09.05.2015 Views

Il Progetto PARSEC: una sfida al miglioramento delle competenze ...

Il Progetto PARSEC: una sfida al miglioramento delle competenze ...

Il Progetto PARSEC: una sfida al miglioramento delle competenze ...

SHOW MORE
SHOW LESS

You also want an ePaper? Increase the reach of your titles

YUMPU automatically turns print PDFs into web optimized ePapers that Google loves.

<strong>Il</strong> <strong>Progetto</strong> <strong>PARSEC</strong>:<br />

<strong>una</strong> <strong>sfida</strong> <strong>al</strong> <strong>miglioramento</strong> <strong>delle</strong><br />

<strong>competenze</strong> della PA nel settore R&STI<br />

Massimo Cannatà - Responsabile del <strong>Progetto</strong> <strong>PARSEC</strong><br />

CNR DCSPI - Ufficio Programmi di Formazione Cofinanziati


La Preparazione<br />

Esame della governance dei<br />

programmi di Ricerca e Sviluppo nelle<br />

Regioni e nelle amministrazioni loc<strong>al</strong>i


Strumenti di indagine<br />

Presentazione del Rapporto di Ricerca<br />

condiviso con i partecipanti <strong>al</strong><br />

progetto<br />

I Focus Group<br />

Le interviste<br />

L’indagine di campo<br />

<strong>Il</strong> Workshop e Role Play


Workshop 4 – 5 maggio<br />

Cagliari<br />

ROLE PLAY<br />

22<br />

FOCUS<br />

GROUP<br />

C<strong>al</strong>abria<br />

Campania<br />

Sicilia<br />

Sardegna<br />

52<br />

Le Tappe<br />

DATE<br />

27 aprile<br />

29 aprile<br />

30 aprile<br />

6 maggio<br />

Basilicata<br />

Puglia<br />

7 maggio<br />

21 maggio<br />

INTERVISTE<br />

C<strong>al</strong>abria<br />

Campania<br />

Sicilia<br />

Sardegna<br />

Basilicata<br />

Puglia<br />

DATE<br />

Da stabilire<br />

29 aprile<br />

13 maggio<br />

4 maggio<br />

7 maggio<br />

21 maggio


Focus Group e Interviste<br />

Dimensioni Conoscitive e<br />

primi Risultati


Dimensioni Conoscitive<br />

<strong>Il</strong> ruolo dell’Ente<br />

nell’agevolare processi di<br />

RSTI nel sistema di relazione<br />

con gli attori dello sviluppo<br />

presenti sul territorio.<br />

An<strong>al</strong>isi <strong>delle</strong> <strong>competenze</strong>,<br />

<strong>delle</strong> conoscenze, <strong>delle</strong><br />

metodologie e degli strumenti<br />

utili a supportare il ruolo<br />

dell’ente come facilitatore<br />

della RSTI<br />

Ruolo della formazione per lo<br />

sviluppo <strong>delle</strong> <strong>competenze</strong> e<br />

conoscenze utili <strong>al</strong>la RSTI<br />

1 2<br />

3 4<br />

Modelli di intervento e best<br />

practices formative


1<br />

<strong>Il</strong> ruolo dell’Ente nell’agevolare processi di<br />

RSTI nel sistema di relazione con gli attori<br />

dello sviluppo presenti sul territorio.<br />

Sostenere (in qu<strong>al</strong>ità di facilitatore) e stimolare la<br />

promozione della domanda di innovazione;<br />

Introdurre sistemi di riconoscimento dei costi expost<br />

degli investimenti in RSTI;<br />

Semplificare i procedimenti e gli atti amministrativi.


2<br />

An<strong>al</strong>isi <strong>delle</strong> <strong>competenze</strong>, <strong>delle</strong> conoscenze, <strong>delle</strong><br />

metodologie e degli strumenti utili a supportare il<br />

ruolo dell’ente come facilitatore della RSTI<br />

Non emergono capacità distintive della RSTI;<br />

Sostenere politiche di lungo periodo volte <strong>al</strong><br />

consolidamento del person<strong>al</strong>e interno;<br />

V<strong>al</strong>orizzare la curiosità e la “flessibilità ment<strong>al</strong>e”;<br />

Migliorare le capacità relazion<strong>al</strong>i e comunicative verso<br />

gli interlocutori esterni <strong>al</strong> fine di migliorare il di<strong>al</strong>ogo e la<br />

collaborazione tra gli attori della RSTI


3<br />

Ruolo della formazione per lo sviluppo <strong>delle</strong><br />

<strong>competenze</strong> e conoscenze utili <strong>al</strong>la RSTI<br />

Necessità di adeguare l’offerta formativa <strong>al</strong>le re<strong>al</strong>i esigenze<br />

della PA impegnata in programmi di R&STI<br />

Supportare programmi specifici di formazione continua<br />

Contestu<strong>al</strong>izzare la formazione con proposte partecipate,<br />

adeguate <strong>al</strong>la strutture di riferimento<br />

Avviare percorsi di confronto tra pratiche organizzative<br />

virtuose


4<br />

Modelli di intervento e best practices<br />

formative<br />

Modelli formativi maggiormente centrati su attività di<br />

affiancamento, training on the job e coaching per i dirigenti;<br />

Attività di stage e gemellaggi nazion<strong>al</strong>i e internazion<strong>al</strong>i per lo<br />

scambio di esperienze;<br />

Formazione mirata <strong>al</strong>la costruzione di reti di autoapprendimento;<br />

Progetti e iniziative di buone pratiche trasferibili: KARMA come<br />

esempio di integrazione tra buone pratiche; <strong>PARSEC</strong> come<br />

esempio di progetto che ha visto <strong>una</strong> azione di trasferimento<br />

<strong>delle</strong> conoscenze acquisite nelle singole unità organizzative<br />

region<strong>al</strong>i.


Indagine di Campo


Questionario on-line<br />

Questionari inviati: 642<br />

Questionari rientrati <strong>al</strong> 30 aprile: 149


Regioni di provenienza<br />

dei rispondenti


Attività di an<strong>al</strong>isi dei<br />

bisogni formativi


Mod<strong>al</strong>ità formative preferite


Coerenza tra formazione e<br />

attività svolta


Coerenza tra formazione<br />

e R&STI


Applicazione nel lavoro <strong>delle</strong><br />

<strong>competenze</strong> acquisite con la<br />

formazione


Esigenze formative espresse

Hooray! Your file is uploaded and ready to be published.

Saved successfully!

Ooh no, something went wrong!