Verba volant - Liceo Statale Cagnazzi

liceocagnazzi.it

Verba volant - Liceo Statale Cagnazzi

noi e... la storia

CICCILLO... DIMENTICATO DUE VOLTE!

Ciccillo : Otzi = Altamura : Bolzano, una proporzione sbilanciata?

Ciccillo:Otzi = Altamura:Bolzano.

C’è qualcosa di strano, qualcosa di

maledettamente sbagliato. Qualcuno

saprebbe risolvere quest’equazione?

Qualcuno saprebbe rispondere alla

domanda: perché, in due città dello

stesso Paese, in cui sono stati

ritrovati due corpi risalenti uno

al 3000 a. C. circa (Otzi), e l’altro a 50

000 anni fa (Ciccillo), conservatisi

entrambi fino alla scoperta interi e

integri, in condizioni ottimali, solo

a d u n o è stato r i serva t o u n

trattamento ad hoc? Certo molti

risponderebbero: “Perché l’altro è

morto al sud!”. Tutti e due sono

prove di inestimabile valore, che

c o n f e r m a n o l a t e o r i a

dell’evoluzione, che ci danno la

dimostrazione di ciò che siamo stati

e d i c o m e n e l t e m p o s i a m o

diventati, sarebbero una smentita

eclatante di ciò che è la “teoria del

creazionismo”. Il primo, è il corpo

di un essere umano di sesso

maschile, che si è conservato grazie

a l l e p a r t i c o l a r i c o n d i z i o n i

climatiche , all’ inter no d i un

ghiacciaio, sulle Alpi Venoste.

È chiamato “La Mummia del

Similaum” anche noto come “Uomo

venuto dal ghiaccio” ritrovato il 19

settembre del 1991, al confine tra

l’Italia e l’Austria. Questo,dalla

scoperta,è stato tutelato e sottoposto

a numerosi esami per trovare le

modalità più idonee alla sua

conservazione. È stato realizzato un

museo per rendere giustizia alla sua

i m p o r t a n z a . C o m e p e r o g n i

mummia che si rispetti, è stata

anche inventata una superstizione,

che fa pensare alla maledizione della

Mummia di Tutankhamon, pare che

chiunque abbia studiato o trovato la

mummia sia morto. L'alpinista

tedesco Helmut Simon che ha

scoperto la mummia, è morto a

causa della caduta accidentale in

una scarpata durante un'escursione

sulle Alpi Salisburghesi; lo hanno

seguito nel destino fatale Rainer

Hölzl, operatore della ORF rete

televisiva austriaca, Kurt Fritz,

alpinista che aiutò a trasferire la

mummia a Bolzano e Günther

Henn, medico legale, che aveva

studiato per primo il ritrovamento.

Infine Konrad Spindler, l'archeologo

tedesco che per primo studiò Ötzi e

che ne descrisse la storia in un

famoso libro, morto per una forma

aggressiva di sclerosi multipla.

Chiude la lista il 4 novembre 2005

Tom Loy, l'archeologo molecolare e

anatomo-patologo che per primo ne

studiò il DNA, morto nella sua casa

in circostanze non del tutto chiarite,

forse per un incidente domestico.

Ciccillo (Chiamato così dagli

abitanti del posto), scoperto invece

casualmente il 3 ottobre del 1993, è

u n a f o r m a a r c a i c a d i H o m o

neanderthalensis. È stato ritrovato

nella grotta di Lamalunga a pochi

chilometri dalla città di Altamura

(BA) durante un’esplorazione del

C . A .R.S (Centro A l tamurano

R i c e r c h e S p e l e o l o g i c h e ) . L o

scheletro doveva essere collocato

antecedentemente alle forme più

antiche di Neanderthal classici e

s u c c e s s i v a m e n t e a l l e f a s i

corrispondenti a Homo erectus,

pertanto la stima della datazione

prevedeva un intervallo tra 400.000

e 100.000 anni fa. Si tratta di un

esemplare umano adulto, finito non

si sa come nella grotta di Lamalunga

ad Altamura, rimasto incastrato

nelle stalattiti e stalagmiti che gli

sono cresciute intorno e che lo

hanno conservato intatto. Da un

ultimo studio effettuato tra il 2009

ed il 2011, dopo aver prelevato un

f r a m m e n t o s c a p o l a r e d e l l o

6

scheletro, si è scoperto che si tratta

di un individuo neanderthaliano

vissuto in un periodo compreso fra i

50.000-65.000 anni fa. Purtroppo, per

negligenza, non si è pensato ad una

possibile tutela del sito archeologico,

p e r m e t t e n d o a p e r s o n e

i n c o m p e t e n t i d i e n t r a r c i

c o m p r o m e t t e n d o i l r e p e r t o

a r c h e o l o g i c o p e r s e m p r e .

Nonostante si sia realizzato apposta

un museo, la scoperta non è stata

valorizzata al 100% per mancanza di

fondi e altri motivi sconosciuti. Ci

siamo sempre preclusi la possibilità

di incrementare il turismo, di

conseguenza anche i posti di lavoro

sarebbero aumentati, e quindi la

nostra città avrebbe avuto una

marcia in più. Se solo si fossero fatti

magari studi e ricerche adesso

avremmo potuto avere un museo

ancora più grande che avrebbe

attirato turisti da tutto il mondo.

Saremmo riusciti a valorizzare il

nostro Ciccillo che rischia di essere

dimenticato ancora una volta.

Adesso non possiamo fare altro che

abbandonarci alla speranza che

forse un giorno si potrà trovare un

s o l u z i o n e . . . u n g i o r n o c h e

appartiene ad un futuro lontano,

dove forse inizieremo a saper

valorizzare e sfruttare al massimo le

risorse che la storia ci ha donato,

dove forse non ci sarà più scritto

“Altamura città del Pane” all’entrata

del paese, ma “Altamura città, del

Pane e della Storia.”.

Colonna G.,Dirienzo G, Manicone C.

More magazines by this user
Similar magazines