4-News Industry 49.indd - Metra SpA

metra.it

4-News Industry 49.indd - Metra SpA

S E T T E M B R E 2 0 0 8

In questo numero:

49

Mario Bertoli nuovo Presidente Assomet .... 1

L’impiego dell’estruso nel progetto

dell’automotive ........................................ 2

Piano su piano a New York ...................... 3

Profili paesaggistici in alluminio ............. 4

Luce per più soluzioni

Fare Systema

all

I n t e r n a t i o n a l

news

w w w . m e t r a . i t

ENGLISH

MARIO BERTOLI IS APPOINTED AS THE NEW

CHAIRMAN OF ASSOMET.

The new Chairman for Assomet, Association

of non-Ferrous Metals. Mr. Mario Bertoli,

Managing Director of METRA, was appointed

during the Ordinary Shareholders’ Meeting

held last 4th July.

Mr. Mario Bertoli takes over from Mr. Cesare

Coccia, who completed his mandate with

the presentation of the results achieved by

the sector in 2007, including the Italian and

international economic position, the trend for

non-ferrous metals and the principal activities

engaged in by Assomet.

The newly appointed Chairman of Assomet

will be supported by the following Deputy-

Chairmen: Ms. Roberta Niboli (Raffmetal), Mr.

Amedeo Gnutti (S.A. Eredi Gnutti), Mr. Gaetano

La Corte (Eco-Bat) and Mr. Paolo Orlando (KME

Italy) during the 2008-2010 biennial.

Mario Bertoli’s Chairmanship will have

the following objectives according to his

declaration: “First of all, I will ensure that

we continue Assomet’s current activities,

and there are indeed many. The Association

is important for the entire non-ferrous metal

sector. Undoubtedly, my Chairmanship intends

to give more space and voice to the small and

medium-sized enterprises. The current turmoil

in the economy and the markets make this

position even more significant. We will be able

to address the changes which are in progress

more effectively, altogether, if the small and

medium-sized players in this industry also

take a more active interest in the Association’s

activities. A key aspect: the standards are

important today as never before and Assomet

is present, directly or through Eurometaux, the

European Federation for the sector, where the

standards are decided: the European Union and

Italy. The aim is not to be subjected passively

to directives, regulations and laws, but to

become participating players and to be aware

of the change. This also means having to cooperate

more closely and more effectively with

the other metal associations”.

* Extract from the interview with Ennio

Braicovich, Editorial Director of the Building

Division of Reed Business Information.

DECORATION AWARDED TO CORRADO BARONI

Mario Bertoli

nuovo Presidente Assomet

Nuovo Presidente per Assomet, Associazione

dei Metalli non Ferrosi. E’ Mario Bertoli, Amministratore

delegato METRA, eletto in occasione

dell’Assemblea ordinaria dello scorso 4 luglio.

L’ing. Mario Bertoli succede all’ing. Cesare Coccia,

che ha concluso il suo mandato con

la presentazione dei risultati del settore

nell’anno 2007 comprensiva del

quadro economico italiano e internazionale,

dell’andamento dei metalli

non ferrosi e delle principali attività

di Assomet.

Durante il biennio 2008-2010 il neo

Presidente Assomet sarà affiancato

dai Vicepresidenti dr.ssa Roberta Niboli

(Raffmetal), dr. Amedeo Gnutti (S.A. Eredi

Gnutti), ing. Gaetano La Corte (Eco-

Bat) e dr. Paolo Orlando

(KME Italy).

Questi gli obiettivi della sua Presidenza*: “Anzitutto

farò in modo che continuino le attività in

corso di Assomet che sono davvero tante. L’associazione

è importante per tutto il comparto

dei non ferrosi. Certamente la mia presidenza

vuole dare più spazio e voce alle piccole e medie

imprese. Le attuali turbolenze dell’economia

e dei mercati danno ancor più significato a questa

presa di posizione. Se anche i piccoli e medi

attori di questa industria saranno maggiormente

partecipi della vita associativa, tutti assieme

potremo meglio affrontare i cambiamenti che

sono in corso. Un dato per tutti: oggi le normative

sono importanti come non mai e Assomet è

presente, direttamente o attraverso Eurometaux,

la federazione europea di settore, là dove nascono

le normative: l’Unione Europea e

Italia. L’obiettivo è di non subire passivamente

direttive, regolamenti e leggi

ma diventare attori partecipi e consapevoli

del cambiamento. Questo significa

anche dover collaborare di più e meglio

con le altre associazioni del metallo”.

* Estratto dall’intervista ad Ennio Braicovich,

Direttore editoriale della Divisione Building

di Reed Business Information

Onorificenza a Corrado Baroni

Corrado Baroni, Presidente METRA Color

e Presidente Aital (Associazione italiana

trattamenti superficiali alluminio), è stato

insignito

dell’onorificenza di Cavaliere

dell’Ordine “Al Merito della Repubblica

Italiana” con grande soddisfazione di tutto

il Gruppo METRA.

Corrado Baroni, Chairman of METRA Color and

Chairman of Aital (Italian aluminium surface

treatment Association), was awarded the

decoration of Cavaliere dell’Ordine “Al Merito

della Repubblica Italiana” (Knight of the

Italian Republic), a very proud moment for the

entire METRA Group.


ENGLISH

USE OF EXTRUDED PROFILES IN AUTOMOTIVE

DESIGN: SIMPLICITY, FUNCTIONALITY AND

TECHNOLOGICAL ASPECTS.

Presentation by Stefano Ciarleglio at the

conference: “Progettazione con le leghe leggere

e nuovi materiali tecnologici” (Designing with

light alloys and new technological materials)

organised during the last edition of Alumotive.

L’impiego dell’estruso nel progetto

dell’automotive: semplicità, funzionalità

e aspetti tecnologici

L’intervento di Stefano Ciarleglio al convegno

“Progettazione con le leghe leggere e nuovi materiali

tecnologici” svoltosi all’ultima edizione di Alumotive.

The know-how achieved by the METRA Industrial

division in the transport sector was the topic of

two presentations made in equally important

conferences during the last edition of Alumotive

at Modena.

In this issue of the All METRA News International

Industry, we describe, in particular, the

presentation by Mr. Stefano Ciarleglio “The

use of extruded profiles in automotive designs:

simplicity, functionality, technological aspects”

at the conference: “Progettazione con le leghe

leggere e nuovi materiali tecnologici” (Designing

with light alloys and new technological

materials). A comprehensive overview of the

aluminium scenario was outlined in consideration

of its sustainability and its consumption,

particularly with reference to the transport

sector. In particular, Ciarleglio highlighted

aluminium’s recyclable aspects, which renders

it a modern, current material and with positive

environmental impacts. But, above all, the

lightweight aspect assumes an enormous

significance in the modern automotive industry,

since it compensates the constant increase

in mass due to the continuous addition of

accessories due to the increasing demands for

comfort and performance made by motorists. The

increase in the number of aluminium components

has been significant, particularly from the ’90s up

to and present time with a trend that is expanding

continuously. We will now outline a brief history,

starting from 1930 to the present-day, describing

the application of aluminium components in cars:

engine and transmission parts, alloy rims, frame

and suspension parts, suspended parts, bumpers.

And the identification of two macro-families of

aluminium components: for plastic deformation

(extruded profiles) and for casts (die-cast and

forging). Material that is selected more and

more for the high performance and competitive

advantages, including the energy saving

aspects. Stefano Ciarleglio continued his report

by illustrating a series of studies performed

by METRA on extruded aluminium alloy

components for various car models. In addition,

he highlighted how the use of an extruded

profile when compared with a forged component

can already be advantageous in the design

phase based on cost-benefit and time-related

assessments (reactivity in the rapid preparation

of prototypes and lower investment costs). Then

he proposed the example of a typical die-cast

component (suspension arm) that if produced

using an extruded profile, already based on the

detailed assessment in the design phase, not

only complies fully with the mechanical features,

which the suspension arm must withstand

for obvious structural reasons, but actually

has enhanced features compared with the

components produced using different methods.

All these aspects highlighted the importance of

design and the use of plants with cutting-edge

technical resources. In this regard METRA has

invested significant resources, in recent years, to

have plants which are able to produce extruded

components with improved physical, chemical

and mechanical features compared with the

standard requirements; in particular, components

produced using EN AW 6005 A T6 alloy which

have a distinctly superior performance compared

with the standards. The most recent studies

performed by the METRA technical department

include a special anti-vibration support, produced

traditionally using die-cast material, and that

when produced using an extruded profile has

enabled the final positioning of two “eyes”,

offset at 90°, respectively, after suitable cold

mechanical machining. A solution that has

enabled the two-dimensional limit of the

extrusion production to be overcome.

Il know-how raggiunto da METRA divisione Industriale

nel settore dei trasporti è stato l’argomento

di due interventi ad altrettanti importanti

convegni dell’ultima edizione di Alumotive

a Modena.

In questo numero di All METRA News International

Industry in particolare viene presentato

l’intervento di Stefano Ciarleglio “L’impiego

dell’estruso nei progetti dell’automotive: semplicità,

funzionalità, aspetti tecnologici” al convegno

“Progettazione con le leghe leggere e nuovi

materiali tecnologici”. Una panoramica a tutto

tondo sul mondo dell’alluminio in considerazione

della sua sostenibilità e dei suoi consumi soprattutto

in riferimento al settore dei trasporti.

In modo particolare Ciarleglio mette in luce le seguenti

caratteristiche dell’alluminio: la riciclabilità,

che lo rende un materiale moderno, attuale e

con effetti positivi sull’ambiente; la leggerezza,

di enorme importanza nella moderna industria

automobilistica, e che compensa il costante aumento

di massa dovuto alla continua aggiunta

di accessori a fronte delle sempre maggiori richieste

di comfort e di prestazioni da parte degli

automobilisti. L’aumento dei componenti di

alluminio è stato di notevole portata soprattutto

dal ’90 ad oggi con un trend che è in continua

espansione. Da qui una breve storia dell’applicazione

della componentistica in alluminio nelle

automobili, a partire dal 1930 ad oggi: motore e

parti di trasmissione, cerchi in lega, telaio e parti

di sospensione, parti sospese, paraurti. E l’individuazione

di due macro famiglie di componenti

in alluminio: per deformazione plastica (estrusi)

e per getti (pressofusione e forgiatura). Materiale

che, sempre di più, viene scelto per le alte

prestazioni e i vantaggi competitivi fra cui quelli

relativi al risparmio energetico. Stefano Ciarleglio

continua la sua relazione illustrando una

serie di studi condotti da METRA su componenti

estrusi in lega di alluminio per alcuni modelli

di autovetture. Inoltre mette in evidenza come

l’utilizzo di un estruso rispetto a un forgiato possa

risultare vantaggioso già in fase progettuale

in base a valutazioni sui costi-benefici e di tipo

temporale (reattività della preparazione di prototipi

in tempi brevi e costi d’investimento inferiori).

Poi propone l’esempio di un tipico componente

in pressofuso (braccio di una sospensione)

che se realizzato in estruso, già attraverso

un’attenta valutazione in fase progettuale,

non solo risponde pienamente alle caratteristiche

meccaniche che, per ovvi motivi strutturali,

lo stesso deve sostenere, ma anzi le migliora

rispetto a componenti realizzati con metodologie

differenti. Tutto questo sottolineando l’importanza

della progettazione e dell’utilizzo di

impianti con risorse tecniche all’avanguardia.

In proposito METRA negli ultimi anni ha investito

notevoli risorse per dotarsi di impianti tali

da poter ottenere estrusi con caratteristiche fisiche,

chimiche e meccaniche migliori rispetto a

quelle standard; in particolare quelli realizzati

in lega EN AW 6005 A T6 che rispetto alla normativa

presentano performance decisamente

superiori. Fra le più recenti realizzazioni dello

studio tecnico METRA un particolare supporto

antivibrante, tradizionalmente

prodotto in pressofusione, che

in quanto realizzato con un profilato

estruso ha consentito di

determinare il posizionamento

finale di due “occhioni”, sfasati

rispettivamente di 90° dopo opportuna

lavorazione meccanica

a freddo. Soluzione che ha consentito

di superare il limite bidimensionale

stesso della produzione

per estrusione.


Piano su piano

a New York

ENGLISH

FLOOR AFTER FLOOR IN NEW YORK

International Office Concept vive di vita propria

dal 1992, anno in cui il gruppo Lema della famiglia

Meroni, dagli anni Cinquanta fra i leader

italiani nella produzione di sistemi di arredo

contemporaneo, decide di aprire una nuova divisione

interamente dedicata alla progettazione

e produzione di arredi per il settore ufficio.

Con la direzione artistica dello studio Castiglia

Associati nascono prodotti e progetti di innovazione

e di grande eleganza formale che costituiscono

la collezione d’arredi per l’ufficio:

dai direzionali (Bonifacio) agli operativi (Freeway,

Go, SC_06), dalle pareti divisorie (Reflex),

tutte realizzate con profilati in alluminio estrusi

da METRA, ai contenitori (Armadi e Freecontainer).

E’ Freeway, il primo prodotto dell’era Castiglia

Associati e della partnership con METRA,

presentato con grande successo al Salone del

Mobile di Milano (1992) e nominato al Premio

Compasso d’Oro, a decretare l’ascesa internazionale

dell’azienda. Le due recenti commesse

di New York, che hanno fatto da apristrada

al difficile mercato statunitense, ne siglano la

definitiva affermazione extraeuropea. Ce lo ribadisce

l’ingegner Krzysztof Miksza, Product

Engineering Manager di International Office

Concept: “A New York abbiamo realizzato i sistemi

divisori degli uffici del New York Times e

dell’Hearst Building (e molti altri), i grattacieli

progettati rispettivamente dagli architetti Renzo

Piano e Norman Foster. Per entrambi abbiamo

sviluppato il sistema di pareti sulla base dei

disegni dello studio Gensler, incaricato dell’interior

design degli edifici. Per i venti piani del

New York Times (nella gara d’appalto ci siamo

imposti su trenta concorrenti realizzando tre diverse

campionature) è stato adottato un sistema

a porte scorrevoli di grandi dimensioni (3,4

x 1,6 metri) per il quale METRA, in tempi record,

ha realizzato 21 nuove matrici. In questo caso

lo sviluppo del sistema Reflex è stato particolarmente

complesso sia dal punto di vista progettuale

per le implicazioni strutturali (il peso

e le dimensioni notevoli delle ante scorrevoli)

sia per la realizzazione di nuovi accessori: deceleratore

per l’urto a contenimento della frenata

finale, sistema di scorrimento, serrature

speciali di sicurezza, maniglie. Per i trenta piani

dell’Hearst Building, invece, il sistema Reflex,

nella versione porte a battente, è stato modificato

riducendo al minimo la struttura portante

in alluminio, con finitura argento ossidato, a

favore della parte vetrata. In questo caso ME-

TRA ha realizzato 12 matrici diverse. Ma i progetti

in America non sono finiti. Stiamo partecipando

ad altre importanti commesse non solo

nella Grande Mela. Naturalmente senza preclusione

verso gli altri mercati: Spagna, Francia,

Gran Bretagna, Lussemburgo, Australia, ecc.”

International Office Concept e METRA conquistano

il mercato statunitense con i sistemi divisori per

gli uffici del New York Times e dell’Hearst Building

a New York. Grandi superfici in vetro e alluminio

ad elevata valenza estetica e tecnologica che

testimoniano le capacità realizzative delle due

aziende italiane.

Il gruppo Lema conta oggi su due sedi, una di

30.000 metri quadrati ad Alzate Brianza (Co) e

l’altra di 18.000 metri quadrati a Giussano (Mi),

quartier generale di International Office Concept,

che verrà presto ampliato. Per International

Office Concept l’espansione è dunque una

realtà consolidata. Merito della continua ricerca

dei contenuti concreti ed innovativi, sia per

il modo di vivere-lavorare all’interno dell’ambiente

ufficio, che sotto punto di vista delle

soluzioni tecniche .

Particolari del sistema scorrevole Reflex appositamente

studiati per la sede del New

York Times.

International Office Concept and METRA have

captured the United States market with the

partition wall systems for the offices of the New

York Times and the Hearst Building in New York.

The large glass and aluminium surface areas of

high aesthetic and technological impact confirm

the implementation capabilities of the two

Italian companies.

International Office Concept exists in its own

right since 1992, the year the Lema group,

owned by the Meroni family, one of the Italian

leaders in the production of contemporary

furnishing systems since the Fifties, decided

to open a new division dedicated entirely to

the design and production of furnishings for

the office sector. Innovative products and

projects of significant formal elegance are

created under the design supervision of the

Castiglia Associati design firm which comprise

the collection of office furnishings: from top

management (Bonifacio) to operating offices

(Freeway, Go, SC_06), from the partition walls

(Reflex), all produced using aluminium profiles

extruded by METRA, to the containers (Cabinets

and Freecontainers). Freeway represents the

first product of the Castiglia Associati era and

the partnership with METRA, presented very

successfully at the ‘Salone del Mobile’ (Furniture

Exhibition) of Milan (1992) and nominated for

the ‘Premio Compasso d’Oro’, which marked the

company’s international rise. The two recent

New York job orders which opened the way in

the difficult United States market, have marked

the Company’s definitive non-European success.

This is confirmed by Mr. Krzysztof Miksza,

Product Engineering Manager of International

Office Concept: “We produced the partition wall

systems in New York for the offices of the New

York Times and for the Hearst Building (and

many others), the skyscrapers designed by

the architects Renzo Piano and Norman Foster,

respectively. In both cases we developed the

partition wall system based on the designs by

the Gensler design firm, appointed to manage

the interior design of the buildings. A large

sliding door system was adopted (3.4 x 1.6

metres) for the twenty floors of the New York

Times (we successfully beat thirty competitors

in the tender by producing three different

samples) for which METRA produced 21 new

matrixes in record time. The development of

the Reflex system was particularly complex

in this case, both from the design point of

view, due to the structural implications (the

significant weight and dimensions of the

sliding doors) and requiring new accessories

to be produced: impact decelerator to limit the

final braking phase, sliding system, special

security locks, handles. Whereas, the hinged

panel door version for the Reflex system was

modified in the case of the thirty floors in the

Hearst Building, by minimising the aluminium

weight-bearing structure, with an oxidised silver

finish, in favour of the glazed portion. METRA

produced 12 different matrixes in this case. But

the projects in America do not end there. We

are participating in other important job orders

not only in the Big Apple. Naturally, without

precluding the other markets: Spain, France,

Great Britain, Luxembourg, Australia, etc. ”The

Lema group has currently two operating centres,

one centre that covers 30,000 square metres at

Alzate Brianza (Co) and the other centre covers

18.000 square metres at Giussano (Mi), this is

the General Headquarters of International Office

Concept, which will soon be extended. Therefore,

expansion for International Office Concept is a

consolidated reality. The merit goes to the ongoing

search for tangible and innovative content,

both in terms of the way of living-working within

the office environment, and as regards the

technical solutions adopted.


ENGLISH

Profili paesaggistici

in alluminio

ALUMINIUM LANDSCAPE PROFILES

Innovative and eco-compatible materials

and equipment for hobby and professional

gardening, which ensure savings also in

the maintenance costs, these represent

Tutor International’s production range,

differentiated in various areas. In particular,

the “Borderal 100” system is a landscape

profile to define and contain flowerbeds,

paths and the separation points between the

materials which make up the garden: stonessoil,

stones-grass, gravel-grass, etc...

The profile is produced using an aluminium

foil that enables various garden decoration

and rationalisation designs to be adopted

with the utmost simplicity and rapidity. The

profile is lightweight, flexible and adaptable

to any arrangement. The foil is applied to

the ground using a system of specifically

designed stakes allowing the foil to be

anchored firmly and securely for years and

without the need for further operations

(cement, brickwork, etc.). In addition, the

aluminium profile is a valid substitute for the

normal edging curbs which require cement to

be cast causing the grass to be burnt.

LIGHT FOR VARIOUS SOLUTIONS

The technological level of the light

management solutions in offices has evolved

significantly over the last 20 years. The

impact that the light can have on efficiency

and performance in working environments is

widely acknowledged. Whitecroft Lighting

proposes lighting solutions for environments

which conform to the LG3: 2001 and LG4:2004

requirements. Softcell 3 is a broad range of

semi-recessed, high efficiency aluminium

lamps, which ensure minimum maintenance

costs since each single component can be

readily replaced and have an appearance that

is carefully designed in every detail, allowing

easy installation in any context.

‘SYSTEMA’ SOLUTIONS

Leather divans with an aluminium inner

core. These are the comfortable ‘Systema’

seating solutions supported by the reliable

Modulsystem, a range of assembled

aluminium profiles produced by METRA.

Molinari has manufactured modular

structures in various solutions and sizes

which are easy to mount and assemble.

Fare

Systema

Divani in pelle con anima in alluminio. Sono le

comode sedute Systema supportate dall’affidabilità

di Modulsystem, serie di profilati in alluminio

assemblabili fra di loro prodotta da METRA.

Molinari ha così realizzato strutture modulari in

più composizioni e dimensioni senza alcuna difficoltà

di montaggio e assemblaggio.

Materiali ed attrezzature innovative ed eco-compatibili

per il giardinaggio hobbistico e professionale,

che garantiscano risparmi anche sui costi

manutentivi, costituiscono la produzione di

Tutor International, differenziata in diverse aree:

In particolare il sistema “Borderal 100” è un profilo

paesaggistico per la definizione ed il contenimento

delle aiuole, vialetti e punti di separazione

tra i materiali componenti il giardino: sassi-terra,

sassi-erba, ghiaia-erba, ecc....

E’ realizzato con una lamina di alluminio che

Luce

per più soluzioni

consente la realizzazione di diversi progetti

di abbellimento e razionalizzazione del giardino

con la massima semplicità e rapidità. E’ leggero

e flessibile ed adattabile a qualunque progetto.

Viene applicato al terreno con un sistema

di picchetti appositamente realizzati che ne

permette il fissaggio in modo stabile e sicuro

per anni e senza la necessità di altri interventi

(cemento,muratura, ecc..). E’ un valido sostituto

dei normali cordoli che necessitando della gettata

in cemento, causano di bruciature dell’erba.

Il livello tecnologico delle soluzioni per la gestione

della luce negli uffici si è evoluto in modo notevole

negli ultimi 20 anni. L’impatto che può

avere la luce sull’efficienza e le perfomance negli

ambienti lavorativi è ampiamente riconosciuto.

Whitecroft Lighting propone soluzioni di illuminazione

degli ambienti perfettamente conformi

alle prescrizioni LG3: 2001 e LG4:2004. Softcell

3 è un ampia linea di lampade a semincasso ad

alta efficienza in alluminio, con costi minimi di

manutenzione in quanto ogni singolo componente

può essere facilmente sostituito e con

un’estetica curata nei minimi dettagli, che ne

consente una facile ambientazione in qualsiasi

contesto.

COGNOME E NOME

AZIENDA

DIVISIONE

INDIRIZZO

CAP CITTÀ

N° TELEFONO

DESIDERO RICEVERE

INFORMAZIONI SU METRA

SUGGERISCO UN INCONTRO IL (data)

ALLE (ore)

RICHIEDO MATERIALE

INFORMATIVO SULLE VOSTRE ATTIVITÀ.

I SOGGETTI CHE MI INTERESSANO

SONO I SEGUENTI:

PROFILATI A DISEGNO

FINITURE (verniciature, ossidazioni)

LAVORAZIONI MECCANICHE

(fresature, curvature)

ALTRO (specificare)

Metra Spa garantisce la massima riservatezza

dei dati forniti e la possibilità di richiederne la

rettifica o la cancellazione scrivendo a METRA

SPA via Stacca, 1 25050 RODENGO SAIANO (BS).

I dati verranno utilizzati al solo scopo di inviarle

proposte commerciali. In conformità al D.Lgs

196/03 testo unico sulla privacy.

COUPON DA COMPILARE E SPEDIRE A:

METRA S.P.A.VIA STACCA, 1

25050 RODENGO SAIANO (BRESCIA)

ITALY

N. FAX +39/30/6819991

http://www.metra.it

E.mail: industry@metra.it


All Metra News International

Industry

Direttore Responsabile:

Monique Hemsi

Redazione:

Margherita Toffolon

Coordinamento editoriale

e art direction:

esprithb srl

Corso Magenta, 56 – 20123 Milano

Stampa:

Impronta Grafica

Vighizzolo di Cantù (CO)

More magazines by this user
Similar magazines