tempi, luoghi e persone sacre presso le culture antiche

ragazzi.iltessitore.it

tempi, luoghi e persone sacre presso le culture antiche

Il corpo sacerdotale egiziano eranumeroso e suddiviso a secondadelle varie mansioni; esistevano adesempio "sacerdoti dei morti", sacerdotiaddetti alle offerte, allamummificazione, ai funerali.Il clero era composto da "profeti"che rivestivano la carica gerarchicapiù alta, sacerdoti alle dirette dipendenzedi profeti, "orari" e sacerdotesse.Gli Egizi chiamavano i profeti ituneter (padri divini) o hemu neter(servitori del dio). Questi profetiformavano una gerarchia alla cuitesta era il gran sacerdote o primoprofeta.Tuttavia il clero di alcuni dei era invecediretto da un "pontefice"; cosìil Grande Veggente" (Ur Mau), diRa era capo del clero di Ra ad Eliopoli,il "Grande Veggente" di Aton,a capo del clero atoniano e il "GranMaestro" dell'Arte (Ur Kherp hemat)era il primo profeta del tempiodi Ptah a Menfi.I "sacerdoti lettori" (Deriu-hebet)avevano il compito di organizzare lecerimonie secondo il rituale e di recitaread alta voce gli inni sacri nelcorso delle celebrazioni. Ad essi inparticolare gli Egiziani attribuivanopoteri magici, proprio in virtù dellaloro conoscenza delle formule rituali.Le feste dei popoli mesopotamici eranolegate al ciclo della natura: la più importanteera quella dell’anno nuovo (akitu),che si celebrava in primavera con processioniin cui le immagini degli dei eranotrasportate per la città. In tale occasionevenivano rappresentati gli eventi dellacreazione del mondo; inoltre si svolgevaun rito di espiazione in cui il re assumevasu di sé i peccati, veri e presunti, del popoloe doveva sottoporsi ad una serie dipenitenze.aveva il significato di un pasto sacroche riuniva uomini e dei e quindi gliofferenti potevano parteciparvi.Un aspetto particolare della religionegreca erano i culti misterici eleusini edionisiaci, rispettivamente con riferimentoa Eleusi, località dell’Atticaconsacrata a Demetra, dea della fecondità,e a Dioniso, dio del vino.Su tali riti si hanno poche informazioniperché gli iniziati (ammessi ai cultisegreti) avevano il divieto assoluto diparlarne. Collegati ai ciclidell’agricoltura, si riteneva assicurasseroai partecipanti l’immortalità inun altro mondo. Si svolgevano con cerimoniesimboliche, con canti e musica,danze e rappresentazioni mimichhe.27 dicembre si svolgevano i Saturnalia,grande festa in suo onore.I saturnali avevano inizio con grandibanchetti, sacrifici. I partecipantiusavano scambiarsi l'augurio, accompagnatoda piccoli doni simbolici,detti strenne.Durante questi festeggiamenti erasovvertito l'ordine sociale: gli schiavipotevano considerarsi temporaneamentedegli uomini liberi, e comequesti potevano comportarsi;veniva eletto, tramite estrazione asorte, un princeps - una sorta di caricaturadella classe nobile - a cuiveniva assegnato ogni potere.Le cerimonie sacre si celebravano indeterminati periodi, chiamati secondoil calendario dies nefasti, incui era proibito occuparsi delleproprie attività. Ogni mese era dedicatoalla celebrazione di riti particolari.Ad esempio febbraio era dedicatoalle lustrationes, purificazionirituali con acque consacrate, maggioera dedicato ai parentalia, celebrazioniin onore dei parenti defunti.


I "sacerdoti orologi" erano incaricatidi determinare i tempi delle cerimonietramite l'osservazione dellacorsa diurna del sole e della parabolanotturna delle stelle.I "sacerdoti oroscopi" avevano inveceil compito di individuare, conprocedimenti astrologici, i giornifasti e i giorni nefasti dell'anno.Le festività principali erano legateal ciclo della terra. Particolarmenteimportanti erano le feste in occasionedell’inondazione del Nilo, ilcapodanno, l’inizio delle stagioni, ilraccolto. Vi erano inoltre giorni difesta dedicati alle varie divinità e alfaraone in cui si svolgevano solenniprocessioni e cerimonie.

More magazines by this user
Similar magazines