Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro - Pferd

pferd

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro - Pferd

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro

Valori limite di Rumore e Vibrazioni

� Le Norme UE „Protezione sul Lavoro“ entrano nel diritto tedesco

� Crescita del livello di Sicurezza e di tutela della Salute sul luogo di lavoro


Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro

Le Norme relative alla Protezione da Rumore e Vibrazioni

Nel produrre utensili di qualità per la lavorazione delle superfici ed il taglio di

materiali, PFERD punta ai requisiti base di Sicurezza e Salute dell‘utilizzatore da

una parte, e a quelli ispirati al rispetto dell‘ecologia dall‘altra. Come produttore

premium, il nostro obiettivo è quello di sviluppare prodotti ergonomici e processi

produttivi ecologici.

Consideriamo nostro compito, quello di informare in modo esauriente circa

le nuove conoscenze e possibilità relative alla salvaguardia della Salute e alla

Sicurezza dell‘utilizzatore di utensili PFERD.

Norme di Protezione sul Lavoro dell‘Unione Europea (UE)

Ciò che è stato stabilito in ambito all‘Unione Europea in materia di protezione del lavoratore da rumore (2002/44/CE) e

vibrazioni (2003/10/CE), sono i requisiti minimi. Dal 6 Marzo 2007, tali requisiti sono entrati nel diritto tedesco attraverso il

„Decreto relativo alla protezione del lavoratore dai rischi legati a rumore e vibrazioni“ (Decreto di protezione sul lavoro da

umore e vibrazioni).

2

Sono numerose le leggi, normative e prescrizioni che in Germania regolamentano

la tutale di Salute e Sicurezza del lavoratore sul luogo di lavoro.

La protezione sul lavoro include tutti quei provvedimenti che contribuiscono a

proteggere la vita e la Salute dell‘individuo sul luogo di lavoro, a mantenerne

inalterata la capacità produttiva, e ad organizzare l‘attività in conformità all‘essere

umano. In quest‘ambito rientra anche la prevenzione degli incidenti sul lavoro, le

malattie professionali e i pericoli per la Salute legati all‘attività lavorativa.

L’elaborazione giuridica dei provvedimenti è competenza dei singoli Stati. Tuttavia

la legislazione dei vari paesi è in dipendenza all‘Unione Europea (UE). L‘Unione

Europea mette in relazione tra loro i decreti in materia di protezione sul lavoro

dei singoli stati membri, creando le basi e definendo le attività necessarie alla

realizzazione della salvaguardia della Salute sul luogo di lavoro. Le Normative UE

sulla protezione sul lavoro sono vincolanti per tutti gli stati membri.


Un rumore è un suono indesiderabile (es. un rumore di macchina, uno schianto,

musica ad alto volume, discorsi a tono elevato), che può causare danneggiamenti

dell’udito o altro genere di danni alla salute.

La sordità è in cima alle statistiche relative alle malattie professionali. Il rumore

forte sul luogo di lavoro può danneggiare l‘orecchio del lavoratore. In Germania

sono ca. 5 milioni i lavoratori sottoposti a rumore potenzialmente dannoso.

Padiglione auricolare

Condotto uditivo

Timpano

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro

Il rumore può causare danni alla nostra Salute

L‘orecchio funziona così

Nervo

Martello

Coclea

Incudine e staffa

Il nostro orecchio si basa su un meccanismo affascinante:

Ogni suono consiste di oscillazioni. Queste vengono propagate nell‘aria sotto

forma di onde, recepite e rielaborate dal nostro orecchio. Noi sentiamo.

L‘orecchio guida le onde sonore attraverso il condotto uditivo fino al timpano,

dove le onde sonore divengono vibrazioni. Queste si propagano attarverso gli

ossicini (martello, incudine e staffa) fino al fluido contenuto nella coclea, il vero

e proprio organo dell‘udito.

Sulla superficie di questo fluido si formano delle onde simili a quelle generate da

un sasso gettato nell‘acqua. E‘ così che le vibrazioni giungono all‘orecchio interno.

L‘orecchio interno è occupato da sottili cellule sensoriali (cellule ciliate). Queste,

che si trovano al termine della catena, trasformano le oscillazioni meccaniche in

impulsi elettrici. Questi sono trasportati dal nervo acustico all‘interno del cervello,

dove prende forma la vera e propria rappresentazione acustica.

3


Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro

Consigliata una maggiore protezione dal rumore

Implicazioni per la salute dovute ad un incremento di rumore

In caso di incremento di rumore – ad esempio: aumento del volume di una musica,

traffico maggiormente rumoroso –, le cellule ciliate si curvano. Così piegate, non

sono in grado di trasmettere l‘impulso; riacquisiscono tale facoltà solo dopo aver

ripreso la posizione verticale. Una detonazione o anche molti anni di esposizione

ad un rumore continuo sul luogo di lavoro, possono causare il definitivo

ripiegamento di queste cellule o la loro rottura. La sordità che ne consegue

è irreversibile.

Prescrizioni e valori limite

Quando si misura il livello di un rumore, si utilizza un filtro che simula le proprietà

dell‘udito. Questo filtro viene denominato Filtro A. Generalmente, il rumore si

misura in Decibel = dB(A).

Nel Febbraio 2003, il Parlamento Europeo ed il Consiglio Europeo hanno

pubblicato la Direttiva EU 2003/10/EG. Questa Direttiva stabilisce in che misura

i lavoratori possono essere sottoposti al rumore. Come già nella precedente, anche

nella nuova Normativa viene posto l‘accento sull‘obbligo di misure tecniche per la

riduzione del rumore.

L‘applicazione di tale Direttiva alla Normativa tedesca „Protezione sul luogo di

lavoro da Rumore e Vibrazioni“, vede la determinazione di due valori limite per

l‘esposizione giornaliera. Il valore inferiore è di 80 dB(A); quello superiore di 85

dB(A). Al raggiungimento o superamento di questi valori, si rendono necessari

i provvedimenti riportati nella tabella „Misure di prevenzione“ di pagina 5.

4

L‘udito è uno dei sensi principali del nostro cervello, ed il rumore lo danneggia.

Le conseguenze sono: perdita di concentrazione ed affaticamento, riduzione del

rendimento causata da maggiori necessità dell‘organismo, cali di attenzione e

disturbo della comunicazione verbale.

La sordità non è curabile. Anche gli apparecchi acustici, come rimedio,

garantiscono un miglioramento relativo. Pertanto, è molto importante proteggersi

dal rumore.


Misure di prevenzione

In caso di superamento del limite inferiore, devono essere messe a disposizione del

lavoratore le cuffie di protezione. La prescrizione del loro utilizzo è tuttavia legata

al raggiungimento o superamento del limite superiore. L‘obbligo per il lavoratore è

di indossare le cuffie in prossimità dei luoghi interessati dal rumore; l‘obbligo per il

datore di lavoro è di segnalare in modo appropriato tali luoghi.

Le macchine rappresentano la principale fonte di rumore negli ambienti di lavoro.

In relazione alla necessità di ridurre il livello di rumore, diventa un fattore essenziale

il ridurlo alla sua fonte, ossia presso i macchinari stessi.

Livello di pressione sonora (dB)

L‘unità di misura utilizzata per il livello di pressione sonora è l’unità

fisica lineare Pascal. Gli eventi sonori che l‘orecchio umano è in

grado di cogliere spaziano entro un range di pressione sonora

molta ampio. Per poter ragionare in termini numerici più gestibili,

in questa sede scegliamo di definire le intensità della pressione

sonora in termini di decibel (dB). I decibel sono una grandezza

logaritmica.

Anche l‘orecchio umano ha una sensibilità definibile come

logaritmica. Questo implica che un livello di pressione sonora

superiore a 10 dB, viene percepito come raddoppiato. Già con un

livello superiore a 3 dB, si ha il doppio dei rischi di danneggiamento

dell‘udito.

Misure di prevenzione

Valore limite inferiore/superiore

(LEX, 8h)

> 80 dB (A) > 85 dB (A)

Obbligo di informazione ed istruzione

X

(> 80 dB(A))

Disponibilità di cuffie di protezione

Diritto ad esame audiometrico preventivo,

X

se valutazioni e misurazioni ipotizzano un

rischio per la salute

X

Diritto a visita medica specialistica X

Obbligo di indossare le cuffie

X

(> 85dB(A))

Piano di riduzione rumore X

Obbligo di segnalazione dei luoghi interessati

dal rumore

X

Limite di accesso se tecnicamente possibile

e se reso necessario dal rischio di esposizione

X

forse >

80 dB(A)

Istituzione di una cartella clinica, se valutazioni

e misurazioni stabiliscono un rischio

per la salute

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro

(X) (X)

Fonte: Norm. protezione sul lavoro da Rumore e Vibrazioni 06.03.2007

Misure di prevenzione relative al Rumore

Esempi di livello di pressione sonora

12

9 3

6

µPa

100 000 000

10 000 000

1 000 000

100 000

10 000

1 000

100

20

dB(A)

140

130

120

110

100

Come produttore premium, PFERD lavora

costantemente alla creazione di utensili che riducano

il rumore, e nelle proprie attività predilige macchine e

processi produttivi poco rumorosi.

90

80

70

60

50

40

30

20

10

0

5


Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro

Le vibrazioni possono causare danni alla nostra Salute

Effetti delle vibrazioni sul corpo umano

Lo studio degli effetti delle vibrazioni ha come scopo quello di determinare i valori

limite il cui rispetto garantisce la salvaguardia della Salute. Il modo in cui il rendimento

e le condizioni di Salute vengono danneggiati dalle vibrazioni-isolatamente

o in concomitanza con il rumore – è oggetto di studi sperimentali a sostegno dei

quali vengono messi a disposizione i laboratori più attrezzati.

Il genere di danno che le vibrazioni causano alla salute dipende dalla regione

del corpo umano che entra in contatto con le vibrazioni (es. piedi, zona lombare,

mani), dall‘intensità delle vibrazioni stesse, e da un‘esposizione quotidiana alle

vibrazioni reiterata per anni.

6

Le vibrazioni sono oscillazioni meccaniche che, se trasmesse per lungo tempo al

sistema mano-braccio (Vibrazioni-Mano-Braccio) o a tutto il corpo (Vibrazioni-

Corpo intero) danneggiano la salute dell‘uomo. Le vibrazioni possono causare

disturbi della circolazione, danni alle ossa o alle articolazioni, disturbi neurologici o

muscolari, dolori alla schiena e danni alla colonna vertebrale.

E‘ necessario

distinguere tra:

Danni alla salute causati da vibrazioni intense

� Vibrazioni-Corpo intero

Vibrazioni a contatto con i piedi

(posizione eretta) o con la regione

lombare (posizione seduta) es.

vibrazioni emesse da veicoli,

macchine movimento terra, carrelli

elevatori, trattori ecc.

� Vibrazioni-Mano-Braccio

Vibrazioni a contatto con le mani,

es. vibrazioni emesse da utensili,

apparecchi o macchine ad uso

manuale, o da parti di macchine

mobili o stazionarie che entrano in

contatto con le mani.

L‘effetto generato dalle vibrazioni dipende dalla loro frequenza e dalla loro

intensità. Le vibrazioni con bassa frequenza portano a malattie muscolari e

scheletriche (danni alle articolazioni).

Le vibrazioni con alta frequenza danneggiano la circolazione periferica ed il

sistema nervoso (disturbi circolatori alle dita e alle mani che, in relazione allo loro

gravità, possono arrivare a causare perdita della sensibilità tattile e della capacità

prensile). Già ad un livello di intensità basso, le vibrazioni possono determinare

disturbi della salute e calo della produttività.


Prescrizioni e valori limite

Nel luglio 2002 il Parlamento Europeo ha pubblicato la Direttiva EU 2002/44/EG.

Questa contiene le prescrizioni minime per la protezione della Sicurezza e della

Salute del lavoratore dai pericoli generati da agenti fisici (Vibrazioni). La Direttiva

riconosce un valore limite ed un limite di esposizione.

L‘obbligo che ne consegue per il datore di lavoro è quello di rilevare l‘entità delle

vibrazioni sul luogo di lavoro. Sono da considerarsi a rischio quei luoghi in cui

vibrazioni costanti si traducono in Vibrazioni-Mano-Braccio o in Vibrazioni-Corpo

intero.

Misure di prevenzione

Nel caso in cui venga superato il valore limite di 2,5 m/s² relativo alle Vibrazioni

Mano-Braccio, il datore di lavoro vede l‘obbligo di pianificare per iscritto mezzi e

tempistiche di riduzione del carico di vibrazioni a cui il lavoratore è sottoposto.

Nel caso in cui si raggiunga il valore limite di 5,0 m/s² relativo alle Vibrazioni-

Mano-Braccio, non è consentita una seconda attività che implichi esposizione alle

vibrazioni. Lo stesso vale anche per le Vibrazioni-Corpo intero (vedi tabella).

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro

Maggiore protezione sul luogo di lavoro

Il rispetto delle nuove Direttive è obbligatorio ovunque si lavori con utensili o

macchine vibranti. Al datore di lavoro si richiede di accertare e misurare il carico

di vibrazioni a cui sono sottoposti i suoi dipendenti, e – quando necessario – di

prendere contromisure.

Valori limite e limiti di esposizione

Limiti di esposizione

e valori limite per le

vibrazioni

Vibrazioni-Mano-Braccio

(HAV)

Valore di esposizione

giornaliera alle vibrazioni

A(8)

Vibrazioni-Corpo intero

(GKV)

Valore di esposizione

giornaliera alle vibrazioni

A(8)

Valore limite A(8) = 2,5 m/s² A(8) = 0,5 m/s²

Limite di esposizione A(8) = 5,0 m/s² A(8) = 0,8 m/s²

direzione Z

(verticale)

Fonte: Norm. Protezione sul lavoro da Rumore e Vibrazioni 06.03.2007

A(8) = 1,15 m/s²

direzione X-/Y

(orizzontale)

7


Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro

Indicazioni Protezione da Vibrazioni

In caso di raggiungimento del valore limite.

� Elaborare ed attuare un piano di riduzione delle vibrazioni,

e i relativi provvedimenti organizzativi (§10 Normativa

Prevenzione sul lavoro da Rumore e Vibrazioni).

� Istruire ed addestrare i dipendenti in tema ai possibili

rischi per la loro Salute; offrire una consulenza medica

(§11 Normativa Prevenzione sul lavoro da Rumore e

Vibrazioni).

� Offrire ai dipendenti visite mediche di prevenzione

(§14 Normativa Prevenzione sul lavoro da Rumore e

Vibrazioni).

8

PFERDERGONOMICS offre

soluzioni per ottenere

� vibrazioni minime

� rumore ridotto

� quantità di polveri limitata

� percezione aptica ottimizzata.

Come produttore premium di utensili per uso manuale, PFERD è consapevole

delle proprie responsabilità. La nostra decennale esperienza in fatto di Assistenza

Tecnica dei clienti ed il nostro contatto diretto con gli utilizzatori contribuiscono

a generare il nostro impegno nel progettare e fabbricare utensili che, nel loro

utilizzo, comportino il minor carico di vibrazioni possibile.

ERGOSCAN

Desiderate conoscere le caratteristiche

ergonomiche della vostra postazione

di lavoro? PFERD vi aiuta.

L‘Assistenza Tecnica PFERD può eseguire

per voi misurazioni dei livelli di

rumore e vibrazioni, conformemente

alle Norme nazionali ed internazionali.

In caso di raggiungimento limite di esposizione:

� Accertare immediatamente le cause e adottare ulteriori

provvedimenti, al fine di ridurre l‘esposizione ad un

valore inferiore al limite di esposizione (§10 Normativa

Prevenzione sul lavoro da Rumore e Vibrazioni).

� Disporre regolari visite mediche di prevenzione (in conf.

per i dipendenti (§14 Normativa Prevenzione sul lavoro

da Rumore e Vibrazioni).

Ulteriori informazioni e assistenza sono reperibili presso le

Associazioni Professionali competenti.

La fonte utilizzata per la stesura di questo depliant è la

„Normativa per la Protezione dei lavoratori dai rischi di

esposizione a Rumore e Vibrazioni“ nell‘edizione del

18.12.2008.

PFERD è a Vostra disposizione per ulteriori necessità.

Rivolgetevi a noi con fiducia.

www.pferd.com · info@pferd.com

La Qualità PFERD è certificata EN ISO 9001.

■ Vibrazioni minime

■ Rumore ridotto

■ Quantità di polveri limitata

■ Percezione aptica ottimizzata

PFERDERGONOMICS

L'uomo al centro

1

Informazioni e indicazioni sugli utensili

PFERD adatti sono contenute nel

Prospetto „PFERDERGONOMICS –

L‘uomo al centro“.

819438 08/2010 Modifiche tecniche riservate.

Stampato in Germania.

More magazines by this user
Similar magazines