RELAZIONE DI ATTIVITÀ 2007 - Translation Centre for the Bodies of ...

cdt.europa.eu

RELAZIONE DI ATTIVITÀ 2007 - Translation Centre for the Bodies of ...

www.cdt.europa.eu

IT

RELAZIONE DI ATTIVITÀ 2007

C E N T R O D I T R A D U Z I O N E

DEGLI ORGANISMI DELL’UNIONE EUROPEA


Questa pubblicazione del Centro di traduzione degli organismi dell’Unione europea è disponibile

sul sito web dell’agenzia, all’indirizzo: www.cdt.europa.eu

Per maggiori informazioni sull’Unione europea, si rimanda al server Europa (www.europa.eu)

© Centro di traduzione degli organismi dell’Unione europea, 2008. Tutti i diritti riservati.

ISBN 978-92-95011-99-1

ISBN 1830-0340


RELAZIONE DI ATTIVITÀ 2007


INDICE

PREFAZIONE DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

PARTE I.

CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

PARTE II.

INTRODUZIONE DEL DIRETTORE DEL CENTRO

CAPITOLO 1.

PRINCIPALI ATTIVITÀ DEL CENTRO

A. Panorama generale

B. Prestazioni del Centro ripartite per cliente nel 2007

CAPITOLO 2.

COOPERAZIONE INTERISTITUZIONALE:

LA SECONDA MISSIONE DEL CENTRO

CAPITOLO 3.

AMMINISTRAZIONE INTERNA DEL CENTRO

3


PREFAZIONE

Caro Lettore,

la presente Relazione annuale di attività del

Centro di traduzione degli organismi dell’Unione

europea per il 2007 riflette l’impostazione

innovativa introdotta l’anno prima, volta

a produrre un documento di facile lettura,

incentrato sul cliente. Oltre a presentare un

panorama generale delle principali attività del

Centro, la relazione contiene un “profilo” per

ciascun cliente, che indica come si sia tenuto

conto delle diverse esigenze. Ne emerge

un’immagine diversificata in termini di attività

e di risposte, in funzione dei volumi e prodotti

che i clienti richiedono al Centro.

Il 2007 si è svolto all’insegna del

“consolidamento”. Si è trattato del primo

anno completo con il nuovo direttore in carica,

nominata dal consiglio nel 2006; in cui il

Centro si è dotato di nuove strutture e di una

nuova strategia per il 2008-2012. Ugualmente

in questo stesso periodo, il mastodontico

processo di allargamento dell’Unione, iniziato

nel 2004, è giunto al termine, facendo salire le

lingue ufficiali a 23, con l’aggiunta di rumeno,

bulgaro e irlandese a partire dal gennaio 2007.

L’anno è stato caratterizzato da un aumento

stabile e costante delle operazioni del Centro,

tanto in termini di personale quanto di pagine

ed entrate superiori alle previsioni; uno sviluppo

che non si può soltanto attribuire all’arrivo di

nuove lingue e di nuovi clienti – pur essendo il

portafoglio clienti, di fatto, salito a 37 agenzie.

In generale, la domanda è aumentata in modo

regolare e la rosa dei prodotti offerti si è

arricchita; ciononostante il peso del principale

cliente del Centro continua a influire fortemente

sul risultato globale. Ciò richiederà maggiore

attenzione da parte del direttore e del consiglio

di amministrazione, una volta risolta la questione

pendente relativa ai contributi a carico del

datore di lavoro al regime pensionistico.

Il Centro ha ricevuto lo scarico dall’Autorità di

bilancio per le operazioni finanziarie relative al

2006 e la valutazione emersa dalla revisione

contabile delle operazioni del Centro può

dirsi parimenti favorevole. Del resto, sotto la

supervisione del consiglio di amministrazione,

il Centro si sta muovendo attivamente per

dare una risposta a tutte le raccomandazioni

formulate.

N e l c o r s o d e l 2 0 0 7 , i l c o n s i g l i o d i

amministrazione ha continuato a sostenere

il direttore al fine di trovare una soluzione

durevole per l’annoso problema della sede del

Centro, acuitosi in seguito all’arrivo di nuovo

personale dovuto all’allargamento dell’UE

e all’ampliamento delle attività del Centro

medesimo. Sotto questo aspetto sono stati fatti

importanti passi avanti, in vista della soluzione

a medio termine, fino al 2014; una soluzione di

4


lungo periodo è attualmente in fase di studio,

con l’attiva collaborazione delle autorità

lussemburghesi, e sarà discussa dal consiglio

di amministrazione nel 2008.

Concludo esprimendo i miei complimenti alla

direzione del Centro e al suo personale per il

costante impegno profuso per la qualità del

prodotto, per la massima attenzione verso

il cliente e per soddisfare la domanda. Ho

inoltre avuto modo di apprezzare la buona

collaborazione instaurata tra il direttore e il suo

personale e il consiglio di amministrazione,

come pure l’atmosfera collegiale che si respira

all’interno del consiglio stesso. Guardo con

grande interesse alla prosecuzione dei lavori

di tutto il consiglio di amministrazione del

Centro per il multilinguismo e ai futuri successi

dell’agenzia.

Karl-Johan Lönnroth

Karl-Johan Lönnroth

Presidente del consiglio di amministrazione

5


PARTE I

CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

Nel 2007, il consiglio di amministrazione

del Centro di traduzione era costituito da 61

membri (1) : 32 rappresentanti di istituzioni,

agenzie, uffici e altri organismi comunitari che

hanno stipulato un accordo di cooperazione

con il Centro, 27 rappresentanti degli

Stati membri e due rappresentanti della

Commissione europea. Dal 2004, il consiglio

di amministrazione è presieduto da

K.-J. Lönnroth, direttore generale della DG

Traduzione della Commissione europea.

Il consiglio di amministrazione sovrintende a

tutte le attività del Centro e adotta le decisioni

necessarie per il suo funzionamento. Esso è

in particolare responsabile delle questioni di

bilancio e della pianificazione strategica, oltre

a nominare il direttore del Centro. Nel 2007

sono state tenute tre riunioni del consiglio

di amministrazione e indette due procedure

scritte. I risultati possono essere sintetizzati

come segue:

• Decisione di riconferma nell’incarico di

direttore di G. Dagilienė.

• Parere favorevole sui conti di chiusura

predisposti dal direttore del Centro per

l’esercizio 2006 (2) .

• Adozione della relazione di attività 2006.

• Adozione del bilancio 2007 e di due bilanci

rettificativi (3) .

• Adozione del programma di lavoro 2008.

• Adozione della politica del personale e del

bilancio (4) 2008.

(2) Centro di traduzione per gli organismi dell’Unione europea

(Lussemburgo) — Pubblicazione dei conti di chiusura per

l’esercizio 2006 (2007/C 261/14) GU C 261, 31.10.2007, pag.

42.

(3) Stato delle entrate e delle spese del Centro di traduzione

degli organismi dell’Unione europea per l’esercizio 2007

(2007/290/CE) GU L 126, 16.05.2007, pag. 1.

Bilancio rettificativo n. 1 (2007/301/CE) GU L 127,

16.05.2007, pag. 373.

Bilancio rettificativo n. 2 (2008/3/CE) GU L 2, 04.01.08, pag.

51.

(1) L’elenco dei membri del consiglio di amministrazione è riportato

nell’allegato 1 alla presente relazione.

(4) Stato delle entrate e delle spese del Centro di traduzione

degli organismi dell’Unione europea per l’esercizio 2008

(2008/244/CE), GU L 091 del 2 aprile 2008, pag. 43.

6


Durante le riunioni del consiglio di

amministrazione è stata nuovamente ribadita

la centralità della questione di reperire una

sede permanente per il Centro. Il consiglio

ha apprezzato l’impegno profuso nel corso

dell’anno dalle autorità lussemburghesi e dal

Centro stesso per trovare a breve una soluzione

che risponda alle maggiori esigenze a livello di

spazi uso ufficio sia nell’immediato che fino al

2013-2014. Per quanto concerne quest’ultimo

orizzonte temporale, dalle discussioni è

emerso che il Centro continuerà a occupare

gli spazi assegnatigli nell’edificio Nouvel

Hémicycle, locando nel contempo dal Fondo

per l’urbanistica e lo sviluppo del plateau de

Kirchberg circa sessanta uffici presso la Corte

di giustizia, a partire dalla fine del 2008. I

negoziati hanno altresì portato le autorità

lussemburghesi a confermare la proposta

formulata nell’agosto 2006 in merito alla

possibilità che, nel 2013-2014, il Centro acquisti

come sede permanente una delle torri del

plateau de Kirchberg.

Nell’ottobre 2007, le autorità lussemburghesi

hanno presentato un’offerta dettagliata

riguardante una soluzione di lungo periodo,

proposta che consta di due alternative:

locazione di tutto lo spazio necessario per il

lavoro del Centro nella torre A o nella torre B in

place de l’Europe (5) , oppure acquisto dell’intera

torre A. Il consiglio di amministrazione ha

convenuto che la proposta dovrebbe avere un

seguito e ha incaricato il Centro di svolgere

un’analisi degli aspetti finanziari, tecnici e

giuridici del progetto con l’ausilio di un perito

indipendente.

(5) http://www.kirchbergonline.lu/quartierssud.html

7


PARTE II

I N T R O D U Z I O N E D E L D I R E T TO R E

DEL CENTRO

Nella storia del Centro di traduzione, il 2007

è stato l’anno più produttivo sotto il profilo delle

sue attività principali. Il volume di traduzioni ha

superato le 730 000 pagine – una cifra senza

precedenti sin dall’istituzione del Centro. Le

traduzioni hanno interessato tutte le 23 lingue

ufficiali dell’UE, fra cui rumeno e bulgaro,

dall’inizio del 2007, nonché irlandese.

Il Centro ha fatto fronte con successo a

queste sfide. Nuovi membri del personale –

sia per la traduzione che di supporto tecnicoamministrativo

– sono stati debitamente

assunti e formati, è stata inoltre fornita

puntuale assistenza tecnica come pure

tecnologia d’avanguardia. L’esternalizzazione

è stata gestita con successo e la qualità

opportunamente monitorata. Il primato

di eccellenza del Centro nel rispetto delle

scadenze è stato mantenuto come sempre

ad alto livello. Questi risultati sono la prova

che stiamo consolidando il nostro ruolo fra i

principali attori nel campo della traduzione.

Nel 2007, abbiamo tenuto fede all’impegno di

porre le esigenze dei clienti ancora più al centro

della nostra attenzione creando la sezione

Coordinamento clienti. Siamo rimasti altresì

fedeli ai nostri tre “capisaldi”, vale a dire qualità,

prezzo e rispetto delle scadenze. Abbiamo

ristrutturato le risorse interne e avviato un

processo di miglioramento della qualità della

traduzione che, del resto, sarà il nostro impegno

primario a partire dal 2008. È stata parimenti

rivista la politica tariffaria. Con l’approvazione

del consiglio di amministrazione nel marzo

2007, l’eccedenza di 9,3 milioni di euro è stata

rimborsata ai clienti del Centro. In aggiunta, è

stata condotta un’analisi iniziale della struttura

tariffaria con il risultato dell’introduzione di un

nuovo prodotto: l’elenco di termini, ugualmente

approvato dal consiglio di amministrazione nel

mese di novembre. Il Centro intende proseguire

sulla scia di questo impegno anche in futuro.

In questo quadro positivo, ritengo giusto

menzionare che il personale del Centro si è

trovato a operare in una situazione non sempre

facile. Innanzitutto, è stato dato avvio alla

prima fase della riorganizzazione interna per il

miglioramento dei servizi. E, di certo, la gestione

del cambiamento, per quanto pianificata e

attuata con cura, non è mai facile. In secondo

luogo, il quadro giuridico istituzionale si è

rivelato alquanto complesso, comportando la

redazione, l’approvazione e l’attuazione di

un’articolata serie di strumenti legali. Infine,

il fatto che il personale si trovi dislocato

fra due edifici ai capi opposti della città, in

spazi di lavoro ristretti, non facilita di certo

l’ordinario funzionamento dell’agenzia. La mia

gratitudine va pertanto al personale del Centro

per l’impegno profuso e la professionalità

dimostrata.

Volendo pertanto racchiudere in un concetto

questi importanti avvenimenti, credo che

“strategia” sia quello che meglio li sintetizza. In

effetti, il 2007 ha rappresentato l’ultimo anno di

attuazione della presente strategia del Centro

(2003-2007). Possiamo concludere che tutti gli

obiettivi, non soggetti a variabili esterne, sono

8


stati raggiunti e il Centro può adesso dedicarsi

alla preparazione del prossimo documento

strategico.

La nuova strategia 2008-2012 intende

rispondere alle esigenze attuali dei clienti e al

mondo esterno come pure offrire una visione

delle potenziali sfide che il Centro potrebbe

trovarsi ad affrontare nei prossimi cinque

anni. La strategia punta alle seguenti priorità:

marketing e promozione dei servizi del Centro

nonché aumento del livello di soddisfazione

dei clienti; coltivare lo spirito di innovazione

del Centro e, infine, creare capacità basate su

conoscenze e competenze nuove.

Si potrebbe essere indotti a concludere che

la nuova strategia si ponga sul solco della

precedente, senza cambiamenti radicali.

Personalmente, lo ritengo un segnale positivo,

a riprova che l’organismo sta procedendo

nella direzione giusta e che non si richiedono

drastiche correzioni di rotta. Del resto,

l’obiettivo di promuovere di più il Centro e di

acquisire maggiore visibilità nel mondo della

traduzione si trova espresso a chiare lettere. Ne

deriva un approccio nuovo orientato al mercato

e alla promozione dei nostri servizi, a una

maggiore visibilità internazionale e presenza

nelle università degli Stati membri. In sintesi il

Centro si ritiene pronto ad assumere un ruolo

di spicco nell’attuazione della politica per il

multilinguismo dell’Unione europea.

dell’anno”. Nel giugno 2007, il Centro ha

avuto l’onore di accogliere Leonard Orban,

commissario per il Multilinguismo. Si è trattato

della prima visita di un funzionario di così

alto livello, sin dalla creazione dell’agenzia,

molto apprezzata dal personale. In effetti, da

questa occasione è scaturita una riflessione

sull’importante ruolo che riguarda tutti noi.

Come giustamente detto dal commissario

Orban: “… le lingue toccano l’essenza stessa

dell’unità nella diversità, che caratterizza

l’Unione europea. L’unità nella diversità è ciò

che ci rende forti”

Gailė Dagilienė

Gailė Dagilienė

In questo contesto, è con grande piacere che

concludo con un accenno all’“avvenimento

9


CAPITOLO 1

PRINCIPALI ATTIVITÀ DEL CENTRO

A. PANORAMA GENERALE

1. Il 2007 in sintesi

Nel 2007, il Centro ha registrato una crescita

stabile della mole di lavoro. Rispetto all’anno

precedente, il numero di pagine tradotte

è aumentato del 34,01% per un totale di

732 673 (6) (comprese 3 763 pagine tradotte per

le attività correnti del Centro). Un raffronto tra le

previsioni e i risultati ottenuti rivela un aumento

del 7,20% rispetto alle previsioni per l’anno

(683 469 pagine), oppure un aumento del

20,54% rispetto alla previsione iniziale

(567 000 pagine). Circa il 53,48% delle traduzioni

di documenti aveva una scadenza normale, il

28,17% era programmato e il 18,35% urgente.

60.000

50.000

40.000

30.000

20.000

10.000

0

200.000

150.000

Documenti

2006

2007

1 2 3 4

Marchi, disegni e modelli comunitari

2006

2007

Documenti

157.16 9

182.879

Previsione

Risultati 2007

100.000

Marchi,

disegni e

modelli

comunitari

526.300

549.794

50.000

0 100000 200000 300000 400000 500000 600000

0

1 2 3 4

Un aumento del 35,84% registrato per marchi,

disegni e modelli comunitari indica che la

traduzione degli elenchi di prodotti e servizi

per marchi, disegni e modelli comunitari e

marchi del protocollo di Madrid resta un’attività

fondamentale, come si evince dal raffronto

per trimestri tra il 2006 e il 2007.

(6) Comprese 3 763 pagine tradotte per le operazioni correnti del

Centro.

Nel 2007, il Centro ha aggiunto un nuovo

prodotto, gli “elenchi di termini” (7) , ai servizi

offerti: traduzione, revisione e modifiche di

documenti, editing, rilettura e correzione

di bozze di testi di partenza e traduzioni,

standardizzazione (8) e lavoro terminologico.

(7) Per “elenco di termini” si intende un elenco di singoli termini o

di espressioni in una data lingua. Il Centro provvede a fornire

la traduzione equivalente delle diverse voci in una o più lingue

richieste. A differenza dei lavori terminologici, gli elenchi di

termini non riportano informazioni supplementari quali testo

di riferimento, definizioni, contesto ecc.

10


2. Varietà di clienti

V důsledku podstatného zvýšení právní,

A seguito di un sostanziale aumento della

complessa natura giuridica, tecnica o

scientifica del mandato dell’Unione europea

e alla luce del desiderio di una maggiore

devoluzione geografica e di un governo di

rete multilivello, l’Unione ha delegato alcune

funzioni di attuazione delle politiche a una

serie di organismi decentrati specializzati (9) .

È compito del Centro di traduzione per gli

organismi dell’Unione europea fornire una

risposta razionale alle esigenze di traduzione

della maggior parte di tali organismi. Il suo

regolamento costitutivo (10) prevede inoltre che

istituzioni e organismi dell’Unione europea che

dispongono di un proprio servizio di traduzione

interno collaborino con il Centro su base

(8) Il maggiore risparmio quando si crea una documentazione

multilingue deriva dall’authoring (creazione di contenuti

multimediali e interattivi) controllato in maniera che il testo

possa essere scritto per essere riutilizzato e, nel contempo,

per essere tradotto in maniera efficiente. Applicando

semplici tecniche di authoring come la modularizzazione,

la standardizzazione, la semplificazione e la riduzione del

testo ricorrente, il cliente definisce testi standard (modelli) e

ne richiede le traduzioni una sola volta. Per tutti i documenti

successivi, occorre tradurre soltanto le parti di testo nuove,

che possono essere fatturate sulla base del conteggio

delle pagine. I testi ricorrenti dovrebbero essere tradotti

sempre in maniera identica. Per evitare incongruenze tra un

documento e l’altro, il Centro raccomanda di creare modelli

specifici di documenti in tutte le lingue. Ciò garantisce che

i documenti siano sempre formattati nella stessa maniera e

che il testo standard non venga modificato a ogni traduzione.

I modelli dovrebbero poi essere messi a disposizione per

consultazione di tutte le parti coinvolte nel processo di

pubblicazione (autori, editori, traduttori e revisori).

(9) http://europa.eu/agencies

(10) Regolamento (CE) n. 2965/94 del Consiglio, del 28 novembre

1994, (GU L 314 del 7.12.1994, pag. 1) modificato da ultimo

dal regolamento (CE) n. 1645/2003 del Consiglio, del 18

giugno 2003, (GU L 245 del 29.9.2003, pag. 13).

volontaria affinché questo assorba l’eventuale

lavoro in esubero. Per gli organismi dell’Unione

europea che hanno stipulato accordi di

cooperazione con il Centro di traduzione,

quest’ultimo rappresenta una piattaforma di

riferimento affidabile per soddisfare esigenze

di traduzione multilingue.

Nel 2007 sono stati firmati nuovi accordi con

l’Agenzia esecutiva per il programma di sanità

pubblica, l’Autorità di vigilanza del GNSS

europeo, l’Agenzia europea per le sostanze

chimiche, l’Agenzia europea per la difesa,

l’Agenzia dell’Unione europea per i diritti

fondamentali e il Centro satellitare dell’Unione

europea. Il numero di clienti del Centro è così

passato a 37, il che significa che ora esso opera

in una gamma ancor più ampia di settori molto

specializzati.

3. Gestione efficiente delle richieste di

traduzione

L’integrazione delle varie componenti e dei

diversi strumenti del processo di traduzione

rappresenta oggi, per i servizi di traduzione,

una delle principali sfide. Avvalendosi di

tecnologie di comunicazione elettronica

avanzate, il Centro ha sviluppato sistemi di

flusso di lavoro che consentono di gestire e

monitorare tutte le fasi del processo e i relativi

rischi (ciò comprende ricezione delle richieste

di traduzione, pretraduzione automatica e

fornitura di materiale di riferimento, traduzione,

controllo di qualità e trasmissione del prodotto

finale al cliente). Nel 2007, il sito web esistente

11


per la gestione delle richieste di traduzione è

stato ampliato introducendovi una pagina che

consente ai clienti di formulare una previsione

del fabbisogno di traduzioni per l’anno. Tali

informazioni sulle traduzioni “programmate”

non solo consentono al Centro di evadere le

richieste in maniera razionale, ma riducono

anche gli oneri di traduzione a carico dei clienti.

Il Centro prevede, infatti, tre diversi tipi di

scadenze (normale, urgente e programmata)

cui corrispondono tre diversi regimi tariffari,

ossia una tariffa normale, un aumento del 25%

per traduzioni urgenti e una riduzione del 25%

per traduzioni programmate, sistema ideato

per incentivare i clienti a pianificare con un

certo anticipo il lavoro di traduzione e ridurre

il numero di richieste urgenti allo stretto

necessario.

4. Competenza e flessibilitàí

Nel 2007, il Centro disponeva di team linguistici

interni completi per tutte le lingue ufficiali

dell’Unione europea. Vista la natura varia e,

talvolta, estremamente tecnica delle richieste

di traduzione dei clienti, oltre ai traduttori

interni, il Centro si avvale anche di traduttori

esterni con competenze specifiche nei campi

di attività dei clienti. Se il Centro non è in grado

di coprire internamente una combinazione

linguistica, o se un documento è estremamente

tecnico, il Centro si rivolge a una rete di

contraenti indipendenti disciplinata dalle norme

comunitarie in materia di appalti pubblici, il che

gli consente di adeguarsi rapidamente alle

esigenze crescenti e in continua evoluzione

dei clienti, flessibilità che rappresenta uno dei

maggiori punti di forza dell’attività del Centro.

Nel 2007, a fronte dell’aumento del lavoro di

traduzione prima citato, il Centro si è avvalso

maggiormente di traduttori esterni. Nel

complesso, sono state subappaltate 393 321

pagine a 333 contraenti esterni in virtù di 741

contratti quadro stipulati a seguito di gare di

appalto con procedure negoziate. Il Centro

attribuisce notevole importanza agli appalti

pubblici e al processo sovrintende un team di

amministratori legali esperti.

Per garantire la qualità delle traduzioni esterne,

il Centro si adopera al meglio per sostenere

i suoi subappaltatori in termini di strumenti

tecnologici e informatici, glossari e materiali di

riferimento. In un sondaggio svolto nel 2007,

l’87% dei contraenti esterni ha affermato di

essere molto soddisfatto dei rapporti con il

Centro, sebbene sia emerso un certo margine di

miglioramento per quanto concerne il feedback

dei traduttori del Centro. Tra i diversi criteri,

sono stati apprezzati diversità e contenuto

dei testi (21%), preparazione eccellente dei

progetti di traduzione (12%) e standard elevati

di revisione (8%), mentre il 7% si è dichiarato

meno soddisfatto per le scadenze serrate e la

notevole burocrazia.

Nel 2007, come negli anni precedenti, il Centro

ha continuato a profondere grande impegno per

migliorare la qualità delle traduzioni. I traduttori

del Centro hanno valutato 16 473 traduzioni

esterne e nel 99,58% dei casi la traduzione è

risultata di qualità accettabile o eccellente,

12


mentre soltanto nello 0,42% dei casi è stata

giudicata inaccettabile.

5. Soddisfazione dei clienti

Migliorare la qualità di servizi e prodotti è la

massima priorità del Centro, e i feedback,

ovvero le informazioni di ritorno dei clienti, sono

uno strumento essenziale a tale scopo. Nel 2007

sono stati restituiti al Centro circa 626 moduli

di soddisfazione del cliente (Client Satisfaction

Form, CSF) riguardanti le traduzioni consegnate,

a fronte dei 217 pervenuti nel 2006. Nonostante

questo aumento considerevole del 288,48%,

la percentuale di moduli restituiti resta tuttavia

bassa (2,23%). Inoltre, nel 2007, il rapporto tra

soddisfazione (1,52% della percentuale totale

di moduli restituiti) e insoddisfazione (0,71%

della percentuale totale di moduli restituiti) è

rimasto invariato (circa 2:1).

più 10 000 termini. Una volta compilati, i

glossari sono stati inviati per convalida ai clienti.

Questa collaborazione, che si basa anche sui

feedback, permette al Centro di affrontare il

lavoro di traduzione partendo da una solida

base terminologica comune approvata dai

propri clienti.

Poiché la qualità di una traduzione dipende, tra

l’altro, dal modo in cui è scritto e presentato il

testo originale, come pure dalla disponibilità

di una terminologia convalidata specifica del

campo e di materiali di riferimento pertinente,

il Centro cerca di collaborare quanto più è

possibile con i clienti al fine di identificare i

documenti di riferimento e la terminologia di

base necessari per fornire traduzioni di qualità

elevata.

Il principale motivo di insoddisfazione è di

natura terminologica. Laddove possibile, il

Centro utilizza la terminologia consigliata dai

clienti e li incoraggia a fornire eventuali glossari

già compilati. Nel 2007, il Centro ha continuato

a impegnarsi nella compilazione di glossari

terminologici di base specifici per i vari clienti

sia di propria iniziativa, sia in collaborazione

con i clienti stessi. Nel corso dell’anno sono

stati portati a termine quattro progetti principali

contenenti da 38 a 300 lemmi nella lingua

di partenza e, fuorché uno, i progetti hanno

riguardato tutte le 23 lingue ufficiali dell’Unione

europea. Nel 2007 sono stati pertanto compilati

e tradotti glossari contenenti complessivamente

13


B. PRESTAZIONI DEL CENTRO RIPARTITE PER

CLIENTE NEL 2007

Di seguito si riporta il volume di richieste di

traduzione ripartite per cliente, nel corso del

2007. L’ordine seguito è quello del “codice ID”,

corrispondente alla collocazione di ciascun

cliente nel bilancio (11) del Centroa.

1. Agenzia europea dell’ambiente

(AEA)

Tradotte

5 010

Numero totale di pagine

Previsione

3 500

Pagine per tipo di scadenza richiesta

Normale

4 382

Programmata

0

Urgente

628

Documenti consegnati entro il termine stabilito

Richiesti

496

Consegnati

494

Moduli di soddisfazione del cliente

Restituiti

86

Percentuale di moduli restituiti

17.33%

La collaborazione efficiente e costruttiva tra

l’Agenzia europea dell’ambiente e il Centro è

stata nuovamente confermata dalla prontezza

con la quale l’AEA ha risposto alle richieste di

chiarimenti sull’interpretazione dei testi originali

e di specifici documenti di riferimento nonché

dal riscontro dato alle traduzioni consegnate

dal Centro.

Il maggior numero di moduli di soddisfazione

del cliente e traduzioni riviste sotto forma

di documenti con modifiche evidenziate ha

consentito al Centro di individuare meglio

le preferenze stilistiche e terminologiche

dell’Agenzia. L’AEA richiede sistematicamente

traduzioni in lingue extracomunitarie (arabo,

croato, islandese, macedone, norvegese, russo

e turco). Il Centro è lieto di segnalare il rapporto

estremamente efficiente e costruttivo esistente

ormai da lunga data tra il referente dell’Agenzia

e il coordinatore del Centro responsabile del

cliente.

2. Fondazione europea per la formazione

professionale (ETF)

Tradotte

3 857

Numero totale di pagine

Previsione

4 500

Pagine per tipo di scadenza richiesta

Normale

1 319

Programmata

0

Urgente

2 508

Documenti consegnati entro il termine stabilito

Richiesti

492

Consegnati

489

Moduli di soddisfazione del cliente

Restituiti

2

Percentuale di moduli restituiti

0.40%

Come negli anni precedenti, la maggior

parte del lavoro della Fondazione europea

per la formazione professionale è pervenuto

sotto forma di richieste “urgenti”. Per quanto

concerne il coordinatore del Centro responsabile

del cliente, non si riportano intoppi nella

collaborazione tra il Centro e l’ETF. La maggior

parte delle domande rivolte da traduttori interni

o esterni ha riguardato acronimi, terminologia

o incongruenze nei testi originali. Il 70% di tali

quesiti è stato risolto attraverso il referente; le

risposte sono sempre giunte tempestivamente.

Come rammentato poc’anzi, l’uso regolare di

acronimi è stato l’oggetto della maggior parte

delle richieste di chiarimenti formulate da

(11) Cfr. nota 3.

14


traduttori interni ed esterni, il che sottolinea

la necessità per gli autori di esplicitare

sistematicamente tutti gli acronimi e le

abbreviazioni utilizzati nei loro documenti in

maniera che le frasi risultino il più chiare possibile.

Un glossario degli acronimi di uso più frequente

presso la Fondazione potrebbe risultare utile

per i traduttori. In un prossimo futuro, il Centro

intende approfondire ulteriormente la

collaborazione per risolvere la maggior parte di

questi problemi.

3. Osservatorio europeo delle droghe e

delle tossicodipendenze (OEDT)

Tradotte

6 867

Numero totale di pagine

Previsione

6 000

Pagine per tipo di scadenza richiesta

Normale

2 063

Programmata

0

Urgente

4 084

Documenti consegnati entro il termine stabilito

Richiesti

585

Consegnati

582

Moduli di soddisfazione del cliente

Restituiti

46

Percentuale di moduli restituiti

7.86%

irrisolvibili internamente, sono state inoltrate ai

referenti competenti dell’OEDT, i quali hanno

prontamente fornito informazioni esplicative di

carattere generale per chiarire il contesto.

Una visita del capo dell’unità Comunicazione

dell’Osservatorio al Centro nel luglio 2007 ha

offerto l’opportunità di esaminare diffusamente

vari aspetti della collaborazione. La

comunicazione in sé (richieste di traduzione,

feedback, moduli di soddisfazione del cliente

ecc.) è stata considerata in larga misura

soddisfacente. Per quanto concerne la

terminologia, l’OEDT ha annunciato che stava

vagliando la possibilità di intraprendere un

ampio progetto di glossario multilingue da

far tradurre al Centro e successivamente

convalidare rivolgendosi ai punti focali nazionali,

per poi integrarlo nella banca dati terminologica

interistituzionale IATE (cfr. capitolo 2). A titolo di

prova, nel corso del 2006, il Centro aveva tradotto

un glossario di 55 termini (ora parzialmente

convalidato).

4. Agenzia europea per i medicinali (EMEA

Rispetto agli anni precedenti, nel 2007

l’Osservatorio europeo delle droghe e delle

tossicodipendenze ha inviato un numero

notevolmente inferiore di richieste “urgenti”. Il

Centro apprezza la migliore programmazione

dei documenti e l’impegno profuso

per restituire un maggior numero di

moduli di soddisfazione del cliente (incremento

superiore al 300%).

Il 21% dei documenti affidati in traduzione ha

dato luogo a richieste di chiarimenti che, essendo

Tradotte

33 056

Numero totale di pagine

(*)

OR2 opravený Previsione 31 895.

Previsione

45 750 (*)

Pagine per tipo di scadenza richiesta

Normale

8 982

Programmata

23 531

Urgente

543

Documenti consegnati entro il termine stabilito

Richiesti

9 885

Consegnati

9 879

Moduli di soddisfazione del cliente

Restituiti

27

Percentuale di moduli restituiti

0.27%

15


Nel 2007, le attività del Centro per conto

dell’Agenzia europea per i medicinali sono state

contrassegnate da continuità e innovazione.

In primo luogo, il Centro ha continuato a tradurre

le relazioni pubbliche di valutazione europea

(EPAR) (12) rispettando il modello di documento

approvato dall’EMEA tramite convalida delle

autorità nazionali competenti. Questo tipo di

documento ha rappresentato circa il 75% del

numero totale di documenti elaborati per conto

dell’Agenzia nel corso dell’anno. In generale,

il volume di lavoro è aumentato di un terzo, va

notato che l’Agenzia programma molto

attentamente il proprio carico di lavoro in termini

di traduzioni.

In secondo luogo, dopo le riunioni preparatorie

del 2006 sugli aspetti procedurali, il Centro

ha intrapreso un nuovo tipo di collaborazione

con l’EMEA partecipando alla traduzione delle

informazioni sui prodotti per i nuovi medicinali

sviluppati da piccole e medie imprese (PMI),

oltre che alla traduzione delle voci degli elenchi

comunitari di medicinali a base di erbe. In base

alla procedura concordata, le traduzioni fornite

dal Centro sono successivamente verificate dalle

autorità nazionali competenti. Le versioni riviste

sono quindi restituite al Centro unitamente a una

valutazione della qualità delle traduzioni.

Nel 2007, il Centro si è occupato di due medicinali

prodotti da PMI – un medicinale per uso umano

e uno generico per uso veterinario – e di due

traduzioni di voci degli elenchi comunitari dei

medicinali a base di erbe. Le esperienze maturate

con il primo medicinale prodotto da PMI sono

state discusse nel corso della riunione plenaria,

organizzata a Londra nel giugno 2007, di un

gruppo di lavoro (13) costituito da rappresentanti

dell’Agenzia europea per i medicinali, delle

autorità nazionali competenti degli Stati membri,

della Commissione europea, della Norvegia

e dell’Islanda (in veste di osservatori) nonché

del Centro di traduzione. In occasione di una

riunione distinta tra il Centro e l’EMEA organizzata

in ottobre si sono ulteriormente discussi i

miglioramenti procedurali e si sono gettate le

basi per alcuni nuovi progetti riguardanti

medicinali prodotti da PMI/voci di elenchi

di medicinali a base di erbe previsti per il 2008.

L’Agenzia ha aggiornato il glossario dei termini

fondamentali predisposto nel 2006 in 19 lingue

ufficiali dell’Unione europea, contenente 222

termini estratti da normative comunitarie, pareri,

relazioni pubbliche di valutazione europea

(EPAR), modelli di revisione qualitativa dei

documenti, relazioni annuali, programmi di

lavoro e altri documenti pertinenti (ora

complessivamente comprende 261 termini di

partenza in inglese), tradotti dal Centro in tutte le

lingue ufficiali dell’Unione. Lo scopo di tale glossario

è fornire indicazioni terminologiche a traduttori

interni ed esterni al fine di garantire un uso coerente

dei termini in tutti i documenti dell’EMEA, ma

intende anche fungere da strumento di

riferimento per gli autori di documenti di partenza

in inglese e per le autorità nazionali competenti

allorquando rivedono le traduzioni eseguite

dalle case farmaceutiche o dal Centro. Una volta

convalidati dalle autorità nazionali competenti,

i termini saranno importati nella banca dati

terminologica interistituzionale IATE (cfr. capitolo

2), diventando dunque accessibili agli utenti in

tutto il mondo.

(12) European Public Assessment Report (EPAR).

(13) Gruppo di lavoro sulla revisione di qualità dei documenti

(Working Group on Quality Review of Documents, QRD).

16


Nel 2007 sono state indette due gare di appalto

per sopperire al fabbisogno di traduttori

specializzati in campo medico e farmaceutico

(soprattutto nel settore delle sperimentazioni

cliniche) dall’inglese nelle lingue ufficiali

dell’Unione europea, più islandese e norvegese.

5. Agenzia europea per la sicurezza e la

salute sul lavoro (EU-OSHA)

Tradotte

11 651

Numero totale di pagine

Previsione

8 400

Pagine per tipo di scadenza richiesta

Normale

8 583

Programmata

2 393

Urgente

675

Documenti consegnati entro il termine stabilito

Richiesti

2 094

Consegnati

2 084

Moduli di soddisfazione del cliente

Restituiti

23

Percentuale di moduli restituiti

1.10%

Nel 2007, la collaborazione tra il Centro e

l’Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul

lavoro è proseguita con la consueta cordialità

ed efficienza.

La riunione di Bilbao organizzata nel 2007 tra

G. Dagilienė, direttrice del Centro, e J. Takala,

neo-direttore dell’Agenzia, ha contribuito a

migliorare la collaborazione bilaterale tra l’EU-

OSHA e il Centro. Partendo da tali presupposti,

uno degli eventi chiave dell’anno è stata una

presentazione dell’EU-OSHA ai traduttori del

Centro a Lussemburgo. Ponendo saldamente la

traduzione nel quadro del lavoro dell’Agenzia, il

capo dell’unità Comunicazione e promozione

ha messo in luce come lo stile di scrittura sia

fondamentale per trasmettere il messaggio

dell’Agenzia: uno stile giornalistico per garantire

immediatezza sul luogo di lavoro, uno stile

discorsivo per i documenti più ufficiali.

Nel 2007, il Centro ha anche condotto un

progetto terminologico pilota basato sul tema

della campagna della Settimana europea per il

2007, intitolata “Alleggerisci il carico! – campagna

europea sulle patologie muscoloscheletriche” (14) .

L’idea è stata quella di sfruttare il progetto quale

banco di prova di un approccio più proattivo in

vista dei prossimi temi della settimana europea

come ausilio per migliorare la qualità delle future

traduzioni, approccio reso possibile dal fatto che

l’Agenzia fornisce al Centro con ampio anticipo

una previsione delle sue richieste di traduzione

programmate.

6. Ufficio per l’armonizzazione nel

mercato interno (marchi, disegni e

modelli) (UAMI)

Tradotte

23 631

Numero totale di pagine

Previsione

21 500

Pagine per tipo di scadenza richiesta

Normale

15 205

Programmata

7 513

Urgente

913

Documenti consegnati entro il termine stabilito

Richiesti

3 246

Consegnati

3 236

Moduli di soddisfazione del cliente

Restituiti

64

Percentuale di moduli restituiti

1.97%

Nel 2007, l’Ufficio per l’armonizzazione nel

mercato interno (marchi, disegni e modelli)

(UAMI) e il Centro di traduzione hanno

(14) Cfr. nota 31.

17


sperimentato una nuova forma di collaborazione.

In marzo, un traduttore italiano del Centro si

è recato presso l’Ufficio per una settimana

e ha lavorato in stretta collaborazione con il

suo personale specializzato sulle revisioni,

esperienza che si è dimostrata di grande utilità

in quanto ha permesso ai traduttori del Centro di

acquisire una maggiore familiarità con i metodi

di lavoro e la terminologia preferita dall’Ufficio,

ed è un esempio eccellente di buone prassi in

quanto contribuisce alla standardizzazione di

traduzioni e terminologia, oltre a promuovere

il “lavoro di squadra” tra agenzie. Nel maggio

2007, un giurista-linguista spagnolo dell’Ufficio

si è recato presso il Centro per una riunione di

coordinamento con i suoi traduttori spagnoli.

Il Centro riceve regolarmente dall’Ufficio moduli

di soddisfazione del cliente e feedback sotto

forma di documenti corretti o modificati,

strumenti che concorrono tutti a migliorare la

qualità delle traduzioni del Centro, soprattutto

perché ogni contributo utile per le future

traduzioni (ad esempio, la terminologia

preferita) è condiviso dal corrispondente team

linguistico. La stretta collaborazione con i

colleghi giuristi-linguisti di Alicante permette al

Centro di produrre traduzioni “personalizzate”

in base alle loro esigenze e aspettative grazie

al loro feedback sistematico, principale canale

di comunicazione, un elemento che assume

particolare rilevanza nel caso delle comparse di

risposta redatte dai giuristi dell’UAMI e destinati

al Tribunale di primo grado o alla Corte di

giustizia.

7. Marchi, disegni e modelli dell’UAMI

Tradotte

549 792

Numero totale di pagine

(*)

rettificativo n. 2, previsione rivista 526 300.

Previsione

394 300 (*)

Pagine per tipo di scadenza richiesta

Normale

0

Programmata

549 792

Urgente

0

Nel corso dell’anno, la previsione per il 2007 è

stata modificata tre volte per rispecchiare un

aumento complessivo di circa due quinti, per un

totale definitivo di quasi 76 000 marchi. Va altresì

notato che i periodi di volumi ridotti in termini di

numero di marchi sono stati “compensati” da un

aumento di volume del fascicolo relativo al singolo

marchio. La previsione rivista ha avuto un impatto

notevole sul bilancio del Centro stanziato per la

traduzione esterna dei marchi comunitari.

Sono state concluse due serie di gare di

appalto nel campo della proprietà industriale/

intellettuale, una per provvedere ai lotti rimasti

scoperti dopo le procedure di appalto del 2006,

e segnatamente da ceco, estone, ungherese,

lettone, lituano, maltese, polacco, slovacco

e sloveno in inglese, e una per sostituire i contratti

per la traduzione di marchi comunitari dalle e nelle

11 lingue comunitarie del 2003, in scadenza il 1°

gennaio 2008.

La vera sfida, sempre più complessa, posta

dai disegni e modelli comunitari è stata

nuovamente di natura linguistica, a causa della

mancanza pressoché assoluta di informazioni

contestuali e di carattere generale. Per garantire

18


traduzioni armonizzate e corrette, è stato

necessario trasmettere numerose richieste di

chiarimenti terminologici all’Ufficio. Il volume

dei marchi riconducibili al protocollo di Madrid

è leggermente diminuito, per un totale di 257

richieste di traduzione rispetto alle 281 del 2006.

Nel dicembre 2006, l’Ufficio, in una serie di

riunioni, aveva manifestato al Centro le sue

due esigenze principali rispetto alla traduzione

dei marchi comunitari: una riduzione generale

del tempo necessario per la traduzione

(correntemente 4 settimane) e una maggiore

flessibilità nella programmazione del lavoro dei

marchi (al momento il Centro gestiva un lotto a

settimana). Nel contempo, i traduttori del Centro

specializzati in marchi hanno formulato diversi,

e in taluni casi fondamentali, suggerimenti per

migliorare il sistema software impiegato per

la loro traduzione, proposte che riguardavano

prevalentemente interfacce utente più

ergonomiche, l’eliminazione del lavoro ripetitivo

e un generale miglioramento della coerenza e

della qualità delle risorse linguistiche utilizzate

per la traduzione dei marchi.

La concomitanza di questi due fattori ha indotto

il Centro a intraprendere un’analisi approfondita

delle soluzioni in uso per la traduzione dei marchi,

per cui ha ingaggiato un consulente esterno

e un analista aziendale al fine di dare seguito

ai suggerimenti formulati, esplorare nuovi

strumenti e metodi e fornire il quadro formale

per un radicale progetto di reingegnerizzazione.

L’analisi ha dimostrato che alcune idee parse

molto promettenti erano inattuabili in un’ottica di

efficienza dei costi. Altri elementi, invece, come la

creazione di un “portale dei marchi” o l’accesso

online alle risorse linguistiche per i traduttori

esterni possono risultare utili anche per altri

progetti di traduzione.

L’analisi condotta per tutto il 2007 ha rivelato

che la complessità della traduzione dei marchi

non permette la rapida introduzione di un

nuovo applicativo. Il Centro ha quindi deciso di

concentrarsi, a breve termine, sui miglioramenti

del software correntemente in uso, il che

consentirà di perfezionare i programmi usati dai

traduttori e rispondere alle esigenze dell’Ufficio

di una maggiore flessibilità e tempi di traduzione

più brevi. Un progetto di reingegnerizzazione

più ambizioso, che prenderà il via nel 2008,

dovrebbe fornire un quadro chiaro del futuro

della traduzione dei marchi.

8. Ufficio comunitario delle varietà

vegetali (UCVV)

Tradotte

1 298

Numero totale di pagine

Previsione

1 800

Pagine per tipo di scadenza richiesta

Normale

858

Programmata

0

Urgente

440

Documenti consegnati entro il termine stabilito

Richiesti

399

Consegnati

398

Moduli di soddisfazione del cliente

Restituiti

5

Percentuale di moduli restituiti

1.25%

Il volume di documenti tradotti dal Centro per

l’Ufficio comunitario delle varietà vegetali è

19


aumentato rispetto al 2006. Prescindendo dai

documenti di carattere giuridico sui diritti legati

alle varietà vegetali, le traduzioni hanno spaziato

da corrispondenza a relazioni e presentazioni.

I quesiti inoltrati all’Ufficio hanno riguardato

essenzialmente problemi terminologici e sono

stati risolti in tutti i casi in maniera rapida ed

efficiente.

9. Ufficio europeo di polizia (Europol)

Tradotte

19 511

Numero totale di pagine

Previsione

20 000

Pagine per tipo di scadenza richiesta

Normale

11 484

Programmata

873

Urgente

7 154

Documenti consegnati entro il termine stabilito

Richiesti

2 104

Consegnati

2 060

Moduli di soddisfazione del cliente

Restituiti

140

Percentuale di moduli restituiti

6.65%

Il Centro apprezza enormemente l’impegno

profuso dall’Ufficio europeo di polizia (Eurogol)

per fornirgli un feedback, sfociato in un notevole

aumento del numero di moduli di soddisfazione

del cliente restituiti.

Durante una riunione di coordinamento molto

positiva svoltasi nel marzo 2007, la delegazione

di Europol ha manifestato interesse per una

proposta di standardizzazione dei documenti

dell’Ufficio formulata dal Centro. La

consapevolezza di Europol del fatto che

una terminologia chiara è uno dei fattori

fondamentali per migliorare la comunicazione

tra tutte le agenzie preposte all’applicazione delle

leggi lo ha indotto a fornire al Centro un glossario

di abbreviazioni compilato dall’Ufficio stesso,

glossario che è servito da base per la raccolta e

l’armonizzazione della terminologia di Europol. Si

sono dunque esaminate tutte le risorse esistenti

estrapolando complessivamente 500 termini.

Dal glossario sarà poi selezionata la terminologia

di base che sarà tradotta nelle 23 lingue ufficiali

e importata nella banca dati terminologica

interistituzionale IATE (cfr. capitolo 2).

Nel 2007, la collaborazione regolare tra l’Ufficio e

il Centro è stata ampliata introducendo nuovi

ambiti. Al fine di agevolare la trasformazione di

Europol in agenzia comunitaria, i rappresentanti

dell’Ufficio si sono recati, in novembre, presso

il dipartimento amministrativo del Centro per

apprendere le procedure di cui allo statuto

dei funzionari delle Comunità europee.

L’amministrazione del Centro è stata lieta di

condividere con Europol il suo know-how in merito

a taluni aspetti legati alle risorse umane.

10. Fondazione europea per il

miglioramento delle condizioni di vita e

di lavoro (Eurofound)

Tradotte

5 006

Numero totale di pagine

Previsione

5 500

Pagine per tipo di scadenza richiesta

Normale

4 120

Programmata

0

Urgente

886

Documenti consegnati entro il termine stabilito

Richiesti

530

Consegnati

526

Moduli di soddisfazione del cliente

Restituiti

61

Percentuale di moduli restituiti

9.62%

20


Il volume di lavoro richiesto dalla Fondazione

europea per il miglioramento delle condizioni

di vita e di lavoro nel 2007 è stato doppio

rispetto al 2006.

La riunione bilaterale tenutasi a Dublino in

settembre tra G. Dagilienė, direttrice del

Centro, e J. Karppinen, direttore di Eurofound,

ha portato, tra l’altro, a un considerevole

aumento del numero di moduli di soddisfazione

del cliente. Ora Eurofound, infatti, fornisce un

feedback regolare ed estremamente dettagliato

sulle traduzioni consegnate dal Centro, oltre

a un sostegno tempestivo e professionale in

caso di richieste di chiarimenti inoltrate alla

Fondazione in merito all’interpretazione dei

documenti di partenza.

In novembre, due membri del personale del

Centro hanno partecipato a un seminario di una

giornata organizzato da Eurofound, al quale

erano presenti i redattori dei testi di partenza

e i revisori delle traduzioni nel tentativo di

promuovere una maggiore comprensione

dei metodi di lavoro di Eurofound e delle

procedure consolidate di assicurazione qualità.

Il seminario non solo ha consentito al Centro

di maturare una conoscenza maggiore delle

attività editoriali di Eurofound, della struttura

del suo sito web e delle misure di assicurazione

qualità seguite durante l’editing e la revisione,

ma ha anche aiutato i rappresentanti del Centro

ha trarre una serie di preziose conclusioni in

merito al modo in cui si dovrebbero tradurre

i documenti di Eurofound per rispondere a

esigenze e aspettative del suo pubblico di

riferimento.

11. Centro europeo per lo sviluppo della

formazione professionale (CEDEFOP)

Tradotte

8 489

Numero totale di pagine

Previsione

1 800

Pagine per tipo di scadenza richiesta

Normale

5 860

Programmata

0

Urgente

2 629

Documenti consegnati entro il termine stabilito

Richiesti

760

Consegnati

756

Moduli di soddisfazione del cliente

Restituiti

5

Percentuale di moduli restituiti

0.65%

Nel 2007, il numero di pagine tradotte per

il Centro europeo per lo sviluppo della

formazione professionale è aumentato

notevolmente. Alcuni testi erano, tra l’altro,

riservati e andavano trattati in maniera

appropriata. La collaborazione con il Centro

funziona perfettamente e i documenti di

riferimento sono forniti unitamente alle

richieste di traduzione.

Nell’ambito del processo di Bologna, molti Stati

membri dell’Unione europea si sono impegnati

ad armonizzare l’architettura del sistema

europeo di istruzione superiore, il che ha avuto

un impatto notevole sulla terminologia in uso nel

settore. Potrebbe essere dunque interessante

avviare un progetto al riguardo.

21


12. Agenzia dell’Unione europea per i

diritti fondamentali (FRA)

Tradotte

5 458

Numero totale di pagine

Previsione

5 000

Pagine per tipo di scadenza richiesta

Normale

4 350

Programmata

0

Urgente

1 108

Documenti consegnati entro il termine stabilito

Richiesti

766

Consegnati

747

Moduli di soddisfazione del cliente

Restituiti

5

Percentuale di moduli restituiti

0.65%

Nel 2007, con il regolamento (CE) n. 168/2007

del Consiglio, del 15 febbraio 2007 (15) , si è

istituita l’Agenzia dell’Unione europea per i diritti

fondamentali, che subentra all’Osservatorio

europeo dei fenomeni di razzismo e

xenofobia (EUMC). Il regolamento prevede un

ampliamento del mandato dell’Agenzia.

Ora che la FRA è pienamente operativa, il

Centro vorrebbe proporle di intensificare

la collaborazione, ritenendo in particolare

che sarebbe estremamente utile collaborare

alla compilazione di un glossario dei principali

termini e abbreviazioni riguardanti le sue

attività fondamentali.

13. Agenzia europea per la

ricostruzione(EAR)

Nel 2007, l’Agenzia europea per la

ricostruzione ha iniziato gradualmente a

sospendere le proprie attività in vista

della definitiva cessazione nel 2008.

14. Agenzia europea per la sicurezza

alimentare (EFSA)

Tradotte

4 937

Numero totale di pagine

Previsione

9 100 (*)

Pagine per tipo di scadenza richiesta

Normale

3 003

Tradotte

164

Programmata

0

Urgente

1 934

Documenti consegnati entro il termine stabilito

Richiesti

1 052

Consegnati

1 046

Moduli di soddisfazione del cliente

Restituiti

5

Numero totale di pagine

Previsione

0

Pagine per tipo di scadenza richiesta

Normale

52

Programmata

0

Urgente

112

Documenti consegnati entro il termine stabilito

Richiesti

51

Consegnati

50

Moduli di soddisfazione del cliente

Restituiti

0

Percentuale di moduli restituiti

0.00%

Percentuale di moduli restituiti

0.47%

(*)

Bilancio rettificativo n. 2, previsione rivista 7 424.

Nel 2007, l’Agenzia europea per la sicurezza

alimentare ha celebrato il suo quinto

(15) GU L 53 del 22.2.2007, pag. 1.

22


anniversario. Il Centro si complimenta, dunque,

con l’EFSA ed è lieto di notare che i rapporti

tra loro sono proseguiti nella stessa atmosfera

distesa che li ha sempre contraddistinti.

Rispetto agli ultimi anni, nel 2007 il volume delle

traduzioni eseguite per conto dell’Agenzia è

rimasto stabile. Come in passato, i documenti

sono stati prevalentemente sintesi di pareri

scientifici tradotti dall’inglese nelle altre lingue

di lavoro dell’EFSA, ossia francese, italiano e

tedesco.

Il Centro ha compilato un glossario di parole

chiave tratte dai pareri scientifici espressi

dall’Agenzia, la cui convalida è in corso dal 2005.

15. Unità europea di cooperazione

giudiziaria (EUROJUST)

Tradotte

148

Numero totale di pagine

Previsione

250

Pagine per tipo di scadenza richiesta

Normale

104

Programmata

0

Urgente

44

Documenti consegnati entro il termine stabilito

Richiesti

68

Consegnati

68

Moduli di soddisfazione del cliente

Restituiti

0

Percentuale di moduli restituiti

0.00%

Centro. La riunione ha consentito uno scambio

aperto e franco di punti di vista sulle esigenze e

le aspettative di Eurojust e il modo in cui il Centro

possa soddisfarle.

16. Agenzia europea per la sicurezza

marittima (AESM)

Tradotte

1 841

Numero totale di pagine

Previsione

2 000

Pagine per tipo di scadenza richiesta

Normale

988

Programmata

0

Urgente

853

Documenti consegnati entro il termine stabilito

Richiesti

220

Consegnati

220

Moduli di soddisfazione del cliente

Restituiti

2

Percentuale di moduli restituiti

0.90%

Nel 2007, il volume di lavoro svolto dal Centro

per conto dell’Agenzia europea per la sicurezza

marittima è aumentato notevolmente.

È stato possibile risolvere tutti i problemi di

natura terminologica internamente. Poiché

i documenti riguardanti le attività principali

dell’AESM sono estremamente tecnici, il

Centro vorrebbe proporre la compilazione di un

glossario dei termini di uso più frequente.

Al fine di rafforzare la collaborazione tra il Centro

e Eurojust, l’Unità europea per il miglioramento

della cooperazione giudiziaria, nel settembre

2007 è stata organizzata una riunione all’Aia

tra l’addetto stampa e portavoce di Eurojust e il

capo della sezione coordinamento clienti del

23


17. Agenzia europea per la sicurezza

aerea (AESA)

Tradotte

5 142

Numero totale di pagine

Previsione

9 200

Pagine per tipo di scadenza richiesta

Normale

3 320

Programmata

1 758

Urgente

64

Documenti consegnati entro il termine stabilito

Richiesti

497

Consegnati

496

Moduli di soddisfazione del cliente

Restituiti

1

Percentuale di moduli restituiti

0.20%

Nel gennaio 2007, il Centro ha organizzato una

riunione a Lussemburgo con un rappresentante

dell’Agenzia europea per la sicurezza aerea al

fine di discutere la futura collaborazione tra i

due organismi. Il principale punto all’ordine

del giorno è stata la possibilità o meno per

il Centro di produrre una versione consolidata

dei regolamenti di esecuzione dell’Agenzia.

Nel maggio 2007 si è tenuto un seminario a

Lussemburgo in occasione del quale l’AESA ha

presentato il suo lavoro ai traduttori del Centro,

presentazione che ha coperto i diversi campi

di attività dell’Agenzia, la sua organizzazione

e il suo funzionamento, il quadro normativo,

un’introduzione alla procedura normativa, la

collaborazione e il coordinamento tra l’AESA

e le autorità nazionali, nonché il rapporto di

lavoro con la Commissione.

Gli incarichi svolti per l’Agenzia hanno

riguardato la traduzione di due pareri, di

progetti di regolamento nonché la traduzione

di una relazione annuale in materia di sicurezza,

più una serie di documenti amministrativi

e di bilancio. I problemi terminologici e le

richieste di precisazioni sui testi sono stati

affrontati in stretta collaborazione con l’AESA.

È stato inoltre discusso un progetto per

estrapolare terminologia dal regolamento

istitutivo dell’Agenzia e dai suoi regolamenti di

esecuzione, che dovrebbe essere intrapreso

nel 2008.

18. Agenzia ferroviaria europea (AFE)

Tradotte

1 799

Numero totale di pagine

Previsione

1 000

Pagine per tipo di scadenza richiesta

Normale

1 135

Programmata

0

Urgente

664

Documenti consegnati entro il termine stabilito

Richiesti

132

Consegnati

132

Moduli di soddisfazione del cliente

Restituiti

0

Percentuale di moduli restituiti

0.00%

Il lavoro principale svolto dal Centro per

l’Agenzia ferroviaria europea (AFE) nel 2007

è consistito nel regolare aggiornamento

della documentazione di riferimento, nel

monitoraggio dei nuovi sviluppi in campo

terminologico e nella ricerca di glossari e

materiali di riferimento disponibili in Internet.

L’AFE è un’entità ancora relativamente giovane e

i documenti che il Centro riceve in traduzione

non creano l’esigenza specifica di modelli.

In ragione della natura tecnica del settore,

24


esiste molta terminologia nel campo delle

ferrovie e il Centro ritiene possibile individuare

una serie di termini fondamentali e preparare

alcuni elenchi terminologici iniziali una volta

maturata una certa esperienza nel campo e

comprese maggiormente le esigenze dell’ERA.

Va notato che i traduttori del Centro sono già

aiutati enormemente dai documenti della

Commissione.

19. Agenzia europea per la sicurezza delle

reti e dell’informazione (ENISA)

Tradotte

3 369

Numero totale di pagine

Previsione

800

Pagine per tipo di scadenza richiesta

Normale

3 273

Programmata

0

Urgente

96

Documenti consegnati entro il termine stabilito

Richiesti

159

Consegnati

159

Moduli di soddisfazione del cliente

Restituiti

0

Percentuale di moduli restituiti

0.00%

La situazione per quanto concerne l’Agenzia

europea per la sicurezza delle reti e

dell’informazione rispecchia grossomodo

quella del 2006, sebbene il volume di lavoro

ricevuto dal Centro sia aumentato in maniera

considerevole. Alla luce di tale sviluppo, nel

2008 potrebbe risultare necessaria una prima

riunione di coordinamento tra l’ENISA e il

Centro.

20. Centro europeo per la prevenzione e il

controllo delle malattie (CEPCM)

Tradotte

2 806

Numero totale di pagine

Previsione

0

Pagine per tipo di scadenza richiesta

Normale

2 633

Programmata

0

Urgente

173

Documenti consegnati entro il termine stabilito

Richiesti

243

Consegnati

242

Moduli di soddisfazione del cliente

Restituiti

0

Percentuale di moduli restituiti

0.00%

Nel 2007, il numero totale di pagine tradotte per

conto del Centro europeo per la prevenzione

e il controllo delle malattie è triplicato rispetto

all’anno precedente. La collaborazione tra

il Centro e il CEPCM si è concentrata sulla

creazione di versioni multilingue di importanti

testi introduttivi riguardanti il Centro stesso e

una serie di malattie infettive da pubblicare sul

suo sito web (materiale tradotto dall’inglese

nelle altre 22 lingue ufficiali dell’Unione

europea, più islandese e norvegese).

Altre richieste di traduzione hanno riguardato

prevalentemente documenti tecnici, specifiche

di gare di appalto e accordi internazionali,

alcuni dei quali tradotti soltanto in determinate

lingue.

Un ulteriore compito del lavoro del Centro ha

riguardato l’aggiornamento dei corrispondenti

materiali di riferimento per garantire il

necessario supporto ai traduttori interni.

25


21. Agenzia europea per la gestione della

cooperazione operativa alle frontiere

esterne degli Stati membri dell’Unione

europea (FRONTEX)

Ora l’Agenzia europea per la gestione della

cooperazione operativa alle frontiere esterne

degli Stati membri dell’Unione europea

ha intrapreso la propria attività e giungono

regolarmente traduzioni. Il Centro apprezza

altresì la percentuale relativamente elevata di

moduli di soddisfazione del cliente restituiti.

22. Agenzia esecutiva per l’istruzione, gli

audiovisivi e la cultura (EACEA)

Tradotte

7 101

Numero totale di pagine

Previsione

13 500

Pagine per tipo di scadenza richiesta

Normale

1 747

Tradotte

392

Programmata

394

Urgente

4 960

Documenti consegnati entro il termine stabilito

Richiesti

926

Consegnati

922

Moduli di soddisfazione del cliente

Restituiti

18

Numero totale di pagine

Previsione

0

Pagine per tipo di scadenza richiesta

Normale

370

Programmata

0

Urgente

22

Documenti consegnati entro il termine stabilito

Richiesti

153

Consegnati

147

Moduli di soddisfazione del cliente

Restituiti

10

Percentuale di moduli restituiti

6.53%

Percentuale di moduli restituiti

1.94%

Rispetto al 2006, nel 2007 il volume di lavoro

svolto dal Centro per conto dell’Agenzia

esecutiva per l’istruzione, gli audiovisivi e la

cultura (EACEA) è raddoppiato. Le richieste di

traduzione giungono da diverse unità, il che

comporta una notevole sfida per quanto

concerne la loro gestione. Per semplificare le

procedure di lavoro, il Centro intende organizzare

una riunione di lavoro con l’EACEA all’inizio del

2008.

Una parte significativa del lavoro svolto nel

2007 è consistita nella traduzione di documenti

amministrativi riguardanti le attività principali

dell’Agenzia. A tal fine, è necessario che i

traduttori abbiano una buona conoscenza delle

sue procedure e dei suoi programmi.

23. Agenzia esecutiva per la competitività

e l’innovazione (EACI)

Tradotte

246

Numero totale di pagine

Previsione

0

Pagine per tipo di scadenza richiesta

Normale

96

Programmata

0

Urgente

150

Documenti consegnati entro il termine stabilito

Richiesti

79

Consegnati

79

Moduli di soddisfazione del cliente

Restituiti

0

Percentuale di moduli restituiti

0.00%

Il 31 maggio, la Commissione ha adottato una

decisione con la quale ha trasformato l’Agenzia

esecutiva per l’energia intelligente (IEEA) in

Agenzia esecutiva per la competitività e

l’innovazione (EACI) (2007/372/CE) (16) . Di

conseguenza, l’accordo di cooperazione

(16) Úř. věst. L 140, 1.6.2007, s. 52.

26


in vigore con l’IEEA dal 2006 è stato modificato

da un addendum firmato nel luglio 2007. Il lavoro

principale del Centro per conto dell’Agenzia nel

corso dell’anno è consistito nella traduzione del

suo programma di lavoro e di una serie di

documenti correlati.

24. Accademia europea di polizia (CEPOL)

Tradotte

1 827

Numero totale di pagine

Previsione

0

Pagine per tipo di scadenza richiesta

Normale

1 790

Programmata

0

Urgente

37

Documenti consegnati entro il termine stabilito

Richiesti

83

Consegnati

83

Moduli di soddisfazione del cliente

Restituiti

0

Le attività di traduzione per conto dell’Accademia

europea di polizia (CEPOL) sono proseguite a

un ritmo serrato dal suo recente avvio.

25. Agenzia esecutiva per il programma di

sanità pubblica (PHEA)

Tradotte

238

Numero totale di pagine

Percentuale di moduli restituiti

0.00%

Previsione

0

Pagine per tipo di scadenza richiesta

Normale

76

Programmata

0

Urgente

162

Documenti consegnati entro il termine stabilito

Richiesti

36

Consegnati

34

Moduli di soddisfazione del cliente

Restituiti

1

Percentuale di moduli restituiti

2.77%

L’Agenzia esecutiva per il programma di sanità

pubblica è uno dei nuovi clienti accolti dal Centro

nel 2007. Nel corso dell’anno, le attività di

traduzione per conto di tale Agenzia sono state,

dunque, ancora alquanto limitate. Prescindendo

dal bilancio, le richieste di traduzione inoltrate

al Centro hanno riguardato documenti di

presentazione del ruolo e delle attività della

PHEA, nonché il suo sito web.

Due rappresentanti del Centro hanno incontrato

l’Agenzia per discutere la sperimentazione di

uno strumento di traduzione online del suo sito

web, strumento successivamente testato da tre

traduttori del Centro e risultato potenzialmente

interessante, sebbene nella sua forma corrente

non fosse utilizzabile al 100% in quanto

mancavano alcune importanti funzionalità.

Il Centro ha pertanto suggerito all’Agenzia di

seguire l’approccio “classico” nella traduzione

del sito, ossia fornire documenti in formati

ampiamente utilizzati (17) .

26. Autorità europea di vigilanza GNSS

(GSA)

Tradotte

365

Numero totale di pagine

Previsione

0

Pagine per tipo di scadenza richiesta

Normale

362

Programmata

0

Urgente

3

Documenti consegnati entro il termine stabilito

Richiesti

90

Consegnati

90

Moduli di soddisfazione del cliente

Restituiti

0

Percentuale di moduli restituiti

0.00%

(17) Per esempio: XML (eXtensible Markup Language), HTML

(HyperText Markup Language), Microsoft® Word or Excel.

27


L’accordo di cooperazione con l’Autorità europea

di vigilanza GNSS (18) (GSA) è stato firmato

soltanto nel 2007, ragion per cui il volume di

traduzioni per conto di questo neo-istituito

organismo è ancora relativamente limitato.

27. Agenzia europea per la difesa (AED)

L’Agenzia europea per la difesa (AED) ha iniziato

a collaborare con il Centro soltanto nel 2007,

ragion per cui in un prossimo futuro si prevede

un aumento del volume di traduzioni.

28. Agenzia europea per le sostanze

chimiche (ECHA)

Tradotte

3 298

Numero totale di pagine

Previsione

0

Pagine per tipo di scadenza richiesta

Normale

2 752

Tradotte

69

Programmata

546

Urgente

0

Documenti consegnati entro il termine stabilito

Richiesti

221

Consegnati

221

Moduli di soddisfazione del cliente

Restituiti

1

Numero totale di pagine

Previsione

0

Pagine per tipo di scadenza richiesta

Normale

69

Programmata

0

Urgente

0

Documenti consegnati entro il termine stabilito

Richiesti

2

Consegnati

2

Moduli di soddisfazione del cliente

Restituiti

2

Percentuale di moduli restituiti

100%

Percentuale di moduli restituiti

0.45%

L’Agenzia europea per le sostanze chimiche è

uno dei clienti più recenti del Centro. Il capo

dell’unità Orientamento e supporto dell’ECHA

ha chiesto al Centro un incontro svoltosi a

settembre per discutere flussi di lavoro e

aspetti procedurali in maniera da gettare le basi

per una collaborazione scorrevole, approccio

proattivo molto apprezzato dal Centro.

Nel corso della riunione, l’Agenzia ha sottolineato

l’importanza della precisione e della coerenza

terminologica in tutti i suoi documenti, ragion

per cui i primi documenti affidati per essere

tradotti in tutte le lingue hanno incluso un

glossario di termini fondamentali che fungerà

da documento di riferimento sia per i traduttori

che per i revisori dell’ECHA per tradurre

e rivedere documenti in futuro. Si tratta di

materiale dinamico, in costante ampliamento.

29. Commissione europea – Direzioni

generali

Tradotte

10 694

Numero totale di pagine

Previsione

4 000

Pagine per tipo di scadenza richiesta

Normale

6 002

Programmata

4 670

Urgente

22

Documenti consegnati entro il termine stabilito

Richiesti

1 974

Consegnati

1 947

Moduli di soddisfazione del cliente

Restituiti

0

Percentuale di moduli restituiti

0.00%

Il Centro ha continuato a tradurre documenti

molto impegnativi sulle condizioni di vita e di

lavoro in tutte e da tutte le lingue dell’Unione

(18) Sistema globale di navigazione satellitare (Global Navigation

Satellite System, GNSS).

28


europea, più islandese e norvegese, per il

Portale europeo della mobilità professionale (19)

della rete di cooperazione tra Commissione

europea e servizi pubblici di collocamento degli

Stati membri dello Spazio economico europeo

(SEE) (paesi membri dell’Unione europea

più Norvegia, Islanda e Liechtenstein). I testi

tradotti sono intesi a contribuire a risolvere ogni

genere di problemi riscontrati da lavoratori e

datori di lavoro nonché a fornire informazioni

a qualunque membro del pubblico che intenda

avvalersi del diritto alla libera circolazione

delle persone.

Il volume di pagine complessivo è leggermente

aumentato nel 2007, rispetto all’anno

precedente, e quasi metà delle richieste

inoltrate dalla DG Occupazione, affari sociali e

pari opportunità della Commissione europea

hanno riguardato documenti programmati,

poiché la fase di traduzione fa parte di un flusso

di lavoro per la pubblicazione in rete.

30. Corte dei conti europea (CC)

Tradotte

1 435

Numero totale di pagine

Previsione

1 200

Pagine per tipo di scadenza richiesta

Normale

413

Programmata

0

Urgente

1 022

Documenti consegnati entro il termine stabilito

Richiesti

171

Consegnati

161

Moduli di soddisfazione del cliente

Restituiti

74

Percentuale di moduli restituiti

43.23%

La collaborazione con la Corte dei conti europea

si è svolta in maniera scorrevole. I documenti

di riferimento sono inviati con ampio anticipo

rispetto alle richieste di traduzione, il che

consente al Centro di prepararsi adeguatamente

a scadenze spesso molto serrate. Inoltre, la

Corte risponde immediatamente a ogni

richiesta di chiarimenti del Centro e restituisce

un feedback sistematico e molto dettagliato

sulle traduzioni pervenutegli. Un esempio

specifico di questa eccellente collaborazione è

rappresentato da un testo bulgaro, per il quale è

stata creata una sorta di “helpdesk” telefonico; il

tema era relativamente nuovo per i neo-assunti

traduttori bulgari del Centro e tale soluzione

è stata reputata la migliore per affrontare la

situazione. I traduttori bulgari della Corte sono

stati infatti estremamente utili fornendo a quelli

del Centro la terminologia specifica necessaria.

31. Corte di giustizia delle Comunità

europee (CGCE)

Tradotte

359

Numero totale di pagine

Previsione

0

Pagine per tipo di scadenza richiesta

Normale

104

Programmata

0

Urgente

255

Documenti consegnati entro il termine stabilito

Richiesti

15

Consegnati

15

Moduli di soddisfazione del cliente

Restituiti

6

Percentuale di moduli restituiti

40%

La Corte di giustizia delle Comunità europee

dispone di un servizio linguistico interno e si

rivolge al Centro solo in via del tutto eccezionale.

(19) http://www.europa.eu/eures

29


32. Banca centrale europea (BCE)

Tradotte

207

Numero totale di pagine

Previsione

400

Pagine per tipo di scadenza richiesta

Normale

199

Programmata

0

Urgente

8

Documenti consegnati entro il termine stabilito

Richiesti

42

Consegnati

41

Moduli di soddisfazione del cliente

Restituiti

0

Percentuale di moduli restituiti

0.00%

Come la Corte di giustizia, anche la Banca

centrale europea (BCE) dispone di traduttori

interni, per cui si avvale di rado dei servizi

del Centro. Molte richieste di traduzione che

giungono al Centro dalla Banca riguardano

traduzioni in lingue che non sono quelle ufficiali

dell’Unione europea.

soltanto nel 2006. Nel 2007, i contatti si

sono ulteriormente sviluppati e il numero di

documenti affidati in traduzione è aumentato.

Il glossario terminologico stilato dal Centro e

inoltrato al Mediatore per essere convalidato

nel 2006 è stato approvato alla fine del 2007

per dieci lingue (CS, DA, FR, PT, SV, NL, DE,

ES, PL e SK). Le altre dovrebbero essere

convalidate nel 2008 con il possibile avvio di

un mini-progetto riguardante il glossario in RO

e BG. Il glossario, predisposto sulla base delle

relazioni annuali del Mediatore europeo degli

anni precedenti, contiene circa 100 termini

ed è il primo progetto congiunto con il Centro.

33. Mediatore europeo (OMBUDSMAN)

Tradotte

8 847

Numero totale di pagine

Previsione

7 500

Pagine per tipo di scadenza richiesta

Normale

75

Programmata

8 772

Urgente

0

Documenti consegnati entro il termine stabilito

Richiesti

451

Consegnati

451

Moduli di soddisfazione del cliente

Restituiti

42

Percentuale di moduli restituiti

9.31%

La collaborazione tra l’ufficio del Mediatore

europeo (Ombudsman) e il Centro è iniziata

30


CAPITOLO 2

COOPERAZIONE INTERISTITUZIONALE:

LA SECONDA MISSIONE DEL CENTRO

Il Centro partecipa a pieno titolo al lavoro del

Comitato interistituzionale per la traduzione e

l’interpretazione (CITI) (20) al fine di razionalizzare

i metodi di lavoro e, in generale, creare

efficienza (21) .

Nel 2007, il Centro ha continuato ha coprire un

ruolo di guida per IATE (22) , la banca dati

terminologica interistituzionale dell’Unione

europea, progetto intrapreso nel 1999 su

iniziativa del Centro stesso allo scopo di mettere

a disposizione un’infrastruttura basata sulla rete

per tutte le risorse terminologiche dell’Unione.

IATE, che riunisce le principali banche dati

terminologiche esistenti di Commissione

europea, Consiglio, Parlamento, Corte dei conti,

Comitato economico e sociale, Comitato delle

regioni e Centro di traduzione, è in uso presso

i servizi linguistici dell’Unione dall’estate del

2004. Il CITI ha chiesto al Centro di farsi carico

dell’amministrazione e del supporto tecnico per

il sito interno e pubblico per conto dei partner

del progetto, incarico nel cui ambito il Centro

è chiamato a rispondere ai messaggi di posta

elettronica ricevuti dagli utenti esterni e prestare

assistenza tecnica al personale degli altri servizi

dell’Unione europea.

Il 28 giugno 2007, Leonard Orban, commissario

europeo per il multilinguismo, e Miguel Ángel

Martínez Martínez, vicepresidente del Parlamento

europeo, nel corso di una cerimonia organizzata

a Bruxelles cui hanno partecipato rappresentanti

dell’Unione europea e professionisti del

(20) http://europa.eu/languages/en/document/23

(21) Cfr. nota 10.

(22) Active Terminology for Europe (IATE).

settore linguistico esterni alle istituzioni, hanno

inaugurato ufficialmente un sito web IATE a

disposizione del pubblico in generale (23) . Nella sua

allocuzione di apertura, il commissario Orban ha

definito IATE “… un brillante esempio della sinergia

che si può creare tra diversi organismi, ciascuno

nella propria unicità, ma tutti accomunati da un

solo scopo: trasmettere il messaggio europeo ai

cittadini nella forma più chiara possibile, in una

lingua che capiscono”.

Poiché la terminologia è un fattore determinante

per assicurare la qualità, è essenziale definire un

materiale di riferimento e una terminologia di base

convalidati da ogni cliente. L’armonizzazione, il

consolidamento e la convalida delle denominazioni

di tutte le agenzie ufficiali dell’Unione europea e

delle loro abbreviazioni in tutte le 23 lingue ufficiali

dell’Unione, per quanto non si tratti di un progetto

particolarmente ampio, è un impegno a lungo

termine arduo, ma estremamente importante,

del quale il Centro di traduzione è responsabile a

livello interistituzionale. IATE e il Manuale

interistituzionale di convenzioni redazionali (24)

saranno aggiornati sulla base dei risultati di

tale progetto. Lo scopo è risolvere situazioni

difficili in cui regolamenti costitutivi o modificativi

contengono terminologia in conflitto e individuare

una soluzione comune appropriata laddove

permangono discrepanze. In alcuni casi, ad

esempio, determinate abbreviazioni in alcune

lingue non sono mai utilizzate, situazione

che può complicare il lavoro dei traduttori,

specialmente allorquando gli autori impiegano

sistematicamente abbreviazioni in tabelle e

fogli di calcolo.

(23) http://iate.europa.eu

(24) http://publications.europa.eu/code

31


Nel 2007, uno dei punti all’ordine del giorno

del CITI era la riorganizzazione del Comitato

interistituzionale per la valutazione della qualità

della traduzione esterna (CIEQ) (25) . Il mandato

del CIEQ consisteva nel fornire un secondo

parere indipendente sulle traduzioni esterne che

il revisore interno di un’istituzione ha ritenuto

di scarsa qualità. Nel 2005 e nel 2006, il CIEQ è

stato presieduto dal Centro che, negli anni della

sua presidenza, ha proposto e attuato una serie

di miglioramenti dei metodi di lavoro del CIEQ

dimostratisi estremamente utili per rendere più

efficiente il lavoro del comitato e migliorare la

coerenza delle valutazioni della qualità delle

traduzioni in generale, dando peraltro vita a un

nuovo sistema di valutazione della qualità esterna

denominato SEQ (System for the Evaluation

of External Quality), che sostituirà il CIEQ nel

2008. Al SEQ sarà chiesto soltanto di fornire una

seconda valutazione nel caso in cui un servizio di

traduzione intenda risolvere un contratto o imporre

gravose sanzioni economiche, il che ridurrà

notevolmente il numero di valutazioni. Il Centro

assolverà i compiti amministrativi relativi al SEQ.

(25) Comité interinstitutionnel pour l’évaluation de la qualité des

traductions externes (CIEQ).

32


CAPITOLO 3

A M M I N I S T R A Z I O N E I N T E R N A

DEL CENTRO

A. OBIETTIVO: ECCELLENZA

Il 2007 ha segnato la fine del piano strategico

quinquennale (2003-2007) del Centro, i cui

obiettivi e compiti sono stati interamente realizzati.

La direzione del Centro è stata dunque molto

impegnata, durante l’anno, nell’identificazione

di nuovi obiettivi e priorità e nella definizione di

un nuovo piano strategico quinquennale (2008-

2012). La stesura del nuovo piano strategico si è

avvalsa di un approccio sia dall’alto verso il basso

che dal basso verso l’alto, ricevendo notevoli

contributi dal personale del Centro.

Secondo i principi di eccellenza aziendali che

sottendono il modello EFQM (26) , che il Centro

ha assunto come riferimento, l’attuazione

sistematica di strategie, obiettivi e piani è

consentita e assicurata da una serie di processi

chiara e integrata, processi che devono essere

efficacemente applicati, gestiti e migliorati su

base quotidiana. Il Centro ha pertanto stilato,

e sottoposto per approvazione al consiglio di

amministrazione, anche un programma di lavoro

distinto per il 2008 che traduce priorità e obiettivi

strategici in azioni concrete, pratiche e misurabili.

Inoltre, alla luce del nuovo piano strategico,

nel 2007 è stato intrapreso un aggiornamento

dei processi esistenti e dei principali indicatori

per il loro monitoraggio (che proseguirà nel

2008). Infine, il Centro ha organizzato a tal fine

un seminario nel giugno 2007, in occasione del

quale proprietari e piloti di processi hanno potuto

condividere ed esaminare prassi e scoprire come

procedere per gestire i rispettivi processi in

maniera ancor più efficiente.

(26) Fondazione europea per la gestione della qualità (European

Foundation for Quality Management, EFQM) (http://www.efqm.org)

In linea con il modello EFQM, il Centro continua

a ricorrere a verifiche interne della qualità

come strumento per misurare e monitorare

sistematicamente i miglioramenti conseguiti.

I revisori interni della qualità si sono riuniti

nel marzo 2007 per migliorare il feedback

sull’esperienza maturata e il processo di verifica

nel suo complesso nonché sviluppare buone

prassi armonizzate. Nel corso del 2007, la

verifica interna della qualità di cinque processi

ha generato 18 proposte di miglioramento,

mentre l’analisi del processo “Aggiornare e

sviluppare le applicazioni informatiche interne”

ha generato 34 interventi migliorativi.

B. OFFRIRE UN PRODOTTO DI QUALITÀ A

PREZZO VANTAGGIOSO

Nel 2007, la principale fonte delle entrate del

Centro è stato il lavoro di traduzione, pari circa

al 95% delle entrate totali, mentre il restante

5% è derivato da lavoro terminologico e di

cooperazione interistituzionale nonché da

interessi bancari.

Entrate di bilancio 100.00%

Traduzione 94.83%

Terminologia 0.31%

Cooperazione interistituzionale 1.70%

Interessi bancari 3.13%

Varie 0.03%

Le entrate di bilancio (41 605 120 EUR) sono

state superiori dell’8,30% alla stima definitiva

per l’esercizio (38 417 000 EUR escluso titolo 5

“Eccedenza” e titolo 6 “Rimborsi a clienti”).

33


Le entrate del 2007 rivelano un aumento

notevole, del 25,30%, rispetto all’anno

precedente, dato riconducibile all’aumento del

volume d’attività, unito al miglioramento dei

tempi medi di pagamento dei clienti, che però

sono sempre superiori al termine di pagamento

regolamentare che è di 45 giorni (47,17 giorni

su un totale di 652 note di debito emesse,

anziché 48,13 nel 2006).

Le spese del 2007 hanno anch’esse registrato

un incremento considerevole, del 23,71%,

rispetto all’esercizio precedente. Le spese totali

dell’anno sono state pari a 33 214 378 EUR,

ossia l’89,72% dei fondi stanziati in bilancio

(escluso titolo 10 “Riserve”).

L’aumento dei numeri medi relativi al

personale (funzionari, agenti temporanei,

agenti contrattuali e agenti ausiliari) del 2007

spiega l’aumento delle spese per il personale

(titolo 1). Il Centro è passato da una media

di 178 addetti nel 2006 a una media di 195

alla fine dell’esercizio successivo.

L’incremento netto registrato dal titolo 3

è riconducibile principalmente al maggior

numero di pagine tradotte esternamente.

2007 2006 Variazione %

Entrate di bilancio 41 605 119.65 33 204 621.25 25.30%

Traduzione 39 452 922.90 31 363 469.47 25.79%

Terminologia 130 290.00 477 360.00 -72.71%

Cooperazione interistituzionale 708 120.49 518 569.18 36.55%

Interessi bancari 1 300 791.24 843 550.94 54.20%

Varie 12 995.02 1 671.66 677.37%

Spese di bilancio 33 214 378.15 26 847 612.28 23.71%

Titolo 1 – Personale 15 429 602.05 13 792 817.73 11.87%

Titolo 2- Locali, materiale e spese di funzionamento

2 757 104.92 2 734 222.74 0.84%

Titolo 3 – Costi operativi 11 102 533.58 7 434 442.07 49.34%

Stanziamenti riportati 3 925 137.60 2 886 129.74 36.00%

Risultato di bilancio dell’esercizio 8 390 741.50 6 357 008.97 31.99%

Altre 6 820 706.48 10 636 992.74 -35.88%

Stanziamenti riportati e annullati 121 232.98 91 410.71 32.62%

Differenze di cambio 28.79 189.63 -84.82%

Risultato dell’esercizio precedente 16 994 001.71 10 545 392.40 61.15%

Rimborsi a clienti -9 295 414.00 0.00 –

Accantonamento di riserva -999 143.00 0 –

Entrate di bilancio 15 211 447.98 16 994 001.71 -10.49%

34


C. PRUDENZA NEGLI ACQUISTI

Il Centro ha continuato a concentrarsi sulla

costante ottimizzazione delle sue procedure

di appalto, rispettando pienamente, nel

contempo, il quadro normativo.

In tale contesto, nel 2007, il Centro ha aderito

a una nuova rete (informale) interagenzie nel

campo degli appalti detta NAPO (27) , creata

dalla Fondazione europea per la formazione

professionale al fine di ottimizzare le procedure

delle gare di appalto. Il Centro, inoltre, è già

membro della rete giuridica fra agenzie (IALN) (28) .

Infine, oltre ad aver organizzato per proprio

conto 20 gare di appalto in relazione ad attività

interne (in particolare, per quanto concerne

logistica e tecnologia dell’informazione) e altre

resesi necessarie a seguito della scadenza

di una serie di contratti quadro per servizi di

traduzione (in ambito medico e farmaceutico

nonché nel campo della proprietà industriale/

intellettuale), il Centro ha anche partecipato

a 35 gare di appalto interistituzionali indette

dalla Commissione europea e dal Parlamento

europeo per servizi di traduzione e altri settori

quali la logistica.

D. TENERE D’OCCHIO LA SITUAZIONE

Come nel corso dell’anno precedente, il Centro

ha rivolto la massima attenzione all’attuazione del

piano di azione basato sulla relazione stilata dal

Servizio di audit interno (IAS) della Commissione

europea nell’ottobre 2005. Nel 2007, il Centro

ha operato, tra l’altro, i seguenti importanti

cambiamenti: miglioramento del sistema di

delega e sub-delega e delle procedure finanziarie

correlate, miglioramento della pianificazione

della formazione del personale, modifica dei

regolamenti che disciplinano il comitato per

l’analisi dei contratti pubblici e introduzione di uno

strumento integrato per misurare le prestazioni,

il conseguimento degli obiettivi e la direzione

della strategia del Centro.

I progressi compiuti sono stati accolti

favorevolmente dall’IAS, nella relazione di

verifica dell’agosto 2007. Il revisore è stato del

parere che tutte le raccomandazioni formulate

(complessivamente 30, di cui 28 accettate

dal Centro) potevano considerarsi attuate o in

procinto di esserlo. Per quanto concerne le otto

raccomandazioni in fase di attuazione, il revisore

ha ritenuto che l’azione prevista dal Centro fosse,

in ciascuno dei casi, sufficientemente concreta e

appropriata per garantirne l’efficacia. Nel 2008,

ciò significherà in concreto definire una politica

relativa ai posti sensibili, istituire una procedura

di valutazione del rischio, riorganizzare le

modalità di gestione di file di terzi nell’ambito

delle operazioni finanziarie, introdurre procedure

che consentano al personale di segnalare

irregolarità, adeguare gli strumenti in uso per

valutare le prestazioni del personale affinché

rispondano ai requisiti della riforma dello

Statuto dei funzionari delle Comunità europee

e del Regime applicabile agli altri agenti

delle Comunità europee (29) nonché definire e

introdurre un piano di continuità. Il revisore ha

inoltre formulato due nuove raccomandazioni

relative alla gestione dei diritti di accesso e

(27) Network of Agency Procurement Officers (rete di

funzionari dell’Agenzia addetti agli acquisti).

(28) Inter-Agency Legal Network (IALN).

(29) http://eur-lex.europa.eu/LexUriServ/LexUriServ.douri=CELEX:

31968R0259(01):EN:NOT

http://eur-lex.europa.eu/LexUriServ/LexUriServ.douri=CELEX:

31968R0259(02):EN:NOT

35


all’uso di parole d’ordine complesse. Il Centro

ha trasmesso all’IAS relazioni sistematiche circa

i progressi compiuti in vista dell’attuazione delle

raccomandazioni. Alla fine del 2007, lo stato di

avanzamento dei lavori consentiva al Centro

di affermare che prevedeva di concludere

l’attuazione dell’intero piano di azione entro la fine

del 2008, il che è stato possibile soprattutto grazie

all’impegno profuso da tutto il suo personale.

E. UNIFORMARSI AI REGOLAMENTI

Per tutto il 2007, uno dei principali obiettivi

del settore risorse umane è stato di elaborare

ed esaminare norme di esecuzione resesi

necessarie a seguito delle modifiche apportate

allo Statuto. Tali cambiamenti hanno inciso sul

sistema di valutazione e promozione, divenuto

obsoleto in seguito all’introduzione, nel 2006, della

nuova struttura di carriera. È stata altresì definita

una serie di disposizioni generali di attuazione

che richiedevano soltanto adeguamenti tecnici

o formali, come quelle relative al rimborso delle

spese di trasferta e quelle riguardanti i criteri

applicabili alla classificazione in grado e livello

all’atto della nomina o dell’entrata in servizio.

Conformemente all’articolo 110 dello statuto

dei funzionari, ottenuto il parere del comitato

del personale, sono state inviate proposte alla

Commissione europea affinché esprimesse il

proprio accordo.

F. CONSOLIDARE L’ORGANIZZAZIONE

Il Centro ha avviato sette procedure di selezione

al fine di predisporre elenchi di riserva per

l’assunzione di traduttori (maltese, tedesco,

spagnolo, lettone, francese e irlandese) e

personale amministrativo di supporto (risorse

umane, finanze e freelance). Il Centro ha inoltre

organizzato, per la prima volta, 22 procedure di

selezione per agenti contrattuali. Dal momento

che lo statuto dei funzionari non prevede più la

figura degli agenti ausiliari, per le sostituzioni

a breve termine, il Centro è dovuto ricorre ad

agenti contrattuali.

Nel 2007 è inoltre proseguita regolarmente

l’attuazione della politica di creazione di

incarichi permanenti (3 posti: 1 amministratore

e 2 assistenti). Il numero di agenti temporanei

assunti è aumentato notevolmente rispetto al

2006 (16 amministratori linguistici e 4 assistenti)

e il Centro ha ingaggiato 13 agenti contrattuali.

Alla fine del 2007, dunque, il personale alle

dipendenze del Centro era complessivamente

rappresentato da 198 elementi distribuiti come

segue: 40 funzionari, 136 agenti temporanei, 10

agenti a contratto e 12 agenti ausiliari.

G. IL FATTORE UMANO IN PRIMO PIANO

Secondo il modello EFQM, che rappresenta

l’elemento centrale della gestione del Centro,

eccellenza sostenibile significa massimizzazione

dell’apporto del personale attraverso il suo

sviluppo e il suo coinvolgimento. Il modello di

eccellenza EFQM parte dalla premessa che

si raggiungono risultati eccellenti in termini di

prestazioni, clienti, persone e società attraverso

una leadership che ispiri politica e strategia,

trasmesse attraverso persone, partenariati,

risorse e processi. Un sondaggio presso il

personale avviato nel 2006 nell’ambito del

processo EFQM aveva destato preoccupazioni

in merito alla soddisfazione generale del

36


personale rispetto all’ambiente di lavoro del

Centro. Per verificare ulteriormente tale aspetto,

nel 2007 il comitato del personale ha assunto

l’iniziativa di stilare un documento riguardante

il fenomeno dello “stress sul lavoro” (30) , gesto

molto apprezzato dalla direzione. In stretta

collaborazione con quest’ultima, il comitato del

personale ha deciso, pertanto, di proporre un

questionario sullo stress associato al lavoro.

I risultati sono stati ampiamente divulgati e sono

state già attuate alcune contromisure, sia dal

comitato del personale (ad esempio, consulenza

al personale, campagna di sensibilizzazione)

che dalla stessa direzione (ad esempio,

miglioramento delle scadenze attraverso una

riorganizzazione delle varie fasi del flusso di

lavoro, miglioramento della comunicazione

tanto verticale quanto orizzontale, maggiore

partecipazione del personale ai processi

decisionali). Nel 2008, la direzione proseguirà

tale processo, incontestabilmente legato a uno

stato di “buona salute” dell’organizzazione, in

maniera più strutturata.

Sempre a seguito dello stesso sondaggio, nel

2007 il dottor Lund, uno dei funzionari medici

della Commissione europea, su iniziativa del

Centro, ha effettuato alcune presentazioni

sull’ergonomia del lavoro per evitare o ridurre

le patologie muscoloscheletriche (31) . A 50

membri del personale sono stati anche forniti

individualmente suggerimenti preventivi sotto

forma di consulenze e buone prassi. In tale

contesto, il Centro ha acquistato attrezzature

ergonomiche quali monitor, supporti per

schermi, poggiapiedi, poggiapolsi, sedie

ergonomiche e apparecchi di illuminazione a

luce diurna.

Un altro aspetto emerso da detto sondaggio è

stato l’equilibrio tra casa e lavoro, con particolare

riferimento all’alternativa del telelavoro.

Una maggioranza notevole del personale

ha dimostrato interesse per tale formula. Di

conseguenza, e visti i continui vincoli esistenti

in termini di spazi uso ufficio, alla fine del 2007 il

Centro ha lanciato una piattaforma tecnica per il

telelavoro. I sistemi tecnologici di informazione

e comunicazione del Centro hanno un livello di

disponibilità del 99%, risultato particolarmente

degno di nota che, per il Centro, rende il telelavoro

una via alternativa sicuramente percorribile. Otto

traduttori hanno iniziato la prima fase pilota di 12

mesi del progetto di telelavoro che, a seconda

dell’esito, potrà anche essere esteso ad altri

membri del personale che non siano traduttori.

H. COMUNICAZIONE ESTERNA

Nel 2007, il Centro ha ulteriormente perseguito

la sua politica di comunicazione trasparente

e coerente con clienti, personale, partner

istituzionali e fornitori esterni, potenziando

ulteriormente i propri sforzi per comunicare su

più vasta scala con professionisti nel campo

della traduzione e il pubblico dell’Unione

europea in generale. Tali attività hanno assunto

varie forme, dalla divulgazione del messaggio

sul multilinguismo alla promozione del ruolo

delle agenzie nella configurazione istituzionale

dell’Unione europea e dell’idea di Unione

europea in quanto tale (32) .

(30) LAVORARE CON STRESS – Campagna europea sulla

prevenzione dei rischi psicosociali sul lavoro

http://ew2002.osha.europa.eu.

(31) ALLEGGERISCI IL CARICO! – Campagna europea sulle patologie

muscoloscheletriche

http://ew2007.osha.europa.eu.

(32) http://europa.eu/50/

37


Nel 2007, pertanto, Dieter Rummel, capo

del dipartimento supporto traduzione, ha

proposto una presentazione su IATE in

occasione di un seminario sul tema delle

strategie di informazione e comunicazione

dell’Unione europea, tenutosi presso

l’Istituto europeo di amministrazione pubblica

(IEAP )’ a Maastricht.

Unitamente a NL Term (33) , associazione di

terminologi di lingua olandese, il Centro ha

contribuito all’organizzazione a Lussemburgo

della conferenza annuale di NL Term (34) ,

dedicata alla terminologia nella pratica della

traduzione. L’evento, al quale hanno presenziato

circa 65 partecipanti, ha incluso le presentazioni

di Dorrit Curfs del Centro e di altri rappresentanti

dell’Unione europea, membri di NL Term ed

esponenti del ministero degli Esteri olandese

sul ruolo odierno della terminologia nel

processo di traduzione.

e vi hanno partecipato traduttori, docenti

universitari e studenti di tutta Europa e oltre.

Due colleghi portoghesi, Luísa Rocha Vieira

e Nuno Sousa, hanno preso parte al progetto

della presidenza portoghese dell’Unione

europea denominato EU Project Day - Back

to School, iniziativa dimostratasi un eccellente

strumento per promuovere l’immagine del

Centro di traduzione come parte della struttura

istituzionale europea e, nel contempo,

avvicinare maggiormente l’Unione europea

ai giovani. I due partecipanti hanno potuto

percepire l’interesse e il desiderio dei giovani

presenti di saperne di più.

Si tratta di un’esperienza estremamente

positiva, visto che, in fin dei conti, i giovani di

oggi forgeranno l’Europa di domani.

Il Centro ha partecipato a un’iniziativa congiunta

di tutte le agenzie dell’Unione europea, ossia

la pubblicazione dell’opuscolo Qualsiasi cosa

facciate, lavoriamo per voi, rivolto al pubblico

dell’Unione europea in generale.

Uno dei traduttori francesi del Centro,

Georgette Verheggen, ha presentato un

intervento sul lavoro del Centro in occasione

di una conferenza internazionale organizzata,

con grande successo, dall’Università di Liegi.

La conferenza, dal titolo La traduction, et après

Ethique et professions, era incentrata sulle

scelte etiche che i traduttori quotidianamente

compiono nello svolgimento del proprio lavoro,

(33) http://www.eipa.nl/

(34) http://www.nlterm.org/

38


ELENCO DEI MEMBRI DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

ALLEGATO I

Agenzia, Ufficio, Organismo O Istituzione Membro Titolare Membro Supplente

Commissione europea

Commissione europea

Consiglio dell’Unione europea

Corte di giustizia delle Comunità europee

Corte dei conti europea

Comitato delle regioni

Banca europea per gli investimenti

Banca centrale europea

Mediatore europeo

Cedefop

CEPOL

UCVV

AER

EASA

CEPCM

ECHA

AED

AEA

EFSA

OEDT

EMEA

EMSA

ENISA

EUSC

ERA

ETF

EU-OSHA

Eurofound

Eurojust

Europol

FRA

Frontex

GSA

UAMI

Belgio

Bulgaria

Repubblica ceca

Danimarca

Germania

Estonia

Grecia

Spagna

Francia

Irlanda

Italia

Cipro

Lettonia

Lituania

Lussemburgo

Ungheria

Malta

Paesi Bassi

Austria

Polonia

Portogallo

Romania

Slovenia

Slovacchia

Finlandia

Svezia

Regno Unito

(1) Nomine in corso

Sig. K.-J. Lönnroth

Sig.ra M. O’Leary

Sig.ra M. Lacerda

Sig. A. Calot Escobar

Sig.ra U. Gubian

Sig. S. Illeborg

Sig. K. Petersen

Sig. K. Riemke

Sig. L. Julien

Sig.ra C. Frey

Sig. U. Göransson

Sig. B. Kiewiet

(1)

Sig. P. Goudou

Sig.ra I. Steffens

Sig. U. Heider

Sig. H. Linnenkamp

Sig. B. Jansen

Sig.ra A. Maviel-Sonet

Sig.ra R. de Sousa

Sig. A. Pott

Sig.ra M. Nesterowicz

Sig. A. Pirotti

(1)

Sig. L. Colucci

Sig. B. Sørensen

Sig. A. Smith

Sig. J. Karppinen

Sig. E. Merz

Sig. C. Jechoutek

Sig. J. Kellock

Sig. K. Wahlström

Sig.ra H. Wieland

Sig. P. Rodinger

Sig. O. Vandenplas

Sig.ra I. Slavova

Sig. M. Kucera

Sig.ra V. Pasternak Jørgensen

Sig. M. Clauß

Sig. V. Lubi

Sig.ra E. Fountoulaki

Sig.ra J. Bermúdez

Sig. M.-O. Gendry

Sig.ra G. Byrne Nason

Sig.ra S. Basconi

Sig.ra C. Valanidou

Sig. M. Baltiņš

Sig. A. Stančikas

Sig. P. Duhr

Sig.ra R. Somssich

Sig. V. Bruno

Sig.ra M. Alhadeff

Sig. G. Schusterschitz

Sig.ra J. Jabłonowska

Sig. O. Veiga

Sig.ra L. Vrabie

Sig.ra D. Erbič

Sig.ra M. Krošláková

Sig. R. Lämsä

Sig.ra A.-M. Hasselrot

Sig.ra F. Hooper

39

Sig.ra M. Reicherts

Sig.ra M. Roth

Sig. H. Baes

Sig.ra M. Múgica

Sig. M. Loos

Sig. S. Baniotopoulos

Sig. A. Vincart

Sig.ra S. van Baak

Sig. A. Del Bon

Sig.ra A. Clark

Sig. R Zelder

Sig. C. Godinho

Sig. A. Martins

Sig. F. Manuhutu

Sig. A. MacPhail

Sig. F. Baldi

Sig. S. Bjarnason

Sig.ra K. Robertson

Sig. H.-G. Wagner

Sig. A. Mitrakas

Sig. S. Zutt

Sig.ra J. Anstey

Sig. B. Thiébaud

Sig.ra M. McCaughey

Sig.ra E. Casey

Sig. J. Vermeulen

Sig.ra A. Chmielewska

Sig. D. Nicolaïdès

Sig. A. di Carlo

Sig. M. van Oversteyns

Sig.ra V. Dimitrova

Sig. H. Iversen

Sig. A. Reda

Sig.ra M. Tamm

Sig. P. Paraponiaris

Sig.ra C. Yuste

Sig. F. Dubreuil

Sig. T. Lucas

Sig.ra S. Chiave

Sig.ra G. Zirdziņa

Sig.ra R. Tamošiūnienė

Sig. A. Biever

Sig.ra M.-L. Gatt

Sig.ra T. Morris

Sig. M. Wimmer

Sig. T. Andrzejewski

Sig. I. Simion

Sig.ra J. Lipičnik

Sig. S. Grman

Sig.ra J. Tikkanen

Sig. B. Baedecke

Sig.ra K. Cavell


STATISTICHE RELATIVE ALL’ATTIVITÀ DI TRADUZIONE

ALLEGATO II

VOLUME TOTALE : 732 673 PAGINE

Marchi, disegni e modelli comunitari

75,04% (549 792 pagine)

Documenti

24,96% (182 881 pagine)

VOLUMI RIPARTITI PER CLIENTE

(MARCHI, DISEGNI E MODELLI ESCLUSI)

35.000

33056

30.000

25.000

20.000

23631

19511

15.000

10.000

5.000

0

AEA

ETF

OEDT

EMEA

EU-OSHA

UAMI

UCVV

Europol

Eurofound

Cedefop

FRA

AER

EFSA

Eurojust

AESM

AESA

AER

ENISA

CEPCM

Frontex

EACEA

EACI

CEPOL

PHEA

GSA

AED

ECHA

CCE-EMPLOI

CCE

CGCE

BCE

Mediatore

5010

3857

6867

11651

1298

5006

8489

5458

164

4937

148

1841

5142

1799

3369

2806

392

7101

246

1827

238

365

69

3298

10694

1435

359

207

8847

40


RIPARTIZIONE DEI VOLUMI PER LINGUA 2007/2006

ALLEGATO III

FR

DE

ES

IT

PT

EL

FI

SV

HU

LT

ET

DA

SK

LV

CS

SL

MT

PL

NL

EN

BG

RO

GA

NO

IS

AR

Altre**

Lingua

2007 2006

Classifica * Pagine * Percentuale Classifica * Pagine *

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

25

24

26

48 219

37 573

37 393

37 295

34 419

33 337

33 050

33 039

32 849

32 730

32 729

32 721

32 569

32 552

32 486

32 432

32 334

32 267

32 021

31 704

21 956

21 945

1 668

3387

6.61%

5.15%

5.13 %

5.11%

4.72%

4.57%

4.53%

4.53%

4.50%

4.49%

4.49%

4.49%

4.47%

4.46%

4.45%

4.45%

4.43%

4.42%

4.39 %

4.35%

3.01%

3.01%

0.23%

1

3

4

2

6

9

13

17

10

12

11

18

7

8

14

15

20

16

19

5

21

22

23

24

25

26

40 430

29 580

29 251

29 769

26 017

25 861

25 511

25 387

25 648

25 537

25 572

25 283

25 948

25 939

25 503

25 501

24 349

25479

24 643

26 588

8 938

TOTALE *** 732 673 100,00% 546 735

* In funzione del volume di pagine per lingua (arrotondato).

** AZ, HE, HR, JP, MK, NO, RU, SQ, SR, TR, ZH.

*** Volume di pagine tradotte (incluse le pagine tradotte per le operazioni correnti del Centro).

Elenco delle abbreviazioni BG (bulgaro), ES (spagnolo), CS (ceco), DA (danese), DE (tedesco), ET (estone), EL (greco), EN (inglese),

FR (francese), IT (italiano), LV (lettone), LT (lituano), HU (ungherese), MT (maltese), NL (olandese),

PL (polacco), PT (portoghese), RO (rumeno), SK (slovacco), SL (sloveno), FI (finlandese), SV (svedese),

AR (arabo), CA (catalano), HE (ebraico), HR (croato), IS (islandese), JP (giapponese), KO (coreano),

MK (macedone), NO (norvegese), RU (russo), SH (serbo-croato), SQ (albanese), SR (serbo), TR (turco),

ZH (cinese mandarino).

41


STATISTICHE SUI TEMPI DEI LAVORI DI TRADUZIONE

ALLEGATO IV

Clienti

Numero Di

Documenti

Richiesti (1)

Numero Di

Documenti

Inviati Entro

Il Termine Di

Scadenza

Termine Di

Scadenza

+

1 - 2 Giorno(I)

Termine Di

Scadenza

+

3 - 5 Giorni

Termine Di

Scadenza

+

1 Settimana

AEA

ETF

OEDT

EMEA

EU-OSHA

UAMI

UCVV

Europol

Eurofound

Cedefop

FRA

AER

EFSA

Eurojust

AESM

AESA

AER

ENISA

CEPCM

Frontex

EACEA

EACI

CEPOL

PHEA

GSA

AED

ECHA

CCE-EMPLOI

CCE

CGCE

BCE

Mediatore

CdT

496

492

585

9 885

2 094

3 246

399

2 104

530

760

766

51

1 052

68

220

497

132

159

243

153

926

79

83

36

90

2

221

1 974

171

15

42

451

986

494

489

582

9 879

2 084

3 236

398

2 060

526

756

747

50

1 046

68

220

496

132

159

242

147

922

79

83

34

90

2

221

1 947

161

15

41

451

927

1

1

3

5

8

6

0

40

1

3

17

1

3

0

0

1

0

0

0

6

2

0

0

1

0

0

0

27

9

0

0

0

30

1

2

0

1

2

4

1

2

0

0

2

0

3

0

0

0

0

0

1

0

2

0

0

1

0

0

0

0

1

0

0

0

17

0

0

0

0

0

0

0

2

3

1

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

1

0

12

CELKEM 29 008 28 784 165 40 19

PROCENT 100.00% 99.23% 0.57% 0.14% 0.07%

(1) Non sono compresi marchi, disegni o modelli comunitari che, per definizione, sono trasmessi entro la scadenza prevista dal contratto

42


TABELLA DELL’ORGANICO DEL CENTRO DI TRADUZIONE

ALLEGATO V

Gruppo di

funzione

AD 16

AD 15

AD 14

AD 13

AD 12

AD 11

AD 10

AD 9

AD 8

AD 7

AD 6

AD 5

Posti Previsti Nel

Bilancio

0

0

1

0

5

5

15

2

3

0

0

0

2007

Permanenti Temporanei Totale

Posti Occupati

0

0

1

0

1

4

14

0

4

0

0

0

Posti Previsti Nel

Bilancio

0

1

0

0

3

9

6

11

8

6

27

12

Posti Occupati Posti Occupati (1)

Totale parziale AD 31 24 83 79 103

AST 11

AST 10

AST 9

AST 8

AST 7

AST 6

AST 5

AST 4

AST 3

AST 2

AST 1

0

0

0

3

5

2

5

1

3

0

0

0

0

0

3

2

3

4

1

3

0

0

Totale parziale AST 19 16 67 57 73

TOTALE 50 40 150 136 176

(1) A partire dal 31 dicembre 2007

0

0

0

1

3

6

5

10

21

9

12

0

0

1

0

3

6

9

11

7

7

28

7

0

0

0

1

3

5

5

8

17

7

11

0

0

2

0

4

10

23

11

11

7

28

7

0

0

0

4

5

8

9

9

20

7

11

43


TABELLA DELL’ORGANICO

ALLEGATO VI

DIPARTIMENTO TRADUZIONE

M-A. Fernández

Vedoucí

Gruppo Lingue germaniche

Gruppo Lingue romanze

e mediterranee

Gruppo Lingue slave

e greco

CONSIGLIO DI

AMMINISTRAZIONE

K.-J. Lönnroth

Presidente

G. Dagilienė

DIRETTORE

DIPARTIMENTO INFORMATICA

B. Vitale

Responsabile f.f.

DIPARTIMENTO

AMMINISTRAZIONE

M-A. Fernández

Responsabile f.f.

Assistente di direzione –

Segretariato del consiglio di amministrazione

Segretariato di direzione

DIPARTIMENTO SUPPORTO

ALLA TRADUZIONE

D. Rummel

Vedoucí

Sezione Gestione della qualità –

Auditor interno

Sezione Coordinamento clienti

Sezione Gestione della domanda

Gruppo Lingue ugrofinniche

e baltiche

Sezione Telecomunicazioni

Sezione Affari giuridici

Sezione Sviluppo

Sezione Finanze

Sezione Helpdesk

Sezione Logistica e sicurezza

Sezione Supporto ai sistemi Sezione Risorse umane

Sezione Servizi linguistici

Sezione Tecnologia della lingua

Gruppo Interistituzionale IATE

Sezione Gestione freelance

44


INFORMAZIONI STATISTICHE SUL PERSONALE

ALLEGATO VII

RIPARTIZIONE PER GRUPPI DI FUNZIONE

TOTALE

Uomini

Donne

AD

AST

26

47 31 72 57 119

26 47 31 72 57 119

RIPARTZIONE PER ETÀ

84 84

50

50

31

31

9

2

9

21-29 30-39 40-49 50-59 60-69

2

21-29 30-39 40-49 50-59 60-69

45


RIPARTIZIONE DEL PERSONALE PER NAZIONALITÀ E GRUPPI DI FUNZIONE

NAZIONALITÀ

PERSONALE

AD AST TOTALE

Belgio 6 21 27

Bulgaria 3 0 3

Repubblica ceca 4 0 4

Danimarca 4 1 5

Germania 7 0 7

Estonia 2 0 2

Irlanda 2 1 3

Grecia 4 1 5

Spagna 6 4 10

Francia 6 36 42

Italia 8 2 10

Cipro 0 0 0

Lettonia 3 0 3

Lituania 5 0 5

Lussemburgo 0 2 2

Ungheria 4 0 4

Malta 2 0 2

Paesi Bassi 5 0 5

Austria 1 1 2

Polonia 4 0 4

Portogallo 4 3 7

Romania 3 0 3

Slovenia 4 0 4

Slovacchia 4 1 5

Finlandia 5 0 5

Svezia 3 0 3

Regno Unito 4 0 4

TOTALE 103 73 176

46


DATI CHIAVE 2005-2007

ALLEGATO VIII

HEADING 2005 2006 2007

Volume di traduzione espresso in pagine

Pagine tradotte in esterno

(espresse in numero e in percentuale)

505 438

226 822

(44.88%)

546 735

260 303

(47.61%)

732 673

395 701

(54.01%)

Personale: • organico complessivo (1)

• traduttori (1) 175

90

186

91

198

105

Rendimento di ciascun membro dell’organico (in pagine) (2) 2 888 2 939 3 700

Rendimento di ciascun traduttore (in pagine) (2) 5 615 6 008 6 977

Esecuzione del bilancio (in migliaia di euro) 23 831 26 848 33 214

Tariffa di traduzione per pagina per “Documenti”

(scadenza normale) (3) EUR 80.5 (4) EUR 82 (4) EUR 83.5 (4)

(1) Compresi funzionari, agenti temporanei, agenti ausiliari e agenti contrattuali.

(2) Comprese valutazioni e revisioni di pagine tradotte in esterno.

(3) Sussistono tre diversi tipi di scadenze per le traduzioni fornite dal Centro: normale, programmata e urgente.

(4) Fonte: bilancio del Centro.

DICHIARAZIONE DELL’ORDINATORE

La sottoscritta, Gailé Dagiliené, direttore del

Centro di traduzione degli organismi dell’Unione

europea, in qualità di ordinatore:

dichiara, con la presente, che le informazioni

contenute in questa relazione sono sincere e

veritiere. Il concetto di sincero e veritiero in questo

contesto significa che i contenuti forniscono

una visione attendibile, completa e corretta della

situazione in atto al Centro;

afferma di essere ragionevolmente sicura che

le risorse destinate alle attività descritte nella

presente relazione siano state utilizzate ai fini

previsti, conformemente al principio della buona

gestione finanziaria, e che le procedure di controllo

attuate offrano le necessarie garanzie quanto a

legalità e regolarità delle relative operazioni;

ALLEGATO IX

tale ragionevole sicurezza si basa sul giudizio

personale della sottoscritta e sugli elementi a

sua disposizione, quali ad esempio i risultati dell’

esercizio di autovalutazione, dei controlli ex-post,

dei lavori della capacità di audit interno,

delle osservazioni del servizio di audit interno

della Commissione europea e delle conclusioni

tratte dalle relazioni della Corte dei conti europea

relative agli esercizi anteriori a quello della

presente dichiarazione;

conferma di non essere al corrente di alcun fatto

non segnalato che possa nuocere agli interessi

dell’agenzia.

Fatto a Lussemburgo, il 18 febbraio 2008.

Gailė Dagilienė

47


Glossario

ALLEGATO X

Istituzioni /

Agenzie

Parlamento europeo

Consiglio dell’Unione europea

Commissione delle Comunità europee

Corte di giustizia delle Comunità europee

Corte dei conti europea

Comitato economico e sociale europeo

Comitato delle regioni dell’Unione europea

Banca europea per gli investimenti

Banca centrale europea

Mediatore europeo

Ufficio comunitario delle varietà vegetali

Agenzia europea per la ricostruzione

Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro

Agenzia europea per la gestione della cooperazione operativa alle

frontiere esterne degli Stati membri dell’Unione europea

Agenzia europea per la sicurezza aerea

Centro europeo per la prevenzione ed il controllo delle malattie

Centro europeo per lo sviluppo della formazione professionale

Agenzia europea dell’ambiente

Autorità europea per la sicurezza alimentare

Fondazione europea per il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro

European GNSS Supervisory Authority

Agenzia europea per la sicurezza marittima

Agenzia europea per i medicinali

Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze

Agenzia europea per la sicurezza delle reti e dell’informazione

Agenzia ferroviaria europea

Fondazione europea per la formazione professionale

Agenzia dell’Unione europea per i diritti fondamentali

Ufficio per l’armonizzazione nel mercato interno (marchi, disegni e modelli)

Centro di traduzione degli organismi dell’Unione europea

Eurojust

Accademia europea di polizia

Ufficio europeo di polizia

Agenzia esecutiva per l’istruzione, gli audiovisivi e la cultura

Agenzia esecutiva per il programma di sanità pubblica

Agenzia esecutiva per la competitività e l’innovazione

Denominazione Comune /

Abbreviazione

PE

Consiglio

Commissione

CGCE

CCE

CESE

CdR

BEI

BCE

Ombudsman

UCVV

AER

EU-OSHA

Frontex

AESA

CEPCM

Cedefop

AEA

EFSA

Eurofound

GSA

AESM

EMEA

OEDT

ENISA

AFE

ETF

FRA

UAMI

CdT

Eurojust

CEPOL

Europol

EACEA

PHEA

EACI

48


Glossario

ALLEGATO X

Denominazione Comune /

Abbreviazione

Cedefop

CEPOL

CGCE

Commissione

CdR

Counsiglio

CCE-EMPLOI

CdT

UCVV

EACEA

EACI

AER

AESA

CCE

ECB

CEPCM

AEA

CESE

EFSA

BEI

OEDT

EMEA

AESM

ENISA

PE

AFE

ETF

EU-OSHA

Eurofound

Eurojust

Europol

FRA

Frontex

GSA

UAMI

Ombudsman

PHEA

Istituzioni /

Agenzie

Centro europeo per lo sviluppo della formazione professionale

Accademia europea di polizia

Corte di giustizia delle Comunità europee

Commissione delle Comunità europee

Comitato delle regioni dell’Unione europea

Consiglio dell’Unione europea

Commissione europea – Direzioni generali

Centro di traduzione degli organismi dell’Unione europea

Ufficio comunitario delle varietà vegetali

Agenzia esecutiva per l’istruzione, gli audiovisivi e la cultura

Agenzia esecutiva per la competitività e l’innovazione

Agenzia europea per la ricostruzione

Agenzia europea per la sicurezza aerea

Corte dei conti europea

Banca centrale europea

Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie

Agenzia europea dell’ambiente

Comitato economico e sociale europeo

Autorità europea per la sicurezza alimentare

Banca europea per gli investimenti

Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze

Agenzia europea per i medicinali

Agenzia europea per la sicurezza marittima

Agenzia europea per la sicurezza delle reti e dell’informazione

Parlamento europeo

Agenzia ferroviaria europea

Fondazione europea per la formazione professionale

Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro

Fondazione europea per il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro

Eurojust

Ufficio europeo di polizia

Agenzia dell’Unione europea per i diritti fondamentali

Agenzia europea per la gestione della cooperazione operativa alle frontiere

esterne degli Stati membri dell’Unione europea

Autorità europea di vigilanza GNSS

Ufficio per l’armonizzazione nel mercato interno (marchi, disegni e modelli)

Mediatore europeo

Agenzia esecutiva per il programma di sanità pubblica

49


www.cdt.europa.eu

More magazines by this user
Similar magazines