26.03.2015 Views

Il metodo di Medicina Manuale del dr Furter - Centro Crisalide

Il metodo di Medicina Manuale del dr Furter - Centro Crisalide

Il metodo di Medicina Manuale del dr Furter - Centro Crisalide

SHOW MORE
SHOW LESS

Create successful ePaper yourself

Turn your PDF publications into a flip-book with our unique Google optimized e-Paper software.

dr Giulio Murero

Il metodo di

Medicina Manuale

del dr Furter

Sito internet del dr Furter: www.drfurter.ch

Siti italiani: www.metodofurter.it e www.arimm.it


INDICE

Introduzione 3

Cosa può curare e cosa no 4

È un metodo sintomatico? 5

Vi sono pericoli o effetti collaterali? 6

Come funziona? 8

In che cosa si differenzia il metodo? 10

Il buon paziente e il buon terapeuta 12

Principali indicazioni 14

La casistica del dr Legnante 18

2


INTRODUZIONE

Scopo di quest’opuscolo è di informare

brevemente pazienti e parenti sulle caratteristiche

essenziali di questo metodo, ancora

così poco diffuso in Italia.

La sua particolarità, a dir poco stupefacente,

è che, con mezzi estremamente

semplici, come possono essere le proprie

mani, si ottengano risultati evidenti e duraturi

su innumerevoli patologie.

Ma andiamo con ordine...

3


Cosa può curare e cosa no

La tecnica del dr Furter non è applicabile

e anzi è contro-indicata per malattie

della pelle, infezioni e patologie degenerative

(tumori).

Per il resto non vi sono limiti teorici su

quanto è possibile curare e le possibilità

del metodo si allargano sempre più a innumerevoli

patologie croniche anche di

vecchia data e spesso considerate incurabili

(vedi a pagina 14 un elenco delle

principali indicazioni del metodo).

4


È un metodo sintomatico?

Decisamente no!

Contrariamente a come siamo abituati a

vedere nell’attuale prassi medica, che si

limita spesso a “tamponare” la malattia

sopprimendo o attenuando i sintomi, il

metodo si prefigge la guarigione completa

e definitiva del malato.

5


Vi sono pericoli

o effetti collaterali?

Non usando farmaci di sorta, non ci sono

i pericoli ad essi associati.

Non vi è nemmeno alcun pericolo che

possa derivare dall’applicazione del metodo.

Male che vada, potrà risultare inefficace.

L’unico effetto collaterale ineliminabile

sarà il dolore o il fastidio che il paziente

avvertirà in corso di terapia.

Per essere efficace, il medico dovrà

procedere con la dovuta energia, senza

però mai oltrepassare il dolore che il paziente

è disposto a sopportare.

Se ci si limitasse ad effettuare massaggi

“carezzevoli”, si procurerà sicuramente

piacere, ma altrettanto sicuramente non si

avrà alcun effetto terapeutico.

6


Come funziona?

La possibilità di guarire tramite un’azione

sulla periferia del corpo (pelle) è

conosciuta da tempo immemorabile ed è

anche una caratteristica di antiche discipline

come l’Agopuntura e lo Shiatzu.

Del resto, il massaggio dei bambini e

l’auto-massaggio sono da sempre e ancor

oggi gesti spontanei volti ad alleviare propri

ed altrui sintomi.

Più modernamente, si sono sviluppate

tecniche di massaggio e manipolazione

che appartengono al vasto campo della

Medicina Manuale: Massaggio connettivale,

Osteopatia, Chiropratica, tecnica

dei Trigger point e altro ancora.

L’azione positiva del massaggio è quindi

un fatto accertato e ci sono innumere-

7


voli teorie che tentano di spiegarne l’azione

terapeutica.

Il reale meccanismo d’azione è ancora

ignoto nei suoi dettagli.

Molto probabilmente si tratta di un

meccanismo di tipo riflesso che coinvolge

più sistemi: muscolare, neurorecettoriale,

circolatorio, linfatico nervoso,

immunitario. Ovvero, attraverso una

pressione di tipo meccanico si scatenano

una serie di meccanismi a cascata che

portano ad un sollievo dal disturbo e

molto spesso alla guarigione totale e

stabile.

Fondamentalmente abbiamo un’azione

centripeta positiva del massaggio, ovvero

che va dalla periferia del corpo (pelle)

verso l’interno (organi).

La tecnica sviluppata dal dr Furter è il

risultato di lunghe ricerche e sperimenta-

8


zioni volte a trovare il massimo comune

denominatore fra tutte le tecniche e discipline

che hanno dimostrato efficacia terapeutica,

oltre a spunti originali che

“personalizzano” la terapia.

9


In cosa si differenzia

il metodo?

Da parte del medico

Dopo aver svolto il necessario compito

fatto di visita e valutazione tradizionale, il

medico non si limiterà alla diagnostica

classica (per esempio, asma bronchiale,

ipertensione, insonnia, stitichezza, ecc.),

ma avrà necessità di conoscere nei dettagli

COME si manifesta quella malattia nel

paziente che ha di fronte e soprattutto

DOVE si localizza nel suo corpo.

Solo una cura personalizzata potrà infatti

portare alla guarigione in quanto diretta

ALLA PERSONA, mentre la cura

diretta alla malattia, indipendentemente

dalla persona, avrà in genere solo effetto

sintomatico-palliativo.

Da parte del paziente

Questi dovrà attentamente osservarsi

10


per fornire le migliori indicazioni al medico

e avrà anche un ruolo attivo durante

tutto il corso della seduta: dovrà letteralmente

guidare la mano del terapeuta in

quanto a localizzazione e pressione e dovrà

continuamente informarlo sulle caratteristiche

del dolore o fastidio provocato

dalla manipolazione dei vari punti sensibili.

Riassumendo

Le caratteristiche peculiari

del metodo si riassumono in

un triangolo terapeutico,

al cui vertice c’è il

dove, la parte più

Come

Dove

Quanto

importante e fondamentale che indica con

precisione in che zona del corpo si manifesta

la malattia e di conseguenza cosa

verrà trattato. Il come trattare e quanto

trattare sono altrettanto importanti e hanno

a che fare con l’abilità e l’esperienza

maturate dal terapeuta.

11


Il buon paziente

Sarà quello che si osserva attentamente

e che sia un “chiacchierone”, soprattutto

in corso di terapia.

Il buon terapeuta

Sarà quello che sappia ben ascoltare e

interrogare il paziente e che osservi il silenzio

in corso di terapia, in modo da incoraggiare

il paziente ad esprimersi e a

guidarlo.

12


Contrariamente ad altri modi di procedere

che presuppongono un medico “che

sa” ed un paziente sostanzialmente passivo,

il terapeuta che segue la metodologia

Furter è avido di sapere, proprio perché è

consapevole che “è il paziente che sa” e

di conseguenza ha bisogno di raccogliere

tutte le informazioni che gli permettano di

svolgere al meglio il suo compito.

Per un approfondimento, saremo lieti di

fornire gratuitamente gli scritti originali

del dr Furter, tradotti in italiano.

13


Principali indicazioni

Testa

Cefalea ed emicrania

Insonnia/ipersonnia

Vertigini

Nervosismo

Difficoltà scolastiche nei bambini

Depressione/tristezza

Confusione mentale

Disturbi ossessivi compulsivi

Disturbi della memoria

Acufeni

Sinusiti croniche

Russamento

Balbuzie

Tic

Disturbi visivi

Bruxismo

Ageusia e anosmia

Asma

Dispnea

Bronchiti croniche

Bronchiectasie

Tossi croniche

Palpitazioni

Claustrofobia

Torace

14


Apparato digerente

Gastriti

Ernia iatale

Digestione lenta

Intolleranze alimentari

Anoressia/bulimia

Esofagite

Spasmi dell’esofago

Epatite cronica

Cirrosi esordiente

Stitichezza

Diarrea cronica o emotiva

Coliti

Apparato uro-genitale

Patologie prostatiche

Impotenza maschile

Enuresi notturna nel bambino

Incontinenza urinaria nella donna adulta

Tensione mammaria

Mastopatia fibrocistica

Cistiti

Dismenorrea

Leucorrea cronica

Cisti ovariche

Vaginiti

Endometriosi

Dispareunia

Frigidi

Infertilità funzionale

15


Apparato locomotore

Artrosi

Dolori cronici “reumatici”

Ritardo di consolidazione delle fratture

Dolori e/o rigidità cervicali e dorsali

Nevralgie cervico-brachiali

Periartriti della spalla

Lombalgie

Sciatica

Dolori dell’anca

Dolori della coscia

Stanchezze e debolezze degli arti inferiori

Dolori, rigidità, instabilità del ginocchio

Crampi

Patologie del tendine d’Achille

Dolori cronici alle caviglie

Talloniti

Dolori plantari

Retrazioni plantari

Neuroma di Morton

Gomito del tennista

Epicondiliti/epitrocleiti

Tunnel carpale

Rizartrosi del pollice

Dolori articolari delle dita

Disestesie dei polpastrelli

Dito a scatto

16


Altro

Patologie della tiroide (ipo e iper)

Ipertensione

Ipotensione

Etilismo

Tabagismo

Stanchezza

Ansia

Angoscia

Claustrofobia

Stress

17


La casistica del dr Legnante

Per finire, proponiamo qui di seguito

una casistica di malattie trattate dal dr

Gioacchino Legnante di Pavia, che è tra i

primi medici italiani a seguire il metodo

Furter.

Presenta qui i suoi più di 15.000 casi

trattati, tutti documentati dalle testimonianze

dei pazienti.

Nota____________________________

(*) Per casi trattati si intendono le patologie

(non le persone) in quanto spesso nella

stessa persona coabitano più problemi.

18


N° CASI % di risultati

DIAGNOSI

positivi

abulia Oltre 50 Oltre 80%

acufeni 43 80%

adenoidi (ipertrofia) 50 Oltre 80%

ageusia e anosmia 13 Oltre 80%

aggressività 33 Oltre 80%

alitosi 44 Oltre 80%

allergia e immuno Oltre 50 Oltre 80%

amenorrea 46 Oltre 80%

amnesia e turbe memoria 44 Oltre 80%

angoscia Oltre 50 Oltre 80%

anoressia e inappetenza Oltre 50 Oltre 80%

ansia Oltre 50 Oltre 80%

artralgia/artrosi Oltre 50 Oltre 80%

asma/bronchite asmatica Oltre 50 Oltre 80%

atassia 1 0,0%

balbuzie 9 Oltre 80%

brachialgia Oltre 50 Oltre 80%

bronchite/broncopolmonite Oltre 50 Oltre 80%

bruxismo Oltre 50 Oltre 80%

calcolosi 17 Oltre 80%

catarro tubarico Oltre 50 Oltre 80%

cefalea (tutti i tipi) Oltre 50 Oltre 80%

cellulite e ritenzione idrica Oltre 50 Oltre 80%

cervicalgia Oltre 50 Oltre 80%

cervicobrachialgia Oltre 50 Oltre 80%

cicatrice cheloide 18 Oltre 80%

cifosi (atteggiamento) 44 Oltre 80%

cisti ovariche e varie 35 Oltre 80%

cistite Oltre 50 Oltre 80%

colecistopatia 14 Oltre 80%

colite e colon irritabile Oltre 50 Oltre 80%

confusione mentale Oltre 50 Oltre 80%

congiuntivite infettiva/allergica Oltre 50 Oltre 80%

contratture spasmi crampi Oltre 50 Oltre 80%

coxalgia Oltre 50 Oltre 80%

19

criptorchidismo 13 Oltre 80%

dentizione disturbata 12 Oltre 80%


DIAGNOSI

20

N° CASI % di risultati

positivi

depressione Oltre 50 Oltre 80%

diabete/fibroadenoma/nefrosi/sclerosi 6 66,7%

dislessia 6 Oltre 80%

dismenorrea Oltre 50 Oltre 80%

dispepsia Oltre 50 Oltre 80%

dispnea Oltre 50 Oltre 80%

dissenteria Oltre 50 Oltre 80%

distonia neurovegetativa 18 Oltre 80%

distrazione/deconcentrazione Oltre 50 Oltre 80%

distrubi erettili/impotenza 46 Oltre 80%

disturbi visivi e oculari Oltre 50 Oltre 80%

diverticolosi 8 Oltre 80%

dolore addome e coliche bamb Oltre 50 Oltre 80%

dorsalgia Oltre 50 Oltre 80%

emotività Oltre 50 Oltre 80%

enuresi / encopresi 24 Oltre 80%

epatopatia 49 Oltre 80%

epicondilite 17 Oltre 80%

epilessia 6 Oltre 80%

ernia discale Oltre 50 Oltre 80%

ernia iatale Oltre 50 Oltre 80%

esofagite 50 Oltre 80%

estetica 17 Oltre 80%

etilismo / tabagismo 45 Oltre 80%

extrasistoli Oltre 50 Oltre 80%

fame nervosa e bulimia Oltre 50 Oltre 80%

faringotonsillite e laringite Oltre 50 Oltre 80%

flebopatia/stasi venosa/vasculopatie Oltre 50 Oltre 80%

freddolosità 27 Oltre 80%

frigidità / dispareunia Oltre 50 Oltre 80%

gastrite Oltre 50 Oltre 80%

gonalgia Oltre 50 Oltre 80%

incontinenza urinaria 28 Oltre 80%

infertilità 10 Oltre 80%

infezioni varie 42 Oltre 80%


DIAGNOSI

N° CASI % di risultati

positivi

insonnia Oltre 50 Oltre 80%

insufficienza ovarica Oltre 50 Oltre 80%

ipercinesia 7 Oltre 80%

ipercolesterolemia 33 Oltre 80%

ipertensione Oltre 50 Oltre 80%

ipoacusia 49 Oltre 80%

ipogalattia 40 Oltre 80%

iposcialia/iperscialia 17 Oltre 80%

ipotensione 34 Oltre 80%

irascibilità Oltre 50 Oltre 80%

lombalgia Oltre 50 Oltre 80%

mastite acuta 19 Oltre 80%

mastopatia/tensione mammaria Oltre 50 Oltre 80%

metaplasia 4 Oltre 80%

meteorismo Oltre 50 Oltre 80%

nausea Oltre 50 Oltre 80%

nervosismo Oltre 50 Oltre 80%

nevralgia Oltre 50 Oltre 80%

oppressione toracica Oltre 50 Oltre 80%

ossessione e fobie Oltre 50 Oltre 80%

otite / otalgia Oltre 50 Oltre 80%

palpitazioni Oltre 50 Oltre 80%

panico Oltre 50 Oltre 80%

parestesia Oltre 50 Oltre 80%

patologie degen precancerose 22 Oltre 80%

paura Oltre 50 Oltre 80%

periartrite Oltre 50 Oltre 80%

pianto Oltre 50 Oltre 80%

podalgia Oltre 50 Oltre 80%

pollachiuria Oltre 50 Oltre 80%

precordialgia 36 Oltre 80%

prostata 41 Oltre 80%

psicosi (allucinazioni) 17 Oltre 80%

reflusso Oltre 50 Oltre 80%

rigidità Oltre 50 Oltre 80%

21


DIAGNOSI

N° CASI % di risultati

positivi

rinite acuta/cron/allergica Oltre 50 Oltre 80%

roncopatia (russamento) Oltre 50 Oltre 80%

sciatalgia Oltre 50 Oltre 80%

scoliosi e atteggiam scoliotico 29 Oltre 80%

sensazioni psichiche 39 Oltre 80%

sindrome premestruale 44 Oltre 80%

sinusite Oltre 50 Oltre 80%

sovrappeso e obesità Oltre 50 Oltre 80%

sperone calcaneare 14 Oltre 80%

sport (miglioramento prestazioni) 27 Oltre 80%

stanchezza Oltre 50 Oltre 80%

stipsi Oltre 50 Oltre 80%

stress Oltre 50 Oltre 80%

tachicardia Oltre 50 Oltre 80%

tensione Oltre 50 Oltre 80%

tic 32 Oltre 80%

timidezza Oltre 50 Oltre 80%

tiroide ( iper-ipo) 34 Oltre 80%

torcicollo 40 Oltre 80%

tosse Oltre 50 Oltre 80%

tremore 21 Oltre 80%

tunnel carpale 18 Oltre 80%

turbe cerebrali 21 Oltre 80%

turbe mestruali Oltre 50 Oltre 80%

turbinati (ipertrofia) 24 Oltre 80%

ulcera 9 Oltre 80%

vaginite 44 Oltre 80%

vampate Oltre 50 Oltre 80%

vertigini Oltre 50 Oltre 80%

vomito Oltre 50 Oltre 80%

TOTALE Oltre 5.000 Oltre 80%

risultati sintetici per diagnosi aggregate

su oltre 5.000 casi trattati fino al 31.03.2012

22


ANNOTAZIONI

23

Hooray! Your file is uploaded and ready to be published.

Saved successfully!

Ooh no, something went wrong!