Newsletter numero 1 - Corrente - Gse

corrente.gse.it

Newsletter numero 1 - Corrente - Gse

in collaborazione conINVESTIMENTI IN RINNOVABILI, RECORD MONDIALE IN 2010CRESCITA DEL 30% A TITOLO 243 MILIARDI E SOTTOTITOLODI DOLLARIUn anno d’oro per gli investimenti mondiali nel campo delle rinnovabili. Il 2010 ha registrato unacrescita delle spese per finanziare impianti energetici da fonti ‘verdi’ pari al 30%, con gli investimentisu scala mondiale che sono così passati dai 186,5 miliardi di dollari del 2009 ai 243 miliardi delloscorso anno.Si tratta, come sottolinea il rapporto annuale di Bloomberg New Energy Finance, del primato storico,considerato che gli investimenti in energie rinnovabili sono in costante crescita dal 2004, quandoerano pari a 51,7 miliardi di euro. Vale a dire che nell’arco di sei anni sono almeno quintuplicati.BOXLa crescita del 2010 arriva in modo particolare dalle rinnovabili in Cina e, in misura maggiore,dall’eolico offshore e dal fotovoltaico in Europa, dove si e’ registrato un boom degli impianti sui tettidegli edifici. Nel gigante asiatico gli investimenti in rinnovabili sono aumentati del 30% a 51 miliardi didollari, mentre l’eolico ha fatto ancora meglio, con un +31% a 96 miliardi di dollari.TESTOAncora meglio il fotovoltaico, sul quale sono piovuti investimenti per quasi 90 miliardi di dollari da ogniparte del mondo (+49%). Di questi, la maggior parte, cioe’ 60 miliardi di dollari, sono stati effettuatinel Vecchio Continente.L’unico calo arriva dal fronte dei biocarburanti, anche se la flessione e’ particolarmente lieve: dagli 8,1miliardi di dollari del 2009 ai 7,9 miliardi del 2010.BOXIMMAGINEBOXIMMAGINE


in collaborazione conLE IMPRESE ITALIANE SBARCANO IN SERBIA, OBIETTIVO BIOMASSEUN GRUPPO DI IMPRENDITORI TITOLO UMBRI E SOTTOTITOLOE MARCHEGIANI INVESTE IN VOIVODINAArrivano dalla Serbia nuove opportunità di investimento per le imprese italiane attive nell’energiarinnovabile. A fare da apripista è un gruppo di imprenditori di Umbria e Marche che guardano allapossibilità di investimenti comuni italo-serbi in Voivodina (la provincia settentrionale serba). L’obiettivo,illustrato nel corso di un convegno italo-serbo a Novi Sad, capoluogo della regione, è lo sfruttamentoin particolare delle biomasse, fonte di cui la Voivodina è molto ricca.I rappresentanti di governo, gli imprenditori e i professori universitari delle Regioni, ha sottolineatoBOXPierluigi Rinaldi, presidente dell’Associazione di imprenditori ‘Sistema’, sono pronti a trasmetterele loro esperienze ai politici e agli imprenditori serbi, su come in questo campo si possono avviareattività comuni, non solo a fini di profitto ma anche per il bene dei cittadini.Da parte sua il segretario all’energia della provincia di Voivodina Radoslav Strikovic ha ricordato chela Serbia tra dieci anni, sulla baseTESTOdelle direttive Ue, sarà obbligata a produrre un quinto dell’energiada fonti rinnovabili. E gli italiani sono tra i primi in queste tecnologie, con la volontà di investire.Proprio a tal fine, dopo una serie di incontri bilaterali tra imprenditori, sono state annunciate undiciofferte italiane per investimenti in campo energetico.BOXIMMAGINEBOXIMMAGINE


Table 2. Repeatability of porosity values determined by different thresholds applied to thesame CT data.Method Mean Porosity [%]Absolute standard deviation of the porosity(percentage point)Th1-VG 3.81 0.028Th2-Otsu 3.97 0.031Th3-Final 4.6 0.043Th4-Histo 8.4 0.283Th5-Tangent 10.42 0.4594.4 Investigations using different resolutions/voxel sizesThe influence of the CT measurement parameters, such as resolution/voxel size, on theobtained porosity should be as low as possible. Therefore CT measurements with differentresolutions on a sample with a rather low porosity (around 0.1 %) and on a sample with arather high porosity (around 5 %) were performed and analysed. In Fig. 4 & 5 on the leftside cross-sectional CT pictures measured with voxel sizes between 2.75 and 20 µm areshown.(2.75 µm) 3500 µm(5 µm) 3500 µm(10 µm) 3Void content, %0.20.10.00.1160.102 0.0990.0970.096 0.0960.2120.1070.099Th2Th3Th40 2.5 5 7.5 10 12.5500 µmVoxel-size, µmFig. 4. Left pictures: CT cross-sectional images of a CFRP sample measured with voxelsizesbetween 2.75 and 10 µm. Other measurement parameters were kept constant (voltage60 kV and number of projections 1500). Right picture: Influence of CT voxel size on thedetermined porosity evaluated by different segmentation methods. The minimum defectvolume was kept constant.By improving the voxel size, the sharpness of the CT data improves and more andmore details in the sample can be recognised. In the right picture of Fig. 4 & 5 the porosityobtained by the segmentation methods Th2, Th3 and Th4 versus the voxel size is shown. Itcan be seen, that the porosity obtained by Th2 and Th4 strongly depends on the voxel size,7


in collaborazione conNEL 2010 È BOOM DI FOTOVOLTAICO IN EMILIA ROMAGNA6.500 NUOVI IMPIANTI, TITOLO COPRONO E SOTTOTITOLOFABBISOGNO 100.000 FAMIGLIEIl fotovoltaico piace all’Emila- Romagna, lo dimostra il numero di nuovi impianti fotovoltaici di privati,enti o pubbliche amministrazioni della Regione che Enel ha allacciato nel 2010 alla rete elettrica.Si tratta di 6.650 nuovi impianti che coprono il fabbisogno di 100.000 famiglie. Le centrali, spiegal’azienda, vanno da una potenza installata minima di 1,5 Kw ad un massimo di 6 Mw.Un investimento che ha garantito importanti risultati se si considera che in totale, grazie all’energiadel sole e al lavoro di Enel in fase di connessione, all’inizio del 2011 l’Emilia-Romagna si è arricchitadi 225,3 Mw da energie rinnovabili, consentendo così a una buona fetta della popolazione di sfruttareal meglio le risorse e i vantaggi delle nuove fonti energetiche.BOXA segnare il record di nuovi allacci fotovoltaici sono state la provincia di Bologna con 1.199 impiantiattivati nel 2010 e una potenza installata di 33,6 Mw, quella di Ravenna con 923 allacci e una potenzainstallata di 62,8 Mw, e quella diTESTOForlì-Cesena con 914 nuovi impianti e una potenza installata di 26,7Mw. Per quanto riguarda il fotovoltaico, secondo Enel, quello del 2010 è il miglior risultato di semprein Emilia-Romagna sia in termini numerici sia di potenzaBOXIMMAGINEBOXIMMAGINE


in collaborazione conEXPO 2015: MILANO SI PREPARA A ESSERE CENTRO MONDIALE SU RINNOVABILIAL VIA 118 PROGETTI TITOLO TEMATICIE SOTTOTITOLOMilano potrebbe diventare ‘’un centro mondiale per le energie rinnovabili’’, con un ruolo di ‘hub’ versol’Africa. E’ uno dei 118 progetti raccolti dai Tavoli tematici in vista dell’Expo 2015. L’idea, lanciata dalpresidente dell’Enel Piero Gnudi, viene sostenuta, tra gli altri, anche da Bruno Ermolli, presidente diPromos, l’azienda per l’internazionalizzazione delle imprese della Camera di Commercio di Milano.L’ipotesi è quella di candidare Milano quale ‘hub’ e ‘gate’ di accesso per gli investitori che voglionoavviare progetti nelle energie rinnovabili in Africa, anche basandosi su una direttiva del 2009 delParlamento Europeo per la promozione dell’uso dell’energia da fonti rinnovabili.BOXIl progetto fa parte dell’obiettivo ‘20-20-20’ e si basa sulla direttiva che prevede la possibilità dicomputare, per il conseguimento degli obiettivi degli Stati membri, l’elettricità prodotta da fontirinnovabili al di fuori dell’Unione a condizione che vi sia il trasferimento fisico dell’energia. In Europa cisono già alcune iniziative in questo senso; una di queste è il consorzio Desertec, cui partecipa ancheEnel green power, ora costituitoTESTOda diciassette grandi società rappresentative dell’area mediterranea.Obiettivo del consorzio è la generazione di energia elettrica da fonti rinnovabili nei deserti del NordAfrica.BOXIMMAGINEBOXIMMAGINE


in collaborazione conSALONE ENERGIE RINNOVABILI 2011 A LIONECON L’ICE OCCASIONE TITOLO PER OPERATORI E SOTTOTITOLOE RICERCATORI ITALIANIIl Salone delle Energie Rinnovabili, giunto quest’anno alla decima edizione, è uno degli avvenimenti diriferimento a livello internazionale per l’intero comparto delle energie rinnovabili. L’ICE organizza unapresenza istituzionale a favore degli operatori e ricercatori italiani del settore delle energie rinnovabili- applicabili ai settori edile, collettività urbane e industria - alla manifestazione Salon des EnergiesRenouvelables – EnR che si svolgerà a Lione dal 15 al 18 febbraio 2011.Si tratta, oltre alla possibilità di esporre i propri prodotti, di una importante opportunità di incontrotra espositori qualificati, in rappresentanza di tutte le filiere, e visitatori professionali del settore. PerBOXulteriori informazioni, il sito ufficiale èhttp://www.energie-ren.comLa Francia è oggi il secondo mercato europeo di tutte le filiere integrate delle energie rinnovabili,sistema che costituisce un importante volano di crescita. Il programma di attività del salone EnRprevede, oltre all’area espositiva con la presenza di aziende delle filiere dei settori fotovoltaico,termico, eolico e delle biomasse, la realizzazione di conferenze e dibattiti sulle tematiche delle energieTESTOrinnovabili e lo sviluppo sostenibile.Per le modalità di partecipazione è a disposizione l’ufficio Ice di Parigi, che puo’ fornire una vastagamma di servizi di marketing e informazioni commerciali, oltre all’assistenza e alle informazioninecessarie alle aziende interessate ad operare nel mercato francese ai seguenti recapiti:Tel: 00331 53757000Fax: 00331 45634034Email: parigi@ice.itBOXIMMAGINEBOXIMMAGINE


in collaborazione conAD ABU DHABI IL WORLD FUTURE ENERGY SUMMITIL GSE CON OLTRE 500 TITOLO AZIENDE E ADERENTI SOTTOTITOLO A CORRENTEPromuovere il know-how italiano nel settore delle rinnovabili e permettere alle aziende di punta delnostro Paese aderenti al portale Corrente di avviare possibili intese nell’area dei Paesi del Golfo.Questo l’obiettivo dell’iniziativa lanciata dal Gestore dei Servizi Energetici presente al World FutureEnergy Summit, ad Abu Dhabi dal 17 al 20 gennaio.Il GSE ha partecipato al Summit di Abu Dhabi con un’area espositiva all’interno del padiglioneItalia con un desk informativo, in cui è stato anche distribuito il catalogo Corrente che raccoglie leBOXaziende aderenti al progetto, a oggi oltre 500. Queste ultime, nello stand GSE, hanno la possibilitàdi effettuare incontri B2B con investitori e operatori internazionali. Sono previsti inoltre una serie diacquisita di recente dal Gestore.TESTOseminari organizzati dal GSE in collaborazione con RSE, Ricerca sul Sistema Energetico, la societàTra gli obiettivi della missione del GSE, quello di presentare le competenze di RSE e il ruolo chela società potrà svolgere nel progetto di Masdar City – la città a zero consumi che sorgerà a pochichilometri da Abu Dhabi – e di trasferire le esperienze italiane in tema di rinnovabili e di efficienzaenergetica.La presenza del GSE al World Future Energy Summit, patrocinata dal Ministero dello SviluppoEconomico, rientra in una collaborazione già avviata con gli Emirati Arabi Uniti in occasione dellarecente visita a Roma del promotore del progetto Masdar e viceministro degli Esteri, Sultan Al Jaber,durante la quale sono state individuate possibili aree di cooperazione. La missione del GSE è guidatadal presidente Emilio Cremona che, nel corso della visita ha incontrato i vertici di Irena, di Masdar,operatori internazionali del settore e la rappresentanza diplomatica italiana ad Abu Dhabi.BOXIMMAGINEBOXIMMAGINE


in collaborazione conGSE: PUBBLICATA LA GUIDA AL TERZO CONTO ENERGIASTRUMENTO CONSULTAZIONE TITOLO PER E SOTTOTITOLOOPERATORI FOTOVOLTAICOL’idea è fornire a tutti gli operatori interessati alla realizzazione di impianti fotovoltaici un agevolee completo strumento di consultazione. Un mezzo per avere informazioni sul quadro normativo diriferimento e sull’iter da compiere per accedere alle tariffe incentivanti e ai relativi premi, dalla fasedi richiesta al pagamento degli incentivi. Con questo scopo nasce la Guida al Terzo Conto Energiacurata dal GSE.Il Decreto interministeriale “Incentivazione della produzione di energia elettrica mediante conversionefotovoltaica della fonte solare”, emanato dal Ministero dello Sviluppo Economico di concerto con ilMinistero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, è stato redatto per dare continuità alBOXmeccanismo di incentivazione in Conto Energia per gli impianti fotovoltaici, già avviato con precedentidecreti del 2005-2006 (Primo Conto Energia) e 2007 (Secondo Conto Energia). La Guida, inoltre,illustra alcuni dei principali aspetti collegati agli impianti fotovoltaici, quali:• connessione degli impianti alla rete;• misurazione dell’energia prodotta;TESTO• valorizzazione dell’energia prodotta dagli impianti;• erogazione degli incentivi.Nelle Appendici A, B, E e F sono riportate dettagliatamente le fondamentali regole tecniche daseguire per soddisfare i requisiti necessari al riconoscimento degli incentivi. Nell’Appendice C sonofornite informazioni di base sugli aspetti tecnici ed economici che contraddistinguono la conversionesolare fotovoltaica. Tali informazioni sono rivolte, soprattutto, ai non esperti del settore, interessatiprincipalmente ad applicazioni di piccola taglia di tipo residenziale. Nell’appendice D, infine, sonoillustrati alcuni principi di base relativi alla filiera tecnologica degli impianti fotovoltaici a concentrazione.BOXIMMAGINEBOXIMMAGINE

More magazines by this user
Similar magazines