Regolamento di Disciplina del Personale - Comune di Messina

comune.messina.it

Regolamento di Disciplina del Personale - Comune di Messina

UILFPLCOMUNE DI MESSINA(PROVINCIA DI MESSINA)REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEL PERSONALEIN APPLICAZIONE DEL D.LGS N. 150/2009Allegato alla deliberazione Giunta Comunale n.1337 del 7.11.2011


SOMMARIOTitolo I – Disposizioni generaliArt. 1. Ambito di applicazioneArt. 2. Quadro normativoArt. 3. Pubblicità e comunicazioniTitolo II – Norme disciplinari per il personale con qualifica dirigenzialeArt. 4. Principi generaliArt. 5. Obblighi del dirigenteArt. 6. Sanzioni e procedure disciplinariArt. 7. Codice disciplinareArt. 8. Sospensione cautelare in corso di procedimento disciplinareArt. 9. Sospensione cautelare in caso di procedimento penaleArt. 10. Rapporto tra procedimento disciplinare e procedimento penaleArt. 11. Reintegrazione del dirigente illegittimamente licenziatoArt. 12. Indennità sostitutiva della reintegrazioneArt. 13. La determinazione concordata della sanzioneTitolo III – Norme disciplinari per il personale con qualifica non dirigenzialeArt. 14. Obblighi del dipendenteArt. 15. Sanzioni disciplinariArt. 16. Gradualità e proporzionalità delle sanzioniArt. 17. Rimprovero verbale, rimprovero scritto , multaArt. 18. Sospensione dal servizio con privazione della retribuzione fino ad un massimo di dieci giorniArt. 19. Sospensione dal servizio con privazione della retribuzione da undici giorni fino ad un massimo disei mesiArt. 20. Testimonianza falsa o reticenteArt. 21. Altre cause di sospensione ( art.55 sexies, commi 1-2 D.lgs. 165/2001)Art. 22. Licenziamento con preavvisoArt. 23. Licenziamento senza preavvisoArt. 24. Procedimento per l'irrogazione del rimprovero verbaleArt. 25. Procedimento per l'irrogazione del rimprovero scritto, della multa e della sospensione dal serviziofino a dieci giorni


Art. 26. Procedimento per l'irrogazione della sospensione dal servizio superiore a dieci giorni e dellicenziamentoArt. 27. Effetti delle sanzioni disciplinariArt. 28. Impugnazione del provvedimento disciplinareArt. 29. Esecuzione del provvedimento disciplinareArt. 30. Rapporto tra procedimento disciplinare e procedimento penaleArt. 31. Sospensione cautelare in caso di procedimento penaleTitolo IV – L'ufficio per i procedimenti disciplinariArt. 32. Composizione dell'Ufficio Procedimenti Disciplinari (U.P.D.)Art. 33. Organizzazione e funzionamento dell'Ufficio Procedimenti Disciplinari (U.P.D.)Titolo V – Disposizioni finaliArt. 34. Segnalazione dei fatti disciplinarmente rilevantiArt. 35. Trasferimento e dimissioni del dipendenteArt. 36. Entrata in vigoreArt.37. Norme di rinvioAllegato 1. Codice di condotta dipendenti con qualifica di DirigentiAllegato 2. Codice di condotta dipendenti non dirigenti


Titolo I – Disposizioni generaliArt. 1Ambito di applicazione1.Il presente Codice di Disciplina si applica al personale dipendente del Comune di Messina, con contratto dilavoro subordinato sia a tempo indeterminato che determinato, avente qualifica dirigenziale e nondirigenziale.Art. 2Quadro normativo1.Al fine di dare attuazione alle disposizioni contenute nel D.lgs. 27/10/2009 n.150, il presente regolamentoassume e fa proprie le seguenti fonti normative:• le norme disciplinari stabilite dai vigenti Contratti Collettivi Nazionali di Lavoro- comparto Regioniautonomielocali;• le disposizioni contenute nel Codice di comportamento dei dipendenti delle pubblicheamministrazioni, adottato con Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri 28 novembre 2000• le disposizioni contenute negli artt.55 e seguenti del D.lgs. 30/03/2001 n.165, come modificato edintegrato dagli artt.67, 68 e 69 del D.lgs. n.150/20092. Le disposizioni contenute negli articoli da 55 a 55 octies del D.lgs. n.165/2001 costituiscono normeimperative ai sensi e per gli effetti degli artt.1339 e 1419, secondo comma, del codice civile.3. Resta ferma la disciplina in materia di responsabilità civile, amministrativa, penale e contabile.4. Ai rapporti di lavoro si applica l'art. 2106 del codice civile.Art. 3Pubblicità e comunicazioni1. Affinché possa essere noto a tutti i dipendenti, il presente regolamento è affisso permanentemente inluoghi accessibili a tutti i lavoratori, nelle sedi delle diverse articolazioni organizzative e pubblicatosull'home page internet e in quella intranet dell'Ente ai sensi dell'art. 68, comma 2, del D.Lgs. n. 150/2009.La pubblicazione sul sito istituzionale dell'Ente del presente Regolamento equivale a tutti gli effetti alla suaaffissione all'ingresso della sede di lavoro. (Art.55 comma 2 D.lgs 165/2001)2. Ogni comunicazione al dipendente, nell'ambito del procedimento disciplinare, è effettuata tramite postaelettronica certificata (P.E.C.) nel caso in cui il dipendente disponga di idonea casella, ovvero tramiteconsegna a mano. Per le comunicazioni successive alla contestazione dell'addebito il dipendente puòindicare, altresì, un numero di telefax, di cui egli o il suo procuratore abbia la disponibilità. In alternativaall'uso della posta elettronica certificata o del telefax ed altresì della consegna a mano, le comunicazioni sonoeffettuate tramite raccomandata con ricevuta di ritorno. Il dipendente ha diritto di accesso agli atti istruttoridel procedimento. Nel corso dell'istruttoria , il dirigente come individuato dall'art.15 comma 2 o l'UfficioProcedimenti Disciplinari come previsto dal successivo art. 32, possono acquisire da altre amministrazionipubbliche informazioni o documenti rilevanti per la definizione del procedimento. La predetta attivitàistruttoria non determina la sospensione del procedimento, né il differimento dei relativi termini.(Art.55 comma 7 D.lgs.165/2001)


Titolo II - Norme disciplinari per il personale con qualifica dirigenziale(CCNL 22.02.2010 Area Dirigenza – articoli da 4 a 13)Art. 4Principi generali1. In considerazione degli specifici contenuti professionali, delle particolari responsabilità che caratterizzanola figura del dirigente, nel rispetto del principio di distinzione tra le funzioni di indirizzo e controllo spettantiagli organi di governo e le funzioni di gestione amministrativa spettanti alla dirigenza, nonché dellagiurisprudenza costituzionale in materia, ed al fine di assicurare una migliore funzionalità ed operatività dellePubbliche Amministrazioni, sono stabilite specifiche forme di responsabilità disciplinare per i dirigentinonché il relativo sistema sanzionatorio, con la garanzia di adeguate tutele per il dirigente medesimo.2. Costituisce principio generale la distinzione tra le procedure ed i criteri di valutazione dei risultati e quellirelativi alla responsabilità disciplinare, anche per quanto riguarda gli esiti delle stesse. La responsabilitàdisciplinare attiene alla violazione degli obblighi di comportamento, secondo i principi e le modalità di cui alpresente CCNL e resta distinta dalla responsabilità dirigenziale, disciplinata dall’art. 21 del D.Lgs. n. 165 del2001, che viene accertata secondo le procedure definite nell’ambito del sistema di valutazione, nel rispettodella normativa vigente.3. Restano ferme le altre fattispecie di responsabilità di cui all’art. 55, comma 2, primo periodo, del D.Lgs. n.165 del 2001, che hanno distinta e specifica valenza rispetto alla responsabilità disciplinare.4. I dirigenti si conformano al codice di comportamento dei dipendenti delle pubbliche amministrazioni,adottato con Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri - 28 novembre 2000, in quanto loroapplicabile.5. All'atto della sottoscrizione del contratto individuale di lavoro, è consegnata a ciascun dirigente copia delsuddetto Codice di comportamento, che si allega al presente Regolamento del quale esso forma parteintegrante e sostanziale (Allegato 1).Art. 5Obblighi del dirigente1. Il dirigente conforma la sua condotta al dovere costituzionale di servire la Repubblica con impegno eresponsabilità e di rispettare i principi di buon andamento, imparzialità e trasparenza dell'attivitàamministrativa nonché quelli di leale collaborazione, di diligenza e fedeldi cui agli artt. 2104 e 2105 delcodice civile, anteponendo il rispetto della legge e l'interesse pubblico agli interessi privati propri ed altrui.2. Il comportamento del dirigente è improntato al perseguimento degli obiettivi di innovazione e dimiglioramento dell'organizzazione delle amministrazioni e di conseguimento di elevati standard diefficienza ed efficacia delle attività e dei servizi istituzionali, nella primaria considerazione delle esigenze deicittadini utenti.3. Ai dirigenti spetta l'adozione degli atti e provvedimenti amministrativi, compresi tutti gli atti cheimpegnano l'ente verso l'esterno, nonché la gestione finanziaria, tecnica e amministrativa mediante autonomipoteri di spesa, di organizzazione delle risorse umane, strumentali e di controllo. Essi sono responsabili invia esclusiva dell'attività amministrativa, della gestione e dei relativi risultati, secondo quanto previstodall'art. 4, comma 3, del D.Lgs. n. 165 del 2001 e dall'art.107 del D.Lgs.n.267 del 2000.4. In tale specifico contesto, tenuto conto dell'esigenza di garantire la migliore qualità del servizio, ildirigente deve in particolare:a) assicurare il rispetto della legge, nonché l'osservanza delle direttive generali e di quelle impartitedall'Amministrazione e perseguire direttamente l'interesse pubblico nell'espletamento dei propri


compiti e nei comportamenti che sono posti in essere dando conto dei risultati conseguiti e degli obiettiviraggiunti;b) non utilizzare a fini privati le informazioni di cui disponga per ragioni d'ufficio;c) nello svolgimento della propria attività, stabilire un rapporto di fiducia e di collaborazione neirapporti interpersonali con gli utenti, nonché all'interno dell'Amministrazione con gli altri dirigenti econ gli addetti alla struttura, mantenendo una condotta uniformata a principi di correttezza eastenendosi da comportamenti lesivi della dignità della persona o che, comunque, possono nuocereall'immagine dell'Amministrazione;d) nell'ambito della propria attività, mantenere un comportamento conforme al ruolo di dirigentepubblico, organizzando ed assicurando il tempo di lavoro e la presenza in servizio correlata alleesigenze della struttura ed all'espletamento dell'incarico affidato;e) astenersi dal partecipare, nell'espletamento delle proprie funzioni, all'adozione di decisioni o adattività che possano coinvolgere direttamente o indirettamente interessi finanziari o non finanziaripropri, del coniuge, dei parenti e degli affini fino al quarto grado e dei conviventi;f) sovrintendere, nell'esercizio del proprio potere direttivo, al corretto espletamento dell'attività delpersonale, anche di livello dirigenziale, assegnato alla struttura, nonché al rispetto delle norme delpresente codice di comportamento e disciplinare, ivi compresa l'attivazione dell'azione disciplinare,secondo le disposizioni normative vigenti e secondo quelle contenute nel presente disciplinare;g) informare l'Amministrazione, di essere stato rinviato a giudizio o che nei suoi confronti è esercitatal'azione penale;h) astenersi dal chiedere e dall'accettare omaggi o trattamenti di favore, se non nei limiti delle normalirelazioni di cortesia e salvo quelli d'uso, purché di modico valore.5. Il dirigente è tenuto comunque ad assicurare il rispetto delle norme vigenti in materia di segreto d'ufficio,riservatezza e protezione dei dati personali, trasparenza ed accesso all'attività amministrativa, informazioneall'utenza, autocertificazione, nonché protezione degli infortuni e sicurezza sul lavoro.Art.6Sanzioni e procedure disciplinari1. Le violazioni, da parte dei dirigenti, degli obblighi disciplinati nell'art.5, secondo la gravità dell'infrazioneed in relazione a quanto previsto dall'art.7, previo procedimento disciplinare, danno luogo all'applicazionedelle seguenti sanzioni:a) sanzione pecuniaria da un minimo di € 200,00 ad un massimo di € 500,00b) sospensione dal servizio con privazione della retribuzione, secondo le previsioni dell'art.7c) licenziamento con preavvisod) licenziamento senza preavviso.2. Per l'individuazione dell'autorità disciplinare competente per i procedimenti disciplinari della dirigenza eper le forme ed i termini del procedimento disciplinare trovano applicazione le previsioni dell'art.55-bis delD.lgs. n.165 del 2001.3. Fermo quanto previsto dall'art.21 del D.lgs. n.165/2001 (Responsabilità dirigenziale), per le infrazionidisciplinari ascrivibili al dirigente ai sensi dell'art.55-bis, comma7 e 55-sexies, comma 3, si applicano , ovenon diversamente stabilito dal contratto collettivo, le disposizioni di cui al comma 4 del predetto art.55-bis,ma le determinazioni conclusive del procedimento sono adottate dal Segretario Generale.4. Non può tenersi conto, ai fini di altro procedimento disciplinare, delle sanzioni disciplinari decorsi dueanni dalla loro applicazione.5. I provvedimenti cui al presente articolo non sollevano il dirigente dalle eventuali responsabilità di altrogenere nelle quali egli sia incorso, compresa la responsabilità dirigenziale, che verrà accertata nelle formepreviste dal sistema di valutazione adottato dall'Ente.


Art. 7CODICE DISCIPLINARE1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità dellamancanza, sono fissati i seguenti criteri generali riguardo il tipo e l'entità di ciascuna delle sanzioni:• la intenzionalità del comportamento, il grado di negligenza ed imperizia, la rilevanza dellainosservanza degli obblighi e delle disposizioni violate;• le responsabilità connesse con l'incarico dirigenziale ricoperto, nonché con la gravità della lesionedel prestigio dell'Ente o con l'entità del danno provocato a cose o a persone, ivi compresi gli utenti;• l'eventuale sussistenza di circostanze aggravanti o attenuanti, anche connesse al comportamentotenuto complessivamente dal dirigente o al concorso nella violazione di più persone.2. La recidiva nelle mancanze previste ai commi 4,5,6,7 ed 8, già sanzionate nel biennio di riferimento,comporta una sanzione di maggiore gravità tra quelle individuate nell'ambito dei medesimi commi.3. AI dirigente responsabile di più mancanze compiute con unica azione od omissione o con più azioni odomissioni tra loro collegate ed accertate con un unico procedimento, è applicabile la sanzione prevista per lamancanza più grave se le suddette infrazioni sono punite con sanzioni di diversa gravità.4. La sanzione disciplinare pecuniaria da un minimo di € 200,00 ad un massimo di € 500,00, si applica,graduando l'entità della stessa in relazione ai criteri del comma 1, nei casi di:a) inosservanza delle direttive, dei provvedimenti e delle disposizioni di servizio, anche in tema diassenze per malattia, nonché di presenza in servizio correlata alle esigenze della struttura edall'espletamento dell'incarico affidato, ove non ricorrano le fattispecie considerate nell'art.55-quater,comma 1, lett.a) del D.Lgs.n.165 del 2001;b) condotta, negli ambienti di lavoro, non conforme ai principi di correttezza verso i componenti degliorgani di vertice dell'Ente, gli altri dirigenti, i dipendenti o nei confronti degli utenti o terzi;c) alterchi negli ambienti di lavoro, anche con utenti o terzi;d) violazione dell'obbligo di comunicare tempestivamente all'Ente di essere stato rinviato a giudizio odi avere avuto conoscenza che nei suoi confronti è esercitata l'azione penale;e) violazione dell'obbligo di astenersi dal chiedere o accettare, a qualsiasi titolo, compensi, regali oaltre utilità in connessione con l'espletamento delle proprie funzioni o dei compiti affidati, se non neilimiti delle normali relazioni di cortesia e fatti salvi quelli d'uso, purché di modico valore;f) inosservanza degli obblighi previsti in materia di prevenzione degli infortuni o di sicurezza dellavoro, anche se non ne sia derivato danno o disservizio per l'Ente o per gli utenti;g) violazione del segreto d'ufficio, così come disciplinato dalle norme dei singoli ordinamenti ai sensidell'art. 24 della legge 7 agosto 1990, n. 241, anche se non ne sia derivato danno ali' Ente.h) violazione dell'obbligo previsto dall'articolo 55 novies del D.Lgs n. 165 del 2001L'importo delle ritenute per la sanzione pecuniaria è introitato dal bilancio dell'Ente.5. La sospensione dal servizio con privazione della retribuzione fino ad un massimo di quindici giornisi applica nel caso previsto dall'art.55-bis, comma 7, del D.Lgs.n.165 del 2001.6.La sospensione dal servizio con privazione della retribuzione fino ad un massimo di tre mesi, con lamancata attribuzione della retribuzione di risultato per un importo pari a quello spettante per il doppio delperiodo di durata della sospensione, si applica nei casi previsti dall'art.55- sexies, comma 3, e dall'art. 55septies, comma 6, del D.Lgs. n.165 del 2001.7. La sospensione dal servizio con privazione della retribuzione da un minimo di tre giorni fino ad unmassimo di tre mesi si applica nel caso previsto dall'art. 55-sexies, comma 1, del D.Lgs.n.165 del 2001.8. La sanzione disciplinare della sospensione dal servizio con privazione della retribuzione da un minimodi 3 giorni fino ad un massimo di sei mesi, si applica, graduando l'entità della sanzione in relazione aicriteri di cui al comma 1, per:


a) recidiva nel biennio delle mancanze previste nei commi 4, 5, 6 e 7, quando sia stata già comminata lasanzione massima oppure quando le mancanze previste dai medesimi commi si caratterizzano peruna particolare gravità;b) minacce, ingiurie gravi, calunnie o diffamazioni verso il pubblico, altri dirigenti o dipendenti ovveroalterchi con vie di fatto negli ambienti di lavoro, anche con utenti;c) manifestazioni ingiuriose nei confronti dell'Ente salvo che siano espressione della libertà di pensiero,ai sensi dell'art.1 della legge n.300 del 1970;d) tolleranza di irregolarità in servizio, di atti di indisciplina, di contegno scorretto o di abusi diparticolare gravità da parte del personale dipendente;e) salvo che non ricorrano le fattispecie considerate nell'art. 55- quater, comma 1, lett. b) del D.Lgs.n.165 del 2001, assenza ingiustificata dal servizio o arbitrario abbandono dello stesso; in tali ipotesil'entità della sanzione è determinata in relazione alla durata dell'assenza o dell'abbandono delservizio, al disservizio determinatosi, alla gravità della violazione degli obblighi del dirigente, aglieventuali danni causati all'ente, agli utenti o ai terzi;f) occultamento da parte del dirigente di fatti e circostanze relativi ad illecito uso, manomissione,distrazione o sottrazione di somme o beni di pertinenza dell'Ente o ad esso affidati;g) qualsiasi comportamento dal quale sia derivato grave danno all'Ente o a terzi, salvo quanto previstodal comma 7;h) atti o comportamenti aggressivi, ostili e denigratori che assumano forme di violenza morale o dipersecuzione psicologica nei confronti di dirigenti o altri dipendenti;i) atti, comportamenti o molestie, anche di carattere sessuale, lesivi della dignità della persona;j) grave e ripetuta inosservanza dell'obbligo di provvedere entro i termini fissati per ciascunprovvedimento, ai sensi di quanto previsto dall'art.7, comma 2, della legge n.69 del 2009.9. Ferma la disciplina in tema di licenziamento per giusta causa o giustificato motivo, la sanzionedisciplinare del licenziamento si applica:1. con preavviso per:a) le ipotesi considerate dall'art.55-quater, comma 1, lett.b) e c) del D.Lgs.n.165 del 2001;b) recidiva plurima, in una delle mancanze previste ai commi 4, 5, 6, 7 ed 8, anche se di diversa natura,o recidiva, nel biennio, in una mancanza che abbia già comportato l'applicazione della sanzionemassima di sei mesi di sospensione dal servizio;2. senza preavviso per:a) le ipotesi considerate nell'art.55-quater, comma 1, lett.a), d), e) ed f) del D.Lgs.n.165 del 2001;b) commissione di gravi fatti illeciti di rilevanza penale, ivi compresi quelli che possono dal luogo allasospensione cautelare, secondo la disciplina dell'art. 9, fatto salvo quanto previsto dall'art. 10,comma 1;c) condanna, anche non passata in giudicato, per:• i delitti già indicati nell'art. 58, comma 1, lett. a), b) limitatamente all'art. 316 del codice penale, lett.c), d) ed e), e nell'art. 59, comma 1, lett. a), limitatamente ai delitti già indicati nell'art. 58, comma 1,lett. a) e all'art. 316 del codice penale, lett. b) e c), del D. Lgs. n. 267 del 2000;• gravi delitti commessi in servizio;• delitti previsti dall'art. 3, comma 1 della legge 27 marzo 2001 n. 97;d) recidiva plurima di sistematici e reiterati atti o comportamenti aggressivi, ostili e denigratori cheassumano anche forme di violenza morale o di persecuzione psicologica nei confronti di dirigenti oaltri dipendenti;di) recidiva plurima atti, comportamenti o molestie, anche di carattere sessuale, lesivi della dignità dellapersona;10. Le mancanze non espressamente previste nei commi da 4 a 8 sono comunque sanzionate secondo i criteridi cui al comma 1, facendosi riferimento, quanto all'individuazione dei fatti sanzionabili, agli obblighi deidirigenti di cui all'art. 5, quanto al tipo e alla misura delle sanzioni, ai principi desumibili dai commiprecedenti.


Art. 8Sospensione cautelare in corso di procedimento disciplinare1. L'Amministrazione, qualora ritenga necessario espletare ulteriori accertamenti su fatti addebitati aldirigente, in concomitanza con la contestazione e previa puntuale informazione al dirigente, può disporre lasospensione dal lavoro dello stesso dirigente, per un periodo non superiore a trenta giorni, con lacorresponsione del trattamento economico complessivo in godimento.2. Qualora il procedimento disciplinare si concluda con la sanzione disciplinare della sospensione dalservizio con privazione della retribuzione, il periodo dell'allontanamento cautelativo deve essere computatonella sanzione, ferma restando la privazione della retribuzione limitata agli effettivi giorni di sospensioneirrogati.3. Il periodo trascorso in allontanamento cautelativo, escluso quello computato come sospensione dalservizio, è valutabile agli effetti dell'anzianità di servizio.ART. 9Sospensione cautelare in caso di procedimento penale1. Il dirigente colpito da misura restrittiva della libertà personale è obbligatoriamente sospeso dal servizio,con sospensione dell’incarico dirigenziale conferito e privazione della retribuzione, per tutta la durata dellostato di restrizione della libertà, salvo che l’Amministrazione non proceda direttamente ai sensi dell’art. 7,comma 9, n.2.2. Il dirigente può essere sospeso dal servizio con privazione della retribuzione e con sospensionedell’incarico anche nel caso in cui sia sottoposto a procedimento penale, anche se non comporti la restrizionedella libertà personale o questa sia comunque cessata, qualora l’Amministrazione disponga, ai sensidell’art.55-ter del D.Lgs.n.165 del 2001, la sospensione del procedimento disciplinare fino al termine diquello penale, ai sensi dell’art. 10.3. Resta fermo l'obbligo di sospensione del dirigente in presenza dei casi già previsti dagli artt. 58, comma 1,lett. a), b), limitatamente all'art. 316 del codice penale, lett. c), d) ed e), e 59, comma 1, lett. a), limitatamenteai delitti già indicati nell'art. 58 comma 1, lett. a) e all'art. 316 del codice penale, lett. b), e c), del D. Lgs .n.267 del 2000. E’fatta salva l’applicazione dell’art. 7, comma 9, n.2, qualora l’Amministrazione nondisponga, ai sensi dell’art.55-ter del D.Lgs.n.165 del 2001, la sospensione del procedimento disciplinare finoal termine di quello penale, ai sensi dell’art. 10.4. Nel caso dei delitti previsti all’art. 3, comma 1, della legge n. 97 del 2001, trova applicazione la disciplinaivi stabilita. Per i medesimi delitti, qualora intervenga condanna anche non definitiva, ancorché sia concessala sospensione condizionale della pena, trova applicazione l’art. 4, comma 1, della citata legge n. 97 del2001. Resta ferma, in ogni caso, l’applicabilità dell’art. 7, comma 9, n.2, qualora l’Amministrazione nondisponga la sospensione del procedimento disciplinare fino al termine di quello penale, ai sensi dell’art. 10.5. Nei casi indicati ai commi precedenti si applica comunque quanto previsto dall’art. 10 in tema di rapportitra procedimento disciplinare e procedimento penale.6. Ove l’Amministrazione proceda all’applicazione della sanzione di cui all’art.7, comma 9, n.2, lasospensione del dirigente disposta ai sensi del presente articolo conserva efficacia fino alla conclusione delprocedimento disciplinare. Negli altri casi, la sospensione dal servizio eventualmente disposta a causa diprocedimento penale conserva efficacia, se non revocata, per un periodo non superiore a cinque anni.Decorso tale termine, essa è revocata ed il dirigente è riammesso in servizio, salvo i casi nei quali, inpresenza di reati che comportano l’applicazione dell’art. 7, comma 9, n. 2, l’Amministrazione ritenga che lapermanenza in servizio del dirigente provochi un pregiudizio alla credibilità della stessa a causa deldiscredito che da tale permanenza potrebbe derivarle da parte dei cittadini e/o comunque, per ragioni diopportunità ed operatività dell’Ente stesso.In tal caso, può essere disposta, per i suddetti motivi, lasospensione dal servizio, che sarà sottoposta a revisione con cadenza biennale. Ove il procedimento.


disciplinare sia stato eventualmente sospeso fino all’esito del procedimento penale, ai sensi dell’art. 10, talesospensione può essere prorogata, ferma restando in ogni caso l’applicabilità dell’art.7, comma 9, n.2.7. Al dirigente sospeso dal servizio ai sensi del presente articolo sono corrisposti un’indennità alimentarepari al 50% dello stipendio tabellare, la retribuzione individuale di anzianità o il maturato economico annuo,ove spettante, e gli eventuali assegni familiari, qualora ne abbiano titolo.8. Nel caso di sentenza penale definitiva di assoluzione, pronunciata con la formula “il fatto non sussiste” o“l’imputato non lo ha commesso”, quanto corrisposto, durante il periodo di sospensione cautelare, a titolo diassegno alimentare verrà conguagliato con quanto dovuto al dirigente se fosse rimasto in servizio, tenendoconto anche della retribuzione di posizione in godimento all'atto della sospensione. Ove il procedimentodisciplinare riprenda per altre infrazioni, ai sensi dell’art. 10, comma 2, secondo periodo, il conguaglio dovràtener conto delle sanzioni eventualmente applicate.9. In tutti gli altri casi di riattivazione del procedimento disciplinare a seguito di condanna penale, ove questosi concluda con una sanzione diversa dal licenziamento, quanto corrisposto al dirigente precedentementesospeso viene conguagliato quanto dovuto se fosse stato in servizio, tenendo conto anche della retribuzionedi posizione in godimento all’atto della sospensione; dal conguaglio sono esclusi i periodi di sospensione delcomma 1 e quelli eventualmente inflitti a seguito del giudizio disciplinare riattivato.Art. 10Rapporto tra procedimento disciplinare e procedimento penale1. Nell’ipotesi di procedimento disciplinare che abbia, in tutto o in parte, fatti in relazione ai quali procedel’autorità giudiziaria, trovano applicazione le disposizioni dell’art.55-ter, del D.Lgs.n.165 del 2001.2. Nel caso del procedimento disciplinare sospeso, ai sensi dell’art.55-ter del D.Lgs.n.165 del 2001, qualoraper i fatti oggetto del procedimento penale, intervenga una sentenza penale irrevocabile di assoluzione chericonosce che il fatto addebitato non sussiste o non costituisce illecito penale, l’autorità disciplinareprocedente, nel rispetto delle previsioni dell’art.55-ter, comma 4, del D.Lgs.n.165 del 2001, riprende ilprocedimento disciplinare ed adotta le determinazioni conclusive, applicando le disposizioni dell’art.653,comma 1, del codice di procedura penale. In questa ipotesi, ove nel procedimento disciplinare sospeso, aldirigente, oltre ai fatti oggetto del giudizio penale per i quali vi sia stata assoluzione, siano state contestatealtre violazioni oppure i fatti contestati, pur non costituendo illecito penale, rivestano comunque rilevanzadisciplinare, il procedimento riprende e prosegue per dette infrazioni, nei tempi e secondo le modalitàstabilite dell’art.55-ter, comma 4.3. Se il procedimento disciplinare non sospeso si sia concluso con l’irrogazione della sanzione dellicenziamento, ai sensi dell’art. 7, comma 9, n.2 (codice disciplinare), e successivamente il procedimentopenale sia definito con una sentenza penale irrevocabile di assoluzione, che riconosce che il fatto addebitatonon sussiste o non costituisce illecito penale, ove il medesimo procedimento sia riaperto e si concluda con unatto di archiviazione, ai sensi dell’art.55-ter, comma 2, del D.Lgs.n.165 del 2001, il dirigente ha diritto dalladata della sentenza di assoluzione alla riammissione in servizio presso l’ente, anche in soprannumero nellamedesima sede o in altra sede, nonché all’affidamento di un incarico di valore equivalente a quello possedutoall’atto del licenziamento. Analoga disciplina trova applicazione nel caso che l’assoluzione del dirigenteconsegua a sentenza pronunciata a seguito di processo di revisione.4. Dalla data di riammissione di cui al comma 3, il dirigente ha diritto a tutti gli assegni che sarebbero staticorrisposti nel periodo di licenziamento, tenendo conto anche dell’eventuale periodo di sospensioneantecedente nonché della retribuzione di posizione in godimento all’atto del licenziamento. In caso dipremorienza, gli stessi compensi spettano al coniuge o al convivente superstite e ai figli.5. Qualora, oltre ai fatti che hanno determinato il licenziamento di cui al comma 3, siano state contestate aldirigente altre violazioni, ovvero nel caso in cui le violazioni siano rilevanti sotto profili diversi da quelli chehanno portato al licenziamento, il procedimento disciplinare viene riaperto secondo le procedure previste dalpresente regolamento.


Art. 11Reintegrazione del dirigente illegittimamente licenziato1. L’Amministrazione, a domanda, reintegra in servizio il dirigente illegittimamente o ingiustificatamentelicenziato dalla data della sentenza che ne ha dichiarato l’illegittimità o la ingiustificatezza, anche insoprannumero nella medesima sede o in altra su sua richiesta, con il conferimento allo stesso di un incaricodi valore equivalente a quello posseduto all’atto del licenziamento. Al dirigente spetta, inoltre, il trattamentoeconomico che sarebbe stato corrisposto durante il periodo di licenziamento, anche con riferimento allaretribuzione di posizione in godimento all’atto del licenziamento stesso.2. Qualora, oltre ai fatti che hanno determinato il licenziamento di cui al comma 1, siano state contestate aldirigente altre violazioni, ovvero nel caso in cui le violazioni siano rilevanti sotto profili diversi da quelli chehanno portato al licenziamento, il procedimento disciplinare viene riaperto secondo le procedure previstedalle vigenti disposizioni.Art. 12Indennità sostitutiva della reintegrazione1. L’Amministrazione o il dirigente possono proporre all’altra parte, in sostituzione della reintegrazione nelposto di lavoro, di cui all’art. 11, il pagamento a favore del dirigente di un’indennità supplementaredeterminata, in relazione alla valutazione dei fatti e delle circostanze emerse, tra un minimo pari alcorrispettivo del preavviso maturato, maggiorato dell'importo equivalente a due mensilità, ed un massimopari al corrispettivo di ventiquattro mensilità.2. L'indennità supplementare di cui al comma 1 è automaticamente aumentata, ove l'età del dirigente siacompresa fra i 46 e i 56 anni, nelle seguenti misure:- 7 mensilità in corrispondenza del 51esimo anno compiuto;- 6 mensilità in corrispondenza del 50esimo e 52esimo anno compiuto;- 5 mensilità in corrispondenza del 49esimo e 53esimo anno compiuto;- 4 mensilità in corrispondenza del 48esimo e 54esimo anno compiuto;- 3 mensilità in corrispondenza del 47esimo e 55esimo anno compiuto;- 2 mensilità in corrispondenza del 46esimo e 56esimo anno compiuto.3. Nelle mensilità di cui ai commi 1 e 2 è ricompresa anche la retribuzione di posizione già in godimento deldirigente al momento del licenziamento, con esclusione di quella di risultato.4. Il dirigente che accetti l’indennità supplementare in luogo della reintegrazione non può successivamenteadire l’autorità giudiziaria per ottenere la reintegrazione. In caso di pagamento dell’indennità supplementare,l'Amministrazione non può assumere altro dirigente nel posto precedentemente coperto dal dirigente cessato,per un periodo corrispondente al numero di mensilità riconosciute, ai sensi dei commi 1 e 2.5. Il dirigente che abbia accettato l’indennità supplementare in luogo della reintegrazione, per un periodo pariai mesi cui è correlata la determinazione dell'indennità supplementare e con decorrenza dalla sentenzadefinitiva che ha dichiarato l’illegittimità o la ingiustificatezza del licenziamento, può avvalersi delladisciplina di cui all'art. 31, comma 10, del CCNL del 10 aprile 1996, senza obbligo di preavviso. Qualora sirealizzi il trasferimento ad altro Ente, il dirigente ha diritto ad un numero di mensilità pari al solo periodonon lavorato.6. La presente disciplina trova applicazione dalla data di definitiva sottoscrizione del CCNL 22.02.2010.Dalla medesima data sono disapplicate le disposizioni dell’art.13 del CCNL del 12.2.2002.Art. 13La determinazione concordata della sanzione1. L’autorità disciplinare competente ed il dirigente, in via conciliativa, possono procedere alladeterminazione concordata della sanzione disciplinare da applicare fuori dei casi per i quali la legge ed ilcontratto collettivo prevedono la sanzione del licenziamento, con o senza preavviso.


2. La sanzione concordemente determinata in esito alla procedura conciliativa di cui al comma 1 non puòessere di specie diversa da quella prevista dalla legge o dal contratto collettivo per l’infrazione per la quale siprocede e non è soggetta ad impugnazione.3. L’autorità disciplinare competente o il dirigente può proporre all’altra parte, l’attivazione della proceduraconciliativa di cui al comma 1, che non ha natura obbligatoria, entro il termine dei cinque giorni successivialla audizione del dirigente per il contraddittorio a sua difesa, ai sensi dell’art.55-bis, comma 2, delD.Lgs.n.165 del 2001. Dalla data della proposta sono sospesi i termini del procedimento disciplinare, di cuiall’art.55-bis del D.Lgs.n.165 del 2001. La proposta dell’autorità disciplinare o del dirigente e tutti gli altriatti della procedura sono comunicati all’altra parte con le modalità dell’art.55-bis, comma 5, del D.Lgs.n.165del 2001.4. La proposta di attivazione deve contenere una sommaria prospettazione dei fatti, delle risultanze delcontraddittorio e la proposta in ordine alla misura della sanzione ritenuta applicabile. La mancataformulazione della proposta entro il termine di cui al comma 2 comporta la decadenza delle parti dallafacoltà di attivare ulteriormente la procedura conciliativa.5. La disponibilità della controparte ad accettare la procedura conciliativa deve essere comunicata entro icinque giorni successivi al ricevimento della proposta, con le modalità dell’art.55-bis, comma 5, delD.Lgs.n.165 del 2001. Nel caso di mancata accettazione entro il suddetto termine, da tale momento riprendeil decorso dei termini del procedimento disciplinare, di cui all’art.55-bis del D.Lgs.n.165 del 2001. Lamancata accettazione comporta la decadenza delle parti dalla possibilità di attivare ulteriormente laprocedura conciliativa.6. Ove la proposta sia accettata, l’autorità disciplinare competente convoca nei tre giorni successivi ildirigente, con l’eventuale assistenza di un procuratore ovvero di un rappresentante dell’associazionesindacale cui il lavoratore aderisce o conferisce mandato.7. Se la procedura conciliativa ha esito positivo, l’accordo raggiunto è formalizzato in un apposito verbalesottoscritto dall’autorità disciplinare e dal dirigente e la sanzione concordata dalle parti, che non è soggettaad impugnazione, può essere irrogata dall’autorità disciplinare competente.8. In caso di esito negativo, questo sarà riportato in apposito verbale e la procedura conciliativa si estingue,con conseguente ripresa del decorso dei termini del procedimento disciplinare, di cui all’art.55-bis delD.Lgs.n.165 del 2001.9. In ogni caso la procedura conciliativa deve concludersi entro il termine di trenta giorni dalla contestazionee comunque prima dell’irrogazione della sanzione. La scadenza di tale termine comporta la estinzione dellaprocedura conciliativa eventualmente già avviata ed ancora in corso di svolgimento e la decadenza delle partidalla facoltà di avvalersi ulteriormente della stessa.Titolo II - Norme disciplinari per il personale con qualifica non dirigenzialeArt. 14Obblighi del dipendente(CCNL 6.07.1995 art.23 come modificato dal CCNL 22.01.2004):1.Il dipendente conforma la sua condotta al dovere costituzionale di servire la Repubblica con impegno eresponsabilità e di rispettare i principi di buon andamento e imparzialità dell'attività amministrativa,anteponendo il rispetto della legge e l'interesse pubblico agli interessi privati propri e altrui.Il dipendente adegua altresì il proprio comportamento ai principi riguardanti il rapporto di lavoro contenutinel codice di condotta allegato al CCNL del 22/1/04 (Allegato 2).2. Il dipendente si comporta in modo tale da favorire l'instaurazione di rapporti di fiducia e collaborazione tral'Amministrazione ed i cittadini.3. In tale specifico contesto, tenuto conto dell'esigenza di garantire la migliore qualità del servizio, ildipendente deve in particolare:


a) collaborare con diligenza, osservando le norme dei contratti collettivi di lavoro, le disposizioni perl'esecuzione e la disciplina del lavoro impartite dall'Amministrazione anche in relazione alle normevigenti in materia di sicurezza negli ambienti di lavoro;b) rispettare il segreto d'ufficio nei casi e nei modi previsti dalle norme vigenti ai sensi dell'art. 24 dellaLegge n. 241/1990;c) non utilizzare a fini privati le informazioni di cui disponga per ragioni d'ufficio;d) nei rapporti con i cittadini, fornire tutte le informazioni cui abbia titolo, nel rispetto delle posizioni inmateria di trasparenza e di accesso all'attività amministrativa previste dalla Legge n. 241/1990 e dairegolamenti attuativi della stessa vigenti nell'Ente, nonché attuare le disposizioni dei medesimi inordine al D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445 (Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentariin materia di documentazione amministrativa);e) rispettare l'orario di lavoro, adempiere alle formalità previste per la rilevazione delle presenze, nonassentarsi dal luogo di lavoro senza l'autorizzazione del dirigente del servizio;f) durante l'orario di lavoro, mantenere nei rapporti interpersonali e con gli utenti una condotta ispirataa principi di correttezza, astenendosi da comportamenti lesivi della dignità della persona;g) non attendere, durante l'orario di lavoro, ad occupazioni non attinenti il servizio e, nei periodi dimalattia od infortunio, ad attività che possano ritardare il recupero psicofisico;h) eseguire le disposizioni inerenti l'espletamento delle proprie funzioni o mansioni così come impartitedai superiori. Qualora il dipendente ritenga una disposizione palesemente illegittima, è tenuto a farneimmediata e motivata contestazione a colui che l'ha impartita; laddove la disposizione vengarinnovata per iscritto, il dipendente ha il dovere di darvi esecuzione, salvo che la disposizionemedesima comporti violazione della legge penale ovvero integri un illecito amministrativo;i) vigilare sul corretto espletamento dell'attività svolta dal personale sottordinato laddove tale compitorientri nelle proprie responsabilità;j) avere cura dei locali, mobili, oggetti, macchinari, attrezzi, strumenti ed automezzi a lui affidati;k) non valersi di quanto è di proprietà dell'Amministrazione per ragioni che non siano di servizio;l) non chiedere né accettare, a qualsiasi titolo, compensi, regali o altre utilità in connessione con laprestazione lavorativa;m) osservare scrupolosamente le disposizioni che regolano l'accesso ai locali dell'Amministrazione daparte del personale e non introdurre, salvo che non siano debitamente autorizzate, persone estraneeall'amministrazione stessa in locali non aperti al pubblico;n) comunicare all'Amministrazione la propria residenza e, ove non coincidente, la dimora temporanea,nonché ogni successivo mutamento delle stesse;o) in caso di malattia, dare tempestivo avviso all'ufficio di appartenenza, salvo comprovatoimpedimento;p) astenersi dal partecipare, nell'esercizio della propria attività di servizio, all'adozione di decisioni o adattività che possano coinvolgere, direttamente o indirettamente, interessi finanziari e non finanziaripropri o di suoi parenti entro il quarto grado o conviventi.Art. 15Sanzioni disciplinari(Art.24 CCNL 22.01.2004)1. Le violazioni, da parte dei lavoratori, degli obblighi elencati all'art. 14, ovvero previsti da altre norme dilegge, danno luogo, secondo la gravità dell'infrazione e previo procedimento disciplinare, all'applicazione diuna delle seguenti sanzioni:a) rimprovero verbale;b) rimprovero scritto (censura);c) multa di importo fino ad un massimo di quattro ore di retribuzione;d) sospensione dal servizio e dalla retribuzione fino ad un massimo di dieci giorni;e) sospensione dal servizio con privazione della retribuzione da undici giorni fino a sei mesi;f) licenziamento con preavviso;g) licenziamento senza preavviso.2. Il soggetto competente all'irrogazione delle sanzioni del rimprovero verbale, della censura scritta ovverodella multa e della sospensione dal servizio fino a dieci giorni, nonché alla trasmissione degli atti all'U.P.D.per le ipotesi più gravi, è il Dirigente responsabile della struttura organizzativa cui afferisce il dipendente,con riferimento all'assetto organizzativo formalizzato dagli atti aziendali vigenti al momento dellacommissione del fatto,


4. Nel caso in cui il dipendente sia stato nel frattempo trasferito ad altra articolazione organizzativa, ildirigente competente all'avvio delle procedure di cui sopra rimane quello della struttura presso la quale sisono verificati i fatti aventi rilevanza disciplinare.Art. 16Gradualità e proporzionalità delle sanzioni(Art.3 commi 1,2,3 CCNL 11.04.2008)1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni, in relazione alla gravità dellamancanza ed in conformità a quanto previsto dall'art. 55 del D. Lgs. n.165 del 30 marzo 2001 e successivemodificazioni ed integrazioni, il tipo e l'entità di ciascuna sanzione sono determinati in relazione ai seguenticriteri generali:a) intenzionalità del comportamento, grado di negligenza, imprudenza o imperizia dimostrate, tenutoconto anche della prevedibilità dell'evento;b) rilevanza degli obblighi violati;c) responsabilità connesse alla posizione di lavoro occupata dal dipendente;d) grado di danno o di pericolo causato all'Amministrazione, agli utenti o a terzi ovvero al disserviziodeterminatosi;e) sussistenza di circostanze aggravanti o attenuanti, con particolare riguardo al comportamento dellavoratore, ai precedenti disciplinari nell'ambito del biennio previsto dalla legge, al comportamentoverso gli utenti;f) al concorso, nella mancanza, di più lavoratori in accordo tra di loro.2. La recidiva nelle mancanze previste agli articoli 17, 18 e 19, del presente regolamento, già sanzionate nelbiennio di riferimento, comporta una sanzione di maggiore gravità tra quelle previste nell'ambito deimedesimi articoli.3. AI dipendente responsabile di più mancanze compiute con un'unica azione od omissione o con più azioniod omissioni tra loro collegate ed accertate con un unico procedimento è applicabile la sanzione prevista perla mancanza più grave se le suddette infrazioni sono punite con sanzioni di diversa gravità.Art. 17Rimprovero verbale, rimprovero scritto, multa(Art.3 comma 4 CCNL 11.04.2008)1. La sanzione disciplinare dal minimo del rimprovero verbale o scritto al massimo della multa di importopari a quattro ore di retribuzione si applica, graduando l'entità delle sanzioni in relazione ai criteri specificatinell'art. 16, comma 1, del presente regolamento, ai casi di:a) inosservanza delle disposizioni di servizio, anche in tema di assenza per malattia, nonché dell'orariodi lavoro, al di fuori dei casi previsti dall'art.55-quater,comma 1, lett a) del D.lgs.n.165/2001;b) condotta non conforme a principi di correttezza verso superiori o altri dipendenti o nei confronti delpubblico;c) negligenza nell'esecuzione dei compiti assegnati, nella cura dei locali ovvero dei beni mobili estrumentali a lui affidati o sui quali, in relazione alle responsabilità attribuite, si debba espletareattività di custodia o di vigilanza;d) inosservanza degli obblighi in materia di prevenzione degli infortuni e di sicurezza sul lavoro ovenon ne sia derivato danno o disservizio;e) rifiuto di assoggettarsi a visite personali disposte a tutela del patrimonio dell'Amministrazione, nelrispetto di quanto previsto dall'art. 6 dello Statuto dei Lavoratori (L. n. 300/1970);f) insufficiente rendimento rispetto ai carichi di lavoro e, comunque, nell'assolvi mento dei compitiassegnati, al di fuori dei casi previsti dall'art.55-quater,comma 2, del D.lgs.n.165/2001;2. L'importo delle ritenute per multa sarà introitato dal bilancio dell'Amministrazione e destinato ad attivitàsociali in favore dei dipendenti.


Art. 18Sospensione dal servizio con privazione dellaretribuzione fino ad un massimo di dieci giorni(Art.3 comma 5 CCNL 11.04.2008)1. La sanzione disciplinare della sospensione dal servizio con privazione della retribuzione fino ad unmassimo di 10 giorni si applica, graduando l'entità delle sanzioni in relazione ai criteri specificati nell'art. 16del presente regolamento, ai casi di:a) recidiva nelle mancanze previste dal precedente art. 17 che abbiano già comportato l'applicazione nelmassimo della multa;b) particolare gravità delle mancanze previste dal precedente art. 17;c) assenza ingiustificata dal servizio fino a dieci giorni, al di fuori dei casi di cui all'art.55 quater,comma 1, lett.b D.lgs. n.165/2001 o arbitrario abbandono dello stesso; in tali ipotesi, l'entità dellasanzione è determinata in relazione alla durata dell'assenza o dell'abbandono del servizio, aldisservizio determinatosi, alla gravità della violazione dei doveri del dipendente, agli eventuali dannicausati all'Amministrazione, agli utenti od ai terzi in generale;d) ingiustificato ritardo, non superiore a dieci giorni, a trasferirsi nella sede assegnata dai superiori;e) svolgimento di attività che ritardino il recupero psicofisico durante lo stato di malattia o diinfortunio;f) testimonianza falsa o reticente in procedimenti disciplinari o rifiuto della stessa, fatta salva la tuteladel segreto professionale nei casi e nei limiti previsti dalla normativa vigente (abrogata dall'art.55-bis, comma 7 D.lgs. n.165/2001);g) comportamenti minacciosi, gravemente ingiuriosi, calunniosi o diffamatori nei confronti di utenti,altri dipendenti o terzi;h) alterchi con vie di fatto negli ambienti di lavoro con utenti, dipendenti o terzi;i) manifestazioni ingiuriose nei confronti dell'ente, salvo laddove si tratti di espressione della libertà dipensiero, ai sensi dell'art. 1 della Legge n.300 del 1970;j) atti, comportamenti o molestie, anche di carattere sessuale, lesivi della dignità della persona;k) violazione di obblighi di comportamento non ricompresi specificatamente nelle lettere precedenti, dacui sia derivato disservizio ovvero danno o pericolo all'ente, agli utenti o ai terzi al di fuori dei casiprevisti all'art.55- sexies, commi 1e 2 del D.lgs. n.165/2001 ;l) sistematici e reiterati atti o comportamenti aggressivi, ostili e denigratori che assumano forma diviolenza morale o di persecuzione psicologica nei confronti di un altro dipendente (abrogatadall'art.55-quater, comma 1 lett.e) del D.lgs. n.165/2001);Art. 19Sospensione dal servizio con privazione dellaretribuzione da undici giorni fino ad un massimo di sei mesi(Art.3 comma 6 CCNL 11.04.2008)1. La sanzione disciplinare della sospensione dal servizio con privazione della retribuzione da undici giornifino ad un massimo di mesi sei si applica per:a) recidiva nel biennio delle mancanze previste nel precedente art. 18 quando sia stata comminata lasanzione massima oppure quando le mancanze previste allo stesso articolo presentino caratteri diparticolare gravità;b) assenza ingiustificata ed arbitraria dal servizio oltre dieci giorni e fino a quindici giorni (abrogatadall'art.55-quater, comma 1 lett.b) del D.lgs. n.165/2001);c) occultamento , da parte del responsabile della custodia,del controllo o della vigilanza, di fatti e dicircostanze relativi ad illecito uso, manomissione,distrazione o sottrazione di somme o beni dipertinenza dell'Ente o ad esso affidati.d) persistente insufficiente rendimento o fatti, colposi o dolosi, che dimostrino grave incapacità adadempiere adeguatamente agli obblighi di servizio al di fuori dei casi previsti all'art.55- quater,comma 2 del D.lgs. n.165/2001 ;e) esercizio, attraverso sistematici e reiterati atti e comportamenti aggressivi ostili e denigratori, diforme di violenza morale o di persecuzione psicologica nei confronti di un altro dipendente al fine diprocurargli un danno in ambito lavorativo o addirittura di escluderlo dal contesto lavorativo(abrogata dall'art.55-quater, comma 1 lett.e) del D.lgs. n.165/2001);


f) atti, comportamenti o molestie, anche di carattere sessuale, di particolare gravità che siano lesividella dignità della persona al di fuori dei casi previsti all'art.55- quater, comma 1 lett.e del D.lgs.n.165/2001 ;g) fatti e comportamenti tesi all'elusione dei sistemi di rilevamento elettronici della presenza edell'orario o manomissione dei fogli di presenza o delle risultanze anche cartacee degli stessi, al difuori dei casi previsti all'art.55- quater, comma 1 lett.a del D.lgs. n.165/2001 . Tale sanzione siapplica anche nei confronti di chi avalli, aiuti o permetta tali atti o comportamentih) alterchi di particolare gravità con vie di fatto negli ambienti di lavoro anche con utenti, al di fuoridei casi previsti all'art.55- quater, comma 1 lett.e del D.lgs. n.165/2001 ;i) violazione dei doveri di comportamento non ricompresi specificatamente nelle lettere precedenti, dacui sia comunque derivato grave danno all'ente, agli utenti o a terzi, al di fuori dei casi previstiall'art.55- sexies commi 1,2, del D.lgs. n.165/2001 .2. Nella sospensione dal servizio prevista dal presente articolo, il dipendente è privato della retribuzione finoal decimo giorno mentre, a decorrere dall'undicesimo, viene corrisposta allo stesso una indennità pari al 50%della retribuzione indicata all'art. 52, comma 2, lettera b) del CCNL del 14.09.2000, nonché gli assegni delnucleo familiare ove spettanti.3. Il periodo di sospensione non è, in ogni caso, computabile ai fini dell'anzianità di servizio.ART. 20Testimonianza falsa o reticente(art.55-bis comma 7 D.lgs.165/2001)1. Si applica la sanzione disciplinare della sospensione dal servizio con privazione della retribuzione fino adun massimo di 15 giorni commisurata alla gravità dell'illecito contestato nei confronti del dipendente che,essendo a conoscenza per ragioni di ufficio o di servizio di informazioni rilevanti per un procedimentodisciplinare in corso, rifiuta, senza giustificato motivo, la collaborazione richiesta dall'autorità disciplinareprocedente ovvero rende dichiarazioni false o reticenti.2. Per l'applicazione di tale sanzione è competente l'Ufficio Procedimenti Disciplinari, di cui al successivoart.32.Art. 21Altre cause di sospensione(art.55-sexies, commi 1-2 del D.lgs. 165/2001)1. La condanna della Pubblica Amministrazione al risarcimento del danno derivante dalla violazione, daparte del lavoratore dipendente, degli obblighi concernenti la prestazione lavorativa, stabiliti da normelegislative o regolamentari, dal contratto collettivo o individuale, da atti e provvedimentidell'Amministrazione di appartenenza o dal Codice di comportamento, comporta l'applicazione nei suoiconfronti, ove già non ricorrano i presupposti per l'applicazione di un'altra sanzione disciplinare, dellasospensione dal servizio con privazione della retribuzione da un minimo di tre giorni fino ad un massimo ditre mesi, in proporzione all'entità del risarcimento.2. Fuori dei casi previsti nel comma 1, il lavoratore, quando cagiona grave danno al normale funzionamentodell'ufficio di appartenenza, per inefficienza o incompetenza professionale accertate dall'Amministrazione aisensi delle disposizioni legislative e contrattuali concernenti la valutazione del personale delleamministrazioni pubbliche, è collocato in disponibilità, all'esito del procedimento disciplinare che accertatale responsabilità e si applicano nei suoi confronti le disposizioni di cui all'art.33, comma 8, e all'art.34commi 1,3 e 4. Il provvedimento che definisce il giudizio disciplinare stabilisce le mansioni e la qualifica perle quali può avvenire l'eventuale ricollocamento. Durante il periodo nel quale è collocato in disponibilità, illavoratore non ha diritto di percepire aumenti retributivi sopravvenuti.


Art.22Licenziamento con preavviso(Art.3 comma 7 CCNL 11.04.2008)1. La sanzione disciplinare del licenziamento con preavviso si applica per:a) recidiva plurima, almeno tre volte nell'anno, nelle mancanze previste dagli articoli 18 e 19 anche sedi diversa natura, ovvero recidiva, nel biennio, in una mancanza tra quelle previste nei medesimiarticoli, che abbia comportato l'applicazione della sanzione massima di sei mesi di sospensione dalservizio con privazione della retribuzione, salvo quanto previsto dal successivo art. 23, lett. a);b) recidiva nell'infrazione prevista nel precedente art. 19, lettera c) ;c) ingiustificato rifiuto del trasferimento disposto dall'Amministrazione per riconosciute e motivateesigenze di servizio nel rispetto delle vigenti procedure adottate nel rispetto dei modelli di relazionisindacali previsti, in relazione alla tipologia di mobilità attivata (abrogata dall'art.55-quater, comma 1lett.c del D.lgs. n.165/2001) ;d) mancata ripresa del servizio nel termine prefissato dall'Amministrazione quando l'assenza arbitrariaed ingiustificata si sia protratta per un periodo superiore a quindici giorni Qualora il dipendenteriprenda servizio si applica la sanzione di cui al precedente art.19(abrogata dall'art.55-quater, comma1 lett.b del D.lgs. n.165/2001) ;e) continuità, nel biennio, dei comportamenti rilevati attestanti il perdurare di una situazione diinsufficiente rendimento dovuta a comportamento negligente o a fatti, colposi o dolosi chedimostrino grave incapacità ad adempiere adeguatamente agli obblighi di servizio (abrogatadall'art.55-quater, comma 2 del D.lgs. n.165/2001) ;f) recidiva nel biennio, anche nei confronti di persona diversa, di sistematici e reiterati atti ecomportamenti aggressivi ostili e denigratori e di forme di violenza morale o di persecuzionepsicologica nei confronti di un altro dipendente al fine di procurargli un danno in ambito lavorativo oaddirittura di escluderlo dal contesto lavorativo (abrogata dall'art.55-quater, comma 1 lett.e del D.lgs.n.165/2001) ;g) recidiva nel biennio di atti, comportamenti o molestie, anche di carattere sessuale, di particolaregravità che siano lesivi della dignità della persona, al di fuori dei casi previsti dall'art.55-quater,comma1 lett.e del D.lgs.n.165/2001;h) condanna passata in giudicato per un delitto che, commesso fuori dal servizio e non attinente in viadiretta al rapporto di lavoro, non ne consenta la prosecuzione per la sua specifica gravità;i) violazione dei doveri di comportamento, non ricompresi specificatamente nelle lettere precedenti, digravità tale secondo i criteri di cui all'art. 16 del presente regolamento, da non consentire laprosecuzione del rapporto di lavoro;j) reiterati comportamenti ostativi all'attività ordinaria dell'ente di appartenenza e comunque tali dacomportare gravi ritardi e inadempienze nella erogazione dei servizi agli utenti;k) assenza priva di valida giustificazione per un numero di giorni , anche non continuativi, superiore atre nell'arco di un biennio o comunque per piu' di sette giorni nel corso degli ultimi dieci anni ovveromancata ripresa del servizio, in caso di assenza ingiustificata, entro il termine fissatodall'amministrazione (art.55 quater comma 1 lett.b del D.lgs. n.165/2001)l) ingiustificato rifiuto del trasferimento disposto dall'Amministrazione per rmotivate esigenze diservizio(art.55 quater comma 1 lett.c del D.lgs. n.165/2001)2.Il licenziamento in sede disciplinare è disposto, altresì, nel caso di prestazione lavorativa, riferibile ad unarco temporale non inferiore al biennio, per la quale l'Amministrazione formula, ai sensi delle disposizionilegislative e contrattuali concernenti la valutazione del personale delle Amministrazioni Pubbliche, unavalutazione di insufficiente rendimento e questo è dovuto alla reiterata violazione degli obblighi concernentila prestazione stessa, stabiliti da norme legislative o regolamentari, dal contratto collettivo o individuale, daatti e provvedimenti dell'Amministrazione di appartenenza o dal Codice di Comportamento (art.55 quatercomma 2 del D.lgs. n.165/2001).


Art. 23Licenziamento senza preavviso(Art.3 comma 8 CCNL 11.04.2008)1. La sanzione disciplinare del licenziamento senza preavviso si applica per:a) terza recidiva nel biennio, negli ambienti di lavoro, di vie di fatto contro dipendenti o terzi, anche permotivi non attinenti al servizio, al di fuori dei casi previsti all'art.55- quater comma 1 lett.e delD.lgs. n.165/2001 .;b) accertamento che l'impiego fu conseguito mediante la produzione di documenti falsi e, comunque,con mezzi fraudolenti, ovvero che la sottoscrizione del contratto individuale di lavoro sia avvenuta aseguito di presentazione di documenti falsi (abrogata dall'art.55-quater, comma 1 lett.d del D.lgs.n.165/2001) ;c) condanna passata in giudicato:1. per i delitti previsti dagli artt. 58, comma 1, lett. a), b) limitatamente all'art. 316 del codice penale,lett. c), d) ed e), e 59, comma 1, lett. a), limitatamente ai delitti già indicati nell'art. 58, comma 1,lett.a) e all'art. 316 del codice penale, lett. b) e c) del D.Lgs. n.267 del 2000.2. per gravi delitti commessi in servizio;3. per i delitti previsti dall'art. 3, comma 1 della legge 27 marzo 2001 n. 97;d) condanna passata in giudicato quando dalla stessa consegua l'interdizione perpetua dai pubblici uffici(abrogata dall'art.55-quater, comma 1 lett.f del D.lgs. n.165/2001) ;e) condanna passata in giudicato per un delitto commesso in servizio o fuori servizio che, pur nonattenendo in via diretta al rapporto di lavoro, non ne consenta neanche provvisoriamente laprosecuzione per la sua specifica gravità;f) violazioni intenzionali degli obblighi non ricompresi specificata mente nelle lettere precedenti, anchenei confronti di terzi, di gravità tale, in relazione ai criteri di cui all'art.16, da non consentire laprosecuzione neppure provvisoria del rapporto di lavoro;g) l'ipotesi in cui il dipendente venga arrestato perché colto, in flagranza, a commettere reati di peculatoo concussione o corruzione e l'arresto sia convalidato dal giudice per le indagini preliminari.h) falsa attestazione della presenza in servizio, mediante l'alterazione dei sistemi di rilevamento dellapresenza o con altre modalità fraudolente, ovvero giustificazione dell'assenza dal servizio medianteuna certificazione medica falsa o che attesta falsamente uno stato di malattia (art.55-quater comma 1lett.a del D.lgs. n.165/2001);i) falsità documentali o dichiarative commesse ai fini o in occasione dell'instaurazione del rapporto dilavoro ovvero di progressioni di carriera (art.55-quater comma 1 lett.d del D.lgs. n.165/2001);j) reiterazione nell'ambiente di lavoro di gravi condotte aggressive o moleste o minacciose o ingiurioseo comunque lesive dell'onore e della dignità personale altrui (art.55-quater comma 1 lett.e del D.lgs.n.165/2001);k) condanna penale definitiva, in relazione alla quale è prevista l'interdizione perpetua dai pubbliciuffici ovvero l'estinzione, comunque denominata, del rapporto di lavoro (art.55-quater comma 1 lett.fdel D.lgs. n.165/2001).Art. 24Procedimento per l'irrogazione del rimprovero verbale1. Qualora il dirigente, individuato secondo i criteri di cui al precedente art.15 comma 2, ritenga che lasanzione disciplinare applicabile al fatto segnalato sia quella del solo rimprovero verbale, procede secondo ladisciplina stabilita dal CCNL senza particolari formalità al richiamo del dipendente dopo averlo sentito a suadifesa. E' comunque diritto del dipendente richiedere l'accesso agli atti eventualmente connessi al fatto percui si procede, nonché farsi assistere da un procuratore o da un rappresentante dell'associazione sindacale cuiaderisce o conferisce mandato. In tale ipotesi, prima di irrogare la sanzione, potrà essere concesso aldipendente un breve rinvio quale termine a difesa.2. Di tale richiamo deve essere redatto apposito verbale dal quale risulti in maniera sintetica l'avvenutaapplicazione della sanzione, l'indicazione del fatto che vi ha dato causa ed i motivi sui quali si è fondato ilprovvedimento. Copia del verbale è trasmessa al Dipartimento Personale per l'inserimento nel relativofascicolo personale.


Art.25Procedimento per l'irrogazione del rimprovero scritto, della multa e della sospensione dal serviziofino a dieci giorni(art.55-bis comma 2 D.lgs. 165/2001)1. Qualora il dirigente individuato secondo i criteri di cui al precedente art.15 comma 2 ritenga applicabile lesanzioni del rimprovero scritto, della multa e della sospensione dal servizio fino a 10 giorni, senza indugio ecomunque non oltre 20 giorni dalla data di ricevimento della segnalazione, contesta in forma scrittal'addebito al dipendente medesimo e lo convoca per il contraddittorio a sua difesa, con l'eventuale assistenzadi un procuratore ovvero di un rappresentante dell'associazione sindacale cui il lavoratore aderisce oconferisce mandato, con un preavviso di almeno dieci giorni.2.AI dipendente o, su espressa delega, al suo difensore, è consentito l'accesso a tutti gli atti del procedimentodisciplinare. Tale accesso dovrà avvenire, previo appuntamento, in uno dei giorni lavorativi antecedenti ladata della convocazione per svolgere la difesa e potrà dare luogo anche all'estrazione di copie secondo levigenti disposizioni in materia.3.Nel caso in cui il dipendente, benché regolarmente convocato, non intenda presentarsi alla data fissata, puòinviare una memoria scritta o, in caso di grave ed oggettivo impedimento, formulare motivata istanza dirinvio del termine per l'esercizio della sua difesa.4.Dopo l'espletamento dell'eventuale ulteriore attività istruttoria, il dirigente conclude il procedimento, conl'atto di archiviazione o di irrogazione della sanzione entro sessanta giorni dalla contestazione dell'addebito.5.In caso di differimento superiore a dieci giorni del termine a difesa, per impedimento del dipendente, iltermine per la conclusione del procedimento è prorogato in misura corrispondente. Il differimento può esseredisposto per una sola volta nel corso del procedimento.6.La violazione dei termini stabiliti nel presente articolo comporta per l'Amministrazione la decadenzadall'azione disciplinare e per il dipendente la decadenza dalla possibilità di esercizio del diritto di difesa.7. Al termine del procedimento, il Dirigente della struttura trasmette tutti gli atti all'Organismo StaffPersonale per l'inserimento nel fascicolo del dipendente.Art. 26Procedimento per l'irrogazione della sospensione dal servizio superiore a dieci giorni e dellicenziamento(art.55-bis commi 3,4 D.lgs. 165/2001)1. Ai sensi dell'art.55-bis del D.lgs. n.165/2001, qualora il dirigente, individuato secondo i criteri di cui alprecedente art.15 comma 2, ritenga che la sanzione disciplinare applicabile al fatto rilevato sia più gravedella sospensione dal servizio fino a dieci giorni, trasmette all'Ufficio Procedimenti Disciplinari (U.P.D), dicui al successivo art.32, entro 5 giorni da quando ne ha avuto effettiva conoscenza, la relativa segnalazione,indicando in sintesi termini e modalità del fatto disciplinarmente sanzionabile ed allegando l'eventualedocumentazione probatoria. Nel medesimo termine, lo stesso dirigente provvede altresì ad informarel'interessato dell'avvenuto avvio del procedimento.2.Qualora, anche nel corso del procedimento, già avviato con la contestazione, emerga che la sanzione daapplicare non sia di spettanza del dirigente della struttura in cui il dipendente lavora, entro 5 giorni, trasmettetutti gli atti all'ufficio competente per i procedimenti disciplinari, dandone contestuale comunicazioneall'interessato.In caso di mancata comunicazione al dipendente nel termine predetto, l'Amministrazione darà corsoall'accertamento di eventuali responsabilità sussistenti in capo al soggetto tenuto alla segnalazione.Il procedimento prosegue senza soluzione di continuità presso quest'ultimo ufficio, senza ripetere lacontestazione scritta dell'addebito. (Art.24 comma 4 bis CCNL 22.01.2004)


3. Entro 40 giorni dalla data di ricevimento della segnalazione ovvero dalla data nella quale l'UfficioProcedimenti Disciplinari (U.P.D.) ha altrimenti acquisito notizia dell'infrazione, l'U.P.D. provvede allacontestazione in forma scritta del relativo addebito, convocando, con un preavviso di almeno 20 giornilavorativi , l'interessato perché possa essere sentito a propria difesa ed informandolo circa la facoltà di farsiassistere da un difensore di sua fiducia o da un rappresentante dell'associazione sindacale cui aderisce oconferisce mandato.Al dipendente o, su espressa delega, al suo difensore, è consentito l'accesso a tutti gli atti del procedimentodisciplinare. Tale accesso dovrà avvenire, previo appuntamento con la segreteria dell'Ufficio, in uno deigiorni lavorativi antecedenti la data della convocazione per svolgere la difesa e potrà dare luogo ancheall'estrazione di copie secondo le vigenti disposizioni in materia. Dopo l'espletamento dell'eventuale ulterioreattività istruttoria, l'U.P.D. conclude il procedimento , con l'atto di archiviazione o di irrogazione dellasanzione, entro 120 giorni dalla contestazione dell'addebito.4. Entro il termine fissato, il dipendente convocato, se non intende presentarsi alla data fissata, può inviareuna memoria scritta o, in caso di grave ed oggettivo impedimento, formulare motivata istanza di rinvio deltermine per l'esercizio della sua difesa. Il differimento può essere disposto per una sola volta nel corso delprocedimento. In caso di differimento superiore a dieci giorni del termine a difesa, il termine per laconclusione del procedimento è prorogato in misura corrispondente.5. Il termine per la contestazione dell'addebito decorre dalla data di ricezione degli atti trasmessi ai sensi deicommi 1 e 2 ovvero dalla data nella quale l'ufficio ha altrimenti acquisito notizia dell'infrazione, mentre ladecorrenza del termine per la conclusione del procedimento resta comunque fissata alla data di primaacquisizione della notizia dell'infrazione, anche se avvenuta da parte del responsabile della struttura in cui ildipendente lavora .6.La violazione dei termini stabiliti nel presente articolo comporta per l'Amministrazione la decadenzadall'azione disciplinare e per il dipendente la decadenza dalla possibilità di esercizio del diritto di difesa.7. Al termine del procedimento, l'U.P.D trasmette tutti gli atti al Dipartimento Personale per l'inserimentonel fascicolo del dipendente.Art.27Effetti delle sanzioni disciplinari(Art.24 commi 8-9 CCNL 6/7/1995)1. Non può tenersi conto ad alcun effetto delle sanzioni disciplinari una volta che siano decorsi due anni dallaloro applicazione.2. I provvedimenti conseguenti ai procedimenti disciplinari non sollevano il lavoratore dalle eventualiresponsabilità di altro genere nelle quali egli sia incorso per effetto dei comportamenti tenuti.Art. 28Impugnazione del provvedimento disciplinare1. Le parti hanno facoltà di adire l'autorità giudiziaria ordinaria avverso la decisione disciplinare secondo leregole delle controversie relative ai rapporti di lavoro, ai sensi degli articoli 63 del D. Lgs. n. 165/2001.2. La contrattazione collettiva non può istituire procedure di impugnazione dei provvedimenti disciplinari.Resta salva la facoltà di disciplinare mediante i contratti collettivi procedure di conciliazione nonobbligatoria, fuori dei casi per i quali è prevista la sanzione disciplinare del licenziamento, da instaurarsi econcludersi entro un termine non superiore a trenta giorni dalla contestazione dell'addebito e comunqueprima dell'irrogazione della sanzione. La sanzione concordemente determinata all'esito di tali procedure nonpuò essere di specie diversa da quella prevista, dalla legge o dal contratto collettivo, per l'infrazione per laquale si procede e non è soggetta ad impugnazione. I termini del procedimento disciplinare restano sospesidalla data di apertura della procedura conciliativa e riprendono a decorrere nel caso di conclusione con esitonegativo. Il contratto collettivo definisce gli atti della procedura conciliativa che ne determinano l'inizio e laconclusione. (Art.55 comma 3 D.lgs.165/2001)


Art. 29Esecuzione del provvedimento disciplinare1. Il dirigente individuato secondo i criteri di cui al precedente art.15 comma 2 ovvero l'Ufficio ProcedimentiDisciplinari, provvedono direttamente all'applicazione della sanzione irrogata e alla notifica delprovvedimento disciplinare al dipendente.2. Il provvedimento disciplinare può essere eseguito dalla data di ricezione da parte dell'interessato o dalladiversa data ivi indicata.Art.30Rapporto tra procedimento disciplinare e procedimento penale(art.55-ter D.lgs. 165/2001)1. Il procedimento disciplinare, che abbia ad oggetto, in tutto o in parte, fatti in relazione ai quali procedel'autorità giudiziaria, è proseguito e concluso anche in pendenza del procedimento penale. Per le infrazioni diminore gravità, di cui all'articolo 55-bis, comma 1, primo periodo, non è ammessa la sospensione delprocedimento. Per le infrazioni di maggiore gravità, di cui all'articolo 55-bis, comma 1, secondo periodo,l'ufficio competente, nei casi di particolare complessità dell'accertamento del fatto addebitato al dipendente equando all'esito dell'istruttoria non dispone di elementi sufficienti a motivare l'irrogazione della sanzione,può sospendere il procedimento disciplinare fino al termine di quello penale, salva la possibilità di adottare lasospensione o altri strumenti cautelari nei confronti del dipendente.2. Se il procedimento disciplinare, non sospeso, si conclude con l'irrogazione di una sanzione e,successivamente, il procedimento penale viene definito con una sentenza irrevocabile di assoluzione chericonosce che il fatto addebitato al dipendente non sussiste o non costituisce illecito penale o che ildipendente medesimo non lo ha commesso, l'autorità competente, ad istanza di parte da proporsi entro iltermine di decadenza di sei mesi dall'irrevocabilità della pronuncia penale, riapre il procedimentodisciplinare per modificarne o confermarne l'atto conclusivo in relazione all'esito del giudizio penale.3. Se il procedimento disciplinare si conclude con l'archiviazione ed il processo penale con una sentenzairrevocabile di condanna, l'autorità competente riapre il procedimento disciplinare per adeguare ledeterminazioni conclusive all'esito del giudizio penale. Il procedimento disciplinare è riaperto, altresì, sedalla sentenza irrevocabile di condanna risulta che il fatto addebitabile al dipendente in sede disciplinarecomporta la sanzione del licenziamento, mentre ne è stata applicata una diversa.4. Nei casi di cui ai commi 1, 2 e 3 il procedimento disciplinare è, rispettivamente, ripreso o riaperto entrosessanta giorni dalla comunicazione della sentenza all'amministrazione di appartenenza del lavoratore ovverodalla presentazione dell'istanza di riapertura ed è concluso entro centottanta giorni dalla ripresa o dallariapertura. La ripresa o la riapertura avvengono mediante il rinnovo della contestazione dell'addebito da partedell'autorità disciplinare competente ed il procedimento prosegue secondo quanto previsto nell'articolo 55-bis. Ai fini delle determinazioni conclusive, l'autorità procedente, nel procedimento disciplinare ripreso oriaperto, applica le disposizioni dell'articolo 653, commi 1 ed 1-bis, del codice di procedura penale.Art. 31Sospensione cautelare in caso di procedimento penale(Art.5 CCNL 11.04.2008)1. Il dipendente che sia colpito da misura restrittiva della libertà personale è sospeso d'ufficio dal serviziocon privazione della retribuzione per la durata dello stato di detenzione o comunque dello stato restrittivodella libertà.2. Il dipendente può essere sospeso dal servizio con privazione della retribuzione anche nel caso in cui vengasottoposto a procedimento penale che non comporti la restrizione della libertà personale quando sia statorinviato a giudizio per fatti direttamente attinenti al rapporto di lavoro o comunque tali da comportare, seaccertati, l'applicazione della sanzione disciplinare del licenziamento.


3. L'Ente, cessato lo stato di restrizione della libertà personale di cui al comma 1, può prolungare anchesuccessivamente il periodo di sospensione dal servizio fino alla sentenza definitiva, purché sussistano lemedesime condizioni di cui al comma 2.4. Resta fermo l'obbligo di sospensione del lavoratore in presenza dei casi già previsti dagli artt. 58, comma1, lett. a), b) limitatamente all'art. 316 del codice penale, lett. c), d) ed e), e 59, comma 1, lett. a),limitatamente ai delitti già indicati nell'art. 58, comma 1, lett.a) e all'art. 316 del codice penale, lett. b) e c)del D.Lgs. n.267 del 2000.5. Nel caso dei delitti previsti all'art. 3 , comma 1, della legge n. 97/ 2001, trova applicazione la disciplina ivistabilita. Per i medesimi reati, qualora intervenga condanna anche non definitiva, ancorché sia concessa lasospensione condizionale della pena, si applica l'art. 4, comma 1, della citata legge n. 97/2001.6. Nei casi previsti dai commi precedenti si applica quanto stabilito dal presente regolamento in tema dirapporti tra procedimento disciplinare e procedimento penale.7. AI dipendente sospeso dal servizio ai sensi del presente articolo sono corrisposti un'indennità pari al 50%della retribuzione base mensile come indicato all'art. 52, comma 2, lettera b) (retribuzione base mensile), delCCNL integrativo del 14 settembre 2000, la retribuzione individuale di anzianità ove acquisita e gli assegnidel nucleo familiare, con esclusione di ogni compenso accessorio, comunque denominato.8. In caso di sentenza definitiva di assoluzione o proscioglimento, pronunciate con la formula "il fatto nonsussiste", "non costituisce illecito penale" o "l'imputato non lo ha commesso", quanto corrisposto nel periododi sospensione cautelare a titolo di assegno alimentare, verrà conguagliato con quanto dovuto al lavoratore sefosse rimasto in servizio, escluse le indennità o compensi comunque collegati alla presenza in servizio o perprestazioni di carattere straordinario.9. In tutti gli altri casi di riattivazione del procedimento disciplinare a seguito di condanna penale, ove questosi concluda con una sanzione diversa dal licenziamento, al dipendente precedentemente sospeso verràconguagliato quanto dovuto se fosse stato in servizio, escluse le indennità o compensi comunque collegatialla presenza in servizio, gli incarichi ovvero o le prestazioni di carattere straordinario. Dal conguaglio sonoesclusi i periodi di sospensione del comma 1 e quelli eventualmente inflitti a seguito del giudizio disciplinareriattivato a seguito della condanna penale.10. Quando vi sia stata sospensione cautelare dal servizio a causa di procedimento penale, la stessa conservaefficacia, se non revocata per un periodo di tempo comunque non superiore a cinque anni. Decorso taletermine, la sospensione cautelare dal servizio, dipendente dal procedimento penale, è revocata di diritto ed ildipendente è riammesso in servizio, salvo che, per i reati che comportano l'applicazione della sanzione dellicenziamento con o senza preavviso, l'Amministrazione ritenga che la permanenza in servizio deldipendente provochi un pregiudizio alla credibilità della stessa a causa del discredito che da tale permanenzapotrebbe derivarle da parte dei cittadini e/o, comunque, per ragioni di opportunità ed operativitàdell'Amministrazione stessa. In tale caso, può essere disposta, per i suddetti motivi, la sospensione dalservizio, che sarà sottoposta a revisione con cadenza biennale. Il procedimento disciplinare comunque, sesospeso, rimane tale fino all'esito del procedimento penale.11. Qualora la sentenza definitiva di condanna preveda anche la pena accessoria della interdizionetemporanea dai pubblici uffici, l'U.P.D., sentito il Segretario Generale, sospende il lavoratore per la duratadella stessa.


Titolo IV - L'Ufficio per i procedimenti disciplinariArt. 32Composizione dell'Ufficio Procedimenti Disciplinari (U.P.D)1. Quando il responsabile della struttura non ha qualifica dirigenziale o comunque per le infrazioni punibilicon sanzioni superiori alla sospensione dal servizio con privazione della retribuzione fino a dieci giorni, lacompetenza allo svolgimento del procedimento disciplinare è attribuita all'Ufficio Procedimenti Disciplinari(U.P.D.) il quale è un organismo a carattere collegiale composto dal Direttore Generale, se nominato, ovverodal Segretario Generale, dal Dirigente del Dipartimento Personale, dal Dirigente del Dipartimento in cui èinserito il dipendente sottoposto a procedimento disciplinare o il corrispondente Direttore Capo Area o dalVice Segretario Generale, allorché sia un dirigente ad essere sottoposto a procedimento disciplinare. Qualorainteressato al procedimento disciplinare sia uno dei dirigenti dell'U.P.D., lo stesso è sostituito da altroDirigente individuato dalla Conferenza dei Dirigenti.2. L'U.P.D. è allocato presso il Dipartimento Personale e per il suo funzionamento si avvale di uno o piùcollaboratori, individuati all'interno dell'Ente dal Direttore Generale, se nominato, ovvero dal SegretarioGenerale, ai quali sono affidate le funzioni di segreteria.3.L'U.P.D. può altresì avvalersi, se necessario, della consulenza di altri funzionari esperti nelle materieoggetto del procedimento.Art. 33Organizzazione e funzionamento dell'Ufficio Procedimenti Disciplinari (U.P.D.)1. Le funzioni di Presidente deIl'U.P.D. sono assunte dal Direttore Generale, se nominato, ovvero dalSegretario Generale.2. Il Presidente firma in nome e per conto dell'Ufficio tutti gli atti del procedimento disciplinare, adeccezione del provvedimento finale che viene sottoscritto da tutti i membri.3. Per la valididelle sedute è necessaria la presenza di tutti i componenti e la composizione dell'Ufficio nonpuò variare nel corso del procedimento, che deve essere portato a termine dagli stessi soggetti che lo hannoavviato.4. Ciascun componente dell'Ufficio ha facoltà di porre al dipendente, convocato per essere sentito a propriadifesa, i quesiti che ritenga opportuni in relazione al fatto contestato, nonché di sentire, in qualità ditestimoni, altri dipendenti dell'Amministrazione che abbiano avuto conoscenza diretta delle circostanze delprocedimento ovvero siano in possesso di nozioni tecniche e professionali tali da consentire una piùcompiuta comprensione delle vicende in esame.Qualora lo ritenga assolutamente necessario, l'Ufficio può inoltre sentire una o più persone indicate daldipendente sottoposto a procedimento. L'Ufficio può altresì disporre accertamenti, sentire il difensore od ilrappresentante sindacale che assiste il dipendente ed acquisire agli atti eventuale documentazione inerente ilprocedimento. Nel corso dell'istruttoria l'U.P.D. può acquisire da altre amministrazioni pubblicheinformazioni o documenti rilevanti per la definizione del procedimento.La predetta attività istruttoria non determina la sospensione del procedimento, ne il differimento dei relativitermini.5. Il dipendente ha diritto di non rispondere ai quesiti che gli vengono posti dai componenti dell'Ufficio,eventualmente rinviando anche al contenuto di memorie scritte che il medesimo ritenga opportunoconsegnare all'Ufficio.7. Di ogni seduta del procedimento disciplinare il funzionario che svolge funzioni di segreteria redige unverbale nel quale dovranno essere riportati in forma riassuntiva gli accertamenti effettuati e le posizioniespresse dalle parti.8. Il procedimento istruttorio è concluso con il provvedimento finale adottato a maggioranza. I voti deicomponenti l'Ufficio hanno pari valore e la decisione della maggioranza esprime la volontà dell'Ufficio.


Titolo V – Disposizioni finaliArt. 34Segnalazione dei fatti disciplinarmente rilevanti1. Chiunque nell'Ente venga a conoscenza di fatti aventi rilevanza sotto il profilo della responsabilitàdisciplinare, è tenuto a farne tempestiva segnalazione al proprio dirigente, il quale provvederà ad informare ildirigente del Dipartimento a cui appartiene il dipendente che ha posto in essere la violazione.2. Il dirigente predetto, laddove ritenga che la sanzione da irrogare nel caso di specie sia superiore allasospensione dal servizio fino a dieci giorni, trasmette la segnalazione all'Ufficio Procedimenti Disciplinarisecondo le procedure previste dall'art.26 del presente regolamento.Art. 35Trasferimento e dimissioni del dipendente(Art.55 bis commi 8-9 D.lgs. n.165/2001)1. In caso di trasferimento del dipendente , a qualunque titolo, in un'altra amministrazione pubblica, ilprocedimento disciplinare è avviato o concluso o la sanzione è applicata presso quest'ultima. In tali casi itermini per la contestazione dell'addebito o per la conclusione del procedimento, se ancora pendenti, sonointerrotti e riprendono a decorrere alla data del trasferimento.2. In caso di dimissioni del dipendente, se per l'infrazione commessa è prevista la sanzione del licenziamentoo se comunque è stata disposta la sospensione cautelare dal servizio, il procedimento disciplinare haegualmente corso secondo le disposizioni del presente Regolamento e le determinazioni conclusive sonoassunte ai fini degli effetti giuridici non preclusi dalla cessazione del rapporto di lavoro.Art. 36Entrata in vigore1. Il presente Regolamento composto di trentasette articoli, entra in vigore il giorno successivo a quello diesecutività della deliberazione di approvazione.Art. 37Norme di rinvio1. Per quanto non previsto nel presente Regolamento, si fa espresso rinvio alle norme di legge vigenti inmateria e ai Contratti collettivi nazionali di lavoro comparto Regioni -Autonomie Locali.2. L'entrata in vigore di norme imperative di rango superiore, rende le stesse direttamente applicabili,indipendentemente dalla loro formale ed espressa ricezione nell'articolato.

More magazines by this user
Similar magazines