La fragilità dell'anziano - Sistema Nazionale Linee Guida

snlg.iss.it

La fragilità dell'anziano - Sistema Nazionale Linee Guida

SNLG-Regioni – La fragilità dell’anziano

Raccomandazione 2

Nel sospetto di uno stato di fragilità, questa condizione deve essere valutata nella persona anziana

con:

• il test SPPB;

• il riscontro di perdita di peso corporeo, di riduzione dell’attività motoria e di senso di affaticamento.

La valutazione deve essere eseguita da professionisti specificamente formati (prova IV A).

Raccomandazione 3

Nella persona anziana la fragilità si conferma quando sono presenti almeno 3 delle seguenti condizioni:

• perdita di peso involontaria (≥5% negli ultimi 12 mesi);

• facile affaticabilità riferita nello svolgimento delle attività quotidiane;

• riduzione dell’attività fisica nella sua frequenza settimanale;

• riduzione nella velocità del cammino (SPPB-test della marcia ≤3);

• riduzione della forza muscolare (SPPB-test della sedia ≤2).

(prova IV A)

NB. Le raccomandazioni 2 e 3 comprendono i cinque criteri proposti da Linda Fried (2001).

Analizzare la fragilità

Il Comprehensive Geriatric Assessment (in italiano, Valutazione Multidimensionale dell’Anziano,

VMA) è una metodologia finalizzata alla valutazione della funzione attraverso misure di performance,

dati clinici, psicologici e sociali (NIH Consensus Statement, 1987). La VMA si caratterizza

per tre aspetti principali:

• è focalizzata sulla complessità dell’anziano, analizzando le “5 I” della geriatria (danno intellettivo,

instabilità, immobilità, incontinenza, rischi iatrogeni) (Hazzard 1985);

• misura la funzione complessiva;

• è multidimensionale, in quanto comprende, oltre alla valutazione dello stato funzionale, il profilo

psicologico, cognitivo, sociale, economico e spirituale. Gli strumenti delle differenti VMA

realizzate sono in gran parte simili. Per esemplificarli, si riporta in tabella 2 (a pagina 22)

quanto indicato da Rosen e Reuben (2011). Nelle appendici da 1 a 7 sono riprodotti i test

indicati da questi autori.

Un lavoro di metanalisi (Stuck 1993) comprendente 4.959 casi e 4.912 controlli, sottoposti a verifica

dagli stessi autori, ha messo in evidenza che la valutazione e, soprattutto, il monitoraggio dell’adulto

anziano con la metodologia VMA, migliorano significativamente il livello funzionale e la

speranza di vita.

Valutare e confermare la fragilità

21

More magazines by this user
Similar magazines