Aprile - Ilmese.it

ilmese.it

Aprile - Ilmese.it

Spedizione in a.p. -45% - art.2 comma 20/b legge 662/96 - filiale di Parma€ 0,50Dal 22 al 25 aprile mostre,incontri pubblici, spettacoli evisite guidate alla scopertadi una pagina di storiaB092031065 anni dilibertàFESTIVALSperimentatori einnovatori dellamusica: al via ladecima edizionede l’Altro SuonoarteFotografia capitolotre. Le nuoveacquisizioni tutteitaliane dellaFCRMOcinemaAlla Truffautundici inediti filmdi grandi registiper descrivereun’Europa diversa


€ 0,50B0690210Spedizione in a.p. -45% - art.2 comma 20/b legge 662/96 - filiale di ParmamusicaSperimentatori einnovatori dellamusica: al via lanuova edizione del’Altro SuonoDal 22 al 25 aprile mostre,incontri pubblici, spettacoli evisite guidate alla scoperta di unapagina di storia65 anni dilibertàarteFotografia capitolotre. Le nuoveacquisizioni tutteitaliane dellaFCRMOAut. Tribunale di Parman. 9 del 24.03.2003ISSN 1827-5958euro 0,50Il Mese di Modena n.83Direttore responsabileSimone Simonazzi,simonazzi@edicta.netArt directorPietro Spagnulo,spagnulo@edicta.netRedazioneEugenio Fedolfi, MarinaLeonardi, Alberto Morsiani,Alessia Pelillo, Michele Pelillo,Erika VaresiHanno collaboratoSerena Arbizzi, Dalila Borrelli,Carlotta Catellani, Tatiana Cristoni,Letizia De Felice, MicolLombardi, Annalisa Malavolta,Elisa Nobler, Imane SamiaOursana, Laura Parenti,Maria Elena Seidenari, MatteoTommasinaPer informazioni e contattiRedazione de Il Mese diModena:Marina Leonardi - Edictavia S. Chiara 1441100 ModenaTel. 0592034854leonardi@edicta.netErika Varesi - Edictavia Torrente Termina 3/b43100 PARMATel. 0521251848Fax 0521907857mesemodena@edicta.netcinemaAlla Truffautundici inediti filmdi grandi registiper descrivereun’Europa diversaEditoreEdicta p.s.c.via Torrente Termina 3/bn. iscrizione ROC: 998043100 PARMAwww.edicta.netPer la pubblicitàTel. 0521258210Tiratura 12.000 copieStampaStamperia s.c.r.l. – PARMAi n . s o m m a r i oin sommarioprimopianopag.04 ... tutt’intorno fumo grida e lamenti pag.06 L’etnomusica dei Niyaz al festivalAltro Suono pag.08 Sette artisti si fan in treartepag.10 Un bestiario fantastico - MOdenArte: i Cellotex o la materia secondo Burripag.12 L’incanto di Pina Bausch pag.13 L’altro io alla Biennale Roncagliamusicapag.14 Con la Manon Lescaut torna il grande Puccini - La musica roantica secondoHerreweghe pag.16 Un gran trio a tutto jazz - I virtuosismi di Tommy Emmanuel aFormigine pag.17 La voce di Fiorella Mannoia è sogno allo Storchi - A volte ritornano:Ultravox pag.22 Unacinemapag.20 Il cinema meticcio di Crossroads pag.22 Ritorna Doc in tour pag.27 NonantolaFilm Festivalcalendario eventiteatropag.28 Quest’avaro senza sesso - Il mercante di Venezia è uno squalo della finanza pag.29Su La scena delle idee Longhi rilegge Senofonte - Castri gioca con il Finale di partita diBeckett pag.30 Erodiadi a confronto nella lingua di Testori pag.31 Nel Motel a puntatesi inseguono le stanze pag.32 La Paul Taylor Company - Ersiliadanza presenta Butterflypag.33 Dedicata a Pina Bausch pag.34 In viaggio nella psicheincontripag.36 I musei sono... da gustare pag.38 Pasqua alla Terramara pag.39 Torna laCampionaria pag.40 L’impegno per i giovani pag.42 Al San Carlo con... Democrazia- Circoscrizioni pag.43 E a Mirandola si ripensa il corpocarpipag.44 Ecco Anteprima Mundus pag.45 Le tele dell’Accademiaappuntamentipag.46 A Vignola la Festa dei ciliegi in fioreil Mese ModenaIn tutte le edicole di Modena e provincia, edistribuito gratuitamente in città:Comune di Modena, Informagiovani/IAT,Biblioteca Delfini, Provincia di Modena, TeatroStorchi, Teatro delle Passioni, FondazioneCassa di Risparmio di Modena, Sala TruffautIn provincia a Carpi:Comune, Biblioteca Arturo Loria, IAT,Urp QuiCittàa Castelfranco Emilia:Assessorato Culturaa Vignola:Fondazione, Roccabuono acquisto per una copia diSpedizione in a.p. -45% - art.2 comma 20/b legge 662/96 - filiale di ParmaIl regista, attore,musicista balcanicoil 19 marzoospite al Baluardo.Tutto quello che voletesapere sul cinemae sulla vita del geniodi UndergroundValido fino al 31 dIcEmbrE 2010PER L’EDICOLANTE: DA RESTITUIREALL’AZIENDA DI DISTRIBUZIONE GIORNALIwww.edicta.net€ 0,50ARTEsERATAkusTuRicAAlla Civica stranecreature trattedalle “Paginedi un bestiariofantastico”TEATROMassimo Castrialle prese conBeckett. Debuttaalle Passioni“Finale di Partita”MusicAAl Comunalel’opera “Idomeneore di Creta”e la formazioneEuropa Galante


di marina leonardiCosì Modena va a celebrare il 65° della Liberazionecon un momento corale ricco di iniziative che dal 22al 25 coinvolgerà molti degli istituti storico-culturalidella città nella riproposizione di foto e documentiinediti tra cui quelli dei bombardamenti del ‘44-‘45Sono passati 65 anni dalla Liberazionedi Modena, una ricorrenzaimportante che quest’anno vienecelebrata in un’ottica storico-culturalecoinvolgendo moltissime delle istituzionicittadine. E ci piace citarle tutte a partiredai promotori, che sono l’Assessoratoalla Cultura del Comune, la BibliotecaPoletti, il Fotomuseo Panini e l’Istitutostorico per la Resistenza in collaborazionecon l’Accademia di scienze lettere edarti, l’Archivio di Stato, l’Archivio storicocomunale, l’Archivio Capitolare, l’AssociazioneCircuito Cinema, l’Associazione FuoriOrario, la Biblioteca Estense, la GalleriaEstense, i Musei civici, l’Università deglistudi, con il sempre prezioso contributodella Fondazione CRMO. Un momentocollettivo, che coinvolge tutta la città conincontri, letture, film, una mostra e unconcerto per mantenere vivo il ricordo dicoloro che si sono spesi per la democraziae la libertà, due ideali che sono alla basedel vivere civile, ieri come oggi.In occasione di questo 65° della Liberazionegli istituti culturali cittadini hanno decisodi puntare su un tema poco conosciuto:quello dei bombardamenti sulla nostracittà visto dalla particolare angolaturadella protezione dei beni artistico culturali.Come scrisse il 12 marzo 1945 AdamoPedrazzi, direttore della Biblioteca Polettie Reggente dell’Archivio storico, nella suaCronaca dell’occupazione nazi-fascistadella città di Modena: “vi sono personeche lodevolmente si sono preoccupatedella incolumità del nostro patrimonioartistico ed edilizio”.Alla tutela di questi beni si dedicaronopersonaggi noti e meno noti. In primisbisogna ricordare Giulio Carlo Arganche, dalla Soprintendenza alle Gallerie diModena e Reggio, si occupò della predisposizionedel Piano di protezione delleopere d’arte in caso di bombardamentoaereo fino dal 1935 ma anche tanti dirigentie funzionari pubblici che soprattuttodopo l’8 settembre 1943, si trovaronoad affrontare una situazione davverodrammatica.…tutt’intorno fumoGLI EVENTIIncontri letture mostree la musica di BubolaIl ricco calendario di eventiaprirà il 22 aprile alle ore14.30 con l’incontro pubblicoModena città aperta.Bombardamenti e tuteladei beni artistico-culturalia Modena durante la IIGuerra mondiale a cui parteciperannoi rappresentantidelle istituzioni culturalimodenesi, per ripercorrerele vicissitudini dei loro istitutidurante il periodo bellico.Alle ore 19 ci si sposteràall’ex caserma Santa Chiaraper l’inaugurazione di unamostra fotografica sullemisure di protezione delpatrimonio storico-artisticodella città e sui danni deibombardamenti del ‘44-‘45.Il 23 aprile alle ore 16.30e il 25 aprile alle ore 20.30proiezione (unico evento apagamento) del film “L’uomoche verrà” di Giorgio Diritti.Sabato 24 aprile alle ore17 al Parco XXII aprile,inaugurazione del muraleraffigurante la Villa Pentetorri,bombardata il 13 maggiodel ‘44. Il 25 aprile in calendariodiversi appuntamenti apartire dalle visite guidate(ore 9.30 e 14.30) ai luoghidei bombardamenti. Alle ore17 in Piazza XX settembreè in programma la letturadi Sotto le bombe, conl’attore Ivano Marescottiche interpreterà paginescelte della Cronaca dell’occupazionenazi-fascista diModena di Adamo Pedrazzi.Alle 18 seguirà il concertodel cantautore MassimoBubola.[04] - il mese aprile \2010


p r i m o p i a n oLA TESTIMONIANZAPedrazzi e la sua CronacaE’ questa l’occasione per riscoprire AdamoPedrazzi, di cui la Biblioteca Poletti fa conoscereal grande pubblico l’opera più corposa,finora inedita, composta da tre volumidattiloscritti e da sette di apparati iconografici.Si tratta della Cronaca dell’occupazionenazi-fascista di Modena che l’autorescrisse dall’ 8 settembre 1943 al 30 aprile1945. Il testo dedica grande attenzioneal tema dei bombardamenti ben 176 tra il14 febbraio 1944 e il 20 aprile 1945 checausarono 327 morti di cui ben 274 civili,376 i feriti tra i quali solo 63 militari, 250 leDa Cronaca dell’occupazionenazi-fascista di Modena“La città inviolabile che non doveva esseretoccata dalla furia devastatrice degliAngloAmericani ha subito oggi il suo primomartirio. Anche Modena viene in questo tristedoloroso sanguinante momento, ad unirsi alleconsorelle che prima d’essa hanno soggiaciutoal massacro degli inermi cittadini, degliinnocenti fanciulli, dei vecchi impotenti. Sonole ore dodici e minuti venti allorchè la sirenafischia l’allarme, il cielo terso, momento propizioalle incursioni. Nessuno però credevache fosse la volta segnata per noi, quindi benpochi si preoccupavano dell’allarme. Pocodopo udiamo un fragoroso rombare di motorialla nostra sinistra. I velivoli in un battered’occhio sono sul nostro capo venendo a fiotti.Le prime formazioni su Sassuolo, le successivestavano entro una zona tra la via EmiliaOvest e la fascia collinare, mentre la terza silibrava sulla città di Modena. L’animo più nonmi bastava al sol pensare che quel caderedi bombe poteva aver segnato la morte deimiei. Sulla via Emilia un groviglio di rottami, dicumuli, di buche. All’intorno fumo e lamenti,urla di gente che fugge. I feriti che possonoreggersi in piedi fuggono impauriti. Finalmenteraggiungo l’incrocio della via Ruffini collavia Emilia. Un gruppo di bombe era cadutocostà: case crollate e sotto due corpi di donneforse morte. Io continuo con il cuore in pena,vedo nuove case crollate e al crocicchio dellavia mia moglie, i miei casigliani tutti incolumi:respiro”. 14 febbraio 1944A sinistra la Portadei Principi delDuomo dopo ilbombardamento;sopra lesegnalazioni per ibombardieri dipintesui tetti del Duomogrida e lamenticase distrutte,358 quelledanneggiate,4200 le personesenzatetto,11 gliedifici distruttie 8 quelli danneggiatitra scuole, ospedali, chiese e ufficipubblici. La lettura della Cronaca Pedrazzifatta attraverso la lente della moderna guerratotale si presenta di una straordinariae drammatica attualità.CALENDARIOGiovedì 22 apriledalle ore 14.30 Baluardodella CittadellaIncontro pubblico: “Modenacittà aperta. Bombardamentie tutela dei beni artisticoculturalia Modena durante laII Guerra mondiale”ore 19 Ex Caserma SantaChiaraInaugurazione mostrafotografica.Venerdì 23 aprileore 16.30 Sala TruffautProiezione (ingresso apagamento) del film “L’uomoche verrà” di Giorgio Diritti,segue dibattitoSabato 24 aprileore 17 Parco XXII aprileInaugurazione muraleraffigurante la Villa Pentetorri,bombardata il 13 maggio ‘44Domenica 25 aprileore 9.30 e 14.30 da PiazzaRomavisite guidate ai luoghi deibombardamentiore 17 Piazza XX settembre(in caso di pioggia AuditoriumMarco Biagi)“Sotto le bombe”, IvanoMarescotti legge la Cronacadell’occupazione nazi-fascistadi Modena di Adamo PedrazziOre 18Concerto per R/RsistereMassimo Bubola e la sua bandore 20.30 - 22.30 SalaTruffautProiezione (ingresso apagamento) del film “L’uomoche verrà” di Giorgio DirittiDal tardo pomeriggio in piazzaXX settembre cibi e bevandeInfo: 059 2033372primopiano


Michele pelilloL’etnomusica dei Niyazal festival Altro SuonoAl Teatro Comunale Fondazionemartedì 22 prende il via la kermessecon la prima nazionale della bandiraniana che mescola sonoritàtradizionali turche indiane e persianeComincia ufficialmente questo mese il cartellone 2010 diAltro Suono, festival musicale che da ben dieci anni riuniscei migliori sperimentatori ed innovatori della musicadei giorni nostri, senza mai porsi confini di generie barriere di alcun tipo.Dopo il successo della serata fuori abbonamento,che il mese scorso ha doverosamente omaggiatol’importante produzione artistica del grande RobertWyatt, ad aprile il festival entra nel vivo delsuo ricco programma: sei i grandi nomi che diqui a maggio porteranno la loro speciale propostasul palco del Teatro Comunale Luciano Pavarotti,ma anche collaborazioni, rassegne collaterali emolto altro ancora.Il primo appuntamento del mese è quello di martedì20 aprile, ore 21, con il gruppo Niyaz, peruna serata tra tradizione etnomusicologica e sperimentazioneelettronica.I Niyaz si formano come trio nel 2005, in Iran, dall’incontrodel dj/produttore Carmen Rizzo con la cantante e suonatricedi dulcimer Azam Ali (già della band Vas), e con Ramin LogaTorkian della crossover-band iraniana Axiom Of Choices. Lavolontà che muove i tre è quella di mescolare le influenze dellatradizione musicale e poetica turca, indiana e persiana, con lecontaminazioni elettroniche dello sperimentalismo occidentalecontemporaneo.Il primo disco, datato 2005, porta il nome della band, e nerappresenta appieno le intenzioni: l’album permette ai tre di raggiungereimportanti traguardi internazionali (12esima posizionenella classifica Billboard Top World Albums), e di portare la loromusica nelle più prestigiose sale da concerto del mondo.È del 2008 la loro seconda fatica discografica,“Nine Heavens”, che si spinge ancora più in lànell’impresa di mescolare tradizione e innovazione:l’album è infatti composto da due dischi, ilprimo dei quali rappresenta il degno successoredell’album di debutto, mentre il secondo ripropone8 dei 9 brani del primo disco in chiaveacustica, mettendo in luce l’anima più intimistae delicata del trio. Il concerto di Altro Suono èuna prima nazionale.L’altro appuntamento del mese sarà martedì27 con l’Orchestra di Piazza Vittorio, del qualeparliamo nel box dedicato; da non dimenticareè anche il primo concerto di maggio, sabato 8, che vedràprotagonista la star della musica raï Khaled.Info: 059 2033020 www.teatrocomunalemodena.itPROSSIMAMENTEKhaled il maestro del pop raiL’artista algerino a Modena l’8 maggioMerita un’anticipazione la seratadi sabato 8 maggio, chevedrà ospite di Altro Suono il redella musica raï Khaled, fortedella recente pubblicazione delsuo ultimo lavoro “Liberté”.Il programma del concerto alTeatro Comunale ripercorreràla straordinaria e variegatacarriera del musicista algerino,classe 1960, cresciuto con lecanzoni ispaniche di Joselito, le ballate d’amoreegiziane di Abdel Halim Hafez, le melodie di KabyliaIdir, ma anche le musiche di Elvis Presley, JohnnyHallyday e Bob Marley.Premio Tenco nel 2005, Khaled può essere consideratouno dei più efficaci interpreti del sodaliziofra tradizione arabo-orientale e occidentale.[06] - il mese aprile \2010


p r i m o p i a n oSe le lezioni concertoportano Dentro le noteAlla Facoltà di Lettere il duo Vasi - Pacorigil violinista Janos Hasur e Marco BiscariniSi concludono ad aprile lelezioni-concerto di Dentrole note, rassegna organizzatadalla FondazioneTeatro Comunale di Modenain collaborazione conl’Università degli Studi diModena e Reggio, che siprefigge di varcare la sogliadella cosiddetta competenzamusicale portando gliinterpreti a contatto direttocon il pubblico.Il duo Vincenzo Vasi-GiorgioPacorig presenterà l’ecletticolavoro Perfavore Singmercoledì 14 aprile, dimostrandocome la vocalità e l’interpretazione possonoessere destrutturate e rimodellate a piacimento ancheda una formazione così essenziale come quella del duo;mercoledì 21 aprile il violinista ungherese Janos Hasuralternerà musica e parlato in un percorso nella tradizionedei popoli del Bacino dei Carpazi; infine, mercoledì 5maggio il musicista bolognese Marco Biscarini, autore dicolonne sonore e arrangiamenti di numerosissimi lavori,avvicinerà il pubblico all’affascinante e misterioso mondodelle sinergie visivo-musicali, in qualità di music makerprofessionista. Gli incontri, ad ingresso gratuito, inzierannoalle 18 ed avranno luogo presso la Facoltà di Lettere eFilosofia, Largo S. Eufemia.Un flauto magico per l’Orchestra di Piazza VittorioIl 27 la formazione romanapropone un riadattamentodella celebre opera di MozartIl secondo appuntamento con l’AltroSuono festival, fissato per martedì 27aprile alle ore 21, vedrà protagonistauna formazione sensazionale, che incarnaperfettamente il vero significato dell’essere“multietnica”: stiamo parlando dell’Orchestradi Piazza Vittorio, formazionenata a Roma nel 2002, e che da allorasi è affermata a livello internazionalecome una delle più interessanti realtàmultietniche del mondo.Nata da un’idea di Mario Tronco, componentedella Piccola Orchestra AvionTravel, e del documentarista AgostinoFerrente, l’Orchestra di Piazza Vittoriovuole rappresentare un primo, grandeesperimento di integrazione etnicaattraverso la musica, ed è formata damusicisti di varie etnie che suonanogli strumenti della propria tradizione.Iprimi anni dalla formazione hanno vistol’ensemble prodigarsi in un’incisionediscografica, del 2003, e nelle primeesibizioni su suolo nazionale, anche dinotevole importanza; è però nel 2006che avviene la vera consacrazione, graziesoprattutto a due importanti traguardi:il primo è la pubblicazione di “Sona”, secondaincisione discografica che ottienebuoni riscontri di pubblico e critica; ilsecondo è il documentario “L’orchestradi piazza Vittorio”, realizzato da AgostinoFerrente, che racconta la storia di questainconsueta formazione musicale. Il filmviene presentato con grande successo innumerosi festival internazionali, tra cui ilFestival di Locarno e il Tribeca Film Festivaldi New York, per poi uscire nelle salecinematografiche italiane distribuito daLuckyred, vincendo nel 2007 numerosipremi tra cui il Nastro d’Argento e il Globod’Oro come migliore documentario. Il filmè poi stato distribuito negli Usa (Netflix)e in numerosi altri paesi.Il più recente ed ambizioso progetto dellaformazione è il riadattamento de Il FlautoMagico di Mozart nel particolarissimo stiledell’Orchestra: è con quest’opera che,dal 2009, l’ensemble debutta sui palchidei più prestigiosi festival europei, tra cuiLione, Atene, Barcellona e Roma, ed èproprio quest’opera che sarà presentataal pubblico de L’Altro Suono.Tra gli ospiti esclusivi che affiancherannoil numeroso organico dell’Orchestra, visaranno le splendide voci di Petra Magonie Sylvie Lewis, ed il pianoforte di LeonardoPiccioni.primopiano


di marina leonardiSette artistisi fan in TreCasali, De Pietri, Frapiccini, Jodice, Leotta, Nicosiae Musi sono i protagonisti del nuovo allestimentoprodotto dalla Fondazione CRMO per presentarele acquisizioni della collezione di fotografia italianaCi convince fin dalla prima occhiataquesta nuova mostra della FondazioneCassa di Risparmio diModena, che arriva ad inaugurare oggi ilterzo capitolo del suo ambizioso progettodi acquisizioni con questi nuovi scatti chevanno ad arricchire la collezione di fotografiaitaliana contemporanea di FondazioneFotografia. Si tratta delle opere di setteautori, alcuni pienamente affermati comePaola De Pietri, Francesco Jodice (figliodi Mimmo, le cui opere abbiamo potutoapprezzare nella mostra Uno) e poi PinoMusi e Carmelo Nicosia. Accanto a loroi lavori dei tre giovani autori under 35,Lorenzo Casali, Eva Frapiccini e RenatoLeotta, selezionati lo scorso anno attraversoil concorso Special Italia.Appuntamento quindi il 10 aprile conl’inaugurazione di Tre. Casali, De Pietri,Frapiccini, Jodice, Leotta, Musi, Nicosia,curata da Filippo Maggia. Il percorsoespositivo si sviluppa attorno a unasettantina di opere, tra fotografie, videoe installazioni, di cui oltre 50 entrate incollezione: il tutto ospitato come ormaidi consueto nelle sale dell’ex OspedaleSant’Agostino.Tratto distintivo della mostra, così comedell’intera collezione italiana, compostafinora dei capitoli “Uno. Basilico, Fontana,Ghirri, Jodice, Vaccari” e “Due, Andreoni,Campigotto, Ferrero Merlino, Pirito, Rivetti,Thorimbert”, è l’eterogeneità degli stilie delle ricerche presentate, dettate daapprocci differenti al mezzo fotografico eai codici visivi dell’immagine.Lorenzo Casali (Tradate, Varese, 1980)ritrae gli interni delle abitazioni di un quartierepopolare in corso di demolizione. Ilsuo video Permanence #2 coglie il segnodel naturale movimento della luce suimuri dove affiorano le tracce degli ultimiabitanti, stratificate sulle superfici.Il confine precario tra la memoria e l’oblioritorna come tema centrale dell’ultimoprogetto fotografico di Paola De Pietri(Reggio Emilia, 1960) dal titolo “To Face”che ripercorre i luoghi del fronte dellaprima guerra mondiale sul crinale alpinoe prealpino cogliendo la progressivadisintegrazione dei segni inferti alla montagnadagli eventi bellici, riassorbiti ormainell’ambiente naturale.Eva Frapiccini (Recanati, 1978) conl’installazione “Street Fighters”, a cavallotra denuncia sociale e narrazione privata,coinvolge lo spettatore a confrontarsi conil tema delle morti bianche.Francesco Jodice (Napoli, 1967) con-INFORMAZIONITRE. CASALI, DE PIETRI, FRAPICCINI,JODICE, LEOTTA, MUSI, NICOSIASALVATORE ANDREOLAE IL PITTORIALISMO[08] - il mese aprile \2010Dove: Ex Ospedale Sant’Agostino, LargoPorta Sant’Agostino 228Quando: 11 aprile - 30 maggioInaugurazione 10 aprile ore 18Orari: aperto tutti i giorni, dalle 11 alle 19,escluso il martedìIngresso gratuitoCatalogo: SkiraInfo: 059 239888 - 059 224418www.mostre.fondazione-crmo.itwww.fotomuseo.it


luogop r i m o p i a n oQuei ritratti fermati con la luceIl Fotomuseo alla riscoperta dell’opera di Salvatore AndreolaSopra Francesco Jodice, What We Want,Oostende, T42, 2005; a sinistra Carmelo Nicosia,Una grossa nuvola oscurò il cielo…, 2009; sottoEva Frapiccini, Street Fighters, video installazione,2010; sopra a destra Salvatore Andreola, SignoraDirce Ferrari, gelatina al bromuro d’argento, 1926centra da sempre la sua ricerca sull’interazioneuomo-ambiente e sull’analisi delpaesaggio sociale e con “What We Want”descrive luoghi ridisegnati a propria immaginee somiglianza dai loro fruitori, che,come moderni pionieri, imprimono allospazio la proiezione dei propri desideri.Carmelo Nicosia (Catania, 1960) con isuoi affascinanti bianco e neri propone unviaggio immaginifico che travalica i confinispazio-temporali. Renato Leotta (Torino,1982) utilizza invece la fotografia comestrumento per portare alla luce traccee isolare frammenti, mentre Pino Musi(Salerno, 1958) con “Hybris” ci conduceall’interno di sale operatorie, immortalatenell’attimo immediatamente successivoall’intervento teatro dell’ostinata lottadell’uomo contro l’ineluttabilità dei suoilimiti terreni.La mostra sarà accompagnata da uncatalogo bilingue edito da Skira che raccoglierà,sotto forma di catalogue raisonnée,le opere entrate in collezione, introdotteda un testo critico di Filippo Maggia e dabiografie e statement per ogni artista.Il sodalizio artisticotra Fotografia Fondazionee FotomuseoPanini continua,sempre a cavallo trapresente e passato.Mentre la Fondazioneguarda allacontemporaneità, ilFotomuseo va indietroai primi del Novecentoper proporrele eleganti immaginidi Salvatore Andreolae il pittorialismo,la mostra cheinaugura sempresabato 10 aprile neilocali dell’ex OspedaleSant’Agostino. La personale sulfotografo chietino di nascita ma modenesed’adozione è realizzata col MuseoCivico d’Arte, in collaborazione con laFondazione CRMO.E’ interessante scoprire questo autore,che è stato il portavoce della fotografiaartistica italiana nell’Europa degli anniVenti e Trenta. Ritrattista instancabile,fine indagatore psicologico, ottimo fotografo,ha interpretato quella ricercadell’affinità fra pittura e fotografia che haanimato il dibattito artistico all’inizio delsecolo scorso, dando vita al movimentopittorialista nato alla fine del XIX secolocon l’intento di elevare il mezzo fotograficoad arte, al pari della pittura. Lafotografia era spesso considerata condisprezzo nell’ambito artistico, a causadel procedimentomeccanico e automaticorichiesto perla produzione delleimmagini.Lo scopo dei pittorialistiera quellodi rendere l’immaginefotografica ilpiù simile possibilealla pittura grazie adun’attenta ricerca disoggetti (ritratti, paesaggi)ripresi conluci morbide e sfocature,e ad un accuratissimolavoro distampa in cameraoscura con tecnichecome il bromolio e la gomma bicromata,che davano una resa pittorica alla foto.E così Salvatore Andreola nei suoi scrittidichiara di voler riprendere nei ritrattil’uso della luce fatto da Rembrandt eGuido Reni e di cercare di far emergerecon essa non solo il volto esteriore, maanche quello interiore della personafotografata. Gli ottimi risultati ottenutigli valsero grande fama: partecipòall’esposizione Internazionale di Torinonel 1923 e un suo ritratto alla gommabicromata fu l’unica opera italiana ammessaall’Esposizione Internazionale del1923 a Londra.Le 90 immagini in mostra fanno partedella donazione di 257 lastre che nel1965 il fotografo donò al Museo Civicodi Modena.primopiano


artedi marina leonardiUn bestiario fantasticoAlla Civica riproduzioni di animali dalla Raccolta del disegnoSono tavole molto originali, una“mandria” di animali colorati,stravaganti spesso fantastici trattidalla ricca Raccolta del DisegnoContemporaneo della Galleria Civicache conta ormai più di 5milapezzi. Una popolazione chiassosauscita dalle Pagine da un bestiariofantastico e che ha invaso le saledi Palazzo Santa Margherita perrestarci fino a luglio.Sono grifoni, unicorni, draghie mostri marini i protagonistidell’evento espositivo, organizzatoe coprodotto dalla Galleria Civicadi Modena e dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, a cura di Silvia Ferrari eSerena Goldoni in collaborazione con Flaminio Gualdoni. Una mostra che trae ispirazioneda suggestioni medievali, reinterpretate anche dalla letteratura moderna, valga adesempio il “Manuale di zoologia fantastica” di Jorge Luis Borges (un giardino zoologico emitologico che ospita sfingi, grifi e centauri in luogo di leoni e giraffe, e dove alberganocreature nate per combinazione tra realtà e fantasia), e che si articola in un percorsoespositivo che interessa tutte le sale di Palazzo Santa Margherita.Il nucleo fondamentale dell’allestimento è rappresentato, come dicevamo, da una selezionedi opere significative della Raccolta del Disegno ed è arricchito da lavori di artisti italianicontemporanei provenienti da gallerie o collezioni pubbliche e private del nostro Paese.Tanti gli autori presenti in mostra tra cui: Enrico Baj, Davide Benati, Andrea Chiesi, ClaudioCosta, Enzo Cucchi, Lucio Fontana, Osvaldo Licini, Marino Marini, Mario Merz, LuigiOntani, Alberto Savinio, Wainer Vaccari.Il 10 aprile alle ore 15,30 è in calendario una visita guidata alla mostra condotta dallecuratrici Silvia Ferrari e Serena Goldoni. La visita è ad ingresso gratuito, su prenotazione.Saranno in funzione inoltre i laboratori didattici I bambini incontrano l’arte contemporanea,dedicati ai piccoli in età compresa fra i 4 e gli 11 anni: appuntamento il 17 e 24 apriledalle 15 alle 17.30 e il 18 e 25 aprile dalle 10.30 alle 12.30 e dalle 15 alle 17.30Dove: Sala Grande e Sale Superiori di Palazzo S. Margherita, corso Canalgrande 103Quando: fino al 18 luglio, mart- ven 10,30 - 13; 16 – 19 sab, dom e fes 10,30 – 19Info: 059 203 2919I 100.000 filters di Lamiscelti per l’Area ProgettoProsegue a Palazzo Santa Margherita(corso Canalgrande 103 fino al16/5), l’installazione di Giovanni Lamidal titolo 100.000 filters, settimoappuntamento di Area Progetto,iniziativa dedicata alla creativitàgiovanile emergente promossa dallaGalleria Civica con l’Ufficio Giovanid’Arte del Comune. 100.000 filtersè un’installazione fotografica chepone l’accento sul fenomeno dellaprogressiva perdita di una visioneincontaminata del cielo da partedell’uomo ed è sviluppato attraversouna serie di fotografie di grandeformato sospese come un grandetetto sulla testa degli spettatori, conl’immagine visibile soltanto dal latoopposto al loro passaggio.Info: 059 2032911MOdenArte: i Cellotex o la materia secondo BurriProsegue fino al 1 maggio alla MOdenArtela bella mostra Alberto Burri:Cellotex. La strategia della materia,dedicata a uno dei più grandi maestridell’arte italiana del Novecento. Nella galleriadi via Toscanini 26 troviamo una seriedi splendidi Cellotex: con questo nomeBurri indicava tutta una serie di opere, checostituiscono uno dei cicli più interessantidella sua produzione, realizzate a partiredagli anni ‘70 e che l’hanno accompagnatofino alle ultime fasi della sua attività, comei Cellotex in mostra a Modena realizzatiappunto tra il 1982 e il 1993. Si trattadi pannelli di dimensioni medio grandi forgiatisu una base di materiali compressiper uso industriale, dove Burri intervenivacon linee e geometrie, realizzando grandicampiture di colore. Sono composizioniche comunicano al tempo stesso vivacitàe gravità, leggerezza e peso, stasi e movimento.Nelle opere del ciclo Annottarsi,Cellotex monocromi neri dal caratteremeditativo e notturno, la ricerca diBurri approda al silenzio dell’assoluto.A questa prima parte di opere, si affiancanopoi in mostra venti serigrafierealizzate tra il 1986 e il 1988 e unapiccola bruciatura, un’altra tecnicaquesta che caratterizza in manierainequivocabile l’opera del maestro diCittà di Castello.“L’opera di Alberto Burri – leggiamonelle note del curatore della mostraGianluca Ranzi - descrive una parabolacreativa fondata sulla sperimentazionecontinua dei materiali e delle proprietàdella materia”. Orari di visita: dal lunedìal venerdì 9-17.30, sabato 11-18Info: www.modenarte.com[10] - il mese aprile \2010


Le parole che piovono dal cieloLibri e cataplasmi di Ben Vautier fino al 10 alla Biblioteca PolettiOttanta libri esposti al pubblico per la prima volta, unaserie di oggetti in cui è protagonista la scrittura e due“cataplasmi”, volumi che si librano nello spazio calando dalsoffitto. E’ ciò che propone la mostra I libri di Ben Vautier,aperta fino al 10 aprile alla Biblioteca civica d’arte LuigiPoletti (viale Vittorio Veneto 5). Curata da Mario Bertonie Carla Barbieri, la dodicesima esposizione della rassegnaannuale “In forma di libro” rende omaggio a uno dei grandiartisti contemporanei. Le tele di Ben, di forte impattoemotivo e psicologico, in cui la parola è la protagonista,rendono il suo stile unico e ben identificabile: su di essele frasi e i commenti filosofici ed estetici esplodono conviolenza passionale e lucidità ironica, mettendo in discussionele nostre certezze. La sua scrittura si deposita su tutto: luogo d’origine del suointervento artistico, essa dà vita a una creazione infinita di libri. Visite: lun 14.30-19,mar-ven 8.30-13 e14.30- 19, sab 8.30-13Info: 059 2033372Mutina racconta una storia di duemila anni faProsegue Mutina oltre le mura. Recenti scopertesulla via Emilia la mostra organizzata dal Museo CivicoArcheologico di Modena e la Soprintendenza per i BeniArcheologici dell’Emilia Romagna, un’esposizione dedicataai più recenti rinvenimenti effettuati lungo la grande arteriaconsolare romana, dagli scavi del santuario preromano diCittanova, che hanno restituito venti splendide antefissein terracotta con teste femminili, a quelli della tangenzialePasternak o della Fossalta, da dove proviene il leone inpietra rinvenuto agli inizi del 2009. Fulcro dell’esposizioneè l’imponente fregio con corteo marino che decorava inorigine un grande monumento funerario rinvenuto nel2007 sulla via Emilia Est, a breve distanza dal monumentodi Vetilia. L’esposizione ha luogo nel Lapidario Romano dei Musei Civici presso ilPalazzo dei Musei ed è visitabile da lunedì a domenica ore 9 - 19.Info: 059 2033101Alla Galleria Punto Artele “multitele” di ScappiniSabato 10 aprile alle 18 inaugura,presso la Galleria Punto Arte (viaCaselline 15) A tavola con i figli delloYukon di Mattia Scappini. La mostra,promossa con l’Ufficio Giovanid’Arte del Comune propone il lavorodell’artista modenese, classe 1983,i cui soggetti - spiega Grazia Tassinel testo critico - dei dipinti ad olio,spesso composti a dittico o a trittico,sono territori dell’irreale, perlopiùesito della fantasia dell’artista, cheha inizio dalla realizzazione plastica diforme architettonico-scultoree, tridimensionalie modulari. Tali elementi,accostati in successione, creano alloraluoghi, o meglio non luoghi, apronoe chiudono spazi presunti, fittizi, chediventano protagonisti delle tele. Lamostra resterà aperta fino al 27,tutti i giorni tranne lunedì e giovedìore 16.30-19.30.Info: 059.226694La galleria Art Ekyp (via Torre 65)il 10 alle 18 inaugura la mostra diArnaldo Vignali, NUBA, dove l’artistacon pannelli dipinti a tempera interpretale foto fatte dalla Riefenstahl agliafricani Nuba. Orari: feriali 10-12.30e 17.19.30 chiuso lun. mattina egiovedì pomeriggio.Info: 3355715735Eravamo persone come alberiSilvia Camporesi reinterpreta in foto i Quaderni di Simone WeilLa galleria Betta Frigieri (Via Giovanni Muzzioli 8) finoal 30 aprile presenta Eravamo persone come alberi,una anteprima dei nuovi lavori fotografici e video di SilviaCamporesi (Forlì 1973), pensati appositamente perquesta mostra curata da Luca Panaro. Il misticismo laicoche spesso caratterizza la ricerca dell’artista è quantomai evidente in questa serie ispirata ai Quaderni (1941-42) di Simone Weil. La posizione etica della filosofa èdi mettersi sempre dalla parte degli oppressi. SilviaCamporesi prende spunto da qui per indagare cinquefigure di donne costantemente in bilico fra il normale e l’anormale, autoritraendosi neiloro panni. Partendo dalla Weil, protagonista di uno dei ritratti l’artista estende questalettura ad altri interessanti casi al femminile che oscillano tra il misticismo e la patologiamentale. La mostra si completa di un video che, in armonia con le altre opere, riflettesulla possibilità di elevarsi spiritualmente partendo dalla bellezza e dall’eleganza dellearti marziali. Orari di apertura dal mercoledì al sabato ore 16-19.30Info: 3393766367arte


artedi annalisa malavoltaL’incanto di Pina BauschAlla Tenda dal 10 al 18 le immagini del fotografo belga Vanden Abeeleimmortalano la danza della coreografa tedesca da poco scomparsaLa mostra dedicata alla coreografa tedesca Pina Bausch,ritratta tra il 1994 e il 1996 dall’artista belga MaartenVanden Abeele, allestita dal 10 al 18 aprile (ore 17-20) allaTenda (Viale M.Kosica 95/S) rientra nella rassegna “Segnali”organizzata dal Teatro dei Segni. All’inaugurazione il 10 alle ore18 parteciperanno l’autore e la giornalista e critica della danza,curatrice della mostra, Sonia Schoonejans. La mostra checoglie i frammenti di venti diverse coreografie realizzate per ilteatro e per il cinema è il risultato di un’intensa collaborazionecon la bravissima coreografa scomparsa da poco: lei dominail movimento dei corpi, lui ne ritrae l’anima. La selezione delleimmagini, oltre a rappresentare un documento del lavoro diPina Bauch, offre una personale ed intensa interpretazione:dalle foto emerge “un’umanità sofferente ma tenace, disperatama anche ricca di humour, crudele e tenera allo stesso tempo”,come scrive il critico Sonia Schoonejans.Le immagini di MaartenVanden Abeele catturanole emozioni, manon sono sensibili. Nullalascia interdetto l’osservatore.Tutto è aperto,accessibile come lepièces di Pina Bausch.Tutto è guardato senzapregiudizio e tuttopuò essere importante:l’espressione di una mano, la bellezza di un piede infilato in unascarpa col tacco alto. Le persone - e le cose che con esseinteragiscono - rimangono se stesse. L’occhio del fotografo nonesercita violenza su nulla. [M.L]Info: www.teatrodeisegni.comA buon intenditor... una raccolta di figurineA buon intenditor… poche parole! Proverbi,modi di dire e giochi di parole infigurina è la divertente mostra allestitaal Museo della Figurina di palazzo SantaMargherita (Corso Canalgrande 103)fino al 2 maggio. Realizzata dal Museo dellaFigurina con il contributo della FondazioneCRMO e la collaborazione dell’associazioneculturale Leggere Fare Giocare, la mostrapropone circa 200 figurine che consentonodi riscoprire una saggezza popolare, fruttodi un sapere condiviso e tramandato oralmenteper generazioni. I proverbi sono unpatrimonio così antico che corre il rischio diessere rimosso e ignorato soprattutto dallenuove generazioni. Privi di autore e spessooscuri nelle loro origini, i proverbi sembranoappartenere a tutte le epoche. Reperti edocumenti non mancano: dalle tavoletted’argilla ritrovate in Mesopotamia al Librodei Proverbi della Bibbia, dalle favolegreche alle commedie romane. Accantoalle figurine sarà in mostra una piccolasezione di libri e stampe dalla secondametà del Cinquecento alla prima metàdell’Ottocento, tra cui i famosi “Proverbifigurati” di Giuseppe Maria Mitellie. Inprogramma anche laboratori didattici.Orari di visita, da martedì a venerdì,10.30-13 e 15-18.30, sabato e festivi10.30-18.30. Chiuso il lunedì. Ingressogratuito. (M.L)Info: 059 2033090Miniquadri in mostra a SolieraDal 25 in rassegna oltre cento opere di piccole dimensioniInaugura il 25 aprile l’ottava edizione della rassegna diarte contemporanea Miniquadro – Città di Soliera pressoil centro polivalente in piazzale Loschi. La manifestazione,promossa dall’amministrazione comunale in collaborazionecon l’associazione “Amici dell’Arte”, si alterna alla più notaBiennale d’Arte contemporanea che ormai vanta una famatrentennale e si pone come momento importante per lapromozione di artisti e giovani emergenti. Il concorso diMiniquadro vedrà la partecipazione di 34 artisti di famanazionale che esporranno ognuno 3 opere. La rassegnaprende il nome dal formato fisso delle opere che deve essere30x40. All’interno dello spazio espositivo verrà ancheallestita la mostra dello scultore Livio Tasin. Docente pressola Scuola Arti Visive di Arco e allievo dello scultore RenatoIschia, Tasin è apprezzato soprattutto per il suo lavoro nel campo delle arti plastichee scultoree ed ha avuto riconoscimenti a livello internazionale partecipando a numerosemostre in Italia e all’estero.Info: www.comune.soliera.mo.itLe tele di Konrad Masierofino all’11 a Palazzo PiellaResterà aperta fino a domenica 11aprile la mostra di pittura dedicataall’artista Konrad Masiero. Nato inGermania nel 1968 e legato al nostroPaese per il matrimonio con unaitaliana (da cui ha preso il cognomed’arte), Masiero ha alle spalle unalunga carriera che lo ha portato acimentarsi nella raffigurazione diuna grande varietà di soggetti, dairitratti di persone alle nature morte,dai nudi ai paesaggi. L’esposizione adingresso gratuito, allestita presso ilMuseo Civico Archeologico all’internodi Palazzo Piella, è visitabile il sabatodalle 16 alle 19 e la domenica dalle10 alle 12.30 e dalle 16 alle 19.Info: 059959377[12] - il mese aprile \2010


L’altro io alla biennale RoncagliaAlla rocca di san Felice tra le opere di Paladino e giovani artistiAlla Torre Borgo è allestita una retrospettiva di George RouaultProsegue fino al 18 aprile la trentunesimaedizione della Biennale D’arteAldo Roncaglia presso la Rocca Estensee la trecentesca Torre Borgo di San Felicesul Panaro. Grazie al supporto dell’amministrazionecomunale, di SANFELICE1893 Banca Popolare e con il patrociniodella Provincia di Modena, la rassegna èda oltre 50 anni un punto di incontro perartisti affermati o emergenti provenienti dadiversi settori dell’arte contemporanea. “Ilrespiro dell’altro io” è il tema scelto per fareda filo conduttore all’edizione di quest’anno,con l’intento di ricostruire, attraversoi temi dell’io e dell’identità, uno spaccatodell’immaginario contemporaneo.Tra sculture, dipinti e installazioni i visitatorisono invitati ad ammirare nelle stanze dellarocca opere di artisti tra cui Mimmo Paladino,Nicola Samorì e Ugo Riva, insiemea quelle di giovani artisti emergenti qualiLemeh42 e Luca Lanzi legate tutte al temadell’introspezione. La mostra prosegueidealmente presso la galleria Arte su Cartedi Modena dove sono esposte stampe originalidi artisti noti come Giacomo Manzùe Wainer Vaccari.La Torre Borgo ospiterà invece una retrospettiva,che riprende il tema propostodalla mostra della rocca, sull’artista franceseGeorge Rouault che nella produzionegrafica sviluppò le influenze simbolisteanticipando l’espressionismo.Questa edizione della Biennale punta ancheal coinvolgimento dei più giovani attraversoil concorso riservato ai ragazzi sotto i 25anni, che vedrà i 3 vincitori esporre lapropria opera nel corso del 2011 pressole sale della rocca e la proposta di percorsididattici e visite guidate insieme alaboratori creativi che portino i bambininon solo ad avvicinarsi all’arte contemporaneama anche a creare loro stessi unelaborato che verrà esposto insieme allealtre opere.Dove: Rocca Estense e Torre Borgo,San Felice sul PanaroQuando: fino al 18 aprile, ven 10-12.30 17-19.30 sab-dom 10-19.30Info: 0535 86320A Castelfranco è tempo di Ri.creazioneUn concorso per creativi sul tema dell’acqua e i suoi contenitoriC’è tempo fino al 1° giugno per iscriversi al concorsoindetto dal Comune di Castelfranco Emiliaall’interno della II Biennale d’Arte Ri.Creazione. Iltema portante di questa edizione è l’acqua, l’oroblu del XXI secolo, nelle sue molteplici connotazioni.Che essa sia elemento naturale ed insostituibileper la sopravvivenza umana o centro di scontrisocio-politici, l’acqua può comunque essere contenutaed è proprio da questo presupposto chesi basa il tema del concorso.Sono tre le sezioni a disposizione: “giovani artistiemergenti” (sotto i 35 anni), “scuole creative” e“L’arte non ha età” (aperta a tutti) e i 3 vincitoriverranno premiati con buoni di 1000 euro. Le opere finaliste avranno la possibilitàdi essere inserite in mostre ed esposizioni itineranti tra Modena e Bologna traottobre e novembre 2010. L’iscrizione è gratuita.Info: 059 959377.fuoriprovinciaTorna Boulevartarte in libertàIl 24 aprile a Parma eventofra pittori fotografi e teatroContinua a Parma l’avventura di BoulevArt,movimento artistico giovanile cheriempi di suoni e colori la città.L’appuntamento è per il 24 aprile dalle17 alle 24 nelle vie del centro con oltretrenta spettacoli in otto ore e più diquattrocento giovani artisti coinvolti,tra pennelli, colori, tele, fotografie eperformance in un vortice di colori,suoni e parole.Per l’occasionesaranno realizzateuna serie di mostrepittoriche e fotografiche,laboratoricreativi per bambini,un’istallazionedi moda oltre aperformance teatrali,musicali e didanza. Secondo lostile proprio di BoulevArt,tutti gli esercizicommerciali ei luoghi d’interesseculturale parteciperannoall’evento conun’apertura straordinariafino alle 24,ospitando mostre eperformance di giovani creativi.In via Duomo sarà visitabile una installazionedi moda, mentre il piazzaledella Steccata verrà trasformato in ungrande laboratorio creativo per bambinie la piazza degli ospiti vedrà esibirsiartisti di tango e jazz. La musica saràprotagonista anche in piazzale CerìsareBattisti con le note dei Pornoelettrikae dei Francis&Francis ein via Garibaldicon Giovanna Dazzi & Mojo StreetBand, Heima. Teatro e danza vedrannoesibizioni delle compagnie Era Acquarioe Amibrose.Info: 0521 251848www.boulevartparma.itarte


musicaDi marina leonardiCon la Manon Lescauttorna il grande PucciniIl Teatro Comunale Fondazione chiudela stagione d’opera con un classicoriportando in scena una produzionedel Massimo di Palermo con la regiadel fiorentino Pier Francesco MaestriniSulle note della Manon Lescaut, tornala lirica al Teatro Comunale e proseguel’omaggio a Puccini che ha già prodottonegli anni scorsi capolavori come Tosca, Iltrittico, Madama Butterfly, Turandot e Bohème.Ispirata al romanzo dell’abate AntoineFrançois Prévost “Storia del cavaliere DesGrieux e di Manon Lescaut”, l’opera fu compostafra l’estate del 1889 e l’ottobre del 1892.Un tempo particolarmente lungo dovuto allalaboriosa gestazione del libretto, passato intre anni nelle mani di cinque persone differenti.Iniziato da Ruggero Leoncavallo, fu scrittoin gran parte da Marco Praga e DomenicoOliva. A completarlo e rifinirlo fu però LuigiIllica, che in particolare lavorò al terzo atto e alla scena inizialedel secondo. Nessuno poi alla fine lo firmò e molti vogliono pensareche l’unico vero “autore” di Manon Lescaut sia Puccini, chearrivò a sconvolgere il piano drammaturgico eliminando di sanapianta addirittura un atto. La prima rappresentazione dell’operache ebbe luogo la sera del 1º febbraio 1893 al Teatro Regio diTorino, fu un successo clamoroso.In Manon, dramma tutto proiettato ormai nel Novecento, siagitano le passioni della società borghese contemporanea,fra studenti, ricchi banchieri e una donna padrona del propriodestino ma combattuta fra le ragioni del cuore e le convenienzesociali. Il compositore mette a punto con questa sua terza opera,del 1893, un linguaggio musicale e un impianto sinfonico destinatoa influenzare per sempre il corso di un genere musicale,con un successo che si diffuse immediatamente in Europa enegli Stati UnitiLo spettacolo di cui il pubblico modenesepotrà godere il 14 e il 16 aprile (alle 20,30)e in pomeridiana il 18 (alle 15,30) è prodottodal Teatro Comunale di Modena e dalTeatro Municipale di Piacenza e riprende unallestimento del Teatro Massimo di Palermoandato in scena a giugno 2008 con la regia diPier Francesco Maestrini, fiorentino che haesordito nel 1993 e da allora ha firmato oltresettanta allestimenti, collaborando con artistidi fama internazionale in prestigiosi teatri italianied esteri. Gianluca Martinenghi dirigeràl’ Orchestra Regionale dell’Emilia-Romagnamentre il Maestro Stefano Colò guideràil Coro Lirico Amadeus Fondazione TeatroComunale di Modena. Sul palco nei panni di Manon Lescauttroviamo Amarilli Nizza / Elena Popovskaya, Lescaut è JosèFardilha / Elia Fabbian, Il cavaliere Renato des Grieux è WalterFraccaro / Lorenzo Decaro, Geronte di Ravoir è AlessandroSpina / Ziyan Atfeh, Edmondo è Andrea Giovannini / AdrianoGraziani e il musico Federica Carnevale.Info: 059 2033010Ancora due appuntamentialla Feltrinelli con CandiUltimo appuntamento per Invitoall’opera organizzato dagli Amicidei teatri modenesi. Martedì 13aprile alle ore 18.30 incontro con gliinterpreti dell’opera Manon Lescaut,al termine verrà offerto un aperitivo,ingresso libero da via Goldoni 1. Proseguonoalla Libreria Feltrinelli gliincontri di Guida all’ascolto, in compagniadell’esperto, Eugenio Candi.Giovedì 29 aprile si parlerà dell’Orchestredes Champs-Élysées mentrelunedì 3 maggio sarà la volta dellaBBC National Orchestra of Wales. Gliincontri realizzati in collaborazione colTeatro Comunale hanno inizio alle ore18 e sono a ingresso libero.Info: 059 222868La musica romanticasecondo HerrewegheE’ indubbiamente un programma interessante quello chePhilippe Herreweghe e l’Orchestre Des Champs-Élyséeshanno scelto per questo loro concerto modenese, il penultimoin cartellone al Teatro Comunale.Sia la Sinfonia di Mendelssohn che quella di Schumann,che ci piace molto vedere vicini essendo stati anche grandiamici in vita, godono infatti di un forte potere evocativo, inquanto entrambe legate a un ricordo oggettivo e geografico.Per il primo si tratta della memoria di un viaggio inScozia, da qui infatti la denominazione Scozzese alla bellaSinfonia n. 3 in la minore op. 56, che è veramente capacedi comunicare l’emozione di un viaggio in una terra cosìmalinconica con le sue brume, i suoi castelli misteriosi ele sue leggende. Una malinconia che Mendelssohn è bravoa coniugare con la vivacità e il ritmo delle danze scozzesiche accendono all’improvviso la sinfonia come uno scroscio[14] - il mese aprile \2010


Atmosfere modernisteda Britten a TakemitsuLa BBC National Orchestra of Wales direttada Thierry Fisher con Angelich al pianoforteLa stagione concertisticadel Teatro Comunale Fondazionesi chiude con unbel capitolo dedicato allamodernità. La BBC NationalOrchestra of Wales di cuidal 2006 Thierry Fischerè il direttore principale ècapace di spaziare infatti dalrepertorio tradizionale allamusica contemporanea. Il4 maggio alle ore 21, conil bravo Nicholas Angelichal pianoforte proporrà uninteressante programmache parte da lontano, dalGiappone e da uno dei suoipiù importanti compositori,Toru Takemitsu e il suo “Toward the sea”, una trilogia ( TheNight, Moby Dick, Cape Cod) composta negli anni ’80 indiverse versioni per la campagna a favore delle balene diGreenpeace. In effetti in quelle composizioni Takemitsu ècapace di far suonare gli strumenti proprio come la “voce”di una balena. Dal Giappone contemporaneo andiamo allaFrancia ottocentesca per trovare Camille Saint Saens euna delle sue partiture meno conosciute il Concerto n. 5 infa maggiore op. 103 per pianoforte e orchestra “Egiziano”.Torniamo a temi marini, alla forza e alla fantasia dei FourSea Interludes from Peter Grimes di Benjamin Britten:Dawn, Sunday Morning, Moonlight, Storm. Chiude la serataun altro compositore inglese, assai prolifico, Edward Elgarcon In the South (Alassio), Ouverture da concerto op.50.Info: 059 2033010di cornamuse.Allo stesso modo Schumann, di cui tra l’altro quest’annocade il bicentenario della nascita (e non a caso il suo nomeè comparso spesso nei programmi di questa stagione),dedica la sua attenzione al fiume Reno affascinante emaestoso che attraversa Dusseldorf, nella Sinfonia n. 3in mi bemolle maggiore op. 97 detto appunto Renanacon cui, abbandonando i consueti canoni autobiografici,dipinge in maniera oggettiva e quasi pittorica l’operosarealtà tedesca, creando una pagina piena di vitalità e dibrio.Un bel programma quindi, quello offerto dal concertodel 29 aprile (inizio alle ore 21) dove troviamo un ottimodirettore come Philippe Herreweghe alla direzione dell’ Orchestredes Champs-Élysées da lui fondata nel 1991 (nel1977 aveva fondato un altro ensemble a Parigi chiamatoLa Chapelle Royale) per riportare in vita ancora una volta,con strumenti originali, il repertorio dell’era romanticae pre-romantica (da metà del XVIII sec. agli inizi del XXsec.). Un impegno che Herreweghe e la sua formazioneriescono a portare avanti in maniera impeccabile.Info: 059 2033010Tra scenografie e cameriniIl 17 alle ore 11 l’ultima visita guidataSi rinnova sabato 17 aprile alleore 11 l’appuntamento con Unteatro da scoprire, percorsoguidato con “sorprese musicali”all’interno del Teatro Comunale.Il percorso condurrà i visitatorinon solo negli spazi normalmenteaperti al pubblico, ma anchein quelli accessibili solo al personaledel teatro, quindi la zona riservataalla produzione degli spettacoli, la sartoria,la Sala di scenografia. Come di consueto, duranteil percorso guidato, della durata di circa due ore,ci saranno alcuni interventi musicali. Sarà inoltrepossibile visitare la mostra di costumi e attrezzeriadove il pubblico potrà ammirare elementi scenici dialcune delle produzioni del Teatro Comunale.Info: 059 2033003musica


musicaDi michele pelilloUn gran trioa tutto JazzProsegue ad aprile Crossroads, il festivalmusicale itinerante che porta il megliodel jazz lungo la via Emilia. In questa edizione2010, undicesimo compleanno della rassegna,troveranno come sempre spazio anchele idee più fresche ed i nomi più promettentidelle nuove generazioni della musica improvvisata,un’ampia serie di produzioni originalie numerose occasioni di sconfinamentocreativo dal jazz ad altri stili musicali, dallatino-americano alla canzone d’autore.Questo mese sono molte le città coinvolte –Correggio, Modena, Imola, Dozza, Ravenna,per citarne alcune – ed altrettanti i grandiprotagonisti: da Danilo Rea alla Sun RaOrkestra, da Uri Caine ad Enrico Rava, pas-I Modà tornano nella regione chemeglio di tutte ha saputo apprezzarli econoscerli dall’inizio della loro carriera,l’Emilia Romagna, per l’esclusivo concertoal Vox Club di Nonantola sabato24 aprile, alle ore 22.Dopo la partecipazione al Festival diSanremo nel 2005, 4 album di inediti,numerosi singoli lanciati ed un’intensaattività live (nel solo 2008 il “Sala d’attesaLive Tour” li ha portati su oltre50 palchi di tutta Italia), i Modà sonoripartiti con il nuovo grande progetto“Viva I Romantici”, forti del sostegnodella Carosello Records; l’album è statoanticipato dal singolo “Timida”, grandesuccesso radiofonico e di pubbliconell’estate 2009.Info: 059 285727sando per Giovanni Hidalgo/Horacio “El Negro” Hernandez,Gianluca Petrella, DanKinzelman e altri ancora.L’appuntamento modeneseè giovedì 8 aprile alle ore21.30 con lo spettacolareEddie Gomez Trio, capitanatodal contrabbassista di cuiporta il nome.Portoricano di nascita manewyorkese di adozione,Eddie Gomez è entrato nellastoria del jazz grazie all’importante ruoloricoperto nei gruppi, soprattutto trii, di BillEvans. Il connubio tra questi due straordinarimusicisti, durato dal 1966 al 1977 edocumentato in numerosi dischi su etichettaFantasy, ha segnato il jazz di quel periodo inmaniera talmente intensa che assai di radosi pensa alle altre collaborazioni di Gomez,pur numerose e non meno prestigiose. Ancorafresco degli studi alla Juilliard, Gomezsi fece ascoltare infatti con Gerry Mulligan,Benny Goodman, Buck Clayton, MarianMcPartland e Paul Bley, prima di raggiungerele vette della notorietà internazionalealla corte di Evans.La spiccata individualità di Gomez, che simostra in un evidente virtuosismo e in unsuono di possente bellezza, ha infine portatoil bassista portoricano a sviluppare unacarriera da leader. Nel gruppo che guideràa Crossroads troviamo anche un altro fondamentalecollaboratore di Bill Evans: JoeLa Barbera, batterista dei trii dell’ultimaSul palco del Baluardoper Crossroads arrivail mitico Eddie Gomezcontrabbassista di famache negli anni ‘60/’70ha legato il suo nomea quello di Bill Evansstagione evansiana dal 1978 sino alla mortedel pianista; lo si ascolta nei monumentalicofanetti live al Keystone Corner, ultimedocumentazioni dell’arte di Bill Evans.Al pianoforte li affiancherà Mark Kramer,versatile pianista e compositore divenutofamoso per le sue incisioni discografiche,che includono diverse rivisitazioni jazzistichedi musical di Broadway.Info: 059 244309 www.baluardodellacittadella.itI virtuosismi di Tommy Emmanuel a FormigineNuova tappa italiana per lo strabilianteTommy Emmanuel, che dopo l’enormesuccesso del concerto 2009, anchequest’anno si prepara a tornare nel Palazzettodello Sport di Formigine lunedì26 aprile alle ore 21 per un evento dirilevanza internazionale, all’insegna dellapura passione musicale.Virtuoso chitarrista acustico di famamondiale, Tommy Emmanuel ha uno stiledavvero unico, capace di creare simultaneamenteaccompagnamento, melodia,ritmica, armonia.Nelle sue performance passa con naturalezzaincredibile dal più classico eraffinato fingerstyle, all’uso della chitarracome una vera e propria batteria, percuotendolasul legno.La sua incredibile carriera lo ha vistoprotagonista di numerose collaborazionie concerti di fama internazionale; la suadiscografia conta ben 18 album.Aprirà il concerto il grande Frank Vignola,col quale nel 2009 Tommy Emmanuel hainciso l’album “Just Between Frets”.Info: 0536 804630[16] - il mese aprile \2010


La voce di Fiorella Mannoia è sogno allo StorchiGradito e atteso ritorno quello di FiorellaMannoia, che venerdì 9 aprile porteràsul palco del Teatro Storchi la quintatappa del suo nuovo tour acustico, chefino alla fine di maggio la vedrà protagonistanei più importanti teatri d’Italia.L’affascinante formula del concerto acusticometterà in luce il lato più ricercatoed intimista della cantautrice romana,donando una luce inedita tanto ai suoigrandi successi originali, quanto allepersonalissime reinterpretazioni cheFiorella ha racchiuso nel suo ultimo studioalbum (uscito a novembre 2009),dal titolo “Ho imparato ad amare”.È riduttivo etichettare “Ho imparato adamare” come canonico album di cover:le dieci tracce che lo compongono sonoinfatti splendidi adattamenti di canzoni diLucio Battisti, Renato Zero, Cesare Cremonini,i Negramaro e altri ancora, chegrazie alla vibrante interpretazione dellacantante suonano 100% Mannoia.L’album include anche due bonus track:una nuova versione di “Caffè nero bollente”,primo successo della Mannoia,e l’inedito duetto con Noemi, “L’amoresi odia”, vero trionfo di pubblico e criticanel 2009.Ad accompagnarla nel tour saranno LeleMelotti (batteria), Carlo Di Francesco (percussioni),Nicola Costa (chitarre), FabioValdemarin (pianoforte), Alfredo Paixao(basso), ed un quartetto d’archi arrangiatoda Marcello Sirignano.Info: www.fepgroup.itA volte ritornano: UltravoxAl Vox Club di Nonantola la band post-punk britannica nell’unica data italianaImperdibile appuntamento live nell’aprile del Vox Club: mercoledì14 aprile il live club di Nonantola ospiterà infatti la storica bandbritannica Ultravox, uno dei più importanti nomi del movimentopost-punk e new wave a cavallo degli anni ‘70 ed ‘80.Nati nel 1973 a Londra dal cantante/tastierista Dennis Leigh,gli Ultravox hanno saputo rivoluzionare il modo di fare musicadi quegli anni, al pari di altre band a loro contemporanee qualiPIL e Wire: il saper miscelare elementi di estrazione punk – inparticolar modo l’attitudine – ad altri più sperimentali, contaminatidalle influenze elettroniche ed avanguardistiche di quegli anni,è stato il vero e proprio punto di forza delle band del tempo, lacui influenza sulle generazioni di musicisti dagli anni ‘80 ad oggiè stata fortissima ed indiscutibile.Se il primo periodo di attività degli Ultravox, dalla fondazione alladipartita di Leigh nel 1979, ha fornito un vero e proprio imprintingmusicale di enorme importanza – basta pensare al valoreartistico di un disco come “Ha! Ha! Ha” (1977) –, l’entrata delloscozzese Midge Ure, frontman della band dal 1980 all’86, sirivela altrettanto fondamentale per il rinnovamento del sounddegli Ultravox, che con “Vienna” (1980) raggiungono non solole loro più alte vette commerciali, ma anche a detta di molti illoro climax artistico, stemperando ed evolvendo il loro sound inINFO BIGLIETTIUltravox liveDove: Vox Club, NonantolaQuando: mercoled’ 14 aprile - ore 21Info: biglietti in vendita dalle 10:00 del 15 gennaio tramite ilcircuito TicketOne www.ticketone.itCosto dei biglietti: 30 euro + prevendita (posto unico)Per informazioni LIVE NATION ITALIA – 02 53006501info@livenation.it – www.livenation.itquello che sarà poi etichettato come “new wave”.Gli anni seguenti testimonieranno il sempre maggiore avvicinamentodella band a sonorità elettroniche: il supporto del produttoreGeorge Martin (ex-Beatles) ed il successo di un discocome Rage In Eden (1981) non basteranno però ad evitare idissapori all’interno della formazione, che porteranno gli Ultravoxallo scioglimento nel 1986.Mentre gli altri componenti decisero di abbandonare il mondodello spettacolo, Midge Ure proseguì la carriera da solista, segnatadall’album “Breathe” del 1996 - la cui omonima canzoneottenne ottimi risultati nelle classifiche degli stati europeiL’inaspettato tour europeo del 2010 li vede di nuovo insiemenella formazione del periodo ‘80-’86, per celebrare i 30 annidella pubblicazione di “Vienna” e l’uscita del doppio cd e dvd live“Return To Heaven – Live at The Roundhouse”, recente testimonianzadella reunion del 2009.musica


musicaDi MICHELE PELILLOQuell’aperitivo di suoniNell’aprile della Gioventù Musicale anche il piano del maestro MasiUltimi grandi eventi per lerassegne della GioventùMusicale d’Italia, che ad aprilesaluta gli affezionati con duespeciali Concerti Aperitivo, edun imperdibile appuntamentoconclusivo nell’ambito del FestivalPianistico Internazionale.Sabato 10 aprile il primo dei dueConcerti Aperitivo, che comesempre avrà luogo all’AuditoriumMarco Biagi, vedrà protagonistiil tenore Leonardo De Lisi e lapianista Anna Toccafondi, impegnatinell’interessante progettoL’Infinito – Viaggio poetico attraverso il Novecento musicale italiano, un percorso divalorizzazione di poesia musicata, nell’ambito troppe volte dimenticato del repertoriopoetico italiano: se nella cultura tedesca la forma-lied è un riconosciuto e sviluppatissimoconnubio fra musica pianistica e testo poetico, altrettanto non si può dire sia avvenutonella cultura latina ed italiana.Muovendosi tra le opere di Mario Castelnuovo Tedesco,Ottorino Respighi, Giorgio Federico Ghedini e altri ancora, il duo De Lisi-Toccafondi haallestito un programma innovativo ed appassionante.Si rimane all’Auditorium Marco Biagi sabato 17 aprile per il secondo ed ultimo ConcertoAperitivo, in compagnia di Philip Higham e Simon Lane: il primo, violoncellista, si èrapidamente affermato come uno dei migliori giovani violoncellisti della Gran Bretagna,grazie anche alla sua vittoria nel 2008 al Concorso Internazionale Johann SebastianBach di Lipsia; il secondo, pianista, si è esibito in prestigiose sale quali la Wigmore Hall,la Sala St. Gorge di Bristol, la Queen Elizabeth Hall, la Purcell Room e la BridgewaterHall di Manchester ed ha collaborato con artisti come Guy Johnston, Allan Clayton eIestyn Davies. Il loro repertorio spazia da Chopin, a Britten, a Schumann. Entrambi iconcerti inizieranno alle ore 17.30.Sarà nel Salone d’Onore del Palazzo Ducale l’ultimo appuntamento del Festival Pianistico,che venerdì 23 aprile alle 21 vedrà riuniti il pianista Pier Narciso Masi e l’Orchestrada Camera dell’Istituto superiore di studi musicali Vecchi-Tonelli nell’affrontare alcunecelebri composizioni a firma Haydn, Bartholdy, Britten e J.S.Bach.Info: 059 235736 www.gioventumusicalemodena.itAl cinema Michelangeloarriva l’Opera in direttaSilenzio in sala, si pengono le luci e siapre il sipario. Inizia l’Opera. Ma nonci sono attori in carne ed ossa: leloro immagini e le loro voci escono dalproiettore del cinema Michelangelo:viene infatti riproposta la fortunatainiziativa All’Opera in diretta. Amicidei teatri, Associazione Michelangelo,Gioventù musicale ci propongonoun ministagione di grande lirica indiretta cinematografica dai teatri piùimportanti del mondo. Il primo appuntamentoè il 29 aprile alle ore 19.45con il Simon Boccanegra di GiuseppeVerdi, diretto da Daniel Barenboimtrasmesso in diretta dal Teatro allaScala di Milano. Il 26 maggio sarà poila volta di Richard Wagner, con L’orodel Reno sempre dalla Scala, mentre il1 luglio da Barcellona sarà trasmessaLa dama di picche. [E.F.]Info: 059 343662Son Note di Passaggio per gli Amici della MusicaConcerti dal vivo in provinciatra lirica classica e etnicaper il finale della rassegnaIn aprile riprende la rassegna Note diPassaggio, realizzata dagli Amici dellaMusica col contributo della FondazioneCassa di Risparmio di Modena e dellaFondazione di Vignola. Due gli appuntamentialla Sala Eventi L.Famigli di Spilamberto:sabato 10 aprile il musicologoGuido Salvetti, in collaborazione conMjung Jae Kho (soprano) e Sabina Belei(pianoforte), terrà una lezione-concertodal titolo Inferno e Paradiso secondoRobert Schumann. Guido Salvetti, con ilsuo stile colloquiale e raffinato condurràgli ascoltatori attraverso i lieder di Schumann.Sabato 17 aprile alle ore 21.15il duo femminile Veronica Kadlubkiewicz(violino) e Thérèse Diette (pianoforte) siesibirà in un programma tra Debussy,Janacek, Bacewicz, Berg e Webern. Sitratta di due artiste di grande qualità edesperienza. Domenica 25 aprile Note diPassaggio si sposta al Campo di Fossoli(ore 15.30), per ricordare la Liberazionee per ascoltare il Trio Lézard, formatodai tedeschi Stéphane Egeling – oboe/corno inglese, Jan Creutz – clarinetto/clarinetto basso e Stefan Hoffmann– fagotto/controfagotto, insieme allaoboista e cantante israeliana Yael Zamir.Il programma si muove tra “popolare ecolto”, attraversando regioni dell’Est Europa.Ultimo appuntamento per Passioniper il Dialogo, il 12 aprile al Teatro dellePassioni dove, alle ore 21 le docentiElena Corradini e Patrizia Cuzzani terrannouna conferenza dal titolo “Luoghidi memoria dell’Europa orientale”.Info: 059 372467[18] - il mese aprile \2010


fuoriprovinciaLa bontàin trionfoE’ iniziata la realizzazione del grande “affresco” dell’artista americano nellaBiblioteca Panizzi. Dal 22 giugno il cantiere sarà aperto al pubblicoLa Cenerentola, ossia “La Bontà intrionfo”, dramma giocoso in due attisu libretto di Giacomo Ferretti, musicatoda Gioachino Rossini nel 1817, concludela Stagione Lirica 2009-2010 del TeatroMunicipale Romolo Valli di Reggio Emiliacon le rappresentazioni di mercoledì 21e venerdì 23 aprile alle ore 20.L’allestimento coprodotto dalla FondazioneLirico Sinfonica Petruzzelli e Teatri diBari e dalla Fondazione I Teatri di ReggioEmilia, in collaborazione con la FondazioneTeatro Lirico di Cagliari e l’Opéra deNice, è firmato da Daniele Abbado, chesi avvale dell’assistenza di Boris Stetka,con scene di Gianni Carluccio, costumidi Giada Palloni, coreografiedi Alessandra Sini e luci diGuido Levi.L’Orchestra della FondazioneLirico Sinfonica Petruzzellie Teatri di Bari èguidata dalla bacchetta diEvelino Pidò, mentre il coroè diretto da Franco Sebastiani.A dar voce ai protagonistidi una delle fiabe piùpopolari al mondo sarannoJosè Maria Lo Monaco neipanni di Angelina e MaximMironov in quelli di DonRamiro, il tanto desideratoprincipe, affiancati dal tremendopatrigno Don Magnifico,con Paolo Bordognaal suo debutto. “Dopo averinfointerpretato molte volte il ruolo di Dandinied aver partecipato anche ad un’incisionecon il Maestro Alberto Zedda, con questaproduzione mi accingo a debuttare DonMagnifico, pur continuando a tenere inrepertorio anche Dandini, così come perBelcore e Dulcamara ne L’Elisir d’amoreo Figaro e Don Bartolo ne Il barbiere diSiviglia” ci ha detto il baritono milanese,specialista del repertorio buffo rossinianoe donizettiano.“È un’altra faccia della mia personalitàe vocalità, anche se in questo caso nelpatrigno di Cenerentola trovo pochissimodi me stesso. Il mio Don Magnifico nonlascerà spazio al compiacimento per larisata facile, ma al contrario cercherò diCenerentolafar emergere il lato cinico e spietato delpersonaggio, pronto a tutto pur di avereuna rivincita sociale. Spero sinceramentedi regalare al pubblico la gioia che ricevonel cantare quest’opera, che ritengo unpilastro della produzione operistica di tuttii tempi, e con cui mi confronterò ancheal Rossini Opera Festival di Pesaro laprossima estate”.Reduce dal recente successonel ruolo del Signor La Rocca, in Ungiorno di regno a Parma, Paolo Bordognatornerà ad interpretare il ruolo verdianoa Bilbao, oltre ad una nuova produzionede La forza del destino che lo vedrà neipanni di Frà Melitone. “Sono soddisfattodella mia carriera - conclude l’artista - eDramma giocoso in due attiMusica di Gioachino RossiniLibretto di Jacopo Ferretti, daPerraultDirettore Evelino PidòRegia Daniele AbbadoOrchestra e Coro dellaFondazione Lirico SinfonicaPetruzzelli e Teatri di BariDove Teatro ValliQuando mercoledì 21 e venerdì23 aprile ore 20Info www.iteatri.re.itlotterò ogni giorno peravere questa serenitàche assieme allo studiocostante mi dà laforza di offrire il meglioin scena”.In questa nuova produzione“esaltante egiovane” lo affiancherannoRoberto De Candiae Nicola Ulivieri neiruoli di Dandini e Alidoro,mentre EleonoraCilli e Alessandra Volpesaranno le sorellastreClorinda e Tisbe.[William Fratti]L’opera “Cenerentola”,nuovo allestimentocoprodotto da I Teatri perla regia di Daniele Abbado,chiude la stagione liricadi Reggio Emilia.Bordogna-Don Magnifico:“Un pilastro dellaproduzione operistica”musica


cinema>cinemaDi alberto morsianiIl cinema meticcio di CroAlla sala Truffaut lo sguardo del mondo sull’EuropaCinque serate di doppie proiezioni e l’anteprimadel nuovo film del regista di Central do BrasilImperdibile rassegna in aprile alla salaTruffaut. Si tratta di Crossover – Cinemameticcio d’Europa, organizzatadall’Associazione Circuito Cinema inpartnership con Cineteca di Bologna eMuseo del Cinema di Torino. L’idea èquella di proporre film inediti di registi,provenienti da ogni parte del mondo, chesi confrontano con produzioni, capitali,ambientazioni europee, creando così deicorto circuiti e delle ibridazioni culturali digrande interesse. La scelta è caduta suautori di fama internazionale, i cui recentifilm sono stati presentati nei maggiorifestival ma che non sono stati acquisitiper la distribuzione italiana e che vengonoquindi proposti nella versione originale consottotitoli in italiano. La rassegna inizia il16 aprile con Hou Hsiao Hsien e il suoIl viaggio del palloncino rosso (2007).Il grande regista taiwanese ci raccontadi un ragazzino seguito per le strade diParigi da un misterioso palloncino. Lamadre, Juliette Binoche, fa la burattinaiae, totalmente assorbita dalla sua nuovacreazione, assume una giovane studentessadi cinema perché si occupi del figlio.Segue, nella stessa serata, il film collettivoParigi, ti amo (2006). Venti autori (tragli altri, i fratelli Coen, Gus Van Sant,Walter Salles, Wes Craven, ChristopherDoyle, Gurinder Chada, Alfonso Cuaron,Gérard Depardieu) raccontano la capitalefrancese attraverso i quartieri, l’amorepasseggero, rubato, mimato, malmenatoo rivelato. Si prosegue il 20 aprile conaltri due film inediti. Napoli Napoli Napoli(2009) di Abel Ferrara è un ritratto dellacittà partenopea, ma anche e soprattuttoun affondo nella sua umanità, vitale ebrutale, appassionata e crudele. Partendoda interviste alle detenute del carcere diPozzuoli, Ferrara vi innesta tre diversenarrazioni, sceneggiate da Peppe Lanzetta,Maurizio Braucci e Gaetano Di Vaio.A seguire O estado do mundo (2007),film di produzione portoghese ma firmatoanche da autori thailandesi, indiani, cinesi,brasiliani, belgi. Sei registi, sei sguardisullo stato del mondo. Il loro incontro creaun nuovo spazio per una riflessione e unaricognizione dinamica e radicale, uno spazioper interrogare il futuro. Altri due filmprevisti sono in cartellone il 21 aprile. Siinizia con l’ultimo film inedito dell’iranianoAbbas Kiarostami, Shirin (2009). 114famose attrici iraniane di cinema e di teatroe una star francese, Juliette Binoche:mute spettatrici della rappresentazioneQuattro pellicole per Il cielo sopra IstanbulUno sguardo sulla recente produzionecinematografica turca: prosegue allasala Truffaut la rassegna Il cielo sopraIstanbul. Sono quattro interessanti pellicolea concludere le proiezioni. Si iniziail 6 aprile con Tempi e venti (2006)di Reha Erdem, concentrato sulla delicataetà di passaggio di tre ragazzi,oppressi dalle rigide norme patriarcali;il ritmo è lento e meditativo e ricordai film di Olmi e Piavoli. Il 7 aprile vieneproiettato l’inedito Nuvole di maggio(1999), opera prima del più importanteautore turco, Nuri Bilge Ceylan, di cui larassegna propone una personale. Il filmè una storia autobiografica che rivelacon umorismo l’incapacità del cinema diriflettere la realtà: un regista emigratonella metropoli vuol raccontare la vitadei suoi genitori e si riduce a filmare dinascosto le loro conversazioni. Il 13 aprileè la volta dell’inedito Mio padre, mio figlio(2007) di Cagan Irmak, dramma politicoe familiare che mette a confronto tregenerazioni in una zona rurale sulla costadel Mar Egeo. La rassegna sul cinematurco si conclude il 14 aprile proponendol’ultimo film diretto da Ceylan ed editoanche in Italia, Le tre scimmie (2008). E’un melodramma raffreddato e ribaltato a4 personaggi, un padrone e una famigliolapovera al suo servizio. La madre ha unastoria con il padrone: ne scaturisce unmelò d’amore, adulterio, gelosia, odioe morte. Ceylan persegue un cinemad’autore affascinato dalle contraddizionidella psiche umana.Info: 059 236288[20] - il mese aprile \2010


ssoverteatrale di “Khosrow e Shirin”, poemapersiano del dodicesimo secolo messoin scena da Kiarostami. L’intera storiaè raccontata dai volti intensi e bellissimidelle donne che assistono allo spettacolo,una geografia di emozioni ricca e struggente.Segue Luce silenziosa (2007) delmessicano Carlos Reygadas, che narrale vicende di un Mennonita (comunitàreligiosa) che, sposato e padre, contro lalegge di Dio e degli uomini, si innamora diun’altra donna. La vita della comunità siincrina. Il 22 aprile verrà proiettato Visage(2009), inedito del maestro taiwaneseTsai Ming-Linag. Un regista gira la storiadel mito di Salomé nel museo del Louvree vuol dare la parte della protagonista auna famosa modella, Laetitia Casta. Nellastessa serata anche Brutto giorno perla pesca (2009), splendido road moviedi due marginali che organizzano gare dilotta libera, film che l’uruguayano AlvaroBrechner ha tratto da un racconto diOnetti. Il 27 aprile altre due proiezioni.Dapprima Gigante (2009) dell’uruguayanoAdrian Biniez, su una timida guardiagiurata di un supermercato, commediaromantica che sovverte i canoni classici (altermine, incontro con il produttore del filmKarl Baumgartner); poi Liverpool (2008)dell’argentino Lisandro Alonso, raccontoNella foto grande un’immagine da “Il viaggio delpalloncino rosso”; sopra una scena di “Visage”;a destra il protagonista del film “Il Gigante”;sotto una delle attrici iraniane di “Shirin”. Nellapagina a fianco un’immagine da “Napoli NapoliNapoli”; nel box una scena di “Le tre scimmie”di un marinaio che torna a casa a trovarela madre. La rassegna si conclude in bellezzamercoledì 28 aprile con l’anteprimadi Linea di passaggio (2008), l’ultimofilm inedito del brasiliano Walter Salles, ilprestigioso e celebre autore di Central doBrasil e Diari di una motocicletta, la cuipresenza in sala al termine della proiezioneè in attesa di conferma. Il film raccontale vite di quattro fratelli a San Paolo, unosguardo di partecipazione sofferente neiconfronti del mondo dei giovani apparentementeprivo di speranza ma di fatto caricodi un desiderio di denunciaInfo: 059 236288www.circuitocinema.mo.itCalendario della rassegnaVenerdì 16 aprileIl viaggio del palloncino rosso, di HouHsiao Hsien, 2007 - ore 20.45Parigi, ti amo, Autori Vari, 2006 -ore 22.45Martedì 20 aprileNapoli Napoli Napoli, di Abel Ferrara,2009 - ore 20.45Lo stato del mondo, di Autoi Vari,2007 - ore 22.30Mercoledì 21 aprileShirin, di Abbas Kiarostami, 2009- ore 20.45Luce silenziosa, di Carlos Reygadas,2007- ore 22.20Venerdì 23 aprileVisage, di Tsai Ming-Liang, 2009 -ore 20.45Brutto giorno per la pesca, di ÁlvaroBrechner, 2009 - ore 23.15Martedì 27 aprileGigante, di Adrián Biniez, 2009 -ore 21Liverpool, di Lisandro Alonso, 2008- ore 23Mercoledì 28 aprileLinea di passaggio, di Walter Salles eDaniela Thomas, 2008 - ore 21.15cinema


cinema>cinemaDi alberto morsianiRitorna Doc in tourAl via il ciclo di documentari che ci parla dell’Emilia RomagnaPrende avvio nel mese di aprilela manifestazione Doc in tour2010 promossa da vari enti tracui Fice, Regione, DER (DocumentaristiEmilia-Romagna), Frontedel Pubblico, oltre ad associazionied istituzioni del territorio. L’ideaè proporre in varie sale un repertoriodi documentari prodotti inregione, diretti da autori della regione,o che comunque si occupanodi tematiche regionali. Anchela provincia di Modena è coinvoltanell’iniziativa, che prevede varieproiezioni nel territorio. La salaTruffaut di Modena propone,in aprile, tre serate di lunedì, prima di dedicare alla rassegna buona parte del mese dimaggio. Il 12 aprile si vedranno “Hanna & Violka” (2009), vicissitudini di una badantepolacca tra Italia e patria; “O Scià. La frontiera” (2009), che descrive l’arrivo dei migranti aLampedusa; “Il nemico interno. Musulmani a Bologna” (2009), sei storie dall’islam italianotra intolleranza e dialogo. Il 19 aprile sarà proposto “Quando combattono gli elefanti”(2009), che narra le rivendicazioni dei ferrovieri italiani abbandonati dallo Stato. Due i filmin cartellone il 26 aprile. Apre “L’isola dei sordo bimbi” (2009), che racconta l’esperienzae gli esercizi di comunicazione di bimbi sordi in un luogo di apprendimento nella campagnamodenese. A seguire “Passi leggeri” (2009), su un Centro Donna in Albania in cui vienefornita assistenza psicologica e legale gratuita alle donne in difficoltà. Nutrita anche laprogrammazione di aprile in altri centri della provincia. Al Dadà di Castelfranco Emiliaverrà poiettato “Ligabue” il 26 aprile, mentre il 27 sarà la volta di “La voce Stratos”. AMaranello, presso l’Auditorium, il 15 aprile si vedrà “Antonio Ligabue. Fiction e realtà”(2009), in cui Flavio Bucci ci conduce per mano attraverso i luoghi del grande pittore naifdi Gualtieri. Il 22 aprile spazio a “L’Italia del nostro scontento” (2009), documentario sulletrasformazioni subite dal Belpaese. Il Mac Mazzieri di Pavullo propone “Gente d’Alpe” e“Ligabue” il 7 aprile e “L’Italia del nostro scontento” il 14 aprile. All’Astoria di Mirandolaverranno priettati “Miss Little China” il 13 aprile e “Mostar United” il 20 aprile.Info: www.docintour.euL’uomo che verrà ricordal’eccidio di MarzabottoVenerdì 23 aprile alle 16.30, verràproiettato alla sala Truffaut il film Ilgiorno che verrà di Giorgio Diritti (replicail 25 aprile). Dal libro di Gherardi,il regista ha costruito una storia difinzione in cui racconta, dal punto divista di una ragazzina muta, nove mesidi vita di una famiglia dell’Appennino,dall’annuncio di una gravidanza allastrage nazista di Marzabotto dell’autunno1944. Lo stile quasi documentariova insieme a una scabra maimpeccabile ricostruzione d’ambienteche rievoca una esistenza aspra eantica. Al termine della proiezionedibattito sul film con lo sceneggiatoreGiovanni Galavotti, il professore di StoriaContemporanea Leonardo Paggi,il Presidente dell’Istituto Storico dellaResistenza Giuliano Albarani, il criticocinematografico Alberto Morsiani.Info: 059 236288Il grande cinema europeoarriva Prima all’AristonContinua al Cinema Ariston di SanMarino di Carpi il programma cinematograficodella rassegna Primaall’Ariston, che propone il megliodel cinema d’autore europeo. Primiappuntamenti, domenica 4 e lunedì 5aprile con “An education”, sceneggiatodallo scrittore Nick Hornby. Domenica11 ci sarà “Lourdes” di JessicaHausner, mentre domenica 18 è lavolta del drammatico “L’uomo cheverrà”, con l’attore Claudio Casadio.Domenica 25 Emilio Martinez-Lazaroracconta l’eccidio di 13 giovani donnedurante la guerra civile spagnola in “Le13 rose”. Infine sabato 1° maggio verràproiettato “Fuga dal Call Center”,Info: 059 680546Per un pugno di... Sergio LeoneAlla sala Truffaut la retrospettiva integrale delle opere del maestroProsegue in aprile la rassegna sul cinema di SergioLeone Al cuore, Ramon, al cuore!. L’8 aprile vedremoalla sala Truffaut Giù la testa (1971), western-spaghettiche si adatta al clima della contestazione: un banditomessicano si unisce a un mercenario irlandese ed ècoinvolto nella rivoluzione di Pancho Villa. Celebre lamusica di Morricone, che ritorna il 15 aprile con C’erauna volta il West (1968), che narra la fine dell’epopeae la scomparsa della razza dei titani. Indimenticabile illungo prologo muto coi due pistoleri in attesa, forse lavetta del cinema di Leone. Il 22 aprile è la volta di Ilmio nome è Nessuno (1973), con Terence Hill e HenryFonda, firmato da Tonino Valerii ma ideato e prodotto da Leone, che ne ha anchegirato diverse sequenze. La rassegna si conclude il 29 aprile con la proiezione delfilm d’esordio di Leone, il mitologico Il Colosso di Rodi (1961), già interessante per itentativi ironici, le citazioni travestite e uno spiccato sadismo.Info: www.circuitocinema.mo.it[22] - il mese aprile \2010


calendario eventigiovedì 1Piani diversiFausto Bongelli e Stefano BattagliaBaluardo della Cittadella, Modenaore 21.30Info: www.gmimo.itFinale di partitadi Samuel Beckettregia Massimo CastriTeatro delle Passioni, Modena - ore 21Info: 059 2136021Il buono, il brutto, il cattivodi Sergio LeoneSala Truffaut, Modena - ore 20.45Info: 059 239222venerdì 2Sherlock Holmesdi Guy RitchieSala Truffaut, Modenaore 20.15 - 22.30Info: 059 239222sabato 3Il viaggio di Jeannedi Anna NovionSala Truffaut, Modenaore 20.45 - 22.30Info: 059 239222domenica 4Piovono polpettedi Phil Lord e Chris MillerSala Truffaut, Modena - ore 16-18-21Info: 059 239222An educationdi Lone ScherfigCinema Ariston, San Marino di Carpiore 21Info: 059 680546lunedì 5Piovono polpettedi Phil Lord e Chris MillerSala Truffaut, Modena - ore 16-18-21Info: 059 239222Shirindi Abbas KiarostamiSala Truffaut, Modena - ore 20.45Info: 059 239222An educationdi Lone ScherfigCinema Ariston, S. Marino di Carpi ore 21Info: 059 680546Fiori in Festagiochi e manifestazioni in tema florealeNonantolaInfo: www.comune.nonantola.mo.itmartedì 6Finale di partitadi Samuel Beckettregia Massimo CastriTeatro delle Passioni, Modena - ore 21Info: 059 2136021Madama di Tebedi Carlo Lombardiregia Corrado AbbatiTeatro Dadà, Castelfranco Emiliaore 21Info: 059 927138Tempi e ventidi Reha ErdemSala Truffaut, Modena - ore 21.15Info: 059 239222mercoledì 7Finale di partitadi Samuel Beckettregia Massimo CastriTeatro delle Passioni, Modena - ore 21Info: 059 2136021Nuvole di maggiodi Nuri Bilge CeylanSala Truffaut, Modena - ore 21.15Info: 059 239222Gente d’Alpedi Giovanna Poldi Allai, Filippo Lilloni eSandro NardiMac Mazzieri, Pavullo - ore 21Info: 0536 304034Antonio Ligabue. Fictione realtàdi Salvatore NocitaMac Mazzieri, Pavullo - ore 22.30Info: 0536 304034giovedì 8Eddie Gomez trio“Festival Crossroads”Mark Kramer, pianoforteEddie Gomez, contrabbassoJoe La Barbera, batteriaBaluardo della Cittadella, Modenaore 21.30Info: 059 244309Finale di partitadi Samuel Beckettregia Massimo CastriTeatro delle Passioni, Modena - ore 21Info: 059 2136021A Baz livecon Marco Bazzoni in arte BazTeatro Michelangelo, Modena, ore 21.15Info: www.cinemateatromichelangelo.comRiccardo IIIcon Oscar De SummaTeatro Italia, Soliera - ore 21Info: 059 859665Giù la testadi Sergio LeoneSala Truffaut, Modena - ore 21Info: 059 239222venerdì 9Finale di partitadi Samuel Beckettregia Massimo CastriTeatro delle Passioni, Modena - ore 21Info: 059 2136021La Tirannidedi Senofonte, a cura di Claudio Longhiregia di Marco MartinelliChiesa di San Carlo, Modena - ore 21Info: www.fondazionesancarlo.itFiorella MannoiaLive in tour acusticoTeatro Storchi, Modena - ore 21Info: www.fepgroup.itWelcomedi Philippe LioretSala Truffaut, Modena - ore 20.30 - 22.30Info: 059 239222Voci dalla pauraconvegno sul tema della pauraAula Magna del Policlinico, Modenaore 9Info: 059 2032775sabato 10Finale di partitadi Samuel Beckettregia Massimo CastriTeatro delle Passioni, Modena - ore 21Info: 059 2136021La Tirannidedi Senofonte, a cura di Claudio Longhiregia di Marco MartinelliChiesa di San Carlo, Modena - ore 21Info: www.fondazionesancarlo.itEdipo redi Sofocleregia Antonio CalendaTeatro Dadà, Castelfranco Emiliaore 21Info: 059 927138Concerto AperitivoL’Infinito. Viaggio poetico attraverso ilNovecento musicale italianoLeonardo De Lisi, tenoreAnna Toccafondi, pianoforteAuditorium Biagi, Modena - ore 17.30Info: www.gmimo.itNote di passaggioInferno e Paradiso secondo SchumannMjung Jae Kho, sopranoSabina Belei, pianoforteSala Eventi Famigli, Spilambertoore 21.15Info: 059 372467L’uomo nerodi Sergio RubiniSala Truffaut, Modena - ore 20.15-22.30Info: 059 239222Pensare il corpogiornata di studio su salute e benessereAuditorium Castello dei Pico, MirandolaInfo: 0535 29778domenica 11Finale di partitadi Samuel Beckettregia Massimo CastriTeatro delle Passioni, Modena - ore 17Info: 059 2136021La principessa e il ranocchiodi Ron Clements e John MuskerSala Truffaut, Modenaore 16 -18 - 21Info: 059 239222Lourdesdi Jessica HausnerCinema Ariston, San Marino di Carpiore 21Info: 059 680546Pensare il corpogiornata di studio su salute e benessereAuditorium Castello dei Pico, MirandolaInfo: 0535 29778lunedì 12Modena Ridenscon Paolo Cevoli, Giuseppe Giacobazzi,Franco Neri, i Gem BoyPalapanini, Modena - ore 21Info: 059 641430Hanna & Violkadi Rossella PiccinnoSala Truffaut, Modena - ore 21.15Info: 059 239222Sensodi Luchino ViscontiAuditorium Biblioteca, Carpi ore 21Info: 059 649954martedì 13Finale di partitadi Samuel Beckettregia Massimo CastriTeatro delle Passioni, Modena - ore 21Info: 059 2136021Hocus molto pocuscon Raul CremonaTeatro Michelangelo, Modena, ore 21.15Info: www.cinemateatromichelangelo.comQuartetto EuphoriaTeatro Troisi, Nonantola - ore 21Info: 059 896651Mio padre, mio figliodi Çagan IrmakSala Truffaut, Modena - ore 21.15Info: 059 239222Miss Little Chinadi Vincenzo De Cecco, Riccardo CremonaCinema Astoria, Mirandola - ore 21Info: 0535 20702mercoledì 14Manon LescautDramma lirico in quattro attimusica di Giacomo PucciniDirettore: Gianluca MartinenghiTeatro Comunale, Modena - ore 20.30Info: 059 2033010Finale di partitadi Samuel Beckettregia Massimo CastriTeatro delle Passioni, Modena - ore 21Info: 059 2136021Hocus molto pocuscon Raul CremonaTeatro Michelangelo, Modena, ore 21.15Info: www.cinemateatromichelangelo.comDentro le notePerfavore SingVincenzo Vasi, voce e thereminGiorgio Pacorig, pianoforte, pianoforteelettrico e sintetizzatoreFacoltà di Lettere e Filosofia, Modenaore 18Info: www.teatrocomunalemodena.itUltravox in concertoVox Club, Nonantola - ore 21Info: www.livenation.itLe tre scimmiedi Nuri Bilge CeylanSala truffaut, Modena - ore 21.15Info: 059 239222L’Italia del nostro scontentodi Francesca Muci, Elisa Fuksas,Lucrezia Le MoliMac Mazzieri, Pavullo - ore 21Info: 0536 304034giovedì 15L’avarodi Molière, traduzione di Cesare Garbolicalendario eventiLegenda per la consultazioneAppuntamentiCinema Incontri Musica Teatro


calendario eventiregia di Marco MartinelliTeatro Storchi, Modena - ore 21Info: 059 2136021Finale di partitadi Samuel Beckettregia Massimo CastriTeatro delle Passioni, Modena - ore 21Info: 059 2136021Post itcon il Teatro SotterraneoTeatro Italia, Soliera - ore 21Info: 059 859665C’era una volta il westdi Sergio LeoneSala Truffaut, Modena - ore 20.45Info: 059 239222Antonio Ligabue. Fiction erealtàdi Salvatore NocitaCinema Auditorium Ferarri, Maranelloore 21Info: 0536 943 010venerdì 16Manon LescautDramma lirico in quattro attiMusica di Giacomo PucciniDirettore Gianluca MartinenghiTeatro Comunale, Modena - ore 20.30Info: 059 2033010Finale di partitadi Samuel Beckettregia Massimo CastriTeatro delle Passioni, Modena - ore 21Info: 059 2136021Ave Maria per una gattamortascritto e diretto da Mimmo SorrentinoTeatro Troisi, Nonantola - ore 21Info: 059 547912Il viaggio del palloncinorossodi Hou Hsiao HsienSala Truffaut, Modena - ore 20.45Info: 059 239222Parigi, ti amodi autori variSala Truffaut, Modena - ore 22.45Info: 059 239222sabato 17L’avarodi Molière, traduzione di Cesare Garboliregia Marco MartinelliTeatro Storchi, Modena - ore 21Info: 059 2136021Finale di partitadi Samuel Beckettregia Massimo CastriTeatro delle Passioni, Modena - ore 21Info: 059 2136021La thèrapie du reveT come teatrodi e con Maria FonzinoregiaLa tenda, Modena - ore 21Info: 059 225249Concerto AperitivoPhilip Higham, violoncelloSimon Lane, pianoforteAuditorium Marco Biagi, Modenaore 17.30Info: www.gmimo.itNote di passaggioMusiche di Debussy, Janácek, Berg,Webern, BacewiczVeronica Kadlubkiewicz, violinoThérèse Diette, pianoforteSala Eventi Famigli, Spilamberto - ore 21.15Info: 059 372467L’uomo che fissa le capredi Grant HeslowSala Truffaut, Modena - ore 20.30-22.30Info: 059 239222De SphaeraIl Bulino presenta l’edizione facsimile delcodice miniato del rinascimentoBiblioteca Estense, Modena - ore 17.30Info: 059 822816Un teatro da scoprirevisita guidata agli spazi per gli artistiTeatro Comunale, Modena - ore 11Info: 059 2033003Carpinfioremostra di floricoltura e artigianatoVia Matteotti e via Mazzini, CarpiInfo: 059 649664domenica 18Manon LescautDramma lirico in quattro attimusica di Giacomo PucciniDirettore Gianluca MartinenghiTeatro Comunale, Modena - ore 15.30Info: 059 2033010L’avarodi Molière, traduzione di Cesare Garboliregia Marco MartinelliTeatro Storchi, Modena - ore 15.30Info: 059 2136021Finale di partitadi Samuel Beckettregia Massimo CastriTeatro delle Passioni, Modena - ore 17Info: 059 2136021Dieci invernidi Valerio MieliSala Truffaut, Modena - ore 18.30-20.30Info: 059 239222L’uomo che verràdi Giorgio DirittiCinema Ariston, San Marino di Carpiore 21Info: 059 680546lunedì 19GroundfloorAnteprima MundusCinema Teatro Eden, Carpi - ore 21Info: 059 649905Quando combattono glielefantidi Simone AmendolaSala Truffaut, Modena - ore 21.15Info: 059 239222I compagnidi Mario MonicelliAuditorium Biblioteca, Carpi - ore 21Info: 059 649954martedì 20l’Altro Suono festivalNiyaz - Nine HeavensTeatro Comunale, Modena - ore 21Info: 059 2033010Darwin... tra le nuvolePiccolo Teatro di Milanoregia Stefano de LucaTeatro delle Passioni, Modena - ore 21Info: 059 2136021Napoli Napoli Napolidi Abel FerraraSala Truffaut, Modena - ore 20.45Info: 059 239222Lo stato del mondodi autori variSala Truffaut, Modena - ore 22.30Info: 059 239222Mostar Uniteddi Claudia TosiCinema Astoria, Mirandola - ore 21Info: 0535 20702Mercoledì 21Violino e RaccontiJanos Hasur, violinoRassegna “Dentro le note”Teatro Comunale, Modena - ore 18Info: 059 2033010Dentro le noteViolino e RaccontiJanos Hasur, violinoFacoltà di Lettere e Filosofia,Largo S. Eufemia 19, Modenaore 18Info: www.teatrocomunalemodena.itModena City Ramblerslive con il Corpo Bandistico Città di CarpiTeatro Comunale, Carpi - ore 21Info: 059 649263Shirindi Abbas KiarostamiSala Truffaut, Modena - ore 20.45Info: 059 239222Luce silenziosadi Carlos ReygadasSala Truffaut, Modena - ore 22.20Info: 059 239222giovedì 22Enrico RavaAnteprima MundusTeatro Comunale, Carpi - ore 21Info: 059 649905Il mio nome è nessunodi Tonino ValeriiSala Truffaut, Modena - ore 21.15Info: 059 239222L’Italia del nostro scontentodi Francesca Muci, Elisa Fuksas,Lucrezia Le MoliCinema Auditorium Ferarri, Maranelloore 21Info: 0536 943 010Isabella Ferrariletture di Virginia Woolf con EnzoPietropaoliForum Guido Monzani, Modenaore 21Info: 059 2021093Modena città apertaIncontro pubblico “Bombardamentie tutela dei beni artistici durante la IIguerra mondiale”Baluardo della Cittadella, Modenaore 14.30Info: 059 2033372venerdì 23Erodiade - Erodiasdi Giovanni Testoriinterpretato e diretto da Iaia Forte eSandro LombardiTeatro delle Passioni, Modenaore 21 Info: 059 2136021È bello vivere liberidi Martà CuscunàTeatro Italia, Soliera - ore 21Info: 059 859665Festival PianisticoInternazionaleOrchestra dell’Istituto “Vecchi-Tonelli”Pier Narciso Masi, pianoforteSalone d’Onore di Palazzo Ducale,Modena - ore 21Info: www.gmimo.itL’uomo che verràdi Giorgio Diritti; a seguire dibattito conlo sceneggiatore Giovanni GalavottiSala Truffaut, Modena - ore 16.30Info: 059 239222Visagedi Tsai Ming-LiangSala Truffaut, Modena - ore 20.45Info: 059 239222Brutto giorno per la pescadi Álvaro BrechnerSala Truffaut, Modena - ore 23.15Info: 059 239222sabato 24Paul Taylor Dance CompanyChanges - Beloved Renegade - Brandeburgs;direttore artistico e coreografiedi Paul TaylorTeatro Comunale, Modena - ore 21Info: 059 2033010Erodiade - Erodiasdi Giovanni Testoriinterpretato e diretto da Iaia Forte eSandro LombardiTeatro delle Passioni, Modena - ore 21Info: 059 2136021Spira MirabilisSymphony n.93 in re maggiore di HaydnSala Teatro della Polisportiva, Formigineore 16.30Info: 059 416333Modà in concertoVox Club, Nonantola - ore 22Info: 059 285727Brothersdi Jim SheridanSala Truffaut, Modenaore 20,30-22.30Info: 059 239222domenica 25Erodiade - Erodiasdi Giovanni Testoriinterpretato e diretto da Iaia Forte eSandro LombardiTeatro delle Passioni, Modena - ore 17Info: 059 2136021Ivano Marescottiletture dalle Cronache dell’occupazionenazi-facista di Modena di Adelmo PedrazziPiazza XX settembre, Modenaore 17Info: 059 2033372[24] - il mese aprile \2010


Il calendario completo degli appuntamenti in provincia è scaricabile sul sito: www.provincia.modena.itMassimo BubolaConcerto per R/EsisterePiazza XX settembre, Modena - ore 18Info: 059 233372Materiali resistentidanze visite guidate e concerti, con Cisco& Le mondine, Tre llegri Ragazzi Morti,Teatro degli OrroriEx campo di Fossoli, Carpi - dalle ore 12alle 22Info: 059 688272L’uomo che verràdi Giorgio DirittiSala Truffaut, Modena - ore 18.30-20,30Info: 059 239222Le 13 rosedi Emilio Martinez-LazaroCinema Ariston, San Marino di Carpiore 21Info: 059 680546lunedì 26Tommy Emmanuelin concertoPalazzetto dello Sport, Formigineore 21Info: 0536 854630L’isola dei sordobimbidi Stefano CattiniSala Truffaut, Modenaore 21.15Info: 059 239222Passi leggeridi Elisa MereghettiSala Truffaut, Modena - ore 22.50Info: 059 239222Antonio Ligabue. Fiction erealtàdi Salvatore NocitaTeatro Dadà, Castelfranco Emiliaore 21.30Info: 059 927138Roma città apertadi Roberto RosselliniAuditorium Biblioteca multimediale Loria,Carpi ore 21Info: 059 649954martedì 27Omaggio a Esteban SanlucarT come teatrocon Cristina Benitez e Riccardo AscaniTeatro Comunale, Carpi - ore 21Info: 059 225249l’Altro Suono festivalL’Orchestra di Piazza Vittorio - Il flautomagicoTeatro Comunale, Modena - ore 21Info: 059 2033010Gigantedi Adrián BiniezSala Truffaut, Modena - ore 21Info: 059 239222Liverpooldi Lisandro AlonsoSala Truffaut, Modena - ore 23Info: 059 239222La voce Stratosdi Luciano D’Onofrio e Monica AffatatoTeatro Dadà, Castelfranco Emiliaore 21.30Info: 059 927138Democraziaworkshop e conferenze su temi di politicaFondazione San Carlo, Modena - ore 15Info: 059 421208mercoledì 28Moteldi e con Marco Valerio Amico e RhuenaBracciTeatro delle Passioni, Modena - ore 21Info: 059 2136021Linea di passaggiodi Walter Salles e Daniela ThomasSala Truffaut, Modena - ore 21.15Info: 059 239222Storie di Terra e di Rezdoredi Antonio Cherchi e Nico LusoliTeatro Dadà, Castelfranco E.- ore 21.30Info: 059 927138Democraziaworkshop e conferenze su temi di politicaFondazione San Carlo, Modena - ore 15Info: 059 421208giovedì 29Orchestre des Champs-ElyséesDirettore: Philippe HerrewegheTeatro Comunale, Modena - ore 21Moteldi e con Marco Valerio Amico e RhuenaBracciTeatro delle Passioni, Modena - ore 21Info: 059 2136021All’Opera in direttaSimon Boccanegra di Giusepe Verdi trasmessodal Teatro della Scala di MilanoCinema Michelangelo, Modena - ore 19.45Info: 059 343662Il colosso di Rodidi Sergio LeoneSala Truffaut, Modena - ore 21.15Info: 059 239222Il nastro biancodi Michael HanekeCinema Troisi, Nonantola - ore 21Info: www.nonantolafilmfestival.itHistoria FundationisCathedralis MutenensisIl Bulino presenta l’edizione facsimile delcodice miniato più importante della cittàDuomo di Modena - ore 15.30Info: 059 822816venerdì 30Famiglie da legareT come teatrodi e con Silvia NanniLa tenda, Modena - ore 21Info: 059 225249Triagedi Danis TanovicSala Truffaut, Modena - ore 20.30-22.30Info: 059 239222I love Radio Rockdi Richard CurtisCinema Troisi, Nonantola - ore 21Info: www.nonantolafilmfestival.itClaudia Geriniletture di Dante con Marco SantagataForum Guido Monzani, Modena - ore 21Info: 059 2021093Legenda per la consultazioneLe mostre da vedereAppuntamentiapronoNubaDove: Art Ekyp, via Torre 65, ModenaQuando: dal 10 aprile ore 18orari: feriali 10-12.30 / 17-19.30 chiusolunedì mattina e giovedì pomeriggioInfo: 3355715735Pina BauschDove: La tenda, Viale M.Kosica 95/S,ModenaQuando: dal 10 al 18 aprileorari: tutti i giorni ore 17-20Info: 059 285676A tavola con i figli delloYukonDove: Galleria Punto Arte, via Caselline15, ModenaQuando: dal 10 aprileorari: 16 - 19, chiuso lunedì e giovedìInfo: 059 226694Tre. Casali, De Pietri, Frapiccini,Jodice, Leotta, Musi,NicosiaDove: Ex ospedale Sant’Agostino, ViaEmilia Centro 228, ModenaQuando: dall’11 aprile al 30 maggioorari: tutti i giorni 11-19 chiuso ilmartedìInfo: 059 239888Salvatore Andreola e il pittorialismoDove: Ex ospedale Sant’Agostino, ViaEmilia Centro 228, ModenaQuando: dall’11 aprile al 30 maggioorari: tutti i giorni 11-19 chiuso ilmartedìInfo: 059 239888proseguono100.000 filtersDove: Galleria Civica, Area progetto, PalazzoS. Margherita corso CanalgrandeQuando: fino al 16 maggioorari: mart- ven 10.30-13/15-18sabato, domenica e festivi 10.30-18chiuso il lunedìInfo: 059 2032911- 2032940Rare pitture - LudovicoCarracci, Guercino e l’arte nelSeicento a CarpiDove: Palazzo dei Pio e Museo Diocesianoe Palazzo Foresti, CarpiQuando: fino al 20 giugnoorari: venerdì, sabato e festivi dalle 10alle 13 e dalle 15 alle 19; dal martedì algiovedì dalle 10 alle 13Info: 059 649955 www.palazzodeipio.itMutina oltre le mura.Recenti scoperte sulla via EmiliaDove: Lapidario Romano dei Musei Civici,Palazzo dei Musei, ModenaQuando: fino al 27 giugnoorari: tutti i giorni 8.30-19Info: 059 2033101Pagine da un bestiariofantasticoDove: Galleria Civica,Palazzo Santa Margheritacorso Canalgrande 103, ModenaQuando: fino al 18 luglioorari: martedì-venerdì 10.30-13/16-19sabato, domenica e festivi 10.30-19chiuso il lunedìInfo: 059 2032911- 2032940chiudonoBen in forma di libro. I libridi Ben VautierDove: Biblioteca Luigi Poletti, ModenaQuando: fino al 10 aprileorario: lun 14.30-19; mar-ven 8.30-13 e14.30-19.00; sab 8.30-13Info: 059 2033372Rhapsody in green.Fumetto, illustrazione e pitturadi Laura ZuccheriDove: Castello di Formigine,Quando: fino al 11 aprileorari: ven 19-22, sab e dom 9-13 e 15-22Info: 059 416368Una docile esistenzaDove: Sansalvatore Artproject, via Canalino31, ModenaQuando: fino al 17 aprileorari: mer-ven 16.30-19.30; sab 10.30-12.30 e 16-19.30Info: 3385053472Biennale d’arte contemporaneaAldo RoncagliaDove: Rocca Estense e Torre Borgo, SanFelice sul PanaroQuando: fino al 18 aprileorari: ven 10-12.30 e 17-19.30; sab,dom e festivi 10-19.30Info: 0535 86320Arte su carteDove: Laboratorio d’arte grafica, viaFratelli Rosselli 21, ModenaQuando: fino al 30 aprileorari: lun-ven 9.30-12.30 e 15.30-19.30 sab e dom 10-12.30 e 16 -19Info: www.laboratoriodartegraficadimodena.itEravamo persone comealberifotografie e video di SilviaCamporesiDove: Betta Frigieri Arte Contemporanea,via Muzzioli 8, ModenaQuando: fino 30 aprileorari: mercoledì-sabato 16-19.30Info: 339 3766367Alberto Burri: Cellotex.La strategia della materiaDove: Galleria MOdenArte, ModenaQuando: fino al 1 maggioorari: dal lunedì al venerdì 9-17.30 e ilsabato 11-18Info: www.modenarte.comA buon intenditor... pocheparole! Proverbi, modi di diree giochi di parole in figurinaDove: Museo della Figurina, corso Canalgrande103, ModenaQuando: fino al 2 maggioorari: da martedì a venerdì 10.30-13.00;15.00-18.30sabato, domenica e festivi 10.30-18.30lunedì chiusoInfo: 059 2033087Cinema Incontri Musica Teatrocalendario eventi


Nonantola Film FestivalAl Cinema Troisi undici giorni di proiezioni di pellicole e cortometraggiIl 25 aprile a Castelfranco prende il via una rassegna di documentariPer tutti gli amanti del cinema, con l’arrivo della primavera siapre la nuova edizione del Nonantola Film Festival, giuntoquest’anno al quarto appuntamento.La manifestazione si terrà al Cinema Teatro Massimo Troisi diNonantola, dal 28 aprile al 9 maggio. Le iniziative includono ilconcorso per cortometraggi e sceneggiature “I will be brief”,la gara di cortometraggi “4 giorni corti”, una rassegna diproiezioni e incontri con gli autori.Il programma prevede: giovedì 29 “Il nastro bianco” di MichaelHaneke, vincitore della Palma d’Oro a Cannes nel 2009; venerdì30 “I love Radio Rock”, divertente commedia di Richard Curtis,e sabato 1° maggio “Saimir”, film-denuncia di Francesco Munzisul traffico di clandestini dall’est Europa. Domenica 2 verrà proiettato“Il mio amico Eric” di Ken Loach, mentre lunedì 3 “L’uomoche verrà” di Giorgio Diritti, la storia della strage di Marzabotto,cui seguirà l’intervento dello sceneggiatore Giovanni Galavotti.Martedì 4 è la volta di “Welcome”, del regista francese PhilippeLioret. E ancora: mercoledì 5 “Valzer con Bashir”, film d’animazionedi Ari Folman vincitore di un Golden Globe; giovedì 6“Milk”, pellicola di Gus Van Sant che ripercorre gli ultimi anni divita del politico omosessuale Harvey Milk; venerdì 7 “Se mi lasciti cancello” di MichelGondry, con Jim Carreye Kate Winslet; sabato8 “Si può fare” di GiulioManfredonia.Al Teatro Dadà di CastelfrancoEmilia larassegna di documentariCastelfrancoDocpropone il 25 aprile “LaCittadella.Un racconto popolare”, Una scena del film “Valzer con Bashir”di Antonella Battimani;il 26 aprile “Antonio Ligabue – Fiction e Realtà” di SalvatoreNocita; il 27 aprile “La voce di Stratos di Luciano D’Onofrioe Monica Affatato; il 28 aprile “Storie di Terra e di Rezdore.Piccolo manuale di cultura materiale” di Antonio Cherchi e NicoLusoli. Domenica 9 maggio, sono previsti il Galà di chiusura ele premiazioni dei concorsi per cortometraggi.[Carlotta Catellani]Info: www.nonantolafilmfestival.itcinema


teatrodi alessia pelilloQuest’avarosenza sessoIn prima assoluta dal 15 al 18 aprile allo Storchila commedia di Molierè nella rilettura del Teatrodelle Albe con la regia di Marco Martinelli e dovela Montanari veste i panni del vecchio Arpagonelezione di Molière arrivadalle Albe e punta dritto al cuore diL’attualeognuno di noi. In prima assoluta ilTeatro delle Albe di Ravenna porta al TeatroStorchi dal 15 al 18 aprile L’Avaro diMolière, con la regia di Marco Martinelliche ne è l’ideatore assieme a ErmannaMontanari, infaticabile prima attrice dellacompagnia. Di casa a Modena, presenteda diverse stagioni nella programmazioneofferta da Ert Fondazione, il Teatrodelle Albe compie quest’anno un saltoche lo catapulta dalla scena più intima esperimentale del Teatro delle Passioni aquella consolidata dello Storchi, a riconfermadi una posizione di primo pianoche nel panorama italiano si è ormaiaggiudicato.“Da anni il Teatro delle Albe si muoveseguendo una logica che al singolo spettacolopreferisce il cantiere di lavoro –spiega Marco Martinelli, fondatore con laMontanari e Luigi Dadina della compagniaLA PROTAGONISTAErmanna MontanariErmanna Montanari è un sorprendenteArpagone, senza sesso distintivo,fantasma e vampiro. Fondatrice delTeatro delle Albe, è stata insignita nel2009 per la terza volta del PremioUbu come miglior attrice per la letturaconcerto Rosvita. Nel 2000 le è statoconferito per L’isola di Alcina e nel2007 per Sterminio, entrambi con laregia di Marco Martinelli. La Montanaridirigerà inoltre con il Teatro delle Albe ilFestival di Santarcangelo nel 2011.– perché la necessità di studio e sperimentazioneè legata al fatto che facciamoteatro e non semplicemente una serie dispettacoli”. Il viaggio intorno a Molière,tra i drammaturghi preferiti delle Albe peraver saputo utilizzare il comico al fine diLa protagonista Ermanna Montanari con ilregista Marco Martinelliraccontare la violenza del mondo, cominciacon un primo spettacolo realizzato inBelgio, “Detto Molière”.All’Avaro, il capolavoro che Molière e lasua compagnia crearono nel 1668, ilTeatro delle Albe arriva poi per “la suacapacità di penetrare il male in tutte lesue forme, sociali e psichiche”, per lasua attualità nella feroce critica di unaIl mercante di Venezia è uno squalo della finanzaRoberto Andò e Moni Ovadianella moderna interpretazionedel bel testo di ShakespeareUn nuovo spettacolo, un vecchio sodalizioche si rinnova. Nella riscritturadel Mercante di Venezia di WilliamShakespeare, il regista Roberto Andòe Moni Ovadia si ritrovano dopo lafruttuosa collaborazione ne Le storiedel signor Keuner di Brecht. Sul palcodello Storchi dal 6 al 8 maggio alle 21e il 9 maggio alle 15.30 arriverà unacreatura ibrida, uno spettacolo che siinserisce nel filone del cosiddetto teatromusicale, che diverte e coinvolge, mache non rinuncia a portare in scenai grandi temi del nostro tempo. Ispiratodal testo shakespeariano, si delinea sullascena un mercante perfettamente iscrittonei crimini contemporanei, multimiliardariograzie a traffici illeciti che lo vedonoprotagonista di ogni sorta di commercio,dalla tratta di droga, organi e vite umanea speculazioni finanziarie ben più virtuali.Nel ruolo di Shylock, un interprete dieccezione: Shel Shapiro, il mitico leaderdei The Rokes, pioniere della musicarock in Europa e uno dei padri dellacanzone italiana a partire dagli anni Sessanta,che ha proseguito la sua carrieracome autore arrangiatore e produttoreper approdare alle scene teatrali negliultimi anni. La Stage Orchestra di MoniOvadia accompagna, puntualizzando, lavicenda di un enigmatico mercante, delcui patrimonio non si conosce l’origine,e di un regista ebreo, da anni inattivo,che si incontrano per discutere di unprogetto comune: una messinscena delMercante di Venezia.Info: www.emiliaromagnateatro.com[28] - il mese aprile \2010


Su La scena delle idee Longhi rilegge SenofonteSalutiamo calorosamente la mise enespace de La Tirannide di Senofonterealizzata da Claudio Longhi in cartelloneil 9 e il 10 aprile nella Chiesa di S. Carlo,per l’evento spettacolare in sé ovviamente,ma anche perché segna il ritorno diun sodalizio molto fortunato per la città,quello tra Emilia Romagna Teatro e laFondazione Collegio San Carlo, unacollaborazione più che decennale che,dopo una pausa di riflessione, riprendecon un nuovo progetto per il prossimotriennio dal titolo La scena delle idee.La Tirannide è appunto il primo fruttodi questo lavoro, dove teatro e filosofiacorrono sullo stesso binario e dannocorpo a uno spettacolo che nasce daquello che, Maria Merelli, presidentedi Ert, ha definito a ragione come “untesto antico ma di stupefacente attualità”,scelto da Carlo Altini, Direttore scientificodel San Carlo e messo in scena dal registaClaudio Longhi che ha legato le sue ultimeproduzioni allo stabile regionale.Il tema della democrazia è il cuore dellarappresentazione, un soggetto che accomunale due Fondazioni organizzatriciche, in modi e con strumenti differenti nehanno fatto il centro delle loro riflessioni,il S.Carlo con le sue lezioni e seminari el’Ert con il suo impegno di “teatro civile”. Ecosì, in compagnia di Senofonte e Longhici avventureremo su un intricato camminoche ci porterà a indagare il limite tra vitaprivata e vita politica, andremo a scoprirecome ha detto Roberto Franchini, presidentedella Fondazione San Carlo, “cosadella lezione degli antichi sia ancora attualee quali spunti si possano prendere perdare vita a nuove riflessioni”.Lo spettacolo che avrà luogo nellachiesa di via San Carlo, è a ingressogratuito con prenotazione obbligatoriaallo 059 421208. (M.L)società “frettolosa, distratta e cannibalica”nella quale Arpagone è uno di noi.“Arpax, rapace, è l’antica parola grecada cui deriva il nome Harpagon, un avaronon proprio in senso classico - prosegueMartinelli – ma un vampiro, che vuole ilsangue degli altri e non permette ai suoifigli di fare la loro vita”.Per il ruolo del protagonista, l’anzianotirchio che per non perdere il suo denarovorrebbe maritare il figlio con una riccavedova e la figlia con un ricco marchese,tenendo invece per sé una bella e amatagiovane, la scelta è caduta con sorpresasu una donna, Ermanna Montanari. “Ilsesso non c’entra a teatro – sostiene il regista– ho pensato con naturalezza ad Ermanna,che diventa uno spirito asessuato,vampiresco e potente, attorno al quale simuovono gli attori della compagnia comelarve impaurite e ipocrite attraversate dascariche elettriche”.Un avaro onirico e ridente, quello delleAlbe, che guarda dritto in faccia l’Occidentein declino: la parte ricca del mondoterrorizzata che qualcuno la derubi. Larigorosa poetica della compagnia delleAlbe, raffinata e emozionante, capace direstituire alla scena la sua antica e potentefunzione narrativa, punta a coniugaretradizione e visionarietà in questo nuovospettacolo.“Più leggevamo Molière – confessa infineMarco Martinelli – più sembrava cheavesse ritagliato i personaggi sui nostriattori, forse perché non scriveva mai atavolino, ma sempre circondato dalla suacompagnia”.Dove: Teatro Storchi, ModenaQuando: dal 15 al 17 aprile - ore 21,il 18 aprile - ore 15.30Info: www.emiliaromagnateatro.comCastri gioca con il Finale di Partita di BeckettDopo il fortunato debuttoproseguono le replichesul palco delle PassioniDebuttato in prima assoluta il 30 marzoal Teatro delle Passioni, prosegue finoal 18 aprile Finale di partita di SamuelBeckett, diretto dal Maestro del teatroitaliano Massimo Castri. Alle prese perla prima volta con il drammaturgo irlandese,Castri confessa di avere scelto diportare in scena Beckett come fosseCechov, esplorandone il linguaggio comepiù di consueto ha fatto con l’autore russo.Alle prese con un testo complesso,significativamente meno rappresentatodi Aspettando Godot, Massimo Castriguida un cast di quattro bravi attori tra cuispicca il bolognese Vittorio Franceschi, giàavvezzo ai testi beckettiani (è stato infatticuratore del Beckett-concerto - collage dimateriali tratti dall’opera narrativa e poeticadell’autore irlandese) e oggi condirettoredella Scuola di Teatro Alessandra GalanteGarrone di Bologna. In scena i protagonistisono l’anziano Hamm, cieco econdannato a trascorrere i suoi giornisulla sedia a rotelle e Clov, il suo servo,dipendenti l’uno dall’altro ma in continuoconflitto. La presenza dei vecchi genitoridi Hamm, Nell e Negga, dentro a bidonidell’immondizia incombe sui due e fuorisembra non esistere più nulla. EmiliaRomagna teatro Fondazione, Teatro diRoma e Teatro Stabile Metastasio dellaToscana si sono uniti in una produzioneche saprà sicuramente distinguersi nelpanorama nazionale. Il cartellone prevedediverse rappresentazioni: il 1° aprile, dal6 al 10 aprile e dal 13 al 17 aprile alle21; l’11 e il 18 aprile alle 17Info: www.emiliaromagnateatro.comteatro


Nel Motel a puntatesi inseguono le stanzaIaia Forte nei panni di Erodiadequello di Cristo (Mater Strangosciàs). Nel 1998 Lombardiaveva dato vita a Erodiàs e, subito dopo, senza soluzione dicontinuità, anche alla Mater Strangosciàs, mentre risaleinvece al 1996 la sua prima interpretazione di Cleopatràs.Dove: Teatro delle Passioni, ModenaQuando: 23 e 24 aprile alle 21, 25 aprile alle 17Info: www.emiliaromagnateatro.comLa vita di un Motel si consuma fuori dalla finestra. GruppoNanou, giovane compagnia teatrale di Ravenna, porta alTeatro delle Passioni il progress del progetto Motel, sostenutoanche da Fondazione Pontedera Teatro. Motel è unatrilogia che si compone di diversispettacoli individuali composticome episodi indipendenti.Il 28 e 29 aprile Gruppo Nanoupresenta a Modena Motel Primastanza, che ha già debuttatonei mesi scorsi a Ferrara, e inanteprima assoluta la Secondastanza, che sarà poi protagonistaa Firenze del Festivalfabbrica Europa a maggio. “Ladrammaturgia è l’interazione diun ristretto numero di personaggiimmersi in un ambientefamiliare” spiega Gruppo Nanou.Mentre tale ambiente risultasostanzialmente ordinario, sonogli elementi esterni alla scena,quelli che avvengono fuori dallafinestra, che risultano straordinari e spostano l’andamentoquotidiano dell’azione.Il dramma non sembra mai presente in scena, solo nelterzo ed ultimo episodio avrà luogo un cambiamento radicale,che fornirà il punto di partenza per una nuova viadrammatica. La compagnia è nata nel 2004 come spaziodi confronto e valorizzazione delle competenze di un gruppodi giovani artisti che hanno partecipato nel 2003 alla finaledel premio Scenario.Dove: Teatro delle Passioni, ModenaQuando: 28 e 29 aprile alle 21Info: www.emiliaromagnateatro.comIl 12 aprile è Modena RidensAl Palapanini la comicità va in passerellaDoppia risata al MichelangeloBaz e Raul Cremona alla rassegna comiciArriva Modena Ridens, la rassegnadi spettacoli che porta indiverse cititaliane in una solaserata il meglio della comicitànostrana con grandi cabarettistie comici molto amati dalpubblico, famosi a livello nazionalegrazie a trasmissioni comeZelig e Colorado Cafè. L’appuntamentomodenese è in cartelloneil 12 aprile al Palapanini, con una serataricca di divertimento che vedrà la partecipazionidi comici e gruppi noti per le loro partecipazionitelevisive come Paolo Cevoli, Giuseppe Giacobazzi,Franco Neri, i Gem Boy, i Kalabrugovic e AndreaVasumi. Modena Ridens promette una serata riccadi divertimento, gag e monologhi esilarantiInfo: 059 641430Aprile tutto da ridere con i comicidel Teatro Michelangelo. “A Bazlive” è lo show di Marco Bazzoni,in arte Baz, ormai proiettatonell’olimpo dei comici italianidopo il trampolino di lancio diColorado, in cui balla, canta,recita e improvvisa (8 aprile alle21.15). Raul Cremona presentainvece quest’anno Hocus moltopocus, per ricordarci che anche se non sembra, dimagia ce n’è. L’ispirazione viene da personaggi dellaconsistenza di Jacopo Ortis, da Silvano il Mago diMilano, fino all’intollerante Omen Magia, prestidigitazione,insulti, musica, gag, macchiette e tanta musicatotalmente inattuale da Kramer al Quartetto Cetra(13 e 14 aprile alle 21.15).Info: www.cinemateatromichelangelo.comteatro


teatrodi greta ronchettiLa Paul Taylor CompanySabato 24 aprile al Teatro Comunale le creazioni dell’icona della modern danceMartha Graham lo definì “il cattivoragazzo della danza”, LauraShapiro scrisse di lui che “fa entrareil sole all’interno della danza”. PaulTaylor è considerato dalla criticail miglior coreografo americano viventeed è oggi una delle icone dellamodern dance. La celebre compagniaguidata dall’artista fa tappa alTeatro Comunale di Modena sabato24 aprile (ore 21) e porta in scenatre differenti creazioni.Changes è una performance divertente,capace di sprigionare energiae ricreare le atmosfere psichedelichedei mitici anni ‘60 utilizzandole musiche e gli abiti del tempo.Beloved Renegade, il secondo pezzointerpretato, racconta l’America partendodai versi di uno dei suoi poetifondatori, Walt Whitman, nei qualisi canta della perdita e del dolore,della speranza e del rimpianto. Laserata si conclude sulle note dei ConcertiBrandeburghesi di J. S. Bachcolonna sonora della coreografiaBrandenburgs che celebra le differenze tra uomini e donne conun particolare richiamo al loro modo diverso di muoversi.La Paul Taylor Dance Company è stata fondata nel 1954,si esibisce in una stagione annuale al New York City CenterMomento dello spettacolo “Brandenburgs” di Lois Greenfieldma è stata tra le prime formazionicontemporanee a viaggiare su scalainternazionale, calcando i palcoscenicidi in oltre cinquecento città.Molti dei brani del coreografo Taylor,capaci di creare un punto d’incontrotra classico e contemporaneo, sonoentrati nel repertorio di grandi compagniecome il New York City Ballet,il Ballet de l’Opéra de Paris e il Teatroalla Scala di Milano.L’arte coreografica di Paul Taylorpuò essere definita come il voltoluminoso della danza americana. Ilcoreografo, danzatore in passato nellecompagnie di Merce Cunningham,Martha Graham e Gorge Balanchine,rappresenta con particolare attenzionei sottili moti dell’anima, i valoriprofondi dell’umanità creando unostile fatto di frasi larghe e ariose,fluide ed in continuo divenire. Creamovimenti avvolgenti, eseguiti conbraccia aperte e tese, e salti eseguitia gambe parallele. I suoi lavorida sempre comunicano senso diserenità, gioia e vitalità, sentimenti ai quali si è aggiunta conil tempo anche una dose di humour, che mette in rilievo tic eanomalie dell’essere umano.Info: 059 2033010 www.teatrocomunalemodena.itErsiliadanza presenta ButterflyUna prima assoluta della formazione guidata da Laura CorradiFoto di Antonella AntiGiovedì 6 e venerdì 7 maggio (ore 21) ilTeatro delle Passioni di Modena ospitala prima assoluta di Butterfly, la coreografiadi Laura Corradi portata in scenadalla Compagnia Ersiliadanza.Dopo aver curato la regia dell’opera diGiacomo Puccini al festival “Pagine SpettacoloAperto” del 2007, Laura Corradi ritornaa raccontare l’intramontabile vicendadella Butterfly questa volta per indagare escavare in profondità nel personaggio enella sua vicenda attraverso gli strumentidella danza. Alle partiture pucciniane siaggiungono nuove composizioni che permettonodi compiere una trasposizionecontemporanea del dramma. Al centrodell’opera, che narra la storia di una geishaquindicenne andata in sposa ad un ufficialedella marina americana, il tema dell’attesa,sia essa amorosa o di altro genere.Laura Corradi ha vissuto il suo più importanteperiodo di formazione e le sueprime esperienze professionali a Paragi,dove lavora dal 1983 al 1987 con alcunidei maggiori rappresentanti dellanovelle danse. È rimasta un anno nellaFolkwang Hochschule di Essen direttada Pina Bausch, perfezionando la suapreparazione. Al suo rientro in Italia hafondato Ersiliadanza, la compagnia di cuiè coreografa e direttrice artistica; lavorainoltre come coreografa indipendente. Isuoi titoli sono stati presentati e coprodottidai maggiori teatri e festival in Italia(Oriente e Occidente a Rovereto, RomaeuropaFestival, Spoleto, Estate TeatraleVeronese, La Versiliana, Torinodanza,Vignale Danza ecc.), oltre che invitati inFrancia, Spagna, Olanda, Canada, UnioneSovietica, Uruguay e Argentina. Lesue creazioni sono tutte caratterizzateda un forte impatto emotivo.Lo spettacolo è una coproduzione Ersiliadanzae Fondazione Teatro Comunaledi Modena in collaborazione con EstateTeatrale Veronese.Info: 059 2033010[32] - il mese aprile \2010


teatroIn viaggio nella psicheChiude T come Teatro con due spettacoli sulla malattia mentaleLa rassegna T come Teatro, promossadall’Associazione Progettartee dalla Fondazione Cassa dirisparmio di Modena presenta uncalendario ricco di appuntamenti interessantianche per il mese di aprile.Sabato 17 alle ore 21 a La Tenda diviale Molza, va in scena la terapia delsogno, ovvero La thérapie du reve, untoccante intreccio fra linguaggio poeticoe psichiatrico scritto e interprettoda Maria Fonzino. Trent’anni dopo lalegge Basaglia che chiuse i manicomi,Maria Fonzino frequenta corsi di teatroche si svolgevano nelle “Corti deiMiracoli”, le sale delle stanze in cui i malati si ritrovavano per le attività ricreative. Inquesto testo, un tragico racconto della separazione dai luoghi, si evocano le parole diuna donna che vuole imprimere la sua voce per l’ultima volta lungo i corridoi bianchidell’ospedale che l’aveva tenuta lontana dalla realtà. Un incrocio con gli sguardi deimalati, dunque, per fissare nella scrittura la loro psicologia e il loro ricordo.Venerdì 30 aprile alle ore 21, sempre presso La Tenda, arriva Famiglie da legare di econ Silvia Nanni. Uno spettacolo che ricalca le orme del precedente e racconta comedal 1978 i matti e i manicomi non esistano più e spiega come questo non significhi,tuttavia, che la follia e la malattia mentale siano completamente scomparse. Il mattoè il protagonista di questo monologo agrodolce, insieme alla sua estensione naturale,la famiglia. Il rapporto 2001 dell’Organizzazione Mondiale della Sanità parla di “unapersona su quattro che è o sarà affetta da qualche disturbo mentale nel corso dellasua vita”. Numerosi sono i soggetti e altrettanto numerose sono le storie che fluisconoparallele, così lontane, così vicine. Portare sul palcoscenico una di queste storie potràanche non squarciare la cortina di silenzio che separa le famiglie tra loro e versol’esterno, ma almeno rappresenta un tentativo. “Famiglie da legare” è questo tentativo,perché legare, oltre che imprigionare, significa unire. Il 27 aprile si terrà inoltre alTeatro Comunale di Carpi un Omaggio a Esteban Sanlucar, spettacolo di musica edanza con Cristina Benitez e Riccardo Ascani. Flamenco, tango, melodie popolari sifondono in quest’omaggio al grande chitarrista spagnolo. [Serana Arbizzi]Info: 059 225249Tra bulletti e cuochi pazzispettatori in erba con TirProsegue ai teatri Astoria di Fiorano eComunale di Bomporto la rassegna diTir Danza Teatro Azzuro, ideata per lescuole materna, elementare e media.Le mattine del 20 aprile a Fiorano eil 22 aprile a Bomporto, si apronocon L’omino del pane e l’omino dellamela, spettacolo delicato e divertente,pensato per i piccoli spettatori alleprese con i primi “pasti fuori casa”,per insegnare loro ad apprezzare ipasti sani, i cibi genuini e le ricette diuna volta. Il 27 e il 29 aprile alle ore9.30, rispettivamente all’Astoria diFiorano e al Comunale di Bomporto,l’appuntamento è invece per i piùgrandicelli con un’opera dedicata altema molto attuale del bullismo: Iome ne frego! [L.D.F.]Info: 059 303696Da Shakespeare alla ResistenzaAl Nuovo Italia di Soliera ancora in cartellone Arti Vive HabitatUna storia di ordinaria violenzaespressa col linguaggio povero eossessivo degli sms e dei videofonini:è Ave Maria per una gatta morta,lo spettacolo finalista del premioRiccione, scritto e diretto da MimmoSorrentino che sarà messo in scenavenerdì 16 aprile alle ore 21 al teatroTroisi di Nonantola.Info: 059 547912Proseguono gli appuntamenti con “Arti Vive Habitat” al Nuovocinema teatro Italia di Soliera: giovedì 8 aprile alle ore21, in scena Oscar De Summa con Riccardo III, spettacololiberamente tratto dall’opera Shakespeariana.Giovedì 15 aprile, alle ore 21, saranno invece protagonistigli eclettici performers di Teatro Sotterraneo. Post it, questoil titolo dello spettacolo, è un vorticoso diseguale cubonero che trita, distrugge, ingloba, cancella e risputa tuttofuori nuovamente, un sorta di dimenticatoio dove cercaree verificare ogni possibile concetto di Fine: nel consumodi oggetti, nell’esaurirsi di un discorso, nell’assenza cheprelude sempre inevitabilmente al ritorno. Venerdì 23 aprile l’appuntamento è conlo spettacolo vincitore del Premio Scenario per Ustica 2009, ovvero E’ bello vivereliberi di Marta Cuscunà, progetto di teatro civile per un’attrice, cinque burattini e unpupazzo, che nasce per restituire all’idea di antifascismo la luce e l’entusiasmo chela accompagnarono anche nelle situazioni più difficili. [Letizia De Felice]Info: 059 859665[34] - il mese aprile \2010


incontriDi micol lombardiPasqua alla TerramaraAd aprile riapre il parco di Montale e si fonde il… cioccolato!Pasqua riapre il Parco dellaA Terramara di Montale che, aconclusione del triennale e prestigiosoprogetto europeo Livearch,conferma i riconoscimenti chequesta realtà raccoglie anche alivello internazionale, forte delleesperienze che ha maturato inquesti anni a contatto con lepiù importanti realtà open-airdell’Europa.Il calendario è ricco di propostedi archeologia sperimentale eriproduzione di antiche tecnicheartigianali che costantementesi aggiornano e si rinnovano grazie anche ai continui contatti con esperti e tecnicid’oltralpe: dalla fusione del bronzo alla modellazione e cottura della ceramica, dallatessitura alle tecniche di lavorazione del legno, delle fibre vegetali e della pietra.Non mancheranno alcuni appuntamenti su temi legati al mondo delle terramare, comel’Ecoracconto sull’ambiente di 3500 anni fa in collaborazione con l’Orto Botanicodell’Università di Modena e Reggio Emilia (11 aprile e 16 maggio) e la suggestivadimostrazione del microscavo delle urne cinerarie della necropoli terramaricola diCasinalbo (9 maggio).Animazioni e attività per bambini ad aprile saranno parte integrante dell’offerta delparco: dall’appuntamento del 18 aprile con gli artigiani della Dolcem che fonderanno,accanto ai metallurghi del parco, pugnali e punte di freccia in cioccolato, in occasionedella manifestazione Musei da gustare, ai numerosi laboratori per ragazzi cheaffiancheranno la visita guidata tenuta da archeologi ed esperti: Le mani in pasta permodellare la ceramica (4 aprile), Tutti i colori del parco per apprendere le tecnichedi colorazione dei tessuti antichi (5 aprile), Archeobotanici… in erba per conoscere isegreti racchiusi nei reperti botanici (11 aprile), Lavori in corso per approfondire letecniche costruttive delle antiche abitazioni di una terramara (1 maggio). Il Parco diMontale si trova a dieci km da Modena, in località Montale, lungo la Nuova StradaEstense (Via Vandelli), realizzato nel luogo stesso in cui è stata scoperta una terramaradell’età del bronzo.Info: 059 532020 www.parcomontale.itPercorsi con gli espertitra le opere dell’EstenseRiprende Raccontare l’arte, percorsia tema tra le opere della GalleriaEstense il ciclo di conferenze organizzatodalla Galleria Estense colsostegno della Fondazione CRMO.I relatori coinvolti sono studiosidi chiara fama che operano inmusei,università e Soprintendenze.In programma: 15 aprile ClaudiaConforti, Università di Roma TorVergata parlerà de Le residenzeestensi a Roma nel Seicento; 22aprile Barbara Ghelfi, Università diModena e Reggio Emilia tratterà diAspetti della committenza artisticadi Cesare d’Este (1598-1628) einfine il 29 aprile Vincenzo VandelliArchitetto parlerà di Delizie ducali:le residenze extraurbane estensi dalXVII al XIX secolo. Gli incontri si terrannoalla Galleria Estense, Palazzodei Musei alle ore 20.30Info: 059 4395711Racconti e poesie migrantialla Delfini con PerrottaSi conclude con l’attore e regista teatraleMario Perrotta classe 1970,fondatore del Teatro dell’Argine, ilcui percorso artistico è incentratosull’emigrazione italiana nel dopoguerra(l’attore ha pubblicato anchelibri su questa tematica) la serie diincontri del ciclo Racconti e poesiemigranti, organizzato dalla bibliotecaDelfini, in collaborazione con il CentroTerritoriale Permanente, la Città deiRagazzi e Fusorari Cibi & Viaggi. Il 15aprile alle ore 18 alla Biblioteca Delfiniè in programma l’incontro con l’autoree la sera alle 21 la conversazione continuapresso l’associazione Fusorari(piazzale Torti). Ingresso libero.Info: 059 2032940Il Bulino presenta i suoi gioielliIl De Sphaera e l’Historia Fundationis Cathedralis MutinensisDoppia iniziativa per la casa editrice Il Bulino: sabato17 aprile alle ore 17.30 nella Sala Giuseppe Camporidella Biblioteca Estense verrà presentata l’edizionein facsimile del codice miniato De Sphaera, il più bellibro astrologico del Rinascimento, unitamente al commentariodi studi. L’evento, patrocinato dal Ministeroper i Beni Culturali e Ambientali, fa parte del ciclo dimanifestazioni promosso per la Settimana dei Beniculturali. Parteciperanno tra gli altri il Sindaco Pighi,il direttore della Biblioteca Luca Bellingeri e l’editoreMauro Bini. Il 29 aprile invece dalle ore 15.30 alle 17.30 presso il Duomo di ModenaIl Bulino presenterà l’edizione facsimilare di uno dei più importanti codici miniaticonservati nel Capitolo del Duomo: la Historia Fundationis Cathedralis Mutinensis.L’evento è promosso dall’Arcidiocesi di Modena-Nonantola e dalla Fondazione CRMO.Parteciperanno l’arcivescovo Mons. Lanfranchi e il sindaco Pighi, il presidente dellaFondazione CRMO Landi, gli autori e numerosi studiosi.Info: 059 822816[38] - il mese aprile \2010


Torna la CampionariaLa tradizionale fiera si consumerà dal 21 al 25 con tante novitàappuntamento per eccellenzaL’ di aprile è con la 72esimaFiera Campionaria, che ritornaal vecchio caro nome a cui i modenesierano affezionati. Un’altrainteressante novità è l’ingressogratuito per tutti, tutti i giorni.Dal 21 al 25 aprile si rinnovaquindi presso ModenaFiere (VialeVirgilio) l’atteso appuntamentoorganizzato come sempre dallaSocietà Modenese per EsposizioniFiere e Corse di cavalli.Molto articolato l’allestimentodella Fiera come sempre: nelpadiglione A troveranno spazio il settore Artigianato e Curiosità (artigianato, curiositàper la casa e la persona, cultura, tempo libero, turismo, benessere) e il settoreEnogastronomia (prodotti tipici, pasticcerie, cantine, conserve alimentari, ristoranti),il padiglione B sarà occupato per intero dal settore Casa (edilizia, ristrutturazione,restauro, risparmio energetico, fonti alternative, sicurezza, arredamento per interni,arredo bagno, complementi, illuminazione, tessuti, rivestimenti in legno e ceramica).Nell’area esterna, ritornano con tanti espositori in più il settore Verde (arredamento dagiardino, florovivavismo, attrezzature, piscine, barbecue), il settore Edilizia (macchineper l’edilizia) e le concessionarie (auto, cicli e motocicli, caravan).Al centro dell’area esterna inoltre, in un apposito spazio, ci sarà un importante progettodedicato al cavallo, in collaborazione con il comitato regionale FISE, con attivitàequestri per grandi e bambini. Lo spazio per l’intrattenimento e il divertimento, unodei punti di forza della Campionaria, sarà gestito come di consueto da Diego Ferraridi RadioStella. Tornano l’appuntamento con la selezione provinciale del concorso MissItalia, le sfilate di moda, alcuni appuntamenti condotti con la sua solita verve dalloshowman e presentatore Andrea Barbi. Da segnalare il concerto d’apertura dellaCorale Puccini di Sassuolo,alle ore 21 di mercoledì 21 aprile, giorno d’inaugurazione che vedrà per la prima voltaSandrone al taglio del nastro. Orari: feriali ore 18- 23, sabato ore 10- 23, domenicaore 10-21.Info: 059 340090Due attrici scoprono la letturaAl Forum Monzani in cartellone Isabella Ferrari e Claudia GeriniProsegue anche ad aprile il ricco programma dedicatoai libri e alle letture di Forum Eventi, la bella rassegnaa ingresso gratuito, organizzata dalla società di serviziForum Guido Monzani della Banca popolare dell’EmiliaRomagna. Il 22 aprile alle ore 21, l’attrice IsabellaFerrari dà voce alla scrittrice inglese Virginia Woolf,una delle più grandi autrici del XX secolo, che ci halasciato libri indimenticabili come Le Onde, Gita al Faro,Orlando, La signora Dalloway solo per citarne alcuni.Isabella Ferrari è accompagnata al contrabbasso dalmusicista jazz Enzo Pietropaoli. Il 30 aprile alle 21 il testimone passa a un’altra bravaattrice italiana, Claudia Gerini che proporrà diversi brani di Dante accompagnata daMarco Santagata, scrittore modenese e docente all’Università di Pisa, vincitore delPremio Campiello nel 2003 con “Il maestro dei santi pallidi” e vincitore del PremioStresa di Narrativa con “L’amore in sé” nel 2006. Da italianista è cultore e tra imassimi esperti di lirica classica italiana, di Dante e di Petrarca e petrarchismo..Info: 059 2021093in breveAmici del libroincontri culturalilibreria MucchiProseguono per tuttoil mese di aprile gliincontri presso la LibreriaMucchi-Amicidel Libro. In calendario:3-30 mostradi Gianna Rabelli,Laura Lodesani eStefania Luppi, mostra.Incontro con le autrici il 17aprile ore 18,15. Dal 10 al 18 aprileciclo Due passi tra storia e naturastrutturato in: 10 ore 17 proiezioniDVD sui luoghi matildici e 17 ore 17incontro preparatorio all’escursionee 18 aprile ore 9 escursione interagiornata. Il 15 ore 21 presso Societàdel Sandrone spettacolo di dialetto emusica a cura degli “Artisti per caso”il27 e ore 21 presso libreria Ricordo diDon Arrigo Mussini e Roberto Vaccaricon la compagnia Gli Aggregati. Il20 ore 21 Antonio Saltini presenta illibro “Don Zeno, il sovversivo di Dio”,edizioni Il Fiorino, il 24 aprile ore 21incontro con lo scrittore milaneseRoberto Buscarini.Info: 059 217530Università GinzburgCorsi e lezionibiblioteca Delfiniè ricco il programmadella Università perla libera età NataliaGinzburg, a partiredalle lezioni di acquerelloall’aperto, 10lezioni dal 6 aprilepresso gli orti di viaLeonardo 158. Il 7e il 14 aprile alle ore 9,30 appuntamentoin sede poi visita a chiese diModena con prof. Giuliana Pini (apertoa tutti). Il 7 e l’8 proseguono i corsi dimassaggio del piede e alla scoperta disé mentre il 13 alle ore 16 è in programmail salotto di lettura pressoBiblioteca Delfini (gratuito con iscrizione).Il 15 alle ore 15 “s’i fossi…”poesia presso sede Incontro (gratuitocon iscrizione) e alle ore 19,30 lirica“ La Tosca” di G. Puccini, presso SalaG. Ulivi (via Menotti 137), (aperto atutti). Ancora il 15 alle ore 17,30 consulenzaesistenziale, in sede, primodi sette incontri con prof. AlessandroPica (gratuito con iscrizione)Info: 059 4279459incontri


incontriDi micol lombardiL’impegno per i giovaniPoggi: “Il nostro intervento tra offerta culturale e partecipazione”itengo che sia un forte limite quello di“Rconsiderare la partecipazione dei giovaninella vita della città solo in riferimento all’ambitodel tempo libero e del divertimento. Responsabilizzarei giovani vuol dire considerarli cittadini atutti gli effetti e in quanto amministrazione è unnostro dovere ascoltare le loro richieste”. Conqueste parole l’assessore alle Politiche Giovanilidel Comune di Modena Fabio Poggi esplicita conchiarezza quello che ritiene un obiettivo primariodel proprio mandato.Che tipo di offerta culturale Modena rivolgeai giovani?“Le occasioni di confronto e di incontro culturaleFabio Poggia Modena sono ampie e differenziate: cito comeesempi le attività dell’Ufficio Giovani D’Arte, del Centro Musica, de La Tenda e della reteNet Garage. Se vogliamo ottenere risultati più soddisfacenti è necessario però superarel’equivoco che esiste una cultura prettamente rivolta ai giovani. Sono importanti gli spaziche permettono ai ragazzi di esprimere la loro creatività ma occorre fare in modo cheessi si avvicinino anche agli ambiti più istituzionali della cultura cittadina. L’offerta culturaledeve considerare come utenti tutti i cittadini dai dieci ai cent’anni, a tal fine mi offrocome interlocutore per una riflessione costruttiva che permetta di realizzare una politicadi rete tra i diversi assessorati”.La Tenda si conferma un punto di riferimento per i ragazzi?“Le attività proposte presso La Tenda di Viale Molza hanno da sempre un occhio di riguardonei confronti dei giovani. Dopo anni di esperienza questo luogo si conferma comeuno spazio aperto a disposizione dei cittadini e delle associazioni. La programmazione deLa Tenda ha raggiunto ora una maggiore sistematicità e autorevolezza, ogni mese infattiviene scelto un tema e vengono raccolte in un cartellone iniziative ad esso collegate”.In che modo si può rafforzare e stimolare la partecipazione giovanile?“Interrogarsi sul tema della partecipazione rappresenta a mio avviso una svolta necessariaper chi si occupa di politiche giovanili. Abbiamo attivato un local forum per studiare in chemodo le nuove forme di comunicazione utilizzate dai giovani, come i social network, possanodiventare strumenti di cittadinanza attiva ed è stata aperta la pagina GiovaniMo su Facebook.La riflessione è ampia e complessa ma è importante che un’amministrazione affronti il temadel protagonismo giovanile anche attraverso gli strumenti che essi utilizzano”. [G.R.]Studenti senza frontierecol Mobility Day 2010Il 15 aprile, dalle 10 alle 17, pressoil Centro servizi XR.U.M. di via Campi309 si svolgerà l’International MobilityDay 2010 Diamoci una mossa! chevuole offrire ai giovani informazioni sulleopportunità di formazione, studio,lavoro e volontariato all’estero.La manifestazione, promossa dal centroEurope Direct del Comune di Modenae da ER.GO (l’Azienda Regionaleper il Diritto agli Studi), prevede quattroseminari sui temi del volontariatointernazionale, delle organizzazioniinternazionali, dei tirocini, del lavoroe dello studio all’estero.Informazioni su percorsi di studio internazionali,servizio volontario europeo,tirocini alle Nazioni Unite e l’Unioneeuropea, accesso alla carriera diplomatica,oltre che sulle opportunitàofferte dalle Università italiane.Info: 059 2032602Dal cinema a Baden Ya in aprile alla TendaNel cartellone Segnali 2010Persepolis di Marjane Satrapie le pièces di T come teatroProsegue la programmazione de La Tendail bel progetto delle Politiche giovanilidel Comune di Modena. In cartellone adaprile diversi appuntamenti, da segnalareinnanzitutto il progetto Segnali cheporterà dal 10 al 18 aprile la mostrafotografica su Pina Bausch (vedi pagina12) che inaugurerà il 10 alle ore 18 ea cui seguirà alle ore 21 Plastiktraum.E ancora il 18 aprile si terrà a La Tendala Giornata dell’integrazione delle culture,all’interno dell’iniziativa Baden Ya. L’8 aprilealle 21.30 è in cartellone Persepolisil bel film di animazione di Marjane Satrapi.Cospicuo il calendario delle presentazioni letterarie(curate da L’Asino che vola): il 9 alle21.30 si palerà del romanzo Preoccupatidei vivi, che racconta di un cruento eccidiodi partigiani vicino a Rolo, di e con AndreaMoretti, reading di Elisa Paterlini e PaoloSola con accompagnamento musicale.Si rifletterà sugli anni di piombo, il 14 collibro, Le ragioni di un decennio, di e conGiovanni De Luna dove l’autore conversacon Glauco Babini. Parma 25 agosto1972 il libro di Piermichele Pollutri saràpresentato il 16 aprile, introduce l’autoree interverrà lo storico William Gambetta.Il libro riporta alla luce l’omicidio di un giovaneper mano di un gruppo di neofascistinella Parma degli anni ’70. Il 22 sarà lavolta di Autobiografia di una Repubblicadi e con Guido Crainz. In cartellone anchedue spettacoli della rassegna T cometeatro: il 17 La therapie du reve e il 30Famiglie da legare (approfondimento allapagina 34).Info: www.latendamodena.it[40] - il mese aprile \2010


Concessionaria BMW e MINIParma MotorsParma - Fidenzaincontri


incontriDi micol lombardiAl San Carlo con... DemocraziaIl 27 e il 28 diversi workshop per studenti e conferenze pubblicheDemocrazia il tema dei workshop e conferenze pubblicheorganizzate il 27 e 28 aprile dal Centro StudiÈdella Fondazione San Carlo. Democrazia è stato il temaconduttore delle attività 2009/10 del Centro e il temadi riflessione avviato con diverse scuole di Modena eprovincia. Il programma prevede infatti una parte rivoltaai ragazzi con workshop tenuti da docenti universitari eun’altra invece aperta al pubblico: il 27 ore 15, il Prof.Ferruccio Andolfi parlerà di “Individualismo sociale”,alle 16.30 il Prof. Elio Franzini, tratterà di “Ereditàdell’Illuminismo” e alle 18 il Prof. Silvano Tagliagambeapprofondirà il tema “Città e spazio pubblico. Organizzazione delle reti e nuove conoscenze”.Si riprende mercoledì 28 alle 15, il Prof. Francesco Fistetti, parlerà di “Democraziamulticulturale”; alle 16.30 il Prof. Renzo Guolo, tratterà di “Autorità e democrazia nellacultura islamica” e alle 18 il Prof. Alfonso M. Iacono, entrerà nel merito di “Verità erappresentazione nello spazio pubblico. Per una ridefinizione dell’autonomia”.Info: 059 421208Il 9 aprile convegno nazionalesul tema “Voci dalla paura”Si intitola Voci dalla paura il convegnonazionale organizzato da assessoratoall’Istruzione del Comune e Universitàdi Modena e Reggio Emilia il 9 aprilepresso l’Aula Magna del Policlinico.Un’intera giornata (i lavori si apronoalle ore 9 con i saluti del Rettore AldoTomasi e del sindaco Giorgio Pighi cheinterverrà anche in seguito nella vestedi Presidente Forum Italiano SicurezzaUrbana) dedicata alla paura con tuttele sue implicazioni emotive, sociali,antropologiche e mediche. Il convegnoè articolato in tre sessioni: basi biologichee psicologiche della paura; la pauranella politica e nella comunicazione e lapaura come sofferenza dell’anima.Info: 059 2032775Artegenti e Circoscrizione 3nel bando Vite di quartiereLa Circoscrizione 3, in particolare iquartieri Buon Pastore, Sant’Agnesesono al centro del progetto “Vite diquartiere”, promosso dall’AssociazioneArte e genti, nato per rappresentarei vari modi in cui viene vissuto ilquartiere attraverso diverse formeartistico-creative, tramite la creazionedi gruppi di lavoro interdisciplinari.Risultato finale sarà la pubblicazionedi un volume con racconti in prosa,fumetti e fotografie, di un Dvd contenentei cortometraggi e un CD conle musiche scelte.Info: www.artegenti.itReporter in erba raccontano la 4Vi segnaliamo due interessanti iniziativein programma ad aprile alla Circoscrizione4. Partiamo da Io Reporter-Raccontare il quartiere ieri e oggi.Fotografare i nostri luoghi, un corsoin dieci lezioni (il giovedì dalle 17,30alle 19 sala civica via M. Curie, 22/a)condotto da Flavio Novara. L’iniziativagratuita e aperta a tutti i ragazzi, siprefigge l’obiettivo di trasformare i giovanipartecipanti in reporter di quartiereattraverso un percorso di esercizi, intervistee realizzazione fotografiche. Informazionipresso la Circoscrizione 4.Si intitola Primavera 2010 all’Oasi laPiantata di via Marconi il programmadi iniziative propostoalle famigliedalle Guardie EcologicheVolontarieall’Oasi naturalisticaurbana.Sabato 10 Aprilealle ore 16 attivitàdi laboratorioper bimbi e genitori con la costruzionedi nidi e mangiatoie in collaborazione conla Lipu.Sabato 17 aprile sempre alle ore 16verranno raccontate delle favole animate.Iscrizioni allo 059 4270723.Info: 059 2034030L’ORCHESTRALa musica classicasuonata dai giovaniIL QUARTETTOQuartetto Euphoriae i loro archi di pazziaGiovani musicisti da tuttaEuropa, che suonano senzadirettore d’orchestra. Sipuò riassumere così l’ideache anima il progetto SpiraMirabilis, l’ensemble cheporterà la grande musicaclassica a Formigine interpretandola Symphonyn.93 in re maggiore diHaydn. L’orchestra è compostada giovani musicistiprovenienti da Italia, Svizzera,Austria, Germania, Slo-vacchia, Lettonia, Israele eSpagna, con un’età mediainferiore ai 26 anni.Dove: Sala Teatro dellaPolisportiva Formiginese,FormigineQuando: 24 aprile - ore16.30Info: 059 416333La sregolatezza dell’artesposa la serietà del concertoformale. Quella chenasce dalle corde del QuartettoEuphoria è un’esibizioneunica, dove è la fantasiaa regnare sovrana. Violini,viola e violoncello al femminilein uno spettacoloche rappresenta un’iperboledal massimo rigoredella musica classica allaburla più assoluta. Sottol’attenta regia della BandaOsiris, bastano pochi minutiperchè la confusione e ilnonsense si sostituiscanoalla logica.Dove: Teatro MassimoTroisi, NonantolaQuando: 13 aprile - ore21Info: 059 896651[42] - il mese aprile \2010


Quel Barchessone Vecchiopromette un mese di giocoRiapre il Barchessone Vecchio, conuna stagione di eventi organizzata dalComune di Mirandola in collaborazionecon il Centro di Educazione Ambientale“La Raganella”. Inaugurazione domenica4 aprile (ore 17) con uno spettacolodi burattini.Aprile è poi tutto dedicato a piccoli egrandi giocatori con la mostra 1 Mondo,10 Giocattoli, 1000 Combinazioniallestita alla Sala polivalente e dueappuntamenti speciali: le dimostrazionidi gioco del curatore Roberto Papetti(venerdì 9 aprile, ore 21) o nel laboratorio(sabato 24 aprile, ore 16.30),in cui ciscuno potrà costruire il propriogioco personalizzandolo,Info: 0535 29724A Mirandola si ripensa il corpoNel Castello dei Pico due giorni di riflessioni sui temi della saluteLa quinta edizione di Pensare il corpo, che si terràall’Auditorium del Castello dei Pico, dedica duegiornate di studio ai temi della salute e del benessere.Sabato 10 aprile si parlerà de “Il corpo nello spazio:figure letterarie” con il Prof. Piero Boitani; il puntodi vista nelle religioni sarà trattato nei successiviincontri “Metamorfosi del corpo: il caso cristiano” e“Il corpo nell’Islam”. A conclusione della giornata unpercorso nella storia dei metodi curativi in “Il corpoin medicina” con il Prof. Vittorio Sironi. Domenica11 aprile si inizierà con un tema di grande attualità:“Corpo e anoressia”, con il Prof. di psichiatria Paolo Santonastaso. A seguire il significatoassunto dalla figura umana nel corso dei secoli e le posizioni dell’attuale filosofiasaranno rispettivamente i temi degli incontri “Il corpo che la storia ha dimenticato” e“Scrivere col corpo”. Chiuderà il Prof. Marco Bussagli con l’analisi della figura in pitturae scultura, tema dell’incontro “Il corpo e il nudo nella storia dell’arte”Info: 053529778Castelvetro scopre il benessereProsegue a Castelvetro Le Vie del Benesserel’interessante ciclo di incontriorganizzato dal Comune e dall’UnioneTerre di Castelli e tenuto a battesimodallo stimato farmacologo Professor SilvioGarattini. Il prossimo appuntamentoè per venerdì 16 aprile alle ore 20,30presso la Sala Consiliare di Castelvetro,dove si parlerà de La gestione clinicadel nodulo tiroideo con il Dott. AugustoBaldini specialista in Endocrinologia; moderatoredella serata sarà il Dott. FaustoGrandi medico di Medicina Generale aCastelvetro.Il ciclo si chiuderà giovedì 22 aprile semprealle 20,30 ma al Castello di Levizza-no Rangone conun incontro chetratta un tema digrande attualitàe cioè L’approcciofitoterapicoe l’agopunturanell’ansia, stresse patologie dell’apparato digerente a cuiparteciperanno il Dott. Arrigo FG Cicerodell’Università di Bologna e il Dott. SotiriSarafianos Docente Scuola Italocinese diAgopuntura sempre di Bologna. ModeratoreDott. Vanni Vranjes della FarmaciaComunale di Levizzano Rangone.Info: 059 758808Fiori in festa a Nonantolain una kermesse di coloriSi terrà tutta la giornata del 5 aprilea Nonantola Fiori in Festa dove ilcentro storico sarà trasformato inun colorato e profumato tappeto dipiante e fiori di ogni genere.Numerose altre iniziative sarannocollegate all’evento. Per i più piccolispazio al divertimento con ”creiamoil nostro fiore con materiale di recupero”,laboratorio organizzato dalCentro di Educazione Ambientale allaSostenibilità che si svolgerà in PiazzaLiberazione dove sarà inoltre allestitoun punto di ristoro.Info: www.comune.nonantola.mo.itCONCORSO/1CONCORSO/2Poesie Balsamichecelebrano l’acetoUn premio letterarioal sapore di NocinoSi terrà sabato 24 aprilepresso la Sala dei Quattrocentodella Multifieradi Modena alle ore 17la cerimonia di consegnadei premi di Poesie Balsamiche,il concorso cheattribuisce uno speciale riconoscimentoalle miglioricomposizioni poetiche dedicateall’Aceto BalsamicoTradizionale di Modena.I primi tre classificati delletre categorie (adulti, gio-vani, poesia dialettale),oltre al riconoscimento,si aggiudicheranno anchegustose confezioni prorpiodell’oro bruno tema delleloro composizioni. Per riscoprireuna tradizione.Info: 338 5087425Torna la letteratura gustosadi De Gustibus con ilconsueto concorso che invitaa scrivere un raccontocon al centro un prodottogastronomico emilianoche diventa così l’elementonarrativo principale. Dopol’Aceto balsamico e il Lambrusco,tema di questa edizione2010 sarà il Nocino,con I racconti della nottedi San Giovanni. Estremalibertà è data alla scelta deicontenuti e alla tipologiadi racconto,importanteinvece è la scadenza per lapresentazione dello scrittoche è il 22 maggio. Potetetrovare tutte le informazionisul sito delle EdizioniDamster.Info: www.damster.itincontri


di dalila borrelliEcco Anteprima MundusRitorna Anteprima Mundus l’interessanterassegna musicale che ognianno porta sul palcoscenico carpigianograndi interpreti del jazz. Ad aprire ilcartellone, lunedì 19 aprile al CinemaTeatro Eden i Groundfloor. Uno pensache l’Islanda dal clima rigido e il jazz dalletonalità calde abbiano poco da spartiree invece scopriamo che una delle bandpiù interessanti in ambitojazzistico è nata proprio inIslanda, per la precisionea Reykjavik, riscuotendoda subito un certo seguito.È dal 2003 infatti cheil quartetto si esibisce intutta Europa e lo scorsoanno ha debuttato inItalia a Reggio Emilia proprioall’interno del FestivalMundus. Se siete curiosidi ascoltarli, l’appuntamentoè alle ore 21 el’ingresso è gratuito.Altri due importanti appuntamenti dellarassegna organizzata tra gli altri dalComune di Carpi, sono in programma adaprile: non si può far altro che inchinarsidavanti alla maestria della tromba di EnricoRava, uno dei migliori jazzisti italianiche giovedì 22 aprile, alle ore 21 al TeatroComunale di Carpi, interpreterà uno deimiti della storia del jazz, l’intramontabileGershwin. Rava suonerà col suo Jazz Lab(Francesco Fratini (tromba), Mauro Ottolini(trombone, tuba), Daniele Tittarelli (saxalto, sax soprano), Dan Kinzelman (saxtenore, arrangiamenti), Marcello GianniniIL PERSONAGGIOEnrico Rava(chitarra), Giovanni Guidi (pianoforte), StefanoSenni (contrabbasso), Zeno de Rossi(batteria) e avrà come ospiti speciali altridue bravi musicisti come Gianluca Petrellaal trombone e Gianluigi Trovesi ai clarinetti.Durante la serata che si preannuncia digrande suggestione, Rava e il suo laboratorioproporranno una selezione dei branipiù suggestivi del songbook gershwiniano,Sicurmente uno dei jazzisti italiani piùnoti a livello internaziale, anche graziead una lunga attività oltreoceano,Rava vanta collaborazioni con i nomidi primo piano del jazz mondiale.Al suo attivo più di novanta registrazionidelle quali una trentina dasolista.in versioni appositamenterivisitate.Il ricco cartellone delmese si chiude martedì27 aprile, sempre alle21 e sempre al TeatroComunale di Carpi,l’Omaggio a Estebande Sanlucar con CristinaBenitez e RiccardoAscani realizzato incollaborazione con l’associazioneculturale Progettarte all’internodella rassegnaT come Teatro. Flamenco,tango e melodie popolari tra passione eLa rassegna apre il 19con il gruppo islandeseGroundfloor e proseguecon la tromba di EnricoRava e il grande tangoribellione si fondono in quest’omaggio algrande chitarrista spagnolo.Info: 059 649905 www.carpidiem.itL’EVENTOMateriali resistenti celebrano il 25 AprilePer festeggiare il giorno della Liberazione l’ex Campodi Concentramento di Fossoli ospiterà l’iniziativaMateriali resistenti, promossa da Comune di Carpie Fondazione ex Campo Fossoli, con il patrociniodi Regione Emilia Romagna, Provincia di Modenae ANPI. Domenica 25 aprile, dalle ore 12 finoalle 22, si susseguiranno visite guidate, letture,danze e concerti di grandi artisti, tra cui Cisco &Le Mondine, Offlaga Disco Pax, Tre Allegri RagazziMorti, Il Teatro Degli Orrori e molti altri. Interventi diMarzia Luppi, direttrice della Fondazione ex-CampoFossoli, di Germano Nicolini (ex partigiano), degli scrittori Paolo Nori eCarlo Lucarelli. [Carlotta Catellani]Info: 059 688272I Modena City Ramblers saranno inconcerto mercoledì 21 aprile alleore 21 al Teatro Comunale di Carpi.La storica band di combat folk saràeccezionalmente accompagnata dalCorpo Bandistico Città di Carpi, perproporre al pubblico un originale mixtra le contaminazioni irlandesi dei MCRe la tradizione italiana della banda.Info: 053 649263[44] - il mese aprile \2010


c a r p iLe tele dell’AccademiaRare pitture propone Guido Reni Ludovico Carracci e GuercinoPer la prima volta tre monumentistorici di Carpi ovvero Palazzo deiPio, Sant’Ignazio col Museo Diocesanoe Palazzo Foresti diventano in contemporaneasede di mostra grazie allarealizzazione di Rare pitture. LudovicoCarracci, Guercino e l’arte nel Seicentoa Carpi, esposizione visitabile finoal 20 giugno nata dalla collaborazionetra Comune, Diocesi di Carpi e PalazzoForesti srl.Le opere testimoniano la cultura figurativadel Seicento a Carpi offrendo aivisitatori dipinti di Guido Reni, GiovanniFrancesco Barbieri soprannominato ilGuercino e Ludovico Carracci, capisaldidella storia dell’arte italiana. E non furonopoche le commissioni che privati econfraternite locali affidarono a Carracci e alla sua scuola (Ludovico era cugino di Agostinoe Annibale Carracci). I fratelli Carracci e Ludovico avevano fondato, a fine 500, l’Accademiadegli Incamminati, una bottega di pittura dallo stile unico, che divenne presto nota erichiesta in tutta Italia per la capacità che aveva di trasformare la difficile e intellettualisticapittura dei manieristi in un’arte che recuperava la tradizione classica e rinascimentaleseguendo la pratica e i precetti dello studio del vero e del disegno e ponendo così leradici del movimento figurativo del Barocco. Carpi, nel giro di soli 3 anni, tra il 1617 e il1619, acquisì ben 3 importanti opere legate alla scuola bolognese: San Rocco in carceredi Guido Reni, il Martirio di san Pietro di Guercino e San Bernardino libera Carpi da unesercito nemico di Ludovico Carracci. Una curiosità relativa a quest’ultimo dipinto è cheesso è attualmente custodito, dopo alterne vicende di vendite, requisizioni e soppressioni,nella cattedrale di Notre Dame di Parigi ma la sede per cui fu pensato e dipinto eraproprio la città carpigiana. L’esposizione, soprattutto nella parte ospitata a Palazzo deiPio, si concentra sul contesto locale in cui nacquero queste importanti committenze ericostruisce la Carpi amante del bello e pittoricamente ricca del diciassettesimo secolo.La mostra prosegue poi al Museo Diocesano, con una scelta di opere a committenzasacra e a Palazzo Foresti con una serie di dipinti con scene e tematiche profane.Dove: Palazzo dei Pio, Museo Diocesiano, Palazzo ForestiQuando: fino al 20 giugno Orari: ven, sab e festivi 10-13 e 15-19; dal mart al giov 10-13Info: 059 649955 www.palazzodeipio.itIl tappo salta in mostraAll’interno del programma “Sabatoin favola”, rassegna di laboratori perbambini e famiglie, è prevista ConTappo e Dita, una mostra inconsuetadedicata al tappo a corona presso ilCastello dei Ragazzi, Sala Estense.L’inaugurazione sarà sabato 10 aprilealle ore 16.30, a cui seguirannodimostrazioni di giochi e gare diciclotappo.Info: 059 649961Le botteghe del passatoGli scatti della fotografa Marzia Lodi,raccolti nel libro Carpi, artigiani ecommercianti di bottega, sono protagonistidell’omonima mostra allaBiblioteca Multimediale Loria, cheresterà aperta fino al 23 maggio.Le immagini racchiudono la storia diquesti esercizi commerciali e dellefamiglie che da generazioni ne sonoproprietarie.Info: 059 649950In biblioteca quattro filmcapolavoro del neorealismoPrende il via la rassegna Ma l’Italias’è desta? Il Novecento italiano raccontatoall’Auditorium Biblioteca Multimediale“A. Loria” di Carpi, attraverso4 pellicole simbolo del neorealismo.Lunedì 12 aprile di scena l’Italia deglianni ‘50 in “Senso” di Luchino Visconti.Lunedì 19 è la volta di “I compagni” diMario Monicelli. Lunedì 26 si continuacon il film-manifesto del Neorealismo“Roma città aperta” di Roberto Rossellini.Conclude il ciclo, lunedì 3 maggio,“Una vita difficile” di Dino Risi. Le proiezioniiniziano alle 21. [C.C]Info: 059 649954Carpinfiore colora tutto di verdeUn fine settimana fra giardinaggio, artigianato e gastronomiaGli storici portici carpigiani di Piazza dei Martiri si coloranodi verde sabato 17 e domenica 18 grazie alla manifestazioneCarpinfiore. Una cinquantina di floricoltori provenienti datutta Italia formeranno con i loro banchi un immenso giardinofiorito snodato tra via Matteotti, via Mazzini e piazzaleRe Astolfo. Fiori e piante di ogni tipo ai quali si aggiungonogli aranci e i limoni della Sicilia, le piante aromatiche delVeneto, le rose della Liguria. Numerose anche le bancherelledi artigianato con in mostra vetri soffiati e ceramichedecorate a mano, affiancate dall’angolo gastronomico disicura attrattiva per i buongustai con oli, formaggi, salumi,vini e altri prodotti tipici italiani. L’ingresso è libero con orariocontinuato dalle 9 alle 19.30: l’occasione è ghiotta per ipollici verdi e per chi apprezza l’artigianato e l’ingegno.Info: 059 649664 www.carpinfiore.itcarpi


appuntamentiIN PRIMO PIANOA Vignola la Festadei ciliegi in fioreTorna anche quest’anno a riempire lestrade di Vignola di colori e divertimentola Festa dei ciliegi in fiore, conosciutaanche come “Festa della fioritura”. Nell’edizionedi quest’anno, la 41°, non mancheràla sfilata dei carri, in programma il 5, 10e 11 aprile. Quest’anno ritorna inoltrela biennale di pittura intitolata al Prof.Pierpaolo Germano Tassi, già Presidentedella Banca CRV. Oltre alla grande fiera nelvecchio mercato ortofrutticolo, che invaderàle vie della città sabato 3 aprile, saràpossibile visitare e fare acquisti anche algrande mercato dei fiori che tanto successoha riscosso nelle passate edizione dellafesta. Molteplici le interessanti mostre inconsigliati da noiZocca tutta da gustareGiornata all’insegna della buona tavola, fra esposizioni florealie banchetti di invitanti degustazioni. Domenica 25 aprile ilcentro di Zocca si animerà dei sapori della tradizione, naturalie biologici, accompagnati dall’animazione per bambini.Info: 059 985750Conoscere un’altra MirandolaUna giornata, tanti percorsi, per andare alla scoperta di luoghiinsoliti e misconosciuti della città. Domenica 11 aprile alle16.30 si parte per i luoghi del contrabbando medievale, la Mirandolarinascimentale, il Museo Civico e la Chiesa del Gesù.Info: 0535 2978841esima edizionedella tradizionalesagra che salutail ritorno alla vitadella vegetazioneAria di primaveratra sfilate di carrimostre mercatipoesia musicae tanta allegriaprogramma, e non mancheranno neppurei momenti di gioco con tanta musica.La novità di quest’anno riguarda il tradizionaleannuario, la cui copertina non saràopera di illustri scultori o fotografi, ma, perla prima volta, di un alunno della localescuola media. Da non perdere anche le“Auto in mostra” sabato 10 e domenica11 aprile, e la premiazione del concorsodi poesia, anch’essa in cartellone domenica11. Sabato 17 aprile appuntamentocon Folco Quilici per la presentazione delsuo ultimo libro. Il 24 aprile infine saràconsegnato a Fabrizio Zilibotti il premio“Ciliegia d’oro”.Info: www.centrostudivignola.itUltimi giorni sugli sciRimarranno aprerti in maniera straordinaria fino all’11 aprilegli impianti di risalita del comprensorio del Cimone a Sestola.Un’occasione da non perdere per godersi una discesa primaverilesulle piste ancora innevate dell’appennino modenese.Info: www.cimonesci.itNEWSGli uccelli del parcodi giorno e di notte3-4 aprile - RoccamaltinaBuona tavola, una notte binocolialla mano e una mattinatadi bird watching. Siparte alle 19 dal centro “IlFontanazzo” per una cenaa base di prodotti locali. Aseguire prima sulle traccedi caprioli, volpi e istrici,e all’alba occhi puntati sucince, picchi e capinere.In cammino dentroil Parco fiorito5 aprile - RoccamaltinaDomenica in escursionelungo il fantastico percorsodelle guglie che passa all’internodell’area protettadei Sassi di Roccamaltina.L’appuntamento è alle ore9.30 al centro parco “IlFontanazzo” per partirealla scoperta delle sorpresedella primavera.Safari notturnoal Parco dei Sassi24 aprile - RoccamaltinaDopo una ricca cena sipartirà per un’escursionecon fari e binocoli nel Parco.L’obiettivo è avvistarele creature che popolanoquei luoghi: come volpi,tassi, caprioli. Partenzaalle ore 19 dal centro“Il Fontanazzo di PieveTrebbio.Al pan fat in càa Cà Uccellara17 aprile - RoccamaltinaProvare a fare il panesecondo i metodi dellatradizione. Dopo una passeggiataper il Parco, siimpasetrà il pane, e in attesache lieviti, via alle danzee fuochi accesi per unagrande grigliata in allegria.Partenza alle 9.30 dalcampo di Roccamaltina.Info: 059 795721[46] - il mese aprile \2010


appuntamenti


TEATRO STORCHI.TEATRODELLEPASSIONI.Gli appuntamenti di apRile. mOdena.STAGIONE09/10TEATRO STORCHI /Largo Garibaldi 15TEATRO DELLE PASSIONI /Viale Carlo Sigonio 382prima assolutadal 15 al 17 aprile ore 2118 aprile ore 15,30prima assolutadal 6 al 10 apriledal 13 al 17 aprile ore 2111 e 18 aprile ore 1723 e 24 aprile ore 2125 aprile ore 17.00L’AVAROdi Molièreideazione Marco Martinelli,ermanna Montanariregia MarCo Martinellicon loredana antonelli, alessandro argnani,luigi dadina, laura dondoli, luca Fagioli,roberto Magnani, Michela Marangoni,ermanna Montanari, alice Protto,Massimiliano rassu, laura redaellidal 6 al 8 maggio ore 219 maggio ore 15.30SHYLOCK: IL MERCANTEDI VENEZIA IN PROVAdi roberto andò e Moni ovadiada William shakespeareregia roBerto andÒ e Moni oVadiacon Moni ovadia e shel shapiroe con ruggero Cara, lee Colbert, roman siwulak,Maxim shamkov e Moni ovadia stage orchestraFINALE DI PARTITAdi samuel Beckettregia MassiMo Castricon Vittorio Franceschi, Milutin dapcevic,diana Hobel, antonio Peligra20 aprile ore 21DARWIN… TRA LE NUVOLEun’idea di luca Boschi,stefano de luca, giulio giorelloregia STEFANO DE LUCAcon Clio Cipolletta, gabriele Falsetta, andreagermani, andrea luini, silvia PernarellaERODIADE - ERODIÀSdi giovanni testoriinterpretazione e regia iaia Forte,sandro loMBardi28 e 29 aprile ore 21MOTELdi MarCo Valerio aMiCo,rHUena BraCCicon Marco Valerio amico,Rhuena Bracci, Alessandro CafisoChiesa San CarloVia San Carlo, Modena10 aprile ore 2111 aprile ore 16LA TIRANNIDEda senofontemise en espace ClaUdio longHiproduzione Emilia Romagna Teatro Fondazionein collaborazione con Fondazione San Carlo-ingresso gratuito conprenotazione obbligatoria-www.emiliaromagnateatro.comBiglietteria teleFoniCa: 059/2136021daL Lunedì/Venerdì ore 9/13Biglietteria teatro storCHi:LarGo GaribaLdi, 15 ModenadaL Martedì/Venerdì ore 10/14Sabato ore 10/13Biglietteria teatro delle Passioni:Via CarLo SiGonio, 382 ModenaMartedì, GioVedì e Sabatoore 16.30/19Biglietteria on line:www.eMiLiaroMaGnateatro.CoMwww.ViVatiCket.it

More magazines by this user
Similar magazines