Lo spettacolo nell'alto medioevo. Tra condanne e la ... - Senecio.it

senecio.it

Lo spettacolo nell'alto medioevo. Tra condanne e la ... - Senecio.it

naturali, ma giunge addirittura a sospettare dell’opportunità delle melodie e dei canti cheaccompagnano le funzioni religiose 67 . Persi gli addentellati drammaturgici, lo spettacolo teatrale èinfatti diventato, come abbiamo visto, una forma di allettamento dei sensi: il diletto che proviene«dai combattimenti dei gladiatori, dalla gare atletiche, dalle azioni dei mimi o dalla rappresentazionidi commedie», osserva Girolamo, è simile a quello che ci procura «lo splendore delle gemme, deivestiti o dei metalli preziosi», e ci stringe in una rete di seduzioni sensoriali che «catturano la nostraanima» privandola della sua libertà 68 .Lo spettacolo assume le forme di un infernale meccanismo, che irretisce il pubblico in uncomplesso tessuto di provocazioni visive e uditive, e a nulla vale anche la più determinata volontàdi resistenza 69 . È celebre, a questo proposito, l’episodio raccontato da Agostino nel sesto libro delleConfessiones, dove descrive l’esperienza del suo giovane amico Alipio, che, pur provando unprofondo disgusto per i combattimenti dei gladiatori, è trascinato dagli amici nel circo. Fermo nellasua volontà, Alipio decide di restare «come un assente», chiudendo gli occhi. Ma viene scosso daun improvviso urlo della folla: le sensazioni che colpiscono il suo udito lo costringono a spalancaregli occhi e a gettare un rapido sguardo sull’arena, subendo così nel suo animo «una ferita più gravedi quella ricevuta nel corpo del gladiatore che per un istante aveva voluto guardare». L’effetto èdevastante: «Vedere quel sangue e imbeversi di crudeltà fu tutt’uno: non ne distolse gli occhi, anzive li fissò; respirava furore senza accorgersene, prendeva gusto a quella lotta criminale, ebbro disanguinario piacere […]. Guardò, gridò, si entusiasmò; se ne venne via portando seco una febbreche lo spinse a tornarvi non solo con quelli che ve lo avevano trascinato, ma primo di essi,trascinatore di altri» 70 .La concezione cristiana dello spettacolo, quale sistema di immagini che sollecitano in modoirresistibile le percezioni sensibili, e quindi penetrano nell’animo dello spettatore sconvolgendolo,produce alcune importanti conseguenze. Innanzitutto, se l’attrazione esercitata da qualsiasi formasensibile è una pericolosa fonte di peccato, lo spettacolo teatrale, appositamente studiato perallettare ed eccitare i sensi, moltiplica per la sua natura la potenza e l’efficacia della presenza delmale. È evidente l’impegno dei Padri della Chiesa nella ridefinizione di una giusta misura dellagestualità e dei comportamenti dell’uomo, in qualche modo rimodulando la tradizione classica. Unadelle parole più importanti su cui si sviluppa la riflessione etica del primo cristianesimo è“modestia”, che implica le nozioni di misura (modus) e di giusto mezzo (mediocritas). Cicerone, nelDe officiis, testo finalizzato all’educazione del figlio, elenca le quattro virtù che compongono la67 Agostino, Confessiones, X 23 e 24.68 Cfr. C. Vicentini, La teoria della recitazione, cit., p. 61. La citazione proviene da Girolamo, Adversum Iovinianum II,8.69 Tertulliano, De spectaculis 15.70 Agostino, Confessiones VI, 8.18

More magazines by this user
Similar magazines