download PDF - La Voce

lavoce.ca

download PDF - La Voce

Europa e America:due continenti, una sola voceper la vostra azienda e la vostracarriera d’imprenditore.WelcomeBienvenueCHIAMATECI AL514.781.2424per interviste e pubblicitàvisitateci: www.lavoce.caDOPO UNA BELLAPARTITA DI GOLF ILIl nostro Ristorantevi aspetta per una cena gastronomica5640 N. Federal Hway / Ft. Lauderdale, Fl 33308(954) 771-9635N andoRISTORANTE & PIANO BAR“I make original recipeswith the freshest meat,seafood and vegetablesavailable to me that day.”Ristorante & piano bar “Nando”INVERNO 2011-www.lavoce.ca2AFTER YOUR GOLF DAY JOIN US TONANDOFINE ITALIAN CUISINEBeautiful bar and great drinks.Live piano every night with a weekly jazz,opera or Latin night.RESERVATION SUGGESTEDThe restaurant is open every day for dinnerfrom 4:30PM to 11:00PMPanoramica della terrazza2500, east Hallandale Beach Blvd. Tel. (954) 457.7379www.nandosrestaurant.com


AVENTURAGUIDA ALLE OPPORTUNITÀ IN NORD E CENTRO AMERICADOVE SI PUÒ LEGGERE LA VOCE IN AMERICA“Canada Messico Stati Uniti” Recandovi per Opportunita e contatti informazioni e promozioni presso le camere di commercio seguentiGrazie alla profonda conoscenza dei mercati esteri e del loro tessuto imprenditoriale, le Camere di Commercio di quest’Area costituis-cono degli interlocutoriessenziali nel processo di definizione delle strategie di promozione del Made in Italy nel Nord America. A tal scopo, tutti I soggetti, pubblicie privati, devono essere impegnati nel comune intento di favorire una più ampia proiezione internazionale delle imprese italiane e rendere maggiormentecompetitivo l’intero sistema paese, La Voce degli italiani d’America e sempre presente per voi affezzionati lettori, nelle seguenti sedi per essere consultata.Siamo degli alleati per promuovere il “Made in Italy” nel Centro e Nord-AmericaITALY-AMERICA CHAMBER OF COMMERCE WEST INC.CAME RA DE COMMERCIO ITALIANA EN MEXICO, A.C.10350 Santa Monica Blvd. —Suite 210Ave. Presidente Mazzarik, 490-int 801 Colonia PolancoCA 90025 LOS ANGELES, STATI UNITI11550-Mexico D.F. CITTA DEL MESSICO, MESSICOTel. +1 310-557-3017 • Fax +1 310-557-1217Tel. +52 55 52822500 • Fax +152 55 52822500 int. 102info@iaccw.net / www.iaccw.netinfo@camaraitaliana.com.mx / www.camaraitaliana.com.mxITALIAN AMERICAN CHAMBER OF COMMERCE MIDWEST500 North Michigan Avenue—Suite 506CAMERA DI COMMERCIO ITALIANA DI TORONTOIL 60611 CHICAGO, STATI UNITI80 Richmond Street West — Suite 1502Tel. +1 312-553-9137 • Fax +1 312-553-9142M5H 2A4 TORONTO, ON, CANADAinfo@italianchamber.us / www.italianchamber.usTel. +1 416-789-7169 • Fax +1 416-789-7160ITALY-AMERICA CHAMBER OF COMMERCE OF TEXAS, INC.Info.toronto@italchambers.ca / www.italchambers.ca1800 West Loop South — Suite 1120TX 77027 HOUSTON, STATI UNITICAMERA DI COMMERCIO ITALIANA DEL MANITOBATel. +1 713-626-9303 • Fax +1 713-626-93091055 Wilkes Ave —Unit 113,info@iacctexas.com / www.iacctexas.comR3P 2L7 WINNIPEG, MB, CANADAITALY-AMERICA CHAMBER OF COMMERCE SOUTHEASTTel. +1 204-487-6323 • Fax +1 204-487-01642 South Biscayne Blvd.,Suite 1880 FL 33131 MIAMI, STATI UNITIcontact@iccm.ca / www.iccm.caTel. +1 305-577-9868 • Fax +1 305-577-3956info@iacc-miami.com \ www.iacc-miami.comCAMERA DI COMMERCIO ITALIANA IN CANADACAMERA DI COMMERCIO ITALIANA IN CANADA550 rue Sherbrooke Ouest —Bur. 1150VANCOUVER EDMONTON CALGARyH3A 1B9 MONTREAL, QC, CANADA889 W Pender, St., Suite 405, V6C 3B2 VANCOUVER, BC, CANADATel. +1 514-844-4249 • Fax +1 514-844-4875Tel. +(604) 682-1410 • Fax +1 (604) 682-2997Info.montreal@italchamber.qc.ca • www.italchamber.qc.caiccbc@iccbc.com /m www.iccbc.comALTRE ENTI PUBBLICHE NEGLI STATI UNITIPRINCIPALI SEDI DIPLOMATICHE E AMBASCIATE NEGLI USA • WASHINGTON, DC: NIAF 1860 NW 19th St.• CHICAGO, IL: Casa Italia 3800 W. Division• ORLANDO, FL: 109 Weeping Elm Lane, Longwood• CLIFTON,NJ: Fed. Nazionale Calabresi del Nord America 75 Rabkin Dr.• ATLANTA755 Mt. Vernon Highway• ELIZABETH, NJ: Ribera Italian American Cultural Center 418 Palmer Street• CHICAGO, IL: Consulate General of Italy 500 N. Michigan Ave, Suite 1850• ELMWOOD PARK, NJ: -Dorwin Manufacturers 109 Midland Ave.• PUERTO RICO: Calle Interamericana 266 Urb. University Gardens San JuanE&S Food Inc. 37 Midland Ave.• BAHAMAS:24 Logwood Road, Freeport• MASSENA, NY: Violiʼs Restaurant 209 Center St.• NEW YORK, NY: Italian Trade Commission 33 East 67th St.Columbus Citizens Foundation Inc. 8 East, 69th St.FLORIDA CROCEVIA NORD/SUD DELLE AMERICHENBS Diamonds Inc. 580 Fifth Ave, Suite 1208• FLOWER MOUND, TX: COMITES HOUSTON 3513 Hidden Forest DriveBella Luna Ristorante 19575 Biscayne Blvd., Suite 1097CORAL GABLESDEERFIELD BEACHDELRAY BEACHFORT LAUDERDALEHALLANDALE BEACHHOLLYWOODAbbracci Caffè 318 Aragon Ave.Mapei America Inc. 1144 East Newport Center Dr.Ital UIL USA 660 Linton Blvd., Suite 209Bongusto Ristorante 5640 N. Federal HwayTropical Acres Restaurant 2500 Griffin RoadEnasco-Confcommercio 2740 E. Oakland Park Blvd., Ste 102S+AT Medical Center 800 E. Hallandale Beach Blvd.Nando Trattoria& Piano Bar 2500 Hallandale Beach Blvd.Doris Italian Market &Bakery 2424 Hollywood Blvd.Italian American Civic, Leag. of Broward Co. 700 S. Dixie HwyGino King of Meat Market 5729 Hohnson St.Sheridan Texaco 2000 S. Sheridan St.La Clinique Soleil 751 S. Federal Hwy.LAUDERHILLMIAMI BEACHNORTH MIAMIPOMPANO BEACHSUNNY ISLES BEACHRistorante Verdiʼ s 5521 West Oakland Park Blvd.The Beacon Council 80 Southwest Eighth St., Suite 2400Comités Miami 2575 Collins Ave., Suite C-10Consolato canadese, Italian MarketLaurenzoʼ s 16385 Dixie Hwy WestCaffè al Mare 3422 E. Atlantic Blvd.Caffè Sportivo 2219 E. Atlantic.Blvd.Caffè Roma 1915 E. Atlantic Blvd.Trump Grande Development 18001 Collins Ave.Ristorante La Terrazza18090 Collins Ave.ù(786) 443-6181INVERNO 2011-www.lavoce.ca3


SOMMARIO INVERNO 2011 - N. 53COVER STORYCOPERTINAS. E. Giulio Terzi di SantʼAgatanominato nuovoMinistro degli EsteriI PROTAGONISTI DI QUESTO NUMEROitalo-americanaDIRETTORE RESPONSABILEArturo TridicoEDITORELa Voce euro americanPublishing Inc.Gian Lorenzo Cornadonominato Capodi GabinettoPag.5FLORIDAOpportunitàOpportunityPer gli investitori / Investors ServicesPhone: 305-577-9868 / Fax: 305-577-3956 / www.iacc-miami.com / info@iacc-miami.comLe banche preferite / Business Bank/ Banques preferéesRBC BANK (SOUTH FLORIDA)954.766.6007 Ft-Lauderdale561.443.5400 Boca954.929.2590 Hollywood954.958.1080 Pompano Beach (Cypress Creek)561.752.5061 Boynton Beach305.918.2880 Sunny Isles954.627.6670 Waverly954.322.5080 MiramarNATBANK954.922.9992 Hollywood954.781.4005 Pompano BeachDESJARDINS BANK 1 800 454 5058Hallandale Beach 954.454.1001Pompano Beach 954.785.7110Lauderhill 954.578.7328Benvenuto al Console Generaledi Miami Adolfo BarattoloPag. 10Oltre 2.000 ospiti al 36 gala della NIAFPag. 12-13Jetman brings Leonardo’s dream offlying into realityPAG.17Camera di Commericio561.212.7802sophie.proulx@ccquebecflorida.comALTRE CAMERE DI COMMERCIOCoconut Grove 305.444.7270Coral Gables 305.446.1657Greater Miami 305.539.3000Homestead/FL City 888.352.4891Miami Beach 305.672.1270North Miami 305.891.7811North Miami Beach 305.944.8500Benvenuti / BienvenueWelcome To MiamiIl colosso che vinceovunquepag.11Columbus Daypag.9REDAZIONE AMERICANA200, 178th Drive suite 601Sunny Isles BeachFlorida 33160 USATel. 305-792-2767REDAZIONE CENTRALE5127 Jean-Talon EstMontreal, Qc. -H1S 1K8 CanadaTel. 514.727.7763Fax. 450.681.3107Cell. 514.781.2424lavoce1@gmail.comwww.lavoce.ca“TEAM” EDITORIALEArturo TridicoFranco TridicoAlberto Mario DeLoguMarco ConiglionePatricia GranaYvette BiondiLaura YanesTEAM ITALIAMedia PartnerJoseph CaristenaINFO@EXEFORM.IT/WWW.EXEFORM.COMEmanuela MedoroLara PalmeroneAGENZIE STAMPAItalia (Newpress) - 9colonne -Inform-Ansa- Aise— EMBASSY OF ITALY —3000 Whitehaven Street,N.W.Washington, D.C. 20008 USA 202.612.4400Political Affairs Office 202.612.4475Press and information office 202.612.4444Economic Affairs Office 202.612.4431Scientific Attaché Office 202.612.4438Cultural Affairs Office 202.612.4462CONSOLATO GENERALED’ITALIA A MIAMIS.E. Dott. Marco Rocca Console Generale(4000 Ponce de Leon Blvd - Suite 590Coral Gables, FL 33146Tel. (305) 374-6322 Fax: (305) 374-7945Internet: www.italconsmiami.comE-mail: miami.italcons@itwash.orgCONSULE GÉNÉRAL DU CANADA À MIAMIMadame Louise Léger Consul Générale200 S. Biscayne Boulevard, Suite 1600 Miami,Florida U.S.A” 33131Tél: 305-579-1625Fax: 305-579-1631


DIPLOMATICI ITALIANIUNA BELLA NOTIZIAAbbiamo appreso con grande gioia la notizia che ilMinistro degli Affari Esteri Giulio Terzi ha nominatosuo Capo di Gabinetto il Ministro PlenipotenziarioGian Lorenzo Cornado, già ConsoleGenerale d’Italia a Montreal dal 2000 al 2004.Abbiamo chiesto al Consigliere del CGIE GiovanniRapanà, che all'epoca ricopriva il ruolo di presidentedel Comites di Montreal, un suo commento suquesto nuovo importante incarico ad una personalitàche, come pochi altri diplomatici, ha marcatoin positivo la storia della nostra Comunità, ed a cuiLa Voce ha dedicato nel settembre-ottobre 2002 lacopertina ed il ruolo di "personalità del mese".“Gian Lorenzo Cornado è una personalità straordinariache è rimasta viva nella memoria della comunità italiana di Montreal perla sua preparazione professionale e la passione per il suo lavoro, ma anche per Isuoi valori e la sua semplicità. Interlocutore stimato dalle istituzioni canadesi esempre vicino alla gente, pronto ad ascoltare chiunque si rivolgesse a lui. Tra letante iniziative intraprese dal Comites con la sua collaborazione ricordo volentieriil primo incontro dei maggiori esponenti della comunità italiana con lʼAssembleaNazionale e il Governo provinciale. Il suo impegno nella storica campagna perconvincere il Governo italiano a mettere a disposizione, anche della comuinità italianadel Canada, i programmi di Rai International. Senza dimenticare il suo coinvolgimentonella campagna di raccolta fondi per la realizzazione del meravigliosoCentro Leonardo da Vinci. La carrriera del Min. Pl. Gian Lorenzo Cornado – concludeRapanà – ci rende felici e orgogliosi perché è una persona che abbiamoavuto lʼonore di conoscere sul campo e quindi ci pone in condizioni di affermareche egli rappresenta una generazione di diplomatici di cui lʼItalia oggi ha un fortebisogno per risollevare la propria immagine nel Mondoʼ.- Giovanni Rapanà"Al nostro caro Min. Pl. Gian Lorenzo Cornado, un fervido augurio di buon lavoroda parte della redazione de La Voce".Da sinistra: Giovanni Rapanà, S.E. Gian Lorenzo Cornado e consorte.D’AMERICAÈ alleata alle camere di commercioitaliane: per promuovere il“Made in Italy”(Leggete La Voce in tutta l’area NAFTA)MONTREAL: Tel. +1 514-844-4249Info.montreal@italchamber.qc.ca •www.italchamber.qc.caTORONTO: Tel. +1 416-789-7169Info.toronto@italchambers.ca /www.italchambers.caWINNIPEG: Tel. +1 204-487-6323contact@iccm.ca /www.iccm.caVANCOUVER: EDMONTON: CALGARY:Tel. +(604) 682-1410iccbc@iccbc.com /www.iccbc.comCHICAGO: Tel. +1 312-553-9137info@italianchamber.us /www.italianchamber.usNEW-YORK: Italian Trade Commission33 East 67th St.LOS ANGELES: Tel. +1 310-557-3017info@iaccw.net / www.iaccw.netHOUSTON: Tel. +1 713-626-9303info@iacctexas.com / www.iacctexas.comMIAMI: Tel. +1 305-577-9868 info@iaccmiami.com\ www.iacc-miami.comMESSICO: Tel. +52 55 52822500info@camaraitaliana.com.mx /www.camaraitaliana.com.mxECCO L’AREA NAFTA COMPRENDEINVERNO 2011-www.lavoce.ca5


INVERNO 2011-www.lavoce.caÈ nato il Governo Monti e per gli italiani nel mondo cʼè una bella notizia,la nomina a Ministro degli Esteri dellʼAmbasciatore Guido Terzidi SantʼAgata.Esulta il membro del Comitato di presidenzadel Cgie Gian Luigi Ferretti: "Chilo conosce sa che è da sempre molto vicinoal mondo dellʼemigrazione, checonosce perfettamente anche grazie allasua frequentazione con un bergamascocome lui, lʼOn. Mirko Tremaglia".Guido Terzi era fino ad oggi il nostro Ambasciatorenegli USA. Da New York laprima reazione, quella della Vicesegretariodel Cgie Silvana Mangione: “ Ilnuovo Ministro è persona che ha sempremantenuto un dialogo aperto e pieno dirispetto verso le rappresentanza elette el'associazionismo degli italiani all'estero.E` uomo che ha fatto una battaglia durissimaa favore dell'insegnamento dell'italiano,riuscendo - fra l'altro - a reinstatareun importante test nazionale in USA”.“Sono molto lieta della scelta che è statafatta e sono certa che si è aperta unanuova stagione di rapporti, in cui le funzioni,la dignità e l'opera del CGIE e deiComites verranno riconosciute” terminala Mangione.L'On Franco Narducci nota come "è darilevare che la scelta di affidare la guidadella Farnesina ad un diplomatico digrande esperienza ed equilibrio come l'Ambasciatore Giulio Terzi diSant'agata è una scelta saggia in linea con la condotta complessivadel Presidente Monti”.“Sono convinto - continua Narducci - che il neo Ministro saprà metterea frutto la sua indiscussa capacità per il rilancio del ruolo internazionaledellʼItalia anche tenendo conto di quel Sistema Paese dicui sono parte attiva ed essenziale gli italiani allʼestero”.La settimana prossima si riunirà alla Farnesina il Comitato di presidenzadel Cgie e il Segretario generale Elio Carozza ha giàrichiesto un incontro con il neo Ministro.Incrociamo le dita, chissà che, dopo la disastrosa esperienza di unSottosegretario al quale gli italiani allʼestero davano fastidio, nonstia per aprirsi una fase di nuova attenzione? Le premesse ci sono.Al Ministro Terzi i migliori auguri di buon lavoro!CHI È GIULIOO TERZI DI SANTʼAGATAGiulio Maria Terzi di Sant'Agata (Bergamo, 9 giugno 1946) si è laureatoin Giurisprudenza a Milano, dove si è specializzato in dirittointernazionale.Durante i primi anni al Ministero degli Affari Esteri è stato responsabileal Cerimoniale della Repubblica e per le visite ufficiali delledelegazioni del Governo Italiano all'estero. Nel 1975 gli è stato affidatol'incarico di Primo Segretario per gli affari politici all'Ambasciataitaliana a Parigi. Dopo l'incarico nel 1978 a fianco del SegretarioGenerale della Farnesina ha ricoperto il ruolo di Consigliere Economicoe Commerciale in Canada per quasi cinque anni, un periododi grande crescita economica e di cooperazione tra Italia e Canada,soprattutto per quanto concerne il settore delle nuove tecnologie.6POLITICAUna splendida notizia per gli italiani nel mondo:Giulio Terzi nuovo Ministro degli esteri È stato Console Generale a Vancouver durante l'Expo ʻ86, dove hapromosso importanti eventi per il commercio e la cultura italiana.Nel 1987 è tornato a Roma per prestareLʼAmbasciatore Giulio Terzi, nella suaapparizione sulla rivista “La Voce” nel 2009.servizio prima, presso la DirezioneGenerale degli Affari Economici, dovesi è occupato soprattutto di nuove tecnologiee, in seguito, alla DirezioneGenerale del Personale. Il suo successivoincarico all`estero è stato a Bruxellesdove ha ricoperto la carica diConsigliere Politico presso la Rappresentanzad'Italia presso la NATO, in unperiodo particolarmente impegnativosegnato dalla fine della guerra fredda,dalla riunificazione della Germania edalla prima guerra del Golfo.Dal 1993 al 1998 è stato a New Yorkpresso la Rappresentanza d'Italia alleNazioni Unite, dapprima come PrimoConsigliere per gli affari politici, e successivamentecome Ministro e ViceRappresentante Permanente. Durantequesto periodo – segnato dalla guerrain Bosnia, dalla tragedia somala, dagliscontri nella regione dei Grandi Laghi eda altri conflitti africani – l'Italia è statamembro non permanente del Consigliodi Sicurezza. Verso la metà degli anninovanta, la globalizzazione e le nuovesfide alla sicurezza internazionalehanno evidenziato la necessità di importantiriforme degli organi delle Nazioni Unite, temi per cui l'Italiaha sempre rivestito un ruolo di primo piano.Ha anche prestato servizio presso il Ministero degli Esteri a Romacome Vice Segretario Generale, Direttore Generale per la CooperazionePolitica Multilaterale e Diritti Umani e Direttore Politico occupandosiprincipalmente di sicurezza internazionale e di questionipolitiche, con particolare riferimento all`attività del Consiglio di Sicurezza,dell'Assemblea Generale e del Consiglio per i Diritti Umanidelle Nazioni Unite oltre che quella di organi quali il Consiglio Europeo,la NATO, il G8 e l'OSCE.Ha assistito il Ministro degli Esteri sui temi della sicurezza internazionale,in particolare relativamente ad aree geografiche quali iBalcani occidentali, il Medio Oriente, l'Afganistan, l'Africa Orientalee a tematiche come la proliferazione nucleare, il terrorismo e i dirittiumani. Tra gli incarichi degli anni scorsi di particolare rilievo all'esteroè stato quello di Ambasciatore d'Italia in Israele tra il 2002 e il2004, un periodo caratterizzato dallo scoppio della seconda intifada,dal rafforzamento delle relazioni tra Unione europea e Israele durantela Presidenza Italiana dell'UE (luglio-dicembre 2003) e da unrinnovato impegno da parte delle autorità israeliane e palestinesi asostegno della Road Map.Dal 20 agosto 2008 al 30 settembre 2009, l'Ambasciatore Terzi èstato Rappresentante Permanente d'Italia alle Nazioni Unite a NewYork dove ha guidato la delegazione italiana al Consiglio di Sicurezzadurante l'ultimo periodo del biennio italiano come membronon permanente nel 2007-2008 concentrandosi in particolare suAfghanistan, questioni umanitarie e protezione dei civili nei conflitti.Fino ad oggi Ambasciatore d'Italia a Washington.


POLITICAHa giurato il nuovo governo MontiAlle ore 17 del 16 novembre, davanti al presidente della RepubblicaGiorgio Napolitano, i ministri del nuovo governo guidato da MarioMonti hanno prestato giuramento con la formula di rito "Giuro di esserefedele alla Repubblica, di osservarne lealmente la Costituzionee le leggi e di esercitare le mie funzioni nell'interesse esclusivo dellanazione".Nelle parole del neo-premier Mario Monti, il suo sarà un "governo diimpegno nazionale", composto da tecnici e da nessun politico, conl'incarico preciso di guidare il Paese lontano dall'impasse politico, economicoe finanziario nel quale il governo precedente lo ha lasciatoscivolare.Dal punto di vista politico, si tratterà di un governo di larghe intese,che vedrà per la prima volta gli avversari del PdL e del PD votare entrambila fiducia alla medesima persona. Oltre a loro, anche il Terzopolo di Casini, Fini e Rutelli ha garantito il suo sostegno in Parlamento,l'IdV di Di Pietro e SEL di Vendola offriranno un appoggio condizionatoal programma di governo, mentre la Lega Nord ha già annunciato chevoterà contro.LA SCHEDA DEI NUOVI MINISTRI:Cari Connazionali,mi congedo da voi e dagli Stati Uniti per proseguire, nella funzionedi Ministro degli Affari Esteri, il mio lavoro al servizio delloStato e rappresentare il mio Paese con l'orgoglio che ho tantevolte visto nei volti e nelle parole degli Italiani d'America.Colgo l'occasione per rivolgere un caloroso saluto a tutti voi,alla comunità italo-americana, ai rappresentanti eletti negli StatiUniti e alle associazioni che hanno appoggiato con grande impegnole attività dell'Ambasciata a Washington e della rete consolaree a tutti gli amici dell'Italia.Affronto il nuovo incarico grato e onorato della fiducia concessamidal Capo dello Stato e dal Presidente del Consiglio e nellaconsapevolezza che, nello svolgimento delle mie funzioni diMinistro della Repubblica, potrò sempre contare sullo straordinariopatrimonio di amicizia e di legami storici, culturali, economicie umani tra l'Italia e gli Stati Uniti, che proprio lacomunità italo-americana rappresenta al meglio.Tantissime le cose fatte insieme. Due i ricordi più forti che portocon me: le celebrazioni di questi mesi in tutti gli Stati Uniti peri 150 anni dell'Unità d'Italia, suggellate dal Proclama del PresidenteObama del 17 marzo e soprattutto dalla visita del PresidenteNapolitano per festeggiare insieme a voi il "compleannodell'Italia"; il ritorno, nel quadro del programma AdvancedPlacement, dell'insegnamento della lingua italiana nelle aulescolastiche americane. Un'eredità, quest'ultima in particolare,che sono certo la comunità italo-americana continuerà a farcrescere, sostenendo come sempre anche le iniziative avviatein questi ultimi mesi.Arrivederci.Giulio Terzi di Sant'Agata1. Mario Monti, Presidente del Consiglio,con delega all'EconomiaNato a Varese, 68 anni, si diploma all'IstitutoLeone XIII di Milano. A 22 anni conseguela laurea in economia pressol'Università Commerciale Luigi Bocconi diMilano e si specializza all'Università di Yale(Stati Uniti) ove studia con il Premio Nobelper l'economia James Tobin. A 26 anni è professore ordinario pressol'Università degli Studi di Trento. Dal 1970 insegna presso l'Universitàdegli Studi di Torino, che lascia nel 1985 per diventare professore dieconomia politica presso l'Università Bocconi di Milano. Nel 1981 èrelatore della commissione sulla difesa del risparmio finanziario dall'inflazione,presidente della commissione sul sistema creditizio e finanziario(1981-1982), membro della Commissione Sarcinelli(1986-1987) e del Comitato Spaventa sul debito pubblico (1988-1989). Dal 1988 al 1990 è vicepresidente della Comit. Sempre allaBocconi assume la carica di Rettore (1989-1994) e successivamentequella di Presidente (1994). Commissario Europeo dal 1994 al 2004.È stato primo presidente della "Brügel", è membro della TrilateralCommission e del comitato direttivo del Bilderberg Group, internationaladvisor di Goldman Sachs e di The Coca Cola Company. Pochigiorni prima di essere indicato come possibile Primo ministro di ungoverno tecnico, aveva dichiarato che "il problema non è di tecnica,ma di passare da una politica ad un'altra poli tica".2.Antonio Catricalà, Sottosegretario allaPresidenza del ConsiglioNato a Catanzaro, 59 anni, giurista, è dal2005 il presidente dell'Autorità garantedella concorrenza e del mercato. Laureatoin Giurisprudenza e allievo di PietroRescigno, ha vinto il concorso in magistraturaordinaria e ha ottenuto l'abilitazioneall'esercizio della professione forense. Hacollaborato con l'ufficio legislativo dellapresidenza del Consiglio dei ministri ed èstato capo di gabinetto e consigliere giuridico nei ministeri. E' statoconsigliere e presidente di sezione del Consiglio di Stato. Ha inseg-INVERNO 2011-www.lavoce.ca7


POLITICAINVERNO 2011-www.lavoce.ca8nato diritto privato alla Università di Roma Tor Vergata e attualmenteinsegna diritto dei consumatori all'Universita Luiss Guido Carli.3.Francesco Profumo, ministro dellaPubblica IstruzioneNato a Savona, 58 anni, ingegnere e docenteuniversitario, dallo scorso 13 agostoè Presidente del Consiglio Nazionale delleRicerche. Ha iniziato la carriera nel 1978 inAnsaldo a Genova come ingegnere progettista.Nel 1985 a Torino ha intrapreso la carrieradi ricercatore universitario. Nel 1995 èdiventato professore ordinario nello stessoAteneo, per poi assumere la carica di preside della prima facoltà diIngegneria del Politecnico dal 2003 al 2005; dal primo ottobre del2005 è diventato rettore dello stesso ateneo. Nel 2011 ha dato la suadisponibilità alla candidatura di Sindaco di Torino per il Partito Democratico,ma in seguito ha ritirato la candidatura4.Elsa Fornero, ministro del Lavoro edella Sicurezza SocialeNata a Torino, 63 anni, docente di economiaallʼuniversità di Torino, è direttore delCerp (Centre for Research on Pensionsand Welfare Policies), centro studi sullostato sociale in Italia e Europa. ElsaFornero è anche vicepresidente del consigliodi Sorveglianza di Intesa Sanpaolo ee componente del Nucleo di valutazionesulla spesa previdenziale presso il ministero del Lavoro. Le sue areedi ricerca riguardano il risparmio delle famiglie, la previdenza pubblicae privata e le assicurazioni sulla vita, ed è convinta sostenitrice dellʼestensionedel metodo contributivo a tutti i lavoratori con previdenzacomplementare. Moglie di Mario Deaglio, economista ed editorialistade La Stampa.5. Anna Maria Cancellieri, ministro dell'InternoNata a Roma, 68 anni, si è laureata inScienze politiche allʼuniversità di Roma e halavorato a lungo nella prefettura di Milano.Ha fatto il commissario straordinario del comunedi Parma, nel 1994, e poi il prefetto diVicenza, Bergamo, Brescia, Catania e Genova.È stata commissario prefettizio del comunedi Bologna, in sostituzione del sindaco decaduto FlavioDelbono, e oggi è commissario straordinario a Parma.6. Giulio Terzi di Sant'Agata, ministrodegli EsteriNato a Bergamo, 65 anni, laureato ingiurisprudenza, diplomatico di carriere. E'stato Console Generale a Vancouver durantel'Expo'86. A Bruxelles ha ricoperto lacarica di Consigliere Politico presso la Rappresentanzad'Italia presso la Nato, in unperiodo particolarmente impegnativo segnatodalla fine della guerra fredda, dalla riunificazione della Germaniae dalla prima guerra del Golfo. Dal 1993 al 1998 e' stato a New Yorkpresso la Rappresentanza d'Italia alle Nazioni Unite. Ambasciatored'Italia in Israele tra il 2002 e il 2004. Poi Rappresentante Permanented'Italia alle Nazioni Unite a New York.7. Paola Severino, ministro della GiustiziaNata a Napoli, 63 anni, laureata in giurisprudenzaalla Sapienza di Roma, ha insegnatoDiritto penale alla LUISS di Roma, di cui èstata preside della facoltà di giurisprudenzae di cui dal 2006 è vice rettore. È una deipiù noti avvocati penalisti italiani, è stataanche vicepresidente della magistraturamilitare (prima donna a ricoprire lʼincarico)e qualche anno fa sembrava in procinto di diventare vicepresidentedel Consiglio superiore della magistratura8. Corrado Passera, ministro delloSviluppo EconomicoNato a Como, 56 anni, è amministratoredelegato di Intesa Sanpaolo. Laureato allaBocconi, master in Business Administrationalla Wharton School di Philadelphia, èmembro del Consiglio di AmministrazionedellʼUniversità Bocconi e della FondazioneTeatro alla Scala, è anche consigliere emembro del Comitato Esecutivo dellʼABI – Associazione Bancaria Italiana,dellʼInternational Executive Board for Europe, Middle East andAfrica alla Wharton School, del Consiglio Generale della FondazioneCini di Venezia e dellʼInternational Business Council del World EconomicForum di Ginevra. Nel gruppo De Benedetti è direttore generaledi Cir, DG di Arnoldo Mondadori Editore e del gruppo editoriale LʼEspresso,poi co-AD del gruppo Olivetti. Nel 1996 è AD e DG del BancoAmbrosiano Veneto e nel 1998 è nominato dal governo AD di PosteItaliane. Dal 2002 è a Banca Intesa e nel 2006 è tra gli artefici dellʼintegrazionetra Banca Intesa e Sanpaolo Imi, da cui nasce Intesa Sanpaolo.9. Giampaolo Di Paola, ministro dellaDifesaNato a Torre Annunziata (NA), 67 anni, l'ammiraglioDi Paola è l'attuale presidente delComitato Militare della NATO. Capo delreparto politica militare dello Stato maggioredella Difesa dal 1994 al 1998, viene poiscelto come capo di gabinetto del ministrodella Difesa, Carlo Scognamiglio, successivamente confermato dalsuccessore Sergio Mattarella. Nominato segretario generale dellaDifesa il 26 marzo 2001, mantiene l'incarico fino al 10 marzo 2004,quando è promosso a Capo di stato maggiore della difesa. Il 14 novembre2007 il Comitato Militare della Nato (Namilcom), compostodai Capi di Stato maggiore dei ventisei Paesi dell'alleanza, lo ha elettopresidente del Comitato, incarico effettivamente ricoperto dal 13 febbraio2008.10. Enzo Moavero Milanesi, ministrodegli Affari EuropeiNato a Roma, 57 anni, una sorta di alter egogiuridico di Mario Monti, che lo ha avuto alsuo fianco per nove anni a Bruxelles. Consiglierea Palazzo Chigi di Amato e Ciampinel '92-'93, dal 2005 al 2006 è stato direttoregenerale dell'Ufficio dei Consiglieri perle Politiche Europee della Commissione, per poi giurare a Lussemburgocome giudice del Tribunale di primo grado della Corte di Giustiziadella UE, ruolo che ricopre tuttora.


POLITICA11. Corrado Clini, ministro dell'AmbienteNato a Latina, 64 anni, Clini è il negoziatoreclimatico per l'Italia in campo internazionale.Attualmente è alla guida della direzionegenerale per lo sviluppo sostenibile,il clima e lʼenergia. È coordinatore dellaCommissione tecnica del Cipe che ha elaboratoil piano nazionale per la riduzionedelle emissioni dei gas ad effetto serra.Presidente in passato del comitatonazionale di gestione per le attività del protocollo di Kyoto, ha avutoun ruolo durante il G8 svoltosi in Italia nel 2009, nellʼambito del Forumsulle tecnologie a basso impatto di carbonio e del vertice dei ministridellʼAmbiente a Siracusa. Da agosto è presidente del Consorzio perlʼarea di ricerca scientifica e tecnologica di Trieste.12. Piero Gnudi, ministro del Turismo eSportNato a Bologna, 73 anni, è stato dal 2002e fino ad aprile scorso per tre mandati consecutivipresidente del consiglio di amministrazionedell'Enel. Ha rivestito numerosecariche all'interno di consigli di amministrazionee di collegi sindacali di importantisocietà italiane, tra cui Stet, Eni, Enichem,Credito Italiano. Tra il 1995 e il 1996 è stato consigliere economicodel ministro dell'Industria. Membro del direttivo di Confindustria, delcomitato esecutivo dell'Aspen Institute, presidente onorario dell'OsservatorioMediterraneo dell'Energia (Ome), ricopre anche l'incarico dipresidente del consiglio di amministrazione di Emittenti Titoli e di consiglieredi amministrazione di Unicredit, di Astaldi e de ''Il Sole 24 Ore''.13. Andrea Riccardi, ministro della CooperazioneInternazionaleNato a Roma, 61 anni, ordinario di Storiacontemporanea all'Università di Roma Tre,studioso della Chiesa in età moderna e contemporanea,al di là del suo impegno accademico,Riccardi è conosciuto comefondatore di Sant'Egidio: con la Comunitàha concretizzato un forte impegno per lapace che lo ha visto nel ruolo di mediatore in diversi conflitti e ha contribuitoal raggiungimento della pace in alcuni Paesi, tra cui il Mozambico,il Guatemala, la Costa d'Avorio.14. Lorenzo Ornaghi, ministro dei BeniCulturaliNato a Villasanta (Monza), 63 anni, è attualerettore (al terzo mandato consecutivo)dellʼuniversità Cattolica di Milano, dove si èlaureato in Scienze politiche nel 1972 ed èstato ricercatore fino al 1987, quando è diventatoprofessore associato allʼuniversitàdi Teramo. Nel 1990 il ritorno a casa, come cattedratico di scienza politicanellʼomonima facoltà. Già prorettore, diventa rettore nel 2002.Saggista e autore di prestigio, Ornaghi è direttore dellʼAseri (AltaScuola di Economia e Relazioni Internazionali), della rivista Vita e pensiero,è vicepresidente di Avvenire e della Fondazione VittorinoColombo di Milano. Ornaghi è anche Membro del Cda della FondazionePoliclinico Irccs di Milano, dal 2001 al 2006 è stato presidentedellʼAgenzia per le Onlus. Nel 2006 ha ricevuto lʼAmbrogino dʼoro dalComune di Milano.15. Piero Giarda, ministro dei Rapporticon il ParlamentoNato a Milano, 75 anni, Responsabile delLaboratorio di Analisi Monetaria dell'UniversitàCattolica, già sottosegretario al Tesorodal 1995 al 2011. Componente del Comitatodirettivo della scuola per il dottarato inEconomia e finanza delle amminsitrazionipubbliche. vice-presidente della fondazioneMilano per la Scala, presidente della FondazioneInternazionale Monte Rosa, componente del consiglio di amministrazionedel Teatro dell'Opera di Roma, collaboratore de "LaVoce", socio di "Astrid" e dell'Aspen Institute.16. Fabrizio Barca, ministro del Federa -lismo e Coesione TerritorialeNato a Roma, 59 anni, direttore generalepresso il ministero dell'Economia, già dirigentenel Servizio studi della Banca d'Italia,capo del Dipartimento per le Politiche diSviluppo e di Coesione e presidente delComitato politiche territoriali dell'OCSE. Ha tenuto e tiene corsi universitarisulle tematiche della teoria e dell'analisi empirica dell'impresae del controllo societario, delle politiche di sviluppo e di storia economicadell'Italia nelle Università Bocconi di Milano, Siena, Modena,Roma (Tor Vergata), Urbino e Parigi (Scienze-Po). E' autore di numerosisaggi e volumi sull'impresa, sul governo societario, sul capitalismoitaliano.17. Mario Catania, ministro dellePolitiche AgricoleNato a Roma, 59 anni, laureato inGiurisprudenza, presta servizio alla Direzionegenerale degli affari generali e allaDirezione generale della tutela economicadei prodotti agricoli, si occupa di politicaagricola comunitaria. Partecipa ai lavori delConsiglio dei Ministri dell'Agricoltura dell'UE. Durante la presidenzaitaliana ('90) è presidente del gruppo di lavoro lattiero-caseario, nel1996 portavoce nel Comitato Speciale Agricoltura. Prende parte ai lavoridel Consiglio dei Ministri dell'Agricoltura dell'UE e affianca il ministropro-tempore. Dal '97 presta servizio a Bruxelles nellaRappresentanza Permanente. Si occupa dei negoziati delle normativecomunitarie legate al settore agricolo. Nel 2005 diventa Direttore generaledella DG politiche agricole del Ministero. Nel 2009 è Capo Dipartimentodelle politiche europee einternazionali del Ministero dell'Agricoltura.18. Renato Balduzzi, ministro della SanitàNato a Voghera (PV), 56 anni, professoredi diritto costituzionale nell'Università delPiemonte Orientale. Consigliere giuridicodei ministri della difesa e della sanità, Balduzziha lavorato anche come capo dell'ufficio legislativo del Ministerodella sanità. Ha presieduto la Commissione ministeriale per la riformasanitaria. Dal maggio 2006 è consigliere giuridico del Ministro dellepolitiche per la famiglia. È presidente dell'Agenzia nazionale per iservizi sanitari regionali (Agenas). Dal 2002 al 2009 è stato presidentenazionale del Movimento ecclesiale di impegno culturale e attualmenteè componente per l'Italia dello European Liaison Committee diPax Romana-Miic- Icmica.9INVERNO 2011-www.lavoce.ca


Benvenuto ad Adolfo Barattolonuovo Console Generale a MiamiIl Console Generale Adolfo Barattolo è nato a Roma, il 24 agosto1954, è sposato con la Signora Federica Zavanella, ha due gemellidi 13 anni, Luca e Roberto ed è laureato in Economia e Commercio,presso lʼUniversità degli Studi di Roma “La Sapienza”.BEST A REAL TO BUYIl Dr. Barattolo è stato Membro della delegazione italiana allʼAssembleaGenerale dellʼONU, Primo Segretario presso lʼAmbasciata inBangkok, Vice Capo dellʼUfficio Emergenza al Ministero, Consolea New York, Primo Consigliere dʼAmbasciata a Madrid, Capo Ufficiodella Promozione e Cooperazione Culturale al Ministero, ConsoleGenerale a Losanna ed ora Console Generale a Miami.Tra le sue diverse pubblicazioni, si ricorda il saggio “Perlʼerogazione di servizi consolari al passo con le aspettative dellanostra collettività allʼestero e per la promozione internazionale dellʼItalia.Un contributo di riflessione”, edito nella pubblicazione annuale“Affari Sociali Internazionali” del 2008.Nel suo discorso inaugurale a Miami, il Console Generale ha ribaditoil proprio impegno, oltre al mantenimento degli attuali serviziconsolari per i Connazionali residenti, per le attività dʼimpulso esostegno di tutte le iniziative che possono efficacemente contribuirealla promozione internazionale dellʼimmagine dellʼItalia.Alla cena di benvenuto, una cinquantina degli italiani piu` rappresentativiresidenti in Florida ha manifestato una cordiale simpatiaverso il nuovo Console Generale e si è dichiarata disposta alla massimacollaborazione per facilitargli il conseguimento di questi obiettivi.INVERNO 2011-www.lavoce.ca10Da sinistra, Dr. Maurizio Paglielonga, Il console Dr. Adolfo Barattoloe il Dr. Cesare Sassi


Sotto la guida di Jim Skinner il colosso globale del cibo veloce starealizzando profitti mai visti prima.McDonald's ha 33.000 ristoranti in tutto il mondo ed una enorme,complessa infrastruttura che li sostiene. Jim Skinner, 66 anni, è diventatoamministratore delegato nel 2004, e da allora la società haavuto un tasso di crescita annuale del 5%, con ricavi di oltre 24 miliardidollari l'anno scorso.In quel periodo il valore delle azioni è salito di oltre il 250%.McDonald beneficia delle difficoltà di mercato negli Stati Uniti e altrovenel mondo, a causa delle quali i consumatori attenti ai costiaffollano i fast-food invece dei tradizionali ristoranti.Ma per ottenere questo successo McDonald ha dovuto trovare ilmodo di attrarre nuovi clienti, pur mantenendo il Big Mac e le patatinefritte. E così oggi in un McDonald si può prendere un panino uninvoltino, un frullato di frutta o un cappuccino decente (con grandedispiacere di Starbucks ), il che si traduce in maggiori vendite. Nel2011 il fatturato medio per negozio era di 2,4 milioni di dollari, control'1,6 milioni del 2004.McDonald è diventato un tale successo che ora rappresenta unasfida che solo poche aziende, come Wal-Mart, possono raccogliere.Come si fa a continuare a far crescere un colosso? Ogni giorno 64milioni di persone in 118 paesi (la Bosnia è l'ultimo della lista) mangianosuoi ristoranti, generando più guadagni di Starbucks, KFC,Pizza Hut e Taco Bell messi insieme. Dal 2008 al 2010, McDonaldè stato responsabile del 90% della crescita delle vendite dell'industriastatunitense del fast-food.ECONOMIA AMERICANAMcDonald, il colosso globale che vince dovunqueI numeri di McDonalds, e il valore delle azioni MCDVendite di McDonalds confrontate ad altri giganti del fast-food americanoINVERNO 2011-www.lavoce.ca11


INVERNO 2011-www.lavoce.caOltre 2.000 ospiti al 36 gala della NIAFIL CGIE Invitato al 36° Anniversariodella NIAFIn una sala gremita da oltre duemiladuecentopartecipanti con unascenografia molto suggestiva da seratadegli oscar, si è tenuto il 36° galadella NIAF (National Italian AmericanFoundation). Fondata nel 1975, laNIAF è unʼorganizzazione senza finedi lucro e senza bandiere politiche.Essa rappresenta gli oltre 20 milionidi cittadini italoamericani che vivononegli Stati Uniti. La se de legale dellaNIAF si trova a Washington D.C. LaNIAF si prefigge di mantenere semprevive la cultura, le tradizioni e ilpatrimonio di valori dellʼItalia, e soprattutto il contributo dato dagli italianiallo sviluppo e al progresso degli Stati Uniti dʼAmerica.Tra le attività e i programmi svolti dalla NIAF vi sono; congressi e conferenzesu scala nazionale sulla lingua e cultura italiana; borse di studio;lotta e monitoraggio dei mass-media al fine di proteggere lʼimmagine,spesso negativa, degli italoamericani; promozione dei rapporti sia culturaliche economici tra Italia e Stati Uniti. Inoltre collabora con il Congresso degliStati Uniti, con la Casa Bianca e con altre organizzazioni italoamericane.Insomma una grande organizzazione italo-americana influente sul pianoeconomico e politico degli Stati Uniti dʼAmerica. La presenza del presidentedegli Stati Uniti Obama e della speaker della Camera Nancy Pelosi, nehanno dato la prova. Obama ha salutato personalmente lʼAmbasciatoreGiulio Terzi di Santagata e lo ha ringraziato per il suo eccezionale lavorocome rappresentante dellʼItalia negli USA. Tra i tavoli in prima fila numerosele personalità note, tra queste lʼAmbasciatore Gian Lorenzo Cornado, ViceCapo della Missione italiana a Washington e gentile Consorte, il sen. RenatoTurano e tante altre. Nel corso della serata sono state onorate diversepersonalità italo-americane che si sono distinte sia negli affari che nella politica,tra questi: il giovane imprenditore Claudio Bozzo, presidente dellaMediterranean Shipping Company (USA) Inc.; la senatrice dellʼOhio, CapriCafaro; il cantante Dion DiMucci; lo stilista Santo Versace; Ogni anno, numerosiesponenti politici e di governo italiani sono invitati a questo evento.Questʼanno erano presenti il Ministro della Gioventù Giorgia Meloni edEmma Marcegaglia che ha ricevuto il riconoscimento della NIAF qualemprima donna a ricoprire lʼimportante carica di Presidente di Confindustria.WASHINGTON - «Viva lʼItalia». In un periodo come questo, con la crisi internaavviluppata ormai da tempo tra diaspore nel centrodestra e strumentalizzazionidel centrosinistra, lʼeuro che affonda tra speculazioni finanziariee veti incrociati, le casse dello Stato sempre meno pingui e le tasche deicittadini sempre più a rischio, sembra il grido patriottico di chi non si arrendee crede nella bontà intrinseca dellʼessere figli dello Stivale più bello delmondo. E invece a dirlo non è un italiano, bensì un americano.E non uno qualsiasi, ma il presidente degli Stati Uniti Barak Obama che ha12aperto così il suo intervento a unevento del Niaf (National ItalianAmerican Foundation), la maggioreorganizzazione italo-americananegli Usa. «LʼItalia è uno dei nostrimaggiori alleati, uno dei membrifondatori della Nato», ha dettoObama, che nel salutare le autoritàpresenti in sala al gala sʼè rivolto direttamenteallʼambasciatore GiulioTerzi, seduto a fianco del podiopresidenziale: «Vorrei ringraziarelʼambasciatore italiano a Washington,Giulio Terzi - ha sottolineato -Da sinistra: Cav. Jack Di Piazza, l'attore Robert Davi, Sen. RenatoTurano, Cav. Settimo Guttilla.per lʼeccellente lavoro che stafacendo per rappresentare il suoPaese». Un passaggio accompagnato dallʼapplauso della sala.Non è stata una frase di circostanza, né (solo) il tentativo di ingraziarsi unaminoranza di peso come quella italo-americana in vista della prossima tornataelettorale. È stato piuttosto il riconoscimento di unʼidea di Italia chefuori dai confini nazionali - e forse europei - è più forte di quanto non sicreda, e - spesso - non si dica, magari per paura di fare un «favore» al governoin carica. Unʼidea che abbraccia la storia, passa per lʼarte e finiscecon lʼattualità. «Gli Stati Uniti - ha detto - non sarebbero ciò che sono oggisenza il contributo unico e ineguagliabile degli italiani e degli italoamericani.Cosa sarebbero gli Stati Uniti senza i viaggi di Colombo, di Verrazzano eVespucci?Cosa sarebbe la nostra tecnologia senza Da Vinci e Galileo e senza Fermi?Cosa sarebbero i film e la musica Il presidente al 36o Gala Niaf ricordaColombo, Da Vinci e Fermi. Sul G20 rassicura: «Lavoreremo insieme perlʼeconomia globale» Obama: “LʼItalia è un solido alleato” John Scarpa(tesoriere NIAF), Giovanni Rapanà (CGIE Canada), Joseph V. Del Raso(presidente NIAF).Il presidente Barak Obama saluta lʼAmbasciatore italiano degli Usa, GiulioTerzi di SantʼAgata.(Foto Pablo Martinez Monsivais) Da sinistra a destra: Giuseppe Contarini,lʼattore Robert Davi, il Cav. Settimo Guttilla e il Cav. Jack Di Piazza. NancyPeluso, (speaker della Camera USA) e Giovanni Rapanà (CGIE Canada)S.E. Gian Lorenzo Cornado. IL CGIE INVITATO AL 36° ANNIVERSARIODELLA NIAF In una sala gremita da oltre duemiladuecento partecipanti conuna scenografia molto suggestiva da serata degli oscar, si è tenuto il 36°gala della NIAF (National Italian American Foundation). Fondata nel 1975,la NIAF è unʼorganizzazione senza fine di lucro e senza bandiere politiche.Essa rappresenta gli oltre 20 milioni di cittadini italoamericani che vivononegli Stati Uniti. La se de legale della NIAF si trova a Washington D.C.La NIAF si prefigge di mantenere sempre vive la cultura, le tradizioni e ilpatrimonio di valori dellʼItalia, e soprattutto il contributo dato dagli italianiallo sviluppo e al progresso degli Stati Uniti dʼAmerica.Tra le attività e i programmi svolti dalla NIAF vi sono; congressi e conferenzesu scala nazionale sulla lingua e cultura italiana; borse di studio;


lotta e monitoraggio dei mass-media al fine di proteggere lʼimmagine,spesso negativa, degli italoamericani; promozione dei rapporti sia culturaliche economici tra Italia e Stati Uniti. Inoltre collabora con il Congresso degliStati Uniti, con la Casa Bianca e con altre organizzazioni italoamericane.Insomma una grande organizzazione italo-americana influente sul pianoeconomico e politico degli Stati Uniti dʼAmerica. La presenza del presidentedegli Stati Uniti Obama e della speaker della Camera Nancy Pelosi, nehanno dato la prova. Obama ha salutato personalmente lʼAmbasciatoreGiulio Terzi di Santagata e lo ha ringraziato per il suo eccezionale lavorocome rappresentante dellʼItalia negli USA. Tra i tavoli in prima fila numerosele personalità note, tra queste lʼAmbasciatore Gian Lorenzo Cornado, ViceCapo della Missione italiana a Washington e gentile Consorte, il sen. RenatoTurano e tante altre. Nel corso della serata sono state onorate diversepersonalità italo-americane che si sono distinte sia negli affari che nella politica,tra questi: il giovane imprenditore Claudio Bozzo, presidente dellaMediterranean Shipping Company (USA) Inc.; la senatrice dellʼOhio, CapriCafaro; il cantante Dion DiMucci; lo stilista Santo Versace; Ogni anno,+ numerosiesponenti politici e di governo italiani sono invitati a questo evento.Questʼanno erano presenti il Ministro della Gioventù Giorgia Meloni edEmma Marcegaglia che ha ricevuto il riconoscimento della NIAF qualeprima donna a ricoprire lʼimportante carica di Presidente di Confindustria.Senza Sinatra e Sophia Loren, la mia preferita? Cosa sarebbe lo sportsenza la grinta di Di Maggio, Lombardi e La Russa?». Una full immersionnei miti di ieri e dellʼaltroieri che hanno fatto grande il mondo. E un riconoscimentoal carattere italiano: «Il sogno americano - ha continuato ilPresidente - ha animato gli italiani che arrivarono qui con la convinzioneche se ti impegni ce la puoi fare. Per gli italiani immigrati negli Stati Unitinon è stato sempre facile, ma non hanno aspettato aiuti dallʼalto e hannolavorato sodo facendosi strada, arricchendo la nostra cultura con la loro,contribuendo a costruire la Nazione e a migliorare così la vita di tutti». Inquesto modo, ha sottolineato, «hanno mantenuto la promessa di questoPaese che il successo è a portata di mano se lavori per raggiungerlo».John Scarpa (tesoriere NIAF), Giovanni Rapanà (CGIE Canada), JosephV. Del Raso (presidente NIAF).Nancy Peluso e Giovanni RapanàUna visione pragmatica del mondo, che torna quantomai dʼattualità in unmomento critico per la congiunta internazionale. Un momento in cui lʼItalia,i suoi valori e le sue capacità, possono dare un contributo fondamentale:«LʼItalia - ha detto Obama - è uno dei nostri maggiori alleati e già laprossima settimana lavoreremo insieme al G20 per prendere una serie didecisioni importanti per lʼeconomia globale. Siamo in tempi difficili, con milionidi persone senza unʼoccupazione. Abbiamo del lavoro da fare». GiorgiaMeloni, ministro della Gioventù, era ospite del gala annuale della Niaf:«Mipiacerebbe - hadetto - che anche in Italia, un domani, ci fosse un sistemacapace di esprimere un presidente così giovane». Poi, rispondendo alledomande dei cronisti italiani, la Meloni ha evitato di fare paragoni diretti trail presidente americano e Berlusconi: «Non sono particolarmente scioccatadalla distanza tra Berlusconi e Obama. Anche se io sono più vicina ai repubblicani,scopataCapisco e riconosco che Obama è un uomo di grandecarisma. Detto questo, visto che mi chiedono sempre se preferisco unleader che sia una donna o un giovane, io rispondo che lʼobiettivo è chesia una persona cap ce ». Il presidente di Confindustria Emma Marcegaglia,anche lei ospite dellʼevento, ha commentato: «Le parole di Obama mi sonopiaciute perché ha sottolineato come in questo Paese si cerchi sempre dipremiare il merito, a differenza di quanto spesso accade da noi».Concetto condivisibile, se non fosse per il fatto che «da noi, spesso» il giocomalmassacro è più forte della capacità di cooperare con lʼobiettivo comunedi difendere il Paese e di favorirne lam crescita. Considerazione eapprezzamento anche per il leader dei Democratici alla Camera, NancyPelosi, a detta di Obama, «il miglior speaker della Camera che abbiamoavuto». Proprio Nancy Pelosi, ricordando il tributo di sangue e i sacrificidegli italoamericani lʼ11 settembre del 2001 assieme alla ricorrenza del150mo anniversario dellʼUnificazione, ha apertola kermesse annuale della Niaf. •13INVERNO 2011-www.lavoce.ca


ECONOMIA USAChi guadagna in una guerra?Prendiamo come esempio la guerra degli USA in Iraq: ha significatomolto per molte aziende. Chiamatelo errore strategico, o mostruosaingiustizia, o missione patriottica, ma per molte grandi aziende laguerra è qualcosa di molto diverso: una lucrosa vacca da mungere.I media sono indignati per il modo in cui le aziende private portanoa casa succulenti contratti senza clausole per la fabbricazione diarmi, la ricostruzione delle infrastrutture, o qualsiasi altra cosa ilGoverno ritenga necessario per raggiungere l'obiettivo della vittoria(o semplicemente di una bandiera piantata per terra). Non importaquale sia la vostra posizione sulla guerra: vale comunque la penasapere come vengono spesi i vostri soldi. Ecco una lista delle prime5 grandi aziende che hanno realizzato il maggior profitto da questocontroverso conflitto.1. HalliburtonÈ il primo nome che viene in mente.Secondo MSN Money, la divisioneKBR della Halliburton ha fatturato lasomma di 17,2 miliardi di dollari alPentagono nel solo triennio 2003-2006. Questi soldi sono serviti perfinanziare la costruzione e lamanutenzione delle basi militari, leriparazioni dei pozzi di petrolio, e laricostruzione di varie infrastrutturedevastate dalla guerra.4. Environmental ChemicalTutte le zone di guerra restano ingombre diarmi e munizioni usate, rotte o abbandonate,creando una nicchia redditizia perqualsiasi azienda disposta a pulire tutto.In Iraq, questo compito è caduto sullespalle di Environmental Chemical. La societàcaliforniana ha fatturato 878 milioni didollari nel 2006 per smaltimento munizioni.5. AegisAegis ha coperto d'orgoglio il RegnoUnito per aver portato a casa un contrattodi coordinamento di tutte le operazionidi sicurezza privata in Iraq. Ilcontratto del Pentagono vale 430 milionidi dollari (incredibilmente redditiziosotto qualunque profilo), ma ha procuratoad Aegis qualche grattacapo in terminidi pubbliche relazioni, con una richiesta di adesione respintoda parte della Associazione Internazionale delle Operazioni di Pace.(adatt. da The Huffington Post)OPPORTUNITÉ DʼINVESTISSEMENT2. Veritas Capital Fund / DynCorpPuò sembrare strano che un fondo d'investimenti(e non, diciamo, Exxon-Mobil)sia la seconda azienda a beneficiaredella guerra in Iraq. Tuttavia, il fondo harastrellato 1,44 miliardi di dollari attraversola sua controllata DynCorp, che haformato le nuove forze di polizia irachene.Spesso descritta come 'uno Stato nelloStato', la DynCorp è diretta da Dwight M. Williams, ex CSO del Departmentof Homeland Security.3. WashingtonGroup InternationalIl WashingtonGroup Internationalhasfruttato lasua esperienzanella riparazione,ilripristino e lamanutenzione dei campi di produzione di petrolio, fatturando allaDifesa americana 931 milioni di dollari in Iraq nel triennio 2003-2006.Altre specialità dell'azienda (quotata in borsa, 25.000 dipendenti)sono la costruzione e la manutenzione di scuole, basi militari,14aziende municipalizzate e sistemi di irrigazione.INVERNO 2011-www.lavoce.caGaétan RoyBonjour!Une COMBINAISON GAGNANTE: GAETAN ROY avec35 ans d’expérience et RE/MAX leader mondial.Apres plusieurs années très productives chez RE/MAX, madécision d’y revenir est très simple: rien ne se compare avecRE/MAX ni au CANADA ni aux USA.J’espère bien avoir l’opportunité de vous servir ou sinonservir une de vos références pour VENDRE ou ACHETERen FLORIDE ou aux USA. Qu’il s’agisse de RESIDEN-TIEL ou de COMMERCIAL, je les ai tous vendus à un momentou un autre depuis 1976. Mon expérience du marché+ RE/MAX = une COMBINAISON GAGNANTE.Merci de votre confiance passée et futureGAETAN ROY, COURTIER ASSOCIE954-735-4967 1-800-795-1901Re/Max Executive Realty - glrealtor@aol.com


Il deputato Amato Berardi riceve aMontecitorio la delegazione ASILMRoma, 8 novembre 2011 - Reduce dal Gala della National ItalianAmerican Foundation tenutosi lo scorso 28 e 29 ottobre a Washingtonche ha visto partecipi una folta delegazione di parlamentariitaliani, lʼon. Amato Berardi ha accolto in data odierna la AmericanSociety of the Italian Legions of Merit, presieduta dal noto imprenditorenewyorkese Lucio Caputo.Il gruppo è stato ricevuto dal Presidente della Camera dei Deputati,on. Gianfranco Fini, col quale ha intrattenuto una breve conversazionesulla situazione politica attuale in cui versa il paese ma esprimendogrande ottimismo su una sua risoluzione.Sono stati inoltre ribaditi i solidi sentimenti di grande amicizia e profondastima che legano lʼItalia agli Stati Uniti dʼAmerica nonchéunʼimmensa fiducia per le iniziative future.Un ringraziamento particolare – esprime Berardi – va ai membriASILM per aver contribuito al benessere dellʼItalia e per essersi integratidegnamente nellʼalta società in territorio americano, che cononore li ospita e li premia per i loro innumerevoli traguardi.36th Gala of the Morning Star Society To benefit Alzheimer’s ResourceThe annual event was organized at Lidoʼs in City Island by the MorningStar Society of New Rochelle, Society Guardia Lombardi, Morra De-Sanctis, Silver Lake and the Italian American Federation of GreaterNew York, Inc. In the bible Jesus Christ is the Morning Star, as he statedemphatically in the Revelation 22:16: “I am the bright Morning Star”. Allover the world institutions have taken strength from this quote to formvarious Morning Star groups. “That bright star we see before sun riseis the symbol of Jesus. It is our guide, the star we follow and to whomwe pray for the ʻGood health, Happiness and Long Lifeʼ”, said Dr. LouisMiele, President of the prestigious organization.La Stella Mattutina nella bibbia è Gesù Cristo (Apocalisse 22:16), il titolousato per conventi in ogni angolo della terra. “La Stella Mattutina è lanostra guida - quella luce altissima che illumina il nostro cammino ed acui preghiamo per il benessere nostro e delle persone a noi care”, hadetto Anita Secchiano durante la fiaccolata dedicata ai sofferenti diAlzhemer e defunti che continuano a vivere nei nostri cuori. Ha presopoi la parola il cav. Alfonso Panico, ex vice-Console onorario per lo statodel Connecticut: “Questo è davvero un evento particolare” egli ha detto,congratulandosi con il presidente della nobile Società Morning Star,Dr. Luigi Miele e collaboratori straordinari, Joe Petriello, Sal DiPietroe Tony Ferri”. La Società Stella Mattutina, ossia ʻMorningStarʼ è unʼassociazione ben nota in America per la continualotta contro la demenza e malattia di Alzheimer. “Questeriunioni festive sono multi-funzionali: ci divertiamo conpersonaggi che danno orgoglio allʼItalia ed allostesso tempo aiutiamo i meno fortunati”, ha dettoil presidente, Dr. Luigi Miele. “Sono lieto cheanche questʼanno godiamo la collaborazionedi associazioni degnitose. Uniamoci perchèè piuʼ facile eliminare lʼAlzheimer che lagelosia”, egli ha confermato con un cordialeinvito a tutte le altre associazioniitaliane di partecipare con orgoglio peril bene dei propri membri e loro familiari.I premiati questʼanno sono stati treirpini d.o.c: Gaetano Scavone diGuardia Lombardi; Libera Mitrione-Capezzutodi Bisaccia; eGerardo Rainone di Morra De-Sanctis. Tutti e tre sono stati riconosciutiper il loro immensocontributo alla comunità: GaetanoScavone è un nome bennoto tra gli italo-americaniper le sue benemerite, responsibledel successo diGLI INCONTRI DE LA VOCE DʼAMERICAIl Cav.Lucio Caputo e il presidente della Wine & Food Institute di New-York, Cavaliere della Repubblica Italiana che ha posato in esclusivacon il nostro editore de La VOCE d'AMERICA Arturo Tridico unitamentealla carismatica Alessandra Rotondi della Wine Sewduction ofNewYork in esclusiva, in'occasione della Trivelli TARTUFO TASTINGin Ascoli Piceno arrosati con i pregiati vini della Cantina Domodimontidella nobile Famiglia di Marisa e Francesco Bellini che l'anno scorsohanno accolto alla sua Tenuta di Montefiore dell'Aso per l' inaugurazioneoltre 450 ospiti dei quattro continenti.numerose organizzazioni, ex presidente del Westchester Chapter ofthe Boysʼ Towns of Italy, co-fondatore ed ex president del Guardia LombardiSociety; membro del Senior Citizen Committee for Better Housingin New York City, Mount Vernon Hospital Century Club e tante altre organizzazioni.Gerardo Rainone, conosciuto come il Master Electriciannello stato di New York e Connecticut, ha illustrato le sue doti di buonleader avendo servito la comunitaʼ come presidente della Societa ofSan Rocco Morra de Sanctis e vice presidente della Federazione CampaniaU.S.A e Dulcis in fundo, Libera Mitrione-Capezzuto, recentementeeletta presidente dell'Associazione Campani e per quattro anniè stata Segretario Esecutivo della Federazione delle Associazioni deltaCampania USA. La famosa cantante Giada Valenti, appena ritornatada Venezia per lʼoccasione, ha dato prova del suo talento canoro conbrani italiani e internazionali e lʼeccezionale divertimento danzante curatodal dinamico Tony, interrotto solo per pochi minuti per la consegnadelle targhe. Il Cav. Panico ha incoraggiato tutti i presenti ad esseresempre fieri delle proprie radici con un elogio partricolare alla singolareimpresa del prof. Luigi Miele, Joe Petriello, Sal DiPietro, Tony Ferri, CiroChechile, Dario Castellano, Michael Cianciulli, Franco Violetti, Carlo Violetti,Mario Caruso e tutti gli altri componenti e collaboratori nella lottacontro lʼAlzheimer.La Società Stella Mattutina per più di ottantʼanni si è prodigata di riunirela comunità italiana dʼAmerica diventando poi un unʼorganizzazione divolontariato riconosciuta dal governo federale per lʼavanzamento dellascienza e la lotta contro la Demenza e Morbo di Alzheimer. “La fede è,e dovrebbe essere sempre parte integrante della nostra esistenza”, hacontinuato il Dr. Luigi Miele, consulente professionale per lʼAlzheimerʼsResource, Diplomato Professional Dementia Care Provider e membrodel National American Psycological Association. A tal fine, in collaborazionecon Ciro ed altri leali dirigenti, ha provveduto al ritorno del presepein piazza e lʼimportazione di una statua dallʼItalia. “LʼAlzheimer èun male devastante che richiede profonda cognizione e proficua concentrazioneda parte di tutta la comunità. La demenza è come una lamaa doppio taglio e può colpire chiunque, anche i giovani adulti”. La MorningStar Society fa parte dellʼAlzheimer Foundation of America e dàtutto il suo appoggio per andare incontro alle vittime di questo terribilemale, non solo nelle ricerche di una cura, ma, e soprattutto, promuoverecomprensione verso i sofferenti ed il rispetto della loro dignità,avendo dato a suo tempo il loro contributo al benessere socio-economicodella collettività, purtroppo stroncati nel loro pensare ed agire dallaDemenza. Invitiamo tutte le associazioni e club di collaborare per ilbene dei propri membri e la nostra comunità contattando il Dr. LuigiMiele al (914) 636-6670 e Joe Petriello (914) 804-6427, oppure visitareil centro assistenziale italiano Ital-uil al n. 4 Memorial Highway nel centrodi New Rochelle, allʼangolo di Main Street, anche per pratiche di 15pensioni, atti notarili, procure, eccetera. E-mail: DrMiele@aol.comwww.AlzheimerConsultant.comINVERNO 2011-www.lavoce.ca


INVERNO 2011-www.lavoce.ca16Abbiamo stilato una lista delle sei automobilipiù veloci vendute in Nord America. Le regoleper farne parte sono poche, il che sembragiusto quando si parla di vetture costruiteper violare il limite dei 300 km/h.Tutte omologate per la guida su strada, tuttevendute in Nordamerica, e tutte disponibilipresso un grosso produttore. Ciò significaescludere veicoli come la Hennessey VenomGT e la Callaway SC606, insieme ad altrecome la tedesca Gumpert Apollo.La scelta di un vincitore è stata facile, dalmomento solo un aereo può offrire leprestazioni della vettura campionessa diquesto elenco. Eppure, ancora più sorprendenteè il fatto che quasi tutte queste vetturepossano essere guidate sulle nostre strade,anche se ciò probabilmente farà di voi unodei maggiori finanziatori del Club ricreativodella Polizia locale.1° posto: Bugatti Veyron16.4 Super Sport - 431 km/hQuesta meraviglia da 2,7 milioni di dollari èattualmente l'auto più veloce al mondo.Prezzo incredibile, pari solo alla sua incredibilevelocità massima, completamente documentatae verificata, di 431 chilometri orari.Motore di 1.200 CV, marchio italiano,costruzione francese e casa madre tedesca(la Volkswagen), la Veyron Super Sportdispone di turbocompressori e intercoolersovradimensionati, montati su un motorequadri-turbo W-16.2° posto: Ferrari 599 GTO335 km/hTutte le Ferrari sono auto speciali, ma nontutte possono superare i 335 km/h, ed ancorameno soono quelle che possono esibireil leggendario distintivo GTO, reso celebredalla originale e sorprendente bellezza della250 GTO costruita dal 1962-1964. Una GTOoriginale si vende all'asta per alcuni milionidi dollari, quindi considerate i 450 mila dollariche pagherete per la nuova Ferrari 599 GTOun vero e proprio affare. Un 6 litri V-12 da661-hp fa della nuova 599 GTO la più potenteFerrari da strada mai costruita.3° posto: Porsche 911 GT2 RS330 km/hC'è una ragione per la quale la Porsche si èconcentrata per cinque decenni solo sulla911: ogni nuovo modello supera inprestazioni quello precedente, e l'ultimo verticeè la 911 GT2 RS. Questa è la Porscheda strada più potente mai costruita. Il motoreè un biturbo boxer a 6 cilindri da 620-CV e latrazione è solo posteriore. Secondo Porsche,AUTOMOBILEIL CLUB DEI TRECENTO ALL'ORALe sei automobili più veloci disponibili oggi in Nord America123456la GT2 RS può accelerare da zero a 100km/h in 3,4 secondi. Solo 150 copie dellaGT2 RS, al prezzo di 245 mila dollari, verrannovendute in Nordamerica.4° posto: Corvette ZR1 2011330 km/hCon un prezzo di soli 111 mila dollari, laCorvette ZR1 è il modo più economico perentrare nel club degli over-300. Non lasciateviingannare dall'apparenza simile a quelladella Corvette standard da 430 cavalli: sottoil cofano della ZR1 batte il cuore di un V-8da 6,2 litri sovralimentato da 638 cavalli.L'abitacolo segna un salto di qualità rispettoagli interni in plastica delle precedentiCorvette. Forse mancherà la mano artigianaledi altre superauto, ma la ZR1 ha unprezzo che è meno della metà di quello dellaconcorrenza, il che ricompensa abbondantementeper la mancanza di rivestimenti inmogano o manopole in titanio. Senza contareche il bagagliaio della ZR1 può contenerebagagli per una settimana.5° posto: Bentley Continental Supersports– 328 km/hLa Bentley Continental Supersports è laprova su quattro ruote che la raffinatezza eil lusso possono andare di pari passo con leprestazioni. Con un peso di oltre 5.000 chilie una cabina che sembra quella di un aereoGulfstream, la Continental Supersports puòraggiungere i 328 kmh grazie ad un motoreturbo W-12 da 621 cavalli, che condivide alcuniaspetti meccanici del motore dellaBugatti Veyron (sia Bentley e Bugatti sonodi proprietà di Volkswagen). Guidata tranquillamente,la Bentley Continental aleggiain un silenzio e un comfort insuperabili. Maspingete il pedale del gas e l'accelerazionevi schiaccierà nel sedile in pelle cucita amano.6° posto: Lexus LFA325 km/hPuò il nome Lexus associarsi a prestazionimozzafiato? La Lexus LFA ne è la risposta:una supercar che pare saltar fuori da unvideogioco. Non ci sono spigoli smussati nésuperfici morbide nel corpo iper-aggressivodella LFA. Per mantener basso il peso, lamacchina è assemblata con tre diversi tipi difibra di carbonio leggero. Al prezzo di $375.000, la LFA costa come undici berlineLexus IS, ma il suo 4,8 litri V-10 anteriore da560 cavalli è fatto per scagliare le 500 LFAcostruite dalla Toyota nell'empireo dellaleggenda e dell'elite sportiva.


SETTIMA CONFERENZA DEI RICERCATORI ITALIANI NEL MONDOSettima Conferenza dei Ricercatori Italiani nel MondoIl 3 dicembre è la data in cui si svolgerà la SettimaConferenza dei Ricercatori Italiani nel Mondo,organizzata dal COMITES di Hou ston, che comprendegli Stati del Texas, dellʼOklahoma, dellaLouisiana e dellʼArkansas, in collaborazione conil Chapter South West dellʼISSNAF (Italian Scientistsand Scholars in North America Foundation) econ il patrocinio del Consolato Generale dʼItalia.La Conferenza si svolgerà dalle 10 alle 17 nellʼAuditoriumsito in 1330 Post Oak Boulevard, HoustonTexas.La Conferenza, aperta al pubblico , si rivolge principalmenteai ricercatori nei campi delle ScienzeBio Mediche, Medicina, Fisica, Ingegneria,Aerospazio, Geologia, Energia e degli StudiUmanistici, le cui attività sono collegate allʼItaliaper il tramite della propria nazionalità o del settore di interesse (storiao letteratura italiana, o qualsiasi disciplina collegata con lʼItalia)o delle relazioni in essere con organismi italiani pubblici e privati.La lingua di lavoro sarà lʼinglese.I ricercatori interessati a partecipare sono pregati di inviare una notariassuntiva della propria ricerca ed una breve biografia entro il 17novembre 2011 al Comitato Organizzatore della 7ma Conferenzadei Ricercatori Italiani nel Mondo, lʼindirizzo di posta elettronica ussouthwest@issnaf.orgLe note riassuntive (riassunto della ricerca e biografia) dovrannoJetman brings Leonardo’s dream of flying into reality"The great bird will take flight above the ridge... filling the universewith awe, filling all writings with its fame...", Leonardo wrote 500years ago.Although we do not know whether Da Vinci was actually ever ableto hover in the air in one of his famous "flying machines", one thingis certain: Leonardo had come closer than anyone else to the fundamentalconcept of flight, i.e. the "lift", as he was the first one tounderstand that flying does not mean frantically flapping wings, butexploiting aerodynamicsurfaces in order to glidethrough air, just as birdsand flying mammals do.Leonardoʼs studies andinsights are the basis ofall modern aerodynamicmachines: from planesto helicopters, fromparachutes to hot-airballoons.Now, for the first time,even Leonardo's dreamof a human sustained“naked” flight, similar tothat of a bird, has becomereality.Yves Rossy, a 52 yearoldSwiss, known as the“jetman”, or “rocketman”, is the first personever to fly a jet-poweredwing.Vincenzo ArcobelliLEONARDO DREAMessere limitate ad una sola pagina di lunghezzanon superiore a 500 parole. Le ricerche sarannoselezionate per presentazioni orali nel corso dellaConferenza o su poster, e saranno pubblicate inun volume oltre che sui siti web dellʼISSNAF, delCOMITES e del Consolato Generale dʼItalia aHouston. Le presentazioni orali dovranno esserelimitate ad un massimo di dieci diapositive.La Conferenza è diretta ad un pubblico generalenel quale sono rappresentate molteplici disciplinee specializzazioni; si raccomanda pertanto di centrarele presentazioni su argomenti di interesse piùampio. Per informazioni si prega di visitare il sitoweb dellʼISSNAF Southwest chapter(http://www.issnaf.org/ch-houston/blog.html) oppurei siti web del Comites (http://texas.comitesit.org)e del Consolato Generale dʼItalia a Houston(www.conshouston.esteri.it). Siamo convinti che questo eventofornirà ai ricercatori che lavorano con lʼItalia unʼoccasione per incontrarsie condividere le proprie ricerche con i colleghi, la comunitàitaliana e le aziende che sponsorizzano e promuovono le lororicerche. In attesa di ricevere I dettagli sulla vostra ricerca vi ringraziamoper il vostro contributo ed inviamo i piuʼ sentiti auguri di buonlavoro sperando di vedervi a Houston.Il Comitato Organizzatore della 7ma Conferenzadei Ricercatori Italiani nel MondoA former fighter pilot in the Swiss Air Force and a commercial airlinerpilot for Swissair and Swiss International, Rossy is an inventor andan aviation enthusiast.After his first six-minute sustained flight in 2006, he flew over theEnglish Channel and across the Swiss Alps in 2008. In 2009 he attemptedto cross the Gibraltar Strait, which would have made himthe first human to cross from one continent to another using a jetpack,but his bid was unsuccessful due to strong headwinds thatforced him into an unplanned water landing.This year, in the month of May, jetman Rossy successfully flewacross the Grand Canyon in Arizona, not before the US Federal AviationAdministration declared his invention an “aircraft”, but waivedthe normal requirement of 25 flight hours, granting him permissionto jet over the enormous Colorado gorge.17INVERNO 2011-www.lavoce.ca


150 O DI UNITÀ DʼITALIALa memoria di un paese allo specchioINVERNO 2011-www.lavoce.ca18Il 17 marzo 2011 si festeggia il 150° anniversariodellʼUnità dʼItalia. Un secolo e mezzodurante il quale il paese è profondamentecambiato: ha vissuto importanti fenomenimigratori, ha affrontato e superato momentidi crisi, ha conquistato un posto di primopiano nello scenario internazionale.I festeggiamenti sono unʼoccasione propiziaper portare lʼintera nazione a riflettere sulsuo passato e sul suo presente perguardare con nuovo spirito al futuro. Torino,che è stata la prima capitale dʼItalia, si proponecome luogo simbolo di un grandeevento: Esperienza Italia.Ci aspettano 250 giorni di mostre, convegni,spettacoli, che dal 17 marzo al 20 novembreoffriranno al mondo quanto di meglio lʼItaliaha da offrire: bellezze artistiche e culturali,made in Italy, innovazione, storia, enogastronomia.Esperienza Italia si rivolge idealmente a 150milioni di persone: agli italiani in sensostretto,ai nuovi italiani, alle comunità italianenel mondo e a tutti coloro che amano e sonoappassionati del nostro paese.Oggi noi italiani ci sentiamo particolarmenteuniti quando la nazionale vince i mondiali dicalcio, o quando nei paesi stranieri vediamocampeggiare insegne di trattorie con pizza,spaghetti e caffè. Eppure come da moltistorici evidenziato noi siamo e rimarremoitaliani senza memoria. Quella memoriastorica che non ci appartiene perché non laconosciamo o perché non lʼabbiamo maivissuta.Per secoli lʼItalia ha rappresentato campo dibattaglia conteso tra i vari potentati dellenazioni vicine, i francesi nel 1400, gli spagnolinel 1600. A quei tempi il suolo italico eraun territorio diviso in tanti piccoli staterellisovrani retti da storiche casate nobiliari.Bisognerà attendere lʼepoca di Garibaldi,sotto la guida dei Savoia e il Risorgimentoper costruire unʼidentità comune alle italichegenti, per far scaturire quellʼidea di libertà edi affermazione dallʼoppressore straniero: gliaustriaci in questo caso. Fu proprio il climadi fervore patriottico che preludeva allaguerra contro lʼAustria il motivo ispiratoredel Canto degli Italiani di Goffredo Mameli,divenuto poi lʼInno ufficiale della repubblicaitaliana.Suonarono come un oracolo le famose parolepronunciate da Massimo dʼAzegliosubito dopo la raggiunta unità delpaese:”Ora che lʼItalia è fatta, bisogna faregli italiani”. Infatti se nel 1861 era nato unoStato italiano, la nazione però era ancoratutta da fare. Così comʼera da costruire lʼidentitàsociale degli italiani. Gli strumenti dicomunicazione, i libri, i giornali, le fotografiesvolsero anche questa funzione dicostruzione dellʼidentità nazionale, illustrandoi costumi del paese neonato, i monumenti,i paesaggi, le città,le persone e glistili di vita. Fu infatti soprattutto la cultura acelebrare la nazione sin dai suoi primi passi.Una delle opere più emblematiche del periodoè il romanzo “Cuore” di Edmondo deAmicis, una sorta di diario di un maestrocon figure di ragazzi che incarnano lʼidea dipatria e di bandiera tricolore.Alla vigilia del primo conflitto mondiale, lʼItaliaera un paese pieno di contraddizioni:mentre al nord si delineava una primaclasse industriale, il sud era prettamenteagricolo. Lʼindice di analfabetismo tra lapopolazione era molto elevato. Nonostanteciò gli italiani uscirono vincitori dalla GrandeGuerra; ignari però della tragedia immaneche avrebbero vissuto venti anni dopo conil fascismo e la seconda guerra mondiale.Lʼintera nazione ne uscì distrutta e traumatizzata,e fu allora che iniziò la seconda ondatadi emigrazione della popolazione ( laprima era avvenuta alla fine dellʼ800). Macontro ogni aspettativa, lʼItalia seppe risollevarsivelocemente per essere protagonistadi quel mirabile miracolo economico ( fineAnni ʻ50 inizio Anni ʼ60) che la portò asedere accanto alle potenze industriali occidentali.Oggi il Bel Paese si presenta come unanazione multiforme, ricca di diversità con isuoi 4.200.000 immigrati, pari al 7% del totaledei residenti. Infatti a partire dagli Anniʼ80, il flusso migratorio ha invertito la suatendenza trasformando lʼItalia da uno deimassimi esportatori di forza lavoro in unanazione di accoglienza.Oltre a far parte del G8, dellʼUE e dellʼONU,lʼItalia è impegnata a far sentire la sua vocenella diplomazia internazionale ed è semprepresente con le sue numerose missioni dipace in quei paesi dilaniati dai conflitti interni.Nella memoria collettiva il nostro è un piccolopaese dove è germogliato il più grandeimpero di tutti i tempi, che ha conosciuto nelrinascimento lʼegemonia culturale con lasua lingua di matrice antichissima e soprattuttoha donato al mondo grandi scienziati epensatori facendo risplendere ovunque lʼorgogliodellʼitalianità.


RBC Bank vous donne facilement accès àvotre argent des deux côtés de la frontière.Si vous êtes Canadien et que vous vivez aux États-Unis, vous avez certainementdes besoins bancaires particuliers. Par chance, votre banque est unique.Accès USA RBC vous permet de virer des fonds instantanément, vous offredes solutions de crédit immobilier exclusives et vous permet de tirer avantagede vos antécédents de solvabilité au Canada lorsque vous faites des demandesde prêt. Vous pouvez également payer vos factures américaines et canadiennesen ligne, sans frais. Ce n’est qu’une autre façon de placer nos clients avant tout,peu importe où ils sont.Accès USA RBC de RBC Bank.ENVOI DE PUBLICATIONN O D’ENREGISTREMENT 05517192 CONVENTION 40050633Accédez à vos fonds en toute simplicité grâce à Accès USA RBC.Composez le 1-800 ROYAL ® 53 ou visitez un centre bancaire dès aujourd’hui | rbcbank.comMembre du FDIC. © RBC Bank (USA) 2012. ® Marque déposée de la Banque Royale du Canada. Utilisée sous licence. RBC Bank est un nom commercial utilisé parRBC Bank (USA) et ses succursales poursuivent leurs activités sous ce nom. Les prêts sont accordés sous réserve de l’approbation du crédit.

More magazines by this user
Similar magazines