Fabio Pammolli, Massimo Riccaboni, Laura Magazzini, Mark Supekar

corriere

Fabio Pammolli, Massimo Riccaboni, Laura Magazzini, Mark Supekar

Anche le malattie neglette fanno parte del settore delle malattie orfane. Le malattie dei

paesi in via di sviluppo ammontano a circa il 90% delle forme di malattie presenti a livello

globale ma le risorse dedicate a questo tipo di patologie sono poche e non sufficienti a

stimolare la ricerca privata tout court. Nel 2004 solo il 1.3% delle nuove entità chimiche

e biologiche sul mercato erano state registrate per curare malattie tropicali e tubercolosi

nonostante queste malattie rappresentino il 12% di tutte le malattie a livello globale. Tra

le malattie neglette del terzo mondo figurano: Malaria, Tubercolosi, HIV, Chagas, Dengue

fever, malattie diarroiche, HAT (Human African Trypanosomiasis), Hookworm,

Leishmaniasis, Onchocerciasis, Schistosomiasis, Polmonite, Meningite.

Il problema delle malattie neglette deve necessariamente coinvolgere il sistema sanitario

e le politiche sanitarie dei paesi in via di sviluppo all'interno dei quali mancano le

infrastrutture e le misure necessarie per incentivare forme di prevenzione e profilassi,

strutture per la distribuzione e il monitoraggio, personale qualificato e mezzi di

informazione adeguati per far fronte ad emergenze ed epidemie. A questo quadro si deve

aggiungere anche il bassissimo reddito procapite, spesso al di sotto del livello di

1$/giorno, e quindi un quadro economico ed un mercato non favorevole al fine di

incentivare il settore privato a sviluppare farmaci non acquistabili e difficilmente

distribuibili e somministrabili.

La creazione di Public Private Partnerships (PPP) è stato un passo innovativo

fondamentale per colmare il vuoto e il gap nella produzione di medicinali per questo

settore. Le PPP riconducono sotto le stesso tetto le competenze necessarie per affrontare

problemi sanitari su scala globale: università, biotech e big pharma, associazioni no-

profit, fondazioni, organizzazioni sovra nazionali, governi nazionali e governi locali.

Attualmente vi sono tre tipi di PPP:

36

1. distribuzione di prodotti e programmi di monitoraggio: migliorare l'accesso ai

medicinali o prodotti medicinali per prevenire o curare determinate malattie;

2. sviluppo di prodotti: programmi di ricerca e sviluppo di prodotti medicinali

(farmaci e vaccini) per la cura delle malattie neglette. Esempi di PPP sono il

MMV 22 , IAVI 23 e GAVI 24 ;

3. misure legislative e di advocacy per il settore sanitario: programmi del tipo GAVI,

DNDi 25 , GAIN 26 e SIGN 27 ;

22 Medicines for Malaria Venture

23 International AIDS Vaccine Initiative

24 Global Alliance for Vaccines and Immunisation

25 Drugs for Neglected Disease Initiative

26 Global Alliance for Improved Nutrition

More magazines by this user
Similar magazines