Corso per il recupero dei punti della patente

up.aci.it
  • No tags were found...

Corso per il recupero dei punti della patente

CORSO PER IL RECUPERO

DEI PUNTI DELLA PATENTE

ad uso degli istruttori

SECONDA EDIZIONE

APRILE 2007


Copyright © 2004 ACI Automobile Club d’Italia, Roma

A cura della Direzione Studi e Ricerche - Automobile Club d’Italia

Progetto grafico e impaginazione: Sumarte di Susanna Martella - Roma


INTRODUZIONE

Il sistema della patente a punti rientra tra le iniziative che il legislatore ha

posto in essere per ridurre gli incidenti stradali. In particolare, i corsi di

recupero dei punti rappresentano una importante opportunità formativa e

rieducativa per i conducenti.

In tale prospettiva, l’ACI, con questa pubblicazione intende fornire un contributo

a coloro che terranno i corsi, illustrando la ratio sottesa alle norme

sanzionate con la perdita dei punti non solo in un’ottica tecnico-giuridica,

ma anche di diffusione della cultura della sicurezza.

Nel convincimento che una maggiore consapevolezza dei principi informatori

del C.d.s favorisca una condivisione generalizzata delle regole, ci

si augura che la frequenza ai corsi abbia come conseguenza la modifica

dei comportamenti scorretti e l’adesione a stili di guida attenti e responsabili.

Automobile Club d’Italia

3


INDICE

INTRODUZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 3

CAPITOLO I - Segnaletica stradale (1 ora) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 7

LA TIPOLOGIA DEI SEGNALI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 9

I segnali verticali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 9

I segnali orizzontali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 14

I segnali luminosi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 17

Segnali e attrezzature complementari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 18

LE SEGNALAZIONI DEGLI AGENTI DEL TRAFFICO . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 18

CAPITOLO II - Norme di comportamento sulla strada (4 ore) . . . . .“ 19

VELOCITÀ E LIMITI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 20

Limiti di velocità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 21

SORPASSO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 23

Condizioni per effettuare il sorpasso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 23

Regole da osservare per il sorpasso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 23

Divieti di sorpasso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 24

DISTANZA DI SICUREZZA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 25

POSIZIONE SULLA CARREGGIATA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 27

CAMBI DI DIREZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 28

PRECEDENZA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 28

SOSTA DEL VEICOLO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 29

COMPORTAMENTO NEI PASSAGGI INGOMBRATI

O SU STRADE DI MONTAGNA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 30

COMPORTAMENTO NEI PASSAGGI A LIVELLO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 30

UTILIZZO DEI FARI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 31

COMPORTAMENTO DEI CONDUCENTI NEI CONFRONTI DEI PEDONI . . . .“ 33

OBBLIGHI VERSO FUNZIONARI, UFFICIALI ED AGENTI . . . . . . . . . . . . . . .“ 34

USO DI APPARECCHI RADIOTELEFONICI E LENTI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 34

TRASPORTO DI COSE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 34

TRASPORTO DI PERSONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 36

INGOMBRO DELLA CARREGGIATA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 37

SEGNALAZIONE DI VEICOLO FERMO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 38

Triangolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 38

Giubbotti retroriflettenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 38

CINTURE DI SICUREZZA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 40

DISPOSITIVI DI RITENUTA PER BAMBINI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 42

4


INDICE

CASCO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 44

CIRCOLAZIONE IN AUTOSTRADA E STRADE EXTRA URBANE PRINCIPALI . .“ 44

Condizioni e limitazioni della circolazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 44

Comportamenti durante la circolazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 45

COMPORTAMENTO IN PRESENZA DI VEICOLI ADIBITI A SERVIZI URGENTI .“ 47

NORME DI COMPORTAMENTO DA SEGUIRE IN CASO DI INCIDENTE . . .“ 47

CAPITOLO III - Cause degli incidenti stradali (2 ore) . . . . . . . . . . . .“ 49

CAUSE RIFERIBILI AL CONDUCENTE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 54

CAUSE RIFERIBILI ALLO STATO PSICOFISICO DEL CONDUCENTE . . . . . . . .“ 54

CAUSE RIFERIBILI AL PEDONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 59

CAUSE RIFERIBILI A DIFETTI O AVARIA DEL VEICOLO . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 60

CAUSE RIFERIBILI ALLE STRADE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 60

CONDIZIONE ATMOSFERICHE AVVERSE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 61

CAPITOLO IV - Stato psicofisico dei conducenti,

con particolare riguardo all’abuso di alcol o droghe (2 ore) . . . . .“ 65

ALCOL ETILICO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 67

Processo di assorbimento dell’alcol . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 67

Effetti: l’alterazione neuropsichica dell’assuntore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 69

La determinazione della concentrazione di alcol nel sangue . . . . . . . . . . . . .“ 72

Responsabilità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 73

SOSTANZE STUPEFACENTI O PSICOTROPE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 73

Sostanze stupefacenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 73

Sostanze psicotrope (farmaci) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 76

Responsabilità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 76

CAPITOLO V - Nozioni di responsabilità civile e penale,

omissione di soccorso (1 ora) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 77

RESPONSABILITÀ CIVILE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 78

RESPONSABILITÀ CIVILE DA CIRCOLAZIONE DEI VEICOLI . . . . . . . . . . . . .“ 79

Ambito di applicazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 80

R.C. AUTOMOBILISTICA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 83

FONDO DI GARANZIA VITTIME DELLA STRADA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 85

RESPONSABILITÀ PENALE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 86

Le sanzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 87

Responsabilità penale e circolazione stradale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 87

Accertamento dell’illecito penale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 90

Gli strumenti di tutela . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 90

OMISSIONE DI SOCCORSO IN CASO DI SINISTRO . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 91

CAPITOLO VI - Disposizioni sanzionatorie (1 ora) . . . . . . . . . . . . . .“ 93

ILLECITI PENALI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 94

5


INDICE

ILLECITI AMMINISTRATIVI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .Pag. 94

Accertamento dell’illecito amministrativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 96

Gli strumenti di tutela . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 98

I soggetti legittimati alla proposizione del ricorso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 99

Ricorso al Prefetto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 99

Ricorso al giudice di pace . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 100

Prescrizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 100

ILLECITI CIVILI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 101

LA SOTTRAZIONE DEI PUNTI DALLA PATENTE DI GUIDA . . . . . . . . . . . . . .“ 101

Attribuzione e decurtazione dei punti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 102

Meccanismo premiale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 102

Comunicazione e annotazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 103

Soggetti destinatari della comunicazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 103

Verifica del punteggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 104

Funzionamento dei corsi di recupero . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 104

Perdita totale dei punti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 105

CAPITOLO VII - Elementi del veicolo rilevanti

ai fini della sicurezza stradale (1 ora) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 107

ELEMENTI DEL VEICOLO E DISPOSITIVI RILEVANTI

AI FINI DELLA SICUREZZA ATTIVA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 108

Pneumatici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 108

Freni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 110

Sterzo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 111

Sospensioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 112

ABS (Anti-locking Brake System) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 112

ESP (Electronic Stability Programme) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 112

ELEMENTI DEL VEICOLO E DISPOSITIVI RILEVANTI

AI FINI DELLA SICUREZZA PASSIVA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 114

Cinture di sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 114

Airbag . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 115

Dispositivi di ritenuta per bambini . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 117

Poggiatesta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 118

Casco . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 119

APPENDICE

D.M. 29 luglio 2003 - PROGRAMMI DEI CORSI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 121

D.M. 29 luglio 2003 - ACCREDITAMENTO DEI SOGGETTI

PER LO SVOLGIMENTO DEI CORSI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 123

IL RISARCIMENTO DIRETTO: CRITERI DI DETERMINAZIONE

DEL GRADO DI RESPONSABILITÀ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 125

VIOLAZIONI DEL CODICE DELLA STRADA

CHE COMPORTANO LA SOTTRAZIONE DEI PUNTI . . . . . . . . . . . . . . . . . . .“ 131

6


CAPITOLO I

Segnaletica stradale


CAPITOLO I

Segnaletica stradale

La segnaletica stradale si propone di:

• prescrivere le regole di comportamento da tenere;

• informare sulle situazioni di pericolo esistenti;

• fornire le indicazioni necessarie per la corretta e sicura circolazione.

La sicurezza della circolazione non dipende solo dalle caratteristiche del veicolo

ma anche dal rapporto che l’utente ha con la strada e, di conseguenza,

dal livello d’informazione che riceve dall’ambiente circostante. L’insieme dei

messaggi che giungono all’utente interagisce, quindi, con la formazione tecnica

e la cultura personale determinandone il comportamento. Da qui discende

l’importanza della segnaletica quale strumento capace di orientare i comportamenti

di guida. Da ultimo, come noto, il legislatore ha ritenuto ampliare

la sfera sanzionatoria introducendo anche il meccanismo della sottrazione

di punti dalla patente di guida (Cfr. Cap. VI, Disposizioni Sanzionatorie).

NUOVO CODICE DELLA STRADA*

Cantieristica

Art. 21

Verticale

Art. 39

Orizzontale

Art. 40

Luminosa

Art. 41

Complementare

Art. 42

REGOLAMENTO**

Artt.

da 30 a 43

Artt.

da 77 a 136

Artt.

da 137 a 155

Artt.

da 156 a 171

Artt.

da 172 a 180

* D.lvo 30 aprile 1992, n.285 e s.m.

** D.p.r. 16 dicembre 1992, n. 495

8


Segnaletica stradale

CAPITOLO I

LA TIPOLOGIA DEI SEGNALI

La segnaletica stradale comprende i seguenti gruppi:

• segnali verticali;

• segnali orizzontali;

• segnali luminosi;

• segnali e attrezzature complementari.

La gerarchia tra i segnali

Le prescrizioni dei segnali semaforici, esclusa quella lampeggiante gialla

di pericolo, prevalgono su quelle date a mezzo dei segnali verticali e orizzontali

che regolano la precedenza. Le prescrizioni dei segnali verticali

prevalgono su quelle dei segnali orizzontali.

In ogni caso prevalgono le segnalazioni degli agenti del traffico (art. 38,

comma 2, C.d.s.)

Non osservare i comportamenti indicati dalla segnaletica stradale

comporta, salvo diversa previsione del C.d.s., la decurtazione di 2 punti.

I SEGNALI VERTICALI

I segnali verticali si dividono nelle seguenti categorie:

a) segnali di pericolo: preavvisano l’esistenza di pericoli, ne indicano la

natura e impongono ai conducenti di tenere un comportamento prudente;

b) segnali di prescrizione: rendono noti obblighi, divieti e limitazioni cui gli

utenti della strada devono uniformarsi.

c) segnali di indicazione: hanno la funzione di fornire agli utenti della strada

le informazioni necessarie o utili per la guida e per la individuazione

di località, itinerari, servizi ed impianti.

9


CAPITOLO I

Segnaletica stradale

a) I segnali di pericolo

I segnali di pericolo caratterizzati dalla forma di triangolo equilatero con

un vertice rivolto verso l’alto (sfondo bianco con bordo rosso), sono installati

quando esiste una reale situazione di pericolo sulla strada, non percepibile

con tempestività da un conducente che osservi le normali regole di

prudenza.

Per esempio: segnali di passaggio a livello con barriere e senza barriere:

• Violazione delle norme relative alla condotta

da tenere nei pressi dei passaggi a livello

Cfr. Cap. II, Norme di comportamento sulla strada

6 punti

(art.147, C.d.s.)

b) I segnali di prescrizione

I segnali di prescrizione si suddividono in:

• segnali di precedenza;

• segnali di divieto;

• segnali di obbligo.

I segnali di precedenza prescrivono agli utenti il dover dare o il diritto di

precedenza.

Il segnale che prescrive l’obbligo di dare la precedenza ha forma triangolare

con un vertice verso il basso con fondo bianco e bordo rosso.

Il segnale di STOP (di forma ottagonale con fondo rosso e scritta bianca) prescrive

l’obbligo di arrestarsi: viene utilizzato nei casi in cui l’insufficiente visibilità,

in prossimità dell’intersezione, non consente di dare la precedenza

senza arrestare il veicolo. In tali casi, quindi, le manovre, per essere effettuate

in condizione di sicurezza, dovranno essere supportate da siffatto segnale.

10


Segnaletica stradale

CAPITOLO I

Il diritto di precedenza è rappresentato, invece, con un segnale a forma di

rombo con fondo giallo e bordo bianco.

• Violazione dell’obbligo di fermarsi in corrispondenza

della striscia di arresto ed in presenza dell’apposito

segnale (inosservanza segnale di STOP)

• Violazione dell’obbligo di dare la precedenza

Cfr. Cap. II, Norme di comportamento sulla strada

6 punti

5 punti

(art.145 C.d.s.)

I segnali di divieto, di forma circolare e colore rosso, vietano agli utenti:

- il transito o determinate direzioni di marcia;

- una particolare manovra;

infine, impongono limitazioni.

Tra i principali segnali di divieto ricordiamo:

• senso vietato

• Circolare contromano

Cfr. Cap. II, Norme di comportamento sulla strada

4 punti

(art. 143, C.d.s.)

11


CAPITOLO I

Segnaletica stradale

• divieto di sorpasso

• Violazione dei divieti di sorpasso

Cfr. Cap. II, Norme di comportamento sulla strada

10 punti

(art.148, C.d.s)

• distanziamento minimo obbligatorio

• Mancato rispetto della distanza di sicurezza

Cfr. Cap. II, Norme di comportamento sulla strada

3 punti

(art.149, C.d.s.)

• limite massimo di velocità

• Superamento dei limiti di velocità:

- oltre 10 Km/h ed inferiori ai 40 Km/h 2 punti

- oltre 40 Km/h 10 punti

Cfr. Cap. II, Norme di comportamento sulla strada

(art.142, C.d.s.)

• divieto di sosta

12


Segnaletica stradale

CAPITOLO I

• La violazione del divieto di sosta comporta

sottrazione di punti, solo nei seguenti casi:

- negli spazi riservati alla fermata o stazionamento

degli autobus

- negli spazi riservati alla fermata o sosta di veicoli

per persone invalide

- sulle corsie o carreggiate riservate a mezzi pubblici 2 punti

Cfr. Cap. II, Norme di comportamento sulla strada

(art.158, C.d.s.)

I segnali di obbligo, di forma circolare e colore blu con frecce (o altri simboli)

di colore bianco, impongono agli utenti l’adozione di uno specifico comportamento

o il rispetto di una determinata condizione di circolazione.

c) I segnali di indicazione

Sono quei segnali, generalmente di forma rettangolare, che forniscono le

informazioni necessarie a garantire la corretta e sicura circolazione, nonché

ad individuare itinerari, località, servizi ed impianti stradali.

Il colore varia a seconda del tipo di strada a cui si riferiscono:

• strade urbane: fondo bianco e scritte nere;

• strade extraurbane: fondo blu e scritte bianche;

• autostrade: fondo verde e scritte bianche.

13


CAPITOLO I

Segnaletica stradale

I SEGNALI ORIZZONTALI

I segnali orizzontali, tracciati sulla strada per fornire agli utenti un corretto

instradamento, regolano la circolazione e forniscono prescrizioni od utili

indicazioni per particolari comportamenti da seguire.

Le strisce longitudinali possono essere continue o discontinue.

Quelle continue, ad eccezione di quelle che delimitano le “corsie di emergenza”,

indicano il limite invalicabile di una corsia di marcia o della carreggiata;

le discontinue delimitano, invece, le corsie di marcia o la carreggiata.

Una striscia longitudinale continua può affiancarne una discontinua: in tal

caso i conducenti che marciano alla destra di quella discontinua possono

oltrepassarla se sussistono le condizioni per la manovra di sorpasso.

Una corsia può essere riservata alla circolazione di alcune categorie di veicoli,

in genere destinati al servizio pubblico (autobus, taxi ecc.), per renderne

più fluida la circolazione; in questi casi, tutti gli altri veicoli non possono

impegnare tali corsie delimitate da due strisce continue longitudinali affiancate

(di cui una bianca ed una gialla). All’interno della corsia riservata, una

scritta indica quali veicoli possono percorrerla.

Una striscia trasversale continua (linea di arresto) indica il limite prima del

quale il conducente ha l’obbligo di arrestare il veicolo per rispettare:

14


Segnaletica stradale

CAPITOLO I

• le prescrizioni semaforiche;

il segnale di “fermarsi e dare precedenza” (STOP);

il segnale di “passaggio a livello”;

il segnale manuale del personale che espleta servizio di polizia stradale.

Una striscia trasversale discontinua, formata da triangoli con vertice opposto

al senso di marcia, indica il limite prima del quale il conducente ha l’obbligo

di arrestare il veicolo, se necessario, per rispettare il segnale “dare precedenza”.

Le strisce di margine continue possono essere oltrepassate solo dai veicoli in

attività di servizio di pubblico interesse e dai veicoli che devono effettuare

una sosta di emergenza.

• Circolare sulla corsia per la sosta di emergenza

se non per arrestarsi o riprendere la marcia

Cfr. Cap. II, Norme di comportamento sulla strada

10 punti

(art.176, C.d.s.)

15


CAPITOLO I

Segnaletica stradale

Le strisce di margine sono discontinue in corrispondenza di una strada con

obbligo di dare precedenza, di diramazioni, di corsie di accelerazione e

decelerazione, di piazzole, zone di sosta e passi carrabili.

• Violare l’obbligo di dare la precedenza

ai pedoni sugli attraversamenti pedonali

Cfr. Cap. II, Norme di comportamento sulla strada

5 punti

(art.191, C.d.s.)

Le strisce per gli attraversamenti pedonali sono formate da rettangoli con il

lato lungo parallelo all’asse della strada; su di esse i pedoni godono sempre

del diritto di precedenza, salvo il caso di diversa indicazione fornita dai

segnali semaforici.

Le strisce per gli attraversamenti ciclabili sono invece formate da due file

parallele di quadrati bianchi (di 50 cm di lato), distanziati tra loro di 50 cm.

Le strisce di delimitazione degli stalli di sosta circoscrivono lo spazio per la

sosta di un veicolo. Esse si suddividono in varie tipologie di colore diverso:

• bianche: la sosta è libera o con disco orario;

• blu: la sosta è a pagamento;

• gialle: la sosta è riservata a particolari categorie di veicoli (taxi, bus, persone

invalide ecc.).

I casi nei quali si possono perdere punti sono quelli relativi alla sosta

vietata negli spazi delimitati dalle strisce gialle riservati ad autobus e

portatori di handicap. (Vedi divieto di sosta)

16


Segnaletica stradale

CAPITOLO I

Le isole di traffico sono disegnate mediante fasce zebrate e servono ad incanalare

i veicoli verso determinate direzioni.

I SEGNALI LUMINOSI

I segnali luminosi si suddividono nelle seguenti categorie:

• segnali luminosi di pericolo e di prescrizione;

• segnali luminosi di indicazione;

• lanterne semaforiche (veicolari normali, di corsia, per veicoli di trasporto

pubblico, pedonali, per velocipedi, per corsie reversibili, gialle lampeggianti,

speciali);

• segnali luminosi particolari (per es. lavori in corso ecc.).

Il semaforo non serve solo a regolare i flussi della circolazione bensì,

spesso, indica l’insufficiente visibilità in alcuni punti di un incrocio: le

manovre, pertanto, per essere effettuate in condizioni di sicurezza necessitano

della protezione di un segnale. La luce gialla del semaforo ha una

durata media di circa tre secondi e preannuncia l’obbligo di arresto

(segnalato dal colore rosso immediatamente successivo): passare col giallo

è, quindi, un comportamento estremamente pericoloso.

Le luci delle lanterne semaforiche veicolari normali sono di forma circolare e

di colore:

• rosso, con significato di arresto;

• giallo, con significato di preavviso di arresto;

• verde, con significato di via libera.

• La mancata osservanza

delle segnalazioni semaforiche

6 punti

(art. 146 C.d.s)

17


CAPITOLO I

Segnaletica stradale

SEGNALI ED ATTREZZATURE COMPLEMENTARI

I segnali complementari evidenziano o rendono noto:

il tracciato stradale;

• particolari curve e punti critici;

• ostacoli posti sulla carreggiata o ad essa adiacenti.

Sono segnali complementari anche i dispositivi destinati ad impedire la sosta

o a rallentare la velocità.

LE SEGNALAZIONI DEGLI AGENTI DEL TRAFFICO

Le segnalazioni degli agenti del traffico sono:

• braccio alzato verticalmente che significa attenzione, arresto;

• braccio o braccia tese orizzontalmente significano: arresto per tutti gli utenti

provenienti da direzioni che intersecano quella indicata dal braccio o

dalle braccia e, per contro, via libera per coloro che percorrono la direzione

parallela a quella indicata dal braccio o dalle braccia.

Dopo le segnalazioni precedenti l’agente può abbassare le braccia; la nuova

posizione significa arresto per tutti gli utenti che si trovano di fronte all’agente

o dietro di lui e via libera per coloro che si trovano di fianco.

Gli agenti, per esigenze connesse con la fluidità o con la sicurezza della circolazione,

possono far accelerare o rallentare la marcia dei veicoli, fermare

o dirottare correnti veicolari o singoli veicoli, nonché dare altri ordini necessari

a risolvere situazioni contingenti, anche se in contrasto con la segnaletica

esistente, ovvero con le norme di circolazione.

• La mancata osservanza delle prescrizioni

imposte dagli agenti del traffico

6 punti

(art.146 C.d.s.)

18


CAPITOLO II

Norme di comportamento sulla strada


CAPITOLO II

Norme di comportamento sulla strada

Il titolo V del Codice della Strada, relativo alle norme di comportamento, si

basa sul principio secondo cui gli utenti della strada devono comportarsi in

modo tale da non costituire pericolo o intralcio per la circolazione ed in

modo che sia, in ogni caso, salvaguardata la sicurezza stradale (art.140,

C.d.s.).

Non tutte le norme di comportamento sono descritte dai segnali.

La perdita di punti può aversi a prescindere dall’esistenza del relativo

segnale.

Si riportano, di seguito, alcune tra le principali regole di comportamento.

VELOCITÀ E LIMITI

Le norme di comportamento relative alla velocità impongono al conducente

l’osservanza di limiti che gli permettano di evitare ostacoli improvvisi.

La velocità va regolata in relazione alla capacità di reazione del conducente,

alle caratteristiche geometriche della strada e a fattori contingenti. In ogni

caso, l’eccessiva velocità costituisce già di per sé un fattore di rischio elevato

e rappresenta una delle cause principali degli incidenti stradali.

Il Codice della Strada all’art. 141, impone al conducente di “regolare la

velocità del veicolo in modo che, avuto riguardo alle caratteristiche, allo

stato ed al carico del veicolo stesso, alle caratteristiche ed alle condizioni

della strada e del traffico e ad ogni altra circostanza di qualsiasi natura,

sia evitato ogni pericolo per la sicurezza delle persone e delle cose ed

ogni altra causa di disordine per la circolazione” (comma 1).

Regolare la velocità significa mantenere il controllo del proprio veicolo ed

essere in grado di compiere tutte le manovre necessarie in condizione di

sicurezza e, specialmente, arrestare tempestivamente il veicolo entro i limiti

di visibilità e dinanzi a qualsiasi ostacolo prevedibile.

In particolare, è necessario regolare la velocità in questi casi:

• nei tratti di strada a visibilità limitata;

• nelle curve;

• in prossimità delle intersezioni e delle scuole o di altri luoghi frequentati

da fanciulli indicate dagli appositi segnali;

• nelle forti discese;

20


Norme di comportamento sulla strada

CAPITOLO II

• nei passaggi stretti o ingombrati;

• nelle ore notturne;

• nei casi di insufficiente visibilità per condizioni atmosferiche o per altre

cause;

• nell’attraversamento dei centri abitati o comunque nei tratti di strada fiancheggiati

da edifici.

• Non regolare la velocità nei casi sopra citati

5 punti

art.141 C.d.S.

Il conducente deve, altresì, ridurre la velocità e anche fermarsi quando

riesce poco agevole l’incrocio con altri veicoli o in prossimità degli attraversamenti

pedonali e, in ogni caso, quando i pedoni che si trovino sul percorso

tardino a scansarsi o diano segni di incertezza.

Sulle strade e sulle aree pubbliche non possono essere organizzate o svolte

gare di velocità con veicoli a motore, senza la prescritta autorizzazione.

• Gareggiare in velocità con veicoli a motore

10 punti

N.B Tale comportamento, ai sensi dell’art. 141 C.d.s., era originariamente sanzionato anche con la sottrazione

di 10 punti. Attualmente, a seguito delle modifiche apportate con la L. n.214 del 2003, la disciplina

delle gare in velocità è dettata dagli articoli 9 bis e 9 ter. La violazione di queste disposizioni comporta

l’applicazione di sanzioni penali e, in caso di accertamento del reato, la sospensione della patente

da 1 a 3 anni. Pur non essendoci un espresso riferimento alla sottrazione di 10 punti si ritiene che questa

sanzione sia applicabile anche agli artt. 9 bis e 9 ter.

LIMITI DI VELOCITÀ

La velocità massima non può superare:

• 130 km/h per le autostrade;

• 110 km/h per le strade extraurbane principali;

• 90 km/h per le strade extraurbane secondarie e per le strade extraurbane

locali

• 50 km/h per le strade nei centri abitati, con la possibilità di elevare tale

limite fino ad un massimo di 70 km/h per le strade urbane le cui caratteristiche

costruttive e funzionali lo consentano, previa installazione degli

appositi segnali.

21


CAPITOLO II

Norme di comportamento sulla strada

In caso di precipitazioni atmosferiche di qualsiasi natura, la velocità massima

non può superare i 110 km/h per le autostrade ed i 90 km/h per le strade

extraurbane principali.

In caso di nebbia, con visibilità inferiore ai 100 m, (sui tronchi stradali che

presentino caratteristiche di pericolosità a causa del frequente verificarsi del

fenomeno della nebbia, e su alcuni tratti autostradali) in presenza di appositi

segnali corredati da pannelli integrativi esplicativi “in caso di nebbia” 1 ,

la velocità massima non può superare i 50 km/h.

Il superamento del limite di velocità:

• oltre i 10 Km/h ed inferiore ai 40 Km/h

• oltre 40 Km/h

2 punti

10 punti

art. 142 C.d.s.

I gestori delle autostrade a tre corsie più corsia di emergenza, per ogni senso

di marcia, previa installazione degli appositi segnali, possono elevare

il limite massimo di velocità fino a 150 km/h tenuto conto delle caratteristiche

del tracciato autostradale e dei seguenti fattori:

• l’intensità del traffico;

• le condizioni atmosferiche prevalenti;

• i dati di incidentalità dell’ultimo quinquennio.

Peraltro, il conducente non deve circolare a velocità talmente ridotta da

costituire intralcio o pericolo per il normale flusso della circolazione.

La velocità influisce in modo più che proporzionale sullo spazio d’arresto

del veicolo. Pertanto va tenuta una distanza di sicurezza commisurata alla

velocità e allo spazio di arresto.

In condizioni della strada e del veicolo ottimali:

- a 50 km/h occorrono 25 m per fermarsi;

- a 100 km/h occorrono circa 70 m.

1) Direttiva Min. LL.PP. del 16/02/93 Prot. n. 335

22


Norme di comportamento sulla strada

CAPITOLO II

SORPASSO

Il sorpasso ai sensi dell’art.148 del Codice della Strada “è la manovra

mediante la quale un veicolo supera un altro veicolo, un animale o un

pedone – in movimento o fermi – sulla corsia o sulla parte della

carreggiata destinata normalmente alla circolazione”.

CONDIZIONI PER EFFETTUARE IL SORPASSO

Il conducente dovrà accertare che:

• la visibilità sia tale da consentire la manovra e che la stessa possa compiersi

senza costituire pericolo o intralcio;

il conducente che lo precede nella stessa corsia non abbia segnalato di

voler compiere analoga manovra;

• nessun conducente che segue sulla stessa carreggiata o semicarreggiata

abbia iniziato il sorpasso (o nessun conducente che segue sulla corsia

immediatamente alla propria sinistra, qualora la carreggiata o semicarreggiata

siano suddivise in corsie, abbia iniziato il sorpasso);

• la strada sia libera, per uno spazio tale da consentire la completa esecuzione

del sorpasso, tenendo conto della differenza tra la propria velocità

e quella dell’utente da sorpassare, nonché della presenza di utenti che

sopraggiungono dalla direzione contraria o che precedono l’utente da

sorpassare.

• Il mancato accertamento delle condizioni

per effettuare il sorpasso (sorpasso incauto)

3 punti

art.148 C.d.S

REGOLE DA OSSERVARE PER IL SORPASSO

Il conducente che sorpassa un veicolo o altro utente della strada che lo precede

sulla stessa corsia, deve:

• effettuare l’apposita segnalazione;

• portarsi sulla sinistra;

23


CAPITOLO II

Norme di comportamento sulla strada

• superare rapidamente il veicolo che precede mantenendo un’adeguata

distanza laterale;

• riportarsi a destra appena possibile, senza creare pericolo o intralcio.

• Il mancato rispetto delle regole di sorpasso

5 punti

art. 148 C.d.S.

Il conducente che viene sorpassato deve agevolare

la manovra e non accelerare.

Il sorpasso dei tram, qualora gli stessi non circolino su sede stradale riservata,

deve effettuarsi:

• a destra quando la larghezza della carreggiata (a destra del binario) lo

consenta;

• su ambo i lati, se si tratta di carreggiata a senso unico di circolazione.

Il sorpasso a destra è vietato, qualora il tram o il filobus siano fermi in mezzo

alla carreggiata per la salita e la discesa dei viaggiatori e non esista un

salvagente.

• Il sorpasso a sinistra di un tram in fermata

in sede stradale non riservata

• Il sorpasso a destra di un tram fermo per la salita

e la discesa dei passeggeri, senza salvagente

2 punti

10 punti

art. 148 C.d.S.

DIVIETI DI SORPASSO

Il sorpasso è vietato:

• in prossimità o in corrispondenza delle curve o dei dossi e in ogni altro

caso di scarsa visibilità2;

• quando un veicolo ne stia sorpassando un altro;24

24


Norme di comportamento sulla strada

CAPITOLO II

• quando i veicoli sono fermi o si muovono lentamente in prossimità di passaggi

a livello, di semafori o quando - per altre cause di congestione della

circolazione - sia necessario spostarsi nella parte della carreggiata destinata

al senso opposto di marcia;

• in prossimità o in corrispondenza delle intersezioni3;

• in prossimità o in corrispondenza dei passaggi a livello senza barriere,

salvo che la circolazione stradale sia regolata da semafori;

• quando un veicolo che precede si sia arrestato o abbia rallentato in corrispondenza

di un attraversamento pedonale per consentire ai pedoni di

attraversare la carreggiata.

• Violazione dei divieti di sorpasso

10 punti

art.148 C.d.s.

DISTANZA DI SICUREZZA

La distanza di sicurezza, durante la marcia, deve essere tale da garantire

in ogni caso l’arresto tempestivo e da evitare collisioni con i veicoli che precedono.

Il codice detta una misura precisa per tale distanza, solo nei seguenti casi:

• fuori dei centri abitati, quando esista un divieto di sorpasso solo per alcune

categorie di veicoli, tra tali veicoli deve essere mantenuta una distanza

non inferiore a 100 m. Questa disposizione non si osserva nei tratti di

strada con due o più corsie per senso di marcia.

• quando siano in azione macchine sgombraneve o spargitrici, i veicoli

devono procedere con la massima cautela. La distanza di sicurezza

rispetto a tali macchine non deve essere comunque inferiore a 20 m.

2) In tali casi il sorpasso è consentito solo quando la strada è a due carreggiate separate o a carreggiata a

senso unico o con almeno due corsie con lo stesso senso di marcia e vi sia tracciata apposita segnaletica orizzontale.

3) Il sorpasso in prossimità od in corrispondenza delle intersezioni è, però, consentito:

a) quando il conducente del veicolo che si vuole sorpassare abbia segnalato che intende svoltare a sinistra e

abbia iniziato detta manovra;

b) quando avvenga su strada a precedenza, purché a due carreggiate separate o a senso unico o ad almeno

due corsie con lo stesso senso di marcia e le corsie siano delimitate dall’apposita segnaletica orizzontale;

c) quando il veicolo che si sorpassa è a due ruote non a motore, sempre che non sia necessario spostarsi sulla

parte della carreggiata destinata al senso opposto di marcia;

d) quando la circolazione sia regolata da semafori o da agenti del traffico.

25


CAPITOLO II

Norme di comportamento sulla strada

• Inosservanza della distanza di sicurezza

3 punti

• In caso di collisione con lesioni gravi alle persone

8 punti

• In caso di collisione con grave danno ai veicoli tale

da determinare la revisione 4 del veicolo

(2 volte in due anni) 5 punti

art.149 C.d.s

La distanza di sicurezza è una variabile dipendente da vari fattori di ordine

oggettivo e soggettivo, in particolare, infatti:

• lo spazio di arresto varia con la velocità e si compone di uno spazio percorso

durante il tempo di reazione (almeno un secondo) più lo spazio

strettamente necessario per fermarsi.

In via indicativa, alla velocità di 50 Km/h lo spazio percorso nel tempo

di reazione (1 secondo) è di 14 metri, mentre lo spazio strettamente

necessario per fermarsi è pari a 11 m (su fondo asciutto): in definitiva a

50 Km/h occorrono 25 m per arrestare il veicolo.

• L’aumento della velocità fa aumentare più che proporzionalmente lo spazio

di arresto.

Mediamente a 100 Km/h, lo spazio percorso nel tempo di reazione (un

secondo) è pari a 28 m, mentre lo spazio strettamente necessario per fermarsi

è pari a 43 m (4 volte tanto lo spazio necessario a 50 Km/h), in

definitiva a 100 Km/h occorrono 71 m per arrestare il veicolo.

• Condizioni di manutenzione del veicolo: lo stato non ottimale del sistema

frenante, l’usura e la non corretta pressione di esercizio dei pneumatici

peggiorano le prestazioni tecniche del veicolo.

In caso di pneumatici usurati oppure non correttamente gonfiati diminuisce

l’aderenza e gli spazi di arresto aumentano dal 10% al 30% (28- 32

m a 50 Km/h e 80-90 m a 100 Km/h).

4) In caso di incidente, qualora i danni riportati dai veicoli coinvolti siano tali da determinare dubbi sulle condizioni

di sicurezza per la circolazione, gli organi di Polizia stradale, intervenuti per i rilievi, ai sensi dell’art.

80, comma 7, del C.d.s. sono tenuti a darne notizia al Dipartimento per i Trasporti Terrestri, al fine di disporre

la revisione dei veicoli.

26


Norme di comportamento sulla strada

CAPITOLO II

• Condizioni atmosferiche: nebbia, pioggia, grandine, ghiaccio, neve ma

anche la luce diretta del sole e quella attenuata all’alba ed al tramonto

riducono la corretta percezione dello stato del traffico; il manto stradalenon

asciutto altera le ordinarie condizioni di marcia e di frenata aumentando

lo spazio necessario per la frenata in sicurezza.

In caso di pioggia i valori della distanza di arresto aumentano del 20-

30%, ossia a 50 Km/h occorrono non più 25 m bensì 30-35 m, mentre a

100Km/h si passa da 71 m a circa 85-90 m. Sulla neve o sul ghiaccio lo

spazio di arresto può addirittura quadruplicare (100 m a 50 Km/h e 280

m a 100 Km/h).

• I tempi di reazione del conducente variano in funzione dell’esperienza di

guida, dell’età, dello stato psico-fisico e del livello di attenzione. In caso

di stanchezza o riflessi appannati il tempo di reazione può aumentare

considerevolmente.

Ad esempio con un tempo di reazione di 2 secondi a 50 Km/h occorrono

40 m (invece di 25) mentre a 100 Km/h occorrono 100 m (invece di 71).

POSIZIONE SULLA CARREGGIATA

I veicoli devono circolare sulla parte destra della carreggiata e in prossimità

del margine destro della medesima, anche quando la strada è libera.

Salvo diversa segnalazione, quando una carreggiata è a due o più corsie

per senso di marcia, si deve percorrere la corsia più libera a destra; la corsia

o le corsie di sinistra sono riservate al sorpasso.

• Circolare contromano

4 punti

• Circolare contromano:

- nelle curve

- sui dossi

- in condizioni di scarsa visibilità 10 punti

• Non occupare la corsia più libera a destra,

sulle strade con carreggiata a due o più corsie

4 punti

art. 143, C.d.s.

27


CAPITOLO II

Norme di comportamento sulla strada

CAMBI DI DIREZIONE

I conducenti che, ai sensi dell’art.154, comma 1, intendono “eseguire una

manovra per immettersi nel flusso della circolazione, per cambiare direzione

o corsia, per invertire il senso di marcia, per fare retromarcia, per voltare

a destra o a sinistra, per impegnare un’altra strada, o per immettersi in

un luogo non soggetto a pubblico passaggio, ovvero per fermarsi, devono:

a) assicurarsi di poter effettuare la manovra senza creare pericolo o intralcio

agli altri utenti della strada, tenendo conto della posizione, distanza,

direzione di essi;

b) segnalare con sufficiente anticipo la loro intenzione”.

• Non rispettare le norme relative al cambiamento

di direzione, di corsia o altre manovre

• non usare gli appositi indicatori di direzione

o usarli impropriamente

2 punti

• Effettuare inversione del senso di marcia in prossimità

o in corrispondenza delle intersezioni, delle curve e dei dossi 8 punti

art.154 C.d.s.

PRECEDENZA

La regola generale quando si è in prossimità di un incrocio impone di

apprestare la massima prudenza al fine di evitare collisioni tra veicoli.

L’obbligo di dare o meno la precedenza (al fine di stabilire quale veicolo

debba transitare per primo nelle intersezioni) è posto, normalmente, da idonea

segnaletica; ove questa manchi, il veicolo che proviene da destra ha la

precedenza.

L’obbligo di dare precedenza, inoltre, si impone a coloro che provengono

da luoghi non soggetti a pubblico transito, da sentieri, tratturi e mulattiere.

Se non è diversamente disposto, negli attraversamenti di linee ferroviarie e

tramviarie, i conducenti hanno l’obbligo di dare la precedenza ai veicoli circolanti

su rotaie.

I conducenti sono tenuti a fermarsi in corrispondenza della striscia di arresto,

prima di immettersi nella intersezione, quando sia così stabilito dall’autorità

competente e la prescrizione sia resa nota con apposito segnale.

28


Norme di comportamento sulla strada

CAPITOLO II

• Violazione dell’obbligo di fermarsi in corrispondenza

della striscia di arresto ed in presenza di apposito

segnale (inosservanza segnale di stop)

• Violazione dell’obbligo di precedenza a destra

• Violazione dell’obbligo di precedenza ai veicoli su rotaie

• Violazione della segnaletica sulla precedenza, quando

si giunge da luogo non aperto a pubblico transito

o da sentieri e/o mulattiere

6 punti

5 punti

art. 145 C.d.s.

SOSTA DEL VEICOLO

La violazione del divieto di sosta comporta l’applicazione della sanzione

amministrativa pecuniaria ed, in alcuni casi, la sottrazione di punti dalla

patente.

Si intende per fermata la momentanea sospensione della marcia, mentre

per sosta la sospensione della marcia protratta nel tempo. L’arresto, invece,

è l’interruzione della marcia del veicolo dovuta ad esigenze della circolazione.

In ogni caso è richiesto che il veicolo sia collocato in posizione

tale da evitare intralcio alla circolazione, cioè il più vicino possibile al margine

destro della carreggiata.

Casi di violazione del divieto di sosta in cui è prevista la sottrazione di punti:

• negli spazi riservati allo stazionamento e alla fermata degli autobus, dei

filobus e dei veicoli circolanti su rotaia;

• negli spazi riservati alla fermata o alla sosta dei veicoli per persone invalide

e in corrispondenza degli scivoli o dei raccordi tra i marciapiedi,

rampe o corridoi di transito e la carreggiata utilizzati dagli stessi veicoli;

• nelle corsie o carreggiate riservate ai mezzi pubblici.

• La violazione del divieto di sosta nei casi sopra riportati

2 punti

art.158 C.d.s.

29


CAPITOLO II

Norme di comportamento sulla strada

COMPORTAMENTO NEI PASSAGGI INGOMBRATI

O SU STRADE DI MONTAGNA

Fermo restando il principio generale di cui all’art. 143, comma 1, C.d.s. in

forza del quale la marcia del veicolo deve avvenire in prossimità del margine

destro della carreggiata, il conducente il cui senso di marcia sia ostacolato

e non possa tenersi vicino al margine destro a causa di lavori, veicoli

fermi o altri ostacoli, è tenuto ad arrestarsi e a lasciar passare (eventualmente

anche con manovra di retromarcia) i veicoli che provengono in senso

inverso.

• Violare le norme relative al comportamento nei passaggi

ingombrati o su strade di montagna in caso di incrocio tra veicoli:

- se dal fatto derivi collisione con grave danno ai veicoli,

tale da determinare la revisione del veicolo 5

(2 volte in due anni); 5 punti

- se dalla collisione derivano lesioni gravi alle persone. 8 punti

art.150 C.d.s.

COMPORTAMENTO NEI PASSAGGI A LIVELLO

Gli utenti della strada, prima di impegnare un passaggio a livello senza barriere

o semibarriere, devono assicurarsi che nessun treno sia in vista e, solo

in tal caso, attraversare rapidamente i binari; qualora un treno sia in arrivo,

devono fermarsi senza impegnarli.

Un passaggio a livello non può essere attraversato quando:

• le barriere o semibarriere siano chiuse o stiano per chiudersi;

• le semibarriere siano in movimento di apertura;

• siano in funzione i dispositivi di segnalazione luminosa o acustica;

• siano in funzione i mezzi sostitutivi delle barriere o semibarriere.

Gli utenti della strada devono sollecitamente sgombrare il passaggio a livello.

In caso di arresto forzato del veicolo il conducente deve cercare di portarlo

fuori dei binari o, in caso di materiale impossibilità, deve fare tutto

quanto gli è possibile per evitare ogni pericolo per le persone, nonché fare

in modo che i conducenti dei veicoli su rotaia siano avvisati in tempo utile

dell’esistenza del pericolo.

5) Cfr. nota n. 4.

30


Norme di comportamento sulla strada

CAPITOLO II

• La violazione delle norme relative alla condotta

da tenere nei pressi dei passaggi a livello

6 punti

art.147 C.d.s.

UTILIZZO DEI FARI

Motoveicoli

I conducenti dei ciclomotori e di motocicli, durante la marcia, devono sempre

tenere accese le luci di posizione, proiettori anabbaglianti e, se prescritte,

le luci della targa e le luci di ingombro.

Autoveicoli

Fuori dei centri abitati, durante la marcia, i conducenti dei veicoli a motore,

devono sempre tenere accese le luci di posizione, i proiettori anabbaglianti,

le luci della targa e, se prescritte, le luci d’ingombro.

• Mancata accensione delle luci fuori dei centri abitati

1 punto

art.152, C.d.s.

I proiettori di profondità (abbaglianti) possono essere utilizzati quando l’illuminazione

esterna manchi o sia insufficiente.

I conducenti devono spegnere i proiettori di profondità (abbaglianti) passando

a quelli anabbaglianti nei seguenti casi:

a) quando stanno per incrociare altri veicoli;

b) quando seguono altro veicolo a breve distanza, salvo che l’uso dei proiettori

di profondità avvenga brevemente in modo intermittente per segnalare

al veicolo che precede l’intenzione di sorpassare;

c) in qualsiasi altra circostanza, se vi sia pericolo di abbagliare gli altri utenti

della strada ovvero i conducenti dei veicoli circolanti su binari, su corsi

d’acqua o su altre strade contigue.

• Errato utilizzo proiettori di profondità

3 punti

art.153, C.d.s.

31


CAPITOLO II

Norme di comportamento sulla strada

Nel corpo umano è presente una sostanza denominata rodopsina, grazie

alla quale la luce viene captata dagli occhi. La luminosità dei fari abbaglianti

distrugge la riserva di rodopsina provocando la perdita della vista

per qualche secondo, ossia il tempo necessario all’organismo per produrla

nuovamente.

Calcolando che alla velocità di 100 km/h in un secondo si percorrono circa

28 m, si intuisce che il tratto percorso in assenza di capacità visive è

piuttosto lungo. Si consiglia, dunque, di rallentare gradualmente evitando

di guardare la fonte di abbagliamento e procedere con la dovuta prudenza

e, ove necessario, accostarsi al margine destro della carreggiata.

Nei centri abitati 6 , i conducenti dei veicoli a motore sono tenuti a tenere

accese le luci (anabbaglianti, di posizione, della targa e, se previste, di

ingombro) da mezz’ora dopo il tramonto del sole a mezz’ora prima del suo

sorgere ed anche di giorno nelle gallerie, in caso di nebbia, di caduta di

neve, di forte pioggia e in ogni altro caso di scarsa visibilità. In tali casi,

l’uso dei dispositivi di segnalazione visiva è obbligatorio anche durante la

fermata o la sosta, a meno che il veicolo sia reso pienamente visibile dall’illuminazione

pubblica o venga collocato fuori dalla carreggiata.

Tale obbligo sussiste anche se il veicolo si trova sulle corsie di emergenza.

Fuori e dentro i centri abitati i conducenti dei veicoli a motore devono azionare

la segnalazione luminosa di pericolo (frecce):

a) nei casi di ingombro della carreggiata;

b) durante il tempo necessario a collocare e riprendere il segnale mobile di

pericolo ove questo sia necessario;

c) quando per avaria il veicolo è costretto a procedere a velocità particolarmente

ridotta;

d) quando si verifichino improvvisi rallentamenti o incolonnamenti;

e) in tutti i casi in cui la fermata di emergenza costituisce pericolo anche

momentaneo per gli altri utenti della strada.

• Uso irregolare dei dispositivi luminosi

• Uso di dispositivi luminosi non a norma

1 punto

1 punto

art.153, C.d.s.

6) Ai sensi dell’art. 3, comma 1, n. 8, del C.d.s. per centro abitato si intende “l’insieme di edifici, delimitato

lungo le vie di accesso dagli appositi segnali di inizio e fine. Per insieme di edifici si intende un raggruppa -

mento continuo, ancorché intervallato da strade, piazze, giardini o simili, costituto da non meno di venticin -

que fabbricati e da aree di uso pubblico con accessi veicolari o pedonali sulla strada”.

32


Norme di comportamento sulla strada

CAPITOLO II

COMPORTAMENTO DEI CONDUCENTI

NEI CONFRONTI DEI PEDONI

I conducenti, quando il traffico non è regolato da agenti o da semafori,

devono dare la precedenza, rallentando e all’occorrenza fermandosi, ai

pedoni che transitano sugli attraversamenti pedonali.

• Violare l’obbligo di dare la precedenza

ai pedoni sugli attraversamenti pedonali

5 punti

art.191, C.d.s.

Sulle strade sprovviste di attraversamenti pedonali, i conducenti devono

consentire al pedone, che abbia già iniziato l’attraversamento impegnando

la carreggiata, di raggiungere il lato opposto in condizioni di sicurezza.

• Violare la disposizione sopra indicata

2 punti

art.191, C.d.s.

I conducenti inoltre devono:

• fermarsi quando una persona invalida con ridotte capacità motorie o su

carrozzella, o munita di bastone bianco, o accompagnata da cane guida,

o munita di bastone bianco-rosso in caso di persona sordocieca, o

comunque altrimenti riconoscibile, attraversa la carreggiata o si accinge

ad attraversarla;

• prevenire situazioni di pericolo che possano derivare da comportamenti

scorretti o maldestri di bambini o di anziani, quando sia ragionevole prevederli

in relazione alla situazione di fatto.

• Violare le disposizioni sopra riportate

5 punti

art.191, C.d.s.

33


CAPITOLO II

Norme di comportamento sulla strada

OBBLIGHI VERSO FUNZIONARI, UFFICIALI ED AGENTI

• Violare l’obbligo di fermarsi, esibire documenti,

consentire ispezioni del veicolo su invito degli ufficiali

ed agenti della Polizia Stradale

• Forzare i posti di blocco

3 punti

10 punti

art.192, C.d.s.

USO DI APPARECCHI RADIOTELEFONICI E LENTI

È vietato al conducente di far uso durante la marcia di apparecchi radiotelefonici

ovvero di usare cuffie sonore.

È consentito l’uso di apparecchi a viva voce o dotati di auricolare (che non

richiedono per il loro funzionamento l’uso delle mani) purché il conducente

abbia adeguate capacità uditive ad entrambe le orecchie.

Il titolare di patente di guida, al quale in sede di rilascio o rinnovo della

patente stessa sia stato prescritto l’uso di lenti o di determinati apparecchi,

ha l’obbligo di usarli durante la guida.

• Violare le disposizioni sopra citate

5 punti

art.173, C.d.s.

L’utilizzo del telefono cellulare (anche se dotato del dispositivo auricolare

o “viva voce”) costituisce fonte di distrazione alla guida: infatti, influisce

negativamente sui tempi di percezione delle situazioni a rischio e, di conseguenza,

sui tempi e sulle modalità di reazione

Cfr. Cap. III, Cause degli incidenti stradali.

TRASPORTO DI COSE

Il carico dei veicoli deve essere sistemato in modo da:

• evitare la caduta o la dispersione dello stesso;

• non diminuire la visibilità al conducente né impedirgli la libertà dei movimenti

nella guida;34

34


Norme di comportamento sulla strada

CAPITOLO II

• non compromettere la stabilità del veicolo;

• non mascherare dispositivi di illuminazione e di segnalazione visiva né le

targhe di riconoscimento e i segnali fatti col braccio.

Il carico non deve superare i limiti di sagoma e di sporgenza stabiliti dal

Codice. Se il carico sporge oltre la sagoma propria del veicolo, devono

essere adottate tutte le cautele idonee ad evitare pericolo agli altri utenti

della strada.

• Violare le disposizioni relative

alla sistemazione del carico sui veicoli

3 punti

art.164 C.d.s.

In caso di emergenza è consentito il traino di un veicolo da parte di un altro

veicolo.

Il traino deve avvenire attraverso un solido collegamento idoneamente

segnalato tra i veicoli stessi, da effettuarsi mediante aggancio (con fune,

catena, cavo, barra rigida od altro analogo attrezzo).

Durante le operazioni di traino il veicolo trainato deve mantenere attivi

simultaneamente tutti gli indicatori luminosi di direzione.

In mancanza di tale segnaletica deve mantenere esposto sul lato rivolto alla

circolazione il pannello quadrangolare, rivestito di materiale retroriflettente

(ex art. 361 Reg. C.d.S.), oppure il segnale mobile di pericolo (triangolo).

• Violare le disposizioni relative al traino dei veicoli in avaria 2 punti

art.165, C.d.s.

I veicoli a motore ed i rimorchi non possono superare la massa complessiva

indicata sulla carta di circolazione.

35


CAPITOLO II

Norme di comportamento sulla strada

• Sovraccarico, con veicolo la cui massa complessiva a pieno

carico sia inferiore a 10 t 7

- eccedente il 10% 1 punto

- non eccedente il 20% 2 punti

- non eccedente il 30% 3 punti

- eccedente il 30% 4 punti

art.167, C.d.s.

TRASPORTO DI PERSONE

Il numero delle persone che possono prendere posto sui veicoli, anche in

relazione all’ubicazione dei sedili, non può superare quello indicato nella

carta di circolazione.

• Trasporto, su veicoli, di un numero di persone superiore

a quello indicato dalla C.C.

• Trasporto di animali domestici, in numero superiore ad uno

fuori dalle gabbie o in assenza di reti di protezione

• Trasporto abusivo di persone in eccedenza rispetto alla C.C.

• Trasporto, su autovetture, di un numero di persone

superiore alla C.C.

1 punto

1 punto

4 punti

2 punti

art.169, C. d. s.

Sui motocicli, il conducente deve:

• avere il libero uso delle braccia, delle mani e delle gambe;

• stare seduto in posizione corretta;

• reggere il manubrio con ambedue le mani ovvero con una mano in caso

di necessità, per opportuna manovra o segnalazione;

• non procedere sollevando la ruota anteriore.

7) Sovraccarico di un veicolo la cui massa complessiva a pieno carico risulta essere superiore di oltre il cinque

per cento a quella indicata nella carta di circolazione, quando detta massa è superiore a 10 t :

- se l'eccedenza non supera 1 t 1 punto

- se l'eccedenza non supera le 2 t 2 punti

- se l'eccedenza non supera le 3 t 3 punti

- se l'eccedenza supera le 3 t 4 punti

36


Norme di comportamento sulla strada

CAPITOLO II

L’eventuale passeggero deve essere seduto in modo stabile ed equilibrato

nella posizione determinata dalle apposite attrezzature del veicolo.

Le cose trasportate devono:

• essere solidamente assicurate;

• non sporgere lateralmente rispetto all’asse del veicolo o, longitudinalmente,

rispetto alla sagoma di esso, di oltre i 50 cm;

• non impedire o limitare la visibilità al conducente.

• Il mancato rispetto delle disposizioni sopra citate

1 punto

Art. 170 C.d.s.

INGOMBRO DELLA CARREGGIATA

Nei casi di ingombro della carreggiata per:

• avaria del veicolo;

• caduta del carico;

• altre cause.

Il conducente, al fine di evitare ogni pericolo per i veicoli che sopraggiungono,

deve:

a) sollecitamente rendere libero il transito, per quanto possibile, provvedendo

a rimuovere l’ingombro e a spingere il veicolo fuori della carreggiata

o, se ciò non è possibile, a collocarlo sul margine destro della stessa

(parallelamente al suo asse);

b) segnalare l’ingombro della carreggiata mediante il segnale mobile di

pericolo (art.162, C.d.s.) nonché informare l’ente proprietario della strada

o un organo di Polizia.

Le stesse cautele devono essere adottate nel caso di caduta o spargimento

di materie viscide, infiammabili o comunque atte a creare pericolo o intralcio

alla circolazione.

37


CAPITOLO II

Norme di comportamento sulla strada

• Non rendere libero il transito per avaria del veicolo

o caduta del carico

2 punti

• Mancata adozione delle opportune cautele in seguito

a caduta o spargimento sostanze viscide, infiammabili,

o comunque atte a creare pericolo/intralcio alla circolazione 4 punti

• Mancata segnalazione ingombro o spargimento

di sostanze di cui sopra mediante:

- segnale mobile di pericolo

- segnalazione all’ente proprietario strada o alla Polizia 2 punti

art.161, C.d.s.

SEGNALAZIONE DI VEICOLO FERMO

TRIANGOLO

L’obbligo di collocare il segnale mobile di pericolo (triangolo) sussiste quando

il veicolo, per qualsiasi motivo, sia fermo sulla carreggiata fuori dai centri

abitati:

a) di notte, quando manchino o siano inefficienti le luci posteriori di posizione

o di emergenza (quattro frecce lampeggianti) del veicolo fermo;

b) in ogni caso, di notte e di giorno, quando il veicolo non può essere scorto

a sufficiente distanza da coloro che sopraggiungono da tergo (ad es.

per la presenza di una curva o di altro ostacolo alla visibilità).

Il triangolo rientra nella dotazione obbligatoria del veicolo.

GIUBBOTTI RETRORIFLETTENTI

L’uso dei dispositivi retroriflettenti di protezione individuale (giubbotti o bretelle)

è obbligatorio dal 1° aprile 2004.

La norma è volta ad introdurre un elemento di maggiore protezione per l’automobilista

che esca per qualsiasi motivo dall’abitacolo di un’auto, ferma

sulla carreggiata.

Pertanto, l’obbligo di indossare i dispositivi di protezione individuale, previsto

espressamente per il conducente, si estende anche ai passeggeri che

scendano dal veicolo onde evitare l’esposizione a pericolo degli stessi.

38


Norme di comportamento sulla strada

CAPITOLO II

In particolare, l’obbligo di indossare i giubbotti o le bretelle retroriflettenti è

prescritto quando si scende da un veicolo fermo, fuori dai centri abitati, in

caso di scarsa visibilità:

a) di notte, quando manchino o siano inefficienti le luci posteriori di posizione

o di emergenza (quattro frecce lampeggianti) del veicolo fermo;

b) in ogni caso, di notte e di giorno, quando il veicolo non può essere scorto

a sufficiente distanza da coloro che sopraggiungono da tergo (ad es.

per la presenza di una curva o di altro ostacolo alla visibilità);

c) durante le operazioni di presegnalamento con il triangolo;

d) sulle corsie di emergenza e sulle piazzole di sosta (non sulle aree di servizio),

ma solo nelle condizioni di scarsa visibilità richiamate ai punti a) e b).

Il giubbotto o le bretelle devono essere indossate prima di scendere dall’auto:

di conseguenza, il dispositivo di protezione individuale deve essere custodito

all’interno dell’abitacolo (il triangolo spesso viene custodito nel portabagagli).

Infatti, la situazione più pericolosa da tutelare è quella della discesa

dall’auto: fase durante la quale la sagoma del veicolo (dal lato del conducente)

può invadere parte della corsia di marcia.

• Mancato utilizzo dei dispositivi di protezione individuale*

• Omessa collocazione del triangolo in caso

di avaria del veicolo

2 punti

art. 162 C.d.s.

*La sottrazione di punti si applica solo nei confronti del conducente.

Caratteristiche tecniche

I dispositivi retroriflettenti possono essere bretelle o giubbotti di colore giallo

fluorescente, arancio/rosso fluorescente o rosso fluorescente.

L’etichetta cucita all’interno del giubbotto deve contenere:

- l’identificazione del produttore;

- il nome del prodotto;

- l’indicazione della taglia;

- il riferimento alla norma EN 471;

- l’indicazione della classe;

- i simboli relativi alla manutenzione;

- il marchio CE.

Alcune di queste informazioni devono essere ripetute anche nella nota

informativa allegata al giubbotto al momento dell’acquisto.

39


CAPITOLO II

Norme di comportamento sulla strada

CINTURE DI SICUREZZA

L’art.172 del Codice della Strada impone l’obbligo al conducente e ai passeggeri

dei veicoli di categoria M1 (cioè i veicoli destinati al trasporto di

persone, aventi al massimo otto posti a sedere oltre al sedile del conducente)

N1, N2 ed N3 (veicoli a motore destinati al trasporto merci, con almeno

4 ruote, aventi massa massima non superiore a 3,5 t.; superiore a 3,5 t. ma

non superiore a 12 t.; superiore a 12 t.) di utilizzare le cinture di sicurezza

in qualsiasi situazione di marcia 8 .

Le cinture di sicurezza sono, in caso di incidente, uno dei più importanti strumenti

di protezione per chi si trova all’interno dell’autovettura. La presenza

dell’airbag non esime dall’obbligo di indossare le cinture, anzi, l’espansione

dell’airbag può comportare gravi danni se non sono indossate le cinture

di sicurezza.

È stato stimato che il corretto uso delle cinture in presenza di airbag riduce

del 50% la probabilità di morte in un incidente stradale.

La cintura va posizionata comodamente sul torace e sulla zona pelvica in

modo che, in caso di incidente, la forza d’impatto venga distribuita sulla

struttura ossea.

Per un uso corretto delle cinture quella addominale deve essere tenuta

bassa, sopra le ossa pelviche; quella diagonale sopra la spalla, facendole

attraversare la cassa toracica.

Non bisogna mai posizionare la cintura diagonale sotto le braccia o

dietro la schiena: si rischiano, in caso di incidente, gravi lesioni interne.

Assicurarsi che la cintura sia ben tesa e che il nastro della cintura non sia

arrotolato su se stesso.

Le persone di statura molto bassa, ove i veicoli non siano dotati di un sistema

di regolazione dell’altezza dell’attacco superiore delle cinture, devono

posizionare sul sedile un adattatore che, alzando il livello della seduta, consente

un uso confortevole e corretto della cintura.

L’uso della cintura è, altresì, obbligatorio per le donne in stato di gravidanza:

occorre solo posizionarle bene in basso sulle anche, regolando, per la

parte toracica, l’altezza degli attacchi superiori. Sono la migliore garanzia

di protezione, in caso di incidente, per la madre ed il feto. Il C.d.s. (art. 172,

8) La legge 18 marzo 1988 n.111 (artt.20 e 23) ha introdotto l’obbligo di indossare le cinture di sicurezza.

L’obbligo di indossarle sussiste dal 16 aprile 1988, per i passeggeri occupanti i sedili anteriori del veicolo

mentre, dal 16 aprile 1990, si è esteso anche agli occupanti dei sedili posteriori.

40


Norme di comportamento sulla strada

CAPITOLO II

comma 8 lett. f) ne esclude l’uso solo per le donne in stato di gravidanza

che abbiano una certificazione, rilasciata dal ginecologo curante, comprovante

condizioni di rischio particolare, conseguenti al loro impiego, cfr.

Cap. VII Elementi dei veicoli rilevanti ai fini della sicurezza stradale.

Tutti gli occupanti dei veicoli M2 ed M3 (destinati al trasporto di persone

con più di 8 posti a sedere oltre a quello del conducente) devono utilizzare,

quando sono seduti, i sistemi di sicurezza di cui i veicoli stessi sono

provvisti. I bambini devono essere assicurati con sistemi di ritenuta, eventualmente

presenti sui veicoli, solo se di tipo omologato secondo le normative

stabilite dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

I passeggeri dei veicoli delle categorie M2 ed M3 devono essere informati

dell’obbligo di utilizzare le cinture di sicurezza, quando sono seduti ed il

veicolo è in movimento, mediante cartelli e pittogrammi apposti in modo ben

visibile su ogni sedile (la suddetta informazione può essere fornita dal conducente,

dal bigliettaio, dalla persona designata come capogruppo o

mediante sistemi audiovisivi quale il video).

Sono esentati dall’obbligo di uso delle cinture di sicurezza e dei sistemi di

ritenuta per bambini i passeggeri dei veicoli M2 ed M3 autorizzati al trasporto

di passeggeri in piedi ed adibiti al trasporto locale e che circolano in

zona urbana.

• Mancato utilizzo di cinture da parte

del conducente e dei passeggeri *

*Si precisa che in entrambi i casi, la sottrazione dei punti riguarda solo il conducente.

5 punti

Art. 172 C.d.s.

Fonte: Croce Rossa Italiana

41


CAPITOLO II

Norme di comportamento sulla strada

DISPOSITIVI DI RITENUTA PER BAMBINI

I bambini di statura inferiore a m 1,50 devono essere assicurati al sedile

con un sistema di ritenuta per bambini, adeguato al loro peso, di tipo omologato

secondo le normative stabilite dal Ministero delle infrastrutture.

L’art.172 del C.d.s. prevede che i bambini 9 :

• minori di tre anni:

- devono viaggiare sui sedili anteriori o posteriori, trattenuti da seggiolini

omologati per la fascia di età e peso (cfr. Cap. VII, Elementi dei veicoli rilevanti

ai fini della sicurezza stradale);

- ove non siano disponibili i seggiolini, non possono viaggiare.

• di età superiore ai tre anni con statura superiore a m 1,50:

- in assenza di dispositivi di ritenuta per bambini, possono occupare un

sedile anteriore;

• di età superiore ai tre anni con statura inferiore a m 1,50:

- devono viaggiare sui sedili anteriori o posteriori, trattenuti da dispositivi

(seggiolini o adattatori) omologati per il peso e per la statura corrispondente.

I bambini non possono essere trasportati utilizzando un seggiolino

di sicurezza rivolto all’indietro su un sedile passeggeri protetto da airbag

fontale, a meno che l’airbag medesimo non sia stato disattivato anche in

maniera automatica (cfr. Cap. VII Elementi dei veicoli rilevanti ai fini della

sicurezza stradale).

Non è sanzionato il mancato utilizzo dei dispositivi di ritenuta se i bambini

viaggiano sui sedili posteriori di veicoli adibiti al trasporto pubblico (taxi,

auto noleggiate) a condizione che siano accompagnati da un passeggero di

età non inferiore ai sedici anni.

È bene ricordare che i bambini non devono mai viaggiare:

- in piedi;

- sulle ginocchia dei passeggeri;

9) La prescrizione, introdotta dalla legge 18 marzo 1988 n.111 (art.23, comma 1), è stata recepita dall’art.172,

comma 4 e 5, del Codice della strada.

42


Norme di comportamento sulla strada

CAPITOLO II

- di fronte al vano in cui è collocato un airbag;

- non protetti dai sistemi di ritenuta.

In caso di brusca frenata o incidente, il bambino, non protetto dai sistemi di

ritenuta, rischia di essere proiettato in avanti e di urtare violentemente il

capo o il tronco contro le pareti o finestrini della vettura.

Pertanto, per viaggiare senza rischi, occorre rispettare alcune cautele:

• Se il bambino ha meno di un anno, il seggiolino va posizionato in senso

contrario a quello di marcia e con una inclinazione di 45 gradi. In questo

modo, in caso di incidente, il collo del bambino, che non ha ancora

una muscolatura sviluppata, non corre il rischio di fratturarsi. Si consiglia,

inoltre, l’uso di seggiolini con fissaggio veloce, con la cintura tra le gambe

e con sostegno alla testa, posizionandoli sul sedile posteriore, preferibilmente

in posizione centrale in modo da salvaguardare il bambino in

caso di urto laterale. Il seggiolino va sempre bloccato con la cintura di

sicurezza della vettura.

• Bambini da uno a sei anni: i bambini con peso superiore ai 9 chili possono

viaggiare con il seggiolino posizionato a 90 gradi. La cintura che

trattiene il seggiolino deve essere ben stretta e la sua stabilità va controllata

spingendo il seggiolino avanti e indietro. Nel posizionare il bambino

sul seggiolino aver cura di stringere le cinture che passano sulle spalle del

bambino e quelle inferiori, in modo che siano ben aderenti al corpo e non

troppo larghe.

• Bambini da sei a dodici anni: ogni bambino va assicurato al sedile con

la rispettiva cintura di sicurezza. La cintura non va mai posizionata sotto

le braccia, perché il bambino non verrebbe trattenuto in maniera adeguata;

né sopra le braccia perché in caso di incidente la cintura potrebbe

provocarne la frattura. È consigliabile l’impiego di un cuscino sul sedile

per sollevare il tronco del bambino, garantendo così il posizionamento

corretto della cintura. Infatti, se fosse posizionata in corrispondenza del

collo del bambino, in caso di urto, quest’ultimo subirebbe gravi lesioni.

• Mancato utilizzo dei sistemi di ritenuta per bambini*

* La sottrazione di punti non si applica se a bordo del veicolo è presente

un soggetto maggiore di anni 16 tenuto alla sorveglianza del bambino.

5 punti

art. 172, C.d.S.

43


CAPITOLO II

Norme di comportamento sulla strada

CASCO

Il casco costituisce un importante dispositivo di protezione per la circolazione

sui veicoli a due ruote (cfr. Cap. VII, Elementi dei veicoli rilevanti ai fini

della sicurezza stradale).

Perché lo stesso svolga una protezione adeguata occorre:

• scegliere il casco della taglia giusta, indossarlo e allacciarlo correttamente;

• sostituire il casco dopo una caduta in quanto potrebbe essere stato compromesso

lo spessore della calotta interna;

• non applicare al casco alcun tipo di decalcomanie, autoadesivi, né verniciarlo,

in quanto i composti chimici delle vernici o dei collanti degli adesivi

potrebbero alterare la calotta esterna del casco indebolendola;

• non pulire mai il casco con solventi chimici, detersivi molto aggressivi o benzina

o altri derivati petroliferi;

• non lasciare il casco esposto a fonti di calore eccessive (per esempio invicinanza

del tubo di scarico);

• sostituire le visiere quando non rendono più possibile una visibilità ottimale.

Il casco non ha una scadenza, tuttavia, dopo 5 anni di uso regolare, sarebbe

buona regola provvedere alla sua sostituzione.

• Mancato utilizzo o uso irregolare del casco da parte

del conducente e del passeggero

5 punti

art. 171

CIRCOLAZIONE IN AUTOSTRADA E STRADE EXTRAURBANE PRINCIPALI

CONDIZIONI E LIMITAZIONI DELLA CIRCOLAZIONE

In autostrada è vietato circolare con veicoli aventi carico disordinato, non

saldamente assicurato oppure con carico suscettibile di dispersione perché

non coperto adeguatamente o con carico sporgente oltre i limiti consentiti.

• La violazione delle citate prescrizioni

4 punti

art. 175 C.d.s.

44


Norme di comportamento sulla strada

CAPITOLO II

Sulle carreggiate, sulle rampe, sugli svincoli, sulle aree di servizio o di parcheggio

e in ogni altra pertinenza autostradale è vietato trainare veicoli che

non siano rimorchi.

• Trainare veicoli che non siano rimorchi

2 punti

art. 175 C.d.s.

In autostrada, inoltre, è vietata:

• la sosta dei veicoli sulle aree di servizio o parcheggio per un tempo superiore

alle ventiquattro ore, ad eccezione che nei parcheggi riservati agli

alberghi esistenti nell’ambito autostradale o in altre aree analogamente

attrezzate;

• l’attività di soccorso senza autorizzazione;

• la circolazione di pedoni e animali (fatta eccezione per le aree di servizio

e di sosta);

• la circolazione dei veicoli non ammessi 10 .

• La violazione delle citate prescrizioni

2 punti

art. 175 C.d.s.

COMPORTAMENTI DURANTE LA CIRCOLAZIONE

Sulle carreggiate, sulle rampe e sugli svincoli delle autostrade e delle strade

extraurbane principali è vietato:

• invertire il senso di marcia e attraversare lo spartitraffico, anche all’altezza

dei varchi, nonché percorrere la carreggiata o parte di essa nel senso

di marcia opposto a quello consentito;

• effettuare la retromarcia, anche sulle corsie per la sosta di emergenza, fatta

eccezione per le manovre necessarie nelle aree di servizio o di parcheggio;

• circolare sulle corsie per la sosta di emergenza se non per arrestarsi o

riprendere la marcia;

• circolare sulle corsie di variazione di velocità se non per entrare o uscire

dalla carreggiata.

10) Cfr. art. 175, comma 2, C.d.S.

45


CAPITOLO II

Norme di comportamento sulla strada

• La violazione delle citate prescrizioni

10 punti

art.176 C.d.s.

Sulle carreggiate, sulle rampe e sugli svincoli delle autostrade e delle strade

extraurbane principali è fatto obbligo di:

• impegnare la corsia di accelerazione per immettersi sulla corsia di marcia,

nonché di dare la precedenza ai veicoli in circolazione su quest’ultima

corsia;

• impegnare tempestivamente, per uscire dalla carreggiata, la corsia di

destra, immettendosi quindi nell’apposita corsia di decelerazione sin dal

suo inizio;

• segnalare tempestivamente nei modi previsti il cambiamento di corsia;

• agevolare il transito dei veicoli di soccorso o di polizia - in occasione di

arresto della circolazione per ingorghi (o code), qualora la corsia per la

sosta di emergenza manchi o sia occupata – portandosi il più vicino possibile

alla striscia di sinistra della prima corsia di destra;

• arrestare il veicolo, ove sia dovuto il pagamento di un pedaggio, in corrispondenza

delle apposite barriere, eventualmente incolonnandosi

secondo le indicazioni date dalle segnalazioni esistenti o dal personale

addetto;

• circolare non affiancato ad altro veicolo, salvo quanto disposto per la

marcia per file parallele 11 .

• La violazione delle citate prescrizioni

2 punti

art.176 C.d.s.

11) La circolazione per file parallele è ammessa nelle carreggiate ad almeno due corsie per ogni senso di

marcia, quando la densità del traffico è tale che i veicoli occupano tutta la parte della carreggiata riservata

al loro senso di marcia.

46


Norme di comportamento sulla strada

CAPITOLO II

COMPORTAMENTO IN PRESENZA DI VEICOLI ADIBITI A SERVIZI URGENTI

Gli utenti che si trovino:

• su una strada percorsa dai veicoli muniti di dispositivi acustici supplementari

di allarme (ambulanze, Polizia, Vigili del fuoco) e, qualora ne

siano muniti, anche del dispositivo supplementare di segnalazione visiva

(a luce lampeggiante blu);

• su strade adiacenti in prossimità degli sbocchi su quella percorsa dai veicoli

di cui sopra, devono, udito il segnale acustico supplementare di allarme,

lasciare libero il passo e, se necessario, fermarsi.

È vietato viaggiare a ridosso dei veicoli adibiti a servizi di polizia, antincendio

e delle autoambulanze allo scopo di avvantaggiarsi nella progressione di

marcia.

• Non lasciare libero il passo ai veicoli adibiti a servizi

di polizia, antincendio e autoambulanza

• Viaggiare a ridosso dei veicoli adibiti a servizi urgenti,

per avvantaggiarsi nella progressione di marcia

2 punti

2 punti

art.177 C.d.s.

NORME DI COMPORTAMENTO DA SEGUIRE IN CASO DI INCIDENTE

Ai sensi dell’art. 189, comma 2, 3 e 4, le persone coinvolte in un incidente devono:

• porre in atto ogni misura idonea a salvaguardare la sicurezza della circolazione

e, compatibilmente con tale esigenza, adoperarsi affinché non

venga modificato lo stato dei luoghi e disperse le tracce utili per l’accertamento

delle responsabilità;

• ove dall’incidente siano derivati danni alle sole cose, evitare intralcio alla

circolazione;

• in ogni caso, fornire le proprie generalità, nonché dare le altre informazioni

utili anche ai fini risarcitori, alle persone danneggiate.

• La violazione delle citate prescrizioni

Cfr. Cap. V, Nozioni di responsabilità civile e penale, omissione di soccorso

2 punti

art. 189, C.d.s.

47


CAPITOLO III

Cause degli incidenti stradali


CAPITOLO III

Cause degli incidenti stradali

Nel 2005, in Italia, si sono registrati 225.078 incidenti stradali che hanno

causato circa 5.426 morti (una media di 14,87 al giorno) e il ferimento di

313.727 persone (circa 860 al giorno). Il costo sociale degli incidenti stradali

in Italia è stimato in più di 30 miliardi di euro l’anno. L’Italia, con gli

altri Paesi dell’Unione europea, si è posta l’obiettivo di ridurre del 50% il

numero di morti e di feriti entro il 2010: per raggiungere questo risultato l’Italia

non dovrebbe superare i 3.100 morti per incidenti stradali annui, ciò

equivale ad una riduzione di circa il 9% ogni anno.

L’introduzione della patente a punti, avvenuta nel 2003 con l’entrata in vigore

del Decreto Legge n. 151 del 27 giugno 2003 dà l’avvio ad un processo

di costante riduzione dell’incidentalità stradale, evidenziata dall’indice di

mortalità (numero di morti ogni 100 abitanti) che si attesta al 2,4% del 2005

contro il 4,4% del 1991 e dall’indice di gravità che passa da 3,0 a 1,7

decessi ogni 100 infortunati.

INCIDENTI STRADALI, MORTI E FERITI - ANNI 1991-2005 (valori assoluti)

Anni Incidenti Morti Feriti Indice di mortalità (a) Indice di gravità (b)

1991 170.702 7.498 240.688 4,4 3,0

1995 182.761 6.512 259.571 3,6 2,4

2000 229.034 6.649 321.796 2,9 2,0

2005 225.078 5.426 313.727 2,4 1,7

(a) L’indice di mortalità si calcola come rapporto tra il numero dei morti ed il numero degli incidenti, moltiplicato 100.

(b) L’indice di gravità si calcola come rapporto tra il numero dei morti ed il numero totale dei morti e dei feriti, moltiplicato

100.

Gli incidenti sono determinati da una molteplicità di fattori, riconducibili al

complesso uomo-veicolo-strada: il fattore umano resta quello più importante.

Nondimeno va considerato che interventi mirati per mettere in sicurezza

le strade e i veicoli possono, con grande efficacia, limitare le conseguenze

degli incidenti. Basti pensare a quanto hanno influito, in tal senso, dotazioni

tecniche dei veicoli quali cinture di sicurezza, air-bag, ABS ecc.

Le principali cause si suddividono in:

a) cause soggettive: dipendono dal comportamento dell’uomo, sia esso conducente,

passeggero o pedone. Esse rappresentano oltre l’80% delle cause

di incidente.

50


Cause degli incidenti stradali

CAPITOLO III

Queste sono in genere imputabili:

• alla mancata conoscenza del Codice della Strada;

• alla inesatta conoscenza dei fenomeni legati alla strada ed al veicolo;

• alla imprudenza ed inesperienza;

• ad uno stato psico-fisico non idoneo alla guida.

b) cause oggettive: immediatamente riconducibili al veicolo e/o alla strada.

48

Le principali cause legate al veicolo sono:

• avaria del veicolo;

• scarsa manutenzione (es. usura dei freni o dei pneumatici).

Le cause attribuibili alla strada sono:

• scarsa illuminazione;

• insufficiente segnaletica;

• errori di progettazione della rete stradale;

• infrastrutture inadeguate alle mutate condizioni della circolazione.

La statistica degli incidenti stradali riporta le cosiddette circostanze presunte

di incidente ossia quelle rilevate dall’autorità pubblica (Polizia Stradale,

Carabinieri, Polizia Municipale) intervenuta sul luogo al momento dell’accaduto.

In alcune situazioni, le cause presunte possono non corrispondere a

quelle accertate nelle fasi successive.

51


CAPITOLO III

Cause degli incidenti stradali

CAUSE ACCERTATE O PRESUNTE DI INCIDENTE STRADALE – ANNO 2005

(valore assoluto e composizione percentuale)

Descrizione Cause Valori assoluti Composizione %

Procedeva senza rispettare le regole della precedenza 46.028 18,511

di cui:

- senza rispettare il segnale di dare precedenza 15.641 6,290

- senza rispettare lo stop 15.557 6,256

- senza dare la precedenza al veicolo proveniente da destra 14.830 5,964

Procedeva con guida distratta o andamento indeciso 43.949 17,675

Procedeva con velocità troppo elevata 35.539 14,292

di cui:

- eccesso di velocità 33.742 13,570

- senza rispettare i limiti di velocità 1.797 0,723

Procedeva senza mantenere la distanza di sicurezza 30.680 12,338

Manovrava irregolarmente 17.308 6,961

Svoltava irregolarmente 8.452 3,399

Comportamento scorretto del pedone 7.929 3,189

Procedeva contromano 6.652 2,675

Sorpassava irregolarmente 6.211 2,498

Veicolo evitato 5.647 2,271

Buche, ecc. evitato 5.469 2,199

Non dava la precedenza al pedone sugli appositi attraversamenti 4.715 1,896

Ostacolo accidentale urtato 4.243 1,706

Altre cause 19.174 7,711

Cause imputabili al comportamento scorretto

del conducente alla guida o del pedone 241.996 97,322

Anormale per ebbrezza da alcool 4.107 1,652

Anormale per improvviso malore 722 0,290

Anormale per ingestione di sostanze stupefacenti o psicotrope 395 0,159

Anormale per sonno 394 0,158

Altre cause 233 0,094

Cause imputabili allo stato psico-fisico del conducente 5.851 2,353

Scoppio o eccessiva usura di pneumatici 230 0,092

Rottura o insufficienza dei freni 218 0,088

Rottura o guasto dello sterzo 90 0,036

Mancanza o insufficienza dei fari o delle luci di posizione 69 0,028

Distacco di ruota 50 0,020

Mancanza o insufficienza dei dispositivi visivi dei velocipedi 42 0,017

Altre cause 67 0,027

Cause imputabili a difetti o avarie del veicolo 766 0,308

Pedone anormale per ebbrezza da alcool 34 0,014

Altre cause 9 0,004

Cause imputabili allo stato psico-fisico del pedone 43 0,017

Totale 248.656 100,000

52


Cause degli incidenti stradali

CAPITOLO III

ANALISI DELLE CIRCOSTANZE DI INCIDENTI STRADALI MORTALI PER AMBITO STRADALE

(valori assoluti e percentuali- anno 2005)

CIRCOSTANZA D'INCIDENTE CITTÀ AUTOSTRADA ALTRO

EXTRAURBANO

frequenza % frequenza % frequenza %

Circostanza imprecisata 790 12,40 276 12,40 1.828 18,58

Procedeva regolarmente 1.251 19,63 459 20,63 1.943 19,75

Guida distratta, indecisa o imprudente 476 7,47 396 17,80 749 7,61

Non manteneva la distanza di sicurezza 164 2,57 205 9,21 271 2,75

Procedeva senza rispettare

segnalazioni o segnaletica 647 10,15 1 0,04 463 4,71

Velocità 750 11,77 313 14,07 1.513 15,38

Procedeva contromano 159 2,50 23 1,03 503 5,11

Svoltava 193 3,03 8 0,36 237 2,41

Manovrava regolarmente 111 1,74 27 1,21 66 0,67

Manovrava irregolarmente 48 0,75 16 0,72 52 0,53

Sorpassava 84 1,32 22 0,99 165 1,68

Abbagliava altri veicoli, era abbagliato o

non portava lenti corretive o app. di protesi 6 0,09 0 0,00 4 0,04

Caduta di persona da veicolo 30 0,47 6 0,27 35 0,36

Difetti o avarie del veicolo 11 0,17 2 0,09 31 0,32

Alcool & droghe 96 1,51 6 0,27 133 1,35

Sonno 8 0,13 1 0,04 62 0,63

Malessere 96 1,51 1 0,04 94 0,96

Intralcio improvviso evitato 250 3,92 226 10,16 755 7,67

di cui cod 70 veicolo 45 48 127

Sbandamento o Fuoriuscita 163 2,56 84 3,78 436 4,43

Urto con veicolo fermo

o ostacolo in posizione regolare e segnalata 202 3,17 84 3,78 140 1,42

Urto con veicolo fermo o ostacolo

in posizione irregolare o non segnalata 139 2,18 42 1,89 154 1,57

Attraversava regolarmente 287 4,500 0,0 0 28 0,28

Attraversava irregolarmente o improvvisamente 262 4,11 17 0,76 100 1,02

Camminava regolarmente 66 1,04 1 0,04 18 0,18

Camminava irregolarmente o imprudentemente 62 0,97 8 0,36 47 0,48

Saliva o scendeva da veicolo 10 0,16 0 0,00 3 0,03

Lavorava sulla carreggiata 2 0,03 1 0,04 2 0,02

Altro 9 0,14 0 0,00 6 0,06

Totale 6.372 100,00 2.225 100,00 9.838 100,00

53


CAPITOLO III

Cause degli incidenti stradali

L’analisi della distribuzione delle circostanze di incidente per ambito stradale,

dimostra che:

• in città le cause prevalenti di incidente mortale sono rappresentate dalla

velocità, dal mancato rispetto della segnaletica e dalla guida distratta;

• in autostrada le cause prevalenti di incidente sono riconducibili alla guida

distratta, al mancato rispetto della distanza di sicurezza e all’alta velocità;

• sulle strade extra-urbane a causare incidenti sono soprattutto la velocità,

il procedere contromano e la guida distratta (vedi tabella pag. 53).

Considerando poi la circostanza e la natura di incidente si rilevano le corrispondenze

indicate nella tabella seguente

Natura di incidente

Scontro frontale

Scontro fronto-laterale o laterale

Tamponamento

Urto

Investimento di pedone

Sbandamento o fuoriuscita di strada

Elaborazioni ACI su dati ISTAT 2002

Circostanza

Non rispetto segnaletica, velocità,

procedere contromano

Mancato rispetto della segnaletica

Mancato rispetto della distanza di sicurezza,

guida distratta, velocità

Guida distratta, velocità

Mancato rispetto della segnaletica

Velocità, guida distratta

CAUSE RIFERIBILI AL CONDUCENTE

Nel 2005 tra le cause soggettive di incidente stradale, come si evince dai

dati finora esposti, circa il 63% sono riferibili agli errati comportamenti di

guida del conducente. In particolare, si segnalano quelli relativi al mancato

rispetto della segnaletica (18,51%), alla guida distratta o andamento indeciso

(17,68 %), all’eccesso di velocità (14,30%) e al mancato rispetto della

distanza di sicurezza (12,34%).

• Mancato rispetto della segnaletica

Rientrano in questa categoria gli incidenti causati da:

- mancato rispetto della precedenza-Stop;

- mancato rispetto della segnaletica orizzontale e/o verticale;

- mancato rispetto delle segnalazioni semaforiche;

- mancato rispetto delle segnalazioni dell’agente.

54


Cause degli incidenti stradali

CAPITOLO III

• Guida distratta o andamento indeciso

La guida è una attività importante che richiede impegno ed attenzione,

alla stregua di una attività lavorativa a rischio. La distrazione influisce

negativamente sui tempi di percezione delle situazioni a rischio e, di conseguenza,

sui tempi e sulle modalità di reazione.

I principali elementi di distrazione alla guida sono:

- la ricerca continua di frequenze dell’autoradio o la consultazione reiterata

di dispositivi elettronici di bordo (per es. navigatore satellitare);

- l’uso del telefono cellulare, consentito durante la guida solo se munito di

auricolare o viva voce che non richieda, per il funzionamento, l’uso delle

mani. Tuttavia, non si può negare che la conversazione in sé costituisca

già una distrazione per il conducente; sarebbe preferibile arrestarsi ogni

volta che si usa il cellulare;

- la consultazione di carte stradali o, peggio, la lettura del giornale;

- l’accensione di tabacchi ed il fumo;

- lasciarsi distrarre da ciò che avviene attorno (cartelloni pubblicitari, paesaggio

ecc.);

- truccarsi;

- le discussioni animate con le persone trasportate.

Simili comportamenti possono provocare, da parte del conducente, una

serie di accelerazioni brusche, scorrettezze, rallentamenti e svolte improvvise

sottoponendo a rischi rilevanti sia i pedoni, in qualità di utenti della strada,

sia i conducenti degli altri veicoli.

• Eccesso di velocità

Il conducente dovrebbe sempre tenere la velocità che gli permette di evitare

ostacoli improvvisi, commisurandola alla capacità di reazione, alle caratteristiche

geometriche della strada ed a fattori contingenti (caratteristiche e

stato di manutenzione della strada, situazioni atmosferiche, tipologia del

proprio veicolo, livello di usura dello stesso, traffico e proprio stato psicofisico).

L’eccessiva velocità rappresenta di per sé un alto rischio ed è la causa

di circa il 14% degli incidenti stradali che avvengono nel nostro Paese

ogni anno.

I limiti di velocità indicati sulle strade vengono fissati in fase di progettazione

tenendo conto delle caratteristiche dei vari tratti stradali ed autostradali:

appositi segnali, infatti, indicano la velocità massima consentita al di

sopra della quale non è garantita la sicurezza della circolazione.

Cfr. Cap. II, Norme di comportamento sulla strada.

53

55


CAPITOLO III

Cause degli incidenti stradali

• Mancato rispetto della distanza di sicurezza

La distanza di sicurezza non è una grandezza oggettiva immediatamente

quantificabile ma è una variabile dipendente da fattori di ordine soggettivo

ed oggettivo:

- velocità;

- condizioni di manutenzione del veicolo;

- condizioni atmosferiche;

- tempi di reazione del conducente;

- tipologia del veicolo;

- entità del carico.

Cfr. Cap. II, Norme di comportamento sulla strada.

CAUSE DI INCIDENTI STRADALI - ANNO 2005

50.000

45.000

40.000

35.000

30.000

25.000

20.000

15.000

10.000

5.000

0

CAUSE RIFERIBILI ALLO STATO PSICO-FISICO DEL CONDUCENTE

Gli incidenti dovuti ad una alterazione dello stato psico-fisico del conducente,

sebbene non rappresentino una percentuale elevata del totale dei casi

(2,35%), vanno segnalati per la gravità degli eventi ed il fatto che essi coinvolgono

di più i giovani. Le cause principali che rientrano in tale categoria

sono: l’ebbrezza da alcool (4.107 casi pari al 70% della categoria), il malore

improvviso, l’ingestione di sostanze stupefacenti o psicotrope ed il sonno

che con un totale di 1.551 casi pesano per il 26%.

56


Cause degli incidenti stradali

CAPITOLO III

Inoltre, bisogna sottolineare che nella maggior parte dei casi restano coinvolti

giovani con meno di trenta anni di età, soprattutto nelle tristemente note

“stragi del sabato sera”.

Rapportando i dati del venerdì e sabato notte al totale dei dati complessivi

della intera settimana, si nota che gli incidenti del venerdì e sabato notte

sono pari al 44,3 % del totale degli incidenti notturni: analogamente, i morti

e i feriti del venerdì e sabato notte rappresentano, rispettivamente, il 45%

ed il 47,1%.

Prima di mettersi al volante occorre valutare seriamente il proprio stato

psicofisico,senza sopravvalutarsi o andare alla ricerca di “sensazioni forti”.

Inoltre, è da tenere presente che, fisicamente o psicologicamente alterati,

si è meno abili a gestire situazioni fuori dalla norma; di conseguenza

occorre essere molto più prudenti e guidare solo se è indispensabile.

Lo stato psico-fisico può essere alterato a causa dei seguenti fattori:

• ebbrezza da alcol, che agisce sul sistema nervoso ed inibisce il normale

autocontrollo della persona determinando (in misura proporzionale al

grado di concentrazione nel sangue): l’abbassamento del livello di attenzione,

la minore tempestività nella capacità di reazione, l’elevato stato di

euforia e di ebbrezza, l’alterazione delle capacità visive. Questi fenomeni

attenuano la consapevolezza e portano a sottovalutare il grado di

rischio. La guida in stato di ebbrezza alcolica fa aumentare il rischio di

incidente stradale.

Cfr. Cap. IV, Stato psicofisico dei conducenti, con particolare riferimento

all’abuso di alcol e droghe;

• assunzione di sostanze stupefacenti, che modifica le funzioni del sistema

nervoso centrale, nel senso di alterarne lo stato di coscienza. L’effetto può

essere simile a quello dell’assunzione di sostanze alcoliche, ma cresce a

livello esponenziale in relazione al tipo di sostanza assunta o all’eventuale

“cocktail” con altre sostanze (ad es., alcol, farmaci ecc.). In questi

casi è particolarmente rischioso mettersi alla guida.

Cfr. Cap. IV, Stato psicofisico dei conducenti, con particolare riferimento

all’abuso di alcol e droghe;

55

• stanchezza o stress, che comporta l’alterazione delle capacità abituali,

con affaticamento perché si subisce una condizione di eccesso di caldo o

freddo. Unica soluzione è fermarsi per una pausa. È consigliabile comunque

fare brevi pause ogni due ore di guida e pause più lunghe dopo le

quattro ore;

57


CAPITOLO III

Cause degli incidenti stradali

• malesseri o improvvisi malori, (febbre, mal di testa, influenza ecc.) che

compromettono la prontezza di riflessi. È bene evitare di mettersi alla guida.

Ove il malessere insorga durante il viaggio, è meglio ridurre la velocità

e, appena possibile, è doveroso fermarsi;

• sonno, che è regolato da meccanismi precisi a livello neurologico, la cui

alterazione può causare un cattivo smaltimento della stanchezza, con

conseguente sonnolenza diurna, e con ricadute patologiche sulla quantità

e qualità del sonno notturno, rompendo l’equilibrio sonno-veglia;

• assunzione di farmaci (ad es. psicofarmaci, antidepressivi, antistaminici

ecc.), che possono comportare profonde modifiche dell’attività cerebrale

e, quindi, l’alterazione dello stato psico-fisico di chi li assume, inducendo

sonnolenza, diminuita percezione del senso di pericolo, aumento dei tempi

di reazione (si calcola che ogni individuo ha un tempo di reazione che

varia tra 0,7 e 1,3 secondi). Prima di mettersi alla guida è perciò utile leggere

le istruzioni sui farmaci assunti e non provare nuove terapie medicinali

poiché gli effetti collaterali o la sensibilità al farmaco variano spesso

a livelli soggettivi.

Cfr. Cap. IV, Stato psicofisico dei conducenti, con particolare riferimento

all’abuso di alcol e droghe;

• disturbi della vista:

- mancato o inidoneo uso di lenti correttive o apparecchi di protesi;

- difficoltà di percezione visiva: insufficiente capacità di distinguere gli

oggetti in movimento e di valutare adeguatamente la loro distanza e velocità;

campo visivo limitato (incapacità di vedere su un orizzonte di 140°

– 70° a destra e 70° a sinistra – senza dover spostare lo sguardo o la

testa);

- cattiva visione notturna (sostanziale incapacità di adattarsi all’oscurità e

di riprendersi velocemente da un eventuale abbagliamento);

- insufficiente coordinamento visivo simultaneo di entrambi gli occhi sullo

stesso oggetto;

- incapacità di riconoscere immediatamente i vari colori e di distinguerli;

- abbagliamento: fenomeno in base al quale la luce dei fari abbaglianti

distrugge la riserva di rodopsina provocando la perdita della vista per

qualche secondo, che cessa quando l’organismo ne riproduce nuovamente

una quantità sufficiente. In proposito, si consiglia quindi di rallentare

gradualmente evitando di guardare la fonte di abbagliamento e procedere

con la dovuta prudenza, al limite accostandosi al margine destro

della carreggiata.

58


Cause degli incidenti stradali

CAPITOLO III

CAUSE RIFERIBILI AL PEDONE

Il 13% dei morti sulla strada, poco meno di mille persone all’anno, sono

pedoni.

I pedoni sono le utenze deboli della strada poiché, in caso di incidente, subiscono

le conseguenze più gravi. Si tratta, ad esempio, di incidenti causati

da attraversamento irregolare della strada, dalla presenza non consentita

sulla carreggiata, dalla discesa dal veicolo senza osservare le regole di prudenza

e dall’attraversamento, in luoghi non protetti, senza prestare sufficiente

attenzione ecc. L’attraversamento irregolare della strada presenta

un indice di mortalità superiore anche alla guida in stato di ebbrezza.

Il pedone deve attenersi ad una serie di comportamenti (in base alla legge

e al buon senso) sia per la propria sicurezza, sia per non creare intralcio e

pericolo alla circolazione.

In particolare, il pedone deve:

• camminare sui marciapiedi e sugli altri spazi a tal fine predisposti;

• in mancanza di tali spazi, camminare nel senso opposto a quello di marcia

dei veicoli;

• fare attenzione nell’attraversare la strada (utilizzando, ove esistenti, le strisce

pedonali, i sottopassaggi o i sovrapassaggi);

• evitare di attraversare la strada correndo;

• rendersi visibile di notte o in condizioni di luce insufficiente;

• non attraversare piazze o incroci trasversalmente;

• non attraversare la strada fuori dalle strisce pedonali (a meno che queste

non si trovino ad una distanza superiore ai 100 metri);

• non attraversare la strada davanti ad autobus o tram fermi.

I ciclisti, altra categoria di utenti “deboli” della strada, devono evitare di:

• attraversare la strada fuori dalla pista ciclabile (se esiste);

• procedere a zig-zag tra le macchine ferme nel traffico;

• viaggiare in due sulla bicicletta.

57

Il conducente, per ridurre al minimo la probabilità di incidenti con questi

soggetti, deve:

• rallentare nei centri abitati e nelle strade con edifici ai lati;

• dare la precedenza a pedoni e ciclisti che attraversino sulle strisce pedonali;

• non parcheggiare sui marciapiedi o occupare le piste ciclabili.

59


CAPITOLO III

Cause degli incidenti stradali

CAUSE RIFERIBILI A DIFETTI O AVARIE DEL VEICOLO

La manutenzione è l’insieme delle operazioni necessarie a conservare la perfetta

efficienza del veicolo. Può essere preventiva come nel caso dei tagliandi

di controllo, o successiva quando è necessaria una riparazione: un’efficiente

manutenzione limita i possibili rischi legati all’avaria del mezzo.

Possono essere causa di incidente:

• lo scoppio o eccessiva usura dei pneumatici;

• la rottura o insufficienza dei freni;

• la rottura o insufficienza delle sospensioni;

• la rottura o guasto allo sterzo;

• la mancanza o insufficienza dei dispositivi di illuminazione.

Per un approfondimento dei problemi che possono derivare da una cattiva

manutenzione del veicolo e per l’uso dei dispositivi di sicurezza attiva e passiva.

Cfr. Cap VII, Elementi del veicolo rilevanti ai fini della sicurezza stradale.

58

CAUSE RIFERIBILI ALLE STRADE

L’incidente, come si è detto, è determinato da una molteplicità di fattori

riconducibili al complesso uomo-veicolo-strada: occorre quindi soffermarsi

sul ruolo che la strada può avere come concausa dell’incidente.

Il concorso dell’infrastruttura nell’incidentalità stradale è avvalorato da due

considerazioni:

il diverso grado di gravità degli incidenti sulle diverse categorie di strade;

il fatto che, esaminando la localizzazione degli incidenti sulla viabilità

principale, i chilometri interessati dal fenomeno siano circa il 30% e su

questi tratti gli incidenti siano spesso ricorrenti.

Una volta individuato un tratto di strada pericoloso ed effettuato un esame

dell’incidentalità per un periodo di tre o cinque anni, le analisi preventive di

sicurezza (road safety review) possono aiutare a riconoscere la presenza,

nel tracciato stradale, di situazioni di rischio potenziale. È quindi possibile

considerare quali provvedimenti possano migliorare le caratteristiche di

sicurezza del tracciato in esame. Tali provvedimenti possono riguardare sia

correzioni di aspetti strutturali (ad es. intersezioni) o di anomalie funzionali

(ad es. visibilità), sia l’introduzione di elementi atti a limitare gli effetti dell’incidente

(ad es. pavimentazione particolare, barriere ecc.).

60


Cause degli incidenti stradali

CAPITOLO III

Le principali caratteristiche dell’infrastruttura che incidono sulla sinistrosità

sono:

• la larghezza delle corsie e delle banchine laterali;

• la presenza o meno e la tipologia di barriere centrali e laterali;

• la geometria degli accessi e delle intersezioni;

il disegno delle curve;

• la pavimentazione;

• la segnaletica orizzontale, verticale e semaforica;

• la presenza di insegne commerciali o segnalazioni turistiche che possano

indurre distrazione;

• l’illuminazione;

• la manutenzione (ad es. presenza di buche ecc.);

• la dislocazione degli attraversamenti pedonali;

• la percezione del tracciato stesso, nel suo complesso, che potrebbe indurre

a comportamenti errati (ad es. velocità eccessiva).

La definizione sistematica di una griglia di confronto, che consideri questi

parametri per tratti di strada omogenei rispetto al flusso veicolare (e ne valuti

i livelli di sicurezza in base ai dati di incidentalità), consente di mettere in

luce, per i tratti ritenuti più pericolosi, eventuali criticità rispetto all’uno o

all’altro parametro e, quindi, di scegliere l’intervento più appropriato per

ricondurre l’infrastruttura a livelli di rischio accettabili.

CONDIZIONI ATMOSFERICHE AVVERSE

Le condizioni atmosferiche possono aumentare il rischio ed essere causa di

incidente se il conducente non è sufficientemente esperto o non adotta alcuni

accorgimenti di guida.

• Pioggia

In tale caso è necessario:

- azionare il tergicristallo;

- accendere gli anabbaglianti;

- aumentare la distanza di sicurezza;

- moderare la velocità;

- evitare di frenare e/o sterzare improvvisamente.

61


CAPITOLO III

Cause degli incidenti stradali

Di frequente, in questi casi, si osserva il fenomeno dell’aquaplaning,

indotto dalla mancata aderenza del veicolo al fondo stradale con conseguente

“effetto scivolo”. L’aquaplaning si può verificare anche al di sotto

degli 80 km/h.

Cfr. Cap. VII, Elementi del veicolo rilevanti ai fini della sicurezza stradale.

60

• Neve

In questo caso, lo spazio di frenata aumenta di circa 3-4 volte. Per evitare

l’effetto aquaplaning si raccomanda di montare catene o pneumatici

da neve sulle ruote motrici del veicolo (inserendo la doppia trazione nel

caso in cui lo stesso avesse quattro ruote motrici). Un’alternativa alle catene,

adatta a tutte le auto, sono i “ragni”. In ogni caso, è bene:

- mantenere bassa e costante la velocità;

- preferire le marce basse;

- aumentare la distanza di sicurezza tra i veicoli;

- evitare manovre azzardate.

• Nebbia

È assolutamente necessario:

- viaggiare ad una velocità inferiore ai 50 km/h;

- mantenere un’andatura moderata e costante in relazione alla visibilità,

tenendo conto, laddove presente, dell’apposita segnaletica orizzontale;

- fare un corretto uso delle luci: fendinebbia anteriori, luce posteriore per

nebbia e segnalazione luminosa di pericolo in caso di improvvisi rallentamenti;

- mantenere la distanza di sicurezza;

- prestare attenzione alle strisce longitudinali della segnaletica stradale.

Nel caso in cui la situazione fosse molto critica è bene cercare di fermarsi

fuori dalla carreggiata. In ogni caso di arresto del veicolo sulla carreggiata

ricordarsi di usare la segnalazione luminosa di pericolo.

• Fondo ghiacciato

Lo spazio di frenata aumenta fino a 8-10 volte; si consiglia di:

- procedere a velocità molto ridotta e costante;

- inserire marce basse nei tratti in discesa, tenendo sotto controllo i freni;

- evitare, ove possibile, frenate brusche, accelerazioni ecc.

62


Cause degli incidenti stradali

CAPITOLO III

• Strada sdrucciolevole

Si verifica quando sulla strada si rileva presenza di fanghiglia o pietrisco,

fogliame o altro materiale scivoloso, che determinano una minore aderenza

tra pneumatici e fondo stradale. Lo stesso fenomeno può capitare

se ci sono macchie d’olio sull’asfalto oppure in caso di allagamento.

È importante in questi casi:

- procedere a velocità moderata e costante;

- aumentare la distanza di sicurezza;

- non effettuare brusche accelerate o sterzate;

- usare il freno, se necessario, dolcemente.

• Vento forte laterale

Si raccomanda di procedere a velocità moderata e fare un corretto uso

dello sterzo.

Di particolare importanza è usare prudenza nel percorrere gallerie e viadotti,

mentre è bene tenersi distanti da eventuali ostacoli laterali.

63


CAPITOLO IV

Stato psicofisico dei conducenti,

con particolare riguardo

all’abuso di alcol o droghe


CAPITOLO IV

Stato psicofisico dei conducenti

L’assunzione di sostanze farmacologicamente attive (farmaci necessari per

motivi terapeutici, alcol, sostanze stupefacenti e psicotrope) influisce in

modo diretto sull’idoneità alla guida. Il problema assume una valenza sociale

poiché molte di queste sostanze sono di uso quotidiano e spesso sono

assunte dai conducenti prima di mettersi alla guida.

L’assunzione di queste sostanze può essere fonte di incidenti stradali.

Per questo motivo è indispensabile, anzitutto, un’attività di informazione

a livello scolastico nelle classi che non abbiano ancora raggiunto l’età nella

quale è consentita la guida.

L’autodisciplina, di fronte al rischio concreto di danni anche mortali, è

senza dubbio la misura preventiva primaria di maggiore efficacia.

L’idoneità alla guida dei veicoli a motore (diversa dall’idoneità tecnica per

il rilascio della patente) dipende da un insieme di fattori umani, a carattere

generale ed individuale, quali:

• l’età e l’esperienza;

• lo stile di vita;

• lo stato emotivo e di affaticamento;

• lo stato di vigilanza e di efficienza visiva;

• i tempi di reazione dell’individuo;

• eventuali condizioni morbose acute e croniche.

Tali fattori entrano continuamente in correlazione con elementi esterni rappresentati

dallo stesso veicolo, dalle caratteristiche della strada e del traffico,

dalle condizioni ambientali e dal comportamento degli altri utenti.

Ai nostri fini, assumono particolare rilievo le condizioni psicofisiche che possono

incidere negativamente sulla guida. Queste possono essere distinte in

condizioni permanenti (o comunque stabili, per periodi relativamente lunghi)

e in condizioni temporanee. Costituiscono condizioni psicofisiche permanenti

quelle malattie ed affezioni che escludono la possibilità di rilascio

del certificato di idoneità alla guida.

Le condizioni psicofisiche che comportano inidoneità temporanea alla guida

in soggetti almeno apparentemente sani, in possesso della patente, sono

molteplici. Tra queste, si segnalano in particolare:

a) le condizioni di affaticamento del conducente, specialmente quello stato

66


Stato psicofisico dei conducenti

CAPITOLO IV

di sonnolenza che può degenerare in sonno improvviso con perdita della

coscienza, in qualsiasi ora della notte o del giorno;

b) le condizioni correlate all’assunzione di alcol etilico, sostanze stupefacenti

e sostanze psicotrope.

L’educazione stradale deve tassativamente includere informazioni e sollecitazioni

particolari su questo aspetto della guida pericolosa per sé e per

gli altri, insegnando ad adottare semplici precauzioni quali l’astensione

dalla guida subito dopo i pasti abbondanti o fermarsi per appisolarsi

pochi minuti che, in genere evitano l’insorgenza improvvisa del colpo di

sonno durante la guida.

ALCOL ETILICO

L’abituale assunzione di bevande alcoliche da parte di un numero rilevante

di persone ne spiega la larga diffusione tra i conducenti.

L’alcol etilico è assunto attraverso le bevande alcoliche in commercio che

ne contengono percentuali variabili indicate sulle etichette:

nella birra tale valore è compreso tra il 4 e il 10%; nei vini tra

il 10 e il 18%; nei liquori tra il 35 e il 45%.

PROCESSO DI ASSORBIMENTO DELL’ALCOL

• Ingestione

L’alcol attraversa lo stomaco, l’intestino tenue, il colon, passando nella circolazione

sanguigna, nei tessuti liquidi e nelle cellule.

L’alcol è solubile in acqua. La sua concentrazione nel sangue e nei tessuti

dipende dalla percentuale di acqua presente nel corpo. Pertanto, il peso

di un individuo è rilevante anche ai fini della misura dell’alcolemia (la

concentrazione dell’alcol nel sangue) perché l’acqua è un importante fattore

del peso di un soggetto. Il peso corporeo in acqua varia dal 55% al

68%. Un individuo con una percentuale elevata di peso in acqua è capace

di diluire e assorbire una maggiore quantità di alcol rispetto ad un

individuo che abbia un minor peso corporeo in acqua.

67


CAPITOLO IV

Stato psicofisico dei conducenti

• Assorbimento

L’ingestione di una bevanda alcolica a stomaco pieno causa un rallentamento

dei tempi di assorbimento dell’alcol nel sangue.

Possono influenzare l’assorbimento:

- la quantità di alcol ingerito;

- le malattie dello stomaco;

- i farmaci, in quanto rallentano il passaggio nell’intestino tenue che, invece,

una volta raggiunto, ne consente un rapido assorbimento.

• Eliminazione

Gli organi attraverso i quali avviene sono:

- i polmoni;

- il fegato;

- l’intestino.

L’eliminazione dell’alcol mediante i polmoni costituisce la base della misura

(indiretta) del tasso alcolico attraverso l’analisi dell’aria espirata (cfr.

infra).

Nel determinare la curva di assorbimento ed eliminazione (curva di Widmark: cfr. Figura 1) interviene

anche la modalità di assunzione della bevanda alcolica come accade, quando ne vengano ingerite più

dosi, in tempi successivi (ad esempio dall’inizio alla fine di un pasto).

La curva di Widmark è comunemente utilizzata per ricostruire, sulla base di una determinazione alcolimetrica,

eseguita all’ora y, la presumibile concentrazione esistente nell’ora x, ad esempio al momento

in cui il conducente è stato fermato.

CURVA ALCOLEMICA

1,5

1

0,5

Figura 1

1 2 3 4

tempo (h)

68


Stato psicofisico dei conducenti

CAPITOLO IV

Il fegato è l’organo principale nel quale viene metabolizzato l’alcol. Il processo

metabolico è lineare in funzione del tempo e viene influenzato dall’entità

della concentrazione alcolica nel sangue. Il fegato è responsabile

di circa l’85-90% dell’eliminazione metabolica, in quanto converte l’alcol

per il 70-80%.

Parte dell’eliminazione dell’alcol avviene anche attraverso le urine, il latte

materno (5% circa del totale eliminato) e l’intestino (5-10%). Il notevole

coinvolgimento del fegato spiega anche perché l’abuso protratto di alcol

lo danneggia seriamente fino a causare la cirrosi epatica.

Si calcola che la quota di eliminazione sia di circa 100 milligrammi per

kg/h. Un soggetto dal peso di 70 kg elimina circa 8-10 cc. di alcol per

ora.

Si ritiene, comunemente, che l’intervallo di tempo tra l’ultima assunzione

e la massima concentrazione nel sangue sia compreso tra 30 e 90 minuti:

questo lasso di tempo varia, però, da un individuo all’altro, in dipendenza

di diverse condizioni fisiologiche.

EFFETTI: L’ALTERAZIONE NEUROPSICHICA DELL’ASSUNTORE

La correlazione tra concentrazione di alcol nel sangue ed i suoi effetti sull’idoneità

alla guida è illustrata dalla Figura 2 che rappresenta l’incremento

progressivo dei sintomi dovuto all’azione dell’alcol.

Concentrazione nell’urina mg/ml

MORTE

7

6

5

4

3

2

1

Coma, completa incoscienza

riflessi diminuiti, temperatura

subnormale, anestesia

Stupore, forte diminuzione nella risposta

agli stimoli, incordinazione muscolare,

incombente paralisi

Confusione, turbamento delle sensazioni, diminuzione

della sensibilità dolorifica, andatura vacillante,

parola inceppata

Instabilità emotiva, inibizioni diminuite, lieve incoordinamento

muscolare, atassia, indebolimento nella risposta agli stimoli

Stato sub-clinico, individuo normale ad una osservazione superficiale

Figura 2

1 2 3 4 5 6

Alcolemia (mg/ml)

69


CAPITOLO IV

Stato psicofisico dei conducenti

La quantità di alcol nel sangue è direttamente proporzionale alla concentrazione

alcolica nell’encefalo e, quindi, agli effetti sul sistema nervoso centrale.

Il tasso alcolemico, al superamento del quale si integrano

gli estremi del reato (guida sotto l’influenza dell’alcol),

è pari a 0,5 gr/l. Tale limite, precedentemente pari a 0,8 gr/l,

è stato abbassato per ragioni prudenziali.

Va sottolineato che un tasso alcolemico pari a 0,5 gr/l comporta già il

rischio di incidenti stradali.

La probabilità che si verifichino sinistri va moltiplicata per 3, 10 e 40 per

tassi alcolemici pari, rispettivamente, a 0,8, 1 e 1,5 gr/l.

La Figura 3 rappresenta graficamente l’incremento esponenziale del rischio

di provocare un incidente in rapporto al tasso alcolemico.

RISCHIO RELATIVO DI PROVOCARE UN INCIDENTE GRAVE O MORTALE

IN FUNZIONE FRLL’ALCOLEMIA DEL CONDUCENTE

70,0

60,0

50,0

40,0

30,0

20,0

10,0

Figura 3

0,0

0 20 40 60 80 100 120 140 160 180 200

RAC (mg/100 ml)

L’incremento del rischio di causare un incidente stradale dipende dal fatto che

il conducente sottovaluta il pericolo a causa dell’assunzione di alcol.

70


Stato psicofisico dei conducenti

CAPITOLO IV

Sintomi

Rossore delle gote e della cute

Senso di caldo

Bruciori di stomaco

(acidità gastrica)

Senso di benessere artificiale

o euforia

Falso apprezzamento

della distanza

Aumento della sensibilità

all'abbagliamento notturno

Non si vede più con la coda

dell'occhio (restringimento del

campo visivo)

Causa

Aumento temporaneo

del calibro delle vene e delle

arterie che scorrono sotto la

cute (azione di vasodilatazione

periferica).

Come sopra, dopo qualche

tempo subentra una

sensazione di freddo più

intensa a causa

della perdita di calore.

Effetto lesivo sulla parete

interna dello stomaco

(mucosa gastrica).

Effetto sul sistema

nervoso centrale.

Effetto sul nervo ottico.

Effetto sul nervo ottico:

allungamento dei tempi di

adattamento dell'occhio al

cambiamento di illuminazione.

Effetto sul nervo ottico.

Conseguenze

Permanendo molto tempo a

basse temperature aumentano

le possibilità di assideramento.

Gastrite o infiammazione

della mucosa gastrica.

Si è portati a sottovalutare

il pericolo.

Errata percezione degli

ostacoli, anche stradali.

Abbagliamento prolungato

con cecità temporanea.

Scarsa visibilità agli incroci.

Tabella 1

Questi effetti dipendono non solo dalla concentrazione di alcol nel sangue

ma anche dalla reattività individuale: può accadere che in alcuni individui

certi effetti si verifichino in tempi più brevi rispetto ad altri.

Il livello massimo di alcolemia si raggiunge con l’assunzione di bevande

alcoliche:

- a digiuno, dopo circa 1/2 ora;

- durante i pasti, dopo circa 3/4 d’ora-1 ora (e si mantiene ad un livello

inferiore di circa 1/3 rispetto all’assunzione a digiuno).

Se viene ingerito alcol quando la dose precedente non è ancora stata

eliminata si determina un accumulo.

71


CAPITOLO IV

Stato psicofisico dei conducenti

Nella Tabella 2 si fornisce una indicazione di massima del rapporto tra

quantità di bevanda alcolica assunta e conseguente alcolemia.

Il tasso alcolemico, come già anticipato, è influenzato da molteplici fattori

tra i quali il peso corporeo, l’abitualità nell’assunzione di alcol e le caratteristiche

fisiche dell’assuntore.

Tasso alcolemico (in g/l)

0,4 g/l

0,5 g/l

0,8 g/l

1,2 g/l

Causa

2 bicchieri di vino o

1 boccale di birra o

1 bicchierino di liquore

2,5 bicchieri di vino o

3 birre piccole o

2 bicchierini di liquore

3,5 bicchieri di vino o

2 birre piccole o

3 bicchierini di liquore

6 bicchieri di vino o

4 bicchierini di liquore

Effetti

Diminuzione della visione

laterale e della profondità

di campo.

Euforia, diminuzione

dell’attenzione,

sottovalutazione del pericolo.

Visione alterata e difficoltà

a calcolare le distanze, occhi

più sensibli alla luce

e soggetti all’abbagliamento.

Mancanza di precisione

e inizio della perdita

di reazione.

Effetti secondari accentuati,

visione doppia e sfuocata,

falsa percezione dei colori.

Tabella 2

LA DETERMINAZIONE DELLA CONCENTRAZIONE DI ALCOL NEL SANGUE

Questa analisi, normalmente, viene effettuata dagli organi accertatori direttamente

sulle strade, subito dopo aver fatto arrestare il veicolo, attraverso

l’esame dell’aria espirata dal conducente (prova del palloncino). L’aria espirata

contiene, come si è detto, l’alcol che l’organismo elimina con la respirazione.

La concentrazione di alcol dovrà risultare da almeno due determinazioni

concordanti effettuate ad un intervallo temporale di 5 minuti e delle

quali deve essere fornita prova documentale. All’uopo, gli apparecchi

impiegati per la misurazione sono forniti di una stampante. Il conducente

deve soffiare una quantità di aria predeterminata.

Gli strumenti impiegati per questa analisi compiono automaticamente il calcolo

del tasso alcolemico: registrano i valori dell’aria espirata e li traducono

in grammi di alcol per litro di sangue visualizzandoli in un display.

72


Stato psicofisico dei conducenti

CAPITOLO IV

RESPONSABILITÀ

Il conducente versa in stato di ebbrezza, ai sensi dell’art.186 del C.d.s., se

il tasso alcolemico supera 0,5 gr/l.

• Guidare in stato di ebbrezza (cioè con tasso

alcolemico superiore a 0,5 gr/l)

• Rifiutare di sottoporsi al test alcolemico

Sanzioni:

- penale con arresto fino ad un mese e ammenda;

- amministrativa accessoria con sospensione

della patente da 15 gg a 3 mesi (da 1 a 6 mesi

in caso di recidiva nel corso di 1 anno)

10 punti

art. 186 C.d.S.

SOSTANZE STUPEFACENTI O PSICOTROPE

L’art. 187 del Codice della Strada vieta la guida in condizioni di alterazione

fisica e psichica correlata con l’uso di sostanze stupefacenti o psicotrope

1 .

Ove tali sostanze vengano assunte contemporaneamente all’alcol o ad altre

sostanze stupefacenti o psicotrope (es. cocaina + marijuana; alcol + marijuana

ecc.) si assiste ad un potenziamento dell’effetto tossico con ulteriore

riduzione dell’idoneità alla guida.

SOSTANZE STUPEFACENTI

a) Cannabis (marijuana, hashish e olio di hashish). È la sostanza psicotropa

più frequentemente rilevata nel sangue dei soggetti incorsi in incidenti

stradali mortali. La variabilità degli effetti della cannabis dipende dalla

dose assunta e dalle condizioni del soggetto al momento del consumo.

1) Le sostanze psicotrope sono farmaci capaci di esercitare un’azione sulle funzioni psichiche..

73


CAPITOLO IV

Stato psicofisico dei conducenti

Gli effetti conseguenti all’assunzione sono: blandamente psichedelici;

colori e suoni percepiti in maniera molto intensa; possibili flashback; deficit

di attenzione e di concentrazione (ancor più quando l’assunzione è

accompagnata dall’ingestione di alcol); difficoltà di messa a fuoco,

soprattutto di notte; distanza e velocità deformate; coordinamento difficoltoso,

riflessi rallentati; distorsioni percettive (ostacoli, curve, nastro stradale);

incremento della frequenza cardiaca (soprattutto se c’è contemporanea

assunzione di alcol o altre sostanze stupefacenti).

Anche una dose minima od occasionale è in grado di ridurre le funzioni

cognitive-percettive-comportamentali con riflessi negativi sull’attività

di guida.

A parità di dose, in un consumatore occasionale la concentrazione della

componente psicoattiva è circa il doppio di quella di un assuntore cronico;

di conseguenza, gli eventuali effetti ed i relativi rischi durano molto più

a lungo, quasi due volte in termini di tempo.

b) Cocaina. L’assunzione di cocaina è di per sé incompatibile con la sicurezza

alla guida ed ancor più rischioso risulta il suo consumo in associazione

con altre sostanze. Tra queste ultime, l’alcol è quella più diffusa

tra i consumatori di cocaina. L’assunzione combinata di alcol e cocaina

incrementa di oltre 11,5 volte il rischio di infarto (stroke) improvviso.

La cocaina, come la gran parte degli stimolanti, ha un’azione duplice:

• in un primo momento eccitante (sensazione di energia);

• successivamente (ed in maniera più rapida se il consumo si protrae)

produce un effetto depressivo, accompagnato da stanchezza e debolezza.

I sintomi principali, prodotti dall’assunzione, con riflessi sulla guida

sono: percezione accentuata di colori e suoni; ipersensibilità visiva; mancata

percezione di ostacoli; mancata consapevolezza del rischio e comportamenti

alla guida aggressivi; anticipazione della soglia del sonno e

della stanchezza; improvvisi colpi di sonno; in casi estremi violenza irrefrenabile.

Va evidenziato che l’assunzione di cocaina unitamente ai farmaci anabolizzanti

comporta un consistente incremento dei rischi correlati alla

guida perché produce un notevole aumento dell’aggressività.

c) Ecstasy, amfetamine e loro derivati. Sono sostanze dall’azione stimolante

ed allucinogena.

74


Stato psicofisico dei conducenti

CAPITOLO IV

Le amfetamine e i loro derivati sono potenti stimolanti. Agiscono come l’adrenalina

comportando, di conseguenza, un aumentano della pressione

del sangue, del ritmo cardiaco e della temperatura corporea.

Come altri stimolanti (ad es. la cocaina) sono caratterizzati da una duplice

azione:

• inizialmente l’assuntore sperimenta effetti gratificanti come la velocità nelle

azioni e la mancanza di stanchezza, provando emozioni più intense;

• in seguito, si ha un aumento della frequenza cardiaca e l’innalzamento della

temperatura corporea accompagnata dalla dilatazione pupillare.

La fine dell’effetto, che può durare sino a 6 ore, arriva all’improvviso

lasciando nell’assuntore un senso di irritabilità, stanchezza e stordimento.

Gli effetti collaterali e negativi che accompagnano l’assunzione di ecstasy

sono aggravati dall’alcol anche quando questo precede il consumo della

sostanza. L’alcol anticipa e sostiene gli effetti dell’ecstasy, compromette la

già carente vigilanza, altera il senso delle distanze e del pericolo, aumenta

la difficoltà a disperdere calore portando ad un ulteriore innalzamento

della temperatura corporea, con conseguente maggiore rischio di ipertermia

maligna.

I sintomi principali, dopo l’assunzione, possono essere: effetti psichedelici;

possibili flashback anche dopo settimane dall’ultima assunzione; mancata

percezione del rischio; colpi di sonno; perdita della consapevolezza delle

proprie reazioni, comportamenti non commisurati agli stimoli; irritabilità

eccessiva che può sfociare nell’aggressività (competizione alla guida).

L’associazione con altri stimolanti, depressivi o allucinogeni (LSD), produce

effetti variabili ed imprevedibili, aumentando i rischi di incidente per

colui che si pone alla guida sotto il loro effetto.

d) Oppiacei (oppio, eroina, morfina). Queste sostanze determinano alterazioni

della capacità di guida soprattutto per modificazioni dell’umore,

accompagnate da sonnolenza e rallentamento ideo-motorio. È da ritenere

pericolosa, di converso, anche la sindrome da astinenza per i noti

effetti neuropsichici che produce. Anche per gli oppiacei l’assunzione

contemporanea all’alcol produce effetti negativi sulla capacità di guida.

75


CAPITOLO IV

Stato psicofisico dei conducenti

SOSTANZE PSICOTROPE (FARMACI)

Il numero dei farmaci che può influire negativamente sulla guida è molto

ampio e ne include alcuni che vengono normalmente assunti per comuni esigenze

terapeutiche e non con finalità di abuso.

In particolare, ricordiamo che gli psicofarmaci, i neurolettici, gli ansiolitici

e gli antidepressivi sono quotidianamente assunti da moltissimi pazienti i

quali, poi, fanno abitualmente uso di veicoli a motore.

Vi può essere una correlazione tra uso di psicofarmaci ed incidenti stradali

soprattutto a causa degli effetti che tali sostanze producono: disordini motori,

alterazione dell’attenzione e della concentrazione nella guida, riduzione

dei tempi di reazione, colpi di sonno.

Anche gli antistaminici, largamente usati per la cura di manifestazioni allergiche

ed influenzali, possono compromettere l’idoneità alla guida in quanto

peggiorano le capacità psicomotorie e generano sonnolenza

È, dunque, consigliabile evitare di:

• porsi alla guida, soprattutto nel primo periodo di trattamento;

• effettuare variazioni posologiche ed associazioni non prescritte con altre

sostanze;

• assumere farmaci unitamente alle sostanze alcoliche anche durante i

pasti.

RESPONSABILITÀ

Ai sensi dell’art.187 è vietato guidare in condizioni di alterazione fisica e

psichica correlate all’uso di sostanze stupefacenti o psicotrope.

• Guidare in condizioni di alterazione psicofisica

• Rifiutare di sottoporsi all’accertamento

10 punti

Sanzioni:

- penale con arresto fino ad un mese e ammenda;

- amministrativa accessoria con sospensione

della patente da 15 gg a 3 mesi (da 1 a 6 mesi in caso di

recidiva nel corso di 1 anno)

art. 187 C.d.S.

Il capitolo è stato realizzato con la collaborazione del Prof. Angelo Fiori,

Direttore dell’Istituto di Medicina Legale delle Assicurazioni - Università Sacro Cuore di Roma

76


CAPITOLO V

Nozioni di responsabilità civile

e penale, omissione di soccorso


CAPITOLO V

Nozioni di responsabilità civile e penale, omissione di soccorso

La violazione di norme giuridiche costituisce un atto illecito ed il concetto di

responsabilità che ne deriva si riferisce al complesso delle conseguenze sfavorevoli

derivanti sulla sfera di chi agisce in violazione di precetti giuridici.

Ciò vale anche per la violazione delle norme contenute nel C.d.s.

La responsabilità si atteggia in forma più o meno intensa a seconda della

tipologia di illecito commesso. Essa può essere:

a) civile, nel caso in cui sia stata violata una norma dettata per la cura di

interessi privati (diritto civile). Tale forma di responsabilità, a sua volta,

può assumere la natura contrattuale (nel caso in cui siano stati disattesi

gli obblighi scaturenti da un contratto), ovvero extracontrattuale (nel

caso in cui sia stato violato il generale dovere di astenersi dal recare pregiudizio

agli interessi altrui).

L’illecito civile, è bene ricordare, obbliga il responsabile al risarcimento

del danno;

b) penale, quando un individuo con la propria condotta abbia violato una

norma del codice penale, cioè dettata nell’interesse dell’intera collettività

o, in alcuni specifici casi, prevista dal C.d.s.; l’illecito penale comporta, a

carico del responsabile, l’applicazione della sanzione penale, irrogata

con le forme del processo penale.

c) amministrativa, cfr. Cap. VI, Disposizioni sanzionatorie.

RESPONSABILITÀ CIVILE

In questa sede tratteremo della sola responsabilità extracontrattuale in

quanto legata alla circolazione stradale e richiamata dalle disposizioni del

C.d.s.

Un soggetto incorre in responsabilità extracontrattuale se, intenzionalmente

(dolo) o soltanto per mera imperizia, imprudenza o negligenza (colpa),

abbia arrecato ad altri un danno ingiusto.

Il codice della strada detta un principio fondamentale ai fini

della configurazione della responsabilità: gli utenti della strada devono

comportarsi in modo da non costituire pericolo o intralcio

per la circolazione ed in modo che sia in ogni caso salvaguardata la

sicurezza stradale (art.140 C.d.s.).

78


Nozioni di responsabilità civile e penale, omissione di soccorso

CAPITOLO V

Perché si configuri responsabilità extracontrattuale è indispensabile la

presenza dei seguenti elementi:

1) il fatto, cioè un comportamento umano, commissivo o omissivo;

2) il danno ingiusto, cioè la lesione di un interesse altrui tutelato dall’ordinamento

giuridico;

3) il rapporto di causalità tra il fatto ed il danno, nel senso che deve esistere

tra questi due elementi un rapporto di causa-effetto;

4) il dolo (l’intenzione di compiere il fatto) o la colpa (la mancanza di diligenza,

prudenza, perizia) che dovranno essere provati dal danneggiato.

All’accertamento della responsabilità consegue l’obbligo di risarcire il danno.

Il risarcimento è il costo che l’autore del danno è tenuto a sopportare quale

conseguenza del suo illecito.

Il danno oggetto di risarcimento può essere di natura:

• patrimoniale;

• non patrimoniale.

Il danno risarcibile è, normalmente, il danno patrimoniale, cioè suscettibile

di valutazione economica che viene quantificato facendo riferimento alle

due voci della perdita economica (danno emergente) e del mancato guadagno

(lucro cessante).

Il danno di natura non patrimoniale, consistente nelle sofferenze fisiche e

psichiche che il danneggiato ha subito, è risarcibile solo nei casi indicati

espressamente dalla legge ed è determinato e liquidato dal giudice.

Per quanto attiene, in particolare, il danno relativo all’integrità psico-fisica

del soggetto (danno biologico), si ricorda che questo è suscettibile di risarcimento

a prescindere dall’incidenza dello stesso sulla capacità lavorativa

del danneggiato. Oggetto del risarcimento è, infatti, il danno alla salute, la

cui quantificazione viene effettuata in relazione all’entità della lesione ripor -

tata e alla sua incidenza (in termini di invalidità) sulla persona.

RESPONSABILITÀ CIVILE DA CIRCOLAZIONE DI VEICOLI

Il Codice civile, art. 2054, stabilisce un regime particolare per la responsabilità

derivante dai danni cagionati dalla circolazione dei veicoli 1 .

1) La nozione di “veicolo” va desunta dall’articolo 46 C. d. s., alla stregua del quale deve intendersi per veicolo

qualsiasi macchina, di qualunque tipo, che circoli sulle strade e sia guidata dall’uomo. La stessa norma

esclude dalla categoria dei veicoli le macchine usate per il trasporto di bambini (carrozzine, passeggini) od

invalidi (sedie a rotelle), anche se servite da motore. Nessun dubbio, pertanto, che l’articolo 2054 c.c. sia

applicabile anche nel caso di scontro tra un autoveicolo ed una bicicletta.

79


CAPITOLO V

Nozioni di responsabilità civile e penale, omissione di soccorso

L’art. 2054 c.c. disciplina quattro diverse ipotesi di responsabilità:

a) del conducente del veicolo, per i danni causati da quest’ultimo

senza concorso di altri conducenti; b) del proprietario del veicolo,

per i danni causati dalla circolazione di quest’ultimo; c) dei conducenti

di più veicoli coinvolti in un unico sinistro stradale; d) del proprietario

e del conducente del veicolo, per i danni causati da un difetto

di costruzione o manutenzione di quest’ultimo.

AMBITO DI APPLICAZIONE

Le disposizioni dall’articolo 2054 c.c. si applicano nelle ipotesi in cui il danno

derivi dalla circolazione di veicoli, con esclusione di tram, funicolari e

treni.

Per circolazione si intende:

- lo spostamento del veicolo nello spazio;

- la semplice immissione nella rete viaria;

- la situazione di arresto o di sosta su strada o area pubblica di pertinenza

della stessa, comprese quelle adibite alla circolazione dei pedoni.

La disposizione di cui all’art. 2054 c.c. opera anche nel caso in cui il danno

sia stato arrecato da un veicolo in sosta (ad. es. danni provocati dall’apertura

dello sportello di autoveicolo in sosta ad altro veicolo in transito),

ovvero nel caso di scontro tra un veicolo in sosta ed uno in movimento ed

anche in presenza di un divieto di transito.

a) Responsabilità del conducente del veicolo

Il conducente è responsabile del danno provocato dalla circolazione del

veicolo se non prova di aver fatto tutto il possibile per evitarlo.

Per escludere la responsabilità non è sufficiente, quindi, dimostrare di aver

agito con prudenza, diligenza e perizia: è necessario provare il caso fortuito.

Si definisce caso fortuito un evento imprevisto e imprevedibile che rende

inevitabile il verificarsi dell’evento, ponendosi come l’unica causa efficiente

di esso.

segue

80


Nozioni di responsabilità civile e penale, omissione di soccorso

CAPITOLO V

continua

Esempi:

- albero caduto sulla sede stradale, sradicato da un vento dotato di forza

eccezionale;

- pedone che attraversa la strada al di fuori degli attraversamenti pedonali

in maniera talmente repentina da costituire un ostacolo improvviso ed

inevitabile;

- scoppio improvviso del pneumatico di un veicolo purché il conducente

non viaggi a velocità eccessiva o abbia omesso di controllare lo stato del

copertone interessato dallo scoppio;

- l’improvviso attraversamento della carreggiata da parte di un animale,

in assenza del relativo segnale.

Il caso fortuito non sussiste, ad esempio, nelle seguenti ipotesi:

- “colpo di sonno” fisiologico (prevedibile per il caldo o per precedente

consumazione di pasti o per stanchezza);

- abbagliamento da raggi solari (il conducente, in questo caso, è tenuto

ad interrompere la marcia) 2 .

Particolare attenzione merita il caso in cui vengano investiti pedoni ai fini

della individuazione della responsabilità del conducente.

Il Codice della strada, infatti, prevede:

per i conducenti:

- l’obbligo di dare la precedenza, in presenza di attraversamenti pedonali,

ai pedoni che transitano su di essi, rallentando e all’occorrenza fermandosi;

- l’obbligo di consentire al pedone che abbia già iniziato l’attraversamento

impegnando la carreggiata, sulle strade sprovviste di attraversamenti

pedonali, di raggiungere il lato opposto in condizioni di sicurezza

(art. 191, C.d.s.).

per i pedoni:

- l’obbligo di dare la precedenza ai conducenti che, in zona sprovvista di

attraversamenti pedonali, si accingono ad attraversare la carreggiata.

2) La casistica è stata tratta dalla giurisprudenza.

81


CAPITOLO V

Nozioni di responsabilità civile e penale, omissione di soccorso

La violazione delle regole appena riportate influisce sulla determinazione

della responsabilità del conducente in vario modo.

Ad esempio:

- il pedone può essere ritenuto responsabile esclusivo del sinistro soltanto

quando si ponga improvvisamente ed imprevedibilmente dinanzi alla

traiettoria del veicolo;

- la violazione di una regola di condotta da parte del pedone non è di

per sé sufficiente ad affermare la colpa esclusiva di quest’ultimo;

- la violazione di una regola di condotta da parte del pedone è però sufficiente

ad affermare un concorso di colpa del pedone stesso, ex articolo

1227 c.c., nella causazione del sinistro.

b) Responsabilità del proprietario

Il proprietario del veicolo è responsabile anche

se il veicolo è condotto da un soggetto diverso. In tal caso potrà

liberarsi da responsabilità soltanto dimostrando

che la circolazione è avvenuta contro la sua volontà.

Il proprietario del veicolo è responsabile in solido con il conducente che ha

determinato il danno. Il danneggiato, cioè, ha la facoltà di agire indifferentemente

contro il proprietario o contro il conducente al fine di ottenere il

risarcimento del danno.

c) Responsabilità dei conducenti in caso di scontro

Nel caso di scontro tra due veicoli, fino a prova contraria,

si presume che ciascuno dei conducenti abbia concorso

in parte uguale a cagionare il danno.

Da ciò deriva che ciascuno dovrà sopportare la metà del proprio danno e

risarcire la metà del danno riportato dall’altro.

Ipotesi particolari:

- tamponamento: non è applicabile la presunzione del concorso di colpa

qualora il conducente del veicolo che lo precede non abbia osservato la

distanza di sicurezza (calcolata in base alla normale marcia dei veicoli senza

tener conto di improvvisi o anomali arresti) imposta dall’art. 149 C.d.s.;

- tamponamento a catena tra veicoli in movimento: si applica la presun-

segue

82


Nozioni di responsabilità civile e penale, omissione di soccorso

CAPITOLO V

continua

zione di eguale responsabilità. Ciascun conducente potrà liberarsi da

responsabilità dimostrando che la collisione è stata determinata dall’urto

impresso dal conducente del veicolo che lo precede;

- tamponamento a catena tra veicoli in arresto temporaneo (es. coda al

casello autostradale) la responsabilità ricade sul conducente che sopraggiungendo

abbia tamponato l’ultimo dei veicoli della colonna.

R.C. AUTOMOBILISTICA

Per la circolazione dei veicoli il legislatore ha imposto l’obbligo di preventiva

assicurazione per i danni arrecati a terzi. Da gennaio 2006 la

materia è stata interamente disciplinata dal Testo unico della assicurazioni

private (decreto-legislativo 209/2005).

La circolazione del veicolo senza copertura assicurativa

è sanzionata con il pagamento di una somma di denaro che va da euro

742 a euro 2970 oltre che con il sequestro del veicolo e il suo deposito

in luogo non soggetto a pubblico transito, stabilito dall’organo

che ha accertato l’infrazione (art. 193 C.d.s.).

Dal 1° luglio 1994 le tariffe delle polizze RC auto sono state liberalizzate:

ciò comporta che ciascuna compagnia assicurativa possa stabilire liberamente

l’importo delle polizze. È, quindi, necessario prestare molta attenzione

al momento di sottoscrivere le condizioni contrattuali prospettate dalla

Compagnia assicurativa prescelta.

Il corrispettivo che l’assicurato paga all’assicurazione è definito premio.

Sistema tariffario bonus-malus.

Questa forma di RC-Auto viene calcolata tramite assegnazione ad una

classe di merito in base al numero di sinistri avvenuti durante un determinato

periodo di osservazione (che dura 1 anno e termina tre mesi prima

della scadenza della polizza).

Sono stabilite 18 classi di merito: la migliore è la classe 1 a e la peggiore

è la 18 a . L’ingresso per i nuovi assicurati è nella 14 a classe e per ogni anno

senza aver causato incidenti la classe diminuisce di una unità (Bonus), in

caso contrario, aumenta di due classi (Malus).

N.B. Ciascuna Compagnia di assicurazione stabilisce le variazioni percentuali, ma, come

regola generale, alla classe 1 a corrisponde una riduzione del 50% della tariffa base, mentre

alla classe 18 a un maggiorazione del 100%.

83


CAPITOLO V

Nozioni di responsabilità civile e penale, omissione di soccorso

In caso di sinistro, per potersi avvalere della copertura assicurativa sono

previste diverse procedure.

a) Procedura ordinaria

(artt.143/144/145/148 Testo Unico)

É la procedura alla quale si ricorre normalmente:

• entrambe le parti presentano la denuncia alla propria compagnia di assicurazione;

il danneggiato invia alla compagnia del danneggiante richiesta di risarcimento,

mediante denuncia che deve indicare una descrizione dettagliata

del sinistro, e, in caso di danno alle persone, la certificazione medica

attestante l’entità delle lesioni (in caso di decesso, il certificato di morte);

• l’assicuratore, se ritiene che le informazioni ricevute siano sufficienti, deve

effettuare entro 60 giorni dalla loro ricezione, una offerta di pagamento.

il danneggiato (qualora l’offerta sia accettata) ottiene il pagamento entro

15 giorni. In caso di rifiuto l’assicuratore deve egualmente versare la somma

che sarà incassata a titolo di acconto, senza pregiudicare le pretese

ulteriori del danneggiato.

b) Procedura di ”indennizzo diretto”

(art. 149 Testo Unico in vigore dal 1° febbraio 2007)

É una procedura applicabile solo in casi determinati

• nel caso di scontro tra soli 2 veicoli, entrambi assicurati ed individuati;

• nel caso di danni al veicolo, alle cose trasportate dell’assicurato o del conducente;

• nel caso di danno alla persona (limitatamente alle lesioni di lieve entità) 3 ;

Il danneggiato deve rivolgere la propria domanda di risarcimento direttamente

alla propria compagnia assicuratrice, la quale è obbligata a liquidare

il danno, in nome e per conto della compagnia assicuratrice del responsabile

civile.

Successivamente si rivolgerà a questa per ottenere la restituzione delle somme

versate.

3) É considerata di lieve entità la lesione che sia contenuta entro il valore di 9 punti percentuali, secondo i valori

riportati in apposite tabelle.

84


Nozioni di responsabilità civile e penale, omissione di soccorso

CAPITOLO V

La procedura è applicabile ai sinistri verificatisi a partire dal 1° febbraio

2007 e, qualora coinvolgano ciclomotori, solo a quelli che siano stati

muniti di targa ai sensi del decreto 6 marzo 2006 n. 153

FONDO DI GARANZIA VITTIME DELLA STRADA

Nel caso in cui il sinistro avvenga con veicolo non assicurato, non identificato

o assicurato con compagnia assicurativa posta in procedura di liquidazione

ovvero con veicolo posto in circolazione contro la volontà del proprietario,

il danneggiato potrà ricorrere al Fondo di garanzia vittime della

strada 4 .

Il fondo ai sensi dell’art. 283 del D.lgs n. 209/2005 assolve allo scopo di

provvedere al risarcimento danni causati da un veicolo:

• non identificato, il Fondo interviene soltanto per i danni alla persona;

• non assicurato, il Fondo interviene anche per i danni alle cose con una

franchigia assoluta della misura di 500 Euro;

• assicurato con imprese in liquidazione coatta, vengono risarciti sia i danni

alla persona che i danni alle cose;

• posto in circolazione contro la volontà del proprietario, il risarcimento è

dovuto, limitatamente ai terzi non trasportati e a coloro che sono trasportati

contro la propria volontà ovvero che sono inconsapevoli della circolazione

illegale, sia per i danni alla persona sia per i danni alle cose.

In tutte le ipotesi i risarcimenti non possono superare i massimali previsti dalla

legge al momento del sinistro.

L’istruttoria e la liquidazione dei danni per i sinistri causati da veicoli a motore

non assicurati, non identificati o posti in circolazione contro la volontà del proprietario,

è, per legge, di esclusiva competenza dell’impresa designata, individuata

in base al luogo di accadimento del sinistro, alla quale va inviata la

richiesta di risarcimento dei danni per l’apertura della pratica e nei cui confronti,

in caso di mancata definizione transattiva, deve essere esercitata l’eventuale

azione giudiziaria.

La designazione delle imprese, valida per un triennio, avviene per legge tramite

provvedimento dell’ISVAP (l’ultimo attualmente in vigore è il provv. n. 2496

del 28/12/2006).

4) Il fondo è gestito sotto il controllo del Ministero dello Sviluppo Economico dalla CONSAP (Concessionaria

servizi assicurativi pubblici) e viene alimentato tramite il versamento di un contributo (nella misura massima

del 4%) sui premi raccolti dalle imprese di assicurazione operanti nel ramo RC auto.

85


CAPITOLO V

Nozioni di responsabilità civile e penale, omissione di soccorso

RESPONSABILITÀ PENALE

È la responsabilità che si determina in capo ad un soggetto che abbia commesso

un reato. Reato è un comportamento umano in violazione della legge

penale che riproduce esattamente un fatto tipico delineato dalla legge.

Nessuno, infatti, può essere punito per un fatto non espressamente

previsto dalla legge come reato (principio di legalità).

Un soggetto, inoltre, non può essere chiamato a rispondere penalmente

per un fatto che sia stato qualificato reato da una norma entrata in

vigore successivamente al momento in cui è stato commesso.

È utile chiarire che ai fini delle norme penali una condotta può essere:

• omissiva (non fare ciò che si aveva l’obbligo di fare, non impedire ciò che

si doveva impedire);

• commissiva (fare ciò che è vietato).

Condizioni essenziali perché possa configurarsi un reato:

- la condotta (commissiva o omissiva) che riproduca quella delineata dalla

norma penale;

- l’evento dannoso o pericoloso, che costituisce violazione di un bene giuridico

tutelato dall’ordinamento (vita, salute, patrimonio, …);

- la sussistenza di un rapporto di causalità tra la condotta e l’evento, nel

senso che la condotta medesima costituisce la condizione senza la quale

l’evento non si sarebbe verificato;

- l’elemento psicologico del soggetto agente. In particolare il delitto è

doloso quando l’evento delittuoso è previsto e voluto dall’agente; è colposo

quando l’evento, anche se preveduto, non è voluto dall’agente e si

verifica a causa di negligenza, imprudenza o imperizia, o per inosservanza

di leggi, regolamenti, ordini o discipline (art. 43 c.p.).

I reati si suddividono in:

• delitti, puniti con la reclusione e/o la multa;

• contravvenzioni, punite con l’arresto e/o l’ammenda.

86


Nozioni di responsabilità civile e penale, omissione di soccorso

CAPITOLO V

LE SANZIONI

Molti illeciti penali, attraverso una normativa volta alla depenalizzazione (in

particolare la l. 689/81), sono stati trasformati in illeciti amministrativi. Da

ciò consegue che per tali fattispecie non si applicano sanzioni penali ma

sanzioni di carattere amministrativo.

Le sanzioni penali possono comportare:

86

• pene detentive: arresto e reclusione privano il soggetto responsabile della

propria libertà per un determinato periodo di tempo, previsto di volta

in volta dalla legge tra un minimo ed un massimo e determinato, in concreto,

dal giudice;

• pene pecuniarie: multa e ammenda consistono nel pagamento di un

importo in denaro fissato dal codice stesso, nella misura minima ed in

quella massima, determinato dal giudice nel rispetto dei limiti stabiliti dalla

legge.

Per il principio di legalità nessuno può essere punito

per un fatto che non sia previsto dalla legge come reato

né con pene che non siano da questa determinate.

RESPONSABILITÀ PENALE E CIRCOLAZIONE STRADALE

In materia di circolazione stradale gli illeciti penali sono:

a) delitti e contravvenzioni previsti e disciplinati, in via autonoma, dal Codice

della strada:

• art. 186 “Guida sotto l’influenza dell’alcool” (contravvenzione);

• art. 187 “Guida in stato di alterazione psicofisica per uso di sostanze

stupefacenti” (contravvenzione);

• art. 189, comma 6 e 7 “Comportamento in caso di incidente” (delitto)

omissione di soccorso cfr. infra;

• art. 9 bis “Organizzazione di competizioni non autorizzate in velocità

con veicoli a motore e partecipazione alle gare” (delitto);

• art. 9 ter “Divieto di gareggiare in velocità con i veicoli a motore” (delitto).

b) reati configurati dal C.d.s. solo in via residuale, cioè mediante l’impiego

di espressioni quali “salvo che il fatto non costituisca reato”. In queste casi

il C.d.s. sanziona, in via primaria, una determinata condotta come illeci-

87


CAPITOLO V

Nozioni di responsabilità civile e penale, omissione di soccorso

to amministrativo. Il rinvio all’ipotesi di reato riguarda comportamenti

illeciti disciplinati dal Codice penale più gravi di quelli sanzionati amministrativamente;

Esempio:

- art. 101, comma 5, “Produzione, distribuzione, restituzione e ritiro delle

targhe”;

- art. 176, comma 17, “Comportamenti durante la circolazione sulle

autostrade e sulle strade extra urbane principali”;

- art. 192, comma 7, “Obblighi verso funzionari, ufficiali ed agenti”.

c) delitti e contravvenzioni la cui disciplina è dettata interamente dal Codice

penale:

• omicidio colposo

La condotta incriminata consiste nel cagionare ad una persona la morte.

Il fatto è punito a titolo di colpa: colui che lo ha cagionato risponde ove

abbia agito per imprudenza, imperizia o negligenza o in violazione di

leggi, regolamenti, ordini o discipline.

Art. 589 c. p. - Omicidio colposo. Chiunque cagiona per colpa la morte

di una persona è punito con la reclusione da 6 mesi a 5 anni. Se il fatto è

commesso in violazione delle norme sulla disciplina della circolazione

stradale (…) la pena è della reclusione da 1 a 5 anni.

OMICIDIO COLPOSO

IPOTESI NORMALE

Art. 589 c.p.

VIOLAZIONE NORME CIRCOLAZIONE STRADALE

Art. 589, comma 2 c.p.

Reclusione da 6 mesi a 5 anni

Reclusione da 1 anno a 5 anni

• lesioni colpose

La condotta incriminata consiste nel cagionare ad altri una lesione. Nel

Codice penale non è offerta alcuna definizione di lesione. Secondo l’orientamento

della giurisprudenza per lesione si intende una riduzione

apprezzabile della funzionalità, anche in assenza di una lesione anatomica.

88


Nozioni di responsabilità civile e penale, omissione di soccorso

CAPITOLO V

Perché ricorra la responsabilità del soggetto agente è necessario che egli

abbia con la propria condotta colposa cagionato l’evento. È necessario,

cioè, che l’evento sia addebitabile a imperizia, imprudenza, negligenza,

violazione di leggi, regolamenti, ordini o discipline. La pena prevista varia

a seconda che la lesione risulti semplice, grave o gravissima.

Art. 590 c. p. - Lesioni personali colpose. Chiunque cagiona ad altri

per colpa una lesione personale è punito con la reclusione fino a 3 mesi o

con la multa fino a 309 euro. Se la lesione è grave la pena è la reclusione

da 1 a 6 mesi o la multa da euro123 a euro 619; se è gravissima la pena

è la reclusione da 3 mesi a 2 anni o la multa da euro 309 a euro 1239;

Se i fatti sono commessi con violazione delle norme sulla disciplina

della circolazione stradale (...) la pena per le lesioni gravi è la reclusione

da 2 a 6 mesi o la multa da euro 247 a euro 619; la pena

per le lesioni gravissime è la reclusione da 6 mesi a 2 anni o la multa

da euro 619 a euro 1239.

LESIONI NON GRAVI

Reclusione da 15 gg

a 3 mesi;

multa fino a 309 euro.

LESIONI COLPOSE

Art. 590 c.p.

LESIONI GRAVI

Reclusione da 1 mesi a 6 mesi;

multa da 123 a 619 euro;

nel caso di violazione di norme

sulla circolazione stradale:

reclusione da 2 mesi a 6 mesi;

multa da 247a 619 euro.

LESIONI GRAVISSIME

Reclusione da 3 mesi a 2 anni;

multa da 619 a 1239 euro;

nel caso di violazione di norme

sulla circolazione stradale:

reclusione da 6 mesi a 2 anni;

multa da 619 1239 euro.

In entrambi i casi è prevista la sospensione della patente da 1 a 6 mesi

89


CAPITOLO V

Nozioni di responsabilità civile e penale, omissione di soccorso

ACCERTAMENTO DELL’ILLECITO PENALE

Nel caso in cui l’agente accertatore rilevi una condotta che costituisce reato

ha l’obbligo di darne notizia al Pubblico Ministero che, a sua volta, – se vi

sono i presupposti – provvederà ad aprire il procedimento penale.

In questa fase possono verificarsi due ipotesi.

a) Il giudice penale competente ravvisa l’esistenza di un reato. Il processo

proseguirà fino all’accertamento della responsabilità. In caso affermativo,

il giudice irrogherà la sanzione penale prevista e, se la condotta costituisce

un illecito amministrativo, applicherà anche la sanzione amministrativa,

semprechè il soggetto responsabile non abbia nel frattempo

effettuato il pagamento. In alcuni casi, espressamente previsti dalla legge,

si applica solo la sanzione penale perché assorbe quella amministrativa.

Il processo penale potrebbe anche chiudersi per morte del soggetto

responsabile oppure per le altre cause previste dalla legge. Se dovesse

verificarsi l’ipotesi in parola, la competenza del giudice penale cesserebbe.

La morte del soggetto responsabile fa venire meno anche le eventuali

infrazioni punite con sanzione amministrativa pecuniaria.

b) Il giudice penale non ravvisa l’esistenza del reato. In questo caso rimetterà

gli atti all’Ufficio che ha effettuato la comunicazione affinché proceda

a norma del C.d.s. In altre parole, se la condotta violava le norme del

C.d.s. si applicheranno le relative sanzioni.

GLI STRUMENTI DI TUTELA

Il soggetto che sia stato condannato in primo grado dal giudice penale può

presentare, avverso la sentenza di condanna, ricorso in appello e/o ricorso

per Cassazione, secondo le norme del codice di procedura penale (art. 585

e segg. C.p.p.).

Qualora la sentenza o il decreto di condanna siano definitivi (cioè non siano

più impugnabili ovvero la Corte di Cassazione abbia rigettato il ricorso)

la Prefettura provvederà ad annotarli sulla patente del trasgressore (art. 220

C.d.s.). La sentenza di condanna (ma anche i procedimenti penali pendenti

vengono annotati temporaneamente) comporta anche la relativa iscrizione

nel casellario giudiziale (elenco carichi penali pendenti).

90


Nozioni di responsabilità civile e penale, omissione di soccorso

CAPITOLO V

OMISSIONE DI SOCCORSO IN CASO DI SINISTRO

L’omissione di soccorso, in caso di sinistro, è un reato previsto dall’art. 189

del C.d.s. disciplinato nell’ambito dei comportamenti da tenersi in caso di

incidente.

Art. 189, comma 1, C.d.s. L’utente della strada, in caso di incidente

comunque ricollegabile al suo comportamento, ha l’obbligo di fermarsi e

prestare l’assistenza occorrente a coloro che, eventualmente, abbiano

subito danno alla persona.

90

L’omissione dell’obbligo di fermarsi è sanzionata diversamente a seconda

che dal sinistro sia derivato un danno alle sole cose o anche alle persone:

• Illecito amministrativo

a) incidente dal quale siano derivati danni alle sole cose

e violazione dell’obbligo di fermarsi.

Sanzione:

- pagamento di una somma di denaro da un minimo

di 250 euro ad un massimo di 1.000 euro

4 punti

- se il danno provocato è talmente grave da determinare

la revisione del veicolo 5 è prevista la sospensione

10 punti

della patente da 15 gg. a 2 mesi

art. 189, comma 5, C.d.s.

• Reato

b) incidente con danno alle persone e violazione

dell’obbligo di fermarsi.

Sanzione:

- reclusione da 3 mesi a 3 anni

- sospensione della patente da 1 a 3 anni 10 punti

art. 189, comma 6, C.d.s.

5) In caso di incidente qualora i danni riportati dai veicoli coinvolti siano tali da determinare dubbi sulle condizioni

di sicurezza per la circolazione, gli organi di Polizia stradale, intervenuti per i rilievi, ai sensi dell’art.

80, comma 7, del Codice della strada, sono tenuti a darne notizia al Dipartimento per i trasporti terrestri, al

fine di disporre la revisione dei veicoli.

91


CAPITOLO V

Nozioni di responsabilità civile e penale, omissione di soccorso

• Reato di omissione di soccorso

c) incidente con persone ferite e violazione

dell’obbligo di fermarsi e prestare soccorso.

Sanzione:

- reclusione da 6 mesi a 3 anni

- sospensione della patente da 1 anno

e 6 mesi a 5 anni

art. 189, comma 7, C.d.s.

N.b. l’obbligo va adempiuto immediatamente: si commette, comunque, il reato qualora si sia tornati sul

luogo dell’incidente dopo un primo ed immediato allontanamento. Il soggetto obbligato in base all’art.

189 C.d.s. non è solo il conducente di un veicolo, ma anche il pedone.

La Legge 21 febbraio 2006, n. 102 (“Disposizioni in materia di conseguenze

derivanti da incidenti stradali” (GU n. 64 del 17 marzo 2006) ha

introdotto un nuovo tipo sanzione accessoria disciplinato dall’art. 224-bis

(“Obblighi del condannato”) del Codice della strada.

In particolare, il giudice nel pronunciare sentenze di condanna alla pena

della reclusione per un delitto colposo commesso con violazione delle norme

del C.d.s., può applicare una specifica sanzione accessoria, il lavoro

di pubblica utilità. Tale sanzione consiste nella prestazione di attività non

retribuita (per un periodo non inferiore ad un mese, né superiore a sei

mesi) in favore della collettività da svolgere presso lo Stato, le Regioni, le

Province, i Comuni o presso enti o organizzazioni di assistenza sociale e

di volontariato 6 . Dal punto di vista pratico, l’attività di pubblica utilità è

svolta nell’ambito della provincia in cui risiede il condannato e comporta

la prestazione di non più di sei ore di lavoro settimanale da svolgere con

modalità e tempi che non pregiudichino le esigenze di lavoro, di studio,

di famiglia e di salute del condannato. Tuttavia, se il condannato lo richiede,

il giudice può ammetterlo a svolgere il lavoro di pubblica utilità per

un tempo superiore alle sei ore settimanali. La durata giornaliera della

prestazione non può comunque oltrepassare le otto ore.

6) Le modalità di svolgimento del lavoro di pubblica utilità sono determinate dal Ministro della giustizia con

proprio decreto d’intesa con la Conferenza Stato-città e autonomie locali.

92


CAPITOLO VI

Disposizioni sanzionatorie


CAPITOLO VI

Disposizione sanzionatorie

La circolazione sulla strada dei pedoni e dei veicoli comporta l’accettazione

di regole comuni, per le seguenti ragioni:

• si utilizza un bene che non rientra nella esclusiva disponibilità di un singolo;

• di sicurezza, propria e degli altri utenti;

• di migliore utilizzo della strada.

L’inosservanza di talune di queste regole determina l’applicazione di una sanzione

quale strumento, predisposto dalla legge, per assicurare l’osservanza

di una determinata norma. Pertanto, le sanzioni esprimono una valenza:

• repressiva (si punisce chi viola la norma);

• preventiva (si evita, attraverso la minaccia della pena, che un soggetto si

comporti in maniera difforme);

• rieducativa (si cerca di insegnare quale sia la condotta migliore, creando

anche un sentimento di condivisione delle regole).

Il sistema della sottrazione dei punti dalla patente di guida, introdotto dal

D. Lgs. 15 gennaio 2002 n. 9 e divenuto operativo a partire dal 1° luglio

2003 riassume in sé i tre aspetti sopraindicati. In particolare la funzione

rieducativa può essere di grande efficacia ove i corsi per il recupero dei

punti siano condotti in coerenza con i principi informatori del C.d.s.

Le violazioni del codice della strada possono dare luogo ad illeciti amministrativi

e penali e, in alcuni casi, anche ad illeciti civili.

Pertanto, le sanzioni previste dal C.d.s possono avere ad oggetto il pagamento

di una somma di denaro, la decurtazione di punti dalla patente e,

laddove la legge preveda pene detentive, la privazione della libertà personale.

Come si vedrà meglio nel prosieguo, la sottrazione dei punti, ove prevista,

si “somma” alle sanzioni relative a ciascuna tipologia di illecito.

ILLECITI PENALI

Costituisce reato un fatto umano compiuto in violazione di precetti fissati dalle

norme penali. Per quanto concerne la responsabilità da essi derivante.

Cfr. Cap. V, Nozioni di responsabilità civile, penale, omissione di soccorso.

ILLECITI AMMINISTRATIVI

Gli illeciti amministrativi sono comportamenti lesivi di interessi pubblici (e non

già dell’ordine sociale generale, come i reati) affidati alle cure della P. A.

94


Disposizione sanzionatorie

CAPITOLO VI

Questi illeciti, previsti tutti da norme giuridiche, sono puniti con sanzioni

amministrative (pecuniarie e non pecuniarie) solitamente irrogate, nelle ipotesi

previste dal C.d.s., dalle stesse Autorità amministrative preposte al controllo

o dal Prefetto, come vedremo meglio nel prosieguo.

Le sanzioni amministrative hanno in comune con quelle penali il carattere

punitivo - afflittivo ma si distinguono da esse perché non comportano, tra

l’altro, la nascita dello status di condannato né la registrazione dell’illecito,

commesso ed accertato, nel casellario giudiziale.

L’illecito penale e quello amministrativo differiscono anche sulla base della

formulazione operata dal C.d.s.:

- laddove recita “…chiunque viola… è punito con la sanzione amministrativa”

si tratta di illeciti amministrativi;

- ove statuisce “chiunque viola… è punito con l’arresto…e/o con l’ammenda

” oppure “…è punito con la reclusione… e/o con la multa” si tratta

di reati.

Le sanzioni previste per gli illeciti amministrativi possono avere carattere:

• pecuniario (sanzioni amministrative pecuniarie). Consistono nel pagamento

di una somma di denaro compresa tra un importo minimo ed uno

massimo fissato dalla singola norma (art. 195 C.d.s);

• accessorio (sanzioni amministrative accessorie). Sono così denominate in

quanto non si applicano mai autonomamente bensì solo unitamente a

sanzioni penali o amministrative. Sono tutte tipiche – cioè disciplinate

espressamente dal Codice della strada – applicabili solo nei limiti stabiliti

ed intrasmissibili agli eredi. (Es. sospensione e revoca patente di guida,

fermo amministrativo del veicolo ecc.)

Le sanzioni amministrative accessorie possono essere:

a) sanzioni amministrative accessorie ad illeciti penali:

- sospensione della patente

- revoca della patente

artt. 222, 223, C.d.s.

b) sanzioni amministrative accessorie a sanzioni amministrative pecuniarie

art. 210 e segg. C.d.s.

95


CAPITOLO VI

Disposizione sanzionatorie

Il Codice ne disciplina 3 tipi:

• sanzioni relative ad obblighi di compiere, sospendere o cessare una

determinata attività:

- obbligo di ripristino dello stato dei luoghi

- obbligo di rimozione di opere abusive

- obbligo di sospendere una determinata attività

artt. 211, 212, C.d.s.

• sanzioni concernenti il veicolo:

- confisca amministrativa (in generale accompagnata dal sequestro cautelare

del veicolo)

- fermo amministrativo del veicolo

- rimozione del veicolo

- blocco del veicolo

artt. 213, 214,215, C.d.s.

• sanzioni concernenti i documenti di circolazione e la patente di guida:

- ritiro dei documenti di circolazione

- ritiro della targa

- ritiro della patente di guida

- sospensione carta di circolazione

- sospensione della patente

- revoca della patente di guida

artt. 216, 217, 218, 219 C.d.s.

ACCERTAMENTO DELL’ILLECITO AMMINISTRATIVO

La tutela degli interessi riconosciuti e protetti dal Codice della strada, la cui

violazione integra gli estremi dell’illecito amministrativo, è attribuita, in via

principale, alla Pubblica Amministrazione e non al giudice. L’irrogazione

delle sanzioni pecuniarie, infatti, è di competenza degli organi accertatori

che provvedono alla rilevazione dell’illecito ed alla compilazione e spedizione

del verbale di accertamento.

Tuttavia, nelle ipotesi in cui un reato sia nato da un illecito amministrativo,

la cui sanzione pecuniaria non sia stata pagata, sarà il giudice penale a

decidere anche della violazione amministrativa e ad applicare, in caso di

condanna, la relativa sanzione (art. 221 C.d.s.).

96


Disposizione sanzionatorie

CAPITOLO VI

Le sanzioni amministrative accessorie, invece, vengono irrogate, rispettivamente,

dal Prefetto se si tratta di sanzioni accessorie a quelle amministrative

pecuniarie, dal giudice penale se accessorie a reati che cagionino danni

alle persone.

Nella scelta della sanzione da irrogare anche le Autorità amministrative

sono vincolate dai limiti fissati dalla legge.

L’Amministrazione preposta al controllo della circolazione stradale in

presenza di una violazione del C.d.s., è obbligata ad aprire il procedimento

(che poi si concluderà con l’applicazione della misura sanzionatoria):

in caso contrario, l’organo accertatore violerebbe gli obblighi che

sono propri del suo ufficio, divenendo così, a sua volta, destinatario di

provvedimenti sanzionatori.

In seguito all’irrogazione della sanzione pecuniaria nasce, in capo al soggetto

destinatario della stessa, l’obbligo (obbligazione) di versare quella

determinata somma di denaro che si estingue solo con il pagamento ovvero

con la morte del soggetto obbligato.

Gli eredi non sono tenuti al pagamento dell’importo della sanzione ai

sensi dell’art. 199 del C.d.s.: alla morte dell’obbligato si estingue la

procedura per la sua irrogazione. In caso di sequestro del veicolo o di

ritiro della carta di circolazione viene disposto, a seguito di istanza degli

eredi, il dissequestro e la restituzione dei documenti.

Le sanzioni amministrative possono essere applicate anche unitamente alle

sanzioni penali se, con il compimento del fatto che costituisce reato, vengano

violate anche norme del C.d.s. che prevedono illeciti amministrativi. In

alcuni casi, però, il legislatore ha stabilito, in base al criterio di specialità,

l’applicazione esclusiva della sanzione penale (o di quella amministrativa)

tenuto conto del disvalore associato a quel determinato comportamento illecito.

È bene, dunque, fare sempre riferimento a quanto stabilito dal Codice

della strada.

Se con la medesima condotta vengono violate più norme che prevedono

sanzioni amministrative pecuniarie (ovvero vengano commesse più violazioni

della stessa disposizione) si applica la sanzione prevista per la violazione

più grave aumentata fino al triplo, sempre che la legge non disponga

diversamente (art. 198, 1° comma, C.d.s.).

Nel caso in cui più persone commettano il medesimo illecito amministrativo

punito con sanzione amministrativa pecuniaria, tutti i contravventori sog-

97


CAPITOLO VI

Disposizione sanzionatorie

giacciono alla medesima sanzione singolarmente, salvo che la legge disponga

diversamente (art. 197, C.d.s.).

GLI STRUMENTI DI TUTELA

Al cittadino che riceve una contestazione per avere commesso un illecito

amministrativo la legge (art. 203 C.d.s.) consente, nel termine perentorio di

60 giorni, decorrenti dalla data della contestazione (se contestata nell’immediatezza

della violazione) ovvero dalla data di notificazione del verbale

di accertamento (della violazione) di:

• estinguere il procedimento, provvedendo al cosiddetto pagamento in

misura ridotta;

• presentare ricorso al Prefetto;

• presentare ricorso al Giudice di Pace.

Il ricorso può essere proposto ad una sola delle Autorità

sopra citate a pena di inammissibilità di quello proposto

successivamente ad altra Autorità.

Esempio. Se il ricorrente presentasse ricorso al Prefetto ed al Giudice di

pace, quest’ultimo diventerebbe inammissibile perché i due strumenti di

tutela sono, come si è detto, alternativi.

Qualora nei termini previsti non sia stato effettuato il pagamento in misura

ridotta ovvero non sia stato proposto ricorso, il verbale di contestazione

diviene titolo esecutivo. Potrà, cioè, essere affidato dall’organo accertatore

all’Agenzia delle entrate per l’esecuzione forzata.

Infatti, i termini previsti dalla legge per il pagamento e per la presentazione

del ricorso (60 gg.) sono perentori, cioè al loro scadere non si può

più chiedere all’Autorità competente l’annullamento o la riforma del verbale

di accertamento (nel caso in cui vi fossero stati errori) né beneficiare

ulteriormente del pagamento della sanzione in misura ridotta.

98


Disposizione sanzionatorie

CAPITOLO VI

I SOGGETTI LEGITTIMATI ALLA PROPOSIZIONE DEL RICORSO

In via generale, il ricorso può essere proposto dal soggetto:

• destinatario della contestazione immediata;

• cui sia stato notificato il verbale di accertamento della violazione.

Quest’ultimo può essere persona diversa dal conducente: in alcuni casi non

essendo possibile l’identificazione del conducente (come accade per es. con

gli autovelox) il verbale viene spedito sulla base della targa. Inoltre, gli illeciti

amministrativi puniti con sanzione pecuniaria, fanno nascere una obbligazione

solidale tra il proprietario del veicolo (ma anche l’usufruttuario,

l’acquirente con patto di riservato dominio, l’utilizzatore a titolo di locazione

finanziaria) che non abbia commesso la violazione (perché alla guida vi

era persona diversa) e l’autore della violazione.

I soggetti non responsabili possono liberarsi dal vincolo di solidarietà

fornendo la prova liberatoria. Dovranno, cioè, dimostrare che la

circolazione del veicolo è avvenuta contro la loro volontà. In questi casi,

sono legittimati a proporre autonomamente ricorso avverso le sanzioni

amministrative pecuniarie fornendo il mezzo di prova che dimostri che il

veicolo era guidato da altri contro la propria volontà 1 .

La sottrazione dei punti segue l’esito del ricorso.

RICORSO AL PREFETTO

Il ricorso si propone a mezzo posta, con raccomandata con ricevuta di ritorno,

inviandolo:

• all’Ufficio o Comando cui appartiene l’organo accertatore, oppure

• all’Ufficio accertatore o

• direttamente al Prefetto del luogo dove è stata commessa la violazione.

Unitamente al ricorso vanno spediti i documenti che si ritengano utili per

provare i fatti e le circostanze cui si è fatto riferimento nel ricorso stesso.

Il Prefetto può accogliere o rigettare il ricorso.

Se lo accoglie (ritiene fondati i motivi del ricorso proposto) emette ordinan-

1) La medesima situazione si verifica nel caso di violazione commessa da persona sottoposta all’altrui vigilanza.

In tale ipotesi, colui che era investito dall’obbligo di vigilare è tenuto in solido con l’autore della violazione

al pagamento della sanzione pecuniaria, salvo che provi di non aver potuto impedire il fatto (art.196

C.d.s.) mediante la proposizione del ricorso accompagnato dai necessari mezzi di prova.

99


CAPITOLO VI

Disposizione sanzionatorie

za motivata di archiviazione e ne dà comunicazione all’ufficio che ha rilevato

l’infrazione e al ricorrente. Il ricorso si intende accolto se il Prefetto non

si è pronunciato decorsi 210 giorni dalla presentazione.

Se lo rigetta (ritiene fondato l’accertamento dell’illecito) emette ordinanza -

ingiunzione di pagamento. Il pagamento della somma deve essere effettuato

entro 30 giorni dalla notificazione: se non viene effettuato entro il termine

prescritto, l’ordinanza costituisce titolo esecutivo per la somma ingiunta

e le spese processuali. L’amministrazione, cioè, potrà avvalersi dell’Agenzia

delle entrate territorialmente competente per attivare la riscossione forzata.

Contro l’ordinanza ingiunzione di pagamento è ammessa l’opposizione

all’Autorità giudiziaria (cioè al Giudice di Pace del luogo dove è stata commessa

la violazione) entro 30 giorni dalla notificazione (art. 205 C.d.s.).

RICORSO AL GIUDICE DI PACE

Si propone al Giudice di pace competente per il territorio dove è stata commessa

la violazione, entro il termine di 60 gg. dalla contestazione ovvero

dalla ricezione della notificazione del verbale di accertamento. All’atto del

deposito del ricorso nella cancelleria del giudice il ricorrente non è più tenuto

a versare, a pena d’inammissibilità del ricorso stesso, la somma originariamente

prevista dal codice, a titolo di deposito cauzionale 2 .

Il Giudice di pace decide con sentenza immediatamente esecutiva.

Avverso la sentenza emessa dal Giudice di Pace non può essere proposto l’appello.

L’unico rimedio esperibile è il ricorso alla Corte di Cassazione 3 entro il

termine di giorni 60 dalla notificazione della sentenza (artt. 323 e 325 C.p.c.).

PRESCRIZIONE

Le sanzioni amministrative pecuniarie si prescrivono, come stabilisce l’art. 28

della legge 689/1981, nel termine di 5 anni dal giorno in cui è stata commessa

la violazione.

La prescrizione dei reati segue, invece, le regole del Codice penale. In generale

per poterla determinare occorre guardare sempre alla pena massima pre-

2) In tal senso vedasi Corte Cost., sentenza n.114 del 8 aprile 2004, che ha dichiarato l’illegittimità costituzionale

dell’art. 204 bis, comma 3, del Codice dalla strada, nella parte in cui prevedeva il deposito di una

somma pari alla metà del massimo della sanzione pecuniaria inflitta a titolo di cauzione.

3) Il ricorso per Cassazione può essere proposto esclusivamente per motivi attinenti alla giurisdizione, alla

competenza, per violazione e falsa applicazione di norma di diritto, per nullità della sentenza e dell’intero

procedimento e per omessa o contraddittoria motivazione circa un punto decisivo della controversia prospettato

dalle parti o rilevabile dal giudice d’ufficio (art. 360 C.p.c.).

100


Disposizione sanzionatorie

CAPITOLO VI

vista per un determinato reato. Il momento dal quale decorre la prescrizione:

• se il reato è consumato, è il giorno in cui è stato commesso il reato;

• se si tratta di un reato semplicemente tentato (es. tentato omicidio) allora si

ha riguardo al giorno in cui è cessata l’attività del colpevole.

Casistica

Se si tratta di un delitto per il quale la legge prevede la pena della reclusione

non inferiore a:

- 24 anni, il reato si prescrive in 20 anni;

- 10 anni, il reato si prescrive in 15 anni;

- 5 anni, la prescrizione si compirà con il decorso di anni 10.

Se la reclusione è inferiore a cinque anni oppure è prevista la multa, il reato

si prescrive in 5 anni.

Le contravvenzioni per le quali sia previsto l’arresto, invece, si prescrivono

in 3 anni; quelle per le quali sia prevista l’ammenda si prescrivono in 2 anni.

ILLECITI CIVILI

Gli illeciti civili sono commessi da chi ponga in essere una condotta contraria

a norme dettate per la tutela di interessi privati e lesiva di un diritto riconosciuto

dall’ordinamento giuridico. Per quanto concerne la responsabilità

da essi derivante cfr. Cap. V, Nozioni di responsabilità civile, penale, omis -

sione di soccorso.

LA SOTTRAZIONE DEI PUNTI DALLA PATENTE DI GUIDA

Il sistema della patente a punti è previsto dall’art. 126 bis del C.d.s. Attraverso

il meccanismo della sottrazione dei punti il legislatore ha inteso raggiungere

le seguenti finalità:

• repressiva (in quanto incide direttamente sul titolo abilitativo alla guida,

fino ad impedirne l’utilizzo;

• deterrente (poiché dissuade i conducenti dal commettere infrazioni);

• rieducativa (nei confronti dei conducenti che abbiano commesso più violazioni,

attraverso i corsi di recupero);

• premiale (nei confronti dei conducenti che non commettano violazioni).

101


CAPITOLO VI

Disposizione sanzionatorie

Questo tipo di sanzione, di natura accessoria, si applica a seguito della violazione

di una delle norme per le quali è prevista la sanzione amministrativa

accessoria della sospensione della patente ovvero nei casi in cui sia stata

violata una delle norme di comportamento del C.d.s. (Titolo V).

ATTRIBUZIONE E DECURTAZIONE DEI PUNTI

Ai titolari di patenti in corso di validità al momento del rilascio della patente,

viene attribuito un punteggio di 20 punti che, nei casi previsti, subisce le

decurtazioni stabilite di volta in volta dal C.d.s.

Neopatentati

Per le patenti rilasciate successivamente al 1° ottobre 2003 a soggetti che

non siano già titolari di altra patente di categoria B o superiore, i punti previsti

per ogni singola violazione vengono applicati in misura doppia, qualora

le violazioni siano commesse entro i primi tre anni dal rilascio.

Per ciascuna violazione viene sottratto il punteggio relativo e, a seguito di più

violazioni, i punti da sottrarre vengono sommati.

Qualora siano accertate più violazioni contemporaneamente la decurtazione

non può superare i 15 punti. Tale limite non trova applicazione nei

casi in cui è prevista la sospensione o revoca della patente. (Art. 126 bis,

comma 1 bis, C.d.s.)

MECCANISMO PREMIALE

a) Al titolare della patente con almeno 20 punti che non abbia compiuto, per

il periodo di due anni, alcuna violazione di una norma di comportamento

da cui derivi la sottrazione di punti, viene riconosciuto automaticamente

un credito di 2 punti, ogni due anni, fino ad un totale di 10 punti.

b) La mancata violazione, per un periodo di due anni, di una norma di comportamento

da cui derivi la decurtazione, determina il recupero dell’intero

punteggio iniziale (20 punti).

102


Disposizione sanzionatorie

CAPITOLO VI

COMUNICAZIONE E ANNOTAZIONE

Il punteggio relativo ad ogni violazione deve risultare dal verbale di contestazione.

L’organo da cui dipende l’agente accertatore dell’illecito – che

comporta la decurtazione del punteggio – deve effettuare la relativa comunicazione

all’Anagrafe nazionale degli abilitati alla guida (ai fini dell’annotazione),

entro 30 giorni, decorrenti:

• dalla conoscenza da parte dell’organo di Polizia dell’avvenuto pagamento

della sanzione;

• dalla scadenza del termine per la proposizione dei ricorsi;

• dalla conoscenza dell’esito dei ricorsi.

SOGGETTI DESTINATARI DELLA COMUNICAZIONE

In base all’art. 126 bis, co.2, la comunicazione avente ad oggetto la sottrazione

dei punti deve essere effettuata:

• al conducente responsabile della violazione;

• al proprietario del veicolo (qualora non sia stato identificato il conducente),

salvo che questi comunichi, entro sessanta giorni dalla data di notifica

del verbale di contestazione, i dati personali e gli estremi della patente

di colui che era alla guida al momento della commessa violazione. Se

il proprietario del veicolo risulta una persona giuridica, il suo legale rappresentante

o un suo delegato è tenuto a fornire gli stessi dati, entro lo

stesso termine, all’organo di polizia che procede.

Il proprietario del veicolo ovvero altro obbligato in solido ai sensi dell’art.

196, sia esso persona fisica o giuridica, che omette, senza giustificato e

documentato motivo, di fornire i dati identificativi del conducente responsabile

della violazione, è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento

di una somma da euro 250 a euro 1.000. In ogni caso, non è prevista

decurtazione dei punti a carico del proprietario del veicolo.

Il comma 2 dell’art. 126 bis del codice della strada è stato così modificato

dall’art. 2, co.164 del D.L. 3 ottobre 2006, n. 262 convertito in L. 24

novembre 2006, n. 286. Inoltre, l’art. 2, co. 165 del medesimo decreto

legge dispone che “Il punteggio decurtato, ai sensi dell’art. 126 bis, co.

2, del D.Lgs 285/1992, nel testo previgente alla data di entrata in vigore,

dalla patente di guida del proprietario del veicolo, qualora non sia

segue

103


CAPITOLO VI

Disposizione sanzionatorie

continua

stato identificato il conducente responsabile della violazione, è riattribuito

d’ufficio dall’organo di polizia alle cui dipendenze opera l’agente

accertatore, che ne dà comunicazione in via telematica al Centro Elaborazione

dati motorizzazione del Dipartimento trasporti terrestri del Ministero

dei trasporti…”. Si tratta della così detta “sanatoria” resa necessaria

dopo la sentenza n. 27 del 24.01.2005 della Corte Costituzionale che

ha dichiarato la parziale illegittimità dell’art. 126-bis, co.2 del C.d.s. nella

sua originaria versione.

VERIFICA DEL PUNTEGGIO

Il conducente può controllare in tempo reale lo stato della propria patente e

del relativo punteggio telefonando al numero 84 87 82 782, al costo di una

telefonata urbana effettuabile da qualunque impianto telefonico fisso in tutto

il territorio nazionale. Il servizio è attivo 24 ore su 24, tutti i giorni dell’anno.

FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI RECUPERO

Nell’ipotesi in cui il punteggio non sia esaurito si possono riacquistare i

punti decurtati frequentando i corsi organizzati da:

• autoscuole;

• soggetti pubblici o privati autorizzati dal Dipartimento dei Trasporti Terrestri.

La frequenza ai corsi consente di riacquistare un massimo di:

• 6 punti per i titolari di patenti A1; A, B o B+E. I corsi hanno la durata di

12 ore e devono essere tenuti in un arco temporale complessivamente non

superiore a due settimane; ogni lezione non può avere durata superiore

a due ore giornaliere.

• 9 punti per i titolari di patente di categoria C, C+E, D, D+E e di certificati

di abilitazione professionale di tipo KA e KB. I corsi durano 18 ore e

devono essere svolti in un arco temporale complessivamente non superiore

a quattro settimane consecutive; ogni lezione non può avere durata

superiore alle due ore giornaliere.

104


Disposizione sanzionatorie

CAPITOLO VI

PERDITA TOTALE DEI PUNTI

Nel caso di perdita totale dei punti, il titolare della patente è tenuto a sottoporsi

all’esame di idoneità tecnica ai sensi dell’art. 128 del C.d.s., che disciplina

la revisione della patente di guida. A tal fine l’Ufficio del Dipartimento

dei Trasporti Terrestri, competente per territorio, su comunicazione dell’Anagrafe

nazionale degli abilitati alla guida, dispone la revisione della

patente di guida.

Il relativo provvedimento deve essere notificato all’interessato ed è atto definitivo

ed impugnabile con ricorso giurisdizionale innanzi al competente Tribunale

Amministrativo Regionale (entro 60 gg.) o con ricorso straordinario

al Capo dello Stato (entro 120 gg.).

Nel caso in cui il titolare della patente non si sottoponga agli accertamenti

di revisione, nel termine previsto (30 giorni decorrenti dalla notificazione del

provvedimento), la patente viene automaticamente sospesa a tempo indeterminato.

La sospensione viene notificata all’interessato dagli organi di Polizia stradale

che provvedono anche al ritiro della patente e alla conservazione della

stessa presso il proprio Ufficio. L’interessato per poterla riottenere dovrà

sottoporsi all’esame di revisione. In caso di esito positivo gli verrà riconsegnata

la patente con il punteggio pieno (20 punti).

105


CAPITOLO VII

Elementi del veicolo rilevanti

ai fini della sicurezza stradale


CAPITOLO VII

Elementi del veicolo rilevanti ai fini della sicurezza stradale

Gli elementi 1 di un veicolo ed i dispositivi 2 che hanno rilevanza ai fini della

sicurezza stradale si possono classificare in due gruppi, in relazione agli

effetti sulla sicurezza attiva e passiva.

La sicurezza è attiva quando ha come obiettivo la diminuzione della probabilità

di incidente, passiva, invece, quando è mirata all’attenuazione delle

conseguenze negative di un incidente.

Possiamo adottare la seguente classificazione:

• Elementi del veicolo e dispositivi rilevanti ai fini della sicurezza attiva:

- pneumatici;

- freni;

- sterzo;

- sospensioni;

- ABS (Anti-locking Brake System);

- ESP (Electronic Stability Programme).

• Elementi del veicolo e dispositivi rilevanti ai fini della sicurezza passiva:

- cinture di sicurezza;

- airbag;

- dispositivi di ritenuta per bambini;

- poggiatesta;

- casco.

ELEMENTI DEL VEICOLO E DISPOSITIVI RILEVANTI AI FINI

DELLA SICUREZZA ATTIVA

PNEUMATICI

Gli pneumatici sono elementi del veicolo di fondamentale importanza per la

sicurezza ed il comfort di marcia. Il mantenimento in esercizio del corretto

valore della pressione degli pneumatici, indicato sul libretto di manutenzione

ed uso del veicolo, è garanzia di sicurezza ed economicità.

Un valore di pressione basso determina un comportamento anomalo del

veicolo in marcia ed un surriscaldamento dello pneumatico tale da pregiudicarne

la sicurezza.

1) Per elementi si intendono le parti che entrano in modo essenziale nella costituzione del veicolo.

2) I dispositivi di un veicolo sono quei congegni che, da soli o inseriti in un meccanismo più complesso, servono

per compiere una determinata funzione.

108


Elementi del veicolo rilevanti ai fini della sicurezza stradale

CAPITOLO VII

Un valore di pressione alto diminuisce drasticamente il comfort dei passeggeri

e rende lo pneumatico più esposto agli eventuali urti sui fianchi.

Vi è, inoltre, una significativa riduzione della superficie di contatto con la

strada, cui consegue una guida incerta ed imprecisa.

Al valore della pressione è, inoltre, legata l’usura degli pneumatici. La parte

che si usura maggiormente in uno pneumatico è il battistrada, che inizialmente

ha uno spessore pari a 7-8 mm.

Un battistrada profondo meno di 3 mm non garantisce più le prestazioni

originarie, diventa più facilmente perforabile e compromette la tenuta di

strada in condizioni di bagnato. La profondità del battistrada non deve

mai essere inferiore ai limiti di legge (1,6 mm per gli autoveicoli).

I tagli e le lacerazioni sui fianchi dello pneumatico possono essere pericolosi

se hanno intaccato le tele della struttura.

Inoltre, la comparsa di un rigonfiamento sul fianco è segno di un danno irreparabile

alla struttura dello pneumatico. Tale danno è generalmente causato

da urti accidentali contro marciapiedi, ostacoli presenti su strade dissestate

e buche ma può anche essere generato da pressioni d’esercizio troppo

basse o da sovraccarico. Uno pneumatico nuovo, appena montato,

necessita di almeno un centinaio di km di rodaggio e di stabilizzazione prima

di fornire il meglio delle proprie prestazioni.

Bisogna, inoltre, verificare l’integrità del cerchione: la presenza di deformazioni

ed ammaccature produce vibrazioni allo sterzo, può contribuire al

distacco dello pneumatico ed alla fuoriuscita dell’aria, nel caso degli pneumatici

senza camera d’aria (tubeless). Lo stato degli pneumatici è importante,

in termini di sicurezza, perché condiziona il fenomeno alla base della

trasmissione delle forze di trazione o di frenatura: l’aderenza 3 .

L’aderenza è influenzata dalla velocità del veicolo e dai seguenti parametri:

- caratteristiche del manto stradale 4 ;

- caratteristiche degli pneumatici;

- condizioni ambientali.

3) Si possono individuare due aspetti del fenomeno dell’aderenza:

- aderenza longitudinale: interessa le ruote gravate da un carico verticale e da uno sforzo di trazione o di

frenatura; le condizioni di aderenza sono verificate quando la ruota rotola sul terreno senza slittare.

- aderenza trasversale: interessa le ruote gravate da un carico verticale e da uno sforzo trasversale; le condizioni

di aderenza sono verificate se la ruota avanza sul piano senza slittare lateralmente.

4) Ai fini dell’aderenza è rilevante lo stato del manto stradale i cui strati superficiali devono svolgere tre funzioni:

- di protezione degli strati sottostanti;

- di sicurezza per l’utente,

- di comfort per evitare brusche sollecitazioni alle ruote, accelerazioni verticali, rumore di rotolamento.

109


CAPITOLO VII

Elementi del veicolo rilevanti ai fini della sicurezza stradale

L’aquaplaning

In caso di pioggia, si interpone tra il manto stradale e lo pneumatico stesso

un velo d’acqua.

Lo pneumatico comprime lo strato d’acqua che il battistrada non riesce a

spostare, generando una resistenza della ruota all’effettivo contatto sul manto

stradale, con conseguente perdita di aderenza.

Questo fenomeno, denominato aquaplaning, è pericoloso perché non si

riesce più ad imporre al veicolo la direzione voluta.

Il fenomeno aumenta in proporzione allo spessore dello strato d’acqua,

all’usura del battistrada, alla velocità del veicolo. A parità di questi fattori,

viene accentuato dalla pressione dello pneumatico inferiore al normale o

dalla condizione di veicolo scarico.

Anche con gli pneumatici in buone condizioni e ben gonfiati un veicolo

può andare in aquaplaning, ad una velocità di 50 km/h, se l’acqua presente

sul manto stradale raggiunge uno spessore pari a soli 2 mm.

Una superficie stradale non completamente bagnata, con zone bagnate e

zone asciutte è ancora più pericolosa perché comporta una continua variazione

di aderenza delle ruote sulla superficie stradale.

Ricordiamo che gli pneumatici sono:

- 2 volte meno aderenti su manto stradale bagnato rispetto a quello asciutto;

- 2 volte meno aderenti in caso di neve rispetto alla pioggia;

- 2 volte meno aderenti sul ghiaccio rispetto alla neve.

FRENI

I freni sono dispositivi aventi lo scopo di rallentare il veicolo o mantenerlo

fermo. La normativa prescrive che sugli autoveicoli vengano applicati tre

sistemi di frenatura:

• uno di servizio che, agendo su tutte le ruote, assicuri un rapido ed efficace

arresto del veicolo;

• uno di soccorso, da usare in caso di inefficienza di quello di servizio. Il

freno di soccorso deve agire almeno sulle ruote di un asse;

• uno di stazionamento che assicuri la frenatura su strada in pendenza ed

in assenza del conducente.

I freni più utilizzati nei veicoli sono quelli meccanici che possono essere di

due categorie:

110


Elementi del veicolo rilevanti ai fini della sicurezza stradale

CAPITOLO VII

• i freni (a ceppi o) a tamburo che funzionano portando a contatto due

ganasce (o ceppi) con le parti interne o esterne della ruota.

• i freni a disco, il cui funzionamento si basa sullo strisciamento di due pinze

su un disco che gira solidale alla ruota.

I freni a disco, rispetto ai freni a tamburo, a parità di forza impressa, hanno

un potere frenante molto minore. Per questo si aggiungono ad essi dei

servofreni per moltiplicare la forza impressa.

I freni a disco, tuttavia, sono soggetti a minor usura e disperdono meglio (per

la forza centrifuga) sia il calore che le particelle di impurità sovrastanti.

Per motivi di sicurezza, le tubazioni del circuito frenante sono in parte duplicate

perché, in caso di rottura di una parte dell’impianto, l’altra resti in grado

di funzionare. Purtroppo, in molti casi, la potenza disponibile dopo un

guasto (e la conseguente perdita del liquido freni) è molto limitata, col risultato

che gli spazi d’arresto diventano lunghissimi e il controllo della vettura

problematico.

È indispensabile verificare il livello del liquido dei freni 5 e lo stato delle

pastiglie 6 almeno ogni 20.000 km.

STERZO

Il meccanismo dello sterzo è il collegamento meccanico tra il volante e le

ruote anteriori ed ha la funzione di permettere al veicolo di effettuare cambi

di traiettoria. Esso è costituito in modo tale da far ruotare differetemente

le ruote anteriori, attraverso il volante. Quest’ultimo è collegato ad un piantone

che termina nella scatola dello sterzo, dove il moto rotatorio del volante

viene convertito in angolo di sterzata delle due ruote.

Una delle due ruote è comandata direttamente, l’altra attraverso un tirante

registrabile. L’insieme dei bracci delle due ruote e del tirante costituisce il

quadrilatero dello sterzo.

La conversione della rotazione del volante in angolo di sterzata avviene nella

scatola dello sterzo o scatola-guida. L’irrigidimento dello sterzo e il “tirare”

da un lato sono quasi sempre indizio di foratura dello pneumatico mentre

le vibrazioni allo sterzo possono essere causate da una squilibratura

5) La “forza di frenatura” è trasmessa da un liquido (il liquido freni) all’interno di un circuito idraulico. Siccome

i liquidi sono incomprimibili, la forza viene trasmessa istantaneamente e senza alcuna dispersione verso

le pastiglie che “si racchiudono” sul disco freno. Quando si frena, l’attrito delle pastiglie sul disco può portare

ad una temperatura di parecchie centinaia di gradi. Questo calore si trasmette inevitabilmente all’insieme

del circuito e deteriora il liquido freni.

6) Elementi di guarnizione che aumentano il coefficiente di attrito nella frenatura.a.

111


CAPITOLO VII

Elementi del veicolo rilevanti ai fini della sicurezza stradale

degli pneumatici, dalla deformazione di un cerchione della sospensione o

della tiranteria dello sterzo.

SOSPENSIONI

Le sospensioni sono collegamenti elastici tra il veicolo e le ruote ed hanno la

funzione di assorbire gli urti provocati dalla irregolarità del fondo stradale.

I sistemi di sospensione comprendono generalmente:

• un sistema di molle, capaci di assorbire parzialmente, mediante deformazioni,

le irregolarità del terreno;

• elementi ammortizzanti, il cui compito è quello di smorzare le oscillazioni

che si producono in conseguenza della deformazione delle molle.

Il tipo di sospensione adottata dalla maggior parte delle auto moderne è

quello che utilizza lo schema Mc Pherson 7 , la cui diffusione si spiega in relazione

ai vantaggi dovuti ai pochi punti di ancoraggio alla scocca, che facilitano

il lavoro nel loro montaggio o smontaggio.

Le sospensioni, oltre a garantire il comfort di marcia, sono un elemento

importante per la sicurezza in quanto, assorbendo le asperità del terreno,

assicurano il contatto costante tra gli pneumatici e la strada e il mantenimento

dell’assetto del veicolo.

ABS (ANTI-LOCKING BRAKE SYSTEM)

L’ABS è un sistema che, in frenata, impedisce il bloccaggio di una ruota

mentre le altre ancora girano.

Sulle ruote sterzanti il bloccaggio di una o di entrambe fa sì che esse perdano

la capacità di dirigere il veicolo. Quest’ultimo continua, dunque, a muoversi

nella direzione che aveva in quel momento, senza che il conducente possa

compiere manovre dirette ad evitare un ostacolo (ad esempio un pedone).

7) La cui caratteristica è quella di prevedere all’avantreno (asse anteriore), l’impiego di bracci oscillanti inferiori

e di barre stabilizzatrici (collegate o con i bracci delle sospensioni o direttamente con gli ammortizzatori).

8) I denti della ruota fonica, passando davanti al sensore, producono delle variazioni di corrente. La centralina

legge i segnali provenienti dai sensori, e se uno di essi non fornisce segnale, conclude che la relativa ruota

è ferma. Invia, quindi, un comando alla valvola di ritorno, che si apre parzialmente e lascia defluire parte

del liquido indietro verso il serbatoio. Il freno, così, viene liberato e la ruota torna a girare. Subito dopo

la pressione viene fatta risalire, e la pinza del freno di nuovo viene “caricata”. La centralina ripete il ciclo dei

controlli venti volte al secondo, ogni volta esaminando gli impulsi provenienti dai sensori e fornendo i relativi

comandi alla valvola della ruota che ritiene bloccata mentre le altre girano.

112


Elementi del veicolo rilevanti ai fini della sicurezza stradale

CAPITOLO VII

Con l’ABS, invece, tali manovre diventano possibili. Con il blocco di una delle

ruote anteriori il sistema, agendo sul freno di quella ruota, le consente di

riprendere la rotazione ripristinando la funzione direzionale dello sterzo. Ma

anche il bloccaggio delle ruote posteriori deve essere evitato perché, oltre a

rendere instabile ed imprecisa la traiettoria del veicolo, diminuisce l’efficienza

complessiva della frenata, allungando lo spazio necessario per fermarsi.

Il sistema ABS è costituito da:

- una ruota dentata detta ruota fonica, montata all’interno di ogni ruota e

rotante con essa;

- un sensore elettromagnetico fissato al veicolo, posto di fronte ai denti

della ruota fonica;

- una centralina elettronica, che riceve i segnali dai sensori, li elabora e

trasmette i comandi alle valvole di ritorno 8 ;

- le tubazioni di ritorno delle valvole al serbatoio del liquido dei freni.

L’ABS si attiva solo in caso di blocco di una ruota.

Le possibilità di blocco, infatti, si verificano quando il pedale del freno è

spinto all’improvviso a fondo (tipica frenata di emergenza).

In caso di attivazione dell’ABS il conducente avvertirà la caratteristica vibrazione

del pedale del freno, corrispondente alla rapida apertura e chiusura delle

valvole di ritorno ed alla conseguente variazione di pressione nel circuito.

Non bisogna spaventarsi in quanto non si tratta di un guasto: l’ABS sta

svolgendo il suo lavoro. Rilasciare il pedale del freno, in quel momento,

ne vanifica gli effetti.

L’ABS ha una soglia minima di intervento, al di sotto della quale non entra

in funzione: 6-10 km/h. Nelle manovre a bassa velocità l’ABS è quindi

automaticamente disattivato. Tramite un comando sul cruscotto è comunque

sempre possibile disattivare l’ABS.

Nell’ipotesi in cui è montata una ruota di scorta con caratteristiche diverse

da quelle descritte nel libretto di circolazione, l’ABS potrebbe non riconoscere

tali caratteristiche e addirittura produrre effetti dannosi.

113


CAPITOLO VII

Elementi del veicolo rilevanti ai fini della sicurezza stradale

ESP (ELECTRONIC STABILITY PROGRAMME)

È un sistema elettronico di controllo della stabilità che si integra con l’ABS.

È costituito da sensori che rilevando una tendenza allo sbandamento, attivano

la regolazione automatica e separata dei freni, del motore e della trasmissione

impedendo eventuali perdite di stabilità.

Se entrando in curva, a causa di scarsa aderenza, si manifestasse un fenomeno

di sottosterzo (l’auto perde aderenza sull’avantreno e tende a proseguire

diritta), l’ESP agirebbe sulla frenatura della ruota posteriore interna

alla curva per riallineare la vettura in una traiettoria corretta. Spesso l’ESP

viene indicato anche con la sigla ESC (Electronic Stability Programme).

Si riportano alcune delle tante sigle che identificano dispositivi, ormai diffusi

sui veicoli sono:

• EBD (Electronic BraKe-power distribution) o ripartitore elettronico di frenata:

durante una frenata, il carico sulle ruote non è uguale; le ruote

posteriori hanno minore aderenza e si bloccano.

Il ripartitore elettronico evita questo inconveniente, specie in curva, diminuendo

la forza frenante sulle ruote posteriori, evitandone il bloccaggio.

• SRS (supplemental restraint system): dispositivo supplementare alla cintura

di sicurezza, è sostanzialmente un sinonimo di airbag.

• ALC (adaptive light control): orientamento dei fari per migliorare la visibilità,di

notte, e soprattutto in curva.

• DRL (Daytime running Lights): luci di proiezione appositamente dedicate

all’accensione durante il giorno (oggi si utilizzano prevalentemente gli

anabbaglianti). Sono lampade a basso consumo ed hanno una lunga

durata.

ELEMENTI DEL VEICOLO E DISPOSITIVI RILEVANTI AI FINI

DELLA SICUREZZA PASSIVA

CINTURE DI SICUREZZA

In caso di incidente, le cinture di sicurezza sono uno dei più importanti dispositivi

di protezione per coloro che si trovano all’interno dei veicoli. Per tale

ragione tutti i veicoli ne devono essere dotati.

Indossando le cinture di sicurezza, infatti, si riducono i rischi per il guidatore

e per i passeggeri di urtare contro le parti interne del veicolo o di essere

catapultati fuori, al momento dell’impatto. I corpi non trattenuti, in caso di

114


Elementi del veicolo rilevanti ai fini della sicurezza stradale

CAPITOLO VII

impatto, continuerebbero a muoversi in avanti per inerzia e, con l’energia

cinetica determinata dalla loro velocità, verrebbero proiettati contro il volante,

il cruscotto e il parabrezza e, nei casi più gravi, potrebbero sfondare

quest’ultimo, procurandosi lesioni ed essere catapultati all’esterno. Il rischio

di essere sbalzati fuori sussiste anche in caso di ribaltamento del veicolo.

Le cinture di sicurezza di più recente fabbricazione funzionano mediante un

dispositivo detto pretensionatore: azionato da una molla o da una piccola

carica esplosiva, al momento dell’urto “stringe” la cintura sul corpo, assicurando

il massimo contenimento e la migliore dispersione, attraverso la cintura

stessa, dell’energia del corpo proiettato in avanti.

La cintura di sicurezza, se dotata di pretensionatore ed in presenza di air -

bag si è rivelata, finora, il miglior sistema di protezione.

L’uso della cintura di sicurezza non deve essere trascurato in città perché, a

velocità moderata, consente di evitare anche lesioni minime. Peraltro, in un

urto frontale a 50 km/h, senza cintura di sicurezza, un corpo impatterebbe

contro il volante od il cruscotto moltiplicando il suo peso di 100 volte.

Nelle esperienze dei crash test relativi agli urti frontali con conducente che

non l’abbia indossata, si nota che le gambe toccano per prime la parte inferiore

del cruscotto, poi il torace entra in contatto con il volante; successivamente

il corpo si solleva, la testa urta contro il parabrezza o la cornice che

lo contiene. Grazie alla cintura, pur essendo probabile che si producano

lesioni (anche se più moderate) alle gambe, il movimento del torace viene

contrastato ed il rischio di impatto con il volante viene drasticamente ridotto.

La probabilità che la testa o il volto urtino contro il volante non può essere

eliminata completamente con l’uso della cintura: una maggiore protezione

in questi casi viene assicurata dall’airbag. Cfr. Cap. II, Norme di com -

portamento sulla strada.

AIRBAG

Questo dispositivo non rientra nella dotazione obbligatoria dei veicoli anche

se la maggior parte di quelli di recente costruzione ne sono dotati.

Come si è detto precedentemente, l’uso combinato dell’airbag con le cinture

di sicurezza diminuisce notevolmente le possibili lesioni per il conducente

e per i passeggeri. La sua funzione fondamentale, soprattutto negli urti ad

elevate velocità, è di impedire l’impatto della testa dei passeggeri contro il

volante e il cruscotto.

Infatti, anche se il torace, il bacino e le gambe sono trattenuti dalla cintura

115


CAPITOLO VII

Elementi del veicolo rilevanti ai fini della sicurezza stradale

di sicurezza, la testa rimane libera di muoversi in avanti e verso il basso.

Tecnicamente l’airbag è un “pallone” di forma piatta che si gonfia istantaneamente

appena inizia l’urto, dopo essere fuoriuscito (da un apposito vano

dotato di coperchio) dalla parte centrale dello sterzo, se dal lato guidatore,

dal cruscotto se dal lato passeggero.

Il dispositivo è costituito da:

• un sensore, che rileva la decelerazione brusca dovuta ad un impatto;

• una centralina, che riceve il segnale, lo elabora ed invia il comando di

accensione al detonatore;

• un detonatore o innesco, che accende le sostanze contenute nella capsula

esplosiva;

• una capsula esplosiva, contenente sostanze la cui accensione sviluppa

una grande quantità di gas che va a gonfiare il sacco;

• un sacco, di materiale sintetico robusto, impermeabile ai gas ma dotato

di fori nella parte posteriore.

Con l’accensione, si realizza un’esplosione che gonfia il “sacco” proprio

mentre la testa e, parzialmente, il torace delle persone sedute sui sedili

anteriori si stanno avvicinando al cruscotto o al volante. Subito dopo

comincia a sgonfiarsi, attraverso i fori di cui è dotato, attutendo nel frattempo

l’impatto sul volante o sul cruscotto.

Oltre agli airbag per i posti anteriori, descritti sopra, vi sono airbag per proteggere

chi occupa i sedili posteriori. In questo caso fuoriescano dagli schienali

dei posti anteriori lateralmente o dalla parte superiore (dai montanti

superiori dei vani porta).

Oltre che per la forma del “sacco”, si differenziano per la diversa taratura

del sensore ed il suo diverso posizionamento. Quelli per i posti anteriori e

posteriori hanno il sensore alla base del parabrezza, sono innescati da urti

anteriori superiori ai 15-20 km/h e che avvengono in un “cono” di circa 20

gradi rispetto alla direzione di marcia; pertanto, rimangono insensibili rispetto

ad urti laterali o posteriori; il contrario avviene per gli airbag laterali.

116


Elementi del veicolo rilevanti ai fini della sicurezza stradale

CAPITOLO VII

DISPOSITIVI DI RITENUTA PER BAMBINI

Tutti i dispositivi di ritenuta per bambini devono essere omologati sulla base

del regolamento Europeo ECE 44/03 del 1995. L’avvenuta omologazione è

attestata dalla presenza sulla scocca di una E maiuscola, seguita da cifre e

lettere con indicazione del Reg. ECE R44/03, quale normativa di riferimento.

Il regolamento citato prevede 5 classi di dispositivi, ripartiti in base alle fasce

di peso dei bambini che possono utilizzarli:

• gruppo 0: per bambini al di sotto dei 10 kg di peso;

• gruppo 0 +: per bambini fino a 13 Kg di peso;

• gruppo 1: per bambini con un peso compreso tra i 9 e i 18 kg;

• gruppo 2: per bambini con un peso tra i 15 e i 25 kg;

• gruppo 3: per bambini con un peso compreso tra i 22 e i 36 kg.

114

Esistono alcuni dispositivi di ritenuta che coprono più di uno dei gruppi

sopra indicati 9 .

I dispositivi di gruppo 0 possono essere costituiti, oltre che da seggiolini,

anche da “navicelle”, culle protette con cinghie proprie.

I dispositivi di gruppo 2 è preferibile siano dotati nella parte anteriore di

uno “scudo” su cui possa impattare senza pericoli, in caso di incidente, la

testa del bambino.

I dispositivi di gruppo 3 sono in genere costituiti da “cuscini” sagomati che

sollevano il bambino fino ad un’altezza tale da consentirgli l’uso delle cinture

di sicurezza per adulti. In questo caso, potrebbero anche essere utili dei

dispositivi che obbligano il tratto diagonale della cintura a seguire un percorso

più basso, evitando che si appoggi pericolosamente sul collo.

In fase di montaggio è necessario seguire attentamente le istruzioni fornite

dal produttore. Occorre verificare, inoltre, che non vi sia gioco tra il seggiolino

ed il sedile e tendere le cinghie in modo che siano ben aderenti al

corpo del bambino. Il tratto diagonale della cintura non deve mai passare

sotto il braccio o dietro la schiena, ma sempre sopra la spalla.

9) Ad esempio un seggiolino con la sigla gruppo 0/1 sarà adatto a bambini di peso compreso tra 0 e 18

kg; un seggiolino con la sigla gruppo 1-2-3, sarà adatto a bambini di peso compreso tra 9 e 36 kg.

117


CAPITOLO VII

Elementi del veicolo rilevanti ai fini della sicurezza stradale

Il posto più sicuro sul quale far viaggiare un bambino, con l’apposito sistema

di ritenuta, è sul sedile posteriore. I seggiolini che si montano rivolti

all’indietro non devono mai essere collocati su un sedile di fronte al quale

vi sia un airbag. In caso di impatto, infatti, l’airbag, esplodendo, colpirebbe

violentemente lo schienale del seggiolino spingendo il bambino contro

il sedile dell’auto causandogli gravi lesioni o addirittura la morte.

Gruppo 0

Bambini fino a 10 kg

Gruppo 0+

Bambini fino a 13 kg

Gruppo 1

Bambini

da 9 a 18 kg

Gruppo 2

Bambini

da 15 a 25 kg

Gruppo 3

Bambini

da 22 a 36 kg

Molte autovetture presentano il sistema ISOFIX (standard internazionale che

regola l’installazione di equipaggiamenti di sicurezza per bambini), grazie

al quale i seggiolini di sicurezza per bambini diventano parte della struttura

del veicolo. Questo sistema è stato progettato per garantire il semplice e

corretto fissaggio del seggiolino, in alternativa al classico sistema di ancoraggio

mediante le cinture di sicurezza. Cfr Cap.II, Norme di comportamento

sulla strada.

POGGIATESTA

Il poggiatesta serve a ridurre il rischio di danni ai tessuti del collo nel

momento dell’impatto, soprattutto in caso di tamponamento. Il poggiatesta

impedisce la flessione all’indietro della testa, causa di lesioni ai tessuti

muscolari ed alle vertebre cervicali (cd. colpo di frusta) ed è comunque utile

negli urti frontali, bloccando la testa nel movimento all’indietro che essa,

con tutto il corpo, compie dopo aver terminato l’impatto contro la cintura di

sicurezza.

Il poggiatesta va sollevato affinché il suo bordo superiore si trovi all’altezza

del margine superiore della testa; inoltre, la distanza tra la sua superficie

anteriore e la testa non dovrebbe essere superiore a 10 cm.

118


Elementi del veicolo rilevanti ai fini della sicurezza stradale

CAPITOLO VII

CASCO

Il casco è composto da:

• una calotta esterna che sopporta gli urti, distribuendone l’energia su una

superficie più ampia ed assorbendone una parte con una parziale distruzione;

• una calotta interna, realizzata in polistirolo espanso a densità variabile,

che assorbe l’urto deformandosi permanentemente.

Dopo una caduta lo spessore della calotta interna potrebbe essere definitivamente

compromesso, anche se la calotta esterna non presenta nessun

segno di grave danneggiamento.

Oltre alle due calotte la struttura del casco comprende:

• un sistema di aerazione;

• la visiera;116

il cinturino sottogola;

il rivestimento interno.

Il casco deve essere omologato: l’etichetta che certifica l’omologazione del

casco è cucita sul cinturino o sull’ imbottitura interna. La normativa ECE

omologa tutti i caschi utilizzabili in tutti i paesi Europei ed extraeuropei. Cfr

Cap.II, Norme di comportamento sulla strada.

In Italia è possibile circolare con caschi costruiti secondo:

- la normativa D.G.M. (Direzione Generale della Motorizzazione) valida

solamente in Italia per i conducenti di ciclomotori indipendentemente dall’età;

- la normativa ECE di cui al regolamento n. 22.

I caschi D.G.M. – non più omologati dal 1° settembre 2000, in base al

decreto del Ministro dei Trasporti e della Navigazione del 28 luglio 2000,

pubblicato il 31.8.2000 – hanno caratteristiche tecniche inferiori, in termini

di sicurezza, a quelle previste dalla normativa internazionale per i

caschi da motociclista.

Il decreto suddetto, vietando prima l’omologazione e successivamente la

commercializzazione (dal 1° settembre 2001) dei caschi D.G.M., ha inteso

elevare lo standard di sicurezza e protezione anche per i conducenti

di ciclomotori, considerata soprattutto la larga diffusione di tale mezzo di

segue

119


CAPITOLO VII

Elementi del veicolo rilevanti ai fini della sicurezza stradale

continua

trasporto fra i più giovani. I conducenti di ciclomotori che possedessero

un casco D.G.M. possono peraltro, continuare ad usarlo anche se è consigliabile

che, alla prima occasione utile, lo abbandonino passando ad un

casco da motociclista.

Jet

Ciclomotori e motocicli

Demijet

Ciclomotori e motocicli

Integrale

Ciclomotori e motocicli

D.G.M.

Solo ciclomotori

120


APPENDICE


APPENDICE

Programma dei corsi per il recupero dei punti della patente di guida


Accreditamento dei soggetti pubblici e privati per lo svolgimento dei corsi

APPENDICE


APPENDICE

Accreditamento dei soggetti pubblici e privati per lo svolgimento dei corsi


Il risarcimento diretto: criteri di determinazione del grado di responsabilità

APPENDICE


APPENDICE

Il risarcimento diretto: criteri di determinazione del grado di responsabilità


Il risarcimento diretto: criteri di determinazione del grado di responsabilità

APPENDICE


APPENDICE

Il risarcimento diretto: criteri di determinazione del grado di responsabilità


Il risarcimento diretto: criteri di determinazione del grado di responsabilità

APPENDICE


APPENDICE

Il risarcimento diretto: criteri di determinazione del grado di responsabilità


Violazioni del Codice della Strada che comportano la sottrazione di punti

APPENDICE

VIOLAZIONI DEL CODICE DELLA STRADA CHE COMPORTANO LA SOTTRAZIONE DI PUNTI

Art.

Descrizione Min Max

Accessoria

141 1

Gare di velocità

142 co 9 e 12

Eccesso di velocità superiore ai 40 km/h

370

1485

Sospensione patente (da 1 a 3

mesi – da 3 a 6 se con patente da

meno di 3 anni).

In caso di recidiva biennale la

sospensione è da 2 a 6 mesi

(oppure, se con patente da meno

di 3 anni, da 4 a 8 mesi)

143 co 12

Circolazione contromano in curva, dosso o in casi di scarsa visibilità

281

1123

Sospensione patente (da 1 a 3

mesi, da 2 a 6 in caso di recidiva)

148 co 16

con rif co

9,10,11,12,13

Sorpasso a destra di tram o filobus con viaggiatori in salita o discesa;

sorpasso in prossimità o in corrispondenza delle curve o dei dossi e in ogni

altro caso di scarsa visibilità, se non espressamente previsto; sorpasso di un

veicolo che ne stia sorpassando un altro, o il superamento di veicoli fermi o

in lento movimento ai passaggi a livello, ai semafori o per altre cause di

congestione della circolazione, quando a tal fine sia necessario spostarsi

nella parte della carreggiata destinata al senso opposto di marcia;

sorpasso in prossimità o in corrispondenza delle intersezioni, salvo i casi

consentiti (quando il conducente del veicolo che si vuole sorpassare abbia

segnalato che intende svoltare a sinistra e abbia iniziato detta manovra;

quando avvenga su strada a precedenza, purché a due carreggiate

separate o a senso unico o ad almeno due corsie con lo stesso senso di

marcia e le corsie siano delimitate dall'apposita segnaletica orizzontale;

quando il veicolo che si sorpassa è a due ruote non a motore, sempre che

non sia necessario spostarsi sulla parte della carreggiata destinata al senso

opposto di marcia; quando la circolazione sia regolata da semafori o da

agenti del traffico); sorpasso in prossimità dei passaggi a livello senza

barriere, o il sorpasso di un veicolo che si sia arrestato o abbia rallentato

in corrispondenza di un attraversamento pedonale per consentire ai pedoni

di attraversare la carreggiata.

143

570

Sospensione patente (da 1 a 3

mesi – da 3 a 6 mesi se con

patente da meno di 3 anni)

1) Cfr., Capitolo II - Norme di comportamento sulla strada

Punti

10

10

10

131


APPENDICE

Violazioni del Codice della Strada che comportano la sottrazione di punti

Art. Descrizione Min Max Accessoria

Punti

148 co 16 rif co 14

Inosservanza del divieto di sorpasso per mezzi con massa sup. a 3,5 t

281

1123

Sospensione patente (da 2 a 6 mesi

– da 3 a 6 mesi se con patente da

meno di 3 anni)

10

168 co 8

Trasporto senza autorizzazione di merci pericolose o senza rispetto delle

prescrizioni

1754 2

7018

Sospensione patente e C.C.

(da 2 a 6 mesi)

10

168 co 9

Trasporto irregolare di merci pericolose

355

1427

Sospensione patente e C.C.

(da 2 a 6 mesi)

10

176 co 19

Invertire il senso di marcia in autostrada

1754 3

7018

Sospensione patente (da 6 a 24

mesi); fermo del veicolo (3 mesi); In

caso di reiterazione delle violazioni,

in luogo del fermo amministrativo,

consegue la sanzione accessoria

della confisca amministrativa del

veicolo

10

176 co 20 rif

co 1 lett b)

Retromarcia sulle corsie di emergenza

370

1485

n.p.

10

176 co 20 rif

co 1 lett c) d)

Circolazione su corsie di emergenza

370

1485

Sospensione patente (da 2 a 6 mesi)

10

179 co 2 1°p.

Mancanza cronotachigrafo o foglio di reg.

742

2970

Sospensione patente

(da 15 gg a 3 mesi)

10

179 co 2 2°p.

Manomissione dei sigilli o cronotachigrafo alterato

742 * 2

2070*2

Sospensione patente

(da 15 gg a 3 mesi)

10

179 co 2-bis

Mancanza del limitatore di velocità – limitatore con caratteristiche non

rispondenti a quelle fissate – limitatore non funzionante

829

3315

Sospensione patente

(da 15 gg a 3 mesi)

10

179 co 2-bis Limitatore velocità alterato

829*2 3315*2 Revoca patente

10

186 co 2 2°p.

Guida di veicoli di massa inferiore a 3,5 t sotto l’influenza dell’alcool

258

1032

Arresto fino ad 1 mese; sospensione

patente (da 15 gg a 3 mesi; sospensione

patente per recidiva annuale

(da 1 a 6 mesi)

10

2) Pagamento in misura ridotta non ammesso - 3) Pagamento in misura ridotta non ammesso - (*) L’art. 172 è stato interamente sostituito dall’art. 1 del D. Legisl. 13 marzo 2006, n. 150:

i commi 8 e 9 previsti dall’art. 126-bis, così fanno ora riferimento ai commi 10 e 11 della nuova versione.

132


Violazioni del Codice della Strada che comportano la sottrazione di punti

APPENDICE

Art. Descrizione Min Max Accessoria

Punti

186 co 2 3°p.

Guida di veicoli oltre i 3,5 t o autobus o autotreni, sotto l’influenza dell’alcool

258

1032

Arresto fino ad 1 mese; ritiro della

patente per revoca con sentenza

10

186 co 7

Rifiuto di sottoporsi all’accertamento

Stesse

sanzioni

del co 2.

10

187 co 7-8

Guida sotto l’influenza di sostanze stupefacenti o rifiuto di sottoporsi all’accertamento

Stesse

sanzioni

del

186 co 2.

Ove il fatto non costituisca più grave

reato, è punito con le sanzioni

dell’articolo 186, comma 2. Si

applicano le disposizioni del comma

2, ultimo periodo, dell’art. 186.

10

189 co 5 2°p.

Fuga dopo sinistro con gravi danni ai mezzi

250

1000

Sospensione patente (da 15gg a 2

mesi)

10

189 co 6

Allontanamento dopo incidente con lesioni

Reclusione (da 3 mesi a 3 anni.:

sospensione patente (da 1 a 3 anni)

10

192 co 7 Omesso arresto al posto di blocco

1169 4678 n.p.

10

149 co 6

Tamponamento con lesioni gravi

355

1427

Salva l'applicazione delle sanzioni

penali per i delitti di lesioni colpose

o di omicidio colposo

8

150 co 5 rif.

Art.149 co 6

Collisione con gravi danni ai mezzi in fasce d’incrocio su strada strette o di

montagna

355

1427

Salva l'applicazione del- le sanzioni

penali per i delitti di lesioni

colpose o di omicidio colposo

8

154 co 7 Inversione di marcia su incroci, curve o dossi

74 296 n.p.

8

145 co 5-10

Mancanza di arresto allo STOP

143

570

Sospensione patente (da 1 a 3

mesi) per recidiva biennale

6

146 co 3

Inosservanza del semaforo rosso o delle indicazioni dell’agente del traffico

143

570

Sospensione patente (da 1 a 3

mesi) per recidiva biennale

6

147 co 5

Inosservanza dei comportamenti da tenere ai passaggi a livello

74

296

Sospensione patente (da 1 a 3

mesi) per recidiva biennale

6

133


APPENDICE

Violazioni del Codice della Strada che comportano la sottrazione di punti

Art. Descrizione Min Max Accessoria

Punti

141 co 8

Velocità pericolosa su incroci, curve, scuole, luoghi frequentati, tratti

a limitata visibilità, forti discese, passaggi stretti o ingombranti, ore notturne,

casi di insuff. Visibilità per condizioni atmosferiche, attraversamento abitati

o tratti di strada fiancheggiati da edifici

74

296

n.p.

5

145 co 2, 3, 4, 6,

7, 8, 9, 10

Omessa precedenza

143

570

Sospensione patente (da 1 a 3

mesi) per recidiva biennale

5

148 co 15 rif co 3

Sorpasso senza segnalazione e/o senza lasciare sufficente spazio

al veicolo superato

70

285

Sospensione patente (da 1 a 3

mesi) per recidiva biennale

5

149 co 5 2°p

Collisione con grave danno ai veicoli per due volte in due anni 4

74

290

Sospensione da 1 a 3 mesi per

recidiva biennale

5

150 co 5 rif.

Art.149 co 5

Collisione con gravi danni ai mezzi in fasce d’incrocio su strada strette

o di montagna

74

290

Sospensione patente (da 1 a 3

mesi) per recidiva biennale

5

171 co 2 Omesso uso del casco

70 285 Fermo amministrativo (60 gg) 5

172 co 8 (*)

Omesso uso delle cinture di sicurezza / sistemi di ritenuta;

68

275

Sospensione patente (da 15 gg

a 2 mesi) per recidiva biennale

5

172 co 9 (*)

Utilizzo di cintura ma con alterazione od ostacolo al suo funzionamento

35

143

Sospensione patente (da 15 gg

a 2 mesi) per recidiva biennale

5

173 co 3 Omesso uso di lenti o uso del cellulare (senza kit viva-voce o auricolare) 70 285 n.p.

5

191 co 1 Omessa precedenza ai pedoni sugli attraversamenti pedonali

143 570 n.p.

5

191 co 3

Omessa precedenza agli invalidi muniti di apposito segnale

o accompagnati da cane

143

570

n.p.

5

143 co 11 Circolazione contromano

143 570 n.p.

4

143 co 5-13 Marcia su carreggiata a più corsie senza utilizzare quella libera più a destra 36 148 n.p.

4

161 co 2 Omesse cautele in caso di caduta del carico

36 148 n.p.

4

167 co 2-5-6 Sovraccarico con veicolo oltre 10t: eccedente a 3 t

370 1485 n.p

4

4) Incongruenza della norma tra primo e secondo periodo: per lo meno non sembravano queste le intenzioni del legislatore - (*) L’art. 172 è stato interamente sostituito dall’art. 1 del D. Legisl.

13 marzo 2006, n. 150: i commi 8 e 9 previsti dall’art. 126-bis, così fanno ora riferimento ai commi 10 e 11 della nuova versione.

134


Violazioni del Codice della Strada che comportano la sottrazione di punti

APPENDICE

Art. Descrizione Min Max Accessoria

Punti

Art 167 co 3-5-6 Sovraccarico con veicolo inferiore a 10 t :eccedente al 30%

370 1485 n.p.

4

168 co 7 Sovraccarico di merci pericolose

370*2 1485*2 n.p.

4

169 co 8 Trasporto abusivo con persone in eccedenza

370 1485 Sospensione C.C. (da 1 a 6 mesi) 4

175 co 13

Veicoli non idonei a circolare su autostrada (veicoli con carico disordinato e

non solidamente assicurato o sporgente oltre i limiti consentiti; veicoli a

tenuta non stagna e con carico scoperto, se trasportano materie suscettibili

di dispersione)

370

1485

n.p.

4

189 co 5 1°p 5

Fuga dopo incidente con danni ai veicoli

250

1000

Sospens. patente 15gg-2masi se

dal fatto deriva un grave danno

al veicolo coinvolto tale da

determinarne la revisione

4

148 co 15 rif co 2 Sorpasso senza le dovute cautele (mancanza verifica condizioni)

70 285 n.p.

3

148 co 15 Sorpasso a destra

70 285 n.p.

3

149 co 4 Inosservanza distanza di sicurezza

36 148 n.p.

3

153 co 10 Abbagliamento

74 296 n.p.

3

164 co 8

Omessa segnalazione di carico sporgente o irregolare sistemazione del carico

74

296

Ritiro patente e C.C fino alla

eliminazione dell’illecito

3

167 co 2-5-6 Sovraccarico con veicolo oltre 10 t: non eccedente a 3 t

148 594 n.p.

3

Art 167 co 3-5-6 Sovraccarico con veicolo inferiore a 10 t :non eccedente al 30%

148 594 n.p.

3

192 co 6 Violazione obblighi verso forze di polizia

74 148 n.p.

3

142 co 8 Eccesso di velocità di oltre 10 km/h e inferiore ai 40 km/h

148 594 n.p.

2

146 co 2

Inosservanza della segnaletica stradale ad eccezione del divieto di sosta

e di fermata

36

148

n.p.

2

148 co 15 co 8 Sorpasso irregolare di tram

70 285 n.p.

2

5) Vedi anche L.72/03.

135


APPENDICE

Violazioni del Codice della Strada che comportano la sottrazione di punti

Art. Descrizione Min Max Accessoria

Punti

154 co 8

Violazione norme relative a cambiamento di corsia o di direzione – omessa

segnalazione, utilizzo improprio segnalazioni di cambiamento di direzione, ecc.

36

148

n.p.

2

158 co 2

lett d), g) e h)

Divieto di sosta:

- negli spazi riservati allo stazionamento e alla fermata degli autobus, dei

filobus e dei veicoli circolanti su rotaia e, ove questi non siano delimitati, a

una distanza dal segnale di fermata inferiore a 15 m, nonché negli spazi

riservati allo stazionamento dei veicoli in servizio di piazza;

- negli spazi riservati alla fermata o alla sosta dei veicoli per persone invalide

e in corrispondenza degli scivoli o dei raccordi tra i marciapiedi, rampe

o corridoi di transito e la carreggiata utilizzati dagli stessi veicoli;

- nelle corsie o carreggiate riservate ai mezzi pubblici

74

296

n.p.

2

161 co 1-3 Omessa segnalazione caduta del carico

36 148 n.p.

2

162 co 5 Omesso collocamento del triangolo in caso di avaria del veicolo

36 148 n.p.

2

165 co 3 Irregolarità nel traino di veicoli in avaria

74 296 n.p.

2

167 co 2-5-6 Sovraccarico con veicolo oltre 10t: non eccedente a 2 t

74 296 n.p

2

Art 167 co 3-5-6 Sovraccarico con veicolo inferiore a 10 t: non eccedente al 20%

74 296 n.p.

2

168 co 9-bis

Trasporto di merci pericolose senza osservare le prescrizioni

dei decreti ministeriali

355

1427

n.p.

2

169 co 9 Trasporto di persone in eccedenza su vetture

36 148 n.p.

2

174 co 4-5 Inosservanza periodi di guida e/o riposo stabiliti dal Reg.CEE 3820/85 143 570 Recupero della pausa e/o riposo 2

175 co 14 rif

co 7 lett a

Trainare veicoli che non siano rimorchi sulle carreggiate, sulle rampe,

sugli svincoli, sulle aree di servizio o di parcheggio e in ogni altra

pertinenza autostradale

36

148

n.p.

2

175 co 16 1°p

Circolazione in autostrada con veicoli non ammessi; sosta oltre le 24 ore

nelle aree di servizio e di parcheggio o in altre pertinenze autostradali

36

148

n.p.

2

175 co 16 2° p Circolazione di pedoni e animali in autostrada

22 88 n.p.

2

136


Violazioni del Codice della Strada che comportano la sottrazione di punti

APPENDICE

Art. Descrizione Min Max Accessoria

Punti

176 co 21

Tutti gli altri comportamenti vietati in autostrada (modalità di utilizzo

delle corsie accelerazione-decelerazione, segnalazione cambi corsia,

comportamenti in caso di ingorghi o code, comportamenti sulle rampe

e sugli svincoli, ecc.)

74

296

n.p.

2

177 co 5 Inosservanza dell’obbligo di lasciare la precedenza ai mezzi di soccorso 36 148 n.p.

2

178 co 3

Inosservanza dei periodi di guida e/o riposo con veicoli privi

di cronotachigrafo

143

570

n.p.

2

189 co 9

Altre omissioni in caso d’incidente (fornire le proprie generalità

e informazioni utili; porre in atto ogni misura idonea a salvaguardare

la sicurezza della circolazione)

74

296

n.p.

2

191 co 2

Omessa precedenza ai pedoni che già hanno iniziato l’attraversamento

nei casi in cui non ci siano attraversamenti

143

570

n.p.

2

152 co 3 Utilizzo non corretto degli abbaglianti

36 148 n.p.

1

153 co 11 Uso irregolare dei dispositivi luminosi

36 148 n.p.

1

167 co 2-5-6 Sovraccarico con veicolo oltre 10t: non eccedente a 1 t

36 148 n.p.

1

Art 167 co 3-5-6 Sovraccarico con veicolo inferiore a 10 t: non eccedente al 10%

36 148 n.p.

1

169 co 10

Persone trasportate in modo irregolare, trasporto animali in numero

superiore a uno o in maniera difforme d quella prevista

74

296

n.p.

1

170 co 6

Violazione delle norme relative al trasporto di persone, animai ed oggetti

nei veicoli a due ruote

70

285

Fermo amministrativo (60 gg) se il

conducente è minore. Fermo 90 gg

in caso di redidiva biennale.

1

174 co 7

Mancanza estratto registro di servizio o copia dell’orario di servizio

22

88

n.p., salvo applicazioni sanzioni

penali se il fatto costituisce reato.

1

178 co 4

Mancanza libretto individuale di controllo

143

570

n.p., salvo che il fatto non

costituisca reato.

1

137

More magazines by this user
Similar magazines