LICEO ARTISTICO STATALE EUSTACHIO CATALANO PALERMO

artisticocatalano.it

LICEO ARTISTICO STATALE EUSTACHIO CATALANO PALERMO

LICEO ARTISTICO STATALE EUSTACHIO CATALANO PALERMO DOCUMENTO FINALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE V i -­‐ Corso “Progetto Sperimentale Michelangelo” Indirizzo: Rilievo e Catalogazione dei Beni Culturali A.S. 2010/2011 Restituzione di un mosaico Policromo del Duomo di Monreale Il Dirigente Scolastico Prof. Maria Frisella


DOCUMENTO FINALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE V i -­‐ Corso “Progetto Sperimentale Michelangelo” Indirizzo: Rilievo e Catalogazione dei Beni Culturali A.S. 2010/2011


Liceo Artistico Statale di Palermo “Eustachio Catalano” Classe V Sezione I Esami di Stato 2010/2011 -­‐ Documento del Consiglio di Classe 1. GLI ELEMENTI DELLA CLASSE 1.1. Elenco dei docenti componenti il consiglio di classe Docente Disciplina Prof. Burgio Giuseppe Storia dell’arte Prof. Di Pietra Salvatore Religione Prof. Greco Filippo Sostegno Prof. La Porta Clemente Guido Geometria Descrittiva e R. A. Prof.ssa Marino Cinzia Lingua Straniera: Inglese Prof.ssa Mascolino Loredana Catalogazione Prof. Raccuglia Antonino Matematica Prof. Raccuglia Antonino Fisica Prof.ssa Rajmondi Claudia Ed. Fisica Prof.ssa Sambito Giovanna Italiano Prof.ssa Sambito Giovanna Storia Prof. Tomaselli Giuseppe Rilievo Pittorico Coordinatore dei consiglio di classe: Segretario del consiglio di classe: prof. La Porta Clemente Guido prof. Raccuglia Antonino 1.2. Elenco dei docenti interni nominati nella commissione Docente Disciplina Prof. Burgio Giuseppe Storia dell’arte Prof. Marino Cinzia Inglese Prof. Mascolino Loredana Catalogazione Prof. Tomaselli Giuseppe Rilievo Pittorico


Liceo Artistico Statale di Palermo “Eustachio Catalano” Classe V Sezione I Esami di Stato 2010/2011 -­‐ Documento del Consiglio di Classe 1.3. Elenco degli allievi interni N° Cognome Nome Proveniente 1 Busardò Fabiola IV I 2 Buscemi Marco IV I 3 Cannella Lidia IV I 4 Caruso Giulio IV I 5 Davì Maria Concetta IV I 6 Di Miceli Marco IV I 7 Fazio Silvia IV I 8 Lo Greco Elena IV I 9 Marsana Elisabetta IV I 10 Messina Maria Grazia IV I 11 Montalbano Walter IV I 12 Palazzolo Marco IV I 13 Palma Chiara IV I 14 Palma Martina IV I 15 Russo Roberta IV I 16 Vaccaro Roberta IV I


Liceo Artistico Statale di Palermo “Eustachio Catalano” Classe V Sezione I Esami di Stato 2010/2011 -­‐ Documento del Consiglio di Classe 2. LA DIDATTICA 2.1. Profilo dell’indirizzo L’indirizzo Rilievo e Catalogazione, appartenente all’area “Beni Culturali” del Progetto Sperimentale Michelangelo, è finalizzato a dare agli alunni una professionalità intermedia di carattere teorico-­‐pratico nel settore del rilievo e della catalogazione dei beni culturali e a fornire, al contempo, una specifica preparazione di base per il proseguo degli studi a livello di istituti di alta cultura. I piani di studio dell’indirizzo sono orientati a fornire all’alunno un’ampia base culturale, con particolare approfondimento dei beni culturali, come adeguato e coerente supporto per consentirgli una specifica acquisizione professionale nelle tecniche relative al rilievo ed alla catalogazione dei beni culturali medesimi. 2.2. Profilo della classe e percorso formativo I 16 alunni provengono tutti dalla IV i dello scorso anno. La classe iniziava il triennio con 21 alunni provenienti da 5 diverse seconde classi. Al IV anno gli alunni si riducevano a 18 perche 4 venivano bocciati allo scrutinio finale del III anno e si aveva un trasferimento in entrata da altra IV. Arrivavano in V in 16 a causa del ritiro di un alunna e della mancata promozione di un’altra. Gli studenti nel corso dell’anno hanno dimostrato crescente interesse e impegno partecipando attivamente alle azioni didattiche per conseguire risultati finali medi buoni. Tale giudizio sconta da una parte i livelli di conoscenze e competenze anche ottimi raggiunti a fine anno, dall’altra alcune lacune presenti al I quadrimestre ed una certa difficoltà nel corretto uso della risorsa “tempo”. Il comportamento è sempre stato improntato alla massima educazione. La drastica interruzione per l’agitazione studentesca durata più di un mese, a ridosso delle vacanze natalizie, ha procurato un vistoso rallentamento dell‘azione didattica nonostante questi studenti avessero spinto invano i compagni delle altre classi verso una partecipazione responsabile che coniugasse la protesta con lo studio. Questa situazione ha portato, per alcune discipline, ad un ridimensionamento della programmazione, necessario alla ripresa dei giusti ritmi di studio e alla ricerca di strategie didattiche finalizzate all’ottimizzazione dei risultati. Dallo scrutinio del I quadrimestre si riscontravano alcune carenze nelle discipline dell’area linguistica.


Liceo Artistico Statale di Palermo “Eustachio Catalano” Classe V Sezione I Esami di Stato 2010/2011 -­‐ Documento del Consiglio di Classe Pertanto il C. di c. provvedeva a mettere in atto diverse strategie di recupero attivando anche un corso specifico extracurriculare per la filosofia dove la situazione era particolarmente critica. Gli alunni hanno seguito con impegno le attività di recupero in tutte le discipline riuscendo in larga parte a colmare le lacune lamentate. L’area d’indirizzo è quella verso cui gli alunni hanno mostrato maggiore interesse ed applicazione conseguendo i risultati migliori. Complessivamente gli alunni hanno effettuato un percorso educativo e didattico personalizzato, che ha permesso ad ognuno di raggiungere, con livelli diversi, gli obiettivi fissati all’inizio dell’anno scolastico. 2.3. Finalità Il consiglio di classe si è proposto di favorire un processo di formazione basato sulla consapevolezza dell'identità, sulla capacità di gestire rapporti interpersonali fondati sul rispetto,sul confronto e sulla disponibilità al cambiamento. In particolare gli allievi nel complesso hanno − conseguito una adeguata preparazione di base potenziando la conoscenza dei vari linguaggi della comunicazione. − sviluppato le competenze necessarie allo studio del bene culturale. − acquisito una conoscenza sui fenomeni evolutivi dell'arte. − sviluppato la creatività e potenziato le capacità progettuali attraverso l'uso consapevole delle metodologie e delle tecniche. − ampliato la conoscenza del territorio e delle espressioni artistiche che lo hanno caratterizzato in ogni tempo. − potenziato le competenze necessarie per lo sviluppo autonomo del proprio bagaglio culturale e per la definizione del percorso di vita da seguire dopo la conclusione del percorso scolastico. 2.4. Obiettivi relazionali Anche se con modalità differenti gli allievi hanno: − Potenziato e consolidato le proprie competenze e capacità anche autonomamente. − Conseguito una certa consapevolezza delle proprie scelte e dei propri comportamenti. −Mostrato di saper sostenere le proprie opinioni ed il proprio punto di vista nelle scelte operate e nei comportamenti assunti.


Liceo Artistico Statale di Palermo “Eustachio Catalano” Classe V Sezione I Esami di Stato 2010/2011 -­‐ Documento del Consiglio di Classe − Potenziato le capacità di apertura alle diversità (sociale, culturale, fisica). − Rispettato nel complesso gli impegni assunti. 2.5. Obiettivi cognitivi Gli allievi ,ciascuno secondo i livelli adeguate alle caratteristiche personali,alla preparazione di base,alle attitudini e all'impegno profuso,sono capaci di: − Riconoscere i vari linguaggi della comunicazione e applicarli in situazioni adeguate. − Verificare il proprio processo formativo ed individuare le finalità. − Leggere ed interpretare i fenomeni della cultura contemporanea. − Riconoscere il territorio sotto l'aspetto culturale sociale ed artistico. − Riflettere sui meccanismi del proprio apprendimento. − Orientarsi con una certa autonomia nelle discipline di indirizzo. − Sviluppare la capacità di lettura di un'opera a vari livelli: iconico strutturale, contestuale, tecnico, simbolico. − Approfondire, rielaborare, correlare, sintetizzare le conoscenze in base ad un obiettivo dato. − Sviluppare le competenze necessarie allo studio specializzato del bene culturale 2.6. Contenuti Per i contenuti si rimanda alle schede consuntive e ai programmi delle singole discipline. 2.7. Metodi, strategie, mezzi e strumenti adottati Metodi − Lezioni frontali. − Problem solving e metodo progettuale. − Ricerche specifiche. − Metodo scientifico induttivo e deduttivo. − Altro metodo laboratoriale. Strategie − Rendere l'alunno soggetto attivo dell'intervento didattico. − Promuovere dialoghi, conversazioni, dibattiti, lavori di gruppo. − Presentare agli alunni modelli di comportamento coerenti all'azione educativa. − Stimolare negli alunni la fiducia nelle proprie capacità. − Promuovere attività pluridisciplinari e interdisciplinari che chiariscano le relazioni tra i saperi.


Liceo Artistico Statale di Palermo “Eustachio Catalano” Classe V Sezione I Esami di Stato 2010/2011 -­‐ Documento del Consiglio di Classe − Curare i rapporti con le famiglie per renderle partecipi al raggiungimento degli obbiettivi. − Promuovere l'utilizzo delle tecnologie multimediali nella produzioni di elaborati personali o di gruppo. Mezzi e strumenti − Manuali scolastici. − Tutte le possibili fonti di informazioni ( testi di consultazione e specialistici, quotidiani, riviste, trattati, cataloghi, web, etc.) − strumenti multimediali ed informatici. − Strumenti operativi di rappresentazione e di classificazione. − Visite guidate − Esercitazioni di rilievo sul campo. 2.8. Verifiche Le verifiche si sono basate su prove oggettive quali: prove strutturate, test (vero\falso, risposta multipla), trattazioni sintetiche, questionari e prove soggettive quali interrogazioni orali, produzioni di testi, elaborati grafici. Per le materie delle discipline di indirizzo le verifiche scritto-­‐grafiche, grafiche ed orali sono state continue: ogni lavoro durante lo svolgimento a casa e in classe è stato sottoposto a revisioni in itinere per apportarvi le opportune correzioni. 2.9. Valutazione La valutazione ha tenuto conto del raggiungimento degli obiettivi disciplinari, del livello di partenza di ogni singolo alunno, della sua progressione in relazione alle sue capacità, alla frequenza, alla partecipazione al dialogo educativo, all'impegno e all'assiduità nello studio, al metodo di lavoro prescelto nonchè alla puntualità nelle consegne. 2.10. Simulazioni delle prove d’esame Sono state effettuate delle simulazioni per tutte le prove scritte per dar modo agli allievi di misurarsi con prove più complesse che richiedono organizzazione dei tempi di svolgimento . Per quanto riguarda la prova di Italiano e della seconda prova sono state somministrate prove già proposte dal Ministero negli anni precedenti. 2.11. Tipologie di “terza prova” trattate


Liceo Artistico Statale di Palermo “Eustachio Catalano” Classe V Sezione I Esami di Stato 2010/2011 -­‐ Documento del Consiglio di Classe Per la terza prova il consiglio di classe, tenuto conto del curricolo di studi, degli obiettivi generali e disciplinari definiti nella propria programmazione didattica, ha individuato le seguenti discipline: • Storia dell’Arte, • Filosofia, • Inglese, • Rilievo pittorico. Il consiglio di classe su tale base ha elaborato due prove simulate per la terza prova scritta. Le tipologie prescelte dai docenti sono state la B e la C che sono state ritenute le più idonee alle competenze degli allievi anche nell’ipotesi di poter utilizzare la tipologia mista(B+C).


Liceo Artistico Statale di Palermo “Eustachio Catalano” Classe V Sezione I Esami di Stato 2010/2011 -­‐ Documento del Consiglio di Classe 2.12. Griglia di valutazione della 1 a prova Classe V sez. I ALUNNA/O: INDICATORI DESCRITTORI PUNTEGGI 1) ADERENZA ALLA TIPOLOGIA Alcune parti non rispettano la traccia o le 0 – 1 TESTUALE ED ALLA TRACCIA rispettano solo parzialmente Svolgimento complessivamente adeguato 1 – 2 Svolgimento pertinente e/o completo 2 – 3 2) CORRETTEZZA E PROPRIETA’ DELLA LINGUA 3) STRUTTURA DEL DISCORSO Elaborato con vari errori Elaborato con qualche errore Elaborato corretto sotto l’aspetto ortografico, morfosintattico e lessicale Trattazione disorganica o non sempre organica Semplice ma coerente Organica e coerente 0 – 1 1 – 2 2 – 3 0 – 1 1 – 2 2 – 3 4) RIELABORAZIONE PERSONALE, Poco articolate 0 – 1 CAPACITA’ CRITICHE E/O DI Sufficientemente articolate 1 – 2 CONTESTUALIZZAZIONE Articolate e/o approfondite 2 – 3 TIPOLOGIA A 5) COMPRENSIONE ED ANALISI DEL TESTO Carenti e/o superficiali Complessivamente adeguate Approfondite e/o complete 0 – 1 1 – 2 2 – 3 TIPOLOGIA B Inappropriati e/o superficiali 0 – 1 5) USO DEI DOCUMENTI E Essenziali e/o adeguati 1 – 2 COERENZA ARGOMENTATIVA Appropriati e/o articolati 2 – 3 TIPOLOGIA C – D Contenuti superficiali e lacunosi 0 – 1 5) RICCHEZZA E PERTINENZA DEI Contenuti pertinenti, ma generici 1 – 2 CONTENUTI Contenuti ampi ed approfonditi 2 – 3 TOTALE Tabella in corrispondenza tra punteggi totali in decimi ed in quindicesimi SCARSO INSUFF. MEDIOC. SUFF DISCRETO BUONO DISTINTO OTTIMO Voto in 10/10 3 4 5 6 7 8 9 10 Voto in 15/100 >5 5-­‐6 7-­‐8 10 11-­‐12 13 14 15


Liceo Artistico Statale di Palermo “Eustachio Catalano” Classe V Sezione I Esami di Stato 2010/2011 -­‐ Documento del Consiglio di Classe 2.13. Griglia di valutazione della 2 a prova Classe V sez. I ALUNNA/O: Criteri Punti Max Punti ass. Coerenza e organicità nella costruzione della scheda di catalogazione e individuazione delle voci essenziali Correttezza e pertinenza nella compilazione delle voci essenziali Chiarezza ed efficacia espositiva nell’elaborazione delle parti descrittive della scheda e nei riferimenti alle fonti Correttezza dei riferimenti storico-­‐artistici 2,50 1,00 2,50 1,00 Chiarezza ed efficacia espositiva nella compilazione della relazione tecnica e nella giustificazione dell’iter di lavoro Correttezza metodologica nella rilevazione del bene e nella trasposizione grafica dello stesso Correttezza metodologica nella restituzione grafica e cromatica del/i particolare/i scelto/i Chiarezza nella restituzione dei danneggiamenti; correttezza e pertinenza nella proposta degli interventi di restauro 1,00 3,00 3,00 1,00 Totale Voto: _______ /15 Voto in 10/10 3/4 5 6 7 8 9/10 Voto in 15/15 5 8 10 12 14 15


Liceo Artistico Statale di Palermo “Eustachio Catalano” Classe V Sezione I Esami di Stato 2010/2011 -­‐ Documento del Consiglio di Classe 2.14. Griglie di valutazione della 3 a prova Classe V sez. I Alunna/o: Quesito non svolto: 1 Risposta non pertinente: 2-­‐3 Valutazioni in quindicesimi Aderenza alla traccia Conoscenza degli argomenti Correttezza e proprietà linguistica GRAVEM.TE INSUFFICIENTE GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA 3^ PROVA tipologia B INSUFFICIENTE MEDIOCRE SUFFICIENTE DISCRETO BUONO OTTIMO 4-­‐5 6-­‐7 8-­‐9 10-­‐11 12 13-­‐14 15 Scarsa aderenza alla traccia. Conoscenze gravemente lacunose ed errate. Esposizione frammentaria Diffusi errori grammaticali di notevole entità. Improprio e/o inesatto l’uso sia del lessico comune che del lessico specifico. Insufficiente aderenza alla traccia. Conoscenze lacunose. Esposizione incoerente e incomprensioni concettuali Gravi errori grammaticali . Improprio l’uso del lessico specifico Inesatto e/o improprio quello specifico. Sommaria aderenza alla traccia. Conoscenze incomplete o approssimate Esposizione superficiale e disorganica Errori grammaticali non gravi e imprecisioni lessicali Sufficiente aderenza alla traccia. Conoscenze Superficiali e/o mnemoniche Esposizione semplice con lievi imprecisioni Lievi imprecisioni grammaticali e lessicali. Discreta aderenza alla traccia. Conoscenze adeguate, ma non approfondite Esposizione corretta, ma non rigorosa Uso corretto del linguaggio specifico Buona aderenza alla traccia Conoscenze puntuali e specifiche Esposizione chiara e appropriata Corretto ed esauriente. Appropriato l’uso del lessico . Piena aderenza alla traccia. Conoscenze molteplici ed esaustive Esposizione coerente e calibrata Formalmente corretto e ben articolato. MATERIA 1 MATERIA 2 MATERIA 3 MATERIA 4 _________________ N. VOTO QUESTITO _________________ N. VOTO QUESTITO ________________ N. VOTO QUESTITO ______________ N. VOTO QUESTITO 1 1 1 1 2 2 2 2 3 3 3 3 4 4 4 4 TOTALE in quindicesimi TOTALE in quindicesimi TOTALE in quindicesimi TOTALE in quindicesimi -­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐TOTALE GENERALE _____/15


Liceo Artistico Statale di Palermo “Eustachio Catalano” Classe V Sezione I Esami di Stato 2010/2011 -­‐ Documento del Consiglio di Classe GRIGLIA DI VALUTAZIONE 3^ PROVA tipologia C Classe Vi Alunna/o: nessuna risposta = risposta giusta = risposta errata = 0 punti 1 punto 0 punti MATERIA 1 MATERIA 2 MATERIA 3 MATERIA 4 N. QUESTITO RISPOSTA FORNITA GIUSTA ERRATA N. QUESTITO RISPOSTA FORNITA GIUSTA ERRATA N. QUESTITO RISPOSTA FORNITA GIUSTA ERRATA N. QUESTITO RISPOSTA FORNITA GIUSTA ERRATA 1 1 1 1 2 2 2 2 3 3 3 3 4 4 4 4 5 5 5 5 6 6 6 6 7 7 7 7 8 8 8 8 SOMMANO SOMMANO SOMMANO SOMMANO -­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐ -­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐TOTALE RISPOSTE ESATTE PUNTEGGIO= 15 X RISPOSTE ESATTE/32 IL PUNTEGGIO FINALE OTTENUTO, SE DECIMALE, VA ARROTONDATO ALL’UNITA’ _____/15


Classe V sez. I Alunna/o: 1. Parte a tipologia B Liceo Artistico Statale di Palermo “Eustachio Catalano” Classe V Sezione I Esami di Stato 2010/2011 -­‐ Documento del Consiglio di Classe GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA 3^ PROVA tipologia MISTA (B+C) Quesito non svolto: Risposta non pertinente: GRAVEM.TE INSUFFICIENTE 1 2-­‐3 INSUFFICIENTE MEDIOCRE SUFFICIENTE DISCRETO BUONO OTTIMO 4-­‐5 6-­‐7 8-­‐9 10-­‐11 12 13-­‐14 15 Aderenza alla traccia Conoscenza degli argomenti Correttezza e proprietà linguistica Scarsa aderenza alla traccia. Conoscenze gravemente lacunose ed errate. Esposizione frammentaria Diffusi errori grammaticali di notevole entità. Improprio e/o inesatto l’uso sia del lessico comune che del lessico specifico. Insufficiente aderenza alla traccia. Conoscenze lacunose. Esposizione incoerente e incomprensioni concettuali Gravi errori grammaticali . Improprio l’uso del lessico specifico Inesatto e/o improprio quello specifico. Sommaria aderenza alla traccia. Conoscenze incomplete o approssimate Esposizione superficiale e disorganica Errori grammaticali non gravi e imprecisioni lessicali Sufficiente aderenza alla traccia. Conoscenze Superficiali e/o mnemoniche Esposizione semplice con lievi imprecisioni Lievi imprecisioni grammaticali e lessicali. Discreta aderenza alla traccia. Conoscenze adeguate, ma non approfondite Esposizione corretta, ma non rigorosa Uso corretto del linguaggio specifico Buona aderenza alla traccia Conoscenze puntuali e specifiche Esposizione chiara e appropriata Corretto ed esauriente. Appropriato l’uso del lessico . Piena aderenza alla traccia. Conoscenze molteplici ed esaustive Esposizione coerente e calibrata Formalmente corretto e ben articolato. MATERIA 1 MATERIA 2 MATERIA 3 MATERIA 4 _________________ _________________ ________________ ______________ N. QUESTITO VOTO N. QUESTITO VOTO N. QUESTITO VOTO N. QUESTITO VOTO 1 1 1 1 2 2 2 2 TOTALE in quindicesimi TOTALE in quindicesimi TOTALE in quindicesimi TOTALE in quindicesimi -­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐TOTALE GENERALE Tipologia B _____/15


Liceo Artistico Statale di Palermo “Eustachio Catalano” Classe V Sezione I Esami di Stato 2010/2011 -­‐ Documento del Consiglio di Classe Classe V sez. I Alunna/o: 2. Parte a tipologia C nessuna risposta = risposta giusta = risposta errata = 0 punti 1 punto 0 punti MATERIA 1 MATERIA 2 MATERIA 3 MATERIA 4 ____________________ ____________________ ____________________ ____________________ N. QUESTITO RISPOSTA FORNITA GIUSTA ERRATA N. QUESTITO RISPOSTA FORNITA GIUSTA ERRATA N. QUESTITO RISPOSTA FORNITA GIUSTA ERRATA N. QUESTITO RISPOSTA FORNITA GIUSTA ERRATA 1 1 1 1 2 2 2 2 3 3 3 3 4 4 4 4 totali totali totali totali -­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐ -­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐TOTALE RISPOSTE ESATTE PUNTEGGIO= 15 X RISPOSTE ESATTE/16 IL PUNTEGGIO FINALE OTTENUTO, SE DECIMALE, VA ARROTONDATO ALL’UNITA’ _____/15 3. CALCOLO DEL PUNTEGGIO COMPLESSIVO Una volta ottenuti i punteggi relativi alle due tipologie, espressi in quindicesimi, calcolarne la media aritmetica. [(B+C)/2] RISULTATO TIPOLOGIA B RISULTATO TIPOLOGIA C RISULTATO FINALE III PROVA _____/15 _____/15 _____/15


Liceo Artistico Statale di Palermo “Eustachio Catalano” Classe V Sezione I Esami di Stato 2010/2011 -­‐ Documento del Consiglio di Classe 2.15. Attività curriculari ed extracurriculari Gli alunni durante il V anno scolastico hanno partecipato a diverse attività tra cui: • cinema: visione del musical “Beatles”; • didattica esterna presso musei e monumenti: - Galleria Regionale d’arte di Palazzo Abatellis a Palermo ; - Galleria d’Arte Moderna presso l’Ex Convento S. Anna a Palermo; - Museo d’Arte contemporanea per la Sicilia di Palazzo Riso a Palermo; - Villino Florio all’Olivuzza di E. Basile a Palermo; - Villino Ida di Via Siracusa di E. Basile a Palermo per il rilievo architettonico; - Quartiere G. Matteotti dello I.a.c.p. a Palermo per il rilievo architettonico; - Duomo di Monreale per il rilievo di mosaici; • Corsi e workshop esterni: - PON “Getting on” per lo sviluppo delle competenze in lingua straniera; - Workshop “Dall’immaginario all’Immaginazione e Viceversa” con Sebastiano Mortillaro presso la sezione didattica di Palazzo Riso. Si segnala che nel corso del triennio gli alunni hanno anche effettuato: - Un viaggio d’istruzione a Berlino; - Un viaggio a Firenze finalizzato allo studio delle arti rinascimentali; - La partecipazione attiva a vari eventi del FAI. - La partecipazione alle Olimpiadi di matematica. - La partecipazione alla manifestazione “Palermo apre le porte”.


Liceo Artistico Statale di Palermo “Eustachio Catalano” Classe V Sezione I Esami di Stato 2010/2011 -­‐ Documento del Consiglio di Classe 2.16. Firme dei docenti del consiglio di classe I docenti Firme Il Dirigente Scolastico Prof. Maria Frisella


Liceo Artistico Statale di Palermo “Eustachio Catalano” Classe V Sezione I Esami di Stato 2010/2011 -­‐ Documento del Consiglio di Classe 2.17. Scheda di italiano MATERIA Italiano LICEO ARTISTICO STATALE “E. CATALANO”-­‐PALERMO Classe V sez. I a.s. 2010/2011 DOCENTE Giovanna Sambito TESTI ADOTTATI Luperini-­‐ Castaldi-­‐Marchiani-­‐Marchese “ Manuale di Letteratura” Palumbo Editore ALTRI STRUMENTI DIDATTICI Articoli di giornale, saggi ,documenti,libri. NUMERO DI ORE SETTIMANALI DI LEZIONE 3 NUMERO DI ORE ANNUALI SVOLTE 83 MODALITA’ E STRATEGIE DI RECUPERO ADOTTATE Le ore di recupero – rinforzo sono state attuate durante le ore curriculari per consentire la partecipazione di tutti gli alunni,si è prestata più attenzione alla forma scritta , presentando loro degli schemi a cui attenersi per una corretta attinenza alla tipologia richiesta dagli esami di stato , soprattutto l’articolo di giornale e il saggio breve. Il recupero della correttezza lessicale, sintattica e grammaticale è stata attuata nel momento della consegna degli elaborati svolti dagli alunni e corretti dall’insegnante. CONTENUTI BLOCCHI TEMATICI La Restaurazione e le lotte d’indipendenza: il Romanticismo(1815-­‐1861) La situazione economica e politica, l’organizzazione della cultura e l’immaginario I movimenti letterari e le poetiche Il Romanzo e la novella ARGOMENTI Alessandro Manzoni Giacomo Leopardi Il romanzo realista in Francia Naturalismo Simbolismo Decadentismo La Scapigliatura lombarda Il naturalismo francese Il simbolismo europeo Zola Verga La poesia Baudelaire Pascoli


Liceo Artistico Statale di Palermo “Eustachio Catalano” Classe V Sezione I Esami di Stato 2010/2011 -­‐ Documento del Consiglio di Classe La seconda rivoluzione industriale, la Grande Guerra e il dopoguerra Le avanguardie, il futurismo, il crepuscolarismo BLOCCHI TEMATICI Il romanzo, la novella e la prosa ARGOMENTI Luigi Pirandello Svevo Ungaretti Montale STRATEGIE DIDATTICHE Lezione frontale, lezione dialogata. Addestramento all’autonoma comprensione e produzione di “testi”. Rinvii pluridisciplinari. Attività di consolidamento. VERIFICHE TIPOLOGIA Elaborati scritti ( analisi del testo,saggio breve,articolo giornalistico,tema di ordine generale, tema storico). Interventi spontanei. Verifiche orali. Test


Liceo Artistico Statale di Palermo “Eustachio Catalano” Classe V Sezione I Esami di Stato 2010/2011 -­‐ Documento del Consiglio di Classe 2.18. Scheda di storia LICEO ARTISTICO STATALE “E. CATALANO”-­‐PALERMO Classe V sez. I a.s. 2010/2011 MATERIA DOCENTE Storia Giovanna Sambito TESTI ADOTTATI Giardina-­‐ Sabatucci-­‐ Vidotto_ “ Il mosaico e gli specchi” volume 4 volume 5 ALTRI STRUMENTI DIDATTICI NUMERO DI ORE SETTIMANALI DI LEZIONE 2 NUMERO DI ORE ANNUALI SVOLTE 59 STRATEGIE DI RECUPERO ADOTTATE Le ore di recupero – rinforzo sono state attuate durante le ore curriculari e sono state rivolte agli argomenti trattati nei quali alcune ragazze continuavano a nutrire delle perplessità , a consolidare la padronanza del linguaggio specifico della disciplina e ad acquisire disinvoltura nell’esposizione degli argomenti. OBIETTIVI • Capacità di utilizzare le categorie fondamentali del discorso storico. • Capacità di decodificare documenti storici e rielaborare i concetti appresi. • Capacità di utilizzare il linguaggio storiografico. • Capacità di esporre in forma chiara e coerente fatti e problemi relativi agli argomenti Studiati. CONTENUTI BLOCCHI TEMATICI Le rivoluzioni nazionali, liberali e democratiche ARGOMENTI Rivoluzioni e società segrete Le monarchie liberali: Francia e Inghilterra Le monarchie autoritarie: Austria, Prussica, Russia 1848: una rivoluzione europea 1848:la rivoluzione in Francia 1848: la rivoluzione nell’Europa centrale


Liceo Artistico Statale di Palermo “Eustachio Catalano” Classe V Sezione I Esami di Stato 2010/2011 -­‐ Documento del Consiglio di Classe La Francia dalla Seconda Repubblica al Secondo Impero La politica delle grandi potenze L’equilibrio europeo La Russia e la rivoluzione del 1905 BLOCCHI TEMATICI ARGOMENTI Nazione e Risorgimento in Italia I moti del 1820-­‐21 e del 1831 Mazzini Le nuove correnti politiche L’elezione di Pio IX Le guerre di indipendenza e l’unità Le rivoluzioni del 1848 e la I guerra d’indipendenza L’esperienza liberale in Piemonte e l’opera di Cavour La spedizione dei mille e l’Unità Il completamento dell’Unità La costruzione dello Stato Le condizioni di vita degli italiani Destra e Sinistra : classi dirigenti Il Mezzogiorno L’Italia nell’età delle grandi potenze La Sinistra al governo La politica economica La politica estera Il movimento operaio e le organizzazioni cattoliche La democrazia autoritaria di Crispi La crisi di fine secolo e la svolta liberale L’età giolittiana Decollo industriale e questione meridionale Socialisti e cattolici La crisi del sistema giolittiano La rivoluzione russa Gli anni venti: un nuovo ordine europeo e mondiale Gli anni trenta fra democrazie e totalitarismi La prima guerra mondiale La crisi europea e l’ascesa della potenza americana La crisi postbellica L’Italia dalla caduta dello Stato liberale all’avvento del fascismo Il regime fascista La Grande depressione e il New Deal L’ascesa del nazismo in Germania I riflessi della crisi internazionale nell’Italia fascista L’Urss e Stalin e l’Internazionale comunista Dalla Seconda guerra mondiale alla guerra fredda Verso un nuovo conflitto mondiale La guerra in Spagna La seconda guerra mondiale


Liceo Artistico Statale di Palermo “Eustachio Catalano” Classe V Sezione I Esami di Stato 2010/2011 -­‐ Documento del Consiglio di Classe La fine del conflitto: la guerra fredda La decolonizzazione L’Italia repubblicana Dalla Resistenza alla Costituzione repubblicana Miracolo economico e conflitti sociali STRATEGIE DIDATTICHE • Lezione frontale, lezione dialogata.. • Addestramento all’autonoma comprensione • Rinvii pluridisciplinari. • Attività di consolidamento VERIFICHE TIPOLOGIA Verifiche orali Discussioni aperte su un argomento scelto dall’insegnante o dagli alunni Interventi spontanei Test


2.19. Scheda di inglese Liceo Artistico Statale di Palermo “Eustachio Catalano” Classe V Sezione I Esami di Stato 2010/2011 -­‐ Documento del Consiglio di Classe LICEO ARTISTICO STATALE “E. CATALANO”-­‐PALERMO Classe V sez. I a.s. 2010/2011 MATERIA DOCENTE Lingua e civiltà inglese Prof.ssa Cinzia Marino TESTI ADOTTATI • Spiazzi Tavella Lit & Lab Zanichelli • L. Clegg -­‐ G. Orlandi -­‐ J. Regazzi Art Around us Clitt ALTRI STRUMENTI DIDATTICI Mezzi audiovisivi, dizionari, materiale in fotocopia, articoli, testi narrativi e teatrali, riproduzione di opere d’arte, internet. NUMERO DI ORE SETTIMANALI DI LEZIONE 3 NUMERO DI ORE ANNUALI SVOLTE 85 STRATEGIE DI RECUPERO ADOTTATE Il recupero è stato effettuato in ore curriculari in itinere: • trattazione degli argomenti con modalità diverse • potenziamento lessicale e comunicativo • specifiche attività individuali e di gruppo • assegnazione di esercizi per casa RELAZIONE FINALE La classe 5^ I sperimentale è formata da 16 provenienti dalla 4^ I. Il gruppo classe, da sempre caratterizzato da una preparazione di base eterogenea, ha partecipato all’attività didattica con interesse, assumendo, con le dovute differenziazioni, un atteggiamento complessivamente positivo e costruttivo, disponibile a recepire stimoli culturali di una certa varietà e ampiezza. Questa apertura culturale si è concretizzata al quarto anno con la partecipazione al progetto Poseidon nazionale in cui la classe è stata coinvolta dalle insegnanti di inglese e di italiano in una attività laboratoriale intensa e innovativa. Dal punto di vista dell’apprendimento gli alunni hanno fatto propri in misura e tempi diversi e su livelli differenziati gli obiettivi propri della disciplina. Il lavoro iniziato gli anni precedenti è stato


Liceo Artistico Statale di Palermo “Eustachio Catalano” Classe V Sezione I Esami di Stato 2010/2011 -­‐ Documento del Consiglio di Classe indirizzato al recupero e al rinforzo delle abilità e delle conoscenze di base, al fine di fornire agli studenti strumenti adeguati per raggiungere le competenze e le capacità richieste nonché per l’applicazione e la rielaborazione dei contenuti. Le finalità educative indicate in sede di programmazione iniziale non sono state perseguite da tutti gli alunni in maniera omogenea anche a causa dell’agitazione studentesca della prima parte dell’anno; di conseguenza il programma è stato ridimensionato. Si è cercato di integrare sistematicamente il lavoro lessicale, lo studio delle opere letterarie, il commento alle opere d’arte tramite la contestualizzazione e il legame con la storia, la filosofia, la letteratura e la storia dell’arte dell’ Ottocento e del Novecento in Europa. OBIETTIVI I seguenti obiettivi, divisi in conoscenze, competenze e capacità, sono stati raggiunti dagli alunni con livelli diversi. • comprendere messaggi orali e scritti specifici della lingua straniera. • ampliare la conoscenza stilistico-­‐formale del testo letterario e dell’opera d’arte nelle sue varie realizzazioni, identificandone il genere, l’appartenenza, gli elementi testuali e contestuali e il sistema di valori di riferimento • utilizzare le capacità operative necessarie per rielaborare e commentare autonomamente testi scritti, orali e opere d’arte • utilizzare le capacità linguistiche e comunicative per descrivere, analizzare e interpretare oralmente e in forma scritta le caratteristiche formali, tecniche e poetiche di opere artistiche significative del periodo oggetto di studio CONTENUTI BLOCCHI TEMATICI The Early Romantic Age The Romantic Age The Victorian Age ARGOMENTI • The Industrial Revolution • The Changing Face of Britain and America • Emotion vs Reason • Romantic poetry : imagination and the language of sense impressions • Lyrical Ballads • Landscape and Nature painting • The Victorian Compromise • The Age of Expansion and Reforms • The Victorian Novel • The Victorian Comedy • The Pre-­‐Raphaelite Brotherhood • Aestheticism and Decadence • Imperialism and Colonialism


Liceo Artistico Statale di Palermo “Eustachio Catalano” Classe V Sezione I Esami di Stato 2010/2011 -­‐ Documento del Consiglio di Classe The Modern Age • Anxiety and Rebellion • Modernism • Imagism • Symbolism and Free Verse • The Interior Monologue STRATEGIE DIDATTICHE • Lezioni frontali e dialogate • Metodo induttivo e deduttivo • Discussione guidata • Problem solving • Lettura e analisi dei testi ai diversi livelli, denotativo, linguistico interpretativo ed extra-­testuale• Osservazione dell’opera d’arte • Raccolta e analisi guidata di fonti • Costante rinvio all’unità del sapere VERIFICHE TIPOLOGIA Verifiche scritte Verifiche orali • Analisi testuale • Trattazione sintetica • Simulazione terza prova (tipologia A,B, C) • Questionari • Colloqui • Esposizioni • Interventi spontanei e/o indotti Attraverso i suddetti strumenti si sono verificati i seguenti elementi: • conoscenza comprensione e rielaborazione dei contenuti • capacità di creare collegamenti disciplinari e pluridisciplinari • uso appropriato della lingua • partecipazione all’attività didattica in termini di interesse e impegno.


Liceo Artistico Statale di Palermo “Eustachio Catalano” Classe V Sezione I Esami di Stato 2010/2011 -­‐ Documento del Consiglio di Classe 2.20. Scheda di filosofia MATERIA LICEO ARTISTICO STATALE “E. CATALANO”-­‐PALERMO Classe V sez. I a.s. 2010/2011 Filosofia DOCENTEProf.ssa Serenella BrunoTESTI ADOTTATI Protagonisti e testi della Filosofia – Abbagnano, Fornero -­‐ Paravia ALTRI STRUMENTI DIDATTICILettura di brani filosofici, schede di sintesiNUMERO DI ORE SETTIMANALI DI LEZIONE 2NUMERO DI ORE ANNUALI SVOLTE STRATEGIE DI RECUPERO ADOTTATE Il recupero è stato effettuato in 9 ore extracurriculari attraverso la modalità della lezione frontale, del dibattito e attraverso attività individuali e di gruppo come il completamento in aula con l’ausilio dell’insegnante di schede riassuntive e lo svolgimento in aula di questionari e di esercizi RELAZIONE FINALELa classe, composta da sedici alunni provenienti dalla IV I, ha cambiato insegnante di Filosofia all’inizio dell’anno scolastico. Gli alunni sin dall’inizio hanno evidenziato una preparazione di base assai eterogenea ma hanno comunque partecipato all’attività didattica con un atteggiamento costruttivo e positivo, compiendo complessivamente progressi sistematici apprezzabili. Ad oggi la classe è sostanzialmente costituita da due gruppi diversi di allievi: il primo, abbastanza omogeneo, è formato da ragazzi che dimostrano una discreta conoscenza dei contenuti ed una adeguata capacità di stabilire relazioni tra le varie problematiche filosofiche e tra i diversi autori. Il secondo gruppo è purtroppo formato da alcuni allievi che con difficoltà hanno raggiunto gli obiettivi disciplinari specifici e tuttora mostrano di non avere del tutto acquisito le competenze e le capacità richieste. Si deve però precisare che anche gli allievi migliori, pur mostrando conoscenze talvolta complete, e pur manifestando un interesse significativo nei confronti della materia, non hanno ancora acquisito, se non in pochissimi casi, una assoluta padronanza del linguaggio tecnico filosofico. Nel corso dell’anno scolastico, anche a causa dell’agitazione studentesca della prima parte dell’anno, sono state apportate delle modifiche alla programmazione iniziale degli argomenti da svolgere; in particolare si è omessa la trattazione del pensiero esistenzialista novecentesco. Anche


Liceo Artistico Statale di Palermo “Eustachio Catalano” Classe V Sezione I Esami di Stato 2010/2011 -­‐ Documento del Consiglio di Classe il pensiero positivista è stato purtroppo tralasciato, così come non è stata trattata la filosofia idealista di Fichte. Hegel è stato tagliato e non si è studiata la Logica, come di Marx non è stato affrontato Il Capitale. Anche la lettura di brani antologici, programmata inizialmente, non è stata svolta nelle modalità prefissate, se non raramente. E’ stato invece inserito un argomento non contemplato nella programmazione iniziale, lo spiritualismo di Bergson, anche per l’ evidente continità con la Letteratura Italiana. Anche se le finalità educative prefissate in sede di programmazione iniziale non sono state realizzate pienamente sia a causa della mancanza di tempo, sia a causa della eterogeneità della risposta degli allievi, il programma effettivamente svolto è stato comunque adeguatamente approfondito. Sono stati affrontati, dunque, i maggiori nodi della storia del pensiero occidentale contemporanea, a partire dal Kantismo e dall’Idealismo schellinghiano fino ai maggiori sistemi dei primi del Novecento, cioè fino alla ridefinizione dell’uomo con Freud. OBIETTIVI I seguenti obiettivi sono stati raggiunti dagli alunni con livelli diversi: 1) Sapere utilizzare e riconoscere il lessico e le categorie essenziali della tradizione filosofica (natura, spirito, soggetto, oggetto, ragione, idea, essere, divenire, individuo, società…) 2) Confrontare e contestualizzare le differenti risposte dei filosofi allo stesso problema 3) Individuare ed analizzare problemi significativi della realtà contemporanea, considerati nella loro complessitàCONTENUTI BLOCCHI TEMATICI Dal Kantismo all’Idealismo Romantico Tedesco ARGOMENTI La Filosofia Critica di Kant L’Idealismo di Schelling: l’Assoluto come identità di Natura e Spirito; la teoria della storia e dell’arte L’Idealismo hegeliano: i capisaldi del sistema; la dialettica; compiti e partizioni della filosofia; la Fenomenologia; l’astuzia della Ragione: lo Stato etico


Liceo Artistico Statale di Palermo “Eustachio Catalano” Classe V Sezione I Esami di Stato 2010/2011 -­‐ Documento del Consiglio di Classe La contestazione dell’ HegelismoDestra e Sinistra hegeliana: Feuerbach e il problema dell’alienazione religiosa Marx: la critica a Hegel; la critica all’economia borghese; la problematica dell’alienazione; l’interpretazione della religione in chiave sociale; la concezione materialistica della storia; Il Manifesto Schopenhauer: Il mondo come volontà e rappresentazione; caratteri e manifestazioni della volontà di vivere; dolore, piacere, noia; le vie di liberazione dal dolore Kierkegaard: la filosofia del singolo; l’esistenza come possibilità e fede; gli stadi dell’esistenza; angoscia e disperazione Nietzsche: apollineo e dionisiaco; la critica della morale e la trasmutazione dei valori; la morte di Dio e l’avvento del superuomo; il nichilismo e il suo superamento; l’eterno ritorno Il pensiero filosofico del Novecento La rivoluzione psicanalitica di Freud Lo Spiritualismo di Bergson STRATEGIE DIDATTICHE • Lezione frontale • Dibattito e discussione guidata • Lettura di brani • Schede di sintesi VERIFICHE Verifiche orali Verifiche scritte •• Interrogazioni orali • Colloqui • Interventi spontanei e/o indotti • Letture in aula e analisi testuale • Simulazione terza prova • Questionari • Esercizi


Liceo Artistico Statale di Palermo “Eustachio Catalano” Classe V Sezione I Esami di Stato 2010/2011 -­‐ Documento del Consiglio di Classe 2.21. Scheda di matematica LICEO ARTISTICO STATALE “E. CATALANO”-­‐PALERMO Classe V sez. I a.s. 2010/2011 MATERIAMatematica DOCENTEProf. Antonino Raccuglia TESTI ADOTTATIModuli di matematica modulo U e V . Massimo Bergamini Anna Trifone e Graziella Barozzi NUMERO DI ORE SETTIMANALI 3 NUMERO DI ORE ANNUALI SVOLTE 90 STRATEGIE DI RECUPERO ADOTTATE Durante l’anno sono stati attivati dei corsi di recupero curriculari riprendendo i concetti meno chiari utilizzando un approccio più intuitivo che ha fatto si che gli allievi riuscissero a focalizzare gli aspetti più ostici delle disciplina. Inoltre sono stati attivati lavori di gruppo. OBIETTIVI • Riprendere e sistemare la nozione di intervallo limitato e illimitato in ; • acquisire il concetto di intorno di un punto e quello di punto di accumulazione di un insieme numerico; • definire e classificare le funzioni numeriche reali a partire dalle nozioni di base già note agli studenti; • saper determinare l'insieme di esistenza di una funzione analitica; • essere in grado di distinguere le funzioni pari da quelle dispari e individuare il periodo delle funzioni periodiche. • acquisire la nozione intuitiva di limite; • apprendere le tecniche per il calcolo di limiti di funzioni in cui si presentino anche forme indeterminate; • conoscere, comprendere e applicare i teoremi sui limiti; • pervenire alla definizione di continuità sia da un punto di vista intuitivo sia in forma razionale e rigorosa; • studiare i principali teoremi sulle funzioni continue; • introdurre la nozione di asintoto di una curva piana, come applicazione geometrica del concetto di limite di una funzione. • acquisire gradualmente gli strumenti matematici che vengono utilizzati per lo studio delle funzioni e per la rappresentazione dei relativi diagrammi. • Acquisire la nozione intuitiva di derivata. Assimilare il concetto di derivata di una funzione nella sua forma rigorosa; • apprendere le tecniche per il calcolo delle derivate delle funzioni;


Liceo Artistico Statale di Palermo “Eustachio Catalano” Classe V Sezione I Esami di Stato 2010/2011 -­‐ Documento del Consiglio di Classe CONTENUTI MODULO A: A 1: Intervalli nell'insieme dei numeri reali; A 2: Estremo inferiore e superiore di un insieme numerico; A 3: Intorni di un punto e punti di accumulazione di un insieme; A 4: Classificazione delle funzioni; A 5: Funzioni pari, dispari e periodiche. A: Funzioni logaritmiche e esponenziali MODULO B B 1: Concetto di limite. Definizione di limite di una funzione in un punto; B 2: teoremi fondamentali sui limiti; B 3: operazioni sui limiti; B 4: definizione di continuità di una funzione in un punto e in un intervallo. Teoremi sulle funzioni continue; B 5: punti di discontinuità di una funzione; B 6: asintoti del diagramma di una funzione. MODULO C C 1: Concetto e definizione di derivata di una funzione; C 2: derivate di alcune funzioni elementari; VERIFICHE Prove scritte, verifiche orali mirate all’accertamento di: -­‐corretta comprensione del tema, conoscenza dell’argomento, capacità di elaborazione degli esercizi -­‐corretto uso degli strumenti


Liceo Artistico Statale di Palermo “Eustachio Catalano” Classe V Sezione I Esami di Stato 2010/2011 -­‐ Documento del Consiglio di Classe 2.22. Scheda di fisica MATERIA Fisica DOCENTE Prof. Antonino Raccuglia LICEO ARTISTICO STATALE “E. CATALANO”-­‐PALERMO Classe V sez. I a.s. 2010/2011 TESTI ADOTTATI La fisica di Amaldi vol 2. di Ugo Amaldi NUMERO DI ORE SETTIMANALI 2NUMERO DI ORE ANNUALI SVOLTE 60STRATEGIE DI RECUPERO ADOTTATEDurante l’anno sono stati attivati dei corsi di recupero curriculari riprendendo i concetti meno chiari utilizzando un approccio più intuitivo che ha fatto si che gli allievi riuscissero a focalizzare gli aspetti più ostici delle disciplina. Inoltre sono stati attivati lavori di gruppo. OBIETTIVI • Conoscere i principali fenomeni di elettrostatica • Comprendere la natura microscopica della corrente elettrica • Conoscere le leggi dei circuiti elettrici • Saper risolvere semplici circuiti con resistenze in serie e parallelo • Conoscere i principali fenomeni magnetici • Conoscere i fenomeni ondulatori e la natura delle onde meccaniche • conoscere i fenomeni di riflessione , rifrazione e diffrazione • Conoscere la natura della luce • Conoscere le leggi dell’ottica geometrica


Liceo Artistico Statale di Palermo “Eustachio Catalano” Classe V Sezione I Esami di Stato 2010/2011 -­‐ Documento del Consiglio di Classe CONTENUTI MODULO A: ELETTICITÀ La carica elettrica , la legge Coulomb, campo elettrico , potenziale elettrico capacità elettrica.Differenza di potenziale e corrente elettrica, legge di ohm, super conduttività, resistenze in serie e parallelo, energia e potenza elettrica.,. MODULO B: ELETTROMAGNETISMO Il campo magnetico, campi magnetici dovuti a corrente MODULO C : LE ONDE MECCANICHE Oscillazioni e onde. Fenomeni ondulatori . Il suono MODULO D: OTTICA La natura della luce , onde elettromagnetica, il fotone , l'effetto fotoelettrico VERIFICHE Prove scritte, verifiche orali mirate all’accertamento di: -­‐corretta comprensione del tema, conoscenza dell’argomento, capacità di elaborazione degli esercizi -­‐corretto uso degli strumenti


Liceo Artistico Statale di Palermo “Eustachio Catalano” Classe V Sezione I Esami di Stato 2010/2011 -­‐ Documento del Consiglio di Classe 2.23. Scheda di storia dell’arte MATERIA: Storia dell’Arte DOCENTE: prof. Giuseppe BurgioLICEO ARTISTICO STATALE “E. CATALANO”-­‐PALERMO Classe V sez. I a.s. 2010/2011 LIBRI DI TESTO: AA.VV. Storia dell’arte, Atlas, voll. 3-­‐4ORE SETTIMANALI D’INSEGNAMENTO: N. 3ORE ANNUALI D’INSEGNAMENTO: 90OBIETTIVI REALIZZATI (In termini di conoscenze, capacità e competenze) Quasi tutti gli alunni : -­‐ Hanno migliorato l’uso del linguaggio artistico, anche se alcuni non lo padroneggiano del tutto. -­‐ Sanno analizzare, anche criticamente, un oggetto artistico riconoscendone gli aspetti estetici, storici e, per quanto riguarda alcuni di questi oggetti, il suo rapporto con il territorio di provenienza. -­‐ Sanno formulare giudizi critici di altri e propri. Alcuni alunni sanno formulare giudizi anche complessi. -­‐ Sanno mettere in relazione le linee principali degli argomenti più importanti trattati con ambiti analoghi di altre discipline. -­‐ Hanno preso coscienza e conoscono i termini di una moderna azione di salvaguardia dei BB.CC. CONTENUTI Il Neoclassicismo. Il Romanticismo. Il Realismo. L’Impressionismo e il Postimpressionismo. Il Simbolismo. Il Modernismo. L’espressionismo. La scuola di Parigi. Il cubismo. Da svolgere nei mesi di maggio e giugno: Il Futurismo e l’Astrattismo. METODI D’INSEGNAMENTO Per raggiungere gli obiettivi programmati è stata sviluppata una strategia di intervento che ha tenuto conto da un lato dell’ambito proprio della disciplina, delle sue metodologie di analisi e interpretazione (analisi stilistico-­‐formale, iconografica, socio-­‐psico-­‐antropologica, empatico-­creativa) e dall’altro del livello didattico, dei modelli di insegnamento-­‐apprendimento in relazione all’età dell’alunno, alle sue competenze precedentemente acquisite, all’oggetto studiato. Accertata la situazione di partenza si è proceduto presentando i diversi periodi storici, le correnti, gli artisti, le loro opere, individuandone i rapporti con la storia. L’oggetto artistico è stato analizzato distinguendo la forma dall’immagine, la rappresentazione dall’espressione, la realtà della natura dalla realtà dell’opera, così da superare lo stereotipo dell’immagine come doppio del reale.


Liceo Artistico Statale di Palermo “Eustachio Catalano” Classe V Sezione I Esami di Stato 2010/2011 -­‐ Documento del Consiglio di Classe MEZZI E STRUMENTI: Libro di testo. SPAZI: Aula scolastica, biblioteca VERIFICA: La verifica è stata riferita al raggiungimento degli obiettivi programmati. In quanto tale ha avuto valore educativo, in rapporto alla crescita degli alunni; ha costituito, altresì, strumento di controllo delle ipotesi e del lavoro del docente. Di fronte a scarti si è proceduto con aggiustamenti di strategie o con interventi di sostegno, piuttosto che con abbassamenti di traguardi e obiettivi. Le verifiche hanno avuto, quindi, una sostanziale funzione regolativa dell’azione didattica e sono state svolte con interrogazioni tradizionali, colloquio libero all’interno della classe e individualizzato studente-­‐insegnante.


Liceo Artistico Statale di Palermo “Eustachio Catalano” Classe V Sezione I Esami di Stato 2010/2011 -­‐ Documento del Consiglio di Classe 2.24. Scheda di geometria descrittiva e rilievo architettonico LICEO ARTISTICO STATALE “E. CATALANO”-­‐PALERMO Classe V sez. I a.s. 2010/2011 MATERIA Geometria Descrittiva e Rilievo Architettonico DOCENTE: prof. Clemente Guido La Porta TESTI ADOTTATI: V. Valeri, Corso di Disegno, vol. unico La Nuova ItaliaALTRI STRUMENTI DIDATTICI: Manuali e testi presenti nella biblioteca, riproduzioni, supporti multimediali, internet, strumentazioni per il rilievo diretto, lavagna, tavoli e strumenti del disegno tecnico e stilistico, macchine fotografiche, disegni di rilevo e di progetto, fotografie prima durante e dopo di opere restaurate, cartografie attuali e storiche. . NUMERO DI ORE SETTIMANALI DI LEZIONE 6NUMERO DI ORE ANNUALI SVOLTE 171STRATEGIE DI RECUPERO ADOTTATE Rafforzamento in itinere sugli argomenti che il singolo alunno ha mostrato di assimilare con difficoltà tramite spiegazioni e revisioni individualizzate. OBIETTIVI • Padronanza delle tecniche della geometria descrittiva, quali le proiezioni di Monge, le proiezioni assonometriche (monometrica, isometrica e dimetrica cavaliera) e la prospettiva lineare, per rappresentare compiutamente con l’uso di strumenti o a mano libera organismi architettonici o specifici ambienti in una visione attenta agli aspetti storici e formali, oltre che metrici e dimensionali. • Rafforzamento delle capacità di analisi degli organismi architettonici finalizzata ad una conoscenza critica del bene culturale anche nel suo contesto urbano, territoriale e storico. • Rafforzamento della capacità di sintetizzare graficamente per schemi e modelli il frutto delle analisi sui manufatti presi in esame. • Conoscenza delle norme e acquisizione della terminologia della disciplina per l’interpretazione e l’esecuzione di elaborati tecnico descrittivi. • Conoscenza dei sistemi costruttivi principali dell’architettura storica.


Liceo Artistico Statale di Palermo “Eustachio Catalano” Classe V Sezione I Esami di Stato 2010/2011 -­‐ Documento del Consiglio di Classe CONTENUTI BLOCCHI TEMATICI ARGOMENTI Disegno Geometrico applicato alla rappresentazione dell’architettura Proiezioni e sezioni Assonometria spaccata Prospettiva: punti di distanza, punti misuratori, pianta ausiliaria, rette raggio. Lettura, interpretazione e ridisegno di spazi architettonici rappresentati in pittura L’Annunciazione del Perugino Analisi e ridisegno di architetture di rilevanza storico artistica Le ville del Palladio: villa Capra Edifici religiosi rinascimentali: S. Andrea a Mantova di L. B. Alberti Cappella Pazzi a Firenze di F. Brunelleschi Tempietto di S. Pietro in Montorio di Bramante Il palazzo rinascimentale: palazzo Rucellai di L. B. Alberti Barocco a Roma: S. Ivo alla Sapienza di Borromini STRATEGIE DIDATTICHE Lezioni frontali, attività seminariali, ricerche, esercitazioni e revisioni in continuo. VERIFICHE ELABORATI SCRITTOGRAFICI Valutazioni in itinere e consuntive alla fine delle varie esercitazioni svolte mirate all’accertamento di: - corretta comprensione del tema - corretta applicazione delle regole del disegno tecnico applicato alla rappresentazione dell’architettura alle sue diverse scale - conoscenza delle regole e dei principi dell’architettura storica - Utilizzo delle strumentazioni tecnico-­‐culturali appropriate - Configurazione formale delle elaborazioni grafiche.


Liceo Artistico Statale di Palermo “Eustachio Catalano” Classe V Sezione I Esami di Stato 2010/2011 -­‐ Documento del Consiglio di Classe 2.25. Scheda di catalogazione LICEO ARTISTICO STATALE “E. CATALANO”-­‐PALERMO Classe V sez. I a.s. 2010/2011 MATERIA DOCENTECatalogazione Pof.ssa Loredana Mascolino TESTO ADOTTAT0 F. Bottari, F. Pizzicannella – L’Italia dei Tesori. Legislazione dei beni culturali, museologia, catalogazione e tutela del patrimonio – Zanichelli editore ALTRI STRUMENTI DIDATTICISussidi informatici e multimediali, testi di consultazione, schede di catalogazione NUMERO DI ORE SETTIMANALI DI LEZIONE: 4NUMERO DI ORE ANNUALI SVOLTE: 94 (alla data del 15 Maggio)STRATEGIE DI RECUPERO ADOTTATE: alla luce dei positivi risultati registrati a fine I° quadrimestre non è stato necessario avviare attività di recupero, né in orario curriculare nè extracurriculare OBIETTIVI • Acquisire la consapevolezza dell’importanza della tutela dei BB.CC • Sviluppare conoscenze sui criteri e le norme relativi alla conservazione dei BB.CC • Acquisire conoscenze sulle tecniche di catalogazione secondo i modelli dell’ICCD e della Regione Siciliana • Acquisire la capacità di compilare una scheda di catalogo precisa ed analitica • Sapersi orientare all’interno di una biblioteca, di un archivio, di un museo • Acquisire consapevolezza dei principali problemi della conservazione del patrimonio culturale • Conoscere le principali tecniche artistiche utilizzate nell’ambito delle arti visive ed applicate, le cause delle loro alterazioni e i procedimenti per il restauro • Inquadrare la dimensione del restauro in una prospettiva storica e critica. • Cogliere le connessioni esistenti tra catalogazione, conservazione e restauro del patrimonio culturale all’interno di un determinato periodo storico.


Liceo Artistico Statale di Palermo “Eustachio Catalano” Classe V Sezione I Esami di Stato 2010/2011 -­‐ Documento del Consiglio di Classe CONTENUTI BLOCCHI TEMATICI • La catalogazione del patrimonio e il progetto di catalogazione • La manutenzione e gli interventi di restauro • La legislazione • Il controllo del mercato ARGOMENTI• Inventariare e catalogare: questioni generali ed excursus storico • La catalogazione dei beni culturali • Il restauro: intenzioni antiche ed attuali • Storia del restauro • Il dibattito culturale nel XX secolo • La carta del Restauro Italiana • La carta di Cracovia • Il patrimonio e le dinamiche del mercato • La tutela come vigilanza sull’integrità del patrimonio • La tutela come vigilanza e azione sul mercato STRATEGIE DIDATTICHE • lezioni frontali, dialogiche ed interattive • prove pratiche di schedatura e catalogazione • ricerche per conoscere e valorizzare beni culturali del territorio, supportate da indagini fotografiche, bibliografiche anche con l’ausilio di mezzi informatici -VERIFICHE Verifiche orali Verifiche scritte Interrogazioni individuali aventi come oggetto singole attività didattiche, un insieme di unità didattiche, blocchi tematici o contenuti organicamente collegati Prove semistrutturate con quesiti a risposta multipla e a risposta singola aperta Schede di catalogazione


Liceo Artistico Statale di Palermo “Eustachio Catalano” Classe V Sezione I Esami di Stato 2010/2011 -­‐ Documento del Consiglio di Classe 2.26. Scheda di rilievo pittorico LICEO ARTISTICO STATALE “E. CATALANO”-­‐PALERMO Classe V sez. I a.s. 2010/2011 MATERIA DOCENTE Rilievo Pittorico Prof. Giuseppe Tomaselli TESTO CONSIGLIATO Corrado Rosati: Tecniche pittoriche e restauro dei dipinti. Edizioni Scientifiche A. CremoneseALTRI STRUMENTI DIDATTICI Per la conduzione e lo svolgimento delle attività disciplinari si sono avvalsi di: carta, cartoncino, matite di diversa morbidezza, matite colorate, monografie, testi di storia dell’arte, immagini di opere di grandi artisti, strumenti per il rilievo NUMERO DI ORE SETTIMANALI DI LEZIONE n. 9 NUMERO DI ORE ANNUALI SVOLTE n. 235 STRATEGIE DI RECUPERO ADOTTATE Per le strategie del recupero, nei pochissimi casi di fabbisogno degli allievi, si è fatto ricorso a interventi individualizzati, supportati da esercitazioni mirate calibrate secondo i livelli di difficoltà incontrati, incoraggiando anche il più piccolo progresso riscontrato. OBIETTIVI• Potenziare le capacita del rilievo grafico rappresentando a mano libera o con l’uso di strumenti, manufatti in visione bidimensionale e tridimensionale. • Conoscenza e padronanza di alcune tecniche grafiche e pittoriche finalizzate allo studio della catalogazione. • Acquisizione di una maggiore conoscenza del nostro patrimonio artistico e culturale. • Conoscenza d’interventi di restauro nelle pitture parietali, su tavola o su tela. CONTENUTI


Liceo Artistico Statale di Palermo “Eustachio Catalano” Classe V Sezione I Esami di Stato 2010/2011 -­‐ Documento del Consiglio di Classe BLOCCHI TEMATICI Elaborati preparatori indiretti ARGOMENTI Schizzi rapidi in successione Il rilievo Il rilievo sul campo Rilievo di mosaici parietali o di pavimenti Il disegno con la matita a linea continua -­‐Significato di rilievo -­‐Gli strumenti del rilievo -­‐ Il rilievo grafico -­‐disegno d’insieme e di particolari -­‐ La misurazione -­‐trasposizione e rappresentazione in scala -­‐Esercitazione sul luogo: rilievo di alcuni mosaici parietali del Duomo di Monreale Esercitazioni grafiche Resa volumetrica Il chiaroscuro; esercitazioni con copie d’autore. Le pitture parietali Affresco, il graffito. L’affresco Studio della preparazione dell’affresco. Metodologie di recupero delle pitture La seconda prova d’esame Il reintegro pittorico: _ il rigatino, -­‐ l’abbassamento di tono, -­‐ tinta neutra, -­‐ selezione cromatica. Esercitazioni propedeutiche alla prova d’esame: -­‐ Trasposizioni grafiche a linea continua di dipinti dei più grandi artisti attraverso il metodo del quadrettato -­‐ Sviluppo di un particolare eseguito con matite colorate, tempere, acquerelli e pastelli


Liceo Artistico Statale di Palermo “Eustachio Catalano” Classe V Sezione I Esami di Stato 2010/2011 -­‐ Documento del Consiglio di Classe 2.27. Scheda di educazione fisica LICEO ARTISTICO STATALE “E. CATALANO”-­‐PALERMO Classe V sez. I a.s. 2010/2011 MATERIADOCENTEEducazione Fisica Rajmondi ClaudiaTESTI ADOTTATI Corpo libero Due -­‐movimento e salute ed. Marietti Scuola ALTRI STRUMENTI DIDATTICI Grandi e piccoli attrezzi, audiovisivi. NUMERO DI ORE SETTIMANALI DI LEZIONE 2 NUMERO DI ORE ANNUALI SVOLTE 47 STRATEGIE DI RECUPERO ADOTTATE Lezioni teorico / pratiche in ore curriculari OBIETTIVI • Miglioramento della capacità di comunicazione. • Consolidamento delle capacità condizionali: forza, resistenza, velocità. • Consolidamento della mobilità articolare e dell’elasticità articolare. • Consolidamento delle capacità coordinative generali e speciali. CONTENUTI Capacità condizionali Capacità coordinative BLOCCHI TEMATICI ARGOMENTI Concetto di Forza, Velocità e Resistenza. Attività per lo sviluppo della forza,della velocità e della resistenza. Concetto di coordinazione generale. Attività per lo sviluppo della coordinazione,attività per lo sviluppo dell’equilibrio e della lateralità,attività per lo sviluppo dell’organizzazione spaziale e temporale e della destrezza.


Liceo Artistico Statale di Palermo “Eustachio Catalano” Classe V Sezione I Esami di Stato 2010/2011 -­‐ Documento del Consiglio di Classe Mobilità ed elasticità articolare Sport individuale e di squadra Traumatologia sportiva e pronto soccorso Concetto di mobilità articolare. Attività per lo sviluppo della mobilità articolare dei principali distretti. Attività di stretching. Pallavolo, Pallacanestro, tennis-­‐tavolo. Attività per l’apprendimento dei fondamentali individuali e di squadra. Regolamento tecnico. Concetto di trauma,principali traumi sportivi e relativo pronto soccorso. STRATEGIE DIDATTICHE Al fine di coinvolgere nella partecipazione la totalità della classe , sono stati tenuti in considerazione interessi e motivazioni degli alunni; inoltre,sono state individuate modalità operative diverse per agire così nel rispetto del quadro biotipologico individuale e delle potenzialità soggettive di ciascuno. VERIFICHE Pratiche Osservazione diretta,attività sotto forma di percorso strutturato in successione di stazioni attraverso le quali si possa verificare il raggiungimento degli obiettivi prefissati.Nella valutazione si è tenuto conto dell’interesse,dell’impegno,della partecipazione e del comportamento.


Liceo Artistico Statale di Palermo “Eustachio Catalano” Classe V Sezione I Esami di Stato 2010/2011 -­‐ Documento del Consiglio di Classe 2.28. Scheda di religione LICEO ARTISTICO STATALE “E. CATALANO”-­‐PALERMO Classe V sez. I a.s. 2010/2011 MATERIA DOCENTE Religione Di Pietra Salvatore TESTO ADOTTATO Confronti M.Contadini-­‐A.MarcucciniNUMERO DI ORE SETTIMANALI DI LEZIONE 18 NUMERO DI ORE ANNUALI SVOLTE 33RELAZIONELa classe ha partecipato con interesse alle lezioni svolte durante tutto il corso dell’anno scolastico ed ha mostrato particolare propensione al dialogo ed al confronto. Ognuno degli allievi ha approfondito le tematiche affrontate, arricchendo in tal modo le conoscenze acquisite in classe. OBIETTIVI DIDATTICI• promuovere il pieno sviluppo della personalità degli alunni con particolare attenzione alla conoscenza della cultura religiosa come dato antropologicamente fondato e ai basilari principi del cattolicesimo che fanno parte del patrimonio storico del nostro paese • contribuire alla formazione della coscienza morale ed offrire elementi per scelte consapevoli e critiche di fronte al problema religioso all'interno di un percorso culturale e non catechistico. • far maturare capacità di confronto tra il cattolicesimo, le altre confessioni cristiane, le altre • religioni, i vari sistemi di significato, nonché culture ed ideologie che ispirano, o hanno ispirato, il • pensiero e il modo di vivere degli uomini, in modo tale da comprendere e rispettare i diversi • atteggiamenti che si assumono in materia etica o religiosa


Liceo Artistico Statale di Palermo “Eustachio Catalano” Classe V Sezione I Esami di Stato 2010/2011 -­‐ Documento del Consiglio di Classe • rimuovere i pregiudizi relativi alla dimensione religiosa • -­‐favorire la socializzazione della classe attraverso adeguate metodologie che stimolino la • conoscenza, il rispetto, l’ascolto e la valutazione critica di comportamenti, idee, idealità che • emergono dal contesto della classe stessa • favorire l'ascolto, la rielaborazione critica e la partecipazione attiva relativamente ai contenuti • proposti dal docente.CONTENUTI BLOCCHI TEMATICI I rapporti tra le persone e l'etica cristiana: la famiglia, la sessualità e l'amicizia La Bibbia: il libro della Rivelazione di Dio agli uomini Gesù della storia, Cristo della fede. ARGOMENTI -­‐ i fondamenti biblici della sessualità -­‐ valore e significato della gestualità -­‐ matrimonio e scelta celibataria -­‐ questioni di etica sessuale (rapporti prematrimoniali, omosessualità, aborto, anticoncezionali) -­‐ linguaggio umano e linguaggio religioso -­‐ il problema dell'ispirazione -­‐ il problema della verità biblica -­‐ cenni di ermeneutica biblica -­‐ le figure centrali dell'Antico Testamento e l’esperienza religiosa del popolo d’Israele Le domande sulla morte e la vita oltre la vita -­‐ il valore intrinseco della vita -­‐ ricerca di un significato per la sofferenza umana -­‐ approfondimento della tematica dell'eutanasia sotto il profilo morale -­‐ cenni sul dibattito relativo alle questioni suscitate dalla biogenetica


Liceo Artistico Statale di Palermo “Eustachio Catalano” Classe V Sezione I Esami di Stato 2010/2011 -­‐ Documento del Consiglio di Classe 2.29. Allegati: programmi e relazioni finali

More magazines by this user
Similar magazines