Amianto: nuova domanda per il riconoscimento dei benefici ... - Filbi

uilapotenza.org
  • No tags were found...

Amianto: nuova domanda per il riconoscimento dei benefici ... - Filbi

all’amianto e soggetti all’assicurazione INAIL e chese non avevano già presentato la domanda all’Istituto,potevano presentarla entro il 15 giugno 2005(D.M. 27 ottobre 2004). È stato proprio il D.M. 12marzo 2008 (G.U. 12 maggio 2008) che ha previstola possibilità di riesame delle domande già presentatenel 2005 dai lavoratori occupati in lavorazionia rischio amianto.La conseguente riapertura dei termini – La legge247/2007 ha sostanzialmente riaperto i termini perpresentare tale domanda. Va comunque evidenziatoche non si tratta di una vera e propria riapertura deitermini per la presentazione di nuove domande, madella possibilità di una diversa valutazione delle domandea suo tempo presentate all’INAIL, con l’individuazionedelle aziende per le quali è possibile applicarel’estensione della certificazione di esposizione all’amianto,ai fini dell’attribuzione di un trattamentopensionistico più favorevole ai lavoratori interessati.Per presentare le istanze di riesame della propria posizionei lavoratori devono rivolgersi alla sede INAILdi riferimento, entro il 27 maggio 2009, utilizzandoil nuovo modulo (A8) e devono possedere i seguentirequisiti:a. avere presentato all’INAIL domanda per il riconoscimentodell’esposizione all’amianto entro il 15 giugno2005;b. avere prestato nelle aziende interessate dagli attidi indirizzo adottati dal Ministero del lavoro la propriaattività lavorativa, con esposizione all’amiantoper i periodi successivi all’anno 1992 fino all’avviodell’azione di bonifica e, comunque, non oltre il 2ottobre 2003, con le mansioni e nei reparti indicatinei predetti atti di indirizzo, limitatamente ai repartio aree produttive per i quali i medesimi atti riconoscanol’esposizione protratta fino al 1992;c. non essere titolari di trattamento pensionistico condecorrenza anteriore alla data del 1° gennaio 2008.I termini e gli adempimenti – La domanda da parte degliinteressati deve essere presentata all’INAIL entro365 giorni dall’entrata in vigore del decreto, ossiaentro il 27 maggio 2009.La domanda deve essere corredata dalla documentazioneche dimostri la sussistenza dei requisiti indicatiin precedenza e in particolare la durata di esposizioneall’amianto per i periodi di attività lavorativasvolta nelle aziende interessate dagli atti di indirizzoche è certificato dall’INAIL.La data di avvio dell’azione di bonifica, differenziataper i singoli reparti o aree produttive individuatidagli atti di indirizzo ministeriale, è determinata dalleASL.La certificazione dei periodi di esposizione all’amiantoè rilasciata dall’INAIL previa acquisizione:a. della domanda del lavoratore. Verifica il possesso,da parte del lavoratore che ha presentato la nuovadomanda, dei requisiti previsti dall’art. 1 del decreto;b. della comunicazione da parte delle ASL. L’I-NAIL richiede alla ASL competente per territorio dideterminare, ai sensi del citato art. 2, comma 3 deldecreto, la data di avvio della bonifica, eventualmenteintervenuta entro il 2 ottobre 2003, differenziataper i singoli reparti o aree produttive individuati dagliatti di indirizzi ministeriali, con riferimento a ciascunodei siti produttivi sopra richiamati, in relazioneal quale risulti in istruttoria, a seguito delle predetteverifiche, almeno una nuova domanda corredatadi curriculum professionale attestante periodi lavorativisuccessivi al 1992. A tal fine trasmette alla ASLl’atto di indirizzo ministeriale comprensivo delle eventualiintegrazioni e fornisce le ulteriori informazioniritenute da quest’ultima indispensabili per lo svolgimentodelle attività di competenza. A seguito del ricevimentodella predetta comunicazione, incrocia ladata ivi indicata con le informazioni contenute nell’attodi indirizzo e nel curriculum professionale, al finedi procedere al rilascio della certificazione;c. del curriculum professionale del lavoratore interessato,rilasciato dal datore di lavoro. Verifica ilcurriculum professionale presentato, anche successivamenteal 27 maggio 2009, dal lavoratore in possessodei requisiti sopra indicati, al fine di individuarei periodi lavorativi successivi al 1992 prestati nei reparti,nelle aree produttive e con le mansioni per iquali gli atti di indirizzo riferiti ai singoli siti produttiviriconoscono l’esposizione all’amianto protrattaal 31 dicembre 1992.Va precisato che in caso di discordanza dallo schema,questo non costituisce elemento sufficiente perrespingere la nuova domanda. In particolare, si confermala validità delle domande già presentate utilizzandolo schema in precedenza reso disponibile sulsito istituzionale (http://www.inail.it). Nel caso incui le nuove domande risultino carenti delle necessarieinformazioni, le sedi provvedono a richiedernel’integrazione al lavoratore. Per data di presentazio-

More magazines by this user
Similar magazines