News Architetti N° 21 - Metra SpA

metra.it

News Architetti N° 21 - Metra SpA

all

F O R M E E

COLORI PER

L’ EDILIZIA

OTTOBRE 2005

news

NUMERO VENTUNO

questo numero

Pag. 1

Editoriale

Tecnologia e ricerca

per crescere

Pag. 2/3

Primo Piano

Realizzazione:

nuovi uffici Perini Navi

Pag. 4

News

Premio Aluprogetto Award

Tecnologia e ricerca

per crescere

È dall’impegno delle quattro famiglie fondatrici: Bertoli, Giacomelli, Marinelli e Zanetti, che Metra da oltre

quarant’anni ha potuto crescere con continuità, sia per quanto riguarda la divisione edilizia che quella

industriale.

Anche per il 2004 il fatturato complessivo presenta un segno positivo: 212 milioni

di Euro, in crescita del 3% sui 206 milioni dell’anno precedente, mentre il livello dei ricavi

è stato pari a 245 milioni, considerando anche la consociata canadese Altex. Signifi cativo il dato relativo

alla produzione del Gruppo, che è passata da 50.250 tonnellate a 51.765 tonnellate

(62.845 tonnellate con lo stabilimento canadese).

Capacità

di estrusione

• 4 Siti produttivi

• 9 Presse

• 90.000 t/anno

Nessun segreto per questo successo, che si fonda su una fi losofi a

aziendale condivisa, dove al primo posto vengono messi gli

investimenti in tecnologia e ricerca, l’attenzione al

mercato, l’ottimizzazione della logistica, la capacità

di problem solving nei confronti dei clienti.

Gli investimenti. Metra ha ormai raggiunto una dimensione tale da

poter competere con i grandi gruppi, e soprattutto per quanto riguarda gli

investimenti (quasi raddoppiati nel 2004: da 13 milioni a 25

milioni). L’Azienda ha fatto scelte strategiche. Il più signifi cativo acquisto, la maxipressa da 6.050 tonnellate,

ha consentito di entrare a pieno titolo nel mercato dei trasporti: treni, auto e recentemente anche aerei,

aggiudicandosi commesse prestigiose.

La logistica. La competitività a livello internazionale si sta giocando anche sul fronte della logistica e della

distribuzione. Come si è già annunciato sul numero scorso di All Metra News, Metra sta rivoluzionando

il proprio sistema trasformando gli attuali Centri di Metra Sistemi (complessivamente 12, distribuiti su tutto il

territorio Nazionale) in piattaforme

distributive, assistenza tecnica e

sviluppo commerciale.

A supporto di tutto questo, il progetto

prevede la realizzazione, in parte già

avvenuta o avviata dei quattro Poli

logistici di Brescia, Pavia, Trani

e Ragusa. A Brescia il progetto

pilota ha dato ottimi risultati: un nuovo

capannone da 5mila metri quadrati,

operativo da due mesi. Pavia e Trani,

sono già realtà in questi mesi, mentre è

previsto per fi ne anno l’avvio del Polo

logistico di Ragusa.

Bilancio consolidato

GRUPPO METRA

CONSOLIDATO FINMETAL SPA

ANNO 2003 ANNO 2004 variazione

FATTURATO €*000 205.852 212.166 6.314 3,07%

MOL €*000 34.326 31.085 -3.240 -9,44%

AMM.TO €*000 23.590 19.768 -3.821 -16,20%

ONERI FINANZIARI €*000 -5.584 -3.912 1.672 -29,94%

IMPOSTE €*000 -2.291 -5.032 -2.741 119,64%

UTILE €*000 -1.664 2.636 4.300 258,41%

CASH FLOW €*000 21.926 22.404 479 2,18%

PRODUZIONE TONN. 50.250 51.765 1.515 3,01%

DIPENDENTI NR. 997 1.044 47 4,71%

TOTALE GRUPPO CON ALTEX

ANNO 2003 ANNO 2004 variazione

FATTURATO €*000 238.518 245.048 6.530 2,74%

MOL €*000 36.074 32.416 -3.659 -10,14%

CASH FLOW €*000 23.674 23.735 60 0,26%

PRODUZIONE TONN. 61.068 62.845 1.777 2,91%

DIPENDENTI NR. 1.117 1.164 47 4,21%

Problem solving. Progettisti

e architetti trovano in Metra le

competenze e la fl essibilità necessarie

per sviluppare qualsiasi idea, l’azienda

è infatti in grado di offrire un supporto

adeguato per affrontare problematiche

complesse. L’esperienza nella progettazione edilizia, quanto in ambito industriale forniscono

un valido supporto alla realizzazione di soluzioni ad hoc.

IL CUORE DELL’INNOVAZIONE

www.metra.it

www.finestremetra.it

Il futuro. L’attenzione al mercato si traduce per Metra nella capacità di orientare le proprie scelte strategiche

con fl essibilità, cogliendo i segnali di innovazione e strutturandosi per essere un attore di primo piano.

In questo senso la storia ha dato ragione al gruppo fondatore dell’azienda, alla seconda generazione

ed è già il momento della terza generazione che si sta preparando per affrontare nuove sfi de competitive.

1


2Primo

Piano

pietr

v

vetro

Fra pietra

La ricerca formale e a basso impatto ambientale

di un nuovo complesso produttivo alle porte di

Lucca. Attraverso la composizione delle facciate

in pietra persichina di Prun a bande orizzontali

o a tutto vetro.

La zona

Nel corso di dieci anni, a sud della zona industriale

di Mugnano si è sviluppata una vasta

area di circa 165.000 mq. riservata agli

insediamenti produttivi (PIP) con connotazioni

innovative dal punto di vista funzionale e

d’inserimento ambientale. Un’area che gode

di una ubicazione strategica per la vicinanza


a

etro

pietra

e vetro

la reception e gli uffici direzionali: presidenza,

direzione di stabilimento, risorse umane,

amministrazione, direzione commerciale

che, da sola, occupa circa il 40% della

superficie. L’edificio è quasi completamente

realizzato con struttura in cemento armato

prefabbricato mentre le tamponature sono

in muratura di laterizio.

Le facciate presentano un rivestimento uniforme

in pietra persichina di Prun a bande

orizzontali interrotto da finestre a fascia continua.

all’autostrada Firenze-mare e al centro storico

di Lucca e che è interessata da un piano

viabilistico che prevede, fra l’altro, l’apertura

di uno svincolo autostradale proprio a

Mugnano.

L’intervento

All’interno dell’insediamento industriale è

stata realizzata la nuova sede della società

Perini Fabio, 47.000 mq. di cui 12.000 riservati

agli uffici tecnici, con struttura di copertura

a microshed, sistema che permette

di creare ambienti di lavoro luminosi e piacevoli

con un notevole risparmio sui consumi

energetici.

Il complesso, che occupa solo metà del lotto

di pertinenza, è volutamente separato dall’autostrada

e integrato alla campagna circostante

dall’ampia superficie destinata a verde.

In posizione centrale sorge la palazzina

uffici con pianta a forma di “H”, su due piani

per complessivi 3.800 mq. Al suo interno,

L’utilizzo

dell’alluminio

Le strutture in alluminio e vetro a tutta altezza,

utilizzate per la zona centrale e a chiusura

dei quattro bracci della pianta ad “H”,

costituiscono gli unici elementi di discontinuità

del vasto paramento opaco di facciata.

La zona centrale, che funzionalmente costituisce

l’ingresso principale, racchiude lo

spazio ellittico della reception tramite due

ampie strutture di alluminio e vetro che sono

state realizzate con il sistema Metra Poliedra

Sky; lo stesso adottato anche per la struttura

che perimetra la corte interna a cielo aperto,

in posizione centrale rispetto al fabbricato.

Un vero e proprio sistema di ballatoi di

distribuzione orizzontale, su due piani, che

facilita il collegamento tra i quattro bracci

della “H”.

Per gli ambienti interni sono state scelte finiture

che dilatassero lo spazio ampliando la

luce: pavimenti tecnici con parquet prefiniti

in acacia, come pareti pannelli in gesso rasato

e porte in legno di pero.

SCHEDA TECNICA

Nome dell’edifico:

Nuovi uffici Perini Fabio

Località:

Mugnano (Lu)

Installatore:

Davini Prefabbricati

Progettista:

geom. Dino Galli

Sistemi Metra:

Poliedra Sky

Tipo di finitura:

argento

Concessionario

sistemi Metra:

Deposito Firenze

3


Premio Aluprogetto Award:

le nuove frontiere della

progettazione con l’alluminio

4News

Negli ultimi anni l’incremento delle applicazioni strutturali

delle leghe leggere ha dimostrato l’estrema versatilità

e le possibilità di utilizzo dell’alluminio in diversi settori

industriali (dal mondo delle costruzioni a quello dei trasporti,

dall’arredamento all’arredo urbano), anche se nel

campo civile la loro diffusione - almeno nel nostro Paese

- non ha ancora

raggiunto il proprio

sviluppo potenziale.

In quest’ottica

si inserisce l’istituzione del Premio Aluprogetto

Award, un’iniziativa che mira a fornire al mondo della

progettazione importanti spunti di riflessione, evidenziando

potenzialità tecniche e soluzioni costruttive che

qualificano il materiale per gli impieghi strutturali

ai quali è maggiormente votato.

L’iniziativa si inserisce nell’ambito di Aluprogetto,

uno speciale contenitore culturale-informativo

che prenderà vita durante la prossima

edizione di Metef (17-20 maggio 2006)

e che si caratterizza per la sua articolazione

in un forum in cui verranno presentate interessanti

case-histories, il Premio Aluprogetto

Award e la relativa mostra iconografica.

Tra i promotori dell’evento non poteva mancare

Metra, da sempre impegnata nella valorizzazione

e promozione dei nuovi impieghi

della lega leggera. Un’attività che ha interessato

l’Azienda a un duplice livello: sia

in sede progettuale con il coinvolgimento nel

comitato organizzativo del Premio, sia a livello

di partecipazione diretta in qualità di

membro della giuria esaminatrice.

Gli obiettivi

Il Premio, di carattere internazionale è bandito da Edimet

con il patrocino di prestigiosi

enti e associazioni e si propone

di decretare la migliore opera

caratterizzata da una struttura

in alluminio (in tutto o in parte

prevalente) per ognuna delle

seguenti sezioni:

- ponti e passerelle;

- strutture civili e industriali: edifici,

capannoni, hangar, scale,

piattaforme, involucri di facciata

autoportanti;

- strutture mobili per usi temporanei;

- elementi di arredo urbano con

valenza strutturale.

La Giuria

La commissione esaminatrice, formata da professionisti

del settore:

- Ing. Ernesto Carretta, Responsabile Sviluppo

e Assistenza Tecnica Industria - Metra Spa,

Rodengo Saiano (Brescia)

- Dott. Alessandro Chiarato, Direttore Didattico IED -

Istituto Europeo del Design, Milano

- Arch. Antonio Citterio, Studio Citterio and partners,

Milano

- Dott. Aldo Colonnetti, Direttore rivista Ottagono,

Bologna

- Dott. Mario Conserva, Amministratore Delegato -

Edimet Spa, Brescia

- Prof. Arch. Sergio Croce, Ordinario di Architettura

Tecnica - Politecnico di Milano - Best - Building

Environment, Science & Technology, Milano

- Ing. Claudio De Albertis, Presidente Ance -

Associazione Nazionale Costruttori Edili, Milano

- Dott. Pietro Gimelli, Direttore generale Uncsaal -

Unione Nazionale Costruttori Serramenti Alluminio,

Acciaio e Leghe, Milano

- Ing. Gian Carlo Giuliani, Strutturista,

partner Redesco - Redesco Srl, Milano

- Ing. Giorgio Valentini, Studio Valentini, Milano

Come partecipare

La partecipazione è aperta a progettisti singoli o associati

(ingegneri o architetti) italiani ed esteri, titolari di progetti

di opere già “realizzate” e senza limiti temporali.

L’ammissione al premio è gratuita e dovrà essere richiesta

dal titolare del progetto.

I progetti dovranno essere presentati, entro e non oltre le

ore 16.00 del 30 novembre 2005, mediante l’invio della

documentazione a:

Segreteria “Premio Aluprogetto 2006”

presso Edimet Spa,

via Corfù, 102

25124 Brescia

tel. 0302421043

fax 030223802

e-mail: aluprogetto@metef.com

Il regolamento del premio e i relativi allegati sono disponibili

e scaricabili all’indirizzo

www.aluprogetto.metef.com

Coordinamento editoriale e art direction www.esprithb.it

More magazines by this user
Similar magazines