Tutti i trekking in programma - Urban Center

urbancenterbologna.it

Tutti i trekking in programma - Urban Center

Sabato30Ottobrecalendarioa BolognaModalità di prenotazione in chiusura di opuscolooretitoloa cura diritrovoduratadifficoltà14.30Bologna modernae contemporaneaUrban Centere Ordine degli Architettidi BolognaUrban Center Sala Borsa2° ballatoio, Piazza Nettuno 33 km / 3 orefacile14.30Panorami perduti. Il territoriobolognese nella preistoriaMuseo Civico Archeologicodi Bologna e Museodella Preistoria LuigiDonini di San LazzaroMuseo della Preistoria Luigi Doninivia F.lli Canova 49San Lazzaro di Savena BO7 km / 2 ore e 30facile14.30Tracce di Bologna antica:alla scoperta di Felsina etruscafra le vie della cittàAppeninoSlowvia Paolo Fabbri - angolovia Massarenti5 km / 4 orefacile15La Manifattura delle Arti.Tour tra i luoghi della culturacontemporanea a BolognaDipartimento educativoMAMbo e Bibliotecadella CinetecaMAMbovia Don Minzoni 141 km / 2 ore e 30facile1517Sul filo dell’acqua: la Bolognamedievale tra chiuse, canali echiavicheMuseo del PatrimonioIndustriale incollaborazione con VitruvioParco di Villa Angelettivia Carracci1 km / 2 orefacile15.30Quando Bologna diventò ItaliaMuseo Civico delRisorgimentoMuseo Civico del Risorgimentopiazza Carducci 54 km / 2 orefacile15.30Arti, traffici e mestieri: la città deimercati, la città dei mercantiLe Guide d’ArtePiazza Maggioredi fronte all’Ufficio IAT1, 5 km / 2 orefacile15.30Briciole di sapori, odori e coloriIl FuorinclasseDavanti alla Pinacoteca Nazionalevia Belle Arti 551, 5 km / 3 orefacile15.30Bologna ... con i sensi!DidascoFontana del Nettunolato palazzo comunale3 km / 2 orefacile16Quando le sculture erano in piazzaMuseo CivicoMedievaleMuseo Civico Medievalevia Manzoni 41 ora e 30facile16La ricerca del tesoroCentro Studi dellaCultura Popolare eMuseo Beata Verginedi San LucaMuseo della Beata Verginedi San Lucapiazza di porta Saragozza 2/a3 km / 2 orefacile17.15Museo con vistaCollezioni ComunaliD’ArteCollezioni Comunali d’Artepalazzo D’Accursio - 2° pianopiazza Maggiore 61 ora e 30facile


Domenica31Ottobrecalendarioa BolognaModalità di prenotazione in chiusura di opuscolooretitoloa cura diritrovoduratadifficoltà8.30I rifugi bellici a BolognaAmici delle vie d’Acquae dei Sotterranei diBolognaParco di Villa Spadavia Saragozza(angolo via di Casaglia 1-3)5 km / 4 orefacile9Trekking di Bologna modernaIstituzioneMusei CiviciMuseo Civico del Risorgimentopiazza Carducci 54, 5 km / 7 ore e 30facile9.30Il Sentiero CAI Bologna 902. SanMichele in Bosco, parco di ForteBandiera e Cenobio di San VittoreConsultaEscursionismo diBologna-Trekking Italiavia Codivillaingresso Giardini Remo Scoto4 km / 3 ore e 30facile9.30Il Colle dell’Osservanza: uno dei piùbei panorami sulla nostra cittàConsultaEscursionismo diBologna - Club AlpinoItalianoIngresso dei Giardinidi Ingegneria, viale Aldinidi fronte a Porta Saragozza2 km / 2 ore e 30media10Dai boschi di San Michele allevecchie botteghe della piazzaBologna GuidePiazzale di San Michele in Bosco2 km / 2 ore e 30facile10Toccare l’Arte in cittàIstituto dei ciechiF. CavazzaChiesa di Santo StefanoPiazza Santo Stefano1 km / 2 ore e 30facile10Trekking di Bologna anticaIstituzioneMusei CiviciMuseo Civico Archeologicovia dell’Archiginnasio 21 km / 4 orefacile10Il gusto del saperePrima ClassePiazza Galvanipresso il monumento1, 5 km / 2 orefacile10.30Arti, traffici e mestieri: la città deimercati, la città dei mercantiLe Guide d’ArtePiazza Maggioredi fronte all’Ufficio IAT1, 5 km / 2 orefacile10.3015.30Scienza, musica e tecnologia:un viaggio affascinante allascoperta degli strumenti dellamoderna comunicazioneMuseo dellaComunicazionee del MultimedialeG. PelagalliMuseo della Comunicazionevia Col di Lana 7/n1 ora e 30facile10.3016L’oca nel ghetto. Momenti di vita,sapori, storie della Bologna ebraicadel CinquecentoMuseo Ebraicodi BolognaMuseo Ebraico di Bolognavia Valdonica 1/51 km / 2 orefacile14Sulle vie della libertà:luoghi, personaggi, episodidella Bologna in guerraIBC Emilia RomagnaIngresso Palazzo D’Accursiopiazza Maggiore 65 km / 3 orefacile


Domenica31Ottobrecalendarioa BolognaModalità di prenotazione in chiusura di opuscolooretitoloa cura diritrovoduratadifficoltà14.3016La città che sfida le nuvole:Bologna e le sue torriGAIA eventie Torre PrendiparteFontana del Nettunopiazza del Nettuno1 km / 2 oremedia15La Bologna di Giorgio MorandiDipartimento educativoMAMboCasa Morandivia Fondazza 362 km / 2 ore e 30facile15.30Briciole di sapori, odori e coloriIl FuorinclasseDavanti alla Pinacoteca Nazionalevia Belle Arti 551,5 Km / 3 orefacile15.30Bologna ... con i sensi!DidascoFontana del Nettunolato palazzo comunale3 km / 2 orefacile16La ricerca del tesoroCentro Studi dellaCultura Popolaree Museo Beata Verginedi San LucaMuseo della BeataVergine di San Lucapiazza di porta Saragozza 2/a3 km / 2 orefacile17.30Scoprire Bologna “Cittàcreativa della Musica”.Tracce e suggestionidella produzione musicalepiù recenteCentro AntartideCappella Farnese2° piano Palazzo D’AccursioPiazza Maggiore 62, 5 km / 2 ore e 30facile


Sabato30Ottobrecalendarioin provinciaoretitoloa cura diritrovoduratadifficoltà9A Vergato, tra pievi, sorgentied antichi camminamentiComune di Vergatocon la collaborazionedelle associazionilocaliStazione FSpiazza Giovanni XXIII 3Vergato BO13 km / 5 oremedia9A passeggio tra ville antichee arte modernaUfficio IAT di ZolaPredosaVilla Edvige Garagnanivia Masini 11 - Zola Predosa BO6 km / 8 orefacile15A ritroso nel tempo…alla luce del crepuscoloMuseo ArcheologicoAmbientale di SanGiovanni in PersicetoStazione ferroviariavia AstengoSan Giovanni in Persiceto BO5 km / 3 ore e 30facile16Sulle ormedegli antichi bazzanesiMuseo CivicoArcheologico“Arsenio Crespellani”di BazzanoPiazza GaribaldiBazzano BO2 orefacile


Domenica31Ottobrecalendarioin provinciaoretitoloa cura diritrovoduratadifficoltà9Otium e negotium: viaggio traantichi luoghi di villeggiaturae arte modernaUfficio IAT di ZolaPredosaVilla Edvige Garagnanivia Masini 11 - Zola Predosa BO7 km / 9 orefacile9A Vergato, tra pievi, sorgenti edantichi camminamentiComune di Vergatocon la collaborazionedelle associazionilocaliImpianti sportivivia dello Sport - Cereglio BO16 km / 6 oremedia10A Castel Del Rio, borgorinascimentale, tra ricordidi guerra, antichi camminamentie scenari naturaliSTAI – SocietàTurismo Area Imolesee Pro Loco di Casteldel RioPro-Loco AlidosianaPiazza Repubblica 96Castel del Rio BO5 km / 2 oremedia11.30I gessi di Bologna: dal Parco deiGessi al cuore della cittàAppennino Slow incollaborazione conCAI Bologna - SettoreEscursionismo EmiliaRomagnaPonticella - via Edera(capolinea bus 11/b) Bologna11 km / 5 ore e 30impegnativa16Sulle ormedegli antichi bazzanesiMuseo CivicoArcheologico“Arsenio Crespellani”di BazzanoPiazza GaribaldiBazzano BO2 orefacile


Sabato30OttobreVisite guidatea Bologna


Quando l’acqua era trasporto e forza motriceLa navigazione e l’industria del Canale NavileA cura della Consulta Escursionismo di Bologna - Trekking ItaliaIl percorso si svolge lungo il Canale Navile dal Sostegno della Bova a Corticella vecchia. Il Canale Navile sin dalMedioevo fu la principale via navigabile che collegava Bologna al grande fiume Po e quindi al trafficatissimoporto di Venezia. Rimase in uso fino al secondo dopoguerra e lungo le sue rive si attestarono gli insediamentiproduttivi che sfruttavano l’energia data dall’acqua con le ruote a pale, come le fornaci, i mulini e le piccolecentrali elettriche. Lungo il percorso sono ben visibili i resti di opifici, testimonianze di storia industriale, lechiuse ed i sostegni usati per consentire alle imbarcazioni di superare i dislivelli. Si passerà presso il Museodel Patrimonio Industriale ricavato in una ex fornace per mattoni dove, oltre al recupero archeo-industriale, sipotrà vedere una ricostruzione molto interessante del mulino da seta, un’invenzione bolognese di macchinaindustriale in funzione tra il ‘400 e il ‘700. Si giungerà infine al Ponte della Bionda, oggi restaurato grazie all’iniziativadell’associazione “Il Ponte della Bionda”, dove i briganti attendevano le imbarcazioni per depredarle.Luogo di ritrovoSostegno della Bovavia Bovi CampeggiPartenzaore 9DifficoltàfacileDurata5 km4 oreIl sentiero CAI Bologna 902San Michele in Bosco, parco di Forte Bandiera e Cenobio di San VittoreA cura della Consulta Escursionismo di Bologna - Trekking ItaliaInaugurato lo scorso maggio, il sentiero CAI BO 902 è lungo circa 4 km con un dislivello di 250 m.L’itinerario, che collega il Parco di San Michele in Bosco con quello di Forte Bandiera, risale le vallidel torrente Aposa e del suo affluente rio Costarella, tagliando le pendici di Monte San Vittore e delcolle di Barbiano.Dal Giardino Remo Scoto in via Codivilla, si entra nel parco e si sale al belvedere di San Michelein Bosco. Attraverso gli Istituti Ortopedici Rizzoli si raggiunge via San Vittore e si prosegue sinoall’incrocio con via di Barbiano e quindi Forte Bandiera (300 m).Si visitano San Michele in Bosco e l’antico Cenobio di San Vittore.BOLOGNASabato 30Luogo di ritrovoVia Codivillaingresso Giardini Remo ScotoPartenzaore 9.30DifficoltàfacileDurata4 km3 ore e 30


La Chiusa di CasalecchioCome Bologna è diventata città d’acquaA cura della Consulta Escursionismo di Bologna - Percorsi di PaceLa storia di Bologna delle acque inizia con la Chiusa di Casalecchio, la più importante e prestigiosarealizzazione del sistema idraulico bolognese del periodo medievale. L’opera, datata 1191 e ancoraadesso perfettamente funzionante, venne realizzata per convogliare le acque del fiume Renoall’interno della città e divenne in breve la fonte primaria d’energia idraulica per muovere centinaiadi mulini, cartiere, filatoi e magli per battere il ferro. Bologna divenne così una città industriale ingrado di competere direttamente con le più grandi città d’Europa. La Casa del Ghiaccio sul CanaleReno, derivato dall’omonimo fiume, testimonia che Bologna, oltre ad essere un’insospettabile cittàd’acqua, era anche molto fredda d’inverno.Luogo di ritrovo - Cancelli di via Porrettana187, Casalecchio di Reno (FermataCasalecchio vecchio Municipio - bus 20 a 50 metri)Partenzaore 9.30DifficoltàfacileDurata1 km3 ore e 30L’Orto Botanico dell’UniversitàUn giardino di delizie nel centro storico di BolognaA cura dell’Orto BotanicoUna passeggiata all’interno dell’Orto Botanico comprese le serre, con l’illustrazione delle specie piùinteressanti dal punto di vista botanico e officinale. Di particolare interesse, la visita degli ambientinaturali qui ricostruiti, come il bosco di pianura e lo stagno. Si consiglia lo spray antizanzare.Percorso tradotto in Lingua dai Segnicon la collaborazione delle allievedei corsi LIS dell’Associazione LIS_LearningLuogo di ritrovoOrto Botanico, via Irnerio 42Partenza1° gruppo ore 9.302° gruppo ore 11.30DifficoltàfacileDurata0,6 km1 ora e 30BOLOGNASabato 30


Una città in musicaA passeggio tra Museo della Musica e Teatro ComunaleA cura del Museo Internazionale e Biblioteca della Musicain collaborazione con la Fondazione Teatro ComunaleUn percorso a passeggio tra i numerosi luoghi di Bologna legati alle vicende musicali del presente e del passato. Dalle originidell’Euridice fiorentina del 1600 fino alle vicende e ai protagonisti del melodramma dell’800 attraverso documenti unici, spartiti,partiture e modellini teatrali d’epoca, immagini di cantanti e musicisti, “reliquie” private conservate al Museo della Musica. Il percorsosi conclude al Teatro Comunale per visitare la meravigliosa sala del Bibiena, conoscere le polemiche che accompagnarono la suatravagliata nascita, apprezzare le caratteristiche che lo hanno reso famoso nei secoli, con un’insolita escursione sotterranea.BOLOGNASabato 30Luogo di ritrovoMuseo Internazionale e Bibliotecadella Musica, Strada Maggiore 34Partenzaore 10DifficoltàfacileDurata2 km2 ora e 30


L’evoluzione del gusto tra Rinascimento e BaroccoA cura del Museo Civico Davia BargelliniLa ricca collezione di dipinti e di sculture permette di comprendere con facilità le nuove regole per la rappresentazione dellospazio, che divennero la principale caratteristica dell’arte rinascimentale. Il fasto e il gusto per la teatralità e l’illusionismo checontraddistinguono l’arte barocca sono ben rappresentati sia dall’architettura dello scalone del palazzo, sia dai numerosi arredi equadri conservati presso il Museo.Percorso tradotto in Lingua dai Segnicon la collaborazione delle allievedei corsi LIS dell’Associazione LIS_LearningLuogo di ritrovoMuseo Davia BargelliniStrada Maggiore 44Partenzaore 10DifficoltàfacileDurata1ora e 30BOLOGNASabato 30


Dai boschi di San Michelealle vecchie botteghe della piazzaA cura di Bologna GuidePartenza dal piazzale più panoramico della città, San Michele in Bosco. Facile trekking in discesadalle balsamiche pendici della collina ai mercati variopinti ed odorosi di cibo del Quadrilatero,passando per interni ed esterni di ambienti artistici e per borghi popolareschi, parlando di tradizioni,di artisti, gilde medievali, “mangiari” bolognesi e di Santi.Il percorso inizia con la visita al chiostro e al corridoio del complesso di San Michele; scendendo siincontrano: la Fonte Remonda, l’Osteria Moretto, il Borgo di fronte all’Annunziata, via D’Azeglio, viaMirasole, Corte Galluzzi, Piazza Maggiore e il Quadrilatero.Luogo di ritrovoPiazzale di San Michele in BoscoPartenzaore 10DifficoltàfacileDurata2 km2 ore e 30Il gusto del sapereA cura di Prima ClasseLa diffusione dello studio e la sete di conoscenza hanno dato per secoli lustro a Bologna, da sempreterra di passaggio di popoli e culture: un breve viaggio attraverso alcuni aspetti della vita quotidianadegli studenti “bolognesi”. Partendo da Piazza Galvani, il percorso toccherà l’Archiginnasio, SanDomenico e i Glossatori, San Procolo.BOLOGNASabato 30Luogo di ritrovoPiazza Galvanipresso il monumentoPartenzaore 10DifficoltàfacileDurata1,5 km2 ore


Toccare l’Arte in CittàA cura dell’Istituto dei Ciechi F. CavazzaLa visita inizia con la Basilica di Santo Stefano, dove sarà possibile esplorare al tatto alcuni esemplari di scultura medievale di pregio.A seguire visita alla Chiesa di San Giovanni in Monte e al Museo tattile di pittura antica e moderna Anteros dell’Istituto dei Ciechi F.Cavazza, dove la percezione tattile di opere pittoriche trasformate in valori plastici permetterà una particolare visione della pitturae dei suoi contenuti.Luogo di ritrovoChiesa di Santo Stefanopiazza Santo StefanoPartenzaore 10DifficoltàfacileDurata1km2 ore e 30BOLOGNASabato 30


La città che sfida le nuvole: Bologna e le sue torriA cura di GAIA Eventi e Torre PrendiparteIl percorso passa per alcune delle più suggestive torri gentilizie.L’itinerario inizia da Piazza Maggiore, prosegue per Corte Galluzzi, che ospita la torre omonima, fino a Piazza di Porta Ravegnanadominata dalle torri Asinelli e Garisenda. Attraverso le suggestive vie attigue alla cattedrale, dalle quali si elevano alcune belle torri,si giungerà infine alla Torre Prendiparte.La salita sulla Prendiparte è una imperdibile emozione, un excursus nel passato, un arrampicarsi per i muri della storia, fra scaleardite e provvidenziali corrimano di robusta corda, per ammirare la Suite, le Prigioni e la Terrazza sul centro storico di Bologna, a 60metri d’altezza.Luogo di ritrovoFontana del Nettunopiazza del NettunoPartenza1° gruppo ore 14.302° gruppo ore 16DifficoltàmediaDurata1km2 oreBOLOGNASabato 30


Il Colle dell’OsservanzaUno dei più bei panorami sulla nostra cittàA cura della Consulta Escursionismo di Bologna - Club Alpino ItalianoSi parte dai Giardini della Facoltà di Ingegneria e attraverso un suggestivo sentiero si arriva in cimaad uno dei più bei colli che si affacciano su Bologna.In cima all’Osservanza, la visita si sofferma sulla Rotonda della Madonna del Monte, il Conventodell’Osservanza e l’esterno di Villa Aldini, dal cui terrazzo e dal prato che la circonda si può godereun’ampia vista panoramica che si estende dal cuore della città alla collina bolognese.Luogo di ritrovoIngresso dei Giardini di Ingegneriaviale Aldini di fronte a Porta SaragozzaPartenzaore 14.30DifficoltàmediaDurata2 km2 ore e 30Bologna moderna e contemporaneaA cura di Urban Center e Ordine degli Architetti di BolognaA fianco della Bologna antica dei portici e dei cortili esiste la città costruita in epoca moderna,troppo spesso sottovalutata. La passeggiata intende riscoprire gli interventi urbanistici e gli edificipiù significativi degli ultimi cento anni e si conclude in una delle zone della città oggi in grandetrasformazione, la cosiddetta Bolognina. Dalla nuova sede del Comune, cuore della trasformazione,sarà possibile godere una vista mozzafiato sull’intera città.BOLOGNASabato 30Luogo di ritrovoUrban Center Sala Borsa2° ballatoio, piazza Nettuno 3Partenzaore 14.30DifficoltàfacileDurata3 km3 ore


La Manifattura delle ArtiTour tra i luoghi della cultura contemporanea a BolognaA cura del Dipartimento educativo MAMbo e della Biblioteca della CinetecaLa Manifattura delle Arti, luogo ricco di storia e di suggestioni, antico porto fluviale, è oggi il polo culturale contemporaneo della città,riunendo in più di 100.000 metri quadrati MAMbo, Cineteca, Salara e due sedi universitarie.Un percorso per conoscere l’antica funzione industriale della zona e la specificità artistica delle sedi rinnovate, con particolareattenzione al MAMbo - ospitato nell’edificio dell’ex forno del pane – e alla biblioteca della Cineteca, famosa in tutto il mondo, con unavisita speciale ai suoi archivi. Si termina con una breve proiezione di foto storiche dell’area.Percorso tradotto in Lingua dai Segnicon la collaborazione delle allievedei corsi LIS dell’Associazione LIS_LearningBOLOGNASabato 30Luogo di ritrovoMAMbo, via Don Minzoni 14Partenzaore 15DifficoltàfacileDurata1km2 ore e 30


Sul filo dell’acquaLa Bologna medievale tra chiuse, canali e chiavicheA cura del Museo del Patrimonio Industriale in collaborazione con VitruvioFin dal XII secolo Bologna si dotò di un complesso sistema idraulico artificiale composto da chiuse,canali e chiaviche. L’acqua, adeguatamente governata e controllata, ricopriva la duplice funzione difonte energetica per l’alimentazione di vari opifici (mulini da grano, da seta in particolare) e di via dicomunicazione attraverso il porto canale e il Navile con il Po e il mar Adriatico.Questo sistema, perfezionato e gestito nei secoli con grande lungimiranza dal governo cittadino,rimase funzionale ai bisogni della città fino agli inizi del XX secolo.Il percorso raggiunge il Museo del Patrimonio Industriale navigando proprio sul Navile, dal parco diVilla Angeletti sino al sostegno del Battiferro, manufatto idraulico di grande pregio nei pressi del qualesorgono diverse emergenze di archeologia industriale. Il percorso si conclude con la visita al Museo.Luogo di ritrovoIngresso Parco di Villa Angelettivia CarracciPartenza1° gruppo ore 152° gruppo ore 17DifficoltàfacileDurata1 km2 oreArti, traffici, mestieriLa città dei mercati, la città dei mercantiA cura di Le Guide D’ArtePer secoli il cuore di Bologna è stato un immenso mercato giornaliero. Mercanti e artigiani non sonosolo i protagonisti della vita economica quotidiana ma rappresentano, durante il Medioevo, ancheuna straordinaria compagine politica e sociale. Colori, sapori e profumi sono legati al commercioquotidiano che si svolge tra buche, banchi, carretti e osterie e che occupa una vasta zona all’internodella cerchia del Mille.Un itinerario attraverso i luoghi, le strade, le piazze e le testimonianze che hanno contrassegnatoper secoli la quotidianità economica e sociale della città.BOLOGNASabato 30Luogo di ritrovoPiazza Maggioredi fronte all’Ufficio IATPartenzaore 15.30DifficoltàfacileDurata1,5 km2 ore


Briciole di sapori, odori e coloriA cura di Il FuorinclasseSapori e odori del passato vengono riscoperti attraverso le opere d’arte custodite in alcuni deiluoghi simbolo di Bologna. L’itinerario mira ad abbozzare un ritratto vivace e “colorato” della vitache si teneva in città, nei palazzi e nelle piazze distribuite lungo il percorso, alla ricerca di aromi ecibi dimenticati, degli usi e dei costumi di una società che utilizzava i prodotti dell’attività agricoladelle proprie ville di campagna.Luogo di ritrovoDavanti alla Pinacoteca Nazionalevia Belle Arti 55Partenzaore 15.30DifficoltàfacileDurata1,5 km3 oreBologna… con i sensi!A cura di DidascoChe sapore ha Bologna? Che odore ha? È calda o fredda? Liscia o Morbida? È possibile esplorarela città usando un senso diverso dalla vista? È possibile scoprire nuovi aspetti della storia e dellacultura di Bologna usando anche gli altri 4 sensi?Attraverso questa visita guidata, tra informazioni storiche e attività sensoriali, sarà possibilescoprire aspetti dimenticati, unendo la voglia di divertirsi al rigore scientifico.Luogo di ritrovoFontana del Nettuno, lato Palazzo Comunale,dove c’è la grande finestra con due aquilePartenzaore 15.30DifficoltàfacileDurata3 km2 oreBOLOGNASabato 30


Quando le sculture erano in piazzaA cura del Museo Civico MedievaleLa collezione di sculture medievali e rinascimentali è una delle raccolte più prestigiose del museoe può vantare alcuni dei maggiori monumenti scultorei cittadini: le arche dei dottori dello Studiumuniversitario. I capolavori del museo - come la statua di Bonifacio VIII, il Trittico marmoreo diJacopo della Quercia e il Nettuno di Giambologna - permettono di indagare compiutamente lacultura artistica regionale e soprattutto quella cittadina dall’apogeo medievale ai grandi mutamentidel Cinquecento.Luogo di ritrovoMuseo Civico Medievalevia Manzoni 4Partenzaore 16DifficoltàfacileDurata1 ora e 30La ricerca del tesoroA cura del Centro Studi della Cultura Popolaree Museo Beata Vergine di San LucaSi parte dal Museo della Beata Vergine di San Luca per scorgere immagini sacre esterne lungole vie di Bologna che da Porta Saragozza conducono alla Cattedrale, per giungere infine allascoperta del Tesoro della Cattedrale, ricco di testimonianze di arte e fede, dal secolo XV alsecolo XX. Appena riordinato e riaperto, il Museo è un prezioso scrigno di storia di Bologna,della sua Chiesa, dei suoi Pastori.BOLOGNASabato 30Luogo di ritrovoMuseo della Beata Vergine di S. Lucapiazza di Porta Saragozza 2/aPartenzaore 16DifficoltàfacileDurata3 km2 ore


Museo con vistaA cura delle Collezioni Comunali d’ArteAmbienti imponenti e vedute di grande suggestione caratterizzano le Collezioni Comunali d’Arte che, poste al secondo piano delpalazzo pubblico, si affacciano su Piazza Maggiore e occupano una parte dell’appartamento del Cardinal Legato, il rappresentantepolitico del Papa a Bologna.Luogo di ritrovoCollezioni Comunali d’Arte, Palazzod’Accursio - 2° piano, piazza Maggiore 6Partenzaore 17.15DifficoltàfacileDurata1 ora e 30BOLOGNASabato 30


Domenica31OttobreVisite guidatea Bologna


I rifugi bellici a BolognaA cura di Amici delle Vie d’Acqua e dei Sotterranei di BolognaVisita ad alcuni dei più importanti rifugi bellici cittadini comunali e privati, con racconti su come siviveva all’interno e durante i bombardamenti.Dai rifugi per civili allestiti nella zona collinare e all’interno dei palazzi, a quello di Villa Benni doveera insediato un importante comando tedesco.Si consiglia di portare una piccola torcia.Luogo di ritrovoParco di Villa Spada, via Saragozza(angolo via di Casaglia 1-3)Partenzaore 8.30DifficoltàfacileDurata5 km4 oreIl sentiero CAI Bologna 902San Michele in Bosco, parco di Forte Bandiera e Cenobio di San VittoreA cura della Consulta Escursionismo di Bologna - Trekking ItaliaInaugurato lo scorso maggio, il sentiero CAI BO 902 è lungo circa 4 km con un dislivello di 250 m.L’itinerario, che collega il Parco di San Michele in Bosco con quello di Forte Bandiera, risale le vallidel torrente Aposa e del suo affluente rio Costarella, tagliando le pendici di Monte San Vittore e delcolle di Barbiano.Dal Giardino Remo Scoto in via Codivilla, si entra nel parco e si sale al belvedere di San Michelein Bosco. Attraverso gli Istituti Ortopedici Rizzoli si raggiunge via San Vittore e si prosegue sinoall’incrocio con via di Barbiano e quindi Forte Bandiera (300 m). Si visitano San Michele in Bosco el’antico Cenobio di San Vittore.BOLOGNADomenica 31Luogo di ritrovoVia Codivillaingresso Giardini Remo ScotoPartenzaore 9.30DifficoltàfacileDurata4 km3 ore e 30


Trekking di Bologna ModernaA cura dell’Istituzione Musei CiviciUna giornata interamente dedicata alla visita ai Musei Civici, che per la prima volta organizzano un tour alla scoperta del legame trale loro collezioni e la città.Il trekking di Bologna Moderna inizia con la visita al Museo del Risorgimento, istituito nel 1888 con lo scopo di celebrare ed eternarela memoria di quel “mito” fondativo nazionale a partire dal quale la Bologna postunitaria andava ridisegnando la propria immaginee la propria struttura. Attraverso un itinerario nella Bologna Risorgimentale, si arriverà presso il Museo Davia Bargellini, ospitatoin uno dei palazzi barocchi più belli di Bologna. Si prosegue con una sosta al Museo della Musica, sulle orme di Padre Martini, perproseguire con la visita alla città delle acque da Piazza San Martino fino al Museo del Patrimonio Industriale.A pranzo è prevista una pausa libera di un’ora.Luogo di ritrovoMuseo Civico del Risorgimentopiazza Carducci 5Partenzaore 9DifficoltàfacileDurata4,5 km / 7 ore e 30compresa pausaBOLOGNADomenica 31


Il Colle dell’OsservanzaUno dei più bei panorami sulla nostra cittàA cura della Consulta Escursionismo di Bologna - Club Alpino ItalianoSi parte dai Giardini della Facoltà di Ingegneria e attraverso un suggestivo sentiero si arriva in cimaad uno dei più bei colli che si affacciano su Bologna.In cima all’Osservanza, la visita si sofferma sulla Rotonda della Madonna del Monte, il Conventodell’Osservanza e l’esterno di Villa Aldini, dal cui terrazzo e dal prato che la circonda si può godereun’ampia vista panoramica che si estende dal cuore della città alla collina bolognese.Luogo di ritrovoIngresso dei Giardini di Ingegneriaviale Aldini di fronte a Porta SaragozzaPartenzaore 9.30DifficoltàmediaDurata2 km2 ore e 30Dai boschi di San Michelealle vecchie botteghe della piazzaA cura di Bologna GuidePartenza dal piazzale più panoramico della città, San Michele in Bosco. Facile trekking in discesadalle balsamiche pendici della collina ai mercati variopinti ed odorosi di cibo del Quadrilatero,passando per interni ed esterni di ambienti artistici e per borghi popolareschi, parlando di tradizioni,di artisti, gilde medievali, “mangiari” bolognesi e di Santi.Il percorso inizia con la visita al chiostro e al corridoio del complesso di San Michele; scendendo siincontrano: la Fonte Remonda, l’Osteria Moretto, il Borgo di fronte all’Annunziata, via D’Azeglio, viaMirasole, Corte Galluzzi, Piazza Maggiore e il Quadrilatero.BOLOGNADomenica 31Luogo di ritrovoPiazzale di San Michelein BoscoPartenzaore 10DifficoltàfacileDurata2 km2 ore e 30


Toccare l’Arte in cittàA cura dell’Istituto dei Ciechi F. CavazzaLa visita inizia con la Basilica di Santo Stefano, dove sarà possibile esplorare al tatto alcuni esemplari di scultura medievale dipregio. A seguire visita alla Chiesa di San Giovanni in Monte e al Museo tattile di pittura antica e moderna Anteros dell’Istituto deiCiechi F. Cavazza, dove la percezione tattile di opere pittoriche trasformate in valori plastici permetterà una particolare visionedella pittura e dei suoi contenuti.Luogo di ritrovoChiesa di Santo Stefanopiazza Santo StefanoPartenzaore 10DifficoltàfacileDurata1km2 ore e 30BOLOGNADomenica 31


Trekking di Bologna anticaA cura dell’Istituzione Musei CiviciUna giornata interamente dedicata alla visita ai Musei Civici, che per la prima volta organizzano un tour alla scoperta del legame trale loro collezioni e la città.Il trekking di Bologna antica inizia con la visita al Museo Archeologico dal quale si raggiungerà il Museo Medievale attraverso PiazzaMaggiore, via Rizzoli e via Indipendenza, dove durante gli interventi urbanistici di ‘800 e ‘900 vennero alle luce testimonianze dall’etàdel rame fino all’età romana. Durante il tragitto si approfondiranno alcuni spunti sulla città antica e sulla ricerca archeologica che neha permesso la conoscenza. Dopo la visita al Museo Civico Medievale, la cui sede, uno degli esempi più significativi di architetturadi età Bentivolesca, raccoglie resti significativi di epoca romana e medievale, si raggiungerà Palazzo Comunale, sede delle CollezioniComunali d’Arte, percorrendo le zone dove più significativa è la presenza di tracce che rimandano alla città medievale.Le Collezioni Comunali d’Arte, situate presso Palazzo d’Accursio, che dalla sua origine fu la sede del potere a Bologna, si affaccianosulla scenografica Piazza Maggiore.BOLOGNADomenica 31Luogo di ritrovoMuseo Civico Archeologicovia dell’Archiginnasio 2Partenzaore 10DifficoltàfacileDurata1 km4 ore


Il gusto del sapereA cura di Prima ClasseLa diffusione dello studio e la sete di conoscenza hanno dato per secoli lustro a Bologna, da sempreterra di passaggio di popoli e culture: un breve viaggio attraverso alcuni aspetti della vita quotidianadegli studenti “bolognesi”. Partendo da Piazza Galvani, il percorso toccherà l’Archiginnasio, SanDomenico e i Glossatori, San Procolo.Luogo di ritrovoPiazza Galvanipresso il monumentoPartenzaore 10DifficoltàfacileDurata1,5 km2 oreArti, traffici, mestieriLa città dei mercati, la città dei mercantiA cura di Le Guide D’ArtePer secoli il cuore di Bologna è stato un immenso mercato giornaliero. Mercanti e artigiani non sonosolo i protagonisti della vita economica quotidiana ma rappresentano, durante il Medioevo, ancheuna straordinaria compagine politica e sociale. Colori, sapori e profumi sono legati al commercioquotidiano che si svolge tra buche, banchi, carretti e osterie e che occupa una vasta zona all’internodella cerchia del Mille.Un itinerario attraverso i luoghi, le strade, le piazze e le testimonianze che hanno contrassegnatoper secoli la quotidianità economica e sociale della città.Luogo di ritrovoPiazza Maggioredi fronte all’Ufficio IATPartenzaore 10.30DifficoltàfacileDurata1,5 km2 oreBOLOGNADomenica 31


Scienza, Musica e TecnologiaUn viaggio affascinante alla scoperta degli strumenti della moderna comunicazioneA cura del Museo della Comunicazione e del Multimediale G. PelagalliOltre 2000 pezzi che raccontano 250 anni di storia e di evoluzione degli strumenti della modernacomunicazione. 12 sono i settori museali allestiti: dal telegrafo a fili di Morse alla radiotelegrafia eradiofonia di Marconi, fino al satellitare di oggi; dalla radiovisione e televisione di Baird ai modernisistemi video digitali; dalle Lanterne magiche al cinema dei Fratelli Lumière, fino al cinema di oggi;dal telefono di Meucci ai cellulari I-PHONE; dal fonografo con cilindro e grandi trombe di Edisonal disco in vinile, al CD DVD I-POOD; poi 100 anni di canzoni con i coloratissimi Juke Boxes e 11.000“titoli” pronti per essere gettonati. Inoltre la dolcissima e romantica musica dei carillon, pianole,organi, organetti meccanici del ‘700/’800. In mostra anche numerosissimi cimeli e pezzi originali“firmati” Marconi. Durante la visita numerosi pezzi esposti vengono messi in funzione.Luogo di ritrovoMuseo della Comunicazionevia Col di Lana 7/nPartenza1° gruppo ore 10.302° gruppo ore 15.30DifficoltàfacileDurata1 ora e 30L’oca nel ghettoMomenti di vita, sapori, storie della Bologna ebraica del CinquecentoA cura del Museo Ebraico di BolognaL’oca rappresenta l’animale più versatile della cucina ebraica. Nell’economia familiare dell’ebraismoitaliano, l’oca svolgeva un ruolo fondamentale e insostituibile dal tardo Medioevo fino all’etàmoderna, paragonabile a quello ricoperto dal maiale per i cristiani. Il goloso sapore dei prosciutti, deisalami d’oca e del foie gras si contrapponeva a quello delle profumate mortadelle, delle soppressatee dei prosciutti di maiale. Un percorso attraverso riti e usanze negli spazi domestici e sinagogali,diverse abitudini alimentari e gastronomiche, scambi e contaminazioni nella società bolognese trala minoranza ebraica e il gruppo maggioritario. Un percorso di momenti di vita, sapori e storie che siunisce a quello dei luoghi dell’itinerario ebraico a Bologna.BOLOGNADomenica 31Luogo di ritrovoMuseo Ebraicovia Valdonica 1/5Partenza1° gruppo ore 10.302° gruppo ore 16DifficoltàfacileDurata1 km2 ore


La città che sfida le nuvole: Bologna e le sue torriA cura di GAIA Eventi e Torre PrendiparteIl percorso passa per alcune delle più suggestive torri gentilizie.L’itinerario inizia da Piazza Maggiore, prosegue per Corte Galluzzi, che ospita la torre omonima,fino a Piazza di Porta Ravegnana dominata dalle torri Asinelli e Garisenda. Attraverso le suggestivevie attigue alla cattedrale, dalle quali si elevano alcune belle torri, si giungerà infine alla TorrePrendiparte.La salita sulla Prendiparte è una imperdibile emozione, un excursus nel passato, un arrampicarsiper i muri della storia, fra scale ardite e provvidenziali corrimano di robusta corda, per ammirare laSuite, le Prigioni e la Terrazza sul centro storico di Bologna, a 60 metri d’altezza.Luogo di ritrovoFontana del Nettunopiazza del NettunoPartenza1° gruppo ore 14.302° gruppo ore 16DifficoltàmediaDurata1 km2 oreSulle vie della libertàLuoghi, personaggi, episodi della Bologna in guerraA cura di IBC – Emilia RomagnaPartendo da Piazza Maggiore e percorrendo le vie principali della città, l’itinerario toccheràluoghi, edifici e chiese dove gli spiriti liberi di Bologna organizzavano la rete di opposizione alclima di oppressione che regnava in città. Si conosceranno abati e cappellani, staffette e gappisti,intellettuali e operai, uomini e donne; si darà un significato a scritte e graffiti che resistono al tempoe all’incuria e che consegnano frammenti di storia della città e del nostro paese.Luogo di ritrovoIngresso Palazzo d’Accursiopiazza Maggiore 6Partenzaore 14DifficoltàfacileDurata5 km3 oreBOLOGNADomenica 31


La Bologna di Giorgio MorandiA cura del Dipartimento educativo MAMboDa Casa Morandi al Museo Morandi, per ripercorrere le tappe del vivere quotidiano del Maestrobolognese e scoprire i luoghi in cui sono custoditi i suoi lavori. Un percorso attraverso le vie, gliambienti, gli arredamenti, i disegni, gli acquerelli e l’immaginario che hanno dato vita ad una dellepiù alte espressioni artistiche del Novecento italiano.Percorso tradotto in Lingua dai Segnicon la collaborazione delle allievedei corsi LIS dell’Associazione LIS_LearningLuogo di ritrovoCasa Morandi, via Fondazza 36Partenzaore 15DifficoltàfacileDurata2 km2 ore e 30Briciole di sapori, odori e coloriA cura di Il FuorinclasseSapori e odori del passato vengono riscoperti attraverso le opere d’arte custodite in alcuni deiluoghi simbolo di Bologna. L’itinerario mira ad abbozzare un ritratto vivace e colorato della vitache si teneva in città, nei palazzi e nelle piazze distribuite lungo il percorso, alla ricerca di aromie cibi dimenticati, degli usi e dei costumi di una società che utilizzava i prodotti dell’attivitàagricola delle proprie ville di campagna.BOLOGNADomenica 31Luogo di ritrovoDavanti alla Pinacoteca Nazionalevia Belle Arti 55Partenzaore 15.30DifficoltàfacileDurata1,5 km3 ore


Bologna… con i sensi!A cura di DidascoChe sapore ha Bologna? Che odore ha? È calda o fredda? Liscia o Morbida? È possibile esplorarela città usando un senso diverso dalla vista? È possibile scoprire nuovi aspetti della storia e dellacultura di Bologna usando anche gli altri 4 sensi?Attraverso questa visita guidata, tra informazioni storiche e attività sensoriali, sarà possibilescoprire aspetti dimenticati, unendo la voglia di divertirsi al rigore scientifico.Luogo di ritrovoFontana del Nettuno, lato Palazzo Comunaledove c’è la grande finestra con due aquilePartenzaore 15.30DifficoltàfacileDurata3 km2 oreLa ricerca del tesoroA cura del Centro Studi della Cultura Popolaree Museo Beata Vergine di San LucaSi parte dal Museo della Beata Vergine di San Luca per scorgere immagini sacre esterne lungole vie di Bologna che da Porta Saragozza conducono alla Cattedrale, per giungere infine allascoperta del Tesoro della Cattedrale, ricco di testimonianze di arte e fede, dal secolo XV alsecolo XX. Appena riordinato e riaperto, il Museo è un prezioso scrigno di storia di Bologna,della sua Chiesa, dei suoi Pastori.Luogo di ritrovoMuseo della Beata Vergine di San Lucapiazza di Porta Saragozza 2/aPartenzaore 16DifficoltàfacileDurata3 km2 oreBOLOGNADomenica 31


Scoprire Bologna “Città creativa della musica”Tracce e suggestioni della produzione musicale più recenteA cura del Centro AntartideTour cittadino nei luoghi della musica bolognese. Guida d’eccezione il cantautore Franz Campi, che accompagneràil pubblico alla scoperta di alcuni fra gli spazi più significativi della più recente produzione musicale della città cheha dato ospitalità fra gli altri a Lucio Dalla, Cesare Cremonini, Luca Carboni, Samuele Bersani, Vasco Rossi, GianniMorandi, Claudio Lolli, Francesco Guccini.La passeggiata si concluderà con un incontro con l’eclettica cantante bolognese Cristina Zavalloni, presso la Cantina Bentivoglio.BOLOGNADomenica 31Luogo di ritrovoCappella Farnese, 2° piano PalazzoD’Accursio, Piazza Maggiore 6Partenzaore 17.30DifficoltàfacileDurata2,5 km2 ore e 30


A Vergato, tra pievi, sorgenti ed antichi camminamentiA cura del Comune di Vergato con la collaborazione delle Associazioni localiDa Vergato, attraverso un sentiero panoramico, si raggiunge Monte Pero, avamposto della Linea Goticadove sono ancora visibili manufatti bellici difensivi (trincee, rifugi e camminamenti). Si prosegue perCereglio e Suzzano, borgo dalle tipiche case in arenaria. Non lontano, sgorga, dai tempi dei Romani,la sorgente Cerelia. Si giunge poi alla suggestiva Pieve di Roffeno che conserva parte dell’originarioimpianto romanico (sec. XII). Proseguendo, si raggiungono Vedettola e Santa Lucia, dove si possonoammirare esempi dell’architettura Medievale dell’Appennino. L’itinerario raggiunge infine Tolé, localitànota per la produzione della patata e per le acque che sgorgano copiose da 3 sorgenti che confluisconoin 12 fontane. Dopo la visita del borgo si rientra a Cereglio.Mezzi di trasporto necessari - A: Treno Bologna (8.04) - Vergato (8.53) R: Bus 727 Cereglio (18.02) - Vergato(18.20) + Treno Vergato (18.41) - Bologna (19.32). Pernottamento/pasti (da richiedere al momento dellaprenotazione): è possibile pranzare/cenare e pernottare in loco a prezzi concordati.PRENOTAZIONIBiblioteca comunale di Vergato lunedì 9-12.30 / 14-18.30 - martedì, giovedì, venerdì 14-18.30mercoledì, sabato 9-12.30 - tel. 051/910559 - biblioteca@comune.vergato.bo.itLuogo di ritrovoStazione FS - p.zza Giovanni XXIII, 3Vergato BOPartenzaore 9DifficoltàmediaDurata13 km5 oreA passeggio tra ville antiche e arte modernaA cura dell’Ufficio IAT di Zola PredosaIn occasione del Bicentenario del Comune di Zola Predosa, l’Amministrazione Comunale mette invetrina i tesori del territorio. Il percorso parte con la visita guidata alla settecentesca Villa EdvigeGaragnani, sede del Centro Studi “Ville bolognesi”, che ospita la mostra fotografica “La villa reale diZola in età napoleonica”. Durante la mattinata sarà possibile assistere alla conferenza “Architetturae decorazione nella villa bolognese dell’età barocca”. Il percorso, dopo una sosta con degustazionein un’azienda vitivinicola del territorio, proseguirà con la passeggiata verso l’Area Museale Cà laGhironda che ospita una collezione d’arte moderna e contemporanea di pittura e di scultura e unampio parco con piante e sculture.Possibilità di pranzo con menù a prezzo concordato presso il ristorante Giocondo a Cà la Ghironda, alle ore 12.30.PRENOTAZIONIUfficio Informazione e Accoglienza Turistica di Zola PredosaVia Masini 11 - c/o Villa Edvige Garagnani, Zola Predosa - BO - tel. 051/752472 - 051/752838 - info@iatzola.itPROVINCIASabato 30Luogo di ritrovoVilla Edvige Garagnanivia Masini 11 - Zola Predosa BOPartenzaore 9DifficoltàfacileDurata6 km / 8 ore(andata e ritorno)


A ritroso nel tempo… alla luce del crepuscoloA cura del Museo Archeologico Ambientale di San Giovanni in PersicetoRipercorrere tremila anni di storia per scoprire le tappe dell’occupazione e modificazione della nostra pianuraa partire dall’età del Bronzo fino ai giorni nostri. Un viaggio emozionante per approfondire “sul campo” la storiae le vicende di San Giovanni in Persiceto con particolare attenzione allo sviluppo della struttura urbanisticadella città, vero “fossile” del progressivo sviluppo di età medievale: dagli antichi borghi ai mulini, dai canalisotterranei alle leggende ad essi legati, dalle piazze alla rocca scomparsa, dai più antichi edifici conservati aitoponimi più curiosi, oltre a orti e giardini segreti. La giornata si conclude con la visita alla mostra archeologica“Il tempo svelato… da Felsina a Bononia: lo scavo di via D’Azeglio”, presso la suggestiva chiesa medievale diSant’Apollinare, un cammino a ritroso nel tempo alla scoperta della storia di Bologna.PRENOTAZIONIUfficio Relazioni con il Pubblico del Comune di San Giovanni in Persiceto, tel. 800069678oppure segreteria del Museo Archeologico Ambientale, tel. 051/6871757Luogo di ritrovoStazione ferroviaria, via AstengoSan Giovanni in Persiceto BOPartenzaore 15DifficoltàfacileDurata5 km3 ore e 30Sulle orme degli antichi bazzanesiA cura del Museo Civico Archeologico “Arsenio Crespellani” di BazzanoIl Museo Civico Archeologico “Arsenio Crespellani” di Bazzano, con sede presso la maestosa Roccadei Bentivoglio, custodisce preziose testimonianze del passato del territorio bazzanese e provinciale.Il viaggio nella storia, attraverso l’osservazione di numerosi reperti rinvenuti nel bazzanese, iniziadall’epoca preprotostorica e attraversando l’epoca romana e medioevale arriva sino al Risorgimentocon una mostra di armi e divise d’epoca. Attraverso l’osservazione degli oggetti e dei manufattirinvenuti negli insediamenti del territorio sarà possibile quindi ricostruire le tradizioni e gli usi deinostri antenati e la storia del territorio.PRENOTAZIONIUfficio Informazione e Accoglienza Turistica di Zola PredosaVia Masini 11 - c/o Villa Edvige Garagnani, Zola Predosa - BO, tel. 051/752472 - 051/752838 - info@iatzola.itLuogo di ritrovoPiazza Garibaldi, Bazzano BOPartenzaore 16DifficoltàfacileDurata2 orePROVINCIASabato 30


Domenica31OttobreVisite guidatein provincia


Otium e negotium: viaggio tra antichi luoghidi villeggiatura e arte modernaA cura dell’Ufficio IAT di Zola PredosaIn occasione del Bicentenario del Comune di Zola Predosa, l’Amministrazione Comunale mette in vetrinai tesori del territorio. Il percorso parte con la visita guidata alla settecentesca Villa Edvige Garagnani,sede del Centro Studi “Ville bolognesi”, che ospita la mostra fotografica “La villa reale di Zola in etàNapoleonica”. Prosegue con la visita al maestoso Palazzo Albergati, uno dei migliori esempi di dimoradi villeggiatura della provincia di Bologna. Nel primo pomeriggio il percorso proseguirà lungo i percorsiciclabili di Zola Predosa sino al parco museo di Cà la Ghironda.NOTEOre 12.30: Possibilità di partecipare al brunch (a prezzo concordato) presso le prestigiose stanze del Palazzo.PRENOTAZIONIUfficio Informazione e Accoglienza Turistica di Zola PredosaVia Masini 11 - c/o Villa Edvige Garagnani, Zola Predosa - BO - Tel. 051/752472 – 051/752838 - info@iatzola.itLuogo di ritrovoVilla Edvige Garagnanivia Masini 11 - Zola Predosa BOPartenzaore 9DifficoltàfacileDurata7 km / 9 ore(andata e ritorno)A Vergato, tra pievi, sorgenti ed antichi camminamentiA cura del Comune di Vergato con la collaborazione delle Associazioni localiDa Vergato, attraverso un sentiero panoramico, si raggiunge Monte Pero, avamposto della Linea Goticadove sono ancora visibili manufatti bellici difensivi (trincee, rifugi e camminamenti). Si prosegue perCereglio e Suzzano, borgo dalle tipiche case in arenaria. Non lontano, sgorga, dai tempi dei Romani, lasorgente Cerelia. Si giunge poi alla suggestiva Pieve di Roffeno che conserva parte dell’originario impiantoromanico (sec. XII). Proseguendo, si raggiungono Vedettola e Santa Lucia, dove si possono ammirareesempi dell’architettura Medioevale dell’Appennino. L’itinerario raggiunge infine Tolé, località nota per laproduzione della patata e per le acque che sgorgano copiose da 3 sorgenti che confluiscono in 12 fontane.Dopo la visita del borgo si rientra a Cereglio.Mezzi di trasporto necessari: A: Treno Bologna (7.04) - Vergato (7.53) + Bus 727 Vergato (8.20) - Cereglio(8.38) - R: Bus 727 Cereglio (18.02) - Vergato (18.20) + Treno Vergato (18.41) - Bologna (19.32)Pernottamento/pasti (da richiedere al momento della prenotazione): è possibile pranzare/cenare e pernottare in loco a prezzi concordatiPRENOTAZIONI: Biblioteca comunale di Vergato lunedì 9-12.30 / 14-18.30 - martedì, giovedì, venerdì 14-18.30- mercoledì, sabato 9-12.30 - tel. 051/910559 - biblioteca@comune.vergato.bo.itLuogo di ritrovoImpianti sportivivia dello Sport - Cereglio BOPartenzaore 9DifficoltàmediaDurata16 km6 ore (escluse soste)PROVINCIADomenica 31


A Castel Del Rio, borgo rinascimentale, tra ricordidi guerra, antichi camminamenti e scenari naturaliA cura di STAI - Società Turismo Area Imolese e Pro Loco di Castel del RioTrekking urbano tra scenari naturali e i luoghi del centro storico per scoprire i misteri della Linea Gotica e lecuriosità legate al prodotto tipico di Castel Del Rio, il Marrone IGP. Lungo questo percorso si incontrerannonumerosi punti di interesse storico, tra cui Palazzo Alidosi ed il caratteristico rinascimentale delle Fontane,il famoso ponte Alidosi, i ruderi del Castellaccio di Cantagallo, una struttura difensiva costruita nel XIIIsecolo dalla famiglia Cantagallo e primo presidio della città durante il Medioevo. L’itinerario si addentralungo il fiume Santerno, che qui offre scenari splendidi e che con i suoi 99 km di lunghezza rappresentauna delle risorse ambientali e idriche fondamentali della Regione Emilia–Romagna.NOTE• Trasporto, assicurazione, biglietti d’ingresso ai musei,dove richiesti, sono a carico dei partecipanti• In caso di maltempo la visita è rimandata a data da destinarsi• Costi aggiuntivi a carico dei partecipanti: Ingressoal Museo della Guerra del Castagno, 2 euro a personaPRENOTAZIONIDal lunedì al venerdì, dalle 9.30 alle 13.30e dalle 14.30 alle 18.30tel. 0542/25413 - fax 0542/613252Luogo di ritrovoPro Loco Alidosianap.zza Repubblica, 96 Castel del Rio BOPartenzaore 10DifficoltàmediaDurata5 km2 oreI gessi di Bologna: dal Parco dei Gessi al cuore della cittàVisita guidata a cura di Appenino Slowin collaborazione con CAI Bologna - Settore Escursionismo Emilia RomagnaSi parte dalla Ponticella, nel Parco dei Gessi, da dove è possibile vedere una serie di affioramenti gessositipici del parco stesso. I gessi bolognesi rappresentano una delle principali emergenze naturalistiche dellaregione e per anni il gesso è stato utilizzato come materiale da costruzione. Poi si prosegue verso laCroara. Da qui si raggiunge Rastignano, si attraversa il torrente Savena, il parco del Paleotto e si sale nelcuore dei colli bolognesi. Si passa vicino ai gessi di Monte Donato. Bello il panorama su tutta Bologna; daqui inizia la discesa verso la città, attraverso il sentiero CAI 902 recentemente inaugurato.Breve sosta alla chiesa di San Michele in Bosco per arrivare infine in Piazza Maggiore.NOTELa Ponticella è facilmente raggiungibile con mezzi pubblici(autobus 11/b). È consigliato un abbigliamento comodo,scarpe da trekking, mantellina o ombrello in caso di pioggia,una borraccia con acqua a sufficienza. I partecipantidovranno provvedere in autonomia al pranzo al sacco.PRENOTAZIONIAPPENNINOSLOW - tel. 051/6527743info@appenninoslow.itPROVINCIADomenica 31Luogo di ritrovoPonticella - Via Ederacapolinea bus 11/b - BolognaPartenzaore 11.30DifficoltàimpegnativaDurata11 km5 ore e 30


Sulle orme degli antichi bazzanesiA cura del Museo Civico Archeologico “Arsenio Crespellani” di BazzanoIl Museo Civico Archeologico “Arsenio Crespellani” di Bazzano, con sede presso la maestosa Rocca dei Bentivoglio, custodiscepreziose testimonianze del passato del territorio bazzanese e provinciale. Il viaggio nella storia, attraverso l’osservazione dinumerosi reperti rinvenuti nel bazzanese, inizia dall’epoca preprotostorica e attraversando l’epoca romana e medievale arriva sinoal Risorgimento con una mostra di armi e divise d’epoca. Attraverso l’osservazione degli oggetti e dei manufatti rinvenuti negliinsediamenti del territorio sarà possibile quindi ricostruire le tradizioni e gli usi dei nostri antenati e la storia del territorio.PRENOTAZIONIUfficio Informazione e Accoglienza Turistica di Zola PredosaVia Masini 11 - c/o Villa Edvige Garagnani, Zola Predosa - BO, tel. 051/752472 - 051/752838 - info@iatzola.itLuogo di ritrovoPiazza Garibaldi, Bazzano BOPartenzaore 16DifficoltàfacileDurata2 orePROVINCIADomenica 31


PROPOSTE DI SOGGIORNOContattiBologna Incomingtel. +39 051 6335093Numero verde 8000/856065info@bolognaincoming.itwww.bolognaincoming.itBologna Volatel. +39 051 551737info@meetinbologna.itwww.bolognavola.itDestination Bolognatel. +39 051 2960417info@destinationbologna.comwww.destinationbologna.comS.T.A.ISocietà Turismo Area Imolesetel. +39 0542 25413stai@stai.itww.stai.itClub Ospitalità a Bolognatel. +39 051 7457212info@bolognaitaly.itwww.bolognarthotels.it


MODALITÀ DI PRENOTAZIONEPartecipazione gratuitacon PRENOTAZIONE OBBLIGATORIAfino ad esaurimento posti.Si prenota dal 13 al 27 ottobre• al telefono (esclusivamente dal lunedì al venerdì dalle 15 alle 18):+ 39 051 219 3517 Prenotazioni percorsi del sabato a Bologna+ 39 051 219 3518 Prenotazioni percorsi della domenica a Bologna• online www.bolognaturismo.infoPER PRENOTARE I PERCORSI IN PROVINCIASEGUIRE LE INDICAZIONI RIPORTATE ALL’INTERNO DEI SINGOLI PERCORSI.


Con il contributo di30/31OttobreSi ringraziaIL SEGRETO È NELLA SUOLA.SCOPRILO SU STONEFLY.IT

More magazines by this user
Similar magazines