verbale assemblea 20-05-09 - Aodv231.it

aodv231.it

verbale assemblea 20-05-09 - Aodv231.it

VERBALE DELL’ ASSEMBLEA ORDINARIA DEI SOCI

DELL’ASSOCIAZIONE DEGLI ORGANISMI DI VIGILANZA “AODV 231”

L’Assemblea dei Soci dell’AODV 231

Associazione dei Componenti degli

Organismi di Vigilanza ex D.Lgs. 231/2001 si è riunita in 2° convocazione

mercoledì 20 maggio 2009, alle ore 18:30 presso la Sala Bracco del Circolo

della Stampa di Milano, Corso Venezia 16, per discutere e deliberare sul

seguente Ordine del Giorno.

1. Resoconto del primo anno di attività dell’Associazione;

2. Approvazione Rendiconto economico-finanziario al 31.12.2008;

3. Presentazione del budget 2009;

4. Approvazione del Codice Etico;

5. Modifica dell’art. 14 dello Statuto Sociale (quorum costitutivo

dell’assemblea in seconda convocazione)

6. Ratifica della determinazione della quota associativa da parte del

Consiglio Direttivo;

7. Presentazione della polizza RC per i componenti degli Organismi

di Vigilanza;

8. Varie.

Il Presidente, avv. Bruno Giuffrè, verifica il numero dei presenti: accertata la

presenza di persona o per delega di 59 Soci, dichiara l’assemblea

validamente costituita ed atta a deliberare.

Gli iscritti dopo il 30 aprile sono stati invitati a partecipare, ma non potranno

votare.


Si stabilisce di votare per alzata di mano. Gli astenuti o i contrari potranno

recarsi al tavolo del Consiglio Direttivo e comunicheranno il proprio

nominativo al Tesoriere, dott. Silvio Necchi.

Il Presidente commenta l’esito particolarmente positivo del convegno,

soprattutto considerando che si

è trattato del primo evento organizzato

dall’Associazione. E’ stata registrata la presenza di 360 partecipanti. Esprime

soddisfazione anche per l’elevato livello dei contenuti delle presentazioni del

lavoro dell’Associazione e della Tavola Rotonda.

Il Presidente comunica quindi che sono intervenute le dimissioni di due

membri del Consiglio Direttivo: l’avv. Giovanni Ponti (presente) e il dott.

Giorgio Faravelli (assente).

In questi casi, lo Statuto prevede la cooptazione da parte del Consiglio

Direttivo. Poiché le dimissioni hanno effetto dal 21 maggio, il Consiglio

Direttivo si riserva di deliberare in merito.

1. Resoconto del primo anno di attività dell’Associazione

Il Presidente comunica che la relazione dell’attività è stata pubblicata sul sito

e contiene notizie già note. Il numero dei Soci è ulteriormente cresciuto

rispetto al 30 aprile. Attualmente i Soci sono 129, quindi il numero

complessivo dei nuovi Soci ammessi dopo l’assemblea dello scorso anno è

di 80.

In aggiunta a quanto riferito nella relazione, il Presidente comunica che il

Master231 organizzato con AiiA, ha riscosso un buon successo in quanto a

dispetto del costo abbastanza elevato, gli iscritti sono 18, il massimo della

Pagina 2 di 11


capienza dell’aula. Il livello professionale dei partecipanti è molto alto.

Il Presidente chiede al prof. Gianmaria Garegnani, Consigliere AODV 231 e

docente del I modulo del Master231, di riferire le sue impressioni.

Gianmaria Garegnani sottolinea che non si tratta di un corso base, perché i

partecipanti sono molto preparati. I docenti vengono valutati e le valutazioni

vengono comunicate al docente ed al Comitato Scientifico.

Prende la parola il dott. Roberto Villa, Consigliere dell’AODV 231 e dell’AiiA,

che spiega la struttura del corso e si esprime in toni ottimistici circa l’esito

positivo dell’iniziativa.

Infine, il Presidente ringrazia calorosamente Emanuela Bruzzese per il lavoro

svolto da quando ha assunto l’incarico di Segretario Generale

2. Approvazione Rendiconto economico-finanziario al 31.12.2008

Il Presidente dà lettura del Rendiconto economico-finanziario al 31.12.2008

già pubblicato sul sito dell’Associazione. Si tratta di un documento semplice

ma dettagliato, e fornisce un quadro

esaustivo. L’esercizio 2008 si è

concluso con un avanzo di gestione di 31.393 Euro. Questo avanzo è dovuto

al fatto che il contratto di lavoro del Segretario Generale è partito a fine

novembre e quindi pesa solo in minima parte sul bilancio del 2008.

Il Presidente invita il dott. Guido Zanardi, Presidente del Collegio dei

Revisori, a dare lettura della relazione sul rendiconto economico-finanziario

al 31.12.2008.

A giudizio del Collegio dei Revisori, il rendiconto nel complesso è stato

redatto con chiarezza e rappresenta in modo veritiero e corretto la situazione

Pagina 3 di 11


patrimoniale e finanziaria dell’AODV 231 .

Il Presidente mette ai voti il rendiconto economico-finanziario, che viene

approvato all’unanimità dei presenti.

3. Presentazione del budget 2009

Il budget prevede tra le entrate le quote associative di 120 soci, quindi un

numero di soci inferiore a quello già raggiunto (129, con le ammissioni del 19

maggio) ed i proventi da sponsorizzazioni di 11.000 Euro, che hanno

riguardato questo evento. Le uscite sono lo stipendio del Segretario

Generale, spese tecniche e le spese relative a questo evento. E’ previsto un

avanzo di gestione modesto di 2.304 Euro. Nel budget tra le entrate non è

stato indicato l’utile del Master231, perché siamo ancora in attesa di ricevere

i dati dall’AiiA. Quindi le entrate saranno leggermente superiori.

Questo documento non è soggetto ad approvazione. Nessuno dei presenti

chiede la parola.

4. Approvazione del Codice Etico

Rispetto al documento pubblicato sul sito e sottoposto al Collegio dei

Probiviri, il Consiglio Direttivo propone di integrare l’articolo 9 – Tutela del

nome, con il seguente punto: “I soci sono tenuti ad evitare qualsiasi utilizzo

del nome e del logo AODV 231 con modalità che non siano conformi alle

finalità associative, e che comunque possano arrecare pregiudizio al

prestigio e al buon nome dell’Associazione”.

Il Presidente chiede all’avv. Renato Colavolpe, in rappresentanza del

Collegio dei Probiviri, se ha qualcosa in contrario e procede alla votazione. Il

Pagina 4 di 11


Codice Etico viene approvato all’unanimità.

5. Modifica dell’art. 14 dello Statuto Sociale (quorum costitutivo

dell’assemblea in seconda convocazione)

Il Presidente illustra la proposta di modifica al comma 5 dell’art. 14. Il

Consiglio Direttivo propone di eliminare il quorum costitutivo in seconda

convocazione per evitare che la presenza di Soci in numero insufficiente alle

prossime assemblee possa impedire l’adozione di delibera. Il testo proposto

recita “L’Assemblea è validamente costituita in seconda convocazione quale

che sia il numero dei Soci presenti”.

Il Presidente procede alla votazione. La modifica statutaria viene approvata

all’unanimità.

6. Ratifica della determinazione della quota associativa da parte del

Consiglio Direttivo

Il Presidente legge la delibera del Consiglio Direttivo del 22.01.09 in

relazione alla determinazione della quota associativa per il 2009: “Per il

2009, si conferma una quota di € 500 per i nuovi soci, di cui € 250 quale

“quota d’ingresso” e € 250 quale “quota annuale”. Per i vecchi soci la quota

di rinnovo dell’iscrizione per il 2009 sarà di € 250.

E’ stato inoltre concordato di ridurre del 50% la “quota annuale” per i Soci

ammessi dopo il 30 settembre di ciascun anno”.

Il Presidente invita i Soci ad esprimere il loro voto. La determinazione della

quota associativa per il 2009 viene ratificata all’unanimità.

Pagina 5 di 11


7. Presentazione della polizza RC per i componenti degli Organismi

di Vigilanza

Il Presidente rivolge un particolare ringraziamento agli amici della Sapri

Broker, in particolare al dott. Alessandro Rossi Martini, che hanno fornito

assistenza nel reperimento di compagnia assicurativa disponibile a stipulare

questo tipo di polizza. Tra le diverse compagnie contattate, Zurich si è resa

disponibile a stipulare una polizza-convenzione con l’Associazione, aperta

all’adesione degli associati. Il Presidente illustra le caratteristiche principali

della polizza.

Si tratta di un prodotto ad hoc e copre le responsabilità professionali

assicurabili. Uno dei punti più qualificanti riguarda la copertura delle spese

legali.

Il Presidente risponde in merito alla possibilità di aumentare il massimale del

premio ed alla possibilità che le Società/Aziende risultino quali contraenti.

Osserva quindi che la polizza opera a secondo rischio nel caso in cui

l’assicurato sia già coperto dalla D&O della Società.

Il Presidente invita i Soci ad esprimere al più presto la propria disponibilità ad

aderire alla polizza, per poter verificare quanto prima il raggiungimento del

premio minimo di 25.000 Euro e quindi stipulare la convenzione.

8. Varie

Il Presidente introduce l’ultimo argomento, che riguarda le “risorse”, tema

che ha occupato il Consiglio Direttivo da più punti di vista e ha suscitato

lunghe discussioni.

Pagina 6 di 11


Il tema risorse presenta due aspetti: il primo è quello finanziario.

Il Presidente ricorda la decisione presa dall’Assemblea lo scorso anno e

messe in atto dal Consiglio Direttivo nei mesi successivi di far sì che

l’AODV 231

avesse una sua visibilità esterna e non rimanesse un club

esclusivo e ristretto. Naturalmente, per far conoscere l’Associazione ed

organizzare eventi erano necessari investimenti che non potevano essere

finanziati con le sole quote associative. Per questo motivo è stato deciso di

fare ricorso alle sponsorizzazioni. Il tema se ricorrere a degli sponsor ha fatto

discutere molto, perché si è pensato ai condizionamenti che potrebbero

derivare. Condizionamenti sia come Associazione, sia come singoli. Nel

caso del Convegno, alla fine è stato deciso di ricercare degli sponsor. Per le

prossime iniziative si vuole mantenere un forte livello di attenzione su questo

argomento ed è anche per questo motivo che nel Codice Etico è stato

inserito un articolo che regola tutte le forme di finanziamento

dell’Associazione.

Il secondo aspetto del tema riguarda le “risorse umane”.

In questo primo anno di attività vi è stata una discreta mobilitazione della

base associativa ed una certa partecipazione ai tavoli di lavoro,

ma fa

presente che, se l’Associazione ambisce a raggiungere determinati obiettivi

ed avviare iniziative come il Convegno per tenere alto il nome

dell’Associazione, il problema delle risorse umane è di estrema importanza.

Vi sono alcuni progetti in corso, altri se ne potrebbero avviare subito – ad

esempio altri tavoli di lavoro, sedi locali -, ma questo presuppone che vi sia

Pagina 7 di 11


non solo l’accettazione da parte dei Soci, ma anche la loro forte

mobilitazione.

Il Presidente passa la parola agli altri Consiglieri e chiede ai Soci di

esprimere le proprie opinioni in merito ai progetti ipotizzati e di comunicare la

propria disponibilità a lavorare su tali progetti.

Prende la parola il socio prof. Emanuele D’Innella che sostiene sia arrivato il

momento di espandere l’Associazione a livello nazionale ed aprire delle sedi

anche fuori da Milano.

Si dichiara soddisfatto del Convegno, ma pensa che vi sia stata una

presenza eccessiva da parte dell’internal auditor (cioè dell’AiiA), perché

internal auditor significa procedure e questo ha comportato un cambiamento

di indirizzo nella seconda parte del Convegno. La Presidente AiiA era in

netta contrapposizione con gli altri relatori.

Prende la parola il dott. Gianfranco Polo (fondatore dell’Associazione Italiana

di Auditing nel 1972) per difendere il ruolo dell’internal auditor.

Riprende la parola il Presidente per sottolineare che l’Associazione è

marcatamente interdisciplinare e che in materia di 231 ognuno ha il suo

punto di vista ed approccio metodologico. Inoltre, ringrazia AiiA per aver

sostenuto l’Associazione decidendo di organizzare insieme il Master231 e di

intervenire al Convegno.

Interviene il prof. Gianmaria Garegnani per che spiegare la richiesta del

Presidente nasce da un’esigenza concreta, emersa soprattutto in occasione

della preparazione di questo Convegno.

Pagina 8 di 11


Affronta quindi il tema dei tavoli di lavoro e delle problematiche riscontrate.

Rileva che alcune iniziative sono state identificate con il Consiglio Direttivo,

ma in futuro dovrebbero essere maggiormente diffuse. Anche la base

associativa dovrebbe farsi promotrice di nuovi progetti, oltre che prendervi

parte.

Prende la parola il dott. socio Pietro Lungaro che esprime parole di

apprezzamento per il Presidente, per l’Associazione e per i contenuti del

Convegno. Illustra inoltre la situazione in Sicilia in tema di 231 e si rende

disponibile ad organizzare un evento in Sicilia.

Prende la parola il socio avv. Angela Monti che si definisce “grande assente”

in termini di partecipazione alle iniziative dell’Associazione. Suggerisce di far

circolare delle e-mail con la richiesta di adesione alle iniziative, perché ritiene

che pubblicarle sul sito non sia abbastanza efficace. Suggerisce di aprire un

tavolo di lavoro sul market abuse.

Prende la parola il socio avv. Giuseppe Catalano, che esprime parole di

apprezzamento per il lavoro del Consiglio Direttivo e dell’Associazione,

soprattutto se paragonato a quello di altre associazioni di categoria. Ritiene

che il supporto dell’AiiA sia stato importante e che vi sono altre associazioni

che potrebbero aiutare l’AODV 231 .

Prende la parola il socio dott. Ahmed Laroussi che sostiene il ricorso alle

sponsorizzazioni perché prassi comune per permettere di fare ricerche e di

crescere. Ritiene che sia giusto regolamentare le sponsorizzazioni definendo

chi può essere lo sponsor e con quali modalità, con la massima trasparenza.

Pagina 9 di 11


Il Consiglio Direttivo potrebbe preparare un regolamento da far circolare alla

base associativa e quindi da pubblicare sul sito. Affronta inoltre il problema

della territorialità, proponendo di prevedere dei Comitati Regionali. Risponde

quindi alle dichiarazioni del socio prof. Emanuele D’Innella in merito alla

presenza dell’internal auditor negli organismi di vigilanza.

Prende la parola l’avv. Giovanni Ponti, Consigliere dimissionario, che

propone di ammettere nel Consiglio Direttivo un altro penalista in modo da

garantire una presenza della categoria.

Prende la parola un nuovo socio l’avv. Umberto Caldarera, che propone il

tema “piccole/medie imprese e sicurezza sul lavoro” per un nuovo tavolo di

lavoro.

Riprende la parola il Presidente che concorda con la proposta di mantenere

la presenza di un penalista nel Consiglio Direttivo. Inoltre propone ad Ahmed

Laroussi di preparare una bozza del regolamento per le sponsorizzazioni.

Riassume inoltre i temi proposti: market abuse, sedi territoriali a Roma e in

Sicilia, piccole/medie imprese e sicurezza sui luoghi di lavoro.

Prende la parola il socio dott. Gianfranco Polo che propone di coinvolgere i

collaboratori della sua società nell’attività dei tavoli

Il Presidente segnala che già per gli attuali tavoli di lavoro si è fatto ricorso a

risorse esterne, sia per motivi numerici sia per competenze.

Il Presidente propone quindi di preparare un memorandum della

discussione, in aggiunta al verbale ufficiale, da far circolare a tutti i Soci –

anche agli assenti - rinnovando l’invito a presentare proposte e a dare

Pagina 10 di 11


disponibilità.

Successivamente, l’elenco delle proposte sarà fatto circolare nuovamente

per la raccolta delle adesioni.

Omissis (l’intervento di un socio non può essere verbalizzato per il mancato

utilizzo del microfono)

Il Presidente risponde che si era pensato ad un’iniziativa ad hoc sul tema

“antiriciclaggio” e che forse per il momento sarebbe meglio limitarsi a questo,

a meno che non raddoppi la base associativa.

Riprende la parola Giovanni Ponti in merito al discorso sponsorizzazioni,

perché ritiene che l’argomento non si esaurisca con la semplice adozione di

un regolamento.

Il Presidente risponde che il ricorso alle sponsorizzazioni sarà valutato di

volta in volta, ma che comunque ritiene che avere un regolamento possa

essere di aiuto al Consiglio Direttivo per compiere le opportune valutazioni.

Nessun altro chiedendo la parola, l’Assemblea si conclude alle ore 20.00

Il Segretario

Il Presidente

Emanuela Bruzzese

[firmato]

Bruno Giuffrè

[firmato]

Pagina 11 di 11