FRATRUM MINORUM - OFM

ofm.org

FRATRUM MINORUM - OFM

ACTA ORDINIS

FRATRUM MINORUM

VEL AD ORDINEM QUOQUO MODO PERTINENTIA

IUSSU ET AUCTORITATE

Fr. JOSÉ RODRÍGUEZ CARBALLO

TOTIUS ORD. FR. MIN. MINISTRI GENERALIS

IN COMMODUM PRAESERTIM RELIGIOSORUM SIBI SUBDITORUM

IN LUCEM AEDITA

Veritatem facientes in caritate (Eph. 4,15).

Peculiari prorsus laude dignum putavimus,

dilecte Fili, consilium quo horum Actorum

collectio atque editio suscepta est.

(Ex Epist. LEONIS PP. XIII ad Min. Gen.)

ROMA

CURIA GENERALIS ORDINIS


Arti Grafiche Antica Porziuncola – Cannara (Perugia) – 2005


SUMMARIUM FASCICULI

(An. CXXIV, MAII - AUGUSTI 2005 – Fasc. II)

EX ACTIS MINISTRI GENERALIS

1. Letter of the Conference of the Franciscan

Family . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 171

2. Lettera della Conferenza della Famiglia

francescana in occasione della Pentecoste 2005 . 172

3. “Unione Superiori Generali” Meeting . . . . . . . . 177

4. Letter to all the Ministers and Custodes on the

Financial Funds at the Curia . . . . . . . . . . . . . . . . 190

5. Lettera del Ministro generale sugli Studi. . . . . . . 193

6. Messaggio a Sua Santità Benedetto XVI in

occasione della sua festa onomastica . . . . . . . . . . 211

7. Omelia per l’apertura del “perdono di Assisi” . . . 211

10. Discorso in occasione della XX GMG . . . . . . . . 217

E SECRETARIA GENERALI

1. Capitulum Custodiae S. Ioannis Baptistae

in Pakistania . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 223

2. Consiliarii Cust. “S. Francisci” in West

Papua (Irian Jaya) electio. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 223

3. Capitulum Prov. Ss. Francisci et Iacobi

Jalisco in Mexico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 223

4. Custodiae Aut. “S. Clarae” in Mozambico

erectio. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 223

5. Custodiae Aut. “S. Clarae” in Mozambico

electiones . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 224

6. Capitulum Prov. S. Mariae Angelorum

in Polonia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 224

7. Consiliarii Fund. “Blessed Joseph Vaz”

in Sri Lanka electio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 224

8. Capitulum Prov. S. Ioseph Sponsi BMV in

Canada . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 225

9. Capitulum Prov. Immaculatae Conceptionis

BMV in Polonia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 225

10. Capitulum Prov. Ss. Cyrilli et Methodii

in Croatia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 225

11. Capitulum Prov. Assumptionis BMV in

S.F.A.S. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 225

12. Capitulum Prov. Carthaginensis in Hispania . . . . 226

13. Capitulum Prov. Seraphicae S. Francisci

Assisiensis in Italia. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 226

14. Capitulum Prov. S. Ioannis Baptistae in

S.F.A.S. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 226

15. Capitulum Prov. Ss. Nominis Iesu in S.F.A.S. . . 227

16. Capitulum Intermedium Prov. S. Fidei in

Columbia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 227

17. Capitulum Prov. S. Mariae in Hungaria . . . . . . . . 227

18. Capitulum Intermedium Prov. S. Mariae

Gratiarum in Sardinia. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 227

19. Capitulum Intermedium Prov. Tridentinae

S. Vigilii in Italia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 228

20. Capitulum Prov. Romanae Ss. Petri et Pauli

in Italia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 228

21. Capitulum Intermedium Prov. Trium

Sociroum in Gallia-Belgio . . . . . . . . . . . . . . . . . . 228

22. Capitulum Prov. Lyciensis Assumptionis

BMV in Italia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 228

23. Capitulum Intermedium Prov. “B. Pacifici”

in Gallia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 229

24. Visitatores generales. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 229

25. Domus erectae . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 230

26. Notitae particulares. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 230

SECRETARIATU

PRO FORMATIONE ET STUDIIS

1. VII Assemblea del SERFE. . . . . . . . . . . . . . . . . . 231

2. Il Ministro generale ha confermato

le seguenti Ratio delle Province . . . . . . . . . . . . . 231

3 Erezione della Casa di Noviziato. . . . . . . . . . . . . 232

4. Notitiae particulares. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 232

1. Pontificia Università Antonianum . . . . . . . . . . 232

2. Collegio “S. Bonaventura” di Grottaferrata . . . 232

E SECRETARIATU PRO

EVANGELIZZAZIONE ET MISSIONE

1. Centri educativi dei Frati Minori . . . . . . . . . . . . . 235

2. Myanmar: una nuova presenza francescana

in un Paese buddista. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 235

Copertina:

2 a Priorità: Comunione Fraterna.

(Bronzo di Alfiero Nena - Sorrento)

❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈

Directio Commentarii

«ACTA ORDINIS FRATRUM MINORUM»

CURIA GENERALIS O.F.M.

Via S. Maria Mediatrie, 25

00165 ROMA (Italia)

Fax +39.06.68.491.364 / e-mail: acta@ofm.org

DISTRIBUTIO GRATUITA – DISTRIBUZIONE GRATUITA FUORI COMMERCIO


E POSTULATIONE GENERALI

1. Venerabili Dei Servo Valentino Paquay

caelitum Beatorum tribuitur dignitas . . . . . . . . . . 239

2. Decretum super miraculo S.D. Iosephae

Suriano . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 240

3. Decretum super miraculo S.D. Eurosiae

Fabris . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 241

4. Facultas Transumptum Inquisitionis suppletivae

aperiendi in Cuasa S.D. Richardi Pelufo

et Sociorum . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 242

5. Iuridica validitas declaratur Inquisitionis

in Causa S.D. Teresiae Enriquez . . . . . . . . . . . . . 243

6. Nominatio Ponentis in Causa S.D. Felicis

Echevarria Gorostiaga et Sociorum . . . . . . . . . . . 243

7. Facultas Transumptum Inquisitionis super

miro aperiendi in Causa S.D. Francisci

A. Marcucci . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 244

8. Nuntium Secretariae Status de die

Beatificationis Ven. S.D. Eurosiae Fabris . . . . . . 244

9. Notitiae particulares . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 244

1. Congregatio Ordinaria super martyrio . . . . . . . 244

2. Congressus Medicorum super adsertis

miribus . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 245

3. Conclusio Inquisitionis dioecesanae

super miro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 245

EX OFFICIO PRO “JUSTITIA, PACE

ATQUE INTEGRITATE CREATI”

1. Convocación del Congreso Internacional

de JPIC. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 247

2. Líneas orientativas del Congreso

Internacional de JPIC. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 248

EX OFFICIO OFS

1. Bosnia-Erzegovina: è sorta la Fraternità

nazionale dell’OFS . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 251

2 Cile – Capitolo nazionale elettivo . . . . . . . . . . . . 251

3. Filippine – Capitolo nazionale elettivo . . . . . . . . 252

4. Cina (Hong Kong) - Capitolo elettivo dell’OFS . 252

5. Germania - Incontro Internazionale della

Gioventù Francescana e celebrazione della

XX° Giornata Mondiale della Gioventù . . . . . . . 252

AD CHRONICAM ORDINIS

1. De itineribus Ministri Generalis. . . . . . . . . . . . . . . 255

1.1. Incontro del Definitorio generale con

i Presidenti delle Conferenze dei Ministri

provinciali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 255

1.2. Visita alla Provincia S. Francesco

Stimmatizzato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 256

1.3. Minister General attends the Chapter

of the Province of the Holy Name . . . . . . . . . 257

1.4. Visita alla Prov. Ss. Salvatoris

in Slovachia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 258

1.5. Visita alla Prov. Assumptionis BVM

in Polonia. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 258

1.6. Visita alla Custodia “Santa Chiara

d’Assisi” in Mozambico . . . . . . . . . . . . . . . . 259

1.7. Visita fraterna al Perú . . . . . . . . . . . . . . . . . . 261

1.8. Festa della Provincia di Napoli . . . . . . . . . . . 265

1.9. Minister General attends opening

of the Chapter of the Province of Ireland . . . 266

1.10. Visita alla Provincia S. Bonaventura. . . . . . 266

1.11. XXV marcia francescana a piedi

verso Assisi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 268

1.12. Visita alla Fraternità di Medjugorje . . . . . . 268

1.13. The Minister General at the 20th

World Youth Day in Cologne. . . . . . . . . . . . . 269

1.14. Visita alla Provincia del Verbo Incarnato . . 270

2. Riunioni dei Definitori OFM d’Italia . . . . . . . . . . . 271

1. Assemblea dei Definitori dell’Italia

meridionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 271

2. Assemblea dei Definitori dell’Italia

del Nord . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 272

3. Assemblea dei Definitori dell’Italia centrale . 273

3. Notitiae particulares . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 274

BIBLIOGRAFIA

1. Libri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 277

NECROLOGIA

1. Fr. Salvatore Benassi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 279

2. Fr. Maurice West . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 279

3. Fr. Marco Adinolfi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 281

4. Anno 2003 mortui sunt . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 283

5. Anno 2004 mortui sunt . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 283

6. Anno 2005 mortui sunt . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 283


EX ACTIS MINISTRI GENERALIS

1. Letter of the Conference of the Franciscan

Family

May 15, 2005

Dear Sisters and Brothers,

May the Lord give you peace!

It has been four years since we last wrote

to you about Franciscans International, our

shared mission at the United Nations. At

that time, we introduced the changes we set

in motion as the corporate sponsors of FI.

We asked that all Franciscan communities

vigorously support FI’s international efforts

in peacemaking, human rights, concern for

those who are poor and care of creation.

We write now to thank those who took up

our call and became active partners in solidarity

with those who are poor around the

world. This letter is to challenge those communities

who have not yet supported FI.

There are many reasons why we should

work together for this shared ministry.

Franciscans International advocates for

human rights and advises diplomats on

ways to ensure justice for the poor and protection

for the environment. It trains Franciscans

on the best practices to combat

poverty and how to promote a culture of

peace and non-violence.

In the past four years, we have seen a

dangerous rise in international violence and

the gap between the wealthy few and the

destitute grow even wider. We witness the

explosion of AIDS in Africa and watch with

alarm as new cases of HIV grow exponentially

in Asia. These dynamics threaten the

economic stability of developing countries

where Franciscans live and serve. It is so

important that we take up the work of justice

together at the international level.

We urge provincial and congregational

leaders to educate your members about the

work of Franciscans International and to

promote its mission with your prayers and

your financial support. We ask all Francis-

cans to take seriously their formation in solidarity

and find ways to collaborate as

brothers and sisters across the frontiers of

language and culture. We want the world to

understand the graciousness of God and

live out the implications of our relational

economy. Franciscans International has

programs and services that can educate and

animate our communities. These can be accessed

at their website, www.franciscansinternational.org

Brothers and sisters, St. Francis and St.

Clare taught us that our God is good, all

good, supremely good, all the time and to

everyone! This Franciscan vision brings

hope and can enliven our communities in

our practice of peace. Please help FI to extend

the Franciscan influence through your

active participation.

May God bless our works for justice and

make us instruments of the Lord’s peace.

The Members of the

Conference of the Franciscan Family.

BR. JOSÉ RODRÍGUEZ CARBALLO, OFM

General Minister

BR. JOACHIM GIERMECK, OFMCONV

General Minister President CFF

BR. JOHN CORRIVEAU, OFMCAP

General Minister

BR. ILIJA ZIVKOVI, TOR

General Minister

ENCARNACIÓN DEL POZO,OFS

General Minister

SR. CAROLA M. THOMAN, FCJM

President IFC-TOR


172 AN. CXXIV – MAII-AUGUSTI 2005 – FASC. II

2. Lettera della Conferenza della Famiglia

francescana in occasione della

Pentecoste 2005

STRUMENTI DI PACE

1. «Il Signore ti dia Pace». Con questo

saluto, lasciatoci da san Francesco, ci rivolgiamo

a tutte le sorelle e i fratelli della grande

Famiglia Francescana e a tutti gli uomini

e le donne che Dio ama (cf Lc 2,14).

Il nostro padre san Francesco, nel suo

Testamento, ci ha confermato che fu lo stesso

Altissimo a rivelargli questo particolare

saluto: «Il Signore mi rivelò che dicessimo

questo saluto “Il Signore ti dia la pace”»

(Test 23). Uniti e obbedienti a lui, anche noi

oggi lo offriamo a tutti voi, mentre viviamo

in un mondo lacerato da tante guerre, dal

terrorismo, dall’ingiustizia sociale, dalla fame

e da catastrofi naturali di dimensioni

quasi apocalittiche.

Porgiamo questo saluto soprattutto agli

uomini e alle donne che vivono apertamente,

ma spesso anche in maniere molto subdole,

in situazioni di lacerazione nella loro

persona, in famiglia, nelle loro fraternità o

comunità e nell’ambiente di lavoro. Riconosciamo,

infatti, nel mondo e negli uomini

e donne di oggi l’urgente esigenza della pace

nel senso più ampio del termine, nel suo

significato antico di «Shalom» (cf Is 9,5s;

48,18.19; 54,13; Mi 5,1-4; Lev 26,6; Pr

12,20): pace fra i popoli e i Paesi, pace fra le

diverse culture e religioni; una pace che garantisca

una dimora dignitosa e sicura, il necessario

per mangiare e vestirsi, il rispetto e

la dignità della persona, l’armonia con tutto

il creato, la felicità nel cuore e con Dio stesso,

datore di ogni vita.

La nostra missione: annunciare la pace

2. Fedeli alla rivelazione divina, ovunque

andassero e ogni volta che parlavano alla

gente con qualche sermone (cf Spec 26;

LegPer 67; 1Cel 23; 3Comp 26), Francesco

e la primitiva famiglia francescana annunciavano

questo nuovo, e fino ad allora sconosciuto,

saluto di pace in un mondo diviso

da grandi e piccole guerre, aderendo con esso

allo stesso saluto di Gesù risorto: «Pace a

voi!» (cf Lc 24,36; Gv 20,19.21.26). Ma

l’augurio di pace spesso si trasformava in

una vera e propria iniziativa a favore di una

pace concreta, come ci testimoniano gli

straordinari eventi della riconciliazione fra

il Podestà e il Vescovo di Assisi (cf LegPer

84), della pacificazione della città di Arezzo

e di altre città (cf 2Cel 108; Fior 11), della

visita di Francesco al Sultano (cf 1Cel 57) e

dell’episodio del lupo di Gubbio (cf Fior

21). Il saluto di pace e le iniziative a favore

della pace erano così parte integrante dell’autocomprensione,

dello stile di vita e della

missione dei primi Frati e questo li portava

ad essere riconosciuti come un vero movimento

di pace, tanto che lo stesso

Tommaso da Celano ci presenta la fraternità

primitiva come una «Pacis legationem»,

una vera ambasciata di pace (cf 1Cel 24).

3. Questa missione a favore della pace,

annunciata dal suo particolare saluto, trova

il proprio fondamento in alcuni elementi

costitutivi della vita e della spiritualità di

Francesco, dei suoi fratelli e delle sue sorelle.

La missione di pace nasce da un cuore

pacificato, frutto di una esperienza di perdono,

di misericordia e di gratuità. Su di essa

Francesco fonda anche il carattere fraterno

del suo movimento (cf LMin) e ad essa

risponde con la scelta di una vita di penitenza

che, alla sequela di Gesù Cristo, è tutta

orientata ai valori escatologici del Regno

di Dio: la giustizia e la pace. Questi vanno

accolti ogni volta come un dono di Dio che

fa ritrovare la pace del cuore (cf 1Cel 26).

Un dono, quello della pace, che in Gesù

Cristo si è realizzato in una storia di salvezza

e si è incarnato nella realtà di un mondo

bisognoso di redenzione (cf Rnb 23,1-4). È

per questo che, contemplando le meraviglie

che Dio compie nel creato e opera attraverso

il suo Figlio, Francesco scopre il nesso

fra pace, salvezza e redenzione dell’uomo,

sentendosi intimamente unito al creato e alla

somma bontà di Dio. Su questa scoperta

si basa il nostro saluto francescano di oggi:

Pax et Bonum.

Scrivendo la sua Regola, Francesco dava

origine ad uno stile di vita che, attraver-


EX ACTIS MINISTRI GENERALIS

173

cesso di pace e di riconciliazione in una situazione

sclerotizzata nella discordia e nelle

lotte (cf Fior 21):

• mantenere Dio al centro dell’azione;

• procedere sempre in comunione con

fortezza e sapienza;

• identificare le vere cause della violenza

e chiamarle con il loro vero nome;

• promuovere la conversione e la riconciliazione

di tutte le parti;

• cercare di sanare e restaurare le relazioni

piuttosto che risolvere le dispute;

• ristabilire la giustizia come base della

vera pace;

• riconoscere che tutte le relazioni sociali

sono asimmetriche e che ogni situazione

di conflitto implica uno

squilibrio e un cattivo uso del potere;

• rimanere disarmati (cf Memoriale

Propositi, 16);

• rifiutare la demonizzazione di una

delle parti e riconoscere in tutti dei

fratelli e delle sorelle;

• affrontare i conflitti attivamente,

esponendosi in prima persona e lasciandosi

coinvolgere.

Questi atteggiamenti ci presentano un

vero e proprio cammino per promuovere la

pace ed esigono di agire senza prepotenza e

forza. Un simile comportamento è però

possibile solo a partire da una fiducia incondizionata

in Dio. Solo mantenendo il

suo Spirito e la sua Signoria al centro della

propria azione il tentativo di una riconciliazione

e di una pacificazione può avere qualche

speranza. Accettare un tale servizio a

favore della pace non è senza pericoli o senza

difficoltà. Per questo il francescano e la

francescana non camminano da soli ma in

comunione vitale e reciproca con la Fraternità

universale e la Chiesa, una comunione

che dà sostegno e incoraggiamento. Procedendo

uniti i fratelli e le sorelle possono e

debbono riconoscere, con coraggio profetico,

le vere cause di ogni forma di violenza e

chiamarle con il loro nome. Non si può nascondere

o minimizzare la violenza. Solo

sapendo riconoscere e accettando di curare

il male, si può iniziare un cammino che porso

atteggiamenti concreti e quotidiani, era

capace di promuovere la pace. La povertà e

la semplicità, che nascono dalla sconfinata

fiducia in Dio, portano chi accoglie questo

stile di vita a non volersi appropriare di nulla,

né di luoghi, né di case e nemmeno della

propria volontà (cf Rnb 7,13; Am 2). Con le

mani libere per abbracciare e servire i lebbrosi

(cf Test 1-3), per Francesco e i suoi

frati non era necessario procurarsi alcun

strumento di difesa o arma per difendere dagli

altri quanto possedevano (cf 3Comp 35).

Libera da ogni pretesa e da ogni rivendicazione,

la prima generazione francescana

non vedeva più nell’altro un concorrente,

un nemico, ma, in modo disarmante, riconosceva

in ciascuno un fratello e una sorella

in Gesù Cristo.

Con il lavoro (cf Rnb 7,1-9), con il volersi

insediare fra i poveri e gli esclusi (cf

Rnb 9,2), con il rifiuto del denaro (Rnb 8,1-

12), nuova e brutale forma del capitalismo

di allora, Francesco e i suoi davano una testimonianza

profetica della possibilità di un

modo diverso per vivere insieme e di una

società civile ed ecclesiale illuminata dal

Vangelo di Gesù.

Questa nuova vita evangelica portava

con sé anche un nuovo modo di esprimersi.

Il vocabolario di Francesco prende le distanze

dalle espressioni bellicose delle eroiche

imprese di conquista del suo tempo, per

introdurre e riproporre, a partire dalla Bibbia,

concetti come quello del non appropriarsi

(cf Rnb 7,13), del non giudicare (cf

Rnb 11,1.10), del comportarsi spiritualmente

(Rnb 16,5 ss.) e altri, che promuovevano

la pace anche attraverso il linguaggio. In

questo modo questo stesso stile di vita diventava

una vera e propria via di riconciliazione

con Dio, con il prossimo, con se stessi

e con tutto il creato.

Un itinerario per la pace

4. Una lettura attenta delle nostre fonti

non solo ci presenta il primitivo movimento

dei “minori” come una vera e propria ambasceria

di pace e di riconciliazione, ma ci

permette di individuare alcuni atteggiamenti

essenziali anche oggi per attuare un pro-


174 AN. CXXIV – MAII-AUGUSTI 2005 – FASC. II

ti alla conversione e alla riconciliazione di

tutte le parti coinvolte e, alla fine, si dovrà

cercare di ristabilire la giustizia come base

per la costruzione della vera pace, perché

solo così le mediazioni usate per giungere

alla riconciliazione potranno avere un futuro

duraturo.

Purificare la memoria

5. Il ricordo degli inizi della Famiglia

francescana come movimento di penitenza

e come ambasceria di pace, ci porta inevitabilmente

a riconoscere con umiltà che la nostra

storia non ha sempre corrisposto a questa

vocazione e che non sempre i francescani

e le francescane hanno testimoniato con

la loro vita il saluto della pace rivelato a

Francesco. Spesso si sono invece mostrati

ambigui o di parte di fronte a situazioni ingiuste

e violente. Non possiamo nascondere

che diverse volte loro stessi erano la causa

o addirittura i promotori dell’ingiustizia

e della violenza. Il ricordo di quest’ombra

nella nostra storia è necessario per una vera

e propria purificazione della memoria in vista

di un autentico cammino evangelico.

Con il compianto papa Giovanni Paolo II

affermiamo che una tale memoria dei fallimenti

«è molto utile per una corretta comprensione

e attuazione dell’autentica richiesta

di perdono, fondata sulla responsabilità

oggettiva che accomuna i cristiani, in quanto

membra del Corpo mistico, e che spinge

i fedeli di oggi a riconoscere, insieme con le

proprie, le colpe dei cristiani di ieri, alla luce

di un accurato discernimento storico e

teologico. Infatti, per quel legame che, nel

Corpo mistico, ci unisce gli uni agli altri,

tutti noi, pur non avendone responsabilità

personale e senza sostituirci al giudizio di

Dio che solo conosce i cuori, portiamo il peso

degli errori e delle colpe di chi ci ha preceduto.

Riconoscere le deviazioni del passato

serve a risvegliare le nostre coscienze

di fronte ai compromessi del presente,

aprendo a ciascuno la strada della conversione»

(Omelia, Giorno del Perdono,12

marzo 2000). Solo attraverso una vera conversione

e per la fede nel Vangelo (Mc 1,15)

possiamo ritrovare la pace del cuore e diventare

veri messaggeri di pace per questo

nostro mondo. La conversione del cuore è

la possibilità a non lasciarsi vincere dal male,

ma a vincerlo con il Bene (cf Giovanni

Paolo II, Messaggio per la Giornata della

Pace, 1 gennaio 2005). Poiché dunque la

pace è un bene da promuovere con il bene

(cf o.c. 1), i francescani e le francescane rinunciano

ad ogni forma di violenza per

«uscire dal circolo vizioso del male per il

male» (o.c. 1).

Il difficile cammino della pace

6. Dopo il “secolo buio” delle guerre feroci,

delle dittature brutali, della grave e ingiusta

disparità sociale fra il nord e il sud

del mondo e della guerra fredda, l’inizio del

nuovo millennio era stato pieno di speranza

e anche di entusiasmo per un tempo più pacifico

e più giusto. Ma già i primi anni di

questo nuovo secolo ci hanno dimostrato la

fragilità della convivenza dell’umanità e si

sono aperte nuove spaccature, che minacciano

la pace mondiale e la ricostruzione

del giusto equilibro fra le nazioni. Una catastrofe

quasi apocalittica ci ha poi dimostrato,

con tutta la sua violenza, che l’uomo

ha perso anche l’armonia con il creato. Ci

troviamo oggi davanti a una serie di problemi

che, nel nostro mondo globale, sono in

un certo senso tutti connessi: quelli ecologici,

come l’estinzione di alcune specie, i

cambiamenti climatici e l’inquinamento

dell’ambiente, sono spesso legati a gravi

problemi sociali, come il pesante indebitamento

di tanti Paesi, a sua volta causa di ulteriori

problemi come la povertà, la fame, la

disoccupazione e l’emigrazione. Vi sono

poi strutture di peccato che innescano la

spirale della violenza. Fra queste quella istituzionale

e militare, che spesso si fa oppressione

di cittadini indifesi, quando non

spinge a scagliarsi contro altri popoli,

creando vittime innocenti e suscitando

spesso, come reazione, incontrollabili forme

di terrorismo. Ricordiamo, poi, i vari

fondamentalismi, i nazionalismi e un nuovo

imperialismo che oggi sono all’origine dello

scontro tra le culture e le religioni. La criminalità

internazionale, inoltre, nutrendosi


EX ACTIS MINISTRI GENERALIS

175

8. A partire da questa personale conversione

proponiamo una visione della pace

come superamento del peccato personale e

strutturale, superamento della sofferenza,

del dolore, dell’ira, delle profonde ferite

nella riconciliazione. Come testimoni della

buona novella vogliamo impegnarci nella

nostra missione nel mondo a favore di questo

cammino di riconciliazione, che richiede

di distinguere fra un’azione contro il male,

la violenza, l’ingiustizia, da un agire a

favore della pace e della giustizia, escludendo

ogni forma di violenza per rendere

possibile una vera riconciliazione. La nodel

commercio di droga e di armi, porta la

morte in tanti angoli del nostro mondo. Le

spietate regole, infine, di un mercato che, in

nome della libertà, subordina il valore della

vita a quello economico, privilegiando pochi

e marginalizzando molti, spesso condanna

ad un futuro senza speranza soprattutto

i più deboli: le donne, i bambini, gli

anziani e gli ammalati. A volte sembra davvero

che i semi della pace siano soffocati

dagli interessi del potere politico ed economico,

da queste strutture di ingiustizia e

peccato personale.

Cosa significa, allora, pace in questo

mondo selvaggio e militarizzato Cosa significa

pace in un mondo dove regna un sistema

consumistico e di appropriazione

Che cosa vuol dire pace per gli uomini e le

donne che vivono in zone di guerra Che

cosa vuol dire pace per chi ha perso tutto

Nello spirito francescano, di fronte a tutte

queste situazioni, non possiamo rimanere

passivi o solo spettatori commossi, ma dobbiamo

sentirci chiamati a seguire le orme di

Gesù Cristo che è venuto «per annunziare ai

poveri un lieto messaggio, per proclamare

ai prigionieri la liberazione e ai ciechi la vista,

per rimettere in libertà gli oppressi e

predicare un anno di grazia del Signore»

(Lc 4,18).

Francesco ha abbracciato il piano di Dio

per le sue creature, considerandole una famiglia

di sorelle e di fratelli (cf Cant). Egli

non si è mai chiamato semplicemente

“Francesco”, ma sempre “frate Francesco”.

Essere “fratello” rivelava il suo sentirsi in

relazione con ogni creatura e la sua missione

di sanare le relazioni con docile umiltà

(cf Cant 10-11; 3Comp 14,58). L’azione

della pace è legata a quest’annuncio della

buona novella del Vangelo (cf Ef 6,15) e indirizzata

a tutti gli uomini indifferentemente

dal loro stato sociale e dal loro sesso, dalla

loro razza e dalla loro religione. Rimanendo

fedele al proprio Signore, per la

Chiesa la promozione della pace nel mondo

è parte integrante della missione con cui essa

continua l’opera redentrice di Cristo sulla

terra (cf Compendio della dottrina sociale

della Chiesa, n. 516). Come missionari e

missionarie del Vangelo, e fedeli alla Chie-

sa, vogliamo rinnovare la nostra tradizione

di essere oggi messaggeri della pace evangelica.

Promuovere il bene

7. Poiché la pace comincia ad essere vissuta

come valore profondo nell’intimo di

ogni persona per poi estendersi alle famiglie,

alle nostre fraternità e comunità fino a

coinvolgere tutti gli ambiti in cui viviamo,

per creare una vera e propria cultura della

pace (cf Compendio della dottrina sociale

della Chiesa, n. 495) sarà necessaria la nostra

personale riconciliazione con Dio, con

noi stessi, con i fratelli, le sorelle e con tutto

il creato. Pur essendo questo un momento

molto personale e intimo, tale riconciliazione

deve comprendere anche le nostre

strutture, il nostro stile di vita, il nostro lavoro

e la nostro missione, affinché tutto serva

veramente per la costruzione della pace,

della giustizia e dell’amore. Solo attraverso

una credibile conversione dei nostri cuori,

delle nostre strutture personali, del nostro

stile di vita, del nostro modo di programmare,

pensare e lavorare diventeremo fruttuosi

operatori di pace. Il nostro impegno

per la pace richiede poi, in modo particolare,

di procedere con quello spirito fraterno

che caratterizza in modo speciale la nostra

forma di vita e di non lasciare che alcuni

fratelli e sorelle con una particolare vocazione

profetica si impegnino da soli a favore

della pace, della giustizia e della salvaguardia

del creato.


176 AN. CXXIV – MAII-AUGUSTI 2005 – FASC. II

stra missione di pace non può basarsi su un

atteggiamento caratterizzato dall’essere

“contro”, ma deve nutrirsi della ricerca costante

del bene della vita. Questo agire a favore

del bene comporta lo smascheramento

delle cause del male e la condanna coraggiosa

di ogni forma di violenza ingiustificata,

perché parlare di pace e di giustizia senza

smascherare le istituzioni, i sistemi e i

peccati responsabili dell’ingiustizia, della

violenza e del male è più che ipocrita. Solo

quando le cause della discordia, delle guerre,

dell’ingiustizia e dei piccoli e grandi

peccati umani saranno profeticamente individuati,

sarà possibile una profonda guarigione

di tutte le ferite. Senza una tale guarigione

il cammino verso la riconciliazione

sarà difficile. Noi francescani e francescane

vogliamo giungere a questa guarigione delle

ferite attraverso il dialogo fraterno e caritatevole.

Un dialogo rispettoso che sappia

valorizzare ogni persona, ogni cultura e

ogni religione promuovendo il bene, il bello

e il vero presente nell’altro. Vogliamo

iniziare questo dialogo nelle nostre fraternità

e comunità, nelle nostre famiglie, fra i

nostri istituti francescani, nella Chiesa, fra

le diverse culture e religioni, nei diversi

paesi dove noi siamo presenti, esponendo

noi stessi, assumendo tutte le eventuali conseguenze

e partecipando alla missione e alla

passione di Cristo (cf Rnb 16,10-11). In

modo particolare vogliamo iniziare questo

dialogo nei luoghi di conflitto, di tensione,

di disperazione e di discordia, di intolleranza

e di emarginazione. Con il nostro dialogare

vogliamo dare testimonianza di quel

dialogo salvifico che Dio stesso porta avanti

con l’umanità nel suo Figlio Gesù Cristo

e nella potenza dello Spirito Santo.

A servizio dell’amore

9. Sulla base della nostra ricca tradizione

vogliamo, con la nostra disponibilità al dialogo,

rifondarci nella spiritualità del perdono,

della misericordia e della gratitudine,

per superare, con la vera pace, che solo Gesù

Cristo può donarci (cf Gv 14,27), le piccole

guerre della vita quotidiana e le grandi

guerre del mondo; rifondarci nella spiritualità

della fratellanza e dell’uguaglianza per

superare, con la legge dell’amore (cf Gv

15,9-17), l’intolleranza e le tante forme di

discriminazione e di emarginazione; rifondarci

nella spiritualità della semplicità per

superare, con la stima e la benevolenza per

ogni forma di vita, il consumismo e le tante

forme di abuso contro la vita e il creato. Ritrovando

le nostre radici profonde nella nostra

vocazione francescana non solo possiamo

trovare la pace nei nostri cuori, nelle nostre

fraternità, comunità e famiglie, ma

possiamo anche diventare fruttuosi operatori

di pace e di riconciliazione in questo

mondo.

Ricordando la nostra particolare vocazione

di francescani e francescane di essere

messaggeri della pace in questo mondo, incoraggiamo

e stimoliamo il dono di essere

profeti di un nuovo stile di convivenza basata

sull’amore e sulla familiarità e quindi

sulla nonviolenza, sulla giustizia e sulla cura

integrale della nostra madre terra (cf

Cant); difendiamo il diritto alla vita a tutti i

livelli e la possibilità di accesso alle risorse

essenziali per tutti; in modo particolare soffriamo

e vogliamo essere vicini alle innumerevoli

vittime di questo mondo. A partire

da questa dimensione profetica della nostra

vocazione alziamo la nostra voce a

favore del disarmo a tutti i livelli (cf Compendio

della dottrina sociale della Chiesa,

n. 508s); denunciamo l’utilizzazione di

bambini e adolescenti come soldati in conflitti

armati (cf o.c. 512) e ogni forma di discriminazione

e sfruttamento delle donne;

condanniamo ogni forma di terrorismo;

protestiamo contro ogni forma di colonialismo

o imperialismo militare ed economico;

rifiutiamo i fondamentalismi e le tendenze

all’integralismo; lottiamo con mezzi pacifici

contro le strutture e gli autori di qualsiasi

forma di schiavitù e di soppressione.

Infine supplichiamo il nostro padre san

Francesco e la nostra madre santa Chiara,

grandi promotori della pace e del bene, e

Maria, Regina della Pace, perché ci concedano

di vivere in questo mondo come fedeli

servitori dello Spirito di Gesù, nostra pace

(Ef 2,14).


EX ACTIS MINISTRI GENERALIS

177

Roma, 15 maggio 2005

Solennità di Pentecoste

FR. JOSÉ RODRÍGUEZ CARBALLO

Minister generalis OFM

FR. JOACHIM GIERMEK

Minister generalis OFMConv

FR. JOHN CORRIVEAU

Minister generalis OFMCap

FR. ILIJA ZIVKOVIC

Minister generalis TOR

ENCARNACIÓN DEL POZO

Ministra generalis OFS

SR. CAROLA M. THOMANN

Praeses CFI-TOR

ABBREVIAZIONI

Sacra Scrittura

Lev Levitico

Pr Proverbi

Is Isaia

Mi Michea

Mc Marco

Lc Luca

Gv Giovanni

Ef Efesini

Fonti Francescane

Rnb Regola non bollata

Test Testamento di san

Francesco

Am Ammonizioni

LMin Lettera ad un Ministro

Cant Cantico di frate Sole

1Cel Vita prima di Tommaso da

Celano

2Cel Vita seconda di Tommaso

da Celano

3Comp Legenda dei 3 compagni

LegPer Legenda perugina

Spec Specchio di perfezione

Fior Fioretti

3. “Unione Superiori Generali” Meeting

Roma, 26.05.2005

FORMATION

IN TIME OF REFOUNDATION

The International Congress which we

have celebrated has been, no doubt, a moment

of grace for Consecrated Life in the

Church. Among many other things, because

it has allowed us to meet and to know one

another; to listen, to share and to reflect together;

to pray and celebrate together the

gift of our common vocation. Seeing the

different faces, listening to the different languages

and having an intuition of the great

cultural differences of the participants who

were present, several times I exclaimed

spontaneously praising the Lord for the gift

of so many brothers and sisters1 and for

their differences, since they are gifts from

God and riches for those who know how to

accept them.

But the Congress was not a goal, an end,

but a stage of the long and, some times, also

tiresome journey which consecrated life

is following these “delicate and hard”

times2 . The Congress was not closed on

November 27, 2004. The true Congress was

precisely beginning on that day. Now, in

this hour of “tranquility” and at a just distance

of that celebration, it is up to us not

only to draw up a balance but also to take up

the challenges that the Congress has

launched to the participants and to respond

to them through adequate means, becoming

in this way Samaritan women and Good

Samaritans in the most diverse cultural, social

and religious contexts in which we find

ourselves.

I have been asked to speak about formation

during these times of Refoundation in

the light of the Congress. With pleasure, but

not without fear, I have accepted this task.

Pleasure, because formation is something in

which I really believe and to which I dedicated

many years of my life and I continue

to dedicate many of my best energies. Fear,

because, besides the complexity of the

theme, the Congress did not directly treat of


178 AN. CXXIV – MAII-AUGUSTI 2005 – FASC. II

Formation, something which caused some

surprise if we keep in mind that “the renewal

of religious institutes, fundamentally,

depends on the formation of its members”3

and we are the ones who say and

write that from the Formation that we receive

and give, depends our present and

our future, but above all, because on it depends

the significance of our life as consecrated

persons.

Counting on your understanding and beginning

from an attentive reading of everything

which was said in the Congress, I will

try to point out some challenges with which

Formation is faced today, without any pretension

to be exhaustive, among other

things, because as I already mentioned, formation

was not a theme directly treated in

the Congress. The development of these

challenges will be preceded by pointing out

some basic principles of Formation. I will

end my presentation by referring to some

methodological notes which I believe are

important when we have to respond to the

above mentioned challenges.

1. Some basic principles of Formation

Formation to consecrated life is going

through a difficult moment and, at the same

time, one filled with opportunities. Up until

a short time ago, we limited ourselves to

stable and fixed models, far from the dynamic

paradigms demanded by a reality in

continuous and rapid evolution. Today, we

feel the need of maintaining ourselves on

the furrows, already traced by the charismatic

and formative tradition of our Institutes,

but we also feel the need to open new

paths and to reconsider our models and formative

processes.

We have journeyed a long way in the

field of formation, particularly in the stages

of initial formation. One of the most significant

achievements of the last decades in

this field has been the passing from an educational

model of identification with some

ideals or assimilation of doctrinal and practical

contents, to the concept of Formation

as a personal process of growth. This can

constitute a good starting point so that we

can continue, without losing courage or becoming

weak, the search for new formative

itineraries, which will lead our Institutes to

a renewed vocational fidelity and to a more

significant presence in the Church and in

society. Another significant achievement

concerning formation has been to have

reached an agreement, at least in theory, on

some basic principles to be kept in mind in

permanent formation as well as in initial

formation. I want to speak about these, because

in spite of the agreement reached concerning

them, nevertheless, they have not

always found the opportune or convenient

mediations to put them into practice.

1. Formation has to be integral

Above all, it is necessary to remember,

in order to draw the opportune consequences,

that formation has to be integral,

that is, it has to take into account the persons

as a whole, in all their totality so that

they may develop, in a harmonious way,

their physical, psychic, moral and intellectual

talents and all their human, spiritual

and charismatic dimensions4 .

One of the errors of the formative

method in the past was that of forming the

persons fragmentally. In many cases there

was too much insistence on one dimension,

forgetting others which were also fundamental,

or the development of some talents

was fostered leaving aside others equally

important. It has not been infrequent that

the major concern was to identify the persons

with the things that they had to do according

to the Charisma – teaching, health,

preaching, missions – and thus formation

was only or in great part, given in this direction.

As a consequence, there has been only a

partial and not an integral development of

the person. Very frequently the persons

have not readapted their humanity, crossed

by the breath of the Spirit of God, and finally

did not develop the mystical dimension

of their life.

If we do not want to form “fragmented

personalities”, we have to give impulse and

favour integral formation of the persons in

such a way that, at all moments, the persons


EX ACTIS MINISTRI GENERALIS

179

present themselves “totally, whole”, always

on the way in the following of Jesus, identifying

themselves, not so much by what they

do, but above all by what they are.

2. Formation has to be personalized

It is equally necessary to remember that

formation has to be personalized. Each one

of us is unrepeatable, “unique”. And, each

one of us responds to the call of the Lord according

to his/her unique and original situation.

This implies that formation has to be

“appropriate” to the process of each one, it

must adapt itself to the real rhythm of

growth of each person, so that the values

which formation intends to transmit to consecrated

life may be personally assimilated

by each one.

In this context I think it is convenient

to reaffirm the need for personal accompaniment

which, starting at the concrete

reality of each person being formed,

will stimulate each one of them to attain the

goal of every consecrated life: “conformity

to the Lord Jesus in his total self-giving”5.

This accompaniment will make it possible

to verify the state of the values, how much

they have been interiorized, and this implies

that the values be chosen freely, be authentically

esteemed and that a harmonious behaviour

corresponds to them.

If in the past, because of the homogeneity

of those called, perhaps it was sufficient

to give attention to the formation of

the group, but today, given the unique character

of each one – because of difference of

age and individual experiences, or because

of the diverse degree of human and Christian

culture which they bring with them –

without neglecting the group, much importance

has to be allotted to each person, in

order to find the just equilibrium between

the formation of the group and that of each

person, between respect for the times foreseen

for each phase of formation and its

adaptation to the rhythm of each one”6.

3. Formation has to be experiential

Since the following of Jesus is a life and

not simply an ideology, formation to consecrated

life has to be experiential, that is, it

must favor the concrete experience of the

life-style and of the values proper to the

Charism.

We must also point out that in the past

formation sinned in being too theoretical, in

considering, above all, the assimilation of

the contents, in being too magisterial. Formation

today, without forgetting the contents,

has to look, above all, to the assimilation

of the values proper to the Charism, to

the “progressive assimilation of the sentiments

of Christ towards the Father”7. In order

to respond to this exigency, formation

has to touch the four vital centers of the person:

the intelligence with its contents; the

heart, in so far as it is the see of sentiments;

the hands, that is, has to be practical; the

feet, that is, it has to help us to walk through

life.

But here, it is also necessary to distinguish

between experience and experiments.

In order that a formative activity is an experience

and is not reduced to a mere experiment

it has to be well prepared, well accompanied

and periodically evaluated.

4. Formation has to be permanent

Even more, formation, because of its

own nature, is permanent. Consecrated persons

are not called or consecrated once and

for all. The fulfillment of that to which we

have been called will be attained only, by

grace, after death. In this way, nobody can

truly say that he/she has conformed completely

with Christ, the last objective of formation,

this means that formation is a task of

all our life and that, therefore, it is a process

which “never ends”8. “The consecrated person

can never claim to have completely

brought to life the ‘new creature’ who in

every circumstance of life reflects the very

mind of Christ..., none are exempt from the

obligation to grow humanly and as Religious”9.

To limit formation to a determinate

“season” of life would be to renounce the

possibility of growing in conformity to

Christ and to the adherence to the Charism

and to the mission of one’s own Institute.

The words of Saint Bernard can also be applied

here: “not to advance is equal to going

backward”. Life either progresses towards


180 AN. CXXIV – MAII-AUGUSTI 2005 – FASC. II

maturity or undertakes the way back towards

self destruction. Thus, we always

have to be ready “to begin anew”10.

But there is something more, permanent

formation, considered as a process of continuous

conversion of heart, is an “intrinsic

exigency of religious consecration”11, an

exigency of creative fidelity to our vocation

and mission and is the humus of initial formation.

All this implies that initial formation

should be closely connected with permanent

formation, “thereby, creating a readiness

on everyone’s part to let themselves be

formed every day of their lives”12, and that

in each Entity there should be a Project of

permanent formation which considers each

vital cycle, in such a way, that creative fidelity

is strengthened and each person finds

“a diverse task to carry out, a specific way

of being, of serving and of loving”13.

5. Formation has to be progressive and

gradual

According to the law of progression,

formation is carried out thanks to a slow

evolutional process, and thus it needs a

“broad space of time”14 to assimilate the

values and for the transformation of the

sentiments and of the behavior. That formation

is a gradual process is, therefore,

an exigency, as we have already mentioned

when speaking about personalization,

to be adapted to the degree of evolution

of the persons and to their capacity in

assimilating the values.

Even when we always take into account

the whole of the contents which have to be

transmitted and the values which are to be

“interiorized”, in each one of the stages,

some of them have to be stressed, considering

them more appropriate for that particular

phase and as a basis for the others. This

will avoid that the growth of the person may

suffer interruptions, regressions or contradictions

and will assure the unity in the formative

journey. On the other hand, the evolutional

process implies that each formative

stage should be considered as a continuation

of the previous one and as preparation

for the next one.

6. Formation has to be accompanied

Since in the formative process it is a

question, in the last instance, to transmit a

“form of life” according to the Charism of

one’s own Institute, more than to transmit a

doctrine, formation needs more witnesses

than teachers or masters, transmitters who

will authenticate the word by their life.

Since God the Father, through the Spirit

infuses into the heart of those who are

called the sentiments of the Son, the Formator

par excellence, nevertheless, he uses

human mediations, “placing at the side of

those whom he calls some more mature

brothers and sisters”. They have the responsibility

to show the beauty of the following

of Jesus, to accompany those who are called

on the way of the Lord and to nourish their

lives with solid doctrine and with the life of

prayer, in such a way that throughout their

life, consecrated persons can live fully the

surrender of their love and enthusiasm for

Christ15.

This accompaniment, which is particularly

necessary and effective during initial

formation, is also necessary to attain the

“true growth in Christ”16 for the rest of our

lives, particularly during “the first years of

full insertion in apostolic activity”17.

All this is a reason which makes it urgent

to form “accompaniers”, Formators, men

and women, who join to an adequate human

formation a profound experience of God

and a clear experience of the paths that lead

to God “in order to be capable to accompany

others on this journey”18. In this formation

we put many things at stake. Many

times the crisis of formation are due to the

lack of and to the crisis of Formators. Thus,

it is necessary to “dedicate (to permanent

and initial formation), qualified personnel

and their adequate preparation must be a

priority commitment. We must be very generous

in dedicating our time and best energies

to formation”. Without this “all formative

and apostolic plans remain theory and

useless desires”19.

2. The great challenges launched by the International

Congress on Consecrated Life

to Formation for this life


EX ACTIS MINISTRI GENERALIS

181

From what was said in the Congress I

think that the principal challenges presented

to Formation could be synthesized in three:

to form the person to live the passion for

Christ, to form the person to love life and to

form the person to set free the passion for

humanity.

1. To Form the person to live the passion

for Christ

The first Icon used in the Congress was

the Icon of the Samaritan woman (cf. Jn 4,

5-42). This Icon places us before a reality

which “pursues” every man: the thirst for

plenitude. Like the Samaritan woman, we

too want to quench our thirst definitively so

as not to have to go back to the well to draw

out some water. That thirst for plenitude for

the believer and more for a consecrated person,

can only be quenched in the Lord.

“You made us for yourself, Lord, and our

heart is restless until it rests in you”, will be

the confession of the “seeker of wells” and

of the believing Augustine.

The post-modern culture, certainly, does

not help us so to quench our thirst, which

torments us, in the “source of water welling

up to eternal life” (Jn 4, 13). Far from directing

us to the “spring of living waters” it

constantly stimulates us to go and “draw

water” from “cracked water tanks which do

not hold the water” (Jr 2, 13). The neo-liberal

ideology, sustained by the culture of the

media (mediatic), propagates values which

separate us from this spring, and the religiosity

and spirituality, typical of postmodernity,

the maximum expression of

which is the so called New Age, pushes, particularly,

the youngest, to go from the

“hard” of faith to the “soft” of a syncretism

and religious subjectivism which, far from

leading to a personal encounter with the

God revealed in Jesus, leads to an esoteric

mysticism, to the sacred holism and to the

profound ecologism, without excluding, before

or after, the death itself of God20.

Before this impact, we consecrated persons

continue to affirm that “consecrated

life will only succeed to be born from the

ashes of the post-modern fire if it recovers

the foundation of the experience of God”21;

we continue to confess that the “Person of

Jesus, Christ, is the center of our life”22; we

continue to affirm that the “depth and totality

of this passion for Christ will become,

almost spontaneously, to be total and unconditional

participation in the passion for

humanity 23 ; and we continue to affirm with

Vatican Council II that “the fundamental

norm of the religious life is a following of

Christ as proposed by the Gospel” and that

therefore, that norm “is to be regarded by all

communities as their supreme law”24. All

this means that consecrated life, theologically

speaking, has its foundation in Christ,

to such a point that consecrated persons try

to make contemporary in today’s world, the

way of living of Jesus and the options

which characterized him: “Thanks to the

Spirit who was granted to us, those of us

who belong to consecrated life, try to be the

Memory of the life style and of the gift of

self of Jesus of Nazareth”25.

Starting from this fact, more or less assumed

by all, it is understood that the foundation

of formation cannot be any other but

the personal encounter with Christ and that

formation itself should be considered as a

progressive “conforming with the Lord Jesus

and with his total surrender”, having as

the last objective “the progressive assimilation

of the sentiments of Christ towards the

Father..., in such a way that every attitude

and every type of behaviour manifest the total

and joyful belonging to God”26. In other

words, formation to consecrated life, which

begins with the call from the Lord and the

decision of each one to follow the footsteps

of Jesus Christ, as his disciple under the action

of the Holy Spirit, and which ends with

the visit of “corporal sister death”, will not

attain its last objectives, if formation does

not lead consecrated persons to make the

foundation experience of God in their lives,

so that then we can be witnesses of the transcendence

within history.

As Diana Papa and Bruno Secondin affirmed

during the Congress “humanity

needs to encounter men and women who

move with passion in the mystical dimension

of life, who know how to listen to the

voice of silence, who are in contact with the


182 AN. CXXIV – MAII-AUGUSTI 2005 – FASC. II

flowing of the existence common to all, and

that its word may be resonance of their life

in God. The world needs to see living persons,

who assume in their daily life the sentiments

of Jesus Christ (Phil 2,5)…”27.

Because of this it is urgent that all of us

who have been called to maintain alive the

voice of God in a world which had always

difficulty to listen to him, but at present perhaps,

even more, that we place Jesus in the

center of our options, of our life. Immersion

in Christ is indispensable for the one who

truly wants to be the “sentinel of the morning”

(Is 21,11-12) in this dawn of the Third

Millennium. Personally, I am fully convinced

that the qualitative structure of consecrated

life depends of the pre-eminence

of the Other in our lives; and that this preeminence

presupposes, among other things,

a profound life of prayer. If we want to

overcome what the Congress called “the

phase of anemia of great ideals and evangelical

projects”, through which it is passing,

especially, in the Northern hemisphere28

; if we want to overcome the temptation

of “a reform of updating of little

significance” and “Weak Refoundation”; if

we want to put an end to the fragility of the

message which consecrated life is communicating

today; if we want, finally, to give

alternative responses in the Church and in

the world in which we have to live29, it is essential

to attain what the Congress called a

“significant spiritual concentration”.

All this requires that from the first stages

of formation we propose ourselves and propose

to our young “a counter-cultural project

founded in a profound and solid experience

of God and in a radical following of

Christ”30. It also demands that beginning

with initial formation, men and women of

prayer be prepared, for whom prayer constitutes

a need for their whole life; men and

women whose stages of life be accompanied

by an intense life of prayer31, certain

that it is from there, from a personal, intimate

and profound encounter with Christ in

prayer, from where will be born the proposal

or project of a life all informed by the person

of Christ, of a life polarized by him,

learning to cultivate the same sentiments of

Christ (Phil 2,5)”32. Only like that will we

be able to develop a therapeutic function for

humanity, which is thirsty for God.

How do we prepare ourselves and how

do we prepare our younger brothers for this

complex, delicate and fascinating task

What demands does this imply

Formation for this encounter with Christ

entails:

• To form ourselves and to form others in

the experience of faith. This implies, in

the first place, to assume faith as the

root, heart and foundation of consecrated

life and of its mission, conscious that

faith alone can render more stable the ultimate

foundation of the life project of

the consecrated person. It also presupposes,

to educate ourselves and to educate

in faith, which is not only a simple rational

knowledge, a simple theological reflection,

a simple repetition of formulae

or a simple ideological system or a blind

willful adherence, but rather a personal

encounter with Jesus Christ, a gradual

discovery and existential acceptance of

the reality of God and of man in the light

of Jesus Christ. Finally, it presupposes

forming ourselves and forming others to

assume that faith is a journey which never

ends, a never completed experience,

a search for God, many times very difficult

and hard, an openness to obedience

to the breath of the Spirit, an experience

always in need of being renewed and

which impels us always to begin anew,

as Saint Francis of Assisi would say.

• To form ourselves and to form others in

interiority in the face of the super valuing

of appearances. In the past we have

witnessed a displacement from being

to having. Today, we see, without the capacity

to react, a displacement from

being and having towards pretending.

Ours is the society of marketing. Appearances

direct the life of persons33. We are

in a society of the image and of appearance,

of exteriority. What great care we

take of the wrapping! The culture of the

image and of appearance strengthens the

phenomenon of the supremacy of the

immediate. There is no time to deepen in


EX ACTIS MINISTRI GENERALIS

183

things, there is no place for the great values.

What appears as good at first sight

is good. In this context we must say that

for a personal encounter with Jesus, fostered

in prayer, the practice of faith, of

hope and charity, it is necessary to have

an encounter with one’s own interiority

which leads us beyond appearances, to

the depth of life and which avoids a

strong crisis of truth.

• To perceive the personal moments of solitude

and of contemplation as a requirement

for the encounter with one’s own

interiority, as a gift and an exigency also

to grow in the experience of the living

encounter with the Lord, and in order to

be able to read one’s own life with the

eyes of faith. In this sense I have no

doubt in affirming the great importance

that silence and solitude have for the encounter

with oneself and with the Lord,

on condition that they are not reduced to

isolation or that they are the manifestation

of the incapacity to communicate,

but rather that the person withdraws or

retires in order to be sent.

• To deepen in one’s own vocation and

mission through familiarity with Sacred

Scripture, in such a way that consecrated

persons can found their personal and fraternal

journey – personal and communitarian

discernment – on the Word of

God. For this, it is necessary to liberate

the Word of God from a very academic

and hardly sapiential interpretation, too

moralistic and very little existential. In

this sense it is urgent to have an adequate

biblical formation and a frequent communitarian

practice of Prayerful Reading

on the Word (I avoid using the expression

Lectio divina so as not to think

that this is only proper to monastic tradition).

The Bible should be the companion

on the journey of every consecrated

person. On the other hand, the Prayerful

Reading of the Word evangelizes us and

will help us to take back the Gospel as

the first norm and rule of life34.

• To experience the sacramental life – particularly

the Sacrament of reconciliation

and the Eucharist – as intense moments

of encounter with the Lord, with ourselves

and with others35.

2. To Form the person to set free the

passion for humanity

The second Icon used in the Congress,

that of the Good Samaritan (cf. Lk 10, 29-

37), impels us to the encounter with the other,

no matter how different he may be. From

the encounter with the Other we go to the

other. And this is because since the “Word

became flesh” (Jn 1, 14), the Other and the

other are inseparable, as inseparable are the

Crucified and those crucified. In this way

the Icon of the Good Samaritan is presented

to us as a complement of the Icon of the

Samaritan woman and in turn leads us to affirm

that the passion for Christ is not possible

without the passion for humanity.

At present in our days, we witness the

constant multiplication of persons who are

beaten and naked, left “half dead” on the

border of civilization, marginalized and

many times manipulated, thanks, among

other causes, to the neo-liberal ideology and

consequent depersonalizing globalization.

They are children of God whose dignity is

stepped on, who are waiting for intensely

human presences, who make them feel the

love of God, a real love and not simply a

virtual one36.

In a crucified society, such as ours, we

also, like the Good Samaritan, are called to

get close to the one who is “half dead” on

the edge of the road, to make our neighbor

the one who is far from our interests, from

our likes, from our life. Like the Good

Samaritan, we are called to postpone our

personal projects and to interrupt our journey

to feel touched, affected by the situation

of the “other” and responsible for him. It is

well to recall here what the Working Document

of the Congress said: “The Consecrated

life that wants to have the guarantee of

fecundity must be read in the key of service,

company and solidarity with the persons

who are suffering or are in a situation of

misery; it must find the ways to ... take care

of wounded faces without forgetting to

struggle against violent and unjust systems”37.


184 AN. CXXIV – MAII-AUGUSTI 2005 – FASC. II

Here, we see clearly, what J.B. Libanio

pointed out in his conference to the Congress:

the profound paschal dialectics that

we can only find life and ourselves, when

we lose it, by giving ourselves to the “other”,

taking care of the other38, going from

the concern for oneself to the gift of oneself.

And, precisely, here is the difficulty. Postmodernity

does not help us to enter into this

logic. The present day culture, in fact,

places the “I” in the center! This is nourished

by pleasure, by the subjectivist and

emotional experience, joining the “thirst for

love with the loving disorder”39, to the point

of seeking one’s own fulfillment in the other

and not the personal fulfillment by means

of the other. We are living in a “crucified”

society and in a culture that fears diversity.

Before the “other”, the “different”, we easily

feel insecure. From here comes the tendency

to want to unite ourselves to those

who think like we do and live like we do;

the tendency to form “ghettos”.

Before this tendency it is necessary to

form ourselves and to form others to “free”

our passion for others, so frequently passionate

for the “I”. This formation, among

other things demands:

• Forming ourselves and forming others

for dialogue, not as an sporadic or irregular

act or like a strategy, but like a permanent

way of thinking and acting, which,

besides an adequate preparation in

permanent and initial formation, in study

and research,40 implies:

– Clarifying one’s own identity. There

can be no authentic dialogue without

knowing where we start, without each

one knowing who they are and in

the presence of whom they are,

without being faithful to their own

identity. This fidelity to one’s own

identity, far from being lived in a fundamentalist

attitude, an attitude which

results from fear to think and from

the illusion of a faith without doubts,

has to be lived in a permanent attitude

of listening and of respect, of cordiality

and of sincerity41. These attitudes

alone will lead us to grow in dialogue

constituted by listening and by proclamation.

One cannot construct

one’s own identity by closing up in

oneself, but rather in starting from the

other, from the diverse, from alterity.

Formation in dialogue should be a

chapter of integral development, which

is the objective of formation in accompanying

the person towards the

discovery, the re-appropriation and

the growth in identity.

– Education to face conflicts and for the

critical confrontation with diverse positions

beginning by the passion for

man and his ineludible dignity. As we

well know, conflict is not bad in itself.

It all depends how we manage it. I

think it is very important to educate

others and to educate ourselves adequately

to face conflicts.

• To form ourselves and form others in a

culture of acceptance and of hospitality,

which has its roots in the understanding

of the other as something ineludible.

Post-modern culture, dominated by the

neo-liberal ideology and sustained by

the culture of mass media (mediatic) favors

the creation of narcissist identities,

centered on the fostering of one self, of

appearances... In this context it is urgent

to form ourselves and form others in a

culture of acceptance and of hospitality.

According to me, for this, it is necessary

to overcome the formative models based

on the concept of individual perfection

and of the sacred objectivity, in favor of

the models founded on concepts of encounter

and of dialogue”42.

– Once this principle is assumed from

initial formation, impulse must be given

and lead the persons to get out of

their social surroundings, to leave

aside the securities of their own cultural

tradition, to be able to find, with

faith and in faith, the different one

from self, and, at the same time, to

show how justly, in that abandonment

of self, on this continuous journey of

kénosis towards the “foreigner”, the

person is fulfilled and fulfills his vocation.

– It is urgent to form ourselves and to


EX ACTIS MINISTRI GENERALIS

185

form others to find words capable of

creating communion with persons

who are different. It is indispensable

to form ourselves and to form others

in respect for those who are “different”,

in the capacity to listen and to

take into account the points of view of

those who are different. It is a priority

to form ourselves and to form others

to “embrace”, and not only to “bear or

put up”, with ethnic, cultural and

theological differences in our fraternities

also43.

– In the time of the “virtual relationship”,

it is fundamental to form others

and to form ourselves to live in a relationship

which is at the same time,

profound, free and liberating. It is

only in this type of relationship that

one can be able to listen to the other

in his “alterity”, without falling into

the temptation of reducing him to our

own schema, up to the point even of

eliminating him. It is then a question

of a journey of growth in freedom,

understood as control of one self and

which leads to the donation of self.

• Forming ourselves and forming others

in an incarnated and practical spirituality44.

The post modern culture favors the

loss of the social dimension. In this context

I see that it is necessary to form

others and to form ourselves in a spirituality

rooted in life, with all its density

of injustice and conflict, of hope and

project. This implies:

– Developing a contemplative attitude

capable of listening to God in concrete

life, an contemplative attitude capable

of discovering God in the world

and particularly in the poor. It is necessary

to be very attentive so as not

to fall nor allow others to fall into an

intimist, timid or fleeing, quietist and

interiorist spirituality. It is necessary

to join firmly spirituality and vital

and historical practice, not to empty

spirituality in its action, but rather to

make it a path and a germ of transformation

of reality, first of our own reality

and then of the reality of others.

– Having concrete experiences of life

close to the poorest and with the

smallest, in a condition of minors -

well programmed, adequately accompanied

and periodically evaluated

- which will lead to finding the

path of the poor and to assume a personal

and communitarian style of solidarity

with them. In this sense,

among the criteria of vocational discernment,

should be inserted the

sense of justice, of peace and respect

for creation45. Consecrated life, and

therefore, formation to that life, are

authentic when they are lived, not as a

flight from the world and from history,

but as leaven and impulse

within that history. Formation must

make consecrated persons of today

and of tomorrow, capable of looking

at history with an open mind and

heart, ready to propose to our contemporaries

paths of hope. From that

point of view we want to form ourselves

and form others so as to be able to

establish profound, intimate and significant

relationships in this society

of the “broken ethos”. Humanity, particularly,

the crucified humanity,

needs men and women who move

with passion along life, who are in

contact with the flow of the common

existence of all and that their word

may be a resonance of their life in

God. The world needs men and women

permeated by the sentiments of

Christ (cf. Phil 2, 5), who will be witnesses

through justice, peace, pardon

mercy, tenderness, solidarity, meekness

and love (cf. VC 27).

– Becoming familiar with the diverse

faces of the Crucified. For this it is necessary

to go from a “bourgeois” formation

to an “inculturated” formation;

to go from a “permissive” formation,

where what is important is

that the person being formed may feel

well, at ease, to an “exigent” formation

in which the following of Jesus

Christ is presented in its evangelical

radicalness, exactly the contrary to


186 AN. CXXIV – MAII-AUGUSTI 2005 – FASC. II

what the “pedagogy of consolation”

does46. It is necessary to overcome,

through an experiential formation,

the so called “white schism”, with

which a language is created in contradiction

with what one really feels

and, many times, lives. This implies a

step forward:

– Forming ourselves and forming

others so as to pitch our tent with the

have-nots, the defeated, the excluded,

allowing ourselves to be seduced by

the forgotten cloisters, the inhuman

cloisters where the beauty and the dignity

of persons are constantly blemished

or stained. In this way our option

for the poor will go beyond the proclamation,

beyond words and will

lead us to be poor as they are, to exercise

a prophetic defense of human rights

and be active agents of peace and

justice47.

3. To Form the person to love life

The passion for God and the passion for

humanity leads us to a different vision of

ourselves which has nothing to do with the

anthropological “vision” which was inculcated

in an already obsolete formation, at

least in the documents or with the “vision”

which is presented to us today from the

post-modern culture.

In fact, during a long time, both in permanent

and initial formation, a certain spiritualism

was stressed, and this led to neglect

the integral development of the person and

even to consider the body as the “place” of

sin, forgetting that we have been created in

the image and likeness of God (cf. Gn 1,31),

and to enjoy life as an evil, forgetting that

we have been created to be happy.

On the other hand the post-modern culture

propagates the values of health, the

worship to beauty and of the body, the decisive

character of appearances. We form

part, whether we want it or not, of the kingdom

of the physical and of marketing.

Everything, thanks, at least in part, to the

mass media (mediatic).

Keeping in mind the context of yesterday

and that of today, it is urgent to form

ourselves and to form others in:

• A positive vision of the body, giving it the

depth of “sacrament” which, according

to biblical revelation, it has, in so far as it

is in the “image” and “likeness” of the

Creator without making an idol of it.

Starting from the Mystery of the Incarnation

in which the Son of God took a

body like ours, we consecrated persons

want to form ourselves and form others

to make visible the beauty of the masterpiece

of God, assuming our own corporeity

as ”temple of God” (cf. ICor 3,16).

It is only by integrating the biological,

psychic, social and existential levels and

working tirelessly for interior unification

that we will be able to make visible the

beauty of God’s masterpiece. And, only

in this way, will we be able to show “the

beauty of the following of Christ and the

value of the Charism in which it becomes

concrete”48.

• Affective freedom, “thanks to which the

consecrated person loves his vocation

and loves according to his vocation”49.

At this present moment when consecrated

life is a “counter-cultural” project, it

is important to form ourselves and to

form others to “accept consecration as a

true, beautiful and good reality, which

communicates truth, beauty and goodness

to one’s own existence”50. In order

to attain such a beautiful, as well as difficult

goal, it is necessary to have a specific

formation of affectivity which is far

from a narcissist-adolescent, rigorist or

laxist attitude, and will lead us and our

candidates to feel the call to consecrated

life as a valid and beautiful reason to live.

3. Some pedagogical notes

Reading here and there in the different

conferences of the Congress we can find

some important pedagogical notes.

1. To work beginning with what is lacking

The Samaritan woman as well as the

Good Samaritan are sinners, but in them,

availability to do good is not lacking. Con-


EX ACTIS MINISTRI GENERALIS

187

cretely, if we look at the Icon of the Samaritan

woman we see that she passes from a

defensive and hostile attitude toward Jesus

to an attitude of enthusiastic collaboration

with Jesus, to the point of becoming his

“disciple” and “apostle” of the “Jew” Jesus

before her people. In her there was a true

paschal process. There was a movement in

a way of thinking and judging to another

one, from some structures and convictions

to others. In the case of the Samaritan

woman the true “paschal process” takes

place and what seemed to be definite results

in being provisional51.

All this can be attained thanks to Jesus,

as an expert formator, who works with the

lacks or shortcomings of this woman from

Samaria, who having nothing, does not

have what could be expected so that a Jew

could enter into a profound dialogue with

her. In fact: she is a woman, with all that

this implies in the culture of that time; she

does not belong to the chosen people; she

has no husband... But none of these lacks is

going to be an obstacle for the encounter of

Jesus with her. Jesus accepts her as she is, in

her “poor” reality.

The majority of the subjects of formation

today are “Samaritans”. This is the case

of our young, the many or the few who

come, they do not generally come from protected

places, but from “profane places”

and from the “inclemency” of time. Many

of them have had many “husbands” and the

one they now have is not “their husband”.

Their religious experience, and not only

that, frequently there is much to be desired.

What is more frequent is that in the formative

work it is necessary to begin at zero or

almost there. But also in permanent formation,

many times, not to say always, the subjects

in formation, we have to work from

our lacks, from our “not having”, from our

“not being able”. “Our own poverty, acknowledged

and placed in relationship with

Jesus, is not an obstacle to receiving the gift

of living water, but the best occasion to accept

it and to allow it to well up to Eternal

Life”52. In every formative process it is important,

not to say fundamental, to recognize

the thirst in those who call for the first

time to our religious house and in those of

us who have been living there for some

time. Neither one or the other, is exempt

from the precariousness and vulnerability.

To acknowledge this is the first step so that

the Other can lead us to know the gift of God

and to quench our thirst definitively.

2. Looking for wells and roads together

When one has the experience of one’s

own precariousness, of one’s weak reality,

always fragile and never finished, of one’s

“half death”, like in the case of the Good

Samaritan, and at the same time, has the experience

of having been “taken care of” by

the great Good Samaritan who is Jesus and

that he is being cured, one will not doubt in

feeling that he has been caught up by the

“wounded” one, whether he is a brother in

initial formation or a brother in permanent

formation, and in feeling co-responsible for

his life.

In every process of formation, whether

initial or permanent, it is fundamental to

change our attitude of perpetual “donors”

so as to feel being travelers with those who

travel, seekers with those who seek. In this

context it is important to note, as Dolores

Aleixandre did during the Congress, how

Jesus presents himself in a situation of

abandonment and vulnerability53. And since

we are all vulnerable, it is necessary to convince

ourselves of the importance of accompanying

and supporting the faith of one

another, learning to read life together and to

make it possible for each one to share the

water of his experience”54: on this journey

there are no teachers, we are all disciples

and we are all on the way.

And it is in this way that Jesus overcame

barriers which “separated” him from the

Samaritan woman: the fact of being a

woman, of belonging to a heterodox people

and the many prejudices of ethnic type

which existed on the part of some towards

others; in this same way, it is up to the formator/

accompanier, both in initial and in

permanent formation, to take the first step

towards the one being formed/accompanied

and to accept him in his situation of lacks.

The acceptance of one’s own reality and of


188 AN. CXXIV – MAII-AUGUSTI 2005 – FASC. II

the reality of the other is the first and fundamental

attitude to be adopted by the one

called to be a formator/accompanier.

For this reason, among the characteristics

which should distinguish a formator/accompanier

is that of dedicating a long time

and having much patience with the person

before him, just as God has with all of us

“half dead Samaritans”. To be conformed to

Christ implies a process of a hard conversion,

a very slow process. In this, as in

many other things, haste usually is very

harmful.

3. A provocative/interpretative pedagogy

Jesus, as a very skillful formator/accompanier,

first provokes: “Give me to drink”,

“go, call your husband and then come back”;

and then interprets: “If you knew the gift of

God...”, “all those who drink of this water

will again be thirsty”, “the time is coming in

which neither on this mountain, nor in

Jerusalem...” It is the same pedagogy which

he will use with the two disciples of Emmaus

(cf. Lk 24, 13 ff): “What are you discussing

while you are on the way”, and “beginning

with Moses and continuing with the prophets,

he explained to them what had been written

about him in Scripture”.

This is the “pedagogy” of Jesus: the

provocative/interpretative pedagogy which

is very far from the “Objective pedagogy”,

which pretends to have responses for everything,

and from “subjective pedagogy” concerned

almost exclusively that the subject

in formation “is well, feels at home”. Jesus

begins with the reality of his interlocutor

and accompanies her very closely up to the

point of creating interpersonal relationships

of friendship, “provokes”, brings out from

her the deceitful waters of triviality and of

the desire for self justification and places

before her a decision which she has to take

freely: The Samaritan woman goes to evangelize

her own, the two of Emmaus go back

to the warmth of the community of Jesus

Christ. Jesus does not impose, he offers, or

better still, he offers himself.

This formative “method” of Jesus is the

“method” which every formator/accompanier

should follow. Learning to listen, and

instead of directing, becoming an expert in

asking, in dialogue and in sharing with others

the poverty which makes us all equal.

Conclusion

Many are the challenges that present-day

culture launches to formation for the consecrated

life. Hedonism, immediate consumerism,

the preferential option for pleasure,

the mass media, informatics and electronic

velocity dominate the post-modern

culture.

This has led to a loss of the historical

consciousness, with which the sense of a

definitive commitment with something or

with someone, in many, has fallen or has

been shaken strongly. It seems as if there

are no absolute criteria, valuing only the

present moment. Everything is considered

as present in which superficiality makes it

difficult, if it does not prevent, to take definitive

decisions.

This has also led to a great relativism, or

like Benedict XVI would say, to a “dictatorship

of relativism”. In it everything

seems to be valid and because of this it loses

its validity, and thus it becomes very difficult

to construct one’s own life on the

rock. Everything becomes earthly, movable

and on sand under our feet.

On the other hand, the neo-liberal ideology,

in a context of depersonalizing globalization,

leads to the formation of egocentric

identities. And the individual, placed in the

center, is presented as the axiological principle,

the value-source of the present society.

In the face of all this we find ourselves,

on the one hand, with persons characterized

by a great psychic vulnerability, with serious

difficulties at the moment of assuming

any frustration, to bear the anguish and to

live waiting55. On the other hand we are

present at the birth of the “third man” who

knows the norms, does not protest, but fulfills

them as he sees fit. It seems that it is the

time, as we foresaw before, of the “white

schism” characterized by a twofold language:

one for the great public, the other

one, the existential, the real. These languages,

frequently, are in conflict with one


EX ACTIS MINISTRI GENERALIS

189

another. This is a game of which one is not

always aware…

Formation for consecrated life has to

take into account all this, but not only this.

Formation cannot be satisfied with just getting

through with the challenges which are

presented today to those of us who feel we

are in formation and, perhaps, Formators at

the same time, just to get through. Formation

is called to dare even more and to situate

itself on the “moving” ground, yes, but

also beautiful, that of prophecy. And in so

far as it forms a whole with the journey of

fidelity to the Charism proper of an Institute

in the context of history, it cannot be satisfied

with repeating pre-fixed schema. Formation

is not the possession of the few who

transmit to many, it is not a series of ideas

or of behaviors, it is not subject to what is

taken for granted. Its function is to allow

rays of light present in the night to be foreseen;

to open intuitions, doors and windows

to the novelty of the Gospel; to maintain our

life in an always new response to the

Charism, so that it does not fade in a wearied

repetition; to offer to our brothers and

sisters, to ourselves, sparks of prophecy so

as not to sit down or stand up, so as not to

close up in our tiredness and disillusionment,

but rather so that we can rise and go

towards the novelty which the Kingdom

opens before us.

Our proposal and formative action cannot

continue to offer a “product” already

made and, apparently, ready for each season.

To form others and to form ourselves

has sense if formation is maintained at the

rhythm of life which demands incessant and

– let us acknowledge it – uncomfortable

moments and steps to advance. To form

others and to form ourselves is an act of the

person, of the formator/accompanier as

well as of the person being formed, on condition

that both feel that they are on the way.

To form others and to form ourselves in this

sense does not only prepare the future but it

anticipates it, it allows us to see approximations

and indications or signs.

The time in which we are living and

which we cannot cease loving as the only

space which Providence opens to us to live

fully, provokes us not to stop, not to be satisfied

with what we have received, no matter

how good it is. I think that if something

is lacking in formation for consecrated life,

perhaps, it is this availability to walk and to

look for what is new, allowing ourselves to

be taken up by this search.

FR. JOSÉ RODRÍGUEZ CARBALLO, OFM

1 Saint Francis of Assisi, Testament 14.

2 John Paul II, Vita Consacrata (VC) 13

3 Potissimum institutioni (PI) 1

4 “The method to prepare oneself for it (consecrated

life) should continue and express the characteristic of

totality. It should be the formation of all the person, in

every aspect of his/her individuality (VC 65; cf. VC

71).

5 VC 65. Speaking about personal accompaniment we

must remember that the “personal colloquy, valid for

initial formation as well as for permanent formation,

is an indispensable mediation in verifying the journey

that is being traveled and the discernment in the vocational

process.

6 PI 29

7 VC 65

8 VC 65

9 VC 69

10 Thomas of Celano, First Life of Saint Francis of Assisi,

103.

11 VC 69.

12 VC 65.

13 VC 69

14 VC 65

15 Cf. VC 66 and 70; CIVCSVA, Fraternal Life in Community

(VFC) Rome 1994, 36

16 Cf. VFC 36. On accompaniment cf. Pontifical Work

for Ecclesial Vocations, In verbo tuo..., 1998, 34ff.

17 VC 70

18 VC 66

19 CIVCSVA, Starting Afresh from Christ, 18

20 Cf. Joao Batista Libánio, Impactos de la realidad sociocultural

y religiosa sobre la Vida Consagrada

desde América Latina, en Pasión por Cristo, pasión

por la humanidad. Congreso Internacional de la Vida

Consagrada. Publicaciones Claretianas, 2005, 171.

21 Idem, 175

22 Working group nº. 9, The search for God and the

search for sense, in Passion for Christ, passion for

humanity. International Congress on Consecrated

Life, Publicaciones Claretianas, 2005, 329-330

23 Franc Rodé, Consecrated Life in the School of the

Eucharist, in Passion for Christ, passion for humanity.

International Congress on Consecrated Life, Publicaciones

Claretianas, 2005, 293.

24 Perfectae Caritatis, 2

25 Passion for Christ, passion for humanity. Working

document, n. 106, in Publicaciones Claretianas,

2005, 64.

26 VC 65


190 AN. CXXIV – MAII-AUGUSTI 2005 – FASC. II

27 Bruno Secondin and Diana Papa, “From the well…

to the inn, in Passion for Christ, passion for humanity,

International Congress on Consecrated Life, Publicaciones

Claretianas 2005, 293.

28 Idem 91.

29 Idem.87

30 Idem 78

31 Working group n° 9, The search for God and the

search for sense, in Franc Rodé, Consecrated life in

the school of the Eucharist, in Passion for Christ,

passion for humanity. International Congress on

Consecrated Life, Publicaciones Claretianas, 2005,

293, 328

32 Franc Rodè, Consecrated Life in the School of the

Eucharist, in Passion for Christ, passion for humanity.

International congress on Consecrated Life. Publicaciones

Claretianas 2005, 292.

33 Joao Batista Libánio calls our attention on this phenomenon

within Consecrated Life, cf. art. Ct. 177-

179.

34 On some convictions and lines of action cf. Group 8,

Ploughing the earth of Sacred Scripture, in Passion

for Christ, passion for humanity. International Congress

on consecrated life, Publicaciones Claretianas

2005, 293.

35 John Paul II in the world day of consecrated life of

February 2, 2001, addressed himself as follows: “Find

him and contemplate him in a special way in the Eucharist,

celebrated and adored each day, as the source

and summit of the existence and of apostolic action.

John Paul II, Homily, February 2, 2001, in L’Osservatore

Romano, February 4, 2001. On the same point

see VC 95; Starting afresh from Christ, 26 CIVCSVA,

Contemplative Dimension of Religious Life, Rome,

1981, 9-10.

36 Cf. Bruno Secondin and Diana Papa, art. ct. 90.

37 Passion for Christ, passion for humanity. Working

document n. 106, in Publicaciones Claretianas,

2005, 68.

38 Joao Batista Libánio, art. cit. 176.

39 Idem, 168

40 VC 102

41 VC 102

42 José Rodríguez Carballo, Inter-religious Dialogue

and Formation: Which challenges In Inter-religious

Dialogue, a priority task of consecrated life today,

USG, Rome 2003, 156

43 Cf. Timothy Radcliffe, Religious Life after September

11th, in Passion for Christ, passion for humanity. International

Congress on Consecrated Life. Publicaciones

Claretianas 2005, 203-205.

44 Cf. José Rodríguez Carballo, Justice, Peace and Integrity

of Creation in initial and permanent formation,

in Instruments of Peace, guided by the Holy Spirit,

Rome 2000, 145-147.

45 Cf. Ratio Formationis Franciscanae, Roma 2003,

§215

46 The “pedagogy of consolation intends, by all possible

means, to avoid that the person suffers. Such a pedagogy

forms persons incapable of any sacrifice, renunciation

and suffering and leads to consider values as

relative, giving importance only to the things of the

moment , in the “carpe diem”.

47 On the option for the poor, among other documents,

cf. CIVCSVA, Religious and human promotion. I,1

48 VC 66

49 VFC 37

50 Idem.

51 Cf. Dolores Aleixandre, Seekers of wells and roads,

in Passion for Christ, passion for humanity.

4. Letter to all the Ministers and Custodes

on the Financial Funds at the Curia

Rome, 13th June 2005.

Dear Brother Ministers and Custodes,

May the Lord give you peace!

During the recent meeting of the Presidents

of Conferences, which was held in the

General Curia on the 9th and 10th May

2005, we reflected on “Financial transparency

and solidarity”. I would like,

through this letter, to share with you, dear

Brother Ministers and Custodes, some of

the reflections and information we shared

among us.

Minors, poor and in solidarity

If the “spirit of prayer and devotion” is

the first expression of the discipleship of

Christ according to the “form of life” of St.

Francis and is, therefore, the fundamental

element of the life and mission of the Friars

Minor, and if “communion of life in fraternity”

is what identifies us within the Church

and the world, and is our primary way of

evangelising; it is “minority, poverty and

solidarity” which gives taste to what we do

and are in the Church and in the world, and

which define, characterise and specify our

life in fraternity, the mission of the Friars,

our way of being and living in fraternity and

in the world, and our way of acting in evangelisation.

Our project of life is comprised of living

“sine proprio” (Rb 1,1), among other fundamental

elements summarised in the formula

of profession. Through it we endeavour

to express, above all, our radical commitment

to live the Gospel, our Rule and

life, in the footprints of the poor and crucified

Christ and of His Mother, the “poor little”

Virgin become Church.


EX ACTIS MINISTRI GENERALIS

191

Our vow to live “sine proprio” frees us

from the desire to accumulate, from the insatiable

thirst to possess whatever possible, the

best possible and as soon as possible, since

we have found our “riches to sufficiency”

(PrG 4). It is not a matter of egocentic asceticism,

but a path of justice, of solidarity, of

love for others and with others.

Our profession of poverty –“vivere sine

proprio”- and our condition of “minors”

find their reason for being in the “restoration”

of all goods to the Lord, – “hold back

nothing of yourselves for yourselves, that

He Who gives Himself totally to you may

receive you totally” (LtO 29) -, and their

truly gospel expression in fraternal solidarity,

and are thereby total.

I consider it important to make sure that

none of us is the proprietor of anything. We

are simple administrators of the gifts, even

material ones, which the Lord has given us.

In this context, we must be very clear that

our choice of fraternity and minority, which

is not optional but forms an essential part of

our “form of life”, leads us to make courageous

and coherent options. These are,

among others:

• The option for fraternal finances in solidarity,

wherever we are and live, whatever

the work we do.

• An ethic of justice based on the fact that

we are all brothers and, therefore, we are

all equal and have the same rights.

How could we speak of justice if we are

not just among ourselves The Acts of the

Apostles describe the ideal of the early

community to us in these terms: “The

whole group of believers was united, heart

and soul; no one claimed for his own use

anything that he had, as everything they

owned was held in common... None of their

members was ever in want, as all those who

owned land or houses would sell them and

bring the money from them to present it to

the apostles; it was then distributed to any

members who might be in need” (Acts 4,

32. 34-35).

Unity and affective communion are manifested

in an effective solidarity. We would be

lying if, calling ourselves brothers, some

would have abundance of all kinds of goods

while others were undergoing need (cf. Jm

2,15-16). We would be failing in justice. We

would be lying by calling ourselves brothers

if we were not in solidarity. Solidarity is a requirement

of our being brothers and a manifestation

of a real and concrete fraternity.

On the other hand, we cannot wait until

we are able to meet all our own needs in order

to be in solidarity. We would not lack examples

if we were only to look at the poor from

whom we received all we have. The poor, like

the widow of the Gospel (Mk 12,41ss) or the

widow of Sarepta (1K 17,7ff), are our masters

in solidarity also: These widows, like many

others, “gave from what they had to live” and

therefore merited the praise of Jesus. They

were evangelically poor and therefore were

free with regard to material goods. They were

evangelically poor and, therefore, they were

in solidarity. What does all this teach us

Our Father tells us in the Rule: “Let each

one confidently make known his need to the

other…” (Rb 6,8). Encouraged by these

words and moved by the confidence which

the Friars put in me and by the generosity

which characterises many of them, I can

open my heart to you in order to put before

you some financial situations which are in

need of solidarity from the Order.

Financial Funds of the Curia

I would now like to inform you about the

situation of some “financial funds” of the

General Curia. I am responding, in this way,

to a suggestion from the Presidents of the

Conferences and from a Commission. It is a

suggestion which was accepted with pleasure

by the General Definitory during its

“tempo forte” of May last.

The Jubilee Fund. As you know, this

“fund” was begun on the occasion of the

2000 Jubilee. It is fed from voluntary contributions

from the Entities. In accordance with

the norms approved by the General Definitory

in June 2000 (cf. Prot. No. 089849), the

contributions to the “Jubilee Fund” remain

intact while the interest is used to meet the

needs of the Order in the areas of formation

and evangelisation. Up to the moment only

100,000 Euros from the interest for 2003


192 AN. CXXIV – MAII-AUGUSTI 2005 – FASC. II

have been used for this purpose while the interest

for 2004 has been used to increase the

“Fund” itself, accepting the suggestion of the

“Administrative Council”. This “Administrative

Council” is composed of three Ministers

Provincial, the Bursar General and the Director

of the Development Office. “The Jubilee

Fund” has 3,959,014.50 Euro, contributed by

79 Entities of the Order and 53 Benefactors.

My thanks go to those who contributed to this

“Fund”. I would also like to remind you that

this “Fund” is still open for further donations.

The Fund for Formation and Studies.

This “Fund” is fed from the free contributions

of the Entities. During the month of

January each year, a full account of the

monies received and their destiny is sent to

all the Entities. Everything received is given

out in scholarships to students of our

more needy Entities and for other needs in

the area of formation and studies in the said

Entities. The granting of help is approved

by the General Definitory after receiving a

proposal from the “Commission for Financial

Help” of the Curia. The “Fund” is diminishing

considerably, so much so that

now the Curia can no longer attend to all the

requests which arrive to the Curia.

The Fund for Evangelisation. This fund

is fed through the 6% of all income that the

Entities receive for missionary evangelisation,

which should be sent to the Curia, according

to a decision of the 2003 General

Chapter. Thanks to this fund we can meet

the costs of the missionary projects of the

Order: Russia-Kazakhstan, Thailand,

Myanmar, Africa... Poor Entities are also

helped in some missionary activities

through the fund. The Secretariat for Evangelisation

sends a detailed report on the

management of this Fund to each Minister

and Custos each year.

The Fund for the re-structuring of the

General Curia. Thanks to voluntary contributions

from the Entities of the Order and

other “private” help, we were able to initiate

the work of re-structuring the General

Curia, approved by the General Definitory

and with the consent of the Assembly of

Presidents, on the 1st September 2004.

When the work has been completed you

will be informed of all the contributions and

expenses.

A New Fund:“The St. Francis Solidarity

Fund”. Having received the consent of the

Presidents of the Conferences and being approved

by the General Definitory, this

“Fund” is aimed at meeting unforeseen expenses

which come up in the Universal Fraternity

each day. The money of this “Fund”

will be used for cases of emergency only:

Illness and medicines, basis necessities

(e.g., drinking water), natural catastrophes…

The Curia will give opportune information

about the destiny of the money

from the Fund to everyone. The Fund will

be fed through voluntary contributions

from the Entities. Because I know of these

needs, which I presented briefly during the

recent meeting of the Presidents of the Conferences,

I feel the need to call on the Entities

that have the means to show their solidarity,

remembering that “there is more joy

in giving than in receiving”.

Concluding

Dear Brothers: I know that the poor Entities

have to move towards self-financing.

The Curia must also seek alternative

sources in order to resolve its financial

problems. I know we have a long way to go

in this matter. I take up that challenge and

will do all I can to help the younger and

poorer Entities to prepare for their future

adequately in what refers to finances also.

Together with the General Definitory we

will seek alternative funds to help cover the

expenses of the Curia and of the dependent

Houses. I promise total transparency in the

administration of the “Financial Funds of

the Curia” as I have a clear awareness of the

fact that nothing is mine and that everything

is ours.

I call down the blessing of the Seraphic

Father, St. Francis, on you all and greet you

with fraternal affection.

BR. JOSÉ RODRÍGUEZ CARBALLO, OFM

Minister General

Prot. No. 095781


EX ACTIS MINISTRI GENERALIS

193

5. Lettera del Ministro generale sugli

Studi

PREMESSA

IL SAPORE

DELLA PAROLA

La vocazione intellettuale

dei Frati Minori oggi

Viviamo un tempo complesso, drammatico

e magnifico, segnato in profondità da

cambiamenti del tutto nuovi. Un tempo che

ci sfida ad una capacità rinnovata di incontro,

di ascolto e di dialogo. Non certo in modo

funzionale, ma semplicemente perché

amiamo l’uomo, creato a immagine e somiglianza

di Dio in Cristo, Verbo Incarnato.

Questa Lettera a tutto l’Ordine, in concomitanza

con l’elevazione ad Università Pontificia

dell’Antonianum, è nata in me dall’urgenza

di ricordare a noi tutti l’importanza di

vivere in questo tempo pieni di passione per

l’uomo, al quale annunciare con parole saporose

la lieta notizia dell’amore senza limiti

di Dio. Cerchiamo parole piene di sapore,

di spirito e vita, per coltivare questa

passione per Cristo e per l’uomo. L’attività

intellettuale ci può aiutare in questa ricerca.

Per questo ritengo urgente proseguire la

riflessione sul valore e il luogo proprio degli

studi e della ricerca scientifica nell’Ordine,

in continuità con i documenti degli ultimi

quarant’anni, tempo segnato profondamente

dalla grazia del Concilio Ecumenico

Vaticano II1. In quei testi risalta in modo

netto il nesso tra gli studi e l’evangelizzazione,

che è una delle essenziali ragion

d’essere dell’Ordine. Questo percorso è stato

ripreso e approfondito dal Capitolo Generale

1991, dal Consiglio Plenario del

2002 e dal Capitolo Generale del 2003. Infatti,

- come ci ha detto con forza Giovanni

Paolo II nel 1991 - «occorre considerare la

formazione intellettuale come un’esigenza

fondamentale dell’evangelizzazione»2.

Avverto con forza che questo cammino è

coerente con quello del nostro Ordine verso

l’VIII Centenario della sua fondazione. Anche

oggi «l’edificio dell’Ordine deve essere

costruito su due pareti, cioè sulla santità di

vita e sulla scienza»3. Ci proponiamo di rispondere

al dono della nostra vocazione

coltivando una maggiore qualità della nostra

vita - è il cammino della santità - e avvertiamo

nello stesso tempo che «oggi è più

che mai necessario promuovere nel nostro

Ordine la formazione intellettuale»4.

Nella «grazia delle origini» troviamo,

infatti, all’interno della vocazione a vivere

e a testimoniare il Vangelo come fratelli,

quella di annunziare la Parola di Dio nell’ascolto

e nel dialogo, in comunione con la

Chiesa. Il percorso di san Francesco resta

esemplare (prima parte).

Questo sforzo ha accompagnato la storia

della nostra Famiglia, esprimendosi soprattutto

nell’urgenza missionaria, caratterizzata

dall’incontro con le culture, cioè dall’ascolto,

e dalla preparazione severa richiesta

agli annunciatori della Parola che salva, in

vista del dialogo! (seconda parte).

Su questi temi siamo abbastanza preparati.

Mi sembra che ci resti ancora molta

strada da fare per l’incontro della Parola

con le parole molteplici dell’uomo. In breve,

si tratta del dialogo con la cultura, anzi

con le culture, divenendo artigiani umili e

coraggiosi di ascolto e di dialogo, discepoli

prima che maestri (terza parte).

Non si tratta di studiare solo in vista delle

sfide dell’evangelizzazione. È in gioco qualcosa

di più e di più esigente. Si tratta di acquisire

l’habitus del cogitare, l’arte del pensare

come arte sapienziale di vita, di fede e di

carità. È dunque possibile parlare di una vocazione

intellettuale dei Frati Minori Sì,

sempre nell’unità della nostra forma vitae,

per cui «lo studio, come tutte le altre cose

della nostra vita in fraternità, deve essere innestato

sul vigore spirituale di san Francesco»5,

in modo tale da diventare una base necessaria

per la formazione francescana.

Ecco il cammino che in queste pagine desidero

fare con voi tutti, cari Fratelli. Rivolgo

un’attenzione particolare a quei Fratelli

che consacrano la vita alla ricerca, all’insegnamento

e alla pubblicazione. Apprezzo il

loro servizio, che ritengo molto importante

per la Fraternità, per lo sviluppo e la compressione

adeguata del nostro carisma e per


194 AN. CXXIV – MAII-AUGUSTI 2005 – FASC. II

lo svolgimento dell’evangelizzazione, munus

specifico della nostra vocazione.

Con questi sentimenti inizio la mia riflessione,

confortato dalla presenza e dai volti di

tanti Fratelli, che so cercatori assidui e appassionati

della Vita, della Verità e del Bene, che

risplendono sul volto di Cristo e che non ci

stanchiamo di ricercare nei volti di tanti uomini

e donne del nostro tempo straordinario e

drammatico e nei segni dei tempi.

1 Parola, vita fraterna e annuncio in

san Francesco

1. La grazia delle origini

Nell’insieme delle fonti scritte che illustrano

le componenti essenziali del carisma

francescano, non esiste una sintesi paragonabile

per completezza e lucidità alle poche

righe con le quali frate Francesco nel suo

Testamento descrive la nascita della prima

Fraternità: «E dopo che il Signore mi dette

dei fratelli, nessuno mi mostrava che cosa

dovessi fare, ma lo stesso Altissimo mi rivelò

che dovevo vivere secondo la forma

del santo Vangelo. Ed io la feci scrivere con

poche parole e con semplicità, e il signor

Papa me la confermò» (Test 14-15).

Ecco perché è giusto parlare di “grazia

delle origini”: grazia è l’arrivo dei fratelli,

nel quale si rinnova il dono dei discepoli al

Signore Gesù: «Erano tuoi e li hai dati a

me» (Gv 17,6; Rnb XXII, 42-43); grazia è la

rivelazione del Vangelo come “forma” di

vita per la fraternità-in-missione, avvenuta

nella triplice apertura dei Vangeli, dove ai

due passi sulla chiamata: «Se vuoi essere

perfetto, va e vendi tutto quello che hai e

dàllo ai poveri e avrai un tesoro nel cielo; e

vieni e seguimi» (Rnb I, 2; cfr. Mt 19,21; Lc

18,22); «Se qualcuno vuol venire dietro a

me, rinneghi se stesso e prenda la sua croce

e mi segua» (Rnb I, 3; cfr. Mt 16,24); si

aggiunge l’invio in missione dei settantadue

discepoli: «Quando i frati vanno per il

mondo, non portino niente per via, né sacco,

né bisaccia… E in qualunque casa entreranno

dicano prima: Pace a questa casa»

(Rnb XIV, 1-2; cfr. Lc 10,4-5; Anper 11

e 3Comp 29).

Grazia è la conferma della norma scritta

di vita evangelica da parte del «Signor Papa»,

nella quale Francesco e i primi compagni

sentono perdurare il mandato conferito

a Pietro di “confermare” i suoi fratelli: «io

ho pregato per te, che non venga meno la

tua fede; e tu, una volta ravveduto, conferma

i tuoi fratelli» (Lc 22,32).

Ogni domanda sul carisma delle origini,

fatta per avere indicazioni di risposta ai

problemi e alle domande del nostro tempo,

dovrà muoversi dentro questo triangolo di

grazia:

• la chiamata di Francesco e dei primi

compagni a vivere la sequela e l’annuncio

in fraternità;

• il Vangelo e la parola di Dio che si traducono

in norme di vita;

• la comunione indefettibile di fede e di

opere con la Chiesa.

2. Francesco uomo «senza cultura»

Questa indicazione di metodo è tanto

più necessaria nei settori problematici,

come quello degli studi, dove una linea ricorrente

di pensiero che risale alle stesse

fonti biografiche ha insistito sulle autodefinizioni

di Francesco come uomo «senza

cultura» (LOrd 39; Test 19) e sugli spunti

polemici contro la «sapienza di questo

mondo» (Rnb XVII, 10), per contrapporre

ricerca amorosa di Dio e ricerca di “scienza”

e conoscenza, semplicità di vita e impegno

nello studio.

Una lettura attenta e serena degli

Scritti di Francesco, con particolare attenzione

ai testi normativi, aiuta a superare

quelle contrapposizioni. La tensione al conoscere

e l’amore alla Parola di Dio si intrecciano

fra loro lungo l’intero arco dell’esperienza

evangelica di Francesco, dall’invocazione

che apre il più antico dei suoi

scritti, «Altissimo, glorioso Dio, / illumina

le tenebre de lo core mio», ricalcata sul salmo

«Dio mio, illumina le mie tenebre» (Sal

17,29), fino all’illuminante conclusione

dell’Ammonizione VII: «E sono vivificati

dallo Spirito della divina Scrittura coloro

che ogni scienza che sanno e desiderano sa-


EX ACTIS MINISTRI GENERALIS

195

pere (omnem litteram quam sciunt et cupiunt

scire), non l’attribuiscono al proprio

io carnale (corpori), ma la restituiscono con

la parola e con l’esempio all’altissimo Signore

Dio, al quale appartiene ogni bene».

Si noti la forza dell’affermazione: anche il

conoscere la “cultura scritta” (littera implica

sempre questa accezione) e il “desiderare

di sapere” sono pienamente conformi alla

vita nello Spirito, purché siano finalizzati

alla lode divina e tradotti in vita

esemplare.

La “scienza”, dunque, è un luogo teologico

di rivelazione in cui lo Spirito, attraverso

la Parola, discende per farsi incontro all’uomo.

Se vissuto con questo spirito lo studio

non può che suscitare il rendimento di grazie

che si esprime nella restituzione a Dio (reddunt

ea Deo cuius est omne bonum) attraverso

parole ed esempi (verba et exemplo).

È un pensiero che non solo conferma l’amore

straordinario di Francesco per le «divine

parole scritte», da lui insistentemente

raccomandate, ma spiega anche perché la

Scrittura ha tanto spazio nei suoi Scritti, letteralmente

intessuti di citazioni, reminiscenze,

applicazioni vitali della Parola di

Dio. Non sorprende, di conseguenza, che

per Francesco «regina» delle virtù non sia la

povertà, come affermato a lungo, ma la sapienza,

riflesso della luce perenne del Verbo

incarnato: «Ave, regina sapienza, il Signore

ti salvi con tua sorella, la santa pura semplicità»

(Salvir 1). Nella lauda francescana

le virtù sono disposte in una successione

che risponde al dinamismo della vita cristiana

secondo lo Spirito: la regina sapienza

deve essere tradotta in parole ed opere

dalla santa, pura semplicità, e vivere la sapienza

significa seguire l’umiltà e la povertà

del Signore nostro Gesù Cristo, il quale

è per noi modello di carità e obbedienza

al Padre e ai fratelli.

3. I libri e la predicazione

All’interno della Fraternità delle origini,

la prima forma scritta di vita approvata da

Innocenzo III (1209) si sviluppa progressivamente

sino a costituire la Regola non bollata

(1221), un testo dove ogni norma sulla

vita comunitaria e sulle modalità della missione

nasce costantemente all’interferenza

tra la parola del Vangelo, le aspettative dei

tempi e le indicazioni della Chiesa. Le Costituzioni

del Concilio Lateranense IV

(1215) avevano disposto che i vescovi assumessero

«uomini idonei, potenti in opere e

in parole, per esercitare salutarmente l’ufficio

della santa predicazione» (art. 10), e

che ogni chiesa metropolitana avesse «un

teologo, che istruisse i sacerdoti e altri nella

sacra Scrittura» (art. 11).

Le disposizioni si riflettono innanzitutto

nel testo della Regola del 1221, che non solo

provvede a fissare norme e “spirito” della

predicazione (cap. XVII), ma dispone

inoltre che i chierici possano avere «i libri

necessari per adempiere al loro ufficio»

(possint habere tantum libros necessarios

ad implendum eorum officium) (Rnb III,7).

Una recente indagine, estesa dalle fonti

francescane alla letteratura cristiana medioevale6,

ha mostrato senza ombra di dubbio

che l’espressione ad implendum eorum

officium si riferisce non all’ufficio liturgico,

ma all’intero “ufficio” dei chierici, ai quali

dunque vengono concessi gli strumenti librari

indispensabili per la Liturgia delle ore,

l’Eucaristia e la predicazione.

La stessa indagine ha messo in luce che

anche la tanto discussa proibizione «et non

curent nescientes litteras litteras discere»

(Rb X,8) non significa «e coloro che non

sanno di lettere, non si preoccupino di apprenderle»,

ma più precisamente «e quelli

che non sanno leggere, non si preoccupino

di imparare», in omaggio alla norma paolina

che «ciascuno rimanga nella condizione

in cui era quando fu chiamato» (1Cor 7,20;

Rnb VII,6), risolvendosi di fatto in una disposizione

legata alla situazione culturale

del tempo e difficilmente applicabile ad una

società come quella del terzo millennio, dove

l’alfabetizzazione in moltissimi paesi ha

raggiunto la quasi totalità dei cittadini.

Rispecchiano contemporaneamente la

centralità della Parola e le disposizioni della

Chiesa le severe norme per i predicatori

inserite nella Regola bollata (1223), la quale

ordina che «nessuno dei frati osi assolutamente

predicare al popolo, se prima non


196 AN. CXXIV – MAII-AUGUSTI 2005 – FASC. II

sia stato esaminato ed approvato dal ministro

generale di questa fraternità e dal medesimo

non gli sia stato concesso l’ufficio

della predicazione» (Rb IX,2): e siccome

ogni esame richiede una preparazione adeguata,

questa non poteva essere conseguita

se non attraverso l’ascolto orante, la lettura,

e naturalmente lo studio della Parola di Dio,

perché «a pochissimi lo spirito di sapienza

è dato miracolosamente, senza studio delle

lettere» (S. Giovanni da Capistrano). Ricalcata

allusivamente su un versetto salmistico

(«Eloquia Domini eloquia casta, argentum

igne examinatum») (Sal 11,7), la successiva

esortazione ai predicatori perché «nella

predicazione che fanno, le loro parole siano

esaminate e caste» (Rb IX, 3), è invito accorato

ad annunciare solo la parola di Dio,

libera da scorie umane e purificata dal fuoco

dello Spirito. Secondo l’intuizione del

mio predecessore Fr. John Vaughn, «è proprio

la consapevolezza del “mandato” ricevuto

dalla Chiesa di predicare la penitenza

tra i fedeli e tra gli infedeli e l’obbedienza

alla Chiesa, a convincere san Francesco

circa la necessità degli studi e lo spinge a

fondare una “Scuola Teologica”»7.

Questo insieme di disposizioni, concessioni,

esortazioni costituisce infatti l’antecedente

legislativo della importante Lettera

a frate Antonio, dove l’appellativo «vescovo»

allude verosimilmente al mandato episcopale

della predicazione, al quale il fondatore

dell’Ordine aggiunge quello dell’insegnamento:

«A frate Antonio, mio vescovo,

frate Francesco augura salute. Ho piacere

che tu insegni la sacra teologia ai frati, purché

in questa occupazione tu non estingua

lo spirito dell’orazione e della devozione,

come sta scritto nella Regola». In linea con

le Costituzioni lateranensi, l’insegnamento

di frate Antonio era sicuramente rivolto ai

frati «che sono e saranno e desiderano essere

sacerdoti dell’Altissimo» (LOrd 14), dove

il verbo desiderano non può riferirsi che

a chierici in attesa di essere promossi al sacerdozio

e quindi alla predicazione, mentre

all’intera fraternità è indirizzata una raccomandazione

parallela del Testamento, che

appare una sorta di sigillo di autenticità della

stessa lettera a frate Antonio: «E tutti i

teologi e quelli che amministrano le santissime

parole divine, dobbiamo onorarli e venerarli

come coloro che ci amministrano lo

spirito e la vita» (Test 13).

La «santa, pura semplicità», sembra dire

tra le righe Francesco, non è la virtù di chi

ignora la Parola di Dio, ma di chi l’ascolta e

la studia con fede, la medita assiduamente

con animo orante, e per la forza dello Spirito

la vive e la annuncia con l’esempio e con

le parole.

Era dunque in linea con il pensiero del

fondatore e con la legislazione primitiva il

Dottore Serafico san Bonaventura, non

sempre giudicato equamente dagli studiosi

del nostro tempo, quando in polemica con i

maestri secolari ribadiva con forza il dovere

dei Frati Minori di attendere allo studio

della Parola e il loro diritto a disporre dei libri

indispensabili: «La Regola alza la voce

e impone espressamente ai frati l’autorità e

l’ufficio della predicazione (cfr. Rb IX), cosa

che non credo si ritrovi in altre Regole.

Se dunque non devono predicare favole, ma

le parole divine; e queste non possono conoscerle

se non leggono; né leggere se non

hanno i testi scritti: è del tutto ovvio che appartiene

alla perfezione della Regola avere

i libri così come predicare. E come non è

contrario alla povertà dell’Ordine avere

messali per cantare la Messa e breviari per

dire le Ore, così non è contrario avere libri

e Bibbie per predicare le parole divine»8.

Se è vero che lungo i secoli i movimenti

di riforma dell’Ordine sono partiti normalmente

con tendenze alla vita solitaria e contemplativa,

è altrettanto vero che dopo qualche

tempo hanno sempre riscoperto la dimensione

“pastorale” del carisma9, in

omaggio alla parola di Francesco: «Lodatelo

perché è buono ed esaltatelo nelle opere

vostre, poiché per questo vi mandò nel mondo

intero, affinché rendiate testimonianza

alla voce di lui con la parola e con le opere»

(LOrd 29).

Si è già detto dell’insistenza con la quale

Francesco esorta a venerare «le divine

parole scritte, … onorando nelle sue parole

il Signore che le ha pronunciate» (LOrd 35-

36). Sarà importante aggiungere che il santo

di Assisi, vero puro di cuore capace di ve-


EX ACTIS MINISTRI GENERALIS

197

dere in ogni cosa il Dio Bellezza somma,

Luce eterna, Bontà fontale, aveva grande rispetto

per ogni testo scritto, sacro o profano,

come risulta da un episodio emblematico

narrato da Tommaso da Celano: «Una

volta un frate gli domandò perché raccogliesse

con tanta premura perfino gli scritti

dei pagani e quelli che certamente non contenevano

il nome di Dio, ed egli rispose:

“Figlio mio, perché vi sono le lettere con

cui si può comporre il santissimo nome del

Signore Iddio; d’altronde, ogni bene che vi

si trova, non va riferito ai pagani o ad altri

uomini, ma soltanto a Dio, fonte di qualsiasi

bene!”» (1Cel 82; cfr. anche 2Cel 165).

Il “detto” di Francesco non ritorna nei

biografi successivi, forse intimiditi dalla

sua straordinaria apertura religiosa e culturale,

ma certamente si applica bene all’attività

di quei Frati Minori che lungo i secoli

hanno predicato, tradotto e commentato i

testi sacri in altre lingue, convinti che ogni

lingua e ogni cultura ha in sé la possibilità

di accogliere e riproporre il “bene” delle

Scritture10.

2 La Parola nella storia del Carisma

1. L’incontro con le culture

Giovanni da Pian del Carpine, Giovanni

da Montecorvino, Odorico da Pordenone e

Giovanni di Marignolli, evangelizzatori

della Cina, andavano scalzi, indossavano

l’abito della penitenza come i più poveri

spirituali, ma erano persone di buona formazione

intellettuale che, attraverso lo studio,

seppero mettersi in ascolto di culture

diverse da quelle da cui provenivano: sappiamo

di loro che parlavano lingue come

l’armeno o il tartaro; che Giovanni da

Montecorvino (1247-1328) celebrò la Messa

secondo il rito romano, ma pronunciando

in espressione tartara «tanto le parole del

canone come del prefazio (tam verba canonis

tam prefationis)»11; che scrisse per il

gruppo mongolo degli Ongut trentadue inni

e che tradusse nella loro lingua il Nuovo

Testamento e il Salterio.

L’estrema fiducia nella possibilità della

parola, o del linguaggio, da parte di Raimondo

Lullo (1235-1316), è risultata determinante

per il superamento dell’idea di crociata

di stampo medievale. La profezia del

Lullo, riguardo all’educazione religiosa e

alla preparazione linguistica e culturale dei

missionari, sembra trovare rispondenza tre

secoli più tardi, nei consigli dati dal cappuccino

Girolamo da Narni al papa Gregorio

XV, in vista dell’istituzione della Congregazione

di Propaganda Fide (1622).

Cultore della lingua biblica si dimostrò

Francesco Ximenes de Cisneros, umanista

e riformatore, con la fondazione dell’Università

d’Alcalà (1499), grazie alla quale fu

realizzata la prestigiosa Bibbia Poliglotta.

Attinsero alla sua riforma degli studi, incentrata

sul ritorno alle fonti e alle lingue

originali, anche i missionari che lasciarono

la patria per evangelizzare le Americhe: Andrés

de Olmos, Toribio Motolinía, Jerónimo

Mendieta, Juan de Torquemada, Jan Bautista

Viseo ed altri. Uno di loro, Bernardino di

Sahagún (1499-1590), affascinato dalla lingua

e dalla cultura locale, spese ben

trent’anni della sua vita nella raccolta di dati

sulle società precolombiane (Codex Florentinus)12.

In tal modo giunse a comporre

inni con l’utilizzo dell’idioma degli indigeni

e, ricorrendo alla saggezza dei loro proverbi,

tentò di tradurre il cristianesimo secondo

i canoni della cultura azteca. Egli sognava

una repubblica indiana e spagnola

nell’obiettivo di superare, con il principio

dell’unità della fede, le distanze culturali.

Assertore dello studio della cultura locale

per l’evangelizzazione fu anche Luis Bolaños,

redattore del primo catechismo in

guaraní - e fondatore delle prime riduzioni

del Paraguay -, il quale fu uno dei protagonisti

del sinodo di Assunción, convocato dal

confratello Martin Ignacio di Loyola, vescovo

di Rio della Plata (1601). La fama di

quest’ultimo è dovuta, in modo particolare,

al suo Itinerario: un diario di viaggio in Cina

che, grazie ad una estesa e fulminea diffusione,

contribuì non poco ad accendere

l’interesse dell’Occidente nei confronti dell’Impero

celeste. Martin Ignacio di Loyola,

che per ben tre volte coprì la circonferenza

del globo, ridusse le distanze geografiche e


198 AN. CXXIV – MAII-AUGUSTI 2005 – FASC. II

allargò gli spazi della comunicazione. Suo

emulo nella concezione della globalizzazione

culturale può essere ritenuto anche il

Frate Minore conventuale veneziano Vincenzo

Coronelli (1650-1718), il primo a

realizzare dei globi di grandi dimensioni, richiesti

proprio dal re Luigi XIV, per la reggia

di Versailles.

2. L’ascolto si fa dialogo

Il mondo diverso dell’altro, ascoltato,

amato, studiato, compreso nelle sue espressioni

culturali e linguistiche più varie, è così

diventato per i nostri Frati il luogo proprio

del dialogo e dell’annuncio: luogo che

accoglie la Parola, l’arricchisce delle risonanze

tipiche di ogni popolo e di ogni cultura,

la rende accessibile a tutti.

Si capisce allora perché il catechismo di

Pedro de la Piñuela, in lingua cinese, Ch’u

hui wên-ta, pubblicato per la prima volta

nel 1680, venne utilizzato per oltre due secoli,

conoscendo numerosissime edizioni,

l’ultima delle quali nel 192913. Pedro è un

meticcio, espressione corporea dell’interculturalità

e prodotto culturale del Messico,

quel paese diventato ponte tra Oriente Occidente

e nuovo centro del modo missionario

francescano. Pedro non è tuttavia solo

un divulgatore, ma anche un linguista. Lo

prova il fatto d’aver rielaborato, per necessità

legate all’evangelizzazione, la grammatica

del confratello Basilio Brollo, celebre

per aver redatto il primo dizionario

completo cinese-latino (1694)14.

Figure eccezionali sono anche quei francescani,

come ad esempio Giovanni Wild,

che nel confronto con i riformatori protestanti

preferivano lasciare da parte il metodo

della controversia, per insistere invece

sulla “parte vera, affirmativa, Catholica”15.

Una forma particolare di predicazione fu

anche quella adottata dalla diplomazia cappuccina

francese, incarnata in modo eminente

da Giuseppe le Clerc da Tremblay,

conosciuto come «la petite eminence grise»

di Richelieu, o quella, per così dire, della

politica spagnola dell’Immacolata, alla

quale va collegata in qualche modo la rinascita

scotista promossa dal Luca Wadding e

da altri francescani italiani della famiglia

conventuale.

La figura di Leonardo da Porto Maurizio

(1676-1751), scelta dalla Chiesa come patrono

delle missioni popolari, merita una

qualche sottolineatura. Egli, quale scotista

convinto, propugnatore della dottrina dell’Immacolata

- tanto da suggerire al papa

una modalità per proclamarne il dogma senza

radunare un Concilio -, sottile diplomatico

nella mediazione tra fazioni politiche

avverse, rappresenta bene lo spirito francescano

nel secolo culturalmente più avverso

alla figura del Santo di Assisi. Leonardo,

confidente di Benedetto XIV - uno dei pochi,

se non l’unico papa ad esser lodato da

Voltaire -, fu invitato a predicare il Giubileo

del 1750, durante il quale venne inaugurata

la prassi della Via Crucis al Colosseo. L’originalità

della sua predicazione consiste,

come spiega egli stesso, nel porsi a metà

strada tra la teatralità dei gesuiti e l’intellettualismo

dei figli di san Vincenzo16. La devozione,

incentrata sulla rappresentazione

del mistero della Passione, riproduce l’attaccamento

dei francescani ai luoghi santi

della Palestina, riproposto lungo i secoli attraverso

diverse forme, non ultima quella

del Monte Sacro di Varallo.

In tempi più vicini a noi, un autentico

traduttore della Parola, nel vero senso del

termine, può essere ravvisato in Gabriele

M. Allegra (1907-1976). La sua traduzione

della Bibbia in cinese dai testi originali riproduce

la visione francescana della missione

quale opera di propagazione della Parola.

Interprete del pensiero scotista, egli

sembra trasferire in campo biblico la dottrina

del primato di Cristo, sostenuta dal Dottor

Sottile, ponendo in risalto il primato della

Parola.

3. Una fraternità che annuncia

L’opera di questi uomini di genio, non

avrebbe potuto diventare patrimonio comune,

né assumere continuità nell’alveo di una

tradizione, se non fosse stata dotata di strutture

organizzative.

Uno tra i più efficaci organizzatori del

sapere francescano è senz’altro Luca Wad-


EX ACTIS MINISTRI GENERALIS

199

ding (1588-1657). Egli concepì l’attività

culturale in termini collegiali, tanto da fondare

a Roma un collegio di studiosi per la

pubblicazione degli scritti di san Francesco.

Favorì la promozione della rinascita scotista

e della storiografia religiosa e letteraria

dell’Ordine. I suoi Annales (1625), ispirati

a quelli del Baronio, intendono proporre l’itinerario

percorso dall’Ordine nella sua storia

e risultano una ponderosa operazione di

autocoscienza religiosa e comunitaria.

Dopo di lui, un altro studioso, Girolamo

De Gubernatis, avrebbe tentato di offrire

una visione dell’Ordine di stampo universalistico.

Nel capitolo generale del 1688, egli

aveva prospettato, mediante un opuscolo

dal titolo Idea Orbis Seraphici17, un progetto

di storia dell’Ordine, divisa in 4 parti, per

un totale di 35 volumi. Si trattò di un’impresa

colossale, realizzata solo in parte, ma

non per questo meno ammirevole in considerazione

dello sforzo ideologico/organizzativo.

Per l’apprendimento delle lingue araba e

cinese e per la preparazione dei missionari,

destinati al medio Oriente e alla Cina, vennero

fondati in Roma due Collegi missionari:

S. Bartolomeo all’Isola Tiberina e S. Pietro

in Montorio. Per l’America Latina invece

erano stati attivati i cosiddetti Collegi di

Propaganda Fide a: Queretaro, Guatemala,

Zacatecas, Messico, Pachuca e altrove. In

tali strutture si preparavano con lo studio e

un’intensa vita spirituale i missionari inviati

ad evangelizzare quelle popolazioni che

non avevano ancora conosciuto l’annuncio

cristiano.

In epoca contemporanea, con la fine dei

giurisdizionalismi, l’Ordine dopo secoli di

divisione ritrovava una certa unità, di cui

Roma apparve quasi il simbolo. Il Ministro

generale, Bernardino da Portogruaro, che

aveva speso gran parte del suo ventennale

servizio visitando infaticabilmente le Province

d’Europa, ritenne opportuno dar vita

ad un centro di studi che potesse fungere da

base culturale per tutto l’Ordine, e cioè

l’Antonianum. Prima ancora aveva fondato

il periodico Acta Ordinis, organo di raccordo

tra le varie Entità dell’Ordine dei Frati

Minori, dimostrando così di credere alla

forza della comunicazione. Egli intese avallare

ulteriormente il suo proposito con l’istituzione

di un Centro di studi tale da consentire

l’accostamento in termini didattici

alle fonti già indagate dagli studiosi del collegio

di Quaracchi, fondato dal medesimo

qualche anno prima e che oggi continua nel

Collegio S. Bonaventura di Grottaferrata

(Roma).

L’Ordine, che in Europa, col proposito di

reclutare nuove vocazioni, aveva dato vita

ai cosiddetti Collegi Serafici, andava assumendo

un indirizzo didattico, grazie anche

alla benefica influenza e collaborazione da

parte delle moderne Congregazioni femminili

francescane. Tale orientamento si rese

ancora più evidente nella missione nord

americana, in cui era assai diffuso il servizio

pastorale svolto attraverso le scuole.

Panfilo da Magliano, fondatore delle due

Province dell’Est, istituì infatti un centro di

studi superiori, divenuto più tardi la rinomata

Università di S. Bonaventura.

Nel secolo XX in varie Province dell’Ordine

troviamo presenti e operanti diverse

Università tenute dalle medesime, oltre a

Collegi e Centri di Studio di varia natura.

Dopo un periodo di relativa contrazione, attualmente

assistiamo ad una nuova fioritura

di questa realtà, che ci obbliga a riflettere e

a fare scelte più decise in ordine alla qualificazione

intellettuale dell’Ordine, superando

il calo culturale che si è evidenziato

chiaramente negli ultimi decenni.

La storia riassunta in breve ci consegna

un testimone prezioso e ci provoca a cercare

risposte creative per il nostro tempo.

3. La Parola nell’incontro con la cultura

1. Studiare come ricerca della vita e della

verità

È scomodo passare dalla storia al presente.

Eppure è necessario. Sulla base del

percorso compiuto sinora mi chiedo con voi

se esiste una vocazione intellettuale del Frate

Minore, quale dimensione propria della

nostra forma di vita e quindi valida per tutti

i Frati e, in modo speciale, per quanti si


200 AN. CXXIV – MAII-AUGUSTI 2005 – FASC. II

dedicano in modo prioritario allo studio, alla

ricerca e all’insegnamento.

Dobbiamo ammettere che il lavoro intellettuale

non appare del tutto integrato nella

nostra vita francescana. Spesso è considerato

per la sua utilità pratica, ma senza essere

ritenuto un elemento necessario: al contrario

resterebbe al margine. Mi sembra che

possiamo ripensare un modello francescano

di vita intellettuale: perché da una parte la

vita francescana si può nutrire del lavoro intellettuale

e dall’altra lo illumina e sostiene.

Che cosa intendiamo per “vocazione intellettuale”

Con questa espressione intendo

anzitutto il gusto della ricerca della Vita,

della Verità e del Bene18. Oso dire questa

parola. Vorrei pronunziarla non come affermazione

di una verità che noi possediamo

per poi darla agli altri, quanto piuttosto come

cammino mai compiuto di ricerca e di

desiderio (cfr. RS 9.13.15).

a. Cammino di espropriazione

La ricerca della Vita, della Verità e del Bene,

sconfinato oceano di luce, richiede un’intelligenza

appassionata e insieme attenta e rispettosa

perché, dato che il manifestarsi della

verità non è mai immediato, la ricerca non

può essere che insonne ermeneutica. Se non

siamo noi ad andare alla verità ma è la verità

che viene a noi in modi diversi, l’atteggiamento

preliminare e preminente per accoglierla

è l’apertura all’ascolto, a cui seguirà

l’inquieto interrogare.

Sono convinto che abbiamo urgente bisogno

di questo dinamismo, per non fermarci

nella ripetizione stanca e sterile di parole

e di formule ormai esauste (cfr. FP 1.3;

Sdp 6) e, quindi, per ascoltare e incontrare

l’uomo di oggi attraverso un atteggiamento

nutrito di simpatia e d’interesse (cfr. CCGG

162). Credo che per noi francescani il problema

non dovrebbe essere tanto quello di

studiare per trovare punti di contatto tra la

Parola e la cultura, ma desiderare di ascoltare

e conoscere (studio) il mondo e l’uomo

per “ri-conoscere” in esso le «orme di Cristo»

- sia nella forma della presenza che,

specialmente oggi, dell’assenza - e poter

quindi lodare Dio (cfr. RFF 32.90). Il Cantico

delle creature non può essere letto forse

come un’espressione della forma sapienziale

francescana di andare al e nel mondo

In questo senso il mondo non è una sfida

da vincere, ma un’occasione da cogliere, un

kairos (cfr. FP 2). Dinanzi all’accelerazione

della storia e al confronto, spesso teso e

violento, tra culture e religioni, ci chiediamo

inquieti per quali vie sia ancora possibile

rinvenire queste tracce di Cristo nel mondo.

Ci confrontiamo con molti “segni dei

tempi” non immediatamente intelligibili e

interpretabili (cfr. Sdp 7-9). Spesso siamo

costretti a fermarci in un silenzio non rassegnato,

ma rispettoso e denso di ricerca. Lo

studio è allora un itinerario teso a non spegnere

questa ricerca. È un esercizio di umanità

e di fede, di dialogo e di confronto con

chi è diverso da noi, di intelligenza e di contemplazione

del mistero più grande che abita

il mondo e la persona umana.

Lo studio è allora innanzitutto «dono» e

«ricerca di Dio», «rendimento di grazie»,

atto del «ricondurre» tutto a Lui: in una parola,

via alla santità. Con san Bonaventura

parliamo di impegno «affinché diventiamo

buoni (ut boni fiamus)»19.

In questo senso avverto una profonda affinità

tra la povertà francescana e l’umiltà di

una ricerca disinteressata della verità, in continuità

con la determinazione effettiva di non

appropriarsi di nulla e di restare umili. Lo studio

e la ricerca sono espropriazione permanente

del sapere. Significa in un certo senso

liberarsi, purificarsi dalle proprie precomprensioni

per accogliere la realtà nella sua diversità

e leggerla criticamente (cfr. RS 26). È

una versione di ciò che Francesco chiama

“restare sottomessi a ogni creatura”20. È la necessaria

coscienza della propria «docta ignorantia»21,

del socratico “non-sapere”. I limiti

della conoscenza s’impongono a qualsiasi

pretesa prometeica di possedere il reale, anche

nelle scienze. Un vero cammino di studio

e di ricerca trasforma questa presunzione in

desiderio e spogliamento: è una forte esperienza

esistenziale di povertà che ci fa mendicanti.

b. Senza fissa dimora

Questa ricerca della Vita, della Verità e

del Bene è un movimento permanente che


EX ACTIS MINISTRI GENERALIS

201

ci rende itineranti, senza nulla di proprio.

La ricerca scientifica cerca di stabilire i risultati

ottenuti, mentre ne mette in evidenza

il carattere relativo e spinge ad andare

sempre più lontano. Non ci si può fermare

in ciò che si conosce già. Colui che cerca

non ha dove posare il capo. Alla fine chi ricerca

è preso per mano dall’oggetto che studia

e condotto verso nuovi orizzonti della

vita e della verità. Il Beato Giovanni Duns

Scoto ci dice: «Nel cammino del genere

umano la conoscenza della verità è sempre

in crescita»22.

Lungo questo cammino apprendiamo la

libertà. Nel mezzo dei contrasti economici,

sociali, istituzionali e delle diverse e spesso

contrapposte visioni antropologiche, chi

cerca la verità va oltre le sue idee preconcette,

i suoi interessi personali, per sottomettersi

a ciò che s’impone come vero all’intelligenza,

impegnandosi nella ricerca e

accettando di esserne trasformato. È atto di

una libertà responsabile. Un tale atteggiamento

ci è quanto mai necessario in questo

tempo: tra noi, nel dialogo con l’uomo contemporaneo

e nel confronto ecclesiale.

c. La letizia della verità

C’è un altro aspetto che mi sta a cuore

sottolineare e che ritengo molto importante

nella nostra tradizione. Il gusto e la gratuità

del cammino verso la verità fanno sì che chi

studia diventi gradualmente un umile, paziente

e devoto servitore della vita. Ciò non

toglie allo studio la serietà e la fatica scientifica,

ma è capace anche di donare soddisfazione

e gioia, perché per mezzo dello

studio si ritrova la vera fonte della vita.

È il gaudium de veritate tipico della tradizione

agostiniana, della quale siamo tanto

debitori23. È bello addentrarsi nello studio

come un luogo nel quale sperimentare una

gioia particolare, quella che viene dalla ricerca

e dalla scoperta della Vita, della Verità

e del Bene, capace di donare una più

profonda unità interiore tra vita e pensiero.

Questa gioia è frutto anche del desiderio,

come scrive la nostra Ratio Studiorum all’art.

3: «lo studio, come “espressione del

mai appagato desiderio di conoscere sempre

più a fondo Dio, abisso di luce e fonte di ogni

umana verità” (VC 98), è fondamentale nella

vita e nella formazione, sia permanente

che iniziale, di ogni frate minore». In questa

prospettiva bonaventuriana di «desiderio»,

lo studio non può intendersi come possesso,

ricchezza, “status”, come un desiderare di

«sapere soltanto parole per essere ritenuti

più sapienti degli altri…», un bramare di

«sapere le sole parole e spiegarle agli altri»

(Am, VII); più che un possesso lo studio è

«lasciarsi possedere dalla Verità e dal Bene,

per amare e lodare il Signore al quale appartiene

ogni bene, e per servire i fratelli

nella carità di Cristo»(RS 4). In tal modo lo

studio può diventare esercizio profondo di ricerca

come desiderio ed espropriazione, che

ha come frutto la letizia.

d. Anticipazione del futuro

Credo che abbiamo urgente bisogno di

questo inquieto interrogare, inteso come

cammino di libertà e di letizia, per non limitarci

a tornare alla «grazia delle origini»,

quasi appagati o nostalgici del nostro passato.

Vogliamo realmente vivere la grazia delle

origini «non solo come memoria del passato,

ma come profezia dell’avvenire» (cfr.

NMI 3; VC 110). Il pensiero ha bisogno di

alimentarsi alla sorgente della Verità, della

Vita e del Bene e contemporaneamente di

proiettarsi su orizzonti aperti. Una filosofia

e teologia critica impedirà che lo sguardo

retrospettivo cada in un puro tradizionalismo

o in una nostalgia sentimentale verso le

nostre origini. Al tempo stesso, l’accuratezza

del pensiero, aiuterà a superare ogni

ideologia futuristica ed utopistica. Il pensiero

francescano è stato capace di discernere

i segni dei tempi e di trovare sempre di

nuovo la coraggiosa forza di una parola profetica

verso il mondo, la società e, se necessario,

anche all’interno della stessa Chiesa,

per far ricordare quell’ordo divino che solo

può promettere la salvezza e la felicità dell’uomo.

È lo Spirito a proiettarci verso il futuro

(cfr. VC 110). Per questo la ricerca non può

fermarsi. Vorrebbe dire che la nostra proposta

carismatica ha cessato di essere vitale. La

ricerca, di cui lo studio è una dimensione,

non può fermarsi se vogliamo «scoprire


202 AN. CXXIV – MAII-AUGUSTI 2005 – FASC. II

creativamente nuovi cammini per promuovere

e diffondere i valori evangelici» (RFF 34).

e. Come fratelli

Lo studio non è solo un’occupazione privata

e solitaria. La ricerca della verità ci

tocca come Fraternità in forza del nostro

stesso carisma. Nel contesto della vita fraterna

possiamo essere educati ed educare

progressivamente al gusto della ricerca e

del pensiero, al confronto e al dialogo tra

posizioni diverse. In tal modo «gli studi

contribuiscono alla costruzione della Fraternità»

(cfr. RS 24) e la aprono alla Fraternità

più ampia della comunità ecclesiale e

degli uomini di buona volontà. Questa attitudine

fraterna costituisce anche un valido

antidoto contro le tendenze alla concorrenza

e all’autoaffermazione negli studi e nella

ricerca e, insieme, un incitamento alla

collaborazione e al dialogo tra le discipline.

Se la ricerca della Verità, della Vita e del

Bene è animata da questi presupposti, che

ho cercato di richiamare in sintonia con la

nostra tradizione, avremo la base per un

dialogo fecondo e simpatico con la cultura,

senza chiusure ed esclusivismi (cfr. EN 20).

La Chiesa ha bisogno di questa profezia in

un tempo nel quale il dialogo è sempre più

il nuovo nome della carità, garanzia di pace

e di giustizia (cfr. NMI 55-56). Per questo è

importante e urgente promuovere nell’Ordine

lo studio della filosofia, delle religioni

e delle culture, per poterci aprire in modo rigoroso

e qualificato al dialogo e al confronto,

in continuità con lo spirito e la pratica

della fraternità che ci è propria.

Scopriamo una relazione particolare tra i

Frati che hanno la vocazione all’attività intellettuale

e tutti gli altri. È importante che

tutte le Entità abbiano alcuni Frati che si dedicano

agli studi in modo prioritario e a volte

esclusivo. La loro ricerca deve stimolare

tutti gli altri fratelli all’ascolto e al dialogo,

così come il lavoro e l’evangelizzazione dei

più deve aprire e illuminare chi si dedica allo

studio. C’è nella nostra Fraternità una tale

reciprocità Quando Francesco vuole

comprendere tutti i suoi Frati nell’ottica

delle loro attività, utilizza tre parole: «scongiuro

(…) tutti i miei frati occupati nella

predicazione, nell’orazione, nel lavoro…»

(Rnb XVII, 5), predicatori, lavoratori e

oranti. Chi si consacra al lavoro intellettuale

«con fedeltà e devozione», non soffocando

in sé l’operazione dello Spirito, proprio

nel lavoro e attraverso il suo lavoro, senza

giustapposizioni artificiali, può diventare

insieme «laborator, praedicator et orator».

Questa unità della nostra forma vitae resta

un appello urgente per noi tutti. Apre la

verifica anche sul ruolo che ha il lavoro nella

nostra vita. Il lavoro è una necessità legata

alla nostra professione di povertà e di minorità.

Ci rende più solidali con tanti uomini

e donne per i quali il lavoro non è più

fonte di dignità. Ci obbliga a scegliere ancora

la gerarchia di valori che ci sorregge24.

Tutto questo mi fa pensare anche ai Frati

e ai candidati forse meno portati per lo

studio strettamente inteso. Anche oggi dobbiamo

riconoscere che le capacità intellettuali

non possono essere discriminanti per

la vocazione francescana. Eppure a noi tutti

incombe il dovere di garantire a tutti i Frati,

senza distinzioni, un livello di preparazione

tale da permettere a ciascuno di integrarsi

nella vita della Fraternità. Siamo

vigilanti affinché, a motivo di un concetto

troppo accademico e quindi ridotto di cultura,

non ci accada di escludere alcuni Frati,

ledendo così l’uguaglianza tra noi. Interroghiamoci

sui livelli di accessibilità agli studi

nei diversi contesti in cui viviamo e sulle

conseguenze per il discernimento vocazionale

e di servizi nella Fraternità.

2. lo studio come ascolto e accoglienza

dell’altro

a. Ascoltare e vedere

Viviamo in una civiltà dell’immagine.

Forse la realtà ci ha sorpassato e non ci sentiamo

ancora a nostro agio in una situazione

tanto nuova da trasformare il modo stesso

di percepire la realtà. La possibilità di vedere

uomini, cose e fatti in tempo reale ci sta

modificando. A volte questa realtà genera in

noi paura e autodifesa. Temiamo che questa

civiltà dell’immagine produca un’enorme

riduzione della dimensione dell’ascolto.


EX ACTIS MINISTRI GENERALIS

203

Non ci spieghiamo l’insensato bisogno

umano di apparire. È tutto negativo O possiamo

entrare dentro questa svolta per trovare

anche in essa un valore Come collegare

ascolto e cultura dell’immagine

Ricordo la dimensione biblica dell’ascolto,

tenendo presente che nella stessa

Scrittura il “vedere” ha una grande importanza,

specie quando indica l’incontro con

il Dio vivente e con l’uomo, creato a sua

immagine. Certo, nella fede biblica Dio è

udibile, ma non visibile. L’autentica risposta

e l’atteggiamento fondamentale è quello

di ascoltare: «Ascolta Israele» (Dt 6,4),

«ascoltate oggi la parola del Signore» (cfr.

Sal 94,8), «beati quelli che ascoltano la parola

di Dio e la mettono in pratica» (Lc

11,28). L’ultima beatitudine di Giovanni è

riservata a coloro che credono senza vedere

(cfr. Gv 20,29). Ma questo ascolto giunge al

suo punto più alto e si completa nell’incontro

con il Verbo fatto carne. Attraverso l’umanità

di Gesù Cristo e quindi di ogni uomo,

noi possiamo “udire e vedere”: «Ciò

che era fin da principio, ciò che noi abbiamo

udito, ciò che noi abbiamo veduto con i

nostri occhi, ciò che noi abbiamo contemplato

e ciò che le nostre mani hanno toccato,

ossia il Verbo della vita…» (1Gv 1,1-2).

L’esperienza integrale della fede ci salva

da quell’ascolto che si perde nel «si dice»

delle chiacchiere quotidiane e dal quel “vedere”

che è consumo di informazioni e di

immagini. In questo modo si rompe l’inautenticità

nella quale siamo immersi per risvegliarci

alla verità. L’ascolto e il vedere

sono dunque un atto di vera e propria interpretazione

della realtà, che non va aggredita,

posseduta e dominata, ma al contrario va

accolta, riconosciuta e promossa.

Questo percorso implica un lasciarsi

espropriare, un esodo da sé. Per questo è una

vera esperienza nel senso etimologico di experior,

un passaggio attraverso un pericolo

mortale, dove si compie una reale mutazione

di sé. L’ascolto di una parola veritiera genera

un nuovo modo di vedere e opera sempre

una profonda trasformazione. S. Agostino

parla di «dare alla luce una nuova vita (parturitio

novae vitae)»25, dove l’ascolto è «memoria

di sé, memoria di Dio (Memoria mei,

memoria Dei)». Lo stupore è il frutto di questa

nuova capacità di ascolto.

Lo studio è una delle strade verso questo

ascolto nuovo dell’uomo e del mondo. Esso,

infatti, ci libera dalla paura della nobile

fatica del pensare, mentre noi ci accontentiamo

spesso di ripetere formule e idee altrui.

Ci libera ancora dalla paura del silenzio,

per prendere una certa distanza dalla

realtà. Da qui nascono parole nuove per dare

alla luce una nuova vita, oltre le parole

usurate dall’abitudine e dall’ovvietà. Un simile

percorso porta con sé la sofferenza di

ogni nuova nascita, insieme alla gioia della

scoperta.

b. Ascoltare e vedere oggi

Viviamo un tempo come quello di Samuele,

del quale si dice che «la parola del

Signore era rara in quei giorni» (1Sam

3,1). Dio sembra tacere o quasi essersi

eclissato dal nostro orizzonte. Il sacerdote

Eli – istituzione – non individua subito la

voce del Signore. È un esercizio che richiede

una veglia continua, un’interpretazione

insonne. Dio chiama il piccolo Samuele nel

silenzio della notte e delle parole umane. Lo

chiama con il nome proprio: è il risveglio

della coscienza e l’assunzione di un nuovo

destino dai quali nasce il profeta.

Questo itinerario biblico può diventare

esemplare per chi ricerca vie nuove per abitare

questo tempo difficile. Lo studio è una

di queste strade se diventa un esercizio di

ascolto obbediente, di ospitalità dell’altro in

quanto diverso da noi, di sguardo nuovo su

di lui. Ci provocano a ciò le culture che oggi

si affacciano sulla scena del mondo, le

tante fedi e religioni con cui siamo chiamati

a dialogare, le sfide etiche, quelle del

mondo della comunicazione, la tecnologia,

l’ingegneria genetica e tante altre tavole di

confronto. Nei diversi continenti e paesi nei

quali siamo presenti queste sfide ci provocano

in tanti modi. È difficile indicare una

sola strada, anzi impossibile. Si tratta di diventare

sempre più consapevoli della necessità

di educarci all’ascolto e al dialogo

per apprendere l’arte dell’incontro con le

culture.

Senza dubbio è urgente incarnare il no-


204 AN. CXXIV – MAII-AUGUSTI 2005 – FASC. II

stro carisma nelle diverse culture in cui siamo

presenti e scoprire in esse i germi dell’intuizione

evangelica di san Francesco,

che è in grado di rivelarne anche nuove

profondità (cfr. RS 16.26.72.74). «Pensare

la fede» è, allora, esercizio profetico dei

credenti a servizio della liberazione dell’uomo

e del discernimento delle forme culturali

nelle quali viviamo. Per questo abbiamo

bisogno di consolidare sia l’opzione vocazionale

che la nostra preparazione.

Infatti, come ha detto il mio predecessore

Fr. Hermann Schalück, «la presunzione, la

superficialità, l’indifferenza per le scienze

umane e sacre sono da considerarsi un’offesa

al dono della vita, all’uomo e alla Verità…

Considero un abuso e una mancanza

di rispetto il presentarsi per servire una

causa nobile, come il Vangelo e l’uomo,

senza la debita preparazione o senza la capacità

di dialogo e di lettura dei segni dei

tempi. È da reputare, perciò, un dovere fondamentale

per ogni frate, ognuno secondo i

suoi doni, il dedicarsi allo studio. Poiché lo

studio, se ben fondato sui valori francescani,

può davvero aiutarci nella maturazione

umana, intellettuale e spirituale e nel renderci

capaci di cogliere, con intelligenza

evangelica, i valori cristiani e francescani

della cultura contemporanea»26.

In questo contesto guardo con voi ai diversi

ambiti e culture nelle quali viviamo.

Penso in modo particolare all’esigenza

dell’ascolto e del dialogo in Asia, continente

nel quale il dialogo interreligioso assume

un posto speciale. La nostra presenza

in Asia è ridotta, eppure ci sfida a prepararci

adeguatamente per quello che è senz’altro

il continente del futuro, grazie alla giovinezza

della sua popolazione e alle enormi

potenzialità in essa contenute, a tutti i

livelli.

Penso all’Oceania, dove la storia dell’evangelizzazione

ci fa avvertire come primaria

l’urgenza dell’inculturazione della fede

cristiana, in vista della quale è necessaria

una solida e adeguata preparazione. A tale

proposito, Papa Paolo VI, nel visitare l’Oceania,

ha insistito sul fatto che il cattolicesimo,

«non solo non soffoca quanto vi è di

buono e di originale in ogni forma di cultura

umana, ma accoglie, rispetta e valorizza

il genio di ogni popolo, e riveste di varietà e

di bellezza l’unica inconsutile veste della

Chiesa di Cristo»27. In questo immenso

continente siamo fortemente invitati a operare

in armonia con i cristiani indigeni per

assicurare che la fede e la vita della Chiesa

siano espresse in forme appropriate a ciascuna

cultura28.

Penso all’Africa, sterminato continente

che grida pace e giustizia, dimenticato

com’è dalla comunità internazionale. A

questo proposito è quanto mai attuale l’affermazione

di Paolo VI nell’Enciclica «Populorum

progressio»: «Lo sviluppo è il nuovo

nome della pace»29. Giovanni Paolo II

nell’Esortazione Apostolica «Novo Millennio

Ineunte» ha attualizzato quel grido, ricordando

che scommettere sulla carità è

questione di fedeltà al Vangelo (cfr. NMI

49-50). L’Africa è ricca di culture e di tradizioni,

nelle quali il cristianesimo e il francescanesimo

attendono di diventare

senz’altro più africani: e questo esige un

qualificato investimento di riflessione e di

studio per rispondere alla nostra vocazione

di «custodi della speranza»30.

Penso all’Africa del Nord e al Medio

Oriente, dove la presenza francescana in un

contesto musulmano continua a chiederci lo

sforzo di conoscere e incontrare quel mondo

particolare e oggi alla ribalta, nello spirito

dell’incontro di Francesco col Sultano:

ciò non sarà possibile senza lo studio rigoroso

del mondo islamico e della lingua araba,

nella condivisione da minori della vita

di tanta gente, accettando e imparando a vivere

come minoranza.

Penso all’America centrale e del sud, aree

a forte maggioranza cristiana con la loro

creatività pastorale e teologica. In esse la crescita

del confronto con altre comunità cristiane

e con le sette ci sfida a rinnovare la nostra

presenza e il nostro annuncio. In questo

subcontinente la situazione di povertà e di ingiustizia

costituisce ancora una enorme provocazione

a pensare i fondamenti della pace,

della giustizia e dell’integrità del creato. Ciò

ci provoca a conoscere meglio i meccanismi

che permettono oggi tanta scandalosa miseria

e a pensare nel tempo della globalizzazio-


EX ACTIS MINISTRI GENERALIS

205

ne a partire dalla cattedra degli esclusi e dei

più poveri (cfr. EN 31; RS 27).

Penso al mondo occidentale, dalla vecchia

Europa all’America del Nord, dove occorre

ripensare la possibilità stessa di «dire

Dio» in un mondo secolarizzato, dove il sacro

riemerge ma la fede sembra eclissarsi. Il

destino dell’occidente dopo il tramonto delle

grandi e folli ideologie del XX secolo appare

quanto mai incerto e bisognoso di un

supplemento di anima per guardare al futuro,

soprattutto con una radicale riflessione

etica sui confini della vita e della morte e su

una antropologia rispettosa dell’integralità

della persona umana, soggetto di diritti non

alienabili e mai riducibili al dominio dell’economia

e della sfera privata dell’individuo.

c. Ascoltare e vedere per annunciare il

Vangelo

L’evangelizzazione in contesti tanto differenti

esige un rigoroso lavoro dell’intelligenza.

La Parola di Dio va annunciata in parole

comprensibili all’uomo di ogni epoca.

La scuola francescana è chiamata a dare oggi

alla Chiesa il suo valido contributo in tal

senso, coltivando un «pensare la fede» alla

maniera francescana, capace di offrire ragioni

per credere, sperare e amare nel contesto

odierno.

Siamo chiamati a non chiuderci in noi

stessi, quasi spaventati dalla complessità,

ma a considerare il mondo come il nostro

luogo ordinario e benedetto di vita e di pensiero.

In esso impariamo a dialogare con

tutti e alla pari, senza pretendere posizioni

privilegiate ma diventando interlocutori

credibili. I grandi maestri della Scuola

Francescana non hanno forse sempre amato

il confronto con sistemi di pensiero diversi

ma pur sempre ricchi dei semi di Colui che

è il Bene Non sono forse questi semi diffusi

ovunque

Nella nostra storia siamo sempre rimasti

aperti e sensibili alle situazioni concrete

della storia e della cultura. Il francescanesimo

si è incontrato e ha influenzato le arti figurative,

la poesia e la letteratura, l’architettura

e altre espressioni dello spirito umano.

Fedeli alla logica dell’Incarnazione

siamo chiamati a continuare su questa strada.

Oggi più che mai non vogliamo studiare

per occupare posizioni influenti e di potere

nella società o nella Chiesa. La nostra

vocazione di minori ci indica la strada dell’ascolto

obbediente e dell’ospitalità dell’altro

come quella tipica dei poveri. L’itinerario

che lo studio inaugura è proprio di

chi si scopre povero perché mendicante di

senso, appassionato ricercatore della verità

in ogni manifestazione dell’uomo e del

mondo, insieme a tante persone di buona

volontà.

San Francesco ci dice, con poche e semplici

parole, di essere «soggetti ad ogni

creatura umana per amore di Dio» (Rnb

XVI,6). Si tratta dell’umile sottomissione

alla realtà storica e umana che si studia, per

amarla, per accoglierla con rispetto e per

restituirla come dono di Dio (per amore di

Dio). La minorità non permette di rivendicare

alcun diritto sugli altri, che siamo chiamati

a servire anche con la nostra ricerca intellettuale.

Ciò che si è appreso va condiviso

come una ricchezza comune che viene

dall’Altissimo. Cammino esigente in una

società e in istituzioni culturali che tendono

a fare degli specialisti i depositari privilegiati

di un sapere che li distingue dagli altri.

Mi sembra dunque che come Frati Minori,

in forza del nostro stesso nome, siamo

chiamati a sviluppare un’attitudine di vita

che restituisca allo studio la sua qualità di

umile servizio. Siamo dinanzi ad una vera e

propria convergenza tra la spiritualità francescana

e il lavoro intellettuale.

d. Ascoltare lo Spirito del Signore

L’ascolto dell’uomo e della realtà nella

prospettiva francescana si nutre di un ascolto

più profondo. Ricordiamo l’esortazione

di san Francesco a proposito del lavoro in

generale: «così che… non spengano lo spirito

della santa orazione e devozione, al

quale devono servire tutte le altre cose temporali»

(Rb V,2). Qui si tratta dello Spirito

del Signore e della sua «santa operazione».

L’attività dello spirito umano, se è profonda

e vera, s’incontra con quella dello Spirito di

Dio nell’uomo, non la sostituisce. Chi respira

nel soffio dello Spirito resta libero e


206 AN. CXXIV – MAII-AUGUSTI 2005 – FASC. II

non si irrigidisce in alcuna attività. S. Paolo

lo esprime bene: «Ora vediamo come in

uno specchio, in maniera confusa; ma allora

vedremo a faccia a faccia. Ora conosco

in modo imperfetto, ma allora conoscerò

perfettamente, come anch’io sono conosciuto.

Queste dunque le tre cose che rimangono:

la fede, la speranza e la carità;

ma di tutte più grande è la carità!» (1Cor

13,12-13).

Nella ricerca umana della conoscenza e

della verità c’è una parabola e una realizzazione

parziale della ricerca di Dio. È il desiderio

che lo Spirito suscita e alimenta in noi e

che ci rende poveri, ci aiuta a mantenere la

giusta considerazione del lavoro autonomo

dello spirito umano. In verità, «pensare la fede»

è un esercizio altamente spirituale e cristiano:

unifica la persona e aiuta a restare con

«il cuore rivolto verso il Signore», trasformandosi

in carità che pensa amando e ama

pensando. Incoraggia la profondità della vista

che consente di cogliere il filo rosso dentro

fenomeni e fatti frastagliati e sconnessi al primo

approccio. Permette al credente di riconoscere

il piano salvifico di Dio operante nella

storia e di aderirvi con la vita.

Come ben diceva il nostro fratello Giacomo

Bini «la lunga storia delle diverse

espressioni in cui si è incarnato il carisma

francescano mostra con evidenza la fecondità

della relazione tra impegno intellettuale

e serietà dell’esperienza spirituale: a

partire dell’esperienza di Dio, l’intelligenza

riceve nuova forza per la ricerca della

verità; e la verità trovata esige di essere

condivisa, annunciata. Non esiste autentica

esperienza di Dio che non si trasformi in

nuova luce per l’intelligenza e in nuovo

slancio per l’annuncio»31.

Queste ampie prospettive ci aprono di

nuovo alla chiamata missionaria, che avvertiamo

ancora attuale dopo 800 anni.

Mentre nuovi campi si aprono all’annuncio

di Gesù Cristo unico Salvatore del mondo e

all’implantatio Ordinis, specie in Asia e

Africa, invito tutti i Frati a sentirsene direttamente

responsabili, così da avere l’audacia

di ripartire ancora per vivere e annunciare

il Vangelo quando e come piacerà al

Signore (cfr. Rnb XVI, 7-8).

3. strutture e mezzi al servizio degli studi,

della ricerca e dell’insegnamento

a. Le Università, i Centri di Studio e di

Ricerca

Il nostro Ordine conta 14 Università, ecclesiastiche

e civili; due Centri di Ricerca,

la Commissione Scotista e il Collegio di S.

Bonaventura a Grottaferrata; la Pontificia

Accademia Mariana Internazionale e altri

32 Centri di Studio, mentre l’11 gennaio

scorso il compianto Giovanni Paolo II ha

concesso all’Antonianum il titolo di Università

Pontificia.

Il cammino dal lontano 1887, anno dell’inaugurazione

del Collegio Sant’Antonio,

è stato lungo, spesso faticoso, eppure in crescita.

L’intuizione del Ministro generale Fr.

Bernardino Dal Vago da Portogruaro si è rivelata

quanto mai profetica. L’Ordine ha bisogno,

oggi come alla fine del XIX secolo,

di uno «Studio generale», non esclusivo

certo, ma posto al servizio di tutti nella città

di Roma per promuovere una visione francescana

caratterizzata da uno zelo universale

rivolto a tutto il mondo e a tutte le persone,

di qualsiasi nazione, lingua, colore o

sesso, aperto alla visione di una fraternità

universale dei figli di Dio, riconoscendo la

dignità e il valore di ognuno. Il rispetto dell’individuo

e l’integrazione in una grande

famiglia umana e cristiana, sono le caratteristiche

di questo universalismo francescano.

Un universalismo che si costruisce attraverso

la comunicazione, la condivisione,

il dialogo e la solidarietà. Se questo universalismo

è richiesto a tutte le nostre Università

e Centri di Studio e di Ricerca, molto

più esso deve caratterizzare le Università e

i Centri che sono a Roma.

Il posto particolare che la Pontificia Università

“Antonianum” occupa nell’Ordine

(cfr. SSGG 112.114) e la mia personale convinzione

circa l’importanza dello studio per

garantire ai Frati una qualità di vita e di testimonianza

in vista di una profonda e autentica

“rifondazione” del nostro Ordine,

mi ha spinto a scrivere questa lettera. Ora

sono provocato a riflettere brevemente sul

valore e sui compiti non solo dell’Antonianum,

ma anche di tutte le altre nostre Uni-


EX ACTIS MINISTRI GENERALIS

207

l’esistenza umana e religiosa, ragione alle

nostre scelte vocazionali (cfr. RS 11). L’obiettivo

ultimo dello studio, della ricerca e

dell’insegnamento nelle nostre Università e

Centri di Studio, e dei Frati Minori che si

dedicano a ciò, non è quindi quello di acquisire

e offrire informazioni, meno ancora

quello di avere un titolo. Ma di stimolare la

ricerca della Vita, della Verità e del Bene, in

noi e negli altri. Non è certo sufficiente essere

ben informati. Solo la trasformazione

della mente e del cuore, porterà ad uno studio,

una ricerca, un insegnamento veramente

fecondi.

Le nostre Università e Centri di Studio e

di Ricerca sono chiamati ad offrire il proprio

contributo all’elaborazione di una cultura

al servizio integrale dell’uomo, capace

di andare oltre i criteri della praticità, del

rendimento e della concorrenza, non estranei

alle stesse Università. Seguendo la secolare

tradizione dei grandi rappresentanti

della Scuola francescana, le nostre Università

devono scommettere sulla “diaconia”

del sapere a servizio dell’uomo, superando

così quel potere della scienza che sfrutta

l’uomo.

D’altra parte, tutti i Centri di Studio e Ricerca

francescani sono chiamati a trasmettere

in modo attualizzato il patrimonio culturale,

filosofico e teologico della Scuola

Francescana, convinti che «dal grande deposito

della teologia e della sapienza francescana

possono essere tratte risposte adeguate

anche ai drammatici interrogativi

dell’umanità»32. Questo esige, senza dubbio,

uno studio critico e approfondito della

tradizione culturale francescana. Studiarla

per curiosità è sterile, studiarla in modo

apologetico è trionfalismo dannoso. È necessario

approfondirla criticamente, per illuminare

con un vero e proprio atto di speranza

le grandi questioni che il nostro tempo

ci pone.

Aperti al dialogo fecondo con le culture,

le nostre Università e Centri di Studio e di

Ricerca, hanno l’importante compito di

creare ponti tra quelle e il Vangelo. Giovanni

Paolo II ci ha detto: «Compito delle vostre

Università e Centri di Ricerca è di operare

un incontro fecondo tra il Vangelo e diversità,

Centri di Studio e di Ricerca, dove

vogliamo impegnarci come Frati Minori,

non soltanto per mantenerli ma per potenziarli

in numero e soprattutto in qualità (cfr.

RS 119).

Lo studio, la ricerca e l’insegnamento,

intesi come cammino verso la Vita, la Verità

e il Bene, come ascolto e dialogo con l’altro,

trovano nell’Università e nei Centri di

Studio e di Ricerca luoghi speciali di elaborazione

e di promozione. Questi Centri sono

animati essenzialmente dallo spirito dello

studio, della ricerca metodica della Vita,

della Verità e del Bene, presenti in tutti gli

infiniti ambiti del reale, e della sua trasmissione

attraverso l’insegnamento. È per questo

motivo che il Frate Minore cerca incontrare

Dio nella complessità dell’esperienza

umana e scopre come suoi alleati in questa

ricerca tutte le discipline che tentano di dare

senso alla nostra vita e missione.

Desidero incoraggiare, nelle nostre Università

e Centri, lo studio, la ricerca e l’insegnamento

di tutte le discipline. Tra quelle

sacre ricordo per noi Frati Minori l’importanza

di ascoltare, conoscere, amare e studiare

anzitutto la Parola di Dio contenuta

nelle Sacre Scritture. Non limitiamoci però

alle Scienze sacre. Siamo chiamati ad aprirci

anche alle discipline che si riferiscono all’uomo:

Psicologia, Pedagogia, Economia,

Scienze politiche, Sociologia, Antropologia,

Comunicazioni sociali, Letteratura, Arti,

Filosofia e Storia; e quelle che si riferiscono

al creato: Scienze esatte, naturali e

ambientali (cfr. RS 48-69), poiché «niente

di ciò che esiste è estraneo all’interesse e

all’amore del Frate Minore» (RS 48). Lo

studio, la ricerca e l’insegnamento, se vissuti

come «itinerario e via per essere illuminati

da Dio nella mente e nel cuore» (RS

13), ci condurranno a Lui.

Per questa ragione lo studio, la ricerca e

l’insegnamento, finalità di ogni Università

e Centro di Studi, sono essenzialmente

esperienza di vita. Nessuna di queste attività

è per un Frate Minore - studente, professore

o ricercatore - un distintivo con cui

abbellire il proprio io. Piuttosto è fatica e

passione per il vero, il buono e il bello, che

danno forma alla nostra interiorità, senso al-


208 AN. CXXIV – MAII-AUGUSTI 2005 – FASC. II

verse espressioni culturali del nostro tempo,

per andare verso l’uomo d’oggi… Secondo

l’esempio di San Francesco e la

grande tradizione culturale dell’Ordine

francescano, sia vostra cura porre il Vangelo

nel cuore della cultura e della storia

contemporanea»33.

L’apertura alla complessità del sapere

umano induce all’ascolto e al dialogo, come

ho cercato di richiamare in questa Lettera.

L’intellettuale vero è sempre capace di domande,

umile e coraggioso nel prestare attenzione

sincera agli argomenti di chi ha

posizioni diverse. Questa attitudine ci impedisce

di cadere in varie forme di ideologia,

che pretendono di rendere esclusiva

un’idea o una parte e sono frutto della falsa

sicurezza di una fede, che ha paura di pensare

e pensa di poter saltare le domande e le

ambiguità presenti nel reale. Ecco una missione

notevole che resta aperta alle nostre

Università e Centri di Studio e di Ricerca34.

b. Altri ambiti di conservazione e di

sviluppo culturale

Accanto alle Università, ai Centri di Studio

e di Ricerca, nell’Ordine abbiamo altre

pregevoli Istituzioni culturali, da custodire

e promuovere nelle Province più antiche e

da sviluppare in quelle più recenti. Invito a

leggere questa parte con l’attenzione rivolta

agli articoli 118-141 della nostra Ratio

Studiorum, che richiamo con forza.

Le biblioteche e gli archivi sono al primo

posto. Non si tratta di musei, quanto di luoghi

dove il patrimonio librario e cartaceo va

custodito, reso accessibile e reso motore di

ricerca e di sviluppo intellettuale in collegamento

con le domande del nostro tempo. In

molte Province il necessario ridimensionamento

delle Case rischia di far perdere o di

non salvaguardare abbastanza un notevole

patrimonio culturale. Ricordo ai Ministri e

ai Custodi che la cura per queste istituzioni

tocca l’interesse e il futuro dell’Ordine intero

e non è soltanto affare privato della singola

Entità. È necessario provvedere, anche

in collaborazione con enti civili e sociali,

alle biblioteche e agli archivi, evitando l’abbandono,

la noncuranza, la dispersione e

l’oblio del patrimonio librario, favorendone

la custodia o il trasferimento nelle case dell’Ordine,

in particolare nei Centri di Studio.

Lo stesso vale per il patrimonio culturale

costituito da tante nostre Case, dalle

Chiese e dalle opere d’arte che vi sono contenute.

Occorre un supplemento di fantasia

e di attenzione per trovare i modi di conservazione

e di attualizzazione di questo patrimonio,

senza trasformarci in custodi inerti

di musei. Senza dubbio l’arte è un luogo

privilegiato di dialogo con la cultura contemporanea

e, per strade tutte da inventare,

di evangelizzazione.

Per promuovere una simile attenzione è

altresì necessario curare gli studi letterari,

artistici e tecnici. Si tratta di una reale necessità

perché la ricerca non diventi strumento

di possesso e di dominio, ma di umile

avvicinamento al grande mistero nascosto

in ogni cosa. Questa esperienza

francescana dello studio e dell’attività artistica,

non ci presenta la figura del Frate Minore

come uno che vuole conquistare per

poter aumentare il profitto tecnico o economico,

ma come un essere toccato, scosso e

affascinato, un essere preso dalla meraviglia

per il Vero, il Bene e il Bello che è inerente

alle cose. Attraverso la via pulchritudinis

potremo sviluppare elementi essenziali

della visione francescana del mondo,

dell’uomo e del mistero di Dio e, nello stesso

tempo, incontrare molti uomini e donne

della nostra epoca.

Un altro campo che mi preme richiamare

è quello delle comunicazioni sociali. Si

tratta ormai di un vero e proprio «luogo»,

un’agorà unica nella quale gli uomini di

oggi si incontrano tra loro in modi nuovi e

dagli sviluppi imprevedibili. Invito pertanto

i Ministri, i Custodi e tutti i Frati, soprattutto

i più giovani, a conoscere, studiare ed

entrare in questo mondo non da intrusi, ma

come chi sa di essere a casa ovunque ci sia

ciò che è pienamente umano.

Non posso esimermi dal sottolineare, in

questa sede, la necessità di garantire ricercatori

e studiosi della storia, letteratura, filosofia,

teologia e tradizione francescana.

Non solo per quanto riguarda direttamente

le origini, ma per tutto l’arco di ottocento

anni nei quali la nostra tradizione si mantie-


EX ACTIS MINISTRI GENERALIS

209

ne viva. In particolare, istituzioni come la

Commissione Scotista, il Collegio S. Bonaventura

dei Frati Editori di Quaracchi e la

Pontificia Accademia Mariana Internazionale

invocano per la loro continuità Frati seriamente

preparati e aperti a collaborazioni

esterne.

Conclusione

Giunto al termine di questa Lettera, desidero

comunicarvi con semplicità che in

questo momento considero fondamentale

una maggiore vicinanza tra i Frati che si dedicano

all’evangelizzazione e quelli che si

impegnano nello studio, nella ricerca e nell’insegnamento.

La loro compresenza nel

corso della storia francescana non può essere

considerata una disgrazia, bensì una ricchezza.

È piuttosto il divorzio e l’opposizione

tra le due a costituire una disgrazia,

come verifichiamo spesso nella nostra storia.

In tal modo sono stati penalizzati lo studio,

la ricerca e la predicazione.

Molti Frati dediti all’evangelizzazione si

sono considerati dispensati dallo studio e

molti tra gli studiosi hanno creduto di essere

sollevati dall’evangelizzazione. È l’ora

della riconciliazione. Se i Frati sembrano

lasciarsi assorbire completamente dai ministeri

e servizi, è necessario ricordare loro la

necessità dello studio: un’adeguata preparazione

intellettuale è fondamentale per qualunque

attività apostolica. Allo stesso tempo

a quanti si dedicano allo studio, alla ricerca

e all’insegnamento in modo

prioritario, sento la necessità di ricordare

che queste attività non possono essere separate

dal dono e dall’impegno di vivere con

letizia le esigenze della nostra forma vitae.

Vorrei che con questa Lettera iniziasse

un dialogo sui temi che vi ho presentato. Mi

sta a cuore soprattutto che tale dialogo continui

a vari livelli e nei diversi contesti culturali,

nelle Entità, nelle Fraternità locali,

nelle Case di formazione, nelle nostre Università

e nei Centri di Studio. Un dialogo

che ci porti ad andare oltre, perché possiamo

guardare con fiducia e lucidità al futuro

che ci attende e che già inizia tra noi. Non

ho certo la pretesa di aver detto tutto e bene.

Il dialogo tra noi potrà completare questo

testo.

Su quanti sono in ricerca della Verità,

della Vita e del Bene e su quanti sono in atteggiamento

d’incontro, di ascolto e di dialogo,

invoco la benedizione del Signore e

del Serafico Padre.

Roma, dalla Curia generale dell’Ordine,

13 giugno 2005

Festa di S. Antonio di Padova,

Dottore Evangelico

Fr. José Rodríguez Carballo, OFM

Ministro Generale

Fr. Massimo Fusarelli, OFM

Segretario Generale per la

Formazione e gli Studi

Prot. 095700

Abbreviazioni

Sacra Scrittura

Sal Salmi

1Sam Primo libro di Samuele

Mt Matteo

Lc Luca

Gv Giovanni

1Cor Prima Lettera ai Corinzi

1Gv Prima Lettera di Giovanni

Scritti di San Francesco d’Assisi

Am Ammonizioni

LOrd Lettera a tutto l’Ordine

Rb Regola bollata

Rnb Regola non bollata

Salvir Saluto alle virtù

Test Testamento

Altre abbreviazioni

1Cel Vita Prima di Fr. Tommaso da Celano

Anper Anonimo perugino

3Comp Leggenda dei Tre Compagni

AAS Acta Apostolicae Sedis

EN Paolo VI, Evangelii nuntiandi,

Lettera apostolica, Roma 1975.


210 AN. CXXIV – MAII-AUGUSTI 2005 – FASC. II

VC Giovanni Paolo II, Vita consecrata,

Esortazione apostolica, 1996.

NMI Giovanni Paolo II, Novo Millennio

Ineunte, Lettera apostolica, 2001.

CCGG Costituzioni generali dell’Ordine

dei Frati Minori, Roma 2004.

SSGG Statuti Generali dell’Ordine dei

Frati Minori, Roma 2004.

AO Acta Ordinis Fratrum Minorum

FP La formazione permanente nell’

Ordine dei Frati Minori, Roma

1995.

RS Ratio Studiorum, Roma 2001.

RFF Ratio Formationis Franciscanae,

Roma 2003.

Sdp Il Signore ti dia pace, Documento

del Capitolo generale 2003, Roma

2003.

Note

1 In breve sintesi si tengano presenti: La Formazione

nell’Ordine dei Frati Minori, Capitolo Generale

Straordinario OFM, Medellín, 1971, nn. 62-81; Documento

sulla Formazione, Consiglio Plenario OFM,

1981, nn. 59-93; Studi e Missione dell’Ordine dei Frati

Minori oggi, Lettera del Ministro generale,

13.6.1981; La Formazione francescana e scientifica

dei frati, Lettera del Ministro generale, 23.4.1987;

Messaggio di Giovanni Paolo II al Capitolo generale

OFM 1991; L’Ordine e l’evangelizzazione oggi, Capitolo

generale OFM, San Diego 1991, nn. 10-11. 26-28;

La promozione degli studi nel nostro Ordine, Relazione

del Ministro generale, 4.7.1994; «Riempire la terra

del Vangelo di Cristo», Lettera del Ministro generale,

1996, nn. 127-132; Ratio Studiorum OFM, Roma

2001; Ratio Formationis Franciscanae OFM, 2003. A

questi documenti si aggiungano altri svariati testi, diversi

per genere e destinazioni, che accompagnano il

cammino di questi anni.

2 Messaggio di Giovanni Paolo II al Capitolo generale

OFM 1991, nn.5-6; cfr. RS, 28-30.

3 «Dixit autem idem pater [scil. Frater Iohannes de Parma],

quod cum ex duobus parietibus construatur aedificium

ordinis, scilicet moribus bonis et scientiam»: A.

G. LITTLE wd., Tractatus fr. Thomae vulgo dicti de Eccleston

de adventu fratrum minorum in Angliam (Collection

d’Ètudes et de Documents 7, Libraire Fischbacher,

Paris 1909), 92.

4 Documento del Capitolo generale 1991, n. 10; cfr. VC

98.

5 FR. HERMANN SCHALÜCK, La promozione degli studi

nel nostro Ordine, in Acta Congressus Repraesentantium

Sedum Studiorum OFM, Roma 1994, 60.

6 cfr. CARLO PAOLAZZI, I frati Minori e i libri: per l’esegesi

di “ad implendum eorum officium” (Rnb III,7) e

“nescientes litteras” (Rnb III, 9; Rb X, 7)», in Archivum

Franciscanum Historicum 1-2/2004, pp. 3-59.

7 Studi e Missione dell’Ordine dei Frati Minori oggi,

Lettera del Ministro generale, 13.6.1981, in AO, 100

(1981), 261-262.

8 Epistola de tribus quaestionibus, in Opera omnia, ed.

Quaracchi, vol. VIII, 332-333.

9 cfr. P. MARANESI, Nescientes litteras. L’ammonizione

della Regola francescana e la questione degli studi

nell’Ordine (sec. XIII-XVI), Istituto Storico del Cappuccini,

Roma 2000.

10 cfr. FR. JOHN VAUGHN, La Formazione francescana e

scientifica dei frati, Lettera del 23.4.1987 in AO 106

(1987), 53.

11 cfr. Epistola Ioannis a Montecorvino, e latinis prima, ad

Vicarium et Fratres provinciae Gazzariae, apud Cambaliech

scripta, 8 gennaio 1305, L. WADDING, Annales

Minorum, anno 1304, n. 13, t. VI,70 (paragrafo 9).

12 cfr. Florentine Codex, Book 6 Rhtoric and Moral Philosophy,

a cura di CH. E. DIBBLE e A. J. O. ANDERSON,

Santa Fe 1969.

13 Pei-ching; S. ROSSO, Pedro de Piñuela, OFM, Mexican

Missionary to China and Author, in Franciscan Studies

8(1948), 263-264.

14 Copie manoscritte autografe presso la Biblioteca

Medicea Laurenziana, Firenze, e la Biblioteca Apostolica

Vaticana, Roma.

15 LUCA BAGLIONI, Arte del predicare, Venezia 1562

(Cap.6).

16 Leonardo da Portomaurizio a mons. [Girolamo] Crispi,

arcivescovo di Ferrara, 5 aprile 1746, in S. Leonardo

da Portomaurizio, Epistolario, a cura di K.

SOLTÉSZ FRATTAIOLI, S. Maria degli Angeli 2000, n. 11

(752-758).

17 Romae, Typographia Camerae Apostolicae 1688.

18 cfr. FR. HERMANN SCHALÜCK, La promozione degli studi

nel nostro Ordine, 75.

19 cfr. Sententiarum I, Proœmium, q. 3, in Opera omnia,

ed. Quaracchi, vol. I, 13.

20 cfr. In cammino verso il Capitolo generale straordinario,

«La Vocazione dell’Ordine oggi», Roma 2005, 18-

19.

21 S. BONAVENTURA, Breviloquium, pars V, cap. 6, (Opera

omnia, ed. Quaracchi, vol. V, 260).

22 «In processu generationis humanae semper crevit notitia

veritatis»: Ordinatio IV, d. 1, q. 3, n. 8 (ed. Parisien.,

vol. XVI, p. 136a). Qui Scoto indirettamente accenna

all’affermazione di san Gregorio Magno: «Per incrementa

temporum crevit scientia spiritualium patrum

[Testamenti Veteris et Novi]»: In Ezechielem II, hom.

4, n. 12 (PL 76, 980).

23 cfr. S. AGOSTINO, Confessiones, X, 23.33, Nuova Biblioteca

Agostiniana, Roma 1975.

24 In cammino verso il Capitolo generale straordinario,

«La Vocazione dell’Ordine oggi», Roma 2005, 26-30.

25 S. AGOSTINO, Confessiones, VIII, 6.15, Nuova Biblioteca

Agostiniana, Roma 1975.

26 La promozione degli studi nel nostro Ordine, in Acta

Congressus Repraesentantium Sedum Studiorum


EX ACTIS MINISTRI GENERALIS

211

OFM, Roma 1994, 70.

27 Discorso ai Vescovi dell’Oceania (Sydney, 1 dicembre

1970): AAS 63 (1971), 56.

28 cfr. Giovanni Paolo II, Esortazione Apostolica Ecclesia

in Oceania, 2001, 17.

29 PAOLO VI, Lett. enc. Populorum progressio, 76-80:

AAS 59 (1967) 294-296.

30 cfr. RS, 27; GIOVANNI PAOLO II, Discorso al Pontificio

Ateneo Antonianum, 16 gennaio 1982, n. 4a: «Come

San Francesco, siate anche voi nel mondo di oggi i custodi

della speranza».

31 Saluto del Gran Cancelliere per l’inaugurazione dell’Anno

Accademico 2000-2001, Pontificio Ateneo Antonianum,

in Liber Triennalis 1999-2002, Roma 2003,

47; cfr. anche RS, 15.

32 GIOVANNI PAOLO II, Messaggio ai partecipanti al Congresso

Internazionale delle Università, Centri di Studio

e di Ricerca OFM, 19 settembre 2001, in Atti del

Congresso Internazionale delle Università, Roma

2002, 25.

33 Idem, 25.

34 Circa le aree dello studio, cfr. STEFANO OPPES, OFM,

Formazione e studio nella nuova Ratio Studiorum dell’Ordine

dei Frati Minori, in Antonianum LXXVII

1(2002), 13-23.

6. Messaggio a Sua Santità Benedetto

XVI in occasione della sua festa onomastica

Roma, 11 luglio 2005

Santità,

in questo giorno di Festa desidero esprimerLe,

anche a nome del Definitorio generale

in questi giorni riunito a Roma per il

“tempo forte” di luglio e dell’Ordine dei

Frati Minori, i migliori auguri e i sentimenti

di riverenza, comunione e collaborazione.

È la Sua prima Festa onomastica. È cosa

spontanea ritornare al Suo presentarsi al

mondo come «semplice ed umile lavoratore

nella vigna del Signore» e all’assunzione

del nome di Benedetto come “via” per attuare

la nuova missione affidataLe dal Signore:

servire il Vangelo e i fratelli.

Gli auguri, allora, si fanno preghiera costante

al «Padre delle misericordie», perché,

per l’intercessione del suo Patrono e

del Patrono dell’Europa, il Suo ministero

apostolico sia punto di incontro tra la spiritualità

dell’oriente e dell’occidente, la Sua

guida indichi agli uomini e ai popoli i sentieri

della vera pace, la Sua parola susciti la

passione per tutto ciò che è umano.

Mentre la penso a lodare l’«altissimo,

onnipotente, bon Signore» per la bellezza

del creato, invoco su di me e su tutti i miei

Frati la Sua benedizione apostolica.

FR. JOSÈ RODRÍGUEZ CARBALLO, OFM

Ministro generale

7. Omelia per l’apertura del “perdono di

Assisi”

S. Maria degli Angeli, 1 agosto 2005

«NELLA CASA DEL SIGNORE»

Sir 24,1-4.22-21; Sal/Lc 1,46-55 ; Gal 4,3-7; Lc 1,26-33

«Il Signore vi dia la pace» (Test 23). Carissimi

fratelli e sorelle, vi saluto con le parole

rivelate a Francesco dall’Altissimo.

Con le stesse parole vi accolgo fraternamente,

a nome del Poverello di Assisi, la cui

presenza è tuttora viva tra noi, e anche dei

Francescani, custodi di questo luogo santo:

siate i benvenuti in questo luogo privilegiato

e benedetto per la presenza di Maria, la

«piena di grazia» (Lc 1,28), e di Francesco,

«vero amante e imitatore» del Signore (TestsC

5). Queste stesse parole si fanno supplica

al Signore, nel cui nome ci siamo riuniti:

per l’intercessione dell’«ancella dell’altissimo

sommo Re», «madre del

santissimo Signore nostro Gesù Cristo, sposa

dello Spirito Santo» (AntUffPass, 2),

«vergine fatta Chiesa» (SalV, 1), l’«altissimo,

onnipotente, bon Signore» (Cant 1)

colmi i vostri cuori della sua Pace e del suo

Bene, frutti di una vita riconciliata con il

«Padre delle misericordie» (TestsC 2).

«Quale gioia, quando mi dissero: “Andremo

alla casa del Signore”» (Sal 122,1).

Una gioia traboccante era il sentimento che

animava il pellegrino in cammino verso Gerusalemme,

sicuro di incontrare nella Città

Santa la pace e il bene che ardentemente desiderava

e bramava con tutto il cuore.

È la stessa gioia che proviamo anche noi

nel giungere in questo luogo santo e tanto

amato dal Padre san Francesco: qui fondò il

suo Ordine e il Signore moltiplicò i suoi

compagni, sotto lo sguardo premuroso della

Regina degli Angeli; qui, in questo luogo


212 AN. CXXIV – MAII-AUGUSTI 2005 – FASC. II

dedicato alla Madre di Dio e restaurato dal

giovane Francesco, gli fu rivelata ed iniziò

a vivere la forma di vita del Cristo, cioè

quella evangelica; qui il Signore, come in

nessun altro luogo, mostrò al Poverello, la

sua bontà e la sua misericordia.

La pace e il perdono che implorava il pellegrino

nel giungere a Gerusalemme, è ciò

che oggi, nelle festa del perdono, imploriamo

per noi, per l’intercessione di santa Maria degli

Angeli e del Beato Padre san Francesco, in

questo «angolo di paradiso», che è la Porziuncola.

Questa pace che sperimentiamo nei

nostri cuori, rinnovati dalla pace che ci viene

dal Signore Gesù, è quella che noi ci impegniamo

a seminare dovunque ci troveremo. E

questo perdono, che gratuitamente riceviamo,

è quello che offriamo a quanti ci hanno

offeso. Non si può avere pace senza riconciliazione

e senza perdono. Solo un cuore pacificato,

un cuore che sa di essere stato perdonato

e ha sperimentato il perdono e la misericordia,

doni del Signore, può offrire il

perdono, può essere misericordioso.

In una società come la nostra, ferita gravemente

dalla violenza, dal terrorismo e

dalla guerra, che contrappongono fratelli a

fratelli e popoli a popoli, ha senso più che

mai celebrare la festa del perdono. In una

società come la nostra, in cui sembra che

siamo impegnati a non riconoscere all’«altro»

e al «diverso» il posto che gli spetta come

essere umano e figlio del Padre di tutti,

ha ancora più senso fare l’esperienza della

riconciliazione con il Signore e lasciarci

perdonare così da poter vivere in pace e riconciliati

con gli altri. Oh, se ci sentissimo

realmente perdonati e riconciliati con il Signore!

Non avremmo nessun timore a rinunciare

alle armi, che impongono la «pace

dei cimiteri»; non dubiteremmo a tendere

per primi la mano al «lontano», al «diverso»,

all’«altro», per farlo «nostro prossimo»

e per trattarlo come nostro fratello.

«Dio è amore» (1Gv 4,8). Carissimi fratelli

e sorelle, questa è la grande Buona Notizia

che il Padre ci ha comunicato attraverso

il Figlio. È il Vangelo che dà significato

pieno alla vita di una persona. È la certezza

che ci fa sperare contro ogni speranza e ci

spinge ad amare, come Dio ci ama.

«Dio è amore». Questa è la Buona Novella

che qui, alla Porziuncola, risuonò nel

cuore di Francesco. È il Vangelo che volle

annunciare a tutti e che lo portò a chiedere

al «signor papa», Onorio III, l’«indulgenza

della Porziuncola», con l’unica finalità di

portare tutti in paradiso. Sono passati gli anni,

quasi 800, e Francesco continua a gridare:

«voglio le anime», «desidero portare tutti

in paradiso».

«Dio è amore» e noi che sperimentiamo

continuamente nella nostra vita questa Buona

Notizia vogliamo gridarla al mondo; vogliamo,

seguendo l’esempio di Francesco,

che la ascoltino i potenti della terra, perché

non «dimentichino il Signore, né deviino

dai suoi precetti», poiché altrimenti dovranno

«renderne ragione... nel giorno del giudizio»

(cf Lrp 3.8); vogliamo che la ascoltino

quelli che sul loro cammino seminano

terrore e morte, perché anche loro devono

temere ed onorare il Signore Dio onnipotente,

confessare i loro peccati e astenersi

da ogni male (cf Rnb XXI, 2ss); vogliamo

che la ascoltino gli uomini e le donne di

buona volontà, perché accolgano «queste e

le altre parole del Signore nostro Gesù Cristo,

con umiltà e amore» (2Lf 87).

«Non temere», disse l’Angelo a Maria

(Lc 1,30). «Non temere», dice oggi il Signore

a ciascuno di noi. I nostri peccati ci

mantengono schiavi degli elementi del

mondo (cf Gal 4,3), ma il Signore è disposto

a riscattarci (cf Gal 4,5) e, pertanto, non

saremo più schiavi, ma figli (cf Gal 4,7).

«Non temere». Per il peccato siamo diventati

ciechi e non vediamo la vera luce (cf 2Lf

66), ma «mentre eravamo ancora peccatori,

Cristo è morto per noi», dimostrando così

l’amore che Dio ha per noi (cf Rm 5,8). Poiché

«Colui che non aveva conosciuto peccato,

Dio lo trattò da peccato in nostro favore»

(2Cor 5,21), in Lui «abbiamo la remissione

dei peccati» (Col 1,14). «Non

temere», perché il nostro Dio è un «Dio misericordioso

e pietoso» (Es 34,6) e, per sua

grazia, il peccato non dominerà più su di noi

(cf Rm 6,14); come Maria, allora, anche noi

ci sentiremo «graziati» dal Signore e pieni

di gioia proclameremo: «la sua misericordia

si estende sui suoi fedeli di generazione


EX ACTIS MINISTRI GENERALIS

213

in generazione», quindi anche su di noi (cf

Lc 1,50). «Non temere», perché l’amore è

più forte del peccato (cf Os 11,8) e «laddove

è abbondato il peccato, ha sovrabbondato

la grazia» (Rm 5,20). «Non temere», infatti

il Signore, «ricordandosi della sua misericordia»

(Lc 1,54), ci diede il «suo Figlio

unigenito» (Gv 3,16), perché avessimo la

vita eterna e per sua grazia fossimo salvi

(cf. Ef 2,5). «Non temere», perché Dio «non

conserva l’ira per sempre» (cf Ger 3,12ss),

«fascerà le nostre piaghe» (Os 6,1), getterà

«in fondo al mare tutti i nostri peccati» (Mi

7,19) e, pertanto, come Maria possiamo

cantare: «l’anima mia magnifica il Signore

e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore»

(Lc 1,46-47). «Non temere». No, non dobbiamo

vergognarci di «confessare al sacerdote

tutti i nostri peccati (2Lf 22), sapendo

che «ci sarà più gioia in cielo per un peccatore

convertito, che per novantanove giusti

che non hanno bisogno di conversione» (Lc

15,7).

«E cominciarono a far festa» (Lc 15,24).

Era la festa del perdono: la pecora perduta

era stata ritrovata, la moneta smarrita era

stata ricuperata e il figlio che «sperperò le

sue sostanze vivendo da dissoluto» (Lc

15,13) era ritornato. Bisognava «far festa»,

era necessario «rallegrasi» (cf Lc 15,32).

La stessa sorte toccherà a noi: la braccia

del Padre si distendono e si aprono per abbracciarci,

il vestito nuovo e il banchetto,

per celebrare il nostro ritorno, sono già preparati.

Ma è necessario che tu ed io, come il

figlio prodigo, ritornando in noi stessi e riconoscendo

le nostre colpe, ci alziamo

pronti a dire: «Padre, ho peccato contro il

Cielo e contro di te; non sono più degno di

essere chiamato tuo figlio...» (Lc 15,18). È

necessario aver presente il nostro peccato

(cf Sal 50,5): l’egoismo senza limiti che coviamo

dentro di noi, i molti idoli a cui offriamo

ogni giorno il nostro culto (denaro,

sesso, bellezza...), la sete insaziabile del potere,

la ricerca sfrenata del piacere, le violazioni

della giustizia e dei diritti degli altri,

la mancanza di amore, l’appropriarsi dei beni

e dei doni che il Signore ci ha affidato per

farli fruttificare, il farsi uguali a Dio... È necessario

confessare che il peccato «abita» in

noi fin dal seno materno – «nel peccato mi

ha concepito mia madre», dice il Salmista –

e pentiti supplicare il Signore: «pietà di me,

o Dio, secondo la tua misericordia; nella tua

grande bontà cancella il mio peccato» (Sal

50,3), «lavami e sarò più bianco della neve...,

crea in me, o Dio, un cuore puro...,

rendimi la gioia di essere salvato» (Sal

50,9-14), o come ci ha insegnato Cristo: «rimetti

a noi i nostri debiti» (Mt 6,12). Il resto

lo farà Lui. Commosso incomincerà a correre

verso di noi e ci coprirà di baci: il bacio

dell’amore, il bacio del perdono, il bacio

della piena riconciliazione (cf Lc 15,20).

Carissimi fratelli e sorelle! Potremo partecipare

a questa grande festa del perdono, e

partecipare al banchetto che il Signore ci ha

preparato solo se, riconoscendo come Francesco

che «l’amore non è amato», siamo capaci

di lasciarci amare per amare come il

Signore ci ama. Chi non ha coscienza del

peccato, chi si sente estraneo alle strutture

di peccato, non può gustare, non può celebrare

la festa del perdono. Solo chi si sente

un figlio prodigo, può gustare il ritorno alla

casa del Padre; solo chi sente una pecora

perduta, potrà celebrare la festa del ritrovamento

(cf Lc 15,3ss).

«Avvicinatevi a me, voi che mi desiderate,

e saziatevi dei miei prodotti» (Sir 24,18).

Carissimi fratelli e sorelle, avviciniamoci al

Signore. Con cuore umile, ma colmo di fiducia,

riconosciamo i nostri peccati (cf Sal

32,5). Il Signore ascolterà la nostra richiesta

di perdono (cf Sal 33,18) e perdonerà

tutte le nostre colpe (cf Sal 32). «Gustate e

vede – fratelli e sorelle – quanto è buono il

Signore» (Sal 33,9). E saziati dai suoi frutti

– perdono, riconciliazione, pace... – andate

nelle piazze delle città, per le strade degli

uomini, che hanno fame e sete degli stessi

frutti, e annunciate loro che Dio è amore e

che anche per loro è stato preparato un banchetto,

i cui piatti più gustosi sono la Pace e

il Bene. Doni questi del Signore, doni che io

desidero e chiedo per tutti voi qui presenti e

per tutti gli uomini e le donne, «amati e

amate dal Signore».

FR. JOSÉ RODRÍGUEZ CRABALLO, OFM

Ministro generale


214 AN. CXXIV – MAII-AUGUSTI 2005 – FASC. II

8. XXV marcia francescana verso Assisi

S. Maria degli Angeli, 02.08.2005

“NELLA TUA STORIA IL DONO”

Carissimi giovani,

il Signore vi dia pace!

Sono lieto di accogliervi ancora una volta

alla Porziuncula, in Santa Maria degli

Angeli, e di dirvi, a nome di Francesco, di

tutti i Frati Minori che custodiscono questo

luogo santo, dei Francescani d’Italia e del

mondo: siate benvenuti alla celebrazione

della festa del perdono 2005.

Sta per concludersi la Marcia Francescana

di quest’anno, che ha come motto «nella

tua storia il dono». Gesù, il dono più grande

che il Padre ci ha fatto, si fa dono per te,

per me, per tutti noi. Gesù, nostro fratello,

si fa anche amico e compagno di viaggio,

come un giorno lo fece con i due discepoli

di Emmaus. In Lui Dio se è fatto «Dio con

noi» e per noi.

Ora tocca noi aprire gli occhi, soprattutto

quelli del cuore, per riconoscerlo accanto

a noi. Tocca a noi riconoscerlo nei momenti

di gioia e di dolore, quando il sole

brilla nella nostra vita e nei nostri cuori e

quando tutto si fa buio.

Per riconoscerlo, però sono necessarie

due cose: averlo prima incontrato e lasciarsi

interrogare, pro-vocare, da lui. È in questo

contesto che vi pongo la domanda che

un giorno Gesù stesso rivolse ai suoi discepoli:

«Voi chi dite che io sia» (Mt 16,15).

Dinanzi a questa domanda, che ognuno di

noi deve sentire rivolta a se stesso, non è

possibile dare risposte scontate.

Chi è Gesù per te

Forse un’ideologia Le ideologie passano!

Forse un leader I leader si seguono con

entusiasmo. Qual è il grado di entusiasmo

nella tua sequela di Gesù

Forse un maestro I maestri si ascoltano

con attenzione ed obbedienza. Come ascolti

Gesù

Forse un amico Agli amici si confidano

le cose profonde della propria vita. Qual è

la tua relazione con Lui

Forse il Signore Al Signore si dona il

cuore; si promette adesione, sequela. Chi

occupa il tuo cuore Qual è il tuo tesoro

Chi segui

Nel Vangelo Gesù si presenta come «la

via, la verità e la vita» (Gv 14,6), come «la

porta» (Gv 10.7.9), come «il pastore» (Gv

10,11.14), come «la vite» (Gv 15,1.5). Quale

risonanza hanno nella tua vita queste

espressioni Con quali ti identifichi Quali

sfide ti pongono

«Amerai il Signore tuo Dio con tutto il

tuo cuore, con tutta la tua anima, con tutta

la tua forza e con tutta la tua mente» (Lc

10,27). Amare, però, con tutto il cuore è

possibile solo se uno si incontra realmente

con Lui, fino ad “innamorarsi” di Lui. «Mi

hai sedotto, Signore, e io mi sono lasciato

sedurre» (Ger 20,7). Mi permetto di fare appello

di nuovo al tuo cuore e di chiederti:

hai incontrato qualche volta realmente il Signore

I discepoli si sono incontrati con Lui

e ricorderanno per sempre l’ora precisa…

(cf. Gv 1,39). Come conseguenza di tale incontro

lasciano tutto… La Samaritana lascerà

la brocca (cf. Gv 4,28), il paralitico lascia

il lettuccio (Gv 5,9), nel caso di Francesco

ciò che prima gli risultava amaro, ora

gli si cambia in dolcezza (cf. Test 3). Queste

sono le conseguenze dell’incontro con

Gesù. E in te cosa accade

«Nella tua storia il dono». Carissimi

giovani, siete chiamati a scoprire Gesù nella

vostra vita per fare del suo progetto di vita,

per fare del Vangelo, il vostro progetto

di vita personale. Qui, alla Porziuncula, il

Signore rivelò a Francesco il progetto evangelico

che il Poverello abbracciò con tutto

il suo cuore. Sono ben note le parole che

Francesco pronunciò, dopo aver ascoltato il

Vangelo della missione: «Questo voglio,

questo chiedo, questo bramo di fare con tutto

il cuore» (1Cel 22).

Ancora un’altra domanda: Che cosa ti

chiede Gesù Gesù ti chiede tutto poiché

tutto ti ha donato. Ti chiede un cuore disponibile

e obbediente nel quale la sua volontà

trovi accoglienza e la sua parola ascolto. Ti


EX ACTIS MINISTRI GENERALIS

215

chiede che come Maria, la Vergine di Nazaret,

la donna dal cuore libero, povero e disponibile,

tu dica con fede: «Eccomi, avvenga

di me…». O come Isaia: «Eccomi,

manda me…». Che cosa ti chiede Gesù nella

situazione concreta nella quale vivi Pensaci!

Ma poi... mettiti in cammino!

Sei stanco «Alzati e mangia…, perché

è troppo lungo il cammino per te» (1Re

19,7).

Ti senti debole e ti mancano le forze

Gesù ti dice: «ti basta la mia grazia» (2Cor

12,9).

Ridono di te Come Paolo sei chiamato a

rispondere: «so in chi ho creduto» (2Tim

1,12) e «tutto posso in colui che mi dà la

forza» (Fil 4,13).

Ti sembra impossibile «Nulla è impossibile

a Dio» (Lc 1,37).

Hai paura Apri le porte della tua vita a

Cristo, che ti dice: «Non temere, io sono

con te…».

«Gli ideali sono come le stelle – dice

Carl Schurz – che mai raggiungiamo, eppure,

come succede ai marinai, grazie ad esse

riusciamo a tracciare il nostro corso». Vivi

con i piedi per terra, ma senza smettere di

sognare, senza rinunciare ad essere profeta.

Si narra che un giorno l’abate Lot andò a

visitare l’abate José e gli disse: «Padre, per

quanto posso, osservo una regola retta, faccio

molti digiuni, pratico un po’ di orazione

e meditazione, osservo il silenzio e, nei limiti

del possibile, cerco di mantenere limpido

il mio pensiero. Che cosa dovrei fare di

più». Il vecchio monaco si mise in piedi,

alzò le mani al cielo, e le sue dita si trasformarono

in dieci torce fiammeggianti. Allora

disse: «perché non ti trasformi in fuoco».

Perché non ti trasformi in altro Cristo

Trasformarsi in fuoco, ravvivare la

fiamma, essere altro Cristo, come lo fu

Francesco, ecco la missione di ogni cristiano,

specialmente di voi giovani. Coraggio,

«non temere, io sono con te…»!

FR. JOSÉ RODRÍGUEZ CARBALLO, OFM

Ministro genera

9. Lettera alle Sorelle Povere in occasione

della Festa di santa Chiara

Roma, 11 agosto 2005

Carissime Sorelle Povere,

il Signore vi dia pace!

Ancora una volta, in occasione della festa

di Santa Chiara, vorrei raggiungervi per

dirvi, prima di tutto, quanto siete vicine al

mio cuore e per ringraziarvi di tutto ciò che

fate per la Chiesa, il mondo e il nostro Ordine.

Per voi e con voi “rendo grazie al donatore

della grazia, dal quale, come crediamo,

scaturisce ogni bene sommo e ogni dono

perfetto” perché vi ha adornato “di così

numerosi titoli di virtù” e vi ha coronato

“con le insegne di una così grande perfezione”

(2LAg 3).

Mosso dal profondo amore che ho per

voi, vorrei manifestarvi alcune mie preoccupazioni,

quando penso alla significatività

della vita delle Sorelle Povere. Come Fratello,

che chiede permesso per entrare nella

vostra vita, vi domando: a distanza di un anno

dalla conclusione del 750° anniversario

della morte di S. Chiara e dell’approvazione

della Regola che cosa è rimasto nelle

Fraternità Quali sono ancora le riflessioni

e i contenuti che fondano il vostro esserci

Quali piste di ricerca ci ha lasciato per il

cammino di questo terzo millennio

Le sollecitazioni partite dal 1993, anniversario

della nascita di S. Chiara, fino ad

oggi sono state molteplici, anche grazie ai

molti studi che hanno permesso di approfondire

e collocare Chiara nella giusta

dimensione storica, sociale, culturale, ecclesiale,

religiosa. Tutto ciò è prezioso,

però, nella misura in cui l’analisi storica

non paralizza nel passato la vita delle Sorelle

Povere, che è sempre chiamata ad essere

evangelica e, quindi, a vivere nel presente

l’oggi di Dio.

Certamente questo è un tempo favorevole

perché vi riappropriate della vostra

autentica Forma di Vita di Sorelle Povere,

che, mi sembra, per varie vicissitudini storiche

ancora oggi non ha trovato una adeguata

collocazione nella Chiesa e forse

nemmeno nella vostra vita. Mi chiedo se


216 AN. CXXIV – MAII-AUGUSTI 2005 – FASC. II

ciò che state professando oggi, oppure ciò

che in questo tempo state difendendo, riguarda

la Regola di S. Chiara e il Vangelo

o non sia piuttosto la difesa di strutture; se

vi state preoccupando di donare ai fratelli e

alle sorelle sparse per il mondo la spiritualità

originale che vi dovrebbe definire come

Sorelle Povere.

Le vostre Fraternità sono chiamate oggi

a rendere visibile la vita evangelica, ad essere

testimoni di presenze che affondano la

loro esistenza in Dio. Quanto bisogno c’è in

questo tempo di persone che, come Chiara,

con la loro profondità di vita, intrisa di silenzio,

rimandano a Lui!

C’è l’urgenza di recuperare la profezia

che un giorno è stata affidata dallo Spirito a

Francesco e a Chiara. La ricerca sul senso

della vostra identità, legata al vivere il Vangelo,

in altissima povertà e in unità di spiriti

(cf RsC 5; Rb 6,4), se è autentica non vi

paralizza, anzi vi immette sulle vie dello

Spirito.

Come rispondere oggi al Signore e ai

fratelli e alle sorelle che vi interpellano

Come “rifondare” la vostra vita

La vostra Forma di Vita richiede di ripartire

sempre da Cristo, di tenere sempre

lo sguardo fisso su di Lui (cf 2LAg 11), per

poter incarnare il Vangelo in un modo comprensibile

agli uomini e alle donne di oggi.

Quando il segno non dice più nulla, vuol dire

che la struttura ha velato il volto di Cristo

e ha preso il sopravvento sui valori da incarnare.

La vostra vita non è fuga mundi, ma

contemplazione delle profondità dell’amore

trinitario, attraverso cui apprendete

l’arte dell’amore verso Cristo, tra voi e

verso tutti i fratelli e le sorelle che abitano

nel mondo. Ancora oggi risuona forte l’invito

di Chiara rivolto ad Agnese: “Poni la

tua mente nello specchio dell’eternità, poni

la tua anima nello splendore della gloria,

poni il tuo cuore nella figura della divina

sostanza…” (3LAg 12-13), per essere

segno dell’amore gratuito di Dio per l’umanità.

Intellettualizzare l’appartenenza al mondo

degli esclusi o farla coincidere solo con

una dimensione della vita significa ancora

oggi non rendere visibile l’intuizione che lo

Spirito affidò a Francesco e a Chiara. Quanto

più divenite contemplative, tanto più la

vostra esistenza partecipa intimamente alla

storia del mondo, per attestare che è abitata

dallo Spirito di Dio. Occorrono gesti visibili

che visualizzano l’altissima povertà, la

comunione fraterna, la cura di Dio per l’umanità.

La testimonianza di fraternità riconciliate

che coltivano il dono della comunione,

che custodiscono la diversità e che vivono

l’unità, non come omologazione

nelle cose da fare, è segno di speranza per

chi vive nell’isolamento, è condivisione

della propria ricerca di Dio con chi, in

qualsiasi modo, cerca un senso da dare alla

vita.

Essere incarnati oggi è quanto mai urgente

per rendere credibile il Vangelo.

Chiara, sull’esempio di Francesco, si è solo

rivestita di Cristo, il Figlio di Dio, il Dio

di Abramo, di Isacco, di Giacobbe e, abbracciando

l’altissima povertà, l’ha visualizzato

nell’amore fraterno. Ancora oggi le

Sorelle Povere sono chiamate a rendere visibile

Cristo nell’esistenza personale e fraterna,

perché gli uomini e le donne del nostro

tempo siano raggiunti dalla testimonianza

di persone che, con il loro esserci,

comunicano la speranza.

Finisco chiedendovi, ancora una volta,

di pregare per me e per l’intero Ordine dei

Frati Minori, che tra qualche mese incomincerà

la preparazione alla celebrazione

dell’VIII Centenario della sua fondazione.

Chiedete per noi e per voi il dono dell’illuminazione

da parte del Signore per conoscere

la sua santa volontà e, allo stesso tempo,

perché ci dia la forza per compierla

sempre.

“State bene nel Signore e pregate per

me” (1LAg 35). Vi benedice di cuore il vostro

Ministro e servo

FR. JOSÉ RODRÍGUEZ CARBALLO, OFM

Ministro genera

Prot. N. 095737


EX ACTIS MINISTRI GENERALIS

217

10. Discorso in occasione della XX GMG

Colonia, 17.08.2005

INCONTRARE DIO NELL’ALTRO

«Abbiamo visto sorgere la sua stella, e

siamo venuti ad adorarlo» (Mt 2,2). Scrutando

il cielo, i Magi hanno visto solo un

“segno”. È stato sufficiente, però, per convincerli

ad affrontare i rischi di un lungo

viaggio nella speranza di trovare una risposta

ad una domanda che si portavano dentro:

«dov’è il re dei Giudei che è nato» (Mt

2,2) E dopo essere stati illuminati dalla parola

dei Profeti, nella sosta a Gerusalemme,

i “cercatori” sono arrivati là dove il cuore li

sospingeva e si sono trovati davanti un fragile

bambino con sua madre! Eppure hanno

visto in lui, come indicano i doni, l’Eterno e

il Re, il Signore che attendevano.

L’avventura di fede dei tre saggi dell’oriente

è una parabola eloquente di ciò che è

accaduto e sta accadendo in questa XX

Giornata Mondiale della Gioventù. Un desiderio

intenso, profondo ha invaso una

moltitudine di giovani. È bastato un “segno”,

l’invito di un Profeta e la testimonianza

di un innamorato di Cristo e dell’uomo,

il Servo di Dio Giovanni Paolo II, perché

da ogni parte del mondo questa

moltitudine si mettesse in cammino verso

Colonia. E dire cammino, è dire fatica, ostacoli,

prove. Ma voi giovani siete giunti qui,

perché avevate voglia di andare avanti, di

“trovare”. Il logo della XX GMG, nella dinamica

della sua simbologia, dice tutto questo

e dice, soprattutto, chi si desidera “trovare”,

“vedere”, “incontrare”: Gesù Cristo,

Crocifisso e Risorto, per adorarlo, per esprimergli

lode, gioia e amore. E poiché le parole

non sono sufficienti, siete venuti per

donargli ciò che avete di più prezioso, come

vi aveva invitato a fare il Papa nel suo Messaggio:

«offrite al Signore l’oro della vostra

esistenza...; fate salire verso di lui l’incenso

della vostra preghiera...; offritegli la mirra,

l’affetto pieno di gratitudine per lui che ci

ha amato fino a morire sul Golgota...».

«Per un’altra strada fecero ritorno al loro

paese» (Mt 2, 12). Per sfuggire agli intrighi

di Erode; soprattutto, perché era avve-

nuto qualcosa di decisivo: hanno incontrato

il Signore. I sentimenti del cuore e i sentieri

della vita non possono che essere nuovi,

diversi.

Anche voi avete incontrato il Signore. È

necessario tornare nei rispettivi paesi per

un’altra strada, confortati dalla promessa

del Risorto: «io sarò con voi tutti i giorni»

(Mt 28,20). Ma come incontrarlo Il Signore

non lascia mai mancare dei segni a chi lo

cerca con cuore sincero. Sì, conosciamo, ad

esempio, il luogo per eccellenza della «manifestazione»

del Signore, l’Eucaristia, nel

segno del «pane spezzato» e del «sangue

versato» (cf Mc 14,22-24). Ma prima e dopo

l’Eucaristia, cioè nei sentieri quotidiani

della nostra esistenza, quali sono i segni

della sua presenza per riconoscerlo e, quindi,

per adorarlo

Poiché la domanda coinvolge profondamente

e la vita e le scelte di ogni giorno,

dobbiamo avere una risposta che non lasci

dubbi ed incertezze. Questa risposta possiamo

incontrarla in due episodi della Sacra

Scrittura.

Il primo ha come scenario il deserto ed

una tenda, come protagonista Abramo, il

Padre della nostra fede. In un giorno qualsiasi,

in un ambiente “monotono” e, per

giunta, nel momento della canicola e quindi

meno opportuno, tre viandanti si presentano

davanti alla tenda di Abramo. Questi

va subito incontro agli ospiti, si prende cura

di loro ed offre il meglio della casa. Tale

atteggiamento permette ad Abramo di incontrare

nei tre viandanti il Signore.

Il secondo episodio ci indica con chiarezza

qual è il “luogo della fede”: Gesù Cristo

è creduto e confessato davvero là dove i

discepoli mostrano interessamento fattivo

per gli altri. Si tratta del grande affresco del

giudizio finale (cf Mt 25,31ss), allorché saremo

valutati per sei atti elementari di misericordia:

nutrire l’affamato, dare da bere

all’assetato, vestire colui che è nudo, accogliere

il forestiero, visitare l’ammalato, andare

a trovare il carcerato, dal momento che

il Figlio dell’uomo non solo chiama i bisognosi

«i miei fratelli più piccoli», ma si

identifica con il loro destino. Una vera sorpresa

per gli “eletti” e per gli “altri”: non


218 AN. CXXIV – MAII-AUGUSTI 2005 – FASC. II

avrebbero mai immaginato che stavano

amando o odiando il Signore stesso nel momento

in cui dimostravano misericordia o

indifferenza verso i piccoli.

Ma «Signore, quando mai ti abbiamo visto»

Per pura misericordia ci è dato di riascoltare

ripetutamente, ogni volta che leggiamo

o sentiamo proclamare questa pagina

del Vangelo, la domanda e la risposta

fondamentali della vita e della storia, quelle

del giudizio finale. Il significato è inequivocabile:

saremo giudicati, siamo giudicati,

in base alla nostra capacità di riconoscere la

presenza “sacramentale” del Risorto nei

piccoli del Vangelo.

Se in una società incatenata alla paura, al

sospetto, all’ostilità, al rancore e al rifiuto

del “diverso”, iniziassimo a vedere nell’altro

la gloria di Dio e nella vita dell’altro la

manifestazione della sua grazia e del suo

amore gratuito (cf S. Ireneo, Contro le eresie),

allora la storia si indirizzerebbe verso

un’altra direzione, quella dell’incontro, del

dialogo, del rispetto e del cammino mano

nella mano. Non è, del resto, questa la nostra

vocazione costitutiva, il nostro DNA

Siamo stati creati, infatti, ad immagine di

Dio, «scelti per essere santi e immacolati

nella carità, predestinandoci ad essere suoi

figli adottivi per opera di Gesù Cristo...»,

chiamati «ad essere conformi all’immagine

del Figlio suo...» (cf. Ef 1,4ss; Rm 8,29). E

Dio, appunto, è il Dio Amore, relazione, comunione.

È il mistero insondabile di Dio,

ma anche la realtà che ci fa vivere: come il

Padre è donazione e il Figlio accoglienza

nell’unità dello Spirito Santo, così noi viviamo

e cresciamo nella misura in cui impariamo

a donare noi stessi e ad accogliere

gli altri in un scambio incessante per attuare

la comunione nel rispetto delle persone,

della loro libertà ed originalità. Ciò vale per

le persone, vale per tutte le realtà sociali

culturali e religiose, dai piccoli gruppi alle

comunità dei popoli.

Ecco cosa significa il ritornare per un’altra

strada! Certo, rimane valida anche nei

“nuovi sentieri” l’esperienza fondante di

ogni scelta e di ogni traguardo: adorare Cristo,

riconoscendogli così il primo posto nell’esistenza.

Come infatti ha scritto il Papa:

«egli è la roccia su cui costruire il futuro e

un mondo più giusto e solidale. Gesù è il

principe della pace, la fonte di perdono e di

riconciliazione, che può rendere fratelli tutti

i membri della famiglia umana».

Se vogliamo essere tra i saggi che desiderano

incontrare il Signore per adorarlo, qui a

Colonia come in ogni angolo della terra, allora

dobbiamo per davvero scommettere sull’amore,

accogliendo gli altri con gli stessi sentimenti

di Cristo (cf Rm 15,7; Fil 2,2). Tutti

gli “altri”, anche il “diverso”, anche il “cattivo”!

Accogliere, ci direbbe san Francesco di

Assisi, con bontà «amico o nemico, ladro o

brigante» (Rnb 71,14). Anche questi sono da

annoverare tra i «fratelli più piccoli» con i

quali Cristo si identifica. Ma per farlo, bisogna

lasciarsi guidare dalla fantasia della carità:

allora i miracoli sono possibili come è

avvenuto nell’incontro di Francesco con il

Sultano o con il lupo di Gubbio. Bisogna avere

l’audacia dell’essere e sentirsi fratelli di

tutti per nutrire la convivenza umana con il

pane della fraternità. È indispensabile ed urgente

attivare o riattivare la tradizione sorta

sulla Croce, quella del perdono invocato e del

perdono donato. Ne va di mezzo la nostra intelligenza:

per “natura” siamo esseri solidali

ed affratellati nel bisogno del pane, nel peso

della colpa e nella gioia del perdono; e il nostro

futuro: se non ci decidiamo ad uscire dalla

notte dell’odio, della vendetta e della violenza,

non può sorgere l’alba della «civiltà

dell’amore».

Mi sia, allora, concesso concludere con

la preghiera attribuita a san Francesco, così

che quello che abbiamo “veduto” diventi il

nostro vissuto quotidiano:

«Signore, fa di me uno strumento della

Tua Pace:

dove è odio, fa ch’io porti l’Amore,

dove è offesa, ch’io porti il Perdono,

dove è discordia, ch’io porti l’Unione,

dove è dubbio, ch’io porti la Fede,

dove è errore, ch’io porti la Verità,

dove è disperazione, ch’io porti la Speranza,

dove è tristezza, ch’io porti la Gioia,

dove sono le tenebre, ch’io porti la Luce.

Maestro, fa che io non cerchi tanto

ad esser consolato, quanto a consolare;


EX ACTIS MINISTRI GENERALIS

219

En la persona de Cristo, el Padre nos ha

bendecido con toda clase de bienes espirituales

y celestiales. En Cristo nos eligió por

amor, y nos ha destinado a ser sus hijos. Por

Cristo hemos recibido la redención, el perdón

de los pecados. El tesoro de su gracia,

sabiduría y prudencia, ha sido un derroche

para con nosotros (cf. Ef 1,3-10). Dios, por

el gran amor con que nos amó, estando nosotros

muertos por los pecados, nos ha head

essere compreso, quanto a comprendere;

ad essere amato, quanto ad amare.

Poiché, così è:

dando, che si riceve;

perdonando, che si è perdonati;

morendo, che si risuscita a Vita Eterna».

FR. JOSÉ RODRÍGUEZ CARBALLO, OFM

Ministro generale

11. Carta en el día de Santa Beatriz de Silva

a las muy queridas Hermanas de la

Orden de la Inmaculada Concepción

EN EL AÑO DE LA EUCARISTÍA

“Esto es mi Cuerpo, que se entrega

por vosotros” (Lc 22, 19)

¡Paz y bien!

Estamos recorriendo ya las últimas etapas

del año de la Eucaristía, un año en el

que la Iglesia ha querido dedicarse especialmente

a vivir el misterio eucarístico, un

itinerario de piedad y caridad que se coronará

en el próximo mes de octubre con la

celebración de la Asamblea Ordinaria del

Sínodo de los Obispos.

La solemnidad ya cercana de la bienaventurada

Madre santa Beatriz de Silva me

ofrece la ocasión de haceros llegar en tan

gozosa celebración el saludo afectuoso de

los Hermanos Menores, y de compartir con

vosotras, en comunión carismática, el amor

entrañable que profesamos a nuestro Señor

Jesucristo, que por todos murió y resucitó,

y para todos está presente en el Santísimo

Sacramento del altar.

En comunión carismática contemplamos a

Cristo, el don de Dios

El Padre del cielo, que es el Bien de

quien procede todo bien, nos amó con un

amor tan sin medida que nos dio a su Hijo

único para que, por la fe, tengamos vida y

no perezca ninguno de los que creen en él

(cf. Jn 3,16). En Cristo Jesús, don de Dios,

fuente que el poder de Dios abrió para apa-

gar la sed de su pueblo, bebemos los sedientos

el agua viva que salta hasta la vida

eterna. Cristo es el verdadero pan del cielo

que el Padre nos da para nuestro camino en

el desierto. Él es la luz que el Padre nos

ofrece para que, viendo, podamos realizar

las obras de Dios. Él es la resurrección y la

vida que ha bajado del cielo para liberarnos

del poder de la muerte.

¡Todo nos lo dio, quién todo se nos dio

en su Hijo muy querido!

Con este don llegó para los pobres la

buena noticia de su liberación y, por la fe, se

inundó de alegría el corazón de los que moraban

en la tristeza, rompió un día eterno en

los ojos de los ciegos, recubrió una pureza

inocente la piel de los leprosos, se abrieron

los oídos del sordo al susurro pacificador de

la Palabra de Dios, los paralíticos avanzaron

decididos por el camino que lleva a la

tierra prometida, y los sepulcros se abrieron

para entregar sus muertos a una dicha sin

fin.

¡Todo nos lo dio, quién todo se nos dio

en su Hijo muy querido!

En este Hijo, en este pobre, en este hombre,

la pobreza se llenó de Dios porque el

Hijo de Dios se abrazó con la pobreza, la

fragilidad humana se halló bendecida porque

en ella quiso el Hijo de Dios manifestar

su poder, y la humanidad se encontró rica

de Dios porque la Palabra eterna del Padre

quiso ser un pobre, un hombre.

¡Todo nos lo dio, quién todo se nos dio

en su Hijo muy querido!


220 AN. CXXIV – MAII-AUGUSTI 2005 – FASC. II

cho vivir con Cristo, nos ha resucitado con

él y nos ha sentado con él en el cielo (cf. Ef

2,4-7).

¡Todo nos lo dio, quién todo se nos dio

en su Hijo muy querido!

Todo nos lo ha dado ya, incluso lo que

todavía esperamos, a saber, la riqueza de

gloria que Dios da en herencia a los santos,

la eficacia de su fuerza poderosa, que desplegó

en Cristo, resucitándolo de entre los

muertos y sentándolo a su derecha en el cielo

(cf. Ef 1,17-23), la dicha de la eterna bienaventuranza

que se manifestará cuando

venga lo perfecto y se acabe lo limitado,

cuando dejemos de ver en enigma y empecemos

a ver cara a cara (cf. 1Cor 13,8-13).

¡Todo nos lo dio, quién todo se nos dio

en su Hijo muy querido!

Todo nos lo ha dado ya el Padre Dios,

aunque nosotros no podamos siquiera imaginar

la infinita riqueza que se encierra en la

brevedad de ese «todo», ya que no somos

capaces de imaginar el cielo, ni la eternidad,

ni el amor que es puro amor, ni la dicha que

es sólo dicha. El sol, con ser el sol, es solo

fría oscuridad ante el fuego de amor que es

la Trinidad Santísima. Y ese amor que alcanza

al hombre Cristo Jesús, a todos nos

alcanza en Cristo, pues de él hemos recibido

su Espíritu y con él formamos un solo

cuerpo. Podemos decir que somos amados

de Dios, que somos amados como hijos en

el Hijo, como hijos muy queridos en el Hijo

predilecto; pero no podemos en modo alguno

expresar cómo es ese amor, pues es el

amor con que Dios ama a su Hijo, y sólo

Dios puede hablar de Dios.

En comunión carismática contemplamos a

Cristo, entregado por nosotros

Volvamos ahora los ojos a Cristo el Señor,

la Palabra encarnada por quien nos han

llegado la gracia y la verdad, la reconciliación

y la alegría, la luz y la vida, la libertad

y la paz. Volvamos los ojos al altísimo Hijo

de Dios, en quien el amor del Padre se nos

revela. Volvamos los ojos a él con serena

confianza, pues no va a deslumbrarnos la

majestad de lo divino, sino que va a atraernos

la pequeñez de lo humano.

Así nos presenta el apóstol Pablo este

misterio de amor: «Cristo, a pesar de su

condición divina, no hizo alarde de su categoría

de Dios; al contrario, se despojó de

su rango y tomó la condición de esclavo,

pasando por uno de tantos. Y así, actuando

como un hombre cualquiera, se rebajó hasta

someterse incluso a la muerte, y una

muerte de cruz» (Flp 2,6-8).

Así lo confiesa la santa Iglesia en su profesión

de fe: «Creo en un solo Señor, Jesucristo,

Hijo único de Dios, nacido del Padre

antes de todos los siglos […] que por nosotros

los hombres y por nuestra salvación

bajó del cielo, y por obra del Espíritu Santo

se encarnó de María, la Virgen, y se hizo

hombre; y por nuestra causa fue crucificado

[…], padeció y fue sepultado».

Así lo contempla el Seráfico Padre san

Francisco: «Esta Palabra del Padre, tan

digna, tan santa y gloriosa, fue anunciada

por el mismo altísimo Padre desde el cielo,

por medio del santo ángel Gabriel, y vino al

seno de la santa y gloriosa Virgen María,

en el que recibió la carne verdadera de

nuestra humanidad y fragilidad. Y, siendo

sobremanera rico, quiso escoger la pobreza

en este mundo, junto con la bienaventurada

Virgen, su Madre. Y poco antes de la pasión

celebró la Pascua con sus discípulos y, tomando

el pan, dio gracias, lo bendijo y lo

partió, diciendo: Tomad y comed, esto es mi

cuerpo. Y, tomando el cáliz, dijo: Ésta es mi

sangre del nuevo Testamento, que será derramada

por vosotros y por todos para el

perdón de los pecados» (Segunda Carta a

los Fieles, 4-7).

Nuestra humanidad, nuestra fragilidad,

nuestra pobreza las hizo suyas, por nuestro

amor, el altísimo Hijo de Dios: Por nosotros

se abajó; por nosotros se consagró, por nosotros

se entregó.

«¡Oh, cuán santo es tener un tal esposo,

defensor, hermoso y admirable! ¡Oh, cuán

santo y cuán amado es tener un tal hermano

y un tal hijo, agradable, humilde, pacífico,

dulce, amable y más que todas las cosas


EX ACTIS MINISTRI GENERALIS

221

deseable, nuestro Señor Jesucristo!, que

dio la vida por sus ovejas» (San Francisco,

Primera Carta a los fieles, 12-13).

De tanto amor son memoria necesaria

las palabras de la Sagrada Escritura, que

guardamos como un tesoro en nuestro corazón.

De aquel divino amor es memoria el

testimonio de vida del Seráfico Padre san

Francisco, y la bienaventurada Madre santa

Beatriz. De aquel infinito amor es memoria,

sobre todo, el santísimo sacramento de la

Eucaristía, en el que Cristo se ofrece realmente

por nosotros, se queda bondadosamente

con nosotros, y nos invita dulcemente

a seguir sus pasos por el camino de la entrega

amorosa.

En la divina Eucaristía, todo entero se

nos entrega el Señor. En vuestra profesión

religiosa, cada una de vosotras se ofrece,

con propósito de oblación perfecta, al divino

Redentor y a su gloriosa Madre, entregándoos

a Él como hostia viva en alma y

cuerpo (cf. Regla de la OIC, 2).

En la divina Eucaristía, Cristo, Dios e

Hijo de Dios, se humilla hasta el punto de

esconderse, para nuestra salvación, bajo

una pequeña forma de pan (cf. San Francisco,

Carta a toda la Orden, 27). En vuestra

vocación contemplativa, sois invitadas a

imitar la humildad y mansedumbre del Redentor

y de su dulcísima Madre (cf. Regla

de la OIC, 44).

En la divina Eucaristía, Cristo se hace

nuestro servidor, haciéndose para nosotros

alimento del alma y del cuerpo. En vuestra

consagración al Señor, cada una de vosotras

entrega el don humilde y precioso de la propia

vida, por amor y en servicio de nuestro

Señor, y de la Inmaculada Concepción de su

Madre.

En la divina Eucaristía, Cristo es fuego

de amor que os ofrece luz y calor. Por vuestro

carisma, vosotras sois como la lámpara

encendida junto al altar, que con su llama

viva da testimonio de la presencia del Señor,

y en esa presencia vive, adora, pide,

agradece, ama y se consume.

En la Eucaristía, queridas Hermanas, tenéis

el sacramento del amor que Dios nos

tiene todos, y en ella, al mismo tiempo, encontráis

el ejemplo del amor que todos hemos

de tener a Dios.

Llevad siempre a Cristo en el corazón, y

no olvidéis en vuestra oración a vuestros

Hermanos Menores.

Os bendigo de todo corazón.

Roma, Curia general OFM,

17 de agosto de 2005

Fiesta de Santa Beatriz de Silva

FR. JOSÉ RODRÍGUEZ CARBALLO, OFM

Ministro General


E SECRETARIA GENERALI

1. Capitulum Custodiae S. Ioannis Baptistae

in Pakistania

In the Custodial Chapter of the Custody

of “St. John Baptist” in Pakistan, canonically

celebrated at the Portiuncula friary,

Karachi, under the presidency of the General

Visitator, MISCAMBLE BR. PHILLIP, on the

29th February 2005 the following friars

were elected:

Custos:

SHUKARDIN FR. SAMSON

Vicar of the Custody:

MOHAR FR. VICTOR

Councillors of the Custody:

JAVED FR. SADIQ

ASHIR FR. IFTIKHAR

BABAR FR. YOUSUF

PERVAZ FR. DANIEL.

The General Definitorium in its session

of the 18th March 2005 attentively examined

these elections and approved them.

Prot. 095352

2. Consiliarii Cust. “S. Francisci” in West

Papua (Irian Jaya) electio

In the Chapter of the Custody of “St.

Francis” in West Papua, canonically celebrated

at the House of Jakarta, Indonesia,

under the presidency of the Minister

Provincial, BRUNO BR. PASKALIS, on the

18th April 2005 the following friars were

elected:

Custos:

SAHANDUN FR. FERDINAND

Vicar:

NNGA FR. GABRIEL

Councilors:

BAHANG FR. KONSTANTINUS

BUDI HERNAWAN FR. YOHANES

AWE FR. TARCISIUS

WARAT BUNGAN FR. WILLEM.

The General Definitorium in its session

of the 18th April 2005 attentively examined

these elections and approved them.

Prot. 095704

3. Capitulum Prov. Ss. Francisci et Iacobi

Jalisco in Mexico

En el día 5 de mayo de 2005, en el Capítulo

de nuestra Provincia Franciscana de los

Santos Francisco y Santiago en México, celebrado

regularmente según las disposiciones

del Derecho en la Casa del Señor de la

Misericordia (valle de la Misericordia), bajo

la presidencia del Visitador General Asistente,

GÓMEZ MARTÍNEZ FR. EULALIO,

miembro de la Provincia de San Pedro y

San Pablo en México, resultaron elegidos:

para el Oficio de Ministro provincial:

GONZÁLEZ PORRES FR. ANTONIO

para el Oficio de Vicario provincial:

CEJA JIMÉNEZ FR. IGNACIO

para el Oficio de Definidores provinciales.

LANCASTER-JONES CAMPERO FR.GUIL-

LERMO

CÓRDOVA IBARRA FR. DANIEL

MONROY BALLESTEROS FR. BENJAMÍN

MUÑOZ GUERRERO FR. LUCIO

SAGAÚ DE LEÓN SEGURA FR. JUAN

LEY MONTIJO FR. FRANCISCO JAVIER.

El Definitorio general, en la Sesión ordinaria

celebrada el 12 de mayo de 2005, tras

un minucioso examen de las Actas aprobó

dicha Elección.

Prot. 095652

4. Custodiae Aut. “S. Clarae” in Mozambico

erectio

Auctoritate nobis concessa, praehabito

consensu Definitorii generalis in congressu


224 AN. CXXIV – MAII-AUGUSTI 2005 – FASC. II

diei 13 mensis Maii anni 2005 obtento,

praesenti Decreto erigimus atque canonice

erectam declaramus

CUSTODIAM AUTONOMAM

SANCTAE CLARAE IN MOZAMBICO.

Cum omnibus iuribus et oneribus in legibus

nostris statutis. Praesens decretum

vim suam obtinebit a die 13 mensis Junii

anni 2005 in festo Sancti Antoni Lisbonensis.

Datum Romae, ex Aedibus Curiae Generalis Ordinis,

die 13 mensis Maii anni 2005.

FR. JOSÉ RODRÍGUEZ CARBALLO, OFM

Minister Generalis

FR. SANDRO OVEREND RIGILLO, OFM

Secretarius Generalis

Prot. 095754

5. Custodiae Aut. “S. Clarae” in Mozambico

electiones

Definitorium Generale, in sessione diei

13 mensis Maii anni 2005 regulariter congregata

sub praesidentia Rodríguez Carballo

Fr. José, Ministri Generalis, Superiores

noviter erectae Custodiae Autonomae a

Sancta Clara in Mozambico elegit:

in Custodem:

GOLOLOMBE FR. LUCAS FRANCISCO

in Vicarium:

DA COSTA FR. PEDRO ANTONIO

in Definitores:

JUMA MANUEL FR. JOSÉ

DA COSTA FR. JOSÉ MACIEL

JOÃO FR. EVODIO

BÁSCONES LEZCANO FR. ENRIQUE.

Et praesentis Decreti vigore praedictas

electiones confirmo, conferens singulis

electis omnia iura et facultates quae iisdem

officiis secundum Constitutiones et Statuta

Generalia Ordinis adnexa sunt.

Decretum hoc vim suam obtinebit a die

13 mensis Junii an. 2005, in festo Sancti

Antonii Lisbonensis.

Datum Romae, ex Aedibus Curiae Generalis Ordinis,

die 28 Maii an. 2005

FR. JOSÉ RODRÍGUEZ CARBALLO, OFM

Minister Generalis

FR. SANDRO OVEREND RIGILLO, OFM

Secretarius Generalis

Prot. 095753

6. Capitulum Prov. S. Mariae Angelorum

in Polonia

Nel Capitolo della nostra Provincia di

“S. Maria degli Angeli”, in Polonia,celebrato

regolarmente nel giorno 19 maggio 2005

secondo le disposizioni del Diritto nella Casa

“S. Maria degli Angeli”, in Varsavia, sotto

la presidenza di KUROWSKI FR. BLAZER,

Visitatore generale, membro della Provincia

“S. Hedvigis”, in Polonia, sono stati

eletti:

per l’Ufficio di Ministro provinciale:

GDYK FR. NIKODEM

per l’Ufficio di Vicario provinciale:

KNAPCZYK FR. TEODOR

per l’Ufficio di Definitori della Provincia:

KOTRYS FR. BONIFACY

KOMAN FR. JACEK

PASZKIEWICZ FR. KRZYSZTOF

JANAS FR. LUCJAN

GÓRSKI FR. ELIZEUSZ .

Queste elezioni sono state ratificate dal

Definitorio generale il 25 maggio 2005.

Prot. 095722

7. Consiliarii Fund. “Blessed Joseph

Vaz” in Sri Lanka electio

In the Provincial Chapter of the Foundation

of the “Blessed Joseph Vaz” in Sri Lanka,

canonically celebrated at the Capuchin

House in Ampitiya, under the presidency of

the General Visitator and Vicar Provincial

of the Franciscan province of S. Pedro

Bautista in the Philippines, OBICO BR. BAL-

TAZAR, from the 17th to the 19th February


E SECRETARIA GENERALI

225

2005, the following friars were elected:

President:

LITIGIO FR. ANDREW

Councilors:

ARNEL TANYEN FR. PERCIVAL

BENEDICT FR. HIPPOLITUS.

The General Definitorium in its session

of the 25th May 2005 attentively examined

these elections and approved them.

Prot. 095669

8. Capitulum Prov. S. Ioseph Sponsi

BMV in Canada

In the Provincial Chapter of our

province of “St. Joseph, Spouse of the

B.V.M.” in Canada, regularly celebrated according

to the norms of Cannon Law and

held from the 15th to the 20th May 2005 in

the Friary of the Resurrection at Montreal-

Quebec, presided over by the Visitator General,

LALOUX FR. MICHEL, a member of our

Franciscan Province of the “Three Companions”,

in France and Belgium, the following

friars were elected:

for the office of Minister Provincial:

BRUNETTE FR. PIERRE

for the office of Provincial Vicar:

LE GOANVEC FR. MARC

for the office of Provincial Definitors:

BOYER FR. MICHEL

CHARLAND FR. PIERRE

DÔ VAN THÔNG FR. AIMÉ

ÉTHIER FR. HENRI.

The General Definitorium, in its session

of the 18th June 2005, attentively examined

the acts of these elections and approved them.

Prot. 095763

9. Capitulum Prov. Immaculatae Conceptionis

BMV in Polonia

Nel Capitolo della nostra Provincia dell’Immacolata

Concezione della BMV, in Polonia,

celebrato regolarmente nel giorno 11

maggio 2005 secondo le disposizioni del Diritto

nella Casa di Skepe, sotto la presidenza

di ZEGLIN FR. DYMITR, Visitatore generale,

membro della Provincia dell'Assunzione

della BVM , in Polonia, sono stati eletti:

per l'Ufficio di Ministro provinciale:

GNIECKI FR. CZESLAW

per l'Ufficio di Vicario provinciale:

PABIN FR. ANDREZEJ

per l'Ufficio di Definitori della Provincia:

HAJZLER FR. HENRYK

HESS FR. AZARIASZ

JUSIAK FR. OKTAWIAN

MOCARSKI FR. ALBERT

POSTAWA FR. DAWID.

Queste elezioni sono state ratificate dal

Definitorio generale il 18 giugno 2005.

Prot. 095687

10. Capitulum Prov. Ss. Cyrilli et Methodii

in Croatia

Nel capitolo della nostra Provincia dei

“Ss. Cirillo e Metodio”, in Croazia, celebrato

regolarmente, il 20 aprile 2005, secondo

le disposizioni del Diritto nella Casa

dell’Assunzione in Samobor, sotto la presidenza

di VASILIJ FR. JOZO, Visitatore generale,

membro della Provincia dell’Assunzione

della BVM, in Erzegovina, sono stati

eletti:

per l’Ufficio di Ministro provinciale:

ZELEZNJAK FR. ZELJKO

per l’Ufficio di Vicario provinciale:

KOREN FR. MATIJA

per l’Ufficio di Definitori della Provincia:

JAKOBOVIC FR. ZDRAVKO

MIKLENIC FR. IVAN

MUSTAC FR. VLADO

PERISIC FR. ROBERT

VRDOLJAK FR. ILIJA

VUKOJA FR. NIKOLA.

Queste elezioni sono state ratificate dal

Definitorio generale il 6 luglio 2005.

Prot. 095799

11. Capitulum Prov. Assumptionis BMV

in S.F.A.S.


226 AN. CXXIV – MAII-AUGUSTI 2005 – FASC. II

In the Provincial Chapter of the “Assumption

of the BVM” Province in the USA,

canonically celebrated at the Centre for Ministry

& Development in Mundelein, Illinois,

under the presidency of the General Visitator,

COPPS BR. MICHAEL, on the 4th May

2005 the following friars were elected:

for the office of Minister Provincial:

HOPE BR. LESLIE

for the office of Vicar Provincial:

PODZIUNAS BR. JOHN

for the office of Provincial Definitors:

BERNA BR. FRANCIS

CELLA BR. JOHN

KENNEDY BR. BERNARD

TOKARZ BR. JERRY

WILKING BR. CRAIG.

The General Definitorium in its session

of the 6th July 2005 attentively examined

these elections and approved them.

Prot. 095790

12. Capitulum Prov. Carthaginensis in

Hispania

En el día 2 de junio de 2005, en el Capítulo

de nuestra Provincia Franciscana de

Cartagena en España, celebrado regularmente

según las disposiciones del Derecho

en la Casa de Santa Ana de Orihuela, bajo la

presidencia del Visitador General, EGIGU-

REN IRAOLA FR. JOSÉ ÁNGEL, miembro de la

Provincia Franciscana de Arántzazu en España,

resultaron elegidos:

para el Oficio de Ministro provincial:

VIDAL ABELLÁN FR. SATURNINO

para el Oficio de Vicario provincial:

HERNÁNDEZ MARTÍN FR. JESÚS

para el Oficio de Definidores provinciales:

ESCRIBANO FR. MIGUEL

LÓPEZ FR. FRANCISCO

PARADA FR. JOSÉ

QUESADA FR. JUAN

RIQUELME FR. PEDRO.

El Definitorio general, en la Sesión ordinaria

celebrada el 6 de julio de 2005, tras un

minucioso examen de las Actas aprobó dicha

Elección.

Prot. 095785

13. Capitulum Prov. Seraphicae S. Francisci

Assisiensis in Italia

Nel Capitolo della nostra Provincia Serafica

di S. Francesco d’Assisi, in Italia, celebrato

regolarmente nei giorni 12-14 maggio

2005, secondo le disposizioni del Diritto,

nella Casa Oasi Santa Maria dei Monti in

Grottammare (Ascoli Piceno), sotto la Presidenza

di FAVRETTO FR. MARIO, Visitatore

generale, membro della Provincia Veneta di

S. Antonio di Padova, in Italia, sono stati

eletti:

per l’Ufficio di Ministro provinciale:

RESCHIGLIAN FR. MASSIMO

per l’Ufficio di Vicario provinciale:

DE LAZZARI FR. FRANCESCO

per l’Ufficio di definitori della Provincia:

BUCAIONE FR. ALFREDO

GIACOMETTI FR. LUIGI

LELLI FR. MASSIMO

MIGLIASSO FR. FABRIZIO

ROSATI FR. GIANCARLO

VIANELLI FR. MARCO.

Queste elezioni sono state ratificate dal

Definitorio generale il 20 luglio 2005.

Prot. 095982

14. Capitulum Prov. S. Ioannis Baptistae

in S.F.A.S.

In the Provincial Chapter of our

province of “Saint John the Baptist” in the

USA, regularly celebrated according to the

norms of Cannon Law and held on the 26th

May 2005 in the Virginia W. Kettering Residence

Hall at the University of Dayton,

presided by the Visitator General, DOHERTY

FR. MICHAEL, a member of our Franciscan

Province of the “Sacred Heart”, in USA, the

following friars were elected:

for the office of Minister Provincial:

LINK BR. FRED

for the office of Provincial Vicar:

SCHEELER BR. JEFFREY

for the office of Provincial Definitors

BOK BR. JAMES

FARRIS BR. WILLIAMS

FRIEDMAN BR. GREGORY

JOUNG BR. DENNET.


E SECRETARIA GENERALI

227

The General Definitorium, in its session

of the 20th July 2005, attentively examined

the acts of these elections and approved

them.

Prot. 095943

15. Capitulum Prov. Ss. Nominis Iesu in

S.F.A.S.

In the Provincial Chapter of our

province of the “Holy Name” in the USA,

regularly celebrated according to the norms

of Cannon Law and held from the 30th May

to the 2nd June 2005 in Loudonville, NY,

presided by the Visitator General, BUCHER

FR. RAYMOND, a member of our Franciscan

Province of “St. Barbara”, in the USA, the

following friars were elected:

for the office of Minister Provincial:

O’CONNOR BR. JOHN F.

for the office of Provincial Vicar:

MONTI BR. DOMINIC V.

for the office of Provincial Definitors:

COCCIA BR. CHRISTOPHER A.

COUGHLIN BR. F. EDWARD

DI SPIGNO BR. FRANCIS

DWYER BR. P. DANIEL

MULLEN J. KEVIN

REITZ BR. J. ANDREW.

The General Definitorium, in its session

of the 20th July 2005, attentively examined

the acts of these elections and approved

them.

Prot. 095930

16. Capitulum Intermedium Prov. S. Fidei

in Columbia

En el día 5 de julio de 2005, en el Capítulo

intermedio de nuestra Provincia de la

Santa Fe de Colombia, celebrado regularmente

según las disposiciones del Derecho

en el Auditorio del Colegio Franciscano

del Virrey Solís de Bogotá, bajo la presidencia

del Ministro provincial, GÓMEZ

VERGEZ FR. FRANCISCO LEONARDO, resultaron

elegidos:

para el oficio de Definidores Provinciales:

BUILES URIBE FR. MIGUEL ÁNGEL

MONTES URBINA FR. JUAN ALBERTO

PÉREZ CANO FR. NELSON ANTONIO

RESTREPO GIRALDO FR. CARLOS ARTURO

TORO VALENCIA FR. LUIS ALBERTO.

El Definitorio general, en la Sesión ordinaria

celebrada el 20 de julio de 2005, tras

un minucioso examen de las Actas aprobó

dicha Elección.

Prot. 095955

17. Capitulum Prov. S. Mariae in Hungaria

Nel Capitolo della nostra Provincia di S.

Maria in Ungheria, celebrato regolarmente,

nel giorno 5 luglio 2005 secondo le disposizioni

del Diritto nella Casa di “S. Elisabeta”

in Saveria (Szombathely), sotto la presidenza

di BÖJTE FR. MIHALY, Visitatore generale,

membro della Provincia di S.

Stefano Re, in Romania, sono stati eletti:

come Ministro provinciale:

BALÁZS FR. BARSI

come Vicario provinciale:

PIUZS FR. RÁCZ

come Definitori della Provincia:

BÉZSENYI FR. RAFAEL

BEZZEGH FR. KELEMEN

RAEIZS FR. PÁL

ROCKENBAUER FR. BARNABÁS.

Queste elezioni sono state ratificate dal

Definitorio generale il 20 luglio 2005.

Prot. 095921

18. Capitulum Intermedium Prov. S. Mariae

Gratiarum in Sardinia

Nel Capitolo intermedio della nostra

Provincia S. Maria dalle Grazie in Sardegna,

Italia, celebrato regolarmente il 1º luglio

2005, secondo le disposizioni del Diritto,

nella Casa S. Maria dei Martiri in Fonni,

sotto la presidenza di SOLINAS FR. MARIO,

Ministro provinciale, sono stati eletti:


228 AN. CXXIV – MAII-AUGUSTI 2005 – FASC. II

per l'Ufficio di Definitori della Provincia:

ATZEI FR. ARCANGELO

CARTA FR. GIUSEPPE

CUGUSI FR. ANTONIO

PILI FR. DARIO.

Queste elezioni sono state ratificate dal

Definitorio generale il 20 luglio 2005.

Prot. 095928

19. Capitulum Intermedium Prov. Tridentinae

S. Vigilii in Italia

Nel Capitolo intermedio della nostra

Provincia Tridentina di S. Virgilio in Italia,

celebrato regolarmente l’8 giugno 2005, secondo

le disposizioni del Diritto, nella Casa

delle Sorelle della Misericordia, Villa Moretta

di Pergine, sotto la presidenza di PEL-

LEGRINI FR. GERMANO, Ministro provinciale,

sono stati eletti:

per l'Ufficio di Defìnitori della Provincia:

BIASI FR. SAVERIO

GIULIANI FR. MATTEO

PIVATELLI FR. ANDREA

RIGHI FR. CLAUDIO.

Queste elezioni sono state ratificate dal

Definitorio generale il 20 luglio 2005.

Prot. 095886

COCCI FR. MASSIMO

FILA FR. SIDIVAL

MAIELLO FR. PAOLO

PECCHIA FR. LUIGI

ROSSI FR. GIOVANNI

STEFANI FR. UGO.

Queste elezioni sono state ratificate dal

Definitorio generale il 12 maggio 2005.

Prot. 095586/212

21. Capitulum Intermedium Prov. Trium

Sociroum in Gallia-Belgio

Nel Capitolo Intermedio della nostra

Provincia Minoritica “Trium Sociorum”, in

Francia e Belgio, celebrato regolarmente il

2 aprile 2005, secondo le disposizioni del

diritto, in Strasbourg, sotto la presidenza di

FR. ROGER MARCHAL, Ministro provinciale,

sono stati eletti:

come Definitori della Provincia:

HANESSE FR. ROGER

JACQUEMIN FR. AGNELLO

JOLY FR. DOMINIQUE

LALOUX FR. MICHEL.

Queste elezioni sono state ratificate dal

Definitorio generale il 12 maggio 2005.

Prot. 095462/277

20. Capitulum Prov. Romanae Ss. Petri et

Pauli in Italia

Nel Capitolo della nostra Provincia Romana

“Ss. Apostolorum Petri et Pauli”, in

Italia, celebrato regolarmente secondo le disposizioni

del Diritto, nella Casa (Oasi)

“Gesù Bambino”, in Greccio, sotto la presidenza

di BARTOLINI FR. BRUNO, Visitatore

generale, membro della Provincia “Christi

Regis", in Italia, nei giorni 11 e 13 aprile

2005, sono stati eletti:

per l'Ufficio di Ministro provinciale:

PORCELLI FR. MARINO

per l'Ufficio di Vicario provinciale:

DE GIUSTI FR. LUCIANO

per l'Ufficio di Definitori della Provincia:

22. Capitulum Prov. Lyciensis Assumptionis

BMV in Italia

Nel Capitolo della nostra Provincia “Assumptionis

BNV”, in Italia, celebrato regolarmente

nei giorni 18-30 aprile 2005, secondo

le disposizioni del Diritto, nella Casa

(Oasi) “Madonna di Roca”, in Roca, Marina

di Melendugno (LE), sotto la presidenza

di MAIOLO FR. GIUSEPPE, Visitatore generale,

membro della Provincia “Ss. VII Martyrum”,

in Italia, sono stati eletti:

per l'Ufficio di Ministro provinciale:

BUCCOLIERO FR. AGOSTINO

per l'Ufficio di Vicario provinciale:

PICHIERRI FR. DANIELE

per l'Ufficio di Definitori della Provincia:

ALUISI FR. LUIGI


E SECRETARIA GENERALI

229

CARRIERO FR. MICHELE

CORSANO FR. ROSSANO

GIARDINA FR. SALVATORE

QUARANTA FR. PAOLO.

Queste elezioni sono state ratificate dal

Definitorio generale il 12 maggio 2005.

Prot. 095612/205

23. Capitulum Intermedium Prov. “B.

Pacifici” in Gallia

Nel Capitolo Intermedio della nostra Provincia

“B. Pacifici”, in Francia/Occidentale,

celebrato regolarmente nei giorni 4-11 marzo

2005, secondo le disposizioni del Diritto,

nella Casa “Bernadette Soubirous”, in Nevers,

sotto la presidenza di NAMUR FR. HEN-

RI, Ministro provinciale, sono stati eletti:

per l'Ufficio di Definitori della Provincia:

BRIONNE FR. DIDIER

CAVELLEC FR. GILLES

GOURNAY FR. THIERRY

LE MAOU FR. YANNICK.

Queste elezioni sono state ratificate da

Definitorio generale il 12 maggio 2005.

Prot. 095660/245

24. Visitatores generales

– DI FATTA FR. GIUSEPPE, Prov. Siciliae Ss.

Nominis Iesu, Italia, pro Prov. Apuliae S.

Michaëlis Archangeli, Italia:

06.05.2005; prot. n. 095325.

– UDOVICIC FR. IVICA, Prov. Ss. Redemptoris,

Croazia, pro Prov. S. Crucis, Bosnia/Erzegovina:

06.05.2005; prot. n.

095379.

– BAHCIC FR. ROBERT, Prov. S. Crucis,

Slovenia, pro Prov. Dalmatiae S. Hieronymi,

Croazia: 09.05.2005; prot. n.

095690.

– GONZÁLEZ GONZÁLEZ FR. JOSÉ, Prov. S.

Iacobi a Compostela, Spagna, pro Prov.

Castellanae S. Gregorii Magni, Spagna:

10.05.2005; prot. 095552.

– COSTA FR. MARCIO LUIS, Cust. Aut. Nostrae

Dominae Septem Gaudiorum, Brasile,

pro Prov. Assumptionis BMV, Brasile:

17.05.2005; prot. n. 095590.

– DOMÍNGUEZ FERRER FR. RAIMUNDO,

Prov. Valentiae et Aragoniae S. Ioseph,

Spagna, pro Prov. Franciscana de

Arantzazu, Spagna: 17.05.2005; prot.

095632.

– DA SILVA FR. EDILSON ROCHA, Cust. Aut.

S. Benedicti in Amazonia, Brasile, pro

Prov. S. Crucis, Brasile: 17.05.2005;

prot. n. 095680.

– FAVRETTO FR. MARIO, Def. gen., pro

Frat. “Ss.ma Annunziata” di S. Giorgio

del Sannio (Benevento): 19.05.2005;

prot. n. 095631.

– MOORE FR. GERARD, Prov. Dominae Nostrae

de Guadalupe, America

Centrale/Panama, Vis. Gen. Assistens

pro Cust. Franc. “S. María de la Esperanza”,

Cuba/Porto Rico/Rep. Domenicana:

31.05.2005; prot. n. 095632.

– BANKOVIC FR. STEFAN, Prov. Ss. Salvatoris,

Slovacchia, pro Prov. S. Venceslai,

Rep. Ceca: 25.07.2005; prot. n.

095702.

– COLOMBOTTI FR. TARCISIO, Prov. Mediolanensis

S. Caroli Booromaei, Italia,

pro Prov. Tusciae S. Francisci Stigmatizati,

Italia: 25.07.2005; prot. n.

095786.

– OROSZ FR. LÓRANT, Prov. S. Ioannis a

Capistrano, Ungheria, pro Prov. S.

Stephani Regis, Romania: 25.07.2005;

prot. n. 095750.

– FERRAIO FR. PAOLO, Prov. Mediolanensis

S. Caroli Borromaei, Italia, pro Prov.

Liguriae Ss. Cordis Mariae, Italia:

25.07.2005; prot. n. 095573.


230 AN. CXXIV – MAII-AUGUSTI 2005 – FASC. II

– SCHEIDT FR. GUIDO MOACIR, Prov. Immaculatae

Conceptionis BMV, Brasile,

pro Prov. Ss. Nominis Iesu, Brasile:

25.07.2007; prot. n. 095913.

– MASCARENHAS FR. LOUIS, Cust. Aut. S.

Ioannis Baptistae, Pakistan, pro Prov. S.

Petri Baptistae, Filippine: 25.07.2005;

prot. n. 095951.

– MILLER FR. BERTIN, Prov. Ss. Cordis Iesu,

USA, pro Prov. Nostrae Dominae de

Guadalupe, USA: 25.07.2005; prot. n.

095878.

– OTTAVI BRUNO, Prov. Serfica S. Francisci

Assisiensis, Italia, pro Prov. S. Benedicti

Africani, Rep. del Congo:

01.08.2005; prot. n. 095893.

25. Domus erectae

– Franciscans, ul. Komarova 71-11,

692525 Ussuriysk, Russia: 18.06.2005;

prot. n. 095689.

– Franciscans, St. Mary Churh, ul. Birzhan

Sal 149, 488088 Taldykorhan, Kazakistan:

10.06.2005; prot. n. 095688.

26. Notitae particulares

1. Nuova Fondazione Francescana in

Myanmar

– EREZIONE DELLA FONDAZIONE. Il Definitorio

generale nella sessione del 3 maggio

2005, celebrata nella Casa di Santa Maria

Mediatrice a Roma e presieduta dal Ministro

generale, Fr. José R. Carballo, ha proceduto

alla Erezione della Fondazione

Francescana in Myanmar, dipendente dal

Ministro generale.

Prot. n. 095646

– NOMINA DEL DELEGATO. Il Definitorio generale

nella sessione del 3 maggio 2005, celebrata

nella Casa di Santa Maria Mediatrice

a Roma e presieduta dal Ministro generale,

Fr. José R. Carballo, ha nominato

NGUYEN VAN SI FR. AMBROGIO, Definitore

generale, Delegato del Ministro generale

per la Fondazione Francescana in Myanmar.

Prot. n. 095648

– NOMINA DEL PRESIDENTE. Il Definitorio

generale nella sessione del 3 maggio 2005,

celebrata nella Casa di Santa Maria Mediatrice

a Roma e presieduta dal Ministro generale,

Fr. José R. Carballo, ha nominato

YAKIT FR. JAIME, della Provincia di S. Pietro

Battista nelle Filippine, Presidente della

Fondazione Francescana in Myanmar.

Prot. n. 095647.

2. Capitolo generale straordinario

Per il Capitolo generale straordinario,

che si celebrerà ad Assisi dal 15 al 30 settembre

2006, il Definitorio generale, nella

sessione del 5 maggio 2005, ha nominato:

– Interpreti: Hernández Fr. Raul, Tierrablanca

Fr. Rubén (spagnolo); Short Fr.

Bill, Collins, Fr. Sean (inglese); Caspoli

Fr. Alessandro, Iorio Fr. Paul (italiano).

Traduttori: Orduña Fr. Cesar, Iglesias Fr.

Enrique (spagnolo); Hudson Fr. Patrick,

Yates Fr. Philippe (inglese); Canali Fr.

Paolo, Sisto Fr. Gianfrancesco (italiano).

Verbalisti: De La Mata M. Miguel, Moore

Fr. Michael, Ferraldeschi Fr. Matteo.

– Commissione per il regolamento del Capitolo

generale straordinario: Vallecillo

Fr. Miguel, Def. gen.; Várnai Fr. Jakab,

Def. gen.; Patton Fr. Francesco, Prov. di

Trento, Italia.


E SECRETARIATU

PRO FORMATIONE ET STUDIIS

1. VII Assemblea del SERFE

4-8 luglio 2005

Dal 4 all’8 luglio 2005 si è tenuta la VII

Assemblea del SERFE (Servizio Formazione

e Studi) della Conferenza OFM del Brasile,

nel Convento São Francisco di Campo

Grande, ospite della Custodia «Sette Allegrezze

di Maria». Vi hanno partecipato 58

Formatori e alcuni rappresentanti dei Professi

temporanei delle diverse Entità. Il tema

affrontato è stato quello dell’Accompagnamento

personalizzato a partire dalla

RFF. I lavori sono stati coordinati dal Segretario

uscente, Fr. Sebastiano Kremer.

Il Segretario generale per la Formazione

e gli Studi, Fr. Massimo Fusarelli, ha partecipato

all’intera Assemblea, su invito dei

Formatori. Ha offerto una presentazione

della situazione attuale della formazione e

studi nell’Ordine e poi si è soffermato sul

tema dell’accompagnamento personalizzato

a partire dalla RFF, sviluppando un buon

dialogo con i Formatori. Il tema è stato affrontato

bene. Tutti i Formatori si sono dimostrati

attenti e convinti della sua importanza.

La RFF è conosciuta e utilizzata. La

Conferenza sta cominciando a pensare ad

una propria Ratio, secondo il dettato dei

nuovi SSGG.

L’accompagnamento personalizzato non

è appena un mezzo per garantire la maturità

umana. Esso non va mai slegato dal contenuto

profondo della nostra forma vitae. Si

tratta di accompagnare la maturità integrale

della persona perché questa possa assumere

con libertà la vita evangelica dei Frati minori.

Per questo l’accompagnamento non è

una strategia per tempi difficili, ma una

mentalità nuova di formazione.

La Conferenza affronta con serietà e impegno

il tema, riconoscendovi una grande

sfida per il futuro della formazione. Il pro-

cesso di accompagnamento personale è ormai

avviato quasi in tutte le Entità, anche se

con modalità differenti.

L’Assemblea ha lavorato ancora sulla

condivisione del cammino formativo in ciascuna

Entità, sul rinnovo del Comitato esecutivo

per il prossimo biennio, sulla verifica

e programmazione delle iniziative comuni

di formazione (Corso per i Formatori, 3

settimane per i professi solenni dei primi

sette anni; Esercizi per la professione solenne;

ipotesi di un tempo di Moratorium per i

frati di 25 anni di professione.....). Hanno

completato l’esperienza l’incontro con la

realtà indigena del Mato Grosso e con un’opera

di assistenza sanitaria ai più poveri. Il

clima è stato ottimo sul piano fraterno e del

lavoro, dimostrando il buon cammino che

la Conferenza ha compiuto e le notevoli

prospettive che le si aprono. Il nuovo Segretario

per la FeS della Conferenza è Fr.

Miguel Kleinhans, della Provincia dell’Assunzione

della BVM.

Prima dell’Assemblea Fr. Massimo Fusarelli

ha visitato le Case di formazione e

altre realtà di tre Entità: la Provincia «S.

Francesco» di Porto Alegre do Rio Gran do

Sul; la Provincia «SS. Nome» di Goiais e la

Custodia delle «Sette Allegrezze di Maria»

in Mato Grosso.

2. Il Ministro generale ha confermato le

seguenti Ratio delle Province

1. Conferma della Ratio Formationis della

Provincia Veneta di S. Antonio (Italia): 8

maggio 2005.

2. Conferma della Ratio Studiorum della

Provincia di S. Barbara in California

(U.S.A): 7 giugno 2005.

3. Conferma della Ratio Studiorum della

Provincia di S. Edvige (Polonia): 14 luglio

2005.


232 AN. CXXIV – MAII-AUGUSTI 2005 – FASC. II

3 Erezione della Casa di Noviziato

Accettata la richiesta da parte del Ministro

provinciale della Provincia dell’Assunzione

della B.V. Maria in Bosnia-Erzegovina,

trasmessa alla Curia generale con la lettera

del 25 maggio 2005 (Prot. 192/2005),

ottenuto il voto deliberativo del Definitorio

generale nella sessione del 18 giugno 2005,

e usando le facoltà che ci competono per

l’ufficio, con il presente Decreto, a norma

del can 647 §1 del CJC e dell’art. 92 §2 e 93

§2 degli SS.GG., erigiamo la nostra Casa di

Humac (Ljubuski), e tale la dichiariamo

eretta, come la Casa di Noviziato della Provincia

dell’Assunzione della B.V. Maria in

Bosnia-Erzegovina, per il periodo di un anno.

Qualunque cosa ci sia in contrario.

Dato a Roma, nella sede della Curia Generale,

30 giugno 2005.

Prot. 095770 (186/05)

FR. JOSÉ RODRÍGUEZ CARBALLO, OFM

Ministro generale

FR. ALOJZY WAROT, OFM

Vice Segretario generale

per la Formazione e gli Studi

4. Notitiae particulares

1. Pontificia Università Antonianum

– Con Decreto del 5 maggio 2005 (Prot.

095629), il Ministro generale ha nominato

BOTTINI FR. GIOVANNI CLAUDIO,

della Provincia di “S. Bernardino” in Italia,

DECANO della Facoltà di Scienze Bibliche

e di Archeologia di Gerusalemme

per un triennio.

– Con Decreto del 15 giugno 2005 (Prot.

095524), il Ministro generale ha nominato,

su richiesta di Freyer Fr. Johannes

B., Rettore Magnifico della Pontificia

Università Antonianum (13 aprile 2005:

Prot. 243/05), a norma dell’art. 32 §1 degli

Statuti, WACH FR. MARECH, ofm,

alunno della Provincia “S. Maria degli

Angeli” in Polonia, SEGRETARIO GENE-

RALE della Pontificia Università Antonianum.

La nomina ha valore a partire

dal 1 agosto 2005.

– Con lettera del 20 giugno 2005 (Prot.

404/77 - 1414/2004) MONS. MICHAEL

MILLER, Segretario della Congregazione

per l’Educazione Cattolica, ha comunicato

al Ministro generale e Gran Cancelliere

della P.U.A. che nella medesima

data quel Dicastero ha eretto la Facoltà

Teologica Pugliese, con sede in Bari. Alla

luce di ciò il legame accademico di affiliazione

dello Studio Interreligioso Pugliese

di Bari, affiliato alla Facoltà di

teologia della Pontificia Università Antonianum,

è da considerarsi sciolto. La

Congregazione esprime l’apprezzamento

per l’impegno profuso dalla nostra

Università nel corso di lunghi anni per il

suddetto Studio.

2. Collegio “S. Bonaventura” di Grottaferrata

– Il Ministro generale il 14 luglio 2005 ha

nominato IOZZELLI FR. FORTUNATO,

OFM, della Provincia Toscana di S.

Francesco Stimmatizzato (Italia) e attuale

Coordinatore delle Attività scientifiche

ed editoriali del Collegio “S. Bonaventura”,

membro del Consiglio di Redazione

della Rivista «Archivum

Franciscanum Historicum».

– Con Decreto del 14 luglio 2005

(Prot.95960 (247/05), il Ministro generale

ha nominato Membri delle Sezioni

del Collegio “S. Bonaventura” di Grottaferrata

(Roma), a norma dell’art. 28 degli

Statuti peculiari, i seguenti frati:

• per la Sezione «Edizioni di Testi

Francescani»: PAOLAZZI Fr. CARLO,

della Provincia di S. Vigilio/Italia,

Direttore; IOZZELLI Fr. FORTUNATO,

della Provincia di S. Francesco Stigmatizzato/Italia;

MARIANI Fr. NAZA-

RENO, della Provincia di S. Giacomo

della Marca/Italia; RASOLOFOARIMA-


E SECRETARIATU PRO FORMATIONE ET STUDIIS

233

NANA Fr. JEAN DESIRÉ, della Provincia

di S. Francesco/Africa e Madagascar.

• per la Sezione «Storia Francescana»:

SELLA Fr. PACIFICO, della Provincia di

S. Antonio di Padova/Italia, Direttore;

CENCI Fr. CESARE, della Provincia

di S. Antonio di Padova/Italia; DORF-

NER Fr. DOMINIK, della Provincia di S.

Antonio/Germania; MAGAZZINI Fr.

STEFANO, della Provincia di S. Francesco

Stigmatizzato/Italia.

– Con Lettera del 6 maggio 2005 (Prot.

095601), il Ministro generale ha dichiarato

sospesa la Sezione «Pensiero Francescano»,

fino al reperimento di nuovi

studiosi.


E SECRETARIATU PRO

EVANGELIZZAZIONE ET MISSIONE

1. Centri educativi dei Frati Minori

Da una indagine effettuata della Segreteria

generale per l’Evangelizzazione risulta

che nell’Ordine dei Frati Minori vi sono

273 Centri educativi in cui sono impegnati

691 Frati. Il maggior numero di strutture è

in Argentina con 38 centri scolastici, segue

il Brasile con 24, il Messico con 21, il Perù

con 20, gli USA con 19, la Spagna con 18 e

la Colombia con 16.

Il Segretario generale per l’Evangelizzazione,

Fr. Nestor Schwerz, e l’Animatore

generale per la Pastorale Educativa, Fr. Joaquín

A. Echeverry H., avevano inviato, nel

mese di gennaio 2005, un questionario a

tutte le Entità dell’Ordine, per conoscere la

realtà dei Centri educativi ed il numero dei

Frati in essi impegnati.

Su 126 questionari inviati sono giunte

106 risposte (81%). Da esse si evince che

66 Entità dei Frati Minori hanno Centri

Educativi. Sotto questo termine possiamo

identificare Università, Facoltà affiliate ad

Università, Collegi, Scuole e Centri formativi

per l’infanzia e la gioventù.

America Latina (160)

• 8 Università (Brasile, Colombia e

Messico).

• 5 Facoltà affiliate ad altre università

(Argentina, Ecuador e Brasile).

• 142 Collegi o Scuole.

• 5 Centri per l’infanzia e la gioventù.

• 295 Frati che operano in questo settore

dell’evangelizzazione.

USA (19)

• 4 Università o Facoltà.

• 15 Collegi.

• 80 Frati impegnati.

Europa (56)

• Pontificia Università Antonianum di

Roma.

• 3 Facoltà affiliate ad altre Università

(Spagna e Italia).

• 47 Collegi.

• 5 Centri educativi.

• 236 Frati impegnati.

Asia (26)

• 3 Facoltà (Israele, Hong Kong, India).

• 23 Collegi/Scuole.

• 60 Frati impegnati.

Africa (12)

• 9 Collegi/Scuole.

• 3 Centri Educativi e assistenziali.

• 20 Frati dedicati a questa attività.

2. Myanmar: una nuova presenza francescana

in un Paese buddista

I primi Frati provenienti dalle Filippine e

dal Vietnam si sono trovati a Bangkok, l’8

giugno 2005, per iniziare insieme una nuova

presenza a Yangon, capitale di Myanmar o

Birmania. Essi si preparano per contribuire

alla crescita e al consolidamento della Chiesa

locale, e per offrire il carisma francescano

a coloro che se ne sentiranno attirati.

La Chiesa cattolica in Myanmar

I primi contatti con il cristianesimo si

fanno risalire al 1287, quando arrivarono i

latini e i greci, in viaggio sulle vie delle Indie.

Dopo la scoperta dell’India da parte di

Vasco da Gama nel 1497, alcuni missionari

portoghesi vi arrivarono al seguito degli

scopritori e dei commercianti. San Francesco

Saverio, in una lettera ai Gesuiti di Europa,

citava il Regno locale di Pegu e nel

1556, in seguito allo sviluppo delle relazioni

commerciali tra questo Regno e il Portogallo,

vi si installarono un migliaio di portoghesi

cristiani. Intanto, fra il 1554 e il

1557, Fr. Pietro Bonfer, francescano francese,

studiò per tre anni la lingua locale e

scrisse un libro sulla sua esperienza missio-


236 AN. CXXIV – MAII-AUGUSTI 2005 – FASC. II

naria a Pegu. Nel XVII secolo vi erano dei

cristiani sia nel Regno di Pegu sia in quello

vicino di Arakan, con la presenza di diversi

missionari religiosi: gli Agostiniani in

Arakan, i Francescani, i Domenicani e i

Teatini a Pegu. Ma la nascita della Chiesa in

Birmania (Myanmar) viene datata al 1719,

quando il barnabita P. Calchi venne nominato

Vicario Apostolico della Birmania. Tra

il 1743 e il 1767 vi furono quattro gruppi di

Barnabiti, e tra il 1830 e il 1860 vi operarono

gli Oblati.

Le difficoltà vennero quando scoppiò la

guerra tra la Birmania e l’Inghilterra nel

1852. Molto si adoperò in favore dei cattolici

Mons. Paul Bigandet, vescovo dal 1856

al 1894. Alla sua morte vi erano in Birmania

35.000 cattolici, tra Yangon-Mandalay e

la regione di Myanmar (che oggi ha dato il

nome a tutto il Paese).

La Chiesa cattolica ha continuato a vivere

grazie ai missionari del Pime, italiani a irlandesi.

Oggi, in Myanmar vi sono 3 Archidiocesi

e 9 Diocesi con 13 Vescovi in attività e

circa 600 sacerdoti diocesani e religiosi.

La Chiesa è ancora giovane, con circa un

mezzo milione di cattolici su una popolazione

di 45 milioni (1,4 %). Però la maggior

parte di essi non appartiene alla popolazione

birmana, che è maggioritaria e nella quale

è fortemente incarnato il Buddismo, bensì

alle minoranze etniche, come i Karen,

Kachin, Chin, Padaung e Aka. Il lavoro

missionario è, dunque, ancora molto ampio!

La presenza dei Francescani

I Francescani hanno già offerto il loro

contributo in Birmania nel XVII secolo. Più

recentemente, il Prefetto Apostolico, Mons

Locelyn Madden, chiese nel 1979 di avere

Frati minori in Birmania. La richiesta venne

girata alla Conferenza delle Province asiatiche

limitrofe, ma non ebbe seguito.

Un nuova domanda all’Ordine è stata rivolta

dall’attuale Arcivescovo di Yangon,

Mons. Charles Bo, salesiano. Nel quadro

delle nuove presenze dell’Ordine, la richiesta

è stata accolta dal Definitorio generale,

ed è stato elaborato un progetto che prevede

di soddisfare alle indicazioni dell’Arcivescovo

e di iniziare la presenza francescana

con la partecipazione dei Frati delle Province

asiatiche della regione.

Ai primi tre Frati arrivati a Bangkok, se

ne aggiungeranno presto altri provenienti

dalle Filippine, dall’Indonesia, dalla Corea

e dall’India. Si tratta, dunque, di una Fraternità

interculturale, internazionale, che è già

stata costituita come “Fondazione” dipendente

direttamente dal Ministro generale.

Il progetto della presenza francescana

La presenza francescana in Myanmar

sarà anzitutto al servizio della Chiesa locale,

ancora giovane e molto fragile: è la

“missio ad gentes” come “aedificatio Ecclesiae”,

costruzione e consolidamento della

Chiesa locale. Questo servizio, è stato

formulato dall’Arcivescovo come animazione

e sostegno spirituale per i sacerdoti e

i religiosi, e come animazione pastorale nel

quartiere e tra i giovani, in atteggiamento di

dialogo aperto, rispettoso, e di accoglienza

di tutti senza distinzioni, anche di persone

di altre religioni. Non bisogna dimenticare

che Myanmar è un Paese a grandissima

maggioranza buddista. AYangon vi è la Pagoda

più antica e più grande del mondo, risalente

ai tempi di Budda!

Il secondo aspetto del progetto è l’accoglienza

e la formazione alla vita francescana

dei giovani candidati: missione come

“implantatio Ordinis”. L’Arcivescovo di

Mandalay, Mons Paul Zinghtung Grawng,

alla notizia che una Fraternità francescana

si stava installando a Yangon, ha richiesto di

andare anche nella sua Diocesi ed ha esplicitamente

invitato ad accogliere le nuove

vocazioni locali. In effetti, l’impiantazione

dell’Ordine non è che un altro aspetto del

servizio alla Chiesa locale, alla quale si offre

il dono del carisma francescano, dono

fatto dallo Spirito alla Chiesa, nella sua forma

autoctona e inculturata.

Gli inizi

La nuova Fraternità ha iniziato ufficialmente

a Lamsai, il 9 giugno mattina. Durante

la Messa comunitaria, celebrata con la

partecipazione dei Frati della Thailandia e


E SECRETARIATU PRO EVANGELIZZAZIONE ET MISSIONE

237

delle Suore della Carità che collaborano

con i Frati nell’ospizio per i malati di Aids,

Fr. Ambrogio Van Si, Definitore generale

per l’Asia, ha dato lettura del decreto di erezione

della Fondazione francescana in

Myanmar e ha comunicato la nomina di Fr.

Jimmy Yakit, filippino, come Presidente

della Fondazione e dello stesso Fr. Ambrogio

come Delegato del Ministro generale.

I giorni seguenti, la Fraternità si è spostata

nella casa a Bangkok, dove ha iniziato

ad entrare spiritualmente nel “progetto

Myanamr”, a costruirsi come Fraternità-inmissione,

in una medesima visione della

missione francescana e nella comunione

fraterna che cerca di vivere l’unità carismatica

nella diversità culturale.

Nella prima visita fatta a Yangon, Fr.

Jimmy ha potuto incontrare l’Arcivescovo,

conoscere le Suore francescane FMM che

in Myanmar hanno una grande e antica Pro-

vincia, vedere la casa che è già stata acquistata

in un quartiere periferico e povero della

città, e rendersi conto della situazione in

generale. Fr. Jimmy è stato colpito dall’accoglienza

molto favorevole che ha trovato

ovunque, ed ha riscontrato una grande apertura

da parte dei vicinati di casa, alcuni dei

quali sono cristiani. Attraverso questi primi

contatti, sono già state intraviste molteplici

possibilità di servizi e di attività in favore

della popolazione e della Chiesa locale.

La nuova Fraternità ha iniziato la presenza

a Yangon nel mese di agosto 2005,

usufruendo dell’ospitalità molto fraterna

della Suore FMM, per cominciare a studiare

la lingua locale, preparare la casa alle esigenza

della vita comunitaria e costruire le

prime relazioni interpersonali nell’ambiente

circostante.

FR. VINCENZO BROCANELLI


E POSTULATIONE GENERALI

1. Venerabili Dei Servo Valentino Paquay

caelitum Beatorum tribuitur

dignitas

IOANNES PAULUS PP. II

Ad perpetuam rei memoriam. – «Misericors

est Dominus et miserator» (Iac 5,11).

Valentinus Paquay sacerdos, patrem bonum

cum imitaret qui filio paenitentiam agenti

ignovit (cfr Lc 15, 11-32), peccatoribus Dei

misericordiam ostendit, qui eius sanctimonia

pastoralique studio pellecti, turmatim

Reconciliationis Sacramentum spiritalemque

moderationem petituri ad eum concurrebant.

Humilis hic Francisci Assisiensis sectator

in oppido Tongres (in Belgio) die XVII

mensis Novembris anno MDCCCXXVIII a religiosa

familia ortus est. Ludo litterario absoluto,

collegium Canonicorum Regularium

S. Augustini adiit. Puer homilia quadam

tactus est, quae de Dei misericordia

disserebat ideoque sese totum Christo devovere

consecratum et sacerdotem constituit.

Anno MDCCCXLV in seminario oppidi St-

Trod est receptus, ut in rhetorica et philosophica

disciplina erudiretur. Belgicam

exinde Provinciam Ordinis Fratrum Minorum

est ingressus et anno MDCCCXLIX in

claustro oppidi Thieit Novitiatum incohavit.

Subsequentis anni die IV mensis Octobris

religiosa vota pronuntiavit atque die X

mensis Iunii anni MDCCCLIV sacro ordine

auctus est. A superioribus in claustrum Hasseletense

missus est, ubi usque ad mortem

mansit. Munus diligentissime sustinuit vicarii,

guardiani et, novem per annos, definitoris

provincialis.

Cotidiana absolvendo officia Patrisque

voluntati adhaerendo perfectionis evangelicae

attigit fastigium. Congruenter fidem

ostendit, vera ductrix quae eius iter continenter

collustravit. Ecclesiae leges suique

Ordinis regulas insigniter servavit. Biblia

sacra dilexit, quae legebat, usque cogitabat

atque suis in homiliis crebro adducebat,

quas fideles existimabant, qui eum auditum

accurrebant. Suam spiritalitatem assidua

oratione alebat, quam ulla sino

verecundia magna voce agebat. Erga Eucharistiam,

Sacrum Cor Iesu, Christi Passionem

et Virginem Sanctissimam, quam

per cotidianam sancti Rosarii precationem

invocabat, singularem devotionem tenuit.

Eius vitae eiusque operis principem habuit

locum Deus. Ad eum ut animas duceret,

missiones adire voluerat, sed haud bona

valetudine affectus, in patria mansit, precatione

ferventi missionariorum comitans

apostolatum. Caritate fratribus, tertiariis,

aegrotis inservivit, quos subinde invisebat,

ita ut anno MDCCCLXIV variolis tabe

afficeretur. Morituris assidere solebat,

quos ad Christum conveniendum comparabat.

Prudens fuit et in spiritali moderamine

cautus. Parcus cibi, necessariam tantum

quietem suo tribuit corpori atque iuvenis

per paenitentiae exercitium suos sensus cohibuit.

Cella nuda erat ei vacuaque atque

germanus Pauperculi Assisiensis spiritalis

fìlius nullos favores accepit.

Postremis vitae annis ulcere quodam in

pede est correptus ipseque fere omnem amisit

visum. Licet haud firma esset valetudine

anno MCMIV sollemniter celebrare voluit

quinquagesimam memoriam dogmatis Immaculatae

Conceptionis. Laetus dolores sustinuit

atque speravit se Christum conventurum,

cui totam per vitam servivit. Die I

mensis Ianuarii anno MCMV pientissime de

hoc mundo demigravit.

Eius propter latam sanctitatis famam anno

MCMVIII beatificationis et canonizationis

Causa incohata est. His cunctis absolutis iure

statutis rebus Decessor Noster Paulus VI,

recolendae memoriae, die IV mensis Maii

anno MCMLXX de virtutibus, heroum in mo-


240 AN. CXXIV – MAII-AUGUSTI 2005 – FASC. II

dum exercitis, Decretum evulgavit. Die XX

mensis Decembris anno MMII Nobis coram

Decretum de miraculo prodiit. Statuimus

igitur ut beatificationis ritus Romae die IX

mensis Novembris subsequentis anni celebraretur.

Hodie igitur, in foro Sancti Petri prospiciente

Vaticanam Basilicam, inter Missarum

sollemnia hanc pronuntiavimus formulam:

«Nos, vota Fratrum Nostrorum Antoni

Dorado Soto, Episcopi Malacitani, Pauli

Schruers, Episcopi Hasseletensis, Dionysii

Cardinalis Tettamanzi, Archiepiscopi Mediolanensis,

Casimiri Lopez Liorente, Episcopi

Zamorensis, et Ioannis Mariae Cardinalis

Lustiger, Archiepiscopi Parisiensis,

necnon plurimorum aliorum Fratrum in

Episcopatu multorumque christifidelium

explentes, de Congregationis de Causis

Sanctorum consulto, Auctoritate Nostra

Apostolica facultatem facimus ut Venerabiles

Servi Dei Ioannes Nepomucenus Zegri

y Moreno, Valentinus Paquay, Aloisius

Maria Monti, Bonifatia Rodriguez Castro

et Rosalia Rendu Beatorum nomine in posterum

appellentur, eorumque festum:

Ioannis Nepomuceni Zegri y Moreno die

undecima Octobris, Valentini Paquay die

decima quarta Ianuarii, Aloisii Mariae

Monti die vicesima secunda Septembris,

Bonifatiae Rodriguez Castro die sexta Iunii

et Rosaliae Rendu die septima Februarii

in locis et modis iure statutis quotannis

celebrari possit.

In nomine Patris et Filii et Spiritus

Sancti».

Quod autem decrevimus, volumus et

nunc et in posterum tempus vim habere,

contrariis rebus minime quibuslibet officientibus.

Datum Romae, apud Sanctum Petrum, sub anulo

Piscatoris, die IX mensis Novembris, anno MMIII,

Pontificatus Nostri sexto et vicesimo.

De mandato Summi Pontificis

ANGELUS CARD. SODANO

Secretarius Status

2. Decretum super miraculo S.D. Iosephae

Suriano

CONGREGATIO

DE CAUSIS SANCTORUM

Montis Regalis. Beatificationis et canonizationis

Ven. Servae Dei Iosephae Suriano

christifidelis laicae (1915-1950)

Venerabilis Serva Dei Iosepha Suriano

nata est in vico Partinico, intra fines Archidioecesis

Montis Regalis in Sicilia, die 18

mensis Februarii anno 1915. Naviter accessit

ad missionem Ecclesiae utpote plurium

consociationum laicorum socia. lam inde a

iuventute enim laicorum consociationi illi,

cui nomen “Azione Cattolica”, adhaesit, in

qua sedulo et fructuose ad puellarum iuvenumque

institutionem incubuit. In paroecia

Piam Unionem Filiarum Mariae fundavit ac

rexit. Sodales fuit Conferentiarum Sancti

Vincentii de Paul et missiones catholicas

Universitatemque Studiorum a Sacro Corde

opibus suis sustinuit. Hostiam pro sanctifìcatione

sacerdotum se obtulit. Die 19 mensis

Maii anno 1950 pie obiit.

Summus Pontifex Ioannes Paulus II, die

18 mensis Februarii anno 1989, Servam Dei

virtutes theologales, cardinales et his adnexas

heroico gradu coluisse decrevit.

Beatificationis Venerabilis Servae Dei

respectu, Causae Postulatio iudicio huius

Congregationis de Causis Sanctorum nuper

assertum subiecit mirum casum Isabellae

Mannone, iuvenis Lilybaei in provincia

Drepanensis, quae, die 14 mensis Iunii anno

1992 dum pyelo insidebat, electricam emissionem

excepit instrumenti crinis siccatorii

deiectu excussam.

Accidens in toto corpore excussiones iuveni

procuderat, sicut et artuum rigorem,

statum spiritus suffocationis, conscientiae

amissionem et grave vulnus in laevo gluteo.

Mater eius, quae promptissime clamoribus

fìliae auxilio accurrerat, identidem intercessionem

Servae Dei Iosephae Suriano invocans,

claviculam electrici fluxus interruptricem

ad positionem inertiae movit et Isabellam

e pyelo deprompsit, quae paulatim

revaluit.


E POSTULATIONE GENERALI

241

Cum dein in valetudinarium deducta esset,

ipsi vulnus, quod iam supra diximus, in

laevo gluteo recognitum est una eum signis

celerioris cordis pulsus. Quibus autem exceptis,

aegra alias haud ostendit aerumnas.

De hoc evaso periculo mortis, intercessioni

Servae Dei tributo, Episcopus Mazariensis

annis 1997-1998 instruxit Inquisitionem

dioecesanam, cuius auctoritas et vis iuridica

a Congregatione de Causis Sanctorum

decreto diei 3 mensis lunii anno

2000 probatae sunt. Dicasterii Consilium

Medicorum pluries exquisivit casum et in

sessione diei 15 mensis Maii anno 2003

«eventum aestimari posse utpote periculum

evasum inexplicabilem secundum scientiam

ob absentiam infaustorum effectuum,

qui ex ipso eventu exoriri possent» affirmavit.

Post Congressum Peculiarem Consultorum

Theologorum diei 21 mensis Novembris

anno 2003, Inquisitio Suppletiva habita

est. Die 5 mensis Maii anno 2004 alter

Congressus Peculiaris factus est et die 1 insequentis

mensis Iunii Sessio Ordinaria Patrum

Cardinalium et Episcoporum, Ponente

Causae Excellentissimo Domino Hieronymo

Grillo, Episcopo Centumcellarum-Tarquiniensi.

Et in utroque Coetu, sive

Consultorum sive Cardinalium et Episcoporum,

posito dubio an de miraculo divinitus

patrato constaret, responsum prolatum

est affìrmativum.

Facta demum de hisce omnibus rebus

Summo Pontifìci Ioanni Paulo II per subscriptum

Cardinalem Praefectum accurata

relatione, Sanctitas Sua vota Congregationis

de Causis Sanctorum excipiens rataque

habens, mandavit ut decretum de praedicto

miro eventu conscriberetur.

Quod eum rite esset factum, accitis ad Se

hodierno die infrascripto Cardinali Praefecto

necnon Causae Ponente meque Antistite

a Secretis Congregationis ceterisque de more

convocandis, eisque astantibus, Beatissimus

Pater sollemniter declaravit: Constare

de miraculo a Deo patrato per intercessionem

Ven. Servae Dei Iosephae Suriano, Christifìdelis

laicae, videlicet de periculo evaso

ab infaustis effectibus qui exorire possent

a “folgorazione da scarica elettrica in

soggetto immerso in acqua, con marchio

elettrico nella regione glutea sinistra” iuvenis

Isabellae Mannone.

Voluit autem Sanctitas Sua ut hoc decretum

publici iuris fìeret et in acta Congregationis

de Causis Sanctorum referretur.

Datum Romae, die 22 mensis Iunii A. D. 2004.

IOSEPHUS CARD. SARAIVA MARTINS

Praefectus

+ EDUARDUS NOWAK

Archiep. tit. Lunensis

a Secretis

3. Decretum super miraculo S.D. Eurosiae

Fabris

CONGREGATIO

DE CAUSIS SANCTORUM

PATAVINA SEU VICENTINA. Beatificationis

et Canonizationis Ven. Servae Dei EUROSIAE

FABRIS vid. BARBAN Matrisfamilias ex III Ordine

S. Francisci Assisiensis (1866-1932)

Venerabilis Serva Dei Eurosia Fabris in

vico Quinto Vicentino, in provincia Vicetiae,

nata est, die 27 mensis Septembris anno

1866, Marolae vero intra fines municipii

Torri di Quartesolo crevit et vixit. Anno

1886 viduo Carolo Barban nupsit, e quo novem

habuit fìlios, quorum tres presbyteri

facti sunt. Tertio Ordini Sancti Francisci

adhaesit, cuius paupertatis ac laetitiae vixit

spiritum. Mulier profundae fìdei et actuosae

erga aegrotos pauperesque caritatis, lucem

Christi in familiam et in paroeciam irradiavit.

Vidua effecta est anno 1930 et biduo post,

die 8 mensis lanuarii anno 1932, pie in

Domino quievit.

Summus Pontifex Ioannes Paulus II, die

7 mensis Iulii anno 2003, Servam Dei virtutes

theologales, cardinales et his adnexas

heroico gradu coluisse decrevit.

Beatificationis Venerabilis Servae Dei

respectu, Causae Postulatio iudicio huius

Congregationis de Causis Sanctorum nuper

assertam subiecit miram sanationem Anitae

Casonato, iuvenis, quae, die 20 mensis Maii


242 AN. CXXIV – MAII-AUGUSTI 2005 – FASC. II

anno 1944, vigesimum et secundum aetatis

agens annum, quadraginta et quinque dies

in valetudinario civitatis Sandrigo in provincia

Vicentina ob trachiae bronchiorumque

adenopathiam recepta est et, cum domum

repetiisset, febrim, cibi fastidium, virium

depressionem, tussim et respirationis

diffìcultatem adhuc ostendit.

Insequentes investigationes valuerunt, ut

diagnosis polyserositidis tubercularis effaretur.

Perpensa inefficacia curarum, eum in

diem et horam aegrotae valetudo in gravius

verteret, medicus curans prognosim in brevi

tempore infaustam dixit quoad vitam.

Itaque, die 30 mensis Novembris anno

1944, ipsa Anita, parocho eius, qui nuper

Unctionis Infìrmorum sacramentum ei ministraverat,

consulente, una cum matre sua

novendiali supplicatione ad divinum confugit

auxilium, ut per praedictae Servae Dei

intercessionem salus refìceretur. Insequenti

mane medicus iuvenem omnino sanatam

recognovit.

De hoc casu annis 1977-1980 apud Curiam

Vicentinam Processus Cognitionalis

instructus est, cuius auctoritas et vis iuridica

a Congregatione de Causis Sanctorum

decreto diei 14 mensis Februarii anno 2003

probatae sunt. Dicasterii Consilium Medicorum

in sessione diei 24 mensis Novembris

eiusdem anni sanationem subitaneam,

completam, duraturam et inexplicabilem

quoad modum secundum scientiam fuisse

affirmavit. Die 24 mensis Februarii huius

anni 2004 Congressus Peculiaris Consultorum

Theologorum factus est et die 4 insequentis

mensis Maii Sessio Ordinaria Patrum

Cardinalium et Episcoporum, Ponente

Causae Excellentissimo Domino Aloysio

Dossena, Archiepiscopo tit. Carpitano. Et in

utroque Coetu, sive Consultorum sive Cardinalium

et Episcoporum, posito dubio an

de miraculo divinitus patrato constaret, affirmativum

responsum prolatum est.

Facta demum de hisce omnibus rebus

Summo Pontifìci Ioanni Paulo II per subscriptum

Cardinalem Praefectum accurata

relatione, Sanctitas Sua vota Congregationis

de Causis Sanctorum excipiens rataque

habens, mandavit ut decretum de praedicta

mira sanatione conscriberetur.

Quod eum rite esset factum, accitis ad Se

hodiemo die infrascripto Cardinali Praefecto

necnon Causae Ponente meque Antistite

a Secretis Congregationis ceterisque de more

convocandis, eisque astantibus, Beatissimus

Pater sollemniter declaravit: Constare

de miraculo a Deo patrato per intercessionem

Ven. Servae Dei Eurosiae Fabris vid.

Barban, Matrisfamilias, ex III Ordine S.

Francisci Assisiensis, videlicet de subitanea,

completa ac duratura sanatione iuvenis

Anitae Casonato a “polisierosite specifica”.

Voluit autem Sanctitas Sua ut hoc decretum

publici iuris fìeret et in acta Congregationis

de Causis Sanctorum referretur.

Datum Romae, die 22 mensis Iunii A. D. 2004.

IOSEPHUS CARD. SARAIVA MARTINS

Praefectus

+ EDUARDUS NOWAK

Archiep. tit. Lunensis

a Secretis

4. Facultas Transumptum Inquisitionis

suppletivae aperiendi in Cuasa S.D.

Richardi Pelufo et Sociorum

CONGREGATIO

DE CAUSIS SANCTORUM

Prot. N. 2183-4/05

Valentina. Beatificationis seu Declarationis

Martyrii Servorum Dei Richardi Pelufo

Esteve et xxxv Sociorum ex Ordine

Fratrum Minorum in odium Fidei, uti fertur,

interfectorum

Rev.mus P. Lucas De Rosa, Postulator

Generalis Ordinis Fratrum Minorum, ab

hac Congregatione de Causis Sanctorum

petit ut Transumptum Inquisitionis Dioecesanae

Suppletivae, apud Curiam ecclesiasticam

Valentinam peractae, super vita et

martyrio necnon fama martyrii Servorum

Dei Richardi Pelufo Esteve et xxxv Sociorum,

ex eodem Ordine, in odium Fidei, uti


E POSTULATIONE GENERALI

243

fertur, interfectorum, clausum sigillisque

munitum in actis eiusdem Congregationis

asservatum, aperiri possit.

Haec Congregatio, attentis expositis, pro

gratia iuxta preces benigne annuit: servatis

de cetero omnibus de iure servandis.

Contrariis non obstantibus quibuslibet.

Datum Romae, ex aedibus eiusdem Congregationis,

die 16 mensis Aprilis A.D. 2005.

+ EDUARDUS NOWAK

Archiep. tit. Lunensis

a Secretis

MICHAËL DI RUBERTO

Subsecretarius

5. Iuridica validitas declaratur Inquisitionis

in Causa S.D. Teresiae Enriquez

CONGREGATIO

DE CAUSIS SANCTORUM

Prot. N. 2395-4/03

Toletana. Beatificationis et Canonizationis

Servae Dei Teresiae Enriquez Christifidelis

Laicae Matrisfamilias

In Ordinario Congressu, die 13 mensis

Maii huius anni 2005 celebrato, haec

Congregatio de Causis Sanctorum sequens

dubium disceptavit, nimirum: “An constet

de validitate Inquisitionis Dioecesanae,

apud Curiam ecclesiasticam Toletanam peractae,

super vita et virtutibus necnon fama

sanctitatis Servae Dei Teresiae Enriquez,

Christifidelis Laicae et Matrisfamilias:

testes sint rite recteque examinati et iura

producta legitime compulsata in casu et ad

effectum de quo agitur”.

Haec Congregatio, attento voto ex officio

redacto reque diligenter perpensa, rescripsit:

affirmative, seu constare de validitate

eiusdem Inquisitionis Dioecesanae in

casu et ad effectum de quo agitur, sanatis de

iure sanandis.

Insuper isdem Congressus statuit ut, ante

preparationem “Positionis super Virtutibus”

praefatae Servae Dei, Relator Causae

de sufficientia probationum studeat et huic

Congressui referat. Contrariis non obstantibus

quibuslibet.

Datum Romae, ex aedibus eiusdem Congregationis,

die 6 mensis Maii A.D. 2005.

IOSEPHUS CARD. SARAIVA MARTINS

Praefectus

+ EDUARDUS NOWAK

Archiep. tit. Lunensis

a Secretis

6. Nominatio Ponentis in Causa S.D. Felicis

Echevarria Gorostiaga et Sociorum

CONGREGATIO

DE CAUSIS SANCTORUM

Prot. N. 1050-8/05

Pacen. Beatificationis seu Declarationis

Martyrii Servorum Dei Felicis Echevarria

Gorostiaga et VI Sociorum ex Ordine Fratrum

Minorum in odium Fidei, uti fertur, interfectorum

Cum Causa Beatificationis seu Declarationis

Martyrii Servorum Dei Felicis Echevarria

Gorostiaga et VI Sociorum, ex Ordine

Fratrum Minorum, suo indigeat Ponente,

Rev.mus Pater Lucas De Rosa, Postulator

Generalis eiusdem Ordinis, ab hac Congregatione

de Causis Sanctorum petit ut, ex Patribus

eidem Congregationi praepositis, Ponentem

eorundem Servorum Dei Causae

eligere ac deputare benigne dignetur.

Haec Congregatio, attentis expositis, precibus

annuii, et Exc.mum ac Rev.mum Dominum

D. Salvatorem Boccaccio, Episcopum

Frusinatensem-Verulanum-Ferentinum,

Ponentem Causae Beatificationis seu Declarationis

Martyrii praefatorum Servorum Dei,

omnibus eum iuribus et facultatibus necessariis

et opportunis, elegit et nominavit. Contrariis

non obstantibus quibuslibet.

Datum Romae, ex aedibus eiusdem Congregationis,

die 17 mensis Martii A.D. 2005.


244 AN. CXXIV – MAII-AUGUSTI 2005 – FASC. II

IOSEPHUS CARD. SARAIVA MARTINS

Praefectus

+ EDUARDUS NOWAK

Archiep. tit. Lunensis

a Secretis

7. Facultas Transumptum Inquisitionis

super miro aperiendi in Causa S.D.

Francisci A. Marcucci

CONGREGATIO

DE CAUSIS SANCTORUM

Prot. N. 1083-15/05

Asculana in Piceno. Beatificationis et

Canonizationis Servi Dei Francisci Antonii

Marcucci Archiepiscopi, Episcopi Montis

Alti Fundatoris Congregationis Operariarum

Piarum Ab Immaculata Conceptione e

Tertio Ordine Sancti Francisci

Rev.mus P. Lucas De Rosa, Postulator

Generalis Ordinis Fratrum Minorum, ab

hac Congregatione de Causis Sanctorum

petit ut Transumptum Inquisitionis Dioecesanae

in Urbe peractae, super adserta mira

sanatione Dominae Simonidis Frignani, per

intercessionem Servi Dei Francisci Antonii

Marcucci, Archiepiscopi, Episcopi Montis

Alti, Fundatoris Congregationis Operariarum

Piarum ab Immaculata Conceptione, e

Tertio Ordine Sancti Francisci, obtenta,

clausum sigillisque munitum in actis eiusdem

Congregationis asservatum, aperiri

possit.

Haec Congregatio, attentis expositis, pro

gratia iuxta preces benigne annuit: servatis

de cetero omnibus de iure servandis.

Contrariis non obstantibus quibuslibet.

Datum Romae, ex aedibus eiusdem Congregationis,

die 27 mensis Maii A.D. 2005.

IOSEPHUS CARD. SARAIVA MARTINS

Praefectus

+ EDUARDUS NOWAK

Archiep. tit. Lunensis

a Secretis

8. Nuntium Secretariae Status de die Beatificationis

Ven. S.D. Eurosiae Fabris

SEGRETERIA DI STATO

Prot. N. 11.081

Reverendo Padre,

Dal Vaticano, 31 agosto 2005

facendo seguito alla lettera pari numero

dell’11 luglio scorso, mi do premura di significarLe

che, su richiesta dell’Ecc.mo

Mons. Cesare Nosiglia, la Cerimonia di

Beatificazione della Venerabile Serva dì

Dio Eurosia Fabris vedova Barban avrà luogo

nella Cattedrale di Vicenza la domenica

6 novembre prossimo.

Desidero comunicarLe che quanto sopra

è stato portato a conoscenza del Vescovo, il

quale è stato altresì invitato a prendere contatto

con il Prefetto della Congregazione

delle Cause dei Santi e con l’Ufficio delle

Celebrazioni Liturgiche del Sommo Pontefice

per definire le modalità dell’organizzazione

della Cerimonia.

Profitto della circostanza per confermarmi

con sensi di religiosa stima

della Paternità Vostra Reverenda

dev.mo nel Signore

+ LEONARDO SANDRI

Sostituto

___

Reverendo Padre

P. Luca De Rosa

Postulatore genearle dell’Ordine dei Frati Minori

Via S. Maria Mediatrice, 25

00165 ROMA

9. Notitiae particulares

1. Congregatio Ordinaria super martyrio

Il 17 maggio 2005, riniti in Congregazione

Ordinaria, i Padri Cardinali e Vescovi

membri della Congregazione delle Cause

dei Santi, ascoltata la relazione del Ponente


E POSTULATIONE GENERALI

245

della Causa, S.E. Mons. Salvatore Boccaccio,

Vescovo di Prosinone-Veroli-Ferentino,

espressero l’unanime voto favorevole

sul presunto martirio dei SS. di Dio Felice

Echevarria Gorostiaga e VI Soci, Frati Minori

della Provincia di Granada in Spagna,

uccisi “in odium Fidei” nel corso della persecuzione

religiosa del 1936.

2. Congressus Medicorum super adsertis

miribus

In due distinte sessioni, celebrate il 5 e il

12 maggio 2005, la Consulta Medica della

Congregazione delle Cause dei Santi, ha

avviato l’esame di due presunte guarigioni

miracolose attribuite, la prima, al Venerabile

Servo di Dio Antonio di Gesù Margil,

Frate Minore, sacerdote, nato a Valencia in

Spagna il 18 agosto 1657 e morto a Città del

Messico il 6 agosto 1726, e la seconda al

Venerabile Servo di Dio Francesco Maria

Greco, sacerdote diocesano e Fondatore

delle Suore Piccole Operaie dei SS. Cuori,

nato ad Acri (CS) in Italia il 26 luglio 1857

e morto nella stessa città il 15 gennaio 1931.

3. Conclusio Inquisitionis dioecesanae super

miro

Il 23 maggio 2005, nella sede del Vicariato

di Roma, il Rev.mo Mons. Gianfranco

Bella, Delegato dall’Em.mo Signor Cardinale

Vicario di Roma, Camillo Ruini, dichiarò

conclusa l’Inchiesta diocesana di

Roma sulla presunta guarigione miracolosa

della Signora Simonetta Frignani, attribuita

alla intercessione del Servo di Dio Francesco

Antonio Marcucci (1717-1798), Vescovo

e Fondatore delle Suore Pie Operaie della

Immacolata Concezione di Ascoli Piceno

in Italia, e ne trasmise gli Atti alla Congregazione

delle Cause dei Santi.

LUCA M. DE ROSA, OFM


EX OFFICIO PRO “JUSTITIA, PACE

ATQUE INTEGRITATE CREATI”

1. Convocación al Congreso Internacional

de JPIC

Roma, 13 de junio de 2005

Prot. N. 095735

Queridos hermanos Ministros: El Señor

os dé la paz.

Como es de conocimiento de los hermanos,

nos preparamos a conmemorar el VIII

Centenario de la fundación de nuestra Orden.

En esta circunstancia queremos celebrar

y acoger “la Gracia de los orígenes” de

nuestra Orden. En efecto, el VIII Centenario

de la fundación de nuestra Orden ha de

ser acogido como un “kairós” que el Señor

nos regala, no sólo para hacer memoria de

nuestra historia, vivida en las más variadas

situaciones culturales, sino también para

responder, desde nuestra vocación profética,

a la realidad desafiante que nos viene de

la Iglesia y de la sociedad de hoy.

En este contexto celebrativo, y durante

el año dedicado al discernimiento y redimensionamiento

de nuestras presencias y

obras, el Gobierno general de la Orden

aprobó la celebración del II Congreso internacional

de Justicia, Paz e Integridad de la

Creación.

El tema elegido para este Congreso es:

El abrazo de Francisco de Asís al leproso,

con el lema abrazando a los excluidos de

hoy (Cfr. CCGG 97). El encuentro de Francisco

con el leproso, en el valle de Espoleto

(1206), como sabemos, fue muy significativo

en su itinerario de conversión; pues, él

mismo afirma que fue “el Señor” el que lo

condujo en medio de los leprosos y á los trató

con misericordia (Cfr. Test 2).

Históricamente, también los Hermanos

Menores, fieles a esta intuición primera,

han estado junto a los “leprosos”de cada

una de las épocas y regiones; con ellos, han

compartido sus vidas y han desarrollado las

más diversas acciones encaminadas a la re-

cuperación de su dignidad humana y cristiana.

Los últimos Capítulos generales, igualmente,

nos invitan y, sobre todo, nos desafían

a renovar el compromiso de cercanía a

los más pobres que, por distintas situaciones

étnicas, culturales, económicas, sociales

y hasta religiosas, siguen siendo excluidos

de los más elementales derechos de una

vida digna de hijos e hijas de Dios.

Con la presente

CONVOCO

a todos los

Animadores de Justicia, Paz

e Integridad de la Creación

de nuestras Entidades

al Congreso Internacional de JPIC

Dicho Congreso se celebrará en Uberlandia,

Brasil, del 30 de enero al 08 de febrero,

del 2006

El II Congreso se propone, en un primer

momento, profundizar en los procesos de

exclusión e identificar los rostros de las personas

excluidas que se dan en los diferentes

contextos sociales; y, en un segundo momento,

a la luz de las Prioridades de nuestra

Orden y de la experiencia de cada una de las

Entidades, indicar las principales líneas de

acción para que, desde nuestra forma de vida

de Hermanos Menores, podamos seguir

acompañándoles en su camino de recuperación

de sus derechos fundamentales, en colaboración

con otros organismos de la familia

franciscana, de la Iglesia y de la Sociedad.

En tal virtud, y con la seguridad de que

el Congreso constituirá un momento propicio

para que nuevamente el Espíritu del Señor

nos conduzca entre los excluidos de

hoy, los nuevos “leprosos” del tercer milenio

y, tratándoles con misericordia, los

acompañemos en el proceso de recuperación

de su dignidad, por medio de la solida-


248 AN. CXXIV – MAII-AUGUSTI 2005 – FASC. II

ridad y el respeto, os pido que enviéis los

Animadores de Justicia, Paz e Integridad de

la Creación de vuestras Entidades para participar

activamente en el mismo.

Fraternalmente,

FR. JOSÉ RODRÍGUEZ CARBALLO, OFM

Ministro General

_______

Ministros provinciales

y Animadores de JPIC

SUS SEDES

2. Líneas orientativas del Congreso Internacional

de JPIC

ABRAZANDO

A LOS EXCLUIDOS DE HOY

“El Señor mismo me llevó entre ellos...

y los traté con misericordia”

(Test 2; cfr. CCGG 97).

Contexto celebrativo

Nos aprestamos a celebrar el Octavo

centenario de la fundación de la Orden de

los hermanos menores y de su camino histórico

vivido en las más diversas situaciones

culturales.

Francisco de Asís, en su itinerario de

conversión, nos narra que el Señor mismo

lo condujo en medio de los leprosos y á los

trató con misericordia. Es entonces el Espíritu

del Señor el que le movió a compartir su

vida con ellos y no un deseo filantrópico, ni

una simple curiosidad sociológica, aún menos

una alianza política.

Los leprosos, en el tiempo de Francisco,

como sabemos, constituían el grupo de los

excluidos más significativo; pues, estaban

privados de sus derechos fundamentales en

varios niveles: social, cultural, político,

económico y religioso.

Los hermanos Menores, en los ochocientos

años de su historia, siempre han estado,

en diversas formas de comprensión y

de compromiso, junto a los más pobres, con

los “leprosos”de cada una de las épocas y

regiones. Con ellos, han compartido su vida

de un modo sencillo y alegre; y con ellos

han desarrollado acciones de diverso tipo,

siempre orientadas a la recuperación de su

dignidad de hijos e hijas de Dios.

Fieles a esta centenaria tradición, nuestros

últimos Capítulos generales nos invitan

a renovar el compromiso de cercanía a los

más pobres, especialmente a aquellos que

se encuentran ubicados en los lugares de

fractura, a aquellos que también hoy siguen

siendo excluidos de los más elementales derechos

de una vida digna, por una sociedad

que los margina porque no entran en sus categorías

de globalización política, económica,

cultural, tecnológica, etc.

Objetivos

El II Congreso internacional de JPIC se

propone:

• Ayudar a los Animadores de JPIC de las

Entidades, a partir de su propia experiencia

y reflexión, a tomar conciencia

de los diversos procesos de exclusión

que se dan en la sociedad actual y sus

múltiples formas de expresión.

• Reflexionar juntos e individuar las formas

más adecuadas de acompañamiento,

de acuerdo con nuestra forma de vida

y en comunión con la Iglesia, a los más

pobres, en camino de recuperación de

sus derechos fundamentales.

• Señalar las líneas de acción para la realización

de los proyectos concretos en colaboración

con otros organismos de la

Orden, la Familia Franciscana, la Iglesia

y la Sociedad.

Espíritu con el que se quiere vivir el Congreso

• Dar más importancia a la experiencia de

vida antes que a las exposiciones de los

conferencistas. La reflexión debe brotar

de la vida de cada participante, a la luz

de la espiritualidad franciscana encarnada

en los contextos sociales actuales.

• Vivir un momento fuerte y profético,

dejándonos interrogar por el Evangelio,

para superar toda forma de domesticación

del mismo, a la luz de nuestras espiritualidad

franciscana, de las Constituciones

generales y de los recientes Capítulos

generales.

• Crear un ambiente de intercambio cultu-


EX OFFICIO PRO ‘JUSTITIA, PACE ATQUE INTEGRITATE CREATI”

249

ral que ayude a valorar la riqueza de la

diversidad de cada participante y de las

regiones de donde provienen.

• Favorecer, en el Congreso, un espacio de

formación permanente, mediante el intercambio

de las diversas formas de animación

a los hermanos, desde el servicio

de JPIC, como dimensión fundamental

de nuestro carisma de hermanos menores.

• Potenciar los valores del encuentro fraterno,

la comunión, la participación, la

gratuidad y la simplicidad.

• Ofrecer al Capítulo general extraordinario,

en el espíritu celebrativo del octavo

centenario, un aporte significativo y

profético, con el fin de que los hermanos

continúen en su abrazo a los excluidos

de hoy.

• Llevar adelante el proceso de reflexión

en el establecimiento, consolidación y

proyección de JPIC en toda la Orden,

iniciado en el primer Congreso internacional

y desarrollado en los Congresos

Continentales y en los Consejos Internacionales.


EX OFFICIO OFS

1. Bosnia-Erzegovina:

è sorta la Fraternità nazionale

dell’OFS

Nei giorni 20-22 maggio 2005 si è svolta

la visita fraterna e pastorale della Ministra

generale dell’OFS, Encarnación del Pozo, e

dell’Assistente generale, Fr. Ivan Matiç,

OFM, con lo scopo principale di costituire la

Fraternità nazionale dell’OFS in Bosnia ed

Erzegovina. Per l’occasione, presso la “Casa

della pace” in Rama/Scit, si sono dati appuntamento

diversi Assistenti spirituali dell’OFS

e della GiFra, i Responsabili dell’OFS

e della GiFra delle due Regioni, i Ministri

provinciali delle due Province OFM presenti

in Bosnia-Erzegovina, Fr. Mijo Dzolan e

Fr. Slavo Soldo, e Fr. Milan Kristo, Assistente

nazionale della GiFra croata.

Nel primo giorno i Visitatori si sono incontrati

con circa 60 persone, tra cui 30 Assistenti

delle varie Fraternità locali, con i

quali si è riflettuto sul tema dell’assistenza

spirituale. Nella mattinata del secondo giorno

tutti i partecipanti si sono recati in pellegrinaggio

a Kupres, dove hanno partecipato

alla solenne Celebrazione eucaristica in occasione

della Giornata cattolica dei Paesi

dell’Europa centrale. Nel pomeriggio dello

stesso giorno sono proseguiti i lavori per la

costituzione del primo Consiglio provvisorio

nazionale della Fraternità OFS della Bosnia-Erzegovina.

Tale Consiglio è composto

da: Nives Kanevcev, Ministra nazionale;

Gojko Jelic, ViceMinistro; Aleksandra

Slokar, Segretaria; Marijan Begic, Tesoriere;

Angela Suta, Responsabile per la Formazione;

Dinko Perisa, Rapresentante della

GiFra. Inoltre fanno parte del Consiglio nazionale

gli Assistenti spirituali Fr. Petar Andelovic

e Fr. Sretan Curcic.

Nella domenica, ultimo giorno della visita,

i lavori sono terminati con l’Eucaristia,

presieduta da Fr. Ivan Matic, nel santuario

mariano di Rama.

Nello stesso giorno la Ministra e l’Assistente

generale, accompagnati da Fr. Milan

e Fr. Sretan, hanno visitato il Convento dei

Frati Minori a Siroki Birjeg in Erzegovina e

il luogo dove 30 Frati Minori sono stati uccisi

dai comunisti dopo la seconda guerra

mondiale; la visita è proseguita a Medjugorje,

dove si sono incontrati con la comunità

dei Frati che sono al servizio del Santuario.

Al termine della visita Encarnación

e Fr. Ivan hanno concesso un’intervista a

Radio “Mir Medjugorje”, in cui hanno spiegato

lo scopo della visita in Bosnia-Erzegovina,

soffermandosi sull’attuale situazione

dell’OFS e della GiFra nel mondo.

2. Cile:

Capitolo nazionale elettivo

In un clima fraterno e con il motto “Che

tutti siano uno affinché il mondo creda”, si

è svolto, dal 6 all’8 maggio 2005, il Capitolo

Nazionale elettivo dell’Ordine Francescano

Secolare del Cile, presso la casa di ritiro

di San Francesco di Mostazal. Ha presieduto

il Capitolo Rosalvo Mota,

Vice-Ministro generale, assistito da Fr. Pablo

César Balestrini, OFMCap, Assistente

Nazionale dell’OFS dell’Argentina, delegato

dalla Conferenza degli Assistenti spirituali

generali (CAS). Al Capitolo ha partecipato

un folto numero di Fratelli secolari e

gli aventi diritto al voto erano 78. Hanno

preso parte al Capitolo anche gli Assistenti

spirituali nazionali: Fr. Sergio Hernández,

OFMCap, e Fr. Luis Rovegno, OFM; gli Assistenti

regionali: Fr. Ignacio Berjera OFM

Cap (regione Metropolitana) e Fr. Boldi

Morales OFM (regione Centrale); l’Assistente

della Fraternità di Valdivia, Fr. Omar

Escalona OFMCap. Questi si sono riuniti il

giorno precedente con il Consiglio nazionale

uscente per mettere a punto gli ultimi dettagli

della preparazione. Il sabato mattina,


252 AN. CXXIV – MAII-AUGUSTI 2005 – FASC. II

dopo un momento di preghiera, Fr. Saúl Zamorano,

OFM, ha parlato della partecipazione

dei laici nella Chiesa secondo la prospettiva

francescana. Nelle elezioni, avvenute

in un clima cordiale e sereno, sono stati

eletti: Catalina Valenzuela, Ministra Nazionale;

Felipe Rojas, Vice Ministro; Manuel

Silva, Segretario; Patricia Collins, Tesoriera

(rieletta); Anunciación Salgado, Responsabile

per la formazione; Oscar Moya, Promotore

vocazionale; Rosalba Martínez, Consigliere

internazionale; Rafael Riquelme,

Consigliere internazionale (rieletto); Victor

Saldía, Consigliere internazionale sostituto.

Gli Assistenti spirituali che hanno partecipato

al Capitolo hanno espresso alla CAS la

necessità di organizzare una riunione per gli

Assistenti del Cono Sud, per individuare alcuni

cammini peculiari, che rispondano alle

esigenze presentate dai Fratelli secolari.

L’Eucaristia conclusiva del Capitolo è stata

celebrata da Fr. Carlos Huenupi, OFMCap,

Ministro provinciale della Provincia cappuccina

del Cile.

3. Filippine:

Capitolo nazionale elettivo

Fra Michael Higgins, TOR, Assistente

generale, l’11 maggio si è incontrato a Manila

con i membri della Conferenza degli

Assistenti nazionali delle Filippine. Nell’incontro

si è riflettuto sulla relazione di Fr. Albert

Marfil, OFM, preparata per il Capitolo

elettivo nazionale e riguardante le attività

della Conferenza. Il Capitolo si è svolto nella

Casa di Ritiro dei Frati Cappuccini (Lipa

City) dal 12 al 14 maggio ed è iniziato con

una giornata di ritiro, animata da Fr. Michael.

I lavori del Capitolo sono, invece, cominciati

il giorno 14 con la celebrazione dell’Eucaristia.

Una parte cospicua dei lavori è

stata dedicata alla presentazione delle relazioni

e, successivamente, si sono discussi ed

approvati gli Statuti nazionali dell’OFS delle

Filippine. Il Capitolo è stato presieduto da

Fumihiko Francis Takeda, OFS, Ministro

nazionale e Consigliere internazionale del

Giappone. Sono risultati eletti per prestare

servizio nell’OFS delle Filippine per i pros-

simi tre anni: Anthony Maghirang, Ministro

nazionale e Consigliere Internazionale;

Luz Hernández, Vice-Ministro; Norma Gamus,

Segretaria; Lucy Almirañez, Responsabile

per la Formazione; Ellie Hernández,

Tesoriera; Yvonne Lanuza, Consigliera e

sostituta del Consigliere internazionale;

Alfonso Salcedo, Consigliere.

4. Cina (Hong Kong):

Capitolo elettivo dell’OFS

Dal 2 al 5 luglio Fr. Ivan Matic, OFM,

Assistente generale dell’OFS, è stato a

Hong Kong per la celebrazione del Capitolo

elettivo della Fraternità regionale di

Hong Kong-Macao. Presieduto da Lucia

Park, Consigliera Internazionale dell’OFS

della Corea, il Capitolo è stato è celebrato il

3 luglio, presso la Casa dei Frati Minori,

con la partecipazione di oltre 70 persone. Al

Capitolo erano presenti anche l’Assistente

regionale, Fr. Henry Woo, OFM, e l’Assistente

locale della Fraternità dell’OFS di

Macao, Sr. Natividad Mecolalde Mugarza,

FMM. È stato rieletto come Ministro regionale

Augustin Sin, membro della Fraternità

di S. Bonaventura. La Fraternità regionale

di Hong Kong-Macao è composta da quattro

Fraternità locali, di cui tre si trovano a

Hong Kong e una nella città di Macao, e da

circa 100 membri. Nella città di Hong Kong

esiste anche una Fraternità della Gioventù

francescana con circa 20 giovani. Il loro Assistente

è Fr. Joseph Ha.

5. Germania:

Incontro Internazionale della Gioventù

Francescana e celebrazione della

XX Giornata Mondiale della Gioventù

Circa 170 Gifrini, provenienti da 23 Nazioni,

insieme con gli Assistenti spirituali,

si sono incontrati nei giorni 12-15 agosto

2005 nel Collegio francescano di Vossenack,

vicino a Colonia, per riflettere sul tema:

Siamo venuti per adorarlo… come san

Francesco e per prepararsi insieme alla XX


EX OFFICIO OFS

253

GMG che si è celebrata dal 16 al 21 agosto

a Colonia.

L’incontro internazionale della GiFra è

stato organizzato dalla Presidenza CIOFS

con il grande contributo del Consiglio nazionale

dell’OFS della Germania. A nome

della Presidenza CIOFS erano presenti

Lucy Almirañez, Xavi Ramos e Fr. Ivan

Matic, Assistente generale.

Il 12 agosto l’incontro è iniziato con una

solenne Celebrazione eucaristica e la presentazione

fantasiosa e gioiosa di tutti i partecipanti.

Nel secondo giorno, il 13 agosto,

la Ministra nazionale dell’OFS della Germania

Michaela Luther, dopo un breve saluto

di benvenuto, ha illustrato ai giovani la

situazione attuale dell’OFS in Germania.

L’incontro è proseguito con una presentazione

della realtà della GiFra nel mondo da

parte di Xavi Ramos, Consigliere della Presidenza

CIOFS. Nel pomeriggio Xavi,

Lucy e Fr. Ivan hanno commentato il documento:

GiFra: Cammino di vocazione francescana.

Il 14 agosto è stato dedicato interamente

al tema centrale del convegno: Siamo

venuti per adorarlo… come san

Francesco. Al mattino la proposta di riflessione

è stata tenuta da Fr. Ben Brevoort,

OFMCap, ex Assistente generale; nel pomeriggio,

invece, la riflessione è stata comunitaria

in Assemblea.

Il 15 agosto i giovani francescani si sono

recati in pellegrinaggio al Santuario mariano

di Moresnet in Belgio, dove hanno celebrato

la Festa dell’Assunzione della B.V.

Maria con tanti altri pellegrini. La celebra-

zione eucaristica è stata presieduta dall’ex

Ministro generale, Fr. Hermann Schalück,

OFM, che nell’omelia ha rivolto ai giovani

parole di stimolo e di incoraggiamento per

il loro cammino spirituale.

Dopo il pellegrinaggio i Gifrini sono

partiti per Düsseldorf per partecipare alla

celebrazione della Giornata Mondiale della

Gioventù 2005, seguendo il programma ufficiale.

Durante la GMG la GiFra ha avuto un altro

appuntamento importante: la Festa della

Gioventù francescana. Tale festa è avvenuta

il pomeriggio del 17 agosto presso il

Convento francescano di Düsseldorf con la

partecipazione di oltre mille persone e si è

conclusa alla sera con un Musical sulla vita

di S. Francesco, presentato dai giovani e dai

loro professori del Collegio francescano di

Vossenack.

Mentre la GiFra si sta già preparando per

la prossima Giornata Mondiale, che sarà celebrata

a Sydney in Australia nel 2008, è doveroso

rivolgere un fraterno e caloroso ringraziamento

alla Provincia francescana di

Colonia e, in modo particolare, alle Fraternità

di Vossenack e Düsseldorf per l’accoglienza

e il sostegno ricevuto durante tutti i

giorni degli incontri; al Consiglio nazionale

dell’OFS e a Fr. Georg Scholles, Assistente

nazionale dell’OFS; a Fr. Stephan

Ottenbreit e ai suoi collaboratori di Missionszentrale

per l’aiuto economico, grazie

al quale alcuni giovani francescani hanno

potuto partecipare alla XX GMG e agli incontri

della GiFra.


AD CHRONICAM ORDINIS

1. De itineribus Ministri Generalis

1.1. Incontro del Definitorio generale con i

Presidenti delle Conferenze dei Ministri

provinciali

Roma, Curia generale, 09-10.05.2005

Il secondo incontro dei Presidenti delle

Conferenze con il Definitorio generale è avvenuto

nei giorni 9 e 10 maggio 2005, presso

la Curia generale. Il tema “guida” di tale

incontro è stato l’economia secondo le prospettive

della terza Priorità per il sessennio

2003-2009: minorità, povertà e solidarietà.

Partecipanti

Definitorio generale

Fr. José Rodríguez Carballo, Ministro

generale; Fr. Francesco Bravi, Vicario e

Procuratore generale; Fr. Amaral Bernardo

Amaral, Definitore generale; Fr. Luis Gerardo

Cabrera Herrera, Definitore generale;

Fr. Finian McGinn, Definitore generale; Fr.

Juan Ignacio Muro Aréchiga, Definitore generale;

Fr. Sime Samac, Definitore generale;

Fr. Ambrogio Van Si Nguyen, Definitore

generale; Fr. Miguel J. Vallecillo Martín,

Definitore generale; Fr. Jakab Várnai, Definitore

generale; Fr. Sandro Overend Rigillo,

Segretario generale.

Presidenti

VAN DEN EIJDEN FR. JAN, Prov. Ss.

Martyrum Gorcomiensium (Olanda), Pres.

della Conferenza Francescana Transalpina

(COTAF); DUNHAM FR. LARRY, Prov. N. D.

de Guadalupe (USA), Pres. della Conferenza

Anglofona (ESC); VUMILE FR. NEGOMA-

NE, Prov. N. D. Reginae Pacis (Sud Africa),

Pres. della Conferenza Africana; BLISS FR.

STEPHEN, Prov. S. Spiritus (Australia), Pres.

della Conferenza Asia Meridionale

(SAOO); TOLIC FR. ZELIKO, Prov. Ss.

Redmptoris (Croazia), Delegato Conferenza

Sud-Slavica; PEIXOTO DE CASTRO FR.

FERNANDO INACIO, Prov. Ss. Nominis Iesu

(Brasile), Delegato Conferenza Brasiliana

(CFMB); ARREGI GUIRIDI FR. JOSÉ, Prov.

Franciscanae de Arantzazu (Spagna), Pres.

della Conferenza Ispano-Lusitana (CON-

FRES); DE LA SERNA FR. RAMIRO, Prov. S.

Francisci Solano (Argentina), Pres. della

Conferenza Cono Sur; GOMEZ FR. JAVIER,

Prov. B. Juniperi Serra (Messico), Pres. della

Conferenza Messico e America Centrale

(N. D. de Guadalupe); ORTAGLIO FR. LUIGI,

Prov. Ss. Cordis Iesu (Italia), Pres. della

COMPI; HERAS FR. WALTER, Prov. S. Francisci

de Quito (Ecuador), Pres. della Conferenza

Bolivariana; VÍTORES FR. ARTEMIO,

Cust. Terrae Sanctae (Israele), Delegato

Terra Santa.

Agenda

L’incontro è iniziato il 9 maggio con la

Celebrazione delle Lodi e dell’Eucaristia

presieduta dal Vicario generale, Fr. Francesco

Bravi. Nella prima Assemblea plenaria,

nell’Aula “B. Giovanni Duns Scoto”, dopo

una breve presentazione dei Partecipanti, il

Ministro generale ha tenuto la Relazione

dal titolo: «Poveri e minori e, per questo,

solidali». In essa Fr. José R. Carballo ha, tra

l’altro, sottolineato la necessità di avere una

gestione economica trasparente e solidale,

ha informato sulla situazione di alcune Entità,

bisognose dell’aiuto delle Province con

maggiori possibilità economiche, e quindi

sull’apertura di una fondo economico per

venire incontro alle nuove situazioni: “Il

fondo di solidarietà fraterna”. Alla Relazione

è seguito il dialogo con il Ministro.

Nel pomeriggio si sono tenute due Assemblee.

Nella prima il Vicario generale,

Fr. F. Bravi, ha informato i Presidenti dell’adempimento

di quanto deciso dal Capitolo

in materia economica. Nella seconda,

l’Economo generale, Fr. Giancarlo Lati, ha

parlato su “Progetti dell’Ordine e Economia.

Ristrutturazione della Curia”.


256 AN. CXXIV – MAII-AUGUSTI 2005 – FASC. II

Nella mattinata del 10 febbraio Fr. Jakab

Varnai, Definitore generale, ha presentato il

lavoro della Commissione per la revisione

dei contributi delle Province alla Curia. Subito

dopo i Presidenti hanno dialogato su

quanto proposto dalla Commissione. Nella

prima Sessione del pomeriggio i Presidenti

hanno presentato al Definitorio le loro indicazioni

a proposito delle “Fasce”. Nella seconda

Sessione ci sono state due informazioni:

“Direttive circa alcuni graviora delicta”

(Fr. Finian McGinn) e “La celebrazione

dell’VIII Centenario della Fondazione dell’Ordine”

(Fr. Luis Cabrera).

L’incontro si è concluso con la Celebrazione

eucaristica presieduta dal Ministro

generale al termine della quale è stata consegnata

ai partecipanti la Regola, una medaglia

ricordo e il Decreto di erezione delle

Conferenze.

FR. LUIGI PERUGINI

1.2. Visita alla Provincia S. Francesco

Stimmatizzato

Firenze, Italia, 25-28.05.2005

Nei giorni 25-28 maggio 2005 il Ministro

generale ha visitato la Provincia toscana

di S. Francesco Stimmatizzato, sostando

in alcuni luoghi significativi per la vita della

Fraternità provinciale.

Nel pomeriggio di mercoledì 25 è giunto

a Chiusi della Verna, presso la casa Pastor

Angelicus. Ad accoglierlo: il Ministro

provinciale, il Definitorio e i numerosi Frati

convenuti per l’Assemblea provinciale.

Dopo i saluti e l’accoglienza la visita si è ufficialmente

aperta con la celebrazione dei

Vespri, in cui il Ministro generale, rispondendo

alle parole di benvenuto del Ministro

provinciale, ha confidato ai presenti il suo

intimo e speciale legame spirituale con il

santuario della Verna e con ciò che esso rappresenta

nella vita di Francesco.

Il mattino seguente è stato interamente

dedicato all’incontro del Ministro con tutti i

Frati della Provincia, che hanno partecipato

numerosi all’appuntamento. Fr. José ha parlato

dei fondamenti della nostra vita e delle

urgenze oggi presenti nell’Ordine e nelle

Province. Riprendendo il tema della Rifondazione,

ha spiegato che occorre centrarsi in

Dio solo, concentrarsi nell’essenziale, per

poi decentrarsi e andare per il mondo a servire

e ad evangelizzare. Forte è stata l’insistenza

del Ministro sulla cura della Formazione

permanente. La riflessione si è conclusa

con la presentazione del centenario

dell’Ordine, “la Grazia delle Origini”, da

parte di Fr. Mario Favretto, Definitore generale,

che accompagnava il Ministro nella Visita.

L’incontro con i Frati è proseguito con il

dialogo spontaneo e con domande fino all’ora

della partenza per il santuario della Verna,

dove è stata celebrata l’Eucaristia. La celebrazione

solenne, iniziata processionalmente

da S. Maria degli Angeli, è stata un momento

di intensa e gioiosa lode per la presenza

del Ministro generale e della Fraternità provinciale,

per le parole del successore di S.

Francesco, e per il luogo significativo che accoglieva

la famiglia radunata. Alla messa è

seguito il pranzo, ugualmente solenne, preparato

per tutti i Frati presenti dall’accogliente

Fraternità della Verna. Di questa giornata

un altro momento da ricordare è stata la

celebrazione dell’ora nona con la Processione

alla cappella delle Stimmate presiedute

dal Ministro generale; un rito tradizionale

ma sempre suggestivo.

Il giorno seguente il Ministro generale ha

dedicato le prime ore del mattino per una visita

insolita, ma assai gradita, ai Frati che vivono

nel campo nomadi di Firenze. La Fraternità

“Maria Madre dell’incontro” è Casa

filiale di Fiesole, sussiste da alcuni anni ed è

una delle espressioni nuove della nostra forma

di vita. Dopo il fraterno incontro e un interessante

colloquio sui tratti originali di

questa presenza, il Ministro ha presieduto la

celebrazione delle Lodi nell’umile cappella

ricavata all’interno di una roulotte.

Quindi gli appuntamenti fissati hanno

strappato Fr. José da questo piacevole e interessante

contesto, per riportarlo velocemente

in città per l’incontro con il Definitorio

provinciale, radunato presso la Curia

provinciale in S. Francesco a Firenze. Scopo

dell’incontro è stato anzitutto trasmettere

le linee guida dell’Ordine e cosa il Governo

generale chiede ai Definitori delle


AD CHRONICAM ORDINIS

257

Province per quanto riguarda l’animazione

della Fraternità provinciale. Il dialogo fraterno

che ne è seguito ha permesso al Ministro

di conoscere meglio la realtà della Provincia

toscana.

Nel pomeriggio Fr. José si è recato a Fiesole

per incontrare i Frati dell’Infermeria

provinciale. Il Guardiano, Fr. Adriano, nel

contesto di una breve celebrazione ha presentato

i Frati che attualmente vivono e

operano nella Casa. Il Ministro ha colto

questa occasione per ricordare il valore speciale

dell’esperienza di consacrazione che

si vive nel tempo dell’infermità e per ringraziare

i Frati presenti per il loro servizio

all’Ordine. Un particolare riconoscimento è

stato espresso a Fr. Umberto Betti, visibilmente

commosso e presente all’incontro.

Successivamente il Ministro ha incontrato

in Convento i Formatori e i Frati in

formazione. Dopo aver ricordato i punti fermi

della Formazione iniziale, si è aperto un

dialogo fraterno.

I Vespri cantati nella suggestiva chiesa di

Fiesole e la cena, a cui hanno partecipato i

Formatori e i Novizi, hanno concluso la seconda

giornata di Visita. Non si poteva però

congedare il Ministro generale da Fiesole

senza prima avergli fatto gustare la bellezza

del panorama di cui si gode dal nostro Convento

e che, di notte, acquista ancor più fascino

grazie alle luci della città sottostante.

Il mattino seguente, inaspettatamente, ha

offerto al Ministro la possibilità di disporre

di qualche ora libera. Fr. Josè ha accolto la

proposta di soddisfare un suo desiderio: una

fugace visita a Siena. Ecco allora, di buon

mattino, il solerte Ministro provinciale e Fr.

Mario attivarsi per raggiungere la città di S.

Bernardino. Un tappa intermedia è stata fatta

al Monte alle Croci per salutare la locale

Fraternità, e per dare uno sguardo alla chiesa,

al Convento e al centro missionario. Poi

a Siena: piazza del Campo, la Maestà di

Duccio, il Duomo. Sulla strada del ritorno:

sosta e visita al Convento di Poggibonsi,

dove Fr. Sandro, Vicario provinciale, ha

presentato la figura di san Lucchese e della

moglie Bona. È seguita, quindi, la celebrazione

eucaristica con la Fraternità nella cappella

del santo e il pranzo.

Il pomeriggio dello stesso giorno è stato

dedicato all’incontro con le Clarisse del territorio.

Convenute presso il monastero S.

Agnese d’Assisi sulle colline di Firenze, il

Ministro generale ha raggiunto le Sorelle, ha

visitato il monastero con le insigni reliquie,

ha rivolto loro una fraterna esortazione richiamando

la figura della Madre Chiara, ha

insistito sulla identità e significatività della

loro presenza e missione nella Chiesa e sul

territorio, e sulla necessità attuale di unire le

forze per affrontare situazioni di crisi. I Vespri

hanno concluso l’incontro e la permanenza

del Ministro nella Provincia toscana.

FR. MARIO FAVRETTO

1.3. Minister General attends the Chapter

of the Province of the Holy Name

New York, NY, May 30-June 1, 2005

The Minister General, José R. Carballo

and the General Defintor for the English

Speaking Conference, Finian McGinn,

OFM, attended the opening days of the

elective Chapter of the Holy Name

Province.

The Minister General and the Definitor

General were met at Kennedy Airport by

John McVean, OFM, who escorted them

through the city of New York and brought

them to where they would be staying in

Manhattan. The next morning they visited

the friars of St. Francis Church, on 31st

Street, and saw the beginning of the construction

of the new friary and provincial

office. They boarded the train for Albany

and arrived there around noon. They were

met at the train station by John Felice,

OFM, the minister provincial and by Kevin

Mackin, OFM, the president of Siena College.

After lunch, they toured the campus

with Kevin Mackin and Janet Gianopoulos,

the director of Siena College news service.

Marie Chelkowski, a senior Spanish language

major, acted as the guide — showing

the General the new, high-tech classrooms,

and speaking with him en espanol.

The General was also interviewed for articles

by two of the Albany newspapers.


258 AN. CXXIV – MAII-AUGUSTI 2005 – FASC. II

These interviews were set-up by Cassian

Miles, OFM, Director of Communication

of the Province.

At 4:30 pm, the General celebrated the

opening Liturgy with over 200 Chapter delegates.

During the Mass, he blessed,

thanked and congratulated the many friars

of the province who celebrated jubilees this

year: 75 years as a friar, fifty years of priesthood

and friar, and twenty-five years of

priesthood and friar.

The next morning, June 1st, the General

participated in an hour long radio program

with Kevin Mackin, the president. He was

asked questions about the new Pope, the future

of the Order, Evangelization and Mission,

formation, the friars in Russia, Sudan

and Thailand – among other topics.

After morning prayer, the General addressed

the Chapter on our commitment to

follow the footprints of Christ, the priorities

and re-foundation. When the General finished

his talk, Finian spoke on the 800th anniversary.

There followed a very fine exchange

of questions and answers between

the participants and the General. At the end

of the session, the General gave each friar a

small copy of the Rule in English.

As the Chapter delegates were electing

the new provincial, John O’Connor, OFM,

the Minister General took the occasion to

spend time speaking with the temporarily

professed of the province. They talked

about many topics including on-going and

initial formation.

After lunch, we were taken to the train

station by John Felice, OFM, the now, “former

provincial”, and the president of Siena

College, Kevin Mackin. From the station

we began our return to Rome. A lot was definitely

accomplished in just a few days!

FR. FINIAN MCGINN, OFM

1.4. Visita alla Prov. Ss. Salvatoris in Slovacchia

Bratislava, 04-07.06.2005

Fr. José R. Carballo, Ministro generale,

accompagnato dal Definitore generale, Fr.

S. Samac, ha compiuto una visita fraterna

alla Provincia del Ss.mo Salvatore nella

Rep. della Slovacchia. Il Ministro si è incontrato

con il Definitorio provinciale, i

guardiani, i Formatori e i Formandi, e con

tutti Frati. Gli incontri sono avvenuti a Bratislava,

a Trstena e a Trnava, dove il Ministro

e il Definitore generale hanno anche incontrato

l’Arcivescovo Jan Sokole. L’intera

visita si è svolta in un clima cordiale e

fraterno.

La Provincia del Ss.mo Salvatore, con 7

conventi e 1 parrocchia, ha 55 Professi solenni,

15 professi temporanei, 4 Novizi e 3

postulanti. La formazione, iniziale e permanente,

è ben impostata. Nel post-noviziato

un anno viene dedicato alla formazione specificamente

francescana con un programma

particolare di studio e di varie esperienze. Il

programma di formazione permanente prevede,

tra l’altro, il Capitolo locale, il Ritiro

spirituale mensile, gli Esercizi spirituali annuali,

il Capitolo delle Stuoie ogni anno.

FR. SIME SAMAC

1.5. Visita alla Prov. Assumptionis BVM in

Polonia

Katowice, 07-10.06.2005

In occasione della celebrazione del 150°

anniversario di fondazione, il Ministro generale,

Fr. José R. Carballo, e il Definitore

generale, Fr. S. Samac, hanno compiuto una

vista alla Provincia dell’Assunzione della

BVM in Polonia.

Attualmente la Provincia ha 30 Case e

37 Parrocchie. Presenti in 16 Nazioni i Frati

della Provincia sono 293: 214 Professi solenni,

70 Professi temporanei, 9 Novizi e 15

Postulanti. Sono di questa Provincia i Frati

che partecipano alla Fondazione di rito bizantino

in Ucraina.

La celebrazione solenne del 150° anniversario

della Fondazione della Provincia si

è tenuta il 9 giugno con una solenne Concelebrazione

eucaristica, presieduta da Ministro

generale. Durante la permanenza a Katowice,

sede della Curia provinciale e dell’Istituto

filosofico-teologico della Pro-


AD CHRONICAM ORDINIS

259

vincia, il Ministro generale ha avuto modo

di incontrasi con i Formatori e i Formandi,

con i Guardiani, con tutti i Frati della Provincia

e con il Definitorio provinciale. L’accoglienza

cordiale e il dialogo fraterno hanno

caratterizzato tutti gli incontri.

Infine, due brevi annotazioni: la sera

dell’8 giugno i Frati-studenti hanno preparato

un “atto accademico”, centrato sugli ultimi

giorni della vicenda terrena di Papa

Giovanni Paolo II; la mattina del 9 giugno

si è fatta una visita di cortesia all’Arcivescovo

di Katowice, Mons. Damian Zimon.

Il 10 giugno, dopo l’Eucaristia e la colazione,

salutati da tanti Frati, il Ministro e Fr.

Sime sono partiti per l’aeroporto di

Krakow, facendo una breve sosta nella Casa

di Chorzow, dove la Provincia ha il Centro

per la Cura pastorale delle vocazioni.

FR. SIME SAMAC

1.6. Visita alla Custodia “Santa Chiara

d’Assisi” in Mozambico

Maputo, Mozambico, 11-15.06.2005

L’11 giugno 2005 il Ministro generale,

Fr. José R. Carballo, accompagnato dal Definitore

generale per l’Africa e il Medio

Oriente, Fr. Amaral Bernardo Amaral, si è

recato in Mozambico per presiedere l’atto

ufficiale dell’erezione della Custodia Autonoma

“S. Chiara” e dell’insediamento del

Governo della nuova Entità dell’Ordine.

Dopo uno scalo a Madrid e a Johanesburg,

Fr. José e Fr. Amaral il 12 giugno sono giunti

all’aeroporto di Maputo, accolti dai Frati

della Custodia e da un gruppo di laici. Subito

dopo hanno raggiunto la Fraternità di Polana,

sede della Custodia, al centro di Maputo.

La giornata si è conclusa con un gesto

filiale del Ministro generale, che ha voluto

subito far visita alla mamma di Fr. Amaral,

da due anni ammalata, gesto molto apprezzato

dalla Signora Josefa Antonio Remane

e da tutta la famiglia.

Di buon mattino il 13 giugno, festa di S.

Antonio, il Ministro e il Definitore generale

sono partiti, in aereo, per Beira. Salutati

dal Custode, Fr. Lucas Gololombe, e da un

buon gruppo di Frati con il canto “Salve

Sancte Pater”, Fr. José e Fr. Amaral hanno

raggiunto il Convento di Beira, costruito nel

1998 per commemorare i 100 anni della

presenza francescana in Mozambico.

Incontro con la Famiglia francescana

Il Ministro generale alle ore 11 si è incontrato

con un numeroso gruppo di Frati,

Suore di varie Congregazioni francescane e

membri dell’OFS. L’incontro è avvenuto

nella Chiesa “Nossa Senhora do Rosario” di

Beira, la cui costruzione è iniziata nel 1900

ed è terminata nel 1925. Dal 1941 è la Cattedrale

della città di Beira.

Tra le presenze merita una menzione

quella delle Suore Francescane Missionarie

di Maria, a cui fin dall’inizio è legata la presenza

dei Frati Minori in Mozambico. Le

Suore Francescane Missionarie di Maria,

arrivate nel 1897 per dirigere la Scuola Oliveira

Martins, in seguito chiamata Collegio

degli Angeli, avevano infatti chiesto al Ministro

provinciale del Portogallo di inviare

dei Frati anche per la loro assistenza spirituale.

Per questo in Mozambico c’è stata

sempre una buona collaborazione dei Frati

con le Suore FMM e con gli altri Membri

della Famiglia francescana. Il Ministro generale,

nel suo intervento, dopo aver ringraziato

i presenti per la testimonianza evangelica

e francescana offerta, ha messo in evidenza

che Beira rappresenta non soltanto il

punto d’arrivo e la porta d’ingresso, ma la

Porziuncula francescana in Mozambico e

ha sottolineato la necessità di crescere in

una collaborazione sempre più stretta e feconda

tra i diversi Istituti della vasta Famiglia

francescana.

Il Capitolo della Custodia a Nazaré

Alle ore 17 del giorno 13 giugno 2007,

nell’Auditorium del Centro di Formazione

di Nazaré, Arcidiocesi di Beira, il Ministro

generale, Fr. José Rodríguez Carballo, ha

presieduto la solenne Sessione di apertura

del Capitolo della Custodia di Santa Chiara

d’Assisi in Mozambico (13-17 giugno

2005), con la partecipazione 30 Frati capitolari.


260 AN. CXXIV – MAII-AUGUSTI 2005 – FASC. II

A questo evento importante hanno partecipato

i tre Frati chiamati a servire la Chiesa

nell’Ordine episcopale: il Cardinale

Alexandre José Maria dos Santos, Mons.

Adriano Langa e Mons. Hilario da Cruz

Massinga; altri invitati speciali: Fr. Vumile

Nogemane, Ministro provinciale del Sud

Africa e Presidente della Conferenza Africana,

Fr. Luciano Brod, Ministro provinciale

della Prov. Santa Croce in Brasile; e vari

rappresentanti della Provincia Madre (Santi

Martiri del Marocco in Portogallo) e di altre

Province che in questi anni hanno collaborato

attivamente, inviando Frati missionari

per l’opera di evangelizzazione e per

l’implantatio Ordinis in questo Paese Africano.

Erano presenti anche i Frati Cappuccini

della Provincia del Mozambico e il

Rettore del Collegio Interprovinciale di San

Bonaventura in Lusaka.

Il 14 giugno 2005, secondo giorno del

Capitolo custodiale, il Ministro generale ha

dato lettura del Decreto con cui il Definitorio

generale ha eretto la Custodia Autonoma

“S. Chiara d’Assisi” in Mozambico. Il Definitore

generale, Fr. Amaral, ha letto poi il

Decreto di nomina del primo Governo della

nuova Entità: Fr. Lucas Francisco Gololombe,

Custode; Fr. Pedro José Antonio da

Costa, Vicario custodiale; Consiglieri: Fr.

José Maciel da Costa, Fr. José Juma Manuel,

Fr. Evodio João e Fr. Enrique Bázcones,

consiglieri.

È stato un momento solenne di rendimento

di grazie e di grande gioia per tutti.

La nascita della nuova Entità, infatti, non è

stata vissuta né come abbandono da parte

della Provincia Madre, né come proclamazione

d’indipendenza da parte di questa, ma

piuttosto come riconoscimento dell’intenso

lavoro svolto da tante generazioni di Missionari,

della crescita e della maturità raggiunta,

della vitalità, delle possibilità e speranze

di sviluppo per il futuro della nuova

Entità. È stata, quindi, l’occasione per ricordare

con gratitudine il glorioso passato,

per impegnarsi a vivere con passione il presente

e per aprirsi con fiducia al futuro. In

una parola, per raccontare una storia e per

iniziare a costruirne una nuova, come ha ricordato

il Ministro nella Celebrazione eu-

caristica conclusiva di questo importante

evento per il francescanesimo in Africa.

Dopo la partenza del Ministro generale,

il 15 giugno, il Capitolo della Custodia è

continuato fino al giorno 17, sotto la presidenza

di Fr. Isidro Lamelas, Ministro provinciale

della Provincia Madre dei Santi

Martiri del Marocco in Portogallo. In questi

giorni i Capitolari hanno preso coscienza

delle nuove realtà e delle nuove sfide che si

presentano alla nuova Entità riguardo alla

formazione: molte vocazioni e pochi Formatori,

per numero e preparazione; all’evangelizzazione:

mancanza di Frati per formare

vere Fraternità in missione; al ridimensionamento

delle aree di presenza; alla

scarsità di mezzi o alle situazione sociali e

sanitarie della popolazione: povertà, malattie...

Con un’attiva partecipazione di tutti i

Capitolari, il Capitolo si è concluso con decisioni

coraggiose per il prossimo triennio.

Un po’di storia della Custodia

La Custodia di Santa Chiara d’Assisi in

Mozambico costituisce la presenza più antica

dell’Ordine dei Frati Minori in Africa australe

e una delle più antiche in tutta l’Africa.

Il primo gruppo di sei Frati missionari,

inviati dalla Provincia francescana portoghese,

è arrivato a Beira il 17 Luglio 1898:

sono quindi 107 anni di presenza, di lavori

continui e di fecondità missionaria. In questo

arco di tempo i Frati hanno aperto e curato

37 Missioni in un immenso territorio

che comprende le cinque Province del centro

e sud del Mozambico (Maputo, Gaza,

Inhambane, Sofala e Manica). Le Missioni

francescane erano importanti centri di evangelizzazione

missionaria, ma anche centri

di educazione e promozione umana. Attorno

ad ogni Missione, infatti, sono sorte

scuole, cappelle, centri sanitari, aziende

agricole e scuole professionali. Quando il

Definitorio, il 3 Settembre 1941, ha creato

il Commissariato di Beira, era già completa

la fondazione delle Missioni più importanti

nelle Province del centro e sud del Paese. In

questo stesso anno sono state fondate anche

le prime 3 Diocesi di Mozambico: Maputo,

Beira e Nampula, le cui prime due erano so-


AD CHRONICAM ORDINIS

261

stenute soprattutto dall’attività dei Frati Minori.

Con la loro presenza e il loro intenso lavoro

i Frati Minori hanno dato un contributo

significativo all’implantatio Ecclesiae,

preparando le basi e le strutture per la nascita

delle attuali Diocesi della Chiesa locale.

Allo stesso tempo hanno favorito le condizioni

per lo sviluppo politico, sociale e

culturale delle popolazioni indigene e per

l’indipendenza politica della nazione mozambicana,

avvenuta il 25 giugno 1975.

Negli anni ‘70 il Commissariato è divenuto

Custodia del Mozambico con 36 Missioni,

più di 100 frati e molte vocazioni locali.

Tutte le Case di formazione funzionavano

all’interno della Entità. Con l’indipendenza

politica e la presa del potere da parte del

partito marxista-leninista molti missionari

sono ritornati nei Paesi di origine e i nuovi

missionari hanno avuto difficoltà ad entrare

in Mozambico. La Custodia ha subito una

sensibile diminuzione numerica, ma ha intensificato

la promozione vocazionale e la

formazione dei Frati locali.

Nel 1993 la Provincia Madre, attraverso

il suo rappresentante al Capitolo custodiale,

ha giudicato la Custodia ormai matura e

preparata per l’autonomia ed è iniziato così

il processo di preparazione. Il Capitolo provinciale

del 2004 ha riconosciuto che erano

state raggiunte tutte le condizioni per l’autonomia

e la Curia generale lo ha ratificato,

approvando le norme transitorie e gli accordi

di cooperazione con la Provincia Madre.

Al momento della erezione la Custodia

si presenta come una realtà giovane, dinamica,

piena di vitalità e speranza per il futuro,

con 10 Fraternità, 67 Frati dei quali: 29

Professi solenni (23 mozambicani e 6 missionari),

28 professi semplici e 10 novizi.

Inoltre ha 3 Postulanti e circa 30 aspiranti.

Da questo quadro si può vedere la forza ed

anche la fragilità di questa nuova Entità. Più

di metà dei suoi Membri sono in formazione

iniziale. I Professi solenni sono quasi tutti

giovani e mancano Frati con esperienza di vita

e preparazione per la formazione delle nuove

generazioni. C’è difficoltà di formare autentiche

Fraternità-in-missione con almeno 3

Frati professi solenni come viene richiesto

dagli Statuti Generali, soprattutto nelle Case

di formazione; c’è mancanza quasi totale di

mezzi di auto-finanziamento per le spese ordinarie

della vita dell’Entità (formazione,

evangelizzazione, ecc.). Dall’altro lato c’è la

sfida di una chiesa locale estremamente povera

di clero diocesano e di risorse economiche,

la sfida della grande povertà della popolazione

e delle malattie gravi ed endemiche

(Malaria, AIDS).

FR. AMARAL BERNARDO AMARAL

1.7. Visita fraterna al Perú

20 de junio

La comisión que fue al Aeropuerto a recibir

al Ministro general y al Definidor general

estuvo conformada por Fr. Anselmo

Díaz Rodríguez, Fr. José García, Fr. Salomón

Pusma, Fr. Gregorio Pérez de Guereñu,

Fr. Félix Santa María, Fr. Santiago, Fr.

Isidro Chinchay y Fr. Benigno Condori

Chuchi.

Los hermanos de la Provincia franciscana

de los XII apóstoles del Perú, reunidos en el

Convento de San Francisco de Lima, estaban

a la expectativa de la llegada del hermano

Ministro general de nuestra Orden, Fr. José

Rodríguez Carballo ofm, y del hermano Definidor

general, Fr. Luis Cabrera ofm. Junto

con la comitiva de recepción, a cargo de Fr.

Anselmo Díaz Rodríguez ofm, Ministro Provincial,

y de Fr. Enrique Segovia Marín ofm,

Secretario Provincial, arribaron a las 9:20

p.m. causando gran alegría y regocijo en los

hermanos mayores y jóvenes de nuestra Provincia.

Y la alegría fraterna se hizo presente

por tener a tan ilustres visitantes. Gracias, Señor,

por este regalo.

21 de junio

Después de un reparador descanso, se

compartió el desayuno en la Curia Provincial,

y nos dirigimos a la Fraternidad de San

Antonio de Padua de la Custodia San José

del Amazonas. Allí se dio la apertura a la

Visita con la Eucaristía presidida por el Ministro

general y concelebrada por los hermanos

Ministros y Guardianes del Perú.


262 AN. CXXIV – MAII-AUGUSTI 2005 – FASC. II

Fr. José Rodríguez Carballo, en la reflexión,

nos dijo que nuestro encuentro de hermanos

es “bueno, justo y necesario” por la

común vocación a la que hemos sido llamados.

Es el momento de la fe, de la confianza

que va mas allá de toda realidad y de todas

las cosas del mundo. Esta actitud nos

dispone al servicio de los demás; y nuestra

autoridad se justifica desde el servicio como

hermanos y no como superiores.

Culminada la Eucaristía, pasamos a los

ambientes del Convento y compartimos un

café, para luego iniciar la reunión dirigida a

los hermanos guardianes y ecónomos de

nuestras Entidades del Perú. El Ministro general

les agradeció por este servicio y les recalcó

que no es fácil su papel, pero que deben

trabajar con generosidad y alegría.

En primer lugar, se dirigió a los guardianes

y les recordó que su servicio debe inspirarse

en Jesús quien no vino a ser servido,

sino a servir; y a rechazar toda forma de

ejercicio de la autoridad que tenga que ver

con el dominio del otro o la búsqueda de

privilegios o prestigios personales.

En un segundo momento, el Ministro general

trató el tema de la economía. Y les recordó

a los ecónomos que somos pobres y

que, por lo mismo, debemos cuidar nuestra

economía. Que hay que evitar la avidez de

acumular o despilfarrar y que hay que considerar

que la restitución de los bienes al Señor

y la solidaridad son elementos constitutivos

de nuestra forma de vida. Solamente si hay

total transparencia y solidaridad, podremos

hablar de una Economía Franciscana.

Luego de la exposición nos servimos un

refrigerio. Continuamos con el diálogo y

allí se subrayaron algunos temas, como la

eficacia y la Fraternidad, el proyecto personal

y fraterno y la itinerancia. Este encuentro

concluyó con el almuerzo, ofrecido por

nuestros hermanos de la Custodia de San

José del Amazonas.

Encuentro con los hermanos formadores

y formandos

Por la tarde, tuvimos el encuentro con

los formadores y formandos, en el Auditórium

del Instituto Juan Landazuri. El hermano

Juan Meza leyó el Currículum Vitae

del Hermano Ministro general y del Hermano

Definidor general y presentó las Casas

de formación de los Profesos Temporales

de cada Entidad. Fr. Andrés Alegre, por su

parte, nos dio a conocer la realidad de los

candidatos a la Orden en el Perú y nos ofreció

un informe de las diferentes etapas de

formación en el Perú.

Acto seguido, tuvimos las palabras del

Ministro general. En su intervención, comparó

la Formación con 3 figuras: El camino,

el barro y la sementera. Asimismo, refiriéndose

a la madurez afectiva, insistió en la necesidad

de sentirse amado por Dios y por

los hermanos, de ser llamado a amar; de

amar la propia vocación; y de amar según la

propia vocación.

En cuanto a la formación intelectual, nos

recordó que los estudios son fundamentales

para poder cumplir nuestra misión; y que,

además, muchas de nuestras crisis vocacionales

se deben a la debilidad de pensamiento.

Terminado el refrigerio, tuvimos la oportunidad

de dialogar y consideramos algunos

aspectos. Entre ellos, se recalcó que el

acompañamiento debe darse en una relación

interpersonal profunda, llena de confianza

y familiaridad, de tal forma que el

formando pueda abrirse al diálogo y pasar

del yo al tú, del tú al nosotros y del nosotros

al El. Además, es importante tener presente

los niveles de comunicación: el hacer, el

pensar y el sentir.

Luego del dialogo, el hermano Ministro

general recibió unos regalos y nos encaminamos

a la cena. Allí se realizó una pequeña

actuación de los hermanos profesos temporales

con cantos y bailes, como la Anaconda,

de nuestra región de la selva, y el

Tinkus, de nuestra región de la sierra. Terminamos

con las palabras y la oración del

hermano Fr. Mauro Vallejo y la bendición

de nuestro Ministro general.

22 de junio

Encuentro con los hermanos de las 4

Entidades

En la Sala Magna del Convento de San

Francisco de Lima, nos reunimos todos los

hermanos de las 4 Entidades. Las palabras


AD CHRONICAM ORDINIS

263

de Bienvenida estuvieron a cargo de nuestro

hermano Ministro provincial, Fr. Anselmo

Díaz Rodríguez. A continuación nuestro

hermano Ministro general nos habló de la

refundación y nos aclaró lo que esta significaba:

fidelidad creativa, la vuelta a lo esencial,

el poner vino nuevo en odres nuevos y

el acoger al espíritu. Una refundación que

implica un triple movimiento: centrarse,

concentrarse y descentrarse; y que tiene como

pilares: la Santidad de vida, la formación

intelectual y la cercanía al Pueblo.

También nos indicó que, en la vida franciscana,

se daban varias tensiones, como

entre la vida fraterna y el proyecto personal,

el radicalismo evangélico y la mediocridad

y lo simbólico y la insignificancia

Terminado el discurso del Ministro general,

Fr. Luis Cabrera hizo la presentación

del Proyecto para los 800 años. Terminado

el diálogo, se pasó al almuerzo fraterno en

el Refectorio Antiguo del Convento de San

Francisco de Asís.

Encuentro con la Familia Franciscana

Por la tarde el Ministro general y el Definidor

general se trasladaron al Auditorio

del Colegio “Juan XXIII” de la Vicaria China.

Después de la oración, la Hermana

Lourdes Carballo, presidenta de la familia

franciscana, dio el saludo de bienvenida. A

continuación, intervino la Ministra de la

OFS, Maritza Tejeda, y se presentaron todas

las comunidades asistentes: 18 Congregaciones

femeninas franciscanas, la OFS,

JUFRA y los hermanos OFM.

Concluida la presentación oficial, tomó la

palabra el Ministro general e hizo la siguiente

pregunta: ¿qué les diría Francisco si viniera

ahora Y el mismo se respondió: les diría

tres cosas: Dios es el nunca bastante; id, hermanos

y hermanas, nuestro claustro es el

mundo; y amad apasionadamente al Señor y

a la humanidad. Luego les preguntó: y ¿qué

les diría el Ministro general de la OFM Y se

respondió: Sigan formándose humana, cristiana

y franciscanamente; y oren por los hermanos

que se están preparando a vivir el 8º

centenario de la fundación.

Terminado el diálogo se ofreció una presentación

artística, organizada por las dife-

rentes congregaciones y, de esta, nos dirigimos

a una recepción en el patio de primaria.

23 de junio

Encuentro con los hermanos en Arequipa

Y llegó por fin el amanecer del ansiado 23

de junio, el hermano sol ansioso por brindarnos

su manto de claridad se asomó al parecer

un poquitín más temprano (una milésima de

segundo). Y como la acción creadora de Dios

fue disipando las tinieblas de la noche y se

hizo la luz en la ciudad blanca. Y con los primeros

destellos de luz se hicieron los últimos

preparativos, los toques finales se iniciaron,

el reverendo Juan Apumayta (vocablo quechua:

“donde está Dios”) y guardián de la

Apacheta dirigió con admirable maestría y

experiencia el trabajo de la mañana. Ultimando

detalles tanto para la cena festiva como

las presentaciones artísticas en el colegio

Santa Clara.

Y a eso de las 12:30, partió rumbo al aeropuerto

la comitiva de recepción del Ministro

general, Definidor general y provinciales.

Nuestros ilustres visitantes llegaron

a la hora anunciada aunque nuestros hermanos

del comité de recepción tuvieron que

apurar bocado porque al parecer fueron víctimas

de una broma inocente y corrieron a

recibir a otros personajes de otro avión.

Nuestros hermanos Ministro y Definidor

general fueron conducidos al convento de la

Recoleta a instalarse y recuperarse del viaje,

mientras que nuestro Ministro Provincial

y Delegado de la custodia de San José, fueron

conducidos al convento de San José

Obrero.

Y sucedió que, alrededor de las 5 de la

tarde minutos más o minutos menos, que se

yo, nuestros queridos Ministro y Definidor

general se apersonaron al colegio Santa

Clara, siendo recibidos principalmente por

el Ministro provincial Anselmo Díaz, el padre

guardián del Convento y director del colegio,

profesores representativos y

otros…Y la multitud reunida para el recibimiento

se llenó de gozo y algarabía, al tener

junto al representante del mismísimo Francisco

de Asís. Luego, de este gran momento

se dio inicio a las presentaciones artísti-


264 AN. CXXIV – MAII-AUGUSTI 2005 – FASC. II

cas preparadas por los diferentes colegios

franciscanos de Arequipa, nuestros hermanos

de la tercera orden, hermanos postulantes

y hermanos novicios, quienes tras muchas

peripecias pudieron estar presentes,

pues venían de la ciudad del Cusco. Hubo

danzas folclóricas del Perú y Arequipa, poemas,

cantos, y teatro. Con un despliegue artístico

envidiable. Y hasta nuestros ilustres

invitados aparecieron ataviados con el vestido

típico de la ciudad imperial del Cusco.

Acabado el festival, todos los religiosos

y otros invitados, pasamos a los ambientes

del convento San José Obrero para deleitar

nuestro paladar y calmar los reclamos que

nos hacían nuestros hermanos estómagos.

Y llegó la noche, y pasaron las horas, y fue

tiempo del descanso de ese día, y de este

modo concluyó el primer día de la visita de

nuestro Ministro general a la ciudad blanca

de Arequipa.

24 de junio

Y entre la calma de la noche bajo la atenta

mirada del volcán Misti, guardián de la

ciudad de Arequipa, amaneció el día segundo

de la visita de nuestro Ministro general a

la ciudad blanca y todos los frailes del sur,

concentrados en esta ciudad, fuimos presurosos

al convento de la Recoleta, para el

conversatorio con nuestro ilustre visitante.

El Ministro general llenó del espíritu, nos

llamó a reflexión, nos confortó y nos animó,

en nombre de nuestro padre Francisco.

Nos habló por ejemplo sobre la necesidad

de una refundación de la Orden, de la visión

optimista y realista que debe reinar en los

frailes para seguir trabajando por el Reino

desde la Orden,… también hubo momentos

destinados al diálogo y respuesta a nuestros

interrogantes. También tuvimos la grata

sorpresa de percibir a través de imágenes de

un DVD, los diferentes trabajos y puestos

de misión que realiza la Orden en el mundo.

Quedamos muy confortados y edificados

por la labor que muchos de nuestros hermanos

realizan en bien de los más necesitados

y olvidados de la sociedad.

Al finalizar nuestra sesión de la mañana,

tuvimos también un obsequio muy especial

para nosotros los franciscanos, una versión

tamaño bolsillo de la Regla, para que cada

fraile pueda llevarlo consigo a donde vaya.

Esta vez, el almuerzo lo realizamos en el

convento de la Recoleta, que por cierto estuvo

muy exquisita.

Por la tarde nuestro querido Ministro general

tuvo una conversación más personal

con nuestros hermanos de la etapa inicial;

postulantes y novicios. Posteriormente se

realizó el encuentro con la tercera orden. La

celebración de la Eucaristía, tuvo lugar en el

templo del convento San Francisco de Asís,

y como correspondía, celebramos la Solemnidad

del Nacimiento de San Juan Bautista.

También ofrecimos la misa por nuestro hermano

Juan Apumayta, Guardián del convento

San José Obrero, quien cumplía un

añito más de vida. La misa fue muy hermosa,

llena de devoción y emoción. Inmediatamente

después de la misa pasamos a la mesa,

en el mismo convento de san Francisco

de Asís. A deleitarnos con la suculenta y

abundante cena preparada por nuestros hermanos

de dicha fraternidad. Y fue allí donde

nuestro hermano José Rodríguez, se despidió

agradeciendo la acogida fraternal y celebrando

el calor fraternal recibido por los

frailes y demás integrantes de la familia

franciscana del sur del Perú. Sin embargo,

prometió devolver la visita, si Dios así lo

permite para el 2007, año en que nuestros

hermanos de San Francisco Solano cumplen

un centenar de vida como provincia.

Por ello, les damos las gracias por su visita;

Dios lo bendiga siempre hermano Ministro

general y regrese pronto.

26 de junio

Encuentro con las Hermanas Contemplativas

En este encuentro, participaron las hermanas

de todos los Monasterios de la Federación

de la Inmaculada, Concepcionistas y

Capuchinas. A las palabras de bienvenida

de la Presidenta de la Federación, Madre

Abadesa Isabel Hernández, siguieron las

del Ministro general para agradecerles por

la bienvenida y, también, para recordarles

su promesa de oración.

Su discurso se centró en la 3ª Carta de

Santa Clara a Inés de Praga, en la Leyenda


AD CHRONICAM ORDINIS

265

de Santa Clara 30 y de 1Ce20. Puso de relieve

la contemplación de Jesucristo como

centro de la vida de Clara y de Beatriz de

Silva, la calidad de la vida contemplativa,

que se mide en los efectos concretos vividos

en la pobreza, en la humildad y en la entrega

de amor.

En el diálogo con las hermanas, el Ministro

general insistió en la necesidad del

perdón fraterno y del abandonarse a las manos

de Dios en los momentos de aridez espiritual.

Concluyó su participación invitándolas

a orar por el VIII Centenario de la

fundación de la Orden. Esta sesión terminó

con las palabras de Fr. José García, asesor

de la Federación de monasterios.

Luego se realizó la celebración de la Eucaristía,

muy bien preparada por las hermanas.

Inmediatamente, se tuvo la foto del recuerdo

con todas las hermanas y el almuerzo

de confraternidad. En esta ocasión, las

hermanas presentaron dos danzas de Arequipa:

Camille y una danza de Cailloma,

además de una canción franciscana interpretada

por nuestras hermanas clarisas.

Por la tarde, el Ministro general fue a visitar

los restos de San Martín de Porres,

Santa Rosa de Lima y de San Juan Masías,

así como el museo de San Francisco de Lima.

27 de junio

En la mañana el Ministro general, acompañado

de los Ministros provinciales y del

Definidor general, se entrevistó con el Cardenal

Cipriani, Arzobispo de Lima. Se trató

de un saludo de fraternidad y cortesía y, sobre

todo, de expresarle la cercanía y la decisión

de seguir siendo hermanos menores en

comunión con la Iglesia local y universal.

Encuentro con los Definitorios provinciales

y los Consejos de las Custodias

Por la tarde, tanto la oración como el saludo

de bienvenida fueron dirigidos por Fr.

José García. El Ministro general agradeció

a los hermanos por la programación de la

visita y, sobre todo, por haberlo hecho sentir

hermano. Además, les felicitó porque lo

realizaron de una manera conjunta las cuatro

Entidades del Perú.

En su intervención, recordó algunos aspectos

fundamentales del servicio de animación

y de administración que deben estos

organismos llevar adelante. En lo que

respecta a lo administrativo, les recordó que

es importante que pongan atención en los

hermanos que abandonan la Orden, siguiendo

las indicaciones del Prontuario;

igualmente, que trabajen por conseguir una

economía transparente y solidaria; y que

cuiden el Patrimonio cultural y artístico, tan

rico de estas Entidades.

En lo que concierne a la animación, les

invitó a desarrollar su servicio teniendo presente

las actitudes del buen pastor, quien está

cerca de sus ovejas para cuidarlas, alimentarlas

y corregirlas, según las circunstancias

cotidianas. Asimismo, les invitó a

crear, dentro de cada uno de los Definitorios

y Consejos, una verdadera fraternidad, basada

en el respeto, la confianza, la libertad,

la solidaridad y en la discreción. Concluyó

su intervención invitándoles a poner su dedicación

también en el sentido de pertenencia

a la Orden, en la formación inicial y en

la preparación del futuro de la presencia

franciscana en el Perú. Terminado el diálogo,

cenamos con la Fraternidad del Convento

de los Descalzos.

28 de junio

Misa de clausura de la Visita

Esta se realizó en la Iglesia del Convento

de San Francisco de Lima a las 10:30 de la

mañana con la participación de los hermanos

de las 4 Entidades. Estuvo presidida por

nuestro hermano Ministro general, Fr. José

Rodríguez Carballo, y acompañado por los

Ministros provinciales, Fr. Anselmo Díaz y

Fr. José García, y todos los hermanos sacerdotes.

Los cantos estuvieron a cargo de los

hermanos estudiantes de las 4 Entidades.

Luego de la Eucaristía, compartimos en

el Claustro Antiguo del Convento con toda

la familia franciscana. Durante el almuerzo,

ofrecido por la Fraternidad de la Provincia

de los XII Apóstoles del Perú, tomaron la

palabra el hermano Guardián de San Francisco,

Fr. Alejandro Palacios, y el Ministro

provincial, Fr. Anselmo Díaz, para agradecerle

por su presencia. Concluido el ágape


266 AN. CXXIV – MAII-AUGUSTI 2005 – FASC. II

fraterno, en la Pileta del Claustro Principal

del Convento, hicimos la foto del recuerdo.

El Ministro general partió del Convento a

las 4:30 de la tarde. Nos dejó muchos recuerdos

por sus exhortaciones y la familiaridad de

su trato, como un verdadero hermano. Le deseamos

todo el bien en sus trabajos.

FR. DANTE, FR. JOSÉ Y FR. FAUSTO

Cronistas

1.8. Festa della Provincia di Napoli

Roccamonfina (CE), Italia, 30.06.2005

Giovedì 30 giugno si è svolta l’annuale

festa della Provincia Napoletana del Ss.mo

Cuore di Gesù, presso il santuario di Santa

Maria dei Lattani in Roccamonfina (CE),

ove sono convenuti circa cento frati, con la

partecipazione del Ministro generale, Fr.

José Rodríguez Carballo.

La giornata si aperta con un incontro di

preghiera presieduto dal Ministro provinciale,

Fr. Luigi Ortaglio, il quale ha ricordato

come la Provincia riconosca in un frate

della prima generazione dell’Ordine, il beato

Agostino di Assisi, il suo fondatore, per

cui deve sentirsi fortemente impegnata nel

riappropriarsi della “grazia delle origini”

nel prossimo VIII centenario della fondazione

dell’Ordine.

Il Ministro generale nel suo intervento

dopo aver illustrato la situazione attuale

della Vita consacrata, si è soffermato sull’VIII

centenario della fondazione dell’Ordine,

illustrandone le motivazioni, la portata

formativa e le finalità. Sono seguiti gli interventi

di diversi Frati, qualche Professo

temporaneo e Postulante.

Dopo una breve pausa il Ministro generale

ha presieduto la Concelebrazione eucaristica,

durante la quale ha conferito i ministeri

del lettorato e dell’accolitato a cinque Frati.

Nell’omelia si è soffermato sul significato

della formula della professione dei Frati minori.

La mattinata si è conclusa con l’agape

fraterna. Fr. José, nel congedarsi dai Frati, ha

invitato ad avere coraggio e fiducia nel cammino

di conversione, per “dare speranza al

Vangelo della Fraternità provinciale”.

Nel primo pomeriggio il Ministro generale

ha incontrato i Novizi della Casa di Noviziato

Interprovinciale di Piedimonte Matese

(CE).

1.9. Minister General attends opening of

the Chapter of the Province of Ireland

Gormanston, Irlanda, 03-05.07.2005

We left Rome around noon the 2nd of July,

2005 and were met at the Dublin airport

by the Provincial, Ulic Troy, OFM and the

Secretary of the Province, Louis Brennan,

OFM. The Chapter opened with a Liturgical

Celebration Sunday evening. Finian

McGinn, OFM, the Definitor General, read

the Minister’s letter to the capitulari. Ulic

and Matt Doyle welcomed the Minister

General and the Definitor General.

Monday morning, Jose R. Carballo,

OFM, Minister General, gave his intervention

to over a hundred friars assembled in a

large hall of Gormanston College. He congratulated

the province for its dedicated

work throughout history in South Africa,

Zimbabwe, Central America and the nation

of Ireland. He spoke on the requirements

needed to “prepare for the future with hope”

and the essential qualities of fraternal life.

After his talk, there was a fine discussion

and a very animated question and answer

period. The provincial, Ulic Troy, then delivered

his state of the province talk and the

Visitor General, Mathias Doyle, OFM addressed

the capitulars on the results of his

visitation of the friars in Ireland and Zimbabwe.

The Minister General, then, offered

the opening Mass of the Holy Spirit and

preached.

The friars began to discuss the content of

the talks. The Chapter had begun. The next

morning the Minister General and the

Definitor General said good-bye to the assembled

friars and returned to Rome. This

was only the third time in the over 700 year

history of the Province of Ireland that the

Minister General had addressed the members

of the province at Chapter.

FINIAN MCGINN, OFM


AD CHRONICAM ORDINIS

267

1.10. Visita alla Provincia S. Bonaventura

Torino, Italia, 15-17.07.2005

È una calda serata d’estate quella che

accoglie il Ministro generale a Torino, giovedì

14 luglio, per la visita alla Provincia.

Dopo l’incontro con il Ministro provinciale

e il saluto alla locale Fraternità ci si reca

nel Convento S. Antonio per il pernottamento.

Il giorno seguente a Biella, nella splendida

cornice di S. Sebastiano, il Ministro

generale incontra i Frati convenuti dalle varie

case. L’assemblea è numerosa. Particolarmente

significativo è il motivo di festa in

questo giorno: l’incontro della Fraternità

provinciale con il Ministro generale avviene

proprio nel giorno in cui si celebra la memoria

liturgica di san Bonaventura, patrono

della Provincia piemontese. Dopo il saluto

del Ministro provinciale, Fr. José R. Carballo,

Ministro generale, prende la parola

per esporre ai fratelli la situazione attuale

dell’Ordine in relazione al mondo odierno,

alle sfide che ci attendono, alle attese della

Chiesa. Insiste sulla necessità di una “rifondazione”

dell’Ordine e, dopo averne spiegato

il significato, indica alcuni presupposti

irrinunciabili della “rifondazione”. Tra i pilastri

su cui poggiare un processo di “rifondazione”,

il Ministro indica la continuità

con la nostra tradizione e l’importanza degli

studi. A questo riguardo fa riferimento

alla sua recente lettera «Il sapore della Parola»

sugli studi nell’Ordine. Non manca

l’insistente raccomandazione alla cura della

Formazione, sia iniziale come permanente,

e la sollecitazione a proseguire il cammino

interprovinciale già da tempo avviato

nelle Province del nord Italia.

Il Ministro passa, poi, la parola a Fr. Mario

Favretto, Definitore generale che l’accompagna

nella Visita, perché esponga all’assemblea

il percorso di preparazione e il

programma della celebrazione dell’ottavo

centenario dell’Ordine: “la grazia delle origini”.

Quindi viene aperto un dialogo fraterno

tra i Frati e Fr. José in cui si chiedono

chiarimenti, informazioni, ulteriori pareri

sulla Provincia e sull’Ordine.

Terminato l’incontro fraterno ci si reca

alla monumentale chiesa di S. Sebastiano

per la celebrazione eucaristica. È il Guardiano

a introdurci nella storia e nell’arte del

tempio che ci accoglie. Egli rimarca l’importanza

storica della presenza del successore

di san Francesco ed esorta i presenti a

lodare il Signore per questo evento straordinario.

Alla messa solenne fa seguito una straordinaria

mensa fraterna che raccoglie tutti i

Frati presenti accanto al santuario di Oropa.

Nel pomeriggio visita al santuario, saluto

alla Vergine, saluto e benedizione del Ministro

generale e congedo.

In serata, a Torino, il Ministro prosegue i

contatti con le realtà locali e a S. Antonio

incontra l’Associazione Ponte di Pace pro

Terra Santa.

Il mattino seguente è la Fraternità di S.

Bernardino che accoglie il Ministro generale

per l’incontro con le Clarisse dei monasteri

della Provincia. Le Sorelle giungono

numerose per l’incontro. A loro il Ministro

rivolge una fraterna monizione ricordando

la specificità del carisma clariano, attuale

oggi più che mai, sottolineando la specificità

della vita fraterna ed esortandole ad

avere coraggio nell’accogliere proposte anche

ardite che oltrepassano i limiti del proprio

monastero. Nel dialogo che segue si fa

riferimento alla recente lettera del Ministro

generale per la festa di santa Chiara e alla

realtà piemontese dei nostri monasteri.

All’incontro segue la celebrazione eucaristica

nella chiesa di S. Bernardino e poi il

pranzo condiviso nei locali del convento.

Nel pomeriggio ancora due appuntamenti

attendono il Ministro: l’incontro con il Definitorio

e l’incontro con i giovani Frati della

Provincia. Nel primo momento, dopo la

presentazione dell’attività e del metodo di

lavoro del Definitorio da parte del Ministro

provinciale, Fr. José insiste sul ruolo di animazione

del governo provinciale; raccomanda

momenti di formazione e di condivisione

spirituale e fraterna per meglio servire

i Fratelli. Ai Frati giovani il Ministro riferisce

la situazione dell’Ordine, in cui si coglie

una preoccupante fragilità e la mancanza di

perseveranza nel tempo che segue la Profes-


268 AN. CXXIV – MAII-AUGUSTI 2005 – FASC. II

sione solenne. Raccomanda con insistenza

l’accompagnamento come sostegno necessario

per il discernimento personale.

Anche la tarda sera diventa occasione

per il Ministro generale di accostare una

bella realtà provinciale: la GiFra. Eccolo

quindi accolto dal canto e dal ritmo giovanile

dei ragazzi. Con essi il Ministro si intrattiene,

prega, ascolta, esorta, risponde.

La mattina seguente, giorno di domenica,

il Ministro generale incontra l’OFS regionale

e i laici del volontariato. In una accorata

esortazione Fr. José trasmette la passione

e l’importanza che il Primo Ordine

sente nei riguardi dei fratelli dell’Ordine

Francescano Secolare. Con riferimenti alla

realtà sociale e mondiale, ne illustra l’attualità

di presenza e di azione. Raccomanda la

formazione. Rispondendo ad alcuni interventi

ribadisce la posizione esplicita della

Chiesa e del nostro Ordine circa l’unità dell’OFS

nella realtà italiana.

Con la celebrazione festiva nella chiesa

di S. Antonio, partecipanti il Ministro provinciale,

la locale Fraternità dei Frati e i

Terziari convenuti dalle varie Fraternità

della regione, si conclude la Visita del Ministro

generale alla Provincia piemontese di

S. Bonaventura.

FR. MARIO FAVRETTO

1.11. XXV marcia francescana a piedi verso

Assisi

S. Maria degli Angeli, 02.08.2005

Dal 25 luglio al 4 agosto 2005 si è svolta

la XXV marcia francescana a piedi verso

Assisi, organizzata dagli Animatori per la

cura pastorale delle vocazioni della COM-

PI. Il tema di quest’anno “Nella tua storia il

dono” voleva aiutare i giovani a mettersi in

sintonia con il cammino dei discepoli di

Emmaus, per poter impostare un progetto di

vita evangelico, che partisse proprio dalla

rilettura della propria vita come storia accompagnata

dalla presenza del Risorto che

rilancia verso la vita.

I 1500 giovani che hanno partecipato alla

marcia, dopo aver camminato per sei

giorni nelle varie regioni d’Italia, si sono ritrovati

tutti alla Porziuncola il 2 agosto, per

celebrare insieme la festa del “perdon d’Assisi”.

Oltre ai giovani italiani, hanno preso

parte a questa iniziativa un gruppo di giovani

di lingua tedesca, uno di lingua croata.

All’arrivo sulla piazza antistante la Basilica,

i gruppi venivano accolti dai marciatori

dell’Umbria, con canti di lode e con brevi

esortazioni che riprendevano i temi delle

precedenti 24 edizioni della marcia. Il Ministro

generale, Fr. José R. Carballo, ha poi

incoraggiato tutti i giovani convenuti a imparare

a scoprire quel dono che è presente

nella nostra vita, dono che è Gesù stesso, vivo

e coinvolgente (cfr. “Nella tua storia il

dono”, Discorso del Ministro generale ai

partecipanti alla XXV marcia francescana a

piedi verso Assisi). Compiuti gli adempimenti

per l’indulgenza plenaria i giovani

sono entrati nella Basilica di S. Maria degli

Angeli e, in clima di preghiera, hanno attraversato

la Porziuncola.

La sera del 3 agosto è stato il momento

dell’incontro con una testimonianza: all’interno

della veglia di preghiera i giovani

hanno potuto ascoltare la testimonianza di

Mons. Rodolfo Cetoloni, che 25 anni fa, nel

1980, giovane animatore vocazionale della

Toscana aveva dato avvio alla Marcia francescana

assieme ad un gruppo di giovani

della sua Regione.

Il 4 agosto, alla Messa conclusiva in S.

Maria degli Angeli erano presenti circa

3.000 giovani, molti dei quali ex-marciatori

delle precedenti edizioni. Nella celebrazione

Eucaristica, il Vicario generale dell’Ordine,

Fr. Francesco Bravi, ha aiutato i

giovani a scoprire quali sono gli elementi

essenziali da portare con sé nel proprio zaino

per vivere la vita intera alla luce della

spiritualità del marciatore-pellegrino.

Al termine dell’Eucaristia del 4 agosto,

i giovani sono stati invitati a favorire nelle

proprie regioni di provenienza la peregrinatio

del Crocifisso di san Damiano ormai

imminente, diventando essi stessi testimoni

ed evangelizzatori presso i propri coetanei.

FR. FRANCESCO PATTON


AD CHRONICAM ORDINIS

269

1.12. Visita alla Fraternità di Medjugorje

Medjugorje, Bosnia-Erzegovina, 03-06.08.2005

Il Ministro generale, Fr. José R. Carballo,

accompagnato da fr. Ivan Matic, Assistente

generale dell’OFS, il 3 agosto, a tarda

sera, è giunto alla nostra Casa di Medjugorje.

Era stato accolto all’aeroporto di

Split da Fr. Sime Samac, Definitore generale,

da Fr. Zeljko Tolic, Ministro della Provincia

del Ss.mo Redentore, e da Fr. Dragan

Ruzic, membro della Curia generale.

Il giorno seguente il Ministro, dopo una

breve visita alla chiesa parrocchiale di

Medjugorje e dintorni, insieme con Fr. Ivan e

Fr. Dragan, si è recato a Mostar per incontrare

il Ministro provinciale della Prov. dell’Assunzione

e la Fraternità della Curia provinciale.

Durante il colloquio fraterno Fr. José ha

invitato il Ministro provinciale ed i Frati presenti

ad aprirsi alle possibilità pastorali che

offre Medjugorje e a non lasciarsi imprigionare

dal passato, pur glorioso. Subito dopo

tutti insieme si sono recati a vedere la nuova

Chiesa conventuale e la Biblioteca del Convento

che è, tra l’altro, la più grande in Erzegovina.

Non poteva mancare una visita lampo

al famoso ponte di Mostar e alla parte della

città con tocchi orientali.

Nel primo pomeriggio Fr. José ha visitato

a Medjugorje il “Villaggio della Madre”,

fondato dal defunto Fr. Slavko Barbaric per

gli orfani di guerra e i bambini dalle famiglie

disagiate. Il “Villaggio”, gestito dai Frati, attualmente

comprende anche strutture per extossicodipendenti

e per ragazze-madri, un

asilo e un laboratorio terapeutico. Successivamente

Fr. José è salito sul Podbrdo (monte

delle apparizioni) ed ha partecipato alla

preghiera pomeridiana nella chiesa parrocchiale

(recita del Rosario e celebrazione eucaristica).

Dopo la cena il Ministro ha assistito

allo spettacolo preparato dai membri

della Comunità di recupero “Cenacolo”.

Il mattino del 5 agosto il Ministro generale

ha tenuto 4 catechesi a circa 25.000 giovani

giunti a Medjugorje in occasione del sedicesimo

Festival dei giovani. Tradotte simultaneamente

in 18 lingue, le catechesi, chiare e

piene di riferimenti alla spiritualità francescana,

sono state molto apprezzate dai giova-

ni. Verso mezzogiorno è seguito l’incontro

con i Novizi della Provincia di Erzegovina e

con il loro Maestro, Fr. Jozo Vasilj. Alla sera

Fr. José ha presieduto l’Eucaristia. Con lui

hanno concelebrato oltre 340 sacerdoti tra cui

il Definitore generale Fr. Sime, i Ministri provinciali

di Split e di Mostar, il Vicario provinciale

della Provincia di Erzegovina e il parroco

di Medjugorje.

Il 6 agosto il Ministro generale, Fr. José,

dopo un incontro fraterno e prolungato con la

Fraternità che vive a Medjugorje, si è diretto

verso l’aeroporto di Dubrovnik, dove ha fatto

una breve sosta per visitare la Fraternità locale

e per contemplare le bellezze di quella

città, definita “la perla del Mediterraneo”.

FR. DRAGAN RUZIC

1.13. The Minister General at the 20th

World Youth Day in Cologne

It is hardly possible to say how many of

our friars altogether were present at the 20th

World Youth Day in Cologne. Most friars

came with groups and stayed with them all

along, finding it difficult to detach from

these and to go meet with other friars. The

hosting Transalpine Conference felt the

need to offer a Franciscan site that would be

a point of reference, and to do so as “Franciscan

Family”, with all branches represented.

A “Franciscan Event” was organized

by the staff of the Missionszentrale in

the former Franciscan church in the Ulrichgasse,

which normally serves as a centre for

pastoral work with homeless people. About

50 sisters and brothers of the Franciscan

Family here offered a friendly word of contact,

information on the Franciscan life and

mission, space for creativity and dialogue,

opportunity for receiving the sacrament of

confession and a silent prayer room.

The Minister General was present on

17th and 18th August. He was greeted at the

Centre on Wednesday, the 17th August, by

Br. Stephan Ottenbreit, the director of the

Missionszentrale. He celebrated the Eucharist

with several Franciscan youth

groups at 12 o’clock noon. In his homily he


270 AN. CXXIV – MAII-AUGUSTI 2005 – FASC. II

underlined the importance of witnessing to

the fact that we form a Franciscan Family.

He participated in a round-table discussion

on world-wide solidarity at 3 o’clock and

then gave interviews to local press. At 7 o’-

clock the Minister General viewed the first

presentation of a music-and-dance performance

entitled Clara-Francesco, written

especially for this occasion. This performance

is an artistic reflection on key experiences

of St. Francis and St. Clare, narrated

in the language of modern music and

ballet. An ecumenical and inter-religious

peace-prayer closed the day. On the 18th

August, the Minister General walked downtown

to the Dome of Cologne, where he

closed his visit with a Eucharistic celebration.

Br. Jakab Várnai, Definitor General,

stayed throughout the whole programme.

The Franciscan Family wrote a letter of

solidarity and compassion to the Community

of Taizé monks following the murder of

Frère Roger on the 16th August. It was

signed by the Minister General and hundreds

of visitors to the Franciscan Centre

and was delivered to the monks assembled

in the Church of St. Agnes, Cologne.

Friday, the 19th August, brought a surprise

to the Centre and to the Brazilian

youth groups assembled there. Pelé, the

Brazilian soccer legend, visited us, talked

about the help he had received from Franciscans

as a child and encouraged young

people to follow great ideals.

The “Franciscan Event” was visited by

about two thousand people every day. It

would certainly be worth the effort to try to

offer such a presence during other similar

youth meetings.

BR. JAKAB VÁRNAI

1.14. Visita alla Provincia del Verbo Incarnato

Lomé, Togo, 26.08-01.09.2005

In occasione della celebrazione del Capitolo

spirituale della Provincia del Verbo

Incarnato dell’Africa dell’Ovest, il Ministro

generale, Fr. José Rodríguez Carballo, ac-

compagnato dal Definitore generale per

l’Africa e Medio Oriente, Fr. Amaral Bernardo

Amaral, si è recato ad Abijan e Lomé

(dal 26 Agosto al 1 Settembre), per una visita

fraterna ai Frati. È stata anche una buona

opportunità per incontrarsi con la Famiglia

francescana, particolarmente con le

Clarisse del Monastero di Abidjan e di quello

di Lomé, e con i fratelli e sorelle dell’Ordine

Francescano Secolare.

Brevi note sulla realtà della Regione

La Provincia francescana del Verbo Incarnato

è presente in 4 paesi dell’Africa dell’Ovest:

Costa d’Avorio, Togo, Benin e

Burkina Faso. Una regione caratterizzata

dalla povertà, dall’instabilità politica e militare,

responsabile di gravi disagi a livello

sociale, morale e spirituale. È anche una zona

esposta al traffico di droga, alla prostituzione

e alla malavita. La Chiesa Cattolica,

minoritaria ma viva, ha grande influenza ed

è in continua crescita. I cattolici convivono

con varie sette cristiane, con i mussulmani

normalmente tolleranti e con i seguaci della

religione tradizionale africana.

Sosta ad Abidjan

Il programma del viaggio del Ministro

prevedeva la partenza da Roma per Lomé

con scalo a Parigi e Abidjan. La sosta nella

capitale della Costa d’Avorio non era prevista,

ma si è resa necessaria perché quel giorno

non c’era il volo dell’Air France da

Abidjan per Lomé.

Sembra però che i Frati di Abidjan lo sapessero,

dal momento che hanno aspettato

il Ministro e il Definitore all’Aeroporto con

nuovi biglietti, rilasciati da una compagnia

regionale, ed hanno “sequestrato” fraternamente

Fr. José e Fr. Amaral per tre giorni

nella loro Casa di Koumassi, una Parrocchia

situata in un quartiere popoloso della

città. In questi tre giorni il Ministro generale

si è incontrato con i frati della Regione

occidentale della Provincia, con i fratelli e

sorelle dell’ Ordine francescano Secolare e

con le Clarisse del Monastero di Abidjan.

Ha fatto visita anche al Centro di Formazione

Missionaria di Abidjan ancora in

costruzione, di cui i Frati Minori, insieme ai


AD CHRONICAM ORDINIS

271

Missionari dell’Africa (Padri Bianchi) e alla

Società delle Missioni Africane sono

membri fondatori. Il Centro è aperto ovviamente

anche ad altri Istituti e Congregazioni

religiose presenti nell’Africa dell’Ovest

ed ha come scopo quello di garantire una

solida formazione teologica e religiosa ai

membri degli Istituti Religiosi. Il Centro,

che ha già operato nell’Anno Accademico

2004-2005, si sta arricchendo di nuovi Professori

e di nuovo Personale e sta ampliando

la struttura con nuove aule e la costruzione

della Biblioteca.

Visita ai Frati di Lomé

Domenica pomeriggio, 28 agosto, il Ministro

e il Definitore generale sono poi arrivati

all’Aeroporto di Lomé, accolti con

grande gioia dal Ministro provinciale e da

altri frati, e sono stati ospitati nella Casa di

Hanoukopé. A Lomé il Ministro ha visitato

le tre Case: la Curia Provinciale, Hanoukopé

e Adidogomé, Casa di Formazione.

In quest’ultima Fr. José ha avuto un incontro

particolarmente interessante con

Formatori e con i Formandi.

L’Arcivescovo di Lomé ha ricevuto cordialmente

il Ministro generale nel suo episcopio

e gli ha espresso la sua gratitudine

per il servizio e la testimonianza che offrono

i Frati, particolarmente nelle Parrocchie.

Sessione d’apertura del Capitolo della

Provincia

Alle ore 20,30 del giorno 29 Agosto 2005,

in un’aula del Monastero delle Clarisse di

Lomé, alla presenza del Ministro generale,

del Definitore generale per l’Africa, del Segretario

generale per l’Evangelizzazione e

del Moderatore per le Missioni “ad gentes” e

di circa 70 frati della Provincia del Verbo Incarnato,

si è tenuta la sessione d’apertura del

Capitolo spirituale della Provincia. Il Capitolo,

centrato sull’evangelizzazione, era molto

bene organizzato e si è svolto in un clima di

gioia, di condivisione e di ricerca, anche attraverso

lo scambio delle esperienze delle varie

Fraternità e Regioni, per riuscire insieme a

dare risposte alle sfide che la società e la

Chiesa pongono ai Frati nei diversi Paesi che

formano la Provincia.

Nel suo intervento, tenuto il 31 Agosto,

il Ministro generale, tenendo conto di ciò

che era emerso nelle discussioni, ha sottolineato

le principali sfide a cui deve rispondere

la Provincia:

– a livello della vita fraterna: costruire vere

Fraternità capaci di vivere le priorità dell’Ordine

e di vivere un vero progetto francescano

di vita e missione; costruire una

Fraternità provinciale che sia internazionale

e interculturale non soltanto nelle

idee ma soprattutto nella realtà; costruire

Fraternità in comunione con la Chiesa locale,

con l’Ordine e con la Famiglia francescana,

rimanendo però fedeli al nostro

carisma; costruire Fraternità contemplative

in azione; costruire Fraternità in formazione

permanente, senza la quale non si

può formare e accompagnare adeguatamente

le nuove vocazioni;

– a livello dell’evangelizzazione e della

missione: costruire Fraternità-in-missione,

aperte a nuove forme e ministeri e alla

missione “ad gentes” (per esempio in

Ghana); costruire Fraternità-in-missione

inculturate e capaci di evangelizzare la

cultura (i frati dell’Europa hanno dato il

meglio di quanto potevano dare, ora

spetta ai frati africani incarnare gli autentici

valori francescani nelle culture

africane); costruire Fraternità-in-missione

capaci di collaborare con le altre religioni

e culture; costruire Fraternità-inmissione

riconciliate e riconciliatrici;

– a livello delle strutture: attivare alcune

strutture indispensabili alla crescita della

nuova Entità, soprattutto per la formazione,

per la cura e l’assistenza dei malati

e degli anziani, per il raggiungimento

dell’auto-sufficienza economica della

Provincia.

Questa presentazione del Ministro è stata

accolta molto bene e ha suscitato un vivo

e partecipato dibattito. Ciò ha aiutato a

creare un clima di apertura fraterna, di fiducia

e di serenità.

Nell’ultimo giorno, il 1° settembre, il Ministro

generale ha dedicato tutta la mattinata

all’incontro con le Clarisse del Monastero di

Lomé. Nel pomeriggio, prima della partenza,

il Ministro e il Definitore generale hanno po-


272 AN. CXXIV – MAII-AUGUSTI 2005 – FASC. II

tuto visitare a Lomé le opere sociali assistite

dai frati e dalle Suore francescane.

FR. AMARAL BERNARDO AMARAL

2. Riunioni dei Definitori OFM d’Italia

1. Assemblea dei Definitori dell’Italia meridionale

Tropea, 30 maggio-1 giugno 2005

I Definitori delle sette Province OFM

dell’Italia meridionale si sono incontrati a

Tropea, presso il Convento francescano “La

Sanità”, dal 30 maggio al 1 giugno 2005 per

approfondire il francescanesimo nel sud

Italia, individuare percorsi e prospettive di

collaborazione ed interprovincialità, al fine

di riqualificare la presenza francescana.

All’incontro hanno partecipato i Ministri

delle Province OFM di Sicilia, Calabria,

Lecce, Puglia-Molise, Salerno-Lucania, Benevento

e Napoli insieme ai rispettivi Vicari

e Definitori provinciali per un totale di 39

partecipanti. È stato presente a tutti i lavori

assembleari il Definitore generale, Fr. Mario

Favretto. Le assemblee sono state presiedute

dal Ministro di Napoli, Fr. Luigi Ortaglio,

Presidente della COMPI; coordinatore dei lavori

Fr. Manlio Di Franco, Ministro di Salerno;

responsabile logistico Fr. Antonio Martella,

Ministro di Calabria.

Il programma dell’assemblea ha proposto

una relazione iniziale del Prof. Piero

Fantozzi, docente di sociologia all’Università

di Cosenza, sul tema: Francescanesimo

nel Mezzogiorno, itinerari e prospettive. Il

prof. Fantozzi ha proposto una lettura sociologica

del mezzogiorno d’Italia. Noi,

Chiesa, dovremmo compiere una selezione

della modernità, specialmente nel cammino

formativo, coniugando studio ed esperienza,

ricucendo tessuti frammentati, costruendo

reti di opportunità.

Sono state presentate Le iniziative interprovinciali

delle Province del sud Italia.

Per la Campania, Fr. Franco Pepe, Ministro

di Benevento, ha riferito circa le attività

interprovinciali ormai avviate nella regione

campana:

– il Noviziato interprovinciale di Piedimonte

Matese (1990);

– lo Studio Francescano Inferfamiliare di

Nola (1997):

– l’incontro di Formazione permanente

(1990);

– gli Esercizi spirituali aperti ai frati di

ogni Provincia.

Per la Puglia, Fr. Donato Sardella, Ministro

di Puglia-Molise ha segnalato:

– lo Studio Teologico Interreligioso Pugliese

(1974);

– Noviziato di Fontecolombo;

– formazione permanente (Esercizi spirituali,

formazione dei guardiani);

– formazione in collaborazione con la federazione

delle Clarisse di Puglia.

Per la Sicilia, Fr. Carmelo Finocchiaro,

Ministro di Sicilia, ha riportato:

– Noviziato interprovinciale di Fontecolombo

per le Province di Sicilia, Puglia-

Molise, Abruzzo e Lazio (2000);

– incontri del Postulato delle quattro Province

(postulanti e formatori);

– incontri delle case di postnoviziato di

Messina e Reggio Calabria.

Martedì, 31 maggio, Fr. Mario Favretto

ha presentato all’assemblea le iniziative interprovinciali

già in atto nelle sei Province

del Nord e nelle sei Province del Centro.

Una seconda comunicazione riguardava

il progetto dell’Ordine “La grazia delle origini”,

un itinerario che ci porterà a vivere

nel 2009 l’VIII centenario della fondazione

dell’Ordine dei Frati Minori.

Si è proceduto all’elezione del Ministro

Coordinatore Fr. Manlio Di Franco, attuale

Ministro della Provincia Salernitano-Lucana,

con la possibilità di convocare gli altri

sei Ministri anche al di fuori della COMPI.

Si è accolto l’invito a Palermo per gli under

ten (Esercizi spirituali con Fr. G. Bini,

aprile 2006).

Si è d’accordo per le Assemblee dei

guardiani sempre per aree geografiche (Puglia,

Campania, Sicilia-Calabria).

Ci si orienta per un Capitolo delle Stuoie

in ogni Provincia nel 2006 con tematiche

comuni.

FR. MICHELE CARRIERO OFM


AD CHRONICAM ORDINIS

273

2. Assemblea dei Definitori dell’Italia del

Nord

Castelletto di Brenzone, 1- 4 giugno 2005

L’Assemblea dei Definitori delle Province

del nord Italia si è svolta a Castelletto di

Brenzone nei giorni 1- 4 giugno 2005.

Fr. Giovanni Patton, Segretario per la

Formazione e Studi della Provincia Tridentina,

ha illustrato l’iter che ha portato alla

stesura della bozza della Ratio Formationis

interprovinciale, la struttura del documento

e alcune riflessioni generali. Fr. Francesco

Patton, Vicario delle Provincia Tridentina

e Maestro dei postulanti, ha presentato

una relazione sull’esperienza di Postulato

in collaborazione tra le Province di Milano,

Trento e Venezia, che è partita quest’anno

e si è realizzata nel convento di

Arco (TN).

Dopo la presentazione del Postulato di

Arco, è seguito l’intervento di Fr. Massimo

Fusarelli, Segretario generale per la Formazione

e Studi, che ha presentato le linee portanti

e i criteri perché la Ratio Formationis

diventi davvero uno strumento pedagogico,

efficace, capace di assicurare la comunicazione

dei valori costitutivi della nostra vocazione.

Infine si è congratulato per il coraggio

di pensare e di realizzare una RF interprovinciale;

è il primo caso nell’Ordine,

mentre altrove ci si comincia a pensare. Da

questo lavoro, svolto in stile di comunione e

di ricerca, dipende molto del futuro percorso

interprovinciale.

I lavori di gruppo sono stati una preziosa

opportunità per rivedere, correggere e apportare

alcune modifiche al testo della Ratio

elaborato dalla Commissione dei Segretari

Formazione e Studi del nord Italia. La

realizzazione di un testo definitivo prevede

un ulteriore itinerario, che vede impegnati

la Commissione, i Definitori e i Ministri

provinciali.

Il giorno 4 giugno Fr. Mario Favretto,

Definitore generale, ha presentato nella

sua relazione quello che sta a cuore in questo

tempo a chi è preposto alla guida e all’animazione

dell’Ordine, cioè l’evangelizzazione,

la Formazione Permanente,

l’interprovincialità e il Centenario dell’ap-

provazione della Regola dei Frati Minori.

Queste priorità possono diventare strumenti

efficaci per una riappropriazione

dello spirito originario di san Francesco e

una risposta alle sfide dell’uomo di oggi.

Ha inoltre richiamato il ruolo del Definitorio,

auspicando che sia sempre più un organo

collegiale a servizio dell’animazione

della Provincia.

FR GIAMPIETRO GOBBO OFM

3. Assemblea dei Definitori dell’Italia centrale

Verna, 6-8 giugno 2005

Nei giorni 6-8 giugno 2005, presso il

Santuario della Verna, si è tenuto il terzo incontro

dei Definitori dell’Italia centrale,

con la partecipazione di Fr. Mario Favretto,

Definitore generale per la lingua italiana.

L’iniziativa nasce in risposta all’invito,

da parte dell’Ordine, a cercare cammini di

collaborazione interprovinciale, attraverso

iniziative concrete nei vari settori della vita

delle Province. L’incontro è stato organizzato

e moderato dall’incaricato di turno Fr.

Maurizio Faggioni, Ministro provinciale

dei Frati Minori di Toscana.

Il programma prevedeva un momento di

formazione per i Definitori partecipanti e

un secondo momento di verifica e di programmazione

delle attività interprovinciali.

Il pomeriggio del 6 giugno è stato dedicato

alle relazioni di Fr. Johannes Freyer,

Rettore della Pontificia Università Antonianum,

sulla formazione permanente dell’Ordine

e sul Progetto Accademico orientato a

creare una maggiore collaborazione tra le

Province e l’Ateneo Antonianum.

Nella seconda giornata si è dato tempo per

una presentazione dei partecipanti e delle

esperienze ed iniziative particolari delle singole

Province, nonché di alcune difficoltà (in

particolare il problema numerico della Provincia

di Santa Maria delle Grazie di Sardegna).

Ha fatto seguito l’intervento di Fr. Mario

Favretto, Definitore generale, che ha portato

ai partecipanti oltre al saluto del Ministro

generale, anche l’invito a proseguire nel


274 AN. CXXIV – MAII-AUGUSTI 2005 – FASC. II

cammino dell’interprovincialità, realtà che

rappresenta una sfida per l’Ordine. Fr. Mario

ha illustrato come il cammino interprovinciale

si stia progressivamente radicando

nei programmi delle Province italiane. Ha

sottolineato come sia indispensabile creare

percorsi formativi, concreti e condivisi,

espressione di collaborazione interprovinciale.

In un secondo momento Fr. Mario ha

esposto cosa sta a cuore al governo dell’Ordine

a partire dal Capitolo Generale 2004:

l’evangelizzazione missionaria con vari

nuovi progetti, il sostegno alla Custodia di

Terra Santa. Poi la Formazione Permanente,

l’interprovincialità e la preparazione all’ottavo

centenario della fondazione dell’Ordine.

Nello stesso giorno si è proceduto a una

verifica dei progetti di carattere interprovinciale

realizzati nell’anno 2004-2005 e proposti

dall’assemblea precedente. Fr. Valentino

Ghiglia ha presentato l’esito delle iniziative

organizzate (gli Esercizi spirituali, l’incontro

dei responsabili dei Santuari Francescani dell’Italia

Centrale, l’assemblea dei Guardiani)

sottolineandone la positività e l’entusiastica

accoglienza da parte dei partecipanti, ma anche

alcuni limiti organizzativi, quali la mancanza

di un incarico ad una o più persone precise

e una conseguente difficoltà nella comunicazione

dei programmi.

Sono emerse alcune proposte:

• tentare di armonizzare maggiormente

l’aspetto formativo con l’aspetto operativo:

i tempi sono maturi per una interprovincialità

più coinvolgente i vari settori

della nostra vita (in modo particolare

il settore dell’evangelizzazione e della

pastorale vocazionale);

• dare all’incontro dei definitori una funzione

non solo formativa ma anche progettuale;

• non abbandonare il positivo già sperimentato

e portare avanti, per quanto è

possibile, le iniziative di formazione permanente

già collaudate (esercizi spirituali,

incontri dei responsabili dei santuari,

assemblea dei guardiani, incontro

dei definitori…);

• programmare incontri più specifici per

offrire orientamenti di sostegno e colla-

borazione alle Province in difficoltà;

• organizzare un incontro formativo per la

fascia degli “under 10”.

Il giorno seguente, 8 giugno, i Definitori

si sono riuniti per Provincia per trattare le

questioni inerenti alla vita interna di ciascuna

Provincia.

Un particolare ringraziamento a Fr. Mario

Favretto per la fraterna presenza e per

l’autorevole sostegno al cammino dell’interprovincialità;

a Fr. Johannes Freyers per

i contenuti offerti nella sua relazione; alla

Fraternità del Santuario della Verna per la

calorosa e premurosa accoglienza e per il

prezioso servizio di segreteria.

3. Notitiae particulares

– FR. CARLOS ENRIQUE HERRERA GUTIÉR-

REZ, della Prov. N. S. di Gaudalupe

(America Centrale-Panama), è stato nominato

da Benedetto XVI Vescovo di Jinotega

(Nicaragua), finora Parroco di

San Rafael del Norte, nella stessa Diocesi

di Jinotega.

(L’Osservatore Romano, 11 maggio 2005)

Curriculum vitae

Fr. Carlos Enrique è nato a Managua in

Nicaragua il 21 dicembre 1948. Ha compiuto

gli studi elementari a Trinidad e quelli

secondari a Matagalpa. Il 16 gennaio

1973 è stato accolto nell’Ordine Francescano

dei Frati Minori e il 15 gennaio 1974 ha

emesso la professione temporanea.

Ha compiuto gli studi filosofici presso

l’Università Cattolica Salesiana in Guatemala

e quelli teologici nel Centro Teologico

Salesiano in Guatemala. Ha poi seguito

corsi di specializzazione in pastorale familiare

e teologia pastorale presso l’Istituto di

Teologia Pastorale dell’America Latina del

CELAM a Bogotà (Colombia).

Il 7 gennaio 1980 ha emesso la Professione

Solenne ed è stato ordinato sacerdote

a Matagalpa il 10 gennaio 1982.

È stato Parroco nell’Arcidiocesi di Managua,

Direttore dei Collegi cattolici di Juigalpa

e Matagalpa, Vicario Generale della

diocesi di Matagalpa, Parroco a Ciudad Da-


AD CHRONICAM ORDINIS

275

rio e Leon a Matagalpa e Parroco a San Rafael

del Norte nella diocesi di Jinotega.

– FR. SEVERINO CLASEN, OFM, è stato nominato

da Benedetto XVI Vescovo di

Araçuaí (Brasile), finora Parroco e Rettore

della Parrocchia-Santuario di «São

Francisco de Assis» nell’Arcidiocesi di

São Paulo.

(L’Osservatore Romano, 12 maggio 2005)

Curriculum vitae

Fr. Severino Clasen, OFM, è nato il 10

giugno 1954 a Petrolandia (Stato di Santa

Catarina), nella diocesi di Rio do Sul.

Nel 1968 è entrato nel Seminario minore

“S. Francesco di Assisi”, a Ituporanga e,

dal 1971 al 1975 è stato nel seminario “S.

Antonio”, a Agudos. Nel 1976 a Rodeio ha

indossato il saio francescano iniziando il

noviziato tra i Frati Minori della Prov. dell’Immacolata

Concezione della BVM. Ha

emesso la Professione temporanea il 20

gennaio 1977 e quella Solenne il 18 aprile

1981.

Ha studiato filosofia a Curitiba e teologia

presso l’Istituto Francescano di Teologia

a Petrópolis.

Il 10 luglio 1982 è stato ordinato sacerdote

e ha esercitato vari incarichi pastorali:

Vicario parrocchiale, Parroco, Guardiano,

Responsabile della Cura pastorale delle Vocazioni,

Assistente dell’Ordine Francescano

Secolare, Coordinatore del “Setor Catedral”

della pastorale a San Paolo (1989-

2000).


BIBLIOGRAFIA

1. Libri

- AAVV, Las Reformas Hospitalarias del

Renacimiento en la Corona de Castilla.

Del Gran Hospital de Santiago a los

Hospitales Generales, in “Liceo Franciscano”,

Revista de Estudio e Investigación,

172-174 (2005) pp. 815.

- AMARAL BERNARDO AMARAL (a cura di),

Líbhuku nya Dzíndzímo [Il Libro dei

Salmi], Traduzione ecumenica in lingua

Gitonga (Mozambico del Sud), Edizioni

Biblioteca Francescana, Milano 2005,

pp. 265.

- BINI GIACOMO, Escuchad, hermanas. Un

itinerario para refundar la vida consagrada,

Colección Hermano Francisco,

48, Editorial Franciscana Arantzazu,

Oñati-Guipúzcoa 2005, pp. 310.

- BONI ANDREA, S. Francesco Fondatore e

Guida del suo Ordine, Collectio Assisiensis

33, Edizioni Porziuncola, S. Maria

degli Angeli-Assisi 2005, pp. 117.

- BRATTI CLAUDIO, Beata Eurosia Fabris

Barban. “Mamma Rosa” Madre di famiglia

terziaria francescana (1866-

1932), Editrice Velar, Gorle 2005, pp.

47.

- BRKAN JURE, Zupa u Zakonodavstvu katolicke

crkve [La Parrocchia nel Diritto Canonico],

Dalmacija papir, Split 2005, pp.

290.

- CECCHIN STEFANO (a cura di), La “Scuola

Francescana” e l’Immacolata Concezione,

Atti del Congresso Mariologico

Francescano, S. Maria degli Angeli-Assisi,

4-8 dicembre 2003, Pontificia Academia

Mariana Internationalis, Città del

Vaticano 2005, pp. 882.

- CONFERENZA MINISTRI PROVINCIALI D’I-

TALIA E DI ALBANIA (a cura di), Nonviolenza

francescana. Storie, riflessioni,

principi, esperienze pratiche e fonti, Collana

COMPI n. 26, Assisi 2005, pp. 125.

- CONFERENZA MINISTRI PROVINCIALI D’I-

TALIA E DI ALBANIA (a cura di), Come un

chicco di grano. Insieme per annunciare

il Vangelo. La fondazione Francescana

“Notre Dame d’Afrique”, Collana COM-

PI n. 27, Assisi 2005, pp. 233.

- DE LAZZARI FRANCESCO, Ave suo tabernacolo.

Maria e l’Eucaristia, Edizioni

Porziuncola, S. Maria degli Angeli 2005,

pp. 141.

- DE LAZZARI FRANCESCO, Chiara donna

eucaristica, Edizioni Porziuncola, S.

Maria degli Angeli 2005, pp. 109.

- DONNINI AMBROGIO, Il Gabinetto di Fisica

del convento di Monteripido. Memoria

di una realtà, Edizioni Porziuncola, S.

Maria degli Angeli-Assisi 2005, pp. 77.

- KOROSAK BRUNO, The Holy Spirit and the

Sacraments. Theological essay, Branko

Editor, Nova Gorica 2005, pp. 69.

- LONGO FABIO, I Frati Minori veneti in

Guinea-Bissau, 50 anni di storia da ricordare

1955-2005, Centro Missionario

Francescano, Monselice 2005, pp. 204.

- PROVINCIA VENETA S. ANTONIO DI PADO-

VA (a cura di), In memoria di fr. Antonio

Franjic, Acta Provinciae Venetae, Settembre

2005, Numero speciale.

- SELLA PACIFICO, Voci dell’esistenza (le

mie prime centodue poesie), Collana I

Gigli (poesia), Montedit, Melegnano

(MI) 2005, pp. 138.


NECROLOGIA

1. Fr. Salvatore Benassi

Castellarano, 25.09.1918

Bologna, 31.05.2005

Fr. Salvatore Benassi era nato a Castellarano

il 25 settembre 1918; a undici anni entra

nel seminario dell’Osservanza di Bologna.

Seguiranno gli anni di formazione alla

vita francescana: il noviziato a Villa Verucchio,

il Liceo a Modena, quindi a Borgonovo

e Piacenza per lo studio della Teologia,

dove emette la professione perpetua l’8 dicembre

1940 presso la basilica di S. Maria

di Campagna; il 30 maggio del 1942 sarà

ordinato sacerdote da Mons. Menzani.

Sacerdote novello, durante il periodo

bellico, frequenta l’Università degli studi di

Bologna sino al 1947; interrotta la frequenza

per ragioni pastorali è trasferito presso il

Liceo di S. Maria di Campagna in Piacenza

per l’insegnamento, gli studi universitari li

riprenderà a Pavia dove conseguirà la Laurea

in Scienze Naturali nel 1954. Dal 1953,

per 16 anni, risiede a Modena (S. Cataldo),

qui ricopre l’incarico di Guardiano per 3 anni

e dedica le sue energie all’insegnamento

presso il nostro Studio Teologico e le scuole

pubbliche. Il 3 marzo 1969, a seguito della

rinuncia a Ministro di Fr. Saverio Colombarini,

il Definitorio lo elegge Ministro provinciale

e un anno dopo è riconfermato

nell’incarico dal Capitolo provinciale. Fr.

Salvatore si ritroverà a svolgere il suo servizio

di Ministro in anni particolarmente

complessi e difficili; nel 1973 è eletto Presidente

della Conferenza dei Ministri Provinciali

OFM d’Italia. Dal 1976 Fr. Salvatore

torna a Modena (S. Cataldo) come

Guardiano, si dedica all’insegnamento, è

Definitore per 9 anni, Vicario provinciale e

Visitatore generale in diverse Province italiane.

Nel 1985 è trasferito al Convento dell’Annunziata

di Bologna alla direzione della

Pia Opera Fratini e Missioni e Guardiano

della Fraternità; per 18 anni lavora all’animazione

missionaria della Provincia raccogliendo

fondi per le iniziative dei nostri

missionari e per la formazione iniziale.

Fr. Salvatore trascorre l’ultimo anno della

sua vita, ormai stanco e debilitato nelle

forze, presso l’Infermeria provinciale. Ringraziamo

il Signore per il dono di questo

fratello: attento alla sofferenza, capace di

comprensione, di accoglienza cordiale e

dallo sguardo dolce.

2. Fr. Maurice West

Melbourne, Australia, 07.02.1928

Melbourne, Australia, 05.06.2005

FR. MARCO ZANOTTI

Maurice Christopher West was born on 7

February 1928 in Melbourne, Australia, to

James and Ellen West. He was the third of

seven children. He was educated in the local

parish school and by the De La Salle

Brothers at Malvern. After spending a year

at the Franciscan juniorate, Maurice joined

the novitiate on 17 February 1948. He was

one of thirty novices, the largest novitiate

group in the history of the Province. He was

ordained on 24 July 1955 and appointed

soon afterwards to Sydney where he was

parish assistant at St Joseph’s, Edgecliff and

assistant editor of two Franciscan magazines:

The Crusader and Sursum Corda.

Two years followed as the parish assistant

at St Francis parish, Trevallyn, Tasmania.

Maurice’s ministry within the Province

and the Order is distinctly characterised by

leadership and service of the brotherhood.

In all of his appointments from 1960 onwards,

Maurice was asked to take on positions

of responsibility. On five occasions,

he was elected Guardian; on two occasions,

he was elected Definitor. He was either

novice director or student director for a total

of fourteen years. He was Provincial


280 AN. CXXIV – MAII-AUGUSTI 2005 – FASC. II

Vicar for three years (1983-1985), Provincial

Minister for six years (1985-1991) and

General Definitor for six years (1991-

1997).

All who have known Maurice will remember

him for a variety of reasons. As a

pastor during the immediate post-Vatican II

period, he adapted to the changes in the

church and fostered lay involvement in the

parish. He was also noted for his pastoral

kindness and compassion, especially towards

the aged and people troubled by the

changes happening within the church at that

time. Those young friars who experienced

Maurice as their Guardian or formator during

the turbulent years after Vatican II and

throughout the 1970s will remember his

care, understanding, humanness and flexible

approach to life. They will remember

his classes on Franciscan spirituality, his

willingness to discern new expressions of

the Franciscan way of life and his emphasis

on building solid fraternity.

Maurice was an avid reader of Franciscan

literature and was willing to share his

learning with religious and laity by giving

retreats and days of recollection. As a spiritual

director, he was attentive and encouraging,

gentle and affirmative. The Poor

Clares had a special place in Maurice’s

heart; he was no stranger to their monasteries

for he believed strongly in the complementarity

of Francis and Clare as the expression

of the Franciscan charism.

During the 1980s, Maurice was appreciated

by friars of the Holy Spirit Province for his

gentle and wise leadership as Vicar Provincial

and Provincial Minister. He was a quiet,

gracious and peaceful man in appearance, in

words and in his temperament. In written correspondence,

he would always begin with the

greeting of Francis: ‘May the Lord give you

peace’. He was a welcomed visitor to the

communities of the Province. He fostered

equality among the friars: the learned and not

so learned, priests and brothers, old and

young, frail and active were all simply brothers.

Friars and others found it easy to approach

Maurice and many did so, seeking his

advice, guidance and words of encouragement.

He was always ready to listen and to

help. He was a prayerful man whose gentleness

reflected the Gospel values of humility

and simplicity.

Friars in the Asia and Oceania regions

will remember his visits during the 1990s as

General Definitor and how he showed genuine

interest in the expansion of the Order

in these areas. He always encouraged and

supported projects and initiatives undertaken

by the friars and their colleagues.

It was no surprise that, when Maurice was

diagnosed with lung cancer in 2003 and was

offered the option to take lighter duties, he

chose to remain as Guardian of the large

community where he resided with other senior

friars and complete his term which he

did at the end of 2004, just five months before

he died. He accepted his terminal illness, not

easily, but with a faith in God that gave him

hope and courage. He was willing to try experimental

forms of treatment and medication,

not to extend his own life but that others

might benefit from the medical research. He

continued to show leadership in the community

as Guardian not only by his normal duties,

but increasingly by his example of trust

in God and patient acceptance of his increasing

frailty.

He will surely be remembered by all who

have been associated with him for his friendly

disposition, deep spirituality, Franciscan

courtesy, wise counsel and good humour.

Maurice’s funeral and burial took place

on 9 June 2005 at St Paschal friary, Melbourne,

where he had been Guardian for the

three years prior to his death. The Secretary

General of the Order, Friar Sandro Overend,

represented the Minister General and

the Asia/Oceania General Definitor who

expressed a desire to attend the funeral but

were unable to travel due to other commitments.

A large crowd of family, friends, friars

and religious was present – a clear sign

of the respect and love that Maurice enjoyed

from those who had known him. May

Maurice rest in peace and may his spirit

continue to live in the hearts of the friars,

sisters and friends whom he influenced by

his words and example.

PAUL SMITH OFM


NECROLOGIA

281

3. Fr. Marco Adinolfi

Angri (SA), 10.06.1919

Cava dei Tirreni (SA), 29.08.2005

Fr. Marco è nato ad Angri il 10.06.1919

da Antonio e Anna Guerritore. Vestì l’abito

francescano, a Tramonti, il 07.10.1934, ed

emise la prima professione, il 13.10.1935; a

Nocera, professò solennemente il

07.12.1940 e fu ordinato sacerdote il

09.08.1942.

Il decreto di fusione delle Province ofm

in Campania (Pro peculiari studio,

14.07.1942), reso esecutivo, a Castellammare

di Stabia l’11 settembre, e il giorno

dopo a Nocera, istituiva la nuova Provincia

dell’Immacolata Concezione che, in pieno

conflitto mondiale, già guardava al futuro

per preparare, al Pontificio Ateneo Antoniano,

un suo solido corpo docente: Fr. Attilio

Mellone fu il primo a partire il 12.10.1942

per gli studi di dogmatica; lo seguirono Fr.

Marco Adinolfi (Sacra Scrittura) e poi Fr.

Pacifico Bimonte (Morale), Fr. Ambrogio

Apostolico e Fr. Marino Camera (Diritto),

Fr. Arcangelo Pergamo (Storia).

Fr. Marco, destinato agli studi ma impedito

a partire dalla guerra, ebbe brevi esperienze

nelle Fraternità di Sarno (settembre

1943) e di Potenza-San Michele (gennaio

1944); raggiunse Roma solo nel settembre

1944 iscrivendosi, all’Antonianum, alla facoltà

teologica-sezione Sacra Scrittura, ove

conseguì la licenza nel giugno 1945 e terminò

i corsi nel giugno 1947.

Dopo una breve parentesi in Provincia (a

Cava come lettore di S. Scrittura, settembre

1947), nel febbraio 1948, con residenza a San

Francesco a Ripa, si iscrive al Biblicum ove

consegue la licenza (ottobre 1949) e lo stato

di candidatus ad lauream (giugno 1950).

Intanto, in Provincia è lettore di S. Scrittura

dall’anno scolastico 1949/50 e lo sarà,

con qualche interruzione semestrale, fino al

1962 negli studentati di Cava, Materdomini

e Nocera; inizialmente con residenza a Cava

e, dal 1956, a Nocera.

Nel marzo 1958, all’Antonianum, difese

la tesi di laurea in teologia dogmatica, sezione

S. Scrittura: Deipara Virgo Maria in

Lyrani postillis super VT.

Il 30 luglio 1962, il Ministro generale, Fr.

Agostino Sepinski, lo destinò all’insegnamento

presso lo Studio Biblico della Flagellazione,

a Gerusalemme; il 7 ottobre 1962,

con la motonave Esperia, raggiunse Israele.

Per motivi di salute ottenne (il 29.11.1963) di

risiedere a Sant’Antonio in Roma; ritornò a

Gerusalemme il 1° ottobre 1964.

Già membro del comitato di redazione

della Rivista biblica, organo dell’Associazione

Biblica Italiana (dal 1961), fu nominato

consultore della Pontificia Commissione

per la Neo-Volgata (“Il Santo Padre

ha annoverato tra i Consultori della Pontificia

Commissione per la Neo-Volgata il Reverendissimo

P. Marco Adinolfi dei Frati

Minori. Tanto si partecipa al medesimo Padre

Adinolfi, per sua opportuna conoscenza

e norma. – Dal Vaticano l giugno 1967 – A.

G. Card. Cicognani”); nello stesso anno,

entra nella Commissione Nazionale del

Nuovo Catechismo Italiano.

Dal febbraio 1967 passò a Roma, all’Antonianum,

docente di S. Scrittura ed ottenne,

in successione, la qualifica di professore

straordinario (09.02.1967), di ordinario

(02.01.1969) e di emerito (27.01.1990).

Terminato l’insegnamento, per limiti di età,

il 27.06.1995, passò a servizio della Custodia

di Terra Santa, come Direttore del Centro

di Propaganda e Stampa di Terra Santa

di Milano, ove ha lavorato fino al rientro in

Provincia nel settembre 2004.

Nel congresso capitolare dell’agosto

2004 gli fu assegnata la residenza di Cava,

ove, ancora e sempre dedito alla ricerca biblica,

ha potuto gustare l’impegno pastorale,

ammirato per l’impressionante marea di

popolo che partecipava alle celebrazioni e

alle iniziative nella chiesa conventuale; un

bagno di fede semplice e popolare che, nei

lunghi anni dedicati allo studio e all’insegnamento,

non aveva mai sperimentato. Ne

parlava sempre con stupore e ammirazione.

L’ultima breve residenza a Cava lo ha visto,

con entusiasmo, disponibile alle attività

pastorali conventuali senza però rinunciare

allo studio e a raccogliere i frutti della sua

profonda conoscenza biblica, dinamicamente

impegnato ad estrarre sempre “cose

nuove e cose antiche” dall’inesauribile mi-


282 AN. CXXIV – MAII-AUGUSTI 2005 – FASC. II

niera biblica. Lo testimoniano le ultime

pubblicazioni con l’editore Portalupi di Casale

Monferrato: Maria di Nazaret e il Rosario,

Meditazioni sulla vita di Maria e sui

20 misteri del Rosario, e quelle postume già

pronte per la stampa (Lettura orante del

Vangelo secondo Giovanni e Gesù di Nazaret.

Ecco l’uomo).

Le sue circa 200 pubblicazioni (tra libri,

saggi e articoli), fino al 2000, sono state raccolte

dall’amico fraterno Mons. Enrico Galbiati

(“Bio-bibliografia di Marco Adinolfi”,

Antonianum LXXV, 2000, pp. 212-234) che

vi ha individuato i percorsi di ricerca (storia

e storiografia, temi di cristologia, Maria di

Nazareth, i dodici e san Paolo, il sacerdozio

comune, il femminismo della Bibbia, Ellenismo

e Bibbia) intorno ai quali ha ruotato tutto

il suo interesse di studioso.

L’approccio allo studio della Bibbia ha

avuto, per Fr. Marco, una corsia preferenziale:

da profondo conoscitore dei classici

greci e latini, nonché della Patristica, si è

accostato ad essa da esperto umanista e,

come nota Mons. Galbiati “P. Marco, che

passeggia da gran signore negli ambienti

intellettuali del mondo antico, non tralascia

di rapportarsi ai problemi che assillano

questo scorcio del secondo millennio” (ivi,

p. 232).

Nella sua vita Fr. Marco è stato un

“professore” e un ricercatore; i suoi studi

non erano un fine ma un mezzo per l’evangelizzazione

della cultura e del suo

contesto di vita. La sua profonda conoscenza

umanistica e biblica ha sempre cercato

di comunicarla agli altri. E questo fin

dagli anni giovanili, subito dopo gli studi

a Roma.

La promozione culturale e cristiana dei

laici, e in particolare quella biblica, auspicata

dal Vaticano II, è stata un chiodo fisso

di Fr. Marco che si è sempre adoperato,

in anticipo sul Concilio, a realizzarla nelle

associazioni ecclesiali affidategli (l’Associazione

Antoniana, a Cava, e la FUCI,

a Nocera).

Nel 1950 è delegato provinciale per i

centri di cultura religiosa: organizza nove

centri di cultura religiosa per intellettuali

(Nocera Inferiore, Angri, Amalfi, Sarno,

Mercato S. Severino, Baronissi, Polla, Padula,

Teggiano) e per quattro di essi (Amalfi,

Sarno, Mercato S. Severino, Polla) ebbe

il riconoscimento del Ministero della Pubblica

Istruzione in modo che i corsisti, insegnanti

elementari, dopo gli esami finali, ottennero

0,10 punti in graduatoria nei concorsi

magistrali.

Nel 1951, a Cava, fonda la Gifra Antoniana.

Nell’ottobre 2001, per festeggiare il

50° di fondazione, si sono ritrovati tutti i

giovani protagonisti dei 50 di vita dell’associazione

intorno a Fr. Marco e al suo

successore, Fr. Giuseppe Baldini: è stato

un ritrovarsi tra quelle mura che hanno significato,

per tanti giovani cavesi, una

scuola di vita oltre che di dottrina cristiana

e sociale.

Solo per ricordare alcuni nomi, quelli

della prima ora: Giuseppe Raimondi, primo

presidente della Gifra, poi direttore generale

di banca; Felice Scermino, presidente di

corte d’appello; Alfonso Di Serio, manager

d’industria; Francesco Gravagnuolo, direttore

di banca; Gennaro Avallone, Enzo Criscuolo,

Enzo Senatore, Fortunato Petrone,

Lillino Greco e tanti altri giovani, la cui vita

è stata segnata dal carisma coinvolgente

di Fr. Marco.

Inoltre, Fr. Marco è stato animatore di

gruppi biblici in tutta Italia (in particolare:

in Liguria, a Nava dal 1982 al 2004, e in Sicilia,

presso le Missionarie del Vangelo, un

istituto secolare per la diffusione del Vangelo,

fondato dal frate minore Placido Rivilli);

di corsi biblici periodici (per le Clarisse

di Cortona e della Federazione della

Toscana e Sardegna, nelle Province ofm degli

Abruzzi e salernitano-lucana ecc.); di

numerosi esercizi spirituali itineranti sulle

strade del Vangelo e dei viaggi missionari di

san Paolo, ove ogni pietra o traccia del passato

cristiano riviveva nelle sue illuminate

parole e trovava l’appropriato riferimento

biblico.

Queste note, solo parzialmente, rendono

conto della seria e impegnata vita di Fr.

Marco, un frate minore esemplare e modello

di un percorso personalizzato di vita

consacrata, quello culturale della scienza

biblica, ma del tutto coerente, per lo stile


NECROLOGIA

283

di vita, alla scelta vocazionale francescana.

Sono però sufficienti ad immaginare il

grande vuoto che lascia nella Provincia salernitano-lucana

dei frati minori, apprezzata

anche grazie allo spessore culturale e

spirituale di Fr. Marco, per un quarantennio

immagine della stessa Provincia negli

ambienti culturali dell’Ordine e non solo

dell’Ordine.

Grazie Fr. Marco, indimenticabile maestro

di vita!

4. Anno 2003 mortui sunt

FR. GIACINTO D’ANGELO

* 12 settembre 2003: VIETH FR. BERTINO,

ALOISIO, nato a Elte-Rheine, Germania,

della Prov. S. Antonii Patavini, Brasile.

Nel 1935 giunse in Brasile, dove fece gli

studi filosofici e teologici. Dopo l’Ordinazione

sacerdotale fu Vicario parrocchiale

e Cappellano delle Clarisse in

Campina Grande. Terminò la costruzione

del Convento di Triunfo, fu per molti

anni Economo provinciale. Tornò in

Germania nel 1956. È morto nel Convento

di Bardel, Germania, all’età di anni

90, di vita francescana 69 e di sacerdozio

63.

5. Anno 2004 mortui sunt

* 13 gennaio 2004: CAU FR. DAMIANO, nato

a Senis (OR), della Prov. Sardiniae S.

Mariae Gratiarum, Italia. Religioso

esemplare, di carattere austero, a lungo

sofferente di vari disturbi. È morto presso

l’Ospedale di Sassari all’età di anni

82 e di vita francescana 62.

6. Anno 2005 mortui sunt

* 3 febbraio 2005: CAMBELL FR. SYL-

VESTER, KEVIN, nato a Melbourne,

della Prov. Sancti Spiritus, Australia. È

morto a Adelaide all’età di anni 88, di vita

francescana 67 e di sacerdozio 61.

* 10 marzo 2005: ACCIAI FR. VITTORIO,

nato a Chiusi della Verna, della Prov. Tusciae

S. Francisci Stigmatizati, Italia. È

morto presso l’Ospedale di Arezzo all’età

di anni 67, di vita francescana 47 e

di sacerdozio 39.

* 24 marzo 2005: TEDESCHINI FR. CLAU-

DIO, nato a Vignanello (VT), della Prov.

Romana Ss. Petri et Pauli, Italia. È morto

presso il Policlinico Gemelli in Roma

all’età di anni 67, di vita francescana 49

e di sacerdozio 41.

* 8 aprile 2005: DAVIS FR. GERARD,

RAYMOND, nato a Melbourne, della

Prov. Sancti Spiritus, Australia. È morto

a Melbourne all’età di anni 77 e di vita

francescana 54.

* 11 aprile 2005: KLUG FR. BERTINO,

ALOIS, nato a Eusenheim, Germania,

della Prov. S. Antonii Patavini, Brasile.

È stato sempre a servizio dei fratelli come

ortolano, giardiniere, autista. Tornato

nel Convento di Bardel, Germania, continuò

il suo umile lavoro, curando il frutteto.

È morto a Bardel, Germania, all’età

di anni 96 e di vita francescana 73.

* 26 aprile 2005: JURIK FR. STANISLAV,

FRANTISEK, nato a Veselá, della Prov.

Bohemiae et Moraviae S. Venceslai,

Rep. Ceca. Dopo l’ordinazione sacerdotale,

avvenuta a Innsbruck (1933),

nel 1935 tornò nella Boemia, dove lavorò

come formatore: degli aspiranti a

Kromeriz (1937-1940), dei Novizi a

Hajek (1940-1947) e a Kadan (947-

1949). Di qui passò a Praga come guardiano

del convento di S. Maria della

Neve (1949-1950). Soppressi gli Ordini

religiosi maschili (13 aprile 1950),

Fr. Stanislav, assieme ad altri frati, fu

imprigionato e condannato a 14 anni di

carcere pesante. Lavorò con gli altri

nelle miniere di uranio di Jachymov,

più tardi fu trasferito nel carcere di Mirov.

In carcere predicò i Ritiri spirituali

ai vescovi e ai teologi incarcerati. Dopo

la scarcerazione (1968), Fr. Stanislav


284 AN. CXXIV – MAII-AUGUSTI 2005 – FASC. II

lavorò nella pastorale a Pilsen. Nel

1972 fu di nuovo arrestato e condannato,

a causa dell’influsso negativo sui

giovani, ad un anno e mezzo di carcere.

Scarcerato, si dedicò alla formazione

nei conventi clandestini della Slovacchia

(a Bratislava e Kosice). Dopo la

caduta del regime comunista è vissuto

fino alla morte presso le suore francescane

a Choryne nella Moravia. Dai

Frati delle Province ceca e slovacca Fr.

Stanislav è considerato come la “leggenda

del francescanesimo ceco contemporaneo”.

È morto a Choryne, all’età

di anni 96, di vita francescana 77 e

di sacerdozio 72.

* 3 maggio 2005: IANNONE FR. CIRO, MA-

RIO, nato a Napoli, della Prov. Neapolitana

Ss. Cordis Iesu, Italia. Cuoco, organista,

questuante. È morto nel Convento S.

Giovanni Battista, Sessa Aurunca, all’età

di anni 87 e di vita francescana 57.

* 4 maggio 2005: KLUG FR. OSMUND,

BERMHARD, nato a Hermannseifen, della

Prov. Thuringiae S. Elisabeth, Germania.

Laureato in Biologia, si è dedicato

all’insegnamento (1969-1987). Gli ultimi

anni sono stati segnati dalla malattia.

È morto a Fulda all’età di anni 77, di vita

francescana 55 e di sacerdozio 49.

* 4 maggio 2005: AGOSTINELLI FR. ANTO-

NIO, GIOVANNI, nato a S. Bartolomeo in

Galdo, della Prov. Samnito-Hirpina S.

Mariae Gratiarum, Italia. Ha svolto il

suo servizio in varie Fraternità, si prodigò

nell’insegnamento e nella formazione

della gioventù sia del Collegio serafico

di Arpaia che delle Scuol