servizio speciale - Stimmatini

stimmatini.it

servizio speciale - Stimmatini

servizio specialeStimmatini in TailandiaEspulsi dalla Cina, alcuni padri italiani,insieme ad altri statunitensi, diederoinizio nel 1952 ad alcune comunità inTailandia, prima a Ranong, poi a Trang,Phuket, Samphran e Bhua yai, servendoanche altre zone come Pang nga e Krabi.A Samphran, alle porte di Bangkok, c’è lacasa degli studi, dove si sono formati tuttii confratelli tailandesi che costituisconooggi la quasi totalità degli Stimmatiniresidenti. Canonicamente la Tailandia èuna “provincia” stimmatina autonomacol titolo di “Stella del mattino”.L’attività principale degli Stimmatinitailandesi è la scuola, frequentata damigliaia di giovani, nella stragrandemaggioranza buddisti, finanziata inbuona parte dal governo. Essa gode diuna meritata considerazione in tutta lanazioneLe scuole stimmatineLa scuoladi RanongUn grande edificio ci accoglie. Un enormepiazzale gli sta davanti. Le assembleestudentesche in occasione di ricorrenze,feste e celebrazioni, sono frequenti.Ma ogni giorno, in realtà, tale spazio èutilizzato dai 1200 scolari (dalla scuolamaterna alla secondaria superiore) per lapreghiera del mattino (interreligiosa e unpo’ cristianizzata, ovviamente) e per lecomunicazioni del preside prima dell’iniziodelle lezioni.Sorprende la vastità delle iniziative scolastichee delle discipline insegnate. Vispicca, tra l’altro l’insegnamento dellacultura e della musica tradizionali. L’aulaa ciò destinata è ricca d’ogni sorta di strumentilocali.14


La scuola è molto ambita. Il governo sostienebuona parte delle spese di bilancioper la semplice ragione che gli scolari chefrequentano le scuole private, non pesanosull’organizzazione di quelle statali e, tuttosommato, le loro spese sono più contenute.Notiamo che si tratta di uno statoufficialmente buddista e che la scuola ècattolica! Lo stato verifica e controlla, maalla fine, non può che emettere giudizidi lode. Alle famiglie viene fatta pagareuna retta che equivale a circa € 150 l’anno,che vengono decurtati o addiritturaeliminati per i più poveri. Qui accanto lafoto del bollettino ufficiale della scuola: inostri lettori che conoscono il tailandeselo possono consultare presso il nostro ufficiomissionario di Verona.Sotto:- alcuni tra gli scolari nel piazzale antistantela scuola durante l’ora di educazione fisica,in fianco dall’alto:- la residenza della comunità,- bollettino ufficiale della scuola,- strumenti locali per l’insegnamento dellacultura e della musica tradizionali,- il Direttore:p. Pongla-Eead Matthew Manop.15


servizio specialeLa scuoladi TrangFondata da p. Giovanni Ceresatto nel1967, la scuola stimmatina di Trang è incontinuo ampliamento. Dopo aver costruitoun nuovo ed efficiente edificio perla scuola materna, è stata edificata la nuovasede della comunità e, ultimamente, ilpadiglione di quattro piani della secondariasuperiore.16


Esso è stato intitolato a San Giovanni.Padre Ceresatto ha chiesto perché non si ècitato nessun Giovanni specifico (Battistao Evangelista, ecc). Non gli è stata datarisposta perché è intenzione di intitolarel’edificio proprio a lui. Egli non vuole, mache cosa si può fare di fronte alle decisionidi un’intera comunità che rispetta ed amaquel monumento di saggezza, di impegnoe di fedeltà che è padre Giovanni? Basteràtirar via la parola “Santo” (ma non è certoche sarà necessario...) e aggiungere “Ceresatto”e tutto andrà a posto.Nel frattempo è in corso di costruzione lavasca della piscina per le attività natatoriedei 1200 allievi che l’anno prossimo diverranno1400.Nella pagina a fianco dall’alto:- l’edificio delle superiori,- p. Giovanni Ceresatto,- p. Weerasak, direttore,- tabernacolo della chiesa,In questa pagina:- studenti a scuola.


servizio specialePhuket52 anni dopoLe figure imprecise di una vecchia fotoci mostrano i primi Stimmatini in terratailandese e, sullo sfondo, la scuoletta diPhuket, la prima aperta in questo paese.Dopo 52 anni la scuola è diventata ungrande istituto che ospita 2100 scolaridalla scuola materna alla secondaria superiore,dai 3 ai 18 anni.Padre Peter Pakpoon ne è ora direttore eguida oltre 90 docenti e una ventina dipersone ausiliarie. Una scuola frequentatada gente di ogni religione e con docenti,essi pure di varie confessioni. Un esempiodi civile convivenza e di formazionedei giovani a vedute ampie. La scuolagode anche qui, come altrove, dove altrecomunità stimmatine di Tailandia gestisconoistituti analoghi, di grande prestigiosoprattutto perché i ragazzi ricevonouna buona formazione umana oltre chescientifica ed intellettuale.Ci saranno future leve a garantire la continuitàdi queste opere, ora che anche inTailandia le vocazioni scarseggiano?18


- Nelle foto a sinistra in alto: gli edificidelle superiori- sotto: la scuola 52 anni fa,- in questa pagina in alto: costruzionedella materna,- p. Peter Pakpoon e un insegnante,- sotto: alunni.19


servizio specialePhutthamonthonIl posto del Budda, questo è il significatodel nome di un parco enorme e bellissimoalle porte di Nakhon Pathom, grossocomune dell’hinterland di Bangkok. Conla consueta cura, centinaia di addetti tosanol’erba, potano i cespugli, raccolgonole foglie...La cosa più interessante sono alcune tettoiein forma di pagoda, poste di frontealla grande statua del Budda in posizioneverticale. Ci si accomoda nella posizioneche più si ritiene conforme alla propriatranquillità e si ascotano episodi dellavita dell’Illuminato o elementi della suadottrina diffusi da altoparlanti con volumee tonalità soft e convincenti... Unabella proposta per le nostre chiese: vi sipotrebbero alternare brani di bella musicaa lettura di testi biblici.Il tempiodi Lae KhingWat Lae Khing è costituito da un complessodi edifici che offrono la possibilitàai fedeli buddisti di adempiere ad ognisorta di pratica religiosa.Il tempio che contiene la venerata statuadel Budda è relativamente piccolo e sta alcentro dell’area.Accanto ad esso, enormi tettoie ospitanoi pellegrini che vistano il luogo nei giornidi festa: si tratta di migliaia di persone.Un monaco guida in un luogo a parte lapreghiera corale dei fedeli.Ci sono dei portacandele per l’offerta dipiccoli ceri accesi, ci sono le campane ei gong della preghiera, i contenitori dell’olioche viene offerto e bruciato confiamma perenne, le cento ciotole perle offerte rituali, le undici statue che ritraggonoil Budda nelle varie posizionisimboliche... I fedeli usano interrogarela divinità sul loro destino: si agitano inun contenitore dei bastoncini ognuno deiquali è contraddistinto da un numero. Ilnumero del primo bastoncino che cade aterra indica il foglio dell’“oroscopo” cheriguarda l’avvenire dell’offerente. Lo siprende e lo si legge...C’è l’abitudine di liberare pesci nel fiumeche corre accanto al tempio: ad ognispecie di pesce corrisponde un particolarebeneficio che si può ottenere...Come in ogni realtà religiosa del mondocoesistono filoni di vera spiritualità e dipurificazione interiore con pratiche ches’avvicinano molto al magico e al superstizioso.Tutti sappiamo che c’è una via impegnatadi accedere alle realtà superiori: essa passaper una ricerca autentica del vero, delbello e del buono; una ricerca che costafatica e che non s’attende benefici immediati.E’ la via di chi pone l’Assoluto alcentro dei suoi pensieri e delle sue atte-20


se. E c’è una via facile secondo la qualele persone si rivolgono all’Assoluto pertrovare soluzione ad ogni sorta problemi.Essa è percorsa da coloro che pongonosé stessi al centro dei loro pensieri e delleloro attese. Ma la Divinità è troppo divinaper scandalizzarsene, sa di che pastasiamo fatti e che ci basta un mal di dentiper perdere ogni vena mistica.Le entrate del tempio sono senza dubbioingenti e servono, oltre che per il mantenimentodelle strutture e dei monaci, perla gestione di una scuola e di un ospedaleper i poveri.- Nelle foto a sinistra: tettoie permeditare nel parco di Phutthamonthon,- la venerazione del Budda,- monaco buddista che invita allapreghiera.- In questa pagina in alto: elefanti votivia Phuket- p. Wishien accanto al gong,- gli oroscopi,- a lato: bacinelle per le 100 offerte,- rotoli di tela su cui scrivere le intenzionidi preghiera.21

More magazines by this user
Similar magazines