il Mondo del Ciclismo - Federazione Ciclistica Italiana

federciclismo.it

il Mondo del Ciclismo - Federazione Ciclistica Italiana

In coppia con lo spagnolo Llaneras ha vinto la Sei Giorni di Milano

Bettini, esce di scena

un vero fuoriclasse

PROFESSIONISTI

Nonostante la caduta nelle prima giornata, il campione toscano è tornato

sul tondino per chiudere da vincitore una carriera meravigliosa

di Massimo Rodi

foto Roberto Bettini

UN ADDIO ALLA SUA MA-

NIERA, da vincitore.

Paolo Bettini non ha smentito

la sua fama di fuoriclasse e di

combattente neppure all’ultimo

appuntamento della sua

lunga stagione ciclistica. Ha

vinto, in coppia con Llaneras,

la Sei Giorni di Milano, dopo

aver rischiato l’osso del collo.

Ha dato battaglia e spettacolo,

ha stretto i denti, ha superato

se stesso.

In quanti l’avrebbero pronosticato

ancora in sella dopo la

rovinosa caduta nella prima

giornata? Certo non i medici

dell’Ospedale Sacco di Milano,

dove era stato trattenuto

in osservazione dopo gli esami

- Tac cranio-facciale, ra-

diografie complete ed ecografia

addominale. Certamente

non gli spettatori presenti in

tribuna e gli stessi avversari

che conoscono bene il dolore

fisico e psicologico determinato

da una caduta a 60

all’ora. Men che meno chi lo

ha seguito attraverso i giornali,

ha visto le foto di un uomo

con un collare stretto intorno

al collo e lo sguardo sofferen-

te. E invece al terzo giorno,

prima delle 36 ore fatidiche,

Paolino è rientrato in pista, è

salito sulla bici, ha cominciato

a girare. Prima piano piano,

poi più sciolto, disinvolto, fino

a superare acciacchi e paura, e

ritrovare il gusto del brivido e

con esso la vittoria.

Una vittoria che ha chiuso

come meglio non avrebbe

potuto un’avventura inizia-

il Mondo del Ciclismo n.46

3


il Mondo del Ciclismo n.46

4

PROFESSIONISTI

ta ventisette anni or sono fra

i giovanissimi, a Marina di

Bibiona, dove vinse perché,

come ha più volte sottolineato

“ ero l’unico della mia categoria”.

E poi, via via, tutte le altre

tappe canoniche, senza fare

sfracelli, ma distinguendosi

sempre per fantasia, determinazione

e coraggio. Fino all’emblematico

mondiale under

23 di Lugano nel ’96, dove

fu il quarto italiano di un podio

tutto azzurro (Figueras,

Sgambelluri e Sironi). Come

dire che ci sarebbe stato sempre

qualcuno più in alto, che

certe lacune - soprattutto un

fisico che sembrava troppo

gracile - non si sarebbero potute

superare, ancorché il carattere

era da fuoriclasse.

Errore. Il suo apprendistato

da professionista, gregario

alla corte di Bartoli, ha fatto si

che la crisalide divenisse farfalla,

che il brutto anatroccolo

si trasformasse in cigno, fino a

quando l’allievo non ha addi-

rittura superato il maestro.

L’anno della svolta il 2000, con

la vittoria in una delle classi-

che più prestigiose, la Liegi

Bastogne Liegi.

Da quel momento in poi nien-

UN CAMBIO TRA BETTINI E LLANERAS

te è stato come prima. Due

volte campione del mondo su

strada (2006, 2007), la me-

Torneo a quattro con il fuoriclasse britannico, il campione italiano, Tournant e Mulder

Sprinter Cup: vince Hoy davanti a Chiappa

OLTRE ALLE ACROBAZIE degli specialisti dell’americana e delle altre gare di resistenza, la Sei Giorni di Milano ha visto anche

l’esibizioni dei velocisti nella Spinter Cup, torneo che ha visto confrontarsi Hoy, Chiappa, Tournant e Mulder.

Vincitore finale il britannico Chrys Hoy, vincitore di tre medaglie d’oro a Pechino, davanti al nostro Chiappa che si è ben difeso

e ha confermato la sua grande caratura internazionale.


daglia d’oro olimpica (Atene

2004), la Milano - Sanremo

(2003); e ancora il traguardo

a Liegi, due maglie tricolori,

solo per nominare le più prestigiose

delle sessanta complessive.

Ma non è solo questo.

La grandezza di Bettini, la sua

unicità è stata sempre nel suo

modo di correre: spregiudicato,

battagliero, senza troppi

orpelli tattici, generoso, come

solo sa essere chi pratica uno

sport tanto duro.

Ed è nata un’identificazione

con gli appassionati che raramente

si è vista prima. Bisogna

risalire ai grandi del passato,

su tutti Bartali, l’uomo di

ferro, del quale Bettini è stato

il successore più degno.

Delle sue tante imprese, ne

rimangono negli occhi soprattutto

quattro: quella del

14 agosto 2004 - la medaglia

d’oro alle Olimpiadi di Atene,

vittoria in volata su Paulinho

dopo aver fatto il vuoto assoluto

in salita; i due titoli mondiali

- Salisburgo nel 2006 e

Stoccarda l’anno successivo,

laddove l’orgoglio ferito fece

più delle gambe. E soprattutto

il Lombardia del 2006, vinto

in maniera epica nel ricordo

del fratello Sauro, morto in

circostanze tragiche qualche

giorno dopo la prova iridata.

In quella immagine, forte

e dolorosa, c’è tutto Bettini.

Uomo e atleta, duro e vulnerabile,

soprattutto vero. Come

hanno ben capito tutti gli appassionati

di ciclismo, i quali,

mentre uno dopo l’altro gli

scandali sul doping minavano

la credibilità delle due ruote,

trovavano proprio in Bettini

uno degli ultimi personaggi ai

quali aggrapparsi.

La Sei Giorni di Milano ha

chiuso una fase della sua vita.

Dal 10 novembre se n’è aperta

un’altra. Quanto distante

non si sa, ma certo è difficile

immaginare il Grillo fuori

dal suo habitat. Quel suo mischiarsi

al popolo del ciclismo,

come ha detto nei giorni scorsi,

è pieno di promesse.

Tutte le vittorie

1998 (1)

4ª tappa Giro di Romandia

1999 (4)

Giro della Provincia di Lucca

1ª tappa Giro della Provincia di Lucca

4ª tappa Tirreno-Adriatico

Classifica GPM alla Ruta del Sol

2000 (7)

Liegi-Bastogne-Liegi

9ª tappa Tour de France

Settimana ciclistica internazionale

- Memorial Cecchi Gori

2ª tappa Settimana ciclistica

internazionale - Memorial Cecchi Gori

4ª tappa Settimana ciclistica

internazionale - Memorial Cecchi Gori

Trofeo Soller

Classifica a punti alla Ruta del Sol

2001 (5)

Campionato di Zurigo

Coppa Placci

3ª tappa Tour de Langkawi

11ª tappa Tour de Langkawi

Classifica a punti del Tour de Langkawi

2002 (13)

Coppa del Mondo di ciclismo

Liegi-Bastogne-Liegi

Giro del Lazio

Coppa Sabatini

Gp Bavikhove

Giro della Riviera Ligure di Ponente

3ª tappa Giro della Riviera Ligure di Ponente

4ª tappa Giro della Riviera Ligure di Ponente

Tour de la Region Wallonne

1ª tappa Tour de la Region Wallonne

Classifica a punti del Tour de

la Region Wallonne

2ª tappa Tirreno-Adriatico

3ª tappa Giro della Provincia di Lucca

2003 (7)

Coppa del Mondo di ciclismo

Campionato nazionale italiano in linea

Clasica de San Sebastian

Milano-Sanremo

Hew-Cyclassics Cup

Giro del Mediterraneo

Classifica a punti alla Tirreno-Adriatico

2004 (11)

Coppa del Mondo di ciclismo

Prova individuale su strada

alle Olimpiadi di Atene

Tirreno-Adriatico

2ª tappa Tirreno-Adriatico

6ª tappa Tirreno-Adriatico

8ª tappa Giro di Svizzera

Gp di Camaiore

Gp di Calais

PROFESSIONISTI

L’ORO OLIMPICO AD ATENE (FOTO SIROTTI)

Profronde van Almelo

1ª tappa Circuit Franco-Belge

2ª tappa Giro del Mediterraneo

2005 (6)

Campionato di Zurigo

Giro di Lombardia

2ª tappa Giro d’Italia

Classifica a punti del Giro d’Italia

(Quattro giorni in maglia rosa)

16ª tappa alla Vuelta a España

2006 (10)

Campionato Italiano su strada

Campionato del mondo su strada a Salisburgo

Giro di Lombardia

Gp. di Lugano

Trofeo Soller

15ª tappa Giro d’Italia

Classifica a punti del Giro d’Italia

2ª tappa Vuelta a España

1ª tappa Tirreno-Adriatico

2ª tappa Tirreno-Adriatico

2007 (3)

Campionato del mondo su strada a Stoccarda

4ª tappa Tour of California

3ª tappa Vuelta a España

2008 (5)

1ª tappa Giro dell’Austria

Trofeo Matteotti

2ª tappa Giro della Vallonia

6ª tappa Vuelta a España

12ª tappa Vuelta a España

il Mondo del Ciclismo n.46

5


il Mondo del Ciclismo n.46

6

EICMA 2008

Oltre mezzo milione di spettatori per il 66° Salone del Ciclo e Motociclo

Due ruote per cambiare il mondo

Il settore può dare un importante contributo per uscire dalla crisi. Il presidente Berlusconi ha

promesso 13 milioni per i mezzi meno inquinanti. Intanto a Milano parte il bike sharing

di Antonio Ungaro

foto Bettini

PER GLI ORGANIZZATO-

RI di EICMA 2008 si è trattato

di un successo. Appena chiusi

i battenti del 66° Salone del Ciclo

e Motociclo un primo bilancio

dei visitatori parla di circa

mezzo milione, a conferma

della bontà di una rassegna che

rappresenta un momento importante

per il mercato di settore.

“Il successo strepitoso che

questa edizione di EICMA ha

riscosso non deve distogliere la

nostra attenzione dalle priorità

di sempre - ha affermato Costantino

Ruggiero, direttore generale

di EICMA - ovvero dare

le risposte più soddisfacenti

alle aziende del settore e, in

particolare, trovare un giusto

punto d’incontro tra le aspettative

del settore moto e quelle

della bici. Mi sembra di aver

colto una generale soddisfazione

circa gli esiti dell’esposizione.

L’evento ha trovato una

sua precisa identità, potremmo

semmai pensare in futuro ad

un secondo momento specificatamente

dedicato al trading

delle aziende ciclistiche, anticipato

rispetto alla data di novembre,

e ad una maggiore sinergia

tra i settori ciclo e moto,

magari favorita dalle comuni

tematiche legate alla mobilità

nei centri urbani”.

I dati parlano chiaro e legittimano

le facce soddisfatte degli

organizzatori: circa mezzo

milione di spettatori, in

linea con i valori dell’edizione

record 2007; 280.000 mq

di superficie espositiva; oltre

1000 espositori provenienti da

33 paesi; 80.000 mq di spazi

esterni per esibizioni e spettacoli;

otto padiglioni intera-

mente dedicati alla fiera, due

dei quali al ciclismo.

E’ stata l’occasione per fare il

punto di un settore alle prese,

come gli altri, con una crisi di

consumi, ma anche per individuare

quelli che potrebbero

definirsi punti di forza, sui

quali costruire le basi del rilancio.

Il presidente del Consiglio

Silvio Berlusconi, nel discorso

inaugurale, ha annunciato

sostanziosi interventi del Governo

a sostegno del settore.

“I provvedimenti governativi

REBELLIN E SIMONI TRA VISITATORI E TIFOSI

che assumeremo la prossima

settimana porteranno sicuramente

buone notizie. Metteremo

a disposizione tredici

milioni di euro per i mezzi

meno inquinanti”. Una svolta

da cui il settore delle due ruote

crede e spera di poter ricevere

un forte impulso, come

auspicato dal presidente di

Confindustria ANCMA, Guidalberto

Guidi, il quale ha ricordato

come questo comparto

dia lavoro a 100 mila

persone e muova 5 miliardi di

euro l’anno (il dato si riferisce

al settore delle moto e delle

bici nel complesso). Il richiamo

di Guidi è stato rivolto soprattutto

al sostegno alle piccole

e medie imprese “verso

un 2009 - ha detto - che può e

deve essere migliore”.

Nel suo intervento il governatore

Roberto Formigoni ha ricordato

come il problema delle

infrastrutture affligge anche e

soprattutto la Lombardia, evidenziando

la discrepanza tra il

ruolo trainante della Lombar


dia nell’economia nazionale e

l’atavico ritardo nella sua rete

viaria (14a nella graduatoria

nazionale) e ferroviaria (addirittura

diciannovesima).

Nella stessa occasione Letizia

Moratti ha annunciato la partenza

del progetto di bike-sharing

a Milano. Un’operazione

che coinvolgerà 250 stazioni e

1200 bici (che a regime diventeranno

5000); prima mezzora

di utilizzo gratuito e un forte

impatto sulla mobilità pulita e

sulle abitudini dei milanesi.

I DATI DEL MERCATO

DELLA BICICLETTA - L’EI-

CMA rappresenta, ormai tradizionalmente,

l’occasione per

l’industria di settore di stilare

un bilancio, guardare quanto

è stato fatto e impostare il lavoro

per il futuro.

Quest’anno si tratta di un bilancio

in chiaroscuro e, soprattutto,

parziale. La crisi (finanziaria

prima ed economica

poi, tutto nel volgere di pochi

giorni a cavallo di settembre/ottobre),

ha modificato gli

scenari. Il Salone del ciclo e

del motociclo di Milano giunge

a ridosso di questo sconvolgimento

economico che in

molti indicano come epocale.

IN ALTO: IL PRESIDENTE BERLUSCONI CON IL GOVERNATORE

FORMIGONI E IL SINDACO MORATTI. SOTTO: IL CONSOLE

ONORARIO DELLA COSTA D’AVORIO ISENI, CON IL CAPO

DI GABINETTO DEL GOVERNO DEL PAESE AFRICANO,

TEA NARCISSE, E COSTANTINO RUGGERO

EICMA 2008

“Nulla sarà come prima!” si

affrettano a dire gli addetti ai

lavori. C’è da credere che prima

di capire quali saranno gli

effetti sul mercato della bici

passeranno ancora mesi.

Per questo l’analisi e le dichiarazioni

di questi giorni a Milano,

per quanto improntate allo

scetticismo, partendo da scenari

di sei mesi/un anno fa, non

possono che essere parziali.

Il mercato della bicicletta

in Italia vale un miliardo di

euro, gli addetti sono 12 mila

più l’indotto non quantificato

dalle statistiche ufficiali.

Le prime 30 aziende registrano

tre/quarti del fatturato, il

resto se lo dividono un centinaio

di marchi. Gli indicatori

statistici più recenti parlavano

di un calo di vendite rispetto

allo stesso periodo del 2007 di

circa il 10%. Effetto della crisi,

si è detto, è forse è vero.

In questo senso ci possono

aiutare le cifre snocciolate

dall’Associazione tedesca dei

grossisti ed esportatori di biciclette

(ZGA) in occasione

di Eurobike, di scena soltanto

i primi di settembre, praticamente

un’era economica diversa.

L’industria tedesca della

bicicletta, al pari di quella italiana,

occupa in Europa una

posizione molto forte. Sono

mercati simili e per capire le

tendenze generali, possono

essere comparati. Ebbene a

settembre il mercato tedesco

segnava una crescita dell’1%

rispetto all’anno precedente.

Dopo la crisi di settembre tutta

l’Europa ha segnato un calo

di vendite attorno al 10%.

Un’analisi dei numeri si può

fare solo in base alle stime che

la stessa Ancma ha fornito in

questi giorni e che riguardano

l’andamento delle vendite nel

2007 e i primi mesi del 2008.

La produzione di bici nel 2007

è stata leggermente superiore

a quella dei due anni precedenti.

I fasti di tre lustri fa sono

ormai lontani (nel 1994 si produssero

in Italia quasi 6 milioni

di bici), ma allora la Cina e

il Mondo del Ciclismo n.46

7


il Mondo del Ciclismo n.46

8

EICMA 2008

i dragoni orientali erano una

minaccia lontana e non una

realtà incombente. Nella tabella

relativa l’import/export per

il settore nello scorso anno si

possono individuare due elementi

fondamentali, che forniscono

anche un quadro tendenzialmente

corretto di che

tipo di industria abbiamo. Se

dal punto di vista di valore, il

saldo è fortemente attivo, dal

punto di vista di unità è negativo.

Per tipologia di prodotto,

restiamo il maggior produttore

mondiale di selle per bici,

esportando circa 6 milioni di

pezzi. Importiamo circa 9 milioni

di telai, che solo in minima

parte vengono rivenduti all’estero

sottoforma di bici. La

maggior parte di questi restano

in Italia.

QUALE FUTURO - Alla luce

della crisi in atto, il futuro si

annuncia nero per il settore?

Non tutto congiura contro la

bici, anzi. Ripartiamo proprio

dalla Germania. Un’indagine

realizzata in quel paese rileva

come il prezzo del petrolio scoraggi

gli automobilisti e li stimoli

a rimontare in sella. Pare

che gli slogan di maggior successo

siano: “Fai ancora benzina

o stai già pedalando?” e “Risparmia

benzina, vai in bici”.

Anche in questo caso ci si riferisce

ad un periodo pre-crisi

finanziaria, quando il prezzo

del petrolio era alle stelle e con

esso quello della benzina. Lo

scenario non è cambiato, anzi

per certi versi si è rafforzato

a favore della bici. Quando si

dice che il mondo non sarà più

lo stesso si ammette che il sistema

attuale di sviluppo non

va bene. Un’affermazione che

fino a qualche mese fa appariva

un vezzo da intellettuali

ormai è vissuta in Occidente

sulla pelle delle persone. Stiamo

tutti ripensando al nostro

modo di essere, di relazionarci

con l’esterno e con l’ambiente,

partendo prima di tutto

dai consumi. Non soltanto limitandoli

(da qui il calo delle

vendite) ma anche cambiando

l’uso degli oggetti; per divertirci,

per spostarci, per fare attività

sportiva. Un cambiamento

dei costumi, questo, che ha

nella bicicletta uno dei cardini:

è salutare, economica e divertente.

“La bicicletta come stile di

vita” è uno degli slogan su cui

la Federazione ha costruito la

propria identità, ben oltre gli

aspetti prettamente agonistici.

Se fino a qualche mese fa

appariva come una opzione

tra le tanti disponibili, adesso

è diventata una necessità.

Come la storia ci ha insegnato,

anche le crisi aiutano a migliorare

il mondo.


di Alfredo Vittorini

DOPO LE PROVE di Kalmthout,

in Belgio (vittoria di

Sven Nys su Niels Albert) e

Tabor (rivincita di Albert, Nys

“soltanto” 4°), la terza prova di

Coppa del mondo ciclocross

è tornata nella regione del Benelux

con la classica gara di

Pijnacker, in Olanda, in casa

del campione del mondo Lars

Boom che non ha perso l’occasione

per cogliere il suo primo

successo stagionale al cospetto

dei suoi connazionali,

giustamente soddisfatti ed orgogliosi

della performance del

ventitreenne atleta, fasciato dei

colori dell’iride, lo scorso gennaio,

sul circuito “Le Bandie” di

Spresiano (Treviso). Boom, in

verità, si era imposto a Pijnacker

anche l’anno scorso quando

si lasciò alle spalle ancora due

belgi, nell’occasione Bart Wellens

e Klaas Vantornout (Nys

quinto, Franzoi nono).

Un podio regale

Un podio regale, quello della

categoria Elite uomini, con

Albert (a 6”) e Nys (a 34”)

alle piazze d’onore. Albert

ha conservato, incrementandolo,

il suo

primato nella classifica

provvisoria di Coppa,

ripristinata dall’Uci anche

per le categorie Elite

uomini e donne, mentre

nelle ultime tre stagioni,

per queste due categorie,

la classifica veniva determinata

in base al ranking

Uci di fine stagione. Ci

pare una decisione ragionevole

che rende uniforme

il criterio di assegnazione

dei punteggi per

Coppa del Mondo - Terza prova a Pijnacker, in Olanda

Boom profeta in patria

CICLOCROSS

Primo centro dell’iridato davanti al suo pubblico. Podio regale con Albert e Nys ai posti

d’onore. Franzoi nella “top ten”. Conferma dei campioni europei nelle altre categorie: Eisin

(Juniores, azzurrini in luce), Walsleben (U23, bravo Ponta) e Kupfernagel (Donne)

tutte le categorie sulla base

della somma dei singoli punteggi

di ciascuna prova. Nell’albo

d’oro della Coppa ci piace

ricordare i successi finali di

Daniele Pontoni (1994/1995)

e Luca Bramati (1995/1996)

nella categoria open e Davide

Malacarne (2004/2005) per la

categoria juniores. Il plurivittorioso

resta Nys con sei vittorie

complessive, le ultime

quattro consecutive. Albert,

IL PODIO ELITE. IN BASSO, L’ARRIVO DI LARS BOOM

a sua volta, si era imposto due

volte da Under 23 e si pone,

con Boom, come il naturale

antagonista di Nys per i più

importanti obiettivi stagionali,

il Superprestige, la Coppa e

il mondiale.

Enrico Franzoi

nella “top ten”

Questa terza prova di Coppa,

corsa su un circuito di tre

chilometri, costeggiante un

piccolo lago, essenzialmentepianeggiamene

con

piccoli dislivelli,

tratti di sabbia e

qualche breve scalinata,

sarebbe apparsa

una sfida privata

tra olandesi e

belgi (ha conteso il

podio a Nys il solito

Bart Wellens) se

nella “top ten” non

si fossero inseriti

due corridori di

altra nazionalità: il

campione francese

Francis Mourey,

ottavo a 1’11” e il

nostro Enrico Franzoi, decimo

a 1’30”. Basta questo dato statistico

per dare il giusto rilievo

alla prestazione del nostro

atleta che ha gareggiato con

la maglia sociale del gruppo

professionistico Liquigas. Si è

difeso bene, ma deve crescere

ancora, il tricolore Marco Aurelio

Fontana, 24° a 4’15”, seguito

dal giovane Fabio Ursi

27° a 4’53”, Marco Bianco 34°

a 5’50”, Rafael Visinelli 47° a

un giro.

Marco Aurelio Fontana,

splendido interprete del

fuoristrada, ha reso noto

il suo programma stagionale,

ad altissimo livello,

che prevede la gara di

Mussolente (Trofeo Triveneto);

Asper-Gavere

e Diegem (Superprestige);

Koksijde, Nommay,

Zolder, Roubaix e Milano

(Coppa Uci); Follonica,

Lucca, Faè di Oderzo

e Verbania (Giro d’Italia

ciclocross); Lurago d’Erba

(Trofeo Lombardia);

Loenhout (Trofeo Gaz-

il Mondo del Ciclismo n.46

9


il Mondo del Ciclismo n.46

10

CICLOCROSS

zetta di Anversa); Modena

(meeting tricolore)

ed Hoogerheide (meeting

iridato).

L’en plein

di Eising

L’intenso programma

sportivo di Pijnacker era

iniziato con la prova Juniores,

seguita da quelle

degli Under 23 e delle

Donne (open). In queste

tre gare si è verificato un

curioso dato statistico:

hanno vinto i detentori

del titolo continentale

conquistato la scorsa

settimana a Lievin che

sono, poi, gli stessi che si erano

affermati nella precedente

prova di Coppa a Tabor, vale a

dire l’olandese Tijmen Eising

e i tedeschi Philipp Walsleben

ed Hanka Kupfernagel.

Lo junior Eising, degno emulo

del suo compagno di nazionale

Lars Boom, non si è

fatto sfuggire l’occasione di

festeggiare il fresco titolo continentale

davanti al pubblico

di casa, tenendo a debita

distanza i due belgi Sean De

Bie (bronzo a Lievin) e Wietse

Bosmans e il suo connazionale

Lars Van der Haar (vice

campione europeo). In evidenza

anche l’americano Luke

Keough, i cecki Jan Nesvadba

(4° a Lievin) e Radek Polnicky

(di primo anno). Anche gli azzurrini

non hanno deluso le

aspettative, ma questa volta

il più bravo è stato Luca Braidot,

decimo a 1’51”, davanti a

Bryan Falaschi, quinto a Lievin

e quindicesimo a 1’54”, a

Daniele Braidot, 24° a 3’31”, a

Fabio Alfonso Todaro, 27° a

3’47”, Daniele Dall’Oste, 28° a

4’11”, Alessandro De Rossi, 34°

a 5’13”.

Eising è primo a punteggio

pieno dopo le due gare di Coppa

riservate alla categoria juniores,

con largo margine su

Van der Haar e Bosmans; dal

10° al 14° posto Luca Braidot,

Bryan Falaschi e Daniele Braidot.

EISING IN AZIONE E, SOTTO, IL PODIO UNDER 23

Due tedeschi

sugli scudi

Nella categoria Under 23 il

ventunenne Walsleben teneva

a debita distanza i belgi Kenneth

Van Compernolle e Jim

Arenouts. Anche in questo

caso con le due vittorie consecutive

Walsleben è a punteggio

pieno con largo margine

sul francese Aurelien Duval e

sul belga Tom Meeusen. Eccellente

la prestazione del

friulano Marco Ponta, ottavo

a 1’07” dal vincitore.

Il bravissimo atleta del C.S.

Esercito-Asd Cycling Team

Friuli, è stato protagonista di

una gara stupenda, che lo ha

visto lottare per la terza posizione

fino a quando la caduta

di un corridore francese ha

frenato la sua marcia, costringendolo

a ripartire da fermo

dopo diversi secondi. Il tricolore

Cristian Cominelli, invece,

non andava oltre un 18°

posto (a 2’27”), che obiettivamente

non rispecchia, al momento,

le sue notevoli qualità

agonistiche e tecniche. I due

azzurri sono pedine fondamentali

per il direttore tecnico

Fausto Scotti in vista delle

prossime prove di Coppa e

della rassegna iridata di fine

gennaio. Non a caso, entrambi

furono grandi protagonisti

a Treviso nel meeting iridato

organizzato da Remo e Rudi

Mosole.

Nella gara femminile al vertice

del podio la campionessa

del mondo Hanka Kupfernagel,

perfetta replica del campionato

europeo a una settimana

di distanza, come era

successo nelle categorie juniores

e under 23 maschili.

La vittoria della Kupfernagel

è stata però contrastata fino

all’ultimo metro dalla statunitense

Katherine Compton,

giunta con soli 8” di distacco.

Da segnalare che la Compton

aveva vinto l’anno scorso a

Pijnacker. Terza (a 28”) la ceca

Katerina Nash, medaglia di

bronzo a Lievin.

Migliore azzurra Daniela Bresciani,

21^ a 3’48”, mentre la

giovane under 23 Veronica

Alessio terminava al 25° posto

a 4’56”. Nella classifica parzia-

le di Coppa, dopo tre prove, la

Kuperfnagel precede di ben

40 punti la sua rivale di sempre

Daphny Van den Brand e

la Pavla Havlikova.

La quarta prova di Coppa è

prevista per il 29/11 a Koksijde,

in Belgio. Intanto si ripropone

il Superprestige con

la terza prova di Asper-Gavere,

sede storica della challenge,

gara organizzata da Etienne

Gevaert da sempre presidente

dell’Associazione che ha creato

e gestito il Trofeo per 27

anni consecutivi.

Il panorama

internazionale

Alla vigilia della gara di Pijnacker

si era corsa la gara internazionale

di Eernegem, in

Belgio, dove l’implacabile Nys,

a cavallo della sua specialissima

Colnago, vinceva la sua

sesta gara stagionale superando

in volata l’idolo locale

Klaas Vantornout che questa

gara l’aveva vinta lo scorso

anno. A pochi secondi si piazzava,

al terzo posto, l’olandese

Thijs Al davanti al belga Dieter

Vanthourenhout e allo statunitense

Jonathan Page. Ottimo

sesto Enrico Franzoi, in

chiara crescita di forma. Dal

18° al 20° posto Marco Aurelio

Fontana e Marco Bianco.

Non erano presenti Boom,

Albert e Wellens i quali si sarebbero

scatenati l’indomani

a Pijnacker.


MARCO PONTA (FOTO TODARO). IN BASSO, BOOM E ALBERT

In concomitanza con Pijnacker

si è corso a Toronto, in Canada,

dove gli americani Jeremy

Powers, Tim Johnson e

Nicholas Weiighall saturavano

le posizioni del podio. L’italiano

Davide Frattini, portacolori

della squadra professionista

Colavita Sutter si classificava

al 16° posto. Nell’internazionale

di Frenkendorf, in Svizzera,

i corridori locali Lukas

Fluckiger e Pirmin Lang contenevano

le velleità di Jan

Chrobak, rappresentante della

Repubblica Ceca.

Il 23 novembre a Lucca la prima

gara internazionale in territorio

italiano, coincidente

con la terza prova del Giro

d’Italia ciclocross, poi a dicembre

sarà la volta di Faè di

Oderzo e Verbania e la fine di

gennaio a Milano con l’ultima

prova della Coppa del mon-

do, trentunesima edizione del

Trofeo Guerciotti.

Groenendaal

a Faè di Oderzo

La gara internazionale di Faè

di Oderzo, valevole per il Giro

d’Italia di ciclocross (8/12),

sarà presentata ufficialmente

giovedì 20 novembre alle

ore 20 presso la “Trattoria da

Bertola”, a Negrisia di Ponte di

Piave (Treviso). Gli organizzatori

hanno fatto sapere che

sarà reso omaggio all’olandese

Richard Groenendaal, il tren-

Risultati Pijnacker

CICLOCROSS

JUNIORES: 1. Tijmen Eising (Olanda); 2 Sean De Bie (Belgio) a 36”;

3. Wietse Bosmans (Belgio) a 45”; 4. Lars Van Der Haar (Olanda)

a 53”; 5. Luke Keough (Usa) a 1’07”; 6. Michiel Van der Heijden

(Olanda) a 1’11”; 7. Matthias Bossuyt (Belgio) a 1’12”; 8. Nesvadba

(R. Ceca) a 1’36”; 9. Jan Radek Polnicky (R. Ceca) a 1’43”; 10. Luca

Braidot (Ita) a 1’51”; 11. Bryan Falaschi (Ita) a 1’54”; 24. Daniele

Braidot (ita) 3’31”; 27. Fabio Alfonso Todaro (Ita) a 3’47”; 28. Daniele

Dall’Oste (Ita) a 4’11”; 34. Alessandro De Rossi (Ita) a 5’13”.

UNDER 23: 1. Philipp Walsleben (Ger) in 48’36”; 2. Kenneth Van

Compernolle (Bel) a 19”; 3. Jim Aernouts (Belgio) a 37”; 4. Mitchell

Huenders (Ol) a 39”; 5. Marek Konwa (Pol) a 45”; 6. Joeri Adams

(Bel) a 48”; 7. Tom Meeusen (Bel) a 1’01”; 8. Marco Ponta (Ita) a

1’07”; 9. Aurelien Duval (Fra) a 1’25”; 10. Arnaud Jouffroy (Fra) a

1’24”; 18. Cristian Cominelli (Ita) a 2’27”.

ELITE DONNE: 1. Hanka Kupfernagel (Ger) in 36’21”; 2. Katherine

Compton (Usa) a 8”; 3. Katerina Nash (R. Ceca) a 28”; 4. Saskia

Elemans (Ol) a 34”; 5. Daphny Van den Brand (Ol) a 44”; 6. Helen

Wyman (Gbr) a 52”; 7. Veerle Ingels (Bel) a 1’05”; 8. Pavla Havlikova

(R. Ceca) a 1’13”; 9. Sanne Cant (Fra) a 1’42”; 10. Christel Ferrier

Bruneau (Fra) a 1’43”; 21. Daniela Bresciani (Ita) a 3’48”; 25.

Veronica Alessio (Ita) a 4’56”.

ELITE UOMINI: 1. Lars Boom (Ol, Rabobank) in 1.02’30”; 2. Niels

Albert (Bel, Palmans Cras) a 6”; 3. Sven Nys (Bel, Landbouwkrediet

- Tonissteiner) a 34”; 4. Bart Wellens (Bel, Fidea Cycling Team) a

38”; 5. Sven Vanthourenhout (Bel, Sunweb Pro Job) a 56”; 6. Richard

Groenendaal (Ol) a 1’07”; 7. Kevin Pauwels (Bel, Fidea Cycling

Team) a 1’10”; 8. Francis Mourey (Fra, Française Des Jeux) a 1’11”; 9.

Klaas Vantornout (Bel, Sunweb Pro Job) a 1’27”; 10. Enrico Franzoi

(Ita, Liquigas) a 1’30”; 24. Marco Aurelio Fontana (Ita) a 4’15”; 27.

Fabio Ursi (Ita) a 4’53”; 34. Marco Bianco (Ita) a 5’50”; 47. Rafael

Visinelli (Ita) a 1 giro.

tasettenne campione olandese

che, proprio nell’ultimo anno

della sua gloriosa carriera, ha

deciso di onorare la manifestazione

che fa capo alla famiglia

Barattin, presentandosi ai

nastri di partenza per cogliere

il massimo risultato in una

gara che annovera già nel suo

albo d’oro tre successi di Daniele

Pontoni, negli anni dal

2002 al 2004.

Richard, per ben undici anni

consecutivi portacolori della

squadra professionistica

Rabobank, vanta nel suo palmares

11 titoli nazionali, due

campionati del mondo (juniores

ed elite), tre edizioni di

Coppa del Mondo e due Superprestige.

Più di 70 le gare

internazionali vinte, tra le

quali anche quelle di Coppa

nel 1996 a Prata di Pordenone

e nel 2000 a Bergamo.

il Mondo del Ciclismo n.46

11


il Mondo del Ciclismo n.46

12

ANNIVERSARIO

ABBIATEGRASSO - Celebrati i 60 anni del glorioso sodalizio locale

di Vito Bernardi

“LA FEDERAZIONE CI-

CLISTICA ITALIANA che

mi onoro di presiedere, è la

somma di tantissime Società

come la Vostra, presenti a 360

gradi nel mondo del ciclismo,

pur fra tante difficoltà, dall’attività

su strada al fuoristrada,

alla pista e, quando celebriamo

le medaglie e le vittorie,

celebriamo le Società!”

Con queste parole iniziava il

saluto di adesione alle celebrazioni

del “Sessantesimo” che il

Presidente Nazionale Renato

Di Rocco, impossibilitato

a presenziare, ha indirizzato

al Velo Sport Abbiategrasso e

che è stato letto nell’Auditorium

dal Dott. Sergio Meda,

capo ufficio stampa della

RCS-Gazzetta dello Sport e,

per l’occasione, prestigioso

ambasciatore di Di Rocco che,

alla fine della lettura, si è unito

agli applausi dei tantissimi

simpatizzanti presenti dando

inizio alle celebrazioni rievocative

di questa lunga storia

iniziata nel 1948 da un gruppo

di appassionati e continuata

tuttora dal presidente Vito

Romanò supportato da tutto il

Consiglio societario.

La storia, sempre lei rimane a

raccontare tutto di noi! Con

questo slogan sabato 8 novembre,

nell’ex Convento dell’Annunciata,

gentilmente messo

a disposizione dall’Amministrazione

Comunale abbiatense,

il Velo Sport Abbiategrasso

del presidente Vito Romanò

ha celebrato i suoi 60 anni di

vita iniziati nel primo dopo

guerra quando, presso il Caffè

del Carmine, fu inaugurata la

prima sede dove si riunirono

i 22 Soci del “Velo”, rimanendo

punto di riferimento del ciclismo

abbiatense per ben 45

anni, prima di passare all’attuale

sede.

In questi primi 60 anni sono

state organizzate oltre 400

gare, conquistate circa 1600

Il “Velo” nella storia

Organizzate oltre 400 gare, conquistate circa 1600 vittorie

e tesserati più di 1700 atleti. Il messaggio di Di Rocco

vittorie e tesserato più di 1700

atleti quattro dei quali, Ivana

Magro, Mauro Banfi, Guerrino

Tosello e Giuseppe Buratti,

hanno gareggiato con successo

anche tra i professionisti.

Il “Velo” si fregia altresì della

Stella d’Argento al merito

sportivo assegnatali dal Coni

nel 1999 mentre, nel 1955 la

Federciclismo conferì al VS

Abbiategrasso il “Nastro Azzurro”.

Sabato, per festeggiare questo

anniversario speciale, si sono

riuniti moltissimi simpatizzanti

del “Velo” (come è chiamato

dai supporters, da sempre,

la ciclistica cittadina), con

in testa il Sindaco Roberto Alberti,

il presidente della FCI

Lombardia.

Oreste Casati, il Socio con la

tessera n. 01, Zafferino Osnaghi

e quattro dei Soci fondatori,

Giuseppe e Luigi Bozzi,

Marco Cislaghi ed Ermanno

Bignami che, assieme ai cinque

presidenti viventi, Piero

Lattuada, Achille Radice, Luciano

Strada, Marco Daghetta

e Vito Romanò, hanno formalmente

insediato l’ex professionista

bi-campione del mondo,

Gianni Bugno, alla carica di

Presidente Onorario del sodalizio

grigio-rosso, nomina

che è stata approvata con un

fragoroso applauso dalle centinaia

di sportivi presenti tra

i quali anche gli ex professionisti

Guerrino Toselli, Mauro

Banfi, Ivana Magro, Massimo

Apollonio e Andrea Noè, quest’ultimo,

tuttora in attività.

I festeggiamenti per i “60

anni del Velo Sport Abbiategrasso...

60 anni di ciclismo

ad Abbiategrasso” si sono

conclusi domenica con una

S. Messa presso la chiesa di

Castelletto, seguita dal tradizionale

pranzo sociale con

la partecipazione di circa 50

ALCUNI MOMENTI DELLA FESTA (FOTO PISONI)

corridori tesserati per la prossima

stagione agonistica, dalle

categorie Giovanissimi agli

Allievi, e tutto il Consiglio Direttivo

del sessantesimo che

è così composto: Presidente

Onorario: Gianni Bugno; Effettivo:

Vittorino Romanò;

Vicepresidenti: Giorgio Gallone

e Gianfranco Trabucchi;

Segretario: Andrea Ruboni;

Vicesegretario: Alberto Vassalli;

Cassiere: Luca Arrara;

Vice Cassiere: Natale Asmonti;

Consiglieri: Romano Romanò,

Ercole Cattoni, Severino

Tosello, Angelo Cislaghi,

Angelo Galli, Mauro Villa,

Gigi Ghelardi, Beppe Cislaghi,

Marco Tosello, Fabio Cislaghi,

Giacomo Bozzi, Mario

Cattoni, Felice Genovese,

Giancarlo Nolli, Luca Mariani,

Tonino Valentino, Mimmo

Palella, Mario Barbieri,

Mario Garegnani, Giuseppe

Restelli e Simone Nera.


CRONACHE DELLE GARE

Ciclocross - Trofeo Lombardia Memorial Lele Dall’Oste

Damiani e Cucciniello

sul gradino più alto

LUCA DAMIANI (FOTO SONCINI)

di Michele Pireddu

MEZZANA CORTI (PV)

(9/11) - E’ stata una giornata

di cross stellare per la frazione

Rotto di Mezzana Corti

nel comune di Cava Manara,

una località alle porte di Pavia.

Oltre 140 partecipanti

per questo secondo appuntamento

con il Trofeo Lombardia

Memorial Lele Dall’Oste,

ESORDIENTI 1° ANNO: 1. Manuel

Todaro (SC Cadrezzate); 2. Alessio Fazzolari

(Fiorin) a 23”; 3. Manuele Bonfanti (Pedale

Morbegnese) a 23”; 4. Mario Meris

(Cicloteam Nembro) a 44”; 5. Jacopo Dal

Barba (SC Cadrezzate).

ESORDIENTI 2° ANNO: 1. Gioele Bertolini

(Alpin Bike); 2. Marco Guidi (Esercito Selle

Italia); 3. Gabriele Bellan (VC Muggiò); 4.

Alessio Fornoni (Costamasnaga); 5. Daniele

Cintori (Serramazzoni).

ALLIEVI 1° ANNO: 1. Riccardo Redaelli

(Fiorin); 2. Edoardo Rossi (Selle Italia

Esercito); 3. Manuel Cucciniello (VC

Muggiò); 4. Francesco Mazza (Colnago Filago

Arreghini); 5. Thomas Ricci (Serramazzoni).

ALLIEVI 2° ANNO: 1. Tommaso Caneva

(Alpin Bike); 2. Fabio Bergomi (Alpin Bike);

3. Simone Petilli (Capiaghese); 4. Alessio

Battista (Fiorin); 5. Luca Silvestri (Alpin Bike).

JUNIORES: 1. Cristian Sonzogni (Libero

Grande partecipazione di atleti e di pubblico nella seconda prova

a Mezzana Corti. Tutti i vincitori delle rispettive categorie

organizzato dalla New Team

Ticino Green, in stretta collaborazione

con l’amministrazione

comunale. Erano presenti

anche il vicepresidente

nazionale FCI, il pavese Davide

D’Alto e il presidente provinciale

di Pavia, Augusto Ferrari.

La gara si è aperta con la

partenza dei Giovanissimi G6

maschile e femminile ed è subito

vittoria per il giovane di

Castano Primo, Manuel Todaro

(Team Carimate). A sfilare

tutte le altre categorie: tra gli

Esordienti brilla Gioele Bertolini

e tra gli Allievi il successo

premia Tommaso Caneva,

entrambi del Team Alpin Bike

Edilizi. Tra le donne Allieve

1° e 2° anno primeggiano Maria

Confalonieri e Alice Maria

Arzuffi del Team Cicli Fiorin

Despar. Tra gli Juniores affermazione

del giovane Cristian

Classifiche

Sonzogni (Libero

Ferrario Parabiago).

Tra le Donne Junior-

Under-Elite-Amatori

prestazione maiuscola

della solita Francesca

Cucciniello (Selle

Italia Guerciotti), con

la campionessa d’Italia

Juniores 2008,

Stefania Vecchio (Cicli

Fiorin Despar), al

suo rientro dopo l’infortunio

in Coppa del

Mondo, al terzo posto

dietro Elisabetta

Borgia, prima tra le

Under. Tra gli open

da segnalare l’ottima

prestazione di Luca

Damiani, in forza alla Colavita-Sutter

Home, mentre tra

gli Over 40 exploit del pavese

Davide Bertoni. Infine, tra gli

Amatori, da segnalare la bel-

Ferrario); 2. Emanuel Simoncini (Selle

Italia Guerciotti); 3. David Guzzardi (Team

Bramati); 4. Nicolas Samparisi (Macosta

Team); 5. Andrea Cintori (Serramazzoni).

OPEN: 1. Luca Damiani (Colavita-Sutter

Home); 2. Manuele D’Avola (Fiorin); 3. Laerte

Nannini (Felt International); 4. Flavio Alex

Longhi (GS Daccordi); 5. Daniele Mensi (Felt

International).

AMATORI 19/39: 1. Emilio Caroni (Team

Caroni); 2. Roberto Barone (Mtb La Fenice);

3. Cristian Perotti (Kuota Carimate).

OVER 40: 1. Davide Bertoni (Olympia

Lacchiarella); 2. Antonio Savio (New Team);

3. Giandomenico Pietta (Casalese).

DONNE ESORDIENTI 1° ANNO: 1.

Rebecca Gariboldi (Bicimania Lissone); 2.

Alessandra Musa (Cicli Fiorin Despar).

ALLIEVE 1° ANNO: 1. Alice Maria Arzuffi

(Fiorin-Despar); 2. Martina Galliani (VC

Muggiò-Fiscal Office).

FRANCESCA CUCCINIELLO (FOTO SONCINI)

la impresa del milanese Emilio

Caroni (Team Caroni). La

speciale classifica per società

è stata appannaggio del team

Cicli Fiorin Despar.

ALLIEVE 2° ANNO: 1. Maria Giulia

Confalonieri (Fiorin-Despar); 2. Martina

Fumagalli (Bicimania Lissone); 3. Jasmine

Dotti (Pol. Molinello).

DONNE JUNIORES: 1. Alessia Ferrari (Cicli

Fiorin-Despar); 2. Samantha Pagani (Cesano

Maderno); 3. Giulia Remondina (Fiorin).

DONNE UNDER: 1. Elisabetta Borgia

(Guerciotti-Selle Italia); 2. Stefania Vecchio

(Fiorin-Despar); 3. Sabrina Conca (Dilà

Guerciotti).

DONNE ELITE: 1. Francesca Cucciniello

(Selle Italia-Guerciotti); 2. Aline Parsy

(Pedale Madelenois).

DONNE AMATORI: 1. Maria Elena

Mastrolia (Mtb La Fenice).

CLASSIFICA PER SOCIETÀ: 1. Cicli

Fiorin-Despar, punti 761; 2. VC Muggiò-

Fiscal Office, 251; 3. Alpin Bike-Edilbi Team,

163 a pari merito con la Scuola Ciclismo

Cadrezzate.

il Mondo del Ciclismo n.46

13


il Mondo del Ciclismo n.46

14

CRONACHE DELLE GARE

Ciclocross - 17° Trofeo Città di Bolzano, Trofeo Triveneto GP Mosole

VADENA (BZ) (2/11) - Le vittoria

di Thomas Paccagnella

fra gli élite e quella del sardo

Aru tra gli under 23 hanno

hano chiuso al Safety Park di

Vadena la prima prova altoatesina

(la seconda si è disputata

il 9 novembre a Laives) del 29°

Trofeo Triveneto Ciclocross

2008/2009 - G.P. Calcestruzzi

Mosole. Nella gara più attesa,

appunto quella degli élite,

Thomas Paccagnella è stato

al comando in compagnia di

Gambino e Fontana per metà

gara, poi ha salutato tutti ed è

andato a tagliare il traguardo

con le mani al cielo.

Nel finale c’è stato un ritorno

di Alessandro Gambino che ha

chiuso dietro al vincitore staccato

di 7 secondi. Fontana, invece,

è giunto terzo con un ritardo

di 17” dal vincitore.

Nella categoria Under 23 Fabio

Aru, già protagonista con

la maglia azzurra, ha dimostrato

di possedere i numeri

del grande ciclista ed a Vadena

ci è giunto con un solo obiettivo,

riconfermare la vittoria di

Villa Lagarina e nessuna paura

di fallire. Il ciclista sardo ha

dominato fra terminando i 14

giri del circuito - 2 chilometri

del Safety Park - in 1h00’08”.

Dietro al portacolori della società

Sarda Sottozero Ozierese

PACCAGNELLA TRA GAMBINO E FONTANA

Paccagnella e Aru

partono in testa

La gara di apertura del Challenge ha visto il veneto e il sardo

dominare tra élite e under 23. Assegnati i titoli provinciali di Bolzano

si sono piazzati Mirko Tabacchi

e Manuele D’Avola, staccati

rispettivamente di 22 e 54

secondi. Ottima, nonostante

si sia fermato ai piedi del podio,

la prova del bolzanino del

Team Suedtirol Kevin Leveghi

che, piazzandosi al 4° posto, ha

ottenuto i punti necessari per

la conquista della leadership

I CAMPIONI PROVINCIALI DI BOLZANO

provvisoria del Trofeo Mosole

ed il titolo di campione provinciale.

Fra gli Juniores si è

imposto, dopo una gara combattutissima

Andrea Righettini,

dell’Arcobaleno Carraro

Team, davanti ad Alessandro

De Rossi e Nicola Gadotti, entrambi

del club Moro Scott

Bicycle Line. Nella stessa gara

si è messo in evidenza anche

il bolzanino Manuel Cazzaro

che, terminando la prova

in quinta posizione, ha centrato

l’obbiettivo della maglia di

campione provinciale. Vitto-

Ordini di arrivo

rie di Federico Zurlo (ASD Postumia)

tra gli allievi, di Marco

Guidi (Selle Italia Esercito) tra

gli esordienti, di Maria Alice

Arzuffi (GS Cicli Fiorin) tra le

donne allieve e di Sara Romanin

(Moro Scott) tra le donne

Esordienti. Hanno conquistato

il titolo di Campione Provinciale

M. Olivotto (Allievi), A.

Tomasini (donna Allieva), H.

Santifaller (donna esordiente),

N. Bresciani (Donna Elite), S.

Tavella (master Woman), I. Tavella

(Elite), K. Leveghi (U23),

M. Innerhofer (donna Junior),

L. Zanon (M1), D. Galvan

(M2), P. Perini (M3), J. Martin

(M4), M. Dalla Paola (M5), G.

Demetz (M6), E. Tavella (M7).

La manifestazione, preceduta

da una gara promozionale riservata

alle categorie giovanissimi

(G1-G6), organizzata dal

Centro Ciclocross Ussa Bolzano

presieduto da Bruno Falcomatà,

ha raccolto molti consensi

fra i numerosi atleti (oltre

200 al via), che hanno apprezzato

le caratteristiche tecniche

del tracciato e le infrastrutture

del SAFETY PARK, uno dei

più importanti centri di guida

sicura a livello europeo. R.R.

ELITE: 1. Thomas Paccagnella (Asd Cottalec); 2. Alessandro

Gambino (CS Esercito) a 7”; 3. Alessandro Fontana (GS

Forestale) a 17”. UNDER 23: 1. Fabio Aru (Sarda Sottozero

Ozierese); 2. Mirko Tabacchi (Arcobaleno Carraro Team) a

22”; 3. Manuele D’Avola (GS Cicli Fiorin) a 54”. JUNIORES: 1.

Andrea Righettini ( Arcobaleno Carraro Team); 2. Alessandro

De Rossi ( Moro Scott Bicycle Line); 3. Nicola Gadotti (idem).

ALLIEVI: 1. Federico Zurlo (ASD Postumia). ALLIEVE: 1.

Maria Alice Arzuffi (GS Cicli Fiorin). ESORDIENTI: 1. Marco

Guidi ( Selle Italia Esercito). ESORDIENTI F: 1. Sara Romanin

( Moro Scott).


BMX - Col Trofeo Lombardia si è chiusa la stagione agonistica

di Fortunato Chiodo

CREMONA (26/10) - Il ciclismo

è sempre in grado di offrire

spettacoli straordinari a

tutti i livelli, e una atmosfera

magica, al centro del mondo,

con una voglia incontenibile.

Un vero bagno di folla allo

“Bmx Stadium” al Parco del

Po di Cremona, per la quarta

prova del Trofeo Lombardia,

patrocinato dal Bmx Action

con “timoniere” Josè Cimbali.

Ancora una volta il piemontese

Zampieri ha fatto valere

le sue qualità e si è aggiudicato

la prova degli open, La

Bmx Action Cremona non ha

potuto schierare al via lo junior

azzurro Roberto Cristofoli,

ma ha potuto ammirare

il suo giovane rappresentante

Edoardo Pintus. Il tricolore,

malgrado alcune peripezie, ha

avuto accesso alla finalissima

ottenendo il posto d’onore assoluto

alle spalle di Nicolò Paresini.

CLASSIFICHE: Apripista : 1.

Mattia Zuin; 2. Nogare; G1: 1.

Edoardo Pintus (Bmx Action

Cremona; 2. E. Brambilla; 3.

Sciortino; G2 : 1. Nicolò Paresini (

Vigevano); 2. Sarluca; 3. Pescarolo

(Vigevano): G3 : 1. Alessio

Budelli (Besnate); 2. Brambilla: 3.

Beccaria; G4: 1. Marti Sciortino

(Olgiatese); 2. Bonini; 3. Gioco;

G5 : 1. Giulia Panzeri (Olgiatese);

2. Greco; 3. Sangalino; G6: 1.

Fabrizio Morelli (Olgiatese); 2.

Panzeri; 3. Pierobon; Esordienti :

1. Marco Cassanelli (Olgiatese); 2.

Clerici; 3. Bana; Allievi: 1. Matteo

Caprarulo (Vigevano); 2. Botti; 3.

Vasale; Open : 1. Livio Zampieri

(Cuneo); 2. Fusani; 3. Cocchetti;

Cruiser: 1. Marco Cassanelli

(Olgiatese); 2. Senno; 3. Giudici.

di Michele Pireddu

VIGEVANO (PV) (2/11) - Un

entusiasmante finale di stagione

sulla pista di BMX di Vigevano

nell’impianto Bike Air

di Via Carrel dove sì è disputata

l’ultima prova del Trofeo

Lombardia, splendidamente

organizzata dalla società di

casa IMS Accia Speciali-La

Sgommata, con ai nastri di

partenza ben 90 atleti di tutte

le categorie, tra cui 3 atleti

provenienti dalla Francia che

sono, tra l’altro, ai vertici delle

classifiche internazionali.

Questa gara era in programma

per il 28 settembre u.s. ma

venne rinviata per maltempo.

Ben 10 apripista hanno fatto

da apertura alla manifestazione,

ragazzini dai 3 ai 6

anni che si cimentano in questo

sport con tanta passione e

determinazione. A portare in

alto i colori sociali della cittadina

ducale, ci hanno pensato

Pastore Vittorio che ottiene il

2° posto con Spinelli Andrea

subito dopo al 3° posto, Lorenzo

De Angli con il 7° posto

e Balasco Matteo con l’8°

posto.

Nella categoria G1 è arrivata

la prima vittoria in casa IMS

Acciai Speciali La Sgommata,

grazie al fortissimo Zangirolami

Andrea, al 1° anno di attività,

ha quasi vinto tutte le

gare fin ora disputate dimostrando

la sua forte superiorità

fisica e tecnica. Altra significativa

vittoria nella categoria

G2 dove sale sul gradino più

alto del podio il plurivittorioso

Nicolò Parisini, vincitore di

un’agguerrita finale, dove ben

figurava Luca Pescarolo, altro

atleta di elevata caratura della

scuderia Vigevanese che otteneva

il 3° posto dopo aver disputato

delle ottime manche

di qualificazione. Da segnalare

anche il buon 4° posto ottenuto

da Giacomo Caresana eil

7° posto ottenuto da Mastella

Diego.

Nella categoria G3 arrivano

due altri brillanti piazzamenti

ottenuti da Bonometti Roberto

3° classificato e Giulia Caprarulo

quarta.

Nella categoria G5 Greco Antonio

e Stangalino Marco si

davano battaglia per ottenere

il 1° posto in classifica generale

e hanno così disputato una

agguerrita, ma nello stesso

tempo corretta finale, giungendo

così rispettivamente al

4° e al 5° posto.

Di nuovo a podio la società

ducale nella categoria esordienti

dove Davide Clerici

arrivava 3° in finale e riusciva

a metter dietro di se diversi

atleti di categoria superiore.

Da rilevare due altri buoni

piazzamenti in questa categoria,

ottenuti da Santagostini

Matteo che chiudeva all’ 8°

posto e da Cambieri Edoardo

che giungeva 11°.

Ma la vittoria è tornata subito

tra le file del team ducale in

categoria allievi dove uno strepitoso

Botti Cesare coglieva il

suo personale secondo successo

stagionale, autore di strepitose

performance di qualificazione

che hanno evidenziato

l’elevata qualità tecnica raggiunta

da questo atleta. Al secondo

posto l’altro alfiere di

casa, una delle colonne portanti

della società, il sempre

presente Caprarulo Matteo

che nonostante una non perfetta

forma fisica ha disputato

una gara eccezionale.

Nella specialità Cruiser un’altra

vittoria per il team ducale

ottenuta da Senno Davide ormai

diventato uno specialista

di questa categoria, con il terzo

posto per Bovolenta Christian

e il 7° posto per Stangalino

Maurizio.

Finale di gara con la massima

CRONACHE DELLE GARE

Zampieri e Giordano big

Il piemontese a Cremona e il francese a Vigevano sul primo

gradino del podio tra gli élite. I giovanissimi danno spettacolo

categoria, la gara open, composta

dalle categorie master,

junior ed elite.

Dominio assoluto del forte

atleta Francese Giordano Jerome

che ha dato saggio della

sua forza stravincendo tutte le

manche di qualificazione e la

finale. Buon secondo posto ottenuto

da Zampieri Livio, forte

atleta specialista di 4 cross che

sta ottenendo ottimi risultati

anche in bmx. Sul terzo gradino

del podio l’atleta di casa

Luca Fusani che quest’anno

ha dato grandi soddisfazioni

alla società vigevanese soprattutto

nel downhill.

CLASSIFICHE

APRIPISTA: 1. Mattia Zunin

(Besnate); 2. Pastore; 3. Spinelli;

1. Andrea Zangirolami (BMX

Vigevano-La Sgommata); 2.

Pintus; 3. Troiani; G2: 1. Nicolò

Parigini (BMX Vigevano-La

Sgommata); 2. Sarluca; 3.

Pescarolo; G3: 1. Alessio Budelli

(Besnate); 2. Ossuzio; 3. Sonetti;

G4: 1. Marti Sciortino (Olgiatese);

2. Bovini; 3. Milan; G5: 1. Maxim

Bringer (La Colle Fr.); 2. Panzeri;

3. Grazian; G6: 1. Fabrizio

Moretti (Olgiatese); 2. Panzeri;

3. Grazian; ESORDIENTI: 1.

Marco Cassanelli (Olgiatese); 2.

Giustacchini; 3. Clerici; ALLIEVI:

1. Cesare Botti (BMX Vigevano-

La Sgommata); 2. Caprarulo; 3.

Vasale; OPEN - JUNIORES: 1.

Carlino Paolo carnevale (BMX

Vigevano-La Sgommata); OPEN-

ELITE: 1. Jerome Giordano

(La Colle Fr:)); 2. Zampieri; 3.

Grandi; OPEN - MASTER: 1.

Luca Fusani (BMX Vigevano-

La Sgommata); 2. Cocchetti; 3.

Pagetti; CRUISER MASTER

UNDER: 1. Davide Senno

(BMX Vigevano-La Sgommata);

2. Balestracci; 3. Bovolenta;

CRUISER MASTER OPEN:

1. Stefano Budelli (Besnate); 2.

Martino; 3. Giudici.

il Mondo del Ciclismo n.46

15


il Mondo del Ciclismo n.46

16

CRONACHE DELLE GARE

Marathon - Circuito dei Parchi Naturali, 12° Trofeo MTB Lago di Fondi

di Giovanni Maialetti

FONDI (LT) (19/10) - Delli

Noci e D’Auria hanno tagliato

per primi il traguardo nel

12° Trofeo MTB Lago di Fondi

Marathon (km 61) e Gran

Fondo (km 42), gara valevole

quale ultima prova del Circuito

dei Parchi Naturali (Basilicata,

Campania, Lazio, Molise,

Puglia) e nona prova del

campionato Marathon Lazio

(FCI). Ad organizzare il tutto

l’ASD Cicloamatori Fondi su

un percorso del lago di Fondi,

con la severa salita di Portella

a Monte San Biagio. Partenza

dall’oasi naturale del Laghetto

Alfieri con al via numerosi e

titolati campioni del fuoristrada,

tra cui Paolo Alberati, già

vincitore di 4 edizioni, e subito

grande protagonista. Nella

prima asperità, dopo 14 chilometri

dalla partenza, precede

Della Rocca, Notarangelo,

Dellinoci, Carrer e Fraiegari,

ma poi sull’ascesa di Monte

San Biagio allunga e porta

a 1’30” il vantaggio sui primi

inseguitori. Nel tratto fina-

le il colpo di scena che taglia

fuori dalla gara: rompe la catena

ed è costretto a fermarsi.

Sulla successiva discesa Notarangelo

balzava al comando

distanziando un gruppetto di

4 elementi. Ma anche lui è costretto

a fermarsi per foratura.

In testa rimanevano Della

Rocca, Carrer e Delli Noci,

che si giocavano la vittoria in

volata, con Delli Noci mattatore.

A seguire, con leggero ritardo,

concludevano Fraiegari,

Maggi, Cofano, e, via via, tutti

gli altri. Tra le donne vittoria

della “fondista”. Monika Manuela

Mancini.

Nella Gran Fondo (km 42)

successo del campione locale

Giovanni D’Auria (Fans Bike

Fondi), davanti il capitolino

Mountain Bike - 2° XC Parco del Po e del Morbasco

di Fortunato Chiodo

GERRE DE’ CAPRIOLI (CR)

(1/11) - Fabio Pasquali mette

il turbo e stacca tutti i migliori

bikers, spalleggiato dal suo

compagno di squadra Gian

Paolo Fappani della Pennelli

Cinghiale. Questo il risultato

finale del 2° XC Parco del

Po e del Morbasco, manifestazione

patrocinata dal CC

Cremonese 1891 Mtb; meeting

che ha messo tutti quanti

a dura prova sul terreno

reso fangoso dalla pioggia.

Quasi due centurie di bikers,

una nutrita lista, al via, a conferma

della spettacolarità

dell’evento, ricco di difficoltà,

ma ben gestito dal direttore

di corsa Antonio Pegoiani.

Delli Noci e D’Auria

primi della classe

Sfortunato Alberati costretto a fermarsi per guasto meccanico mentre

era solo al comando. Tra le donne vincono Mancini e Colaguori

Subito dopo il via, vanno in

avanscoperta Gian Paolo

Fappani, Fabio Pasquali, Elio

Gallina e Fabio Bonfanti. Il

quartetto fa subito il vuoto

lasciandosi alle spalle anche

tanti giovani dilettanti di

spicco.

Generoso e combattivo, Pasquali

nella fase centrale incrementa

il ritmo e stacca i

suoi rivali, dimostrando anche

di avere forza e resistenza.

Una vittoria che va ad impreziosire

la sua collezione.

MARATHON (km 61) - UOMINI: 1. Delli Noci Andrea (GS

Cicli Ecoprini); 2. Della Rocca Vincenzo (Infotre Lee Cougan);

3. Carrer Maurizio (ASD Racing Team Eurobike); 4. Fraigari

(ASD F. Moser Cyclin Team); 5. Maggi; 6. Cofiano; 7. Belgiovine;

8. Pallino; 9. Mance; 10. Notarangelo.. DONNE: 1. Mancini

Manuela Monika (Cerrano Outdoor)

GRAN FONDO (km 42) - UOMINI: 1. D’Auria Giovanni (ASD

Gs Fans Bike Fondi); 2. Capponi Stefano (Pro Bike Riding Team);

3. Rotelli Marco (ASD Il Biciclo New Limits); 4. Reali Giampaolo

(Eagles Bike Sermoneta); 5. Palmacci Angelo (ASD Racing Bike);

6. Alonzi; 7. Musilli; 8. Rocco; 9. Fusco; 10. Moscone. DONNE

(Gran Fondo km 42): 1. Colaguori Federica (ASD Green Riders).

GIOVANI: 1. Rocco Salvatore (ASD Center Bike); 2. D’Aurora

Donato (GC Sferra Cavallo); 3. Menduni Stefano (MTB Castel

Cor).

Stefano Capponi (Pro Bike

R.T.) e Marco Rotelli (Il Biciclo

N.L.). Nella gara femminile si

confermava Federica Colaguori

(Green Riders), mentre tra i

Ordini di arrivo

giovani il successo arrideva a

Salvatore Rocco (Center Bike),

con Donato D’Aurora (Sferra

Cavallo) e Stefano Mendini

(MTB Castle) ai posti d’onore.

Pasquali, atto di forza

L’alfiere della Pennelli Cinghiale allunga nel finale e vince per distacco.

Gallina e Bonfanti sul podio

Ordine di arrivo

1. Fabio Pasquali (Pennelli Cinghiale) in 1h23’30” media

33,050 km/h; 2. Elio Gallina (Team Sfrenati) a 48”; 3. Fabio

Bonfanti (Pedale Fidentrino) a 51”; 4. Gian Paolo Fappani

(Pennelli Cinghiale) a 55”; 5. Francesco Ferrari (Pedale

Fidentino) a 3’07”; 6. Renzo Zanelli (Unidelta Arvedi) a 6’15”;

7. Mauro Sardini (Barco Racing) st;8° Fabio Ladini ( CC

Cremonese Arvedi ) st; 9. Pietro Veronesi (Superbike Team )

a 6’18”; 10. Marco Mangiarotti (CC Cremonese Mtb) a 7’6”;

11. Luca Bassi (Masanlà Piscina Laghetto CR) a 7’26”; 12.

Davide Boni (Team Novagli) a 7’27”; 13. Stefano Severgnini

(Tbr Mertida ) a 7’28”; 14. Sergio Cima (Team Guadrini

Casalmorano CR) a 7’52”; 15. Dario Benini ( Rampi Team ) a

8’21”.


Donne Allieve e Esordienti - 7 a Medaglia d’Oro Fratelli Zamengo

di Francesco Coppola

STIGLIANO DI SANTA

MARIA DI SALA (VE) - Pur

non avendone l’ufficialità è

mancato poco che la 7a edizione

della Medaglia d’Oro

Fratelli Zamengo avesse tutte

le caratteristiche di un appuntamento

internazionale. A

renderlo tale è stata la partecipazione

della nazionale femminile

dell’Austria ma anche

l’organizzazione che il Gs San

Marco Stigliano di Santa Maria

di Sala ha messo in campo.

La competizione, che da

anni rappresenta un appuntamento

di grande richiamo

per il settore giovanile, è stata

preparata in ogni dettaglio da

quello straordinario e vulcanico

personaggio quale è Bruno

Carraro che di sicuro con i

suoi infaticabili collaboratori

(primi fra tutti Luciano Martelozzo)

ha fatto fare un gran

salto di qualità al Memorial

Fratelli Zamengo. Una manifestazione

voluta già in passato

dall’ex consigliere provinciale

della Fci e decano dei direttori

di corsa Angelo Zamengo. Ad

imporsi nella gara, alla quale

hanno partecipato 150 atlete,

suddivise in due categorie,

sono state la vicentina Viviana

Gatto (Avantec Breganze Cavalera),

tra le allieve e la trentina

Anna Zita Stricker (Cristoforetti-Fondriest).

La Medaglia

d’Oro Fratelli Zamengo, preparata

a Stigliano di Santa Maria

di Sala, la città italiana che

ha portato il maggior numero

di atleti al professionismo, ha

assegnato anche i titoli provinciali

della categoria. Ad aggiudicarsi

le ambite e candide

maglie messe in palio dalla Federciclismo

Veneziana presieduta

da Fabrizio Olia, sono

state Giovanna Michieletto

(Bee on Bike) tra le esordienti

del 1° anno e Chiara Mercante

(Sorgente Pradipozzo) tra

quelle del 2° anno; mentre il titolo

allieve è stato vinto da Va-

Gatto e Stricker regine

lentina Zorzetto (Mirano). Ad

inaugurare la manifestazione

sono state le 80 concorrenti

esordienti che si sono date battaglia

nel nuovo circuito di 4,8

km che è stato ripetuto 6 volte.

La gara non ha offerto grandi

sussulti e soltanto in occasione

degli sprint per l’assegnazione

dei ricchi traguardi

volanti si è infiammata. Nonostante

tutto il gruppo è rimasto

compatto e ad assegnare

la vittoria è stata la tiratissima

volata a ranghi compatti.

Netto è stato il successo della

trentina portacolori della Cristoforetti,

Anna Zita Stricker

che ha preceduto le vicentine

dell’Avantec, Cristiana Caramella

e Laura Tasca. La velocista

trentina a Stigliano ha ottenuto

il terzo centro stagionale.

Più vivace la prova delle allieve

che sono state impegnate

sullo stesso circuito ripetuto

10 volte. Dopo alcune tornate

quasi “piatte” la gara è entrata

nel vivo a metà percorso quando

a rompere gli indugi, dopo

vari tentativi di allungo, sono

state la vicentina Viviana Gatto

(Avantec) e la trentina Maria

Franchini (Team Trentino).

Le due atlete si sono avvantaggiate

sul gruppo e subito dopo

non c’è stata più storia. Gatto,

che è di Breganze, successivamente

ha distanziato di due

ATTIVITÀ GIOVANILE

I titoli veneziani sono andati a Michieletto, Mercante e Zorzetto

UN MOMENTO DELLA PREMIAZIONE

Ordini di arrivo

biciclette la compagna d’avventura

e si è presentata da

sola al traguardo ed ha ottenuto

la prima vittoria del 2008.

Il gruppo, regolato dalla trentina

Boza, è arrivato con 10”

di ritardo. A premiare le atlete

sono state il consigliere regionale

Italo Bevilacqua ed il

presidente della Federciclismo

veneziana, Fabrizio Olia.

ALLIEVE: 1. Viviana Gatto (Avantec Breganze) km 48 in

1h24’29” media 34,090; 2. Maria Franchini (Team Trentino);

3. Daniela Bolza (id); 4. Eleonora Savini (Ran Cellofan); 5.

Susanna Zorzi (Buderus); 6. Francesca Cauz (Verso l’Iride); 7.

Christina Perchtold (Nazionale Austria); 8. Giorgia Baraldo

(Monselice Beni); 9. Alice Tagliapietra (Arcade); 10. Chiara

Bissoli Favaron (Sprint Vidor). ESORDIENTI: 1. Anna Zita

Stricker (Cristoforetti-Fondriest) km 28,8 in 51’12” media

33,750; 2. Cristiana Caramella (Avantec); 3. Laura Tasca (id);

4. Monica Lossi (Gauss); 5. Lisa Gamba (id); 6. Jessica Schiavo

(Buderus); 7. Sara Villa (Pagnoncelli); 8. Dora Ciccone (Isonzo);

9. Valeria Fontana (Buderus); 10. Silvia Oro (Avantec).

il Mondo del Ciclismo n.46

17


il Mondo del Ciclismo n.46

18

ATTIVITÀ GIOVANILE

Allievi, Allieve e Donne Esordienti - A Cesano Maderno e al Ghisallo

di Vito Bernardi

46° Trofeo Villaggio

San Pio X

CESANO MADERNO (MI)

(12/10) - Paolo Simion, allievo

della Libertas-Scorzè, campione

d’Italia inseguimento a

squadre (con Berlato, Scapezzoni

e Bertazzo), festeggia con

due giorni di ritardo il suo sedicesimo

compleanno conquistando

la nona vittoria dopo

un acceso e contestato sprint

con Rino Gasparrini del Team

Ceci.

Alla gara, che da sempre conclude

la stagione agonistica in

provincia di Milano denominata

46° Trofeo Villaggio San

Pio X, hanno partecipato 168

corridori in rappresentanza

di 11 Regioni e due Nazioni

(Svizzera e San Marino), con

gran mattatore il ligure Luca

Cappelli (Bottegone), due vittorie

in questa stagione, autore

di una fuga di circa 30

chilometri, vantaggio massimo

52”, e raggiunto a meno di

due chilometri dal traguardo.

A dieci metri dal traguardo,

Simion, urtatosi involontariamente

con Gasparrini, ha

scatenato una polemica che i

giudici della FCI hanno subito

risolto confermando la vittoria

per il veneto che ha dedicato

fiori e vittoria ai genitori

Vally e Ivano.

ORDINE D’ARRIVO: 1. Paolo

Simion (CS Libertas Scorzè-

Venezia) km. 84 in 2h05’ media

40,320; 2. Rino Gasparrini

(Team Ceci-Dreambike Ascoli

Piceno); 3. Andrea Comuzzi

Emilia Romagna - 26° Tr. Parmeggiani

Maluccelli a sorpresa

VILLA ARGINE (RE) - Il forlivese Matteo Maluccelli

esce a sorpresa dalla convulsa volata finale e vince il

26° Trofeo Parmeggiani, ultima gara del calendario reggiano,

organizzata dalla Asd Bagnolese Davoli. E’ la sua

prima vittoria, inaspettata, che ha premiato la scaltrezza

di questo ragazzino, ancora quindicenne, che gareggia

con la squadra della sua città, la Scat di Forli. La corsa

si è conclusa con la volata del gruppo che a trecento

metri dalla fine si è compattato, annullando la fuga di

un drappello di sei corridori che hanno condotto buona

parte di gara. L’ultimo a cedere è stato Fabio Bigi della

Dell’Amico di Cinquale. A questo punto usciva Maluccelli,

che ha battuto di poco il bolognese Marco Goldoni.

La gara era valida per il Giro della Provincia reggiana.

Romano Pezzi

ORDINE D’ARRIVO: 1. Matteo Malucelli (Uc Scat Fo) km 80

media 38,064; 2. Giammarco Goldoni (Uc Calcara); 3. Edison

Ramaliu (Luc Bovolone); 4. Gabriele Garuti (Stella Alpina Fe);

5. Alex Del Rio (Davoli ziude Bagnolese); 6. Mirco Trevisan

(Cicl. 2000); 7. Luca Angeliini (V.B. bolzano); 8. Pritoni

(Calderara Bo); 9. Sebastiano Favara (Pan. Davoli); 10. Simone

Oselin (Bovolone).

Simion e Ratto ultimi acuti

(Team Isonzo-Pedale Ronchese-

Gorizia); 4. Alex Turrin (UC

Foen Wienerberger-Belluno); 5.

Alex Paoli (Liquigas Lago Rosso-

Trento).

3° Cesano Maderno

Madonna del Ghisallo

CESANO MADERNO

(12/10) - E’ la gara riservata

alla categoria delle donne allieve

con deroga per le esordienti

ad inaugurare la serie

degli arrivi alla Madonna del

Ghisallo, nel contesto della

“46° Giornata Nazionale della

Bicicletta” con la 5° edizione

della Cesano Ghisallo, organizzata

dalla SC Cesano Maderno.

Arrivo in quota scalando il

Ghisallo dalla parte di Can-

Toscana - Coppa Palestra Gymo’s

zo con la bergamasca Rossella

Ratto in veste di primattrice.

Sulle rampe che portano a

Magreglio, infatti, stacca tutte

le sue avversarie e taglia il traguardo

con 35” sulla piemontese

Giulia Ronchi (SC Canavesi)

che precede un drappello

di otto ragazze che inseguivano

la Ratto con l’esordiente

Arianna Perico (Eurotarget).

ORDINE D’ARRIVO: 1. Rossella

Ratto (Pedale Senaghese) km

55 in 1h50’10” media 29,955;

2. Giulia Ronchi (SC Canavesi-

Ornavasso) a 35”; 3. Elena

Mardegan (Giorgione Aliseo-

Venticonv.); 4. Arianna Perico

(Eurotarget-Tx Acrtive Still Bike)

(1a delle esordienti); 5. Barbara

Pavan (SC Canavesi).

Sterbini e Bellini

chiusura col botto

SEANO (PO) - Per l’ultima gara della stagione, una novità

assoluta. L’iniziativa della Seanese e dell’U.C. Comeana infatti

prevedeva una gara in linea al mattino ed una cronometro

nel pomeriggio. Successo pieno per la manifestazione

con novanta concorrenti al via. Frazione in linea vinta al termine

di un finale di corsa palpitante dal laziale Luca Sterbini

del Borgonuovo Milior Cambi, che è riuscito a mantenere il

primo posto nei confronti dell’incalzante tandem formato da

Celli e Ravaioli. Per i primi venti era poi sfida a cronometro

nel pomeriggio con quattro favoriti d’obbligo, Sterbini, vice

campione italiano della specialità, Ravaioli, l’idolo di casa

Bellini, campione regionale cronometro, e Trosino, tricolore

nell’inseguimento. Alla fine vinceva proprio Bellini dopo

una vibrante ed incerta lotta con Trosino. Antonio Mannori

ORDINE DI ARRIVO - IN LINEA: 1. Luca Sterbini (Borgonuovo

Milior Lazio) km 70 in 1h58’, media 35,383; 2. Nicolò Celli

(Fiumicinese); 3. Eric Ravaioli (Faentina) a 6”; 4. Francesco Pascali

(Campi Bisenzio) a 1’03”; 5. Sacha Rossetti (Vecchiano Berti) a

1’19”. CRONO: 1. Gianni Bellini (Bessi Vangi) km 8,500 in 12’21”,

media 41,768; 2. Mirko Trosino (Vecchianese) a 3”; 3. Luca Sterbini

(Borgonuovo Milior) a 12”; 4. Rapaccini a 14”; 5. Ravaioli a 15”.

COMBINATA: 1. Sterbini; 2. Ravaioli a 9”; 3. Celli a 40”.


Esordienti Lombardia - Le gare di Busto Arsizio e Retegno di Fombio

21° Trofeo Anchieri

Mariani Busto

BUSTO ARSIZIO (VA) (7/9)

- Davide Debenedetti (Orinese),

dopo lo splendido 6 luglio

quando, in quel di Mondovì,

ha conquistato la maglia tricolore,

non ha conosciuto più

difficoltà, vincendo ancora

nettamente la gara di Busto

Arsizio organizzata, in maniera

impeccabile, dalla San Macario.

Antonio Posti

ORDINI D’ARRIVO - I ANNO:

1. Davide Debenedetti (Orinese)

km 34 in 1h, media 34; 2. Federico

Toia (Saronni); 3. Gabriele

Margheritis (Caravatese/Inda);

ATTIVITÀ GIOVANILE

Debenedetti ancora a bersaglio

4. Alberto Coltro (Muggiò); 5.

Arianna Fidanza (Euro Target).

II ANNO: 1. Andrea Forgione

(Pol. Besanese) km 42 1h8’, media

37,059; 2. Manuel Cucciniello

(Muggiò); 3. Lorenzo Pivetta

(Cardanese/IGVN); 4. Claudio

Castelli (Ju Sport Gorla Minore);

5. Carmelo Foti (Prealpino).

II ANNO/F: 1. Barbara Pavan

(Canavesi).

26° G.P. Sagra

RETEGNO DI FOMBIO

(LO) (7/9) - Il 26° GP Sagra

era abbinato al Trofeo Coniugi

Antonia e Mario Rizzi

e al Trofeo Davide Cumella,

promossi dal Gs Retegnese

di patron Domenico Rizzi su

un circuito di 8 km ripetuto

rispettivamente 5 e 6 volte.

Tra i più giovani, 31 i partenti,

corsa prevalentemente in

gruppo e volatone finale. Tra i

più anziani, 25 i partenti, corsa

combattuta con più di una

selezione e poi finale a due.

Giuseppe Pratissoli

ORDINI D’ARRIVO - I ANNO:

Emilia Romagna - 19° Memorial Francesco Turci, 19° Trofeo Cocif

di Valerio Benelli

EPILOGO IN VOLATA nonostante

i vari tentativi sin

dal via. Ci provano nell’ordine

Bartolini del VC Cattolica,

la campionessa regionale

Giorgia Nanni, e Alberto

Buono della Juvenes San Marino.

I corridori si presentano

allungatissimi sul viale d’arrivo

con Alberto Buono che

mantiene una decina di metri

di vantaggio e vince a braccia

alzate. Terza vittoria stagionale

la sua.

Nei secondo anno, gara con-

dotta dal gruppo ad andatura

sostenuta ma ad andamento

compatto e senza grandi

sussulti, prima del tentativo

riuscito a circa 3 chilometri

dal traguardo di Felletti della

Scat, che guadagnava sino ad

un centinaio di metri di vantaggio.

Il margine risultava

quindi sufficiente a rintuzzare

il possente ritorno di Dell’Onte

nella volata finale, garantendogli

la vittoria.

Lazio - Trofei Angelo Molinai e Mario Valle

di Giovanni Maialetti

CIVITAVECCHIA - Bella

manifestazione ciclistica a Civitavecchia

in occasione dei

tradizionali trofei “Memorial

Angelo Molinai e Mario Valle”.

Protagonisti un nutrito

gruppo di esordienti di Lazio

e dintorni.

Ad organizzare lo storico

Team GSC Civitavecchiese

Marco Valle (responsabili

Fabio Bordacchini e Cesare

Giancaterini) con il patrocinio

Buono e Felletti finisseur

1. Magistrali Guido (Ped.

Castellano-PC); 2. Brugna

Alessio (Eurobike Romanengo-

CR); 3. Visioli David (Imbalplast

Soncino-CR); 4. Fornoni Alessio

(Uc Costamasnaga - LC); 5. Paolo

Ghilardi (Gs Romanese-BG).

II ANNO: 1. Ferrari Giorgio

(Imbalplast Soncino-CR); 2.

Denti Davide (Uc Cremasca-

CR); 3. Duranti Jalel (Imbalplast

Soncino-CR) a 25”; 4. Scerbo

Christian (Sc Brugherio Sportiva-

MI); 5. Manic Alexander (Gs

Cadeo-PC).

Ordine di arrivo

I ANNO: 1. Buono Alberto (Asd Juvenes C.I.S. San Marino) km

38,500 in 1h05’, media 35,538; 2. Vigilante Antonio Gabriele (Asd

Gs Banca Pop. Emilia Romagna) a 3”; 3. Don Vito Domenico (Ran

Cellofan S.C. Massese A.S.D.); 4. Ascari Matteo (Ran Cellofan

S.C. Massese A.S.D.); 5. Diplan Santiago Gerald Yeudy (G.S. S.

Maria Codifiume).

II ANNO: 1. Felletti Andrea (U.C. Scat) km 44,000 in 1h14’,

media 35,676; 2. Dell’Onte Michael (S.C. Pesarese); 3. Ndoj

Almario (S.C.D. Alma Juventus Fano); 4. Rossi Edoardo (Selle

Italia - Esercito); 5. Sulpizii Alessandro (A.S.D. Notaresco Bike).

Capati e Bertoloni Meli ok

del comune di Civitavecchia.

Michael Capati per i primo

anno e Giuseppe Bertoloni

Meli per i secondo sono stati

i vincitori delle rispettive prove.

La gara è stato uno spettacolare

susseguirsi di tentativi di

fuga, subito bloccati dal gruppo.

Ad assistere lungo il percorso

un numeroso e festante pub-

blico che non ha mancato di

incitare i protagonisti.

Al termine della gara si è avuta

la cerimonia di premiazione,

alla quale hanno partecipato

le autorità locali e sportive.

ORDINI D’ARRIVO - I ANNO:

1. Capati Michael (Team Bike

Chiesa Nuova) km 29,900 in 53’

media km 27,750; 2. Nika Iltian

(Ped. Mancianese); 3. Onorati Mirko

(ASD BC Portantino); 4. San-

tacroce Eugenio (GC Civitavecchiese);

5. Montomoli Nico (VC

2000 B.R.F.).

II ANNO: 1. Bertoloni Meli

Giuseppe (Pro Bike Riding Team

Rm); 2. Andreozzi Alessandro

(ASD Guazzolini Coratti U.

Signori); 3. Cervoni Mattia (ASD

VV.FF. Cinelli Lt); 4. Taschin Luca

(Pro Bike Riding Team Rm); 5.

Mizzoni Alessandro (ASD BC

Portantino).

il Mondo del Ciclismo n.46

31


il Mondo del Ciclismo n.46

32

ATTIVITÀ GIOVANILE

Giovanissimi Lazio - Nelle manifestazioni conclusive

di Giovanni Maialetti

Mem. Francesco Martini

ISOLA DEL LIRI - La famiglia

ciclistica di Isola del Liri

e più in particolare quella dell’ASACI

ha voluto ricordare un

grande personaggio della storia

del glorioso sodalizio ciociaro,

Francesco Martini, per

tanti anni instancabile e attento

segretario della società

biancorossa, scomparso da pochi

mesi. A rendergli omaggio

sono accorsi in tanti con oltre

cento partecipanti alla gara e

tanto pubblico ai bordi dell’elegantissima

via Roma.

ORDINI D’ARRIVO - G1/M:

1. Spaziani Andrea (Fontana

Anagni); 2. Retarvi Giampaolo

(idem); 3. Tagliaferro Damiano

(UC Alatri). G1/F: 1. Serra

Ludovica (UC Alatri). G2/M: 1.

Martellusi Martin (Tutti a Ruota);

2. Parravano Francesco (Amici

della Bici); 3. Magon Flavio

(Vigili del Fuoco). G2/F: 1. Zullo

Francesca (Fontana Anagni).

G3/M: 1. Prisco Vincenzo (Team

Balzano); 2. Passa Juri (Fontana

Anagni), 3. Prisco Vincenzo

(Team Balzano). G3/F: 1. Baglione

Francesca (Anagni Nereggi).

G4/M: 1. Iafrati Mirko (Amici

della Bici); 2. Ciorlano Raffele

(Aujriemma Cycling); 3. Papuc

Daniel (UC Alatri). G4/F: 1.

Recchia Francesca (Amici della

Bici). G5/M: 1. Romano Andrea

(Asaci); 2. Milano Luca (Ped.

Molisano); 3. Matrone Luigi (Team

Balzano). G6/M: 1. Marcellusi

Daniel (Tutti a Ruota); 2. Rossi

Gabriele (UC Alatri); 3. Panzarini

Daniele (Vigili del Fuoco). G6/F: 1.

Prisco Angela (Team Balzano).

Umbria - Trofeo Renato Badiali e Giancarlo Cruciani

Bene l’UC Foligno

FOLIGNO (PG) (13/9) - Sono stati i giovanissimi dell’Uc

Foligno a conquistare il “Trofeo Renato Badiali e Giancarlo

Cruciani”, organizzata nel ciclodromo “Giuseppe Casini”

dalla locale Avis. La gara, a cui hanno partecipato un centinaio

di corridori, era valida per il Trofeo Procacci Edilizia.

Laura Proietti

ORDINI D’ARRIVO - G1/M: 1. Roberto Marcheggiani (Gubbio

Ciclismo Mocaiana); 2. Simone Tomassini (Uc Foligno); 3. Alessio

Pantalla (Us Bovara). G1/F: 1. Gaia Cocchioni (Uc Nestor); 2. Alessia

Radu (Uc Castello). G2/M: 1. Cristian Cirilli (Eurobici Orvieto);

2. Nicola Valeri Proietti (Uc Foligno); 3. Matteo Grilli (Pedale

Spoletino). G2/F: 1. Alice Calderini (Uc Castello); 2. Alessandra

Favetta (Us Bovara); 3. Alessia Favetta (idem). G3/M: 1. Lorenzo

Svizzeretto (Sgl Carbon); 2. Nicola Cocchioni (Uc Nestor); 3.

Leonardo Galardini (Uc Foligno). G3/F: 1. Naomi Nucciarelli (Uc

Nestor); 2. Alessandra Cecchini (Ct Massa Martana); 3. Chiara

Rinalducci (Us Bovara). G4/M: 1. Nicola Stirati (Gubbio Ciclismo

Mocaiana); 2. Mattia Zoccolanti (Uc Castello); 3. Eddy Damiani

(Gubbio Ciclismo Mocaiana). G5/F: 1. Annamaria Bigi (Ciclo &

Trekking); 2. Lucia Cavargini (Uc Castello); 3. Maria Peluso (Uc

Foligno). G5/M: 1. David Pecorari (Ct Massa Martana); 2. Federico

Lumia (Sgl Carbon); 3. Tiziano Lanzano (Uc Foligno). G6/F: 1. Giulia

Capoccia (Uc Nestor); 2. Gaia Partenzi (Us Bovara); 3. Marzia Felceti

(Sgl Carbon). G6/M: 1. Andrea Degli Esposti (Uc Foligno); 2. Mattia

Settimi (Us Bovara); 3. Gianluca Montenero (Uc Foligno).

All’UC Anagni il meeting regionale

Trofeo Mario Valle

CIVITAVECCHIA - Festival

del ciclismo giovanile a Civitavecchia.

Ad onorare la tradizionale

manifestazione titolata

alla memoria di Mario Valle,

storico personaggio del ciclismo

e fondatore del GC Civitavecchiese,

società organizzatrice

dell’evento (responsabile

Fabio Bordacchini), numerosi

giovanissimi under 12 delle

scuole di ciclismo di Lazio e regioni

limitrofe.

ORDINI D’ARRIVO - G1/M: 1.

Monaldi Gabriele (SRAL); 2. Abis

Lorenzo (idem); 3. Abis Emanuele

(idem). G1/F: 1. Monaldi Chiara

(Sral). G2/M: Antonucci Michael

(UC Anagni); 2. Cirilli Cristian

(ASD Team Eurobici Orvieto);

3. Cassi Alessandro (S.R.A.L.).

G3/M: 1. Berti Lorenzo (SS

Grosseto); 2. Menichetti Francesco

(Ped. Mancianese); 3. Romagnoli

Riccardo (SS Grosseto). G4/M:

1. Cardarilli Piergiorgio (UC

Anagni); 2. Sfascia Gianluca

(SRAL); 3. Pizzo Andrea (Gs Cicli

Capobianchi). G5/M: 1. Retarvi

Francesco (ASD Fontana Anagni);

2. Gubbiotti Lorenzo (ASD Carbon

Ciclismo); 3. Aposti Alessandro

(SS Grosseto). G5/F: 1. Minandri

Claudia (S.R.A.L.). G6/M: 1. Maffei

Giorgio (ASD Ped. Mancianese);

2. Pizzo Francsco (GS Cicli

Capobianchi); 3. Panzarini Daniele

(ASD Vigili del Fuoco Cinelli Lt).

Meeting regionale

ANAGNI - Si è concluso dopo

spettacolari prove regionali il

meeting regionale di società

giovanissimi 2008. Numerosa

e qualificata la partecipazione

under 12 giovanissimi delle

scuole di ciclismo del Lazio.

Al termine delle prove prima

classificata è risultata la forte

e omogenea squadra della UC

Anagni Cicli Nereggi (p. 729),

alle piazze d’onore la ASD

Fontana Anagni (p. 444) e la

ASD Vigili del Fuoco Cinelli

(Lt) con punti 320.

CLASSIFICA SOCIETÀ: 1. ASD

UC Anagni Cicli Nereggi; 2. ASD

Fontana Anagni; 3. ASD Vigili del

Fuoco Cinelli (Lt); 4. ASD Soriano

Ciclismo; 5. ASD Tutti a Ruota

Villaggio Prenestino, 6. ASD UC

Alatri Toti Trans; 7. ASD Amici

della Bici; 8. ASD Asaci; 9. ASD

GSC Lariano, 10. ASD Lido Bike.

Trofeo MTB Notturna

SORIANO NEL CIMINO (VT)

- Spettacolare gara notturna

di mountain bike, protagonisti

numerosi giovanissimi di Lazio

e dintorni. La prima prova notturna

si è svolta nell’antico centro

storico di Soriano nel Cimino,

ad organizzare il collaudato

team ASD Soriano Ciclismo.

ORDINI D’ARRIVO - G1/M: 1.

Burratti Gabriele (ASD Soriano

Ciclismo); 2. Bacocco Alessandro

(MTB Montefiascone); 3. Sabatini

daniele (ASD Soriano Ciclismo).

G2/M: 1. Morgani Andrea

(ASD Soriano Ciclismo), 2.

Menicacci Michael (ASD Soriano

Ciclismo); 3. Poponi Davide

(ASD Grotte di Castro). G3/M: 1.

Maracci Riccardo (ASD Soriano

Ciclismo); 2. Burratti Emanuele

(idem); 3. Cicoria Lorenzo (MTB

Montefiascone). G4/M: 1. Filippi

Cristian (ASD Soriano Ciclismo);

2. Capagni Leonardo (idem);

3. Ceccarelli Andrea (MTB

Montefiascone). G6/M: 1. Bellucci

Paolo (MTB Montefiascone); 2.

Baranov Gleb (ASD Grotte di

Castro); 3. Sabatini Luca (ASD

Soriano Ciclismo). G2/F: 1.

Mercuri Sophie (ASD Soriano

Ciclismo); 2. Chirichilli Adria

(SRAL); 3. Sottocorona Sofia

(MTB Montefiascone). G4/F:

1. Monti Serena (ASD Grotte

di Castro); 2. Piermarini Flavia

(Emporio Del Ciclo). G6/F: 1.

Tassoni Martina (Pol. Tarquinia);

2. Costa Francesca (ASD Grotte di

Castro). Società: 1. ASD Soriano

Ciclismo; 2. ASD Grotte di

Castro; 3. MTB Montefiascone.


Giovanissimi Toscana - Ad Avane di Empoli, Pisa e Pergo di Cortona

di Antonio Mannori

4 a prova Trofeo Carpel

AVANE DI EMPOLI - Dopo

la disputa della quarta ed ultima

prova del Trofeo Carpel di

fuoristrada, tempo di bilancio

per questa splendida iniziativa

voluta da Alberto Mazzoni

e dalla Vital Center-Scuola

di Ciclismo, con il prezioso

apporto del Circolo Arci di

Avane, della Carpel e di Moka

Palma. Quattro gare, circa

300 partecipanti, tanti premi

per tutti ed anche buoni per

mangiare una pizza particolarmente

apprezzati dai ragazzi

e dai loro genitori. Una

rassegna che sarà riproposta

il prossimo anno, della quale

troverete oltre agli arrivi della

4a prova anche i vincitori finali

della manifestazione ed il

podio delle società.

ORDINI D’ARRIVO - G0: 1.

Lorenzo Magli (Vital Center);

2. Salvatori; 3. Scelfo. G1: 1.

Giosuè Benelli (Empolese); 2.

Edoardo Nieri (Vital Center);

3. Emanuele Giusti. G2: 1. Elia

Cioni (Vital Center); 2. Edoardo

Borgni (Pontassieve); 3. Fausto

Galli (id). G3: 1. Alessandro

Iacchi (Pontassieve); 2. Filippo

Magli (Vital Center); 3. Manuel

Amodeo (Empolese). G4: 1.

Guido Bagnoli (Vital Center); 2.

Simone Negrotti (Empolese); 3.

Lorenzo Giugliano (G. Nencini).

G5: 1. Federico Morelli (Centro

Avv. Sport); 2. Dario Gattuso

(Club Appenninico); 3. Lorenzo

Rahimi (Centro Avv. Sport). G6:

1. Gianmarco Michelacci (Vital

Center); 2. Alessandro Rabbiti

(Empolese); 3. Matteo Codini

(Castelfiorentino Bcc). G1/F: 1.

Marika Allori (Gastone Nencini).

G2: 1. Francesca Rahimi (Centro

Avv. Sport). G3: 1. Deborah

Dolciamore (Vital Center). G4:

1. Irene Capasa (Nuova Sfinge).

G5: 1. Valeria Arzilli (G. Nencini).

G6: 1. Greta Brugner (Vital

Center). CLASSIFICA FINALE:

Al termine delle 4 prove hanno

vinto Giosuè Benelli, Elia Cioni,

ATTIVITÀ GIOVANILE

Tante belle giornate di sport

Alessandro Iacchi, Guido Bagnoli,

Federico Morelli, Gianmarco

Michelucci. SOCIETà: 1. Vital

Center-Scuola Ciclismo; 2. Centro

Avv. Sport Zona Cuoio e Pelli; 3.

Empolese.

Coppa Folgore Bike,

Mem. Francesco Caroti

PISA - Su iniziativa del Gruppo

Sportivo Folgore Bike, da

anni affermato sodalizio ciclistico

con il suo attivissimo segretario

Paolo Aghini, e che si

occupa del settore amatoriale

(attività strada, mountain bike

e gran fondo), un appuntamento

organizzativo tradizionale,

quello con i giovanissimi

all’interno del Centro Addestramento

Paracadutismo di

via di Gello a

Pisa. Una vera

festa per i giovanissimi

dai

sette ai dodici

anni; una gimkana

che ha

avuto successo

e divertito tutti

i concorrenti

presenti a questa

Coppa Folgore

Bike inserita

nell’ambito

del Memorial

Francesco Caroti.

ORDINI

D’ARRIVO

- G0: 1. Alberto

Pampana; 2.

Leporini; 3. Biagiotti. G1: 1.

Vincenzo Fabbrica (Coltano

Grube); 2. Valerio Rossi (id). G2:

1. Alessandro Del Ry (Butese); 2.

Matteo Di Santoro (Amore&Vita);

3. Lorenzo Zega (Butese). G3:

1. Luca Severi (Amore&Vita); 2.

Daniele Dovichi (id); 3. Andrea

Pasquinelli (id). G4: 1. Lorenzo

Ratto (Amore&Vita); 2. David

Mattina (Butese); 3. Samuele De

Luca (Centro Avv. Sport). G5:

1. Leonardo Tonelli (Butese); 2.

Lorenco Rahimi (Centro Avv.

Sport); 3. Alessio Santerini

(Coltano Grube). G6: 1. Alessio

Marconcini (Butese); 2. Andrea

Bagni (Centro Avv. Sport); 3.

Massimiliano Susini (Butese).

FEMMINE: Hanno vinto Federica

Alfano (Arena del Popolo),

Matilde Foggi (Coltano Grube),

Sharon Lucchesi (Centro Avv.

Sport), Noemi Prisciandaro

e Immacolata Facchineri

(Butese). SOCIETà: 1. Butese

p. 53; 2. Centro Avv. Sport 32;

3. Amore&Vita 23; 4. Coltano

Grube; 5. Arena del Popolo.

4° Trofeo Cascina Zeffiro

PERGO DI CORTONA (AR)

- Oltre 60 ragazzi/e della categoria

giovanissimi si sono

ritrovati a Pergo di Cortona

(Ar) per la disputa del 4° Trofeo

Cascina Zeffiro, gara di

fuoristrada per mtb organizzata

dalla Sc Pedale Toscano

di Ponticino, in collaborazione

con il gruppo di amici di Cortona,

promotori della manifestazione,

guidata da Biagiotti,

Ceccanibbi e Storri.

ORDINI D’ARRIVO - G1/

M: 1. Baglioni Enrico (Ped.

Toscano Ponticino); 2. Zucchini

Simonluca (Arezzo Bike); 3.

Di Monte Gianluca (Ciclistica

Figlinese). G1/F: 1. Cocchioni

Gaia (Nestor Sea Marsciano).

G2/M: 1. Borgni Leonardo

(Ciclistica Pontassieve); 2. Tomi

Andrea (Olimpia Valdarnese);

3. Frequentini Davide (Olimpia

Valdarnese). G2/F: 1. Storri Lucia

(Ped. Toscano Ponticino); 2.

Aime Pancrazzi Giorgia (Olimpia

Valdarnese); 3. Gallo Aurora

(Ped. Toscano Ponticino). G3/M:

1. Cocchioni Nicola (Nestor Sea

Marsciano); 2. Mosca Leonardo

(Nestor Sea Marsciano);

3. Iacchi Alessandro (Cicl.

Pontassieve). G4/M: 1. Fontini

Francesco (Olimpia Valdarnese);

2. Aime Pancrazzi Alessio

(Olimpia Valdarnese). G4/F:

1. Marchesini Giulia (Arezzo

Bike); 2. Gori Sofia (Ped. Toscano

Ponticino). G5/M: 1. Masi Davide

(Cintolese); 2. Laharac Adenane

(Arezzo Bike); 3. Monteleone

Giuseppe (Olimpia Valdarnese).

G5/F: 1. Tomi Giulia (Aretina);

2. Feliziani Ilaria (Aretina); 3.

Fakar Zahra (Arezzo Bike).

G6/M: 1. Taoss Zakaria (Arezzo

Bike); 2. Panichi Gioele (Olimpia

Valdarnese); 3. Sarri Lorenzo

(Cicl. Figlinese).

il Mondo del Ciclismo n.46

33


il Mondo del Ciclismo n.46

34

ATTIVITÀ GIOVANILE

Giovanissimi Lombardia - Le gare di agosto e settembre

Gli ultimi lampi di un 2008 entusiasmante

LODI - La stagione su strada si

è chiusa con le gare che seguono

di un calendario prevalentemente

dedicato al ciclismo

promozionale giovanile.

Ma nel Lodigiano, continuando

il bel tempo, il ciclismo è

uscito dalla strada per entrare

nei parchi cittadini e correre

la Coppa Lodi Mtb 2008, 6

prove in 6 località diverse della

provincia, tra il 5 ottobre e

il 2 novembre, aperta a tutti,

tesserati e non, i ragazzi delle

categorie giovanissimi, esordienti

ed allievi. Un modo per

offrire ai ragazzi un’occasione

in più per continuare a divertirsi

in bici su percorsi diversi

dalla strada e collaudarli nella

padronanza del mezzo. Soprattutto

far promozione. I

risultati e le classifiche seguiranno

a manifestazione conclusa.

20° Tr. a.m. dei Genitori

di Giovanni Corbellini

CRESPIATICA (LO) (31/8)

- Al via della gara 160 partecipanti.

Organizzazione del

Gs Corbellini Ortofrutta Crespiatica.

Simpaticissima apertura

promozionale con i G0

(minori di 7 anni), per avvicinarli

all’ambiente con la speranza

di tesserarne qualcuno

già dal prossimo anno. Premi

per tutti.

ORDINI D’ARRIVO - G1:

1. Parolo Federico (Upol Ped.

Lungavilla-PV); 2. Pedroni

Tommaso (Uc Sangiulianese);

3. El Haddad Shaaban (Gs

Corbellini Ortofrutta Crespiatica-

LO). G2: 1. Francesconi Anselmo

(Uc Cremasca); 2. Fusi Thomas

(Cicli Fiorin Despar-MI); 3.

Volpi Luca (Progetto Ciclismo

Rodengo Saiano-BS). G3: 1.

Colleoni Kevin (Pol. Caluschese-

BG); 2. Guerrini Tazio Giovanni

(Progetto Ciclismo R.S.-BS); 3.

Pedroni Luca (Uc Sangiulianese-

MI). G4: 1. Baffi Stefano (Uc

Cremasca-CR); 2. Marchina

Daniele (Progetto Ciclismo R.S.-

BS); 3. Valenti Alberto (Sport

Club Muzza ‘75-LO). G5: 1. Vece

Miriam (Imbalplast Soncino-

CR); 2. Moro Stefano (idem);

3. Bontempi Luca (Progetto

Ciclismo R.S.-BS). G6: 1. Minardi

Gabriele (Uc Sangiulianese-MI);

2. Barbuto Gabriele (Ped. Sestese-

MI); 3. Esposito Sebastiano

(Imbalplast Soncino-CR).

3° Tr. Viscolube sui viali

del parco della Raffineria

PIEVE FISSIRAGA (LO)

(7/9) - 115 i partecipanti ospiti

del dott. Schieppati, appassionato

di ciclismo e direttore di

questo impianto che conduce

nel miglior rispetto possibile

dell’ambiente. Organizzazione

dello Sport Club Muzza

‘75, la società fondata e diretta

da Francesco Bernardelli, presidente

CP Lodi e regista della

manifestazione.

ORDINI D’ARRIVO - G1:

1. Pampagnin Simone (Uc

Sangiulianese-MI); 2. Pedroni

Tommaso (idem); 3. El Haddad

Shaaban (Gs Corbellini

Ortofrutta Crespiatica-LO); G2:

1. Nova Samuel (Ped. Arcorese-

MI); 2. Casiraghi Jacopo (Ped.

Agratese-MI); 3. Khouildi

Mohamed (Gs Corbellini

Ortofrutta Crespiatica-LO).

G3: 1. Pedroni Luca (Uc

Sangiulianese-MI); 2. Colleoni

Kevin (Pol. Caluschese-BG);

3. Cavenati Lorenzo (idem).

G4: 1. Molinari Andrea (Uc

Pessano-MI); 2. Passerini G.Luca

(Ciclamanti Senago-MI); 3.

Baragetti Silvio (Ped. Arcorese-

MI). G5: 1. Cavalli Roberto (Pol.

Caluschese-BG); 2. Pasquariello

Alessandro (Us Costamasnaga-

LC); 3. Vitali Alberto (Uc

Sangiulianese-MI); G6: 1. Bugna

Luciano (Ped. Arcorese-MI);

2. Villa Matteo (Uc Pessano-

MI); 3. Minardi Gabriele (Uc

Sangiulianese-MI).

10° G.P. Pino Curioni a.m.

LODI (14/9) - La gara si è

svolta sul circuito dell’area ex

Polenghi Lombardo, formato

dai due viali del 2° centro della

città, progettato da Renzo

Piano insieme alla moderna e

polifunzionale sede della Banca

Popolare di Lodi. Sotto un

tempo incerto, 54 i partecipanti,

organizzazione del Ped.

Lodigiano 1951, rilanciato

da qualche anno da Vittorio

Mamoli con l’entusiasmo di

Andrea Schiavi e del Gruppo

Lodigiano Pionieri e Veterani

dello Sport, promotore della

corsa nella cornice de “Gli

Sport nel tempo”.

ORDINI D’ARRIVO - G1: 1. El

Haddad Shaaban (Gs Corbellini

Ortofrutta Crespiatica-LO); 2.

Francolino Lucrezia (Sport Club

Muzza’75-LO); 3. Ortolani della

Nave Roberto (Ped. Senaghese-

MI). G2: 1. Torres Jesus (Ped.

Senaghese-MI); 2. Magistrelli

Emanuele (Usc Vittuonese-

MI); 3. Khouildi Mohamed

(Gs Corbellini Ortofrutta

Crespiatica-LO). G3: 1. Difilippo

Luca (Uc Sangiulianese-MI);

2. Pedroni Luca (idem); 3.

Ragazzi Alessandro (Sport

Club Muzza ‘75-LO). G4: 1.

Piccolo Nicolò (Usc Vittuonese-

MI); 2. Valenti Alberto (Sport

Club Muzza ‘75); 3. Gazzola

Marco (Uc Sangiulianese). G5:

1. Casalinuovo Chiara (Usc

Vittuonese-MI); 2. Aldrighetti

Paolo (Uc Sangiulianese-

MI); 3. Vitali Alberto (idem).

G6: 1. Minardi Gabriele (Uc

Sangiulianese-MI); 2. Zanaboni

Emanuele (Usc Vittuonese-

MI); 3. Gazzola Chiara (Uc

Sangiulianese-MI).

2° Trofeo Circoli

Cooperativi Lodigiani

OSSAGO LODIGIANO (LO)

(28/9) - Una cinquantina i partecipanti

alla gara. Festa di un

paese che il sindaco Taravella

vorrebbe che ritornasse, nel ciclismo,

ad ospitarne anche di

più grandi, come un tempo. G.P.

ORDINE D’ARRIVO - G1: 1. El

Haddad Shaaban (Gs Corbellini

Ortofrutta Crespiatica-LO); 2.

Testa Francesco (Sc Lomello-

PV); 3. Francolino Lucrezia

(Sport Club Muzza’75-LO). G2:

1. Peretti Omar (Ped. Pavese-

PV); 2. Khouildi Mohamed

(Gs Corbellini Ortofrutta

Crespiatica-LO); 3. Vanoschi

Jari (Uc Sangiulianese-MI). G3:

1. Ragazzi Alessandro (Sport

Club Muzza ‘75-LO); 2. Pedroni

Luca (Uc Sangiulianese-MI); 3.

Vinci Laura (Sc Lomello-PV). G4:

1. Cerri Michele (Sc Lomello-

PV); 2. Paccalini Lorenzo (Ped.

Pavese-PV); 3. Ragazzi Nicolò

(Sc Lomello-PV). G5: 1. Vitali

Alberto (Uc Sangiulianese-MI);

2. Aldrighetti Paolo (idem); 3.

Vezzoni Davide (Sc Lomello-

PV). G6: 1. Minardi Gabriele (Uc

Sangiulianese-MI); 2. Vinci Marco

(Sc Lomello-PV); 3. Monselli

Federico (Uc Sangiulianese-MI).

G.P. Impresa d’Aprile

GIUSSANO (21/9) - Anche il

“Gran Premio Impresa d’Aprile”

è stato onorato da una

massiccia partecipazione di

giovani leve del ciclismo lombardo;

hanno risposto anche

tante brave “girls”, che si sono

meritate una classifica a parte.

La gara è stata organizzata a

Giussano dalla ciclistica “Giovani

Giussanesi”. V.B.

ORDINE D’ARRIVO - G1/

M: 1. Simone Pampagnini

(Sangiulianese); 2. Matteo

Barni (Giovani Giussanesi);

3. Federico Fumagalli (Alzate

B.). G1/F: 1. Rebecca Rivellini

(Giovani Giussanesi); 2.

Gaia Spinelli (Sovico); 3.

Sara Cuccione (Ciclamanti).

G2/M: 1. Gianluca Formicola

(Costamasnaga); 2. Gianluca

Cerri (Giovani Giussanesi); 3.

Davide Gobbi (Molinello). G2/F:


1. Giada Romano (Sovico); 2.

Ilaria Bardini (Ciclamanti);

3. Noemi Toffanin (Giovani

Giussanesi). G3/M: 1. Andrea

Cicinato (Brugherio); 2. Matteo

Motta (Sovico); 3. Tommaso

Monti (Alzate B.). G3/F: 1.

Laura Vecchio (Fiorin); 2.

Lara Migliavacca (Molinello);

3. Marika Premoli (Salus

Seregno). G4/M: 1. Gianluca

Passarini (Ciclamanti); 2.

Nicolò Piccolo (Vittuonese);

3. Simone Invernizzi (Alzate

B.). G4/F: 1. Martina Marra

(Bettolino Freddo); 2. Silvia

Valtorta (Fiorin); 3. Irene

Ronchi (Molinello). G5/M: 1.

Samuele Bosisio (Alzate B.); 2.

Davide Botta (Capiaghese); 3.

Daniel Maffia (Vertematese).

G5/F: 1. Marica Romano

(Sovico); 2. Deborah Sangalli

(Costamasnaga). G6/M: 1.

Andrea Pace (Pol. di Nova); 2.

Samuele Bianchi (Alzate B.); 3.

Gabriele Barbuto (Ped. Sestese).

G6/F: 1. Francesca Domenica

Lagonia (Molinello); 2. Sara

Filippone (Rescaldinese); 3. Laura

Spano (Molinello).

4° Trofeo Autofficina

Sinelli & Figlio

PIADENA (CR) (31/8) - Festa

del ciclismo giovanile nel

4° Trofeo Autofficina Sinelli &

Figlio, carosello riservato alla

categoria giovanissimi, patrocinato

dal Gruppo Cicloamatoriale

di Piadena, con ben 160

partenti, con il CC Cremonese

Gruppo Arvedi mattatore del

Trofeo a punti, mentre il Trofeo

del gruppo più numeroso è

stato assegnato al Mazzano.

ORDINI D’ARRIVO - G1: 1.

Gianluca Cordioli (Guidizzolo);

2. Nicola Piva (Mincio Chiese);

3. Michele Guarnieri (CC

Cremonese Arvedi). G2: 1. Diego

Bosini (CC Cremonese Arvedi);

2. Marco Costa (Soprazocco);

3. Mattia Baccinelli (id). G3:

1. Davide Gastaldi (Mincio

Chiese); 2. Andrea Venturelli

(Soprazocco); 3. Anna Pedroni

(CC Cremonese Arvedi). G4: 1.

Filippo Braga (Mincio Chiese); 2.

Valerio Portioli (Reggiolese); 3.

Lorenzo Zaccarini (Torrile). G5: 1.

Imerio Cima (Monteclarense); 2.

Riccardo Gallasio (CC Cremonese

Arvedi); 3. Manuel Multari

(Mazzano). G6: 1. Giovanni

Pedretti (CC Cremonese Arvedi);

2. Mattia Rossi (Torrile); 3.

Matteo Ruggeri (Monteclarense).

2° Trofeo Imbalplast

SONCINO (CR) (4/9) - Serata

stellare nel “2° Trofeo

Imbalplast” di Soncino, nel

meeting dei primi sprint, con

tanti, tantissimi virgulti del

movimento lombardo. Imbalplast

prima della classe del

torneo a punti davanti alla Uc

Cremasca e alla Nuvolera Ciclismo.

F.C.

ORDINI D’ARRIVO -

VELOCITà - G1: 1. Filippo

Bertesago (Cremasca); 2.

Lucrezia Francolino (Muzza);

3. Andrea Marletta(Cremasca).

G2: 1. Anselmo Francesconi

(Cremasca); 2. Noel Guzon (Ju

Sport Gorla Minore); 3. Vittoria

Maggi (Imbalplast). G3: 1.

Lorenzo Apostoli (Nuvolera);

2. Alex Ventura (Imbalplast); 3.

Alessandro Ragazzi (Muzza).

G4: 1. Nicola Gozio (Gs Ronco

Elettronave); 2. Simone Vezzoli

ATTIVITÀ GIOVANILE

(Pedale Palazzolese); 3. Stefano

Baffi (Cremasca). G5: 1. Stefano

Moro (Imbalplast); 2. Miriam

Vece (idem); 3. Stefano Gallo (Ju

Sport Gorla M.). G6: 1. Giovanni

Pedretti (CC Cremonese

Arvedi); 2. Sebastiano Esposito

(Imbalplast); 3. Kevin Pasini

(Nuvolera). CORSA A PUNTI

- G5: 1. Kevin Pasini (Nuvolera);

2. Giovanni Pedretti (CC

Cremonese Arvedi); 3. Sebastiano

Esposito (Imbalplast). G6: 1.

Stefano Moro (Sc Imbalplast); 2.

Miriam Vece (idem); 3. Stefano

Gallo (Ju Sport Gorla Minore).

1° Memorial Coniugi

Poggianella

GESSATE (MI) (21/9) - La

gara è stata organizzata a Gessate

dalla locale Associazione

Ciclistica con la partecipazione

di un centinaio di miniatleti.

ORDINI D’ARRIVO - G1: 1.

Andrea Piccolo (Abbiategrasso);

2. Andrea Moschetti

(Abbiategrasso); 3. Nicolas

Sorrenti (Inzago). G1/F: 1.

Francesca Ferravante (Pessano).

il Mondo del Ciclismo n.46

35


il Mondo del Ciclismo n.46

36

ATTIVITÀ GIOVANILE

G2: 1. Samuel Nova (Pedale

Arcorese); 2. Thomas Fusi

(Fiorin-Despar); 3. Emanuele

Magistrelli (Vittuonese). G2/F:

1. Sara Greco (AC Gessate);

2. Beatrice Giunzioni (Fiorin-

Despar); 3. Emma Ferravante

(Pessano). G3: 1. Federico

Micheletti (Abbiategrasso);

2. Michael Gioè (Brugherio);

3. Stefano Esposito (Fiorin-

Despar). G3/F: 1. Giulia Barbieri

(Abbiategrasso). G4: 1. Narayana

Andrea Molinari (Pessano); 2.

Tommaso Bramati (Inzago); 3.

Elisa Wackermann (Biringhello).

G4/F: 1. Elisa Wackermann

(Biringhello); 2. Greta Marturano

(Fiorin); 3. Letizia Galbiati

(Pessano). G5: 1. Simone Piccolo

(Abbiategrasso); 2. Alessandro

Corea (Biringhello); 3. Chiara

Casalinuovo (Vittuonese).

G5/F: 1. Chiara Casalinuovo

(Vittuonese); 2. Alessia Calcaterra

(Abbiategrasso). G6: 1. Alessio

Fazzolari (Fiorin); 2. Lucian Buga

(Pedale Arcorese); 3. Matteo

Moschetti (Abbiategrasso).

G6/F: 1. Sara Wackermann

(Biringhello); 2. Marta Galbiati

(Pessano); 3. Miriam Zanni (Ped.

Agratese).

4° Trofeo C. Cereda

Impianti Elettrici

CONCOREZZO (MI) (31/8) -

Tradizionale gara ciclistica di

fine agosto per i giovanissimi

della Brianza milanese, che in

132 si sono dati appuntamento

a Concorezzo per contendersi

il 4° Trofeo Cereda Impianti

Elettrici. La competizione è

stata vinta dal VC Sovico, che

ha battuto di un solo punto

l’UC Costamasnaga-La Piastrella-Spini

& Zoia: 18 a 17 è

stato il verdetto finale.

I sovicesi si sono imposti tra

i G1 per merito di Tommaso

Motta, hanno replicato tra i

G3 con un altro Motta, Matteo,

mentre i loro cugini del

Pedale Arcorese hanno fatto

bottino tra i G2 con Samuel

Nova e tra i G4 con Silvio Baragetti;

infine, G5 con Alessandro

Pasquariello e G6 con

Niccolò Fornoni, anche la Co-

stamasnaga risponde presente.

V.B.

ORDINI D’ARRIVO - G1: 1.

Tommaso Motta (VC Sovico);

2. Nicola Sorrenti (VC Inzago);

3. Emanuele Saronni (SCO

Cavenago); 4. Fausto Rovelli

(Saccolongo); 5. Riccardo Aziani

(VC Sovico). G2: 1. Samuel Nova

(Pedale Arcorese); 2. Gianluca

Cerri (Giovani Giussanesi); 3.

Christian Strozzi (Polisportiva

Marco Ravasio); 4. Jacopo

Casiraghi (Pedale Agratese); 5.

Federico Ronco (VC Sovico). G3:

1. Matteo Motta (VC Sovico);

2. Michael Gioè (Brugherio

Sportiva); 3. Giovanni Ruggeri

(Polisportiva Marco Ravasio);

4. Mattia Redaelli (VC Sovico);

5. Simone Casarotto (Pedale

Agratese). G4: 1. Silvio Baragetti

(Pedale Arcorese); 2. Dario Di

Blasi (Salus Seregno); 3. Andrea

Narayana Molinari (UC Pessano);

4. Dario Salamini (Polisportiva

Marco Ravasio); 5. Tommaso

Bramati (VC Inzago). G5: 1.

Alessandro Pasquariello (UC

Costamasnaga-La Piastrella-Spini

& Zoia); 2. Simone Sanvito (VC

Sovico); 3. Federico Viganò (UC

Costamasnaga-La Piastrella-Spini

& Zoia); 4. Lorenzo Ferri (Salus

Seregno); 5. Alessio Giuffrida (Sco

Cavenago). G6: 1. Nicolò Fornoni

(UC Costamasnaga-La Piastrella-

Spini & Zoia); 2. Oudou Gouem

(UC Costamasnaga-La Piastrella-

Spini & Zoia); 3. Lucian Buga

(Pedale Arcorese); 4. Andrea Pace

(Polisportiva di Nova); 5. Andrea

Bellucco (Salus Seregno).

12° Trofeo MG Elettrica

CASSANO MAGNAGO (VA)

- Nonostante il periodo estivo

ed il grande caldo oltre centosettanta

mini corridori hanno

preso il via a Cassano Magnago

alla 12a edizione del trofeo

MG Elettrica, prova ben curata

dal San Pietro del presidente

Sergio Colombo. Qualche

assenza di spicco, ma la vittoria

l’hanno comunque conquistata

i “soliti noti”. Il trofeo

di società è andato ai ragazzi

di Ferruccio Raffaelli, quelli

dell’Orinese, che hanno bat-

tuto di sole tre lunghezze il

Prealpino, mentre al terzo posto

sono finiti i padroni di casa

della San Pietro. A.P.

ORDINI D’ARRIVO - G1: 1.

Lorenzo Cucchetti (S. Macario/

Biolo); 2. Lorenzo Pollicini

(Orinese); 3. Riccardo Savoldi

(Prealpino); 4. Alan De Santis

(Prealpino); 5. Nathan Triburgo

(Orinese). G2: 1. Noel Guzon (Ju

Sport Gorla Minore); 2. Simone

De Benedetti (Orinese); 3. Marco

Braggion (Cassano 92); 4. Diego

Martini (Cassano 92); 5. Marco

Nervi (San Macario/Biolo). G3:

1. Antonio Puppio (San Macario

Valerio Biolo); 2. Mattia Munno

(Lavena Coop Ponte Tresa); 3.

Riccardo Marin (Orinese); 4.

Davide Ielmini (Prealpino); 5.

Mirko De Palma (Cassano 92).

G4: 1. Alessandro Covi (Orinese);

2. Andrea Dorio (Cassano 92); 3.

Manuel Belloni (Rescaldinese);

4. Marco Ristic (Prealpino); 5.

Lorenzo Gumiero (Prealpino).

G5: 1. Simone Baggio (San

Pietro); 2. Federico Ranghetti

(Cardanese/IGVN); 3. Michael

Zocca (Prealpino); 4. Nicolò

Viero (Ju Sport); 5. Alessandro

Giani (Cassano 92). G6: 1. Greta

Rossetti (Lavena Coop Ponte

Tresa); 2. Andrea Baggio (San

Pietro); 3. Luca Macchi (San

Pietro); 4. Erik Crestini (Besanse/

Acqua&Sapone); 5. Davide

Moneta (Prealpino). SOCIETA’: 1.

Orinese p. 17; 2. Prealpino p. 14;

3. San Pietro p. 12; 4. Cassano 92

p. 11; 5. Cardanese IGVN p.11.

1° Memorial Coniugi

Poggianella

GESSATE (MI) - Si è svolto a

Gessate il 1° Memorial Coniugi

Poggianella, gara riservata

alla categoria giovanissimi ed

organizzata dalla locale associazione

ciclistica con la partecipazione

di un centinaio di

miniatleti. V.B.

ORDINI D’ARRIVO

- G1/M: 1. Andrea Piccolo

(Abbiategrasso); 2. Andrea

Moschetti (Abbiategrasso); 3.

Nicolas Sorrenti (Inzago); 4.

Alessandro Baroni (Vittuonese);

5. Emanuele Saronni (Cavenago).

G1/F: 1. Francesca Ferravante

(Pessano). G2/M: 1. Samuel Nova

(Pedale Arcorese); 2. Thomas

Fusi (Fiorin-Despar); 3. Emanuele

Magistrelli (Vittuonese); 4.

Jacopo Casiraghi (Pedale

Agratese); 5. Luca Catanese

(Fiorin-Despar). G2/F: 1. Sara

Greco (AC Gessate); 2. Beatrice

Giunzioni (Fiorin-Despar); 3.

Emma Ferravante (Pessano); 4.

Camilla Beretta (Abbiategrasso).

G3/M: 1. Federico Micheletti

(Abbiategrasso); 2. Michael

Gioè (Brugherio); 3. Stefano

Esposito (Fiorin-Despar); 4.

Edoardo Mariani (Pessano);

5. Simone Casarotto (Pedale

Agratese). G3/F: 1. Giulia

Barbieri (Abbiategrasso). G4/M:

1. Narayana Andrea Molinari

(Pessano); 2. Tommaso Bramati

(Inzago); 3. Elisa Wackermann

(Biringhello); 4. Matteo Sangalli

(Abbiategrasso); 5. Greta

Maturano (Fiorin). G4/F: 1. Elisa

Wackermann (Biringhello);

2. Greta Marturano (Fiorin);

3. Letizia Galbiati (Pessano).

G5/M: 1. Simone Piccolo

(Abbiategrasso); 2. Alessandro

Corea (Biringhello); 3. Chiara

Casalinuovo (Vittuonese); 4.

Alessio Giuffrida (Cavenago);

5. Matteo Bonato (Biringhello).

G5/F: 1. Chiara Casalinuovo

(Vittuonese); 2. Alessia Calcaterra

(Abbiategrasso). G6/M: 1. Alessio

Fazzolari (Fiorin); 2. Lucian Buga

(Pedale Arcorese); 3. Matteo

Moschetti (Abbiategrasso);

4. Andrea Micheletti

(Abbiategrasso); 5. Raul Colombo

(Abbiategrasso). G6/F: 1. Sara

Wackermann (Biringhello); 2.

Marta Galbiati (Pessano); 3.

Miriam Zanni (Ped. Agratese).

2° Trofeo Amministraz.

Comunale Ponte Tresa

PONTE TRESA (VA) (21/9)

- Con una partecipazione di

circa duecento minicorridori

si è svolto a Ponte Tresa, organizzato

dalla Lavena Coop, il

secondo trofeo Amministrazione

Comunale. Per quanto

concerne i team il successo

è andato alla formazione di

casa, ovvero la Lavena Coop,


che ha preceduto l’Orinese,

grazie al trionfo nella G6 dove

ha piazzato quattro atleti nei

primi cinque, mentre al terzo

posto si è piazzata la San Macario.

A.P.

ORDINI D’ARRIVO - G1/M:

1. Lorenzo Pollicini (Orinese); 2.

Lorenzo Cucchetti (San Macario);

3. Riccardo Savoldi (Prealpino).

G1/F: 1. Carlotta Fasolo (Dal

Zovo Bolladello). G2/M: 1. Noel

Guzon (Ju Sport Gorla Minore);

2. Davide Aldeghieri (Ambrosoli/

Calzolari); 3. Domenico D’Amore

(Lavena Coop). G2/F: 1. Elisa

Stevenazzi (Dal Zovo Bolladello).

G3/M: 1. Antonio Puppio (S.

Macario/Biolo); 2. Matteo Cappai

(Orinese); 3. Mattia Domenico

Munno (Lavena Coop). G3/F: 1.

Sara Margheritis (Caravatese/

Inda). G4/M: 1. Alesandro

Bellotta (Orinese); 2. Andrea

Dorio (Cassano 92); 3. Lorenzo

Gumiero (Prealpino). G5/M: 1.

Lorenzo Francione (Pol. Invorio

Sup/Nuovi Orizzonti); 2. Simone

Baggio (San Pietro); 3. Riccardo

Rebeschi (Pol. Besanese/Garzelli/

Acqua&Sapone). G5/F: 1. Gaia

Amesz (Orinese). G6: 1. Andrea

Fumi (Lavena Coop Ponte Tresa);

2. Andrea Baggio (San Pietro

Cassano Magnago); 3. Jacopo

Schiavon (Lavena Coop); 4.

Greta Rossetti (idem); 5. Davide

Canziani (idem). SOCIETA’: 1.

Lavena Coop Ponte Tresa, p. 17;

2. Orinese, p. 14; 3. San Macario/

Valerio Biolo, p. 11; 4. San

Pietro Cassano Magnago, p. 8; 5.

Prealpino/Mondo Bambino, p. 8.

41° Gran Premio

Industria & Commercio

CAVENAGO (MI) (28/9) -

Ultima gara della stagione anche

per i giovanissimi della

Brianza milanese che hanno

risposto in 214 per contendersi

l’ambito Gran Premio Industria

e Commercio, giunto alla

41a edizione sotto la direzione

del signor Freguglia.

ORDINI D’ARRIVO - G1/M:

1. Riccardo Aziani (AC Sovico);

2. Matteo Barni (Giovani

Giussanesi); 3. Emanuele Saronni

(Cavenago). G1/F: 1. Francesca

Ferravante (UC Pessano). G2/M:

1. Samuel Nova (Pedale Arcorese);

2. Thomas Fusi (Fiorin); 3.

Gianluca Cerri (Giov. Giussanesi).

G2/F: 1. Beatrice Giunzioni (Cicli

Fiorin-Despar). G3/M: 1. Michael

Gioè (SC Brugherio Sportiva);

2. Andrea Cicinato (Brugherio

S.); 3. Simone Casarotto (Pedale

Agratese). G3/F: 1. Laura Vecchio

(Cicli Fiorin-Despar). G4/M: 1.

Andrea Narayana Molinari (UC

Pessano); 2. Gianluca Passarini

(Ciclamanti); 3. Stefano Frigerio

(Cavenago). G4/F: 1. Martina

Marra (SC Bettolino Freddo).

G5: 1. Avelyan Dutka (Molinello

Ciclismo); 2. Martina Alzini

(Busto G.); 3. Daniel Maffia

(Vertematese). G6/M: 1. Lorenzo

Vaghi (US Vertematese); 2. Lucian

Buga (Pedale Arcorese); 3. Alessio

Fazzolari (Cicli Fiorin-Despar).

G6/F: 1. Domenica Francesca

Lagona (Molinello Ciclismo).

31° Gran Premio Avis

BUSCATE (MI) (7/9) - Il ciclismo

giovanile ha risposto in

massa all’invito della SC Buscatese

del presidente Abramo

Merlotti, che ha organizzato il

tradizionale Gran Premio dedicato

all’Avis e che è giunto

alla 31a edizione, impreziosito

dalla partecipazione di 148

minicorridori che hanno interpretato

la gara col massimo

impegno. Nella speciale classifica

per società, affermazione

del GS Alzate Brianza. V.B.

ORDINI D’ARRIVO - G1: 1.

Marco Caruso (Bareggese); 2.

Lorenzo Porrati (Busto Garolfo);

3. Reginald Teddy Oprense

Annor (Ped. Senaghese); 4.

Diego Luraschi (Alzate B.); 5.

Federico Fumagalli (Alzate B.).

G2: 1. Andrea Donadello (Busto

G.); 2. Sara Acefalo (Busto G.);

3. Marco Bonetto (Alzate B.);

4. Silvia Magri (Busto G.); 5.

Alessio Giuliano De Petri (Ped.

Senaghese). G3: 1. Tommaso

Monti (Alzate B.); 2. Riccardo

Covizzi (Marcoli); 3. Massimo

Confalonieri (Alzate Brianza);

4. Federico Mascheroni (Alzate

B.); 5. Stefano Corti (Alzate). G4:

1. Lorenzo Lucini (Saronni); 2.

Manuel Belloni (Rescaldinese);

3. Simone Invernizzi (Alzate B.);

4. Nicolò Piccolo (Vittuonese);

5. Federico Nava (Alzate B.). G5:

1. Samuele Bosisio (Alzate B.);

2. Lorenzo Arancione (Nuovi

Orizzonti); 3. Alessandro

Corea (Biringhello); 4. Riccardo

Donadello (Busto G.); 5.

Martina Alzini (Busto G.). G6:

1. Manuel Todaro (Marcoli);

2. Luca Quaresimin (Marcoli);

3. Luca Quaroni (Busto G.); 4.

Luca Monorchio (Alzate B.); 5.

Mykhailo Ilika (Marcoli).

2° Trofeo G. Scarabaggio

BOLLADELLO DI CAIRA-

TE (VA) (6/9) - L’occasione

per vedere all’opera i giovanissimi

locali è stata fornita dalla

Dal Zovo, che voleva ricordare

Giuseppe Scarabaggio, dirigente

scomparso due anni

orsono.

ORDINI D’ARRIVO - G1: 1.

Lorenzo Pollicini (Orinese); 2.

Marta Azzarello (Dal Zovo); 3.

Emanuele Andreas Vittone (Cicli

Lucchini Aosta); 4. Carlotta

Fasolo (Dal Zovo); 5. Lorenzo

Cucchetti (San Macario). G2:

1. Federico Mazza (Dal Zovo);

2. Navarre Andrea Paiusco

(San Macario/Biolo); 3. Elisa

Stevenazzi (Dal Zovo); 4. Gerard

Daniele Paiusco (San Macario);

5. Elia Vallari (Lavena Coop). G3:

1. Massimo Muraro (Prealpino);

2. Federico Brovardi (Besnate);

3. Riccardo Anglana (Prealpino);

4. Fabio Baggio (Cassano 92);

5. Amedeo Broggini (Dal Zovo

Bolladello). G3/F: Matilde Vallari

(Lavena Coop Ponte Tresa). G4:

1. Alessandro Bellotta (Orinese);

2. Riccard Bernardinello (S.

Macario); 3. Andrea Dorio

(Cassano 92); 4. Alessandro

Covi (Orinese); 5. Silvia Pollicini

(Orinese). G5: 1. Michael Zocca

(Prealpino); 2. Simone Baggio

(San Pietro); 3. Davide Forlani

(Lavena); 4. Federico Ranghetti

(Cardanese/IGVN); 5. Claudia

Bicelli (Orinese). G6: 1. Andrea

Fumi (Lavena); 2. Andrea Baggio

(San Pietro); 3. Davide Canziani

(Lavena Coop); 4. Jacopo

Schiavon (Lavena); 5. Greta

ATTIVITÀ GIOVANILE

Rossetti (Lavena/Coop Ponte

Tresa). SOCIETà: 1. Lavena Coop

Ponte Tresa p. 15; 2. Dal Zovo

Bolladello p. 15; 3. Orinese p. 14.

6° Trofeo Tecnopa

BUSTO ARSIZIO (VA) (7/9)

- In questa prova, organizzata

dalla San Macario, da rimarcare

la splendida affermazione

nella G2 di Thomas Fusi (Fiorin),

un nome che per il ciclismo

vuol dire molto. Tra gli

altri, conferme per Covi, Puppio,

Pollicini e Canziani, mentre

la sorpresa è arrivata dalla

G5, con la vittoria di Davide

Colnaghi (Costamasnaga), che

ha battuto tutti i varesini. Anche

in campo femminile le solite

conferme. A.P.

ORDINI D’ARRIVO - G1/M:

1. Lorenzo Pollicini (Orinese); 2.

Lorenzo Cucchetti (San Macario);

3. Alan De Santis (Prealpino).

G2/M: 1. Thomas Fusi (Fiorin);

2. Noel Guzon (Ju Sport Gorla

Minore); 3. Domenico D’Amore

(Lavena). G3/M: 1. Antonio

Puppio (San Macario); 2. Luca

Colnaghi (Costamasnaga); 3.

Matteo Cazppai (Orinese). G4/M:

1. Alessandro Covi (Orinese); 2.

Andreas Dorio (Cassano 92); 3.

Lorenzo Gumiero (Prealpino).

G5/M: 1. Davide Colnaghi

(Costamasnaga); 2. Simone

Baggio (Pietro); 3. Alessio

Colnaghi (Costamasnaga). G6/M:

1. Davide Canziani (Lavena

Coop); 2. Alesio Fazzolari

(Fiorin); 3. Andrea Fumi (Lavena).

G1/F: 1. Marta Azzarello

(Dal Zovo); 2. Carlotta Fasolo

(Dal Zovo). G2/F: 1. Michela

Giuliani (Ossanesca Bs); 2. Elisa

Stevenazzi (Dal Zovo); 3. Beatrice

Giunzioni (Fiorin). G3/F: 1.

Martina Fidanza (Eurotarget); 2.

Sara Margheritis (Caravatese); 3.

Matilde Vallari (Lavena). G4/F:

1. Gaia Saporiti (Prealpino); 2.

Maria Arzuffi (Fiorin); 3. Greta

Martorano (Fiorin). G5/F: 1.

Paola Panzeri (Costamasnaga); 2.

Giulia Menotti (Lavena); 3. Alice

Cucchetti (San Macario). G6/F: 1.

Greta Rossetti (Lavena Coop); 2.

Martina Centomo (Cassano 92);

3. Lilith Milani (Costamasnaga).

il Mondo del Ciclismo n.46

37


il Mondo del Ciclismo n.46

38

CRONACHE DELLE GARE

Campionato italiano Commissari di Gara

di Giovanni Maialetti

FIUGGI (FR) (12/10) - Nella

storica città termale della Ciociaria

si è svolto il cicloraduno

nazionale FCI dei Commissari

di Gara in occasione della

prova unica su strada del campionato

italiano. Alla manifestazione

hanno preso parte un

centinaio di atleti provenienti

da tutte le Regioni d’Italia impegnati

in salita negli ultimi

700 metri finali. Il campionato

italiano è stato indetto dalla

Commissione regionale Commissari

di Gara con la collaborazione

del Comitato regionale

laziale della Federazione

Ciclistica Italiana. L’organizzazione

tecnica è stata curata

dall’ASD Polisportiva Vittoriese

(direttore di organizzazione

Franco Costantino con

la collaborazione di Antonio

Mostacchi) e dall’ASD Roma

Sport Eventi con il patrocinio

dell’Amministrazione Comunale

di Fiuggi e dell’Assessorato

allo Sport e Turismo della

Provincia di Frosinone.

Ospiti d’onore il presidente FCI

Renato Di Rocco; il presidente

della Struttura Tecnica Federale

Flavio Milani; il cavalier

Gianni Poppi componente della

commissione elettorale

e benemerenze FCI

(dal 1983 ideatore del

campionato italiano dei

giudici); Antonio Zanon,

presidente della Commissione

Sport e Cultura

della Regione Lazio; Bruno

Vallorani, Tony Vernile

e Giuliano Indragoli

per il comitato regionale

del Lazio FCI; Mario

Guerrieri presidente del

comitato provinciale di

Frosinone FCI; Antonio

Mauro Pirone presidente

del Comitato Provinciale

di Roma FCI, Direttore

di organizzazione Franco

Costantino, di Corsa,

Agildo Mascitti, scorta

tecnica GS Vessella,

Le giacche blu tricolori

Le maglie indossate dai due Bertorello, Andrea e Stefania,

Bisignani, Pipoli, Giannone, Rigoletti, Vittigli, Mirandola

speaker Luca Alò.

Teatro di gara il centro storico

delle terme di Fiuggi, un circuito

veloce di 3700 metri con

leggero strappo in salita negli

ultimi 700 metri fino all’arrivo.

In palio sette maglie tricolori

di cui 5 nella categoria maschile

e 2 in quella femminile.

Nella prima batteria hanno

preso parte sia le categorie

maschili (categorie D, E, over

70) sia quelle femminili (F1,

F2) che dovevano ripetere per

4 volte il circuito. A dar fuoco

alle polveri nelle prime battute

di gara il pugliese Giannone

che è riuscito ad evadere subito

dal gruppo dapprima in

compagnia dei veneti Pizzetto

e Collodel, poi è riuscito a

staccarli negli ultimi due giri

presentandosi in perfetta solitudine

al traguardo. Al secondo

posto si è piazzato Puccini

(Erg), terzo il suo compagno di

squadra Malacarne: entrambi

sono stati i più immediati

inseguitori di Giannone negli

FOTO DI GRUPPO DEI CAMPIONI D’ITALIA

UOMINI - CATEGORIA A: 1. Bertorello Andrea (Piemonte)

Campione d’Italia; 2. Pagliariccia Danilo (Abruzzo); 3. Baima

Stefano (Piemonte. CATEGORIA B: 1. Antonio Bisignani

(Liguria) Campione d’Italia; 2. Trabucco Enrico (Veneto);

3. Sposito Angelo (Lombardia). CATEGORIA C: 1. Pipoli

Giuseppe (Puglia) Campione d’Italia; 2. Ceci Giovanni (Lazio);

3. Galluccio Fabio (Lazio). CATEGORIA D: 1. Giannone Vito

(Puglia) Campione d’Italia; 2. Puccini Giorgio (Er); 3. Malacarne

Mario (Erg). CATEGORIA E: 1. Rigoletti Giacomo (Lombardia)

Campione d’Italia; 2. De Tommasi Luigi Lucio (Puglia); 3.

Petrangeli Giuseppe (Lazio). CATEGORIA OVER 70: 1.

Vittigli Antonio (lazio) Campione d’Italia). CATEGORIA F1: 1.

Bertorello Stefania (Piemonte) campionessa d’Italia; 2. Dabbene

Elisa (Piemonte); 3. Rodolfi Laura (Lombardia). CATEGORIA

F2: 1. Mirandola Cristina (Veneto) Campionessa d’Italia; 2.

Guarniero Federica (Veneto); 3.Tscholl Regine Irene (Veneto).

ultimi due giri. Tra le donne

si sono messe in luce le neocampionesse

italiane Mirandola

(Veneto, per la categoria

F2) e Bertorello (Piemonte,

per la categoria F1).

Nella seconda batteria hanno

preso parte le categorie maschili

(A, B, C) che dovevano

affrontare 6 giri del circuito.

Anche qui subito dopo il via,

Ordine di arrivo

ancora la Puglia protagonista

con Pipoli che è rimasto allo

scoperto solo al primo giro.

Nel corso dei giri successivi il

gruppo dei migliori, complice

un avvio di gara sostenuto, si

è ridotto a una quindicina di

unità anche se non sono mancati

continui scatti e controscatti.

Solo in occasione dell’ultima

tornata si è verificato

negli ultimi 500 metri

il forcing decisivo del

ligure Bisignani che è

riuscito a staccare il veneto

Trabucco con quest’ultimo

piantatosi nel

tentativo di anticipare

Bisignani per lo sprint

finale. La terza piazza

del podio è andata al

lombardo Sposito.

Le altre maglie ad Andrea

Bertorello (cat. A

Piemonte) e Giuseppe

Pipoli (Puglia cat. C).

Bene Pagliariccia, Baima,

Sposito, Ruzzi, Ceci,

Galluccio, Ciapetti, Peroni,

Porretta.Al termine

la cerimonia delle

premiazioni e vestizioni

nuovi campioni.


Campionati Italiani di Società Handbike e Tandem non Udenti e non Vedenti

di Vito Bernardi

OSSONA (MI) (5/10) - Con

l’organizzazione del GC Ossona

si sono svolti nella cittadina

Altomilanese i Campionati

Italiani di Società per le

categorie “Handbike” e “Tandem

non Udenti e non Vedenti”

con la partecipazione di 75

corridori. Atmosfera di grande

agonismo in tutte le prove

disputate, valide anche per

l’assegnazione del “1° Trofeo

Donato Gornati a.m.” col varesino

di Gorla Minore, Angelo

Maffezzoni in maglia tricolore

nella categoria LC1. Nella categoria

A2, Handbike, bel successo

anche per Riccardo Giani

della Polha Varese, società

che conquista il posto d’onore

nella Cat. C con Pierino Danese.

Vittorie anche per il Team

di Carlo Ricci, i comaschi della

“MTB Bee and Bike”, che si impongono

nella categoria LC2

con Roberto Bargna, nella LC4

con Andrea Pusateri e nella

CP3 con Francesco Alberghino;

infine, il rescaldinese Paolo

Cecchetto trionfa nella cat. B.

SOPRA: I CAMPIONI D’ITALIA; SOTTO: LA PARTENZA

Vittoria per tutti

TRICOLORI HANDBIKE

Corse spettacolari con atleti determinati a dare il meglio.

Magnifica l’organizzazione del GC Ossona

Ordine di arrivo

HANDBIKE CAT A1: 1. Sergio Balducchelli (Pol. Bresciano-

No Frontiere); 2. Andrea Gomiero (Uni Sport Rovigo). CAT

A2: 1. Riccardo Giani (Polha Varese); 2. Federico Villa (Piccoli

Diavoli a 3 ruote); 3. Fabrizio Cornegliani (Pulinet). CAT.

B MASCHILE; 1. Paolo Cecchetto (Rescaldina-Pulinet);

2: Vittorio Podestà (Don Bosco Genova); 3. Pantaleo Sette

(Spot di più). FEMMINILE: 1. Rosanna Menazzi (Basket e

non solo). CAT C: 1. Roland Ruepp (Disabili Alto Adige); 2.

Pierino Danese (Polha Varese); 3. Roberto Piccinini (Podio

Albino). CAT. D: 1. Giovanni Angeli (Basket e non solo); 2.

Elio Buzzolini (Basket e non solo); 3. Manilo Nogaro (Basket

e non solo). TANDEM MASTER: 1. Ponzoni & Zin (Pol.

Disabili Valcamonica); 2. Iemmi & Montanari (Asd Tricolore);

3. Genovese & Molè (GS Non Vedenti Vicenza). TANDEM

ASSOLUTI: 1. Borsini & Riccardo (Pol. Disabili Valcamonica);

2. Mini & Campedelli (Asd Tricolore). NON UDENTI: 1. Luigi

Cucco (GS Sordoparlanti); 2. Luca Spinelli (Asd Non Udenti-

Montebelluna); 3. Paride Pandolfi (Asd Sordi-Pesaro). CAT.

LC1: 1. Angelo Maffezzoni (Oltretutto 97-Gorla Minore);

2: Osvaldo De Zordi Zandegiacomo (Non vedenti Vicenza);

3. Roberto Bianco (Pol. Handicap Biellese). LC2: 1. Roberto

Bargna (Team Mtb Bee and Bike). LC4: 1. Andrea Pusateri

(Mtb Bee and Bike). CP3: 1. Francesco Alberghini (Mtb Bee and

Bike).

il Mondo del Ciclismo n.46

39


il Mondo del Ciclismo n.46

40

REGIONI

Marche - Ha conquistato il 17° Trofeo Il Cappello d’Oro

di Paolo Piazzini

FABIO TABORRE, 23enne

corridore pescarese del V.C.

Aran World BLS Cantina

Tollo, ha vinto con pieno merito

il “17° Trofeo Il Cappello

D’Oro”, il rinomato challenge

basato sulle migliori gare per

élite e under 23 soprattutto

del Centro Italia.

L’allievo di Umberto Di Giuseppe,

che in questo autunno

ha già provato tra i Professionisti

con la Diquigiovanni,

aveva guadagnato un nettissimo

vantaggio soprattutto

in primavera e poi ha mantenuto

agevolmente il comando.

I suoi più degni avversari

sono stati il piazzatissimo

Alessandro Malaguti, della

S.C. Calzaturieri Montegranaro

Marini Silvano, il laziale

di Toscana Emanuele Vona,

della Neri Lucchini Comauto,

l’iridato Adriano Malori,

della Filmop, e Paolo Ciavatta,

della S.C. Monturano Civitanova

Cacinare, autore di

un grande finale di stagione

Taborre, premio alla qualità

Il pescarese ha vinto con 87 punti, staccando di 24 lunghezze

il secondo, l’ottimo Malaguti, e di 25 il plurivittorioso Vona.

Al V.C. Aran World BLS Cantina Tollo la classifica a squadre

(dopo che nella prima metà

stagione per vario tempo era

dovuto stare dietro le quinte

per guai fisici).

Grazie soprattutto all’apporto

di Fabio Taborre, il “17° Gran

17° GP Mille Cappellini

1. VC Aran World BLS Cantina Tollo Montesilvano p.174;

2. Neri Lucchini Nuova Comauto 164; 3. Filmop Sorelle

Raimonda Bottoli Parolin 146; 4. Bedogni Natalini Monsummanese

128; 5. G.S. Podenzano Tecninox p. 126; 6.

S.C. Calzaturieri Montegranaro Marini Silvano 117; 7.

S.C. Monturano Civitanova Cascinare 103; 8. G.S. Zalf

Desirèe Fior 92; 9. U.S. Palazzago Elledent 89; 10. Vega

Prefabbricati Montappone 69; 11. U.S. Fausto Coppi Gazzera

Videa 60; 12. MG Kvis Norda 56; 13. Team SCAP

Pref.ti Foresi Trodica 55: V.C. Seano Vangi 55;15. G.S. Bibanese

Cardin Brisot 54; Team FIDIBC. Com 54; 17. Futura

Team Matricardi 52; 18. Team Massi Euronics Gruppo

Cerioni 51; 19. Cargo Compass Albatros 47; 20. U.S.

Fracor Modolo Prosciutto Pratomagno 42. Seguono altre

società con punteggi inferiori.

17° Trofeo Il Cappello D’Oro

1. Taborre Fabio (V.C. Aran World BLS Cantina Tollo)

p. 87; 2. Malaguti Alessandro (S.C. Calzaturieri Montegranro

Marini Silvano) 63; 3. Vona Emanuele (Neri Lucchini

Nuova Comauto) 62; 4. Malori Adriano (Filmop So-

Premio Mille Cappellini” è

andato alla sua società, il V.C.

Aran World BLS Cantina Tollo

di Montesilvano.

La challenge del 17° Trofeo Il

Cappello D’Oro, organizzata

UNA VITTORIA DI TABORRE (FOTO BALSIMELLI)

Classifiche

dall’omonima società, sotto

la direzione di Demetrio Iommi

e Paolo Piazzini, è stata

aggiudicata attraverso i risultati

di 57 gare, appositamente

prescelte prima dell’inizio

di stagione, delle Marche

(16 gare), della Toscana (17

gare), dell’Emilia Romagna (7

gare), dell’Abruzzo (4 gare),

dell’Umbria (4 gare), del Lazio

(4 gare), del Molise (una

gara), della Campania (una

gara), della Puglia (2 gare) ed

una anche della Lombardia (la

gara di Rovescala).

Tra le 57 gare valide per la

challenge ve ne erano 14 “nazionali”

e 13 “internazionali”.

La premiazione avrà luogo domenica

23 novembre ad Osimo,

presso il Teatro Campana,

con inizio alle ore 16.

relle Raimonda Bottoli Parolin) 60; Ciavatta Paolo (S.C.

Monturano Civitanova Cascinare) 60; 6. Modolo Sacha

(Zalf Desirèe Fior) 43; 7. Silin Egor (Naz. Russia) 41; 8.

Berdos Oleg (G.S. Bibanese Cardin Brisot)38; 9. Marangoni

Alan (U.S. F. Coppi Gazzera Videa)37;10. Arredondo

Moreno Julian David (Massi Team Euronics Cerioni) 36;

Bisolti Alessandro (U.S. Palazzago Elledent) 36; Craven

Dan (Team FIDIBC. Com) 36; 13. Girardi Edoardo (G.S.

Podenzano Tecninox) 35; Centra Paolo (Futura Team

Matricardi) 35; 15. Vitali Federico (V.C. Breganze Cyberteam)

32; Rocchetti Leopoldo (Team SCAP Pref.ti Foresi)

32; 17. Lupori Andrea (Bedogni Natalini Monsummanese)

31; Terrenzio Fabio (Vega Pref.ti Montappone)

31;19. Formichetti Stefano (Pol. G.S. Valdarno Prebeton)

29; Fioretti Luca (S.C. Monturano Civitanova Cascinare)

29; 21. Baggio Filippo (Filmop Raimonda Bottoli Parolin)

28; 22. Battaglini Mirko (Neri Lucchini Nuova Comauto)

27; 23. Lasca Francesco (Bedogni Natalini Monsummanese)

26; Rivera Francesco (G.S. Ginestra Il Gabbiano) 26;

25. Trotta Alessandro (Bedogni Natalini Monsummanese)

25; Busato Matteo (U.S. F.Coppi Gazzera Videa) 25. Seguono

altri con punteggi inferiori.


Toscana - Esordienti, il bilancio della stagione 2008

di Antonio Mannori

FIRENZE.- Tredici anni, abita

a Caserane di Quarrata e corre

nel Velo Club Seano One, il più

forte tra gli esordienti toscani

della stagione 2008, Niccolò

Pacinotti. Ha vinto anche il titolo

regionale primo anno nella

prova svoltasi a Castelfiorentino,

mentre nel secondo anno

si è affermato Francesco Acco

(Sancascianese Polimeccanica).

Dietro a Pacinotti, figlio

d’arte in quanto suo padre ha

gareggiato nel ciclismo toscano

prima di svolgere le mansioni

anche di direttore sportivo

e primo anche nel numero

dei successi, il bravo Niko Colonna

vice campione italiano,

dopo aver dato líimpressione

di poter vincere quel giorno il

titolo tricolore. Terzo per rendimento

il pisano David Luisi,

mentre occorre ricordare la

medaglia di bronzo conquistata

nella prova tricolore da Nicola

Conti. La prima società in

categoria per numero di vittorie

(22) grazie a Pacinotti e Bonechi,

è risultato il V.C. Seano

One Fuochi, seguito dalla Butese

con 12, Iperfinish Stabbia

Ciclismo 11, Castelfiorentino

Banca Credito Cambiano 9,

Stradella Massa 8.

Il ritrovo delle Giacche Blu alla Castellina

di Antonio Mannori

CON L’APPASSIONATA regia

del giudice pratese Maurizio

Colligiani e della Commissione

Regionale, si è

tenuto al Monastero di Santa

Lucia alla Castellina, l’annuale

ritrovo dei giudici di gara

del ciclismo toscano, giunto

alla ventottesima. Momento

di festa per le giacchette blu

del ciclismo, presenti anche

i familiari e grazie alla consueta

ospitalità garantita da

Padre Agostino Bartolini, Padre

Agostino Gelli, da Padre

Pacinotti, un anno super

Sedici vittorie e 122 punti sanciscono la sua superiorità

sugli avversari. Colonna secondo con 81 punti, Luisi è terzo

All’insegna dell’amicizia

Da 28 anni si ripete con grande successo

Raffaele Duranti e da tutto il

Gruppo Amici della Castellina

che si sta già preparando a

un altro intenso appuntamento,

quello del meeting dei direttori

sportivi delle squadre

professionistiche previsto dal

21 al 23 novembre e che sarà

concluso dalla consegna dei

premi “Coraggio e Avanti” al

neo professionista particolarmente

distintosi nelle ultime

Ordine di arrivo

due stagioni, oltre al “Timone

d’Oro” e “Ammiraglio d’Oro”

per un direttore sportivo del

passato e per uno del presente.

Tornando al ritrovo della

Castellina celebrata una Santa

Messa in ricordo dei giudici

di gara defunti, si è tenuto

il convivio con la consegna di

alcuni riconoscimenti, mentre

è stato presentato anche il libro

dello stesso Maurizio Col-

REGIONI

NOME 1p 2p 3p 4p 5p P.ti

1. Pacinotti (Seano One) 16a 7 2 1 - 122

2. Colonna (Iperfinish) 10 9b 1 1 1 104

3. Luisi (Butese) 5 7 5 3 3 81

4. Conti (Stradella) 7 1 8b 1 2 76

5. Bonechi (Seano One) 6 6a 3 1 - 69

6. Cafaro (Pozzarello) 7 4 3 3 1 66

7. Giunta (Castelfiorentino) 6 4 2 2 1 57

8. Tinaglia (Olimpia Val.) 3 7 2 - 1 50

9. Marchini (Amore&Vita) 6 3 1 1 2 49

10. Tomi (Pedale Toscano) 5 3 3 1 - 48

11. Mancini (Vital Center) 4 3 3 1 2 45

12. Friscia (Castelfiorentino) 1 3 6 3 1a 44

13. Brogi (Butese) 4 1 1 1 3 32

14. Valentini (Abitare Cor.) 3 - 4 2 - 31

15. Reali (Castelfiorentino) 2 1 2 2 3 27

16. Acco (Sancascianese) 2a 1 - 2 3 26

16. Giannelli (Stradella) - 3 - 7 - 26

LEGENDA: A= un piazzamento in gare a punteggio doppio; B= due piazzamenti in gare a

punteggio doppio.

LE VITTORIE - Con 16: Pacinotti; 10: Colonna; 7: Cafaro, Conti; 6: Bonechi, Giunta, Marchini;

5: Luisi, Tomi 4: Brogi, Mancini; 3: Ciucci, Maria Romano, Tinaglia, Valentini. 2: Acco,

Argentieri, Bigazzi, Lisi, Mencarelli, Nika, Olmastroni, Orsini, Reali. 1: Andolfo, Cicero, Friscia,

Giglio, Piazza, Tardelli, Zullo.

ligiani “Ciclomundi-Storie di

ieri oggi e domani” - che raccoglie

le poesie scritte e dedicate

ai vari personaggi dall’artista

pratese. Tra i presenti, in

una splendida giornata di sole,

il vice presidente del Comitato

Regionale Toscano, Giacomo

Bacci, il consigliere Maurizio

Marchesini, il giudice sportivo

Graziano Mazzei ed il supplente

Enrico Bartoli.

il Mondo del Ciclismo n.46

41


il Mondo del Ciclismo n.46

42

REGIONI

Puglia - Sta nascendo il Consorzio del Velodromo Lello Simeone

LA SALA CONSILIARE del

Comune di Barletta ha tenuto

a battesimo un importante incontro,

dalle poliedrici finalità,

al quale hanno partecipato

un centinaio di esponenti del

ciclismo pugliese, i Responsabili

Regionali del CR della

F.C.I., i Responsabili Regionali

degli Enti di Promozione

Sportive Uisp e Libertas,

rappresentati rispettivamente

da Vincenzo Liaci e da Bruno

Giuseppe.

Presente alla riunione il Sindaco

di Barletta Ing. Nicola

Maffei e il Presidente della

Commissione Sport.

L’incontro programmato e

coordinato dal Presidente

Bianco, mirava principalmente

alla costituzione del Consorzio

del Velodromo Lello Simeone

di Barletta e a una più incisiva

collaborazione fra Amministrazione

e Federazione Ciclistica,

soprattutto per uno più

razionale utilizzo degli orari

da condividere con le società

di calcio. La Federazione non

vuole sottrarre spazio alcuno,

anzi intende agevolare una

maggiore fruibilità di allenamenti

soprattutto nei periodi

da novembre ad aprile, periodo

non idoneo per i ciclisti.

Consentire appena due ore per

lo svolgimento di una gara dal

1 di settembre al 15 giugno,

ha affermato Bianco non è

fattibile. Necessitano almeno

5 ore per 2 vote alla settimana

da settembre a novembre e

di una giornata da maggio ad

agosto per un totale di 25 gg.

in quest’ultimo periodo

Disponibilità al dialogo e al

confronto ha espresso il Sindaco

Ing. Maffei che ha sempre

garantito la sua totale

disponibilità riportando al ciclismo

pedalato un impianto

fermo da anni.

Presente alla riunione il dott.

Enzo Bailon, delegato ad attivare

e coordinare il nascente

Consorzio di gestione, al

quale hanno già aderito una

Per crescere ancora

Hanno aderito al progetto già una decina di società. Sollecitata

l’organizzazione di gare domenicali per esordienti, allievi e juniores

decina di società, unitamente

alle associazioni facenti parte

della Libertas per espressa dichiarazione

del Presidente Regionale

Bruno Giuseppe. Nei

successivi interventi, scadenzate

una serie di riunioni per

l’attività giovanile, che ha visto

una discreta crescita nel 2008

e che si ripropone con ulteriori

motivazioni, grazie anche ai

programmi - progetto, elaborati

ed esposti dal Responsabile

Regionale Giovanni Nardelli,

che nel suo intervento ha

chiarito alcune incertezze poste

dai dirigenti di società presenti.

Come sempre Nardelli

ha dimostrato grande competenza

e professionalità.

Per la categoria esordienti, allievi

e juniores, si è sollecitata

l’organizzazione di gare per

garantire la partecipazione

domenicale, evitando stressanti

trasferte fuori regione.

SPRINT SULLA PISTA DI BARLETTA

Massimo Mannarini, Responsabile

per l’attività agonistica,

incontrerà entro la fine di

ottobre le società pugliesi che

svolgono attività agonistica

per formalizzare i programmi

2009 secondo le indicazioni

raccolte.

Un interessante 20,88% di

crescita dell’attività cicloamatoriale,

ha portato la Puglia

al 1° posto fra le restanti Regioni

d’Italia. E’ il risultato,

ha affermato il Responsabile

Regionale della categoria Vito

Colamaria, dell’attività svolta

grazie anche alla collaborazione

dell’ Emittente Televisiva

Telenorba che ha seguito

manifestazioni amatoriali con

grande attenzione, diffondendo

notizie, rendimento e classifiche

quotidianamente soprattutto

nel Giro del Tacco.

Determinante questo risultato

per il rientro in Federazio-

ne di molte società, emigrate

per qualche anno negli enti di

Promozione Sportiva.

L’incontro dopo un ampio dibattito

si è concluso con la

ratifica di richieste di associazioni

che chiedono l’organizzazione

di prove su pista,

dando vita al 1° Trofeo d’autunno

che non mirerà ai risultati

ma avrà l’obbiettivo di

promuovere il ciclismo su pista

nel periodo in cui l’attività

su strada rallenta la sua attività.

A conferma del tutto c’è stata,

mercoledì 15 ottobre, la prima

manifestazione per esordienti,

allievi e juniores Seguiranno

altre cinque prove

fissate il mercoledì e venerdì

di ogni settimana.

Alla fine della 6 prova, sarà

stilata una classifica per società

con premiazione finale ai

direttori sportivi. P.L.


Umbria - In passerella i protagonisti dell’Umbria Challenge Mtb 2008

di Laura Proietti

SAN MARTINO IN COL-

LE (PG) (24/10) - Serata di

gala nei locali della Pro Loco

di San Martino in Colle per il

settore mountain bike umbro.

Il presidente del Comitato regionale

della Fci Carlo Roscini

e il suo entourage hanno

infatti reso omaggio ai protagonisti

dell’Umbria Challenge

Mtb 2008, circuito di dieci

prove iniziato il 6 aprile a San

Gemini con la “Gran Fondo

Antica Carsulae” e conclusosi

lo scorso 28 settembre a Petrignano

di Assisi con la “Petrignano

Bike”. La premiazione

ha visto un’alta partecipazione

di atleti, familiari e dirigenti

e ha concluso in grande stile

l’edizione 2008 di questo importante

circuito.

Comitato e società stanno già

lavorando per l’Umbria Challenge

Mtb 2009 di cui è già

stato definito il calendario: il

5 aprile “Gran Fondo Antica

Carsulae” organizzata a San

Gemini da La Base Mtb Club

Terni, il 19 aprile “Gran Fondo

della Montagna” organizzata

a Miranda dal Team Bike Miranda,

il 3 maggio “Marathon

San Pellegrino” organizzata

a San Pellegrino dal Gs Avis

Gualdo Tadino, il 14 giugno la

“Medio Fondo Schifanoia” organizzata

a Schifanoia dall’Associazione

Sportiva 2000, il 5

luglio la “Gran Fondo Amici di

Vincenzo” organizzata a Giuncano

dal Club Ruota Libera,

il 23 agosto la “Medio Fondo

del Chiascio” organizzata a

Pianello dal Vc Pianello, il 30

agosto la “Medio Fondo Colline

del Sagrantino” organizzata

a Cantalupo di Bevagna dal

Gc Bevagna, il 13 settembre la

“Gran Fondo Valle del Nera”

organizzata a Fontechiaruccia

di Montefranco da La Base

Mtb Club Terni e il 27 settembre

la “Petrignano Bike” organizzata

a Petrignano di Assisi

dall’Uc Petrignano.

La magnifica dozzina

REGIONI

Premiati Sabrina Di Lorenzo, Cellini, Vitangeli, Ricci, Donati, Andreani,

Cetra, Ubaldini, Pornelluzzi, Battistelli, Caracciolo, Gigliarelli

DONNE: 1. Sabrina Di Lorenzo (Team Eurobici

Orvieto); 2. Romina Scarabottini (Club Ruota

Libera); 3. Romina Perugini (Bikeland Team Bike

2003).

GIOVANI: 1. Leonardo Caracciolo (Sc Centro

Bici Team Terni); 2. Marco Fabiani (Mtb Club

Spoleto); 3. Riccardo Rossi (Testi Cicli).

JUNIORES: 1. Manuel Vitangeli (Grotte Di

Castro Scuola Giovanile Mtb Dario Cioni);

2. Enrico Azzarelli (Gs Pedale Spellano); 3.

Federico Misciglia (Team Maté).

ELITE UNDER 23: 1. Marco Cellini (Team

Eurobici Orvieto); 2. Leonardo Chieruzzi (Gs

Avis Amelia); 3. Alessio Cellini (Team Eurobici

Orvieto).

MASTER SPORT: 1. Federico Ricci (Testi

Cicli); 2. Daniele Cardinali (idem); 3. Alessio

Paceschi (Bikeland Team Bike 2003).

MASTER 1: 1. Matteo Donati (Bikeland Team

Bike 2003); 2. Massimo Cheli (Gs Cicli Effe-Effe);

3. Andrea Benedetti (Sc Centro Bici Team Terni).

MASTER 2: 1. Michele Andreani (Testi Cicli);

I PREMIATI DELL’UMBRIA CHALLENGE 2008

Classifiche finali

2. Luca Tomassini (Uc Petrignano); 3. Roberto

Zanchi (Club Ruota Libera).

MASTER 3: 1. Mirco Cetra (Uc Petrignano); 2.

Fabio Frosini (Testi Cicli); 3. Marco Gorietti (Uc

Petrignano).

MASTER 4: 1. Massimo Ubaldini (Team

Eurobici Orvieto); 2. Alviero Scattini (Testi

Cicli); 3. Mario Moschetti (Team Motor Point Sc

Parlesca).

MASTER 5: 1. Silvio Pornelluzzi (Grams Bike

Comprensorio Amerino); 2. Stefano Sarti

(La Base Mtb Club Terni); 3. Tiziano Baroni

(idem).

MASTER 6 E OLTRE: 1. Gianni Battistelli (Sc

Centro Bici Team Terni); 2. Giancarlo Rivaroli

(Battistelli Extreme); 3. Mauro Vigna (Bikeland

Team Bike 2003).

NON AGONISTI: 1. Claudio Gigliarelli (Severi

Bike); 2. Gianluca Cobbe (Club Ruota Libera); 3.

Claudio Pepsini (Vc Tordandrea).

SOCIETÀ: 1. Testi Cicli; 2. Club Ruota Libera; 3.

Uc Petrignano.

il Mondo del Ciclismo n.46

43


il Mondo del Ciclismo n.46

44

SOLIDARIETÀ

Il Club Ciclismo Senza Frontiere sempre più attivo in campo benefico

di Francesco Coppola

DOLO (VE) - Grazie alla

straordinaria disponibilità e

all’impegno del Club Ciclismo

Senza Frontiere di Fiesso

d’Artico, in provincia di Venezia,

la Fondazione Città della

Speranza di Padova potrà

continuare ad approfondire la

ricerca scientifica per debellare

le leucemie infantili, ma

anche molte altre associazioni

che si occupano di aiutare

le persone bisognose potranno

realizzare i loro obiettivi.

E’ quanto è emerso l’altra sera

nella Villa Badoer-Fattoretto a

Dolo, in occasione della cerimonia

di consegna dei ricavati

raccolti dalla Notturna Ciclistica

della Solidarietà (svoltasi

a Fossò il 4 luglio scorso) e

dalle varie iniziative benefiche

programmate dal sodalizio

guidato da Vittorio Mazzetto,

Udillo Badoer e Renzo Terrin.

Una serata che ha chiamato

a raccolta gli sponsor e tantissimi

amici e sportivi che

si sono mobilitati per le varie

occasioni. Alla cerimonia

hanno partecipato, tra gli altri,

il Prof. Modesto Carli, dirigente

della Fondazione Città

della Speranza, il consigliere

provinciale Luciano Compagno,

il presidente della Federciclismo

di Venezia, Fabrizio

Olia, l’assessore allo sport del

Comune di Fiesso, Luigi Capozzi

ed anche i dirigenti delle

società amiche del Ciclismo

Senza Frontiere - Giuseppe

Manente e Giuseppe Zecchin

del Robegano, Destro (Noventana),

Coppi Gazzera (Renato

Bonso), Cage Verona (Riccardo

Bassi), Vc Mantovani Rovigo

(Alessandro Soldà), Daina

Mira (Gianni Frattina) e

Ciclisti Padovani (Vincenzo

Lando). A condurre la serata,

grazie alla disponibilità dei

padroni di casa Luisa e Luigino

Fattoretto, è stato Renato

Marin che era accompagnato

da Miss, Valentina Agno-

Pilastro della ricerca

Emozionante cerimonia di consegna dei ricavati raccolti dalla Notturna

Ciclistica della Solidarietà alla Fondazione Città della Speranza

e ad altre associazioni. La serata è stata dedicata a Mattias Ranzato

letto. Prima della consegna

del denaro raccolto durante i

vari appuntamenti sportivi è

stato premiato l’ex corridore

professionista Renzo Baldan,

che nei giorni scorsi tuffandosi

nelle gelide acque del fiume

Brenta aveva salvato una persona

che rischiava di annegare.

Ma il momento più commovente

della serata è stato

quando la mamma di Mattias

Ranzato, il giovanissimo

corridore della Fausto Coppi

Gazzera scomparso in seguito

ad un grave incidente stradale

mentre tornava a casa, Rossella

Mazzetto, ha consegnato al

Prof. Carli, per i bambini della

Città della Speranza, così

come l’aveva ricevuta al momento

della tragica scomparsa,

una busta contenente i risparmi

raccolti dai compagni

di scuola di Mattias. La consegna

è stata accompagnata

UN MOMENTO DELLA SERATA

da un interminabile applauso

e la scena si è ripetuta quando

la signora Mazzetto ha donato

ad Alessandro Soldà il premio

per il successo ottenuto dalla

sua compagine nella Notturna

della Solidarietà. Il presidente

della Mantovani è rimasto

particolarmente colpito da

quel premio ed ha precisato

che il riconoscimento lo custodirà

nella sua casa in ricordo

di Mattias. La serata è proseguita

con la consegna del

denaro raccolto: all’Associazione

“Il Portico” (impegnata

nell’emarginazione e nelle

disuguaglianze) 500 Euro; al

Gruppo Sole Donne (1000);

alla Comunità Educativa Casa

Nostra di Dolo (800); al Comitato

Famiglie Bambini di

Chernobyl (1200); all’Anfass

della Riviera del Brenta (800) e

all’Asilo Parrocchiale di Fiesso

(500). Successivamente Vitto-

rio Mazzetto ha consegnato al

Prof. Carli la busta contenente

8.420 Euro raccolti durante

la Notturna del 4 luglio, cifra

che rappresenta il primato da

quando la corsa è nata, circa

25 anni fa. “Sono letteralmente

confuso da questa vostra

generosità, dalla stupenda

partecipazione e di condividere

la vostra gioia - ha osservato

il Prof. Carli - . Senza l’aiuto

del privato non si sarebbero

raggiunti i traguardi prefissati

perché il pubblico da solo non

ci riesce. La ricerca è importantissima

e rappresenta un

volano per la crescita. Voi rappresentate

le colonne portati

di questo settore della medicina”.

Durante la serata, persone

rimaste anonime ma anche

i corridori che durante la

Notturna si erano auto tassati,

hanno consegnato il denaro

da devolvere ai bisognosi.

Vittorio Mazzetto ha esortato

anche i giovani ad aderire al

Club Ciclismo Senza Frontiere

per dare continuità alle varie

iniziative benefiche. A lui

ha subito replicato suo cognato

Udillo Badoer, che è anche

decano dei direttori sportivi

della Fci del NordEst, aggiungendo

“di sentirsi giovane e di

voler continuare ancora per

tanto tempo su questa strada

perché, ha detto, “la mia gioia

e di tutti quelli che la pensano

come me è quella di aiutare

il prossimo”. La serie degli

interventi è stata conclusa da

Olia: “Sono molto orgoglioso

di poter annoverare tra le

società della provincia di Venezia

il Club Ciclismo Senza

Frontiere, che per mezzo dello

sport riesce a fare tanto per

i più bisognosi”.


In 500 al 2° Cicloraduno svoltosi a Palestrina

PALESTRINA (RM) (12/10) -

Successo del Cicloraduno della

Solidarietà a favore di Telethon,

destinato alla ricerca scientifica

per debellare le malattie genetiche

e la distrofia muscolare.

Una marea di cicloturisti ha

risposto all’invito della storica

Sezione Ciclistica dell’Università

di Tor Vergata di Roma

che ha organizzato l’evento. Al

2° Cicloraduno Telethon 2008,

1a Ciclopasseggiata “Io sto con

Telethon” hanno aderito anche

80 ragazzi provenienti dalle

scuole medie e superiori di Palestrina.

Al termine, la cerimonia

delle premiazioni e la consegna

dell’intero ricavato delle

iscrizioni ai responsabili del-

DUE MOMENTI DEL CICLORADUNO DI PALESTRINA

la fondazione Telethon. Erano

presenti Antonio Zanon, presidente

Commissione Sport,

Cultura e Spettacolo Regione

Lazio, il presidente della facoltà

di Medicina e Chirurgia Università

degli Studi di Roma Tor

SOLIDARIETÀ

“Io sto con Telethon”

Hanno aderito anche 80 ragazzi delle scuole medie e superiori

Successo del 7° Cicloraduno Manieri-Ceccarelli

In bici per il Filo d’Oro

di Giovanni Maialetti

A CASTELVERDE-Villaggio Prenestino di Roma si è svolta

una pedalata a favore della lega del Filo d’Oro di Osimo

(sordo-ciechi pluriminorati sensoriali). Al raduno si sono

presentati oltre 200 ciclosportivi. L’organizzazione del

Cicloraduno Manieri-Ceccarelli è stata curata dalla scuola

di ciclismo “Tutti a Ruota” Villaggio Prenestino (Franco

Totori, Bruno Maggiori). Prima della partenza (ore 8.30)

è stato osservato un minuto di raccoglimento in memoria

dello sponsor tecnico Alvaro Manieri recentemente

scomparso. Partenza festosa, con la lunga carovana di ciclisti

procedere compatti e rispettosi del codice stradale,

sotto l’attento controllo del presidio della Polizia Municipale.

Al termine la cerimonia delle premiazioni: prima si è

Vergata, Prof. Renato Lauro, e

l’assessore allo sport di Palestrina,

Clivo Moretti. La classifica

di merito ha premiato il

GSC Tor Sapienza-Cerbiatto,

davanti all’UC Cavese e all’AS

Roma Ciclismo. G.M.

Oltre 200 partecipanti alla pedalata in favore della benemerita associazione di Osimo

classificata la società il Cerbiatto GSC Tor Sapienza (Enzo

Annucci); alle piazze d’onore gli storici sodalizi GSC Tor

Sapienza 85 e il GSC Picar Romana Edipar. Per dovere di

ospitalità il GSC Tutti a Ruota Villaggio Prenestino ha rinunciato

alla classifica di merito finale. Molto gradita la

partecipazione femminile. La mattinata si è conclusa con il

tradizionale ristoro di squisiti dolci preparati dalle massaie

del Villaggio Prenestino. L’intero incasso è stato devoluto

alla lega Filo d’Oro di Osimo e consegnato alle incaricate

“Area Romana”, Bettina Santamaria e Lucia Santacroce.

CLASSIFICA DI MERITO: 1. GSC Tor Sapienza Cerbiatto (46);

2. GSC Tor Sapienza 85 (24); 3. GSC Picar Romana Edipar (22); 4.

GC Frasso (19); 5. GC Cicli Caldaro (15); GSC Claudio Villa (12);

7. ASD Cicl. Cavese (10); 8. GSC Duemiladue (9); 9. US Università

Tor Vergata; 10. GSC Polizia di Stato (1).

il Mondo del Ciclismo n.46

45

More magazines by this user
Similar magazines