- promozione del commercio elettronico nelle PMI

- promozione di servizi per la logistica attraverso la rete

- promozione di servizi linguistici in rete per le PMI.

7 – RICERCA SCIENTIFICA E TRASFERIMENTO DI TECNOLOGIE

1. Attivazione di un centro di ricerca tecnologica ed applicata per l’innovazione dei servizi telematici.

2. Promozione del trasferimento di tecnologie dell’informazione e della comunicazione.

3. Assistenza alla creazione di imprese nei settori innovativi della telematica e della multimedialità.

8 – INDIRIZZO, PROMOZIONE, COORDINAMENTO, GESTIONE E VALUTAZIONE DEL PIANO

1. La direzione tecnica generale del piano.

2. Centro tecnico regionale della rete (CTR).

3. Centro regionale di competenza (CRC).

4. Promozione, divulgazione e animazione del piano:

- forum della Società dell’Informazione regionale

- azioni di animazione rivolte a cittadini ed imprese

- azioni di animazione rivolte agli Enti locali.

5. Monitoraggio e osservatorio della società dell’informazione regionale:

- monitoraggio e valutazione dei progetti del piano

- osservatorio della Società dell’Informazione.


Calabria

Coerenza del POR e CdP con la Strategia Regionale

Il Piano di Azione per lo Sviluppo della Società dell’Informazione in Calabria è stato elaborato

nell’ambito del Progetto RISI Arianna (Azioni Innovative del FESR). E’ un piano elaborato nel

biennio 1998-1999 e pertanto, per alcuni aspetti ormai datato 24 .

L’aggiornamento in corso del quadro di riferimento del piano non dovrebbe avere un impatto

significativo sugli obiettivi e sulle strategie dell’attuale documento di pianificazione ma portare

essenzialmente ad un aggiornamento ed integrazione delle linee di intervento e azioni sulla base dei

nuovi strumenti strategici di orientamento ed indirizzo delle politiche comunitarie e nazionali della

SI e dei risultati del Piano TelCal.

In attesa della revisione del Piano Strategico si può comunque affermare che l’attuale documento di

strategia (vedi nota a piè pagina) trova un certo riscontro nella relativa misura della SI (6.3) del

Complemento di Programmazione della Regione.

Questo consente, seppur non sempre in modo diretto ed evidente, di effettuare abbastanza

agevolmente la verifica/misura dello stato di attuazione del Piano rispetto alle azioni poste in essere

nell’ambito dell’attuazione delle misure del POR

Organismi e strumenti per l’attuazione

Il quadro di sintesi degli attori della policy regionale in materia di sviluppo della SI è riportato nella

seguente tabella 25 :

Responsabilità politica

nell’Amministrazione regionale

Struttura operativa dell’Amministrazione

regionale per i sistemi informativi

Presidenza della Giunta Regionale

Dipartimento 3 - Bilancio e finanze, politiche comunitarie e sviluppo

economico; settore 11 “sistema informativo, informatico e statistico”

Struttura regionale di “supporto” interno

(supervisione, coordinamento,

monitoraggio ecc… )

- “Comitato Tecnico Scientifico”

- Struttura Operativa di Gestione (SOG) L’attività della SOG è rivolta

principalmente a garantire la puntualità e la qualità degli investimenti

durante tutto il ciclo di programmazione ed attuazione del POR Calabria

2000-2006, fornendo il necessario coordinamento e la necessaria assistenza

tecnica alle amministrazioni responsabili dell’attuazione delle misure.

Rapporti con Enti Locali

- STEERING COMMITTEE Attivato nell’Aprile 2001

- GRUPPO DI LAVORO SULL’E-GOVERNMENT

- Istituito nel settembre 1998 nell’ambito del progetto RISI- ARIANNA

Il quadro evidenzia una struttura di governo della policy regionale per lo sviluppo della SI ben

identificata e strutturata, anche se i risultati della valutazione intermedia 26 mettono in evidenza una

24 Si fa riferimento ai seguenti documenti:

- Strategia e Piano di Azione per lo Sviluppo della Società dell’Informazione in Calabria (febbraio 1999);

- Libro Verde sulla Società dell’Informazione in Calabria (ottobre 1998).

25 Fonte : I° Rapporto sull’innovazione nelle Regioni d’Italia – CRC 2003

26 Rapporto di Valutazione Intermedia del POR Ob1 2000-2006 della Regione Calabria – Bozza Rev. 1 del settembre

2003.

45


possibile criticità legata alla “non chiara ripartizione di competenze tra responsabile di misura e

esperto struttura operativa di gestione (SOG)”.

Dal quadro sintetico sopra rappresentato, si rileva inoltre che le strutture di concertazione e

partenariato fanno riferimento all’esperienza maturata con il progetto RISI-Arianna. Non è chiaro

se tale esperienza sia stata dispersa nel corso degli anni o se i tavoli di concertazione, a quel tempo

attivati, siano ancora operativi o no.

Quadro schematico dello stato di attuazione

Lo sviluppo della SI in Calabria trova essenzialmente attuazione nella misura 6.3 del POR. La

misura si articola in quattro azioni di cui le prime due svolgono un ruolo di supporto, promozione e

informazione mentre la terza e la quarta attivano le azioni vere e proprie di diffusione della SI nella

PA e nei sistemi produttivi. Le risorse finanziarie attribuite alla misura, il quadro economico

risultante dal consuntivo a settembre 2003 e il risultato sintetico dell’autovalutazione di maggio

2003 sono riportati nella tabella seguente.

Tabella RCA 1 - Calabria: indicatori di attuazione delle misure per la SI

Misura

Misura 6.3

Sviluppo

della Società

dell’Informazione

Numero

azioni

Fondo

COSTO MISURA

(valori in Euro)

a carico

Totale

Pubblico

% su costo pubblico

Impegnato

spesa

4 FESR 68.024.000 68.024.000 24,14 8,98

Autovalutazione

(5-03) 27

Giudizi

Categoria

sintetici

- - = 4°

- = = 3°

Dall’esame della tabella si rilevano, in coerenza tra i dati di monitoraggio economico e la categoria

assegnata in autovalutazione alla misura, delle criticità “connesse a carenza o assenza di struttura di

governo e gestione e difficoltà di spesa”.

La tabella RCA 2, riportata nella pagina seguente, è invece da intendersi come un tentativo di

trovare una corrispondenza tra gli interventi effettuati 28 e le azioni indicate nella Strategia della

Regione Calabria sulla SI (sebbene la stessa sia in corso di revisione). Essa può rappresentare un

valido strumento per l’identificazione di aree di strategia non ancora coperte da alcuna azione o

parzialmente coperte e che possono quindi orientare l’esercizio di ri-programmazione in corso.

L’analisi della tabella, in coerenza con il quadro finanziario della misura mette in evidenza un

sostanziale ritardo nell’attuazione della Strategia con ampie parti non coperte da alcun intervento.

Gli interventi effettuati o in fase di avvio, ad eccezione del progetto Soveria, ricadono

essenzialmente nelle azioni di pianificazione, promozione e informazione.

27 Vedi allegato 3 per interpretazione segni e categorie.

28 si fa riferimento esclusivamente agli interventi finanziati con fondi POR. Non sono qui riportati altri eventuali

interventi, attinenti a azioni previste nella strategia, realizzati con altre fonti finanziarie.

46


Tabella RCA 2 - Calabria: Quadro schematico dello stato di attuazione e della coerenza delle azioni con la strategia

Linee di intervento / azioni Interventi realizzati MISURA

1 – INFRASTRUTTURE TELEMATICHE

1.1 Rete telematica Multiprotocollo calabrese

RTMCAL.

1.2 Rete Telematica metropolitana dell’area

del Porto di Gioa Tauro.

2 – SOSTEGNO ALLO SVILUPPO DI RETI TELEMATICHE LOGICHE

2.1 Rete logica della Telemedicina.

2.2 Rete logica della ricerca, Università,

Scuola e Formazione Professionale.

2.3 Rete logica delle PMI e Professionisti.

2.4 Rete logica del Terzo Settore.

3 – SVILUPPO DELLE ICT NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONI

3.1 Sistemi Informativi interni, automazione

procedure ed accesso alla RUPA.

3.2 Servizi per i cittadini e le imprese.

3.3 Applicazioni telematiche per la gestione

del traffico.

3.4 Sistemi di Supporto alle decisioni per la

Pubblica Amministrazione.

3.5 Sistemi telematici per la Tutela ed il

Monitoraggio ambientale.

4 – SVILUPPO DELLE ICT NEL SETTORE SANITARIO

- Attuazione progetto Soveria.it per sensibilizzazione, promozione e-gov e e-democracy

in piccoli comuni.

- Progetti approvati nell’ambito del 1° avviso nazione per e-gov 29 (GOLEM - Governo

Locale Elettronico della Municipalità Calabrese; ST@RT - Servizi Telematici Avanzati

per Reti Territoriali).

Emesso bando per Progetto DSSx-Scopro (decision system support).

4.1 Teleconsulto.

4.2 Cure a domicilio.

4.3 Sistemi informativi Sanitari. Progetti approvati nell’ambito del 1° avviso nazione per e-gov 30 (CAT@HOSPITAL -

Prenotazioni Sanitarie On Line).

6.3

az. C

6.3

az.C

6.3

az. C

29 La Regione Calabria concede un cofinanziamento dei progetti approvati dal Dipartimento per l’Innovazione e le Tecnologie (DIT).

47


5 – PICCOLE E MEDIE IMPRESE E PROFESSIONISTI

5.1 Sistemi informativi e siti web delle PMI. Pubblicato bando per e-commerce. 6.3

az. D

5.2 Supporto alle attività ed alla cooperazione

per le PMI ed i Professionisti.

5.3 Supporto alla creazione di nuove imprese

innovative operanti nell’area delle ICT.

6 – TERZO SETTORE

6.1 Cooperazione e diffusione delle

informazioni delle associazioni no-profit.

7 – FORMAZIONE E RICERCA

7.1 Teledidattica e formazione Professionale.

7.2 Ricerca applicata e trasferimento

tecnologico.

8 – SERVIZI PER LA SOCIETÀ DELL’INFORMAZIONE

8.1 Outsourcing di servizi telematici.

9 – PIANIFICAZIONE STRATEGICA E PROMOZIONE

9.1 Pianificazione strategica regionale per lo - Bando “indicatori Società dell’Informazione”.

sviluppi della SI.

- Attuazione progetti per la valutazione del rinveniente PTC e mappatura dei servizi

rinvenienti del PTC.

- Pubblicazione Bando per l’affidamento dei servizi relativi alla “Realizzazione di

un’indagine conoscitiva sullo sviluppo della Società dell’Informazione”.

9.2 Promozione regionale dello sviluppo della

SI.

- In avvio progetto “promozione della SI” approvato con DGR maggio 2003.

6.3 Az. A

6.3 Az. B

30 La Regione Calabria concede un cofinanziamento dei progetti approvati dal Dipartimento per l’Innovazione e le Tecnologie (DIT).

48


Campania

Coerenza del POR e CdP con la Strategia Regionale

La strategia regionale per lo sviluppo della SI, di cui al documento Piano Strategico della Società

dell’Informazione nella Regione Campania del 21-12-2001, non trova diretto riscontro nelle

relative misure della SI (6.2, 6.3 e 6.4) del Complemento di Programmazione della Regione.

Ciò discende direttamente dalla funzione essenzialmente divulgativa ed informativa data dalla

Regione al Piano che lo ha inteso come un documento finalizzato a comunicare la strategia per

attivare la domanda e non come un documento stringente che prefigura in maniera definitiva ed exante

le tipologie di azioni da attuare 31 .

Per quanto sopra, le modalità attuative prevedono la verifica della strategia proposta direttamente

sul campo attraverso il lancio di specifiche manifestazioni di interesse e bandi per le imprese e le

Pubbliche Amministrazioni, l’individuazione e costruzione di cluster di progetti (per temi, per

ambiti, per reti, ecc.) e di progetti pilota e dimostrativi ad alta trasferibilità.

Evidentemente tale scelta rende molto complessa la verifica/misura dello stato di attuazione del

Piano rispetto alle azioni poste in essere nell’ambito dell’attuazione delle misure del POR

Organismi e strumenti per l’attuazione

Il quadro di sintesi degli attori della policy regionale in materia di sviluppo della SI è riportato nella

seguente tabella 32 :

Responsabilità politica

nell’Amministrazione regionale

Struttura operativa dell’Amministrazione

regionale per i sistemi informativi

Assessorato università e ricerca scientifica, innovazione tecnologica e nuova

economia, sistemi informativi e statistica, musei e biblioteche.

Area generale coordinamento ricerca scientifica, statistica, sistemi informativi

e informatica.

Struttura regionale di “supporto” interno

(supervisione, coordinamento,

monitoraggio ecc… )

“Comitato Tecnico” per la predisposizione dell’implementazione del piano

strategico della società dell’informazione per la Regione Campania istituito nel

2001 con delibera n.5297 del 19/10/2001.

Rapporti con Enti Locali

Tavoli tecnici/consultazione Regione – enti locali.

Tra questi si evidenzia quello di cui alla convenzione sottoscritta dalla Regione

e dalle cinque Province, formato dal Comitato Tecnico nonché dai

rappresentanti di ciascuna Provincia e dell'Assessorato alla Ricerca Scientifica,

per programmare la realizzazione di strategie d'intervento finalizzate ad

incentivare e governare lo sviluppo di:

• servizi applicativi di e-government dell'Ente Provincia;

• servizi applicativi informatici per la gestione del territorio;

• servizi applicativi in materia di formazione e lavoro;

• piattaforme market-place per la PA della Regione.

Il quadro evidenzia come la struttura di governo della policy regionale per lo sviluppo della SI sia

ben identificata e strutturata e presenti tutte le condizioni amministrative, normative e istituzionali

necessarie per garantire l’attuazione piena della strategia.

31 Vedi: Rapporto di Valutazione dei Piani regionali per la Società dell’Informazione - Gruppo Tecnico di Valutazione

promosso dal Gruppo di Lavoro del QCS Obiettivo 1 (2000-2006) ‘Società dell’Informazione’ - Roma, giugno 2002.

32 Fonte: I° Rapporto sull’innovazione nelle Regioni d’Italia – CRC 2003.

49


Quadro schematico dello stato di attuazione

Lo sviluppo della SI in Campania trova essenzialmente attuazione nelle misure 6.2, 6.3 e 6.4 del

POR. Le risorse finanziarie attribuite a ciascuna misura, il quadro economico risultante dal

consuntivo a settembre 2003 e il risultato sintetico dell’autovalutazione di maggio 2003 sono

riportati nella tabella seguente.

Tabella RCA 1 – Campania: indicatori di attuazione delle misure per la SI

Misura

Misura 6.2

Sviluppo della SI

Misura 6.3

Sostegno allo

sviluppo della SI

nel tessuto

produttivo.

Misura 6.4

Promozione SI

tramite il rafforzamento

del potenziale

umano, lo

sviluppo della

imprenditorialità e

il miglioramento

della competitività

delle imprese.

Promozione della

internazionalizzazione.

Numero

azioni

Fondo

COSTO MISURA

(valori in Euro)

a carico

Totale

Pubblico

% su costo pubblico

Impegnato

spesa

Autovalutazione

(5-03) 33

Giudizi

Categoria

sintetici

3 FESR 129.505.200 129.505.200 74,90 12,97 (+-=+) 2°

3 FESR 172.673.600 86.336.800 24,30 13,21 (+--+) 2°

10 FSE 78.794.000 70.915.000 33,04 4,69 (+--+) 2°

Dall’esame della tabella si rileva una sostanziale coerenza tra i dati di monitoraggio economico e la

categoria assegnata in autovalutazione alle tre misure che mette in evidenza la mancanza di

particolari difficoltà operative nell’attuazione delle stesse, se non quelle connesse alla tempistica

della spesa.

La tabella RCA 2, riportata nella pagina seguente, è invece da intendersi come un tentativo di

trovare una corrispondenza tra gli interventi effettuati 34 e le azioni indicate nella Strategia della

Regione Campania sulla SI. Come già riferito precedentemente, data la funzione essenzialmente

divulgativa ed informativa data al Piano dalla Regione, tale quadro schematico dello stato di

attuazione e della coerenza delle azioni con la strategia è puramente indicativo e certamente non

esaustivo. Ciò nondimeno esso può rappresentare un valido strumento per l’identificazione di aree

di strategia non ancora coperte da alcuna azione o parzialmente coperte e che possono quindi

orientare l’esercizio di riprogrammazione in corso.

33 Vedi allegato 3 per interpretazione segni e categorie.

34 Si fa riferimento esclusivamente agli interventi finanziati con Fondi POR. Non sono qui riportati altri eventuali

interventi, attinenti a azioni previste nella strategia, realizzati con altre fonti finanziarie.

50


Tabella RCA 2 – Campania: quadro schematico dello stato di attuazione

e della coerenza delle azioni con la strategia

Linee di intervento / azioni Interventi realizzati MISURA

4.1 – POTENZIAMENTO DELLA INFRASTRUTTURA DI RETE

Attuazione della Intranet regionale e

- Adesione alla Rete Unitaria della Pubblica Amministrazione (RUPA). 6.2

adesione alla RUPA.

Attuazione della RUPAR attraverso

l’attuazione di POP per l’accesso degli

EE.LL. localizzati sul territorio regionale

Favorire iniziative per potenziamento

sistemi a larga banda.

Migliorare l’accesso zone disagiate e

disabili (sistemi multicanale).

Incrementare livelli di sicurezza per

autenticazione utenti esterni ed interni

alla PA.

Favorire l’integrazione tra reti gestite da

differenti Provider per sviluppo

applicazioni che richiedono elevata

banda (peering).

Favorire l’integrazione tra le reti di

ricerca, mondo dell’impresa e

formazione.

Potenziare cablaggio interno Amm.

Regionale ed Enti.

- Rete Lan (realizzazione di infrastrutture, reti locali di campo e di edificio per la

trasmissione dei dati ad alte prestazioni nelle sedi della Giunta regionale dislocate

sull'intero territorio).

Favorire accesso a RUPAR via SMS,

WAP, GPRS e UMTS.

Sviluppo infrastrutture di rete nelle aree

industriali della regione.

4.2 – IMPLEMENTAZIONE DEI NODI DELLA RUPAR

Recupero di sistemi informativi esistenti

e integrazione nella rete regionale.

Modelli cooperativi di sistemi gestiti da - Cluster "Riorganizzazione dei processi nella PA".

Enti diversi.

- Cluster "Gestione delle risorse umane della PA".

Workflow e sistemi di gestione

documentali.

51


52

4.3 – IMPLEMENTAZIONE DEI SERVIZI DI BASE PER LO SVILUPPO DELL’INTRANET DELLA REGIONE

CAMPANIA

Firma digitale.

Protocollo Informatico e archiviazione

documenti.

- Informatizzazione interna dell’Ente Regione (protocollo, firma elettronica, gestione

flusso documentale).

4.4 – REALIZZAZIONE DI APPLICATIVI PER LO SVILUPPO DI SERVIZI AL CITTADINO

Servizi informativi alle PA

(accesso a banche dati di interesse

legislativo per il reperimento di

finanziamenti; accesso ai servizi del

Catasto per misure catastali; accesso alle

-

banche dati ISTAT; collegamento con

Portale Regionale.

organismi istituzionali CEE; collegamenti

con vari ministeri ed altri organismi

amministrativi statali).

- Portale Regionale.

Servizi informativi ai cittadini

(accesso ad ogni tipo di informazione

riguardante le attività del Comune, delle

Amministrazioni, degli Enti e delle

Aziende pubbliche, delle Imprese, del

mercato del lavoro, della vita culturale e

sociale).

- Cluster "Innovazione per erogazione servizi nella PA".

- Cluster "Servizi al turismo.

- Cluster "Servizi ai trasporti".

- Cluster "Gestione del territorio".

- Cluster "Teletributi".

- Cluster "Anagrafi integrate".

- Cluster "E-government e patto territoriale".

Servizi Sanitari

(utilizzo e condivisione competenze

specialistiche; bisogno di ausilio alle azioni

terapeutiche domiciliari e di pronto

intervento; supporto attività di prevenzione

ed assistenza; adattamento capacità risposta

strutture su variazione esigenze del

territorio) tramite istituzione di servizi di

telesoccorso, teleassistenza, teleconsulto,

teleinformazione, teleprenotazione.

- Cofinanziamento (30%) dei progetti di e-gov enti campani approvati nell’ambito del 1°

avviso nazionale di e-government.

- Progetto C.U.P., affidato alla Università "Federico II" per la stesura delle direttive di

riferimento per le varie ASL per attuare il proprio C.U.P.”.

- Progetto telemedicina, che vede coinvolti una trentina di soggetti fra dipartimenti

universitari ed aziende ospedaliere.

6.2

6.2

6.2

6.2


4.5 – PROMOZIONE DELLA SOCIETÀ DELL’INFORMAZIONE NEL TESSUTO PRODUTTIVO

Interventi “top-down”

(sensibilizzazione imprese per la SI tramite - Cluster “servizi alle imprese”.

programmi, protocolli, progetti piloti;

implementazione di modelli e protocolli

per accesso imprese ai servizi della PA;

progetti di cooperazione in ambiente “beweconomy”

tra imprese a livello regionale ed

interregionale)

Interventi “bottom-up”

(nuove attività in ambito new-economy;

riconversione attività tradizionali;

realizzazione di spin-of e start-up

imprenditoriali; sostegno progetti di

imprese associate che prevedano utilizzo di

ICT

4.6 – RAFFORZAMENTO POTENZIALE UMANO PER SVILUPPO SI

- Nuove tecnologie nella formazione;

- Formazione e informazione diffusa

sull’uso degli strumenti multimediali

di base;

- Formazione continua per creazione o

ridisegno nuove figure professionali

- Bando-avviso in de minimis con funzionamento a sportello per sostenere programmi di

ICT da parte di PMI del tessuto produttivo regionale.

- Cluster “accessi semplificati”.

- Convenzione con le Università della Campania per la realizzazione di "Corsi base di

Tecnologie dell'Informazione e della Comunicazione".

- Convenzione con le Università della Campania per la realizzazione di "corsi di Lingua

inglese".

- Approvazione di un bando per il finanziamento di progetti formativi integrati volti:

a) alla promozione dello sviluppo della società dell'informazione attraverso il

rafforzamento del potenziale umano, lo sviluppo dell'imprenditorialità e il

miglioramento della competitività delle imprese;

b) alla promozione dell'internazionalizzazione; l’approvazione di un bando per la

presentazione di interventi formativi finalizzati all'aggiornamento delle

competenze informatiche dei dipendenti delle agenzie di viaggio.

- Avviamento di attività formative per tutti i dipendenti della Regione Campania utenti

per gli applicativi verticali del portale INTRANET regionale.

6.2

6.3

6.2

6.4

53


Molise

Coerenza del POR e CdP con la Strategia Regionale

La strategia regionale per lo sviluppo della SI, di cui al documento Sistema Telematico Molise – STM;

Programma Operativo Regionale 200-2006; Misura 6.3. Società dell’Informazione; Piano Strategico di

Attuazione (30 Settembre 2002 - Bozza di piano ver. 2.0), è ancora in fase di approvazione da parte

dell’apposito Gruppo Tecnico di Valutazione.

Per quanto sopra, la bozza di Piano non trova parziale riscontro nelle relative misure della SI (6.3) del

Complemento di Programmazione della Regione.

Organismi e strumenti per l’attuazione

Il quadro di sintesi degli attori della policy regionale in materia di sviluppo della SI è riportato nella

seguente tabella 35 :

Responsabilità politica

nell’Amministrazione regionale

Struttura operativa dell’Amministrazione

regionale per i sistemi informativi

Presidenza della Giunta Regionale.

Settore organizzazione e informatica della regione (SOIR).

Società / Agenzia regionale di servizi

info-telematici

Rapporti con Enti Locali e partenariato

Molise Dati S.P.A.

- Comitato di Coordinamento per l’esercizio delle funzioni di indirizzo,

monitoraggio e controllo dello sviluppo ed avvio del piano regionale di e-

government (istituito con Decreto del Presidente della Regione n. 85 del 6

giugno 2002).

- FORUM Regionale per la SI.

Il quadro evidenzia una struttura di governo della policy regionale per lo sviluppo della SI che ha come

braccio operativo la Società Regione per l’Informatica.

Quadro schematico dello stato di attuazione

Lo sviluppo della SI in Molise trova essenzialmente attuazione nella misura 6.3 del POR. Le risorse

finanziarie attribuite alla misura, il quadro economico risultante dal consuntivo a settembre 2003 e il

risultato sintetico dell’autovalutazione di maggio 2003 sono riportati nella tabella seguente.

Misura

Misura 6.3

Società

dell’Informazione.

Tabella RMO 1 - Molise: indicatori di attuazione delle misure per la SI

Numero

azioni

1

Fondo

FES

R

COSTO MISURA

(valori in Euro)

a carico

Totale

Pubblico

% su costo pubblico

Impegnato

spesa

Autovalutazione

(5-03) 36

Giudizi

Categoria

sintetici

21.605.135 21.605.135 20,33 4,33 (- --=) 4°

Dall’esame della tabella si rileva una sostanziale coerenza tra i dati di monitoraggio economico e la

categoria assegnata in autovalutazione alle tre misure.

La tabella RMO 2, riportate nella pagina seguente, prende spunto dagli interventi previsti nell’ultimo

documento di aggiornamento del Piano Strategico inviato dalla Regione al Gruppo Tecnico di

Valutazione. Poiché di fatto la misura non è stata ancora avviata (le uniche spese effettuate sono relative

essenzialmente a quelle connesse alla redazione del Piano strategico) la tabella si presenta vuota.

35 Fonte : I° Rapporto sull’innovazione nelle Regioni d’Italia – CRC 2003.

36 Vedi allegato 3 per interpretazione segni e categorie.

54


Tabella RMO 1 - Molise : quadro schematico dello stato di attuazione e della coerenza delle azioni con la strategia

Linee di intervento/obiettivi/ azioni Interventi realizzati MISURA

L1 – SOSTENERE LO SVILUPPO DELLE INFRASTRUTTURE ICT SU TUTTO IL TERRITORIO REGIONALE

O.1.1 Dotare la Regione di una rete telematica che colleghi tutti i comuni in banda larga

A.1.1.1. Rete Regione Molise (extranet-intranet).

A.1.1.2. Rete wireless in banda larga (con copertura regionale).

A.1.1.3. Rete wireless WLL / Wifi (nei comuni minori).

O.1.2 Dotare le reti di Servizi di base

A.1.2.1. Servizi Infrastrutturali per la sicurezza di rete.

A.1.2.2. Servizi Infrastrutturali per l'interoperabilità di rete.

A.1.2.3. Servizi Infrastrutturali per le applicazioni di rete.

L2 – FAVORIRE LA DIFFUSIONE DELLE DOTAZIONI STRUTTURALI ABILITANTI LA SOCIETÀ DELL’INFORMAZIONE

O.2.1 Adeguare le dotazioni strutturali ICT della PAL

A.2.1.1. Messa in rete delle singole articolazioni di ciascuna PAL.

A.2.1.2. Adeguamento delle dotazioni hardware e software di base della

PAL.

A.2.1.3. Creazione di un centro regionale per l'erogazione di servizi di e-

Learning.

O.2.2 Favorire l'interconnessione dei cittadini con particolare attenzione all'area del disagio

A.2.2.1. Agevolazioni per l'acquisto delle apparecchiature informatiche.

A.2.2.2. Creazione di Punti di accesso assistiti alla Rete.

A.2.2.3. Finanziamento di progetti di organizzazioni senza fini di lucro

per l'accesso alla Rete dei diversamente abili.

L3 – FAVORIRE LA DIFFUSIONE, AI VARI LIVELLI, DELLA CULTURA DELLA SOCIETÀ DELL’INFORMAZIONE

O.3.1 Sensibilizzare ed informare i cittadini sull'utilizzo dell'ICT

A.3.1.1. Realizzazione di una campagna di sensibilizzazione e

informazione.

A.3.1.2. Finanziamento di progetti delle istituzioni scolastiche, primarie e

secondarie, in partenariato con imprese locali del settore ICT.

O.3.2 Erogare servizi mirati di formazione ICT anche attraverso l'uso di tecnologia e-Learning

A.3.2.1. Finanziamento di progetti di alfabetizzazione informatica.

A.3.2.2. Finanziamento di progetti di formazione informatica specialistica.

55


A.3.2.3. Addestramento ed aggiornamento del Personale della PAL.

O.3.3 Sostenere il sistema della formazione e della ricerca

A.3.3.1. Centro di supporto scientifico e di sperimentazione nel settore ICT.

L4 – SOSTENERE L’INNOVAZIONE ORGANIZZATIVA E TECNOLOGICA DEI PROCESSI INTERNI DELLA PAL

O.4.1 Conseguire l'integrazione dei sistemi informativi delle PA Locali e Centrali

A.4.1.1. Implementazione degli strumenti per l'integrazione e

l'interoperabilità dei sistemi informativi della PA Locale e

Centrale.

A.4.1.2. Realizzazione del Sistema Informativo Unitario della regione

Molise.

A.4.1.3. Realizzazione di un sistema integrato delle anagrafi.

A.4.1.4. Sistemi automatizzati per le funzioni di front-office.

O.4.2 Informatizzare la gestione dei procedimenti della PAL (back-office / front-office)

A.4.2.1. Sistemi automatizzati per la gestione dei flussi documentali.

A.4.2.2. Costituzione dell'Anagrafe Tributaria Regionale ed

implementazione del Sistema Tributario Regionale.

A.4.2.3. S.I.R.A. (Sistema Informativo Regionale Ambientale).

A.4.2.4. Sistema di Vigilanza Ambientale - Centro Servizi Regionale per

l'interconnessione delle funzioni di monitoraggio.

A.4.2.5. Servizio Regionale di Protezione civile.

A.4.2.6. Strutture del Sistema Informativo Sanitario Regionale (S.I.S.R.).

A.4.2.7. Potenziamento del Centro Regionale di ricerca cartografica ed

integrazione con il Sistema Informativo della Montagna (S.I.M.).

A.4.2.8. Implementazione del Sistema Statistico Regionale (SI.STA.R.).

L5 – SOSTENERE LA QUALIFICAZIONE E IL POTENZIAMENTO DEI SERVIZI AI CITTADINI DA PARTE DELLA PAL

O.5.1 Garantire l'accesso on-line ai servizi della Pubblica Amministrazione

A.5.1.1. Implementazione di un sistema integrato di portali territoriali

multicanale di accesso ai servizi della PAL.

A.5.1.2. Realizzazione del sito web delle leggi, delle normative, delle

deliberazioni e dei decreti della Regione e della PAL.

A.5.1.3. Realizzazione del Portale multicanale per l'accesso e la fruizione

dell'offerta turistica regionale.

O.5.2 Promuovere l'utilizzo di strumenti innovativi per l'accesso ai servizi della PAL

A.5.2.1. Realizzazione della carta elettronica del cittadino.

A.5.2.2. Implementazione di una Rete integrata di Contact Center

multicanale per i cittadini.

56


O.5.3 Favorire l'accesso coordinato dei cittadini alle prestazioni sanitarie

A.5.3.1. Progetto e_Health Molise.

A.5.3.2. Implementazione del Portale multicanale sanitario e per l'integrazione

sociale con sistemi di videoconferenza.

O.5.4 Facilitare la dinamica del mercato regionale del lavoro

A.5.4.1. Implementazione del sistema informativo Regionale del lavoro.

L6 – SOSTENERE, TRAMITE LA DIFFUSIONE DELL’ICT, IL SISTEMA LOCALE DELLE IMPRESE

O.6.1 Qualificare e potenziare i servizi per le imprese da parte della PAL

A.6.1.1. Contact Center multicanale con funzioni di Sportello Unico delle

Attività Produttive.

A.6.1.2. Implementazione del portale degli appalti pubblici.

A.6.1.3. Implementazione del Portale per il marketing territoriale.

O.6.2 Promuovere l'utilizzo dell'ICT nelle imprese

A.6.2.1. Finanziamento di progetti integrati per la diffusione della cultura

tecnologica nelle PMI.

A.6.2.2. Sostegno finanziario alla innovazione digitale nelle PMI.

O.6.3 Promuovere la creazione e lo sviluppo delle imprese nel settore dei servizi ICT

A.6.3.1. Sostegno finanziario ai progetti di creazione di nuove imprese.

A.6.3.2. Creazione di un Polo Tecnologico per i servizi ICT.

57


Puglia

Coerenza del POR e CdP con la Strategia Regionale

La strategia regionale per lo sviluppo della SI, di cui al documento Piano Regionale per la Società

dell’Informazione 2 a revisione (Bari - Novembre 2002) non trova diretto riscontro nelle relative

misure della SI (6.2, 6.3 e 6.4) del Complemento di Programmazione della Regione che è rimasto

invariato rispetto alla stesura del 3 dicembre 2002 .

Ciò discende presumibilmente dalla volontà della Regione di operare per “programmi stralcio”.

Tale metodologia di intervento è motivata dalla Regione per agire concretamente a sostegno della

domanda evitando di prefigurare a priori l’assegnazione delle risorse finanziarie del Piano 37 .

A tal riguardo la Regione Puglia ha precisato che: “la Giunta Regionale successivamente

all’approvazione del Piano Regionale per la Società dell'Informazione, in data 2/07/2002, ha

approvato il primo programma di attuazione del Piano della Società dell’Informazione. In esso

vengono individuati interventi selezionati in base alle quattro linee previste dal Piano in oggetto e

in base alla seguente strategia di start up:

fronteggiare il deficit di competenze e professionalità nel campo delle tecnologie informatiche e

della comunicazione con interventi finalizzati a creare, potenziare e sviluppare una human

infrastructure idonea a generare e diffondere le competenze necessarie;

sostenere la creazione di reti socioeconomiche telematiche delle imprese in grado di incidere

positivamente sui livelli di innovazione e di competitività dell’intero sistema socioeconomico

regionale;

rafforzare la componente degli Enti locali per la creazione delle condizioni di contesto

necessarie allo sviluppo della SI;

evitare l’esclusione della SI dei soggetti più deboli, per rafforzare la coesione sociale;

rafforzare la filiera della ricerca e dell’innovazione tecnologica nel settore delle ITC,

considerate tra i principali beni immateriali sui quali si fonda il successo delle imprese e lo

sviluppo del territorio.

Gli interventi oggetto del primo programma di attuazione fanno diretto riferimento a quanto

indicato nelle schede tecniche del CdP del POR 2000-2006 relativamente alle misure 6.2 (Società

dell’Informazione), 6.4 (Risorse Umane e Società dell’Informazione).”

Con DGR 519/02, la Regione ha poi approvato il Piano di Azione territoriale per l’e-government

della Regione Puglia che rappresenta lo strumento di coordinamento, di sistematizzazione e di

finalizzazione ad obiettivi di rilevanza regionale dei progetti e degli interventi per l’e-government

ideati e promossi dalle amministrazioni locali della regione. Tale Piano, ha precisato la Regione

Puglia 38 , “va visto non come un aggiornamento del Piano regionale della SI, né come uno stralcio

di esso, bensì come primo piano operativo di attuazione in quanto vengono individuati gli interventi

prioritari e funzionali al definitivo avvio della SI in Puglia. Il Piano si fonda sugli indirizzi

programmatici e sugli interventi operativi definiti nel Complemento di Programmazione del POR

Puglia 2000-2006, con particolare riferimento alle azioni della Misura 6.2 – Società

dell’Informazione (Azione a Definizione del Piano regionale per la Società dell’Informazione), e

della Misura 6.3 – Sostegno all’innovazione degli Enti locali e della Misura 6.4 – Risorse umane e

Società dell’Informazione.”

37 Vedi: “Rapporto di Valutazione dei Piani regionali per la Società dell’Informazione” - Gruppo Tecnico di

Valutazione promosso dal Gruppo di Lavoro del QCS Obiettivo 1 (2000-2006) ‘Società dell’Informazione’ - Roma,

giugno 2002

38 Vedi nota precedente.

58


Per quanto sopra, la scelta operata dalla Regione di operare per successivi piani attuativi riferiti alle

azioni previste nelle corrispondenti misure del CdP, rende di fatto molto complessa la

verifica/misura dello stato di attuazione del Piano rispetto alle azioni poste in essere nell’ambito

dell’attuazione delle misure del POR.

Organismi e strumenti per l’attuazione

Nella Regione Puglia, l’attuazione del Piano è di competenza del Dipartimento Industria e

Artigianato, attraverso uno specifico Servizio che ha sia la competenza diretta sulle azioni per le

PMI, sia la funzione di coordinamento con gli altri Settori della Regione.

Il quadro di sintesi degli attori della policy regionale in materia di sviluppo della Società

dell’Informazione è riportato nella seguente tabella 39 :

Responsabilità politica

nell’Amministrazione regionale

Responsabilità dell’attuazione ed

il coordinamento interventi SI

Struttura operativa

dell’Amministrazione regionale

per i sistemi informativi

Struttura esterna di “supporto”e

attuazione

Rapporti con Enti Locali

Assessorato Dipartimento Industria e Artigianato.

Autorità di Gestione del POR.

In mancanza di un settore che si occupa di sistemi informativi, l’attuazione del piano è

demandata ai responsabili delle misure del POR presso:

- Misura 6.2 : Settore Artigianato dell’Assessorato Industria Commercio e

Artigianato;

- Misura 6.3 :

o Sottomisura A - Segreteria della Presidenza della Giunta;

o Sottomisura B - Assessorato al Lavoro ed Formaz. Professionale.

- Misura 6.4 : Settore Formazione Professionale dell’Assessorato al Lavoro ed alla

Formazione Professionale.

Tecnopolis CSATA.

Conferenza Regione – Autonomie Locali.

Tavolo ANCI-Tecnopolis.

Dal quadro sopra riportato emergono delle possibili criticità che potrebbero compromettere la

speditezza di attuazione del Piano ed il coordinamento tra le varie azioni. Tali criticità sono da

attribuirsi essenzialmente alla mancanza di un struttura operativa interna di riferimento per i sistemi

informativi e dalla scelta effettuata di mettere in capo all’Autorità di Gestione del POR la

responsabilità dell’attuazione e del coordinamento degli interventi in materia di SI.

A tale riguardo occorre però segnalare che, nell’ambito degli Accordi di Programma Quadro relativi

ai fondi di cui alla delibera CIPE n.17/2003, l’Autorità di gestione sta coordinando la

predisposizione di uno specifico Accordo relativo alla Società dell’Informazione per meglio

“integrare gli interventi finalizzati sia alla realizzazione dell’infrastruttura di larga banda, sia dei

servizi e dei contenuti innovativi in favore delle amministrazioni pubbliche, dei cittadini e delle

imprese”.

Quadro schematico dello stato di attuazione

Lo sviluppo della SI in Puglia trova essenzialmente attuazione nelle azioni previste nelle misure 6.2

(azione c), 6.3 e 6.4 del POR. Le risorse finanziarie attribuite a ciascuna misura, il quadro

economico risultante dal consuntivo a settembre 2003 e il risultato sintetico dell’autovalutazione di

maggio 2003 sono riportati nella tabella seguente.

39 Fonte: I° Rapporto sull’innovazione nelle Regioni d’Italia – CRC 2003.

59


Misura

Misura 6.2

Società della

Informazione

Misura 6.3

Sostegno alla

innovazione

degli Enti

Locali.

Misura 6.4

Risorse umane e

SI

Tabella RPU 1 - Puglia, indicatori di attuazione delle misure per la SI

Sottomisura

Numero

azioni

A 5

B 1

Fondo

COSTO MISURA

(valori in Euro)

Totale

a carico

Pubblico

% su costo pubblico

Impegnato

spesa

Autovalutazione

(5-03) 40

Giudizi

sintetici

Cate

goria

3 FESR 323.000.000 161.600.000 4,27 1,05 + - = 2°

FESR 118.500.000 96.000.000 12,93 3,37 + - + 2°

2 FSE 53.846.00 53.846.000 0,00 0,00 + - - 6°

Dall’esame della tabella si rileva chiaramente una certa difficoltà di spesa delle misure ed un ritardo

sull’attuazione delle azioni formative.

La tabella RPU 2, riportate nella pagina seguente, è invece da intendersi come un tentativo di

trovare una corrispondenza tra gli interventi effettuati 41 , avviati o in via di attivazione (desunti

principalmente dalla “relazione sullo stato di avanzamento degli interventi a sostegno della

diffusione della Società dell’Informazione nella Regione Puglia” del 16-12-2003, redatta

dall’Autorità di Gestione del POR) e le azioni indicate nella Strategia della Regione Puglia sulla SI.

Tale quadro schematico dello stato di attuazione e della coerenza delle azioni con la strategia è

puramente indicativo e certamente non esaustivo e riferito, ad eccezione degli interventi sulla

RUPAR, quasi esclusivamente ad una estrapolazione delle azioni previste nei progetti co-finanziati

di e-government relativi al primo avviso nazionale 42 . Ciò nondimeno esso può rappresentare un

valido strumento per l’identificazione di aree di strategia non ancora coperte da alcuna azione o

parzialmente coperte e che possono quindi orientare l’esercizio di riprogrammazione in corso.

40 Vedi allegato 3 per interpretazione segni e categorie.

41 Si fa riferimento esclusivamente agli interventi finanziati con fondi POR. Non sono qui riportati altri eventuali

interventi, attinenti a azioni previste nella strategia, realizzati con altre fonti finanziarie.

42 La Regione Puglia con DGR 519/2002 ha previsto un contributo del 40% (a carico della misura 6.2) a tutti i progetti

finalizzati ai servizi ai cittadini e alle imprese presentati dalle Amministrazioni pugliesi ed ammessi a finanziamento dal

DIT. Tale contributo era subordinato alla verifica di effettiva corrispondenza dei progetti alle priorità della prima fase

(allegato “B” DGR 519/2002) in stretta connessione con le attività della SI e della misura 6.3.

60


Tabella RPU 2 – Puglia: quadro schematico dello stato di attuazione e della coerenza delle azioni con la strategia

Linee di intervento / azioni Interventi realizzati MISURA

REALIZZAZIONE DELLA RUPAR PUGLIA

•Servizio di trasporto dati.

•Servizi di interoperabilità di base.

•Servizi di firma digitale.

•Servizi di supporto alla cooperazione

applicativa.

- Aggiudicazione tre gare per la fornitura di servizi per il trasporto e l’interoperabilità,

per la firma digitale e per la locazione dei nodi della rete.

- Attivazione del Centro Tecnico della RUPAR.

- Estensione progetto MIR ad altri soggetti tramite RUPAR/Internet (MIRWEB).

- Avvio progetto co-finanziato e-gov SCATEL per i servizi di cooperazione applicativa.

I - DIFFONDERE LA QUARTA CONOSCENZA NELLA COMUNITÀ DEI CITTADINI (CC)

CC 1 Sensibilizzazione di massa alle ICT ed

accesso pubblico ad Internet.

Bando “iniziative a sostegno delle Autonomie Locali”.

6.2 az.C

CC 2 Diffusione delle ICT tra i dipendenti

pubblici.

Bando “iniziative a sostegno delle Autonomie Locali”.

6.2 az.C

CC 3 Interventi mirati su gruppi svantaggiati. Bando “iniziative a sostegno delle Autonomie Locali”. 6.2 az.C

CC 4 Metodologie didattiche per

l'insegnamento a distanza (e-learning).

Bando “iniziative a sostegno delle Autonomie Locali”.

6.2 az.C

CC 5 Potenziamento dell'offerta di prodotti

didattici.

Bando “iniziative a sostegno delle Autonomie Locali”.

6.2 az.C

II - POTENZIARE E VALORIZZARE LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE (PA)

PA.1 Potenziamento delle capacità

operative della Regione Puglia.

Cofinanziamento dei progetti di e-gov enti pugliesi approvati nell’ambito del 1° avviso

6.2 az.C

PA 1.1 Innovazione nell'Amministrazione e nazionale di e-government.

nel Governo regionale.

Bando “iniziative a sostegno delle Autonomie Locali”.

6.2 az.C

PA 1.2 Attivazione del portale informativo

della Puglia (marketing territoriale).

PA.2 Realizzazione di servizi rivolti al

"cittadino-individuo".

PA 2.1 Rete di postazioni di consultazione

self-service e di centri assistiti.

Cofinanziamento dei progetti di e-gov enti pugliesi approvati nell’ambito del 1° avviso

nazionale di e-government.

Bando “iniziative a sostegno delle Autonomie Locali”.

6.3

6.2 az.C

6.2 az.C

61


62

PA 2.2 Servizi finalizzati alla integrazione

sociale.

PA 2.3 Carta elettronica dei servizi.

PA 2.4 Servizi a sostegno del terzo settore e

dell'economia sociale.

PA 2.5 Servizi di gestione ambientale.

PA 2.6 Servizi logistici per la distribuzione

delle merci.

PA 2.7 Gestione della mobilità urbana e

informazione all'utenza in tempo

reale.

PA 2.8 Servizi per la salute.

PA.3 Realizzazione di servizi rivolti alle

imprese.

PA 3.1 Tecnologie e servizi on-line per le

aziende.

PA 3.2 Sostegno alla attivazione dello

sportello unico per le imprese.

III - SOSTEGNO DEL SISTEMA LOCALE DI PMI

PMI.1 Potenziamento delle risorse

endogene del territorio.

PMI 1.1 Creazione e sviluppo di imprese nel

settore della multimedialità.

PMI 2 Integrazione del tessuto industriale

locale.

PMI 2.1 Reti di imprese.

PMI 2.2 Sperimentazione del marketing e del

commercio elettronico.

Cofinanziamento dei progetti di e-gov enti pugliesi approvati nell’ambito del 1° avviso

nazionale di e-government.

Bando “iniziative a sostegno delle Autonomie Locali”.

Cofinanziamento dei progetti di e-gov enti pugliesi approvati nell’ambito del 1° avviso

nazionale di e-government.

Bando “iniziative a sostegno delle Autonomie Locali”.

Cofinanziamento dei progetti di e-gov enti pugliesi approvati nell’ambito del 1° avviso

nazionale di e-government.

Cofinanziamento dei progetti di e-gov enti pugliesi approvati nell’ambito del 1° avviso

nazionale di e-government.

Bando “iniziative a sostegno delle Autonomie Locali”.

Cofinanziamento dei progetti di e-gov enti pugliesi approvati nell’ambito del 1° avviso

nazionale di e-government.

Bando “iniziative a sostegno delle Autonomie Locali”.

Bando “iniziative a sostegno del sistema delle imprese e delle professioni”.

Cofinanziamento dei progetti di e-gov enti pugliesi approvati nell’ambito del 1° avviso

nazionale di e-government.

Bando “iniziative a sostegno delle Autonomie Locali”.

Bando “iniziative a sostegno del sistema delle imprese e delle professioni”.

6.2 az.C

6.2 az.C

6.2 az.C

6.2 az.C

6.2 az.C

6.2 az.C

6.2 az.C

6.2 az.C

6.2 az.C

6.2 az.C

6.2 az.C

6.2 az.C

6.2 az.C


PMI 2.3 Promozione del telelavoro.

PMI 2.4 Nuove forme di organizzazione della

produzione.

Bando “iniziative a sostegno delle Autonomie Locali”.

Bando “iniziative a sostegno del sistema delle imprese e delle professioni”.

PMI 2.5 Sostegno a internazionalizzazione. Bando “iniziative a sostegno del sistema delle imprese e delle professioni”.

6.2 az.C

6.2 az.C

6.2 az.C

PMI 2.6 Servizi a sostegno delle aziende

agricole, forestali e della pesca.

PMI 2.7 Servizi a sostegno del turismo.

Bando “iniziative a sostegno delle Autonomie Locali”. 6.2 az.C

PMI 2.8 Servizi a sostegno del commercio.

PMI.3 Collegamenti con altre componenti

della SI.

PMI 3.1 Sviluppo dell'industria dei contenuti.

PMI 3.2 Applicazioni multimediali e ICT a

servizio dei beni culturali.

PMI 3.3 Distacco dei ricercatori pubblici a

PMI.

PMI 3.4 Spin-off di nuove imprese operanti

nel settore delle ICT.

IV - AZIONI A SOSTEGNO DEL SISTEMA DELLA FORMAZIONE E DELLA RICERCA (SFR)

SFR.1 Cooperazione tra pubblico e privato

nella ricerca.

SFR.2 Intervento straordinario sulla

formazione nel settore delle ICT.

63


Sardegna

Coerenza del POR e CdP con la Strategia Regionale

La strategia regionale per lo sviluppo della SI, di cui al documento Strategia per lo Sviluppo della

Società dell’Informazione in Sardegna (ottobre 2002), trova riscontro nelle relative misure della SI

del Complemento di Programmazione della Regione (essenzialmente nella misura 6.3). A tal riguardo

vengono esplicitate nella misura 6.3 le connessioni dei progetti previsti con i settori individuati nella

strategia e viene manifestata la volontà, al fine di ricondurre ad unità tutti gli interventi, di stipulare un

apposito Accordo di Programma Quadro (APQ) tra Stato e Regione Sardegna nel quale andare ad

inserire tutte le iniziative in materia di SI che, seppur finanziate con fonti diverse, siano comunque

coerenti con il POR e la Strategia. Infine va evidenziato che nel citato documento di Strategia viene

anche riportata una tabella (par. 8.4.1) che illustra in dettaglio le connessioni tra le Azioni individuate

e il PON, il POR Sardegna e i PIT. Nello stesso documento (par. 8.5.2) vengono, inoltre, definite le

priorità per ciascun settore di intervento delle Strategia (cfr. tabella RSA 3 riportata di seguito).

Per quanto sopra, gli interventi attuati, o in corso di attuazione, possono essere inquadrati nella

strategia, almeno a livello di settore di intervento.

La scelta di operare tramite un apposito APQ consentirà di attuare gli interventi previsti nella

Strategia all’interno di una “manovra globale che porti ad unità tutte le iniziative nel campo della

Società dell’Informazione in essere e in programma nell’ambito del POR, del Piano nazionale per l’e-

Government (prima e seconda fase), dei fondi di cui alla delibera CIPE n. 17 del 9 maggio 2003,

eventuali altre fonti regionali, nazionali o comunitarie”. Ciò potrebbe consentire, proprio in quanto le

azioni previste nella strategia interessano un numero elevato di misure del POR (29 misure – cfr.

tabella RSA 3), l’individuazione di una più diretta corrispondenza tra le azioni delle misure e quelle

della strategia al fine di semplificare la verifica/misura dello stato di attuazione del Piano Strategico

sulla SI rispetto alle azioni poste in essere nell’ambito dell’attuazione delle misure del POR.

Organismi e strumenti per l’attuazione

Il quadro di sintesi degli attori della policy regionale in materia di sviluppo della SI è riportato nella

seguente tabella 43 :

Responsabilità politica

nell’Amministrazione regionale

Struttura operativa dell’Amministrazione

regionale per i sistemi informativi

Assessorato affari generali, personale e riforma della regione.

Assessorato alla programmazione, bilancio, credito e assetto del territorio -

centro regionale di programmazione (CRP).

Assessorato degli enti locali, finanze ed urbanistica.

Assessorato dell’industria.

Assessorato del lavoro, formazione professionale, cooperazione e sicurezza

sociale.

Assessorato dell’igiene e sanità e dell’assistenza sociale.

Direzione Servizio Informatico Regionale.

dell’Assessorato agli Affari Generali.

Il quadro evidenzia una complessa struttura di governo della policy regionale per lo sviluppo della

SI nella quale le competenze sugli interventi sono ripartite tra molti Assessorati, ciascuno dei quali

è titolare della propria parte di sistema informativo e delle iniziative ICT relative al proprio settore

(da ciò discende probabilmente la numerosità delle misure interessate dalla Strategia). Inoltre, non

si è rilevata, dalla documentazione esaminata, la presenza di una struttura stabile di concertazione in

materia con il sistema delle Autonomie Locali, né sappiamo se sia operativo il Comitato Direttivo

previsto tra le azioni della Linea 8 di Intervento della Strategia (a cui era stata assegnata massima

priorità).

43 Fonte: I° Rapporto sull’innovazione nelle Regioni d’Italia – CRC 2003.

64


Quadro schematico dello stato di attuazione

Lo sviluppo della SI in Sardegna trova attuazione in numerose misure tra cui assumono maggior

rilevanza quelle più specificatamente dedicate a tale tema ed in particolare le misure 6.3 e 6.4 del

POR. Le risorse finanziarie attribuite a ciascuna misura, il quadro economico risultante dal

consuntivo a settembre 2003 e il risultato sintetico dell’autovalutazione di maggio 2003 sono

riportati nella tabella seguente.

Tabella RSA 1 – Sardegna : indicatori di attuazione delle misure per la SI

Misura

Misura 6.3

Società

dell’Informazione

Misura 6.4

Formazione

Società

dell’Informazione

Numero

azioni

Fondo

COSTO MISURA

(valori in Euro)

a carico

Totale

Pubblico

Impegnato

% su costo

pubblico

spesa

Autovalutazione

(5-03) 44

Giudizi

Categoria

sintetici

7 FESR 94.660.000 94.660.000 8,28 4,72 (-++-) 5°

1 FSE 41.634.000 41.634.000 36,93 24,90 (+--+) 2°

Dall’esame della tabella si rileva che, seppur con peso diverso, ambedue la misure presentano una

certa difficoltà di spesa che, nel caso della misura 6.3, si rispecchia anche sulla scarsa percentuale di

risorse impegnate legata, quest’ultima, alla mancata attivazione degli interventi previsti. A tal

proposito va però segnalato che ultimamente la Regione ha avviato una serie di bandi per la

realizzazione di un numero significativo di interventi a valere proprio sulla misura 6.3.

La tabella RSA 2, riportata nella pagina seguente, è invece da intendersi come un tentativo di

trovare una corrispondenza tra gli interventi effettuati 45 e le azioni indicate nella Strategia della

Regione Sardegna. Tale quadro schematico è largamente indicativo e certamente non esaustivo. Ciò

nondimeno esso può rappresentare un valido strumento per l’identificazione di aree di strategia non

ancora coperte da alcun intervento o parzialmente coperte e che possono quindi orientare l’esercizio

di riprogrammazione in corso.

Dall’esame della tabella RSA 2 si evince, in accordo con gli indicatori economici di tabella RSA 1,

un certo ritardo nell’attuazione delle azioni previste nel Piano Strategico in quanto la maggior parte

degli interventi posti in essere sono stati solo avviati o programmati mentre non risultano ancora

essere stati avviati interventi in molti settori della Strategia. E’ comunque da segnalare che gli

interventi avviati o programmati coprono i settori a cui nel Piano Strategico si era data la massima

priorità (settori 4.1, 4.2, 4.3, 5.1, 6.2, 7.2, 8.1, 8.2, 8.3, 8.4).

44 Vedi allegato 3 per interpretazione segni e categorie.

45 Si fa riferimento esclusivamente agli interventi finanziati con fondi POR. Non sono qui riportati altri eventuali

interventi, attinenti a azioni previste a più bassa priorità nella strategia, realizzati con altre fonti finanziarie.

65


66

Tabella RSA 2 – Sardegna: quadro schematico dello stato di attuazione e della coerenza

delle azioni con la strategia

Linee di intervento / azioni Interventi realizzati MISURA

L1 – VALORIZZARE IL CAPITALE UMANO E LA CONOSCENZA

S1.1 SENSIBILIZZAZIONE, ALFABETIZZAZIONE E

ACCESSO

AS1.1.1 Supporto alla alfabetizzazione di massa alle TSI.

AS1.1.2 Alfabetizzazione specifica per i settori deboli o

svantaggiati.

AS1.1.3 Diffusione dei punti di accesso pubblico e

agevolazioni per l’accesso ad Internet.

S1.2 SOSTEGNO ALL’INSEGNAMENTO E ALLA

FORMAZIONE NEL SETTORE DELLE TSI

AS1.2.1 Valorizzazione, ammodernamento e

Progetto M.A.R.T.E.: avvio operativo della fornitura di servizi di

riorganizzazione delle strutture esistenti.

connettività IP.

AS1.2.2 Strutture per l’insegnamento e per la FAD.

AS1.2.3 Supporto offerta prodotti didattici on-line e

offline .

AS1.2.4 Azione specifica formazione dipendenti PA. Bandi formazione dipendenti PA del 9-9-01.

S1.3 SOSTEGNO ALLA RICERCA NEL SETTORE

DELLE TSI

AS1.3.1 Sostegno della cooperazione tra imprese ed enti

di ricerca.

AS1.3.2 Sostegno delle attività di master per la

formazione professionale specifica e per la

formazione delle competenze.

AS1.3.3 Sostegno ai prodotti innovativi provenienti da

attività di ricerca .

L2 – FAVORIRE L’IMPATTO DELLE TSI NEL AVORO E NELL’IMPRESA

S2.1 SPERIMENTAZIONE DI NUOVI METODI E

STRUMENTI DI LAVORO ALL’INSEGNA

DLLA MOBILITà E DEL LAVORO A

DISTANZA (E-WORK)

AS2.1.1 Interventi a sostegno del telelavoro.

6.3

3.12

3.9

6.4


AS2.1.2 Sperimentazione di reti d’impresa e di imprese

virtuali.

S2.2 DIFFUSIONE COMMERCIO ELETTRONICO (E-

BUSINESS E E-COMMERCE)

AS2.2.1 Promozione della diffusione del commercio

elettronico.

AS2.2.2 Sperimentazione di servizi linguistici di

supporto al marketing.

S2.3 SOSTEGNO ALL’INNOVAZIONE

AS2.3.1 Azioni a sostegno delle iniziative per la mobilità

dei ricercatori verso le imprese.

AS2.3.2 Azioni a sostegno della nascita di aziende spinoff.

AS2.3.3 Azioni a sostegno dell’innovazione delle PMI

nel settore delle TSI.

L3 – FAVORIRE L’IMPATTO DELLE TSI NELL’ECONOMIA, NELLA LOGISTICA E NEI SERVIZI

S3.1 INTERVENTI A FAVORE DEL SETTORE

TURISTICO

AS3.1.1 Azioni di sostegno per lo sviluppo di sistemi

turistici integrati.

AS3.1.2 Azioni di sostegno per la realizzazione del

Portale del Turismo come parte del Sistema

Regionale di Marketing del Territorio.

S3.2 INTERVENTI A FAVORE DEL SETTORE

AGROALIMENTARE E ZOOTECNICO

AS3.2.1 Sviluppo della borsa telematica dei prodotti

agroalimentari e zootecnici.

AS3.2.2 Azioni di sostegno per la certificazione

elettronica dei prodotti agroalimentari e

zootecnici.

AS3.2.3 Azioni di sostegno per il Portale dei Prodotti

Tipici Regionale come parte del Sistema

Regionale di Marketing del Territorio.

S3.3 INTERVENTI A FAVORE DELLA LOGISTICA

AS3.3.1 Azioni di sostegno per lo sviluppo di servizi per

la gestione dei trasporti.

AS3.3.2 Azioni di sostegno per lo sviluppo di servizi per

il controllo e la distribuzione delle merci.

67


68

AS3.3.3 Azioni di sostegno per lo sviluppo di servizi per

il controllo della distribuzione di energia, gas e

risorse idriche.

S3.4 INTERVENTI A FAVORE DELLA SANITÀ E

DEL SOCIALE

AS3.4.1 Mappa telematica dei Servizi Sanitari.

AS3.4.2 Azioni di sostegno per realizzare sistema di

prenotazione on-line dei medicinali e prestazioni

sanitarie.

AS3.4.3 Azioni di sostegno per la realizzazione del

sistema a supporto delle attività degli operatori

sanitari nella mobilità e nelle strutture fisse.

AS3.4.4 Azioni di sostegno per la realizzazione dei

servizi per il terzo settore.

S3.5 INTERVENTI A FAVORE DEL CONTROLLO

DELL’AMBIENTE

AS3.5.1 Azioni di sostegno per i servizi integrati di

allarme, previsione e monitoraggio.

AS3.5.2 Azioni di sostegno per i servizi di controllo e

gestione integrata delle risorse idriche.

AS3.5.3 Azioni di sostegno per la gestione integrata dei

piani di Protezione Civile.

AS3.5.4 Azioni di sostegno per la realizzazione del

Portale dell’Ambiente.

L4 – FAVORIRE L’IMPATTO DELLE TSI NELLA PA

S4.1 INTERVENTI A FAVORE

DELL’AMMODERNAMENTO DEGLI

STRUMENTI ORGANIZZATIVI E OPERATIVI

DELLA PA

AS4.1.1 Gestione dei flussi documentali.

AS4.1.2 Integrazione delle anagrafi.

AS4.1.3 Realizzazione del sistema di interscambio

Catasto – Comuni.

AS4.1.4 SIM: Sistema Informativo della Montagna.

AS4.1.5 SIT: Sistema informativo territoriale e

cartografico regionale.

- Emissione bando di gara perla fornitura di beni e servizi per la

progettazione, la realizzazione e la messa in produzione

(conduzione e gestione) di un sistema informatico-telematico per la

digitalizzazione dei processi amministrativi della Regione Autonoma

della Sardegna (REGIONE DIGITALE) e per lo sviluppo e la

diffusione della Società dell’informazione in Sardegna”.

- Emissione Bando ISOLA DIGITALE di cui al Settore 4.2.

- Co-finanziamento progetti selezionati nell’ambito I° avviso di e-gov.

6.3


AS4.1.6 SIL: Sistema Informativo del Lavoro.

AS4.1.7 Il call center.

AS4.1.8 Il controllo di qualità.

AS4.1.9 La gestione della privacy.

S4.2 SVILUPPO DEI SERVIZI PUBBLICI PER IL

CITTADINO

AS4.2.1 Azioni di sostegno per la realizzazione

dell’URP, Ufficio Relazioni con il Pubblico.

AS4.2.2 Potenziamento e riqualificazione dei servizi

bibliotecari e archivistici.

S4.3 INTERVENTI A FAVORE DELLO SVILUPPO

DEI SERVIZI PUBBLICI PER AZIENDE,

PROFESSIONISTI E IL COMMERCIO

- Emissione Bando di “Selezione delle proposte di finanziamento per

la realizzazione di progetti di difusione dell’Innovazione tecnologica

e dei servizi multimediali nella PA con particolare riferimento alle

aree svantaggiate della Sardegna” (ISOLA DIGITALE).

- Emissione Bando REGIONE DIGITALE di cui al Settore 4.1.

- Co-finanziamento progetti selezionati nell’ambito I° avviso di e-gov.

- Emissione Bando REGIONE DIGITALE di cui al Settore 4.1.

- Emissione Bando ISOLA DIGITALE di cui al Settore 4.2.

- Co-finanziamento progetti selezionati nell’ambito I° avviso di e-gov.

AS4.3.1 Azioni di sostegno per la realizzazione della

gestione in linea dei bandi di concorso per

attività progettuali e della fornitura (eprocurement).

AS4.3.2 Azioni di sostegno per la realizzazione del

SUAP.

AS4.3.3 Azioni di sostegno per la realizzazione dello

sportello unico per l’Edilizia.

L5 – FAVORIRE L’IMPATTO DELLE TSI NELLA VALORIZZAZIONE DEL TERRITORIO

S5.1 INTERVENTI A FAVORE DELLO SVILUPPO

DEL SISTEMA INFORMATIVO

TERRITORIALE E CARTOGRAFICO

REGIONALE (SITR)

AS5.1.1 Azioni di coordinamento per la creazione degli

strati informativi.

AS5.1.2 Azioni per la creazione/completamento della

base cartografica regionale.

S5.2 INTERVENTI A FAVORE DEL SISTEMA DI

MARKETING TERRITORIALE

AS5.2.1 Azioni a supporto della costruzione del Piano di

Marketing Territoriale (MT).

Interventi per la creazione del SITR:

- emissione Bando “per la realizzazione e sviluppo del Sistema

Informativo Territoriale Regionale per la Regione Sardegna”.

6.3

6.3

6.3

69


70

AS5.2.2 Azioni a sostegno dello sviluppo di applicazioni

e servizi come componenti del sistema di

marketing del territorio.

L6 – FAVORIRE L’IMPATTO DELLE TSI NELLA CULTURA E NEI CONTENUTI

S6.1 LO SVILUPPO DELL’INDUSTRIA DEI

CONTENUTI

AS6.1.1 Azioni a sostegno della diffusione delle

tecnologie e degli strumenti per la creazione di

contenuti multimediali.

AS6.1.2 Azioni a sostegno della diffusione del Web

Engineering: Web Farm.

AS6.1.3 Azioni a sostegno della gestione della proprietà

intellettuale dei contenuti.

S6.2 I CONTENUTI DIGITALI E IL PATRIMONIO

CULTURALE SARDO

AS6.2.1 Azioni a sostegno della produzione di contenuti

multimediali del patrimonio culturale.

AS6.2.2 Azioni a sostegno dell’accesso via Internet al

patrimonio culturale regionale.

L7 – SOSTENERE LO SVILUPPO DELLE TECNOLOGIE ABILITANTI LA SI

S7.1 INTERVENTI PER L’INDUSTRIA DEL

SOFTWARE

AS7.1.1 Sviluppo del software Open Source.

S7.2 INTERVENTI PER LO SVILUPPO

DELL’INFRASTRUTTURA DI

COMUNICAZIONE

AS7.2.1 Servizi a banda larga (RUPAR).

AS7.2.2 Servizi di trasporto su reti radiomobili.

AS7.2.3 Azioni di promozione per l’accesso alla banda

larga per utenti business e professionisti.

S7.3 INTERVENTI PER LA SICUREZZA DELLE

INFRASTRUTTURE E DELLA

COMUNICAZIONE

AS7.3.1 Servizi e infrastrutture per la firma elettronica.

AS7.3.2 Sistemi e servizi per la sicurezza infrastrutturale.

Interventi per il potenziamento e la riqualificazione dei servizi bibliotecari

ed archivistici.

Interventi per la realizzazione della Rete Telematica Regionale:

- emissione Bando di gara perla fornitura, installazione e

configurazione di apparati di networking per la realizzazione della

Rete Telematica Regionale”;

- emissione bando di gara perla fornitura di convergenza della

telefonia della Rete telematica Regionale”.

6.3

6.3


L8 – MISURE DI ACCOMPAGNAMENTO

S8.1 PIANIFICAZIONE STRATEGICA REGIONALE Progetto DIESIS 46 .

AS8.1.1 Attività di supporto alla struttura organizzativa

per lo sviluppo della SI.

S8.2 PROMOZIONE DELLO SVILUPPO DELLA SI Progetto DIESIS.

AS8.2.1 azioni di promozione e di partnership tra

organizzazioni interessate allo sviluppo della SI.

AS8.2.2 azioni per accrescere la consapevolezza

dell'importanza, l’utilità e le potenzialità

dell'ICT.

AS8.2.3 Azioni volte ad accrescere la domanda ICT.

S8.3 SUPPORTO TECNICO CONTINUO E

Progetto DIESIS.

MONITORAGGIO

AS8.3.1 Attività di supporto tecnico/amministrativo alle

istituzioni coinvolte nello sviluppo della SI.

AS8.3.2 Definizione degli standard tecnologici e

informativi.

AS8.3.3 Monitoraggio delle iniziative e dei progetti in

corso.

S8.4 VALUTAZIONE DEGLI IMPATTI E DIFUSIONE

Progetto DIESIS.

DEI RISULTATI

AS8.4.1 Misure per la valutazione e la correzione del PDA.

AS8.4.2 Misure per la diffusione.

46 Il progetto DIESIS, finalizzato alla sviluppo della SI in Sardegna attraverso azioni di disseminazione e concertazione, elaborazione di progetti piloti per la sperimentazione di

servizi digitali destinati ai cittadini ed alle imprese, vede come soggetto attuatore l’Assessorato agli Affari Generali e come soggetto coordinatore Ancinet S.r.l.

71


Tabella RSA 3 – Sardegna: quadro di correlazione tra settori di intervento, priorità e misure del POR di riferimento

Linee di intervento / azioni

L1 – VALORIZZARE IL CAPITALE UMANO E LA CONOSCENZA

Priorità 47

Settore

S1.1 Sensibilizzazione, alfabetizzazione e accesso. 3

S1.2 Sostegno all’insegnamento e alla formazione nel settore delle TSI. 4

Misure

Interessate

6.4 – 6.3

3.4 – 3.12

6.3 – 6.4

3.4 – 3.5

3.7 - 3.9

3.12 - 4.6

S1.3 Sostegno alla ricerca nel settore delle TSI. 3 3.13

L2 – FAVORIRE L’IMPATTO DELLE TSI NE LAVORO E NELL’IMPRESA

S2.1 Sperimentazione di nuovi metodi e strumenti di lavoro all’insegna della mobilità e del lavoro a

6.3 – 6.4

4

distanza (e-work).

3.5 – 4.6

S2.2 Diffusione commercio elettronico (e-business e e-commerce). 4 3.13

S2.3 Sostegno all’innovazione. 3 3.13 – 4.3

L3 – FAVORIRE L’IMPATTO DELLE TSI NELL’ECONOMIA, NELLA LOGISTICA E NEI SERVIZI

S3.1 Interventi a favore del settore turistico. 3

S3.2 Interventi a favore del settore agroalimentare e zootecnico. 4

S3.3 Interventi a favore della logistica. 3 1.6

S3.4 Interventi a favore della sanità e del sociale. 2 5.2

S3.5 Interventi a favore del controllo dell’ambiente. 5

L4 – FAVORIRE L’IMPATTO DELLE TSI NELLA PA

4.4 – 4.5

4.15 –2.3

3.13 – 4.11

4.9 – 4.10

1.1 – 1.2

1.1 – 1.4

1.5 – 1.7

5.2 – 5.3

S4.1 Interventi a favore dell’ammodernamento degli strumenti organizzativi e operativi della PA. 4 6.3 – 3.1

S4.2 Sviluppo dei servizi pubblici per il cittadino. 5 6.3

S4.3 Interventi a favore dello sviluppo dei servizi pubblici per aziende, professionisti e il commercio. 6

6.3 – 4.1

4.2 – 4.6

47 La priorità è espressa in senso decrescente, cioè 6 massima e 1 minima.

72


L5 – FAVORIRE L’IMPATTO DELLE TSI NELLA VALORIZZAZIONE DEL TERITORIO

S5.1 Interventi a favore dello sviluppo del Sistema Informativo Territoriale e Cartografico Regionale

(SITR).

S5.2 Interventi a favore del sistema di marketing territoriale. 5

5 6.3

L6 – FAVORIRE L’IMPATTO DELLE TSI NELLA CULTURA E NEI CONTENUTI

S6.1 Lo sviluppo dell’industria dei contenuti. 3 3.13 – 2.1

S6.2 I contenuti digitali e il patrimonio culturale sardo. 5

L7 – SOSTENERE LO SVILUPPO DELLE TECNOLOGIE ABILITANTI LA SI

S7.1 Interventi per l’industria del software. 3

S7.2 Interventi per lo sviluppo dell’infrastruttura di comunicazione. 5 6.3

S7.3 Interventi per la sicurezza delle infrastrutture e della comunicazione. 2 6.3

L8 – MISURE DI ACCOMPAGNAMENTO

S8.1 Pianificazione strategica regionale. 6

S8.2 Promozione dello sviluppo della SI. 6

S8.3 Supporto tecnico continuo e monitoraggio. 6

S8.4 Valutazione degli impatti e difFusione dei risultati. 6

6.3

4.2 – 4.4

6.3

2.1 – 2.3

6.3

3.13

73


Sicilia

Coerenza del POR e CdP con la Strategia Regionale

La strategia regionale per lo sviluppo della SI, di cui al documento Quadro di Riferimento

Strategico Regionale per lo Sviluppo della Società dell’Informazione di cui alla DGR n. 260 del

7/8/2002 trova un diretto e immediato riscontro nella relativa misura della SI (misura 6.5) del

Complemento di Programmazione della Regione.

In realtà nel CdP sono presenti, in varie misure, azioni che fanno capo alla Società

dell’Informazione di carattere essenzialmente settoriale. Per tale motivo esse sono state lasciate

nelle relative misure, e rientrano pertanto nelle competenze di diversi Assessorati regionali, mentre

gli interventi di tipo “trasversale” sono stati invece concentrati nella misura 6.5.

Al fine poi di garantire la coerenza complessiva e l’efficacia delle azioni in materia di SI previste

nelle varie misure del POR, è stato inserito nel CdP un apposito Progetto Integrato Regionale (PIR)

denominato “PA regionale e Società dell’Informazione”.

Tale progetto integrato, in corso di attivazione, ha proprio l’obiettivo di “realizzare uno sviluppo

organico e sinergico di tali iniziative, mediante lo svolgimento di una azione di coordinamento e

monitoraggio che eviti il sovrapporsi delle singole azioni e ne sviluppi gli interventi sinergici”.

Organismi e strumenti per l’attuazione

Il quadro di sintesi degli attori della policy regionale in materia di sviluppo della SI è riportato nella

seguente tabella 48 :

Responsabilità politica

nell’Amministrazione regionale

Struttura operativa dell’Amministrazione

regionale per i sistemi informativi

Struttura regionale di “supporto” interno

(supervisione, coordinamento,

monitoraggio ecc… )

Struttura di concertazione e

coordinamento delle politiche di

information society regionali e con gli

Enti Locali

Società / Agenzia regionale di servizi

info-telematici

Assessorato Bilancio e Finanze.

CSIR – Coordinamento Sistemi Informativi Regionali (istituito il 4-8-98

tramite L.R. 15/93).

Il CSIR promuove, uniforma ed integra i sistemi informativi regionali.

Si occupa di dare pareri tecnici e di congruità relativamente ai progetti

informatici che le PA siciliane intendono implementare.

“U.O.0.0.1 – Struttura di staff per il “supporto dell’attività del dirigente

generale per la gestione della misura 6.05” Istituito nel 2003 tramite D.G.G. del

14/03/2003.

AISI – Area Interdipartimentale Servizi Informatici (istituito nel 2001 tramite

L.R. 10/99).

Svolge le seguenti attività:

- Servizi Internet

- Protocollo informatizzato

- Analisi, sviluppo e manutenzione software

- Coordinamento informatico.

Società mista di servizi info-telematici. In fase di Attivazione, Legge regionale

n.6 del 3/05/2001. Soci principali:Regione Siciliana, Partner privati (in fase di

definizione).

La Società avrà il compito di realizzare le Reti Telematiche della Regione

Sicilia (RTRS) e mettere in opera una offerta di servizi telematici innovativi

per tutta l’Amministrazione Siciliana.

Il quadro evidenzia come la struttura di governo della policy regionale per lo sviluppo della SI sia

molto articolata quantunque nel complesso ben identificata e strutturata.

48 Fonte: I° Rapporto sull’innovazione nelle Regioni d’Italia – CRC 2003.

74


Quadro schematico dello stato di attuazione

Lo sviluppo della SI in Sicilia trova essenzialmente attuazione nella misura 6.5 del POR. Le risorse

finanziarie attribuite alla misura, il quadro economico risultante dal consuntivo a settembre 2003 e

il risultato sintetico dell’autovalutazione di maggio 2003 sono riportati nella tabella seguente.

Tabella RSI 1 – Sicilia: indicatori di attuazione delle misure per la SI

Misura

Misura 6.5

Reti e servizi per

la Società

dell’Informazione

Numero

azioni

Fondo

COSTO MISURA

(valori in Euro)

a carico

Totale

Pubblico

% su costo pubblico

Impegnato

spesa

Autovalutazione

(5-03) 49

Giudizi

Categoria

sintetici

5 FESR 83.000.000 83.000.000 0 0 (+--=) 2°

Dall’esame della tabella si rileva, in piena coerenza con la categoria assegnata in autovalutazione

alla misura, una forte criticità di spesa a fronte di un’adeguata struttura di governo.

La tabella RSI 2, riportata nella pagina seguente, è invece da intendersi come un tentativo di trovare

una corrispondenza tra gli interventi effettuati 50 e le azioni indicate nella Strategia sulla SI. Essa può

rappresentare un valido strumento per l’identificazione di aree di strategia non ancora coperte da

alcuna azione o parzialmente coperte e che possono quindi orientare l’esercizio di riprogrammazione

in corso.

L’analisi della tabella, in coerenza con il quadro finanziario della misura 6.5 mette in evidenza un

sostanziale ritardo nell’attuazione della Strategia con ampie parti non coperte da alcun intervento.

49 Vedi allegato 3 per interpretazione segni e categorie.

50 Si fa riferimento esclusivamente agli interventi finanziati con fondi POR. Non sono qui riportati altri eventuali

interventi, attinenti a azioni previste nella strategia, realizzati con altre fonti finanziarie.

75


Tabella RSI 2 – Sicilia: quadro schematico dello stato di attuazione

e della coerenza delle azioni con la strategia

Obiettivi / azioni Interventi realizzati MISURA

1 – POTENZIARE LE CAPACITÀ DI PIANIFICAZIONE E COORDINAMENTO

1. Creazione della Struttura per lo Sviluppo della Società dell’Informazione In fase di attivazione. 6.5

2 – INNOVARE IL MODO DI OPERARE

2. Snellimento e semplificazione

- Definizione e realizzazione del quadro organico di interventi per il

miglioramento dell’efficienza operativa interna (snellimento delle

procedure amministrative in termini di soppressione del numero delle fasi

non necessarie; riduzione del numero degli adempimenti richiesti;

individuazione dei centri di responsabilità; soppressione o riduzione del

numero degli organismi collegiali; eliminazione dei pareri e intese che

finiscono per complicare e allungare i tempi dei procedimenti).

- Progettazione di meccanismi manageriali che consentano di:

• realizzare una logica di gestione per priorità;

• realizzare gestioni operative efficaci traducendo i piani strategici in

coerenti azioni sul breve e medio termine;

• sviluppare la cultura necessaria per rendere operative le logiche

dell’efficienza, del miglioramento e del servizio alla comunità.

- Attuazione di una gestione per processi che persegue quattro obiettivi

prioritari:

la focalizzazione sui processi aziendali visti come catene di fornitori

e clienti;

• l’allineamento continuo ai bisogni dei clienti;

la necessità di mantenere sotto controllo le prestazioni del processo e

le modalità con cui viene eseguito;

• gli interventi migliorativi guidati da una scelta delle priorità.

3 – RAFFORZARE IL SISTEMA DELLE COMPETENZE

3. Formazione del personale della PA all’utilizza delle tecnologie

informatiche:

- formazione di base di tutti i dipendenti;

- adeguamento del livello specialistico all’utilizzo delle tecnologie

informatiche;

- sviluppo delle capacità gestionali dei quadri e dei dirigenti.

76


4. Sostegno all’alfabetizzazione di massa:

- corsi on-line e off-line;

- alfabetizzazione informatica delle PMI regionali;

- creazione di laboratori informatici e multimediali nella scuola

secondaria superiore.

4 – INNOVARE GLI STRUMENTI TECNOLOGICI

5. Informatizzazione dei flussi documentali delle singole Amministrazioni

- Realizzazione del protocollo informatico della Regione Siciliana e degli

enti locali.

- Realizzazione del sistema di posta elettronica della Regione Siciliana e

degli Enti Locali.

- Informatizzazione delle singole amministrazioni:

- Sistema Informativo Regionale Ambiente (SIRA);

- Sistema Informativo Territoriale Regionale (SIT);

- Sistema Integrato Territoriale Regionale (SITR);

- Sistema Informativo Regionale Lavoro;

- Sistema Informativo Regionale della Funzione Pubblica e

Istruzione;

- Sistema Informativo Regionale della Ricerca Scientifica;

- Sistema Informativo Regionale Agricoltura;

- Sistema Informativo monitoraggio POR.

- Realizzazione di progetti di automazione del workflow documentale:

- Automazione del processo di programmazione regionale;

- Sistema informativo a supporto del Controllo di Gestione;

- Sistema G2E (Government to Employee);

- Sistema Gestione e Controllo Spesa Sanitaria;

- Sistema informativo territoriale per il turismo siciliano;

- Sistema informativo Ambiente (SIA);

- E-procurement.

- Realizzazione del mandato informatico.

- Bando per la realizzazione del sistema informativo

per la gestione del protocollo e la documentazione

amministrativa.

- Progetti approvati nell’ambito del 1° avviso

nazione per e-gov 51 (EtWEB, EGOVSICILIA,

SeOL, TP.net, AKRANET, MAIA, SICS).

51 La Regione Sicilia, ad eccezione del progetto SICS di diretta attuazione da parte dell’Amministrazione Regionale, concede un cofinanziamneto dei progetti approvati dal DIT pari

al massimo al 45%.

77


6. Front-Office e servizi di e-government per cittadini e imprese:

- la Carta di identità elettronica (CIE);

- portale Internet della Regione Siciliana;

- portale della scuola;

- portali per i servizi all'impiego;

- portale per il turismo;

- portale per l’internazionalizzazione;

- sistema Informativo Sanitario;

- sistema Informativo regionale per il commercio;

- sportelli Unici Telematici;

- sportello Ambiente;

- gazzetta Ufficiale della Regione;

- catalogo unico informatizzato Beni Culturali e Ambientali;

- creazioni di reti civiche.

7. Sviluppo dell’infrastruttura:

- realizzazione di Community Network e dei relativi servizi di trasporto,

sicurezza, interoperabilità, di identificazione e di qualificazione della

rete;

- servizi di cooperazione applicativa tra Regioni, Enti locali e

Amministrazioni centrali;

- servizi sulle reti territoriali quali: servizi di identificazione, servizi di

qualificazione della rete (ad esempio multicasting e sicurezza, servizi di

interoperabilità e cooperazione applicativa, servizi di call center).

5 – SVILUPPARE LA DOMANDA E INCENTIVARE L’OFFERTA

8. Gestione e promozione del processo di partenariato.

Stesura e attuazione del piano degli eventi informativi. Il piano avrà

l’obiettivo di :

- definire il programma e le procedure che saranno alla base di tutti gli

eventi di comunicazione e di partenariato;

- erogare una diffusa campagna di sensibilizzazione (seminari, convegni

specialistici, road show, campagne media, sito web, newsletter, forum);

- consentire una analisi delle esigenze manifestate da cittadini ed imprese;

- sostenere gli enti locali nella gestione dei progetti di attuazione della SI.

9. Realizzazione di punti di acceso pubblici

10. Agevolazione installazioni linee a banda larga per professionisti, PMI,

studenti

11. Agevolazioni acquisto computer e periferiche per disabili

12. Supporto all’offerta di prodotti didattici on-line e off-line

13. Promozione del telelavoro

14. Creazione della borsa telematica agro-ittico-alimentare.

78

- Studio di fattibilità RUPAR.

- Bando per il cablaggio della PA Regionale.


15. Assistenza allo start-up di iniziative di e-commerce:

- sostegno all’avvio di iniziative di e-commerce;

- agevolazione finanza innovativa per start-up ICT-venture capital;

- servizi integrati per start-up nel settore ICT.

16. Sostegno adozioni soluzioni tecnologiche per marketing territoriale.

17. Sostegno al cambiamento organizzativo legato all’adozione di soluzioni di

e-business:

- integrazione di attività produttive e di distribuzione attraverso sistemi

web-based (codici a barre, software per la gestione degli ordini e del

magazzino,...);

- sviluppo di sistemi web-based per il monitoraggio delle spedizioni

(sistemi di pianificazione delle spedizioni in tempo reale, di

monitoraggio delle spedizioni in transito, sistema informativo

geografico,...);

- sviluppo di sistemi di supporto alle decisioni logistiche (DSS) (software

di previsione/pianificazione/controllo).

79


3. Quadro di sintesi dei Programmi Operativi Nazionali (PON) sulla Società

dell’Informazione

I programmi operativi nazionali con interventi riconoscibili per la SI e il valore dei rispettivi

investimenti sono evidenziati nella seguente Tabella 9.

Programma

Tabella 9 - Quadro delle risorse PON per la Società dell'Informazione

(in euro)

Contributo comunitario SI

FESR FSE Totale

Totale costo

pubblico SI

Totale costo

pubblico PO

Costo totale

SI su costo

PO totale

Scuola 76.000.000 94.514.700 170.514.700 287.021.000 718.406.000 40,0%

Svil.Locale 103.000.000 - 103.000.000 206.000.000 3.822.878.000 5,4%

Sicurezza 278.501.239 6.325.862 284.827.100 569.654.200 1.117.644.571 51,0%

Ricerca 173.667.278 32.725.179 206.392.457 370.517.496 2.038.702.000 18,2%

Pon Atas 52 6.196.500 13.917.622 20.114.122 27.885.603 432.614.000 6,4%

Totali 637.365.016 147.483.363 784.848.379 1.461.078.299 8.130.244.571 18,0%

Fonte: dati forniti dalle AdG dei PON, elaborazioni Servizio Fondi strutturali, DPS (MEF), gennaio 2004.

La Tabella 10 fornisce un indicatore sull’avanzamento delle azioni per la SI nei PON.

Tabella 10 - Quadro delle risorse per la SI impegnate nei PON

(al 30.09.2003)

Costo pubblico

misure/azioni SI

Impegni al 30.09.03

Impegnato su costo

pubblico

Scuola 287.021.000 206.185.000 71,8%

Svil.Locale 206.000.000 206.000.000 100,0%

Sicurezza 569.654.200 461.581.549 81,0%

Ricerca 370.517.496 315.685.159 85,2%

Pon Atas 27.885.603 19.623.603 70,4%

Totali 1.461.078.299 1.209.075.311 82,8%

Fonte: dati forniti dalle AdG dei PON, elaborazioni Servizio Fondi strutturali, DPS (MEF), gennaio 2004.

La Tabella 11, infine, evidenzia la destinazione delle risorse comunitarie sui tre principali obiettivi

per la SI indicati nel QCS: la sensibilizzazione e alfabetizzazione di imprese e cittadini;

l'ammodernamento della PA; l'utilizzo delle ICT da parte delle PMI.

Tabella 11 - Risorse PON per la SI: destinazione per obiettivi

(in euro)

Alfabetizzazione Imprese e-Government

Totale Risorse

UE

Scuola 158.313.350 92,8% - 0,00% 12.201.350 7,2% 170.514.700

SIL - 0,00% 103.000.000 100,00% - 0,00% 103.000.000

Sicurezza - 0,00% - 0,00% 284.827.100 100,00% 284.827.100

Ricerca 88.718.990 43,0% 117.673.467 57,0% - 0,00% 206.392.457

Pon Atas 12.696.476 63,1% 2.662.646 13,2% 4.755.000 23,7% 20.114.122

Totale 259.728.816 33,1% 223.336.113 28,5% 301.783.450 38,4% 784.848.379

Fonte: dati forniti dalle AdG dei PON, elaborazioni Servizio Fondi strutturali, DPS (MEF), gennaio 2004.

Nelle pagine seguenti sono riportate le schede dei PON con i dettagli delle singole misure/azioni.

52 Per quanto riguarda NELLO specifico il PON ATAS, si evidenzia che i dati sono sotto-stimati, in quanto il valore

economico è stato fornito solo per metà circa delle linee di azione segnalate come rilevanti.

80


PON ATAS – Parte I

Rilevazione delle azioni e delle misure del QCS destinate alla Società dell'Informazione (gennaio 2004)

Asse

Progetti

Operativi -

Misura I.2

Numero e descrizione della misura e delle eventuali articolazioni

in relative azioni 1

Costo totale

previsto

(Meuro)

di cui contributo

comunitario

Importo

(Meuro)

Fondo

Impegni su

costo totale al

30.09.03

(Meuro)

Linea di

intervento 2

Misura I.2 - Azioni di assistenza tecnica e supporto operativo per l'organizzazione e la

realizzazione delle attività di indirizzo, di coordinamento e orientamento delle AACC

non titolati di PON ma con competenze "trasversali", di attuazione e/o

coordinamento/indirizzo

Azione a.1.2 - Allestimento postazioni informatiche e attrezzature, realizzazione banca

PO

dati esperti

Internazionalizz

0,202 0,152 FESR - E

azione - I

Stralcio (MAE)

Azione b.1.2 - Studio di fattibilità portale per l'internazionalizzazione delle PMI 0,129 0,097 FESR - I

PO Azione A.2 Computer e postazioni 0,041 0,031 FESR - E

Internazionalizz

Linea di attività C. Collegamento di reti informative per i servizi

azione - II

all'internazionalizzazione (realizzazione di un portale sulla internazionalizzazione a 1,500 1,125 FESR - I

Stralcio (MAP)

favore degli operatori delle aree ob.1)

All'interno dell'Azione A.4 è prevista un'attività che si propone di fornire strumenti

idonei (reti tecnologiche, metodi operativi…) affinché i diversi soggetti istituzionali

competenti dispongano di informazioni relative al territorio

L'importo non è

quantificabile

FESR

E

PO Ambiente

(Sviluppo

Sostenibile)

All'interno dell'Azione B.2 è prevista la realizzazione di uno studio sperimentale sulla

informatizazzione delle ARPA nel Mezzogiorno

All'interno dell'Azione C2 è prevista la predisposizione di una banca dati conoscitiva

relativa alle aree interessate dalla Rete Ecologica Nazionale e la realizzazione di un

sistema informativo per la gestione dei bilanci degli organismi delle aree naturali

protette

L'importo non è

quantificabile

L'importo non è

quantificabile

Linea di attività E - Dotazione informatica 0,685 0,514 FESR - E

FESR

FESR

E

E

I

PO Difesa

Suolo

Azione A.4 - Linea attivazione di Unità Informative Territoriali federate. Le singole

Unità saranno connesse alla Banca Dati già disponibile presso il centro Elaborazione

Dati del Min Ambiente. L'obiettivo dell'attività è quello di realizzare un'infrastruttura

di rete federata che permetta uno scambio di dati e informazioni geotopocartografiche

tra le Regioni e il Ministero dell'Ambiente

1,360 1,020 FESR - E

Azione A.1 Implementazione del SIER (Sistema Informativo Energetico Regionale) 0,500 0,375 FESR - E

All'interno dell'Azione B1 è previsto un database per la registrazione dei dati

energetico-ambientali

L'importo non è

quantificabile

FESR

E

PO Energia

All'interno dell'Azione B2 è prevista la creazione di un software disponibile su sito

web che permetterà ai decisori pubblici di verificare lo stato medio

energetico/ambientale dei distretti di loro competenza. Potrà anche essere utilizzato

dalle aziende per un'autodiagnosi energetico/ambientale e per individuare quali

miglioramenti adottare

L'importo non è

quantificabile

FESR

E, I

Azione C.2 Implementazione banca dati, forum e casi di studio 0,305 0,229 FESR - E, I

Nell' ambito dell'Azione E 3 è previsto il Forum su sito Web per discussione e

risoluzione problematiche amministrative

L'importo non è

quantificabile

FESR

E

PO Turismo

Az. B Progettazione e realizzazione dei Sistemi informativi Integrati per il Turismo a

supporto dei Sistemi Turistici Locali

0,281 0,211 FESR - E, I

PO Beni

Culturali

All'interno dell'Az.C1 è prevista la realizzazione di reti museali, percorsi ed itinerari

L'importo non è

quantificabile

FESR

E

Fonte ed elaborazioni Servizio per le Politiche dei Fondi strutturali comunitari, Dipartimento per le Politiche di

Sviluppo (MEF) - Autorità di Gestione PON Atas (gennaio 2004).

81


PON ATAS – Parte II

Rilevazione delle azioni e delle misure del QCS destinate alla Società dell'Informazione (gennaio 2004)

Asse

Progetti

Operativi -

Misura I.2

Numero e descrizione della misura e delle eventuali articolazioni

in relative azioni 1

Costo totale

previsto

(Meuro)

di cui contributo

comunitario

Importo

(Meuro)

Fondo

Impegni su

costo totale al

30.09.03

(Meuro)

Linea di

intervento 2

C1 Realizzazione ed implementazione di un sistema informatico di monitoraggio 0,318 0,239 FESR - E

PO Risorse

Idriche - I

stralcio

(MIPAF)

All'interno dell'Azione C2 è previsto l'aggiornamento e l'implementazione di una banca

dati sugli schemi irrigui con la possibilità di inserimento dei dati da parte degli Enti

irrigui

E1 Ricognizione dei nuovi interventi irrigui realizzati, per l'individuazione e

l'implementazione dei parametri tecnici degli investimenti effettuati (implementazione

archivio informatizzato)

F1 Messa a disposizione di strumenti informatici di razionalizzazione, catalogazione,

PO Risorse archiviazione del patrimonio conoscitivo esistente nel settore idrico (realizzazione

Idriche - II Sistema Informativo Territoriale)

stralcio (MIT -

DG Reti) All'interno dell'Azione F2 è prevista la realizzazione di un portale informatico

L'importo non è

quantificabile

FESR

0,358 0,269 FESR - E

1,090 0,818 FESR - E

L'importo non è

quantificabile

FESR

E

E

PO

Volontariato

All'interno dell'Azione A.3 Assistenza tecnica alla Progettazione Integrata si evidenzia

la messa in rete di esperienze di progettazione e gestione in corso di attuazione nelle

Regioni.

PO Sviluppo

Rurale

(MIPAF)

A1 Creazione ed implementazione struttura informativa sui servizi sociali 0,700 0,525 FESR - E

*

All'interno dell'Azione A.4 è prevista la realizzazione per ogni Regione di un sistema

informativo ("strada delle opportunità") che permetta ai potenziali beneficiari finali di

accedere tempestivamente alle opportunità di sostegno finanziario per interventi di

sviluppo rurale sul territorio

L'importo non è

quantificabile

L'importo non è

quantificabile

FESR

FESR

E

E, I

All'interno dell'Azione A5 è prevista la creazione di una banca dati ed elaborazioni

statistiche di indicatori funzionali alla valutazione

L'importo non è

quantificabile

FESR

E

All'interno dell'Azione 2a è prevista l'elaborazione di modelli innovativi (raccolta di

informazioni su documento informatico) e la creazione di un help desk nei confronti

delle imprese sociali che accederanno ai finanziamenti messi a bando

L'importo non è

quantificabile

FESR

I

PO Salute

All'interno dell'Azione 2b è previstala creazione di una libreria virtuale e l'attivazione

di un help desk rivolto ai responsabili delle funzioni di rilevazione delle Regioni ob.1

per l'utilizzo di nuovi modelli di valutazione della qualità delle prestazioni e dei servizi

sanitari

L'importo non è

quantificabile

FESR

E, I

All'interno dell'Azione 3a è prevista la realizzazione di una rete di Osservatori

epidemiologici

L'importo non è

quantificabile

FESR

E

II.1b

II.1b

PO Pari

Opportunità

PO Politiche

Comunitarie

Azione 3b Sviluppo di metodologie per l'analisi, la programmazione ed il monitoraggio

permanente della spesa sanitaria al fine di consentire, ai vari livelli di gestione

regionale della Sanità di confrontare aree problematiche e di intervenire con

appropriati modelli innovativi

L'importo non è

quantificabile

Azione2 Costituzione Rete delle pari opportunità 0,043 0,032 FESR - E

Linea B Costituzione di un sistema informativo organizzato in forma stabile, con

servizio di AT informatica strettamente connesso alle azioni del PO e destinato alle

competenti AARR

Avviso 5/01 - fasc. 43 - Univ. Bologna "Misure di sistema per l'integrazione della FAD

nel sistema formativo regionale"

Avviso 5/01 - fasc. 37 - Univ.della Calabria

metodologie didattiche innovative per le imprese"

Avviso 5/01 - fasc. 61 - IRRE Basilicata

buona prassi MUST"

"Trasferimento di

"Trasferimento della

FESR

0,750 0,563 FESR - E

0,500 0,350 FSE 0,50 A

0,423 0,296 FSE 0,42 I

0,400 0,280 FSE 0,40 A

Avviso 5/01 - fasc. 9 - Amitiè Srl "SIGILLO - Società dell'informazione e giornalismo:

II.1b

iniziative per il lifelong learning e l'orientamento"

0,500 0,350 FSE 0,50 A

II.1b Avviso 5/01 - fasc. 92 - ISRI "Medi@12" 0,375 0,262 FSE 0,37 A

II.1b Progetto ISFOL "Realizzazione di un prototipo di sistema informativo di rete" 0,443 0,310 FSE 0,44 A

II.1b Progetto ISFOL "Guida e-learning nella Formazione Continua" 1,321 0,925 FSE 1,32 I

E

Fonte ed elaborazioni Servizio per le Politiche dei Fondi strutturali comunitari, Dipartimento per le Politiche di

Sviluppo (MEF) - Autorità di Gestione PON Atas (gennaio 2004).

82


PON ATAS – Parte III

Asse

Progetti

Operativi -

Misura I.2

Rilevazione delle azioni e delle misure del QCS destinate alla Società dell'Informazione (gennaio 2004)

Numero e descrizione della misura e delle eventuali articolazioni

in relative azioni 1

Costo totale

previsto

(Meuro)

di cui contributo

comunitario

Importo

(Meuro)

II.1b Progetto ISFOL Progetto "Fadol" 9,700 6,980 FSE 9,70 A

II.1c Progetto ISFOL Sistema Statistico Informativo 0,284 0,199 FSE 0,28 A

II.1e Progetto ISFOL Scift Aid 0,350 0,245 FSE 0,35 A

II.1e ITENETS (CIF-OIL) 4,000 2,800 FSE 4,00 A

Qualificazione formativa delle reti esistenti tra Puglia ed argentina attraverso un

II.1d

sistema do e-learning/Puglia

0,450 0,310 FSE 0,45 A

II.1d E-cooperazione/Puglia 0,430 0,300 FSE 0,43 A

II.1d La didattica in rete/Sardegna 0,447 0,310 FSE 0,45 A

Fondo

Impegni su

costo totale al

30.09.03

(Meuro)

TOTALE 27,886 19,885 19,624

Linea di

intervento 2

Fonte ed elaborazioni Servizio per le Politiche dei Fondi strutturali comunitari, Dipartimento per le Politiche di

Sviluppo (MEF) - Autorità di Gestione PON Atas (gennaio 2004).

83


PON Ricerca scientifica e alta formazione

Rilevazione delle azioni e delle misure del QCS destinate alla Società dell'Informazione (dicembre 2003)

Asse

Numero e descrizione della misura e delle eventuali

articolazioni in relative azioni

Costo totale

previsto

(Meuro)

di cui contributo comunitario Impegni su costo

totale al 30.09.03

Importo (Meuro) Fondo (Meuro)

Linea di

intervento

Asse II

Misura II.2 "Società dell'Informazione per il sistema

scientifico meridionale" articolata nelle azioni:

120,59 72,36 65,76

PON "Ricerca

Scientifica,

Sviluppo

Tecnologico, Alta

Formazione"

2000/2006

Asse III

Asse I

a) - interventi volti alla diffusione della larga banda

nell'ambito dello sviluppo e dell'evoluzione della rete

GARR

b) infrastrutture e sistemi innovativi per

l'apprendimento e la conoscenza

c) potenziamento e sviluppo di strutture per attività di

ricerca e innovazione opereanti nelle tematiche

scientifiche e tecnologiche prioritarie nell'ICT

Avviso pubblico 4391/2001 relativo alle Misure III.1,

III.2, III.4 e III.6 inerenti progetti di alta formazione.

(A)

Misura I.1 - Progetti di ricerca di interesse industriale

(B)

54,83 32,90 FESR - E

49,01 29,41 FESR 49,01 A (*)

16,75 10,05 FESR 16,75 E (**)

47,30 32,73 FSE 47,30 A

202,62 101,31 FESR 202,62 I (***)

TOTALI GENERALI 370,517 278,749 - 381,447

Fonte: PON Ricerca (dicembre 2003) elaborazioni Servizio per le Politiche dei Fondi strutturali comunitari, Dipartimento per le Politiche di Sviluppo (MEF)

La denominazione PA sta ad indicare che i soggetti attuatori e beneficiari delle azioni cofinanziate sono soggetti pubblici (Università, Enti Pubblici di Ricerca, etc)

(A) I dati riportati sono riferiti ai progetti cofinanziati a valere sull'Avviso 4391/2001e sono indicativi della domanda di alta formazione in ambito S.I espressa dai soggetti

(privati e pubblici) abilitati a presentare proposte a valere sull'Avviso 4391/2001. Detti progetti rappresentano, pertanto,un contributo aggiuntivo alla SI dato dal PON al di fuori

della misura II.2, esclusivamente dedicata alla SI. Essendo l'Avviso 4391/2001 chiuso, il costo totale coincide con il totale impegnato al 30.09.2003.

(B) I dati sono relativi a progetti presentati autonomamente dalle imprese (bottom up) in attuazione dell'art. 4 del D.M. 629/97e degli artt. 5 e 6 del D.M. 593/00 attuativo del

D.Lvo 297/99. I dati riportati sono relativi a progetti di ricerca in tematiche afferenti l'ICT (Informatica, componentistica microelettronica, telecomunicazioni, elettronica

consumer) e pertanto indicativi della domanda di ricerca espressa dalle imprese e soddisfatta nell'ambito del PON 2000/2006 al di fuori della misura II.2 totalmente dedicata alla

SI

(*) Si tratta prevalentemente di strutture per l'e-learning e l'e-training

(**) Si tratta prevalentemente di acquisto di attrezzature per la ricerca nelle aree prioritarie dell'ICT

(***) Si tratta di progetti di ricerca industriale nel settore dell'ICT

84


PON – Sviluppo Imprenditoriale Locale (SIL)

Rilevazione delle azioni e delle misure del QCS destinate alla Società dell'Informazione (dicembre 2003)

Asse

Numero e descrizione della misura e delle

eventuali articolazioni in relative azioni 1

Costo totale

previsto

(Meuro)

di cui contributo

comunitario

Importo

(Meuro)

Fondo

Impegni su

costo totale

al 30.09.03

(Meuro)

Linea di

intervento 2

4 Misura 1 "Legge 488/92-Industria" * 206 103 FESR 206 I

Fonte: PON Sviluppo Locale (dicembre 2003) elaborazioni Servizio per le Politiche dei Fondi strutturali comunitari, Dipartimento per le Politiche di Sviluppo (MEF).

* Gli impegni riportati costituiscono la somma delle agevolazioni concesse ad imprese industriali per iniziative, ammesse al cofinanziamento nell'ambito del PON SIL,

appartenenti ai settori ISTAT 64, 72 e 73 (telecomunicazioni ed informatica), che si ritengono riferibili alla "Società dell'Informazione". La quota FESR è il 50% dell'impegno

indicato.

85

PON SVIL

TOTALI GENERALI 206 103 - 206


PON Sicurezza

Rilevazione delle azioni e delle misure del QCS destinate alla Società dell'Informazione (dicembre 2003)

Asse

Numero e descrizione della misura e delle eventuali

articolazioni in relative azioni

Costo totale

previsto

(Meuro)

di cui contributo

comunitario

Importo

(Meuro)

Fondo

Impegni su costo

totale al 30.09.03

(Meuro)

Linea di

intervento

I.1

Potenziamento delle tecnologie finalizzate alle comunicazioni di

sicurezza - Rete infrastrutturale per le comunicazioni in Ponte

radio

294,99 147,50 F.E.S.R. 294,99 E

I.2

Adeguamento del sistema tecnologico di controllo del territorio

- Potenziamento degli standard di sicurezza sulla rete

ferroviaria e nelle grandi stazioni del Meridione

29,54 14,77 F.E.S.R. 26,01 E

I.2

Adeguamento del sistema tecnologico di controllo del territorio

- Potenziamento delle Sale Operative

51,53 25,77 F.E.S.R. 48,15 E

I.2

Adeguamento del sistema tecnologico di controllo del territorio

- Potenziamento della gestione degli interventi dell'apparato di

pubblica sicurezza e di soccorso pubblico - Centrali Operative

ed autovetture veloci (CC)

14,06 7,03 F.E.S.R. 14,06 E

I.2

Adeguamento del sistema tecnologico di controllo del territorio

- Interventi di adeguamento tecnologico del controllo del

territorio GdF

26,85 13,42 F.E.S.R. 27,37 E

I.2

Adeguamento del sistema tecnologico di controllo del territorio

- Adeguamento tecnologico dei sistemi per la sicurezza delle

comunicazioni (postali e telematiche)

2,45 1,23 F.E.S.R. 1,31 E

PON Sicurezza

I.2

I.2

Adeguamento del sistema tecnologico di controllo del territorio

- Predisposizione di un archivio dati centralizzato per la

gestione di informazioni ai fini della sicurezza (ANCI)

Adeguamento del sistema tecnologico di controllo del territorio

- Realizzazione di un sistema per la Trasparenza e Sicurezza

degli Appalti nel Mezzogiorno

4,12 2,06 F.E.S.R. 4,12 E

11,88 5,94 F.E.S.R. 0,13 E

I.3

Tecnologie per la tutela delle risorse ambientali e culturali -

Sistema informatico per la tutela ambientale

41,05 20,53 F.E.S.R. 0,07 E

I.3

Tecnologie per la tutela delle risorse ambientali e culturali -

Potenziamento del sistema informativo per la tutela dei beni

culturali (NTPA)

3,62 1,81 F.E.S.R. 0,10 E

I.3 Tecnologie per la tutela delle risorse ambientali e culturali -

Interventi per la tutela delle risorse culturali

17,56 8,78 F.E.S.R. 3,80 E

I.4

Potenziamento tecnologico del sistema informativo per la

Giustizia - Realizzazione di un sistema informativo tra le

Direzioni Distrettuali Antimafia e le Prefetture delle Regioni

dell'Italia Meridionale (SIPPI)

I.4 Potenziamento tecnologico del sistema informativo per la

Giustizia - AFIS Giustizia

5,85 2,92 F.E.S.R. 0,45 E

11,65 5,82 F.E.S.R. 9,51 E

I.4

Potenziamento tecnologico del sistema informativo per la

Giustizia - AFIS Scientifica

11,20 5,60 F.E.S.R. 7,26 E

I.5 Risorse Umane per la Sicurezza - Polizia on line 5,67 2,83 F.S.E. 4,24 E

I.5 Progetto teledidattica 6,99 3,49 F.S.E. 0,10 E

II.1 Diffusione della legalità - Controllo delle frontiere 30,65 15,32 F.E.S.R. 19,91 E

TOTALI GENERALI 569,65 284,83 461,58

Fonte: PON Sicurezza (dicembre 2003) elaborazioni Servizio per le Politiche dei Fondi strutturali comunitari,

Dipartimento per le Politiche di Sviluppo (MEF)

86


PON Scuola

Rilevazione delle azioni e delle misure del QCS destinate alla Società dell'Informazione (dicembre 2003)

Asse

Numero e descrizione della misura e delle

eventuali articolazioni in relative azioni

Costo totale

previsto

(Meuro)

di cui contributo comunitario

Importo

(Meuro)

Fondo

Impegni su

costo totale al

30.09.03

(Meuro)

Linea di

intervento

III

Misura 1, Azione 1. 1a Sviluppo di competenze di

base e competenze trasversali nella scuola:

percorsi sulle tecnologie 33,88 23,72 FSE 29,61 A

III

Misura 1, Azione 1. 1b Sviluppo di competenze di

base e competenze trasversali nella scuola:

percorsi linguistici 27,58 19,31 FSE 23,96 A

PON Scuola

III

III

III

III

Misura 1, Azione 1. 3 Supporto alla formazione in

servizio del personale nel sistema dell’Istruzione 36,12 25,28 FSE 24,30 A

Misura 1, Azione 1. 4Sviluppo di centri

funzionali di servizio per il supporto

all’autonomia, la diffusione delle tecnologie, la 34,86 24,40 FSE 0,15 E

Misura 2: tecnologie per l'innovazione; supporto

alla creazione di reti per l'adeguamento del

sistema scolastico 126,00 63,00 FESR 117,00 A

Misura 4: infrastrutture per l'inclusione scolastica

e l'integrazione sociale 26,00 13,00 FESR 11,00 A

III Misura 8, Azione 8.2 Assistenza tecnica 2,58 1,81 FSE 0,16 E

TOTALI GENERALI 287,02 170,51 - 206,19

Fonte: PON Scuola (dicembre 2003) elaborazioni Servizio per le Politiche dei Fondi strutturali comunitari,

Dipartimento per le Politiche di Sviluppo (MEF)

87


3.1 PON Scuola per lo sviluppo

3.1.1 Strategicità del PON Scuola nel nuovo quadro di policy e di contesto ICT

Il Programma Operativo Nazionale “La Scuola per lo Sviluppo” (SpS) ha un ruolo particolare per

l’ampiezza della sua incidenza potenziale nel campo delle politiche di sostegno alla creazione e

valorizzazione delle risorse umane del Mezzogiorno e per il suo potenziale contenuto innovativo.

L’integrazione del PON “La Scuola per lo Sviluppo” nella programmazione regionale e nazionale

per l’Obiettivo 1 ha un’importanza strategica “di sistema”; il PON SpS svolge infatti un preciso

ruolo “servente” e di stimolo strategico.

Il contesto di policy in cui è stato formulato il PON “Scuola per lo sviluppo” è stato ulteriormente

rafforzato, in una prospettiva di continuità: l’evoluzione delle strategie europee sulla coesione

sociale, l’istruzione, la formazione e l’occupazione ha rafforzato e specificato l’approccio di

Lisbona che aveva già fortemente caratterizzato la costruzione del PON SpS.

I temi dell’integrazione fra istruzione e formazione, della costruzione della società della

conoscenza, del lifelong learning (LLL), della costruzione di un’Europa basata “sull’innovazione e

sui saperi”, della lotta all’esclusione sociale e dell’affermazione del principio delle pari opportunità

— temi che costituiscono gli assi portanti della strategia del PON — sono stati posti ancora più in

evidenza dagli orientamenti recenti formulati in sede comunitaria.

Il PON SpS si correla ai tre grandi temi del QCS Obiettivo 1 (2000-2006) sulla Società

dell’Informazione (riportati in premessa) ed in particolare: ai servizi di e-government per la scuola,

ai servizi di e-learning, oltre che all’ICT training ed al LLL. Più sfumato il rapporto con l’ebusiness.

La SI nel PON SpS va riletta in questa chiave, rispetto all’evoluzione di:

• infrastrutture tecnologiche per le reti, strettamente connesse con lo sviluppo della banda

larga;

• ICT training, sia di base che specialistico, riferito anche allo skill shortage ed ai nuovi profili

professionali dell’ICT;

• e-learning, che costituisce un importante elemento trasversale al PON SpS, ma anche ad altri

PON (es. Ricerca) o ad altri Programmi Operativi;

• lifelong learning (LLL) e ruolo pregnante che la SI può svolgere al suo sostegno.

3.1.2 Articolazione del tema Società dell’Informazione nelle misure e nelle azioni del PON

Scuola

Il PON SpS è caratterizzato dal coinvolgimento di una molteplicità di beneficiari finali e dal

raggiungimento di una platea vastissima di destinatari, attraverso un numero elevatissimo di

progetti (quasi 25.000).

Gli interventi sulla SI sono articolati su varie misure, all’interno dell’asse III Risorse umane.

La misura 1 “Adeguamento del sistema dell’istruzione” comprende diverse azioni attinenti alla SI

(per un maggiore dettaglio, si veda l’Allegato 4):

Azione 1.1 interventi rivolti a studenti e docenti per la formazione sui nuovi linguaggi

(multimedialità, informatica, telematica); lo sviluppo di competenze di

imprenditorialità tramite l’approccio Impresa Formativa Simulata e altri;

88


Azione 1.2

Azione 1.3

Azione 1.4

esperienze di stage nell’ambito dei percorsi di istruzione; 8% degli oltre 7000 corsi di

stage autorizzati nel primo triennio ha riguardato specificamente il settore della

comunicazione e dell’informatica;

supporto alla formazione in servizio del personale nel sistema dell'istruzione. Negli

anni 2000-2002 sono stati conclusi oltre 1.500 corsi rivolti a quasi 28.000 utenti,

dedicati significativamente a temi ICT per le esigenze del personale della scuola;

sviluppo di centri funzionali di servizio per il supporto all’autonomia, la diffusione

delle tecnologie, la creazione di reti.

La misura 2 “Nuove tecnologie per l’utilizzo e la valorizzazione delle metodologie didattiche” ha

l’obiettivo di migliorare e riorganizzare i supporti infrastrutturali e tecnologici per il sostegno della

qualità dell’istruzione e il rafforzamento del sistema scolastico nell’ottica dell’integrazione e dello

sviluppo della società dell’informazione e della conoscenza. Si articola in:

Azione 2.1 Potenziamento e aggiornamento delle dotazioni tecnologiche e informatiche degli

istituti scolastici.

Azione 2.2 Costituzione e potenziamento delle reti telematiche e di comunicazione, sia interne

che esterne, di istituti scolastici, con particolare riguardo a quelli che svolgono

funzioni di centri di servizio, per consentire la messa in rete degli istituti scolatici.

La misura 4 “Infrastrutture per l’inclusione scolastica e l’integrazione sociale” è articolata in:

Azione 4.1 Centri risorse contro la dispersione scolastica e la frammentazione sociale;

Azione 4.2 Centri risorse contro la dispersione scolastica e l’esclusione sociale in aree

periferiche e isolate.

Entrambe le misure 2 e 4, finanziate dal FESR, contribuiscono alla realizzazione di laboratori e

infrastrutture tecnologiche. Con la misura 2 vengono realizzati laboratori di settore, cablaggi,

laboratori scientifici e tecnologici nonché strutture polifunzionali, i “Centri polifunzionali di

servizio per lo sviluppo delle tecnologie didattiche e a sostegno dell’autonomia”. Con la misura 4

vengono realizzati i cosiddetti “Centri risorse contro la dispersione scolastica e il disagio sociale”.

In questi ultimi, oltre a strutture sportive e di accoglienza (per un importo massimo del 50% della

spesa che può arrivare nei comuni di grandi e medie dimensioni a 700.000 € e a 130.000 € presso

scuole in comuni isolati, piccole isole o comunità montane), vengono realizzati laboratori

tecnologici di orientamento, mediateche, laboratori di arti grafiche e visive, laboratori per la

simulazione d’impresa, laboratori di musica elettronica, ecc. In particolare, i centri risorse dotati di

laboratori per la musica elettronica formano una rete sperimentale per la musica elettronica con

qualificate collaborazioni nazionali e internazionali. Circa il 90% degli Istituti di istruzione

superiore delle Regioni dell’Obiettivo 1 hanno goduto delle azioni delle due misure FESR.

89


ISTITUTI SECONDARI REGIONI OBIETTIVO 1 BENEFICIARI FESR

400

365

350

300

301

273

298

320

250

244

200

172

150

151

115

131

100

51 55

50

0

BASILICATA CALABRIA CAMPANIA PUGLIA SARDEGNA SICILIA

BENEFICIARI solo secondaria

VAL.ASSOLUTO SEC.SUP.

Sia i Centri servizi (oggi 50 attivi e 30 in via di autorizzazione) che i Centri risorse (71 attivi, altri

50, circa, in via di autorizzazione) sono stati inseriti in via preferenziale nel processo di connessione

in banda larga garantito da Telecom Italia per il MIUR. Entrambe le tipologie di Centri verranno

inseriti anche nel progetto Biblioteche sviluppato a partire dalla collaborazione fra MIUR e ICCU

che prevede l’inserimento di alcune biblioteche scolastiche, a fronte del soddisfacimento di

particolari condizioni di affidabilità di gestione e di strumentazione, nel Sistema Bibliotecario

Nazionale.

La misura 5 “Istruzione e Formazione Superiore (IFTS)” riguarda percorsi di istruzione e

formazione tecnica superiore integrata, in percorsi formativi professionali per i giovani dai 18 anni

in su. Il MIUR ha deciso di dedicare i primi tre anni di attuazione esclusivamente a profili

professionali relativi alle ICT. Sono state definite 5 figure professionali di riferimento 53 approvate

dalla Conferenza Stato–Regioni e i 40 progetti conclusi di recente hanno coinvolto circa 400

giovani delle sei Regioni. L’iniziativa vuole incidere sulla standardizzazione dei percorsi e la

conseguente estensione in tutti i contesti territoriali che intendono utilizzare l’esperienza.

La misura 6 “Istruzione permanente” è diretta a un’utenza di giovani-adulti e adulti. Sono state

individuate 4 aree di interventi formativi della quali una riguarda la formazione tecnologica ai due

livelli formativi già definiti anche per i giovani (Azione 1.1A “La formazione dei nuovi linguaggi:

multimedialità, informatica, telematica, ecc.”). In questo ambito, sono stati realizzati 196 percorsi

(dei 1.237 complessivi) nell’area tecnologica e relativi a corsi di informatica, il computer in carcere,

installazione di impianti, automazione di uffici, ecc..

La misura 7 “Promozione di scelte scolastiche e formative mirate a migliorare l’accesso e la

partecipazione delle donne al mercato del lavoro”, prevede specificamente una linea formativa

centrata sull‘apprendimento delle nuove tecnologie e l’orientamento verso la cultura scientifico-

53 Le figure sono le seguenti: 1) tecnico superiore per la comunicazione e il multimedia; 2) tecnico superiore per le

telecomunicazioni; 3) tecnico superiore per le applicazioni informatiche; 4) tecnico superiore per lo sviluppo software;

5) tecnico superiore per i sistemi e le tecnologie informatiche.

90


tecnologica sia nell’ambito dell’Azione 7.2 per le giovani “Iniziative di sostegno allo sviluppo di

competenze tecnico-scientifiche e di promozione dell’imprenditorialità femminile nelle scuole

secondarie superiori” (786 corsi con 25.190 utenti nel primo biennio), sia nell’Azione 7.3 per le

adulte “Iniziative di orientamento e di rimotivazione allo studio per favorire l’inserimento e il

reinserimento delle donne adulte nel mercato del lavoro” (383 corsi con 10.964 utenti nel primo

biennio).

Nell’ambito della misura 8 “Interventi di accompagnamento, monitoraggio, controllo, valutazione e

assistenza”, tutta la gestione del PON avviene su un sistema informativo dedicato, ad accesso

protetto per le circa 6000 scuole che sono in esso registrate. Un maggiore dettaglio su questo è

fornito nell’allegato 4.

Come evidenziato anche dai dati qui riportati, le risorse finanziano un numero elevato di progetti

che coinvolgono moltissimi utenti. Alla soddisfazione generale relativa alla diffusione sul territorio

delle iniziative e all’elevato grado di raggiungimento dell’utenza, dalle indagini di audit del MIUR

e da quelle portate avanti dal Valutatore Indipendente, si evincono alcuni punti di criticità relativi

alla SI:

• nell’ambito dell’adeguamento del sistema dell’istruzione, l’utilizzazione delle nuove

attrezzature tecnologiche è limitata a causa, probabilmente, di una non adeguata

preparazione dei docenti. Vi sono carenze nella progettazione dell’utilizzazione didattica

delle ICT;

• il livello non soddisfacente di dotazioni tecnologiche, in presenza di un debole tessuto

produttivo, non consente di realizzare esperienze pratiche e di formazione in azienda.

Carente risulta l’utilizzazione delle nuove strumentazioni per l’autoapprendimento e per

utenti esterni agli istituti che le hanno acquisite;

• carenze infrastrutturali, in quanto in tutte le Regioni viene segnalata fra i punti deboli

nell’area organizzativa la mancanza di una rete permanente telematica tra le diverse scuole.

3.1.3 Suggerimenti per la riprogrammazione

La riprogrammazione costituisce un’opportunità per allineare il PON rispetto alle priorità e agli

obiettivi del quadro di policy comunitario citato nel capitolo 1.

I risultati del PON in relazione agli obiettivi di breve termine sembrano più che soddisfacenti.

Appare opportuno privilegiare gli obiettivi di medio-lungo termine di ammodernamento strutturale

della scuola e dei sistemi formativi, rafforzando il sistema delle “coerenze” e delle “sinergie” con il

quadro di policy.

Potenziare le strutture tecnologiche oltre all’approvvigionamento di prodotti, deve comprendere i

servizi di supporto; l’obiettivo finale deve essere quello di disporre di una soluzione completa,

adatta alle applicazioni che deve assolvere, supportata da servizi di assistenza capaci di intervenire

in tempi e modalità efficienti in caso di problemi.

Per quanto riguarda il tema dello sviluppo della PMI vanno analizzate le ricadute delle azioni svolte

sulle scuole come istituzioni, sui docenti, sugli studenti, sul tessuto sociale ed economico del

territorio, coinvolgendo anche le aziende ed intensificando le sinergie con PON SIL e POR.

Si può pensare di promuovere un insieme di progetti di maggiore spessore finanziario e strategico

cui affidare un ruolo di “ricucitura” tematica e territoriale delle iniziative diffuse, di promozione del

principio di concentrazione delle risorse sul territorio e di una più marcata integrazione delle

iniziative cofinanziate dal PON nonché di quelle implementate nell’ambito dei PO regionali.

91


Per rafforzare l’innovazione e l’efficacia delle iniziative si auspicano le seguenti azioni, pur con la

consapevolezza che la consistenza finanziaria del PO (anche in presenza di premialità), non

consentirà di finanziarle, se non a fronte di una stretta integrazione con gli altri programmi operativi

regionali e nazionali:

(a) le linee di intervento destinate all’alfabetizzazione informatica e telematica, che hanno

registrato un fortissimo interesse tra i potenziali destinatari ed in relazione alle quali si sono

registrati razionamenti dei progetti ammessi a beneficio, si devono porre nell’ottica di

sfruttare i risultati ottenuti anche per perfezionarsi mediante la realizzazione di interventi di

professionalizzazione e specializzazione sull’ICT, con l’obiettivo di sopperire alla mancanza

di nuove competenze e nuovi servizi fornendo così nuove opportunità;

(b) deve essere sostenuto l’approfondimento della conoscenza degli strumenti della SI e dei

software da parte del personale delle scuole, in particolare il personale docente;

(c) si devono prevedere sistemi di messa in rete tra istituzioni scolastiche al fine di consentire la

diffusione delle più efficaci progettualità da adottare nel proseguimento del PON, stabilendo

collegamenti strutturati fra il PON e le esperienze di progettazione integrata territoriale ;

(d) deve essere posta particolare attenzione al tema della banda larga, la cui ribadita criticità

nelle policy comunitarie e nazionali ha condotto e sta conducendo a sforzi attuativi

considerevoli. Va rafforzata su questo l’integrazione tra il PON e le altre forme di intervento

e l’integrazione tra i fondi;

(e) il tema del LLL deve essere potenziato e in esso la SI deve trovare un ruolo particolarmente

strategico e propulsivo.

92


3.2 PON Ricerca scientifica, sviluppo tecnologico e alta formazione

3.2.1 Strategicità del PON Ricerca nel nuovo quadro di policy e di contesto ICT

Il Programma Operativo Nazionale “Ricerca scientifica, Sviluppo Tecnologico e Alta Formazione”

(R&S) si inserisce oggi in un contesto di policy in cui è stato ulteriormente rafforzato, in una

prospettiva di continuità, il ruolo chiave della ricerca, ed in particolare dello spazio europeo della

ricerca, dell’istruzione dell’alta formazione come elementi fondamentali per lo sviluppo

tecnologico.

La costruzione della società della conoscenza, in un’Europa basata “sull’innovazione e sui saperi” è

stato posto ancora più in evidenza dagli orientamenti recenti formulati in sede comunitaria.

Tra gli obiettivi sanciti al Congresso di Lisbona si evidenziano quelli “di collegare l’Europa on-line,

di collegare in rete gli istituti di formazione e ricerca, di garantire l’accesso generalizzato e di

permettere il trasferimento tecnologico, assicurando l’innalzamento qualitativo del sistema

scientifico al livello dei sistemi europei più avanzati”.

L’attuazione dei tre temi del QCS Obiettivo 1 (2000-2006) sulla Società dell’Informazione

(riportati in premessa) nel PON “R&S” va quindi riletta, rispetto alla evoluzione de:

• lo spazio europeo della ricerca;

• le infrastrutture tecnologiche per le reti, che devono costituire la spina dorsale di una

capillare infrastruttura di ricerca europea;

la banda larga e delle policy comunitarie e nazionali atte e favorirne lo sviluppo nelle

Regioni Ob.1;

• i nuovi profili professionali avanzati dell’ICT, fattore chiave per lo sviluppo;

• l’e-learning, che costituisce un importante elemento trasversale al PON R&S, ma anche ad

altri PON (es. Scuola) o ad altri Programmi Operativi;

• l’attuazione in corso del VI Programma Quadro, uno dei più importanti strumenti destinati

ad attuare lo "Spazio europeo della ricerca", e di altri programmi comunitari di ricerca e

sviluppo sulla SI.

3.2.2 Articolazione del tema Società dell’Informazione nelle misure PON Ricerca

Nel PON R&S gli interventi sulla SI riguardano i seguenti assi e misure.

Asse I - R&S Industria e settori strategici, Misura I.1 - Progetti di ricerca di interesse industriale

La misura 1.1 offre aiuti ad un ampio spettro d’imprese, senza priorità settoriali o tematiche con una

preferenza per le imprese di piccola dimensione. Le modalità d’intervento della misura offrono una

serie di possibilità a progetti autonomi di singole imprese, a progetti di cooperazione pubblico

privato (cluster), a spin-off della ricerca, ed infine a commesse di ricerca richieste dalle imprese.

Asse II – Rafforzamento del sistema scientifico e alta formazione, Misura II.2 -SI per il sistema

scientifico meridionale:

Azione a: Diffusione della banda larga

Azione b: Dotazione e potenziamento di infrastrutture e sistemi innovativi per

l'apprendimento e la conoscenza

Azione c: Potenziamento e sviluppo di strutture per attività di ricerca e innovazione operanti

nelle tematiche scientifiche e tecnologiche dell'ICT

Gli interventi previsti sono:

93


a) Rete a banda larga (dell’ordine dei gigabit al secondo di velocità) del sistema scientifico ed

innovativo del Mezzogiorno nell’ambito dello sviluppo e dell’evoluzione della Rete GARR, a sua

volta in stretta collaborazione con la citata rete europea GEANT. In riferimento all’evoluzione delle

tecnologie e al profondo cambiamento dello scenario, l’approccio adottato sarà non più incentrato

sugli aspetti, fisici, infrastrutturali e dei protocolli, ma caratterizzato da:

- focalizzazione sulle applicazioni, sui servizi e sulle esigenze degli utenti, con

particolare riferimento a infrastrutture di rete locale e/o reti metropolitane, che,

mediante rigorose tecniche di progetto, di ottimizzazione e simulazione, dovranno

guidare le scelte di configurazione della rete e di allocazione delle risorse;

- realizzazione di infrastrutture/piattaforme cooperative abilitanti complesse a livello

hardware/software, orientate alle esigenze e applicazioni anche più avanzate e

complesse sia di diverse aree di ricerca che della formazione superiore, anche

tenendo conto del paradigma emergente della GRID. Esempio di questo approccio

sono la simulazione distribuita su larga scala, i laboratori e gli esperimenti

scientifici virtuali, la modellazione matematica.

b) Infrastruttura e sistemi innovativi per l’apprendimento e la conoscenza con riferimento a:

- insegnamenti universitari sia di argomenti e discipline afferenti all’area ICT a

livello di base, diffusi in modo pervasivo e trasversale nelle diverse Facoltà e Corsi

di Laurea, sia di livello avanzato in diverse aree disciplinari (scientifiche,

tecnologiche, economiche, umanistiche), in cui le ICT svolgono un ruolo non solo

strumentale e di supporto, ma fondante e abilitante di innovazioni metodologiche e

cognitive;

- realizzazione di applicazioni multimediali e centri di servizio sparsi sul territorio

per la diffusione delle ICT;

- strutture di apprendimento e insegnamento per la formazione di personale tecnico

qualificato nell’area ICT.

c) potenziamento e sviluppo di strutture per attività di ricerca e innovazione operanti nelle

tematiche scientifiche e tecnologiche prioritarie nelle ICT (Software, Simulazione e Ottimizzazione,

Learning, Agenti, Reti, Grid, Wireless) in accordo con le linee guida del Programma IST

(Information Society Technologies) nell’ambito del VI Programma Quadro, e in grado di

assicurare:

- livelli di eccellenza scientifica;

- sviluppo di applicazioni e servizi innovativi basati sulle ICT, in domini di

particolare interesse industriale e sociale (medicina, lavoro cooperativo e a distanza,

apprendimento a distanza, commercio elettronico, imprese virtuali, turismo e beni

culturali);

- attrazione di insediamenti industriali, comprendenti rilevanti funzioni strategiche e

di ricerca, di grandi imprese del settore ICT, nonché di generazione e incubazione

di spin-off nel settore.

Asse III - Sviluppo del capitale umano di eccellenza

Misura III.1 - Miglioramento delle risorse umane nel settore R&ST

Misura III.2 - Formazione di alte professionalità nelle PMI

Misura III.4 - Formazione superiore e universitaria

Misura III.6 - Promozione partecipazione femminile al mercato del lavoro

94


3.2.3 - Suggerimenti per la riprogrammazione

La riprogrammazione costituisce un’opportunità per allineare il PON rispetto alle priorità e agli

obiettivi del quadro di policy comunitario citato.

L’obiettivo più generale in cui il PON R&S si inserisce consiste nella costituzione uno "Spazio

Europeo della Ricerca". In tale ambito deve garantire:

• il superamento della frammentazione e dello scarso coordinamento tra i sistemi ed i

programmi nazionali di ricerca in Europa;

• il collegamento in rete dei centri di comunicazione interattiva;

la diffusione delle buone pratice nel trasferimento del sapere e dei risultati scientifici nei

diversi settori dell'economia e della società.

La realizzazione e il rafforzamento delle infrastrutture informatiche di rete ad alta velocità, la

realizzazione dei sistemi innovativi per l’apprendimento e la conoscenza, il potenziamento e lo

sviluppo di strutture per attività di ricerca e innovazione devono pertanto consentire di:

• inserire la comunità scientifica in reti di cooperazione nazionale;

• rafforzare il sistema della ricerca scientifico-tecnologica del Mezzogiorno, migliorando i

collegamenti tra i sottosistemi scientifici ed il sistema imprenditoriale, anche con la finalità

di promuovere il trasferimento tecnologico, la nascita di imprese sulla "frontiera" e

l'attrazione di insediamenti ad alta tecnologia;

• rafforzare e migliorare il sistema dell'alta formazione meridionale, generando nuovo capitale

umano qualificato, anche per rafforzare le relazioni con i Paesi del Mediterraneo;

• sostenere e diffondere l'uso delle reti telematiche da parte delle Amministrazioni pubbliche,

per semplificare ed accelerare le procedure, innalzare la qualità dei servizi ai cittadini, alle

imprese e incrementare i livelli di efficienza

Relativamente alla banda larga, per realizzare lo “Spazio Europeo della Ricerca” la misura II.2 si

propone di inserire la comunità scientifica in reti di cooperazione nazionale. Per far questo è

necessario dotare il sistema scientifico-tecnologico del Mezzogiorno di una infrastruttura

omogenea e idonea a migliorare i collegamenti tra i sottoinsiemi scientifici ed il sistema

imprenditoriale. A sostegno di ciò è necessario, quindi, realizzare ex-novo o rafforzare le

infrastrutture di rete ad alta velocità come espressamente previsto dall’Azione a) “Infrastruttura di

rete locale”.

Una attenzione particolare va posta, dunque, al tema della banda larga, la cui ribadita criticità nelle

policy comunitarie e nazionali ha condotto e sta conducendo a sforzi attuativi considerevoli. Va

rafforzata l’integrazione tra il PON e le altre forme di intervento e l’integrazione tra i fondi.

In particolare, appare interessante operare per un’integrazione della rete GARR-B con le reti

regionali o nazionali al fine di magliare quanto può possibile il territorio evitando così diseconomie.

Questo potrebbe essere interessante in quanto si potrebbero rendere sinergici interventi fatti dai

Fondi CIPE sulla banda larga e integrare le azioni. Ad esempio, da un lato con i Fondi CIPE si

prevede di realizzare un anello ottico nelle Regioni del Mezzogiorno, ma nel contempo molte

università del sud (vedi Basilicata) sono fuori dal GARR-B in quanto non hanno le capacità

finanziarie per i collegamenti. Una maggiore sinergia tra gli interventi del PON ricerca, CIPE e

delle Regioni sulle reti regionali potrebbe ovviare al problema e perseguire i dettami di e-Europe

2005 che chiedono la connessione in banda larga di tutta la PA (compresi ospedali, scuole e

università).

Per quanto riguarda le Azioni b) e c) attenzione va posta:

• nella realizzazione di infrastrutture e sistemi innovativi per l’apprendimento, la conoscenza

e il potenziamento di attività di ricerca e innovazione nell’ambito dell’ICT;

95


• il potenziamento delle strutture di ricerca e innovazione operanti nelle tematiche dell’ICT

che siano in grado dare una spinta propulsiva allo sviluppo socio-economico ed in

particolare nella definizione di sistemi di e-busines di nuova generazione.

Emerge dunque l’opportunità di potenziare gli interventi di professionalizzazione e specializzazione

sull’ICT, nell’ottica di sopperire alla mancanza di nuove competenze e nuovi servizi fornendo così

nuove opportunità.

In generale si suggerisce l’approfondimento della cooperazione tra strutture di ricerca e sistema

produttivo che costituiscono uno dei capisaldi per consentire la transizione dell’Europa verso

l’economia della conoscenza.

96


3.3 - PON Sviluppo imprenditoriale locale

3.3.1 - La Società dell’Informazione nella programmazione del PON Sviluppo locale

Il PON Sviluppo Imprenditoriale Locale (SIL) presta un’attenzione limitata ai temi SI e lo fa nel

quadro dell’obiettivo più generale di “sostenere le imprese industriali in modo organico e articolato,

rispondendo ai loro bisogni reali, con particolare riguardo all’innovazione tecnologica, all’accesso

al credito, alla compatibilità ambientale, all’information technology, alla formazione professionale.”

(Complemento di Programmazione (CdP) del PON SIL, p. 4).

Ciò vale in particolare per la misura 1 “Legge 488/92 – Industria”, che finanzia progetti di

investimento “tradizionali” delle imprese e rappresenta la parte principale del PON SIL (circa 80%

del valore), facendone il programma multiregionale con la maggiore dotazione di finanziamenti

rispetto al totale del QCS Obiettivo 1 (2000-2006) (9,8%) e rispetto all’asse IV Sviluppo Locale

(30%). L’unica attenzione “speciale” della misura, come di tutto il PON, riguarda la tematica

ambientale, oggetto di apposite incentivazioni e premialità. Al contrario, il PON SIL – almeno nella

sua componente maggioritaria - non ha fornito una spinta strategica alle imprese sulle innovazioni

dell’e-commerce e dell’e-business.

Uno spazio maggiore ai temi SI si trova nelle misure 2 e 3, nettamente più contenute come risorse,

ma con un’impronta più innovativa 54 . La misura 2.1 “Pacchetto Integrato di Agevolazioni” (PIA)

consente di attivare interventi agevolativi di diversa finalità con un’unica domanda dell’impresa. In

specifico, dei tre interventi PIA, la terza linea 55 “PIA Networking” punta a sostenere i sistemi di

impresa “filiere produttive; joint ventures …; consorzi o società consortili di PMI per la

realizzazione di investimenti produttivi sia dei singoli consorziati che per servizi e strutture comuni.

Il PIA Networking sarà volto a sostenere anche le iniziative imprenditoriali rientranti nell’ambito

della new economy” (CdP del PON SIL, p. 50). Questa, però, è l’unica delle tre linee PIA a non

essere stata ancora attivata.

La misura 3.1 “Interventi di formazione” finanzia progetti formativi che scaturiscono da quelli di

investimento approvati nell’ambito della misura 2. “..Le tecnologie dell’informazione e delle

comunicazioni (in particolare nell’ambito della new economy) …” figurano al primo posto nella

lista delle aree tematiche indicate per i progetti di formazione, che devono essere finalizzati

“all’acquisizione di know-how e conoscenze professionali e tecnologiche relative alla gestione

d’impresa in aree fondamentali per assicurare la competitività delle imprese […]” (CdP del PON

SIL, p. 77).

3.3.2 - La Società dell’Informazione nell’attuazione del PON Sviluppo locale

Le conclusioni del valutatore indipendente sono chiare: “[…] pur se il PON SIL non assume tra le

sue priorità lo sviluppo della Società dell’Informazione, alcuni positivi effetti indiretti scaturenti

dalla sua implementazione possono essere sicuramente identificati.” (Relazione del Valutatore

Indipendente (RVI) del PON SIL, p.183).

54 Non viene considerata qui la misura 4 “Assistenza Tecnica”, destinata alla Autorità di Gestione del PON. Non

consideriamo pure le sottomisure 1.2, 2.2 e 3.2 che riguardano interventi di tutoraggio alle imprese finanziate nelle

rispettive misure.

55 La prima linea “PIA Innovazione” finanzia programmi di investimento integrati: ricerca ed innovazione tecnologica +

investimenti per industrializzazione dei risultati + investimenti in formazione e/o servizi specialistici. La seconda linea

“PIA Formazione” finanzia iniziative industriali con incremento occupazionale considerevole ed elevate esigenze

formative e di qualificazione: incentivi agli investimenti fissi + formazione + servizi specialistici collegati al

programma agevolato.

97


Nel caso della misura 1 – Industria, si consideri che il totale delle risorse impegnate al 30 settembre

2003 era di 5.292 M€ per 7654 progetti di investimento. A fronte di questi dati:

• il PON contribuisce a creare una utenza qualificata, facendo crescere la disponibilità di

strumentazione ICT nelle imprese: una stima effettuata porta a ritenere che, in funzione della

dimensione d’impresa e del settore d’appartenenza, gli investimenti in ICT oscillino tra il 2 ed

il 4% del totale. Ciò dovrebbe indurre una crescita della relativa cultura presso le imprese

agevolate e contribuire alla nascita o sviluppo di società di servizi locali (software, assistenza

tecnica, ecc.);

• il PON finanzia un numero significativo di imprese del settore ICT; in base ai pertinenti

codici ISTAT (Servizi 64, 72, 73), sono stati conteggiati 364 progetti (su 7654) ai quali sono

stati complessivamente concessi contributi per 206 M€. Osserva il valutatore “Non si tratta di

cifre elevate, se si considera che vanno riferite ad un periodo di 4-5 anni, ma non sono

nemmeno irrilevanti” (RVI del PON SIL p. 28).

Rispetto alle altre misure:

• il PIA Innovazione è stato particolarmente gradito dalle imprese del settore, con 51 dei 247

progetti cofinanziati appartenenti ad esse;

• più in generale, ben il 23% dei costi agevolati attraverso il PIA Innovazione copre attività di

ricerca applicata e il 75% copre attività di sviluppo pre-competitivo. Anche in questi casi

l’investimento normalmente comporta l’acquisizione di ICT e/o determina l’attivazione di

network con altre imprese e centri di competenza, che sfruttano l’utilizzo delle ICT;

• il 51,2% dei corsi formativi erogati nei progetti PIA Innovazione hanno contenuti connessi al

settore dell’ICT. Ben 123 dei 247 progetti PIA Innovazione hanno ottenuto l’agevolazione

aggiuntiva per la formazione della misura 3, dove il 47,8% dei 539 progetti formativi

approvati hanno un contenuto ICT. Anche tra i 48 progetti del PIA formazione, circa il 40%

riguarda i temi connessi all’ICT.

3.3.3 - Considerazioni e raccomandazioni

Il PON SIL è già in fase avanzata di attuazione nella sua componente principale – la misura 2.1

Legge 488/92 - e risulta aver sostenuto di fatto un investimento significativo in strumentazione e

formazione interna sulle ICT nelle imprese tradizionali, oltre ad aver sostenuto gli investimenti di

un certo numero di imprese appartenenti ai settori stessi dell’ICT.

Dato l’esaurimento delle risorse della misura e il nuovo assetto delle competenze in materia di

politica per lo sviluppo, il valutatore indipendente afferma che “[…] l’azione di sistema svolta dal

PON nel sostegno agli investimenti in questa prima fase di programmazione dovrebbe essere

sostituita dalla crescita di rilevanza degli aiuti regionali nella fase successiva […]” (p. 16 RVI del

PON SIL). In questa prospettiva di avvicendamento, è sempre più all’interno della programmazione

regionale che dovrebbero svilupparsi le iniziative generali di sostegno agli investimenti produttivi

delle imprese e, in specifico, quelle in ottica SI. Ciò per molti versi preoccupa, date le carenze e

incertezze registrate nell’attuazione dei POR proprio sui temi dell’e-business e della new economy;

queste rischiano di sommarsi alle difficoltà riscontrate più in generale dalle Regioni Obiettivo 1

nell’esercizio delle nuove competenze e funzioni di politica industriale.

L’introduzione nella Legge 488/92 del meccanismo di premialità sugli investimenti in ICT, prevista

dal “Piano per l’innovazione digitale nelle imprese” (si veda la sezione 1.2.5), dovrebbe comunque

prolungare e accentuare l’effetto già determinatosi in tal senso nel PON SIL, rendendolo un

obiettivo esplicito e incentivato appositamente.

Il completamento delle altre misure del PON e soprattutto l’avvio della Mis. 2.1 PIA Networking

offrono forse le opportunità nuove e più interessanti per ricercare sinergie e complementarietà con

98


le iniziative di altri interventi programmatici rivolte proprio ai sistemi di impresa, distretti e filiere.

Pensiamo alle azioni in questo ambito previste da diversi POR; ai finanziamenti di progetti sui

distretti digitali nella filiera agro-alimentare e in quella del tessile-abbigliamento, previsti sempre

dal “Piano per l’innovazione digitale nelle imprese” e inseriti nella delibera CIPE n.17/2003; e al

progetto “ICT per l’eccellenza dei territori” promosso dal MIT e finanziato con 100 M€ dalla stessa

delibera.

Operativamente, gli strumenti di coordinamento e concertazione previsti dal suddetto Piano (si veda

la Figura 1) dovrebbero offrire il supporto necessario per facilitare tale obiettivo.

Un sostegno a tali attività potrebbe trovarsi anche nel PON SIL:

• Azione 4.1.1 Assistenza Tecnica - Collegamenti tra Amministrazioni centrali di settore, che

fornisce attualmente “supporto tecnico per il coordinamento, i collegamenti funzionali e la

realizzazione di iniziative congiunte con le Amministrazioni di settore interessate alla

strumentazione di sostegno per lo sviluppo locale (Ministero dell'Istruzione, dell'Università

e della Ricerca scientifica, Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, Ministero delle

Politiche agricole e forestali), e con le altre amministrazioni orizzontali (Ambiente e Pari

Opportunità)” (CdP del PON SIL p.96);

• Azione 4.1.2 - Assistenza tecnica per il collegamento con i POR, che prevede che “[…] la

serie di incontri (per attività di concertazione strategica, ndr) tra le amministrazioni di

coordinamento (MEF e MAP) e le Regioni venga sistematizzata e istituzionalizzata nel

corso dell’intero periodo di programmazione. In tali attività saranno, altresì, coinvolti il

MIUR ed il Ministero dell’Ambiente per quanto attiene, rispettivamente, ai profili del

coordinamento sul territorio degli interventi di sostegno allo sviluppo ed all’innovazione

tecnologica, e alla tutela dei principi di sostenibilità ambientale” (CdP del PON SIL p.98).

Infine, riguardo alle iniziative formative finanziate dal PON SIL, in funzione del mutato contesto di

riferimento appare opportuno indirizzare gli interventi “a contenuto ICT” in modo che contemplino,

ogni qualvolta sia possibile e opportuno, oltre agli aspetti strumentali (alfabetizzazione informatica,

conoscenza di applicativi specifici, ecc.):

la conoscenza e comprensione delle problematiche più ampie dell’innovazione digitale nelle

imprese, che vanno sotto il termine generale di e-business;

la conoscenza e promozione dei benefici dei nuovi servizi di e-government rivolti al settore

imprenditoriale.

99


3.4 - PON Sicurezza

3.4.1 - La Società dell’Informazione nella programmazione del PON Sicurezza

Il Programma Operativo Nazionale “Sicurezza per lo Sviluppo del Mezzogiorno” presta

un’attenzione limitata ai temi SI e lo fa nel quadro dell’obiettivo più generale di utilizzare l’opzione

tecnologica, estesa e resa sistematica nel PON, per garantire il controllo del territorio preservando

così i processi di sviluppo del Mezzogiorno dal pericolo di aggressione criminale.

L’architettura del PON pone inoltre in evidenza, accanto al potenziamento del sistema tecnologico a

servizio delle Forze dell’Ordine, il ruolo primario che assume la concertazione e collaborazione

con le altre Istituzioni e con le forze socioeconomiche territoriali nelle attività complementari alla

sicurezza pubblica (legalità, coesione sociale, riduzione del disagio, azioni integrative di

monitoraggio del territorio) che ha recentemente segnato un notevole progresso con la stipula di

cinque APQ con le Regioni di Obiettivo 1.

Da ciò ne discende la scelta operata di pervenire a uno sviluppo pieno ed equilibrato del territorio

soprattutto attraverso il potenziamento dei sistemi informativi e di comunicazione per la sicurezza e

la loro possibile integrazione con i sistemi delle altre Istituzioni pubbliche presenti sul territorio.

Data la particolarità della materia di competenza del PON, è difficile inquadrare gli interventi

tecnologici in esso previsti nel nuovo quadro di policy e di contesto ICT, quantunque gli interventi

infrastrutturali, pur nell’esclusività d’uso tipica di tali infrastrutture, possano essere comunque

considerati nell’ambito più generale delle infrastrutture tecnologiche per le reti strettamente

connesse con lo sviluppo della banda larga.

Discorso a se stante vale invece per gli interventi formativi previsti per sviluppare e migliorare le

competenze degli operatori delle Forze dell’Ordine. Questi possono essere facilmente inquadrati

nell’ambito della costruzione della società della conoscenza ed in particolare dei temi

dell’integrazione fra istruzione e formazione e del lifelong learning (LLL).

3.4.2 - Articolazione del tema Società dell’Informazione nelle misure e nelle azioni del PON

Sicurezza

Gli interventi sulla SI, essenzialmente a valenza tecnologica e infrastrutturale, sono articolati sulle

cinque misure di cui si compone il primo asse di intervento dedicato al potenziamento delle

tecnologie dei sistemi informativi e di comunicazione per la sicurezza.

Tali misure, nel loro complesso, mirano a “ridurre i tempi di intervento delle Forze dell’Ordine” e

“ridurre i tempi di funzionamento delle giustizia” tramite il potenziamento delle capacità

trasmissive, di trattamento dei dati, di monitoraggio e controllo del territorio da parte delle Forze di

Polizia e nell’integrazione con l’azione della Giustizia. L’inserimento, grazie al cofinanziamento

del FSE, di azioni formative volte a migliorare le capacità tecniche e culturali degli operatori della

sicurezza completa il quadro delle azioni previste.

In particolare le azioni previste in ciascuna delle cinque misure attinenti al tema SI sono:

La misura 1.1 “Potenziamento delle tecnologie finalizzate alle comunicazione di sicurezza”, si

articola su due azioni: Rete infrastrutturale per le telecomunicazioni in ponte radio (Azione 1) e La

rete di telecomunicazione (Azione 2). La prima azione prevede la creazione di un’infrastruttura di

telecomunicazioni multimediale (fonia, dati, immagini) a banda larga, destinata a incrementare

100


sensibilmente le capacità operative di comunicazione protetta delle Forze di Polizia (Polizia di

Stato, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) dal centro verso le emanazioni periferiche e

viceversa. La seconda azione prevede la realizzazione di interventi sulla rete radiomobile digitale,

che costituirà il supporto indispensabile all'attività info-operativa e logistico-amministrativa delle

Forze di Polizia e consentirà comunicazioni radio sicure a tutti i livelli operativi.

La misura 1.2 “Adeguamento del sistema di controllo tecnologico del territorio” prevede, tra l’altro,

interventi destinati al potenziamento e adeguamento delle tecnologie avanzate per il controllo

tecnologico del territorio ed azioni di contrasto alla criminalità informatica tramite l’utilizzo di

sistemi di monitoraggio fissi e mobili, di una banca dati condivisa dalle Forze di Polizia e

l’implementazione dell’accesso telematico ad archivi elettronici delle Istituzioni Pubbliche per

informazioni sugli incidenti stradali, violazioni amministrative, autoveicoli, ecc.

La misura 1.3 “Tecnologie per la tutela delle risorse ambientali e culturali” prevede interventi per la

tutela delle risorse ambientali e culturali. In particolare essa si articola in due azioni:

• Azione 1 Interventi per la tutela delle risorse ambientali;

• Azione 2 Interventi per la tutela delle risorse culturali.

Ai fini del monitoraggio ambientale del territorio viene prevista la realizzazione di una “mappatura”

aggiornata delle zone ad elevato rischio ambientale tramite l’acquisizione periodica di ortofoto

georeferenziate, da fonte aerea e/o satellitare. Al fine del monitoraggio dei beni culturali, viene

invece previsto il potenziamento del sistema per il controllo tecnologico del territorio attraverso

l'adozione di tecnologie per il miglioramento della protezione e vigilanza nelle grandi aree

archeologiche e museali, nonché dei complessi monumentali adibiti ad archivi e biblioteche del

Mezzogiorno.

La misura 1.4 “Potenziamento tecnologico del sistema informativo per la Giustizia” è rivolta

essenzialmente al miglioramento dei sistemi informativi interni alle Forze di Polizia e prevede due

azioni:

• Azione 1 realizzazione di un sistema informativo per lo scambio di dati e informazioni

tra le Direzioni Distrettuali e le Prefetture delle Regioni dell’Italia Meridionale per

fronteggiare il fenomeno della criminalità organizzata;

• Azione 2 realizzazione di collegamenti telematici per l’estensione del sistema di

riconoscimento delle impronte digitali.

La misura 1.5 “Risorse Umane per la Sicurezza” è l’unica dell’asse 1 cofinanziata con i Fondi FSE

e prevede interventi di formazione a supporto delle altre misure attuative dell’asse I del PON

finalizzate a aggiornare il livello di qualificazione specialistica del personale interessato

dell’utilizzo ottimale delle tecnologie innovative nel settore della Sicurezza.

3.4.3 - Suggerimenti per la riprogrammazione

Fermo restando la particolarità della materia oggetto del PON, la riprogrammazione costituisce

un’opportunità per allineare alcuni aspetti del PON rispetto alle priorità ed agli obiettivi del quadro

di policy comunitario citato nel Capitolo 1.

Si fa particolare riferimento ad una maggiore consolidamento di partnership locali ed al

rafforzamento della concertazione con le Regioni, volta ad una maggiore integrazione e apertura

con i sistemi informativi della PA locale. A tal riguardo può essere di esempio l’automatizzazione

di flussi informativi, ancora gestiti in via cartacea, tra vari soggetti del territorio e le forze di Polizia

con conseguente maggiore partecipazione di quest’ultime al processo di e-government ed

aggiornamento della macchina amministrativa attualmente in corso nella PA.

101


Infine, relativamente al tema della formazione, l’attivazione di strumenti di e-learning che possano

utilmente sfruttare l’infrastruttura in banda larga in corso di realizzazione e contribuire ad un rapido

ed innovativo aggiornamento degli operatori, costituisce un obiettivo da porsi anche in

considerazione dell’opportunità di mettere a fattor comune gli interventi e gli investimenti che le

altre Amministrazioni centrali e le Amministrazioni locali stanno facendo su tale settore.

102


3.5 - PON Assistenza Tecnica e Azioni di Sistema (ATAS)

3.5.1 - I temi Società dell’Informazione nel PON ATAS

Il trattamento di temi collegati alla SI nell’ambito del PON-ATAS, prima della recente introduzione

di un apposito PO nell’ambito della misura 1.2 (si veda più avanti), va ricondotto in primo luogo

alla natura e alle finalità particolari del programma stesso, che “si caratterizza per essere

strumentale al QCS e ha come obiettivo il miglioramento delle capacità di programmazione di

Amministrazione Centrali e Locali; e da ciò dovrebbe scaturire una maggiore efficacia ed efficienza

nell’utilizzo delle risorse dei Fondi strutturali e, quindi, una migliore performance dell’intero QCS”

(RVI del PON ATAS, p. 42).

Nel perseguire tale obiettivo, il PON ATAS fornisce svariate tipologie di azioni e supporti alle PA

che utilizzano i Fondi strutturali, tra i quali giocano un ruolo inevitabilmente importante e

trasversale gli interventi in senso lato di informatizzazione e sviluppo di sistemi telematici. Ciò è

ancor più vero, come viene ripetuto più volte nel CdP e nel RVI, in considerazione del processo di

decentramento amministrativo in atto, che il PON ATAS intende sostenere. Esso rende infatti

necessaria la creazione di nuovi sistemi di lavoro, di gestione delle informazioni e di erogazione dei

servizi presso le Amministrazioni regionali e locali alle quali sono trasferite le competenze e, al

contempo, genera la necessità di nuovi flussi e forme di scambio di dati, di coordinamento e di

comunicazione tra i diversi livelli amministrativi.

Non a caso, in particolare nella misura 1.2 che assorbe circa l’80% delle risorse dell’asse I

“Assistenza Tecnica” (FESR) e comprende i Progetti Operativi delle Amministrazioni centrali non

titolari di PON, 14 su 15 PO prevedono interventi di varia natura sulle ICT 56 , largamente

riconducibili, salvo eccezioni, al potenziamento del back-office della PA:

• dotazione tecnologica e informatizzazione di strutture (caso delle ARPA nel PO Ambiente –

Sviluppo sostenibile);

• realizzazione e alimentazioni di banche dati specialistiche (sui sistemi irrigui nel PO Risorse

Idriche, sui dati energetico-ambientali nel PO Energia, e altri);

• sviluppo di sistemi informativi, in genere in rete a supporto di strutture organizzative

territoriali (Unità Informative Territoriali federate nel PO Difesa Suolo; Sistema Informativo

Energetico Regionale, PO Energia; Sistemi Informativi Integrati per il Turismo, PO

Turismo; Sistema Informativo Territoriale sul settore idrico, PO Risorse Idriche; rete degli

Osservatori epidemiologici, PO Salute; Sistema Informativo sui servizi sociali, PO

Volontariato, e altri);

• creazione su Web di portali informativi (PO Sviluppo rurale; PO Internazionalizzazione; PO

Beni Culturali) e ambienti virtuali di lavoro e discussione/forum (PO Energia e PO Pari

Opportunità).

Diverso è il discorso di alcune misure all’interno dell’asse II “Formazione della PA e Azioni di

sistema per il lavoro e l’adeguamento del sistema formativo” (FSE), che sono rivolte a temi appunto

più di “sistema” della Società dell’Informazione. Si fa riferimento, in particolare, a:

• diversi interventi sulla formazione a distanza e l’e-learning applicate al campo della

formazione continua, della formazione dei formatori professionali (Progetto FADOL) e altri

target, nell’ambito della Mis. II.1 b), c) ed e) (per un valore di oltre 14 M€), nonché alle

56 Una stima per difetto del valore degli interventi segnalati è di oltre 8 M€ su una dotazione finanziaria totale della

misura 1.2 di circa 145 M€. Il dato è tratto dalla Scheda di rilevazione raccolta in dicembre 2003 dal MEF sulle misure

SI nei PON e POR, che riportava un valore economico solo per 15 delle 31 azioni segnalate sulla misura 1.2 del PON

ATAS.

103


iniziative MAE di valorizzazione delle comunità italiane all’estero, nell’ambito della misura

II.1d (valore oltre 5 M€);

• gli interventi rivolte alla PA sull’alfabetizzazione informatica, sul telelavoro e altri temi,

nell’ambito della misura II.2, Azione 4 “Sostegno ai processi di cambiamento della PA”.

In particolare, in attuazione dell’Azione 4.1 “Sostegno alle politiche comunitaria e nazionale in

tema di Società dell’Informazione”, il Dipartimento della Funzione Pubblica, titolare della misura

II.2, ha attivato il progetto “Net Learning e & Knowledge Management ”inserito nel Piano Formez

2003. L’obiettivo generale del progetto è il miglioramento della comunicazione e dei servizi web

della PA verso il cittadino; per questo, l’intervento di formazione che prevede anche l’attivazione e

l’implementazione di una comunità professionale, è rivolto a responsabili dei servizi di

informazione e comunicazione (in particolare, degli Uffici Relazioni con il Pubblico), dei sistemi

organizzativi, delle risorse umane e della formazione.

La rinnovata attenzione ai temi della SI e la maturazione intervenuta nel quadro politico e

istituzionale in questo campo a livello nazionale hanno portato l’AdG a proporre l’introduzione

nella misura 1.2 di un Progetto ad hoc denominato PO Società dell’Informazione (PO-SI), sotto la

regia della Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento per l’Innovazione Tecnologica.

Il progetto è stato presentato inizialmente dall’AIREL del CNIPA al Comitato di Sorveglianza del

PON ATAS di fine luglio 2003 in una versione estesa (per complessivi 9 M€), che comprendeva

anche una parte di azioni di sistema a valere sulla misura II.2. Per carenza di fondi, ne è stata

definita una versione “stralcio”a valere sulla misura 1.2 (presentata al Gruppo di Lavoro della SI del

3 dicembre 2003), che è ancora in via di definizione nei contenuti specifici e prevede nella versione

attuale:

• Azione A.1 - Assistenza tecnica alle Regioni per l’attuazione dei Piani Regionali della SI;

• Azione A.2 - Azioni per stimolare e qualificare la progettazione di servizi infrastrutturali ed

applicativi delle PA locali;

• Azione A.3 – Coordinamento con la Rete dei Centri Regionali di Competenza per l’egovernment

e la Società dell’Snformazione (CRC).

Come si dirà fra breve, appare importante prevedere l’avvio del progetto nella sua completezza.

3.5.2 - Considerazioni e raccomandazioni sulla Società dell’Informazione nel PON ATAS

Per quanto riguarda le azioni in essere e previste dal PON-ATAS per lo sviluppo di sistemi infotelematici

a supporto dell’operatività delle PA coinvolte nella gestione dei Fondi strutturali, la

raccomandazione principale riguarda l’opportunità di massimo coordinamento con i Responsabili

dei sistemi informativi e reti regionali nelle Regioni Obiettivo 1, al fine di evitare duplicazioni e

sprechi di risorse negli investimenti e, viceversa, garantire lo sfruttamento delle nascenti reti

regionali e la complementarietà con i relativi servizi infrastrutturali, applicazioni e archivi di dati

già esistenti o in fase di sviluppo a livello locale.

Rispetto allo sviluppo del PO-SI, l’indicazione fornita sul tema dalla Commissione Europea è la

seguente 57 :

“Un processo d'accompagnamento delle Regioni (es. PON ATAS) deve essere garantito per il

periodo di programmazione restante, al fine di garantire:

57 CE “Orientamenti sulla revisione di metà periodo dei programmi italiani dell’Obiettivo 1 - NON-PAPER” Bruxelles,

23.10.2003

104


la coerenza delle strategie regionali con le evoluzioni di policy sia a livello nazionale che a

livello comunitario, garantendo sinergie adeguate tra gli interventi (iniziative nazionali,

PON Ricerca e Scuola);

la definizione di un modello di valutazione periodica dello stato d’attuazione dei piani per

verificare se l'esecuzione si svolge in coerenza con le azioni prioritarie identificate;

la messa a punto di un modello di valutazione strategica che permetta di verificare gli

impatti dell’attuazione dei Piani sullo sviluppo regionale;

la promozione di un approccio comune a tutte le Regioni per garantire l'interoperabilità dei

sistemi attraverso l'adozione di standard comuni che possano facilitare l'aggregazione della

domanda di servizi a banda larga;

la realizzazione di azioni che consentano un reale ravvicinamento e standardizzazione degli

indicatori SI a livello regionale, che permetterebbe di operare un'azione reale di

monitoraggio sulle realizzazioni e sugli impatti;

la definizione di azioni comuni per la costituzione di reti di cooperazione tra Regioni nella

fase di definizione degli interventi e in quella successiva di realizzazione per

l’identificazione e lo scambio di buone pratiche e di esperienze innovative nei settori

prioritari d'intervento (e-government, e-learning, ecc.).”

Queste indicazioni coincidono sostanzialmente con i contenuti della parte “sospesa” del PO-SI, che

si consiglia quindi di rilanciare. In particolare, alla luce anche del lavoro svolto dal Gruppo Tecnico

per la redazione del presente Rapporto, che ha rivelato una drammatica mancanza di dati sia di

risultato che di impatto sostanzialmente su tutti gli aspetti relativi alla SI 58 , appare di grande

importanza l’attività prevista nella versione originale del PO-SI riguardante gli indicatori, che

potrebbe trovare un base di supporto, anche da potenziare, negli Uffici regionali di statistica,

eventualmente in collaborazione con i Centri Regionali di Competenza per l’e-government e la

Società dell’Informazione.

Nella eventuale attività relativa agli indicatori, appare opportuno prevedere un forte raccordo con

iniziative in tale direzione previste a livello nazionale o in altri contesti inter-regionali, anche su

scala europea, al fine di consentire analisi comparative dei dati.

58 Il problema non riguarda solo il QCS Obiettivo 1 (2000-2006), ma anche l’Obiettivo 3. Dice infatti al riguardo il RVI

del QCS Ob.3 “Dalla lettura dei rapporti di valutazione intermedia e dai rapporti di esecuzione delle AdG si riscontra

una forte disomogeneità nell’approccio usato dalle Regioni nella definizione e quindi nella valutazione del tema

prioritario della società dell’informazione in questo primo triennio d’attuazione del QCS Ob.3. In particolare, non vi è

uniformità nel criterio adottato per decidere quali e quante azioni messe in campo siano state interessate dal tema della

SI, cioè quali caratteristiche deve avere un progetto per poter essere considerato un intervento connesso a questo tema

prioritario” (p. 621).

105


4 - Valutazioni e indicazioni per la riprogrammazione del Quadro Comunitario di Sostegno

per le Regioni Obiettivo 1 (2000-2006)

4.1 - Premessa

Quelle che seguono sono le valutazioni e indicazioni maturate dal Gruppo Tecnico di Valutazione

alla luce del lavoro di analisi illustrato nei capitoli precedenti, integrate con le considerazioni

emerse negli incontri del Gruppo di Lavoro per la SI del QCS Obiettivo 1 (2000-2006) del 23

gennaio e del 24 febbraio 2004.

Si evidenzia come le considerazioni e i suggerimenti proposti non attengano in alcun modo ad una

dimensione valutativa dei PO, ma solo ad una dimensione di revisione strategica e che quindi le

osservazioni riportate spesso si riferiscano esclusivamente a evoluzioni e tendenze previste

nell’ICT.

4.2 - Considerazioni introduttive e criticità generali

Alla luce degli obiettivi strategici indicati dal nuovo quadro di policy comunitario e nazionale e dei

processi di attuazione della programmazione dei Fondi strutturali per la SI a livello nazionale e

regionale, si osservano alcuni fenomeni che costituiscono oggettivamente un freno allo sviluppo

della SI:

• nell’attuale congiuntura, il mercato tende a non investire sufficientemente nelle nuove

infrastrutture di telecomunicazioni al di fuori delle grandi aree metropolitane;

• in generale, il contesto economico-finanziario per tutto ciò che riguarda gli investimenti

sulla SI (e non solo) è diventato nettamente più restrittivo e selettivo rispetto a qualche anno

fa. Ciò comporta la necessità di scelte più oculate e rende massima l’importanza di tutte le

azioni che possano ridurre gli sprechi e ottimizzare i processi di apprendimento e scambio di

conoscenze;

• al di là della forte propensione delle famiglie al consumo delle nuove tecnologie, vi è un

deficit ancora generalizzato di consapevolezza, cultura e competenza rispetto alle

opportunità e modalità concrete del loro utilizzo tra i soggetti economici e le pubbliche

amministrazioni. Tale deficit attiene sia alla dimensione tecnica (forse non più in termini di

alfabetizzazione di base, oramai in via di diffusione, quanto in termini di competenze

avanzate), sia alla dimensione gestionale e strategica;

• ciò si traduce, in specifico, nel fatto che spesso le Regioni e altre PA non identificano se non

ritualmente la SI come una priorità politica, secondo una visione ancora tecnicistica delle

trasformazioni in atto e senza coglierne le implicazioni strategiche per lo sviluppo

economico e sociale. Le nuove funzioni e competenze attribuite in Italia alle Regioni in anni

recenti rendono ancora più importante e critico questo cambiamento di percezione;

la mancanza di coordinamento adeguato e sistematico fra soggetti pubblici a livello intraregionale

(e all’interno della stessa Amministrazione regionale), nazionale ed europeo

spesso comporta una tendenza a “re-inventare la ruota”;

la debolezza regionale nella pianificazione della SI coincide con Regioni meno capaci in

generale a sfruttare l’innovazione e le nuove tecnologie;

106


• gli investimenti per la SI sull’offerta di infrastrutture ICT spesso sono poco allineati e

ottimizzati rispetto alla domanda di servizi e ai progetti che puntano a stimolarla.

4.3 - Considerazioni generali su QCS Obiettivo 1 (2000-2006) e Società dell'Informazione

Molte considerazioni del QCS Obiettivo 1 (2000-2006) vanno non solo ribadite, ma anche

rinforzate. Alcune caratteristiche negative che emergono dal quadro generale di analisi del

Mezzogiorno - in specifico rispetto al sistema produttivo e alle risorse umane - non sono affatto

superate.

Ad esempio a proposito del sistema produttivo (pag. 23 e sg.) si evidenziava come “Il sistema è

complessivamente poco inserito in logiche di circuito e di filiera, […]” o più avanti come persistano

“[…] diffusi fenomeni di marginalità e sottoutilizzazione di capitale umano“pregiato”, la cui

specializzazione è scarsamente allineata con i fabbisogni professionali delle imprese, in parte per

l’ancora esigua qualità della domanda di lavoro che esse esprimono e in parte per la scarsa capacità

strategica del sistema formativo e dell’istruzione”.

Il problema dello skill shortage (carenza di competenze), specialmente per quanto attiene alle

professionalità di alto livello, ha impatto anche sull’effettiva capacità di elaborare e attuare una

visione strategica della Società dell’Informazione a livello regionale.

Per citare ancora il testo del QCS non sembra superata “… la debolezza del sistema delle imprese

che, oltre a non produrre occupazione aggiuntiva, non riesce a individuare ed esplicitare i propri

fabbisogni professionali e la debolezza del sistema dell’offerta che non riesce ad assumere un ruolo

anticipatorio e propulsivo delle competenze professionali necessarie allo sviluppo…”

In linea generale le Regioni concentrano ancora molta parte delle loro energie all'informatizzazione

interna generica o alla alfabetizzazione informatica.

La disponibilità simultanea di risorse per la formazione (FSE) e la presenza sul territorio di molti

disoccupati di lunga durata con livello scolare anche alto rappresentano un’opportunità eccezionale.

La formazione di figure professionali molto specializzate nell’ICT, con profili costantemente

aggiornati, potrebbe essere un punto di forza delle Regioni del Mezzogiorno.

Le priorità specifiche indicate dal QCS sulla SI possono essere riconfermate, ma vanno rivisitate

alla luce dell’evoluzione del contesto e integrate con l’attenzione strategica allo sviluppo della

banda larga.

Nel QCS vengono evidenziati tre obiettivi per la SI che meritano un'attenzione particolare:

la sensibilizzazione di imprese, cittadini, associazioni e operatori pubblici alle possibilità

offerte dalle tecnologie informatiche, con particolare attenzione alla diffusione rapida

all'interno della società delle capacità di uso del computer e dei nuovi strumenti telematici;

• l'ammodernamento della Pubblica Amministrazione, con riferimento particolare a quella

regionale e locale, con un’enfasi sui servizi resi ai cittadini e alle imprese;

• l'utilizzo dell'information technology da parte delle PMI che privilegerà i servizi ad alto

valore aggiunto per l'industria

Tali temi chiave, alla luce dell’evoluzione delle policy e degli sviluppi maturati nel frattempo nella

realtà europea e nazionale devono vedere un salto di qualità nella nuova fase ed evolvere

rispettivamente:

107


• da “sensibilizzazione e alfabetizzazione” ad attuazione di strategie per e-learning, ICT

Training, life-long learning (LLL) e sviluppo di servizi a supporto di tali processi;

• da “ammodernamento della PA“ alla realizzazione di servizi di e-government;

• da “utilizzo dell’information technology da parte delle PMI” alla definizione di strategie di

e-business, ovvero iniziative integrate per la definizione e realizzazione di nuovi servizi per

le imprese, viste in chiave di filiera, distretto, catena di fornitura, ecc. per la formazione di

competenze ICT e manageriali adeguate, per la creazione di un “ambiente” favorevole

all’innovazione (compreso sotto il profilo dei servizi pubblici alle imprese).

eEurope 2005 vuole stimolare servizi, applicazioni e contenuti in grado di creare nuovi mercati,

ridurre i costi e accrescere la produttività. Poiché lo sviluppo di contenuti, servizi ed applicazioni e

l’installazione dell’infrastruttura di supporto sono compiti che spettano al mercato, l’azione

pubblica dovrà concentrarsi nelle aree in cui può costituire un valore aggiunto e contribuire a

generare un ambiente favorevole all’investimento privato; tra queste, i servizi pubblici on-line e gli

aspetti legati alla sicurezza.

4.3.1 - Considerazioni su e-business

In particolare, il termine e-business oggi ha un significato ben più articolato e pregnante di quanto

non ne avessero i neologismi relativi all’impatto della SI sulle attività produttive, come ad esempio

i termini e-commerce o new-economy coniati negli ultimi anni ’90 ed intimamente connessi con

una fase entusiastica di sviluppo di Internet. I primi anni del 2000 sono stati caratterizzati da un

ridimensionamento delle aspettative e soprattutto dalla acquisizione della consapevolezza che la

complessità sistemica dell’innovazione (in qualunque settore, e in quello economico in particolare),

non possa essere elusa con soluzioni miracolose solo perché basate su Internet. Da qui la necessità

di analizzare e poi affrontare opportunamente i processi delle aziende e le interazioni tra di esse, a

monte e a valle del processo produttivo, i servizi che offre la realtà territoriale in cui vanno a

collocarsi, i mercati di sbocco, ecc.

In prospettiva, la sfida dell’innovazione che le ICT devono contribuire a vincere è quella che

riguarda la trasformazione dei processi organizzativi aziendali, nei processi produttivi, nei processi

tra le imprese e del “portafoglio prodotti/servizi” delle imprese tradizionali.

A questi interventi per l’innovazione delle imprese utilizzatrici di ICT, vanno comunque affiancate

politiche rivolte in modo specifico alle imprese produttrici delle stesse ICT e, soprattutto, dei servizi

che su di esse si basano. Ciò è importante al fine di garantire un rapporto virtuoso tra domanda e

offerta e far sì che si traduca in effetti benefici sullo sviluppo locale (e non in squilibri eccessivi di

“bilancia tecnologica” con altre Regioni e Nazioni).

4.3.2 - Considerazioni su e-government

La valutazione generale è che il tema dell’e-government – anche a livello regionale - sia giunto in

Italia ad un livello di maturità, almeno sul piano delle strategie e su quello progettuale se non ancora

su quello attuativo, ben superiore a quello che si riscontra per altri campi importanti nella

prospettiva di eEurope2005, quali e-business, e-health, e-learning.

L’attuazione, avviata da quasi due anni, del Piano nazionale di e-government ha innescato infatti

processi di approfondimento, elaborazione di progetti, costruzione di partnership, ecc. che hanno

contribuito a far maturare consapevolezza e competenze all’interno delle Amministrazioni locali.

I meccanismi attivati dalle azioni di preparazione e presentazione del piano, dalle indicazioni

operative fornite a seguito del 1° avviso, dall’insieme delle azioni costruite “nel fare” (non ex-ante)

hanno favorito meccanismi “formativi” sul campo molto efficaci. Il confrontarsi con aspetti

108


implementativi specifici e focalizzati ha contribuito alla definizione di lessico e concetti condivisi.

Si è trattato di formazione pratica e non teorica, di una sorta di “learning by doing”.

Se cittadini ed amministratori pubblici hanno oggi iniziato a comprendere veramente che cosa

significhi erogare o usufruire di un servizio di e-government è perché iniziano ad apparire esempi di

successo di servizi funzionanti con soddisfazione degli utenti.

In sintesi, l’attuazione del piano nazionale di e-government dimostra l’importanza di alcuni fattori

chiave per realizzare i processi di innovazione nel campo della SI:

- attenzione politica;

- presenza anche parziale e in fieri di indirizzi operativi-tecnici;

- imparare facendo;

- la concertazione, il “fare sistema”, necessari per avere massa critica e superare soglie minime di

scala, per creare linguaggi comuni e sviluppare comprensione condivisa del da farsi.

La maturità degli interventi e dei progetti/servizi in altri campi quali l’e-learning o l’e-health, pur

prossimi come l’e-government al contesto pubblico, appare al momento inferiore.

Ciò può essere dovuto in parte al ritardo nello sviluppo di processi di policy analoghi a quelli

maturati nel campo dell’e-government, ma certamente anche al fatto che l’e-learning e l’e-health

necessitano di infrastrutture di connettività superiori. La carenza di “killer application” in questi

campi è da imputarsi forse anche alla carenza di banda larga, condizione essenziale per l’efficacia di

tale tipo di servizi, che necessitano di gestione di immagini di alta qualità e di audio/video

streaming e in generale della possibilità di creare per il loro utilizzo ambienti virtuali che mettano

gli utenti in condizione di operare con la stessa naturalezza con cui operano nei contesti reali e in

una dimensione di effettiva interattività La disponibilità di banda larga cambia anche il modo di

sviluppare i servizi e permette di creare ambienti di uso dei servizi davvero amichevoli. La

disponibilità di banda larga anche su dispositivi mobili permetterà poi l’effettiva erogazione

multicanale di servizi.

Lo sviluppo in prospettiva della TV digitale terrestre deve essere pure tenuto in conto, data l’ampia

diffusione degli apparecchi televisivi nelle famiglie), almeno per quanto riguarda alcune categorie

di servizi, quali quelli di e-government.

L’intervento sui temi della SI, sollecita una innovazione nelle modalità di governo dei piani

operativi, nel senso di un maggiore coordinamento trasversale, inter-settoriale e di maggiore

raccordo tra politiche regionali e nazionali.

4.3.3 - Considerazioni su e-learning/ICT training/LLL

Il tema della trasmissione della conoscenza è alla base del concetto di SI. Alla luce dell’evoluzione

del contesto e di eEurope 2005, è oggi possibile fornire indicazioni più articolate e pregnanti sul

tema dell’istruzione e formazione nella SI. L’indicazione di “alfabetizzazione e sensibilizzazione

sull’uso dell’ICT” evolve, come già detto, nella attuazione di strategie per e-learning, ICT training,

life-long learning (LLL) e nello sviluppo di servizi a supporto di tali processi.

La formazione specifica sull’ICT, la formazione permanente e la formazione a distanza fanno uso

dell’ICT o possono vertere sull’ICT stesso. Le combinazioni possibili di questi aspetti conducono

oggi ad un universo vastissimo di possibilità di servizi per l’istruzione e la formazione, che vanno

dalla realizzazione di ambienti di apprendimento virtuale (Virtual Learning Environment) al

concetto di Campus Virtuale, all’e-learning e al net-learning. Tali servizi possono essere sviluppati

per l’istruzione di base o superiore, per la formazione professionale, per l’alta formazione

universitaria, per le aziende, per il settore pubblico, per la formazione permanente. Possono avere

109


come oggetto di insegnamento l’ICT stesso oppure qualunque disciplina/ argomento/ tema/ abilità.

Sono dunque trasversali ai vari settori e quindi ai vari PO.

Fare dell’Europa la società della conoscenza più grande del mondo è l’obiettivo di eEurope 2005.

Per questo, in particolare il LLL dovrà prevedere la riqualificazione in prospettiva della società

della conoscenza.

Il tema dello skill shortage, in specifico per le ICT, emerge come criticità, quindi anche come

opportunità di potenziare gli interventi di professionalizzazione e specializzazione sull’ICT, per

sopperire alla mancanza di nuove competenze e nuovi servizi.

Le iniziative formative “a contenuto ICT” per il mondo delle imprese dovrebbero essere indirizzate,

ogni qualvolta sia possibile e opportuno, in modo che contemplino, oltre agli aspetti strumentali

(alfabetizzazione informatica, conoscenza di applicativi specifici, ecc.):

la conoscenza e comprensione delle problematiche più ampie dell’innovazione digitale nelle

imprese, che vanno sotto il termine generale di e-business;

la conoscenza e promozione dei benefici dei nuovi servizi di e-government rivolti al settore

imprenditoriale.

L’offerta formativa deve essere preceduta da un’analisi dei bisogni formativi, specialmente per

quanto riguarda le competenze ICT avanzate, in grado di anticipare la manifestazione delle esigenze

da parte delle aziende e del mercato del lavoro. La pianificazione dell’offerta formativa va quindi

effettuata sulla base di tale previsione, che è intrinsecamente possibile solo coniugando la

conoscenza del territorio con la visione strategica della SI locale e dei trend ICT in generale.

4.3.4 - Considerazioni sulla banda larga

Il tema della banda larga (BL) è presente in numerosi PO nazionali (in particolare, Ricerca e

Scuola) e in altri interventi pubblici (Fondi CIPE). Inoltre le recenti Linee guida della Commissione

Europea sulle comunicazioni elettroniche consentono di investire in infrastrutture BL per evitare il

digital divide.

Sul piano delle infrastrutture il tema richiede una attenzione particolare affinché:

- non si verifichino duplicazioni;

- non restino escluse parti significative del territorio (i piani relativi ai Fondi CIPE porteranno

la BL nei comuni di almeno 50.000 abitanti oltre a tutti i distretti industriali)

- non vi siano incompatibilità o squilibri nelle scelte tecnologiche;

- non vi siano incoerenze nelle scelte e nelle modalità attuative, che riducano l’efficacia

potenziale degli interventi;

- non si perdano opportunità di economie di scala o sinergie fra interventi per la complessità

del caso o per la non completa consapevolezza delle implicazioni del nuovo quadro di

riferimento.

Il ruolo delle Regioni e la conoscenza delle politiche di sviluppo che esse attuano, incidendo in

vario modo sulle diverse aree del territorio, sono fondamentali. Per questo, vanno garantiti e

rafforzati opportuni meccanismi di confronto e coordinamento tra di esse e gli altri attori che

intervengono per lo sviluppo della banda larga con risorse pubbliche (e non solo).

Va anche rafforzata relativamente al tema banda larga l’integrazione tra i PON e le altre forme di

intervento e l’integrazione tra i fondi.

110


In questa prospettiva, si segnala l’opportunità di approfondire l’ipotesi di una possibile integrazione

con la rete GARR-G 59 delle reti regionali o nazionali, evitando così diseconomie. Una maggiore

sinergia tra gli interventi del PON Ricerca, CIPE e delle Regioni (sulle reti regionali) potrebbe

facilitare l’obiettivo di e-Europe 2005 che chiede la connessione in banda larga di tutta la PA

(compresi ospedali, scuole e università). Poiché non risultano esservi vincoli di carattere

tecnologico, la verifica dovrà considerare soprattutto gli ostacoli di natura organizzativo-gestionale

(le reti della ricerca hanno oggi un uso sostanzialmente esclusivo) e le possibili implicazioni sullo

sviluppo del mercato dei servizi ICT-based, in funzione delle specifiche condizioni concorrenziali e

di potenzialità di crescita nelle diverse realtà regionali e sub-regionali.

In generale, la maturità tecnologica consente oggi di mettere a punto soluzioni ad hoc per i diversi

contesti geografici, utilizzando anche soluzioni miste (ULL, WLL) e condivisione di risorse

esistenti (accordi di peering, ecc.).

Ancor più fondamentale è l’aspetto connesso con lo sviluppo di servizi a banda larga e le azioni per

aggregarne la domanda. Tutte le considerazioni precedenti relative alla opportunità di coordinare ed

ottimizzare gli sforzi si applicano allo sviluppo di servizi di nuova generazione su BL con ancora

maggior forza, proprio per l’aspetto strategico di medio-lungo periodo che azioni di questo tipo

richiedono. Azioni di stimolo e aggregazione della domanda di servizi a BL possono partire ad

esempio da interventi nella scuola, che attivino a loro volta una domanda da parte delle famiglie .

Rispetto in specifico alle politiche regionali, si possono dare raccomandazioni del tipo:

• le reti regionali della PA vanno assolutamente completate e potenziate, pena il venir meno di

una prospettiva reale/solida per tutti gli altri investimenti di e-government 60 . Secondo il

modello SPC, lo sviluppo delle reti regionali può contribuire a far crescere l’offerta di

mercato di servizi qualificati di connettività, sicurezza, ecc. a beneficio anche dell’economia

locale;

• le reti regionali della PA sono anche l'occasione da sfruttare per migliorare la qualità della

connettività nelle aree deboli e periferiche del territorio, da rendere disponibili ai vari

soggetti pubblici (scuole, biblioteche, ospedali e presidi socio-sanitari, ecc.) e ai privati, per

il tramite delle loro strutture associative. Le sinergie con le iniziative dei PON (si veda

sopra) possono agevolare il risultato;

• nella prospettiva di aggregare tramite le reti regionali la domanda di banda larga collegata a

servizi pubblici avanzati, è necessario definire chiaramente la divisione dei compiti di

gestione dei servizi infrastrutturali tra gli attori coinvolti (a partire dalla Regione e dagli Enti

locali, anche in forma associata), al fine di garantire la sostenibilità dei nuovi sistemi;

• vanno trovate modalità adeguate di raccolta e rappresentazione (geo-referenziata) di

informazioni relative ai molteplici progetti che spesso incidono su un territorio con effetti di

stimolo della domanda di servizi basati sulle ICT, così da trasformare questo fatto in

un'opportunità - di aggregazione della domanda e segnalazione di occasioni di investimento

per gli operatori di telecomunicazioni - ed evitare, viceversa, le inutili duplicazioni,

investimenti sub-ottimali, ecc. (si veda sopra). In questa prospettiva, si potrebbe

approfondire il concetto di "piano regolatore territoriale delle telecomunicazioni" come

strumento di programmazione e di dialogo tra i soggetti del territorio.

• sempre nell’ottica di programmare adeguatamente e di ottimizzare le iniziative rivolte allo

sviluppo della banda larga sul territorio, è importante riattivare i tavoli del partenariato e del

59 GARR G, la nuova rete della ricerca che sta subentrando a GARR-B con un backbone potenziato a 2.5 e 10

Gigabit/sec, sarà entro il 2004 estesa anche al Sud nelle città di Catania, Napoli, Bari, Palermo, Caltanissetta, L’Aquila,

Cagliari.

60 Alcuni progetti di e-government nel Centro-Nord stanno incontrando difficoltà perché, in presenza di più Enti locali

collegati in contemporanea alla rete regionale, le connessioni esistenti a 56 kbps non reggono il volume di trasmissione

di base necessario, ad esempio, per l’utilizzo di sistemi di protocollo informatico.

111


confronto con gli Enti locali e moltiplicare e rafforzare le iniziative di collaborazione e

scambio su base inter-regionale, anche con le Regioni Obiettivo 2.

4.4 - Considerazioni sui PON

La riprogrammazione costituisce certamente un’opportunità per adeguare anche i PON rispetto al

salto di qualità relativo agli obiettivi del QCS proposto dall’evoluzione del contesto e dalle nuove

priorità del quadro di policy illustrato nel capitolo 1.

In mancanza ancora di un quadro di riferimento nazionale che metta a sistema e indirizzi

strategicamente gli interventi per l’e-learning e per il life-long learning, quelli di ICT training e in

generale le altre iniziative per la qualificazione delle risorse umane nella prospettiva dell’economia

della conoscenza, un’attenzione particolare andrà prestata per garantire la coerenza e l’efficacia alle

azioni dei diversi PON e dei POR che intervengono su questi temi.

In tutti gli ambiti di intervento possibili, si suggerisce l’approfondimento della cooperazione tra

strutture di ricerca e sistema produttivo, che costituisce uno dei capisaldi per consentire la

transizione dell’Europa verso l’economia della conoscenza.

Per quanto riguarda le azioni di sviluppo di sistemi informativi a supporto dell’operatività delle PA

coinvolte nella gestione dei Fondi strutturali, presenti soprattutto nei diversi PO della misura 1.2 del

PON ATAS, la raccomandazione principale riguarda l’opportunità di massimo coordinamento con

le Regioni, al fine di evitare duplicazioni e sprechi di risorse e, viceversa, garantire lo sfruttamento

delle reti regionali e i relativi servizi infrastrutturali, le applicazioni e gli archivi di dati già esistenti

o in fase di sviluppo a livello locale.

4.5 - Considerazioni sui POR

E’ ormai opinione diffusa che il livello regionale, con il necessario confronto partenariale,

rappresenti il livello territoriale ottimale sia per il coordinamento delle azioni per lo sviluppo della

SI, sia per ricondurre ad unità tutte le azioni intraprese a vario titolo da svariati soggetti per lo

sviluppo della SI.

Da ciò discende la giusta attenzione posta nel QCS in merito alla definizione, da parte di ciascuna

Regione, di una propria strategia per lo sviluppo della Società dell’Informazione basata “sull’analisi

dei bisogni delle diverse componenti socioeconomiche regionali e su un processo di consultazione e

riflessione aperto ed inclusivo” che costituisca punto di riferimento stabile per qualsiasi azione in

materia di sviluppo della SI che venga posta in essere sul territorio da parte di un qualsivoglia

soggetto attuatore.

L’avvenuto completamento della fase di definizione delle Strategie da parte di ciascuna Regione 61 e

l’avvio operativo delle azioni previste dai Piani Strategici, anche per il tramite delle risorse

finanziarie allocate alle corrispondenti misure del CdP dei POR di ciascuna Regione Obiettivo 1, ha

consentito di dare un forte impulso allo sviluppo della SI nella maggior pare dei territori regionali.

L’esame degli interventi posti in essere in ciascun territorio ha però evidenziato una difficoltà ad

inquadrare nella Strategia definita tutte le azioni intraprese, con conseguente rischio di una

61 Ad eccezione del Molise e della Calabria che hanno ancora in corso l’iter approvativo delle rispettive strategie, tutte

le altre Regioni hanno già completato tale fase.

112


mancanza di coordinamento degli interventi avviati sul territorio ed impossibilità di poter

sinergizzare gli stessi riconducendo a sistema tutte la azioni poste in essere.

Per tale motivo, nella prospettiva della riprogrammazione, si suggerisce di effettuare, laddove

necessario, una revisione delle misure dei POR per la SI e integrare in modo più chiaro i piani

strategici nei processi di attuazione. Inoltre, laddove non già presente, sarà essenziale effettuare la

necessaria integrazione del Piano Strategico con le azioni previste a livello di PA centrali e tener

conto delle politiche nazionali sull’e-government (con particolare riferimento ai temi oggetto della

Visione Condivisa e alla banda larga).

Inoltre, il lavoro di analisi sui POR ha evidenziato in diversi casi uno scarto tra quanto previsto

nelle strategie regionali e quanto realizzato in fase di attuazione dei CdP. Talvolta, tale differenza è

in realtà risolta dagli interventi attuati dalla Regione con fondi propri o nell’ambito di programmi

nazionali (es. piano di e-government) che realizzano interventi coerenti con la strategia regionale,

ma non rilevati dai sistemi di monitoraggio dell’attuazione dei POR. In altri casi, lo scarto rivela un

ritardo effettivo nell’esecuzione delle azioni previste nella strategia dovuto o a eccessiva

burocratizzazione o alla mancanza di un’adeguata struttura di coordinamento e governo della

strategia.

La revisione di medio-termine in atto per la riprogrammazione QCS-POR offre quindi un’occasione

importante per dare enfasi alle priorità individuate in eEurope2005 e nelle policy nazionali in

coerenza con i bisogni di ciascun territorio regionale.

Alla luce dei risultati fin qui conseguiti da ciascuna Regione e delle difficoltà di alcune linee di

intervento, appare opportuno suggerire di rivedere la programmazione, valutando con attenzione

cosa sia veramente fattibile nei prossimi anni. Nella scelta degli interventi da portare all’attuazione

è importante anche evidenziare in modo esplicito gli obiettivi o le linee di intervento dei piani

strategici ai quali si ritiene che essi possano contribuire. La Tabella 12 di seguito riportata propone

una griglia di auto-valutazione che può servire ad identificare priorità e gap della politica regionale

in relazione agli obiettivi eEurope2005.

Un altro aspetto che rappresenta sicuramente uno dei rischi più elevati che si riscontrano

nell’attuazione delle strategie regionali è costituito dalla mancanza, in alcune realtà regionali, di

un’unica struttura di governo della materia SI. Infatti, una pluralità di attori che operano sul tema

SI, unita ad una mancata attivazione dei sistemi e azioni di monitoraggio per la SI, costituiscono un

elevato elemento di rischio per il coordinamento e la verifica delle coerenza delle azioni intraprese

con la Strategia definita. Pertanto, si suggerisce di tener conto nella fase di riprogrammazione,

laddove necessario, anche della definizione di un migliore assetto organizzativo per la governance

complessiva del Piano Strategico.

Una ipotesi per superare i gap e le incoerenze segnalate, nonché per assumere nei CdP le

indicazioni derivanti dal nuovo quadro di policy (e-Europe 2005), è che vengano predisposti

appositi "Progetti Integrati per la SI", che prevedano appunto gli interventi mancanti per dare

attuazione alle strategie (evidenziando quelli fattibili con le risorse disponibili, e quelli da rimandare

a tempi migliori), riconducendo il tutto (comprese le azioni previste nei CdP fuori dalle misure SI

tradizionali) ad un quadro coerente - in sé e con la strategie - e soprattutto ad una gestione unitaria.

La stipula dell'APQ SI potrebbe rappresentare, almeno per alcune Regioni, l'occasione e il

contenitore di tale operazione, così da garantire coerenza anche con le risorse aggiuntive ai POR

che stanno arrivando dai Fondi CIPE e UMTS.

In particolare, proprio in riferimento a tali fondi ed al prossimo avvio delle fase 2 di e-government

nazionale, risulta fondamentale porre l’attenzione, da parte di ciascuna Regione, nella realizzazione

delle infrastrutture di base che, nella Visione condivisa, vengono di fatto assegnate alle Regioni.

113


Ciò significa da un lato accelerare lo sviluppo o il completamento delle RUPAR (ivi compreso il

loro adeguamento agli standard del SPC) e dall’altro inserirsi nell’ambito dei programmi

interregionali volti alla realizzazione dell’infrastruttura nazionale fisica e logica indispensabile per

la cooperazione applicativa tra tutte le Pubbliche Amministrazioni.

Le considerazioni di cui sopra mettono ancora una volta in evidenza la necessità di porre in essere

specifiche azioni volte a stimolare il confronto e lo scambio di esperienze e soluzioni tra le Regioni

che consentirebbero sicuramente di dare valore aggiunto alle azioni poste in essere da ciascuna di

esse.

Tabella 12 - Griglia di autovalutazione della strategia regionale sugli obiettivi di eEurope 2005

Banda

Larga

Disponibilità

Sviluppo servizi che usano larga banda

Confronto con le Azioni previste nella Strategia

Ho un chiaro quadro della situazione delle infrastrutture in

banda larga presenti in regione

Ci sono territori esclusi in un’ottica di mercato dalla banda

larga se sì, nel piano strategico sulla SI ho previsto

interventi infrastrutturali nei territori non competitivi

Ho azioni per sviluppare o stimolare l’utilizzo delle nuove

tecnologie di banda larga (wireless, satellite, FWA, sistemi

mobili di terza generazione, ecc.) 62

Ho progetti per la migrazione al protocollo IPv.6 63

Servizi infrastrutturali

di

base

e-inclusion

e-government 65

Ho progetti che prevedono il collegamento

in banda larga (ad esempio tramite

RUPAR) di tutta la PA ivi compresi

ospedali e scuole 64

Ho progetti per la sicurezza delle

informazioni e della rete

Ho tenuto conto, nelle azioni previste dalla

strategia, di misure per l’inclusione

Ho misure nella strategia che garantiscano

la partecipazioni di tutti alla SI

Ho servizi di e-gov che prevedono

l’accesso in modalità

multicanale/multipiattaforma

Ho progetti che sfruttano appieno sia il

potenziale della banda larga che l’accesso

multipiattaforma

Aggiornamento

Se no - possibili azioni:

Studio sulla disponibilità

di infrastrutture in banda

larga sul territorio

Se no – possibili azioni

per investimenti pubblici

infrastrutturali

Se no – possibili azioni

per sviluppare e stimolare

tali tecnologie sul

territorio

Se no – possibili azioni in

tal senso

Se no – possibili azioni in

tal senso coerenti con il

SPC

Se no – possibili azioni in

tal senso coerenti con il

SPC

Se no –possibili azioni in

tal senso

Se no – prevedere azioni

per tale accesso ai servizi

di e-gov già forniti o per

quelli previsti a piano

Se no – possibili azioni in

tale senso

62 Tali tecnologie moltiplicano modalità e opportunità per i cittadini e le imprese di accedere alla BL e trarne beneficio.

63 La migrazione al protocollo IPv.6 rappresenta una politica collaterale che può fungere da catalizzatore per lo sviluppo

della banda larga.

64 Questo è uno degli obiettivi che eEurope 2005 prevede di raggiungere entro il 2005.

65 E’ convinzione comune che i benefici relativi a quest’area si possono avere solo se l’investimento in ICT è

accompagnato da una riorganizzazione dei processi interni all’amministrazione in ottica di garantire maggiore

efficienza ed efficacia all’azione amministrativa. Questi cambiamenti sono profondi e generano forti resistenze. Di

conseguenza l’azione di e-gov può essere sostenuta solo se esiste una forte volontà politica in tal senso.

114


e-learning 67

e-health

e-business

Ho azioni che prevedono

l’approvvigionamento della PA tramite

sistemi di e-procurement/e-marketplace 66

Ho progetti che favoriscono lo sviluppo di

servizi di e-learning incentrati sul

discente

Ho incentivi per lo sviluppo di servizi

virtuali di offerta di formazione e/o corsi

universitari a distanza

Ho progetti per la riqualificazione tramite

servizi di e-learning, dei cittadini per

sostenerli nell’acquisizione delle

competenze chiave per vivere nella SI o

per migliorare la loro idoneità al lavoro o,

più in generale, la qualità di vita

Ho previsto nella strategia azioni per

servizi medici verso i cittadini basati

sull’utilizzo di Internet

Ho una rete a banda larga che connette

tutte le strutture sanitarie presenti sul

territorio ed interconnessa alla rete

nazionale ed europea del settore

Ho progetti che prevedono servizi per lo

scambio, acquisizione e raccolta di

consistenti volumi di dati tra le strutture

sanitarie presenti sul territorio

Ho azioni di sensibilizzazione in materia

nei confronti delle PMI

Ho azioni di sostegno per lo sviluppo di

servizi di e-commerce nelle PMI secondo

logiche B2B e B2C

Ho azioni specifiche di sostegno e sviluppo

di aziende ICT

Se no – possibili azioni in

tal senso

Se no – possibili azioni in

tal senso

Se no – possibili azioni in

tal senso

Se no – possibili azioni in

tal senso

Se no – possibili azioni in

tal senso

Se no – possibili azioni in

tal senso

Se no – possibili azioni in

tal senso

Se no – possibili azioni in

tal senso

Se no – possibili azioni in

tal senso

Se no – possibili azioni in

tal senso

4.6 - Considerazioni sulle misure di accompagnamento

Come detto più estesamente nella sezione sul PON ATAS (Capitolo 3), riprendendo anche

l’indicazione fornita nel “Non Paper” della Commissione Europea, appare indispensabile garantire

un processo di accompagnamento delle Regioni per il periodo di programmazione restante sugli

interventi relativi alla SI.

La sfida principale appare essere la traduzione operativa delle strategie regionali per la SI e

l’efficace attuazione delle iniziative sul territorio per garantire un impatto reale sullo sviluppo

locale, sfruttando al massimo anche le diverse opportunità offerte dalla cooperazione interregionale,

con altre Regioni Obiettivo 1 e Obiettivo 2. L’assistenza tecnica prevista nell’attuale

versione stralcio del PON-SI va in questa direzione e richiede un potenziamento e un’attivazione

tempestiva per essere efficace, nonché la definizione di opportune modalità di coordinamento e

gestione del progetto, per garantirne il continuo allineamento con le esigenze di supporto delle

Regioni.

66 A tal proposito esiste un apposito progetto nell’ambito del programma “per il Sud e non solo” del MIT finanziato con

fondi CIPE di cui alla delibera 17/2003.

67 L’e-learning costituisce uno dei più importanti catalizzatori per il cambiamento.

115


In parallelo, anche alla luce del lavoro svolto per la preparazione di questo documento che ha

rivelato una criticità metodologica trasversale sia ai POR che ai PON, appare indispensabile

procedere alle azioni di sistema previste inizialmente nel PON-SI (e ribadite nel “Non Paper”). Esse

sono relative, da un lato, alla condivisione di criteri e modalità con i quali identificare e “misurare”

le azioni stesse riguardanti la SI nei diversi POR e PON, dall’altro, alla definizione e applicazione

(tramite apposite rilevazioni) di un sistema di indicatori di misurazione della SI e degli impatti dei

programmi su di essi.

Gli indicatori dovranno essere definiti nella prospettiva di consentire comparazioni e analisi su base

inter-regionale a livello nazionale ed europeo, sfruttando a tal fine anche tutte le opportunità di

collaborazione con progetti che lavorano in tale direzione finanziati nell’ambito di programmi

comunitari (comprese alcune azioni innovative che vedono coinvolte Regioni italiane).

Infine, alla luce degli sviluppi connessi alle policy nazionali (con particolare riferimento a quelle

della Visione condivisa dell’e-government) in materia di cooperazione applicativa e Sistema

Pubblico di Connettività, nell’ambito del PON-SI, andrebbero previste anche le necessarie azioni di

sostegno alle Amministrazioni regionali per l’interconnessione delle infrastrutture di rete regionali,

per favorire sinergie e collaborazioni nell’erogazione di servizi a valenza infrastrutturali e per

stimolare lo sviluppo di banda larga sui territori regionali.

116


ALLEGATI

117


118


Allegato 1 - Scheda per uso Fondi FESR sulla Banda Larga 68

REGIONAL INFORMATION SOCIETY STRATEGY

Indicative schema

I. State of play

Existing strategic documents (to be sent to DG REGIO)

Existing projects: census of network infrastructure (mobile / broadband), applications

services and content

Economic development needs

II. Challenges and medium-long term objectives

Coherence of IS regional strategy with the overall development strategy of the region

Relevance of IS objectives and their contribution to the programme.s objectives

Main challenges for economic development

III. Main projects to be funded

In relation to point I, it would be necessary to provide relevant information with regard

to:

• Nature of actions

• Content of projects

• Location of investments

• Financial incidence

• Economic viability

IV. Estimated costs

The region will have to provide an estimation of the overall investment costs, for both cofinanced

and non co-financed projects.

Annexes: Maps on broadband / mobile telephony coverage

68 Questa scheda è estratta dalle “Nuove linee guida del FESR sulle modalità di messa in opera dei Fondi in favore delle

comunicazioni elettroniche” (SEC (2003) 895) del luglio 2003.

119


Allegato 2 - Il Sistema pubblico di connettività (SPC) 69

L’interconnessione tra tutte le PA, centrali e locali, rappresenta una condizione abilitante per l’egovernment

e un fattore di sviluppo generale della SI. Tale condizione è in fase di avanzata

realizzazione in Italia sia a livello centrale, mediante la Rete unitaria della Pubblica Amministrazione

(RUPA), sia a livello locale con le reti regionali e territoriali.

Lo sviluppo del mercato ICT e la necessità di fornire alle reti esistenti e in via di realizzazione una

prospettiva comune più aggiornata hanno portato a definire il nuovo Sistema pubblico di connettività

(SPC), con obiettivi quali:

• valorizzare le esperienze regionali avviate, promuovere l’interazione tra le reti regionali e

territoriali e le reti delle PA centrali;

• conseguire economie di scala nell’utilizzo dei servizi di rete;

• promuovere il mercato dei servizi di telecomunicazione a livello nazionale e locale;

• sostenere lo sviluppo delle reti territoriali nelle zone del paese ancora prive di tali infrastrutture,

garantendo l’inclusione nel sistema di tutte le PA centrali e locali;

• assicurare l’interoperabilità e standard comuni di funzionalità e di sicurezza.

Il contesto di partenza: la RUPA, le reti regionali e territoriali

Il progetto della RUPA nasce da uno studio di fattibilità realizzato nel 1996 dall’allora Autorità per

l’informatica nella Pubblica Amministrazione (AIPA), che identificò due insiemi di servizi -per il

trasporto dei dati e per l’interoperabilità dei sistemi delle PA- come necessari per avviare la

realizzazione di una rete che consentisse l’interscambio dei dati tra tutte le PA, con adeguati requisiti di

efficienza, economicità e sicurezza, al fine di migliorare l’efficienza interna e i servizi per i cittadini.

La selezione dei fornitori per tali insiemi di servizi fu oggetto, nel 1999, di apposita gara, che portò a

stipulare con due società aggiudicatici i contratti quadro, in scadenza a metà 2004 (è prevista la facoltà

di proroghe annuali per i successivi quattro anni). All’allora Centro tecnico della Presidenza del

Consiglio dei ministri (oggi confluito assieme ad AIPA nel CNIPA) spettava il compito, fra gli altri, di

rivedere periodicamente i costi dei servizi di trasporto dati, in funzione degli sviluppi di mercato, per

garantire le migliori condizioni tecnico/economiche. In ottemperanza alle leggi vigenti, attualmente a

RUPA aderiscono la quasi totalità delle amministrazioni centrali dello Stato e, avendone la facoltà,

anche alcune Regioni e PA locali.

Parallelamente alla RUPA, sono state realizzate o avviate infrastrutture regionali (RUPAR) e territoriali

per la connessione di tutta la PA locale presente sul territorio. Tali reti permettono l’interconnessione sia

tra gli Enti locali e la Regione, sia, in alcuni casi, l’interconnessione, tramite la RUPA, con le

Amministrazioni centrali. Nella realizzazione delle RUPAR è stata determinante la consapevolezza, da

parte delle Regioni, del ruolo decisivo delle infrastrutture telematiche regionali come condizione

abilitante per l’esercizio dei crescenti compiti di governo territoriale.

In particolare le reti regionali e territoriali, per la varietà dei soggetti che ad esse fanno riferimento, e per

la rilevanza degli aspetti organizzativi che le caratterizzano, possono essere definite come reti di

comunità (Community network), cioè un insieme di soggetti che appartengono in modo dinamico ad

una stessa rete organizzativa (in termini informatici, ad uno stesso dominio applicativo), condividendo

regole, infrastrutture e servizi indipendentemente dalla loro localizzazione territoriale e che insieme

definiscono e attuano politiche di sviluppo della rete stessa. Alcune Regioni hanno inoltre promosso tra

69 Il testo di questo allegato è un estratto-riassunto dell’omonimo capitolo nel documento “L’e-government per un

federalismo efficiente: una visione condivisa una realizzazione cooperativa” approvato dalla Conferenza Unificata in luglio

2003.

120


loro ulteriori livelli di cooperazione e interconnessione, realizzando una “Community network delle

Regioni”.

Le caratteristiche del SPC

L’architettura tecnica del SPC dovrà:

• rispecchiare la natura federata, policentrica e non gerarchica tipica del modello organizzativo di

Internet;

• essere coerente con il nuovo modello istituzionale della Repubblica;

• consentire di utilizzare i servizi di grandi e piccoli operatori sia nazionali che locali;

• garantire livelli di servizio uniformi indipendentemente dalle loro caratteristiche geografiche,

economiche, demografiche e sociali dei territori. A questo fine, rivestono particolare importanza

le iniziative per lo sviluppo di infrastrutture di Province, Comuni e Comunità montane.

L’architettura tecnica del SPC, a livello concettuale, prevede l’utilizzo di servizi di interconnessione

qualificati forniti da diversi operatori del mercato (ISP); in particolare saranno abilitati a fornire servizi

al SPC i fornitori che si impegneranno a garantire nel tempo, servizio per servizio, i livelli di prestazione

definiti da regole tecniche elaborate e condivise da tutte le amministrazioni. In pratica, le regole del SPC

consentono di ritagliare sulla “grande Internet” una Internet “qualificata”, caratterizzata dalla presenza

di diversi operatori in competizione tra loro.

I servizi di connettività, per rispondere ai requisiti di sicurezza, utilizzeranno tecnologie consolidate

quali ad esempio reti private virtuali (VPN) che consentono di realizzare infrastrutture dedicate e sicure

utilizzando infrastrutture fisiche condivise. Gli accessi al SPC saranno realizzati attraverso punti o porte

rispondenti agli standard definiti dalle regole tecniche sulla sicurezza di rete. Dovrà essere garantita la

standardizzazione di queste porte di erogazione dei servizi e dovrà essere prevista una procedura di

omologazione allo standard definito.

La definizione e realizzazione, il monitoraggio e il governo di specifici requisiti di qualità e sicurezza

dei servizi erogati caratterizzano il SPC rispetto ad altre opportunità di interconnessione. Ogni rete

territoriale sarà responsabile, per tutti gli enti che ne faranno parte, della realizzazione e verifica di tali

requisiti definiti a livello nazionale. Il monitoraggio dei livelli di servizio concordati sarà effettuato da

una struttura costituita e gestita congiuntamente dalle PA centrali e locali.

La definizione e la realizzazione del SPC si realizzerà, come si è visto, in un contesto caratterizzato

dall’esistenza di processi di interconnessione già avviati e operanti con le RUPA e le RUPAR. Sono

inoltre presenti reti di interconnessione tra singoli enti, Amministrazioni centrali ed Enti locali: ciò

avviene ad esempio nel caso dell’INPS, del Ministero dell’Economia e delle Finanze, del Ministero

dell’Agricoltura, del Ministero dell’Interno. Tali reti, nate nel tempo per specifiche esigenze applicative,

dovranno essere dismesse e convergere nell’ambito del SPC. Ciò consentirà rilevanti economie per gli

enti e le Amministrazioni centrali che le gestiscono, e permetterà alle Regioni e agli Enti locali una

significativa semplificazione nella interconnessione con gli enti e le PA centrali.

121


Allegato 3 - Tabella di autovalutazione

CATEGORIE INTERPRETATIVE DEI GIUDIZI SINTETICI

CATEGORIE

GIUDIZI SINTETICI (nota)

a b c a b c a b c a b c

Colore


Misura con attuazione pienamente o tendenzialmente funzionale agli obiettivi, con adeguata struttura di

governo e gestione, e con eccellente o adeguata capacità di spesa

+ + + + + = + = + + = =

Misura con attuazione pienamente o tendenzialmente funzionale agli obiettivi, con adeguata struttura di

2° governo e gestione, ma con difficoltà di spesa essendo in ritardo con il profilo finanziario (tanto da poter + - + + - =

contribuire anche al rischio di disimpegno)


Misura con attuazione funzionale o tendenzialmente funzionale agli obiettivi, con elevata o adeguata

capacità di spesa, ma con carenza o assenza di struttura di governo e gestione

- + + - = + - = = - + =

Misura con attuazione funzionale o tendenzialmente funzionale agli obiettivi, ma con carenza o assenza


di struttura di governo e gestione e difficoltà di spesa

- - + - - =

Misura con attuazione non funzionale agli obiettivi, ma con elevata o adeguata capacità di spesa. Tale

5° divergenza tra capacità di spesa e attuazione funzionale agli obiettivi è aggravata quando è assente o + + - + = - - + - - = -

carente la struttura di governo e gestione della misura.

Misura con attuazione non funzionale agli obiettivi e con difficoltà di spesa. La criticità è tanto più grave


laddove è assente o carente la struttura di governo e gestione della misura

+ - - - - -

NOTA

Le 18 combinazioni possibili dei 3 segni sono state riportate nelle singole caselle in corrispondenza della categoria interpretativa di riferimento;

ad intestazione di colonna, le 3 dimensioni oggetto di analisi sono state richiamate secondo la seguente legenda:

a: struttura di governo

b: capacità di spendere secondo il cronogramma

c: funzionalità dell'attuazione verso gli obiettivi di sviluppo

Significato dell'attribuzione dei segni per ciascuna delle 3 dimensioni

dimensioni + = -

a

struttura di

governo

b

capacità di

spendere

secondo il

cronogramma

c

funzionalità

dell'attuazione

verso gli

obiettivi di

sviluppo

esistenza di tutte le condizioni

amministrative, normative e

istituzionali necessarie per

l’attuazione piena della misura

ragionevole certezza di

spendere un ammontare di

risorse superiore (oltre il 10%

in più) al cronogramma di

riferimento

le azioni qualificanti la strategia

della misura sono state

attivate. Le modalità di

attuazione, i criteri di selezione

realmente applicati e le

tipologie di progetto finanziate

risultano funzionali al

raggiungimento degli obiettivi di

misura

previsione di una spesa

sostanzialmente in linea (±

10%) con quella

programmatica prevista dal

cronogramma di riferimento

le azioni qualificanti sono

parzialmente (o in procinto di

essere) avviate. Le modalità di

attuazione, i criteri di selezione

applicati e le tipologie di

progetto finanziate risultano

soltanto parzialmente funzionali

agli obiettivi

Segni

assenza sostanziale di alcuni degli

elementi organizzativi, istituzionali

e programmatici necessari per

l'attuazione della misura

previsione di una spesa inferiore

(oltre il 10% in meno) a quella

programmatica prevista dal

cronogramma di riferimento

non sono state attivate le azioni

qualificanti oppure le modalità di

attuazione, i criteri di selezione

applicati e le tipologie di progetto

finanziate non sembrano

funzionali agli obiettivi della

misura

122


Allegato 4 - Integrazione informativa sul PON Scuola, a cura MIUR

Le seguenti note sono state prodotte a cura della DG per gli Affari Internazionali dell’istruzione,

Ufficio V del MIUR nel gennaio 2004. Esse integrano ed esplicitano i dati forniti nel testo e in

particolare nella tabella finanziaria relativa al PON Scuola.

Va premesso che tutte le misure sono state realizzate secondo due modalità:

‣iniziative capillarmente diffuse e attuate dalle singole scuole nell’ambito del loro naturale

bacino d’utenza

‣iniziative orientate a promuovere istituti-polo in grado di svolgere azioni di catalizzazione e

di servizio per reti territoriali.

Interventi per la società dell’informazione nella misura 1 “Adeguamento del sistema

dell’istruzione”

Le azioni di questa misura sono tutte dedicate alla formazione degli allievi e di tutto il personale

della scuola.

Con questa misura ad esempio sono stati attivati (Azione 1.1A “La formazione dei nuovi linguaggi:

multimedialità, informatica, telematica, ecc.”) interventi immediatamente riconducibili alla

promozione dell’e-learning quali i corsi di alfabetizzazione informatica e conseguimento ECDL.

L’Azione 1.1A ha coinvolto nel biennio 2000-2002 oltre 129.000 allievi tra studenti e docenti.

Un dato non meno significativo è quello che risulta dai dati dei percorsi linguistici della Azione

1.1B “La promozione delle competenze linguistiche di base e di settore anche ai fini della mobilità

e flessibilità nell’ambito comunitario e transnazionale e in funzione del sostegno e dell’integrazione

dei Piani nazionali del MIUR per l’apprendimento delle lingue straniere”, con 10.576 allievi

coinvolti. Guardando al totale dei progetti autorizzati nel primo triennio, per l’Azione 1.1B

risultano nel primo 1.723 progetti presso 577 istituti secondari. Il 64% di questi istituti (375) era

stato dotato di laboratori linguistici informatizzati attraverso la misura 2.1C (“Laboratori

linguistici, mediateche, ecc. nella scuola secondaria superiore”) del FESR. Questo permette di

rilevare l’estensione dell’uso del computer nella didattica disciplinare, andando quindi al di là della

semplice alfabetizzazione informatica.

Una circolare di recente pubblicazione ha dato il via alla partecipazione all’Azione 1.1F “Impresa

Formativa Simulata: percorsi in alternanza per lo sviluppo di competenze di imprenditorialità”

(scadenza presentazione proposte 16 dicembre 2003). Le iniziative di questa azione sono volte a

consentire agli allievi di operare nella scuola simulando il lavoro in azienda, grazie all’attivazione

di rapporti di tutoraggio fra scuola e impresa (ogni impresa formativa simulata ha per tutor

un’impresa del mondo reale) e alla riproduzione nella scuola della situazione operativa dell’azienda

reale, attraverso forme di simulazione del processo di gestione. Tale offerta si caratterizza per la sua

organizzazione flessibile, per l’alto uso di tecnologia, per l’attenzione alla didattica attiva e per la

stretta collaborazione con il mondo aziendale che assume il ruolo di tutor dell’azienda simulata. Le

aziende simulate attivate all’interno delle istituzioni scolastiche interagiscono fra loro all’interno di

una rete nazionale tramite un portale informatico. Date le caratteristiche delle PMI delle Regioni

Obiettivo 1, la collaborazione scuola-impresa si traduce in uno scambio reciproco di professionalità

e competenze fra scuola e impresa, e, in particolare per l’impresa, in un’azione di formazione

indiretta all’uso delle ICT, poiché la gestione simulata è realizzata all’interno della scuola in

laboratori informatizzati di settore (spesso realizzati con Fondi FESR misura 2.1E “Laboratori

Impresa Formativa Simulata” e misura 4 “Infrastrutture per l’inclusione scolastica e l’integrazione

sociale”).

L’Azione 1.2 “Esperienze di stage nell’ambito dei percorsi di istruzione” offre un’anticipazione

della promozione dei percorsi integrati di apprendimento introdotti dalla riforma del marzo 2003

123


per tutti i tipi di scuola a livello della secondaria superiore. Nel primo triennio sono stati autorizzati

oltre 7000 corsi di stage, di questi 8% ha riguardato specificamente il settore della comunicazione e

dell’informatica. Per il restante 92% per molti di essi le ICT appaiono strumentali: 22% nel settore

meccanico/elettronico e informatico, 40% nel settore economico, 1% settore ambientale, biologico,

della qualità e della sicurezza. Le scuole che hanno richiesto questi stage sono istituti secondari

superiori di tutte le tipologie, dagli istituti professionali ai licei.

Particolarmente importante poi nell’ambito della promozione della società dell’informazione e della

conoscenza è l’Azione 1.3 “Supporto alla formazione in servizio del personale del sistema

dell’istruzione”. Negli anni 2000-2002 sono stati conclusi 1.522 corsi rivolti a 27.753 utenti. I

percorsi di formazione sono stati dedicati esclusivamente a temi collegati alle ICT per le esigenze

del personale della scuola. Sono stati individuati e realizzati 3 livelli formativi: 1) alfabetizzazione

con possibile conseguimento della patente europea ECDL; 2) utilizzazione delle tecnologie nella

didattica; 3) gestione di reti. Il contenuto dei percorsi e le competenze da acquisire sono state

definiti nell’ambito di un gruppo tecnico di alto livello. Dall’anno scolastico 2002-2003 il Ministero

ha promosso un consistente e capillare progetto di formazione a distanza, FORTIC, che ha

capitalizzato questa esperienza. L’iniziativa di formazione a distanza di FORTIC ha coinvolto

finora oltre 160.000 docenti su tutto il territorio nazionale e ha esteso il modello formativo nonché i

contenuti sviluppati e sperimentati nell’ambito dei corsi PON.

Un ulteriore sviluppo di questa misura è rappresentato dal recente bando di gara per l’affidamento

di un “Servizio di formazione e supporto al personale del sistema dell’istruzione per il

rafforzamento delle competenze sulla progettazione, gestione, monitoraggio e valutazione dei

processi d’istruzione con modalità di formazione a distanza integrata con formazione in presenza”

(scadenza 9/01/04 impegno 7,5 M€). L’intervento, la cui realizzazione è prevista fino al 2007,

interesserà circa 2000 istituti (prevalentemente d’istruzione secondaria superiore, ma anche Centri

Territoriali Permanenti, cioè scuole primarie con attività formativa per adulti), cioè 7.500 fra

Dirigenti scolastici, Dirigenti dei servizi Amministrativi e docenti.

Sta per essere pubblicata (febbraio 2004) la circolare relativa all’Azione 1.4 “Sviluppo di centri

funzionali di servizio per il supporto all’autonomia, la diffusione delle tecnologie, la creazione di

reti”. L’azione è finalizzata all’attivazione dei Centri polifunzionali di Servizio promossi con

l’Azione 2.2C “Realizzazione di supporti infrastrutturali a progetti di Centri territoriali di

servizio” finanziata dal FESR. Gli istituti che usufruiranno di questa misura realizzeranno iniziative

di supporto per lo sviluppo della società dell’informazione attraverso progetti a carattere nazionale

o locale (ad esempio la formazione sulla progettazione prevista nella 1.3, il supporto a reti di scuole

o a PIT).

Informazioni integrative sul Sistema Informativo per la gestione del PON scuola (misura 8)

Tutta la gestione del PON scuola avviene su un Sistema Informativo dedicato progettato e realizzato

in collaborazione fra Autorità di gestione del PON scuola e società gestore dei servizi informatici

del MIUR.

Tutte le scuole del Sud e delle isole hanno un accesso protetto al Sistema e sono in esso registrate.

All’inizio, anno 2000, è stata inviata una nota a tutte le 6000 (circa) scuole con la propria user-id e

password. Periodicamente le scuole sono invitate a completare i propri dati che sono allineati al

sistema informativo generale (SIMPI) del MIUR. Ogni volta che viene pubblicato un bando (con

avviso sul sito dei Fondi strutturali) le scuole che presentano progetti, oltre a inviarli per posta, li

registrano attraverso una scheda sintetica nel Sistema Informativo. Ha così inizio il percorso del

progetto nel Sistema che interagirà con i diversi soggetti preposti alla gestione del Programma. Il

progetto, dopo l’inserimento, passa alla fase di valutazione, di autorizzazione o di non

autorizzazione. Nel caso di progetto autorizzato le scuole provvedono successivamente a

comunicarne inizio, andamento e fine con i relativi dati fisici ed economici. Parallelamente alla

124


ealizzazione del progetto, l’Autorità preposta al pagamento provvede ad erogare acconti e rimborsi

in funzione delle dichiarazioni di spesa comunicati dalle scuole e validati dall’Autorità di gestione

attraverso specifiche azioni di controllo (filtri sui dati, interazioni con le scuole in caso di correzioni

ecc.).

Le fasi descritte sono visibili da tutti i soggetti che operano sul Programma: la Commissione

europea, l’Autorità di gestione, gli uffici periferici dell’Amministrazione, le scuole. Per snellire le

procedure amministrative, il sistema prevede lo scambio di dati con altre due procedure: il sistema

di Monitoraggio Nazionale dei Fondi Strutturali al quale trasmette i dati fisici, finanziari e

procedurali sulla realizzazione del Programma; il sistema dei pagamenti della Ragioneria Generale

dello Stato, al quale comunica gli importi da erogare alle scuole che hanno certificato le azioni

previste dal Programma.

Il Sistema Informativo oltre all’archiviazione e gestione dati quantitativi (fisici ed economici),

permette elaborazioni qualitative sulla progettualità, efficienza ed efficacia della singola scuola e

delle scuole di un territorio provinciale o regionale. E’ infatti possibile leggere dal sistema quali e

quante scuole si candidano per le varie proposte, qual è lo scarto per ciascuna scuola fra progetti

proposti e progetti autorizzati, qual è la partecipazione alle diverse azioni per tipo di scuola e per

territorio geografico etc. Queste analisi sono alla base della progettazione della tempistica delle

circolari per la presentazione di nuove proposte, degli interventi di formazione del personale, delle

azioni di accompagnamento.

Protocolli di intesa

Nell’attuazione del PON Scuola sono stati avviati protocolli di intesa con le Regioni Basilicata,

Calabria, Puglia e Sicilia. In tutti questi accordi sono presenti articoli esplicitamente dedicati alla

promozione della Società dell’Informazione. Di seguito vengono presentati alcuni dei punti salienti

di tali accordi relativi alla promozione della SI:

Protocollo d’intesa PON Scuola - POR Sicilia:

o

o

Il MIUR si impegna, nell'ambito della misura/azione 1.4 (Sviluppo di centri

funzionali di servizio per il supporto all'autonomia, la diffusione delle tecnologie, la

creazione di reti) a promuovere e sostenere le attività programmate dai centri

polifunzionali per lo sviluppo tecnologico e della progettualità, con particolare

attenzione all'area territoriale di Palermo, affinché si realizzi una rete in favore

delle isole minori della Sicilia di cui al punto 3 della presente intesa.

Il MIUR si impegna in particolare - sempre nell'ambito della misura/azione 1.4 - a

sostenere l'aggiornamento dei docenti nelle aree territoriali più emarginate in

funzione della definizione di progetti didattici per il miglioramento della qualità

della scuola e per favorire la partecipazione ai progetti previsti dal POR e dal PON.

Accordo di programma PON Scuola - POR Basilicata

1. Il MIUR e la REGIONE convengono di concorrere allo sviluppo della rete R.U.P.A.

regionale estendendone l'area anche alle istituzioni scolastiche.

La REGIONE si impegna in particolare a sviluppare in tali istituzioni le reti per la

Formazione a distanza e per la condivisione dei servizi;

Il MIUR si impegna a sostenere tale sviluppo fornendo l'eventuale fabbisogno tecnologico

alle istituzioni scolastiche nell'ambito della misura 2 (Tecnologie per l'utilizzo e la

valorizzazione delle metodologie didattiche) e promovendo in esse gli interventi relativi alla

formazione degli allievi e degli insegnanti previsti dalla misura 1 (Adeguamento del sistema

dell'istruzione).

125


2. MIUR e REGIONE concorreranno a concretare - nell'ambito delle specifiche Misure

previste dal PON SCuola e dal POR Basilicata - interventi finalizzati a:

o

o

lo sviluppo delle competenze linguistiche degli allievi e dei docenti delle istituzioni

scolastiche;

i percorsi di istruzione sulle NIT per gli allievi delle istituzioni scolastiche, e per gli

adulti, con particolare riferimento ai docenti delle istituzioni scolastiche e ai membri

delle famiglie coinvolte nella rete R.U.P.A. regionale.

Accordo I programma PON Scuola – POR Puglia

Tale accordo è soprattutto centrato sullo sviluppo del progetto Impresa Formativa Simulata

attraverso al realizzazione delle seguenti intese

1. l'avviamento della rete dei formatori da impegnare nelle scuole per la realizzazione di

seminari orientativi, corsi di formazione e tutoraggio relativi alla creazione di impresa. A

tale scopo si ritiene utile avviare uno specifico corso di formazione dei formatori in grado

di creare adeguate figure professionali, tali da integrare la rete degli esperti del servizio

della Rete Punto Impresa e della Rete delle Imprese Formative Simulate, anche attraverso

un aggiornamento degli operatori;

2. la realizzazione congiunta di seminari informativi e di orientamento rivolti alle scuole

secondarie superiori con l'obiettivo prioritario di diffondere la cultura d'impresa tra i

giovani e aiutarli nel difficile percorso di inserimento nel mondo del lavoro;

3. La creazione di laboratori di progettazione e di simulazione di impresa a potenziamento

della Rete esistente. In tale contesto si potrà potenziare l'uso della Rete di Imprese

Formative Simulate e del relativo portale come supporto allo sviluppo imprenditoriale del

territorio. Il Servizio Rete Punto Impresa mette a disposizione le professionalità e

l'esperienza acquisita dai suoi esperti.

4. La progettazione e la realizzazione di materiale didattico e divulgativo a supporto delle

specifiche iniziative, da integrare con quello già esistente.

Protocollo d’intesa PON Scuola - POR Calabria

L’intesa siglata riguarda le iniziative contro la dispersione scolastica, parallelamente la

collaborazione fra le due Autorità di gestione ha definito l’ambito degli investimenti nelle

tecnologie didattiche. Il PON scuola, attraverso l’attuazione delle misure finanziate dal FESR, è

intervenuto presso le istituzioni scolastiche di istruzione secondaria superiore, il POR Calabria, che

prevedeva una misura analoga, è intervenuto nell’ambito della scuola primaria e secondaria di

primo grado.

126


Documenti di policy comunitari

Elenco dei documenti di riferimento

1. Piano d’azione eEurope2005 (COM(2002) 263)

http://europa.eu.int/information_society/eeurope/2002/news_library/documents/eeurope2005/eeurope2005_it.pdf

2. Iniziativa Europea sulla Crescita (COM(2003) 579)

http://europa.eu.int/eur-lex/it/com/cnc/2003/com2003_0579it01.pdf

3. Linee guida sull’implementazione della SI nei Fondi strutturali (SEC (1999) 1217)

4. Nuove linee guida del FESR sulle modalità di messa in opera dei Fondi in favore delle

comunicazioni elettroniche (SEC (2003) 895)

http://europa.eu.int/comm/regional_policy/sources/docoffic/working/doc/telecom_en.pdf

5. Orientamenti sulla revisione di metà periodo dei programmi italiani dell’Obiettivo 1 -

NON-PAPER, Commissione Europea, Bruxelles, 23.10.2003

http://db.formez.it/FontiNor.nsf/0/D67152AC67657547C1256DEF003C0D4D/$file/mid-term%20IT.doc

6. Europe and Basic Research, Brussels, 14 January 2004, COM(2004) 9 final

ftp://ftp.cordis.lu/pub/era/docs/com2004_9_en.pdf

7. Verso uno spazio europeo della ricerca, Brussels, 18 January 2000, COM (2000) 6

ftp://ftp.cordis.lu/pub/documents_r5/natdir0000001/s_1372011_20010125_144650_C001190it.pdf

Due siti di riferimento della Commissione Europea sui temi della SI sono i seguenti:

DG Società dell’Informazione

http://europa.eu.int/comm/dgs/information_society/index_en.htm

Iniziativa eEurope 2005

http://europa.eu.int/information_society/eeurope/2005/index_en.htm

Documenti di policy nazionale

8. Piano di azione di e-government, approvato con deliberazione del Comitato dei Ministri per

la SI del 23 giugno 2000

http://www.innovazione.gov.it/ita/soc_info/politiche_governo/palchigi_rapp_neweconomy_sint.shtml

9. Procedure e modalità per l’utilizzo dei fondi assegnati al finanziamento del Piano di Azione

di e-Government, (allegato del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri) approvate

dal Comitato dei Ministri per la Società dell’Informazione il 13 febbraio 2002

http://www.innovazione.gov.it/ita/intervento/normativa/allegati/dpcm_140202.pdf

10. Linee guida del Governo per lo sviluppo della Società dell’Informazione, giugno 2002

http://www.innovazione.gov.it/ita/documenti/socinfo11_06_02.pdf

11. L’e-government per un federalismo efficiente: una visione condivisa una realizzazione

cooperativa, approvato dalla Conferenza Unificata, luglio 2003

http://www.innovazione.gov.it/ita/intervento/normativa/allegati/visione_condivisa_030408.pdf

12. L’e-government nelle Regioni e negli enti locali: II fase di attuazione, approvato dalla

Conferenza Unificata, 27 novembre 2003

127


http://www.innovazione.gov.it/ita/egovernment/entilocali/egov_Fase2.pdf

13. Delibera CIPE n. 17 del 9 maggio 2003

http://www.cipecomitato.it/delibere/E030017.doc

14. ICT per l’eccellenza dei territori - Documento di finalizzazione delle risorse per il

rafforzamento della società dell’informazione di cui al punto E 1. 2.2. della delibera CIPE

n. 17 9 maggio 2003, a cura CNIPA AIREL, dicembre 2003

15. Piano per la Innovazione Digitale nelle Imprese, approvato dal Ministro per l’Innovazione e

le Tecnologie e dal Ministero per le Attività Produttive, luglio 2003

http://www.innovazione.gov.it/ita/documenti/Piano_innovazione_digitale_imprese.pdf

16. Piano Nazionale di Formazione degli Insegnanti sulle Tecnologie dell’Informazione e della

Comunicazione (FORTIC)- Linee guida per l'attuazione del piano e presentazione dei

percorsi formativi, Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Servizio per

l’Automazione Informatica e l’Innovazione Tecnologica, maggio 2002

http://www.istruzione.it/innovazione/progetti/allegati/linee_guida.pdf

Materiali sulle Regioni: strategie SI, POR, CdP ecc.

17. Rapporto di Valutazione dei Piani regionali per la Società dell’Informazione - Gruppo

Tecnico di Valutazione promosso dal Gruppo di Lavoro del Qcs Obiettivo 1 ‘Società

dell’Informazione’, Roma, giugno 2002

18. I° Rapporto sull’innovazione nelle Regioni d’Italia, realizzato dai CRC (Centri Regionali di

Competenza per l’e-government e la SI), a cura del Formez, aprile 2003

http://www.crcitalia.it/riservato/elenco_sezione.aspxCategoria=508

Tutti i materiali indicati di seguito con “CRCitalia” sono scaricabili dal sito www.crcitalia.it ,

canale “osservatorio” e/o “politiche”.

Basilicata

19. Piano BasiTel - Lo Sviluppo della Società dell’Informazione e della Comunicazione e dei

Servizi di Rete della Pubblica Amministrazione in Basilicata, novembre 1998, CRCitalia

20. Progetto Integrato Basitel 2, inserito nel Complemento di Programmazione POR Regione

Basilicata, gennaio 2003, CRCitalia

21. Piano Basitel+ - Strategie e Piano di Azione per lo Sviluppo della Società dell’informazione

in Basilicata, approvato dalla Giunta regionale luglio 2003

22. CdP POR Regione Basilicata, del 19 febbraio 2003

Calabria

23. Libro Verde sulla Società dell’Informazione in Calabria, ottobre 1998

24. Strategia e Piano di Azione per lo Sviluppo della Società dell’Informazione in Calabria,

febbraio 1999, CRCitalia

25. CdP POR Regione Calabria, del 27 maggio 2003

128


26. Rapporto di Valutazione Intermedia del POR Ob1 2000-2006 della Regione Calabria –

Bozza Rev. 1 del settembre 2003

Campania

27. Piano Strategico della Società dell’Informazione nella Regione Campania, 21 dicembre

2001, CRCitalia

28. CdP POR Regione Campania, del luglio 2003

Molise

29. Sistema Telematico Molise – STM; Programma Operativo Regionale 200-2006; Misura 6.3.

Società dell’Informazione; Piano Strategico di Attuazione, Bozza di piano ver. 2.0, 30

Settembre 2002,

30. CdP POR Regione Molise, del gennaio 2003

Puglia

31. Piano Regionale per la Società dell’Informazione, versione originale dicembre 2001, 2°

revisione novembre 2002, CRCitalia

32. Piano di Azione Territoriale per l'e government nella Regione Puglia, 14 maggio 2002,

CRCitalia

33. Primo programma di attuazione del Piano della Società dell’Informazione, luglio 2002

34. CdP POR Regione Puglia, del novembre 2003

35. Relazione sullo stato di avanzamento degli interventi a sostegno della diffusione della

Società dell’Informazione nella Regione Puglia, a cura dell’Autorità di Gestione del POR,

16 dicembre 2003

Sardegna

36. Strategia e piano per lo sviluppo della SI in Sardegna, ottobre 2002, CRCitalia

37. CdP POR Regione Sardegna, del settembre 2003

Sicilia

38. Quadro di riferimento strategico regionale per lo sviluppo della SI, agosto 2002, CRCitalia

39. CdP POR Regione Siciliana, del settembre 2003

129


Materiali sui PON del QCS Obiettivo 1

PON SCUOLA

40. PON La Scuola per lo Sviluppo – QCS Obiettivo 1, 2000-2006. Complemento di

programmazione, Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, giugno 2002

41. Rapporto di valutazione intermedia, PON La Scuola per lo Sviluppo, Ministero

dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Dicembre 2003

42. PON La Scuola per lo Sviluppo Parte II - Valutazione a livello di misura - Allegato 1 -

Sintesi schede Audit regionali, Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca,

2003

PON Ricerca scientifica, Sviluppo Tecnologico e Alta Formazione

43. PON Ricerca scientifica, Sviluppo Tecnologico e Alta Formazione – QCS Obiettivo 1, 2000-

2006. Complemento di programmazione, Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della

Ricerca, febbraio 2002

44. Rapporto di valutazione intermedia, PON Ricerca scientifica, Sviluppo Tecnologico e Alta

Formazione, Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, dicembre 2003

PON Sviluppo Imprenditoriale Locale

45. PON Sviluppo imprenditoriale locale – QCS Obiettivo 1, 2000-2006. Complemento di

programmazione, Ministero delle Attività Produttive, DG Coordinamento incentivi alle

imprese, settembre 2003

46. Rapporto di Valutazione Intermedia, PON Sviluppo imprenditoriale locale, a cura di Nova

s.r.l. e ISMERI Europa, dicembre 2003

PON – ATAS

47. PON Assistenza Tecnica e Azioni di Sistema – QCS Obiettivo 1, 2000-2006. Complemento

di programmazione- Quinta Versione, a cura di Ministero Economia e Finanze, Dip. per le

politiche di sviluppo e coesione, febbraio 2003

48. Rapporto di Valutazione Intermedia, PON ATAS, a cura di Ecosfera S.p.A., dicembre 2003

130


ACRONIMI

AdG: Autorità di Gestione di un Programma Operativo

AIREL: Area Innovazione Regioni ed Enti locali del CNIPA

AIPA: Autorità per l’Informatica nella Pubblica Amministrazione (è confluita nel 2003 nel CNIPA)

APQ: Accordi di Programma Quadro

CdP: Complemento di Programmazione, è lo strumento di attuazione di un Programma Operativo

CNIPA: Centro Nazionale per l’Informatica nella Pubblica Amministrazione

DIT: Dipartimento per l’innovazione e le tecnologie

FESR: Fondo europeo per lo sviluppo regionale

FSE: Fondo sociale europeo

GdLSI: Gruppo di lavoro per la società dell’informazione, istituito presso il Comitato di

Sorveglianza del QCS obiettivo 1.

ICT: Information and Communication Technologies, tecnologie dell’informazione e

comunicazione, in italiano anche TIC.

IT: Information Technologies (solo informatica)

LLL: si veda, life-long learning

MAE: Ministero per gli Affari Esteri

MAP: Ministero delle Attività Produttive

MEF: Ministero dell’Economia e delle Finanze

MIT: Ministro per l’Innovazione e le Tecnologie

MIUR: Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca

PA: Pubblica Amministrazione

PAL: Pubblica Amministrazione locale

PIA: Pacchetto Integrato Agevolazioni (nell’ambito del PON Sviluppo imprenditoriale locale)

PIT: Programmi Integrati Territoriali

PMI: piccole e medie imprese

PO: Programma Operativo definito per l’impiego dei Fondi strutturali comunitari

PON: Programma Operativo Nazionale

POR: Programma Operativo Regionale

QCS: Quadro Comunitario di Sostegno

RVI: Rapporto del Valutatore Indipendente

SI: società dell’informazione

SPC: si veda, Sistema Pubblico di Connettività

131


GLOSSARIO 70

Applicazione informatica: un insieme di programmi che eseguono una particolare funzione per gli utenti,

come un word processor, per es. Microsoft Word per Windows, o un pacchetto di disegno grafico come

CorelDraw. Stanno diventando sempre più comuni i pacchetti integrati che contengono varie applicazioni,

come Microsoft Office e Claris Works.

B2B: (business-to-business, letteralmente “da impresa a impresa”) riferito al commercio elettronico,

rappresenta il processo di acquisto e vendita di beni nei confronti della domanda intermedia e di altre

aziende, mediante transazioni commerciali computerizzate.

B2C: (business-to-consumer, letteralmente “da impresa a consumatore”) riferito al commercio elettronico,

rappresenta il processo di acquisto e vendita di beni nei confronti della domanda finale rappresentata da

clienti privati (individui e famiglie), mediante transazioni commerciali computerizzate.

Backbone: (letteralmente “dorsale”), è la parte centrale di una rete di telecomunicazioni che sopporta il

traffico più intenso e da cui si estendono le diramazioni necessarie a servire determinate aree locali. Per

questa ragione i backbone devono avere alta capacità e velocità di trasmissione. Nei sistemi più evoluti di

telecomunicazioni, le dorsali sono realizzate in fibra ottica per poter gestire grandi volumi di traffico. Si parla

di backbone anche quando ci si riferisce a quei tronconi di rete che uniscono fra loro più reti locali (LAN).

Back-office: (letteralmente “il retro dell’ufficio”) indica le attività e strutture organizzative, in genere non

accessibili al pubblico, che gestiscono i procedimenti amministrativi attivati da un cliente/utente ad uno

sportello fisico o virtuale (front-end).

Banda larga (BL): Il termine “banda” indica nelle telecomunicazioni la capacità trasmissiva di una rete o di

un canale, ovvero la massima velocità alla quale è possibile trasferire le informazioni (misurata in numero di

bit per secondo). Il termine “banda larga” (o l’equivalente inglese broadband) definisce un insieme di

tecnologie che consentono di fornire all’utente collegamenti di velocità molto superiore a quelli della

normale rete telefonica (che per definizione fornisce servizi a banda stretta o narrowband). Sfruttando

infrastrutture e tecnologie innovative rispetto a quelle tradizionali è quindi possibile aumentare la velocità di

comunicazione in generale, e l’accesso a Internet in particolare, permettendo di usufruire di servizi

multimediali e ad alta interattività attraverso una connessione permanente alla rete (always on). Il legame tra

le infrastrutture e i servizi abilitati è talmente forte, che solitamente si usa il termine “banda larga” in senso

ampio ad indicare l’unione di tecnologie, servizi e contenuti, che possono essere fruiti grazie alle nuove

tecnologie.

Blended learning: (letteralmente “apprendimento misto”) indica un approccio all’insegnamento e

apprendimento che mischia modalità e momenti di formazione in presenza (aula), con momenti di

formazione a distanza.

Carta d’identità elettronica / Carta nazionale dei servizi (CIE / CNS): sono carte a microprocessore,

cosiddette “smart card”, che contengono tra le altre cose un “certificato digitale” che attesta la identità del

portatore della carta e che consente in genere anche di apporre una “firma elettronica o digitale”. Per questo

motivo, vengono usate per accertare l’identità degli utenti che intendono accedere a servizi telematici

soggetti a requisiti di sicurezza e riservatezza o per firmare e trasmettere documenti elettronici con validità

legale. La CIE, oltre all’identificazione elettronica, permette anche l’identificazione visuale (grazie alla

70 Per la creazione del glossario, si sono attinte diverse voci dal Glossario allegato al Piano Basitel + della Regione

Basilicata e dal volume “La banda larga: architetture e scenari tecnologici” a cura Between, pubblicato nel 2004 nella

collana editoriale dei Centri Regionali di Competenza per l’e-government e la società dell’informazione.

132


fotografia) e sostituisce a tutti gli effetti l’attuale Carta d’Identità; come quest’ultima, vede quindi coinvolti

nell’emissione il Ministero dell’Interno e i Comuni. La CNS ha invece principalmente una funzione di

accesso e interazione con i servizi on-line e può essere emessa da qualunque Pubblica Amministrazione, nel

rispetto degli standard e delle regole appositamente definiti.

DSL (xDSL): l’acronimo indica la famiglia Digital Subscriber Line, ossia l’insieme delle tecnologie

sviluppate a partire dagli anni ‘70 per permettere la trasmissione digitale su uno o più doppini telefonici in

rame sfruttando le caratteristiche trasmissive del mezzo. All’interno della famiglia, la x viene sostituita da

una o più lettere che caratterizzano le singole tecnologie (ADSL, HDSL, SHDSL, VDSL, ecc.). La

tecnologia ADSL è orientata prevalentemente al cliente residenziale, mentre le altre ai clienti affari. Il

vantaggio di tutta la famiglia di tecnologie xDSL è la possibilità di utilizzare le tratte esistenti di infrastruttura

di accesso e quindi di non richiedere l’esecuzione di lavori su terreno pubblico o all’interno delle abitazioni.

Digital divide: divario digitale, fa riferimento alle differenze che si osservano su scala territoriale (all’interno

di una regione o tra più Regioni) in relazione alla disponibilità di tecnologie e servizi digitali, in specifico, di

infrastrutture e servizi a banda larga.

e-business: (letteralmente “attività economica elettronica”) termine più ampio di e-commerce (commercio

elettronico), in quanto comprende l’intera gamma delle possibili applicazioni delle ICT alle attività di

impresa interne ed esterne (non solo la gestione dei rapporti con i fornitori e con il mercato) e indica

l’importanza e opportunità di collegare l’innovazione telematica alla revisione più complessiva della

strategia di impresa.

e-commerce: commercio elettronico è l’utilizzo di applicazioni telematiche nella gestione dei rapporti con

altre aziende fornitrici e partner commerciali (si veda B2B) e con il mercato e i consumatori (B2C).

e-government: governo o amministrazione elettronica è la trasformazione delle attività amministrative e

gestionali della Pubblica Amministrazione, delle modalità di erogazione dei servizi pubblici, dei processi di

partecipazione ai meccanismi democratici, realizzata tramite un utilizzo intensivo delle nuove ICT.

e-inclusion: (letteralmente “inclusione elettronica”) riguarda le misure per contrastare la esclusione più o

meno parziale di gruppi socio-economici, ambiti territoriali, fasce della popolazione per età e per genere

dall’accesso e utilizzo delle ICT. Il mancato utilizzo delle nuove tecnologie, eccetto che per scelta volontaria,

può essere dovuto a fattori economici, culturali e sociali riguardanti i potenziali utenti, intrecciati ovviamente

con le logiche di mercato dell’offerta di tecnologie e servizi.

e-learning: (letteralmente “apprendimento elettronico”) secondo il Piano di azione di e-learning della

Commissione Europea, con questo termine si intende “l’uso delle nuove tecnologie multimediali e di

Internet per migliorare la qualità dell’apprendimento, grazie ad un accesso facilitato a risorse e servizi utili,

nonché la possibilità di gestire scambi e collaborazioni a distanza”. Le soluzioni di e-learning più attuali

riconoscono l’importanza dell’apprendimento come processo sociale, fornendo quindi opportunità di

collaborazione con altri soggetti che apprendono, di interazione con i materiali didattici e di guida da parte

degli insegnanti, dei fornitori e dei tutor. Questi approcci centrati su chi apprende offrono un’ampia gamma

di risorse di studio, personalizzate sulle sue esigenze. Rimane comunque importante il ruolo degli insegnanti,

che utilizzano interazioni sia virtuali che de visu, secondo un approccio “blended” (si veda il termine).

e-Learning: è un’iniziativa per lo sviluppo dell’e-learning in Europa, lanciata nel 2001 dalla Commissione

Europea come parte di e-Europe 2002; è stata poi rilanciata nell’ambito di e-Europe 2005 come Programma

e-learning per il periodo 2004-2006, con una forte attenzione allo sviluppo di campus virtuali in tutti i paesi

europei.

e-Content: programma della Commissione Europea per sostenere lo sviluppo di contenuti digitali per

prodotti e servizi telematici e multimediali da parte dell’industria europea.

133


e-marketplace: (letteralmente “mercato elettronico”) sistema basato su Internet/Web che consente di gestire

sia l’offerta (es. tramite cataloghi, aste, ecc.), sia la domanda di beni e servizi, nonché la chiusura di una

eventuale trattativa commerciale.

e-procurement: (letteralmente “approvvigionamento elettronico”) processo di acquisto di beni sviluppato

elettronicamente, mediante transazioni commerciali computerizzate.

Fibra ottica: filamento in fibra di vetro utilizzato nelle telecomunicazioni, in grado di trasmettere segnali

digitali ad alta velocità attraverso impulsi luminosi (anziché elettrici) e con una capacità di portata

notevolmente superiore a quella dei tradizionali cavi in rame. Ogni fibra consiste di un'"anima" circondata da

un rivestimento con un indice di rifrazione (deviazione dei raggi luminosi) molto basso.

Fibra spenta: infrastruttura nella quale è stata posata la fibra ottica, in genere in cavidotti con tubature

multiple (polifore), ma non sono presenti/funzionanti gli apparati “attivi” che trasmettono gli impulsi laserottici

che appunto “accendono” la fibra.

Forum: nell’ambito delle comunicazioni su Web, fa riferimento ad uno strumento/spazio online (tipo

bacheca) dove un utente può pubblicare un messaggio e altri utenti possono scrivere risposte o aggiungere

commenti su di esso. Tutti i messaggi rimangono pubblicati e collegati in modo evidente tra di essi e con

quello originale. I forum servono quindi per creare spazi pubblici di confronto, discussione e scambio di

conoscenze. I forum possono essere liberi o moderati (la pubblicazione di un nuovo messaggio viene

autorizzata o può essere rimossa da una persona che ha questo specifico ruolo, detto appunto “moderatore”).

GARR: è storicamente la rete per trasmissione dati ad alta velocità che collega le strutture italiane della

ricerca (accademica e non) tra di loro e con le loro controparti europee e internazionali. La rete ha vissuto

negli scorsi anni un primo potenziamento di velocità che ha portato alla versione GARR-B e sta attualmente

trasformandosi nella versione GARR-G, con una velocità sulle linee portanti principali (back-bone) da 2,5 a

10 Gigabit al secondo.

GEANT: Gigabit European Academic Network è la rete dorsale per la trasmissione dati di ricerca più veloce

al mondo con 10 Gigabit al secondo, in via di costruzione nei diversi paesi europei.

GRID: (letteralmente “reticolato”, come in “rete di distribuzione elettrica”) rappresenta un nuovo concetto

nel mondo dell'informatica -l'elaborazione distribuita sulle reti- resa possibile dalla crescente potenza di

Internet. L’idea del cosiddetto 'World Wide Grid' o WWG consiste nel facilitare la cooperazione tra gruppi

geograficamente distanti appartenenti a tutte le discipline scientifiche e a tutti i settori industriali,

consentendo loro di condividere i dati e le infrastrutture informatiche e di collaborare in tempo reale.

L’obiettivo delle numerose ricerche e sperimentazioni in queste campo è arrivare a creare un sistema

perfettamente unificato di reti, computer, terminali e sistemi di memorizzazione dei dati.

ICT training: (letteralmente “formazione sulle ICT”) indica genericamente le attività di istruzione e

formazione ad orientamento tecnico, che riguardano il funzionamento degli strumenti informatici e

telematici, le conoscenze per il loro sviluppo e la loro gestione. L’apprendimento di nozioni più o meno

elementari relative strettamente all’utilizzo degli strumenti informatici e di Internet è chiamato

“alfabetizzazione informatica/telematica”.

IDA: Interchange of Data between Administrations, uno dei primi programmi europei di collaborazione tra

pubbliche amministrazioni sull’utilizzo delle ICT e lo sviluppo di sistemi informativi e servizi telematici paneuropei.

Interoperabilità: possibilità da parte dei software applicativi di interagire tra loro attraverso formati aperti e

standard, indipendenti da un singolo fornitore. L’aspetto cruciale è rappresentato dalla definizione di

134


interfacce applicative e modelli di interscambio pubblici (e possibilmente standard) che devono essere

definite e validate da parte delle autorità competenti o comunque condivise dal maggior numero possibile di

enti e produttori (standard di fatto).

IPv.6: la nuova versione 6 (IPv6) del protocollo Internet offre un numero di indirizzi IP di gran lunga

superiore rispetto all'attuale versione 4 e consente di supportare nuovi servizi di trasmissione dati, necessari

in previsione della prossima centuplicazione del volume di traffico su Internet, degli accessi da dispositivi

mobili e dell’introduzione di reti più efficienti e di tecnologie di commutazione a pacchetto.

IST: Information Society Technologies, è il programma dedicato alla società dell’informazione all’interno

del VI° Programma Quadro per la Ricerca scientifica e lo sviluppo tecnologico della Commissione Europea.

Killer application: (letteralmente “applicazione ammazza-tutti”), indica un’applicazione informatica o

telematica di particolare successo presso il pubblico, che ha un effetto trainante sulla diffusione di una nuova

tecnologia o un nuovo servizio di telecomunicazione.

LAN - Local Area Network: (letteralmente “rete d’area locale”) infrastruttura software e hardware (schede

di rete, cavi, switch) che interconnette un gruppo di computer e periferiche in un ambiente circoscritto (un

ufficio, un edificio o un piano) in modo che non sia necessario ricorrere a servizi di telecomunicazione

esterni. Consente lo scambio diretto di dati in formato elettronico ad alta velocità fra più di due calcolatori.

Life-long learning (LLL): (letteralmente “educazione permanente”) riguarda in generale le iniziative e le

soluzioni tecniche di supporto per l’apprendimento lungo tutto l’arco della vita attiva. Quest’ultimo è

considerato un obiettivo sempre più importante per i sistemi dell’istruzione, della formazione e del lavoro

nella società della conoscenza, data la rapida dinamica di sviluppo appunto di nuove conoscenze e delle

professioni ad esse connesse.

Local Loop: (letteralmente “anello locale”), collegamento della rete di accesso, in particolare riferito al

collegamento in rame che congiunge l’utente con la centrale telefonica.

MAN: Metropolitan Area Network, reti in fibra ottica realizzate nelle città per consentire l’offerta di servizi

di trasporto e accesso al cliente finale; collega più postazioni all’interno di una città, o comunque per distanze

non superiori ai 50 chilometri.

Multicanale / multipiattaforma: utilizzo di una pluralità di canali/strumenti di comunicazione e relative

tecnologie per la gestione ed erogazione di servizi, spesso con modalità tra loro integrate. Tipicamente si

pensi all’utilizzo del canale telematico-Internet-Web, al telefono (fisso e mobile), alla televisione oggi

digitale, allo sportello fisico, alla postazione informatizzata per self-service (tipo Bancomat), ecc. Nel caso

specifico della banda larga, il termine multipiattaforma fa riferimento alle diverse soluzioni in fibra ottica,

xDSL, wireless e satellitari.

Open source: (letteralmente “sorgente aperta”) indica una modalità di rendere accessibile e fruibile il codice

con il quale viene scritto il software. Le licenze d'uso dei programmi informatici che ricadono sotto questa

definizione, che è simile a quella di "software libero", devono rendere disponibile il codice sorgente del

software a tutti coloro che lo usano e devono rendere possibile la sua ridistribuzione, modifica e

redistribuzione delle modifiche stesse. La licenza, inoltre, non deve contenere limitazioni sulle categorie di

persone che ne possono trarre vantaggio, né porre restrizioni sul tipo di software che può essere distribuito

insieme a quello in questione.

Portale: è un punto d'accesso ad Internet che aggrega e mette a disposizione degli utenti un numero elevato

d'informazioni e di servizi su un determinato argomento o settore (portale verticale) o su più argomenti o

settori e consente di accedere ad altre risorse on-line già selezionate e classificate (es. Kataweb, Virgilio,

ecc.).

135


Protocollo informatico: in Italia, il legislatore definisce protocollo informatico come “l'insieme delle risorse

di calcolo, degli apparati, delle reti di comunicazione e delle procedure informatiche utilizzati dalle

amministrazioni per la gestione dei documenti”, ovvero, tutte le risorse tecnologiche necessarie alla

realizzazione di un sistema automatico per la gestione elettronica dei flussi documentali. Ogni sistema di

protocollo informatico, che si intende adottare o realizzare, deve ottemperare a specifiche indicazioni,

riportate nel Testo Unico sulla documentazione amministrativa (DPR 445/2000).

Provider / Service provider: Fornitore. Società specializzata nel fornire servizi telematici a valore aggiunto.

RUPA / RUPAR: è la Rete Unitaria della Pubblica Amministrazione (e sue diramazioni Regionali), prevista

dalla legge n. 59 del 15 marzo 1997, che ha razionalizzato la situazione pre-esistente di una molteplicità di

reti della PA, prevedendo un’unica rete omogenea per qualità, sicurezza e costi. Sotto il profilo tecnologico

le precedenti reti, realizzate con soluzioni eterogenee (circuiti dedicati CDN, accessi X.25 e altri), si sono

evolute in reti basate sul protocollo Internet (IP) che hanno favorito l'utilizzo della posta elettronica e del

web. La RUPA collegava a fine 2003, con circa 17.000 accessi, la quasi totalità delle sedi delle PA centrali.

Al backbone della RUPA sono collegate anche 15 reti di Regioni per un totale complessivo di più di 80 enti

interconnesi tra PA Centrali e PA Locali.

Sistema Pubblico di Connettività (SPC): è l’evoluzione prossima della RUPA, basata su un approccio

“multi-fornitore” e sulla qualificazione dei diversi attori partecipanti. Si veda per una descrizione più precisa

l’allegato 2.

TEN: Trans-European Networks, programma della Commissione Europea che promuove lo sviluppo di reti

e servizi trans-nazionali.

ULL - Unbundling Local Loop: riguarda lo scorporo di elementi della rete di accesso dell’operatore

dominante a favore di operatori terzi. E’ la possibilità, prevista in genere dalle leggi di liberalizzazione del

mercato delle telecomunicazioni, offerta ai concorrenti dell’operatore dominante (in Italia, Telecom Italia) di

prendere in affitto da quest’ultimo l’infrastruttura in rame e lo spazio per inserire nuovi apparati all’interno

delle sue centrali e realizzare e gestire in questo modo i propri servizi forniti agli utenti finali.

Videoconferenza: sistema di scambio di immagini in tempo reale che sfrutta la linea telefonica per la

trasmissione audio e video. Per effettuare un collegamento in videoconferenza, è indispensabile un'adeguata

apparecchiatura hardware quale una microtelecamera ed un software specifico. Collegamenti di buona

qualità si ottengono soltanto se si utilizza per la connessione alla Rete una linea molto veloce.

VPN: (virtual private network, letteralmente “rete privata virtuale”) una VPN permette di collegare reti

private (LAN) anche se geograficamente distanti, con gli stessi protocolli utilizzati per Internet.

Wireless: (letteralmente, “senza fili”), sistema di trasmissione voce e dati che non fa uso di cavi, ma che

avviene attraverso le frequenze radio.

WLL - Wireless Local Loop: (letteralmente “linea locale senza fili”) indica l’impiego di tecnologie radio

per il collegamento alla rete fissa del terminale d’utente. è il nome collettivo con cui vengono indicate le

tecnologie utilizzate per la realizzazione di collegamenti radio tra utente e rete. Si tratta di differenti sistemi

che vanno dalle cosiddette reti personali (tecnologia Bluetooth) alle reti locali (WLAN - Wireless Local Area

Network), fino alle reti cellulari.

136

More magazines by this user
Similar magazines