27.01.2015 Views

16 ottobre 2009 - venerdì - Rotary Club Cagliari Nord

16 ottobre 2009 - venerdì - Rotary Club Cagliari Nord

16 ottobre 2009 - venerdì - Rotary Club Cagliari Nord

SHOW MORE
SHOW LESS

You also want an ePaper? Increase the reach of your titles

YUMPU automatically turns print PDFs into web optimized ePapers that Google loves.

BUONO A SAPERSI ….<br />

Utilità, Convenzioni, Agevolazioni: gli indirizzi utili per i rotariani e non<br />

SANITÀ<br />

Via Bertoloni 34 - 00197 ROMA<br />

Servizi Medici h 24<br />

Tel. 06 802201<br />

Guardia Medica: cardiologica,<br />

ginecologica;<br />

Reperibilità specialistica<br />

Terapia Intensiva<br />

Centro cuore - Trauma Center<br />

Traumatologia dello sport<br />

Ostetricia e Ginecologia<br />

Poliambulatorio specialistico<br />

Esami di laboratorio<br />

Diagnostica per immagini<br />

Assistenza domiciliare<br />

COSMETICI<br />

ALMA DIVISION Srl<br />

Via del Boschetto, 6<br />

00184 ROMA<br />

Tel. +39 06 48906712<br />

349 2353206<br />

Fax 06 48071127<br />

nunzio.prestigiacomo@almadivision.com<br />

cosmetici di alta qualità formulati<br />

dal Dr. Dov KLEIN<br />

Presidente della A.M.C.A. -<br />

Advanced Medical Cosmetic<br />

Academy di Tel Aviv - Israele<br />

Contatto:<br />

Dr. Nunzio PRESTIGIACOMO<br />

TRADUZIONI<br />

Multilingual Solutions<br />

Traduzioni tecniche, scientifiche,<br />

legali, commerciali<br />

Localizzazione software e siti web<br />

da e verso tutte le lingue<br />

Specializzazioni: industria<br />

biomedicale/farmaceutica,<br />

macchinari, IT/telecomunicazioni,<br />

energia, automotive, elettronica,<br />

diritto ed economia<br />

Sedi in: Italia, Spagna e Finlandia<br />

Certificati EN 15038<br />

lorenzo.ganzerli@it.arancho.com<br />

www.arancho.com<br />

OGGETTISTICA<br />

SIMONETTI ceramiche<br />

Villaggio Artigiano,<br />

64041 Castelli TE<br />

Tel. +39 0861979493<br />

- Fax 0861970726<br />

info@ceramichesimonetti.it<br />

simone.s@ceramichesimonetti.it<br />

www.ceramichesimonetti.it<br />

Produzione ceramiche artistiche<br />

decorate a mano, coppe, vasi, trofei,<br />

con processi di lavorazione<br />

controllati e certificati ‘ISO 9001.<br />

Contatto:<br />

Sig. Simone SIMONETTI<br />

COMUNICAZIONE<br />

PREVIDI<br />

PREVIDI<br />

Via del Fontanile Nuovo, 32<br />

00135 ROMA<br />

Tel. 06 308187<strong>16</strong> - 347 3082957<br />

info@previdionline.com<br />

www.previdionline.com<br />

Forniture per <strong>Club</strong> <strong>Rotary</strong><br />

InnerWheel, Rotaract<br />

Distintivi, spille, cravatte, ombrelli,<br />

gemelli, Guidoncini, Bandiere,<br />

Forniture per congressi<br />

Contatto: Sig.ra Paola PREVIDI<br />

VIAGGI<br />

IL CENACOLO<br />

DEI VIAGGIATORI<br />

viaggi a tema e virtuali,<br />

visite guidate, gite,<br />

serate a tema<br />

via Ercole Pasquali 3<br />

00<strong>16</strong>1 ROMA<br />

Tel. 06 44234698<br />

Fax 06 44233692<br />

direzione@courtesytravel.it<br />

Per conoscere ROMA<br />

come non l’avete mai vista<br />

Contatto:<br />

Dr. Giuseppe IBRIDO<br />

RC Roma Palatino<br />

ANTIVIRUS per PC<br />

Kaspersky Lab Italia Srl<br />

Via Francesco Benaglia, 13<br />

00146 ROMA<br />

Assistenza Tecnica<br />

N. 800.913533<br />

sales@it.kaspersky.com<br />

www.kaspersky.com/it<br />

Prodotti Antivirus<br />

KAV e KIS <strong>2009</strong><br />

Protezione base e protezione<br />

avanzata, il meglio per proteggere<br />

il pc dagli attacchi esterni!<br />

Nei migliori negozi di informatica<br />

PUBBLICITÀ<br />

LA VOCE DEL ROTARY<br />

Sviluppo & Marketing<br />

Via C. Conti Rossini, 26<br />

00147 ROMA<br />

Tel. 06 51435234 - Fax 06 5<strong>16</strong>04997<br />

marianomarotta@fastwebnet.it<br />

www.svimm.com<br />

CONSULENZE MARKETING<br />

Raccolta Pubblicità<br />

La VOCE del ROTARY<br />

FARMAFFARI<br />

L’AGENDA del MANAGER<br />

Contatto: Dr. Mariano MAROTTA<br />

STAMPATI<br />

Via di Monte Verde, 28/38<br />

00152 ROMA<br />

Tel. 06 536557 - 06 5826674<br />

Fax 06 58200728<br />

Editoria, riviste, depliant,<br />

opuscoli, libri, cataloghi<br />

Contatto:<br />

Dr. Daniele BORGIA<br />

borgiasrl@tiscali.it<br />

indice<br />

•Lettera del Governatore 3<br />

Luciano Di Martino<br />

•Servire i giovani per il nostro futuro 4<br />

Roberto Scambelluri<br />

•Attualità e importanza dello<br />

Scambio giovani 5<br />

LDM<br />

•Interact: un’opportunità per…<br />

rendere il mondo migliore 8<br />

Giovanbattista Mollicone<br />

•Un’idea che viene dall’Australia 10<br />

Carlo Andrea Sàrdara<br />

•Espansione, incremento e<br />

qualità dell’Effettivo 13<br />

Salvatore Fozzi<br />

•Ivaldi diventa scrittore <strong>16</strong><br />

•Il decano puntualizza <strong>16</strong><br />

•Il piccolo Cottolengo 17<br />

Luigi Mastino<br />

•Visita alla base aerea di Decimomannu 22<br />

Mauro Manunza<br />

•Apertura in musica con Mozart<br />

e Monteverdi 23<br />

•La comunicazione come<br />

prospettiva professionale 24<br />

•La borsa di studio Omero Ranelletti 25<br />

•La seconda edizione del corso<br />

per badanti 26<br />

•Acqua preziosa 26<br />

Manuela Astrologo<br />

•I sogni dei bambini sassaresi 27<br />

•Lo sportello del cittadino 27<br />

•Quadrangolare per l’arricchimento<br />

culturale e l’amicizia tra nazioni 28<br />

Maria Antonietta Coccanari de’ Fornari<br />

•Castro dei Volsci e la Valle del Sacco 29<br />

Giuseppe Ibrido<br />

•Miniere sarde, anche con vista mare 32<br />

Alessandra Sallemi<br />

•Agenda rotariana 34<br />

Voce del <strong>Rotary</strong><br />

periodico del Distretto 2080 <strong>Rotary</strong> International<br />

registrato al Tribunale di Roma con il n. 191/82<br />

Registro Nazionale della stampa n. 619 del 12/12/82<br />

anno XXVIII - numero 65 - settembre <strong>2009</strong><br />

poste italiane spa spedizione in abbonamento<br />

postale d.l. 353/2003 (conv. in l. 27/02/2004<br />

n. 46) art. 1, comma 1 - dcb Roma<br />

Proprietà<br />

Fondazione Omero Ranelletti<br />

Direttore responsabile<br />

Enrico Morbelli (Roma Sud Ovest -<br />

enricomorbelli@tele2.it)<br />

Governatore del Distretto 2080 R.I.<br />

Luciano Di Martino (<strong>Cagliari</strong> Est -<br />

gov0910@rotary2080.org)<br />

Coordinatore editoriale<br />

Lucio Artizzu (<strong>Cagliari</strong> - lucioartizzu@tiscali.it)<br />

Redazione<br />

Alberto Aime (<strong>Cagliari</strong> Est - 070.664969), Emilio<br />

Ammaturo (Guidonia-Montecelio -<br />

emilio.ammatura@fastwebnet.it), Giuseppe Ibrido<br />

(Roma Palatino - giuseppe.ibrido@courtesytravel.it),<br />

Enrico Porqueddu (Sassari <strong>Nord</strong> -<br />

ilsassarese@yahoo.it), Alessandra Sallemi (<strong>Cagliari</strong><br />

Anfiteatro - alessandra.sallemi@tiscali.it), Maurizio<br />

Verderame (Roma Sud - segreteria@euroforum.it)<br />

Direzione e redazione<br />

piazza Cola di Rienzo, 69 - 00192 Roma,<br />

c/o sede del Distretto 2080 <strong>Rotary</strong> International<br />

tel. 06.3242271 - vocedelrotary@rotary2080.org<br />

Impaginazione e stampa<br />

Borgia srl Industrie Grafiche Editoriali Associate<br />

Roma 00152 - via di Monteverde n. 28-38<br />

tel. 06.536557 - fax 06.58200728 - borgiasrl@tiscali.it<br />

Pubblicità<br />

ADV/Pubblicità Mariano Marotta<br />

In forma non esclusiva<br />

Questo numero è stato chiuso in redazione<br />

il 31 agosto <strong>2009</strong><br />

Associato all’USPI<br />

I singoli autori sono legalmente responsabili del contenuto<br />

degli articoli per i quali la proprietà e l’editore declinano<br />

ogni responsabilità. Gli articoli con il corredo di foto<br />

vanno inviati per posta elettronica. La rivista si riserva, a<br />

insindacabile giudizio, la pubblicazione del materiale<br />

che, in ogni caso, non verrà restituito


VOCE del ROTARY settembre <strong>2009</strong> • n. 65 3<br />

GUARDIA MEDICA<br />

E REPERIBILITÀ<br />

SPECIALISTICA<br />

h24<br />

• Poliambulatori<br />

Specialistici<br />

• Laboratori Analisi<br />

• Diagnostica per Immagini<br />

• Terapia Intensiva<br />

• Traumatologia<br />

• Traumatologia dello Sport<br />

SportClinique<br />

• Centro Cuore<br />

• Chirurgia Generale e<br />

Specialistica<br />

• Ricoveri Medici e Chirurgici<br />

• Ostetricia<br />

• Servizi domiciliari<br />

La cultura del benessere<br />

Mater Dei S.p.A. - Casa di Cura Privata<br />

Tel. 06.80220.1 (15 linee r.a.)<br />

C.U.P. Tel. 06.80220.6060<br />

Via A. Bertoloni, 34 00197 Roma<br />

Mater Dei SpA - Direttore Sanitario: Dr.ssa V. Mei - Aut. Reg. Lazio n. D0111 del 17-03-03<br />

Paideia S.p.A. - Casa di Cura Privata<br />

Tel. 06.33094.1 (20 linee r.a.)<br />

C.U.P. Tel. 06.33094.5100<br />

Via V. Tiberio, 46 00191 Roma<br />

Aziende Certificate con Sistema Gestione Qualità ISO 9001:2000<br />

Paideia SpA - Direttore Sanitario: Dr. T. Malato - Aut. Reg. Lazio n. 1072 del 10-12-02<br />

Lettera del Governatore<br />

Settembre <strong>2009</strong><br />

Cari amici,<br />

esaurito il breve periodo di tavola rotariana, è tempo<br />

di rituffarci nella nostra azione: l’appuntamento di settembre<br />

è con le “nuove generazioni”. Che significa<br />

Non basta dire che le nuove generazioni sono quelle che<br />

seguono la nostra in termini di anagrafe; dobbiamo credere<br />

e fare in modo che vogliano seguirci anche nella strada<br />

comunitaria che un giorno abbiamo intrapreso con speranza<br />

e che continuiamo a percorrere con convinzione.<br />

Come ciascuno di noi ha impugnato il testimone che da oltre<br />

un secolo si trasmette dal rotariano di ieri al rotariano<br />

di oggi, così è nostro dovere appuntare simbolicamente<br />

la ruota al petto dei rotariani futuri, guidandoli perché<br />

possano agire forti della nostra esperienza e trasmettere<br />

poi ad altri lo stesso entusiasmo, lo stesso spirito, le stesse<br />

energie, la stessa fierezza di poter operare al servizio<br />

della promozione umana e della pace fra i popoli.<br />

Speriamo che siano tanti, e che possano assorbire la<br />

nostra conoscenza condividendo quel che ci contraddistingue:<br />

dalla forza morale al senso di responsabilità, dalla<br />

tradizione di leadership all’entusiasmo per gli obiettivi<br />

che ci siamo posti. Dipende da noi, dalle nostre capacità<br />

d’ispirazione, integrità e credibilità. I giovani ci guardano<br />

e ci giudicano per ciò che siamo e facciamo. Loro<br />

hanno bisogno della nostra autorevolezza e noi abbiamo<br />

bisogno di loro per poter guardare lontano, in base al principio<br />

secondo cui “ognuno si regge sulle spalle della generazione<br />

passata di rotariani, ed è nostra responsabilità<br />

determinare il futuro del <strong>Rotary</strong>”. Quel futuro che è nelle<br />

nostre mani, come ha sottolineato il presidente internazionale<br />

John Kenny, facendone il tema dell’anno.<br />

È con queste raccomandazioni che vi ricordo i quattro<br />

punti cardinali operativi utili a rinverdire la nostra organizzazione<br />

e assicurarne lo sviluppo: lo scambio di giovani<br />

a livello internazionale tra rotary club (attività che mi<br />

sta particolarmente a cuore per averne verificato l’importanza<br />

e la grande utilità formativa in tanti anni di dedizione),<br />

l’Interact (che offre agli adolescenti l’opportunità<br />

di lavorare insieme, al servizio del prossimo e con comprensione<br />

reciproca, sempre in aperta dimensione geografica),<br />

il Rotaract (con i suoi club di riferimento idonei<br />

alla formazione di senso civico, responsabilità e comprensione<br />

internazionale per i giovani in età post scolastica) e<br />

i Ryla (tesi verso una qualificata formazione di giovani<br />

leader).<br />

Indispensabile in questo contesto è la divulgazione dei<br />

nostri principi parlando dello spirito d’amicizia che anima<br />

la nostra comunità mondiale (argomento che richiama<br />

grandemente l’attenzione dei giovani), promuovendo<br />

interesse, favorendo contatti informativi, stimolando insomma<br />

l’avvicinamento delle nuove generazioni alla filosofia<br />

di servizio della nostra Associazione.<br />

In tale ambito un ruolo rilevante spetta alla Commissione<br />

distrettuale “servizi per i<br />

giovani” che, tramite l’interazione<br />

delle sue sottocommissioni e<br />

l’attivazione di interventi incrociati,<br />

offre ai giovani, sempre nel<br />

rispetto dell’autonomia dei club,<br />

quanto possa interessarli allo spirito<br />

e alle iniziative nelle quali<br />

noi rotariani siamo coinvolti. Una<br />

commissione, quindi, fondamentale per una fattiva attività<br />

di servizio interno in favore delle nuove generazioni.<br />

Fin qui ho parlato della cura e del potenziamento della<br />

nostra organizzazione interna; ma c’è un altro aspetto essenziale<br />

e sostanziale su cui debbo soffermarmi: riferirsi<br />

alle nuove generazioni significa – in termini di servizio umanitario<br />

– soprattutto pensare a un obiettivo tra i più importanti<br />

dell’impegno rotariano, quello del disagio e della<br />

sofferenza di centinaia di milioni di esseri umani. Intendo<br />

bambini e bambine, adolescenti, ragazze e ragazzi che<br />

nelle aree più sfortunate del mondo patiscono la sete, la<br />

fame, le malattie, le guerre, l’ingiustizia, lo sfruttamento,<br />

la cattiveria. Sono nuove generazioni senza avvenire, ed è<br />

nostro compito contribuire a dar loro un futuro, almeno<br />

in minima parte. Nel nostro piccolo, questo grande problema<br />

possiamo affrontarlo seguendo le “aree prioritarie”<br />

indicate dalla presidenza del <strong>Rotary</strong> International: i temi<br />

dell’acqua, della sanità, della fame e dell’alfabetizzazione,<br />

infatti, investono in pieno le condizioni e le possibili<br />

prospettive delle nuove generazioni a livello planetario.<br />

Ogni iniziativa incentrata su uno di questi quattro punti è<br />

connaturata con il nostro ideale d’intervento, sia pur piccolo,<br />

magari poco visibile, limitato alle nostre modeste possibilità.<br />

Certo, le priorità rotariane dell’anno possono essere<br />

riconducibili alla sorte dei disperati del mondo: anche<br />

il loro futuro può essere «nelle nostre mani».<br />

Passo ora a questioni assai meno gravi. Agosto è il mese<br />

dedicato all’ “Espansione interna ed esterna”, cioè all’organico<br />

rotariano. Considerate le tradizioni vacanziere<br />

in Italia, il periodo è trascorso in sordina. Recupereremo,<br />

però, nel mese di settembre con due seminari per<br />

l’Effettivo (il 12 a Nuoro per i <strong>Club</strong> della Sardegna e il 19<br />

a Roma per i club di Roma e del Lazio) ai quali sono invitati<br />

soprattutto i nuovi soci. La partecipazione ai seminari<br />

sarà gratuita ed aperta a tutti i soci.<br />

Restando in tema di appuntamenti, il mio programma<br />

in questo mese prevede i primi incontri con i club di Roma<br />

e del Lazio e altri ancora in Sardegna.Tra gli appuntamenti<br />

del mese in corso vi segnalo, inoltre, l’assemblea<br />

distrettuale dell’Inner Wheel (il 26 a Stintino, incantevole<br />

luogo nell’estrema punta a nord-ovest della Sardegna).<br />

Colgo l’occasione, infine, per ricordarvi la visita del Presidente<br />

Internazionale Kenny, che sarà a Roma nei giorni<br />

dal 19 al 22 <strong>ottobre</strong>.<br />

Un caro saluto e buon lavoro


4 settembre <strong>2009</strong> • n. 65 VOCE del ROTARY<br />

Servire i giovani per il nostro futuro<br />

Uno degli argomenti<br />

più delicati e difficili<br />

da trattare e da esaminare<br />

in ambito rotariano,<br />

e non solo, è quello dei giovani.<br />

Infatti oggi non si può<br />

negare che “il futuro è solo<br />

nelle mani dei giovani“ nella<br />

misura, però, in cui noi<br />

avremo guidato, anche con<br />

l’esempio, i giovani nel loro<br />

cammino di vita formandoli<br />

nello spirito e negli ideali<br />

rotariani.<br />

I circa 33mila <strong>Club</strong> <strong>Rotary</strong><br />

contano su compagini sociali<br />

con soci con una età media<br />

alquanto elevata anche<br />

se da qualche anno abbiamo<br />

assistito a cooptazioni di soci<br />

molto giovani, ma mai come<br />

oggi occorre prendere atto<br />

che l’età media per raggiungere<br />

posizioni da leader si è di molto<br />

abbassata per cui molti giovani che<br />

oggi non sono rotariani, pur se sono<br />

entrati in contatto con il mondo ratariano<br />

(Rotaract, Interact, Scambio<br />

giovani, Alumni, GSE, gruppi di scambio<br />

studi, Ryla, eccetera), devono essere<br />

ricoinvolti nel nostro mondo.<br />

Oggi molti giovani professionisti stanno<br />

riscrivendo il panorama economico<br />

del mondo, molti di loro si sono lanciati<br />

in iniziative che hanno scosso il<br />

mondo sotto tutti i profili… dallo scientifico,<br />

alla cultura, alla comunicazione,<br />

alle nuove tecnologie.<br />

Questi giovani devono guardarsi indietro<br />

e recuperare l’entusiasmo di essere<br />

stati a noi vicini e partecipi di una<br />

grande organizzazione.<br />

Così possono riscoprire lo spirito di<br />

servizio con il quale molti rotariani a<br />

suo tempo li hanno accolti e guidati in<br />

un , seppur breve, periodo della loro<br />

vita e di conseguenza essere loro, oggi,<br />

i fautori della formazione di nuovi<br />

giovani entrando nei <strong>Club</strong> <strong>Rotary</strong> per<br />

dare il loro apporto di servizio.<br />

Su questa strada la Commissione nuove<br />

generazioni, in coordinamento trasversale<br />

con tutte la altre Commissio-<br />

ni distrettuali, e con l’apporto indispensabile<br />

degli Istituti scolastici, si<br />

sta muovendo ripercorrendo strade<br />

già percorse, tradizionali, ma aprendone<br />

altre, rintracciando e individuando<br />

giovani che possano prendere nelle<br />

loro mani il futuro del <strong>Rotary</strong>.<br />

Rotaract<br />

Pur continuando il lavoro, ottimo, fatto<br />

negli anni precedenti, la Commissione<br />

nel dare ai giovani la possibilità<br />

di migliorare le loro competenze e conoscenze<br />

per la loro crescita umana e<br />

professionale, mirerà ad integrarli con<br />

i “fratelli minori” dell’interact per collaborare<br />

con i loro progetti, ad indirizzarli<br />

su progetti che non hanno il<br />

solo scopo di fare assistenzialismo e<br />

sostituirsi ad Enti istituzionali a ciò<br />

preposti producendo pura beneficenza,<br />

ma concentrando la loro azione su<br />

progetti che affianchino i grandi progetti<br />

del <strong>Rotary</strong> internazionale.<br />

Altra iniziativa a cui si sta lavorando<br />

è quella di utilizzare il sito internet rotaractiano<br />

per mettere on-line i curricula<br />

dei giovani del mondo rotariano,<br />

a livello interdistrettuale, per creare<br />

ai giovani maggiori opportunità di<br />

di Roberto Scambelluri<br />

lavoro mettendo a disposizione di tutto<br />

il mondo produttivo e in vetrina la<br />

professionalità, serietà, cultura morale,<br />

educazione e correttezza dei nostri<br />

giovani.<br />

Interact<br />

Una attenzione particolare è data ai<br />

<strong>Club</strong> Interact che oltre a formare i giovani<br />

per far parte di un sodalizio mondiale<br />

dedito all’ideale del servire e alla<br />

promozione della comprensione internazionale,<br />

dovranno integrarsi con<br />

“tutto” il mondo dei giovani vicini al<br />

<strong>Rotary</strong> interscambiando con loro programmi,<br />

progetti, esperienze, eccetera.<br />

Saranno incentivate iniziative per far<br />

partecipare i giovani soci a certamen<br />

scolastici, a tornei di giochi elettronici<br />

con raccolta fondi per la eradicazione<br />

della polio, sarà nominato un segretario<br />

a livello distrettuale per coordinare<br />

meglio le iniziative che devono<br />

essere portate avanti con la collaborazione<br />

di tutti i Distretti più vicini<br />

per abituare i giovani ai contatti internazionali.<br />

Il contatto con i giovani del Rotaract<br />

sarà molto importante e dovrà essere<br />

VOCE del ROTARY settembre <strong>2009</strong> • n. 65 5<br />

in simultanea con la istituzione di giovani<br />

di “contatto” anche per scambiarsi<br />

esperienze, per programmare<br />

transfert dei giovani nel Rotaract, e<br />

via discorrendo.<br />

Il desiderio ed il bisogno di conoscere<br />

e comprendere altre realtà<br />

e culture rappresenta sempre più<br />

una delle caratteristiche delle Nuove<br />

Generazioni. D’altronde prima il cinema,<br />

poi la tivvù e, infine, internet<br />

ci hanno portato in giro per il mondo<br />

facendoci vedere e sentire meraviglie<br />

e disgrazie di paesi lontani, fino a quel<br />

momento sconosciuti. Dapprima, abbiamo<br />

fantasticato rielaborando racconti<br />

fatti da grandi scrittori, viaggiatori,<br />

documentaristi e, poi, abbiamo<br />

interagito davanti ad un computer con<br />

amici lontani, facendo persino vedere<br />

il nostro volto grazie alle nuove tecnologie,<br />

ma restando purtroppo sempre<br />

confinati nell’indecifrabile mondo<br />

virtuale.<br />

Tutto questo, anche se affascinante<br />

ed importante per la conoscenza e<br />

per gli interscambi umanistici, scientifici<br />

e culturali, lascia sempre un senso<br />

di incompiutezza, perchè non consente<br />

di capire appieno il nostro interlocutore<br />

lontano, non solo geograficamente<br />

ma anche, e specialmente, culturalmente.<br />

Il Governatore eletto Roberto Scambelluri<br />

Attualitá e importanza<br />

dello Scambio giovani<br />

Ecco allora i viaggi, vivere per un<br />

certo periodo in una nuova famiglia,<br />

studiare in una nuova scuola, guardare<br />

negli occhi il nostro nuovo amico,<br />

vedere le sue reazioni a ciò che diciamo,<br />

capire finalmente ciò che altri,<br />

RYLA<br />

Oltre alle attività previste nel manuale<br />

di procedura si pensa che sia necessario,<br />

per creare un punto di riferimento<br />

a livello distrettuale, uniformare<br />

formalmente non solo la modulistica<br />

per propagandare e partecipare a<br />

vari Ryla curati dai <strong>Club</strong>, ma anche i<br />

diplomi rilasciati che, ove possibile, in<br />

coordinamento con gli Istituti di istruzione<br />

dovranno prevedere crediti scolastici<br />

riconosciuti.<br />

I Ryla dei club saranno seguiti in detta<br />

ottica e ne saranno curati direttamente<br />

due a livello Distrettuale. Uno<br />

di questi riguarderà la comunicazione<br />

e sarà fatto in coordinamento con<br />

la commissione di competenza.<br />

Scambio Giovani<br />

Programma di grande attualità ed importanza<br />

in favore delle Nuove Generazioni,<br />

che deve essere attuato con<br />

autonomia operativa dai singoli Distretti<br />

e <strong>Rotary</strong> <strong>Club</strong>, ma nel pieno rispetto<br />

delle precise regole dettate dal<br />

<strong>Rotary</strong> international.<br />

Per l’anno rotariano <strong>2009</strong>-2010, si ricorda<br />

che la Commissione distrettuale<br />

“Servizi per i giovani”, da me coordinata,<br />

comprende le seguenti sottocommissioni:<br />

Rotaract, presieduta da<br />

Luigi Apuzzo (Roma Appia Antica);<br />

Interact presieduta da Giovanbattista<br />

Mollicone (Tivoli); Ryla, presieduta<br />

da Carlo Andrea Sardara (Sassari Silki);<br />

Scambio giovani, presieduta da<br />

Ettore Atzori (<strong>Cagliari</strong>).<br />

di LDM<br />

con articoli, racconti e documentari<br />

hanno provato a spiegarci. Ma viaggiare<br />

e soggiornare in paesi lontani non<br />

è facile, non solo perché economicamente<br />

costoso, ma soprattutto perché<br />

non sempre si ha la sicurezza di fre-


6 settembre <strong>2009</strong> • n. 65 VOCE del ROTARY<br />

VOCE del ROTARY settembre <strong>2009</strong> • n. 65 7<br />

Quest’anno la Conferenza EEMA, la 57ma, si tiene a Reykjavik in Islanda dal 4 al 6<br />

settembre. Il tema di questa edizione è “Scambio giovani, visione futura”.<br />

La manifestazione ha lo scopo di riunire i responsabili dello scambio Giovani di tutti<br />

i distretti dell’Europa, dei paesi dell’Est Mediterraneo e dell’Africa (da cui l’acronimo<br />

EEMA), con l’intento di valutare e discutere i principali aspetti, generali e specifici,<br />

dello scambio giovani e di proporre eventuali nuove prospettive organizzative<br />

da presentare all’International Board del <strong>Rotary</strong>.<br />

Alla manifestazione prendono parte, però, anche numerosi delegati Scambio Giovani<br />

dei Paesi d’oltre oceano, sia del <strong>Nord</strong> che del Sud America, e dell’Estremo<br />

Oriente (Giappone, Australia, Nuova Zelanda, India, eccetera).<br />

Un’occasione di incontro, quindi, tra rotariani che si interessano di questo bellissimo<br />

programma del <strong>Rotary</strong> International, che permetterà di consolidare vecchie<br />

amicizie e di formarne delle nuove, con conseguenti grandi benefici per i giovani<br />

di tutto il mondo.<br />

quentare persone giuste ed ambienti<br />

confortevoli e sicuri. È per superare<br />

queste difficoltà che il <strong>Rotary</strong> International<br />

ha messo a disposizione dei<br />

giovani la sua organizzazione, lo spirito<br />

di servizio dei suoi soci e la loro<br />

sensibilità per tutto ciò che fa crescere<br />

la tolleranza e la comprensione reciproca,<br />

mettendo a punto, tra le attività<br />

in favore delle Nuove Generazioni,<br />

il “Programma Scambio Giovani”.<br />

Questa iniziativa, da oltre 40<br />

anni, permette ai ragazzi in età preuniversitaria<br />

e, da qualche anno anche<br />

universitaria, di conoscere usi e<br />

costumi di un’altra Nazione e di imparare<br />

a rispettare ed amare ambienti<br />

e modi di vita diversi da quelli del<br />

proprio Paese.<br />

È evidente, quindi, l’importanza di<br />

questa iniziativa nel creare i presupposti<br />

dell’amicizia tra le varie popolazioni,<br />

attraverso la conoscenza delle<br />

loro diversità, favorendo la convivenza,<br />

il confronto e lo scambio diretto<br />

di idee e modi di fare tra giovani di<br />

nazionalità diverse. Una grande Scuola<br />

di tolleranza, dove i valori dell’amicizia<br />

e del rispetto reciproco sono prioritari.<br />

Una Scuola nella quale si creano<br />

i presupposti per una reale convivenza<br />

pacifica, tenendo sempre presente<br />

che la Pace non può e non deve<br />

essere definita semplicemente come<br />

uno stato di assenza di belligeranza,<br />

ma deve comprendere anche, per essere<br />

tale, l’assenza di ostilità.<br />

Attraverso i giovani è possibile, in<br />

tal modo, favorire la creazione di un<br />

mondo pluralistico nel quale si realizzi<br />

una convivenza pacifica anche tra<br />

persone con stili di vita e di pensiero<br />

inevitabilmente differenti. Un contesto<br />

nel quale tener sempre presente ciò<br />

che ha giustamente sostenuto Hannah<br />

Arend nel suo Vita activa, che “Non<br />

l’Uomo ma gli uomini abitano il mondo”<br />

e che “La pluralità è la legge della<br />

terra”.<br />

Questo Programma coinvolge annualmente,<br />

in tutto il mondo, circa<br />

8000 studenti (300/400 in Italia), ai<br />

quali viene permesso di trascorrere all’estero<br />

periodi di tempo più o meno<br />

lunghi, a seconda del tipo di scambio.<br />

Agli scambi possono prendere parte<br />

ragazzi e ragazze, fra i 15 ed i 25<br />

anni di età, provenienti da famiglie sia<br />

rotariane che non rotariane, con buoni<br />

risultati scolastici. La partecipazione<br />

ad uno scambio è pressoché gratuita<br />

(in Italia gli unici costi che le famiglie<br />

dei Giovani coinvolte nello scambio<br />

devono sostenere sono solo quelli<br />

relativi al viaggio, ad una assicurazione<br />

infortuni e malattie e ad una modesta<br />

quota per le spese organizzative).<br />

Vitto, alloggio, tasse scolastiche e<br />

libri, saranno a carico del <strong>Rotary</strong> <strong>Club</strong><br />

ospitante che, in caso di scambio annuale,<br />

garantirà allo studente anche<br />

un contributo mensile per le spese personali<br />

di 50-100 euro. I giovani vengono<br />

ospitati presso famiglie rotariane<br />

e non, sotto la responsabilità del<br />

<strong>Rotary</strong> <strong>Club</strong> locale e, nel caso di scambio<br />

annuale, con l’assistenza di un Tutor<br />

nato dal <strong>Club</strong>.<br />

Gli scambi devono rispettare precise<br />

regole e possono essere sinteticamente<br />

suddivisi in due gruppi: il primo<br />

riguarda ragazzi in età compresa<br />

tra i 15 ed i 18 anni, l’altro, di recente<br />

istituzione, coinvolge giovani studenti<br />

universitari di età compresa tra<br />

i 18 ed i 25 anni.<br />

Gli scambi che interessano gli studenti<br />

in età pre-universitaria sono di<br />

2 tipi: scambi a lungo termine o annuali<br />

e scambi estivi.<br />

Lo Scambio Annuale è riservato a<br />

giovani dai <strong>16</strong> ai 18 anni; il giovane<br />

studente trascorre un intero anno scolastico<br />

ospite presso famiglie di Rotariani<br />

e non, selezionate dai R.C. locali,<br />

in Paesi stranieri, in tutto il mondo,<br />

con obbligo di partecipare a tempo<br />

pieno all’attività scolastica del Paese<br />

che li ospita. La legge italiana riconosce<br />

l’anno scolastico all’estero (penultimo<br />

anno di scuola media superiore),<br />

previo superamento di un esame<br />

integrativo al rientro in Italia (generalmente<br />

di non particolare difficoltà).<br />

Gli Scambi Estivi possono essere di<br />

tre tipi:<br />

• scambio breve, della durata di 3-5<br />

settimane in ciascuno dei due Paesi<br />

coinvolti (scambio singolo, con obbligo<br />

di reciprocità); riservato a studenti<br />

tra i 15 ed i 18 anni.<br />

• Camp Tour, della durata di circa due<br />

settimane, riservati a piccoli gruppi<br />

di giovani , di diversa nazionalità,<br />

di età compresa tra i 15-21 anni,<br />

ospitati presso famiglie, ostelli, campeggi<br />

o altre adeguate strutture selezionati<br />

dal R.C. ospitante ed approvate<br />

dal Distretto.<br />

• Handicamp, camp tour con particolari<br />

organizzazioni logistiche, assistenziali<br />

e programmatiche per giovani<br />

studenti portatori di handicap<br />

(è prevista la presenza di un accompagnatore<br />

per ciascun partecipante).<br />

I giovani di età compresa tra i 18 ed<br />

i 25 anni possono partecipare ad un<br />

programma di scambio, di recente istituzione,<br />

che può essere singolo o di<br />

gruppo, della durata di poche settimane<br />

o qualche mese, chiamato Scambio<br />

Nuove Generazioni.<br />

Il Programma S.G. nel suo complesso<br />

richiede un particolare impegno organizzativo<br />

da parte dei <strong>Rotary</strong> <strong>Club</strong><br />

padrini ed ospitanti e comporta la partecipazione<br />

attiva di numerosi componenti<br />

rotariane (presidenti, segretari,<br />

tesorieri, delegati giovani, rotaractiani,<br />

interactiani) e non (docenti, presidi,<br />

provveditorati, eccetera), delle famiglie<br />

ospitanti e di quelle degli studenti<br />

coinvolti. Questo sforzo comune<br />

permette generalmente di assecondare<br />

le richieste di partecipazione da<br />

parte degli studenti che lo desiderino.<br />

Esistono, peraltro, delle problematiche<br />

operative emerse recentemente,<br />

riguardanti la necessità di ottenere da<br />

parte del Distretto una certificazione<br />

di sicurezza, tesa da un lato a proteggere<br />

gli studenti da molestie e abusi<br />

psichici, fisici e sessuali e dall’altro a<br />

tutelare il RI da possibili richieste di<br />

risarcimento. È lo stesso RI a controllare,<br />

infatti, che siano messi in atto dal<br />

Distretto che vuole partecipare al Programma<br />

tutta una serie di procedure<br />

riguardanti, in particolare:<br />

– stato legale<br />

– polizze assicurative<br />

– creazione di linee guida del Distretto<br />

su sicurezza e prevenzione<br />

– ospitalità<br />

– training<br />

Esaminando in dettaglio questi aspetti,<br />

per quanto attiene lo stato legale,<br />

è richiesta una documentazione attestante<br />

che il Programma Scambio Giovani<br />

di un determinato Distretto è stato<br />

costituito in associazione o ente.<br />

In Italia, per i Distretti facenti parte<br />

del Centro Italiano Scambio Giovani<br />

– Multidistretto, questo requisito è<br />

stato soddisfatto costituendo la “ Associazione<br />

Centro Italiano Scambio<br />

Giovani R.I. - Multidistretto”, senza<br />

fini di lucro, per facilitare le attività<br />

programmatiche dal punto di vista economico<br />

e procedurale, in accordo con<br />

i propositi del programma multidistrettuale.<br />

Si precisa che tale Centro ad attività<br />

multidistrettuale è una organizzazione,<br />

ufficialmente approvata dal<br />

Board del R.I. fin dal 1992, che in materia<br />

di scambio Giovani coordina l’attività<br />

dei Distretti aderenti; esso rappresenta<br />

un punto di riferimento per<br />

I Paesi stranieri, assiste i Delegati S.G.<br />

Distrettuali per quanto concerne lo<br />

sviluppo di strategie comuni, tese a<br />

promuovere ed aumentare l’attività di<br />

scambio attraverso i mezzi di stampa,<br />

di pubblicazioni rotariane, di Comitati<br />

Distrettuali e di meeting locali ed<br />

internazionali, con una segreteria centralizzata<br />

ed indubbi vantaggi anche<br />

di natura economica.<br />

Ogni anno circa 8.000 giovani imparano a conoscere il mondo nel modo<br />

migliore che esista, partendo dall’interno di esso attraverso il programma<br />

rotariano dello scambio giovani.<br />

Se un giovane è pronto a:<br />

– crearsi delle amicizie a livello internazionale;<br />

– scoprire nuove vie di comunicazione;<br />

– imparare a conoscere meglio se stesso e gli altri;<br />

– immergersi in una cultura differente;<br />

– imparare a conoscere altri modi di agire e vedere le cose;<br />

– fungere da ambasciatore o ambasciatrice del suo paese e far conoscere<br />

ad altri i pregi del suo Paese.<br />

Allora egli è pronto per lo scambio rotariano dei giovani e questo potrebbe<br />

essere il suo anno.<br />

Per ulteriori informazioni e modulistica, consultare il sito<br />

www.scambiogiovani2080.org


8 settembre <strong>2009</strong> • n. 65 VOCE del ROTARY<br />

VOCE del ROTARY settembre <strong>2009</strong> • n. 65 9<br />

Ciascun Distretto, inoltre, deve stipulare<br />

una polizza assicurativa, per<br />

la responsabilità civile con copertura<br />

e limiti appropriati in base alla propria<br />

area geografica, che tuteli Distretto,<br />

RC affiliati al contraente, famiglie<br />

ospitanti, studenti partecipanti al progetto<br />

<strong>Rotary</strong> Youth Exchange e tutti<br />

coloro, rotariani e non, che collaborano<br />

alla iniziativa.<br />

Devono essere emanate, inoltre, delle<br />

linee guida distrettuali di condotta<br />

in materia di protezione dei Giovani,<br />

Interact: un’opportunità per…<br />

rendere il mondo migliore<br />

In occasione del mese delle Nuove<br />

generazione sembra doveroso ribadire<br />

l’importanza dei nostri giovani,<br />

piccoli tasselli di un grande futuro.<br />

Coloro che oggi sono ragazzi, saranno<br />

genitori, professionisti, uomini<br />

d’affari e leader di domani. Con l’aiuto<br />

di programmi come Interact e Rotaract,<br />

essi possono acquisire le capacità<br />

necessarie per evolversi, diventando<br />

membri responsabili e produttivi<br />

della società.<br />

L’Interact è un programma di club<br />

di servizio per giovani di età compresa<br />

fra i 14 e i 18 anni.<br />

Il primo club Interact nasce nel 1962<br />

dalla riunione di 23 studenti della Melbourne<br />

High School, nell’omonima cittadina<br />

della Florida (USA) due anni<br />

dopo che il presidente del RI Harold<br />

T. Thomas, dopo aver fatto il giro del<br />

mondo durante il suo mandato annuale<br />

nel 1959-60, scoprì tra i Rotariani<br />

la profonda e diffusa sensazione che<br />

il potenziale del <strong>Rotary</strong> nello sviluppare<br />

un servizio giovanile non fosse<br />

utilizzato a pieno e nominò un consiglio<br />

di cinque Rotariani per studiare<br />

il problema. L’appellativo proviene<br />

dalla combinazione di “international”<br />

e “action” e riflette la natura di un’organizzazione<br />

che è presente in 110 paesi<br />

e promuove attività umanitarie sia<br />

in patria che all’estero.<br />

riguardanti la selezione e l’idoneità dei<br />

volontari, la formazione degli operatori<br />

coinvolti nel programma e le procedure<br />

da seguire in caso di indagine<br />

per allegata violenza e/o molestia.<br />

Oltre a ciò, devono essere fornite<br />

informazioni relative al trascorso giudiziario<br />

(Criminal background check)<br />

delle persone coinvolte nel progetto,<br />

su dati forniti dal governo ad un livello<br />

considerato appropriato dal Distretto.<br />

In Italia, è richiesta una autocertificazione<br />

di assenza di condanne penali<br />

ed una dichiarazione di<br />

conformità del club e delle<br />

famigli ospitanti.<br />

Altro punto importante è<br />

rappresentato dalla necessità<br />

di ospitare lo studente in<br />

più di una famiglia (possibilmente<br />

3), al fine di fornirgli<br />

maggiori opportunità di conoscere<br />

la cultura del Paese<br />

ospitante e rendere più agevole<br />

il ruolo delle famiglie<br />

ospitanti.<br />

È necessario, infine, che<br />

in ciascun Distretto venga effettuato<br />

un adeguato training<br />

sul Programma SG, indirizzato<br />

al Governatore distrettuale,<br />

in carica, eletto e nominato,<br />

al presidente e ai componenti<br />

delle Commissione distrettuali e dei<br />

R. Scambio Giovani, ai soci dei RC,<br />

ai tutor e ai volontari, rotariani e non.<br />

I Distretti non certificati NON possono<br />

partecipare al Programma Scambio<br />

Giovani del R.I..<br />

In conclusione, un programma di<br />

alto valore sociale, che favorisce la formazione<br />

dei giovani che ne prendono<br />

parte, creando i futuri, consapevoli<br />

protagonisti del “Servizio” in favore<br />

della tolleranza e della pace.<br />

di Giovambattista Mollicone<br />

Con quasi 200mila soci e oltre 8.600<br />

club, l’Interact rappresenta un serbatoio<br />

di entusiasmo giovanile e di energia<br />

rivolta a cause meritevoli, un metodo<br />

sano di concepire nuove e varie<br />

amicizie, un libera emanazione d’amore<br />

per l’umanità. Le attività attraverso<br />

cui i giovani danno il meglio di loro<br />

stessi spaziano dall’ambito umanitario<br />

a quello ludico, non perdendo<br />

mai di vista lo scopo finale. Tramite<br />

l’opera di servizio gli Interactiani imparano<br />

l’importanza di sviluppare capacità<br />

di leadership e integrità personale,<br />

essere utili e rispettosi degli altri,<br />

capire l’importanza della responsabilità<br />

individuale e di un duro lavo-<br />

ro, favorire la comprensione e la buona<br />

volontà internazionale.<br />

I club Interact si gestiscono e si finanziano<br />

in modo autonomo, ma ricevono<br />

delle direttive da un <strong>Rotary</strong> club<br />

che si assume la funzione di sponsor.<br />

Questa sponsorizzazione è il risultato<br />

della convinzione comune a tutto il <strong>Rotary</strong><br />

che i giovani o le nuove generazioni<br />

debbano avere un ruolo attivo<br />

nella vita della loro comunità e in campo<br />

internazionale riescano ad incoraggiare<br />

e far progredire la comprensione,<br />

la buona volontà e la pace attraverso<br />

una fratellanza mondiale di giovani<br />

uniti dall’ideale Service Above<br />

Self, vale a dire “Servire al di sopra<br />

di ogni interesse personale”, in accordo<br />

con l’Articolo 2 dello statuto dei<br />

club Interact, emblematico per gli scopi<br />

e gli obbiettivi di ciascun club. Lo<br />

si riporta qui di seguito:<br />

ART. 2 - Scopo e obiettivi<br />

Lo scopo del programma Interact è<br />

di offrire ai giovani l’opportunità di<br />

partecipare a une rete internazionale<br />

di coetanei dediti alla promozione di<br />

valori e iniziative umanitarie.<br />

Gli obiettivi del programma sono:<br />

1. Individuare e promuovere lo sviluppo<br />

delle capacità di leadership.<br />

2. Incoraggiare e promuovere il senso<br />

di responsabilità nei confronti del<br />

prossimo.<br />

3. Educare ai valori della famiglia.<br />

4. Inculcare il rispetto dei diritti altrui,<br />

fondato sul riconoscimento del<br />

valore di ciascun individuo.<br />

5. Promuovere l’importanza della responsabilità<br />

individuale quale fondamento<br />

del successo personale e<br />

dell’impegno a favore della comunità.<br />

6. Riconoscere la dignità e il valore di<br />

tutte le occupazioni quali opportunità<br />

di servire la società.<br />

7. Promuovere la conoscenza e la comprensione<br />

degli affari locali, nazionali<br />

e internazionali.<br />

8. Offrire opportunità di intervento<br />

individuale e di gruppo in favore<br />

della promozione di valori umanitari<br />

e pacifisti.<br />

“L’impegno del <strong>Rotary</strong> verso i giovani<br />

non sarebbe completo se non fosse<br />

anche diretto a coltivare, in età precoce,<br />

sani valori sociali come la coscienza<br />

civica, la cura per gli altri e la<br />

preoccupazione per l’ambiente, possibili<br />

attraverso il sostegno alla formazione<br />

di più club Interact”, ha affermato<br />

Mark K.Y. Wong, presidente della<br />

commissione Interact del RI. “In<br />

questo modo si avrà anche pronto un<br />

bacino di futuri Rotaractiani e Rotariani”.<br />

I progetti di servizio di un club Interact<br />

hanno lo scopo di migliorare la<br />

qualità della vita all’interno e al di fuori<br />

del proprio Paese. Questi progetti<br />

spesso affrontano i temi più critici del<br />

nostro tempo come la violenza, l’uso<br />

delle droghe e l’abuso di alcool fra i<br />

giovani, l’AIDS, la fame nel mondo,<br />

le tematiche ambientali e l’analfabetismo.<br />

Ogni club Interact è tenuto a<br />

portare a termine almeno due progetti<br />

significativi all’anno, uno per la propria<br />

comunità e l’altro per promuovere<br />

la comprensione internazionale.<br />

Progetti tipo possono essere rappresentazioni<br />

teatrali adibite alla raccolta<br />

di fondi, mercatini, tornei sportivi<br />

e ludici (in progettazione anche un torneo<br />

di giochi elettronici con ricavato<br />

a favore del progetto PolioPlus), cacce<br />

al tesoro multilingue (ricordiamo i<br />

Giochi Latini di Villa Adriana) e prove<br />

di abilità intellettive. A proposito<br />

di quest’ultimo punto il Distretto Interact<br />

2080 ha in programma per l’anno<br />

<strong>2009</strong>-2010 l’organizzazione di un<br />

Certamen di matematica a <strong>Cagliari</strong>.<br />

L’Interact ha il compito di portare<br />

a termine anche un progetto nazionale<br />

coinvolgente tutti i distretti Italiani;<br />

l’anno passato si è voluto dedicare<br />

alla realizzazione di un’ala di un<br />

ospedale in Madagascar, il “Progetto<br />

Manina”, mentre quest’anno, grazie<br />

all’ispirazione della nostra RD dell’Interact<br />

Marta all’allegra canzone della<br />

coppia suricata-facocero Timon&Pumba,<br />

si impegnerà al lodevole progetto<br />

“Stand by me”, ossia ad assicurare un<br />

supporto morale a tutti i ragazzi scossi<br />

dal grave sisma d’Abruzzo ospitandoli<br />

e accogliendoli nelle famiglie interactiane<br />

durante il periodo estivo.<br />

Un Interact da solo può fare tanto<br />

ma più Interact insieme possono fare<br />

moltissimo. Oggi il Distretto Interact<br />

2080 conta 13 club, 8 del Lazio e 5 della<br />

Sardegna, con un totale di circa 210<br />

ragazzi.<br />

Ora è tempo che i <strong>Rotary</strong> club focalizzino<br />

le loro energie sul futuro, sfidando<br />

le nuove generazioni a mettere<br />

alla prova i loro talenti, a sviluppare<br />

nuove capacità e a imparare ad affrontare<br />

i problemi che si troveranno davanti<br />

nel corso della vita.<br />

… E NELLE LORO


10 settembre <strong>2009</strong> • n. 65 VOCE del ROTARY<br />

La formazione dei giovani dirigenti rotariani<br />

Un’idea che viene dall’Australia<br />

Il Ryla (<strong>Rotary</strong> Youth Leadership<br />

Awards) nato nel 1960 è divenuto<br />

un programma ufficiale del <strong>Rotary</strong><br />

International nel 1971. È stato concepito<br />

per agevolare il raggiungimento<br />

degli obiettivi di servizio del <strong>Rotary</strong><br />

promuovendo contemporaneamente<br />

lo spirito di amicizia e collaborazione<br />

e contribuendo alla fondazione e al<br />

rafforzamento dei club Rotaract e Interact.<br />

Il <strong>Rotary</strong> crede<br />

nel potenziale dei<br />

giovani e nell’importanza<br />

di sviluppare<br />

la loro attitudine alla<br />

leadership.<br />

La storia<br />

Nel 1959 l’amministrazione<br />

del Queensland<br />

invitò i Rotariani<br />

locali a organizzare<br />

le festività<br />

per il centenario dello stato australiano.<br />

Sapendo che la regina di Inghilterra<br />

sarebbe stata rappresentata da<br />

sua cugina, la ventenne Principessa<br />

Alessandra, i Rotariani decisero di<br />

adattare le cerimonie a un pubblico di<br />

giovani.<br />

Il risultato fu un “gundoo” – un “festival”<br />

o “il divertirsi insieme” nella<br />

lingua degli aborigeni – di grande successo,<br />

a cui parteciparono oltre 300<br />

giovani di età compresa fra i 17 e i 23<br />

anni. Incoraggiati dalla popolarità dell’evento,<br />

i Rotariani pensarono di istituire<br />

un simile programma annuale<br />

dedicato ai giovani. La proposta fu approvata<br />

da Art Brand, governatore<br />

del Distretto 260, e il 2 maggio 1960<br />

nacque il Ryla.<br />

I distretti australiani 258 e 260 istituirono<br />

la commissione che definì le<br />

finalità del programma: sviluppare nei<br />

giovani di età compresa fra i 14 e i 30<br />

anni le qualità di leadership, il senso<br />

di responsabilità civica e di crescita<br />

personale. Con queste linee guida, il<br />

Ryla venne adottato da tutti i distretti<br />

australiani e nel 1971, durante il<br />

Congresso internazionale di Sydney,<br />

fu incluso tra i programmi ufficiali del<br />

<strong>Rotary</strong> International.<br />

Nel 1998 il Ryla si era già diffuso in<br />

oltre metà dei 521 distretti rotariani.<br />

Sempre nel 1998 il presidente internazionale<br />

James Lacy, sottolineando<br />

l’importanza dei giovani, istituì una<br />

commissione per migliorare il programma<br />

e diffonderlo nel resto del mondo.<br />

di Carlo Andrea Sàrdara<br />

Alcuni Rotariani che avevano vissuto<br />

esperienze diverse nel Ryla furono invitati<br />

presso la sede centrale per uno<br />

scambio di informazioni e di idee; in<br />

questo contesto nacque l’idea di istituire<br />

dei seminari di formazione a livello<br />

regionale.<br />

Un partecipante al primo raduno<br />

Ryla, organizzato vent’anni fa dal Distretto<br />

5520, definì la sua esperienza<br />

con una sola parola: Camelot. “Se Lei<br />

conosce la leggenda del re Artù” scrisse<br />

al presidente della commissione Ryla<br />

“probabilmente sa anche che il re,<br />

morente nelle braccia di un giovane,<br />

disse queste ultime parole: “Se incontri<br />

qualcuno che non ha mai sentito<br />

parlare di Camelot, diglielo, a voce alta<br />

e squillante, che un tempo è esistito<br />

un sogno di gloria chiamato Camelot”.<br />

“Gundoo” o “Camelot” Per nostra<br />

grande fortuna, il programma Ryla è<br />

entrambi. La dedizione, l’entusiasmo<br />

e l’amore per il prossimo sono la vera<br />

essenza del Ryla, uno straordinario investimento<br />

nel futuro del <strong>Rotary</strong> e<br />

un’esperienza unica, a cui tutti i Rotariani<br />

dovrebbero partecipare.<br />

Definizione ed obiettivi<br />

Il Ryla è rivolto a due gruppi di giovani,<br />

d’età compresa fra i 14 e i 18 anni<br />

e fra i 19 e i 30 anni, si prefigge di<br />

sviluppare nei giovani le qualità di leadership,<br />

il senso di responsabilità civica<br />

e la crescita personale.<br />

I Ryla consentono ai partecipanti<br />

di dibattere su argomenti<br />

relativi alla responsabilità<br />

professionale ed<br />

alle relazioni umane,<br />

permettendo ai partecipanti<br />

di migliorare le<br />

proprie attitudini di leadership<br />

e la capacità di<br />

comunicazione ed interazione<br />

con gli altri apprendendo<br />

nozioni sul<br />

mondo degli affari e delle<br />

istituzioni durante incontri<br />

che permettono<br />

ai giovani di relazionarsi con i rotariani<br />

in un ambiente informale e fare<br />

amicizia con coetanei con i quali discutere<br />

argomenti di comune interesse.<br />

I Ryla sono un’occasione unica ed<br />

irripetibile per i rotariani di formare<br />

dei leaders, condividendo le proprie<br />

esperienze ed instaurando con loro un<br />

dialogo che consenta di abbattere la<br />

distanza fra le generazioni. È per questo<br />

che ciascun <strong>Club</strong> dovrebbe dimostrare<br />

interesse per questo programma<br />

impegnandosi ad organizzare almeno<br />

un Ryla all’anno nel rispetto dell’attenzione<br />

che da sempre il <strong>Rotary</strong><br />

ha nei confronti delle nuove generazioni.<br />

Con i Ryla il <strong>Rotary</strong> aiuta ed incoraggia<br />

i giovani leaders ad assumere<br />

posizioni di guida e responsabilità in<br />

attività inerenti la loro professione ed<br />

attività lavorativa nonché, avvicinandoli<br />

al mondo del <strong>Rotary</strong>, incoraggiarli<br />

a sviluppare iniziative di servizio volontario<br />

incentivando e riconoscendo<br />

il contributo apportato dai giovani alla<br />

propria comunità.<br />

VOCE del ROTARY settembre <strong>2009</strong> • n. 65 11<br />

Per raggiungere gli obiettivi che un<br />

progetto Ryla si prefigge è necessario<br />

garantire ai giovani partecipanti un<br />

addestramento efficiente ed efficace<br />

organizzando attività formative complete<br />

nel rispetto delle regole di pianificazione<br />

ed organizzazione consigliate<br />

dalla commissione distrettuale (riportate<br />

nel vademecum inviato a tutti<br />

i presidenti dei <strong>Club</strong> e disponibile<br />

sul sito del Distretto) e promuovendo<br />

negli stessi il senso di leadership attraverso<br />

l’interazione con altri giovani.<br />

Il percorso organizzativo di un Ryla<br />

consente di identificare giovani di<br />

valore potenzialmente rotariani migliorandone<br />

le capacità di leadership<br />

e di comunicazione attraverso l’organizzazione<br />

di dibattiti fra giovani su<br />

argomenti di varia natura con attenzione<br />

alla responsabilità professionale<br />

e relazioni umane mediante scambi<br />

culturali, professionali e personali fra<br />

giovani anche di paesi diversi al fine<br />

di contribuire loro formazione nel mondo<br />

del business, delle professioni e delle<br />

istituzioni.<br />

I Ryla sono al contempo una efficace<br />

opportunità per far conoscere ai<br />

giovani-futuri leaders quelli che sono<br />

i valori rotariani del comportamento<br />

etico, dell’integrità e della disponibilità<br />

a favore della Comunità, perseguendo<br />

obiettivi al di sopra di ogni interesse<br />

personale e stimolando negli<br />

un sentimento di appartenenza alla<br />

propria comunità valorizzato con l’impegno<br />

civico.<br />

I corsi Ryla devono impegnarsi sulle<br />

seguenti tematiche fondamentali:<br />

• i principi della leadership<br />

• l’etica della leadership positiva<br />

• l’importanza della comunicazione<br />

• la risoluzione dei problemi e la mediazione<br />

• il <strong>Rotary</strong> ed il suo operato<br />

• la fiducia in se stessi<br />

• i principi della cittadinanza globale<br />

e l’importanza di risolvere localmente<br />

i problemi, nel rispetto delle<br />

leggi e delle tradizioni.<br />

Pianificazione e organizzazione<br />

Un programma di successo di un<br />

Ryla deve essere pianificato con largo<br />

anticipo e con il coinvolgimento di più<br />

addetti.<br />

I principali aspetti da organizzare<br />

e pianificare sono:<br />

• il tema del Ryla;<br />

• il periodo di svolgimento;<br />

• la sede del corso;<br />

• l’organizzazione logistica (eventuale<br />

ospitalità notturna, i pasti, l’accoglienza<br />

ecc)<br />

• il piano finanziario;<br />

• la selezione dei partecipanti;<br />

• la comunicazione interna (<strong>Rotary</strong> e<br />

Rotaract) ed esterna (media)<br />

• le pubbliche relazioni.<br />

Sin dalle prime fasi dell’organizzazione<br />

è necessario informare la Commissione<br />

distrettuale Ryla per verificare<br />

se, sul tema scelto e nel periodo<br />

previsto per lo svolgimento del corso,<br />

ci siano già Ryla organizzati da altri<br />

club. Oppure ci siano <strong>Club</strong> interessati<br />

ad organizzare un Ryla in interclub.<br />

A tal riguardo va tenuto presente che,<br />

soprattutto per i Ryla residenziali,<br />

l’organizzazione di un corso in interclub<br />

può facilmente essere posta in essere<br />

anche fra <strong>Rotary</strong> <strong>Club</strong> appartenenti<br />

a zone diverse.<br />

Successivamente è opportuno predisporre<br />

una scheda sintetica di presentazione<br />

(o bando) che illustri diffusamente<br />

il corso e le sue caratteristiche.<br />

Tale scheda dovrebbe contenere:<br />

1) illustrazione degli obiettivi e finalità<br />

del Ryla (con particolare attenzione<br />

a delineare a quali figure professionali<br />

si rivolge il corso, il titolo<br />

di studio necessario, o ecc.);<br />

2) programma orario e relatori;<br />

3) data prevista per l’evento e logistica<br />

(trasporti, pasti, eventuali sistemazioni<br />

notturne ecc.)<br />

4) modalità di partecipazione e iscrizioni<br />

(con indicazione delle fasce di<br />

età dei partecipanti);<br />

5) numero dei posti disponibili, con<br />

l’indicazione del limite dei partecipanti<br />

con o senza distintivo. Normalmente<br />

un certo numero di posti<br />

viene riservato ai soci Interact e Rotaract.<br />

Se ritenuto opportuno è possibile<br />

invitare giovani appartenenti<br />

ad altre organizzazioni che non<br />

abbiano accesso a simili opportunità<br />

formative.<br />

6) Incaricati del coordinamento organizzativo<br />

e scientifico<br />

7) Contatti.<br />

Uno degli aspetti più delicati e importanti<br />

è la promozione del corso che<br />

è a cura del <strong>Club</strong> organizzatore. Dovrà<br />

essere predisposta una lettera di<br />

comunicazione, a firma del presidente,<br />

che dovrà contenere una sintetica<br />

presentazione del corso, le sue finalità<br />

ed alcuni dettagli organizzativi. Con<br />

PIANO DI VISIONE FUTURA DELLA FONDAZIONE ROTARY<br />

Il nostro Distretto è stato selezionato per far parte dei “100 Distretti Pilota” che, in tutto il mondo, parteciperanno<br />

alla fase sperimentale del nuovo piano nel triennio 2010/13.<br />

Durante tale fase la Commissione distrettuale Fondazione <strong>Rotary</strong>, che verrà impostata secondo un nuovo modello<br />

organizzativo, deve essere affidata a un presidente che rimarrà in carica per tutto il periodo della sperimentazione.<br />

Il Governatore eletto Roberto Scambelluri ed il Governatore designato Daniela Tranquilli, di comune accordo,<br />

hanno deciso di affidare tale incarico al PP Silvio Piccioni. A Silvio i migliori auguri di buon lavoro per l’importante<br />

ed impegnativo incarico.


12 settembre <strong>2009</strong> • n. 65 VOCE del ROTARY<br />

VOCE del ROTARY settembre <strong>2009</strong> • n. 65 13<br />

Mediterranean Ryla 2010<br />

Il Distretto 2110 del <strong>Rotary</strong> International, Sicilia-Malta, con il patrocinio<br />

della Presidenza della Regione Siciliana e dell’Università di Palermo,<br />

organizza una settimana di studio, dal 18 al 24 aprile 2010, sul tema<br />

“ Mediterraneo, essenza delle civiltà ” finalizzata allo sviluppo della leadership<br />

nelle giovani leve che si accostano al mondo del lavoro, provenienti<br />

dai Distretti R.I. che si affacciano nel Mediterraneo. Più precisamente,<br />

i Distretti interessati sono: 2202, 2203 (Spagna), 1700, 1730, 1760<br />

(Francia), 1910 (ex Jugoslavia), 2030, 2040, 2050, 2060, 2070, 2080, 2090,<br />

2100, 2110, 2120 (Italia - Malta), 2470, 2481 (Grecia), 2420, 2430, 2440<br />

(Turchia), 2490 (Israele), 2450 (Egitto - Libano), 9010 (Magreb) e da Gibilterra.<br />

Si prevede: la partecipazione di circa 56 giovani: n. 3 giovani per ogni<br />

Distretto R.I. e per Gibilterra e n. 1 giovane per ogni Distretto Italiano +<br />

n. 3 per il Distretto 2110 Sicilia – Malta.<br />

Il corso formativo, Mediterraneam Ryla, si svolge in una settimana:<br />

dopo l’apertura istituzionale e un brindisi di accoglienza, per cinque giorni<br />

si svolgeranno i lavori d’aula ed, infine, una tavola rotonda e la cerimonia<br />

di chiusura alla fine della settimana.<br />

La settimana si articolerà su un doppio registro, cognitivo e psicodinamico,<br />

attraverso l’alternanza di lezioni frontali e di momenti esperenziali:<br />

– ogni giornata inizia e si conclude con una attività di piccolo gruppo, a<br />

conduzione psicodinamica,<br />

– sono previste otto lezioni tenute da altrettante personalità accademiche<br />

dei Paesi Mediterranei,<br />

– durante la settimana di lavoro, centrali sono gli incontri della “plenaria”<br />

giocata su un registro esclusivamente psicodinamico,<br />

– una tavola rotonda concluderà la settimana seminariale.<br />

Nella giornata di chiusura, i Governatori dei vari Distretti <strong>Rotary</strong> consegneranno<br />

ai giovani l’attestato di partecipazione al Ryla.<br />

Tutte le manifestazioni del Mediterranen Ryla si svolgeranno in lingua<br />

inglese.<br />

La quota di partecipazione è di E 100,00 (cento euro) per ogni giovane<br />

partecipante. Le spese relative al viaggio e la quota di partecipazione<br />

sono a carico del Distretto di appartenenza.<br />

Per ulteriori chiarimenti va contattato il delegato Ryla Francesco Paolo<br />

Di Benedetto - 90136 Palermo - Poggio Ridente, 6 - +39.091.6680802 -<br />

+39.091.23861850 - e.mail: effedibi@unipa.it<br />

la lettera dovranno essere in ogni caso<br />

inviati la scheda informativa ed il<br />

modulo per la domanda di partecipazione<br />

(fac-simile in appendice al vademecum<br />

pubblicato sul sito del Distretto).<br />

Per una diffusione più capillare può<br />

essere richiesta la collaborazione del<br />

Distretto e dell’organismo distrettuale<br />

Rotaract, per l’invio a mezzo posta<br />

elettronica utilizzando le mailing list<br />

disponibili.<br />

L’inizio del corso deve avere un carattere<br />

formale (suono degli inni ecc.),<br />

con interventi a cura degli organizzatori<br />

e di eventuali esponenti del Distretto.<br />

In tale circostanza non dovrà<br />

mancare un’adeguata presentazione<br />

del <strong>Rotary</strong> e delle sue iniziative in favore<br />

dei giovani.<br />

Un apposito staff deve presidiare la<br />

sede del corso per la soluzione di eventuali<br />

problemi organizzativi, assistere<br />

i partecipanti, verificandone anche<br />

l’effettiva presenza, ed assicurare il<br />

regolare svolgimento del programma.<br />

Una preziosa risorsa nell’organizzazione<br />

è costituita dai partecipanti ai<br />

precedenti corsi Ryla, testimonial della<br />

nostra continuità d’azione.<br />

Ai partecipanti dovrà essere fornito<br />

il programma orario, con l’indicazione<br />

dei relatori e dell’argomento trattato,<br />

la cancelleria necessaria, eventuali<br />

pubblicazioni e/o dispense sugli<br />

interventi previsti.<br />

Al termine del corso, concordandolo<br />

preventivamente nei tempi e modi<br />

con il Governatore e la Segreteria Distrettuale,<br />

è opportuno il rilascio di<br />

un attestato di frequenza a sua firma.<br />

Tale circostanza dovrebbe essere evidenziata<br />

in occasione del lancio del<br />

corso. L’attestato sarà da chiedere in<br />

tempo utile alla Segreteria Distrettuale<br />

inviando l’elenco dei partecipanti,<br />

il titolo del corso, e la data di effettuazione.<br />

La consegna dell’attestato dovrà essere<br />

opportunamente valorizzata in<br />

apposita cerimonia a cui invitare esponenti<br />

del Distretto.<br />

Per valutare l’effettivo successo dell’iniziativa<br />

sarebbe opportuno richiedere<br />

ai partecipanti la compilazione<br />

di un questionario da consegnare al<br />

termine del programma o alla fine di<br />

ogni attività. Il successivo esame dei<br />

questionari potrà risultare utile per la<br />

individuazione degli argomenti da trattare<br />

in future iniziative o per orientare<br />

la scelta dei relatori.<br />

Al termine delle attività dovrà essere<br />

compilato, con tutte le informazioni<br />

richieste, il Ryla Report Form<br />

da trasmettere tempestivamente alla<br />

Commissione Distrettuale Ryla per il<br />

successivo inoltro al <strong>Rotary</strong> International<br />

(scaricabile da www.rotary.org/programs/ryla/index.html).<br />

L’invio di tale<br />

modulo consentirà l’inserimento delle<br />

attività del nostro Distretto negli archivi<br />

del <strong>Rotary</strong> International e nella<br />

eventuale pubblicazione del Ryla Annual<br />

Report.<br />

È importante custodire presso la Segreteria<br />

del <strong>Club</strong> i dati relativi ai partecipanti<br />

per eventuali iniziative nei<br />

confronti degli “alumni”, con i quali<br />

è opportuno mantenere i contatti nonché<br />

relativi ai relatori. A tal proposito<br />

la Commissione Distrettuale nel proprio<br />

programma si è prefissata di portare<br />

a compimento la creazione di una<br />

banca dati di relatori e partecipanti<br />

nonché degli argomenti già oggetto di<br />

Ryla.<br />

Programma della<br />

Sottocommissione Ryla <strong>2009</strong>-2010<br />

1. Come ogni anno si solleciteranno i singoli <strong>Club</strong> all’organizzazione di un Ryla dando loro anche un supporto<br />

formativo e documentale. Ciò avverrà da parte della Commissione per il tramite dei singoli componenti<br />

cui sarà affidata un’area geografica di competenza; sarà compito della Commissione e dei singoli componenti,<br />

appositamente formati ed informati, rendersi disponibili, nei confronti dei club di appartenenza<br />

della propria area, ad organizzare degli interventi formativi e divulgativi sulle motivazioni e sulle procedure<br />

che sottostanno all’organizzazione di un Ryla.<br />

2. La Commissione organizzerà un Ryla Distrettuale avente ad oggetto il tema della “Comunicazione” in collaborazione<br />

con la Commissione Comunicazione.<br />

3. Nell’ambito della attività di comunicazione ai <strong>Club</strong>, si darà un termine entro il quale fra coloro che presenteranno<br />

un proprio progetto di Ryla ne saranno scelti tre ai quali il Distretto, con il proprio patrocinio, offrirà<br />

una possibilità di maggiore divulgazione sia Distrettuale che Interdistrettuale. Con riguardo all’organizzazione<br />

di questi Ryla si potrebbero anche proporre degli argomenti che abbiano particolare interesse<br />

di trattazione per il Distretto (es. Formazione dei giovani leader in relazione al c.d. “Terzo settore” con il<br />

coinvolgimento di organizzazioni internazionali quali la FAO o l’UNICEF, ….).<br />

4. È intenzione della Commissione portare avanti ed ultimare un progetto già in programma per lo scorso<br />

anno di creazione di una banca dati sia dei Ryla organizzati che dei relatori al fine di dare un valido strumento<br />

ai club per l’organizzazione di nuovi Ryla.<br />

5. Infine si vorrebbe cercare di sondare la possibilità di far riconoscere dei crediti formativi scolastici ai ragazzi<br />

che partecipano ai Ryla creando una interlocuzione con le scuole.<br />

Espansione, incremento<br />

e qualità dell’Effettivo<br />

L’Effettivo è l’elemento fondamentale<br />

per il raggiungimento<br />

degli obiettivi che il <strong>Rotary</strong> International<br />

si è prefissato.<br />

La crescita e lo sviluppo del <strong>Rotary</strong><br />

dipendono esclusivamente dalla nostra<br />

capacità di incrementare il numero<br />

dei soci, attraendone di nuovi in<br />

possesso dei requisiti necessari per far<br />

parte della nostra associazione.<br />

Ed è per questo necessario che si<br />

raggiunga la piena collaborazione tra<br />

i presidenti dei club e la commissione<br />

dell’effettivo affinché si possano determinare,<br />

attraverso un piano di azione<br />

condiviso nel corso del nuovo anno<br />

rotariano, quegli obiettivi di crescita<br />

necessari a rafforzare sia i club che<br />

tutto il <strong>Rotary</strong>. La commissione distrettuale<br />

per l’effettivo, coordinata da Antonio<br />

Arcese (Fiuggi) e della quale io<br />

sono vice coordinatore, opera attraverso<br />

le proprie sottocommissioni (Formazione<br />

nuovi soci, presieduta da Daniela<br />

Tranquilli, Sviluppo e conservazione,<br />

presieduta dal sottoscritto, Affiatamento<br />

ed assiduità, presieduta da<br />

Gennaro Adamo, Espansione, presieduta<br />

da Carlo Conversi e Classifiche,<br />

presieduta da Mario Pistoia). Il suo<br />

di Salvatore Fozzi<br />

compito sarà quello di assistere i club<br />

del Distretto, che lo desiderano, nello<br />

sviluppo di strategie volte al rafforzamento<br />

e all’incremento dei soci.<br />

Tanto è importante lo sviluppo dell’effettivo<br />

per i nostri club ma ancora<br />

di più è necessaria la massima attenzione<br />

per la conservazione dei soci attivi.<br />

Se un club non è in grado di mantenere<br />

i propri soci o di reclutarne dei<br />

nuovi non resterà in vita a lungo.<br />

È per questo necessario uno sviluppo<br />

attivo o perlomeno il raggiungimento<br />

di una parità tra cessazioni e incremento.<br />

Obiettivi sull’effettivo raccomandati<br />

dal Presidente Internazionale John<br />

Kenny<br />

• aumento di almeno un socio per club<br />

• conservazione minima dell’80% dell’effettivo<br />

per club<br />

• crescita minima di almeno uno o due<br />

nuovi club per distretto.


14 settembre <strong>2009</strong> • n. 65 VOCE del ROTARY<br />

VOCE del ROTARY settembre <strong>2009</strong> • n. 65 15<br />

Il presidente internazionale raccomanda<br />

caldamente di porre una particolare<br />

attenzione al reclutamento di<br />

donne, soci giovani under 50 e degli<br />

Alumni, ricordando che questi ultimi,<br />

nonostante siano un patrimonio di straordinario<br />

valore per i nostri club, sono<br />

spesso dimenticati ed il loro recupero<br />

potrà essere una risorsa straordinaria<br />

per la crescita e lo sviluppo del<br />

nostro <strong>Rotary</strong>. Il presidente internazionale,<br />

inoltre, invita a privilegiare<br />

la scelta di professionisti emergenti e<br />

coinvolgere una sempre più varia compagine<br />

sociale.<br />

Ed è per questo necessario che ogni<br />

club includa la commissione dell’effettivo<br />

tra quelle fondamentali nominando<br />

un proprio delegato che tenga i contatti<br />

con le commissioni distrettuali,<br />

avendo l’accortezza di chiamare a farne<br />

parte rotariani diversi per età, professione<br />

ed esperienza che possano rappresentare<br />

nel modo migliore possibile<br />

il club e la comunità in cui lo stesso<br />

opera. Voglio ricordare, a questo punto,<br />

quali siano i compiti e le responsabilità<br />

primarie della suddetta commissione<br />

all’interno del proprio club:<br />

1. Definire gli obiettivi che il club si è<br />

proposto per lo sviluppo dell’effettivo,<br />

in collaborazione con il presidente<br />

del club.<br />

2. Assistere il presidente nello sviluppo<br />

di un piano d’azione relativo all’effettivo<br />

del club<br />

3. Incoraggiare tutti i soci a proporre<br />

potenziali candidati all’affiliazione<br />

4. Coordinare e attuare un programma<br />

di orientamento per i nuovi soci<br />

5. Promuovere la conservazione dell’effettivo<br />

6. Attuare il programma di formazione<br />

dei soci<br />

7. Identificare le classifiche all’interno<br />

della comunità professionale del<br />

territorio<br />

8. Valutare la composizione dell’effettivo<br />

del club e decidere se la stessa<br />

riflette le diversità della comunità<br />

in cui opera<br />

9. Spiegare ai soci lo scopo e l’importanza<br />

delle classifiche<br />

10. Assistere il consiglio direttivo nell’analisi<br />

delle candidature delle figure<br />

proposte per l’affiliazione.<br />

Formazione<br />

La formazione permanente dei soci<br />

e il loro coinvolgimento è una priorità<br />

assoluta ed essenziale per il club.<br />

Si ha la sensazione che nei <strong>Club</strong> del<br />

distretto vi sia un senso di preoccupazione<br />

relativa alla crescita dell’effettivo<br />

e che il reclutamento sia la principale<br />

e difficile sfida allo sviluppo della<br />

compagine sociale.<br />

Da una indagine realizzata dal R.I.<br />

su interviste ad una grande percentuale<br />

di Presidenti di commissioni distrettuali<br />

nel mondo, sono stati identificati<br />

quattro fattori principali che<br />

contribuiscono alla crescita di un “club<br />

consolidato”.<br />

1. Solido impegno del club atto a far<br />

crescere l’effettivo<br />

2. Solida leadership<br />

3. Riunioni di club gradevoli<br />

4. Aumento degli sforzi per il reclutamento.<br />

Mentre i fattori principali che contribuiscono<br />

ad una perdita dell’effettivo<br />

possono essere identificati in:<br />

1. invecchiamento dei soci del club<br />

2. i club non attraggono più soci giovani<br />

3. carenza di leadership nei club<br />

4. riunioni di club poco attraenti<br />

Quali potrebbero essere i possibili<br />

rimedi dei club per correggere queste<br />

situazioni:<br />

1. l’identificazione e l’invito di potenziali<br />

soci alle riunioni e agli eventi<br />

del club<br />

2. il coinvolgimento dei nuovi soci nei<br />

progetti e nelle commissioni del club<br />

3. la creazione di nuovi e stimolanti<br />

progetti in grado di far fronte ai bisogni<br />

della comunità<br />

4. la promozione dei rispettivi eventi<br />

e dei progetti umanitari realizzati<br />

dal club attraverso i media locali.<br />

La nostra commissione, rimane a<br />

disposizione dei club che lo desiderano<br />

e ne faranno richiesta diretta o attraverso<br />

il governatore e gli assistenti,<br />

per suggerire, aiutare e supportare<br />

il presidente e i delegati della commissione<br />

dell’effettivo all’interno del<br />

club per tutte quelle iniziative finalizzate<br />

alla espansione e allo sviluppo dell’effettivo,<br />

alla formazione, e informazione<br />

dei soci, all’assiduità e all’affiatamento,<br />

al riordino e al completamento<br />

delle classifiche, ricordando a tutti,<br />

come dice il Presidente Internazionale<br />

Kenny, che il futuro del <strong>Rotary</strong> è<br />

nelle nostre mani.<br />

09.30-10.00 Onore alle bandiere<br />

Saluti autorità<br />

Apertura dei lavori<br />

ROTARY INTERNATIONAL<br />

DISTRETTO 2080<br />

Seminario Distrettuale Effettivo per la Sardegna<br />

Nuoro, sabato 12 settembre <strong>2009</strong><br />

Auditorium Biblioteca Satta – piazza Asproni 8<br />

Programma<br />

Luciano Di Martino, Governatore distrettuale<br />

10.00-10.20 Formazione nuovi soci: selezione, Daniela Tranquilli Franceschetti,<br />

coinvolgimento e motivazione<br />

presidente Formazione nuovi soci<br />

10.20-10.40 Sviluppo e conservazione dell’effettivo Salvatore Fozzi, vicecoordinatore Effettivo<br />

11.00 Pausa caffè<br />

11.20 Affiatamento e assiduità Marco Pioppo, Affiatamento e Assiduità<br />

11.20-11.40 Espansione e classifiche: criteri di Patrizio Sanna, assistente del Governatore<br />

valutazione e selezione proposte nuovi club<br />

12.50 Interazione con la sala Luciano Di Martino<br />

Interventi preordinati e dibattito<br />

Filippo Maria Pirisi, istruttore distrettuale<br />

13.00 Considerazioni conclusive Luciano Di Martino<br />

<strong>Club</strong> organizzatore: R.C. NUORO<br />

Per ulteriori informazioni organizzative potete rivolgervi al<br />

presidente: Enrica Caire - tel. 0784874061 - cell. 3929824552 - e.mail e.caire@awn.it<br />

segretario: Ignazio Lampis - tel. 078430815 - cell. 3484531490 - e.mail inglamp@tiscali.it<br />

09.30-10.00 Onore alle bandiere<br />

Saluti autorità<br />

Apertura dei lavori<br />

––––––––––––<br />

Seminario Distrettuale Effettivo per il Lazio<br />

Roma, sabato 19 settembre <strong>2009</strong><br />

Regione Lazio – Sala Tevere – via Cristoforo Colombo, 212<br />

Programma<br />

Luciano Di Martino, Governatore distrettuale<br />

10.00-10.20 Formazione nuovi soci: selezione, Daniela Tranquilli Franceschetti,<br />

coinvolgimento e motivazione<br />

presidente Formazione nuovi soci<br />

10.20-10.40 Sviluppo e conservazione dell’effettivo Salvatore Fozzi, vicecoordinatore Effettivo<br />

10.40-11.00 Pausa caffè<br />

11.00-11.20 Affiatamento e assiduità Gennaro Adamo,<br />

presidente Affiatamento e Assiduità<br />

11.20-11.40 Espansione: criteri di valutazione e selezione Carlo Conversi, presidente Espansione<br />

proposte nuovi club<br />

11,40-12.00 Classifiche: linee guida per i club Mario Pistoia, presidente Classifiche<br />

12.00-12.50 Interazione con la sala Luciano Di Martino<br />

Interventi preordinati e dibattito<br />

Filippo Maria Pirisi, istruttore distrettuale<br />

12.50-13.00 Considerazioni conclusive Luciano Di Martino<br />

<strong>Club</strong> organizzatore: R.C. ROMA SUD EST<br />

Per ulteriori informazioni organizzative potete rivolgervi al<br />

presidente: Pier Giorgio Pistone - tel. 06.5817275 - cell. 3294110525 - e.mail piergiorgio.pistone@fastwebnet.it<br />

segretario: Giovanni De Rosis Morgia - tel. 06.3<strong>2009</strong>78 - cell. 3391995575 - e.mail gioderosismorgia@libero.it<br />

––––––––––––<br />

La partecipazione ai seminario sarà gratuita e aperta a tutti i soci.<br />

Sarà particolarmente gradita la partecipazione dei nuovi rotariani.


<strong>16</strong> settembre <strong>2009</strong> • n. 65 VOCE del ROTARY<br />

Ivaldi diventa scrittore<br />

Il past-governor Roberto Ivaldi, ingegnere, si è dato alle belle<br />

lettere e ha fatto gemere i torchi delle edizioni Lampi di stampa<br />

con “La bottega della seta di Giò”, un romanzo storico di avventure,<br />

da lui definita “una storia barocca”, che si svolge nel Seicento<br />

e il cui filo conduttore è la storia di un personaggio immaginario,<br />

imprenditore tessile.<br />

Lo scopo principale del romanzo, che è dedicato a giovani ed<br />

adolescenti, è quello di fornire a ragazzi e/o giovani padri e madri<br />

un testo che possa, nella stesura il più possibile corretta in lingua<br />

italiana, aiutarli nella loro crescita spirituale, nel tentativo di ristabilire<br />

i valori correnti della morale, della vita, della conduzione<br />

della famiglia, della religione, nel rispetto di tutti.<br />

Il romanzo si ripromette anche di dare una esatta rappresentazione<br />

dell’Europa del Seicento che possa avvicinare più agevolmente<br />

i giovani allo studio della storia, della geografia, della storia<br />

dell’arte. In questo senso forse il romanzo potrebbe aiutare nel<br />

loro compito anche giovani insegnanti che avessero voglia di leggerlo.<br />

Il romanzo narra la vita di un piccolo artigiano piemontese che,<br />

con la sua perizia ed una notevole dose di fortuna, riesce ad assurgere<br />

ai vertici della società del Seicento. In successivi passaggi<br />

determinanti per la sua vita, Giò passa dalla produzione del velluto<br />

nero di Genova fino a quella degli arazzi.<br />

Il racconto si sviluppa nei successivi luoghi di vita e di produzione di Giò, dal suo paesello dell’Alto Monferrato<br />

(Ponzone, celebre oggi per la sua produzione di “filetti baciati”, un salame davvero speciale) a Genova, a<br />

Napoli e a Madrid. La storia dei suoi tre figli, dei quali il primo sarà un ufficiale della marina da guerra spagnola,<br />

la seconda una pittrice ed il terzo seguirà le orme paterne, completano il racconto. Le avventure di alcuni<br />

amici del primo figlio e la descrizione dell’ambiente artistico napoletano rendono più intricata la vicenda. Alcuni<br />

episodi storici come l’assedio di Casale Monferrato, la rivolta di Masaniello, l’eruzione del Vesuvio e la peste<br />

di Napoli del <strong>16</strong>56, legano meglio la vicenda alla realtà storica del periodo.<br />

Il libro può essere ordinato in libreria, facendo presente che è distribuito da Messaggerie Italiane. Oppure ordinato<br />

direttamente, senza spese, via internet sui siti: www.libreriauniversitaria.it oppure www.webster.it. L’autore<br />

ha deciso di devolvere i diritti alla Fondazione <strong>Rotary</strong>.<br />

Il decano puntualizza<br />

Roberto Ivaldi<br />

La bottega della seta di Giò<br />

Una storia barocca<br />

Una storia barocca<br />

Riceviamo e ben volentieri pubblichiamo le annotazioni del nostro decano Aldo Ferretti. A tale riguardo ricordiamo che il<br />

prossimo <strong>16</strong> novembre il R.C. Roma festeggerà i cinquant’anni della sua attività rotariana. Cinquanta e non 60, come erroneamente<br />

era apparso nel calendario dello scorso numero. Ma se gli errori servono a qualcosa, siamo già pronti a festeggiare<br />

le nozze di diamante di Aldo con la nostra ruota dentata.<br />

Caro Direttore,<br />

ho letto la sintesi del colloquio fatto con Ammaturo e Ti ringrazio per la pubblicazione.<br />

Vi sono alcune inesattesse che per la storia voglio segnalarTi:<br />

a) il mio intervento sul Pontefice Paolo VI avvenne in relazione al Congresso dei Distretti d’Italia del 1965;<br />

b) non fui “graziato” il 5 giugno 1945 ma l’accordo che mia madre ottenne era invece della fucilazione la consegna<br />

agli alleati;<br />

c) Ravizza nel suo anno ha insistito perché l’aumento dei soci non fosse a detrimento della qualità.<br />

Vi sono anche altre inesattezze frutto della concisione, ma ho voluto segnalarTi queste tre perché ne rimanga<br />

traccia negli atti del distretto.<br />

Molti cordiali saluti.<br />

Aldo Ferretti<br />

VOCE del ROTARY settembre <strong>2009</strong> • n. 65 17<br />

LA PAGINA CULTURALE DEI ROTARIANI DEL 2080<br />

Il piccolo Cottolengo<br />

Lo scorso decennio venne avviata, per iniziativa<br />

dell’allora presidente Pino Masia,<br />

un’intensa attività di collaborazione tra il<br />

<strong>Rotary</strong> <strong>Club</strong> di Bosa e la Piccola Casa delle<br />

Divina Provvidenza. “Il confronto tra il<br />

Cottolengo e il <strong>Rotary</strong> Internazionale, mi mostrò subito<br />

– scrisse allora Masia – nel concetto del servire il punto<br />

di convergenza delle due organizzazioni. Sì, proprio servire<br />

come propugna il principale dei motti del <strong>Rotary</strong>”.<br />

Servire al di sopra di ogni interesse personale.<br />

Nella logica del servire i rapporti tra il nostro club e la<br />

Casa sono – negli anni – andati strutturandosi eintensificandosi:<br />

conferimento a suor Francesca Mura, in rappresentanza<br />

del Cottolengo, della Paul Harris Fellow; fornitura<br />

di attrezzature medicali; visite periodiche agli ospiti<br />

della casa; organizzazione di una conviviale all’anno<br />

presso la Piccola Casa della Divina Provvidenza; supporto<br />

a iniziative cottolinghine di carattere internazionale, e<br />

via discorrendo.<br />

Abbiamo così anche noi avuto<br />

modo di constatare che il Santo della<br />

Carità, con la sua incrollabile<br />

fede nella Provvidenza Divina, continua<br />

a offrire, attraverso la sua<br />

opera, un esempio straordinario e<br />

irresistibile. La Piccola Casa della<br />

Divina Provvidenza di Bosa ne<br />

è una concreta dimostrazione: una<br />

comunità composta in gran parte<br />

di minorati o infermi i quali posseggono<br />

il segreto della serenità e<br />

della letizia.<br />

Bisognerebbe visitare almeno<br />

una volta il Cottolengo, assillati come<br />

siamo dai nostri interessi, tormentati dalla sete di denaro,<br />

distratti da un insaziabile desiderio di benessere<br />

materiale; ricchi e sani, scontenti beniamini della fortuna.<br />

Qui, presentandoci alla porticina che ha per insegna<br />

il motto di San Paolo, ci guiderebbe per la Casa, da una<br />

famiglia all’altra, una piccola suora che, con quel suo giocondo<br />

“Deo Gratias”, riuscirebbe a trovare inspiegabilmente<br />

la via del nostro cuore.<br />

La Piccola Casa della Divina Provvidenza<br />

si occupa di assistenza ad anziani, handicappati<br />

fisici e psichici, ammalati, minori,<br />

tossicodipendenti, poveri senza fissa dimora,<br />

extracomunitari. Realizza la sua opera<br />

promuovendo il riconoscimento della dignità della persona<br />

e rispondendo alle sue necessità attraverso l’allestimento<br />

e la gestione di servizi, strutture presidi. La Casa<br />

Madre è a Torino e accoglie oggi, tra ospiti e personale religioso,<br />

circa duemila persone; da essa dipendono le numerose<br />

filiali presenti in Italia (un centinaio) e all’estero<br />

(una quindicina: in Ecuador, India, Kenya, Svizzera e<br />

Stati Uniti). La Piccola Casa è sostenuta dalle elargizioni<br />

di benefattori e dall’opera prestata gratuitamente da religiosi<br />

e laici.<br />

L’Istituto fu fondato nel 1832 per iniziativa del canonico<br />

Giuseppe Benedetto Cottolengo e venne eretto a Ente<br />

Morale da Re Carlo Alberto con Regio Decreto del 27 agosto1833.<br />

Il fondatore<br />

Giuseppe Benedetto Cottolengo nacque a Bra, in provincia<br />

di Cuneo, il 3 maggio 1786. Primo di dodici figli,<br />

seguì giovanissimo, insieme ad altri due fratelli, la vocazione<br />

religiosa. Ordinato sacerdote nel 1811, conseguì a<br />

Torino nel 18<strong>16</strong> la laurea in teologia. Dopo aver svolto la<br />

propria attività religiosa come vicecurato a Corneliano<br />

d’Alba, entrò a far parte nel 1818 della<br />

Congregazione dei canonici della<br />

chiesa del Corpus Domini di Torino.<br />

Qui trascorse alcuni anni dediti agli<br />

studi e allo svolgimento dei compiti affidatigli<br />

dalla congregazione.<br />

La sera del 2 settembre 1827, venne<br />

chiamato per portare gli ultimi conforti<br />

a una povera donna, Giovanna<br />

Maria Gonnet, di passaggio a Torino<br />

insieme al marito e ai suoi cinque figli.<br />

Non essendo stata accettata né all’Ospedale<br />

Maggiore né alla Maternità – in<br />

quanto incinta e affetta da tisi, una<br />

malattia allora particolarmente contagiosa<br />

– aveva trovato rifugio in una<br />

misera locanda. Il canonico, dopo avere assistito impotente<br />

alla morte per tubercolosi di questa giovane madre<br />

e della bambina che aveva appena dato alla luce, decise<br />

quella stessa sera che avrebbe aperto a Torino un ospedale<br />

per accogliere tutti coloro che venivano rifiutati dagli<br />

altri.<br />

In pochi mesi, dopo aver venduto quel poco che possedeva,<br />

con l’aiuto economico di altri cinque canonici aprì,<br />

di fronte alla chiesa del Corpus Domini, la prima Opera<br />

cottolenghina: il Deposito della Volta Rossa, inaugurato<br />

il 17 gennaio 1828. Si trattava di un centro di ospitalità,<br />

situatoal civico 19 di via Palazzo di Città, finalizzato ad<br />

accogliere i malati abbandonati e a rispondere ai bisogni<br />

della povera gente. Ben presto la domanda crebbe, ma occorrevano<br />

letti, cibo, medicine. A Giuseppe Benedetto<br />

Cottolengo, che si abbandonava fiducioso alla Divina Provvidenza<br />

– “State tranquilli, e non abbiate paura; noi tutti<br />

siamo figli di un buon Padre, che più pensa Egli a noi,


18 settembre <strong>2009</strong> • n. 65 VOCE del ROTARY<br />

VOCE del ROTARY settembre <strong>2009</strong> • n. 65 19<br />

Tuttavia l’ospedale “Senatore Salvatore<br />

Parpaglia”, in quanto tale, non vide mai<br />

la luce né ebbe mai alcun riconoscimento<br />

giuridico. Infatti donna Italina “dopo pare<br />

abbia abbandonato l’idea in quanto non<br />

ha provveduto all’attrezzatura necessaria. In seguito la<br />

stessa signora lasciò tutto il suo patrimonio all’Opera Cottolengo<br />

Torino, senza condizione alcuna relativamente<br />

alla destinazione del caseggiato suddetto e senza riserve<br />

di sorta”.<br />

L’opera Cottolengo era stata suggerita a donna Italina,<br />

verosimilmente, dal suo confessore, il canonico don Michele<br />

Fiumene (1882/1946). Il canonico, recatosi proprio<br />

in quegli anni a Torino, aveva visitato la Piccola Casa della<br />

Divina Provvidenza e ne era rimasto profondamente<br />

colpito. La soluzione di affidare alle suore del Cottolengo<br />

il nuovo ospedale era sembrata quindi la più idonea. Pertanto<br />

già dal 9 agosto del 1927, con atto del notaio Marras,<br />

la Signora Parpaglia fece donazione, alla Piccola Casa<br />

della Divina Provvidenza di Torino, del “corpo di fabbricato<br />

di sua proprietà confinante alla Chiesa di S. Filomena<br />

in Bosa”.<br />

Le prime suore di S. Giuseppe Benedetto Cottolengo,<br />

come documenta la ‘Cronaca della casa’, giunsero a Bosa<br />

nel ‘31: “Era l’ultimo giorno di Carnevale del 1931<br />

quando quattro suore – Zaveria (la Superiora), Silvedi<br />

quanto noi stessi pensiamo a Lui” – non mancarono gli<br />

aiuti e le collaborazioni. Nel giro di tre anni la Volta Rossa<br />

fu in grado di accogliere 210 persone; i volontari divennero<br />

170. Nel 1831 a Torino scoppiò il colera e una commissione<br />

governativa, avendo visto nel Deposito dei poveri<br />

infermi del Corpus Domini un possibile focolaio di infezione,<br />

ne ordinò la chiusura. I locali della Volta Rossa<br />

vennero quindi riutilizzati per accogliere bambini, figli<br />

dei lavoratori poveri, per assicurare loro un pasto e insegnar<br />

loro a leggere e scrivere.<br />

Cottolengo, volendo perseverare nella sua intuizione di<br />

carità, cercò comunque una nuova sistemazione per i suoi<br />

malati. Prese perciò in affitto un rustico semiabbandonato<br />

a Valdocco, nella periferia malfamata di Torino. Nonostante<br />

l’opposizione di qualche collega canonico – poco fiducioso<br />

che si potesse dar vita a un istituto solo basandosi<br />

sulle offerte spontanee dei benefattori – a sette mesi dalla<br />

chiusura della Volta Rossa, il 27 aprile 1832 apriva insieme<br />

ad alcuni volontari la Piccola Casa della Divina<br />

Provvidenza, che pose sotto la protezione di San Vincenzo<br />

de’ Paoli. Nella Casa riprese ad assistere i malati abbandonati<br />

e particolarmente bisognosi. In breve tempo<br />

l’Opera si allargò e arrivò ad accogliere oltre trecento persone,<br />

divenendo così un’importante realtà assistenziale.<br />

Il 30 agosto del 1833 Carlo Alberto, dopo aver riconosciuto<br />

tre giorni prima l’esistenza legale della Piccola Casa,<br />

nominava Giuseppe Benedetto Cottolengo Cavaliere dei<br />

Santi Maurizio e Lazzaro, una onorificenza che veniva<br />

concessa ai sudditi distintisi per opere di abnegazione e<br />

generosità.<br />

Alla fine dello stesso anno l’infaticabile canonico<br />

fondava la famiglia dei religiosi laici<br />

(infermieri, maestri, educatori, ecc.) e<br />

dava avvio alla costruzione dell’ospedale<br />

che veniva ultimato solo tre anni dopo. Istituiva<br />

quindi altre opere per far fronte a nuovi bisogni:<br />

scuole popolari, asili infantili, case per sordomuti, invalidi,<br />

epilettici; tutto realizzato a credito e a nome della Divina<br />

Provvidenza. Non mancarono però negli anni successivi<br />

le traversie e le difficoltà economiche superate sempre<br />

con coraggio e ferma fiducia nell’aiuto del prossimo.<br />

Dopo queste difficili esperienze Cottolengo fondava un seminario<br />

e alcuni monasteri dediti esclusivamente alla vita<br />

contemplativa.<br />

Benché forte, la sua fibra non resistette a lungo al duro<br />

lavoro. Nel 1842 si ammalava di tifo e il 30 aprile, a<br />

Chieri nella casa del fratello sacerdote, invitando – nel<br />

letto di morte – a ringraziare la Divina Provvidenza , chiudeva<br />

la sua intensa e operosa esistenza. La Chiesa lo proclamò<br />

beato nel 1917 e santo nel 1934.<br />

Le suore di San Giuseppe Benedetto Cottolengo<br />

La Congregazione fu fondata dal canonico Cottolengo<br />

nel 1830, e assunse fisionomia propria con la professione<br />

religiosa del primo gruppo nel 1834. Collaboratrice e discepola<br />

fedele del fondatore fu Marianna Nasi vedova Pullini,<br />

madre, maestra e modello per le prime suore. Il Santo<br />

non lasciò un corpo di regole, ma solo poche norme<br />

scritte e orali. Le suore cottolenghine ebbero un vero regolamento<br />

vero e proprio solo dal primo successore del<br />

Cottolengo, monsignor Luigi Aglesio che fu padre della<br />

Piccola Casa per circa 40 anni.<br />

Le suore di San Giuseppe Benedetto Cottolengo sono distinte<br />

in due famiglie: una dedita alla vita contemplativa e<br />

una alla vita apostolica. Le suore di vita contemplativa,<br />

che oggi sono circa 150, realizzano la missione specifica<br />

della Congregazione con gli esercizi propri della loro vocazione,<br />

la clausura e il lavoro per i poveri. Le suore di vita<br />

apostolica – di gran lunga più numerose: circa 3200 – la<br />

realizzano con l’attività caritativo-apostolica particolarmente<br />

nelle istituzioni della Piccola Casa della Divina Provvidenza<br />

di Torino e delle varie sedi succursali.<br />

La Piccola Casa della Divina Provvidenza<br />

di Bosa<br />

La succursale di Bosa della Piccola Casa<br />

della Divina Provvidenza è attualmente diretta<br />

da suor Maria Antonietta. La sede centrale<br />

è a Torino; la natura giuridica è quella di Ente Morale;<br />

il rappresentante della Casa è il Padre generale. La<br />

Casa, che è sotto gli auspici di San Vincenzo, si configura<br />

come “opera caritativa assistenziale universale per ammalati<br />

fisici e psichici”; accoglie persone in situazione di<br />

handicap, con deficit gravissimi, di entrambi i sessi. Gli<br />

ospiti sono attualmente circa quaranta. Le fonti di sussistenza<br />

sono le pensioni degli ospiti e delle suore.<br />

“Il servizio che la piccola Casa della Divina Provvidenza<br />

svolge a Bosa da 70 anni si fonda su un particolare<br />

atteggiamento definito come attenzione premurosa verso<br />

la persona. È la persona al centro e nel cuore di coloro<br />

che prestano il loro servizio, e la spiritualità cottolenghina<br />

ne è la linfa vitale che alimenta la predilezione per<br />

la persona disabile che si trova in uno stato di maggior<br />

bisogno”.<br />

In tutte le case Cottolengo c’è un progetto operativo che<br />

fa da guida a coloro che vi vivono e vi operano. È lo strumento<br />

che aiuta religiosi e laici a seguire una linea comune<br />

affinché si possa offrire un servizio responsabile, competente,<br />

coordinato e dinamico. Tutta l’impostazione, l’organizzazione<br />

ed il funzionamento della famiglia hanno come<br />

obiettivo specifico la centralità della persona disabile,<br />

che nel gergo della famiglia cottolenghina è chiamata<br />

“fuori foglio”, ed è considerata un dono prezioso per la<br />

Piccola Casa e per la Chiesa.<br />

Per vivere un servizio così diretto alla persona è indispensabile<br />

conoscere lo spirito di Cottolengo; diceva il Santo<br />

alle suore “Noi siamo qua dentro per amare unicamente<br />

Dio, per dargli questo in ogni cosa, servendolo nella<br />

persona dei poveri. I poveri per noi rappresentano Gesù”.<br />

Per fondare la Piccola Casa, Cottolengo prese come<br />

modello la prima comunità cristiana e volle che gli ospiti<br />

fossero inseriti in famiglie perché in essi regnasse il clima<br />

affettivo della famiglia.<br />

Cenni storici<br />

La nascita dell’istituto di Bosa è collegata al lascito umanitario<br />

della nobildonna Italina Parpaglia Demuro che,<br />

desiderando dare agli abitanti di<br />

Bosa la possibilità di trovare nella<br />

loro città una casa che accogliesse<br />

anziani e ammalati, legò tutto il suo<br />

patrimonio alla Piccola Casa della<br />

Divina Provvidenza “Cottolengo”<br />

in Torino, perché erigesse una succursale<br />

in Bosa. Vale la pena leggere<br />

uno stralcio del testamento olografo<br />

di donna Italina: “Lascio all’asilo<br />

infantile di Bosa “Angelo<br />

Zannetti” la somma di lire diecimila;<br />

al Vescovo pro tempore di Bosa<br />

lire duemila a beneficio dei Chierici<br />

poveri della città; al Ricovero<br />

di mendicità in Bosa lire mille; alla<br />

Superiora delle Suore Francescane in Bosa per gli orfanelli<br />

lire mille; alle Dame di carità di Bosa lire mille;<br />

all’Orfanotrofio Pugnino di Bosa lire mille. Lascio tutto<br />

il resto dei miei beni, di qualunque natura essi sieno alla<br />

Piccola Casa della Divina Provvidenza, detta Cottolengo,<br />

eretta in Torino, perché provveda alla erezione di<br />

un’opera cottolenghina in questa città di Bosa, e nomino<br />

pure la stessa Piccola Casa della Divina Provvidenza,<br />

detta Cottolengo, eretta in Torino, mio erede universale<br />

con esclusione di altri eredi. Nomino mio esecutore testamentario<br />

il Vescovo pro tempore di Bosa. Bosa 7 giugno<br />

1929”. L’eredità fu calcolata in £. 1.150.000<br />

La famiglia Parpaglia, di origine piemontese, era imparentata<br />

con i Piccolomini e con San Gaetano da Tiene.<br />

La grande devozione presente a Bosa per San Gaetano è<br />

– con molta probabilità – da collegarsi all’arrivo nella città<br />

del Temo della famiglia Parpaglia; la stessa donna Italina<br />

si curò, finché visse, della cappella dedicata a San<br />

Gaetano, la seconda entrando a sinistra nella Chiesa del<br />

Carmine.<br />

La nobildonna aveva ereditato l’intero patrimonio<br />

paterno, ad eccezione della casa<br />

di abitazione di Oristano del senatore Parpaglia<br />

che, per espressa volontà del padre,<br />

era stata lasciata al comune di Oristano. Si<br />

trattava di un vasto patrimonio prevalentemente terriero<br />

costituito da agrumeti, vigneti, oliveti e pascoli. L’opera<br />

caritatevole e umanitaria che donna Italina si era proposta<br />

di realizzare era legata alla promessa fatta per ringraziare<br />

Dio della conversione del padre (noto massone)<br />

avvenuta negli ultimi momenti della sua vita.<br />

La signora Parpaglia inizialmente “volendo perpetuare<br />

la memoria del padre (...) ideò l’erezione in Bosa<br />

di un ospedale al quale doveva essere dato il nome<br />

di Ospedale Senatore Parpaglia”. Il 15 marzo1919,<br />

”trattandosi di un’opera di fiorita beneficenza”, con<br />

deliberazione Commissariale regolarmente approvata<br />

dalla Giunta municipale, fu concessa dal Comune di Bosa<br />

a donna Italina, un’area di terreno fabbricabile “per<br />

il prezzo di lire cento forfait da pagarsi al rogito del<br />

contratto” per “costruire su di essa un fabbricato da<br />

servire per ospedale”.<br />

Il progetto venne predisposto dall’ingegner<br />

Antonio Baldino “senza<br />

percepire il minimo compenso e solo<br />

pago dello scopo nobilissimo che si<br />

prefiggeva donna Italina”. Il 26 novembre<br />

1922, come risulta da annotazione<br />

apposta in un ingrandimento<br />

fotografico, venne avviata la costruzione<br />

del fabbricato. Nel ‘27 l’opera,<br />

benché non ancora completata, era a<br />

buon punto. Al prefetto di Nuoro che<br />

chiedeva, in merito alla costruzione<br />

dell’ospedale, di “conoscere con precisione<br />

quanto si è finora speso, quanto<br />

manca per completarlo e quanto<br />

occorrerebbe per farlo funzionare”,<br />

così rispondeva il commissario prefettizio: “...la signora<br />

Italina Parpaglia ha quasi ultimato la costruzione dell’ospedale.<br />

Il quale è sito in prossimità dell’abitato, in<br />

una collinetta denominata Santa Filomena, in sito ameno<br />

a circa 2 chilometri dal mare. Esso è costituito da un<br />

moderno fabbricato a due piani (....). La nobil donna<br />

ha finora speso più di 450mila lire. Per il completamento<br />

della parte muraria (il padiglione di cui si è già parlato)<br />

occorreranno presumibilmente non più di 50mila.<br />

Per l’arredo poi dell’ospedale (effetti, lettucci, mobili,<br />

attrezzi chirurgici e igienici, gabinetto radiografico, microscopio,<br />

apparecchi vari, ecc.) il parere dei sanitari<br />

interpellati è che sarà necessaria una spesa di circa 150mila<br />

lire. (....)”. A seguito di ciò il Ministero dell’Interno<br />

concesse un piccolo contributo per il completamento dell’ospedale.


20 settembre <strong>2009</strong> • n. 65 VOCE del ROTARY<br />

VOCE del ROTARY settembre <strong>2009</strong> • n. 65 21<br />

stra, Devota e Agnella – provenienti da Viareggio arrivarono<br />

a Macomer dove sostarono un giorno e una notte.<br />

Il primo giorno di quaresima partirono da Macomer<br />

per la nuova destinazione: Bosa. Qui le accolsero le consorelle<br />

del seminario le quali in giornata le accompagnarono<br />

nella nuova casa, prezioso lascito di donna Italina<br />

Parpaglia”.<br />

Grazie all’intelligente attività del canonico<br />

Fiumene si poté in breve tempo portare a<br />

compimento l’opera e soddisfare il desiderio<br />

di donna Italina Parpaglia, che, gravemente<br />

ammalata, venne assistita dalle suore<br />

fino alla sua morte avvenuta il 10 aprile del 1931.<br />

Il <strong>16</strong> novembre dello stesso anno veniva stipulata – alla<br />

presenza del vescovo di Bosa, monsignor Filippo Mantini<br />

esecutore testamentario, del canonico Michele Fiumene<br />

procuratore del Cottolengo, del medico provinciale di<br />

Nuoro Nicola Tecce e del podestà di Bosa Antonio Baldino<br />

– tra la Piccola Casa della Divina Provvidenza “Cottolengo”<br />

e il Comune di Bosa una convenzione per l’apertura<br />

di alcuni ambulatori comunali. In base agli accordi<br />

presi venivano concessi al Comune per dieci anni, a titolo<br />

gratuito, i “tre ambienti a piano terreno posti a sinistra<br />

dell’ingresso principale, e prospicienti sul piazzale,<br />

nonché il corridoio di accesso agli stessi ambienti”. Veniva<br />

previsto inoltre che il servizio di assistenza negli ambulatori<br />

fosse “disimpegnato gratuitamente dalle suore<br />

cottolenghine”.<br />

Il primo gennaio 1932 la succursale di Bosa del Cottolengo<br />

venne ufficialmente aperta da padre Giovanni Battista<br />

Ribero che ne affidò la direzione e l’amministrazione<br />

allo stesso canonico Fiumene. I primi ospiti furono dodici:<br />

sei uomini e sei donne. Quattro le suore comprese la<br />

superiora e una infermiera, suor Devota. Come sanitario<br />

si offrì di prestare la propria opera gratuitamente il medico<br />

Vittorio Randaccio che svolse questo compito con perizia<br />

e abnegazione fino alla morte.<br />

La Casa andò presto ingrandendosi e crebbe il numero<br />

degli ospiti, potendo fruire di questo benefico aiuto anche<br />

i poveri e i malati di altri comuni dell’isola; così ciechi,<br />

sordomuti, minorati psichici e fisici, vecchi, spesso<br />

abbandonati, vi trovarono aiuto e assistenza gratuita.<br />

Gli ambulatori comunali aperti nei locali dell’Ospedaletto<br />

(così era chiamata allora la Piccola Casa della D.P.<br />

dai Bosani) erano tre: quello generico, diretto dal dottor<br />

Randaccio; l’antimalarico, diretto dal dottor Scarpa; l’oculistico<br />

diretto dal dottor Pischedda. Di tali ambulatori potevano<br />

usufruire largamente gli ospiti. Dopo pochi anni però<br />

gli ambulatori, essendo l’Ospedaletto troppo lontano dal<br />

centro abitato, vennero chiusi e trasferiti altrove. In breve<br />

tempo crebbe il numero delle suore e degli assistiti.<br />

Dal 1940 sino alla fine della guerra diversi locali della<br />

casa furono requisiti dalle autorità militari e adibiti ad infermeria<br />

militare. Venne requisita anche la lavanderia e<br />

alle suore fu affidato il compito di provvedere alla pulizia<br />

degli indumenti dei soldati. Dopo la guerra, grazie alle numerose<br />

donazioni, i locali furono, a più riprese, ampliati.<br />

Dell’eredità Parpaglia faceva parte la tenuta di Nigolosu;<br />

negli anni Cinquanta l’edificio esistente venne ampliato e<br />

ammodernato per consentire alle suore e ai malati l’uso<br />

di questa succursale nei periodi estivi. Nigolosu funzionò<br />

anche, sino alla fine degli anni Settanta, come aspirandato,<br />

per preparare al probandato delle giovani che intendevano<br />

entrare a far parte delle suore del Cottolengo.<br />

L’aspirandato di Nigolosu arrivò ad ospitare anche trenta<br />

ragazze.<br />

Solo nel periodo compreso tra il 1932 e il 1955, la Piccola<br />

Casa della Divina Provvidenza ha accolto ben 396<br />

persone provenienti da quattro comuni della penisola e<br />

da numerosi (ben 104) comuni della Sardegna: Bosa in<br />

primo luogo (con il 46 per cento degli ospiti), e poi, in ordine<br />

decrescente, Montresta e Suni, Bolotana e Cuglieri,<br />

Sassari e Tresnuraghes, <strong>Cagliari</strong>, Nuoro, Padria, Sindia,<br />

Bonarcado, Cabras, Laconi, Ghilarza, Norbello, Quartu<br />

S. Elena, Samassi, S. Lussurgiu, Tinnura, Tonara, Baunei,<br />

Bortigali, Bottida, Flussio, Gonnesa, Ilbono, Macomer,<br />

Magomadas, Modolo, Monserrato, Nuxis, Orani, Oristano,<br />

Ardara, Scano Montiferro, Villanova M. e altri 66<br />

paesi.<br />

Nell’assistenza medica si susseguirono negli anni i dottori<br />

Edgardo Scherer e Mario Sanna. Come i colleghi della<br />

prima ora, anch’essi prestarono la loro preziosa opera<br />

gratuitamente. Ma furono e sono soprattutto l’entusiasmo,<br />

lo spirito di sacrificio, la completa dedizione delle<br />

suore che hanno consentito nel tempo e consentono ancora<br />

il proseguire e l’allargarsi di quest’opera di vera carità.<br />

Monsignor Ghiani, parroco di Tonara, a una giovane<br />

che gli comunicava la sua intenzione di farsi suora di San<br />

Giuseppe Benedetto Cottolengo, rispondeva con una nota<br />

frase: “Per diventare suora del Cottolengo non basta<br />

una vocazione, ce ne vogliono due”.<br />

In occasione del ventesimo anniversario della<br />

fondazione, in un articolo apparso sull’Unione<br />

Sarda del febbraio1951, dal titolo<br />

“Umanità dolorante nell’Ospedale Cottolengo<br />

di Bosa” e sottotitolo “Malattie inguaribili<br />

e carità sconfinata delle suore”, così scriveva<br />

Ottorino Mastino: “La vista di qualcuno che soffre fa sorgere<br />

nell’animo nostro un profondo sentimento di compassione,<br />

che ci costringe a meditare elevandoci sopra<br />

noi stessi e rendendoci migliori. Solo attraverso l’osservazione<br />

del dolore degli altri possiamo maggiormente apprezzare<br />

i doni che la natura ci ha elargito ed il benessere<br />

di cui godiamo. A tutto questo si pensa visitando l’ospedale<br />

e soprattutto quello del Cottolengo di Bosa, unico nel<br />

suo genere in Sardegna, ove la carità fraterna delle suore<br />

accoglie i rifiutati dalle altre case di cura della nostra<br />

Isola...”. E ancora: “La dottrina cristiana non vuole che<br />

l’anima infiacchisca nell’egoismo inerte, bensì che l’uomo<br />

sotto l’impulso di buone ed ardenti passioni esplichi<br />

le sue energie nella carità fraterna ed operosa verso il<br />

prossimo. Mosse da questo principio le suore del Cottolengo<br />

con ammirabile abnegazione si prodigano nell’assistenza<br />

dei malati, i quali a seconda della natura del loro<br />

male che li tormenta, hanno necessità di cure particolari,<br />

che per una qualunque infermiera, lontana dallo<br />

spirito di sacrificio delle suore, potrebbero sembrare troppo<br />

pesanti..... La ‘Piccola Casa del Cottolengo’ predilige<br />

i casi più disperati, gli incurabili, fedele all’esempio<br />

dato dal Santo Fondatore”.<br />

La Piccola Casa di Bosa oggi<br />

Con i lavori di ristrutturazione della Piccola<br />

Casa di Bosa, iniziati nel 1999 ed ora in<br />

via di ultimazione, si sono rinnovati e razionalizzati<br />

gli ambienti, adeguati alle norme<br />

di sicurezza e, ciò che maggiormente colpisce, attrezzati<br />

per rispondere alle esigenze di una utenza così particolare<br />

e specifica. La tecnica e la tecnologia appaiono in<br />

questo caso realmente al servizio dell’uomo e della persona:<br />

i materiali ignifughi, i bagni assistiti con vasche regolabili<br />

in altezza, gli ausili per il trasporto dei pazienti, i<br />

solleva persona, i letti elettrici snodabili in quattro posizioni<br />

e quant’altro. Anche in questo modo si evidenzia<br />

l’attenzione, la sensibilità, il rispetto per l’altro che acquista<br />

così – pur nella sua situazione di handicap – una<br />

reale, effettiva dignità umana.<br />

I pasti sono preparati in una moderna ed attrezzatissima<br />

cucina, situata in un’ala apposita (piano terra del<br />

padiglione sud), che utilizza un particolare ascensore per<br />

il trasporto del cibo al piano superiore. Gli ospiti possono<br />

fruire inoltre di una serie di strutture e ambienti comuni:<br />

un moderno e vasto salone polifunzionale, la cappella<br />

di Santa Filomena e la bella casa di Nigolosu per il<br />

soggiorno estivo. All’esterno vi sono ampi spazi verdi,<br />

tra cui una piccola pineta, una passerella che gira intorno<br />

alla casa, che consentono agli ospiti di muoversi in libertà<br />

ed avere contatti quotidiani con i volontari ed altre<br />

persone.<br />

L’utenza<br />

Il servizio è rivolto a persone adulte con handicap medio-gravi<br />

intellettivi e/o pluriminorati. La Casa di Bosa<br />

accoglie oggi circa quaranta persone in situazione di handicap,<br />

di entrambi i sessi, provenienti da tutta la Sardegna<br />

e in gran parte dalla provincia di Nuoro; tre di loro<br />

sono bosani. Gli ospiti risiedono stabilmente nel Cottolengo<br />

ed alcuni vi si trovano da oltre cinquant’anni. Sono<br />

ammesse nell’istituto solo persone particolarmente bisognose;<br />

si prediligono soprattutto i casi di poveri soli che<br />

non hanno nessuno che possa badare loro.<br />

La comunità si suddivide ed è organizzata in tre distinti<br />

gruppi di vita, due femminili e uno maschile. La conduzione<br />

della vita di gruppo è a carattere familiare. La responsabilità<br />

educativa è affidata, per ciascun gruppo, a<br />

una religiosa educatrice coadiuvata dai collaboratori laici<br />

e dal personale dipendente Tutti gli ospiti hanno i medesimi<br />

diritti e doveri; solo una condizione di maggior bisogno<br />

postula e giustifica una diversità di trattamento in<br />

risposta ai reali, differenti e personali bisogni della persona.<br />

Nei limiti del possibile, si cerca di fare interventi individualizzati.<br />

Tutti gli ospiti, in rapporto alle loro possibilità<br />

personali, partecipano alla conduzione della casa<br />

collaborando nell’espletamento di piccoli servizi (preparare<br />

la tavola, rifare il letto, ecc.).<br />

Le attività sono mirate ed articolate in spazi e tempi per<br />

soddisfare le aree dei bisogni:<br />

– primari: igiene personale, vestirsi/svestirsi, alimentazione;<br />

– emotivi-affettivi: sentirsi amati ed aiutati attraverso gesti<br />

concreti, momenti di esperienza affettiva e sociale;<br />

– di mantenimento e sviluppo delle abilità senso-percettive:<br />

esercizi di percezione del proprio corpo, attività<br />

psicomotorie, cura e manutenzione degli ambienti;<br />

– ricreativi: feste e giochi in comune;<br />

– del trascendente: educazione alla spiritualità attraverso<br />

una catechesi specifica, della pastorale, dell’Incarnazione,<br />

della liturgia.<br />

L’istituto favorisce i rapporti e le collaborazioni della<br />

famiglia ed incoraggia i rientri per le vacanze; anche i rapporti<br />

con l’esterno – parrocchia, gruppi famiglia, volontariato,<br />

associazioni – sono sostenuti e largamente promossi.<br />

Gli operatori e i servizi<br />

Il personale addetto alla Comunità è costituito<br />

attualmente da otto suore, da personale<br />

esterno (sette dipendenti fissi), da circa<br />

cinquanta volontari, da un sacerdote per<br />

l’assistenza religiosa (don Francesco Fiumene). Si tratta<br />

di un “organico” atto a garantire la qualità del servizio e<br />

la realizzazione di tutte le attività programmate; un organico<br />

flessibile, con possibilità di cambiamento e adeguamento,<br />

funzionale – ‘non alla struttura che deve mantenersi’<br />

– ma alle esigenze degli ospiti. Le suore, che sono<br />

presenti in Comunità 24 ore su 24, hanno tutte una formazione<br />

di base e seguono corsi di aggiornamento periodici<br />

(a Torino, a Roma, in Sardegna). Hanno competenze<br />

e professionalità diversificate (educatrice, infermiera,<br />

economa, eccetera), orientate principalmente al servizio<br />

alla persona. I dipendenti retribuiti sono addetti alla cucina,<br />

alla pulizia dei locali e alla cura degli ospiti. Oltre<br />

al personale interno vi sono dei collaboratori esterni: i volontari<br />

che danno un loro contributo diretto nelle varie<br />

attività; di essi alcuni sono fissi (circa 15) ed altri occasionali<br />

(30/35).<br />

La direttrice della Comunità è la superiora che, in forza<br />

dell’autorità delegatale dal padre generale, sovrintende<br />

all’ordinaria amministrazione ed è responsabile della<br />

organizzazione e gestione dell’Istituto. Le decisioni – soprattutto<br />

quelle difficili – sono prese tutti insieme, negli<br />

incontri del “consiglio della casa”, che si riunisce periodicamente,<br />

od in relazione a specifiche necessità, anche per<br />

programmare e concordare gli interventi. La collaborazione<br />

tra tutti gli operatori è fondamentale ed è finalizzata alla<br />

tutela e alla promozione degli ospiti secondo lo spirito e<br />

lo stile cottolenghini. Solo le cose più semplici o più immediate<br />

le decide da sola la superiora. Tra i suoi compiti quello<br />

di tenere i contatti con le famiglie, con il territorio, con<br />

gli operatori sanitari, con gli enti e le associazioni, di curare<br />

direttamente eventuali nuovi inserimenti.<br />

Luigi Mastino<br />

Past-president del <strong>Rotary</strong> club Bosa


22 settembre <strong>2009</strong> • n. 65 VOCE del ROTARY<br />

R.C. <strong>Cagliari</strong><br />

Il comandante Cicconardi è accanto a una signora dell’aria<br />

rotariana. Mai come in questo caso l’apparenza<br />

inganna: si tratta in verità di un colonnello pilota dell’Usa<br />

Air Force (alle prese col telefonino d’ordinanza.<br />

Visita alla base aerea<br />

di Decimomannu<br />

Brivido speciale per rotariani<br />

nella base aerea<br />

di Decimomannu. Istituzionalmente<br />

interdetto al<br />

pubblico, l’aeroporto militare<br />

ha ospitato nel giugno scorso<br />

una straordinaria riunione del<br />

club “<strong>Cagliari</strong>”: il ruggito di<br />

mille tigri infuriate nel buio<br />

della notte ha sostituito la consueta<br />

conversazione culturale.<br />

Questa volta il ruolo di conferenziere<br />

era affidato ai Tornado<br />

in decollo, un’emozione<br />

istruttiva e indimenticabile.<br />

Il folto gruppo di soci era accompagnato<br />

dal presidente Ettore Atzori, pochi<br />

giorni prima del passaggio di campana.<br />

Della comitiva faceva parte la<br />

presidente incoming Marinella Ferrai<br />

Cocco Ortu, prima donna chiamata a<br />

guidare lo storico club sardo che in<br />

quest’autunno celebra i sessant’anni<br />

di attività. Anche la base interforze ha<br />

un importante anniversario da festeggiare:<br />

il 25 settembre 1959 venne siglato<br />

l’accordo fra Italia Germania e<br />

Canada per la creazione dell’aeroporto<br />

a una trentina di chilometri da <strong>Cagliari</strong>.<br />

Quindi esattamente cinquant’anni<br />

fa nasceva l’Air Weapons Training<br />

Installation (AWTI), un complesso<br />

progettato per l’addestramento ariaaria<br />

e aria-terra delle forze aeree Nato.<br />

Per la ricorrenza giubilare, la base<br />

(per mezzo secolo ammantata di mistero<br />

e poco gradita alle popolazioni<br />

del Campidano per il frastuono degli<br />

aviogetti in continuo decollo e atterraggio)<br />

sarà aperta alla gente comune<br />

per un’intera giornata.<br />

In via eccezionale, il <strong>Rotary</strong> club<br />

<strong>Cagliari</strong> ha anticipato i tempi: una colonna<br />

di automobili civili ha trovato<br />

la sbarra sollevata e il saluto marziale<br />

delle sentinelle. Gli ospiti sono stati<br />

accolti dal comandante, colonnello<br />

pilota Gustavo Cicconardi, che ha illustrato<br />

le attività del vastissimo complesso<br />

e guidato la visita agli impianti,<br />

agli hangar, alle piste di volo, agli<br />

ambienti logistici, alle apparecchiature<br />

del servizio meteorologico, alle strutture<br />

che via radar seguono la partenza<br />

e l’arrivo dei voli civili di <strong>Cagliari</strong>-<br />

Elmas per tenerli in sicurezza. E infine<br />

alla base elicotteristica.<br />

L’aeroporto di Decimomannu<br />

è anche sede<br />

di “Radio Speedy”, la<br />

670esima Squadriglia<br />

SAR che dispone di elicotteri<br />

AB-212, sempre<br />

pronti a sollevarsi per<br />

dare assistenza alle operazioni<br />

addestrative nel<br />

poligono di Capo Frasca<br />

(ma spesso utilizzati per<br />

missioni di protezione civile<br />

sia a terra che in mare).<br />

Gli ospiti hanno preso<br />

confidenza con gli aerei<br />

supersonici: le piste<br />

schieravano AMX dell’Aeonautica<br />

miliare, F-4F ed Eurofighter<br />

della Luftwaffe, F-<strong>16</strong>C<br />

dell’Usa Air Force, nonché Tornado<br />

italiani e tedeschi. Hanno<br />

poi visto l’esito delle manovre<br />

belliche simulate, come al<br />

cinema, seduti davanti allo stesso<br />

schermo che normalmente<br />

permette ai piloti di esaminare,<br />

analizzare e discutere le operazioni<br />

di addestramento al termine<br />

delle missioni. I comportamenti<br />

dei militari in volo sono<br />

stati spiegati dal direttore dei voli<br />

attraverso la minuziosa ricostruzione<br />

digitale delle diverse azioni sperimentate<br />

al di là delle nuvole e al largo delle<br />

coste oristanesi.<br />

Grazie a un’autorizzazione non concessa<br />

ad altri, i rotariani sono stati intrattenuti<br />

fino a notte per il momento<br />

certamente più suggestivo. Erano trascorse<br />

le 22 quando sono stati accompagnati<br />

fino a poche centinaia di metri<br />

dalla testa di pista principale, nel<br />

buio della notte. Momenti davvero eccezionali:<br />

dopo il fragoroso decollo di<br />

alcuni monoposto supersonici, l’oscurità<br />

è stata squarciata da abbaglianti<br />

getti di fuoco: Uno dopo l’altro sono<br />

partiti due Tornado italiani, in un’esasperata<br />

festa di decibel, ruggiti così<br />

potenti da far vibrare nervi e muscoli<br />

degli inconsueti spettatori.<br />

Certo, un’emozione straordinariamente<br />

concessa a non addetti ai lavori.<br />

Anche perché non si trattava di<br />

semplici voli dimostrativi: quegli aerei<br />

decollavano per il delicatissimo addestramento<br />

notturno, diretti ai poligoni<br />

di Capo Frasca (costa occidentale)<br />

e di Quirra (base missilistica sulla<br />

costa orientale).<br />

Il comandante Cicconardi aveva<br />

preparato anche la sala del circolo ufficiali<br />

per offrire una serata danzante<br />

con musica live. Ma gli ospiti hanno<br />

rinunciato a quest’ultima parte di<br />

programma: davanti allo spettacolo<br />

dei Tornado in decollo notturno, che<br />

vuoi di più dalla vita<br />

Mauro Manunza<br />

R.C. <strong>Cagliari</strong><br />

Anfiteatro<br />

VOCE del ROTARY settembre <strong>2009</strong> • n. 65 23<br />

Il <strong>Rotary</strong> <strong>Club</strong> <strong>Cagliari</strong> Anfiteatro,<br />

ha voluto iniziare il suo anno rotariano<br />

all’insegna della musica e<br />

dalla pittura per dare il suo contributo<br />

alla iniziativa del programma a favore<br />

della Fondazione <strong>Rotary</strong> per l’eradicazione<br />

della polio. “...Questi temi<br />

– ha detto la presidente Elisabetta Steri<br />

nel suo saluto di apertura al pubblico<br />

e alle autorità rotariane – si inseriscono<br />

appieno nella relazione programmatica<br />

del club in quanto questo<br />

anno sarà dedicato alle arti attraverso<br />

le quali si raggiungeranno gli obiettivi<br />

preposti. Perché la voce Il suono<br />

della voce è stato il primo suono che<br />

l’uomo ha conosciuto ed emesso, la<br />

rappresentazione grafica è stata il primo<br />

segno col quale l’uomo si è espresso<br />

per raccontare la propria vita. Il<br />

R.C. <strong>Cagliari</strong> Anfiteatro, l’ultimo club<br />

nato nella nostra città, vuole far sentire<br />

la sua voce, vuole raccontare richiamandosi<br />

a quelle forme d’arte che<br />

hanno portato l’uomo alla sua massima<br />

espressione…”.<br />

A questi temi si è allacciato anche<br />

il presidente della Commissione della<br />

Fondazione <strong>Rotary</strong>, il PP Aldo De<br />

Montis, per far conoscere al pubblico<br />

presente in sala le iniziative in programma:<br />

“L’eradicazione della polio<br />

è sicuramente il programma umanitario<br />

che interessa maggiormente ma<br />

che, grazie all’interessamento di tutti<br />

i club ormai ha avuto già dei grandi<br />

risultati. La polio è presente solo<br />

in quattro Stati del mondo ed il programma<br />

è ormai chiamato End polio<br />

now”.<br />

Il concerto, si è tenuto a <strong>Cagliari</strong> il<br />

7 luglio scorso presso il Teatro civico<br />

di Castello. De la bellezza le dovute<br />

lodi - La poesia per musica nei tricinia<br />

amorosi di Monteverdi e Mozart,<br />

(questo il titolo) ha visto come protagonisti<br />

il coro di “Musica Viva <strong>Cagliari</strong>”<br />

e l’Ensamble Strumentale composto<br />

dai maestri: Lucio Filippo Casti e<br />

Gianmaria Melis ai violini, Vladimiro<br />

Atzeni al violoncello, Frabrizio Marchionni<br />

al clavicembalo, diretti da Maria<br />

Paola Nonne.<br />

Apertura in musica<br />

con Mozart e Monteverdi<br />

Il coro e l’ensamble sul palcoscenico del teatro di Castello.<br />

“Tricinia” è la forma musicale su<br />

cui si basano i brani del concerto: brani<br />

vocali e strumentali a tre composti<br />

nella forma della melica minore.<br />

“De la bellezza le dovute lodi” è<br />

una citazione monteverdiana che dà<br />

il titolo al concerto stesso. Le ragioni<br />

che hanno portato il direttore a fare<br />

questa scelta sono molteplici. La<br />

prima perché i due compositori, sebbene<br />

lontani tra loro, raccontano in<br />

musica gli affetti amorosi; la seconda<br />

perché la contemplazione artistica<br />

della bellezza e dell’amore rinvia ad<br />

una connotazione classicheggiante che<br />

si ambienta in precisi spazi sociali: la<br />

vita di corte, i salotti culturali. Il balletto,<br />

lo scherzo, il notturno sono forme<br />

leggere, divertenti, brani di intrattenimento,<br />

composti dai nostri illustri<br />

maestri per un ascolto facile;<br />

proprio per questo si è voluto ricreare<br />

lo stesso clima di sognante piacevolezza<br />

per il pubblico che è venuto<br />

ad ascoltare.<br />

L’esecuzione del coro di “Musica Viva<br />

<strong>Cagliari</strong>” e dell’Ensamble Strumentale,<br />

magistralmente preparati da Maria<br />

Paola Nonne, è stata piacevolissima:<br />

è iniziata in sordina con gli scherzi<br />

musicali di Monteverdi per concludere<br />

con i notturni di Mozart coinvolgendo<br />

il pubblico in un ascolto attento<br />

e partecipativo lasciandolo, alla fine,<br />

ancora con la voglia di ascoltare.<br />

Le pareti del teatro sono state abbellite<br />

da alcuni quadri della pittrice<br />

cagliaritana Roberta Congiu che con<br />

il suo “Blu”, titolo della mostra, ha catapultato<br />

il pubblico in un immersione<br />

di colore del mare che lei rappresenta<br />

nei suoi quadri ormai da diversi<br />

anni.<br />

La serata, grazie all’interessamento<br />

della responsabile del teatro Anna<br />

Maria Cabras, si è conclusa con una<br />

visita al teatro stesso, restaurato da<br />

poco dal Comune dopo i bombardamenti<br />

dell’ultima guerra, attraverso<br />

la quale si è ripercorso una piccola<br />

parte della storia della Città di <strong>Cagliari</strong>.<br />

Grazie all’interessamento di tutti<br />

i soci, al pubblico presente in sala,<br />

agli sponsor, il <strong>Rotary</strong> <strong>Club</strong> <strong>Cagliari</strong><br />

Anfiteatro ha potuto così devolvere<br />

una buona cifra al programma umanitario.


24 settembre <strong>2009</strong> • n. 65 VOCE del ROTARY<br />

VOCE del ROTARY settembre <strong>2009</strong> • n. 65 25<br />

R.C. Golfo d’Anzio - Anzio e Nettuno<br />

La comunicazione<br />

come prospettiva professionale<br />

La cerimonia di consegna<br />

degli attestati<br />

avvenuta lo scorso 10<br />

luglio ha sancito il termine<br />

del corso Ryla organizzato<br />

dal <strong>Rotary</strong> <strong>Club</strong> Golfo d’Anzio<br />

- Anzio e Nettuno. I 15<br />

partecipanti, giovani e giovanissimi<br />

non rotariani,<br />

hanno potuto acquisire e<br />

mettere in pratica, attraverso<br />

una serie di esercitazioni<br />

mirate, fondamentali<br />

competenze in un settore,<br />

quello comunicativo,<br />

estremamente importante<br />

nella vita contemporanea.<br />

Sono state quattro le giornate<br />

di formazione ognuna<br />

dedicata ad un tema specifico.<br />

Quattro giorni di corso<br />

intensivo che hanno visto<br />

avvicendarsi gli interventi<br />

di professionisti di primissimo<br />

piano che hanno<br />

insegnato il funzionamento<br />

e i segreti dei sistemi comunicativi,<br />

dal dialogo faccia<br />

a faccia, alla conferenza<br />

stampa; dagli articoli di giornale, ai<br />

servizi radiofonici; dalla televisione al<br />

web.<br />

Al tema “La comunicazione: definizione<br />

e funzionalità” è stata dedicata la<br />

giornata iniziale, che ha visto gli interventi<br />

di Berardo Berardi, della società<br />

di formazione manageriale “Metodologie<br />

e Tecniche” e presidente del<br />

<strong>Rotary</strong> <strong>Club</strong> Golfo d’Anzio-Nettuno,<br />

e di Elia D’Intino, direttore responsabile<br />

del mensile Scacco Matto.<br />

La seconda giornata ha visto protagonisti<br />

il web e la radio con gli interventi<br />

di Anthony Cecil Wright, presidente<br />

ANSSAIF e vice presidente SImpresa;<br />

Clemencia Cibelli Tagliani, CEO<br />

Canale 3 e collaboratrice di Radiotre<br />

Rai e di Andrea Bottone di Radio Omega<br />

Sound.<br />

Al centro il presidente del <strong>Rotary</strong> <strong>Club</strong> Golfo D’Anzio Anzio-Nettuno, Berardo Berardi. Da sinistra, i<br />

partecipanti: Valerio Mammone, Barbara Miceli, Romina Malizia, Goffi Roberta,Natascia Malizia,<br />

Federica Castraberte, Mariodonato Lombardini, FrancescaTorelli, Livia Conte, Margherita Bove,<br />

Robeto Maddaloni, Alessandro Straccino, Sannino Andrea e Valerio Scalia.<br />

È stata dedicata, invece, al rapporto<br />

tra <strong>Rotary</strong> e comunicazione la terza<br />

giornata che ha visto intervenire Alberto<br />

Cecchini, governatore del distretto<br />

2080 per l’anno rotariano 2008-<br />

<strong>2009</strong>; Ignazio Raimondo, direttore della<br />

rivista rotariana “Paul <strong>Rotary</strong> Magazine”<br />

e Stefania Del Gaizo, esperta<br />

di Media Relations.<br />

L’ultima giornata è stata dedicata ad<br />

approfondire gli aspetti peculiari della<br />

comunicazione giornalistica televisiva<br />

e su carta stampata. Sono intervenuti<br />

Franco Recanatesi, amministratore<br />

delegato di “Master 2000”, ex direttore<br />

de Il Venerdì de la Repubblica<br />

e presidente della Nazionale di calcio<br />

italiana giornalisti; Paola Sensini, capo<br />

redattore del TG 3; Giovanni Del<br />

Giaccio, redattore de Il Messaggero;<br />

Tito Peccia, redattore de Il Litorale.<br />

Le conclusioni sono state affidate ad<br />

Antonio Lico, coordinatore commissione<br />

distrettuale comunicazione.<br />

Tra tutti i partecipanti, Federica Castraberte<br />

è stata scelta per curare le<br />

relazioni con la stampa del <strong>Rotary</strong> <strong>Club</strong><br />

Golfo d’Anzio-Anzio e Nettuno e, tramite<br />

le segnalazioni del <strong>Club</strong> altri due<br />

studenti del Ryla hanno l’opportunità<br />

di uno stage trimestrale nella redazione<br />

del sito You Roma. “Tutto ciò è<br />

stato possibile grazie all’impegno di<br />

tutto il <strong>Club</strong> – ha detto Berardo Berardi,<br />

presidente del <strong>Rotary</strong> <strong>Club</strong> Golfo<br />

D’Anzio - Anzio e Nettuno – ma soprattutto<br />

della vice presidente Maria<br />

Letizia Mingiacchi e del segretario Giusy<br />

Graofoli, ed a loro va un sentitissimo<br />

ringraziamento”.<br />

R.C. Roma<br />

Ametà giugno si è svolta la cerimonia<br />

della premiazione dei<br />

vincitori della prima edizione<br />

(2008-<strong>2009</strong>) della borsa di studio intitolata<br />

al rotariano Omero Ranelletti,<br />

istituita dalla omonima Fondazione<br />

creata dal <strong>Rotary</strong> International per<br />

promuovere l’ideale del servire negli<br />

ambiti della cultura, della ricerca e<br />

della formazione etico-professionale.<br />

La borsa di studio è stata finanziata<br />

con fondi speciali conferiti nel 2008<br />

dal Governatore Franco Arzano del<br />

Distretto 2080 e verrà assegnata ogni<br />

anno mediante un concorso riservato<br />

a neolaureati con tesi di laurea specialistica<br />

conseguite presso le università<br />

operanti nell’ambito del Distretto<br />

2080. Questa prima edizione ha avuto<br />

come tema “Evoluzione e problematiche<br />

della Società in conseguenza<br />

degli sviluppi tecnologici” e ha visto<br />

la partecipazione di 19 neolaureati di<br />

6 Università che hanno presentando<br />

tesi, tutte di livello qualitativo molto<br />

elevato.<br />

La Commissione giudicatrice ha selezionato<br />

due lavori ritenuti egualmente<br />

meritevoli del premio e ha quindi<br />

deciso di suddividere in parti eguali<br />

l’ammontare della borsa. Sono pertanto<br />

risultati vincitori a pari merito<br />

Annarita D’Agostino con la tesi “Cittadini<br />

e Istituzioni. L’uso corretto delle<br />

tecnologie della informzione e della<br />

comunicazione come strumenti di<br />

La borsa di studio<br />

Omero Ranelletti<br />

Consegna della borsa da parte del presidente Arzano.<br />

Intervento del nostro Governatore Cecchini.<br />

amministrazione condivisa” (relatore<br />

Paolo Scandaletti della LUISS di<br />

Roma) e Marcella Fiori con la tesi “Internet<br />

fa bene ai bambini” (relatore<br />

Mario Morcellini de La Sapienza di<br />

Roma).<br />

Il <strong>Rotary</strong> <strong>Club</strong> Roma, del quale Omero<br />

Ranelletti fu socio fondatore e presidente,<br />

è stato chiamato per l’edizione<br />

2008-09 a organizzare sia il bando<br />

Intervento del PDG Urio del Distretto 4640, tra Claudio Sordi e Claudio Marcello Rossi<br />

che il concorso e la premiazione si è<br />

tenuta nei locali dell’Hotel Excelsior,<br />

tradizionale sede degli incontri conviviali<br />

del <strong>Club</strong>, alla presenza del Governatore<br />

del Distretto 2080 Alberto<br />

Cecchini, del presidente della Fondazione<br />

Omero Ranelletti Franco Arzano,<br />

che ha proceduto alla consegna dei<br />

premi, del PDG Nevio Urio, in transito<br />

per il congresso del Distretto 2050<br />

dove rappresenta il Presidente Internazionale.<br />

Ospiti del presidente Claudio Sordi<br />

e del club Roma: Pier Luigi Celli direttore<br />

generale della LUISS e i professori<br />

Morcellini e Scandaletti che,<br />

intervenendo a commento della premiazione,<br />

hanno sottolineato l’importanza<br />

della iniziativa che la Fondazione<br />

Ranelletti, in una fase particolarmente<br />

delicata per la economia e lo sviluppo,<br />

ha intrapreso nei confronti dei<br />

giovani e che rappresenta un esempio<br />

di concreta attuazione degli ideali rotariani.


26 settembre <strong>2009</strong> • n. 65 VOCE del ROTARY<br />

VOCE del ROTARY settembre <strong>2009</strong> • n. 65 27<br />

R.C. Roma Appia Antica<br />

R.C. Roma Prati<br />

La seconda edizione<br />

del corso per badanti<br />

Acqua preziosa<br />

Nell’ambito della manifestazione Letture d’Estate lungo il fiume<br />

e tra gli alberi che si è tenuto a luglio nei giardini di Castel Sant’Angelo,<br />

il <strong>Rotary</strong> <strong>Club</strong> Roma Prati, con il proprio presidente Renato<br />

Spizzichino, ha presentato il libretto Azzurra è l’acqua, rivolto ai ragazzi<br />

di età compresa tra i 5 e gli 11 anni.<br />

Il libretto, già divulgato nel nostro distretto grazie all’iniziativa del <strong>Rotary</strong><br />

<strong>Club</strong> Roma Est, vuole sensibilizzare i bambini e le loro famiglie ad un<br />

utilizzo più corretto dell’acqua, spiegando loro quanto l’acqua sia preziosa<br />

e come possa salvare la vita di tante persone nel mondo.<br />

Nel corso di una tavola rotonda alla quale hanno partecipato anche l’AR-<br />

PA Lazio ed alcuni rappresentanti delle istituzioni, il presidente del club,<br />

ha sottolineato quanto sia importante propagandare un uso consapevole e<br />

corretto della risorsa acqua e quindi diffondere la consapevolezza dei problemi<br />

derivanti dal convivere con una scarsità di acqua e come il <strong>Rotary</strong><br />

International sia da tempo impegnato in tutto il mondo nel raggiungimento<br />

di tale scopo.<br />

La serata è stata utile anche per far conoscere ai molti cittadini presenti,<br />

quanto il <strong>Rotary</strong> sia attivo nel sociale e come ogni rotariano sia impegnato<br />

nel servire la comunità.<br />

Manuela Astrologo<br />

Grande il successo<br />

del “Corso gratuito<br />

per Badanti”, organizzato<br />

dall’Arch. Luciana<br />

Vagnoni, presidente<br />

incoming per l’anno 2010-<br />

2011 del <strong>Rotary</strong> <strong>Club</strong> Roma<br />

Appia Antica. Un corso<br />

questo, giunto ormai alla<br />

sua seconda edizione (nella<br />

prima a conseguire il titolo<br />

erano stati in 26), e che<br />

ha visto l’iscrizione di 28<br />

allievi ed il conseguimento<br />

dell’attestato soltanto di 18<br />

(12 si sono ritirati) di diverse nazionalità,<br />

tra cui 7 peruviani, 4 ecuadoregni,<br />

4 ucraini ed 1 italiano.<br />

A partecipare al corso – che si è svolto<br />

da aprile a giugno in una sede messa<br />

a disposizione dalla socia Antonella<br />

Tizzani – sono stati allievi che già<br />

svolgono o hanno svolto il lavoro di assistenti<br />

domiciliari per anziani.<br />

A occuparsi della formazione professionale<br />

degli immigrati - che si presentano<br />

sul mercato del lavoro italiano<br />

per essere assunti come assistenti<br />

domiciliari degli anziani, nonché di<br />

fornire un’assistenza nella cura degli<br />

anziani alle donne italiane, alle quali<br />

è oggi affidata prevalentemente la cura<br />

dei familiari ammalati o non autosufficienti<br />

– ci hanno pensato soci del<br />

<strong>Club</strong> Appia Antica, coniugi di soci e\o<br />

amici che seguono le attività rotariane<br />

di volontariato, tutti esperti nelle<br />

singole materie di insegnamento. Il<br />

programma ha contemplato sia lezioni<br />

teoriche, svolte da<br />

medici specialisti e da<br />

psicologi, sia lezioni<br />

pratiche di infermieri,<br />

di esperti di nutrizione<br />

e comunicazione,<br />

i quali hanno, tra<br />

l’altro, illustrato l’accesso<br />

ai servizi delle<br />

ASL. Tutte le collaborazioni<br />

sono state fornite<br />

a titolo gratuito,<br />

con encomiabile spirito<br />

di amicizia rotariana,<br />

per cui l’iniziativa<br />

è stata realizzata con la spesa di soli<br />

150 euro.<br />

Oltre a coloro che si sono occupati<br />

dell’insegnamento nell’ambito delle 40<br />

ore previste dal programma (era compresa<br />

anche una visita alla casa di riposo<br />

ed alla residenza sanitaria assistita<br />

del San Michele), massicci sono<br />

stati i contributi di diverso genere, posti<br />

in essere da altri soci, come la stampa<br />

e l’ideazione grafica dei manifesti<br />

di Roberto Scaramuzza, la diffusione<br />

on line curata dal II municipio (nel cui<br />

territorio si è svolto il corso ed il cui<br />

patrocinio è stato ottenuto grazie all’interessamento<br />

di Elvira Capocaccia)<br />

e, per le comunità dell’Europa dell’Est,<br />

dalla segretaria del socio Marconi,<br />

il volantinaggio dei giovani del<br />

Rotaract e di alcune mogli di soci.<br />

Terminato il corso si è provveduto<br />

alla consegna degli attestati, nel corso<br />

di una breve cerimonia a cui ha partecipato,<br />

oltre al presidente Bruschini,<br />

ai Past President Foschi e Rossetti<br />

ed a numerosi docenti, anche l’Assessore<br />

ai servizi sociali del II Municipio,<br />

Niccolò Di Raimondo, che, in<br />

un caloroso discorso di apprezzamento<br />

per l’iniziativa e per il lavoro svolto<br />

di notevole interesse sociale, ha manifestato<br />

la propria disponibilità a rinnovare<br />

il patrocinio del Municipio nel<br />

caso in cui il <strong>Rotary</strong> <strong>Club</strong> Appia Antica<br />

intenda organizzare anche un’edizione<br />

numero 3.<br />

R.C. Sassari<br />

I sogni dei<br />

bambini sassaresi<br />

Celebrare il 60° anniversario dell’istituzione<br />

a Sassari del <strong>Rotary</strong><br />

<strong>Club</strong> (6 febbraio del 1949)<br />

con un concorso che consentisse di selezionare<br />

e premiare i migliori disegni<br />

degli alunni delle scuole elementari<br />

della città, è stata un’idea geniale di<br />

Ubaldo Gerovasi, felicemente realizzata<br />

con la preziosa disponibilità di<br />

Luigi Gallucci, che ha pazientemente<br />

curato e seguito tutti i dettagli organizzativi<br />

e burocratici, al fine di coinvolgere<br />

al meglio bambini, insegnanti<br />

e dirigenti di 11 circoli didattici. La<br />

proposta concorsuale è stata: “I bambini<br />

ci aiutano a sognare” e ci raccontano<br />

come sognano la loro città; le risposte<br />

dovevano essere espresse tramite<br />

disegni o composizioni artistiche<br />

dove far emergere desideri e sogni di<br />

una Sassari nella quale esistono tanti<br />

giardini e spazi per giocare e per trascorrere<br />

un’infanzia e un’adolescenza<br />

a contatto con la natura, lontano<br />

dai moderni “caminetti elettronici”<br />

(televisore, computer, ecc.).<br />

Sebbene l’idea e l’organizzazione<br />

del concorso siano partite soltanto nello<br />

scorso febbraio in occasione del compleanno<br />

del <strong>Club</strong> e della visita del Governatore<br />

Alberto Cecchini, in pratica<br />

ad anno scolastico già iniziato e,<br />

quindi, a programmazione didattica<br />

ormai definita, gli insegnanti e i dirigenti<br />

delle scuole hanno aderito con interesse<br />

ed entusiasmo; il risultato è dato<br />

dalla partecipazione di 900 bambini<br />

che hanno realizzato opere di straordinario<br />

significato ambientale che<br />

potrebbero suggerire idee interessanti<br />

ed utili agli urbanisti nella progettazione<br />

degli spazi delle città. La premiazione<br />

dei lavori migliori, uno per ogni<br />

circolo didattico, dopo una prima selezione<br />

avvenuta nell’ambito delle singole<br />

scuole, e dopo una valutazione di<br />

merito delle opere finaliste da parte di<br />

un’apposita giuria composta da Salvatore<br />

Cinque, docente dell’Accademia<br />

di Belle Arti, e da Luigi Gallucci, Ubaldo<br />

Gerovasi, Gianni Micheli e Tonino<br />

Uckmar, si è svolta l’11 giugno scorso<br />

nel “Villino Ricci”, storica sede del<br />

club, con la partecipazione di oltre 400<br />

bambini premiati, di un numeroso pubblico<br />

composto soprattutto da genitori,<br />

insegnanti e dirigenti scolastici. Il<br />

successo è stato abbondantemente palese<br />

e l’immagine del <strong>Rotary</strong> è emersa<br />

con particolare evidenza, non soltanto<br />

nella cerimonia pubblica, quando il<br />

presidente Manlio Pitzorno, dopo un<br />

discorso introduttivo, ha consegnato<br />

ai primi 11 classificati, per i rispettivi<br />

circoli, il premio di 100 euro, una medaglia<br />

agli autori delle opere segnalate<br />

ed un collare portachiavi a tutti i<br />

partecipanti, ma anche per l’articolo<br />

di Monica De Murtas apparso nella<br />

Nuova Sardegna” il giorno 13, nel quale<br />

l’iniziativa del nostro club è stata<br />

chiaramente elogiata. Da qui un’immediata<br />

conclusione: da tali esiti scaturisce<br />

un suggerimento, quello di continuare<br />

nella medesima direzione; per<br />

esempio, potrebbe essere interessante,<br />

in una prossima occasione, tentare<br />

di coinvolgere le scuole medie e gli istituti<br />

superiori.<br />

Lo Sportello del<br />

Cittadino<br />

In autunno riprenderà a Roma, dopo<br />

la positiva esperienza fatta nei locali<br />

di via Dire Daua, l’iniziativa dello<br />

Sportello del Cittadino, che consiste<br />

nell’offrire a persone residenti o non<br />

residenti nel XX Municipio una consulenza<br />

– assolutamente gratuita – di<br />

“primo orientamento” nella ... selva<br />

che disciplina le seguenti materie:<br />

– donazioni e successioni;<br />

– contratti relativi ad immobili e mutui;<br />

– rapporti con il fisco;<br />

– atti che interessano persone diversamente<br />

abili o meritevoli di sostegno;<br />

– rapporti con le banche;<br />

– consulenza in materia di pensioni.<br />

La consulenza non sarà mai personalizzata,<br />

nel senso che fornitore del<br />

servizio sarà sempre il <strong>Rotary</strong> e non i<br />

singoli soci dei due club promotori dell’iniziativa<br />

– R.C. Roma Est e R.C. Roma<br />

<strong>Nord</strong> Est – che si alterneranno nei<br />

turni di assistenza. L’impegno assunto<br />

è gravoso ma non impossibile: si<br />

tratta di un giorno a settimana per undici<br />

mesi l’anno (si salta agosto).<br />

Hanno aderito commercialisti, notai,<br />

avvocati, uno specialista di rapporti<br />

con gli istituti di credito, un esperto<br />

in pensioni ed uno in informatica. I rotariani<br />

saranno affiancati dai giovani<br />

del Rotaract.<br />

Passate parola! Sarebbe bello che<br />

questi sportelli si moltiplicassero in<br />

Sardegna, nel Lazio, a Roma. Per ulteriori<br />

chiarimenti e informazioni, rivolgersi<br />

alla sottocommissione Sportello<br />

del Cittadino (che fa parte della<br />

Commissione distrettuale progetti di<br />

servizio) presieduta da Francesco Scaldaferri<br />

(fscaldaferri@notariato.it).


28 settembre <strong>2009</strong> • n. 65 VOCE del ROTARY<br />

R.C. Tivoli<br />

Quadrangolare per<br />

l’arricchimemento culturale<br />

e l’amicizia tra nazioni<br />

Quando l’Europa come la conosciamo<br />

oggi ancora non esisteva,<br />

quattro <strong>Rotary</strong> club europei<br />

decisero di dare vita a un gemellaggio<br />

che dura da più di quarant’anni<br />

e promette di vivere per un periodo<br />

almeno altrettanto lungo. Il club<br />

italiano di Tivoli, quello inglese di Maidenhead,<br />

quello francese di Saint Cloud<br />

e quello tedesco di Bonn Bad Godesberg,<br />

scoprirono di avere molte caratteristiche<br />

in comune, si trovavano<br />

infatti tutti in cittadine a pochi chilometri<br />

di distanza dalla capitale della<br />

loro nazione: Tivoli vicino a Roma,<br />

Maidenhead vicino a Londra, Saint<br />

Cloud vicino a Parigi, Bad Godesberg<br />

vicino a Bonn. Da allora molte cose<br />

sono cambiate, il muro è caduto, la capitale<br />

della Germania si è trasferita da<br />

Bonn a Berlino, Schengen e l’euro hanno<br />

reso tutti più vicini, ma ogni anno<br />

i quattro club hanno continuato, puntuali,<br />

a incontrarsi contribuendo in<br />

modo concreto al processo di integrazione<br />

europea.<br />

Il meccanismo che è alla base del gemellaggio<br />

è molto semplice. Ogni anno<br />

un club ospita gli altri tre nel cosiddetto<br />

incontro Quadrangolare che<br />

si svolge per quattro giorni, da giovedì<br />

a domenica, nell’ultima settimana<br />

di maggio o nella prima di giugno. Quest’anno,<br />

ad esempio, tutti si sono incontrati<br />

a Saint Cloud, dandosi appuntamento<br />

per l’anno prossimo a Maidenhead,<br />

sapendo che dopo toccherà<br />

a Tivoli e quindi a Bonn-Bad Godesberg.<br />

Anche l’organizzazione riprende<br />

sempre un canovaccio collaudato.<br />

In genere, il giovedì è prevista la cena<br />

di accoglienza; il venerdì una gita e la<br />

cena in famiglia organizzata da tutti i<br />

rotariani ospitanti; il sabato la giornata<br />

libera, la riunione dei presidenti<br />

e la serata di gala; la domenica il<br />

brunch di saluto e l’arrivederci all’anno<br />

successivo. Inutile dire che questo<br />

programma di massima si sviluppa ogni<br />

anno nelle forme e nei modi che la fantasia<br />

di ogni <strong>Rotary</strong> club riesce a individuare.<br />

Ogni club dà il massimo e<br />

lavora per un anno intero pur di preparare<br />

al meglio l’appuntamento che<br />

deve organizzare ogni quattro anni.<br />

Tre anni fa, Tivoli ha proposto un viaggio<br />

di quattro giorni nel Medioevo, con<br />

appuntamenti nei monasteri benedettini<br />

di Subiaco (San Benedetto è il patrono<br />

d’Europa) e rievocazione di giochi<br />

e tornei cavallereschi per rivivere<br />

un periodo decisivo della storia europea.<br />

L’anno successivo i rotariani tedeschi<br />

hanno “risposto” con un tuffo<br />

nell’Europa del futuro, presentando<br />

a tutti la Bonn moderna, fatta di grattacieli,<br />

ricerca e tecnologie. Quest’anno<br />

Saint Cloud ha deciso di allontanarsi<br />

per la prima volta da Parigi con<br />

un suggestivo itinerario tra antiche<br />

tradizioni e moderna capacità imprenditoriale<br />

nei vigneti della Borgogna.<br />

Grazie al Quadrangolare i soci dei<br />

quattro club sanno che per quattro<br />

giorni incontreranno di nuovo vecchi<br />

e nuovi amici italiani, inglesi, francesi<br />

e tedeschi e potranno scambiare di<br />

nuovo amicizia, opinioni ed esperienze.<br />

Ma il Quadrangolare è molto più<br />

di tutto questo. Ogni anno infatti i<br />

quattro <strong>Rotary</strong> club stanziano duemila<br />

euro a testa, per un totale di ottomila<br />

euro, con cui realizzare un progetto<br />

comune. Così, in questo lungo<br />

periodo di tempo è stato possibile costruire<br />

asili e scuole nei Paesi del Terzo<br />

mondo, realizzare pozzi, aiutare<br />

comunità in difficoltà, portare la missione<br />

del servizio rotariano lì dove è<br />

davvero necessaria, impegnando le attitudini<br />

professionali e umane dei soci<br />

per dar vita dal nulla a progetti concreti.<br />

Maria Antonietta<br />

Coccanari de’ Fornari<br />

VOCE del ROTARY settembre <strong>2009</strong> • n. 65 29<br />

ITINERARI<br />

ALLA SCOPERTA DEI BORGHI E DELLE STRAORDINARIE BELLEZZE STORICHE,<br />

ARTISTICHE, CULTURALI E GASTRONOMICHE DEL “BEL PAESE”<br />

Castro dei Volsci e la Valle del Sacco<br />

L’afosa estate del <strong>2009</strong> ormai volge<br />

al termine lasciando il passo<br />

all’autunno con il suo tripudio<br />

di colori e con le sue giornate miti che<br />

invitano a lasciare la città anche per<br />

un breve week end. Questo è un modo<br />

semplice ed economico per “staccare<br />

la spina” e rompere con la quotidianità,<br />

un metodo che dovremmo adottare<br />

spesso per dimenticare tutte le tensioni<br />

e le difficoltà della vita. Anche un<br />

breve viaggetto, oltre a rigenerarci,<br />

può costituire una importante esperienza<br />

e un arricchimento culturale.<br />

Per questo motivo, Voce del <strong>Rotary</strong><br />

con la nuova rubrica “Itinerari”, aperta<br />

naturalmente anche alle vostre segnalazioni,<br />

vuole offrire consigli utili<br />

e pratici per trascorrere una piacevole<br />

fine settimana alla scoperta delle<br />

straordinarie bellezze storico-artistiche<br />

e naturalistiche del Lazio, delle Regioni<br />

vicine e della Sardegna, usufruendo soprattutto delle<br />

esperienze di chi quell’escursione o quel breve viaggio<br />

l’ha già fatto.<br />

Cercheremo di non trascurare piccole e grandi curiosità,<br />

le chicche e naturalmente la buona cucina locale segnalandovi,<br />

dopo averli sperimentati, i “posti giusti”.<br />

Ecco quindi, una destinazione persa nel tempo, dove<br />

antico e moderno si confondono, dove odori, sapori, fragranze<br />

evocano l’infanzia, dove il profumo dell’erba tagliata<br />

nei campi a valle, anche a chilometri di distanza,<br />

raggiungerà le nostre narici e ci regalerà sensazioni ed<br />

emozioni antiche.<br />

Ma quanta strada bisognerà fare per arrivare in un luogo<br />

siffatto Niente paura, solo cento chilometri appena<br />

dalla Capitale, poco più di un’ora di macchina. Un itinerario<br />

che può essere realizzato in uno o, meglio, in due<br />

giorni nella Valle del Sacco, ai confini tra lo “Stato Pontificio”<br />

ed il “Regno delle due Sicilie”, un luogo intrigante<br />

dove alcuni secoli fa dilagava il fenomeno del brigantaggio,<br />

incubo delle gendarmerie del tempo, ma che tuttavia<br />

ha sempre acceso la fantasia popolare per le “epiche<br />

gesta” a volte, si dice, ispirate alla difesa dei poveri<br />

di fronte alla prepotenza delle classi ricche.<br />

di Giuseppe Ibrido<br />

I briganti, che già all’epoca erano, ante litteram, una<br />

specie di attrazione turistica per taluni audaci aristocratici<br />

viaggiatori del Grand Tour, hanno mantenuto anche<br />

ai giorni nostri un innegabile fascino, tant’è che a ricordo<br />

dei pittoreschi nomi di ineffabili “galantuomini”, come<br />

Gasparone, Massaroni di Vallecorsa, Fra’ Diavolo etc.<br />

sono rimaste oggi alcune tipiche osterie e rinomati ristoranti,dove<br />

il più delle volte si può gustare una buona cucina regionale,<br />

senza correre rischi, come un tempo, per la propria<br />

incolumità.<br />

Per non divagare troppo, è bene precisare che la meta<br />

del nostro viaggio è il Borgo medievale di Castro dei Volsci,<br />

nel cuore della Ciociaria, la zona archeologica del Casale<br />

di Madonna del Piano e le vicine Grotte di Pastena.<br />

Per chi parte da Roma, è bene avviarsi in macchina la<br />

mattina del sabato prendendo l’Autostrada A1 direzione<br />

Napoli ed uscire a Ceprano. Dal casello autostradale, seguire<br />

le indicazioni per Pastena. Superato il paese, prendere<br />

la strada per Castro dei Volsci. Dopo 4 km e mezzo<br />

siete già arrivati all’ingresso delle famose Grotte di Pastena,<br />

meraviglia naturalistica di grande suggestione, annoverate<br />

tra i maggiori complessi speleologici dell’Italia Centro-meridionale.


30 settembre <strong>2009</strong> • n. 65 VOCE del ROTARY<br />

VOCE del ROTARY settembre <strong>2009</strong> • n. 65 31<br />

Non perdetevi, dunque, un’esplorazione guidata delle<br />

Grotte, dove le sale di grande effetto spettacolare si susseguono<br />

in un crescendo di fantasiose raffigurazioni. Il<br />

percorso turistico, di circa un chilometro ( sia in andata<br />

che al ritorno), dove si incontrano stalattiti, stalagmiti,<br />

singolari colonne e stranissime volte, si suddivide attraverso<br />

un ramo superiore fossile ed un ramo inferiore dove<br />

scorre un fiume sotterraneo.<br />

Non dimenticate naturalmente di portare con voi scarpe<br />

comode, un golfino o un giacchetto. Non impressionatevi<br />

per i grandi nugoli di pipistrelli abbarbicati a testa in<br />

giù alle volte e alle pareti delle<br />

grotte! Alcuni di questi piccoli<br />

mammiferi voleranno sopra<br />

la vostra testa senza infastidirvi.<br />

Il costo della visita guidata<br />

della durata di circa 50<br />

minuti è 8 euro per persona<br />

adulta. Orario estivo: dalle 8.30<br />

alle 19. Orario invernale: dalle<br />

10 alle <strong>16</strong> (il telefono dell’ufficio<br />

turistico delle Grotte è<br />

0776.546322).<br />

Al termine della visita, si proseguirà<br />

per la vicina Castro dei<br />

Volsci. Pochi minuti di macchina<br />

e si è già a Madonna del Piano,<br />

frazione di Castro, dove faremo<br />

la nostra seconda tappa.<br />

Castro dei Volsci è un paese<br />

posto nel mezzo della Valle del<br />

fiume Sacco, arroccato su una<br />

collina con l’antico borgo medievale<br />

circondato da una possente<br />

cinta muraria.<br />

Il borgo domina tutta la fertile<br />

valle, ricca di storia, teatro<br />

di molti accadimenti sin dal paleolitico<br />

superiore e dove abbondano le<br />

testimonianze del periodo preromano,<br />

romano, di epoca alto medievale e medievale.<br />

Lo sviluppo della zona è dovuto alla<br />

presenza di questa importante arteria<br />

fluviale che per secoli è stata fonte<br />

di prosperità e che dai monti Prenestini<br />

attraversa tutta la valle sino alla confluenza<br />

con il Liri. Lungo la direttrice<br />

del fiume Sacco si sono sviluppati, infatti,<br />

vari centri di interesse storico artistico<br />

come Anagni, Ferentino, Alatri,<br />

Frosinone, Ceprano, attraverso la cui<br />

storia si possono effettivamente ripercorrere<br />

le vicissitudini e le fortune dell’uomo<br />

dalla preistoria sino ai giorni<br />

nostri.<br />

Risalgono a ben 700.000 anni fa i<br />

rinvenimenti di età paleolitica. Il periodo<br />

di maggiore ricchezza dei Volsci<br />

è poi testimoniato dai resti delle mura megalitiche dell’insediamento<br />

di “Montenero”. La conquista romana è dimostrata<br />

dai numerosi siti archeologici presenti sul territorio,<br />

tra i quali il più importante è quello del Casale, che<br />

attraverso varie trasformazioni e sovrapposizioni è sopravvissuto<br />

dall’età repubblicana all’alto medioevo. È<br />

proprio questo sito che fa di Castro dei Volsci un centro<br />

di interesse archeologico di rilevanza non strettamente locale,<br />

come dimostrano tra l’altro i reperti esposti nel piccolo<br />

e grazioso Museo Civico Archeologico, che certamente<br />

merita una visita.<br />

Il borgo, nella sommità del<br />

colle, si sviluppa dal IX secolo<br />

in poi, quando, allo scopo<br />

di proteggersi dai pericoli dei<br />

saccheggi e delle devastazioni,<br />

la zona del Casale si spopola<br />

gradualmente per dar vita al<br />

fenomeno dell’incastellamento.<br />

Le popolazioni insicure abbandono<br />

le campagne per rifugiarsi<br />

all’interno del Castrum.<br />

Il periodo che va dall‘anno<br />

1000 al 18<strong>16</strong>, vede quindi la<br />

crescita di Castro dei Volsci legata<br />

alle alterne vicende politiche<br />

delle varie famiglie nobiliari<br />

alle quali fu affidata la<br />

castellania, pur rimanendo<br />

sempre possedimento della<br />

Chiesa, in quanto considerata<br />

roccaforte con particolari<br />

funzioni strategiche a difesa<br />

dello Stato Pontificio. Tuttavia<br />

le sorti di Castro furono legate<br />

principalmente alla Fa-<br />

miglia Colonna che per oltre quattro secoli a partire dal<br />

1409 ne fu feudataria.<br />

Oggi nel Borgo sono visitabili le quattro porte con la relativa<br />

cinta muraria, la Chiesa di S. Nicola con affreschi<br />

del Vecchio e del Nuovo Testamento del XI sec., ed ancora<br />

molto di più si può ammirare passeggiando per il centro<br />

storico, come per esempio le tipiche botteghe medievali,<br />

i vicoli caratteristici, figure portafortuna che scongiurano<br />

gli influssi maligni, nonché passatempi scolpiti<br />

nella roccia ecc.<br />

La nostra visita inizia nella zona a valle, in località Madonna<br />

del Piano dove si potrà vedere il Museo Civico Archeologico<br />

(via Carnevale, 21 - Castro dei Volsci - tel.<br />

0775.686829). Il sabato è aperto dalle 10 a mezzogiorno e<br />

dalle <strong>16</strong> alle 20. Negli altri giorni, meglio telefonare. Il costo<br />

del biglietto è di E 2,60 (ridotto E 1).<br />

Attraverso l’itinerario che si sviluppa nelle 7 sale del<br />

museo si può ripercorrere la storia dell’uomo nel Lazio<br />

meridionale dal Paleolitico inferiore al Medioevo.<br />

Nella vicina area archeologica (Casale di Madonna del<br />

Piano) sono visibili i pavimenti in mosaico e in marmo colorato<br />

di grande pregio e valore artistico.<br />

A questo punto è certamente arrivata l’ora del pranzo!<br />

Nella zona di sicuro non mancano alcune tipiche trattorie<br />

casarecce molto ospitali ed economiche.<br />

È bene però dirigersi verso il Borgo dove esiste un piccolo<br />

e grazioso “albergo diffuso” con annesso accogliente<br />

ristorante, la “Locanda del Ditirambo”, gestiti da un’affermata<br />

ristoratrice romana (Beatrice Gazzelloni, pronipote<br />

del celebre flautista) che, facendo una coraggiosa<br />

scelta di vita, si è trasferita stabilmente a Castro conquistata<br />

dal restauro del borgo, al quale in qualche modo<br />

contribuisce con la sua vivace operosità e imprenditorialità.<br />

La reception dell’albergo si trova in via Porta dell’Olivo<br />

2 (tel. 328.6123073 – 345.4045337); il ristorante in via<br />

dell’Orologio 11 A (tel. 0775 019828 – 3484037557).<br />

Cucina buona e raffinata, lo chef presta particolare attenzione<br />

all’uso rigoroso dei prodotti del territorio e alla<br />

tradizione della cucina locale rielaborandola. La lista dei<br />

vini, ricca, riserva uno spazio speciale alle etichette laziali.<br />

Per quanto riguarda gli alloggi, le camere sono ricavate<br />

da vecchi edifici, sapientemente ristrutturati in modo<br />

da mantenere intatto il loro fascino e la loro storia. Tutte<br />

le camere sono diverse tra loro ed arredate con mobili<br />

d’epoca. Una curiosità: tutti i mobili che compongono l’arredo<br />

delle camere possono essere liberamente acquistati<br />

e portati via anche all’istante. La padrona di casa, infatti,<br />

è un’abile antiquaria e gestisce in loco finanche una<br />

bottega.<br />

Il pomeriggio si consiglia di fare un giro per il Borgo.<br />

Si rimarrà colpiti dagli scorci da cartolina e dalla limpidezza<br />

delle viuzze strette e tortuose. Qua e là tipiche botteghe<br />

medievali di artigianato locale<br />

che aprono solo nel week end<br />

(o su richiesta), dove sarete accolti<br />

dai negozianti con grande<br />

cordialità e simpatia, il più delle<br />

volte vistiti nei particolari costumi<br />

ciociari. Ricami, merletti,<br />

bijou lavorati a mano, piccole<br />

sculture in legno, antiquariato,<br />

quadri e oggetti in ferro battuto.<br />

C’è solo quello che è sopravvissuto<br />

della tradizione artigianale<br />

locale.<br />

Sulla Rocca di San Pietro domina<br />

il “Monumento alla mamma<br />

ciociara” che ricorda i tragici<br />

eventi della seconda guerra<br />

mondiale, durante i quali questa<br />

piccola e inerme comunità, Medaglia<br />

d’argento al valor civile,<br />

è stata martoriata prima dai tedeschi<br />

e poi dalle truppe marocchine al sèguito degli alleati<br />

francesi. Tragiche vicende rievocate nel celebre film<br />

di Vittorio De Sica “La ciociara”.<br />

Il viaggio in questo splendido Borgo, che peraltro ha<br />

dato i natali al popolare attore Nino Manfredi, potrebbe<br />

finire qui, ma consigliamo di non rompere questa atmosfera<br />

magica, di non lasciarsi prendere dalla fretta e dall’ansia<br />

del ritorno: rilassatevi e rimanete almeno una notte<br />

a Castro, dove nella sua semplicità potrete apprezzare<br />

tutta la magia di un luogo sospeso nel tempo, che trasmette<br />

pace e tranquillità, lontano dai rumori e dall’inquinamento<br />

urbano, dove ci si può ritirare a sognare, dove la<br />

gente che vi incontra o che fa salotto seduta su un sedile<br />

di pietra affianco all’uscio di casa ancora sorride e vi saluta<br />

anche se non vi conosce.<br />

E la mattina dopo, al risveglio, non mancate di affacciarvi<br />

alla finestra per godere, tra i colori accecanti, dello<br />

scenario mozzafiato della vallata e tirare una possente<br />

boccata d’aria, quella sana e pura della campagna ciociara,<br />

che vi infonderà una sferzata rigeneratrice capace di<br />

ricaricare in un solo momento il corpo e la mente. Buon<br />

week end.


32 settembre <strong>2009</strong> • n. 65 VOCE del ROTARY<br />

Miniere sarde, anche con vista mare<br />

Bastano tre giorni per bagnarsi in un mare incantato,<br />

visitare una delle miniere piùù suggestive del<br />

pianeta, e gustare un irripetibile mix di tradizioni<br />

gastronomiche. Si deve soltanto decidere di trascorrere<br />

un week end nel Sulcis-Iglesiente, zona mineraria e non<br />

solo del sud ovest della Sardegna,<br />

facile da raggiungere<br />

con una combinazione aereoauto<br />

o traghetto-auto cui poi<br />

aggiungere una traversata di<br />

circa mezz’ora che comincia<br />

al porto di Calasetta, destinazione<br />

l’isola di Carloforte.<br />

A Iglesias c’èè un club <strong>Rotary</strong>,<br />

presieduto quest’anno da<br />

Massimo Carta, del quale fanno<br />

parte profondi conoscitori<br />

della civiltàà mineraria locale:<br />

una chiacchierata col<br />

presidente e con i soci miglioreràà senz’altro la qualitàà<br />

della visita. Ma i tour operator italiani ormai cominciano<br />

a conoscere bene gli spunti culturali e quindi turistici di<br />

questa contrada, frequentata non da oggi dai “forestieri”<br />

se èè vero che la capitale piùù antica di un tale regno èè<br />

stata Iglesias, la Villa di Chiesa fondata dal conte Ugolino<br />

della Gherardesca che venne, anche di persona, per<br />

promuovere lo sfruttamento delle miniere d’argento, giàà<br />

note ai Romani e prima ancora ai Cartaginesi. Iglesias èè<br />

di Alessandra Sallemi<br />

la tappa d’esordio di questo giro perchéé èè la direzione<br />

da scegliere lungo la strada statale 130 una volta che si èè<br />

scesi dall’aereo oppure che si èè lasciato il traghetto a <strong>Cagliari</strong><br />

dove, all’uscita del porto, si trova subito il cartello<br />

giusto. Ma una sosta a Iglesias serve anche per dar conto<br />

dell’origine appena indicata:<br />

il piccolo e curato centro<br />

storico ha una sua notevole<br />

grazia.<br />

È da Iglesias che si devono<br />

imboccare le strade per<br />

visitare la miniera di Monteponi,<br />

proprio all’uscita della<br />

cittadina, oggi sede di un<br />

dipartimento della facoltàà<br />

di Ingegneria di <strong>Cagliari</strong>, che<br />

rifornìì di piombo e zinco<br />

per decenni l’Italia intera e<br />

che arrivòò a disturbare i<br />

sonni del ministro Quintino Sella fino a quando non autorizzòò<br />

la costruzione di una lunghissima galleria progettata<br />

da un ingegnere francese per canalizzare l’acqua<br />

sotterranea, storico intralcio all’attivitàà estrattiva, e buttarla<br />

nel mare. Un visitatore illustre calorosamente accolto<br />

fu nel 1985 papa Giovanni Paolo II sceso nel pozzo Sella<br />

a meno duecento metri. Bisogna spingersi fino all’altopiano<br />

di San Giorgio per vedere il pozzo di Santa Barbara,<br />

costruito nel 1870 con le sembianze di castello medievale.<br />

E, prima di lasciare la cittadella di Monteponi,<br />

non si tralasci una visita al palazzo Bellavista,<br />

che dal 1865 fu la dimora dei direttori<br />

della miniera e cuore della vita sociale: sono state<br />

famose in tutta l’isola le esclusive feste di carnevale<br />

organizzate “a palazzo”.<br />

La seconda miniera, che vale il viaggio, èè<br />

quella di Porto Flavia a Masua, frazione costiera<br />

di Iglesias. Deve il suo nome a Flavia Vercelli,<br />

la neonata figlia dell’ingegner Cesare, progettista<br />

geniale nel 1920 di un sistema di canali,<br />

stanze di deposito e passanti ferroviari interni<br />

alla miniera in grado di far arrivare il materiale<br />

estratto direttamente nelle imbarcazioni in<br />

attesa sotto lo sbocco a mare della stessa miniera.<br />

Il sistema fece risparmiare parecchio alla societàà<br />

titolare perchéé il trasporto via terra restava<br />

uno dei segmenti piùù costosi della filiera<br />

della produzione mineraria. Questa porta a mare<br />

dove campeggia il nome di Flavia si affaccia<br />

su uno scenario paragonabile in piccolo, per bellezza,<br />

ai faraglioni di Capri. Il trasporto via barca<br />

era affidato ai leggendari marinai di Carlo-<br />

La miniera di Porto Flavia vista dal mare<br />

VOCE del ROTARY settembre <strong>2009</strong> • n. 65 33<br />

forte e un’intera economia fiorìì attorno al trasbordo dei<br />

minerali. Una sosta davanti alle acque trasparenti della<br />

vicina Cala Domestica èè un regalo ulteriore dopo la visita.<br />

L’intero complesso delle miniere di Iglesias fa parte<br />

ora del Parco Geominerario della Sardegna, un faticoso<br />

punto d’arrivo della trattativa condotta negli anni Novanta<br />

per non disperdere il patrimonio culturare, tecnico e<br />

umano accumulato durante i decenni dell’epopea mineraria.<br />

Generazioni di uomini e donne sono vissute dell’organizzazione<br />

economica e sociale generata dall’estrazione<br />

mineraria. Una volta che la produzione non èè stata<br />

piùù necessaria negli scenari nazionali ed europei, i minatori<br />

eredi di questa tradizione hanno lottato perchéé,<br />

Premio Internazionale<br />

Galileo Galilei<br />

dei <strong>Rotary</strong> <strong>Club</strong> italiani<br />

al posto dei minerali, fossero la memoria e la storia a trattenere<br />

in queste contrade la dignitàà del lavoro. Pur con<br />

molti sacrifici, anche nel numero delle unitàà lavorative<br />

da impiegare, si puòò dire che oggi il risultato èè stato ottenuto.<br />

Il valore aggiunto delle visite qui sta anche nella<br />

competenza e nella passione di chi racconta ai turisti di<br />

questo mondo perduto.<br />

Infine, vale la pena di attraversare ancora il mare e<br />

raggiungere Carloforte, nell’incanto dell’isola di San Pietro<br />

fra la Sardegna e l’Africa. È qui che gli abitanti, pronipoti<br />

dei genovesi emigrati a Tabarca e da lìì a San Pietro,<br />

hanno messo assieme il profumo del pesto, il sapore<br />

del tonno, la versatilità del cous cous per manicaretti indimenticabili.<br />

Come avveniva il caricamento delle navi.<br />

La Fondazione premio internazionale Galileo Galilei dei <strong>Rotary</strong> Italiani ha attribuito quest’anno i suoi riconoscimenti<br />

a Pio Caroni, uno studioso di diritto italiano che insegna all’università di Berna e – per la sezione<br />

scientifica – ad Alberto Isidori, un docente d’ingegneria de La Sapienza di Roma. Lo ha deciso la giuria<br />

del premio, nominata dal rettore dell’università pisana e presieduta da Angelo Maria Petroni. La Fondazione<br />

è un ente morale che opera sotto gli auspici del<br />

<strong>Rotary</strong> International e dell’università di Pisa. La<br />

cerimonia di consegna dei premi si svolgerà sabato<br />

3 <strong>ottobre</strong> nell’aula magna dell’ateneo pisano alla<br />

presenza delle autorità civili, accademiche e rotariane.<br />

Saranno infatti presenti tutti i governatori<br />

dei distretti italiani. Altro appuntamento pisano<br />

– il giorno precedente – sarà la tradizionale riunione<br />

annuale dell’associazione che raggruppa i<br />

past governor dei distretti d’Italia, Albania, Malta<br />

e San Marino.<br />

Pio Caroni<br />

Alberto Isidori


34 settembre <strong>2009</strong> • n. 65 VOCE del ROTARY<br />

VOCE del ROTARY settembre <strong>2009</strong> • n. 65 35<br />

Agenda<br />

rotariana<br />

conviviali – eventi – interclub<br />

12 settembre <strong>2009</strong> - sabato<br />

SEMINARIO DISTRETTUALE<br />

DI ISTRUZIONE SULL’EFFETTIVO<br />

(per l’area Sardegna – organizzato dal RC Nuoro)<br />

ore 9.30 – A Nuoro, in piazza Asproni 8, nell’auditorium<br />

della biblioteca Satta – Il seminario è rivolto ai dirigenti dei<br />

club (presidenti, segretari, componenti del Consiglio direttivo),<br />

ai membri delle Commissioni Effettivo dei club, ai tutor,<br />

ai dirigenti incoming, nonché a tutti i soci interessati al<br />

tema. (vedi programma a pagina 15)<br />

ROTARY CLUB SUBIACO<br />

Pellegrinaggio alla S.S. Trinità.<br />

13 settembre <strong>2009</strong> - domenica<br />

ROTARY CLUB ROMA PRATI<br />

Visita guidata: gita in barca sul Tevere fino a Ostia Antica, pranzo<br />

e visita agli scavi.<br />

14 settembre <strong>2009</strong> - lunedì<br />

INTERCLUB ESTIVO ROMANO<br />

ore 20.15 – Hotel Ambasciatori di via Veneto<br />

Organizzatore: R.C. Roma Est - tel. 06.3214292.<br />

ROTARY CLUB ROMA FORO ITALICO<br />

ore 20 - Conviviale programmatica.<br />

15 settembre <strong>2009</strong> - martedì<br />

ROTARY CLUB CAGLIARI ANFITEATRO<br />

ore 20.30 - Il socio Marco Pioppo parlerà sul tema: “Lo sviluppo<br />

dell’Effettivo: vantaggi e problemi di un <strong>Rotary</strong> <strong>Club</strong> giovane”.<br />

Convento di S. Giuseppe<br />

ROTARY CLUB CAGLIARI EST<br />

ore 20.30 - Hotel Mediterraneo: conversazione su “L'esperienza<br />

di un giovane artista cagliaritano”, tenuta dal tenore e romanziere<br />

Gianluca Floris.<br />

ROTARY CLUB IGLESIAS<br />

ore 21 – Conviviale con consorti. Saranno presenti le ragazze<br />

dello scambio giovani dello scorso anno e lo studente americano<br />

ospite per tutto l’anno scolastico. Hotel Artu in piazza Sella<br />

15<br />

ROTARY CLUB MONTEROTONDO MENTANA<br />

ore 20.30 - Familiare presso il Park Hotel di Fiano Romano.<br />

Il padre francescano Franco Nicolai presenterà il progetto “Risorse<br />

idriche in Madagascar”.<br />

ROTARY CLUB NUORO<br />

ore 20.30 – Incontro non conviviale presso la Biblioteca Satta.<br />

Giuseppe Picciau parlerà su “L’alimentazione e il fenomeno<br />

anoressico-bulimico”.<br />

ROTARY CLUB ROMA<br />

ore 20.15 - Visita del Governatore - Hotel Excelsior.<br />

ROTARY CLUB ROMA CENTENARIO<br />

ore 20.30 Conviviale con i presidenti di Commissione all’Hotel<br />

The Duke in via Archimede 69.<br />

<strong>16</strong> settembre <strong>2009</strong> - mercoledì<br />

ROTARY CLUB ROMA PALATINO<br />

ore 19 – Relazione programmatica del presidente Nazareno<br />

Neri. Aperitivo presso il ristorante Opera in via Paola 48.<br />

ROTARY CLUB ROMA SUD OVEST<br />

ore 20 – Visita del Governatore. Hotel de la Ville in via Sistina<br />

69.<br />

17 settembre <strong>2009</strong> - giovedì<br />

ROTARY CLUB CAGLIARI<br />

Donatella Salvi parlerà su “La Necropoli di Tuvixeddu”.<br />

ROTARY CLUB CIVITAVECCHIA<br />

Visita del Governatore presso il Sunbay Park Hotel.<br />

ROTARY CLUB LATINA<br />

ore 20.30 - Antonio Rusciani, chirurgo plastico al Policlinico<br />

Gemelli, parlerà su “Bellezza a tutte le età ” - Victoria Residence<br />

Palace in via Rossetti 24.<br />

ROTARY CLUB ROMA CASTELLI ROMANI<br />

ore 20.30 - Conviviale aperta agli ospiti. Giovanna Li Perni<br />

parlerà sui compiti e le attività dell’Unicef.<br />

ROTARY CLUB ROMA PRATI<br />

ore 20.30 – Conviviale interclub con R.C. Roma Palatino.<br />

Andrea Vianello (conduttore di “Mi manda Raitre”), parlerà<br />

su “Assurdo Italia. Storie incredibili ma vere di un Paese paradossale”.<br />

ROTARY CLUB SASSARI<br />

ore 20.30 - Conviviale presso il ristorante White & Green. Luigi<br />

Gallucci parlerà su “Problemi e prospettive attuali sull’alfabetizzazione”.<br />

18 settembre <strong>2009</strong> - venerdì<br />

ROTARY CLUB ALGHERO<br />

ore 21 - Relazione di Giulio Cabigiosu in materia di sanzioni<br />

per la guida in stato d’ebbrezza - Hotel Catalunya.<br />

ROTARY CLUB OZIERI<br />

ore 20.30 - Conviviale familiare al ristorante Terradoro lungo<br />

la statale Ozieri-Sassari – Giovanni Lene terrà una conversazione<br />

su un tema professionale..<br />

ROTARY CLUB ROMA SUD EST<br />

ore 20.30 – Visita Governatore – Hotel Bernini<br />

19 settembre <strong>2009</strong> - sabato<br />

ROTARY CLUB APRILIA-CISTERNA<br />

Festa di fine estate<br />

SEMINARIO DISTRETTUALE<br />

DI ISTRUZIONE SULL’EFFETTIVO<br />

(per l’area Lazio – organizzato dal RC Roma Sud Est)<br />

ore 9.30 – A Roma, in via Cristoforo Colombo, nella Sala<br />

Tevere della Regione Lazio – Il seminario è rivolto ai dirigenti<br />

dei club (presidenti, segretari, componenti del Consiglio<br />

direttivo), ai membri delle Commissioni Effettivo dei<br />

club, ai tutor, ai dirigenti incoming, nonché a tutti i soci interessati<br />

al tema. (vedi programma a pagina 15)<br />

ROTARY CLUB ROMA FORO ITALICO<br />

Gita di due giorni ad Amatrice, Greccio e Rieti. Conviviale domenica<br />

con R.C. Rieti.<br />

ROTARY CLUB THIESI BONORVA POZZOMAGGIORE<br />

ore 20.30 - Caminetto presso abitazione del presidente via Don<br />

Minzoni 9 - Thiesi<br />

20 settembre <strong>2009</strong> - domenica<br />

ROTARY CLUB GUIDONIA MONTECELIO<br />

Interclub con RC Subiaco.<br />

21 settembre <strong>2009</strong> - lunedì<br />

ROTARY CLUB CAGLIARI NORD<br />

Visita del Governatore.<br />

ROTARY CLUB ROMA CASSIA<br />

ore 20 - Conviviale al circolo degli Esteri - lungotevere Acqua<br />

Acetosa 42 - Luigi Coccioli (Link University of Malta) parlerà<br />

di “Origine e sviluppo della crisi economica e finanziaria internazionale”<br />

ROTARY CLUB ROMA EST<br />

Ore 20.30 – Conviviale di apertura. Il socio Roberto Giacobbo<br />

parlerà sul tema “2012 … e oltre”.<br />

Ospite il senatore Giulio Andreotti. Hotel St. Regis Grand – via<br />

V. E. Orlando 3.<br />

ROTARY CLUB ROMA TIRRENO<br />

ore 20.30 - Conviviale familiare – Relazione programmatica<br />

del presidente per l’anno <strong>2009</strong>-2010. Ambasciatori Palace Hotel<br />

- via Veneto 62.<br />

22 settembre <strong>2009</strong> - martedì<br />

ROTARY CLUB APRILIA - CISTERNA<br />

ore 20.30 - Assemblea di nomina delegati per ricerca presidente.<br />

Hotel Enea in via del Commercio ad Aprilia<br />

ROTARY CLUB CAGLIARI ANFITEATRO<br />

ore 20.30 - Riunione semiconviviale. Inaugurazione della rubrica<br />

dedicata ai soci: “I soci si raccontano - Fatti e curiosità”.Convento<br />

di San Giuseppe.<br />

ROTARY CLUB CAGLIARI EST<br />

ore 20.30 - Hotel Mediterraneo: visita del Governatore.<br />

ROTARY CLUB CARBONIA<br />

ore 20.30 – Conviviale. Relazione della Commissione “Nuove<br />

generazioni”.<br />

ROTARY CLUB IGLESIAS<br />

ore 21 – Riunione non conviviale. Si parlerà dell’appuntamento<br />

annuale dell’Euromeeting, che quest’anno è stato organizzato<br />

dal Rotay <strong>Club</strong> di Bochum (Germania) e al quale parteciperanno<br />

alcuni soci.<br />

ROTARY CLUB ROMA<br />

ore 20.15 - Hotel Excelsior - Dibattito sulla televisione in Italia<br />

con Manlio Cammarata, autore de L’anomalia televisione.<br />

Il monopolio del potere da Mussolini al digitale terrestre.<br />

ROTARY CLUB ROMA CENTENARIO<br />

ore 21 - Drink <strong>Rotary</strong> – Hotel The Duke in via Archimede 69.<br />

ROTARY CLUB ROMA NORD<br />

ore 20.30 – Familiare all’Hotel de la Ville - Rocco Agostino<br />

dell’ospedale Fatebenefratelli e Marianne Bengtsson, dell’università<br />

di Tor Vergata parleranno sul tema: “Il bambino e le<br />

meraviglie dell’ascolto”.<br />

ROTARY CLUB ROMA PALATINO<br />

ore 12 – Riunione e rinfresco con il Rotarac. presso il Liceo<br />

Righi.<br />

ROTARY CLUB SASSARI NORD<br />

ore 20.30 – Riunione all’Hotel Carlo Felice - Il socio Pier Giorgio<br />

Poddighe terrà una conversazione sul tema “Da Sassari a<br />

Birmingham”. Al termine “pizzata” presso Ristorante Il Quirinale.<br />

23 settembre <strong>2009</strong> - mercoledì<br />

ROTARY CLUB CAGLIARI SUD<br />

Visita del Governatore.


36 settembre <strong>2009</strong> • n. 65 VOCE del ROTARY<br />

VOCE del ROTARY settembre <strong>2009</strong> • n. 65 37<br />

ROTARY CLUB ROMA SUD OVEST<br />

ore 19.30 – Il socio Enrico Morbelli parlerà di “Relazioni interne<br />

ed esterne: anche il <strong>Rotary</strong> ha i suoi problemi - Hotel de<br />

la Ville in via Sistina 69.<br />

24 settembre <strong>2009</strong> - giovedì<br />

ROTARY CLUB CAGLIARI<br />

Visita del Governatore.<br />

ROTARY CLUB CIVITAVECCHIA<br />

ore 19.30 - Assemblea dei soci presso la sede di via Dalmazia 7.<br />

ROTARY CLUB ROMA FORO ITALICO<br />

ore 20 - Conviviale interclub con R.C. Roma Olgiata. Relatore:<br />

Pietro Mennea.<br />

ROTARY CLUB ROMA LEONARDO DA VINCI<br />

Serata musicale dedicata a Giacomo Puccini con musica dal vivo<br />

curata da Piera Pistono – Sala Agimus.<br />

ROTARY CLUB ROMA PRATI<br />

Caminetto a casa della socia Maria Rosaria Valensise (via Ugo<br />

de Carolis 4).<br />

ROTARY CLUB ROMA SUD<br />

ore 20.30 – Familiare all’Hotel Ambasciatori di via Veneto. Il<br />

giornalista del TG1 Marco Franzelli parlerà delle “rosse” di<br />

Maranello.<br />

ROTARY CLUB ROMA SUD EST<br />

ore 20.30 - Il presidente del Rotaract Palatino, S. Merenda,<br />

presenta il suo programma annuale. Hotel Bernini Bristol<br />

ROTARY CLUB SASSARI<br />

ore 20 - Riunione non conviviale al Villino Ricci. Mauro Pietri<br />

parlerà de “La professione di ingegnere e architetto”.<br />

25 settembre <strong>2009</strong> - venerdì<br />

ROTARY CLUB CASSINO<br />

Conviviale. Mariano Casano informa i soci sulle novità della<br />

Fondazione <strong>Rotary</strong>.<br />

ROTARY CLUB PORTO TORRES<br />

Visita del Governatore<br />

ROTARY CLUB SASSARI NORD<br />

Corso RYLA presso la Sede formativa del consorzio Edugov, in<br />

via Savona 4: “La leadership attraverso la certificazione delle<br />

competenze. Certificazione Microsoft Mos Word Expert”. Il corso<br />

prosegue lunedì 28 e martedì 29 – Memo: la presentazione<br />

delle domande scade il 15 settembre.<br />

ROTARY CLUB THIESI BONORVA POZZOMAGGIORE<br />

ore 20.30 - Conviviale presso il locale Cavallino Rosso a Thiesi.<br />

26 settembre <strong>2009</strong> - sabato<br />

ROTARY CLUB ROMA MONTEMARIO<br />

ore 13 - Conviviale Familiare. Colazione a Velletri nella villa<br />

del socio Stefano Zapponini.<br />

27 settembre <strong>2009</strong> - domenica<br />

ROTARY CLUB POMEZIA-LAVINIUM<br />

ore 12.30 – Familiare: “festa del mare” a Torvajanica - Raccolta<br />

fondi a favore della Fondazione <strong>Rotary</strong>. Ristorante Schiano<br />

in lungomare delle Sirene 17.<br />

28 settembre <strong>2009</strong> - lunedì<br />

ROTARY CLUB ROMA<br />

ore 20.15 - Hotel Excelsior - Serata Rotaract: “I giovani e il<br />

mondo del lavoro. Il ruolo del <strong>Rotary</strong>”.<br />

ROTARY CLUB ROMA CASSIA<br />

ore 20 - Conviviale al circolo degli Esteri - lungotevere Acqua<br />

Acetosa 42 - Marco Frittella, giornalista RAI, parlerà di “Rapporti<br />

tra giornalismo politico e giornalismo”.<br />

ROTARY CLUB ROMA EST<br />

ore 20.30 - Conviviale al St. Regis Grand (via V. E. Orlando<br />

3) sul tema “L’universalità del patrimonio culturale e ambientale<br />

romano. Il <strong>Rotary</strong> per la cultura”. Luciano Marchetti, direttore<br />

regionale per i Beni culturali del Lazio, coordina i soprintendeni<br />

Claudio Strinati, Federica Galloni, Angelo Bottini<br />

e Anna Maria Moretti.<br />

ROTARY CLUB ROMA FORO ITALICO<br />

ore 20 - Conviviale all’Hotel Parco dei Principi (via G. Frescobaldi<br />

2) con gli industriali della regione. Adolfo Urso, viceministro<br />

per l’Export parlerà sul tema: “L’Esposizione universale<br />

di Shanghai: una opportunità storica per le imprese di Roma<br />

e del Lazio”<br />

ROTARY CLUB ROMA PALATINO<br />

ore 20 – Visita del Governatore - Jolly Hotel in Via dei Gracchi.<br />

29 settembre <strong>2009</strong> - martedì<br />

ROTARY CLUB CAGLIARI EST<br />

ore 20.30 - Hotel Mediterraneo: riunione su “Il <strong>Rotary</strong> e le<br />

Nuove Generazioni: Rotaract e Interact”, ospiti della serata i<br />

giovani del Rotaract <strong>Club</strong> <strong>Cagliari</strong>.<br />

ROTARY CLUB ROMA APPIA ANTICA<br />

Visita del Governatore.<br />

ROTARY CLUB ROMA CENTENARIO<br />

ore 20.30 Conviviale familiare. Marco Lungo parlerà sul tema<br />

“Le relazioni interpersonali nell’area di internet” - Hotel<br />

The Duke in via Archimede 69.<br />

ROTARY CLUB ROMA NORD<br />

ore 20.30 - Conviviale interclub all’Hotel de la Ville con il Rotaract<br />

<strong>Club</strong> Roma <strong>Nord</strong>. Presentazione del RYLA curato dal<br />

socio Carlo Cicolani: “Comunicazione e negoziazione: i fondamenti<br />

di una leadership di servizio”.<br />

ROTARY CLUB SASSARI NORD<br />

ore 20.30 - Familiare all’Hotel Carlo Felice. Il socio onorario<br />

e PDG Filippo Maria Pirisi terrà una conversazione sul tema<br />

“Il futuro del <strong>Rotary</strong> è nelle nostre mani. Il <strong>Rotary</strong> per le nuove<br />

generazioni”.Nel corso della serata, presentazione dei ragazzi<br />

ospiti del club nell’ambito del programma scambio giovani<br />

e consegna degli attestati ai partecipanti al RYLA. La presidente<br />

Federica Bagedda illustrerà il programma annuale del<br />

Rotaract Sassari <strong>Nord</strong>.<br />

30 settembre <strong>2009</strong> - mercoledì<br />

ROTARY CLUB MONTEROTONDO MENTANA<br />

ore 20.30 - Visita del Governatore. Conviviale per familiari e<br />

ospiti presso il Park Hotel di Fiano Romano. Su richiesta del<br />

Governatore: menu economico e, sul risparmio, offerta al Distretto<br />

di un contributo per la fame nel mondo. Quindi consegna<br />

al Governatore, da parte del <strong>Club</strong>, di due ricette di cucina<br />

tipica locale.<br />

ROTARY CLUB ROMA SUD OVEST<br />

ore 19.30 - cocktail. Hotel de la Ville – via Sistina 69<br />

FONDAZIONE ROTARY<br />

Scadenze del 30 settembre <strong>2009</strong><br />

G S E – Scambio gruppi di studio<br />

Scadono i termini per la presentazione delle domande<br />

di candidatura per partecipanti (non rotariani) e<br />

per Capo Gruppo (rotariani). Si rammenta che quest’anno<br />

lo scambio, previsto in primavera, avverrà<br />

con il Distretto 5750 USA-Oklahoma.<br />

I moduli di domanda, a suo tempo inviati ai presidenti<br />

dei <strong>Club</strong>, sono disponibili presso la segreteria distrettuale<br />

o sul sito internet del <strong>Rotary</strong> International.<br />

S D S – Sovvenzioni distrettuali semplificate<br />

Ultimo giorno utile per la presentazione delle domande<br />

di sovvenzione, da inviare presso la segreteria del<br />

RC Roma Eur (piazza Guglielmo Marconi 4 – 00144<br />

Roma) all’attenzione di Domenico Concezzi, presidente<br />

della Commissione Sovvenzioni.<br />

Sovvenzioni paritarie (Matching Grants)<br />

In relazione alla riduzione del budget relativo a tale<br />

programma (che potrebbe esaurirsi in tempi brevi) si<br />

rammenta di inviare al più presto alla Fondazione <strong>Rotary</strong><br />

le domande di sovvenzione.<br />

1 <strong>ottobre</strong> <strong>2009</strong> - giovedì<br />

ROTARY CLUB CAGLIARI<br />

ore 20.30 - Interclub con R.C. <strong>Cagliari</strong> Anfiteatro. Giuseppe<br />

Frigo, consigliere della Corte Costituzionale, terrà una conversazione<br />

sul tema: “Dalle garanzie al garantismo. Dalla giustizia<br />

al giustizialismo”.<br />

ROTARY CLUB GUIDONIA MONTECELIO<br />

Visita del Governatore presso il Grand Hotel Duca d’Este.<br />

ROTARY CLUB ROMA PRATI<br />

ore 20.30 - Conviviale all’Hotel Leonardo da Vinci. Tullio Camiglieri<br />

terrà una relazione sul tema: “Digitale terrestre: la rivoluzione<br />

TV è iniziata. Ma è davvero utile”.<br />

ROTARY CLUB ROMA SUD<br />

ore 20.30 – Conviviale all’Hotel Ambasciatori (via Veneto 62)<br />

– Valerio Moretti presenterà ai soci l’opera in programma per<br />

il Cinquantenario: “Progetto di allestimento del call center a<br />

favore degli anziani di Roma” da realizzarsi, nell’ambito della<br />

ristrutturazione del complesso del San Gallicano, di concerto<br />

con la Comunità di Sant’Egidio e i <strong>Rotary</strong> <strong>Club</strong> Roma Est e Roma<br />

Ovest.<br />

ROTARY CLUB SASSARI<br />

ore 13.30 - Riunione conviviale presso il ristorante “L’Antica<br />

posta”.<br />

2 <strong>ottobre</strong> <strong>2009</strong> - venerdì<br />

ROTARY CLUB APRILIA - CISTERNA<br />

ore 20.30 - Festa di fine estate. Ristorante “il Capanno” via<br />

Crocetta di Carano Cisterna<br />

ROTARY CLUB OZIERI<br />

ore 20.30 - Riunione Conviviale “al Caminetto”. Conversazione<br />

su un Tema Professionale. Sede da individuare<br />

ROTARY CLUB SUBIACO<br />

ore 18 - Concerto lirico in favore di un Ente che svolge opere<br />

umanitarie di carattere locale. A seguire: conviviale con i soci<br />

del R. C. Gordes presso l’Abazia di Santa Scolastica. L’evento<br />

si svolge nel quadro degli scambi culturali con il <strong>Club</strong> gemellato<br />

francese i cui soci saranno ospiti a Subiaco dal 27 settembre<br />

al 4 <strong>ottobre</strong>.<br />

PISA – PREMIO GALILEI<br />

sabato 3 <strong>ottobre</strong> <strong>2009</strong><br />

ore <strong>16</strong>.30 - Aula magna dell’università - La Fondazione premio<br />

internazionale Galileo Galilei dei <strong>Rotary</strong> Italiani assegna<br />

quest’anno i suoi riconoscimenti a Pio Caroni, uno studioso<br />

di diritto italiano che insegna all’università di Berna e<br />

– per la sezione scientifica – ad Alberto Isidori, un docente<br />

d’ingegneria de La Sapienza di Roma. Il premio Galilei vede<br />

riuniti tutti i distretti rotariani d’Italia, Albania, Malta e<br />

San Marino (vedi pagina 33).<br />

5 <strong>ottobre</strong> <strong>2009</strong> - lunedì<br />

ROTARY CLUB ROMA CASSIA<br />

ore 20 - Conviviale al circolo degli Esteri - lungotevere Acqua<br />

Acetosa 42 - Giuseppe Lunardi della Rocksoil, parlerà di “Costruzione<br />

di tunnel in ambienti fortemente antropizzati”.<br />

ROTARY CLUB ROMA EST<br />

ore 13.30 – Riunione conviviale diurna all’Hotel St. Regis<br />

Grand in via V. E. Orlando.<br />

ROTARY CLUB ROMA FORO ITALICO<br />

ore 20 - Conviviale. Gianluigi Condorelli, direttore del Dipartimento<br />

di medicina del CNR. parlerà su “Il DNA”. Hotel Felix<br />

in via Gorizia 5 (angolo via Nomentana).<br />

ROTARY CLUB ROMA PALATINO<br />

ore 20 – Conviviale “Parliamo tra noi”. Jolly Hotel in via dei<br />

Gracchi.<br />

ROTARY CLUB SENORBI TREXENTA<br />

Visita del Governatore.<br />

6 <strong>ottobre</strong> <strong>2009</strong> - martedì<br />

ROTARY CLUB CARBONIA<br />

Visita del Governatore.<br />

ROTARY CLUB ROMA<br />

ore 13.15 - Circolo Ufficiali - Francesca Nanni parlerà su “La<br />

ricerca avanzata: le nanotecnologie”.<br />

ROTARY CLUB ROMA CENTENARIO<br />

Ore 20,30 - Familiare all’Hotel The Duke (via Archimede 69)<br />

- Livio Morales parlerà su “La pirateria informatica”.<br />

ROTARY CLUB ROMA NORD<br />

ore 20.30 – Conviviale all’Hotel de la Ville con la giornalista<br />

Enrica Del Prato.<br />

8 <strong>ottobre</strong> <strong>2009</strong> - giovedì<br />

ROTARY CLUB CASSINO<br />

Ore 20.30 – Conviviale interclub.<br />

ROTARY CLUB CIVITAVECCHIA<br />

ore 20.30 – Caminetto sul tema: “ Riflessioni sulla visita del<br />

Governatore” - eventuali comunicazioni da parte delle Commissioni.<br />

Presso il Sunbay Park Hotel


38 settembre <strong>2009</strong> • n. 65 VOCE del ROTARY<br />

VOCE del ROTARY settembre <strong>2009</strong> • n. 65 39<br />

ROTARY CLUB ROMA LEONARDO DA VINCI<br />

ore 18 – Nella sede di Civita (piazza Venezia 11), esperti di<br />

Unione industriali, Abi, Confapi, Roma Tre e La Sapienza discutono<br />

su “capitale umano, alta formazione e talenti: come rispondere<br />

alla crisi”. Seguirà cocktail nella terrazza sui Fori.<br />

ROTARY CLUB ROMA PRATI<br />

ore 20.30 - Caminetto a casa del socio Costantino Marini.<br />

ROTARY CLUB SINISCOLA<br />

Visita del Governatore.<br />

9 <strong>ottobre</strong> <strong>2009</strong> - venerdì<br />

ROTARY CLUB LA MADDALENA<br />

Visita del Governatore.<br />

ROTARY CLUB OZIERI<br />

ore 20.30 - Conviviale “al caminetto”. Conversazione su tema<br />

rotariano a cura del presidente di pertinenza.<br />

ROTARY CLUB ROMA SUD EST<br />

ore 13.30 - Forum Commissione “progetti e professioni” - Hotel<br />

Bernini Bristol<br />

10 <strong>ottobre</strong> <strong>2009</strong> - sabato<br />

ROTARY CLUB FROSINONE<br />

ore 10.30 – Alle Terme Pompeo di Ferentino (via Casilina<br />

nord), il <strong>Club</strong> festeggia il cinquantesimo anniversario della fondazione,<br />

presente e relatore il PPRI Carlo Ravizza.<br />

ROTARY CLUB OLBIA<br />

Visita del Governatore.<br />

ROTARY CLUB ROMA FORO ITALICO<br />

Gita nell’isola di Malta dal 10 al 13 <strong>ottobre</strong> - Lunedì 12 conviviale<br />

con il R.C. Malta.<br />

ROTARY CLUB ROMA SUD<br />

Gita culturale e di affiatamento di due giorni (10 e 11 <strong>ottobre</strong>)<br />

a Pescocostanzo, in provincia dell’Aquila.<br />

11 <strong>ottobre</strong> <strong>2009</strong> - domenica<br />

ROTARY CLUB APRILIA-CISTERNA<br />

Giornata prevenzione diabete e ipertensione.<br />

ROTARY CLUB ROMA PRATI<br />

Visita Guidata. Il Circo di Massenzio e il Mausoleo di Cecilia<br />

Metella.<br />

ROTARY CLUB SASSARI<br />

Escursione a Neapolis (Oristano – zona di Capo Frasca) con la<br />

presentazione di Raimondo Zucca, ordinario di Storia romana<br />

nell’Università di Sassari e responsabile scientifico degli scavi<br />

archeologici.<br />

12 <strong>ottobre</strong> <strong>2009</strong> - lunedì<br />

ROTARY CLUB ROMA EST<br />

ore 20.30 - Riunione conviviale all’insegna delle “donne eccellenti”.<br />

Ospite: Emma Bonino. Hotel St. Regis Grand – via V.<br />

E. Orlando 3.<br />

ROTARY CLUB ROMA CASSIA<br />

ore 20 - Conviviale al circolo degli Esteri - lungotevere Acqua<br />

Acetosa 42 - Antonio Marziale, fondatore e presidente dell’Osservatorio<br />

sui diritti dei minori, parlerà sul tema: “Figli e genitori:<br />

in equilibrio tra reciprocità e distanza generazionale”.<br />

ROTARY CLUB CAGLIARI ANFITEATRO<br />

ore 20.30 - Riunione semiconviviale. Claudia Sideri terrà una<br />

conversazione sul tema “I giovani e l’Europa”. Convento di San<br />

Giuseppe.<br />

13 <strong>ottobre</strong> <strong>2009</strong> - martedì<br />

ROTARY CLUB ROMA CENTENARIO<br />

ore 21 - Serata teatrale: “Ti sposo ma non troppo. Ovvero:<br />

l’amore al tempo di facebook” di Gabriele Pignotta – Teatro<br />

Sala Umberto – via della Mercede 50.<br />

ROTARY CLUB ROMA OVEST<br />

Visita del Governatore.<br />

ROTARY CLUB ROMA PALATINO<br />

ore 20 – Conviviale interclub con il R.C. Roma Montemario.<br />

Incontro con il ministro Andrea Ronchi. Hotel Ambasciatori in<br />

via Veneto.<br />

14 <strong>ottobre</strong> <strong>2009</strong> - mercoledì<br />

ROTARY CLUB LATINA MONTI LEPINI<br />

Visita del Governatore.<br />

15 <strong>ottobre</strong> <strong>2009</strong> - giovedì<br />

ROTARY CLUB CIVITAVECCHIA<br />

ore 19.30 – Riunione in sede (via Dalmazia 7). Si affronterà<br />

il tema dei giovani del Rotaract e i modi per sostenere le loro<br />

attività.<br />

ROTARY CLUB ROMA EUR<br />

Visita del Governatore.<br />

ROTARY CLUB ROMA PRATI<br />

ore 20.30 – Conviviale all’Hotel Leonardo da Vinci in via dei<br />

Gracchi 324 - Stefano Buttò terrà una relazione sul tema “AVIP<br />

(AIDS Vaccine Integrated Project) una speranza per il futuro”.<br />

ROTARY CLUB ROMA SUD<br />

ore 20.30 – Conviviale interclub con il R.C. Roma <strong>Nord</strong> –<br />

Consegna del Premio giuridico “Alberto Pugliese”. Hotel Ambasciatori<br />

in via Veneto 62.<br />

ROTARY CLUB SASSARI<br />

ore 20 - Riunione non conviviale al Villino Ricci. Mario Atzori<br />

parlerà su “La carriera universitaria nell’attuale ordinamento”.<br />

<strong>16</strong> <strong>ottobre</strong> <strong>2009</strong> - venerdì<br />

ROTARY CLUIB LATINA CIRCEO<br />

Visita del Governatore.<br />

ROTARY CLUB ROMA SUD EST<br />

ore 20.30 - Conviviale all’Hotel Bernini Bristol. Enrico Ferrone<br />

(Alenia Spazio) parlerà sul tema: “Quarant’anni fa arrivammo<br />

sulla Luna”.<br />

17 <strong>ottobre</strong> <strong>2009</strong> - sabato<br />

ROTARY CLUB OZIERI<br />

ore 11 - “Giornata ippica rotariana” - Interclub regionale dei<br />

club della Sardegna nell’ambito del progetto di rilancio dell’ippodromo<br />

di Chilivani (lungo la statale Ozieri-Sassari). Tra le<br />

prime adesioni, quella del R.C. Iglesias, che ha sponsorizzato<br />

una corsa. Seguirà una conviviale all’interno dell’ippodromo.<br />

FORUM DISTRETTUALE A ROMA<br />

ore 9.30 - Forum sull’immagine pubblica del <strong>Rotary</strong><br />

18 <strong>ottobre</strong> <strong>2009</strong> - domenica<br />

ROTARY CLUB ROMA PALATINO<br />

ore 9.45 –Visita del Planetarium e del Museo Astronomico, con<br />

successivo pranzo sociale. Piazzale Giovanni Agnelli10 (in collaborazione<br />

con Il Cenacolo dei Viaggiatori).<br />

19 <strong>ottobre</strong> <strong>2009</strong> - lunedì<br />

VISITA DEL PRESIDENTE DEL ROTARY INTERNAZIONALE<br />

JOHN KENNY<br />

AL DISTRETTO 2080 RI<br />

A Roma dal 19 al 21 <strong>ottobre</strong><br />

• lunedì 19 <strong>ottobre</strong> - sera arrivo<br />

a Roma<br />

• martedì 20 <strong>ottobre</strong> - mattina<br />

incontro al Quirinale con<br />

il capo dello Stato; sera incontro<br />

con i rotariani del<br />

Distretto 2080 (cena)<br />

• mercoledì 21 <strong>ottobre</strong> - mattina<br />

udienza con il Santo<br />

Padre; sera incontro con il<br />

sindaco di Roma e cena in<br />

Campidoglio con le autorità<br />

rotariane nazionali.<br />

Durante il soggiorno il presidente e la consorte verranno<br />

accompagnati in alcuni dei luoghi più caratteristici della<br />

Capitale<br />

ROTARY CLUB ROMA CASSIA<br />

ore 20 - Conviviale al circolo degli Esteri - lungotevere Acqua<br />

Acetosa 42 - Alberto Graziani, presidente dell’Istituto di Pubblicismo,<br />

parlerà sul tema: “ Qual è la verità della notizia”.<br />

20 <strong>ottobre</strong> <strong>2009</strong> - martedì<br />

ROTARY CLUB APRILIA - CISTERNA<br />

ore 20.30 – Conviviale all’Hotel Enea di Aprilia. Informazione<br />

rotariana.<br />

ROTARY CLUB ROMA CENTENARIO<br />

ore 20.30 Conviviale al Hotel The Duke. Carla Andreani parlerà<br />

sul tema “Neutroni e arte. Nuove tecnologie applicate alla<br />

conservazione culturale”.<br />

22 <strong>ottobre</strong> <strong>2009</strong> - giovedì<br />

ROTARY CLUB CIVITAVECCHIA<br />

ore 20.30 – Conviviale familiare - Tema della serata sarà “Il<br />

valore della pubblicità per il <strong>Rotary</strong>”. Presso il Sunbay Park<br />

Hotel<br />

ROTARY CLUB ROMA PRATI<br />

ore 20.30 - Conviviale all’Hotel Leonardo da Vinci in via dei<br />

Gracchi 324 – L’ammiraglio Cacioppo terrà una relazione sul<br />

tema “La nuova pirateria navale”.<br />

ROTARY CLUB SASSARI<br />

ore 20.30 - Conviviale e assemblea per approvazione dei bilanci<br />

consuntivi e di previsione, presso il ristorante White &<br />

Green.<br />

23 <strong>ottobre</strong> <strong>2009</strong> - venerdì<br />

ROTARY CLUB CASSINO<br />

Assemblea di club per l’organizzazione del premio Petrarcone.<br />

ROTARY CLUB ROMA SUD EST<br />

ore 20.30 – Conviviale all’Hotel Bernini Bristol. Elio Matassi<br />

(direttore del Dipartimento di filosofia di Roma Tre) parlerà<br />

di “Estetica della musica”.<br />

24 <strong>ottobre</strong> <strong>2009</strong> - sabato<br />

ROTARY CLUB OZIERI<br />

ore 17.30 – Giornata per la polioplus. Testimonial il famoso<br />

musicista Paolo Fresu, che eseguirà un concerto per tromba e<br />

flicorno nell’antico chiostro del Convento delle Clarisse. A seguire:<br />

conviviale nel ristorante Terradoro.<br />

26 <strong>ottobre</strong> <strong>2009</strong> - lunedì<br />

ROTARY CLUB QUARTU SANT’ELENA<br />

Visita del Governatore.<br />

ROTARY CLUB ROMA CASSIA<br />

ore 20 - Conviviale al circolo degli Esteri - lungotevere Acqua<br />

Acetosa 42 - Franco Pavoncello, rettore della John Cabot University,<br />

parlerà sul tema “Gestire un’università di matrice americana<br />

a Roma”.<br />

ROTARY CLUB ROMA EST<br />

ore 20.30 - Riunione familiare. Tema: “Corsi e ricorsi storici:<br />

la storia per capire il passato e condividere il futuro”. Ospiti:<br />

Giovanni Minoli, Roberto Olla e Francesco Cardini. Coordinatore:<br />

il socio Roberto Giacobbo - Hotel St. Regis Grand in via<br />

V. E. Orlando 3.<br />

ROTARY CLUB ROMA FORO ITALICO<br />

ore 20 - Conviviale all’Hotel Parco dei Principi in via Frescobaldi<br />

- Gianfranco Sviderscoschi presenterà il suo ultimo libro<br />

e parlerà sul tema:”Ricordando Karol: l’eredità lasciata da Giovanni<br />

Paolo II a Benedetto XVI”.<br />

ROTARY CLUB SUBIACO<br />

Interclub con il R. C. Tivoli e R. C. Napoli con visita a Villa<br />

Adriana.<br />

27 <strong>ottobre</strong> <strong>2009</strong> - martedì<br />

ROTARY CLUB APRILIA-CISTERNA<br />

Conviviale con familiari e ospiti all’Hotel Enea di Aprilia. Giuliana<br />

Traversari intratterrà sul tema: “Perché scrivere Per<br />

star bene, per allegria… Decodificazione dei segreti di un racconto”.<br />

ROTARY CLUB CAGLIARI ANFITEATRO<br />

ore 20.30 - Visita del Governatore, che sarà accompagnato<br />

dall’assistente Gian Paolo Ritossa e dal segretario Enrico Vassena.<br />

Convento di San Giuseppe.<br />

ROTARY CLUB ROMA


40 settembre <strong>2009</strong> • n. 65 VOCE del ROTARY<br />

VOCE del ROTARY settembre <strong>2009</strong> • n. 65 41<br />

Ore 20.15 - Conviviale all’Hotel Excelsior. Michele Sorice della<br />

LUISS parlerà su “Come è cambiata l’Italia negli ultimi 50<br />

anni - Statistiche e consumi culturali”.<br />

ROTARY CLUB ROMA NORD<br />

ore 20.30 - Conviviale all’Hotel de la Ville con Massimo Mastrorilli.<br />

29 <strong>ottobre</strong> <strong>2009</strong> - giovedì<br />

ROTARY CLUB ROMA PRATI<br />

Attività esterna: visita alla mostra su Leonardo. Seguirà la cena.<br />

ROTARY CLUB ROMA SUD EST<br />

Viaggio culturale in Veneto dal 29 <strong>ottobre</strong> al 1° novembre. “Le<br />

ville palladiane e i vini del Veneto: da Vicenza a Maser, dall’Amarone<br />

al Prosecco”.<br />

ROTARY CLUB SASSARI<br />

ore 20 – Riunione non conviviale presso il Villino Ricci. Pier<br />

Luigi Paglietti parlerà su “I trasporti marittimi nel nord Sardegna:<br />

problemi e prospettive”.<br />

ROTARY CLUB VITERBO CIMINIA<br />

Visita del Governatore.<br />

30 <strong>ottobre</strong> <strong>2009</strong> - venerdì<br />

ROTARY CLUB BOLSENA<br />

Visita del Governatore.<br />

ROTARY CLUB CAGLIARI ANFITEATRO<br />

ore 20.30 - Festa d’autunno. Manifestazione inserita nei programmi<br />

a favore della Fondazione <strong>Rotary</strong>.<br />

ROTARY CLUB POMEZIA-LAVINIUM<br />

ore 20.30 - Conviviale familiare all’Hotel Enea di Pomezia -<br />

Damiano Avanzato, membro del Consiglio ricerca agricola e<br />

consulente FAO, parlerà sul tema “La sessualità delle piante”.<br />

2 novembre <strong>2009</strong> - lunedì<br />

ROTARY CLUB ROMA CENTENARIO<br />

ore 19 – S. Messa in memoria dei parenti dei soci e dei rotariani<br />

defunti.<br />

ROTARY CLUB ROMA EST<br />

Riunione annullata e sostituita dalla S. Messa per i defunti del<br />

<strong>Club</strong>.<br />

3 novembre <strong>2009</strong> - martedì<br />

ROTARY CLUB ROMA CENTENARIO<br />

ore 21 – Serata teatrale: “I dolori del giovane Wertmuller”, di<br />

Massimo Wertmuller – Sala Umberto – via delle Mercede.<br />

ROTARY CLUB ROMA NORD<br />

Messa in ricordo dei Soci Rotariani defunti, luogo da definire.<br />

ROTARY CLUB SANLURI MEDIO CAMPIDANO<br />

Visita del Governatore.<br />

5 novembre <strong>2009</strong> - giovedì<br />

ROTARY CLUB MACOMER<br />

Visita del Governatore.<br />

ROTARY CLUB ROMA<br />

ore 19 - Paolo Montarsolo: un grande interprete dell’opera<br />

buffa. Luogo da definire<br />

ROTARY CLUB ROMA PRATI<br />

ore 20.30 - Conviviale all’Hotel Leonardo da Vinci di via dei<br />

Gracchi 324 - Il socio Luigi De Ficchy terrà una relazione sul<br />

tema: “Sicurezza e legalità a Roma e nel Lazio”.<br />

ROTARY CLUB ROMA SUD<br />

ore 13.15 – Conviviale – “Arrivano i nostri…giovani”. Hotel<br />

Ambasciatori – Via Veneto 62 – 00187 Roma<br />

6 novembre <strong>2009</strong> - venerdì<br />

ROTARY CLUB IGLESIAS<br />

ore 20 – Conviviale “elettorale” all’Hotel Artu (piazza Sella<br />

15). Durante la serata saranno eletti il presidente 2011-2012 e<br />

il Consiglio direttivo 2010-2011.<br />

ROTARY CLUB ORISTANO<br />

Visita del Governatore.<br />

ROTARY CLUB OZIERI<br />

ore 20.30 - Conviviale “al caminetto”. Conversazione su un<br />

tema professionale.<br />

ROTARY CLUB ROMA PALATINO<br />

ore 20 – Serata all’Arciliuto (piazza Monte Vecchio 5) in interclub<br />

con Il Cenacolo dei Viaggiatori. Cena e spettacolo musicale:<br />

“Fantasie Napoletane”.<br />

ROTARY CLUB ROMA FORO ITALICO<br />

ROTARY CLUB ROMA OLGIATA<br />

ROTARY CLUB ROMA MEDITERRANEO<br />

Con la partecipazione della CRI di Roma, l’Ordine dei Medici<br />

di Roma, i 28 RC di Roma, della Regione Lazio, raccolta del<br />

sangue nella città di Roma. (la raccolta continuerà il 7 e 8 novembre<br />

<strong>2009</strong>).<br />

7 novembre <strong>2009</strong> - sabato<br />

TEMPIO PAUSANIA<br />

SEMINARIO DISTRETTUALE DELLA FONDAZIONE<br />

ROTARY per l’area Sardegna.<br />

9 novembre <strong>2009</strong> - lunedì<br />

ROTARY CLUB ROMA CASSIA<br />

ore 20 - Conviviale con Giuseppe Sciarrone, amministratore<br />

delegato NTV Spa, che parlerà sul tema: “Alta velocità e concorrenza<br />

nel nuovo trasporto ferroviario” - Circolo degli Esteri<br />

- lungotevere Acqua Acetosa 42.<br />

ROTARY CLUB ROMA CENTENARIO<br />

ore 20.30 - conviviale familiare – Celebrazione del Quinquennale<br />

di ingresso ufficiale del <strong>Club</strong> nel <strong>Rotary</strong> International - Hotel<br />

The Duke – Via Archimede 69 - Roma<br />

ROTARY CLUB ROMA EST<br />

ore 20.30 - Visita del Governatore. Hotel St. Regis Grand –<br />

Via V. E. Orlando, 3.<br />

ROTARY CLUB ROMA FORO ITALICO<br />

ore 20.30 - Conviviale Interclub di Roma, sul tema:”Roma<br />

generosa, dispensatrice di cultura e di sangue. Prima Maratona:<br />

corri, corri, corri, arriva primo, dona il sangue per TE”.<br />

Premiazioni. Hotel Parco dei Principi - via G. Frescobaldi n.2<br />

Roma<br />

10 novembre <strong>2009</strong> - martedì<br />

ROTARY CLUB APRILIA - CISTERNA<br />

ore 20.30 - Assemblea elezione presidente 2011/2012 e consiglio<br />

direttivo 2010/2011. Hotel Enea, Via del Commercio n. 5-<br />

04011 Aprilia<br />

ROTARY CLUB CAGLIARI ANFITEATRO<br />

ore 20.30 - Riunione semiconviviale Manuela Badiali terrà una<br />

conversazione su tema “I trapianti di midollo: quali prospettive<br />

per la Sardegna”. Convento di San Giuseppe.<br />

ROTARY CLUB ROMA<br />

ore 10 – Visita al Palazzo della Sacra Rota.<br />

CONCERTO SALVA MAMMA E SALVA BEBÈ<br />

ore 18.30 - Auditorium Parco della Musica, Roma. Concerto<br />

della Young Orchestra di Santa Cecilia a favore del progetto<br />

“Diritto di pappa”. Una collaborazione tra il Municipio<br />

II di Roma, il Distretto 2080, il R.C. Roma Sud Est e<br />

l’Associazione Salvabebè<br />

11 novembre <strong>2009</strong> - mercoledì<br />

ROTARY CLUB COLLEFERRO<br />

Visita del Governatore.<br />

ROTARY CLUB ROMA SUD<br />

ore 20,30 – Conviviale interclub con il R.C. Roma Mediterraneo<br />

e il R.C. Roma <strong>Nord</strong>. Relatore: Giovanni Maria Flick -<br />

Hotel Parco dei Principi in via Frescobaldi.<br />

12 novembre <strong>2009</strong> - giovedì<br />

ROTARY CLUB ROMA OLGIATA<br />

Visita del Governatore.<br />

13 novembre <strong>2009</strong> - venerdì<br />

ROTARY CLUB POMEZIA-LAVINIUM<br />

ore 20.30- Visita del Governatore. Hotel Enea in via del Mare<br />

83.<br />

ROTARY CLUB ROMA SUD EST<br />

ore 13.30 - Forum Commissione Fondazione <strong>Rotary</strong>. Hotel<br />

Bernini Bristol<br />

14 novembre <strong>2009</strong> - sabato<br />

ROMA<br />

SEMINARIO DISTRETTUALE DELLA FONDAZIONE<br />

ROTARY per le aree di Roma e del Lazio.<br />

15 novembre <strong>2009</strong> - domenica<br />

ROTARY CLUB ROMA PRATI<br />

Visita guidata al Palazzo del Quirinale.<br />

<strong>16</strong> novembre <strong>2009</strong> - lunedì<br />

ROTARY CLUB ROMA CASSIA<br />

ore 20 - Conviviale al circolo degli Esteri - lungotevere Acqua<br />

Acetosa 42 – Il “sondaggista” Nicola Piepoli parlerà sul tema:<br />

“Come avere successo nella vita”.<br />

ROTARY CLUB ROMA EST<br />

ore 20.30 - Riunione conviviale: festeggiamenti per i 50 anni<br />

rotariani del PDG Aldo Ferretti -<br />

Hotel St. Regis Grand in via V. E. Orlando 3.<br />

ROTARY CLUB ROMA PALATINO<br />

ore 20 – Conviviale con Alberto Cecchini, Past District Governor.<br />

Hotel Jolly in via dei Gracchi.<br />

17 novembre <strong>2009</strong> - martedì<br />

ROTARY CLUB CAGLIARI ANFITEATRO<br />

ore 20.30 - Riunione semiconviviale al convento di San Giuseppe.<br />

Aldo De Montis, presidente della Commissione per la<br />

Fondazione <strong>Rotary</strong>, terrà una conversazione sul tema: “Il futuro<br />

della RF dal 2010”.<br />

ROTARY CLUB ROMA<br />

ore 13.15 – Circolo Ufficiali – Tema: un aggiornamento sui<br />

programmi della Fondazione <strong>Rotary</strong>.<br />

ROTARY CLUB ROMA NORD<br />

ore 20.30 - Conviviale all’Hotel de la Ville con Simona Pianese<br />

Longo sul tema dell’alfabetizzazione.<br />

19 novembre <strong>2009</strong> - giovedì<br />

ROTARY CLUB ROMA SUD<br />

ore 13.15 – Conviviale – Arrivano i nostri…Giovani. Hotel<br />

Ambasciatori – Via Veneto 62 – 00187 Roma<br />

ROTARY CLUB ROMA CENTENARIO<br />

ROTARY CLUB ROMA PRATI<br />

ROTARY CLUB ROMA SUD EST<br />

ore 20.30 – Conviviale interclub. Relatore: Mordechay Lewy,<br />

ambasciatore d’Israele presso la Santa Sede. Hotel Leonardo<br />

da Vinci in via dei Gracchi 324.<br />

20 novembre <strong>2009</strong> - venerdì<br />

ROTARY CLUB IGLESIAS<br />

ore 20 –Visita del Governatore. Riunione conviviale con consorti<br />

all’Hotel Artu in piazza Sella.<br />

21 novembre <strong>2009</strong> - sabato<br />

ROTARY CLUB OZIERI<br />

ore 20.30 - Conferenza pubblica nel chiostro di San Francesco<br />

sulla poliomelite e il programma di eradicazione svolto dal<br />

<strong>Rotary</strong> International. Relatore il Magnifico rettore Emerito<br />

Prof. Maida. A seguire: conviviale familiare al ristorante Terradoro.<br />

23 novembre <strong>2009</strong> - lunedì<br />

ROTARY CLUB ROMA CASSIA<br />

ore 20 – Conviviale al circolo degli Esteri - lungotevere Acqua<br />

Acetosa 42 - Ermete Realacci, presidente onorario di Legambiente,<br />

parlerà sul tema: “Sviluppo sostenibile e infrastrutture”.<br />

ROTARY CLUB ROMA EST<br />

ore 20.30 – Riunione interclub con RC Rieti all’insegna delle<br />

“donne eccellenti”. Ospite: Bice Biagi intervistata da Daniela<br />

Miniucchi (R.C. Rieti) - Hotel St. Regis Grand in via V. E.<br />

Orlando.


42 settembre <strong>2009</strong> • n. 65 VOCE del ROTARY<br />

VOCE del ROTARY settembre <strong>2009</strong> • n. 65 43<br />

ROTARY CLUB ROMA FORO ITALICO<br />

ore 20 – Visita del Governatore. Hotel Felix di viale Gorizia<br />

(angolo via Nomentana).<br />

ROTARY CLUB ROMA PALATINO<br />

ore 20.30 – Caminetto a casa della socia Laura Capuzzo Dolcetta.<br />

24 novembre <strong>2009</strong> - martedì<br />

ROTARY CLUB APRILIA - CISTERNA<br />

ore 20.30 - Conviviale con familiari e ospiti. Magìa e splendore<br />

dei tappeti persiani, raccontati del perito Rahimi Hamid Reza.<br />

Hotel Enea di Aprilia.<br />

ROTARY CLUB CAGLIARI ANFITEATRO<br />

ore 20.30 - Riunione semiconviviale nel convento di San Giuseppe.<br />

Alessandra Agus terrà una conversazione sul tema “ I<br />

proverbi sardi nel Campidano”.<br />

ROTARY CLUB ROMA<br />

ore 20.15 – Conviviale all’Hotel Excelsior. “Telethon <strong>2009</strong> e<br />

il finanziamento della ricerca medica”: un intervento del condirettore<br />

dell’organizzazione Angelo Maramai.<br />

PRESENTAZIONE<br />

Tra i diritti umani c’è il diritto di avere un nome e un cognome<br />

e quindi un’identità e una nazionalità. Questa è la<br />

teoria, perché invece un bambino su tre a livello mondiale<br />

non viene registrato alla nascita e in Africa sub-Sahariana<br />

sono sette bambini su dieci. Non avendo un nome e cognome<br />

non si può andare a scuola ed ecco che la spirale si fa ancora<br />

più drammatica.<br />

Il fenomeno ha quindi queste caratteristiche che si associano,<br />

o forse sarebbe meglio dire sono aggravate dallo stato<br />

di analfabetismo diffuse negli stessi paesi in cui si riscontra<br />

questo fenomeno, portando ogni anno ad un numero sempre<br />

maggiore di bambini senza registrazione anagrafica.<br />

Fonti UNICEF danno come sempre in crescita il numero<br />

annuo di casi di non registrazione, passando da 48 milioni<br />

all’anno nel 2003 a 51 milioni all’anno nel 2007 di “bambini<br />

nell’ombra!<br />

Per garantire la registrazione si deve agire con il promuovere<br />

urgentemente sistemi di registrazione delle nascita in loco,<br />

perché spesso il costo dell’arrivare al primo punto amministrativo<br />

del proprio paese è già di per sé un costo proibitivo<br />

che molte madri non possono o vogliono sostenere, tenuto<br />

conto dello spaventoso livello di analfabetizzazione delle<br />

madri.<br />

A nostro avviso è necessaria la focalizzazione degli sforzi<br />

tra due realtà di natura e immagine internazionale, i <strong>Club</strong><br />

del <strong>Rotary</strong> International e la Comunità di Sant’Egidio per<br />

ottenere risultati insperati ed in tempi molto più veloci.<br />

Sognare è un diritto, ma forse se potessimo contribuire a<br />

rendere questo sogno una magnifica realtà saremmo, ognuno<br />

di noi, consapevoli ed orgogliosi di aver fatto una cosa<br />

meravigliosa, in prospettiva, per il destino di mezzo miliardo<br />

di piccoli esseri umani.<br />

FORUM BAMBINI NELL’OMBRA<br />

ROTARY CLUB ROMA CENTENARIO<br />

ore 21 - Serata teatrale: “Tutto quello che le donne (non) dicono”<br />

di Francesca Reggiani – Teatro Sala Umberto in via della<br />

Mercede.<br />

ROTARY ROMA NORD<br />

ore 20.30 - Visita del Governatore - Hotel de la Ville in via Sistina.<br />

25 novembre <strong>2009</strong> - mercoledì<br />

ROTARY CLUB ROMA CASSIA<br />

ore 9 - Forum interclub con il R.C. Roma Foro Italico sui<br />

Bambini nell’ombra, organizzato in collaborazione con la Comunità<br />

di Sant’Egidio - Sala del Giubileo dell’università LUM-<br />

SA, in via di Porta Castello 44 (vedi programma a fondo pagina).<br />

26 novembre <strong>2009</strong> - giovedì<br />

ROTARY CLUB CIVITAVECCHIA<br />

ore 20.30 – Conviviale familiare presso il Sunbay Park Hotel<br />

PROGRAMMA<br />

h. 09,00 Registrazione partecipanti<br />

h. 09,45 Benvenuto: Giuseppe Dalla Torre Del Tempio<br />

di Sanguinetto Magnifico Rettore della LUMSA<br />

h. 10,00 Relazione di apertura dei lavori: Luciano Di<br />

Martino Governatore <strong>Rotary</strong> International Distretto<br />

2080<br />

h. 10,15 Contributo Istituzionale: (Da definire)<br />

h. 10,45 Relazioni tematiche: moderatore Valeria Galletti<br />

Ciuffoli<br />

• Evelina Martelli – Comunità di Sant’Egidio,<br />

Responsabile Programma BRAVO (Birth Registration<br />

for All Versus Oblivion)<br />

• Paolo Morozzo della Rocca – Università di<br />

Urbino - giurista<br />

• Giacomo Dalla Torre Del Tempio di Sanguinetto<br />

– Gran Priore del Sovrano Militare Ordine<br />

di Malta - Roma<br />

h. 12,00 Pausa caffè<br />

h. 12,15 Relazioni tematiche: moderatore Alberto Graziani<br />

• Antonio Marziale – presidente Osservatorio<br />

sui Diritti dei Minori<br />

• Nora Leonor Barbaresi – <strong>Rotary</strong> International<br />

District 4825 (Argentina)<br />

• Catello Masullo – <strong>Rotary</strong> <strong>Club</strong> Roma Cassia<br />

– Filmato<br />

h. 13,30 Dibattito<br />

h. 13,45 Chiusura dei lavori: Roberto Giua – presidente<br />

<strong>Rotary</strong> <strong>Club</strong> Roma Cassia<br />

– Il socio Luciano Mocci parlerà di “Curiosità su Roma Antica”.<br />

ROTARY CLUB ROMA SUD EST<br />

ore 20.30 – Conviviale all’Hotel Bernini Bristol. Vittorio Rosato<br />

del Centro ricerche ENEA della Casaccia, parlerà su “L’architettura<br />

della complessità”.<br />

27 novembre <strong>2009</strong> - venerdì<br />

ROTARY CLUB DORGALI<br />

Visita del Governatore.<br />

28 novembre <strong>2009</strong> - sabato<br />

ROTARY CLUB OGLIASTRA<br />

Visita del Governatore.<br />

30 novembre <strong>2009</strong> - lunedì<br />

ROTARY CLUB ROMA EST<br />

ore 18.30 - Riunione interclub all’Hotel St. Regis Grand in va<br />

V. E. Orlando con R.C. Roma, R.C. Roma <strong>Nord</strong>-Est, R.C.<br />

Roma Ovest, R.C. Roma Sud. Tema: “Esiste ancora il Made<br />

in Italy”. Ospiti: Nerio Alessandri, Lorenzo Buccellati, Luca<br />

Cordero di Montezemolo, Diego Della Valle, Alberta Ferretti,<br />

Massimiliano Fuksas, Luisa Todini e Umberto Vattani. Coordina<br />

Paola Cacianti, inviato speciale moda del Tg1. A seguire conviviale.<br />

ROTARY CLUB ROMA TIRRENO<br />

Visita del Governatore.<br />

1 dicembre <strong>2009</strong> - martedì<br />

ROTARY CLUB CAGLIARI ANFITEATRO<br />

ore 20.30 - Assemblea dei soci: elezioni del presidente 2011-<br />

2012 e del Consiglio direttivo. 2010 - 2011. Convento di San<br />

Giuseppe.<br />

ROTARY CLUB ROMA<br />

ore 10.15 – Visita al Museo Montemartini<br />

ROTARY CLUB ROMA CASALPALOCCO<br />

Visita del Governatore.<br />

ROTARY CLUB ROMA CENTENARIO<br />

ore 20.30 – Assemblea dei soci: elezioni del presidente 2011-<br />

2012 e del Consiglio direttivo 2010-2011- Hotel The Duke in via<br />

Arcimede 69.<br />

ROTARY CLUB ROMA MEDITERRANEO<br />

ROTARY CLUB ROMA MONTE MARIO<br />

ROTARY CLUB ROMA NORD<br />

ROTARY CLUB ROMA OVEST<br />

ROTARY CLUB ROMA SUD OVEST<br />

ore 20.30 – Conviviale interclub al Grand Hotel - Ospite il<br />

presidente del Senato, Renato Schifani.<br />

4 dicembre <strong>2009</strong> - venerdì<br />

ROTARY CLUB OZIERI<br />

ore 20.30 - Conviviale “al caminetto” per elezione del Consiglio<br />

direttivo 2010-2011.<br />

ROTARY CLUB ROMA EST<br />

ore 18 – Visita al Villaggio SOS. Partenza con pullmino da via<br />

Nedo Nadi.<br />

ROTARY CLUB ROMA SUD EST<br />

ore 13.30 - Assemblea dei soci: elezioni del presidente 2011–2012<br />

e del Consiglio direttivo 2010 – 2011 - Hotel Bernini Bristol<br />

9 dicembre <strong>2009</strong> - mercoledì<br />

ROTARY CLUB ALBANO ALBALONGA<br />

Visitga del Governatore.<br />

ROTARY CLUB ROMA FORO ITALICO<br />

ore 20 - Assemblea dei soci: elezioni del presidente 2011–2012<br />

e del Consiglio direttivo 2010 – 2011 - Hotel Felix in viale Gorizia<br />

10 dicembre <strong>2009</strong> - giovedì<br />

ROTARY CLUB CIVITAVECCHIA<br />

ore 19 – Assemblea dei soci in sede (via Dalmazia 7): elezione<br />

del presidente 2011/2012 e del Consiglio direttivo 2010/2011.<br />

ROTARY CLUB ROMA CENTENARIO<br />

ore 21 – Serata teatrale: “Metti in salvo il tesoretto” di Gianrico<br />

Tedeschi –Teatro Sala Umberto in via della Mercede.<br />

ROTARY CLUB VITERBO<br />

Visita del Governattore.<br />

11 dicembre <strong>2009</strong> - venerdì<br />

ROTARY CLUB CASSINO<br />

Visita del Governatore.<br />

ROTARY CLUB OZIERI<br />

ore 20.30 – Conviviale con conversazione su un tema professionale.<br />

Ristorante Terradoro lungo la statale Ozieri-Sassari.<br />

12 dicembre <strong>2009</strong> - sabato<br />

ROTARY CLUB ROMA CENTENARIO<br />

ore 13 – Conviviale familiare diurna con la partecipazione anche<br />

dei piccoli in occasione del mese dedicato alla famiglia per<br />

lo scambio degli auguri natalizi - Hotel The Duke in via Archimede<br />

69.<br />

ROTARY CLUB ROMA FORO ITALICO<br />

ore 18 - Concerto di Natale. Organizza il maestro Alvaro Vatri,<br />

con il Nuovo Coro Rotariano<br />

14 dicembre <strong>2009</strong> - lunedì<br />

ROTARY CLUB ROMA CASSIA<br />

ore 20 - Conviviale per gli auguri di Natale al circolo degli Esteri<br />

- lungotevere Acqua Acetosa 42.<br />

ROTARY CLUB ROMA CENTENARIO<br />

Santa Messa natalizia (anche in ricordo di Maria Chiara Fioretti).<br />

Orario e chiesa da definire.<br />

ROTARY CLUB ROMA EST<br />

ore 20 – Riunione conviviale familiare per lo scambio degli auguri<br />

di Natale. Hotel St. Regis Grand – via V. E. Orlando 3.<br />

ROTARY CLUB ROMA FORO ITALICO<br />

ore 18 – 20 - Conviviale con concerto e festa degli auguri. Chiesa<br />

e locale da decidere


44 settembre <strong>2009</strong> • n. 65 VOCE del ROTARY<br />

ROTARY CLUB ROMA PALATINO<br />

ore 20 – Conviviale al Jolly Hotel di via dei Gracchi. Antonio<br />

Antonellis parlerà su “ Spina bifida, un progetto per alleviare<br />

la malattia”.<br />

15 dicembre <strong>2009</strong> - martedì<br />

ROTARY CLUB CAGLIARI ANFITEATRO<br />

ore 20.30 - Riunione semiconviviale. Secondo appuntamento<br />

della rubrica dedicata ai soci: “I soci si raccontano. - Fatti e curiosità”.<br />

Convento di San Giuseppe.<br />

ROTARY CLUB ROMA<br />

ore 20.15 – Serata di Natale. Hotel Excelsior.<br />

ROTARY CLUB ROMA NORD<br />

Conviviale degli Auguri di Natale, luogo da definire.<br />

17 dicembre <strong>2009</strong> - giovedì<br />

ROTARY CLUB CIVITAVECCHIA<br />

ore 20.30 – Conviviale familiare per gli auguri di Natale. Presso<br />

il Sunbay Park Hotel.<br />

18 dicembre <strong>2009</strong> - venerdì<br />

ROTARY CLUB APRILIA - CISTERNA<br />

ore 20.30 - Festa degli auguri. Hotel Enea di Aprilia<br />

ROTARY CLUB OZIERI<br />

ore 20.30 - Riunione degli auguri. Conviviale familiare presso<br />

il ristorante Terradoro.<br />

ROTARY CLUB POMEZIA-LAVINIUM<br />

ore 20.30 – Conviviale familiare. Auguri di Natale. Raccolta<br />

fondi a favore della Fondazione <strong>Rotary</strong>. Hotel Enea di Pomezia.<br />

ROTARY CLUB ROMA SUD EST<br />

ore 20 - Festa per gli auguri di Natale. Hotel Bernini Bristol<br />

19 dicembre <strong>2009</strong> - sabato<br />

ROTARY CLUB IGLESIAS<br />

ore 20 – Riunione conviviale con consorti per il tradizionale<br />

scambio degli auguri di Natale. Hotel Artu in piazza Sella.<br />

21 dicembre <strong>2009</strong> - lunedì<br />

ROTARY CLUB ROMA FORO ITALICO<br />

S. Messa - Cena conviviale<br />

ROTARY CLUB ROMA PALATINO<br />

ore 20 – Serata degli Auguri. Holly Hotel – Via dei Gracchi.<br />

22 dicembre <strong>2009</strong> - martedì<br />

ROTARY CLUB CAGLIARI ANFITEATRO<br />

ore 20.30 - Cena degli Auguri. Convento di San Giuseppe.<br />

ROTARY CLUB ROMA CENTENARIO<br />

ore 21 – Serata teatrale: “Ben Hur” di Giovanni Clementi -<br />

Sala Umberto – via della Mercede.<br />

I CLUB SONO PREGATI DI INVIARE<br />

LE PROPRIE COMUNICAZIONI<br />

PER LA “AGENDA ROTARIANA” A<br />

giuseppe.ibrido@courtesytravel.it<br />

OBBLIGHI ECONOMICI E SCADENZE DEI CLUB<br />

SCADENZE VERSO IL ROTARY INTERNATIONAL<br />

Il rapporto semestrale deve essere inviato il 1° luglio e il 1° gennaio, provvedendo nel contempo ad effettuare<br />

l’accredito dell’importo (+ 1,00 $ “una tantum” per il Consiglio di legislazione) alla banca:<br />

DEUTSCHE BANK AG - KOENIGSALLEE 45-47 -DUESSELDORF D40211<br />

GERMANY<br />

Numero Conto: 0255033300<br />

Nome conto: <strong>Rotary</strong> International<br />

Codice Swift: DEUTDEDDXXX<br />

SORT/IBAN: DE453007 00100255 0333 00<br />

Coordinate pagamento: C0000303270/SAR-0000426967<br />

Si precisa che l’ufficio di Zurigo provvede a inviare tempestivamente il relativo modulo già predisposto con i dati<br />

relativi al precedente semestre, con valuta in euro al cambio del dollaro in vigore al momento; il segretario<br />

del club, dopo aver modificato (qualora si fossero verificate variazioni nell’effettivo) i dati relativi al numero<br />

dei soci e degli importi, dovrà firmarlo e farlo firmare dal presidente, trasmettendolo quindi a Zurigo e, per conoscenza,<br />

al Distretto.<br />

SCADENZE VERSO IL DISTRETTO<br />

I versamenti trimestrali dovranno essere accreditati entro il giorno l0 dei mesi di luglio, <strong>ottobre</strong>, gennaio e aprile,<br />

mediante versamento in conto corrente.<br />

GRAN TOUR<br />

ARGENTINA<br />

BUENOS AIRES<br />

PATAGONIA CLASSICA<br />

CASCATE DI IGUAZÚ<br />

<strong>16</strong> GIORNI/ 13 NOTTI<br />

GRAN TOUR D'ARGENTINA<br />

DATA DI PARTENZA<br />

DATA DI RIENTRO<br />

QUOTA PARTECIPAZIONE<br />

SCONTATA PER I ROTARIANI<br />

3 OTTOBRE 18 OTTOBRE 3.400,00<br />

24 OTTOBRE 8 NOVEMBRE 3.498,00<br />

15 NOVEMBRE 29 NOVEMBRE 3.595,00<br />

20 DICEMBRE 3 GENNAIO 3.713,00<br />

30 DICEMBRE 13 GENNAIO 3.6<strong>16</strong>,00<br />

OLTRE TASSE AEROPORTUALI (DA QUANTIFICARE) - POLIZZA CEASSISTANCE (EURO 50,00) - FONDO MANCE (EURO 50,00)<br />

DA EURO 3.400,00<br />

+ TASSE AEROPORTUALI E D.I. (EURO 50,00)<br />

VOLI INTERCONTINENTALI E INTERNI<br />

TUTTI I TRASFERIMENTI - OTTIMI HOTEL<br />

TRATTAMENTO DI MEZZA PENSIONE<br />

GUIDE IN ITALIANO<br />

VISITE ED ESCURSIONI A BUENOS AIRES,<br />

LAGO ARGENTINO E GHIACCIAI,<br />

PENISOLA VALDES E TERRA DEL FUOCO,<br />

PARCO NAZIONALE DI IGUAZÚ<br />

IL CENACOLO DEI VIAGGIATORI<br />

tel. 06.44234698 – fax 06.44233692<br />

info@ilcenacolodeiviaggiatori.it www.ilcenacolodeiviaggiatori.it<br />

ORGANIZZAZIONE TECNICA: COURTESY TRAVEL


ROTARY INTERNATIONAL - DISTRETTO 2080<br />

CALENDARIO <strong>2009</strong>-2010<br />

(aggiornato al 1° settembre <strong>2009</strong>)

Hooray! Your file is uploaded and ready to be published.

Saved successfully!

Ooh no, something went wrong!