29.01.2015 Views

la mappa di lettura - Rotary Club Cagliari Nord

la mappa di lettura - Rotary Club Cagliari Nord

la mappa di lettura - Rotary Club Cagliari Nord

SHOW MORE
SHOW LESS

You also want an ePaper? Increase the reach of your titles

YUMPU automatically turns print PDFs into web optimized ePapers that Google loves.

I nostri migliori auguri <strong>di</strong> Natale e Anno Nuovo<br />

La magia delle feste renda più soli<strong>di</strong> gli<br />

affetti e le amicizie e apra i nostri cuori a<br />

meravigliose speranze.<br />

Noi chie<strong>di</strong>amo poco: solo che<br />

il nuovo anno sia il migliore <strong>di</strong> tutti<br />

quelli finora vissuti.<br />

per LA REDAZIONE<br />

<strong>la</strong> <strong>mappa</strong> <strong>di</strong> <strong>lettura</strong><br />

La lettera del Governatore <strong>di</strong> <strong>di</strong>cembre . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2<br />

– Soci <strong>di</strong> una grande famiglia <strong>di</strong> buoni sentimenti <strong>di</strong> Giorgio Di Raimondo<br />

La famiglia del <strong>Rotary</strong> . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3<br />

– Tutto in famiglia <strong>di</strong> Pao<strong>la</strong> Marrocco Ugolini<br />

– Oltre <strong>la</strong> figura <strong>di</strong> moglie-madre <strong>di</strong> Rita Bomboi<br />

– Chiusa, aperta, al<strong>la</strong>rgata <strong>di</strong> Domenico Apolloni<br />

I governatori tornano a scuo<strong>la</strong> . . . . . . . . . . . . . . . 7<br />

– Lille (Francia): <strong>la</strong> squadra italiana al completo<br />

<strong>di</strong> Roberto Ival<strong>di</strong><br />

Statistiche. Quanti siamo <strong>di</strong> Giuseppe Bor<strong>di</strong>gnon . . 10<br />

Speciale sul Natale . . . . . . . . . . 12<br />

a cura <strong>di</strong> Tiziana Grassi<br />

– Il primo presepio romano<br />

– Interviste a De Crescenzo, Arbore,<br />

Ferrarotti, Petrosillo<br />

– Dal ferro al<strong>la</strong> cartapesta, dai tappi ai frutti <strong>di</strong> mare<br />

– Un presepio per amico<br />

– Preghiera del rotariano<br />

I<strong>di</strong>r <strong>di</strong> Roma e Macomer . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18<br />

– 400 soci iscritti da meno <strong>di</strong> un anno <strong>di</strong> Piero Bucci<br />

– Meglio i fatti, pochi e concreti <strong>di</strong> Alberto Aime<br />

Borse <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21<br />

– Dal Giappone con amore <strong>di</strong> Elena Ricci Sato<br />

– La nostra migliore testimonial <strong>di</strong> Danie<strong>la</strong> Tranquilli<br />

Progetti Ry<strong>la</strong> in Sardegna . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 28<br />

– Do you speak <strong>Rotary</strong> <strong>di</strong> Pier Luigi Zanata<br />

Via francigena: noi e il Corriere del<strong>la</strong> Sera . . . 29<br />

Università degli stu<strong>di</strong> <strong>di</strong> Roma . 30<br />

a cura <strong>di</strong> Tiziana Grassi<br />

– Settecento anni <strong>di</strong> sapienza<br />

– Intervista al prof. Mario Morcellini<br />

Vamp come vampiro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32<br />

– La prima è Asta Nielsen <strong>di</strong> Tommaso Filippi<br />

Il “tormentone” dell’Ara Pacis . 34<br />

– Salviamo <strong>la</strong> piazzo<strong>la</strong> del porto<br />

<strong>di</strong> Ripetta <strong>di</strong> Giorgio Rion<strong>di</strong>no<br />

In copertina:<br />

Presepio. Ambientazione nel foro<br />

<strong>di</strong> Nerva o “Colonnacce”<br />

Opera <strong>di</strong> Mario Di Carlo<br />

Figure napoletane del sec. XVIII<br />

Vite parallele <strong>di</strong> Trilussa e Luzi . . . . . . . . . . . . . . 36<br />

– Senatori per poco, poeti per sempre <strong>di</strong> Aldo Onorati<br />

Sono cent’anni che <strong>la</strong> vedova . . . . . . 38<br />

è allegra <strong>di</strong> Bruno Benelli<br />

Scambio gruppi <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o . . . . . . . . . .24<br />

– Intervista a Elizabeth Lamberti<br />

a cura <strong>di</strong> Pier Giorgio Pod<strong>di</strong>ghe<br />

<strong>Rotary</strong> Foundation . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .26<br />

– Sovvenzioni umanitarie a cura <strong>di</strong> Antonio Lico<br />

Andar per mostre: Zandomeneghi . 40<br />

<strong>di</strong> Raffael<strong>la</strong> Aronica<br />

Un ricordo <strong>di</strong> John Lennon <strong>di</strong> Domenico Apolloni . 41<br />

Insieme. Il calendario dei programmi dei club . . . 42<br />

Michele Turi – Adorazione dei Magi (1967)<br />

Voce del Rotar y<br />

Perio<strong>di</strong>co del Distretto 2080 R.I.<br />

Anno XXIV n. 34<br />

Dicembre 2005<br />

Poste Italiane S.p.A.<br />

Spe<strong>di</strong>zione in abbonamento postale D.L.<br />

353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1<br />

comma 1 - DCB - Roma<br />

Direttore Responsabile<br />

Bruno Benelli<br />

Proprietà<br />

Società Cooperativa E<strong>di</strong>zioni Rotariane del<br />

Distretto 2080 R.I. - Via Sa<strong>la</strong>ria, 332 - 00199 Roma<br />

Comitato <strong>di</strong> Redazione<br />

Alberto Aime - Domenico Apolloni - Antonio<br />

Arcese - Antonio Cogliandro - C<strong>la</strong>u<strong>di</strong>o Marcello<br />

Rossi - Pier Luigi Zanata<br />

Art Director<br />

Gaspare De Fiore - C<strong>la</strong>u<strong>di</strong>o Marcello Rossi<br />

Le firme<br />

Alberto Aime - Domenico Apolloni - Raffael<strong>la</strong><br />

Aronica - Bruno Benelli - Rita Bomboi -<br />

Giuseppe Bor<strong>di</strong>gnon - Piero Bucci - Giorgio Di<br />

Raimondo - Tommaso Filippi - Tiziana Grassi -<br />

Roberto Ival<strong>di</strong> - Antonio Lico - Pao<strong>la</strong> Marrocco<br />

Ugolini - Aldo Onorati - Pier Giorgio Pod<strong>di</strong>ghe -<br />

Elena Ricci Sato - Giorgio Rion<strong>di</strong>no - Danie<strong>la</strong><br />

Tranquilli - Pier Luigi Zanata<br />

Associato all’USPI<br />

Direzione e Redazione<br />

Piazza Co<strong>la</strong> <strong>di</strong> Rienzo, 69 - 00192 Roma<br />

Tel. 063242271 - Fax 0645437281<br />

e-mail: vocedelrotary@rotary2080.org<br />

Stampa<br />

Borgia srl Industrie Grafiche E<strong>di</strong>toriali Associate<br />

Roma 00152 - Via <strong>di</strong> Monteverde n. 28-38<br />

Tel 06536557 - Fax 0658200728<br />

Questo numero <strong>di</strong> “Voce del <strong>Rotary</strong>” è stato chiuso in<br />

tipografia Giovedì 24 novembre 2005<br />

Registrata al Tribunale <strong>di</strong> Roma n. 191/82<br />

Registro Nazionale del<strong>la</strong> stampa n. 619 del 12/12/82<br />

La proprietà e l’e<strong>di</strong>tore declinano ogni responsabilità<br />

per le opinioni espresse dagli autori.<br />

Gli articoli con il corredo <strong>di</strong> foto vanno inviati per<br />

posta elettronica. La rivista si riserva, a insindacabile<br />

giu<strong>di</strong>zio, <strong>la</strong> pubblicazione del materiale che, in ogni<br />

caso, non verrà restituito.


2 Dicembre 2005<br />

Dicembre 2005 VITA DEL DISTRETTO<br />

3<br />

GIORGIO DI RAIMONDO<br />

IL TOUR DEL GOVERNATORE<br />

Ecco il calendario delle visite del governatore per <strong>di</strong>cembre 2005 – gennaio 2006<br />

DICEMBRE<br />

Giorno 1 = R.C. Tivoli<br />

GENNAIO<br />

Giorno 10 = R.C. Roma<br />

Giorno 13 = R.C. Bolsena<br />

Giorno 15 = R.C. Sabina Tevere<br />

Giorno 17 = R.C. Roma <strong>Nord</strong><br />

Lettera <strong>di</strong> DICEMBRE del Governatore<br />

Mese del<strong>la</strong> famiglia<br />

Soci <strong>di</strong> una grande famiglia<br />

<strong>di</strong> buoni sentimenti<br />

Miei cari amici,<br />

quando leggerete questa mia lettera, saremo ormai<br />

giunti a <strong>di</strong>cembre, il mese che, con le festività natalizie, ci<br />

farà <strong>di</strong>menticare, anche se purtroppo solo temporaneamente,<br />

i gravi problemi che angustiano <strong>la</strong> nostra vita quoti<strong>di</strong>ana.<br />

Il Natale significa pace, solidarietà, tolleranza e amicizia<br />

ed è il giorno in cui le famiglie si riuniscono in una atmosfera<br />

<strong>di</strong> serenità e <strong>di</strong> buoni sentimenti.<br />

Ecco, io vorrei che per noi rotariani questa fosse l’atmosfera<br />

<strong>di</strong> tutti i giorni, tale da <strong>di</strong>stinguerci dal mondo che ci<br />

circonda, nel momento in cui operando insieme, con ideali<br />

comuni e secondo gli scopi istituzionali, daremo un senso<br />

al<strong>la</strong> nostra appartenenza al <strong>Rotary</strong>.<br />

Per ottenere tutto questo dovremo mettere da parte<br />

ogni posizione personale anche se soggettivamente ritenuta<br />

giusta, rispettando le opinioni degli altri e secondo i principi<br />

<strong>di</strong> una pacifica e democratica convivenza.<br />

Ricor<strong>di</strong>amoci sempre che essere rotariani significa agire<br />

“al <strong>di</strong> sopra <strong>di</strong> ogni interesse personale” e perché questo<br />

possa avvenire è in<strong>di</strong>spensabile “promuovere e sviluppare<br />

re<strong>la</strong>zioni amichevoli fra i soci”.<br />

Ne sono convinti tutti coloro che, per nul<strong>la</strong> o poco frequentando<br />

il loro club, non danno nessun apporto partecipativo<br />

e concreto o, peggio, coloro, fortunatamente pochi, che<br />

con i loro comportamenti <strong>di</strong> incomprensibile e intollerabile<br />

conflittualità, sono causa <strong>di</strong> gravi <strong>la</strong>cerazioni interne, che<br />

provocano ostacoli e impe<strong>di</strong>menti allo svolgimento <strong>di</strong> programmi<br />

e attività destinate a favorire gli scopi del <strong>Rotary</strong><br />

Se tutti faremo un onesto esame <strong>di</strong> coscienza, sono<br />

certo che il <strong>Rotary</strong> tornerà ad essere quel<strong>la</strong> che è stata una<br />

mirabile intuizione del suo fondatore Paul Harris.<br />

Il <strong>Rotary</strong> deve essere una grande famiglia e <strong>di</strong>cembre è<br />

appunto il mese del<strong>la</strong> famiglia rotariana, costituita non solo<br />

da 1 milione e 200 mi<strong>la</strong> persone <strong>di</strong> 168 paesi del mondo, ma<br />

anche dai membri delle loro famiglie.<br />

Dobbiamo prestare una attenzione partico<strong>la</strong>re ai nostri<br />

coniugi e ai nostri figli, coinvolgendoli e facendoli partecipare<br />

ai nostri progetti <strong>di</strong> servizio e al<strong>la</strong> loro realizzazione.<br />

Comprenderanno così perché il socio <strong>di</strong> un club de<strong>di</strong>ca<br />

una parte del proprio tempo al <strong>Rotary</strong>, anche quando ciò<br />

può essere in conflitto con altre esigenze e potranno rendersi<br />

conto che non si tratta <strong>di</strong> scegliere tra il <strong>Rotary</strong> e <strong>la</strong> famiglia.<br />

Ricor<strong>di</strong>amoci inoltre che anche gli stessi famigliari devono<br />

essere considerati, qualora in possesso dei requisiti<br />

necessari, come potenziali soci, specie se conosceranno<br />

meglio <strong>la</strong> nostra organizzazione, contribuendo a ridurre quel<br />

<strong>di</strong>vario tra sessi e generazioni che spesso ancora impe<strong>di</strong>sce<br />

<strong>la</strong> crescita dei club.<br />

Dovremo poi mantenere i contatti con il socio ma<strong>la</strong>to,<br />

con <strong>la</strong> famiglia in lutto, aiutare i soci che stanno vivendo <strong>di</strong>fficoltà<br />

nel<strong>la</strong> professione, occuparci dei soci che si stanno<br />

allontanando e dare assistenza e aiuto a tutti coloro che ne<br />

hanno bisogno.<br />

Ed ora prepariamoci a trascorrere “insieme” un felice<br />

Natale, con l’augurio più sincero che il nuovo anno riservi a<br />

voi e ai vostri cari tutto ciò che è nelle vostre speranze e nei<br />

vostri desideri e con l’auspicio che ognuno <strong>di</strong> noi, un domani,<br />

possa <strong>di</strong>re <strong>di</strong> aver servito<br />

uniti in amicizia.<br />

Con fraterno affetto.<br />

Note <strong>di</strong> redazione<br />

– Il richiamo alle feste <strong>di</strong> Natale viene amplificato dallo speciale de<strong>di</strong>cato<br />

ai presepi natalizi (invenzione tipicamente italiana) con il corredo<br />

<strong>di</strong> interviste in esclusiva (pagine 12-17)<br />

- Sui valori fondanti del<strong>la</strong> famiglia sono pubblicati tre articoli che esaltano<br />

il nucleo familiare, nell’ambito delle attività rotariane, e in partico<strong>la</strong>re<br />

<strong>la</strong> donna (pagine 3-6)<br />

Giorno 18 = R.C. Roma Sud Ovest<br />

Giorno 19 = R.C. Roma Eur<br />

Giorno 20 = R.C. Latina Circeo<br />

Giorno 24 = R.C. Roma Centenario<br />

Giorno 25 = R.C. Roma Campidoglio<br />

Giorno 26 = R.C. Roma Sud<br />

Giorno 27 = R.C. Farfa Cures<br />

Giorno 31 = R.C. Monterotondo Mentana<br />

IL LIBRO E’ BIANCO, IL BILANCIO E’ IN ROSSO. Dicembre è il mese de<strong>di</strong>cato al<strong>la</strong> famiglia, a questo<br />

primario nucleo <strong>di</strong> persone che forma <strong>la</strong> base <strong>di</strong> ogni consesso umano. Per accompagnare <strong>la</strong> lettera<br />

del governatore pubblichiamo tre interventi sul tema:<br />

– una riflessione sull’importanza che il <strong>Rotary</strong> annette al<strong>la</strong> famiglia (Pao<strong>la</strong> Marrocco Ugolini),<br />

– un approfon<strong>di</strong>mento sulle capacità delle donne <strong>di</strong> uscire dal ruolo subalterno, cui sono state confinate<br />

dall’uomo per tanti millenni, e sul<strong>la</strong> qualità che le donne possono apportare al <strong>Rotary</strong> in termini <strong>di</strong> idee<br />

e competenze (Rita Bomboi),<br />

– un elogio del percorso storico che ha portato <strong>la</strong> famiglia ad “al<strong>la</strong>rgarsi” per comprendere in essa persone<br />

per vecchia tra<strong>di</strong>zione estranee (Domenico Apolloni).<br />

Prima però <strong>di</strong> entrare nel dettaglio degli articoli è corretto inquadrare il problema del<strong>la</strong> famiglia nel<strong>la</strong><br />

<strong>di</strong>mensione nazionale. Il ritratto che ne esce è impietoso, così giu<strong>di</strong>cato dallo stesso libro bianco sul welfare<br />

presentato dal governo.<br />

Bastino poche citazioni. Si arriva troppo tar<strong>di</strong> in famiglia e si fanno pochi figli (1,4 pargoli per donna).<br />

In Italia <strong>la</strong> fecon<strong>di</strong>tà ha toccato il minimo storico nel 1995. Oggi c’è una leggera risalita, ma appena<br />

impercettibile e in <strong>la</strong>rga parte creata dagli extracomunitari presenti sul territorio. Il ritardo nel<strong>la</strong> transizione<br />

al<strong>la</strong> vita adulta da parte dei giovani ha raggiunto punte estreme, sia rispetto al passato, sia rispetto<br />

all’Europa.<br />

Nonostante l’enfasi data al<strong>la</strong> centralità del matrimonio, il nostro tasso <strong>di</strong> nuzialità è ad<strong>di</strong>rittura sceso<br />

sotto <strong>la</strong> me<strong>di</strong>a europea: persino <strong>la</strong> Francia, realtà fortemente seco<strong>la</strong>rizzata, ci batte.<br />

Infine, il triste tasto del<strong>la</strong> con<strong>di</strong>zione<br />

economica delle famiglie. Il<br />

libro bianco ad<strong>di</strong>tava come priorità<br />

<strong>la</strong> riduzione del<strong>la</strong> povertà re<strong>la</strong>tiva.<br />

L’Istat ha pubblicato i dati del<br />

2004 e <strong>la</strong> soglia <strong>di</strong> povertà è tornata<br />

ai livelli <strong>di</strong> inizio secolo. Oggi<br />

PAOLA MARROCCO UGOLINI<br />

responsabile <strong>di</strong>strettuale<br />

Famiglia del <strong>Rotary</strong> (FoR)<br />

La famiglia del <strong>Rotary</strong> appare per <strong>la</strong><br />

prima volta nel<strong>la</strong> storia del nostro sodalizio,<br />

istituita dal presidente internazionale,<br />

il nigeriano Jonathan Majiyagbe<br />

(2003-2004), portata avanti dal suo successore<br />

l’americano Glenn Estess Sr e<br />

confermata dal presidente internazionale<br />

<strong>di</strong> quest’anno, lo svedese Carl Wilhelm<br />

Stenhammer.<br />

Si tratta <strong>di</strong> una task force con un responsabile<br />

per ogni <strong>di</strong>stretto e con un presidente<br />

<strong>di</strong> commissione per ogni club.<br />

L’intento principale del<strong>la</strong> FoR (l’abbreviazione<br />

viene dall’inglese Family of<br />

<strong>Rotary</strong>) è quello <strong>di</strong> coinvolgere i propri<br />

familiari nelle attività <strong>di</strong> servizio al fine<br />

<strong>di</strong> rendere maggiori l’efficacia e il valore<br />

delle nostre iniziative.<br />

Anniversari. Altri suggerimenti:essere<br />

vicini ai soci anziani per rafforzare in<br />

loro il sentimento <strong>di</strong> appartenenza al<br />

il 12% dei nuclei familiari è<br />

povero.<br />

Su questo minato terreno<br />

del<strong>la</strong> famiglia, dunque, il<br />

<strong>Rotary</strong> ha molto spazio per<br />

agire.<br />

(bruno benelli)<br />

Task force in ogni <strong>di</strong>stretto per coinvolgere i familiari nelle attività <strong>di</strong> servizio. Par<strong>la</strong>re<br />

del <strong>Rotary</strong> in famiglia può portare a una naturale formazione <strong>di</strong> futuri rotariani.<br />

La famiglia è composta anche dagli amici che <strong>di</strong>vidono con noi preoccupazioni e<br />

affanni, gioie e momenti <strong>di</strong> serenità. Attraverso il <strong>Rotary</strong> una maggiore facilità <strong>di</strong> <strong>di</strong>alogo<br />

tra figli e genitori.<br />

nostro sodalizio; invitare i congiunti dei<br />

soci scomparsi, affinché si sentano sempre<br />

partecipi del<strong>la</strong> vita del club; ricordare<br />

gli anniversari lieti e tristi dei soci. In<br />

breve, integrare <strong>la</strong> propria famiglia in<br />

quel<strong>la</strong> del <strong>Rotary</strong>, così da formare un<br />

famiglia al<strong>la</strong>rgata con un significato ben<br />

<strong>di</strong>verso dall’accezione comune.<br />

Sono convinta che almeno <strong>la</strong> maggior<br />

parte dei club abbia sempre messo in<br />

pratica queste in<strong>di</strong>cazioni secondo il<br />

sentire rotariano . Infatti, in occasione<br />

del<strong>la</strong> mia prima conferenza come presi-


4 VITA DEL DISTRETTO<br />

Dicembre 2005 VITA DEL DISTRETTO<br />

Dicembre 2005 5<br />

dente del<strong>la</strong> commissione FoR del mio<br />

club, ho avuto <strong>la</strong> concreta <strong>di</strong>sponibilità<br />

<strong>di</strong> tante consorti dei soci a partecipare<br />

alle iniziative che avevo proposto: solidarietà,<br />

azione e par<strong>la</strong>re <strong>di</strong> <strong>Rotary</strong>.<br />

I nostri figli. Da non sottovalutare inoltre<br />

l’apporto dei giovani, invitando un<br />

figlio <strong>di</strong> rotariano, ormai inserito nel<br />

mondo del <strong>la</strong>voro, ad esporre ai membri<br />

del club e alle loro famiglie, <strong>la</strong> propria<br />

esperienza <strong>la</strong>vorativa, gli esiti <strong>di</strong> una<br />

ricerca compiuta o l’acquisizione <strong>di</strong> tecniche<br />

innovative.<br />

I nostri figli hanno raggiunto delle<br />

tappe importanti del<strong>la</strong> loro carriera<br />

molto prima <strong>di</strong> quanto avvenisse nel<strong>la</strong><br />

nostra generazione: un traguardo significativo<br />

che può favorire una maggiore<br />

facilità <strong>di</strong> <strong>di</strong>alogo con noi genitori. Par<strong>la</strong>re<br />

delle finalità del <strong>Rotary</strong> in famiglia e<br />

chiedere una col<strong>la</strong>borazione ai propri<br />

figli può portare ad una naturale formazione<br />

<strong>di</strong> futuri rotariani già consapevoli<br />

del ruolo che andranno ad assumere,<br />

<strong>di</strong>versamente, come talvolta avviene,<br />

dal superficiale concetto <strong>di</strong> appartenza<br />

ad un circolo esclusivo.<br />

Due iniziative. Il consiglio centrale del<br />

Ri ha de<strong>di</strong>cato il mese <strong>di</strong> <strong>di</strong>cembre al<strong>la</strong><br />

FoR. In qualità <strong>di</strong> responsabile <strong>di</strong>strettuale<br />

<strong>di</strong> questa commissione, ho presentato<br />

due iniziative delle quali saranno<br />

inviate notizie più dettagliate a tutti<br />

i club. Il 6 <strong>di</strong>cembre dalle ore 15:30 alle<br />

19:00 avrà luogo presso l’hotel Crowne<br />

P<strong>la</strong>za un panel sul<strong>la</strong> famiglia del <strong>Rotary</strong>.<br />

La famiglia è un concetto sempre più in<br />

<strong>di</strong>scussione in una società che rive<strong>la</strong><br />

una considerevole per<strong>di</strong>ta <strong>di</strong> valori e un<br />

preoccupante malessere nei giovani.<br />

La FoR potrebbe perciò essere un punto<br />

Il 6 <strong>di</strong>cembre 2005<br />

si svolge a Roma<br />

(hotel Crowne<br />

P<strong>la</strong>za) un panel<br />

sul<strong>la</strong> famiglia<br />

rotariana.<br />

In seguito verrà<br />

organizzato un<br />

incontro per<br />

rotariani e amici,<br />

complice <strong>la</strong><br />

proiezione <strong>di</strong> un<br />

vecchio film in<br />

versione restaurata<br />

<strong>di</strong> riferimento o un esempio al quale<br />

guardare.<br />

Ne parleranno il pre<strong>la</strong>to del tribunale<br />

apostolico del<strong>la</strong> Sacra Rota romana<br />

mons. Giuseppe Sciacca, <strong>la</strong> dott. Simona<br />

Pianese Longo, <strong>di</strong>rigente sco<strong>la</strong>stico<br />

ministero Istruzione, responsabile<br />

<strong>di</strong>strettuale Interact, e il past president<br />

<strong>di</strong> Roma Monte Mario l’avv. Gian<br />

Roberto Caldara, esperto in <strong>di</strong>ritto <strong>di</strong><br />

famiglia. Modererà i <strong>la</strong>vori Raffaele<br />

Antonucci, coor<strong>di</strong>natore scientifico dei<br />

forum.<br />

All’incontro sono invitati i presidenti<br />

dei club con i componenti delle rispettive<br />

commissioni FoR e quanti vorranno<br />

partecipare.<br />

Anche gli amici. La seconda iniziativa è<br />

un atto <strong>di</strong> solidarietà.<br />

Il nostro governatore Di Raimondo ci<br />

ricorda sempre quanto sia importante<br />

l’amicizia anche nei rapporti tra i vari<br />

clubs.<br />

Ho sempre sostenuto che <strong>la</strong> famiglia è<br />

composta non solo dal proprio nucleo<br />

in senso stretto, ma anche dagli amici<br />

che accompagnano <strong>la</strong> nostra vita e che<br />

<strong>di</strong>vidono con noi preoccupazioni ed<br />

affanni, ma anche gioie e momenti <strong>di</strong><br />

serenità.<br />

Vorrei quin<strong>di</strong> proporre un incontro per i<br />

rotariani e i loro amici con l’impronta <strong>di</strong><br />

una serata in famiglia.<br />

Il piacere <strong>di</strong> stare con i nostri cari, l’occasione<br />

<strong>di</strong> trovarsi con gli amici e i soci <strong>di</strong><br />

altri club, ma con una novità: <strong>la</strong> proiezione<br />

<strong>di</strong> un vecchio film in versione restaurata<br />

un cult movie con due magnifici<br />

interpreti.<br />

I proventi del<strong>la</strong> serata saranno destinati<br />

al vil<strong>la</strong>ggio SOS che tutti i rotariani<br />

conoscono o dovrebbero conoscere.<br />

Unica famiglia. “Al cinema in casa<br />

<strong>Rotary</strong>” era il titolo <strong>di</strong> una serata organizzata<br />

nel mio club e, dato il successo<br />

dell’iniziativa, vorrei ritrovare quell’affiatamento<br />

tra i soci, anche tra i vari<br />

club del <strong>di</strong>stretto, in ottemperanza a<br />

quanto enunciato dal manuale <strong>di</strong> procedura:<br />

“Promuovere e sviluppare re<strong>la</strong>zioni<br />

amichevoli fra i propri membri per<br />

renderli meglio atti a servire l’interesse<br />

generale”. Se ci si conosce <strong>di</strong> più si può<br />

col<strong>la</strong>borare meglio per un fine comune,<br />

come parte integrante <strong>di</strong> un’unica<br />

famiglia.<br />

Accogliere l’invito del presidente internazionale<br />

<strong>di</strong> coinvolgere i nostri familiari<br />

nelle attività <strong>di</strong> servizio è , secondo<br />

me, un ulteriore modo <strong>di</strong> fare <strong>Rotary</strong>.<br />

L’universo donna si apre al mondo<br />

Oltre <strong>la</strong> figura<br />

<strong>di</strong> moglie-madre<br />

Le donne hanno le capacità <strong>di</strong> servire il <strong>Rotary</strong> ad ogni livello e non so<strong>la</strong>mente con <strong>la</strong> funzione<br />

<strong>di</strong> colmare una c<strong>la</strong>ssifica che <strong>di</strong>versamente resterebbe vuota. Esse cercano nuovi<br />

ambiti <strong>di</strong> collocazione e <strong>di</strong> identificazione: il <strong>Rotary</strong> non può che trarne beneficio.<br />

RITA BOMBOI<br />

<strong>Rotary</strong> club Sinisco<strong>la</strong><br />

Attraverso queste pagine in passato è<br />

stato posto il quesito concernente il<br />

ruolo delle donne nel <strong>Rotary</strong> e l’eventualità<br />

<strong>di</strong> inserire nelle c<strong>la</strong>ssifiche del<br />

club le casalinghe, in quanto delegate<br />

al<strong>la</strong> conduzione <strong>di</strong> quell’impresa chiamata<br />

famiglia.<br />

Riproporre <strong>la</strong> questione oggi, parrebbe<br />

un po’ fuori luogo o più propriamente<br />

fuori tempo, dal momento che <strong>la</strong> donna<br />

in tutti i settori in cui si è inserita ha trovato<br />

ampi consensi e il riconoscimento<br />

<strong>di</strong> capacità organizzative e pragmatiche.<br />

Ma se il governatore Giorgio Di Raimondo,<br />

così attento alle nuove <strong>di</strong>namiche<br />

sociali, ha invitato tutti i club del<br />

<strong>di</strong>stretto a favorire l’ingresso delle<br />

donne nel <strong>Rotary</strong>, evidentemente deve<br />

aver riscontrato ancora notevoli resistenze<br />

che ne impe<strong>di</strong>scono l’inserimento,<br />

o quantomeno un mancato riconoscimento<br />

delle loro qualità.<br />

L’argomento, pertanto, viene opportunamente<br />

aggiornato e offre materia <strong>di</strong><br />

riflessione, anche facendo riferimento<br />

ad alcuni fra gli interventi più significativi<br />

che in questi ultimi anni sono apparsi<br />

nel nostro giornale.<br />

Comprimaria. Soltanto in tempi a noi<br />

recenti, con l’emancipazione economica<br />

e culturale, <strong>la</strong> donna <strong>di</strong>venta comprimaria<br />

con l’uomo nelle leve del potere e<br />

si colloca ai vertici in campo sociale,<br />

politico e finanziario.<br />

Vinta <strong>la</strong> tra<strong>di</strong>zionale resistenza maschilista,<br />

che <strong>la</strong> relegava al ruolo <strong>di</strong> mater familias,<br />

<strong>la</strong> donna con determinazione ha<br />

assunto nel<strong>la</strong> società funzioni che ne<br />

valorizzano <strong>la</strong> professionalità, <strong>la</strong> creatività,<br />

l’intelligenza. Non è perciò sorprendente<br />

che il <strong>Rotary</strong>,recepite le norme che<br />

nei paesi moderni sanciscono <strong>la</strong> parità <strong>di</strong><br />

<strong>di</strong>ritti fra i due sessi, le abbia accolte nel<br />

suo ambito e concesso <strong>di</strong> accedere ai<br />

livelli più elevati dell’organizzazione.<br />

Impegno civile. È invece <strong>di</strong>scutibile, a<br />

mio avviso, l’opinione espressa da più<br />

parti secondo cui <strong>la</strong> funzione del<strong>la</strong><br />

donna, quando essa assuma un ruolo<br />

che metta in <strong>di</strong>scussione quello tra<strong>di</strong>zionalmente<br />

esercitato, ne esca in qualche<br />

modo mortificata.<br />

Anche il tentativo <strong>di</strong> un’apertura per le<br />

donne realizzate professionalmente,<br />

che emerge dal profilo tracciato da un<br />

autorevole autore, <strong>di</strong> fatto rivaluta il<br />

compito <strong>di</strong> moglie-madre che l’uomo<br />

ha “forgiato” e su cui per secoli ha esercitato<br />

il suo dominio. In questo ruolo<br />

esclusivo oggi <strong>la</strong> donna non si riconosce<br />

più. Essa cerca oltre <strong>la</strong> famiglia,<br />

senza peraltro escluder<strong>la</strong>, nuovi ambiti<br />

<strong>di</strong> collocazione e <strong>di</strong> identificazione,<br />

<strong>di</strong>mostrando <strong>di</strong> saper conciliare, sentendosene<br />

gratificata, <strong>la</strong> sfera privata con <strong>la</strong><br />

<strong>di</strong>mensione sociale, il mondo degli<br />

affetti con l’impegno civile.<br />

I <strong>di</strong>segni sono<br />

<strong>di</strong> C<strong>la</strong>u<strong>di</strong>o Marcello Rossi<br />

Dal<strong>la</strong> sua presenza, pertanto, il <strong>Rotary</strong>,<br />

come ogni altra associazione <strong>di</strong> servizio,<br />

non potrà che trarne beneficio quando<br />

essa si faccia apportatrice <strong>di</strong> idee, <strong>di</strong><br />

esperienze, <strong>di</strong> competenze, riconoscendo<br />

che “women will have the potential to<br />

serve <strong>Rotary</strong> in any capacity thery would<br />

like”:“le donne hanno <strong>la</strong> capacità <strong>di</strong> servire<br />

il <strong>Rotary</strong> ad ogni livello”, e non so<strong>la</strong>mente<br />

<strong>la</strong> funzione <strong>di</strong> colmare una c<strong>la</strong>ssifica<br />

che <strong>di</strong>versamente resterebbe<br />

vuota.<br />

Niente pie<strong>di</strong>stalli. Partecipando al<br />

sodalizio, <strong>la</strong> donna non acquisirà maggior<br />

prestigio, non <strong>di</strong>fenderà privilegi,<br />

né trascurerà <strong>la</strong> famiglia, come si vorrebbe<br />

far credere. Forse che l’uomo, il<br />

rotariano impegnato, non dev’essere<br />

compartecipe con <strong>la</strong> donna nel processo<br />

educativo<br />

Ma non <strong>la</strong>sciamo neppure che <strong>la</strong> donna<br />

stia sul pie<strong>di</strong>stallo dove l’uomo l’ha<br />

posta, per ammirar<strong>la</strong> e forse esibir<strong>la</strong>; facciamo<br />

in modo che l’universo femminile<br />

si apra al mondo e porti il suo contributo<br />

<strong>la</strong>ddove si renda necessario: in famiglia,<br />

nel mondo degli affari, nel volontariato.<br />

No al silenzio. Le donne inserite nel<br />

<strong>Rotary</strong> non troveranno da sole le soluzioni<br />

ai numerosi problemi che affliggono<br />

l’umanità, ma sicuramente daranno<br />

voce a tutte quelle donne che finora<br />

hanno taciuto, perché partico<strong>la</strong>ri con<strong>di</strong>zioni<br />

sociali, culturali o religiose le<br />

hanno asservite e umiliate.


6 VITA DEL DISTRETTO<br />

Dicembre 2005 VITA DEL DISTRETTO<br />

Dicembre 2005 7<br />

CHIUSA, APERTA, ALLARGATA<br />

Chiusa, aperta, al<strong>la</strong>rgata: <strong>la</strong> scelta è in<strong>di</strong>viduale purché non si <strong>di</strong>mentichi<br />

che <strong>la</strong> famiglia è <strong>la</strong> <strong>di</strong>fesa naturale <strong>di</strong> tutti, l’ancora che tiene ferma <strong>la</strong><br />

barca. C’è anche chi, come Epicuro e Schopenhauer, al vincolo familiare<br />

crede poco, anzi lo vede come un impaccio. Le rivoluzioni strutturali del<strong>la</strong><br />

società in evoluzione hanno mo<strong>di</strong>ficato persino gli ancestrali atteggiamenti<br />

mentali e sociali del sud<br />

DOMENICO APOLLONI<br />

La famiglia è il bene prezioso che entra<br />

pesantemente nel patrimonio dell’umanità<br />

e ne con<strong>di</strong>ziona <strong>la</strong> vita. La sua presenza<br />

materiale, ma anche soltanto<br />

ideale, accompagna l’uomo in modo<br />

completo; cancel<strong>la</strong> i confini del tempo e<br />

lo segue sempre, anche per secoli e nei<br />

posti più remoti; non si stanca mai <strong>di</strong><br />

ricordare, perché sa <strong>di</strong> essere ricordata.<br />

È <strong>la</strong> <strong>di</strong>fesa naturale <strong>di</strong> tutti, è l’ancora<br />

che tiene ferma <strong>la</strong> barca; dà <strong>la</strong> forza per<br />

andare avanti, riproduce <strong>la</strong> speranza e<br />

l’amore.<br />

Tutte queste parole possono entrare<br />

certamente nei luoghi comuni delle frasi<br />

fatte, ma esprimono comunque il senso<br />

<strong>di</strong> una realtà che ci piace accarezzare spesso e tanto pure!<br />

I dubbi. Al<strong>la</strong> famiglia sembra che ci abbia creduto perfino<br />

quello strano personaggio <strong>di</strong> Epicuro, lo stoico che evitò <strong>di</strong><br />

farsene una propria e si prese per concubina <strong>la</strong> sterile<br />

Leonzio; tanto è vero che inserì <strong>la</strong> famiglia <strong>di</strong> provenienza<br />

nel suo testamento, dopo aver destinato agli amici <strong>la</strong> maggior<br />

parte dei beni posseduti. Io però mi fido poco <strong>di</strong> lui;<br />

non sono convinto che ci abbia creduto senza mettere sul<br />

tavolo quel <strong>di</strong>stinguo che tirò fuori par<strong>la</strong>ndo dell’amicizia.<br />

Del resto, i dubbi Epicuro li solleva <strong>di</strong> continuo: dopo aver<br />

sentenziato maldestramente che l’amore non fa bene al<strong>la</strong><br />

salute, con <strong>la</strong> sua filosofia sod<strong>di</strong>sfa davvero poca gente,<br />

me compreso!<br />

Non ci credo. Sicuramente al<strong>la</strong> famiglia, invece, non<br />

dovrebbe averci mai creduto l’ombroso Schopenhauer che<br />

evitò sempre <strong>di</strong> farsene una, per il ricordo poco e<strong>di</strong>ficante<br />

del faticoso menage portato avanti dai genitori. Diceva <strong>di</strong><br />

aver fatto una scelta: giacché riteneva che nessuna donna<br />

sarebbe stata felice con uno come lui, spesso <strong>di</strong> cattivo<br />

umore e contrario alle frequentazioni sociali. Come Bacone,<br />

un politico inglese d’altri tempi, Schopenhauer sosteneva<br />

che le opere migliori fossero prodotte da uomini celibi<br />

e senza figli, da uomini senza impe<strong>di</strong>menti affettivi<br />

(par<strong>la</strong>ndo <strong>di</strong> uomini, intendeva alludere proprio e soltanto<br />

ai maschietti: infatti o<strong>di</strong>ava praticamente tutta <strong>la</strong> specie<br />

umana ma, pur non essendo omosessuale, o<strong>di</strong>ava soprattutto<br />

le donne).<br />

Famiglia “antica”<br />

Gioie e rinunce. Io, che non ho gli<br />

spasmi mentali <strong>di</strong> Epicuro e <strong>la</strong> tristezza<br />

<strong>di</strong> Schopenhauer, ritengo che <strong>la</strong><br />

famiglia sia una componente importante<br />

del<strong>la</strong> vita, per me è sempre<br />

stata <strong>la</strong> più importante; per <strong>la</strong> famiglia<br />

ho volentieri fatto tante rinunce,<br />

con <strong>la</strong> famiglia ho meglio assaporato<br />

tutte le gioie.<br />

Ma vorrei tornare un po’ in<strong>di</strong>etro per<br />

spiegare che, se ho preso a riferimento<br />

l’Epicuro <strong>di</strong> tre secoli prima <strong>di</strong> Cristo<br />

e lo Schopenhauer <strong>di</strong> un ottocento<br />

pieno <strong>di</strong> furori e contrad<strong>di</strong>zioni, l’ho<br />

fatto non tanto per nominare due<br />

sapienti con riserve mentali nei confronti<br />

del<strong>la</strong> famiglia, quanto per mettere<br />

dei confini epocali al<strong>la</strong> percezione<br />

statica del<strong>la</strong> famiglia intesa come<br />

struttura sociale portante; l’ho fatto per riservarmi uno<br />

spazio riflessivo sul novecento, sul secolo che ha prestato<br />

il fianco al cambiamento <strong>di</strong> opinione verso lo scopo primario<br />

<strong>di</strong> un sodalizio antico come il mondo.<br />

L’evoluzione. Se poi, ho anche espresso subito il mio<br />

pensiero sul<strong>la</strong> famiglia, l’ho fatto perché ritengo che nel<strong>la</strong><br />

vita occorra schierarsi in tempo, per conquistare i posti<br />

del<strong>la</strong> prima fi<strong>la</strong> e stroncare sul nascere le confusioni. E <strong>di</strong><br />

confusioni sullo status del<strong>la</strong> famiglia, il secolo appena trascorso<br />

ne ha viste troppe: quel<strong>la</strong> patriarcale del<strong>la</strong> prima<br />

metà del novecento, forte delle sue chiusure specialmente<br />

nel meri<strong>di</strong>one dell’Europa, si è progressivamente trasformata<br />

ed ha accettato una convivenza, davvero impensabile<br />

per i nostri nonni, prima con <strong>la</strong> famiglia aperta e,<br />

poi, con quel<strong>la</strong> al<strong>la</strong>rgata degli ultimi decenni; ma <strong>la</strong> cosa<br />

che più stupisce, è che questa evoluzione, si è verificata<br />

con decisa partecipazione <strong>di</strong> quel Sud che vantava tra<strong>di</strong>zioni<br />

granitiche sull’istituto del<strong>la</strong> famiglia!<br />

Soli<strong>di</strong>tà. Secondo me, ci vuole tanta buona volontà per<br />

capire su quali principi si tenga in pie<strong>di</strong> <strong>la</strong> famiglia aperta,<br />

dove ognuno porta chi vuole e <strong>di</strong>spone a piacimento del<br />

proprio tempo libero; francamente, se proprio dovessi<br />

scegliere, darei <strong>la</strong> preferenza a quel<strong>la</strong> al<strong>la</strong>rgata: almeno<br />

ha posizioni stabili e protagonisti definiti, almeno si presenta<br />

ancora come una società dagli obiettivi con<strong>di</strong>visi,<br />

come quel<strong>la</strong> che Bruno Benelli ama definire <strong>la</strong> società più<br />

solida dell’umanità.<br />

Raddoppiare gli sforzi per far funzionare i programmi<br />

interact e rotaract<br />

La scuo<strong>la</strong> dei<br />

GOVERNATORI<br />

si colora <strong>di</strong> lil<strong>la</strong><br />

All’Institute svoltosi a Lille (Francia) <strong>la</strong> squadra<br />

dei governatori italiani era al completo. Si è par<strong>la</strong>to<br />

tra l’altro <strong>di</strong> polioplus e delle <strong>di</strong>fficoltà dell’organizzazione<br />

mon<strong>di</strong>ale del<strong>la</strong> sanità (Oms) <strong>di</strong> <strong>di</strong>bel<strong>la</strong>re<br />

<strong>la</strong> ma<strong>la</strong>ttia per via delle migrazioni <strong>di</strong> intere popo<strong>la</strong>zione<br />

soprattutto africane.<br />

Presentati mozioni ed emendamenti <strong>di</strong> variazione alle “regole <strong>Rotary</strong>” che saranno messi<br />

ai voti durante il congresso <strong>di</strong>strettuale. Il consiglio <strong>di</strong> legis<strong>la</strong>zione ci sarà nel 2007. Si è<br />

par<strong>la</strong>to anche del piano strategico e <strong>di</strong> identità rotariani con gli argomenti <strong>di</strong> sempre.<br />

Ognuno può par<strong>la</strong>re ma non si riesce a incidere sulle decisioni per mancanza <strong>di</strong> approfon<strong>di</strong>mento<br />

degli argomenti. L’importanza del<strong>la</strong> presenza dei giovani per <strong>la</strong> stessa sopravvivenza<br />

del <strong>Rotary</strong>. Per lo sviluppo dell’immagine ogni club deve attivare il suo programma.<br />

ROBERTO IVALDI<br />

governatore eletto 2006-2007, <strong>di</strong>stretto 2080<br />

L’Institute che è stato tutto <strong>di</strong> sapore<br />

francese, pilotato e accompagnato<br />

durante tutto il suo percorso dal <strong>di</strong>rettore<br />

Ri Serge Guteyron, Dgp del <strong>di</strong>stretto<br />

1670, cui appartiene il club <strong>di</strong> Lille,<br />

recentemente nominato vice presidente<br />

del Ri.<br />

Tre parti. Sappiamo che l’Institute, che<br />

si svolge una volta l’anno, è una funzione<br />

rotariana molto importante ed ha lo<br />

scopo <strong>di</strong> fornire ai <strong>di</strong>rigenti presenti e<br />

passati del Ri <strong>la</strong> possibilità <strong>di</strong> conoscere<br />

meglio i piani e i programmi del <strong>Rotary</strong><br />

e, quin<strong>di</strong>, <strong>di</strong> rendersi maggiormente utili<br />

ai club e ai <strong>di</strong>stretti. Ogni Institute si<br />

compone <strong>di</strong> tre parti: 1) il Gets (governor<br />

elect training seminar), che è <strong>la</strong> scuo<strong>la</strong><br />

DAL RE SOLE A DE GAULLE<br />

Un po’ <strong>di</strong> storia. La nonna <strong>di</strong> Carlo V, che era Maria <strong>di</strong> Borgogna, unica<br />

erede <strong>di</strong> Carlo il Temerario, portò in ere<strong>di</strong>tà al nipote, a tempo debito,<br />

tutto i posse<strong>di</strong>menti paterni e quin<strong>di</strong> le Fiandre entrarono nei vastissimi<br />

posse<strong>di</strong>menti del regno <strong>di</strong> Spagna. E Lille con esse. Sarà poi Luigi XIV<br />

che, nelle sue continue guerre <strong>di</strong> appropriazione <strong>di</strong> territori alle frontiere<br />

del suo regno, si impossesserà <strong>di</strong> Lille e <strong>la</strong> farà <strong>di</strong>ventare francese,<br />

imponendole anche l’emblema col giglio. Una volta compresa nel regno<br />

<strong>di</strong> Francia, Luigi avrebbe fatto costruire al<strong>la</strong> periferia del<strong>la</strong> città dal maresciallo<br />

Vauban una fortezza pentagonale <strong>di</strong> <strong>di</strong>mensioni davvero cospicue,<br />

tuttora in ottimo stato, che avrebbe reso <strong>la</strong> città impren<strong>di</strong>bile. Il tempo,<br />

bellissimo durante l’Institute, ci ha permesso <strong>di</strong> apprezzare gli splen<strong>di</strong><strong>di</strong><br />

quartieri spagnoli, le reminiscenze barocche e il cuore me<strong>di</strong>oevale del<strong>la</strong><br />

città. A Lille nacque Charles De Gaulle. Nel 2004 Lille è stata capitale<br />

europea del<strong>la</strong> cultura.<br />

dei governatori eletti, 2) il seminario<br />

del<strong>la</strong> Rf, 3) l’Institute vero e proprio.<br />

A Lille come <strong>di</strong> consueto sono stati chiamati<br />

i rotariani d’Europa, Me<strong>di</strong>o oriente<br />

e Africa me<strong>di</strong>terranea.<br />

Gli italiani. Veniamo ai <strong>la</strong>vori, e vorrei<br />

cominciare dal<strong>la</strong> scuo<strong>la</strong> dei governatori.<br />

La squadra <strong>di</strong> quelli italiani era al completo<br />

e <strong>la</strong> sessione in italiano è stata<br />

condotta egregiamente dal<strong>la</strong> Pdg Ales-


VITA DEL DISTRETTO<br />

8 Dicembre 2005<br />

VITA DEL DISTRETTO<br />

Dicembre 2005 9<br />

sandra Faraone Lanza, coa<strong>di</strong>uvata dai<br />

nostri Pdg Lico e Pirisi. Gli argomenti <strong>di</strong><br />

questo partico<strong>la</strong>re tipo <strong>di</strong> corso sono,<br />

ovviamente, quelli del manuale <strong>di</strong> procedura<br />

e quin<strong>di</strong> si andava dal<strong>la</strong> responsabilità<br />

del governatore al<strong>la</strong> formazione<br />

dei <strong>di</strong>rigenti <strong>di</strong>strettuali, dal<strong>la</strong> leadership<br />

alle azioni <strong>di</strong> servizio, per finire con<br />

una partico<strong>la</strong>re enfasi alle azioni <strong>di</strong><br />

sostegno dell’ufficio <strong>di</strong> Zurigo, illustrate<br />

dal<strong>la</strong> mitica Olympia Branca Masa e a un<br />

partico<strong>la</strong>reggiato <strong>di</strong>scorso introduttivo<br />

al<strong>la</strong> assemblea internazionale <strong>di</strong> San<br />

Diego, cui tutti i governatori eletti<br />

dovranno partecipare dal 16 al 23 febbraio<br />

2006.<br />

Polioplus. Il terzo giorno è iniziato il<br />

seminario del<strong>la</strong> Fondazione <strong>Rotary</strong>.<br />

Come ci si aspettava, l’argomento più<br />

importante è stato quello riguardante<br />

<strong>la</strong> PolioPlus. Del<strong>la</strong> polio ha par<strong>la</strong>to esaurientemente<br />

David Heymann, <strong>di</strong>rettore<br />

del programma <strong>di</strong> era<strong>di</strong>cazione del<strong>la</strong><br />

poliomielite dell’Oms, che ha citato cifre<br />

e specifiche riguardanti <strong>la</strong> ricomparsa<br />

del<strong>la</strong> poliomielite in paesi già considerati<br />

polio-free ed ha ricordato che <strong>la</strong><br />

migrazione <strong>di</strong> intere popo<strong>la</strong>zioni da una<br />

nazione all’altra, specialmente in Africa,<br />

per via delle continue guerre, rende<br />

molto <strong>di</strong>fficile l’azione <strong>di</strong> immunizzazione,<br />

che va fatta con campagne contemporanee<br />

in più paesi, con <strong>la</strong> partecipazione<br />

<strong>di</strong> migliaia <strong>di</strong> operatori e l’utilizzo<br />

<strong>di</strong> decine e decine <strong>di</strong> mezzi <strong>di</strong> spostamento.<br />

Azione prioritaria. Malgrado questi<br />

inconvenienti tecnici e <strong>la</strong> sospensione<br />

delle campagne in alcuni paesi, l’Oms è<br />

certo <strong>di</strong> poter continuare nel programma<br />

<strong>di</strong> <strong>la</strong>voro e si <strong>di</strong>ce certo del<strong>la</strong> riuscita,<br />

che non potrà avvenire, però, prima<br />

del 2010. Il contributo del Ri in questo<br />

momento è quello <strong>di</strong> affermarsi nel<br />

mondo come un’agenzia <strong>di</strong> raccolta<br />

fon<strong>di</strong> da parte <strong>di</strong> enti governativi e soggetti<br />

privati e come tale ha un compito<br />

organizzativo molto impegnativo. La<br />

PolioPlus rimarrà comunque l’azione<br />

prioritaria <strong>di</strong> impegno dei Ri fino al<strong>la</strong><br />

completa era<strong>di</strong>cazione del morbo.<br />

Mozioni: un mare magnum. Il giorno<br />

successivo è iniziato l’Institute vero è<br />

proprio, con moltissimi argomenti rotariani<br />

posti sul tappeto e poi <strong>di</strong>scussi<br />

durante alcuni worshop de<strong>di</strong>cati.<br />

Sarebbe ovviamente troppo lungo<br />

ricordare tutto ciò <strong>di</strong> cui si è par<strong>la</strong>to. Mi<br />

limiterò quin<strong>di</strong> a due argomenti e poi<br />

Vista del centro citta<strong>di</strong>no <strong>di</strong> Lille<br />

due mie considerazioni personali.<br />

Il primo argomento è quello che riguarda<br />

il workshop re<strong>la</strong>tivo al consiglio <strong>di</strong><br />

legis<strong>la</strong>zione. Come noto questo si svolge<br />

ogni tre anni e raccoglie tutti i suggerimenti<br />

<strong>di</strong> variazione alle “regole del<br />

<strong>Rotary</strong>” presentate con congruo anticipo<br />

(un anno) dai singoli <strong>di</strong>stretti, che le<br />

devono votare durante il congresso<br />

<strong>di</strong>strettuale. Lo scorso consiglio c’è<br />

stato nel 2004 e il prossimo ci sarà nel<br />

2007. Centinaia sono le mozioni e gli<br />

emendamenti presentati ed in tutto<br />

I governatori eletti<br />

parteciperanno dal<br />

16 al 23 febbraio<br />

2006 all’assemblea<br />

internazionale <strong>di</strong><br />

San Diego, Usa<br />

questo mare magnum, talvolta si perde<br />

anche qualche cosa <strong>di</strong> buono. Il suggerimento<br />

proposto sarà quello <strong>di</strong> spostare<br />

<strong>la</strong> frequenza a quattro anni e portare<br />

a due anni il limite <strong>di</strong> presentazione<br />

delle proposte, in modo che i partecipanti<br />

abbiano il tempo conveniente per<br />

stu<strong>di</strong>are mozioni ed emendamenti.<br />

Strategie: quelle solite. Il secondo<br />

argomento riguarda il workshop re<strong>la</strong>tivo<br />

al piano strategico e l’identità del<br />

<strong>Rotary</strong>. Molta <strong>di</strong>scussione sull’argomento,<br />

soprattutto tra esponenti dei <strong>di</strong>stretti<br />

italiani, che al<strong>la</strong> fine però si sono<br />

accordati su una serie <strong>di</strong> argomenti da<br />

sottoporre al board dei Ri, che sono<br />

quelli <strong>di</strong> sempre: potenziamento dell’effettivo,<br />

formazione, revisione delle strutture<br />

<strong>di</strong>rigenziali, programmazione globale,<br />

miglioramento dell’immagine,<br />

riposizionamento dell’azione del Ri.<br />

Scarsa conoscenza. La prima considerazione<br />

personale riguarda <strong>la</strong> scarsa<br />

conoscenza dell’Institute da parte dei<br />

rotariani. Dal momento che dell’Institute<br />

fa parte <strong>la</strong> scuo<strong>la</strong> dei governatori<br />

eletti, finisce che solo governatori e Pdg<br />

ne sono informati puntualmente. E’<br />

questo il motivo del<strong>la</strong> scarsa conoscenza.<br />

Ma <strong>la</strong> presenza dei rotariani all’Institute<br />

è del<strong>la</strong> massima importanza, pro-<br />

35 nazioni, 350 soci<br />

C’ERA QUESTO, C’ERA QUELLO…<br />

Erano presenti circa 350 soci che provenivano da 5 zone rotariane e da<br />

un centinaio <strong>di</strong> <strong>di</strong>stretti rotariani, <strong>di</strong> 35 <strong>di</strong>verse nazioni, <strong>di</strong> cui 10 Stati<br />

africani. I numeri più alti erano dal<strong>la</strong> Francia, ovviamente (93), dall’Italia<br />

(54), dal<strong>la</strong> Germania (27), dal Belgio (23), dall’O<strong>la</strong>nda (22), dal<strong>la</strong> Svizzera<br />

e dal<strong>la</strong> Turchia (12 ogni nazione), dal<strong>la</strong> Spagna (11), dal Portogallo<br />

(8) e dall’Austria (7). Cinquantaquattro dunque le presenze dei <strong>di</strong>stretti<br />

italiani, <strong>di</strong> cui 9 del nostro <strong>di</strong>stretto 2080 (il più rappresentato) e ben 3<br />

del Rc Roma Appia Antica. Al<strong>la</strong> cena <strong>di</strong> ga<strong>la</strong> c’erano non meno <strong>di</strong> 650<br />

persone, tra le quali il presidente internazionale Carl Wilhelm Stenhammar,<br />

il past president internazionale e past president del<strong>la</strong> Rf Carlo Ravizza,<br />

oltre al vice presidente internazionale Serge Gouteyron, i trustee<br />

del<strong>la</strong> Rf Robert Scott e Rolf Hörndler, 5 <strong>di</strong>rettori e una <strong>di</strong>ecina <strong>di</strong> past<br />

<strong>di</strong>rettori, nonché il <strong>di</strong>rettore eletto Raffaele Pallotta.<br />

Era<strong>di</strong>cazione del<strong>la</strong><br />

polio: <strong>la</strong> “vittoria “<br />

slitta al 2010<br />

prio per per <strong>la</strong> <strong>di</strong>ffusione del<strong>la</strong> conoscenza<br />

del <strong>Rotary</strong>, che rimane pur sempre<br />

un grande sconosciuto.<br />

Idee e progetti. La seconda considerazione<br />

riguarda il personale apporto che<br />

ognuno <strong>di</strong> noi può dare a questi consessi.<br />

Si è liberi <strong>di</strong> intervenire, anche<br />

nel<strong>la</strong> propria lingua. Si può chiedere e<br />

proporre qualunque argomento. Però<br />

al<strong>la</strong> fine sono pochi quelli che par<strong>la</strong>no e<br />

non si riesce bene ad incidere sulle<br />

decisioni, non per mancanza <strong>di</strong> democrazia,<br />

ma proprio per mancanza <strong>di</strong><br />

approfon<strong>di</strong>mento degli argomenti.<br />

Forse è questo che ci manca <strong>di</strong> più, nel<br />

nostro <strong>Rotary</strong>: approfon<strong>di</strong>mento e<br />

metabolizzazione delle idee nuove che<br />

si propongono e <strong>la</strong> forza <strong>di</strong> renderle<br />

progetti e realizzazioni.<br />

L’ultimo giorno c’è stato <strong>la</strong> sessione <strong>di</strong><br />

domande e risposte con il presidente<br />

internazionale, che è una novità <strong>di</strong> questi<br />

ultimi anni. Il collega Luciano Pierini<br />

del <strong>di</strong>stretto 2090 ha <strong>di</strong>ligentemente<br />

trascritto le 14 domande e le altrettante<br />

Campana italiana donata<br />

al presidente Stenhammar<br />

Nel corso del<strong>la</strong> serata <strong>di</strong> ga<strong>la</strong> al presidente internazionale Carl-<br />

Wilhelm Stenhammar è stata donata <strong>la</strong> “campana del centenario”,<br />

fusa in bronzo nell’antica fonderia pontificia <strong>di</strong> Agnone (Is)<br />

dal<strong>la</strong> famiglia Marinelli, che da secoli costruisce campane impiegando<br />

ancora oggi antiche tecniche.<br />

La campana viene conservata a Evanston presso <strong>la</strong> sede del<br />

<strong>Rotary</strong> international.<br />

Nel<strong>la</strong> campana – <strong>di</strong>ametro 42 cm, peso oltre 70 kg – vi è raffigurato il<br />

volto <strong>di</strong> Paul Harris, insieme al simbolo del <strong>Rotary</strong> international e del<br />

centenario<br />

risposte, da cui traggo i tre argomenti a<br />

mio avviso più importanti.<br />

Institute 2006: i<br />

<strong>Rotary</strong> italiani<br />

invitati ad Amburgo<br />

dal 17 al 17<br />

settembre<br />

Marketing. Sui giovani, Stenhammar<br />

ha ricordato che se non facciamo funzionare<br />

i programmi interact e rotaract,<br />

tra 30 anni non ci sarà più il <strong>Rotary</strong>. Sui<br />

nuovi programmi per il futuro, il Pi riba<strong>di</strong>sce<br />

che fino al<strong>la</strong> fine del programma<br />

PolioPlus, cioè almeno fino al 2010, non<br />

si parlerà <strong>di</strong> nuovi programmi. L’ultima<br />

domanda ha riguardato l’immagine del<br />

<strong>Rotary</strong> e Stenhammar ci ha par<strong>la</strong>to <strong>di</strong><br />

un programma <strong>di</strong> marketing a livello<br />

mon<strong>di</strong>ale, per il quale sono stati richiesti<br />

50 milioni <strong>di</strong> $ Usa: è stato ovviamente<br />

“fermato”, viste le cifre, e il Pi ha rimandato<br />

ad ogni club lo sviluppo dell’immagine.<br />

L’ultimo cenno è stato fatto all’Institute<br />

2006, che si svolgerà ad Amburgo dal<br />

15 al 17 Settembre 2006, per una parte<br />

delle zone, tra cui <strong>la</strong> nostra ed a Istanbul<br />

dall’1 al 3 <strong>di</strong>cembre 2006 per le<br />

altre zone.


10 VITA DEL DISTRETTO<br />

Dicembre 2005 VITA DEL DISTRETTO<br />

Dicembre 2005 11<br />

STATISTICHE. Il <strong>Rotary</strong> ai raggi X<br />

C’è un rotariano ogni 1.509<br />

abitanti sar<strong>di</strong> e 1.737 <strong>la</strong>ziali<br />

E’ <strong>di</strong> 1.385 abitanti per un rotariano <strong>la</strong> me<strong>di</strong>a nazionale: Sardegna e Lazio sono sopra <strong>la</strong><br />

me<strong>di</strong>a. La me<strong>di</strong>a migliore par<strong>la</strong> lombardo: 1.126 abitanti.<br />

Rispetto ai <strong>Rotary</strong> club ci sono 81 mi<strong>la</strong> italiani per ogni associazione locale.<br />

GIUSEPPE BORDIGNON<br />

<strong>Rotary</strong> club Viterbo<br />

La statistica ha le sue vali<strong>di</strong>tà e le sue<br />

carenze. Da una parte evidenzia le<br />

<strong>di</strong>mensioni <strong>di</strong> un fenomeno, dall’altra<br />

ne appiattisce e generalizza gli effetti.<br />

Con questo spirito mi sono impegnato<br />

in qualche rilevazione, <strong>di</strong> tipo statistico,<br />

sul <strong>Rotary</strong> in Italia, <strong>la</strong> sua organizzazione<br />

ed i suoi soci.<br />

I dati ricavati potrebbero rappresentare<br />

un certo interesse per le azioni <strong>di</strong> sviluppo<br />

e conservazione dell’effettivo e<br />

per l’espansione. La ricerca tende a stabilire,<br />

con una certa approssimazione,<br />

due elementi molto importanti per le<br />

azioni anzidette, vale a <strong>di</strong>re, stabilire in<br />

una certa zona : ” quanti abitanti ci sono<br />

per ogni club”, “quanti abitanti ci sono<br />

per ogni rotariano”.<br />

L’indagine riguarda i <strong>di</strong>eci <strong>di</strong>stretti italiani<br />

che rispecchiano le venti regioni<br />

del<strong>la</strong> nostra nazione.<br />

Lo stu<strong>di</strong>o contiene anche una analisi<br />

partico<strong>la</strong>re per le regioni del Lazio e<br />

del<strong>la</strong> Sardegna (che riguardano il<br />

nostro <strong>di</strong>stretto 2080) e un’altra per le<br />

cinque province <strong>la</strong>ziali.<br />

I dati <strong>di</strong> base per le rilevazioni provengono,<br />

per quanto riguarda le popo<strong>la</strong>zioni,<br />

dalle evidenze messe a <strong>di</strong>sposizione<br />

da internet. Gli elementi numerici dell’organizzazione<br />

rotariana sono stati<br />

ricavati dall’ultimo annuario del <strong>Rotary</strong><br />

redatto e <strong>di</strong>stribuito per l’anno rotariano<br />

2004-2005.<br />

Certamente ci saranno delle <strong>di</strong>fferenze<br />

rispetto i dati che verranno comunicati<br />

per il 2005-2006, ma ciò non sposterà <strong>di</strong><br />

molto le risultanze <strong>di</strong> massima.<br />

I tre prospetti sui quali si basa lo stu<strong>di</strong>o<br />

potrebbero servire per l’in<strong>di</strong>viduazione<br />

delle possibili carenze nei meccanismi<br />

rotariani. L’esame dei dati consente <strong>di</strong><br />

stabilire <strong>la</strong> zona ove l’azione rotariana è<br />

stata meno intensa, causando un insufficiente<br />

sviluppo. I dati evidenziano <strong>la</strong><br />

zona e <strong>la</strong> misura <strong>di</strong> una anomalia, consentendo<br />

programmazioni <strong>di</strong> intervento.<br />

E’ chiaro che in queste valutazioni,<br />

derivanti dall’analisi dei numeri, bisogna<br />

tener conto del fatto che le carenze<br />

possono anche prescindere dal<strong>la</strong> esecuzione<br />

del<strong>la</strong> metodologia suggerita dal<br />

<strong>Rotary</strong>. Esistono infatti delle situazioni<br />

derivanti da concentrazioni professionali<br />

o da situazioni sociali tali da mo<strong>di</strong>ficare<br />

un normale andamento <strong>di</strong> crescita.<br />

Seguono ora i dati riguardanti i <strong>di</strong>eci<br />

<strong>di</strong>stretti italiani:<br />

Distretto Abitanti N. club Rotariani Abit. x club Abit. x rotariano<br />

2030 Piemonte-Liguria<br />

Valle d’Aosta 5.846.546 79 4.773 74.000 1.225<br />

2040-2050 Lombar<strong>di</strong>a 8.922.463 142 7.924 62.834 1.126<br />

2060 Veneto-Friuli V.G.<br />

Trentino Alto A<strong>di</strong>ge 6.608.068 75 4.345 88.108 1.520<br />

2070 Emilia Romagna-Toscana 7.421.384 93 6.217 79.800 1.194<br />

2080 Lazio – Sardegna 6.575.695 73 3.925 90.078 1.675<br />

2090 Marche - Abruzzo<br />

Umbria-Molise 3.840.230 60 3.257 64.004 1.179<br />

2100 Campania-Ca<strong>la</strong>bria 7.645.766 62 3.506 123.319 2.181<br />

2110 Sicilia 4.866.202 65 4.117 74.865 1.182<br />

2120 Puglia-Basilicata 4.579.214 47 2.571 97.430 1.781<br />

Dati nazionali 56.305.568 696 40.635 80.898 1.385<br />

me<strong>di</strong>a<br />

me<strong>di</strong>a<br />

La <strong>lettura</strong> dei dati re<strong>la</strong>tivi ai 10 <strong>di</strong>stretti<br />

italiani può consentire, in linea <strong>di</strong> massima,<br />

le seguenti considerazioni.<br />

L’esame evidenzia, in generale, che in<br />

Italia esiste un club <strong>Rotary</strong>, in me<strong>di</strong>a,<br />

ogni 80.000 persone, con un minimo <strong>di</strong><br />

La situazione mette in evidenza una<br />

certa <strong>di</strong>fferenza tra i dati del Lazio e quelli<br />

del<strong>la</strong> Sardegna. Mentre nel Lazio esiste<br />

un club ogni 103.670 abitanti, in Sardegna<br />

c’è un club ogni 63.980 abitanti.<br />

Anche nel rapporto tra rotariani e popo<strong>la</strong>zione<br />

è <strong>di</strong>versa <strong>la</strong> situazione, infatti nel<br />

Lazio abbiamo 1.737 abitanti per ogni<br />

63.000 nei <strong>di</strong>stretti 2040-2050 (Lombar<strong>di</strong>a),<br />

<strong>di</strong> 64.000 nel <strong>di</strong>stretto 2090 (Marche-Abruzzo-Umbria-Molise).<br />

Fuori del<strong>la</strong><br />

me<strong>di</strong>a il <strong>di</strong>stretto 2100 (Campania-Ca<strong>la</strong>bria)<br />

ove il dato sale a 123.000 persone.<br />

Per quanto riguarda l’altro dato del<strong>la</strong><br />

ricerca, esiste in Italia, in me<strong>di</strong>a, un rotariano<br />

ogni 1.400 persone, con dati che<br />

vanno dal minimo <strong>di</strong> 1.126 dei <strong>di</strong>stretti<br />

2040-2050, <strong>di</strong> 1.179 per il <strong>di</strong>stretto 2090,<br />

<strong>di</strong> 1.194 per il <strong>di</strong>stretto 2070, fino al massimo<br />

<strong>di</strong> 2.181 per il <strong>di</strong>stretto 2100.<br />

Distretto 2.080 Lazio – Sardegna<br />

Distretto Abitanti N. club Rotariani Abit. x club Abit. x rotariano<br />

Lazio 4.976.184 48 2.865 103.670 1.737<br />

Sardegna 1.599.511 25 1.060 63.980 1.509<br />

rotariano, in Sardegna il dato scende a<br />

1.509. I dati del<strong>la</strong> Sardegna sono migliori<br />

rispetto a quelli del Lazio sotto il profilo<br />

dello sviluppo e dell’espansione. Se si<br />

considera che <strong>la</strong> norma rotariana prescrive<br />

oggi <strong>di</strong>stretti con un minimo <strong>di</strong> 75<br />

club e 2.700 soci, a chi par<strong>la</strong> <strong>di</strong> un <strong>di</strong>stretto<br />

per <strong>la</strong> Sardegna, dovremmo far osservare<br />

che né l’una né l’altra regione avrebbe<br />

i requisiti numerici stabiliti, perché<br />

anche il Lazio resterebbe carente, essendo<br />

solo in rego<strong>la</strong> con il numero dei soci,<br />

ma lontano per numero <strong>di</strong> club. Solo <strong>la</strong><br />

<strong>di</strong>visione dei più grossi <strong>Club</strong> romani lo<br />

consentirebbe, ma si tratta <strong>di</strong> una operazione<br />

impossibile e inopportuna.<br />

Distretto 2080 – Le province del Lazio<br />

Abitanti N. club Rotariani Abit. x club Abit. x rotariano<br />

Roma 3.536.343 34 2.218 104.010 1.594<br />

Latina 505.846 6 297 84.308 1.703<br />

Frosinone 492.184 3 120 164.061 4.101<br />

Rieti 150.534 2 82 75.267 1.836<br />

Viterbo 291.277 3 148 97.092 1.968<br />

Tutto abbastanza nel<strong>la</strong> me<strong>di</strong>a dei dati<br />

generali del<strong>la</strong> regione, salvo Frosinone<br />

un poco fuori.<br />

Con questo chiudo l’argomento,<br />

<strong>la</strong>sciando i commenti e le analisi agli<br />

amici rotariani che si prenderanno il<br />

tempo <strong>di</strong> leggere questo mio stu<strong>di</strong>o. Ho<br />

pensato <strong>di</strong> aprire in questo modo un<br />

<strong>di</strong>scorso costruttivo, nel<strong>la</strong> speranza che<br />

l’organizzazione trovi <strong>la</strong> via <strong>di</strong> un ulteriore<br />

sviluppo.


12 PERISCOPIO<br />

Dicembre 2005 PERISCOPIO<br />

Dicembre 2005 13<br />

Storia e tra<strong>di</strong>zione italiana del Natale<br />

Ha 716 anni il primo presepio romano<br />

È conservato nel<strong>la</strong><br />

basilica <strong>di</strong> Santa Maria Maggiore<br />

Testi e interviste <strong>di</strong><br />

TIZIANA GRASSI<br />

giornalista – autrice televisiva<br />

Pubblichiamo nelle pagine<br />

che seguono una<br />

breve storia del presepio<br />

romano, interviste<br />

a operatori del settore<br />

(Menaglia, Finizio), a<br />

uomini <strong>di</strong> spettacolo<br />

(Arbore, De Crescenzo),<br />

al giornalista (Petrosillo),<br />

al sociologo<br />

(Ferrarotti) e chiu<strong>di</strong>amo<br />

lo speciale natalizio,<br />

per consonanza <strong>di</strong><br />

tempi e contenuti, con<br />

<strong>la</strong> preghiera del rotariano<br />

La tra<strong>di</strong>zione tipicamente italiana del presepio<br />

si realizza in forme stilistiche e con l'uso<br />

<strong>di</strong> materiali <strong>di</strong>versi che risentono del<strong>la</strong> provenienza<br />

geografica e dei <strong>di</strong>versi perio<strong>di</strong> storici<br />

nei quali operano gli artisti e artigiani.<br />

Riassiumiamo queste <strong>di</strong>versità almeno per<br />

quelle regioni dove <strong>la</strong> tra<strong>di</strong>zione presepiale<br />

ha messo più profonde ra<strong>di</strong>ci presentando<br />

caratteristiche <strong>di</strong> originalità e <strong>di</strong> personalizzazione.<br />

Tali sono il presepio napoletano, il<br />

cui secolo d'oro sarà il '700, legato al<strong>la</strong> figura<br />

<strong>di</strong> Carlo III <strong>di</strong> Borbone, sovrano mecenate<br />

che fece conoscere a Napoli una meravigliosa<br />

fioritura culturale ed artistica, del<strong>la</strong><br />

quale l'arte presepiale costituì una delle<br />

espressioni più splen<strong>di</strong>de; il presepio siciliano,<br />

con l'innovativa tecnica del<strong>la</strong> “cerop<strong>la</strong>stica”<br />

o l'utilizzo <strong>di</strong> materiali partico<strong>la</strong>ri<br />

come il corallo, l'avorio, l'osso, <strong>la</strong> madreper<strong>la</strong>,<br />

l'a<strong>la</strong>bastro, le conchiglie ed altri materiali<br />

marini propri dell'arte presepiale <strong>di</strong> Trapani;<br />

il presepio romano, model<strong>la</strong>to su<br />

quello partenopeo del quale ne rifiuta lo<br />

sfarzo, riconducendo al centro del<strong>la</strong> composizione<br />

<strong>la</strong> Sacra Famiglia attorniata da<br />

figure modeste con scenografie sobrie ed<br />

essenziali costituite in genere da una grotta<br />

in sughero con fondale riproducente il<br />

tipico paesaggio del<strong>la</strong> campagna romana<br />

con pini, olivi e i resti degli antichi acquedotti;<br />

il presepio pugliese, caratterizzato a<br />

Lecce dall'uso del<strong>la</strong> cartapesta e dal<strong>la</strong> tecnica<br />

del<strong>la</strong> “focheggiatura”; il presepio<br />

ligure, specialmente quello povero<br />

dell’‘800, realizzato nelle fornaci <strong>di</strong> Savona<br />

e Albiso<strong>la</strong> con l’argil<strong>la</strong> compressa negli<br />

stampi riproducenti le figure presepiali più<br />

tipiche, successivamente colorate a mano.<br />

Presepio ambientato nel<strong>la</strong> Roma dell’800 e ispirato agli acquarelli <strong>di</strong> Ettore Roesler Franz. Statue con costumi pinelliani <strong>di</strong> Patrizio<br />

Zona e Arturo Manzo.<br />

Per ragioni <strong>di</strong> spazio iniziamo questo<br />

intervento facendo alcuni cenni solo al<br />

presepio romano.La prima testimonianza<br />

in assoluto dell’arte presepiale a<br />

Roma, si ha con le statue <strong>di</strong> legno scolpite<br />

nel 1289 da Arnolfo Di Cambio e<br />

conservate nel<strong>la</strong> cripta del<strong>la</strong> Cappel<strong>la</strong><br />

Sistina del<strong>la</strong> Basilica <strong>di</strong> Santa Maria<br />

Maggiore. Successivamente sono le cronache<br />

del frate francescano Juan Francisco<br />

Nuno ad informare, nel 1581, sull’uso<br />

ormai da tempo <strong>di</strong>ffuso a Roma, <strong>di</strong><br />

allestire presepi in monasteri e luoghi <strong>di</strong><br />

culto ed in partico<strong>la</strong>re nel<strong>la</strong> Chiesa dell’Aracoeli<br />

dove era specialmente venerata<br />

<strong>la</strong> statua del Bambinello che si <strong>di</strong>ce<br />

opera <strong>di</strong> un frate francescano che l’aveva<br />

intagliata in un tronco <strong>di</strong> ulivo del<br />

Getsemani, trafugata il 1° febbraio del<br />

1994 e non più ritrovata.<br />

Famiglie importanti. Nel ‘600 <strong>la</strong> nobiltà<br />

romana inizia ad esporre presepi nei<br />

propri pa<strong>la</strong>zzi, opere sontuose in linea<br />

con lo stile barocco dell’epoca, commissionate<br />

ad artisti famosi come il Bernini<br />

del quale si ricorda un presepio realizzato<br />

per il Principe Barberini. Anche il ‘700<br />

mantiene viva <strong>la</strong> tra<strong>di</strong>zione dei presepi<br />

nelle case patrizie ma chiese e monasteri<br />

non sono da meno, come attestano le<br />

gran<strong>di</strong> statue del<strong>la</strong> Natività in San<br />

Lorenzo, i presepi <strong>di</strong> Santa Maria in Trastevere<br />

e Santa Cecilia. Ma è nell’ ‘800<br />

che <strong>la</strong> realizzazione <strong>di</strong> presepi si <strong>di</strong>ffonde<br />

a livello popo<strong>la</strong>re grazie al<strong>la</strong> produzione<br />

a basso costo, con gli stampi <strong>di</strong><br />

innumerevoli serie <strong>di</strong> statuine in terracotta<br />

model<strong>la</strong>te da artigiani figurinai.<br />

Sono tuttavia le famiglie più importanti<br />

per censo e ceto sociale a realizzare in<br />

gara tra loro i presepi più imponenti,<br />

ricostruzioni <strong>di</strong> paesaggi biblici o <strong>di</strong><br />

scorci del<strong>la</strong> campagna romana caratterizzata<br />

da alberature <strong>di</strong> pini e olivi,<br />

costruzioni rustiche e rovine dell’antichità,<br />

da mostrare non solo a parenti e<br />

amici ma anche a concitta<strong>di</strong>ni e turisti,<br />

A Natale c’è anche l’albero <strong>di</strong> Natale<br />

La pianta principe è naturalmente l’abete, il cui nome scientifico è Picea Abies.<br />

Per i presepisti, l’albero è qualcosa che ha sapore vagamente straniero. Però<br />

bisogna riconoscere che dà gioia e allegria.<br />

Circa le sue origini alcuni sostengono che tale usanza sia nata<br />

nel 1611 ad opera del<strong>la</strong> duchessa <strong>di</strong> Brug. Ma i ricercatori<br />

ritengono che <strong>la</strong> sua storia abbia origini ben più remote. Infatti<br />

si pensa che <strong>la</strong> sua genesi sia scaturita dall’enorme abete,<br />

sfrondato fin quasi ad altezza d’uomo, che i boscaioli del<strong>la</strong><br />

Selva Nera incidevano e adornavano. Era il famoso “Weihnachtsbaum”<br />

sotto il quale i bambini dei boscaioli danzavano<br />

con in testa una corona con alcune candeline accese. Tale<br />

corona è simile a quel<strong>la</strong> usata, oggi, in Svezia nel giorno <strong>di</strong><br />

Santa Lucia. Altri stu<strong>di</strong>osi, invece, attribuiscono l’origine dell’albero<br />

<strong>di</strong> Natale ad una leggenda sul<strong>la</strong> vita <strong>di</strong> S. Wilfred. Il Santo stava abbattendo<br />

una quercia, che era venerata dal<strong>la</strong> popo<strong>la</strong>zione celtica, quando si scatenò<br />

un’improvvisa tempesta e <strong>la</strong> quercia fu bruciata da un fulmine, mentre un<br />

raggio <strong>di</strong> sole illuminava un giovane abete che si trovava lì accanto.<br />

Ma qual è il significato simbolico dell’albero <strong>di</strong> Natale Tra le varie ipotesi si è<br />

pensato ad una re<strong>la</strong>zione con l’albero <strong>di</strong> Adamo ed Eva, che appariva quasi sempre<br />

nelle rappresentazioni me<strong>di</strong>oevali.<br />

Nel 1800 l’usanza dell’abete si <strong>di</strong>ffuse anche nell’area me<strong>di</strong>terranea, assumendo<br />

strutture e forme come il “Christmas Tre” anglosassone.<br />

Presepio artigianale sardo realizzato in legno, polistirolo e ceramica. Abiti folkloristici sar<strong>di</strong> (Agnese<br />

Marongiu). Esposto al<strong>la</strong> mostra “100 Presepi”, 30 a e<strong>di</strong>zione.<br />

richiamati da fronde <strong>di</strong> rami appesi ai<br />

portoni a somiglianza d’insegne.<br />

Roma sparita. Sono rimasti famosi<br />

quello del<strong>la</strong> famiglia Buttarelli in Via<br />

De’ Genovesi, riproducente il paese <strong>di</strong><br />

Greccio e <strong>la</strong> scena del presepio vivente<br />

voluto da San Francesco o quello <strong>di</strong><br />

padre Bonelli nel portico del<strong>la</strong> chiesa<br />

dei Santi XII Apostoli, parzialmente<br />

meccanico con <strong>la</strong> ricostruzione del<br />

Lago <strong>di</strong> Tiberiade solcato dalle barche e<br />

delle città <strong>di</strong> Gerusalemme e Betlemme.<br />

Nel presepio romano più usuale, il<br />

paesaggio agreste fa da sfondo al<strong>la</strong><br />

grotta in sughero, sovrastata da un tripu<strong>di</strong>o<br />

<strong>di</strong> angeli in volo sulle nuvole, <strong>di</strong>sposti<br />

in nove cerchi concentrici che<br />

pongono <strong>la</strong> Natività al centro del<strong>la</strong><br />

scena, una scena povera sia nel<strong>la</strong> rappresentazione<br />

dei personaggi, pastori<br />

con le greggi e conta<strong>di</strong>ni al <strong>la</strong>voro con i<br />

loro animali, sia nelle architetture, case<br />

modeste e locande <strong>di</strong> campagna tra<br />

resti <strong>di</strong> archi e acquedotti antichi, tipici<br />

dei luoghi rappresentati. A partire dal<strong>la</strong><br />

seconda metà del ‘900, l’ambientazione<br />

cambia e vengono proposte zone<br />

caratteristiche del<strong>la</strong> Roma sparita,<br />

demolite per far posto all’urbanizzazione<br />

<strong>di</strong> Roma capitale, ma conservate al<br />

ricordo dagli acquerelli dell’artista<br />

tedesco E. Roesler Franz, che fotografano<br />

<strong>la</strong> Roma papalina e le sue irripetibili<br />

atmosfere.


14 PERISCOPIO<br />

Dicembre 2005 PERISCOPIO<br />

Dicembre 2005 15<br />

INTERVISTE IN ESCLUSIVA PER IL ROTARY<br />

Essere o avere<br />

LUCIANO DE CRESCENZO<br />

scrittore<br />

Per me l’umanità si <strong>di</strong>vide in due<br />

“razze” <strong>di</strong>verse… I presepisti e gli<br />

alberisti. Li ho sempre associati,<br />

questi due gruppi, ai concetti <strong>di</strong><br />

essere o avere. I presepisti sono<br />

assimi<strong>la</strong>bili all’essere, gli alberisti<br />

all’avere. Perché Perché più sol<strong>di</strong><br />

si hanno, più decorazioni si comprano,<br />

e meglio viene l’albero!<br />

Mentre il presepista bada all’essere:<br />

lui si ricorda del presepe <strong>di</strong><br />

quando era piccolo e cerca <strong>di</strong> ritrovare<br />

quei sentimenti, quelle emozioni<br />

<strong>di</strong> quando suo padre, tanti<br />

anni prima, faceva il presepe.<br />

La mangiatoia<br />

FRANCO FERRAROTTI<br />

sociologo<br />

Il Natale è, ovviamente, una festa<br />

religiosa. Per me è anche un’esperienza<br />

esistenziale. È il ritorno<br />

all’infanzia. In altre parole, Betlemme<br />

non è solo una metafora: si<br />

torna alle stalle <strong>di</strong> una volta, che<br />

non erano le stalle <strong>di</strong> oggi, asettiche,<br />

e in cui persino <strong>la</strong> mungitura è<br />

meccanizzata. Con il Natale, con il<br />

bue e l’asinello e l’Infante nel<strong>la</strong><br />

mangiatoia, torna al<strong>la</strong> mia mente<br />

l’Italia conta<strong>di</strong>na, l’Italia dei rapporti<br />

primari, faccia a faccia, in cui<br />

non c’erano telefoni, televisione,<br />

cellu<strong>la</strong>ri. Prevaleva il rapporto<br />

umano <strong>di</strong>retto. E nelle stalle i vecchi,<br />

ai giovani e ai giovanissimi che<br />

ascoltavano a bocca aperta, schiudevano<br />

i segreti del mondo delle<br />

fiabe che si tramandavano lungo le<br />

generazioni <strong>di</strong> padre in figlio.<br />

Per me il Natale è anche il ricordo,<br />

struggente e nostalgico, <strong>di</strong> una<br />

solidarietà perduta e <strong>di</strong> un mondo<br />

che non c’è più, un mondo che<br />

però è ancora oggi portatore e<br />

testimone <strong>di</strong> valori che non vanno<br />

<strong>di</strong>menticati.<br />

Comune <strong>di</strong> Trabia - Sicilia<br />

Nino Scalia - Terrecotta<br />

Gli zampognari<br />

RENZO ARBORE<br />

artista<br />

Il Natale mi piace così tanto che<br />

per me comincia subito dopo i<br />

“morti”, quando preparo il presepe<br />

napoletano, l’albero, le luminarie e<br />

tutto quello che “fa” Natale. Mi<br />

piace molto <strong>la</strong> festa, che naturalmente<br />

mi riporta all’infanzia. I miei<br />

Natali più belli sono legati a quel<br />

periodo. Al ricordo degli zampognari<br />

“puzzolenti” <strong>di</strong> vino che al<strong>la</strong><br />

fine del<strong>la</strong> novena, carichi <strong>di</strong> zampogne<br />

e piffero, venivano a casa,<br />

ricompensati per il loro <strong>la</strong>voro con<br />

un bicchiere <strong>di</strong> vino. Arrivavano già<br />

completamente ubriachi, per tutte<br />

le case che avevano visitato! Bellissimi<br />

quei Natali con <strong>la</strong> famiglia<br />

numerosissima, l’allegria, e i dolci<br />

del<strong>la</strong> Puglia: le cartel<strong>la</strong>te col vincotto,<br />

i susamielli, i croccanti, le mandorle<br />

“atterrate”… Questi i ricor<strong>di</strong><br />

più belli. Ma ho anche passato<br />

splen<strong>di</strong><strong>di</strong> Natali al sole, in Africa o<br />

ai Carabi. È un po’ curioso trascorrere<br />

questa festa al caldo, con un’<br />

“atmosfera” completamente <strong>di</strong>versa.<br />

In partico<strong>la</strong>re fu bello un Natale<br />

che alcuni anni trascorsi a Key<br />

West, un’iso<strong>la</strong> vicino Miami: lì c’è <strong>la</strong><br />

tra<strong>di</strong>zione <strong>di</strong> illuminare le case e<br />

fare il presepe nei giar<strong>di</strong>ni, con i<br />

“pupi” <strong>di</strong> p<strong>la</strong>stica tutti illuminati da<br />

dentro, coloratissimi. Per me che<br />

amo il kitsch, furono immagini <strong>di</strong><br />

grande effetto, molto suggestive.<br />

Il “gomitolo”<br />

<strong>di</strong> Natale<br />

ORAZIO PETROSILLO<br />

vaticanista de “Il Messaggero”<br />

Il regalo che ci porta il Bambino a<br />

Natale è una sorta <strong>di</strong> gomitolo che<br />

ci serve per uscire dal <strong>la</strong>birinto<br />

del<strong>la</strong> vita in cui entriamo con <strong>la</strong><br />

nascita. Che cos’è questo gomitolo<br />

In quel Bambino noi riconosciamo<br />

il Figlio <strong>di</strong> Dio. Nel Figlio <strong>di</strong> Dio<br />

“leggiamo” il racconto, <strong>la</strong> rive<strong>la</strong>zione<br />

che Dio è Padre. Il Bambino <strong>di</strong><br />

Natale rende accessibile a noi il<br />

Volto invisibile <strong>di</strong> Dio Padre. Quel<br />

gomitolo si trasforma in una salda,<br />

robusta fune che salva qualsiasi<br />

naufrago del<strong>la</strong> vita.<br />

Qual è il Mistero del Natale Dio è<br />

Padre, non è l’Assoluto <strong>di</strong>stante,<br />

inaccessibile, dal quale ci separa<br />

un abisso, quello che passa tra <strong>la</strong><br />

natura <strong>di</strong>vina e quel<strong>la</strong> umana.<br />

Natale è il Dio che si “compromette”<br />

con <strong>la</strong> storia umana. Dio ha<br />

interesse ad avvicinarsi a noi. Il<br />

Figlio <strong>di</strong> Dio che <strong>di</strong>venta un fragile<br />

bambino per innalzare l’uomo mortale<br />

al<strong>la</strong> <strong>di</strong>gnità <strong>di</strong> figlio <strong>di</strong> Dio.<br />

Questo è l’intramontabile messaggio<br />

del Natale.<br />

Comune <strong>di</strong> Trabia - Sicilia<br />

Angelo Lo Presti<br />

Tego<strong>la</strong> con statuine in terrecotta e stoffa<br />

Intervista al<strong>la</strong> dott.ssa Mariacar<strong>la</strong> Menaglia, <strong>di</strong>rettore mostra “100 presepi” e “Rivista delle<br />

nazioni”. La mostra è in corso e chiude l’8 gennaio 2006.<br />

DAL<br />

FERRO<br />

ALLA<br />

CARTA-<br />

PESTA<br />

Dottoressa Menaglia, come ogni anno tornano i presepi e<br />

giunge così al<strong>la</strong> sua XXX e<strong>di</strong>zione <strong>la</strong> Mostra internazionale<br />

dei “100 Presepi”, che ha sede nelle suggestive sale del Bramante<br />

presso <strong>la</strong> basilica <strong>di</strong> Santa Maria del Popolo, gentilmente<br />

concesse dai Padri Agostiniani. “100 Presepi” è ormai<br />

solo un riferimento storico, in quanto in<strong>di</strong>ca il numero dei<br />

presepi esposti nel<strong>la</strong> prima e<strong>di</strong>zione <strong>di</strong> questo evento che<br />

accompagna Roma da 30 anni.<br />

Esattamente! Nel corso degli anni <strong>la</strong> mostra - realizzata<br />

sotto l’alto patronato del Presidente del<strong>la</strong> Repubblica - si è<br />

arricchita con un numero sempre crescente <strong>di</strong> opere ed oggi<br />

sono oltre 200 i presepi esposti; presepi che si rinnovano<br />

completamente ogni anno, provenienti da Roma e provincia,<br />

da quasi tutte le regioni italiane e da circa 30 Paesi stranieri.<br />

Sono opere <strong>di</strong> artisti, <strong>di</strong> artigiani italiani e stranieri collezionisti,<br />

amatori, studenti <strong>di</strong> Scuole elementari e me<strong>di</strong>e <strong>di</strong><br />

Roma e provincia, associazioni culturali e impegnate nel<br />

sociale.<br />

Trent’anni<br />

Ripercorriamone insieme <strong>la</strong> storia e gli obiettivi. Lei è<br />

attualmente il <strong>di</strong>rettore <strong>di</strong> questa manifestazione, ma…<br />

… tutto nacque nel 1976 da un’idea <strong>di</strong> mio padre, il giornalista<br />

Manlio Menaglia. Un uomo attaccato alle tra<strong>di</strong>zioni,<br />

soprattutto a quel<strong>la</strong> natalizia. Lo ricordo ancora alle prese<br />

con <strong>la</strong> realizzazione del suo presepio, che magari finiva proprio<br />

all’alba <strong>di</strong> Natale, stanco ma sod<strong>di</strong>sfatto. Fu lui che<br />

pensò al<strong>la</strong> necessità <strong>di</strong> una rassegna d’arte presepiale,<br />

volendo riaffermare una tra<strong>di</strong>zione tipicamente italiana che<br />

in quegli anni rischiava <strong>di</strong> tramontare, soppiantata dal<strong>la</strong><br />

moda dell’albero <strong>di</strong> Natale, estranea al<strong>la</strong> nostra cultura. E fu<br />

sempre lui che, visitando <strong>la</strong> basilica <strong>di</strong> Santa Maria del Popolo<br />

e le sale del Bramante, pensò fosse quel<strong>la</strong> <strong>la</strong> sede più giusta<br />

per ospitare <strong>la</strong> sua mostra de<strong>di</strong>cata al Bambino. Da allora<br />

– con il supporto del<strong>la</strong> “Rivista delle Nazioni” che sempre<br />

mio padre fondò ed oggi io <strong>di</strong>rigo – continuo a riproporre<br />

all’attenzione del<strong>la</strong> gente, in partico<strong>la</strong>re a bambini e giovani,<br />

opere presepiali. Ognuno può rappresentare il presepio<br />

così come lo “sente”; il desiderio è anche quello <strong>di</strong> valorizzare<br />

con <strong>la</strong> rappresentazione del<strong>la</strong> natività il modello familiare<br />

quale car<strong>di</strong>ne insostituibile del<strong>la</strong> società civile. La vocazione<br />

internazionale del<strong>la</strong> mostra è testimoniata dall’esposizione,<br />

come le <strong>di</strong>cevo, <strong>di</strong> circa trenta presepi ogni anno<br />

nuovi, provenienti dai cinque continenti.<br />

Inaugurazione con il presepio vivente del<strong>la</strong> Mostra “100 Presepi”, Sale<br />

del Bramante <strong>di</strong> Piazza del Popolo - Roma<br />

DAI<br />

TAPPI<br />

AI<br />

FRUTTI<br />

DI MARE<br />

La selezione<br />

L’iniziativa, antesignana delle varie mostre <strong>di</strong> presepi che si<br />

svolgono oggi in Italia nel periodo natalizio, rappresenta un<br />

tra<strong>di</strong>zionale appuntamento <strong>di</strong> grande richiamo per i romani<br />

e i turisti, italiani e stranieri. Un grande successo, come<br />

confermano le 40.000 presenze dello scorso anno. Ma come<br />

vengono selezionati i presepi da esporre, così <strong>di</strong>versi e originali<br />

per ambientazioni, varietà dei materiali usati, <strong>di</strong>mensioni<br />

Non è un <strong>la</strong>voro facile, ci si <strong>la</strong>vora tutto l’anno. Ci sono tanti<br />

presepi belli, anche semplici, “infantili”, che però esprimono<br />

il senso profondo del<strong>la</strong> natività. Devo fare una selezione<br />

forte, perché altrimenti - per esporli tutti - sarebbero necessarie<br />

sale molto più gran<strong>di</strong>.<br />

Possono partecipare artisti e artigiani, bambini e ragazzi,<br />

associazioni… ma per tutti - ricordo che <strong>la</strong> partecipazione è<br />

gratuita, compreso il trasporto del presepio - vale il criterio<br />

che i <strong>la</strong>vori proposti devono essere realizzati manualmente.<br />

Vede, alcuni presepisti fanno delle scenografie bellissime<br />

ma capita che non sappiano fare i personaggi e allora li<br />

comprano già pronti… Questo non è possibile.<br />

I materiali<br />

“Visitando” con lei <strong>la</strong> mostra, quali sono i presepi che più <strong>la</strong><br />

colpiscono<br />

Difficile <strong>di</strong>rlo… Da tutta Italia e da ogni parte del mondo,<br />

dalle gran<strong>di</strong> città come da lontani borghi <strong>di</strong> montagna, si<br />

concentrano a Roma tante opere dell’ingegno e del<strong>la</strong> fantasia,<br />

provenienti da musei e collezioni private, da capiscuo<strong>la</strong><br />

e artisti. Ci sono i presepi realizzati con i materiali più vari,<br />

corallo, argento, porcel<strong>la</strong>ne, vetro, bronzo, ferro battuto,<br />

argil<strong>la</strong>, legno, cartapesta, materiali <strong>di</strong> recupero… Talvolta<br />

sono prodotti anche con le cose e gli oggetti più semplici<br />

del<strong>la</strong> vita quoti<strong>di</strong>ana, come <strong>la</strong> ciocco<strong>la</strong>ta, il pane, le pannocchie,<br />

tappi o bottoni, gusci <strong>di</strong> frutti <strong>di</strong> mare o paste alimentari.<br />

Le <strong>di</strong>mensioni variano dal formato in miniatura come <strong>la</strong><br />

Natività in bassorilievo riprodotta nel guscio <strong>di</strong> una noccio<strong>la</strong><br />

a quello ad altezza d’uomo. I presepi hanno ambientazioni<br />

<strong>di</strong>verse: da quelle c<strong>la</strong>ssiche del Seicento e Settecento napoletano<br />

e siciliano e dell’Ottocento romano a quelle avveniristiche<br />

espresse con cristalli, ferro e luci colorate o fantasiose,<br />

motori d’auto, televisori o damigiane che danno vita alle<br />

forme p<strong>la</strong>stiche più incre<strong>di</strong>bili! E poi, sull’onda del<strong>la</strong> creatisegue<br />

a pag. 16


16 PERISCOPIO<br />

Dicembre 2005 PERISCOPIO<br />

Dicembre 2005 17<br />

vità, ci sono i bellissimi presepi dei<br />

bambini, quelli fatti con materiale<br />

“povero”, con carta velina, cartoncini e<br />

porporina…<br />

I bambini<br />

Accennava ai bambini, un mondo a cui<br />

è molto legata, è così<br />

Effettivamente teniamo molto ai bambini,<br />

ed è pensando a loro, i futuri<br />

“custo<strong>di</strong>” e depositari del<strong>la</strong> tra<strong>di</strong>zione<br />

presepistica, che abbiamo realizzato -<br />

con <strong>la</strong> col<strong>la</strong>borazione dell’assessorato<br />

alle politiche <strong>di</strong> promozione dell’infanzia<br />

e del<strong>la</strong> famiglia del comune <strong>di</strong> Roma<br />

- un <strong>la</strong>boratorio interno al<strong>la</strong> mostra, dal<br />

titolo “Il Presepio come gioco”. Un <strong>la</strong>boratorio,<br />

ormai giunto al<strong>la</strong> settima e<strong>di</strong>zione,<br />

a cui possono partecipare bambini<br />

dal<strong>la</strong> materna alle scuole me<strong>di</strong>e,<br />

dove personale specializzato permette<br />

<strong>di</strong> giocare e <strong>di</strong>vertirsi sviluppando <strong>la</strong><br />

loro creatività e capacità manuale.<br />

Il Laboratorio “Il Presepio come Gioco” nell’ambito<br />

del<strong>la</strong> Mostra “100 Presepi”, Sale del Bramante<br />

<strong>di</strong> Piazza del Popolo - Roma<br />

Partico<strong>la</strong>re dell’Adorazione dei Magi <strong>di</strong> Venezia<br />

tratto dal<strong>la</strong> rivista dell’ “Associazione italiana<br />

amici del presepio”<br />

Intervista ad Alberto Finizio, vice presidente associazione<br />

italiana “Amici del presepio”<br />

UN PRESEPIO PER AMICO<br />

TANTI AMICI DEL PRESEPIO<br />

Correva l’anno 1953 quando in una bel<strong>la</strong> serata autunnale romana, in una<br />

picco<strong>la</strong> stanzetta che i padri Stimmatini misero a <strong>di</strong>sposizione in via Mazzarino<br />

– nel cuore del<strong>la</strong> vecchia Roma – nasceva il primo nucleo dell’associazione<br />

italiana “Amici del presepio”, intensamente voluta dal suo fondatore<br />

Angelo Stefanucci.<br />

Nel<strong>la</strong> spoglia stanzetta vi era un grande tavolo su cui erano sparsi libri e riviste<br />

tutti de<strong>di</strong>cati al presepio. Più qualche miniatura presepistica. In sottofondo<br />

scorrevano le note <strong>di</strong> pastorali natalizie. I comunicati stampa, le circo<strong>la</strong>ri<br />

spe<strong>di</strong>te, ma più <strong>di</strong> tutto il numero 1 del bollettino allora stampato in 250<br />

copie e redatto in sette lingue, cominciarono a far affluire i primi amici che,<br />

giunti anche da molto lontano, presero posto sulle poche decine <strong>di</strong> se<strong>di</strong>e.<br />

Oggi come cinquant’anni fa, nel quartiere Monti (in via Tor de’ Conti 31, nelle<br />

sale sottostanti <strong>la</strong> Chiesa dei Ss. Quirico e Giulitta) l’associazione accomuna<br />

tutti coloro che sentono una partico<strong>la</strong>re passione per il presepio.<br />

Quattromi<strong>la</strong> soci<br />

Quanti soci siete<br />

Circa quattromi<strong>la</strong> ripartiti in oltre<br />

settanta sezioni <strong>di</strong>slocate in Italia.<br />

Sono cultori che desiderano mantenere<br />

viva <strong>la</strong> tra<strong>di</strong>zione del presepio,<br />

armonizzar<strong>la</strong> con i tempi nuovi, <strong>di</strong>ffonder<strong>la</strong><br />

sempre più e stu<strong>di</strong>arne<br />

tutti gli aspetti: religiosi, storici,<br />

folkloristici e tecnici.<br />

Rivista trimestrale<br />

L’associazione pubblica per i suoi<br />

soci una rivista trimestrale, che è<br />

un po’ l’organo ufficiale,“Il Presepio”.<br />

Ne parliamo<br />

Questa rivista - che si pubblica<br />

ininterrottamente dal 1953 - è l’unica<br />

del genere in Italia a raccogliere<br />

e fornire notizie <strong>di</strong> varia natura<br />

che riguardano il presepio, le manifestazioni<br />

e le attività presepistiche<br />

sia nel nostro paese che in tutto il<br />

mondo. Pubblichiamo in un’apposita<br />

rubrica le foto dei presepi realizzati<br />

dai nostri iscritti, evidenziamo<br />

le iniziative svolte nelle varie sezioni,<br />

de<strong>di</strong>chiamo articoli <strong>di</strong> approfon<strong>di</strong>mento<br />

a tematiche teologiche e<br />

storiche, ma non <strong>di</strong>mentichiamo <strong>di</strong><br />

offrire ampio spazio anche alle tecniche<br />

del presepio.<br />

Congressi<br />

Organizzate anche momenti aggregativi<br />

<strong>di</strong> confronto<br />

Sì, ogni anno si svolge, in una località<br />

italiana sempre <strong>di</strong>versa, un<br />

congresso nazionale al quale partecipano<br />

soci provenienti da tutte le<br />

regioni; ogni quattro anni invece gli<br />

appassionati <strong>di</strong> tutto il mondo si<br />

riuniscono in un congresso internazionale.<br />

Piazza Navona<br />

Sin dagli anni ‘50 voi curate <strong>la</strong> realizzazione<br />

del bellissimo presepio<br />

del comune <strong>di</strong> Roma a Piazza<br />

Navona, in occasione del<strong>la</strong> fiera<br />

natalizia. Altri appuntamenti legati<br />

al Natale<br />

Ci fa piacere <strong>di</strong>re che proprio in<br />

questo periodo a New Haven, vicino<br />

New York, presso il museo dei<br />

Cavalieri <strong>di</strong> Colombo è in corso una<br />

mostra che ospita ben 55 presepi<br />

del<strong>la</strong> nostra associazione provenienti<br />

da tutto il mondo a cui seguirà<br />

un catalogo.<br />

E sempre nostri presepi sono<br />

attualmente in esposizione a<br />

Mosca, nel museo del<strong>la</strong> chiesa <strong>di</strong><br />

Cristo Salvatore.<br />

segue al<strong>la</strong> pagina seguente<br />

Tremi<strong>la</strong> pezzi<br />

Per concludere un accenno al<br />

museo tipologico internazionale del<br />

presepio, ospitato presso <strong>la</strong> sede<br />

dell’associazione. Un museo permanente<br />

e partico<strong>la</strong>rmente suggestivo.<br />

È il nostro fiore all’occhiello, nato<br />

per volontà dell’illuminato Angelo<br />

Stefanucci, il fondatore dell’associazione,<br />

e continuamente arricchito.<br />

Raccoglie presepi e “figure” <strong>di</strong><br />

notevole valore storico, artistico e<br />

documentario: più <strong>di</strong> tremi<strong>la</strong> pezzi<br />

provenienti da decine <strong>di</strong> nazioni in<br />

rappresentanza <strong>di</strong> quasi tutti i continenti,<br />

che hanno il pregio <strong>di</strong> offrire<br />

una panoramica ampia sulle<br />

varie interpretazioni ed ambientazioni<br />

del<strong>la</strong> Natività in Italia e nel<br />

mondo. Ed è proprio tra questi presepi<br />

in esposizione che hanno luogo<br />

i nostri corsi <strong>di</strong> tecnica presepistica,<br />

nonché gli incontri, le conferenze,<br />

le mostre.<br />

Santa Chiara<br />

e <strong>la</strong> televisione<br />

Durante <strong>la</strong> notte <strong>di</strong> Natale del 1252<br />

mentre giaceva inferma nel suo<br />

dormitorio, Santa Chiara vide<br />

improvvisamente il presepio vivente<br />

celebrato da San Francesco a<br />

Greccio nel 1223.<br />

Per tale motivo è oggi <strong>la</strong> patrona<br />

del<strong>la</strong> televisione.<br />

“Buon Natale”: il primo biglietto è del 1843<br />

Henry Cole, uomo d’affari inglese, preoccupato <strong>di</strong> non riuscire a mandare le molte lettere <strong>di</strong> auguri natalizi,<br />

pregò il suo amico Calcott Horsley, pittore, <strong>di</strong> <strong>di</strong>pingere un cartoncino adatto al<strong>la</strong> circostanza.<br />

L’artista <strong>di</strong>segnò, al centro, una famiglia felice che brinda; ai <strong>la</strong>ti, alcuni poveri da questa beneficati e, sotto,<br />

<strong>la</strong> scritta “Buon Natale e auguri per l’Anno Nuovo”.<br />

Era nato il primo biglietto d’auguri natalizio: anno <strong>di</strong> grazia 1843.<br />

Preghiera del rotariano<br />

Dio <strong>di</strong> tutti i popoli del<strong>la</strong> terra<br />

Dio che ci hai voluto fratelli,<br />

senza <strong>di</strong>stinzione <strong>di</strong> sorta,<br />

sotto l’a<strong>la</strong> del<strong>la</strong> Tua misericor<strong>di</strong>a,<br />

Dio che ci hai donato<br />

<strong>la</strong> capacità del pensiero<br />

e dell’azione<br />

per farne uso,<br />

secondo le nostre attitu<strong>di</strong>ni personali,<br />

a favore dell’umanità.<br />

Dio che illumini <strong>la</strong> nostra notte terrena<br />

con il raggio del<strong>la</strong> speranza,<br />

ren<strong>di</strong>ci strumento<br />

<strong>di</strong> salvezza e <strong>di</strong> conforto<br />

per tutti coloro che hanno sete<br />

del Tuo amore<br />

e del<strong>la</strong> Tua giustizia.<br />

Colmaci del<strong>la</strong> Tua luce<br />

e del<strong>la</strong> Tua forza<br />

affinché ciascuno <strong>di</strong> noi,<br />

impegnato nel <strong>Rotary</strong><br />

al servizio dell’uomo,<br />

possa trovare<br />

in ogni momento del<strong>la</strong> sua giornata<br />

I’occasione <strong>di</strong> soccorrere<br />

chi invoca amore,<br />

carità, comprensione.<br />

Fa’ che ogni sera cali su <strong>di</strong> noi,<br />

con <strong>la</strong> Tua bene<strong>di</strong>zione,<br />

quel<strong>la</strong> <strong>di</strong> coloro<br />

cui abbiamo offerto un sorriso,<br />

suscitato una fede,<br />

arrecato un aiuto.<br />

Allontana da noi<br />

le tristi ombre dell’in<strong>di</strong>fferenza,<br />

del cinismo, dell’egoismo,<br />

del<strong>la</strong> ripulsa, del<strong>la</strong> falsità.<br />

Dona pace ai nostri cuori,<br />

coraggio alle nostre anime,<br />

pazienza alle nostre azioni,<br />

tolleranza al<strong>la</strong> nostra forza.<br />

Ren<strong>di</strong>ci partecipi del<strong>la</strong> Tua grazia<br />

unitamente<br />

a tutte le persone a noi care,<br />

ai poveri, ai tribo<strong>la</strong>ti,<br />

agli sbandati, agli oppressi.<br />

Così sia.


18 VITA DEL DISTRETTO<br />

Dicembre 2005<br />

Dicembre 2005 VITA DEL DISTRETTO<br />

19<br />

I<strong>di</strong>r per i soci <strong>di</strong> Roma e Lazio<br />

400 soci iscritti<br />

da meno <strong>di</strong> un anno<br />

Franco Arzano<br />

Re<strong>la</strong>zioni <strong>di</strong> Pozzi, Chiappetta e Randone. Di Raimondo: “Lancio <strong>la</strong> proposta <strong>di</strong> realizzare<br />

una o due scuole in Etiopia”. Arcese: “In casa nostra formazione e informazione<br />

sono in cima alle cose da fare”. Presenza femminile: supera il 7%. 25 interventi<br />

per un affol<strong>la</strong>to e fruttuoso <strong>di</strong>battito.<br />

PIERO BUCCI<br />

<strong>Rotary</strong> club Roma Sud Est<br />

Questa volta gli assenti hanno avuto<br />

torto perché l’ I<strong>di</strong>r per i soci <strong>di</strong> Roma<br />

e Lazio ha riportato un bel successo.<br />

Erano infatti ben 230 i rotariani che il 5<br />

novembre scorso hanno letteralmente<br />

affol<strong>la</strong>to <strong>la</strong> sa<strong>la</strong> convegni dell’hotel<br />

Crowne P<strong>la</strong>za sull’Aurelia Antica, a<br />

Roma. Molte le facce nuove <strong>di</strong> persone<br />

recentemente affiliate al <strong>Rotary</strong> international<br />

ed ottima l’idea <strong>di</strong> assegnare i<br />

due terzi del tempo programmato per<br />

<strong>la</strong> manifestazione ad una sorta <strong>di</strong> question<br />

time che ha fatto registrare 25<br />

interventi.<br />

Sia il governatore che l’istruttore<br />

<strong>di</strong>strettuale Antonio Arcese non<br />

hanno potuto nascondere <strong>la</strong> loro sod<strong>di</strong>sfazione.<br />

Giorgio Di Raimondo<br />

Roberto Ival<strong>di</strong><br />

Antonio Arcese<br />

Tre re<strong>la</strong>zioni. Le re<strong>la</strong>zioni sono state<br />

soltanto tre, tutte <strong>di</strong> durata non superiore<br />

ai 15 minuti, e, forse, anche per<br />

questo, attentamente seguite dai partecipanti.<br />

Dopo il saluto del governatore Giorgio<br />

Di Raimondo, e dei suoi successori<br />

Roberto Ival<strong>di</strong> e Franco Arzano, ha<br />

preso <strong>la</strong> paro<strong>la</strong> Antonio Arcese per illustrare<br />

il programma e gli obiettivi del<br />

seminario.“ Non dobbiamo mai <strong>di</strong>menticare<br />

– ha sottolineato il Pdg Arcese –<br />

che questo seminario è in<strong>di</strong>rizzato<br />

soprattutto ai nuovi soci ed ai futuri <strong>di</strong>rigenti.<br />

Ad entrambe le categorie è infatti<br />

affidato il futuro del<strong>la</strong> nostra organizzazione”.<br />

Formazione ed informazione,<br />

dunque, sono in cima alle cose da fare<br />

in casa <strong>Rotary</strong>. Basti pensare, del resto,<br />

che i soci con meno <strong>di</strong> un anno <strong>di</strong> anzianità<br />

sono oltre 400 e che superano le<br />

850 unità quelli con data <strong>di</strong> affiliazione<br />

compresa fra uno e tre anni.<br />

Futuri <strong>di</strong>rigenti. Di formazione dei<br />

futuri <strong>di</strong>rigenti si è poi occupato nel<strong>la</strong><br />

sua re<strong>la</strong>zione Maurizio Pozzi, il quale,<br />

una volta sottolineata l’importanza<br />

del<strong>la</strong> formazione a livello <strong>di</strong> club, ha<br />

<strong>la</strong>mentato che però non tutti i presidenti<br />

col<strong>la</strong>borano con le strutture messe a<br />

<strong>di</strong>sposizione dal <strong>di</strong>stretto, in quanto<br />

temono <strong>di</strong> venire limitati nel<strong>la</strong> loro<br />

autonomia.<br />

Pozzi ha proseguito precisando che,<br />

per <strong>la</strong> corretta formazione dei futuri<br />

<strong>di</strong>rigenti, occorre preliminarmente ottimizzare<br />

il rapporto fra <strong>di</strong>rigenti e presidente<br />

del club e fra <strong>di</strong>rigenti e soci per<br />

esaltare le funzioni <strong>di</strong> stimolo e <strong>di</strong> col<strong>la</strong>borazione.<br />

Il piano <strong>di</strong>rettivo <strong>di</strong> club. Ed è altresì<br />

necessario conoscere a fondo ed attuare<br />

il nuovo piano <strong>di</strong>rettivo del club<br />

nonché conoscere e rispettare le regole<br />

del <strong>Rotary</strong>. Infine, il re<strong>la</strong>tore ha concluso<br />

il suo intervento notando che, a<br />

suo parere, un notevole ostacolo al<strong>la</strong><br />

formazione è costituito dal fatto oggettivo<br />

che mentre una volta l’addestra-<br />

mento del nuovo socio avveniva automaticamente<br />

con <strong>la</strong> vita <strong>di</strong> club, da<br />

qualche anno, soprattutto nei club<br />

romani, <strong>la</strong> “convivialità è affidata a re<strong>la</strong>tori<br />

più o meno insigni su tematiche<br />

più o meno interessanti” con il risultato<br />

che “il socio non vive più spazi formativi<br />

e non va al club se manca il richiamo<br />

del re<strong>la</strong>tore”.<br />

Enti locali. Di rapporti del club con le<br />

istituzioni locali ha par<strong>la</strong>to, nel<strong>la</strong> seconda<br />

re<strong>la</strong>zione, Francesco Chiappetta,<br />

esperto <strong>di</strong> re<strong>la</strong>zioni pubbliche. Questi<br />

ha posto l’accento sul<strong>la</strong> considerazione<br />

che “una via che consente <strong>di</strong> creare<br />

comunicazione e rapporti istituzionali<br />

con gli enti locali è quel<strong>la</strong> <strong>di</strong> prospettare<br />

un progetto che non sia solo <strong>di</strong> competenza<br />

rotariana, ma veda, principalmente,<br />

il coinvolgimento concreto delle<br />

stesse istituzioni”. A sostegno del<strong>la</strong> sua<br />

tesi, Chiappetta ha citato l’esempio <strong>di</strong><br />

un progetto che egli sta pre<strong>di</strong>sponendo<br />

nell’ambito <strong>di</strong> tutti i comuni ricadenti<br />

nel territorio <strong>di</strong>strettuale.<br />

Francesco Chiappetta<br />

Cambiamenti e variazioni. Terzo ed<br />

ultimo oratore il Pdg Marco Randone<br />

che ha svolto un’app<strong>la</strong>u<strong>di</strong>ta re<strong>la</strong>zione<br />

sul<strong>la</strong> compagine del club, vale a <strong>di</strong>re i<br />

soci del club. L’oratore ha infatti compiuto<br />

un’attenta analisi sui cambiamenti<br />

del<strong>la</strong> società civile negli ultimi <strong>di</strong>eci<br />

anni e come, nello stesso periodo <strong>di</strong><br />

tempo, sia variata <strong>la</strong> compagine del<br />

<strong>Rotary</strong> international, che oggi è presente<br />

in 168 Paesi con tra<strong>di</strong>zioni, cultura,<br />

stato socio-economico molto <strong>di</strong>versi gli<br />

uni dagli altri.<br />

Anche <strong>la</strong> compagine del club, per forza<br />

<strong>di</strong> cose, è molto cambiata. Ad esempio –<br />

L’unione è <strong>la</strong> forza; le<br />

in<strong>di</strong>vidualità umane<br />

sarebbero impotenti se<br />

non si aiutassero tra<br />

loro. Un in<strong>di</strong>viduo iso<strong>la</strong>to<br />

non può nul<strong>la</strong> ed è nul<strong>la</strong>.<br />

Charles-Robert Richet<br />

(Parigi 1850-1932)<br />

Maurizio Pozzi<br />

ha proseguito Randone – oggi <strong>la</strong> presenza<br />

femminile supera il sette per<br />

cento ed è in continua crescita. Anche il<br />

turnover è aumentato <strong>di</strong> molto e, nel<br />

club, l’attività gestionale ed amministrativa<br />

è <strong>di</strong>ventata molto più complessa<br />

che in passato. Per tutti questi motivi ed<br />

altri ancora, <strong>la</strong> selezione dei soci deve<br />

essere, a maggior ragione, molto più<br />

attenta e basata su criteri chiari, uniformi<br />

e con<strong>di</strong>visi.<br />

Question time. Alle re<strong>la</strong>zioni sono<br />

seguiti gli interventi <strong>di</strong> 25 rotariani tutti<br />

mirati al<strong>la</strong> richiesta <strong>di</strong> delucidazioni o ad<br />

esprimere commenti ed opinioni. Le<br />

conclusioni del governatore Di Raimondo<br />

hanno toccato, fra l’altro, i temi dell’alfabetizzazione<br />

– con <strong>la</strong> proposta <strong>di</strong><br />

realizzare una o due scuole in Etiopia –<br />

nonché delle risorse idriche, del<strong>la</strong><br />

comunicazione interna ed esterna a<br />

tutti i livelli per chiudere <strong>la</strong> manifestazione<br />

con l’appello, che è poi il suo<br />

motto: Lavoriamo tutti uniti in amicizia.E<br />

così sia.<br />

Marco Randone


20 VITA DEI CLUB<br />

Dicembre 2005<br />

I<strong>di</strong>r <strong>di</strong> Macomer, seminario <strong>di</strong> istruzione per i soci del<strong>la</strong> Sardegna<br />

È necessario un periodo <strong>di</strong><br />

istruzione prima <strong>di</strong> cooptare<br />

il nuovo socio. È<br />

determinante intrattenere<br />

proficui rapporti con gli<br />

organi <strong>di</strong> informazione per<br />

dare al <strong>Rotary</strong> ciò che è suo.<br />

È opportuno immettere<br />

nuove forze ma con scelte<br />

ocu<strong>la</strong>te e con un programma<br />

prudente per non creare<br />

club numerosi con soci sor<strong>di</strong><br />

ai valori rotariani<br />

ALBERTO AIME<br />

All’insegna del<strong>la</strong> novità, nel metodo se<br />

non nel<strong>la</strong> sostanza, l’I<strong>di</strong>r per i club del<strong>la</strong><br />

Sardegna. A Macomer il governatore<br />

Giorgio Di Raimondo ha provato, con<br />

successo, <strong>la</strong> strategia del<strong>la</strong> tavo<strong>la</strong> rotonda<br />

anziché quel<strong>la</strong>, tra<strong>di</strong>zionale, ma forse<br />

abusata, dell’istruzione attraverso l’insegnamento.<br />

Lezioni brevi e <strong>di</strong>battito<br />

lungo: un’ora scarsa contro due. E i centoventi<br />

presenti hanno apprezzato, personalizzando<br />

i contenuti dell’Istituto<br />

attraverso una raffica <strong>di</strong> domande a<br />

tutto campo. E ricevendo risposte adeguate<br />

dagli oratori ufficiali, dal governatore,<br />

dall’istruttore <strong>di</strong>strettuale, il Pdg<br />

Antonio Arcese. Insomma un I<strong>di</strong>r meno<br />

ingessato nelle forme, per via <strong>di</strong> un<br />

abito più comodo anche se non decisamente<br />

casual.<br />

Molte parole<br />

Meglio i fatti,<br />

pochi e concreti<br />

Antichi problemi. La sintesi nelle re<strong>la</strong>zioni,<br />

per <strong>la</strong> bravura degli istruttori, non<br />

ha tra<strong>di</strong>to il contenuto dei temi che<br />

affrontavano <strong>la</strong> sostanza ed il significato<br />

del <strong>Rotary</strong>: “La formazione dei futuri<br />

<strong>di</strong>rigenti” (past president Piero Pintore);<br />

“Rapporti con le istituzioni locali” (Pdg<br />

Giovanni Corda) e “La compagine dei<br />

soci” (Pdg Franco Cabras).<br />

Nel primo caso, r <strong>la</strong>zione e <strong>di</strong>battito successivo<br />

hanno riproposto antichi problemi<br />

e soluzioni a cavallo tra un “déjà<br />

vu” e nuovi possibili esperimenti: istruzione<br />

precedente al<strong>la</strong> scelta con lento<br />

approccio agli incarichi, ma anche utilizzazione<br />

<strong>di</strong> meto<strong>di</strong> interattivi (tra singoli<br />

soci e tra gruppi <strong>di</strong> soci per abituare al<br />

<strong>la</strong>voro <strong>di</strong> squadra rotariani spesso solisti<br />

per costituzione mentale, quali i liberi<br />

professionisti).<br />

Gran<strong>di</strong> e piccole azioni. Il secondo<br />

tema ha toccato un nervo scoperto del<br />

<strong>Rotary</strong>: come far sapere al colto ed<br />

all’inclita e possibilmente a tutto il<br />

mondo che rotariano significa essere al<br />

servizio del<strong>la</strong> collettività. Nonostante <strong>la</strong><br />

brevità del tempo <strong>la</strong> re<strong>la</strong>zione è stata a<br />

tutto campo prospettando situazioni<br />

locali e nazionali, <strong>di</strong> picco<strong>la</strong> e me<strong>di</strong>a<br />

portata e una vasta gamma <strong>di</strong> soluzioni<br />

tentate e da tentare perché sia le istituzioni<br />

che gli organi <strong>di</strong> informazione a<br />

tutti i livelli <strong>di</strong>ano al<strong>la</strong> fine al <strong>Rotary</strong> ciò<br />

che è del <strong>Rotary</strong>.<br />

Le azioni che club, <strong>di</strong>stretti, <strong>Rotary</strong> Foundation<br />

compiono a favore del<strong>la</strong> collettività<br />

dovrebbero essere sempre riconosciute<br />

– e rese <strong>di</strong> dominio pubblico – per<br />

quello che valgono. Si è proposto <strong>di</strong><br />

operare per piccole (ma molte) azioni<br />

che, giorno dopo giorno dovrebbero far<br />

breccia sul<strong>la</strong> comunità nel<strong>la</strong> quale si<br />

opera, per quanto <strong>di</strong>stratta; così come va<br />

bene l’esatto contrario, vale a <strong>di</strong>re pochi<br />

gran<strong>di</strong> interventi collettivi ai quali affidare<br />

l’inevitabile ampia risonanza. Naturalmente<br />

non sono mancate riflessioni sull’argomento<br />

del giorno in casa rotariana:<br />

l’errata quanto sfuocata immagine<br />

del <strong>Rotary</strong> delineata <strong>di</strong> recente da un<br />

politico su un grande giornale <strong>di</strong> informazione<br />

(intervento che per altro ha<br />

ricevuto adeguate risposte sia dal<br />

<strong>Rotary</strong> stesso – il governatore tra gli altri<br />

– che da più parti politiche).<br />

Rinver<strong>di</strong>re i club. L’ultima lezione del<strong>la</strong><br />

giornata, affrontando l’essenza stessa<br />

del <strong>Rotary</strong>, ha riassunto e riproposto i<br />

temi base: cosa è un rotariano e come lo<br />

si coopta per <strong>di</strong>ventare parte <strong>di</strong> un club<br />

tanto prestigioso da essere <strong>la</strong> più grande<br />

organizzazione non governativa del<br />

mondo. Ma anche periglioso perché<br />

richiede de<strong>di</strong>zione, spirito <strong>di</strong> sacrificio,<br />

capacità <strong>di</strong> col<strong>la</strong>borazione per progetti<br />

comuni, buon carattere (per usare una<br />

<strong>di</strong>ffusa quanto infelice traduzione dall’inglese).<br />

Due le conclusioni coralmente<br />

invocate sul<strong>la</strong> scia del<strong>la</strong> re<strong>la</strong>zione: rinver<strong>di</strong>re<br />

i club con l’immissione <strong>di</strong> forze<br />

nuove (ad esempio il Rotaract è un’ottima<br />

palestra) e nello stesso tempo scegliere<br />

<strong>la</strong> via <strong>di</strong> un ridotto incremento<br />

dell’effettivo piuttosto che quel<strong>la</strong> <strong>di</strong><br />

club numerosi ma composti da soci che<br />

<strong>la</strong> rotarianità non sentono.<br />

Taglio degli effettivi. Il governatore Di<br />

Raimondo, riassumendo <strong>la</strong> giornata, ha<br />

tratto conclusioni in agrodolce: da un<br />

<strong>la</strong>to una p<strong>la</strong>tea <strong>di</strong> centoventi partecipanti<br />

(il <strong>di</strong>eci per cento degli appartenenti<br />

ai club del<strong>la</strong> Sardegna e due club<br />

completamente assenti): ed allora<br />

meglio pochi rotariani buoni che molti<br />

svogliati, se non cattivi; e in questa ipotesi<br />

<strong>la</strong> scelta, anche dolorosa ma inevitabile:<br />

tagliare gli effettivi costringendo<br />

alle <strong>di</strong>missioni chi non crede nel <strong>Rotary</strong><br />

(anche a costo <strong>di</strong> ri<strong>di</strong>mensionare quantità<br />

e qualità dei progetti, meglio pochi<br />

fatti che molte parole).<br />

Dicembre 2005 VITA DEL DISTRETTO<br />

21<br />

Dal 1947 <strong>la</strong> <strong>Rotary</strong> Foundation ha assegnato<br />

circa 450 milioni <strong>di</strong> dol<strong>la</strong>ri a giovani studenti e<br />

ha permesso a circa 37 mi<strong>la</strong> giovani <strong>di</strong> recarsi<br />

a stu<strong>di</strong>are in 110 <strong>di</strong>verse nazioni.<br />

Tutti i programmi sono sponsorizzati dai<br />

contributi volontari offerti da rotariani e non.<br />

Sono un investimento negli studenti <strong>di</strong> oggi e<br />

rappresentano <strong>la</strong> speranza e <strong>la</strong> fiducia del<br />

<strong>Rotary</strong> che gli interessati <strong>di</strong>ventino i leader <strong>di</strong><br />

domani e <strong>di</strong>ano un contributo sostanziale non<br />

solo alle loro comunità, ma anche al mondo<br />

intero, seguendo gli ideali rotariani.<br />

Quest’anno ben 850 sono i borsisti nel mondo.<br />

20 sono i docenti sovvenzionati, 66 i borsisti<br />

per <strong>la</strong> pace, 25 quelli ospiti nei <strong>di</strong>eci <strong>di</strong>stretti<br />

italiani. Ben 8 sono i borsisti oggi ospiti nel<br />

nostro <strong>di</strong>stretto 2080 e 7 sono i nostri borsisti<br />

in partenza per prestigiose università estere.<br />

ELENA RICCI SATO<br />

Dal 1989 al 1990 <strong>la</strong> borsa <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o del<strong>la</strong><br />

Fondazione <strong>Rotary</strong> (patrocinata dal<br />

<strong>Rotary</strong> club Monte Mario) mi ha permesso<br />

<strong>di</strong> realizzare il mio sogno: andare<br />

finalmente in Giappone. Dopo quattro<br />

anni <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o del<strong>la</strong> lingua e del<strong>la</strong> letteratura<br />

giapponese all’università <strong>di</strong><br />

Roma “La Sapienza”, mi accingevo a preparare<br />

<strong>la</strong> tesi <strong>di</strong> <strong>la</strong>urea su un racconto <strong>di</strong><br />

uno scrittore contemporaneo, Kobo<br />

Abe. Tutto però mi appariva molto<br />

astratto, non avendo mai messo piede<br />

in Asia. Un anno intero all’università <strong>di</strong><br />

Shizuoka, circa 100 chilometri a sudovest<br />

<strong>di</strong> Tokyo, mi ha catapultato in un<br />

mondo nuovo e affascinante.<br />

Inizio <strong>di</strong>fficile. All’inizio però non è<br />

stato facile. Avevo ventitré anni, ma <strong>la</strong><br />

prima telefonata a mia madre fu così:<br />

BORSE<br />

DI STUDIO,<br />

AVANTI<br />

TUTTA<br />

Quando il <strong>Rotary</strong> realizza i sogni dei giovani studenti<br />

Dal Giappone con amore<br />

La testimonianza <strong>di</strong> una ragazza che, grazie al<strong>la</strong> borsa <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o del<strong>la</strong> <strong>Rotary</strong> Foundation,<br />

è andata in Giappone, ha tradotto libri, si è <strong>la</strong>ureata, ed ora è felicemente sposata con un<br />

giapponese, anch’egli borsista <strong>Rotary</strong>, e con una figlia <strong>di</strong> quattro anni. Oggi a Tokyo <strong>la</strong>vora<br />

al<strong>la</strong> Tv giapponese e legge il notiziario <strong>di</strong> ra<strong>di</strong>o Giappone per gli ascoltatori italiani.<br />

L’aiuto dei Rc Roma Monte Mario e Shizuoka.<br />

“Mamma, come faccio a restare qui un<br />

anno intero”Se<strong>di</strong>ci anni fa, nel<strong>la</strong> città <strong>di</strong><br />

Shizuoka (che aveva una popo<strong>la</strong>zione<br />

<strong>di</strong> circa mezzo milione <strong>di</strong> abitanti) gli<br />

stranieri erano solo qualche decina, e<br />

soprattutto asiatici. Qualche americano<br />

c’era, ma gli europei erano una presenza<br />

estremamente rara; non sapendo<br />

come comportarsi e temendo <strong>di</strong> dover<br />

par<strong>la</strong>re inglese, al solo vedermi perfino<br />

Sull’avvicente capitolo delle borse<br />

<strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o, pubblichiamo <strong>la</strong><br />

bellissima e commovente<br />

testimonianza <strong>di</strong> Elena Ricci Sato,<br />

borsista rotariana (lo è anche il<br />

marito giapponese) che vive a<br />

Tokyo e si è affermata nel suo<br />

campo, alcune espressioni <strong>di</strong><br />

“amore” per questa specifica<br />

attività del <strong>Rotary</strong> da parte<br />

Danie<strong>la</strong> Tranquilli, presidente del<strong>la</strong><br />

commissione <strong>di</strong>strettuale borse <strong>di</strong><br />

stu<strong>di</strong>o e un intervento <strong>di</strong> Antonio<br />

Lico, coor<strong>di</strong>natore <strong>di</strong>strettuale <strong>di</strong><br />

<strong>Rotary</strong> Foundation. Per affermare<br />

che oggi <strong>la</strong> Fondazione è “il più<br />

grande <strong>di</strong>stributore privato <strong>di</strong><br />

borse <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o nel mondo”.<br />

le commesse dei negozi scappavano via<br />

in preda al panico.<br />

<strong>Rotary</strong> locale. A questo punto è accorso<br />

in mio aiuto il <strong>Rotary</strong> club locale. Mentre<br />

le mogli dei soci facevano a gara per<br />

darmi consigli, i rotariani mi mettevano<br />

in contatto con <strong>la</strong> comunità locale in<br />

<strong>di</strong>verse maniere, soprattutto organizzando<br />

degli incontri con molte associazioni<br />

culturali. Per un caso fortunato, un rotariano<br />

<strong>di</strong> Shizuoka era proprietario dell’unico<br />

(all’epoca) ristorante italiano del<strong>la</strong><br />

città. Intuendo che avevo nostalgia dei<br />

sapori del<strong>la</strong> mia terra, non aveva esitato<br />

ad invitarmi <strong>di</strong>verse volte al suo ristorante<br />

assieme alle mie amiche straniere.<br />

Il <strong>Rotary</strong> club locale mi ha fornito tante<br />

altre occasioni interessanti, come quel<strong>la</strong><br />

<strong>di</strong> par<strong>la</strong>re dell’Italia <strong>di</strong> fronte a pubblici<br />

<strong>di</strong>versi ed essere ad<strong>di</strong>rittura ricevuta dal<br />

sindaco del<strong>la</strong> città.


22 VITA DEL DISTRETTO<br />

Dicembre 2005<br />

Le traduzioni. Piano piano<br />

<strong>la</strong> mia conoscenza del giapponese<br />

aumentava e mi permetteva<br />

<strong>di</strong> raccogliere sempre<br />

più agevolmente il materiale<br />

e preparare le traduzioni<br />

per <strong>la</strong> tesi <strong>di</strong> <strong>la</strong>urea. Tanto<br />

che, preso il coraggio a quattro<br />

mani, ho spe<strong>di</strong>to una lettera<br />

al mio autore chiedendo<br />

un appuntamento. Non<br />

<strong>di</strong>menticherò mai <strong>la</strong> sera in<br />

cui Kobo Abe mi telefonò<br />

personalmente per <strong>di</strong>rmi<br />

che acconsentiva ad incontrarmi.<br />

Il rifugio tra le montagne dove<br />

scriveva i suoi romanzi era proprio nel<strong>la</strong><br />

regione <strong>di</strong> Shizuoka, e le ore passate<br />

con il “mio” scrittore restano in<strong>di</strong>menticabili,<br />

ancor più ora che Abe è scomparso<br />

<strong>la</strong>sciando numerose opere, molte<br />

delle quali tradotte in italiano.<br />

Le tra<strong>di</strong>zioni. Nel pensionato studentesco<br />

dove risiedevo, <strong>la</strong> possibilità <strong>di</strong><br />

incontrare studenti <strong>di</strong> tutto il mondo, in<br />

partico<strong>la</strong>re asiatici, mi ha sve<strong>la</strong>to abitu<strong>di</strong>ni<br />

culturali ed alimentari sconosciute.<br />

D’altra parte, l’assenza <strong>di</strong> italiani (se<br />

esclu<strong>di</strong>amo una vivace signora veneta,<br />

insegnante <strong>di</strong> inglese), mi permetteva<br />

<strong>di</strong> progre<strong>di</strong>re nel giapponese a grande<br />

velocità. Inoltre mi rendevo conto con<br />

sod<strong>di</strong>sfazione che le occasioni <strong>di</strong> venire<br />

a contatto con tra<strong>di</strong>zioni e cerimonie<br />

erano molto più numerose in provincia,<br />

piuttosto che a Tokyo.<br />

Laurea romana. Ritornata a Roma, con<br />

il prezioso materiale raccolto, mi sono<br />

<strong>la</strong>ureata l’anno successivo, ma <strong>la</strong> nostalgia<br />

del Giappone rimaneva.<br />

Dopo <strong>la</strong> col<strong>la</strong>borazione come interprete<br />

con produzioni televisive giapponesi<br />

a Roma, nel 1993 ero ripartita con<br />

gioia per il Giappone, questa volta<br />

però <strong>di</strong>retta a Tokyo, dove avevo trovato<br />

<strong>la</strong>voro nell’ufficio stampa del<strong>la</strong><br />

Benetton.<br />

L’AMICIZIA MESSA IN BORSA<br />

Le borse <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o dell’amicizia rotariana si <strong>di</strong>vidono nel seguente<br />

modo.<br />

Borse <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o annuali. Permettono <strong>la</strong> frequenza <strong>di</strong> una università<br />

estera per un anno accademico con un contributo fino a 26 mi<strong>la</strong> dol<strong>la</strong>ri.<br />

Borse <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o pluriennali. Permettono <strong>la</strong> frequenza <strong>di</strong> una università<br />

estera per due anni con un contributo fino 24 mi<strong>la</strong> dol<strong>la</strong>ri complessivi.<br />

Borse <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o culturali semestrali. Offrono uno stu<strong>di</strong>o intensivo <strong>di</strong><br />

una lingua straniera e immersione nel<strong>la</strong> cultura <strong>di</strong> un altro paese con<br />

un contributo massimo <strong>di</strong> 19 mi<strong>la</strong> dol<strong>la</strong>ri.<br />

Sovvenzioni per docenti universitari. Permettono a un docente universitario<br />

<strong>di</strong> insegnare in università <strong>di</strong> paesi in via <strong>di</strong> sviluppo per 3-10<br />

mesi con contributi da 12.500 a 22.500 dol<strong>la</strong>ri.<br />

Borse biennali per <strong>la</strong> pace. Permettono <strong>di</strong> conseguire un master post<br />

<strong>la</strong>urea. Si ottiene un dottorato dopo due anni <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o sul<strong>la</strong> pace,<br />

sul<strong>la</strong> risoluzione dei conflitti e sulle re<strong>la</strong>zioni internazionali.<br />

Mi sposo. Pochi mesi dopo<br />

l’arrivo a Roma, avevo già<br />

incontrato, nel corso del<strong>la</strong><br />

mostra sui restauri del<strong>la</strong> Cappel<strong>la</strong><br />

Sistina per <strong>la</strong> quale ero<br />

stata chiamata come interprete,<br />

il mio futuro marito,<br />

Naoki, e <strong>la</strong> decisione <strong>di</strong> restare<br />

a vivere in Giappone si<br />

andava rafforzando.<br />

Nel nostro primo incontro,<br />

dopo qualche minuto <strong>di</strong><br />

conversazione avevo avuto<br />

una grande sorpresa. Anche<br />

Naoki era stato borsista<br />

<strong>Rotary</strong>. Nel mio stesso periodo era stato<br />

in Germania, a Berlino.<br />

Mio marito si era in seguito specializzato<br />

in arte tedesca e oggi <strong>la</strong>vora come<br />

curatore al museo nazionale <strong>di</strong> arte<br />

occidentale <strong>di</strong> Tokyo: quest’anno<br />

festeggeremo il nostro decimo anniversario.<br />

Nostra figlia Sakura ha 4 anni,<br />

par<strong>la</strong> entrambe le lingue e per questo è<br />

già una picco<strong>la</strong> ambasciatrice dell’Italia<br />

in Giappone. Ogni anno trascorriamo<br />

qualche settimana <strong>di</strong> vacanza in Italia.<br />

Il <strong>la</strong>voro. Dal<strong>la</strong> prima settimana <strong>di</strong><br />

<strong>di</strong>sperazione in Giappone sono passati<br />

tanti anni, e ormai mi sento integrata<br />

nel<strong>la</strong> società del paese. Dopo qualche<br />

anno trascorso presso l’Istituto per il<br />

commercio estero <strong>di</strong> Tokyo (Ice), <strong>la</strong>voro<br />

attualmente come traduttrice e narratrice<br />

free-<strong>la</strong>nce. Col<strong>la</strong>boro con <strong>la</strong> ra<strong>di</strong>otelevisione<br />

<strong>di</strong> stato giapponese Nhk,<br />

nel<strong>la</strong> revisione dei testi del corso <strong>di</strong> italiano<br />

per <strong>la</strong> ra<strong>di</strong>o e per <strong>la</strong> televisione. Mi<br />

occupo inoltre del<strong>la</strong> traduzione e <strong>lettura</strong><br />

in <strong>di</strong>retta del notiziario <strong>di</strong> ra<strong>di</strong>o Giappone,<br />

<strong>di</strong>ffuso sulle onde corte per gli<br />

ascoltatori italiani.<br />

Desidero ringraziare il <strong>Rotary</strong> club Monte<br />

Mario che mi ha dato fiducia e sostegno,<br />

offrendomi <strong>la</strong> possibilità <strong>di</strong> conoscere il<br />

Giappone e imprimere una svolta importante<br />

al<strong>la</strong> mia vita. Dopo se<strong>di</strong>ci anni in<br />

questo paese, mi sento realizzata sia professionalmente<br />

che sentimentalmente,<br />

e, nel mio piccolo, mi impegnerò a continuare<br />

a svolgere il mio ruolo <strong>di</strong> “ambasciatrice”<br />

in Giappone.<br />

Dicembre 2005 VITA DEL DISTRETTO<br />

23<br />

Dopo aver letto <strong>la</strong> bellissima lettera <strong>di</strong><br />

Elena Ricci Sato, borsista 1989-90 del<strong>la</strong><br />

<strong>Rotary</strong> Foundation, non posso che<br />

essere felice: felice per lei, per <strong>la</strong> Fondazione<br />

<strong>Rotary</strong> e in fondo un pochino<br />

anche per me.<br />

Per Elena, perché ha realizzato nel<strong>la</strong> sua<br />

vita molte cose belle e significative<br />

anche grazie al<strong>la</strong> borsa <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o:<br />

potremmo <strong>di</strong>re che <strong>la</strong> borsa <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o le<br />

ha… cambiato <strong>la</strong> vita. Felice per <strong>la</strong> FR<br />

perché le parole <strong>di</strong> Elena sono <strong>la</strong> unica,<br />

vera, commovente testimonianza del<strong>la</strong><br />

grande potenzialità, del grande valore<br />

del<strong>la</strong> Fondazione e del <strong>Rotary</strong> che può<br />

cambiare <strong>la</strong> vita ad una giovane stu<strong>di</strong>osa<br />

. E da ultimo sono felice anche per<br />

me, perché de<strong>di</strong>candomi da oltre tre<br />

anni alle borse <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o del<strong>la</strong> Fondazione<br />

ho imparato a conoscere questa stupenda<br />

possibilità che il <strong>Rotary</strong> offre ai<br />

La nostra migliore<br />

TESTIMONIAL<br />

La <strong>di</strong>fferenza siamo noi rotariani, il nostro valore aggiunto è <strong>la</strong> nostra presenza costante<br />

e l’amicizia. La rotellina che portiamo in petto par<strong>la</strong> un linguaggio universale<br />

DANIELA TRANQUILLI<br />

Presidente commissione <strong>di</strong>strettuale<br />

borse <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o<br />

LE DOMANDE ENTRO IL 30 APRILE 2006<br />

Entro il 30 aprile 2006 i club devono inviare al <strong>di</strong>stretto i moduli delle<br />

domande (sono <strong>di</strong>sponibili presso il <strong>di</strong>stretto e possono essere scaricate<br />

anche dal sito www.rotary.org) dei possibili can<strong>di</strong>dati per le borse<br />

re<strong>la</strong>tive all’anno accademico 2007-2008.<br />

giovani stu<strong>di</strong>osi <strong>di</strong> tutto il mondo. Consapevole<br />

<strong>di</strong> quanto possiamo offrire ai<br />

nostri giovani, che sono poi il nostro<br />

futuro, par<strong>la</strong>ndo nei club (e non solo nei<br />

club) cerco <strong>di</strong> far capire qual è <strong>la</strong> <strong>di</strong>fferenza<br />

tra le borse <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o tra<strong>di</strong>zionali<br />

e… le nostre. La <strong>di</strong>fferenza qual è Leggendo<br />

le parole <strong>di</strong> Elena si capisce<br />

molto bene. La <strong>di</strong>fferenza siamo noi<br />

rotariani, il valore aggiunto è <strong>la</strong> nostra<br />

presenza costante vicino al borsista, l’amicizia,<br />

il coinvolgimento nel<strong>la</strong> vita del<br />

paese che li ospita che i borsisti grazie ai<br />

tutor rotariani hanno. Sì, i tutor rotariani<br />

costituiscono un riferimento, un porto<br />

sicuro per il borsista che anche se in un<br />

Una <strong>di</strong>chiarazione del coor<strong>di</strong>natore del<strong>la</strong> RF Tony Lico<br />

SODDISFATTI E “RIMBORSATI”<br />

Al<strong>la</strong> lettera <strong>di</strong> Elena Ricci Sato e all’intervento <strong>di</strong> Danie<strong>la</strong> Tranquilli<br />

non si può aggiungere altro. Questa testimonianza, che si aggiunge a<br />

quelle degli altri ex borsisti incontrati nel maggio scorso, rappresenta<br />

un ulteriore successo per il nostro <strong>di</strong>stretto e ci riempie <strong>di</strong> sod<strong>di</strong>sfazione<br />

per il risultato ottenuto <strong>la</strong>vorando con entusiasmo e s<strong>la</strong>ncio.<br />

Vorremmo che questa esperienza possa rappresentare un punto <strong>di</strong> partenza<br />

esemp<strong>la</strong>re per gli altri giovani che si accingono a far parte del<br />

programma “borse <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o” del<strong>la</strong> Fondazione <strong>Rotary</strong>.<br />

Mi auguro che l’occasione <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>are all’estero con l’aiuto del<strong>la</strong> Fondazione<br />

possa essere un ricordo in<strong>di</strong>menticabile per i giovani tutti e<br />

possa contribuire a creare l’orgoglio <strong>di</strong> appartenenza al<strong>la</strong> nostra istituzione.<br />

paese lontano, con altri <strong>di</strong>versi usi,<br />

costumi e i<strong>di</strong>omi, non è solo ma ha vicino<br />

il <strong>Rotary</strong>, si sente in famiglia. Il <strong>di</strong>stintivo,<br />

<strong>la</strong> rotellina, che noi e i borsisti portiamo<br />

con fierezza sul petto (così dovrebbe<br />

essere!) è il linguaggio universale<br />

che unisce persone <strong>di</strong>verse ma ispirate<br />

agli stessi principi e ideali; è quel<br />

ponte ideale desiderato da Paul Harris<br />

cento anni fa che permette <strong>di</strong> percorrere<br />

tanta strada, <strong>di</strong> superare montagne,<br />

<strong>di</strong> solcare oceani con i suoi ingranaggi<br />

perfetti e uguali nel mondo.<br />

Grazie a queste splen<strong>di</strong>de testimonianze,<br />

noi rotariani siamo tutti ancora più<br />

motivati a sostenere <strong>la</strong> Fondazione<br />

<strong>Rotary</strong>, l’istituzione delle borse <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o,<br />

continuando il nostro <strong>la</strong>voro rotariano<br />

con entusiasmo, coerenza e cre<strong>di</strong>bilità.<br />

Grazie dunque al Rc Roma Monte Mario<br />

per <strong>la</strong> scelta del<strong>la</strong> borsista, al<strong>la</strong> Fondazione<br />

<strong>Rotary</strong>, e a Elena Ricci Sato che<br />

sarà senza dubbio <strong>la</strong> nostra migliore<br />

testimonial.


24 VITA DEL DISTRETTO<br />

Dicembre 2005<br />

Dicembre 2005 VITA DEL DISTRETTO<br />

25<br />

Programma Scambio Gruppi <strong>di</strong> Stu<strong>di</strong>o (Gse). Intervista al<strong>la</strong> coor<strong>di</strong>natrice del programma<br />

(manager group study exchange department)<br />

Elizabeth Lamberti:<br />

“40 anni <strong>di</strong> scambi<br />

Il calore delle famiglie rotariane”<br />

Intervista a cura <strong>di</strong> PIER GIORGIO PODDIGHE<br />

Gse chairman, <strong>di</strong>stretto 2080<br />

D. Dottoressa Lamberti che cosa è lo<br />

scambio gruppo <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o<br />

R. In estrema sintesi, è un programma<br />

educativo del<strong>la</strong> <strong>Rotary</strong> Foundation (Rf )<br />

grazie al quale <strong>di</strong>stretti <strong>di</strong> paesi <strong>di</strong>versi<br />

vengono gemel<strong>la</strong>ti e in tal modo si permette<br />

a giovani professionisti, uomini e<br />

donne tra i 25 e i 40 anni, che svolgono<br />

da due anni una professione, <strong>di</strong> visitare<br />

un altro paese per un periodo <strong>di</strong> 4-6 settimane,<br />

e <strong>di</strong> apprenderne grazie a questo<br />

soggiorno <strong>la</strong> <strong>di</strong>versa cultura e i<br />

costumi <strong>di</strong> quel paese, e a verificare e<br />

osservare con visite <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o come in<br />

quel paese viene svolta <strong>la</strong> sua professione.<br />

È un programma che venne creato<br />

nel 1955, allora aveva il nome <strong>di</strong> Rota (<br />

<strong>Rotary</strong> overseas travel award) da un<br />

idea <strong>di</strong> un <strong>di</strong>stretto del<strong>la</strong> Nuova Ze<strong>la</strong>nda,<br />

ma fu viceversa adottato come programma<br />

ufficiale del<strong>la</strong> Rf nel 1965, pertanto<br />

in questo anno si festeggia il 40°<br />

anniversario.<br />

D. Come vengono selezionati i componenti<br />

il team che si reca in un altro<br />

paese<br />

R. Il team è composto da un minimo <strong>di</strong><br />

quattro persone più il team leader. Il<br />

can<strong>di</strong>dato viene innanzi tutto selezionato<br />

da un club <strong>Rotary</strong> che lo propone<br />

al<strong>la</strong> sottocommissione Gse del<br />

proprio <strong>di</strong>stretto che a sua volta fa<br />

una selezione fra le domande dei<br />

can<strong>di</strong>dati che gli sono pervenute.<br />

Il can<strong>di</strong>dato a membro<br />

del team non deve essere<br />

figlio <strong>di</strong> rotariani né parente. Il can<strong>di</strong>dato<br />

ideale, dovrebbe avere una ottima<br />

conoscenza del<strong>la</strong> lingua del paese dove<br />

si recherà, in subor<strong>di</strong>ne un’ottima conoscenza<br />

del<strong>la</strong> lingua inglese, che ormai è<br />

<strong>la</strong> lingua universalmente par<strong>la</strong>ta, deve<br />

godere <strong>di</strong> buona salute e<br />

<strong>di</strong> spirito <strong>di</strong> adattamento,<br />

deve avere delle<br />

conoscenze informatiche.<br />

Il can<strong>di</strong>dato<br />

ideale a team<br />

leader è innanzi<br />

tutto un rotariano,<br />

che in quanto<br />

tale conosca<br />

approfon<strong>di</strong>tamente<br />

il<br />

E. Lamberti: “Il club che ospita il team del paese gemello organizza<br />

le visite professionali e le riunioni nelle quali sono presentati i giovani<br />

professionisti”.<br />

<strong>Rotary</strong>, anche lui deve conoscere se non<br />

<strong>la</strong> lingua del paese dove si recherà<br />

quanto meno in maniera molto approfon<strong>di</strong>ta<br />

<strong>la</strong> lingua inglese.<br />

D. Che cosa devono fare i componenti<br />

il team una volta raggiunto il paese<br />

con il quale si effettua lo scambio<br />

R. In un tipico soggiorno <strong>di</strong> quattro settimane<br />

solitamente vengono organizzati<br />

per ciascun componente almeno<br />

5 giorni <strong>di</strong> visite professionali, vengono<br />

poi impegnati normalmente<br />

in almeno 15 visite ai club<br />

<strong>Rotary</strong> durante le quali illustrano<br />

tramite presentazioni multime<strong>di</strong>ali<br />

le loro origini. Sono<br />

poi normalmente impegnati<br />

nel corso del congresso<br />

<strong>di</strong>strettuale durante il quale<br />

una apposita sezione <strong>di</strong> almeno<br />

trenta minuti è de<strong>di</strong>cata<br />

all’illustrazione dello scambio.<br />

Ovviamente parte del<br />

tempo viene anche<br />

de<strong>di</strong>cato a conoscere le<br />

bellezze naturali del<br />

paese che si visita.<br />

Dimenticavo <strong>di</strong> <strong>di</strong>re<br />

che normalmente vengono<br />

ospitati dalle<br />

famiglie dei rotariani o<br />

in alternativa in hotel,<br />

seguendo un itinerario<br />

che viene concordato<br />

dai chairman delle<br />

rispettive commissioni<br />

<strong>di</strong>strettuali, che ovviamente tiene conto<br />

del<strong>la</strong> <strong>di</strong>sponibilità dei <strong>Rotary</strong> club che si<br />

can<strong>di</strong>dano ad ospitare i team.<br />

D. E una volta rientrati<br />

R.Devono partecipare a una riunione<br />

consuntiva organizzata a livello <strong>di</strong>strettuale<br />

nel<strong>la</strong> quale esporre <strong>la</strong> loro esperienza<br />

e presentare ciascuno un resoconto<br />

scritto che poi deve essere inviato<br />

oltre che al governatore e al chairman<br />

Sgs anche a noi ad Evanston, e devono<br />

altresì essere <strong>di</strong>sponibili a raccontare l’esperienza<br />

vissuta nei club <strong>Rotary</strong>.<br />

D. Quale è il ruolo del<strong>la</strong> Fondazione<br />

nello scambio<br />

R. Non vorrei essere troppo tecnica.<br />

Innanzitutto <strong>la</strong> Fondazione fa gli abbinamenti<br />

fra i <strong>di</strong>stretti rotariani che chiedono<br />

<strong>di</strong> partecipare al programma. Per<br />

esempio quest’anno voi del <strong>di</strong>stretto<br />

2080 ospiterete il team che proviene<br />

dal <strong>di</strong>stretto 6920 Georgia e a sua volta<br />

invierete quest’anno due team uno in<br />

Korea nel <strong>di</strong>stretto 3590, il cui team<br />

avete ospitato nello scorso anno, e l’altro<br />

appunto in Georgia. Per partecipare<br />

a questo programma un <strong>di</strong>stretto deve<br />

fare richiesta <strong>di</strong> una sovvenzione Sgs. A<br />

livello centrale controlliamo che tutta <strong>la</strong><br />

parte burocratica sia stata espletata in<br />

maniera corretta e conseguentemente<br />

<strong>di</strong>amo il nostro benestare allo scambio.<br />

D. Come trovare il <strong>di</strong>stretto partner<br />

R. Normalmente i governatori nel<strong>la</strong> loro<br />

esperienza rotariana hanno avuto contatti<br />

con altri paesi a volte partecipando<br />

ad altri programmi del<strong>la</strong> Fondazione o a<br />

volte nell’ambito dell’azione internazionale,<br />

altre volte questi scambi nascono<br />

Sul sito web <strong>di</strong> <strong>Rotary</strong><br />

international - sezione<br />

<strong>Rotary</strong> Foundation - è<br />

pubblicato il<br />

programma anche in<br />

italiano per i rotariani<br />

e per i can<strong>di</strong>dati<br />

I GRADINI DELLA CARRIERA VELOCE<br />

DI UN’ITALO-AMERICANA<br />

Elizabeth Lamberti ha iniziato l’esperienza <strong>la</strong>vorativa con il <strong>Rotary</strong><br />

nel 1999, dopo una breve col<strong>la</strong>borazione con l’Istituto per il commercio<br />

estero italiano a Chicago. Ha <strong>la</strong>vorato come assistente nell’ufficio<br />

del presidente internazionale del <strong>Rotary</strong> nell’anno 2000 quando era<br />

presidente Carlo Ravizza. In seguito è stata chiamata al<strong>la</strong> Fondazione<br />

<strong>Rotary</strong>, dapprima per gestire le borse <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o sul territorio italiano,<br />

dopo due anni come coor<strong>di</strong>natrice delle borse, ed infine al programma<br />

degli scambi gruppi <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o (Gse). Da tre anni è manager del<br />

<strong>di</strong>partimento Gse dove gestisce ogni aspetto del programma. Ha rappresentato<br />

il <strong>Rotary</strong> in varie occasioni, in partico<strong>la</strong>re durante varie<br />

assemblee internazionali; vari institute in giro per il mondo (compreso<br />

quello <strong>di</strong> Lugano nel 2003 e Kolkata, In<strong>di</strong>a, nel 2004); e in occasione<br />

<strong>di</strong> tre international convention (Buenos Aires, San Antonio, Chicago);<br />

del seminario per i regional <strong>Rotary</strong> Foundation coor<strong>di</strong>nators; vari<br />

congressi e convegni e seminari <strong>di</strong>strettuali. È <strong>di</strong> origine italo-americana,<br />

ha vissuto per sette anni in Italia a Pavia. Ha conseguito <strong>la</strong> <strong>la</strong>urea<br />

in lettere moderne nel 1997 presso l’università degli stu<strong>di</strong> <strong>di</strong><br />

Pavia, e possiede anche una <strong>la</strong>urea americana “Bachelor” da Kenyon<br />

College nello stato <strong>di</strong> Ohio, USA. Vive a Chicago dal 1998.”<br />

da incontri maturati durante i congressi<br />

internazionali, molte altre volte <strong>la</strong> promozione<br />

del proprio <strong>di</strong>stretto avviene<br />

da parte del governatore eletto che partecipando<br />

all’assemblea promuove il<br />

proprio <strong>di</strong>stretto e paese incontrando i<br />

propri colleghi ed aiutando in ciò il<br />

futuro governatore designato.<br />

D. Hai par<strong>la</strong>to <strong>di</strong> spese coperte dal<strong>la</strong><br />

Rf; che cosa <strong>la</strong> Rf non copre<br />

R. I componenti del team devono provvedere<br />

personalmente alle proprie<br />

spese personali, devono dotarsi <strong>di</strong> una<br />

assicurazione personale, del passaporto<br />

e dei visti e vaccinazioni eventualmente<br />

necessarie. Ricordo che dovranno inoltre<br />

pagare personalmente l’eventuale<br />

spesa per i chili <strong>di</strong> bagaglio in eccesso,<br />

<strong>di</strong>co questo perché normalmente i partecipanti<br />

ricevono o comprano durante<br />

il viaggio numerosi regali.<br />

D. Quale è il ruolo del <strong>Rotary</strong> club<br />

R. È fondamentale. Il club innanzi tutto<br />

segna<strong>la</strong> un can<strong>di</strong>dato a componente il<br />

team, ed è sempre il club che ospita il<br />

team del paese gemello, organizza le<br />

visite professionali e le riunioni <strong>di</strong> club<br />

nelle quali vengono presentati i componenti.<br />

Mi permetto <strong>di</strong> raccomandare <strong>di</strong><br />

cercare un contatto il più possibile familiare<br />

fra i componenti del club e il team.<br />

È sempre più apprezzata l’ospitalità in<br />

famiglia per il calore e il rapporto <strong>di</strong>retto<br />

che si crea.<br />

D. L’ultima domanda è libera ovvero<br />

fai una domanda e dai una risposta.<br />

R. Ringraziandovi per <strong>la</strong> pazienza e per<br />

avermi seguito fin qui, <strong>la</strong> domanda è<br />

dove potete reperire maggiori dettagli<br />

che questa intervista non ha sod<strong>di</strong>sfatto.<br />

Consiglio <strong>di</strong> andare a visitare il sito<br />

web del <strong>Rotary</strong> international nel<strong>la</strong><br />

sezione <strong>Rotary</strong> Foundation, dove abbiamo<br />

pubblicato anche in italiano le<br />

guide del programma per rotariani e<br />

per i can<strong>di</strong>dati a partecipare allo scambio<br />

gruppi <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o.<br />

Consentitemi infine <strong>di</strong> ringraziare il<br />

governatore Giorgio Di Raimondo, il<br />

chairman del<strong>la</strong> commissione <strong>Rotary</strong><br />

Foundation Tony Lico e il chairman<br />

Gse Pier Giorgio Pod<strong>di</strong>ghe per avermi<br />

invitato nel vostro <strong>di</strong>stretto 2080, e<br />

spero durante gli incontri programmati<br />

<strong>di</strong> poter esau<strong>di</strong>re ogni altra vostra<br />

curiosità.


26 VITA DEL DISTRETTO<br />

Dicembre 2005 VITA DEL DISTRETTO<br />

Dicembre 2005 27<br />

QUI ROTARY FOUNDATION<br />

a cura <strong>di</strong> Antonio Lico<br />

Sovvenzioni umanitarie<br />

le variazioni da luglio 2006<br />

Pubblichiamo <strong>la</strong> scheda sui cambiamenti apportati al programma delle sovvenzioni<br />

umanitarie. Riportiamo anche gli adempimenti i cui termini sono<br />

scaduti, per offrire <strong>la</strong> visione completa e aggiornata del<strong>la</strong> materia<br />

internazionale, ha l’obbligo <strong>di</strong> valutare le domande<br />

prima che vengano presentate al<strong>la</strong> Fondazione<br />

<strong>Rotary</strong>.<br />

In precedenza, questa procedura era solo consigliata,<br />

mentre ora <strong>di</strong>venta obbligatoria. Il presidente del<strong>la</strong><br />

sottocommissione <strong>di</strong>strettuale sovvenzioni deve firmare<br />

<strong>la</strong> domanda per conto del<strong>la</strong> commissione, in<br />

modo da attestarne <strong>la</strong> precisione e <strong>la</strong> completezza.<br />

L’espletamento <strong>di</strong> questa procedura non garantisce<br />

comunque l’approvazione delle richieste, che resta a<br />

<strong>di</strong>screzione degli Amministratori del<strong>la</strong> Fondazione<br />

<strong>Rotary</strong>. Questo cambiamento entrerà in vigore a partire<br />

dal 1° luglio 2006.<br />

Tempistica<br />

• Le domande devono sod<strong>di</strong>sfare tutte le con<strong>di</strong>zioni<br />

necessarie all’approvazione entro sei mesi dal ricevimento<br />

da parte del<strong>la</strong> Fondazione <strong>Rotary</strong>. In caso contrario,<br />

non verranno prese in considerazione.<br />

• Le domande approvate devono sod<strong>di</strong>sfare tutte le con<strong>di</strong>zioni<br />

richieste per l’erogazione dei fon<strong>di</strong> entro sei<br />

mesi dall’approvazione, pena l’annul<strong>la</strong>mento del<strong>la</strong><br />

sovvenzione concessa.<br />

In passato gli sponsor avevano quin<strong>di</strong>ci mesi per il completamento<br />

delle domande e altri quin<strong>di</strong>ci mesi dopo l’approvazione<br />

per sod<strong>di</strong>sfare i requisiti richiesti per l’esborso. La<br />

nuova norma avrà effetto a partire dal 1° luglio 2006.<br />

Sovvenzioni paritarie<br />

• Per le sovvenzioni paritarie è stato fissato un importo<br />

minimo sovvenzionato <strong>di</strong> 5.000 USD.<br />

Questa decisione si prefigge <strong>di</strong> concentrare le risorse<br />

nello sviluppo <strong>di</strong> progetti sostenibili che abbiano un<br />

impatto più significativo sulle comunità.<br />

La variazione avrà effetto dal 1° luglio 2005. Le domande<br />

presentate fino al 31 marzo 2005 potranno essere<br />

finanziate in base alle regole precedenti, purché siano<br />

completate entro il 31 ottobre 2005.<br />

• Al partner locale nel Paese beneficiario del progetto è<br />

richiesto un contributo minimo <strong>di</strong> 100 USD.<br />

Questo contributo finanziario ha lo scopo <strong>di</strong> ottenere il<br />

coinvolgimento <strong>di</strong>retto del partner locale nel progetto<br />

e nel<strong>la</strong> gestione dei fon<strong>di</strong>.<br />

La variazione avrà effetto dal 1° luglio 2006.<br />

• Per le sovvenzioni paritarie <strong>di</strong>venta necessario istituire<br />

una commissione <strong>di</strong> progetto composta da almeno tre<br />

Rotariani.<br />

Dal 1° luglio 2006, le domande <strong>di</strong> sovvenzioni paritarie<br />

richiederanno l’istituzione <strong>di</strong> una commissione composta<br />

da almeno tre Rotariani, incaricata <strong>di</strong> sovrintendere<br />

al<strong>la</strong> realizzazione del progetto.<br />

Sovvenzioni in<strong>di</strong>viduali<br />

• A partire dal 1° luglio 2005, scatterà una sospensione<br />

delle sovvenzioni in<strong>di</strong>viduali.<br />

Per garantire che i progetti umanitari già in programma<br />

possano avere luogo nel nuovo anno rotariano, i<br />

volontari possono presentare al <strong>Rotary</strong> domanda <strong>di</strong><br />

sovvenzione in<strong>di</strong>viduale per i viaggi da svolgersi entro<br />

l’anno sociale 2005-06. Le domande devono pervenire<br />

al<strong>la</strong> Fondazione entro il 30 giugno 2005. I documenti<br />

richiesti per l’approvazione devono essere pronti<br />

entro 2 mesi dal<strong>la</strong> data prevista per <strong>la</strong> partenza e tutte<br />

le domande devono essere complete entro e non oltre<br />

il 31 ottobre 2005. Le domande ricevute dopo questa<br />

data non saranno prese in considerazione.<br />

• Le domande ricevute dopo il 1° luglio 2005 non saranno<br />

prese in considerazione.<br />

Ren<strong>di</strong>contazione<br />

• Rapporti provvisori sul progetto vanno presentati<br />

ogni do<strong>di</strong>ci mesi per tutta <strong>la</strong> durata del<strong>la</strong> sovvenzione,<br />

mentre entro due mesi dal completamento del progetto<br />

è richiesta <strong>la</strong> presentazione <strong>di</strong> un rapporto finale.<br />

Le nuove regole richiedono rapporti molto più dettagliati,<br />

corredati da:<br />

– resoconto delle entrate e delle spese;<br />

– estratto conto bancario con l’in<strong>di</strong>cazione delle entrate<br />

e delle spese;<br />

– ricevute per tutte le entrate e le spese elencate nel<br />

resoconto;<br />

– un resoconto narrativo redatto dal beneficiario;<br />

– descrizione completa delle attività <strong>di</strong> supervisione,<br />

gestione e partecipazione <strong>di</strong>retta nel progetto da<br />

parte dei Rotariani;<br />

– descrizione dettagliata del progetto.<br />

Tutti i beneficiari delle sovvenzioni approvate dopo il 1°<br />

luglio 2005 dovranno attenersi a questi nuovi obblighi <strong>di</strong><br />

ren<strong>di</strong>contazione. Dopo il 31 <strong>di</strong>cembre 2006, questi requisiti<br />

varranno per tutte le sovvenzioni, in<strong>di</strong>pendentemente dal<strong>la</strong><br />

data <strong>di</strong> approvazione.<br />

Presidente del<strong>la</strong> sottocommissione <strong>di</strong>strettuale sovvenzioni<br />

• La sottocommissione <strong>di</strong>strettuale sovvenzioni tramite<br />

il suo presidente, nominato dallo sponsor locale o<br />

Per i bambini che hanno bisogno <strong>di</strong> una mano<br />

L’Interact scende in piazza<br />

domenica 18 <strong>di</strong>cembre 2005<br />

Domenica 18 <strong>di</strong>cembre 2005 tutti a<br />

piazza Ver<strong>di</strong> al mercato dell’antiquariato.<br />

L’Interact club Appia Antica-Pa<strong>la</strong>tino<br />

ha bisogno del<strong>la</strong> col<strong>la</strong>borazione e<br />

generosità dei rotariani per donare<br />

qualcosa ai bambini poco fortunati<br />

attraverso <strong>la</strong> <strong>Rotary</strong> Foundation.<br />

La raccolta <strong>di</strong> “chicchere e piattini”<br />

(cioè <strong>di</strong> doni, tranne il vestiario) terminerà<br />

il 10 <strong>di</strong>cembre. La ven<strong>di</strong>ta avverrà<br />

il giorno 18, nello stand rotariano <strong>di</strong><br />

piazza Ver<strong>di</strong>, sperando in una proficua<br />

“pesca”.<br />

Non <strong>di</strong>mentichiamo l’appuntamento: si<br />

tratta <strong>di</strong> rega<strong>la</strong>re un sorriso a chi ne<br />

ha bisogno. Non ci viene chiesto<br />

molto. Come giustamente sottolinea lo<br />

stesso club interact nel<strong>la</strong> apposita<br />

locan<strong>di</strong>na:<br />

“ Noi piccoli vogliamo fare una grande cosa,<br />

voi gran<strong>di</strong> fate un picco<strong>la</strong> cosa”


28 VITA DEI CLUB<br />

Dicembre 2005<br />

Progetto Ry<strong>la</strong> 4-5 marzo 2006 del Rc <strong>Cagliari</strong> <strong>Nord</strong>, dopo quello organizzato dal Rc Sassari <strong>Nord</strong><br />

DO YOU SPEAK<br />

ROTARY<br />

PIER LUIGI ZANATA<br />

È importante avere idee ma non basta:<br />

occorre avere anche <strong>la</strong> capacità <strong>di</strong> illustrarle<br />

agli altri con convinzione e facilità<br />

<strong>di</strong> comunicazione. E per farlo<br />

occorre conoscere le tecniche del<strong>la</strong><br />

comunicazione.<br />

CAGLIARI NORD. Tecniche che saranno<br />

insegnate dal Rc <strong>Cagliari</strong> <strong>Nord</strong>, che sta<br />

organizzando per il 4-5 marzo del prossimo<br />

anno un Ry<strong>la</strong> ( <strong>Rotary</strong> youth leadership<br />

awards) dal tema “ Corso <strong>di</strong><br />

public speaking”, un percorso formativo<br />

per 15 ragazzi ( interactiani, rotaractiani<br />

e non, dai 16 ai 31 anni <strong>di</strong> età) che offre<br />

meto<strong>di</strong> e tecniche per esporre in pubblico<br />

le proprie idee.<br />

La domanda, compi<strong>la</strong>ta sull’apposito<br />

modulo, va presentata entro il 31 <strong>di</strong>cembre<br />

2005, via fax (178.220.9323)<br />

o e-mail (plzanata@yahoo.it).<br />

Leadership significa<br />

consenso e il<br />

consenso si raggiunge<br />

stimo<strong>la</strong>ndo e<br />

sostenendo <strong>la</strong> <strong>di</strong>retta<br />

partecipazione del<br />

gruppo alle decisioni<br />

fondamentali, in<br />

modo da considerare<br />

il punto <strong>di</strong> vista <strong>di</strong><br />

tutti e in modo che<br />

tutti partecipino al<br />

punto <strong>di</strong> vista comune<br />

Per par<strong>la</strong>re bene è necessario favorire<br />

l’attenzione del pubblico, essere persuasivo,<br />

affascinare l’u<strong>di</strong>torio, stimo<strong>la</strong>re<br />

gli interessi <strong>di</strong> chi ascolta, utilizzare il<br />

cosiddetto linguaggio corporeo, trasmettere<br />

un senso <strong>di</strong> serenità e padronanza.<br />

Tutti questi fatti sono gli obiettivi del<br />

corso, ideato per essere un vero e proprio<br />

allenamento in<strong>di</strong>viduale, con il supporto<br />

del<strong>la</strong> telecamera. Un’efficace full<br />

immersion <strong>di</strong> due giorni con otto interventi<br />

<strong>di</strong> ogni partecipante <strong>di</strong> fronte<br />

all’au<strong>la</strong>, per un totale <strong>di</strong> più <strong>di</strong> mezz’ora<br />

<strong>di</strong> presentazione.<br />

Ogni esercizio rappresenta uno scenario<br />

reale <strong>di</strong> situazioni con <strong>di</strong>fficoltà e<br />

intensità crescenti che, grazie alle riprese<br />

video può essere rivisto e commentato<br />

insieme al trainer.<br />

In questo modo ogni partecipante<br />

viene coinvolto in modo <strong>di</strong>retto nell’applicazione<br />

delle tecniche e può allenarsi<br />

fin dall’inizio.<br />

SASSARI NORD. Nel frattempo il <strong>Rotary</strong><br />

club <strong>di</strong> Sassari <strong>Nord</strong> ha organizzato e<br />

felicemente portato a termine il Ry<strong>la</strong> <strong>di</strong><br />

analoghi contenuti ‘’Comunicazione,<br />

leadership e <strong>di</strong>namica <strong>di</strong> gruppo nel<br />

<strong>la</strong>voro professionale d’equipe” . Il corso<br />

è stato organizzato in col<strong>la</strong>borazione<br />

con il Banco <strong>di</strong> Sardegna.<br />

L’obiettivo del Ry<strong>la</strong> è stato quello <strong>di</strong><br />

offrire alle nuove generazioni un occasione<br />

<strong>di</strong> formazione nel <strong>di</strong>venire sia<br />

consapevoli che attori carismatici del<br />

<strong>la</strong>voro <strong>di</strong> gruppo. Questo non solo ha<br />

rappresentato un sostegno per l’eccellenza<br />

e <strong>la</strong> leadership nei rispettivi ambiti<br />

professionali, ma è stato anche un<br />

momento <strong>di</strong> formazione all’azione rotariana<br />

<strong>di</strong>retta alle nuove generazioni.<br />

Nel presentare l’iniziativa il presidente<br />

Un corso per migliorare<br />

<strong>la</strong> capacità <strong>di</strong> par<strong>la</strong>re in<br />

pubblico e <strong>di</strong> conoscere<br />

le tecniche <strong>di</strong><br />

comunicazione. Riprese<br />

video dei partecipanti<br />

per commentare gli<br />

interventi e trasmettere<br />

un’immagine dei<br />

padronanza, scioltezza e<br />

leadership.<br />

Avendo per oggetto<br />

sempre <strong>la</strong><br />

comunicazione e il<br />

<strong>la</strong>voro <strong>di</strong> gruppo s’è<br />

svolto il Ry<strong>la</strong><br />

organizzato dal Rc<br />

Sassari <strong>Nord</strong> in<br />

col<strong>la</strong>borazione con il<br />

Banco <strong>di</strong> Sardegna: ai<br />

ragazzi sono state<br />

illustrate in partico<strong>la</strong>re<br />

le tecniche <strong>di</strong> public<br />

speaking con l’aiuto <strong>di</strong><br />

“allenatori mentali”.<br />

del Rc Sassari <strong>Nord</strong> Andrea Fiore e l’incoming<br />

Pier Giorgio Pod<strong>di</strong>ghe hanno<br />

sottolineato che le quattro vie <strong>di</strong> azione<br />

rotariana sono espressione <strong>di</strong> un coagulo<br />

consapevole <strong>di</strong> intelligenze professionali<br />

volte al<strong>la</strong> soluzione <strong>di</strong> problemi<br />

critici del<strong>la</strong> comunità locale e internazionale.<br />

E hanno sottolineato che il<br />

<strong>Rotary</strong> stesso è un esempio <strong>di</strong> organismo<br />

collettivo pluri-in<strong>di</strong>viduale, in cui<br />

l’affettività in<strong>di</strong>viduale si trova espressa<br />

nell’adesione agli obiettivi etici comuni.<br />

Anima, mente e corpo collettivi si <strong>di</strong>rigono<br />

con <strong>la</strong> forza <strong>di</strong> oltre 1 milione 200<br />

Dicembre 2005 VITA DEI CLUB<br />

29<br />

UN SORRISO, PREGO. Un momento <strong>di</strong> re<strong>la</strong>x durante il Ry<strong>la</strong> <strong>di</strong> Sassari.<br />

mi<strong>la</strong> <strong>di</strong> soggettività in<strong>di</strong>viduali verso<br />

obiettivi <strong>di</strong> pace e <strong>di</strong> miglioramento<br />

del<strong>la</strong> qualità <strong>di</strong> vita <strong>di</strong> tutta <strong>la</strong> comunità<br />

mon<strong>di</strong>ale, verso il rispetto e <strong>la</strong> valorizzazione<br />

delle <strong>di</strong>fferenze, verso <strong>la</strong> soluzione<br />

<strong>di</strong> incomprensioni e conflittualità.<br />

Il Ry<strong>la</strong> si è rivolto in modo trans<strong>di</strong>sciplinare<br />

ai giovani attraverso un percorso<br />

formativo che li ha preparati tanto ad<br />

una futura col<strong>la</strong>borazione ad iniziative<br />

rotariani quanto all’eccellenza sul piano<br />

professionale e sociale.<br />

Al Ry<strong>la</strong> hanno partecipato do<strong>di</strong>ci giovani,<br />

alcuni già avviati nel<strong>la</strong> professione, i<br />

quali hanno seguito con vero interesse<br />

le lezioni interattive svolte da Piero Pintore,<br />

psichiatra, specialista in comunicazione<br />

<strong>di</strong> gruppo, Pier Luigi Marconi, psichiatra,<br />

specialista nelle <strong>di</strong>namiche <strong>di</strong><br />

gruppo, Pier Luigi Zanata, giornalista,<br />

specialista <strong>di</strong> tecniche <strong>di</strong> pubblic speaking<br />

e <strong>di</strong> programmazione neuro linguistica<br />

(Pnl e Lorenzo Mezzadri, formatore,<br />

consulente aziendale, specialista <strong>di</strong><br />

pubblic speaking, trainer <strong>di</strong> Pnl e allenatore<br />

mentale degli astronauti russi e del<br />

colonnello Vittori, il cosmonauta italiano<br />

che ha partecipato ai voli del<strong>la</strong><br />

Soyuz, oltre che allenatore mentale dei<br />

piloti dell’aviazione civile.<br />

Il Corso si è svolto artico<strong>la</strong>ndosi in quattro<br />

moduli: <strong>la</strong> comunicazione, <strong>la</strong> <strong>di</strong>namica<br />

dei gruppi e le masse me<strong>di</strong>atiche, il<br />

pensiero intelligente <strong>di</strong> gruppo, le tecnologie<br />

per <strong>la</strong> comunicazione e il <strong>la</strong>voro<br />

<strong>di</strong> gruppo.<br />

VIA FRANCIGENA E CORRIERE DELLA SERA<br />

MA I PRIMI SIAMO NOI<br />

Sul numero <strong>di</strong> novembre (chiuso in tipografia il 17 ottobre)<br />

Voce del <strong>Rotary</strong> manda alle stampe l’interessante<br />

articolo sul<strong>la</strong> via francigena “una antica e religiosa mille<br />

miglia a pie<strong>di</strong>”, firmato da Ade<strong>la</strong>ide Trezzini.<br />

Giovedì 3 novembre il Corriere del<strong>la</strong> sera pubblica una<br />

quasi intera pagina sul<strong>la</strong> via francigena e sui cammini religiosi<br />

del me<strong>di</strong>oevo.<br />

Il pezzo informa che qualche partito politico (qui evitiamo<br />

<strong>di</strong> dare riferimenti più concreti solo per non dare vita<br />

all’accusa <strong>di</strong> voler fare politica in questo momento elettorale)<br />

vuole ripristinare, tra le altre (via carolingia, via per<br />

Gerusalemme), <strong>la</strong> via francigena che dal<strong>la</strong> val <strong>di</strong> Susa<br />

scende verso <strong>la</strong> pianura padana, scavalca l’Appennino al<strong>la</strong><br />

Cisa e arriva a Roma.<br />

Molte amministrazioni locali –<br />

precisa il giornale – hanno capito l’importanza dei cammini storici per<br />

cogliere un nuovo tipo <strong>di</strong> turismo, a cominciare dal<strong>la</strong> via francigena.<br />

Ne siamo più che lieti, anche perché ne abbiamo par<strong>la</strong>to prima del primo<br />

giornale italiano, dal quale traiamo il gustoso <strong>di</strong>segno che accompagna il<br />

servizio firmato da Alessandro Cannavò.


30 CULTURA<br />

Dicembre 2005 CULTURA<br />

Dicembre 2005 31<br />

A Roma università in festa: un po’ vecchiotta, ma insomma….<br />

Settecento<br />

anni <strong>di</strong><br />

SAPIENZA<br />

TIZIANA GRASSI<br />

giornalista – autrice televisiva<br />

“La Sapienza” ha un suo preciso atto <strong>di</strong><br />

nascita, il 20 aprile 1303, anno in cui<br />

papa Bonifacio VIII emana <strong>la</strong> bol<strong>la</strong> <strong>di</strong><br />

istituzione in Roma <strong>di</strong> uno “stu<strong>di</strong>um<br />

generale” nel quale compiere stu<strong>di</strong> “in<br />

quarumlibet scientiae facultatum”, affidati<br />

a stu<strong>di</strong>osi <strong>di</strong> ogni nazione. Lo stu<strong>di</strong>um<br />

affianca il più antico stu<strong>di</strong>um<br />

curiae o scho<strong>la</strong> pa<strong>la</strong>tina, fondata nel<br />

1218 da Onorio III per trasmettere insegnamenti<br />

e conoscenze nelle <strong>di</strong>scipline<br />

ecclesiastiche. Il primo secolo <strong>di</strong> vita<br />

non è facile in una città abbandonata<br />

dai pontefici trasferiti ad Avignone. L’ateneo<br />

romano subisce anche <strong>la</strong> concorrenza<br />

<strong>di</strong> altre università italiane. L’opera<br />

riformatrice <strong>di</strong> Eugenio IV riesce a<br />

garantirgli stabilità e protezione papale:<br />

nel 1431 il pontefice destina i proventi<br />

derivanti dall’aumento <strong>di</strong> tre<br />

sol<strong>di</strong> delle gabelle sul vino importato<br />

all’acquisto <strong>di</strong> alcuni stabili attigui a S.<br />

Eustachio, nel cuore <strong>di</strong> Roma, nei pressi<br />

del luogo dove due secoli più tar<strong>di</strong><br />

sorgerà il pa<strong>la</strong>zzo de “La Sapienza” e<br />

riunisce le <strong>di</strong>scipline insistendo sul<strong>la</strong><br />

proficua col<strong>la</strong>borazione tra i <strong>di</strong>versi<br />

docenti.<br />

Disegno <strong>di</strong> Paul-Marie Letarouilly (1795-1855).<br />

Ci piace pensare che l’artista, raffigurando sul<strong>la</strong> destra del cortile tre architetti ,<br />

abbia voluto riferirsi a Miche<strong>la</strong>ngelo, Giacomo del<strong>la</strong> Porta e Francesco Borromini,<br />

artefici del pa<strong>la</strong>zzo del<strong>la</strong> Sapienza, nel quale ha avuto sede l’Università romana fino<br />

all’anno 1935.<br />

Sant’Ivo. Nei successivi quattro secoli si<br />

alternano fasi <strong>di</strong> rinnovamento e <strong>di</strong><br />

decadenza. Durante tutto il cinquecento<br />

prosegue <strong>la</strong> costruzione del pa<strong>la</strong>zzo<br />

de “La Sapienza”; <strong>la</strong> nuova sede dell’università<br />

viene inaugurata nel 1659 da<br />

Alessandro VII, insieme all’annessa chiesa<br />

<strong>di</strong> Sant’Ivo, una delle più belle opere<br />

<strong>di</strong> Borromini. Ed è sempre all’opera <strong>di</strong><br />

Alessandro VII che si deve <strong>la</strong> fondazione<br />

del<strong>la</strong> ricca ed ampia biblioteca alessandrina,<br />

<strong>la</strong> ristrutturazione dell’orto botanico,<br />

l’istituzione <strong>di</strong> nuove cattedre, l’invito<br />

a coprire cattedre romane rivolto a<br />

maestri <strong>di</strong> sicura fama sia nel campo del<br />

<strong>di</strong>ritto, sia in quello del<strong>la</strong> me<strong>di</strong>cina.<br />

Difficoltà e crisi. Ma <strong>la</strong> fine del secolo<br />

vede l’università romana in serie <strong>di</strong>fficoltà.<br />

Momenti positivi continuarono,<br />

infatti, ad alternarsi nei secoli XVII e XVIII<br />

con momenti <strong>di</strong> crisi. Non mancarono<br />

certamente maestri illustri, come il fisico<br />

e matematico Evangelista Torricelli -<br />

cui si deve l’invenzione del barometro,<br />

<strong>di</strong>scepolo e continuatore dell’opera <strong>di</strong><br />

Galileo -, l’anatomista Marcello Malpigli<br />

– tra gli iniziatori dello stu<strong>di</strong>o microsco-<br />

Concluse quest’anno le celebrazioni dell’Università “La Sapienza” <strong>di</strong> Roma, che nel 2003 ha compiuto il<br />

suo settecentesimo anniversario. Un percorso che si è artico<strong>la</strong>to attraverso eventi culturali, scientifici e<br />

celebrativi. Molte le feste, le mostre ma soprattutto le occasioni <strong>di</strong> <strong>di</strong>battito sull’ateneo romano come ruolo<br />

reale e simbolico, nei suoi intrecci con <strong>la</strong> città e <strong>la</strong> storia. Un percorso in progress, con andamenti intermittenti<br />

e lunghi perio<strong>di</strong> <strong>di</strong> crisi, momenti <strong>di</strong> riforma e <strong>di</strong> ripresa. Intervista al prof. Mario Morcellini.<br />

pico dei tessuti -, il letterato e critico<br />

Gian Vincenzo Gravina – tra i fondatori<br />

dell’Arca<strong>di</strong>a -, il me<strong>di</strong>co Giovanni Maria<br />

Lancisi, che contribuì con il suo insegnamento<br />

al<strong>la</strong> riforma degli stu<strong>di</strong> me<strong>di</strong>ci,<br />

per i quali propugnò un in<strong>di</strong>rizzo eminentemente<br />

pratico, basato sull’osservazione<br />

obiettiva -, Atanasio Kircher,<br />

eru<strong>di</strong>to gesuita, che si de<strong>di</strong>cò agli argomenti<br />

più <strong>di</strong>sparati: dal magnetismo<br />

all’ottica, dal<strong>la</strong> geologia al<strong>la</strong> musica.<br />

Correnti innovatrici. Sottratta al<br />

governo <strong>di</strong>retto del<strong>la</strong> Santa Sede, lunghi<br />

perio<strong>di</strong> <strong>di</strong> torpore culturale sembrano<br />

segnare <strong>la</strong> vita dello “stu<strong>di</strong>o romano”.<br />

Ci vorranno le correnti innovatrici del<br />

settecento per dare forte impulso a<br />

molti atenei europei. Benedetto XIV<br />

riprende in mano le re<strong>di</strong>ni dell’università<br />

romana e <strong>di</strong>spone che il rettore visiti<br />

le singole scuole almeno una volta <strong>la</strong><br />

settimana e compili ogni anno il calendario<br />

con i giorni e le ore <strong>di</strong> lezione;<br />

determina il numero delle cattedre,<br />

<strong>di</strong>vide quelle me<strong>di</strong>che dalle filosofiche<br />

ampliando il numero delle cattedre.<br />

Attiva nuove, importanti <strong>di</strong>scipline<br />

come chimica, matematica e fisica sperimentale<br />

e crea una scuo<strong>la</strong> <strong>di</strong> veterinaria<br />

oltre ad una succursale dell’ecole<br />

normale, destinata al<strong>la</strong> formazione degli<br />

insegnanti.<br />

Risale al 1756 <strong>la</strong><br />

prima cerimonia<br />

solenne <strong>di</strong> consegna<br />

del <strong>di</strong>ploma <strong>di</strong> <strong>la</strong>urea<br />

“a titolo <strong>di</strong> merito e<br />

<strong>di</strong> onore”<br />

Un’altra data fortemente<br />

simbolica è quel<strong>la</strong> del 1756,<br />

in cui, per <strong>la</strong> prima volta, si<br />

tiene <strong>la</strong> cerimonia solenne<br />

<strong>di</strong> consegna del <strong>di</strong>ploma <strong>di</strong><br />

<strong>la</strong>urea “a titolo <strong>di</strong> merito e<br />

<strong>di</strong> onore” ai due studenti<br />

ritenuti migliori “a seguito<br />

<strong>di</strong> esame”. Ed è il 1804 quando<br />

Pio VII – con <strong>la</strong> bol<strong>la</strong><br />

“Urbes dum menti nostrae”,<br />

istituisce le cattedre <strong>di</strong> storia naturale e<br />

mineralogia, fonda un embrione <strong>di</strong><br />

gabinetto scientifico ed inizia <strong>la</strong> raccolta<br />

<strong>di</strong> minerali del magnifico museo <strong>di</strong><br />

mineralogia.<br />

Impero francese. Assoggettata Roma<br />

all’impero francese, con decreto imperiale<br />

del 17 marzo 1808, le facoltà<br />

<strong>di</strong>ventano cinque, ovvero scienze sacre,<br />

legge, filosofia, me<strong>di</strong>cina e chirurgia,<br />

filologia e scienze sussi<strong>di</strong>arie. Dopo <strong>la</strong><br />

caduta <strong>di</strong> Napoleone a Waterloo, il pontefice<br />

Pio VII de<strong>di</strong>ca nuovamente attenzione<br />

all’ateneo, arricchendone l’offerta<br />

<strong>di</strong>dattica ed istituendo - siamo nel<br />

1815 - altre cattedre: clinica me<strong>di</strong>ca, clinica<br />

chirurgica, zoologia, algebra, geometria<br />

sublime ed introduzione al calcolo.<br />

Due anni dopo fonda, inoltre, <strong>la</strong><br />

scuo<strong>la</strong> <strong>di</strong> ingegneria ed introduce gli<br />

insegnamenti <strong>di</strong> statica, idraulica ed<br />

architettura.<br />

Leone XII, con <strong>la</strong> costituzione “Quod<br />

<strong>di</strong>vina sapientia omnes docet”, stabilisce<br />

nel 1824 che Roma e Bologna siano<br />

sede delle due università primarie dello<br />

Stato pontificio. Nel 1870, con <strong>la</strong> presa<br />

<strong>di</strong> Roma,“La Sapienza”abbandona il suo<br />

status <strong>di</strong> università del<strong>la</strong> capitale pontificia<br />

e <strong>di</strong>venta università del<strong>la</strong> capitale<br />

d’Italia.<br />

Policlinico Umberto I. Ci avviciniamo<br />

al<strong>la</strong> storia recente. La costruzione del<br />

policlinico Umberto I inizia nel 1888 ed<br />

è completata nel 1903. Il 31 ottobre<br />

1935 viene inaugurata <strong>la</strong> nuova sede, <strong>la</strong><br />

“città universitaria” progettata in gran<br />

parte da Marcello Piacentini e e<strong>di</strong>ficata<br />

tra il policlinico ed il complesso monumentale<br />

del cimitero del Verano.<br />

Ha così inizio <strong>la</strong> storia attuale dell’università.<br />

Una storia che fino ai nostri giorni<br />

l’ha caratterizzata per <strong>la</strong> partico<strong>la</strong>re<br />

attenzione e sensibilità verso i nuovi<br />

in<strong>di</strong>rizzi <strong>di</strong> indagine e <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o che via<br />

via si andavano affermando, come attestano<br />

l’introduzione <strong>di</strong> nuove <strong>di</strong>scipline<br />

accanto a quelle ricche <strong>di</strong> tra<strong>di</strong>zione e<br />

l’apertura <strong>di</strong> nuove facoltà.<br />

Intervista<br />

MORCELLINI: «ABOLIAMO LA PAROLA<br />

“CONTROPARTE”»<br />

“La Sapienza” è ormai entrata nell’ottavo secolo <strong>di</strong> vita: all’attivo 147.000 iscritti,<br />

circa 5.000 docenti, 21 Facoltà, 377 Corsi <strong>di</strong> <strong>la</strong>urea e 247 master… dove va<br />

«Verso un ripensamento del fatto formativo – ci risponde il professor Mario Morcellini,<br />

preside del<strong>la</strong> Facoltà <strong>di</strong> scienze del<strong>la</strong> comunicazione, estendendo l’osservazione<br />

all’istituzione universitaria tout court - Verso un ripensamento che non<br />

mascheri le criticità. Che valorizzi le proprie capacità <strong>di</strong> fornire quadri cognitivi<br />

nel<strong>la</strong> trasmissione del<strong>la</strong> cultura alle generazioni. Che sia orientato ad un maggiore<br />

coinvolgimento <strong>di</strong> tutti i soggetti che con l’università interagiscono».<br />

Si riferisce anche agli studenti, ai giovani<br />

«Certo! I giovani sono i protagonisti, sono l’elemento che costruisce il “patto” con<br />

i professori, con gli adulti. Un patto che va ripensato. Bisogna ricucire le contrapposizioni,<br />

investire sul<strong>la</strong> comunicazione, moltiplicare l’interazione e gli scambi<br />

dentro l’università, tra docenti-studenti, docenti-docenti, studenti-studenti.<br />

Anche attraverso soggetti interme<strong>di</strong>, i ricercatori, che sono un “ponte” con gli studenti.<br />

Ripensare ad operazioni in cui non ci si pensi come “controparte”. I giovani<br />

non si accontentano più del<strong>la</strong> so<strong>la</strong> trasmissione del<strong>la</strong> cultura, cercano <strong>la</strong> personalizzazione<br />

degli stu<strong>di</strong> e dei percorsi, l’incontro tra <strong>di</strong>dattica e ricerca. Noi oggi<br />

assistiamo al<strong>la</strong> continua innovazione del sapere e l’università deve essere capace<br />

<strong>di</strong> sorprendere il suo u<strong>di</strong>torio, <strong>di</strong> coltivare questo straor<strong>di</strong>nario capitale umano<br />

attraverso <strong>la</strong> <strong>di</strong>ffusione ma anche <strong>la</strong> promozione del sapere. È dentro l’università<br />

che si vive il rapporto tra generazioni. È questa una grande possibilità, un prezioso<br />

capitale sociale e culturale, un’incre<strong>di</strong>bile ricchezza, perché è in questa fase<br />

che i giovani mettono in campo tutta <strong>la</strong> loro apertura allo scambio, una enorme<br />

pre<strong>di</strong>sposizione proattiva. Noi troppo spesso non ci <strong>di</strong>ciamo il valore che ci è toccato<br />

come insegnanti, come formatori».


32 SPETTACOLI<br />

Dicembre 2005 SPETTACOLI<br />

Dicembre 2005 33<br />

Dicembre 1895: nasce il cinema, lo “scrivere in movimento”. Il primo vero film è del 1902<br />

VAMP, <strong>la</strong> prima è<br />

Asta Nielsen<br />

Ma <strong>la</strong> più famosa resta Theda Bara, due gambe da<br />

sogno, bellezza violenta, <strong>di</strong>voratrice <strong>di</strong> uomini: insomma,<br />

vampiro.<br />

TOMMASO FILIPPI<br />

Quel 28 <strong>di</strong>cembre <strong>di</strong> 110 anni fa, sul<br />

boulevard parigino des Capucines c’era<br />

un sacco <strong>di</strong> gente: tutti aspettavano<br />

quei matti dei fratelli Lumière che avevano<br />

promesso <strong>di</strong> proiettare sul muro<br />

bianco <strong>di</strong> un salone interno al Grand<br />

Cafè, le immagini <strong>di</strong> un treno in arrivo<br />

al<strong>la</strong> stazione. Nasceva il cinematografo,<br />

lo scrivere in movimento (come <strong>di</strong>ce l’etimologia,<br />

in ossequio al<strong>la</strong> patria ellenica<br />

del vocabolo); gli spettatori, che avevano<br />

fatto <strong>la</strong> fi<strong>la</strong> sul marciapiede, uscirono<br />

atterriti dal<strong>la</strong> sa<strong>la</strong> e, per sette anni,<br />

nessuno volle più partecipare a simili<br />

stregonerie <strong>di</strong> gruppo. Ci pensò Georges<br />

Meliès a rimettere le cose a posto,<br />

accantonando le immagini realistiche e<br />

sostituendole con quelle <strong>di</strong> una favo<strong>la</strong>:<br />

Theda Bara<br />

correva l’anno 1902, quando<br />

portò sulle scene il primo film<br />

del<strong>la</strong> storia (il viaggio sul<strong>la</strong> luna),<br />

finanziato da una casa <strong>di</strong> produzione<br />

nata due anni prima.<br />

Dal<strong>la</strong> Francia all’America. Poi le<br />

cinemà (i francesi avevano sveltamente<br />

ridotto il nome originario<br />

<strong>di</strong> quel<strong>la</strong> <strong>di</strong>avoleria, appioppandolo<br />

sia all’impresa che ai luoghi <strong>di</strong><br />

proiezione) valicò i confini del<strong>la</strong> patria e<br />

prese il mare; arrivò in America, dove<br />

trovò l’abbinamento vincente nell’amore<br />

e nell’avventura: era sopraggiunto il<br />

tempo delle donne e queste si <strong>di</strong>mostrarono<br />

subito determinanti per le<br />

casse del<strong>la</strong> nascente industria. Le figure<br />

s<strong>la</strong>nciate, le <strong>di</strong>afane sembianze delle<br />

prime attrici cavarono letteralmente i<br />

sol<strong>di</strong> dalle tasche degli spettatori, sempre<br />

più numerosi. I locali, attrezzati al<strong>la</strong><br />

bisogna, proliferarono e, nel 1910, raggiunsero<br />

il numero <strong>di</strong> <strong>di</strong>ecimi<strong>la</strong> negli<br />

Stati Uniti, trecento in Francia e tremi<strong>la</strong><br />

nel resto del mondo.<br />

Ah, le donne! Come al solito, e il comportamento<br />

<strong>di</strong> una certa Eva nel para<strong>di</strong>so<br />

terrestre lo insegna, le protagoniste<br />

assolute <strong>di</strong> quel<strong>la</strong> attività in sviluppo e<br />

rapido cambiamento furono le donne:<br />

con entusiasmo si presero le scene<br />

migliori dei filmati, <strong>la</strong>nciando dallo<br />

schermo gli sguar<strong>di</strong> assassini che ca<strong>la</strong>mitarono<br />

<strong>la</strong> curiosità dei primi cineamatori<br />

e riempirono le poltrone delle sale.<br />

Molto presto occuparono anche i posti<br />

Asta Nielsen<br />

importanti delle trame, interpretando<br />

parti tragiche e <strong>di</strong>sperate con eroica<br />

passione. Nasceva, senza rumore, un<br />

neologismo destinato a far carriera:<br />

quello <strong>di</strong> vamp; <strong>la</strong> prima ad appropriarsene<br />

fu <strong>la</strong> danese Asta Nielsen che<br />

ospitava due insoliti occhi neri nel suo<br />

Francesca Bertini<br />

Mary Pickford<br />

bellissimo e pallido volto, meritandosi<br />

pienamente l’appel<strong>la</strong>tivo che sa <strong>di</strong><br />

vampiro.<br />

Ah, l’amore! Quando l’interesse si spostò<br />

verso il melodramma, <strong>la</strong> nostra Lyda<br />

Borelli si <strong>di</strong>mostrò perfettamente adatta<br />

a quel genere <strong>la</strong>nguido. Finalmente,<br />

nel 1912, arrivò <strong>la</strong> prima <strong>di</strong>va con <strong>la</strong> ventenne<br />

Francesca Bertini (al secolo Elena<br />

Seracini Vitiello) che, nel giro <strong>di</strong> pochi<br />

anni, conquistò <strong>la</strong> celebrità a livello<br />

internazionale, ma vi rinunciò presto<br />

per amore (sposandosi, abbandonò il<br />

cinema, e visse felice e contenta fino ai<br />

novantatre anni).<br />

Ah, <strong>la</strong> bellezza! Ma il cambiamento dei<br />

gusti era veloce anche in quel tempo:<br />

gli americani <strong>la</strong>nciarono prima Theodosia<br />

Goodman, una giovane dal<strong>la</strong> bellezza<br />

sensuale e travolgente, sorretta da<br />

due gambe da sogno e gli cucirono<br />

addosso il personaggio <strong>di</strong> donna spietata<br />

e <strong>di</strong>voratrice d’uomini (per togliere<br />

ogni dubbio, gli cambiarono anche il<br />

nome in Theda Bara, anagrammando il<br />

termine inglese delle parole “morte<br />

araba”) e, subito dopo, con una virata da<br />

campioni del<strong>la</strong> ve<strong>la</strong>, presentarono Mary<br />

Pickford, l’ingenua e dolce bion<strong>di</strong>na che<br />

Greta Garbo<br />

IN VENEZUELA IL CALCIO ITALIANO È UNA RELIGIONE<br />

Pao<strong>la</strong> Borboni<br />

<strong>di</strong>ventò in breve tempo <strong>la</strong> fidanzata <strong>di</strong><br />

ideale tutti.<br />

Nudo italiano. Theda, però, rimase saldamente<br />

in sel<strong>la</strong> nel<strong>la</strong> c<strong>la</strong>ssifica delle preferenze:<br />

<strong>la</strong> sua bellezza violenta e <strong>la</strong> sua<br />

bocca costantemente semiaperta eccitarono<br />

generazioni <strong>di</strong> americani, proprio<br />

come successe da noi con Pao<strong>la</strong> Borboni,<br />

l’intrigante parmigiana che portò sullo<br />

schermo <strong>la</strong> prima scena <strong>di</strong> nudo.<br />

Questo avvenne nel 1925, quando il<br />

cinema muto, con tutta <strong>la</strong> sua misteriosa<br />

atmosfera, stava per chiudere: sul<strong>la</strong><br />

soglia c’era il sonoro, in arrivo c’era <strong>la</strong><br />

<strong>di</strong>vina Greta Garbo.<br />

Quando <strong>la</strong> nazionale <strong>di</strong> calcio gioca gli italiani in Venezue<strong>la</strong>,<br />

compresi quelli che non amano partico<strong>la</strong>rmente il gioco, si<br />

incol<strong>la</strong>no davanti al televisore e seguono <strong>la</strong> partita con religiosa<br />

passione e partecipazione. Calcio e Italia sono due amori<br />

che si confondono: sentimenti che superano le generazioni e<br />

uniscono in una stessa emozione nonni e nipoti.<br />

Così sostiene il giornale “La voce d’Italia”, quoti<strong>di</strong>ano <strong>di</strong> Caracas<br />

<strong>di</strong>retto da Mauro Bafile.<br />

Ma proprio questo amore sta scatenando proteste a non finire.<br />

Infatti <strong>la</strong> Rai ha acquisito i <strong>di</strong>ritti per i mon<strong>di</strong>ali <strong>di</strong> calcio<br />

2006, ma è esclusa <strong>la</strong> visione in chiaro per l’estero.<br />

Conclude il giornale che ha inviato molte proteste al presidente<br />

Petruccioli. “ Non è possibile fare <strong>di</strong>scorsi a doppio binario,<br />

uno per gli italiani che vivono in Italia e uno per quelli che vivono all’estero. La Rai deve battersi per permettere<br />

ai telespettatori <strong>di</strong> assistere alle partite del<strong>la</strong> nazionale anche se vivono e <strong>la</strong>vorano all’estero. Non è un problema<br />

da sottovalutare perché il calcio soprattutto all’estero è sinonimo <strong>di</strong> italianità”.


34 ATTUALITÀ<br />

Dicembre 2005 ATTUALITÀ<br />

Dicembre 2005 35<br />

Un ulteriore contributo <strong>di</strong> rotariani al complesso <strong>di</strong>scorso sul<strong>la</strong> sistemazione dell’Ara Pacis<br />

La piazzo<strong>la</strong><br />

del porto<br />

<strong>di</strong> Ripetta<br />

LANCIAMO<br />

UN SOS<br />

Due colonne e una fontana abbandonata ad un avvilente degrado che devono essere<br />

recuperate per il loro valore storico. Troppo grande l’e<strong>di</strong>ficio concepito dall’architetto<br />

Meier che innalza “un allucinante muro <strong>di</strong> travertino” ad oscurare <strong>la</strong> facciata del<strong>la</strong><br />

chiesa <strong>di</strong> San Rocco.<br />

Il muraglione che copre i resti del porto <strong>di</strong> Ripetta<br />

GIORGIO RIONDINO<br />

Segretario generale Conferenza Stato-Enti<br />

locali, Presidenza del consiglio dei ministri<br />

Nel numero <strong>di</strong> ottobre del<strong>la</strong> Voce del<br />

<strong>Rotary</strong> il socio prof. Giovanni Carbonara<br />

affrontava un problema che sta a cuore<br />

dei romani e, in partico<strong>la</strong>re, dei rotariani.<br />

Furono infatti i nostri consoci che si<br />

quotarono per permettere il restauro<br />

del<strong>la</strong> teca che Morpurgo aveva costruito<br />

a protezione dell’Ara Pacis.<br />

Le considerazioni <strong>di</strong> Carbonara sono in<br />

gran parte – a mio modesto avviso -<br />

con<strong>di</strong>visibili; in estrema sintesi, <strong>di</strong>ce il<br />

professore, l’operazione concepita da<br />

Meier mo<strong>di</strong>ficherà così “profondamente<br />

le re<strong>la</strong>zioni volumetriche e spaziali che<br />

oggi rego<strong>la</strong>no il sito” da rendere necessaria<br />

una “riflessione sulle nuove, impreviste<br />

possibilità <strong>di</strong> riqualificazione spaziale<br />

ed urbanistica del<strong>la</strong> piazza” Augusto<br />

Imperatore.<br />

Ci auguriamo che l’amministrazione<br />

capitolina colga questo suggerimento<br />

con <strong>la</strong> stessa rapi<strong>di</strong>tà con <strong>la</strong> quale <strong>la</strong><br />

giunta precedente dette a Meier l’incarico<br />

<strong>di</strong> attuare una così ra<strong>di</strong>cale mo<strong>di</strong>fica<br />

del sito e dell’area circostante.<br />

Piccone demolitore. Appassionato<br />

romanista da sempre, per lungo tempo<br />

ho ammirato a Pa<strong>la</strong>zzo Chigi un quadro<br />

<strong>di</strong> Orazio Amato, datato 1937 , incentrato<br />

su ponte Cavour e <strong>la</strong> retrostante zona<br />

ancora (per poco meno <strong>di</strong> un anno!)<br />

Riproduzione. Orazio Amato “Ponte Cavour”<br />

integra dal piccone demolitore nel suo<br />

impianto cinquecentesco, con <strong>la</strong> cupo<strong>la</strong><br />

del teatro Corea a coronare il mausoleo<br />

d’Augusto nel<strong>la</strong> sua funzione <strong>di</strong> ottimo<br />

au<strong>di</strong>torium. Sul lungotevere ben si<br />

vedono, nel<strong>la</strong> raffigurazione <strong>di</strong> Amato,<br />

le due chiese <strong>di</strong> San Rocco e San Giro<strong>la</strong>mo<br />

degli Illirici.<br />

Guardando oggi, con una ango<strong>la</strong>zione<br />

simile a quel<strong>la</strong> del quadro, lo stesso<br />

panorama, <strong>la</strong> cosa che più colpisce non<br />

è tanto l’iso<strong>la</strong>mento del mausoleo nelle<br />

quinte architettoniche ideate da Morpurgo,<br />

al quale eravamo abituati, essendo<br />

quello l’unico che conoscevamo, ma<br />

l’assurdo prolungarsi dell’anche troppo<br />

grande e<strong>di</strong>ficio concepito da Meier che<br />

innalza un allucinante muro <strong>di</strong> travertino<br />

sino ad offendere ed oscurare parte<br />

del<strong>la</strong> facciata che il Va<strong>la</strong><strong>di</strong>er concepì per<br />

<strong>la</strong> chiesa <strong>di</strong> San Rocco.<br />

I muraglioni piemontesi. Come è noto,<br />

l’e<strong>di</strong>ficazione dei muraglioni del Tevere<br />

prima e <strong>la</strong> costruzione <strong>di</strong> ponte Cavour<br />

e <strong>di</strong> via Tomacelli poi, portarono al<strong>la</strong><br />

<strong>di</strong>struzione <strong>di</strong> quel<strong>la</strong> meraviglia che era<br />

il porto fluviale <strong>di</strong> Ripetta, punto <strong>di</strong> arrivo<br />

<strong>di</strong> tutti i commerci che dall’Alto<br />

Lazio, Umbria e Toscana arrivavano al<br />

centro dell’Urbe.<br />

Dell’antico porto, nel terrapieno <strong>di</strong> contenimento<br />

dei muraglioni, restano delle<br />

strutture interrate.<br />

Al <strong>di</strong> là <strong>di</strong> via Tomacelli, in asse con <strong>la</strong><br />

parte terminale <strong>di</strong> pa<strong>la</strong>zzo Borghese, tra<br />

via <strong>di</strong> Ripetta e lungotevere Marzio, c’è<br />

piazza del porto <strong>di</strong> Ripetta. Poco più <strong>di</strong><br />

una piazzo<strong>la</strong>, semicoperta da un assurdo<br />

prefabbricato “stabilizzato” sul marciapiede<br />

a<strong>di</strong>bito a riven<strong>di</strong>ta <strong>di</strong> casalinghi.<br />

In questa piazzo<strong>la</strong>, dove svettano<br />

palme ormai invadenti, due colonne<br />

dal<strong>la</strong> strana forma e una fontana,<br />

abbandonati ad un avvilente degrado:<br />

sono le due colonne contrassegnate<br />

dalle in<strong>di</strong>cazioni delle principali piene<br />

del Tevere che, al piano stradale, ornavano<br />

le estremità del<strong>la</strong> ba<strong>la</strong>ustra che circondava<br />

<strong>la</strong> fontana che offriva acqua ai<br />

marinai e che “serviva anche da faro,<br />

sormontata com’era da una stel<strong>la</strong> a mò<br />

<strong>di</strong> <strong>la</strong>nterna, simbolo aral<strong>di</strong>co del<strong>la</strong> famiglia<br />

pontificia Albani”(come <strong>di</strong>ce Ren<strong>di</strong>na<br />

ma, dati anche i monti che sorreggono<br />

<strong>la</strong> stel<strong>la</strong>, opterei per lo stemma dei<br />

Chigi).<br />

Un progetto per il recupero. Poche<br />

cose rispetto al mausoleo <strong>di</strong> Adriano e<br />

all’Ara Pacis. Ritengo però che anch’esse<br />

meritino qualche attenzione e, se un<br />

valente docente del<strong>la</strong> facoltà <strong>di</strong> Architettura<br />

de La Sapienza, qual è il professore<br />

Giovanni Carbonara, vorrà e<strong>la</strong>borare<br />

con i suoi colleghi ed allievi un progetto<br />

per il recupero ed il restauro <strong>di</strong><br />

questa picco<strong>la</strong> area, poco più <strong>di</strong> un’aio<strong>la</strong>,<br />

ma <strong>di</strong> enorme valore storico, insieme<br />

ad altri amici rotariani ci faremo promotori<br />

dell’iniziativa presso il comune e<br />

del<strong>la</strong> raccolta dei fon<strong>di</strong> necessari.<br />

Una <strong>la</strong>pide (chissà che fine ha fatto<br />

quel<strong>la</strong> murata sul<strong>la</strong> teca <strong>di</strong> Morpurgo!)<br />

potrà poi ricordare ai passanti l’impegno<br />

del <strong>Rotary</strong> per <strong>la</strong> città <strong>di</strong> Roma.


36 CULTURA<br />

Dicembre 2005 CULTURA<br />

Dicembre 2005 37<br />

TRILUSSA E LUZI. Due poeti <strong>di</strong>versissimi tra loro, due nomine al <strong>la</strong>tic<strong>la</strong>vio lontane nel<br />

tempo, due persone accomunate da un finale destino comune<br />

Mario Luzi: una vita intensamente de<strong>di</strong>cata ad una poesia<br />

<strong>di</strong> altissimo spessore, sempre in odore <strong>di</strong> Nobel<br />

ALDO ONORATI<br />

scrittore e poeta<br />

Quando il Presidente del<strong>la</strong> Repubblica<br />

ha nominato senatore a vita il poeta<br />

Mario Luzi (14 ottobre 2004, sei giorni<br />

prima del compimento dei 90 anni),<br />

un’ovazione si è alzata dai cuori dei letterati,<br />

come per significare “ esistiamo<br />

ancora, non sono finiti i tempi <strong>di</strong> Francesco<br />

Filicaia , onorato con denari e titoli<br />

dai nobili per <strong>la</strong> sua raccolta <strong>di</strong> versi”.<br />

Certo, non contiamo più come Pietro<br />

Aretino e Francesco Petrarca, il primo<br />

capace <strong>di</strong> mettere in ginocchio i potenti<br />

con <strong>la</strong> sua penna al vetriolo e il secondo<br />

ascoltato da papi e regnanti <strong>di</strong> tutt’Europa,<br />

amico <strong>di</strong> Co<strong>la</strong> <strong>di</strong> Rienzo, incoronato<br />

poeta in Campidoglio. Non facciamo<br />

paura né possiamo vivere con <strong>la</strong><br />

nostra musa, come invece accadeva ai<br />

tempi d’oro: ve<strong>di</strong><br />

Orazio F<strong>la</strong>cco, mantenuto<br />

da Mecenate<br />

con <strong>la</strong> vil<strong>la</strong> a<br />

Licenza per poche<br />

poesie, e lui recalcitrava<br />

pure quando<br />

il magnate lo chiamava<br />

a Roma; ve<strong>di</strong><br />

Trilussa visse venti<br />

giorni dopo <strong>la</strong> nomina<br />

a senatore. A Luzi è<br />

andata un po’ meglio:<br />

centosei. Ma almeno,<br />

sostiene l’autore, hanno<br />

avuto un<br />

riconoscimento<br />

concreto, al contrario<br />

<strong>di</strong> Dante, Meucci,<br />

Bach, Belli, Leopar<strong>di</strong>,<br />

Foscolo, Baude<strong>la</strong>ire…<br />

Virgilio, al quale, per pochi versi scritti in<br />

onore e memoria <strong>di</strong> Marcello prematuramente<br />

scomparso, <strong>la</strong> sorel<strong>la</strong> <strong>di</strong> Augusto<br />

<strong>di</strong>ede <strong>di</strong>ecimi<strong>la</strong> sesterzi a <strong>di</strong>stico, più<br />

dell’ingaggio <strong>di</strong> un asso del pallone,<br />

forse quanto il guadagno <strong>di</strong> tre film del<br />

più quotato attore <strong>di</strong> Hollywood…<br />

SENATORI per poco<br />

POETI per sempre<br />

Trilussa (Carlo Alberto Salustri): in questo mese <strong>di</strong><br />

<strong>di</strong>cembre ricorre il 55° anniversario del<strong>la</strong> morte<br />

Torna <strong>la</strong> speranza. Però, l’attenzione <strong>di</strong><br />

Ciampi a un poeta vivente, anche se<br />

all’estrema vecchiaia, ci ridona speranza:<br />

il detto portajel<strong>la</strong>” carmina non dant<br />

panem,sed aliquando famem”, bisogna<br />

correggerlo così:”carmina non semper<br />

dant panem, tamen aliquando donant<br />

honorem et pecuniam”.<br />

Però, poco tempo dopo (28 febbraio<br />

05), Luzi è andato all’altro mondo per<br />

incontrarsi coi sommi vati, e avrà<br />

domandato a D’Annunzio come ha<br />

fatto a vivere con tanti debiti e tanti cre<strong>di</strong>tori<br />

alle calcagna; poi avrà chinato <strong>la</strong><br />

fronte al cospetto del padre Alighieri, al<br />

quale <strong>la</strong> sfiga non è certo mancata, perché<br />

non solo non lo hanno nominato<br />

senatore a vita, ma gli hanno persino<br />

confiscato i beni nel<strong>la</strong> Fiorenza in cui<br />

era stato priore, spedendolo in esilio ad<br />

assaporare il pane sa<strong>la</strong>to e a sostenere<br />

<strong>la</strong> fatica dello scendere e il salir per l’altrui<br />

scale (a quei tempi, è notorio, non<br />

c’era l’ascensore).<br />

“Semo ricchi”. A me, invece, pur essendo<br />

iscritto nel<strong>la</strong> infinita lista dei verseggiatori,<br />

il giorno del<strong>la</strong> nomina <strong>di</strong> Luzi a<br />

senatore tornarono in mente le parole<br />

del grande Trilussa quando, il primo<br />

<strong>di</strong>cembre 1950, appresa <strong>la</strong> notizia dell’elevazione<br />

a senatore vita natural<br />

durante, per “ altissimi meriti nel campo<br />

culturale e artistico” (Presidente del<strong>la</strong><br />

Repubblica Luigi<br />

Einau<strong>di</strong>), <strong>di</strong>sse al<strong>la</strong><br />

fedele Rosa:”Semo<br />

ricchi”, e sorrise, con<br />

quel suo supremo<br />

<strong>di</strong>sincanto verso le<br />

cose del mondo (e<br />

ci ha indovinato<br />

Pasolini quando ha scritto <strong>di</strong> lui:“ Si rinviene,<br />

sotto le sue contrad<strong>di</strong>zioni, sotto<br />

le sue morali <strong>di</strong>verse, sotto i suoi motti<br />

<strong>la</strong>nciati senza <strong>di</strong>scriminazione, quel<strong>la</strong><br />

costante, a suo modo morale, che è una<br />

deso<strong>la</strong>ta incredulità nelle cose del<br />

mondo”).<br />

Onore al merito.“ Semo ricchi”; ma,<br />

dopo venti giorni, vale a <strong>di</strong>re il 21<br />

<strong>di</strong>cembre, andò nel regno dei più. Potrei<br />

citare altri riconoscimenti dovuti ma<br />

tar<strong>di</strong>vi (certo, il povero Mario Luzi attendeva<br />

il Nobel, che gli è sempre sfuggito<br />

<strong>di</strong> mano all’ultimo momento), però<br />

bisogna pur riflettere sul<strong>la</strong> intrinseca e<br />

profonda ingiustizia del<strong>la</strong> vita e del<br />

mondo. L’onore al merito è una fo<strong>la</strong>, <strong>di</strong><br />

quelle terribili <strong>di</strong> cui par<strong>la</strong> Jago nel<br />

credo dell’Otello <strong>di</strong> Shakespeare. Talvolta,<br />

il merito viene ad<strong>di</strong>rittura punito, o<br />

riconosciuto post mortem a <strong>di</strong>stanza <strong>di</strong><br />

secoli (mi viene in mente il grande e<br />

sfortunato Antonio Meucci, inventore<br />

del telefono, e quel gigante <strong>di</strong> Bach,<br />

riscoperto da Mendelssohn-Bartholdy<br />

cent’anni dopo, quando, egli vivente e<br />

definito parruccone fuori moda, vo<strong>la</strong>va<br />

nel<strong>la</strong> gloria Telemann… e<br />

via così all’infinito).<br />

Senza riconoscimenti. In<br />

fondo, sia Luzi che Trilussa<br />

sono stati riconosciuti e<br />

onorati in vita, come, ad<br />

esempio, Montale, Ungaretti,<br />

Quasimodo, Moravia<br />

etc. Giustamente, ripeto,<br />

onorati per le loro opere.<br />

Ma quanti, più gran<strong>di</strong> <strong>di</strong><br />

loro, sono morti ine<strong>di</strong>ti<br />

Facciamo il nome <strong>di</strong> quel<br />

gigante che è Belli Mentre Gogol lo<br />

ammirava e ne par<strong>la</strong>va entusiasta a<br />

Sainte-Beuve, egli si faceva conoscere<br />

per le rime italiane, piuttosto sco<strong>la</strong>stiche<br />

e accademiche, ma rimaneva<br />

nascosto per i duemi<strong>la</strong> sonetti in romanesco<br />

che gli daranno gloria imperitura<br />

dopo morto. E Leopar<strong>di</strong> Contrattava<br />

coi peggiori e<strong>di</strong>tori, incapace <strong>di</strong> farsi<br />

valere. Fu riconosciuto quand’era polvere.<br />

Foscolo morì da povero ma<strong>la</strong>to al<strong>la</strong><br />

periferia mefitica d’una Londra straniera,<br />

assistito dall’amorevole figlia Floriana<br />

ritrovata per caso. Tasso fu persegui-<br />

La sera non è più <strong>la</strong> tua canzone<br />

Mario Luzi<br />

La sera non è più <strong>la</strong> tua canzone,<br />

è questa roccia d’ombra traforata<br />

dai lumi e dalle voci senza fine,<br />

<strong>la</strong> quiete d’una cosa già pensata.<br />

Ah questa luce viva e chiara viene<br />

solo da te, sei tu così vicina<br />

al vero d’una cosa sconosciuta,<br />

per nome hai una paro<strong>la</strong> e s’è perduta.<br />

Caduto è più che un segno del<strong>la</strong> vita,<br />

riposi, dal viaggio sei tornata<br />

dentro <strong>di</strong> te, sei scesa in questa pura<br />

sostanza così tua, così romita<br />

nel silenzio dell’essere, compiuta.<br />

L’aria tace ed il tempo <strong>di</strong>etro a te<br />

si leva come un’arida montagna<br />

dove vaga il tuo spirito e si perde,<br />

un vento raro scivo<strong>la</strong> e ristagna.<br />

TUTTI E DUE NATI IN OTTOBRE<br />

Trilussa (Carlo Alberto Salustri)<br />

Nato il 26 ottobre 1871<br />

Nominato senatore il 1° <strong>di</strong>cembre 1950<br />

Deceduto il 21 <strong>di</strong>cembre 1950<br />

Mario Luzi<br />

Nato il 20 ottobre 1914<br />

Nominato senatore il 14 ottobre 2004<br />

Deceduto il 28 febbraio 2005<br />

In pretura<br />

Trilussa<br />

tato fino a <strong>di</strong>venire folle per il suo capo<strong>la</strong>voro.<br />

Swift finì pazzo, come Holderlin.<br />

Il padre del<strong>la</strong> poesia moderna, Baude<strong>la</strong>ire,<br />

dovette sostenere processi e accuse<br />

per il suo straor<strong>di</strong>nario I fiori del male,e<br />

le enciclope<strong>di</strong>e lo definivano matto, lui<br />

che aveva il genio <strong>di</strong> riconoscere <strong>la</strong><br />

grandezza altrui, in primis Poe, che tradusse,<br />

e Wagner, per il quale scrisse articoli<br />

d’una lungimiranza e attualità da<br />

fare spavento (ricordo, a titolo <strong>di</strong> cronaca,<br />

che il sommo Dostoesvkij o<strong>di</strong>ava <strong>la</strong><br />

musica <strong>di</strong> Wagner e Ver<strong>di</strong> lo definiva<br />

pazzo).<br />

Alzatevi, accusata: vi chiamate<br />

Pia Tonzi. – Maritata – Sissignora.<br />

Con prole – No… con uno che <strong>la</strong>vora…<br />

D’anni – Ventotto – Che mestiere fate<br />

Esco <strong>la</strong> sera verso una cert’ora…<br />

Già, comprendo benissimo, abbordate….<br />

- Oh, <strong>di</strong>co, sor pretore, rispettate<br />

l’onorabbilità d’una signora!<br />

Ma le guar<strong>di</strong>e vi presero al momento<br />

che facevate i segni ad un signore,<br />

scandalizzando tutto il casamento…<br />

Loro potranno <strong>di</strong>vve quer che vonno:<br />

ma io, su le questioni de l’onore,<br />

fo come li Ministri: nun risponno!


38 SPETTACOLI<br />

Dicembre 2005 SPETTACOLI<br />

Dicembre 2005 39<br />

Franz Lehàr: <strong>la</strong> vita è un valzer<br />

Sono cent’anni che<br />

<strong>la</strong> vedova è allegra<br />

La storia del<strong>la</strong> principessa Hanna e del conte Danilo è il girotondo<br />

dolce del<strong>la</strong> vita. Bando agli ecci<strong>di</strong> delle guerre, alle <strong>di</strong>ttature,<br />

ai forni crematori: nel fondo del<strong>la</strong> coppa <strong>di</strong> champagne il<br />

mondo è rosa.<br />

La prima del<strong>la</strong> “Vedova allegra” è nel <strong>di</strong>cembre 1905 a Vienna. In Italia giunge nel 1907<br />

e <strong>la</strong> prima rappresentazione è a Trieste. Mai accolta bene dai critici, l’operetta è un successo<br />

mon<strong>di</strong>ale che ancora resiste alle ingiurie del tempo.<br />

Para<strong>di</strong>si fiscali. L’operetta, cent’anni<br />

dopo, arriva fino a noi, che siamo un po’<br />

più <strong>di</strong>sincantati e accettiamo le note del<br />

maestro ungherese con qualche <strong>di</strong>stinguo<br />

e spesso con qualche dose <strong>di</strong> benevolente<br />

accon<strong>di</strong>scendenza.<br />

L’immaginario staterello <strong>di</strong> Pontevedro<br />

ci fa pensare ai para<strong>di</strong>si fiscali delle isole<br />

Cayman, forse a Montecarlo; il conte<br />

Danilo, attache d’ambasciata, suscita<br />

imme<strong>di</strong>ati paragoni con Briatore e company;<br />

<strong>la</strong> stessa principessa, vedova <strong>di</strong> un<br />

banchiere (forse uno <strong>di</strong> quelli che dà<br />

l’assalto alle altre banche per creare<br />

fusioni dalle quali<br />

ricavare profitti abissali),<br />

ci rimanda <strong>la</strong><br />

figura <strong>di</strong> Marylin<br />

Monroe, impastata<br />

con un bel pizzico <strong>di</strong><br />

Ingrid Bergman.<br />

Tutto falso. Tutto è<br />

falso, tutto è impossibile,<br />

tutto è <strong>di</strong> cattivo<br />

gusto. Ma pur<br />

messi insieme questi<br />

<strong>di</strong>svalori, l’operetta<br />

<strong>di</strong>venta e resta un inno al<strong>la</strong> gioia e al<strong>la</strong><br />

vita. E ci fa per un attimo allontanare<br />

dal<strong>la</strong> triste realtà quoti<strong>di</strong>ana.<br />

Per un attimo anche noi siamo a Parigi,<br />

ci se<strong>di</strong>amo a un tavolo <strong>di</strong> Maxim’s con<br />

un bel contorno <strong>di</strong> veline, pardon ballerine,<br />

e, se donne, con il contorno degli<br />

spogliarellisti <strong>di</strong> Centocelle, ed entriamo<br />

nello spirito del<strong>la</strong> danza e del vaudeville.<br />

E ci sentiamo felici.<br />

Ben venga perciò il centenario: Hanna e<br />

Danilo sono pur sempre <strong>la</strong> rappresentazione<br />

del<strong>la</strong> nostra gioventù. O meglio,<br />

quel<strong>la</strong> che avremmo voluto che fosse <strong>la</strong><br />

nostra gioventù.<br />

DI NOME FERENC, PER TUTTI FRANZ<br />

Una vita austro-ungarica<br />

BRUNO BENELLI<br />

Sono cento anni che <strong>la</strong> vedova è allegra.<br />

Nonostante tutte le grane <strong>di</strong> questo<br />

mondo Hanna G<strong>la</strong>wari vive immersa in<br />

una perenne “dolce vita”, tra fiumi <strong>di</strong><br />

champagne, balli, feste, happy end.<br />

La vedova inizia a rallegrarsi il 30 <strong>di</strong>cembre<br />

1905 al Theater an der Wien. L’atmosfera<br />

è quel<strong>la</strong> <strong>di</strong> Natale e Capodanno,<br />

quin<strong>di</strong> propizia alle favole.<br />

Il mondo in quell’anno non se <strong>la</strong> passa<br />

troppo bene. Il Giappone invade <strong>la</strong><br />

Manciuria e sconfigge l’esercito russo in<br />

una sanguinosa guerra. Da pochi mesi<br />

<strong>la</strong> corazzata russa Potenkin ha bombardato<br />

il porto <strong>di</strong> Odessa e dato inizio <strong>di</strong><br />

fatto, senza che nessuno possa coglierne<br />

il segno, al<strong>la</strong> rivoluzione bolscevica.<br />

Nel 1905 viene pubblicato postumo il<br />

libro “ De profun<strong>di</strong>s” <strong>di</strong> Oscar Wilde e il<br />

titolo dell’opera è tutto un programma.<br />

Un mondo frou frou. E <strong>la</strong> vedova che<br />

fa Canta, bal<strong>la</strong>, festeggia, erige un<br />

monumento all’amore frivolo e frizzante,<br />

all’amore <strong>di</strong> chi ha il portafoglio<br />

pieno e sa quin<strong>di</strong> essere una persona <strong>di</strong><br />

mondo. E resta allegra durante <strong>la</strong> prima<br />

guerra mon<strong>di</strong>ale, le gran<strong>di</strong> purghe staliniane,<br />

l’avvento del fascismo e del nazismo,<br />

l’ecci<strong>di</strong>o degli ebrei, <strong>la</strong> seconda<br />

guerra mon<strong>di</strong>ale, <strong>la</strong> bomba atomica.<br />

La principessa Hanna sicuramente non<br />

legge i giornali, e non conosce le miserie<br />

<strong>di</strong> questa vita. Il suo mondo è lì, entro<br />

<strong>la</strong> cerchia dei locali <strong>di</strong> Parigi. Né tanto<br />

meno il conte Danilo viene richiamato<br />

in qualche guerra (se ne possono scegliere<br />

quante se ne vuole). Il conte folleggia<br />

e ci fa sapere: “Vo’ da Maxim’s” e<br />

duetta con Hanna: “Tace il <strong>la</strong>bbro”,<br />

abbracciati in un tempo <strong>di</strong> valzer morbido<br />

e avvolgente. E sulle note del<strong>la</strong> marcetta<br />

“È scabroso le donne stu<strong>di</strong>ar” <strong>la</strong><br />

musica <strong>di</strong> Lehàr <strong>di</strong>venta immortale, si<br />

innalza nell’iperuranio e <strong>di</strong>venta una<br />

dea olimpica.<br />

Nato a Komàrom, Ungheria, il 30 aprile 1870, figlio <strong>di</strong> una <strong>di</strong>rettore <strong>di</strong> banda<br />

militare, Franz Lehàr ha per così <strong>di</strong>re <strong>la</strong> musica nel sangue. A 18 anni esce<br />

<strong>di</strong>plomato (violino e composizione) dal conservatorio <strong>di</strong> Praga e subito dopo<br />

scrive due opere liriche. Poi punta sul<strong>la</strong> “picco<strong>la</strong> lirica” e dopo tre opere<br />

approda al più trionfale dei successi nel<strong>la</strong> storia dell’operetta con “ Die lustige<br />

witwe”.<br />

Il compositore <strong>di</strong>venta ricco e felice ma negli anni successivi sembra che l’ispirazione<br />

lo abbandoni: il suo nome resta legato al<strong>la</strong> “vedova”. La stel<strong>la</strong> <strong>di</strong><br />

Lehàr, ormai viennesizzato, sembra appannarsi. Le opere che compone <strong>la</strong>sciano<br />

<strong>di</strong>stratto e freddo il pubblico.<br />

A metà degli anni ’20 del novecento <strong>la</strong> svolta: inizia una nuova stagione florida e rigogliosa. Le composizioni<br />

hanno successo e molti copiano lo stile lehàriano. Le sue opere sono richieste da tutti i teatri. Altri bril<strong>la</strong>nti<br />

successi (tra cui “ Il conte <strong>di</strong> Lussemburgo” e “ La danza delle libellule”) rinver<strong>di</strong>scono <strong>la</strong> sua fama.<br />

Vive a Bad Ischl, Austria, il resto del<strong>la</strong> vita, tranne un breve periodo, subito dopo <strong>la</strong> seconda guerra mon<strong>di</strong>ale,<br />

in cui ripara a Zurigo (per il troppo gra<strong>di</strong>mento esternato nei confronti del nazismo, pur avendo una<br />

moglie ebrea) e muore nel<strong>la</strong> sua vil<strong>la</strong> – ora <strong>di</strong>ventata museo – il 24 ottobre 1948.


40 CULTURA<br />

Dicembre 2005 VARIE<br />

Andar per mostre<br />

Zandomeneghi,<br />

l’impressionismo<br />

prende<br />

casa<br />

in<br />

Italia<br />

RAFFAELLA ARONICA<br />

giornalista agenzia aise<br />

Una mostra entusiasmante in un luogo<br />

quanto mai suggestivo. È “Zandomeneghi.<br />

Un veneziano tra gli impressionisti”,<br />

inaugurata venerdì 4 novembre presso<br />

il Dart - Chiostro del Bramante <strong>di</strong> Roma,<br />

che prosegue così, insieme al<strong>la</strong> Fondazione<br />

Antonio Mazzotta <strong>di</strong> Mi<strong>la</strong>no, nel<br />

suo progetto <strong>di</strong> recupero dell’ere<strong>di</strong>tà<br />

culturale italiana, al<strong>la</strong> riscoperta <strong>di</strong> quei<br />

maestri italiani dell’ottocento e del<br />

novecento un po’ <strong>di</strong>menticati dai circuiti<br />

nazionali ed internazionali.<br />

Dopo Bol<strong>di</strong>ni e De Nittis, Federico Zandomeneghi<br />

completa le ultime rassegne<br />

italiane che il Dart ha voluto de<strong>di</strong>care<br />

al<strong>la</strong> presenza dei tre italiens de<br />

Paris nel filone dell’impressionismo<br />

francese, ma allo stesso tempo ne rive<strong>la</strong><br />

il tratto unico e complesso.<br />

L’esposizione, aperta al pubblico sino al<br />

5 marzo 2006, mira a contestualizzare<br />

Zandomeneghi nel più ampio panorama<br />

europeo gravitante su Parigi e attraverso<br />

<strong>la</strong> quoti<strong>di</strong>anità dell’ambiente in<br />

Federico Zandomeneghi<br />

cui dal 1874 ha vissuto ininterrottamente<br />

fino al<strong>la</strong> morte. Ma <strong>la</strong> mostra<br />

intende anche visualizzare il suo elemento<br />

critico nei confronti <strong>di</strong> tutto ciò<br />

che gravitava intorno al<strong>la</strong> sua vita ed<br />

al<strong>la</strong> sua opera.<br />

Ecco perché anche il progetto espositivo,<br />

curato da Renato Miracco e Tullio<strong>la</strong><br />

Sparagni (catalogo e<strong>di</strong>to da Mazzotta),<br />

segue <strong>la</strong> <strong>di</strong>scontinuità dello “scontroso”<br />

artista attraverso circa 100 quadri, tra<br />

<strong>di</strong>pinti e pastelli, ed una trentina <strong>di</strong> <strong>di</strong>segni,<br />

che permettono <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>are il passaggio<br />

dall’abbozzo all’opera finita e <strong>di</strong><br />

delineare quel partico<strong>la</strong>re senso del<br />

<strong>di</strong>segno che soprattutto nel<strong>la</strong> cerchia <strong>di</strong><br />

La mostra si tiene nel<br />

chiostro del Bramante<br />

a Roma ed è aperta<br />

fino al 5 marzo 2006.<br />

Artista veneziano:<br />

presenza<br />

singo<strong>la</strong>re del<strong>la</strong><br />

pittura italiana.<br />

Degas è elemento caratterizzante<br />

<strong>di</strong> un certo<br />

clima impressionista.<br />

Accanto al<strong>la</strong> selezione <strong>di</strong><br />

Zandomeneghi vengono<br />

inserite a confronto<br />

opere <strong>di</strong> artisti francesi,<br />

come i <strong>di</strong>pinti <strong>di</strong> Monet,<br />

Renoir, Sisley, Pissarro, i<br />

pastelli <strong>di</strong> Degas, grafiche<br />

<strong>di</strong> Toulouse-Lautrec,<br />

visualizzando così <strong>la</strong> fitta<br />

trama <strong>di</strong> riferimenti e<br />

suggestioni tra Zandomeneghi<br />

ed il contesto in<br />

cui operò.<br />

Uno sforzo, questo realizzato<br />

dagli organizzatori<br />

del<strong>la</strong> mostra, piuttosto<br />

gravoso, visto che Zandomenighi<br />

rimase scapolo e, al<strong>la</strong> sua<br />

morte, le opere furono tutte <strong>di</strong>sperse. La<br />

mostra, dunque, che non a caso è <strong>la</strong><br />

prima de<strong>di</strong>cata a Zandomeneghi nel<strong>la</strong><br />

città <strong>di</strong> Roma, si è avvalsa del fondamentale<br />

apporto <strong>di</strong> tutti i musei nazionali<br />

ma soprattutto delle collezioni private<br />

d’Italia.<br />

Ben se<strong>di</strong>ci le sezioni in cui è sud<strong>di</strong>visa<br />

l’antologica, dal periodo macchiaiolo a<br />

Parigi e <strong>la</strong> pittura en-plein-air, dal<strong>la</strong><br />

moda parigina al nudo sino alle nature<br />

morte, per ripercorrere le tappe salienti<br />

dell’artista multiforme e così <strong>di</strong>fficilmente<br />

etichettabile che fu Federico<br />

Zandomeneghi.<br />

Dicembre 2005 41<br />

Un ricordo <strong>di</strong> John Lennon, il poeta dei Beatles<br />

Ha composto le musiche più belle del suo tempo e si<br />

è votato al<strong>la</strong> pace dei popoli, con qualche puntata<br />

nel mondo del<strong>la</strong> droga. Contro <strong>la</strong> violenza scelse<br />

il letto con una fol<strong>la</strong> <strong>di</strong> fotografi intorno a<br />

riprendere l’atto <strong>di</strong> amore. Ma sul suo cammino<br />

si parò un giovane squilibrato e fu<br />

<strong>la</strong> fine. Aveva solo 40 anni<br />

DOMENICO APOLLONI<br />

Quando vado a New York, non manco<br />

mai <strong>di</strong> passare dalle parti del Central<br />

Park, lungo il viale che costeggia il suo<br />

<strong>la</strong>to sinistro; mi piace indugiare sotto i<br />

pa<strong>la</strong>zzi austeri del<strong>la</strong> Dakota House, che<br />

sembra vogliano <strong>di</strong>rmi: ci siamo anche<br />

noi e siamo più belli, più cal<strong>di</strong> dei grattacieli.<br />

Sul marciapiede c’è un piccolo<br />

monumento, semplice ma sempre<br />

ornato <strong>di</strong> fiori: ricorda <strong>la</strong> morte <strong>di</strong> John<br />

Lennon, il Beetle che aveva scelto quel<br />

posto per vivere e che in quel posto<br />

trovò <strong>la</strong> sua fine. Era una fredda serata <strong>di</strong><br />

venticinque anni fa, era l’8 <strong>di</strong>cembre del<br />

1980.<br />

Poco tempo prima, aveva ri<strong>la</strong>sciato<br />

una <strong>di</strong>chiarazione che testimoniava il<br />

suo modo d’essere: “In fondo, io mi<br />

sento un primitivo… butto giù le canzoni<br />

allo stesso modo in cui Van Gogh<br />

<strong>di</strong>pingeva, cercando che esse rappresentino<br />

qualcosa per <strong>la</strong> gente <strong>di</strong> ogni<br />

nazione, ogni lingua, ogni tempo”.<br />

Taciturno. John era un taciturno, non<br />

aveva <strong>la</strong> bril<strong>la</strong>ntezza dei suoi compagni<br />

d’avventura; era un poeta, era un sognatore<br />

con tanta curiosità verso il mondo<br />

ma preferiva passeggiare da solo,<br />

nascondersi nel<strong>la</strong> città che più <strong>di</strong> tutte<br />

sa nascondere. Non aveva mai avuto<br />

tanta voglia <strong>di</strong> par<strong>la</strong>re; davanti ai suoi<br />

occhi grigi scorrevano sovente le immagini<br />

<strong>di</strong> una fanciullezza trascorsa senza<br />

<strong>la</strong> figura paterna, <strong>di</strong> tanti anni passati<br />

con <strong>la</strong> tranquil<strong>la</strong> zia Mimì, quel<strong>la</strong> zia che<br />

gli aveva comprato volentieri <strong>la</strong> prima<br />

chitarra pentendosi poi molto presto<br />

John Lennon e Yoko Ono<br />

Al capolinea<br />

l’attendevano<br />

cinque pallottole<br />

dell’incauto regalo (gli ripeteva: “con<br />

quel<strong>la</strong> non ti guadagnerai mai da vivere”);<br />

dal<strong>la</strong> sua memoria non era mai<br />

riuscito a cancel<strong>la</strong>re <strong>la</strong> visione <strong>di</strong> quel<strong>la</strong><br />

macchina che gli aveva investito ed<br />

ucciso <strong>la</strong> mamma mentre camminava<br />

accanto a lui.<br />

Luna <strong>di</strong> miele. John aveva creato il<br />

mito dei Beatles, aveva composto le più<br />

belle musiche del suo tempo, aveva<br />

amato e sposato una compagna <strong>di</strong><br />

scuo<strong>la</strong>, <strong>di</strong> quel<strong>la</strong> scuo<strong>la</strong> d’arte dove l’aveva<br />

mandato <strong>la</strong> zia, per <strong>di</strong>stoglierlo<br />

dal<strong>la</strong> chitarra; dal<strong>la</strong> sua Cynthia aveva<br />

avuto un figlio, ma l’aveva ugualmente<br />

piantata dopo tre anni per iniziare una<br />

nuova vita con Yoko Ono. Sposando <strong>la</strong><br />

sua nuova musa ispiratrice, aveva definitivamente<br />

chiuso con i suoi amici <strong>di</strong><br />

un tempo, con i suoi compagni <strong>di</strong> <strong>la</strong>voro<br />

e <strong>di</strong> successo; si era votato al<strong>la</strong> pace<br />

dei popoli, aveva provato <strong>la</strong> falsità del<strong>la</strong><br />

droga, con Yoko aveva trascorso una<br />

singo<strong>la</strong>re luna <strong>di</strong> miele all’Hotel Hilton<br />

<strong>di</strong> Amsterdam (durante l’intera settimana,<br />

aveva attirato una fol<strong>la</strong> <strong>di</strong> fotografi<br />

perché lo riprendessero a letto con <strong>la</strong><br />

fresca ma non giovane moglie, mentre<br />

protestava contro <strong>la</strong> violenza facendo<br />

l’amore).<br />

Solista. Si! John era tornato a fare il<br />

solista; come prima <strong>di</strong> conoscere Paul<br />

McCartney, era tornato a <strong>di</strong>segnare, a<br />

scrivere; ma il tema era cambiato: <strong>la</strong><br />

militanza esasperata aveva preso il<br />

posto dell’amore. Del resto, per uno<br />

ch’era nato nel 1940, lo stesso anno <strong>di</strong><br />

Mina e <strong>di</strong> Gigi Proietti, il posto sul<strong>la</strong><br />

ribalta non poteva che essere ad una<br />

piazza soltanto; per uno ch’era nato il 9<br />

<strong>di</strong> ottobre, lo stesso giorno <strong>di</strong> Che Guevara,<br />

il destino non poteva presentare<br />

una strada <strong>di</strong>versa da quel<strong>la</strong> dell’impegno<br />

politico, anche se sviluppato nel<strong>la</strong><br />

<strong>di</strong>rezione del pacifismo.<br />

John era un personaggio singo<strong>la</strong>re,<br />

era capitato per caso nel mondo che lo<br />

circondava; quando Yoko tornò con lui,<br />

dopo una breve separazione e gli dette<br />

un figlio, lui decise <strong>di</strong> smetter<strong>la</strong> con<br />

tutto o quasi e <strong>di</strong> occuparsi soltanto<br />

delle sue musiche e del<strong>la</strong> sua famiglia.<br />

Scelta fatale. Quel<strong>la</strong> scelta, però, gli fu<br />

fatale: Mark David Chapman, un giovane<br />

e squilibrato fan dei Beatles, non <strong>la</strong><br />

sopportò: Dopo aver lungamente<br />

sognato il mondo migliore delle sue<br />

cantate, dopo averlo considerato un<br />

opinion leader <strong>di</strong> eterna durata, non<br />

volle pensare <strong>di</strong> vederlo lontano dai<br />

riflettori, non volle attendere il passaggio<br />

<strong>di</strong> quel<strong>la</strong> stel<strong>la</strong>, il naufragare <strong>di</strong> quel<strong>la</strong><br />

luce nell’infinito del tempo.<br />

Lo aspettò sotto casa, gli andò incontro<br />

sorridendo e gli cacciò nel corpo le<br />

cinque pallottole che aveva nel<strong>la</strong> sua<br />

rivoltel<strong>la</strong>. John si accasciò incredulo.<br />

Forse si domandò perché, a lui che era<br />

un pacifista, <strong>la</strong> sorte riservava una<br />

morte così violenta.


42 VITA DEI CLUB<br />

Dicembre 2005 VITA DEI CLUB<br />

Dicembre 2005 43<br />

DICEMBRE 2005. Il calendario dei programmi dei club<br />

INSIEME<br />

I programmi vanno inviati – esclusivamente per posta elettronica – con <strong>la</strong> massima tempestività, al massimo entro il<br />

giorno 5 del mese precedente. In caso contrario <strong>la</strong> rivista non è più in grado <strong>di</strong> pubblicare le informazioni.<br />

<strong>Cagliari</strong> Est<br />

Martedì 6 Hotel Me<strong>di</strong>terraneo ore 20,30. Assemblea<br />

dei soci per l’elezione del Presidente del <strong>Club</strong><br />

2007/2008 e del Consiglio Direttivo 2006/2007.<br />

Martedì 13 Hotel Me<strong>di</strong>terraneo ore 20,30. Conversazione,<br />

su “La Continuità Territoriale: quale futuro”,<br />

del Dott. Marco Mazzoli, Productor Manager <strong>di</strong> Meri<strong>di</strong>ana<br />

SpA e Responsabile dei Voli da e per <strong>la</strong> Sardegna.<br />

Martedì 20 Hotel Me<strong>di</strong>terraneo ore 20,30. Serata<br />

Conviviale per lo Scambio degli Auguri <strong>di</strong> Natale.<br />

<strong>Cagliari</strong> <strong>Nord</strong><br />

Lunedì 5 ore 20,30 Hotel Me<strong>di</strong>terraneo <strong>Cagliari</strong>. Elezioni<br />

del Consiglio Direttivo per l’anno rotariano<br />

2006-2007 e elezione del Presidente per l’anno<br />

rotariano 2007-2008.<br />

Lunedì 12 ore 20,30 Hotel Me<strong>di</strong>terraneo <strong>Cagliari</strong>. Il<br />

dott. Lorenzo Mezzadri, trainer personale dei<br />

cosmonauti Russi e <strong>di</strong> piloti dell’aviazione civile, illustrerà<br />

i sistemi <strong>di</strong> allenamento psicologico per gli<br />

astronauti e i piloti.<br />

Lunedì 19 ore 20,30 Da definire il ristorante. Conviviale<br />

degli auguri. Le prenotazioni vanno fatte al<br />

prefetto Myriam Quaquero: 3381193063, mquaquero.iol.it<br />

Carbonia<br />

Martedì 6 ore 20,30 Riunione non conviviale. Riunione<br />

del Consiglio Direttivo.<br />

Martedì 13 ore 20,30 Riunione non conviviale.<br />

Riunione con Commissione per l’Azione <strong>di</strong> Pubblico<br />

Interesse per l’analisi dello stato del progetto<br />

“Povertà”.<br />

Sabato 17 ore 14,00 sostituisce quel<strong>la</strong> <strong>di</strong> martedì 27<br />

c.m. Progetto Povertà - Riunione per <strong>la</strong> preparazione<br />

e <strong>di</strong>stribuzione dei “Pacchi Dono”, da tenersi<br />

presso lo stabilimento del Socio Giovanni Porro in<br />

Iglesias.<br />

Martedì 20 ore 20,30 riunione conviviale con Familiari<br />

ed Amici. Cerimonia “Festa degli auguri”.<br />

INCONTRIAMOCI<br />

PER<br />

CONOSCERCI MEGLIO<br />

e-mail: vocedelrotary@rotary2080.org<br />

Martedì 27 Riunione Annul<strong>la</strong>ta. Anticipata a sabato<br />

17 c.m.<br />

Civitavecchia<br />

Giovedì 1 ore 19,30 Sede: Via Dalmazia, 7 Segreteria.<br />

Lunedì 5 ore 19,00 Stu<strong>di</strong>o Presidente De Paolis Via<br />

Traiana, 64 (3° Piano). Consiglio <strong>di</strong>rettivo.<br />

Giovedì 15 ore 20,30 Sunbay Park Hotel. Conviviale<br />

Caminetto.<br />

Giovedì 22 ore 20,30 Sunbay Park Hotel. Conviviale<br />

Familiare.<br />

Formia Gaeta<br />

Venerdì 2 ore 20,30 presso Albergo Castello Miramare<br />

- Balze <strong>di</strong> Pagnano - Formia (LT). Consiglio <strong>di</strong>rettivo.<br />

Prenotazione presso <strong>la</strong> segreteria ore ufficio<br />

(signora Anna 9.00-13.00 16.00-18.00).<br />

Venerdì 9 ore 20,30 presso Albergo Castello Miramare<br />

- Balze <strong>di</strong> Pagnano - Formia (LT). “Informazione<br />

rotariana” tenuta dal Socio segretario, PP, PHF Ernesto<br />

Schiappa. Prenotazione presso <strong>la</strong> segreteria ore<br />

ufficio (signora Anna 9.00-13.00 16.00-18.00).<br />

Venerdì 16 ore 20,30 presso il Grand Hotel Miramare<br />

- Via Appia - Formia (LT). “Festa degli auguri”. Prenotazione<br />

presso <strong>la</strong> segreteria ore ufficio (signora<br />

Anna 9.00-13.00 16.00-18.00).<br />

Venerdì 23 riunione sospesa per festività natalizie.<br />

Venerdì 30 riunione sospesa per festività natalizie.<br />

Guidonia Montecelio<br />

Giovedì 8 ore 20,15 Hotel Imperatore Adriano. Direttivo.<br />

Giovedì 15 conviviale rinviata al 22/12.<br />

Giovedì 22 ore 20,30 conviviale presso il Grand Hotel<br />

Duca D’Este. Auguri <strong>di</strong> Natale.<br />

Latina<br />

Giovedì 1 ore 20,30-23,00 Ristorante Casab<strong>la</strong>nca.<br />

Conviviale per soli soci durante <strong>la</strong> quale verranno<br />

eletti i componenti del Consiglio Direttivo A.S.<br />

2006/2007 e il Presidente per l’anno 2007/2008.<br />

Giovedì 15 ore 20,30 Ristorante Il Ritrovo (B.go<br />

Carso). Cena degli “auguri <strong>di</strong> Natale e <strong>di</strong> nuovo<br />

Anno”.<br />

Ogliastra<br />

Giovedì 1 ore 20,00 Riunione Direttivo: valutazione<br />

ingresso nuovi soci.<br />

Sabato 3 ore 10,00 Lotzorai, Convegno “Il castello<br />

del<strong>la</strong> Medusa”, <strong>di</strong> Gian Battista Gallus.<br />

Giovedì 8 ore 20,00 Festa dell’Immaco<strong>la</strong>ta.<br />

Giovedì 15 ore 20,00 Hotel Victoria. Conviviale con<br />

mini conferenza su argomenti rotariani.<br />

Giovedì 22 ore 20,00 Hotel Victoria. Giornata <strong>di</strong> informazione<br />

rotariana.<br />

Giovedì 29 ore 20,00 Hotel Victoria. Discussione sull’incremento<br />

dell’effettivo, e verifica sull’andamento<br />

dei progetti per l’anno in corso.<br />

Quartu S. Elena<br />

Martedì 6 ore 21,00 Residence Hotel Italia a Quartu<br />

S. Elena. Assemblea de<strong>di</strong>cata alle elezioni del Presidente<br />

Incoming (a.r. 2007-2008) e del Consiglio<br />

Direttivo (a.r. 2006-2007).<br />

Martedì 13 ore 20,30 Hotel Me<strong>di</strong>terraneo a <strong>Cagliari</strong>.<br />

Riunione in interclub con i <strong>Rotary</strong> <strong>di</strong> <strong>Cagliari</strong>. Conversazione<br />

del Dott. Marco Mazzoli, Manager Meri<strong>di</strong>ana<br />

SpA, sul tema “La continuità territoriale.<br />

Quale futuro”.<br />

Venerdì 16 ore 21,00 Ristorante Caesar Hotel a<br />

<strong>Cagliari</strong>. Cena degli Auguri <strong>di</strong> Natale.<br />

Martedì 20 ore 21,00 Residence Hotel Italia a Quartu<br />

S. Elena. Riunione dei Soci.<br />

Roma Cassia<br />

Mercoledì 7 ore 20,30 in sede. La giornalista e storica<br />

del<strong>la</strong> moda Mara Parmegiani Alfonsi interverrà sul<br />

tema “I segreti del<strong>la</strong> seduzione”.<br />

Mercoledì 14 ore 20,30 Serata degli Auguri <strong>di</strong> Natale.<br />

Roma Centenario<br />

Martedì 6 ore 20.30 Grand Hotel Parco dei Principi.<br />

Serata conviviale con <strong>la</strong> partecipazione del Presidente<br />

del<strong>la</strong> Commissione Esteri del<strong>la</strong> Regione Lazio<br />

Pao<strong>la</strong> Brianti e presentazione del suo libro “Vo<strong>la</strong>vano<br />

soltanto aquiloni” e<strong>di</strong>to da Gaffi E<strong>di</strong>tore.<br />

Martedì 13 ore 20.30 Grand Hotel Parco dei Principi.<br />

Serata Familiare per gli Auguri <strong>di</strong> Natale.<br />

Martedì 20 conviviale soppressa per festività natalizie.<br />

Martedì 27 conviviale soppressa per festività natalizie.<br />

Roma Colosseo<br />

Giovedì 1 ore 20,00 Assemblea dei soci per l’elezione<br />

del Presidente per l’anno sociale 2007-08.<br />

Domenica 4 Banchetto <strong>di</strong> beneficenza al Circolo <strong>di</strong><br />

Montecitorio per <strong>la</strong> raccolta fon<strong>di</strong> per <strong>la</strong> <strong>Rotary</strong> Foundation.<br />

Venerdì 16 ore 20,30 Abitart Hotel - Via P. Matteucci.<br />

Festa degli Auguri <strong>di</strong> Natale.<br />

Giovedì 29 Caminetto natalizio.<br />

Roma Est<br />

Lunedì 5 ore 13.30 Riunione <strong>di</strong>urna. Hotel St. Regis<br />

Grand.<br />

Lunedì 12 ore 20.30 Serata <strong>di</strong> Formazione rotariana.<br />

Hotel St. Regis Grand. Conviviale familiare per lo<br />

scambio degli auguri <strong>di</strong> Natale a cura dei P.D.G.<br />

Antonio Arcese e Marco C<strong>la</strong>u<strong>di</strong>o Randone.<br />

Lunedì 19 ore 20.15. Hotel St. Regis Grand. Cravatta<br />

nera. Saranno presenti le A.R. i Principi <strong>di</strong> Borbone<br />

e il Sovrano Or<strong>di</strong>ne Militare Costantiniano che<br />

illusteranno le loro attività in campo umanitario.<br />

Lotteria <strong>di</strong> Beneficienza per <strong>la</strong> costruzione <strong>di</strong> una<br />

Scuo<strong>la</strong> in Congo, Kananga. Al<strong>la</strong> serata sarà presente<br />

<strong>la</strong> troupe RAI de “La vita in <strong>di</strong>retta” con l’inviata<br />

I<strong>la</strong>ria Grillini che condurrà <strong>la</strong> serata.<br />

Roma Monte Mario<br />

Martedì 6 ore 20,30 Conviviale presso l’Ambasciatori<br />

Pa<strong>la</strong>ce Hotel. Re<strong>la</strong>tore: Giovanna Ralli. Prenotazioni<br />

allo 0669923209 entro venerdì 2.<br />

Martedì 13 ore 20,30 Ambasciatori Pa<strong>la</strong>ce Hotel.<br />

Festa degli Auguri.<br />

Roma <strong>Nord</strong><br />

Martedì 6 ore 20,30 Hotel De <strong>la</strong> Ville. Riunione conviviale<br />

con le signore e con l’adesione del <strong>Rotary</strong> <strong>Club</strong>


44 VITA DEI CLUB<br />

Dicembre 2005<br />

Roma Olgiata. Il socio onorario prof. Ignazio Baldelli<br />

parlerà sul tema: “Lussuriosi nel Purgatorio e nel<br />

Para<strong>di</strong>so dantesco”. Prenotazione obbligatoria in<br />

Segreteria (06.44.40.300) entro lunedì 5 <strong>di</strong>cembre<br />

p.v..<br />

Mercoledì 14 (anziché martedì 13) ore 20,30 Ristorante<br />

Baba – Via del Casale <strong>di</strong> Tor <strong>di</strong> Quinto snc.<br />

Riunione familiare. Festa degli auguri. Nel corso<br />

del<strong>la</strong> serata avrà luogo <strong>la</strong> tra<strong>di</strong>zionale lotteria il cui<br />

ricavato sarà devoluto al<strong>la</strong> <strong>Rotary</strong> Foundation e ad<br />

altre opere benefiche. È assolutamente in<strong>di</strong>spensabile<br />

comunicare in Segreteria (Tel. 06.44.40.300) <strong>la</strong><br />

propria adesione vinco<strong>la</strong>nte (con addebito dei re<strong>la</strong>tivi<br />

importi in caso <strong>di</strong> mancata <strong>di</strong>sdetta) entro sabato<br />

10 <strong>di</strong>cembre p.v.<br />

Roma Ovest<br />

Martedì 6 ore13,30 Grand Hotel Marriot Flora. Conviviale<br />

<strong>di</strong>urna. Informazioni rotariane.<br />

Martedì 13 ore 20,30 St. Regis Grand Hotel. Riunione<br />

familiare Natalizia per lo scambio degli auguri. La<br />

serata sarà allietata da musiche napoletane. Cravatta<br />

nera. Prenotazioni assolutamente in<strong>di</strong>spensabili.<br />

Martedì 20 Riunione annul<strong>la</strong>ta per il periodo natalizio.<br />

Martedì 27 Riunione annul<strong>la</strong>ta per il periodo natalizio.<br />

Roma Parioli<br />

Venerdì 2 ore 21,00 Serata al teatro Quirino: “A pie<strong>di</strong><br />

nu<strong>di</strong> nel Parco”.<br />

Roma Sud<br />

Giovedì 1 ore 13,15 Hotel Ambasciatori. Assemblea<br />

dei Soci per il rinnovo delle cariche sociali.<br />

Roma Sud Est<br />

Venerdì 2 ore 13,00 Hotel Bernini<br />

Bristol. Votazioni per il Consiglio<br />

Direttivo 2006-2007 e per il<br />

Presidente 2007-2008; ore<br />

13,30 Conviviale. Prenotazioni<br />

entro mercoledì 30<br />

novembre.<br />

Sabato 3 ore 20,30 Sa<strong>la</strong><br />

Bal<strong>di</strong>ni Piazza Campitelli –<br />

Roma. Concerto <strong>di</strong> Musica<br />

Lirica a favore del progetto<br />

“Salvabebè”. Prenotazioni<br />

entro mercoledì 30<br />

novembre.<br />

Lunedì 5 ore 18,30 Hotel Bernini<br />

Bristol - Riunione del Consiglio<br />

Direttivo e Presidenti <strong>di</strong><br />

Commissione.<br />

Venerdì 9 sostituita da evento <strong>di</strong> sabato<br />

3 <strong>di</strong>cembre.<br />

Venerdì 16 ore 20,30 Hotel Bernini Bristol. Conviviale<br />

de<strong>di</strong>cata agli auguri <strong>di</strong> Natale e al<strong>la</strong> raccolta <strong>di</strong><br />

offerte per i progetti “Jan<strong>di</strong>ra” e “Tanzania”. Prenotazioni<br />

entro lunedì 12 <strong>di</strong>cembre.<br />

Venerdì 23 annul<strong>la</strong>ta per le feste natalizie.<br />

Giovedì 29 annul<strong>la</strong>ta per le feste natalizie.<br />

Roma Tevere<br />

Martedì 6 ore 20,15 Hotel Ambasciatori. Assemblea<br />

del club.<br />

Mercoledì 14 ore 20,15 Hotel Ambasciatori. Conferenza<br />

del Socio prof. Leone Barbieri “La gestione<br />

economica finanziaria delle società <strong>di</strong> calcio”.<br />

Mercoledì 21 ore 20,30 Hotel Ambasciatori. Conviviale<br />

“Festa degli auguri”.<br />

Sassari <strong>Nord</strong><br />

Martedì 6 ore 20,30 Hotel Carlo Felice. Riunione con<br />

signore ed ospiti. Conferenza del socio Avv. Gigi<br />

Spanedda sul tema: “L’aeromodellismo, perchè<br />

Icaro”.<br />

Martedì 13 ore 20,30 Hotel Carlo Felice. Riunione<br />

Soci con Signore ed Ospiti. Nell’occasione, presentazione<br />

in anteprima nazionale del libro del giornalista<br />

RAI Dott. Gianni Garrucciu: “Buona sera ovunque<br />

voi siate, gli ottanta anni del<strong>la</strong> ra<strong>di</strong>o”. Interverrà<br />

l’autore.<br />

Sabato 17 ore 17,30 Complesso sportivo “stel<strong>la</strong> del<br />

me<strong>di</strong>terraneo”. Triango<strong>la</strong>re <strong>di</strong> calcio. Al termine, ore<br />

20,30 Caminetto con Signore ed Ospiti.<br />

Martedì 20 ore 20,30 Ristorante White & Green. Pizza<br />

Party. Riunione con signore ed ospiti.<br />

Martedì 27 sostituita da quel<strong>la</strong> effettuata sabato 17.<br />

Tivoli<br />

Giovedì 1 ore 20,00, presso <strong>la</strong> sede, si terrà <strong>la</strong> conviviale<br />

serale, con <strong>la</strong> visita del Governatore Giorgio<br />

Di Raimondo. Maggiori informazioni per <strong>la</strong><br />

serata saranno comunicate durante il<br />

mese <strong>di</strong> novembre.<br />

Giovedì 15 ore 19,30, presso l’ufficio<br />

del segretario a Viale Arnal<strong>di</strong>,<br />

31 - Tivoli, si terrà il consiglio<br />

<strong>di</strong>rettivo.<br />

Sabato 17 ore 20 presso<br />

l’Hotel Torre S. Angelo, si<br />

svolgerà <strong>la</strong> tra<strong>di</strong>zionale<br />

serata per lo scambio degli<br />

auguri <strong>di</strong> Natale. Tutti i soci<br />

e i loro cari sono pregati <strong>di</strong><br />

intervenire per trascorrere<br />

in serenità <strong>la</strong> festa de<strong>di</strong>cata<br />

al<strong>la</strong> famiglia. La quota <strong>di</strong> partecipazione<br />

è 50 euro per persona.<br />

Per i figli o parenti minorenni<br />

verrà addebitato il solo costo<br />

del<strong>la</strong> cena. Il netto ricavato del<strong>la</strong><br />

serata sarà devoluto al Vil<strong>la</strong>ggio Don<br />

Bosco.<br />

Viterbo Ciminia<br />

Giovedì 1 Consiglio <strong>di</strong>rettivo e caminetto – organizzazione.<br />

Festa degli Auguri.<br />

Ambasciata Repubblica Slovacca - Santa Sede. Bambini del<strong>la</strong> scuo<strong>la</strong> elementare speciale <strong>di</strong> Fi<strong>la</strong>kovo, Bibiana<br />

Casa internazionale dell’arte per bambini<br />

(tessuto su carta)<br />

Argentina - Carlos Zenavil<strong>la</strong>.<br />

(ceramica)


Croazia - Braskic Mario<br />

(legno)

Hooray! Your file is uploaded and ready to be published.

Saved successfully!

Ooh no, something went wrong!