21.06.2015 Views

Informatizzazione delle procedure legate agli atti ... - InterDataNet

Informatizzazione delle procedure legate agli atti ... - InterDataNet

Informatizzazione delle procedure legate agli atti ... - InterDataNet

SHOW MORE
SHOW LESS

You also want an ePaper? Increase the reach of your titles

YUMPU automatically turns print PDFs into web optimized ePapers that Google loves.

Università degli Studi di Firenze<br />

Facoltà di Ingegneria<br />

Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni<br />

Laboratorio di Telematica, Telematica e Sistemi Telematici<br />

<strong>Informatizzazione</strong> <strong>delle</strong> <strong>procedure</strong><br />

<strong>legate</strong> <strong>agli</strong> <strong>atti</strong> amministrativi tramite<br />

l'architettura <strong>InterDataNet</strong><br />

Staff:<br />

Prof. Franco Pirri<br />

Prof. Dino Giuli<br />

Ing. Maria Chiara Pettenati<br />

Ing. Samuele Innocenti<br />

Ing. Davide Chini<br />

Ing. Michela Paolucci


Università degli Studi di Firenze<br />

Facoltà di Ingegneria<br />

Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni<br />

Laboratorio di Telematica, Telematica e Sistemi Telematici<br />

Introduzione e finalità di<br />

<strong>InterDataNet</strong><br />

Relatore:<br />

Prof. Franco Pirri


1/2<br />

<strong>InterDataNet</strong>: Contesto<br />

di ricerca (1/2)<br />

<strong>InterDataNet</strong> (IDN) è attualmente in via di sviluppo nel<br />

Laboratorio di Tecnologie della Telematica presso il<br />

Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni della<br />

Facoltà di Ingegneria dell'Università degli Studi di<br />

Firenze


1/2<br />

<strong>InterDataNet</strong>: Contesto<br />

di ricerca (2/2)<br />

Il sistema <strong>InterDataNet</strong> è stato progettato con lo scopo<br />

di facilitare comunicazione e cooperazione tra<br />

organizzazioni.<br />

Alcune <strong>delle</strong> finalità di IDN risultano pertanto:<br />

Condivisione e riuso di informazioni<br />

Supporto del lavoro collaborativo<br />

Capacità di gestire il concetto di responsabilità<br />

etc.


2/2<br />

Scopo del seminario<br />

Illustrare come le caratteristiche di <strong>InterDataNet</strong> ne<br />

permettono l'uso vantaggioso in contesti applicativi<br />

legati all'e-Government<br />

Definire un programma di collaborazione su interessi<br />

comuni


Università degli Studi di Firenze<br />

Facoltà di Ingegneria<br />

Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni<br />

Laboratorio di Telematica, Telematica e Sistemi Telematici<br />

Ipotesi di lavoro: introduzione<br />

<strong>agli</strong> <strong>atti</strong> amministrativi italiani<br />

Relatore:<br />

Ing. Michela Paolucci


1/7<br />

IDN ed Atti<br />

Amministrativi (1/2)<br />

Le problematiche che devono essere affrontate e<br />

risolte nella elaborazione e redazione di <strong>atti</strong><br />

amministrativi sono notevoli. In particolare sono <strong>legate</strong><br />

all'eterogeneità <strong>delle</strong> sorgenti informative, ai soggetti<br />

coinvolti, alla distribuzione <strong>delle</strong> risorse ed al loro ciclo<br />

di vita in un ambiente collaborativo.<br />

Dal punto di vista tecnico, questa classe di problemi,<br />

rientra nell'ambito scientifico detto Distributed<br />

Information Management per le applicazioni<br />

eGovernment.


1/7<br />

IDN ed Atti<br />

Amministrativi (2/2)<br />

Le soluzioni tecniche sino ad ora disponibili<br />

presentano <strong>delle</strong> limitazioni spesso <strong>legate</strong> a scelte<br />

tecnologiche e standardizzate che non riescono a<br />

coprire la totalità dei requisiti necessari o desiderati<br />

per rispondere alle esigenze giuridico/amministrative.<br />

Nel seminario verrà presentato, l'uso dell'infrastruttura<br />

di gestione distribuita dell'informazione <strong>InterDataNet</strong><br />

come soluzione alle problematiche precedentemente<br />

introdotte, fornendo vantaggi nella gestione del ciclo di<br />

vita degli <strong>atti</strong> amministrativi.


2/7<br />

Ambito del problema (1/3)<br />

Informatica<br />

Giuridica<br />

Processo Civile<br />

Telematico<br />

Procedimento<br />

Legislativo<br />

Procedimento<br />

Amministrativo<br />

Protocollo Informatico<br />

Assegnazione<br />

di Nomi Uniformi<br />

(URN) ai documenti<br />

giuridici<br />

e-Government


2/7<br />

Ambito del problema (2/3)<br />

Informatica<br />

Giuridica<br />

Norme in Rete<br />

CNIPA Cnipa<br />

Codice<br />

dell'Amministrazione<br />

Digitale<br />

Legge 241/90<br />

analisi<br />

analisi<br />

di<br />

di<br />

F.<br />

esperti<br />

Botta<br />

del settore<br />

e-Government


2/7<br />

Ambito del problema (3/3)<br />

Lavoro Collaborativo<br />

<strong>InterDataNet</strong><br />

Versioning & Workflow<br />

Sistemi distribuiti<br />

Service Oriented<br />

Architecture


3/7<br />

Obiettivi<br />

Progettazione <strong>delle</strong> modalità con cui <strong>InterDataNet</strong> può<br />

gestire in modo efficace ed efficiente<br />

l'informatizzazione ed i processi coinvolti nelle<br />

discipline giuridiche<br />

Analisi dei requisiti del sistema IDN in relazione alle<br />

problematiche dell'Informatica Giuridica<br />

Approccio interdisciplinare:<br />

Punto di vista tecnico-giuridico<br />

Punto di vista tecnico-informatico


Approccio operativo<br />

Procedimento Amministrativo:<br />

Analisi di:<br />

Attività che conducono alla redazione ed elaborazione<br />

degli Atti Amministrativi<br />

Struttura e contenuto informativo degli Atti Amministrativi<br />

e del relativo Fascicolo Amministrativo<br />

Con lo scopo di informatizzare la gestione del<br />

Procedimento Amministrativo<br />

Confronto tra i requisiti emersi in seguito a tale analisi<br />

e le caratteristiche del sistema <strong>InterDataNet</strong><br />

Progettazione di un modello di Atto Amministrativo<br />

4/7


5/7<br />

Atti Amministrativi<br />

Una <strong>delle</strong> principali <strong>atti</strong>vità svolte dalle P. A. è relativa<br />

all'elaborazione, redazione ed adozione degli Atti<br />

Amministrativi<br />

Tali funzioni hanno la finalità di gestire e<br />

regolamentare sia i servizi interni <strong>agli</strong> Enti stessi che<br />

quelli rivolti ai cittadini (e-Government) e fanno parte<br />

del Procedimento Amministrativo


Procedimento Amministrativo<br />

P.A.<br />

Le entità coinvolte nell'espletamento di tale<br />

Procedimento risultano le seguenti:<br />

Usa<br />

Ente Privato<br />

Conoscenza esistente<br />

Ufficio che elabora la Proposta<br />

di Atto<br />

Fascicolo Amministrativo<br />

Proposta di Atto Amministrativo<br />

Autorità emanante<br />

Atto Amministrativo<br />

Ufficio<br />

P.A.<br />

6/7


Procedimento Amministrativo<br />

Le entità coinvolte nell'espletamento di tale<br />

Procedimento risultano le seguenti:<br />

P.A.<br />

Ufficio<br />

P.A.<br />

Usa<br />

prop.<br />

Ente Privato<br />

Conoscenza esistente<br />

Proposta di Atto<br />

Amministrativo<br />

produce<br />

fasc. Fascicolo<br />

Amministrativo<br />

Nuova Conoscenza<br />

Ufficio che elabora la Proposta<br />

di Atto<br />

Fascicolo Amministrativo<br />

Proposta di Atto Amministrativo<br />

Autorità emanante<br />

Atto Amministrativo<br />

6/7


Procedimento Amministrativo<br />

Le entità coinvolte nell'espletamento di tale<br />

Procedimento risultano le seguenti:<br />

P.A.<br />

Ente Privato<br />

Conoscenza esistente<br />

Ufficio che elabora la Proposta<br />

di Atto<br />

Fascicolo Amministrativo<br />

Proposta di Atto Amministrativo<br />

Autorità emanante<br />

Atto Amministrativo<br />

Ufficio<br />

P.A.<br />

Usa<br />

prop.<br />

Proposta di Atto<br />

Amministrativo<br />

produce<br />

fasc. Fascicolo<br />

Amministrativo<br />

sottomessi<br />

atto<br />

Autorità<br />

emana<br />

Atto<br />

Amministrativo<br />

Nuova Conoscenza<br />

6/7


7/7<br />

Struttura degli Atti<br />

Amministrativi (1/8)<br />

Gli Atti Amministrativi sono costituiti da sette parti:<br />

Atto Amministrativo<br />

Intestazione<br />

Preambolo<br />

Motivazione<br />

Dispositivo<br />

Luogo<br />

Data<br />

Sottoscrizione


7/7<br />

Struttura degli Atti<br />

Amministrativi (2/8)<br />

Gli Atti Amministrativi sono costituiti da sette parti:<br />

Atto Amministrativo<br />

Intestazione<br />

Preambolo<br />

Motivazione<br />

Dispositivo<br />

Luogo<br />

Data<br />

Sottoscrizione<br />

●<br />

Indica l'Autorità che<br />

emana l'atto (monocratica<br />

o collegiale)


7/7<br />

Struttura degli Atti<br />

Amministrativi (3/8)<br />

Gli Atti Amministrativi sono costituiti da sette parti:<br />

Atto Amministrativo<br />

Intestazione<br />

Preambolo<br />

Motivazione<br />

Dispositivo<br />

Luogo<br />

Data<br />

Sottoscrizione<br />

●<br />

Contiene la descrizione<br />

<strong>delle</strong> fasi svolte al fine di<br />

elaborare e redigere la<br />

proposta di Atto Amm.<br />

facendo riferimento al<br />

Fascicolo Amm.<br />

●<br />

Contiene:<br />

- Elementi di fatto<br />

(<strong>atti</strong>, f<strong>atti</strong> o accertamenti nel<br />

Fascicolo Amministrativo)<br />

- Elementi di diritto<br />

(<strong>atti</strong> o norme nel Fascicolo<br />

Amministrativo)


7/7<br />

Struttura degli Atti<br />

Amministrativi (4/8)<br />

Gli Atti Amministrativi sono costituiti da sette parti:<br />

Atto Amministrativo<br />

Intestazione<br />

Preambolo<br />

Motivazione<br />

Dispositivo<br />

Luogo<br />

Data<br />

Sottoscrizione<br />

●<br />

Indica le ragioni che<br />

hanno spinto l'Autorità ad<br />

emanare l'Atto; può essere<br />

definita “per relationem”<br />

●<br />

Contiene:<br />

● Presupposti di fatto,<br />

alcuni Elementi di fatto<br />

contenuti nel Preambolo<br />

● Ragioni giuridiche, alcuni<br />

Elementi di diritto<br />

contenuti nel Preambolo<br />

● Interesse Pubblico


7/7<br />

Struttura degli Atti<br />

Amministrativi (5/8)<br />

Gli Atti Amministrativi sono costituiti da sette parti:<br />

Atto Amministrativo<br />

Intestazione<br />

Preambolo<br />

Motivazione<br />

Dispositivo<br />

Luogo<br />

Data<br />

Sottoscrizione<br />

●<br />

Indica quali sono le<br />

operazioni da svolgere nel<br />

momento in cui l'Atto entra<br />

in vigore<br />

●<br />

Contiene:<br />

● Manifestazioni di volontà<br />

● Manifestazioni di scienzaconoscenza<br />

● Valutazioni o giudizi<br />

● Può limitarsi ad<br />

approvare un documento<br />

allegato all'Atto stesso


7/7<br />

Struttura degli Atti<br />

Amministrativi (6/8)<br />

Gli Atti Amministrativi sono costituiti da sette parti:<br />

Atto Amministrativo<br />

Intestazione<br />

Preambolo<br />

Motivazione<br />

Dispositivo<br />

Luogo<br />

Data<br />

Sottoscrizione<br />

●<br />

Indica il luogo in cui l'Atto<br />

Amministrativo è stato<br />

adottato<br />

●<br />

Può essere diverso da<br />

quello in cui l'Atto produce<br />

i propri effetti


7/7<br />

Struttura degli Atti<br />

Amministrativi (7/8)<br />

Gli Atti Amministrativi sono costituiti da sette parti:<br />

Atto Amministrativo<br />

Intestazione<br />

Preambolo<br />

Motivazione<br />

Dispositivo<br />

Luogo<br />

Data<br />

Sottoscrizione<br />

●<br />

Indica il momento<br />

dell'emanazione dell'Atto,<br />

da non confondersi con<br />

la data in cui esso entra<br />

in vigore


7/7<br />

Struttura degli Atti<br />

Amministrativi (8/8)<br />

Gli Atti Amministrativi sono costituiti da sette parti:<br />

Atto Amministrativo<br />

Intestazione<br />

Preambolo<br />

Motivazione<br />

Dispositivo<br />

Luogo<br />

Data<br />

Sottoscrizione<br />

●<br />

Consiste nella firma<br />

apposta dall'Autorità che<br />

emana l'Atto


Università degli Studi di Firenze<br />

Facoltà di Ingegneria<br />

Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni<br />

Laboratorio di Telematica, Telematica e Sistemi Telematici<br />

<strong>InterDataNet</strong>: panoramica<br />

sistemica sul problema e gli<br />

obiettivi<br />

Relatore:<br />

Ing. Samuele Innocenti


1/12<br />

Scenario: le organizzazioni<br />

L'insieme di persone che, con il loro lavoro,<br />

partecipano direttamente allo svolgimento dell'<strong>atti</strong>vità<br />

dell'azienda strutturate secondo i principi di divisione<br />

del lavoro e coordinamento, in modo tale che l'insieme<br />

acquisisce una struttura e diventa un sistema<br />

Principali caratteristiche:<br />

divisione del lavoro<br />

grouping<br />

gerarchia<br />

meccanismi di coordinamento<br />

delega e decentramento


2/12<br />

Sistemi informativi<br />

Le organizzazioni per raggiungere i propri obiettivi in<br />

modo efficace ed efficiente necessitano di tecnologie e<br />

strumenti informatici e telematici<br />

Un sistema informativo è un sistema che organizza e<br />

gestisce in modo efficace ed efficiente le informazioni<br />

necessarie per perseguire uno o più scopi<br />

Alcune categorie di tecnologie in ambito aziendale<br />

DataWarehouse<br />

Content management system<br />

Groupware<br />

Versioning System


Esigenze<br />

Condividere l'informazione<br />

es. documenti, immagini, audio, video, appunti<br />

Gestire l'informazione<br />

es. manutenerla, tracciarla, comunicarla, proteggerla<br />

Collaborare in rete<br />

es. authoring, awareness, accesso, condivisione, diffusione<br />

Automatizzare i processi<br />

es. workflow, comunicazione, tracciabilità<br />

Cooperare con altri soggetti<br />

es. cooperazione applicativa, esportare ed importare<br />

banche dati, uniformare i processi, standardizzazione<br />

3/12


Eterogeneità e comunicazione<br />

L'informazione<br />

é “dispersa” spazialmente all'interno dell'organizzazione<br />

rispetta la struttura organizzativa<br />

in generale è costituita molteplici tipologie di<br />

rappresentazione e codifica<br />

Le risorse umane sono<br />

sorgente<br />

destinazione<br />

4/12


5/12<br />

Reti di calcolatori<br />

Il problema della comunicazione dei dati è risolto!<br />

Il successo ed i vantaggi della pila protocollare<br />

TCP/IP hanno consentito di standardizzare i livelli di<br />

rete e trasporto su larga scala<br />

Sopra il livello trasporto esistono numerosi protocolli<br />

applicativi<br />

La proliferazione di applicazioni in rete ha generato<br />

una elevata eterogeneità nella rappresentazione<br />

dell'informazione


Introduzione all'obiettivo<br />

Abbiamo l'ambizione di andare oltre la comunicazione<br />

ed i protocolli<br />

Per consentire la inter-connessione di dati ed<br />

informazione in rete così come internet connette i<br />

calcolatori<br />

Attraverso sottosistemi di Interdataworking<br />

(in analogia ad Internetworking)<br />

RETE DI DATI<br />

6/12


7/12<br />

Obiettivo<br />

Si vuole individuare un sistema telematico capace di:<br />

modellare l'informazione nella sua universalità e<br />

globalità<br />

soddisfare anche i requisiti più stringenti<br />

essere applicato ed implementato su larga scala<br />

essere flessibile ed adattabile ad esigenze specifiche


8/12<br />

Le origini di IDN<br />

<strong>InterDataNet</strong> (IDN) è il nome in codice del progetto<br />

di ricerca presso il Laboratorio di Tecnologie della<br />

Telematica, Dipartimento di Elettronica e<br />

Telecomunicazioni della Facoltà di Ingegneria<br />

L'idea risale al 2003<br />

Nel 2004 prende consistenza l'<strong>atti</strong>vità di ricerca di<br />

base e inizia la formalizzazione della progettazione<br />

e la definizione del sistema<br />

Nel biennio 2005-2006 la progettazione è in stadio<br />

avanzato ed iniziano le prime implementazioni di<br />

alcuni sottosistemi


9/12<br />

Impianto teorico di IDN<br />

La progettazione <strong>InterDataNet</strong> è strutturata su tre<br />

livelli (point-of-views):<br />

<strong>InterDataNet</strong> Information Model (IDN-IM)<br />

<strong>InterDataNet</strong> Service Architecture (IDN-SA)<br />

<strong>InterDataNet</strong> Overlay Network (IDN-ON)


Postulati sull'informazione<br />

È universalmente accettato che l'informazione elettronica:<br />

é strutturata o strutturabile a grafo (ed in particolare ad<br />

albero)<br />

XML e linguaggi derivati<br />

è dotata di metadati<br />

Semantic Web, Dublin Core, XACML, etc<br />

è indirizzabile ed interconnessa/interconnettibile<br />

link, xlink, URI, URN, etc<br />

è distribuita<br />

geograficamente e logicamente in rete<br />

è duplicabile in maniera indistinguibile dall'originale<br />

concetto di replica vs concetto di copia<br />

10/12


Il principio di responsabilità<br />

IDN-IM: un criterio universale per strutturare le<br />

informazioni<br />

Patente<br />

Dati personali Numero Periodo di validità<br />

Nome,<br />

Cognome<br />

Data di<br />

nascita<br />

Indirizzo<br />

Nome<br />

strada<br />

Numero<br />

civico<br />

11/12


Interconnessione<br />

<strong>delle</strong> informazioni<br />

Il modello prevede che le informazioni siano dotate di<br />

un indirizzo e che l'indirizzo sia un punto di accesso<br />

Indirizzamento ed accesso all'informazione sono su<br />

piani ortogonali<br />

Si definiscono le informazioni:<br />

atomiche (,)<br />

primitive (n-ple di informazioni)<br />

Si definiscono le relazioni:<br />

link di aggregazione<br />

link di riferimento<br />

link di versione<br />

12/12


Università degli Studi di Firenze<br />

Facoltà di Ingegneria<br />

Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni<br />

Laboratorio di Telematica, Telematica e Sistemi Telematici<br />

<strong>InterDataNet</strong>: dett<strong>agli</strong>o tecnico<br />

sul modello dell'informazione<br />

Relatore:<br />

Ing. Davide Chini


1/8<br />

Informazioni<br />

atomiche e primitive<br />

IDN-IM: Schema semplificato di albero IDN-IM<br />

Documento IDN<br />

A<br />

B<br />

2 3<br />

D<br />

4<br />

x<br />

1<br />

w<br />

5<br />

y<br />

C<br />

nome<br />

valore<br />

Informazione primitiva<br />

Informazione atomica<br />

Link di aggregazione<br />

Link di contenimento


2/8<br />

Il sistema di nomi<br />

Logical Resource Identifier<br />

LRI<br />

LRI<br />

Persistent Resource Identifier<br />

PRI<br />

Uniform Resource<br />

Locator<br />

URL URL URL


Link di aggregazione<br />

IDN-IM: ogni informazione complessa è costruibile<br />

da informazioni più semplici<br />

Patente<br />

Dati personali Numero Periodo di validità<br />

Nome,<br />

Cognome<br />

Data di<br />

nascita<br />

Indirizzo<br />

Nome<br />

strada<br />

Numero<br />

civico<br />

3/8


Versioning<br />

1<br />

2<br />

<br />

<br />

3<br />

<br />

<br />

<br />

6<br />

“Storia”<br />

dell'informazione A<br />

4<br />

5<br />

<br />

“Storia”<br />

dell'informazione B<br />

<br />

<br />

<br />

<br />

<br />

<br />

“Storia”<br />

di C<br />

1<br />

Indirizzo logico della “Storia” di una informazione<br />

4<br />

Informazione Primitiva<br />

2<br />

Indirizzo di una informazione primitiva<br />

5<br />

Link di aggregazione<br />

3<br />

Link di revisione<br />

6<br />

Informazione Atomica<br />

4/8


5/8<br />

Propagazione<br />

<strong>delle</strong> versioni (1/7)<br />

A<br />

0<br />

B<br />

0<br />

C<br />

0<br />

D<br />

0<br />

F<br />

6


5/8<br />

Propagazione<br />

<strong>delle</strong> versioni (2/7)<br />

A<br />

0<br />

B<br />

0<br />

C<br />

0<br />

D<br />

0<br />

D<br />

1<br />

F<br />

6


5/8<br />

Propagazione<br />

<strong>delle</strong> versioni (3/7)<br />

A<br />

0<br />

B<br />

0<br />

B<br />

1<br />

C<br />

0<br />

C<br />

1<br />

D<br />

0<br />

D<br />

1<br />

F<br />

6


5/8<br />

Propagazione<br />

<strong>delle</strong> versioni (4/7)<br />

A<br />

0<br />

A<br />

1<br />

B<br />

0<br />

B<br />

1<br />

C<br />

0<br />

C<br />

1<br />

D<br />

0<br />

D<br />

1<br />

F<br />

6


5/8<br />

Propagazione<br />

<strong>delle</strong> versioni (5/7)<br />

A<br />

0<br />

A<br />

1<br />

B<br />

0<br />

B<br />

1<br />

C<br />

0<br />

C<br />

1<br />

C<br />

2<br />

D<br />

0<br />

D<br />

1<br />

F<br />

6


5/8<br />

Propagazione<br />

<strong>delle</strong> versioni (6/7)<br />

A<br />

0<br />

A<br />

1<br />

A<br />

2<br />

B<br />

0<br />

B<br />

1<br />

C<br />

0<br />

C<br />

1<br />

C<br />

2<br />

D<br />

0<br />

D<br />

1<br />

F<br />

6<br />

Sessione


5/8<br />

Propagazione<br />

<strong>delle</strong> versioni (7/7)<br />

A<br />

0<br />

A<br />

1<br />

B<br />

0<br />

B<br />

1<br />

C<br />

0<br />

C<br />

1<br />

D<br />

0<br />

D<br />

1<br />

F<br />

6<br />

Sessione → Contenimento del numero <strong>delle</strong> revisioni


Recupero documenti<br />

Accesso alla versione corretta della radice<br />

Indirizzamento diretto<br />

Uso del parametro di versione<br />

Accesso ricorsivo ai nodi del documento<br />

Normalmente senza parametro di versione<br />

Dopo il recupero della radice è sufficiente attuare una<br />

visita del DAG per ricostruire integralmente la corretta<br />

versione del documento sia nei contenuti che negli<br />

aspetti strutturali → il modello di versioning è<br />

estensionale.<br />

6/8


IDN Layered Architecture<br />

Level of information<br />

abstraction<br />

User Oriented<br />

Collaborative<br />

Information<br />

Documents<br />

Structured<br />

Information<br />

(Atomic & Primitive)<br />

Elementary<br />

Information<br />

Resources<br />

<strong>InterDataNet</strong> Service Architecture<br />

IDN Application Layer<br />

Virtual Repository Layer<br />

Information History Layer<br />

Replica Management Layer<br />

Storage Interface Layer<br />

Filesystem,<br />

database,<br />

etc.<br />

Generic storage<br />

architecture<br />

HTTP(S),<br />

SMTP(S),<br />

FTP(S), etc.<br />

Generic network<br />

communication<br />

architecture<br />

7/8


8/8<br />

IDN Overlay Network (IDN-ON)<br />

IDN<br />

Service<br />

Provider<br />

IDN Compliance<br />

Service<br />

Organizzazione A<br />

<strong>InterDataNet</strong><br />

Internet<br />

Organizzazione B


Università degli Studi di Firenze<br />

Facoltà di Ingegneria<br />

Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni<br />

Laboratorio di Telematica, Telematica e Sistemi Telematici<br />

Elaborazione, redazione ed adozione<br />

di <strong>atti</strong> amministrativi digitali con il<br />

supporto di <strong>InterDataNet</strong><br />

Relatore:<br />

Ing. Michela Paolucci


1/5<br />

Procedimento<br />

Amministrativo<br />

Procedimento<br />

Amministrativo<br />

Prop.<br />

di atto<br />

Atto<br />

Amm.<br />

Fascicolo<br />

Amm.


2/5<br />

Proposta di Atto<br />

Amministrativo (1/3)<br />

Procedimento<br />

Amministrativo<br />

Prop.<br />

di atto<br />

Fascicolo<br />

Amm.


2/5<br />

Proposta di Atto<br />

Amministrativo (2/3)<br />

Procedimento<br />

Amministrativo<br />

Prop.<br />

di atto<br />

Preambolo<br />

Fascicolo<br />

Amm.<br />

Motivazione<br />

Dispositivo<br />

Luogo<br />

Data<br />

Altre<br />

Norme<br />

Altri doc.<br />

istruttori<br />

Intestazione<br />

Cronogramma


Proposta di Atto<br />

Amministrativo (3/3)<br />

Altro Atto<br />

Amm.<br />

Procedimento<br />

Amministrativo<br />

Prop.<br />

di atto<br />

Preambolo<br />

Motivazione<br />

Dispositivo<br />

Luogo<br />

Data<br />

Norma<br />

Elem. Diritto<br />

Pertinente<br />

Ragione<br />

Giuridica<br />

Fatto<br />

Elem. Fatto<br />

Pertinente<br />

Fascicolo<br />

Amm.<br />

Altre<br />

Norme<br />

Altri doc.<br />

istruttori<br />

Intestazione<br />

Presupposto<br />

di Fatto<br />

Disposizione<br />

Cronogramma<br />

Nome Autorità<br />

2/5


3/5<br />

Da Proposta ad<br />

Atto Amministrativo (1/5)<br />

Procedimento<br />

Amministrativo v_1<br />

Fascicolo<br />

Amm.<br />

Prop.<br />

di atto<br />

v_1<br />

Preambolo<br />

Motivazione<br />

Dispositivo<br />

Luogo v_1<br />

Data v_1<br />

Intestazione


3/5<br />

Da Proposta ad<br />

Atto Amministrativo (2/5)<br />

Procedimento<br />

Amministrativo v_1<br />

Fascicolo<br />

Amm.<br />

Prop.<br />

di atto<br />

v_1<br />

Preambolo<br />

Motivazione<br />

Dispositivo<br />

Luogo v_1<br />

Luogo v_2<br />

Data v_1<br />

Data v_2<br />

Intestazione


3/5<br />

Da Proposta ad<br />

Atto Amministrativo (3/5)<br />

Procedimento<br />

Amministrativo v_1<br />

Fascicolo<br />

Amm.<br />

Prop.<br />

di atto<br />

v_1<br />

Preambolo<br />

Motivazione<br />

Prop.<br />

di atto<br />

v_2<br />

Dispositivo<br />

Luogo v_1<br />

Luogo v_2<br />

Data v_1<br />

Intestazione<br />

Data v_2


3/5<br />

Da Proposta ad<br />

Atto Amministrativo (4/5)<br />

Procedimento<br />

Amministrativo v_1<br />

Procedimento<br />

Amministrativo v_2<br />

Fascicolo<br />

Amm.<br />

Prop.<br />

di atto<br />

v_1<br />

Preambolo<br />

Motivazione<br />

Prop.<br />

di atto<br />

v_2<br />

Dispositivo<br />

Luogo v_1<br />

Luogo v_2<br />

Data v_1<br />

Intestazione<br />

Data v_2


Da Proposta ad<br />

Atto Amministrativo (5/5)<br />

Procedimento<br />

Amministrativo v_1<br />

Procedimento<br />

Amministrativo v_2<br />

Fascicolo<br />

Amm.<br />

Prop.<br />

di atto<br />

v_1<br />

Preambolo<br />

Motivazione<br />

Atto<br />

Amm.<br />

Prop.<br />

di atto<br />

v_2<br />

Dispositivo<br />

Luogo v_1<br />

Luogo v_2<br />

Sottoscrizione<br />

URN<br />

xxxx<br />

Data v_1<br />

Intestazione<br />

Data v_2<br />

emanazione<br />

g/m/a<br />

emanazione<br />

llll<br />

Firma<br />

digitale<br />

ssssss<br />

3/5


4/5<br />

Conclusioni<br />

Principali vantaggi relativi alla informatizzazione del<br />

Procedimento Amministrativo:<br />

Consapevolezza nel redattore<br />

Chiarezza dell'Atto sia da un punto di vista formale<br />

che contenutistico<br />

Efficacia ed efficienza nella realizzazione della<br />

Proposta e del Fascicolo Informatico ad essa relativo<br />

Riuso dell'informazione<br />

Gestione distribuita del sistema


5/5<br />

Sviluppi in corso<br />

Altri possibili contesti applicativi:<br />

Protocollo informatico<br />

Digital Preservation (di e-mail)<br />

File System<br />

Profilazione utenti in una applicazione turistica<br />

etc.<br />

Implementazione dei livelli dell'architettura


Università degli Studi di Firenze<br />

Facoltà di Ingegneria<br />

Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni<br />

Laboratorio di Telematica, Telematica e Sistemi Telematici<br />

<strong>InterDataNet</strong>: Prospettive<br />

Relatore:<br />

prof. Dino Giuli


Università degli Studi di Firenze<br />

Facoltà di Ingegneria<br />

Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni<br />

Laboratorio di Telematica, Telematica e Sistemi Telematici<br />

<strong>Informatizzazione</strong> <strong>delle</strong> <strong>procedure</strong><br />

<strong>legate</strong> <strong>agli</strong> <strong>atti</strong> amministrativi tramite<br />

l'architettura <strong>InterDataNet</strong><br />

Staff:<br />

Prof. Franco Pirri<br />

Prof. Dino Giuli<br />

Ing. Maria C. Pettenati<br />

Ing. Samuele Innocenti<br />

Ing. Davide Chini<br />

Ing. Michela Paolucci<br />

fpirri@gmail.com<br />

dino.giuli@unifi.it<br />

pettenati.mariachiara@gmail.com<br />

samuele.innocenti@gmail.com<br />

davide.chini@gmail.com<br />

paolucci.michela@gmail.com

Hooray! Your file is uploaded and ready to be published.

Saved successfully!

Ooh no, something went wrong!