Autorità di Bacino Interregionale - Regione Molise

regione.molise.it

Autorità di Bacino Interregionale - Regione Molise

• nella videata che segue vediamo che nell’area di Gestione dei Servizi Locali (evidenziatacon il numero 6 in “Figura 1”) è stato aggiunto il nuovo servizio che si può selezionare pervisualizzare i layer che lo compongono o per gestire la trasparenza (spostandoorizzontalmente il cursore di intensità).L’operazione sopra descritta può essere ripetuta più volte generando ogni volta l’aggiunta di unnuovo servizio locale all’interno del visualizzatore. Per cancellare o spostare un servizio locale sipossono utilizzare i pulsantienell’area di Gestione dei Servizi Locali.- 5 -


UTILIZZO DEI SERVIZI WMSIl WMS (Web Map Service) è un protocollo di interoperabilità e interscambio, che permette dicondividere, via Internet, dataset geografici provenienti e gestiti da fonti diverse. Tale protocollo,che segue le specifiche tecniche dell'OGC (Open Geospatial Consortium) e le linee guida dellaDirettiva INSPIRE (Infrastructure for Spatial InfoRmation in Europe), consente di accedere alleinformazioni geografiche indipendentemente dalla piattaforma GIS posseduta e di poter disporre didati sempre aggiornati ed ufficiali, senza inutili duplicazioni e disallineamenti. A differenza diquanto succede con un classico visualizzatore, che accede solo a dati locali, con l'aggiunta di mappeWMS si possono costruire viste su dati gestiti in remoto e non necessariamente da una sola fonte.Di seguito sono descritti i passi necessari per aggiungere nuovi servizi WMS alla visualizzazione:• cliccare sul bottone (aggiungi servizi) presente nella Finestra Gestione Servizi WMS (evidenziata con il numero 8 in “Figura 1”)• nella “Finestra di Lavoro” (evidenziata con il numero 9 in “Figura 1”) comparirà un campoche consente di selezionare il server (Host) che eroga servizi WMS (in questo caso l’unicodisponibile è wms.pcn.minambiente.it, che espone tutti i servizi erogati sia dal Ministerodell’Ambiente che dagli enti federati).- 6 -


• cliccando il tasto “Aggiungi” nella “Finestra di Lavoro” comparirà un campo di selezione dacui è visibile l’elenco dei servizi WMS erogati dal server del Ministero, che possono essereaggiunti al visualizzatore con una modalità analoga a quella utilizzata per aggiungere servizilocali. Nella videata che segue vediamo un esempio di caricamento delle ORTOFOTO del2006, disponibili per i fusi 32 e 33 del sistema di riferimento UTM WGS 84 (le aree diinteresse dell’Autorità di Bacino ricadono sempre nel fuso 33).Anche per questo servizio si può gestire la trasparenza spostando orizzontalmente il cursore diintensità. L’operazione sopra descritta può essere ripetuta più volte generando ogni voltal’aggiunta di un nuovo servizio WMS all’interno visualizzatore. Per cancellare un servizioWMS si può utilizzare il pulsante nella sezione Finestra Gestione Servizi WMS ( evidenziatacon il numero 8 in “Figura 1”).- 7 -


Trova -Attivando il pulsante Trova il sistema elenca le ricerche impostate per gli strati informativiselezionati. Nel nostro caso l’unica ricerca attualmente disponibile è quella sui Comuni per nome;digitando il testo desiderato e cliccando sul bottone “OK”, se la ricerca trova all’interno della basedati almeno un record, nella “Finestra di Lavoro” il sistema propone il dettaglio dei record trovatied nella Finestra Cartografica evidenzia con il contorno giallo gli elementi selezionati, effettuandolo zoom sugli elementi individuati.Cliccando sulla colonna “@” del record desiderato il sistema effettuerà automaticamente uno zoomsulla località prescelta.- 10 -


è sufficiente tenere premuto il tasto sinistro del mouse e tracciare un rettangolo sulla “FinestraCartografica” cercando di selezionare le zone di interesse.Una volta rilasciato il tasto sinistro del mouse il sistema evidenzia con un colore giallo le areegeografiche selezionate e contemporaneamente la “Finestra di Lavoro” viene alimentata con leinformazioni delle aree selezionate, reperite all’interno della base dati.E’ possibile selezionare l’area di cui si vuole un maggiore dettaglio cliccando con il mouse sullacolonna “@” del record desiderato: a questo punto il sistema effettua uno zoom sulla zonacorrispondente al record selezionato.- 12 -


I SERVIZI WMS DELL’AUTORITA’ DI BACINOLe carte di pericolosità e di rischio da frana e da valanga sono disponibili, oltre che tramite WEBGIS anche in modalità WMS.L’utilizzo dei servizi WMS comporta due importanti e indiscutibili vantaggi per gli utenti finali deldato geografico:− inutilità di duplicazione dei dati in locale;− certezza di consultare/utilizzare una versione certificata dei dati richiesti in quanto il datoviene distribuito direttamente da chi lo produce e ne certifica l’attendibilità.I Servizi WMS vengono invocati usando un client (non necessariamente web) che supporti ilprotocollo Http, in forma di Uniform Resource Locators (URL).La richiesta è generata a livello di client e viene inviata al server WMS. Quest’ultimo legge edesegue la richiesta, ritornando i dati risultanti come immagine.Come già accennato, le applicazioni client che fanno la richiesta non devono esserenecessariamente web-based.Le istruzioni tecniche che seguono hanno l’obiettivo di guidare l’utente all’utilizzo dei serviziWMS che questa Autorità di Bacino mette a disposizione.Le istruzioni fanno riferimento al servizio WMS Carta del Rischio Idraulico, a cui si accedeutilizzando il programma GIS ArcMAP (ESRI). E’ possibile accedere ai servizi WMS ancheutilizzando altri software CAD/GIS, come ad esempio Autocad MAP 3D (Autodesk).Gli indirizzi URL di tutti i servizi esposti dall’Autorità di Bacino sono disponibili sulla Home Pagedel sito http://adbpcn.regione.molise.it, in due versioni che differiscono per il sistema cartograficodi riferimento (UTM WGS84 e UTM ED50).- 13 -


Accesso ai servizi WMS da ArcMAP (ESRI)Dopo aver aperto ArcMAP attivare il tasto di aggiunta dati (“Add Data”).Comparirà la finestra di ricerca dei dati da inserire.Selezionare “GIS Server” e successivamente “Add WMS Server”- 14 -


Comparirà la videata seguente in cui nel campo URL bisogna inserire l’indirizzo indicato sul sito (sipossono utilizzare i comandi copia/incolla). Ad esempio il servizio Carta del Rischio Idraulico nelsistema di riferimento UTM ED50 è disponibile utilizzando l’indirizzo seguente:http://adbpcn.regione.molise.it/cgi-bin/mapserv.exe?map=/ms_ogc/ed50/rischioi_wms.mapCliccando sul pulsante “Get Layers” nel riquadro sottostante compariranno le informazioni sulservizio. Per procedere cliccare “OK”.- 15 -


Il servizio comparirà nell’elenco, cliccare “Add” per aggiungerlo.Il risultato che si ottiene è il seguente: il servizio viene caricato nel software GIS e può essereutilizzato come una qualsiasi immagine raster.- 16 -


Ad esempio è possibile sovrapporvi altri dati locali (sia raster che vettoriali) ma anche dati WMSmessi a disposizione da altri enti.- 17 -

More magazines by this user
Similar magazines